Sei sulla pagina 1di 13

CORSO SEGRETARIA

CORSO SEGRETARIA

VOGLIAMO DIRE 100%

DICIAMO 70%

VIENE PERCEPITO 40%

VIENE CAPITO 20%

VIENE RICORDATO 10%


CORSO SEGRETARIA

PARLARE -> dire qualcosa


a voce per mezzo di parole

mettere in comune qualcosa,


passare qualcosa da uno all’altro, unire in
comunità.
s’intende “la trasmissione di informazioni
mediante l’uso di un codice” e rappresenta la
condizione fondamentale per la creazione di
rapporti relazionali.
CORSO SEGRETARIA

1) NON SI PUO’ NON COMUNICARE

2) NELLA COMUNICAZIONE C’È SEMPRE UN ASPETTO DI


CONTENUTO ED UNO DI RELAZIONE

3) ATTENZIONE ALLA PUNTEGGIATURA – CONDIZIONA IL


SIGNIFICATO DELLA COMUNICAZIONE

4) COMUNICHIAMO CON IL MODULO ANALOGICO E CON QUELLO


NUMERICO

5) LA COMUNICAZIONE PUO’ SVOLGERSI SU UN PIANO


SIMMETRICO O COMPLEMENTARE
CORSO SEGRETARIA

L’ articolazione del processo comunicativo prevede 6 elementi:

➢ l'emittente, o fonte di trasmissione, è il soggetto da cui la


comunicazione viene prodotta.

➢ il messaggio è rappresentato dai contenuti e significati che


l'emittente vuole trasmettere al destinatario

➢ il canale è il mezzo che viene utilizzato per la trasmissione


del messaggio (giornali, radio, televisione, voce...)

➢ il codice è l'insieme di regole convenzionali utilizzate per


esprimere il messaggio

➢ il destinatario è il soggetto a cui il messaggio viene rivolto

➢ il feedback rappresenta il ''messaggio di ritorno'' dal


destinatario all'emittente.
CORSO SEGRETARIA

7% VERBALE

38% PARAVERBALE

55% NON VERBALE


CORSO SEGRETARIA

Gli esseri umani possono essere suddivisi in 3 classi,


in base al senso maggiormente sviluppato.

➢ PREVALENTEMENTE VISIVI: sono sensibili a forme, colori e ai


movimenti

➢ UDITIVI: prestano maggiore attenzione ai suoni, rumori e parole

➢ CINESTETICI: predisposti soprattutto a cogliere gli aspetti gustativi,


olfattivi e tattili dell’ambiente

Usare parole, aggettivi, avverbi


appartenenti alla classe del nostro interlocutore
CORSO SEGRETARIA

Un partecipante legge il testo di un articolo di giornale o di una


pubblicità.
Successivamente questo narra il contenuto senza più avere il testo
sott’occhio, ad un altro soggetto (che ovviamente non abbia sentito il
testo iniziale), senza che questi possa prendere appunti. Questo
secondo soggetto farà lo stesso con un altro soggetto (sempre non
presente) e così via. L’ultimo partecipante dovrà riferire il contenuto al
soggetto iniziale.

✓ QUALE SARA’ IL CONTENUTO RIPORTATO?


✓ CORRISPONDERA’ A QUANTO LETTO SULL’ARTICOLO?
✓ PERCHE’?
✓ COSA E’ SUCCESSO?
CORSO SEGRETARIA

automaticamente
È un processo che inconsapevolmente
in base all’esperienza passata
selezionando
elabora gli stimoli organizzando
dell’ambiente esterno interpretando

generalizzando
attraverso filtri cancellando
che operano deformando

determinando la nostra mappa del mondo (noi inclusi)


che guida i nostri comportamenti
CORSO SEGRETARIA

Selettiva è un processo che filtra ed esclude le informazioni


che giudichiamo inutili, false, sbagliate, spiacevoli
o in contraddizione con i nostri presupposti
Interpretativa la nostra percezione del mondo che ci circonda è
sempre un’interpretazione di ciò che esso è
realmente
Parziale per quanto ci possiamo impegnare, la conoscenza
di noi stessi e degli altri sarà sempre parziale ed
incompleta
Autoconfermante tende a confermare il dato percepito in modo
costante (principio di costanza percettiva)
Influenzabile ciò che vediamo è influenzato da una molteplicità
di fattori legati alle nostre esperienze pregresse
CORSO SEGRETARIA

Osserviamo il disegno.
Cosa si vede?
Tre figure di diversa grandezza, per
esempio . il padre in testa e i figli a seguire..

Ma in realtà sono tutte e tre della stessa


grandezza.

PERCHE’ INIZIALMENTE CI
SEMBRAVANO DI GRANDEZZE
DIVERSE?
CORSO SEGRETARIA

COSA
VEDETE?
Una donna
giovane e
graziosa o
una vecchia
severa?
CORSO SEGRETARIA

La comunicazione è Il feedback di chi ascolta, non l’intenzione di chi parla

Il destinatario, una volta ricevuto il messaggio, esprime una


certa risposta che riattiva il processo, fornendo all’emittente
delle informazioni sull’esito della precedente attività di
comunicazione svolta. Il feedback consente di svolgere
un’azione di controllo: sulle modalità con le quali gli
interlocutori interpretano il messaggio, e sull’efficacia della
comunicazione
La risposta del destinatario permette di controllare se il
. messaggio è giunto in modo corretto a destinazione