Sei sulla pagina 1di 233

CLAUDIO DI MEOLA

LA LINGUISTICA TEDESCA
Un'introduzione con esercizi e bibliografia ragionata

/
BULZONI EDITORE
TUTTI I DIRITTI RISERVATI
È vietata la traduzione, la memorizzazione elettronica,
la riproduzione totale o parziale, con qualsiasi mezzo,
compresa la fotocopia, anche ad uso interno o didattico.
L'illecito sarà penalmente perseguibile a norma d eli 'art. 171
della Legge n. 633 del 22/04/1941

ISBN 88-8319-883-2

© 2004 by Bulzoni Editore


00185 Roma, via dei Liburni, 14
http:// www.bulzoni.it
e-mail: bufzoni@bufzoni.it
INDICE

Prefazione ........................................................................................................................................ . p. 9

O. Introduzione: Lingua, parlante e linguistica .......................................... . » 11


O. l. L' importanza della lingua per il parlante comune ........................... . » 11
0.2. La Linguistica come studio scientifico della Lingua ........................ . » 13
0.3 . I campi della linguistica (tedesca) ................................................................ » 14

l. Fonetica, fonologia e grafia ..................................................................................... . » 17


1.1. La produzione dei suoni linguistici e il problema della loro
trascrizione ···························;························································································· » 17
1.2. Le vocali in italiano e in tedesco ............................................................... . » 20
1.3. Le consonanti in italiano e in tedesco ..................................................... .. » 24
1.4. I fonemi in tedesco .................................................................................................. . » 27
1.5. Processi fonologici e regole fonologiche ............................................... . » 32
1.6. La struttura della sillaba ...................................................................................... . » 37
1.7. Aspetti dell ' ortografia tedesca ....................................................................... . » 39
Glossario delle parole tedesche citate ............................................ ...................... » 45
Esercizi e bibliografia per approfondimenti ........................... ..... .................. » 51

2. Morfologia ................................................................................................................................ » 55
2.1. La parola e la classificazione delle parole ............................................ .. » 55
2.2. Elementi costitutivi della parola: i morferni ...................................... . » 58
2.3 . Flessione e formazione delle parole ......................................................... . » 61
2.4. Aspetti della flessione in tedesco ................................................... . » 62
2.5. Formazione delle parole: composizione ................................................. . » 68
2.6. Formazione delle parole: derivazione ...................................................... . » 76
2.7. Formazione delle parole: conversione ..................................................... . » 81
2.8. Altri tipi di formazione delle parole .......................................................... » 82
2.9. Prestiti ................................................................................................................................ » 83
Esercizi e bibliografia per approfondimenti ................................................... . » 84

5
-i Sintassi ........................................................................................................................................ . p. 87
3.1. La frase nelle sue principali tipologie ........................................................ » 87
3.2. Il costituente come unità della frase .......................................................... . » 89
3.3. Classi di parole e tipi di sintagma ......................................................... » 94
3.4. Diagrammi ad albero e regole per la formazione della frase ...... » 95
3.5. Ordine delle parole a livello di sintagma ............................................... . » 99
3.6. Ordine delle parole a livello di frase ........................................................ . » 101
3.7. Funzioni semantiche e sintattiche nella frase emplice .............. . » 107
3.8. Frase principale e frase secondaria ............................................................. . » 115
3.9. Tipologia delle frasi secondarie .................................................................... . » 117
Esercizi e bibliografia per approfondimenti ................................................... . » 122

4. Semantica ................................................................................................................................. . » 125


4.1. Il significato come entità linguistica ....................................... ................ . » 125
4.2. Relazioni semantiche tra parole ........................................................... . » 130
4.3. Il campo semantico ................................................................................................. . » 137
4.4. I tratti semantici ......................................................................................................... . » 139
4.5. I significati "traslati": metafora e metonirnia ..................................... . » 142
4.6. La semantica dei prototipi ................................................................................. . » 145
4.7. La polisernia ................................................................................................................. . » 148
4.8. La semantica della frase ...................................................................... . » 151
Esercizi e bibliografia per approfondimenti » 153

5. Pragmatica .............................................................................................................................. . » 157


5.1. Il contesto situazionale ......................................................................................... . » 157
5.2. Gli atti linguistici: caratteristiche e tipologia ..................................... . » 159
5.3. Atti linguistici diretti e indiretti .................................................................... . » 162
5.4. Massime conversazionali e implicature conversazionali ........... . » 1 -
5.5. Le presupposizioni .................................................................................................. . » 168
5.6. La deìssi ........................................................................................................................... . » 172
5.7. L'analisi conversazionale ................................................................................... . » 177
Esercizi e bibliografia per approfondimenti ................................................... . » 182

6. Linguistica testuale ........................ ................................................................................. . » 185


6.1. Verso una definizione di "testo" .................................................................... . » 185
6.2. I sette requisiti del testo (1): coesione e coerenza .......................... . » 188
6.3. I sette requisiti del testo (2): intenzionalità, accettabilità,
informatività, situazionalità, intertestualità ......................................... . » 193
6.4. La struttura informazionale del testo: macrostruttura e
rnicrostruttura .............................................................................................................. . » 197

6
6.5. La struttura referenziale del testo: tempi, luoghi,
persone/oggetti ........................................................................................................... . p. 202
6.6. La tipologia testuale . .. ......................................................... ........... . » 206
Esercizi e bibliografia per approfondimenti ................................................... . )) 208

Apparato bibliografico generale ................................................................................. . )) 213

Lingua e linguistica tedesca in internet: il web come luogo di


apprendimento e di ricerca (a cura di Emmanuela Meiwes) ............ . » 225

Glossario italiano-tedesco (termini linguistici) ..................................... . )) 235

7
PREFAZIONE

Il presente manuale di linguistica tedesca è concepito per l'insegnamen-


to universitario a livello di laurea triennale e si basa sulle lezioni che ho te-
nuto negli ultimi anni presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università
di Roma "La Sapienza".
La recente riforma universitaria ha comportato un riordino dei settori
scientifico-disciplinari nell'ambito della germanistica: se prima l'insegna-
mento della lingua tedesca era di pertinenza delle cattedre di Letteratura (esa-
me di Lingua e letteratura tedesca), ora è di competenza della Linguistica
(che ha cambiato nome in Lingua e traduzione). Ciò ha mutato profonda-
mente il carattere della Linguistica tedesca come insegnamento universitario.
Prima della riforma, infatti, essa era una materia a scelta destinata a studenti
con un'ottima conoscenza della lingua e una solida preparazione teorico-lin-
guistica. Ora, invece, è diventata materia obbligatoria per tutti gli studenti che
vogliono imparare il tedesco all'università.
La presente introduzione si rivolge pertanto a un vasto pubblico di stu-
denti non presupponendo né approfondite conoscenze del tedesco né partico-
lari nozioni linguistiche. Risulta adatta anche a principianti assoluti. I sei ca-
pitoli complessivi, concepiti per coprire l'intero arco del triennio, ripercorro-
no i quattro tradizionali settori-chiave della disciplina (fonetica/fonologia,
morfologia, sintassi e semantica), a cui ho voluto aggiungere due importanti
campi come la pragmatica e la linguistica testuale. In ogni semestre del trien-
nio si potrebbe trattare rispettivamente un capitolo. I primi due capitoli, de-
stinati a una prima annualità di tedesco, prevedono la sistematica traduzione
in italiano degli esempi tedeschi (il primo capitolo è dotato infatti di un glos-
sarietto); nei capitoli seguenti, dedicati alle annualità successive, verranno
fornite traduzioni solamente in caso l'espressione tedesca presenti un certo li-
vello di difficoltà.
L'ordine dei capitoli segue la progressione canonica partendo dalle unità
più piccole della lingua (i singoli suoni) per arrivare, dopo la parola e la fra-
se, all'unità più grande rappresentata dal testo. Tale progressione trova una
motivazione teorica (la trattazione della morfologia richiede nozioni di fono-

9
logia, la trattazione della sintassi richiede nozioni di morfologia ecc.), ma an-
che squisitamente pratico-didattica: è infatti opportuno iniziare con un capi-
tolo su fonetica/fonologia in quanto, proprio per i principianti, l'apprendi-
mento di una corretta pronuncia risulta essere di importanza fondamentale.
L'impostazione del manuale è moderatamente contrastiva: ove ritenuto
opportuno didatticamente, verrà fatto riferimento alla lingua italiana. Verran-
no trattati sia casi in cui le due lingue presentano strutture comparabili, sia ca-
si in cui esse divergono notevolmente. n confronto tedesco-italiano dovrebbe
portare lo studente a riflettere non solo sulla lingua straniera che sta imparan-
do ma anche sulla propria lingua madre. Alla fine di ogni capitolo una serie
di esercizi si propongono non tanto di "ripassare" il contenuto del rispettivo
capitolo quanto di stimolare lo studente a sviluppare maggiormente la sua co-
scienza metalinguistica.
Come sussidi didattici verranno inoltre forniti: una bibliografia per ulte-
riori approfondimenti alla fine di ogni capitolo; una bibliografia ragionata,
strutturata secondo la tipologia generale delle relative opere (grammatiche,
dizionari, manuali, studi contrastivi ecc.); un glossario italiano-tedesco dei
principali termini linguistici usati nel manuale; una breve guida all'uso di in-
ternet per l'apprendimento della lingua e per la ricerca linguistica (curata da
Emmanuela Meiwes).
Vorrei ringraziare gli amici e colleghi, primi fra tutti Hardarik Bliihdorn
e Heinz Vater, con cui bo potuto discutere vari aspetti del mio libro. Sono gra-
to a Livio Gaeta e Marianne Hepp per aver rivisto singoli capitoli. Un grazie
particolare va a Emmanuela Meiwes e Franca Ortu, che banno letto un'intera
precedente versione di questo manuale e mi hanno dato numerosi spunti e
suggerimenti, sempre puntuali e preziosi.

Roma, 16 novembre 2003


Claudio Di Meola

lO
O. INTRODUZIONE:
LINGUA, PARLANTE E LINGUISTICA

0.1. L'importanza della lingua per il parlante comune

La lingua è un fattore importantissimo nella vita quotidiana di tutti noi


parlanti. Ciò si vede, in particolare, dall'attenzione che dedichiamo al com-
portamento linguistico sia degli altri sia di noi stessi.
Consideriamo dapprima il comportamento degli altri parlanti. Sappia-
mo dalla nostra esperienza che non tutte le persone parlano alla stessa ma-
niera. Pertanto, il modo di parlare di una persona ci rivela molte cose. Pos-
siamo innanzitutto stabilire la provenienza regionale di un parlante. A vol-
te è indicativa la scelta di parole (così ad es. anguria è tipico del Nord Ita-
lia, cocomero del Centro), altre volte lo è la costruzione della frase (il me-
ridionale tenere famiglia al posto di avere famiglia). Inconfondibile è quasi
sempre la pronuncia. Anche quando si usa la lingua standard (nazionale) al
posto del dialetto, vi sarà quasi sempre qualche elemento della pronuncia a
"tradire" il parlante (ad es. la pronuncia di polso come poZzo indica una pro-
venienza laziale, di casa come hasa un'origine toscana ecc.). Dall'osserva-
zione, neanche troppo approfondita, del nostro interlocutore emergono inol-
tre elementi che ci rivelano qualcosa sulla sua estrazione sociale, sul suo
grado di istruzione, sulla sua cultura generale o addirittura sulla sua profes-
siOne.
N oi come parlanti non solo osserviamo l' interlocutore, ma controllia-
mo attentamente anche il nostro proprio comportamento linguistico adat-
tandolo, di volta in volta, alla concreta situazione d'uso. Un ruolo centrale
ha per noi la figura dell'interlocutore, il quale può essere una persona co-
nosciuta o sconosciuta, una persona che trattiamo con intimità o invece con
riguardo. Esistono pertanto diverse gradazioni che vanno dalla confidenza
alla deferenza. Usiamo di conseguenza diverse formule di cortesia, che van-
no dall'esplicito-diretto (Passami il sale!) all'implicito-indiretto (Potrebbe
essere così gentile e passarmi il sale?). Anche il contesto situazionale-isti-
tuzionale ha la sua importanza: con una stessa persona possiamo infatti par-
lare in maniera diversa a seconda che si tratti di una situazione informale

11
(ad es. chiacchierata a tavola), oppure formale (ad es. interrogatorio in tri-
bunale). Ovviamente teniamo anche conto dell ' argomento di cui si parla
(un fatto della vita quotidiana, un tema tecnico-scientifico ecc.) e del fine
della comunicazione (raccontare una storia, dare informazioni, chiedere un
favore, fare una promessa, impartire un ordine, suscitare commozione, of-
fendere ecc.).
Va rilevato che il parlante, in generale, usa la lingua non solo per comu-
nicare contenuti, ma anche per perseguire obiettivi "personali" come ad es.
fare bella figura, mettersi in mostra o distinguersi dagli altri. Ecco perché an-
che il parlante comune, nella vita di tutti i giorni, si sforza di essere "creati-
vo": è alla costante ricerca di nuove espressioni linguistiche (parole coniate
sul momento, metafore originali e divertenti, giochi di parole ecc.).
Tutti i parlanti, inoltre, si occupano in modo cosciente della lingua da
essi usata. Il parlante comune riflette sulla lingua, ne parla con gli altri ed
esprime precisi giudizi in merito. Questa esplicita riflessione sul linguaggio
stesso è detta "attività metalinguistica". In numerose occasioni, nella vita
quotidiana, il parlante si sofferma infatti su determinati aspetti della lingua:
quando ad es. chiede all'interlocutore il significato di una parola («Bisogna
agire in modo deciso » - «Che cosa intendi per 'deciso '?» ), quando com-
menta una parola usata dall'interlocutore («Bisogna agire in modo deciso » -
«Questo 'deciso ' non mi piace»), quando discute sull'opportunità di usare
una parola in un determinato contesto («Non sarebbe meglio usare 'energi-
co' al posto di · 'deciso '?» ), oppure quando, scrivendo o parlando, si soffer-
ma un attimo per cercare mentalmente un sinonimo della parola che origina-
riamente aveva in mente.
Il parlante comune esprime continuamente dei giudizi di merito riguardo
ai fenomeni linguistici che incontra. Di frequente il parlante si pronuncia su
ciò che ritiene "corretto" o "sbagliato" nella sua lingua: così ad es. un italia-
no può criticare costruzioni "sbagliate" come a me mi piace o spero che vie-
ne domani ed esplicitamente preferire le "corrette" alternative a me piace o
spero che venga domani (salvo poi, senza accorgersene, usare magari lui stes-
so quelle "sbagliate").
Tra i parlanti sono diffuse alcune opinioni generali sulla lingua. Spesso si
lamenta un decadimento dei costumi linguistici. Cambiamenti linguistici -
come ad es. il regredire del congiuntivo a favore dell'indicativo o il diffon-
dersi di prestiti inglesi - vengono considerati come un segno del "declino"
della lingua stessa, minacciata nella sua "purezza" originaria. Vi è inoltre la
tendenza a esprimere giudizi estetici sulle varie lingue (in genere, sono repu-
tate "bella" la propria lingua e "brutte" le lingue degli altri). Infine, alcune va-
rietà linguistiche come i dialetti vengono considerate inferiori alle lingue
standard (nazionali), negando loro lo status di "lingua". Vedremo ora che si
tratta di pregiudizi senza alcun fondamento scientifico.

12
0.2. La linguistica come studio scientifico della lingua

La linguistica, come studio scientifico della lingua, si prefigge di rag-


giungere una conoscenza sistematica della struttura e del funzionamento del-
la lingua. La linguistica differisce pertanto profondamente da ciò che il par-
lante comune "sa" intorno alla lingua. La ling~istica, innanzitutto, ha un ca-
rattere descrittivo e non prescrittivo: essa descrive come funziona la lingua,
astenendosi da giudizi su come essa "dovrebbe" essere secondo i criteri di
una (presunta) correttezza. La linguistica dimostra che la correttezza è un
criterio estremamente soggettivo: non tutti i parlanti esprimono infatti gli
stessi giudizi (così la costruzione a me mi piace, osteggiata da alcuni, va be-
nissimo per altri); oppure, analizzando la storia della lingua, si può vedere
che un fenomeno in passato considerato "sbagliato" ora è stimato "corretto"
(e viceversa).
La linguistica, inoltre, smentisce quasi tutti i luoghi comuni riguardo al-
la lingua. L'analisi scientifica dimostra, ad esempio, che non vi è alcun "de-
cadimento" della lingua. Tutte le lingue cambiano perennemente, ma la loro
funzionalità complessiva e la loro efficienza comunicativa rimangono sempre
inalterate. Se un aspetto della lingua si semplifica (si pensi, per l'inglese, al-
la perdita dei "casi"), un altro aspetto si complica (per es. l'ordine delle paro-
le nella frase che diventa più rigido). E, difatti, nessuno dei cosiddetti puristi
è in grado di indicare un esempio di lingua effettivamente corrotta. Risulta
evidente che dietro questa erronea concezione si nasconde il. mito della "età
dell'oro": un fenomeno viene giudicato negativamente soltanto perché è di-
verso da ciò che lo ha preceduto e a cui si era abituati.
Anche la distinzione tra dialetto (considerato inferiore) e lingua (consi-
derata superiore) si rivela essere puramente "politica": funzionalmente, i dia-
letti sono lingue a tutti gli effetti con un complesso sistema grammaticale e
lessicale. L'unica differenza consiste nel fatto che i dialetti godono di minor
prestigio in quanto spesso essi non hanno una letteratura ufficiale e mancano
grammatiche e dizionari che codificano il loro uso.
È interessante notare, infine, che il parlante comune sa usare la propria
lingua ma non ha, in genere, un'idea precisa di come essa funzioni. A meno
che non abbia ricevuto una formazione linguistica (anche attraverso la "gram-
matica" studiata a scuola), non è in grado di esplicitare le regole che stanno
alla base del suo parlare. La sua conoscenza risulta meramente intuitiva. A
volte capita che il parlante è convinto di poter indicare una regolarità che
però, a una più attenta riflessione, si rivela essere errata. Se ad es. un discen-
te straniero chiede a un parlante tedesco la differenza di significato tra i ver-
bi di posizione stehen e liegen, quasi sicuramente egli dirà che essa consiste
nell'opposizione verticalità/orizzontalità, adducendo esempi del tipo: Die
Fiasche steht [estensione verticale] l liegt [estensione orizzontale] auf dem
Tisch 'la bottiglia sta sul tavolo'. Il criterio discriminante deve però essere un

13
altro, come mostra il seguente controesempio: Der Teller steht [estensione
orizzontale] auf dem Tisch 'il piatto sta sul tavolo'. Più importante dell'esten-
sione risulta infatti la presenza/assenza, per l'oggetto in questione, di una ba-
se che funge da superficie privilegiata di appoggio.
Perché studiare la linguistica (tedesca)? Lo studio scientifico della lingua
tedesca non corrisponde solo a un interesse teorico intorno al tedesco, diffu-
so soprattutto tra gli studenti universitari. Ha anche risvolti prettamente pra-
tici. Proprio per i discenti universitari del tedesco -che in genere già cono-
scono una o più lingue straniere- una sistematica conoscenza metalinguisti-
ca può facilitare l'apprendimento della lingua stessa. A tal proposito, va sot-
tolineato che l'oggetto di studio della linguistica va ben oltre ciò che tradi-
zionalmente si intende con la nozione (scolastica) di grammatica: sia come
profondità d'analisi sia come ampiezza delle problematiche trattate. Vediamo
ora brevemente quali sono i campi principali di cui si occupa la linguistica.

0.3. I campi della linguistica (tedesca)

Tutte le lingue- e quindi anche il tedesco- sono composte da vari livel-


li di analisi ampiamente indipendenti tra loro. Ogni livello segue infatti rego-
le proprie. Tradizionalmente vengono distinti i seguenti ambiti della lingui-
stica: l) fonetica/fonologia, morfologia, sintassi e semantica, unanimemente
definite centrali per la linguistica; 2) pragmatica e linguistica testuale, in tem-
pi recenti anch'esse spesso considerate centrali; 3) ai margini della linguisti-
ca, infine, varie discipline applicate (come ad es. glottodidattica e logopedia)
e vari campi di ricerca interdisciplinare (sociolinguistica, psicolinguistica,
neurolinguistica, linguistica computazionale ecc.); tali tematiche non verran-
no prese in considerazione nel presente manuale. Vediamo ora invece di pas-
sare brevemente in rassegna i campi della linguistica che saranno approfon-
diti in seguito.
La fonetica è l'analisi dei suoni di una lingua dal punto di vista della lo-
ro articolazione e delle loro caratteristiche acustiche. La fonologia, invece,
studia i rapporti tra i suoni di una lingua in quanto inseriti nel sistema della
lingua stessa. I concreti suoni vengono ricondotti a unità più astratte (fone-
mi). I fonemi sono unità minime distintive che hanno la funzione di differen-
ziare le parole (per es. nelle coppie it. pane/cane e ted. Ball!Fall 'palla' l'ca-
duta'). La realizzazione fonetica dei fonemi varia a seconda del contesto (per
es. /g/ di Tag 'giorno' si pronuncia [k] in Tag, [g] nella forma plurale Tage).
La morfologia è lo studio della struttura interna delle parole. Per es. la
parola Flughafen 'aeroporto' è costituita dagli elementi Flug 'volo' e Hafen
'porto', Freundschaft 'amicizia' da Freund 'amico' e -schaft '-izia'. L'unità
minima della parola a livello morfologico è il morfema: può avere un signifi-
cato pieno (Freund) o astratto-grammaticale (-schaft). Fanno parte della

14
morfologia di una lingua la flessione di verbi e sostantivi (modificazione di
una stessa parola: per es. singolare Freund, plurale Freunde) nonché la for-
mazione delle parole (creazione di nuove parole come nel caso di Flughafen
a partire da Hafen e di Freundschaft a partire da Freund).
La sintassi si occupa della combinazione di parole in costruzioni più am-
pie quali i sintagmi (un bel cane l ein schaner Hund) e le frasi (io ho un bel
cane l ich habe einen schonen Hund). Particolare attenzione è dedicata all'or-
dine delle parole nei sintagmi e nella frase. La sintassi tratta anche la combi-
nazione di frasi in periodi complessi (frasi coordinate e subordinate).
La semantica studia il significato di singole parole e di intere frasi. Il si-
gnificato è un'entità concettuale, un'astrazione da non confondere con il re-
ferente (l'oggetto esterno a cui una parola si riferisce): così, ad es., il signifi-
cato di tavolo è un concetto generale e più astratto di un singolo concreto ta-
volo a cui mi posso riferire di volta in volta. Il significato di una parola si sta-
bilisce nel rapporto con altre parole dal significato simile (ad es. bello in rap-
porto a carino, estetico, ameno ecc.) oppure opposto (pace-guerra, amico-ne-
mico ecc.).
La pragmatica analizza il rapporto tra le espressioni della lingua e le lo-
ro situazioni d'uso. Vengono considerati a tal proposito: le intenzioni del par-
lante, le aspettative dell'ascoltatore, ciò che il parlante sa dell'ascoltatore, ciò
che l'ascoltatore sa del parlante ecc. Fondamentale risulta l'analisi dei cosid-
detti atti linguistici (le azioni che si compiono usando un'espressione lingui-
stica). Ad esempio una frase come Mi può dire che ore sono?, presa alla let-
tera, è una domanda riguardo all'abilità dell'ascoltatore di comunicare sue
conoscenze - ma come atto linguistico è una richiesta. Un'espressione come
Qui fa proprio freddo in aula, presa alla lettera, è una semplice constatazione
- in realtà può essere usata come richiesta cortese di chiudere la finestra.
La linguistica testuale studia le relazioni formali e semantiche che van-
no al di là della singola frase. Centrale risulta la nozione di testo. Il testo è
un'unità comunicativa che tratta un determinato tema ed è legato a una deter-
minata situazione. Il testo è un insieme coerente di frasi tra cui si stabilisco-
no precise relazioni logico-semantiche. Tali relazioni possono essere esplici-
tate (per es. tramite congiunzioni di tipo causale, temporale ecc.) oppure pos-
sono rimanere implicite (come ad es. nelle due sequenze Ha litigato con il ca-
poufficio; è stato licenziato e È stato licenZiato; ha litigato con il capouffico,
che hanno un significato del tutto diverso).
Un discorso a parte va infine fatto per la linguistica diacronica, che -
più che una disciplina a sé stante- risulta essere una prospettiva che si può
applicare a discipline diverse. La linguistica diacronica, infatti, traccia la sto-
ria di una lingua e descrive i cambiamenti che essa subisce sui piani fonolo-
gico, morfologico, sintattico, semantico ecc. Importante è inoltre la questione
circa le possibili cause del mutamento linguistico (cause interne alla lingua o
esterne).

15
l. FONETICA, FONOLOGIA E GRAFIA

1.1. La produzione dei suoni linguistici e il problema della loro tra-


scrizione

1.1.1. Gli organi fonatori

L'apparato articolatorio dell'uomo funziona come uno strumento a fiato:


l'aria espiratoria esce dai polmoni, si incanala e trova- a seconda del suono
che si vuole produrre- vari tipi di strettoie e/o ostacoli. Non tutti i suoni pro-
dotti dall'uomo sono però suoni linguistici (quando ad es. diamo un colpo di
tosse, ci schiariamo la voce o facciamo un fischio).

??? Come si può rendere visibile il flusso d'aria che emettiamo parlando?

L'uomo non possiede organi specificamente adibiti alla produzione dei


suoni linguistici, in quanto il suo apparato articolatorio serve primariamente al-
la respirazione e all'assunzione di cibi (i polmoni, la trachea, la glottide, la ca-
vità orale e la cavità nasale). ll seguente schema raffigura i principali organi fo-
natori:

Labbra
Denti
Alveoli
Palato
Velo
Faringe
Epiglottide
Corde vocali

(Le frecce indicano


il passaggio dell'aria,
proveniente dai polmoni,
che permette la fonazione).

Fig. 1.1. Organi fonatori


[fonte: Canepari, Luciano (1979). Introduzione alla fonetica. Torino: Einaudi, p. 13]

17
La maggior parte degli organi fonatori sono mobili e ciò permette ali' uo-
mo di formare una vasta gamma di suoni linguistici diversi (detti foni). Fan-
no eccezione solamente tre organi che sono fissi e costituiscono la parte an-
teriore-superiore della cavità orale: i denti; l'alveolo (la zona del palato, in ri-
lievo, immediatamente dietro ai denti superiori); il palato duro. Vediamo ora,
più in dettaglio, il ruolo delle varie parti mobili seguendo il flusso dell'aria
espiratoria:
la laringe: è situata nella zona del cosiddetto pomo d'Adamo e contiene
le corde vocali. Le corde vocali sono membrane elastiche unite tra loro a
una sola estremità. Lo spazio aperto tra di esse è chiamato glottide. Le
corde vocali possono assumere varie posizioni, ma due sono particolar-
mente rilevanti per la produzione dei suoni linguistici: a) corde aperte
(posizione simile a una «V»): l'aria passa tra le due membrane provo-
cando solo un leggerissimo fruscio (i cosiddetti suoni "sordi"); b) corde
accostate (posizione simile a una «l»): l'aria le mette in vibrazione (i co-
siddetti suoni "sonori").

Fig. 1.2. Corde vocali


[fonte: Nespor, Marina (1993). Fonologia. Bologna: ll Mulino, p. 32]

??? Come si può verificare fisicamente la vibrazione delle proprie corde voca-
li? Provate ad articolare le parole tono e dono, ciglio e giglio,fango e vango e
descrivete le differenze! Oppure provate ad articolare la seguente sequenza
[fffvvvfffvvv] e descrivete ciò che notate!

l'ugola: è la parte più posteriore della volta palatina. Essa serve ad arti-
colare vari tipi di r (per es. in francese, in tedesco o in italiano la cosid-
detta "erre moscia").
il velo: è la parte molle del palato. Normalmente si trova in ~osizione al-
zata, in modo da non far entrare l'aria nella cavità nasale. E invece ab-
bassato quando si articolano i suoni nasali.

18
la lingua: è l'organo più importante per l'articolazione dei suoni ed è co-
stituita da tre parti: punta, dorso e radice. La lingua si può spostare sia
orizzontalmente (arretrando e avanzando) sia verticalmente (abbassando-
si o alzandosi).
le labbra: vengono accostate per articolare per esempio il suono iniziale
[p] di panca o [b] di banca.

1.1.2. Vocali, consonanti (e semivocali)

I suoni linguistici vengono tradizionalmente divisi in vocali e consonan-


ti. Le vocali sono suoni sonori, prodotti mediante vibrazione delle corde vo"'-
cali. L'aria espiratoria, dopo aver passato la glottide, non incontra nessun al-
tro tipo di ostacoli: né un'ostruzione (totale o parziale) né un restringimento.
n suono è prolungabile a piacimento. La sua qualità dipende dalla posizione
della lingua, la quale delimita - di volta in volta - la grandezza della cavità
orale che funge da cassa acustica. Per alcune vocali subentra anche un arro-
tondamento delle labbra. Le vocali costituiscono, in genere, il nucleo della
sillaba in cui esse si trovano.
Le consonanti sono invece quei suoni - sordi oppure sonori - in cui il
passaggio dell'aria viene bloccato totalmente (per es. [p] e [b)), parzialmente
(per es. [1], [m], [n]) o a intervalli (per es. [r]) oppure quei suoni in cui si for-
ma un restringimento del canale fonatorio tale da produrre una frizione udi-
bile (per es. [f) e [s]).
Le semivocali (come ad es. la i di ieri o di sei) hanno tutte le caratteri-
stiche delle vocali vere e proprie a esclusione della durata. Essa infatti è mol-
to ridotta jn.quanto si passa immediatamente all'articolazione successiva.
La combinazione di una vocale con una semi vocale è detta dittongo. Di-
stinguiamo due tipi: l) dittonghi ascendenti in cui la vocale segue la semi-
vocale e si ha un aumento di sonorità (ieri); 2) dittonghi discendenti in cui la
vocale precede la semivocale e si ha una diminuzione di sonorità (sei).

1.1.3. Il problema della trascrizione: foni e grafemi

I suoni della lingua, i foni, non vanno confusi con le lettere dell ' alfabeto
usate per trascriverli, i grafemi. Grafema è il termine tecnico per indicare
un'unità a livello di scrittura. Si tratta pertanto di due piani di analisi datene-
re nettamente distinti. Già in una lingua come l'italiano, in cui l'alfabeto sem-
bra riprodurre fedelmente e coerentemente i suoni prodotti, vi sono chiare di-
screpanze:
l) Una stessa lettera può segnare suoni distinti, ma considerati molto si-
mili. Per es. la lettera s, la quale indica sia la variante sonora (come in casa)
sia quella sorda (come in sale). Si pensi anche alla z in zio o zucchero che può

19
essere pronunciata sia sonora che sorda. Oppure alla lettera a che serve a se-
gnare sia una breve (come in malore) sia una lunga (come in male).
2) Una stessa lettera può segnare suoni molto diversi tra loro: così ad es.
la c in casa e la c in cena oppure la g in gallo e la g in gelo.
3) Uno stesso suono può essere rappresentato da lettere diverse (per es.
ç_ena e cielo, dove lo stesso suono è segnato rispettivamente con una lettera
sola o con una combinazione di due lettere).
In altre lingue, la discrepanza tra scrittura e pronuncia è molto più mar-
cata. Si pensi ad es. all'inglese, dove una [i] lunga può essere scritta ee (meet
'incontrare'), ea (meat 'carne') o addirittura ie (mien 'espressione'). Parago-
nando poi lingue diverse, si nota che le corrispondenze tra lettere e suoni so-
no tutt'altro che costanti (per es. la e dell'italiano vento e la ii del tedesco Ap-
fel segnano lo stesso suono).
Viste le incongruenze tra lettere e suoni, la linguistica ha sviluppato un
modo di segnare i suoni linguistici in maniera sistematica e scientifica: il co-
siddetto "alfabeto fonetico internazionale" (codificato dall'IPA, International
Phonetic Association). Tale alfabeto è contraddistinto da una corrispondenza
biunivoca tra suono e segno: a ogni suono corrisponde un solo segno, a ogni
segno corrisponde un solo suono - e ciò indipendentemente dalla specifica lin-
gua in questione (italiano, tedesco, inglese ecc.) e dall'alfabeto usato per tra-
scriverla (latino, greco, cirillico ecc.). I segni dell'alfabeto fonetico corrispon-
dono in parte al nostro alfabeto di origine latina, come ad es. [p] o [b], in par-
te sono segni diversi (per es. [e] per trascrivere la e aperta difesta). Per con-
venzione, i singoli segni vanno sempre messi tra parentesi quadre- cioè [... ]-
per non creare possibilità di confusione con eventuali grafemi simili (segnati,
ove necessario per disambiguare, con un altro tipo di parentesi: <p>, <h> ecc.).

1.2. Le vocali in italiano e in tedesco

??? Vi siete mai chiesti perché il medico, quando vuole vedere la gola, ci dice
di articolare una [a] (e non ad es. una [u] o una [i])?

1.2.1. Il triangolo (o trapezio) vocalico: le vocali italiane

La qualità delle vocali dipende in primo luogo dalla forma assunta dalla
cavità orale in seguito al posizionamento della lingua, in secondo luogo dalla
forma data alle labbra. La zona di articolazione va dal palato al velo. Duran-
te l'articolazione la lingua mantiene sempre una certa distanza dalla volta pa-
latina in modo tale da non ostacolare il flusso d'aria. La punta della lingua è
sempre abbassata (vicino ai denti inferiori), la zona della lingua che determi-
na l'articolazione è il dorso.

20
Si può rendere visibile l'esatta zona di articolazione ricorrendo a foto-
grafie o fùm a raggi X. Per localizzare il punto in cui il dorso della lingua si
avvicina maggiormente alla volta palatina, si colloca sul dorso stesso una pal-
lina di piombo che risulterà ai raggi.
La lingua si sposta verticalmente e orizzontalmente. Consideriamo pri-
ma lo spostamento verticale: se la lingua si abbassa rispetto alla posizione
"normale" di riposo, verrà articolata una [a] come in mare, se si alza verrà
pronunciata una [i] come infine oppure una [u] come in muro. La [a] è per-
tanto una vocale "bassa", [i] e [u] sono vocali "alte". Per quanto riguarda lo
spostamento in senso orizzontale: se la lingua avanza, il risultato è una vo-
cale anteriore come la [i], se arretra abbiamo una vocale posteriore come la
[u]. Il seguente schema esemplifica il luogo di articolazione delle vocali ita-
liane:

alte

medie

a basse

anteriori centrali posteriori

Fig. 1.3. Vocali italiane

Si nota che le vocali "estreme" -la [i], la [a] e la [u]- in italiano forma-
no un triangolo. In linguistica però si preferisce parlare di un trapezio perché,
in altre lingue, vi sono vari tipi di vocale bassa oltre la [a], per cui il perime-
tro costituito dalle posizioni vocaliche assume una forma quadrangolare.
Ma vediamo anche le altre vocali dell'italiano. Consideriamo dapprima
l'asse verticale (parametro dell'altezza): [i] e [u] sono, come abbiamo detto,
vocali alte; la [e] di mela e la [o] di dove sono medio-alte, la [c] di festa e la
[::>]di posta sono vocali medio-basse, la [a] è bassa. Per quanto riguarda l'as-
se orizzontale (parametro dell'avanzamento/arretramento): vocali anteriori ri-

21
spetto alla posizione di riposo della lingua sono [i], [e], [e]; [a] è l'unica vo-
cale centrale; ['J], [o] e [u] sono vocali posteriori.
Prendiamo ora in considerazione la posizione delle labbra. Due sono le
posizioni fondamentali: quella normale (o distesa), tipica delle vocali ante-
riori [i], [e], [e] e della centrale [a]; quella arrotondata, tipica delle vocali [u],
[o], ['J]. Il primo gruppo di vocali viene pertanto detto non arrotondato, il se-
condo arrotondato.
Le due posizioni possono essere combinate con diversi gradi di apertura
delle mascelle: si distingue infatti una e chiusa [e] da una e aperta [e] nonché
una o chiusa [o) da una o aperta ['J]. Il grado di apertura coincide con l' altez-
za delle vocali: le vocali relativamente più alte sono chiuse, le vocali più bas-
se sono aperte.
Va detto inoltre che, in italiano, tutte le vocali sono orali. Vocali nasali,
invece, esistono ad esempio in lingue come il francese (la <o> di monde, la
<a> di ambition ecc.).
L'italiano, infine, possiede anche numerosi dittonghi: ascendenti come in
piano, ieri, piove, chiudi, guado, guerra, uomo, guida; discendenti come in
sai, sei, poi, lauro, neutro. Esistono anche i cosiddetti trittonghi in cui due se-
mi vocali fanno da cornice a una vocale (suoi, guai ecc.).

1.2.2. Le vocali tedesehe..

Vediamo ora uno schema che riproduce tutte le vocali tedesche:

alte
y

E medie
re

basse

anteriori centrali posteriori

Fig. 1.4. Vocali tedesche

Vi sono alcune significative differenze con il sistema vocalico italiano:

22
l) Le vocali brevi e -lunghe non si differenziano solamente per la lun-
ghezza, ma (quasi sempre) anche per il luogo di articolazione. È convenzio-
ne segnare la lunga con due punti ([i:] ecc.). Le vocali brevi sono in genere
più aperte (basse) delle rispettive vocali lunghe (e, inoltre, più centrali). Per i
e u, la differenza di pronuncia è leggera:

M!s<te [i:] Mitte [1]


Ruhm [u:] Rym [u]

Di poco conto anche la differenza per la a, dove la breve è leggermente


più centrale della lunga (ma ha pressappoco lo stesso grado di apertura):

Saat [o:] Sl!tt [a]

Netta è invece la differenza di pronuncia per e ed o:

Beet [e:] B~tt [e]


RQbe [o:] RQbbe [;:,]

Queste due vocali rappresentano un notevole problema per i discenti ita-


liani. La e lunga è chiusa, la e breve invece aperta. La o lunga è chiusa, la o
breve invece aperta.
Una o lunga aperta non esiste come suono in tedesco; esiste invece una e
lunga aperta (che però graficamente viene segnata come ii). Vediamo a tal
proposito le seguenti due coppie di esempi:

nehme [e:] nii.hme [e:]


b~ten [e:] b)!ten [e:]

2) Mentre in italiano sono arrotondate solo le vocali posteriori, in tede-


sco troviamo pure vocali anteriori arrotondate:

Mtihle [y:] M.(!ller [v]


Hohle [0:] HQlle [re]

Anche per queste due vocali arrotondate la breve risulta più aperta (e leg-
germente più centrale) rispetto alla lunga. La prima vocale è sempre segnata
graficamente mediante una ii, la seconda mediante una o.
3) In tedesco esistono poi due vocali centrali, entrambe brevi, che non
hanno riscontro in italiano:

Sach~, Reis~, Lieb~ [;:)]


Tor, Uhr, ihr; Mutter, Fing~, Lehrer [B]

23
La prima vocale [g], detta anche schwa o vocale indistinta, è - riferita
al parametro dell'altezza- una vocale media e viene segnata graficamente
come una e. Compare in sillaba non accentata: in sillaba iniziale di parola
(Bg_ratung, Gg_biiude), centrale (Liebg_lei, Geschiedg_ne) o finale (Taschg_,
Bittg_). La sua pronuncia assomiglia alla e finale in napoletano (cane, notte
ecc.).
La seconda vocale centrale [B] è una vocale più bassa, con una pronun-
cia molto vicina a una [a] prodotta con poco sforzo articolatorio. La vocale
viene segnata graficamente con -r in quanto deriva dalla vocalizzazione di
una {R] consonantica (come dimostrano coppie del tipo Tore [to:Rg] l Tor
[to:B]). La vocale compare in fine sillaba dopo vocale. Quando la vocale pre-
cedente è schwa quest'ultimo cade, e [B] si trova a essere segnato dalla se-
quenza grafica -er.

??? Per quale motivo [c:] viene segnato graficamente come ii, [y:] come il. e, in-
fme, [0:] come o?

In tedesco, per quanto riguarda il lessico autoctono, abbiamo tre ditton-


ghi discendenti: [ai] (Mai), [au] (Baum), [:)I] (neu) . Dittonghi ascendenti si
trovano solo in parole di origine straniera (Region, sozial, Duell).

1.2.3. Cenni di pratica articolatoria


Per una corretta pronuncia delle vocali brevi, bisogna aver ben presente
la posizione delle singole vocali nel trapezio vocalico: per es. [I] è una voca-
le intermedia tra le vocali italiane [i] ed [e], [u] una vocale intermedia tra [u]
e [o]. Bisogna cercare di passare lentamente da un suono all'altro, eventual-
mente controllando i movimenti della lingua con uno specchio.
Lo specchio diventa poi fondamentale per verificare il movimento delle
labbra quando si vogliono pronunciare le vocali anteriori arrotondate (che
non esistono in italiano). Per pronunciare correttamente [y:], bisogna artico-
lare la vocale [i:] dell'italiano e poi, senza arretrare la lingua, arrotondare le
labbra come per una u. Per pronunciare correttamente [0:], va articolata lavo-
cale [e:] dell'italiano e poi, senza arretrare la lingua, vanno arrotondate le lab-
bra come per una o.

1.3. Le consonanti in italiano e in tedesco

1.3.1. Le consonanti italiane


Le consonanti italiane si possono classificare secondo tre criteri: l) il
modo di articolazione (il tipo di ostruzione che si crea nel canale fonatorio);

24
2) il luogo di articolazione (il punto in cui si crea l'ostruzione); 3) la pre-
senza o meno di sonorità (l'eventuale apporto delle corde vocali). Secondo
il modo di articolazione, si lasciano individuare le seguenti categorie di
suoni:
i suoni occlusivi: gli organi fonatori costituiscono un'ostruzione totale
del canale fonatorio. n flusso d'aria viene bloccato completamente, per
poi essere liberato dopo brevissimo tempo. n suono è causato da questa
piccola "esplosione". Le occlusive in italiano sono (arretrando di volta in
volta il punto di articolazione): le labiali sorda [p] in panca e sonora [b]
in banca; le dentali sorda [t] in tare e sonora [d] in dare; le velari sorda
[k] in cara e sonora [g] in gara.
i suoni fricativi: gli organi fonatori si avvicinano, lasciando all'aria un
passaggio strettissimo. Il suono è causato da tale frizione. Le fricative in
italiano sono (arretrando di volta in volta il punto di articolazione): le la-
bio-dentali sorda [f] infino e sonora [v] in vino; le dentali sorda [s] in
cassa e sonora [z] in casa; le alveopalatali sorda [J] in scena e sonora [3]
m garage.
i suoni affricati: gli organi fonatori costituiscono un'occlusione totale; il
rilascio però non è istantaneo bensì graduale. Le affricate hanno pertan-
to due momenti articolatori: un momento occlusivo e un momento frica-
tivo. n punto di articolazione rimane lo stesso, la presenza/assenza di so-
norità rimane invariata. Le affricate in italiano sono: le dentali sorda [ts]
in strazio e sonora [dz] in zero; le alveopalatali sorda [tn in Cina e so-
nora [d3] in Gina.
i suoni nasali: il velo è abbassato in modo da permettere all'aria di pas-
sare per la cavità nasale, mentre quella orale risulta totalmente bloccata.
Le nasali in italiano sono: la labiale [m] in mare, la labiodentale [IIJ] in
invidia, la alveolare [n] in insidia, la palatale [Jl] in stagno, la velare [IJ]
in anche.

??? Perché la nasale in insidia è più arretrata rispetto a quella in invidia?

i suoni laterali: la lingua costituisce un'ostruzione al centro della cavità


orale, il flusso d'aria passa ai lati. Le laterali in italiano sono: la alveo-
dentale [l] in li, la palatale [A.] in gli.
i suoni vibranti: un organo fonatorio mobile (quale la lingua o l'uvula)
vibra, formando così a interrnittenza una leggera occlusione. In italiano
standard vi è una sola vibrante, prodotta con la lingua: la alveolare [r] in
ramo.
n seguente schema riassume i principali suoni consonantici dell'italiano:

25
luogo di articolazione
modo di articolazione l ab iali dentali alveopalatali palatali ve! ari

occlusi ve pb td kg
fricative fv sz f3
affricate ts dz tf d3
nasali mllJ n J1 lJ
laterali 1..
vibranti r

Fig. 1.5. Consonanti italiane

1.3.2. Le consonanti tedesche

Vediamo ora le principali classi di suoni in tedesco, confrontandoli con


l'italiano:
i suoni occlusivi: le labiali [p] in Pein e [b] in Bein; le dentali [t] in Teer
e [d] in der; le velari [k] in Chor e [g] in gor. In numerosi contesti la pro-
nuncia delle occlusive sorde è- a differenza dell'italiano- aspirata.
In più, esiste in tedesco un'occlusiva glottidale (detta anche "colpo di
glottide") che ha perlopiù valore di demarcazione segnando il confine di
una sillaba o di un elemento morfologico: [?] come consonante iniziale
di Apfel o Eisen. L'occlusiva glottidale si articola chiudendo completa-
mente le corde vocali (e non semplicemente accostandole come nei suo-
ni sonori). Tolta l'occlusione, l'aria esce bruscamente. L'occlusiva com-
pare in genere prima di una sillaba che inizia con un suono vocalico ac-
centato.
i suoni fricativi: le labio-dentali [f] in fein e [v] in Wein; le dentali [s]
reifJen e [z] in reisen; le alveopalatali [J] in Schule e [3] in Genie. In più
esistono alcune fricative che non hanno corrispondenza in italiano: la fri-
cativa palatale [ç] in ich; la fricativa velare [x] in Dach; la fricativa uvu-
lare [B"] che compare spesso in alternativa alla r vocalica [B] (in parole
come dort o Form); la fricativa laringale [h] in haben.
i suoni affricati: la labiale [pf] in Pfahl (che non si trova in italiano), la
dentale [ts] in Zahl, l'alveopalatale sorda [tJ] in deutsch e sonora [d3] in
prestiti come Job. Non ha invece corrispondenza in tedesco l'affricata
italiana dentale sonora [dz].
i suoni nasali: la labiale [m] in Meer, la alveolare [n] in Natur, la velare
[IJ] in Klang.
i suoni laterali: il tedesco conosce un'unica laterale: la alveolare [l] in
Liebe.
i suoni vibranti: la vibrante tedesca, a differenza dell'italiano, è in gene-
re articolata mediante il movimento dell'uvula: l'uvulare [R] in Reise. In

26
alcune varietà regionali del tedesco esiste però anche la vibrante alveola-
re [r].
Il seguente schema riassuntivo classifica le consonanti tedesche secondo
luogo e modo di articolazione:

luogo di articolazione
modo di la bi ali dentali alveopalatali palatali ve lari uvulari glottidali
articolazione
occlusi ve pb td kg ?
fricative fv sz f3 ç x H h
affricate pf ts tf (d3)
nasali m n IJ
laterali l
vibranti (r) R

Fig. 1.6. Consonanti tedesche

1.4. I fonemi in tedesco

1.4.1. Due discipline vicine: fonetica e fonologia

La fonetica è la disciplina che si occupa dei processi di articolazione e


percezione dei suoni linguistici. L'impressione acustica che i parlanti han-
no dei suoni dipende- oltre che dai processi psicofisici legati all'apparato
percettivo dell'uomo- in larga misura proprio dalle caratteristiche acusti-
che dei suoni stessi. La fonetica acustica, di cui non abbiamo parlato, ana-
lizza le proprietà fisiche dei suoni e le evidenzia attraverso i cosiddetti spet-
trogrammi:
la frequenza: consiste nel numero di vibrazioni delle onde sonore in un
determinato lasso di tempo, misurato in cicli per secondo (hertz). La fre-
quenza determina la tonalità del suono: con l'aumento della frequenza ne
aumenta l'altezza.
l'intensità: si riferisce all'ampiezza dell'onda sonora e viene misurata in
decibel. L'ampiezza è proporzionale al volume percepito del suono.
la durata: si misura in centesimi di secondo. In tal modo si può ad esem-
pio quantificare la differenza tra vocali "lunghe" e "brevi".
La fonetica tratta quindi gli aspetti fisiologici e fisici dei suoni. La fono-
logia, invece, si occupa dei rapporti tra suoni all'interno di un determinato si-
stema linguistico: studia la funzione e l'organizzazione di suoni nella loro
qualità di elementi linguistici.

27
1.4.2. La definizione di "fonema"

I suoni che all'interno di un sistema linguistico hanno una funzione di-


stintiva sono detti fonemi. I fonemi, pur mancando essi stessi di qualsiasi si-
gnificato, servono a distinguere i significati: i fonemi segnalano differenze
semantiche tra parole. Tale funzione distintiva diventa evidente quando ab-
biamo una cosiddetta coppia minima (due parole che si differenziano per un
solo suono, ma per il resto sono perfettamente uguali). Alcuni esempi italiani
di coppie minime:

- santo l canto: si differenziano per il primo suono: fs! opposto a /kJ


- santo l sunto: si differenziano per il secondo suono: /al opposto a lui
- santo l sarto: si differenziano per il terzo suono: /n/ opposto a /r/
- santo l santi: si differenziano per l'ultimo suono: lo/ opposto a li!

Non solo due ma anche più parole possono essere distinte tramite la va-
riazione di un singolo suono:

-santo l santi l santa l sante: si differenziano per l'ultimo suono: lo/, fil, /al, /e/

Per individuare i fonemi di una lingua, bisogna sostituire i suoni di de-


terminate parole di quella lingua: se il risultato è un ' altra parola, allora il suo-
no sostituito costituisce un fonema (ad es. cane/pane); se il risultato è invece
la "stessa parola", allora il suono sostituito non costituirà un fonema (ad es.
[ra:mo] e [Ra:mo], con sostitu:?ione della vibrante, che dà sempre la parola
ramo). Si ricorda che in linguistica è convenzione segnare i fonemi tra due
barre oblique (es. /b/), distinguendoli dai corrispettivi foni ([b]).

1.4.3. Gli allofoni

Gli allofoni sono varianti dello stesso fonema. Si possono distinguere va-
ri tipi di allofoni:
gli allofoni liberi: risultano sostituibili senza restrizioni in una determi-
nata posizione. Così ad es., in tedesco, le occlusive sorde in finale di pa-
rola possono essere pronunciate aspirate o non aspirate; pertanto, la /p/ in
Stopp può essere realizzata come [ph] o come [p].
gli allofoni regionali: sono realizzazioni alternative di uno stesso fone-
ma che hanno una precisa distribuzione geografica. Il fonema tedesco /r/,
ad es., viene realizzato generalmente come vibrante uvulare [R], in alcu-
ne zone però (Baviera e Meclemburgo) come vibrante alveolare [r].
gli allofoni condizionati: dipendono dalla posizione del fonema nella
parola. I fonemi tendono infatti ad avere realizzazipni diverse a seconda
del condizionamento subito ad opera dei suoni "vicini" nella catena par-

28
lata. Così ad es. /n/ può essere realizzato come labiodentale [IIJ] in fon!
poiché precede la labiodentale [f], come alveolare [n] in finden poiché
precede la dentale [d], come velare [IJ] in Ungar poiché precede la vela-
re [g]. n parlante ha soggettivamente la "certezza" di pronunciare in tut-
ti questi casi lo stesso suono, ma obiettivamente non è così.
gli allofoni complementari: sono un caso particolare di allofoni condi-
zionati. All'interno di un morfema (unità costitutiva della parola dotata
di significato) o all'interno di una sillaba, le varianti presentano una di-
stribuzione mutualmente esclusiva. Tale distribuzione è detta comple-
mentare. Prendiamo come esempio le occlusive sorde del tedesco: esse
sono sempre aspirate all'inizio di morfema (per es. lkJ in kahl è [kh]),
sempre non aspirate dopo consonante (/k/ in Skala è [k]).
Un altro esempio di distribuzione complementare è costituito dalle oc-
clusive sonore in tedesco: esse sono ad es. sonore all'inizio della sillaba, sor-
de invece in fine sillaba. Vediamo il seguente prospetto:

fonema allofono inizio siUaba allofono fine sillaba


!bi [b) (Bein; Lo-bes, Lie-be) [p] (Lob, Lieb-ling)
Id! [d] (Dame; Llin-der, Kin-der) [t] (Land, Kind-heit)
lgl [g] (Gabel; Ta-ge, stei-gen) [k] (Tag, Steig-flug)

1.4.4. I tratti fonologici

I fonemi sono le unità minime nella catena parlata. Essi risultano però, a
un livello astratto, ulteriormente scomponibili in quanto ogni fonema è carat-
terizzato da un insieme di proprietà dette tratti (fonologici). Così ad es., in
base al trapezio vocalico, possiamo dire che /il è una vocale alta anteriore, /al
una vocale bassa centrale ecc.
I tratti sono caratteristiche distintive in quanto permettono di differen-
ziare un fonema dall'altro. Per individuare i tratti distintivi bisogna pertanto
cercare coppie (minime) di fonemi: contrapponendo due fonemi dello stesso
gruppo di suoni (''classe naturale") ci si interroga sulla caratteristica che li di-
stingue uno dall'altro. Prendiamo ad es. le vocali anteriori /il ed /e/: la prima
è più alta della seconda. Possiamo quindi definire la prima come [+alta], la
seconda come [-alta]. I tratti sono per definizione binari, vale a dire ammet-
tono solamente due valori (''più" e "meno").
Si assume che esista un ristretto inventario di tratti universali adatto a
classificare i fonemi di tutte le lingue del mondo. Quali sono questi tratti e co-
me si fa a individuarli? Si parte, come già detto, da coppie minime per allar-
gare via via il numero dei fonemi da prendere in considerazione.
Vediamo ancora come esempio le vocali anteriori. Andando oltre la cop-
pia minima /il-/e/, rivolgiamo la nostra attenzione all'italiano e includiamo
anche il terzo grado di altezza: /il, /e/, /e/. Come possiamo classificare queste

29
tre vocali a seconda della loro altezza con l'ausilio di tratti binari che per-
mettono solo due valori? Dobbiamo assumere due tratti fonologici, [±alto] e
[±basso]:

[+alto]: la lingua si alza rispetto alla posizione di riposo; [-alto]: la lingua non si
alza rispetto alla posizione di riposo.
[+basso] : la lingua si abbassa rispetto alla posizione di riposo; [-basso]: la lin-
gua non si abbassa rispetto alla posizione di riposo.

li! [+alto] [-basso]


!el [-alto] [-basso]
/el [-alto] [+basso]

La combinazione di tratti per /e/, [-alto, -basso], significa che la lingua


non si alza e non si abbassa, vale a dire permane nella posizione di riposo.
Per distinguere tra di loro le vocali anteriori tedesche, non bastano più i
tratti [±alto] e [±basso]. Bisogna infatti tener conto delle due vocali arroton-
date /y/ e /0/. Dobbiamo pertanto assumere un terzo tratto [±arrotondato]:

[+arrotondato]: labbra protese in avanti ; [-arrotondato]: labbra non protese in


avanti.
alto basso .arrotondato
li! +
/y/ + +
/el
le/ +
/0/ + +
Fig. 1.7. Tratti fonologici (vocali anteriori tedesche)

Vediamo quindi che ogni fonema può essere descritto come un fascio di
tratti che sarà sempre più ampio in relazione al numero crescente dei fonemi
considerati nella contrapposizione. Volendo includere nel prospetto anche le
vocali centrali e posteriori, va tenuto conto di un ulteriore tratto:

[+posteriore]: la lingua si ritrae rispetto alla posizione di riposo; [-posteriore]: la


lingua non i ritrae rispetto alla posizione di riposo.

Per quanto riguarda la lunghezza vocalica, in tedesco le lunghe e le bre-


vi si distinguono per una differente energia articolatoria (le lunghe sono tese,
le brevi no):

[+teso]: particolare ten ione muscolare durante l'articolazione del suono; [-te-
so]: assenza di particolare tensione muscolare durante l'articolazione del suono.

30
Allargando l'analisi all'intero sistema fonologico di una lingua, avremo
l'elenco massimale dei tratti fonologici. Per il tedesco, oltre a quelli già con-
siderati per le vocali, risultano rilevanti i tratti relativi alle consonanti. Ac-
canto al tratto generale [±consonantico] -che serve a contraddistinguere ap-
punto l'intera classe- abbiamo i seguenti tratti:

[+nasale]: l'abbassamento del velo consente il flusso dell'aria attraverso la ca-


vità nasale; [-nasale]: l'innalzarnento del velo non consente il flusso dell'aria at-
traverso la cavità nasale.
[+sonoro]: vibrazione delle corde vocali; [-sonoro]: nessuna vibrazione delle
corde vocali.
[+continuo]: il flusso d'aria attraverso la cavità orale è ininterrotto durante l'ar-
ticolazione del suono (ad es. le fricative); [-continuo]: il flusso d'aria attraverso
la cavità orale è interrotto durante l'articolazione del suono (ad es. le occlusi ve).
[+sonorante]: l'apertura dell'apparato articolatorio è tale da permettere un flus-
so d'aria abbastanza libero con conseguente risonanza del suono (come nel caso
delle liquide Il/ e /r/ nonché delle nasali); [-sonorante]: l'apertura dell'apparato
articolatorio non è tale da permettere un flusso abbastanza libero (come nel ca-
so delle occlusive e fricative, dette perciò anche "ostruenti").
[+coronale]: la punta della lingua si alza rispetto alla posizione di riposo (nel ca-
so delle dentali e alveopalatali); [-coronale]: la punta della lingua non si alza ri-
spetto alla posizione di riposo· (tutte le altre consonanti).
[+laterale]: il flusso d'aria è limitato ai lati della cavità orale (/1/); [-laterale]: il
flusso d'aria non è limitato ai lati della cavi'ta-male (tutte le altre consonanti).

Questi tratti si basano tutti sulle caratteristiche articolatorie dei relativi


suoni (punti e modi di articolazione). Essi ci consentono di classificare i seg-
menti consonantici tedeschi. La seguente tabella riassume i fasci di tratti per
ogni segmento:

segmenti (ordinati secondo il luogo di articolazione)

tratto pbfvmtdsznl f ç k g x D R

consonantico + + + + + + + + + + + + + + + + + + +
sonorante - - - - + - -
- - + + + - - - - - + +
continuo + + - + + - + + + + - - + - +
coronale + + + + + + + + - - - - - -
alto - - - - - - - - + + + + + + -
posteriore - - - - - - - - + + + + +
qasale + - - - - + - - - - - + -
laterale - - - - - - - - - - + -
sonoro - + - + + - + - + + + + - + - + +

Fig. 1.8. Tratti fonologici (consonanti tedesche)

31
Da questa tabella emerge come i tradizionali luoghi di articolazione sia-
no stati "tradotti" in combinazioni di tratti binari: labiale come [-coronale,
-posteriore]; dentale come [+coronale, -alto]; alveopalatale come [+corona-
le, +alto], palatale come [-coronale, +alto, -posteriore], velare come [+alto,
+posteriore], uvulare come [-alto, +posteriore].
La tabella ci mostra inoltre come tutte le consonanti con il tratto [+po-
steriore] abbiano nel contempo la caratteristica [-coronale]. Coincidenze di
tal genere vengono chiamate "ridondanze", uno dei due tratti è detto "ridon-
dante" (cioè superfluo per una univoca caratterizzazione). Va annotato, poi,
che le affricate non compaiono in questa tabella in quanto possono essere de-
scritte come sequenze di una occlusiva più una fricativa. Mancano, infine,
anche le due glottidali che in genere vengono considerate una classe a parte.

1.5. Processi fonologici e regole fonologiche

1.5.1. I principali processi fonologici

Finora abbiamo considerato, in un'ottica "statica" che privilegia le strut-


ture della lingua, le caratteristiche fonologiche dei vari suoni e i loro rappor-
ti strutturali all'interno di un complesso sistema fonematico (per es. quello
delle consonanti tedesche). In un'ottica "dinamica", invece, ci possiamo oc-
cupare dei processi fonologici che determinano la formazione di sequenze di
fonemi all'interno della catena parlata. I più importanti processi fonologici
sono generalmente i seguenti:
elisione: caduta di un fonema;
epentesi: inserimento di un "nuovo" fonema;
assimilazione: adeguamento di un fonema rispetto a un altro fonema vi-
cino;
dissimilazione: differenziazione di un fonema rispetto a un altro fonema
vicino;
metatesi: inversione di due fonemi contigui.
I processi fonologici possono essere diacronici (da una fase storica all'al-
tra, come ad es. la prima o la seconda mutazione consonantica) come anche
sincronici (di uno stesso momento storico). In questa sede ci interessa soltan-
to il secondo tipo di processo. Nel tedesco odierno, hanno rilevanza soprat-
tutto i processi di elisione, epentesi e assimilazione.
L'elisione, la caduta di un segmento, è in tedesco un processo facoltati-
vo che riguarda la lingua colloquiale (la cosiddetta Umgangssprache) e si ve-
rifica soprattutto nella parlata veloce. Di frequente, la vocale indistinta (lo
schwa) cade prima di una sonorante (soprattutto nasale, ma anche laterale).
Qui di seguito contrapponiamo la pronuncia "accurata" (come la possiamo

32
trovare nei radiogiornali o telegiornali) e la pronuncia "trascurata" tipica del-
le normali conversazioni quotidiane:

le ben [le:b~n] [le:bn]


bete n [be:t~n] [be:tn]
lachen [lax~n] [laxn]
Atem [a:t~m] [a:tm]
Kessel [kes~l] [kesl]

Come mostra la serie degli infiniti verbali citati, l'elisione dello schwa
avviene indipendentemente dalla qualità della consonante precedente (una la-
biale in leben, una dentale in beten, una velare in lachen). Va considerato,
inoltre, che l'elisione dello schwa comporta spesso altri mutamenti (ad es. va-
rie forme di assimilazione), in parte dovuti alla riduzione del numero delle
sillabe all'interno della parola in questione.
Altri processi di elisione facoltativa riguardano segmenti consonantici.
Nella lingua colloquiale della Germania centro-settentrionale è diffusa la ca-
duta di /ti finale in parole come nicht o vielleicht nonché la caduta dell'oc-
clusiva all'interno di una affricata: /pf/ diventa [t] (Pferd si pronuncia come
fiihrt), /ts/ diventa [s] (ganz si pronuncia come Gans).
L'epentesi, l'inserimento di un segmento, risulta in tedesco meno diffu-
so rispetto all'elisione. Un esempio è dato dall'aggiunta, nel parlato collo-
quiale, di un'occlusiva sorda tra nasale e dentale:

kommt [k::>mt] [k::Jmpt]


singt [ZII) t] [zii]kt]

La parola singt viene pertanto pronunciata come sinkt.


L'assimilazione comporta un mutamento nei tratti di un determinato
segmento e, in genere, porta a una semplificazione della pronuncia dell'inte-
ra sequenza. L'assimilazione può essere totale (sostituzione di un segmento
con un altro): è il caso della nasale /n/ in parole come einmal, pronunciata
[aimma:l]. Il più delle volte, però, siamo in presenza di un'assimilazione par-
ziale (un adeguamento non di tutte, ma soltanto di una parte delle caratteri-
stiche del segmento in questione).
L'assimilazione può avvenire in due direzioni contrapposte: l'assimila-
zione progressiva comporta il mutamento di un segmento successivo al suo-
no che determina il processo, l'assimilazione regressiva comporta invece il
mutamento di un segmento precedente al suono che determina il processo.
Facciamo qualche esempio. In tedesco esiste l'assimilazione nasale sia pro-
gressiva che regressiva. Nell'assimilazione progressiva, /n/ viene adeguato al
luogo d'articolazione dell'ostruente precedente (sonora e sorda). Ciò si veri-

33
fica nel tedesco colloquiale, dove per precedente caduta dello schwa viene a
crearsi un contatto diretto tra due segmenti consonantici:

heben [he:bm]
hupen [hu:pm]
reden [Re:dn]
bete n [be:tn]
legen [le:gl)]
Laken [lo:kl)]

La nasale alveolare /n/ diventa labiale dopo le labiali /b/ e /p/, resta ovvia-
mente alveolare dopo le dentali /d/ e /t/, diventa velare dopo le velari /g/ e /k/.
Nel caso dell'assimilazione regressiva, /n! diventa velare in adeguamen-
to a una successiva occlusiva velare:

Bank [bal)k]
Tank [tal)k]

Può esservi incertezza riguardo alla possibile direzione dell'assimilazio-


ne quando ad esempio la nasale si trova tra due consonanti: nel caso di Le-
bens [le:bms], /n/ si adegua alla labiale precedente (e non alla dentale se-
guente); nel caso di lockend [bknt], /n/ si adegua alla dentale seguente (e non
alla velare precedente).
Numerose forme di assimilazione riguardano, in tedesco, non il luogo di
articolazione ma la caratteristica della sonorità. Infatti, un'ostruente sonora
diventa sorda davanti a un'ostruente sorda. Nei seguenti esempi /b/ e Id/ si
desonorizzano entrando in contatto diretto con /s/:

bleibst [blaipst]
bliebest [bli:b::>st] [bli:pst]
Waldes [vald::>s] [valts]

Per bliebest e Waldes, l'assimilazione avviene ovviamente solo dopo


l'eventuale caduta dello schwa.

??? La parola haben [ho:b::>n] viene spesso pronunciata come [ho:m]. Sono ri-
levanti, nell'ordine, un processo di elisione, uno di assimilazione, uno di elisio-
ne. Quali sono nello specifico tali processi?

1.5.2. Le regole fonologiche

Le regole fonologiche descrivono il passaggio dal livello di rappresenta-


zione fonologica al livello di rappresentazione fonetica, sistematizzando i

34
processi che governano le realizzazioni fonetiche dei vari fonemi a seconda
del contesto all'interno della catena parlata. La notazione di una regola fono-
logica ha la seguente forma generale:

A~BIX_ Y

La prima parte della regola indica il processo fonologico vero e proprio


(il segmento A viene sostituito dal segmento B), la seconda parte indica il
contesto in cui ciò avviene (la posizione del segmento tra X e Y). X e Y siri-
feriscono in genere a segmenti (o tipi di segmento). Prendiamo.come esem-
pio la già ricordata desonorizzazione di un'ostruente sonora davanti a
ostruente sorda:

ich lebe [b) du lebst [p] er lebt [p]


ich !ade [d] du ladst [t] er ladt [t]
ich fege [g) du fegst [k] er fegt [k)
ich kurve [v] du kurvst [f) er kurvt [f)
ich reise [z] du reist [s] er reist [s]

Possiamo formalizzare questa regola inserendo nello schema generale i


segmenti in questione:

[b, d, g, v, z] ~ [p, t, k, f, s] l_ [p, t, k, f, s]

Una soluzione più economica di un semplice elenco consiste nella nota-


zione in tratti fonologici in quanto essi caratterizzano l'intero gruppo di seg-
menti in questione. Nel nostro caso, [b, d, g, v, z] sono accomunati dal fatto
di essere tutti [+consonantico, -sonorante, +sonoro]. Avremo pertanto la se-
guente formulazione della regola:

[+consonantico] [+consonantico]
[-sonorante] ~[-sonoro] l_ [-sonorante]
[+sonoro] [-sonoro]

Del tipo di segmento A vengono riportati tutti i tratti caratterizzanti la


classe naturale (le ostruenti), del tipo di segmento B soltanto i tratti modifi-
cati ([+consonantico] e [-sonorante] non compaiono perché rimasti invariati).
Per quanto riguarda il contesto, viene indicato solo il successivo segmento Y
(dato che il precedente X è irrilevante per la regola in questione).
Le specificazioni del contesto X e Y possono essere anche zero: se X è
zero, allora il segmento che cambia si trova all'inizio del contesto rilevante
(ad es. della sillaba o della parola); se Y è zero, allora il segmento che cam-
bia si trova alla fine del contesto rilevante. Ciò accade nella cosiddetta Aus-

35
lautverhiirtung, processo in cui un'ostruente sonora diventa sorda in fine sil-
laba. Confrontiamo ad esempio le seguenti forme di sostantivo plurale con i
rispettivi singolari:

di e Diebe [b] der Dieb [p]


die Uinder [d] das Land [t]
die Berge [g] der Berg [k]
die Archive [v] das Archiv [f]
die Kreise [z] der Kreis [s]

Possiamo riassumere i due tipi di desonorizzazione - davanti a ostruente


sorda e in fine di sillaba- in un'unica regola (dove il simbolo# indica il con-
fine di sillaba):

[+consonantico] [+consonantico]
[-sonorante] ~[-sonoro] l_ [-sonorante]
[+sonoro] [-sonoro]
#

Un caso interessante, poi, è costituito dalla distribuzione di due fricative,


entrambe segnate graficamente da eh: la palatale [ç] e la velare [x]. Vediamo
i vari contesti in cui compaiono questi due segmenti. In una prima serie di
esempi, [ç] si trova dopo vocale anteriore, [x] dopo vocale centrale e poste-
n ore:

[ç] (palatale) [x] (velare)


ich [I] acht [a]
psychologisch [y:] Bucht [u]
echt [c] hoc h [o:]
hochst [e:] Hochzeit [;,]

Il segmento [ç] può comparire inoltre dopo consonante (per la precisio-


ne, dopo /n/, /r/ e 11/), [x] invece no: nelle parole manch, durch e solch la fri-
cativa viene sempre pronunciata [ç] , mai [x]. Il segmento [ç], infine, può a
differenza di [x] trovarsi anche in posizione iniziale assoluta. Ciò accade in
parole di origine straniera. La vocale seguente risulta ininfluente sulla qualità
della fricativa: China, Chemie e Charisma vengono sempre pronunciate con
la palatale [ç].
Si nota pertanto che [ç] e [x] compaiono sempre in contesti mutualmen-
te esclusivi. Essi hanno una distribuzione complementare per cui possono es-
sere considerati allofoni di uno stesso fonema. Se partiamo da /ç/ come fone-
ma base, possiamo descrivere la sua velarizzazione dopo vocale centrale e
posteriore mediante la seguente regola:

36
[-sonorante]
[+continuo] [-consonantico]
[-coronale] ~ [+posteriore] l [-anteriore]
[-posteriore]
[-sonoro]

1.6. La struttura della sillaba

1.6.1. Struttura generale

La sillaba è una sequenza di suoni che costituiscono un'unità di pronun-


cia. Tale unità risulta ben presente al parlante nativo, il quale intuitivamente
non trova alcuna difficoltà a suddividere una parola in sillabe: così ad esem-
pio la scansione della parola italiana va-lo-re o di quella tedesca Be-ra-tung
risulta spontanea. Va tenuto conto del fatto che la sillabazione orale si fonda
su regole insite nella lingua stessa, mentre la sillabazione scritta segue regole
convenzionali stabilite di volta in volta dai grammatici (per es. la parola te-
desca Weste è sillabata nello scritto We-ste secondo la "vecchia" o Wes-te se-
condo la "nuova" ortografia).
Ogni sillaba ha un nucleo caratterizzato da un massimo di sonorità: in
genere si tratta di una vocale, in alcuni casi anche di una sonorante (come ad
es. /m/ in A-temo Il/ in Ke-ssel). Una sillaba può essere costituita dal solo nu-
cleo (segnato V), ma il più delle volte essa contiene anche altri elementi, con-
sonantici o sernivocalici (segnati C). I segmenti prima del nucleo sillabico so-
no detti "incipit", quelli successivi "coda" (nucleo e coda costituiscono assie-
me la "rima"). Sono possibili varie strutture, di cui riportiamo soltanto alcuni
esempi per il tedesco (le sillabe che finiscono in vocale sono dette "aperte",
quelle che finiscono in consonante sono dette "chiuse"):

v A-tem
cv ma-chen
ve P o-~
cvc tot
vcc End-zeit
cvcc Baum
cccv Stra-Be

È da rilevare il fatto che le consonanti non possono comparire nella sil-


laba in un ordine qualsiasi, ma sono organizzate secondo una gerarchia di for-
za basata sul criterio della sonorità: nell'incipit si ha un progressivo aumento
di sonorità, nella coda una progressiva diminuzione. Esiste una scala di sono-
rità universale che non considera singoli suoni, bensì classi di suoni:

37
-

ostruenti sorde ostruenti sonore nasali liquide vocali

Fig. 1.9. Scala di sonorità

1.6.2. Possibilità combinatorie tra segmenti

Ogni lingua ha regole, in parte anche molto complesse, riguardo alle pos-
sibili combinazioni tra i concreti suoni di queste varie classi. In tedesco, ad
esempio, l'incipit è costituito da massimo tre consonanti. Nel caso di tre con-
sonanti, la prima deve essere una fricativa coronale sorda ([J] come in Sprung
o [s] come in Skrupel), la seconda un'occlusiva sorda ([pfcome in Sprache,
[t] come in Strand, [k] come in Skla-ve), la terza una liquida ([R] come in
Sprung, [l] come in Spli-tter).
Particolarmente ricche sono le possibilità combinatorie nel caso di due
consonanti. Facciamo solamente alcuni esempi (non considerando prestiti da
lingue straniere): le dentali [t] e [d] nonché la labiale [v] possono essere com-
binate unicamente con [R] (Traum, Dra-ma; Wrack); le labiali [p], [b], [f] so-
lo con [R] e [l] (Pro-be, plump; Brief, blei-ben;frisch,flie-gen); le velari [k]
e [g] con [R], [1], [n] (krank, klein, Knall; Grab, Glut, Gna-de) e [k] anche con
[v] (Qual pronunciato [kva:l]); l'alveopalatale [J] con [R], [l], [n], [m], [v] e
[t] (Schrank, Schlaf, Schna-bel, Schmutz, Schwes-ter, Stadt). Due tendenze ri-
sultano evidenti: in primo luogo, suoni simili (appartenenti a una stessa clas-
se) mostrano possibilità combinatorie simili o addirittura uguali; in secondo
luogo, la prima posizione è sempre data da un'ostruente, la seconda da una
sonorante (con l'unica eccezione di [v], possibile in entrambe le posizioni).
Se la sillaba presenta un dittongo dobbiamo distinguere i dittonghi
ascendenti da quelli discendenti. Nei dittonghi ascendenti, la sernivocale fa
parte dell'incipit in quanto precede la vocale che costituisce il nucleo sillabi-
co (Re-gian). Nei dittonghi discendenti, invece, la sernivocale fa parte della
coda (Baum).
Anche la coda della sillaba è caratterizzata da molteplici regole combi-
natorie. Innanzitutto, è interessante notare che numerose combinazioni possi-
bili nell'incipit si ripresentano, in ordine inverso, anche nella coda. Così ab-
biamo ad es. le combinazioni Um]- [mJ] (schmal- Ramsch), [kl]- [lk] (klar
- Kalk), [fl] - [lf] (Floh - Wolf). Due sono però le principali differenze ri-
spetto all'incipit: a) è possibile la combinazione di più sonoranti, con decre-
scente sonorità (liquida+ nasale: Farn, Arm; han-deln, Helm; liquida [R] + li-
quida [1]: Kerl); b) non vi sono ostruenti sonore (a causa della Auslaut-
verhiirtung).

38
Va precisato, infine, che non tutte le sequenze fonologicamente possibili
risultano poi in parole realmente esistenti. Così ad es. sono formate corretta-
mente le sillabe [kalp], [kalt], [kalk], [kalf], [kalm], [kaln], [kals], [kalf],
[kalç]- ma solo le prime tre corrispondono a parole reali (Kalb, kalt, Kalk).

1.7. Aspetti dell'ortografza tedesca

1.7.1. Il rapporto tra suono e grafema

Nel caso "ideale", a ogni suono della lingua corrisponde un solo grafema
(in italiano ad es. l'occlusi va labiale sonora [b] viene sempre segnata <b>) e
a ogni grafema corrisponde un solo suono (in italiano la lettera <b> segna
unicamente [b]). Tale rapporto di corrispondenza 1:1 tra suono e grafema è
detto biunivoco.
Rispetto a questo principio di assoluta fedeltà fonetica si riscontrano va-
rie incongruenze nell'ortografia tedesca che possono costituire una difficoltà
per discenti stranieri. Vi sono casi in cui a più suoni corrisponde un unico gra-
fema (ad es. [b] e [p] segnati entrambi con <b> come in Lobes e Lob) e casi
in cui a più grafemi corrisponde un unico suono (ad es. <s>, <ss> e <B> se-
gnano [s] in las, lassen e lie./3).
Vediamo più in dettaglio un esempio in cui uno stesso grafema - <g> -
rappresenta suoni diversi:

[g] geben, legen


[k] sagt, Weg
[ç] wenig, Konig
[3] Genie, Garage
[d3] Gin, Giro

La <g> può segnare l'occlusi va velare sonora, l'occlusi va velare sorda,


la fricativa palatale sorda e, in parole di origine straniera, anche la fricativa
palatale sonora e l'affricata palatale sonora.
Frequente risulta anche il caso inverso in cui uno stesso suono è rappre-
sentato da più grafemi diversi. Prendiamo la fricativa alveopalatale sorda [f]:

sch Schule, scheinen


s Stra.Be, Stirnme; Sprung, Spannung
eh Charme
sh Shirt
sk Ski
sci Pastasciutta

39
La fricativa può essere segnata con una combinazione di Lre Lt:uere <sch>
oppure da una <s> semplice (prima di occlusiva sorda dentale o labiale). In
aggiunta, in parole di origine straniera, può essere rappresentata da <eh> (pa-
role dal francese), <sh> (dall'inglese), <sk> (dal norvegese) e <sci> dall'ita-
liano.
Un altro esempio di rappresentazione grafemica multipla è dato dall'oc-
clusiva velare sorda [k]:

k Kind, Dank
ck backen, lecker
g Tag, sagt
c Café, Computer
eh Charakter, Chor
q Qualitiit, Àquator
x Taxi, Sex

I grafemi <c>, <eh> e <q> si trovano di regola in parole di origine stra-


niera; il grafema <x> segna la sequenza di due suoni [ks].
L'ortografia tedesca non ha, inoltre, un modo univoco per segnare la lun-
ghezza vocalica. Sono attestati quattro procedimenti principali per trascrive-
re una vocale lunga:

- vocale semplice: Benzin [i:], mgde [y:], ~del [e:], M)!dchen [e:], hQren [0:],
Sl!fi\en [a:], Myt [u:], tQt [o:];
-vocale+ h: ihm [i:], frtih [y:], Ehre [e:], zah [e:], stOhnen [0:], Sahne
[a:], Kuh [u:], Bohne [o:];
- vocale doppia: Schnee [e:], Saal [a:], Boot [o:];
-vocale+ e: M~te [i:].

Vediamo che i primi due procedimenti sono sistematici in quanto attesta-


ti per tutte le vocali lunghe del tedesco. Il raddoppiamento grafico si trova in-
vece solo per tre vocali. L'aggiunta di <e> risulta produttiva unicamente per
/i/; per altre vocali è attestata solo in maniera sporadica, principalmente per
nomi di luogo (come ad es. Soest [o:] o Raesfeld [o:]). La funzione grafica
primaria della <e> è infatti quella di sostituire <ti>, <ii> ed <6>: <ae> può se-
gnare [e:], <ue> [y:] ed <oe> [0:]. Va menzionata infine l'esistenza di un
quinto procedimento per segnare la lunghezza vocali ca: l'aggiunta di una vo-
cale <i>, attestata solamente per alcuni nomi di luogo (ad es. Troisdoif[o:]).
Pertanto uno stesso suono, vale a dire una determinata vocale lunga, può
essere rappresentato con tipi di grafie diversi: [e:] con <e> in edel, con <eh>
in Ehre e con <ee> in Schnee; [i:] con <i> in mir, <ih> in ihr, <ie> in Tier e
addirittura <ie +h> in Vieh (vi è quindi la possibilità di una combinazione di
più procedimenti).

40
Anche la notazione delle vocali brevi si presenta poco sistematica. La
breve può essere segnata da una vocale semplice per cui, graficamente, risul-
ta impossibile distinguere la breve (Rast [a] da rasten) e la lunga (rast [a:] da
rasen). Spesso la breve viene invece segnata tramite doppia consonante se-
guente:

lassen [a] lasen [a:]


betten [e] beten [e:]
offen [:)] Ofen [o:]
Komma [:)] Koma [o:]
Widder [1] wider [i:]

Esempi del genere esistono con numerose consonanti doppie (knabbern,


Flagge, rennen, Klappe, Terror, Mitte, Skizze ecc.). il grafema <kk> per [k] è
raro, limitato a poche parole di origine straniera (ad es. Okkasion, okklusiv);
diffusa invece la combinazione <ck>, come mostrano i seguenti esempi: dick,
Decke, Dackel, ducken, Dock.
Passiamo, infme, alla grafia dei dittonghi tedeschi. Dei tre principali dit-
tonghi ([au], [ai], [JI]), solo il primo presenta una grafia unica: <au> (Baum,
Auge, Sau ecc.). Il dittongo [ai] ha due grafie distinte: talvolta <ai> (come in
Mai, Laie, Kaiser), quasi sempre <ei> (Bein, dein, fein, kein, mein, nein,
Pein, rein, sein, Wein ecc.). A volte, le due grafie servono a distinguere due
omofoni (parole diverse con la stessa pronuncia): Seite 'lato' e Saite 'corda',
Weise 'modo' e Waise 'orfano'. Anche il dittongo [JI] presenta due principa-
li grafie, entrambe diffuse: <eu> in parole come neu, deutsch, Freund, Kreuz
o Feuer; <au> in forme come triiumen, Gebiiude, Kiiufer, Briiune, hiiufig.
Anche in questo caso si possono trovare coppie di omofoni (ad es. l'infinito
liiuten 'suonare' e il dativo plurale Leuten 'gente'). Vi è inoltre una terza gra-
fia, <oi>, presente solamente in alcune parole di origine straniera (Konvoi,
Koine).

1.7.2. I princìpi ortografici

Le apparenti incongruenze nella grafia tedesca sono, in realtà, il risulta-


to del conflitto tra princìpi ortografici diversi. Tali princìpi ispirano non solo
l'ortografia tedesca, ma in genere ogni ortografia. Sono princìpi conflittuali,
e ogni ortografia storica (per es. quella tedesca contemporanea, quella italia-
na contemporanea ecc.) si presenta come un compromesso tra vari princìpi.
Vediamo i più importanti:
l) Il principio fonetico impone di rispettare la pronuncia della parola.
Esiste un rapporto biunivoco tra suono e grafema (per es. tra [l] e <l> in te-
desco).

41
2) Il principio fonologico porta a rispettare l'unitarietà di un fonema an-
che quando esso presenta allofoni diversi: così si scrive <d> per [d] in Liin-
der e per [t] in Land (in quanto si tratta in entrambi i casi di realizzazioni del
fonema /d/), <eh> per [ç] in dich e per [x] in Dach, <r> per l'allofono uvula-
re [R] e alveolare [r].
3) Il principio morfologico comporta il rispetto dell'identità di una paro-
la pur nelle sue varianti di pronuncia. Il mantenimento di una stessa grafia (o
di una grafia simile) facilita il riconoscimento di una determinata forma come
appartenente alla rosa delle varianti di una stessa parola. Facciamo qualche
esempio: il plurale Liinder è pronunciato con una e aperta [c], che però viene
trascritta <a> (e non <e>!) proprio per evidenziare il collegamento con la for-
ma singolare Land (con [a] trascritta <a>); il plurale Biiume è pronunciato
con il dittongo [:n], che viene trascritto <au> (e non <eu>!) per via del colle-
gamento con la forma singolare Baum (con [au] trascritto <au>). Anche
quando una determinata parola deriva morfologicamente da un'altra parola,
la grafia può sottolineare tale parentela: ad es. la [c] di liindlich trascritta con
<a> a causa di Land, il dittongo [::li] di Hiiuschen segnato con <au> a causa
di Haus ecc. A volte, vi è coincidenza con il principio fonologico: quando
scriviamo Tag [k] e Tage [g] con <g> o Leib [p] e Leiber [b] con <b>. Vari-
cordato che in medio alto tedesco, il principio fonetico si rivelava più forte ri-
spetto a quello morfologico: così ad es. le forme singolari tac e lfp erano scrit-
te riflettendo l'esito della desonorizzazione in fme sillaba (Auslautverhiir-
tung).
4) Il principio storico-etimologico tiene in considerazione la storia di
una parola. Non dimentichiamo che solo all'inizio del Novecento la Germa-
nia ha avuto una riforma ortografica che ha tentato di unificare le varie grafie
sino ad allora in uso. Se il suono [o:] viene scritto <a> in Tal, <ah> in Zahl e
<aa> in Saal, ciò riflette semplicemente il fatto che originariamente le parole
venivano scritte così e oggi si mantiene la grafia per un mero fatto di tradi-
zione. Un caso interessante è costituito dagli omofoni non omografi, dove la
diversità di grafia rispecchia la diversità di etimologia (per es. Leere 'vuoto'
e Lehre 'insegnamento', malen 'dipingere' e mahlen 'macinare' ecc.).
5) n principio grammaticale evidenzia la struttura sintattico-grammati-
cale di un testo. In tedesco, ad es., si usano le maiuscole per indicare i so-
stantivi (Leben 'vita' rispetto a leben 'vivere').
6) Il principio estetico suggerisce di rispettare il "senso estetico", evitan-
do grafie "brutte" o "confuse". Facciamo un esempio. Il raddoppiamento con-
sonantico, usato per indicare la brevità della vocale precedente (Robbe [::l] op-
posto a Robe [o:]) non si applica se la consonante viene indicata da un grup-
po di lettere: abbiamo quindi lachen [a] e mai *lachchen, mischen [1] e mai
*mischschen ecc. Si tratta di un principio altamente soggettivo poiché il sen-
so estetico cambia con notevole facilità. Prima vigeva ad es. la consuetudine
di evitare sequenze di tre consonanti uguali (il composto di Bett e Tuch era

42
scritto Bettuch 'lenzuolo', il composto di See e Elefant era scritto Seelefant),
ora non più (si scrive infatti Betttuch e Seeelefant).

??? Ogni ortografia rappresenta un diverso compromesso tra vari princìpi. Se-
condo voi, confrontando l'italiano, il tedesco e l'inglese, quali princìpi sono ri-
spettivamente dominanti?

1.7.3. L'ortografia tedesca e la riforma de/1996

Il tedesco è una lingua che si scrive da circa 1200 anni. Durante tutto il
Medioevo e anche gran parte dell'epoca moderna esistevano consuetudini a
livello locale ben radicate: la scrittura variava da convento a convento, suc-
cessivamente da cancelleria a cancelleria. L'estrema frammentazione del ter-
ritorio tedesco, diviso in numerose entità statali autonome, ha continuato a
costituire forti barriere anche quando l'avvento della stampa ha portato a pri-
me forme di unificazione dell'ortografia. Non è esagerato affermare che qua-
si ogni casa editrice seguiva regole proprie.
Con l'unificazione tedesca (1871) il quadro politico cambia radicalmen-
te. Su iniziativa del ministro prussiano della pubblica istruzione, nel 1876 si
ha una prima grande conferenza per regolare l'ortografia. Pochi anni dopo
(1880) esce il dizionario ortografico di Konrad Duden, che trova subito una
larga accettazione. Nel 1901 ha luogo la seconda conferenza ortografica. I ri-
sultati, che si basano sull'opera di Duden, vengono pubblicati nell902 e ac-
cettati ufficialmente da Germania, Austria e Svizzera.
Da allora in poi, il dizionario ortografico ufficiale (il Duden) è apparso in
numerose edizioni, che via via hanno apportato modifiche all'ortografia. N el
corso degli anni, gli esperti hanno ripetutamente discusso su come semplifi-
care l'ortografia (al centro del dibattito è stata soprattutto la questione se abo-
lire o meno le maiuscole). Ma ogni tentativo di riforma radicale è fallito.
A partire dagli anni ottanta, su mandato dei ministri della pubblica istru-
zione delle Regioni della Germania Federale, si sono riuniti vari gruppi di la-
voro. Le loro proposte sono state accettate nel 1996 dai Paesi di lingua tede-
sca. Nel 1998 la nuova ortografia è entrata nelle scuole, nel 1999 numerosi
organi di stampa si sono adeguati alle nuove convenzioni.
Si tratta di una riforma che oggettivamente apporta solo piccoli cambia-
menti all'ortografia tedesca, ma che ha suscitato accesi dibattiti tra il pub-
blico. Numerosi scrittori e pubblicisti tedeschi hanno protestato vivacemen-
te, considerando l'ortografia come parte integrante della cultura nazionale
tedesca. I linguisti, invece, tendono a ridimensionare l'importanza dell'orto-
grafia in genere, distinguendo nettamente tra la lingua in sé e le convenzio-
ni grafiche usate per fissarla. La lingua, infatti, cambia e si evolve sulla ba-
se di fattori interni e influssi esterni, ma non per via di regole ortografiche
modificate.

43
Vediamo ora brevemente quali sonu t pnncipali cambtamenu entrati in
vigore con la recente riforma ortografica. Per quanto riguarda l'aspetto cen-
trale di ogni ortografia, il rapporto tra suono e grafema, si nota innanzitutto
una più rigida applicazione del principio morfologico (principalmente a di-
scapito del principio storico-etimologico):
l) L'uso del grafema <B> (il cosiddetto Eszett). Nella "vecchia" ortogra-
fia, vigevano due regole in parziale sovrapposizione: <B> era obbligatorio
dopo vocale lunga o dittongo (Straj3e, drauj3en) ed era obbligatorio dopo l'ul-
tima vocale del morfema, a prescindere dalla sua lunghezza (lunga come in
Fuj3, breve come in Fluj3). Dopo vocale breve, poi, se questa non è l'ultima
del morfema si scriveva <ss> (lassen, kiissen ecc.).
Ora, invece, si ha una regola sola che si basa esclusivamente sulla lun-
ghezza della vocale precedente: dopo vocale lunga o dittongo si scrive <B>,
dopo vocale breve <ss>. Tale regola, che è conforme alla consuetudine più
generale di segnare le brevi tramite raddoppiamento della consonante succes-
siva, ha come conseguenza il mantenimento di una stessa grafia per una stes-
sa radice:

"vecchio": der Flu13, des Flusses, die Fliisse; das Flii13chen


"nuovo": der Fluss, des Flusses, die Fliisse; das Fliisschen
"vecchio": ich fasse, du fa13t, er fa13t, wir fassen; fa13!
"nuovo": ich fasse, du fasst, er fasst, wir fassen; fass!

Da questi esempi appare evidente l'uniformità raggiunta dalla nuova or-


tografia.
2) Sequenze di tre grafemi uguali. Se in un composto si viene a creare
una sequenza di tre grafemi uguali, tutte e tre le lettere si conservano per evi-
denziare la struttura morfologica del composto stesso (Schif.ffahrt in luogo del
"vecchio" Schiffahrt, Nulllosung in luogo di Nullosung ecc.).
Mentre le due nuove regole appena descritte sono generali in quanto si
applicano a tutte le parole della lingua che presentano una determinata carat-
teristica, le modifiche seguenti riguardano solo singoli casi:
3) Raddoppiamento di grafemi consonantici dopo vocale breve (in alcu-
ne parole). Facciamo qualche esempio: As viene ora scritto Ass (in confor-
mità con il genitivo des Asses e il nominativo plurale die Asse), numerieren
diventa nummerieren (in analogia con il sostantivo da cui è derivato: Num-
mer), plazieren diventa platzieren (in analogia con il sostantivo da cui è deri-
vato: Platz).
4) Grafia della e aperta (in alcune parole). La e aperta [e] viene trascrit-
ta <a> in luogo di <e> per far risaltare la parentela con parole che presentano
una [a] (trascritta ovviamente <a>): così ad esempio behende è ora scritto
behiinde (per via di Hand) e Stengel diventa Stiingel (per via di Stange).

44
Altri aspetti della riforma ortografica - che non approfondiremo in que-
sta sede- riguardano un più ampio utilizzo della grafia separata (ad es. spa-
zieren gehen al posto di spazierengehen, Rad fahren al posto di radfahren o
zu vie/ al posto di zuviel), un più ampio uso delle maiuscole per indicare i so-
stantivi (Angst machen invece di angst machen, heute Morgen invece di heu-
te morgen, der Niichste invece di der niichste ecc.) nonché un maggior ade-
guamento della divisione sillabica scritta a quella orale (Fens-ter in luogo di
Fen-ster, Zu-cker in luogo di Zuk-ker ecc.).

Tabella riassuntiva dei principali suoni in tedesco


vocali consonanti
Mitte p _ee in
I: M~te b }lei n
y MY.ller t Iag
y: Mtihle d Qame
e: b~ten k .Kind
e B~tt g Qabel
e: b_i!ten ? _Apfel
;} bet~n f fein
ce H QIle v Wein
e: H oh! e s Krei~
a l!Cht z ~att
a: Strl!Be J Schule
n Fenst§: 3 Garage
u Fl]!SS ç i eh
u: F!!B x Dach
J Qffen H Form
o: Qfen h heu te
pf Pferd
ts Zahl
tf deutsch
m Mutter
n neu
lJ Klang
l Liebe
R Rei se

Glossario delle parole tedesche citate


acht otto
Angst paura
Apfel; Àpfel mela; (pl.)
Arm braccio
Ass asso
Ate m respiro
Auge occhio

45
backen cuocere (al forno)
Bank banca, panchina
biiten l./3. pers. pl. cong. II di bitten 'pregare'
Baum; Biiume albero; (pl.)
Beet aiuola
behande agile, svelto
Bei n gamba
Beratung consulenza
Berg montagna
bete n pregare
Bett letto
bette n mettere a letto
Biene ape
Bitte preghiera
bleiben; bleibst; bliebest restare; 2. pers. sing. pres. ind.; 2. pers. sing. preterito
in d.
Bohne fagiolo
Boot barca
Briiune abbronzatura
Brief lettera
Bucht baia
Charme grazia, leggiadria
Chernie chimica
Chor coro
Dach tetto
Dackel bassotto
Dame signora, dama
Dank gratitudine, ringraziamento
Decke coperta, soffitto
de in tuo
der il
deutsch tedesco
di eh te (ace.)
dick grosso, spesso
Dieb ladro
Dock bacino di carenaggio
dort lì, là
Drama dramma
drauBen fuori
ducken abbassare
dure h attraverso
echt vero, genuino
ed el nobile, pregiato
Ehre onore
einmal una volta
Eisen ferro
Endzeit fine dei tempi

46
flihrt 3. pers. sing. pres. ind. difahren 'andare, guidare'
Farn felce
fasse l. pers. sing. pres. ind. difassen 'afferrare'
fege l. pers. sing. pres. ind. difegen 'spazzare'
fein sottile, delicato
Fenster finestra
Feuer fuoco
finden trovare
Finger dito
Flagge bandiera
fliegen volare
Floh pulce
Fluss fiume
Fliisschen fiumiciattolo
Freund amico
frisch fresco
friih presto
fiinf cinque
FuB piede
Gabel forchetta
Gans oca
ganz tutto, intero
Gebliude edificio
geben dare
gehen camminare, andare
Geschiedene divorziato
Glut brace
Gnade grazia
gor 1.13. pers. sing. preterito ind. di giiren 'fermentare'
Grab tomba
haben avere
Han d mano
handeln agire
hliufig spesso
Haus casa
Hliuschen casetta
he ben sollevare
Helm elmetto
heute oggi
hoc h alto
hochst massimo, altamente
Hochzeit matrimonio
Hohle caverna
Holle inferno
ho re n sentire
hupen suonare (il clacson)
ich io

47
i hm a lui (dat.)
ihr voi
kahl calvo
Kaiser imperatore
Kalb vitello
Kalk calce
kalt freddo
Kaufer acquirente
kein nessuno
Kerl tipo, tipaccio
Kessel caldaia, bacino
Kind; Kinder bambino; (pl.)
Kindheit infanzia
Klang suono, timbro
klar chiaro
klein piccolo
knabbem rosicchiare
Knall botto
Koma coma
Komma virgola
kommt 3. pers. sing. l 2. pers. pl. pres. ind. di kommen 'venire'
Konig re
krank malato
Kreis cerchio
Kreuz croce
Kuh mucca
kurve l. pers. sing. pres. ind. di kurven ' curvare, virare'
ktissen baciare
Qual tormento
lachen ridere
!ade l. pers. sing. pres. ind. di /aden ' caricare'
Laie laico
Laken lenzuolo, telo
Land; Lander Paese; (pl.)
landlich rurale, campestre
las; lasen 1./3. pers. sing. preterito ind. di lesen 'leggere'; 1./3.
pers. pl. preterito ind.
lassen lasciare
leben; lebe vivere; l. pers. sing. pres. ind.
Lebens gen. di Leben 'vita'
lecker gustoso, appetitoso
legen posare, mettere
Lehrer insegnante
Leib; Leiber corpo; (pl.)
Liebe amore
Liebelei flirt
Liebling beniamino

48
lieB 1./3. pers. sing. preterito ind. di lassen 'lasciare'
Lob; Lobes lode; (gen.)
lockend allettante
machen fare
Madchen ragazza
Mai maggio
manch qualche
Meer mare
me in mio
Miete affitto
mir a me (dat.)
mischen mischiare
Mitte metà, centro
Morgen mattina
m ii de stanco
M ii hle mulino
Miiller mugnaio
Mut coraggio
Mutter madre
Nachste prossimo
niihme; nehrne 1./3. pers. sing. cong. II di nehmen 'prendere'; l. pers.
sing. ind. pres.
ne in no
neu nuovo
nicht non
Nulllosung soluzione zero
Ofen stufa, forno
offen aperto
Pe in pena, tormento
Pfahl palo
Pferd cavallo
Platz posto, luogo
platzieren collocare
plump massiccio, impacciato
Pro be prova
Rad bicicletta, ruota
Ramsch scarto
rasen; rast sfrecciare; 3. pers. sing. l 2. pers. p!. pres. ind.
Rast pausa, sosta
rasten sostare, riposare
reden parlare
rei n puro
Rei se viaggio
reillen strappare
reisen; reise viaggiare; l. pers. sing. ind. pres.
rennen correre, affrettarsi
Robbe foca

49
Robe toga, abito talare
Ruhm gloria
Saal sala
Saat semina, semenza
Sache cosa
sagt 3. per . sing. l 2. pers. pl. pres. ind. di sagen 'dire'
Sahne panna
Samen seme
Sau scrofa
scheinen splendere, sembrare
Schiene rotaia
Schifffahrt navigazione
Schlaf sonno
schmal stretto, sottile
Schmutz sporco
Schnabel becco
Schnee neve
Schrank armadio
Schule scuola
Schwester sorella
See mare, lago
sei n suo
singt 3. pers. sing. l 2. pers. pl. ind. pres. di singen 'cantare'
sinkt 3. pers. sing. l 2. pers. pl. ind. pres. di sinken 'affondare'
Sklave schiavo
soleh tale, siffatto
Spannung tensione
spazieren passeggiare
Splitter scheggia
Sprache lingua, linguaggio
Sprung salto
Stange stanga, barra
Stlingel gambo
steigen salire
Steigflug volo in salita
Stimme voce
stohnen gemere, sospirare
Stop p stop, fermata
Strand spiaggia
StraBe strada
Tag; Tage giorno; (pl.)
Tal valle
Tank serbatoio
Tasche borsa, tasca
Teer catrame
Tier animale
Tor; Tore porta, cancello; (pl.)

50
tot morto
Traum sogno
traumen sognare
Tu c h te! o
Uhr orologio
Ungar ungherese
Vieh bestiame
vielleicht forse
Wal d es gen. di Wald 'bosco'
Weg via, sentiero
We in vino
wenig poco
Weste gilè
Widder ariete
wider contro
Wolf lupo
Wrack rottame
zah duro, tenace
Zahl numero
zu vie! troppo
Zucker zucchero

Esercizi

E 1-1: Coppie minime


Quali sono i fonemi che rispettivamente distinguono le seguenti coppie di pa-
role?
Bucb-Tuch, Buche-Bude, Saat-Saal, Vater-Vater, statt-Staat, Rast-rast

E 1-2: Lettere e fonemi


Trovate nella seguente frase due realizzazioni dei fonemi /d/, /f/, In! e una
realizzazione dei fonemi /i:/, !f!, IYI, /s/, /h/!
Der Student arbeitet vi el, weil er in fiinf Tagen ein Examen hat.

E 1-3: Lettere e fonemi


In tedesco, quali fonemi vengono segnati con il grafema <e>? Quali grafemi
vengono usati per segnare il fonema /el?

E 1-4: Trascrizione
Trascrivete le seguenti parole mediante l'alfabeto fonetico internazionale (se-
gnando l'eventuale lunghezza vocalica)!
Korper, Haut, Kopf, Haare, Augen, Ohren, Nase, Mund, Zahne, Zunge, Hals,
Bauch, Riicken, Herz, Arm, Hand, Bein, FuB

51
E 1-5: Trascrizione
Trascrivete le seguenti coppie di parole mediante l'alfabeto fonetico interna-
zionale (segnando l'eventuale lunghezza vocalica)!
bleiben-bleib!; lachen-Hicheln; b!Od-b!Oder; Vater-Vater; Stadt-Staat;
Htite-Htitte; dehnen-denn

E 1-6: Trascrizione
Trascrivete in grafia "normale" le seguenti parole!
[bu:x], [R~k], [ho:z~]. [klait], [fu:], [ta:k], [ze:], [tel-e], [tsa:l], [man], [bit~]

E 1-7: Trascrizione
Trascrivete mediante l'alfabeto fonetico internazionale le seguenti parole
omografe in italiano e tedesco!
italiano tedesco
latte die Latte 'tavola, traversa'
renne ich renne 'corro'
stufe die Stufe 'scalino'
stabile die stabile Briicke 'stabile' (nom./acc. f.)

E 1-8: Tratti fonologici


Quali sono i tratti fonologici che distinguono le seguenti parole?
Pein-Bein, Pein-fein, Vase-Phase, dein-sein, Haken-hacken, beten-betten,
Tiir-Tier, Ttiten-tuten

E 1-9: Tratti fonologici


Quali tratti fonologici sono rispettivamente comuni ai seguenti gruppi di fo-
nemi in modo da caratterizzarli come "classi naturali"?
/p, b, f, v, m! !f, v, s, z, f, ç, xl !m, n, TJI

E 1-10: Parole "possibili" e "impossibili"


Quali delle seguenti forme - tutte parole attualmente inesistenti in tedesco -
rispettano le regole combinatorie tra segmenti (e sono pertanto parole "possi-
bili") e quali le violano invece (parole "impossibili")?
sprong, sbrit, trobe, tlobe, lgat, kurl, kulr, orm, bulm, kukl

52
Bibliografia per approfondimenti

Altmann, Hans l Ziegenhain, Ute (2002). Phonetik, Phonologie und Graphema-


tikfiirs Examen. Wiesbaden: Westdeutscher Verlag.
Augst, Gerhard l Dehn, Mechthild (20022). Rechtschreibung und Rechtschreib-
unterricht. Konnen- Lehren - Lernen. Eine Einfiihrung fiir Studierende und
Lehrende alter Schulformen. Stuttgart: Klett.
DUDEN - Das Ausspracheworterbuch (20004). A cura di Max Mangold.
Mannheirn: Dudenverlag.
Gallrnann, Peter l Sitta, Horst (1996). Die Neuregelung der deutschen Recht-
schreibung. Mannheirn: Dudenverlag.
Hakkarainen, Heikki J. (1995). Phonetik des Deutschen. Miinchen: Fink.
Hall, Alan T. (2000). Phonologie. Eine Einfiihrung. Berlin/New York: de Gruy-
ter.
Hengartner, Thomas l Niederhauser, Jorg (1993). Phonetik, Phonologie und pho-
netische Transkription. Grundziige, Begriffe, Methoden und Materialien.
Aarau: Sauerliinder.
Kohler, Klaus J. (1995 2). Einfiihrung in die Phonetik des Deutschen. Berlin:
Schmidt.
Maas, Utz (1999). Phonologie. Einfiihrung in die funktionale Phonetik des Deut-
schen. Opladen: Westdeutscher Verlag.
Pompino-Marschall, Bemd (2003 2). Einfiihrung in die Phonetik. Berlin!New
York: de Gruyter.
Ramers, Karl-Heinz (2001 2). Einfiihrung in die Phonologie . Mtinchen: Fink.
Ramers, Karl-Heinz l Vater, Heinz (1995 4). Einfiihrung indie Phonologie. Hiirth:
Gabel.
Temes, Elmar (1999 2). Einfiihrung indie Phonologie. Darmstadt: Wissenschaft-
liche Buchgesellschaft.
Wiese, Richard (1996). The Phonology ofGerman. Oxford: Clarendon Press.

53
2. MORFOLOGIA

2.1. La parola e la classificazione delle parole

2.1.1. "Parola" nella lingua comune e "parola " come termine tecnico

La morfologia è lo studio della struttura interna delle parole. Ma che


cos'è esattamente una "parola"? Nella lingua quotidiana, noi usiamo l'espres-
sione parola in una molteplicità di contesti:

avere una parola sulla punta della lingua; chiedere la parola; il dono della paro-
la; mantenere la parola

Solo nel primo caso parola si riferisce a un'unità della lingua; chi chiede
la parola, in genere, non si limita a una sola parola ma pronuncia un discor-
so più o meno lungo; il dono della parola indica poi il linguaggio umano in
generale; la parola mantenuta, infine, non è altro che una promessa mantenu-
ta, vale a dire un ' azione che si compie mediante l'uso di parole.
Per il parlante comune, parola è ciò che nella lingua scritta è delimitato
da spazi bianchi. Questa "definizione" di parola incontra però alcune diffi-
coltà. Innanzitutto la parola grafica si riferisce solamente all'uso scritto. Ma
anche nello scritto stesso vi sono casi limite rappresentati dal cosiddetto trat-
tino: per es. l'inglese well-known è da considerarsi una sola parola o due pa-
role? Che dire poi di parole come la congiunzione cosicché che possono an-
che essere scritte mediante due unità grafiche separate (così che) oppure di
parole che, in tedesco, oggi vengono scritte unite da chi segue ancora la "vec-
chia" ortografia (per es. radfahren 'andare in bicicletta') e separate da chi si
adegua invece alla nuova ortografia (Radfahren)?
Spinoso è inoltre il problema di espressioni che, formalmente composte
da più parole grafiche, vengono nondimeno percepite come un'entità unitaria:
per es. punto di vista,ferro da stiro, macchina da scrivere (queste espressioni,
in altre lingue, corrispondono a una parola sola: vedi il tedesco Gesichtspunkt,
Biigeleisen, Schreibmaschine). Come si fa poi a distinguere un'insieme "uni-
tario" come taglio di capelli (ted. Haarschnitt) da costruzioni più estempora-
nee come taglio di alberi, taglio di rami, taglio di carne ecc.? Come classifi-

55
care infine i cosiddetti verbi separabili in tedesco, che in alcune costruzioni
vengono scritti uniti (per es. all'infinito: abschreiben 'copiare'), in altre sepa-
rati (er schreibt ab 'egli copia')?
In linguistica, la nozione di parola è ampiamente controversa e di conse-
guenza esistono numerosi tentativi di definizione. Da queste definizioni pos-
siamo trarre almeno quattro criteri che una "parola" deve soddisfare per esse-
re considerata tale in senso tecnico:
l) Identità acustica. La parola è contrassegnata da determinate caratteristi-
che di accento, che variano da lingua a lingua. In inglese, ad esempio, vi è dif-
ferenza tra la parola composta White House (accento sul primo elemento) e la
combinazione di parole white house (accento sul secondo elemento), oppure tra
la parola composta blackbird 'merlo' (accento sul primo elemento) e la combi-
nazione di parole black bird 'uccello nero' (accento sul secondo elemento).
2) Autonomia semantico-funzionale. La parola è un elemento a sé stan-
te, dotato di un significato e/o di una funzione grammaticale anche fuori da
ogni contesto, ben presenti al parlante comune.
3) Stabilità morfologica. La parola è un'unità che nelle sue varie forme
preserva la struttura fondamentale (vedi i plurali ted. Dieb/Diebe e it. pento-
la/pentole) e che non può essere interrotta da altri elementi (per es. pentola a
pressione, ma non *pentola a forte pressione).
4) Mobilità sintattica. La parola è l'elemento più piccolo che può essere
spostato (o sostituito) in una frase.
Va infine sottolineato che la parola può essere considerata a due diver-
si livelli di astrazione: a) la parola concreta come appare in un determinato
testo (per es. le parole tedesche singt, sang, gesungen); b) la parola astratta
quale compare nel dizionario; si tratta di un'unità che fa parte del lessico di
una lingua ed è pertanto chiamata lessema; un esempio è dato dal verbo te-
desco singen, a cui fanno capo le varie forme concrete del paradigma (singt,
sang ecc.). Per convenzione, citiamo un lessema verbale con la forma
dell'infinito (appunto singen), un lessema nominale o pronominale con la
forma del nominativo singolare (Tag, dieser ecc.) e un lessema aggettivale
con la forma usata nella costruzione predicativa (das Kleid ist schOn).
La differenza tra i due livelli di analisi appare evidente nel caso delle co-
siddette preposizioni articolate (unione di preposizione più articolo). A livel-
lo concreto, si tratta di parole uniche (le forme italiane dal, sul, del, nel ecc.;
le forme tedesche am, ins, zur ecc.). A livello astratto, siamo in presenza
dell'unione di due lessemi distinti (da+il, su+il, di+il, in+il per gli esempi ita-
liani; an+dem, in+das, zu+der per quelli tedeschi).

2.1.2. La classificazione delle parole

Tradizionalmente, le parole vengono suddivise in classi di parole (dette

56
anche "classi grammaticali" o "parti del discorso"). Il loro numero può varia-
re a seconda dei criteri adottati e della lingua considerata. Per il tedesco, le
principali classi sono le seguenti:

verbo schlafen, essen, kaufen


nome l sostantivo Tisch, Haus, Geist
aggettivo schOn, grafi, billig
avverbio bald, gern, dort
articolo der, ein
pronome ich, mein, dieser
preposizione auf, bei, vor
congiunzione und, aber, weil
particella sehr, sogar, ja

Va innanzitutto sottolineato che una stessa parola può, a seconda della co-
struzione in cui compare, appartenere a più classi differenti. Gli aggettivi, ad
esempio, possono spesso fungere da avverbi (aggettivo: der Mann ist schnell
-avverbio: der Mann ltiuft schnel[); l'articolo può essere usato come pronome
relativo (der Mann, der schnell lduft); alcune preposizioni sono anche con-
giunzioni (preposizione: seit Ostern, bis Ostern - congiunzione: seit Ostern
vorbei ist, bis Ostern kommt); le particelle, infine, sono quasi sempre coinci-
denti con altre classi di parole: nell'esempio der Kuchen ist echt gut 'il dolce
è veramente buono', la particella rafforzativa echt coincide con un aggettivo,
nell'esempio der Kuchen ist aber gut 'il dolce è proprio buono', la particella
modale aber coincide con una congiunzione.
Per una classificazione delle parti del discorso, tre criteri risultano fon-
damentali:
l) Criterio morfologico. Le classi morfologicamente variabili sono tradi-
zionalmente così suddivise: coniugabile è la classe del verbo (variazione se-
condo persona, numero, tempo, modo); declinabili sono le classi del nome,
aggettivo, articolo e pronome (variazione secondo genere, numero e caso).
Alle classi variabili si contrappongono le classi invariabili (avverbio, prepo-
sizione, congiunzione, particella).
2) Criterio numerico. Le classi aperte (verbo, nome, aggettivo, avverbio)
sono grandi e facilmente espandibili; il numero di parole di ciascuna classe è
in veloce aumento grazie al costante apporto di neologisrni. Le classi chiuse
(articolo, pronome, preposizione, congiunzione, particella) sono invece pic-
cole e il numero di parole appartenenti a ciascuna classe rimane pressappoco
costante nel tempo.
3) Criterio semantico. All'opposizione numerica tra classi aperte e classi
chiuse corrisponde l'opposizione semantica tra classi lessicali e classi funzio-
nali. Le parole delle classi lessicali hanno un significato lessicale "pieno": i
verbi si riferiscono ad azioni ed eventi, i nomi a oggetti concreti o concetti

57
astratti, gli aggettivi a caratteristiche, gli avverbi a modalità. Le parole delle
classi funzionali, invece, hanno un significato primariamente grarnmaticale-
relazionale: gli articoli precisano caratteristiche grammaticali del nome (der
Mann), i pronomi segnalano una sostituzione (der Mann ist mude; er geht
nach Hause), le preposizioni mettono in relazione due nomi (das Auto vor
dem Haus), le congiunzioni mettono in relazione due frasi (sie ist schon, aber
sie ist arm), le particelle stabiliscono un collegamento tra il contenuto della
frase e l'atteggiamento del parlante (wie konnte das bloBpassieren 'come po-
teva capitare', dove blojJ ha la funzione di esprimere la sorpresa del parlante).

2.2. Elementi costitutivi della parola: i morfemi

2.2.1. La segmentazione della parola e la nozione di morfema

Numerose parole possono essere suddivise in unità più piccole della pa-
rola ma più grandi del singolo suono. Tali unità sono rilevanti a livello di
struttura di parola e vanno pertanto nettamente distinte dalle sillabe, elemen-
ti rilevanti a livello di struttura fonetico-fonologica. Facciamo qualche esem-
pio italiano: rifare va segmentato morfologicamente in ri-fare, apripista in
apri-pista, autogol in auto-gol ecc.
Gli elementi costitutivi della parola vengono detti morfemi. I morfemi
sono in genere costituiti da una sequenza ininterrotta di suoni (fonemi); han-
no quasi sempre un significato; non possono essere suddivisi in unità ancora
più piccole dotate di significato e costituiscono pertanto le unità minime di
una parola.
n criterio fondamentale per l'individuazione di un morfema è la sua pre-
senza in parole diverse. Per es. l'elemento ri-di rifare è presente, con signi-
ficato paragonabile, in ritornare, ridare, riscrivere ecc.; l'elemento apri- siri-
trova in parole come apriscatole e apribottiglie, auto- in autopilota e auto-
tassazione.
Facciamo ora qualche esempio tedesco. La parola Sommerkleidung 'ab-
bigliamento estivo' può essere suddivisa nei tre morfemi Sommer-kleid-ung:
Sommer 'estate' e Kleid 'vestito' possono anche fungere da parole autonome
o comparire in numerose parole complesse (Sommerferien 'vacanze estive',
Sommermonat 'mese estivo' , Sommerresidenz 'residenza estiva' ecc.; Win-
terkleid 'vestito invernale', Wollkleid 'vestito di lana', Minikleid 'vestito cor-
to' ecc.). L'elemento -ung compare come morfema finale in numerosi sostan-
tivi: Bildung 'formazione', Wohnung 'abitazione', Zeichnung 'disegno' ecc.

??? Per quali motivi la segmentazione di beinhalten 'comprendere, contenere'


come bein-halten risulta errata?

58
2.2.2. Morfemi lessicali e grammaticali, morfemi liberi e legati

Già questi primi esempi ci mostrano l'esistenza di vari tipi di morferni.


Una fondamentale distinzione è quella tra morfemi lessicali e morfemi gram-
maticali. I morfemi lessicali hanno un significato "pieno" come ad es. Som-
mer e Kleid nella parola complessa Sommerkleidung. I morfemi grammatica-
li hanno un significato più astratto. Così ad es. -ung ha la funzione di forma-
re un sostantivo a partire da un verbo: Bildung da bilden 'formare', Wohnung
da wohnen 'abitare' ecc. Un altro esempio per un morfema grammaticale è
-er, che ha il significato astratto generale di indicare la persona che compie
un'azione: da malen 'dipingere' abbiamo Maler 'pittore', da lehren 'insegna-
re' abbiamo Lehrer 'insegnante' ecc.

??? È possibile precisare ulteriormente il significato grammaticale del morfema


-er?

Una seconda distinzione è quella tra morfemi liberi e legati. Sono detti
liberi quei morfemi che possono fungere anche da parola autonoma, legati
quei morferni che possono solo occorrere come parte di una parola autonoma.
I morfemi legati compaiono quindi solamente in combinazione con un altro
morfema che sia libero.
La distinzione tra morfemi lessicali e grammaticali coincide di solito con
quella tra morfemi liberi e legati: i morferni lessicali sono liberi, i morferni
grammaticali sono legati. Solo in rari casi un morfema lessicale è un morfe-
ma legato. Facciamo un esempio: l'elemento Schwieger- in Schwiegersohn
'genero', Schwiegertochter 'nuora', Schwiegervater 'suocero' ecc. ha il si-
gnificato lessicale di 'parente acquisito tramite matrimonio', ma non compa-
re mai come parola autonoma.
Va infine ricordato che uno stesso morfema può avere diverse realizza-
zioni fonetiche. Tali realizzazioni sono dette allomorfi (si noti il parallelismo
nella terminologia con la coppia "fonema" -"allofono"). Prendiamo come
esempio il morfema Land 'Paese', che ha ben quattro allomorfi diversi:

[land] des Landes


[lant] das Land
[lend] die Uinder
[lent] das Liindchen

2.2.3. Radice, base e affissi

I morfemi vengono tradizionalmente suddivisi in "radice" e "affissi"; in


più, si usa la nozione di "base". Cerchiamo ora di chiarire meglio questi con-
cetti. La radice costituisce la parte principale della parola: è l'elemento ulti-

59
mo e irriducibile che, tolti tutti gli elementi accessori, risulta portatore del si-
gnificato fondamentale della parola (per es. global in antiglobalizzazione). La
radice è costituita di norma da un morfema libero. Facciamo qualche esempio
tedesco:

vor-ehe-lich 'pre-matrimoni-ale' Ehe 'matrimonio'


Vor-programm-ierung 'pre-prograrnma-zione' Programm 'programma'
Gegen-partei 'contro-parte' Partei 'parte'
Sozial-ismus 'social-ismo' sozial 'sociale'

Esistono ovviamente parole complesse che possono avere più di una ra-
dice. Per es. Sommerkleid 'vestito estivo' ne ha due: Sommer e Kleid.
La base è la forma di partenza per processi di formazione delle parole.
La base può coincidere con la radice (per es. quando da triste si forma tri-
stezza), ma può essere anche più ampia della semplice radice. Prendiamo la
parola italiana normalizzazione per la quale da norma sono state formate -
tramite successivi procedimenti - le parole normale, normalizzare e, infme,
normalizzazione. La parola norma funge quindi da base per normale, norma-
le funge da base per normalizzare, normalizzare da base per normalizzazione.
Vediamo un esempio tedesco: la parola Unsauberkeit 'sporcizia'. La ra-
dice è sauber, la base è unsauber. Ricostruiamo il processo di formazione di
questa parola: a partire dalla base (aggettivale) sauber 'pulito' è stato forma-
to l'aggettivo unsauber 'sporco', a partire dalla base unsauber è stato forma-
to il sostantivo Unsauberkeit.

??? È corretta l'affermazione secondo la quale tutte le radici sono anche basi,
ma non tutte le basi sono radici? Fate qualche esempio!

Gli affissi sono morferni grammaticali che servono alla costruzione del-
le parole. Considerando la loro posizione rispetto alla base, possiamo distin-
guere in tedesco:
l) prefissi: precedono la base (un-sicher, in-diskret, a-politisch, dis-har-
monisch, vor-industriell, anti-demokratisch, hetero-sexuell, pan-arabisch).
2) suffissi: seguono la base (Seufz-er 'sospiro', Volks-tum 'carattere na-
zionale', National-ismus, Finster-nis 'oscurità', Frech-heit 'sfacciataggine',
Mutter-schaft 'maternità').
3) circonfissi: si collocano contemporaneamente prima e dopo la base
(così ad esempio ge-... -t nei participi passati ge-kauf-t, ge-mach-t ecc. o be-
... -igen in infiniti come be-schein-igen 'certificare', be-rein-igen 'ripulire'
ecc.). Alcuni studiosi però negano che i circonfissi esistano come categoria in
tedesco e preferiscono analizzarli come una combinazione di prefisso più suf-
fisso.

60
Gli affissi, in quanto morferni grammaticali, banno un significato più
astratto che non le radici. Così ad es. i prefissi un- e in- banno un significato
di negazione, anti- di opposizione, vor- di anteriorità temporale ecc. È inte-
ressante notare come uno stesso suffisso possa assumere più significati gram-
maticali diversi: -er può indicare sia colui il quale compie un'azione (Fahrer
'guidatore' dafahren 'guidare') sia uno strumento (Liifter 'ventilatore' da liif-
ten 'ventilare').

2.3. Flessione e formazione delle parole

Confrontiamo i seguenti processi di costruzione delle parole:

A. Gast 'l'ospite' B. Gast 'ospite'


Gast-es 'dell'ospite' gast-lich 'ospitale'
Giist-e 'gli ospiti' Gast-freundschaft 'ospitalità'
Giist-en 'agli ospiti' Gast-stube 'locanda'

La differenza consiste nel fatto che le forme del gruppo A sono variazio-
ni di una stessa parola (intesa come lessema), mentre le forme del gruppo B
costituiscono parole diverse- che possono anche appartenere a classi gram-
maticali diverse, come ad es. l'aggettivo gastlich rispetto al sostantivo Gast.
Il primo procedimento di costruzione della parola è detto "flessione", il
secondo "formazione delle parole". La flessione- che per sostantivi, aggetti-
vi e pronomi è detta "declinazione", per verbi "coniugazione"- è un proce-
dimento generalizzato e regolare. Il procedimento è generalizzato nel senso
che viene sempre attuato nella grammatica di una lingua (per es. tutti i verbi
tedeschi formano una prima persona singolare presente, tutti i sostantivi han-
no una forma al genitivo ecc.); esso è regolare nel senso che, conoscendo la
base di una parola, si possono automaticamente costruire tutte le forme del
suo paradigma (dall'infinito kaufen posso regolarmente ricavare le forme del
presente kaufe, kaufst, kauft, kaufen, kauft, kaufen, del preterito kaufte, kauf-
test, kaufte, kauften, kauftet, kauften ecc.).
La regolarità della flessione diventa particolarmente evidente nel caso
dei neologisrni (le parole nuove di una lingua). Prendiamo ad es. il verbo te-
desco mailen 'spedire per posta elettronica', preso dall'inglese to mail eden-
trato solo recentemente nell'uso. Anche se noi come parlanti non abbiamo
mai sentito l'espressione mailen, ci basta sapere che è un verbo tedesco per
formare tutte le forme del suo paradigma: il presente ich maile, du mailst, er
mailt ecc.; il preterito ich mailte, du mailtest, er mailte ecc. Non abbiamo bi-
sogno di imparare a memoria il paradigma, potendolo ricostruire ogni volta
senza problemi.

61
La formazione delle parole, invece, ha carattere facoltativo. Data una
base, non ci è possibile sapere a priori se esiste una forma costruita mediante
un determinato affisso. Prendiamo come esempio i verbi che, tramite il suf-
fisso -ung, diventano sostantivi:

leiten 'dirigere' Leitung 'direzione'


offnen 'aprire' Offnung 'apertura'
zahlen ' pagare' Zahlung ' pagamento'
reisen 'viaggiare' *Reisung 'viaggio' [Reise]
helfen 'aiutare' *Helfung 'aiuto' [Hilfe]
gehen 'andare' *Gehung 'andatura' [Gang]
laufen 'correre' *Laufung 'corsa' [Lauf]

Volendo costruire un sostantivo a partire da una base verbale tedesca,


non sappiamo con certezza se la nuova formazione sarà in -ung o seguirà
qualche altro schema (per es. laufen-Lauf come kaufen-Kauf ecc.). A volte,
poi, non è possibile formare alcun sostantivo perché esiste già una parola con
il medesimo significato (stehlen 'rubare' non ha un sostantivo *Stehlung 'fur-
to' perché esiste già Diebstahl).

2.4. Aspetti della flessione in tedesco

2.4. 1. La flessione nominale

Per la flessione nominale (declinazione), sono rilevanti in tedesco le se-


guenti tre categorie grammaticali:
genere: maschile, femminile, neutro
numero: singolare, plurale
caso: nominativo, accusativo, genitivo, dativo
Il genere di un determinato sostantivo è, al contrario di quanto si ritiene
comunemente, tutt'altro che casuale. Il genere, infatti, è determinato da ben
precisi fattori morfologici, fonetico-fonologici e semantici:
a) Morfologia. Dalla struttura morfologica del sostantivo si può risalire
con quasi assoluta certezza al genere (pochissime sono le eccezioni). Faccia-
mo qualche esempio. Sono maschili le parole derivate mediante i suffisi -ling
(Schmetterling, Feigling, Priijling), -ant (Fabrikant, Musikant, lnformant),
-iker (Alkoholiker, Grafiker, Politiker), -ismus (Nationalismus, Kapitalismus,
ldealismus), -ist (Sozialist, Kommunist, Jurist); oppure le parole semplici che
terminano con uno pseudosuffisso come -ich (Teppich, Kranich, Stich) o -ig
(Konig, Honig, Essig).
Sono femminili le parole derivate ad esempio mediante i suffissi -ei (Bu-
cherei, Metzgerei, Schldgerei), -in (Freundin, Feindin, Professorin) , -heit
(Krankheit, Kindheit, Schdnheit), -keit (Sauberkeit, Hojlichkeit, Fliissigkeit),

62
-schaft (Freundschaft, Feindschaft, Herrschaft), -ung (Bildung, Leitung, Wer-
bung), -itiit (Banalitiit, Raritiit, Realitiit).
Sono neutre, infine, le parole derivate con i suffissi diminutivi -chen
(Wiildchen, Miidchen) e -lein (Tischlein, Friiulein), con suffissi come -tum
(Christentum, Heldentum, Eigentum) o -ing (Doping, Jogging) oppure parole
terminanti in -ment (Dokument, Experiment, Fundament).
b) Fonologia. Anche la struttura fonologica della parola ci fornisce pre-
ziose indicazioni sul genere del sostantivo. In alcuni casi si tratta effettiva-
mente di regolarità "forti". Sono maschili quasi tutti i monosillabi che inizia-
no con «UJ+cons.» (Schlaf, Schlauch; Schmerz, Schmuck; Schnee, Schnitt;
Speck, Spiej3; Schrank, Schreck; Stiel, Stuck; Schwanz, Schweij3); che inizia-
no con dr-, tr-, kn- (Draht, Dreck; Trieb, Tritt; Knall, Knick); che terminano
in «nasale+cons.» (Schrank, Dank, Trunk, Funk). Sono femminili quasi tutti i
monosillabi che finiscono in «fricativa ([f], [ç], [x]) più occlusiva dentale sor-
da -t» (Kraft, Luft; Sicht, Schicht; Fracht, Bucht) o in -ur (Schnur, Spur, Kur);
quasi tutte le parole che finiscono in -e (Wonne, Tanne, Kante). Sono neutri
quasi tutti i monosillabi che terminano in -ett (Bett, Fett, Mett).
In altri casi ·siamo invece in presenza di mere probabilità statistiche. Per
i monosillabi, ad esempio, vi è una correlazione tra il genere e il numero di
consonanti rispettivamente all'inizio e alla fine della parola: se il sostantivo
inizia in vocale (zero consonanti), la possibilità che sia maschile è pari al
46%; con una consonante aumenta al 59%, con due al 73%, con tre all'82%;
se il sostantivo termina in vocale (zero consonanti), la possibilità che sia ma-
schile è pari al 43%; con una consonante aumenta al 63%, con due al 74%,
con tre al 77%.
c) Semantica. Quando il sostantivo si riferisce a un essere umano o a un
animale, risulta determinante il genere naturale del referente (per es. der
Mann, die Frau; der Vater, die Mutter; der Sohn, die Tochter ecc.; der Hahn
'gallo', die Henne 'gallina'; der Stier 'toro', die Kuh 'mucca'; der Kater 'gat-
to', die Katze 'gatta').
Vi sono poi alcune probabilità statistiche: sono ad esempio maschili le
denominazioni di numerose bevande alcoliche (Schnaps, Wein, Sekt), di roc-
ce e minerali (Granit, Kalk, Ton) e di unità temporali (Abend, Tag, Monat,
Friihling); femminili i nomi di alberi (Palme, Pappe/, Eiche), fiori (Rose,
Nelke, Tulpe) e frutti (Birne, Pflaume, Melone, Ananas) nonché i numeri
(Vier, Zehn ecc.); neutri i nomi dei metalli (Gold, Silber, Eisen) e di numero-
si Paesi e luoghi geografici (das schOne Deutschland, das sonnige ltalien; das
moderne Berlin, das alte Rom) nonché verbi e aggettivi sostantivati (Essen,
Kochen; SchOne, Echte).
Questi tre fattori possono entrare in conflitto tra di loro: ad esempio nei
sostantivi (neutri) Miidchen 'ragazza' e Friiulein 'signorina' prevale il fatto-
re morfologico su quello semantico; nei sostantivi (maschili) Riide 'cane ma-
schio' e Bulle 'toro' prevale il fattore semantico su quello fonologico.

63
Alcuni sostantivi hanno, infine, un genere oscillante. Si tratta prevalente-
mente di prestiti: Barock (der/das), Liter (der/das), Pub (der/das). In altri ca-
si, il diverso genere distingue due varianti di significato della stessa parola
(der Verdienst 'guadagno', das Verdienst 'merito') o addirittura due parole di-
verse (der Kiefer 'mascella'; die Kiefer 'pino silvestre').
Rivolgiamo ora la nostra attenzione alla categoria del numero. In tede-
sco, esistono i seguenti morfemi di plurale:

-(e)n die Frau, die Frauen; der Bar, die Baren; die Tafel, die Tafeln;
-e der Tag, die Tage; der Greis, die Greise; der Riss, die Risse;
-s das Echo, die Echos; der Park, die Parks; der Opa, die Opas;
-er der Leib, die Leiber; der Geist, die Geister; das Feld, die Felder.

A ciò vanno aggiunti i sostantivi in cui non compare alcun )llOrfema vi-
sibile di plurale (ad es. der Lehrer, die Lehrer; der Wagen, die Wagen; das
Gebirge, die Gebirge).
La scelta del morfema risulta spesso determinata dalla struttura morfolo-
gica (e dal genere) della forma singolare. Vediamo alcune delle più impor-
tanti regolarità generalizzate (senza eccezioni):
tutti i sostantivi terminanti in -ei (Metzgerei), -in (Arztin) [con raddop-
piamento della consonante finale: Arztinnen], -heit (Krankheit), -keit (Ei-
telkeit), -schaft (Botschaft), -ung (Leitung) formano un plurale in -(e)n;
tutti i sostantivi terminanti in -ig (Kdnig), -ich (Teppich), -ling (Feigling),
-nis (Kenntnis) [con raddoppiamento della consonante finale: Kenntnisse],
-sal (Schicksal) formano un plurale in -e;
tutti i sostantivi terminanti in -tum (Kdnigtum) formano un plurale in -er;
tutti i sostantivi terminanti in -ler (Tischler), -en (Wagen), -chen (Miid-
chen) hanno un plurale senza suffisso.
Vi sono poi alcune forti tendenze (pochissime eccezioni):
i sostantivi neutri e maschili terminanti in -er (das Lager, der Splitter) ed
-el (das Mittel, der Wechsel) hanno un plurale senza suffisso; i femmini-
li terminanti in -er (die Feder) ed -el (die Schachtel) formano un plurale
m -n;
i sostantivi maschili e femminili terminanti in -e (der Bote, die Strafie)
formano un plurale in -n.
Vanno infine menzionate le seguenti semplici tendenze (eccezioni più o
meno numerose):
i monosillabi maschili (Bart, Briej) e neutri (Bein, Brot) tendono a for-
mare un plurale in -e (ciò vale rispettivamente per circa 1'89% dei ma-
schili e il 74% dei neutri);
i monosillabi femminili tendono a formare il plurale in -en (Frau, Schrift)
(ciò vale per circa il 73% dei femminili).

64
Va specificato inoltre che le forme plurali possono essere caratterizzate da
una modificazione della vocale radicale: [ala:], [::>/o:] e [u/u:] diventano ri-
spettivamente [e/e:] (scritto <ii>), [re/e:] (scritto <6>) e [Y/y:] (scritto <ii>).
Ciò avviene per tutti i sostantivi con plurale in -er (Wald/Wiilder, Gott/Gotter,
Huhn/Hiihner), numerosi sostantivi con plurale in -e (tutti i femminili come
Gans/Giinse, molti maschili come Sohn/Sohne) e numerosi sostantivi con plu-
rale senza suffisso (come ad es. Hafen/Hiifen, Kloster/Kldster, Mutter/Miitter).
Per quanto riguarda la categoria del numero, va ricordato infine che vi
sono sostantivi di cui esiste solamente la forma singolare (per es. Obst 'frut-
ta', Gold 'oro', Kiilte 'freddo') e sostantivi di cui esiste solo la forma plurale
(per es. Eltem 'genitori' e Ferien 'ferie').
Rivolgiamo ora la nostra attenzione alla categoria del caso. n tedesco co-
nosce quattro casi: nominativo, accusativo, dativo e genitivo. Prendiamo co-
me esempio qualche paradigma flessivo con le forme dei quattro casi al sin-
golare e plurale:

declinazione forte declinazione debole mista


N sg. das Jahr derWald die Kraft der Mensch die Frau der Staat
G des Jahr(e)s des Wald(e)s der Kraft des Menschen der Frau des Staat(e)s
D dem Jahr(e) dem Wald(e) der Kraft dem Menschen der Frau dem Staat(e)
A das Jahr den Wald die Kraft den Menschen die Frau den Staat

Npl. die Jahre die Walder die Krafte die Menschen die Frauen die Staaten
G der Jahre der Walder der Krafte der Menschen der Frauen der Staaten
D den Jahren den Waldem den Kraften den Menschen den Frauen den Staaten
A die Jahre die Walder die Krafte die Menschen die Frauen die Staaten

Tradizionalmente, si distinguono tre tipi di declinazione: "forte" (senza


le desinenze -en o -n), "debole" (con le desinenze -en o -n) e "mista" (singo-
lare forte e plurale debole).
La declinazione forte prevede, per i neutri e maschili, un genitivo singo-
lare in -(e)s e un dativo con la desinenza -e facoltativa; nominativo e accusa-
tivo coincidono formalmente e sono senza desinenza. I femminili sono privi
di desinenza anche per il genitivo e dativo, per cui si verifica una coinciden-
za tra tutti e quattro i casi del singolare. Al plurale, i sostantivi della declina-
zione forte (neutri, maschili, femminili) hanno come desinenze -e, -(e)r, -s
oppure sono senza suffisso. La declinazione debole prevede, per i maschili,
forme in -(e)n estese a tutto il singolare e il plurale; per i femminili, forme in
-(e)n limitate al plurale.
Analizzando questi paradigmi nel loro insieme, si nota che molti casi
coincidono formalmente (tale fenomeno è detto "sincretismo"). Casi univoci,
cioè immediatamente riconoscibili basandosi sul solo sostantivo, sono l'ecce-
zione: il genitivo singolare dei neutri e maschili delle declinazioni forte e mi-
sta nonché il dativo plurale della declinazione forte (per tutti e tre i generi).

65
,2.4.2. La flessione verbale

Per la flessione verbale (coniugazione), sono rilevanti in tedesco le se-


guenti categorie grammaticali:
persona: prima, seconda, terza
numero: singolare, plurale
tempo: presente, preterito, perfetto, piuccheperfetto, futuro, futuro
anteriore
modo: indicativo, congiuntivo, imperativo
diatesi: attivo, passivo
Considerando l'intero paradigma verbale, si nota che le forme sono in
parte semplici e in parte complesse. Le forme semplici sono costituite da suf-
fissi che si aggiungono alla radice: il presente indicativo (ich lieb-e, du lieb-
st, er lieb-t ecc.) e congiuntivo (ich lieb-e, du lieb-est, er lieb-e ecc.), il pre-
terito indicativo e congiuntivo (ich lieb-t-e, du lieb-t-est, er lieb-t-e ecc.),
l'imperativo (lieb-e!, lieb-t!) nonché l'infinito presente (lieb-en) e il partici-
pio (lieb-end; ge-lieb-t).
Le forme complesse (dette anche "perifrastiche") sono invece costituite
da un verbo ausiliare (haben, sein, werden) e da una forma non finita (infini-
to o participio). Si tratta dei tempi verbali perfetto indicativo (er hat geliebt
ecc.) e congiuntivo (er habe geliebt), piuccheperfetto indicativo (er hatte ge-
liebt) e congiuntivo (er hiitte geliebt), futuro indicativo (er wird lieben) e con-
giuntivo (er werde/wiirde lieben), futuro anteriore indicativo (er wird geliebt
haben) e congiuntivo (er werdelwiirde geliebt haben) e di tutto il paradigma
del passivo (er wirdlist geliebt, er wurde/war geliebt ecc.).
Tradizionalmente si distingue tra coniugazione "debole" (regolare) e co-
niugazione "forte" (irregolare). I verbi che seguono la coniugazione debole
formano il preterito e il participio passato con un suffisso -t- (infinito lieben:
lieb-t-e, gelieb-t). I verbi forti (ca. 170 di numero) presentano al preterito e al
participio passato una modificazione della vocale radicale (infinito singen:
sang, gesungen) e formano il participio con un suffisso in nasale (-en).

2.4.3. Metafonia, apofonia e "moifema zero"

I paradigmi della flessione nominale e verbale ci mostrano che la fles-


sione può essere marcata, oltre che tramite affissi, anche da modificazioni in-
terne della radice. Due sono i procedimenti principali: metafonia (Umlaut) e
apofonia (Ablaut).
L'Umlaut caratterizza, come abbiamo visto, numerose forme di plurale
dei sostantivi (Gast/Giiste, Kraft/Kriifte, Lamm/Liimmer ecc.). Storicamente,_
l'Umlaut è una forma di armonia vocalica: una vocale centrale o posteriore
come [ala:], [::>/o:] e [u/u:], per influsso di una [i] nella sillaba successiva,
avanza e diventa [e/e:], [re/o:] e [Y/y:]. Nella flessione nominale, la [i] è però

66
caduta nel corso dell'evoluzione linguistica. Per "vederla" bisogna risalire
all'epoca dell'antico alto tedesco (gast/gesti, kraft/krefti, lamb/lembir). In te-
desco moderno, l'Urnlaut si è poi diffuso, per analogia, anche presso nume-
rosi sostantivi che non hanno mai presentato una originaria -i nella loro desi-
nenza plurale (Garten-Giirten, Mutter-Miitter, Mann/Miinner ecc.). L'Um-
laut, da processo fonologico, è diventato una marca morfologica del plurale.
La seconda forma di modificazione interna della radice è il cosiddetto
Ablaut, la variazione sistematica di vocali all'interno di uno stesso paradig-
ma. Un esempio è dato dai paradigrni dei cosiddetti verbi "forti" in tedesco.
Confrontiamo la radice dell'infinito presente con quella del preterito e del
participio passato:

binden 'legare' band gebunden

La vocale radicale cambia secondo lo schema i-a-u. Questo schema di


modificazione non è un fatto isolato, limitato al solo caso in questione, ma è
presente in tutta una serie di verbi (complessivamente 19):

frnden 'trovare' fan d gefunden


empfinden 'sentire' empfand empfunden
singen 'cantare' sang gesungen
ringen 'lottare' rang gerungen
schwinden 'scemare' schwand geschwunden
sinken 'affondare' sank gesunken

Anche altri scherni sono presenti in più verbi, come ad esempio ei-i-i
(complessivamente 23):

reiten 'cavalcare' ritt geritten


gleiten 'slittare' glitt geglitten
streiten 'litigare' stritt gestritten
leiden 'soffrire' litt gelitten

L'alternanza vocali ca nei verbi forti segue quindi scherni regolari, però
limitati rispettivamente a gruppi circoscritti di verbi. L' Ablaut è infatti un
procedimento flessivo che al giorno d'oggi non è più produttivo. "Improdut-
tivo" significa che non viene applicato a verbi che costituiscono dei neologi-
smi (per es. tutte le neoformazioni del tipo mailen, faxen o chatten seguono
lo schema flessivo "debole"). "Improduttivo" significa inoltre che verbi una
volta "forti" vengono ora coniugati "deboli" (per es. backen 'cuocere al for-
no' ha accanto al "vecchio" preterito forte buk un "nuovo" preterito debole
backte oppure giiren 'fermentare' ha accanto al "vecchio" preterito forte gor
un "nuovo" preterito debole giirte).

67
Confrontando i vari suffissi per formare il plurale dei sostantivi, abbiamo
notato che un gruppo consistente di sostantivi non presenta alcun suffisso di
plurale (per es. Lehrer/Lehrer, Mutter/Miitter ecc.). In questo caso si parla di
morfema zero. Tale unità astratta viene postulata quando, considerando l'in-
tero paradigma flessivo di una parola, si nota che "manca qualcosa": ciò ac-
cade quando una categoria grammaticale, che di solito viene espressa me-
diante un morfema, in un determinato caso non ha una realizzazione fonica.
Anche nella flessione verbale è possibile assumere l'esistenza di morfe-
rni zero. Prendiamo come esempio la flessione di un verbo "regolare", con-
frontando il preterito e il presente:

preterito presente
ich lieb-t-e ich lieb-0-e
du lieb-t-est du lieb-0-st
er lieb-t-e er lieb-0-t
wir lieb-t-en wir lieb-0-en
ihr lieb-t-et ihr lieb-0-t
sie lieb-t-e n sie lieb-0-en

n preterito ha la seguente struttura: radice, morfema indicante il tempo


verbale, morfema indicante la persona. Passando alla struttura delle forme
presenti, si nota che non vi è alcun morfema per la categoria temporale. Non-
dimeno, proprio per analogia con la struttura del preterito, si postula l'esi-
stenza di un morfema zero.

2.5. Formazione delle parole: composizione

Tre sono i principali procedimenti di formazione delle parole in tedesco:


composizione, derivazione e conversione. Il composto è una parola costituita
da altre parole (almeno due); un esempio è dato anche dall'italiano cassafor-
te, costituito dalle parole cassa e forte. Un derivato è invece costituito da una
parola e un affisso (come velocemente, formato dalla parola veloce seguita
dal suffisso -mente; oppure infedele, formato dalla parola fedele preceduta dal
prefisso in-). La parola nata per conversione, poi, non ha affissi ma è il risul-
tato di una ricategorizzazione della base (da deliberare (V) abbiamo delibera
(N) ecc.). Prendiamo ora in considerazione le varie tipologie dei composti te-
deschi, per poi passare alla derivazione (2.6.) e alla conversione (2.7.).

2.5.1. Composti occasionati e usuali

Un prima distinzione da farsi è quella tra composti occasionati e compo-


sti usuali. Grazie alla creatività dei parlanti ogni giorno nascono numerosi

68
nuovi composti nella lingua tedesca. Così ad es. ci si potrebbe riferire a un
pompiere particolarmente coraggioso con il composto Feuerheld (da Feuer
'fuoco' e Held 'eroe'). L'ascoltatore, anche se non ha mai sentito tale parola,
è immediatamente in grado di comprendere questa neoformazione occasiona-
le: essa è infatti totalmente trasparente e il suo significato è direttamente de-
rivabile dal significato dei suoi componenti.
;rutti i composti hanno iniziato la loro vita come composti occasionati. La
grande maggioranza di questi occasionalismi viene coniata sulla necessità del
momento, per poi scomparire immediatamente. Alcuni composti però diventano
usuali: entrano stabilmente nell'uso e non vengono più percepiti come una giu-
stapposizione di parole autonome. n composto usuale trova, in generale, men-
zione nei dizionari. Un esempio è la parola Feuerschutz, composta da Feuer e
Schutz 'protezione'. Un altro composto usuale è Feuerwehr 'corpo dei vigili del
fuoco', da Feuer e Wehr 'difesa, protezione, resistenza'. Quest'ultima formazio-
ne non viene quasi più percepita come composto perché Wehr, come parola au-
tonoma, sta scomparendo dall'uso. La trasparenza della parola diminuisce ulte-
riormente nei casi in cui il composto è completamente fossilizzato: un elemento
del composto non esiste più come parola a sé stante (così ad es. Himbeere 'lam-
pone' e Brombeere 'mora', composti da Him-/Brom- e Beere 'bacca').
Vediamo di contrapporre alcuni composti usuali a ipotetici composti oc-
casionali (che risultano comprensibili spesso solamente in un determinato
contesto):

composto usuale composto occasionale

Muttersprache lett. 'lingua deUa madre', Vatersprache lett. 'lingua del padre'
cioè 'lingua madre'

Wehrdiei!Stverweigerer lett. 'ricusatore del Zivildienstverweigerer lett. 'ricusatore


servizio militare', cioè 'obiettore di coscienza' del servizio civile'

Hochhaus lett. 'casa alta', cioè 'grattacielo' Niedrighaus lett. 'casa bassa'

Handtuch lett. 'panno per la mano' , coè Fufituch lett. 'panno per il piede'
'asciugamano'

2.5.2. Composti determinativi e copulativi

Una seconda distinzione è quella fra composti determinativi e composti


copulativi. Nei composti determinativi sussiste una gerarchia tra i due ele-
menti costitutivi: la testa (detta anche "determinato") è l'elemento principale,
il modificatore (detto anche "determinante") è l'elemento secondario. La testa

69
esprime il significato fondamentale, il modificatore contiene informazioni sup-
plementari che specificano (e restringono) il significato espresso dalla testa.
In capostazione, ad esempio, la testa è capo e il modificatore è stazione: il
composto indica una persona (capo), e stazione ne specifica l'ambito di com-
petenza (si confrontino i composti capotreno, capofila ecc.). La testa, inoltre, è
portatrice delle categorie grammaticali dell'intero composto: riguardo al gene-
~(capostazione è maschile come il capo, non femminile come la stazione) e il
numero (il plurale di capostazione è capistazione, non *capostazioni).
In italiano, l'ordine degli elementi nel com o sto è «testa+modificatore»
(tranne in alcuni casi come autostrada). In tedesco, invece, l'ordine è «modi-
ficatore+testa». Nel seguente esempio, i composti indicano rispettivamente
diversi tipi di bicchiere (Glas):

Wasserglas 'bicchiere da acqua'


Weinglas 'bicchiere da vino'
Sektglas 'bicchiere da spumante'
Milchglas 'bicchiere da latte'

Anche in tedesco, la testa è l'elemento grammaticalmente portante: per il


genere (Weinglas è neutro come das Glas, non maschile come der Wein) e per
il numero (il plurale di Weinglas è Weingliiser, non *Weineglas).
Nei composti copulativi, invece, non sussiste- a livello semantico - un
rapporto gerarchico tra i due elementi: cassapanca è una cassa che al con-
tempo funge anche da panca o, volendo, è una panca che nel contempo fun-
ge anche da cassa. Altri esempi italiani sono cacciabombardiere, agrodolce o
giallorosso. Vediamo qualche composto tedesco:

si.iB-sauer 'agrodolce'
Uhrenradio 'radiosveglia'

In questi casi, l'ordine dei due costituenti non è fisso (esistono anche
sauer-siij3 e Radiouhr). Il più delle volte, però, uno dei due ordini è diventato
convenzionale e risulta l'unico possibile:

Hosenrock 'gonna pantalone'


taubstumm 'sordomuto'
nasskalt 'umido e freddo'
dummdreist 'stupido e sfacciato'

2.5.3. Composti endocentrici ed esocentrici

Tutti i composti finora considerati sono endocentrici: il nucleo semanti-


co coincide con uno dei due elementi del composto (capostazione è un tipo di

70
capo, cassapanca è un tipo di cassa o di panca ecc.). Il composto esocentri-
co ha, invece, un punto di riferimento esterno che non coincide con quello dei
due componenti: un pellerossa non è né un tipo di colore né un tipo di pelle:
è, invece, una persona che ha la pelle rossa. Simile è l'italiano piedipiatti,
espressione gergale per 'poliziotto'. In tedesco abbiamo ad es. Rothaut 'pel-
lerossa' e Blaurock 'giubba blu' (cioè 'soldato della cavalleria statunitense').
I composti esocentrici sono anche detti "composti possessivi". Si tratta
infatti di costruzioni pars pro toto in cui, il più delle volte, una parte caratte-
ristica del corpo umano sta per la persona nella sua interezza. In tedesco, il
secondo componente del composto è sempre un sostantivo, il primo un ag-
gettivo (o anche un sostantivo). Vediamo qualche esempio con Kopf'testa' in
combinazione con aggettivi e sostantivi come primo elemento:

aggettivo + Kopf
Kahlkopf kahl 'calvo'
Graukopf grau 'grigio'
WeiBkopf weill 'bianco'
Dumrnkopf dumm 'stupido'
Schlaukopf schlau 'astuto'
Starrkopf starr 'rigido, duro'; quindi 'testa dura'
Dickkopf dick 'spesso, grosso'; quindi 'testone'
Querkopf quer 'trasversale, obliquo'; quindi 'bastian contrario'

sostantivo + Kopf
Lockenkopf Locke 'ricciolo'
Glatzkopf Glatze 'calvizie'
Holzkopf Holz 'legno'; quindi 'testa di legno'
l:Iitzkopf Hitze 'calore'; quindi 'testa calda'
Trotzkopf Trotz 'caparbietà, resistenza'; quindi 'persona cocciuta'
Schafskopf Schaf 'pecora'; quindi 'pecorone, imbecille'

2.5.4. Tipologia categoriale dei composti

I composti possono essere suddivisi secondo la rispettiva classe di paro-


le. I composti nominali hanno come testa un sostantivo/nome (N), i composti
verbali un verbo (V), i composti aggettivali un aggettivo (A) e, infine, i com-
posti avverbiali un avverbio (Avv). Il tipo più frequente è dato dai composti
nominali, meno diffusi quelli verbali e aggettivali, rari quelli avverbiali.
Consideriamo dapprima i composti che hanno come testa un sostantivo
(N). Assai numerosi sono i composti che presentano come modificatore N (si
tratta del tipo più frequente); composti con A, V, P (preposizione) come mo-
dificatore sono piuttuosto diffusi (visto il contenuto semantico ridotto delle P,
i composti con P potrebbero essere però considerati come esempi di deriva-

71
zione e non di composizione); composti con Avv risultano relativamente po-
co rappresentati; altri tipi ancora sono decisamente rari. Vediamo rispettiva-
mente qualche esempio:

composti nominali:
NN: Abendbrot lett. 'pane della sera', cioè 'cena'
Kiichenfenster 'finestra della cucina'
BlumenstrauB 'mazzo di fiori'
Schlafzimmer 'camera da letto'
AN: Grol3vater lett. 'grande padre', cioè 'nonno'
Gro13angriff 'grande attacco' ·
VN: Bindfaden lett. 'filo per legare', cioè 'spago'
Denkmodell 'modello di pensiero'
PN: Vorstadt lett. 'pre-città', cioè 'sobborgo, periferia'
Gegenangriff 'contrattacco'
AvvN: Soforthilfe 'aiuto immediato'
Nichtraucher 'non fumatore'
altri: Ichform [pronome + N]: lett. 'forma-io', cioè 'prima persona'
Zweikampf [numerale+ N]: lett. 'lotta-due', cioè 'duello'
Aha-Erlebnis [interiezione + N]: lett. 'ecco-esperienza', cioè
'illuminazione'
Trimrn-dich-Pfad [gruppo di parole+ N]: lett. 'allena-te-percorso', cioè
'percorso ginnico'

Vediamo ora i composti che hanno V come testa. Il tipo più diffuso pre-
vede Avv o P come modificatore; in ordine di frequenza troviamo poi i com-
posti con A, N e V:_

composti verbali:
AvvV zuriickgehen lett. 'andare indietro', cioè 'ritornare'
entgegenkommen 'venire incontro'
hinaufsehen 'guardare in alto'
PV: durchdrehen lett. 'girare attraverso', cioè 'tritare'
urnfahren 'girare intorno'
iiberlaufen lett. 'correre al di là', cioè 'disertare'
AV: falschspielen lett. 'giocare falso', cioè 'barare'
freihalten 'tenere libero'
NV: teilnehmen 'prendere parte'
danksagen 'dire grazie'
VV: mlihdreschen lett. 'mietere e trebbiare'

Consideriamo ora i composti aggettivali. Esistono composti con N, A, V,


P e altri tipi meno diffusi:

72
composti aggettivali:
NA: brusthoch 'alto fino al petto'
hilfsbereit lett. 'pronto al soccorso', cioè 'disponibile'
AA: schwerkrank 'malato grave'
taubstumm 'sordomuto'
VA: rostfrisch 'tostato fresco'
treffsicher 'sicuro nel tiro'
PA: vorschnell lett. 'prima-veloce', cioè 'precipitoso'
iibernervos 'ipernervoso'
Altri: linksradikal [Avv +A]: 'radicale di sinistra'
ichbezogen [pronome+ A]: 'egocentrico'
viereckig [numerale+ A]: 'quadrangolare'

Piuttosto rari sono i composti aventi come testa un avverbio. Vediamo


qualche esempio:

composti avverbiali:
AvvAvv iiberallhin lett. 'dappertutto-verso', cioè 'in tutte le direzioni'
AAvv weiterhin lett. 'più lungo-verso', cioè 'in seguito, in avvenire'
NAvv kieloben 'con la chiglia verso l'alto'
PAvv iibermorgen 'dopodomani'

2.5.5. Composti determinativi NN: il rapporto semantico tra testa e


modificatore

n tipo di composto J;?iù frequente in assoluto è rappresentato dal compo-


sto determinativo N+N. E da rilevare che il significato di un composto va ol-
tre la mera somma del significato dei due singoli elementi ed è spesso condi-
zionato dal contesto d'uso. Prendiamo come esempio il -composto Fischfrau
'donna pesce'. A seconda del contesto, tale parola può riferirsi a una figura
mitologica come la sirena, a una donna nata sotto il segno dei pesci, a una
donna che vende pesce ecc.
n rapporto semantico tra testa e modificatore può essere infatti moltepli-
ce. Facciamo qualche esempio in cui Kinder 'bambini' è il modificatore del
composto:

composto esplicitazione del ruolo semantico modificatore


rapporto semantico
Kinderarbeit lavoro di bambino/i agente (che compie azione)
Kindererziehung educazione di bambino/i paziente (che subisce azione)
Kinderarzt medico per bambino/i scopo
Kinderchor coro di bambini elemento costitutivo
Kindergeld assegno per bambino/i beneficiario
Kinderhand mano di bambino possessore
Kinderkrankheit malattia di bambino/i tema, ambito

73
A volte, i composti sono intrinsecamente ambigui. Un esempio è dato da
Kinderfest, 'festa fatta per bambini' e 'festa fatta da bambini', o Kinderlied
'canzone composta per bambini' o 'canzone cantata da bambini'.
Vi sono ancora numerosi altri tipi di rapporto semantico. Così ad es. il
modificatore può indicare, rispetto alla testa, il materiale (Wollrock 'gonna di
lana', Holzbrett 'tavola di legno'), il luogo o la provenienza (Randgruppe lett.
'gruppo al margine'; Sudfrucht lett. 'frutto del sud'), la causa (Freudentriinen
'lacrime di gioia'), lo strumento (Schusswunde ' ferita da sparo') ecc.
Un nutrito gruppo di composti N+N presenta come testa un sostantivo
derivato da un verbo transitivo (per es. Fahrer dafahren 'guidare', Lehrer da
lehren 'insegnare' ecc.) o da un verbo intransitivo (Fall da fallen 'cadere'
ecc.). In questi casi, il significato del composto è immediatamente ricavabile:

composto esplicitazione del rapporto semantico


Autofahrer jemand, der Auto fahrt
Filmkritiker jemand, der Filme kritisiert
Sportlehrer jemand, der Sport lehrt
Geldgeber jemand, der Geld gibt
Berichterstatter jemand, der Berichte erstattet
Schneefall Schnee, der fallt
Blutsturz Blut, das stiirzt ('emorragia')

n rapporto semantico all'interno del composto tra testa (ad es. Fahrer) e
modificatore (per es. Auto) è lo stesso che vige, nella corrispondente frase
completa, tra il verbo (jahren) e il complemento retto dal verbo stesso (Auto).
Tali composti vengono pertanto chiamati "composti di reggenza" (Rektions-
komposita).
In altri casi, la relazione tra i due elementi è molto indiretta e non è pre-
costituita dalla semantica del verbo che sta alla base della testa. Prendiamo di
nuovo come esempio composti con la testa Fahrer:

composto esplicitazione del rapporto semantico


Geisterfahrer jemand, der wie ein Geist fahrt ('automobilista che guida
contromano')
Alkoholfahrer jemand, der unter Alkoholeinfluss fahrt

n modificatore non indica più, come nel composto di reggenza, l'ogget-


to diretto di fahren, Qla vari tipi di specificazione modale. Per interpretare
correttamente la semantica di tali composti, serve la nostra "conoscenza del
mondo": così Brotmesser è un coltello (Messer) che serve a tagliare il pane
(Brot), Stahlmesser è un coltello fatto di acciaio (Stahl).
Infine ancora qualche esempio di coppie di composti. Il primo è un com-
posto di reggenza, il secondo no:

74
composto di reggenza altri tipi di composti determinativi
Herz-untersuchung Krankenhaus-untersucbung ('esame eseguito in ospedale')
Literatur-kritiker ARD-Kritiker ('critico che lavora presso la rete televisiva
ARD')
Zigarren-raucher Ketten-raucher (lett. 'fumatore-catena', cioè 'fumatore
accanito')

??? Qual è rispettivamente la relazione semantica tra testa e modificatore nei tre
composti Krankenhausuntersuchung, ARD-Kritiker e Kettenraucher?

2.5.6. Il morfema di raccordo ("Fugenmorphem")

Nella maggioranza dei composti nominali, i due elementi vengono uniti


direttamente. Questo è sempre il caso se il primo elemento è una preposizio-
ne (Vorwahl 'prefisso', Nachname 'cognome' ecc.) o un aggettivo (Hochebe-
ne 'altopiano', Tiefgarage 'garage sotterraneo' ecc.). È prevalentemente il ca-
so (80-90%) quando si tratta di una radice verbale non coincidente con un so-
stantivo (Bedienkomfort 'maneggevolezza', Uberholmoglichkeit 'possibilità
di sorpassare' ecc.); solo raramente, infatti, abbiamo un elemento di raccordo
come in Wart-e-saal 'sala d'attesa' o Hiing-e-lampe 'lampadario da soffitto'.
Se il primo elemento è infine un sostantivo, la percentuale dell'unione diret-
ta (come negli esempi Landhaus 'casa di campagna', Rindfleisch 'carne bo-
vina' ecc.) scende al 60-70%. Diffusi sono quattro elementi di raccordo, col-
locati tra i due sostantivi del composto: -e (Hund-e-hiitte), -er (Bild-er-rah-
men), -(e)n (Professor-en-stelle, Sonne-n-schein), -(e)s (Leib-es-iibung,
Bahnhof-s-halle ).
I morferni di raccordo hanno la loro origine in morferni flessivi indican-
ti il plurale (-e, -er, en) o il genitivo (-es). Ma nella lingua contemporanea
hanno ormai raggiunto completa indipendenza rispetto alla loro origine fles-
siva, assumendo la funzione totalmente diversa di elemento d'unione. Ciò
emerge da una serie di dati di fatto:
a) In molti casi un morfema di raccordo derivante da un morfema del
plurale compare in un composto in cui il primo elemento è semanticamente
un singolare. Prendiamo ad es. Tortenstiick ('pezzo di torta'), che è un pezzo
di una sola torta, non di più torte. Paragonabilmente: Kirchenschiff (lett. 'na-
ve di una chiesa', cioè 'navata'), Spinnennetz (lett. 'rete di un ragno', cioè
'ragnatela').
b) In alcuni casi un morfema di raccordo derivante da un morfema del
singolare compare in un composto in cui il primo elemento è semanticamen-
te un plurale (Bischofskonjerenz 'conferenza dei vescovi').
c) In molti casi un morfema di raccordo derivante da un morfema di ge-
nitivo maschile (-es) è usato con un primo elemento di genere femminile: per

75
es. Liebesgott (die Liebe, genitivo: der Liebe). Similmente: Gesellschaft-s-
politik, Heirat-s-anzeige, Bedeutung-s-unterschied, Ansicht-s-karte ecc.
d) Uno stesso primo elemento può essere seguito da morfemi di raccor-
do diversi: Kind-0-taufe, Kind-s-kopf, Kind-es-raub, Kind-er-zimmer.
Esistono poche "regole" per l'uso del morfema di raccordo. Queste si ba-
sano essenzialmente sulle caratteristiche morfologiche del modificatore. Per
alcune categorie di sostantivi, il morfema di raccordo tende a coincidere con
la sua desinenza del plurale o del genitivo singolare; determinante può risul-
tare altresì la presenza di affissi derivativi. Facciamo rispettivamente qualche
esempio:
l) Se un sostantivo forma un plurale in -e/-er, probabilmente comparirà
-e-1-er- (der Hund, die Hunde- Hund-e-hiitte; das Kleid, die Kleider- Kleid-
er-schrank). Se un sostantivo femminile terminante in -e forma un plurale in
-n, probabilmente comparirà -n- (die Sonne, die Sonnen - der Sonne-n-auf-
gang).
2) Se un sostantivo maschile forma un genitivo in -(e)n, probabilmente
comparirà -n- (der Base, des Hasen - Hase-n-braten).
3) Se un sostantivo ha il suffisso -ling o -tum, comparirà sempre -s-
(Siiugling-s-pflege; Altertum-s-forschung); dopo i suffissi -heit, -keit, -schaft,
-ung, -ion, -itiit e dopo il prefisso Ge- comparirà spesso -s-.

2.6. Formazione delle parole: derivazione

Ora presenteremo una breve panoramica dei principali affissi che in te-
desco contribuiscono alla formazione di parole nuove: suffissi, prefissi e (ra-
ri) circonfissi. Riassumeremo anche le principali differenze tra prefissi e suf-
fissi e accenneremo ai casi limite tra composizione e derivazione.

2.6.1. I principali suffissi del tedesco

Vediamo alcuni dei principali suffissi del tedesco che servono per deri-
vare rispettivamente nomi, aggettivi, avverbi e verbi:

suffissi per formare nomi:


-e: [da verbi] Wiege, Suche, Frage
[da aggettivi] Frische, Stiirke
-er: [da verbi] Lehrer, Sclmeider, Denker, Raucher, Leser, Gewinner
[da nomi] Kritiker, Musiker, Berliner, Hamburger
-heit: [da aggettivi] Dummheit, Schonheit, Offenheit, Sicherheit
-keit: [da aggettivi] Sauberkeit, Fliissigkeit, Eitelkeit
-igkeit: [da aggettivi] Miidigkeit, SiiBigkeit, Hilflosigkeit
-nis: [da verbi] Erlaubnis, Hindernis, Erlebnis

76
-schaft: [da nomi] Freundschaft, Feindschaft, Landschaft, Wissenschaft,
Leidenschaft
-tum: [da nomi] Untemehrnertum, Biirokratentum, Altertum
-ung: [da verbi] Verbindung, Besprechung, Bildung

??? In questa panoramica non sono stati considerati i suffissi di origine stranie-
ra (come ad es. -ie, -ion, -ismus ecc.). Conoscete parole con questi suffissi?

suffissi per formare aggettivi:


-bar: [da verbi] brauchbar, deklinierbar, verwendbar
-haft: [da nomi] bildhaft, zweifelhaft, friihlingshaft
-ig: [da nomi] bergig, bartig, machtig
-isch: [da nomi] morderisch, stadtisch
-lich: [da nomi] sommerlich, taglich, sachlich, miindlich
-los: [da nomi] miihelos, sprachlos, konkurrenzlos

suffissi per formare avverbi:


-s: [da nomi] anfangs, abends, mittags, nachts
-weise: [da nomi] stundenweise, beispielsweise, massenweise
[da aggettivi] freundlicherweise, notwendigerweise

suffissi per formare verbi:


-ieren: [da nomi] telefonieren, rebellieren, boykottieren, skalpieren, argumentieren

Si noti che i suffissi che contengono una -i- possono produrre l'Urnlaut
nella base (così ad esempio Macht-miichtig, Stadt-stiidtisch, Tag-tiiglich).
Sofferrniamoci infine brevemente sul significato dei suffissi. Nella mag-
gioranza dei casi, il significato è puramente grammaticale, indicando la tra-
sformazione di una classe di parole in un'altra. La presenza di una compo-
nente di significato lessicale emerge solo dal confronto di coppie minime co-
me kindlich 'infantile' contrapposto a kindisch 'puerile' o bildhaft 'immagi-
nifico' contrapposto a bildlich 'figurato'.
Vi sono poi intere classi di suffissi che presentano un significato emoti-
vo-affettivo. Si tratta dei suffissi a carattere diminutivo (come in italiano le
formazioni in -etto/-ino/-uccio o in tedesco quelle in -lein/-chen). Così ad es.
una casetta indica non solo una casa di dimensioni piccole ma anche, a se-
conda del contesto, una 'casa graziosa' o 'casa a me cara'.

2.6.2. I principali prefissi del tedesco

Vediamo ora alcuni dei principali prefissi che sono produttivi in tedesco.
Fra parentesi è indicato il significato di tali prefissi. A volte si tratta di un si-
gnificato spaziale concreto come 'allontanamento' o 'contatto', a volte di un

77
significato astratto come 'incoativo' (inizio di un'azione) o 'perfettivo'(com-
pletamento di un'azione):

sostantivi:
miss-: Missbrauch, Missverstandnis [negativo]
un-: Undank, Unmensch, Unfrieden [negativo]
ur-: Urmensch, Urwald, Urschrei [primo/primi ti vo]

aggettivi:
un-: unfrei, unklug, unschwer, unmenschlich [negativo]
ur-: uralt, urgemtitlich, urplotzlich [primo/primitivo/rafforzativo]

verbi:
a) prefissi inseparabili:
be-: bedienen, bedrohen, beliigen [transitivo l
ent-: entnehmen, entkommen, entladen [privativo]
er-: erfassen, erarbeiten, errechnen [perfettivo/risultativo]
ver-: verandern, vergraben, verspeisen [perfetti vo/risultati vo]
zer-: zerschlagen, zerstoren, zerteilen [modale/risultati vo]
b) prefissi separabili:
ab-: abfahren, abschneiden, abschalten, abbestellen [allontanamento/interruzione]
an-: ankommen, anklopfen, anbinden, anschalten [contatto]
auf-: aufheben, aufblasen, aufkleben, aufleuchten [verticalità/contatto/incoativo]
aus-: auswandern, ausschalten, auslachen, ausklingen [uscita/risultati vo]
ein-: einreisen, einschlieBen, einhangen, einschlafen [entrata!incoativo]
las-: losschneiden, losbinden, losfahren, losbrtillen [allontanamento/incoati vo]
nach-: nachfahren, nachdrucken, nachsehen, nachlesen [ripetizione]
vor-: vordringen, vorlesen, vorwerfen, vordenken [avanzamento/anteriorità]
zu-: zulacheln, zuschlagen, zuhoren, zukleben [direzionalità/chiusura]

Va notato che alcuni prefissi verbali (come iiber-, dure h- o um-) possono
essere sia separabili che inseparabili, con differenze di significato e di accen-
to (il prefisso separabile è accentato, quello inseparabile no). Facciamo qual-
che esempio:

verbo separabile verbo inseparabile


iibergehen 'passare (dall'altra parte)' iibergehen 'omettere'
iibersetzen 'traghettare' iibersetzen 'tradurre'
durchblicken 'guardare (attraverso)' durchblicken 'intuire, capire'
durchwiihlen 'rovistare' durchwtihlen 'sconvolgere, sconcertare'
urnfahren 'travolgere' umfahren 'girare intorno'
umlagern 'spostare' umlagem 'circondare, assediare'

??? Conoscete altri verbi con prefissi inseparabili? Il significato è sempre quel-
lo sopraindicato?

78
??? Esistono anche prefissi di origine straniera (per es. anti-, dis-, in-, inter-,
prii-, trans-, ultra- ecc.). Conoscete parole con questi prefissi?

2.6.3. Circonfissi

A volte, nella derivazione, si ha la combinazione di un suffisso e un pre-


fisso, entrambi elementi costitutivi. In tal caso si può parlare di "circonfisso".
Così ad esempio dal sostantivo Aufsicht 'supervisione' si ha beaufsichtigen
'supervisionare': oltre al suffisso -igen, risulta obbligatoria la presenza del
prefisso be- (non esistendo infatti una forma come *aufsichtigen). Mediante
circonfissi vengono derivati:
-verbi (da sostantivi come in be-schein-igen 'certificare' e da aggettivi
come in er-mumer-n ·slimulare, incoraggiare·);
- sostantivi (da verbi come in Ge-lauf-e 'andirivieni' e Ge-schwatz-e
'chiacchierio');
- aggettivi (da verbi come in un-erforsch-lich 'inesplorabile' e un-
aufhalt-sam 'inarrestabile').

2.6.4. Differenze tra suffissi e prefissi

Vi sono alcune differenze fondamentali tra prefissazione e suffissazione,


i due principali procedimenti di derivazione:
l) I suffissi determinano la classe di appartenenza della parola derivata, i
prefissi no.
2) I suffissi, in genere, modificano la classe di appartenenza della parola
(A> V: klug, Klug-heit), i prefissi no (rutschen, ab-rutschen, entrambi V).
3) I suffissi nativi non sono mai portatori dell'accento principale della
parola, i prefissi possono esserlo (Un-mensch, Ur-heber). Un discorso a par-
te va fatto per i suffissi di origine straniera (cfr. -io n e -itat in parole come Vi-
sion e Banalitiit).
4) I suffissi sono in genere specifici riguardo alla classe di parole a cui si
aggiungono (per es. il suffisso aggettivale -bar si unisce preferibilmente a
verbi), mentre i prefissi possono aggiungersi a una base qualsiasi (come in
ab-sehen, Ab-sicht ecc.).

2.6.5. Composizione o derivazione?

A volte, il confine tra composizione (unione di due o più morfemi liberi)


e derivazione (unione di un morfema libero con morfemi legati) è tutt'altro
che netto. Non a caso, si parla- accanto a "prefissi" e "suffissi" - anche di
"prefissoidi" e "suffissoidi". Vediamo alcuni esempi interessanti.

79
In primo luogo, analizziamo l'unione di un morfema libero con una pre-
posizione (come in aus-gehen 'uscire'). Tale formazione può essere classifi-
cata sia come caso di composizione (considerando la preposizione come pa-
rola autonoma) sia come derivazione (considerandola come particella legata).
Due criteri sembrano rilevanti: la produttività del modello di formazione e il
carico semantico dell'elemento preposizionale. Se la produttività è bassa e/o
il carico semantico è alto, allora si propenderà ad assumere un caso di com-
posizione (come ad esempio in beifiigen 'aggiungere' o entgegengehen 'an-
dare incontro'). Se viceversa la produttività è alta e/o il carico semantico è
basso, allora si 'ipotizzerà un caso di derivazione (come ad esempio in ausrei-
sen 'espatriare' o aufprallen 'urtare').
In secondo luogo, vi sono composti il cui primo elemento è una parola
lessicale (aggettivo o sostantivo) ormai ampiamente desemantizzata e per-
tanto interpretabile come prefissoide. Nel caso di hochaktuell 'altamente at-
tuale' o Bombenstimmung (lett. 'umore-bomba', cioè 'ottimo umore') l'ele-
mento ha ormai solo un generico significato accrescitivo. Ciò è particolar-
mente evidente quando si tratta di un modello di formazione produttivo:

hoch: hochaktuell, hochelegant, hochoffiziell, hochabstrakt, hochansUindig,


hochberi.ihmt ecc.
Bombe: Bombenstimrnung, Bombengeschaft, Bombenerfolg, Bombenreklame,
Bombenwirkung ecc.

A volte, i giochi di parole si basano sulla risemantizzazione di questi ele-


menti. Un esempio è la frase Terroristen sind in Bombenstimmung.
In terzo luogo, esistono composti il cui secondo elemento è una parola
lessicale con un grado più o meno avanzato di desemantizzazione. Prendiamo
le formazioni con -arm (lett. 'povero'). In alcuni casi, il significato di base è
ancora presente e la parola complessiva indica effettivamente una mancanza
giudicata negativamente:

arm (negativo):
blutarm 'anemico', gefi.ihlsarm 'insensibile', inhaltsarm 'insignificante'

In altri esempi però la connotazione negativa di arm è andata perduta. Il


significato complessivo è positivo:

arm (positivo):
knitterarm 'che si sgualcisce poco', bi.igelarm 'che va stirato poco', pflegearm
'che va curato poco', kalorienarm 'che contiene poche calorie', nikotinarm 'che
contiene poca nicotina'

80
2.7. Formazione delle parole: conversione

La conversione è la ricategorizzazione di una determinata base senza che


ciò venga segnalato da un apposito suffisso (cfr. gli esempi italiani guidare>
guida, revocare> revoca). Si potrebbe anche parlare di derivazione median-
te suffisso zero. In tedesco, i tipi di conversione più diffusi sono V>N, N> V
eA>V.
Nella conversione V>N, la base verbale diventa un sostantivo (quasi
sempre di genere maschile). È un tipo di conversione poco produttivo nella
lingua contemporanea:

fall(en) > Fall 'caduta'


beginn(en) > Beginn 'inizio'
spring(en) > Sprung 'salto'

Solo in rari casi si verifica (come in Sprung) un cambiamento della vo-


cale radicale. Abbastanza diffusa risulta poi la nominalizzazione dell'infinito
(essen > Essen 'il mangiare' ecc.).
Nella conversione N> V, è il sostantivo che diventa base verbale. Questo
procedimento è altamente produttivo nel tedesco -odierno:

Kleid > kleid(en) 'vestire'


01 > ol(en) 'oleare'
Regen > regn(en) 'piovere'

Anche qui, in rari casi, sopravviene una modificazione della base sotto
forma di caduta di schwa (come per Regen).
Data una coppia di parole come Fall/fallen non risulta possibile- a livello
strettamente sincronico - determinare la direzione della derivazione. Solo co-
noscendo la storia della lingua possiamo postulare la direzione V>N (ed esclu-
dere N> V). Quando invece ci troviamo di fronte a sostantivi che presentano un
prefisso tipicamente verbale (come be- nel caso di Beginn 'inizio' , ent- nel ca-
so di Entscheid 'decisione, sentenza', ver- nel caso di Vergleich 'confronto'
ecc.) siamo sicuri che la base di derivazione è verbale e non sostantivale.
Consideriamo ora la conversione A> V. Un aggettivo si trasforma in base
verbale:

reif > reif(en) 'maturare'


weit > weit(en) 'allargare'
trocken > trockn(en) 'asciugare'

Altri tipi di conversione, meno diffusi, sono infine Nurn>N (die Fiinf 'il
cinque'), P>N (das Aus 'il fuori campo') o sintagma>N (das Auswendigler-
nen 'l'imparare a memoria').

81
2.8. Altri tipi di formazione delle parole

Tra i tipi "minori" di formazione delle parole vanno menzionati la conta-


minazione (l'incrocio tra parole) e varie forme di abbreviazione.

2.8.1. Contaminazione

La contaminazione può essere considerata come un particolare tipo di


composizione in cui almeno una delle due parole coinvolte risulta abbreviata.
Il più delle volte si tratta di neoformazioni occasionali, con evidenti intenti
scherzosi o satirici:

Medizyniker < Mediziner 'medico' + Zyniker 'cinico'


akadamlich < akademisch 'accademico' + damlich 'stupido'
Kompromissgeburt < Kompromiss 'compromesso'+ Missgeburt 'aborto'

In relativamente pochi casi la parola entra stabilmente nell'uso:

Stagflation < Stagnation + Inflation


jein < ja + nein

In altri esempi, infine, la neoformazione è talmente convenzionalizzata


da non essere più riconoscibile come tale:

vorwiegend < vorherrschend 'predominante'+ iiberwiegend 'preponderante'


angeheitert < angetrunken 'alticcio' + aufgeheitert 'allegro'

2.8.2. Abbreviazione

Alune abbreviazioni esistono solo come forma scritta che, nella lettura,
verrà sempre sciolta (così ad esempio usw. viene letto und so weiter, z.B.
viene letto zum Beispiel ecc.). Qui invece ci occuperemo unicamente di
quelle forme abbreviate che anche nel parlato vengono pronunciate come ta-
li. Esistono vari tipi di parole abbreviate. In un primo tipo, la parte iniziale
della parola sta per il tutto. Si tratta prevalentemente di parole di origine
straniera:

Akku < Akkumulator


Uni < Universitat
Foto < Fotografie
Abi < Abitur 'maturità'

82
In altri casi, la parte finale rappresenta la parola intera. Vi sono esempi di
prestiti, ma anche di composti autoctoni:

Bus < Ornnibus


Celio < Violoncello
Rad < Fahrrad
Schirrn < Regenschirrn

In altri esempi ancora cade la parte finale del primo elemento di un com-
posto complesso:

Femamt < Fem(sprech)amt


Òlzweig < Òl(baum)zweig

Un tipo diverso di abbreviazione è dato dalla sequenza di singole lettere


che stanno per i vari elementi di un'espressione articolata:

APO < auBerparlamentarische Opposition


TÙV < technischer Ùberwachungsverein
PKW < Personenkraftwagen
EDV < elektronische Datenverarbeitung

Queste forme vengono in parte pronunciate come sequenze di suoni


(APO [a:po:], TÙV [tYf]), in parte come sequenza di lettere (PKW
[pe:ka:ve:], EDV [e:de:fau]). In luogo della lettera iniziale, infine, vi può es-
sere la sillaba iniziale a rappresentare i rispettivi elementi:

Kripo < Kriminalpolizei


Trafo < Transformator

Va rilevato che a volte le parole abbreviate hanno connotazioni di signifi-


cato leggermente diverse rispetto alla parola "piena". Così ad es. Nazi e Sozi
sono chiaramente negativi rispetto ai "neutrali" Nationalsozialist e Sozialist;
Demo e Limo hanno una connotazione colloquiale rispetto a Demonstration e
Limonade.

2.9. Prestiti

n prestito, tecnicamente parlando, non è un procedimento di formazione


delle parole. Nondimeno è opportuno trattarlo in questa sede in quanto costi-
tuisce un importante mezzo per ampliare il lessico di una lingua. Si ha un pre-
stito quando una lingua assume una parola da un'altra lingua. Una prima di-
stinzione è quella tra prestito di necessità e prestito di lusso.

83
Il prestito di necessità si ha quando, assieme a una parola, si prende an-
che l'oggetto o il concetto che essa designa (per es. Toast e Sport dall'ingle-
se). Il prestito di lusso avviene quando si prendono parole che hanno già un
corrispettivo nella propria lingua. Così ad es. le parole inglesi Babysitter,
Copyright, Comeback o Cop, per cui già esistono in tedesco Kindermiidchen,
Urheberrecht, Riickkehr e Polizist. Questi prestiti hanno un fine essenzial-
mente stilistico in quanto interessano proprio le connotazioni di estraneità: si
evocano una civiltà, una cultura o un modo di vita considerati prestigiosi. A
volte, diventa difficile distinguere tra i due tipi di prestito (monosillabi ingle-
si, come ad es. Boom o Show, sono effettivamente più brevi dei corrispettivi
tedeschi Aufschwung e Voifiihrung).
Un'altra distinzione è quella tra prestiti integrati e non integrati. Questi
ultimi, essendo presi nella loro forma originaria, sono immediatamente rico-
noscibili dal parlante comune (per es. le parole inglesi Connection e cool o
quelle francesi Connaisseur e Coupon). Il prestito integrato, invece, non è più
individuabile a prima vista in quanto è stato adattato alla fonologia e morfo-
logia della lingua ricevente (così Zwiebel dal latino cepula, Keks dall'inglese
cakes).
Un tipo particolare di prestito è costituito dal calco. Si distinguono due
tipi di calco:
a) il calco traduzione: con materiali autoctoni si costruisce un nuovo
composto traducendo gli elementi di un composto straniero. Tale traduzione
può essere letterale (dall'inglese cold war si ha il tedesco Kalter Krieg) op-
pure più libera (dall'inglese skyscraper 'gratta-cielo' si ha il tedesco
Wolkenkratzer 'gratta-nuvole').
b) il calco semantico: una parola autoctona esistente assume un nuovo si-
gnificato prendendolo da una corrispettiva parola straniera. Così ad esempio
schneiden ha assunto l'ulteriore significato di 'ignorare qualcuno' sul model-
lo dell'inglese to cut, oppure Papier ha assunto il significato di 'articolo, te-
sto' per influsso dell'inglese paper.
Vanno infine menzionati i cosiddetti internazionalisrni, parole di origine
greca e/o latina che si ritrovano nel lessico colto di tutte le lingue europee: ad
es. ted. Osmose, it. osmosi, fr. osmose, ingl. osmosis; ted. priiferenziell, it.
preferenziale, fr. préférentiel, ingl. preferential.

Esercizi

E 2-1: Suddivisione in morfemi


Scomponete le seguenti parole in morferni. Nel caso di morferni legati, elen-
cate rispettivamente altre due parole che contengono lo stesso morfema (per
es. Krank-heit, con -heit che compare anche in Frei-heit e Dumm-heit):
UrgroBvater, grtinlich, Wintermantel, Verwundung, Einsamkeit, Erziehung

84
E 2-2: Tipi di morfemi
Scomponete le seguenti parole in morferni, indicando il rispettivo tipo di
morfema (radice, prefisso, suffisso)!
TiscWer, FuBballer; lemen . lemte. gelernt: Autos . Vorgesc hichte~ . Vatc r s

E 2-3: Tipi di morfemi


Scomponete le seguenti parole in morfemi, indicando il rispettivo tipo di
morfema (radice, prefisso, suffisso, morfema di raccordo)!
Sonntag, Sonnenaufgang, Feindesland; traditionsbewusst, offentlich, hoffentlich

E 2-4: Analisi morfematiche alternative


Le seguenti parole possono - a seconda del significato - essere analizzate
morfematicamente in maniera diversa:
FuBballersatz, Lehrerkenntnisse, Messer, Mogelei

E 2-5: Flessione nominale


Fate ipotesi sul genere delle seguenti parole, basandovi su regolarità fonolo-
giche e/o semantiche!
Sonne, Woche, Eiche, Fichte; Pflicht, Gicht, Licht, Bosewicht; Drall, Drang,
Dreh, Drei

E 2-6: Flessione nominale


I morferni della flessione nominale in tedesco possono avere più di una fun-
zione. Fate qualche esempio!

E 2-7: Flessione verbale


I morferni della flessione verbale in tedesco possono avere più di una funzio-
ne. Fate qualche esempio!

E 2-8: Composizione o derivazione?


Le seguenti parole sono formazioni «sostantivo+aggettivo». Discutete se in
alcuni di questi esempi il primo elemento può essere considerato un prefis-
soide e, quindi, l'intera parola un caso di derivazione piuttosto che di com-
posizione!
todemst, todsicher, todmiide, todschick, todungliicklich, todbleich, todelend,
todkrank, todstill, todtraurig, todlangweilig

E 2-9: Composizione determinativa o copulativa?


Quali delle seguenti parole potrebbero essere classificate come composti co-
pulativi?
Waisenhaus, Waisenkind, Waisenrente; Strichpunkt, Strichliste, Strichzeichnung;
Manteljacke, Wolljacke, Winteijacke

85
E 2-10: Suffissi e prefissi
Cercate di delineare i vari significati del prefisso aus- e del suffisso -era par-
tire dai seguenti esempi:
aussteigen, ausschtitten, ausgraben, ausreisen; ausstreichen, ausradieren, aus-
schalten; ausdiskutieren, auslesen, ausklingen, ausgltihen; ausschrnticken, aus-
malen;
Seufzer, Ausrutscher; Schwimrner, Sparer, Spieler, Begleiter, Helfer; Handwerker,
Mathematiker, Physiker; Offner, Ordner, Anlasser, Li.ifter;

Bibliografia per approfondimenti

Altmann, Hans l Kemmerling, Silke (2000). Wortbildung fiirs Examen. Studien-


und Arbeitsbuch. Wiesbaden: Westdeutscher Verlag.
Barz, Irmhild l Schroder, Marianne l Fix, Ulla (a c. di) (2000). Praxis- und lnte-
grationsfelder der Wortbildungsforschung. Heidelberg: Winter.
Bhatt, Christa (1991). Einfiihrung indie Morphologie. Hi.irth: Gabel.
Booij, Geert l Lehmann, Christian l Mugdan, Joachim (a c. di) (2000). Morpho-
logie. Ein internationales Handbuch zur Flexion und Wortbildung. Ber-
lin!New York: de Gruyter.
Donalies, Elke (2002). Die Wortbildung des Deutschen. Ein Oberblick. Tiibin-
gen: Narr.
Eichinger, Ludwig M. (2000). Deutsche Wortbildung. Eine Einfiihrung. Tiibin-
gen: Narr.
Erben, Johannes (20004). Einfiihrung in die deutsche Wortbildungslehre. Berlin:
Schmidt.
Fleischer, Wolfgang l Barz, Irmhild (1995 2 ) . Wortbildung der deutschen Ge-
genwartssprache. Ti.ibingen: Niemeyer.
Motsch, Wolfgang (1999). Deutsche Wortbildung in Grundziigen. Berlin!New
York: de Gruyter.
Muthmann, Gustav (1991 2). Riickliiufiges deutsches Worterbuch. Tiibingen: Nie-
meyer.
Naumann, Bernd (2000 3). Einfiihrung indie Wortbildungslehre des Deutschen.
Ttibingen: Niemeyer.
Olsen, Susan (1986). Wortbildung im Deutschen. Eine Einfiihrung in die Theorie
der Wortstruktur. Stuttgart: Kroner.
Rickheit, Mechthj]d (1993). Wortbildung. Opladen: Westdeutscher Verlag.
Simmler, Franz (1998). Morphologie des Deutschen. Flexions- und Wortbildungs-
morphologie. Berlin: Weidler.

86
3. SINTASSI

3.1. La frase nelle sue principali tipologie

3.l. l. La definizione di "frase"

La sintassi è la disciplina all'interno della linguistica che si occupa della


costruzione della frase. Ma che cosa è esattamente una "frase"? Esistono nu-
merosi tentativi di definizione, molti dei quali risultano però poco appropria-
ti. Così ad esempio le definizioni di stampo psicologico, logico, fonologico e
ortografico.
La definizione psicologica considera la frase come espressione di un
pensiero. Si può obiettare che è difficile, se non impossibile, stabilire il nu-
mero dei pensieri presenti in una frase. Ci si può ad es. domandare se una
struttura come vidi Gianni dormire esprima un solo pensiero o piuttosto due
pensieri distinti: io vidi e Gianni dormiva. La definizione logica individua la
frase come relazione tra due concetti, Soggetto e Predicato. L'elemento rela-
zionale è però assente in frasi come pioveva, in esclamazioni del tipo atten-
zione! o peccato! oppure in titoli di giornale come Terremoto in Turchia. La
defmizione fonologica vede la frase come unità tra due pause di respiro. In-
nanzitutto, tale definizione ha senso solo per la lingua parlata; inoltre va con-
siderato che esistono frasi lunghissime che non possono essere pronunciate
all'interno di una singola unità di respiro. Anche la definizione ortografica
(la frase come unità tra due punti fermi) è limitata a priori in quanto vale so-
lo per una varietà di lingua, quella scritta; inoltre si pone, anche consideran-
do il solo piano dello scritto, il problema di come valutare la funzione del
punto e virgola e dei due punti.
È invece la definizione strutturale quella più promettente e adeguata. La
frase può essere definita come una costruzione che non fa parte di costruzio-
ni più grandi. In altre parole, la frase è un'unità linguistica conchiusa che pos-
siede un alto grado di autonomia, superiore a quella che hanno unità di livel-
lo inferiore (come parole o gruppi di parole).
I parlanti nativi possono esprimere giudizi sulla grammaticalità (cioè sul-
la "correttezza") di costruzioni sintattiche. Proprio a causa della sua autono-
mia è la frase il livello preferenziale per questi giudizi. Così ad esempio i par-

87
lanti nativi del tedesco saranno concordi nell'accettare le sequenze di parole
(la-b) come frasi grammaticali e rifiutare invece sequenze come (le-d):

(l) a Der Mann hat seiner Frau ein Auto geschenkt.


b Seiner Frau hat der Mann ein Auto geschenkt.
c *Der Mann hat geschenkt seiner Frau ein Auto.
d *Der Mann seiner Frau hat geschenkt ein Auto.

La grammaticalità di un determinato ordine lineare è tutt' altro che uni-


versale, come dimostra il breve confronto con l'italiano:

(2) a *L'uomo ha a sua moglie una macchina regalato.


b *A sua moglie ha l'uomo una macchina regalato.
c L'uomo ha regalato a sua moglie una macchina.
d L'uomo a sua moglie ha regalato una macchina.

3.1.2. I principali tipi di frase

In tedesco si possono distinguere quattro principali tipi di frase:


dichiarativa: Er kommt nach Hause.
interrogativa: Wann kommt er nach Hause? Kommt er nach Hause?
imperativa: Komm nach Hause!
ottati va: Kiime er doch nach Hause!
Una tale classificazione si basa su fattori quali il modo del verbo finito,
la sua posizione nella frase, lo schema intonativo nel parlato e l'interpunzio-
ne nello scritto.
Nelle frasi dichiarative, il verbo finito compare all'indicativo o al con-
giuntivo II e occupa di norma il secondo posto nella fra~e; l'intonazione è di-
scendente (segnata nello scritto da un punto fermo). Anche le frasi interro-
gative presentano un verbo all'indicativo o al congiuntivo II, ma sono carat-
terizzate da un'intonazione ascendente (segnata da un punto interrogativo).
Distinguiamo due tipi: la interrogativa parziale è introdotta da un prono-
me/avverbio interrogativo, il verbo è al secondo posto e la domanda riguarda
una singola informazione della frase (nell'esempio Wann kommt er nach
Hause? non è in dubbio l'evento in sé, ma solamente l'ora in cui avviene); la
interrogativa totale, mancando un pronome/avverbio interrogativo, presenta
invece il verbo al primo posto e la domanda riguarda il contenuto della frase
nella sua interezza (Kommt er nach Hause? mette in dubbio l'evento in sé).
Nelle frasi imperative, il verbo compare all'imperativo e occupa di regola il
primo posto nella frase, l'intonazione è discendente e viene segnata da un
punto fermo o esclamativo. Le frasi ottative, infine, presentano spesso un
verbo in prima posizione con la forma del congiuntivo II; l'intonazione è di-
scendente e viene segnata da un punto esclamativo.

88
Finora abbiamo considerato solamente frasi principali (autonome) che
nel contempo sono frasi semplici (formate da una sola frase). Come vedremo
più avanti, esistono però anche frasi secondarie (dipendenti da un'altra frase)
e frasi complesse (formate da più di una frase).

3.2. Il costituente come unità della frase

Una frase è formata da parole. La parola è però solamente l'unità mini-


ma della frase. Esistono infatti anche unità maggiori, di livello intermedio,
che si pongono tra la singola parola e l'intera frase. Esse sono dotate di una
certa autonomia e vengono dette costituenti. Facciamo un esempio:

(3) Die fleiBige Studentin liest in den Sornmerferien viele Biicher.

La nostra intuizione ci porta a individuare quattro costituenti: Die fleijJi-


ge Studentin lliest l in den Sommerferien l vie/e Biicher. Vediamo ora metodi
più rigorosi per stabilire se una determinata sequenza sia effettivamente un
costituente oppure no.

3.2.1. Test per individuare i costituenti

Esistono vari test sintattici per individuare i costituenti di una frase. Tra-
mite tali test, la frase viene modificata strutturalmente. Se il risultato è una
frase grammaticalmente accettabile e semanticamente equivalente, allora il
test in questione è considerato superato in maniera positiva. I tre tipi princi-
pali di test sono il test di permutazione, di sostituzione e di coordinazione.
Attraverso il test di permutazione una determinata sequenza di parole
viene spostata all'interno della frase. Se il risultato è una frase grammaticale,
allora la sequenza in questione molto probabilmente rappresenta un costi-
tuente. Prendiamo nuovamente la frase:

(3) Die fleillige Studentin liest in den Sornmerferien viele Biicher.

Possiamo effettivamente muovere tutte e quattro le sequenze individuate


in precedenza come possibili costituenti. Consideriamo i seguenti ordini al-
ternativi, che risultano grammaticalmente corretti:

(3) a Die fleillige Studentin liest viele Biicher in den Sornmerferien.


b In den Sornmerferien liest die fleiBige Studentin viele Biicher.
c Liest die fleillige Studentin in den Sommerferien viele Bi.icher?

89
La frase (a) rappresenta una prova di permutazione rispettivamente di
viele Biicher e in den Sommerferien, la frase (b) di in den Sommerferien e die
fleij3ige Studentin, la frase (c) di liest e die fleij3ige Studentin. I costituenti
possono essere anche molto complessi, come si vede nel seguente esempio
dove uno dei costituenti è composto da una frase infinitiva da cui a sua volta
dipende una relativa:

(4) a Die Mutter versucht das Kind zu fiittern. das Hunger hat.
b Das Kind zu futtern. das Hunger hat. versucht die Mutter.

Un secondo tipo di test è costituito dalla prova di sostituzione (nelle sue


varie articolazioni). Consideriamo dapprima la sostituzione con un pronome
(prova di pronorninalizzazione). Nella seguente frase, la sostituzione con pro-
nomi personali porta all'individuazione dei costituenti die Frau, ihrem Mann
e ein Auto:

(5) a Die Frau schenkt ihrem Mann ein Auto.


b Sie schenkt ihrem Mann ein Auto.
c Die Frau scbenkt ihm ein Auto.
d Die Frau schenkt es ihrem Mann.

Lo stesso risultato qui è raggiunto mediante la sostituzione con pronomi


interrogati vi:

(6) a Die Frau schenkt ihrem Mann ein Auto.


b Wer schenkt ihrem Mann ein Auto?
c Wem scbenkt die Frau ein Auto?
d Was schenkt die Frau ihrem Mann?

Come si vede, in molti casi il test di pronorninalizzazione mediante un


pronome interrogativo è al contempo anche un test di permutazione. Un ulte-
riore test di sostituzione è la prova di sostituzione generale sulla base di
espressioni sinonirniche. Nella frase appena considerata, ad esempio, die
Frau e ihrem Mann possono essere sostituiti con nomi propri come Brigitte e
Karl, ein Auto con il sinonimo einen Wagen ecc.
Va infine menzionata la sostituzione con zero (detta anche prova di can-
cellazione). Se una determinata sequenza può essere cancellata, è probabile
che sia un costituente:

(7) a Peter spielt mit seinem Freund Ball.


b Peter spielt Ball.
c Peter spielt mit seinem Freund.

90
li terzo tipo di test è la prova di coordinazione. Se due elementi si la-
sciano coordinare, probabilmente siamo in presenza di costituenti:

(8) a Brigitte und ihr dicker Hund essen gerne Schokolade.


b Ich kaufe mir einen neuen Mantel, einen Hut und eine schone Tasche.

3.2.2. Problemi nell'individuazione dei costituenti

L'applicazione dei test non è però affatto meccanica e presenta alcuni


problemi. Va infatti considerata l'eventualità che un test possa dare esito po-
sitivo in presenza di una sequenza che manifestamente non è un costituente e
altresì che un test possa dare esito negativo in presenza di una sequenza che
manifestamente rappresenta un costituente.
Facciamo qualche esempio riguardo a sequenze che non sono un costi-
tuente ma "passano" lo stesso un test. È il caso del test di sostituzione gene-
rale. Infatti, una sequenza di due (o più) costituenti può essere sostituita da un
solo costituente:

(9) a Er hOrt l [gerne] [Musik].


b Er hort l [Beethoven].

Oppure una sequenza che palesemente non ha lo status di costituente può


essere sostituita da un costituente:

(10) a Hans liest [ein spannendes Buch iiber] Schiller.


b Hans liest [gerne] Schiller.

La prova di sostituzione generale, quindi, ha solo un senso se si tiene


conto delle classi di sostituzione. Un elemento deve essere sostituito sempre
da un elemento dello stesso tipo (come in l la), non da un elemento di un al-
tro tipo (come in llb):

(11) a Hans liest Schiller l ein Buch.


b Hans liest Schiller l geme.

Ad ogni buon conto, la prova di sostituzione, per essere considerata va-


lida, non deve cambiare completamente la struttura della frase (come invece
accade nel seguente esempio 12):

(12) a Anna mochte [dass die Kinder] kommen.


b Anna mochte [nach Miinchen] kommen.

91
Volgiamo ora la nostra attenzione al caso di indubbi costituenti che non
"passano" un determinato test. Ciò si verifica con la prova di cancellazione.
Alcuni costituenti, infatti, non possono essere mai cancellati (come ad es.
quelli che fungono da Soggetto):

(13) a Sie wohnt seit zehn Jahren in Rom.


b *Wohnt seit zehn Jahren in Rom.

Anche costituenti di tipo avverbiale, in determinate frasi, non possono


essere cancellati:

(14) a Sie wohnt seit zehn Jahren in Rom.


b *Sie wohnt seit zehn Jahren.
(15) a lch hange das Bild an die Wand.
b *Ich hange das Bild.

Il superamento di una prova non è quindi condizione necessaria e suffi-


ciente per una sequenza al fine di essere considerata costituente: (a) non è
condizione necessaria in quanto vi sono costituenti che non superano una de-
terminata prova; (b) non è condizione sufficiente in quanto anche non-costi-
tuenti possono superare una determinata prova. Una sequenza può essere per-
tanto considerata costituente solo quando supera un numero significativo di
prove. Ecco perché alla presentazione delle singole prove è stato detto che il
superamento di un test indica un "probabile" status di costituente.

3.2.3. Costituenti discontinui

Una peculiarità del tedesco è data dal fatto che alcuni tipi di costituenti,
in determinate costruzioni, possono essere interrotti da altri elementi e pre-
sentarsi quindi in forma discontinua. Prendiamo il costituente verbale:

(16) a Peter spielt.


b Peter hat gespielt.
c Peter konnte spielen.

Aggiungendo altri elementi, il costituente verbale, se composto da «ver-


bo ausiliare+ verbo principale», viene diviso:

(17) a Peter spie! t mit seinem jiingeren Bruder Schach.


b Peter hat mi t seinem jiingeren Bruder Schach gespielt.
c Peter konnte mi t seinem jiingeren Bruder Schach spielen.

92
Anche i cosiddetti verbi separabili possono formare costituenti discanti-
n m:

( 18) a Wahlbetrug kommt immer haufiger vor. (verbo: vorkommen)


b Peter macht seinen Bruder nach. (verbo: nachmachen)

La frase relativa, inoltre, può essere staccata dal sostantivo a cui si rife-
risce (e con cui forma un costituente complesso):

(19) a Peter hat mit seinem jiingeren Bruder. den er immer besiegt. gespielt.
b Peter hat mit seinem jiingeren Bruder gespielt, den er immer besiegt.

In certe costruzioni enfatiche, infine, un attributo può essere staccato dal


sostantivo a cui si riferisce:

(20) a Ich habe keine Gespenster gesehen.


b Gespenster habe ich keine gesehen.

3.2.4. Ambiguità strutturali

A volte, una determinata frase può essere ambigua strutturalmente. Vale


a dire, la frase può ricevere interpretazioni diverse che corrispondono a seg-
mentazioni in costituenti diverse. Prendiamo il seguente esempio:

(21 ) Der Mann beobachtet die Frau mit dem Femglas.


[Der Mann] [beobachtet] [die Frau mit dem Femglas].
[Der Mann] [beobachtet] [die Frau] [mit dem Femglas].

Nella prima interpretazione, la sequenza die Frau mit dem Fernglas rap-
presenta un unico costituente che può essere, ad esempio, spostato nella fra-
se o sostituito da un pronome. n significato della frase si può glossare con
'l'uomo osserva la donna la quale ha con sé un binocolo'. Nella seconda in-
terpretazione, la stessa sequenza rappresenta due costituenti distinti. Ora il si-
gnificato della frase è 'l'uomo osserva la donna mediante un binocolo'. An-
che la seguente frase presenta un'ambiguità strutturale:

(22) Die Studenten feiern am Montag nach der Klausur das Ende des
Semesters.
[Die Studenten] [feiem] [am Montag nach der Klausur] [das Ende des
Semesters].
[Die Studenten] [feiem] [am Montag] [nach der Klausur] [das Ende
des Semesters].

93
Nel primo caso, gli studenti festeggiano il lunedì successivo al giorno
della prova scritta; nel secondo, la festa è il lunedì stesso, al termine della
prova scritta.

??? Su quale ambiguità strutturale si basa la seguente barzelletta?


Gestern hat Herr Miiller angefangen, Semmeln zu schneiden, und heute sitzt er
immer noch am Kiichentisch und schneidet und schneidet ... "Was machst du da
bloj3 so lange", fragt ihn ein Freund. "Semmelknodel", sagt Herr Miiller. "!m
Kochbuch steht: Drei Tage alte Semmeln schneiden. Morgen bin ichfertig. "

3.3. Classi di parole e tipi di sintagma

Finora abbiamo parlato genericamente di "costituenti" senza entrare in


merito alla loro struttura interna. Ogni parola, quando entra nella costruzio-
ne di una frase, porta con sé le caratteristiche della sua classe (flessiva/non-
flessiva ecc.) e si unisce con parole di altre classi per formare costituenti. In
genere, ogni costituente fa perno intorno a una determinata classe di parole
e forma un sintagma. Prendiamo come esempio la seguente frase:

(23) [Der reiche Mann] [schenkt] [seiner jungen Frau] [fast immer] [rote
Rosen] [zu Weihnachten].
der= articolo, reiche =aggettivo, Mann = nome, schenkt = verbo, seiner =pro-
nome, }ungen = aggettivo, Frau = nome,fast = avverbio, immer = avverbio, ra-
te = aggettivo, Rosen = nome, zu = preposizione, Weihnachten = nome

Così il costituente der reiche Mann ha come elemento principale un no-


me (Mann) ed è strutturalmente un sintagma nominale; fast immer ha come
elemento principale un avverbio (immer) ed è un sintagma avverbiale ecc.
Vediamo ora una breve panoramica dei principali tipi di sintagma:

tipo di sintagma elemento principale esempi


verbale verbo schliift, hat geschlafen, kann schlafen
nominale nome l pronome Frauen, die Frau, eine schone Frau,
sie, die Frau meines Bruders
aggettivale aggettivo schon, sehr schon
avverbiale avverbio oft, sehr oft
preposizionale preposizione auf de m Tisch, auf Tischen

Rispetto alle classi di parole individuate in precedenza (cfr. 2.1.2) va no-


tato che articolo, congiunzione e particella non possono fungere da elemento
principale di un sintagma. È altresì evidente che un sintagma può essere com-

94
posto dal solo elemento principale (così ad es. il sintagma nominale Paul e il
sintagma verbale schliift nella frase Paul schliift).
Finora abbiamo parlato, piuttosto genericamente, di "elemento principa-
le" del simagma. Tale elemento e òeno te!'ita e presenta le seguenll caratteri-
stiche:
a) è l'elemento necessario che non può essere tralasciato;
b) è l'elemento che può sostituire l'intero sintagma;
c) è l'elemento da cui dipendono eventuali altri elementi del sintagma.
Facciamo un esempio e consideriamo, all'interno della frase die Frau
des Direktors ist schOn, il sintagma nominale die Frau des Direktors: die
Frau è la testa del sintagma in quanto non può essere tralasciato (la frase *des
Direktors ist schon non è grammaticale); die Frau, inoltre, può sostituire l'in-
tero sintagma (come dimostra la frase die Frau ist schon); infine, da die Frau
dipende sintatticamente des Direktors.
Il resto del sintagma, detto complemento, è l'elemento che precisa la te-
sta. Esso dipende sintatticamente dalla testa e può essere di solito tralasciato.
Un caso particolare è dato però dal sintagma preposizionale in cui sia la testa
sia il complemento sono elementi indispensabili.

??? Per quale motivo si assume che la testa di un sintagma come auf dem Tisch
sia la preposizione auf e non de m Tisch (che pur porta il maggior carico seman-
tico del sintagma)?

??? Per quale motivo si assume che la testa di un sintagma come hat geschlafen
sia il verbo ausiliare hat e non geschlafen (che pur porta il maggior carico se-
mantico del sintagma)?

3.4. Diagrammi ad albero e regole per la formazione della frase

Quando vogliamo individuare la struttura di una frase, dobbiamo dappri-


ma assegnare a ogni parola la sua classe lessicale (N, V, A ecc.), poi vedere
come le parole si uniscono in sintagmi (SN, SV, SA ecc.). La costituzione dei
sintagmi avviene a vari livelli gerarchici. Prendiamo come esempio un sin-
tagma preposizionale come auf dem Tisch: articolo (dem) e nome (Tisch) si
uniscono nel sintagma nominale dem Tisch, che a sua volta forma con la pre-
posizione auf il sintagma preposizionale.

3.4.1. Diagrammi ad albero

I diversi livelli gerarchici di una frase possono essere ben rappresentati


graficamente da un diagramma ad albero. Così ad esempio la frase Der reiche
Mann schenkt seiner Frau einen Sportwagen zu Weihnachten:

95
F

SN sv

sv SN SN SP

Art Agg N v
1\
Pron N Art
~N p
1\N
[Der reiche Mann] [schenkt] [seiner Frau] [einen Sportwagen] [zu Weihnachten]

Vediamo ora il diagramma ad albero della frase Peter trinkt sehr geme
frische Mi/eh:

SN
~SV
~

N
r /\
V Avv Avv
A
Agg N

[Peter] [trinkt] [sehr geme] ffrische Milch]

Abbiamo visto in precedenza alcune frasi strutturalmente ambigue che


possono avere due letture differenti. Tali letture corrispondono rispettivamen-
te a diagrammi distinti. Consideriamo le due possibilità per Der Mann beo-
bachtet die Frau mit dem Fernglas:

96

·-
F

~
SN sv
~
sv SN SP

Art N v Art N P Art N

[Der Mann] [beobachtet] [die Frau] [mit dem Fernglas]

F
~
SN sv

sv
~SN
·~
SN SP

Art N v Art N P Art N

[Der Mann] [beobachtet] [die Frau mit dem Fernglas]

I diagrammi ad albero seguono alcune regole: ogni nodo rappresenta un


costituente (o parte di costituente che in altre costruzioni può fungere da co-
stituente autonomo); da un nodo possono partire una o più linee verso il bas-
so, ma una sola linea verso l'alto; le linee non possono incrociarsi.

97
3.4.2. Regole per la formazione della frase

Ogni lingua ha regole proprie per formare costituenti e frasi grammati-


calmente corretti. Vediamo ora alcune regole che riguardano il tedesco. Una
frase tedesca deve obbligatoriamente contenere un SN e un SV. Possiamo for-
malizzare questa regola nel modo seguente:

F~ SN SV (leggi: F è costituito da SN e SV)

In tedesco, oltre al sintagma verbale, una frase presenta sempre un sin-


tagma nominale (er schlaft, es schneit); ciò vale anche per i rari tipi di frase
che non contengono un Soggetto (mir ist kalt). In italiano, invece, la presen-
za di un SN non è obbligatoriamente richiesta (cfr. frasi come dorme, nevi-
ca, ecc.). La regola per la costruzione della frase italiana è pertanto: F ~
(SN) SV.
Ogni tipo di sintagma ha le sue proprie regole di formazione. Vediamo il
SN in tedesco:

SN ~ (Art) (Agg) N (SN/SP)

Un sintagma nominale deve contenere un nome e può contenere, facolta-


tivamente, un articolo, un aggettivo, un altro SN o, in alternativa, un SP. I va-
ri elementi devono rispettare l'ordine lineare suindicato. Facciamo qualche
esempio:

N Manner
Art N die Manner
AggN alte Manner
Art Agg N die alten Manner
NSN Manner dieses Alters
NSP Manner aus Italien

Consideriamo ora le regole per la formazione di alcuni altri tipi di sin-


tagma:

SAgg ~ (Avv) Agg (per es. Sie ist sehr schOn)


SAvv ~(Avv) Avv (per es. Sie liiuft sehr schnelO
SP ~P SN (per es. Das Buch liegt aufdem Tisch)

Particolarmente complessa è, infine, la formazione del SV il quale è co-


stituito, oltre che dal verbo, anche da un numero variabile di sintagmi obbli-
gatori e di possibili sintagmi facoltativi. I sintagmi obbligatoriamente richie-
sti da un verbo, detti complementi, sono determinati dalla valenza del verbo
stesso. Così ad esempio il verbo schlafen non richiede - prescindendo dal

98
Soggetto che non fa parte del SV - alcun complemento (er schliift), lieben
uno solo (er liebt seine Frau), schenken due (er schenkt seiner Frau einen
Ring). La valenza di un verbo è di solito realizzata attraverso complementi;
dove ciò non avviene, tali complementi sono sottintesi. Così ad es. posso for-
mare la frase er schenkt einen Ring, omettendo seiner Frau, quando il desti-
natario del regalo è noto al parlante e all'ascoltatore. I complementi mancan-
ti sono pertanto sempre ricostruibili dal contesto situazionale.
Non così i sintagmi facoltativi che rappresentano aggiunte non richieste
dalla struttura del verbo stessa. Esempi potrebbero essere il sintagma avver-
biale morgen o il sintagma preposizionale zum Geburtstag nella frase se-
guente:

(24) Morgen schenkt er seiner Frau einen Ring zum Geburtstag.

3.5. Ordine delle parole a livello di sintagma

Passiamo ora in rassegna i vari tipi di sintagmi esistenti in tedesco con-


siderando, rispettivamente, l'ordine lineare tra testa (T) e complemento (C).
Analizziamo dapprima il sintagma nominale. Il più delle volte troviamo
l'ordine TC:

die Beschreibung des Buches


der lnhalt von vielen Biichem; der Wunsch nach Frieden; die Museen in Miin-
chen
die Museen dort
der Mann, den ich gestem gesehen habe

In questi esempi, il complemento è rispettivamente un SN al genitivo, un


SP, un SAvv e una frase relativa. Solo in alcuni casi abbiamo l'ordine inver-
so CT:

Annas Hut; Vaters Stock

Qui il complemento, un SN al genitivo, è costituito da un nome proprio


o da un nome di parentela. Possiamo quindi affermare che l'ordine principa-
le per il SN è TC.
Vediamo ora il sintagma aggettivale. Se l'aggettivo ha funzione attribu-
tiva, si ha l'ordine CT; il complemento può essere un SAvv o un SP:

die [sehr gute] Arbeit; das [extrem niitzliche] Buch


der [an Linguistik interessierte] Student; die [vor Freude erschopfte] Frau

99
In caso di funzione predicativa, invece, sono possibili entrambi gli ordi-
ni (CT eTC):

sie ist [an Linguistik interessiert]


sie ist [interessiert an Linguistik]

Per il sintagma avverbiale, l'ordine è sempre CT:

sie liest [sehr oft] Romane; sie liiuft [sehr schnell]; er steigt [den Berg hinauf]

Il sintagma preposizionale presenta, come ordine più diffuso, TC:

vor dem Haus; nach dem Essen; in der Stadt;


wegen des Geldes; gegeniiber dem Haus; entgegen der Meinung; entlang des
Flusses

Alcune preposizioni permettono, come alternativa, l'ordine CT (e sono


quindi anche postposizioni):

des Geldes wegen; dem Haus gegeniiber; der Sonne entgegen; den Fluss entlang

Alcune preposizioni, infine, consentono esclusivamente l'ordine CT (e


sono quindi postposizioni a tutti gli effetti):

der Gerechtigkeit halber; der Freundschaft zuliebe

Il sintagma verbale, in senso stretto, comprende il verbo principale ed


eventualmente anche il verbo ausiliare e la negazione. Nella frase principale,
l'ordine è TC; nella secondaria introdotta da congiunzione, invece, è CT (si
ricordi che il verbo "ausiliare" è considerato come testa!):

er kann schwimmen l er schwimmt nicht


... weil er schwimmen kann l ... weil er nicht schwimmt

Possiamo quindi riassumere i rispettivi ordini nella seguente tabella:

SN SAgg SAvv SP sv
ordine TC (CT) CT (TC) CT TC (CT) TC/CT

100
È evidente che il tedesco contemporaneo non presenta un unico ordine
lineare. Ma è possibile individuare tra le due alternative un ordine principa-
le? Alcuni fatti diacronici ci indicano che l'ordine principale è costituito da
TC. Prendiamo il sintagma nominale che oggi presenta ancora entrambi gli
ordini. Nei secoli scorsi, strutture del tipo des Mannes Miitze (con il com-
plemento genitivale preposto) erano diffuse; oggi invece non sono più usua-
li (si dice: die Miitze des Mannes). Si nota quindi che l'ordine CT ha perso
terreno nei confronti di TC. Simile è lo sviluppo storico nel caso del sintag-
ma preposizionale. Un tempo, le postposizioni (ordine CT) erano diffuse in
tedesco; nella lingua odiema.,. invece,. tutta una ser-l.e cl\ p.ast:pe>s-i_z-l.e>n-1. ....,e-.-. 3 o -

nO sempre più usate come preposizioni (ordine TC) - così ad esempio we-
gen, gegeniiber, entsprechend, gemiifi ecc. Per quanto riguarda il sintagma
verbale, i due ordini sembrano paritetici: TC nella frase principale, CT nella
secondaria. Il fatto che alcune secondarie tendano, specialmente nella lingua
parlata, ad assumere l'ordine TC (v. 3.8.1.), è forse un ulteriore segno del
progressivo affermarsi di TC. In conclusione, solamente nei sintagmi agget-
tivale e avverbiale (peraltro strettamente imparentati) l'ordine CT mantiene
la sua posizione.

??? Si può stabilire un collegamento tra l'ordine lineare all'interno dei sintagmi
e l'ordine lineare all'interno delle parole (composte)?

??? Cercate di confrontare, passando in rassegna i vari tipi di sintagmi, l'ordine


lineare in tedesco e in italiano!

3.6. Ordine delle parole a livello di frase

3.6.1. Il sintagma verbale come ossatura dellafrase: testa e complemento

Abbiamo visto che il sintagma verbale, in senso stretto, presenta nella


frase principale l'ordine TC, nella secondaria l'ordine CT. Consideriamo ora
il sintagma verbale in senso lato: esso comprende anche i sintagmi che espri-
mono l'Oggetto diretto e indiretto (in quanto sintagmi dipendenti direttamen-
te dal verbo) e costituisce pertanto l'ossatura della frase. Vediamo qualche
esempio di frase principale (in cui è evidenziato il verbo finito):

(25) a Er kauft ein Auto.


b Er kauft seiner Frau ein Auto.
c Er hat ein Auto gekauft.
d Er will seiner Frau ein Auto kaufen.

Oggetto diretto e indiretto si trovano alla destra del verbo finito (come
del resto il verbo non finito che qui è gekauft e kaufen). L'ordine è pertanto

101
TC. Consideriamo ora la frase secondaria introdotta da congiunzione, dove
l'ordine è invece CT; Oggetto diretto e indiretto stanno alla sinistra del verbo
finito (come del resto anche il verbo non finito):
(...
(26) a ... weil er ein Auto kauft. \
b ... weil er seiner Frau ein Auto kauft.
c ... weil er ein Auto gekauft hat.
d ... weil er seiner Frau ein Auto kaufen will.

In conclusione, l'ordine lineare del sintagma verbale in senso lato è sem-


pre identico a quello che caratterizza il sintagma verbale in senso stretto.

3.6.2. Il sintagma verbale come ossatura della frase: l'analisi in "campi


sintattici"

L'analisi in campi sin tattici parte dal presupposto che il sintagma verba-
le, ossatura della_!rase, è spesso un costituente discontinuo. Ciò può verifi-
carsi quando abbiamo un verbo ausiliare che affianca quello principale. Pren-
diamo come esempio la seguente frase principale:

(27) Er hat seiner Frau ein Auto zum Geburtstag geschenkt.

Le due parti del SV formano la cosiddetta Satzklammer (parentesi


frasale): il verbo finito costituisce la linke Satzklammer, il\Terlro non-finito
la rechte Satzklammer. Ciò che precede il verbo finito è detto Vorfeld
(campo preposto), quello che si trova tra le due Satzklammern è detto Mit-
telfeld (campo interposto), quello che è situato dopo il verbo non-finito e
e to achfeld (campo posposto). Nel nostro esempio (27), er costituisce
il Vorfe1d, seiner Frau ein Auto zum Geburtstag il Mittelfeld, il Nachfeld
rimane vuoto.
Esistono, in tedesco, tre tipi di frase a seconda della posizione del verbo
finito:
a) verbo in prima posizione; è l'ordine tipico delle frasi interrogative to-
tali (Ko-;:;:;mter morgen ?);
b) verbo in seconda posizione; è l'ordine tipico delle frasi principali di-
chiarative (Er kommt mo;:géiì.};
c) verbo in ultima posizio12e; è l'ordine tipico delle frasi secondarie in-
trodotte da congiunzione( ... weil er morgen kommt.).
Possiamo applicare l'analisi in campi sin tattici a queste tre tipologie di
ordine delle parole:

102
Vorfeld l . . inke Mit:t:elf"eld Recht:.c 'N:rau:::hf'"cld
Satzklammer Satzklammer

V-l verbo finito vari costituenti verbo non finito l costituente

V-2 l costituente verbo finito vari costituenti verbo non finito l costituente

V-finale congiunzione vari costituenti verbo non finito l costituente


+ verbo finito

N.B. Sono riportati in grassetto gli elementi obbligatori della costr}lzione. Va considerato che
è obbligatorio, inoltre, il Soggetto della frase e, a seconda d.e~v)'tio, possono esserlo anche al-
tri elementi (come Oggetto diretto, Oggetto indiretto e certi_>.;<Jmplementi avverbiali) .
../

Facciamo qualche altro esempio per ogni tipo di frase:

Vorfeld Linke Mittelfeld Rechte Nachfeld


Satzkl. Satzkl.

V-1 Meldet sie sich zum Test?


Meldet sie sich zum Test an?
Meldet sie sich an zum Test?
Ko=!
H or endlich auf dami t!
V-2 Er ist gestern nach Hause gegangen.
.JL
Gestem ist er nach Hause gegangen zu seiner Frau.
Es schneit.
Es stand ein Mann vor der Tiir.
Wann ging er nach Hause?
V-fin. we il er nach Hause gin g.
dass sie sich anmeldet zum Test.

/ --
um
de~
sich
er
anzumelden.
si e ht.

Il verbo finito si trova in prima posizione nelle frasi interrogative totali e


nelle frasi imperative (in altre parole: il Vorfeld è vuoto). Il verbo finito si tro-
va in seconda posizione nelle frasi dichiarative e nelle interrogative introdot-
te da un pronome; in ultima posizione nelle frasi secondarie introdotte da una
congiunzione (come weil, dass, um) o da un pronome relativo.

103
3.6.3. Regole posiziona/i per il Voifeld, Mittelfeld e Nachfeld

Vediamo ora, più in dettaglio, alcune regole che governano i vari campi
sintattici della frase tedesca. Volgiamo dapprima la nostra attenzione al Vor-
feld. Nel Vorfeld non può essere collocato più di un unico costituente:

(28) a Er l ging gestem ins Kino.


b Gestern l ging er ins Kino.
c *Er gestern l ging ins Kino.

Tale costituente può essere di varia complessità:

(29) a Gestem l ging er ins Kino.


b Gestern nach dem Abendessen l ging er ins Kino.
c Nachdem er gestern zu Abend gegessen batte, l ging er ins Kino.

Come vediamo dall'ultimo esempio, il primo costituente può anche con-


sistere in una frase secondaria. Risulta pertanto inappropriato affermare che
in una frase principale, posposta a una secondaria, il verbo si trovi al "primo"
posto- considerando l'intero periodo, la frase secondaria non è altro che un
unico costituente e pertanto il verbo è sempre collocato al secondo posto.
Il Vorfeld può essere anche occupato dal pronome es, con tre funzioni
fondamentalmente diverse:
pronome soggetto "pieno": Es [das Buch] liegt auf dem Tisch.
pronome soggetto "vuoto": Es schneit.
pronome soggetto "segnaposto": Es stand ein Mann vor der Tur.
Nell'ultimo caso, il pronome cade non appena il soggetto "vero" torna in
prima posizione:

(30) Ein Mann stand vor der Tiir.

Va precisato, infine, che le congiunzioni coordinanti - come und, oder,


aber, sondem, denn - sono preposte al Vorfeld (tale posizione è detta "Vor-
Vorfeld" o anche "AuBenfeld"):

(31) a Aber l er l ging ins Kino.


b Denn l er l ging ins Kino.

Si ricorda però che i cosiddetti avverbi congiunzionali sono collocati nel


Vorfeld stesso:

(32) a Dennoch l ging er ins Kino.


b Deswegen l ging er ins Kino .

104
Il Mittelfeld può consistere in un numero imprecisato di costituenti. 1 el
T

caso dei pronomi, la sequenza degli elementi è ben regolata: prima viene il
pronome del Soggetto (nominativo), poi quello dell'Oggetto diretto (accusa-
tivo), poi quello dell'Oggetto indiretto (dativo). Prendiamo come punto di
partenza la domanda Wird der Mann der Frau das Buch schenken?, a cui si
può rispondere con la costruzione che mette in evidenza schenken:

(33) Schenken wird er es ihr. [er = NOM, es = ACC, ihr = DAT]


Quando non abbiamo pronomi, l'ordine è abbastanza libero. Sono sol-
tanto riscontrabili alcune tendenze. In genere, abbiamo le seguenti sequenze
relative:
l) L'elemento dato/conosciuto precede l'elemento nuovo/sconosciuto.
Così, in risposta alla domanda Was hat der Mann der Frau geschenkt? (dove
Frau è un elemento dato), l'ordine lineare più diffuso è il seguente:

(34) a Der Mann hat der Frau das Buch geschenkt.

Meno diffuso risulta invece l'ordine inverso (accettabile solo in determi-


nati contesti):

(34) b ?Der Mann hat das Buch der Frau geschenkt.

Viceversa, in risposta alla domanda Wem hat der Mann das Buch ge-
schenkt? (dove das Buch è un elemento dato),l'ordine lineare più diffuso è il
seguente:

(35) Der Mann hat das Buch der Frau geschenkt.

A questa tendenza generale si ricollega una seconda tendenza, più speci-


fica, basata sul fatto che entità conosciute vengono spesso codificate da SN
definiti, entità sconosciute da SN indefiniti.
2) Un SN definito (es.: die Frau) precede un SN indefinito (es.: ein Buch).
I seguenti due esempi rappresentano l'ordine lineare non marcato a seconda
che il tema del discorso sia la donna o il libro:

(36) a Der Mann hat der Frau ein Buch geschenkt.


b Der Mann hat das Buch einer Frau geschenkt.

Alla tendenza generale di dare precedenza all'elemento dato si ricollega


una terza tendenza, più specifica, basata sul fatto che entità conosciute ven-
gono spesso codificate da pronomi, entità sconosciute no.
3) Un SN pronominale di regola precede un SN non-pronominale:

105
(37) a Der Mann hat ihr das Buch geschenkt.
b Der Mann hat es der Frau geschenkt.

Un'ulteriore tendenza riguarda la funzione sintattica del rispettivo costi-


tuente.
4) Il Soggetto tende a precedere l'Oggetto; l'Oggetto indiretto tende a
precedere quello diretto. Così, al di fuori di uno specifico contesto, l'ordine
più diffuso è ad esempio il seguente:

(38) a ... weil ein Mann einer Frau ein Buch geschenkt hat.
b ... weil der Mann der Frau das Buch geschenkt hat.

L'ordine lineare più diffuso (Soggetto-Oggetto indiretto-Oggetto diret-


to) rispecchia il grado di attività caratterizzante i partecipanti all'azione: il
Soggetto spesso è l'entità che compie l'azione, l'Oggetto indiretto quella che
ne è interessata, l'Oggetto diretto quella che la subisce (vedi sotto 3.7.). A ciò
può essere ricondotta un'ulteriore tendenza empirica concernente l' animatez-
za dell'entità a cui si riferisce il SN in questione.
5) Un SN con referente animato precede un SN con referente inanimato.
Vediamo un esempio in cui l'Oggetto diretto precede "sorprendentemente"
quello indiretto, proprio in virtù della sua animatezza. Ciò si verifica con ver-
bi del tipo unterziehen o aussetzen:

(39) a Die Àrztin hat einen Patienten einer Therapie unterzogen.


b Er hat die Frau der Gefahr ausgesetzt.

Vanno infine menzionate due ulteriori tendenze:


6) Soggetto e Oggetto tendono a precedere indicazioni circostanziali di
vario tipo (tempo, luogo, modo, causa ecc.).
7) I costituenti di minor peso semantico e sintattico tendono a precedere
quelli di maggior peso.
Il Nachfeld risulta di regola occupato solo in alcune costruzioni con fra-
si secondarie finite e infinite (40), nonché in frasi indicanti un paragone (41):

(40) a Di e Kinder haben gesagt, sie hat eine Geschichte erzahlt.


b Er fangt an zu erziihlen.
(41) a Gestern hat es mehr geregnet als heute.
b Er konnte die Stimme modulieren wie ein Schauspieler.

In tutti gli altri casi, lo spostamento di un costituente dal Mittelfeld al


Nachfeld è una mera questione stilistica. Ciò può avvenire quando un costi-
tuente è particolarmente lungo, quando lo si vuole mettere in particolare evi-
denza o, al contrario, quando è considerato un'aggiunta di poca importanza.

106
Va precisato, infine, che Soggetto e Oggetto (diretto/indiretto) di norma non
compaiono mai nel Nachfeld.

3.7. Funzioni semantiche e sintattiche nella frase semplice

Finora abbiamo parlato dei vari tipi di sintagnù (nominali, verbali, ag-
gettivali ecc.), ma non delle loro funzioni nella frase. Possiamo distinguere le
funzioni semantiche da quelle sintattiche.

3.7.1. Le funzioni semantiche

Consideriamo dapprima la seguente coppia di frasi:

(42) a Peter nimmt das Buch von seiner Mutter.


b Peter bekommt das Buch von seiner Mutter.

Entrambe le frasi hanno lo stesso numero di costituenti con la stessa strut-


tura interna. Diverso è solo il verbo, e con ciò cambia la funzione semantica
dei vari costituenti: nel primo caso, Peter attivamente si procura il libro; nel se-
condo, lo riceve passivamente in dono. In generale, esistono varie funzioni se-
mantiche nella frase (dette anche "ruoli semantici" o "ruoli tematici"):
-Agente è l'entità che compie l'azione causando un mutamento dello
stato delle cose:

(43) a Sandra schHigt ihren Mann.


b Sandra wascht ihr Auto.

-Paziente è l'entità che subisce l'azione:

(44) a Sandra schlagt ihren Mann.


b Sandra wascht ihr Auto.

- Beneficiario è l'entità che riceve qualcosa:

(45) a Er schenkt seiner Frau einen Ring.


b Der Mann erhielt einen Gutschein.

- Strumento è l'entità usata per compiere una deternùnata azione o rag-


giungere un deternùnato stato:

(46) a Sie isst die Suppe mi t einem Loffel.


b Er wurde durch Arbeit reich.

107
- Possessore è l'entità che ha la proprietà o il controllo di qualcosa, op-
pure l'entità a cui viene attribuita una determinata caratteristica:

(47) a Ich habe zwei Autos.


b Mir gehoren mehrere Hauser.

- Es peri ente è l'entità che prova un sentimento o prende coscienza di


qualcosa:

(48) a Er hasst seinen Bruder.


b Ihn bewegt das Schicksal seines Freundes.

-Origine è il punto d'inizio di un movimento concreto o astratto:

(49) a Er kommt aus dem Zimmer.


b Er kommt aus dem Rhythmus.

-Meta è il punto d'arrivo di un movimento concreto o astratto:

(50) a Er kommt ins Krankenhaus.


b Er kommt in Schwierigkeiten.

3. 7 .2. Le funzioni sintattiche

Le funzioni sintattiche svolte dai vari costituenti corrispondono alle tra-


dizionali nozioni grammaticali (Soggetto, Predicato, Oggetto, Attributo,
Complemento avverbiale). Si tratta di concetti relazionali che indicano la
funzione di un costituente in rapporto agli altri costituenti della frase. Sono
funzioni che esistono in molte lingue, forse si tratta addirittura di universali
linguistici.
Non sussiste alcun rapporto diretto tra la struttura sintattica di un costi-
tuente e la sua funzione sintattica. Così ad es. uno stesso sintagma (die ganze
Zeit, SN) può svolgere funzioni sintattiche diverse:
Soggetto: Die ganze Zeit war schiJn.
Oggetto diretto: /eh habe die ganze Zeit genossen.
Complemento avverbiale: Die ganze Zeit hat es geregnet.
Come vedremo più avanti, funzioni sintattiche e funzioni semantiche so-
no tendenzialmente correlate - ma le corrispondenze non sono affatto auto-
matiche. Rivedendo le frasi citate al paragrafo precedente, risulta ad esempio
evidente che il Soggetto sintattico può svolgere numerose funzioni semanti-
che diverse. Passiamo ora in rassegna le principali funzioni sintattiche.
l) Soggetto. Il Soggetto sintattico, in tedesco, è un costituente indipen-
dente dal verbo (in altre parole: non fa parte del sintagma verbale); mostra

108
congruenza con il verbo finito per numero e persona; compare al nominativo;
svolge normalmente il ruolo semantico dell'Agente; la corrispondente frase
interrogativa parziale è introdotta da wer/was. Vediamo di approfondire bre-
vemente alcune di queste caratteristiche.
La congruenza con il verbo finito ci permette di individuare il Soggetto
di una frase. Una prima prova di congruenza parte dal costituente di cui in-
tendiamo stabilire la funzione sintattica e consiste nel modificare il suo nu-
mero (da singolare a plurale o viceversa). Quando, modificandolo, si ha co-
me risultato una frase accettabile, allora il costituente in questione non può
essere Soggetto della frase. Nel seguente esempio ein Auto viene pluralizza-
to (Autos), il verbo rimane al singolare, la frase è corretta lo stesso:

(51) a Ein Auto schenkt die Frau dem Mann.


b Autos schenkt die Frau dem Mann.

Quando invece il risultato della prova di pluralizzazione è una frase inac-


cettabile, allora quel costituente è il Soggetto della frase:

(52) a Ein Auto schenkt die Frau dem Mann.


b *Ein Auto schenkt die Frauen dem Mann.

Per essere corretta, infatti, la frase (52b) dovrebbe presentare un verbo al


plurale (schenken). Viceversa, una seconda prova di congruenza parte dal
verbo. Una volta modificato il numero del verbo, proviamo anche a cambia-
re il numero dei vari SN presenti nella frase. Se il risultato è una costruzione
grammaticale, il costituente in questione rappresenta il Soggetto (die Frauen
in 53b); se la frase è agrarnmaticale, il costituente avrà una funzione diversa
(Autos in 53c):

(53) a Ein Auto schenkt die Frau dem Mann.


b Ein Auto schenken die Frauen dem Mann.
c *Autos schenken die Frau dem Mann.

Abbiamo detto che una caratteristica fondamentale del Soggetto in tede-


sco è quella di comparire al nominativo. A volte risulta difficile individuare il
Soggetto poiché il nominativo può coincidere formalmente con altri casi.
Prendiamo la seguente frase in cui una madre maltratta la figlia:

(54) a Die Mutter [NOM] schHigt die Tochter [ACC].

L'effettivo caso dei due sintagmi nominali in questione diventa evidente


se si sostituiscono i rispettivi sostantivi:

109
(54) b Die Mutter schHigt den Sohn [ACC].
c Der Vater [NOM] schHigt die Tochter.

Va inoltre precisato che non tutti i nominativi sono effettivamente il Sog-


getto della frase (negli esempi seguenti il Soggetto è evidenziato):

(55) a Meine Freundin [NOM] wird Àrztin [NOM].


b Einsteins Theorie [NOM] ist ein groBer Fortschritt [NOM].
c Der Admiral [NOM] bleibt Flottenkommandant [NOM] .
d Als Lehrer [NOM] ist er [NOM] sehr streng.

In alcuni casi, il Soggetto non è dato da un sintagma nominale ma da una


frase secondaria:

(56) a Wer anderen eine Grube grabt. fàllt selbst hinein.


b Dass ihr die Prtifung bestanden habt. freut mich.
c Bachs Fugen zu spielen ist nicht leicht.

??? Come si può dimostrare, attraverso una prova di sostituzione, che si tratta
effettivamente del Soggetto della frase?

n Soggetto, infme, corrisponde normalmente al ruolo semantico dell' A-


gente. Così nella seguente frase:

(57) a Der Verbrecher tOtete die Frau.

Ma sono possibili anche frasi come:

(57) b Die Frau wurde getOtet.


c Da~ Me~~er totete die Frau.

Nella frase (57b) abbiamo una costruzione passiva in cui il Soggetto è


dato dal Paziente. n passivo viene usato quando l'Agente è sconosciuto o
considerato poco rilevante rispetto al Paziente. Nella frase (57 c), costruzione
assai rara, lo Strumento diventa Soggetto. Ciò accade in contesti particolari.
Immaginiamo il caso di un corpo che presenta ferite multiple:

(57) d Das Messer totete die Frau, nicht die Kugel.

2) Oggetto diretto. L'Oggetto diretto compare all'accusativo e svolge di


solito il ruolo semantico del Paziente; la corrispondente frase interrogativa
parziale è introdotta da wen/was; se la frase viene passivizzata, l'Oggetto di-
retto diventa Soggetto della frase passiva:

110
(58) a Die Frau totete den Mann.
b Der Mann wurde (von der Frau) getotet.

3) Oggetto indiretto. L'Oggetto indiretto compare di solito al dativo (in


rari casi al genitivo) ed è spesso associato al ruolo semantico del Beneficia-
rio; la corrispondente frase interrogativa è introdotta da wem/was (oppure con
wessen se è genitivo); se la frase viene passivizzata, l'Oggetto indiretto rima-
ne inalterato nella sua funzione:

(59) a Die Frau gibt dem Mann das Buch.


b Das Buch wird dem Mann gegeben (von der Frau).

Un numero piuttosto alto di verbi reggono sia un Oggetto diretto sia un


Oggetto indiretto (come nell'esempio precedente geben):

verbi che reggono accusativo e dativo [selezione]:


abgewohnen, abkaufen, abnehmen, abtreten, anbieten, angewohnen, anstecken, an-
tun, anvertrauen, aufddingen, aufzwingen, befehlen, beichten, beifiigen, beirni-
schen, berichten, bescheinigen, beweisen, bringen, deuten, eingeben, empfehlen,
entgegenhalten, entlocken, entnehmen, erkHiren, ermoglichen, erzahlen, geben, ge-
nehmigen, gestatten, gestehen, gonnen, klagen, lassen, leihen, liefem, melden,
nachweisen, nahelegen, nehmen, raten, sagen, schenken, schicken, schreiben,
schulden, iibergeben, untersagen, verbieten, verheirnlichen, verkiinden, verspre-
chen, verzeihen, vorlesen, widmen, zeigen, zurufen, zutrauen, zuriickzahlen

Sono meno numerosi i verbi che reggono esclusivamente un comple-


mento al dativo:

verbi che reggono il dativo [selezione]:


ahneln, angehoren, auffallen, ausweichen, begegnen, beistehen, danken, dienen,
drohen, einfallen, entkommen, entsprechen, fehlen, folgen, gefallen, gehOren,
gelingen, gratulieren, helfen, kiindigen, misstrauen, nachgeben, nachlaufen, sich
niiliem, niitzen, passen, schaden, trauen, wehtun, winken, zuhoren, zuschauen,
zureden

In rari casi, infme, l' oggetto indiretto compare al genitivo come nel-
l'esempio Sie schiimt sich ihres Mannes:

verbi che reggono il genitivo [selezione]:


sich bemachtigen, sich erinnem, gedenken, sich schamen, sich vergewissem

Dall' Oggetto indiretto al dativo va tenuto distinto il cosiddetto dativo li-


bero. Confrontiamo le seguenti due frasi dalla struttura sintattica apparente-
mente uguale:

111
(60) a Er schenkt ihr eine Dose. [Oggetto indiretto]
b Er offnet ihr eine Dose. [dativo libero]

L'Oggetto indiretto è alle dipendenze del relativo verbo e fa obbligato-


riamente parte della struttura frasale. Se non dovesse esplicitamente compari-
re nella frase, tale mancanza è avvertita come una ellissi:

(61) Er schenkt eine Dose.

Questa frase è solo accettabile se l'ascoltatore conosce il contesto situa-


zionale e sa chi è il beneficiario di questo dono. Altrimenti, l'ascoltatore chie-
derà subito wem? ('a chi'). Diverso è il caso del dativo libero che è un costi-
tuente facoltativo, mai sottinteso:

(62) Er offnet eine Dose.

Sentendo o leggendo questa frase, nessuno domanderà spontaneamente


wem? ('a chi'). Dal punto di vista semantico, si distinguono vari tipi di dati-
vi liberi:

dativus esempio parafrasi

commodi Er offnet ihr die Tiir. Er offnet die Tiir fiir sie l zu ihrem Vorteil.
incommodi Die Vase fallt ihr zu Boden. Die Vase fallt zu Boden (zu ihrem Nachteil).
possessivus Er schneidet ihr die Haare. Er schneidet ihre Haare.
iudicantis Das ist mir zu teuer. Das ist meiner Ansicht nach zu teuer.
ethicus Fahr mir nicht zu schnell! Fahr mir zuliebe nicht zu schnell!

Il dativus commodi indica l'entità che risulta avvantaggiata dall'azione


verbale, il dativus incommodi l'entità che ne risulta svantaggiata; i due dativi
possono essere rispettivamente parafrasati da costruzioni con zum Vorteil von
e zum Nachteil von. Il dativo possessivo indica un'entità che è posseduta da
un'altra entità o ne fa parte e può essere sostituito dal pronome possessivo. Il
dativus iudicantis esprime un'opinione e un punto di vista personale; può es-
sere sostituito da espressioni come meiner Ansicht nach o in meinen Augen.
Il dativus ethicus, infine, indica una persona coinvolta dall'azione (a livello
prevalentemente emotivo) e può essere glossato con espressioni del tipo mir
zuliebe ecc. (la frase nel complesso indica una sorta di obbligo morale, da cui
anche il nome "etico").

112
Solamente gli ultimi due tipi di dativo - iudicantis ed ethicus -possono
co-occorrere con un Oggetto indiretto al dativo. Un esempio è dato dalle se-
guenti frasi:

(63) a Er hat mir seinem Bruder zu wenig geholfen. [iudicantis]


b Dass du mir seinem Bruder hilfst! [ethicus]

4) Oggetto preposizionale. L'Oggetto preposizionale consiste in una


preposizione, fissata idiomaticamente in dipendenza del verbo, e in un sin-
tagma nominale:

(64) Ich denk:e an meinen Bruder.


(65) lch warte auf meine Mutter.

Si noti che la preposizione facente parte di un oggetto preposizionale ha


una semantica "ridotta" (si è perso infatti l'originario significato spaziale) e
non può essere sostituita da un'altra preposizione:

(66) a lch warte auf meine Mutter l *an meine Mutter l *vor meiner Mutter l ....

Tale sostituzione, invece, è sempre possibile quando la preposizione con-


serva il suo significato e risulta indipendente dal verbo:

(66) b Ich warte auf der Treppe l an der Treppe l vor der Treppe l ... .

Vediamo alcuni dei più diffusi verbi che reggono un Oggetto preposizio-
nale:

verbi che reggono un Oggetto preposizionale (preposizione fissa + SN)


[selezione]:
an+D: fehlen an, zweifeln an;
an+A: glauben an, sich wenden an;
auf+D: basieren auf, bestehen auf;
auf+A: aufpassen auf, horen auf;
fiir: sich bedanken fiir, sich interessieren fiir;
in+A: sich verlieben in, sich verwandeln in;
mi t: beginnen mit, sich verstehen mit;
nach: fragen nach, suchen nach;
iiber+A: lachen iiber, nachdenk:en iiber;
um: sich bemiihen um, sich kiimmem um;
von: abhangen von, traumen von;
vor+D: fliehen vor, sich fiirchten vor;
zu: fiihren zu, gehoren zu;

113
5) Predicato. Il Predicato è considerato, assieme al Soggetto, un costi-
tuente indispensabile della frase e indica di solito un'azione, un avvenimento
o un processo riferiti al Soggetto. Sintatticamente, il Predicato è costituito da
tutte le forme verbali finite e non finite di una determinata frase. Il Predicato
può essere semplice (formato dal solo verbo principale) oppure complesso
(formato da verbi ausiliari oltre che dal verbo principale). Facciamo qualche
esempio di Predicato complesso:

(67) a Er ist spiit nach Hause gekommen.


b Sie wollte ihm nur helfen.

6) Predicativo. li Complemento predicativo indica proprietà riferite al


Soggetto e all'Oggetto della frase:

(68) a Sie ist schon. (Soggetto)


b Sie wird Ministerin. (Soggetto)
(69) a Ich finde sie schon. (Oggetto)
b Er nannte sie eine Liignerin. (Oggetto)

Nel primo caso troviamo i cosiddetti verbi copulativi (sein, werden, blei-
ben ecc.) che collegano il Soggetto a un aggettivo o un nome, nel secondo ca-
so verbi estimativi (come finden) esprimenti un giudizio e verbi appellativi
(come nennen) indicanti un processo di denominazione.
7) Complemento avverbiale. Il Complemento avverbiale contiene indi-
cazioni di tempo, luogo, modalità, causa, finalità ecc. Il più delle volte, tali
complementi sono facoltativi:

(70) Sie kocht [heute] [in der Kiiche] [mit groBer Begeisterung] [trotz ihrer
Krankheit].

Solamente in alcuni casi il Complemento avverbiale è obbligatoriamente


richiesto dal verbo:

(71) a Er wohnt [in Rom].


b Sie verbringt den Urlaub [in Florenz].

??? Conoscete altri verbi che richiedono un Complemento avverbiale obbliga-


torio?

8) Attributo. L'Attributo è un sub-costituente facoltativo che determina un


SN. L'Attributo può essere realizzato sintatticamente mediante strutture diverse:

(72) a Der interessante Brief war lang. [aggettivo o participio


aggettivale]

114
b Der Brief, der interessant war, war lang. [frase re lati va]
c Der Brief des Freundes war lang. [SN al genitivo]
d Der Brief aus KOln war lang. [SP]
e Der Brief dort war lang. [SAvv]

Come Attributo può fungere anche un SN appositivo, che di solito ri-


prende il caso del SN a cui si riferisce:

(73) a Ich habe eine Tasse [A] schwarzen Kaffee [A] getrunken.
b Ich habe rnit Peter [D], dem Mannschaftskapitan [D], gesprochen.

3.8. Frase principale e frase secondaria

3.8.1. La distinzione tra frase principale e frase secondaria

La frase principale viene spesso definita come frase autonoma, vale a


dire come frase che può stare da sola:

(74) a Ich gehe nach Hause.


b Es schneit jeden Tag.
c Peter ist schlau.

In periodi complessi, però, possono comparire frasi principali che non


hanno questa totale autonomia:

(75) a Ich meine, dass du dich schlecht benommen hast.


b *Ich meine.
(76) a Dass du dich gut benommen hast, ist einfach nicht wahr.
b *1st einfach nicht wahr.

Dobbiamo quindi completare la nostra definizione iniziale: per "frase prin-


cipale" si intende una frase autonoma o una frase che, nel periodo complesso,
non dipende da nessun' altra frase. Per frase secondaria, invece, si intende una
frase che non può stare da sola in quanto dipende da un'altra frase nel periodo.
In tedesco, la distinzione tra frase principale e secondaria è spesso corre-
lata a una differenza nella posizione del verbo finito: la frase prinçipale pre-
senta il verbo al secondo posto (fanno eccezione le interrogative totali Geht
er nach Hause? e certe esclamative Hatte ich doch mehr Zeit!), la frase se-
condaria presenta il verbo finito all'ultimo posto (fanno eccezione alcune se-
condarie senza congiunzione come in Er glaubt, er sei krank).
In alcuni casi non è facile stabilire se ci troviamo di fronte a una princi-
pale o una secondaria. Prendiamo i seguenti due esempi (costruzioni di que-
sto tipo si riscontrano spesso nella lingua parlata):

115
(77) a Er ist mtide, weil er hat viel gearbeitet.
b Ich bin sehr in Eile, obwohl etwas Zeit konnte ich doch fmden.

Le congiunzioni weil e obwohl normalmente introducono frasi seconda-


rie: il verbo dovrebbe stare in ultima posizione, invece qui è collocato al se-
condo posto. Resta aperta la questione se si tratta di frasi secondarie che, ec-
cezionalmente, hanno il verbo "fuori posto" o se, proprio in virtù della posi-
zione verbale, non si tratta piuttosto di frasi principali.
Nei periodi complessi, più che di frase principale e secondaria, è il caso di
parlare di frase sovraordinata e frase subordinata. In tal modo si rende con-
to del fatto che da una frase secondaria possono dipendere altre secondarie:

(78) Es ist dumm, dass er nach Hause geht, bevor er seine Arbeit beendet hat.

La frase dass er nach Hause geht è subordinata rispetto a es ist dumm,


ma sovraordinata rispetto a bevor er seine Arbeit beendet hat. Tale gerarchia
viene evidenziata dalla prova di cancellazione. Non è infatti possibile cancel-
lare una frase sovraordinata mantenendo la rispettiva subordinata:

(79) *Es ist dumm, bevor er seine Arbeit beendet hat.

A volte non è facile stabilire quale sia la frase sovraordinata rispetto a


una determinata subordinata. Prendiamo il seguente esempio (80a) che può
aver due letture differenti (80b/c):

(80) a Brigitte fahrt nach Koln, obwohl sie mtide ist, weil sie viel Arbeit hat.
b Brigitte fahrt nach Koln, obwohl sie mtide ist, weil sie viel Arbeit hat.
c Brigitte fahrt nach Koln. obwohl sie mtide ist, weil sie viel Arbeit hat.

Nella prima lettura (80b), la frase introdotta da weil dipende dalla sola
secondaria introdotta da obwohl e indica una spiegazione per la stanchezza di
Brigitte. Nella seconda lettura (80c), invece, la frase dipende dal complesso
«frase principale + secondaria introdotta da obwohl» e contiene una spiega-
zione per il fatto che Brigitte si rechi a Colonia nonostante la sua stanchezza.
È infine interessante notare che, in racconti spontanei, le informazioni
più importanti - gli eventi che costituiscono l'ossatura del racconto - sono
quasi sempre convogliate da frasi principali, informazioni supplementari in-
vece espresse da frasi secondarie.

3.8.2. Collegamento tra frasi: coordinazione e subordinazione


L._.._ -.::ouo<O>r-dh-.o. _.z .toOIII..e. ~ ~l coll c garn.e nt.o 1..ra due frasi principali o anche tra
due frasi secondarie; in ogni caso, si tratta di due frasi dello stesso livello ge-
rarchico:

116
(81) a Er geht nach Hause un d er legt sieh ins Bett.
b Er geht nach Hause, weil er miide ist und weil er seine Arbeit beendet
hat.

Congiunzioni coordinanti sono, in tedesco, principalmente und, oder,


aber, sondern e denn e hanno un significato molto generale: additivo (und),
disgiuntivo (oder), avversativo (aber, sondern) e causale (denn). Esiste anche
la possibilità di una coordinazione senza alcuna congiunzione:

(82) Er ging nach Hause, er machte den Kiihlschrank auf, er nahm Eis heraus.

In alcuni casi, l'ordine delle due frasi coordinate può essere liberamente
modificato:

(83) a Anja ist faul und Sandra ist fleiBig.


b Sandra ist fleiBig und Anja ist faul.

In altri casi, però, l'ordine tra le due frasi è rilevante in quanto rispecchia
una sequenza temporale (84) o temporale-causale (85):

(84) a Sie ging ins Kino und sie ging indie Disco.
b Sie ging in die Disco und sie ging ins Kino.
(85) a Sie beleidigte ihren Vorgesetzten und sie wurde entlassen.
b Sie wurde entlassen und sie beleidigte ihren Vorgesetzten.

Va detto inoltre che vi può essere coordinazione non solo tra frasi ma an-
che tra costituenti:

(86) a Er kaufte Erdbeeren und Bananen.


b Das Auto ist schon aber teuer.

La subordinazione è il collegamento tra una frase - principale o secon-


daria- e una frase (secondaria) che dipende gerarchicamente dalla prima fra-
se. Proprio perché i rapporti tra le due frasi vengono esplicitati, l'ordine può
essere liberamente invertito:

(87) a Nachdem sie ins Kino gegangen ist, geht sie in die Disco.
b Sie geht in die Disco, nachdem sie ins Kino gegangen ist.

3.9. Tipologia delle frasi secondarie

Una frase secondaria può svolgere vari ruoli sintattici nel periodo com-
plesso: Soggetto, Oggetto, Attributo e Complemento avverbiale. Vediamo ora
i principali tipi di frase secondaria.

117
3.9.1. Proposizioni soggettive e proposizioni oggettive

Prendiamo dapprima in considerazione le proposizioni soggettive. Una


frase introdotta dalla generica congiunzione subordinante dass può svolgere
la funzione di Soggetto del periodo complessivo:

(88) Dass Sportwagen billig sind, stimmt nicht.

Se la proposizione soggettiva è posposta, risulta obbligatorio un prono-


me che preannunci la subordinata seguente (pronomi con rinvio in avanti so-
no detti "cataforici"). Tale pronome è quasi sempre es, ma risulta possibile
anche das:

(89) Es l das stimmt nicht, dass Sportwagen billig sind.

Passiamo ora alle proposizioni oggettive. Una secondaria introdotta da


dass può anche svolgere la funzione di Oggetto diretto:

(90) Dass du krank bist, habe ich nicht gewusst.

Come si vede dagli esempi seguenti, la proposizione oggettiva non ha bi-


sogno di essere preannunciata da un pronome cataforico:

(91) a lch habe nicht gewusst, dass du krank bis t.


b lch hoffe, dass alles gut geht.

La congiunzione dass può inoltre introdurre una frase con funzione di


Oggetto preposizionale:

(92) a Ich rechne rnit deinem Kommen . (Oggetto preposizionale)


b lch rechne darnit, dass du kommst. (proposizione oggettiva)

La presenza di un avverbio preposizionale (come ad es. damit, darauf,


davon ecc.) che funga da correlato è obbligatoria anche quando la subordina-
ta è preposta:

(93) Dass du kommst, damit rechne ich.

3.9.2. Proposizioni attributive

Abbiamo già visto che frasi relative fungono da attributo. Possiamo di-
stinguere due tipi di frasi relative: determinativa e appositiva. La relativa de-

118
terminati va contiene informazioni che servono a identificare l'antecedente
precisandone il senso:

(94) Ich treffe den Kollegen, der in Mi.inchen arbeitet.


[nel senso di: Ich treffe denjenigen Kollegen, der in Miinchen arbeitet.]

La frase ha il seguente significato: 'incontro - tra i vari miei colleghi -


quello che lavora a Monaco (e non un altro)'. La relativa appositi va fo{llisce
invece informazioni supplementari riguardo a un antecedente già identificato
uni vocamente:

(95) Ich treffe den Kollegen, der in Mi.inchen arbeitet.


[nel senso di: Ich treffe den Kollegen, der iibrigens in Miinchen arbeitet.]

3.9.3. Proposizioni avverbiali

Numerose secondarie possono fungere, infme, da Complemento avver-


biale. Vediamo ora le principali relazioni semantiche. Le frasi temporali
esprimono una relazione cronologica tra due eventi che può essere di contem-
poraneità (congiunzioni wiihrend, indem, als, solange, sobald, sowie, sooft,
wie, wenn), posteriorità (nachdem, seit, seitdem, als, sobald, sowie, wenn) e
anteriorità (bis, bevor, ehe):

(96) a Paul arbeitete, wiihrend Eva Tennis spielte. [contemporaneità]


b Paul arbeitete, nachdem Eva Tennis spielte. [posteriorità]
c Paul arbeitete, bevor Eva Tennis spielte. [anteriorità]

È da notare che alcune congiunzioni possono codificare sia contempora-


neità ('mentre') che immediata posteriorità ('subito dopo'). Sono innanzitut-
to i tempi verbali a darci indicazioni sulla rispettiva interpretazione in un de-
terminato contesto:

(97) a Er verlieB gerade das Haus, als es Alarm gab. [contemporaneità]


b Kaum hatte er das Haus verlassen, als es Alarm gab. [posteriorità]

Le frasi locative indicano un luogo in relazione a un evento (wo, wohin,


woher):

(98) a Bleib, wo du bist!


b Ich gehe, wohin du willst.

Le frasi modali descrivono le modalità con cui si svolge una determina-


ta azione o evento (indem, wie, dadurch dass, sodass, als ob) o la mancanza
di tale modalità (ohne dass, anstatt dass, statt dass):

119
(99) a Er hat ihr geholfen, indem er ihr Geld gegeben hat. [modalità
positiva]
b Er hat ihr geholfen, ohne dass er ihr Geld gegeben hat. [modalità
negativa]

Le frasi avversative esprimono un contrasto o un rapporto di incompati-


bilità (wiihrend, wogegen, wohingegen, wo, wenn):

(100) Peter ist k:lein, wahrend Hans groB ist.

Le frasi causali indicano la causa di un determinato evento o il motivo di


un'azione (weil, da, zumal, dafor dass):

(101) Weil Hans miide ist, geht er friiher nach Hause.

Le frasi finali esprimono lo scopo (l' obiettivo) di una determinata azio-


ne (dass, damit):

(102) Er geht nach Hause, damit er sich ausruhen kann.

Le frasi consecutive indicano la conseguenza di un determinato fatto o


l' effetto che ne scaturisce (dass, sodass, als dass):

(103) Karin hat langer gearbeitet, sodass sie den Zug verpasst hat.

Le frasi condizionali (facenti parte del cosiddetto periodo ipotetico)


esprimono la condizione necessaria per l'avverarsi di un determinato fatto
(wenn,Jalls, sofern, soweit). Si distingue tra ipotetica reale e irreale:

(104) a Wenn Hans miide ist, geht er friiher nach Hause.


b Wenn Hans miide gewesen ware, ware er friiher nach Hause gegangen.

Le frasi concessive descrivono una causa che si trova in contrasto con un


effetto apparentemente inatteso (obwohl, obgleich, obschon, obzwar, wenn-
gleich, auch wenn, selbst wenn, wiewohl, gleichwohl, trotzdem). Nel seguen-
te esempio, data la stanchezza di Hans, ci si aspetterebbe che andasse a casa
a riposarsi (invece resta in ufficio):

(105) Obwohl Hans miide ist, bleibt er irn Biiro.

Esistono anche concessive ipotetiche:

(106) Selbst wenn Hans miide gewesen ware, ware er im Btiro geblieben.

120
Passando in rassegna le congiunzioni dei vari tipi di frasi avverbiali,
emergono alcuni aspetti interessanti:
l) Sinonirnia tra congiunzioni. Una determinata relazione logico-seman-
tica può essere espressa da una serie di differenti congiunzioni. In alcuni ca-
si, vi sono evidenti differenze semantiche connesse alle singole congiunzioni
(così, ad esempio, obwohl introduce concessive reali e selbst wenn introduce
di regola concessive ipotetiche). In altri casi, però, si può parlare di sinonirnia
vera e propria; un esempio è dato dalle congiunzioni obwohl e obschon che
presentano differenze che si possono considerare "stilistiche" in senso lato:
obschon è meno frequente di obwohl e compare preferenzialmente in frasi se-
condarie posposte alla principale e/o prive di un verbo finito.
2) Polifunzionalità delle congiunzioni. Alcune congiunzioni possono
esprimere più di una relazione logico-semantica. Vediamo qualche esempio
in cui congiunzioni temporali assumono ulteriori significati specifici. La con-
giunzione wdhrend può essere temporale e anche avversativa:

(107) a Paul arbeitet, wlihrend Eva Tennis spielt. [temporale:


contemporaneità]
b Paul arbeitet heute, wlihrend Eva morgen arbeitet. [avversativa]

Indem può introdurre frasi temporali e modali (108a/b); wenn frasi tem-
porali e condizionali (109a/b):

(108) a lndem sie ihn ansah, belog sie ihn. [temporale:


contemporaneità]
b lndem sie ihn ansah, schi.ichterte sie ihn ein. [modale]
(109) a Wenn du nach Hause kommst, mach sofort sauber. [temporale:
contemporaneità]
b Wenn du nach Hause kamest, konntest du sofort sauber maéhen.
[condizionale l

Sia detto per inciso che anche in italiano congiunzioni temporali posso-
no codificare altre relazioni semantiche: così ad esempio mentre e quando
(contemporaneità) possono essere avversative, dal momento che (posterio-
rità) può essere causale.
3) Struttura morfologica delle congiunzioni. Una parte delle congiunzio-
ni subordinanti coincide morfologicamente con altre classi di parole (ad
esempio seit, bis e wdhrend sono anche preposizioni). La maggior parte però
consiste in formazioni complesse, la cui struttura morfologico-etimologica ri-
sulta in genere totalmente trasparente. Diffusi sono lo schema «preposizio-
ne+pronome» (indem, nachdem, seitdem, trotzdem) e l'ampliamento di una
congiunzione esistente. Un esempio di quest'ultimo procedimento è dato da
ohne dass, statt dass e sodass, formati sulla base della "congiunzione tuttofa-
re" dass.

121
Un caso interessante è costltmto poi dalle congiunzioni concessive:
wenngleich, auch wenn, selbst wenn si basano sulla congiunzione condizio-
nale wenn; obwohl, obschon, obgleich, obzwar sulla congiunzione condizio-
nale ob (un tempo largamente in uso, oggi obsoleta). Qui la struttura morto-
logico-etimologica delle congiunzioni ci indica la vicinanza delle rispettive
categorie logico-semantiche (condizionalità e concessività).

Esercizi

E 3-1: Costituenti
Individuate in base alle prove di permutazione e di sostituzione i costituenti
della frase Thomas kommt bald nach Hause e della frase Der Richter schickt
den Verbrecher ins Gefangnis!

E 3-2: Costituenti
Individuate in base alle prove di permutazione e di sostituzione i costituenti
della frase Die Mutter singt die Kinder jeden Abend in den Schlaf e della fra-
se Der Mann klopft seinem Freund voller Freude auf die Schulter!

E 3-3: Diagramma ad albero


Tracciate i rispettivi diagrammi ad albero delle frasi riportate sotto E 3-1!

E 3-4: Diagramma ad albero


Tracciate i rispettivi diagrammi ad albero delle frasi riportate sotto E 3-2!

E 3-5: Ambiguità strutturale


Individuate le ambiguità strutturali delle seguenti frasi proponendo rispettiva-
mente due diverse analisi in costituenti!
(a) An der Universitat gibt es faule Studenten und Professoren.
(b) Die Priifung besteht aus einer Hausarbeit oder einer Klausur un d einem
Kolloquium.

E 3-6: Funzioni sintattiche


Indicate le funzioni sintattiche dei vari costituenti nelle seguenti frasi!
(a) Der Chef verzeiht seinen Mitarbeitem jeden Fehler.
(b) Sie ermoglicht ihren Kindem ein sorgenfreies Leben.
(c) Die Mannschaft wartet in der Kabine auf den Beginn des Spiels.
(d) Trotz ihrer langen Nase findet sie sich schOn.

E 3-7: Funzioni semantiche


Indicate le funzioni semantiche dei vari costituenti nelle seguenti frasi!
(a) Er hilft seiner Frau in den Wagen.

122
(b) Er hat einen Brief aus Brasilien erhalten.
(c) Durch Schaden wird man klug.
(d) Er bekommt eine Uhr von seiner Freundin geschenkt.

E 3-8: Grammaticalità
Le seguenti frasi risultano grammaticalmente inaccettabili. Quali regole ven-
gono rispettivamente violate?
(a) *Sie hat schon sehr gesungen.
(b) *Alle Menschen haben auf eine bes sere Zukunft Hoffnung.
(c) *Dem Essen nach sind alle miste spazieren gegangen.

E 3-9: Grammaticalità
Le seguenti frasi risultano grammaticalmente inaccettabili. Quali regole ven-
gono rispettivamente violate?
(a) *Er hat erzahlt seiner Freundin alles.
(b) *Seiner Freundin alles hat er erzahlt.
(c) *Denn hat er seiner Freundin alles erzahlt.

E 3-10: Grammaticalità
Le seguenti frasi risultano grammaticalmente inaccettabili. Quali regole ven-
gono rispettivamente violate?
(a) *Schenkt seiner Frau einen Ring.
(b) *Stimmt nicht, dass er seiner Frau einen Ring schenkt.
(c) *Es stand zwei Manner vor der Ttir.

Bibliografia per approfondimenti

Altmann, Hans l Hahnemann, Suzan (1999). Syntax fors Examen. Studien- und
Arbeitsbuch. Wiesbaden: Westdeutscher Verlag.
Btinting, Karl-Dieter l Bergenholtz, Henning (1995 3). Einfiihrung in die Syntax.
Grundbegriffe zum Lesen einer Grammatik. Weinheim: Beltz Athenaum.
Cardinaletti, Anna l Giusti, Giuliana (1997). Problemi di sintassi tedesca. Pado-
va: Unipress.
Diirscheid, Christa (2000). Syntax: Grundlagen und Theorien. Wiesbaden: West-
deutscher Verlag.
Erben, Johannes (1997 2). Grundziige der deutschen Syntax. Berlin: Weidler.
Eroms, Hans-Wemer (2000). Syntax der deutschen Sprache. Berlin!New York:
de Gruyter.
Grewendorf, Giinther (2002). Minimalistische Syntax. Tiibingen!Basel: Francke.
Heringer, Hans-Jiirgen (1996). Deutsche Syntax Dependentiell. Tiibingen: Stauf-
fenburg.

123
Hoffmann, Ludger (a c. di) (2003). Funktionale Syntax. Die pragmatische Per-
spektive. Berlin/New York: de Gruyter.
Jacobs, Joachim et al. (a c. di) (1993). Syntax. Ein internationales Handbuch zeit-
genossischer Forschung. Berlin/New York: de Gruyter.
Klenk, Ursula (2003). Generative Syntax. Tiibingen: Narr.
Pasch, Renate et al. (2003). Handbuch der deutschen Konnektoren. Berlin/New
York: de Gruyter.
Ramers, Karl-Heinz (2000). Einjùhrung indie Syntax. Miinchen: Fink.
Wollstein-Leisten, Angelika et al. (1997). Deutsche Satzstruktur. Grundlagen der
syntaktischen Analyse. Tiibingen: Stauffenburg.

124
4. SEMANTICA

4.1. Il significato come entità linguistica


Il parlante comune si trQYa nella sitv.~z.iç.n e di s a p e r u.~o..rc. c ~n.. s i c u cc.:z.:z.u

le parole della sua lingua, ma ha difficoltà nel descrivere esattamente il loro


significato. Ciò si verifica ad esempio quando si cerca di spiegare, a una per-
sona che non conosce bene l'italiano, il significato di parole come sedia, bu-
gia o pace. Sussiste quindi una evidente discrepanza tra conoscenza implici-
ta e conoscenza esplicita della propria lingua.

4.1.1. Il significato è qualcosa che fa parte della lingua

La natura del significato emerge innanzitutto dalla sua rete di rapporti


con il significante da una parte e il referente dall'altra (come esemplificato
dal cosiddetto "triangolo semiotico"):

significato

significante referente

Fig. 4.1. Triangolo semiotico

Nella terminologia saussuriana, il segno linguistico è un'entità a due facce


consistente in significato e significante, vale a dire in un concetto (il contenuto)
e un'immagine acustica (la forma). L'associazione di un significato a un signi-
ficante è arbitraria. Ciò risulta evidente dal confronto tra lingue diverse. Uno
stesso significato, ad esempio il numerale '10', viene reso da significanti diver-
si: in italiano da [dietJi], in tedesco da [tse:n], in inglese da [ten] ecc.).

125
n significato è un'entità che fa parte della lingua e va pertanto distinto dal
referente. n significato è un'entità mentale, un'idea, un'immagine astratta,
mentre il referente è un entità extralinguistica, l'oggetto (in senso lato) a cui
una parola fa riferimento. Cerchiamo di comprendere meglio questa differenza
prendendo come esempio la parola sedia: il significato è il concetto di "sedia",
il referente è una ben specifica sedia di cui si parla in un determinato contesto.
Osserviamo ora la seguente sequenza di immagini che raffigurano ogget-
ti su cui sedersi:

Fig. 4.2. Oggetti su cui sedersi


[fonte: Gipper, Helmut (1978 2). Denken ohne Sprache ? Diisseldorf: Schwann, p. 90]

126
Cercando di denominare i vari oggetti, si vedrà come la parola sedia ha
un significato talmente generico e sottospecificato da permettere di applicare
la parola a tutta una serie di oggetti tra loro anche notevolmente diversi (si
pensi ad esempio alle raffigurazioni n. 2, 8, 14, 21 e 23).
La differenza tra significato e referente diventa evidente quando parole
distinte si rapportano a uno stesso referente o descrivono la stessa situazione
extralinguistica. Così, ad esempio, le espressioni il vincitore di Austerlitz e lo
sconfitto di Waterloo si riferiscono entrambe alla persona di Napoleone, ma
ciò non vuol dire assolutamente che le parole vincitore e sconfitto abbiano lo
stesso significato. Posso riferirmi a un cane pastore tedesco con le espressio-
ni - tutte dal significato diverso - Tier, Hund, Schiiferhund, deutscher Schii-
ferhund (con vari gradi di precisione), oppure spregiativamente con Biest
('bestiaccia' ) o KOter ('cagnaccio').
Le frasi Das Hochhaus steht am Rhein e Das Hochhaus liegt am Rhein
descrivono lo stesso dato di fatto ('il grattacielo si trova sul Reno'), ma i ver-
bi stehen (lett. 'essere in piedi' ) e liegen (lett. 'essere sdraiati') hanno signifi-
cato opposto. Lo stesso discorso si può fare per le frasi Er kam fiir drei l ah-
re ins Gefiingnis l Er ging fiir drei Jahre ins Gefiingnis ('è andato in prigione
per tre anni' ) e i rispettivi verbi kommen ('venire') e gehen ('andare').

4.1.2. Il significato è un'entità relativa

Il significato non è un'entità assoluta e autosufficiente, un attributo in-


trinseco che necessariamente e immutabilmente appartiene a una parola. Il si-
gnificato di una determinata parola, invece, dipende dal significato di altre
parole: così il significato di sedia è collegato a quello di poltrona, seggiola,
sedile, sgabello e così via; il significato di bugia a quello di verità, di pace a
quello di guerra ecc.
Un caso interessante è dato anche dalle denominazioni dei colori nelle
varie lingue. Vi sono lingue che hanno ad esempio tre espressioni soltanto
('bianco' , 'nero', 'rosso') e lingue- come l'italiano- che ne hanno molte di
più ('giallo', 'arancione' , 'marrone', 'verde', 'blu', 'grigio' ecc.). Pertanto è
evidente che un 'rosso' su una scala di tre colori copre una porzione dello
spettro cromatico molto più ampia rispetto a un 'rosso' su una scala di una
decina di colori e così via.

4.1.3. Il significato è collegato ali 'uso delle parole

È facile notare come il significato di una parola cambi a seconda della si-
tuazione e del contesto linguistico. Facciamo qualche esempio. La parola ita-
liana bravo ha significati diversi in espressioni come un bravo medico, una
brava persona, una notte brava, farsi una brava passeggiata ecc. Una stessa

127
espressione - come l'esclamazione bravo! - può significare approvazione o
(ironica) disapprovazione.
Ma sarebbe riduttivo limitare il significato di una parola alla somma del-
le sue condizioni d'uso. Vi è infatti quasi sempre una costante di significato,
e ciò garantisce il successo della comunicazione tra i vari parlanti. Inoltre
possiamo comprendere una parola anche fuori da ogni contesto.

4.1.4. Esistono diversi tipi di significato

Già queste prime considerazioni ci hanno mostrato che il significato è


qualcosa di assai complesso. Una più approfondita riflessione ci porta a di-
stinguere almeno i seguenti aspetti del significato: l) denotativo e connotati-
vo; 2) letterale e situazionale; 3) lessicale e grammaticale.
La prima distinzione è quella tra significato denotativo e connotativo. Il
significato denotativo è il significato di base, descrittivo e fattuale (per es.
notte: 'lasso di tempo che va dal tramonto all'alba'). È simile per tutti i par-
lanti e ha pertanto un carattere "oggettivo".
Il significato connotativo è invece l'aspetto emotivo e comprende le as-
sociazioni di idee connesse a quella parola (per es. notte: 'paura, solitudine,
situazione romantica'). Esso varia molto da persona a persona e ha pertanto
un carattere "soggettivo". Il significato connotativo di una parola o espres-
sione è altresì il suo aspetto "stilistico" in senso lato. Le connotazioni posso-
no riguardare:
-il registro della lingua (così, ad esempio, sterben è un'espressione neu-
tra, entschlafen fa parte del registro alto, abkratzen è colloquiale e verrecken
è volgare);
- la dimensione sociale (ad es. geillett. 'libidinoso', nel linguaggio dei
giovani è usato nel senso generale di 'bello, emozionante'; l'abbreviazione
Profper Professor/Professorin è tipica del linguaggio studentesco);
-la dimensione regionale (Velo per Fahrrad 'bicicletta' è caratteristico
del tedesco svizzero, Rundstiick per Bratchen 'panino' è diffuso nella Ger-
mania settentrionale, Schwammerl per Pilz 'fungo' è specifico della Germa-
nia meridionale e dell'Austria);
- la dimensione funzionale: alcune parole sono tipiche del linguaggio
burocratico (Personenkraftwagen al posto di Auto e Fahrerlaubnis al posto di
Fiihrerschein), del linguaggio tecnico-scientifico (Anorexie in luogo di Ma-
gersucht ecc.) o del linguaggio letterario (la preposizione causale ob in luogo
del diffuso wegen);
- la dimensione temporale: parole ormai desuete (come Oheim 'zio',
weiland 'prima, un tempo' o come Rock nel senso di 'veste, abito, giacca') si
oppongono a parole recentemente entrate nell'uso e perciò all'ultima moda
(come Abzocke, Billigflieger, Dosenpfand, Kollateralschaden);

128
-la dimensione valutativa: una connotazione positiva hanno ad esempio
le parole formate con i prefissoidi accrescitivi Mega- o Super- (Megakonzert,
Superkonzert), una connotazione negativa le parole formate con i prefissoidi
accrescitivi Marathon- o Mammut- (Marathonrede, Mammutkonzem).
La seconda distinzione è quella tra significato letterale da una parte e si-
gnificato situazionale (in senso lato) dall'altra. Il significato letterale è co-
stante e costituisce una componente presente in tutte le situazioni d' uso; il si-
gnificato situazionale varia invece. Prendiamo la frase Hier wird Deutsch ge-
spro_chen che può comparire in contesti situazionali diversi (S l , S2, S3):

- S l: un cartello esposto ali' entrata di un negozio;


- S2: una frase detta a qualcuno che va ad aggiungersi a un gruppo di persone
che conversano a un party;
- S3: una frase usata dall'insegnante di tedesco durante la sua lezione.

Il significato letterale, presente in tutti e tre i contesti, si può parafrasare


con 'un determinato numero di persone conversa in lingua tedesca', mentre
fanno parte del (variabile e contingente) significato situazionale altre compo-
nenti di significato: il fatto che il parlante intenda la frase come informazio-
ne (S l e S2) o come esortazione (S3); il fatto che l'uso del tedesco da parte
dell' ascoltatore sia gradito (S2), obbligatorio (S3) o invece totalmente irrile-
vante (Sl); il fatto che l'espressione abbia validità temporanea (S2, S3) o per-
manente (Sl).
La terza distinzione è quella tra significato lessicale e grammaticale. Il
significato lessicale è un significato "pieno" che si riferisce a entità del mon-
do esterno (come nel caso di Hund, beifien, grojJ, Liebe ecc.), mentre il signi-
ficato grammaticale è più astratto e comprende le tradizionali categorie gram-
maticali come genere, caso, numero, persona, tempo, modo e aspetto. Il si-
gnificato grammaticale è pertanto prettamente relazionale: la sua funzione è
quella di mettere in relazione elementi della lingua stessa come ad esempio
parole all'interno di sintagrni o frasi.
Singoli elementi della lingua possono contenere, in rapporto variabile, i
due tipi di significato. Le parole appartenenti alle classi lessicali (nomi, ver-
bi, aggettivi, avverbi) hanno esclusivamente o prevalentemente un significa-
to lessicale (solo alcuni avverbi come ad es. morgen o gerade possiedono, ol-
tre a quello lessicale, anche un significato grammaticale di tipo temporale-
aspettuale). Le parole appartenenti alle classi funzionali (in primo luogo pre-
posizioni e congiunzioni) hanno esclusivamente o prevalentemente un signi-
ficato grammaticale: esclusivamente ad es. nel caso di congiunzioni "vuote"
come dass e ob, prevalentemente nel caso di tutte le altre congiunzioni (come
ad es. weil e obwohl con significato rispettivamente causale e concessivo). I
morferni legati, infine, hanno in genere significato grammaticale (per es. i
morferni della flessione verbale); in alcuni casi possiedono però anche signi-

129
ficato lessicale (si pensi ai morfemi diminutivi -chen e -lein, ricchi di valori
connotativi).
È interessante notare storicamente il passaggio dal significato lessicale a
quello grammaticale. Così ad es. in tutta una serie di formazioni la parola
Bombe ha perso il suo significato lessicale per assumere un significato gram-
maticale (cfr. 2.6.5): da parola autonoma è diventata prefissoide di tipo ac-
crescitivo (Bombengeschiift, Bombenwirkung ecc.).

4.2. Relazioni semantiche tra parole

4.2.1. Sinonimia

La sinonimia è la relazione semantica che sussiste tra parole che hanno


lo stesso significato o comunque un significato molto simile. Si può distin-
guere tra sinonimia in senso stretto (due parole hanno lo stesso significato de-
notativo e connotativo) e sinonimia in senso lato (stesso significato denotati-
vo, ma diverso significato connotativo).
Consideriamo dapprima la sinonimia in senso stretto (detta anche sino-
nimia totale). Sinonimia in senso stretto vuoi dire che le rispettive parole ri-
sultano reciprocamente sostituibili in tutti i possibili contesti d'uso. Le due
parole sono totalmente intercambiabili.
La sinonimia totale è un fenomeno molto raro nella lingua quotidiana (un
esempio è dato dalle preposizioni italiane tra e fra o dalle forme tedesche Fri-
sose e Frisorin 'parrucchiera'), ma abbastanza diffuso nei cosiddetti linguag-
gi settoriali che si occupano di questioni "tecniche", come ad es. quello
dell'economia o dell'informatica (si vedano le coppie di parole computer ed
elaboratore, disco fisso e disco rigido, dischetto e floppy, internet e rete). Ve-
diamo ora qualche esempio tedesco preso dal settore informatico:

Computer Rechner 'computer'


Arbeitsspeicher Hauptspeicher 'RAM'

A volte, una parola è usata in alternativa a una sua forma abbreviata:

Diskettenlaufwerk Laufwerk 'drive'


Festplattenlaufwerk Festplatte · 'disco fisso'

Il più delle volte, una parola tedesca viene usata accanto alla parola pre-
sa in prestito dali' inglese:

Bereitschaftszeichen Prompt 'prompt'


Schnittstelle Port 'porta'

130
Mutterplatine Motherboard 'scheda madre'
Prozessor CPU 'processare'
Steckplatz Slot 'slot'
Diskette Floppy 'dischetto'
Eingabe-Taste Return-Taste '(tasto di) invio'
Magnetbandspeicher Streamer 'streamer'
Drucker Printer 'stampante'
Bildschirm Display 'schermo'
(Maus-)Zeiger Cursor 'cursore'

Sinonimi totali sono frequenti anche nel linguaggio sportivo. Prendiamo


qualche espressione che si riferisce al tennis:

Schmetterball Ùberkoptball 'smash'


Flugball Volleyball 'volée'
Aufschlag Servi ce 'servizio'
aufschlagen servieren 'servire'
Unterschnitt Siice 'siice'
Gewinnschlag Winner 'colpo vincente'

Tranne che nel primo esempio, abbiamo sempre una forma tedesca che si
oppone a una forma inglese (o adattata dall'inglese). Ancora qualche altro
esempio preso dallo sport:

Aufwiirtshaken Uppercut 'gancio'


Niederschlag Knockdown 'atterramento'
Torwart l Torhiiter Schlussmann 'portiere'

??? Perché sono proprio i linguaggi settoriali ad avere un numero abbastanza ri-
levante di sinonimi totali?

Analizziamo ora la sinonimia in senso lato (detta anche sinonimia par-


ziale). Sinonimi parziali sono parole che coincidono nel loro significato de-
notativo, ma non in quello connotativo. La sinonimia è valida solo per alcuni
dei possibili contesti d'uso: l'intercambiabilità delle due parole è limitata da
notevoli restrizioni.
Consideriamo dapprima differenze di registro. In alcuni casi, due sinoni-
mi si possono differenziare per una connotazione neutro-impersonale opposta
a una connotazione familiare-affettiva (accanto alle connotazioni di registro
troviamo quindi anche connotazioni valutative). Ciò si vede molto bene con i
nomi di parentela:

Vater Papa l Papi 'padre' l 'papà'


Mutter Mutti l Mama 'madre' l 'mamma'

131
GroBvater Opa l Opi 'nonno'
GroBmutter Orna/ Orni 'nonna'

In altri casi, a una parola neutra si oppone una serie di parole decisa-
mente colloquiali. Alle connotazioni di registro (neutro/colloquiale) spesso
sono connesse anche connotazioni sociali. Parole tipicamente colloquiali so-
no ad es. diffuse tra le denominazioni delle parti del corpo umano oppure tra
espressioni nell'ambito del denaro:

M un d Klappe l Maul l Fresse l Rand


Han d Patsche l Pfote l Pranke l Flosse
Gel d Knete l Zaster l Moos l Kohle l Kroten l Piepen l Moneten l Mause
geizig knauserig l knickerig l kniepig

Per altre parole ancora, un'espressione neutra si oppone a un'espressio-


ne "alta" o leggermente aulica. Qui le connotazioni di registro si ricollegano
a connotazioni temporali in quanto espressioni "alte" sono spesso anche leg-
germente obsolete:

Raum Gemach 'stanza'


obwohl obzwar 'benché'

Va notato che il proliferare di sinonimi di registro, in determinati ambiti,


è dovuto agli eufemismi, utilizzati per evitare di "chiamare le cose per no-
me". Un tipico esempio è dato dalle parole indicanti la morte:

sterben einschlafen l die Augen schlieBen l gehen l heimgehen l erlost


werden

??? Che cosa significano letteralmente tali espressioni eufemistiche e quali im-
magini sono alla loro base?

Passiamo ora ai sinonimi che si differenziano per una diversa connota-


zione regionale. Tali sinonimi vengono anche chiamati "geosinonimi":

Samstag Sonnabend 'sabato'


Fasching Karneval 'carnevale'
Fleischer Metzger 'macellaio'
Treppe Stiege 'scala'
Guten Tag! GrliB Gott! 'buon giorno'

??? Qual è la rispettiva diffusione regionale di queste parole? Cercate di ottene-


re informazioni in merito consultando un dizionario o un atlante della lingua te-
desca!

132
Consideriamo infine i sinonimi che si differenziano per connotazioni
funzionali. Diffuso è il caso di coppie di parole in cui la prima appartiene al-
la lingua comune, la seconda al linguaggio tecnico-scientifico (come Brief-
marke e Postwertzeichen per 'francobollo'). Prendiamo qualche esempio dal
campo della medicina:

Gehirnentztindung Enzephalitis 'encefali te'


Fallsucht Epilepsie 'epilessia'
Kurzsichtigkeit Myopie 'miopia'
Nesselfieber Urtikaria 'orticaria'
Muttermal Naevus 'neo'
Kehlkopfentztindung Laryngitis 'laringite'
Bluthochdruck Hypertonie 'ipertensione'
Blutarmut Anarni e 'anemia'
Leberentziindung Hepatitis 'epatite'

Abbiamo basato la nostra definizione di "sinonimo" sulla sostituibilità


(totale/parziale) delle rispettive parole in determinati contesti. Va però tenuto
conto del fatto che talvolta parole non aventi apparentemente alcuna somi-
glianza semantica possono, in contesti ben specifici, essere sostituibili a vi-
cenda (così ad es. i verbi stehen e liegen nel già citato esempio Das Hochhaus
stehtlliegt am Rhein). In questi casi, ovviamente, non ha senso parlare di si-
nonimia.

4.2.2. Opposizione

Si possono distinguere tre tipi di opposizione semantica: complementa-


rità, antonimia e inversione. Consideriamo dapprima la complementarità.
Sussiste un rapporto di complementarità semantica (chiamata anche 'contrad-
dizione') quando una determinata parola è in sinonirnia con la negazione
dell'altra. Così ad es. vivo e morto: vivo vuol dire 'non morto', morto vuol di-
re 'non vivo'. Facciamo qualche esempio tedesco:

tot lebendig
mannlich weiblich
verheiratet unverheiratet
schweigen sprechen

In relazione a una determinata categoria (per es. «esistenza in vita» o


«Stato civile»), i due sostantivi che sono in rapporto di complementarità co-
prono l'intero spettro delle possibilità. Non vi è una "via di mezzo": un esse-
re vivente è o vivo o morto, un uomo è o coniugato o non coniugato ecc. Pro-
prio per questa ragione aggettivi complementari non sono graduabili (*ziem-

133
lich tot sein 'essere abbastanza morto') e non risultano possibili forme di
comparaziOne:

(l) a *Der Fisch hier ist Jebendiger als der andere.


b *Peter ist verheirateter als Hans.

??? Come si spiegano apparenti eccezioni quale la frase tedesca Wir haben eine
lebendigere Demokratie als noch vor zwanzig Jahren oppure espressioni italia-
ne quali mezzo morto o sposatissimo?

Interessante è il caso in cui determinate parole risultano complementari


solamente in alcuni contesti ma non in altri. Un esempio sono i verbi gewin-
nen e verlieren. Nel caso di alcuni tipi di sport sussiste il rapporto di comple-
mentarità (per es. per il tennis), mentre per altri esiste anche la possibilità di
un pari (calcio, pugilato, scacchi).
Passiamo ora all'antonimia. Vi è un rapporto di antonimia quando due
parole si riferiscono a due opposti settori su una scala di valori. L' opposizio-
ne è quindi inserita in una dimensione graduale (per es. caldo-freddo):

warm kalt
groB klein
gut schlecht
schon · hasslich
jung alt
rei ch arm

Tra i due antonimi esiste un settore intermedio, e sono possibili varie


gradazioni (tra caldo e freddo vi è ad esempio tiepido o temperato). Così, la
negazione di warm 'caldo' non è necessariamente kalt 'freddo' (in quanto la
temperatura potrebbe anche essere lau 'tiepido'). Aggettivi in un rapporto di
antonimia sono graduabili (ziemlich warm sein) e sono possibili forme di
comparazione (Das Wasser ist wiirmer als gestern).
Le relative posizioni sulla scala non sono assolute ma dipendenti dal
contesto (un topo grande è sempre più piccolo di un elefante piccolo). Questi
aggettivi si riferiscono infatti a una norma: dire che un topo è grande equiva-
le all'affermazione che un topo è grande per essere un topo ecc. Simile è il
significato delle parole ricco e povero: chi nella nostra società ha un reddito
mensile di 500 euro è povero, ma potrebbe essere ricco in un paese del terzo
mondo.
Gli antonimi designano, come è stato detto, settori opposti sulla scala -
ma non necessariamente i punti estremi. Così, ad esempio, l'acqua può esse-
re più calda di warm (cioè heijJ); un oggetto può essere più grande del sem-
plice groj3 (cioè riesengroj3), una donna più bella di schon (bildschOn) o più
ricca di reich (steinreich) ecc.

134
Consideriamo infine l'inversione. Due parole si trovano in un rapporto
di inversione quando descrivono lo stesso processo o lo stesso dato di fatto da
due punti di vista opposti (ad es. vendere e comprare):

verkaufen kaufen
lehren lernen
Vater Sohn
Ehemann Ehefrau
rechts links
ti ber unter

Pertanto, Peter verkauft Maria das Buch è equivalente a Maria kauft das
Buch von Peter, Hans ist der Vater von Karl è equivalente a Karl ist der Sohn
von Hans, die Kirche ist rechts von dem Rathaus a das Rathaus ist links von
der Kirche ecc. La differenza tra antonimia e inversione può essere eviden-
ziata tramite una semplice prova. Prendiamo la coppia di parole oppositive
lieben e hassen e formiamo le seguenti frasi:

(2) Peter liebt Maria. "# Maria hasst Peter.

I verbi lieben e hassen sono in un rapporto di antonimia (e non di inver-


sione) in quanto le due frasi non risultano semanticamente equivalenti.

4.2.3. Inclusione semantica: iponimia

Il rapporto di inclusione semantica tra parole è chiamato iponimia. Si


tratta di una forma di subordinazione semantica nel senso che il significato di
una parola è più specifico rispetto a quello di un'altra parola. Prendiamo ad
es. le parole mela e frutto: la prima parola (detta anche iponimo) ha un signi-
ficato più ristretto rispetto alla seconda (detta anche iperonimo). Si può in-
fatti dire che la mela è un tipo di frutto. Assieme a mela, le parole pera, pe-
sca e albicocca sono sullo stesso livello di specificità rispetto all'iperonimo
frutto: queste parole sono pertanto dette "co-iponimi".
L'iponimia è una relazione asimmetrica: ogni mela è un frutto, ma non
viceversa (è falso affermare che ogni frutto è una mela). La mela possiede tut-
te le caratteristiche del frutto, ma non viceversa. Vediamo qualche altro esem-
pio di iponimia:

- Sportwagen 'sportiva', Limousine 'berlina', Cab rio 'cabriolet' , Kombi 'station


wagon', Geliindewagen 'fuoristrada' ecc. rispetto a Auto 'automobile' ;
- Rose 'rosa', Tulpe ' tulipano', Nelke 'garofano' ecc. rispetto a Blume 'fiore ' ;
- Blume 'fiore ' , Baum 'albero' , Strauch 'cespuglio' , Kraut 'erba' ecc. rispetto a
Pflanze 'pianta' ;

135
- Hund 'cane', Katze 'gatto', Pferd 'cavallo' ecc. rispetto a Vierbeiner 'quadru-
pede';
- Vierbeiner 'quadrupede', Fisch 'pesce', Vogel 'uccello' ecc. rispetto a Tier
'animale'.

Questi ultimi esempi ci indicano che, in un determinato ambito semanti-


co, vi possono essere più livelli gerarchici che si basano sulla rispettiva in-
clusione semantica (Rose< Blume < Pflanze ecc.; Hund < Vierbeiner < Tier
ecc.). Queste classificazioni contenenti vari livelli gerarchici si chiamano
"tassonomie".

??? Provate a costruire, per l'italiano e per il tedesco, una tassonomia rispetti-
vamente per le piante e per gli animali. Considerate che queste classificazioni
non necessariamente coincidono con il sistema di denominazioni scientifiche e
possono anche variare da persona a persona. Discutete quali fattori influiscono
su questa variazione!

4.2.4. Altri rapporti

Esistono numerosi altri tipi di rapporto semantico tra parole. In questa


sede, vogliamo menzionarne brevemente soltanto due: incoatività e causati-
vità. Entrambi riguardano la classe di parole dei verbi. Nel caso dell'incoati-
vità, un verbo descrive la fase iniziale di un'azione, processo o stato codifi-
cati da un altro verbo: così ad esempio nascere e vivere (in quanto nascere
equivale a 'iniziare a vivere'); oppure avviarsi e andare (in quanto avviarsi
equivale a 'iniziare ad andare'). Vediamo qualche esempio tedesco in cui il
prefisso verbale convoglia il significato incoativo:

verbo incoativo
schlafen einschlafen
fahren losfahren
drehen andrehen
bliihen aufbliiben

Esiste un rapporto di causatività tra due verbi quando il primo verbo si


riferisce al prodotto dell'azione descritta dal secondo verbo. Esempi sono
morire e uccidere, in quanto uccidere equivale a 'causare il morire'. Vediamo
qualche verbo tedesco:

verbo causativo
sterben toten
sehen zeigen
stehen stellen
liegen legen

136
Si noti che il verbo causativo (tOten ecc.) è sempre transitivo, mentre
l'altro verbo può anche essere intransitivo.

4.3. Il campo semantico

Abbiamo detto inizialmente che il significato non è una proprietà intrin-


seca di una parola, ma si costituisce nel concerto con i significati di altre pa-
role. Un gruppo di parole semanticamente simili è chiamato campo semanti-
co o campo lessicale. Facciamo subito un esempio italiano:

bello, grazioso, ameno, carino, piacevole, gradevole, meraviglioso

n campo semantico è una struttura a dipendenza reciproca, in quanto co-


stituisce un insieme di parole che si delimitano a vicenda. Si tratta di parole
che hanno in qualche modo attinenza con uno stesso concetto (in questo
esempio: la bellezza). Il campo semantico è stato paragonato a un mosaico:
ogni parola corrisponde a un tassello, e ogni tassello è delimitato dai tasselli
vicini in modo da ricoprire tutta una zona di significato. A volte, viene usata
anche un'immagine più "dinamica": il campo semantico è stato paragonato a
una serie di riflettori che devono illuminare un determinato settore; ogni fa-
scio di luce, alla fine, trova la sua collocazione in sintonia con tutti gli altri ri-
flettori. In sintesi, possiamo definire il campo semantico come un sottosiste-
ma lessicale, con parole appartenenti tutte alla stessa classe grammaticale.
Il significato di una parola deriva quindi dall'insieme delle parole "im-
parentate". Il campo semantico è ben presente nella coscienza del parlante:
per spiegare una determinata parola, il parlante usa in genere un'altra parola
appartenente allo stesso campo.
Prendiamo come ulteriore esempio i voti scolastici tedeschi. Nel corso
degli anni, si sono susseguiti i seguenti sistemi di votazione: .

sehr gut gut geniigend mangelhaft


sehr gut gut geniigend mangelhaft ungeniigend
sehr gut gut befriedigend ausreichend mangelhaft ungeniigend

È interessante notare come i singoli valori cambino a seconda che ab-


biamo una scala di quattro, cinque o sei voti complessivi. Il voto sehr gut, ad
es., è sempre il voto più alto, ma il suo valore aumenta man mano che è se-
guito da un numero crescente di voti. n valore dei singoli voti, inoltre, non è
sempre derivabile dal significato letterale delle rispettive denominazioni.
Mangelhaft come voto è "insufficiente", letteralmente significa però 'difetto-
so' (si pensi che anche compiti "buoni" o addirittura "ottimi" presentano dei
'difetti').

137
??? I voti scolastici tedeschi vanno da l (massimo) a 6 (minimo), quelli italiani
da O (minimo) a 10 (massimo). Volendo convertire un voto tedesco in un voto
italiano (o viceversa), quali difficoltà si incontrano?

Consideriamo ora il campo semantico costituito dagli aggettivi denotan-


ti qualità intellettive:

aufgeweckt, befahi.gt, begabt, clever, gebildet, geistreich, geistvoll, genial, geris-


sen, gescheit, intelligent, helle, klug, kreativ, scharfsinnig, schlagfertig, schlau,
talentiert, tiefsinnig, verniinftig, verstandig, weise

Le parole del campo semantico differiscono in parte per il loro significa-


to denotativo (ad es. weise 'saggio' e schlau 'astuto' denotano chiaramente
facoltà intellettive diverse), in parte per il loro significato connotativo (helle
è colloquiale rispetto a aufgeweckt ecc.). Si noti che le rispettive spiegazioni
nei dizionari sono spesso circolari: così può capitare ad esempio che klug
venga spiegato con 'schlau' e schlau con 'k:lug'.
Per determinare più precisamente il significato di una parola all'interno
del campo semantico non basta quindi l'intuizione, ma servono prove siste-
matiche. Per individuare differenze di significato tra parole semanticamente
simili, in linguistica vengono usati innanzitutto due procedimenti: la prova di
sostituzione e la prova di distribuzione. Le illustreremo brevemente partendo
dal campo semantico della "retribuzione":

Gehalt, Lohn, Stipendium, Sold, Besoldung, Vergiitung, Beihilfe, Honorar, Ren-


te, Diaten, Gage, Heuer

Con la prova di sostituzione, si fornisce un contesto alla parola forman-


do una frase completa. Successivamente si sostituisce la parola in questione
con un'altra parola del campo semantico e si accerta se la frase è semantica-
mente corretta o meno:

(3) Das Honorar l *der Lohn l *der Sold eines guten Anwalts ist kaum zu
bezahlen.
(4) Das Gehalt l die Besoldung eines Universitatsprofessors ist in
Deutschland hoher als in Italien.

Se la prova dà esito positivo (come nell'ultimo esempio), siamo in pre-


senza di sinonimi parziali. Sarà quindi nostro compito determinare tutti i con-
testi in cui le due parole sono rispettivamente sostituibili e non sostituibili.
Più alto è il numero dei contesti di sostituibilità, più grande è la vicinanza se-
mantica tra le due parole.

138
La seconda prova è quella di distribuzione. Vengono analizzati tutti i
contesti in cui compare una determinata parola (per es. tutti i possibili usi di
Honorar):

(5) Das Honorar eines guten Anwalts l Arztes l Schriftstellers l


Sachverstlindigen l *Elektrikers l *Schusters ist kaum zu bezahlen.

4.4. I tratti semantici

4.4.1. Principali caratteristiche dei tratti semantici

Un ulteriore metodo per determinare differenze di significato è il ricorso


ai cosiddetti tratti semantici. Nel capitolo dedicato alla fonologia (cfr. 1.4.4.),
abbiamo visto che ogni fonema si lascia descrivere come un fascio di tratti di-
stintivi, atti a distinguerlo dagli altri fonemi. Nella semantica cosiddetta
"strutturale", si è cercato di applicare l'analisi in tratti fonologici al lessico. Si
parte dal presupposto che il contenuto di un lessema è scomponibile in una
serie di tratti semantici, veri e propri atomi di significato. Sono i tratti se-
mantici che distinguono le parole: così ad esempio Mann e Frau si differen-
ziano per il tratto [±maschile] (o, se vogliamo, per [±femminile]), Mann e
Hund per [±umano], Manne Miinnlichkeit per [±astratto] ecc.
Quando si parla di tratti bisogna distinguere tra "lingua" (il fenomeno
che stiamo descrivendo) e "metalingua" (i mezzi che usiamo per la descrizio-
ne). La metalingua può consistere in un codice qualsiasi (per es. simboli gra-
fici), ma più spesso- per necessità- si usa la lingua stessa. Il tratto [umano],
pertanto, non è da confondere con la parola umano: il tratto è una caratteristi-
ca ben precisa a livello sub-lessematico mentre umano è un lessema, vale a
dire una parola che ha un'intera gamma di significati ed è pertanto vaga co-
me tutte le parole di una lingua naturale.
Esistono principalmente due tipi di tratti: tratti denotativi (che si riferi-
scono al significato logico-concettuale, cioè alle caratteristiche immanenti
del referente) e tratti connotativi (riguardanti l'appartenenza di parole a regi-
stri particolari, la frequenza d'uso, la situazione comunicativa ecc.). Così ad
es. Vater e Mutter si distinguono per il tratto denotativo [±maschile], Vater e
Papa/Papi per i tratti connotativi [colloquiale] e [affettivo]. Lo stesso vale
per la coppia Mutter e Mutti.
La semantica strutturale si pone essenzialmente come obiettivi l'econo-
mia e l'universalità: l) economia in quanto si vuole descrivere il lessico (o
parte di esso) con pochi tratti che si ritrovano nel significato di numerose pa-
role (così ad es. il tratto [+maschile] fa parte non solo di Mann, ma anche di
Sohn, Vater, Rentner, Hahn, Bulle ecc.); 2) universalità in quanto i tratti sono
presenti in lessemi di molte lingue (se non di tutte).

139
4.4.2. Individuazione dei tratti all'interno del campo semantico

Tre metodi portano all'individuazione dei tratti semantici distintivi vali-


di per un determinato campo semantico:
l) cercare coppie oppositive (cioè individuare parole che si trovano in
opposizione immediata fra loro);
2) cercare relazioni implicative (cioè individuare co-iponimi riconduci-
bili a uno stesso iperonimo);
3) aggiungere complementi modali, al fine di verificare la presenza di
determinati tratti semantici in un lessema.
Il primo metodo è il più importante e si applica a tutti i campi semantici,
il secondo alla maggior parte, il terzo può essere utilizzato solamente in spe-
cifici casi. Esemplificheremo i tre metodi analizzando altrettanti campi se-
mantici: i nomi di parentela, i mezzi di locomozione e i verbi di movimento.
Consideriamo dapprima il campo semantico dei nomi di parentela, che
comprende almeno le seguenti parole:

Vater, Mutter, Bruder, Schwester, Sohn, Tochter, Onkel, Tante, Cousin, Cousine,
Neffe, Nichte, GroBvater, GroBmutter, GroBonkel, GroBtante

Stabilendo coppie oppositive si possono individuare i tratti semantici di-


stintivi del campo: Vater [+maschile], Mutter [-maschile]. Finora abbiamo
trovato una sola caratteristica di Vater. Allargando gradualmente la serie di
parole da prendere in considerazione (vale a dire opponendo Vater ad altre
parole del campo semantico ), si troveranno ulteriori caratteristiche. Vediamo
dapprima la coppia Vater e Sohn. Entrambi sono [+maschile]; in altre parole,
il tratto in questione non serve a differenziare i due lessemi. Ciò che li oppo-
ne, invece, è il rapporto di paternità, vale a dire un rapporto di generazione
che possiamo etichettare mediante il tratto [ascendente]: Vater [+ascendente],
Sohn [-ascendente].
Consideriamo ora la coppia Vater e Groj3vater. Entrambi i nomi sono
[+maschile] e [+ascendente], ciò che li differenzia è il numero di generazioni
rispetto al punto di riferimento costituito dall'Ego: una per Vater, due per
Groj3vater. Possiamo pertanto attribuire a Vater il tratto [+di primo grado], a
Groj3vater [-di primo grado].
Vediamo infine la coppia Groj3vater e Groj3onkel. Entrambi presentano il
fascio di tratti [+maschile], [+ascendente], [-di primo grado]. Per distinguer-
li, serve un ulteriore tratto che possiamo chiamare [in linea diretta]. Si nota
quindi che, aumentando il numero delle coppie prese in considerazione, au-
mentano anche i tratti distintivi rilevanti.

??? Prendendo in considerazione gli altri lesserni del campo, quali ulteriori trat-
ti semantici si rivelano distintivi?

140
Passiamo ora al campo semantico dei mezzi di locomozione che com-
prende numerosissirni lesserni. Qui una piccola selezione:

Auto, Limousine, Sportwagen, Cabrio, Kombi, Coupé, Gelandewagen, Rennwa-


gen, Taxi; Transporter, Lastwagen, Lieferwagen, Sattelschlepper; Zweirad, Mo-
torrad, Mofa, Motorroller; Bus; Zug, StraBenbahn; Flugzeug, Hubschrauber;
Schiff, Boot, Flihre, Kanu, Segelschiff; Fahrrad, Roller, Kutsche; Panzer, Walze,
Trak:tor

Anche in questo caso la ricerca delle coppie oppositive costituisce il


principale metodo per l'individuazione dei tratti. Vediamo alcune coppie op-
positive e il relativo tratto distintivo:

Auto Motorrad [±quattro ruote]


Auto Taxi [±privato]
Auto Lieferwagen [±trasporto persone]
Auto Kutsche [±motore]
Auto Schiff [±terra ferma]

Passiamo ora all'individuazione delle relazioni implicative. In questo


campo sono evidenti una serie di co-iponirni rispetto a uno stesso iperonimo
(sottolineato):

Auto: Limousine, Sportwagen, Cabrio, Kombi, Coupé, Gelandewagen,


Rennwagen, Taxi
Transporter: Lastwagen, Lieferwagen, Sattelschlepper
Zweirad: Motorrad, Mofa, Motorroller
Schiff: Boot, Flihre, Kanu, Segelschiff

Un iponimo contiene tutti i tratti dell'iperonimo, in aggiunta uno o più


tratti specifici. La descrizione sistematica delle relazioni implicative ci aiuta
pertanto a definire in maniera veloce e uniforme i fasci di tratti che risultano
comuni a un sottogruppo di lesserni.
Vediamo infine il campo semantico dei verbi di movimento. Ancora una
volta diamo solo una piccola selezione dei componenti del campo:

sich bewegen, sich nlihem, sich entfemen, steigen, fallen, weichen, kommen,
gehen, laufen, kriechen, stolzieren, marschieren, schreiten, stolpem, springen,
stampfen, stiefeln, eilen, watscheln, trippeln, tapsen, zuckeln, stelzen, schlei-
chen, schlendem, spazieren, flanieren, bummeln; waten, schwimmen, fliegen;

Anche per questo campo le coppie oppositive sono la chiave principale


per individuare i tratti. Facciamo qualche esempio:

141
kommen gehen [±centripetale]
steigen fallen [±in alto]
stiefeln schleichen [±veloce]
gehen schwimmen [±terra ferma]

Le relazioni implicative evidenziano la struttura gerarchica del campo.


Così ad esempio i verbi schlendern 'ciondolare' e schreiten 'incedere' sono
co-iponimi di gehen in quanto indicano modi diversi del 'camminare'. il ver-
bo schlendern, infatti, implica gehen (ma non viceversa) e schreiten implica
gehen (ma non viceversa):

(6) a Wenn einer schlendert l schreitet, dann geht er.


b *Wenn einer geht, dann schlendert l schreitet er.

La prima implicazione è semanticamente corretta, non la seconda.


Il terzo metodo - l'aggiunta di un complemento modale - serve infine a
verificare la presenza di un determinato tratto in un lessema. Prendiamo co-
me esempio i due tratti [veloce] e [lento] e appuriamo la loro rilevanza per i
lessemi gehen, schlendern e stiefeln, inserendo in una frase-tipo le corrispet-
tive indicazioni modali schnell e langsam:

(7) a Angelika geht schnell l langsam ii ber die StraBe.


b Angelika schlendert *schnell l langsam iiber die StraBe.
c Angelika stiefelt schnell l *langsam iiber die StraBe.

Da questi esempi emerge che il verbo gehen è neutrale rispetto al para-


metro della velocità (si può 'camminare' a varie velocità), non così invece
schlendern e stiefeln (che comportano sempre, rispettivamente, una minima o
massima velocità).

4.5. I significati "traslati": metafora e metonimia

4.5.1. La metafora come figura retorica e come strumento cognitivo

La metafora è una figura retorica basata sul trasferimento dal senso pro-
prio al senso figurato, stabilendo una relazione di somiglianza. Se per es. af-
fermo che quella donna è un blocco di ghiaccio uso la parola ghiaccio in sen-
so figurato, stabilendo una similitudine del tipo quella donna è fredda come
un blocco di ghiaccio. Linguisticamente, si può analizzare la metafora come
modificazione di un tratto semantico, per es. da [+concreto] a [-concreto].
Va però tenuto conto del fatto che numerose metafore sono oramai pie-
namente convenzionalizzate: non vengono, cioè, più avvertite dai parlanti co-

142
me tali e sono usate senza alcuna particolare intenzione retorica. Spesso, ad-
dirittura, manca un'alternativa non-metaforica per esprimere lo stesso con-
cetto. Vediamo qualche esempio di espressioni metaforiche altamente con-
venzionalizzate che si basano su parti del corpo umano:

Kopf: Flaschenkopf, Nadelkopf, Schraubenkopf, Salatkopf, Briefkopf;


Kopf einer Tafel
Flaschenhals; Hals einer Geige, Hals eines Knochens, Hals einer
Saule
Arm: Arm eines Polypen, Arm eines Kleides, Arm eines Hebels, Arm
eines Flusses
Bein: Tischbein, Hosenbein
FuB: FuB eines Strumpfes, FuB eines Berges, FuB einer Saule
Rticken: Bergriicken, Handrticken; Rticken eines FuBes, Rticken einer Nase,
Rticken eines Buches, Rticken eines Messers

n modello del corpo umano viene proiettato metaforicamente su vari ti-


pi di oggetti. Tale proiezione non è affatto casuale, ma avviene secondo al-
meno tre criteri: a) posizione della parte del corpo relativamente alle altre
parti del corpo (come Kopf 'testa' è la parte più alta del corpo, così Briefkopf
è la parte più alta di una lettera); b) forma della parte del corpo (come Kopf
ha una forma sferica, così anche Salatkopj); c) funzione della parte del cor-
po (come Fufi ha una funzione di base d'appoggio, così anche Fufi einer
Siiule).

??? Troviamo metafore simili in italiano?

In anni recenti la linguistica cognitiva si è occupata intensamente delle


metafore convenzionalizzate. Due studiosi americani, George Lakoff e Mark
Johnson, hanno elaborato una teoria della metafora basata sul presupposto
che la metafora è essenzialmente un fenomeno della lingua quotidiana, risul-
tando raramente legata a particolari intenzioni poetiche o retoriche.
La metafora viene inoltre vista come un procedimento che va al di là del-
la singola espressione metaforica. La metafora è infatti considerata una strut-
tura concettuale che mette sistematicamente in relazione due ambiti della no-
stra esperienza: un dominio di partenza (semplice, immediatamente com-
prensibile, spesso concreto) viene proiettato su un dominio di arrivo (com-
plesso, di difficile comprensione, spesso astratto).
Negli esempi che abbiamo fatto sopra (Flaschenkopf, Flaschenhals ecc.)
il dominio di partenza è il corpo umano, il dominio di arrivo sono vari ogget-
ti che ci circondano. Un altro esempio di metafora concettuale è dato dal rap-
porto tra spazio e tempo: una serie di espressioni spaziali vengono infatti tra-
sferite in ambito temporale (si pensi alla parola Raum ' spazio, stanza' in Zeit-

143
raum, al verbo spaziale kommen 'venire' in bald kommt Weihnachten , alla
preposizione vor 'davanti' in vor Weihnachten ecc.).
Particolarmente numerose sono le espressioni metaforiche che hanno co-
me dominio di partenza la guerra e come dominio di arrivo il dibattito (AR-
GUMENT IS WAR nella formulazione di Lakoff/Johnson). Un confronto
meramente verbale viene metaforizzato in chiave di scontro fisico. Qui di se-
guito sono riportati alcuni titoli della stampa tedesca:

(8) a Seehofer kampft ftir sein Optionsmodell [Handelsblatt, 28.2.1997, p. 4]


b OTV-Chef wagt sich vor [Kolner Stadtanzeiger, 24.2.1997, p. 2]
c Kanther reagiert zuriickhaltend auf OTV-VorstoB [Handelsblatt,
25.2.1997, p. 4]
d Seehofer weist Attacken gegen Reformplane zuriick [Welt, 20.2.1997,
p. l]
e Paris verteidigt Auslanderpolitik [Handelsblatt, 27.2.1997, p. 8]
f Griine geraten unter BeschuB [Welt, 20.2.1997, p. 5]
g Premierminister Wim Kok erhhlt von seiner Partei Ri.ickendeckung
[Handelsblatt, 18.2.1997, p. 7]
h Schlagabtausch in Magdeburg [Wel t, 28.2.1997, p. 2]

Va innanzitutto precisato che numerose espressioni non hanno un corri-


spettivo che non sia metaforico: così ad esempio gli atti del difendere la pro-
pria posizione e dell' attaccare quella degli altri non possono che essere de-
scritti dalle espressioni metaforiche con verteidigen e angreifen.
È importante notare come ognuna di queste espressioni metaforiche
evochi la metafora concettuale ARGUMENT IS WAR nella sua globalità,
vale a dire fa riferimento all'intero scenario della guerra. Questo aspetto
emerge chiaramente quando abbiamo una serie di parole strettamente impa-
rentate (come ad esempio Vormarsch 'avanzata' , VorstojJ 'puntata offensiva'
e Offensive 'offensiva'). Il parlante conosce le differenze semantiche tra
queste parole ed è in grado di comprendere i rispettivi usi metaforici in
quanto tali differenze rimangono preservate anche in ambito astratto. Vedia-
mo qualche esempio:

(9) a Mobbing auf dem Vormarsch [Bild-Zeitung, 26.2.1997, p. l]


b VorstoB indie Luxusklasse [Kolner Stadtanzeiger, 20.2.1997, p. 37]
c Tschechische Offensive auf dem deutschen Biermarkt [Welt, 20.2.1997,
p. 16]

La prima espressione si riferisce all'inarrestabile diffondersi del fenome-


no delle vessazioni sul luogo di lavoro (Mobbing), la seconda alla presenta-
zione di un'automobile di lusso da parte di un produttore di solito dedito a
"c. ~·u..u -c:. d..l .n .."1ass a , l a t.c r za a un di:segno :s trategico rnl.rant.e a11• aumento di quo-
te di mercato.

144
4.5.2. La metonimia
Nella linguistica cognitiva, non solo la metafora ma anche la metonimia è
considerata un fenomeno che va ben oltre la mera figura retorica. Come la me-
tafora, la metonimia è un procedimento di estensione semantica profondamente
ancorato nella nostra lingua quotidiana. La differenza fondamentale consiste
però nel fatto che la metafora comporta un passaggio da un dominio all'altro,
mentre nel caso della metonimia si rimane entro i confini di uno stesso ambito
di esperienza.
Esistono due tipi di metonirnia a seconda che essa si basi su un rapporto
di componenzialità o di contiguità. Siamo in presenza del primo tipo quando
un aspetto facile da percepire, da comprendere o da ricordare sta a rappresen-
tare una determinata entità nella sua interezza (pars pro toto 'la parte per il
tutto'). Un esempio è dato dalla frase Er daifmeine Schwelle nicht mehr be-
treten, dove Schwelle 'soglia' sta per l'intera casa.
Nel secondo tipo di metonirnia, una determinata entità rimanda a una se-
conda entità con la quale si trova in un rapporto di "contiguità" materiale,
spaziale, temporale o logico-causale. Si possono distinguere principalmente
le seguenti forme di metonirnia:
il contenitore per il contenuto: bere un bicchiere - ein Glas trinken;
la materia prima per il prodotto finito: portare la lana - Wolle tragen;
l'autore per l'opera: leggere Goethe- Goethe lesen;
la causa per l'effetto: lavoro e Arbeit nel senso di 'opera compiuta';
il luogo per l'evento: Stalingrado è stata la svolta della guerra- Sta-
lingrad war die Wende des Krieges;
il luogo per l'istituzione: la Casa Bianca non reagisce- das Weij.Je Haus
reagiert nicht;
il responsabile per i sottoposti: Beckenbauer ha vinto i mondiali del1990
- Beckenbauer hat die Weltmeisterschaft 1990 gewonnen;
l'organizzazione per i membri: il partito ha preso la decisione - die
Partei hat den Beschluss gefasst;
l'oggetto per chi lo manovra: oggi scioperano gli autobus- heute streiken
die Busse;
una sensazione fisica per l'emozione: mi viene la pelle d'oca - ich
bekomme Giinsehaut (nel senso di 'avere paura');
la premessa per l'azione principale: andare al ristorante- ins Restaurant
gehen ('cenare in un ristorante').

4.6. La semantica dei prototipi


4.6.1. La categorizzazione del reale
n mondo esterno, per l'uomo, non è un flusso indistinto di input senso-
riali ma una realtà strutturata sulla base di categorie. Categorizzare vuol dire

145
raggruppare un certo numero di entità sulla base di criteri di appartenenza a
un determinato tipo (cioè a una determinata categoria). Così ad esempio tutti
i numeri aventi la caratteristica di essere divisibili per due formano la catego-
ria dei NUMERI PARI, i numeri che non lo sono la categoria dei NUMERI
DISPARI. Un altro esempio è dato dagli atleti che praticano il pugilato, la lot-
ta o il sollevamento pesi: essi sono suddivisi in categorie a seconda del loro
peso corporeo.
La categorizzazione negli esempi appena citati si basa su caratteristiche
necessarie e sufficienti: "necessarie" in quanto tutti gli appartenenti a una de-
terminata categoria devono obbligatoriamente possedere tali proprietà; "suf-
ficienti" in quanto le proprietà in questione ci consentono di stabilire univo-
camente se una determinata entità appartiene alla categoria o meno.
Non sempre, però, la categorizzazione è un'operazione così semplice e
"matematica". Dovendo, ad esempio, stabilire se un determinato animale ap-
partenga alla categoria degli UCCELLI, talvolta ci si può trovare in difficoltà.
Lo struzzo è un uccello anche se non sa volare? li pinguino anche se non ha
le piume? Il kiwi anche se non ha le ali? In questi casi si assume che la cate-
gorizzazione avvenga sulla base di prototipi. Il prototipo - secondo il filone
di studi iniziato dalla psicologa americana Eleonore Rosch - è definito come
il miglior rappresentante della categoria in quanto riassume in sé tutte le ca-
ratteristiche rilevanti per la categoria di appartenenza. Nel caso degli uccelli
tali caratteristiche possono essere:

[sa volare]
[ha piume]
[ha ali]
[ha un becco]
[depone uova]

Passeri, rondini e falchi - per fare qualche esempio - sono certamente


rappresentanti prototipici della categoria. Pinguini, struzzi e kiwi sono, inve-
ce, membri atipici in quanto non possiedono tutte le proprietà di un "tipico"
uccello.
È pertanto evidente che non tutti i membri di una categoria a struttura
prototipica sono sullo stesso piano: vi sono membri "centrali" e membri "pe-
riferici" a seconda del numero delle caratteristiche condivise con il prototipo
ideale della categoria. In generale, i membri centrali di una categoria sono i
primi in ordine cronologico a essere appresi e i più frequenti a essere usati.
Chiedendo alle persone di indicare alcuni rappresentanti per una determinata
categoria, verranno nominati di preferenza membri centrali: per la categoria
GEMÙSE, ad esempio, Mohre o Kohl (e non membri periferici come Tornate
o Petersilie); per la categoria SÙSSIGKEITEN Bonbon o Schokolade (e non

146
Pudding o Pfannkuchen); per la categoria KLEIDUNG Hemd o Hose (e non
Slip o Krawatte).
Una categorizzazione basata su prototipi è valida anche per concetti astrat-
ti. Prendiamo l'esempio di LUGE. Una "tipica" bugia possiede le seguenti ca-
ratteristiche:

[falsità dell'affermazione]
[consapevolezza della falsità]
[intenzione di ingannare]

Una bugia atipica - come ad esempio un complimento non veritiero -


possiede invece solo una parte di tali caratteristiche.

??? Indicate bugie tipiche e atipiche nella nostra vita quotidiana! Su quale mec-
canismo si basa la barzelletta "Was ist die erste Liige eines kleinen Kindes" -
"Papi!"?

Vi sono numerose "spie" linguistiche che rivelano la presenza di una ca-


tegorizzazione in prototipi a livello concettuale. Un alto grado di prototipicità
di una determinata entità viene segnalato mediante espressioni come le se-
guenti:

(10) ein typischer Vogel l ein Vogel par excellence l ein wahrer Vogel

Un basso grado di prototipicità viene invece attribuito mediante espres-


sioni segnalanti che l'entità in questione non rientra perfettamente nella cate-
goria presa in esame:

(11) eine Art Vogel l ein seltsamer Vogel l ein sonderbarer Vogel l ein Vogel
im weiteren Sinne

4.6.2. Prototipi e tratti semantici

La teoria dei prototipi non si pone come un'alternativa all'analisi in trat-


ti semantici (distintivi), ma come una sua integrazione, fornendo una spiega-
zione del fatto che non sempre tutti i tratti di un lessema risultano parimenti
significativi. Prendendo infatti in considerazione il fascio di tratti di un deter-
minato lessema possiamo ora distinguere tra tratti categoriali, validi per tutte
le entità a cui si può riferire un lessema, e tratti prototipici, validi solamente
per le entità più rappresentative della categoria.
Prendiamo come primo esempio la già analizzata categoria UCCELLI.
Come tratti categoriali, presenti in tutti gli uccelli, possiamo individuare [ha

147
un becco] e [depone uova], come tratti prototipici [sa volare], [ha piume] e
[ha ali].
Un altro esempio potrebbe essere la categoria JUNGGESELLE. Tratti
categoriali sono [+umano], [+maschile], [+adulto], [-sposato]; tratti prototi-
pici forse [vive da solo], [sa cucinare] e [macho]. Consideriamo infine la ca-
tegoria MUTTER. Tratti categoriali sono [+femminile] e [aver partorito al-
meno un bambino]; tratti prototipici, forse, [nutre e cresce il bambino], [amo-
revole], [sposata al padre], [casalinga] ecc. Questi ultimi due esempi mostra-
no come i tratti prototipici facciano parte del significato connotativo e consi-
stano nelle associazioni di idee solitamente collegate allessema in questione.
Si tratta spesso di stereotipi, vale a dire di idee preconcette ampiamente dif-
fuse ma non necessariamente corrispondenti a dati statistici reali.

4.7. La polisemia

Si parla di polisernia quando una determinata parola ha più di un signifi-


cato. Prendiamo come esempio la parola tedesca Tafel che, a seconda del con-
testo, è usata con significati diversi:

(12) a Der Lehrer schreibt den Satz an die Tafel. ('lavagna')


b Es wurde eine Tafel angebracht, um der Toten zu
gedenken. ('iscrizione, targa')
c Der Schiiler musste die Tafel der Logarithmen
lernen. ('tabella')
d Sie isst eine Tafel Schokolade. ('tavoletta')
e Die Tafel war festlich gedeckt. ('tavola')

Le entità a cui si riferisce Tafel sono accomunate dal fatto di essere ret-
tangolari e piatte, ma differiscono per materiale, dimensioni e funzione: il
materiale può essere ad es. metallo, pietra o legno; può trattarsi di un oggetto
piccolo o grande; di un supporto riscrivibile o meno, e così via.
La polisernia è un fenomeno diffusissimo nella lingua quotidiana in
quanto rappresenta un meccanismo fondamentale per il suo buon funziona-
mento. Sarebbe infatti antieconomico se ogni significato venisse espresso
mediante un significante diverso: il nostro lessico consisterebbe allora in un
numero troppo alto di parole. La potenziale polisernia di ogni parola ci per-
mette, invece, di dare espressione linguistica a oggetti e concetti nuovi utiliz-
zando le parole esistenti, vale a dire parole che già possiedono un significato
in qualche modo simile a quello che ora si vuole esprimere.
Sia detto per inciso che la polisernia è di solito virtuale in quanto il si-
gnificato attualizzato in un determinato contesto esclude tutti gli altri possibi-
li. La polisernia, quindi, non comporta ambiguità. Così ad esempio nella pri-

148
ma frase presa in esame (12a), Tafel ha l'esclusivo significato di 'lavagna'
(gli altri significati essendo irrilevanti).
Nei linguaggi tecnico-scientifici, in opposizione alla lingua comune, le
terminologie e le nomenclature sono tendenzialmente costituite da parole mo-
nosemiche. L'assenza di polisemia e di sinonimia, in questo ambito d'uso,
porta a un rapporto biunivoco tra significato e significante: un determinato si-
gnificante corrisponde a un solo significato, un determinato significato a un
solo significante.
Dalla polisemia va distinta l' omonimia: significati totalmente diversi cor-
rispondono - casualmente - a uno stesso significante. Mutamenti fonetici av-
venuti nel corso dell'evoluzione di una lingua possono far sì che parole aven-
ti in origine forme fonetiche diverse si ritrovano con la stessa forma. Gli omo-
nimi vengono percepiti come parole diverse proprio perché hanno un'etimolo-
gia diversa (così ad es. Bar come 'unità di misura della pressione atmosferica'
e Bar come 'locale'). Vi sono inoltre alcuni aspetti morfologici a segnalarci
casi di omonimia: differenze di genere (der Kiefer 'mascella', die Kiefer 'pino
silvestre') e di plurale (Bank-Banken 'banche' e Bank-Banke 'panchine').
Ritorniamo alla polisemia. Aprendo un dizionario e leggendo le voci di
lessemi polisemici, può sembrare che le singole varianti di significato costi-
tuiscano un assembramento più o meno casuale. In realtà, si dà spesso il caso
che i vari significati risultino collegati tra loro in quanto aventi in comune
uno o più tratti semantici. Così ad esempio Tafel, in tutte le varianti conside-
rate, possiede le caratteristiche [rettangolare] e [piatto]. Consideriamo un al-
tro esempio in cui è possibile individuare un denominatore comune per tutte
le varianti. Allessema Schule sono riconducibili almeno quattro varianti prin-
cipali ('istituzione', 'edificio', 'insieme delle attività', 'istituzione come prin-
cipio') esemplificate rispettivamente dalle seguenti frasi:

(13) a Die Schule spendete einen groBeren Betrag.


b Die Schule hat ein Flachdach.
c Die Schule macht ihm groBen SpaB.
d Die Schule ist eine der Grundlagen der Zivilisation.

Il denominatore comune può essere identificato nell'elemento astratto


[concerne l'insegnamento o l'apprendimento].
In presenza di un alto grado di polisemia, però, diventa difficile se non
impossibile trovare caratteristiche condivise da tutti i vari significati. Ciò che
accomuna ad esempio i diversissimi usi del verbo kommen in contesti come

( 14) a Der Mann kornmt nach Hause. 'viene a casa'


b Der Mann kornmt iiber die Mauer. 'supera il muro'
c Der Mann kornmt unter ein Auto. 'finisce sotto la macchina'
d Der Mann kommt ins Krankenhaus. 'viene portato in ospedale'

149
è l'idea di [movimento], ma è un nucleo comune talmente generale da non
avere più alcuna significativa validità operativa per distinguere kommen da
altri verbi di movimento del suo campo semantico.
Anche i lessemi altamente polisemici sono però dotati, a ben vedere, di
una struttura organica in cui sussistono collegamenti sistematici tra i vari usi.
Tali collegamenti possono essere ben descritti mediante un modello prototi-
pico-reticolare che stabilisce una gerarchia tra le varianti del lessema: non è
vero che tutte le varianti sono potenzialmente sullo stesso piano, ma esistono
varianti prototipiche centrali e varianti periferiche.
In sintesi, il modello prototipico applicato alla polisemia prevede che dal
centro prototipico dipartano le varianti più periferiche lungo catene di estensio-
ni semantiche. I settori estremi di queste catene hanno poco o nulla in comune
con il centro, ma risultano nondimeno motivati in quanto progressivamente de-
rivati dal prototipo mediante procedimenti cognitivi di carattere generale. Le
analisi cognitiviste ci presentano quindi una "rete semantica" a forma radiale in
cui tutte le varianti dellessema sono sistematicamente interconnesse.
Ritorniamo ai nostri esempi con il verbo kommen. Nella variante prototi-
pica (14a), l'uomo esegue il movimento in piena libertà così come si convie-
ne a un essere dotato di capacità di autolocomozione e di intelligenza pianifi-
catrice dei propri atti. Nella variante (b), l'uomo deve fare i conti con una for-
za antagonista (il muro che ostacola il suo movimento), ma riesce ad avere la
meglio. Nella variante (c), invece, l'uomo soccombe alla forza antagonista in
quanto perde il controllo del movimento. Nella variante (d), infine, il movi-
mento non è neanche più effettuato fisicamente dall'uomo ma risulta in tutto
e per tutto delegato ad altri. Confrontando queste quattro varianti si vede,
quindi, come l'uomo perda progressivamente importanza n~ll'esecuzione e
nella pianificazione del movimento stesso.
Il modello prototipico permette, inoltre, di rendere sistematicamente
conto degli usi metaforici di un determinato lessema, considerati periferici
ma pur sempre collegati a quelli centrali. Prendiamo i seguenti esempi:

( 15) a Er ist zu groBem Reichtum gekommen.


b Er ist an die Macht gekornrnen.
(16) a Er ist in eine peinliche Lage gekornrnen.
b Er ist in Rage gekornrnen.

In questi usi metaforici, lo svolgimento di una determinata attività o l'evol-


versi degli eventi viene visto in chiave di movimento concreto. Più precisamen-
te, questi usi sono basati sulla metafora concettuale secondo la quale un cam-
biamento di stato - vale a dire il passaggio da uno stato A ad uno stato B - è ca-
tegorizzato come movimento avente inizio nel punto A e termine nel punto B.
Negli esempi con kommen, le due frasi (15a!b) sono riconducibili a que-
gli usi nello spazio concreto in cui vi è il superamento di un ostacolo (come

150
uber die Mauer kommen in 14b), le due frasi (16a/b) agli usi caratterizzati da
un movimento passivo (come ins Krankenhaus kommen in 14d).

4.8. La semantica della frase

La semantica della frase non si occupa più del significato di singole pa-
role (semantica lessicale), ma del significato di sintagmi e di frasi. Vengono
studiati i meccanismi con cui i significati di unità più piccole si combinano
determinando il significato complessivo di unità più grandi.

4.8.1. Rapporti tra parole nella frase

Fanno parte del significato di una determinata parola informazioni ri-


guardo al tipo di parole con cui essa si può combinare all'interno di una fra-
se (sono i cosiddetti "tratti sintattici" o "tratti di selezione"). Prendiamo come
esempio aggettivi relativi a colori. Alcuni, come rot e braun, non sono sog-
getti a particolari restrizioni nella loro combinabilità:

(17) a rotes Haar l rote Haut l rote Fahne l rote Schuhe ...
b braunes Haar l braune Haut l braune Fahne l braune Schuhe ...

Altri, come blond e blass, sono invece limitati in tal senso:

(18) a biondes Haar l *bionde Haut l *bionde Fahne l *bionde Schuhe ...
b *biasses Haar l bi asse Haut l *blasse Fahne l * biasse Schuhe ...

Infatti, blond indica quasi esclusivamente il colore dei capelli, blass si ri-
ferisce quasi esclusivamente alla carnagione.
Si ha un'anomalia semantica non solo quando i tratti semantici di due pa-
role risultano incompatibili (ein schwarzer Schimmel, dove schwarz contrasta
con [weill] contenuto in Schimmel 'cavallo bianco'; eine kurze Ewigkeit, do-
ve kurz contrasta con [endlos] contenuto in Ewigkeit 'eternità'), ma anche
quando i tratti coincidono totalmente. Si ha allora una tautologia, un'affer-
mazione sempre vera che proprio per questo ha perso il suo valore informati-
vo (ein weifier Schimmel; eine endlose Ewigkeit).
Particolare rilievo, per la costruzione della frase, ha ovviamente la se-
mantica del verbo. Nel capitolo dedicato alla sintassi, abbiamo già parlato del-
la valenza, cioè della griglia di complementi richiesti obbligatoriamente dalla
struttura di un verbo (cfr.. 3.4.2). Prendiamo l'esempio del verbo schenken:

(19) Der Mann schenkt der Frau etwas Besonderes.

151
Il verbo richiede come Soggetto/Agente un'entità che abbia la caratteri-
stica [+umano], altrimenti la frase risulta semanticamente inaccettabile:

(20) a *Der Hund schenkt der Frau etwas Besonderes.


b *Der Baum schenkt der Frau etwas Besonderes.

Parimenti, anche l'Oggetto indiretto/Beneficiario deve essere [+umano]:

(21) a ??Der Mann schenkt dem Hund einen Knochen.


b *Der Mann schenk:t dem Baum eine Schleife.

Fondamentale per la corretta costruzione semantica della frase risulta, oltre


alla valenza, anche la cosiddetta "Aktionsart" del verbo (la sua struttura tempo-
rale interna).Vì sono ad esempio verbi indicanti un'attività o uno stato visti co-
me immutati nel lasso di tempo preso in considerazione (Aktionsart durativa):

schlafen, briillen, schweigen

Altri verbi indicano invece la fase iniziale di un'attività o uno stato, fa-
cendo quindi riferimento implicito a un mutamento in precedenza avvenuto
(Aktionsart incoativa):

einschlafen, 1osbrtillen, verstummen

Solo nel primo caso, il rispettivo verbo risulta compatibile con


un'espressione avverbiale indicante una durata:

(22) a Sie schliift drei Stunden lang l seit einer Stunde.


b *Sie schliift ein drei Stunden lang l seit einer Stunde.

4.8.2. Rapporti trafrasi

In precedenza abbiamo trattato, al punto 4.2., le relazioni semantiche che


si possono instaurare tra singole parole. Relazioni semantiche analoghe sus-
sistono anche tra frasi. La prima di queste relazioni è la sinonimia (detta an-
che parafrasi)- due o più frasi hanno lo stesso significato (denotativo):

(23) a Die Grange liegt auf dem Tisch.


b Die Apfelsine ist auf dem Tisch.
(24) a Karl hat aufgehort zu singen.
b Karl singt nicht mehr.

152
Da un punto di vista logico, si ha sinonirnia quando - data la prima frase
vera - anche la seconda è vera e, viceversa, data la seconda frase vera, anche
la prima è vera. Oppure: data la prima frase falsa, anche la seconda è falsa (e
viceversa). Va infatti tenuto conto che le relazioni semantiche tra due frasi
sussistono indipendentemente dal fatto che esse siano in sé vere o false. Per-
tanto, può esservi sinonimia anche tra due frasi palesemente false:

(25) a Alle Vogel konnen fliegen.


b Kein Vogel kann nicht fliegen.

Una seconda relazione è la complementarità (contraddizione). Data la


prima frase vera, la seconda è necessariamente falsa e, data la seconda frase
vera, la prima è necessariamente falsa:

(26) a Karl hat aufgehort zu singen.


b Karl singt weiter.
(27) a Peter ist verheiratet.
b Peter ist unverheiratet.

In altre parole, solo una delle due frasi può essere vera: o Karl ha smes-
so di cantare, oppure continua a cantare; o Peter è sposato, oppure non lo è.
Non esistono altre possibilità.
Un terzo tipo di relazione è costituito dall'inclusione (detta anche impli-
cazione). Data la prima frase vera, anche la seconda è vera- ma non necessa-
riamente il contrario (se la seconda è vera, la prima può essere vera o falsa) :

(28) a Katja hat einen schonen Pudel.


b Katja hat einen schonen Hund.
(29) a Sandra hat sich scheiden lassen.
b Sandra ist nicht mehr verheiratet.

Partendo dal presupposto che la seconda frase sia vera, la prima può -
come è stato appena detto- anche essere falsa: se Katja possiede un bel ca-
ne, questo non è necessariamente un barboncino; se Sandra non è più sposa-
ta, ciò non vuol dire necessariamente che abbia divorziato (potrebbe anche
aver perso il marito).

Esercizi

E 4-1: Significato connotativo


Delineate il significato connotativo delle seguenti parole!
Haupt, Fraulein, killen, verschwiegen, Saufer, Neger, Heterogenitat, Handtuch

153
E 4-2: Campo semantico
Trovate altri lesserrù tedeschi che fanno parte del campo semantico dei mez-
zi di locomozione, prestando particolare attenzione a coppie o gruppi di les-
serrù che possono essere considerati sinonimi!

E 4-3: Campo semantico


Analizzate il campo semantico dei sostantivi tedeschi denotanti forme di re-
tribuzione, applicando sistematicamente le prove di sostituzione e distribu-
zione!

E 4-4: Tratti semantici


Analizzate il campo semantico dei sostantivi tedeschi denotanti oggetti sui
quali sedersi, applicando sistematicamente il procedimento delle coppie op-
positive per individuare i tratti semantici rilevanti!

E 4-5: Metafore
Cercate nella stampa tedesca e italiana espressioni metaforiche che abbiano
come dorrùnio di partenza la guerra. Quali sono i principali domìni di arrivo?

E 4-6: Metafore
Cercate nella stampa tedesca e italiana espressioni metaforiche che abbiano
come dorrùnio di arrivo lo sport. Quali sono i principali domìni di partenza?

E 4-7: Polisemia
Discutete se esistono collegamenti sistematici tra le varianti di significato dei
seguenti lesserrù poliserrùci!
Zeitung ('Druckschrift', ' Redaktion '), Pferd ('Haustier', 'Tumgerat', 'Schachfi-
gur'), Mutter ('Frau mit Kind ', ' Vorsteherin eines Klosters', 'Tier mit Junge',
'Muttergesellschaft')

E 4-8: Polisemia
Con l'ausilio di un dizionario, fate un elenco dei principali usi del verbo alta-
mente poliserrùco stehen, individuando possibili collegamenti tra le numero-
se varianti di significato!

E 4-9: Semantica frasale


Quali relazioni semantiche sussistono tra le seguenti coppie di frasi?
(a) Elke ist nicht tot. Elke ist lebendig. ·
(b) Alle Menschen sind bose. Einige Menschen sin d bose.
(c) Kein Mensch ist bose. Alle Menschen sind bose.

E 4-10: Semantica frasale


Quali relazioni semantiche sussistono tra le seguenti coppie di frasi?

154
(a) Elke ist nicht tot. Elke ist nicht lebendig.
(b) Hans besitzt einen Sportwagen. Hans besitzt ein Auto.
(c) Hans besitzt kein Auto. Hans besitzt keinen Sportwagen.

Bibliografia per approfondimenti

Brekle, Herbert (1982 3). Semantik. Mtinchen: Fink.


Burger, Harald (2003 2) . Phraseologie. Eine Einfiihrung am Beispiel des Deut-
schen. Berlin: Schmidt.
Keller, Rudi l Kirschbaum, Ilja (2003). Bedeutungswandel. Eine Einfiihrung.
Berlin!New York: de Gruyter.
Kleiber, Georges (1998 2 ). Prototypensemantik. Eine Einfiihrung. Ttibingen: Narr.
Lakoff, George l Johnson, Mark (2003 3). Leben in Metaphem. Konstruktion und
Gebrauch von Sprachbildem. Heidelberg: Carl-Auer-Systeme Verlag. [edi-
zione originale: 1980. Metaphors We Live By. Chicago: University of Chi-
cago Press]
Li:ibner, Sebastian (2003). Semantik. Eine Einfiihrung. Berlin/New York: de
Gruyter.
Lohnstein, Horst (1996). Formale Semantik und natiirliche Sprache. Opladen:
Westdeutscher Verlag.
Lutzeier, Peter Rolf (1985). Linguistische Semantik. Stuttgart: Metzler.
Lutzeier, Peter Rolf (1995). Lexikologie. Ein Arbeitsbuch. Ttibingen: Stauffen-
burg.
Lyons, John (1980). Semantik. 2 voli. Mtinchen: Beck. [edizione originale: 1977.
Semantics. Cambridge: Cambridge University Press]
Philipp, Marthe (1998). Semantik des Deutschen. Berlin: Weidler.
Schwarz, Monika l Chur, Jeannette (1996 2) . Semantik. Ein Arbeitsbuch. Ttibin-
gen: Narr.
Stechow, Arnim von l Wunderlich, Dieter (a c. di) (1991). Semantik. Ein inter-
nationales Handbuch zeitgenossischer Forschung. Berlin/New York: de
Gruyter.
Wunderlich, Dieter (1991 2 ). Arbeitsbuch Semantik. Frankfurt a.M.: Hain.

155
5. PRAGMATICA

5.1. Il contesto situazionale

La pragmatica si occupa dei rapporti tra le espressioni linguistiche (cioè


gli enunciati) e i contesti situazionali in cui esse di volta in volta si collocano.
Ma che cosa si intende più precisamente per "contesto situazionale"? Vedia-
mo i principali fattori che possono creare una situazione comunicativa:

(a) partecipanti alla comunicazione (parlante, ascoltatore);


(b) coordinate spazio-temporali della comunicazione (tempo di enunciazione,
luogo di enunciazione, tempo di ricezione, luogo di ricezione);
(c) spazio di percezione (spazio del parlante, spazio dell'ascoltatore, ipotesi del
parlante riguardo allo spazio dell'ascoltatore);
(d) sistema di conoscenze pregresse (conoscenze del parlante, conoscenze
dell'ascoltatore, ipotesi del parlante riguardo alle conoscenze dell'ascoltato-
re);
(e) rapporto tra parlante e ascoltatore (rapporto sociale, rapporto linguistico-
conversazionale);
(f) intenzione del parlante.

La persona del parlante (caratterizzata per età, sesso, professione ecc.) è


spesso determinante per il valore di un dato enunciato. Così ad esempio una
stessa frase (come Sarete tutti puniti!) dovrà essere interpretata in manierato-
talmente diversa a seconda che una persona l'abbia pronunciata nella sua fun-
zione di giudice, sacerdote o insegnante di scuola. Una stessa espressione può
avere inoltre un risvolto diverso a seconda che il parlante sia un adulto o un
bambino, un uomo o una donna e così via.
Anche la persona dell'ascoltatore ha notevole rilevanza. Una stessa
esortazione (Stai zitto!), pronunciata dalla stessa persona, appare molto di-
versa se rivolta a un bambino dispettoso oppure a un avversario politico
nell'ambito di un dibattito parlamentare. A volte, risulta inoltre utile distin-
guere tra ascoltatore-destinatario (persona a cui è rivolto l'enunciato) e ascol-
tatore-spettatore (persona che assiste alla comunicazione). Così ad esempio
un rimprovero fatto a una determinata persona ha un impatto diverso se
espresso in presenza di terzi.

157
Per l'importanza del tempo di enunciazione si possono portare numero-
si esempi. Così una stessa osservazione, pronunciata in un consesso ufficiale,
acquista una diversa lettura a seconda che sia fatta all'interno del proprio tur-
no di parola assegnato o si configuri come un'intromissione indebita. Un al-
tro esempio: una dichiarazione di appartenenza politica può avere un valore
diverso se pronunciata prima o dopo le elezioni.
Per quanto riguarda il luogo di enunciazione, è evidente che uno stesso
enunciato da parte di uno stesso parlante, rivolto allo stesso ascoltatore, può
avere a seconda del contesto funzioni notevolmente diverse (se ad esempio è
prodotto in una sede pubblica o in ambito privato).
Va ricordato brevemente che tempo e luogo di enunciazione corrispon-
dono al tempo e al luogo di ricezione solamente nella conversazione faccia a
faccia. In tutti gli altri casi vi può essere una sfasatura spazio-temporale (per
esempio se si spedisce una lettera).
Lo spazio di percezione dei partecipanti alla comunicazione diventa un
fattore rilevante quando le rispettive collocazioni di parlante e ascoltatore non
coincidono. Ciò avviene ad esempio se il parlante fa riferimento a un ogget-
to che egli può vedere ma l'ascoltatore no, oppure se parlante e ascoltatore
hanno prospettive opposte. Quest'ultimo caso si verifica quando essi si tro-
vano fisicamente uno di fronte all'altro: ciò che è "destra" per il parlante sarà
"sinistra" per l'ascoltatore e così via. Il parlante può quindi scegliere di man-
tenere la sua prospettiva (e usare destra) oppure assumere quella dell'ascol-
tatore (e usare sinistra).
Il bagaglio di conoscenze pregresse di parlante e ascoltatore è un ele-
mento fondamentale della situazione comunicativa. Infatti, il parlante può da-
re per scontato solo ciò che anche l'ascoltatore sa già. Così ad esempio nella
frase È incredibile che Marco abbia parlato alla sua amica solo oggi, l'ascol-
tatore deve sapere chi è il referente di Marco (esistono infatti numerose per-
sone con tale nome), chi è il referente di amica di Marco e deve essere a co-
noscenza del fatto che Marco dovesse parlarle. Se tali premesse non sono da-
te, l'ascoltatore sarà costretto a chiedere: Marco chi?, Quale sua amica? ecc.
Il rapporto tra parlante e ascoltatore si configura su un duplice piano:
a) un piano permanente, determinato dai rispettivi ruoli sociali ricoperti dai
partecipanti alla comunicazione; questi possono essere tendenzialmente pari-
tetici (due amici, due colleghi, due fidanzati ecc.), oppure asimmetrico-gerar-
chici (madre e bambino, capoufficio e impiegato, professore e studente ecc.);
b) un piano temporaneo, basato sulla conversazione o sulle conversazioni
avute in precedenza; un enunciato è, infatti, quasi sempre collegato a un con-
testo linguistico pregresso.
L'intenzione del parlante, infine, è un elemento fondamentale per la
corretta interpretazione di un enunciato. Così ad esempio la domanda Dove
sono i miei occhiali? può essere intesa dal parlante come una semplice ri-
chiesta di informazioni oppure come un'esortazione cortese a cercare gli oc-

158
chiali. Gli obiettivi del parlante, più in generale, possono essere molteplici:
convincere l'interlocutore, offenderlo, ingannarlo, aiutarlo, divertirlo ecc. È
da osservare che, ovviamente, all'intenzione non sempre corrisponde l'effet-
to desiderato: si può ad esempio raccontare una barzelletta al fine di divertire
i presenti, ma annoiarli di fatto; si può fare un complimento a una persona che
però si sentirà indispettita, e così via.

5.2. Gli atti linguistici: caratteristiche e tipologia

La teoria degli atti linguistici, che si basa sugli studi di John L. Austin e
John R. Searle, parte dal presupposto che il parlare sia un'azione dettata da
una precisa volontà da parte del parlante. In che senso si può dire che «parla-
re è agire»? Il parlare, in effetti, ha una serie di caratteristiche che lo acco-
munano a tutte le altre azioni "concrete" (come ad esempio aiutare un'anzia-
na ad attraversare la strada, o spingere una persona sotto un treno): è un atto
intenzionale, produce un cambiamento nel nostro mondo e la responsabilità
dell'accaduto ricade su chi ha compiuto l'azione.
Prendiamo l'esempio dell'offesa e della calunnia. Tali atti linguistici mo-
dificano i rapporti interpersonali tra il parlante e la persona offesa o calun-
niata, la quale si sentirà lesa non diversamente da colui che abbia subito
un'aggressione fisica (un pugno, uno schiaffo ecc.). Chi offende e chi calun-
nia deve inoltre rendere conto della sua azione. Ad esempio, chi offende il
suo capoufficio rischia il licenziamento, chi calunnia un vicino rischia di es-
sere condannato a pagare un indennizzo.
Esistono numerosi atti linguistici: l'esortazione, la promessa, la minac-
cia, il permesso, la scusa ecc. Come può l'ascoltatore riconoscere il tipo di at-
to linguistico compiuto dal parlante? I principali "indicatori" di un atto lin-
guistico sono: i cosiddetti verbi performativi, il tipo di frase (incluso il modo
verbale e l'intonazione), i verbi modali, determinati avverbi e verbi indicanti
un coinvolgimento del parlante, le particelle modali, nonché tutta una serie di
elementi paralinguistici (tono di voce, volume di voce, gesti ecc.) che però
qui non tratteremo.
I verbi performativi esplicitano l'atto linguistico che si sta compiendo e
sono usati nella prima persona singolare presente dell'indicativo:

(l) a Ich verspreche dir (hiermit), immer piinktlich zu sein. [PROMESSA]


b Ich erlaube dir (hiermit), nach Hause zu gehen. [PERMESSO]

Anche il tipo di frase può essere indicativo dell'atto linguistico compiuto:

frase dichiarativa: Er geht nach Hause. [ASSERZIONE]


frase interrogativa: Geht er nach Hause? [RICHIESTA DI INFORMAZIONE]

159
frase imperativa: Geh nach Hause! [ESORTAZIONE]
frase ottativa: Ginge er nach Hause! [DESIDERIO]

Non sempre, però, tipo di frase e atto linguistico corrispondono in ma-


niera biunivoca. Uno stesso tipo di frase può, infatti, essere utilizzato per atti
linguistici diversi (così ad esempio la frase dichiarativa Du passt jetzt auf può
essere asserzione ma anche esortazione) e uno stesso atto linguistico può es-
sere codificato mediante tipi di frase diversi (ad es. l'esortazione attraverso
una frase imperativa come Pass jetzt auf!, dichiarativa Du passt jetzt auf, in-
terrogativa Passt du jetzt auf? ecc.).
Anche i verbi modali ci possono segnalare il rispettivo atto linguistico.
Si confronti la seguente coppia di esempi in cui la prima frase indica un per-
messo, la seconda un'esortazione:

(2) a Du darfst jetzt nach Hause gehen. [PERMESSO]


b Du musst jetzt nach Hause gehen. [ESORTAZIONE]

Un ruolo importante è svolto inoltre da quegli avverbi e verbi che espri-


mono un coinvolgimento emotivo del parlante:

(3) a Hoffentlich kommt der Zug bald. [DESIDERIO]


b lch hoffe, dass der Zug bald kommt. [DESIDERIO]
(4) a Leider bin ich zu spat gekommen. [SCUSA]
b Es tut mir Leid, dass ich zu spat gekommen bin. [SCUSA]

Anche le particelle modali, infine, possono esplicitare l'atto linguistico


compiuto:

(5) a Fahr nach Hause! [ESORTAZIONE]


b Fahr bloB nach Hause! [MINACCIA]
c Fabr bitte nach Hause! [PREGHIERA]

Così l'aggiunta di blojJ determina un rafforzamento dell'esortazione e le


conferisce un tono di minaccia; l'aggiunta di bitte comporta invece un inde-
bolimento e trasforma l'esortazione in preghiera.

??? Qual è la rispettiva funzione delle particelle modali nei seguenti enunciati?
Come potrebbero essere appropriatamente tradotte in italiano?
Das ist doch blanker Unsinn. Das Leben ist halt hart. Lass doch den Hund in
Ruhe. Reich mir mal das Salz. Wiirst du nur mitgekommen! Du bist vielleicht
eine Fiasche!

Ogni atto linguistico deve soddisfare alcune precondizioni per essere ac-
cettato dall'interlocutore. Prendiamo come esempi l'esortazione e la promes-

160
sa. Per l'esortazione, le premesse comunicative sono sostanzialmente due: (a)
il parlante deve essere autorizzato a impartire una data direttiva; (b) l'ascol-
tatore deve essere in grado di eseguirla. Se tali premesse non ci sono, l'ascol-
tatore può contestare l'atto linguistico del parlante. A una esortazione come
Fahr nach Hause! potrebbe ad esempio rispondere:

(6) a lch fahrv, wann ich will!


b Ich habe meinen Fiihrerschein verloren!

L'atto linguistico della promessa si basa su un sistema di precondizioni


ancora più complesso. Vediamo di indicame i principali fattori:
(a) ciò che si promette riguarda il futuro;
(b) ciò che si promette è nell'interesse dell'ascoltatore (sarebbe ad esem-
pio assurdo promettere a qualcuno di andarlo a trovare se questi non lo desi-
dera);
(c) ciò che si promette è qualcosa che richiede un impegno specifico da
parte del parlante (non si può promettere a qualcuno di andarlo a trovare se
già lo si fa d'abitudine tutti i giorni);
(d) il parlante ha la sincera intenzione di compiere ciò che promette (sa-
rebbe privo di senso dire Ti prometto di venire domani, ma non ho la minima
intenzione di farlo);
(e) il parlante si sente obbligato nei confronti dell'ascoltatore a compie-
re ciò che promette (sarebbe assurdo affermare Ti prometto di venire domani,
ma non ti aspettare la mia visita).
Problematica sembra la precondizione basata sulla sincerità del parlante.
Promesse non mantenute, infatti, fanno parte della nostra esperienza quoti-
diana. Va però precisato che ciò che conta non è tanto la reale intenzione del
parlante di compiere l'azione, ma la manifestazione di tale intenzione (il par-
lante deve far credere di essere disposto ad agire nel senso prospettato).
Tradizionalmente, gli atti linguistici vengono raggruppati in cinque clas-
si: atti assertivi, direttivi, commissivi, espressivi e declarativi. Gli atti asser-
tivi condividono la caratteristica che il parlante si impegna- in varia misura
- circa la verità di una determinata proposizione. Essi esprimono una convin-
zione del parlante e sono codificati da verbi performativi del tipo feststellen,
behaupten, begriinden, interpretieren, zitieren, bekriiftigen, bezweifeln, an-
deuten, annehmen, voraussagen, ecc.
Gli atti direttivi sono accomunati dal fatto che il parlante intende porta-
re l'ascoltatore a compiere una determinata azione futura. Essi esprimono un
desiderio del parlante e la sua aspettativa di vederlo realizzato. Esempi sono
gli atti del befehlen, anordnen, vorschreiben, beauftragen, auffordern, ver-
bieten, raten, warnen, bitten, appellieren, ecc.
Gli atti commissivi sono caratterizzati dal fatto che è il parlante stesso a
impegnarsi a compiere un'azione futura. Essi esprimono un'intenzione. Ne

161
sono esempi gli atti del versprechen, geloben, sich verpflichten, einwilligen,
vereinbaren, anbieten, beteuern, garantieren, wetten, drohen, ecc.
Gli atti espressivi servono a manifestare un determinato stato psichico
del parlante stesso. Esistono vari tipi di atti espressivi, profondamente diver-
si: danken, entschuldigen, gratulieren, kondolieren, willkommen heifien, lo-
ben, trosten, protestieren, beschimpfen, verspotten, ecc.
Gli atti declarativi, infine, prescindono totalmente dallo stato psichico
del parlante (non esprimono né una convinzione, né un desiderio, né un'in-
tenzione, né altro stato d'animo) e vengono attuati nel quadro di una deter-
minata istituzione sociale quale ad esempio la chiesa, il parlamento, il gover-
no o l'amministrazione pubblica. Esempi possono essere: exkommunizieren,
taufen, ernennen, ermiichtigen, bekannt geben, bescheinigen, ratifizieren,
Krieg erkliiren, freisprechen, begnadigen, enterben, ecc.

??? Spiegate la seguente barzelletta che si basa sull'opposizione tra atto lingui-
stico apparente e atto effettivo!
Die kleine Monika will und will nicht schlafen gehen. "Soli ich dir ein Gute-
nachtliedchen vorsingen ", fragt der Vater, "oder gehst du freiwillig ins Bett?"

Gli atti linguistici possono essere inoltre classificati secondo il criterio


del rapporto tra atto linguistico e realtà extralinguistica. Esistono infatti due
tipi di correlazioni:
a) l'atto linguistico trae la sua ragion d'essere da una realtà esterna indi-
pendente (atti assertivi e espressivi); l'atto dell'affermazione, ad es., che
Gianni si è sentito male ieri è basato su un determinato dato di fatto (lo stato
di salute di Gianni) e, nel contempo, non influsice per nulla su tale realtà;
b) l'atto linguistico costituisce esso stesso una determinata realtà (atti di-
rettivi, commissivi, declarativi); per fare un esempio: con l'atto di dichiarare
guerra la guerra ha effettivamente inizio, per cui è l'atto a condizionare la
realtà esterna.

5.3. Atti linguistici diretti e indiretti

Accade di frequente che un enunciato, preso alla lettera, corrisponde a un


determinato atto linguistico, ma viene di regola interpretato dall'ascoltatore
come un atto linguistico di altro tipo. Facciamo subito un esempio:

(7) WeiBt du, wie spat es ist?

Letteralmente, si tratta di una richiesta di informazioni riguardo allo sta-


to delle conoscenze possedute dall'ascoltatore (se egli sa l'ora o meno). È
un'interrogativa totale, costruzione a cui si dovrebbe rispondere con un sì o

162
con un no. Se il parlante riceve come risposta un no, sarà deluso dal diniego
ma lo considererà una risposta adeguata alla sua richiesta. Se invece il par-
lante si vede rispondere di sì- e la risposta si esaurisce in questo- egli si sen-
tirà preso in giro. Infatti, la domanda era intesa come una (cortese) forma di
esortazione in luogo del più diretto Sag mir, wie spiit es ist!. La formulazione
indiretta di ·tale atto linguistico è altamente convenzionale, ragione appunto
per cui il parlante resta sorpreso da un semplice sì.
Un altro caso di atto linguistico indiretto è dato da un'asserzione che fun-
ge da esortazione:

(8) Es ist kalt hier. (inteso come 'chiudi la finestra')

A differenza dell'esempio precedente, però, la formulazione indiretta


dell'atto linguistico non è convenzionalizzata e pertanto il parlante non ha
un'aspettativa così elevata. Se infatti l'ascoltatore non reagisce nel senso vo-
luto dal parlante, questi non rimarrà eccessivamente deluso.
Questi due esempi chiariscono bene i motivi per i quali si usano atti lin-
guistici indiretti, convenzionalizzati e non: a) per una forma di cortesia (for-
mulando un ordine come domanda o asserzione si evita di urtare la sensibilità
dell'interlocutore); b) per il timore di ricevere una risposta indesiderata (più
indiretta è la formulazione, meno il parlante è toccato da un eventuale rifiu-
to). In altre parole, un atto linguistico indiretto ha la duplice funzione di sal-
vaguardare la faccia dell'ascoltatore e, nel contempo, di tutelare quella del
parlante stesso.
Sia detto per inciso che solamente in rari casi può esservi incertezza cir-
ca il carattere diretto o indiretto di un determinato atto linguistico. Immagi-
niamo che in un ambiente dove è vietato fumare ci venga rivolta la domanda:

(9) Stort es Sie, wenn ich rauche?

Se interpreto tale domanda come un atto diretto, sarò "libero" di rispon-


dere sì o no a seconda che il fumo mi dia fastidio o meno. Se invece lo clas-
sifico come atto indiretto (nel senso di 'Le comunico che sto per accendermi
una sigaretta'), "dovrò" rispondere unicamente con un no. Un'incomprensio-
ne può nascere quindi neli' eventualità che l'interpretazione dell'ascoltatore
non coincida con l'intenzione del parlante.
È importante sottolineare come esistano molteplici forme per graduare
gli atti linguistici, diretti e indiretti. La seguente esemplificazione farà riferi-
mento all'atto dell'esortazione (in senso lato), notoriamente molto delicato
per i rapporti interpersonali. Si possono a mio avviso distinguere quattro pro-
spettive, associate rispettivamente a una forza esortativa decrescente: la pro-
spettiva del tu, del noi, dell'io e, infine, quella impersonale. All'interno di
ogni prospettiva sono poi possibili ulteriori gradazioni.

163
La prospettiva più diretta è ovviamente quella del tu, che si rivolge espli-
citamente all'interlocutore che dovrebbe compiere l'azione richiesta. All'in-
temo di tale prospettiva, il modo più forte di formulare un'esortazione è dato
dall'imperativo (la forma morfologicamente deputata all'esortazione):

(lO) a Kiimmere dich um deine Angelegenheiten!


b Pass gut auf!

L'imperativo può essere ulteriormente rafforzato mediante l'uso del pro-


nome personale du (non obbligatorio sintatticamente), oppure mediante un
dativo etico che esprime il coinvolgimento del parlante:

(ll) a Kiimmere du dich um deine Angelegenheiten!


b Pass mir gut auf!

Ovviamente, la forza dell'imperativo può essere modulata da particelle


con funzione rafforzativa (gefiilligst, blo./3 ecc.) o attenuativa (mal, halt,
schon ecc.). Una forma di esortazione leggermente meno diretta dell'impera-
tivo è la frase dichiarativa (presente, futura o contenente un verbo modale di
varia "incisività"):

(12) a Du gehstjetzt!
b Du wirst jetzt gehen!
c Du musst l sollst l solltest l ... jetzt gehen!

Decisamente più indiretta si configura una frase interrogativa:

(13) a Wann machst du das Fenster zu?


b Machst du das Fenster zu?
c Kannst du das Fenster zumachen?

Passiamo ora alla prospettiva del noi, che presenta un'esortazione all'in-
terlocutore come se fosse un richiamo a un'azione congiunta, da compiere da
entrambi i partecipanti alla comunicazione (parlante e ascoltatore). Possiamo
trovare una frase dichiarativa semplice, una frase dichiarativa con richiesta di
conferma, oppure una frase interrogativa:

( 14) a Wir gehen jetzt.


b Wir gehen jetzt, nicht wahr?
c Gehen wir jetzt?

La terza prospettiva, quella dell'io, non contiene più alcun esplicito rife-
rimento all'ascoltatore. Una prima formulazione prevede l'identificazione

164
con l'ascoltatore da parte del parlante. n parlante suggerisce all'ascoltatore
ciò che egli farebbe al suo posto:

(15) a Ich wiirde jetzt nach Hause gehen.


b Das wiirde ich mallieber sein lassen.

In una seconda formulazione, il parlante constata la soddisfazione di un


proprio bisogno, sottintendendo che sia proprio l'ascoltatore la persona che vi
provvederà. Così ad esempio al ristorante ci si può rivolgere al cameriere con
le parole:

(16) Ich bekomme eine Pizza und ein Bier.

La prospettiva impersonale, infine, non menziona alcuno dei due parte-


cipanti alla comunicazione. Un primo modo, un po' più diretto, consiste
nell'usare una costruzione passiva, lasciando all'interlocutore la conclusione
che dovrebbe essere proprio lui a compiere l'azione:

(17) a Jetzt wird geschlafen.


b Das Fenster ist zu offnen.

Un secondo modo, estremamente indiretto, è dato da una constatazione


neutrale (cfr. il già citato esempio Es ist kalt hier nel senso di 'chiudi la fi-
nestra'). Questo atto linguistico rischia seriamente di non essere più perce-
pito dall'ascoltatore come esortazione, tant'è che risultano possibili risposte
come:

(18) a Das finde ich gar nicht.


b Warum holst du dir nicht einen Pullover?

Quale tipo di atto linguistico, diretto o indiretto, sia più appropriato alla
situazione dipenderà ovviamente da molteplici fattori, in particolar modo dal
rapporto sociale tra i due interlocutori, dalla formalità della situazione e dal-
la disponibilità dell'ascoltatore a collaborare.

5.4. Massime conversazionali e implicature conversazionali

Come è possibile che gli atti linguistici indiretti vengano quasi sempre
interpretati correttamente? Quali sono i meccanismi che ci portano a scartare
l' interpretazione letterale di un enunciato?
Secondo il filosofo inglese Paul Grice, premessa di ogni comunicazione
è il cosiddetto principio di cooperazione tra gli interlocutori: il parlante, per

165
comunicare con successo, è tenuto a formulare il suo contributo alla conver-
sazione come richiesto dallo stadio della conversazione stessa, nonché dallo
scopo e dall'orientamento del suo discorso. Più in dettaglio, Grice individua
quattro "massime" che regolano la nostra conversazione. Tali massime sono
formulate a mo' di istruzioni per l'uso:
l) massima di quantità: Dà un contributo che sia informativo nella mi-
sura richiesta dagli scopi della conversazione!
2) massima di qualità: Tenta di dare un contributo vero, cioè di non di-
re cose che ritieni false o per le quali non hai prove adeguate!
3) massima di rilevanza: Sii pertinente!
4) massima di modo: Sii perspicuo, cioè evita di essere oscuro, ambi-
guo, prolisso o confuso!
È importante specificare che le massime conversazionali non sono affat-
to intese come norme morali, bensì solamente come norme che regolano un
comportamento razionale dei parlanti. Si tratta, in altre parole, di norme im-
prontate a una comunicazione efficiente. Per quanto riguarda ad esempio la
massima di qualità, è più razionale ed economico assumere - in prima istan-
za - che tutte le affermazioni del proprio interlocutore siano vere piuttosto
che false.
I partecipanti alla conversazione hanno ben presenti tali massime. Esse
permettono ali' ascoltatore di interpretare un enunciato oltre il suo significato
letterale. Le conclusioni logiche che, a seconda del contesto, l'ascoltatore trae
dall'enunciato sono dette implicature conversazionali. Vediamo come
esempio un'implicatura che si fonda sulla massima conversazionale della ri-
levanza:

(19) A: Konnen Sie rnir helfen? Mir ist gerade das Superbenzin ausgegangen.
B: Gleich um die Ecke ist eine Tankstelle.
Implicatura: +> Die Tankstelle ist offen.
+> Die Tankstelle verkauft Superbenzin.

In questo dialogo, l'interlocutore A è rimasto senza benzina e chiede aiu-


to all'interlocutore B; questi gli indica dove trovare un distributore. Anche se
B non si esprime esplicitamente in merito, A trae dalle sue parole la conclu-
sione che egli possa effettivamente farvi benzina (vale a dire, che il distribu-
tore sia aperto e venda il tipo di carburante richiesto).
Nelle nostre interazioni quotidiane incontriamo spesso apparenti viola-
zioni delle massime conversazionali. L'ascoltatore è in grado di interpretare
lo stesso questi enunciati poiché continua a credere, a dispetto delle apparen-
ze, nello spirito di cooperazione da parte del parlante. Vediamo, rispettiva-
mente, un esempio per ciascuna delle quattro massime conversazionali. Per
quanto riguarda la massima di quantità, consideriamo il seguente dialogo:

166
(20) A (Sportjournalist): Wie war die Leistung des Mittelsttirrners?
B (FuBballtrainer): Er hat sich sehr bemtiht.
Implicatura: +> Er hat schlecht gespielt.

L'interlocutore B viola la massima conversazionale in questione in quan-


to è troppo avaro di informazioni: menziona una premessa per un buon ren-
dimento (cioè l'impegno), ma non si esprime sul rendimento stesso. L'inter-
locutore A interpreterà tale reticenza come una forma di cortesia, vale a dire
un modo elegante per non parlare male della persona in questione.
Passiamo ora alla massima di qualità. Immaginiamo una situazione in cui
il parlante A offenda B:

(21) A: Du bist ein groBer Idiot!


B: Und du bist ein wahrhaft hoflicher Mensch!
lmplicatura: +> Du bist keineswegs ein boflicher Mensch.

In un caso come questo di evidente ironia l' interlocutore dice l'esatto


contrario di ciò che pensa realmente. È il contesto situazionale che ci per-
mette di ricostruire facilmente la relativa implicatura.

??? Per quale motivo, in enunciati ironici, compaiono spesso espressioni iper-
boliche (Du bist ja super-piinktlich) o frasi esclamative (War das aufregend!)?

A volte, la massima di rilevanza sembra essere disattesa. Ciò accade ad


esempio quando un interlocutore cambia repentinamente discorso:

(22) A: Wann gibst du nùr das Geld zuriick, das ich dir geliehen habe?
B: Wohin fàhrst du in den Sommerferien?
lmplicatura: +> Ich mochte deine Frage nicht beantworten.

La reazione di B sembra a prima vista del tutto inappropriata; in realtà, si


può dedurre abbastanza facilmente che B vuole imprimere alla conversazio-
ne una direzione radicalmente di versa per non dover rispondere a una do-
manda per lui scomoda.
Consideriamo infine le apparenti violazioni della massima di modo. Ciò
avviene ad esempio quando un enunciato appositamente e manifestamente
oscuro, ambiguo, prolisso o confuso viene usato per evitare di rispondere a
una domanda pressante (un imputato in tribunale, un politico in conferenza
stampa, ecc.). Un altro esempio è dato dalle profezie e dagli oroscopi, che per
loro stessa natura sono ambigui o vaghi.

??? Spiegate la seguente barzelletta che si basa su un'implicatura apparente, poi


negata!
"Steli dir vor, wer gestern bei mir angerufen hat: der Bundeskanzler personlich!"
"Istja irre! Und was hat er gesagt?" "Falsch verbunden."

167
Riassumendo, possiamo attribuire alle implicature conversazionali le se-
guenti tre caratteristiche fondamentali:
- calcolabilità: Le implicature conversazionali sono ricostruibili basan-
dosi sul significato letterale dell'enunciato, sul principio di cooperazione, sul-
le massime conversazionali, nonché sullo specifico contesto in cui viene pro-
dotto l'enunciato.
-variabilità: La presenza o meno di un'irnplicatura conversazionale di-
pende dal contesto situazionale; uno stesso enunciato può, infatti, dar luogo a
un'implicatura conversazionale in un determinato contesto, ma non in un al-
tro (ciò è evidente per gli enunciati ironici che lo sono unicamente in partico-
lari circostanze).
- cancellabilità: Un'implicatura può essere negata esplicitamente nello
stesso contesto d'uso senza che ciò comporti una contraddizione logica (per
esempio nella frase (19) una risposta come Gleich um die Ecke ist eine Tank-
stelle, aber sie ist geschlossen).
Questi tre criteri ci permettono di distinguere il significato letterale di un
enunciato (ciò che non deve essere ricostruito, ciò che è costante nei diversi
contesti, ciò che non può essere negato senza cadere in contraddizione) dal si-
gnificato pragmatico, costituito appunto dalle implicature conversazionali.

5.5. Le presupposizioni

Mentre l'implicatura conversazionale è una conclusione che si può trar-


re da un determinato enunciato, la presupposizione costituisce per così dire la
sua imprescindibile premessa: essa consiste in ciò che viene dato per sconta-
to al momento dell'atto linguistico e che, quindi, contribuisce a dare senso
all'atto stesso. Prendiamo come esempio il seguente enunciato:

(23) Der Bundesprasident hat die Rechtschreibreforrn kritisiert.


Presupposizione: >> Es gibt einen Bundesprasidenten.
>>Es gibt eine Rechtschreibreforrn.

Una caratteristica importante della presupposizione è la sua costanza sot-


to negazione. Se neghiamo l'enunciato in questione, la presupposizione rima-
ne infatti inalterata:

(24) Der Bundesprasident hat die Rechtschreibreforrn nicht kritisiert.


Presupposizione: >> Es gibt einen Bundesprasidenten.
>> Es gibt eine Rechtschreibreform.

Si veda anche la seguente coppia di enunciati che hanno la stessa pre-


supposiZione:

168
(25) a Alle wissen, dass der Bundesminister korrupt ist.
b Nicht alle wissen, dass der Bundesminister korrupt ist.
Presupposizione: >>Der Bundesminister ist korrupt.

La presupposizione rimane altresì conservata se la -frase d-i c hiu-.·a t:ivu "'~-


ne trasformata in interrogativa, imperativa o ottativa:

(26) a Er kommt nach Hause.


b Kommt er nach Hause?
c Komm nach Hause!
d Kame er doch nach Hause!
Presupposizione: >> Er hat ein Zuhause.

L'importanza delle presupposizioni di un determinato enunciato diventa


particolarmente evidente nel caso di abusi e manipolazioni. Immaginiamo
che in un processo il pubblico ministero rivolga all'imputato (che si è dichia-
rato innocente) una delle seguenti domande:

(27) a Haben Sie Ihre Frau umgebracht?


b Warum haben Sie Ihre Frau umgebracht?
c Bereuen Sie, dass Sie Ihre Frau umgebracht haben?

Solo la prima formulazione del quesito è neutrale; le altre due provoche-


ranno sicuramente l'obiezione da parte dell'avvocato difensore in quanto si
dà per scontato proprio ciò che deve essere appurato nel proc o.
Mentre è piuttosto facile controbattere un'affermazione falsa (del tipo
«Sie haben Ihre Frau umgebracht.» - «Das stimmt nicht! » ), risulta piuttosto
arduo ricusare una presupposizione errata. La terza domanda (27c), ad esem-
pio, porta l'imputato a rispondere o sì o no (e con entrambe le risposte si au-
tocondannerebbe di fatto). Per contestare la presupposizione l'imputato do-
vrebbe compiere un atto metalinguistico del tipo:

(28) a Ich kann nicht bereuen, was ich nicht getan habe.
b Sie unterstellen mir fàlschlicherweise, meine Frau umgebracht zu haben.

Esistono vari tipi di presupposizioni, segnalati rispettivamente da diversi


indicatori nell'enunciato: presupposizioni esistenziali, fattuali, non fattuali,
lessicali, strutturali e controfattuali. Le presupposizioni esistenziali sono se-
gnalate principalmente da nomi propri, da articoli (der, ein ecc.) e da quanti-
ficatori (alle, jeder ecc.), presupponendo che esista una determinata entità:

(29) a Hans kommt nach Hause. >> Es gibt eine Person namens Hans.
b Der Ideine Junge kommt nach Hause. >>Es gibt einen kleinen Jungen.
c Alle kleinen Jungen kommen nach Hause. >> Es gibt Ideine Jungen.

169
Le presupposizioni fattuali sono indicate da verbi del tipo wissen, be-
merken, erkennen, einsehen, vergessen e del tipo bedauem, bereuen, stolz
sein, sichfreuen che codificano rispettivamente un atteggiamento intellettivo
o emotivo da parte del parlante riguardo a un fatto pregresso:

(30) Ich weiB l bedaure, dass ich zu split gekommen bin.


Presupposizione: >> Ich bin zu split gekommen.

Le presupposizioni non fattuali sono segnalate da verbi come vorgeben,


triiumen, vorschweben, vorstellen; si dà per scontato che un determinato fat-
to non sia vero o non si sia verificato:

(31 ) Sie gibt vor l trliumt davon, Polizistin zu sein.


Presupposizione: >> Sie ist keine Polizistin.

Le presupposizioni lessicali sono connesse al significato letterale di


espressioni indicanti cambiamenti di stato (32), diverse fasi di uno stesso pro-
cesso o azione (33), oppure la ripetizione di un evento (34):

(32) Er hat es geschafft, Pilot zu werden.


Presupposizione: >> Er hat versucht, Pilot zu werden.
(33) Trotz Magenkrlirnpfen lliuft er weiter.
Presupposizione: >> Er ist gelaufen.
(34) Sie wiederholt die Prtifung.
Presupposizione: >> Sie hat sich bereits der Prtifung unterzogen.

Le presupposizioni strutturali sono legate a una determinata costruzione


sintattica. Un esempio è dato dalle interrogative parziali che, riferendosi a
una singola informazione della frase, ne presuppongono tutte le restanti:

(35) Wo l wann l wie l warum ist die Frau umgebracht worden?


Presupposizione: >> Jemand hat die Frau umgebracht.

Le presupposizioni controfattuali, infine, sorgono nel periodo ipotetico


irreale e costituiscono l'esatto contrario del contenuto della subordinata con-
dizionale:

(36) Wenn ich reich wlire, wiirde ich mir einen Ferrari kaufen.
Presupposizione: >> lch bin nicht reich.
(37) Wenn ich nicht reich wlire, wiirde ich mir einen Kleinwagen kaufen.
Presupposizione: >> Ich bin reich.

Va notato che esistono alcune forme convenzionalizzate di enunciati in


cui si dà apparentemente per scontato qualcosa che in realtà non lo è. Pren-

170
diamo il seguente esempio che rappresenta una domanda-tipo così come
compare sui manifesti della polizia:

(38) Wer hat den schwarzen Porsche gesehen?


Presupposizione mancata: >l> Jemand hat den schwarzen Porsche
gesehen.

Come contesto possiamo immaginare un incidente stradale in cui le pro-


ve indiziarie ci indicano che la vettura in questione sia una Porsche nera; la po-
lizia è alla ricerca di testimoni oculari. La frase quindi non presuppone, come
di solito le interrogative con wer?, l'esistenza di una persona che va solamen-
te identificata. L'interrogativa in questione non è altro che una formula con-
venzionalizzata per chiedere Hat jemand de n schwarzen Porsche gesehen? Un
altro esempio è dato da un'avvertenza che sovente si legge nei negozi:

(39) Jeder Diebstahl wird angezeigt.


Presupposizione mancata: >l> Es gibt einen Diebstahl.

Non è infatti detto che un furto si sia già verificato. Anzi, il cartello è
concepito proprio come deterrente nel senso di 'se si verificasse un furto, ver-
rebbe denunciato'. In entrambi questi ultimi casi la presupposizione risulta
pertanto molto simile:

[per frase 38] >> Es besteht die Moglichkeit, dass jemand den Wagen gesehen hat.
[per frase 39] >> Es besteht die Moglichkeit, dass jemand einen Diebstahl begeht.

Nei periodi composti da più frasi, infine, il contenuto della secondaria è


in generale presupposto. Prendiamo come esempio un periodo causale:

(40) Weil das Wetter schon ist, geht er spazieren.


Presupposizione: >> Das Wetter ist schon.

In alcune costruzioni le presupposizioni possono essere anche alquanto


complesse. Così ad esempio nel periodo concessivo:

(41) Obwohl das Wetter schlecht ist, geht er spazieren.

In questo periodo non solo viene data per scontata la verità dell'afferma-
zione contenuta nella secondaria (Das Wetter ist schlecht), ma si presuppone
anche una norma generale del tipo Wenn das Wetter schlecht ist, geht man
nicht spazieren: una norma che viene sorprendentemente disattesa. Si sottin-
tende infine anche un motivo per cui tale norma non viene rispettata (ad
esempio weil er nicht zu Hause bleiben mochte, weil sein Sohn ihn Uberredet
hat, weil ihm der Arzt Bewegung verordnet hat ecc.).

171
5.6. La deissi

Sono definiti "deittici" quegli elementi di una lingua che servono a met-
tere in rapporto l'enunciato con il contesto situazionale. Essi stabiliscono le
coordinate spazio-temporali dell'enunciato (come ad esempio gli avverbi qui
e lì oppure oggi e domani) e contribuiscono a individuare i partecipanti alla
comunicazione (vedi i pronomi personali io, tu, noi ecc.).
Se l'ascoltatore ignora il contesto situazionale di riferimento, i deittici ri-
sultano impossibili da interpretare. Immaginiamo di trovare, dopo un'assenza
da casa di alcuni giorni, il seguente messaggio sulla segreteria telefonica da
parte di una voce sconosciuta:

(42) Hallo, ich bin's! Konnen wir uns hier iibermorgen treffen?

Non siamo in grado di associare il pronome personale ich a un referente.


Dato che non sappiamo dove l'autore della telefonata si trovasse al momento
di incidere il messaggio, risulta parimenti impossibile collegare l'avverbio spa-
ziale hier a un luogo preciso. Non conoscendo infine il giorno della telefonata,
non possiamo ancorare l'avverbio temporale iibermorgen. Un messaggio prag-
maticamente più appropriato sarebbe potuto essere ad esempio il seguente:

(43) Hallo, hier ist Rechtsanwalt Meier! Konnen wir uns am 27. Juli in
meiner Praxis treffen?

Risulta pertanto evidente che ogni sistema deittico ha un suo preciso


punto di riferimento (detto origo): tale punto di regola coincide con la posi-
zione del parlante al momento dell'enunciazione. Vediamo ora i principali ti-
pi di deittici: spaziali, temporali, personali e testuali. Approfondiremo soprat-
tutto i deittici spaziali che svolgono un ruolo cognitivo centrale, !imitandoci
per i restanti tipi ad alcuni brevi cenni.
I deittici spaziali sono piuttosto numerosi. Possiamo distinguere tre prin-
cipali tipi, che qui propongo di chiamare rispettivamente: deittici posizionati
distanziali; deittici posizionali prospettici; deittici direzionali. I deittici posi-
zionali distanziali indicano la localizzazione di un oggetto rispetto alla origo
in termini di distanza. Si tratta in primo luogo degli avverbi hier, da, dort:

(44) Hier l da l dort gibt es eine Kneipe.

La regione dello spazio corrispondente a hier è vicina al parlante, men-


tre da e dort si riferiscono a regioni più lontane. La differenza fra questi ulti-
mi due avverbi consiste nel fatto che da indica in genere uno spazio diretta-
mente collegabile al luogo del parlante (e pertanto facilmente raggiungibile),
mentre dort si riferisce a uno spazio più difficilmente accessibile.

172
??? L'enunciato ich bin hier, a prima vista, sembra tautologico. Immaginate
però un contesto in cui risulta pragmaticamente appropriato!

I confini dello spazio indicato da hier possono notevolmente variare a se-


conda del contesto. ·Prendiamo i seguenti due esempi in cui si immagina il
parlante seduto a casa sua in salone:

(45) a le h kann den Zettel nicht lesen. Es ist hier zu dunkel.


b Ich kann den Rasen nicht mahen. Es ist hier zu dunkel.

Nel primo caso, hier codifica un'immediata vicinanza (nel senso di 'do-
ve sono seduto adesso'); nel secondo, si riferisce a una prossimità (nel senso
di 'fuori nel mio giardino'). Hier può anche segnare regioni molto più ampie:

(46) a Hier in Rom ist das Wetter schon.


b Hier in ltalien lebt es sich gut.
c Hier in Europa herrscht Frieden.
d Hier auf der Welt sind wir nur auf Durchreise.

Altri elementi posizionali distanziali sono i pronomi dimostrativi dieser


e jener: il primo indica vicinanza, il secondo lontananza rispetto al parlante.
Prendiamo ora in considerazione i deittici posizionali prospettici. La
semplice distanza tra parlante e oggetto non è più rilevante, bensì la prospet-
tiva che assume il parlante nell'osservare l'oggetto. La centralità del punto di
vista emerge chiaramente dal seguente esempio con rechts e links in cui si
tratta di stabilire la posizione relativa di un'automobile(= oggetto localizza-
to) rispetto a un chiosco di giornali(= oggetto localizzante):

P2
x

x
Pl

Fig. S.I. Deittici prospettici: rechts/links

173
Se il parlante assume la collocazione prospettica Pl, potrà dire:

(47) Das Auto steht rechts vom Kiosk.

Dalla collocazione P2, invece, descriverà la scena in maniera diversa


(provate a capovolgere la pagina di questo libro!):

(48) Das Auto steht links vom Kiosk.

Non solo 'destra' e 'sinistra' sono deittici prospettici, ma anche le coppie


'davanti'/'dietro' e 'sopra'/ 'sotto':

preposizioni avverbi
vor- hinter vome - hinten
iiber - unter oben- unten

Prendiamo come esempio la seguente configurazione:

P2
x

Auto

x
Pl

Fig. 5.2. Deittici prospettici: vorlhinter

li parlante descriverà alternativamente la scena con la prima o con la se-


conda delle due frasi seguenti a seconda che egli si trovi in P l o P2:

(49) a Das Auto steht vor dem Baum.


b Das Auto steht hinter dem Baum.
??? Sono deittiche le preposizioni auf, in, neben e zwischen?

È da notare che i deittici prospettici, in generale, possono ricevere due in-


terpretazioni diverse: una estrinseca (dal punto di vista variabile del parlante)

174
e una intrinseca (partendo dalle caratteristiche dimensionali inerenti ali' ogget-
to localizzante). Consideriamo la seguente situazione in cui un istruttore di
guida si rivolge al suo allievo con le parole:

(50) Parken Sie vor dem gelben FIAT.

Nell'interpretazione estrinseca (quella considerata finora), l'esortazione


è quella di parcheggiare sul lato più vicino al parlante. In questo caso, però,
l'oggetto localizzante ha un orientamento intrinseco (vale a dire un muso e
una coda), per cui la preposizione vor può essere anche interpretata come 'sul
lato anteriore della vettura'.
L'interpretazione intrinseca è possibile quando l'oggetto localizzante è
asimmetrico e possiede una parte anteriore e posteriore chiaramente identifi-
cabili. Sono in genere criteri funzionali che stabiliscono quale sia la parte
frontale: per un edificio, ad esempio, l'ingresso principale; per una sedia o
scrivania la direzione in cui guarda l'utente, ecc.
Consideriamo, infine, i deittici direzionali. Si tratta in primo luogo degli
avverbi direzionali hin e her. Il primo indica un movimento che si allontana
rispetto alla origo deittica, her un movimento che vi si avvicina. Così un par-
lante che si trova presso un albergo potrà dire di una terza persona:

(51) a Er brachte das Gepack hin. ['dort zum Bahnhof']


b Er brachte das Gepack her. ['hier ins Hotel']

Si noti che hin e her possono concorrere a formare avverbi più comples-
si, sia come primo elemento (herauf/hinauf, herunter/hinunter ecc.) sia come
secondo elemento (hierher, dorthin, dahin ecc.). Non sempre però hin e her
conservano la loro rispettiva specificità; in alcuni contesti risultano, infatti, li-
beramente intercambiabili:

(52) Er wiirgte die Tablette ohne Wasser herunter l hinunter.


??? In tedesco esiste la formazione hierhin che apparentemente contiene una
contraddizione logica tra i due elementi formativi. Cercate alcuni usi sui dizio-
nari e tentate di spiegarli!

Un altro esempio di deittici direzionali è costituito dai verbi di movi-


mento kommen e gehen; il primo descrive un avvicinamento, il secondo un
allontanamento rispetto alla origo:

(53) a Komm sofort!


b Geh sofort!

175
Risulta interessante il fatto che in una serie di casi la origo non coincida
più con la collocazione attuale del parlante. Questi, infatti, attua uno sposta-
mento nello spazio mentale per identificarsi con un luogo diverso da quello di
enunciazione. Consideriamo i seguenti due esempi:

(54) a Kommst du mich morgen besuchen? - Ja, morgen komme ich dich
besuchen.
b Brigitte ist letzte Woche nach Rom gekommen, aber ich war leider in
Urlaub.

Nel primo caso (54a), il parlante si identifica con la posizione dell' ascol-
tatore; questa forma di trasposizione ha una sua evidente origine in strategie
di cortesia. Nel secondo caso (54b), il parlante si identifica con la sua dimo-
ra, un luogo tanto importante nella sua vita da costituire un punto di riferi-
mento anche quando non vi è presente.
Infine, in un racconto che non coinvolge direttamente alcuno dei parteci-
panti alla comunicazione, il parlante-narratore sceglie un punto di vista che in
genere corrisponde al luogo dove accade l'evento principale:

(55) Es war ein schones Fest. Viele wichtige Gaste kamen. Nach einer Stunde
gingen sie.

Vediamo ora qualche breve cenno sui restanti tipi di deittici. Esempi di
deittici temporali sono innanzitutto avverbi come heute, gestern e morgen, la
cui interpretazione dipende dalla conoscenza, da parte dell ' ascoltatore, del
preciso momento di enunciazione. Altri esempi sono espressioni come jetzt,
bald, vor kurzem, nachste Woche, ecc. È interessante notare che anche jetzt,
come già hier, può avere un'estensione variabile (piccola o grande):

(56) a Du musst jetzt di e Notbremse ziehen!!


b Friiher war das Tippen von Texten miihsam; jetzt gibt es zum Gliick den
Computer.

Anche i tempi verbali sono da considerarsi deittici in quanto indicano


contemporaneità, anteriorità o posteriorità a partire da una determinata origo
cronologica.
I deittici personali riguardano l'identità dei partecipanti alla comunica-
zione. Solo il contesto d'uso ci permette di identificare, di volta in volta, i re-
ferenti dei pronomi personali ich, du, wir, ihr, ecc. Interessante è l'uso di wir
che può essere inclusivo o esclusivo a seconda che comprenda o meno l'in-
terlocutore. Immaginiamo due amici al bar:

(57) a (un amico all'altro): Was wollen wir trinken? [inclusivo]


b (il barista a uno dei due amici): Was wollen wir trinken? [esclusivo]

176
I pronomi du/Sie (sing.) e ihr/Sie (pl.) sono a volte considerati deittici
"sociali" in quanto indicativi dei rapporti interpersonali fra i due interlocu-
tori.
I deittici testuali, infine, sono utilizzati per evidenziare la strutturazione
e l'organizzazione del testo, nella fattispecie per indicare elementi testuali
precedenti o seguenti il punto attuale del discorso. Si tratta di una forma di
deissi derivata in quanto si usano deittici spaziali (come oben e unten) e tem-
porali (come soeben e gleich). I primi vengono usati nei testi scritti, i secon-
di di preferenza nei testi orali.

5.7. L'analisi conversazionale

L'analisi conversazionale descrive il funzionamento della comunicazio-


ne faccia a faccia. Un punto di avvio è costituito dalla teoria degli atti lingui-
stici, che possono essere considerati unità minime di ogni conversazione. In
alcuni casi, infatti, un dialogo consiste effettivamente nella sequenza di due
atti linguistici ben precisi: saluto e risposta (Guten Tag!- Guten Tag!), offer-
ta e accettazione/diniego (Mochtest du noch ein Glas Wein?- la bitte!/Nein
danke!), scusa e accettazione (Verzeihung!- Keine Ursache!) e così via. Tali
sequenze hanno un carattere altamente convenzionalizzato: così, ad esempio,
si è "obbligati" a rispondere a un saluto oppure ad accettare delle scuse.
In generale, però, la conversazione quotidiana segue percorsi più com-
plessi e tortuosi. Innanzitutto, gli enunciati dei partecipanti alla comunicazio-
ne non sempre corrispondono ad atti linguistici ben identificabili. Inoltre, il
lavoro dell'ascoltatore non si limita alla ricostruzione dell'intenzione comu-
nicativa del parlante (e all'elaborazione di un'adeguata "risposta"). L'ascolta-
tore svolge un ruolo prettamente attivo in quanto emette numerosi segnali -
verbali e non - che guidano l'esposizione del parlante, principalmente attra-
verso indicazioni di avvenuta o mancata comprensione. Sarà il parlante stes-
so a monitorare continuamente le reazioni dell'ascoltatore per valutare il suc-
cesso della sua comrnunicazione e, in genere, l'impatto delle sue parole.
Nella conversazione orale diventano assai rilevanti i cosiddetti fattori
prosodici: l'accento frasale, che serve a enfatizzare una parte della frase ri-
spetto ad altre; l'intonazione, spesso collegata al tipo di frase (ad es. ascen-
dente nelle interrogative e discendente nelle dichiarative); la velocità di locu-
zione, che può avere diverse funzioni (come ad es. segnalare la maggiore/mi-
nore importanza di alcune porzioni del discorso); il volume di voce, indicato-
re soprattutto del grado di cortesia/scortesia; le pause, con diversissime fun-
zioni come ad es. attirare l'attenzione, segnalare esitazione, indicare un cam-
biamento di argomento. Anche se non fa parte della prosodia in senso stretto,
va menzionato inoltre il tono di voce (ironico, emotivo, distaccato ecc.), che
· spesso è determinante per l'interpretazione complessiva di un enunciato.

177
L'unità fondamentale della conversazione è il turno dei rispettivi parte-
cipanti alla comunicazione: nel momento in cui finisce il contributo del par-
lante A, subentra il parlante B e così via, con un'alternanza regolare fino al
termine della conversazione stessa. Vi sono regole ben precise per il passag-
gio del turno da un parlante all'altro. Ogni enunciato è infatti composto da
unità più piccole (principalmente frasi o parti di frasi), alla fine delle quali vi
è rispettivamente un potenziale punto di transizione. In tedesco, ciò avviene
tipicamente con la rechte Satzklammer.
Arrivato a uno di questi punti, il parlante può cedere la parola (ad es. tra-
mite una domanda, una preghiera, un'allocuzione diretta) o, se ciò non av-
viene, l'interlocutore sarà autorizzato a prendere la parola di sua iniziativa.
Nel caso che l'interlocutore non faccia uso di questa sua prerogativa, il par-
lante potrà continuare il suo discorso fino al prossimo potenziale punto di
transizione. Vediamo un esempio di conversazione autentica (un dialogo tra
medico e paziente):

Chefarzt: Wiir das moglich, Frau Schatt, dass Sie . in der Woche (l)
einmal jetzt . am Anfang . einmal zu dem Urologen in (2)
Sodenhausen gehn? Wie weit is n das weg? (3)
Patientin: Jà, das is schon weit weg. (4)
Chefarzt: Weit weg? (5)
Patientin: Jaa, weit is er nich weg. Jà. (6)
Chefarzt: H'm. Wie weit/wie lang miissen Se laufen? (7)
Patientin: Naja, viertel Stunde. (8)
Chefarzt: Viertel Stunde? Nà, das tlit Ihnen gut. (9)
Patientin: Hmh'm. (lO)

N.B. Il punto fermo in mezzo alla frase indica una breve pausa, l'accento acuto
un'intonazione ascendente, l'accento grave un'intonazione discendente.
[adattato da: Redder, Angelika l Ehlich, Konrad (a c. di) (1994). Gesprochene
Sprache. Transkripte und Tondokumente. Tiibingen: Niemeyer, p. 315]

Dopo la prima domanda da parte del primario (rigo 3 della trascrizione)


potrebbe avvenire un passaggio di turno. La paziente, messa un po' in diffi-
coltà dalla domanda, esita però a prendere la parola (lo farà soltanto dopo la
seconda domanda). In questo breve dialogo vi sono mezzi linguistici sia per
segnalare il punto in cui si è disposti a cedere la parola (come fa la paziente
rispettivamente con jà al rigo 6 e hmh 'm al rigo 10) sia per indicare il mo-
mento in cui ci si accinge a iniziare il proprio turno, inserendosi neli' enun-
~~:LU:. c;::, c\ctt•~nl.e.riOCUl.OrC (jU.Gl. al_ rigO 6, h ;m al rigo 7 e naja al rigo 8).
Le regole della turnazione fanno parte del bagaglio di conoscenze impli-
cite posseduto da ogni parlante. Infatti, siamo tutti molto sensibili verso il
mancato rispetto di tali regole: ci lamenteremmo, in tal caso, che il nostro in-

178
terlocutore non ci lascia mai prendere la parola, oppure che ci interrompe in
continuazione.
Questo dialogo ci mostra inoltre un altro aspetto rilevante delle conver-
sazioni: i cosiddetti fenomeni di riparazione. Il parlante modifica la sua pro-
duzione in corso d'opera, "correggendo" il tiro (wie weitlwie lang al rigo 7).
La riparazione è in genere spontanea, vale a dire non sollecitata dall'interlo-
cutore. Vediamo un altro esempio:

(58) Denn Sie habens ja gerade selbst gesagt, mi t, mm, . en Schulabschluss


hat natiirlich bessere Chancen, ne.
[da: Redder/Ehlich (1994), p. 106]

Il parlante voleva originariamente continuare con le parole mit einem


Schulabschluss haben Sie natiirlich bessere Chancen (menzionando diretta-
mente l'ascoltatore), ma poi ci ripensa e usa una costruzione "impersonale".
Qui si vede come numerose autocorrezioni nascano dal bisogno di mostrare
cortesia nei confronti dell' interlocutore.
Tipici indicatori per una riparazione sono particelle del tipo ah e èihm,
espressioni come oder, also, beziehungsweise, ich glaube, nonché interruzio-
ni a metà costruzione, rallentamenti e pause. Va poi menzionata la possibilità,
da parte dell'ascoltatore, di richiedere al parlante una riparazione mediante
particelle come hm?, bitte?, altre espressioni interrogative o ripetizione della
parte dell'enunciato considerata "difettosa".
Nella conversazione orale, gli enunciati sono caratterizzati da una serie
di proprietà sintattiche che li differenziano nettamente da un tipico testo scrit-
to: si tratta di caratteristiche inerenti all'inizio della frase (elementi preposti
al Vorfeld), alla fine della frase (il Nachfeld), nonché ad alcune "irregolarità"
strutturali.
Consideriamo dapprima l'inizio di frase, vale a dire ciò che si trova pri-
ma del Vorfeld (il cosiddetto Vor-Vorfeld). Si tratta di elementi che possiedo-
no un notevole grado di autonomia e sono pertanto solo debolmente collega-
ti al resto della frase. Tipici esempi sono le interiezioni (come hm, na, he),
che servono a esprimere il coinvolgimento emotivo del parlante oppure a
strutturare la conversazione. Nel seguente esempio, na segnala sia disappro-
vazione sia l'inizio turno:

(59) Na, da wlire ich mir aber nicht so sicher.

Anche le forme allocutive (Sie, Sieda, du, du ldiot, Peter ecc.) si collo-
cano prima del Vorfeld. La loro principale funzione è quella di suscitare l'at-
tenzione dell'interlocutore. Le allocuzioni possono inoltre aumentare o dimi-
nuire il livello di cortesia dell'enunciato:

179
(60) a Das durftest du nicht tun! [neutro]
b Peter, das durftest du nicht tu n! [più cortese]
c Du da, das durftest du nicht tun! [meno cortese]

Qualsiasi tipo di costituente può essere spostato nel Vor-Vorfeld, dando-


gli una posizione di particolare rilievo:

(61) a Die Gesundbeitsreform, die ist wirklich umstritten.


b Die Gesundheitsreform, das ist wirklich umstritten.

Nel primo caso (dislocazione a sinistra), il costituente viene ripreso da un


pronome; nel secondo caso (tema libero), invece, manca tale forma di con-
gruenza e il rapporto tra il generico das e die Gesundheitsreform si costitui-
sce meramente sul piano del contenuto.
Consideriamo ora le peculiarità del Nachfeld. Qualsiasi tipo di costituen-
te può essere spostato nel Nachfeld e fungere da aggiunta chiarificante e pre-
cisante. Rispetto alla parte precedente della frase, vi è una pausa che spezza
l'integrazione intonatoria:

(62) a Ich habe es gekauft, das Haus des Bi.irgermeisters.


b Ich habe ein Haus gekauft, (i.ibrigens) das Haus des Bi.irgermeisters.
c Ich habe ein Haus gekauft, (und zwar) ein grol3es.

Nel primo esempio (dislocazione a destra), il costituente del Nachfeld ri-


prende e specifica un pronome precedente (es). Ciò avviene principalmente
quando il parlante non è sicuro che l'ascoltatore sia in grado di interpretare
correttamente il pronome in questione. Nel secondo esempio, das Haus des
Biirgermeisters rappresenta un'apposizione rispetto a ein Haus. Va ricordato
che non vi è necessariamente congruenza tra l'apposizione e il sostantivo di
riferimento. Nel terzo esempio, poi, l'aggiunta è ellittica, vale a dire incom-
pleta (ein groj3es sta per ein groj3es Haus).
Va rilevato, inoltre, che nel Nachfeld possono anche trovarsi alcune par-
ticelle interrogative del tipo ne, nicht, nicht wahr, oder, geli ecc., che hanno
tutte la funzione di sollecitare una conferma di avvenuta comprensione da
parte dell'ascoltatore.
Consideriamo infine due tipi di "irregolarità" strutturali particolarmente
frequenti nelle conversazioni: ellissi e anacoluto. Una costruzione ellittica
manca di uno o più elementi fondamentali, che devono essere ricostruiti
dall'ascoltatore a partire dalla struttura sin tattica stessa (ellissi sin tattica) o
dal contesto situazionale (ellissi contestuale). Un esempio di ellissi sintatti-
ca è dato dalla soppressione di elementi del Vorfeld, principalmente prono-
mi e avverbi:

180
(63) a [Ich] Bin sowieso zu miide.
b [Das] Bringt nichts.
c [Dalhier] Kann man nichts machen.

Un'ellissi contestuale, invece, non è interpretabile senza conoscere la


specifica situazione d'uso. L'esclamazione Das Handtuch!, ad es., può avere
varie interpretazioni:

(64) a Da ist das Handtuch!


b Gib mir das Handtuch!
c imm dir das Handtuch!
d Wirf das Handtuch!

Sarà il contesto situazionale a determinare se l'esclamazione ellittica è


da intendersi nel senso della constatazione (64a) o nel senso delle esortazioni
(64b/c/d). Le ellissi sono innanzitutto una conseguenza della massima di
quantità che impone un'economia del discorso: si tralascia tutto ciò che è co-
nosciuto dall'interlocutore o può essere inferito con facilità. L'ellissi è un fe-
nomeno particolarmente diffuso nella conversazione faccia a faccia proprio
perché le cose che si possono dare per scontate sono numerose: più numero-
se che in un testo scritto, il quale possiede in genere un ancoraggio situazio-
nale meno forte.
Un altro fenomeno frequentemente attestato nelle conversazioni è l'ana-
coluto, vale a dire una frattura nella costruzione sintattica. A volte, il parlan-
te interrompe una frase a metà e l'ascoltatore deve "indovinare" la parte man-
cante:

(65) Entweder du hilfst rnir jetzt oder- !

li compito dell'ascoltatore in questo esempio è piuttosto facile. Siamo,


infatti, in presenza di una minaccia ed è ovvio che l'alternativa inespressa
consiste in qualcosa di sgradevole per l'ascoltatore stesso.
In altri casi il parlante continua dopo la frattura, cambiando deliberata-
mente la costruzione. Si tratta qui del fenomeno di riparazione che abbiamo
trattato sopra. Altre volte appare invece una frattura senza pausa, dovuta alla
contaminazione di due costruzioni sintattiche diverse:

(66) Ja, dann wiirden Se da auch en bisschen mehr Geld kriegen. So sieben
achthundert Mark wiirden die zahlen, weil ja nur halbtags arbeiten, ne.
[da: Redder/Ehlich (1994), p. 103]

In questo esempio, le due costruzioni che vengono "confuse" sono: weil


ja nur halbtags gearbeitet wird e weil Sie ja nur halbtags arbeiten.

181
Esercizi

E 5-l: Atti linguistici


I seguenti esempi contengono tutti il verbo performativo versprechen, ma rap-
presentano atti linguistici diversi. Indicate il rispettivo tipo di atto linguistico!
Se si tratta di un atto indiretto, parafrasatelo con un corrispondente atto diretto!
(a) Ich verspreche dir, ich werde dich nie enttliuschen.
(b) Ich verspreche dir, ich werde es dir noch heimzahlen!
(c) Ich verspreche dir, ich war es wirklich nicht.

E 5-2: Atti linguistici


I seguenti esempi contengono tutti la congiunzione condizionale wenn, ma
rappresentano atti linguistici diversi. Indicate il rispettivo tipo di atto lingui-
stico! Se si tratta di un atto indiretto, parafrasatelo con un corrispondente at-
to diretto!
(a) Wenn ich du wlire, wtirde ich diese Arbeit annehrnen.
(b) Wenn du das Fenster zumachst, wtirde ich rnich sehr freuen.
(c) Wenn du das Fenster zumachst, kannst du was erleben!

E 5-3: Atti linguistici


I seguenti esempi contengono tutti una forma verbale all'imperativo, ma rap-
presentano atti linguistici diversi. Indicate il rispettivo tipo di atto linguistico!
Se si tratta di un atto indiretto, parafrasatelo con un corrispondente atto diretto!
(a) Komm her!
(b) Komrn her, und du kannst was erleben!
(c) Verlier deinen Pass im Ausland, und du hast eine Menge Àrger!

E 5-4: Atti linguistici


I seguenti esempi consistono tutti in frasi interrogative, ma rappresentano at-
ti linguistici diversi. Indicate il rispettivo tipo di atto linguistico! Se si tratta
di un atto indiretto, parafrasatelo con un corrispondente atto diretto!
(a) Hat sonst noch jemand Lust auf ein Eis?
(b) Hat sonst noch jemand Lust auf eine Abreibung?
(c) Hat sonst noch jemand Lust, mir beim Abwaschen zu helfen?

E 5-5: Implicatura
Immaginate di trovare un negozio chiuso, con il seguente cartello in vetrina:
Heute geschlossen. Per un mese intero, ogni giorno, ripassate e trovate esat-
tamente la stessa situazione. Per quale motivo vi sentite presi in giro?

E 5-6: Implicatura
Confrontate i seguenti due giudizi che un datore di lavoro ha formulato ri-
guardo a due suoi dipendenti. Spiegate, passo dopo passo, perché il secondo
giudizio, apparentemente benevolo, è in realtà altamente negativo!

182
(a) Herr Miiller erledigte die ihm iibertragenen Arbeiten stets zu unserer vollsten
Zufriedenheit. Er arbeitete rnit groBter Sorgfalt. Seine Arbeitsergebnisse erfiillten
stets bocbste Anspriicbe. Er zeigte eine berausragende Einsatzbereitscbaft. Er kam
rnit unseren Kunden stets gut zurecbt. Er verfiigt ii ber ein exzellentes Facbwissen.
(b) Herr Meier fiihrte die ibm iibertragenen Aufgaben mit groBem FleiB und In-
teresse durcb. Er war stets um eine sorgfhltige Arbeitsweise bemiibt. Er sucbte
nacb Losungen fiir die in seinen Arbeitsbereicb fallenden Probleme. Seine Posi-
tion erforderte ein bohes MaB an Einsatzbereitscbaft. Er strebte stets ein gutes
Verbhltnis zu unseren Kunden an. Er war stets daran interessiert, seine facbli-
cben Grundkenntnisse zu erweitem.

E 5-7: Implicatura o presupposizione?


Nelle seguenti coppie di frasi, la seconda frase rappresenta rispettivamente
un'implicatura conversazionale della prima. Spiegate perché non si tratta di
una presupposizione!
(al) Brigitte und Karl sind verbeiratet.
(a2) Brigitte und Karl sind rniteinander verbeiratet.
(bl) Anja bort ein Kind schreien.
(b2) Das Kind ist nicht Anjas Kind.
(cl) Er war stets rnit Interesse bei der Arbeit.
(c2) Er bat nicbts verstanden und nicbts geleistet.
(d l) Er batte ein sehr gutes Verbhltnis zu seinen Vorgesetzten.
(d2) Er batte ein scblecbtes Verbaltnis zu seinen Kollegen.

E 5-8: Implicatura o presupposizione?


Nelle seguenti coppie di frasi, la seconda frase rappresenta rispettivamente
una presupposizione della prima. Spiegate perché non si tratta di un'implica-
tura!
(al) Es war scbwer fiir ibn, einen Studienplatz zu bekommen.
(a2) Er bat einen Studienplatz bekommen.
(bl) Sie ist fast piinktlicb gekommen.
(b2) Sie ist nicbt piinktlicb gekommen.
(cl) Er arbeitete wie ein Polizist.
(c2) Er war kein Polizist.
(d l) Ware icb krank, wiirde icb micb ins Bett legen.
(d2) Icb bin nicbt krank.

E 5-9: Deissi
Identificate nel seguente dialogo tutti gli elementi deittici e classificateli!
Ute: Hast du das geseben? [zeigt auf ibren neuen Wagen, der einen Krat-
zer an der Fahrerseite bat]
Micbael: Das bast du rnicb scbon gestem gefragt. Scbau mal, hier ist inzwiscben
noch ein Kratzer hinzugekommen. [zeigt auf die Beifahrerseite]
Ute: Das muss icb dir sagen: Taktgefiihl bast du iiberbaupt nicbt! Jedenfalls,
nacbste Wocbe muss icb wohl den Wagen in die Werkstatt bringen.

183
E 5-10: Deissi
Un uomo legge, nella vetrina di un negozio, il cartello Morgen alles zum hai-
ben Preis!. Ritorna l'indomani, ma trova i prezzi invariati rispetto al giorno
precedente. Alle sue proteste, il commerciante risponde indicando il cartello
che si trova in vetrina. -In questa storiella, qual è il rispettivo punto di vi sta
deittico del cliente e del commerciante?

Bibliografia per approfondimenti

Austin, John L. (1972). Zur Theorie der Sprechakte. Stuttgart: Reclam. [edizione
originale: 1962. How to Do Things With Words. Oxford: Oxford University
Press]
Brinker, Klaus l Sager, Sven F. (2001 3). Linguistische Gesprachsanalyse. Eine
Einfiihrung. Berlin: Schmidt.
Ehrich, Veronika (1992). Hier und Jetzt. Studien zur lokalen und temporalen
Deixis im Deutschen. Tiibingen: Niemeyer.
Ernst, Peter (2002). Pragmalinguistik. Grundlagen- Anwendungen- Probleme.
Berlin/New York: de Gruyter.
Weigand, Edda (2003 2). Sprache als Dialog. Sprechakttaxonomie und kommu-
nikative Grammatik. Tiibingen: Niemeyer.
Henne, Helmut l Rehbock, Helmut (2001 4 ). Einfiihrung indie Gesprachsanalyse.
Berlin/New York: de Gruyter.
Hindelang, Gotz (2000 3). Einfiihrung in die Sprechakttheorie. Tiibingen: Nie-
meyer.
Levinson, Stephen C. (2000 3). Pragmatik. Tiibingen: Niemeyer. [edizione origi-
nale: 1983. Pragmatics. Cambridge: Cambridge University Press]
Meibauer, Jorg (200 12). Pragmatik. Tiibingen: Stauffenburg.
Rolf, Eckard (a c. di) (1997). Pragmatik. Implikaturen und Sprechakte. Opladen:
Westdeutscher Verlag (= Linguistische Berichte, Sonderheft 8/1997).
Rosengren, Inger (a c. di) (199211993). Satz und Illokution, 2 voll. Tiibingen:
Niemeyer.
Searle, John R. (1982). Ausdruck und Bedeutung. Untersuchungen zur Sprech-
akttheorie. Frankfurt a.M.: Suhrkamp.
Uhmann, Susanne (1997). Grammatische Regeln und konversationelle Strate-
gien. Tiibingen: Niemeyer.
Wagner, Klaus R. (2001). Pragmatik der deutschen Sprache. Frankfurt a.M.:
Lang.

184
6. LINGUISTICA TESTUALE

6.1. Verso una definizione di "testo"

Ogni parlante possiede ciò che si può chiamare una "competenza testua-
le": ha la capacità di interpretare un testo sulla base di regole interiorizzate
concernenti la strutturazione testuale. Egli sa individuare, ad esempio, sin
dalle prime righe il tipo di testo in questione; sa riconoscere parti del testo ri-
spetto all'unità del testo complessivo; sa giudicare se il testo è completo o
meno; sa infine riassumere un testo, estrapolando le informazioni principali.
Facciamo un esempio e vediamo la seguente breve notizia apparsa su un gior-
nale tedesco:

Wurminfektion durch Hundestreicheln


London- Vorsicht, wenn Sie Ihren Hund streicheln: Nach neuen Erkenntnissen
nisten sich Spulwiirmer im Fell von Hunden ein, so britische Tierarzte. Sind die
Eier reif genug, konnen sie auch Menschen infizieren. Werden sie iiber den
Blutkreislauf in di e Augen transportiert, dro ht sogar Erblindung. Experten-Tipp:
regelmiillig entwurmen, nach Streicheln Hande waschen.
[Bild-Zeitung, 24.4.2003, p. l]

Il parlante individuerà, anche fuori da ogni contesto, questa sequenza co-


me un testo giornalistico (grazie all'indicazione geografica iniziale London e
formule come «so + SN» per indicare una fonte di notizie). Riconoscerà su-
bito tre parti distinte (avvertimento, fino a streicheln; descrizione del feno-
meno pericoloso, fino a Erblindung; consigli per evitare il pericolo) e il filo
conduttore che le lega (il potenziale pericolo, appunto). Se manca la parte
centrale, il testo verrà giudicato incomprensibile:

Vorsicht, wenn Sie Ihren H un d streicheln. Experten-Tipp: regelmiillig entwur-


men , nach Streicheln Hande waschen.

Se manca invece la parte finale, il parlante si sentirà "defraudato" della


soluzione di un problema di cui è stato investito direttamente mediante l'al-
locuzione iniziale:

185
Vorsicht, wenn Sie Ihren Hund streicheln: Nach neuen Erkenntnissen nisten sich
Spulwiirmer im Fell von Hunden ein, so britische Tierarzte. Sind die Eier reif
genug, ktinnen sie auch Menschen infizieren. Werden sie iiber den Blutkreislauf
in die Augen transportiert, droht sogar Erblindung.

Le conoscenze testuali del parlante sono però in larga misura implicite:


così come un parlante "conosce" la grammatica della sua lingua nativa ma
non è necessariamente in grado di formulare delle regole precise, così il par-
lante sa distinguere un "buon testo" da un "cattivo testo", ma avrà grandi dif-
ficoltà a formulare una definizione stringente della nozione di "testo".
In prima istanza, possiamo qui definire il testo come un insieme di frasi
che costituiscono una struttura unitaria dotata di un senso compiuto. Le due
caratteristiche principali di un testo sembrano essere, quindi, unitarietà e
completezza.
La maggiore difficoltà per una definizione consiste proprio nel fatto che
nella realtà quotidiana esiste una grandissima varietà di testi. Alcuni testi
sono immediatamente riconoscibili come tali e risultano quindi classificabi-
li come testi "tipici". Altri testi, invece, costituiscono casi più complessi e
possono essere al massimo considerati "atipici". Vediamo quali caratteristi-
che ineriscono a un testo "tipico", menzionando ogni volta le relative "ec-
cezioni":
a) Il testo è tipicamente scritto. Gli esempi sono numerosi: un articolo di
giornale, un racconto, un romanzo, una favola, un telegramma, una prescri-
zione del medico, un'istruzione per l'uso, ecc. Esistono ovviamente anche te-
sti orali; molto spesso però essi si basano su un precedente testo scritto (ad es.
un'omelia, un'arringa o una lezione universitaria).
b) Il testo è tipicamente pianificato. Questo aspetto è evidente per i testi
scritti e per i testi orali con base scritta. I testi spontanei sono invece relativa-
mente rari (si tratta per lo più di testi orali come ad es. uno sfogo o un'escla-
mazione).
c) Il testo è tipicamente composto da più di una frase. Vanno però men-
zionati anche testi che consistono in una sola frase avente un alto grado di au-
tonomia: esclamazioni (Achtung!, Aua!, Scheij3e!), saluti (Guten Tag!, Guten
Abend!, Griij3 Gotti), proverbi (In der Kiirze liegt die Wiirze; Besser spiit als
nie), avvisi (Rauchen verboten; Betreten auf eigene Gefahr; Nicht hinausleh-
nen), famose citazioni (Die Botschaft hOr ich wohl, allein mir fehlt der Glau-
be [Goethe]; Der weife den ersten Stein; Am Anfang war das Wort [Bibbia];
/eh kam, sah und siegte [Giulio Cesare]), modi di dire (den Rubikon iiber-
schreiten), titoli di film (Manche mogen 's heij3) o di canzoni (Hoch auf dem
gelben Wagen), slogan pubblicitari (Nicht immer, aber immer ofter [Claus-
thaler alkoholfreies Bier]; !eh bin doch nicht blod [Media Markt]).
d) Il testo è tipicamente monologico. La pianificazione risulta infatti più
agevole se è svolta da un solo autore. Atipici possono essere invece consi-

186
derati i testi dialogici che si costituiscono nell'interazione tra due parteci-
panti alla comunicazione (per es. una telefonata o una conversazione faccia
a faccia).
e) Il testo è tipicamente un costrutto linguistico "puro". Atipici sono in-
vece i testi "misti" che presentano una contaminazione plurimediale con altre
forme di comunicazione (manifesti elettorali, cartelli stradali, fumetti, vignet-
te, inserzioni pubblicitarie ecc.).
f) Il testo è tipicamente caratterizzato da una precisa funzione comunica-
tiva. Vi è un'idea di fondo che caratterizza l'intero testo (così ad es. un'istru-
zione per l'uso di un elettrodomestico ha come finalità quella di insegnare al
cliente l'uso dell'oggetto in questione). Nei testi delle conversazioni quoti-
diane accade, invece, che si parla "del più e del meno" senza un'intenzione
ben individuabile.
g) Il testo rispetta tipicamente una sequenza logico-temporale. Si veda il
seguente esempio:

Shopping in Washingtoner City


US-IMMOBILIEN: Die Fondsgesellschaft KanAm hat das erste Gebliude fiir
die US-Versi on ihres offenen Imrnobilienfonds gekauft. Das Objekt fi.ir den in
US-Dollar geftihrten US-Grundinvest 1iegt in der Innenstadt von Washington
D.C. Das Gebliude 1899 Pennsylvania Avenue wurde im Mai 2003 fertig ge-
stellt. Es hat eine vermietete F1liche von 17.000 Quadratmetern und 71 Tiefga-
ragenpllitze.
[Der Fonds, 8/2003, p. 15]

Dapprima viene data notizia dell'acquisto di un immobile; poi viene in-


dicata la collocazione dell'immobile (al centro della città di Washington); in-
fine vengono fornite informazioni più dettagliate (l'indirizzo esatto, l'anno di
costruzione, la metratura ecc.). Proviamo a invertire tale sequenza. Il risulta-
to sarà un testo di più difficile comprensione, assolutamente inappropriato co-
me notizia giornalistica:

Das Gebliude 1899 Pennsylvania Avenue wurde im Mai 2003 fettig gestellt. Es
hat eine vermietete Flache von 17.000 Quadratmetern und 71 Tiefgaragenplatze.
Das Objekt fiir den in US-Dollar gefi.ihrten US-Grundinvest 1iegt in der Innen-
stadt von Washington D.C. Die Fondsgesellschaft KanAm hat das erste Gebliu-
de fiir die US-Version ihres offenen Imrnobilienfonds gekauft.

L'interazione linguistica tra i vari parlanti avviene pe!llfmezzo di testi.


Usando la terminologia del modello generale della comunicazione, si parla di
"emittente" quando una persona produce un testo, di "ricevente" quando re-
cepisce un testo. Questi due termini risultano appropriati sia per un canale di
comunicazione orale (parlante/ascoltatore) sia per un canale scritto (scriven-
te/lettore).

187
6.2.1 sette requisiti del testo (1): coesione e coerenza

Gli studiosi RobertA. de Beaugrande e Wolfgang U. Dressler hanno po-


stulato sette criteri definitori per distinguere un testo da un "non testo": coe-
sione, coerenza, intenzionalità, accettabilità, informatività, situazionalità, in-
tertestualità. Prenderemo brevemente in considerazione ognuno di questi cri-
teri, soffermandoci dapprima sui due criteri che possono essere reputati fon-
damentali: coesione e coerenza.
La coesione all'interno di un testo è data dai rapporti "visibili" tra le par-
ti del testo; tali rapporti sono di natura formale-grammaticale. Tra due ele-
menti del testo sussiste un rapporto di coesione quando l'interpretazione di un
elemento dipende dall'interpretazione di un altro elemento. I mezzi di coe-
sione più importanti sono di natura sintattica quali i pronomi e i cosiddetti
connettori (congiunzioni, avverbi congiunzionali come deshalb o also, ecc.),
ma vanno considerati anche fenomeni morfologici e fonologici.
Per la coesione sintattica, vediamo dapprima la funzione testuale dei
pronomi. Per l'interpretazione corretta di un pronome, lo si deve mettere in
relazione con il suo antecedente (l'elemento a cui si riferisce):

(l) Vera hat angerufen. Sie kommt morgen zu Besuch.

In una sequenza di questo tipo, il pronome sie si riferisce all'unico an-


tecedente esplicito contenuto nel testo (qui: Vera). Capita però spesso che in
un testo vi siano più antecedenti teoricamente riferibili a un determinato
pronome:

(2) Vera hat mit ihrer Mutter gesprochen. Sie kommt morgen zu Besuch.

Qui l'ascoltatore può interpretare correttamente la referenza solo cono-


scendo il contesto situazionale. Vediamo un esempio leggermente diverso:

(3) Vera hat angerufen. Sie sagt, sie kommt morgen zu Besuch.

Nel testo compare un solo possibile antecedente, Vera. I due pronomi


possono riferirsi entrambi allo stesso antecedente (cioè Vera) oppure a refe-
renti distinti (Vera e un'altra persona ancora). L'interpretazione corretta risul-
ta possibile solo inserendo il testo in un contesto linguistico più ampio, ad es.
come risposta a una domanda:

(4) a Hast du was von Vera gehort?- Vera hat angerufen. Sie sagt, sie kommt
morgen zu Besuch.
b Hast du was von Manuela gehOrt? - Vera hat angerufen. Sie sagt, sie
kommt morgen zu Besuch.

188
Nel primo caso, il pronome sie in questione si riferisce nuovamente a Ve-
ra, nel secondo invece a Manuela. In altri casi, poi, la corretta assegnazione
dell'antecedente di un pronome avviene senza una conoscenza supplementa-
re della specifica situazione:

(5) a Petra ist mit ihrem Hund zum Tierarzt gegangen. Er hat ihn gebissen.
b Petra ist mit ihrem Hund zum Tierarzt gegangen. Er hat ihm geholfen.

In questi due esempi, è la nostra conoscenza del mondo a guidarci: in ge-


nere, sono i cani a mordere gli uomini (e non viceversa), per cui er in (Sa) si
riferisce a Hund; in genere, sono gli uomini ad aiutare i cani malati (e non vi-
ceversa), per cui er in (5b) si riferisce a Tierarzt. Consideriamo ora il se-
guente esempio:

(6) Hans hat einen neuen Krimi geschrieben. Er ist sehr spannend.

Qui l'antecedente non può che essere Krimi per motivi di compatibilità
lessicale: un aggettivo come spannend può solo essere riferito a entità inani-
mate, mai a persone.

??? Il tedesco possiede tre generi grammaticali. Secondo voi ciò influisce sui
procedimenti di ripresa pronominale?

I pronomi hanno spesso - come negli esempi appena considerati - ante-


cedenti che sono nomi. Vediamo però le seguenti concatenazioni di frasi:

(7) a Paul will femsehen. Maria will das nicht.


b Christiane ist schon. Anja ist das nicht.
c Udo behauptet, dass Peter gestem spat zur Arbeit gekommen ist. Birgit
glaubt das nicht.

Qui il pronome das sostituisce rispettivamente un verbo, un aggettivo o


addirittura un'intera frase secondaria. Per tale motivo, in linguistica, si parla
piuttosto di "proforma" invece che di semplice "pronome".
Un pronome si riferisce, in genere, a qualcosa che è già stato menziona-
to nel testo. n pronome svolge quindi una funzione anaforica (l'anafora è un
rinvio all'indietro). In alcuni casi il pronome ha invece una funzione catafo-
rica (la catafora è un rinvio in avanti). Tale procedimento serve principal-
mente ad attirare l'attenzione dell'ascoltatore o a rafforzare l'enunciato:

(8) a Ich kann es nicht glauben: Der Tierarzt hat den Hund gebissen.
b Lass das sein, dieses standige Schreien!

189
L'analisi dei pronomi ci porta a considerare un'aspetto più generale della
struttura testuale, quello della cosiddetta continuità referenziale. Se un determi-
nato referente appare più volte nello stesso tèsto, vi sono vari modi di indicare
le successive apparizioni. Tutti questi procedimenti servono a garantire la coe-
sione testuale. Un primo modo, come abbiamo visto, è dato dalla ripresa prono-
minale dell'antecedente; pronome e antecedente si riferiscono alla stessa entità
extralinguistica (si parla di co-referenza). Esistono anche altre forme di ripresa:
-ripresa tramite la stessa parola:

(9) Vera hat angerufen. Vera kommt morgen zu Besuch.

-ripresa tramite un sinonimo (in senso lato):

(10) Schrèider hat heute im Bundestag gesprochen. Der Kanzler hat betont,
dass die AuBenpolitik erfolgreich sei. Als Regierungschef sehe er keine
Schwierigkeiten.

- ripresa di un composto tramite un nome semplice:

(11) a Der Bundeskanzler hat gesprochen. Der Kanzler hat sich zuversichtlich
geauBert.
b Der Polizeibeamte hat den Bankrauber festgenommen. Der Beamte
wurde befèirdert.

-ripresa con zero (ellissi sintattica):

(12) a Er bestellte drei Bier, und der Kellner brachte nur zwei [Bier].
b Renate spielt Handball und Helga [spielt] Tennis.

??? A volte, la ripetizione della stessa parola comporta una sequenza gramma-
ticalmente inaccettabile (*Schroder verteidigt Schroder, *Maria hat Maria eine
schone Bluse gekauft, *Peter hat an Peter gedacht, ecc.). Quali sono le corri-
spondenti frasi corrette? Quale caratteristica accomuna queste costruzioni?

Un secondo importante mezzo di coesione sintattica è dato dai connet-


tori (congiunzioni come aber, weil, obwohl; avverbi come dann, zusammen-
fassend, abschliej3end ecc.). I connettori esplicitano le relazioni tra porzioni
di testo o anche tra singole frasi (per una panoramica dei principali connetto-
ri subordinanti, si veda sopra 3.9). Sono possibili vari livelli di esplicitezza.
Massimo è il livello di un connettore causale (come daher), medio quello di
un connettore temporale (come danach):

(13) a Herr Miiller hat seine Firma betrogen. Daher ist er entlassen worden.
b Herr Miiller hat seine Firma betrogen. Danach ist er entlassen worden.

190
L'avverbio daher ci indica esplicitamente che la causa del licenziamento
è stata la disonestà dell'impiegato. Un connettore come danach si riferisce
solamente a una sequenza cronologica. È il ricevente del testo che sarà porta-
to ad assumere- attraverso un'inferenza- che l'ordine temporale degli even-
ti rispecchi un ordine causale (post hoc ergo propter hoc): la disonestà viene
interpretata come causa del successivo licenziamento.
Vediamo un'altra coppia di esempi in cui il primo connettore (concessi-
vo) è massimamente esplicito, il secondo (avversativo) mediamente esplicito:

(14) a Monika hat die Pilze gegessen, obwohl sie giftig waren.
b Monika hat die Pilze gegessen, aber sie waren giftig.

Nel primo esempio, il connettore obwohl ci indica che Monika fosse a


conoscenza della velenosità dei funghi (e abbia deciso di mangiarli cionono-
stante); nel secondo esempio, aber descrive solamente un generico contrasto
(senza coinvolgere l'atteggiamento di Monika) ed è il ricevente, caso mai, a
interpretare la frase in tal senso. Possiamo quindi affermare che, in generale,
il grado di esplicitezza di un connettore è inversamente proporzionale al la-
voro di interpretazione testuale svolto poi dal ricevente.
Consideriamo ora la coesione morfologica. Essa viene realizzata soprat-
tutto mediante la formazione di parole. Si tratta essenzialmente di composti
determinativi di carattere occasionale, coniati sulla necessità del momento.
La loro funzione testuale primaria è quella di riallacciarsi alle frasi preceden-
ti. Senza questo co-testo, infatti, essi risultano di difficilissima interpretazio-
ne. Vediamo due esempi in cui i rispettivi composti (Terror-Thesen e Erinne-
rungskultur) riassumono rispettivamente l'informazione principale del testo
precedente. Il primo articolo critica duramente i libri che propagano la teoria
secondo la quale gli attentati dell' 11 settembre 2001 sarebbero stati inscenati
dagli Stati Uniti stessi, il secondo articolo discute il progetto di istituire a Ber-
lino un museo in memoria delle vittime di tutte le pulizie etniche del ventesi-
mo secolo:

Es gibt schon mehrere Dutzend Konspirationsbeitrage zu den Terrorattacken.


[... ] Dass viele der selbst ernannten Sachbuchautoren in der Belletristik besser
aufgehoben waren, scheint die Verlage nicht zu storen, schlieBlich geht es ums
Geschaft. Allein der fruhere "taz"-Redakteur Mathias Brockers hat von seinem
ersten Verschworungsbuch zum 11. September bislang rund 100.000 Exemplare
unters Volk gebracht, die Fortsetzung seiner Terror-Thesen kam vergangene
Woche heraus.
[Spiegel, 32/2003, p. 32]

Erika Steinbach [grtindete] im Jahr 2000 die Stiftung "Zentrum gegen Vertrei-
bungen", um in der deutschen Hauptstadt eine Mahn- und Gedenkstatte fur die
Opfer der gewaltsamen Volkerverschiebungen des 20. Jahrhunderts zu errich-

191
ten. [... ] Die Gegner scharen sich um den SPD-Bundestagsabgeordneten Markus
Meckel. Mehr als hundert Intellektuelle unterschrieben inzwischen ein von
Meckel initiiertes Manifest, welches die Steinbach-PUine als "vorwiegend natio-
nales Projekt" kritisiert, das "Misstrauen der Nachbarn" hervorrufe. Mit der Ge-
genforderung, Konzeption und Standort mtissten "von Anfang an von verschie-
denen europaischen Partnern gemeinsarn erarbeitet" werden, lOsten Meckel und
Co. eine hitzige Debatte tiber nationale und europfusche Erinnerungskultur aus.
[Spiegel, 32/2003, p. 36]

La coesione fonologica, infine, si costituisce soprattutto mediante il rit-


mo e la rima. Questi due aspetti sono tipici della versificazione presente nei
testi poetici. Siano citati i seguenti due esempi:

Nachtgedanken (Heinrich Heine)


Denk ich an Deutschland in der Nacht,
Dann bin ich um den Schlaf gebracht,
lch kann nicht mehr die Augen schlieBen,
Und meine heiBen Tranen flieBen.

Deutschlandlied (Hoffmann von Fallersleben)


Einigkeit und Recht und Freiheit
Fiir das deutsche Vaterland!
Danach laBt uns alle streben
Brtiderlich mit Herz und Hand!
Einigkeit und Recht und Freiheit
sind des Gltickes Unterpfand.
Bltih' im Glanze dieses Gltickes-
bltihe deutsches Vaterland!

La coerenza, diversamente dalla coesione che è la struttura visibile del


testo, rappresenta la struttura invisibile, cioè la connessione tra i contenuti
presenti nel testo. La coerenza è ciò che garantisce la continuità semantica del
testo ed è costituita da una rete di rapporti temporali, causali, finali, condi-
zionali ecc. Tali rapporti "profondi" - come abbiamo visto - possono essere
esplicitati tramite i vari fenomeni di coesione. Sussiste però anche la possibi-
lità di non esplicitarli. Vediamo il seguente esempio:

(l S) I!.r hnt seine Pirrr~a betrogen. I!.r ist entlassen worden.

In questo caso, il ricevente del testo deve ricostruire interamente i lega-


mi tra le frasi compiendo innanzitutto un'inferenza di tipo temporale: egli as-
sume che l'emittente abbia rispettato, con l'ordine delle frasi, l'ordine tem-
porale degli eventi (quindi prima la truffa, poi il licenziamento). Al seguente
esempio, invece, verrà attribuito un ordine cronologico inverso (prima il li-
cenziamento, poi la truffa):

192
(16) Er ist entlassen worden. Er hat seine Firma betrogen.

Abbiamo già visto che un ordine temporale viene spesso interpretato poi
in senso causale: nell'esempio (15), sarà probabile che la truffa sia stata la ra-
gione del licenziamento, nell'esempio (16) che il licenziamento sia stata la
causa scatenante della truffa. Non esplicitare la coerenza grava di ulteriore la-
voro il ricevente, ma può essere di grande utilità per l'emittente: egli sugge-
risce connessioni tra fatti senza impegnarsi circa la loro effettiva veridicità.
Quando un testo appare totalmente sconnesso, il ricevente tenterà di "ri-
costruire" un senso (basandosi sulla supposizione che l'emittente sia stato
ispirato, nonostante le apparenze, dal principio pragmatico di cooperazione).
Consideriamo il seguente racconto:

(17) Heute habe ich den Zug verpasst. Beim Sport habe ich mir den FuB ver-
staucht. Ich habe meinen Hausschliissel verloren.

Si tratta di tre eventi senza alcuna connessione apparente. Ciononostan-


te, per il ricevente sarà relativamente facile postulare una premessa unifican-
te del tipo "oggi è la mia giornata sfortunata".

6.3. I sette requisiti del testo (2): intenzionalità, accettabilità,


informatività, situazionalità, intertestualità

L'intenzionalità è un criterio che riguarda l'atteggiamento dell'emitten-


te. L'emittente, quando produce un testo, ha l'intento di comunicare informa-
zioni oppure vuole perseguire un altro scopo (imporre la propria volontà al ri-
cevente, manipolarlo, aiutarlo, mettersi in mostra, fare bella figura, creare
confusione ecc.). In genere, corriponde alla volontà dell'emittente l'intenzio-
ne di produrre un testo coeso e coerente. Non sempre però ciò avviene. Anzi,
proprio quando un testo manca di una chiara coesione formale, la sua inter-
pretabilità dipende dal fatto se gli si può attribuire una precisa intenzione co-
municativa o meno. Prendiamo come esempio la seguente risposta alla do-
manda Wo warst du gestern abend?:

(18) Ja, wenn man es genau nimmt, du weiBt doch, wie die Dinge so laufen ...

n testo è confuso e non contiene indicazioni utili; risulta nondimeno in-


terpretabile se si postula - sulla base delle massime conversazionali - che la
volontà dell'emittente sia proprio quella di rimanere nel vago e non fornire
informazioni.
L'accettabilità è un criterio che riguarda l'atteggiamento del ricevente.
Il ricevente si aspetta un testo che presenti elementi di coesione o comunque

193
si fondi su rapporti di coerenza e abbia un'intenzione comunicativa chiara-
mente percepibile. Il ricevente si aspetta un messaggio che possieda i requi-
siti fondamentali di un testo e che gli sia di utilità.
Per essere accettato, un testo deve essere adatto al contesto sociale e cul-
turale, alla concreta situazione comunicativa e alla persona del ricevente. Un
testo deve quindi essere "stilisticamente" adeguato. Prendiamo come esempio
i seguenti quattro (brevi) testi che rappresentano modi diversi di formulare la
stessa richiesta, rispettivamente concepiti per contesti situazionali diversi:

(19) a Konnten Sie bitte so freundlich sein und rnir das Salz reichen?
b Konnen Sie mir bitte das Salz geben?
c Gibst du mir bitte das Salz?
d Gib endlich das Salz her!

??? Immaginate situazioni in cui questi testi risultano rispettivamente accettabili!

Ad ogni buon conto, va detto che alcuni tipi di testo (soprattutto testi crea-
tivi, ad es. poesie o slogan pubblicitari) non risultano accettabili agli occhi di
tutti i riceventi. L'accettabilità, oltre a essere un criterio relativo, è quindi an-
che un criterio soggettivo. Si veda come esempio la seguente poesia:

Schweigen (Eugen Gornringer)


schweigen schweigen schweigen
schweigen schweigen schweigen
schweigen schweigen
schweigen schweigen schweigen
schweigen schweigen schweigen

L'informatività è un criterio che riguarda il grado di informazione del


testo, vale a dire la misura in cui esso contiene informazioni nuove (fatti
ignoti o inattesi). È normale che un testo contenga qualcosa di nuovo (si pen-
si ad es. come risulta "noiosa" una persona che racconta sempre la stessa sto-
ria o la stessa barzelletta).
Esistono testi con vari gradi di informatività. Una bassa informatività ca-
ratterizza ad es. le frasi di circostanza che servono solamente a stabilire un
contatto comunicativo (per es. l'osservazione Schones Wetter heute!, detta in
ascensore per evitare un imbarazzante silenzio, oppure un complimento detto
unicamente per attaccare discorso con un'altra persona). In questi casi, il te-
sto poco informativo è perfettamente accettabile perché il ricevente si aspet-
ta proprio questo. Un'alta informatività è invece tipica di altri tipi testuali: un
testo scientifico, ad esempio, deve essere assolutamente innovativo e dire co-
se nuove (altrimenti è considerato inutile); un giornale non deve riportare no-
tizie "vecchie"; il monologo di un comico dovrebbe contenere battute "nuo-
ve" e originali.

194
La situazionalità, come abbiamo già accennato, è un criterio collegato
all'accettabilità di un testo. Infatti. un testo risulta chiaro c comprensibile so-
lo se inserito in una determinata situazione. Fattori determinanti sono princi-
palmente il tempo, il luogo e la persona dell'emittente. Prendiamo ad es. la
seguente affermazione:

(20) Der islamische Terrorismus stellt eine groBe Gefahr ftir die Weltsicherheit
dar.

Questo testo ha tutt'altro valore se è prodotto prima o dopo l' 11 settem-


bre 2001, oppure se, a una stessa data, viene letto al Senato statunitense o in
occasione di una conferenza dei Paesi arabi. Questo testo, inoltre, ha tutt'al-
tra valenza se proviene ad es. dal Presidente americano o da un noto leader
pacifista e così via.
n testo deve essere adeguato alla situazione non solo per livello stilistico
(vedi sopra), ma anche per lunghezza. I cartelli stradali, ad es., per essere
compresi dall'automobilista di passaggio devono risultare necessariamente
brevi: un cartello come SMOG (con la scritta all'interno di un cerchio rosso)
-collocato all'entrata di un centro cittadino- è adeguato, un ipotetico mes-
saggio del tipo Verkehrsverbot bei einem von den ortlichen BehOrden ausge-
rufenen Smog-Alarm non lo è.
Ad altri tipi testuali, invece, si richiede una certa lunghezza. Ad es. una
lezione universitaria non dovrebbe essere più breve di 45 minuti (ma neanche
più lunga!). Parimenti, un'omelia che durasse 2-3 minuti sarebbe percepita
come inappropriata.
L'intertestualità è il rapporto tra il testo in questione e altri testi mo-
mentaneamente assenti, ma ben presenti al destinatario del testo. Si tratta in-
nanzitutto di casi ovvi come ad es. una citazione, una parodia o la voluta ri-
creazione di un determinato tipo testuale. La seguente pubblicità per un fon-
do di investimento, ad es., riporta la fotografia di due pugili e, parlando di fat-
ti economici, rimanda al linguaggio sportivo:

Nur die wenigsten kèinnen ihr Vermèigen durch K.O. vermehren. Bessere Ge-
winnchancen bietet der Templeton Growth Fund. Auch wenn die Borse mal in
die Knie geht, behhlt der Templeton Growth Fund die Oberhand und das schon
seit 48 Jahren. Die weltweite Streuung der Aktienwerte macht ihn zu einem zu-
verlassigen Sparringspartner. Und rnit schlagkraftigen 11,5% p.a. seit 1954 sind
nicht nur viele herkèimrnlichen Anlageformen schnell ausgezahlt.
[Der Fonds, 8/2003, p. 11]

L'intertestualità è però un fenomeno molto più diffuso. Non solo abbia-


mo romanzi a puntate e serie di libri che presentano gli stessi protagonisti.
Sono soprattutto gli articoli di giornale a presupporre conoscenze testuali pre-

195
gresse: il lettore deve aver presenti gli articoli comparsi nei giorni (o addirit-
tura nelle settimane) precedenti- o comunque deve essere informato dei fat-
ti. Se ad esempio torniamo da un lungo viaggio all'estero, ci accorgiamo su-
bito che abbiamo difficoltà a leggere il giornale "di casa" in quanto ci man-
cano tutta una serie di informazioni.
Relazioni formali con altri testi sono particolarmente evidenti nei titoli
della stampa. Spesso si fa infatti riferimento a mini-testi ben conosciuti dal
grande pubblico. Si tratta di unità fisse che possono essere: un modo di dire,
un proverbio, uno slogan pubblicitario, un verso di una poesia famosa, il tito-
lo di un film, di una canzone o di un'opera letteraria molto nota. L'unità fis-
sa a cui ci si ricollega può essere ripetuta letteralmente (21a) oppure subire
modificazioni (21b/c/d):

(21) a Wiedersehen macht Freude. Im nachsten Winter gibt's ein groBes


Déjà-vu: Die Modetrends der komrnenden Saison sind alle schon mal
da gewesen [Stem, 36/2003, p. 70]
b Ferrari-Pferde in vollem Galopp- Braus und vorbei. Der Ferrari 575M
Maranello [auto motor und sport Testjahrbuch 2003, p. 54]
c Der Reis ist heiB! Das Geheimnis eines gelungenen Risotto [marie
claire, 8/2003, p. 158]
d Gaby Koster- Rita allein zu Haus. Nach zehn Jahren soli Gatte Thomas
Koller das Weite gesucht haben [Bunte, 3612003, p. 12]

I primi tre esempi fanno riferimento a modi di dire: in (21a) si ha una cita-
zione letterale (Wiedersehen macht Freude), in (b) e (c) una modificazione ri-
spettivamente di aus und vorbei ('definitivamente finito/passato') e der Preis
ist heifi ('il prezzo è altamente conveniente', titolo anche di una trasmissione te-
levisiva). L'esempio (d), infine, allude al film Kevin allein zu Haus (titolo ita-
liano: Mamma, ho perso l'aereo!), sostituendo il nome proprio Kevin con Rita
(nome del noto personaggio televisivo interpretato dall'attrice Gaby Koster).
Tali modificazioni servono principalmente ad attirare l'attenzione del let-
tore. Si ha infatti una deviazione dall'atteso e quindi un momento di novità e
sorpresa. Va però detto che la sorpresa risulta sempre limitata e il lettore te-
desco non avrà difficoltà a riconoscere l'unità di partenza. Risulta frequente,
infatti, che una stessa unità fissa dia luogo a numerose "variazioni sul tema".
Si vedano ad esempio i seguenti titoli che partono dal detto !eh kam, sah und
siegte ('veni, vidi, vici'):

(22) a Kurth karn, sah und traf [www.sport.ard.de, 1.9.2003]


b Topic kam, sah und jubelte [www.berlinonline.de, 28.1.2002]
c Der Meister kam, sah und begeisterte [www.der-reporter.de, 11.6.2003]
d Robbie karn, sah und flirtete [www.abendblatt.de, 12.8.2003]
e Er karn, sah und grinste [www.oberpfalznetz.de, 15.7.2003]
f Sie kam, sah und leuchtete [www.bemerzeitung.ch, 1.9.2003]

196
Gli esempi (22a) e (b) si riferiscono a calciatori che hanno segnato una
rete decisiva; (c) e (d) a cantanti che hanno avuto successo con un loro con-
certo (Guildo Horn, detto "der Meister", e Robbie Williams); (e) alla presen-
za di Amold Schwarzenegger alla prima del suo film "Terminator 3"; (f) alla
carriera di una personalità politica svizzera.

6.4. La struttura informazionale del testo: macrostruttura e


microstruttura

Le informazioni contenute in un testo possono essere classificate secon-


do due criteri di fondo: l) il grado di importanza della relativa informazione
(per l'emittente e il ricevente); 2) il grado di novità dell'informazione (per il
ricevente). In entrambi i casi, l'unità di analisi di partenza è la proposizione
(la frase dal punto di vista del contenuto informazionale).

6.4.1. La macrostruttura

La macrostruttura di un testo è la sua ossatura informazionale globale. Le


informazioni contenute nel testo, infatti, non sono tutte sullo stesso piano, ma
costituiscono un insieme gerarchizzato che si lascia riassumere in un dia-
gramma ad albero:

M"

In questo diagramma-tipo, P 1, P2 , P 3 ecc. indicano proposizioni; M 1, M 2 ,


M 3 ecc. macrostrutture dello stesso livello; M"-2, M"-1 e M" macrostrutture di

197
livello via via superiore. Gruppi di proposizioni (come P 1, P 2, P3) formano
quindi un'unità semantica a un livello superiore: una macrostruttura appunto
(qui ad es. contrassegnata con Mt2 ). Gruppi di macrostrutture (M 1" -2 , Mt2 ,
Mt2 ecc.) formano a loro volta una macrostruttura di livello più alto (Mt 1)
e così via. La macrostruttura di livello più elevato (M") è detta anche tema del
testo (l'idea principale del testo, il suo concetto fondamentale), le macra-
strutture di livello inferiore sono sub-temi. La macrostruttura è quindi l'astra-
zione e la concentrazione del contenuto del testo, vale a dire la base semanti-
co-tematica del testo visto nella sua globalità.
Il tema (o sub-tema) è spesso menzionato nel testo- mediante una frase
centrale o una parola chiave- oppure viene addirittura esplicitato tramite un
titolo attribuito al testo stesso. Ciò aiuta in maniera determinante il ricevente
a cogliere i contenuti centrali di un testo.
Come si fa concretamente a enucleare la macrostruttura di un testo? I due
procedimenti principali sono quelli che del resto ispirano ogni buon riassun-
to: selezione e generalizzazione. La selezione parte "dal basso" considerando
le singole proposizioni e valutando la relativa importanza delle informazioni
in esse contenute. Prendiamo ad es. la seguente proposizione:

(23) PlOtzlich stand ein groBer Mann in einer gri.inen Uniform vor der Ti.ir.
(a) Ein Mann stand vor der Ti.ir.
(b) Er war groB.
(c) Er trug eine Uniforrn.
(d) Die Uniform war gri.in.

L' informazione (a) è senz'altro indispensabile, mentre (b), (c) e (d) pos-
sono - a seconda del racconto in cui la proposizione è inserita - essere se-
condarie e quindi tralasciabili.
Verranno poi considerati gruppi di proposizioni, eliminando quelle che
risultano derivabili contenutisticamente da altre proposizioni. Nel seguente
esempio, le prime tre proposizioni sono premesse della quarta e possono per-
tanto essere tralasciate:

(24) Er ging zum Bahnhof. Er ging auf den Bahnsteig. Er stieg in den Zug
ein. Er fuhr rnit dem Zug nach Hamburg.

??? Immaginate invece un particolare racconto in cui le tre informazioni qui eli-
minabili risultino fondamentali e facciano parte della macrostruttura del testo!

Vediamo infine il secondo procedimento, la generalizzazione:

(25) Der Kilhlschrank war voli: Àpfel waren in einer Schale, Birnen auf
einem Teller, Pflaumen in einer Dose.

198
In questo caso, le informazioni possono essere condensate trovando un
iperonimo per Apjel, Birnen e Pjlaumen:

(26) Der Kiihlschrank war voli mit Obst.

6.4.2. La microstruttura: le nozioni di tema e rema

La microstruttura informazionale riguarda il contenuto di singole propo-


sizioni o di proposizioni adiacenti. Dal punto di vista informazionale, la fra-
se è costituita da informazioni note e informazioni nuove: le prime vengono
chiamate "tema", le seconde "rema". Il termine tema, in linguistica testuale,
è quindi usato in due accezioni completamente diverse: nel senso di tema del
testo (elemento della macrostruttura) e nel senso di tema della frase (elemen-
to della microstruttura). Per comprendere meglio le due nozioni di tema e re-
ma, prendiamo il seguente dialogo:

(27) A: Was macht Hans?


B: Hans arbeitet im Garten.

Nella frase pronunciata dall'interlocutore B, l'informazione nota è Hans


(personaggio conosciuto a entrambi gli interlocutori e figura di cui A aveva
chiesto esplicitamente notizie), l'informazione nuova è arbeitet im Garten.
L'opposizione tra tema e rema si può descrivere in vari termini: dato-
nuovo; noto - ignoto; contestualmente definito - contestualmente indefinito;
ciò di cui si parla - ciò che si dice a riguardo. La struttura tema-rema caratte-
rizzante una frase è determinata dal contesto linguistico in cui essa compare.
Vediamo il seguente dialogo in cui, a differenza del precedente esempio, nel-
la frase B il tema è Hans arbeitet e il rema è im Garten:

(28) A: Wo arbeitet Hans?


B: Hans arbeitet im Garten.

Per segnalare l'informazione nuova nella frase risulta importante, come


abbiamo visto, la sequenza lineare degli elementi: prima viene il tema, poi il
rema. Nella lingua parlata, inoltre, è da considerare il ruolo della struttura ac-
centuale. Infatti, l'elemento rematico diventa portatore di accento:

(29) A: Wer arbeitet im Garten?


B: Hans arbeitet im Garten.
(30) A: Was macht Hans im Garten?
B: Hans arbeitet irn Garten.
(31) A: Wo arbeitet Hans?
B: Hans arbeitet im Garten.

199
In questi tre casi, abbiamo la stessa sequenza lineare; il rema viene rispet-
tivamente segnalato dalla sola presenza dell'accento. Ovviamente, la struttura
tema-rema riguarda non solo risposte a domande, ma interessa qualsiasi frase
che sia preceduta da un ' altra frase:

(32) Ich fahre nach Hamburg, um Freunde zu besuchen. Ich nehme den Zug.

Nella seconda frase, l'elemento nuovo è den Zug. Pertanto, l'ordine in-
verso den Zug nehme ich risulta inadeguato in questo contesto.
Va detto, infine, che non tutte le frasi hanno una struttura tema-rema.
Esistono infatti frasi interamente rematiche (tipicamente la prima frase di un
racconto) e frasi interamente tematiche. Vediamo un esempio di quest'ulti-
mo tipo, in cui un'intera frase viene ripetuta (in questo caso per esprimere
stupore):

(33) A: Was macht Hans?


B: Hans arbeitet im Garten.
A: Hans arbeitet im Garten. Das hatte ich nie gedacht.

6.4.3. La microstruttura: la progressione tematica

In una sequenza di frasi, la struttura in tema e rema di una determinata


frase è strettamente collegata alla struttura inforrnazionale delle altre frasi . Il
collegamento tra le varie frasi è detto "progressione tematica" e costituisce
uno dei meccanismi centrali della coesione/coerenza testuale. Tradizional-
mente, si distinguono cinque tipi di progressione tematica:
l) progressione semplice lineare (il rema della prima frase diventa il te-
ma della seconda, il rema della seconda diventa il tema della terza, e così via):

(34) Peter kauft ein Geschenk. Das Geschenk ist fur Peters Mutter. Sie hat
morgen Geburtstag.

2) progressione a tema costante (il tema della prima frase diventa il te-
ma della seconda, della terza, e così via):

(35) Irene hat Urlaub. Sie fahrt fi.ir zwei Wochen in die Karibik. Sie mochte
die Sonne genieBen.

3) progressione a temi derivati da un iper-tema (dal tema generale


della prima frase è derivato il tema più specifico della seconda, della terza, e
così via):

200
(36) Koln ist eine interessante Stadt. Der gotische Dom ist eine groBe At-
traktion. Am Rhein kann man schon spazieren gehen. Viele Museen la-
den zu einem Besuch ein.

4) progressione a temi derivati da un iper-rema (dal rema generale


della prima frase è derivato il tema più specifico della seconda, della terza, e
così via):

(37) In ihrer Freizeit treibt Sonja viel Sport. Tennis kann man in vielen
Clubs spielen. Bei Golf gibt es jedoch nur wenige Trainingsmoglich-
keiten.

5) progressione con salto tematico (la progressione presenta delle in-


terruzioni, per cui una frase può avere un tema non derivabile dalla struttura
informazionale delle frasi precedenti):

(38) Ein alter Mann ging tiber die StraBe. Er wurde tiberfahren. Es regnete
sehr stark. Viele Unfill.le passieren bei schlechtem Wetter.

In testi concreti, più che realizzazioni "pure" di un solo tipo di progres-


sione tematica, troviamo varie forme di combinazioni fra tipi. Come esempio
vediamo il seguente testo, in cui il tema delle rispettive frasi è sottolineato:

Rentnerin in Kirche beraubt- 3 Jahre Haft


Ein Kolner Richter schickte einen Handtaschenrliuber (39) ftir drei Jahre ins
Gef<ingnis. Der Mann hatte einer Rentnerin (66) in der Kirche aufgelauert, sie zu
Boden gestoBen, ihr die Tasche entrissen. Beute: 30 Mark. Seitdem traut sich die
alte Frau nicht mehr aus dem Haus. Der Richter: "In einer Kirche solite niemand
mit einem Angreifer rechnen mtissen. Alte Leute sollen wissen, daB die Justiz
si e vor solchen Taten schtitzt".
[Bild-Zeitung, 28.10.1998, p. 4]

Va infine considerato che spesso i testi, pur essendo lacunosi dal punto di
vista informativo, risultano perfettamente comprensibili in quanto fanno rife-
rimento a situazioni-tipo (chiamate in inglese scripts o frames) che fanno sta-
bilmente parte della nostra conoscenza del mondo: viaggiare in treno, andare
allo stadio, mangiare al ristorante, ecc. Vediamo il seguente esempio:

(39) Er ging ins Restaurant. Er wartete lange auf das Essen. Er gab wenig
Trinkgeld.

È facile per il ricevente del testo ricostruire le informazioni mancanti


(qui di seguito sottolineate):

201
(40) Er ging ins Restaurant. Er setzte sich an einen Tisch. Er bestellte das
Essen. Er wartete Jange auf das Essen. Er aB das Essen. Er bat um die
Rechnung. Der Kellner brachte die Rechnung. Er gab wenig Trinkgeld.

6.5. La struttura referenziale del testo: tempi, luoghi,


persone/oggetti

La referenza, in generale, è il rinvio di espressioni linguistiche a entità


extralinguistiche (che fanno parte del mondo reale, di un mondo possibile o
anche di un mondo interamente immaginario). Le singole istanze dei vari ti-
pi di referenza (temporale, spaziale, personale/oggettuale) costituiscono una
rete di relazioni che pervade l'intera organizzazione testuale.

6.5.1. Referenza temporale

Numerose lingue, tra cui anche il tedesco e l'italiano, esprimono - in


ogni frase che contiene un verbo finito- una referenza temporale. Così ad es.
nella frase

(41) Ich ging nach Hause.

la forma verbale al preterito indica che l'evento è da collocare al passa-


to. Non solo mezzi grammaticali come i tempi verbali possono indicare rela-
zioni temporali, ma anche mezzi lessicali come ad es. gli avverbi temporali. I
mezzi lessicali vengono usati in aggiunta ai mezzi grammaticali (ich ging
gestern nach Hause) o possono da soli codificare la referenza temporale (ich
gehe morgen nach Hause).

??? In tedesco, alcuni tipi di frase non contengono un verbo finito (Alle mal
herhOren!, Achtung!, Die Fahrkarten bitte!). Si può per questo dire che si tratta
di frasi senza ancoraggio temporale?

Per individuare le funzioni dei vari tempi verbali, sono rilevanti tre mo-
menti:

(l) punto di enunciazione (N): il momento stesso in cui viene prodotto


l'enunciato (il nunc);
(Il) punto dell'evento (E): il momento in cui accade l'evento in
questione;
(III) punto di riferimento (R): il momento rispetto al quale si colloca
tale evento.

202
n rapporto tra questi tre momenti può essere di anteriorità, posteriorità o
contemporaneità. Tale sistema di rapporti si lascia ben esemplificare dal tem-
po verbale del piuccheperfetto in tedesco:

(42) Gestern hatte sie bereits das Buch i.ibersetzt.

Questa frase dice che l'evento E (la traduzione) in un momento del pas-
sato R (ieri) è già concluso. Dato che R viene prima del momento di enun-
ciazione N (oggi), si può stabilire la seguente cronologia relativa: prima E,
poi R, poi N.
I tempi verbali, rispettivamente, codificano un diverso rapporto tra que-
sti tre punti. Consideriamo i sei tempi verbali tradizionalmente individuati
per il tedesco (presente, preterito, perfetto, piuccheperfetto, futuro, futuro an-
teriore):

presente: Ich gehe naeh Hause. coincidenza di E, R, N


preterito: /eh ging naeh Hause. anteriorità di E e R rispetto a N
perfetto: !eh bin naeh Hause gegangen. anteriorità di E rispetto a R e N
piuccheperf.: !eh war naeh Hause gegangen. anteriorità di E rispetto a R, di
R rispetto a N
futuro: leh werde naeh Hause gehen. posteriorità di E e R rispetto a N
futuro ant.: !eh werde naeh Hause gegangen sein. anteriorità di E rispetto a R,
posteriorità di E rispetto a N

Questa griglia ci permette una prima classificazione dei tempi verbali in


base alla tipologia dei rispettivi rapporti tra i tre fattori in gioco:
(l) Il rapporto tra E e N. Si tratta della dimensione prettamente deittica
dei tempi verbali. Nel presente, l'evento E e il momento di enunciazione N
coincidono; nel preterito, perfetto e piuccheperfetto E è anteriore rispetto a N;
nel futuro e nel futuro anteriore E è posteriore a N.
(2) Il rapporto tra E e R. Nei tempi presente, preterito e futuro l'evento
E coincide con il punto di riferimento R. In altre parole: non vi è un punto di
riferimento esterno all'evento stesso che possa fungere da elemento di anco-
raggio. Perfetto, piuccheperfetto e futuro anteriore, invece, possiedono tale ri-
ferimento esterno. Per tutti e tre i tempi, E è anteriore rispetto a R (per cui si
tratta di retrospettive).
(3) Il rapporto tra R e N. Nel presente e nel perfetto, il punto di riferi-
mento R e il momento di enunciazione N coincidono; nel preterito e piucche-
perfetto R è anteriore a N; nel futuro e nel futuro anteriore R è posteriore a N.

??? Il tempo presente può essere usato anche per eventi futuri (Morgen gehe ieh
ins Kino) e passati (Gestern war ieh im Kino, plOtzlieh brieht ein Feuer aus).
Che cosa possiamo dedurre sulla natura del tempo presente?

203
6.5.2. Referenza spaziale

In tedesco, la referenza spaziale non è obbligatoria come quella tempo-


rale e solo in rari casi risulta grammaticalizzata. Va distinta la referenza loca-
le (stato in luogo come Er sitzt in dem Zimmer) dalla referenza direzionale
(moto a luogo come Er liiuft in das Zimmer e moto da luogo come Er liiuft
aus dem Zimmer). I rapporti spaziali vengono espressi in tedesco principal-
mente tramite un complemento avverbiale o tramite verbi spaziali. Il comple-
mento avverbiale può avere la forma di un sintagma preposizionale, di un av-
verbio o di una frase avverbiale:

(43) a Er wohnt gegeniiber dem Rathaus.


b Er wohnt dort.
c Er wohnt, wo es ihm gefallt.

I verbi spaziali possono essere di posizione e di moto. Facciamo solo


qualche esempio:

verbi di posizione: stehen, liegen, sitzen, hangen, sich befinden, sein, wohnen
verbi di moto: stellen, legen, setzen, hangen, kommen, gehen

Alcune di queste espressioni spaziali hanno un carattere deittico (come


kommen e gehen), altre un carattere non deittico (come stellen e legen).
Uno dei rari casi in cui la referenza spaziale raggiunge un certo grado di
grarnmaticalizzazione è l'alternativa di reggenza (accusativo/dativo) dopo al-
cune preposizioni. Il dativo indica una referenza locale: in altre parole, il rap-
porto tra oggetto localizzato e oggetto localizzante rimane inalterato. Nel se-
guente esempio, la persona in questione - nel lasso di tempo considerato -
non si muove rispetto alla scrivania:

(44) Sie sitzt an einem Schreibtisch.

Si può avere referenza locale anche quando una delle due entità è in mo-
vimento:

(45) Sie lauft auf dem Marktplatz. ('corre sulla piazza del mercato')

Il rapporto tra oggetto localizzato e oggetto localizzante qui non cambia


in quanto il movimento rimane confinato alla piazza del mercato. L'accusati-
vo, invece, costituisce una referenza direzionale (muta il rapporto tra oggetto
localizzato e localizzante):

(46) Sie setzt sich an einen Schreibtisch.


(47) Sie lauft auf den Marktplatz. ('corre fin sulla piazza del mercato')

204
Nella prima frase la persona cambia la sua collocazione spaziale rispetto
alla scrivania. Anche nella seconda frase muta la configurazione spaziale in
quanto la persona, solo alla fine del suo movimento, viene a trovarsi sulla
piazza.
Va infine rilevato che, oltre alle nove preposizioni citate dalle grammati-
che (an, auf, hinter, in, neben, uber, unter, vor, zwischen), anche la preposi-
zione/postposizione entlang mostra una doppia reggenza che è ricollegabile
all'opposizione tra referenza locale e referenza direzionale:

(48) Die Hauser stehen entlang dem Fluss. [dativo]


(49) Sie lauft bis zur Briicke den Fluss entlang. [accusativo]

6.5.3. Referenza personale/oggettuale

Per riferirsi a persone o oggetti si usano quasi esclusivamente sintagmi


nominali. Due aspetti della referenza personale/oggettuale sono rilevanti: la
quantificazione e la determinazione.
La quantificazione consiste nella specificazione del numero dei referen-
ti di una determinata espressione e avviene mediante quantificatori che si ag-
giungono al nome del SN (principalmente: ein, einige, alle, jeder):

(50) a Ein Mann geht nach Hause.


b Einige Manner gehen nach Hause.
c Alle Manner gehen nach Hause.

La determinazione consiste nella delirnitazione/individuazione del refe-


rente. Essa può verificarsi tramite l'articolo determinativo (der), il pronome di-
mostrativo (dieser/jener) o il pronome possessivo (mein/dein ecc.). La deter-
minazione può essere anaforica in senso stretto o in senso lato (a seconda che
il riferimento all'entità menzionata precedentemente sia diretto o indiretto):

(51) a In dem Tal steht ein schones Dorf. Das Dorf wurde vor 1000 Jahren ge-
griindet.
b In dem Tal steht ein schones Dorf. Die Kirche wurde vor 1000 Jahren
gebaut.

La determinazione può essere anche deittica. In questo caso l'individua-


zione del referente avviene all'interno della situazione comunicativa:

(52) Das Buch (hier) musst du lesen!

In altri casi, infine, la determinazione del referente è realizzata fondan-


dosi sulla nostra conoscenza del mondo. Viene usato l'articolo determinativo.

205
Il seguente esempio si basa sul presupposto che tutti sappiano che la Germa-
nia ha un solo ministro degli esteri:

(53) Der BundesauBenminister ist nach Amerika gereist.

??? Quantificazione e determinazione possono essere combinate in una stessa


struttura?

6.6. La tipologia testuale

Abbiamo già visto, quando abbiamo discusso la nozione di testo, che esi-
ste una molteplicità di tipi testuali. Procediamo ora a una classificazione più
sistematica. I due criteri più importanti sono: la situazione comunicativa ge-
nerale e l'intenzione comunicativa dell'emittente.

6.6.1. Classificazione secondo la situazione comunicativa generale

Una prima classificazione prende come punto di partenza la situazione


comunicativa in cui nasce un determinato testo. Questa classificazione non
considera quindi il testo come prodotto finito (come risultato), ma si concen-
tra sul processo di costituzione testuale. Alcuni criteri riguardano i parteci-
panti alla comunicazione (emittente e ricevente):
a) Presenza o meno del ricevente. Va distinto l'aspetto spaziale da quel-
lo temporale. Contatto spaziale vi è ad es. in una conversazione faccia a fac-
cia, distacco spaziale per es. nel caso di un fax. Coincidenza temporale (sen-
za contatto spaziale) si ha per es. in una conversazione telefonica, oppure nel
caso di una notizia letta alla televisione; distacco temporale con una lettera
spedita per posta.
b) Numero dei partecipanti alla comunicazione (emittenti e riceventi).
Una lettera ad es. può essere scritta da una persona o da più persone. Una let-
tera indirizzata a un solo destinatario ha un solo ricevente, una lettera circo-
lare ne ha molti.
c) Carattere pubblico della comunicazione. Una lettera aperta è pubblica,
una lettera privata no.
d) Specificità dei partecipanti. I partecipanti possono produrre/ricevere
testi proprio in quanto appartenenti a determinati gruppi sociali, professiona-
li, ecc. Un esempio è dato dai testi scientifici.
Altri criteri riguardano più specificamente il comportamento comunica-
tivo dei partecipanti alla comunicazione:
e) Monologico-dialogico. Un testo monologico è ad es. una relazione
scientifica tenuta a un convegno, un testo dialogico una tavola rotonda.

206
f) Pianificato-spontaneo. Un testo pianificato è stato preparato dal punto
di vista del contenuto e della forma (le cose che si vogliono dire e n modo in
cui si vogliono dire), un testo spontaneo no. Esempi sono rispettivamente una
lettera ufficiale al Presidente della Repubblica e una lettera scritta di getto a
una persona con cui si è in confidenza.
g) Orale-scritto. È pur vero che uno stesso testo può essere letto ad alta
voce o essere distribuito in forma scritta. Solitamente, però, il testo orale è
spontaneo, per cui il ricevente si trova in una situazione particolare perce-
pendo contemporaneamente il vivo processo di costituzione testuale e il suo
risultato. Egli vede una stretta connessione tra il produttore del testo (i suoi
gesti, la dizione, l'intonazione), la produzione del testo e il risultato di questa
produzione.

??? I tre criteri [±monologico], [±orale] e [±spontaneo] sono forse quelli gerar-
chicamente più importanti. Provate a sviluppare una classificazione generale
trovando esempi per ogni combinazione di tratti!

6.6.2. Classificazione secondo la specifica intenzione comunicativa


dell'emittente

I testi pianificati possono essere classificati secondo lo scopo che si pre-


figge l'emittente. Sia detto per inciso che la maggior parte dei testi pianifica-
ti sono monologici (la pianificazione è più facile con un solo emittente) e
scritti (l'emittente ha più tempo per un'accurata preparazione).
Una prima distinzione è quella tra testi letterari e non-letterari. Mentre in
passato i testi letterari si distinguevano dai testi "pratici" per via di precise
scelte stilistiche (per es. l'uso di un lessico aulico), oggi la letterarietà di un
testo consiste principalmente nell'intenzione dell'emittente di creare un pro-
dotto artistico. Una classificazione dei testi letterari in generi (romanzo, no-
vella, sonetto ecc.) è molto antica. Solo recentemente, nell'ambito della lin-
guistica testuale, si è tentata una classificazione dei testi pratici. Orientativa-
mente, possiamo distinguere i seguenti tipi testuali:
l) I testi descrittivi hanno lo scopo di descrivere aspetti caratterizzanti di
un oggetto, di una persona, di un luogo o di una situazione. Spesso non si trat-
ta di testi autonomi, ma di brani inseriti in altri tipi di testo (per es. la descri-
zione di un paesaggio come parte di un resoconto di viaggio, oppure la de-
scrizione di un apparecchio tecnico nelle istruzioni per l'uso).
2) I testi narrativi si propongono di descrivere concatenazioni di eventi
o azioni, vale a dire di raccontare una storia che si è svolta lungo un determi-
nato arco di tempo (per es. un articolo di cronaca che riporta la dinamica di
una rapina in banca, oppure un libro che narra la biografia di un personaggio
famoso).

207
3) I testi informativi intendono fornire notizie utili allettare su uno o più
argomenti specifici (per es. un'enciclopedia, un dizionario, un manuale uni-
versitario o una guida turistica). Il lettore li consulterà ogni qualvolta ne ab-
bia bisogno.
4) I testi argomentativi hanno lo scopo di convincere il ricevente ad ac-
cettare una determinata tesi. Il ragionamento comprende l'esposizione degli
argomenti a favore e la confutazione di possibili obiezioni (ad es. l' articolo di
fondo di un giornale, l'arringa di un avvocato o il discorso di un politico in
Parlamento a sostegno di un determinato progetto di legge).
5) I testi regolativi contengono istruzioni per il ricevente che possono es-
sere vincolanti (una legge, una disposizione ministeriale, un regolamento di
condominio) o facoltative (un'istruzione per l' uso, una ricetta di cucina).
I cinque tipi testuali appena trattati sono da considerarsi tipi ideali. Infat-
ti, nella realtà linguistica, incontriamo spesso "testi misti" che presentano va-
rie forme di integrazione fra tipi diversi. Così ad esempio un articolo di cro-
naca che racconta il calvario di un personaggio famoso ammalatosi grave-
mente può contenere parti informative (una caratterizzazione della malattia in
questione) e parti regolative (considerazioni-consigli su come poter guarire).

Esercizi

E 6-1: Nozione di "testo"


Discutete le seguenti due definizioni di testo!
(Schriftlich fixierte) im Wortlaut festgelegte, inhaltlich zusammenhangende
Folge von Aussagen.
[DUDEN - Das groBe Worterbuch der deutschen Sprache in lO Banden, p.
3891]
Folge von Satzen, die miteinander in Verbindung stehen.
[Langenscheidts GroBworterbuch Deutsch als Fremdsprache, p. 963]
Quali caratteristiche del testo non vengono prese in considerazione? Vi sono
tipi di testo a cui non si adatta la rispettiva definizione?

E 6-2: Coesione sintattica


Quali sono i principali mezzi di coesione sintattica (forme di ripresa e con-
nettori) nel seguente testo?
Mietrecht: Der Vermieter tobte, als die Kinder ernteten
Daniela R. (29) ftihlte sich richtig wohl in der neuen Mietwohnung am Stadt-
rand. Die Raume waren schon hell, das Haus stand ruhig im Griinen und hatte
einen traurnhaften Garten, in dem die Kinder ungestOrt spielen konnten. Dort
standen auch mehrere Apfel- und Pflaumenbaume. Als im Spatsommer dann die
Friichte reif wurden, freute sich die ganze Farnilie auf eine dicke Emte. Auch
andere Mietparteien griffen dabei kraftig zu. Bald waren alle Mitbewohner des
Hauses rnit den Friichten aus dem Garten versorgt. Das passie dem Vermieter

208
iiberhaupt nicht. In seinen Augen gehOrten die Friichte in seinem Garten auch
ihm. Als sich der reit nicht beilegen lieB, traf man sich vor dem Amtsgericht
Leverkusen. Die Richter stellten sich in dem Verfahren eindeutig auf die Seite
der Mieter. Wer eine Wohnung rnit Hausgarten angernietet habe, konne auch
iiber das dort wachsende Obst verfiigen, urteilten sie.
[neuewoche, 31/2003, p. 48]

E 6-3: Pronomi
\ Individuate i pronomi nel seguente testo, indicando se si tratta rispettivamen-
te di rinvii anaforici o cataforici!
Fachchinesisch bleibt nicht hangen
Zum einen Ohr rein, zum anderen wieder raus : Bis zu 80 Prozent von dem, was
die Mediziner im Krankenhaus ihnen erkliiren, vergessen Patienten sofort wie-
der. Und das, was im Gedachtnis hangen bleibt, ist zur Hhlfte falsch. Zu diesem
Ergebnis kornrnt Dr. Roy Kessels von der niederlandischen Universitat Utrecht.
[Apotheken Umschau, 15.8.2003, p. 6]

E 6-4: Pronomi
Quali pronomi, nel seguente testo, si potrebbero riferire a più antecedenti?
Perché non sorgono malintesi?
Einst, nachdem er schon ein Jahr oder zwei unterwegs gewesen war, kam Gold-
mund auf den Hof eines wohlhabenden Ritters mi t zwei schonen jungen Toch-
tem. Es war irn Friihherbst, bald wiirden die Nachte kiihl werden, im vergange-
nen Herbst und Winter batte er das gekostet, nicht ohne Sorge dachte er an die
kornrnenden Monate, im Winter war die Wanderschaft schwer. Er fragte um Es-
sen und Nachtlager. Man nahm ihn artig auf, und als der Ritter horte, der Frem-
de habe studiert und konne Griechisch, lieB er ihn vom Tisch der Dienstboten an
den seinen heriiberkornrnen und behandelte ihn beinah wie seinesgleichen. Die
beiden Tochter hielten die Augen gesenkt, die Altere war achtzehn, die kleine
kaum sechzehn Jahre alt, Lydia und Julie.
[Hermann Hesse, Narzij3 und Goldmund. Frankfurt a.M.: Suhrkamp, pp. 93-4]

E 6-5: Coesione morfo-fonologica


Indicate i mezzi di coesione morto-fonologica nel seguente testo!
Weihnachten (Joseph von Eichendorff)
Markt und StraBen stehn verlassen,
Stili erleuchtet jedes Haus,
Sinnend geh' ieh durch di e Gassen,
Alles sieht so festlich aus.
An den Fenstem haben Frauen
Buntes Spielzeug frornrn geschmiickt,
Tausend Kindlein stehn und schauen,
Sind so wunderstill begliickt.
Und ich wandre aus den Mauem
Bis hinaus ins freie Feld,

209
Hehres GHinzen, heil ' ges Schauem!
Wie so weit und stili die Welt!

E 6-6: Coerenza
I seguenti due testi difettano di meccanismi di coesione testuale. Su che cosa
si basa la coerenza di fondo del rispettivo testo (una poesia e un'inserzione
sul giornale)?
a)
Reklame (Ingeborg Bachrnann)
Wohin aber gehen wir
ohne sorge sei ohne sorge
wenn es dunkel und wenn es kalt wird
sei ohne sorge
a ber
mit musik
was sollen wir tun
heiter und mit musik
und denken
heiter
angesichts eines Endes
mit musik
und wohin tragen wir
am besten
unsere Fragen und den Schauer aller Jahre
in die Traumwiischerei ohne sorge sei ohne sorge
was aber geschieht
am besten
wenn Totenstille
eintritt
b)
Bellevue **** INSEL RÙGEN
exklusive Appartements am Strand, groBztigige Balkone mit traumhaftem
Meerblick, Sauna, Lift
Herbstangebote, Supersparsaison ab 20. Okt. 03 - Marz 04
18609 Ostseebad Binz, Strandpromenade 29
[Die Zeit, 28.8.2003, p. 65]

E 6-7: Intertestualità
Indicate rispettivamente le espressioni fisse a cui si riferiscono i seguenti ti-
toli di giornale!
Und sie bewegt sich doch. Die US-Regierung braucht Hilfe im Irak und tastet
sich vorsichtig an die UN heran [Stiddeutsche Zeitung, 29.8.2003, p. 4]
Firmen des Tages: Mtinchner Rtick, TUI- Mit wenn und aber (p. 23)
Unhappy Hour. Nach 22 Jahren schlieBt Charles Schumann seine Bar (p. 35)
Irak- Mission Clm)possible [Die Zeit, 28.8.2003, p. l]

210
Saddam und Gomorrha. Nach dem Anschlag auf das Hauptquartier der UN im
Irak fordern viele Staaten: mehr Macht fiir die UN (p. 3)
Im Zweifel fiir die Meinungsfreiheit (p. 18)
Der alte Mann und die Maut. Verkehrsminister Manfred Stolpe meidet Konflikte
(p. 26)
Manche mogen's kalt. Pro-Kopf-Verbrauch von Speiseeis in Litern 2002 (p. 29)
Leidende Angestellte. Wenn der Arbeitsdruck wachst, nehmen auch psychoso-
matische Erkrankungen zu (p. 31)
Unser taglich Gemiise. Zucchini wachsen so schnell, dass man ihnen dabei
zusehen kann (p. 59)

E 6-8: Progressione tematica


Ricostruite la progressione tematica del seguente testo!
Altester Bankrauber der Welt nach Ùberfall gefasst
Dallas- Er ist der alteste Bankrauber der USA. Ein 91-Jahriger schob einem
Bankangestellten in Texas einen groBen Umsch1ag mit der Aufschrift "Bank-
iiberfall" zu. Der unbewaffnete Rentner erbeutete rund 2000 Dollar. Kurze Zeit
spater fasste ihn die Polizei. Zeugen hatten das Kennzeichen des Fluchtautos no-
tiert. Zuletzt wurde der Mann im Alter von 87 Jahren nach einem Bankraub ge-
schnappt und zu 3 Jahren Haft verurteilt. Jetzt drohen ihm bis zu 20 Jahren Haft.
[Bild-Zeitung, 15.8.2003, p. 14]

E 6-9: Coreferenza
Nel seguente testo, indicate espressioni che hanno lo stesso referente!
Chaos nach Stromausfall in Amerika
New York- Der groBte Stromausfall in der Geschichte der USA hat das offent-
liche Leben in Nordamerika und Teilen Kanadas weitgehend lahm gelegt. Rund
20 Stunden nach Beginn des groBflachigen Ausfalls herrschte am Freitag noch
Unklarheit dariiber, wodurch das Desaster ausgelOst wurde. US-Prasident Geor-
ge W. Bush nannte den Blackout eine "Lektion fiir unser Land". Einen terroris-
tischen Hintergrund gebe es nicht, fiigte Bush hinzu.
[Kolner Stadtanzeiger, 16.8.2003, p. l]

E 6-10: Referenza spaziale


Nelle seguenti coppie di esempi, accusativo e dativo indicano la stessa og-
gettiva configurazione spaziale, ma differiscono nel modo di rappresentarla.
In che senso possiamo dire che accusativo e dativo conservano rispettiva-
mente il loro carattere dinamico e statico?
(a) Sie kehrten in ein Gasthaus ein. Sie kehrten in einem Gasthaus ein.
(b) Sie lieB sich auf das Sofa nieder. Sie lieB sich auf dem Sofa nieder.
(c) Er schloss die Mappe in die Schublade ein. Er schloss die Mappe in der
Schublade ein.

211
Bibliografza per approfondimenti

Adamzik, Kirsten (a c. di) (2000). Textsorten. Rejlexionen und Analysen. Tiibin-


gen: Stauffenburg.
Antos, Gerd l Tietz, Heike (a c. di) (1997). Die Zukunft der Textlinguistik. Tradi-
tionen, Transformationen, Trends . Tiibingen: Niemeyer.
Beaugrande, Robert-A. de l Dressler, Wolfgang U. (1981). Einfohrung indie Text-
linguistik. Tiibingen: Niemeyer.
Brinker, Klaus (2001 5). Linguistische Textanalyse. Eine Einfohrung in Grundbe-
griffe und Methoden. Berlin: Schrnidt.
Brinker, Klaus et al. (a c. di) (2000). Text- und Gespriichslinguistik. Ein interna-
tionales Handbuch zeitgendssischer Forschung. 2 voll. Berlin/New York: de
Gruyter.
Busse, Dietrich (1992). Textinterpretation. Sprachtheoretische Grundlagen einer
explikativen Semantik. Opladen: Westdeutscher Verlag.
Coseriu, Eugenio (19943). Textlinguistik. Eine Einfohrung. Tiibingen: Francke.
Fix, Ulla l Poethe, Hannelore l Yos, Gabriele (2001). Textlinguistik und Stilistik
for Einsteiger. Ein Lehr- und Arbeitsbuch. Frankfurt a.M.: Lang.
Gansel, Christina l Jiirgens, Frank (2002). Textlinguistik und Textgrammatik.
Wiesbaden: Westdeutscher Verlag.
Heinemann, Wolfgang l Viehweger, Dieter (1991). Textlinguistik. Eine Einfoh-
rung. Tiibingen: Niemeyer.
Keller, Otto l Hafner, Heinz (1995 3). Arbeitsbuch zur Textanalyse. Semiotische
Strukturen, Modelle, Interpretationen. Miinchen: Fink.
Sommerfeldt, Karl-Ernst (a c. di) (2003). Textsorten und Textsortenvarianten.
Frankfurt a.M.: Lang.
Thurmair, Maria l Willkop, Eva-Maria (a c. di) (2003). Am Anfang war der Text.
Zehn Jahre "Textgrammatik der deutschen Sprache ". Miinchen: Iudicium.
Vater, Heinz (2001 3) . Einfohrung indie Textlinguistik. Miinchen: Fink.

212
APPARATO BIBLIOGRAFICO GENERALE

l. Lingua tedesca: opere di consultazione

1.1. Grammatiche linguistiche

Admoni, Wladimir G. (1982 4). Der deutsche Sprachbau. Miinchen: Beck.


Brinkmann, Hennig (1971 2). Die deutsche Sprache. Gestalt und Leistung. Diis-
seldorf: Schwann.
DUDEN- Grammatik der deutschen Gegenwartssprache (1998). A cura di Pe-
ter Eisenberg et aL Mannheim: Dudenverlag.
Eichler, Wo1fgang l Biinting, Karl-Dieter (19944). Deutsche Grammatik. Form,
Leistung und Gebrauch der Gegenwartssprache. Kronbergffs.: Scriptor.
Eisenberg, Peter (199811999 4 ). Grundrij3 der deutschen Grammatik. Vol. l Das
Wort, vol. 2 Der Satz. Stuttgart!Weimar: Metzler.
Engel, Ulrich (1996 3). Deutsche Grammatik. Vollstiindige Darstellung der deut-
schen Gegenwartssprache. Heidelberg: Groos.
Engel, Ulrich (2002). Kurze Grammatik der deutschen Sprache. Miinchen: Iudi-
cium.
Erben, Johannes (1980 12). Deutsche Grammatik. Ein Abrij3. Miinchen: Hueber.
FHiming, Walter (1991). Grammatik des Deutschen. Einfohrung in Struktur- und
Wirkungszusammenhiinge. Berlin: Akadernie.
Genzmer, Herbert (1995). Deutsche Grammatik. Frankfurt a.M./Leipzig: InseL
Gotze, Lutz l Hess-Liittich, Ernest W.B. (1999 3). Grammatik der deutschen Spra-
che. Sprachsystem und Sprachgebrauch. Giitersloh: Bertelsmann.
Heidolph, Karl Erich et aL (1981). Grundziige einer deutschen Grammatik. Ber-
lin: Akadernie.
Helbig, Gerhard (1999 4). Deutsche Grammatik. Grundfragen und Abrij3. Miin-
chen: ludicium.
Hentschel, Elke l Weydt, Harald (2003 3). Handbuch der deutschen Grammatik.
Berlin!New York: de Gruyter.
Heringer, Hans-Jiirgen (1997). Kleine deutsche Grammatik. Sprachwissen, Stil,
Rechtschreibung. Berlin: Comelsen.
Kiirschner, Wilfried (2003 4) . Grammatisches Kompendium. Systematisches Ver-
zeichnis grammatischer Grundbegrif.fe. Tiibingen: Francke.
Sommerfeldt, Karl-Ernst l Starke, Giinter (1998 3). Einfohrung indie Grammatik
der deutschen Gegenwartssprache. Tiibingen: Niemeyer.

213
Weinrich, Harald (2003 2). Textgrammatik der deutschen Sprache. Hildesheim:
Olms.
Zifonun, Gisela l Hoffmann, Ludger l Strecker, Bruno (a c. di) (1997). Gramma-
tik der deutschen Sprache. Berlin/New York: de Gruyter.

1.2. Grammatiche didattiche

1.2.1. Grarnrnatiche per discenti stranieri in generale


Apelt, Mary L. et al. (1997). Grammatik à la carte! Das Ubungsbuch zur
"Grundgrammatik Deutsch ". Vol. l Grundstufe, vol. 2 Mittelstufe. In colla-
borazione Frankfurt a.M.: Diesterweg e Aarau: SauerHinder.
Barkowski, Hans (1992 4). Kommunikative Grammatik und Deutschlernen mit
ausliindischen Arbeitern. Mainz: CM-Verlag.
Birkenfeld, Helmut l Jelkmann, Ursula (1999). Mittelstufengrammatik mit Ubun-
gen zur Wortbildung der Substantive, Verben und Adjektive. Koln: Armant.
Buscha, Joachim et al. (2002). Grammatik in Feldern. Ein Lehr- und Ubungs-
buchfiir Fortgeschrittene. Ismaning: Verlag fiir Deutsch.
Clamer, Friedrich l Heilmann, Erhard (2002). Ubungsgrammatikfiir die Grund-
stufe. Regeln- Listen- Ubungen. Wiesbaum: Liebaug-Dartmann.
Clamer, Friedrich l Heilmann, Erhard l Roller, Helmut (2002). Ubungsgrammatik
fiir die Mittelstufe. Regeln - Listen - Vbungen. Erweiterte Fassung. Wies-
baum: Liebaug-Dartmann.
Dreyer, Hilke l Schmitt, Richard (2000). Lehr- und Ubungsbuch der deutschen
Grammatik. Neubearbeitung . Ismaning: Verlag ftir Deutsch.
Engel, Ulrich l Tertel, Rozemarie (1993). Kommunikative Grammatik Deutsch
als Fremdsprache. Die Regeln der deutschen Gebrauchssprache in 30 ge-
meinverstiindlichen Kapiteln. Mit Texten und Aufgaben. Miinchen: Iudi-
cium.
Fandrych, Christian l Tallowitz, Ulrike (2000). Klipp und Klar. Ubungsgramma-
tik Grundstufe Deutsch. Stuttgart: Klett.
Frey, Evelyn (2000) . Grammatik von A bis Z. Grundstufe Deutsch. Stuttgart:
Klett.
Gloyer, Henning (199811999). Das Grammatik-Karussell. Vol. l Einfiihrung -
Flexion, vol. 2 Syntax, vol. 3 Text und Kontext. Ismaning: Verlag ftir Deutsch.
Griesbach, Heinz (1986). Neue deutsche Grammatik. Berlin: Langenscheidt.
Hall, Karin l Scheiner, Barbara (2001). Ubungsgrammatik DaF fiir Fortgeschrit-
tene. Ismaning: Verlag fiir Deutsch .
Heidermann, Wemer (1997). Grammatik iiben l . Grammatiktraining Grundstu-
fe. Ismaning: Verlag fiir Deutsch.
Helbig, Gerhard l Buscha, Joachim (2000). Leitfaden der deutschen Grammatik.
Berlin/Miinchen: Langenscheidt.
Helbig, Gerhard l Buscha, Joachim (2000). Ubungsgrammatik Deutsch. Ber-
lin/Miinchen: Langenscheidt.

214
Helbig, Gerhard l Buscha, Joachim (2001). Deutsche Grammatik. Ein Handbuch
fiir den Ausliinderunterricht. Berlin!Miinchen: Langenscheidt.
Hering, Axel l Matussek, Magdalena l Perlmann-Balme, Michaela (2002). Em.
Ubungsgrammatik Deutsch als Fremdsprache. Ismaning: Hueber.
Heringer, Hans-Jiirgen (1988). Lesen lehren lernen. Eine rezeptive Grammatik
des Deutschen. Tiibingen: Niemeyer.
Jentsch, Horst (2001). Grammatik zum Uben. Ein Arbeitsbuch mit Regeln und
Ubungen. Vol. l Grundstufe, vol. 2 Mittelstufe. Koln: Jentsch.
Kars, Jiirgen l Haussermann, Ulrich (1997). Grundgrammatik Deutsch. In colla-
borazione Frankfurt a.M.: Diesterweg e Aarau: Sauerlander.
Latour, Bemd (1988). Mittelstufen-Grammatik fiir Deutsch als Fremdsprache.
Ismaning: Hueber.
Luscher, Renate (2000). Die CD-ROM Grammatik Deutsch fiir Anfiinger. lsma-
ning: Hueber.
Luscher, Renate (2001). Ubungsgrammatik fiir Anfiinger. Deutsch als Fremd-
sprache. Ismaning: Verlag fur Deutsch.
Luscher, Renate l Schapers, Roland (1985). Grammatik der modernen deutschen
Umgangssprache. Ismaning: Hueber.
Nieder, Lorenz (1987). Lernergrammatik fiir Deutsch als Fremdsprache. Isma-
ning: Hueber.
Reimann, Monika (2000). Grundstufen-Grammatik fiir Deutsch als Fremdspra-
che. Ismaning: Hueber.
Rug, Wolfgang l Tomaszewski, Andreas (2001). Grammatik mit Sinn und Ver-
stand. Ubungsgrammatikfiir Mittel- und Oberstufe. Neufassung. Miinchen:
Klett.
Schade, Giinter (2002). Einfiihrung in die deutsche Sprache der Wissenschaften.
Ein Lehrbuch fiir Ausliinder. Berlin: Schmidt.
Schulz, Dora l Griesbach, Heinz (1995). Grammatik der deutschen Sprache.
Ismaning: Hueber.
Singer, Helmut ( 1995). Langenscheidts Grammatik in Frage und Antwort. Deutsch.
Eine Ubungsgrammatik fiir Anfiinger und Fortgeschrittene. Berlin!Miinchen:
Langenscheidt.
Sommerfeldt, Karl-Emst l Schreiber, Herbert l Starke, Giinter (1994). Gramma-
tisch-semantische Felder. Einfiihrungen und Ubungen. Berlin/Miinchen:
Langenscheidt.
Stalb, Heinrich (1993). Deutschfiir Studenten. Lesegrammatik. Ismaning: Verlag
fur Deutsch.
Stief, Christine l Stang, Christian (2002). Deutsche Grammatik- kurz und schmerz-
los l German Grammar in a Nutshell. Berlin/Miinchen: Langenscheidt.
Vorderwiilbecke, Anne (1999). Das Grammatikheft. Ubersichten- Lernhilfen-
Regeln. Stuttgart: Klett.
Wagner, Renate (1997). Grammatik iiben 2. Grammatiktraining Mittelstufe.
Ismaning: Verlag fiir Deutsch.

215
1.2.2. Grammatiche per discenti italiani
Ahrenholz, Bemt (1994). Grammatica tedesca per principianti. Fasano: Schena.
Alella, Anna Maria l Marini, Joseph (1996). Deutsche Sprachlehre- Grammati-
ca tedesca. Milano: Signorelli.
Aza!s, Alban (1997). Grammatica pratica del tedesco dalla A alla Z. Traduzione
e adattamento di Francesca Ilardi e Max Bocchiola. Milano: Hoepli. [ed. ori-
ginale: 1994. Grammaire alphabetique de l'allemand. Paris: Bordas.]
Bruno, Elena l Franch, Raffaela (1994). Deutsche Grammatik. Grammatica di ri-
ferimento per lo studio della lingua tedesca. Torino: Il Capitello.
Campolonghi, Franca l Ludwig, Ute (1995). Arbeitsbuch zur deutschen Gram-
matik. Grammatica tedesca di livello medio-avanzato finalizzata ali' espres-
sione scritta. Torino: Petrini.
Cannillo, Luigi l Nasoni, Roberta (1993). Grammatica tedesca con esercizi. Mi-
lano: Mondadori.
Difino, Elisabetta l Fomaciari, Paola (2001). Deutsch klipp und klar- ein gram-
matisches Ubungsbuch. Milano: Principato.
Dreyer, Hilke l Schmitt, Richard (2001). Grammatica tedesca con esercizi. Nuo-
va edizione. Tradotta e rielaborata da Simonetta Guarini e Luciana Ziglio.
Ismaning: Verlag fur Deutsch.
Eppert, Franz (1991). Grammatica tedesca della comunicazione. Bologna: Zani-
chelli.
Gras Ferraresi, Brigitte l Tomelleri Kromberg, Luciana (1994). Confronti l Ver-
gleiche: Aspetti contrastivi del tedesco rispetto all'italiano. Regole tabelle
esercizi. Bologna: Zanichelli.
Hocke, Christel (1994). Deutsch intensiv. Grammatica tedesca. Firenze: Sansoni.
Laviat, Karin (1996). Deutsche Grammatik. Milano: Spiga Languages.
Leibold, E. et al. (1995). Arbeits- und Ubungsbuch zur deutschen Grammatik.
Torino: Petrini.
Luscher, Renate l Schapers, Roland (1989). Grammatica del tedesco contempo-
raneo. Tradotta e rielaborata da M. Cristina Quarantelli-Colajanni. Miin-
chen: Hueber.
Mascialino, Rita (1998). Grammatica tedesca. Guida pratica sintattico-gramma-
ticale all'apprendimento della lingua tedesca con spiegazioni, esempi spie-
gati ed esercizi con chiave spiegata. Seregno: Ciranna & Ferrara.
Mittner, Ladislao (1990). Grammatica della lingua tedesca. Milano: Mondadori.
Montali, Gabriella l Motta, Giorgio (1998). Ubungsheft zur Festigung der gram-
matischen Kompetenz. Bologna: Zanichelli.
Pasetti, Carla l Spagna, Ugo (1993). Schwerpunkte der deutschen Grammatik mit
Ubungen. Bologna: Libra Edizioni.
Piccardo, Giuseppina (1996). Horizonte. Deutschfor Fortgeschrittene. Gramma-
tik (Aujbaugrammatik). Firenze: Sansoni.
Pichler, Erica (2000). Grammatica essenziale tedesca. Milano: Vallardi.
Pichler, Erica l Schafer, Brigitte (1997). Grammatica alfabetica tedesca. Gram-
matica di livello avanzato. Milano: Vallardi.

216
Quartapelle, Franca (1990). Eine deutsche Grammatik. Firenze: La Nuova Italia.
Reimann, Monika (2000). Grammatica di base della lingua tedesca. Tradotta da
Luciana Kromberg Tomelleri. Ismaning: Hueber.
Rollin, Kurt l Schlicht, Michael (1992). Deutschlernen. Bologna: Zanichelli.
Saibene, Maria Grazia (2002). Grammatica descrittiva della lingua tedesca. Ro-
ma: Carocci.
Schulz, Dora l Griesbach, Heinz (1988). Deutsche Sprachlehre fur ltaliener.
Grundstufe. Nuova edizione a cura di G. Franceschini Zambrini. Milano:
Mursia.
Seiffarth, Achim l Medaglia, Cinzia (1998). Arbeitsgrammatik. Genova: Cideb.
Vanni, Angela (2000). Grundgrammatik Deutsch Italienisch. In collaborazione
Torino: Valmartina e Frankfurt a.M.: Diesterweg.
Weeming, Marion l Mandello, Mariano (2000). Dies und Das. Grammatica di te-
desco con esercizi. Genova: Cideb.

1.3. Dizionari monolingui

l. 3.l. Dizionari generali


Duden. Das grafie Worterbuch der deutschen Sprache in zehn Biinden (1999 3).
Mannheim: Dudenverlag.
Duden. Deutsches Universalworterbuch (2003 5). Mannheim: Dudenverlag.
Hermann Paul. Deutsches Worterbuch (2002 10). Tiibingen: Niemeyer.
Langenscheidts GrojJworterbuch Deutsch als Fremdsprache (2003 3).
Berlin!Miinchen: Langenscheidt.
Wahrig. Deutsches Worterbuch (2001 7). Giitersloh: Bertelsmann.
Worterbuch Deutsch als Fremdsprache (2000). Berlin!New York: de Gruyter.

1.3.2. Dizionari specifici


DUDEN in 12 Banden. Mannheim: Dudenverlag.
vol. l: Die deutsche Rechtschreibung (2000 22 ).
vol. 2: Das Stilworterbuch (2001 8).
vol. 3: Das Bildworterbuch (1999 5).
vol. 4: Die Grammatik (1998 6).
vol. 5: Das Fremdworterbuch (2001 7 ).
vol. 6: Das Ausspracheworterbuch (2000 4).
vol. 7: Das Herkunftsworterbuch (2001 3 ).
vol. 8: Die sinn- und sachverwandten Worter (1997 2 ).
vol. 9: Richtiges und gutes Deutsch (1997 4 ).
vol. 10: Das Bedeutungsworterbuch (2002 3).
vol. 11: Redewendungen (2002 2 )
vol. 12: Zitate und Auspruche (20022 ).

WAHRIG. Giitersloh: Bertelsmann.


vol. l: Die deutsche Rechtschreibung (2002).

217
vol. 2: Fremdworterlexikon (2002).
vol. 3: Synonymworterbuch (2002).
vol. 4: Grammatik der deutschen Sprache (2002).
vol. 5: Fehlerfreies und gutes Deutsch (2003).
vol. 6: Herkunftsworterbuch (2002).

1.4. Dizionari bilingui

1.4.1. Dizionari generali


DIT. Il dizionario. Tedesco-italiano l italiano-tedesco (2003 3). In collaborazione
Torino: Paravia e Berlin/Mtinchen: Langenscheidt.
Duden-Zanichelli. Dizionario illustrato tedesco e italiano. Bildworterbuch
Deutsch und Italienisch (1993). In collaborazione Mannheim: Dudenver-
lag e Bologna: Zanichelli.
Falsche Freunde auf der Lauer. Dizionario di false analogie e ambigue affinità
fra tedesco e italiano (1990). Bologna: Zanichelli.
Garzanti-Petrini. Dizionario di tedesco. Tedesco-italiano l Italiano-tedesco (2002).
Milano: Garzanti.
Il dizionario di tedesco con cd-rom per Windows. Dizionario tedesco-italiano l
italiano-tedesco (2001). In collaborazione Bologna: Zanichelli e Stuttgart:
Pons/Klett.
Paravia. Langenscheidts Handworterbuch Deutsch-Italienisch (1998). In colla-
borazione Berlin/Mtinchen: Langenscheidt e Torino: Paravia.

1.4.2. Dizionari tecnici


Dizionario del computer e delle tecnologie dell'informazione. Worterbuch der
Computer- und lnformationstechnologie. Tedesco-italiano l italiano-tedesco
(2002). Milano: Hoepli.
Dizionario delle telecomunicazioni. Worterbuch der Telekommunikation. Tedesco-
italiano l italiano-tedesco (2002). Milano: Hoepli.
Dizionario di tecnica e scienze applicate. Tedesco-italiano l italiano-tedesco
(199811999). 2 voli. In collaborazione Bologna: Zanichelli e Berlin: Lan-
genscheidt.
Dizionario giuridico ed economico. Worterbuch der Rechts- und Wirtschafts-
sprache. Italiano-tedesco l tedesco-italiano (2001 5/2003 6). 2 voli. In colla-
borazione Milano: Giuffrè e Mtinchen: Beck.
Gabler Wirtschaftsworterbuch. Deutsch-ltalienisch l ltalienisch-Deutsch (2002).
2 voli. Wiesbaden: Gabler.
Grande dizionario tecnico tedesco. Das grojJe Worterbuch der Technik. Tedesco-
italiano l italiano-tedesco (2003 2). In collaborazione Milano: Hoepli e Wies-
baden: Brandstetter.
Medizin. Medicina. ltalienisch-Deutsch l Deutsch-ltalienisch (2002). Berlin/Mtin-
chen: Langenscheidt.

218
Novissimo dizionario commerciale delle lingue italiano e tedesco (19903). Bre-
scia: Vannini.

2. Linguistica tedesca

2.1. Introduzioni alla linguistica tedesca

Albano Leoni, Federico l Morlicchio, Elda (1988). Introduzione allo studio della
lingua tedesca. Bologna: Il Mulino.
Bergmann, Rolf l Pauly, Peter l Stricker, Stefanie (2001 3). Einfiihrung in die
deutsche Sprachwissenschaft. Heidelberg: Winter.
Brandt, Patrick et al. (1999). Sprachwissenschaft. Ein roter Faden fiir das Stu-
dium. KOln: Bohlau.
Biinting, Karl Dieter (1978 7). Einfuhrung indie Linguistik. Kronberg: Atheniium.
Clément, Danièle (2000 2 ). Linguistisches Grundwissen. Eine Einfuhrung fiir
zukunftige Deutschlehrer. Opladen: Westdeutscher Verlag.
Diirr, Michael l Schlobinski, Peter (1994 2). Einfuhrung indie deskriptive Lingu-
istik. Opladen: Westdeutscher Verlag.
Diirscheid, Christa l Kircher, Hartmut l Sowinski, Bernhard (1995 2). Germanis-
tik. Eine Einfuhrung. Koln: Bohlau.
Fischer, Hans-Dieter l Uerpmann, Horst (1987). Einfuhrung in die deutsche
Sprachwissenschaft. Ein Arbeitsbuch. Miinchen: Ehrenwirth.
Fleischer, Wolfgang l Helbig, Gerhard l Lerchner, Gotthard (a c. di) (2002). Klei-
ne Enzyklopiidie Deutsche Sprache. Frankfurt a.M.: Lang.
Geier, Manfred (1998). Orientierung Linguistik. Was sie kann, was sie will. Rein-
bek: Rowohlt.
Gross, Harro l Fischer, Klaus (1998 3). Einfiihrung in die germanistische Lingu-
. istik. Miinchen: Iudicium.
Handke, Jiirgen l Intemann, Frauke (2000). Die interaktive Einfiihrung in die
Linguistik. CD-ROM Version 2.0. Ismaning: Hueber.
Linke, Angelika l Nussbaumer, Markus l Portmann, Paul R. (200 14 ). Studienbuch
Linguistik. Tiibingen: Niemeyer.
Loffler, Heinrich (1998 2). Linguistische Grundlagen. Eine Einfiihrung. Aarau:
Sauerliinder.
Liihr, Rosemarie (2000 6). Neuhochdeutsch. Eine Einfiihrung in die Sprachwis-
senschaft. Miinchen: Fink.
Meibauer, Jorg et al. (2002). Einfuhrung indie germanistische Linguistik. Stutt-
gart/Weimar: Metzler.
Miiller, Horst M. (a c. di) (2002). Arbeitsbuch Linguistik. Paderborn: Schoningh.
Pelz, Heidrun (20005). Linguistik. Eine Einfiihrung. Hamburg: Hoffmann und
Campe.
Ponti, Donatella l Buzzo Margari, Renata l Costa, Marcella (1997). Elementi di
linguistica tedesca. Alessandria: Edizioni dell'Orso.

219
Pèirings, Ralf l Schmitz, Ulrich (2003 2). Sprache und Sprachwissenschaft. Eine
kognitiv orientierte Einfiihrung. Ti.ibingen: Narr.
Spillmann, Hans Otto (2000). Einfohrung in die germanistische Linguistik. Ber-
lin: Langenscheidt.
Ulrich, Winfried (1995 6). Linguistik fiir den Deutschunterricht. Aachen-Hahn:
Hahner Verlagsgesellschaft.
Vater, Heinz (2002 4). Einfohrung in die Sprachwissenschaft. Mi.inchen: Fink.
Volmert, Johannes (a c. di) (2000 4) . Grundkurs Sprachwissenschaft. Mi.inchen:
Fink.

2.2. Dizionari terminologici

BuBmann, Hadumod (a c. di) (2002 3). Lexikon der Sprachwissenschaft. Stuttgart:


Krèiner.
Gli.ick, Helmut (a c. di) (2000 2). Metz[er Lexikon Sprache. Stuttgart/Weimar:
Metzler.
Homberger, Dietrich (2000). Sachworterbuch zur Sprachwissenschaft. Stuttgart:
Reclam.
Lewandowski, Theodor (1994 6). Linguistisches Worterbuch. Heidelberg: Quelle
& Meyer.
Ulrich, Winfried (2002 5). Worterbuch Linguistik. Grundbegriffe . Stuttgart: Bom-
traeger.

2.3 . Opere contrastive italiano/tedesco (opere generali)

Blasco Ferrer, Eduardo (1999). Italiano e tedesco. Un confronto linguistico. To-


rino: Paravia.
Bosco Coletsos, Sandra (a c. di) (1997). Italiano e tedesco: un confronto. Appunti
morfo-sintattici, lessicali e fonetici. Alessandria: Edizioni dell'Orso.
Gislimberti, Silvio (1993 2). Deutsch-ltalienisch: Syntaktische und semantische
Untersuchungen. Wilhelmsfeld: Egert.
Putzer, Oskar (1994). Fehleranalyse und Sprachvergleich. Linguistische Metho-
den im Fremdsprachenunterricht am Beispiel ltalienisch-Deutsch. Isma-
ning: Hueber.

3. Avviamento al lavoro scientifico

3.1. Introduzioni alla stesura di lavori scientifici (in tedesco)

Esselbom-Krumbiegel, Helga (2002). Von der Idee zum Text. Eine Anleitung zum
wissenschaftlichen Schreiben. Paderbom: Schèiningh.
Gi:ittert, Karl-Heinz (1999). Kleine Schreibschule for Studierende. Mi.inchen: Fink.

220
Narr, Wolf-Dieter l Stary, Joachim (a c. di) (20002). Lust und Last des wissen-
schaftlichen Schreibens. Hochschullehrerinnen und Hochschullehrer geben
Studierenden Tips. Frankfurt a.M.: Suhrkamp.
Niederhauser, Jorg (2000 3). Duden. Die schriftliche Arbeit. Mannheim: Duden-
verlag.

3.2. Repertori bibliografici

Eisenberg, Peter l Gusovius, Alexander (1988 2). Bibliographie zur deutschen


Grammatik. 1965-1986. Tiibingen: Narr.
Eisenberg, Peter l Wiese, Bemd (1995 3) . Bibliographie zur deutschen Gramma-
tik. 1984-1994. Tiibingen: Stauffenburg.
Munske, Horst H. l Van der Elst, Gaston (1999 3). Erlanger Bibliographie zur
germanistischen Sprachwissenschaft. Erlangen: Palm & Enke.
Kreuder, Hans-Dieter (1993 3). Studienbibliographie Linguistik. Stuttgart: Steiner.

Groos Studienbibliog raphien (1990-2000) [www.ids-mannheim.delpublstudienbib]


- attualmente 33 volumi sui seguenti argomenti: (l) Negation; (2) Text-
verstehen und TextversUindlichkeit; (3) Sprachkritik; (4) Diskursforschung
und Kommunikation; (5) Wissenschaftssprache; (6) Orthographie; (7) Text-
linguistik; (8) Neurolinguistik; (9) Sprache im Nationalsozialismus; (10)
Deutsche Wortbildung; (11) Interkulturelle Kommunikation; (12) Argumen-
tation und Argumentationstheorie; (13) Stil und Stilistik; (14) Schreiben;
(15) Sprache un d Geschlecht; (16) Soziolinguistik; ( 17) Sprache und Fem-
sehen; (18) ldiomatik/Phraseologie; (19) Nationale Varitaten der deutschen
Sprache; (20) Sprache und Recht; (21) Sprache in der Werbung; (22)
Lexikologie; (23) Neologismen; (24) Deutsch als Fremdsprache; (25) Gram-
matik der gesprochenen Sprache; (26) Fachsprachen und Fachkommunika-
tion; (27) Sprichworter l Redensarten-Parorniologie; (28) Schriftsprach-
erwerb; (29) Jugendsprache; (30) Deutsche Sprache international; (31)
Deutsche Wortstellung; (32) Korpuslinguistik; (33) Sprachdidaktik Deutsch.

Sono da menzionare inoltre le seguenti opere bibliografiche, aggiornate regolar-


mente:
Bibliographie der deutschen Sprach- und Literaturwissenschaft. Frankfurt a.M. :
Klostermann. [dal 1970]
Germanistik. 1nternationales Referatenorgan mit bibliographischen Hinweisen.
Ti.ibingen: Niemeyer. [dal1960]
MLA International Bibliography of Books and Articles of the Mode m Languages
and Literatures. New York: The Modern Language Association of America.
[dal 1963 su CD-ROM]

Vanno infine citati i seguenti repertori bio-bibliografici di germanistica:

221
Roggausch, Wemer (1999). Germanistik an Hochschulen in Deutschland. Ver-
zeichnis der Hochschullehrerinnen und Hochschullehrer. Bonn: DAAD.
Todini, Giu\iana l Venuti, Roberto (2003 4). Annuario dei docenti di Lingua e Let-
teratura Tedesca nelle università italiane. Roma: Istituto Italiano di Studi
Germanici.

3.3. Riviste scientifiche

-linguistica (tedesca):
Deutsche Sprache (DS), dal 1973
Folia Linguistica, dal 1967
Germanistische Linguistik, dal 1969
Indogermanische Forschungen, dal 1892
Leuvense Bijdragen, dal1896
Lingua, dal 1947 [dal 1997 anche versione on-line]
Linguistik Online, dal1998 [solo versione on-line]
Linguistische Berichte (LB), dal 1969
Muttersprache (MS), dal 1886
Osnabri.icker Beitrage zur Sprachtheorie (OBST), dal 1977
Sprachwissenschaft, dal 1976
Wirkendes Wort, dal1950
Zeitschrift fi.ir Dialektologie und Linguistik. Neue Folge (ZDL), dal1969
Zeitschrift fi.ir germanistische Linguistik (ZGL), dal 1973 [dal 2001 anche ver-
sione on-line]
Zeitschrift fi.ir Sprachwissenschaft (ZS), dal 1982

- linguistica e letteratura:
Beitrage zur Geschichte der deutschen Sprache und Literatur (PBB), dal 1874
Poetica, dal 1967
Sprache und Literatur, dal 1970
Studi Germanici (nuova serie), dal1963
Zeitschrift fi.ir Literaturwissenschaft und Linguistik (LiLi), dal 1971

- didattica del tedesco:


daf-werkstatt, dal 2003
Der Deutschunterricht, dal 1948
Deutsch als Fremdsprache (DaF), dal 1964
Deutsch als Zweitsprache (DaZ), dal 2002
Didaktik Deutsch, dal 1996
Inforrnationen zur Deutschdidaktik (ide), dal1976
per voi, dal 2002
Praxis Deutsch, dal 1973
Zielsprache Deutsch, dal 1970

222
-annuari:
Jahrbuch Deutsch als Fremdsprache, dal 1975
Convivium. Gerrnanistisches Jahrbuch Polen, dal 1993
Jahrbuch der ungarischen Gerrnanistik, dal 1992
Jahrbuch des Instituts fiir deutsche Sprache, dal 1965

3.4. Case editrici

Akadernie-Verlag, Berlin www.akadernie-verlag.de


Bohlau, Koln www.boehlau.de
Buske, Hamburg www.buske.de
de Gruyter, Berlin www.degruyter.com
Deutscher Universitats Verlag, Wiesbaden www.duv.de
Dudenverlag, Mannheim www.duden.de
Iudicium, Miinchen www.iudicium.de
Lang, Frankfurt a.M. www.peterlang.com
lincom Europa, Miinchen www.lincom-europa.com
Metzler, Stuttgart www.metzlerverlag.de
Narr, Tiibingen www.narr.de
Niemeyer, Tiibingen www.niemeyer.de
Olms, Hildesheim www.olms.de
Schrnidt, Berlin www. erich-schrnidt-verlag.de
Schoningh, Paderbom www.schoeningh.de
Stauffenburg, Tiibingen www.stauffenburg.de
Uni-Taschenbiicher, Stuttgart www.utb.de
Vandenhoeck & Ruprecht, Gottingen www.vandenhoeck-ruprecht.de
Waxmann, Miinster www. waxmann.com
Weidler, Berlin www. weidler-verlag.de
Westdeutscher Verlag, Wiesbaden www. westdeutschervlg.de
Winter, Heidelberg www. winter-verlag-hd.de
Wissenschaftliche Buchgesellschaft, Darrnstadt www. wbg-darrnstadt.de
Wissenschaftlicher Verlag Trier, Trier www. wvttrier.de

223
LINGUA E LINGUISTICA TEDESCA IN INTERNET:
IL WEB COME LUOGO DI APPRENDIMENTO E DI
RICERCA (A CURA DI EMMANUELA MEIWES)

Internet, particolarmente con la diffusione del protocollo www, sta per


diventare un luogo che riveste un ' importanza fondamentale per l'apprendi-
mento e la ricerca. Per chi vuole approfondire le proprie conoscenze, la rete
oggi offre un facile accesso a informazioni di vario tipo nonché a materiali
per uno studio individuale. I vantaggi della didattica e della ricerca on-line si
possono brevemente riassumere nei seguenti punti:
per svolgere il lavoro di studio e di ricerca lo studente non è più legato ai
classici luoghi di apprendimento (l'aula) e di ricerca (la biblioteca);
il materiale di studio e le banche dati delle biblioteche vengono aggior-
nati dai rispettivi operatori in tempo reale;
il mondo didattico della rete si avvicina alla comunicazione autentica e
permette, grazie al supporto digitale, un apprendimento multimediale in-
tegrato;
la rete consente un alto livello di interattività, che si esprime nella parte-
cipazione dello studente a forum strutturati, chats o altre forme di comu-
nicazione sincrona o asincrona in rete; lo studente diventa pertanto parte
attiva di una learning-community.
Vanno però anche menzionati i limiti del web come luogo di apprendi-
mento e di ricerca:
la varietà e quantità dell'offerta di documenti, fino a oggi poco struttura-
ti e di rado descritti adeguatamente, richiede da parte dello studente un
alto livello di autonomia nella scelta del percorso della ricerca e nella va-
lutazione della qualità del materiale didattico in rete;
l'accessibilità all'offerta didattica e alle banche dati risulta limitata, sia
dal punto di vista tecnico che da quello della protezione delle pagine web
attraverso password e user-name;
in rete troviamo finora prevalentemente esercizi chiusi, cioè forme di ap-
prendimento con un basso livello di interattività e di momenti di riflessione.
Qui di seguito vogliamo dare alcune informazioni sulle opportunità che
la rete, allo stato attuale, offre allo studente di tedesco per effettuare ricerche
bibliografiche on-line nelle biblioteche italiane e tedesche, per avviare even-
tualmente un prestito interbibliotecario nazionale e/o internazionale e, più in
generale, per partecipare alla vita della comunità scientifica. Nella seconda

225
parte vogliamo dare invece alcune indicazioni pratiche su come si può utiliz-
zare la rete per integrare individualmente l'apprendimento della lingua e cul-
tura tedesca avvenuto in aula.

l. La rete come luogo di ricerca


1.1. I cataloghi elettronici delle biblioteche italiane

La rete ci può innanzitutto essere utile per la ricerca bibliografica in ge-


nerale, ad es. per la stesura di una bibliografia aggiornata riguardo a un de-
terminato argomento di ricerca. Essa ci è inoltre d' aiuto per risalire alla loca-
lizzazione di un libro o di una rivista nelle biblioteche italiane e/o estere,
chiedendo caso mai in seguito un prestito interbibliotecario.
I più importanti strumenti per la ricerca in biblioteca sono i cataloghi
elettronici, detti Opac (On-line Public Access Catalog), che gestiscono in ma-
niera automatizzata le notizie bibliografiche e ne consentono un accesso mul-
tiplo, attraverso più elementi di interrogazione (vedi schema sotto). Gli Opac
possono essere singoli (di una sola biblioteca), oppure collettivi (di un insie-
me di biblioteche tra loro consorziate). Per sapere quali sono i cataloghi elet-
tronici delle singole biblioteche liberamente consultabili in Italia esistono, in
linea, vari elenchi di Opac ad accesso pubblico. Un esempio è il catalogo cu-
rato dall' Associazione Italiana Biblioteche (AIB), disponibile in rete all'indi-
rizzo http://www.aib.it/aib/lis/opacl.htm che comprende al momento un re-
pertorio di 180 Opac.
I due cataloghi collettivi maggiormente sviluppati in Italia sono quelli del
Servizio Bibliotecario Nazionale (SBN), che costituisce il principale archivio
bibliografico in linea per le pubblicazioni monografiche, e l'Archivio Colletti-
vo Nazionale dei Periodici (ACNP), il quale contiene descrizioni catalografiche
di pubblicazioni italiane e straniere possedute in molte biblioteche d'Italia.
L'Opac SBN è consultabile via Web all'URL http://opac.sbn.it. Riportia-
mo qui uno schema sintetico delle principali tappe in un processo di ricerca
nell'Opac SBN:
Autore
Titolo
Ricerca base per Soggetto: (Lingua tedesca)
Classificazione: (classificazione Decimale Dewey (CDD),
suddivisa in Numero e Descrizione; ad es. : Classificazio-
ne 430- Lingue germaniche [teutoniche])
Tutti i campi

Esame dei Visualizza tutto


documenti recuperati Visualizza selezione - Localizzazioni
Raffinamento della ricerca base, ad es.: tipo di documen-
to, lingua, biblioteca ecc.

226
Il catalogo dell' ACNP, consultabile all'indirizzo http://acnp.cib.unibo.it,
riunisce invece le descrizioni bibliografiche delle riviste di qualsiasi campo
scientifico, presenti in circa 1900 biblioteche italiane. All'interno dell'Opac
dell' ACNP è possibile ricercare una rivista, identificarla, sapere in quali bi-
blioteche italiane è localizzata e, per ognuna di esse, qual è la reale consi-
stenza, cioè l'insieme delle annate possedute.
Inoltre, per alcuni periodici l'utente può accedere subito - attraverso un
apposito link- all'archivio degli spogli, contenente l'indice degli articoli di
ogni singolo numero, a partire da una certa annata in avanti.
Sarebbe però illusorio credere che tutto sia reperibile in rete. Infatti, nel-
la maggior parte degli Opac è al momento possibile recuperare i dati riguar-
do a materiale piuttosto recente, vale a dire quello acquisito negli ultimi die-
ci/vent'anni. Di contro, la quota di patrimonio entrata in biblioteca in prece-
denza risulta unicamente all'interno dello schedario cartaceo. Le biblioteche
italiane si trovano a tutt'oggi in piena fase transitoria per quanto riguarda il
trasferimento dei dati informativi bibliografici nel catalogo elettronico.

1.2. I cataloghi elettronici delle biblioteche tedesche

1.2.1. L'Opac del Goethe-Institut


Il catalogo globale dell'Istituto permette di effettuare ricerche sul patri-
monio mediale dei Goethe-Institute di tutto il mondo, all'indirizzo
http://buch.goethe.de. Le sedi del Goethe-Institut in Italia si trovano a Roma,
Napoli, Palermo, Genova, Milano, Trieste e Torino.

1.2.2. Metaopac delle biblioteche tedesche


Il metaopac è un catalogo che permette l'interrogazione contestuale di
diversi cataloghi elettronici. Per accedere alla Digitale Bibliothek, un meta-
opac delle biblioteche tedesche, si può utilizzare il seguente indirizzo della
Ruhr-Universitat-Bochum:
http://www.ub.rub.de/digibib/digibib-nrw.htm
Nel "Karlsruher Virtueller Katalog" (KVK) all' indirizzo
http://www.ubka.uni-karlsruhe.de/kvk.htrnl si possono invece interrogare con-
testualmente 14 opac di biblioteche di lingua tedesca, fino a 9 opac di biblio-
teche di lingua straniera e fino a 5 cataloghi comprendenti elenchi dei libri in
commercio.

1.2.3. Servizio interbibliotecario Subito


Per ordinare copie degli articoli di riviste tedesche ci si può rivolgere al
servizio interbibliotecario Subito che può essere attivato tramite le bibliote-

227
che dei Goethe-Institute in Italia. Informazioni sul servizio di fornitura docu-
menti via internet ('Subito') si trovano sul sito del Goethe-Institut:
http://w w w. goethe.de/i t/romlbiblioth/i tsuforn. htm
Ulteriori indicazioni su questo servizio di consegna di documenti delle
biblioteche tedesche si trovano all'indirizzo http://www.subito-doc.de.

1.3. La biblioteca digitale

Oggi si possono già trovare versioni elettroniche di testi e articoli car-


tacei, resi così direttamente leggibili in rete. Allo stato attuale sono in fase
di studio e realizzazione vari progetti che prevedono l'inserimento del testo
pieno e completo di numerosi documenti. Esempi sono il progetto Guten-
berg http://projekt.gutenberg.de, che rende già consultabile molte opere del-
la cultura mondiale, oppure il progetto Manuzio
http://www.liberliber.it/biblioteca/s/index.htm focalizzato sui grandi classi-
ci della letteratura italiana.
Uno stadio intermedio di questo processo di digitalizzazione dei docu-
menti è costituito dal servizio di abstract solitamente disponibile all'interno
di banche dati specializzate. Tali banche offrono sempre più spesso, in parti-
colare per la produzione scientifica periodica, non solo un sintetico riassunto
ma anche il testo completo degli articoli (vedi anche la lista delle riviste di
linguistica indicate al punto 3.3. dell'apparato bibliografico).

1.4. I corpora dell'IDS-Mannheim-on-line

L' Institut for deutsche Sprache (IDS) di Mannheim, con il programma


COSMAS II (Corpus .S.earch, Management and Analysis .S.ystem), offre agli
studiosi un sistema di ricerca e di analisi in linea delle proprie raccolte di ma-
teriale testuale digitalizzato. Attraverso un'interfaccia, il computer client si
collega, dopo una semplice registrazione, al server dell'IDS potendo in que-
sto modo accedere a diversi archivi - tra cui l'archivio dei corpora di testi
scritti, l'archi vi o dei corpora storici, l'archi vi o dei corpora annotati secondo
criteri morfosintattici e l'archivio dei corpora di testi di lingua parlata- per
poi interrogarli secondo varie tipologie di criteri di ricerca come ad es. crite-
ri semantici, morfosintattici, logici e/o formali. I risultati della ricerca vengo-
no visualizzati e presentati in diverse modalità e possono essere esportati sul
computer client.
L'interrogazione di corpora di testi scritti e/o orali rappresenta un'indi-
spensabile tappa di ricerca per lo studioso che vuole descrivere e analizzare
fenomeni linguistici. COSMAS II può essere scaricato gratuitamente all'indi-
rizzo http://www.ids-mannheim.de.

228
1.5. Siti di linguistica (selezione)

Per trovare informazioni utili, si rimanda innanzitutto al Linguistik-Ser-


ver Essen (''Linse") all'indirizzo http://www.linse.uni-essen.de. Esso contie-
ne un elenco di oltre 1200 links selezionati e commentati nonché riferimenti
a riviste, nuove pubblicazioni e convegni nel campo della linguistica (tede-
sca). Meritano inoltre menzione i seguenti siti:
http://www.linguistlist.org - The Linguist List dell'Eastern Michigan Univer-
sity l Wayne State University
Il sito rappresenta la più grande risorsa on-line di linguistica. Esso è di li-
bero accesso e offre su oltre duemila pagine informazioni di molteplice tipo:
i vari ambiti della ricerca linguistica; persone e organizzazioni di rilievo; con-
ferenze di linguistica in tutto il mondo; nuove pubblicazioni nel campo della
linguistica; fatti legati alle più varie lingue del mondo. Nel sito si trova inol-
tre un'area di tools per la ricerca linguistica, come ad es. corpora, bibliogra-
fie on-line, oppure fonts di caratteri speciali (in particolare i fonts IPA).
http://www.ids-mannheim.de - Institut fiir deutsche Sprache di Mannheim
(IDS)
L'IDS è la più importante struttura extrauniversitaria per la ricerca e la
documentazione della lingua tedesca contemporanea. L'istituto ha attivato di-
versi progetti di ricerca a lungo termine. Agli studiosi esterni mette a dispo-
sizione la biblioteca, gli archivi, le documentazioni, le raccolte di testi digita-
li e le banche dati di materiale linguistico.
http://www.dgfs.de - Deutsche Gesellschaft fiir Sprachwissenschaft (DGfS)
La DGfS è un'organizzazione che sostiene la ricerca scientifica e l'inse-
gnamento della linguistica in Germania. Sul sito troviamo vari links a Dipar-
timenti universitari dove si insegna linguistica generale e tedesca.
http://www.gal-ev.de - Gesellschaft fiir Angewandte Linguistik e. V. (GAL)
Questo sito è utile a chi vuole informarsi sui diversi ambiti della lingui-
stica applicata, come ad es. la psicolinguistica, la linguistica contrastiva e in-
terculturale, oppure scienze della traduzione e dell'interpretariato.
http://www.germanistenverband.de - Deutscher Germanistenverband (DGV)
Il DGV offre, in collaborazione con il DAAD (Deutscher Akademischer
Austauschdienst), un elenco on-line dei germanisti universitari in Germania.
Il sito fornisce inoltre informazioni su progetti di ricerca e rispettive pubbli-
cazioni (anche a livello internazionale).
http://www.gfds.de - Gesellschaft fiir deutsche Sprache (GfdS)
È un sito non rivolto specificamente a studiosi di linguistica tedesca, ma
a tutti coloro che si interessano alla lingua tedesca contemporanea in genera-
le. Viene offerto, a pagamento, un servizio di consulenza riguardo all'uso del-
la lingua tedesca nei suoi vari aspetti (ortografia, grammatica, stile ecc.).

229
Esercizi:

l. Controllate, attraverso l'interrogazione dell'Opac del SBN, in quali bi-


blioteche italiane è disponibile il titolo Helbig, Gerhard l Buscha, Joachim
(2001 ). Deutsche Grammatik. Ein Handbuch fiir den Ausliinderunterricht.
Berlin/Miinchen: Langenscheidt indicato nella bibliografia scientifica.
2. Controllate, attraverso l'interrogazione dell'Opac del ACNP, in quali
biblioteche italiane è disponibile la rivista scientifica Zeitschrift fiir germanis-
tische Linguistik.
3. Cercate il testo Traumnovelle di Arthur Schnitzler nel progetto Guten-
berg.
4. Cercate attraverso il programma COSMAS II esempi per l'utilizzo dif-
fuso , ma non accettato dalle grammatiche normative, della preposizione we-
gen con il dativo maschile e neutro (wegen dem) e della preposizione ge-
geniiber con il genitivo maschile e neutro (gegeniiber des).

2. La rete come luogo di apprendimento

Prima di descrivere l'offerta di materiale didattico in rete è opportuno


soffermarsi brevemente sulle funzionalità e potenzialità diverse dei due sup-
porti utilizzati per la diffusione di materiale didattico in formato digitale: il
CD-ROM e le tecnologie di rete. La memoria ottica del CD-ROM consente
di memorizzare una gran quantità di informazioni. Ciò consente una gestione
ottimale della multimedialità e della navigazione all'interno dell'ipertesto co-
stituito dai documenti digitali contenuti sul CD-ROM. Interattività significa
in questo contesto la possibilità di navigazione individuale e non lineare del
materiale multimediale. Su CD-ROM si trovano perciò prevalentemente cor-
si integrati di lingua strutturati in generale come un libro di testo multimedia-
le. Essi sostituiscono come tali il libro di testo e hanno il vantaggio di una
multimedialità integrata (testi, foto, filmati, animazioni, suoni e musica).
Ma allo stato attuale, il CD-ROM di regola non dà né la possibilità di ag-
giornare in tempo reale il materiale presente sul supporto stesso né di gestire
i flussi informativi dal fruitore del materiale didattico al produttore della co-
municazione. Sono proprio queste ultime caratteristiche che costituiscono il
plusvalore delle tecnologie in rete, invitando l'utente a una interazione co-
municativa attraverso il web. Possiamo, per esempio, ascoltare giornalmente
sul sito dell'emittente radiofonica Deutsche Welle http://www.dw-world.de
le notizie del giornale radio delle ore 10 lette lentamente per discenti di lin-
gua tedesca, oppure, studiando un modulo didattico della propria università
on-line, si può entrare direttamente in contatto con il proprio tutor didattico.

230
Va inoltre tenuta presente la possibilità di scaricare esercizi e unità di-
dattiche memorizzando il materiale su CD-ROM oppure su dischetto (ad es.
nei centri linguistici) per lavorare poi in modalità off-line.
Va infine considerato che qualsiasi persona - senza alcuna garanzia di
qualità- può mettere materiale didattico in rete. Riteniamo pertanto utile pre-
sentare gli editori/autori più importanti per lo studio della lingua tedesca on-
line: università, case editrici nonché organizzazioni pubbliche e private che si
occupano della diffusione della lingua tedesca.

2.1. Portali per il tedesco come lingua straniera

I portali per la lingua tedesca sono pagine web indirizzate a qualsiasi per-
sona che si interessi alla lingua tedesca come lingua straniera (DaF Deutsch
als Fremdsprache). Nei portali si trovano ad es. riferimenti a banche dati per
la ricerca di materiale didattico on-line o stampabile su carta, descrizioni di
attività culturali in generale, indicazioni per borse di studio in Germania, spa-
zi per la ricerca di posti di lavoro in Germania (Jobborse), informazioni per
insegnanti di lingua tedesca e links a riviste scientifiche per l'insegnamento
del tedesco come lingua straniera e così via. Esistono portali di istituzioni
pubbliche come ad es. quello del Goethe-Institut, dell' Institut fiir internatio-
nale Kommunikation (IIK) di Di.isseldorf, dell' Institut fiir deutsche Sprache
nonché di strutture e persone private come il sito Deutsch-On-line di J.M.
Haunschmid oppure il DaF-Portal.
Per la gran quantità di informazioni, le pagine di questi portali spesso
non sono di facile e immediata comprensione per il discente straniero. Qui di
seguito alcuni dei siti più significativi:
http://www.deutsch-als-fremdsprache.de/lemen - IIK Di.isseldorf (in collabo-
razione con la Heinrich-Heine-Universitat Di.isseldort); banca esercizi:
http://www.deutsch-als-fremdsprache.de/daf-uebungen/; elenco link:
http://www.deutsch-als-fremdsprache.de/daf-links/linksammlung/index.php3
http://www.ids-mannheim.de/quellenlkurse.html- Institut fiir Deutsche Spra-
che; elenco link; grammatiche del tedesco per principianti:
http://hypermedia.ids-mannheim.de/grammis/; grammatiche per progrediti:
http://hypermedia.ids-mannheim.de/programrn/
http://www.goethe.de/r/daf/ddeu2.htm- raccolta materiale per l'insegnamen-
to e apprendimento del tedesco come lingua straniera (DaF)
http://www.daf-portal.de/materiaVindex.php (privato)- raccolta materiale per
l'insegnamento e apprendimento del tedesco come lingua straniera (DaF)
http://www.interdeutsche.de (Dr. Claudia Popov) - anche per principianti
http://www.deutsch-on-line.com (J.M. Haunschmid)

231
http://www.ualberta.ca/-german/resource.htm (University of Alberta, Cana-
da) - la pagina è fondamentalmente un elenco di links per la lingua tedesca
strutturato per ambiti di interesse.

2.2. Placement tests

Utili sono i test di verifica del livello di conoscenza della lingua straniera:
http://www.goethe.de/i/deitest.htm
http://www.deutsch-als-fremdsprache.de/ctest/ctestall g. txt.php3
vedi anche: http://www.daf-portal.de/uebungenlindex.php - esercizi e test da
stampare
http://www.sprachunterricht.ch/forms/placemenLe.html

2.3. Siti per principianti con diverse tipologie di esercizi

Questi siti si rivolgono a studenti di tedesco con poca conoscenza della


lingua. Sono strutturati in maniera chiara e risultano comprensibili anche per
principianti:
http://www.interdeutsch.de/studien l.htm
http://www.skolintemet. telia.se
http://www.sint-lodewijkscollege.be/duits/
http://www.deutschlern. net

2.4. Esercizi per diversi ambiti di competenza linguistica

2.4.1. Esercizi d'ascolto


http://www.dw-world.de - notizie del giornale-radio delle ore 10 lette lenta-
mente
http://www.skolintemet.telia.se/tis/tyska/right.htrn- testi d' ascolto con esercizi
http://www.deutsch-online.com- testi d'ascolto pubblicitari con esercizi
http://www.goethe.de/z/jetzt/deindex.htm- testi d'ascolto con esercizi- alcu-
ni testi con video
Inoltre il prestigioso settimanale Die Zeit offre in rete i testi della prima
pagina in versione audio:
http://www.zeit.de

2.4.2. Esercizi di lettura


http://www.goethe.de/z/jetzt/deindex.htm - Deutsch lernen mit jetzt: testi di
attualità, in collaborazione con la Siiddeutsche Zeitung; con esercizi (per
principianti del livello A2)

232
http://www.goethe.de/gr/dub/schule/dearbb.htm - Dubliner Arbeilsbltiuer
On-line: per progrediti
http://www.goethe.de/z/50/alltag/deindex.htm - Kaleidoskop: testi sulla vita
quotidiana tedesca
http://www.deutschlem.net- testi di lettura con esercizi
Inoltre si possono trovare in rete la maggior parte delle riviste e dei quo-
tidiani tedeschi in versione on-line. Un elenco degli organi di stampa più im-
portanti si trova ad es. all' indirizzo:
http://www.zeitungen.de

2.4.3. Esercizi di grammatica per principianti e progrediti


http://www.sint-lodewijkscollege.be/duits/credits.htm
http://www. skolin teme t. te li a. se/ti s/ty ska/ri ght.htm
http://www.deutsch-als-fremdsprache.de/lemen/- banca esercizi
http://www.spz.tu-damstadt.de/imss/deutsch/m2/index.htrnl - per principianti
http://www.deutsch-on-line.com - per progrediti

2.4.4. Landeskunde
http://www.destatis.de/ - pubblicazioni del Statistisches Bundesamt Deutsch-
land (Istituto federale di statistica)
http://www.goethe.de/z/50/alltag/deindex.htm- Kaleidoskop: testi di lettura e
di ascolto con diverse tematiche
http://www.ids-mannheim.de/quellen/kurse.htrnl - Texthaus: testi di stampa
elaborati (20 lezioni con 112 esercizi), con chiavi di soluzione oppure con
correzione via e-mail (a pagamento)
http://www.uncg.edu/-lixlpurc/netzspiegel/netzspiegel.html - Netzspiegel: te-
sti ed esercizi sulla vita quotidiana e culturale della Germania
http://www.deutschlem.net- deutschlernreise: un progetto di apprendimento
on-line per progrediti

2.4.5. Esercizi di scrittura


In generale, ogni testo di lettura o di ascolto può diventare un compito di
scrittura. n problema è dato evidentemente dalla correzione del testo scritto che
non può essere automatizzata. Alcuni siti offrono una correzione via e-mail:
http://www.deutsch-on-line.com - con video ed esercizi

2.4.6. Percorsi didattici in rete


Le cosiddette Netzaufgaben sono invece veri e propri percorsi di appren-
dimento da seguire in rete. Esse sono adatte a studenti progrediti e offrono la
possibilità di entrare nei siti (ad es. quello delle ferrovie tedesche) che non
hanno più un interesse didattico in quanto si rivolgono in generale a un pub-

233
blico madrelingua. Questi esercizi (ovvero compiti) sono simulazioni di una
ricerca reale e si trovano ai seguenti indirizzi:
Themenorientierte Netzaufgaben per esercitare diverse competenze lin-
guistiche, con compiti da risolvere in rete:
http://www.deutsch-on-line.com -per progrediti
quiz/indagini on-line: http://www.deutsch-on-line.com
http://www.skolintemet.telia.se/tis/tyska/right.htm - Lernnetz

2.4.7. Esercizi di lessico


http://www.ids-mannheim.de/quellen/kurse.html - Trans Word
http://www.goethe-verlag.com/tests/idlidt003.htm- esercizi da generare
http://www. skoli nteme t. telia. se/tis/tyska/schatz/kreuzwort/

2.5 . Informazioni sull'ortografia

http://www.goethe.de/r/daf/ddeu2.htm- la nuova ortografia


http://www.ids-mannheim.de

2.6. Esercizi riferiti ai più diffusi libri di testo

Spesso le case editrici offrono in rete materiale on-line come supporto ai


libri di testo. Un elenco di questo materiale si trova al seguente indirizzo:
http://www.daf-portal .de/uebungenlindex.php

2.7. Corsi di lingua on-line

Come esposto sopra, i corsi di lingua completi preferiscono supporti ot-


tici per via della loro maggiore qualità tecnica. Tuttavia troviamo in rete al-
cuni' corsi, soprattutto per i linguaggi speciali, come ad es. il tedesco tecnico
o economico (Wirtschaftsdeutsch):
http://www. goethe.de/z/50/linaleo/
http://www.dw-world.de/german - diversi livelli
http://www.redaktion-d.de - un corso di lingua tedesca multimediale del
Goethe-Institut lnterNationes (a pagamento)

2.8. Radio, riviste e giornali

http://www.dradio.de - Deutschlandradio (emittente radiofonica nazionale)


http://www.juma.de- rivista in lingua tedesca per discenti stranieri
http://www.zeitungen.de- riviste e quotidiani tedeschi e internazionali

234
GLOSSARIO ITALIANO-TEDESCO
(TERMINI LINGUISTICI)

n glossario comprende esclusivamente i termini usati nel presente ma-


nuale e si prefigge di fornire un aiuto per la lettura di corrispondenti testi
scientifici in lingua tedesca. Sono esclusi perciò tutti quei termini italiani il
cui corrispettivo tedesco presenta la stessa etimologia greco-latina (come ad
es. nel caso di morfologia/Morphologie, numero/Numerus o semantica/Se-
mantik). Sono invece inclusi quei termini italiani per i quali la corrisponden-
za è solamente parziale (tratto semantico/semantisches Merkmal, vocale ar-
rotondata/gerundeter Vokal ecc.) o per i quali esiste più di un corrispettivo
(come ad es. linguistica/Linguistik, Sprachwissenschaft).

Italiano Tedesco
abbreviazione Abktirzung
allocuzione Anrede
apofonia Ablaut
articolazione, luogo di Artikulationsort
articolazione, modo di Artikulationsart
ascoltatore Horer
atto linguistico Sprechakt
calco Lehnpragung
calco semantico Lehnbedeutung
calco traduzione LehnUbersetzung
campo semantico/lessicale Bedeutungsfeld, Wortfeld, lexikalisches
Feld
campo sintattico (Satz-)Feld
cancellazione, prova di Tilgung, Weglassprobe
caso Kasus, Fall
comparazione Komparation, Steigerung, Graduierung
complemento (obbligatorio) Erganzung
composizione Komposition, Zusammensetzung
composto di reggenza Rektionskompositum
composto: modificatore Bestimmungswort
composto: testa Kopf, Grundwort
coniugazione/declinazione: debole schwache Konjugation/Deklination
coniugazione/declinazione: forte starke Konjugation/Deklination
conversazione: analisi conversazionale Konversationsanalyse, Gesprachsanalyse

235
conversazione: punto di transizione i.ibergaberelevante Stelle
conversazione: turno Redebeitrag
coppia minima Minimalpaar
coppia oppositiva Oppositionspaar, Gegensatzpaar
corde vocali Stimmbander
dativo libero freier Dativ
derivazione Derivation, Ableitung
desinenza Endung
desonorizzazione finale Auslautverhartung
diagramma ad albero Baumdiagramm
dislocazione a destra Rechtsversetzung
dislocazione a sinistra Linksversetzung
dittongo ascendente steigender Diphthong
dittongo discendente fallender Diphthong
emittente Sender
enunciato À.uBerung
enunciazione, luogo di Sprechort
enunciazione, tempo di Sprechzeit
fono Phon, Sprachlaut
frase Satz
frase dichiarativa Deklarativsatz, Aussagesatz
frase interrogativa Fragesatz
frase interrogativa parziale Erganzungsfrage, Wortfrage,
Konstituentenfrage
frase interrogativa totale Entscheidungsfrage, Satzfrage,
Ja-nein-Frage
frase principale Hauptsatz
frase relativa appositiva nicht-restriktiver/explikati veriappositi ver
Relativsatz
frase relativa determinativa restriktiver/einschrankender Relativsatz
frase secondaria Nebensatz
frase sovraordinata i.ibergeordneter Satz
frase subordinata untergeordneter Satz
frase, costruzione della Satzbau
genere/tipo testuale Textsorte
glottodidattica Sprachlehrforschung
interlocutore Gesprachspartner
lessico Wortschatz, Lexik
lettera (del!' alfabeto) Buchstabe
lingua colloquiale U mgangssprache
lingua standard Standardsprache, Hochsprache
lingua, apprendimento della Spracherwerb
lingua, mutamento della Sprachwandel
linguaggio settoriale Fachsprache
linguistica Linguistik, Sprachwissenschaft
linguistica tedesca deutsche Sprachwissenschaft,
germanistische Linguistik

236
metafonia Umlaut
modo di dire Redensart
morfema di raccordo Fugenmorphem
morfema legato gebundenes Morphem
morfema libero freies Morphem
morfema zero Nullmorphem
nodo (sintattico) (syntak:tischer) Knoten
organi fonatori Sprechwerkzeuge
ortografia Orthographie, Rechtschreibung
parentesi frasale Satzklammer
parlante Sprecher
parola Wort
parola composta Zusammensetzung
parola: base Stamm
parola: classe di parole Wortart
parola: formazione delle parole Wortbildung
parola: gioco di parole Wortspiel
parola: ordine delle parole Wortstellung
parola: radice Wurzel
partecipante alla comunicazione Kommunikationsteilnehmer
periodo Satzgefiige
periodo ipotetico Konditionalgefiige, Bedingungsgefiige
permutazione, prova di Permutation, Verschiebeprobe
prestito integrato Lehnwort
prestito non integrato Fremdwort
pronuncia Aussprache
proposizione attributiva Attributsatz
proposizione avverbiale Ad verbialsatz
proposizione oggettiva Objektsatz
proposizione soggettiva Subjektsatz
reggenza Rektion
ricevente Empfanger
ruolo semantico/tematico semantische/thematische Rolle
significato Bedeutung
significato letterale wortliche Bedeutung
significato situazionale situative Bedeutung
sillaba aperta offene Silbe
sillaba chiusa geschlossene Silbe
sillaba: incipit Ansatz
sillaba: nucleo Nukleus, Silbenkern, Silbengipfel
sintagma (nominale, verbale ecc.) Nominalphrase, Verbalphrase usw.
sintagma facoltativo (freie) Angabe
sintagma: testa Kopf
sostituzione, prova di Substitution, Ersatzprobe
strategia di cortesia Hoflichkeitsstrategie
suono Laut
suono: continuo dauernd

237
suono: occlusivo Plosivlaut, Verschlusslaut
suono: sonoro stimmhaft
suono: sordo stimmlos
suono: teso gespannt
tratto Merkmal
tratto distintivo distinktives Merkmal
tratto semantico semantisches Merkmal
tratto: fascio di tratti Merkmalbiindel
verbo ausiliare Hilfsverb
verbo debole schwaches Verb, regelmaBiges Verb
verbo forte starkes Verb, unregelrnaBiges Verb
verbo principale Vollverb
verbo separabile trennbares Verb
vocale alta hoher Vokal
vocale anteriore vorderer Vokal
vocale aperta offener Vokal
vocale arrotondata gerundeter Vokal
vocale bassa tiefer Vokal
vocale breve kurzer Vokal
vocale chiusa geschlossener Vokal
vocale indistinta Murmelvokal
vocale lunga langer Vokal
vocale posteriore hinterer Vokal
vocale: semivocale Sernivokal, Halbvokal
vocale: triangolo vocalico Vokaldreieck
Stampa "Grafiche Tevere'' -Coordinamento tecruco Centro Stampa di Meu cci Roberto - Città di Castello (l'G)