Sei sulla pagina 1di 8

1° CAPITOLO

2° Lettera di Cirillo

3
1 Εφη τοίνυν ἡ ἁγία καὶ μεγάλη Σύνοδος αὐτὸν Il santo e grande sinodo dunque afferma
0 τὸν ἐκ θεοῦ πατρὸς κατὰ φύσιν γεννηθέντα che colui il quale è stato generato per
- υἱὸν μονογενῆ, τὸν ἐκ θεοῦ ἀληθινοῦ θεὸν natura da Dio Padre, è il Figlio Unigenito,
1 ἀληθινόν, τὸ φῶς τὸ ἐκ τοῦ φωτός, τὸν δι' οὗ che è Dio vero da Dio vero, Luce da Luce,
5 τὰ πάντα πεποίηκεν ὁ πατήρ, κατελθεῖν attraverso il quale il Padre ha fatto ogni
σαρκωθῆναί ἐνανθρωπῆσαι παθεῖν cosa; che egli è disceso, si è incarnato, si è
ἀναστῆναι τῇ τρίτῃ ἡμέρᾳ καὶ ἀνελθεῖν εἰς fatto uomo, ha patito, è risorto il terzo
οὐρανούς. giorno ed è asceso al cielo.
κατὰ φύσιν – secondo la natura
δι' οὗ - attraverso il quale
πεποίηκεν – ha fatto
σαρκωθῆναί - si è incarnato
1 τούτοις καὶ ἡμᾶς ἕπεσθαι δεῖ καὶ τοῖς λόγοις È necessario che anche noi seguiamo
5 καὶ τοῖς δόγμασιν, ἐννοοῦντας τί τὸ queste parole e questi insegnamenti,
- σαρκωθῆναι καὶ ἐνανθρωπῆσαι δηλοῖ τὸν ἐκ cercando di capire cosa significa che il
1 θεοῦ Λόγον. Verbo da Dio si sia incarnato e fatto uomo.
7
ἕπεσθαι - seguiamo
ἐννοοῦντας – cercando di capire
δηλοῖ - significa
1 Οὐ γάρ φαμεν ὅτι ἡ τοῦ Λόγου φύσις Non diciamo infatti che la natura del Verbo,
7 μεταποιηθεῖσα γέγονε σάρξ, ἀλλ' οὐδὲ ὅτι essendosi trasformata, è divenuta carne, e
- εἰς ὅλον ἄνθρωπον μετεβλήθη τὸν ἐκ ψυχῆς neppure che si è trasformata in un uomo
2 καὶ σώματος, ἐκεῖνο δὲ μᾶλλον ὅτι σάρκα completo, composto di anima e corpo, ma
2 ἐμψυχωμένην ψυχῇ λογικῇ ἑνώσας ὁ Λόγος piuttosto che il Verbo, avendo unito a sé in
ἑαυτῷ καθ' ὑπόστασιν, ἀφράστως τε καὶ modo indicibile e inintelligibile, secondo
ἀπερινοήτως γέγονεν ἄνθρωπος καὶ l’ipostasi, una carne animata da anima
κεχρημάτικεν υἱὸς ἀνθρώπου, razionale, è divenuto uomo ed è stato
costituito Figlio dell’uomo;
μεταποιηθεῖσα – essendosi trasformata
γέγονε – è divenuta
μετεβλήθη -
ἑνώσας – avendo unito
καθ' ὑπόστασιν – secondo l’ipostasi
ἀφράστως – in modo indicibile
ἀπερινοήτως – in modo inintelligibile
κεχρημάτικεν – è stato costituito
22 οὐ κατὰ θέλησιν μόνην ἢ εὐδοκίαν, ἀλλ' e non per semplice volontà e per
- οὐδὲ ὡς ἐν προσλήψει προσώπου μόνον, beneplacito, e neppure per l’assunzione di
23 un semplice prosopon.
κατὰ θέλησιν μόνην – per semplice volontà
εὐδοκίαν - beneplacito
ἐν προσλήψει – per l’assunzione
24 καὶ ὅτι διάφοροι μὲν αἱ πρὸς ἑνότητα τὴν Sebbene le nature che sono state unite in
- ἀληθινὴν συνενεχθεῖσαι φύσεις, εἷς δὲ ἐξ una vera unità siano diverse, da due è
ἀμφοῖν Χριστὸς καὶ υἱός, risultato un solo Cristo e Figlio.
διάφοροι - diverse
ἑνότητα – unione
συνενεχθεῖσαι – sono state unite
εἷς δὲ ἐξ ἀμφοῖν – uno solo da due
οὐχ ὡς τῆς τῶν φύσεων διαφορᾶς Non però come se fosse scomparsa, a causa
ἀνῃρημένης διὰ τὴν ἕνωσιν, ἀποτελεσασῶν dell’unione, la differenza delle nature, ma
δὲ μᾶλλον ἡμῖν τὸν ἕνα Κύριον καὶ Χριστὸν piuttosto si è realizzato per noi l’unico
καὶ υἱόν θεότητός τε καὶ ἀνθρωπότητος διὰ Signore, Cristo e Figlio grazie all’indicibile e
τῆς ἀφράστου καὶ ἀπορρήτου πρὸς ἑνότητα arcano concorso all’unità della divinità e
συνδρομῆς dell’umanità
διαφορᾶς - differenza
ἀνῃρημένης – fosse scomparsa
διὰ τὴν ἕνωσιν – a causa dell’unione
ἀποτελεσασῶν -
ἀπορρήτου - indicibile
συνδρομῆς - concorso
4
1 Οὕτω τε λέγεται, καίτοι πρὸ αἰώνων ἔχων τὴν Così si dice che, pur avendo per certo
– ὕπαρξιν καὶ γεννηθεὶς ἐκ πατρός, γεννηθῆναι καὶ l’esistenza prima dei secoli e pur essendo
3 κατὰ σάρκα ἐκ γυναίκός· stato generato dal Padre, egli è stato anche
generato secondo la carne da una donna;
καίτοι
ὕπαρξιν
κατὰ σάρκα – secondo la carne

3- οὐχ ὡς τῆς θείας αὐτοῦ φύσεως ἀρχὴν τοῦ εἶναι non come se avesse preso l’inizio della sua
5 λαβούσης ἐν τῇ ἁγίᾳ παρθένῳ οὔτε μὴν natura divina nella santa Vergine, né che
δεηθείσης ἀναγκαίως δι' ἑαυτὴν δευτέρας avesse necessariamente bisogno di una
γεννήσεως μετὰ τὴν ἐκ Πατρός seconda nascita da lei, dopo quella che
ebbe dal Padre
δεηθείσης -
ἀναγκαίως -
μετὰ τὴν – dopo quella
? (ἔστι γὰρ εἰκαῖόν τε ὁμοῦ καὶ ἀμαθὲς τὸν (è infatti sciocco e contemporaneamente
ὑπάρχοντα πρὸ παντὸς αἰῶνος καὶ συναΐδιον τῷ insensato affermare che colui il quale esiste
Πατρὶ δεῖσθαι λέγειν ἀρχῆς τῆς εἰς τὸ εἶναι prima dei secoli ed è coeterno con il Padre
δευτέρας), abbia bisogno di un secondo inizio per
esistere);

5- ἐπειδὴ δὲ δι' ἡμᾶς καὶ διὰ τὴν ἡμετέραν ma, poiché per noi e per la nostra salvezza,
7 σωτηρίαν ἑνώσας ἑαυτῷ καθ' ὑπόστασιν τὸ avendo unito a sé secondo l’ipostasi
ἀνθρώπινον προῆλθεν ἐκ γυναικός, ταύτῃ τοι l’umanità, procedette da una donna, per
λέγεται γεννηθῆναι σαρκικῶς. questo affermiamo che è nato secondo la
carne.
7- ἑνώσας – avendo unito
10 καθ' ὑπόστασιν – secondo l’ipostasi
προῆλθεν –procedette
σαρκικῶς – secondo la carne
7- οὐ γὰρ πρῶτον ἄνθρωπος ἐγεννήθη κοινὸς ἐκ Non nacque infatti prima dalla santa
10 τῆς ἁγίας παρθένου, εἶθ' οὕτως καταπεφοίτηκεν Vergine un uomo comune e poi così discese
ἐπ' αὐτὸν ὁ Λόγος, ἀλλ' ἐξ αὐτῆς μήτρας ἑνωθεὶς su di lui il Logos, ma, essendosi unito dallo
ὑπομεῖναι λέγεται γέννησιν σαρκικὴν, ὡς τῆς stesso utero, si dice che sopportò una
ἰδίας σαρκὸς τὴν γέννησιν οἰκειούμενος
nascita secondo la carne, avendo fatto
propria la nascita della propria carne
κοινὸς - comune
εἶθ' οὕτως – e poi così
καταπεφοίτηκεν - discese
ἐξ αὐτῆς μήτρας – dallo stesso utero
ἑνωθεὶς – essendosi unito
ὑπομεῖναι - sopportò
5
11 Οὕτω φαμὲν αὐτὸν καὶ παθεῖν καὶ ἀναστῆναι, Così affermiamo che ha patito ed è risorto,
- οὐχ ὡς τοῦ θεοῦ Λόγου παθόντος εἰς ἰδίαν φύσιν non come se il Verbo di Dio avesse sofferto
15 ἢ πληγὰς ἢ διατρήσεις ἥλων ἢ γοῦν τὰ ἕτερα τῶν nella propria natura le percosse, la
τραυμάτων (ἀπαθὲς γὰρ τὸ θεῖον, ὅτι καὶ perforazione dei chiodi o le altre ferite (la
ἀσώματον), ἐπειδὴ δὲ τὸ γεγονὸς αὐτοῦ ἴδιον
divinità infatti è impassibile perché è anche
σῶμα πέπονθεν ταῦτα, πάλιν αὐτὸς λέγεται
incorporea), ma, poiché sopportò queste
παθεῖν ὑπὲρ ἡμῶν
cose quello che era divenuto il suo proprio
corpo, per questo motivo affermiamo che
egli ha patito per noi:
πληγὰς - percosse
διατρήσεις ἥλων -
γοῦν
τραυμάτων - ferite
πέπονθεν
πάλιν
16 ἦν γὰρ ὁ ἀπαθὴς ἐν τῷ πάσχοντι σώματι l’impassibile era in un corpo passibile

ἀπαθὴς – impassibile
πάσχοντι - passibile

17 κατὰ τὸν ἴσον δὲ τρόπον καὶ ἐπὶ τοῦ τεθνάναι Allo stesso modo pensiamo anche circa la
νοοῦμεν sua morte
νοοῦμεν – pensiamo

17 ἀθάνατος γὰρ κατὰ φύσιν καὶ ἄφθαρτος καὶ ζωὴ Il Verbo di Dio è per natura immortale e
- καὶ ζωοποιός ἐστιν ὁ τοῦ θεοῦ Λόγος· incorruttibile, egli è Vita e datore di vita.
19
ἄφθαρτος - incorruttibile
ζωοποιός - vivificante
19 ἐπειδὴ δὲ πάλιν τὸ ἴδιον αὐτοῦ σῶμα χάριτι Poiché però il suo proprio corpo, per grazia
- θεοῦ, καθ' ἅ φησιν ὁ Παῦλος, ὑπὲρ παντὸς di Dio, come dice Paolo, gustò la morte per
21 ἐγεύσατο θανάτου (Ep. Hebr. 2, 9), λέγεται tutti, affermiamo che egli ha sofferto la
παθεῖν αὐτὸς τὸν ὑπὲρ ἡμῶν θάνατον, morte per noi,
πάλιν -
ἐγεύσατο – ha sperimentato

21 οὐχ ὡς εἰς πεῖραν ἐλθὼν τοῦ θανάτου τό γε ἧκον non perché quel che atteneva alla sua
- εἰς τὴν αὐτοῦ φύσιν (ἀποπληξία γὰρ τοῦτο propria natura avesse sperimentato la
24 λέγειν ἢ φρονεῖν), ἄλλ' ὅτι, καθάπερ ἔφην morte (dire o pensare tali cose è una
ἀρτίως, ἡ σὰρξ αὐτοῦ ἐγεύσατο θανάτου. pazzia!), ma, come ho detto sopra, perché
la sua carne gustò la morte.
εἰς πεῖραν
ἀποπληξία
φρονεῖν – pazzia
ἐγεύσατο – ha sperimentato

24 οὕτω καὶ ἐγηγερμένης αὐτοῦ τῆς σαρκός, πάλιν La stessa cosa anche per la risurrezione
- ἡ ἀνάστασις αὐτοῦ λέγεται, οὐχ ὡς πεσόντος εἰς della sua carne. Affermiamo la sua
27 φθοράν, μὴ γένοιτο, ἀλλ' ὅτι τὸ αὐτοῦ πάλιν risurrezione, non nel senso che sia caduto
ἐγήγερται σῶμα nella corruzione – non sia mai! – ma perché
il suo corpo è risuscitato
ἐγηγερμένης
πεσόντος
εἰς φθοράν – nella corruzione
μὴ γένοιτο – non sia mai
6
Οὕτω Χριστὸν ἕνα καὶ Κύριον ὁμολογήσομεν, Così confesseremo un solo Cristo e Signore,
οὐχ ὡς ἄνθρωπον συμπροσκυνοῦντες τῷ Λόγῳ, e non come se adorassimo un uomo
ἵνα μὴ τομῆς φαντασία παρεισκρίνηται διὰ τοῦ insieme al Verbo, per non insinuare
λέγειν τὸ «σύν», ἀλλ' ὡς ἕνα καὶ τὸν αὐτὸν l’assurdità della divisione con il dire «sun»,
προσκυνοῦντες, ὅτι μὴ ἀλλότριον τοῦ Λόγου τὸ
ma adorando uno solo e lo stesso, affinchè
σῶμα αὐτοῦ, μεθ' οὗ καὶ αὐτῷ συνεδρεύει τῷ
non sia estraneo dal Verbo il suo corpo: con
πατρί, οὐχ ὡς δύο πάλιν συνεδρευόντων υἱῶν,
ἀλλ' ὡς ἑνὸς καθ' ἕνωσιν μετὰ τῆς ἰδίας σαρκός. il quale siede col Padre, non come se con lui
sedessero due Figli, bensì uno solo, per
l’unione con la propria carne
ἕνα – un solo
ὁμολογήσομεν - confesseremo
συμπροσκυνοῦντες – adoriamo insieme
φαντασία - assurdità
παρεισκρίνηται - insinuare
συνεδρεύει - siede
ἐὰν δὲ τὴν καθ' ὑπόστασιν ἕνωσιν ἢ ὡς Se rifiutiamo l’unione secondo l’ipostasi o
ἀνέφικτον ἢ ὡς ἀκαλλῆ παραιτώμεθα, come impossibile o come indecorosa,
ἐμπίπτομεν εἰς τὸ δύο λέγειν υἱούς· cadiamo nell’affermazione dei due figli.
ἐὰν - se
ἀνέφικτον – inconcepibile
ἀκαλλῆ - ripugnante
παραιτώμεθα - respingiamo
ἐμπίπτομεν - cadiamo
-9 ἀνάγκη γὰρ πᾶσα διορίσαι καὶ εἰπεῖν τὸν μὲν Sarebbe allora assolutamente necessario
ἄνθρωπον ἰδικῶς τῇ τοῦ υἱοῦ κλήσει dividere e affermare che uno è
τετιμημένον, ἰδικῶς δὲ πάλιν τὸν ἐκ θεοῦ Λόγον propriamente un uomo particolarmente
υἱότητος ὄνομά τε καὶ χρῆμα ἔχοντα φυσικῶς.
οὐ διαιρετέον τοιγαροῦν εἰς υἱοὺς δύο τὸν ἕνα onorato con l’appellativo di Figlio e un altro
'Ιησοῦν Χριστόν· è propriamente il Verbo da Dio, il quale
possiede per natura il nome e il titolo di
Figlio. Non deve essere diviso in due figli
l’unico Signore Gesù Cristo.
ἀνάγκη - necessario
διορίσαι - dividere
ἰδικῶς – propriamente
κλήσει – appellativo
υἱότητος – di figlio
χρῆμα - titolo
ἔχοντα φυσικῶς -possiede per natura
διαιρετέον – essere diviso
τοιγαροῦν
7
ὀνήσει δὲ κατ' οὐδένα τρόπον τὸν ὀρθὸν τῆς Non gioverà in alcun modo all’ortodossia
Πίστεως λόγον τὸ οὕτως ἔχειν, κἂν εἰ προσώπων della fede un discorso che si sviluppa in
ἕνωσιν ἐπιφημίζωσί τινες· questo modo, quand’anche alcuni parlino di
unione dei prosopa.
ὀνήσει – gioverà
τρόπον -
ὀρθὸν - retto
ἐπιφημίζωσί - parlino
οὐ γὰρ εἴρηκεν ἡ Γραφὴ ὅτι ὁ Λόγος ἀνθρώπου La Scrittura infatti non ha detto che il Verbo
πρόσωπον ἥνωσεν ἑαυτῷ, ἀλλ' ὅτι γέγονε σάρξ ha unito a sé un prosopon di uomo, ma che
(Ev Io. 1, 14). divenne carne.
εἴρηκεν – ha detto
ἥνωσεν – ha unito
γέγονε - divenne
τὸ δὲ σάρκα γενέσθαι τὸν Λόγον οὐδὲν ἕτερόν Che il Verbo sia diventato carne non
ἐστιν εἰ μὴ ὅτι παραπλησίως ἡμῖν μετέσχεν significa nient’altro se non che similmente a
αἵματος καὶ σαρκός ἴδιόν τε σῶμα τὸ ἡμῶν noi ha partecipato del sangue e della carne,
ἐποιήσατο καὶ προῆλθεν ἄνθρωπος ἐκ γυναικὸς, ha preso un corpo proprio uguale al nostro
οὐκ ἀποβεβληκὼς τὸ εἶναι θεὸς καὶ τὸ ἐκ θεοῦ
e divenne uomo da una donna, non
γεννηθῆναι πατρός, ἀλλὰ καὶ ἐν προσλήψει
abbandonando l’essere Dio e l’essere
σαρκὸς μεμενηκὼς ὅπερ ἦν.
generato da Dio Padre, ma rimanendo quel
che era, anche nell’assunzione della carne
γενέσθαι - diventare
παραπλησίως - similmente
μετέσχεν – ha partecipato
ἐποιήσατο – ha fatto proprio
προῆλθεν – divenne
οὐκ ἀποβεβληκὼς – non abbandonando
ἐν προσλήψει – nell’assunzione
μεμενηκὼς – rimanendo
ὅπερ ἦν -
Τοῦτο πρεσβεύει πανταχοῦ τῆς ἀκριβοῦς Questo è quel che proclama dappertutto la
Πίστεως ὁ λόγος· dottrina della retta fede;
πρεσβεύει – proclama
πανταχοῦ - dappertutto
ἀκριβοῦς - retta
οὕτως εὑρήσομεν τοὺς ἁγίους πεφρονηκότας così troveremo che hanno pensato i santi
πατέρας· Padri.
εὑρήσομεν - troveremo
πεφρονηκότας - ciò che hanno pensato
οὕτως τεθαρσήκασι θεοτόκον εἰπεῖν τὴν ἁγίαν Così essi hanno avuto il coraggio di
παρθένον· οὐχ ὡς τῆς τοῦ Λόγου φύσεως ἤτοι affermare che la santa Vergine è «Madre di
τῆς θεότητος αὐτοῦ τὴν ἀρχὴν τοῦ εἶναι Dio», non perché la natura del Verbo – cioè
λαβούσης ἐκ τῆς ἁγίας παρθένου, ἀλλ' ὡς della divinità – abbia preso l’inizio
γεννηθέντος ἐξ αὐτῆς τοῦ ἁγίου σώματος
dell’essere dalla santa Vergine, ma perché è
ψυχωθέντός λογικῶς, ᾧ καὶ καθ' ὑπόστασιν
nato da lei il santo corpo animato da anima
ἑνωθεὶς ὁ Λόγος γεγεννῆσθαι λέγεται κατὰ
σάρκα razionale, ed essendosi a questo unito
secondo l’ipostasi il Verbo si dice che è
stato generato secondo la carne.
τεθαρσήκασι – hanno avuto il coraggio
ἤτοι -
λαβούσης -
γεννηθέντος – è nato
ψυχωθέντός – animato
ἑνωθεὶς – essendosi unito

12 anatematismi

1 Se uno non confessa che


l'Emmanuele è veramente Dio
e per questo la santa Vergine
è madre di Dio (infatti ha
generato secondo la carne il
Logos nato da Dio che si è
fatto carne), sia anatema.

2 Se uno non confessa che il


Verbo da Dio Padre è unito
alla carne secondo l'ipostasi, e
che uno solo è Cristo con la
propria carne, perciò lo stesso
è Dio e allo stesso tempo e
uomo, sia anatema

3 Se uno divide le ipostasi


dell'unico Cristo dopo
l'unione, unendole col solo
contatto o secondo la dignità
o la maestà o la potenza e non
piuttosto con un concorso
secondo l'unione di nature, sia
anatema
4 Se uno divide in due prosopa
o ipostasi i termini che nei
Vangeli e negli scritti
apostolici dette dai santi in
riferimento a Cristo o da lui
sono riferite a sé stesso, e
alcune le riferisce all’uomo,
inteso indipendentemente dal
Verbo da Dio, e altre, in
quanto degne di Dio, soltanto
al Logos da Dio Padre, sia
anatema

5 Se uno osa chiamare Cristo


uomo portatore di Dio, e non
piuttosto che è Dio
veramente, in quanto Figlio
unico e per natura, visto che il
Verbo si è fatto carne ed ha
partecipato, similmente a noi,
della carne e del sangue, sia
anatema

6 Se uno dice che il Verbo da


Dio Padre è Dio o signore di
Cristo, e non confessa invece
che lo stesso è insieme Dio e
uomo, in quanto il Verbo si è
fatto carne secondo le
Scritture, sia anatema.

7 Se uno dice che Gesù in


quanto uomo ha operato
diversamente dal Verbo di Dio
e che la gloria dell'Unigenito
lo ha avvolto come se fosse un
altro che esiste oltre a lui, sia
anatema

8 Se uno osa dire che l'uomo


assunto deve essere
coadorato insieme col Dio
Verbo e insieme conglorificato
e chiamato Dio, come uno
nell’altro (infatti il «sun» è
sempre necessario che indichi
qualcosa di aggiunto), e
piuttosto non onora con una
sola adorazione l'Emmanuele
e gli applica una sola
glorificazione, in quanto il
Verbo si è fatto carne, sia
anatema

11 Se uno non confessa che la


carne del Signore è vivificante
e propria dello stesso Verbo
da Dio Padre, quasi che sia di
un altro rispetto a questo,
unito a lui secondo la dignità o
che ha soltanto l'inabitazione
divina, e non che (quella
carne) è vivificante - come
abbiamo detto - perché è
diventata (la carne) propria
del Logos che è in grado di
vivificare tutto, sia anatema

12 Se uno non confessa che il


Logos di Dio ha patito nella
carne, è stato crocifisso nella
carne, ha provato la morte
nella carne e si è fatto
primogenito dai morti, dato
che in quanto Dio
è vita e vivificatore, sia
anatema