Sei sulla pagina 1di 2

RISULTATI

La temperatura iniziale era di circa 22°.

MINUTI PRESSIONE
1 8 mm
2 16 mm
3 32 mm
4 52 mm
5 74 mm
6 94 mm
7 122 mm
8 150 mm
9 176 mm
10 208 mm
11 240 mm
12 272 mm
13 300 mm

 Prima provetta (contenente soluzione di idrossido di calcio e gas fatto


gorgogliare dalla beuta)
o Si nota che la provetta è diventata torbida perché si è formato carbonato
di calcio che è insolubile in acqua quindi precipita sul fondo.

Ca(OH)2+CO2CaCO3 +H2O
 Seconda provetta (contenente soluzione di idrossido di calcio e aria proveniente
dall’esterno)
o Inserire 5 sfere d’aria e la soluzione all’interno rimane limpida.
 Quarta provetta (soluzione di idrossido di calcio con l’aria soffiata dai polmoni)
o Si è notato che la soluzione diventa più gialla, più torbida.
 Quinta provetta (acqua di fontana e indicatore di blu di bromotimolo)
o La soluzione è diventata blu, quindi basica.
 Sesta provetta (acqua di fontana, indicatore blu di bromotimolo e gas fatto
gorgogliare dalla beuta)
o Far gorgogliare per 5 volte il gas presente nella provetta e si nota che la
soluzione è diventata verde, soluzione neutra.
CONCLUSIONI:
Durante il processo di glicolisi il glucosio viene degradato per produrre energia.
Questo processo prevede la formazione di due molecole di piruvato, due molecole di
ATP e due molecole di NADH. Successivamente il destino del piruvato può essere
duplice: in condizioni aerobiche (quindi in presenza di ossigeno) il piruvato viene
portato all’interno del ciclo di Krebs dove viene ridotto per formare anidride carbonica
e acqua; in condizione anaerobiche (in carenza di ossigeno) si esegue la
fermentazione. Questo processo prevede la deposizione degli elettroni dalle molecole
di NADH sulle molecole di piruvato per rigenerare il NAD +. Durante la fermentazione il
piruvato viene ridotto in lattato (nel caso della fermentazione lattica) o etanolo (nel
caso della fermentazione alcolica). Nel nostro caso abbiamo utilizzato il lievito di birra
in quanto era presente Saccharomyces cerevisiae. Questo fungo unicellulare può fare
la cosiddetta fermentazione facoltativa, l’effetto crabtree. Quando la concentrazione di
glucosio è elevata, anche in presenza di ossigeno, S. cerevisiae metabolizza gli
zuccheri solo per via fermentativa.
Il glucosio a concentrazioni superiori a 0,25g/l opera una repressione della biosintesi
del citocromo A. Quindi avviene:

 Repressione del ciclo di Krebs.


 Repressione della sintesi degli enzimi mitocondriali.
 Degenerazione dei mitocondri.
S. cerevisiae può utilizzare il glucosio anche in anaerobiosi, per attutire
l’effetto Crabtree (quindi per evitare la degenerazione dei mitocondri).