Sei sulla pagina 1di 2

RELAZIONE SULL’ESPERIENZA LAVORATIVA SVOLTA

PRESSO LO STUDIO DENTISTICO CAPPELLINI E LORENZINI


DI PISTOIA

Nel mese di luglio 2017 ho avuto l'occasione di partecipare al progetto di stage organizzato dalla
scuola Liceo Scientifico Amedeo di Savoia Duca D'aosta iniziando la mia prima esperienza lavorativa
presso lo studio dentistico Lorenzini e Cappellini, in via dello Stadio n.6.
Nel primo giorno da stagista ho avuto modo di conoscere la dott.ssa Cappellini ,il dott.Lorenzini e il
personale addetto alle operazioni sanitarie: un’assistente e una segretaria.
I rapporti che si sono creati nelle due settimane con il personale adetto sono stati magnifici, si sono
sempre dimostrati cordiali, gentili e disponibili nel fornire esaustive spiegazioni alle domande che
ponevo loro.
La dott.ssa.Cappellini è stata il mio tutor presso lo studio dentistico nel periodo sopracitato e sin
dall'inizio si è dimostrata ben disposta e dotata di notevoli capacità tecnico scientifiche.
Durante il primo giorno la dottoressa mi ha illustrato l’organizzazione dello studio che consta di una
sala d'attesa più una segreteria nei pressi dell'ingresso e di tre ambulatori completi di “riunti
odontoiatrici” (poltrona, lampada e strumenti odontoiatrici) e della strumentazione medica relativa
(unità radiografica, autoclave, spatole, sonde dentali, pinze da estrazione, specchietti, specillo,
trapano ortodontico, lampade polimerizzatrici).
Dopo avermi presentato il personale medico mi ha indicato quali fossero i comportamenti consoni da
adottare nell'ambito lavorativo, con particolare riguardo alle prescrizioni igieniche (lavaggio delle
mani in soluzioni alcoliche, utilizzo di guanti e mascherine per evitare la trasmissione di virus o batteri)
e alle norme antinfortunistiche
Infine, la dott.ssa Cappellini mi ha illustrato una generale introduzione sui differenti tipi di interventi
eseguiti principalmente all’interno dello studio come devitalizzazioni e otturazioni.
Le motivazioni principali che mi hanno spinto a frequentare questo stage sono state ponderate in
relazione agli studi scientifici intrapresi durante la mia carriera scolastica ed ad un forte interesse e
propensione per il settore sanitario.
La mia attività di stagista si articolava in cinque giorni lavorativi dal lunedì al venerdì secondo gli
orari di seguito indicati:
• lunedì-giovedì-venerdì dalle ore 8,00 alle ore 13,00 e dalle ore 15,00 alle ore 19,00
• martedì .dalle ore 8,00 alle ore 13.00
• mercoledì : dalle ore 8.00 alle ore 15.00

Nelle attività giornaliere rivestivo il ruolo di assistente ai due medici dentisti aiutandoli nei vari
interventi. In questo contesto, ho avuto inoltre l’opportunità di porre loro svariate domande
riguardanti le tecniche odontoiatriche e le patologie infettive tipiche della struttura dentale.
Durante gli interventi ho avuto l'occasione di collaborare nell'effettuazione di interventi quali:

RADIOGRAFIE DENTALI
Utili per:
1. individuazione di carie;

2. controllare lo stato di salute e di crescita del dente e della struttura ossea attorno ad esso;

3. facilitare le diagnosi di malattie parodontali (malattie che colpiscono il tessuto osseo attorno
al dente sia superficiale sia profondo come la gengivite o la parodontite);

4. esame dello stato delle radici dentali.


OTTURAZIONI DENTALI
Processo mediante il quale si ha la restaurazione del dente degenerato in seguito a processi
cariogeni al fine di ripristinare la funzionalità, l’integrità e la morfologia. Esistono differenti
metodi di otturazione che variano in base al materiale utilizzato:

• amalgama: otturazione realizzata con metalli differenti in particolare l'argento (75% del
totale) e mercurio, poco estetica ma economica e di lunga durata. Tuttavia questa otturazione
non ha la capacità di legarsi alla struttura dentale e perciò necessita di una demolizione della
parte del dente sano oltre a quella malata per evitare una possibile ritenzione dell'amalgama.
L'amalgama ha inoltre un’espansione termica diversa dal dente, perciò si potrebbero
provocare fratture con l'insorgenza di nuove carie. Vi sono poi problemi legati alla presenza
del mercurio che renderebbe tale otturazione potenzialmente nociva
• Composito: E' chiamata anche otturazione “bianca” ed è la più diffusa. Questa
otturazione utilizza un materiale in grado di legarsi chimicamente al dente a differenza
dell'amalgama, scongiurando pertanto l'insorgenza di carie e rischi per la salute. L'unico
svantaggio che l'otturazione in composito possiede è la media durata
• Sigillatura dei denti: Otturazione tramite resina che viene applicata sui molari dei
bambini per evitare formazione di carie.

DEVITALIZZAZIONI
Processo odontoiatrico che consiste nella rimozione della polpa dentale infiammata o infetta, le
cui cause possono derivare dalla presenza di carie o di denti scheggiati. Il processo di
devitalizzazione segue diverse tappe. In primis viene effettuata una panoramica radiografica
seguita da un’anestesia locale e dall’isolamento del dente tramite diga (materiale gommoso che
va a circondare il dente).
In seguito, tramite l’apertura della corona dentale, viene effettuata la rimozione della polpa del
dente riempita successivamente con materiali biocompatibili, come la guttaperca.

APICECTOMIA
Tecnica odontoiatrica che consiste nell'asportazione della massa infetta dall'apice della radice in
seguito ad ascessi o cisti. Durante questa operazione viene effettuata al paziente un'anestesia
locale per l'apertura della gengiva in modo tale da esporre la radice. La massa infetta viene poi
rimossa e la zona della radice disinfettata e otturata per impedire passaggio di batteri. Infine i
lembi delle gengive vengono riposizionati e ricuciti con appositi punti di sutura.

Questa attivita’ lavorativa mi ha fatto scoprire nuovi interessi tecnico scientifici, permettendomi di
sviluppare competenze riguardanti il settore odontoiatrico. Importante è stata l'acquisizione e la
comprensione dei principali metodi diagnostici quali anamnesi, esame obiettivo ed esami strumentali
come quelli radiografici
Ho avuto inoltre l’occasione di approfondire le mie conoscenze su alcune delle innumerevoli malattie
dentali come la recessione gengivale o le carie.
Nel complesso, giudico questa esperienza lavorativa molto positiva e formativa in quanto ho
migliorato le mie conoscenze in ambito scientifico, specialmente per quel che concerne gli aspetti
anatomici dell’apparato dentale, inoltre, ho maturato nuovi importanti interessi riguardanti le
applicazioni tecnologiche del settore odontoiatrico.