Sei sulla pagina 1di 47

Farmacologia per il corso di

Medicina & Chirurgia


Anno accademico 2017-18
Sistema
nervoso
autonomo
Sistema
nervoso
autonomo
Feniletilamina
e alcune
importanti
catecolamine
1900-1905 : Elliott; Langley; Cannon descrivono la
somiglianza degli effetti dell’iniezione di estratti di
midollare del surrene con la stimolazione dei nervi
simpatici - EPINEFRINE
Cenni storici  1906 : H. Dale descrive l’esperimento noto come

sul Sistema “Epinephrine reversal”.


 1921 : Cannon Isola una sostanza che si libera dopo
simpatico stimolazione dei nervi simpatici del fegato -
SIMPATINA
 1939 : Blashko Descrive la via metabolica per la
sintesi ed il metabolismo delle amine catecoliche
 1946 : Von-Euler Identifica la

NOREPINEFRINA come principale componente


della simpatina
Formule di struttura di composti presenti nella segale cornuta
Terminali adrenergici
fluorescenti intorno a
piccole
arterie e ad una vena
nel mesentere di ratto
da Falck B., Acta phisiol.
Scandinav. 56: 19, 1962)
Distribuzione dei neuroni contenenti comuni
neurotrasmettitori nel cervello di mammifero.
Sistema simpatico:
Sintesi e metabolismo
delle amine catecoliche
Biosintesi delle
catecolamine
Via proposta da
Blasko nel 1939
Rilascio e reuptake
di neurotrasmettitori
(T)
Biosintesi e
metabolismo
di DA
Rilascio e
inattivazione di
DA
Metabolismo
delle
catecolamine

VMA = acido 3-metossi 4


idrossimandelico
(acido vanilmandelico)
Principale metabolita escreto
nelle urine

MOPEG =3–metossi-4-
idrossifeniletilenglicole
Escrezione
urinaria di acido
vanilmandeico
(VMA) in
soggetti
normali e in
pazienti con
feocromocitoma
Relazione
struttura-
attività tra le
catecolamine e
composti a loro
collegati
Amine simpaticomimetiche
La
terminazione
noradrenergica
Amine simpaticomimetiche indirette: amfetamina
Metabolismo delle Catecolamine e farmaci
Substrati ed
inibitori per le
monoamino
ossidasi
di tipo A e B
Tiramina e interazioni con MAO-I
α-metil-DOPA
Inibizione della sintesi e formazione di falsi metaboliti
Risposta
pressoria
alla tiramina
Sistema simpatico:
Recettori per le
catecolamine
Noradrenalina nel SNC
Classificazione
dei recettori
adrenergici
Trasmissione
adrenergica
Recettore -adrenergico
Recettore -adrenergico
La terminazione
noradrenergica:
modulazione
farmacologica
Relazione
struttura-
attività tra le
catecolamine e
composti a loro
collegati
Infusione EV di adrenalina, noradrenalina e isoprenalina nell’uomo
Caratteristiche dei sottotipi di recettori adrenergici
RECETTORI AGONISTI ANTAGONISTI TESSUTO RISPOSTE MECCANISMO MOLECOLARE
Epi ≥ NE >> Iso Muscolatura Stimolazione della PLC con formazione
Prazosin Contrazione
α1 Fenilefrina
liscia vascolare di IP3e DAG; aumento del Ca2+
intracellulare
Muscolatura liscia
Contrazione
urogenitale
Glicogenolisi;
Fegato
gluconeogenesi Attivazione dei canali al K+ Ca2+
Muscolatura liscia Iperpolarizzazion dipendenti
intestinale e e rilassamento
Aumentata forza di Inibizione delle correnti
Cuore
contrazione; aritmie transitorie di K+

α2 Epi ≥ NE >> Iso


Clonidina
Ioimbina Isole
pancreatiche
Riduzione della
secrezione di insulina
Inibizione dell’adenilato ciclasi
e attivazione dei canali al K+
(β-cellule)
Piastrine Aggregazione

Terminali nervosi Riduzione del rilascio Inibizione dei canali al Ca2+


di noradrenalina neuronali
Muscolatura Aumentato influsso di calcio;
Contrazione
liscia vascolare incremento del calcio citosolico

Iso > Epi = NE Metoprololo Aumentata forza di


β1 Dobutamina CGP 20712A
Cuore
contrazione e velocità di
Attivazione dell’adenilato
ciclasi e dei canali al calcio
conduzione del nodo AV
Cellule Aumentata secrezione
iuxtaglomerulari di renina

β2 Iso > Epi >> NE


Terbutalina
ICI 118551 Muscolatura liscia
(vascolare, bronchiale, Rilassamento Attivazione dell’adenilato
ciclasi
gastrointestinale, e
urogenitale)
Glicogenolisi;
Muscolatura scheletrica
Uptake di K+
Fegato Glicogenolisi;
gluconeogenesi
β3 Iso = NE > Epi
BRL 37344
ICI 118551
CPG 20712A
Tessuto adiposo lipolisi Attivazione dell’adenilato
ciclasi
Recettori
adrenergici e
cellule
muscolari lisce
Recettori
-adrenergici
e cellule
cardiache
Distribuzione e
caratteristiche
dei recettori -
adrenergici
Sottotipi di
recettori -
adrenergici
Meccanismo di
inibizione del
rilascio dei
neurotrasmettitori
adrenergici dopo
attivazione del
recettore α2
presinaptico
CLONIDINA
Distribuzione e
caratteristiche
dei recettori -
adrenergici
Agonisti ed antagonisti dei recettori β-adrenergici
Alcuni usi degli
agonisti
adrenergici
Antagonisti
-AR
Regolazioni
del
metabolismo
energetico da
parte delle
catecolamine