Sei sulla pagina 1di 9

Analisi di bilancio per flussi - Guido De Marco

L’analisi strutturale di bilancio (attraverso la determinazione dei vari margini dello SP) e l’analisi
per indici offrono informazioni utili ma incomplete, perché risentono di un limite che caratterizza la
struttura dello SP. Questo limite viene superato attraverso l’analisi di bilancio per flussi.

Il limite dello SP
Lo SP si differenzia dal CE innanzitutto perché il primo presenta la composizione del patrimonio,
mentre il secondo presenta la composizione del reddito prodotto. Un’altra differenza rilevante tra
questi due prospetti, riguarda il modo in cui sono presentati i valori. A differenza del CE, che
presenta i valori dei componenti positivi e negativi del reddito intervenuti nel corso di un esercizio,
lo SP presenta i componenti del patrimonio (impieghi e fonti) con riferimento ai valori presenti al
termine dell’esercizio. Così, ad esempio, mentre nello SP è presente solo l’importo del risultato
dell’esercizio, nel CE è possibile esaminare la composizione degli elementi che hanno contribuito a
determinare, nel corso dell’esercizio, quel particolare risultato. Questo rende molto più interessante
il CE per l’analisi del come è stato prodotto il reddito.

Se si volesse fare un’analisi che consenta di evidenziare come si è pervenuti, nel corso
dell’esercizio, ad una particolare struttura del patrimonio, ciò non sarebbe possibile sulla base delle
informazioni presenti nello SP.

Anche l’uso di uno SP a stati comparati, che mette a confronto i valori conseguiti in due esercizi
consecutivi, non consente di risalire alle variazioni intervenute nel patrimonio aziendale nel corso
dell’esercizio.

Stato Patrimoniale riclassificato a stati comparati


IMPIEGHI Anno n Anno n – 1 FONTI Anno n Anno n- 1

Attivo circolante Acn Acn-1 Passività a breve Pbn Pbn-1


Imn Imn-1 Passività consolidate Pcn Pcn-1
Immobilizzazioni Capitale proprio Cpn Cpn-1
Reddito d’esercizio Rnn Rnn-1

Totale impieghi Totale fonti

Nello SP, ad esempio, confluiscono i valori delle immobilizzazioni presenti in un’azienda al


termine dell’esercizio, ma non è possibile risalire alle acquisizioni e cessioni di immobilizzazioni
intervenute nel corso dell’esercizio e che, a partire dal valore iniziale, hanno prodotto il valore
finale delle stesse immobilizzazioni.

Consideriamo un esempio di mastro delle immobilizzazioni al termine dell’anno n:

Immobilizzazioni

Imn-1 100 Vendite 50

Acquisti 80 Imn 130

Totale 180 180


2

Lo SP dell’anno n presenterà per le immobilizzazioni un importo pari a 130, mentre lo SP dell’anno


n – 1 presenterà per le immobilizzazioni un importo pari a 100. Pur confrontando i valori dello SP
nei due esercizi, otterremmo un’informazione alquanto parziale, perché potremmo evidenziare che
nel corso dell’esercizio n le immobilizzazioni sono aumentate per un importo pari a 30, ma non
riusciremmo a recuperare l’informazione relativa alle variazioni che complessivamente sono
intervenute nelle immobilizzazioni. Questo perché lo SP presenta il saldo dei valori (130 per
l’esercio n e 100 per l’esercizio n – 1) e non le variazioni integrali intervenute nel corso
dell’esercizio (+ 80 e – 50). Per un’analista esterno, d’altra parte, assumerebbe un rilievo
completamente diverso considerare un incremento netto delle immobilizzazioni pari a 30, rispetto
ad un incremento pari a 80 accompagnato da riduzioni pari a 50. Nel secondo caso, il rinnovo delle
immobilizzazioni apparirebbe in tutta la sua estensione.

Sostanzialmente, il limite dello SP consiste nella presentazione di un sistema di valori che fa


riferimento ad un istante invece che all’esercizio di riferimento (come invece accade per il CE). Gli
importi dello SP non sono altro che consistenze (dette anche fondi) di valori presenti in un dato
momento che non evidenziano le variazioni, cioè i flussi di valori, intervenute nel periodo.

Il Rendiconto: un documemento integrativo dello SP


Per giungere alla redazione di un documento che presenti i flussi di valori che hanno modificato il
patrimonio aziendale nel corso di un esercizio e per evidenziarne il legame con i valori presenti
nello SP, può essere utile partire da uno SP riclassificato a stati comparati e considerare le relative
equazioni di bilancio.

Equazioni di bilancio

Anno n: Acn + Imn = Pbn + Pcn + Cpn + Rnn

Anno n – 1: Acn-1 + Imn-1 = Pbn-1 + Pcn-1 + Cpn-1 + Rnn-1

Facciamo la differenza membro a membro delle precedenti equazioni:

(Importi Anno n) – (Importi Anno n – 1)

(Acn - Acn-1) + (Imn - Imn-1) = (Pbn - Pbn-1) + (Pcn - Pcn-1) + (Cpn - Cpn-1) + (Rnn - Rnn-1)

∆Ac + ∆Im = ∆Pb + ∆Pc + ∆Cp + ∆Rn


Variazioni nette delle fonti e degli impieghi
IMPIEGHI ∆Anno n FONTI ∆Anno n

Attivo circolante ∆Ac Passività a breve ∆Pb


∆Im Passività consolidate ∆Pc
Immobilizzazioni Capitale proprio ∆Cp
Reddito d’esercizio ∆Rn
Totale
∆impiegh Totale
∆fonti
3

i
Consideriamo ora i mastri per l’anno n dei gruppi presenti nello SP riclassificato:

Attivo circolante Immobilizzazioni


Acn-1 Riduzioni Imn-1 Riduzioni

Incrementi Acn Incrementi Imn

Passività a breve Passività consolidate Capitale proprio


Riduzioni Pbn-1 Riduzioni Pcn-1 Riduzioni Cp n-1

Pbn Incrementi Pcn Incrementi Cp n Incrementi

Quindi
∆Ac = Acn - Acn-1 = Incrementi Ac – Riduzioni Ac

∆Pb = Pbn - Pbn-1 = Incrementi Pb – Riduzioni Pb

∆Pc = Pcn - Pcn-1 = Incrementi Pc – Riduzioni Pc

∆Cp = Cpn - Cpn-1 = Incrementi Cp – Riduzioni Cp

∆Im = Imn - Imn-1 = Incrementi Im – Riduzioni Im

Possiamo quindi riscrivere il prospetto delle variazioni considerato sopra nel modo seguente:

Variazioni nette delle fonti e degli impieghi


Variazioni degli IMPIEGHI Anno n Variazioni delle FONTI Anno n

(Incrementi Attivo circolante – (Incrementi Passività a breve –


Riduzioni Attivo circolante) Riduzioni Passività a breve)

(Incrementi Passività consolidate –


(Incrementi Immobilizzazioni – Riduzioni Passività consolidate)
Riduzioni Immobilizzazioni)
(Incrementi Capitale proprio –
Riduzioni Capitale proprio)

(Utile d’esercizio n –
Utile d’esercizio n – 1)
Totale variazioni degli impieghi Totale variazioni delle fonti
4

Per costruire un prospetto che superi i limiti dello SP è ora sufficiente riportare tutti i flussi
intervenuti nel sistema dei valori patrimoniali, mantenendo distinte tutte le variazioni in aumento e
in diminuzione. Una schematizzazione possibile è la seguente:

Schema di Rendiconto delle variazioni integrali intervenute nelle fonti e negli impieghi
Variazioni degli IMPIEGHI Anno n Variazioni delle FONTI Anno n

Incrementi Attivo circolante Riduzioni Attivo circolante

Riduzioni Passività a breve Incrementi Passività a breve

Incrementi Immobilizzazioni Riduzioni Immobilizzazioni

Riduzioni Passività consolidate Incrementi Passività consolidate

Riduzioni Capitale proprio Incrementi Capitale proprio

Utile d’esercizio n – 1 Utile d’esercizio n

Totale variazioni degli impieghi Totale variazioni delle fonti

La redazione di questo prospetto è facilmente realizzabile facendo uso dei mastri relativi a ciascun
raggruppamento. Per gli analisti esterni, che non possono fare riferimento ai documenti della
contabilità generale delle aziende, è tuttavia possibile fare ricorso alla informazioni contenute nella
Nota Integrativa che è parte integrante, obbligatoria, dei bilanci.

Nella prassi contabile si sono diffuse due forme particolari di rendiconto, il Rendiconto finanziario
delle variazioni del Capitale circolante netto ed il Rendiconto finanziario delle variazioni della
liquidità. Il primo ha lo scopo di evidenziare in particolare i flussi di risorse patrimoniali che hanno
concorso alle variazioni del Capitale circolante netto (Attivo circolante – Passività a breve), il
secondo è rivolto all’esame della situazione finanziaria a brevissimo termine e quindi della liquidità
aziendale (Cassa, Banche c/c e Posta c/c).

Il Rendiconto finanziario delle variazioni del Capitale circolante netto


Un elemento decisivo per valutare la solidità finanziaria di un’azienda è il capitale circolante netto
(CCN) disponibile, perché un suo valore positivo sta ad indicare la capacità potenziale dell’azienda
di far fronte agli impegni in scadenza (Passività a breve) con le risorse a breve termine (Attivo
circolante), senza quindi dover far ricorso a nuovi finanziamenti (accensioni di nuovi prestiti o
aumenti di capitale a pagamento), oppure rinunciare a parte delle proprie immobilizzazioni
(cessioni di impianti o di titoli). Un CCN positivo non è di per sé una garanzia sufficiente di
tranquillità finanziaria per l’azienda, ma certo ne è una condizione necessaria. Ricordiamo che
potrebbero comunque sorgere difficoltà in presenza di un’incidenza rilevante delle rimanenze
nell’Attivo circolante (possibili difficoltà di vendita) e difficoltà temporanee potrebbero verificarsi
anche a causa di sfasamenti temporali tra le scadenze dei crediti e dei debiti a breve.

Per redigere il prospetto che mette in evidenza la composizione delle variazioni intervenute nel
CCN e la composizione delle variazioni degli altri elementi del patrimonio aziendale che hanno
assorbito o generato risorse finanziarie, è opportuno partire dallo SP riclassificato a stati
comparati, per evidenziare anche la relazione che lega le variazioni del CCN alle variazioni degli
altri elementi del patrimonio aziendale.
5

Determiniamo le variazioni intervenute nel capitale circolante netto (∆CCN) a partire dalle
equazioni di bilancio di due esercizi consecutivi:
∆Ac - ∆Pb = ∆Pc + ∆Cp + ∆Rn - ∆Im
∆CCN = Totale fonti di risorse finanziarie – Impieghi di risorse finanziarie
Il lato sinistro della precedente relazione consente la determinazione delle variazioni intervenute
(nel corso dell’anno n) all’interno del capitale circolante netto; gli elementi che sono inseriti a
destra spiegano invece come la variazione complessiva del capitale circolante netto sia stata
finanziata (fonti, nel caso di un incremento del CCN) o utilizzata (impieghi, nel caso di una
riduzione del CCN).

Esempi
 Una variazione positiva del CCN potrebbe essere costituita:
o da un incremento nell’attivo circolante ed essere spiegata da una diminuzione delle
immobilizzazioni a seguito di una vendita (fonte);
o da una diminuzione delle passività a breve ed essere spiegata da un aumento delle
passività consolidate (fonte) che hanno consentito di reperire la liquidità necessaria
per il rimborso di debiti a breve termine;
 Una variazione negativa del CCN potrebbe essere costituita:
o da una riduzione dell’attivo circolante ed essere spiegata da un incremento delle
immobilizzazioni a seguito di un acquisto (impiego);
o da un aumento delle passività a breve ed essere spiegata da una riduzione delle
passività consolidate (impiego) dovuta alla quota di debito a medio e lungo termine
in scadenza.

Ovviamente, di solito, non è possibile individuare un legame così diretto tra ciascuna fonte e gli
incrementi del CCN, così come non è possibile stabilire un legame diretto tra ciascun impiego e le
riduzioni del CCN. Le operazioni di gestione sono numerose e complesse, così che, ad esempio, la
variazione dell’attivo circolante è di fatto generata da più di una causa. Un incremento dell’attivo
circolante normalmente è generato da più fonti al netto di più impieghi. Cionostante, è molto utile
disporre di una informazione relativa agli impieghi ed alle fonti che complessivamente hanno
generato una variazione del CCN.

La forma di Rendiconto finanziario delle variazioni del Capitale circolante netto suggerita dal
Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e dal Consiglio Nazionale dei Ragionieri è la
seguente:
6

Rendiconto finanziario delle variazioni del CCN


Parte I: Dimostrazione delle Parte II: Variazioni nei componenti di
Fonti e degli Impieghi Capitale Circolante Netto

FONTI DI RISORSE FINANZIARIE VARIAZIONI DELLE


ATTIVITA’ A BREVE
 Risorse generate dalla gestione reddituale
 Rimanenze
 Diminuzioni di attività immobilizzate
 Crediti a breve
 Aumenti di passività consolidate
 Disponibilità liquide
 Aumenti di capitale di proprietà
 Ratei e risconti attivi (a breve)
 Titoli non immobilizzati
Totale fonti di risorse finanziarie
IMPIEGHI DI RISORSE FINANZIARIE Totale variazioni attività a breve
 Aumenti di attività immobilizzate VARIAZIONI DELLE
 Diminuzioni di passività consolidate
PASSIVITA’ A BREVE
 Debiti a breve
 Diminuzioni di capitale di proprietà
 Ratei e risconti passivi (a breve)

Totale impieghi di risorse finanziarie Totale variazioni passività a breve


Riepilogo: Riepilogo:
TOTALE FONTI Totale variazioni attività a breve
TOTALE IMPIEGHI Totale variazioni passività a breve
AUMENTI (DIMINUZIONI) DEL CCN AUMENTI (DIMINUZIONI) DEL CCN

Parte III: VARIAZIONI NELLA SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANZIARIA CHE NON


COMPORTANO MOVIMENTI DI CAPITALE CIRCOLANTE NETTO
 Aumenti di capitale con apporto di immobilizzazioni tecniche o finanziarie
 Rivalutazioni e svalutazioni di immobilizzazioni
 Conversione di obbligazioni convertibili in azioni
 Acquisizioni di immobilizzazioni in seguito a fusioni
 Acquisizione di partecipazioni mediante conversione di obbligazioni o altre azioni
 Diminuzione di capitale con assegnazione ai soci di immobilizzazioni

Se si confronta la Parte I e la Parte II con lo Schema di Rendiconto presentato in precedenza, si


può constatare facilmente che i due prospetti sono sostanzialmente equivalenti, ciò che li differenzia
è solo la forma in cui vengono presentati i flussi di valori (le variazioni di impieghi e fonti).

La Parte III, invece, ha un rilievo particolare perché considera quelle variazioni intervenute nel
patrimonio aziendale che hanno rappresentato uno spostamento di valori tra gruppi e che quindi non
hanno avuto alcun effetto sul CCN. Ad esempio, la conversione di una quota in scadenza di un
prestito obbligazionario convertibile in nuove azioni porta ad un incremento del capitale proprio ed
una corrispondente riduzione delle passività consolidate, senza che questo comporti né un impiego e
né tantomeno una fonte di nuove risorse finanziarie. E’ evidente che questa informazione è molto
rilevante, perché altrimenti si finirebbe per includere tra le variazioni che hanno modificato il CCN
anche quelle che in realtà hanno avuto un impatto nullo.
7

Nel redigere quindi il rendiconto del CCN, occorre non solo valutare le variazioni integrali
intervenute nei componenti del patrimonio aziendale ma anche individuare quella parte di queste
variazioni che non ha avuto alcun impatto sul CCN. Il secondo aspetto che è importante notare
riguarda il posto di rilievo assegnato nella Parte I alle Risorse generate (o assorbite) dalla
gestione reddituale. Invece di considerare il risultato dell’esercizio n, giustamente si osserva che
esso è il risultato netto di un flusso di componenti negativi e positivi del reddito. E’ molto più
informativo considerare come questi componenti hanno influito sulle variazioni del CCN, piuttosto
che limitarsi alla considerazione del loro impatto netto. Quindi non è l’utile (o la perdita)
d’esercizio che deve essere preso in considerazione, ma piuttosto i costi ed i ricavi d’esercizio che
hanno influito sulle variazioni del CCN.

Come redigere il rendiconto finanziario delle variazioni del CCN


Non esiste un procedimento obbligatorio che porti alla redazione del rendiconto del CCN; di solito
è utile partire da uno SP riclassificato a stati comparati e poi predisporre un prospetto preparatorio
che consenta di effettuare anche dei controlli sui valori considerati. Lo SP riclassificato è importante
perché consente di raggruppare gli elementi che fanno parte del CCN e di inserire le altre voci dello
SP in gruppi omogenei dal punto di vista finanziario. Il prospetto che è consigliabile usare è il
seguente:

Variazioni Variazioni Variazioni Fonti Impiegh


nette integrali da del i del
escludere CCN CCN
Im  Acquisti ▄
 Vendite ▄

 Ammortamenti ▄

 Minusvalenze da realizzo (vendita) ▄



 Plusvalenze da realizzo (vendita)

 Costruzioni interne

 Rivalutazioni e svalutazioni

 Apporti per aumenti di capitale

 Assegnazione ai soci

 Acquisizione in seguito a fusioni

 Acquisizioni di partecipazioni mediante
conversione di obbligazioni o altre azioni
Pc  Accensioni di nuovi prestiti ▄
 Rimborso quote di prestiti ▄

 Accantonamenti a medio/lungo termine ▄

 Conversione obbligazioni convertibili ▄

Cp  Acquisto e annullamento azioni proprie ▄


 Aumenti di capitale a pagamento ▄

 Aumenti di capitale gratuiti ▄

 Aumenti per accantonamento utili ▄



 Aumenti con apporti non a breve

 Riduzioni con assegnazioni non a breve
8

 Riduzioni per copertura perdite ▄


Rn  Dividendi per l’esercizio n – 1 ▄
 Reddito esercizio n -1 non distribuito ▄

La colonna delle Variazioni nette ha una funzione di controllo, infatti la somma algebrica delle
Variazioni integrali deve sempre essere uguale al valore delle Variazioni nette. Lo SP riclassificato a
stati comparati consente di determinare facilmente le Variazioni nette.

Il segno da attribuire agli importi delle Variazioni integrali è positivo per variazioni in aumento e
negativo per variazioni in diminuzione. Per gli analisti esterni, le informazioni necessarie per
determinare queste variazioni sono reperibili nella Nota Integrativa che presenta, tra l’altro, il
prospetto delle Variazioni intervenute nelle immobilizzazioni materiali e immateriali ed il prospetto
delle Variazioni intervenute nel patrimonio netto.

Nella colonna delle Variazioni da escludere devono essere inserite quelle variazioni che non
riguardano il CCN, come per esempio l’apporto di immobilizzazioni da parte di soci per aumenti di
capitale che modifica le immobilizzazioni (impiego) ed il capitale proprio (fonte) senza modificare
il CCN. Inoltre, fanno parte delle Variazioni da escludere tutte quelle che hanno una loro origine
nella formazione del reddito dell’esercizio n. E’ questo il caso, per esempio, delle Plusvalenze (o
delle Minusvalenze) da realizzo, che vengono conseguite nel caso di vendita di immobilizzazioni
materiali o immateriali a valori superiori (o inferiori) a quelli contabili. E’ chiaro che il maggiore (o
minore) ricavo conseguito nella vendita, e quindi il maggiore (o minore) credito conseguito, è già
compreso nella variazione rilevata con la vendita delle immobilizzazioni, mentre l’incremento (la
diminuzione) di valore delle immobilizzazioni registrato dalle Plusvalenze (Minusvalenze) non
assorbe (genera) risorse per il CCN. Altro esempio significativo è rappresentato dagli
ammortamenti che, pur indicando una diminuzione di valore delle immobilizzazioni, non
producono alcun incremento del CCN, come invece avviene per le diminuzioni delle
immobilizzazioni dovute a vendite. Infine, gli accantonamenti a medio/lungo termine, come quelli
che si riferiscono alle quote maturate a favore dei lavoratori nei Debiti TFR, incrementano le
passività consolidate ma ad essi non corrisponde un incremento delle liquidità.

Completati gli inserimenti nella colonna delle Variazioni da escludere, il prospetto richiede
l’inserimento tra le fonti e gli impieghi degli importi che non sono stati esclusi.

Nel prospetto non viene considerato il contributo della gestione reddituale dell’esercizio n alle
variazioni del CCN, infatti è presente solo il reddito dell’esercizio n – 1. Mentre l’analisi relativa
all’impatto del reddito dell’esercizio n – 1 si riduce alla determinazione della quota di utile che è
stata distribuita ai soci ed alla parte rimanente che è stata accantonata alle riserva o utilizzata per
aumenti gratuiti del capitale sociale, l’analisi della relazione che sussiste tra il reddito dell’esercizio
n e le variazioni del CCN è meno semplice. Occorre infatti individuare i componenti del reddito che
hanno generato risorse finanziarie (aumenti del CCN) e i componenti che hanno assorbito risorse
finanziarie (diminuzioni del CCN). Per fare ciò si fa riferimento alla nozione di costi e ricavi
monetari. Sono considerati monetari tutti quei costi e ricavi che hanno comportato variazioni del
CCC. Esempi tipici di costi e ricavi monetari sono gli acquisti e le vendite di merci, mentre esempi
tipici di costi e ricavi non monetari sono gli ammortamenti e gli incrementi delle immobilizzazioni
per lavori interni.

Un elemento dei componenti del reddito richiede una particolare attenzione: l’accantonamento TFR.
La quota di accantonamento TFR maturata nel corso dell’anno a favore dei lavoratori sembrerebbe
un costo non monetario in quanto ad essa non corrisponde alcuna uscita o debito a breve termine. In
9

realtà, una parte di questa quota non viene accantonata ai Debiti TFR perché corrisponde ad una
imposta sostitutiva (la ritenuta fiscale sulla rivalutazione del debito preesistente) che costituisce un
debito tributario a breve termine per l’impresa. Quindi è soltanto la quota di accantonamento TFR al
netto dell’imposta sostitutiva che costituisce un costo non monetario. Inoltre, una quota del costo
per l’accantonamento al TFR può corrispondere al TFR maturato e liquidato nel corso dell’anno per
cessazione del rapporto di lavoro, questa quota è quindi da classificare come costo monetario.

Nel Conto Economico che segue è riportata la classificazione le voci di costo e di ricavo più
comuni.

Conto economico riclassificato per la determinazione dei flussi monetari


Costi monetari Ricavi monetari
 Costi di acquisto materie  Ricavi di vendita prodotti
 Costi per servizi  Incremento rimanenze prodotti e semilavorati
 Costi per godimento di beni di terzi  Proventi finanziari
 Salari e stipendi
 Oneri sociali
 Quota TFR maturata e pagata
 Quota TFR corrispondente all’imposta sostitutiva
sulla rivalutazione delle quote pregresse
 Svalutazione crediti
 Decremento rimanenze materie prime
 Oneri finanziari
 Imposte sul reddito

Totale costi monetari Totale ricavi monetari


Costi non monetari Ricavi non monetari
 Accantonamento TFR al netto della quota  Incrementi di immobilizzazioni per lavori interni
pagata e dell’imposta sostitutiva  Plusvalenze
 Ammortamenti
 Accantonamento per rischi
 Minusvalenze

Totale costi non monetari Totale ricavi non monetari


Utile d’esercizio

Dal prospetto si può rilevare la seguente relazione:

Costi monetari + Costi non monetari + Utile d’esercizio = Ricavi monetari + Ricavi non monetari

Quindi per determinare il flusso generato dalla gestione reddituale si può procedere come segue:

Costi monetari – Ricavi monetari = Costi non monetari + Utile d’esercizio – Ricavi non monetari

Esistono quindi due procedimenti alternativi, anche se equivalenti, per determinare il flusso di CCN
generato dalla gestione reddituale: il lato sinistro dell’uguaglianza viene indicato come
procedimento diretto, mentre il lato destro viene indicato come procedimento indiretto.