Sei sulla pagina 1di 2

Pignoramento prima casa e separazione dei beni, come

evitarlo

Dopo quante rate di mutuo non pagate scatta il pignoramento?

Nella spirale dei debiti finiscono anche le price del mutuo non pagate, che fanno scattare la
procedura esecutiva immobiliare sulla loro prima casa acquistata nel 2004 con la garanzia
dell’iscrizione ipotecaria volontaria di primo grado, per un importo di € 330.000,00. Una
vendita giudiziaria è ciò che si deve evitare per rimanere ancora debitori con la banca.
Non è bello vedersi pignorare una quota di casa quando uno
dei due proprietari NON ha debiti.
La modifica è stata introdotta da un decreto legge molto recente, in precedenza si guardava
in modo esclusivo al valore dell’ immobile oggetto di pignoramento. non mi dici di quale
debito si tratta (tasse? Multe?), ma ti consiglio di farlo controllare da un legale o da un
commercialista, perché dopo tanti anni potrebbe essersi prescritto qualcosa e tu potresti
trovare a non dovere più tutti quei soldi. Se poi lasciano passare anche il decimo anno la
prescrizione è quasi certa. Il mio consiglio quindi è di far controllare il tutto ad un
professionista, per renderti conto di ciò che veramente ti possono chiedere.
Annunci Immobiliari Roma
I creditori ed il giudice tirerebbero un sospiro di sollievo e l'inviterebbero sicuramente a cena.
Una cosa è pignorare ed espropriare un bene motionless in comproprietà fra il debitore ed un
terzo; altra un bene immobile di proprietà esclusiva del debitore, seppure gravato da un
diritto di usufrutto concesso advert un parente strettissimo, come la madre del debitore.
Inoltre, affinché l’motionless sia al riparo dal pignoramento è necessario che il debitore oltre
advert esserne proprietario ne sia anche residente.
Come è evidente, il pignoramento della prima casa da parte della banca mette in pericolo la
prima casa anche se cointestata.
Purtroppo la legge non tutela il debito nei confronti di enti privati come lo sono le banche,
mo solo debiti contratti con lo Stato.
Ho saputo recentemente che il mio convivente, a mia insaputa ha contratto debiti per circa
50.000 euro.
Il che significa che la casa donata è come se non lo fosse mai stata, se il creditore può
dimostrare che la donazione è stata fatta per evitare il pignoramento.
Aggiungo che sono invalido al 75%, oltre che indigente e disoccupato se non che, talvolta
ricevo persino degli aiuti dagli assistenti sociali e da alcune strutture di beneficenza.
Il pignoramento può essere perfezionato solo se il debito supera 120.000 euro, e a patto
che siano trascorsi almeno sei mesi senza che questo sia stato estinto.

L’ipoteca consente di mettere l’motionless all’asta qualora il debitore risulti moroso e di avere
diritto prioritario sul ricavato della vendita rispetto a qualsiasi altro creditore. Se invece
l’importo è inferiore a one hundred twenty.000 euro, il fisco non può espropriare il bene e
venderlo all’asta, ma tutt’al più può iscrivere ipoteca sull’immobile, a condizione però che si
tratti di debiti col fisco superiori a 20.000 euro. Le possibilità di pignoramento di un
motionless variano in base alla tipologia del creditore e alle condizioni di contorno che si
possono riscontrare. Tornando al tema del pignoramento, nei casi in cui il creditore sia il
fisco, più che di prima casa bisognerebbe piuttosto parlare di unico motionless di proprietà,
così come avviene nel Decreto del Fare (D.L. 69/2013), che approfondiremo più avanti.
Questa situazione si verifica spesso quando, ad esempio, il contribuente è titolare di quote
sugli immobili insieme con altri contitolari e non dell’intera proprietà, avendoli ricevuti in
eredità.
Pignoramento casa cointestata in separazione dei beni

Quindi il contribuente potrebbe pagare spontaneamente, anche al di fuori di un eventuale


piano di rateazione, una parte del debito per far scendere il tetto. Il divieto relativo al fatto che
non si possa pignorare la prima casa, riguarda tutti coloro che con prima casa intendono
unica casa. Infatti se la casa di cui stiamo parlando è l’unica che il debitore ha in suo
possesso, non può essere pignorata.
Quando il creditore è un soggetto privato (la banca o la controparte che ha vinto una causa),
non esiste nessun limite e ogni immobile del debitore può essere pignorato,
indipendentemente ed a prescindere anche dall’entità del debito. Come visto, la banca non è
diversa da qualsiasi altro creditore privato e dunque non incontra limiti alla possibilità di agire
sulla prima casa del debitore per recuperare il denaro a lei dovuto. La sua funzione è quella
di vincolare un bene del debitore al soddisfacimento del diritto di credito di uno o più creditori.

pignoramento prima casa cointestata"/>