Sei sulla pagina 1di 2

Corso di Pedagogia Musicale A.A.

2019/2020

Commento Sulla UDA Tra Musica e Lettura

Studente Federico Antonio Sanna

Matricola 7047

Il titolo che è stato scelto dal gruppo per l’Unità di Apprendimento è “Tra musica e Lettura”: con
questo titolo si è voluto rendere chiaro immediatamente che lo scopo di questo elaborato sarebbe
stato di trovare dei nessi tra la lettura di un libro, in questo caso “Il meraviglioso mago di Oz”, e la
musica che meglio avrebbe potuto accompagnare delle determinate scene.

Inoltre l’unità di apprendimento da noi progettata è Interdisciplinare, che vede come caratteristica
principale la collaborazione tra diverse discipline con i loro rispettivi docenti. Nel nostro caso i
docenti che si sono affiancati per la riuscita del lavoro sono di Musica e di Italiano.

Questo tipo di didattica risulta essere molto più vantaggiosa, in quanto gli allievi sono costretti a
trovare il nesso tra più discipline per riuscire a risolvere un quesito o una problematica che gli viene
posta, lavorando in questo modo sulle proprie competenze.

L’Unità di Apprendimento è pensata per ragazzi di un’ipotetica classe della Scuola Secondaria di
Primo Grado e ha una durata totale di 10 ore tra Musica e Italiano. Viene inoltre assegnata la lettura
dell’intero libro “Il meraviglioso Mago di Oz” da svolgere singolarmente, al di fuori dell’ambiente
scolastico, in due settimane.

La metodologia didattica utilizzata per questa Unità di Apprendimento è la Cooperative Learning,


infatti, allo scadere del tempo dato per la lettura del libro, gli studenti sono stati invitati a decidere
in autonomia la divisione dei gruppi di lavoro, che in questo caso sono stati cinque da quattro
persone. Questo comporta una maggiore responsabilità da parte degli allievi, che vengono chiamati
a collaborare insieme, per la riuscita di un prodotto finale.

Nelle prime sei ore viene chiesto agli allievi, ormai divisi in gruppi, di analizzare ciò che hanno
letto cercando di individuare le scene per loro più significative a cui poter abbinare delle musiche
adatte per accompagnare la lettura.

Nelle successive due ore, invece, gli allievi vengono chiamati ad esporre alla classe e al docente le
proprie idee e il loro prodotti leggendo gli estratti, da loro scelti in precedenza, con le musiche da
loro scelte come “colonna sonora” (in questo lavoro non è stato dato un repertorio di riferimento ma
i ragazzi sono stati liberi di scegliere in autonomia). Questa metodologia risulta essere molto
efficace per migliorare le capacità di esposizione e di comunicazione dei ragazzi.

Nell’ultima ora dedicata a questa Unità di Apprendimento si invitano gli alunni a una riflessione
collettiva sui lavori svolti dal proprio gruppo e quello dei compagni, con l’intento di affinare le
proprie capacità di confronto e di ragionamento.
Dopo aver diviso il lavoro nelle cinque fasi il nostro gruppo ha proseguito con la scelta e
l’inserimento delle Competenze Chiave per l’apprendimento permanente proposte dal Parlamento
Europeo e dal consiglio dell’Unione Europea nella Raccomandazione del 18 Dicembre 2006:

- Comunicazione nella Madre lingua

In quanto agli alunni è stato chiesto di comprendere e di analizzare un testo narrativo e di esporre i
propri lavori davanti agli altri compagni argomentando le loro tesi nel modo più fluido e corretto
possibile.

- Competenze sociali e civiche

In quanto agli alunni è stato chiesto di autogestirsi nella divisione in gruppi, cooperando e
confrontando le proprie idee per la buona riuscita del prodotto finale.

- Senso di iniziativa e di imprenditorialità

In quanto agli alunni è stato chiesto di prendere decisioni approvate, dopo un confronto, dall’intero
gruppo per poi argomentare con giudizio le proprie scelte.

- Imparare a imparare

Perché ogni singolo ragazzo che fa parte del gruppo è tenuto a raccogliere informazioni e
riorganizzarle per la buona riuscita del lavoro.

- Consapevolezza ed espressione Culturale

Perché è tenuto a conoscere alcune tra le principali forme di espressione letterarie ed artistica,
condividere i proprio pareri artistici e associare un evento musicale ad una scena letteraria.