Sei sulla pagina 1di 1

Venerdì, 25 maggio 2018

MARISTI PARTECIPANTI ALL’INCONTRO ANNUALE DEL SEDOS


In maggio, alcuni membri dei 4
P. John Larsen ha trascorso
rami della Famiglia Marista han-
questi ultimi tre giorni all’incon-
no partecipato al seminario SE-
tro dell’Unione dei Superiori
DOS su “Giovani e Missione”.
Maggiori. Per la SM hanno partecipato il
Superiore Generale, P. John
Argomenti trattati questa setti- Larsen, gli assistenti generali
mana nelle sessioni plenarie del PP. Ben McKenna e Juan Carlos
Consiglio Generale: Piña, e il Superiore del Distretto
La relazione di P. Juan Carlos del Sudamerica, P. Roberto Fur-
Piña sulla sua visita in Sudameri- tuoso. Gli oltre 100 partecipanti
ca; indicazioni per i prossimi in- erano religiosi, donne e uomini, provenienti da tutto il mondo, impegnati nei campi
contri di un gruppo di lavoro della missione, dell’educazione, delle vocazione e dei giovani.
SEDOS (Servizio di Documentazione e di Studio sulla Missione globale) è un forum
sugli studi e le ricerche mariste;
aperto agli Istituti di Vita Consacrata che si impegnano ad approfondire la loro
atelier per formatori nel 2019;
comprensione della missione globale. Incoraggia la ricerca e diffonde informazioni
strategie per promuovere l’insi-
attraverso pubblicazioni e il web. E’ stato fondato durante il Vaticano II da alcune
stenza del capitolo generale sulla società missionarie desiderose di contribuire alla riflessione della Chiesa sulla Missione.
contemplazione. Il seminario di quest’anno era in stretto legame con il Sinodo dei Vescovi sulla pastora-
le giovanile e vocazionale, che si svolgerà a Roma in ottobre.

IL PREMIO JEAN COSTE


Mentre lavorava alle Origines Mari-
stes a Roma negli anni ‘60, P. Jean
Coste andava regolarmente in una
parrocchia della periferia a celebrare
la messa domenicale. Fece amicizia
con i giovani della parrocchia e li in-
trodusse alle ricchezze storiche della
regione accompagnandoli tra le rovi-
ne romane. Questi giovani si interes-
sarono al loro territorio e svilupparono rispetto e ammirazione verso P. Coste. Rita
Pomponio, una delle studentesse che beneficiarono culturalmente e spiritualmente
della presenza di P. Coste, decise di trasferire questa eredità alla nuova generazione e
istituì un Premio Coste per ricompensare la ricerca degli studenti. Quest’anno era il
quarto anno del progetto e vi hanno partecipato con grande entusiasmo circa 400
studenti. Per nostra soddisfazione, il primo premio delle scuole superiori è stato vinto
dal nostro collegio marista di Roma, per la qualità del suo lavoro.