Sei sulla pagina 1di 13

Giovanni Albini

Classe 1982, Giovanni Albini si diploma in chitarra classica con Maurizio Preda e si
perfeziona con Betho Davezac. Studia composizione prima con Paul Glass al Conservatorio
di Lugano, poi ai corsi superiori del Conservatorio "G. Verdi di Milano" sotto la guida
principale di Mario Garuti. Gli è stata commissionata musica per ensemble, festival di musica
elettronica, produzioni multimediali, teatro e cortometraggi vincitori di concorsi
internazionali. Le sue composizioni e colonne sonore sono state premiate e segnalate in vari
concorsi di composizione nazionali e internazionali, e sono state eseguite e riprodotte in Italia
e all'estero (Francia, Spagna, Australia). Ha dedicato alla chitarra molto della sua attività di
compositore: un ciclo di tre Sonatine e Tre studi semplici - per farsi ingannare dal tempo per
chitarra sola, le composizioni Estensioni libere - di parti connesse e Duo transoceanico per
due chitarre (terzo premio e premio speciale per la cultura al concorso internazionale di
composizione "Oreste Sindici"), Sei aperture nell'acqua per sestetto di chitarre e Rendez-vous
no.1 per orchestra di chitarre, flauto, contrabbasso e percussioni. Le sue composizioni per
chitarra sola sono state recentemente oggetto di un seminario al "Darwin Guitar Festival
2005" (Darwin - Australia). All'attività di compositore affianca la ricerca teorica in particolare
nel campo della matematica musicale e della musica applicata, supportata dalla sua laurea in
matematica (con tesi Strutture musicali da un punto di vista algebrico, relatore: Marco Paolo
Bernardi, Università degli Studi di Pavia), e abbinata ad una costante opera didattica: ha
tenuto e tiene seminari sia in ambito accademico che divulgativo.

Born on March 30, 1982, Giovanni Albini began guitar studies at the age of nine with
Maurizio Preda. He graduated from the Conservatory of Pavia and then he studied with
Betho Davezac. He studied Composition with Paul Glass and then at the Conservatory "G.
Verdi" of Milan with Mario Garuti. He composed music for ensemble, multimedia, festival of
electronic music, theatre and short movies winner of international awards. His compositions
and soundtracks won some national and international prizes, and were executed in Italy,
France, Spain and Australia. As a composer he wrote several pieces for guitar: three
Sonatine, three simple studies Tre Studi semplici - per farsi ingannare dal tempo for guitar,
Estensioni libere - di parti connesse and Duo transoceanico for guitar duo (third prize and
special prize for the culture to the composition international competition "Oreste Sindici"),
Sei aperture nell'acqua for guitar sextet, and Rendez-vous no.1 for guitar ensemble, flute,
contrabass and percussions. Recently a lecture was given about his guitar compositions
during the "Darwin Guitar Festival 2005" (Darwin - Australia). His theoretical research,
supported by his degree in Maths, is mainly about Mathematical Music Theory; he has given
several lectures and lessons in conservatories, high schools and universities.
SPIEGAZIONE DEGLI EFFETTI E DELLE NOTAZIONI SPECIALI

Le note bianche, siano esse armoniche o naturali, sono le sole da ottenersi


mediante corde a vuoto. Di conseguenza le note nere sono sempre ottenute con
l’impiego di una specifica posizione della mano sinistra.
Toglie ogni dubbio sull’interpretazione ritmica delle altezze l’assenza quasi totale
di durate superiori o uguali al quarto. Ogni ambiguità è in ogni caso risolta dalla
lettura della parte dell’altra chitarra.

(e) Abbinato ad ogni indicazione che fa riferimento ad entrambe le chitarre.

Glissando legato: senza percuotere la nota di arrivo con la mano destra.

Armonico naturale più fondamentale.


Si ottiene percuotendo la corda con il dito interessato della mano sinistra sul nodo
dell’armonico nello stesso momento in cui viene pizzicata dalla mano destra:
risulterà l’armonico più la fondamentale, ossia la corda a vuoto.
La nota più bassa indica la fondamentale, l’altra l’armonico, il numero romano la
sua posizione.

Rallentando (viceversa accelerando) progressivamente dalla durata della nota


iniziale a quella della nota di arrivo. L’indicazione rall. viene comunque sfruttata
in situazioni in cui il ritardo è da rendersi con libera espressività.

Per tutte le pause di durata superiore all’ottavo si utilizza un simbolo di pausa


generale: aiuta l’esecutore a tenere il tempo il rigo dell’altra chitarra, in
particolare grazie alla connessione delle due parti.

Le alterazioni hanno valore per tutta la riga, ma saranno in ogni caso ricordate tra
parentesi.

Le scordature applicate ad una chitarra in un tempo hanno valore anche nei tempi
successivi fino ad eventuali specificazioni.

Le appoggiature sono da eseguirsi il più velocemente possibile.

L’assenza di battute è volta ad impedire l’aggiunta di accenti non desiderati, e a


conferire in sostanza anche alla notazione quel senso di articolata continuità che si
vuole trasmettere. Le doppie stanghette si limitano a circoscrivere le sezioni in cui
un tempo è suddiviso.
Terzo premio al “Concorso di Composizione Per
Chitarra in Duo Città di Seveso 2005”, Seveso (MI)
durata totale 7'00'' circa

ESTENSIONI LIBERE
DI PARTI CONNESSE

PER DUE CHITARRE

I
Giovanni Albini
(estate 2005)
Introspettivo ( = 48)
IX
IV XII VII XII XII
XII

CHITARRA I

CHITARRA II
IX VII XII XII V
in La XII XII VII
in Mi IV

XII

XII

V VII XII
VII
XII

XII VII XII VII (e)


(e)
Copyright © by Giovanni Albini, Pavia, Italia
3
Schiudendosi, quasi il più veloce possibile
VII
V

lasciando risuonare (e) le corde a vuoto

(e) (e)

(e) (e) (e) (e)

assolutamente senza cedere

XII
(e) (e) (e)

brillante, aperto verso nuove prospettive

XII

(e)
4
VII

(e)

(e)

un poco più deciso

(e) (e)

(e) (e)
5 rall. moltissimo
VII

Tempo primo ( = 48) VII


V
XII

IV

in Mi
(e)

Concludendo, davvero il più veloce possibile rall. molto

(e)

un poco meno mosso, rall. poi inesorabilmente

(e)
6

II

Instabile, alla ricerca di scivolamenti cromatici ( = 76)

(e) lasciando risuonare ogni corda il più possibile

(e)

verso equilibri precari

(e)
7

(e) (e)

(e) (e)

distratto
XII XII

(e) (e)
8
XII

XII XII XII


(e) (e)

pacato

(e)

rall. moltissimo
9

III

Deciso, ancora il più veloce possibile


ripetere per tre volte
rall.

(e) (seconda volta , terza )

Lucido ( = 48)
XII VII XII VII XII

V VII VII XII


(e) (e) in Mi

VII VII
V VII
VII V
V VII

(e) (e)
TRANSLATIONS

Giovanni Albini Giovanni Albini


ESTENSIONI LIBERE FREE EXTENSIONS
DI PARTI CONNESSE OF CONNECTED PARTS
per due chitarre for guitar duo
durata totale: 7’00’’ main duration: 7’00’’

Introspettivo Introspective
Schiudendosi, quasi il più veloce possibile Opening, almost as fast as possible
lasciando risuonare le corde a vuoto let empty strings resonate
assolutamente senza cedere absolutely keeping time
brillante, aperto verso nuove prospettive glittering, open to new perspectives
un poco più deciso a little bit more resoluted
Concludendo, davvero il più veloce possibile Ending, truly as fast as possible
Instabile, alla ricerca di scivolamenti cromatici Unstable, searching for chromatic slides
lasciando risuonare ogni corda il più possibile let all the strings resonate as long as possible
verso equilibri precari towards precarious balances
distratto absent-minded
pacato calm
Deciso, ancora il più veloce possibile Resoluted, as fast as possible yet
ripetere per tre volte repeat for three times
Lucido Lucid

EXPLANATION OF SIGNS

The white notes, both harmonic and natural, are the only one to be obtained by
empty strings. Each rhytmic ambiguity is everytime clarified by the staff of the
other guitar

(e) Referred to every sign that regards to both of the guitars.

Glissando legato: without plucking the last note.

Natural armonic plus empty string.


Obtained plucking the string with the finger of the left hand at the lenght where the
harmonic is situated in the same time in which it is played by the right hand: the
result is the harmonic plus the open string. The lowest note indicates the open
string, the other the harmonic, the roman number the fret.

Play a gradual Rallentando step by step by the duration of the initial note to the
duration of the last one. The indication rall. is also used when the Rallentando is to
be realized with expression.

About all the rests with a long duration, an only symbol is used: the staff of the
other guitar help the player.

The accidentals last for the entire staff, but they are reminded by paranthesis.

Appoggiaturas should be played as fast as possible.

w.com
© Copyright 2005 Giovanni Albini
All Rights Reserved. No part of this publication may be reproduced or transmitted in any form or
by any means, electronic or mechanical, including photocopying, or by any information storage
and retrieval system, without permission in writing from the publisher.

VP MUSIC MEDIA
Vicchio, Firenze, Italia
web: www.vpmusicmedia.com - email: info@vpmusicmedia.com

VPMM 3213

Giovanni ALBINI
ESTENSIONI LIBERE DI PARTI CONNESSE
per due chitarre