Sei sulla pagina 1di 4

Esercizio V.

2
Il processo chimico A + B  2 P con equazione cinetica RP = 2.0 CA CB [kmoli-1 h-1 m-3 ]
deve essere effettuato in un reattore tubolare continuo ed isotermo, partendo da una soluzione di
densità costante e composizione: CA0 = CB0 = 1.20 [kmoli m-3]; CP0 = 0
Allo scopo di facilitare il controllo termico dell'impianto, una frazione della corrente uscente dal
reattore sarà riciclata e miscelata con la soluzione sopra definita. Gli obiettivi sono:
1) limitare ad un valore massimo del 30% la conversione di A nel reattore;
2) mantenere la concentrazione di A all'uscita dall'impianto inferiore a 0.20 [kmoli m -3].
Si calcolino:
a) il tempo di permanenza ed il rapporto di riciclo necessari per conseguire i suddetti obiettivi;
b) il volume del reattore capace di produrre 0.5 [kmoli h-1] del composto P.

Soluzione
Schema dell'impianto con condizioni operative:

ố0 (1+R)ố0 (1+R)ố0 ố0
Reattore
CA0 = 1.2 CA1 CA2 CA2 = 0.2

R ố0
CA2

Per soddisfare la condizione di massima conversione, la concentrazione in ingresso al reattore è:


CA1 = CA2 /(1 - zAL) = 0.286 [kmoli m-3]
CA0 = CB quindi la cinetica equivale a quella di una reazione di ordine II:
RA = RP /2 = 1.0 CA CB = 1.0 CA2

La relazione tra la conversione sviluppata dal reattore ed il tempo di permanenza è:


C A1 k t L z AL
z AL = Þ tL = = 1.5 [h]
1 + C A1 k t L (1 - z A ) k C A1
& (1 + R ) = V
Dal bilancio molare di A nel nodo di miscelazione: C A1 V & C + RV
& C
0 0 A0 0 A2

C A0 - C A1
R= = 10.7
C A1 - C A2
La produttività è espressa dalla relazione:
V& VR
& = 2 (C - C ) V
P P = CP 2 V & = 2 (C - C ) 1
= 2 (C A0 - C A2 )
0 A0 A2 0 A0 A2
(1 + R ) t (1 + R )

P P t L (1 + R )
La produttività richiesta si ottiene con un reattore di volume: VR = = 4.38 [m3 ]
2 (C A0 - C A2 )
Esercizio V.5
La reazione: A + B  P con equazione cinetica: RA = - 0.12 CA CB + 0.05 CP [kmoli h-1 m-3]
è realizzata in una serie di due reattori CSTR di pari volume utile. L'alimentazione del reagente B è
ripartita tra le due unità miscelate (vedasi schema) affinché la concentrazione di tale composto
all'ingresso di ciascun reattore non superi il valore critico di 5.6 [kmoli m -3].

C A0 = 10 [kmolim-3] C A1 C A2
-3
CB0 = 5.0 [kmolim ] -3 CB1 = 5.0 [kmoli m ] CB2
B
La densità del mezzo di reazione può essere considerata indipendente dalla composizione e
l'aggiunta del reagente B tra i due reattori non comporta variazioni significative di volume.
Si calcolino il tempo di permanenza complessivo con il quale la conversione del reagente A
sviluppata dall'intero impianto è del 50% ed il volume totale di reazione necessario per produrre
1000 kmoli di P nell'arco di 24 ore.
Si confronti, a parità di conversione finale di A, la produttività volumica dell'impianto sopra descritto
con quella di un singolo CSTR alimentato con una miscela stechiometrica dei due reagenti in cui:
CA0 = CB0 = 10 [kmoli m-3]

Soluzione
Bilancio molare di A nel secondo reattore: C A1 - C A2 = t ( - k2 CP 2 + k1 C A2 CB2 ) =
= t éë k2 (C A2 - C A0 ) + k1 C A2 (CB1 - C A1 + C A2 ) ùû

C A2 éë1 + k1 t (CB1 - C A1 + C A2 ) ùû - k2 t (C A0 - C A2 )
esprimendo CA1 come funzione t : C A1 = (i )
1 + k1 t C A2

Dal bilancio nel primo reattore: C A0 - C A1 = t ( - k2 CP1 + k1 C A1 CB1 )


= t éë k2 (C A1 - C A0 ) + k1 C A1 (CB0 - C A0 + C A1 ) ùû

esprimendo CA1 come funzione di t :

(1 + k2 t + k1 t CB0 - k1 t C A0 )2 + 4 k1 t C A0 (1 + k2 t ) - (1 + k2 t + k1 t CB0 - k1 t C A0 )
C A1 = (ii )
2 k1 t
Uguagliando le due espressioni di CA1 (i) e (ii) si ottiene una relazione in cui l'unica incognita è il
tempo di permanenza nei reattori:
9.5

9.0 (i)
8.5 (ii)

8.0

CA1 7.5
7.0

6.5

6.0

5.5

5.0
0.2 0.4 0.6 0.8 1.0 1.2 1.4
 [h]

I valori di CA1 coincidono per un tempo di permanenza di 1.23 ore in ciascun reattore,
quindi il tempo totale è di 2.46 [h]
& =C z VRT P P 2t
Per ottenere la produttività richiesta: P P = CP 2 V A0 A2 Þ VRT = = 20.5 [m3 ]
2t C A0 z A2

La produttività specifica volumica con i due reattori in serie è:


PP /VRT = CP2 /(2t) = CA0 zA2/(2t) = 2.03 [kmoli h-1 m-3]

Per un singolo CSTR alimentato con una miscela stechiometrica dei reagenti, l'equazione cinetica
equivale a: RA = - 0.12 CA2 + 0.05 CP
Il bilancio molare di A nel reattore è:

(C A0 - C A1 ) V& = VR ( -RA1 )

(2
C A0 - C A1 = t k1 C A1 )
- k2 CP1 = t éë k1 C A1
2
- k2 (C A0 - C A1 )ùû

C A0 - C A1
t = = 1.82 [h]
2
k1 C A1 - k2 (C A0 - C A1 )

e la produttività specifica volumica del singolo reattore è:


PP /VR = CA0 zA2/t = 2.74 [kmoli h-1 m-3]
Esercizio V.9
Un processo chimico irreversibile: 2A  P con equazione cinetica: RA = - CA2 deve essere
realizzato in un reattore continuo tubolare con ricircolo. Il reattore disporrà di un sistema di controllo
termico, grazie al quale la temperatura risulterà uniforme in tutto il volume di reazione; a tale
temperatura il valore della costante cinetica è: k = - 0.022 [m3 kmoli-1 s-1].
L'impianto sarà alimentato con una corrente primaria in cui non è presente il prodotto P ed il
reagente A ha una concentrazione di 4.5 [kmoli m-3]. Nella corrente uscente la concentrazione di A
non potrà superare 0.45 [kmoli m-3] e l'impianto dovrà produrre 100 [kmoli h-1] di P.
Assumendo che la densità del mezzo di reazione sia costante, si tracci il grafico che rappresenta il
volume di reazione richiesto per soddisfare le condizioni sopra elencate come funzione del rapporto
volumetrico di ricircolo

Soluzione

& ( C A0 - C A2 )
& (C - C ) = V
PP = V0 P2 P0 0
nA
& = nA PP
V0 = 49.38 [m3 h-1 ] = 0.0137 [m3 s -1 ]
C A0 - C A2

Dal bilancio al nodo di miscelazione in ingresso al reattore:

& =C V
C A1 V & +C V & Þ C = C A0 + R C A2
1 A0 0 A2 R A1
1+ R

dal bilancio di massa totale allo stesso nodo (r = cost.): & = V& (1 + R)
V1 0

Nel reattore:

C A2 C A2
dC A dz A 1é 1 1 ù 1é 1 1+ R ù
t = ò RA
= ò -k C A2
= ê - ú= ê - ú
k ë C A2 C A1 û k ë C A2 C A0 + R C A2 û
C A1 C A1

VR
t = &
V0 (1 + R )

& (1 + R ) é 1
V 1+ R ù
& (1 + R ) t =
VR = V 0
-
0 ê ú
k C
ë A2 C A0 + R C A2 û

VR
[m3]
4

0 4 8 12 16 20
R