Sei sulla pagina 1di 39

Riassunto Storia testo

Salvatore Lupo
Storia Contemporanea
Università degli Studi di Palermo
38 pag.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
Salvatore Lupo – Il passato del nostro presente – Il Lungo Ottocento (1776 –
1923)

Sommario
Capitolo 1 – Fuori dall’antico regime................................................................................................................. 3
1. Il discorso politico: Lo spirito delle leggi...............................................................................................3
2. Rivoluzione in America.......................................................................................................................... 4
3. Rivoluzione in Francia............................................................................................................................4
4. Il discorso storiografico: pensare la rivoluzione francese.......................................................................5
5. L’eredità rivoluzionaria...........................................................................................................................5
6. Restaurazione, compromesso, ripartenza................................................................................................6
7. Il potere della rendita.............................................................................................................................. 6
8. L’industria. Un’altra rivoluzione?...........................................................................................................7
Capitolo 2 – La nuova politica............................................................................................................................7
1. Libertà senza eccessi...............................................................................................................................8
2. Teorie del mercato...................................................................................................................................8
3. Radicalismo e trade-unionismo. L’altra faccia del modello inglese....................................................... 9
4. Il discorso storiografico: comunità immaginate................................................................................... 10
5. Nazioni senza Stato. Italia.....................................................................................................................10
6. Nazioni senza Stato. Germania............................................................................................................. 11
7. Il discorso politico: la democrazia in America..................................................................................... 12
8. Il discorso politico: il manifesto del partito comunista......................................................................... 12
Capitolo 3 – Imperi........................................................................................................................................... 13
1. L’aquila. L’impero degli Asburgo......................................................................................................... 13
2. Il gigante. L’impero dello zar................................................................................................................ 14
3. L’ostaggio. L’impero ottomano.............................................................................................................15
4. Il leone dei mari. L’impero britannico.................................................................................................. 15
5. Il celeste impero.................................................................................................................................... 17
6. L’impero americano.............................................................................................................................. 18
Interludio. Milleottocento quarantotto, la terra trema...................................................................................19
Capitolo 4 – Unificazioni statali....................................................................................................................... 21
1. Autoritarismo più modernizzazione......................................................................................................21
2. Il discorso letterario: i miserabili.......................................................................................................... 22
3. Guerra patriottica e guerra civile in Italia............................................................................................. 22
4. La guerra civile americana....................................................................................................................23
5. Imperi di nuovo conio........................................................................................................................... 24
Capitolo 5 – l’Italia liberale.............................................................................................................................. 25
1. Il volto della nazione risorta................................................................................................................. 25
2. Dalla destra alla sinistra........................................................................................................................ 26

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
3. Il discorso politico: un viaggio elettorale..............................................................................................27
4. Nord e Sud............................................................................................................................................ 27
5. Idee di progresso................................................................................................................................... 27
Capitolo 6 – Internazionalismo e nazionalismo................................................................................................28
1. Il discorso storiografico: la nascita del mondo moderno...................................................................... 28
2. Economie nazionali e nuovo imperialismo...........................................................................................29
3. Migranti.................................................................................................................................................30
4. Internazionalismo proletario................................................................................................................. 31
5. Orientalismo..........................................................................................................................................32
6. Nazionalismi asiatici............................................................................................................................. 32
7. Diaspora e costruzione nazionale ebraica............................................................................................. 33
Capitolo 7 – L’Italia fra i due secoli................................................................................................................. 34
1. Rivoluzione nazionale atto primo......................................................................................................... 34
2. L’età giolittiana..................................................................................................................................... 35
3. I socialisti.............................................................................................................................................. 36
4. Le socialiste.......................................................................................................................................... 36
5. I cattolici............................................................................................................................................... 37

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
Salvatore Lupo – Il passato del nostro presente – Il Lungo Ottocento (1776 –
1923)

Capitolo 1 – Fuori dall’antico regime


Origini dell’età contemporanea >> Rivoluzioni:
• 1776 America
• 1789 Francia: Fuori dall’antico regime

1. Il discorso politico: Lo spirito delle leggi


Questioni di base della politica moderna: 1748, Montesquieu, Lo spirito delle Leggi (Ginevra, per
sfuggire alla censura)
“Un uomo libero è quello che si sente sicuro facendo tutto quello che le leggi permettono; uno stato libero è
quello in cui il potere è sottoposto alle leggi prima che ai governanti, quello in cui i singoli non sono oggetto
di giudizi arbitrari e la gravità delle pene è proporzionata a quella dei reati”.
Sia monarchie che repubbliche libere o dispotiche.
Europa occidentale: “Monarchia Moderata” VS Imperi Russo, Ottomano e Cinese: “Dispotismo Asiatico”
Lo stato possiede 3 poteri: legislativo, esecutivo e giudiziario.
Tirannide: 3 poteri in un corpo
Governo Moderato: divisione dei 3 poteri
Montesquieu predilige la variante inglese:
potere legislativo = 2 camere: camera dei comuni (elettiva) e camera dei lord (nobiltà).
Storia precedente dell’Inghilterra:
Riforma protestante:
• Chiesa Anglicana = sostituzione del re al papa
• Chiese puritane e calviniste = “libero esame”
1714: la dinastia cattolica degli Stuart venne sostituita con quella protestante degli Hannover. Parlamento:
ruolo autonomo e centrale.
(1688: deposizione di Giacomo II Stuart – Motivazione rivoluzionaria = Il re aveva violato il “contratto” che
lo legava al popolo = Contrattualismo e Giusnaturalismo)
1690 – Locke = La società si crea ponendo fine allo stato di natura, mediante un contratto tra popolo e
sovrano, ma i diritti dei sudditi restano inviolabili anche dopo la sottoscrizione del contratto = Diritto di
“Resistenza”
Francia
Metà ‘700 – 13 parlamenti (più importante Parigi) = Corti di giustizia = diritto di farne parte comprato, poi
ereditato – difendevano la “costituzione cetuale”.

Luigi XIV – Monarchia Assoluta = persecuzione della minoranza ugonotta


XVIII sec – Illuminismo = Ordinamenti politici e sociali sotto unico criterio della ragione; logica
universalistica dei diritti; Assolutismo illuminato = riforma razionale

2. Rivoluzione in America
Divisione territoriale americana nel ‘700:

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
Fascia costiera atlantica mediana del Nord America e Canada: Corona Britannica
Area meridionale del Nord America, Centro America e Sud America: Corona Spagnola
Brasile: Dominio portoghese
Gli inglesi colonizzarono i loro possedimenti americani e, dove il clima lo consentiva,
crearono piantagioni di tabacco e cotone, coltivate da schiavi neri deportati dall’Africa.
Interno del territorio abitato da popolazioni indigene, che vivevano di caccia e raccolta.
13 colonie anglo-americane, autoamministrate tramite assemblee rappresentative e in
possesso di milizie locali.
Società più eguaglitaria di quella della madrepatria. Tra gli anni “60 e “70 i coloni si
dimostrarono contrari a varie misure prese dal governo britannico. “No taxation without
representation” = si rifiutarono di pagare le imposte votate dal parlamento britannico, nel
quale non erano rappresentati.
1776: Dichiarazione di Indipendenza
Gli uomini sono uguali, godono di diritti alla libertà e alla ricerca della felicità inalienabili, che vanno
difesi anche ad armi alla mano.
Le singole colonie si trasformarono in repubbliche, tra loro fu creata una Confederazione, gli “Stati Uniti
d’America”, destinata a occuparsi degli affari comuni, difesa e politica estera, mentre ai singoli Stati toccava
la competenza su tutto il resto.
1787: Costituzione
Potere legislativo: parlamento, diviso in due rami: Senato (rappresentativo degli Stati) e Camera
(rappresentativa dei cittadini di sesso maschile).
1781: Bill of Rights
Sancì i diritti dei cittadini di fronte allo Stato.
Popolazioni indigene: definite come “indiani selvaggi”, nemici non conciliabili = persecuzioni e sterminio.
Lealisti costretti a tornare in Europa.
Neri in condizione di schiavitù.

3. Rivoluzione in Francia
1788: il governo francese, alla ricerca di un sistema per aumentare le entrate, scioglie i parlamenti, maggiore
opposizione a ogni progetto innovativo.
Ondata di proteste = richiesta della convocazione degli “stati generali” (tre assemblee riservate a nobiltà,
clero e popolo).
1789: il ministro Necker convoca gli stati generali. L’assemblea del “terzo stato” si autoproclama Assemblea
Nazionale Costituente, assumendosi il diritto di dissentire e opporsi al potere monarchico.
14 luglio 1789: a sostegno dell’Assemblea, il popolo in armi interviene, dando assalto alla Bastiglia,
fortezza-prigione parigina simbolo dell’assolutismo.
L’Assemblea costituente emana la “dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino”:

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
• Gli uomini nascono uguali e tali devono restare
• Le distinzioni sociali valgono solo per “l’utilità comune”
• Tutti godono di diritti naturali e inalienabili, quali la libertà e la proprietà
• Tutto ciò che non è espressamente proibito dalla legge è consentito
• I diritti naturali di ciascuno possono essere limitati solo quando vanno a ledere i diritti altrui
• Il principio di ogni sovranità risiede essenzialmente nella nazione. Nessun corpo, nessun
individuo può esercitare un’autorità che da essa non emani espressamente.
La sovranità passa così dal monarca alla nazione, ovvero da un concreto essere umano a un’entità
collettiva in qualche modo astratta.
Viene varata, come negli Stati Uniti, una legge fondamentale o Costituzione. La Francia diviene una
monarchia costituzionale.
Il potere regio è controbilanciato da un’unica assemblea cui è riservato il potere legislativo, eletta col
sistema del suffragio ristretto (maschi adulti appartenenti ai ceti medio-superiori).
Rivolte contadine = l’assemblea costituente votò l’abolizione del sistema feudale.
Aggressione internazionale (austriaca e prussiana) = riportare la Francia all’antico regime. Luigi XVI
accusato di tradimento venne arrestato insieme a un gran numero di aristocratici. Molti reazionari furono
massacrati dalla folla inferocita.
Battaglia di Valmy: volontari e cittadini sconfissero gli eserciti stranieri.
1792: fu eletta la Convenzione e, con suffragio universale maschile, venne proclamata la repubblica.

4. Il discorso storiografico: pensare la rivoluzione francese


Nella Convenzione emerse il partito giacobino, nonché un “comitato di salute pubblica” da esso
dominato e guidato da Robespierre.
Contro i suoi nemici, il Comitato fece ricorso al “Terrore”, compilando liste di sospetti, destinati a essere
eliminati al più presto.
Luigi XVI fu condannato a morte e ghigliottinato insieme a molti altri aristocratici. Furono massacrati
anche i preti “refrattari”, che non volevano giurare fedeltà alla repubblica, e i contadini di alcune regioni,
che ritenevano Chiesa e monarchia gli unici poteri legittimi.
Anche all’interno della Convenzione si giunse allo scontro frontale e i giacobini si scontrarono con i
girondini, membri di un raggruppamento più moderato.
Il 27 luglio 1794, nel periodo ribattezzato “Termidoro” nel calendario inventato dalla rivoluzione. ,
Robespierre e altri capi giacobini furono arrestati e ghigliottinati, perché accusati di fantomatici
tradimenti.
5. L’eredità rivoluzionaria
Consumato il Termidoro, il potere fu assunto in Francia dal Direttorio, mentre
continuavano le guerre contro le coalizioni formate dalle monarchie europee.
La classe dirigente aveva bisogno di un compromesso tra l’antico regime e gli
stravolgimenti rivoluzionari. In questo scenario emerse uno dei comandanti dell’armata
rivoluzionaria, Napoleone Bonaparte. Plebeo, provinciale e rivoluzionario, non poteva
promuovere un ritorno all’Antico regime. Nel 1799 assunse la carica di “Primo console”.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
Partendo dal controllo dell’esercito, Bonaparte giunse a creare una monarchia ereditaria, di cui si
proclamò imperatore col nome di Napoleone I (1804).
Il bonapartismo sancì alcuni dei mutamenti introdotti dalla rivoluzione, come ad esempio la
centralizzazione dell’apparato statale o la codificazione di leggi uguali per tutti.
Napoleone continuò a trionfare sui nemici della Francia. Prussia e Austria vennero ridotte in condizione
subordinata. Il Belgio, l’Olanda e parti della Germania e dell’Italia furono inglobati nell’Impero, vennero
creati stati vassalli, come la Spagna, in cui il re fu sostituito da un fratello di Napoleone. Solo la Gran
Bretagna, per la sua condizione insulare, riuscì a scampare al dominio Francese e fu l’unica, insieme agli
Stati Uniti, a non adottare mai il sistema francese dell’accentramento amministrativo, permanendo sul
sistema di self-government e common law.

6. Restaurazione, compromesso, ripartenza


Napoleone fu sconfitto a Lipsia nel 1813 e nuovamente a Waterloo nel 1815. Finì i suoi
giorni prigioniero degli inglesi.
Con il congresso di Vienna nel 1815 le potenze vincitrici stabilirono che la Francia
dovesse rientrare nei suoi confini precedenti al 1789. Impero asburgico, prussiano e
zarista tornarono a dominare l’Europa centro-orientale, mentre il territorio del Balcani
rimase in possesso dell’impero ottomano. La Spagna perse il suo dominio latino-
americano, dove si formarono 15 nuove repubbliche indipendenti.
In Italia, il Piemonte tornò alla casata dei Savoia, insieme alla Sardegna, con aggiunta
della repubblica di Genova. La Toscana fu affidata a un “granduca” di origine austriaca,
mentre il papa tornò a governare lo Stato della Chiesa (Lazio, Umbria, Marche, Emilia e
Romagna). Al sud venne rimessa sul trono la casata dei Borbone, mentre la Lombardia
tornò all’impero asburgico, che inglobò anche i territori dell’antica repubblica di
Venezia.
Lo zar Alessandro I invocò la formazione di una “Santa Alleanza” per la restaurazione
della monarchia assoluta.
In realtà, nessuno dei vincitori puntava davvero al ritorno all’Antico regime. Tutti
cercavano piuttosto di individuare i termini del compromesso tra restaurazione e eredità
della rivoluzione.
In Francia venne riaffermato il principio tradizionalistico, con il ritorno sul trono della
dinastia dei Borbone, nella persona di Luigi XVIII, i cui poteri furono fortemente limitati
mediante una Costituzione scritta, che prevedeva l’istituzione di un parlamento diviso in
due rami: la Camera dei Pari (membri nominati dal re) e la Camera dei Deputati (membri
eletti su base “censitaria”).
Nel luglio del 1830 si ebbe a Parigi un ritorno della rivoluzione. Gli insorti volevano la
repubblica, ma prevalse la soluzione monarchica con un semplice cambio di dinastia, che
portò sul trono Luigi Filippo d’Orléans, proclamato “re dei francesi per volontà della
nazione”.
7. Il potere della rendita
Chiamiamo rendita la remunerazione spettante al proprietario che concede in uso un suo bene ad altri
soggetti. Nel primo Ottocento, sia la nobiltà che i borghesi possidenti vivevano di rendita fondiaria.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
Tra il XVIII e il XIX secolo, benché l’estensione della terra coltivabile in Europa centro-occidentale
fosse rimasta più o meno invariata rispetto ai secoli precedenti, la produzione agricola crebbe
grandemente, grazie all’introduzione di nuovi sistemi basati sull’integrazione tra coltivazione e
allevamento razionale.
Migliorarono quindi progressivamente le condizioni di vita e in alcuni casi le durezze padronali vennero
temperate dal paternalismo, ovvero la logica secondo cui spettava al più ricco trattare con affetto il più
povero, assicurandosi di contro la fedeltà dei contadini.
Interessante al proposito la differenza tra Inghilterra e Irlanda.
L’Irlanda era nota per la miseria delle popolazioni e la diffusione dei latifondi (grandi proprietà terriere
coltivate con il metodo estensivo). Esistevano inoltre problemi di tipo religioso, in quanto i latifondisti
erano protestanti e i contadini cattolici.
Il sistema latifondista consentiva ai proprietari di arricchirsi senza fornire contributi in produzione o in
capitale utili al benessere di tutti. I contadini erano quindi poverissimi e sottomessi.
Inoltre, adeguate politiche matrimoniali consentivano ai possidenti di conservare intatti i loro patrimoni
e di limitare l’ingresso di intrusi nell’élite.
In Inghilterra, invece, i vasti possedimenti della nobiltà non venivano avvertiti come un grande
problema. Molte persone trovavano impiego nei commerci, altri nella proto-industria. Un certo numero
di Inglesi emigrava ogni anno negli Stati Uniti alleggerendo la situazione nel paese di partenza.

8. L’industria. Un’altra rivoluzione?


Il termine rivoluzione industriale è stato introdotto per sottolineare il legame tra
trasformazione politica e trasformazione economica alle origini della modernità.
Gli storici recenti hanno però messo in discussione questa espressione: il termine
rivoluzione fa pensare a qualcosa di brusco e improvviso, ma l’immagine che ci siamo
fatti finora dell’Europa del primo Ottocento non giustifica l’idea di brusco passaggio. La
rivoluzione industriale fu piuttosto un processo graduale.
Nella percezione comune, la rivoluzione industriale vede come protagonisti inediti i
borghesi. In realtà già in precedenza tra mercanti e finanzieri, imprenditori
dell’agricoltura e dell’industria, possiamo trovare interpreti di un’etica borghese in varie
possibili accezioni.
Chiamiamo industrializzazione il processo di potenziamento e diffusione del sistema delle fabbriche, che
comportò un ingente aumento della produttività. Si crearono aree di prima industrializzazione, oltre che
in Inghilterra, anche in Francia, Belgio, Germania, nell’impero Asburgico e in Catalogna.
Ciò non significa che le cose cambiarono di punto in bianco: infatti, nel corso dell’Ottocento,
permanevamo comunque impianti tessili artigianali, all’interno delle abitazioni, e gran parte delle merci
venivano prodotte con sistemi proto-industriali.

Capitolo 2 – La nuova politica


Nuova politica della prima metà dell’Ottocento: 4 grandi correnti ideali.
• Liberalismo
• Democrazia
• Socialismo

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
• Nazionalismo

1. Libertà senza eccessi


Intorno al 1830 in Francia e in Gran Bretagna si affermò il modello monarchico-
costituzionale. Fu la prima vittoria del liberalismo moderato.
Il termine liberalismo , a partire dal Congresso di Vienna, cominciò a definire una corrente politica che
sosteneva la monarchia costituzionale e la divisione tra i poteri. Tra i principali esponenti del liberalismo
francese ricordiamo Constant e Guizot.
Guizot, uomo storico e politico, ribadiva la legittimità creata dai principi del 1789: i cittadini sono uguali
davanti alla legge e i diritti individuali possono essere limitati solo quando vanno a ledere
corrispondenti diritti altrui, il pensiero e la parola sono liberi, un individuo è innocente fino a prova
contraria, le azioni non espressamente proibite dalla legge sono consentite.
Per evitare il ripetersi dei disastri del giacobinismo del 1793, i liberali facevano conto sulla divisione dei
poteri, sulla dialettica fra Camera alta (conservatrice) e Camera bassa (elettiva ma a suffragio ristretto*).
*Poteva eleggere solo la parte della popolazione maschile più ricca e istruita, coloro che Guizot chiamava “classe
media”.

Il liberalismo è caratterizzato dalla coincidenza tra la sua teoria e il nuovo universo sociale che si andava
creando in Europa e negli Stati Uniti a cavallo fra Settecento e Ottocento.
Per i liberali, non solo la cittadinanza deve partecipare al governo, ma esistono anche sfere della vita sociale
e privata degli individui, in cui non possono ingerirsi né lo Stato, né altre gerarchie o autorità superiori;
laddove gli eventuali errori finiranno per sanarsi da sé, attraverso la pratica costante della libertà.
2. Teorie del mercato
Una corrente del liberalismo inglese ebbe particolari inclinazioni democratiche o radicali.
James Mill, ad esempio, criticava come troppo filo-aristocratica la Costituzione inglese.
Amico di Mill era Ricardo, rampollo di famiglia ebraica, eletto alla Camera come radicale.
Lo si ricorda maggiormente come l’economista che all’inizio dell’Ottocento rielaborò le
teorie settecentesche di Smith.
Parliamo qui di liberismo, ovvero quella corrente della teoria liberale secondo cui le attività economiche
sono parte integrante della sfera individuale o della società civile, nella quale lo Stato non deve ingerirsi.
Secondo Smith e Ricardo, dunque, la ricchezza reale deriva dall’aumento di produttività. Da tale idea deriva
la teoria del mercato. Secondo tale teoria, per mercato non si intende il luogo fisico di incontro e scambio tra
mercanti, artigiani, consumatori e imprenditori, bensì l’area concettuale in cui collocare la contrattazione di
merci, denaro, servizi e forza lavoro.
La teoria del mercato individua nel mercato il luogo in cui i termini dell’economia si dispongono in maniera
razionale e di conseguenza ogni intervento dello Stato sarà visto come violazione dei diritti individuali e
veicolo di irrazionalità e spreco.

Molto importante l’applicazione del concetto agli scambi internazionali.


Se il mercato è libero, ogni parte del mondo può specializzarsi nelle merci in cui eccelle. Se invece i governi
maggiorano con tariffe doganali il prezzo delle merci importate, al fine di proteggere la produzione interna,
tutto viene prodotto dappertutto ma a prezzi più alti e lo scambio si fa difficile.
Un’applicazione pratica di tali principi si ebbe nel 1838 con l’industriale cotoniero di Manchester Richard
Cobden, che si pose a capo della Anti Corn Law League, una lega che voleva abolire le leggi

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
protezionistiche che colpivano l’importazione di grano dall’Inghilterra e che, mantenendo alto il prezzo del
prodotto, rispondevano agli interessi dei proprietari terrieri così ben rappresentati nelle istituzioni.
La sua linea di pensiero trovò sostegno nel partito dei Wighs, ma alla fine fu lo stesso governo Tory ad
abolire le Corn Laws nel 1846.
Il liberismo dunque assunse la guida di un blocco di interessi industriali considerati moderni e produttivi
contro interessi considerati tradizionali e parassitari.
La fede nel progresso e la smania di speculazione sviluppatesi nell’opinione pubblica, d’altra parte, fecero
emergere l’arretratezza dell’Europa continentale rispetto a quella insulare e dell’Europa occidentale rispetto
a quella orientale.

3. Radicalismo e trade-unionismo. L’altra faccia del modello inglese


Nel 1820 William Cobett scriveva a un vescovo conservatore sull’importanza del popolo,
sostenendo che chi non ha niente è più in grado di discernere un interesse generale rispetto
a chi è impegnato a difendere i propri interessi.
Intorno al movimento radicale si crearono associazioni comprendenti artigiani e piccoli
commercianti e venne usato lo strumento tipicamente britannico delle petizioni indirizzate
alla Camera dei comuni.
Successivamente due artigiani londinesi stilarono la “carta del popolo”, chiedendo il
suffragio universale maschile. Ne derivò il movimento del cartismo. La “carta del popolo” fu
presentata in parlamento nel 1839 e nel 1842, ma venne respinta. Da quel momento il cartismo cominciò a
declinare e la Gran Bretagna non fu coinvolta nei moti rivoluzionari del 1848.
Prese piede l’idea che i lavoratori fossero una classe con interessi diversi da quelli di altre classi. In una
situazione di ineguaglianza economica, era impossibile creare una situazione di uguaglianza politica. I poveri
continuavano ad essere uno strumento nelle mani dei ricchi.
I concetti base introdotti dai liberali moderati escludevano dal voto i ceti inferiori, perché solo il cittadino
indipendente poteva essere parte attiva della nazione.
Per rovesciare la situazione, entrarono in campo i riformatori definibili come socialisti: fra costoro il più
importante fu indubbiamente Owen.
La sua attività è divisibile in più fasi:
1. (1820-1825) Una parte dell’opinione pubblica borghese si scandalizza per l’inedita durezza dello
sfruttamento di donne e bambini. Owen concede salari più elevati ai lavoratori di una sua fabbrica in
Scozia, migliorando le condizioni igieniche e creando scuole popolari.
2. (1825-1828) Owen crea in America una comunità in cui i beni sono messi in comune, il denaro e la
proprietà privata banditi. Nuova linfa al sogno di una società egualitaria.
3. (1828-1846) I lavoratori stessi cominciano ad organizzarsi. Owen si impegna in Inghilterra nella
costituzione di un movimento cooperativo, circuito di scambio “equo e solidale”, dove il popolo
possa essere tenuto al sicuro da avidità e sfruttamento.
Owen svolge inoltre un ruolo di primo piano nel movimento sindacale, o nelle Trade Unions.
Possiamo distinguere nelle associazioni di questa natura 3 diversi modelli:
A. “di mutuo soccorso” – sostenevano con propri fondi i soci in caso di malattia o disoccupazione
B. “di mestiere” - cercavano di imporre un certo livello salariale
C. “di resistenza” – guidavano i lavoratori nello sciopero

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
Il tradeunionismo continuò a svilupparsi, senza però immedesimarsi nel socialismo né sfociando in
tentativi di rotture rivoluzionare.

4. Il discorso storiografico: comunità immaginate


Il nazionalismo nasce in Europa in età napoleonica e ha dietro di sé la grande esperienza del
1789, la Dichiarazione dei diritti che attribuisce a un’entità astratta la sovranità già
appartenente a un individuo concreto e tangibile come il monarca.
Per comprendere questa grande idea della nuova politica possiamo attingere dal libro di
Anderson Comunità immaginate. Origini e fortuna dei nazionalismi (1991).
L’autore, parlando di comunità “immaginate”, si riferisce al fatto che solo una trasfigurazione simbolica può
rappresentare come unità una molteplicità di gruppi umani eterogenei che noi chiamiamo nazione. Si tratta
infatti di un’immagine elaborata da giornalisti, intellettuali, studiosi e poeti della più varia estrazione
disciplinare.
Il termine “comunità” viene utilizzato invece proprio perché la nazione viene immaginata come un gruppo
umano tenuto insieme da vincoli di solidarietà, da sentimenti e “affetti” più che da interessi o valutazioni
razionali. Tale termine rimanda alle religioni monoteistiche e universalistiche i cui fedeli abitano enormi
distese territoriali, ma che si sentono figli dello stesso padre, “fratelli”, a partire dai simboli, dalle storie e dai
libri sacri che li accomunano, dai principi che condividono, dalla lingua sacra usata ovunque dai sacerdoti.
Le comunità possono essere grandi ma anche molto piccole. I nazionalisti hanno l’ambizione di
“immaginare” se stessi come membri di una comunità e rappresentano la nazione come la sorella, la madre,
che i fratelli-figli sono chiamati a difendere.
Le nazioni si distinguono per un insieme complesso formato da lingua, cultura, storia, collaborazione
territoriale e discendenza genetica o razza. L’insieme viene descritto come antichissimo, ma oggettivamente
appare come una costruzione mentale relativamente recente.
Il binomio popolo-territorio corrisponde in Gran Bretagna e in Francia ai confini giuridicamente definiti
dagli antichi Stati, al pari della Spagna. La situazione è ben differente in Italia e in Germania, dove a cavallo
tra Settecento e Ottocento c’è un embrione di movimento nazionale, ma non c’è ancora uno Stato unitario.

5. Nazioni senza Stato. Italia


In Italia la politica moderna giunse in età napoleonica. I patrioti nutrivano speranze verso i
francesi, presto fortemente deluse. Molte delle riforme napoleoniche furono conservate, ma
tornarono le antiche dinastie, ogni idea nuova parve sospetta, il liberalismo venne respinto
anche nelle sue varianti più moderate.
La grande potenza asburgica, insediata nel Lombardo-Veneto, era la garante degli equilibri
italiani. Gli Italiani apparivano come gli eredi degeneri di un grande passato, ma i patrioti
traevano il senso di una comune identità proprio da quel grande retaggio culturale. L’identità
italiana corrispondeva alla grandezza della sua tradizione culturale. Venne usato il termine
“Risorgimento”, per indicare il movimento con cui la “stirpe” si sarebbe rimessa all’altezza
del suo passato.
L’Italia stava entrando nell’era dell’integrazione mercantile, ma i tassi di analfabetismo
erano spaventosi soprattutto nel sud.
Dunque, se l’italianità era da ricercarsi nella lingua e nella cultura, possiamo ipotizzare che
la maggioranza degli abitanti della penisola non si identificasse tra gli italiani.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
La situazione politica in Italia si mise in moto nel 1820, dopo che in Spagna c’erano stati dei
tumulti per la creazione della costituzione. Nella parte continentale del Regno delle due
Sicilie si ebbe una sollevazione militare guidata da aderenti alla Carboneria (società segreta
di tendenza democratica e liberale) con una richiesta di costituzione a Ferdinando I, mentre
in Sicilia l’insurrezione assumeva una veste sia costituzionalista che separatista.
Seguirono analoghi sommovimenti nel regno di Sardegna, dove regnava invece Vittorio
Emanuele I. I due monarchi concessero quanto veniva loro richiesto, ma, all’arrivo dei
soldati asburgici per restituire l’ordine, si rimangiarono tutto.
Dopo i moti del 1820-21, emersero posizioni radicali come quella di Giuseppe Mazzini,
rampollo di un’agata famiglia genovese, che individuò i limiti della Carboneria, in cui aveva militato,
sottolineando la necessità di diffusione delle idee tramite giornali, libri e azioni conseguenti. Egli voleva
infiammare gli animi con la “fede” patriottica, spingere i giovani alla lotta e al sacrificio, e fondò nel 1831 a
Marsiglia la Giovine Italia, che aveva un programma repubblicano, democratico e unitario.
Poco dopo la sua fondazione, una cospirazione fu inscenata con fulcro a Genova, ma venne pesantemente
repressa dal nuovo re Carlo Alberto, che voleva liberarsi della fama di simpatizzante liberale. Mazzini fu
costretto a partire per l’Inghilterra, alcuni mazziniani vennero giustiziati, gli altri fuggirono all’estero, fra cui
il giovane Giuseppe Garibaldi, che si rifugiò in Sud America.
Ai moderati toccò contrapporre programmi a programmi. Il più noto fu enunciato nel 1843 dal sacerdote
Gioberti che vedeva negli italiani i titolari di antichi primati “morali e civili”, accomunati dalla fede
cattolica. Toccava dunque al papato assumere la guida di una lega di Stati italiani.
La linea Gioberti, definita neoguelfa, soffriva di una contraddizione, dato che il papa era il capo di uno degli
stati italiani e il capo assoluto della Chiesa cattolica, che si era fermamente opposta alle nuove idee.

6. Nazioni senza Stato. Germania


I nazionalisti tedeschi frustrati vedevano la Germania come una nazione senza Stato. Il
Congresso di Vienna aveva sancito la restaurazione sia di una parte consistente degli Stati in
cui il loro paese era diviso prima dell’occupazione napoleonica, sia delle antiche dinastie
conservatrici.
I Tedeschi, però, a differenza degli Italiani, erano alfabetizzati in una percentuale più alta
persino dei francesi e degli inglesi. Inoltre la Germania, benché fosse divisa, non era in
mano a controlli stranieri, anzi, le grandi potenze asburgica e prussiana potevano essere
definite tedesche. La Germania aveva anche una propria istituzione unitaria, la
Confederazione germanica, che dal 1815 era andata a sostituire il Sacro romano impero
sciolto da Napoleone.
I patrioti però volevano uno stato-nazione. La Germania si immaginava spiritualmente
compatta, ma c’erano differenze religiose e l’eco di conflitti del passato. La Germania
centrale era un’area di confine tra Europa occidentale e orientale e per questo influenzata
dalle potenze limitrofe, motivo per cui la Germania dell’Ovest era più avanzata e quella
dell’Est più arretrata.
Dal punto di vista politico-militare, però, la parte centro-occidentale, esposta
all’espansionismo francese, restava divisa in molteplici stati sovrani e principati autonomi,
mentre sul versante orientale si collocavano le due grandi potenze tedesche.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
Da un punto di vista economico, negli anni ’40 grazie al sostegno della Prussia si ebbe un
grande sviluppo delle ferrovie: quindi il paese disponeva delle pre-condizioni per
l’industrializzazione e di un efficiente sistema di istruzione.
Possiamo dire che la Prussia fosse la più logica candidata a sostenere un progetto nazionale
tedesco sotto ogni profilo, tranne sotto quello politico: Hegel sosteneva che il regno era
soffocato da un pesante conservatorismo.

7. Il discorso politico: la democrazia in America

Mentre l’Europa, come abbiamo visto, continuava ad essere monarchica, l’America era
repubblicana. Mentre in Europa permanevano sistemi elettorali restrittivi, in America si optò
per il suffragio universale maschile. Jackson, sudista che non faceva parte dell’élite
virginiana fino ad allora alla guida del paese, divenne presidente nel 1829. Si aprì un
processo di ristrutturazione del potere dal basso, che ebbe per protagonisti due partiti: quello
democratico guidato da Jackson e quello Whig all’opposizione.
Il caso americano rappresentava un interessante oggetto di studio per i liberali europei.
Alexis De Tocqueville, giovane uomo politico francese, sbarcò negli Stati Uniti ed ebbe subito l’impressione
che tutto in America tendesse verso il principio democratico. Non esisteva il monopolio fondiario, terreno
fertile per l’affermazione del principio aristocratico. Non c’era un passato feudale e non c’era mai stata una
legislazione sul maggiorascato. Tuttavia Tocqueville sottovalutava il potere di quella sorta di aristocrazia che
era l’élite schiavista e anche quello dei partiti e del governo federale. Inevitabile il confronto con il sistema
amministrativo centralizzato francese, che l’autore riconosce come più efficiente, ma non adatto a
incoraggiare i cittadini alla partecipazione e al senso di responsabilità verso la comunità.
Tocqueville rileva poi in America il moltiplicarsi di associazioni di ogni genere, di tipo politico e non, su
scala locale. L’associazionismo, spiega, è una conseguenza della liberà politica, ma è anche un suo
presupposto perché avvicina gli individui tra loro e li rende edotti delle possibilità dell’azione collettiva.
Per questo motivo l’America rimane una società libera, senza fare ricorso all’esclusione sociale se non a
quella degli elementi non assimilabili nelle comunità, ossia neri e indiani.

8. Il discorso politico: il manifesto del partito comunista

Tra il 1847 e il 1848 avvenne qualcosa che segnò una grande svolta nella storia del pensiero
politico: gli intellettuali tedeschi Marx e Engels pubblicarono il Manifesto del partito comunista,
dando vita a quella che sarebbe stata la più influente delle correnti socialiste/comuniste, il marxismo.
Marx ed Engels definivano il loro socialismo come scientifico, in contrapposizione a quello utopistico di
Owen e dei Saint Simon, che univa una forte carica rivoluzionaria a un solito fondamento economico e
filosofico.
Il nucleo fondamentale del socialismo scientifico sta in una concezione materialistica e dialettica della storia,
vista come un susseguirsi di lotte e scontri per gli interessi economici.
I rapporti economici rappresentano la struttura di ogni società, mentre le ideologie e le istituzioni politiche
sono sovrastrutture.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
Anche i regimi liberali e democratici sono frutto di un dominio di classe, quello della borghesia giunta alla
fase matura del suo sviluppo.
Secondo Marx e Engels, la borghesia ha svolto, nella fase della sua ascesa, una funzione rivoluzionaria,
dando vita al capitalismo industriale e ha accresciuto le capacità produttive dell’umanità, ma allo stesso
tempo ha sviluppato delle contraddizioni che non riesce più a risolvere, creando il suo antagonista storico: il
proletariato.
Ribellandosi al sistema capitalistico, il proletariato non ha nulla da perdere se non le proprie catene: è
dunque una classe naturalmente rivoluzionaria.
Per fare valere i suoi interessi, il proletariato deve organizzarsi anche su scala sovranazionale, rifiutando la
logica dei nazionalismi. Si giungerà inevitabilmente a una crisi del capitalismo e al tracollo della borghesia.

Capitolo 3 – Imperi

Basati sulla disuguaglianza, gli imperi nel XIX secolo sembrano il residuo di un remoto passato. Non sempre
le cose stanno così: vi sono imperi che hanno qualcosa dello Stato-nazione, imperi che hanno al centro Stati-
nazione e persino imperi democratici.

1. L’aquila. L’impero degli Asburgo.

Gli Asburgo non traevano, per definizione, la propria sovranità dal popolo o dalla nazione,
ma dalla volontà divina, e si presentavano come garanti dell’immutabilità della
conservazione sia in Germania che in Italia.
Non mancavano inoltre di presentarsi come i difensori della fede Cattolica: avevano in
effetti guidato, sin dal XVI secolo, la Germania meridionale cattolica contro quella
settentrionale protestante, si erano proposti come la prima linea di difesa della cristianità
dagli “infedeli”, turchi e islamici.
Prima del ciclone napoleonico, gli Asburgo avevano un’autorità molto vaga sugli Stati
tedeschi. Svolgevano, nei vari territori, i ruoli diversi di imperatori, re, signori feudali. Non
esisteva nei loro domini una lingua comune e i loro atti ufficiali erano redatti in latino.
La monarchia asburgica era particolarmente tenuta al rispetto della Costituzione ungherese o
magiara. La Dieta (parlamento) locale difendeva i privilegi fiscali, amministrativi, giudiziari dei nobili,
insieme ai loro diritti feudali.
Era nel primo Settecento pienamente in vigore un aspetto del “sistema feudale” superato in gran parte
dell’Europa occidentale: la servitù personale dei contadini, che proibiva loro di muoversi e scegliersi un
impiego liberamente ed era largamente diffuso l’uso delle corvées.
Il progetto accentratore si scontrava con l’esistenza di istituzioni locali, all’interno delle quali le élites
periferiche si trinceravano in logiche definibili tradizionalistiche, proto-nazionalistiche, in qualche caso
liberaleggianti.
In Ungheria venivano sentiti come un tutt’uno la veneranda costituzione locale, che sanciva l’autonoma
identità della nazione all’interno dell’impero, e i privilegi della nobiltà locale.
Nel 1847 i conflitti tra il governo imperale e la Dieta cominciarono a inasprirsi.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
Queste fratture sociali si assommavano a fratture nazionali. Nelle molte zone in cui gli ungheresi vivevano
frammisti con popolazioni di lingua slava e romena, i proprietari erano magiari mentre i contadini erano slavi
e romeni. Ogni rivendicazione nazionalistica ungherese poteva far esplodere quelle di altri popoli che l’élite
magiara reputava inferiori.
Vediamo l’atteggiamento di alcuni dei soggetti collettivi operanti in quel contesto nei confronti dell’idea di
nazione:
• Primo Soggetto: l’élite tedesco-austriaca non aveva interesse a mettere in discussione l’impero in cui
controllava una parte del potere.
• Secondo Soggetto: gli Slavi avevano buone ragioni per mantenersi fedeli agli Asburgo, ma nutrivano
rancori nei confronti delle élite locali
• Terzo Soggetto: i lombardi, i veneti, gli abitanti di Trento e Trieste erano integrati nelle strutture
imperiali, ma anche affascinati dal moto risorgimentale italiano.
• Quarto Soggetto: l’élite ungherese poteva restare attaccata alla propria antica costituzione, puntare
su una maggiore autonomia o su una pacificazione con l’élite austro tedesca nel governo
dell’impero, o distaccarsene optando per l’indipendenza, a rischio di scontrarsi con slavi e romeni.

2. Il gigante. L’impero dello zar.


L’impero zarista appariva agli occhi di molti europei un impero barbaro,
“asiatico” (Montesquieu ne parlava a proposito di “dispotismo orientale”). D’altronde,
anche geograficamente, l’impero era collocato tra Europa e Asia, comprendeva popolazioni
di lingua slava e religione cristiano-ortodossa, ma anche di religione islamica, di lingua
turca e mongola, sottoposte a un sistema di tipo coloniale e brutale.
Lo zar si avvaleva di un’obbediente e onnipresente burocrazia civile e militare, nonché del
sostegno della Chiesa ortodossa. Le nuove idee non trovarono terreno fertile negli ambienti
ufficiali e il movimento liberale dei decabristi venne brutalmente represso nel 1825.
Benché i russi rappresentavano circa la metà della popolazione imperiale, lo zar non pretendeva di fondere
tutti i gruppi linguistici e religiosi in un unicum, basandosi su una concezione tradizionalistica che escludeva
l’idea nazionale.

Osserviamo anche qui i soggetti collettivi coinvolti:


• Primo Soggetto: le classi dirigenti russe, anche in questo caso, non avevano interesse a sottolineare
la propria identità nazionale, mettendo in crisi l’impero sovra-nazionale da esse dominato.
• Secondo Soggetto: gli ucraini, difficilmente distinguibili dai russi, se non per la loro
caratterizzazione contadina, la mancanza di un’élite propria, di una tradizione letteraria scritta e
dunque di un’identità politica.
• Terzo Soggetto: i polacchi, noti in tutta l’Europa per il loro spirito nazionale, per l’orgoglio della loro
cultura e in particolare della religione cattolica, diversa quindi sia da quella dei russi (ortodossa), sia
da quella dei prussiani (protestanti).
• Quarto Soggetto: gli ebrei, che si ritrovavano in tutta l’Europa, nel bacino del Mediterraneo e nel
Medio Oriente, ma che nell’impero zarista erano particolarmente numerosi. Costoro restavano
oggetto di pesanti discriminazioni legali, che tra l’altro li escludevano da Mosca e da altre parti del
territorio imperiale. Il pregiudizio delle popolazioni cristiane li rendeva spetto vittime di violenze e
massacri. Riuscivano comunque a mantenere la propria identità culturale-religiosa vivendo tra loro,
sposandosi tra loro, coltivando la propria tradizionale memoria di n drammatico passato.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
L’unico elemento su cui non potevano costruire un’identità nazionale era proprio l’identificazione
territoriale.

In conclusione, le disomogeneità dell’impero zarista ostacolavano la formazione di idee e orientamenti


collettivi analoghi a quelli che si andavano formando nelle società più ricche e omogenee del resto
dell’Europa. Unica eccezione: lo strato delle classi dirigenti con l’appendice della cosiddetta intelligencija,
prestigioso insieme di artisti, scrittori e studenti talora affascinati dalla cultura occidentale (occidentalisti),
talaltra impegnati nella rivendicazione di un valore specifico alla cultura slava (slavofili).
Lo zar continuava a richiamarsi ai remoti precedenti dell’impero bizantino, definendosi autocrate, ossia
colui che trae il proprio potere da sé stesso.

3. L’ostaggio. L’impero ottomano.

L’impero ottomano può essere definito come un impero europeo, dato che comprendeva le
regioni balcaniche, con le loro popolazioni slave, romene, albanesi, greche. L’impero
peraltro aveva una vasta sezione asiatica, comprendente l’attuale Turchia (Anatolia),
l’attuale Iraq e la Siria (corrispondente oggi a Siria, Libano, Israele e territori palestinesi).
Anche il sultano ottomano, come gli altri imperatori cosiddetti orientali, era sottoposto allo
“spirito delle leggi”, ovvero si ispirava anch’egli a regole, usanze, principi di giustizia,
confrontandosi con gruppi dirigenti e autorità periferiche di varia natura.
Il sultano si presentava da un lato come protettore dei credenti dell’Islam, dall’altro come il
buon padre dei suoi sudditi di qualsiasi religione. Controllava direttamente solo alcune parti
del suo dominio e, per il resto, si affidava a intermediari locali, capi-clan, leader religiosi e
non.
La logica tradizionalistica rendeva l’impero sempre più inadatto alla modernità. Era anche
divenuto militarmente debole, perdendo tutte le numerose guerre contro i russi e cedendo
davanti alle grandi potenze intervenute in appoggio alla rivolta greca del 1821.
Agli occhi degli occidentali l’impero apparve da allora in poi un “grande malato”.
Tentò di sfuggire a questa sorte il sultano Mahmud II, con un’innovazione nella tradizione
ottomana in qualche modo analoga a quella dell’assolutismo illuminato europeo del secolo
precedente: contrastò così con successo l’influenza degli ulema, che era stata in passato un
fattore politico di rilievo, e demolì il potere dell’antica casta militare dei giannizzeri.
Si mosse nella stessa direzione, ma con migliori risultati, il pascià d’Egitto Mehemet Alì,
grazie soprattutto agli introiti in valuta pregiata dovuti all’esportazione del cotone.
Nel 1832 gli egiziani sottrassero con le armi al governo ottomano la Siria e ne mantennero il
possesso fino al 1841. Alla fine gli inglesi si schierarono contro di loro ottenendo che tutto
tornasse come prima.
L’impero ottomano era minacciato dai nazionalismi nella sua sezione europea, come nel
caso di Grecia e Serbia. Greci e serbi definivano sbrigativamente “turchi” i componenti
delle minoranze islamiche conviventi con loro sul medesimo territorio e non ammettevano

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
che potessero far parte della loro stessa nazione. Così nei due paesi la guerra di
indipendenza assunse il carattere della guerra civile o di religione, con relativo ritorno di
atrocità, stermini e deportazioni di intere popolazioni.
Per quanto concerne in particolar modo la religione islamica, molti studiosi ritengono che
con il suo carattere universalistico e con la sua capacità di collegare una quantità variegata
di paesi e popoli, abbia opposto un ostacolo formidabile al consolidarsi di identità
particolaristiche come quelle nazionali.

4. Il leone dei mari. L’impero britannico.

La politica ottocentesca delle grandi potenze europee verso l’impero ottomano può
esemplificare la variante del colonialismo che diciamo informale, per la quale il centro assume via
via il controllo delle periferie lasciando che queste conservino proprie istituzioni statali; valendosi tuttavia di
una sequenza di accordi-capestro (“trattati ineguali”), sottoscritti dopo operazioni intimidatorie (“diplomazia
del cannoniere”).
Ne furono maestri i britannici, grazie allo strapotere della loro flotta nelle rotte oceaniche o in mari “chiusi”
come il Mediterraneo.

La prima vera e propria colonia inglese in Europa fu l’Irlanda, cui non venne concessa l’autonomia. C’erano
poi Nuova Zelanda, Australia, Canada, aree a popolamento europeo dove gli Inglesi riproposero sistemi
sperimentati nelle colonie settecentesche nord-americane.
Rilevante è poi l’India. In India gli inglesi erano giunti lungo l’asse principale dei traffici internazionali, che
vedeva circumnavigare l’Africa e attraversare l’Oceano indiano. L’India rappresentava il punto di giunzione
con il grande, ricco e potente impero cinese.
Gli inglesi avevano creato una rete di basi portuali, contemporaneamente di tipo commerciale e militare,
guardandosi bene dallo scontrarsi con l’impero Moghul, che controllava la parte settentrionale del sub-
continente. Avevano istituito una Compagnia delle Indie Orientali, una società “privilegiata” cui era
concesso il monopolio dei commerci con l’India.
Intorno alla metà del Settecento, il progressivo indebolimento dell’impero Moghul incoraggiò gli inglesi
sulla strada della conquista territoriale. Il compito di amministrare i nuovi possedimenti fu affidato alla stessa
Compagnia.
Come riuscirono alcune decine di migliaia di europei ad assoggettare un paese di antica civiltà abitato da 180
milioni di persone? La prima risposta rimanda alla schiacciante superiorità britannica nel campo degli
armamenti terrestri, oltre che navali. Vanno considerate anche le debolezze politiche indiane, che proviamo
a schematizzare:
- Primo. La decandenza dell’impero Moghul.
- Secondo. Le divisioni religiose tra la maggioranza indù e la minoranza islamica, in passato tenute a freno
dalle politiche equilibrate degli imperatori Moghul.

- Terzo. Le divisioni sociali particolarmente rigide in una società articolata per caste, gruppi cui si
apparteneva per nascita, gerarchicamente ordinati, tra loro impermeabili.
- Quarto. La disponibilità delle popolazioni locali a venire a patti con gli stranieri senza farne un problema
morale.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
La Compagnia dovette rinunciare ai propri antichi privilegi commerciali, che non avrebbero avuto più senso
in una situazione in cui l’India passava da grande esportatore di cotone a grande importatore di tessuti di
cotone prodotti in Gran Bretagna.
A Londra come a Calcutta, politici e funzionari consideravano l’india come la “perla dell’impero”, tutti
concordavano nel considerare la sua difesa l’esigenza primaria della politica estera e militare. Condividevano
anche qui l’identità imperiale, sia ideologica che territoriale. Secondo questa logica, avevano bisogno di un
nemico e lo trovarono nell’impero zarista.
Convinti della necessità di prevenire le eventuali minacce, gli inglesi sostennero l’impero ottomano di fronte
alle iniziative dei russi. Nel 1841 l’esercito anglo-indiano finì per superare senza evidenti motivi le frontiere
nord-occidentali attaccando l’Afghanistan, dove subì una dura sconfitta.
Ma la vera crisi si ebbe nel 1857-58 con la grande rivolta dei soldati dell’esercito anglo-indiano (sepoys) che
nel Nord rimisero sul trono l’ultimo discendente dei Moghul e, guadagnandosi l’appoggio di alcuni dei regni
indiani ancora semi-indipendenti, resistettero a lungo.
Repressa la rivolta, i britannici furono indotti a dare una forma più coerente al loro potere. Temperarono il
loro imperialismo diretto con iniezioni di imperialismo indiretto. Comprendendo che le classi dirigenti locali
potevano offrire un’utilissima legittimazione al sistema, puntarono sia sugli elementi tradizionalistici, sia su
quelli occidentalizzati. Evitarono di spossessare i regnanti indigenti che ancora conservavano una parvenza
di indipendenza e li gratificavano per assicurarsene la fedeltà. Crearono scuole e persino un’università
indiana, reclutando nell’amministrazione coloniale un maggior numero di elementi locali e a un livello più
elevato.

5. Il celeste impero.

L’impero cinese era abitato a metà Ottocento da circa il 35% del totale della popolazione
mondiale. Usiamo il termine impero riferendoci a uno stato enorme, antichissimo e tradizionalistico, ma
non possiamo non rilevarne il carattere proto-nazionale. La maggioranza della nazione apparteneva a un
unico gruppo etnico, detto han, fulcro della grande civilizzazione cinese.
A governare l’impero sotto la dinastia Qing erano grandi funzionari, chiamati mandarini, selezionati
mediante una serie di esami di cultura classica cinese: era un sistema meritocratico, diametralmente opposto
a quello ereditario, anche se la maggior parte dei mandarini proveniva da una classe di proprietari fondiari.
I mandarini impersonavano un’idea di giustizia, la tradizione giuridica e filosofica del confucianesimo, fatta
risalire all’antico pensatore Confucio (551-479 a.C.). Il potere centrale era assoluto, ma fino a un certo
punto: restavano fuori dal suo diretto controllo corporazioni, clan, associazioni religiose, società segrete,
comunità locale e, generalmente, le periferie. Il sistema feudale era stato eliminato molto prima che in
Francia.
La classe dirigente cinese non sentiva il bisogno di espandersi né dal punto di vista politico-militare, né da
quello commerciale.
L’impero presentava però alcuni gravi problemi all’inizio del secolo. In primo luogo, il crescente consumo di
oppio da parte dei cinesi è indicativo di difficoltà sociali e culturali. Vi erano poi delle numerose e aspre
rivolte, perché si riteneva che i funzionari fossero corrotti, che l’idea confuciana di buon governo non
venisse più rispettata.
Il governo cinese, comunque, non era del tutto ostile ai commerci e consentiva che i mercanti britannici
lavorassero nel porto meridionale di Canton, da cui partiva il tè e in cui giungeva l’oppio indiano. Questa
droga causava però non pochi problemi di ordine sociale, e il governo ne proibì il consumo e il commercio.
Il risultato fu un fiorente contrabbando, agevolato da funzionari corrotti; finché, nel 1839, giunse a Canton
un commissario imperiale che fece distruggere pubblicamente oppio di proprietà inglese.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
Al diritto dei cinesi di tutelarsi dal turpe commercio, gli inglesi contrapposero il diritto di proprietà dei
mercanti di droga. Questi ultimi si decisero a muovere guerra, per imporre l’imperialismo del libero mercato.
La guerra dell’oppio (1839-1842) dimostrò che anche la Cina non era in grado di competere con gli inglesi in
operazioni militari navali e nemmeno in combattimenti terrestri. Il conflitto si concluse con la stipulazione di
un trattato ineguale che obbligò i cinesi a pagare un’esorbitante somma di denaro a titolo di “riparazione”, ad
aprire i commerci in altri porti e a cedere agli inglesi l’isola di Hong Kong, dove fu edificata una grande base
navale e commerciale.
Nessuno pensò allora a sottoporre la Cina a un dominio coloniale diretto. L’unica strada era quella
dell’imperialismo indiretto, con cui si sperava avrebbe collaborato la dinastia Qing. Ne derivò una crisi di
credibilità dell’impero che portò alla grande rivolta dei Taiping, che, tra il 1850 e il 1854, sconvolse la parte
centro-meridionale del paese.

Gli occidentali guardarono inizialmente con simpatia ai Taiping ma alla fine, timorosi del caos,
appoggiarono le élites locali fedeli al governo che riuscirono a stroncare la ribellione. Questo non impedì a
inglesi e francesi di muovere contro l’impero nel 1860 una seconda guerra, che ebbe lo stesso risultato della
prima: altri trattati ineguali, altre concessioni di basi, altre indennità in denaro.
Possiamo paragonare l’imperialismo “del libero mercato” di cui fu vittima la Cina a quello che investì il
Giappone. Questo paese aveva un’economia ancora più dinamica di quella cinese e, per quanto il suo Stato si
chiamasse “impero”, si trattava più che altro di un regno basato su antiche tradizioni culturali e statali, dotato
di una spiccata identità proto-nazionale. L’imperatore non aveva potere politico reale. Il governo era
appannaggio, per diritto ereditario, di un esponente della famiglia Tukogawa col titolo di shogun.
Il paese era chiuso ermeticamente agli occidentali, ma, nel 1853, una flotta statunitense obbligò lo shogun ad
aprire i suoi porti e a sottoscrivere trattati ineguali i cui vantaggi vennero estesi alle potenze europee.
Anche in Giappone i cedimenti agli stranieri provocarono insofferenze verso le politiche governative,
proteste e rivolte.
Nella seconda metà dell’Ottocento, Cina e Giappone risposero alla sfida in due maniere diverse: la prima
cadde progressivamente in uno stato di anarchia, il secondo si impegnò in una riforma politica ispirata a
principi nazionalistici analoghi a quelli occidentali.

6. L’impero americano

Risulta ardua l’applicazione della nozione di Stato-nazione agli Stati Uniti della prima metà
dell’Ottocento. A quel tempo molti ritenevano più opportuno conferire legittimità ai singoli
stati che formavano l’unione e non al governo federale.
Vanno poi rilevate le grandi differenze tra le due aree del paese che possiamo distinguere in:
Stati del Nord-est e Stati del Sud. La società prevalente nel primo gruppo era di tipo
agricolo, ma con una forte componente urbana, marittima, mercantile e industriale. Nel
secondo gruppo non solo contava molto di più l’agricoltura, ma aveva un importante ruolo
quella di piantagione, basata sulla schiavitù.
Il peso del ruolo della schiavitù sotto il profilo simbolico nella società bianca era enorme. Nel Sud degli Stati
Uniti i cittadini si identificavano nella comunità; tuttavia questa era delimitata dalla “linea del colore”, ed
escludeva la gente “di colore”, cioè mediamente un terzo della popolazione.
Si aggiunga che ogni bianco del Sud, per quanto miserabile, si sentiva, in qualità di membro di una razza
superiore, un personaggio importante. La schiavitù veniva a segnare con precisione, giuridicamente, il
confine che si considerava voluto dalla natura o da dio stesso.
Tra i nordisti si stava intanto facendo largo un’idea opposta: il lavoro salariato non era solo un male
necessario, ma anche la condizione di una società moderna e dunque libera. Lo sviluppo economico

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
accelerava e al Nord cominciavano ad arrivare immigrati proveniente dalla Germania, dalla Gran Bretagna e
dall’Irlanda. Erano destinati a mettere in discussione l’originaria identità del paese, piccolo-proprietaria e
protestante. Bisognava trovare loro un posto non solo sotto il profilo materiale, ma anche sotto quello
giuridico, identitario e simbolico. Seppur non solidali con i neri, gli stati del nord non andavano d’accordo
con l’idea quasi aristocratica che dilagava nel sud. Così, essi abolirono la schiavitù, mentre gli Stati del Sud
ne facevano il fulcro della loro identità.
A questo punto, il Nord lamentava un complotto contro la democrazia da parte del Sud, mentre il Sud temeva
che un giorno i nordisti, più numerosi in termini sia di abitanti che di Stati, avrebbero abolito la schiavitù con
legge federale. Il governo federale adottava un regime protezionistico teso a difendere la nascente industria
moderna, diffusa solo negli stati del Nord-est. I Sudisti chiedevano una svolta in senso liberista, pensando
che in tal modo avrebbero potuto esportare il cotone con più facilità e importare manufatti a prezzi più bassi.

La secessione dell’Unione fu per la prima volta minacciata da uno stato del Sud nel caso in cui il governo
federale si fosse rifiutato di abbassare le barriere doganali.
Verso il rafforzamento dello stato federale spingevano ragioni non irrilevanti. Gli Stati-nazione europei
possedevano territori ben definiti, stabili nel tempo, invece l’opinione pubblica degli Stati Uniti considerava
la propria frontiera come una linea mobile, destinata a spostarsi progressivamente in avanti insieme alla
colonizzazione della parte interna e occidentale. Il governo federale procedette con una successione di
accordi per fare i conti con il colonialismo europeo.
Gli Stati Uniti non erano minacciabili da nessuno, eccetto che dalla Gran Bretagna e dalla sua potenza
navale. Gli inglesi però non avevano alcuna ragione per minacciarli e anzi si impegnarono di soluzioni di
compromesso sulle questioni di confine. Essi erano interessati piuttosto a difendere il loro status quo nel Sud
America, nel raggio dei loro interessi commerciali e finanziari.
La Gran Bretagna condivise con gli Stati Uniti l’ostilità verso ogni ipotesi di intervento militare teso a
restaurare l’impero spagnolo. Si spiega in questo contesto la “dichiarazione Monroe”, il documento con cui
gli Stati Uniti proclamarono la loro ferma opposizione a qualsiasi nuova conquista coloniale europea nel
continente (1823).

Mente i neo-immigrati si insediavano nelle coste orientali, gli americani, spinti dalla terra gratuita, partivano
per l’Ovest. La costruzione delle ferrovie, avviata nel 1830, a partire dal 1840 diede un grande contributo
all’unificazione del territorio tra la costa dell’Atlantico e quella del Pacifico, che venne presto colonizzato e
inglobato nell’Unione, nonostante la resistenza degli indigeni.
Si creò così una terza zona, quella dell’Ovest, in cui i sostenitori dell’autogoverno localo e gli oppositori del
rafforzamento del governo federale erano comunque numerosi. All’Ovest tuttavia non esisteva lo
schiavismo, ma si immaginava più come un insieme di individui indipendenti e contemporaneamente come
una comunità solidale, libera e dinamica perché forgiata nel profondo dall’idea di frontiera “aperta” e di
“libero suolo”.

Interludio. Milleottocento quarantotto, la terra trema

Tra gennaio e marzo un’ondata rivoluzionaria sconvolge l’Europa.


Gennaio – prima insurrezione a Palermo
febbraio – seconda insurrezione a Parigi
Le sollevazioni si espandono a macchia d’olio in tutta l’Europa grazie alla velocità con cui ormai circolano
le informazioni.
La Repubblica trionfa subito in Francia, insieme alla democrazia e all’idea di suffragio universale maschile.
La componente radical-socialista del fronte repubblicano formula una rivendicazione sul “diritto del lavoro”
ottenendo la creazione di imprese statali (ateliers nationaux), dove trovano impiego operai disoccupati.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
Aprile – elezioni dell’Assemblea costituente – sorprendentemente, grazie al voto dei contadini, emerge una
maggioranza conservatrice.
In Germania, nell’impero asburgico, in Italia, i governi placano gli insorti promettendo libertà (ordinamenti
costituzionali di tipo liberale).
Sul fronte delle rivendicazioni nazionalistiche, i rivoluzionari tedeschi, italiani e ungheresi pretendono di
fondare stati nuovi o di sfasciare quelli esistenti.
Germania: Dieta rappresentativa dell’intera Confederazione – si riunisce a Francoforte – contraddizioni
laceranti:
Ipotesi 1: Grande-tedesca: comprendere l’Austria in una costituenda federazione. Problema: che ne sarebbe
dei non tedeschi (maggioranza della popolazione)?
Ipotesi 2: Piccola-tedesca: costituzione di uno stato nazionale che lasciava fuori l’Austria.
Se da un lato Vienna spingeva verso la svolta liberal-democratica, dall’altro le tante periferie chiedevano
autonomia e riconoscimento, minacciando la secessione.
Ungheria – governo nazionale.
Lombardo–veneto – le truppe austriache si attestano agli ordini del loro comandante Radetzky intorno a
Verona.
Nel resto dell’Italia, i regnanti hanno già concesso costituzioni liberal-moderate, con limite censitario al
diritto al voto.
Il movimento patriottico invita i vari stati a formare una Lega. I regnanti si accodano per cercare di tirarsene
fuori al più presto.
Il re di Sardegna, Carlo Alberto (detto “re tentenna” per le sue esitazioni), potrebbe mobilitare il proprio
esercito, sia per acquisire meriti patriottici, sia per aggiungere nuovi possedimenti a quelli della sua casata.
A marzo decide di giocare la carta della guerra. I piemontesi entrano a Milano, ma restano diffidenti verso i
democratici locali che pure hanno scacciato gli austriaci con l’insurrezione detta delle “Cinque giornate”,
verso i volontari che accorrono da tutta Italia, verso Garibaldi, tornato dall’America Latina. Vogliono
realizzare una guerra di stampo tradizionale, non un “fronte nazionale” che coinvolga democratici e
mazziniani.
Le altre monarchie sono ancor meno impegnate su questa linea. Il primo a tirarsi fuori è il papa Pio IX,
ansioso di mantenere buoni rapporti con l’impero asburgico. Subito dopo torna sui suoi passi Ferdinando di
Borbone, ordinando la ritirata dalla Lombardia e mettendo in opera a Napoli un colpo di stato che porta
all’abrogazione della costituzione.

PARIGI – i contrasti tra la corrente socialista e quella borghese del fronte repubblicano si inaspriscono. Il
governo ordina la chiusura degli ateliers nationaux, cosa che causerà una nuova insurrezione parigina, che
verrà però repressa con un gran numero di morti e l’arresto di 12.000 oppositori.
Comincia così la vita della (seconda) repubblica basata su una Costituzione democratica, un’unica assemblea
parlamentare e un presidente eletto dal popolo. Viene eletto il principe Luigi Napoleone Bonaparte, nipote
dell’imperatore.
Nel lombardo-veneto Radetzky passa al contrattacco e sconfigge i piemontesi a Custoza, costringendoli ad
un armistizio che riporta tutti nei vecchi confini.
Novembre – a Vienna e a Berlino la rivoluzione viene repressa nel sangue sai militari. L’Ungheria intanto
crea un esercito nazionale che ottiene successi contro quello imperiale.
Marzo 1849 – il governo imperiale promulga una costituzione valida per tutto l’impero, Italia eccettuata.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
ITALIA – ripresa democratica: i democratici conquistano il potere in Toscana e a Roma. Il papa fugge da
Roma, mentre vi affluiscono un gran numero di patrioti, tra cui Mazzini e Garibaldi. Viene proclamata la
repubblica romana. La monarchia sabauda tenta di recuperare riaprendo le ostilità contro gli austriaci, ma la
seconda fase della guerra si risolve in un disastro, come la prima, con la battaglia di Novara. Si mobilita
contro gli italiani l’esercito di Bonaparte, teso a restaurare il potere temporale del papato. A Roma la
resistenza è ben organizzata da Garibaldi, ma il nemico è troppo forte e la repubblica romana viene travolta,
mentre Venezia e la Toscana tornano agli austriaci e Palermo all’esercito borbonico.
Quello ungherese è l’ultimo caposaldo della rivoluzione europea a cedere le armi, sovrastato non solo dagli
austriaci, ma anche da un massiccio intervento militare russo.

Capitolo 4 – Unificazioni statali

L’Europa abbandona nel 1850 la strada della rivoluzione, ma, di l’ a poco, tra il 1859 e il 1871 un radicale
mutamento viene realizzato da una serie di guerre esterne e guerre civili.

1. Autoritarismo più modernizzazione

1851 – Luigi Napoleone Bonaparte scioglie il parlamento promuovendo un colpo di Stato e chiedendo al
popolo di approvare la sua azione con un plebiscito. Nel ’52, con un altro plebiscito, riesce a farsi attribuire il
tutolo di imperatore con il nome di Napoleone III.
Napoleone “il piccolo” sfrutta il tipico desiderio francese di ordine post-rivoluzionario. Il nuovo regime si
risolve in: limitazione delle libertà politiche e di stampa, persecuzione degli oppositori, incoraggiamento allo
sviluppo economico, fervore di opere pubbliche e di un embrione di legislazione sociale.
Intanto nell’impero asburgico Francesco Giuseppe torna all’assolutismo, annullando la Costituzione
concessa nel 1849, ma lasciando in vigore le norme antifeudali.
Quanto alla Confederazione germanica, l’impero ribadisce la propria superiorità sulla Prussia, cui già dal
’48-49 guardavano le forze patriottiche tedesche per quanto il re di Prussia non mostrasse alcuna vocazione
liberale.
I patrioti italiani, invece, di ispirazione moderata ma unitaria, guardano al re di Sardegna, considerando
ormai superata sia l’idea repubblicana che quella federalista.
Una valida sponda è offerta da Vittorio Emanuele II, successo al trono al padre Carlo Alberto, conservando la
Costituzione emanata nel ’48, lo Statuto Albertino.
Nel suo regno si attua una rottura con la tradizione clericale e la concessione dei diritti civili alla Chiesa
protestante valdese e alle comunità ebraiche.
Durante la chiusura con gli Austriaci al capo del governo vi è D’Azeglio, a cui succede, nel 1852, Camillo
Benso Conte di Cavour, liberale moderato nei contenuti, aristocratico aperto alle innovazioni.
Cavour fa in modo che il Piemonte infittisca le relazioni commerciali con l’Europa progredita, secondo una
politica tesa a favorire lo sviluppo economico. Per rafforzare le relazioni diplomatiche, nel 1855 schiera un
contingente piemontese a sostegno dell’armata anglo-francese intervenuta nella guerra di Crimea a fianco ai
turchi contro i russi. Gli anglo-francesi vincono, dimostrando la loro schiacciante superiorità.
Lo zar Alessandro III nel 1861 promuove l’abolizione della servitù contadina. La riforma zarista ha un
impatto straordinariamente vasto, coinvolgendo una quarantina di milioni di persone. Nella Russia
propriamente detta, la gran parte delle comunità rurali (mir) adotta un sistema di proprietà collettiva e
redistribuzione periodica delle terre ai capi-famiglia, che si rivela duraturo e popolare.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
Gli oppositori giudicano eccessiva la parte delle terre toccata ai nobili e protestano contro la perdurante
repressione sociale. Nel frattempo una rivolta polacca viene repressa brutalmente e i movimenti nazionali
nuovi come quello ucraino vengono guardati con sospetto.
Lo zar si incammina verso la riforma economica e sociale, ma restando autoritario, senza cioè prevedere
concessioni sostanziali ai concetti di libertà politica, sovranità popolare, diritti nazionali.

2. Il discorso letterario: i miserabili

La Francia del secondo impero napoleonico era intrisa di grandi contraddizioni, che possono
essere facilmente colte facendo riferimento al romanzo scritto nel 1862 da Victor Hugo: I
Miserabili.
Jean Valjean, dopo 19 anni di reclusione, esce nel 1815. Bloccato ai margini della società,
viene accolto da un vescovo non conformista, che lo perdona e lo aiuta. Grazie a lui, riesce
a costruirsi una nuova identità, fa fortuna come industriale e viene eletto sindaco di una
piccola cittadina. Cerca di aiutare Fantine, che, dopo aver perso il lavoro, è costretta a
prostituirsi. Fantine muore e Jean Valjean decide di prendersi cura della figlia, Cosette.
Entra in scena il poliziotto Javert, formato su 2 principi: rispetto dell’autorità e odio per la
ribellione. Javert sospetta del sindaco ed entra in conflitto con sé stesso: pensa di non averne
il diritto perché si tratta di un suo superiore. Poi però scopre la verità e non si fa più
scrupoli. Jean Valjean riesce a fuggire e Javert dedicherà tutta la sua vita a cercarlo.
Javert rappresenta il simbolo dello Stato amministrativo imperante tra i due Napoleoni. È il
terminale periferico di un Ministero degli Interni che controlla le categorie sociali pericolose
e sorveglia gli individui che ne fanno parte. Questo ingabbiamento degli individui in
categorie consente che i sospetti vengano messi in condizione di non nuocere. Per tenere a
freno i miserabili, sia i conservatori che i liberali moderati contano sulle “misure
preventive” adottate da Javert.
Hugo, oppositore del Secondo Impero, vuole convincere il pubblico che non
necessariamente l’abiezione è conseguenza di colpe individuali, che è responsabilità della
società. Denuncia la duretta che guarda ai vizi dei poveri contro l’indulgenza verso quelli
dei ricchi. Propone la figura del vescovo che perdona e auspica che l’antico spirito
paternalistico trovi nuovi interpreti nei nuovi tempi.
Da qui la conclusione: lo Stato del futuro avrà bisogno non solo di poliziotti, ma anche di
medici e insegnanti, industriali e politici illuminati. Pensa che il compito possa essere svolto
meglio dallo Stato Democratico.
3. Guerra patriottica e guerra civile in Italia

Cavour punta sull’alleanza con Napoleone III per sciogliere il nodo della “questione
italiana”.
Nel 1859 scoppia infatti la cosiddetta “terza guerra d’indipendenza”, combattuta dai piemontesi ma con il
decisivo contributo dell’alleato. Non irrilevante il contributo di Garibaldi e dei suoi volontari.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
Nel frattempo il governo del granduca di Toscana e quello del Papa in Emilia-Romagna vengono travolti da
insurrezioni di ispirazione nazional-unitaria.
La battaglia di Solferino segna il trionfo dei franco-piemontesi, ma subito dopo Napoleone decide di porre
fine alla guerra, rendendosi conto che la situazione gli sta scappando di mano. Malgrado preferisse una
confederazione su cui esercitare il controllo, deve accettare l’unificazione dell’Italia centro-settentrionale
(Veneto escluso) sotto i Savoia.
Cavour si ritrova a dover fungere da garante degli equilibri conseguiti, che vedono l’Italia divisa in tre Stati:
• Italia centro-settentrinale – monarchico e costituzionale – identità liberali e patriottiche
• Italia centrale (Lazio, Umbria, Marche) – assolutista e teocratico – alleanza con Napoleone
• Italia meridionale (Borbone) – tirannide
1860 – al diffondersi della notizia di una nuova insurrezione siciliana, mille patrioti guidati da Garibaldi
partono dalla Liguria e sbarcano nell’isola. I garibaldini ottengono travolgenti successi militari per l’afflusso
di combattenti sia locali sia provenienti dal Nord Italia, per l’insurrezione che accompagna il loro ingresso a
Palermo, per la miriade di sollevazioni in tutta l’isola che demoralizza i borbonici.
In realtà i loro obiettivi nazionali cozzano con quelli sociali-locali di molti degli insorti.
Episodio emblematico: Bronte – le sanguinose vendette popolari contro i maggiorenti locali portano lo stesso
luogotenente di Garibaldi, Nino Bixio, a ordinare la fucilazione di un capo e di alcuni gregari del partito
“ultra-liberale” cittadino.
Garibaldi era partito con l’idea di sciogliere la dittatura provvisoria di Vittorio Emanuele, confluendo in
un’Italia monarchica, ma solo dopo aver liberato il paese.
Cavour fa il doppio gioco: favorisce flussi di armi ai volontari, ma teme che il trionfo di Garibaldi gli metta
contro le grandi potenze. Ma da Torino non riesce a condizionare il governo della Sicilia, perché i suoi
inviati vengono trattati da spie e sovversivi.
Il regime borbonico concede di nuovo la Costituzione come nel ’48.
Ben presto il regime crolla. I Garibaldini, sbarcati in Calabria, possono puntare a nord. Garibaldi giunge a
Napoli tra l’entusiasmo popolare. Cavour decide a questo punto di non lasciargli ulteriormente spazio e
ordina all’esercito piemontese di puntare verso Sud, travolgendo la resistenza pontificia in Umbria e Marche.
L’impero borbonico, concentrato al nord del regno, mostra un nuovo spirito combattivo, passando alla
controffensiva. Ma, nel 1860, sul fiume Volturno viene respinto dai garibaldini al termine di una dura
battaglia. Il regno delle due Sicilie è morto.
Il potere del sud viene però assunto dai delegati del governo di Torino, che sciolgono bruscamente l’esercito
garibaldino e liquidano Garibaldi, il quale si ritira nell’isola di Caprera.
Febbraio 1861 – dopo l’ingresso nel nuovo stato sia del Mezzogiorno, sia delle Marche e dell’Umbria, si
riunisce nella nuova capitale, Torino, un parlamento che proclama il Regno d’Italia.
Ne restano fuori il Lazio, sotto il governo pontificio, e il Veneto, sotto governo asburgico.
Con la morte improvvisa di Cavour (1861), gli succede un altro moderato, Ricasoli.

Il Sud resta preda di gravissime tensioni.


Nell’inverno ’60-61 si diffondono voci su un prossimo intervento austriaco. Bande di guerriglieri filo-
borbonici mettono a ferro e fuoco l’Abruzzo, la Lucania e la Puglia. Borjes, ufficiale legittimista spagnolo,
assume la guida di alcune bande. Gli ufficiali piemontesi fermano le rappresaglie con repressioni e
fucilazioni.

4. La guerra civile americana

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
1861 – mentre l’Italia si unisce, gli Stati Uniti si spaccano.
Gli Stati del Sud proclamano la secessione e creano una propria Confederazione, quelli del Nord restano
nell’Unione.
All’inizio degli anni ’50, il Nord resta in genere poco interessato alla sorte dei neri, ma la minoranza
abrogazionista comincia ad assumere un peso crescente. Si moltiplicano le campagne di opinione e di
stampa, si creano organizzazioni per aiutare gli schiavi fuggiaschi. Il Sud continua a sostenere la schiavitù
quale fondamento del self-government.
Alla metà degli anni ’50 si divide anche il sistema politico. L’ala settentrionale del partito Whig si schiera
con i dissidenti democratici, fondando un nuovo Partito Repubblicano.
Nel 1860 viene eletto come presidente Abraham Lincoln, abrogazionista contrario all’abolizione della
schiavitù con legge federale. 11 Stati dichiarano la secessione, entrando nella Confederazione del Sud,
mentre gli altri 21 restano nell’Unione. Comincia la guerra. Il vantaggio dell’Unione è enorme, mentre il Sud
ha un unico vantaggio: avendo ben chiaro il “destino” della loro patria, si mobilitano in armi subito e con
tutte le loro forze.
Lincoln si risolve solo nel 1863 a emanare un “Proclama di emancipazione degli schiavi”. La guerra dei
nordisti comincia ad assumere carattere emancipatorio, rivoluzionario, ottenendo grande sostegno
dall’opinione pubblica.
1865 – Mentre un emendamento costituzionale proibisce la schiavitù ovunque nel territorio degli Stati Uniti,
Lincoln viene assassinato da un sudista in cerca di vendetta.
A Lincoln succede Johnson, sudista rimasto fedele all’Unione, convinto razzista, fautore di una rapida
riconciliazione.
I radicali pensano di realizzare una democrazia multirazziale. Il clima sembra farsi favorevole quando alla
presidenza viene eletto Ulysses Grant, già comandante delle armate nordiste (1869).
Il Sud torna al self-government e ai neri viene proibito, con leggi apposite, di far parte delle assemblee
rappresentative. Alla privazione dei diritti politici si aggiunge quella dei diritti civili, con la creazione di un
sistema di apartheid. La società bianca torna a schierarsi dietro la “linea del colore”. Si verifica una
riconciliazione “bianca” a spese dei neri. Il governo federale diventa per la prima volta l’indiscusso
rappresentante dell’identità nazionale.

5. Imperi di nuovo conio

Un anno dopo la fine della guerra civile americana, si mette in moto la Germania. Al
cancelliere Bismarck tocca un ruolo analogo a quello svolto in Italia da Cavour.
Bismarck è un conservatore, distintosi per il suo rifiuto di lasciarsi condizionare dal
parlamento. Riesce a guadagnarsi il consenso dei patrioti proponendo il suo sovrano
Guglielmo I a campione della causa nazionale, in particolare con la guerra che nel 1886 vede
l’alleanza tedesca settentrionale, guidata dalla Prussia, trionfare sull’alleanza tedesca meridionale, guidata
dall’impero asburgico.
L’impero asburgico verrà per sempre escluso dallo spazio politico tedesco.
Accanto ai prussiani si schierano gli italiani che, pur non ottenendo successi sul campo di battaglia,
acquisiscono in Veneto grazie alla mediazione di Napoleone III.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
Dopo i successi dei prussiani sugli austriaci, i francesi hanno comunque ben altri problemi sul fronte
orientale. La loro ostilità rappresenta uno stimolo alla riconciliazione della Germania.
Nel 1870, giunti alla guerra, la Prussia si pone alla testa di una coalizione di tutti gli stati tedeschi.
Come nel 1793, i repubblicani radicali francesi invocano la resistenza contro lo straniero, accusando i
monarchi e i repubblicani moderati di tradimento. I radicali assumono il controllo della Comune di Parigi,
ma i moderati conquistano la maggioranza nell’Assemblea costituente. Saranno loro a mediare gli accordi
con la Prussia.
Nel 1870 l’impero francese cade. Nel 1871 nasce l’impero tedesco (Reich), in una federazione in cui
conferiscono, insieme alla Prussia e a esclusione dell’Austria, gli Stati dell’antica Confederazione,
conservando le proprie istituzioni e le proprie dinastie.
Nel Reich i prussiani manterranno un ruolo dominante nell’alta burocrazia; la guida dell’esercito verrà
assunta dagli junker; Bismarck verrà confermato alla guida del governo; il parlamento resterà in vigore. Si
aggiungono nuove assemblee federali: il Bundesrat (senato) e il Reichstag (camera dei deputati eletta a
suffragio universale maschile).
La nuova Germania è il paese militarmente più forte. La sua economia si avvia a raggiungere straordinari
risultati. Fornisce il modello per il tentativo degli imperi d’Asburgo e zarista di uscire dal modello
tradizionale dello Stato debole.
L’impero degli Asburgo deve superare il grande shock delle sconfitte subite tra il 1859 e il 1866 con la
conseguente esclusione sia dallo spazio politico italiano che da quello tedesco.
1867 – l’élite austro tedesca raggiunge un accordo con quella ungherese, e il territorio imperiale viene diviso
in due Stati (austriaco e ungherese), che conservano però un esercito comune, una politica estera comune, e
un solo monarca di casa Asburgo. Le genti di lingua slava e romena si sentono ancora più subordinate.
Nell’impero zarista ci si convince che un recupero di modernità ed efficienza non possa passare che
attraverso un processo di “russificazione”, ovvero attraverso l’imposizione della lingua e della cultura russa
nell’amministrazione, nei luoghi di mercato, nelle scuole inferiori e superiori.
Ne deriva un peggioramento della condizione di alcuni gruppi etnici e un aumento delle persecuzioni verso
gli ebrei.
Le tensioni saranno destinate a esplodere nel 1881, con l’assassinio dello zar Alessandro II da parte di un
gruppo di terroristi.

Capitolo 5 – l’Italia liberale

“Fatta l’Italia, bisogna fare gli italiani” – D’Azeglio


1. Il volto della nazione risorta

D’Azeglio, leader politico nel 1849, affermò, come leggiamo in un libro di memorie
pubblicato nel 1866, che gli italiani non mostravano il “carattere” supposto e che bisognava
se ne dessero uno, se volevano essere davvero nazione.
Seguirono i disastri della guerra italo-austriaca del 1866, che sollevarono molti dubbi sulla
possibilità di prendere posto accanto alle grandi potenze moderne che si stavano affermando
in quegli anni.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
Come affermava Pasquale Villari, l’Italia era debole perché le mancavano le risorse che nel
mondo moderno fanno la forza deli Stati – l’economia e l’organizzazione sociale.
Ma le risorse che più mancavano all’Italia erano quelle culturali: gli analfabeti erano la
schiacciante maggioranza e le classi dirigenti erano legate a modelli illustri ma terribilmente
inadeguati alla modernità. Bisognava che l’opinione pubblica cominciasse a porsi problemi
di quella natura.
Manifestazioni di arretratezza culturale di questa natura rendevano il Portogallo, la Spagna,
la Grecia e ciò che restava dei popoli dell’Europa orientale e balcanica, incompatibili con
l’economia di mercato e i suoi liberi ordinamenti.
L’unificazione politica dell’Italia non bastava dunque a sancire il suo risorgimento. Il paese
doveva ancora sfuggire al proprio “destino” mediterraneo.
Restava da capire se la monarchia, le istituzioni, le classi dirigenti potessero guidarlo in
quella direzione.
Lo Statuto Albertino nel complesso dava allo Stato carattere liberale e laico, sancendo
l’eguaglianza civile tra i cittadini, le libertà di pensiero e d’espressione e la divisione dei
poteri. Però si trattava di una costituzione flessibile, i cui criteri base potevano essere contraddetti da
leggi ordinarie.
Dal punto di vista costituzionale, il monarca nominava il capo del governo. Molto dipendeva dalla forza
dell’uomo politico prescelto. Dopo Cavour, il capo del governo veniva scelto in base al mero rapporto
fiduciario col re. Rattazzi si dimostrò privo di autorevolezza di fronte all’iniziativa di Garibaldi su Roma.
La distinzione tra esecutivo e legislativo, rappresentato da un Senato e una Camera dei deputati, era chiara.
C’erano però dei punti di incrocio. Il Senato era di nomina regia e anche la camera, elettiva, era condizionata
dalla presenza tra i deputati di militari, docenti universitari, magistrati che si sentivano direttamente
dipendenti dalla monarchia. D’altra parte, già prima dell’Unità, i governi avevano preso l’abitudine di
presentarsi davanti al parlamento per ottenere un voto di fiducia.
I deputati della camera erano eletti a suffragio maschile ristretto. Aveva diritto di voto circa il 2% della
popolazione totale, ma la partecipazione effettiva arrivava raramente al 50% degli aventi diritto.
Nel solco della continuità con i principi giuridici affermatisi in età napoleonica si collocavano invece i codici
– civile, penale e amministrativo – varati nel 1866.

Il paese venne diviso in province, ciascuna delle quali era affidata ai prefetti, nominati dal ministero degli
Interni, che a loro volta nominavano i sindaci di paesi e città.
Si crearono due partiti, derivati da quello moderato ex cavouriano e da quello democratico già mazziniano,
che assunsero il nome di destra e sinistra.
Molti tra i leader del primo erano piemontesi, anche se non mancavano quelli originari dell’Italia centrale, tra
cui Ricasoli. Tra i leader del secondo segnaliamo Depretis e il siciliano Crispi. Tutti costoro si erano già
battuti in campo patriottico a partire dal ’48. Da quel passato traevano la legittimazione a guidare il paese.

2. Dalla destra alla sinistra

I due partiti non avevano strutture permanenti. I parlamentari si appoggiavano su qualche


associazione locale: patriottica, di mutuo soccorso o di altra natura.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
La destra si identificava maggiormente nell’idea oligarchica della vita pubblica, ma non
poteva essere definita conservatrice, perché non aveva un passato da idealizzare e un
presente da conservare. Per quanto liberista, si convinse della necessità di un intervento
dello Stato sull’economia, soprattutto per costruire le infrastrutture. Finanziò queste opere
indebitando il paese, ma aumentò anche le entrate tassando pesantemente sia la proprietà
fondiaria che i consumi popolari e vendendo i beni pubblici o demaniali.
La sinistra conveniva con la destra su questa costruzione materiale della nazione, ma ne
giudicava insufficiente l’impegno per quanto riguardava la costruzione morale. I
democratici vedevano i moderati come quelli che avevano costruito l’Unità senza crederci,
mantenendosi all0ombra di quel Napoleone III che sia nel ’49 che nel ’67 aveva fatto
sparare sui garibaldini.
Poi venne il 1870 e la caduta di Napoleone lasciò libero il governo di rovesciare il governo
pontificio occupando il Lazio e spostando la capitale da Torino a Roma.
Restavano sul tavolo le questioni riguardanti il “progresso” del paese. La sinistra chiedeva
l’allargamento del suffragio, ma con prudenza. Lamentava poi il troppo rigido controllo
governativo sugli enti locali e in generale l’autoritarismo che caratterizzava il sistema. La
polizia, seguendo il modello napoleonico, inseriva nella categoria del “sospetti” vagabondi,
criminali, sovversivi, per il cui contrasto erano previste misure di limitazione della libertà
personale che erano illiberali perché preventive.
Si formò una sinistra “giovane”, che da un punto di vista ideologico sarebbe stata piuttosto
vicina ai moderati, ma che confluì con la sinistra “storica” in vista delle elezioni del 1874.
Alla camera molti furono gli scontri e Minghetti fu costretto alle dimissioni. Il re vide la
necessità della svolta e nominò alla guida del governo il leader dell’opposizione, Depretis, il
quale alle elezioni del ’76 ottenne la maggioranza dei consensi.
3. Il discorso politico: un viaggio elettorale
Saltare
4. Nord e Sud

La frammentazione politica corrispondeva a una frammentazione economica. Le Italie


economiche erano molto diverse tra loro e prevalevano i mercati locali, oltre quelli
internazionali in alcune aree. Il mercato nazionale, fino agli anni ’80, era molto poco
importante.
La voce maggiore dell’esportazione italiana era quella della seta grezza soprattutto verso la
Francia. La capacità di esportazione del meridione erano legate alle coltivazioni arboree.
Mercanti inglesi, francesi e americani giungevano fino in Sicilia per acquistare semilavorati
per l’industria o materie prime.
Con non pochi sforzi venne completata la linea ferroviaria Nord-Sud. L’industria moderna
non esisteva in nessuna parte d’Italia. L’Italia era ancora lontana dagli standard dell’Europa
più progredita.
5. Idee di progresso

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
I leader della sinistra parlavano di popolo, ma erano liberisti al pari di quelli della destra.
Entrambi si dichiaravano contro il latifondo. I governi post-unitari avevano cercato di creare
un ceto di medi o piccoli proprietari contadini distribuendo terreni demaniali Sotto il profilo
economico-agrario, l’operazione diede risultati ambivalenti: cattivi per le terre di scarso
valore produttivo, positivi per quelle trasformabili in colture ad alto reddito.
In coincidenza con la svolta del 1874-76, alcuni intellettuali si impegnarono in una
riflessione sulla questione meridionale, sulle colonne della rivista fiorentina “Rassegna
settimanale”.
Sidney Sonnino e Leopoldo Franchetti, collaboratori della rivista, intrapresero nel 1875 un
viaggio studio in Sicilia. Franchetti ne trasse un’analisi della mafia come sintomo della
mancata elaborazione collettiva dell’idea della legge “astratta” e uguale per tutti. Sonnino
fornì una disamina dello sfruttamento dei contadini Le forze del mercato lasciate a sé stesse,
spiegò, danno questo risultato, non solo in luoghi arretrati come la Sicilia, ma anche in
Inghilterra, in cui l’agricoltura è florida ma il contadino poverissimo. Egli sperava che il
liberalismo avrebbe messo la nazione in grado di competere per il consenso delle masse con
i suoi grandi nemici: il socialismo e la Chiesa.
Nel 1864, nel Sillabo, Pio IX aveva catalogato il liberalismo tra gli errori della modernità,
insieme alle idee scientifiche che mettevano in discussione i dogmi della chiesa. Erano stati
proclamati l’infallibilità del Papa e il dogma dell’immacolata concezione.
Con la presa di Roma del 1870, Pio IX si proclamò prigioniero di fronte al mondo,
scomunicando chiunque avesse partecipato all’operazione. Trovò oltremisura sconveniente
la parificazione giuridica dei cristiani con gli ebrei. Proibì ai fedeli di partecipare alla vita
pubblica, in particolare con il voto.
L’Italia rinunciò a ogni pretesa di controllo dell’organizzazione ecclesiale e garantì totale
autonomia al magistero papale.
Nel compattare le classi dirigenti, plasmarne l’ideologia e la stessa identità, fornì un grande
contributo la massoneria, organizzata in logge.
La linea anti-nazionale e antiliberale della chiesa rese la nazione laica e anticlericale: un
aggancio alla modernità da cui affrontare il passaggio dell’allargamento del suffragio. La
riforma elettorale venne varata sotto Depretis, nel 1882, con l’ammissione al voto di tutti i
maschi che avessero raggiunto i 21 anni e si dimostrassero in grado di leggere e scrivere.
Gli uomini della sinistra si aspettavano la sconfitta dell’analfabetismo per gli effetti della
legge Coppino, che prevedeva due anni di scuola pubblica, gratuita e obbligatoria per tutti.
Invece la percentuale dei votanti non superò mail il 9%.

Capitolo 6 – Internazionalismo e nazionalismo

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
Il mondo di fine Ottocento vede contemporaneamente il trionfo degli imperi coloniali e
degli Stati-nazione, la creazione di un sistema mondializzato di scambi, ma anche di forti
economie nazionali.
La questione riguarda anche le idee: alcune, di taglio universalistico, sostengono
l’eguaglianza tra tutti gli esseri umani, altre l’ineguaglianza, anche radicale, tra i diversi
popoli, gli uomini e le donne, le razze.
1. Il discorso storiografico: la nascita del mondo moderno

Possiamo parlare già nell’Ottocento di “globalizzazione”, termine che indica la creazione


contemporanea di uniformità e squilibri su scala planetaria.
Uniformità. Navi, treni, merci, capitali, persone, armi, informazioni, idee circolavano sempre più
velocemente. La modernità coinvolse e sconvolse tutte le parti del pianeta, popoli “avanzati” e popoli
“arretrati”. Tutti speravano di migliorare la propria condizione, individuale o collettiva.
Squilibri. La distribuzione della ricchezza e del potere mondiale si fece disuguale come non mai in
precedenza. Alla metà del Settecento la gran parte dell’Africa o dell’Oceania era governata da “indigeni”, gli
imperi ottomano e cinese erano grandi potenze; al 1900 quei due imperi si trovavano sotto tutela, molti
popoli indigeni erano stati espropriati delle loro terre o in alcuni casi sterminati, mentre il resto del mondo
era direttamente sottomesso alle potenze occidentali.
Le religioni rafforzarono la propria identità, standardizzarono credenze e culti, “invasero zone della vita
sociale prima presidiate dagli anziani delle tribù e dalle consuetudini sociali”. Insomma, assunsero la forma
omogenea e prescrittiva, tipica dello Stato moderno.
Attraverso questi strumenti la chiesa cattolica si riorganizzò impegnandosi nella riconquista post-
rivoluzionaria del suo popolo che rischiava di smarrirsi nella modernità. Creò dogmi e sancì infallibilità.
Promosse movimenti cristiano-sociali, concorrenziali nei confronti del socialismo ma anche del liberalismo.
Si impegnò in opere caritative.
Tutte le confessioni cristiane inondarono il mondo di missionari e l’Islam, sentendosi minacciato, accentuò a
sua volta compattezza e rigore. Si compattò anche l’Induismo, in precedenza insieme disorganico di culti. I
cinesi cercarono di trasformare in religione la filosofia confuciana. Tutti adottarono i metodi e i fini della
modernità.
Per quanto riguarda l’economia, per la prima metà del secolo, si poté parlare di “rivoluzioni industriose”.
Piccole innovazioni tecnologiche si accompagnarono a mutamenti nella distribuzione delle merci e nei
consumi materiali della gente. Famiglie di contadini diventarono prospere famiglie di fattori. Piccoli bottegai
diventarono borghesi di città.
Veniamo alla seconda metà del secolo, nel corso della quale all’industria tessile si affiancarono l’industria
meccanica, la siderurgica, la chimica. A ogni passaggio crebbero le dimensioni medie delle imprese, nonché
l’entità del capitale necessario per avviarle e gestirle: da cui la canalizzazione del risparmio verso i settori
più moderni a opera delle banche di investimento e delle borse valori.
L’elettricità rese possibile il trasferimento a distanza dell’energia, e dunque l’industrializzazione di zone
lontane dai giacimenti di carbone. L’applicazione del vapore alle comunicazioni determinò, via terra e via
mare, giganteschi incrementi delle quantità di merci circolanti, a cui fece seguito un aumento del flusso di
capitali. Il telegrafo fece entrare il mondo nell’era della simultaneità, della circolazione istantanea della
comunicazione.
Fu l’era dell’industrializzazione, quella in cui davvero – per la prima volta – il sistema di fabbrica si pose a
protagonista di un meccanismo unitario di sviluppo. Negli Stati Uniti, l’imprenditore Ford introdusse nel

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
1910 il principio della “catena di montaggio”, sistema di coordinamento del lavoro umano e delle tecnologie
che avrebbe determinato aumenti enormi di produttività

2. Economie nazionali e nuovo imperialismo

All’indomani del 1871, gli Stati-Nazione cercarono il modo di risolvere i loro contrasti
senza fare ricorso alla guerra. Il “concerto” europeo fissò la carta politica europea con il
Congresso di Berlino del ’78. L’impero ottomano si salvò ancora una volta. Le popolazioni
dei Balcani ottennero l’indipendenza, fatta eccezione per la Bosnia, che venne assegnata al
protettorato dell’Austria-Ungheria a causa dei forti contrasti tra cristiani ortodossi e islamici.
Il resto dello spazio est-europeo restava monopolio degli imperi zarista, austro-ungarico e
tedesco, che si estendeva per più a Oriente rispetto alla Germania odierna. Bismarck strinse
alleanze con russi e austriaci, ma nel 1882 creò una Triplice Alleanza con l’Italia e
l’Austria-Ungheria. Bloccava così la situazione in Europa, incoraggiando i francesi
all’espansione coloniale.
Così nel 1881 i francesi occuparono la Tunisia, inaugurando la spartizione dell’Africa.
Questi si impadronirono di vastissime regioni centro-occidentali del continente, mentre gli
inglesi, dal loro insediamento nell’estremo capo meridionale, si espansero verso nord-est
sino all’Egitto.
Le due potenze vissero momenti di tensione, ma furono ben attente a non entrare in conflitto
tra loro. Partecipazioni minori ebbero i tedeschi, i belgi e gli italiani.
Si aprì intorno al 1879 una congiuntura di calo generale dei prezzi, sia nel settore agricolo,
sia in quello industriale, comunemente detta grande depressione. In realtà, il periodo che definiamo
in negativo come “depressione” è lo stesso che definiamo in positivo come “seconda rivoluzione
industriale”. In sostanza, il calo dei prezzi derivò dallo stesso sviluppo, essendo dovuti a) all’inasprirsi della
concorrenza per il grande miglioramento dei trasporti b) alla generalizzazione del sistema di fabbrica che
determinò aumenti della produttività. Si aggiunga che, nei settori “di punta”, il ritmo dell’innovazione
tecnologica rimase elevato.
La depressione portò a un cambio di rotta nel campo delle politiche commerciali, che erano state basate un
po’ dappertutto negli anni ’60-’70 sul concetto del libero scambio. I governi si risolsero introducendo misure
protezionistiche: sostennero i prezzi interni dei prodotti sia industriali che agro-alimentari e tassarono i
prodotti stranieri. Cominciò nel 1879 la Germania, seguirono gli altri grandi paesi europei ad esclusione
della Gran Bretagna.
Malgrado i liberisti pronosticassero la catastrofe, la svolta preparò la ripresa collocabile intorno al 1896.
Negli Stati-nazione di fine Ottocento, al territorio definito legalmente dalle frontiere si sovrappose quello
definito economicamente dalle barriere doganali, innervato da un sistema di strade e ferrovie spesso
convergenti verso la capitale. Va però precisato che il protezionismo creò economie nazionali ma non
“chiuse”. Trattati di commercio bilaterali garantirono la tenuta e poi l’incremento del volume degli scambi
internazionali. Sia il protezionismo sia i trattati di commercio valorizzarono l’elemento della decisione
politica. Ministri, partiti, deputati, gruppi di interesse, organi di stampa si accapigliarono su tariffe e clausole.
Tutti mostrarono determinazione nel proteggere il capitale e il lavoro nazionali.

3. Migranti

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
Possiamo definire trans nazionale la dimensione di chi si spostava da un paese all'altro, da
un continente all'altro, per trovare lavoro.
Tra il 1881 e il 1920 giunsero negli Stati Uniti 23 milioni circa di immigrati la maggioranza
dei quali proveniente dall'Italia.
Possiamo scomporre il fenomeno in due periodi, il primo, tra il 1879 e 196, relativo alla fase
della depressione, mentre il secondo, tra il 1896 1913, a quella dell'espansione. Gli
specialisti evidenziano due meccanismi che spingono a migrare, vale a dire quello espulsivo
per cui si parte perché a casa non si riesce più a vivere, e quell'altra attrattivo, per cui si
parte contando su opportunità disponibili altrove. Periodo partire uno più numerosi i
settentrionali soprattutto per il Sud America; nel secondo i meridionali soprattutto per gli
Stati Uniti. Inizialmente si mostrano le persone dotate di capitale punto i più poveri incolti
partirono dopo, perché per muoversi avevano bisogno di un meccanismo attrattivo già ben
oliato, che chiamiamo catena migratoria. Un numero sorprendente di migranti torno più volte, passando
da un lato all'altro dell'oceano con ritmo anche annuale; si creò un mercato unico transcontinentale del
lavoro. I migranti sfruttarono diversità delle stagioni per trovare varie occasioni di guadagno: a casa per i
lavori agricoli, a New York a Chicago nei momenti di boom edilizio cui gli italiani fornivano lavoro non
qualificato a buon mercato. Si creò anche un modello di vita trans nazionale. Le famiglie si riunirono e si
divisero ciclicamente. Tra gli italiani partiti per gli Stati Uniti dopo il 1896, il più non pensavo di restare.
Non sembrano interessati a imparare la lingua, né a iscriversi alle liste elettorali. Solo in corso d'opera molti
deciso di restare si facevano aggiungere delle famiglie.
Nel frattempo però si erano moltiplicate le reazioni xenofobe dire quella in un'America già predisposte a
ragionare in termini razionali e razzisti. Una corrente di opinione pubblica detta nativista si propose di
difendere il paese dei flussi etnico-religiosi giudicati incompatibili con la civiltà Wasp (white Anglo-Saxon
Protestant). Si pensava che gli italiani, specie provenienti dal sud, non potessero essere considerati bianchi, e
si cercava una qualche categoria intermedia in cui inserirli. I nativisti si chiedevano se i cattolici non fossero
in realtà degli idolatri. Addebitavano i problemi sociali delle metropoli al carattere alieno della loro cultura.
Era di certo una schematizzazione xenofoba quella che voleva italiani naturalmente inclini alla violenza.
Però non erano solo gli xenofobi a sospettare della tendenza degli italiani a isolarsi nei loro quartieri etnici,
coltivando i loro bizzarri costumi e loro vecchio mondo, a scapito del modo di vita americano. D'altronde il
nativismo era minoritario. La grande statua della libertà, all'ingresso del porto New York, forniva una
risposta potente ai migranti, mossi da un grande desiderio di emanciparsi dall'oppressione del bisogno.
La grande migrazione era dovuta un'economia internazionalizzata, e creò un'economia trans nazionale.
Vanno dunque valutati anche gli effetti sulla società di partenza. L'opinione pubblica italiana aveva guardato
con alterni sentimenti al grandioso fenomeno che stiamo trattando. I proprietari fondiari temevano che la
rarefazione della manodopera potesse far diminuire la rendita fondiaria. I nazionalisti constatavano la perdita
che la madre patria subiva con l'allontanamento dei suoi figli. Molti intellettuali e politici radicali, al
contrario, avevano spiegato che il ritorno degli emigrati potesse portare a un indebolimento delle tradizionali
gerarchie, a una rivoluzione culturale nella società rurale soprattutto meridionale. L'idea era che l'emissione
di soggetti resi consapevoli da una straordinaria esperienza, dotate di capitali, avrebbe creato un certo di
contadini proprietari e, insieme, i presupposti per una sorta di democrazia rurale punto queste aspettative
invero eccessive non si realizzarono. I tanti ritorni dall'America non determinarono conseguenze
rivoluzionare, gli effetti economici della relazione transoceanica furono straordinariamente positivi su
entrambi i versanti. Le rimesse degli emigrati ovvero il loro invii di somme in denaro in patria, andarono a
sostenere i bilanci delle famiglie, consentirono l'acquisto di case e terreni, determinarono miglioramenti nei
consumi. Le rimesse determinarono altresì disponibilità di dollari nelle banche italiane, fornendo alla
nascente industria un altro modo per procurarsi la valuta pregiata di cui aveva sempre più bisogno per
acquistare materie prime dall'estero.

4. Internazionalismo proletario

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
Molti immigrati portarono con sé dall'Europa idee socialiste, che tuttavia non attecchirono
nel nuovo mondo. Possiamo formulare almeno due spiegazioni. La prima è che il socialismo
era nato in Europa da una estrema rivendicazione democratica, da un suo intreccio con la
questione sociale che era improponibile negli Stati Uniti, dove lavoratori avevano acquisito
da tempo i diritti politici. La seconda è che era difficile in America raggiungere quella forte
solidarietà collettiva che chiamiamo coscienza di classe, perché anglosassoni, irlandesi,
tedeschi, ebrei, italiani non parlavano la stessa lingua, erano integrati in maniera diversa
nella società statunitense e spesso si trovano tra loro in concorrenza.
Questa difficoltà rappresentò una spiacevole sorpresa per i socialisti, così come per gli
anarchici o libertari, che si dicevano internazionalisti perché credevano nella solidarietà
universale degli oppressi, perché vedevano lo Stato nazione compromesso con l'oppressione
borghese. Gli anarchici credevano in un futuro di pace e concordia, nel quale l'autorità
statale in quanto tale non sarebbe più esistita e le comunità umane si sarebbero governate da
sé, in uno spirito di fraternità e uguaglianza.
Invece i marxisti confidavano che lo Stato avrebbe svolto un ruolo cruciale nella produzione
dopo la caduta del capitalismo e ponevano al centro della loro analisi la lotta di classe
propria del mondo industriale. Si conformava già nel nome a questi ideali la Prima
Internazionale, l'organizzazione che dal 1864 vedeva la convergenza dei socialisti e degli
anarchici. Dopo la repressione della Comune di Parigi gli internazionalisti si aspettavano un
nuovo 1848. Invece si ebbero processi di democratizzazione, legalizzazione degli scioperi e
delle attività un po' di tutti i partiti. Nella nuova situazione i socialisti lasciarono agli
anarchici le posizioni iper-radicali, le diffidenze verso qualsiasi istituzione, i progetti di
improbabili insurrezioni che qualche volta degeneravano in azioni terroristiche. Si
impegnarono in attività legali e assunsero un volto moderato. A queste logiche si ispirava
una Seconda Internazionale nata nel 1889. Ne facevano parte il Partito socialdemocratico
tedesco fondato nel 1875 e il partito socialista francese fondato nel 1879.
In Russia non vi fu legalitarismo perché l'autocrazia non lasciava spazio di attività legale ad
alcun partito. In Gran Bretagna il marxismo non esercitò influenze, i lavoratori sindacalisti
votarono a lungo per i liberali. Un partito socialisteggiante moderato venne fondato solo nel
1906 e si chiamò Labour Party perché direttamente filato dalle Trade Unions.
Il socialismo derivava dalla confluenza di organizzazioni di due tipi: a) il partito ideologico,
identitario è organizzato, cui si dedicavano a tempo pieno, intellettuali o ex lavoratori,
fiduciosi che in futuro la storia Peppe compensato il loro impegno; b) una rete altrettanto
permanente di circoli politici e culturali, di cooperative di lavoro di consumo, e appunto di
sindacati.
I socialisti tenevano riunioni e meeting pubblici, cantavano inni, spiegano bandiere.
Creavano un rituale. Si sentivano comunità, la loro era una religione politica. Insistevano a
dirsi internazionalisti e, in particolare, estranei ogni progetto bellicoso espansionista.
Costituivano però di fatto una parte dell'opinione pubblica delle rispettive nazioni. Offrivano
un modello di nuova politica, più adatto un'età di democratizzazione rispetto a quello

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
liberale. Volenti o nolenti, rappresentavano una faccia eterodossa nel processo di
nazionalizzazione delle masse.
5. Orientalismo
Saltare
6. Nazionalismi asiatici

Gli Orientali non erano così diversi dagli occidentali, e molti di loro risposero
all'oppressione del colonialismo con l'arma del nazionalismo, almeno in certe condizioni
favorevoli. Le reazioni xenofobe, super tradizionalistiche, dettate da mera intransigenza
religiosa, vennero facilmente etichettate come barbare e confermarono in sostanza il
pregiudizio occidentalista. Tra i molti casi che si potrebbero presentare, ne sceglieremo due:
quello indiano è quello giapponese.
In India centinaia di milioni di persone erano pacificamente governate, dopo la rivolta del
1857, da un pugno di inglesi. Dell'Indian Service facevano parte, oltre a decine di migliaia
di militari,1000 funzionari. Nel 1863 un indigeno vinse il concorso per funzionario
dell'Indian Service, altri tre lo seguirono nel 1871. In realtà proprio l'esperienza unificante
dell'amministrazione britannica doveva trasformare l’Élite occidentalizzata nella prima élite
nazionale che l'India avesse mai avuto. I suoi membri erano inferiori che però potevano
trovarsi in concorrenza con loro omologhi di origine europea, e trovarsi altresì a svolgere un
ruolo autonomo. Cercarono nel 1885 di darsi uno strumento di pressione fondando il Partito
del Congresso che, per quanto moderato, per quanto inizialmente sponsorizzato dallo stesso
Indian service, non poteva non proporsi alla lunga come fattore di contraddizione della
complessa costruzione colonialista.
La figura di Gandhi racchiude in sé queste contraddizioni. Rampollo di agiata famiglia
proveniente da una casta di commercianti, Gandhi ricevette un'educazione occidentale e si
recò giovanissimo in Inghilterra dove visse in stile occidentale, laureandosi in
giurisprudenza e preparandosi a esercitare l'avvocatura in India. Poi però torno a seguire le
rotte Imperiali recandosi nel 1893 in Sud Africa dove c'era una fitta comunità indiana,
emarginata e umiliata dal sistema dell'apartheid razziale. Quindi divenne un leader politico,
inventandosi metodi di resistenza non violenta per garantire ai connazionali diritti civili
elementari. Lo fece utilizzando la propria conoscenza della cultura e delle regole giuridiche
occidentale ma anche, ripartito dal Sudafrica per l'India, tornando ad avvicinarsi alla cultura
degli avi, a vestire in stile indù, a riferirsi all'identità tradizionale. Divenne leader del Partito
del Congresso, che a cavallo della guerra mondiale rivendicò una sorta di autonomia prima,
l'indipendenza poi.
Nel caso del Giappone, invece, si tratta di un paese indipendente, il cui nazionalismo ebbe
per protagonista lo Stato sin dal momento in cui una sezione della classe dirigente invocò, di
fronte allo shock della minaccia occidentale, la restaurazione Meiji, ovvero la
rilegittimazione del potere mediante il riferimento alla figura sacrale dell'imperatore
piuttosto che a quella dello shogun, squalificatosi per i molti cedimenti allo straniero.
Seguì nel 1868 l'impegno di uno Stato giapponese vecchio-nuovo in una formidabile
operazione modernizzante. I giapponesi cominciarono studiando attentamente le

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
innovazioni economiche, tecniche, politiche e amministrative introdotte nell'area euro-
americana nel secolo precedente. Presero poi ad applicarli in casa loro. Lo Stato realizzò una
grande riforma agraria, si impegnò nella creazione non solo di infrastrutture ma anche di
imprese industriali. Si avvio così un processo di industrializzazione anche nei settori più
moderni come meccanico e siderurgico. Fu creato un moderno sistema d’ istruzione e di
amministrazione. Nel 1889 venne introdotta una Costituzione che prevedeva un parlamento
bicamerale, eletto con un sistema censitario. Ci si impegnò soprattutto nella creazione di un
esercito e di una flotta moderni. Ben presto le clausole dei trattati ineguali furono cancellate
e il paese adottò politiche doganali protezionistiche. L’ascesa del Giappone cambio
rapidamente i termini del confronto tra le potenze in Estremo Oriente. Già negli anni 70 i
giapponesi si avviarono a realizzare una zona di influenza nella penisola di Corea, entrando
in contrasto con la Cina. Tra il 1894 e il 1895 mossero guerra ai cinesi e li sconfissero
facilmente, costringendoli a un trattato che prevedeva concessioni territoriali e pesanti
indennità finanziarie. Le potenze europee però li costrinsero a rinunciare ad alcuni dei
vantaggi ottenuti. Gli interessi espansionistici russi e giapponesi stavano d'altronde entrando
in concorrenza in Manciuria, nell’estremo nord-orientale della Cina. I britannici
appoggiarono i giapponesi, in funzione anti russa. Anche qui si venne a guerra aperta nel
1904, e i giapponesi ebbero sorprendentemente la meglio nei combattimenti terrestri e
navali in Manciuria. Restava ai russi una sola carta: spostare la loro flotta da guerra dal
Baltico sino all’Estremo Oriente. Quando la flotta giunse alla meta, la flotta giapponese la
affrontò e la distrusse a Tsushima (1905).
Con la vittoria di Tsushima i giapponesi dimostrarono al mondo e se stessi di aver ghermito
i segreti degli occidentali, di averli volti a proprio favore. La lezione era chiara. Nel 1911
l'idea di una riforma interna fu al centro di un moto scoppiato in Cina tra gli elementi
nazionalisti che avevano creato il partito dei Kuomintang. La logica pienamente xenofoba
della rivolta esplosa in un decennio prima, ad esempio quella dei Boxer Trani 1899 1901,
sembrava già lontana. Anzi, lo spirito innovatore sembrò più forte in Cina che in Giappone
e, al posto dell’Impero, fu creata una repubblica. Il governo dei Kuomintang, però, non
seppe impedire il formarsi di una serie di entità regionali semi-indipendenti, rette dai tiranni
impegnati a farsi la guerra l’un l'altro e per questo detti signori della guerra. La
subordinazione agli stranieri non diminuì. L'idea millenaria dell'Unità statale cinese sembra
venir meno. Avrebbe invece avuto occasione in un prossimo futuro di riprendere vigore
giungendo sino a noi.
7. Diaspora e costruzione nazionale ebraica

L'assassinio dello zar Alessandro II nel 1881 fu addebitato agli ebrei, per quanto solo alcuni
dei terroristi fossero tali. Seguirono aggressioni alle comunità ebraiche, nel corso di
manifestazioni popolari dette pogrom che provocarono una grande quantità di morti, umiliazioni,
sofferenze. Molti dei partecipanti ai pogrom definivano sé stessi cristiani indignati nei confronti dei
discendenti degli assassini di Cristo. Si sentivano patrioti russi e polacchi-ucraini, in quanto tali in diritto di
allontanare dal proprio suolo quel popolo straniero, in un'Europa desiderosa di darsi un'identità di
individuare l'estraneo, di trovarsi un nemico al costo di inventarselo. La trasformazione tardo ottocentesca
del nemico religioso in nemico razziale segna in effetti il passaggio dal tradizionale antigiudaismo al
moderno antisemitismo. Un contributo lo diedero i poliziotti zaristi, lieti che l'aggressività popolare si
indirizzasse verso gli ebrei anziché verso l'autocrazia, e in particolare ai loro collaboratori che stilarono i

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
Protocolli dei Savi di Sion: un falso documento attribuito ad ambienti ebraici per comprovare un loro
presunto piano di dominio mondiale.
Dell'impero zarista, come nel Medioriente e nel Nord Africa, gli ebrei erano comunque soggetti
giuridicamente definiti. Invece, nell'Europa centro occidentale erano stati emancipati da Napoleone e, per il
diritto, non erano diversi dagli altri cittadini. Renan come sappiamo si aspettava che abbandonassero il
retaggio culturale semita e divenissero europei come gli altri. In effetti, si poteva pensare che non ci sarebbe
stato più ebraismo una volta che gli ebrei si fossero allontanati dalla religione e dalla cultura dei padri e si
fossero resi laici, allontanandosi dalla comunità e proponendosi come individui al pari degli altri. Le cose
apparvero in una luce diversa quando, nel 1894, il capitano dell'esercito francese Dreyfus di origine ebraica
venne accusato di spionaggio a favore dei tedeschi, condannato e deportato. Una vigorosa corrente
d'opinione, capitava dallo scrittore Emile Zola, denuncio un retroterra razzista delle accuse. Ne vende
dimostrata la falsità. La soluzione del capitano però tardo ad arrivare e l'affare Dreyfus divenne il terreno di
contrapposizione tra una nuova sinistra una nuova destra super nazionalista, sempre più scopertamente
antisemita. Il virus infettò anche la civilissima Francia, il paese per eccellenza dell'emancipazione, almeno
così parve a molti ebrei e, tra gli altri, al giornalista ungherese Herzl, padre del sionismo.
Secondo il sionismo gli ebrei sono un popolo e possono talvolta dimenticarlo ma saranno i loro nemici a
ricordarglielo con la persecuzione. Non sfuggiranno alla loro sorte perché l'integrazione è impossibile.
Devono quindi avere uno stato proprio in Palestina. La questione ottenne l'attenzione del governo britannico
e la promessa di un territorio per gli ebrei, ma si trattava dell'Uganda, non della Palestina. Herzl avrebbe
forse accettato, ma morì di lì a poco. Il sionismo internazionale ribadì la propria scelta palestinese. L’ala
militante del sionismo russo-polacco non prese nemmeno in considerazione la proposta britannica e continuò
a inviare coloni in Palestina. Il sionismo assunse qui la sua caratteristica tinta radicale. Non si pensi però che
il sionismo fosse maggioritario, a cavallo dei due secoli, nel mondo ebraico dell'Europa orientale. La cultura
yiddish rimase ben viva sino a che il nazismo non venne a spezzarne catastroficamente la secolare continuità.
La sua esperienza politica di maggior rilievo fu quella del Bund, partito fondato nel 1897 in Lituania su una
piattaforma marxista e non sionista. La schiacciante maggioranza degli ebrei risoltisi a migrare si indirizzò
verso gli Stati Uniti piuttosto che la Palestina. I moderati dell’organizzazione sionista internazionale
appoggiarono i sionisti radicali di Palestina presso le grandi potenze e garantirono i flussi finanziari necessari
ai loro acquisti di terre. Così una raffinata costruzione occidentale, basata sull' ibridazione di due grandi
correnti ideali apparentemente opposte, il socialismo e nazionalismo, alla conquista di un pezzo di oriente.
Un vero e proprio paradosso per gli antisemiti, che rappresentavano l'ebraismo come un pezzo di Oriente
impiantato in Occidente. L'impero ottomano lasciò che le comunità sioniste e si rafforzassero in piena
autonomia, senza influire più di tanto. I grandi proprietari fondiari arabi, residenti a Gerusalemme e più
spesso a Damasco, cedettero loro terra a buon prezzo, senza preoccuparsi che venissero rispettati i
tradizionali diritti su di esse delle popolazioni locali. Gli arabi palestinesi erano e rimasero in numero
enormemente superiore agli ebrei. La loro società era però fatta di clan e tribù, divisa tra contadini e pastori
nomadi, priva di identità politica. Non percependo il pericolo, non si disposero a collaborare con i nuovi
venuti né a difendersi da essi. All'insegna di questi squilibri, si cominciava comunque a intravedere la
contesa tra due popoli per una sola terra, contesa che sarebbe ben presto scoppiata e che tutt’oggi è in corso,
a un secolo e più di distanza.

Capitolo 7 – L’Italia fra i due secoli

A cavallo tra due secoli l'Italia passo dal liberalismo moderato oligarchico al liberalismo democratico e
contemporaneamente da un’economia agraria commerciale ad uno parzialmente industrializzata.

1. Rivoluzione nazionale atto primo

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
Il dibattito sulla questione meridionale portava ad un'irrisolta questione sociale e le
polemiche sul trasformismo esprimevano timori sull' abbassamento del tono morale della
classe dirigente. Infatti, alcuni presero a rimpiangere i grandi uomini del Risorgimento.
Non mancavano dunque i segnali di sfiducia nel sistema politico quando nel 1887 morì
Depretis, che fino a quel momento era stato a capo della nazione, e gli successe Francesco
Crispi, primo meridionale a guidare il paese. Egli si presentava come un politico deciso,
l'ultimo risorgimentale dopo la morte di Garibaldi, una figura chiave nel momento in cui il
paese aveva nostalgia delle grandi figure del Risorgimento. Crispi parlò di una rivoluzione
nazionale, di cui la monarchia rappresentava una componente essenziale. Dopo il
Risorgimento, l'Italia doveva finire di svolgere il suo compito e fare ciò che ancora non
aveva fatto. Nel frattempo la sinistra di Crispi doveva competere con un’altra sinistra,
definitasi estrema, i cui esponenti si dicevano anch’essi seguaci delle idealità del
Risorgimento, soffocate dalle spire del compromesso.
Crispi era determinato ad impedire che quell'altra sinistra occupasse lo spazio politico
elettorale creato dall' allargamento del Suffragio del 1882. Nel frattempo venne riordinata
l'amministrazione centrale varata la legge comunale e provinciale in modo da rendere i
sindaci dei centri maggiori elettivi ed aumentare il numero degli elettori. Venne poi
approvato nuovo codice penale che abolì la pena di morte, conosciuto come codice
Zanardelli e fu costituito un tribunale amministrativo cui il cittadino poteva ricorrere contro
la pubblica amministrazione. Inoltre Crispi gestì la svolta protezionistica del 1887 con
troppa grinta tanto che ne derivò una disastrosa guerra doganale con la Francia.
Egli era filotedesco e si adoperò per rafforzare la Triplice Alleanza anche a costo di entrare
in relazione di amicizia con gli austriaci, cosa che non era affatto vista di buon occhio da
parte degli irredentisti ossia tra coloro che reclamavano la redenzione delle popolazioni
italofone del Trento e di Trieste.
Nel frattempo era stato fondato il Partito Socialista, nel 1892. In Sicilia un movimento
socialista, detto dei Fasci siciliani si sviluppò appoggiandosi sulla protesta popolare.
Chiedeva la distribuzione delle terre demaniali e la regolamentazione per la legge dei patti
agrari, nonché un alleggerimento delle fiscalità che gravavano soprattutto sui contadini.
Cristi in quell'occasione sciolse l'autorità dei fasci, proclama lo stato d'assedio in Sicilia e
fece imprigionare il leader del movimento. Egli in sostanza pensò che le nuove forme di
mobilitazione popolare e il conflitto sociale andassero fronteggiate con polizia ed esercito e
che toccasse al potere esecutivo impedire il caos.
Fu filotedesco non solo per ragioni di politica estera ma anche perché guardava a Bismarck
come un modello. Non stupisce inoltre che si impegnasse sul versante del colonialismo.
L'Italia controllava già la Somalia e provò ad espandersi verso l'Etiopia, ma subì una
disastrosa sconfitta, l'unica delle potenze europee a doversi arrendere di fronte al barbaro
nemico.
2. L’età giolittiana

Dopo Crispi, sia Rudinì che il suo successori Pelloux presentarono in Parlamento
provvedimenti tesi a limitare la libertà di associazione e di stampa, ma senza riuscire a

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
superare l'opposizione furiosa della sinistra radicalsocialista e quella più moderata della
sinistra costituzionale guidata da Zanardelli. Le cose sembrarono mettersi ancor peggio
quando Umberto I venne assassinato e il nuovo sovrano Vittorio Emanuele III diede invece
un segnale distensivo nominando a capo del governo proprio Zanardelli.
A quel tempo Giolitti era ministro degli Interni che stabilì assicurazioni di vecchiaia e contro
gli infortuni e cercava di incoraggiare accordi tra le diverse parti sociali.
Durante l'epoca giolittiana, l'Italia cominciò a progredire molto rapidamente, preparando il
proprio avvenire di Paese moderno. Lo sviluppo della ferrovia, i trafori alpini, lo sviluppo
del l'idroelettricità, le grandi opere di bonifica ed irrigazione consentirono un notevole
incremento della produzione in tutti i settori. Ebbe inizio l'esportazione del cotone. A Torino
con la Fiat sorse l'industria automobilistica, la produzione del grano e dei vini raddoppiò.
Ma questo era ancora insufficiente per far sì che il tenore di vita migliorasse rapidamente,
tanto più che dal 1870 al 1914 la popolazione era passata da 26 milioni a 36,5 milioni di
abitanti. Inoltre era esploso con violenza il problema del Mezzogiorno, depresso e
impoverito, abbandonato ai latifondisti in preda fenomeno del clientelismo, il cui squilibrio
nei confronti del Nord si aggravava di continuo.
In politica estera Giolitti si staccò dalla Germania e cerco di avvicinarsi alla Francia.
Nonostante l'opposizione di parte dell'opinione pubblica, Giolitti volle una ripresa della
politica coloniale allo scopo di includere l'Italia tra le nazioni che possedevano colonie sulle
coste dell'Africa settentrionale. Italiani intervennero così in Tripolitania e Cirenaica, regioni
che furono strappate alla Turchia che ricostruirono la colonia italiana di Libia. Il teatro della
guerra si allargò sin all'Egeo e l'Italia riuscì a conquistare Rodi e le isole del Dodecaneso.
Frattanto, all'interno del paese, mentre Giolitti non esitava a ricorrere ai brogli elettorali e
alla corruzione per mantenere il potere, si verificava un avvenimento importantissimo per il
paese: i cattolici tornavano a partecipare alla vita politica.
Pio X si decise a permettere questo passo in quanto la crescita dell'elettorato dovuta all'
estensione del Suffragio realizzata nel 1912, lasciava prevedere un grande rafforzamento dei
socialisti. Il Patto Gentiloni garantì l'appoggio cattolico ai candidati liberali che avessero
accettato di sostenere alcune rivendicazioni dei cattolici. Di fronte a questo schieramento
conservatore del Partito Socialista cominciarono a prevalere le tendenze rivoluzionarie e nel
paese tornarono ad accendersi contrasti sociali. Falliva così la politica sociale di Giolitti che
nel 1914 lasciava il governo al conservatore Salandra.
3. I socialisti

I leader del Partito Socialista erano tutti laureati in giurisprudenza e di idee laiche:
condividevano insomma la fisionomia di gran parte degli uomini politici di quel tempo. Il
riformista Bissolati e il centrista Ferri venivano da una piccola borghesia provinciale e da
precedenti esperienze politiche in area radical-democratica. Il sindacalista rivoluzionario
Labriola, essendo più giovane, era passato direttamente dagli studi universitari al
socialismo. Prendiamo, tra i leader socialisti della generazione successiva, Benito Mussolini,
uomo destinato a percorsi politici di grande importanza e contraddittorietà.

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)
Mussolini nacque in provincia di Forlì, da famiglia popolare, ma non proletaria. Seguì gli
ideali paterni anticlericali, repubblicani, socialisti; studiò da maestro ma scelse la strada del
giornalismo e della politica. I dirigenti della sinistra socialista, rivoluzionari ma borghesi,
videro in lui la possibilità di far assumere un ruolo dirigente a un “semiproletario” e gli
offrirono la direzione del quotidiano del partito, l’“Avanti!”. Da quel momento egli si
propose come l’astro nascente, il “duce” della corrente rivoluzionaria.
La direzione dell’”Avanti!”, occupandosi di propaganda, era quasi sempre a prevalenza
rivoluzionaria, mentre il gruppo parlamentare socialista era quasi sempre a prevalenza
riformista.
Il marxismo poneva la lotta di classe a fondamento del socialismo.
Il sistema elettorale maggioritario uninominale rifletteva la disomogeneità territoriale che
caratterizzava la politica italiana vecchia e nuova. In molte zone la crescita elettorale dei
socialisti venne impedita da questo sistema.
Nelle zone di loro più forte radicamento i socialisti ottenevano risultati favorevoli, anche di
larga misura, nelle elezioni comunali. Ne derivava il cosiddetto “socialismo municipale”,
applicazione del principio del self-government alquanto paradossale agli occhi dei liberali che
l’avevano concepito.

4. Le socialiste

Il socialismo era vissuto come una religione politica e si cercavano rituali alternativi a quelli
cattolici, in una logica di concorrenza con la religione vera.
Una politica così interna alla sfera comunitaria coinvolgeva il costume, le famiglie, gli
uomini e le donne. Le mondine, raccoglitrici di riso della Bassa padana, erano lavoratrici salariate al pari
dei bracciati maschi, e al pari di essi aderivano ad organizzazioni socialiste.
Accade molto spesso nei movimenti popolari che la lotta si richiami al ruolo materno per garantire la
continuità e la salvezza della comunità. Accadeva molto spesso che, nel corso delle dimostrazioni di piazza,
le donne si schierassero compatte di fronte ai soldati, convinte che costoro non avrebbero avuto il coraggio di
sparare su quelle che avrebbero potuto essere le loro madri o le loro sorelle.
La militanza politica femminile rappresentava certo un fenomeno scandaloso e modernizzante, in Italia come
in altri paesi dell’Occidente, a cavallo tra i due secoli Le socialiste, già abituate a dare scandalo, già convinte
che la modernità conducesse all’eguaglianza, diedero il loro contributo a un movimento femminile e
femminista assai più vasto, suffragista¸ cioè in lotta per un suffragio davvero universale. Era la tappa ultima
e cruciale del processo di democratizzazione che si cominciò a compiere, prima della guerra mondiale, già in
Australia e in Norvegia. L’emancipazione non poteva peraltro non coinvolgere anche la cultura, che
assegnava alle donne un ruolo subordinato, e il lavoro, da cui le donne erano in molti casi escluse o relegate
in posizioni subalterne e peggio retribuite.

5. I cattolici

Document shared on www.docsity.com


Downloaded by: francesca.quarta.140 (Patriziadematteis65@gmail.com)