Sei sulla pagina 1di 341

Legge Regionale 30.7.97 n.

56

VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI LOCALI


PROGRAMMA VEL

ISTRUZIONI TECNICHE
PER LE INDAGINI GEOLOGICO-TECNICHE,
LE INDAGINI GEOFISICHE E GEOTECNICHE, STATICHE E
DINAMICHE, FINALIZZATE ALLA VALUTAZIONE DEGLI
EFFETTI LOCALI NEI COMUNI
CLASSIFICATI SISMICI DELLA TOSCANA

VOLUME 1
Criteri, metodologie,
modalità di presentazione delle indagini e degli elaborati

“PROGETTO VEL” IN GARFAGNANA, LUNIGIANA,


VALTIBERINA, CASENTINO, MUGELLO
ED AMIATA

DIREZIONE GENERALE POLITICHE TERRITORIALI E AMBIENTALI


SETTORE SERVIZIO SISMICO REGIONALE

OTTOBRE 2004
Legge Regionale 30.7.97 n.56

VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI LOCALI


PROGRAMMA VEL

ISTRUZIONI TECNICHE
PER LE INDAGINI GEOLOGICO-TECNICHE,
LE INDAGINI GEOFISICHE E GEOTECNICHE, STATICHE E
DINAMICHE, FINALIZZATE ALLA VALUTAZIONE DEGLI
EFFETTI LOCALI NEI COMUNI
CLASSIFICATI SISMICI DELLA TOSCANA

VOLUME 1
Criteri, metodologie,
modalità di presentazione delle indagini e degli elaborati

“PROGETTO VEL” IN GARFAGNANA, LUNIGIANA,


VALTIBERINA, CASENTINO, MUGELLO
ED AMIATA

DIREZIONE GENERALE POLITICHE TERRITORIALI E AMBIENTALI


SETTORE SERVIZIO SISMICO REGIONALE

OTTOBRE 2004
Prima edizione: 15 Dicembre 1998- Delibera GRT n. 1629 del 28/12/98
Seconda edizione: 15 Dicembre 2000- Delibera GRT n. 1343 del 18/12/00
Terza edizione: 1 Luglio 2002- Decreto Dirigenziale n. 3273 del 2/7/02
Terza edizione Bis: 2 Settembre 2002- Decreto Dirigenziale n. 4592 del 9/09/02
Quarta edizione: 20 Novembre 2003 – Decreto Dirigenziale n. 6842 del 20/11/03
Quinta edizione: 12 Ottobre 2004 – Decreto Dirigenziale n.6004 del 12/10/04
INDICE

Introduzione........................................................................................................ 7
Il Programma VEL ............................................................................................ 16
Introduzione .................................................................................................. 16
Le attività ...................................................................................................... 19
Le fasi del programma VEL .......................................................................... 20

Istruzioni tecniche (IT) per le indagini geologico-tecniche a scala 1:5.000 e


1:2.000, per le indagini geofisiche e geotecniche, statiche e dinamiche,
finalizzate alla valutazione degli effetti locali nei comuni classificati sismici ..... 25
Obiettivi generali ........................................................................................... 25
Destinatari..................................................................................................... 25
Struttura ........................................................................................................ 25

PARTE I ........................................................................................................... 29
Indagini geologiche .......................................................................................... 29
I.1 Obiettivi specifici ...................................................................................... 29
I.2 Dominio di applicazione ........................................................................... 29
I.3 Acquisizione dei dati geologici, geomorfologici e litologico-tecnici........... 29
I.3.1 Dati geologici..................................................................................... 29
I.3.2 Dati geomorfologici............................................................................ 30
I.3.3 Dati litologico-tecnici.......................................................................... 31

PARTE II .......................................................................................................... 33
Indagini geofisiche............................................................................................ 33
II.1 Obiettivi specifici ..................................................................................... 33
II.2 Finalità delle indagini geofisiche ............................................................. 33
II.2.1. Criteri generali per la programmazione delle indagini geofisiche .... 33
II.3 Metodi di indagine disponibili .................................................................. 34

PARTE III ......................................................................................................... 37


Indagini geotecniche ........................................................................................ 37
III.1 Obiettivi specifici .................................................................................... 37
III.2 Finalità delle indagini geotecniche ......................................................... 37
III.3 Criteri generali per la programmazione delle indagini geotecniche........ 38
III.4 Metodi di indagine disponibili ................................................................. 40

PARTE IV ......................................................................................................... 43
Istruzioni per la redazione della Relazione geologico- tecnica e illustrazione dei
risultati delle indagini a livello comunale........................................................... 43
IV.1 Premessa .............................................................................................. 43
IV.2 Note esplicative degli elaborati cartografici ........................................... 43
IV.2.1 Carta geologica............................................................................... 44
IV.2.2 Carta geomorfologica...................................................................... 55
IV.2.3 Carta litologico-tecnica.................................................................... 65
IV.2.4 Carta delle Zone a Maggiore Pericolosità Sismica Locale (ZMPSL)73
IV.3 Note esplicative e risultati delle indagini geofisiche e geotecniche........ 81
Appendice A Indagini geotecniche convenzionali........................................... 83

3
Appendice A.1 Sondaggi .................................................................................. 85
A1.1 Perforazioni di sondaggio ..................................................................... 85
A1.2 Sondaggi .............................................................................................. 89
A1.2.1 Stratigrafia del sondaggio: modulo per la compilazione, simbologie e
specifiche tecniche..................................................................................... 83
A1.2.1.1 Sondaggi in terre ....................................................................... 91
A1.2.1.2 Sondaggi in roccia ..................................................................... 98
A1.3 Scavi superficiali e trincee d'ispezione ............................................... 112
A1.4 Prelievo di campioni ..................................................................................... 112
A1.5 Chiusura e sistemazione finale dei fori ............................................... 115

Appendice A2 Prove in sito .......................................................................... 117


A2.1 Prove penetrometriche dinamiche S.P.T. ........................................... 117
A2.2 Prove Penetrometriche Statiche (CPT, CPTU, SCPT) ....................... 121
A2.3 Prove penetrometriche dinamiche (DPT) ........................................... 127
A2.4 Prove Scissometriche (Vane Test) ..................................................... 130
A2.5 Prova Dilatometrica (DMT) ................................................................. 131
A2.6 Prove Pressiometriche con Pressiometro Autoperforante (SBPT) ..... 134
A2.7 Prove di Carico su piastra .................................................................. 136
A2.8 Specifiche tecniche per la posa in opera di piezometri....................... 140

Appendice A3 Prove di laboratorio ............................................................... 143


A3.1 Generalità........................................................................................... 143
A3.2 Prove di classificazione ...................................................................... 143
A3.2.1 Analisi granulometrica e limiti di Atterberg ................................... 144
A3.3 Prova di compressione edometrica .................................................... 144
A3.4 Prove per la determinazione della resistenza al taglio........................ 145
A3.4.1 Prova di compressione ad espansione laterale libera.................. 145
A3.4.2 Prova di compressione triassiale ................................................. 145
A3.4.3 Prova di taglio diretto ................................................................... 147
A3.5 Correlazioni tra parametri geotecnici statici e dinamici....................... 147

Appendice B Parametrizzazioni fisico-meccaniche in campo dinamico:


Indagini geofisiche e prove di laboratorio ....................................................... 151
Appendice B.1 Specifiche tecniche per le prove dinamiche in sito................ 153
B.1.1 Generalità ......................................................................................... 153
B.1.2 Prescrizioni per le indagini di sismica a rifrazione............................. 157
B.1.2.1 Prove di caratterizzazione basate sulla propagazione di onde
sismiche rifratte P e SH ....................................................................... 157
B.1.2.2 Prove di caratterizzazione basate sulla propagazione di onde
sismiche rifratte P mediante uso di esplosivo ...................................... 166
B.1.3 Sismica a riflessione.......................................................................... 174
B.1.3.1 Prescrizioni tecniche per l’acquisizione di linee sismiche a
riflessione ad alta risoluzione con onde P ............................................... 176
B1.3.2 Prescrizioni tecniche per l’acquisizione di linee sismiche a
riflessione ad alta risoluzione con onde SH............................................. 179
B.1.4 Prova Cross-Hole (CH)...................................................................... 183
B.1.5 Prova Down-Hole (DH)...................................................................... 193

4
B.1.6 Prove di caratterizzazione basate sulla propagazione di onde sismiche
di superficie................................................................................................. 207
B.1.6.1 Prova «Spectral Analysis Surface Wave» (SASW)..................... 210
B.1.6.2 Prova Multicanale FK.................................................................. 212
B.1.7 Prova del cono sismico (Seismic Cone Penetration Test) ................. 215
B.1.8 Metodo “Suspension P-S Velocity Logging” ...................................... 225
B.1.9. Tomografia Sismica.......................................................................... 231

Appendice B.2 Specifiche tecniche per le prove di laboratorio finalizzate alle


analisi sismiche .............................................................................................. 241
B.2.1 Prova di colonna risonante e di taglio torsionale ciclico..................... 243
B.2.2 Prova triassiale non convenzionale con misura locale delle
deformazioni ............................................................................................... 249

Appendice C Relazione Geologico- tecnica:


Modalità di presentazione............................................................................... 253
Appendice C.1 Informazioni standard relative ai sondaggi da indicare
nella relazione geologica ................................................................................ 255

Appendice C.2 Informazioni standard relative alle prove in sito e in laboratorio


da indicare nella relazione geologica.............................................................. 261
C.2.1 Prove penetrometriche statiche e dinamiche .................................... 263
C.2.2 Prospezioni elettriche ........................................................................ 265
C.2.3 Prove sismiche superficiali ................................................................ 266
C.2.4 Prove tomografiche (in foro o in superficie)....................................... 267
C.2.5 Prove sismiche in foro ....................................................................... 268
C.2.6 Prove di laboratorio (indici e statiche) ............................................... 270
C.2.7 Prove di laboratorio (dinamiche) ....................................................... 272

Appendice C.3 Criteri per la delimitazione delle aree per la realizzazione della
cartografia geologica, geomorfologica, litologico-tecnica e delle zone a
maggiore pericolosita’ sismica locale in scala 1:2.000 e 1:5.000
e scheda per la selezione dell’area di indagine .............................................. 273

Appendice C.4 Modalita’ di presentazione dei risultati delle indagini di


sismica a rifrazione......................................................................................... 291

Appendice C.5 Modalita’ di presentazione dei risultati delle indagini geofisiche in


foro (Down-Hole)…………………………………………………………………323

Appendice D
Legenda per la carta delle zone a maggiore pericolosità sismica locale (ZMPSL)
Scala 1:5000- 1:2000 …………………………………………………323

5
INTRODUZIONE

Con il termine rischio sismico vengono identificati e valutati (espressi come


danni attesi), gli effetti prodotti da un terremoto atteso, su un dato territorio in un
determinato intervallo di tempo.

I fattori che concorrono alla definizione del Rischio Sismico sono: la pericolosità
di base, la pericolosità locale, la vulnerabilità degli edifici e del sistema urbano,
l’esposizione.

La pericolosità sismica di base è intesa come la misura dello scuotimento al


suolo atteso in un dato sito ed è legata alle caratteristiche sismotettoniche, alle
modalità di rilascio dell’energia alla sorgente, alla propagazione delle onde
sismiche dalla sorgente al sito.

La pericolosità sismica locale è la misura dello scuotimento al sito che in


relazione alle caratteristiche geologiche, geomorfologiche, morfometriche e
geotecniche locali può differire dallo scuotimento di base.

In occasione di eventi sismici si sono evidenziati effetti generalmente indicati


come effetti locali, connessi a particolari condizioni geologico morfologiche, che
hanno prodotto danni anche molto diversificati su edifici di caratteristiche
strutturali analoghe, anche a distanze di poche decine di metri.

Gli elementi che influiscono nella variazione della risposta sismica locale
producendo effetti localmente differenziati (effetti locali), a livello qualitativo
sono: la topografia, la litologia dei terreni, la morfologia sepolta, il contatto tra
litotipi differenti, il comportamento anelastico dei suoli, la liquefazione, la
risonanza dei terreni, le faglie e fagliazioni.

Nelle aree che presentano particolari condizioni morfologiche (creste rocciose,


cocuzzoli, dorsali, scarpate, etc.), possono verificarsi focalizzazioni dell’energia
sismica incidente con conseguente esaltazione dell’ampiezza delle onde.

Analoghi fenomeni si possono avere alla superficie di depositi alluvionali e di


falde di detrito, anche per spessori di poche decine di metri, per effetto della
riflessione multipla e di interferenza delle onde sismiche entro il deposito
stesso.

Danni consistenti possono verificarsi quando la frequenza di risonanza di un


terreno (depositi alluvionali, falde di detrito) raggiunta durante un evento
sismico corrisponde a quella propria dell’edificio.

Altri casi di modificazione del comportamento sismico dei terreni sono quelli che
producono deformazioni permanenti e/o cedimenti dovuti alla liquefazione dei
depositi sabbiosi saturi d’acqua o a densificazione dei terreni granulari sopra la
falda.

7
Infine sono da sottolineare i problemi connessi con fenomeni di stabilità di vario
tipo con attivazione e riattivazione di frane potenziali o quiescenti e crolli di
massi da pareti rocciose.

Il primo passo di un programma di prevenzione e di mitigazione degli effetti di


un terremoto è l’individuazione delle zone a più elevata pericolosità sia di base
che locale.

La definizione della pericolosità di base comporta la raccolta e l’interpretazione


di una grande quantità di informazioni riguardanti la sismicità regionale e la
sismo-tettonica.

La definizione della pericolosità locale comporta:


- l’acquisizione di informazioni relative agli effetti locali dei terremoti storici,
- la conoscenza delle condizioni locali (dati topografici, dati territoriali, faglie e
discontinuità, classi di litotipi, dati sismostratigrafici e geotecnici);

E’ altresì necessario organizzare la gran mole di dati che si ricavano dalle


indagini per la messa a punto di procedure per l’acquisizione di dati omogenei,
per la loro archiviazione e per la loro rappresentazione cartografica (banche dati
geografiche - GIS).

Le normative, italiana ed internazionale, considerano alcune situazioni locali


tipo per la valutazione dei parametri progettuali da adottare per tener conto
della modificazione delle azioni sismiche di progetto.

Dal 1986 la normativa sismica nazionale ha introdotto il coefficiente di


fondazione ε che rappresenta un fattore moltiplicativo delle azioni sismiche che
tiene conto delle condizioni locali dei terreni.

Più precisamente tale coefficiente (D.M. 16/1/96- punto C.6) è in genere uguale
ad 1, ma deve essere incrementato da 1 a 1,3 in presenza di depositi
alluvionali di spessore variabile da 5 a 20 m, soprastanti terreni coesivi con
maggiori caratteristiche meccaniche.
Si evidenzia peraltro che nel corso degli ultimi eventi sismici sono state
condotte campagne di registrazioni che hanno consentito di valutare che i valori
di amplificazione sono stati superiori a quelli previsti dalla normativa
raggiungendo valori di 1,7-1,8 ed in qualche caso anche superiori.
Il coefficiente ε è un fattore moltiplicativo delle azioni sismiche che non cambia
la forma dello spettro di risposta indicato dalla vigente normativa sismica e
illustrato in fig. 1.

8
Fig.1: Grafico del coefficiente di risposta secondo la normativa D.M.16/1/96

In questa direzione è stata formulata dal Gruppo Nazionale Difesa dai Terremoti
GNDT/CNR nel 1984 una proposta di integrazione alla vigente normativa
sismica in cui si individuano due diversi tipi di terreno e i relativi spettri di
risposta elastica (vedi fig.2).
Nell’ambito della normativa europea EC8., con la bozza del Dicembre 2001, si
individuano cinque situazioni sismo- stratigrafiche locali tipo e i relativi spettri di
risposta e si indicano ulteriori due situazioni che necessitano di studi più
approfonditi. Si prevede inoltre la possibilità di adottare due differenti spettri di
risposta elastica in funzione della massima magnitudo attesa.

L’aspetto importante di questa normativa europea è quello di definire e di


valutare l’amplificazione sismica dei terreni in termini della velocità delle onde di
taglio Vs.
In questa direzione già da alcuni anni si sta muovendo la Regione Toscana
attraverso il Programma di valutazione effetti locali, nell’ambito del quale è stata
sviluppata una metodologia di valutazione degli effetti locali basata su misure
sistematiche delle velocità delle onde sismiche trasversali effettuate con varie
metodologie (sismica a rifrazione con onde di taglio SH, downhole)

9
Fig.2- Proposta GNDT/CNR, 1984: Spettro di risposta elastica (Re) per due tipi
di terreno

3
Re(T)

S 2

1
S 1

0 1 2 3
Periodo T, secondi

Tipi di suolo Velocità onde S


Roccia lapidea, con eventuale strato Vs> 700 m/s entro la profondità di interesse per le
S1 superficiale di alterazione o copertura di fondazioni dell’edificio
spessore massimo 5 m circa.
Depositi di sabbie e ghiaie addensate e/o (aumento graduale della velocità con la profondità)
terreni coesivi compatti, senza substrato a forte 250m/s < Vs < 500m/s per profondità tra 5 e 30 m
contrasto di proprietà meccaniche entro i primi 350m/s < Vs < 700m/s per profondità maggiori di 50
90 m circa della superficie m
S2 Depositi alluvionali profondi da poco a Vs< 250 m/s per profondità tra 5 e 30 m
mediamente addensati Vs< 350 m/s per profondità maggiori di 50 m

Depositi di terreni prevalentemente sabbiosi o Vs < 500 m/s


argillosi, con spessore compreso tra 30 e 90 m (velocità Vs nel substrato dell’ordine di 1000 m/s o
, poggianti su un substrato a forte contrasto di più)
proprietà meccaniche

10
LA NUOVA NORMATIVA SISMICA NAZIONALE ADOTTATA CON ORD.
P.C.M. 3274 DEL 20/03/2003

La normativa, entrata in vigore l’8 maggio 2003, ha definito la nuova


classificazione sismica del territorio nazionale e le nuove norme tecniche per le
costruzioni in zona sismica. Le filosofia della normativa propone l’adozione di un
sistema normativo coerente con l’EC8, al fine di abbandonare il carattere
convenzionale e prescrittivo della precedente normativa e favorendo
un’impostazione prestazionale, con un’esplicita dichiarazione degli obiettivi della
progettazione e una giustificazione delle metodologie utilizzate (procedure di
analisi strutturale e dimensionamento degli elementi). L’utilizzo di un sistema
normativo coerente con l’EC8 comporta la definizione del “grado di sismicità”
delle diverse zone del territorio nazionale, con riferimento ai valori di
accelerazione al suolo.
L’intero territorio nazionale viene suddiviso in quattro zone sismiche (ex
categorie), in relazione ai valori di accelerazione di picco.
Le “Norme tecniche” indicano 4 valori di accelerazioni (ag/g) di ancoraggio dello
spettro di risposta elastico e le norme progettuale e costruttive da applicare;
pertanto, il numero delle zone è fissato in 4.
Ciascuna zona sarà individuata secondo valori di accelerazione massima del
suolo, con probabilità di superamento del 10% in 50 anni, secondo lo schema
seguente:

ZONA ag
1 0.35g
2 0.25g
3 0.15g
4 0.05g

Per quanto riguarda la Regione Toscana le novità principali sono le seguenti


(Fig.3):

• n.182 comuni attualmente classificati sismici di 2^ categoria (S=9) sono tutti


confermati in zona 2;

• n. 4 nuovi comuni della provincia di Arezzo (Castel San Niccolò, Ortignano


Raggiolo, Poppi e Pratovecchio) che non erano classificati sismici, sono
inseriti per la prima volta in zona 2;

• sono inseriti in zona 3 e 4 rispettivamente n. 77 e n. 24 comuni che


precedentemente non erano classificati sismici, sulla base delle indicazioni
fornite dalla "Proposta 1998";

11
Attuale classificazione sismica per la regione Toscana
D. M. 19/06/1982
PONTREMOLI

FILATTIERA
#

ZERI BAGNONE
#

#
COMANO #

MULAZZO #

VILLAFRANCA
#

IN LUNIGIANA LICCIANA NARDI


#

SILLANO
TRESANA #

FIVIZZANOCASOLAGIUNCUGNANO
#

PODENZANA VILLA COLLEMANDINA


#
IN LUNIGIANA PIAZZA AL SERCHIO #

AULLA
#
#

SAN ROMANO CASTIGLIONE


MINUCCIANO IN GARFAGNANA DI GARFAGNANA
#

# #

PIEVE FOSCIANA FIRENZUOLA


# #

CAMPORGIANO #
#

FOSDINOVO FOSCIANDORA ABETONE #


# #
#
CASTELNUOVO
VAGLI SOTTO #
CUTIGLIANO #
PALAZZUOLO SUL SENIO
DI GARFAGNANA # # #
#

CAREGGINE BARGA SAN MARCELLO SAMBUCA #

MOLAZZANA PISTOIESE PISTOIESE MARRADI


CARRARA COREGLIA #
#
VERNIO
# ANTELMINELLI # # #

GALLICANO
#

MASSA #

VERGEMOLI #

CANTAGALLO BARBERINO DI MUGELLO


#
#
# FABBRICHE BAGNI DI LUCCA PITEGLIO SCARPERIA
MONTIGNOSO STAZZEMA DI VALLICO # #
#

SERAVEZZA #
#
#

# BORGO SAN LORENZO


FORTE DEI MARMI PESCAGLIA BORGO A MOZZANO VAIANO #

# PISTOIA #
#

SAN GODENZO
#
MARLIANA MONTALE SAN PIERO A SIEVE VICCHIO
PIETRASANTA VILLA BASILICA #
#
#
#

CAMAIORE
# #

MASSA E COZZILE MONTEMURLO #

#
SERRAVALLE PISTOIESE DICOMANO # #

VAGLIA # # # # #

MONTECATINI-TERME AGLIANA PRATO CALENZANO PESCIA


#

UZZANO PIEVE A NIEVOLELUCCA # #

MASSAROSA BUGGIANO LONDA # #


#
#

MONSUMMANO TERME
#

SESTO FIORENTINO
#
# #

VIAREGGIO PORCARI
MONTECARLO PONTE BUGGIANESE QUARRATA
#
# #

CAMPI BISENZIO #
RUFINA STIA #
#
#

CAPANNORI CHIESINA LARCIANO POGGIO A CAIANO FIESOLE PONTASSIEVE PRATOVECCHIO # #


#

UZZANESE LAMPORECCHIO #
#
#

CARMIGNANO SIGNA
#

ALTOPASCIO FIRENZE
# #

VINCI PELAGO #

VECCHIANO # # #

#
CERRETO GUIDI SCANDICCI #

BAGNO A RIPOLI
#

# CAPRAIA E LIMITE MONTEMIGNAIO POPPI SESTINO #


#

# #

SAN GIULIANO TERME FUCECCHIO LASTRA A SIGNA RIGNANO SULL'ARNO BIBBIENA CHIUSI BADIA TEDALDA #
#
#

BUTI CASTEL DELLA VERNA


#

CASTELFRANCO # #

CALCI # #

MONTELUPO FIORENTINO SAN NICCOLO'


BIENTINA DI SOTTO SANTA CROCE
# #
# # # #

IMPRUNETA REGGELLO PIEVE SANTO STEFANO #

PISA SULL'ARNO EMPOLI #

CHITIGNANO
# #

VICOPISANO SANTA MARIA INCISA IN VAL D'ARNO


#
#
# # #

A MONTE SAN MINIATO # ORTIGNANO RAGGIOLO #

CAPRESE MICHELANGELO
# #

CASCINA CALCINAIA
#

MONTOPOLI PIAN DI SCO' # #


#

CASTEL FOCOGNANO
#

MONTESPERTOLI #

PONTEDERA IN VAL D'ARNO


#

SAN CASCIANO CASTELFRANCO DI SOPRA #

PONSACCO CASTELFIORENTINO IN VAL DI PESA TALLA #

PALAIA FIGLINE VALDARNO #


LORO CIUFFENNA SANSEPOLCRO #

GREVE IN CHIANTI SAN GIOVANNI CAPOLONA


#
#
#

COLLESALVETTI CAPANNOLI SUBBIANO


# #

CRESPINA
#
# VALDARNO #
#

LARI TAVARNELLE VAL DI PESA TERRANUOVA #

MONTAIONE CERTALDO
#
#
# #

FAUGLIA BRACCIOLINI CASTIGLION FIBOCCHI ANGHIARI


# #

LORENZANA
# PECCIOLI CAVRIGLIA #
#
# #

LIVORNO TERRICCIOLA GAMBASSI TERME BARBERINO VAL D'ELSA


#
LATERINA
#
#
#

MONTEVARCHI # #

RADDA IN CHIANTI
#

CASCIANA TERME MONTERCHI


#

ORCIANO PISANO PERGINE VALDARNO #

CHIANNI SAN GIMIGNANO#


AREZZO
#
#

BUCINE
# # # #
#

LAJATICO POGGIBONSI #
GAIOLE IN CHIANTI
# #

SANTA LUCE
CASTELLINA IN CHIANTI
ROSIGNANO CIVITELLA IN VAL DI CHIANA
MARITTIMO VOLTERRA #
#

COLLE DI VAL D'ELSA #

CASTELLINA MARITTIMA
# #
#
#

MONTECATINI VAL DI CECINA MONTERIGGIONI CASTELNUOVO BERARDENGA CASTIGLION FIORENTINO


RIPARBELLA #
MONTE SAN SAVINO #
#

#
#
MARCIANO DELLA CHIANA
MONTESCUDAIO CASOLE D'ELSA #

#
SIENA RAPOLANO TERME #

CECINA # GUARDISTALLO LUCIGNANO CORTONA


# #
# #

CASALE MARITTIMO
# #
#
FOIANO DELLA CHIANA
POMARANCE SOVICILLE #

ASCIANO
# #

BIBBONA RADICONDOLI #

CASTELNUOVO # SINALUNGA
#

DI VAL DI CECINA MONTERONI D'ARBIA


# TREQUANDA
#

MONTEVERDI MARITTIMO #

# CHIUSDINO # SAN GIOVANNI D'ASSO TORRITA DI SIENA


CASTAGNETO CARDUCCI MURLO #

# MONTIERI
#

#
BUONCONVENTO #

SASSETTA
#
MONTEROTONDO #
MONTICIANO MONTEPULCIANO
MARITTIMO #

PIENZA
SAN VINCENZO SUVERETO #

#
MONTALCINO SAN QUIRICO D'ORCIA
# CHIANCIANO TERME
MASSA MARITTIMA
#
# #

#
# CHIUSI
# CAMPIGLIA MARITTIMA #

CAPRAIA ISOLA CIVITELLA PAGANICO #


# #

ROCCASTRADA # CASTIGLIONE D'ORCIA


SARTEANO #

CETONA
SEGGIANO
PIOMBINO FOLLONICA
#
GAVORRANO #

RADICOFANI
#
#
CINIGIANO CASTEL DEL PIANO #
#
ABBADIA SAN SALVATORE
#

SCARLINO
#
#

234
# #

#
SAN CASCIANO DEI BAGNI
CAMPAGNATICO ARCIDOSSO #

PIANCASTAGNAIO
#

SANTA FIORA

MARCIANA MARINA RIO MARINA


# #
#

# RIO NELL'ELBA GROSSETO #

ROCCALBEGNA
#

# PORTOFERRAIO CASTIGLIONE DELLA PESCAIA # CASTELL'AZZARA


MARCIANA PORTO AZZURRO #
#

CAMPO NELL'ELBA CAPOLIVERI SEMPRONIANO


# #
#

SCANSANO SORANO
# #

PITIGLIANO
MAGLIANO IN TOSCANA
MANCIANO
#
#

CAPALBIO
ORBETELLO #

#
#

MONTE ARGENTARIO

ISOLA DEL GIGLIO


#

2^ categoria (s=9)
Comuni non classificati

Fig. 3: Confronto fra la vigente classificazione sismica e quella del 1982.

Per quanto riguarda l’aspetto legato all’amplificazione dei terreni in relazione


all’azione sismica, la normativa prevede la caratterizzazione geofisica e
geotecnica del profilo stratigrafico del suolo, definendo cinque tipologie di suoli
(Fig. 4) da individuare in relazione ai parametri di velocità delle onde di taglio
mediate sui primi 30 m di terreno (Vs30).

SUOLO DI FONDAZIONE Vs30 NSPT - cu


A
Formazioni litoidi o suoli rigidi >800 m/s

B
Sabbie o ghiaie addensate/ >360 m/s NSPT>50
argille molto consistenti <800 m/s Cu>250 kPa

C
Sabbie e ghiaie mediam. addensate/ >180 m/s 15<NSPT<50
Argille mediam. consistenti <360 m/s 10<cu<250 kPa

D
Terreni granulari sciolti/ NSPT <15
Terreni coesivi da poco a mediam. <180 m/s
Cu<70 kPa
consistenti
Fig.4 – Definizione
E <180 m/s delle categorie di
Strati superficiali alluvionali (5-20 m) >180 m/s
su substrato rigido suolo di
<360 m/s
S1 fondazione
Terreni costituiti o che includono uno <100 m/s
strato di argille >10 m PI>40
S2
Terreni soggetti a liquefazione/
Argille sensitive/
Terreni non classificati in precedenza

12
Il parametro Vs30 viene calcolato utilizzando una media ponderata dei primi 30m
di profondità, mediante la seguente espressione:

30
Vs30 =
hi

i =1, N Vi

Per tutte le categorie di suolo di fondazione presenti vengono riportate in


normativa gli spettri di risposta (Fig.5) e i parametri utilizzati per la costruzione
degli spettri (Fig.6)

Fig. 5 – Spettri di risposta elastica (componente orizzontale)

Fig.6 – Parametri degli spettri di risposta elastica

CATEGORIA SUOLO S TB TC TD
A 1 0,15 0,4 2
B 1,25 0,15 0,5 2
C 1,25 0,15 0,5 2
D 1,35 0,2 0,8 2
E 1,25 0,15 0,5 2

13
La normativa propone di incrementare l’azione sismica al suolo di un fattore di
amplificazione S che tenga conto dell’amplificazione stratigrafica del terreno che
può variare in relazione alla tipologia di suolo di fondazione individuata

Risulta quindi estremamente importante l’individuazione, la corretta


programmazione ed esecuzione di metodologie d’indagine, atte all’acquisizione
del parametro Vs.
Le metodologie per la determinazione delle Vs indicata dalla normativa simica
sono:
1. misure dirette in sito;
2. correlazione con Nspt e Cu.

La derivazione delle Vs dal parametro Nspt risulta, per la maggior parte dei
terreni, fortemente fuorviante, perchè:
1. non è possibile eseguire prove SPT su tutti i tipi di terreno;
2. i valori di Vs ottenuti, tramite questa correlazione, si discostano spesso in
modo eccessivo dai valori misurati in sito.

Inoltre la normativa prevede di individuare le categorie di suolo dal parametro


Nspt direttamente ricavato dalle prove in situ. La normativa però non fornisce
indicazioni sulla modalità di determinazione dello stesso e di attribuzione alle
categorie di suolo. Inoltre non fornisce indicazioni sul modo di gestire
l’eterogeneità di tali parametri in relazione ai depositi di copertura eterogenei.

Per quanto riguarda il parametro Cu, questo è un parametro geotecnico legato


alla resistenza al taglio del materiale in condizioni non drenate e quindi è
fortemente condizionato dal contenuto in acqua del materiale. Inoltre dipende
dalle condizioni in cui viene effettuata la prova e può essere ricavato solo in
terreni coesivi.

La Regione Toscana nell’ambito delle attività di caratterizzazione dei terreni sia


in ambito urbano che nei siti ove sono costruiti gli edifici strategici e rilevanti,
procede all’acquisizione diretta delle Vs ed esclude l’utilizzazione di altre misure
non ritenendole tecnicamente appropriate.

14
15
IL PROGRAMMA VEL

Introduzione

La Regione Toscana ha avviato fin dal 1982 un programma di attività per la


valutazione del rischio sismico regionale ed un altro specifico a scala territoriale
della Garfagnana e Lunigiana (“ Progetto Terremoto”).
Successivamente sono stati avviati programmi specifici a scala territoriale nelle
aree della Valtiberina, Casentino, Amiata e si prevede un’ulteriore estensione
anche nella zona del Mugello.
Tra le molte attività, connesse principalmente alla valutazione della vulnerabilità
degli edifici ed alla realizzazione di interventi PREVENTIVI di adeguamento e
miglioramento sismico di edifici pubblici e privati, solo per le prime si è potuto
fare ricorso ai dati di tipo geotecnico e geofisico, mentre solo in casi limitati si
sono potute avviare iniziative nel settore della valutazione degli effetti locali.

Le metodologie applicate per la valutazione degli effetti locali sono state


prevalentemente di tipo qualitativo ed a basso costo (Carte delle Zone a
Maggiore Pericolosità Sismica Locale) cercando comunque di verificarne e di
valutarne il grado di soggettività e qualità con successive metodologie e
sperimentazioni.

Il programma VEL ha come riferimento legislativo la Legge Regionale n. 56 del


30.07.1997, che prevede interventi sperimentali di prevenzione per la riduzione
del rischio sismico, e riguarda le aree della Garfagnana, della Lunigiana, della
Valtiberina, del Mugello e dell’Amiata.
Il programma “Valutazione Effetti Locali” (VEL) si colloca nell’ambito del
programma Pluriennale di cui all’art.5 dell’Atto di Programmazione negoziata
(AdPN) siglato nel 1997 tra la Regione Toscana ed il Dip. To della Protezione
Civile per l’avvio di interventi di riduzione del rischio sismico in Lunigiana,
Garfagnana e Media Valle del Serchio.
L’area della Garfagnana e della Lunigiana, classificata sismica dal 1927,
comprende 32 comuni e almeno 80 dei più significativi centri urbani dei circa
500 esistenti con una popolazione complessiva di 100.000 abitanti ed un
patrimonio edilizio realizzato dopo il 1946 per il 40 %. I 32 Comuni dell’area
sono tutti classificati in II Categoria (S=9). Il programma prevede un contributo
economico della Regione Toscana verso i Comuni in funzione del rischio
sismico (probabilità di eccedenza dell’intensità dell’VIII grado) e l’adesione dei
Comuni al programma anche attraverso un co-finanziamento compreso tra il 25
e il 30 %.
Al programma VEL hanno aderito 28 comuni e saranno oggetto di indagine tutti
i capoluoghi ed altri 20 centri urbani significativi per un’estensione di circa 3.400
ha.

Il programma VEL nell’area della Valtiberina (AR) nasce in relazione


all’ordinanza del Dip.to della Protezione Civile del 30 gennaio 1998, n.2741 che

16
stabilisce gli interventi urgenti a seguito dei danni causati dalla crisi sismica del
settembre-ottobre 1997, ed all’Ordinanza Commissariale della Regione
Toscana V1/10 del 28/03/02 che stanzia fondi per la realizzazione di indagini
urgenti di microzonazione sismica sui centri interessati, allo scopo di valutare la
possibilità che il rischio sismico sia aggravato da effetti locali di sito e quindi
formulare delle prescrizioni per la ricostruzione.
Anche dopo l’evento sismico del 26 novembre 2002 che ha interessato i
Comuni della Valtiberina e del Casentino ed in relazione alla successiva
ordinanza D.P.C.M. del 29.03.2002 vengono stanziati finanziamenti sui centri
colpiti.
Il programma VEL per la Valtiberina, si inserisce appieno in questo contesto,
mettendo a punto e riprendendo, con opportune modifiche, la metodologia già
utilizzata e sperimentata per la Garfagnana e Lunigiana.
L’area della Valtiberina, classificata sismica dal 1927, comprende 7 comuni, tutti
classificati in II Categoria (S=9).
Al programma VEL hanno aderito tutti e sette questi comuni: saranno oggetto di
indagine tutti i capoluoghi ed altri 28 centri urbani significativi dei circa 50
esistenti con una popolazione complessiva di 30.000 abitanti circa e per
un’estensione di circa 3.800 ha.

Per quanto riguarda i comuni dell’Amiata in seguito alla crisi sismica del 21/3/97
con l’Ordinanza n. 2705 del 29/10/97 e al terremoto del 1/4/00 con l’Ordinanza
n.3124 del 12/4/01 sono stati stanziati dei fondi che verranno utilizzati per
quest’area nell’ambito del Programma VEL

Questi finanziamenti si inquadrano dunque all’interno delle attività che la Giunta


Regionale aveva deciso di portare avanti all’inizio del 2001 (delibera n.215 del
5/3/2001), estendendo il Programma VEL anche ai comuni della Valtiberina,
dell’Amiata e del Mugello.

Per il raggiungimento degli obiettivi, per definire meglio le linee attuative del
Programma Vel e garantire l’omogeneità degli studi in tutti i centri investigati, la
Regione Toscana ha costituito un gruppo di coordinamento (GdC) costituito da
rappresentanti della comunità scientifica italiana e dalla collaborazione parziale,
limitata alla sola fase iniziale del Progetto VEL in Garfagnana e Lunigiana,
dell’Ordine dei Geologi della Toscana.

La Regione Toscana ha coordinato ed indirizzato tutte le attività, al fine di una


concreta sperimentazione, finalizzata anche a valutare oggettivamente i risultati
in termini di costi e benefici, per un’ottimizzazione della programmazione
successiva delle indagini su altri centri urbani.

Si vuole altresì sottolineare la volontà ad acquisire le caratteristiche dei terreni


sui quali risulta costruito il centro urbano nelle varie epoche di espansione (dal
centro storico per lo più di origine medioevale ai modesti ampliamenti dei secoli
successivi fino alle espansioni più recenti) e non quelle delle aree limitrofe non

17
urbanizzate. Ciò comporta di operare all’interno del centro urbano, dovendo
fare riferimento ai pochi spazi aperti disponibili ed alla presenza di viabilità e di
reti tecnologiche e di servizio che costituiscono difficoltà all’applicazione di
talune indagini.

Gli obiettivi sono quindi quelli di:


- concentrare le indagini ed i rilievi nei centri urbani più significativi in termini
di esposizione al rischio sismico;
- mettere a confronto più metodologie di indagini per valutare le differenze
non solo in termini di risultati e di attendibilità in relazione alle varie situazioni
stratigrafiche incontrate ma anche sotto il profilo delle difficoltà di attuazione
di tipo logistico e dei costi.
- sperimentare nuove metodologie di indagine sia in ambito geofisico che
geotecnico e vericarne l’applicabilità in relazione alle diverse problematiche
geologico- strutturali;
- mettere a confronto più approcci di modellazione numerica per valutare
diversi aspetti dell’amplificazione locale (non-linearità, amplificazione
stratigrafica, effetti 2D)
- valutare più approcci per la determinazione dell’input sismico (probabilistico,
deterministico ed energetico)

Le attività sono state avviate progressivamente nel tempo al fine di poter tenere
in conto dell’esperienza e dei risultati acquisiti ed introdurre laddove opportuno i
necessari correttivi.

L’obiettivo regionale prioritario è quello di completare su tutti i centri urbani delle


aree della Garfagnana, Lunigiana, Valtiberina, Casentino, Mugello e Amiata
l’attività di programmazione ed esecuzione delle indagini geofisiche superficiali
(sismica a rifrazione con onde SH e P) al fine di consentire una redazione
sufficiente della cartografia di tipo geologico.
Su tale base geologica sepolta, saranno individuate le situazioni più
significative, le sezioni sulle quali impostare la modellazione e la
programmazione delle indagini geotecniche.

Tali attività sono accompagnate dal completamento della banca dati di tipo
geotecnico e geofisico e della cartografia informatizzata, che consentirà di
organizzare e gestire organicamente tutti i dati acquisiti in relazione alle
successive fasi di estrapolazione.

Altresì si procederà alla fase delle modellazioni, non prima di aver messo a
punto le metodologie di valutazione della pericolosità di base e del calcolo
dell’input e dell’estrapolabilità dei dati ricavabili nell’intera area del centro
urbano.

La scelta strategica della Regione Toscana, nello sviluppo del programma VEL,
è stata quindi quella di voler confrontare differenti metodologie sia per quel che
concerne le indagini che per ciò che riguarda le analisi di modellazione.

18
Tale scelta scaturisce anche dalla constatazione che le metodologie disponibili
in questo campo non sono sufficientemente consolidate e univocamente
accettate ed ha lo scopo di confrontare i risultati, i limiti ed i costi che i diversi
approcci comportano.

Su tali attività è possibile applicare anche i risultati delle ricerche e


sperimentazioni in corso che riguardano alcuni aspetti quali :

- l’estensione dei risultati provenienti da indagini eseguite su poche


verticali o sezioni sismiche all’intero territorio;
- la caratterizzazione meccanica di tutte le unità litotecniche individuate
mediante sperimentazione e non solamente di quelle campionabili;
- la valutazione degli effetti dell’angolo di incidenza delle onde sismiche;
- la valutazione degli effetti tridimensionali;
- il monitoraggio in foro dell’attività sismica regionale.

Ricordato che l’obiettivo finale è quello di pervenire ad una microzonazione


sismica del centro urbano, sono stati già acquisiti dati e sperimentate nuove
metodologie di analisi e valutazione della vulnerabilità degli edifici al fine di
fornire strumenti utili per un uso razionale del territorio a piccola scala.

Le attività

Il Programma regionale di Valutazione degli Effetti Locali (VEL) intende valutare


ed individuare all’interno di ambiti territoriali a scala sub-comunale (frazioni e
centri), le aree a comportamento omogeneo sotto il profilo della risposta sismica
locale in corrispondenza di un terremoto atteso, definendo così i possibili effetti
sui principali centri urbani, sulle reti di servizio e sulle infrastrutture di
comunicazione.

Nella fase iniziale del VEL verranno tenuti conto e quantificati i soli fenomeni di
amplificazione, attraverso analisi di modellazione numerica di sezioni
geologiche significative. Le aree soggette a pericolo di instabilità indotta (frane,
liquefazioni, cedimenti, etc.) vengono individuate e definite , rimandando ad
approfondimenti successivi l’analisi di stabilità.

Gli elementi ed i parametri necessari per la definizione del modello di analisi di


amplificazione sono:

- la conoscenza della geologia sepolta (spessori delle unità litologico-tecniche


e andamento dei relativi contatti);
- le definizione della velocità delle onde di taglio SH;
- la determinazione del coefficiente di Poisson, della curva di decadimento del
Modulo di Taglio (G/G0) e dell’incremento dello smorzamento al crescere
della deformazione.

19
I risultati del analisi VEL consistono in una serie di informazioni da utilizzare sia
nella fase di pianificazione urbanistica (carte geologiche, geomorfologiche,
litologico-tecniche, delle zone a maggiore pericolosità sismica locale, dati
geotecnici ottenuti da prove in sito e di laboratorio) sia in fase progettuale che
per il miglioramento ed adeguamento sismico degli edifici (spettri di risposta e
fattori di amplificazione ottenuti da analisi di modellazione numerica).

L’utilizzazione dei dati è pertanto rivolto a:


• fornire alla Regione, alle Province, alle Comunità Montane ed ai Comuni
valutazioni degli effetti locali per individuare situazioni significative sotto il
profilo infrastrutturale e del patrimonio edilizio, da utilizzare per ulteriori
valutazioni del rischio sismico e/o scenari di rischio.
• indicare alle Amministrazioni ed ai Comuni, in via quantitativa, i parametri
progettuali previsti dalla vigente normativa, per tenere conto della
modificazione delle azioni sismiche di progetto ad opera delle condizioni
locali;
• fornire ai Comuni gli strumenti operativi per redigere normative tecniche da
adottare in sede di pianificazione territoriale, di formazione degli strumenti
urbanistici e dei piani di recupero.
• realizzare una banca dati di tipo geologico e geotecnico con sistemi GIS
(informatizzazione delle cartografie, data base per le indagini geotecniche e
geofisiche, data base indagini di sismica a rifrazione), da utilizzare a fini
pubblici, per valutazioni di tipo ambientale connesse alle diverse tipologie di
rischio.

Le fasi procedurali e le modalità operative sono state messe appunto durante i


primi due anni di attività del VEL nelle aree della Garfagnana e Lunigiana e con
le attività svolte per gli interventi di adeguamento/miglioramento sismico di
alcuni edifici pubblici della Lunigiana (art.8 L.74/96).

Le fasi del programma VEL

0. Individuazione delle aree oggetto di indagine:

la perimetrazione delle aree oggetto di indagine viene effettuata utilizzando


alcuni aspetti antropici (la densità abitativa, la destinazione d’uso, la
presenza di attività economiche e di infrastrutture), morfologici e geologici di
interesse ai fini della valutazione di effetti locali.

20
I criteri e le aree individuate vengono descritti in specifici documenti tecnici
(“documento di base: individuazione aree per la cartografia VEL e basi
topografiche dei centri urbani predisposti dalla Regione Toscana
rispettivamente nei mesi di Giugno e Settembre del 1999). In Appendice
C.3 vengono descritti i criteri e viene riportato un esempio esplicativo.

1. Redazione e aggiornamento delle Istruzioni Tecniche Regionali:

La Realizzazione delle Istruzioni Tecniche viene effettuata con l’obiettivo di


fissare i criteri e gli standard previsti per l’esecuzione dei rilievi geologici,
geomorfologici e litologico-tecnici e per la programmazione, esecuzione e
modalità di presentazione dei risultati forniti dalle indagini geofisiche e
geotecniche previste dal Programma VEL.

2. Realizzazione di cartografia geologica, geomorfologica e litologico-tecnica in


scala 1:2.000 o 1:5.000 ed individuazione della sezione geologica
significativa

A seguito di una serie di incontri con i rappresentanti della comunità


scientifica e dell'Ordine dei Geologi della Toscana, è stata fatta la scelta di
eseguire la cartografia geologica, geomorfologica e litologico-tecnica in scala
1:2.000.

Per le aree caratterizzate dall’affioramento di un’unica unità litostratigrafica e


da depositi e forme derivati da un unico processo geomorfologico la
cartografia può essere redatta in scala 1:5.000 previo consenso della
Regione Toscana Area- Servizio Sismico Regionale.
La motivazione della scelta della scala 1:2.000 è legata al raggiungimento di
un maggior dettaglio e precisione nella definizione della geologia alla scala
del centro urbano, in relazione soprattutto alla ricostruzione delle geometrie
delle unità geologiche, con particolare riferimento agli spessori delle
coperture.
Dalla ricostruzione delle geometrie e degli spessori dipende l'affidabilità della
sezione geologica, sulla quale, una volta acquisiti i parametri geofisici e
geotecnici sufficienti, viene effettuata l'analisi di amplificazione.
Di conseguenza la qualità finale della valutazione degli effetti di sito dipende
dall'accuratezza e qualità della sezione geologica e dei dati acquisiti.

Anche la presenza di cartografia regionale in formato numerico in scala


1:2.000 ha condizionato tale scelta. La cartografia una volta conclusa verrà
acquisita in formato numerico ed utilizzata per individuare le caratteristiche
geologiche a scala del singolo edificio. In alcune località della Garfagnana e
della Lunigiana sono infatti disponibili informazioni relative alla vulnerabilità
degli edifici e pertanto potranno essere confrontati direttamente tali dati con
la geologia e conseguentemente con le caratteristiche di amplificazione del
sito.

21
La scelta delle sezioni geologiche per l’analisi di amplificazione è
un’operazione fondamentale in quanto queste devono risultare significative
nel contesto geologico ed in quello del centro urbano.

Nelle sezioni vengono evidenziate le unità litologico-tecniche sulla base dei


valori di velocità delle onde SH e dei parametri geotecnici dinamici.

In aree dove non viene ritenuto possibile l’effetto di amplificazione legato alla
morfologia vengono eseguite modellazioni numeriche monodimensionali sulle
verticali di indagine.

A seguito dell’analisi di amplificazione i parametri ottenuti (spettri di risposta,


fattori di amplificazione) devono essere estrapolati arealmente per il centro
urbano indagato, sulla base di valutazioni relative alla corrispondenza di
spessori ed unità litologico tecniche fatte in relazione alla cartografia
geologica e litologico-tecnica e sulla base di indagini geognostiche,
geotecniche e geofisiche eseguite.

Definire i parametri di amplificazione in relazione alle unità litologico tecniche


ed ai relativi spessori può consentire di effettuare estrapolazioni anche in altri
terreni non indagati direttamente ma con caratteristiche simili (in termini di
spessori e di VSH).
Il presupposto è quello di definire delle situazioni tipo per l’emanazione di
un’adeguata normativa regionale di riferimento.

3. Campagna di indagini di sismica a rifrazione con onde P e SH


Tali indagini consentono di definire lungo il profilo indagato tramite la velocità
di propagazione delle onde di compressione e di taglio le unità litologiche
presenti e la loro geometria (spessori e superfici di contatto) e di computare i
moduli elastici dinamici ed il coefficiente di Poisson.
Le indagini vengono eseguite mantenendo la stessa configurazione
geometrica della linea sismica durante l’energizzazione in P ed in Sh che
viene eseguita negli stessi punti. Con questo sistema le registrazioni
acquisite sono confrontabili e possono essere utilizzate direttamente per il
calcolo dei parametri dinamici e del coefficiente di Poisson.
La sismica a rifrazione, come tutti i metodi indiretti, può presentare in alcune
situazioni dei margini di incertezza legati al metodo che possono essere
superati se le linee vengono accompagnate, laddove necessario, con
sondaggi al fine di tarare i parametri e la litostratigrafia.
La sismica a rifrazione, rispetto alle informazioni che si ottengono
puntualmente con i sondaggi, consente di chiarire a livello areale per la
lunghezza dei profili indagati la geologia sepolta e di caratterizzarla anche fini
della successiva fase di estrapolazione dei parametri di amplificazione.

22
4. Approfondimento delle indagini (sondaggi geotecnici, prove Down-hole,
SASW)
Sulla base dei risultati delle indagini di sismica a rifrazione, vengono eseguite
ulteriori indagini al fine di:
- Definire dettagliatamente la stratigrafia (con sondaggi geotecnici e prove
down-hole)
- Determinare per i terreni campionabili la curva di decadimento del modulo
di taglio e l’incremento dello smorzamento al crescere della
deformazione, mediante prove di laboratorio dinamiche (triassiale ciclica,
colonna risonante e taglio torsionale)
- Verificare l’attendibilità locale della sismica a rifrazione confrontando i
risultatati con altre tipologie di indagine (Down-hole, SASW).
Le varie metodologie di indagine possono presentare delle limitazioni legate
alla natura dei terreni ed in alcuni casi potrà verificarsi l’impossibilità di
ricavare direttamente i parametri da utilizzare nella modellazione. In tale caso
sarà necessario fare riferimento a dati bibliografici di terreni simili. Questo è il
caso di terreni non campionabili (esempio: depositi alluvionali eterogenei con
elementi ghiaiosi)

5. Definizione del modello geotecnico-geofisico, dell’input sismico ed


esecuzione dell’analisi di amplificazione;
Per la definizione del modello, vengono attribuiti ad ogni unità litologico-
tecnica della sezione e/o verticale indagata i parametri dinamici medi
ottenuti dalle indagini svolte.
Per l’analisi di amplificazione è necessario avere accelerogrammi e spettri
di risposta da utilizzare come input sismici. A tal fine viene eseguito su
base deterministica, probabilistica o energetica il percorso che porta alla
individuazione di tali accelerogrammi e spettri di risposta.
Vengono quindi effettuate analisi numeriche bidimensionali e
monodimensionali utilizzando modelli disponibili in letteratura: Shake
(Schabel et al.,1972), Quad 4M (Idriss et al., 1991), Onda (Lo Presti et. al,
2000), Flac (Itasca Consulting Group, 2000).
Le analisi modimensionali vengo svolte nelle zone dove sono trascurabili gli
effetti di amplificazione legati alla morfologia e per supporto alle analisi
bidimensionali.

6. Definizione dei parametri (spettri di risposta e fattori di amplificazione) da


fornire ai comuni per la progettazione di nuovi edifici e per gli interventi di
adeguamento e miglioramento sugli edifici esistenti;
I risultati delle analisi consistono in spettri elastici in pseudoaccellerazione
calcolati in diversi punti (nodi) delle sezioni. Vengono inoltre determinati i
fattori di amplificazione dati dal rapporto tra l’intensità spettrale calcolata nei
vari nodi di ciascuna sezione e l’intensità spettrale degli spettri di input.

23
I dati sono comunque relativi alla sezione indagata e pertanto devono essere
estrapolati alle altre aree del centro urbano sulla base delle caratteristiche
litologico tecniche e morfologiche simili.
Per l’estrapolazione è necessario aver una conoscenza completa della
geologia e delle velocità delle onde SH dei terreni.

7. Realizzazione di un banca dati geografica (GIS) dei dati acquisiti con le


indagini geologiche, geotecniche e geofisiche da mettere a disposizione dei
comuni e dei professionisti.
Lo scopo principale della creazione di una banca dati per il programma VEL
è quello di poter gestire un quantitativo ingente di informazioni provenienti da
diverse discipline e di integrare tali dati in modo oggettivo e dinamico, in
modo da poterli modificare e aggiornare nel corso del progetto ed utilizzarli
per scopi diversi, quali la semplice rappresentazione cartografica,
l’estrazione dei dati sulla base di specifiche richieste dell’utente o l’analisi con
diversi metodi.
La banca dati si sviluppa secondo due filoni strettamente dipendenti:
− La banca dati geografica delle cartografia, geologica, geomorfologica e
litologico tecnica
− La banca dati delle indagini geognostiche, geotecniche e geofisiche
Per la cartografia sono state messe a punto le specifiche per
l’informatizzazione facendo riferimento alle specifiche del CARG per la carta
geologica d’Italia 1:50.000, adattandole per le legende delle presenti
istruzioni tecniche. I software che vengono utilizzate per la realizzazione e
gestione della banca dati sono ArcView per l’acquisizione e ArcInfo per la
correzione geometrica e la creazione della topologia.
Per le indagini geognostiche, geotecniche e geofisiche la banca dati viene
realizzata in Acces utilizzando due file archivio separati, uno per gli elementi
che nella cartografia sono punti (verticale di sondaggio, down-hole, prove
penetrometri punti di misura) e l’altro per gli elementi che nella cartografia
sono linee (stese di sismica a rifrazione). In questo modo anche i dati
immagazzinati in acces possono facilmente essere estratti per la semplice
rappresentazione cartografica o per analisi al fine di ottenere specifiche carte
tematiche (es: profondità della copertura alluvionale,….).
La banca dati permetterà così di fare tutte le estrapolazioni necessarie per la
parametrizzazione.

24
ISTRUZIONI TECNICHE (IT) PER LE INDAGINI GEOLOGICO-TECNICHE A
SCALA 1:5.000 E 1:2.000, PER LE INDAGINI GEOFISICHE E
GEOTECNICHE, STATICHE E DINAMICHE, FINALIZZATE ALLA
VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI LOCALI NEI COMUNI CLASSIFICATI
SISMICI

Obiettivi generali
Lo scopo delle presenti IT è:
1. fissare i criteri e gli standard per il rilievo geologico, le indagini geofisiche e
per la stesura degli elaborati geologici, geomorfologici e litologico-tecnici
finalizzati alla valutazione degli effetti locali a scala 1:5.000;
2. fissare i criteri e gli standard per il rilievo geologico, le indagini geofisiche e
per la stesura degli elaborati geologici, geomorfologici e litologico-tecnici
finalizzati alla valutazione degli effetti locali a scala 1:2.000;
3. stabilire i criteri per una corretta programmazione ed esecuzione delle
indagini geofisiche in vista della utilizzazione dei risultati per la valutazione
degli effetti locali;
4. stabilire i criteri per una corretta programmazione ed esecuzione delle
indagini geotecniche con particolare riferimento a quelle di tipo dinamico in
vista della utilizzazione dei risultati per la valutazione degli effetti locali;
5. indicare gli elementi fondamentali che devono essere riportati nella
Relazione geologica.

Destinatari
I destinatari delle presenti IT sono:
(a) i Comuni classificati sismici e le loro strutture tecniche;
(b) i professionisti che programmano, controllano e utilizzano i risultati delle
indagini per la stesura degli elaborati cartografici e per la progettazione;
(c) le ditte specializzate che eseguono le indagini.

Struttura
Le presenti Istruzioni Tecniche sono suddivise in più volumi.

Nel primo volume (Volume 1) sono contenute informazioni di carattere


generale: si divide in quattro parti e in quattro Appendici.
In particolare le quattro parti sono così strutturate:

• Parte I: indagini geologiche


• Parte II: indagini geofisiche
• Parte III: indagini geotecniche in campo statico e dinamico
• Parte IV: istruzioni per la redazione della Relazione geologico-tecnica e
illustrazione dei risultati delle indagini a livello comunale.

25
Le quattro Appendici illustrano in maniera più dettagliata gli aspetti tecnici sulle
indagini:
- Appendice A: Indagini geotecniche convenzionali
- Appendice B: Parametrizzazioni fisico-meccaniche in campo dinamico:
indagini geofisiche e prove di laboratorio
- Appendice C: Relazione Geologico- tecnica: modalità di presentazione
- Appendice D Legenda per la carta delle zone a maggiore pericolosità
sismica locale (ZMPSL) Scala 1:5000- 1:2000.

Alcune indagini sono state ampiamente utilizzate nell’ambito del Programma


VEL e saranno contrassegnate con il simbolo “ „ “ all’inizio del paragrafo in cui
se ne descrive la metodologia.
Altre indagini si riportano per completezza in quanto comunque non se ne
esclude l’utilizzo in futuro nell’ambito del Programma VEL: nel presente volume
saranno contrassegnate con il simbolo ” † “ all’inizio del paragrafo in cui se ne
descrive la metodologia.
Sono inoltre in fase di sperimentazione, per quanto attiene la loro applicabilità
nell’ambito del Programma VEL, altre tecniche di esplorazione geofisica del
sottosuolo o metodiche già utilizzate ma alle quali sono state apportate delle
modifiche soprattutto per quanto riguarda l’energizzazione.
Si tratta, in particolare, di indagini sismiche con tecnica tomografica (peraltro
descritta nel paragrafo B.1.9), applicabili in quei contesti geologici dove si
registra un aumento crescente delle velocità di propagazione delle onde
sismiche con la profondità, e di indagini sismiche a rifrazione e riflessione in
superficie che utilizzano particolari metodi di energizzazione in grado di
consentire l’investigazione e la caratterizzazione del sottosuolo a maggiore
profondità.
Tali sperimentazioni sono in corso su siti ritenuti significativi e localizzati nei
Comuni di Sansepolcro (AR), Monterchi (AR), Piancastagnaio (SI).

I volumi secondo, terzo, quarto, quinto e sesto illustrano le legende per la


cartografia geologica, geomorfologica e litologico-tecnica relative alle diverse
aree di indagine. Ognuno di questi volumi si compone di cinque sezioni:

¾ Sezione A: Legenda per la cartografia geologica Scala 1:5000-1:2000


¾ Sezione B: Legenda per la cartografia geomorfologica Scala 1:5000-1:2000
¾ Sezione C: Indagini geotecniche di base. Legende per la definizione di unità
litologico- tecniche (U.L.T.) Scala 1:5000
¾ Sezione D: Indagini geotecniche di base. Legenda per la definizione di unità
litologico- tecniche (U.L.T.) Scala 1:2000.

26
In particolare:

• il secondo volume illustra le legende per la cartografia geologica,


geomorfologica e litologico-tecnica relative alle aree della Garfagnana e
Lunigiana;
• il terzo volume illustra le legende per la cartografia geologica,
geomorfologica e litologico-tecnica relative alle aree della Valtiberina;
• il quarto volume – (in corso di predisposizione) - illustrerà le legende per la
cartografia geologica, geomorfologica e litologico-tecnica relative alle aree
del Casentino;
• il quinto volume – (in corso di predisposizione) - illustrerà le legende per la
cartografia geologica, geomorfologica e litologico-tecnica relative alle aree
dell’Amiata;
• il sesto volume - (in corso di predisposizione) - illustrerà le legende per la
cartografia geologica, geomorfologica e litologico-tecnica relative alle aree
del Mugello;

Inoltre il Volume A illustra le procedure economico- amministrative legate alle


modalità di appalto a cui i Comuni dovranno attenersi per le operazioni di
assegnazione degli incarichi alle imprese

27
28
PARTE I

Indagini geologiche

I.1 Obiettivi specifici


Gli obiettivi specifici della Parte I delle presenti IT sono:
a) fornire i criteri generali per la stesura degli elaborati geologici, geomorfologici
e litologico-tecnici;
b) stabilire le modalità di presentazione dei dati stratigrafici, degli eventuali
sondaggi, dei dati relativi alle indagini geofisiche e delle misure in sito.

I.2 Dominio di applicazione


La presente parte delle IT riguarda:
I. il rilievo geologico, geomorfologico e litologico-tecnico, cioè l’insieme delle
indagini geologiche che consentono l’acquisizione dei relativi dati geologici,
geomorfologici e litologico-tecnici.

I.3 Acquisizione dei dati geologici, geomorfologici e litologico-tecnici


La caratterizzazione geologica dell’area in esame sarà conseguita mediante
l’acquisizione dei:
a) dati geologici
b) dati geomorfologici
c) dati litologico-tecnici

I.3.1 Dati geologici

Dovranno tendere ad acquisire la distribuzione spaziale delle formazioni


geologiche evidenziando in particolare i depositi superficiali.
Dovrà essere effettuata la differenziazione delle formazioni su base
litostratigrafica, secondo quanto indicato nella legenda geologica (Volume 2 e
succ., Sezione A.).
Dovrà inoltre essere definito l'assetto strutturale delle unità tettoniche;
particolare importanza rivestirà la rilevazione e la descrizione delle tipologie
delle superfici di discontinuità (faglie, sovrascorrimenti, ecc.).
Dovrà essere descritto lo schema della circolazione idrica superficiale e
sotterranea, rilevando, se possibile, la profondità e le oscillazioni stagionali delle
falde presenti.
Si dovranno altresì inserire informazioni relative ai depositi di frana distinguendo
quelle continue- stagionali (“forme attive”) da quelle intermittenti (“forme
quiescenti”) e stabilizzate (“forme inattive”), come indicato nel paragrafo relativo

29
alla carta geologica (Volume 1, Parte IV -par.IV.2.1) e nella legenda della carta
geologica (Volume 2 e succ., Sezione A).

I dati acquisiti dovranno essere conformi alla legenda, unificata per entrambe le
scale di indagine, riportata nella Sezione A del Volume delle Istruzioni Tecniche
relativo all’area oggetto dell’indagine.

I.3.2 Dati geomorfologici


Dovranno essere presi in considerazione i principali processi geomorfologici,
descrivendo relative forme e depositi di erosione e di accumulo con particolare
riguardo a quelli superficiali (accumuli detritici e/o depositi eluvio-colluviali),
interpretandone la genesi in funzione dei processi attuali e passati e
stabilendone lo stato di attività.

In questo senso per “forme attive“ si intenderanno quelle prodotte da processi in


atto al momento del rilevamento e da quei processi non in atto al momento del
rilevamento ma ricorrenti a ciclo breve (frequenti, stagionali).

Per “forme quiescenti” si intenderanno quelle per le quali esistono evidenze


geomorfologiche o testimonianze (dirette, storiche, ecc.) di funzionamento
nell’attuale sistema morfoclimatico e che, non avendo esaurito la loro
evoluzione, hanno possibilità obiettiva di riattivarsi.

Per “forme inattive” si intenderanno sia quelle riferibili a condizioni


morfoclimatiche diverse da quelle attuali sia quelle che, pur essendo prodotte
nell’attuale sistema morfoclimatico, hanno portato a termine la loro evoluzione e
non possono più continuare a funzionare.

Lo stato di attività dei fenomeni sarà dedotto da osservazioni di campagna,


prestando particolare attenzione alla presenza o meno di indizi di evoluzione;
essi saranno distinti in attivi, quiescenti, inattivi.

Per le frane, diversamente da quanto avviene per gli altri processi, forme e
depositi, il termine "forma attiva" ha il significato di continuo-stagionale, il
termine "forma quiescente" di intermittente e quello di "forma inattiva" di
stabilizzato, come indicato nel paragrafo relativo alla carta geomorfologica
(Volume 1, Parte IV- par.IV.2.2) e nella legenda della carta geomorfologica
(Volume 2 e succ., Sezione B).

I dati acquisiti dovranno essere conformi alla legenda, unificata per entrambe le
scale di indagine, riportata nella Sezione B del Volume delle Istruzioni Tecniche
relativo all’area oggetto dell’indagine (Volume 2 e succ.).

30
I.3.3 Dati litologico-tecnici
Dovranno permettere di raggruppare i vari litotipi presenti in unità con
caratteristiche tecniche comuni (Unità Litologico Tecniche) indipendentemente
dalla loro posizione stratigrafica e dai relativi rapporti geometrici.

Per i litotipi lapidei dovranno essere acquisite le informazioni relative alla


litologia, alla stratificazione, al grado di fratturazione e di alterazione, nonché
tutti gli elementi, eventualmente anche strutturali, che possono determinarne il
comportamento geomeccanico, principalmente mediante l’uso di prove manuali
indicate nella Sezione D - Volume 2 e succ. e, là dove esistenti, integrando tali
dati con i risultati di prove specifiche in sito e/o di laboratorio.

Alla scala 1:2.000 sono richiesti parametri di caratterizzazione geotecnica –


geomeccanica quantitativi ricavati da prove specifiche in sito e/o in laboratorio.

Per le coperture dovranno essere acquisite informazioni circa lo spessore, le


dimensioni e la forma dei frammenti, la presenza di frazione fine (caratteristiche
tessiturali) ed il grado di cementazione e/o di consistenza/addensamento.

I dati acquisiti dovranno essere conformi alla legenda riportata nella Sezione C
del Volume delle Istruzioni Tecniche relativo all’area oggetto dell’indagine
(Volume 2 e succ.), per la scala 1:5.000, e nella Sezione D (Volume 2 e succ.)
per la scala 1:2.000.

31
PARTE II

Indagini geofisiche

II.1 Obiettivi specifici


Gli obiettivi specifici della Parte II delle presenti IT sono:

a) indicare i criteri per la programmazione delle indagini geofisiche,


b) definire le procedure standard per l’esecuzione di tali indagini;
c) stabilire le modalità di presentazione dei risultati

II.2 Finalità delle indagini geofisiche


Le indagini geofisiche di cui si occupa questa parte delle IT si riferiscono alle
tecniche più diffuse per studiare il sottosuolo (individuazione dell’assetto
strutturale e stratigrafico del sottosuolo, della morfologia sepolta e per la
determinazione della rigidezza media di terreni e rocce) e si basano
principalmente sulla misura della velocità delle onde P e SH
Tali indagini hanno le seguenti finalità e obiettivi da raggiungere:
- ricostruire la geometria delle unità litotecniche (definire gli spessori delle
coperture e delle principali unità litotecniche, definire le geometrie dei corpi
che possono essere sede di movimenti franosi)
- caratterizzare con la velocità delle onde P e SH, le unità litologico-tecniche
- determinare i moduli elastici dinamici e il coefficiente di poisson delle diverse
unità litologico tecniche

II.2.1. Criteri generali per la programmazione delle indagini geofisiche


a) Scelta dei siti
Le indagini geotecniche di cui alle presenti IT saranno preferibilmente
effettuate in corrispondenza di aree in cui si prevede uno sviluppo urbanistico
e/o in cui sono previsti interventi di adeguamento delle costruzioni a seguito
di analisi di vulnerabilità e dove siano presenti le coperture di seguito
specificate.
Le indagini dovranno inoltre essere ubicate il più possibile in corrispondenza
delle sezioni su cui viene effettuata la modellazione numerica.
b) Formazioni più significative
Le coperture di maggiore interesse sotto il profilo dello sviluppo di fenomeni
amplificativi e deformativi sono:

33
- i terreni granulari da moderatamente addensati ad addensati con spessore
superiore ai 10 m (Es.1 ULT E a1/2)
- i terreni granulari da poco addensati a sciolti con spessore superiore ai 5
m (Es.1 ULT E a3/4)
- i terreni coesivi da moderatamente consistenti a consistenti con spessore
superiore ai 10 m (Es.1 ULT F s3/4)
- i terreni coesivi da poco consistenti a privi di consistenza con spessore
superiore ai 5 m (Es.1 ULT F s5/6)
- si ricorda comunque che per quello che riguarda i riporti devono essere
distinti quelli superiori ai 2 m e per la costruzione delle isopache sono
necessarie tutte le coperture che rientrano negli intervalli di 2,5 m.
c) Profondità da esplorare
Le prove geofisiche devono essere in generale spinti fino ad incontrare il
bedrock, attraversandolo per uno spessore significativo.
A tal fine per le indagini di superficie (sismica a rifrazione, SASW), potranno
prevedersi tiri esterni lontani e stese di lunghezza maggiore allo standard.
Per le indagini in foro di sondaggio, nel caso in cui il bedrock sia a profondità
maggiori del fondo foro la profondità del bedrock potrà essere deteminata
con tecniche complementari (esempio adottando durante la prova down-hole
la metodologia “VSP”2). Tali situazioni devono in ogni caso essere analizzate
congiuntamente alla Regione Toscana- Dipartimento Politiche Territoriali e
Ambientali - Area- Servizio Sismico Regionale.

II.3 Metodi di indagine disponibili


a) Prove finalizzate alle analisi di risposta sismica
Le indagini geofisiche più significative per il conseguimento degli obiettivi
generali e specifici della presenti IT sono le prospezioni sismiche:
− in foro (prova cross-hole, prova down-hole, prova tomografica, cono
sismico, prova “Suspension P-S Velocity Logging”)
− in superficie (prova sismica a rifrazione ad onde di compressione P e
di taglio SH, prova sismica a riflessione ad alta risoluzione con onde
P ed SH, prova di caratterizzazione basate sulla propagazione delle
onde di superficie quali la prova SASW e la prova multicanale FK)

1
a titolo esemplificativo si riportano i codici delle unità litologico- tecniche dettagliate nel Volume
2- Sezione C e D, che si riferiscono alla Garfagnana e alla Lunigiana.
2
la metodologia VSP è attualmente in fase di sperimentazione in alcuni siti della Garfagnana
dall’Università di Chieti, pertanto non viene riportata nelle presenti istruzioni tecniche.

34
Altre eventuali prove geofisiche e relative elaborazioni devono adeguarsi a
quanto specificato in Appendice C.2.
In Appendice B.1 sono riportate le caratteristiche generali, le modalità di
esecuzione, nonché i campi di applicazione di tali prove.

35
36
PARTE III

Indagini geotecniche

III.1 Obiettivi specifici


Gli obiettivi specifici della Parte III delle presenti IT sono:
a) indicare i criteri generali per la programmazione delle indagini geotecniche,
b) definire le modalità standard per l’esecuzione delle prove geotecniche più
significative per la caratterizzazione dei terreni;
c) stabilire le modalità di presentazione dei dati stratigrafici, delle misure in sito
e in laboratorio per l’utilizzo specificato negli obiettivi generali delle IT.

III.2 Finalità delle indagini geotecniche


Le indagini geotecniche consentono un’esplorazione puntuale dei depositi,
limitata a singole verticali, ed hanno lo scopo di fornire il profilo stratigrafico dei
depositi di superficie sino al substrato roccioso e la caratterizzazione meccanica
dei geomateriali analizzati.

Pertanto ogni verticale esplorata mediante indagini geotecniche deve fornire le


seguenti informazioni fondamentali:
• lo spessore della copertura di terreno e gli spessori dei singoli strati
individuabili all’interno di essa mediante sondaggi e prove geotecniche
convenzionali;
• caratteristiche strutturali del deposito;
• il modulo di taglio e il rapporto di smorzamento e le loro leggi di variazione
con l’ampiezza della deformazione di taglio ricavabili mediante prove cicliche
non-drenate di laboratorio (prova di colonna risonante, prova di taglio
torsionale ciclico, prova triassiale ciclica con misura locale delle
deformazioni) da utilizzarsi in analisi lineari equivalenti;
• il legame sforzi deformazioni da prove triassiali o torsionali non drenate in
condizioni di carico monotone e cicliche da utilizzarsi in analisi non-lineari;

Al fine di programmare correttamente le indagini di laboratorio prima citate e per


una corretta interpretazione dei risultati ottenuti da queste prove è altresì
importante disporre delle seguenti informazioni:

- condizioni di falda
- storia tensionale e stato tensionale attuale
- resistenza al taglio non drenata

Queste ultime informazioni possono essere ricavate mediante prove


geotecniche convenzionali.

37
III.3 Criteri generali per la programmazione delle indagini geotecniche
Il programma delle indagini geotecniche deve essere stabilito in base alla
geometria del problema, al tipo di analisi che si intende effettuare, e alla natura
della sollecitazione attesa. Occorre inoltre tener conto della natura dei terreni,
dell’estensione dell’area in esame, dei potenziali pericoli che in essa possono
presentarsi, dei fondi economici disponibili e delle informazioni esistenti.

Per la caratterizzazione geotecnica dei depositi si suggerisce, ove possibile, di


procedere nel seguente modo:
(a) raccolta di informazioni generali e di dati geotecnici deducibili dalla
letteratura e da rapporti su lavori e studi geotecnici eseguiti nella zona da
enti pubblici e privati;
(b) perforazioni di sondaggio e/o scavi;
(c) prelievo e analisi di campioni;
(d) prove e misure in sito;
(e) prove di laboratorio;

La localizzazione delle verticali di esplorazione deve essere stabilita soprattutto


in funzione del grado di pericolosità dei terreni, dello stato delle conoscenze
esistenti e delle possibilità di accesso.

Per quanto riguarda la profondità di indagine, i sondaggi dovrebbero essere


sempre spinti fino ad incontrare gli strati molto più rigidi di quelli superficiali .
Qualora vi siano particolari indizi geologici, dovrebbe essere accertato che al di
sotto di tali strati non vi siano altri strati meno resistenti o cavità. Le prove
penetrometriche statiche e dinamiche vanno spinte fino alla profondità massima
consentita dall’attrezzatura adoperata quando il deposito è molto spesso, e fino
alla roccia “sana” quando questa è abbastanza superficiale.

Il numero minimo di campioni rimaneggiati e/o a disturbo limitato e/o indisturbati


da prelevare durante il carotaggio continuo è di un campione ogni 2 ÷ 3 m; in
ogni caso vanno comunque prelevati ogni qualvolta venga segnalato un
cambiamento evidente nella natura dei terreni.

Occorre inoltre porre attenzione ai seguenti aspetti:


a) Scelta dei siti
Le indagini geotecniche di cui alle presenti IT saranno preferibilmente
effettuate in corrispondenza di aree in cui si prevede uno sviluppo urbanistico
e/o in cui sono previsti interventi di adeguamento delle costruzioni a seguito
di analisi di vulnerabilità e dove siano presenti le coperture di seguito
specificate.

38
b) Coperture più significative
Le coperture di maggiore interesse sotto il profilo dello sviluppo di fenomeni
amplificativi e deformativi sono:
- i terreni granulari da moderatamente addensati ad addensati con spessore
superiore ai 10 m (Es. 1 ULT E a1/2)
- i terreni granulari da poco addensati a sciolti con spessore superiore ai 5
m (Es.1 ULT E a3/4)
- i terreni coesivi da moderatamente consistenti a consistenti con spessore
superiore ai 10 m (Es.1 ULT F s3/4)
- i terreni coesivi da poco consistenti a privi di consistenza con spessore
superiore ai 5 m (Es.1 ULT F s5/6)
- si ricorda comunque che per quello che riguarda i riporti devono essere
distinti quelli superiori ai 2 m e per la costruzione delle isopache sono
necessarie tutte le coperture che rientrano negli intervalli di 2,5 m.
c) Profondità da esplorare
I sondaggi e le prove in sito devono essere in generale spinti fino ad
incontrare la roccia “sana”, attraversandola per uno spessore significativo.
Si ricorda inoltre che la profondità del sondaggio viene indicata con un
intervallo di 5 m in quanto viene stimata:
- in base all’interpretazione dei risultati delle indagini di sismica a rifrazione, il
cui metodo comporta un’approssimazione che può variare nell’ordine di
alcuni metri anche in relazione alle caratteristiche della formazione
incontrata;
- in base alla necessità di caratterizzare il materiale in condizioni ottimali (non
alterato e/o fratturato), tramite l’effettuazione di prove geofisiche per la
determinazione della Vs (DH e CH) e di prove geotecniche di laboratorio
(prelievo ed analisi di campioni), per la caratterizzazione geotecnica del
materiale prelevato.
Il sondaggio quindi, dovrà essere spinto per almeno 5 m all’interno della
formazione “sana”.
Laddove la roccia “sana” sia a profondità maggiori del normale ambito di
esecuzione dei sondaggi la perforazione dovrà comunque essere spinta sino
alla profondità utile alla determinazione delle caratteristiche delle coperture.
La profondità della roccia “sana” potrà essere determinata con tecniche
complementari (ad esempio adottando durante la prova down-hole la
metodologia “VSP”2). Tali situazioni devono in ogni caso essere analizzate
congiuntamente alla Regione Toscana- Dipartimento Politiche Territoriali e
Ambientali - Area- Servizio Sismico Regionale.

1
a titolo esemplificativo si riportano i codici delle unità litologico- tecniche dettagliate nel Volume
2- Sezione C e D, che si riferiscono alla Garfagnana e alla Lunigiana.
2
la metodologia VSP è attualmente in fase di sperimentazione in alcuni siti della Garfagnana
dall’Università di Chieti, pertanto non viene riportata nelle presenti Istruzioni Tecniche.

39
III.4 Metodi di indagine disponibili
a) Prove finalizzate alle analisi di risposta sismica
Le indagini geotecniche più significative per la determinazione dei parametri
necessari alle analisi di risposta sismica sono di seguito elencate:

- per quanto riguarda le prove in sito:


- sondaggi da rivestire per l’esecuzione di prove Down- Hole e Cross-Hole
- prove SPT
- prove penetrometriche (CPT, CPTU, Penetrometro Meardi DPSH)

- per quanto riguarda le prove di laboratorio:


- prove di colonna risonante
- prove di taglio torsionale (monotona e ciclica)
- prova triassiale con misura locale delle deformazioni (monotona e ciclica)

Le caratteristiche generali, le modalità di esecuzione, nonché i relativi campi di


applicazione e le modalità di restituzione dei risultati, sono riportate
nell’Appendice A.1 per quanto riguarda i sondaggi, nell’Appendice A.2 per
quanto riguarda le prove in sito, nell’Appendice A.3 per le prove di laboratorio
convenzionali e nell’Appendice B.2 per le prove di laboratorio finalizzate alle
analisi sismiche.

Le prove di laboratorio, di cui all’appendice B.2, sono da considerarsi come


indispensabili ed insostituibili per una determinazione diretta dei parametri
precedentemente elencati (III.2). Una stima indiretta di tali parametri può essere
ottenuta dai dati disponibili in letteratura. La classificazione dei geomateriali
analizzati, l'età e la storia geologica della formazione con le indicazioni sul
relativo ambiente di deposizione sono informazioni utili ai fini della scelta dei
parametri meccanici di interessi dai dati di letteratura.

Le istruzioni tecniche relative alle modalità di esecuzione ed interpretazione


delle prove geotecniche convenzionali sono riportate in Appendice A.
In generale, le “Raccomandazioni sulla Programmazione ed esecuzione delle
indagini geotecniche” (AGI, 1977) possono essere assunte come quadro di
riferimento per quanto riguarda le prove in sito, mentre per le indagini di
laboratorio ci si riferirà alle “Raccomandazioni sulle prove geotecniche di
laboratorio”, A.G.I. (1990).
Tuttavia, nelle appendici A e B sono indicate le norme di riferimento a cui
attenersi per ciascun tipo di prova, salvo quanto diversamente specificato dalle
presenti IT.

Per eventuali modifiche o problemi nell'applicazione delle presenti istruzioni


tecniche occorrerà rivolgersi direttamente alla Regione Toscana- Dipartimento

40
Politiche Territoriali e Ambientali - Settore Servizio Sismico Regionale per
concordare con esso quanto necessario alla soluzione della problematica
rilevata.

41
PARTE IV

Istruzioni per la redazione della Relazione geologico- tecnica e


illustrazione dei risultati delle indagini a livello comunale

La Relazione geologico-tecnica dovrà contenere:


• le note esplicative degli elaborati cartografici (carta geologica,
geomorfologica, litologico-tecnica e carta delle zone a maggiore pericolosità
sismica locale);
• i risultati delle indagini geofisiche;
• i risultati delle indagini geotecniche.

IV.1 Premessa
La relazione e gli elaborati in essa contenuti dovranno essere conformi alla
normativa vigente (DM 11.03.88 e DM 16.01.96, Delib. G.R.T. 94/85) ed
integrati rispetto ad essa secondo le presenti istruzioni tecniche.
La relazione geologica, contenente le note esplicative degli elaborati cartografici
(carta geologica, carta geomorfologica, carta litologico-tecnica e carta delle
Zone a Maggiore Pericolosità Sismica Locale ZMPSL) e la descrizione nonché,
i risultati delle indagini geofisiche e geotecniche eseguite, dovrà essere chiara
nella esposizione e nel linguaggio e l'impostazione dovrà permettere una facile
identificazione dei punti principali, nonché la differenziazione tra fatti verificabili
ed opinioni personali, cercando di evitare ogni possibilità di incomprensione.

Dovrà essere presente un sommario di tutte le informazioni in essa contenute e


le conclusioni a cui si è pervenuti.

IV.2 Note esplicative degli elaborati cartografici


La prima parte della Relazione geologica sarà costituita da una relazione scritta
comprendente, oltre ai dati geologici acquisiti, anche quelli geomorfologici, e
litologico-tecnici; essa farà specifico riferimento ai disposti di legge del D.M.
11.03.88 e del D.M. 16.01.96.
La parte suddetta della Relazione geologica avrà come elaborati fondamentali
la carta geologica, la carta geomorfologica, la carta litologico-tecnica e la carta
delle ZMPSL, corredate da sezioni geologiche, da schemi strutturali, da colonne
stratigrafiche e quant'altro concorra alla definizione e alla comprensione delle
problematiche affrontate.
La cartografia per la caratterizzazione dell'area in studio (carta geologica, carta
geomorfologica, carta litologico-tecnica e carta delle ZMPSL) dovrà essere
redatta alla scala 1:2.000 per le aree urbanizzate (centri storici, nuclei abitativi,
viabilità e infrastrutture in genere) e per quelle di espansione.
Per le aree caratterizate dall’affioramento di un’unica unità litostratigrafica e da
depositi e forme derivati da un unico processo geomorfologico la cartografia

43
può essere redatta in scala 1: 5.000 previo consenso della Regione Toscana
Area- Servizio Sismico Regionale.

Alla cartografia (geologica, geomorfologica, litologico-tecnica e delle ZMPSL) in


scala 1:2000, dovrà essere allegata una base topografica in scala 1:10.000 con
evidenziato il perimetro delle carte realizzate in scala 1:2.000.

L'estensione della zona da indagare nell'intorno delle aree urbanizzate sarà


funzione della complessità dei fenomeni presenti e sarà concordata con la
Regione Toscana- Dipartimento Politiche Territoriali e Ambientali - Area-
Servizio Sismico Regionale.

IV.2.1 Carta geologica


La carta geologica in scala 1:5.000 e quella in scala 1:2.000 (redatta nei casi
sopra citati) dovrà essere basata su un rilevamento integrato con i dati esistenti
(in particolare quelli relativi ai Piani Strutturali ove realizzati), supportato
dall'esame stereoscopico di foto aeree e da elementi conoscitivi provenienti da
sondaggi, scavi, prove in sito eseguiti ai sensi della L. 730/86 o acquisiti da
studi precedenti (citandone la fonte) o appositamente realizzati.

E’ necessario distinguere le aree dove affiora il substrato, rappresentando l'area


ove la formazione risulta affiorante con colore più marcato, rispetto alla restante
area dove la formazione viene interpretata come sub-affiorante, senza tracciare
linee di delimitazione.
Nel caso di unità geologiche con simbologia di rappresentazione discontinua,
indicare l’affioramento marcando il figurato di rappresentazione.

Nel caso di cartografia in scala 1:2.000 dovranno essere forniti i dati che
permettono di definire al meglio la struttura geologica, lo spessore delle
coperture, la loro tessitura; dovrà inoltre essere individuata la geometria di
eventuali fenomeni franosi.
Dovranno inoltre essere corredate da un numero opportuno di sezioni
geologiche, anche diversamente orientate, tutte quelle situazioni che possono
essere sede di effetti locali, con particolare riferimento alle aree urbanizzate:
nella carta geologica le tracce di tali sezioni geologiche saranno indicate con un
tratto di colore nero e contraddistinte da una numerazione (es. 1-1’), come
nell’esempio di carta geologica riportato di seguito.

Le aree di frana saranno distinte in tre categorie in base allo stato di attività:
a) continue-stagionali, con tempi di ritorno inferiori a due anni;
b) intermittenti, con tempi di ritorno superiori a due anni;
c) stabilizzate, nelle quali si distingueranno quelle stabilizzate con interventi di
bonifica (mediante opportuno soprassegno, vedi Legenda in Volume 2 e
succ., Sezione A) da quelle naturalmente stabilizzate.

44
Lo stato di attività dovrà essere determinato, oltre che mediante le evidenze
morfologiche, sulla base di studi storico-archivistici e sulla testimonianza delle
popolazioni locali.

Nei casi in cui i dati a disposizione lo permettano, sarà opportuno ampliare la


stima dei tempi di ritorno secondo lo schema seguente:

TIPO DI FRANA TEMPO DI RITORNO


TR [ANNI]
Frana continua stagionale TR < 2
2< TR < 10
Frana intermittente 10< TR < 50
TR > 50

Per quanto riguarda le coperture, esse verranno cartografate sulle carte in scala
1:5.000 solo se di estensione o di spessore significativo. Anche se dal punto di
vista delle indagini del VEL gli spessori significativi sono quelli superiori ai 5 m,
per estensioni significative devono essere cartografati anche gli spessori
superiori ai 2 m. Nella redazione delle carte in scala 1:2.000, dovranno essere
cartografate tutte le coperture, indipendentemente dal loro spessore e dalla loro
estensione.

Le carte geologiche, sia in scala 1:5.000 sia in scala 1:2.000, saranno realizzate
rispettando le legende riportate nel Volume 2 e succ.- Sezione A. Se necessario
potranno essere inserite eventuali nuove simbologie, relative a formazioni o
litologie ritenute importanti e non comprese in legenda.
Queste dovranno essere preventivamente concordate con la Regione Toscana-
Direzione Generale Politiche Territoriali e Ambientali - Settore Servizio Sismico
Regionale.
Nelle carte geologiche, sia in scala 1:5.000 sia in scala 1:2.000, dovranno
essere ubicati gli eventuali sondaggi effettuati, le prove DH, le prove
penetrometriche, le linee sismiche e altre prove previste e riportate nel Volume
2 e succ. – Sezione C-D.
E’ opportuno inoltre che nelle carte geologiche siano riportate anche le indagini
e le prospezioni geofisiche effettuate al di fuori del Programma VEL e fornite
dagli Uffici Tecnici Comunali nonché dai liberi professionisti locali.
Queste indagini saranno nominate con sigle e numerazioni differenti rispetto a
quelle realizzate nell’ambito del VEL e in maniera da essere identificate
inequivocabilmente.
Il nome identificativo dell’indagine sarà costituito da un campo alfa- numerico:

45
9 la prima parte è la sigla dell’indagine (in conformità a quanto indicato nel
Volume 2 e succ.- Sezione C e D) con un codice progressivo tra tutte le
indagini, univoco per ogni Comune;
9 la seconda parte definirà la provenienza del dato e sarà:
- “VEL” per le indagini effettuate nell’ambito del Programma Vel, con la
sigla con cui l’indagine è identificata nel Programma Preliminare consegnato
al Comune;
- “pv” per i dati forniti dai liberi professionisti, con l’identificazione originaria
dell’indagine;
- “pb” per i dati forniti da Enti pubblici, con la sigla originaria dell’indagine;
- “730” per le indagini relative alla L.R. 730/86.

ESEMPI
Sg22_VELS3 = Sg: Sondaggio geognostico -22: ventiduesimo dato a
disposizione tra tutte le indagini di tipo puntuale effettuate nel Comune -VEL:
indagine realizzata nell’ambito del Programma VEL -S3: indagine indicata come
S3 nel Programma Preliminare predisposto dalla Regione Toscana e inviato al
Comune.
PSp49_pvL1 =PSp: Prospezione di sismica a rifrazione con onde P –49:
quarantanovesimo dato a disposizione tra tutte le indagini di tipo lineare
effettuate nel Comune – pv: indagine realizzata da privato –L1: indagine
indicata originariamente dal privato come L1.

Si illustra di seguito un esempio di carta geologica, completa delle informazioni


richieste. La carta geologica è stata redatta in scala 1:2000 tuttavia la scala
della figura qui riportata può non essere rispondente alla scala nominale per
esigenze legate all’inserimento dell’immagine nel testo.

46
PROGETTO TERREMOTO IN GARFAGNANA E LUNIGIANA
PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO SISMICO

Legge Regionale 30.7.97 n. 56

PROGRAMMA VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI LOCALI (VEL)


Subprogetto Garfageo (Fase 2)

COMUNE DI CASTELNUOVO G.NA

FOGLI N.: 50902, 50901, 5093A, 50904, 50906

Professionista:_____________________________; Studio in via___________________________n.____


C.A.P.____________Comune____________________Tel. _________________; Fax._________________;
e-mail: _______________

CARTA GEOLOGICA
Scala 1:2.000
Data__________

47
48
277.0
368.2 266.3
1 280.5
278.2

VIA
VIA

V IA
300.8 286.6

CASTELNUOVO 269.6

PRADICCIOLO 270.5
GARFAGNANA 321.1 300.7 277.1
279.6

E
IT
URR 270.2
270.9
T
FAB
RIZ
I
280.9 277.1
271.2 LA
270.9 CO
NI
270.2 267.8 293.1
270.5 Z
$ 273.3
279.5
TO RRENTE

I
R IZ
276.8

F AB
G O
LAR 270.8
268.4 270.8

all1 276.5 298.2

, , , mg
273.7
271.5

290
276.7

VIA
332.6 PIA ZZA
273.9
271.7
272.0 REPUBBLICA
, ,

271.9 DELLA
269.0
270.8 271.4
272.2
PS 272.0 FO
ps 277.9

,
272.4 m 274.1 S
276.5 h _V
272.0
272.3
E Sgc50_VELS1 282.2

A
LS Z
$ (5,0 m) (3,0 m)

OL
T

NI C
275.9

DUE
272.8 S1 273.0 296.4
S P 282.8
272.5 272.8 300.
L1

274.6 PON TI
272.9
Z Sg51_pv
$
pv

76.3 (4,9 m) (3,4 m) 290.0 293.7


9_

272.8 rp 273.1
p4

276.7

V IA
PS

272.9
274.6 275.6
296.1
273.7
273.0
276.2
290.8 294.1 300.1
I
BI L
NO 276.0

CORT E
273.6 273.7 276.8 275.7 277.0
305.3
277.6 ct_mg 296.4
1
ST

276.3
273.5
L
VE

279.4
2_

300.4
IZ

277.7
p5

FA
BR

278.0

BR
FA
DO

PS

277.5 325.

IZI
P OL

305.4
1'
L EO

277.0 #

273.0 276.3
274.4 278.1
ESTRATTO DELLA CARTA
275.2
GEOLOGICA 278.0
329.1

DEL CENTRO URBANO DI CASTELNUOVO G.NA


SCALA 1:2.000
VIA

274.5

S CURCION E
277.5 281.9

dt
A ZZI

A
OL
NI C

49
50
LEGEN DA

DEP OSITI QUATERN AR I

Terreni di riporto (rp)

Terreni di riporto (rp) c on spess ori > 2 m

Depositi alluvionali rec enti e attuali:


al l al l1 al l2
alluvioni recenti e attuali c ostituite da ghiaie eterometriche,
sabbie e limi, di composizione generalmente poligenic a (all),
alluvioni recenti e attuali (all1) e eventuali (all2) ov e distinte
Olocene
Corpi di frana continui o s tagionali:
ac cumuli generalmente eterogenei ed eterometric i di materiali
litoidi e non, in matric e limos a e as setto sc ompaginato, in mov imento
continuo o disc ontinuo c on tempo di ritorno Tr < 2 anni.
Olocene
Corpi di frana intermittenti:
ac cumuli generalmente eterogenei ed eterometric i, di materiali litoidi
e non, in matrice limosa e ass etto scompaginato, in movimento
disc ontinuo c on tempo di ritorno Tr > 2 anni.
Olocene
Corpi di frana stabilizzati:
Sa Sn ac cumuli generalmente eterogenei ed eterometric i, di materiali litoidi
e non, in matrice limosa e ass etto scompaginato, non più riattivabili
in quanto s tabilizzati artificialmente (Sa) o naturalmente (Sn).
Pleis tocene medio/superiore (?) - Oloc ene
Depositi detritic i (dt):
ac cumoli di frammenti litoidi eterometrici, frequentemente monogenietici,
con matric e sabbiosa o s abbioso - limosa in quantità v ariabile.
Olocene

Depositi alluvionali terrazzati recenti (= at pro parte) (ct):


ghiaie eterometriche, sabbie e limi, di compos izione generalmente
poligenic a, in più ordini di terrazzi.
Olocene

Depositi alluvionali di paleovalli (pall):


ghiaie eterometriche, sabbie e limi.
Pleis tocene (?) - O locene

Depositi alluvionali terrazzati antichi (ct/mg):


ghiaie generalmente monogenic he c ostituite da c iottoli di arenaria
Mac igno in matrice sabbios a localmente prev alente, di colore ros so ocra,
a v olte dis pos te i più ordini di terrazzi.
Pleis tocene medio/superiore (?)

DEPOSITI LACUS TRI E FLU VIALI DE L BACINO DI CAS TELNUOV O

cg:
ghiaie e conglomerati poligenic i in matric e s abbiosa, loc almente c ementati,
con argille, s abbie e limi.
Villafranc hiano inf. - s up.

arg:
argille e sabbie grigie, argille sabbiose e s abbie argillose, c on s poradic i
liv elli di ghiaia in matric e argillos o s abbiosa; le argille contengono frequenti
resti vegetali e liv elli di lignite.
Villafranc hiano inf.

SUCC ES SIONE TOSCANA

Mac igno (mg):


torbiditi arenacee c ostituite da arenarie quarz os o-feldspatic he,
alternate da argilliti e siltiti; nella parte bas ale della formazione strati
o bancate di c alc areniti gradate.
Oligoc ene medio - sup.

51
52
SEGNI CONVENZIONALI

contatto stratigrafico

o superficie di strato
30

faglia presunta

, orlo di scarpata di frana

conoide alluvionale e da debris - flow

cono detritico
#
#

#
#
#

#
#

#
#

sorgente: non regimata

emergenza diffusa o stillicidio

1 1' traccia della sezione geologica

INDAGINI GEOGNOSTICHE - GEOTECNICHE E GEOFISICHE

Z
$ Sgn_VEL/priv_Sn(5) (5) Sondaggio geognostico ( profondità del substrato)
(livello di falda)
Z
$ Sgcn_VEL/priv_Sn(5) (5) Sondaggio geognostico con prelievo di campioni
e prove di laboratorio ( profondità del substrato)
(livello di falda)
Z
$
Pcptn_VEL/priv_pn(5) (5) Prova penetrometrica statica( profondità del substrato)
(livello di falda)
Z
$ Pdpn_VEL/priv_Dn Prova penetrometrica dinamica pesante( profondità del substrato)
(5) (5)
(livello di falda)
Z
$ Pdln_VEL/priv_Dn(5) (5) Prova penetrometrica dinamica leggera ( profondità del substrato)
(livello di falda)
r
Pscn_VEL/priv_scn Prova sclerometrica

PSpn_VEL/priv_STn Prospezione sismica a rifrazione con onde P

PSshn_VEL/priv_STn Prospezione sismica a rifrazione con onde SH

PSpshn_VEL/priv_STn Prospezione sismica a rifrazione con onde P e onde SH

SW/FKn_VEL/priv_ Prova SASW e/o multicanale con onde di superficie

53
54
IV.2.2 Carta geomorfologica
La carta geomorfologica in scala 1:5.000 e quella in scala 1:2.000 (redatta nei casi
sopra citati) dovrà essere basata su un rilevamento integrato con i dati esistenti (in
particolare quelli relativi ai Piani Strutturali ove realizzati), supportato dall'esame
stereoscopico di foto aeree e da elementi conoscitivi provenienti da sondaggi, scavi,
prove in sito eseguiti ai sensi della L. 730/86 o acquisiti da studi precedenti
(citandone la fonte) o appositamente realizzati.
Lo stato di attività dei fenomeni sarà dedotto da osservazioni di campagna,
prestando particolare attenzione alla presenza o meno di indizi di evoluzione.

Le aree di frana saranno distinte in tre categorie in base allo stato di attività:
a) attive, con tempi di ritorno inferiori a due anni;
b) quiescenti, con tempi di ritorno superiori a due anni;
c) inattive.

Per quanto riguarda le frane, (diversamente da quanto avviene per gli altri processi,
forme e depositi della legenda geomorfologica), questi termini hanno rispettivamente
il significato di continuo-stagionale, di intermittente e stabilizzato.
Le frane di tipo complesso sono distinguibili in base al sovrassegno che
contraddistingue ciascuna tipologia; è possibile quindi che uno stesso corpo di frana
abbia due o più soprassegni.
Per depositi colluviali,alluvionali, crionivali e glaciali la tessitura viene descritta con
l’apposizione di sigle relative alla granulometria dominante:
CG = ghiaie e conglomerati
S = sabbie
L/A = limi e argille

Le carte geomorfologiche, sia in scala 1:5.000 sia in scala 1:2.000, saranno


realizzate rispettando la legenda riportata nella Sezione B del Volume delle Istruzioni
Tecniche relativo all’area oggetto dell’indagine (Vol. 2 e succ.). Se ritenuto
necessario tale legenda potrà comprendere nuove simbologie relative a processi e/o
forme ritenute importanti e/o non comprese nella legenda; queste dovranno essere
preventivamente concordate con la Regione Toscana – Direzione Generale Politiche
Territoriali e Ambientali - Settore Servizio Sismico Regionale.

Nella carta geomorfologica andranno riportate anche le tracce delle sezioni


geologiche presenti nella carta geologica, con un tratto di colore nero e
contraddistinte da una numerazione (es. 1-1’, 2-2’).
Si illustra di seguito un esempio di carta geomorfologica. Quest’ultima è stata redatta
in scala 1:2000, tuttavia la scala della figura qui riportata può non essere rispondente
alla scala nominale per esigenze legate all’inserimento dell’immagine nel testo.

55
56
PROGETTO TERREMOTO IN GARFAGNANA E LUNIGIANA
PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO SISMICO

Legge Regionale 30.7.97 n. 56

PROGRAMMA VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI LOCALI (VEL)


Subprogetto Garfageo (Fase 2)

COMUNE DI CASTELNUOVO G.NA

FOGLI N.: 50902, 50901, 5093A, 50904, 50906

Professionista:_____________________________; Studio in via___________________________n.____


C.A.P.____________Comune____________________Tel. _________________; Fax._________________;
e-mail: _______________

CARTA GEOMORFOLOGICA
Scala 1:2.000
Data__________

57
58
276.9
DEL
M BAC
358.9 269.3 279.2
280.6 273.2

277.0
266.3
1 280.5
VIA 278.2

VIA
289.1

3)
V IA
300.8 286.6

( N .4
UOVO 269.6

PRADICCIOLO 270.5
GNANA 321.1 300.7 277.1
279.6

MONTEP ERPOLI
E
IT
RR
TU
270.2
270.9 FAB
RIZ
I
280.9 277.1
271.2

o
LA
270.9
NI
CO 35
270.2 267.8 293.1
270.5 273.3

DI
279.5 311.1
E
TORRENT

I
R IZ
276.8

F AB
GO

S.P.
LAR 270.8

300
268.4 270.8

276.5 298.2
273.7
271.5 307.0

290
VIA
276.7 PIA ZZA
271.7 273.9
272.0 DELLA REPUBBLICA
269.0 271.9
270.8 271.4
272.2
FO
m 272.0 274.1 277.9 SS
272.4 O
276.5
272.3
282.2

A
272.0

OL
NI C

DUE
272.8 273.0
296.4
282.8
272.5 272.8 300.2 303.7

274.6 PON TI
272.9
290.0 316
272.8
c_g 273.1
293.7
276.7

V IA
272.9
274.6 275.6
296.1
273.7
273.0

+ + +
276.2
290.8 294.1 300.1
I
BI L
NO 276.0

CO RT E
273.7 276.8 275.7 277.0 321.0
305.3
277.6
296.4
276.3
273.5
279.4 c_g
I
IZ

277.7 FA 300.4
BR

278.0
BR
FA
DO

277.5 325.5
1'
IZI
P OL

305.4
L EO

277.0
ESTRATTO
273.0 DELLA CARTA
278.1
GEOMORFOLOGICA
276.3

DEL CENTRO URBANO


275.2
DI CASTELNUOVO G.NA 278.0
329.1

SCALA 1:2.000
VIA

274 5

59
60
LEGENDA

DATI LITOLOGICI E STRUTTURALI DEL SUBSTRATO

Arenarie stratificate

Ghiaie e conglomerati

Argille e sabbie argillose

Limite definito

30 Giacitura degli strati

Faglia presunta

FORME, PROCESSI E DEPOSITI GRAVITATIVI DI VERSANTE


attivo quesciente non attivo

a a a Orlo di scarpata di frana


a) h < 10 m
b b b b) h > 10 m

Frattura di trazione

# # #
# # #

a) Falda di detrito
# # #

# # #
# # #
# # #

# #
#
a # #
#
a # #
#
a
b) Cono di detrito
c) Detrito di versante
# #
# # #
# # #
#
#
# #
# # #
#
#
# #
#

b
# # #
#

b
#

b
# # #
#
#
# #
# #
# #

c c c

Corpo di frana per


scorrimento rotazionale

Corpo di frana per


colamento

61
62
FORME, PROCESSI E DEPOSITI PER ACQUE CORRENTI SUPERFICIALI
attivo quesciente non attivo
Orlo di scarpata di erosione
a a a fluviale o torrentizia
a) h < 10 m
b b b b) h > 10 m

Ripiano di erosione fluviale

Alveo con tendenza


all'approfondimento

Cono alluvionale

Deposito alluvionale
c_g
s_l
l_a

FORME, PROCESSI E DEPOSITI PER ACQUE CORRENTI SUPERFICIALI


funzionanti abbandonati
¢ ¢¢ ¢ ¢ ¢ ¢¢ ¢ ¢¢ ¢ ¢ ¢ ¢¢ ¢ ¢
¢ ¢¢ ¢ ¢ ¢¢ ¢ ¢ ¢¢ ¢ ¢ ¢¢ ¢ ¢ ¢ Terrazzamento agrario
¢ ¢¢ ¢ ¢ ¢¢ ¢ ¢ ¢¢ ¢ ¢ ¢ ¢¢ ¢ ¢

a
Superficie di riporto
a) spessore < 2 m
b) spessore > 2 m
b

Traverse e briglie

a
Muri di sostegno
b
a) h < 10 m
b) h > 10 m

IDROGRAFIA SUPERFICIALE

Corso d'acqua perenne

Corso d'acqua temporaneo

Lago, specchio d'acqua

Sorgente localizzata
non captata

Emergenza diffusa o stillicidio

63
64
IV.2.3 Carta litologico-tecnica
La carta litologico-tecnica sarà realizzata tenendo conto sia delle informazioni
contenute nella carta geologica e in quella geomorfologica sia sulla base delle
osservazioni e delle prove manuali effettuate sugli affioramenti ritenuti
significativi per l’area in oggetto, sia sulla base dei risultati delle prove
geofisiche e geotecniche, in sito e di laboratorio.

I litotipi rilevati devono essere raggruppati in Unità Litologico-Tecniche sulla


base delle loro caratteristiche fisico-meccaniche.

Le unità litologico-tecniche verranno distinte anche sulla base dei valori di


velocità delle onde SH ottenuti dalle indagini di sismica a rifrazione, dalle prove
down-hole e dalle prove SASW.
La definizione accurata delle unità litologico tecniche permetterà, in relazione ai
valori di VSH ed agli spessori valutati, di estrapolare i parametri di
amplificazione ottenuti dalla modellazione numerica delle sezioni geologiche
indagate.

Le Unità Litologico-Tecniche devono essere distinte nella carta 1:5.000 in due


insiemi, uno relativo al Substrato, ed uno relativo alla Copertura; nella carta in
scala 1:2.000 ed in tre insiemi, uno relativo al Substrato, uno relativo ai Materiali
a comportamento intermedio ed uno relativo alla Copertura.
Nelle due cartografie devono essere riportate la tipologia e l’ubicazione delle
indagini effettuate e/o utilizzate ai fini della classificazione delle U.L.T. (per
l’elenco delle prove si vedano le Sezioni C e D- Volume 2 e succ.).

La Carta litologico-tecnica, sarà realizzata in scala 1:2000 per le aree


urbanizzate e di espansione, in conformità a quanto riportato rispettivamente
nella Sezione D- Volume 2 e succ.
Nella Carta litologico-tecnica dovrà essere individuato il tipo di substrato
presente e la copertura evidenziandone la geometria tramite le isopache,
ricostruite secondo le modalità riportate nel Volume 2 e succ.- Sezione D.
Nel caso di aree caratterizzate dall’affioramento di un'unica unità litostratigrafica
(ad esempio i depositi alluvionali terrazzati), la carta litologico tecnica potrà
essere realizzata, sentito il parere della Regione Toscana e dei referenti
scientifici in scala 1:5.000.

Le carte litologico-tecniche, sia in scala 1:5.000 sia in scala 1:2.000, saranno


realizzate rispettando la legenda riportata nella Sezione C (Volume 2 e succ.) e
Sezione D (Volume 2 e succ.). Se necessario potranno essere inserite eventuali

65
nuove simbologie, relative a formazioni o litologie ritenute importanti e non
comprese in legenda.
Queste dovranno essere preventivamente concordate con la Regione Toscana
– Direzione Generale Politiche Territoriali e Ambientali - Settore Servizio
Sismico Regionale.

Nelle carte litologico-tecniche, sia in scala 1:5.000 sia in scala 1:2.000,


dovranno essere ubicati gli eventuali sondaggi effettuati, le prove DH, le prove
penetrometriche e le linee sismiche e altre prove previste e riportate nel Volume
2 e succ. – Sezione C-D.
E’ opportuno inoltre che nelle carte litologico-tecniche siano riportate anche le
indagini e le prospezioni geofisiche effettuate al di fuori del Programma VEL e
fornite dagli Uffici Tecnici Comunali nonché dai liberi professionisti locali.
Queste indagini saranno nominate con sigle e numerazioni differenti rispetto a
quelle realizzate nell’ambito del VEL e in maniera da essere identificate
inequivocabilmente. Per il nome identificativo dell’indagine si rimanda al
paragrafo IV.2.1 “ Carta geologica” del presente Volume.
Nelle carte litologico-tecniche andranno riportate anche le tracce delle sezioni
geologiche presenti nella carta geologica, con un tratto di colore nero e
contraddistinte da una numerazione (es. 1-1’, 2-2’).
Si illustra di seguito un esempio di carta litologico-tecnica, completa delle
informazioni richieste. La carta litologico-tecnica è stata redatta in scala 1:2000,
tuttavia la scala della figura qui riportata può non essere rispondente alla scala
nominale per esigenze legate all’inserimento dell’immagine nel testo.

66
PROGETTO TERREMOTO IN GARFAGNANA E LUNIGIANA
PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO SISMICO

Legge Regionale 30.7.97 n. 56

PROGRAMMA VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI LOCALI (VEL)


Subprogetto Garfageo (Fase 2)

COMUNE DI CASTELNUOVO G.NA

FOGLI N .: 50902, 50901, 5093A, 50904, 50906

Professionista:_____________________________; Studio in via___________________________n.____


C.A.P.____________C omune____________________Tel. _________________; Fax._________________;
e-mail: _______________

CARTA LITOLOGICO-TECNICA
Scala 1:2.000
Data__________

67
68
O

276.9 MOLINO
358.9
1 280.6 269.3 273.2
DEL
279.2

277.0
368.2 266.3
280.5
278.2

VIA
VIA

V IA
300.8 286.6

CASTELNUOVO 269.6

PRADICCIOLO 270.5
GARFAGNANA 321.1 300.7 277.1
279.6

TE
R RI
TU
270.2
e2a3-4t3 270.9 FAB
RIZ
I
280.9 277.1
271.2 LA
270.9 CO
NI
Pdl70_pvDp1
270.2 293.1
267.8
270.5 Z
$ 273.3

E 279.5
TO RRENT

I
R IZ
276.8

F AB
GO
LAR 270.8
268.4 270.8

276.5 298.2

271.5
273.7
b3r4p4d4c4

290
VIA
332.6 276.7 PIA ZZA
273.9
271.7
272.0 DELLA REPUBBLICA
271.9
269.0
270.8 271.4 PS
ps 272.2
272.4 m
h _V 272.0 274.1 277.9
FO
SS
O
276.5 E LS
272.3
T Sgc50_VELS1 282.2

A
272.0
S1 Z
$

OL
S

NI C

DUE
275.9
272.8 P
273.0 (3,0 m) (5,0 m) 296.4
282.8
272.5 272.8 300.2
L1

274.6 PON TI
pv

$ Sg51_pv
Z 272.9
5. 0
9_

76.3 290.0 293.7


(3.4 m) (4.9 m)
p4

272.8 273.1
276.7

V IA
PS

272.9
274.6 275.6
Psc8_VE
296.1
273.7
273.0
.
10

e2a3-4t1 276.2
7 .5

I 290.8 294.1 300.1


BIL
NO
276.0
e1a2-3t3

CO RT E
273.6 273.7 276.8 275.7 3
277.0
305.3
T1

277.6
296.4
LS

276.3
VE

273.5
2_

279.4
p5
PS

I
IZ

277.7 300.4

FA
BR

278.0
1'
BR
FA
DO

277.5 325.5

IZI
POL

305.4
L EO

277.0
276.3
ESTRATTO DELLA CARTA LITOLOGICO-TECNICA
274.4
273.0
278.1
278.0

DEL CENTRO URBANO DI 275.2


CASTELNUOVO G.NA 329.1

SCALA 1:2.000 e2a3-4t1


VIA

274.5

URCION E
281.9
277.5
69
A ZZI

LA
CO
70
LEG EN DA

UNITA' LITOLOGICO TE CNICH E

b3r4-6p4-6d3-4c2-5 Alternanza regolare roc cia lapidea -pelite c on rapporto r/p>75% ,


dov e i livelli lapidei sono di regola mediamente res istenti,
arriv ando a luoghi a deboli e m olto deboli.
I livelli pelitici hanno di s olito la resis tenza a c ompress ione
di quelli lapidei.
Le disc ontinuità hanno una spaz iatura v ariabile tra 5 e 100 cm
con aperture per lo più inferiori a 1 m m, m a a luoghi anc he
superiori a 5 mm .

c1r5-6 Brec cia clas to-s os tenuta, mediamente cem entata,


fratturazione non rilev abile.

d2s 2 Argille molto cons istenti.

e1a1-2t3 Ciottoli da addens ati (a1) a m oderatamente addens ati (a2),


con pres enz a di frazione interstiziale c oesiv a

e1a2-4t2 Ciottoli da moderatamente addensati (a2), a poco addens ati (a3)


a sc iolti (a4), con pres enza di frazione sabbiosa.

e1a3-4t3 Ciottoli da poc o addensat i (a3) a s ciolti (a4), c on presenza


di fraz ione inters tiz iale coes iva.

e2a2-4t1 Detrito m oderatamente addens ato (a2), a poco addensato (a3)


a sc iolto (a4), con pres enz a di framm enti di dimens ioni maggiori.

e2a3-4t3 Ghiaie e detrito da poc o addensati (a3) a sc iolti (a4),


con pres enz a di frazione interstiziale c oesiv a.

e3a3-4t3 Sabbie da poco addens ate (a3) a s ciolte (a4), con pres enza
di fraz ione inters tiz iale coes iva.

INDAGIN I GEOGN OSTICHE - GE OTECNIC HE E GEOFISIC HE

Z
$ Sgn_VEL/priv _S n(5) (5) Sondaggio geognos tico ( profondità del substrato)
(liv ello di falda)
Z
$ Sgc n_VEL/priv_Sn(5) (5) Sondaggio geognos tico con pr elievo di campioni
e prove di laborator io ( pr ofondità del s ubs trato)
(liv ello di falda)
Z
$
Pcptn_VEL/priv_pn(5) (5) Prova penetr om etric a statica( profondità del substr ato)
(liv ello di falda)
Z
$ Pdp n_ VE L/pri v_Dn Prova penetr om etric a dinam ic a pesante( profondità del substrato)
(5) (5)
(liv ello di falda)
Z
$ Pdln_VEL/priv_D n(5) (5) Prova penetr om etric a dinam ic a legger a ( pr ofondità del s ubs trato)
(liv ello di falda)
r Pscn_VEL/priv_s cn Prova s clerometrica

PSpn_VEL/priv _STn Prospezione sism ic a a r ifrazione con onde P

PSshn_VEL/priv_STn Prospezione sism ic a a r ifrazione con onde S H

PSpshn_VEL/priv_STn Prospezione sism ic a a r ifrazione con onde P e onde S H

SW/F Kn_VEL/priv_ Prova S ASW e/o multic anale c on onde di superfic ie

ISOPA CHE (PROFONDITA ' D EL SUB STRA TO)

Definite da indagini

Interpretate

71
72
IV.2.4 Carta delle Zone a Maggiore Pericolosità Sismica Locale (ZMPSL)
Tale carta sarà realizzata in scala 1:2.000 nelle aree urbanizzate e in
espansione e in scala 1:5.000 per le restanti aree.
Considerando le indagini geologiche, geomorfologiche e litologico-tecniche,
sintetizzate nella relazione geologico-tecnica, e le relative cartografie a scala
1:2.000, sarà effettuata la carta delle ZMPSL.
In questo elaborato sono evidenziate le aree che dall'analisi comparata delle
cartografie di cui sopra possono avere risposte sismiche, la cui gravità può
andare oltre il livello standard della pericolosità attesa nell'area.
La legenda che accompagna questa cartografia, partendo da una casistica di
situazioni geologiche-geomorfologiche fornite dalla letteratura, è stata calibrata
in fase iniziale per la Garfagnana e la media Valle del Serchio, evidenziando in
essa sia le problematiche geologiche e morfologiche, sia gli effetti che si
possono attendere in quell'area. Tuttavia tale legenda ha validità generale per
tutte le aree coinvolte nel Programma VEL.
Le zone così cartografate, a validità areale e non puntuale, non sono ordinate, e
nemmeno potrebbero esserlo attualmente, secondo criteri di pericolosità
crescente, in quanto ciascuna di esse possiede una particolare identità sia in
relazione alle caratteristiche geologico-morfologiche che a quelle dell'evento
stesso, né sono riferibili ad un livello di pericolosità determinato.
La casistica individuata è riportata in legenda (Appendice D).

Le zone da 1 a 4: rappresentano le aree dove i fenomeni di instabilità in atto o


potenziali possono subire un'accentuazione in seguito al verificarsi di eventi
sismici, o zone in cui è possibile l’instaurarsi di cedimenti diffusi. In genere
l'identificazione di queste zone non pone particolari difficoltà in quanto si tratta
di contornare un'area di frana continua stagionale o intermittente o un'area
potenzialmente franosa (l’area da contornare comprende sia la zona di distacco
che quella di accumulo della frana). Tra queste prime quattro zone quella che
può prestarsi ad interpretazioni più soggettive è la zona 3 che considera
l'eventualità che gli edifici possano essere interessati da frane. In questo caso
infatti è il geologo che fornisce in prima istanza ipotesi qualitative relativamente
all'estensione del dissesto (es: aree di soliflusso, di creep ed aree a rischio nelle
immediate vicinanze dei corpi franosi).

Le zone 5 e 6: evidenziano le discontinuità morfologiche che possono


comportare l'amplificazione del moto del suolo connessa con la focalizzazione
delle onde sismiche e/o fenomeni di collasso. L'individuazione della zona 5, a
prescindere dai fenomeni di collasso, si pone in relazione all'input sismico
atteso, se si accetta l'ipotesi che nella porzione sommitale delle scarpate i raggi
d'onda vengono focalizzati per effetto delle riflessioni lungo il pendio e che ciò
possa avvenire nel caso che le lunghezze d'onda prevalenti nello scuotimento
siano all'incirca dello stesso ordine di grandezza delle dimensioni della
scarpata. L'estensione verso monte e verso valle della zona ove è possibile
l'amplificazione del moto del suolo dipende dalla distanza ipocentrale, dalla
direzionalità dei raggi d'onda, dall'energia dell'evento ecc. E' chiaro che in
questa fase, non disponendo di questi dati, la scarpata deve essere

73
semplicemente indicata con una linea coincidente con il ciglio. Anche la zona 6
si pone in relazione all'input sismico atteso, se si accetta l'ipotesi che nella
porzione sommitale dei rilievi i raggi d'onda vengono focalizzati per effetto delle
riflessioni lungo il pendio e che ciò possa avvenire nel caso che le lunghezze
d'onda prevalenti nello scuotimento siano all'incirca dello stesso ordine di
grandezza delle dimensioni del rilievo. L'estensione della zona dove è possibile
l'amplificazione del moto del suolo dipende dalla distanza ipocentrale, dalla
direzionalità dei raggi d'onda, dall'energia dell'evento ecc. Non disponendo di
tali informazioni la parte sommitale dei rilievi deve essere contornata.

Le zone 7 e 8: evidenziano le aree con possibile amplificazione del moto


sismico legate in primo luogo alla diversità di impedenza sismica tra substrato e
copertura e secondariamente alla conformazione geometrica con conseguenti
fenomeni di focalizzazione delle onde sismiche. Per quantificare l'amplificazione
del suolo legata al contrasto di impedenza sismica tra substrato e copertura
dovrebbero essere calcolati gli spessori e le geometrie di tali depositi e,
successivamente, essere forniti i valori di soglia, come ad esempio
altezze/dimensioni laterali della valle, e gli spessori che possono essere
considerati critici rispetto alle caratteristiche del terremoto atteso. Anche in
questo caso non disponendo di tali informazioni, i depositi incoerenti sia
presenti in valle che alla base dei rilievi devono essere contornati.

La zona 9 evidenzia la possibilità che nelle immediate vicinanze del contatto tra
due materiali con caratteristiche fisico-meccaniche diverse possano verificarsi
vibrazioni del terreno con ampiezze e frequenze diverse. Il riconoscimento di
tale zona non pone particolari problemi; rispetto all'estensione della zona di
influenza non possono essere fornite indicazioni precise: per tale motivo il
contatto tra i due materiali deve essere rappresentato con una linea.

Le carte gelogica, geomorfologica, litologico-tecnica e di ZMPSL saranno


realizzate a colori; colorazioni e soprassegni non dovranno mai obliterare il dato
topografico di base, nel caso di informatizzazione le norme di digitalizzazione
dovranno essere concordate.

Si illustra di seguito un esempio di carta delle Zone a Maggiore Pericolosità


Sismica Locale (ZMPSL). Quest’ultima è stata redatta in scala 1:2000, tuttavia
la scala della figura qui riportata può non essere rispondente alla scala
nominale per esigenze legate all’inserimento dell’immagine nel testo.

74
PROGETTO TERREMOTO IN GARFAGNANA E LUNIGIANA
PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO SISMICO

Legge Regionale 30.7.97 n. 56

PROGRAMMA VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI LOCALI (VEL)


Subprogetto Garfageo (Fase 2)

COMUNE DI CASTELNUOVO G.NA

FOGLI N.: 50902, 50901, 5093A, 50904, 50906

Professionista:_____________________________; Studio in via___________________________n.____


C.A.P.____________Comune____________________Tel. _________________; Fax._________________;
e-mail: _______________

CARTA DELLE ZONE


A MAGGIORE PERICOLOSITA' SISMICA LOCALE
Scala 1:2.000
Data__________

75
76
2 355.4
320.8
282.0 VIC
OL
O
3 276.9 DEL
358.9 269.3
280.6 273.2

277.0
368.2 266.3
280.5
VIA 27

VIA

V IA
300.8 286.6

CASTELNUOVO 269.6

PRADICCIOLO 270.5
DI GARFAGNANA 321.1 300.7 277.1
279.6

E
IT
RR
2 TU
270.2
270.9 FAB
RIZ
I
280.9 277.1
271.2 LA
270.9 CO
NI
270.2 267.8
270.5 273.3
2 339.9 E 279.5
TO RRENT

I
R IZ
276.8

F AB
GO
LAR 270.8
268.4 270.8

276.5
273.7
271.5

VIA
332.6 276.7 PIA ZZA
271.7 273.9
272.0 DELLA REPUBBLICA
269.0 271.9
5 270.8 271.4
272.2
272.4 m 272.0 274.1 277.9

2 276.5
272.3

A
272.0 282.2
1

OL
NI C
275.9

DUE
272.8 273.0
296.4
282.8
272.5 272.8

PON TI
274.6
272.9
276.3 290.0
272.8 273.1
276.7

V IA
293.0
272.9
274.6 275.6
296.1
273.7
273.0
276.2
294.1 300.1
276.9 I 290.8
BIL
NO 276.0

CO RT E
273.6 273.7 276.8 275.7 277.0
3
277.6
296.4
276.3
273.5
274.8 279.4
I

277.7
IZ

300.4
ESTRATTO DELLA CARTA DELLE ZONE

FA
BR

278.0

BR
FA
DO

277.5

IZI
A MAGGIORE PERICOLOSITA' SISMICA LOCALE
P OL

305.4
L EO

DEL CENTRO URBANO


273.0
DI CASTELNUOVO G.NA276.3 277.0

274.4
SCALA 1:2.000 278.1
278.0
275 2

77
78
LEGENDA

1 Zona caratterizzata da movimenti franosi continui stagionali

2 Zona caratterizzata da movimenti franosi intermittenti

3 Zona potenzialmente franosa o esposta a rischio di frana

Zone con terreni di fondazione particolarmente scadenti


4 (riporti poco addensati, terreni granulari fini con acqua superficiale)

Zona di ciglio H > 10 m (scarpata con parete subverticale,


5 bordo di cava, nicchia di distacco, orlo di terrazzo fluviale,
di natura antropica)

6 Zona di cresta rocciosa cocuzzolo

7 Zona con presenza di alluvioni incoerenti

8 Zona pedemontana di falda di detrito e cono di deiezione

Zona di contatto tra litotipi con caratteristiche fisico meccaniche


9 molto diverse

79
80
IV.3 Note esplicative e risultati delle indagini geofisiche e geotecniche
La seconda parte della Relazione geologica dovrà contenere tutte le
informazioni necessarie circa la costituzione del sottosuolo, definendone la
successione stratigrafica, la struttura e le proprietà fisico-meccaniche fino alla
profondità tecnicamente significativa per il caso in esame, nonché la
misurazione del livello piezometrico delle eventuali falde.
Inoltre facendo preciso riferimento alla natura geologica, geomorfologica e
litologico-tecnica dell'area in esame e alle conoscenze ad essa relative, dovrà
essere motivato e illustrato il programma e le finalità delle indagini geofisiche e
geotecniche svolte.

Per la relazione sulle indagini si farà riferimento, oltre che alle presenti IT, a
quanto contenuto nelle “Raccomandazioni sulla Programmazione ed
esecuzione delle indagini geotecniche” (AGI, 1977), nella "Normativa e linee
guida per le relazioni geologiche e geotecniche" (Ordine dei Geologi della
Toscana, 1996) ed alla Delibera C.R. n. 94 del 1985 .

Più precisamente le parti della Relazione geologica che si riferiscono alle


indagini geofisiche e geotecniche dovranno contenere:
1) la carta in scala 1:2000 con l’ubicazione dei sondaggi, delle prove DH, delle
prove penetrometriche, delle linee sismiche e di tutte le altre prove effettuate
e riportate nel Volume 2 e succ.- Sezione C e D (riportando il nome
identificativo dell’indagine secondo quanto riportato nel paragrafo IV.2.1-
”Carta geologica”);
2) il numero, la profondità dei sondaggi e/o prove in sito eseguiti e la loro
motivazione connessa alle finalità dell'indagine, alla litologia dei materiali
indagati e alla probabile stratigrafia del sottosuolo (riportando il nome
identificativo dell’indagine secondo quanto riportato nel paragrafo IV.2.1-
”Carta geologica”). Le informazioni standard da specificare, relative ai
sondaggi e relativi logs, saranno conformi all'Appendice C.1. Le informazioni
standard relative alle prove in sito e in laboratorio saranno conformi
all'Appendice C.2;
3) l’attrezzatura posta in foro e la sua tipologia, la frequenza temporale ed in
profondità delle misurazioni effettuate;
4) il numero dei campioni prelevati e la profondità di prelievo;
5) i risultati delle prove di laboratorio effettuate sui campioni (certificato di
laboratorio abilitato) e delle prove in sito;
6) le sezioni litostratigrafiche di correlazione con la scala ritenuta opportuna (di
maggior dettaglio di quella 1:2.000) riportanti le informazioni litostratigrafiche,
strutturali, idrauliche e geotecniche. Esse terranno conto delle eventuali
informazioni ricavate dai sondaggi, prove e/o scavi eseguiti.

81
Per eventuali modifiche o problemi nell'applicazione delle presenti istruzioni
tecniche occorrerà rivolgersi direttamente alla Regione Toscana - Direzione
Generale Politiche Territoriali e Ambientali - Settore Servizio Sismico Regionale
per concordare con esso quanto necessario alla soluzione della problematica
rilevata.

82
APPENDICE A

INDAGINI GEOTECNICHE CONVENZIONALI

83
84
APPENDICE A.1
Sondaggi

I sondaggi dovranno essere eseguiti secondo le procedure indicate nelle


“Raccomandazioni sulla programmazione ed esecuzione delle indagini
geotecniche” (AGI, 1977).

Nell'esecuzione delle indagini, dovranno essere seguite le seguenti modalità.

„ A1.1 Perforazioni di sondaggio


I sondaggi sono finalizzati al raggiungimento dei seguenti obiettivi principali:
• Prelievo di campioni indisturbati finalizzati alle determinazione dei
parametri meccanici necessari per le analisi di risposta sismica (modulo di
taglio, rapporto di smorzamento, …) tramite prove dinamiche di laboratorio.
La D.L. può modificare in corso d’opera il programma preliminare in
relazione al prelievo di campioni, laddove i terreni attraversati lo permettano,
avendo premura di verificare anticipatamente l’idoneità dei campionatori in
riferimento alle specifiche indicate nelle I.T. Il mancato prelievo di campioni
in terreni idonei al campionamento sarà da addebitarsi alla D.L., salvo
mancanze e/o inadempienze da parte dell’impresa. Se tale procedura non
verrà rispettata, per inadempienza da parte dell’Impresa, non sarà
autorizzato il pagamento per tutta la profondità relativa al litotipo interessato
dal prelievo. Inoltre la D.L. dovrà premunirsi che i campioni prelevati
vengano conservati a cura dell’Amministrazione Comunale in un luogo
chiuso e protetto fino al momento della consegna al laboratorio geotecnico.
Il laboratorio geotecnico verificherà la corretta paraffinatura e chiusura del
campione, evidenziando eventuali mancanze da parte dell’impresa.
• Esecuzione della prova Down-Hole per la determinazione delle velocità
delle onde P ed SH. Per assicurare la corretta esecuzione della prova
geofisica dovrà essere eseguita una adeguata cementazione del foro di
sondaggio, secondo quanto specificato nelle I.T. A tal fine il pagamento del
sondaggio all’Impresa verrà effettuato solo dopo l’esecuzione della prova
geofisica, potendo così verificare se le registrazioni acquisite sono di qualità
e non disturbate dalla non continuità della cementazione. Il diametro dei
sondaggio dovrà essere sufficiente a garantire l’esecuzione della prova DH,
secondo quanto prescrivono le I.T. nel paragrafo B.1.5.
• Ricostruzione stratigrafica del terreno mediante la campionatura completa
dei litotipi attraversati dall'utensile di perforazione e attraverso la compilazione
della colonna lito-stratigrafica, l’identificazione dell’unità litotecnica
(seguendo le linee guida indicate nelle I.T.), integrandole con
l'interpretazione geologica del materiale estratto.

85
Nelle aree in frana, per misurare l’entità degli spostamenti, il sondaggio dovrà
essere attrezzato con tubo inclinometrico.

A seconda degli scopi ai quali sono prevalentemente diretti, i sondaggi si


distinguono convenzionalmente in :
a) sondaggi stratigrafici: servono per ricostruire il profilo stratigrafico del
sottosuolo e per determinare la profondità di rinvenimento e di stabilizzazione
di eventuali falde idriche.
b) sondaggi geotecnici: forniscono le stesse indicazioni dei sondaggi stratigrafici
oltre alla possibilità di determinare le proprietà meccaniche dei terreni
attraversati per mezzo di prelievi di campioni indisturbati e l'esecuzione di
prove in foro.
Nel caso di sondaggi geotecnici nei quali saranno eseguiti indagini di tipo
dinamico (vedi appendice B.1), si fa presente quanto segue:
- per la prova Cross-hole è necessario controllare la deviazione dalla
verticale (come specificato in appendice B.1). A tal fine è necessario
attrezzare il foro con tubo inclinometrico;
- per la prova Down-hole non si rendono necessari controlli di verticalità;
- deve essere attentamente eseguita la cementazione del tubo su tutta la
lunghezza della perforazione (secondo le modalità riportate
nell'appendice B.1).

L’impresa deve assicurare durante tutte le fasi di sondaggio (installazione


cantiere, perforazione, cementazione etc.) l'assistenza costante di un proprio
geologo che compilerà la stratigrafia su modulo regionale, che esaminerà i
campioni di risulta ed imposterà il lavoro degli operai di macchina. Tale requisito
è elemento fondamentale per l’aggiudicazione dei lavori.

E’ prevista inoltre durante tutte le fasi di sondaggio (installazione cantiere,


perforazione, cementazione, ecc…) la presenza costante di un geologo
incaricato dall’Ente Appaltante che svolga il ruolo della Direzione Lavori (D.L.)
per l’intera durata del sondaggio. Si precisa che tale incarico deve essere
effettuato direttamente alla persona fisica (geologo professionista che seguirà
personalmente il sondaggio) e non a persone giuridiche (Imprese).
Il geologo incaricato della Direzione Lavori del sondaggio geotecnico dovrà
seguire costantemente i lavori e dovrà assicurare che questi vengano svolti
secondo quanto prescritto dalle Istruzioni Tecniche Regionali ricordando che gli
obiettivi principali e i compiti della D.L. sono i seguenti:
1. ricostruzione del profilo stratigrafico e compilazione del modulo stratigrafico
secondo quanto descritto in appendice A.1.2.1;
2. Controllare e verificare anticipatamente la dotazione della strumentazione di
perforazione (sonda, carotieri, campionatori, corone, rivestimenti…) in
relazione alla tipologia dei terreni;

86
3. Seguire costantemente la fase di perforazione evidenziando, in accordo con
il geologo dell’Impresa, il tipo di carotiere da adottare, di volta in volta, in
maniera da garantire il minor disturbo possibile nel terreno e la maggior
percentuale di recupero;
4. permettere il prelievo di campioni indisturbati finalizzati alla determinazione
dei parametri meccanici necessari per le analisi di risposta sismica tramite
prove dinamiche di laboratorio. La D.L. può modificare in corso d’opera il
programma preliminare in relazione al prelievo di campioni, laddove i terreni
attraversati lo permettano, avendo premura di verificare anticipatamente
l’idoneità dei campionatori in riferimento alle specifiche indicate nelle I.T. Il
mancato prelievo di campioni in terreni idonei al campionamento sarà da
addebitarsi alla D.L., salvo mancanze e/o inadempienze da parte
dell’Impresa. Inoltre la D.L. dovrà premunirsi che i campioni prelevati
vengano conservati a cura dell’Amministrazione Comunale in un luogo
chiuso e protetto fino al momento della consegna al laboratorio geotecnico;
5. Assicurare l’esecuzione di prove geotecniche (misure SPT…);
6. Effettuare misure di falda durante e dopo la perforazione;
7. Comunicare tempestivamente all’Ente Appaltante e alla Regione Toscana
eventuali inadempienze e/o mancanze da parte dell’Impresa;
8. Garantire che l’Impresa effettui l’operazione di cementazione secondo le
modalità previste dalle Istruzioni Tecniche;
9. Redazione della Relazione Tecnica delle indagini secondo le specifiche
tecniche riportate in Appendice A.1.2

Le perforazioni saranno eseguite generalmente con le modalità atte ad


effettuare sondaggi a carotaggio continuo; si ricorrerà a procedimenti a
distruzione di nucleo per eventuali fori integrativi da attrezzare con tubi
inclinometrici, piezometri e in tratti non significativi a litologia uniforme e nota.

I sondaggi saranno misurati per metro lineare di foro eseguito; le profondità


saranno misurate dal piano d'imposta dell'attrezzatura.

Nel caso di rinvenimento di rocce o ammassi rocciosi si dovrà fare riferimento


alle classifiche litologiche, distinguendo le rocce in base alle loro proprietà
meccaniche ed al loro stato di continuità, come indicato nelle “Raccomandazioni
sulla programmazione ed esecuzione delle indagini geotecniche” (AGI, 1977)
ed in quella dell'ISRM.

Durante la perforazione dovranno essere annotate le profondità rispetto al


piano di campagna alle quali si hanno cambiamenti di natura del terreno, le
quote di venuta d'acqua e del livello stabilizzato della falda, le eventuali perdite
d'acqua. La profondità della falda acquifera incontrata e la quota di
stabilizzazione dell’acqua in foro dovrà essere rilevata con misure giornaliere ad
inizio e fine perforazione sulla base delle tabelle di fig A1.2.2.

87
I sondaggi e le prove in sito devono essere in generale spinti fino ad incontrare
la roccia “sana”, attraversandola per uno spessore significativo.
Si ricorda inoltre che la profondità del sondaggio viene indicata con un intervallo
di 5 m (es.15/20 m) in quanto viene stimata:
- in base all’interpretazione dei risultati delle indagini di sismica a rifrazione, il
cui metodo comporta un’approssimazione che può variare nell’ordine di
alcuni metri anche in relazione alle caratteristiche della formazione
incontrata;
- in base alla necessità di caratterizzare il materiale in condizioni ottimali (non
alterato e/o fratturato), tramite l’effettuazione di prove geofisiche per la
determinazione della Vs (DH e CH) e di prove geotecniche di laboratorio
(prelievo ed analisi di campioni), per la caratterizzazione geotecnica del
materiale prelevato.
Il sondaggio quindi, dovrà essere spinto per almeno 5 m all’interno della
formazione “sana”.
La stabilità del fondo del foro deve essere assicurata con i mezzi che la tecnica
operativa mette a disposizione.
In particolare:
- le modalità di estrazione dell'attrezzo di perforazione, campionamento, ecc.,
devono essere eseguite con velocità molto bassa nel tratto iniziale per
minimizzare l'effetto "pistone";
- il battente di fluido in colonna deve essere mantenuto sempre più alto
possibile, anche facendo sporgere fino ad un metro dal piano di lavoro
l'estremità superiore del rivestimento da mantenersi pieno di fluido.

La stabilità delle pareti dovrà essere garantita da un rivestimento metallico


provvisorio oppure mediante l’impiego di fanghi bentonitici, previa
autorizzazione della D.L.
Nei terreni a grana grossa o nelle rocce fortemente fratturate, nel caso in cui si
verifichi una perdita di fluidi di perforazione, occorrerà prevedere la
cementazione e la riperforazione del foro di sondaggio.
Gli interventi di cementazione e riperforazione devono essere autorizzati dalla
Regione Toscana previa richiesta da parte della D.L.
La pulizia del fondo foro, prima di eseguire manovre di campionamento e/o
prove in sito, deve essere assicurata eseguendo, se necessario, apposita
manovra di pulizia o di lavaggio con attrezzo a fori radiali.
Si precisa che il sondaggio deve essere realizzato in maniera da permettere la
posa in opera del rivestimento e relativa cementazione per l’effettuazione delle
prove Cross-hole, secondo le specifiche riportate nella sezione B.1.4, delle
prove Down-hole, secondo le specifiche riportate nella sezione B.1.5, e della
strumentazione di tipo accelerometrico.

88
„ A1.2 Sondaggi
Sondaggi a corotaggio continuo I sondaggi saranno eseguiti con sistema a
rotazione, impiegando i seguenti utensili di perforazione:
- carotieri semplici con valvola di testa a sfera e calice;
- carotiere doppio a corona sottile (T2, T6) con estrattore;
- carotiere triplo con portacampione interno estraibile ed apribile
longitudinalmente (T6S) con estrattore e calice.

A seconda della natura litologica dei terreni si stabilirà quale tipo di carotiere
utilizzare. Si richiederà il T6s o il triplo in tutti i casi in cui possono essere
previsti prelievi di spezzoni di carota di roccia per prove meccaniche di
laboratorio.

In linea generale si richiede sonda semovente cingolata o autocarrata in grado


di fornire spinta massima, tiro, coppia massima e di essere attrezzata con aste
di perforazione e rivestimento sufficienti a raggiungere profondità massime di
80 m. In fase di piazzamento della macchina operatrice dovrà essere curata al
massimo la verticalità del foro, mediante controlli con livella torica sulla colonna
di perforazione.

Per quanto riguarda il diametro del sondaggio, considerato che nei sondaggi da
effettuare la Regione Toscana prevede l’esecuzione di prove Down-hole,
questo dovrà essere sufficiente a garantire l’esecuzione di tali prove, secondo
quanto prescrivono le presenti I.T. nel paragrafo B.1.5.
In particolare il diametro minimo a fondo foro dovrà essere sufficiente a
prelevare campioni indisturbati del diametro non inferiore a 80 mm, e comunque
ad attrezzare il foro con tubo in p.v.c. pesante o inclinometrico di diametro
interno di 80 mm.
Nello specifico, nel caso di sondaggi profondi (z > 50,0-60,0 m) oppure laddove
le condizioni del foro non garantiscano una perfetta prosecuzione della
perforazione si potrà utilizzare, previo parere della D.L. e sentita la Regione
Toscana, l’impiego di doppi rivestimenti metallici provvisori, uno interno con
diametro pari a 127mm e uno esterno con diametro pari a 151mm. L’impresa
avrà cura di asportare, attraverso adeguate manovre di pulizia a fondo foro,
tutto il materiale presente nell’intercapedine tra i due rivestimenti. L’impiego dei
rivestimenti provvisori devono essere esplicitamente autorizzati dalla D.L.

La profondità che dovrà essere raggiunta verrà indicata dalla D.L. (incaricato
dall'Appaltante) che segue il sondaggio sentito il parere della Regione Toscana
e dei referenti scientifici prima dell’inizio del foro ed eventualmente durante la
perforazione in relazione alla natura dei terreni incontrati.

89
In fase di esecuzione dei sondaggi dovrà essere assicurata la perfetta stabilità
delle pareti e del fondo foro, operando in maniera tale da portare al terreno
stesso il minimo disturbo. A tal fine, l’Impresa è tenuta a stabilizzare le pareti
con un tubo di rivestimento provvisorio e/o mediante l'uso di acqua o opportune
miscele in foro di fluido di stabilizzazione acquisito il parere favorevole della
D.L. e l’assenso della Regione Toscana. Le operazioni di cementazione e
riperforazione del foro di sondaggio nel caso di perdita dei fluidi in foro, devono
essere specificatamente richiesti dalla D.L. e concordati con la Regione
Toscana. Il Direttore dei Lavori segnala alla Regione Toscana la necessità di
utilizzo della cementazione e acquisisce l’autorizzazione della stessa.

L’impresa ha l’obbligo di effettuare il carotaggio del foro o del tratto di foro


precisato dalla D.L., adottando tutte le cautele, le attrezzature e gli accorgimenti
necessari per la massima percentuale di recupero. In nessun caso la manovra
di carotaggio dovrà superare la lunghezza di 1,5m.
Per ottenere una migliore percentuale di recupero, si dovrà operare a secco se
viene utilizzato il carotiere semplice, soprattutto nei terreni granulari o nei terreni
fini poco consistenti. In altri tipi di terreno, sentita la D.L. sarà possibile operare
il carotaggio con fluido di circolazione. Ovviamente, utilizzando carotieri doppi-
tripli occorrerà prevedere la circolazione del fluido di perforazione, come anche
nel caso di impiego del carotiere semplice in roccia.
Il fluido di circolazione dovrà essere stabilito in ragione alla natura del terreno,
sentita la D.L. Questo sarà costituito generalmente da acqua. In alcuni tipi di
terreno (argillosi e/o sabbioso – limoso), la D.L. potrà autorizzare, l’utilizzo di
acqua miscelata a polimeri e/o fanghi bentonitici adeguati per consentire un
recupero di terreno più elevato. Da notare però che l’utilizzo di tale miscela non
deve assolutamente provocare un maggior disturbo nel prelievo dei campioni di
terreno.
Il recupero del materiale all’interno del carotiere semplice, nel caso in cui siano
presenti terreni sciolti, deve essere effettuato mediante pistone o aria
compressa per non pregiudicare lo stato di rimaneggiamento del materiale.

In particolare, con riguardo alla natura ed alle caratteristiche dei terreni


attraversati le percentuali di recupero, valutate per ogni singola battuta di
carotaggio1 (in nessun caso di lunghezza superiore a 1,5 m), dovrebbero
essere possibilmente essere superiori a:
• 70% per i terreni sciolti in genere (sabbia, ghiaia, ecc.);
• 80% per i terreni coesivi omogenei (argilla, argilla marnose, ecc.) ;
• 90% per rocce compatte in genere ( calcari, calcari marnosi, arenarie,
conglomerati, gessi, anidriti, rocce ignee, rocce metamorfiche, ecc).

1
Nel caso in cui un una singola manovra venissero attraversati materiali con caratteristiche
significativamente diverse, la percentuale di recupero andrà valutata separatamente per ogni singolo
materiale.

90
Qualora tali percentuali di recupero non venissero realizzate per chiara
negligenza dell’Impresa quei tratti di sondaggio non saranno contabilizzati nel
computo complessivo.

L’attribuzione dei terreni incontrati alle classi sopra riportate è fatta dal geologo
incaricato della D.L. : qualora il recupero risulti inferiore alle percentuali sopra
riportate, a giudizio insindacabile della Regione Toscana potrà essere richiesta
la ripetizione del sondaggio senza alcun aggravio di spesa a carico
dell'Appaltante. In ogni caso il tratto corrispondente alla percentuale di recupero
inadeguata non sarà computata nella contabilità finale.

Il carotaggio estratto dovrà essere sistemato in cassette catalogatrici aventi


dimensioni adeguate, munite di scomparti divisori (1 m di lunghezza con 4/5
comparti) e di coperchio. Sulle cassette dovrà essere indicato in modo
indelebile il cantiere, il sondaggio e le quote di riferimento. Sugli scomparti
interni dovrà essere chiaramente scritta la quota di riferimento di ciascuna
manovra eseguita. I campioni di terreno non roccioso devono essere scorticati
nella parte visibile della cassetta.

Durante il carotaggio, il geologo dell’Impresa appaltante, è sufficiente che


compili una breve relazione tecnica riportando la stratigrafia desunta dal
sondaggio con indicazione relativa agli spessori e alle litologie presenti sul log-
statigrafico redatto dalla egione Toscana.
Il geologo incaricato per la Direzione Lavori, invece, deve anch’esso compilare
la stratigrafia di campagna e successivamente elaborarla nella versione
definitiva seguendo in maniera precisa quanto previsto dalle specifiche tecniche
di cui al punto A.1.2.1.
I campioni indisturbati dovranno essere prelevati alle profondità indicate dalla
Regione Toscana – Settore Servizio Sismico Regionale e comunque ogni qual
volta venga rilevata una variazione delle caratteristiche del terreno
attraversato, dove le caratteristiche dei terreni lo consentano, e dopo aver
sentito il parere della Regione Toscana Settore Servizio Sismico Regionale.

I carotaggi contenuti nelle cassette dovranno essere tempestivamente


trasportati a cura dell’Impresa e consegnati al Comune che li dovrà conservare
in ambienti riparati dalle intemperie.

Per ogni cassetta dovranno essere eseguite due fotografie a colori con
angolazioni diverse, una perpendicolare e l’altra obliqua, in modo da individuare
in maniera ottimale le variazioni litologiche. Nelle foto dovrà essere ben visibile
l’etichetta dove sono apposte le indicazioni riguardanti il cantiere, il sondaggio e
le quote di riferimento ed un metro per i riferimenti di scala.

91
Le fotografie effettuate saranno consegnate in originale oppure, se realizzate
con macchina fotografica digitale, su supporto magnetico e dovranno essere
allegate nella relazione illustrativa finale a cura del geologo incaricato della D.L.

I carotaggi contenuti nelle cassette catalogatrici dovranno essere


tempestivamente trasportati e conservati in ambienti riparati dalle intemperie.
Rientra tra i compiti dell’Impresa:
¾ il trasporto dei carotaggi contenuti nelle cassette catalogatrici sino alla sede
del Comune;
¾ la consegna delle stesse ai tecnici dell’Amministrazione Comunale.

Sondaggi a distruzione di nucleo Per questo tipo di indagini dovranno essere


impiegate attrezzature a rotazione a distruzione di nucleo.
Considerato che nei sondaggi da effettuare la Regione Toscana spesso
prevede l’esecuzione di prove Down hole, il diametro del sondaggio dovrà
essere sufficiente a garantire l’esecuzione di tali prove, secondo quanto
prescrivono le presenti I.T. nel paragrafo B.1.5.
Nella perforazione eseguita a distruzione di nucleo, i detriti di perforazione
saranno prelevati durante l'avanzamento di tutto il sondaggio e dopo essere
stati eventualmente lavati dovranno essere disposti in appositi contenitori con le
stesse modalità precisate per i sondaggi a carotaggio continuo. In base
all'esame dei detriti dovrà essere compilata la stratigrafia del sondaggio
facendo riferimento al modulo di fig.A1.2.1, per le parti compilabili.

A1.2.1 Stratigrafia del sondaggio: modulo per la compilazione, simbologie e


specifiche tecniche

Per un criterio di uniformità le stratigrafie dei sondaggi dovranno essere


descritte utilizzando il modulo riportato di seguito (fig.A1.2.1). Inoltre dovrà
essere rilevato il livello di falda con misure giornaliere ad inizio e fine
perforazione (in fig A1.2.2 vengono riportate le tabelle da utilizzare per la
misura del livello di falda).
Il modulo per la compilazione della stratigrafia del sondaggio riporta le seguenti
informazioni:
• informazioni generali sulla postazione del cantiere, sulle strumentazioni e le
metodologie di perforazione;
• parametri acquisiti durante la fase di perforazione (manovre, velocità di
avanzamento, RQD, recupero, struttura e fratturazione della roccia…);
• attrezzature utilizzate durante la fase di perforazione (carotieri,
campionatori, rivestimenti..);
• prove eseguite durante la fase di perforazione (SPT, Pocket, Vane Test…)
ed eventuali campioni prelevati;

92
• eventuali annotazioni ed osservazioni devono essere riportati nel campo
note del log stratigrafico.

Si precisa che.la percentuale di recupero di terreno da riportare nel log deve


essere calcolata relativamente ad ogni singola manovra e valutata al momento
dell’estrazione del terreno dal carotiere.
L’informazione qualitativa relativa alla velocità d’avanzamento durante la fase di
perforazione secondo quanto specificato in fig.A.1.2.1, deve essere fornita
insieme ad una valutazione quantitativa (espressa in cm/min) relativa ai
parametri di avanzamento del carotiere (velocità di avanzamento, pressione
sulla colonna, coppia…) riportati anche in un diagramma velocità-profondità. La
valutazione della velocità di avanzamento deve essere effettuata controllando
che il sondatore non vari i parametri di perforazione (pressione in testa,
pressione sulla colonna…) e può essere effettuata manualmente oppure
preferibilmente mediante l’utilizzo di un contatore.
Per quanto riguarda la descrizione stratigrafica ed i parametri rilevabili
dall’attività di sondaggio vengono forniti le linee guida secondo la normativa
vigente (AGI, ISRM). In ogni caso nel log stratigrafico dovranno essere fornite le
descrizioni stratigrafiche dei terreni attraversati con indicazioni litologiche ed
interpretazione formazionale della litologia di appartenenza.

93
REGIONE TOSCANA - DIREZIONE GENERALE POLITICHE TERRITORIALI E AMBIENTALI - SERVIZIO SISMICO REGIONALE
PROVINCIA DI................................. COMUNE DI.....................
CANTIERE SONDAGGIO N. GEOLOGO INCARICATO PER L' ASSISTENZA AL SONDAGGIO GEOLOGO DELL' IMPRESA SONDATORE - IMPRESA ESECUTRICE

QUOTA ASS. P.C. COORDINATE X Y TIPO DI SONDA TIPO DI FLUIDO STRUMENTAZIONE IN FORO E SUA PROFONDITA’
(marca, modello, coppia motrice)

DATA INIZIO/FINE METODO DI PERFORAZIONE CASSE CATALOGATRICI N. PROFONDITA’ RAGGIUNTA


(aste o wire line)

Carotaggio in roccia
da I.S.R.M e A.G.I
Giorni di perforazione

Profondità dal p.c.

Quota Campioni
Falda acquifera

Pocket Penetrometer
Scala riferimento
avanzamento

Rivestimento

STRATIGRAFIA S.P.T.
interno/esterno
MANOVRE
Velocità di

DESCRIZIONE DEI TERRENI ATTRAVERSATI


Carotiere

Campioni
Diametro

(m)

(disegno)
(m)

Numero

Vane Test
ED INDICAZIONE DEGLI SPESSORI

(Kg/cm²)
(Kg/cm²)
colpi

Note

Fig. A1.2.1 Modulo Logs stratigrafici

95
RILEVAMENTO DELLA FALDA
Durante la perforazione
Data Ora Livello Rivestimento Profondità
sondaggio

Nel piezometro
Data Ora Livello

Fig. A1.2.2 Tabelle per il rilevamento del livello di falda

I simboli e le sigle da utilizzare per la compilazione vengono mostrati in fig.A


1.2.3 (per il tipo di campionatore, la velocità di avanzamento e il tipo di
carotiere), mentre la simbologia da utilizzare per il disegno della stratigrafia è
mostrata in fig.A1.2.4 (AGI ’77). Eventuali variazioni devono essere concordate
con la Regione Toscana.

Velocità di avanzamento:
CAMPIONATORI B = bassa
Shelby Denison M = media
A = alta
C = continua
D = discontinua
Campionatore a pistone
Percussione
(tipo Osterberg)
Tipo di carotiere
Perforazione a carotaggio continuo
Mazier Altro S = semplice
D = doppio
T = triplo
c.d.= corona diamantata
c.w. = corona widia
Campione Rimaneggiato
Perforazione a distruzione di nucleo
tr. = tricono
s = scalpello ad n. lame
m = martello ad aria comp. A fondo foro

Fig. A1.2.3 Simbologia logs

96
Fig. A1.2.4 Simboli per rappresentazione stratigrafica

97
A1.2.1.1 Sondaggi in terre

Per ciascun strato attraversato è possibile determinare i seguenti parametri:

a) tipo di terreno (granulometria);


b) consistenza;
c) colore;
d) struttura;
e) contenuto d’acqua;
f) odore;
g) reazioni all’HCl;

a) Tipo di terreno
Viene fatto riferimento alla tabella A1.2.1.1.1:

TIPO DI TERRENO
Definizione Diametro dei grani Criteri di identificazione
(mm)
Blocchi >200 Visibili a occhio nudo
Ciottoli 200÷60
grossa 60÷20
Ghiaia media 20÷6
fine 6÷2
grossa 2÷0,6
Sabbia media 0,6÷0,2
fine 0,2÷0,06
Limo 0,06÷0,002 Solo se grossolano è visibile ad occhio
nudo – poco plastico, dilatante,
lievemente granulare al tatto, si
disgrega velocemente in acqua, si
essicca velocemente, possiede
coesione ma può essere polverizzato
fra le dita
Argilla <0,002 I frammenti asciutti possono essere
rotti ma non polverizzati fra le dita, si
disgrega in acqua lentamente, plastica
non dilatante, appiccica alle dita, si
ritira durante l’essiccazione.
Terreno organico o vegetale Contiene una percentuale rilevante di
sostanze organiche vegetali.
Torba Predominano resti lignei non
mineralizzati, colore scuro, bassa
densità.
Tabella A1.2.1.1.1. Definizione del tipo di terreno.

Nella tabella A1.2.1.1.1 sono indicati i diversi tipi di terra ed i metodi che
consentono il loro riconoscimento speditivo. Si hanno quattro gruppi principali:

• TERRE GRANULARI (blocchi, ciottoli, ghiaia, sabbia): se prevalgono grani


visibili ad occhio nudo (d>0.006 mm), privi di coesione se asciutti;

99
• TERRE COESIVE (limo, argilla): se prevalgono grani non visibili ad occhio
nudo, dotati di coesione se asciutti;
• TERRE ORGANICHE O VEGETALI: se prevalgono materiali organici o
vegetale.
• TORBE: se prevalgono resti lignei.

Secondo la convenzione suggerita dall’AGI (1977) il nome della terra è quello


della classe granulometrica dominante alla quale si fa seguire la
denominazione della frazione secondaria secondo il seguente schema:
– preceduta dalla preposizione “con” se compresa tra il 50 ed il 25 % (es. limo
con argilla);
– seguita dal suffisso “-oso” se fra il 25 ed il 15 % (es. limo argilloso);
– seguita dal termine “debolmente oso” se fra il 15 e il 5 % (es. limo
debolmente argilloso).

In presenza di materiali composti da sabbia e ghiaia conviene attenersi alla


tabella A1.2.1.1.2 per una descrizione corretta dal punto di vista
granulometrico:

Materiale prevalentemente sabbioso


G≤5% sabbia debolmente ghiaiosa
5%<G≤20% sabbia ghiaiosa
G≥20% sabbia con ghiaia
G≅S sabbia e ghiaia

Materiale prevalentemente ghiaioso


S≤5% ghiaia debolmente sabbiosa
5%<S≤20% ghiaia sabbiosa
S≥20% ghiaia con sabbia
S≅G ghiaia e sabbia
Tabella A1.2.1.1.2. Definizione del tipo di terreno in terreni composti da ghiaia e
sabbia.

La valutazione della determinazione del tipo di terreno verrà effettuata dal


geologo in maniera speditiva, rimandando ad eventuali analisi di laboratorio la
determinazione dell’esatta composizione granulometrica (analisi
granulometriche).
Della frazione grossolana (blocchi, ciottoli, ghiaia) sarà specificata:
• la natura;
• il diametro massimo e medio dei grani;
• la percentuale e la composizione della matrice;
• il grado di uniformità della composizione granulometrica (sorting),
rappresentato qualitativamente dalla figura A1.2.1.1.3:

100
Fig. A1.2.1.1.3. Carta di comparazione per la stima visiva del
grado di selezionamento (σ).

• la morfometria, definita da:


‰ forma: misura delle relazioni esistenti tra le tre dimensioni di un oggetto (fig.
A1.2.1.1.4):

Fig. A1.2.1.1.4

101
sfericità: valutazione quantitativa dell’equidimensionalità di un grano,
indipendente dalla misura della forma e dell’arrotondamento, stabilita
visivamente dal diagramma di Powers (fig. A1.2.1.1.5):

Fig. A1.2.1.1.5: Carta di comparazione visiva per la stima visiva della sfericità in
base all’arrotondamento dei granuli

‰ grado di arrotondamento: determinazione della curvatura degli spigoli;


indipendente dalla forma e dalla sfericità, può essere espresso tramite la
tabella decrittiva A1.2.1.1.6:

ARROTONDAMENTO
Definizione Arrotondamento Descrizione
angolare 0÷0,15 nessun smussamento. Le particelle presentano
spigoli vivi, facce relativamente piane.
subangolari 0,15÷0,25 mantiene forma originale con evidenze di
smussamento. Le particelle presentano spigoli
arrotondati, facce relativamente piane.
subarrotondate 0,25÷0,40 smussamento considerevole e riduzione
dell’area di superficie del clasto. Le particelle
presentano facce pressoché piane, con spigoli
ben arrotondati.
arrotondate 0,40÷0,60 rimozione delle superfici originali, con qualche
superficie piatta. Le particelle presentano facce
incurvate e assenza di spigoli.
ben arrotondate 0,60÷1 superficie interamente compresa da curve ben
arrotondate. Le particelle presentano facce
tondeggianti.
Tab. A1.2.1.1.6. Definizione del grado di arrotondamento.

Da un punto di vista grafico il grado di arrotondamento dei materiali grossolani


è stabilito dalla sottostante rappresentazione comparativa di Pettijohn (fig.
A1.2.1.1.7):

102
Fig. A1.2.1.1.7.

b) Consistenza

La consistenza è una misura della durezza e della densità della terra, che
possono essere considerate indici della sua resistenza e rigidezza.
La consistenza dei terreni coesivi sarà descritta con riferimento alla tabella
A1.2.1.1.8, misurando la resistenza al penetrometro tascabile sulla carota
appena estratta e scortecciata con frequenza di una prova ogni 20÷30 cm.

CONSISTENZA TERRENI COESIVI


Definizione Resistenza al penetrometro Prove manuali
tascabile (kg/cm2)
Privo di consistenza < 0,25 Espelle acqua quando strizzato
fra le dita
Poco consistente 0,25÷0,5 Si modella fra le dita con poco
sforzo; si scava facilmente
Moderatamente 0,5÷1,0 Si modella fra le dita solo con
consistente forte pressione. Offre una certa
resistenza allo scavo.
Consistente 1,0÷2,5 Non si modella fra le dita. E’
difficile da scavare.
Molto consistente 2,5÷5,0 Può essere scalfito con l’unghia
del pollice. Si scava con molta
difficoltà.
Estremamente >5,0 Può essere scalfito con
consistente difficoltà con l’unghia del
pollice.
Tab. A1.2.1.1.8. Consistenza dei terreni coesivi.

103
Nel caso di terreni granulari si esprimerà la consistenza in termini di
addensamento, in base al numero di colpi della Prova Penetrometrica Standard
(SPT):

CONSISTENZA TERRENI GRANULARI (ADDENSAMENTO)


NSPT Valutazione dello stato Prove manuali di addensamento
0÷4 Sciolto Può essere scavato con la pala.
4÷10 Poco addensato Può essere scavato con la pala con
difficoltà
10÷30 Moderatamente addensato Può essere scavato con la pala con molta
difficoltà
30÷50 Addensato Non è sufficiente la pala per scavarlo
> 50 Molto Addensato Non è sufficiente la pala per scavarlo
Tab. A1.2.1.1.9. Consistenza dei terreni granulari.

Nei terreni granulari, dove possibile, sarà valutato, sulla base di prove manuali,
anche il grado di cementazione:

CEMENTAZIONE TERRENI GRANULARI


Definizione Criteri di identificazione
Debole Si sbriciola o si rompe con una piccola
pressione delle dita.
Moderata Si sbriciola o si rompe con una considerevole
pressione delle dita.
Forte Non si sbriciola o si rompe con la pressione
delle dita.
Tab. A1.2.1.1.10. Cementazione dei terreni granulari.

c) Colore

Il colore è il principale indicatore della composizione mineralogica e dei processi di


alterazione; deve eseere valutato subito dopo l’estrazione della carota. Può essere
effettuata tramite Tavole dei Colori (es. Munsell soil color charts) in cui i colori sono
indicati tramite dei codici alfanumerici.
La determinazione di tale parametro non è da considerarsi rilevante per le
finalità della valutazione degli effetti locali, previste dal programma VEL.

d) Struttura

Dove possibile, su spezzoni significativi, si potrà rilevare la struttura mediante la


tabella:

104
STRUTTURA DEL TERRENO
Definizione Criteri di identificazione
Stratificata Alternanza di strati con spessore e/o colore diverso.
Spessore maggiore di 6 mm.
Laminata Alternanza di strati con spessore e/o colore diverso.
Spessore minore di 6 mm.
Fessurata Presenza di fratture lungo piani definiti.
Massiva Materiale coesivo che se suddiviso in piccole porzioni
mantiene identica resistenza alla rottura del terreno
originario.
Lenticolare Inclusione di piccole parti di materiale differente in lenti di
spessore noto. Es. lenti sabbiose in argilla.
Omogenea Colore e aspetto uniforme.
Tab. A1.2.1.1.11. Definizione della struttura di un terreno.

Per i materiali coesivi è importante mettere in evidenza la presenza di tessiture


brecciate (es. presenza elementi consistenti in matrice molle) o di zone di taglio
(superfici lisciate e striate) perché tali caratteristiche controllano i parametri di
resistenza disponibile.

e) Contenuto d’acqua

Le condizioni di umidità del terreno naturale, saranno definite utilizzando uno


dei seguenti termini:
• Asciutto;
• Debolmente umido;
• Umido;
• Molto umido;
• Saturo.
Si deve descrivere la condizione propria del terreno naturale, escludendo
quanto indotto dall’eventuale fluido di circolazione, l’uso del quale è connesso
alle modalità di perforazione adottate.

f) Odore

Terreni contenenti quantità rilevanti di materiale organico offrono un


caratteristico odore di vegetazione in decomposizione. Questo può essere
rilevato su campioni freschi. Odori particolari (solventi ecc.) devono essere
descritti. La determinazione di tale parametro non è da considerarsi rilevante
per le finalità della valutazione degli effetti locali, previste dal programma VEL.

g) Reazione all’HCl

La reazione all’acido cloridrico sarà descritta attraverso i seguenti criteri:

105
REAZIONE ALL’ACIDO CLORIDRICO
Definizione Criteri di identificazione
Reazione nulla Nessuna reazione visibile
Reazione debole Reazione tranquilla, con bolle che si
formano lentamente
Reazione forte Reazione violenta , con bolle che si
formano immediatamente
Fig. A1.2.1.1.12
La determinazione di questo parametro non è da considerarsi rilevante per le
finalità della valutazione degli effetti locali, previste dal programma VEL.

A1.2.1.2 Sondaggi in roccia

Per ogni litotipo attaversato saranno determinati i seguenti parametri secondo le


modalità illustrate di seguito (in conformità alle specifiche IRSM e AGI).

1) RQD (Rock Quality Designation): rappresenta il recupero percentuale di


carotaggio tenendo conto dei singoli spezzoni di carota aventi lunghezza
superiore a 10 cm

RQD% = lunghezza totale degli spezzoni di carota ≥ 10 cm x 100


Lunghezza totale perforata

Si precisa che. qualora il parametro RQD, venga calcolato pari a zero, deve
essere fornita nel log stratigrafico una giustificazione scritta con eventuali
osservazioni.

2) Natura petrografica e caratteri strutturali: le rocce, opportunamente riferite


alle classifiche litologiche sono riconosciute riportando i principali costituenti
ed i caratteri strutturali relativi al loro stato di aggregazione, alle dimensioni
e alla forma. Possono essere adottati i seguenti termini descrittivi suggeriti
dall’AGI (Associazione Geotecnica Italiana, 1977) (tra parentesi la sigla da
riportare sul modulo):
• Struttura “compatta”: non è possibile distinguere i componenti della
roccia a occhio nudo(1);
• Struttura “granulare”: è possibile distinguere ad occhio nudo i costituenti
(diversi od eguali) della roccia (es.: struttura cristallina, struttura clastica)
(2);
• Struttura “orientata”: i singoli elementi di roccia sono più o meno allineati
secondo una direzione (es.: struttura laminata, struttura scistosa) (3).

3) Resistenza della roccia integra e delle pareti delle discontinuità può essere
misurata in vari modi:
A) mediante Prova Speditiva con stima in funzione dell’entità della scalfitura
provocata da una punta d’acciaio (tra parentesi il numero da riportare sul
modulo):

106
• Superficie soffice – scalfibile con l’unghia (1);
• Superficie di media durezza – scalfibile con punta d’acciaio (2);
• Superficie dura – scalfibile debolmente con la punta d’acciaio (3).

B) Mediante Sclerometro di Schmidt (mod. L) secondo la metodologia


indicata nella Sezione D- Volume 2 e succ.;
C) mediante la prova di Point Load Strenght Test, proposta da Franklin
(1970). Tale prova consiste nel sottoporre, fino a rottura, un provino
della roccia in esame alla pressione di 2 elementi sagomati a cono e
terminanti con una punta sferica secondo lo schema illustrato in fig.
A1.2.1.2.1. Nelle moderne attrezzature le 2 punte coniche sono
comandate da un sistema idraulico a pressione.

Fig. A1.2.1.2.1Schema della prova di Point Load per la determinazione


dell’indice Is

Dalla prova si ottiene un indice di resistenza Is, definito dal rapporto:


P
Is =
D2
dove :
P = carico a rottura (KN/cm2)
D = distanza tra i due punti di applicazione della forza (cm)
Nella sua formulazione originale la prova veniva eseguita solo su spezzoni
di carota, attualmente Is si può ottenere sia da campioni di roccia con forme

Fig. A1.2.1.2.2 Size


correction chart (da
manuale Tisco)

107
irregolari che da spezzoni di carote.
I risultati della prova sono influenzati da due importanti fattori quali forma e
dimensioni del campione e contenuto in acqua.
Per rendere confrontabili i risultati ottenuti sui campioni aventi dimensioni
diverse, si utilizza la “Size Correction Chart” che consente di ricavare un
nuovo valore di Is riferito ad un diametro standard di 50 mm: Is (50) (fig.
A1.2.1.2.2).

Per quanto riguarda, invece il contenuto d’acqua si è osservato che esso


influenza sensibilmente il valore di resistenza (scostamenti del valore di Is
anche del 100%), pertanto le prove vengono effettuate su campioni a
contenuto d’acqua naturale.
L’indice di Point Load corretto si può empiricamente correlare al valore di σc
(resistenza a compressione monoassiale) applicando la seguente relazione:
σc = Is(50) ∗ 24
Tale correlazione risulta più attendibile nel caso di rocce con caratteristiche
di omogeneità ed isotropia, mentre risulta meno attendibile nel caso di
rocce anisotrope. In fig. A1.2.1.2.3 è riportato un esempio di correlazione fra
l’indice Is e la resistenza a compressione monoassiale determinata su
campioni di roccia omogenea e isotropa.

Fig. A1.2.7 Esempio di correlazione per l’Indice Is e la resistenza a


compressione monoassiale ottenuta su campioni di calcarenite

Il metodo più accurato per la misura della resistenza a compressione è il Point


Load Test. Per l’esecuzione di tale prova dovranno essere prelevati spezzoni di
carota significativi in accordo con il Settore Servizio Sismico Regionale.

4) Sul modulo dei logs stratigrafici deve essere registrata l’inclinazione delle
discontinuità (per ogni famiglia) rispetto alla direzione di perforazione

108
5) Indice della spaziatura delle fratture o indice di fratturazione: viene
determinato rilevando il numero di discontinuità comprese in una lunghezza
unitaria (1 metro) di carota.

lunghezza unitaria
If =
numero di discontinu ità

La determinazione di questo indice, che permette di valutare l’influenza


delle discontinuità sul comportamento dell’ammasso roccioso, deve essere
condotta subito dopo l’estrazione dei campioni dal foro in modo da evitare il
conteggio delle fratture che in alcune rocce, si verificano per effetto
dell’essiccamento.
E’ inoltre necessario tenere conto dell’inclinazione relativa delle
discontinuità incontrate (di cui al punto precedente): le discontinuità
perpendicolari alla direzione di carotaggio saranno ad esempio incontrate
con maggiore frequenza rispetto alle fratture che presentano giacitura
diversa.

6) Tipo di discontinuità: per il tipo di discontinuità, ove oggettivamente


riconoscibili dalle carote estratte e sulla base delle conoscenze di geologia
strutturale, potrà essere utilizzata la seguente nomenclatura (tra parentesi la
sigla da riportare sul modulo):

• Giunto, discontinuità di origine meccanica, che interrompe la continuità di


un corpo litologicamente omogeneo, e lungo la quale non è avvenuto alcun
scorrimento (GI);
• Faglia, discontinuità lungo la quale è riconoscibile l’avvenuto scorrimento
(FG);
• Contatto, discontinuità che segna il passaggio tra tipi litologici differenti
(CO);
• Piano di strato, discontinuità correlata alla variazione delle condizioni di
sedimentazione, all’interno di una stessa formazione, tipica di rocce
sedimentarie (STR);
• Scistosità, piani di debolezza connessi all’orientazione preferenziale in
letti e bande di alcune componenti mineralogiche della roccia, tipici di rocce
metamorfiche (SC);
• Clivaggio, superfici di fissilità parallele, molto ravvicinate, spesso
parallele ai piani assiali delle pieghe di formazione stratificate (CV);
• Filone o lente, inclusioni a differente composizione mineralogica in una
formazione omogenea (FIL).

7) Forma e scabrezza: la scabrezza, dovuta alla presenza di irregolarità,


ondulazioni o gradini sulla superficie della discontinuità potrà essere
descritta, qualora oggettivamente riconoscibile, secondo lo schema della
figura A1.2.1.2.4

109
Segmentata
Rugosa

Liscia

Levigata

Rugosa
Ondulata
PROFILO

Liscia

Levigata

Rugosa

Liscia
Piana

Levigata

Fig. A1.2.1.2.4: Schema del Profilo delle discontinuità

Vengono poi indicate, con il termine striate (slickensided), le superfici che


presentano indizi di movimenti.

8) Riempimento: per il riempimento potranno essere utilizzate le seguenti


dizioni (tra parentesi la sigla da riportare sul modulo):
• Calcite (CC);
• Quarzo (QZ);
• Brecce/sabbie (BS);
• Limo (LI);
• altro ….

9) Grado di alterazione: sono individuati e distinti quattro gradi di alterazione


senza però definire nel dettaglio i processi di decomposizione e di
disgregazione che interessano le proprietà della roccia.
Le definizioni sono le seguenti (tra parentesi il numero da riportare sul
modulo):
• Inalterata – non sono visibili segni di alterazione nella roccia (1);
• Lievemente Alterata - le superfici di debolezza presentano patine di
ossidazione da locali a diffuse che interessano la roccia per uno spessore
fino a 2 mm; le discontinuità possono contenere, a tratti, riempimenti di
materiale alterato con spessore < 1 mm (2);
• Molto Alterata – sono visibili i primi segni di disgregazione della roccia, in
particolar modo lungo i piani di scistosità (lamine e piccole scaglie non
completamente separate dalla superficie): le discontinuità possono

110
contenere riempimenti di materiale alterato con spessore 1-5 mm; la carota
estratta è poco consistente; può presentarsi sgretolata dall’acqua di
perforazione (se non è riposta con le dovute cautele nella cassetta
catalogatrice si rompe in numerose parti) (3);
• Completamente Alterata– è possibile riconoscere anche se parzialmente,
la tessitura originaria; il materiale estratto, che può presentare l’aspetto di un
suolo, è privo di consistenza; il livello di alterazione è evidenziato dal
completo cambiamento di colore (4).

Oltre alla registrazione della stratigrafia, il geologo responsabile di cantiere


annoterà sinteticamente nella documentazione del lavoro, ogni notizia utile od
interessante (velocità di avanzamento: veloce, discontinua, lenta, ecc., perdite
di fluido di circolazione, tendenze di rifluimenti in colonna, manovre di
campionamento o prove non condotte a termine, presenza di gas, ecc.).

Modalità di presentazione dei risultati

Per questo tipo di indagine, oltre alla consegna del log stratigrafico di cui sopra,
deve essere prevista una relazione generale comprendente:

a) obiettivi delle indagini e contesto geologico delle aree investigate desunte


dal programma preliminare redatto dalla Regione Toscana e fornito al
Committente;
b) Piano di sicurezza dell’Impresa (se richiesto dalla vigente normativa) e
Piano di controllo di qualità qualora l’Impresa sia certificata;
c) risultati delle indagini ed eventuali osservazioni. Devono essere riportate in
particolare:
• note in merito alla modalità di esecuzione della cementazione del foro e
alla qualità della stessa;
• dimensioni del foro;
• presenza o meno di eventuali occlusioni in fase di perforazione;
• rispondenza delle caratteristiche tecniche del sondaggio a quelle previste
dalle Istruzioni Tecniche;
• eventuale presenza di acqua.

La relazione generale deve essere consegnata in triplice copia, di cui due copie
rilegate e una copia non rilegata. Inoltre si richiedono due copie su CD.

Inoltre, deve essere prevista una relazione tecnica con documentazione, tabelle
e grafici da cui risulti per ciascuna prova:
a) la descrizione delle procedure seguite;
b) la planimetria su base CTR 1: 2000 ingrandita in scala 1:1000 con il
diametro e la profondità del foro;
c) coordinate in Gauss- Boaga in metri del sito ove è ubicato il sondaggio;
d) le modalità di esecuzione, di rivestimento e di cementazione adottate, ed in
particolare le dimensioni geometriche del rivestimento, la composizione della

111
miscela iniettata, la massima pressione di iniezione, la portata e l’attrezzatura
utilizzata e soprattutto la quantità di miscela adoperata.
e) la strumentazione adottata per la perforazione;

La relazione tecnica deve essere consegnata in triplice copia, di cui due copie
rilegate e una copia non rilegata. Inoltre si richiedono due copie su CD.

† A1.3 Scavi superficiali e trincee d'ispezione


Scavi superficiali e trincee d'ispezione potranno essere richiesti ad integrazione
dei sondaggi profondi, per l'osservazione diretta dei livelli litologici più
superficiali.
La loro esecuzione dovrà essere tale da permettere l'osservazione della natura
geolitologica dell'immediato sottosuolo e della sua struttura, il prelievo di
campioni per le analisi e prove di laboratorio, le prove in sito, nonché i rilievi
riguardanti l'eventuale presenza di acque sotterranee.

La loro esecuzione dovrà essere effettuata con l'obbligo di armare le pareti


durante l'avanzamento dello scavo, onde garantire la sicurezza degli operai ed
un sicuro accesso ai tecnici.
Per scavi da eseguirsi in aderenza a strutture murarie preesistenti e delle quali
si vuole conoscere il piano di contatto delle fondazioni con il piano di sedime, si
dovrà spingere la profondità sino a 1,00 m al di sotto del piano di appoggio delle
fondazioni.

Le trincee dovranno avere larghezza minima di 2,00 m, lunghezza variabile e


profondità prestabilita.

Si dovrà operare in modo da garantire la buona stabilità delle pareti della


trincea mediante idonee puntellature e qualora lo scavo sia stato effettuato con
mezzi meccanici, l'armatura dovrà essere posizionata nello scavo prima
dell'intervento di operai all'interno di questo.

„ A1.4 Prelievo di campioni


Per la determinazione delle caratteristiche geotecniche dovranno essere estratti
dai fori di sondaggio campioni in numero ed alle profondità prestabilite con
procedure operative e con campionatori adeguati al programma d'indagini
previsto e/o secondo le istruzioni dettate dal geologo della D.L. (indicato
dall’Appaltante) durante l’esecuzione del carotaggio.

Per i tratti di sondaggio in cui si richiede la ricostruzione stratigrafica del


sottosuolo e la conoscenza delle sole caratteristiche fisiche dei terreni, è
consentito:
- il prelievo di campioni disturbati o a disturbo limitato, mediante l'impiego di
campionatori a pareti grosse da 100 mm e fustelle in pvc, da infiggere a

112
percussione o a pressione, a seconda della natura geolitologica dei
terreni stessi;
- il prelievo di campioni rimaneggiati e loro conservazione in contenitori
trasparenti a chiusura ermetica.

Per i tratti in cui si richiede la ricostruzione stratigrafica del sottosuolo e la


conoscenza delle sole caratteristiche fisiche dei terreni, è consentito il prelievo
di campioni disturbati od a disturbo limitato.

I campioni indisturbati dovranno essere estratti mediante campionatori a pareti


sottili infissi a pressione (campionatore a parete sottile tipo Shelby del diametro
minimo di 80 mm), preferibilmente dotati di pistone (campionatore tipo
Osterberg) od a rotazione a doppia o a tripla parete con scarpa avanzata tipo
Denison o tipo Mazier modificato.
Per il campionatore semplice tipo Shelby la scarpa del tubo campionatore deve
avere un tagliente con angolo non superiore a 6°. L’impresa dovrà produrre
un’attestazione relativa all’uso di campionatori con i requisiti richiesti. I
laboratori, incaricati di eseguire le indagini geotecniche sui campioni prelevati,
verificheranno la conformità dei tubi campionatori con i requisiti prescritti
comunicandolo alla Regione Toscana. In via preliminare la D.L. deve fornire
una valutazione di massima, tramite acquisizione di informazione dall’Impresa e
successiva valutazione in cantiere, circa la presenza e l’utilizzo in cantiere di
campionatori con i requisiti richiesti. Inoltre, i campionatori a pareti sottili, con o
senza pistone, dovranno avere un coefficiente di ingresso molto piccolo e
certamente minore di 0.5 %.
E’ prevista un’accurata pulizia del foro di sondaggio sempre previa accurata
pulizia del foro di sondaggio con metodi adeguati (carotiere semplice e manovra
finale a secco, utensile di spurgo a getto radiale e soprastante calice di raccolta
del detrito, ecc.).
Nel caso di campionatori tipo Denison il campione sarà alloggiato in un tubo
PVC interno al tubo non rotante e opportunamente paraffinato dopo il recupero.
L’entità della sporgenza del tubo interno va concordata con la direzione lavori.
Nel caso di campionatore Mazier modificato il campione sarà alloggiato in un
tubo di acciaio inossidabile, cadmiato o comunque trattato. Anche in questo
caso si procederà alla paraffinatura.
In ogni caso le ditte forniranno le caratteristiche del tubo campionatore in
dotazione e quanto non espressamente indicato andrà concordato con la D.L..

Per il prelievo in terreni incoerenti sciolti la D.L. potrà richiedere l’utilizzo di


idonee resine.
I campioni indisturbati dovranno avere dimensioni non inferiori a 80 mm di
diametro e 500mm di lunghezza.
I campioni dovranno essere prelevati alle profondità concordate con la Regione
Toscana Settore Servizio Sismico Regionale.
L'introduzione del campionatore nel foro di sondaggio deve essere controllata
con misure di profondità in modo che, posato il campionatore a fondo foro, si

113
possa verificare la corrispondenza con la profondità precedentemente raggiunta
dalla perforazione.
Eventuali discordanze tra le due profondità richiederanno un’ulteriore pulizia del
foro e vanno comunque sempre annotate nel modulo di sondaggio riportato in
fig. A1.2.1.

Tutti i campioni prelevati dovranno essere perfettamente sigillati su entrambe le


estremità della fustella (metallica o di plastica) mediante paraffinatura a caldo e
chiusura con tappo,

Sul campione dovrà essere apposta un'etichetta (non degradabile per umidità)
in cui sono indicati:
• designazione del cantiere - Committente - Esecutore;
• designazione del sondaggio;
• tipo di campione e numero d'ordine;
• profondità di prelievo (da/a);
• orientamento (alto/basso);
• data di prelievo.

Nel caso di campioni indisturbati dovranno essere riportati i dati relativi al


campionamento eseguito con l'annotazione del:
• tipo di campionatore;
• metodo d'infissione del campionatore;
• condizioni di prelievo (presenza d'acqua, energia d'infissione, ecc.);

I campioni devono essere conservati, a cura dell’Amministrazione Comunale in


locali idonei, in posizione orizzontale evitando scuotimenti ed urti e
particolarmente protetti dai raggi del sole, dal gelo e da fonti di calore fino al
momento della consegna al laboratorio geotecnico.
Rientra tra i compiti dell’Impresa:
¾ il trasporto e la consegna dei campioni al Comune;
¾ la successiva spedizione degli stessi al laboratorio geotecnico per le analisi.

Qualora il prelievo dei campioni non venga effettuato secondo le modalità


previste nelle Istruzioni Tecniche Regionali di cui al par. A.1.4, per
inadempienza da parte dell’Impresa, per quanto segnalato dal geologo
incaricato della D.L. non verrà autorizzato il pagamento per tutta la profondità
relativa al litotipo interessato dal prelievo.

Per quanto riguarda le informazioni relative ai sondaggi che il geologo incaricato


dal Comune o dalla Regione Toscana dovrà riportare nella Relazione Geologica
si rimanda all’Appendice C.1.

114
A1.5 Chiusura e sistemazione finale dei fori
Il foro di sondaggio dovrà essere attrezzato con tubi a sezione circolare in PVC,
di spessore maggiore o uguale a 5.0 mm, lunghezza minima degli spezzoni di 3
6 metri, assemblati mediante filettatura a vite ed eventuali manicotti di giunzione
e muniti di tappi di testa e fondo foro per l’effettuazione di misure sismiche in
foro.

La posa in opera del tubo in p.v.c. pesante del diametro di 80 mm dentro il foro
di sondaggio per l’effettuazione delle prove sismiche dovrà effettuarsi con le
seguenti modalità operative:
1) lavaggio accurato del foro con acqua pulita e controllo della profondità;
2) calo della tubazione nel foro; i tubi saranno giuntati con manicotti incollati
ma non rivettati (eventualmente fissati con viti autofilettanti non passanti),
in modo da garantire la perfetta linearità interna e l’assenza di scalini nella
tubazione;
3) cementazione dell’intercapedine foro-tubo con miscela acqua-bentonite-
cemento nelle proporzioni indicate nelle Istruzioni Tecniche regionali ed
esecuzione della stessa su tutta la lunghezza della perforazione, secondo
le modalità riportate nell’appendice A1.5 - B.1.5, e procedendo dal basso
verso l’alto, mediante iniezione da fondo foro con tubo ausiliario. La
cementazione deve essere eseguita in modo da garantire la continuità del
contatto terreno-tubazione su tutta la verticale per garantire registrazioni in
P ed SH di qualità. E’ possibile, prima ancora di collocare il rivestimento,
chiudere il fondo del foro con un cappello (packer) dotato di valvola di
controllo sferica one-way, in grado di accogliere un tubo del diametro di 38
mm; dopodiché, una volta posizionata la tubazione di rivestimento e
centrata rispetto alle pareti del foro con l’ausilio di appositi distanziatori
montati sul fondo, viene calato all’interno del foro, fino a raggiungere la
valvola, un tubo in PVC del diametro di 38 mm, collegato in superficie ad
una pompa convenzionale per mezzo della quale viene iniettata la miscela
cementizia, che, una volta raggiunto il fondo del foro, inizia a riempire dal
basso verso l’alto in maniera uniforme l’intercapedine tra foro e
rivestimento, spazzando via il fango e i detriti eventualmente presenti
(normativa ASTM). E’ possibile altresì calare direttamente il tubo per
l’iniezione nell’intercapedine fino al fondo del foro e quindi procedere alla
cementazione dal basso verso l’alto, in modo da poter garantire al
massimo la continuità del terreno –tubazione, con tutti quegli accorgimenti
necessari. La miscela da utilizzare, in linea di massima, per la
cementazione è costituita da una malta a ritiro controllato (acqua +
cemento + bentonite), in particolare per la parte del foro che penetra nella
roccia si consiglia il cemento di Portland convenzionale di densità pari a
2.2. mg/m3, mentre per la parte a contatto con terreni, sabbie e ghiaie si
sceglie una miscela con una densità prossima a quella del terreno
circostante (da 1.8 mg/m3 a 1.9 mg/m3), ottenuta mescolando 450 g di
cemento di Portland, 450 g di bentonite a 2.8 kg di acqua. La pressione di
iniezione non deve essere superiore a 2 atm (Norma ASTM). Questo in
condizioni normali; qualora la situazione incontrata presentasse forti
venute di acqua, fatturazione, scavernamenti, etc., la composizione della

115
miscela e la pressione d’iniezione potranno essere opportunamente
variate sentita la Regione Toscana Servizio Sismico Regionale e tenuto
conto che l’obiettivo è un contatto solidale tra terreno e tubo di
rivestimento. In questo caso l’impresa dovrà comunicare la nuova
composizione adottata. Al fine di garantire l’accuratezza della
cementazione, il pagamento del sondaggio sarà effettuato solo dopo
l’esecuzione della prova geofisica, se le registrazioni acquisite sono di
qualità e non disturbate dalla non continuità della cementazione.

Una volta terminate le operazioni di rivestimento e cementazione l’interno dei


tubi deve essere lavato con acqua pulita e lasciato pieno d’acqua.

Ciascun foro di sondaggio attrezzato nel modo anzidetto dovrà essere protetto
in superficie da un pozzetto, in cls o in ferro ma comunque reso inamovibile e
dotato di lucchetto che dovrà rispondere alle esigenze di sicurezza richieste dal
comune. Ad esempio in una sede stradale o in un sito per il quale il Comune
prevede la realizzazione di un pozzetto a raso, dovrà essere realizzato un
doppio pozzetto, di cui quello esterno munito di coperchio carrabile di
dimensioni adeguate, contenente al proprio interno un pozzetto dotato di
lucchetto.

116
APPENDICE A2

PROVE IN SITO

„ A2.1 Prove penetrometriche dinamiche S.P.T.


Scopo della prova
Lo scopo della prova è quello di determinare il numero di colpi ( N SPT ) necessari
ad infiggere, per una profondità di 300 mm, un campionatore di dimensioni
standard mediante battitura. I valori ottenuti consentono una stima qualitativa
della consistenza del terreno. Inoltre è possibile stimare mediante correlazioni
empiriche i seguenti parametri:
- la densità relativa, l'angolo di resistenza al taglio e la resistenza alla
liquefazione dei terreni granulari.
- il modulo di taglio a piccole deformazioni sia nel caso di terreni a grana grossa
che in quelli a grana fine.

Schema
La prova può essere effettuata in fori di sondaggio, oppure in fori
appositamente eseguiti (Figura A2.1.1).

Sul fondo foro, opportunamente pulito, dovrà essere infisso a percussione un


campionatore di forma e dimensioni standard. Viene determinato il numero di
colpi necessari alla penetrazione di 45 cm, misurati separatamente in tre tratti di
15 cm ciascuno. Il materiale portato in superficie (Figura A2.1.2) viene
identificato e può essere successivamente classificato in laboratorio.

117
Campo di applicazione
La prova va preferibilmente realizzata in terreni granulari (sabbie e ghiaie fini).
Tuttavia può essere eseguita in qualsiasi terreno sciolto ed anche nel caso di
alcune rocce tenere. Unicamente in presenza di grossi elementi lapidei, la
prova perde di significato.

Apparecchiatura
L'attrezzatura e la modalità di prova sono quelle indicate dalla norma ASTM D
1586-84.
Le raccomandazioni AGI e a quelle dell'ISSMGE (International Society for Soil
Mechanics and Geotechnical Engineering) forniscono indicazioni a volte
differenti e a volte in contrasto con quelle previste dalla citata norma ASTM. E'
possibile fare riferimento alle raccomandazioni AGI o a quelle dell'ISSMGE
unicamente per quanto di seguito specificato. Eventuali deroghe alla norma
prescritta andranno concordate con la DL.

Tubo campionatore:
Il tubo campionatore (Figura A2.1.3) è di acciaio indurito con superfici esterne
ed interne lisce.
La norma ASTM prevede l'impiego del tubo campionatore standard tipo
Raymond. Questo tubo, oltre la quota della scarpa, presenta un allargamento
del diametro interno da 35 a 38.1 mm. Ciò è previsto per l'alloggiamento di un
cilindro portacampione generalmente di plastica. La norma ASTM tuttavia non
impone l'obbligo di utilizzare tale cilindro.
E' possibile utilizzare il tubo campionatore delle raccomandazioni ISSMGE che
non prevede il suddetto allargamento. Inoltre, il tubo campionatore può essere
apribile longitudinalmente in due metà.

118
L'impiego di una punta conica di acciaio del diametro di 51 mm e angolo alla
punta di 60° nei terreni ghiaiosi non è consentita nè dalla norma ASTM nè dalle
raccomandazioni ISSMGE. La sostituzione del tubo campionatore standard con
altro più idoneo ad attraversare ed eventualmente campionare i terreni a grana
grossa deve essere preventivamente concordato con la DL.
L’impiego di tubi campionatori di dimensioni non standard come quelli utilizzati
nella cosiddetta prova LPT (Large Penetration Test) va concordato con la DL.

Aste
La norma ASTM prescrive l'impiego di aste di acciaio che collegano la testa di
battuta del maglio con il campionatore aventi rigidità non inferiore a quella delle
aste di perforazione di tipo "A" (diametri 41.2/28.5 mm, modulo di resistenza
w = 5. 29 ⋅ 10−6 m3 ).
E' consentito l'impiego delle aste di perforazione di tipo "N" (ad es. diametro 67
mm, spessore 8 mm w = 19. 4 ⋅ 10−6 m3 , peso 12.7 kg/m).

Le aste devono essere diritte presentando un'inflessione inferiore all'1‰. Si


raccomanda di avvitarle strettamente in corrispondenza dei giunti.

Dispositivo di battitura
Il dispositivo consiste di:
- testa di battuta in acciaio strettamente avvitata all'estremità della batteria di
aste
- maglio 63.5 ± 0.5 kg
- dispositivo di rilascio per una caduta libera del maglio di 760 mm.
Il dispositivo non deve superare il peso di 115 kg.

Occorre specificare il dispositivo di rilascio (Fune Manila da 25 mm e


cabestano, Trip Monkey, Tombi o Tipo Giappone, Pilcon). Nel caso di
dispositivo a fune e cabestano occorre specificare il numero di giri di fune (uno
o due) e il diametro del cabestano (piccolo o grande).
Occorre inoltre specificare il tipo di maglio (Vicksburg, Donut, Safety, Old
standard, Pilcon, Nenzi, Pinweight).

Le specifiche soprarichieste sono superflue nel caso in cui venga fornita una
taratura del sistema con l'indicazione del suo rendimento (ER %).

Modalità di prova
Esecuzione del foro
1) nella perforazione a distruzione con circolazione diretta (wash boring)
l'utensile deve avere lo scarico del fluido laterale anzichè verso il basso.
2) gli utensili di perforazione accettabili sono elencati nella citata norma ASTM.
E' inaccettabile l'uso dell'elica cava nei terreni sotto falda ed è altresì
inaccettabile l'impiego del campionatore tipo Raymond per l'esecuzione del foro
in ogni caso.
3) il foro deve avere diametro compreso tra 63.5 e 150 mm. Il diametro interno
del rivestimento, quando richiesto, deve essere compreso tra 56 e 162 mm. In

119
presenza di un rivestimento provvisorio il diametro del foro non deve essere
superiore al 90% del diametro interno di tale rivestimento.

Alcune raccomandazioni utili secondo l'ISSMGE:


- il carico idrostatico nel foro non deve essere minore di quello esterno
- la perforazione non va spinta oltre la quota prevista per la misura
- il rivestimento non va infisso a profondità superiori a quelle previste per la
misura
- occorre evitare manovre che provochino l'estrazione del rivestimento

Esecuzione della prova


Il campionatore viene posizionato a fondo foro mediante la batteria di aste,
dopodiché viene posizionato il dispositivo di battuta.
La penetrazione iniziale causata dal peso della strumentazione va annotata.
Si procede quindi all'infissione preliminare pari a 150 mm che viene interrotta al
raggiungimento di 50 colpi annotando la penetrazione corrispondente (es:
50x11 = 50 colpi con 110 mm di penetrazione). Si passa quindi alla successiva
infissione di 300 mm effettuata separatamente in due tratti di 150 mm ciascuno.
Questa seconda fase di infissione viene interrotta al raggiungimento di 100 colpi
annotando la penetrazione corrispondente (es. 30 + 70x13=30 colpi per i primi
150 mm e 70 colpi con una penetrazione di 130 mm). Il numero di colpi
necessari ad infiggere il campionatore di 300 mm è indicato come resistenza
alla penetrazione. La procedura sopra descritta è quella suggerita dall'ISSMGE
e si discosta da quanto indicato nella norma ASTM. La procedura di prova
dell'ISSMGE è quella che di regola andrà applicata in quanto fornisce
un'informazione più completa salvo diverso accordo con la DL.

La frequenza di battitura non deve essere superiore a 30 colpi al minuto.

Estrazione e conservazione del campione


Il campione estratto dal campionatore dovrà essere conservato, trasferendolo
dal tubo campionatore in contenitori di plastica a tenuta d'aria, contrassegnati
con etichetta recante le seguenti informazioni:
Cantiere, Numero di Sondaggio, Numero del Campione, Profondità di
penetrazione, Lunghezza del campione, Data di prelievo, Valori N1, N2, N3 con
le eventuali penetrazioni come specificato precedentemente.

Presentazione dei risultati


Documentazione della prova
Si riassumono di seguito le informazioni e la documentazione che deve
accompagnare ciascuna prova:
- Cantiere
- Data di perforazione alla profondità di prova
- Data e ora di inizio e fine prova
- Numero del sondaggio
- Metodo di perforazione e dimensioni del rivestimento provvisorio se
impiegato
- Dimensioni e peso delle aste impiegate per la prova

120
- Tipo di campionatore, specificando nel caso di campionatore ASTM se si è
utilizzato o meno un portacampione. Specificare anche se il campionatore è
apribile longitudinalmente
- Tipo di maglio e dispositivo di sgancio
- Altezza di caduta libera
- Profondità del fondo foro prima della prova
- Profondità della base (scarpa) del rivestimento se impiegato prima della
prova
- Informazioni sulla falda e sul livello del fluido nel foro
- Penetrazione per peso proprio
- Resistenza alla penetrazione preliminare (primi 150 mm) con eventuale
annotazione della penetrazione
- Resistenza alla penetrazione vera (successivi 300 mm) con eventuale
annotazione della penetrazione
- Descrizione dei terreni recuperati col campionatore
- Eventuali note
- Eventuale taratura del rendimento energetico.

† A2.2 Prove Penetrometriche Statiche (CPT, CPTU, SCPT)

Scopo della prova


La prova penetrometrica statica, che consiste nell'infissione a pressione nel
terreno di una punta d’acciaio chiusa di forma conica, ha lo scopo di misurare la
forza necessaria alla penetrazione della punta ( Q c ),la forza di attrito laterale tra
il terreno ed un manicotto d'acciaio situato al di sopra della punta ( Q s ) ed
eventualmente la pressione della fase liquida nei pori durante l'avanzamento
della punta (u). Da queste misure, effettuate separatamente, ma in modo
continuo, è possibile determinare tramite correlazioni semiempiriche le seguenti
caratteristiche:
- andamento stratigrafico;
- densità relativa ( D R ) , angolo di resistenza al taglio ( ϕ ') e resistenza alla
liquefazione dei terreni granulari;
- resistenza al taglio non drenata (Su ) dei terreni a grana fine;
- modulo di taglio elastico a piccole deformazioni ( G o ) .

Schema della prova

La norma ASTM D3441-94 è quella di riferimento salvo quanto specificato nelle


presenti IT. La prova viene eseguita infiggendo a pressione nel terreno una
punta conica di acciaio di forma e dimensioni standard (Figura A2.2.1, A2.2.2)
con una velocità di avanzamento costante pari a 2 cm/s.

121
Campo di applicazione
La prova penetrometrica statica può essere realizzata in qualsiasi tipo di terreno
sciolto. La prova risulta drenata nel caso dei terreni granulari (ghiaie fini, sabbie,
sabbie debolmente limose) e non drenata in quelli saturi a grana fine (argille,
argille limose). Nei terreni a grana fine parzialmente saturi e nel caso di terreni
limosi e limo-argillosi è possibile che si verifichi una condizione di parziale
drenaggio. L’interpretazione convenzionale dei risultati di prova fa riferimento o
ad una condizione drenata o a quella non drenata.

Apparecchiatura
Esistono sostanzialmente due tipi di apparecchiatura:
- punta meccanica
- punta elettrica
Solamente con la seconda è possibile effettuare misure continue come indicato
nel descrivere lo scopo della prova. Le punte meccaniche sono in genere libere
(telescopiche) rispetto alle aste di spinta e la misura della spinta viene fatta in
superficie.
La norma di riferimento, come per altro le citate raccomandazioni AGI (1977)
considerano standard sia la punta elettrica che quella meccanica le quali
tuttavia presentano differenze costruite sia geometriche che meccaniche. Le
principali differenze nei risultati ottenibili con i due tipi di punta riguardano
soprattutto l’attrito laterale. Nel prosieguo si indica come standard la punta
elettrica.

122
Cono, estensione e manicotto
Le principali caratteristiche del cono standard sono di seguito riportate. E’ fatto
obbligo, nell’impiego di punte diverse da quella standard di indicare dimensioni
e caratteristiche:
- area di base 1000 mmq (tolleranze -5% + 2%);
- angolo di apertura 60° (altezza del cono compresa tra 24 e 31.2 mm);
- superficie del manicotto compresa tra 14.700 e 15.300 mm² con rugosità
compresa tra 0.25 e 0.75 µm. il diametro non deve risultare inferiore a quello
del cono mentre può risultare maggiore con una tolleranza di 0.35 mm;
- estensione cilindrica 2 ≤ h e ≤ 5mm (senza setto poroso); h e ≤ 15mm (con
setto poroso)
- rugosità del cono inferiore a 1 µm

Per i penetrometri attrezzati per la misura della pressione dell'acqua (Piezoconi,


CPTU), il setto poroso deve avere una permeabilità di 0.01 cm/s e deve essere
saturato con glicerina. Il filtro può essere costituito da plastica porosa, materiale
ceramico o acciaio inox sinterizzato.

Sistema di spinta
Tale sistema consiste di:
- batteria di aste di spinta cave
- batteria di aste interne piene (solo punte telescopiche)
- dispositivo di spinta
- dispositivo di ancoraggio

Aste
Le aste di spinta cave sono avvitate l’una sull’altra a formare una batteria
rigidamente collegata con asse rettilineo costante. La flessione nel punto
centrale di un’asta di spinta lunga 1 m non deve risultare superiore a 0.5 mm
per le aste inferiori e 1 mm per le altre
Sulle aste cave, di diametro esterno 36 mm, se necessario, potrà essere
installato un anello allargatore per diminuire l'attrito del terreno lungo la batteria
a non meno di m 1,00 sopra la punta.
Le aste interne, a sezione piena, sono impiegate unicamente nei penetrometri
meccanici di tipo telescopico . Il diametro di tale aste deve essere da 0.5 ad 1
mm inferiore a quello interno delle aste cave. Devono scorrere con grande
facilità rispetto alle aste cave.

Dispositivo di spinta
Il sistema di spinta deve avere una corsa minima di 1 m e deve spingere le aste
a velocità di penetrazione costante ( 20mm / s ± 5mm / s indipendentemente dalla
natura e dalle caratteristiche del terreno). Si utilizzerà in generale
un’apparecchiatura a spinta idraulica di capacità non inferiore al piano a 20 t.
L’attrezzatura di spinta deve essere ancorata o zavorrata in modo tale da non
muoversi rispetto a piano campagna. Vengono utilizzati a tale scopo autocarri

123
zavorrati per spinte fino a 20 t. In alternativa è possibile utilizzare 4 o 6 eliche di
ancoraggio.

Sensori
Le punte elettriche sono strumentate mediante celle estensimetriche per la
misura continua della forza assiale agente sul cono ( Q c ) e della forza di attrito
laterale agente sul manicotto ( Q s ). Per questa seconda misura è fondamentale
che la cella estensimetrica sia insensibile agli sforzi normali e misuri
unicamente quelli di taglio. Il piezocono è attrezzato per la misura della
pressione interstiziale (u) mediante un trasduttore di pressione. Normalmente le
punte elettriche hanno un fondo scala da 5 t. E’ possibile utilizzare coni con due
celle di carico agenti in serie e dotate di diverso fondo scala nel caso di terreni
teneri. I sensori sono condizionati da una centralina posta in superficie. Il
collegamento elettrico è realizzato via cavo inserito nelle aste di spinta. La
profondità è acquisita dalla centralina grazie alla presenza di un encoder
collegato meccanicamente al dispositivo di spinta.

Modalità di prova
Nella prova continua (velocità di infissione pari a 20mm / s ± 5mm / s ) l’infissione
di ciascuna asta di spinta (lunghezza 1 m) avviene in modo continuo. E’
raccomandato un rilevamento continuo delle grandezze ( Q c , Q s ed
eventualmente u). In ogni caso l’intervallo tra due letture deve risultare inferiore
a 0.2 m.
Le misure andranno eseguite con le seguenti precisioni: non peggiore del 5%
del valore misurato, non peggiore dell'1% del valore massimo di resistenza
misurata nello strato attraversato. La profondità andrà rilevata con una
precisione non inferiore a 0.1 m.
Può essere accettata al massimo una deviazione dalla verticale della spinta
fornita dall'attrezzatura pari al 2%. Le punte penetrometriche elettriche possono
essere strumentate con un inclinometro da utilizzare al fine di controllare la
verticalità. L’esigenza di controllare la verticalità si pone particolarmente a
profondità elevate e nei terreni molto compatti o dove la presenza di elementi
lapidei grossi può causare una rilevante deviazione dalla verticale.

Le prove vanno eseguite ad almeno 1 m da una precedente verticale e/o ad


almeno 25 diametri da un preesistente foro di sondaggio.

Rettilineità delle aste di spinta, usura del cono e calibrazioni dei sensori e del
sistema di acquisizione dati vanno verificati periodicamente.

Per il superamento di un tratto particolarmente resistente si potrà disporre


l'esecuzione di un preforo rivestito, di diametro superiore a quello delle aste del
penetrometro ( 40 - 50 mm). A tale fine è anche possibile ricorrere a
penetrometri statici/dinamici (si veda il paragrafo A2.3 riguardante il
Penetrometro tipo Meardi, DPT).

124
Nel caso di preforo di diametro superiore occorrerà disporre all'interno una
tubazione di guida del diametro anzidetto, corredata di adatti centratori.

Presentazione dei risultati


Nella restituzione dei risultati occorrerà contrassegnare con la lettera R ogni
grafico se l'attrezzatura e le modalità di esecuzione sono interamente in
accordo con gli standards di riferimento. Si farà seguire la lettera R con una
delle seguenti a seconda del tipo di penetrometro impiegato:
M=meccanico
H=idraulico
E=elettrico
Occorre inoltre indicare: le caratteristiche di fondo scala dei sensori di misura,
posizione dell'eventuale filtro, data, identificazione della prova, ubicazione e
ditta esecutrice.

Occorre inoltre indicare:


- La profondità alla quale un anello allargatore o aste di spinta di minore
diametro sono state manovrate (parzialmente estratte e risospinte a quota)
per ridurre l’attrito laterale e per ottenere quindi una maggiore penetrazione
- Ogni interruzione della normale procedura
- Osservazioni dell’operatore relative al tipo dei terreno, suoni sulle aste di
spinta sobbalzi per presenza di ghiaia, incovenienti, ecc.
- Dati relativi alla esistenza ed allo spessore di riporti, o alla esistenza ed allo
spessore di scavi, nonché la quota di inizio prova rispetto alla superficie del
terreno originale o modificata
- La quota di piano campagna
- Eventuali letture inclinometriche
- Tutte le verifiche effettuate dopo l’estrazione
- Livello idrico nel foro dopo l’estrazione
- Eventuale profondità alla quale il foro è franato
- Eventuale riempimento del foro a fine prova

Infine occorre indicare: identificativo della punta, nome dell’operatore, date e


riferimenti certificati di taratura dei sensori.

Vengono determinate le seguenti grandezze:


1) Resistenza alla punta q c = Q c / A c ( A c =area di base del cono)
2) Attrito laterale locale f s = Qs / A s ( A s =area del manicotto)
3) Spinta totale Q t è la forza necessaria a spingere contemporaneamente
nel terreno la punta e le aste
Q = Q t − Qc
4) Resistenza di attrito totale st
5) Rapporto delle resistenze R f (%) = 100f s / q c
6) Indice delle resistenze If = q c / f s

125
Grafici, scale raccomandate:
- per la profondità: 1 unità a piacere x = 1 m (in ordinate);
- per la resistenza alla punta ( q c ): x = 20 Kg/cm2 (2000 kN/mq, 2 MPa);
- per la resistenza laterale ( f s ): x = 0,5 Kg/cm2 (50 kN/m2);
- per il rapporto ( R f ): x = 20 unità del rapporto.
- per la forza di attrito totale Qst x = 500 kg (5kN).
- per la pressione dell'acqua u x = 0.2 kg/cmq (20 kPa).

Per il penetrometro meccanico l’elaborazione grafica dovrà essere


accompagnata dalla copia delle letture ai manometri, che verranno effettuate
ogni 20 cm di avanzamento, delle grandezze misurate.

I valori della resistenza penetrometrica vanno corretti per effetto della u, quando
questa viene misurata, nel seguente modo:
q c (corr.) = q c (mis.) + u (1 − a )
A
dove a = N (dove A c =area del cono, A N =area netta del corpo dello strumento
Ac
depurata dallo spessore del manicotto).

E' inoltre consigliato procedere al filtraggio statistico dei dati ed alla correzione
della profondità in base alle letture inclinometriche. Quest’ultima correzione è
fattibile unicamente se si dispone delle misure inclinometriche. Il filtraggio dei
dati ha lo scopo di ridurre la dispersione dei valori misurati e di pervenire ad un
profilo semplificato.

Quando viene impiegata una punta con setto poroso, nel caso si eseguano
misure di dissipazione della pressione neutra, dovranno essere forniti anche i
grafici della pressione neutra in funzione del tempo.

Ogni rapporto anche parziale deve comprendere una chiara planimetria del sito.
Vanno riportate in risalto le posizioni in cui le prove sono state effettuate e
l’eventuale sequenza temporale di esecuzione di sondaggi e prove
penetrometriche.

Le modalità di esecuzione delle prove penetrometriche con il cono sismico


(SCPT) sono trattate nell'appendice B1.

126
„ A2.3 Prove penetrometriche dinamiche (DPT)

Scopo della prova


Lo scopo della prova è quello di determinare il numero di colpi ( N 30 ) necessari
ad infiggere, per una profondità di 30 cm, una punta conica di dimensioni
standard mediante battitura. I valori ottenuti consentono una stima qualitativa
della consistenza del terreno. Inoltre è possibile correlare empiricamente i valori
misurati con quelli ricavati dalla prova SPT. E’ pertanto possibile ricavare i
seguenti parametri:
- la densità relativa, l'angolo di resistenza al taglio e la resistenza alla
liquefazione dei terreni granulari.
- il modulo di taglio a piccole deformazioni sia nel caso di terreni a grana grossa
che in quelli a grana fine.

Schema della prova


I penetrometri dinamici sono classificati in base al peso del maglio come
indicato nella tabella (Stefanoff et al. 1988).
Normalmente, in ragione della natura molto consistente dei terreni
prevalentemente incontrati, si farà ricorso a penetrometri superpesanti. Più
precisamente, in accordo alle raccomandazioni AGI (1977), si suggerisce
l’impiego del penetrometro tipo Meardi e della relativa metodologia descritta nel
seguito (Meardi e Meardi 1974).

Classificazione dei penetrometri (Stefanoff et al. 1988)


Tipo Sigla Massa del maglio M (kg)
Leggero DPL M ≤ 10
Medio DPM 10 < M < 40
Pesante DPH 40 ≤ M < 60
Superpesante DPSH M ≥ 60

E’ tuttavia possibile impiegare attrezzature e modalità differenti. In questo caso


l’impresa è tenuta a fornire le necessarie specifiche tecniche al fine di ottenere
un parere preventivo di idoneità da parte dei consulenti tecnici della Regione
Toscana.

Per le prove “tipo Meardi”, occorre infiggere nel terreno mediante battitura una
punta conica di dimensioni standard per una profondità di 30 cm. Dopodiché
occorre infiggere il rivestimento esterno.
La prova di resistenza potrà partire dal piano di campagna, oppure, previ
opportuni accorgimenti, con inizio dal fondo dei fori di sondaggi.
Poiché con tale prova si ottengono informazioni di tipo continuo, dovranno
essere eseguite misurazioni di resistenza alla penetrazione durante tutta
l'infissione.

127
Campo di applicazione
La prova trova il suo miglior campo di applicazione nei terreni granulari molto
addensati o contenenti ghiaia. Tuttavia può essere eseguita in qualsiasi terreno
sciolto ed anche nel caso di alcune rocce tenere.
Unicamente in presenza di grossi elementi lapidei, che potrebbero danneggiare
la punta, la prova non è eseguibile.

Penetrometro tipo Meardi (DPSH)

Apparecchiatura
L'attrezzatura si compone di una prima batteria di aste ciascuna della
lunghezza di 1.2 m, di peso pari a 7 Kg/m, e diametro di 34 mm, alla cui
estremità inferiore sarà collegata una punta conica di diametro 50,8 mm ed
angolo di apertura 60 ° (Figura A2.3.1), e di una seconda batteria di aste
concentriche alla prima, di diametro 48/43 mm e di peso 5,3 Kg/m circa, alla cui

estremità inferiore dovrà essere avvitata una scarpa tagliente. Questa seconda
batteria di aste ha lo scopo di eliminare l'attrito tra aste interne e terreno.

Il maglio di 73 Kg dovrà avere un'altezza libera di caduta di 75 cm.


Il sistema di sollevamento del maglio potrà essere idraulico con sganciamento
automatico oppure con azionamento fune-cabestano senza sgancio
automatico.

E’ fatto obbligo specificare le caratteristiche del penetrometro utilizzato qualora


queste si discostino da quelle standard sopra specificate.
Modalità di prova
La prova dovrà procedere alternativamente e consecutivamente ora battendo
sulle aste interne per infiggere la punta e contando il numero dei colpi (NP)

128
necessari per avanzare nel terreno di 30 cm, ora sulle aste esterne per rilevare
il numero dei colpi (Nr) necessari per un eguale avanzamento nel sottosuolo.

La prova verrà interrotta quando Np o Nr superano il valore di 100.

La punta conica deve sporgere dalla batteria di tubi esterni non più di 30 cm in
qualsiasi fase della prova. Ciò per evitare che attriti laterali sulle aste alterino i
dati di resistenza Np misurati. E' consentito infiggere la punta per una profondità
di 20 cm anzichè 30 cm. Tale difformità dallo standard suggerito deve essere
evidenziato nella presentazione dei risultati.

Le batterie, le aste interne collegate alla punta conica e i tubi esterni, devono
essere liberi per tutta la durata della prova. Nel caso di blocco delle due
colonne a seguito di penetrazione di materiale nell'intercapedine, la prova dovrà
essere sospesa.

Modalità di presentazione dei risultati

A completamento della prova dovrà essere fornita una relazione complessiva


contenente:

a) una documentazione comprendente:


- tabella dei valori delle resistenze Np e Nr misurate alle diverse profondità
per ciascuna prova;
- diagramma di Np in relazione alla profondità;
- diagramma di Nr in relazione alla profondità;
- l'altezza media di caduta del maglio per l'infissione del rivestimento;
- grafico di Nr' in funzione della profondità, dove Nr' è ricavato da Nr'= 75
Nr / H' essendo H' l'altezza media di caduta del maglio durante l'infissione
del rivestimento;
- schema eventuale del preforo.
- specifiche riguardanti l’attrezzatura ed in particolare il tipo di sollevamento
adottato.

b) l’interpretazione stratigrafica delle verticali analizzate;


c) la planimetria CTR in scala 1:5.000, ove esistente, per una visione più
generale del sito d’indagine. In alternativa sarà utilizzata una planimetria
CTR in scala 1:10.000;
d) coordinate in Gauss- Boaga del sito ove è ubicata l’indagine;
e) la planimetria CTR in scala 1: 1000 con l’ubicazione delle indagini (vanno
riportate in risalto le posizioni in cui le prove sono state effettuate e
l’eventuale sequenza temporale di esecuzione di sondaggi e prove
penetrometriche);
f) le fotografie in originale o in digitale su floppy disk o CD relative alle varie fasi
di esecuzione della prova.

129
La relazione complessiva dovrà essere consegnata in triplice copia, di cui due
copie rilegate e una copia non rilegata. Inoltre si richiedono due copie su CD.

† A2.4 Prove Scissometriche (Vane Test)


Scopo della prova
Le prove scissometriche consentono di determinare la resistenza al taglio non
drenata ( Su ) in terreni coesivi saturi fornendo la variazione di tale parametro
con la profondità.

Schema della prova


La prova consiste nell’infiggere, in una porzione di terreno non disturbata, una
paletta costituita da 4 lame di acciaio di forma rettangolare o lanceolata e nel
farla ruotare misurando il valore massimo della copia applicata. Si assume che
tale operazione comporti la rottura in condizioni non drenate di un cilindro di
terreno avente l’altezza H della paletta ed il suo diametro D. La resistenza al
taglio mobilitata è quella disponibile sull’intera superficie del cilindro.

Campo di applicazione
La prova trova il suo miglior campo di applicazione nei terreni coesivi teneri e
saturi. Tuttavia può essere eseguita in qualsiasi terreno a grana fine saturo.

Apparecchiatura
Le caratteristiche dell’apparecchiatura impiegata andranno indicate nella
relazione finale. E’ possibile eseguire le misure all’interno di fori di sondaggi
utilizzando degli scissometri meccanici.

Modalità di prova
La prova può essere eseguita all'interno di un foro di sondaggio o anche in
assenza di fori di sondaggio con le modalità e l'attrezzatura di seguito indicate.
Attrezzatura ed esecuzione della prova sono regolate dalla norma ASTM D
2573 fatto salvo quanto di seguito espressamente specificato.

Occorre utilizzare una paletta costituita da 4 lame di acciaio di forma


rettangolare o lanceolata avente diametro compreso tra 50 e 100 mm. In
parziale deroga a questa indicazione dell'ASTM è consentito utilizzare le palette
della Geonor con lame rettangolari e diametro pari a 45-55-65 mm. Il rapporto
tra l'altezza della paletta e il diametro è in ogni caso pari a 2. Lo spessore delle
alette deve essere limitato e deve soddisfare la condizione che l'area della
superficie di base delle alette sia inferiore al 15 % dell'area del cerchio che le
circoscrive.
La paletta va infissa in una porzione di terreno non disturbata o relativamente
poco disturbata. A tal fine occorre che la paletta sia spinta ad una profondità
pari a 5 volte il diametro al di sotto del fondo foro. Nel caso di prove eseguite
senza la preventiva realizzazione del sondaggio vengono utilizzate palette
protette da una scarpa. In questo caso la paletta andrà spinta ad una profondità
pari a 5D al disotto della quota raggiunta dalla scarpa di protezione. In deroga a

130
quest'ultima prescrizione, nel caso in cui si utilizzi lo scissometro Geonor o
previa autorizzazione della DL è possibile spingere la paletta ad una profondità
di soli 50 cm al di sotto della scarpa di protezione.
La rotazione della paletta va imposta dalla superficie con una velocità non
superiore a 0.1°/sec o 6°/min. Nel corso di questa operazione va misurata la
coppia torcente. L'applicazione della coppia va iniziata subito dopo l'infissione
con un'attesa massima non superiore a 5 minuti.
Nel caso in cui l'asta porta paletta non sia protetta dal terreno circostante,
occorre misurare l'attrito che si sviluppa al contatto tra asta e terreno
correggendo conseguentemente il valore della coppia misurata. Nel caso di
asta protetta occorre verificare periodicamente che l'attrito sui cuscinetti sia
trascurabile.
E' possibile misurare la resistenza residua o del terreno rimaneggiato subito
dopo aver ruotato la paletta per almeno 10 giri completi.
Le prove vanno intervallate di almeno 0.7 m.

Presentazione dei risultati


La resistenza al taglio non drenata andrà calcolata nel seguente modo
Su (FV) = T / k
dove T è la coppia massima applicata al netto degli attriti tra asta porta paletta e
terreno (come sopra specificato, tale attrito non entra in gioco nel caso di aste
protette); mentre k è un fattore che dipende dalla geometria, dalle dimensioni
della paletta e dalla distribuzione degli sforzi di taglio lungo il cilindro di rottura.
In particolare per palette di forma quadrata di altezza H e diametro D andrà
utilizzata la seguente relazione
T
Su (FV) =
πD  H a 
3
 + 
2  D 2

dove a dipende dalla distribuzione degli sforzi di taglio lungo la superficie


laterale del cilindro di rottura. Nel caso di distribuzione uniforme a=2/3, per
distribuzione parabolica a=3/5 e per distribuzione triangolare a=1/2.
Nella restituzione dei risultati occorrerà utilizzare la simbologia sopra indicata
specificando le relazioni impiegate per ottenere i valori di resistenza al taglio.

† A2.5 Prova Dilatometrica (DMT)


Scopo della prova
Lo scopo della prova è quello di misurare la forza necessaria alla penetrazione
( Q D ) di una lama d’acciaio di forma e dimensioni standard, la pressione
corrispondente al primo distacco ( p o ) di una membrana d’acciaio collocata su
una faccia laterale della lama e quella corrispondente ad uno spostamento del
centro della membrana pari a 1.0 mm ( p1 ) . Da queste misure, effettuate
separatamente e a diverse profondità, è possibile determinare l'indice
dilatometrico I D , l'indice della tensione orizzontale K D ed il modulo dilatometrico
E D e successivamente, tramite correlazioni semiempiriche, stimare le seguenti
caratteristiche:

131
- andamento stratigrafico;
- densità relativa ( D R ) , angolo di resistenza al taglio ( ϕ ') e resistenza alla
liquefazione dei terreni a granulari;
- resistenza al taglio non drenata (Su ) dei terreni a grana fine;
- modulo di taglio elastico a piccole deformazioni ( G o ) .

Schema della prova


La prova con dilatometro piatto o di Marchetti (DMT) consiste nell'infiggere a
pressione, sino alla profondità desiderata, una lama d'acciaio e quindi
nell'espandere una membrana circolare d'acciaio situata su una faccia laterale
in modo tale che il centro di questa membrana compia un'escursione di 1.0 mm.

Campo di applicazione
La prova dilatometrica va preferibilmente realizzata nei terreni granulari fini.
Tuttavia è possibile eseguirla in quasi tutti i terreni sciolti. In terreni cementati,
nelle ghiaie e in terreni strutturati che presentano inclusioni capaci di deviare la
lama dalla verticalità, l'esecuzione della prova risulta poco agevole o
impossibile. La presenza di ghiaia a spigoli vivi può inoltre lacerare la
membrana d'acciaio. L'esecuzione di prefori consente, seppure con ulteriori
oneri, di operare anche nelle condizioni più difficili. La prova è drenata nel caso
dei terreni a grana grossa (ghiaie, sabbie, sabbie debolmente limose) e non
drenata in quelli saturi a grana fine (argille e argille limose). Nei terreni a grana
fine parzialmente saturi e nel caso di terreni limosi e limo-argillosi è possibile
che si verifichi una condizione di parziale drenaggio. L'interpretazione
convenzionale dei risultati di prova fa riferimento o alla condizione drenata o a
quella non drenata.

Apparecchiatura
La lama ha una larghezza di 95 mm, lunghezza di circa 200 mm e spessore di
14 mm. La membrana ha uno spessore di 0.2 mm ed un diametro di 70 mm.
L'espansione viene effettuata utilizzando azoto in bombole dotate di regolatori
di pressioni. L'azoto in pressione raggiunge la membrana tramite un cavetto
elettro-pneumatico. Un cilindretto di acciaio chiude un circuito che disattiva e
attiva un segnale audio in superficie in corrispondenza di due posizioni
predefinite della membrana: il segnale audio viene disattivato nella posizione
(A) quando il centro della membrana ha subito uno spostamento di 0.05 mm; il
segnale audio viene riattivato nella posizione (B) quando il centro della
membrana ha subito uno spostamento di 1.1 mm. Una centralina, posta in
superficie e dotata di un misuratore di pressione consente di determinare le
pressioni A e B corrispondenti alle posizioni (A) e (B) della membrana.
L'attrezzatura di infissione è usualmente la stessa usata nelle prove CPT. La
spinta necessaria all'infissione è misurata tramite una cella di carico posta
immediatamente al di sopra della lama.

Modalità di prova
Non esiste una specifica norma ASTM, si farà quindi riferimento a quanto
indicato dal documento ASTM 1986 Suggested Method for Performing the Flat
Dilatometer Test. Geotechnical Testing Journal, Vol. 9, N° 2.

132
In genere l'espansione della membrana e le relative misure vengono effettuate
ogni 0.2 m di profondità. E' consigliabile effettuare la penetrazione con una
velocità di 2 cm/s come per le prove penetrometriche. Al raggiungimento della
profondità di interesse si scaricano le aste di spinta, si chiude la valvola di sfiato
e si provvede ad immettere gas per espandere la membrana entro 15 secondi
dal raggiungimento della profondità. La lettura di A deve essere effettuata entro
15-20 s dall'inizio dell'immissione. La pressione B va raggiunta e determinata in
un tempo di 15-30 s.
Rettilineità delle aste di spinta, usura della membrana e della lama vanno
verificati periodicamente. La calibrazione della membrana va effettuata prima di
ogni prova determinando la pressione ∆A necessaria a mantenere il centro
della membrana alla distanza di 0.05 mm e la pressione ∆B necessaria ad
imporre uno spostamento della sola membrana di 1.10 mm. La pressione ∆A è
negativa ma viene introdotta nelle formule col valore assoluto.

Presentazione dei risultati


Determinazione di p o
p o = −1. 05 ⋅ ( A − ∆A ) − 0. 05 ⋅ ( B − ∆B)

Determinazione di p1
p1 = B − ∆B

Determinazione di q D
q D = QD / A D
dove A D è l'area della sezione trasversale di poco più grande di quella del cono
(13.3 cm²)

Indice dilatometrico
p − po
ID = 1
po − uo
dove u o è la pressione idrostatica

Indice della tensione orizzontale


p −u
KD = o ' o
σ vo
dove σ vo è la tensione verticale geostatica
'

Modulo dilatometrico
E D = 34. 7( p1 − p o )

L'attrezzatura e la prova sono brevettate ed un numero limitato di imprese


specializzate ha in esclusiva l'uso dell'attrezzatura e l'esecuzione delle prove.

Questo gruppo di imprese fornisce anche l'interpretazione ingegneristica delle


misure fornendo i parametri geotecnici di interesse con la profondità.

133
† A2.6 Prove Pressiometriche con Pressiometro Autoperforante (SBPT)
Scopo della prova
La prova ha lo scopo di determinare la curva di espansione (curva pressione-
spostamenti radiali) di una sonda cilindrica preventivamente inserita nel terreno.
Dalla curva di espansione pressiometrica è possibile ricavare le seguenti
informazioni:
- modulo di taglio G;
- densità relativa ( D R ) , angolo di resistenza al taglio ( ϕ ') e di dilatanza ( ψ ) dei
terreni a grana grossa;
- resistenza al taglio non drenata (Su ) dei terreni a grana fine.

Schema della prova


La prova pressiometrica consiste nell'installare nel terreno, alla profondità
desiderata, una sonda cilindrica e nell'espandere successivamente tale sonda
registrando le pressioni applicate e gli spostamenti radiali o le variazioni di
volume della sonda.

Campo di aplicazione
La prova pressiometrica viene realizzata in tutti i terreni sciolti, nelle rocce
tenere e nelle rocce vere e proprie. Nelle presenti IT viene trattata la prova con
pressiometro autoperforante eseguibiule unicamente in terreni sciolti, rinviando
alla norma di riferimento per la prova in roccia. La prova è drenata nel caso dei
terreni a grana grossa (ghiaie, sabbie, sabbie debolmente limose) e non
drenata in quelli saturi a grana fine (argille e argille limose). Nei terreni a grana
fine parzialmente saturi e nel caso di terreni limosi e limo-argillosi è possibile
che si verifichi una condizione di parziale drenaggio. L'interpretazione
convenzionale dei risultati di prova fa riferimento o alla condizione drenata o a
quella non drenata.

Apparecchiatura
Sono disponibili diversi tipi di pressiometri: pressiometro Menard (MPM),
presso-pressiometro (PIP), pressio-cono (FDPM) ed il pressiometro
autoperforante (SBP). L'attrezzatura di seguito descritta è quest'ultima.
La sonda cilindrica è cava e al suo interno consente il passaggio di un utensile
disgregatore. Il fluido di perforazione e i detriti risalgono in superficie passando
all'interno della sonda. La sonda ha diametro di 80 mm e lunghezza
complessiva superiore a 1000 mm. Questa tecnica di avanzamento e
installazione della sonda nel terreno è ritenuta causare un disturbo minimo.
Esternamente la sonda pressiometrica porta una membrana di gomma
eventualmente protetta da strisce metalliche (lanterna cinese) nel caso di
terreni ghiaiosi o sabbiosi con asperità. Questa membrana è la parte
espandibile della sonda ed il rapporto tra la lunghezza della membrana
espandibile e il diametro a riposo della sonda deve essere di almeno 6.
L'espansione della membrana viene realizzata mediante l'uso di gas in controllo
di carico o di spostamento. La pressione del gas è misurata all'interno della
sonda mediante trasduttore di pressione. Lo spostamento radiale è misurato in
tre punti a 120° nella sezione centrale della sonda mediante tre braccini

134
strumentati. La massima pressione applicabile è di 4 MPa e la massima
deformazione raggiungibile è del 20 %.

Modalità di prova
La prova si divide in due fasi: a) installazione della sonda alla profondità
desiderata mediante la tecnica dell’auto perforazione e b) espansione della
cavità.
La tecnica dell'autoperforazione prevede la lenta infissione nel terreno della
scarpa di perforazione al di sopra della quale è posto il modulo di misura. La
pulizia del foro avviene in due fasi: 1) frantumazione del terreno mediante
utensili disgregatori rotanti posti all'interno della scarpa. Si usano utensili diversi
a seconda del tipo di terreno; 2) recupero dei detriti mediante circolazione di
acqua o fanghi.
La sonda pressiometrica è infatti un cilindro cavo e sia la manovra dell'utensile
disgregatore mediante batteria di aste, sia l'operazione di recupero dei detriti
utilizzano la cavità interna della sonda. Si ritiene minimo il disturbo causato
dall'inserzione della sonda con la tecnica dell'autoperforazione in quanto si
ipotizza che il volume di terreno asportato venga progressivamente sostituito
col volume della sonda, in modo tale che il terreno non subisca significativi
spostamenti laterali. Per tali ragioni la prova SBPT è considerata ideale per la
misura della rigidezza in sito e della pressione orizzontale geostatica.
Le prove a deformazione controllata vengono eseguite imponendo una velocità
di deformazione pari a 1%/m o anche 0.1%/m. Nel corso della prova vengono
registrati i valori di pressione e i corrispondenti valori di deformazione misurati
in tre diversi punti, come già detto.
Le prove a controllo di carico richiedono una stima di massima della pressione
limite ( p L ) in modo da scegliere ogni gradino di carico pari a circa 1/10 di p L .
Per ogni gradino di carico si misurano le deformazioni a 15, 30, 60 e 120 s.
In una tipica curva pressiometrica è possibile eseguire anche alcuni cicli di
scarico-ricarico.

Presentazione dei risultati


Una prova pressiometrica consiste nell'espansione di una cavità cilindrica di
lunghezza finita L e diametro D. Nell'interpretare la prova si fa usualmente
riferimento alle ipotesi semplificative sotto riportate:
- Condizioni di deformazioni piane nel piano orizzontale (ε z = 0); questa ipotesi
è verificata solamente nei terreni omogenei in direzione orizzontale e nel caso
di sonde infinitamente lunghe.
- Condizioni drenate nei terreni a grana grossa. Nei terreni a grana fine si
assume che l'espansione della cavità avvenga in condizioni non drenate
anche se l'ipotesi di parziale drenaggio appare più realistica.
- I valori delle tensioni iniziali al contorno sono noti e corrispondono alla
tensione geostatica orizzontale.
- Viene assunto un modello costitutivo semplificato del tipo elastico-
perfettamente plastico.

Dalle ipotesi sopra riportate ne deriva che, nel caso di espansione in argille, è
possibile ricavare la rigidezza a taglio dalla curva pressiometrica mediante la
seguente relazione:

135
1 dp
G s (εc ) = ⋅
2 dε c
dove G s ( ε c ) è il modulo secante che compete a un dato livello di deformazione.
Questo metodo è noto come metodo della sottotangente.
Nel caso delle sabbie, è preferibile determinare il modulo di scarico-ricarico dei
cicli facendo riferimento al livello di deformazione medio e allo stato di tensione
medio nella zona attorno alla cavità.
La resistenza al taglio non drenata delle argille ed i parametri di resistenza al
taglio delle sabbie vengono ottenuti con metodi semiempirici dalla
determinazione della pressione limite.

Attrezzatura ed esecuzione delle prove pressiometriche dovranno fare


riferimento alle norme ASTM D4719-87, D4971-89

† A2.7 Prove di Carico su piastra


Scopo della prova
La prova ha lo scopo di determinare la capacità portante di una fondazione
modello e la deformabilità del terreno sottostante la piastra di prova per una
profondità pari a circa la larghezza o diametro della piastra medesima.

Schema della prova


La prova consiste nel sottoporre una piastra di dimensioni standard e di sezione
circolare o quadrata a carichi di ampiezza crescente applicati per mezzo di un
sistema di contrasto e di un martinetto idraulico. La piastra viene strumentata
con comparatori elettrici in modo da rilevare il contemporaneo cedimento. La
prova può essere eseguita a piano campagna o dentro pozzi appositamente
realizzati. La prova viene anche eseguita su roccia all’interno di gallerie di
piccolo diametro o cunicoli esplorativi. In questo caso i carichi vengono applicati
contemporaneamente su due superfici contrapposte utilizzando piastre rigide di
sezione circolare o piastre flessibili di sezione anulare .

Campo di applicazione
La prova può essere effettuata in qualsiasi tipo di terreno sciolto, roccia tenera
o roccia vera e propria. Nel caso di prove in terreni sciolti, la massima
dimensione di clasti al di sotto della piastra non deve essere superiore a 100
mm.

Apparecchiatura
Terreni sciolti.
Occorre una serie di piastre circolari di acciaio con spessore di almeno 25 mm
e diametro minimo non inferiore a 152 mm e massimo non superiore a 762 mm.
In alternativa è possibile usare piastre quadrate di area equivalente. Per ogni
prova si usano almeno quattro piastre collocate l'una sull'altra a formare una
piramide in modo da avere una struttura infinitamente rigida. Due piastre
contigue non debbono differire in diametro per più di 152 mm. Occorre inoltre
un telaio di reazione in grado di sopportare il carico totale da applicarsi alla

136
piastra, un martinetto idraulico di adeguata capacità e con contatto sferico, due
o più trasduttori di spostamento con precisione di 0.03 mm e corsa di 25 mm e
infine un'asta di riferimento a cui vincolare i trasduttori. L'asta di riferimento va
collocata ad una distanza di 2.4 m dalla circonferenza della piastra..

Rocce
E’ preferibile utilizzare martinetti piatti di sezione anulare con diametro
compreso tra 0.5 e 1.0 m (Figura A2.7.1). Gli spostamenti vengono misurati con
trasduttori del tipo LVDT, dotati di precisione pari a ± 0.002 mm e sensibilità
pari a ± 0.001 mm, e/o estensimetri multipli cementati all’interno di fori di
sondaggio carotati NX (diametro 76 mm) aventi profondità pari a circa 6 volte il
diametro del martinetto (Figura A2.7.1). Il carico applicato viene misurato
mediante trasduttori di pressione aventi precisione pari a ± 0.14 MPa e
sensibilità pari a ± 0.07 Mpa oppure mediante celle di forza aventi precisione
pari a ± 4.4 kN e sensibilità pari a ± 2.2 kN.

Fig. A.2.7.1 – Prova di carico su piastra

Modalità di prova
Terreni
Occorre preparare un letto di gesso e sabbia prima di collocare la piastra di
prova. Successivamente si posizionano le piastre concentriche. Occorre evitare
che il terreno, in superficie o al fondo di uno scavo subisca perdita di umidità in

seguito all'esposizione all'aria. Se si usano unicamente due trasduttori


andranno posizionati alle estremità di un diametro. Tre trasduttori verranno
collocati a 120°. La piastra viene precaricata due volte in modo da imporre un
cedimento compreso tra 0.25 e 0.51 mm, dopodichè si da inizio alla prova vera

137
e propria incrementando il carico e registrando il cedimento in condizioni
monotone o cicliche.

Rocce
Occorre predisporre, mediante opportuni mezzi di scavo scelti in relazione al
tipo di roccia, una superficie avente diametro pari a circa 1.5-2.0 volte quello del
martinetto piatto. Su tale superficie occorre gettare, previa pulizia dell’area di
scavo con gettti d’acqua, del calcestruzzo, utilizzando opportune casseforme, di
spessore non superiore a 120 mm per un martinetto avente diametro di 1.0 m.
Per diametri inferiori occorrerà ridurre lo spessore del getto. Occorre evitare la
presenza di bolle d’aria tra martinetto e spessore in calcestruzzo. Al di sopra del
martinetto viene collocato un pannello truciolare (spessore 13 mm) su cui
poggia una piastra d’acciaio. Il contrasto è realizzato mediante quattro colonne
(Figura A2.7.1). Se la prova viene eseguita a piano campagna, occorre
prevedere un solo martinetto ed un’adeguata struttura di contrasto. Misure dello
spostamento della superficie rocciosa vanno rilevate:
- lungo il perimetro esterno del martinetto in almeno 6 punti equidistanti tra
loro;
- lungo il perimetro interno del martinetto in almeno tre punti equidistanti
tra loro;
Il sistema di supporto dei trasduttori deve essere esterno alla zona di influenza
ed in nessun caso va posizionato sul sistema di carico.

Misure di spostamento all’interno dell’ammasso roccioso vengono rilevate


mediante estensimetri multibase (Figura A2.7.1). I punti di ancoraggio vanno
selezionati accuratamente ispezionando preventivamente le carote ed il foro
stesso mediante una sonda o altra attrezzatura idonea. La Figura A2.7.2
riassume i criteri da seguire nello stabilire i punti di ancoraggio.

Fig. A.2.7.2. – Esempio di ubicazione degli ancoraggi

138
Il corretto funzionamento di tutta l’attrezzatura ve preventivamente verificato.

Presentazione dei risultati


Terreni
La prova consente di determinare direttamente la capacità portante della
piastra. Il valore di capacità portante sperimentalmente determinato può essere
estrapolato alla fondazione reale. Con riferimento alle formule di capacità
portante disponibili è possibile ricavare dalla pressione limite il valore della
resistenza al taglio non drenata delle argille o i parametri di resistenza al taglio
dei terreni a grana grossa. Inoltre la prova consente di determinare il modulo di
deformazione dalla seguente relazione basata sulle ipotesi di mezzo elastico
isotropo ed omogeneo:
∆p
∆s = ⋅ D ⋅ (1 − ν2 ) ⋅ C d
E
dove D è il diametro della piastra, ν ed E sono rispettivamente il coefficiente di
Poisson ed il modulo di Young del terreno, ∆s e ∆p sono spostamenti e
pressioni applicati alla piastra e C d ingloba il fattore di forma e di
approfondimento della fondazione.

E' anche possibile ricavare il coefficiente di sottofondo alla Winkler:


∆p
k=
∆s

Rocce
Piastra circolare:
(1 − ν 2 ) ⋅ p ⋅ D
E= (1)
sc
dove: p=pressione applicata; sc =cedimento al centro dell’area caricata

2(1 − ν 2 ) ⋅ p ⋅ D
E= (2)
sb

dove: sb =cedimento al bordo dell’area caricata

E=
sz
[
2 ⋅ (1 − ν 2 ) ⋅ p 2
]
(D / 4 + z 2 )1 / 2 − z −
(1 + ν ) ⋅ p ⋅ z
sz
[ ]
z ⋅ (D2 / 4 + z 2 )−1 / 2 − 1

(3)

dove s z =cedimento al centro dell’area caricata alla profondità z

139
Piastra anulare
2 ⋅ (1 − ν 2 ) ⋅ p ⋅ (R2 − R1)
E= (4)
sc
dove: sc =cedimento al centro dell’area caricata; R2= raggio esterno, R1=
raggio interno

4(1 − ν 2 ) ⋅ p ⋅ (R2 − R1)


E= (5)
sb

dove: sb =cedimento al bordo dell’area caricata

E=
sz
[
2 ⋅ (1 − ν 2 ) ⋅ p
]
(R22 + z 2 )1 / 2 − (R12 + z 2 )1 / 2 + [
(1 + ν ) ⋅ p ⋅ z 2
sz
(R12 + z 2 )−1 / 2 − (R22 + z 2 )−1 / 2 ]

dove s z(6)
=cedimento al centro dell’area caricata alla profondità z

Il cedimento baricentrico sotto l’area caricata può essere espresso mediante le


equazioni (3) e (6) e più in generale:

p
sz = Kz (7)
E
il modulo E può quindi essere ricavato dallo spostamento relativo tra due
posizioni al di sotto del centro dell’area caricata nel modo seguente:

K z1 − K z 2
E = p⋅
s z1 − sz 2
dove: K z1, K z 2 = coefficienti geometrici alle profondità z1 e z2 rispettivamente,
s z1, s z 2 = spostamenti alle profondità z1 e z2 rispettivamente.

Attrezzature e modalità esecutive dovranno fare riferimento alle norme SNV


670317a (1981), ASTM D1194, D1195, D1196-93, D4394 e D4395-84, D4403

† A2.8 Specifiche tecniche per la posa in opera di piezometri


Scopo della prova
I piezometri vengono installati per determinare la pressione neutra nel terreno in
sito.

Nel caso di terreni permeabili si adoperano piezometri a tubo aperto. All'interno


di un foro di sondaggio precedentemente effettuato alla profondità alla quale
tale misurazione dovrà essere realizzata, si procede alla posa del tubo metallico
(o di materiale plastico), di diametro sufficiente per consentire il passaggio dello

140
strumento di misura del livello dell'acqua, secondo le seguenti successioni di
fasi:
1) riempimento del foro con miscela plastica acqua - bentonite - cemento (100
- 5 - 30 parti in peso circa) dal fondo, fino alla quota di 1,30 m al di sotto del
centro del tratto di tubo fessurato;
2) formazione del tappo impermeabile inferiore, dello spessore di 50 cm,
costituito da due strati di 12 - 13 cm ciascuno di palline di bentonite
preconfezionate, alternati ad altrettanti strati di spessore 2 - 3 cm di
ghiaietto: le palline saranno costipate con apposito pestello;
3) lavaggio del foro con acqua pulita;
4) collocazione del tubo con tappo di fondo e con un tratto cieco di 0,30 m al di
sotto di quello fessurato, di lunghezza 1,00 m;
5) posa del dreno, costituito da materiale granulare, attorno al tratto di tubo
fessurato, per un'altezza complessiva di 1,60 m (il tratto fessurato più 30 cm
al di sotto e al di sopra) e sfilamento graduale dell'eventuale tubo di
rivestimento;
6) formazione del tappo impermeabile superiore con miscela acqua - bentonite
- cemento in proporzione, in peso, 100 - 6 - 30, immessa con apposite aste
sino alla sommità del foro;
7) sistemazione dell'estremità superiore del tubo in pozzetto costruito nel
terreno.

Nel caso di terreni poco permeabili si adoperano piezometri di tipo Casagrande


o di tipo speciale. Tali piezometri si adoperano in perforazioni di sondaggio ed a
seguito di un primo studio della idrogeologia del sottosuolo e consentono una
migliore attendibilità e la ripetibilità delle misure.

La posa della tubazione piezometrica dovrà effettuarsi con le seguenti modalità


operative:
1) lavaggio accurato del foro con acqua pulita e controllo della profondità;
2) getto, nel fondo del foro, di sabbia pulita ed uniforme (diametro medio 0,5
mm) sino ad ottenere una strato di 50 cm circa, e ricontrollo della profondità.
Nei fori rivestiti va effettuato il graduale sfilamento della tubazione di
manovra, per un'altezza di poco inferiore allo strato di sabbia;
3) calo dello strumento, con relativi tubicini, nel foro fino a farlo poggiare sullo
strato di sabbia;
4) versamento nella sabbia in quantità tale da riempire il foro sino a 60 cm al di
sopra dello strumento;
5) effettuazione di una lettura al piezometro per accertarne il funzionamento;
6) sigillatura del foro mediante una strato di circa 60 cm, realizzato con palline
di bentonite, od altro materiale idoneo, per 20 cm circa;
7) riempimento della restante parte del foro con miscela acqua - bentonite -
cemento e contemporanea ripresa del sollevamento dell'eventuale colonna
di rivestimento;

141
8) costruzione di un pozzetto di protezione in calcestruzzo in corrispondenza
della bocca del foro.

142
APPENDICE A3

Prove di laboratorio

A3.1 Generalità
Le prove di laboratorio vengono eseguite sui campioni generalmente estratti
durante i sondaggi, per ricavare un valore puntuale e più preciso di determinati
parametri rappresentativi dello stato fisico e del comportamento meccanico del
terreno.
Per le prove di laboratorio da eseguire per le analisi sismiche si rimanda
all’appendice B.2.
Le prove di laboratorio si possono suddividere in tre categorie in base alle
finalità:
- le prove di classificazione per l'identificazione dei geomateriali analizzati
- le prove edometriche per la definizione della storia tensionale e dello stato
tensionale iniziale del deposito
- le prove triassiali e di taglio diretto per la determinazione dei parametri di
resistenza e della resistenza al taglio non drenata.

„ A3.2 Prove di classificazione


Le prove di classificazione sono finalizzate alla misura di alcune proprietà
“indice” del terreno, cioè quelle proprietà che consentono di raggruppare i
terreni in categorie con analogo comportamento meccanico e simili
caratteristiche fisiche. Per l’esecuzione di tali prove si farà riferimento alle
norme di seguito citate ASTM D 2487 – 93, D 2974 – 87, NR UNI 10010/64,
CNR UNI 10013/64, CNR UNI 10014/64.

Si ritiene opportuno, per una completa classificazione procedere alle seguenti


determinazioni:
- descrizione del campione (informazioni sul tipo di campionatore e sulle
condizioni del campione. Nel caso di campioni indisturbati allegare foto con
colorimetro dopo averlo scortecciato e misure con torvane o pocket
penetrometer);
- contenuto naturale in acqua;
- peso di volume;
- peso unitario secco (o densità secca);
- peso specifico del solido;
- granulometria-aerometria;
- limiti di Atterberg;
- contenuto dei carbonati;
- sostanze organiche.

143
„ A3.2.1 Analisi granulometrica e limiti di Atterberg

L'analisi granulometrica è l'insieme di quelle operazioni occorrenti per


determinare la distribuzione percentuale, per massa, dei grani secondo le loro
dimensioni.

La determinazione verrà fatta a seconda della natura della terra con vagliatura
meccanica (per via secca o per via umida) oppure con il metodo per
sedimentazione (o aereometria).

I risultati ottenuti nel corso dell'analisi, dovranno essere riportati in un


diagramma semilogaritmico (curva granulometrica) ed inoltre dovrà essere
incluso per ciascun campione una relazione contenente:
• il diametro massimo dei grani;
• la curva granulometrica o la tabella delle percentuali passanti (o trattenute)
ad ogni singolo setaccio;
• il tempo di sedimentazione richiesto dalla prova aereometrica;
 eventuali difficoltà incontrate.

Per quanto riguarda i limiti di Atterberg (WL, WP, WR) nell'esecuzione delle
prove e nella presentazione dei risultati, si dovrà far riferimento alle norme UNI.

„ A3.3 Prova di compressione edometrica


La prova edometrica consente di valutare la storia tensionale del deposito
mediante la determinazione del grado di sovraconsolidazione (OCR). L'impiego
di edometri Ko consentono altresì di determinare il coefficiente di spinta a
riposo pervenendo quindi ad una stima dello stato tensionale iniziale.

La prova dovrà essere effettuata applicando un carico assiale su un provino


cilindrico, di materiale saturo posto all'interno di un anello rigido che ne
impedisce l'espansione laterale ed al quale è consentito il drenaggio attraverso
pietre porose disposte alle due basi.

L'applicazione del carico verticale dovrà essere del tipo ad incremento di carico
(IL) e prevede che ciascun carico sia mantenuto per un periodo di tempo (24h)
sufficiente a garantire la completa dissipazione delle sovrappressioni dell'acqua
interstiziale generate dal carico stesso.

Le registrazioni delle letture degli abbassamenti verticali dovranno essere


eseguite dopo 5" - 10" - 20" - 30" - 1' - 2' - 4' - 8' - 15' - 30' - 1h - 2h - 4h - 8h -
24h dalla applicazione del carico.

La fase di scarico dovrà essere realizzata togliendo una parte di carico


applicato e registrando, per ciascun decremento e per un tempo di 24 ore,
l'andamento del rigonfiamento del provino.

144
A completamento di ciascuna prova, dovrà essere consegnato un rapporto dei
risultati ottenuti contenente:
•  la descrizione del campione;
•  i diagrammi assestamenti tempo;
•  la curva di compressibilità;
•  la pressione di preconsolidazione;
•  il coefficiente di consolidazione.

Il tutto in conformità a quanto prescritto per questa prova dalle


“Raccomandazioni sulle prove geotecniche di laboratorio”, A.G.I. (1990).

In alternativa alle prove ad incremento di carico è possibile eseguire prove


edometriche a velocità di deformazione costante che consentono un notevole
risparmio di tempo.

† A3.4 Prove per la determinazione della resistenza al taglio

A3.4.1 Prova di compressione ad espansione laterale libera


La prova di compressione del tipo a dilatazione laterale libera viene utilizzata
per la determinazione della resistenza al taglio non drenata in terreni a grana
fine.

Per tale prova dovrà essere confezionato un provino cilindrico di diametro 1",
1/2 o 2" ed altezza non inferiore ad una volta e mezza il suo diametro, da
sottoporre a compressione monoassiale crescente.

A tal uopo il provino dovrà essere interposto tra due piattelli di una pressa
idonea a comprimerlo con velocità di avanzamento tale da provocare una
deformazione compresa tra 0,5 ed 1% dell'altezza del provino per ogni minuto
primo.

Durante la prova, ad intervalli prefissati, su appositi comparatori dovranno


essere lette le deformazioni assiali ed i carichi corrispondenti.

Nelle rocce lapidee la prova di compressione semplice deve essere condotta


per la determinazione dei carichi unitari di rottura e può essere effettuata o su
campioni cilindrici o cubici (di lato 10 cm) con presse in grado di poter
sviluppare una pressione adeguata.

A3.4.2 Prova di compressione triassiale


Le prove triassiali dovranno essere effettuate con le modalità dettate dalle
norme B.S. o A.S.T.M.

145
I provini cilindrici di terra dovranno essere confezionati in maniera tale che il
diametro non sia inferiore a 33 mm e l'altezza di 2 - 2,5 volte il diametro.
La prova completa dovrà essere eseguita su almeno due provini per ogni
campione.

Le prove potranno essere del tipo:


• Non Consolidata - Non Drenata : il provino è inizialmente soggetto ad una
compressione isotropa non drenata e successivamente viene portato a
rottura in compressione per carico (aumento delle tensione verticale)
sempre in condizioni non drenate;
• Consolidata - Non Drenata : il provino viene inizialmente consolidato
isotropicamente e viene poi portato a rottura in compressione per carico in
condizioni non drenate;
• Consolidata - Drenata : il provino viene inizialmente consolidato
isotropicamente e viene poi portato a rottura in compressione per carico in
condizioni drenate.

La condizione non drenata viene realizzata impedendo il drenaggio. La velocità


di applicazione del carico deve consentire l'equalizzazione delle sovrapressioni
interstiziali (convenzionalmente si adotta una velocità di deformazione pari a
1mm/min). La condizione drenata viene realizzata con drenaggio aperto
adottando una velocità di applicazione del carico sufficientemente bassa in
modo da lasciar dissipare la sovrapressione interstiziale. Il tempo per
l'esecuzione di tale tipo di prova dovrà essere ricavato in relazione all'altezza
del provino, al coefficiente di consolidazione e ad un coefficiente adimensionale,
funzione delle condizioni di drenaggio del provino.

La rottura in condizioni di compressione per carico la si realizza mantenendo


costante la pressione di contenimento esercitata idraulicamente in cella, mentre
si dovrà aumentare progressivamente la pressione verticale sino alla rottura del
provino stesso.

Una volta completata la prova dovrà essere fornito:


per la prova Consolidata – Drenata
• diagramma q − ε a (sforzo deviatorico σ1 − σ 3 in funzione della deformazione
assiale);
• diagramma ε v − ε a (deformazione volumetrica in funzione della deformazione
assiale);
• diagramma t-s' (percorso delle sollecitazioni efficaci);

per la prova Consolidata - Non Drenata


- diagramma q − ε a ;
- diagramma ∆u − ε a (sovrapressione interstiziale in funzione della
deformazione assiale);
- diagramma t-s';

146
per la prova Non Consolidata - Non Drenata
- diagramma q − ε a ;
- diagramma ∆u − ε a ;
- diagramma t-s';

A3.4.3 Prova di taglio diretto


La prova di taglio diretto con la scatola di Casagrande di forma cilindrica o
quadrata consente di determinare la resistenza al taglio di terreni a grana fine e
grossa.

Tale prova, che dovrà essere eseguita generalmente in condizioni drenate, sarà
valida se sviluppata su almeno tre provini consolidati a differenti pressioni
verticali.

Ciascun provino, consolidato sotto un diverso carico verticale per il tempo


necessario affinché i comparatori raggiungano la stabilizzazione, dovrà essere
sottoposto a sforzo di taglio sino al punto di rottura, lungo un piano orizzontale
mediano definito dai due telai sovrapposti della scatola.

La velocità della prova dovrà essere desunta dal rapporto tra l'entità dello
scorrimento stimato perché il provino giunga a rottura ed il tempo necessario al
provino stesso per consolidarsi del 100 % .

Le risultanze delle prove dovranno essere trasferite in un elaborato


comprendente, oltre tutti i dati fisici e d'individuazione del campione, i
diagrammi carico verticale - sforzo di taglio e deformazione - sforzo di taglio.

L'entità del "taglio residuo", dovrà essere determinato dopo almeno cinque cicli
di rottura, in modo da pervenire ad una stabilizzazione della curva carico -
spostamento.

A3.5 Correlazioni tra parametri geotecnici statici e dinamici


I parametri dinamici del terreno indispensabili ai fini delle analisi sismiche
possono essere determinati direttamente ricorrendo alle prove in sito e in
laboratorio, descritte nell’Appendice B1 e B2, oppure quando non sia possibile
per l’indisponibilità economica o per il livello e l’obiettivo dell’indagine,
ricorrendo alle prove in sito e in laboratorio correntemente utilizzate per la
caratterizzazione geotecnica in campo statico dei terreni ed utilizzando delle
opportune correlazioni empiriche tra parametri statici e dinamici o dei modelli
analitici.

147
Ad esempio le prove penetrometriche statiche (CPT), dinamiche (SPT) e le
prove dilatometriche consentono di ricavare indirettamente, mediante opportune
correlazioni, i valori delle velocità di propagazione delle onde sismiche. E’ però
indispensabile che tali correlazioni vengano di volta in volta ricavate sulla base
di dati sperimentali ottenuti sul medesimo terreno in esame, avendo
l’accortezza di raccogliere ogni volta un numero di misure statisticamente
significativo, ciascuna delle quali ricavate in condizioni note e ripetibili.

Nel caso della prova CPT e SPT è possibile ottenere delle correlazioni tra il
modulo di taglio G del terreno, o la velocità delle onde S, VS, e la resistenza
alla punta misurata con la prova CPT, qc , e il numero di colpi NSPT misurato
con la prova SPT.

148
BIBLIOGRAFIA E NORMATIVA TECNICA

AGI (1977) Raccomandazioni sulla programmazione ed esecuzione delle


indagini geotecniche
AGI (1994) Raccomandazioni sulle prove geotecniche di laboratorio
ASTM D1586 – 84 (Test method for penetration test and split-barrel sampling of
soils)
ASTM D 3441 – 94 (Test method for deep, quasi-static, cone and friction –cone
penetration test)
ASTM D 2573 – 94 (Test method for field vane shear test of cohesive soils)
ASTM D 4719 – 87 (Test method for pressuremeter testing in soils)
ASTM D 4971 – 89 (Test method for determining in situ modulus of deformation
of rock using diametrically loaded borehole jack)
ASTM D 1194 – 94 (Test method for bearing capacity of soil for static loading
on spread footings)
ASTM D 1195 – 93 (Test method for repetitive static plate load tests of soils)
ASTM D 1196 – 93 (Test method for nonrepetitive static plate load tests of
soils)
ASTM D 4394 – 84 (Test method for determining the in situ modulus of
deformation of rock mass using the rigid plate loading method)
ASTM D 4395 – 84 (Test method for determining the in situ modulus of
deformation of rock mass using the flexible plate loading method)
ASTM (1986) Flat Dilatometer Test – Geotechnical Testing Journal, Vol. 9, No 2
ASTM D 2487 – 93 (Classification of soils for engineering purposes – USCS)
ASTM D 2974 – 87 (Test methods for moisture, ash and organic matter of peat
and other organic soils)
Cestari F. (1990) Prove Geotecniche in sito. Geo-Graph s.n.c. Segrate
CNR UNI 10010/64 (peso di volume)
CNR UNI 10013/64 (peso specifico grani)
CNR UNI 10014/64 (limiti di Atterberg)
Ghionna V., Lancellotta R. E Maniscalco R. (1983) Il pressiometro
autoperforante. Atti dell’Istituto di Scienza delle Costruzioni, Novembre 1983,
No. 612.
SNV (1981) 670317 a Prova di carico su piastra

149
150
APPENDICE B

PARAMETRIZZAZIONI FISICO-MECCANICHE IN
CAMPO DINAMICO: INDAGINI GEOFISICHE E PROVE DI
LABORATORIO

151
APPENDICE B.1

Specifiche tecniche per le prove dinamiche in sito

B.1.1 Generalità

Questo tipo di prove è finalizzato alla determinazione diretta e continua lungo la


verticale d’esplorazione della velocità di propagazione, all’interno del mezzo in
esame, delle onde di volume di compressione (onde P) e/o di taglio (onde S)
e/o delle onde di superficie (onde di Rayleigh) e alla determinazione indiretta,
per mezzo di tali valori di velocità, di alcune proprietà meccaniche del materiale
in questione.

Si assume che il terreno esplorato abbia un comportamento tensione-


deformazione di tipo elastico lineare (ipotesi peraltro giustificata dall’esperienza
in base alla quale le deformazioni tangenziali prodotte dalle onde sismiche sono
spesso inferiori a 10-3 % e quindi al di sotto della soglia di linearità).

Pertanto in base alla teoria della elasticità sussistono le seguenti relazioni tra i
valori di velocità di propagazione delle onde P, VP, delle onde S, VS, e delle
onde di Rayleigh, VR, e alcune delle proprietà meccaniche del mezzo
attraversato, come:
- il modulo di compressibilità edometrica Eed ,
- il modulo di compressibilità volumetrica Ev ,
- il modulo di Young E,
- il coefficiente di Poisson ν
- il modulo di deformazione a taglio G:

G = ρ ⋅ V S2 (B.1)
 4  (B.2)
E v = ρ ⋅ VP2 − VS2 
 3 
V 
2 (B.3)
0.5 ⋅  P  − 1
G = ρ ⋅ V S2 ; ν =  VS 
 VP 
  − 1
 VS 
E = 2 ρ ⋅VS2 ⋅ (1 + ν ) (B.4)
VR . ⋅ν
0.862 + 114 (B.5)
=
VS 1+ν
dove ρ rappresenta la densità del mezzo e γ = ρ g il peso di volume e g
l’accelerazione di gravità.

153
Sebbene nei casi reali si abbia a che fare con depositi stratificati, spesso
fittamente e in maniera poco definita, con un’alternanza di strati caratterizzati da
rigidezze anche molto differenti (con inevitabili problemi di riflessione e
rifrazione delle onde in corrispondenza delle superfici di discontinuità e/o di
fratture), si assume che l’effetto delle onde dirette, in termini di ampiezza delle
vibrazioni, sia predominante rispetto a quello delle onde indirette, tanto da
potere trascurare queste ultime e considerare il mezzo, limitatamente all’area
comprendente la sorgente e il ricevitore, come mezzo omogeneo, isotropo e
non confinato, pur ben conoscendo i limiti di tale approssimazione.

Le velocità delle onde P misurate per terreni perfettamente saturi (Sr = 100%)
dipende talora in maniera decisiva dalle vibrazioni trasmesse dal fluido
interstiziale e non dallo scheletro solido del materiale e perciò tale valore può
non essere rappresentativo delle proprietà meccaniche del materiale in
questione secondo le relazioni precedenti (B1 – B.5); invece le velocità delle
onde S e delle onde di superficie, sono caratteristiche delle vibrazioni
trasmesse prevalentemente dal solo scheletro solido e perciò rappresentative
delle proprietà meccaniche del terreno. Ne consegue che per alcuni terreni al di
sotto della falda le uniche onde in grado di fornire informazioni precise sulla
rigidezza del terreno sono quelle di taglio e, subordinatamente le onde di
superficie.

Verranno nel seguito analizzate le modalità di esecuzione, le apparecchiature e


i campi di applicazione relativamente alle seguenti prove dinamiche in sito:
ƒ prove sismiche a rifrazione con onde P ed SH
ƒ prove sismiche a riflessione con onde P ed SH
ƒ prove cross-hole
ƒ prove down-hole
ƒ prove SASW
ƒ prove multicanale FK
ƒ prove del cono sismico
ƒ prove “suspension P – S velocity logging”
ƒ tomografia sismica

Nella Tabella B1.1 sono riportati alcuni termini operativi di confronto in


particolare tra le tecniche di prova attraverso sismica a rifrazione con onde SH,
cross-hole, down-hole e SASW.

154
Tabella B1.1
Confronto tra le procedure sperimentali di sismica a rifrazione, CH, DH e
SASW.

INDAGINI IN SUPERFICIE INDAGINI IN FORO


SIS. RIFR. SASW CH DH
P E SH
Numero di fori Nessuno Nessuno 2/3 1
necessari
Misure inclinometriche NO NO SI NO
Disturbo terreno per Molto
- - Modesto
installazione fori modesto
Massima profondità Limitata Limitata Illimitata Limitata
investigabile
Sensibilità a disturbi Medio-alta Medio-alta Medio- Medio-
ambientali bassa bassa
Onde indagate P, SH R P, SV P, SH
Necessità di SI NO NO SI
orientazione dei
ricevitori
Attenuazione SI SI NO SI
vibrazioni
con profondità
Rifrazione delle onde - Inevitabile Inevitabile Possibile
Capacità di risoluzione Medio- Medio-
Alta Media
bassa bassa
Costo di esecuzione Molto Medio Alto Medio
bassa
1) Registrazione primi
arrivi Medio-alta Alta Media Media
2) Difficoltà
d'interpretazione

La tabella sopra riportata fornisce un quadro di riferimento molto semplificato e


talora insufficiente delle problematiche relative alla determinazione della
velocità Vs.
In particolare è infatti opportuno ricordare che, in linea di massima, in un terreno
stratificato valgono le seguenti regole:
ƒ Le onde SH in un mezzo stratificato orizzontalmente non trasmutano a
differenza delle onde SV e P. Ciò significa che se si generano inizialmente onde
SH, si avranno unicamente onde rifratte e riflesse SH.
ƒ D’altra parte se si generano onde SV, al ricevitore si possono ottenere
sia onde SV che onde P di compressione; così come generando onde P si
possono ottenere al ricevitore onde SV.

155
ƒ La trasmutazione avviene in tutte le situazioni in cui esiste una differenza
di impedenza-rigidità sismica; essa dipende in particolare dal contrasto di
impedenza-rigidità e dall’angolo di incidenza.
ƒ L’ampiezza delle onde trasmutate può essere calcolata, in prima
approssimazione, con le equazioni di Zoepritz (Solid Hearth, 1990). In pratica
l’attenuazione che le onde di compressione subiscono in un mezzo, può essere
maggiore o minore delle onde SV a seconda della litologia del mezzo e dipende
da una serie di parametri tra cui la porosità, il grado di saturazione, etc. Un
ottima trattazione del problema si può ritrovare in (Bourbié T., Coussy O. &
Zinszner B., 1986).
ƒ Si deve anche tenere presente che in un mezzo poroso omogeneo ed
isotropo si propagano due tipi di onde compressionali P1 e P2 analogamente a
quanto previsto dal modello di Biot e dimostrato sperimentalmente da Ploona
(Bourbié T., Coussy O. & Zinszner B., 1986).
ƒ Inoltre, all’interno di un foro tubato, così come accade nelle prospezioni
“di superficie”, possono essere rilevate oltre alle onde di corpo (dirette, riflesse,
rifratte, diffratte, trasmutate, etc.) anche onde analoghe a quelle superficiali
denominate onde di Stonley e che talora possono essere fortemente
energetiche.
ƒ Va rilevato, infine, che in talune condizioni, la capacità di risoluzione
indicata in tabella dalle differenti tecniche, può non essere verificata.

156
B.1.2 Prescrizioni per le indagini di sismica a rifrazione

„ B.1.2.1 Prove di caratterizzazione basate sulla propagazione di onde


sismiche rifratte P e SH
Scopo della prova
Lo scopo della prova consiste nel caratterizzare dinamicamente, tramite la
misura della velocità di propagazione delle onde di compressione (Vp) e di
taglio (Vsh), le unità litologiche presenti nell’area di indagine e determinarne la
geometria (spessori e superfici di contatto) nel sottosuolo.
L’utilizzare sia le onde di compressione che di taglio consente il computo dei
principali moduli elastici dinamici e del coefficiente di Poisson.

Campo di applicazione della prova


La prova trova il suo miglior campo di applicazione con profondità delle
coperture da esplorare inferiore ai 30-40 m. Si rende necessaria soprattutto
quando i risultati da ottenere devono essere di qualità e precisione discrete e
quando interessano dati medi relativi ad ampi volumi di terreno.

Ipotesi alla base della prova


Si suppone che il volume di terreno interessato dalle indagini sia caratterizzato
da valori di velocità Vp e Vs progressivamente crescenti con la profondità.
Come è noto, il principale limite di tale metodologia è rappresentato dal non
poter distinguere ed individuare strati con velocità delle onde (P ed SH) bassa
sottostanti strati con velocità delle onde (P ed SH) più elevata (c.d. orizzonte
“muto”).

Schema della prova


La prova consiste nel produrre sulla superficie del terreno, in prossimità del sito
da investigare, sollecitazioni dinamiche verticali per la generazione delle onde P
e orizzontali per la generazione delle onde SH e nel registrare le vibrazioni
prodotte, sempre in corrispondenza della superficie, a distanze note e
prefissate mediante sensori rispettivamente a componente verticale ed
orizzontale.

L’interpretazione dei segnali rilevati e la conseguente stima del profilo di


velocità delle onde P e SH – può scomporsi in quattro fasi fondamentali:
- Individuazione del primo arrivo in P;
- Individuazione del primo arrivo in SH;
- Ricostruzione delle dromocrona e relativa interpretazione in P;
- Ricostruzione delle dromocrona e relativa interpretazione in SH;
- Definizione dei moduli dinamici;

Va rilevato che le onde SH dirette e rifratte costituiscono sempre un primo


arrivo rispetto alle onde di superficie (nella fattispecie le onde di Love) e che per
brevi stendimenti risultano sufficientemente energetiche da poter essere
registrate nonostante la loro attenuazione sia maggiore perché proporzionale a
1/r in luogo di 1/ r come accade per le onde di superficie (r è la distanza dal
punto di energizzazione). Non esistono d’altra parte le limitazioni connesse con
l’orizzontalità degli strati proprie delle tecniche utilizzanti le onde superficiali.

157
Apparecchiatura
L’apparecchiatura utilizzata per questo tipo di prove si deve comporre delle
seguenti parti:
- Sistema sorgente;
- Sistema di ricezione;
- Sistema di acquisizione dati;
- Trigger.

Sorgente:

onde P:
La sorgente deve essere in grado di generare onde elastiche ad alta frequenza
ricche di energia, con forme d’onda ripetibili e direzionali, cioè con la possibilità
di ottenere prevalentemente onde di compressione.
Tale sorgente e generalmente costituita da un grave in caduta libera (massa da
150 kg o superiore), secondariamente se la logistica non lo consente può
essere utilizzato il cannoncino industriale (tipo “minibang” o similari) ed
eventualmente la mazza.

onde SH:
La sorgente deve essere in grado di generare onde elastiche ad alta frequenza
ricche di energia, con forme d’onda ripetibili e direzionali, cioè con la possibilità
di ottenere prevalentemente onde di taglio polarizzate sul piano orizzontale.
Tale sorgente è generalmente costituita da un parallelepipedo e di forma tale da
poter essere colpita lateralmente ad entrambe le estremità con una massa
pesante. E’ importante che il parallelepipedo venga gravato di un carico statico
addizionale in modo che possa rimanere aderente al terreno sia al momento in
cui viene colpita sia successivamente, affinché l’energia prodotta non venga in
parte dispersa. Con questo dispositivo è possibile generare essenzialmente
delle onde elastiche di taglio polarizzate orizzontalmente, con uniformità sia
nella direzione di propagazione che nella polarizzazione e con una generazione
di onde P trascurabile.
L’accoppiamento parallelepipedo-terreno deve essere per “contatto” e non per
“infissione”. Un buon accoppiamento tra parallelepipedo e terreno cosa che si
ottiene facilmente in terreni a granulometria fine (normalmente con dimensioni
inferiori al limite superiore delle sabbie); nel caso viceversa di presenza di
terreni a granulometria più grossolana sarà necessario approntare delle
piazzole costituendo uno strato di materiale fine al contatto con il
parallelepipedo energizzante.
Eventuali altri sistemi di energizzazione dovranno essere preventivamente
comunicati e sottoposti a valutazione dalla Regione Toscana Settore Servizio
Sismico Regionale prima del loro utilizzo .
Sono da evitare come punti di energizzazione, qualora possibile, zone in cui
affiorano rocce compatte o asfalti.

Per ogni base sismica per il Programma VEL si richiede un minimo di 7


registrazioni (“scoppi” o “tiri”), secondo il seguente schema:

Esterno a Estremo a Intermedio a Centrale Intermedio a Estremo Esterno


sx sx sx dx a dx a dx

158
Per le linee di lunghezza pari a 240 m verranno eseguiti ulteriori due scoppi per
un totale complessivo di 9 scoppi. Tali tiri dovranno essere effettuati nelle
posizioni intermedie secondo il seguente schema:

Est. a Estr. a Interm. a Interm. a Centr. Interm. a Interm. Estr. a Est. a


sx sx 1/6 2/6 4/6 a 5/6 dx dx

I “tiri” estremi dovranno essere ubicati ad una distanza dal primo e dall’ultimo
geofono pari alla metà della distanza intergeofonica utilizzata.
Per quanto riguarda i "tiri" esterni alla base sismica saranno posizionati,
compatibilmente con le condizioni logistico- morfologiche, ad una distanza pari
alla semilunghezza della base stessa. E' ovvio che a seconda delle situazioni e
dei fini relativi alla specifica prospezione per gli scoppi esterni verranno stabiliti
dagli uffici regionali delle distanze minime dai geofoni 1 e 24.
I punti di energizzazione per le onde P e SH devono essere coincidenti. Le
acquisizioni in onde P e SH dovranno essere effettuate nel corso della
medesima giornata, a meno di condizioni particolari, autorizzate dalla Regione
Toscana.

Sistema di ricezione.
Il sistema di ricezione è costituito da 24 geofoni verticali per le onde P con
frequenza propria variabile tra 4 e 14 HZ e 24 geofoni orizzontali per le onde
SH con frequenza variabile tra 4,5 Hz e 15 Hz.
I geofoni vengono posizionati in genere ad una distanza intergeofonica di 5m
sulla stesa di 120m e di 10m sulla stesa di 240m come indicato in fig.B1.2.1.1.
Eventuali modifiche della geometria di acquisizione potranno essere previste
dalla Regione Toscana Settore Servizio Sismico Regionale, previa
comunicazione.

5/10
120/240

Fig. B1.2.1.1: esempio di array sismico per una base di 120 m o 240 m con 24
geofoni

Per l’acquisizione in P i geofoni devono essere ben accoppiati sul terreno e


posizionati verticalmente.
Per l’acquisizione in SH i geofoni devono essere ben accoppiati sul terreno,
posizionati verticalmente e con l’asse di oscillazione parallelo al parallelepipedo
energizzante. Il parallelepipedo energizzante sarà posto con l’asse maggiore
perpendicolare alla direzione di stendimento.
Eventuali basi sismiche consecutive dovranno essere sovrapposte per almeno
un geofono.

159
Trigger.
Il Trigger consiste in un circuito elettrico che viene chiuso nell’istante in cui il
grave colpisce la base di battuta, consentendo ad un condensatore di scaricare
la carica precedentemente immagazzinata e la produzione di un impulso che
viene inviato a un sensore collegato al sistema di acquisizione dati; in questo
modo è possibile individuare e visualizzare l’esatto istante in cui la sorgente
viene attivata e parte la sollecitazione dinamica. L’attivazione del circuito per
individuare l’istante di energizzazione deve, all’atto delle sollecitazioni ripetute,
consentire una differenza di chiusura non superiore a 1 msec.

Sistema di acquisizione dati.

Si tratta di un sistema multicanale (24 canali) in grado di registrare su ciascun


canale in forma digitale le forme d’onda e di conservarle su memoria di massa
dinamica minimo a 16 bit.
Esso è collegato a ciascuno dei trasduttori di velocità al trigger e consente
quindi di registrare in forma numerica e visualizzare come tracce su un apposito
monitor le vibrazioni a partire dall’impulso inviato dal trigger.
Il sistema deve avere anche le seguenti caratteristiche: lunghezza di
registrazione pari a 1 sec, filtri per l'eliminazione delle interferenze derivanti da
linee di tensione, filtri in acquisizione ed in uscita, stampante in grado di
registrare simultaneamente le 24 tracce o tracce selezionate, registrazione su
floppy disk o su HD.
Le registrazioni acquisite dovranno essere stampate in campagna subito dopo
l’acquisizione. Si richiede pertanto che il sismografo sia dotato della funzionalità
di stampa direttamente dall’acquisitore e non tramite l’utilizzo di stampanti
esterne e/o periferiche di rete. Sarà necessario quindi accertarsi che la
strumentazione sia settata correttamente per quanto riguarda l’ora e la data
della registrazione. Nel caso in cui la stampa di campagna non permetta di
risalire correttamente alla data e all’ora dell’acquisizione, la Regione Toscana
procederà all’annullamento del pagamento alla ditta esecustrice. Inoltre è
necessario che nella stampa di campagna sia riportato il numero degli stack
effettuati. Nel caso in cui il sismografo utilizzato non prevede tale funzionalità il
valore deve comunque essere specificato in relazione.
Per l’acquisizione in SH, poichè è necessario eseguire la differenza tra la
traccia relativa alla battuta destra e quella della battuta sinistra è necessaria
una strumentazione che preveda la funzione “inversione di polarità”.

Modalità di preparazione della prova


L’esecuzione della prova deve essere preceduta da una fase preparatoria
durante la quale venga realizzata la piazzola per il posizionamento della
sorgente e vengono preparati gli strumenti di registrazione.

Modalità di esecuzione della prova

Onde P:
La prova si sviluppa secondo le seguenti fasi:
1. Dopo aver predisposto un’area per il sistema energizzante e vengono
collocati i geofoni verticali secondo quanto visto sopra.

160
2. Viene attivata la sorgente facendo cadere il grave sul terreno, attivando il
trigger, si propaga dalla sorgente verso i ricevitori con vibrazioni di tipo P.

Onde SH:
La prova si sviluppa secondo le seguenti fasi:
1. Dopo aver predisposto un opportuno piano di appoggio viene installato il
sistema energizzante e vengono collocati i geofoni orizzontali secondo
quanto visto sopra.
2. La sorgente viene attivata producendo, su un lato del parallelepipedo, una
sollecitazione che attiva il trigger e si propaga dalla sorgente verso i
ricevitori con vibrazioni di tipo SH, dirette perpendicolarmente alla direzione
di percussione e polarizzate sul piano orizzontale. La durata del “tempo di
registrazione” deve essere tale da consentire la rappresentazione dei treni
d’onda nella loro interezza. Poiché si devono ricavare le SH, per la buona
qualità dei dati è necessario produrre alla sorgente due onde di polarità
opposta e sottrarre battuta sinistra e battuta destra, in modo da individuare
meglio l’istante di primo arrivo (metodo cross - over).
3. E’ necessario che questa operazione venga eseguita direttamente in
campagna, ovvero in fase di acquisizione, ed è per tale motivo che la
strumentazione utilizzata deve essere in grado di eseguire l’inversione di
polarità.
Le registrazioni devono risultare chiare e tali da consentire univoche
individuazioni dei primi arrivi, pertanto devono essere privilegiate registrazioni
ad un solo stack, evitando la sommatoria (signal enhancement) che “sporca” il
segnale in quanto somma il rumore di fondo1.
In Fig. B.1.2.1.2 sono rappresentate registrazioni in P di buona qualità (a) e
registrazioni in P di pessima qualità (b).

Fig. B.1.2.1.2 (a) (b)

1
Per il Programma VEL le prospezioni saranno realizzate prevalentemente in zone urbanizzate
con elevato rumore di fondo (acquedotti, fognature, cavi per l’energia elettrica, caldaie, traffico
veicolare, particolari attività lavorative con macchinari ed utensili). Il Comune provvederà a
limitare il traffico, possibilmente a ridurre gli altri rumori. L’impresa al fine di consentire di
individuare i primi arrivi dovrà eseguire più battute. Nel caso, nonostante le attenzioni per la
limitazione del rumore di fondo, questo fosse comunque elevato e tale da non consentire una
registrazione di qualità, l’impresa deve sospendere i lavori e comunicare le difficoltà alla
Regione Toscana – Area- Servizio Sismico Regionale per concordare le possibili soluzioni.

161
Modalità di presentazione dei risultati:

L’elaborazione dei dati dovrà essere realizzata mediante software ad elevata


valenza diagnostica in grado di fornire i valori dei parametri di velocità, relativi
ai rifrattori individuati, per ogni stazione geofonica con particolare riferimento al
caso di morfologie ondulate sia della superficie topografica sia dei rifrattori,
come ad esempio il “metodo reciproco” ed il “metodo reciproco generalizzato”.

Per le indagini svolte dovrà essere fornita:

1. Una relazione generale in cui sono specificati:

a) obiettivi delle indagini e contesto geologico delle aree investigate desunte


dal programma preliminare redatto dalla Regione Toscana e fornito al
Committente;
b) Piano di sicurezza dell’Impresa (se richiesto dalla vigente normativa) e
Piano di controllo di qualità qualora l’Impresa è certificata;
c) risultati delle indagini ed eventuali osservazioni.
La relazione generale deve essere consegnata in triplice copia, di cui due copie
rilegate e una copia non rilegata. Inoltre si richiedono due copie su CD.

2. Una relazione tecnica per ciascuna linea sismica con documentazione,


tabelle e grafici da cui risulti:

a) la descrizione delle procedure eseguite e della strumentazione utilizzata;


b) la planimetria CTR in scala 1:5000, ove esistente, per un inquadramento di
massima e per una visione più generale del sito di indagine e dello
stendimento. In alternativa sarà utilizzata una planimetria CTR in scala 1:
10.000;
c) la planimetria su base CTR 1:2000 ingrandita in scala 1:1000 con
l’ubicazione della linea sismica, il posizionamento dei geofoni e delle
energizzazioni interne ed esterne alla linea per visualizzare su carta la
geometria di acquisizione. Per quanto riguarda le sette energizzazioni
occorrerà identificarle in modo univoco nella maniera indicata negli esempi in
Appendice C.4.
d) uno schema dettagliato della linea sismica al fine di caratterizzare la
geometria di acquisizione : dovranno essere indicate le posizioni relative dei
geofoni, dei punti di scoppio e le relative distanze e quote. Per ogni linea, al
fine di agevolarne la georeferenziazione, andranno fornite le coordinate in
Gauss- Boaga del primo e dell’ultimo geofono. Qualora lo stendimento sia
una spezzata dovranno essere fornite le coordinate degli estremi della
spezzata;
e) la stampa istantanea delle registrazioni di campagna corredata del numero
di stack; per le onde SH la stampa relativa alla differenza battuta destra-
battuta sinistra;
f) i tempi di propagazione delle onde P ed SH osservati ai geofoni relativi ai
vari scoppi ;
g) il diagramma tempi di arrivo-distanze (“dromocrone sismiche”) relativamente
alle onde P ed SH distinguendo con simboli diversi ciascun set di
registrazioni;

162
h) le profondità dei vari rifrattori individuati ( nell’Appendice C.4 sono i punti h1)
e h2) ) e le relative velocità sismiche ( nell’Appendice C.4 sono i punti h3) e
h4) ) sia per le onde P che per le SH. Al fine di valutare le modalità di
realizzazione delle sezioni sismostratigrafiche i valori di velocità e di
profondità dovranno essere definiti e/ o rappresentati in riferimento ai valori di
ascissa in corrispondenza dei quali sono stati calcolati dal programma e
comunque almeno relativamente alle posizioni di scoppio A, B, C, D1 e D2;
i) la sezione sismostratigrafica relativa sia alle dromocrone in P che in SH. In
essa dovranno essere indicati i valori di velocità, la topografia e lo spessore
dei sismostrati individuati;
j) la sezione litostratigrafica interpretativa finale con una legenda in cui sono
indicati i diversi litotipi individuati sulla base della cartografia geologica e
geomorfologica fornita dal Committente. La sezione litostratigrafica fornita
dovrà essere campita per tutta l’area corrispondente alla profondità indagata
e dovrà contenere dei riferimenti topografici (corsi d’acqua, toponimi, edifici,
strutture) che siano finalizzati alla corretta localizzazione della sezione nella
zona in oggetto;
Nell’eventualità che non risultassero coincidenti le geometrie e le profondità dei
rifrattori le sezioni litostratigrafiche dovranno essere fornite separatamente per
le prospezioni in P e in SH;
k) una relazione relativa ai risultati e alle conclusioni raggiunte;
l) la documentazione fotografica relativa alle fasi di esecuzione di ciascuna
linea sismica. Dovrà essere fornita una foto per ogni base sismica in cui è
indicata la progressione dei geofoni e le energizzazioni, laddove le condizioni
logistico- morfologiche lo consentano, altrimenti saranno effettuate più foto.
Sarà opportuno che risulti visibile l’intera linea, gli strumenti di
energizzazione, il contesto ambientale e la congruenza tra l’ubicazione della
linea nelle planimetrie e la stesa in campagna.
Nell’Appendice C.4 si riportano degli esempi relativi ai punti b), c), d), e), f), g),
h), i) e j) sopra elencati.
La relazione tecnica di cui al punto 2. deve essere consegnata in triplice copia,
di cui due copie rilegate e una copia non rilegata. Inoltre si richiedono due copie
su CD.
La documentazione fotografica di cui al punto l) deve essere consegnata in
triplice copia in originale o in digitale su floppy disk oppure su CD.

3. Le registrazioni di campagna
Si richiede, in triplice copia, la consegna dei dati di registrazione su floppy disk
o CD.

Standard di valutazione dei risultati


Per il Programma VEL sono state predisposte una serie di definizioni per
valutare la qualità dei dati acquisiti ai fini di una loro possibile utilizzazione per
un’attendibile interpretazione ai fini geologici. La valutazione dei risultati sarà
effettuata da referenti scientifici incaricati dalla Regione Toscana, i quali
dovranno rispettare, nelle loro valutazioni, i seguenti parametri:

Valutazione delle registrazioni: la chiara lettura del segnale costituisce


l’elemento essenziale per procedere alle successive operazioni di
interpretazione ed elaborazione, pertanto il segnale di tutte le registrazioni si

163
deve leggere per tutte le tracce e per tutti i punti di misura.
Valutazione della congruenza tra dromocrone ed i dati di registrazione: il
presupposto della congruenza è la buona individuazione del primo arrivo,
pertanto le dromocrone devono essere perfettamente congruenti con i dati di
registrazione.
Valutazione della congruenza tra l’interpretazione sismostratigrafica e le
dromocrone: nella fase di interpretazione devono essere rispettati il numero
degli strati evidenziati nelle dromocrone ed analizzate le eventuali variazioni di
velocità e profondità dei singoli sismostrati, pertanto l’interpretazione
sismostratigrafica deve essere perfettamente congruente con le dromocrone.

Le seguenti definizioni, sono state predisposte dal Prof. P. Signanini del Dip.to
di Scienze della Terra dell'Università di Chieti, sulla base di una specifica
richiesta dei tecnici regionali e degli esperti del Dip.to di Scienze della Terra
dell’Università di Pisa, per una possibile utilizzazione dei dati consegnati
dall'Impresa ai fini di un'attendibile interpretazione ai fini geologici. Finalità per la
quale sono state previste le indagini di sismica a rifrazione.

1. Valutazione delle registrazioni


La chiara lettura del segnale costituisce l'elemento essenziale per procedere
alle successive operazioni d’interpretazione ed elaborazione. A tal fine si
individuano quattro classi di valutazione:
⇒ A: il segnale di tutte le registrazioni si legge fino in fondo, ivi compreso quello
degli ultimi geofoni. Si può procedere alla ricostruzione delle dromocrone e
l'interpretazione geologica è possibile.
⇒ B: il segnale di quasi tutte le registrazioni, si legge fino in fondo e solo talora
appaiono disturbati i segnali degli ultimi geofoni per mancanza di energia. Si
può procedere alla ricostruzione delle dromocrone e l'interpretazione
geologica è possibile con qualche approssimazione.
⇒ C: il segnale di gran parte delle registrazioni, si riesce a leggere facilmente
solo per circa 2/3 delle tracce. Risulta difficoltosa la ricostruzione delle
dromocrone e l'Interpretazione geologica non è possibile, se non con molte
approssimazioni.
⇒ D: il segnale nella maggior parte delle registrazioni, si riesce a leggere per
meno della metà delle tracce. Risulta impossibile la ricostruzione delle
dromocrone e l'interpretazione geologica non è accettabile, perché le
approssimazioni sarebbero elevate.

2. Valutazione della congruenza tra dromocrone ed i dati di registrazione


Il presupposto della congruenza è la buona individuazione del primo arrivo, a tal
fine s’individuano due possibili classi di valutazione:
⇒ A: le dromocrone sono perfettamente congruenti con i dati di registrazione
⇒ B: le dromocrone non sono perfettamente congruenti, tale incongruenza può
variare fino a risultare tale da richiedere il rifacimento delle operazioni
d’elaborazione e d’interpretazione.

164
3. Valutazione della congruenza tra l'interpretazione sismostratigrafica e le
dromocrone
Nella fase d’interpretazione, devono essere rispettati il numero degli strati
evidenziati nelle dromocrone ed analizzate le eventuali variazioni di velocità e
profondità dei singoli sismostrati.
Vengono in tal senso individuate tre classi di valutazione:
⇒ A: l'interpretazione sismostratigrafica è perfettamente congruente con le
dromocrone.
⇒ B: l'interpretazione sismostratigrafica è parzialmente congruente con le
dromocrone. E’ necessario affinare l’interpretazione.
⇒ C: l'interpretazione sismostratigrafica è incongruente con le dromocrone. E’
necessario rifare l’interpretazione

4. Valutazione della congruenza tra l’interpretazione litostratigrafica e le


conoscenze geologiche della zona indagata.

Le sezioni geologiche interpretative eseguite dall’impresa dovranno essere


ispirate a conoscenze geologico-strutturali di dettaglio delle aree indagate; sarà
quindi necessario utilizzare per una corretta interpretazione delle sezioni
sismostratigrafiche non solo una cartografia a grande scala, ma anche una
cartografia a scala minore che possa consentire di inquadrare le problematiche
geologiche locali in un contesto regionale. In particolare devono essere valutati
gli spessori, le attribuzioni formazionali ed eventuali discontinuità rilevate.
In presenza di sondaggi di taratura, precedenti alle indagini geofisiche,
dovranno essere effettuate le relative correlazioni.
Vengono in tal senso individuati i seguenti criteri di valutazione:
⇒A: piena congruenza tra il dato geofisico ed interpretazione geologica;
⇒B: parziale congruenza tra il dato geofisico e l’interpretazione geologica;
⇒C: incongruenza tra il dato geofisico e l’interpretazione geologica.

Nel caso in cui vengano eseguiti sondaggi a carotaggio continuo nelle vicinanze
delle linee sismiche, le interpretazioni geologiche delle sezioni
sismostratigrafiche dovranno essere riviste e opportunamente tarate.

La Regione Toscana autorizzerà il pagamento delle indagini solo se per


ciascuna stesa i requisiti di qualità sopra specificati saranno soddisfatti
contestualmente per i risultati della sismica a rifrazione in P e in SH.
Nel caso in cui non si verifichino le suddette condizioni verranno richieste
ulteriori elaborazioni e, se il dato non è in nessun modo utilizzabile, la nuova
acquisizione.

165
„ B.1.2.2 Prove di caratterizzazione basate sulla propagazione di onde
sismiche rifratte P mediante uso di esplosivo

Scopo della prova


Lo scopo della prova consiste nel caratterizzare dinamicamente, tramite la
misura della velocità di propagazione delle onde di compressione (Vp), le unità
litologiche presenti nell’area di indagine e determinarne la geometria (spessori e
superfici di contatto) nel sottosuolo.

Campo di applicazione della prova


La prova trova applicazione quando è necessario raggiungere profondità
superiori ai 40-50 metri.

Ipotesi alla base della prova


Si suppone che il volume di terreno interessato dalle indagini sia caratterizzato
da valori di velocità Vp progressivamente crescenti con la profondità. Come è
noto, il principale limite di tale metodologia è rappresentato dal non poter
distinguere ed individuare strati con velocità delle onde bassa sottostanti strati
con velocità delle onde più elevata (c.d. orizzonte “muto”).

Schema della prova


La prova consiste nel produrre sulla superficie del terreno, in prossimità del sito
da investigare, sollecitazioni dinamiche verticali per la generazione delle onde P
mediante esplosivo e nel registrare le vibrazioni prodotte, sempre in
corrispondenza della superficie, a distanze note e prefissate mediante sensori a
componente verticale.

L’interpretazione dei segnali rilevati e la conseguente stima del profilo di


velocità delle onde P può scomporsi in due fasi fondamentali:
- Individuazione del primo arrivo in P;
- Ricostruzione delle dromocrona e relativa interpretazione in P;

Apparecchiatura
L’apparecchiatura utilizzata per questo tipo di prove si deve comporre delle
seguenti parti:
- Sistema sorgente;
- Sistema di ricezione;
- Sistema di acquisizione dati;
- Trigger.

Sorgente:

Onde P:
La sorgente è rappresentata da esplosivo in quantità sufficiente da generare
onde elastiche ad alta frequenza ricche di energia, con forme d’onda ripetibili.
Per ogni base sismica per il Programma VEL si richiede un minimo di 7
registrazioni (“scoppi” o “tiri”), secondo il seguente schema:
Esterno a Estremo Intermedio Centrale Intermedio Estremo a Esterno
sx a sx a sx a dx dx a dx

166
Gli “scoppi” estremi sono da ubicare ad una distanza pari alla metà di quella
intergeofonica utilizzata.
I "tiri" esterni alla base sismica saranno posizionati, compatibilmente con le
condizioni logistico- morfologiche, ad una distanza pari alla semilunghezza della
base stessa. Eventuali modifiche, richieste da situazioni logistiche, potranno
essere previste dalla Regione Toscana Area- Servizio Sismico Regionale.

Sistema di ricezione.
Il sistema di ricezione è costituito da 24 geofoni verticali per le onde P con
frequenza propria variabile tra 4 e 14 HZ.
I geofoni verranno posizionati con una distanza intergeofonica di 5m sulla base
sismica di 120 m, di 10 m sulla base sismica di 240 m e di 20 m su quella di
480 m come indicato in fig.B.1.2.2.a.
Eventuali modifiche della geometria di acquisizione potranno essere previste
dalla Regione Toscana Settore Servizio Sismico Regionale, previa
comunicazione.

5/10/20
120/240/480

Fig. B1.2.2.a: esempio di array sismico per una base di 120 m, 240 m o 480 m
con 24 geofoni

Per l’acquisizione in P i geofoni devono essere ben accoppiati sul terreno e


posizionati verticalmente.
Eventuali basi sismiche consecutive dovranno essere sovrapposte per almeno
un geofono.

Trigger.
Il Trigger consiste in un circuito elettrico che viene chiuso nell’istante in cui la
microcarica di esplosivo, posizionata in tubi di PVC collocati in fori
opportunamente predisposti, viene fatta brillare mediante detonatori elettrici
antistatici istantanei (IPS). L’attivazione avviene mediante un esploditore
collegato alla strumentazione di acquisizione e registrazione (sismografo).
L’attivazione del circuito per individuare l’istante di energizzazione deve
consentire una differenza di chiusura non superiore a 1 msec.

Sistema di acquisizione dati.

167
Si tratta di un sistema multicanale (24 canali) in grado di registrare su ciascun
canale in forma digitale le forme d’onda e di conservarle su memoria di massa
dinamica minimo a 16 bit.
Esso è collegato a ciascuno dei trasduttori di velocità al trigger e consente
quindi di registrare in forma numerica e visualizzare come tracce su un
apposito monitor le vibrazioni a partire dall’impulso inviato dal trigger.
Il sistema deve avere anche le seguenti caratteristiche: lunghezza di
registrazione pari a 1 sec, filtri per l'eliminazione delle interferenze derivanti da
linee di tensione, filtri in acquisizione ed in uscita, stampante in grado di
registrare simultaneamente le 24 tracce o tracce selezionate, registrazione su
floppy disk o su HD.
Le registrazioni acquisite dovranno essere stampate in campagna subito dopo
l’acquisizione. Si richiede pertanto che il sismografo sia dotato della funzionalità
di stampa direttamente dall’acquisitore e non tramite l’utilizzo di stampanti
esterne e/o periferiche di rete. Sarà necessario quindi accertarsi che la
strumentazione sia settata correttamente per quanto riguarda l’ora e la data
della registrazione.

Modalità di preparazione della prova


L’esecuzione della prova deve essere preceduta da una fase preparatoria
durante la quale vengono realizzati i fori per il posizionamento e brillamento
delle cariche. Tali fori devono avere una profondità non inferiore ad 1.5 metri ed
in essi vengono collocati tubi in PVC di diametro non inferiore ai 5 cm. Le
cariche ed i relativi inneschi (detonatori elettrici) sono posizionate nella parte
inferiore del tubo e opportunamente borrate con argilla, sabbia o altro materiale
inerte in maniera da ridurre al minimo, in superficie, gli effetti dello scoppio.

Modalità di esecuzione della prova


La prova si sviluppa secondo le fasi seguenti.
Dopo aver predisposto i fori per l’esplosivo vengono collocati i geofoni verticali
secondo le modalità sopra descritte.
Vengono fatte brillare le cariche ed eseguite, per ciascun punto di scoppio, le
relative registrazioni.

Le registrazioni devono risultare chiare e tali da consentire univoche


individuazioni dei primi arrivi.

Modalità di presentazione dei risultati:


L’elaborazione dei dati dovrà essere realizzata mediante software ad elevata
valenza diagnostica in grado di fornire i valori dei parametri di velocità, relativi
ai rifrattori individuati, per ogni stazione geofonica con particolare riferimento al
caso di morfologie ondulate sia della superficie topografica sia dei rifrattori,
come ad esempio il “metodo reciproco” ed il “metodo reciproco generalizzato”.

Per le indagini svolte dovrà essere fornita:

1. Una relazione generale in cui sono specificati:

168
a) obiettivi delle indagini e contesto geologico delle aree investigate desunte
dal programma preliminare redatto dalla Regione Toscana e fornito al
Committente;
b) Piano di sicurezza dell’Impresa e Piano di controllo di qualità qualora
l’Impresa è certificata;
c) risultati delle indagini ed eventuali osservazioni.

La relazione generale deve essere consegnata in triplice copia, di cui due copie
rilegate e una copia non rilegata. Inoltre si richiedono due copie su CD.

2. Una relazione tecnica per ciascuna linea sismica con documentazione,


tabelle e grafici da cui risulti:

a) la descrizione delle procedure eseguite e della strumentazione utilizzata;


b) la planimetria CTR in scala 1:5000, ove esistente, per un inquadramento di
massima e per una visione più generale del sito di indagine e dello
stendimento. In alternativa sarà utilizzata una planimetria CTR in scala 1:
10.000;
c) la planimetria su base CTR 1:2000 ingrandita in scala 1:1000 con
l’ubicazione della linea sismica, il posizionamento dei geofoni e delle
energizzazioni interne ed esterne alla linea per visualizzare su carta la
geometria di acquisizione. Per quanto riguarda le sette energizzazioni
occorrerà identificarle in modo univoco nella maniera indicata negli esempi in
Appendice C.4;
d) uno schema dettagliato della linea sismica al fine di caratterizzare la
geometria di acquisizione: dovranno essere indicate le posizioni relative dei
geofoni, dei punti di scoppio e le relative distanze e quote. Per ogni linea, al
fine di agevolarne la georeferenziazione, andranno fornite le coordinate in
Gauss- Boaga del primo e dell’ultimo geofono. Qualora lo stendimento sia
una spezzata dovranno essere fornite le coordinate degli estremi della
spezzata;
e) la stampa istantanea delle registrazioni di campagna corredata del numero
di stack;
f) i tempi di propagazione delle onde P osservati ai geofoni relativi ai vari
scoppi ;
g) il diagramma tempi di arrivo- distanze delle onde P (“dromocrone sismiche”)
distinguendo con simboli diversi ciascun set di registrazioni;
h) le profondità dei vari rifrattori individuati ( nell’Appendice C.4 sono i punti h1)
e le relative velocità sismiche ( nell’Appendice C.4 sono i punti h3) ). Al fine
di valutare le modalità di realizzazione delle sezioni sismostratigrafiche i
valori di velocità e di profondità dovranno essere definiti e/ o rappresentati in
riferimento ai valori di ascissa in corrispondenza dei quali sono stati calcolati
dal programma e comunque almeno relativamente alle posizioni di scoppio
A, B, C, D1 e D2;
i) la sezione sismostratigrafica: in essa dovranno essere indicati i valori di
velocità, la topografia e lo spessore dei sismostrati individuati;
j) la sezione litostratigrafica interpretativa finale con una legenda in cui sono
indicati i diversi litotipi individuati sulla base della cartografia geologica e
geomorfologica fornita dal Committente. La sezione litostratigrafica fornita
dovrà essere campita per tutta l’area corrispondente alla profondità indagata

169
e dovrà contenere dei riferimenti topografici (corsi d’acqua, toponimi, edifici,
strutture, ecc.) che siano finalizzati alla corretta localizzazione della sezione
nella zona in oggetto;
k) una relazione relativa ai risultati e alle conclusioni raggiunte;
l) la documentazione fotografica relativa alle fasi di esecuzione di ciascuna
linea sismica. Dovrà essere fornita una foto per ogni base sismica in cui è
indicata la progressione dei geofoni e le energizzazioni, laddove le condizioni
logistico-morfologiche lo consentano, altrimenti saranno effettuate più foto.
Sarà opportuno che risulti visibile l’intera linea, gli strumenti di
energizzazione, il contesto ambientale e la congruenza tra l’ubicazione della
linea nelle planimetrie e la stesa in campagna;
m) uno schema dettagliato in cui sia indicata la quantità di esplosivo utilizzata
per ciascuno scoppio.
Nell’Appendice C.4 si riportano degli esempi relativi ai punti b), c), d), e), f), g),
h), i) e j) sopra elencati.
La relazione tecnica di cui al punto 2. deve essere consegnata in triplice copia,
di cui due copie rilegate e una copia non rilegata. Inoltre si richiedono due copie
su CD.
La documentazione fotografica di cui al punto l) deve essere consegnata in
triplice copia in originale o in digitale su floppy disk oppure su CD.

3. Le registrazioni di campagna
Si richiede, in triplice copia, la consegna dei dati di registrazione su floppy disk
o CD.

Standard di valutazione dei risultati


Per il Programma VEL sono state predisposte una serie di definizioni per
valutare la qualità dei dati acquisiti ai fini di una loro possibile utilizzazione per
un’attendibile interpretazione ai fini geologici. La valutazione dei risultati sarà
effettuata da referenti scientifici incaricati dalla Regione Toscana, i quali
dovranno rispettare, nelle loro valutazioni, i seguenti parametri:

Valutazione delle registrazioni: la chiara lettura del segnale costituisce


l’elemento essenziale per procedere alle successive operazioni di
interpretazione ed elaborazione, pertanto il segnale di tutte le registrazioni si
deve leggere per tutte le tracce e per tutti i punti di misura.
Valutazione della congruenza tra dromocrone ed i dati di registrazione: il
presupposto della congruenza è la buona individuazione del primo arrivo,
pertanto le dromocrone devono essere perfettamente congruenti con i dati di
registrazione.
Valutazione della congruenza tra l’interpretazione sismostratigrafica e le
dromocrone: nella fase di interpretazione devono essere rispettati il numero
degli strati evidenziati nelle dromocrone ed analizzate le eventuali variazioni di
velocità e profondità dei singoli sismostrati, pertanto l’interpretazione
sismostratigrafica deve essere perfettamente congruente con le dromocrone.

Le seguenti definizioni, sono state predisposte dal Prof. P. Signanini del Dip.to
di Scienze della Terra dell'Università di Chieti, sulla base di una specifica

170
richiesta dei tecnici regionali e degli esperti del Dip.to di Scienze della Terra
dell’Università di Pisa, per una possibile utilizzazione dei dati consegnati
dall'Impresa ai fini di un'attendibile interpretazione ai fini geologici. Finalità per la
quale sono state previste le indagini di sismica a rifrazione.

1. Valutazione delle registrazioni


La chiara lettura del segnale costituisce l'elemento essenziale per procedere
alle successive operazioni d’interpretazione ed elaborazione. A tal fine si
individuano quattro classi di valutazione:
⇒ A: il segnale di tutte le registrazioni si legge fino in fondo, ivi compreso quello
degli ultimi geofoni. Si può procedere alla ricostruzione delle dromocrone e
l'interpretazione geologica è possibile.
⇒ B: il segnale di quasi tutte le registrazioni, si legge fino in fondo e solo talora
appaiono disturbati i segnali degli ultimi geofoni per mancanza di energia. Si
può procedere alla ricostruzione delle dromocrone e l'interpretazione
geologica è possibile con qualche approssimazione.
⇒ C: il segnale di gran parte delle registrazioni, si riesce a leggere facilmente
solo per circa 2/3 delle tracce. Risulta difficoltosa la ricostruzione delle
dromocrone e l'Interpretazione geologica non è possibile, se non con molte
approssimazioni.
⇒ D: il segnale nella maggior parte delle registrazioni, si riesce a leggere per
meno della metà delle tracce. Risulta impossibile la ricostruzione delle
dromocrone e l'interpretazione geologica non è accettabile, perché le
approssimazioni sarebbero elevate.

2. Valutazione della congruenza tra dromocrone ed i dati di registrazione


Il presupposto della congruenza è la buona individuazione del primo arrivo, a tal
fine s’individuano due possibili classi di valutazione:
⇒ A: le dromocrone sono perfettamente congruenti con i dati di registrazione
⇒ B: le dromocrone non sono perfettamente congruenti, tale incongruenza può
variare fino a risultare tale da richiedere il rifacimento delle operazioni
d’elaborazione e d’interpretazione.

3. Valutazione della congruenza tra l'interpretazione sismostratigrafica e le


dromocrone
Nella fase d’interpretazione, devono essere rispettati il numero degli strati
evidenziati nelle dromocrone ed analizzate le eventuali variazioni di velocità e
profondità dei singoli sismostrati.
Vengono in tal senso individuate tre classi di valutazione:
⇒ A: l'interpretazione sismostratigrafica è perfettamente congruente con le
dromocrone.
⇒ B: l'interpretazione sismostratigrafica è parzialmente congruente con le
dromocrone. E’ necessario affinare l’interpretazione.
⇒ C: l'interpretazione sismostratigrafica è incongruente con le dromocrone. E’
necessario rifare l’interpretazione

171
4. Valutazione della congruenza tra l’interpretazione litostratigrafica e le
conoscenze geologiche della zona indagata.

Le sezioni geologiche interpretative eseguite dall’impresa dovranno essere


ispirate a conoscenze geologico-strutturali di dettaglio delle aree indagate; sarà
quindi necessario utilizzare per una corretta interpretazione delle sezioni
sismostratigrafiche non solo una cartografia a grande scala, ma anche una
cartografia a scala minore che possa consentire di inquadrare le problematiche
geologiche locali in un contesto regionale. In particolare devono essere valutati
gli spessori, le attribuzioni formazionali ed eventuali discontinuità rilevate.
In presenza di sondaggi di taratura, precedenti alle indagini geofisiche,
dovranno essere effettuate le relative correlazioni.
Vengono in tal senso individuati i seguenti criteri di valutazione:
⇒A: piena congruenza tra il dato geofisico ed interpretazione geologica;
⇒B: parziale congruenza tra il dato geofisico e l’interpretazione geologica;
⇒C: incongruenza tra il dato geofisico e l’interpretazione geologica.

Nel caso in cui vengano eseguiti sondaggi a carotaggio continuo nelle vicinanze
delle linee sismiche, le interpretazioni geologiche delle sezioni
sismostratigrafiche dovranno essere riviste e opportunamente tarate.

La Regione Toscana autorizzerà il pagamento delle indagini solo se per


ciascuna stesa i requisiti di qualità sopra specificati saranno soddisfatti. Nel
caso in cui non si verifichino le suddette condizioni verranno richieste ulteriori
elaborazioni e, se il dato non è in nessun modo utilizzabile, la nuova
acquisizione.

„ B.1.2.3 Prove di caratterizzazione basate sulla propagazione di onde


sismiche rifratte

Qualora si verificasse, a seguito del picking dei primi arrivi delle onde sismiche,
una forma curvilinea delle dromocrone, come visibile in figura B.1.2.3
(ascrivibile all’aumento progressivo delle velocità sismiche con la profondità),
verrà richiesta, dopo una valutazione preliminare da parte della Regione
toscana in collaborazione con i consulenti scientifici, un’interpretazione della
prospezione sismica in tecnica tomografica.
Le caratteristiche di acquisizione di campagna rimarranno invariate rispetto alle
configurazioni geometriche previste secondo l’approccio classico (vedi par.
B1.2).
Dovrà essere utilizzato come input di prima iterazione il modello desunto
dall’interpretazione sismostratigrafica classica (sia in termini di geometrie che di
distribuzione delle velocità sismiche nel sottosuolo).

172
Per quanto riguarda la modalità di elaborazione e di presentazione dei risultati,
mediante l’utilizzo della tecnica tomografica, si rimanda al par. B1.9.

Fig. B.1.2.3: Andamento curvilineo dei primi arrivi in onde SH (linea tratteggiata
rossa) ascrivibile all’aumento progressivo delle velocità sismiche in depositi
lacustri.

173
„ B.1.3 Sismica a riflessione

Generalità

La sismica a riflessione è una metodologia che, seppur largamente utilizzata


per l’esplorazione geologica del sottosuolo (ad esempio nella ricerca
petrolifera), trova, nella prospezione “a piccola profondità” un impiego ancora
molto limitato soprattutto considerandone le grandi potenzialità. E’ pur vero che
in taluni contesti geologici, questa metodologia, almeno nella casistica nota, ha
fornito risultati non sempre soddisfacenti ma il poter superare quei limiti propri
della tecnica a rifrazione soprattutto per quanto riguarda la ricostruzione delle
geometrie del sottosuolo la rende di estremo interesse soprattutto se eseguita
con modalità che consentono una risoluzione molto alta.

Come è noto, a differenza della metodologia sismica a rifrazione, nella


prospezione sismica a riflessione si utilizza tutta la registrazione e per quanto
attiene la metodologia “multicanale”, l’elemento caratterizzante è rappresentato,
in sintesi, dalla correzione e somma di tutte le tracce che convergono in un
unico punto (CDP).

Mediante un opportuno processing vengono raccolte varie tracce dei


sismogrammi che convergono sul medesimo CDP (famiglia). Indi viene
individuata la velocità di propagazione dei singoli livelli riflettori e si apporta così
una correzione temporale alle tracce di ogni singola famiglia (correzione di
move out) in modo da poterle poi sommare aumentando il rapporto segnale –
rumore (stacking e creando una sezione stack) in cui visualmente è possibile
riconoscere i singoli riflettori.
Naturalmente esiste tutta un’altra serie di operazioni che si svolgono in fase di
processing quali filtraggi, filtraggi F – K, deconvoluzione, correzioni statiche,
etc., che rendono tale metodologia ancora poco utilizzata nel mondo
professionale per problematiche di tipo geologico ingegneristico. Un’ulteriore
difficoltà è che più è superficiale la prospezione più difficoltoso è il processing,
sia per problemi legati alla risolutività del metodo, sia per le presenza di onde
superficiali che mascherano le onde di corpo riflesse, sia soprattutto per la
eterogeneità delle coltri e il differente grado di saturazione di questi materiali.
D’altra parte nell’attimo stesso un cui si arriva a produrre una buona sezione di
sismica a riflessione significa che si è a conoscenza delle velocità dei singoli
riflettori almeno per quanto riguarda i livelli più superficiali, perché
necessariamente una cosa implica l’altra. Va rilevato che le onde superficiali
(Rayleigh) vengono evidenziate e in qualche modo filtrate nel caso di
prospezione con onde di compressione (arrays, filtri di frequenza e F - K). Per
le onde SH, per la particolare disposizione dei geofoni e per il sistema di
energizzazione adottato, questo tipo di onde superficiale non è presente; sono
talora presenti viceversa onde di Love che possono essere eliminate o ridotte
sia in fase di acquisizione sia in fase di processing.
Per i motivi sopra citati la metodologia a riflessione ad alta risoluzione
finalizzata alla prospezione a “piccola profondità” richiede modalità di

174
esecuzione, in particolare nelle fasi di acquisizione dati, particolari, come, ad
esempio, stendimenti limitati e distanze intergeofoniche ridotte (1-2, max 4 m).

Come per la sismica a rifrazione, anche la sismica a riflessione può essere


eseguita utilizzando sia le onde di compressione (P), sia quelle di taglio S. In
questo ultimo caso, è opportuno sottolineare che quando si parla di onde S ci si
vuol riferire alle onde SH (onde di taglio polarizzate orizzontalmente), perché in
condizioni normali, a differenza delle SV, non trasmutano e questo è importante
soprattutto perché in mezzi eterogenei come in genere quelli superficiali risulta
il più delle volte impossibile riconoscere le SV dalle P.

In generale, ma soprattutto per formazioni non lapidee, il metodo in SH è da


preferire alla riflessione in P, specificatamente per ciò che riguarda le indagini di
rischio sismico per i seguenti motivi:

- Evidenzia livelli a contrasto di rigidità sismica.


- Permette di evidenziare livelli di inversione di velocità delle onde di taglio e
conseguentemente contraddistinti da differente rigidità sismica e modulo di
taglio dinamico.
- Non è disturbata dalla presenza di livelli a differente grado di saturazione.
- Consente di acquisire un quadro conoscitivo, relativamente alle geometrie
del sottosuolo migliore rispetto a quello ottenibile dalle perforazioni.
- Fornisce, in particolare per i primi metri dal piano di campagna, i valori di
velocità delle onde di taglio SH per quanto riguarda la propagazione in
senso verticale.
- Ha una risoluzione (a parità di frequenza) migliore dalle onde di
compressione.
- Ha una attenuazione (nei mezzi insaturi) minore delle onde di
compressione.

Gli svantaggi sono:

- Costo relativamente alto rispetto alle altre prospezioni di superficie; ciò è


dovuto sia alle particolari cure in ogni sezione sia al fatto che non si opera
con stendimenti lunghi e che l’interspazio tra geofoni deve essere stretto.
L’alto costo è dovuto altresì al fatto che spesso, in fase di processing, si
devono analizzare ed isolare le onde superficiali (registrazione per
registrazione o famiglia per famiglia) rendendo l’elaborazione molto più
onerosa di quella che in sismica profonda.

175
„ B.1.3.1 Prescrizioni tecniche per l’acquisizione di linee sismiche a
riflessione ad alta risoluzione con onde P

Scopo della prova


Lo scopo della prova consiste nel determinare con un maggior dettaglio rispetto
alle indagini geofisiche a rifrazione le geometrie del sottosuolo.

Campo di applicazione della prova


La prova trova il suo miglior campo di applicazione con profondità delle
coperture da esplorare inferiore ai 50 m. Si rende necessaria soprattutto
quando i risultati da ottenere devono essere di qualità e precisione discrete e
quando interessano dati medi relativi ad ampi volumi di terreno.
Non è necessario, al contrario di quanto avviene nella prospezione sismica a
rifrazione, che le velocità di propagazione aumentino con la profondità.
E’ opportuna una discreta omogeneità laterale dell’aerato.

Schema della prova


La prova consiste nel produrre sulla superficie del terreno, in prossimità del sito
da investigare, sollecitazioni dinamiche di compressione (onde P) e nel
registrare le vibrazioni prodotte, sempre in corrispondenza della superficie, a
distanze note e prefissate mediante sensori a componente verticale.
L’interpretazione dei segnali rilevati necessita, come è noto, di una complessa
fase di processing per ottenere la sezione finale

Apparecchiatura
L’apparecchiatura utilizzata per questo tipo di prove si deve comporre delle
seguenti parti:
- Sistema sorgente;
- Sistema di ricezione;
- Sistema di acquisizione dati;
- Trigger.

Sorgente.
La sorgente deve essere in grado di generare onde elastiche ad alta frequenza
ricche di energia, con forme d’onda ripetibili e direzionali, cioè con la possibilità
di ottenere prevalentemente onde di compressione. Per generare le onde di
compressione P, si utilizzeranno i metodi classici quali caduta di un grave,
mazza, cannoncino, esplosivo, etc.

Sistema di ricezione.
Il sistema di ricezione è costituito da gruppi di almeno 3 geofoni verticali con
frequenza non inferiore a 15 Hz, collegati tra loro.
Detti geofoni devono essere ben accoppiati sul terreno, posizionati
verticalmente e con l’asse di oscillazione parallelo alla direzione di percussione
del parallelepipedo del sistema energizzante che sarà posto con l’asse
maggiore perpendicolare alla direzione di stendimento.

176
Trigger.
Il Trigger consiste in un circuito elettrico che viene chiuso nell’istante in cui il
martello colpisce la trave, consentendo ad un condensatore di scaricare la
carica precedentemente immagazzinata e la produzione di un impulso a un
sensore collegato al sistema di acquisizione dati; in questo modo è possibile
individuare e visualizzare l’esatto istante in cui la sorgente viene attivata e parte
la sollecitazione dinamica. L’attivazione del circuito per individuare l’istante di
energizzazione deve avvenire attraverso un sistema (interruttore, geofoni
starter, etc.) che all’atto delle sollecitazioni ripetute consenta differenza di
chiusura non superiore a 0.5 msec.

Sistema di acquisizione dati.


E’ necessario un sistema multicanale in grado di registrare su ciascun canale
digitale le forme d’onda e di conservarle in memoria. La dinamica strumentale
deve essere minimo di 24 bit lineari.
Inoltre la strumentazione deve possedere in acquisizione filtri notch, filtri di
frequenza antialiasing.
Tecnica di acquisizione dati
La tecnica di acquisizione da utilizzare è la multichannel standard per sismica a
riflessione “high resolution”.
In generale, sono previste in fase di acquisizione:
• interspaziatura geofonica di 2 metri;
• interspaziatura tra i punti di energizzazione pari alla distanza intergeofonica;
• offset di 6-8 metri;
• avanzamento push-increase o drag-decrease;
• copertura minima del 600%;
• stampa delle registrazioni;
• registrazione di tutti i files;
• files comprendenti 2048 punti per traccia
• sequenze temporali di 1, 0.5, 0.256, 0.125 secondi e con passo di
campionamento tale da avere 2048 punti per traccia.

Modalità di preparazione della prova


L’esecuzione della prova deve essere preceduta da una fase preparatoria
durante la quale vengano realizzate le piazzole sulle quali posizionare il sistema
energizzante e vengono preparati gli strumenti di registrazione.

Modalità di esecuzione della prova


La prova si sviluppa secondo le seguenti fasi:
1. Dopo aver predisposto un opportuno piano di appoggio viene installato il
sistema energizzante e vengono collocati i geofoni verticali secondo quanto
visto sopra.
2. Viene attivata la sorgente e registrate le sollecitazioni prodotte.

177
Modalità di presentazione dei risultati:

Per le indagini svolte dovrà essere fornita:


• una relazione tecnica con documentazione, tabelle e grafici da cui risulti per
ciascuna linea sismica:
• la descrizione delle procedure seguite
• la planimetria in scala 1:1000 con l’ubicazione delle linee sismiche ed il
posizionamento dei geofoni;
• uno schema dettagliato della linea di acquisizione con le posizione relative
dei geofoni e dei punti di scoppio (distanze e quote)
• la stampa istantanea delle registrazioni di campagna
• la documentazione fotografica in originale relativa alle fasi di esecuzione di
ciascuna linea sismica
• le foto dovranno essere fatte per ogni sezione sismica in modo che risulti
visibile l’intera linea, la posizione dei singoli geofoni, i punti e gli strumenti di
energizzazione ed il contesto ambientale
• registrazioni di campagna su floppy disk o CD in formato SEG2 e SEGY
standard
• sezione finale stack e/o migrata
• sezione interpretata
• sequenza di processing.

178
„ B1.3.2 Prescrizioni tecniche per l’acquisizione di linee sismiche a
riflessione ad alta risoluzione con onde SH

Scopo della prova


Lo scopo della prova consiste nel determinare con un maggior dettaglio rispetto
alle indagini geofisiche a rifrazione le geometrie del sottosuolo.

Campo di applicazione della prova


La prova trova il suo miglior campo di applicazione con profondità delle
coperture da esplorare inferiore ai 50 m. Si rende necessaria soprattutto
quando i risultati da ottenere devono essere di qualità e precisione discrete e
quando interessano dati medi relativi ad ampi volumi di terreno.
Non è necessario, al contrario di quanto avviene nella prospezione sismica a
rifrazione, che le velocità di propagazione aumentino con la profondità.

Schema della prova


La prova consiste nel produrre sulla superficie del terreno, in prossimità del sito
da investigare, sollecitazioni dinamiche orizzontali di direzioni opposte e nel
registrare le vibrazioni prodotte, sempre in corrispondenza della superficie, a
distanze note e prefissate mediante sensori a componente orizzontale.
L’interpretazione dei segnali rilevati necessita, come è noto, di una complessa
fase di processing per ottenere la sezione finale
Va rilevato che le onde SH riflesse possono costituire un secondo arrivo rispetto
alle onde di superficie (nella fattispecie Love) e che per stendimenti lunghi la
loro attenuazione è maggiore perché proporzionale a 1/r in luogo di 1/ r come
accade per le onde di superficie. Non esistono d’altra parte le limitazioni
connesse con l’orizzontalità degli strati proprie delle tecniche utilizzanti le onde
superficiali.

Apparecchiatura
L’apparecchiatura utilizzata per questo tipo di prove si deve comporre delle
seguenti parti:
- Sistema sorgente;
- Sistema di ricezione;
- Sistema di acquisizione dati;
- Trigger.

Sorgente.
La sorgente deve essere in grado di generare onde elastiche ad alta frequenza
ricche di energia, con forme d’onda ripetibili e direzionali, cioè con la possibilità
di ottenere prevalentemente onde di taglio polarizzate sul piano orizzontale.
Tale sorgente è generalmente costituita da un parallelepipedo tale da poter
essere colpito lateralmente ad entrambe le estremità con una massa pesante.
E’ importante che il parallelepipedo venga gravato di un carico statico
addizionale in modo che possa rimanere aderente al terreno sia al momento in
cui viene colpita sia successivamente, affinché l’energia prodotta non venga in
parte dispersa. Con questo dispositivo è possibile generare essenzialmente
delle onde elastiche di taglio polarizzate orizzontalmente, con uniformità sia

179
nella direzione di propagazione che nella polarizzazione e con una generazione
di onde P trascurabile.
L’accoppiamento parallelepipedo-terreno deve essere per “contatto” e non per
“infissione”. Un buon accoppiamento tra parallelepipedo e terreno si ottiene
facilmente in terreni a granulometria fine; nel caso viceversa di presenza di
terreni a granulometria più grossolana sarà necessario approntare delle
piazzole costituendo uno strato di materiale fine al contatto con il
parallelepipedo. Sono da evitare come punti di energizzazione zone in cui
affiorano rocce compatte o asfalti.

Sistema di ricezione.
Il sistema di ricezione è costituito da almeno 12 gruppi di 5 geofoni orizzontali
con frequenza non inferiore a 15 Hz, collegati tra loro.
Detti geofoni devono essere ben accoppiati sul terreno, posizionati
verticalmente e con l’asse di oscillazione parallelo alla direzione di percussione
del parallelepipedo del sistema energizzante che sarà posto con l’asse
maggiore perpendicolare alla direzione di stendimento.

Trigger.
Il Trigger, in genere, consiste in un circuito elettrico che viene chiuso nell’istante
in cui il martello colpisce la trave, consentendo ad un condensatore di scaricare
la carica precedentemente immagazzinata e la produzione di un impulso a un
sensore collegato al sistema di acquisizione dati; in questo modo è possibile
individuare e visualizzare l’esatto istante in cui la sorgente viene attivata e parte
la sollecitazione dinamica. L’attivazione del circuito per individuare l’istante di
energizzazione deve avvenire attraverso un sistema (interruttore, geofoni
starter, etc.) che all’atto delle sollecitazioni ripetute consenta differenza di
chiusura non superiore a 0.5 msec.

Sistema di acquisizione dati.


E’ necessario un sistema multicanale in grado di registrare su ciascun canale
digitale le forme d’onda e di conservarle in memoria. La dinamica strumentale
deve essere minimo di 24 bit lineari.
Inoltre la strumentazione deve possedere in acquisizione filtri notch, filtri di
frequenza antialiasing e la funzione di inversione di polarità.

Tecnica di acquisizione dati


La tecnica di acquisizione da utilizzare è la multichannel standard per sismica a
riflessione “high resolution”.
In generale, sono previste in fase di acquisizione:
• interspaziatura geofonica di 2 metri;
• interspaziatura tra i punti di energizzazione pari alla distanza intergeofonica;
• offset di 6-8 metri;
• avanzamento push-increase o drag-decrease;
• copertura minima del 600%;
• stampa delle registrazioni battuta sinistra e differenza battuta destra-battuta
sinistra;
• registrazione di tutti i files destri nonché di quelli relativi a battuta destra-
sinistra;

180
• files comprendenti 2048 punti per traccia
• sequenze temporali di 1, 0.5, 0.256, 0.125 secondi e con passo di
campionamento tale da avere 2048 punti per traccia.

Modalità di preparazione della prova


L’esecuzione della prova deve essere preceduta da una fase preparatoria
durante la quale venga realizzata la piazzola in cui alloggiare il parallelepipedo
energizzante e vengono preparati gli strumenti di registrazione.

Modalità di esecuzione della prova


La prova si sviluppa secondo le seguenti fasi:
1. Dopo aver predisposto un opportuno piano di appoggio viene installato il
sistema energizzante e vengono collocati i geofoni orizzontali secondo
quanto visto sopra.
2. Viene attivata la sorgente producendo su un lato del parallelepipedo una
sollecitazione che, attivando il trigger, si propaga dalla sorgente verso i
ricevitori con vibrazioni, di tipo SH, dirette perpendicolarmente alla direzione
di percussione e polarizzate sul piano orizzontale. Poiché si devono ricavare
le SH per la buona qualità dei dati si devono produrre alla sorgente due
onde di polarità opposta e sottrarre battuta sinistra e battuta destra, in modo
da evidenziare le componenti SH.
3. Detta operazione viene eseguita direttamente in campagna in fase di
acquisizione, in quanto lo strumento deve prevedere l’inversione di polarità.

Modalità di presentazione dei risultati:

Per le indagini svolte dovrà essere fornita:

1. una relazione tecnica con documentazione, tabelle e grafici da cui risulti per
ciascuna linea sismica:
- la descrizione delle procedure seguite
- la planimetria in scala 1:1000 con l’ubicazione delle linee sismiche ed il
posizionamento dei geofoni;
- uno schema dettagliato della linea di acquisizione con le posizione relative
dei geofoni e dei punti di scoppio (distanze e quote)
- la stampa istantanea delle registrazioni di campagna ossia la stampa
“battuta destra-battuta sinistra”.

2. la documentazione fotografica in originale relativa alle fasi di esecuzione di


ciascuna linea sismica
- le foto dovranno essere fatte per ogni sezione sismica in modo che risulti
visibile l’intera linea, la posizione dei singoli geofoni, i punti e gli strumenti di
energizzazione ed il contesto ambientale

3. registrazioni di campagna su floppy disk o CD e, più esattamente battuta


destra e battuta destra-battuta sinistra, in formato SEG2 e SEGY standard.

181
182
† B.1.4 PROVA CROSS-HOLE (CH)

Scopo della prova


Lo scopo della prova consiste nel determinare la velocità di propagazione delle
onde di volume, di compressione (onde P) e di taglio (onde S), calcolando il
tempo ad esse necessario per spostarsi tra due punti o più punti (sorgente e
ricevitori) di cui è nota la distanza. Detta Prova viene descritta nei suoi dettagli
esecutivi dalla normativa ASTM D4428-91, a cui viene fatto riferimento, ma in
ogni caso valgono le seguenti specifiche.

Campo d’applicazione della prova


La prova Cross-hole, per gli obiettivi di cui alle presenti IT, dovrebbe essere
effettuata quando la profondità delle coperture da esplorare sono superiori ai
25-30 m e si rende necessaria soprattutto quando i risultati da ottenere devono
essere di qualità e precisione elevate soprattutto in profondità.
È opportuno spingere la prova fino ad incontrare il bedrock attraversandolo per
uno spessore significativo.

Ipotesi alla base della prova


Si suppone che il volume di terreno, compreso tra la sorgente e i ricevitori si
comporti come un semispazio di materiale elastico, omogeneo ed isotropo.

Schema della prova


La prova (Figura B1.4.1) consiste nel produrre all’interno del terreno, ad una
profondità nota, una sollecitazione verticale mediante una sorgente meccanica,
e nello studiare il treno d’onde, P e S, che si propagano all’interno del terreno in
direzione orizzontale, con vibrazioni polarizzate nella direzione di propagazione
(onde P), e dirette perpendicolarmente alla direzione di propagazione,
polarizzate su un piano verticale (onde SV).
In particolare viene calcolato, mediante due ricevitori (geofoni) disposti sempre
nel terreno, alla medesima profondità, l’istante di arrivo del treno di onde P e S,
rispetto all’istante in cui vengono indotte le sollecitazioni alla sorgente, in modo
che dividendo per tali valori la distanza, supposta nota, tra sorgente e ricevitori,
si possa ricavare la velocità delle onde P e S.

Apparecchiatura
L’apparecchiatura utilizzata per questo tipo di prove si deve comporre delle
seguenti parti:
− sorgente
− sistema di ricezione
− sistema di acquisizione dati
− trigger
Sorgente. La sorgente può essere di varia natura (sorgenti meccaniche con
pistone ad aria a doppia azione, sorgenti elettromagnetiche, ecc.) e deve
essere in grado di generare onde elastiche ad alta frequenza ricche di energia,

183
con forme d’onda direzionali, cioè con la possibilità di ottenere prevalentemente
onde di compressione e/o di taglio polarizzate su piani verticali (ed
eventualmente anche orizzontali tenendo altresì conto che generare onde di
taglio SH pure in foro è estremamente complesse, mentre molte tecniche
utilizzate generano onde torsionali che contengono una componente P); la
quantità di energia prodotta deve essere possibilmente regolabile, quantificabile
e soprattutto ripetibile.

Sistema di ricezione. Tale sistema si deve comporre di due (o più) ricevitori,


ciascuno dei quali è costituito da una terna di trasduttori di velocità orientati
secondo le componenti di una terna cartesiana ortonormale e collocati
all’interno di un unico contenitore (preferibilmente di forma cilindrica) di
lunghezza non superiore ai 450 mm, in modo che uno dei tre trasduttori sia
orientato secondo la lunghezza del contenitore (trasduttore verticale) e gli altri
ad esso perpendicolari (trasduttori orizzontali). I trasduttori devono possedere
appropriate caratteristiche di frequenza e sensitività tali da potere ricevere in
maniera adeguata il treno d’onde prodotto dalla sorgente. La risposta in
frequenza dei trasduttori non deve variare più del 5% su un campo di frequenze
compreso tra metà e due volte la frequenza predominante del treno d’onde di
corpo che si propaga all’interno del mezzo. E’ necessario inoltre adottare un
adeguato sistema di ancoraggio dei trasduttori.

Trigger In genere il trigger consiste in un circuito elettrico che viene chiuso


nell’istante in cui la sorgente viene attivata, consentendo a un condensatore di
scaricare la carica precedentemente immagazzinata e di produrre un impulso
che viene inviato ad un sensore collegato al sistema di acquisizione dati; in
questo modo è possibile individuare e visualizzare l’esatto istante in cui la
sorgente viene attivata e parte la sollecitazione dinamica.
L’attivazione del circuito per individuare l’istante di energizzazione deve, all’atto
delle sollecitazioni ripetute, consentire una differenza di chiusura non superiore
a 0.5 msec.

Sistema di acquisizione dati. Si tratta di un sistema multicanale in grado di


registrare su ciascun canale in forma digitale le forme d’onda e di conservarle
su memoria di massa con formato in uscita minimo a 16 bit.. Esso è collegato a
ciascuno dei tre trasduttori di velocità di ciascuno dei ricevitori e al sensore del
trigger e consente quindi di registrare in forma numerica e visualizzare come
forme d’onda su un apposito monitor le vibrazioni così come rilevate dai
trasduttori dei ricevitori e l’impulso inviato dal trigger.

Modalità di preparazione della prova


L’esecuzione della prova cross-hole deve essere preceduta da una fase
preparatoria durante la quale vengono realizzati i fori in cui alloggiare la
sorgente e i ricevitori e vengono preparati gli strumenti di registrazione.

Esecuzione dei fori. Il Cross-hole, nella sua versione ottimale prevede, in


corrispondenza del sito da investigare tre (o più) fori, uno per la sorgente e gli

184
altri due (o più) per i ricevitori; tali fori devono essere allineati e ad uguale
distanza (da centro del foro a centro del foro sulla superficie) compresa tra 3 e
5 m, comunque non superiore per evitare di rilevare le onde rifratte piuttosto
che quelle dirette soprattutto quando gli spessori degli strati siano piccoli e il
contrasto di velocità tra uno strato ed un altro sia alto. In generale se le velocità
delle alluvioni sciolte risultano superiori a 450 m/sec è molto probabile che le
misure cross-hole siano errate.
Durante la fase di perforazione dei fori, per ridurre al minimo possibili
scavernamenti sulle pareti, è opportuno sostenere le pareti con fango
bentonitico.

Rivestimento e cementazione. Successivamente i fori devono essere rivestiti


con tubazioni in materiale ad alta impedenza alle vibrazioni (ad es. alluminio o
PVC, in quest’ultimo caso occorrono tubi rigidi provvisti esternamente di
rigature longitudinali); il diametro interno di tali tubi deve essere compreso tra
95 e 125 mm e lo spessore tra 5 e 10 mm.
Infine i fori devono essere cementati in corrispondenza dello spazio anulare
compreso tra le pareti del foro e il tubo di rivestimento.
La cementazione deve essere eseguita in modo da garantire la continuità del
contatto terreno-tubazione. E’ possibile, prima ancora di collocare il
rivestimento, chiudere il fondo del foro con un cappello (packer) dotato di
valvola di controllo sferica one-way, in grado di accogliere un tubo del diametro
di 38 mm; dopodiché, una volta posizionata la tubazione di rivestimento e
centrata rispetto alle pareti del foro con l’ausilio di appositi distanziatori montati
sul fondo, viene calato all’interno del foro, fino a raggiungere la valvola, un tubo
in PVC del diametro di 38 mm, collegato in superficie ad una pompa
convenzionale per mezzo della quale viene iniettata la miscela cementizia, che,
una volta raggiunto il fondo del foro, inizia a riempire dal basso verso l’alto in
maniera uniforme l’intercapedine tra foro e rivestimento, spazzando via il fango
e i detriti eventualmente presenti (normativa ASTM).
E’ possibile altresì calare direttamente il tubo per l’iniezione nell’intercapedine
fino al fondo del foro e quindi procedere alla cementazione dal basso verso
l’alto in modo da poter garantire al massimo la continuità del terreno –
tubazione, con tutti quegli accorgimenti necessari.
La miscela da utilizzare, in linea di massima, per la cementazione è costituita
da una malta a ritiro controllato (acqua + cemento + bentonite), in particolare
per la parte del foro che penetra nella roccia si consiglia il cemento di Portland
convenzionale di densità pari a 2.2. mg/m3, mentre per la parte a contatto con
terreni, sabbie e ghiaie si sceglie una miscela con una densità prossima a
quella del terreno circostante (da 1.8 mg/m3 a 1.9 mg/m3), ottenuta mescolando
450 g di cemento di Portland, 450 g di bentonite a 2.8 kg di acqua. La pressione
di iniezione non deve essere superiore a 2 atm (Norma ASTM). Questo in
condizioni normali; qualora la situazione incontrata presentasse forti venute di
acqua, fatturazione, scavernamenti, etc., la composizione della miscela e
pressione d’iniezione potranno essere opportunamente variate sentita la
Regione Toscana- Area- Servizio Sismico Regionale e tenuto conto che
l’obiettivo è un contatto solidale tra terreno e tubo di rivestimento.

185
Controllo di verticalità. Per potere conoscere con esattezza al variare della
profondità la distanza orizzontale tra sorgente e ricevitore è necessario
controllare la deviazione dei fori dalla verticale. Lo strumento generalmente
utilizzato è l’inclinometro e deve essere in grado di rilevare, al variare della
profondità procedendo lungo l’asse del foro, la deviazione, x, di ciascun punto
dalla verticale ideale misurata lungo la direttrice N-S, positivamente verso N, e
la deviazione, y, lungo la direttrice E-W, misurata positivamente verso E. In
questo modo si può ricavare l’inclinazione dell’asse in un range compreso tra 0
e 30°, con una sensitività di 0.1°, determinando quindi la distanza effettiva entro
il ± 2 % ad una profondità di circa 30 m.
Nota la quota assoluta, ES,del centro del foro-sorgente in superficie e del centro
del foro-ricevitore, ER, la distanza relativa, L, e l’angolo di azimuth, misurato
positivamente rispetto a N, φ, la profondità del ricevitore, DR, e della sorgente,
DS, le deviazioni della sorgente, xS, yS, e del ricevitore, xR e yR, si può ricavare
la distanza effettiva tra sorgente e ricevitore alla profondità desiderata:
[ ]
l = ( E − D ) − ( E − D ) + ( L cos φ + x − x ) + ( Lsinφ + y − y ) (B.7)
2 2 2

S S G G G S G S

Tale controllo deve essere effettuato per ciascun foro ad intervalli non superiori
ai 3 m procedendo dall’alto verso il basso e poi dal basso verso l’alto a intervalli
non superiori ai 6 m.
Nel caso di fori di profondità non superiori ai 15 m si può utilizzare un filo a
piombo da calare nell’intercapedine tra rivestimento e pareti (prima della
cementazione) e controllare ogni 3 m, correggendone l’inclinazione ogni qual
volta il filo tocchi le pareti del foro.
Una volta terminate le operazioni di rivestimento e cementazione l’interno dei
tubi deve essere lavato con acqua pulita e lasciato pieno d’acqua.

Modalità di esecuzione della prova


La prova si sviluppa secondo le seguenti fasi:
1. Viene preparato il sistema di acquisizione dei dati, collegando separatamente
ai canali del sistema i trasduttori di ogni singolo ricevitore e il sensore del
trigger, alloggiato nella sorgente.
2. La sorgente viene calata all’interno di uno dei fori più esterni
dell’allineamento ad una profondità iniziale non superiore a 1.5 m, in
corrispondenza della quale viene bloccata alle pareti del rivestimento.
3. I ricevitori vengono posizionati nei rimanenti fori alla medesima profondità
della sorgente, in modo tale che uno dei tre trasduttori sia orientato in direzione
verticale (quello che capta nella loro massima ampiezza le onde SV) e gli altri
orizzontali; anche in questo caso è necessario assicurare lo strumento alle
pareti del rivestimento. I ricevitori devono essere dotati di un sistema di
collegamento al terreno affidabile e ripetibile, mediante il quale sia possibile
individuare e modificare l’orientazione dei trasduttori dalla superficie.
4. Viene attivata la registrazione delle vibrazioni con un opportuno anticipo
rispetto all’attivazione della sorgente. Questa fase di pretriggering può essere

186
evitata se la strumentazione garantisce la partenza della registrazione
nell’istante di time–break all’attivazione del trigger.
5. Viene innescata la sorgente producendo una sollecitazione verticale che,
attivando il trigger, si propaga dalla sorgente verso i ricevitori orizzontalmente
con vibrazioni di tipo P, quindi polarizzate nella direzione di propagazione, e
vibrazioni, di tipo S, dirette perpendicolarmente alla direzione di propagazione e
polarizzate sul piano verticale. Il tempo di registrazione deve essere tale da
consentire la rappresentazione dei treni d’onda nella loro interezza.
6. Viene riprodotta la sollecitazione e quindi ripetuta la prova ad una profondità
inferiore di non più di 1 m, abbassando la sorgente e i ricevitori.
7. Raggiunto il fondo dei fori la prova viene iterata questa volta procedendo dal
basso verso l’alto ad intervalli di 2 m.

187
Figura B1.4.1 - Schema della prova Cross-hole

188
Determinazione delle velocità
Per quanto riguarda l’interpretazione dei tracciati registrati durante la prova per
la determinazione della velocità di propagazione delle onde sismiche, esistono
varie tecniche nel dominio del tempo e nel dominio della frequenza; di seguito
verrà illustrata quella più semplice ed immediata, non escludendo però la
possibilità di ricorrere ad altre tecniche purché già collaudate e sperimentate. In
tal caso è necessario che insieme ai risultati della prova venga esplicitamente
dichiarato il metodo adottato per la determinazione delle velocità, nonché i
passi successivi secondo cui è stato applicato e le registrazioni delle vibrazioni,
accoppiate con quella del segnale di trigger, a partire dalle quali sono stati
ricavati i valori di velocità.

Per determinare il tempo di arrivo delle onde P e S ai ricevitori, si procede ad


un’analisi visuale delle registrazioni delle vibrazioni rilevate dai trasduttori del
ricevitore confrontate con il segnale rilevato dal sensore collegato al trigger.

In particolare (Fig. B1.4.2) il sensore collegato al pre-trigger inizia a registrare


nell’istante t = 0, prima dell’applicazione della sollecitazione che avviene
nell’istante t = T, detto zero dei tempi, che è facilmente individuabile sul
tracciato per effetto dell’impulso inviato dal trigger; il segnale così registrato si
suddivide in due parti che si possono facilmente distinguere: la parte compresa
tra gli istanti t = 0 e t = T, rappresentativa di quanto avviene nel terreno in
corrispondenza della sorgente prima dell’applicazione della sollecitazione, utile
per rilevare e eliminare eventuali disturbi ambientali preesistenti, e la parte
successiva all’istante t = T. Si consideri comunque la possibilità di operare
anche senza pre-trigger.

Una volta riportato l’istante t = T anche sulle tracce rilevate dai ricevitori, che
iniziano a registrare simultaneamente col sensore collegato al trigger nell’istante
t = 0, si può individuare:
− un intervallo [t = T; t = P] in cui il tracciato è completamente piatto o itera
l’andamento rilevato nell’intervallo precedente dovuto ad eventuali disturbi,
rappresentativo del tempo impiegato delle prime onde (P) per arrivare dalla
sorgente al ricevitore considerato
− un intervallo [t = P; t = S], in cui si rilevano oscillazioni generalmente di
modesta ampiezza inizialmente crescente e poi decrescente, rappresentativo
dell’arrivo e del successivo smorzamento delle onde P
− un intervallo [t = S; t = F], dove F è l’istante di fine registrazione,
caratterizzato da vibrazione di ampiezza e periodo almeno due volte quella
dell’intervallo precedente, rappresentativo dell’arrivo e del successivo
smorzamento delle onde S.

E’ possibile operare senza pretriggering, calcolando i tempi di partenza della


registrazione che avviene al time-break.
E’ possibile operare con energizzazioni separate P ed S; in questo caso risulta
più facile la determinazione del primo arrivo in S.

189
E’ possibile che in presenza di brusche variazioni di rigidezza con la profondità
le onde P e S vengano rifratte in corrispondenza delle superfici di discontinuità
giungendo ai ricevitori ancor prima di quelle dirette della stessa natura. Le onde
riflesse P possono viceversa arrivare ai ricevitori sia prima, sia allo stesso
tempo, sia dopo le dirette in S ma mai prima delle dirette in P.
La differenza tra i tempi T e P, T e S ai due ricevitori, rappresentano quindi i
tempi di viaggio delle onde dirette P e S dalla sorgente ai due (o più) ricevitori.

Figura B1.4.2 – Registrazioni relative a prova cross-hole

Si suppone che le onde si propaghino orizzontalmente senza subire deviazioni,


trascurando quindi l’effetto di curvatura legato al loro percorso, che è comunque
modesto essendo limitate le distanze in gioco in questo tipo di prova.
Dividendo perciò per i tempi d’arrivo la distanza orizzontale tra sorgente e i due
(o più) ricevitori (eventualmente depurata dalle deviazioni di verticalità dei fori)
si ricavano due (o più) valori di velocità diretta delle onde S e P.

190
Dividendo la distanza orizzontale (eventualmente corretta) tra i ricevitori per la
differenza tra i tempi d’arrivo delle onde S e P, si ricavano ulteriori valori di
velocità delle onde P e S utili per la determinazione delle velocità intervallari.

Non sempre i tracciati registrati dai ricevitori sono chiari e univocamente


interpretabili sia per l’eventuale presenza di onde rifratte P ed S di ampiezze
non trascurabili che precedendo quelle dirette ingannano sui reali tempi d’arrivo.
La presenza di eventuali disturbi di origine meccanica o elettrica deve essere
evitata perché disturba il picking dei primi arrivi. Solo qualora tali disturbi
risultino di ampiezza contenuta e rappresentino rumore casuale, è possibile
operare ripetendo più volte le registrazioni e mediando i tracciati (stacking).

Quando l’istante di primo arrivo delle onde non è facilmente individuabile,


sfruttando il fatto di disporre di più ricevitori, si può far riferimento ai tracciati
registrati da ciascuno di essi ricercando dei punti caratteristici (picchi o valli)
successivi al primo arrivo ritrovabili in entrambi i segnali e stimandone il ritardo
e quindi ricavando la velocità d’intervallo; in tal caso affinché ad ogni picco
dell’una registrazione corrispondano rispettivamente i picchi o le valli dell’altra è
necessario che sia stato precedentemente stimato l’effetto dell’orientazione dei
trasduttori rispetto alla direzione di propagazione delle onde e che sia noto se i
trasduttori siano orientati in maniera concorde o discorde. Lo stesso ritardo può
anche essere stimato ricorrendo al metodo della cross-correlazione, nel
dominio del tempo o della frequenza. Va comunque rivolta molta attenzione al
fatto che non sempre, nei casi reali, tali operazioni automatiche forniscono
risultati certi.

Il problema del significato delle velocità intervallari ricavabili dalle variazioni di


velocità dirette tra un punto e quello immediatamente seguente, presenta
diverse soluzioni e può essere risolto al meglio solamente utilizzando quelle
metodologie che prevedono l’analisi completa del sismogramma e non, come
nel cross-hole e nel down-hole, dove ci si limita a tecniche di analisi del primo
arrivo. In generale l’interpretazione dello “scattering” nel diagramma tempo-
profondità può dipendere principalmente dai seguenti fattori: a) ritardo o
anticipo del trigger; b) differenze di spessore della cementazione nei vari punti a
causa di scavernamenti di differente entità; c) perdita della prima fase; d)
presenza di orizzonti rifrangenti di spessore ridotto ed intercalati che
determinano arrivi diretti successivi ai first-break P ed S.

Nel caso in cui le velocità di propagazione sorgente-geofoni siano fortemente


differenti da quelle geofoni-geofoni, possono essere stati commessi degli errori
d’interpretazione. Ad esempio, se è stato fatto riferimento anziché all’istante di
arrivo a punti caratteristici del segnale, si può avere nel passare dal ricevitore
ad un altro un distendimento del segnale che allontana tali punti caratteristici
fornendo dei valori di velocità più bassi, falsati in misura tanto maggiore quanto
più elevate sono le distanze tra i ricevitori.

191
Modalità di presentazione dei risultati
In questo tipo di prova è fondamentale fornire non solo il risultato finale, cioè la
velocità di propagazione delle onde S e P al variare della profondità, ma anche
il dato grezzo che è stato misurato dai trasduttori dei ricevitori e il criterio di
elaborazione e interpretazione adottato.

Quindi questo tipo di prova deve essere accompagnato da una relazione


comprendente:
− il numero, l’interasse, il diametro, la profondità dei fori in cui viene effettuata
la prova, la loro ubicazione (espressa in termini di coordinate planimetriche e
altimetriche e riportata su un’apposita Carta in scala 1:2.000);
− le modalità di esecuzione, di rivestimento e di cementazione adottate;
− eventuali deviazioni dalla verticale dell’asse dei fori;
− la strumentazione adottata;
− le profondità a cui sono state effettuate le prove;
− i segnali registrati dai trasduttori dei ricevitori e il corrispondente segnale di
trigger, specificando per ciascuno di essi la profondità di prova, la direzione
del trasduttore (verticale o orizzontale) e il ricevitore d’appartenenza; i
segnali dovranno essere disponibili sia in forma cartacea, come grafici in cui
sull’asse delle ascisse sia riportato il tempo (in ms) e sull’asse delle ordinate
il segnale (in mV), sia in forma numerica su floppy disk;
− il criterio di elaborazione adottato per il calcolo delle velocità;
− il diagramma che riporta le dromocrone e le velocità calcolate (in m/s)
sull’asse delle ascisse in funzione della profondità (in m) sull’asse delle
ordinate.

192
„ B.1.5 PROVA DOWN-HOLE (DH)

Scopo della prova


Lo scopo della prova consiste nel determinare la velocità di propagazione delle
onde di volume, di compressione (onde P) e di taglio (onde S), calcolando il
tempo ad esse necessario per spostarsi tra due o più punti (sorgente e
ricevitori) di cui è nota la distanza.

Campo d’applicazione della prova


La prova down-hole per gli obiettivi di cui alle presenti IT dovrebbe essere
effettuata quando la profondità delle coperture da esplorare sono superiori a
qualche metro e si rende necessaria soprattutto quando non si voglia ricorrere a
delle indagini eccessivamente costose, ma si richiedano dei risultati di qualità e
precisione da media a buona.
È opportuno spingere la prova fino ad incontrare il bedrock attraversandolo per
uno spessore significativo, tenendo comunque presente che in taluni contesti
geologici l'affidabilità della prova con tecniche di interpretazione convenzionali
oltre i 40 m di profondità è generalmente scarsa, l’energia generata dalla
sorgente potrebbe non essere sufficiente all’univoca individuazione dei primi
arrivi.

Ipotesi alla base della prova


Si suppone che il volume di terreno, interessato dalle indagini sia stratificato
orizzontalmente e che all’interno di ogni strato il comportamento del terreno si
possa considerare elastico, omogeneo ed isotropo. Qualora queste
caratteristiche non siano verificate è necessario operare con più punti di
energizzazione.

Schema della prova


La prova (Figura B1.5.1) consiste nel produrre, sulla superficie del terreno, una
sollecitazione orizzontale mediante una sorgente meccanica, e nello studiare il
treno d’onde, P e S, che si propagano all’interno del terreno alle varie profondità
in direzione verticale, con vibrazioni polarizzate nella direzione di propagazione
(onde P), e dirette perpendicolarmente alla direzione di propagazione,
polarizzate su un piano orizzontale (onde SH). Mediante due ricevitori (geofoni
tridimensionali) disposti nel terreno, a profondità note, viene valutato l’istante di
arrivo del treno di onde P e S, rispetto all’istante in cui vengono indotte le
sollecitazioni alla sorgente; dividendo quindi per tali valori la distanza (nota) tra
sorgente e ricevitori, si può ricavare la velocità delle onde P e S.

193
Apparecchiatura
L’apparecchiatura utilizzata per questo tipo di prove si deve comporre delle
seguenti parti:
− sistema sorgente
− sistema di ricezione
− sistema di acquisizione dati
− trigger

Sorgente.
La sorgente deve essere in grado di generare onde elastiche ad alta frequenza
ricche di energia, con forme d’onda ripetibili e direzionali, cioè con la possibilità
di ottenere prevalentemente onde di compressione e/o di taglio polarizzate su
piani orizzontali (ed eventualmente anche verticali). Per generare le onde di
compressione P, si utilizzeranno i metodi classici quali caduta di un grave,
cannoncino, mazza, etc.. Per generare le onde SH la sorgente è generalmente
costituita da un parallelepipedo di legno e di forma tale da potere essere colpito
lateralmente ad entrambe le estremità con una massa. E’ importante che il
parallelepipedo venga gravato di un carico statico addizionale in modo che
possa rimanere aderente al terreno sia al momento in cui viene colpita sia
successivamente, affinché l’energia prodotta non venga in parte dispersa. Con
questo dispositivo è possibile generare essenzialmente delle onde elastiche di
taglio polarizzate orizzontalmente, con uniformità nella polarizzazione e con una
generazione di onde P anch’esso trascurabile. Inoltre, data l’entità di energia
generalmente prodotta, le deformazioni indotte nel terreno in prossimità della
superficie sono inferiori a 10-2 % e decrescono con la profondità.
E’ necessario un buon accoppiamento fra parallelepipedo e terreno cosa che si
ottiene facilmente in terreni a granulometria fine, nel caso viceversa di presenza
di terreni a granulometria più grossolana sarà necessario approntare delle
piazzole realizzando uno strato di materiale fine al contatto con il
parallelepipedo energizzante. Sono da evitare come punti di energizzazione
zone in cui affiorano rocce compatte e superfici bitumate.
Va tenuto conto che minore è la superficie di accoppiamento parallelepipedo -
terreno, più pulito e ricco in alte frequenze sarà il segnale, d’altra parte
soprattutto con superfici di contatto ridotte è necessario verificare che il
parallelepipedo non si infossi nel terreno poiché in tal caso si produrrebbero
onde di compressione.

Sistema di ricezione.
Tale sistema si deve comporre di due (o più) ricevitori, ciascuno dei quali è
costituito da un di trasduttore di velocità orientato secondo le componenti di una

194
terna cartesiana ortonormale e collocati all’interno di un unico contenitore
(preferibilmente di forma cilindrica) di lunghezza non superiore ai 450 mm, in
modo che uno dei tre trasduttori sia orientato secondo la lunghezza del
contenitore (trasduttore verticale) e gli altri ad esso perpendicolari (trasduttori
orizzontali). I trasduttori devono possedere appropriate caratteristiche di
frequenza e sensitività tali da potere ricevere in maniera adeguata il treno
d’onde prodotto dalla sorgente. La risposta in frequenza dei trasduttori non
deve variare più del 5% su un campo di frequenze compreso tra metà e due
volte la frequenza predominante del treno d’onde che si propaga all’interno del
mezzo.
I ricevitori devono essere collegati, secondo la loro lunghezza, in modo di
fissarne la distanza verticale (compresa tra 1 e 3 m) e l’orientazione relativa (in
modo che i trasduttori orizzontali siano paralleli e concordi a due a due) e in
modo tale da potere anche controllare dalla superficie l’orientazione assoluta.
Bisogna porre particolare attenzione al fatto che i sistemi previsti per mantenere
costanti le distanze e per garantire l’isorientazione dei geofoni non producono
interazione sismica tra i due sensori.
E' necessario adottare un adeguato sistema di ancoraggio per garantire un
buon accoppiamento in foro tra i ricevitori e le pareti di rivestimento.

Trigger.
In genere il trigger consiste in un circuito elettrico che viene chiuso nell’istante
in cui la sorgente viene attivata, consentendo a un condensatore di scaricare la
carica precedentemente immagazzinata e di produrre un impulso che viene
inviato ad un sensore collegato al sistema di acquisizione dati; in questo modo
è possibile individuare e visualizzare l’esatto istante in cui la sorgente viene
attivata e parte la sollecitazione dinamica.
L’attivazione del circuito per individuare l’istante di energizzazione deve, all’atto
delle sollecitazioni ripetute, consentire una differenza di chiusura non superiore
a 0.5 msec.

Sistema di acquisizione dati.


Si tratta di un sistema multicanale in grado di registrare su ciascun canale in
forma digitale le forme d’onda e di conservarle su memoria di massa dinamica
minima a 16 bit. Esso è collegato a ciascuno dei trasduttori di velocità e al
sensore del trigger e consente quindi di registrare in forma numerica e
visualizzare come tracce su un apposito monitor le vibrazioni a partire
dall’impulso inviato dal trigger. Poiché è necessario eseguire la differenza tra
traccia relativa alla battuta destra e quella alla battuta sinistra è auspicabile una
strumentazione che preveda la funzione “inversione di polarità”.

195
Modalità di preparazione della prova
L’esecuzione della prova down-hole deve essere preceduta da una fase
preparatoria durante la quale viene realizzato il foro in cui alloggiare i ricevitori e
vengono preparati gli strumenti di registrazione.

Esecuzione del foro.


Deve essere realizzato in corrispondenza del sito da investigare per alloggiarvi i
ricevitori.
Durante la fase di perforazione, ogni cura deve essere posta per ridurre al
minimo il disturbo sulle pareti e nelle zone di terreno circostanti il foro. La
perforazione deve essere eseguita a rotazione ed è opportuno sostenere le
pareti con fango bentonitico.

Rivestimento e cementazione.

Successivamente il foro deve essere rivestito con una tubazione in materiale ad


alta impedenza alle vibrazioni. Si devono utilizzare tubi a sezione circolare in
PVC, di spessore maggiore o uguale a 3.0 mm, lunghezza minima degli
spezzoni di 6 metri, assemblati mediante filettatura a vite ed eventuali manicotti
di giunzione e muniti di tappi di testa e fondo foro.

Infine il foro deve essere cementato in corrispondenza dello spazio anulare


compreso tra le pareti e il tubo di rivestimento.
La cementazione deve essere eseguita in modo da garantire la continuità del
contatto terreno-tubazione. E’ possibile, prima ancora di collocare il
rivestimento, chiudere il fondo del foro con un cappello (packer) dotato di
valvola di controllo sferica one-way, in grado di accogliere un tubo del diametro
di 38 mm; dopodiché, una volta posizionata la tubazione di rivestimento e
centrata rispetto alle pareti del foro con l’ausilio di appositi distanziatori montati
sul fondo, viene calato all’interno del foro, fino a raggiungere la valvola, un tubo
in PVC del diametro di 38 mm, collegato in superficie ad una pompa
convenzionale per mezzo della quale viene iniettata la miscela cementizia, che,
una volta raggiunto il fondo del foro, inizia a riempire dal basso verso l’alto in
maniera uniforme l’intercapedine tra foro e rivestimento, spazzando via il fango
e i detriti eventualmente presenti (normativa ASTM).
E’ possibile, altresì, calare direttamente il tubo per l’iniezione nell’intercapedine
fino al fondo del foro e quindi procedere alla cementazione dal basso verso
l’alto, con tutti quegli accorgimenti necessari, in modo da potere garantire la
continuità del contatto terreno-tubazione.
La miscela da utilizzare per la cementazione, in linea di massima, è costituita
da una malta a ritiro controllato (acqua + cemento + bentonite), in particolare
per la parte del foro che penetra nella roccia si consiglia il cemento di Portland
convenzionale di densità pari a 2.2. mg/m3, mentre per la parte a contatto con

196
terreni, sabbie e ghiaie si sceglie una miscela con una densità prossima a
quella del terreno circostante (da 1.8 mg/m3 a 1.9 mg/m3), ottenuta mescolando
450 g di cemento di Portland, 450 g di bentonite a 2.8 kg di acqua. La pressione
di iniezione non deve essere superiore a 2 atm (normativa ASTM). Questo in
condizioni normali; qualora la situazione incontrata presentasse forti venute di
acqua, fratturazione, scavernamenti, etc., la composizione della miscela e
pressione d’iniezione potranno essere opportunamente variate sentita la
Direzione Lavori e tenuto conto che l’obiettivo è un contatto solidale tra terreno
e tubo di rivestimento.

Controllo di verticalità.

Questo tipo di prova è poco sensibile alla deviazione dell’asse del foro dalla
verticale, per cui non si rendono necessari controlli di verticalità. Una volta
terminata le operazioni di rivestimento e cementazione l’interno dei tubi deve
essere lavato con acqua pulita e lasciato pieno d’acqua.

197
PLANIMETRIA Df
Dr

R S
L

SISTEMA DI
ACQUISIZIONE Sorgente
Input Trigger sismica
Geofono Triassiale
SEZIONE superficiale Carico statico
TRASVERSALE

Pr

Percorso delle onde

I Ricevitori

Rivestimento
Cementazione

Figura B1.5.1 – Schema della prova Down-hole

Modalità di esecuzione della prova


La prova si sviluppa secondo le seguenti fasi:
1. Dopo avere predisposto un opportuno piano d’appoggio la sorgente viene
collocata sulla superficie in prossimità del foro ad una distanza dal centro in
genere compresa tra 1m e 5 m (da concordare con la direzione lavori) e
orientata perpendicolarmente al raggio uscente dal foro. Per la produzione di
onde P si energizza con massa battente ed impatto verticale; per la
produzione di onde SH la sorgente (parallelepipedo, trave) viene fissata al
terreno applicando sulla sua superficie un carico statico.

198
2. Il sistema, costituito dai due ricevitori (geofoni tridimensionali) equidistanti e
con costante orientamento relativo viene calato alla profondità desiderata (1
m) collegandolo alla superficie mediante un sistema che ne consente
l’orientamento assoluto dalla superficie.
3. Il sistema dei ricevitori viene orientato dalla superficie in modo tale che uno
dei trasduttori orizzontali di ciascun ricevitore sia orientato parallelamente
all’asse della sorgente e quindi alla direzione di polarizzazione delle onde S
in modo da massimizzarne l’ampiezza di ricezione ai ricevitori. Quindi i
ricevitori vengono fissati alle pareti del tubo.
4. Viene attivata la registrazione (pre-trigger) delle vibrazioni rilevate e dai
trasduttori che costituiscono i ricevitori con un opportuno anticipo rispetto
all’attivazione della sorgente. Tale fase può essere evitata nel caso che la
strumentazione consenta la registrazione del segnale all’istante di time-break
cioè all’attivazione del segnale.
5. Viene attivata la sorgente, producendo una sollecitazione che, attivando il
trigger, si propaga dalla sorgente verso i ricevitori con vibrazioni di tipo P; in
seguito si generano vibrazioni di tipo S, dirette perpendicolarmente alla
direzione di percussione e polarizzate sul piano orizzontale. Il tempo di
registrazione deve essere tale da consentire la rappresentazione dei treni
d’onda nella loro interezza. Poichè si debbono ricavare le onde SH, per la
buona qualità dei dati si debbono produrre alla sorgente due onde di polarità
opposta e sommare le registrazioni di ogni singolo ricevitore, in modo da
individuare meglio l’istante di primo arrivo (metodo cross-over). Detta
operazione deve essere eseguita in campagna, in fase di acquisizione, se lo
strumento prevede l’inversione di polarità. Può essere eseguita registrando
separatamente i files battuta destra - battuta sinistra, ma in questo caso sarà
necessario un bilanciamento spettrale prima di procedere alla differenza
delle tracce.
In ogni caso la lunghezza di registrazione deve essere non limitata al primo
arrivo ma a tutto il segnale fino ad un decadimento dell’ampiezza del 90%
rispetto all’ampiezza massima.
6. Viene riprodotta la sollecitazione e quindi ripetuta la prova ad una profondità
inferiore (o superiore se si procede dal basso verso l’alto) di non più di 1 m, e
non meno di 40-50 cm abbassando (o sollevando) i ricevitori.
7. Raggiunto il fondo (o la sommità) del foro la prova viene ripetuta questa volta
procedendo nel verso opposto ad intervalli di 4-5 m.
Relativamente ai punti 6 e7 potranno essere indicate eventuali variazioni
dalla Regione Toscana sentiti i referenti scientifici.

Determinazione delle velocità


Per quanto riguarda l’interpretazione dei tracciati registrati durante la prova per
la determinazione della velocità di propagazione delle onde sismiche, esistono
varie tecniche nel dominio del tempo e nel dominio della frequenza; di seguito

199
verrà illustrata quella più semplice ed immediata, non escludendo però la
possibilità di ricorrere ad altre tecniche purché già collaudate e sperimentate. In
tal caso è necessario che insieme ai risultati della prova venga esplicitamente
dichiarato il metodo adottato per la determinazione delle velocità, nonché i
passi successivi secondo cui è stato applicato e le registrazioni delle vibrazioni,
accoppiate con quella del segnale di trigger, a partire dalle quali sono stati
ricavati i valori di velocità.

Primo arrivo in P

Primo arrivo in SH

(a) (b)
Fig.B1.5.2 primo arrivo in P (a), primo arrivo in SH (b)

200
Per determinare il tempo di arrivo delle onde P e S ai ricevitori, si procede ad
un’analisi visuale (i risultati sono analoghi a quelli riportati in Figura B1.5.2) delle
registrazioni delle vibrazioni rilevate dai trasduttori del ricevitore confrontate con
il segnale di trigger (t0) o inizio registrazione.

E’ possibile operare con il sistema di pre-triggering analogamente a quanto


visto per il Ch.

Pur essendo possibile operare con il sistema di pre-triggering, analogamente a


quanto visto per la prova cross-hole, nell’ambito del progetto VEL si deve
operare con il doppio sistema di energizzazione, percussione verticale per le
onde P, percussione orizzontale per le SH, nelle registrazioni energizzate in
verticale si valuterà il primo arrivo in P (fig.B1.5.2.a); nelle registrazioni
energizzate con percussione orizzontale, sottratte le registrazioni “battuta
destra-battuta sinistra”, il primo arrivo sarà costituito dalle onde di taglio SH
poiché eventuali onde di compressione provocate durante l’energizzazione
tenderanno, con la differenza “battuta destra-battuta sinistra” a ridursi in
ampiezza laddove le SH (che invertono in polarità a seconda della direzione di
battuta) tenderanno a sommarsi aumentando così d’ampiezza (fig. B1.5.2.b).

Si ipotizza che il percorso delle onde tra sorgente e ricevitori sia rettilineo,
trascurando i fenomeni di rifrazione che ne modificano il percorso.

Poiché le onde sismiche prodotte dalla sorgente non si propagano esattamente


in direzione verticale rispetto ai ricevitori, data la posizione della sorgente, è
necessario correggere i tempi di arrivo stimati per tenere conto dell’inclinazione
del percorso effettivo.

Indicata con z la profondità del ricevitore, con d la distanza effettiva tra sorgente
e ricevitore e con R la distanza superficiale tra sorgente e centro del foro, con t
il tempo determinato dalle tracce di registrazione, il tempo corretto risulta:
z z (B.8)
t* = t = t
d z +R
2 2

Dividendo la profondità a cui viene collocato il ricevitore per il tempo corretto si


ricavano i valori di velocità per ciascuno dei ricevitori, in corrispondenza di
ciascuna delle profondità considerate.

E’ anche possibile ricavare le velocità dividendo la differenza tra due profondità


successive per la differenza tra i tempi determinati in corrispondenza di
ciascuna delle profondità considerate e possono corrispondere allo stesso
impulso (in tal caso le profondità corrispondono a quelle dei due o più ricevitori

201
rigidamente collegati tra di loro e le velocità si definiscono velocità d’intervallo) o
a due impulsi successivi (per cui le profondità sono quelle d’avanzamento della
prova e le velocità calcolate si definiscono velocità di pseudo-intervallo).

Va rilevato che non sempre i tracciati registrati dai ricevitori sono chiari e
univocamente interpretabili sia per l’eventuale presenza di rifratte di ampiezze
non trascurabili che precedendo quelle dirette ingannano sui reali tempi d’arrivo
indicando velocità intervallari anomale.

Va rilevato che talora in profondità l’istante di primo arrivo delle onde non è
facilmente individuabile, sfruttando il fatto di disporre di più ricevitori, si può far
riferimento ai tracciati registrati da ciascuno di essi ricercando dei punti
caratteristici (picchi o valli) successivi al primo arrivo ritrovabili in entrambi i
segnali e stimandone il ritardo e quindi ricavando la velocità d’intervallo (in tal
caso affinché ad ogni picco dell’una registrazione corrispondano rispettivamente
i picchi o le valli dell’altra è necessario che sia stata precedentemente stimato
l’effetto dell’orientazione dei trasduttori rispetto alla direzione di propagazione
delle onde e che sia noto se i trasduttori siano orientati in maniera concorde o
discorde).

Modalità di presentazione dei risultati


In questo tipo di prova è fondamentale fornire non solo il risultato finale, cioè la
velocità di propagazione delle onde S e P al variare della profondità, ma anche
il dato grezzo che è stato misurato dai trasduttori dei ricevitori e il criterio di
elaborazione e interpretazione adottato.

Quindi questo tipo di prova deve essere accompagnato da una relazione


comprendente:

1. Una relazione generale in cui sono specificati:

a) obiettivi delle indagini e contesto geologico delle aree investigate desunte


dal programma preliminare redatto dalla Regione Toscana e fornito al
Committente;
b) Piano di sicurezza dell’Impresa (se richiesto dalla vigente normativa) e
Piano di controllo di qualità qualora l’Impresa sia certificata;
c) risultati delle indagini ed eventuali osservazioni. Devono essere riportate in
particolare:
• note in merito alla modalità di esecuzione della cementazione del foro e alla
qualità della stessa in relazione alla prova DH;
• rispondenza delle caratteristiche tecniche della prova DH a quelle previste
dalle Istruzioni Tecniche;
La relazione generale deve essere consegnata in triplice copia, di cui due copie
rilegate e una copia non rilegata. Inoltre si richiedono due copie su CD.

202
2. Una relazione tecnica con documentazione, tabelle e grafici da cui risulti per
ciascuna prova:

a) la descrizione delle procedure eseguite e della strumentazione utilizzata;


b) le modalità di esecuzione, di rivestimento e di cementazione adottate, ed in
particolare le dimensioni geometriche del rivestimento, la composizione della
miscela iniettata, la massima pressione di iniezione, la portata e
l’attrezzatura utilizzata e soprattutto la quantità di miscela adoperata.
c) la strumentazione adottata;
d) le profondità a cui sono state effettuate le prove e la distanza superficiale tra
sorgente e centro del foro;
e) la planimetria CTR in scala 1:5000, ove esistente, per un inquadramento di
massima e per una visione più generale del sito di indagine e della prova
down-hole. In alternativa sarà utilizzata una planimetria CTR in scala 1:
10.000;
f) la planimetria su base CTR 1:2000 ingrandita in scala 1:1000 con
l’ubicazione della prova down-hole fornendo anche le coordinate Gauss-
Boaga del foro, al fine di agevolarne la georeferenziazione. Inoltre si
richiede sulla planimetria anche il posizionamento del punto di
energizzazione in superficie;
g) i segnali registrati dai trasduttori dei ricevitori e il corrispondente segnale di
trigger, specificando per ciascuno di essi la profondità di prova, la direzione
relativa e assoluta dei trasduttori dei ricevitori e il ricevitore d’appartenenza; i
segnali dovranno essere disponibili sia in forma cartacea, come grafici in cui
sull’asse delle ascisse sia riportato il tempo (in ms) e sull’asse delle ordinate
il segnale (in mV), sia in forma numerica su floppy disk;
h) il criterio di elaborazione adottato per il calcolo delle velocità, riportando sia i
tempi d’arrivo originali che quelli corretti;
i) un diagramma che riporti le dromocrone ricavate, dove sull’asse delle
ascisse è riportato il tempo di arrivo corretto (in s) e sull’asse delle ordinate
la profondità di misura in funzione della profondità (in m), con indicazione dei
segmenti interpolanti i punti di misura, dalla cui pendenza si ricava la
velocità di propagazione (da riportare chiaramente);
j) un diagramma ad istogrammi in cui vanno riportate le velocità calcolate (in
m/s) in funzione della profondità (in m); in questo diagramma va indicata, in
base ai valori di velocità intervallari ricavati, l’ascrizione litologica dei livelli
sismostratigrafici determinati (colonna litostratigrafica);
k) la documentazione fotografica relativa alle fasi di esecuzione della prova
down-hole. Sarà opportuno che risulti visibile, gli strumenti di energizzazione
e il contesto ambientale.
Nell’Appendice C.5 si riportano degli esempi relativi ai punti e), f), g), h), i) e j)
sopra elencati.
La relazione tecnica di cui al punto 2. deve essere consegnata in triplice copia,
di cui due copie rilegate e una copia non rilegata. Inoltre si richiedono due copie
su CD. La documentazione fotografica di cui al punto j) deve essere

203
consegnata in triplice copia in originale o in digitale su floppy disk oppure su
CD.

3. Le registrazioni di campagna
Si richiede, in triplice copia, la consegna dei dati di registrazione su floppy disk o
CD.

Standard di valutazione dei risultati


Per il Programma VEL sono state predisposte una serie di definizioni per
valutare la qualità dei dati acquisiti ai fini di una loro possibile utilizzazione per
un’attendibile interpretazione ai fini geologici. La valutazione dei risultati sarà
effettuata da referenti scientifici incaricati dalla Regione Toscana, i quali
dovranno rispettare, nelle loro valutazioni, i seguenti parametri:

Valutazione delle registrazioni: la chiara lettura del segnale costituisce


l’elemento essenziale per procedere alle successive operazioni di
interpretazione ed elaborazione, pertanto il segnale di tutte le registrazioni si
deve leggere per tutte le tracce e per tutti i punti di misura.
Valutazione della congruenza tra dromocrone ed i dati di registrazione: il
presupposto della congruenza è la buona individuazione del primo arrivo,
pertanto le dromocrone devono essere perfettamente congruenti con i dati di
registrazione, a seguito della correzione da tempi obliqui a tempi verticali,
secondo la formula B.8.
Valutazione della congruenza tra l’interpretazione sismostratigrafica e le
dromocrone: nella fase di interpretazione devono essere rispettati il numero
degli strati evidenziati nelle dromocrone, pertanto l’interpretazione
sismostratigrafica deve essere perfettamente congruente con le dromocrone.

Le seguenti definizioni, sono state predisposte dal Prof. P. Signanini del Dip.to
di Scienze della Terra dell'Università di Chieti, sulla base di una specifica
richiesta dei tecnici regionali e degli esperti del Dip.to di Scienze della Terra
dell’Università di Pisa, per una possibile utilizzazione dei dati consegnati
dall'Impresa ai fini di un'attendibile interpretazione ai fini geologici. Finalità per la
quale sono state previste le indagini di sismica in foro.

1. Valutazione delle registrazioni


La chiara lettura del segnale costituisce l'elemento essenziale per procedere
alle successive operazioni d’interpretazione ed elaborazione. A tal fine si
individuano quattro classi di valutazione:

204
⇒ A: il segnale di tutte le registrazioni si legge fino in fondo, compreso quello
relativo ai punti di misura più profondi. Si può procedere alla ricostruzione
delle dromocrone e l'interpretazione geologica è possibile.
⇒ B: il segnale di quasi tutte le registrazioni, si legge fino in fondo e solo talora
appaiono disturbati i segnali dei punti di misura più profondi. Si può
procedere alla ricostruzione delle dromocrone e l'interpretazione geologica è
possibile con qualche approssimazione.
⇒ C: il segnale di gran parte delle registrazioni, si riesce a leggere facilmente
solo per circa 2/3 delle misure. Risulta difficoltosa la ricostruzione delle
dromocrone e l'Interpretazione geologica non è possibile, se non con molte
approssimazioni.
⇒ D: il segnale nella maggior parte delle registrazioni, si riesce a leggere per
meno della metà delle misure. Risulta impossibile la ricostruzione delle
dromocrone e l'interpretazione geologica non è accettabile, perché le
approssimazioni sarebbero elevate.

2. Valutazione della congruenza tra dromocrone ed i dati di registrazione


Il presupposto della congruenza è la buona individuazione del primo arrivo, a tal
fine s’individuano due possibili classi di valutazione:
⇒ A: le dromocrone sono perfettamente congruenti con i dati di registrazione
corretti secondo la formula B.8.
⇒ B: le dromocrone non sono perfettamente congruenti, tale incongruenza può
variare fino a risultare tale da richiedere il rifacimento delle operazioni
d’elaborazione e d’interpretazione.

3. Valutazione della congruenza tra l'interpretazione sismostratigrafica e le


dromocrone
Nella fase d’interpretazione, devono essere rispettati il numero degli strati
evidenziati nelle dromocrone ed analizzate le eventuali variazioni di velocità e
profondità dei singoli sismostrati.
Vengono in tal senso individuate tre classi di valutazione:
⇒ A: l'interpretazione sismostratigrafica è perfettamente congruente con le
dromocrone.
⇒ B: l'interpretazione sismostratigrafica è parzialmente congruente con le
dromocrone. E’ necessario affinare l’interpretazione.
⇒ C: l'interpretazione sismostratigrafica è incongruente con le dromocrone. E’
necessario rifare l’interpretazione

4. Valutazione della congruenza tra l’interpretazione litostratigrafica e le


conoscenze geologiche della zona indagata.
I livelli geologici interpretativi eseguiti dall’impresa dovranno essere ispirati a
conoscenze geologico-strutturali di dettaglio delle aree indagate; sarà quindi
necessario utilizzare per una corretta interpretazione non solo una cartografia a

205
grande scala, ma anche una cartografia a scala minore che possa consentire di
inquadrare le problematiche geologiche locali in un contesto regionale. In
particolare devono essere valutati gli spessori, le attribuzioni formazionali ed
eventuali discontinuità rilevate in relazione anche a quanto desunto dalla
stratigrafia dei sondaggi.
Vengono in tal senso individuati i seguenti criteri di valutazione:
⇒A: piena congruenza tra il dato geofisico ed interpretazione geologica;
⇒B: parziale congruenza tra il dato geofisico e l’interpretazione geologica;
⇒C: incongruenza tra il dato geofisico e l’interpretazione geologica.

La Regione Toscana autorizzerà il pagamento delle indagini solo se i requisiti di


qualità sopra specificati saranno soddisfatti contestualmente per i risultati in P e
in SH.
Nel caso in cui non si verifichino le suddette condizioni verranno richieste
ulteriori elaborazioni e, se il dato non è in nessun modo utilizzabile, la nuova
acquisizione.

206
„ B.1.6 PROVE DI CARATTERIZZAZIONE BASATE SULLA
PROPAGAZIONE DI ONDE SISMICHE DI SUPERFICIE

Scopo della prova


Lo scopo della prova consiste nel determinare il profilo di rigidezza del sito
tramite la misura della velocità di propagazione delle onde di superficie di
Rayleigh (VR) ed un successivo processo di inversione.

Campo d’applicazione della prova


La prova si applica quando la profondità delle coperture da esplorare è
compresa tra i 10 ed i 50 m presentando una maggiore attendibilità per
profondità indagate inferiori ai 20 m. Si rende necessaria soprattutto quando
interessano dati medi relativi ad ampi volumi di terreno e quando i risultati da
ottenere devono essere di qualità e precisione buone. Per l’esecuzione della
prova è necessaria una superficie pianeggiante più o meno ampia in relazione
alla profondità di indagine.

Ipotesi alla base della prova


Si suppone che il volume di terreno, interessato dalle indagini sia stratificato
orizzontalmente e che all’interno di ogni strato il comportamento del terreno si
possa considerare elastico, omogeneo ed isotropo.

Schema della prova


La prova consiste nel produrre sulla superficie del terreno, in corrispondenza
del sito da investigare, una sollecitazione dinamica verticale in un determinato
campo di frequenze, opportunamente regolabile, e nel registrare le vibrazioni
prodotte, sempre in corrispondenza della superficie, a distanze note e
prefissate.

L'interpretazione dei segnali rilevati e la conseguente stima del profilo di


rigidezza può scomporsi in due fasi fondamentali:
• Deduzione della curva di dispersione (velocità di fase delle onde di Rayleigh
in funzione della frequenza) caratteristica del sito in esame
• Processo di inversione, finalizzato ad ottenere partendo dalla curva suddetta
una stima del profilo di rigidezza ad essa associato

Ai fini di questa prova, di tutte le componenti di moto prodotte nel terreno dalla
sorgente, interessano quelle che si trasmettono lungo la superficie (onde
superficiali) e di queste quelle di Rayleigh, polarizzate sul piano verticale e
caratterizzate sia da componenti longitudinali che trasversali. Tali onde si
propagano lungo fronti d’onda cilindrici, coassiali rispetto alla sorgente, con
1
attenuazione proporzionale a (dove r è la distanza dalla sorgente) inferiore
r

207
1
all’attenuazione delle onde di volume (proporzionale invece a ) e perciò già a
r
distanze non molto grandi le onde di superficie tendono a prevalere nettamente
su quelle di volume.

La componente verticale del moto indotta dalle onde di Rayleigh è


predominante su quella orizzontale e si attenua con la profondità rapidamente
fino a diventare insignificante ad una quota di poco superiore alla lunghezza
d’onda λ della sollecitazione indotta. Perciò per indagare profondità sempre
maggiori e ricavare la velocità caratteristica delle onde di Rayleigh è opportuno
aumentare progressivamente la lunghezza d’onda della sollecitazione prodotta
dalla sorgente, costruendo così una curva in cui sia riportata al variare della
lunghezza d’onda λ, e quindi della profondità investigata, la velocità delle onde
di Rayleigh calcolata (curva di dispersione).

La velocità VR risulta sperimentalmente assai prossima a quella delle onde di


taglio VS (variando in funzione del coefficiente di Poisson tra 0.86 e 0.95),
tramite la quale si possono ricavare le caratteristiche meccaniche del terreno
per mezzo delle relazioni precedentemente citate.

Apparecchiatura
L’apparecchiatura utilizzata per questo tipo di prove si deve comporre delle
seguenti parti:
− sistema sorgente
− sistema di ricezione
− sistema di acquisizione dati

Sorgente. La sorgente sismica deve essere di tipo meccanico, a impulsi


transitori e varia a seconda del campo di lunghezze d’onda da generare e
quindi delle profondità da investigare: si passa da martelli di massa modesta
(compresa tra 50 e 500 g), in grado di produrre onde di lunghezza ridotta e
quindi con elevato contenuto in frequenza, a elementi di massa notevole
(compresi tra 2 e 3 t) fatti cadere da un camion o da una benna da altezze
comprese tra 2 e 3 m.
In ogni caso è opportuno verificare ogni volta sperimentalmente il tipo di
sorgente da adottare in funzione della quantità di energia da produrre, del
campo di frequenze da eccitare e delle condizioni della superficie del deposito.

Sistema di ricezione. Tale sistema si compone di almeno due ricevitori


verticali (trasduttori di velocità). I trasduttori devono possedere appropriate
caratteristiche di frequenza e sensitività tali da potere ricevere in maniera
adeguata il treno d’onde prodotto dalla sorgente e vanno quindi selezionati in
funzione della banda di frequenza che si intende acquisire (generalmente

208
compresa tra 1 Hz e 10 Hz). La risposta in frequenza dei trasduttori non deve
variare più del 5% su un campo di frequenze compreso tra metà e due volte la
frequenza predominante del treno d’onde che si propaga all’interno del mezzo.

Sistema di acquisizione dati. Si tratta di un sistema multicanale in grado di


registrare su ciascun canale in forma digitale le forme d’onda e di conservarle
su memoria di massa. Esso è collegato a ciascuno dei trasduttori di velocità e
consente quindi di registrare in forma numerica e visualizzare come forme
d’onda su un apposito monitor le vibrazioni così come rilevate ai trasduttori dei
ricevitori.

Modalità di presentazione dei risultati


In questo tipo di prova è fondamentale fornire non solo il risultato finale, la
velocità delle onde S, ma anche il dato grezzo che è stato misurato dai
trasduttori dei ricevitori e il criterio di elaborazione e interpretazione adottato.

Quindi questo tipo di prova deve essere accompagnato da una relazione


comprendente:
− l’ubicazione della verticale d’esplorazione (espressa in termini di coordinate
planimetriche e altimetriche e riportata su un’apposita Carta in scala
1:2.000);
− la posizione, rispetto alla verticale, dei ricevitori e della sorgente,
specificando i successivi interassi adottati tra i ricevitori durante al prova;
− la descrizione della strumentazione adottata;
− i segnali registrati dai ricevitori, specificando l’interasse corrispondente tra i
ricevitori e la posizione della sorgente; i segnali dovranno essere disponibili
sia in forma cartacea, come grafici in cui sull’asse delle ascisse sia riportato
il tempo (in ms) e sull’asse delle ordinate il segnale (in mV), sia in forma
numerica su floppy disk;
− il criterio di elaborazione adottato per il calcolo delle velocità;
− la curva di dispersione;
− il diagramma che riporta le velocità delle onde di taglio calcolate (in m/s)
sull’asse delle ascisse in funzione della profondità (in m) sull’asse delle
ordinate.

209
„ B.1.6.1 Prova «Spectral Analysis Surface Wave» (SASW)

Modalità di esecuzione della prova


Per una migliore e più corretta acquisizione dei dati la configurazione
geometrica più vantaggiosa consiste nel disporre la sorgente e i ricevitori in
modo che risultino allineati ed equidistanti tra loro, con i due ricevitori dalla
stessa parte rispetto alla sorgente (common receivers midpoint geometry).

PLANIMETRIA

2 1 S
X D

ANALIZZATORE
SPETTRALE
Input

Sorgente
Ricevitori sismica

SEZIONE
TRASVERSALE
Percorso delle onde superficiali

FigureB1.6a Schema della prova SASW

Una volta fissata la posizione della verticale da investigare la prova si sviluppa


secondo le seguenti fasi:
1. Viene preparato il sistema di acquisizione dei dati, collegando separatamente

210
ai canali del sistema i trasduttori di ogni singolo ricevitore.
2. I due ricevitori vengono collocati ad asse verticale simmetricamente rispetto
alla verticale d’indagine e a breve distanza (X = 1 m).
3. Viene attivata la registrazione delle vibrazioni rilevate dai trasduttori che
costituiscono i ricevitori con un opportuno anticipo rispetto all’attivazione
della sorgente.
4. Viene attivata la sorgente, allineata e da una parte rispetto ai ricevitori e ad
una distanza pari a quella esistente tra i ricevitori, X.
5. Le vibrazioni prodotte vengono registrate dai trasduttori e la prova viene
ripetuta più volte in modo da disporre di più registrazioni, che mediate
consentono di ridurre i rumori di fondo eventualmente presenti.
6. La sorgente viene spostata in posizione diametralmente opposta rispetto ai
ricevitori, che invece rimangono fissi (inversione della sorgente) e la prova
viene ripetuta (punti 3-4-5).
7. L’intera procedura sperimentale viene ripetuta cambiando la sorgente in
modo da produrre onde di lunghezza maggiore e adeguando alla ricezione i
ricevitori, i quali devono essere allontanati (aumentando l’interasse X) per
migliorare la ricezione e ridurre l’eventuale interferenza tra le diverse onde
trasmesse.

Determinazione delle velocità


Per determinare la velocità di propagazione delle onde sismiche con la tecnica
SASW si ricorre al metodo della cross-correlazione nel dominio della frequenza,
sfruttando quindi la presenza di due ricevitori.

La funzione di cross-correlazione, associata a due segnali h(t) e g(t) registrati


dai due ricevitori relativamente allo stesso impulso-sorgente, è una funzione del
ritardo τ, ottenuta integrando, nel dominio del tempo, il prodotto tra il segnale
registrato dal ricevitore più lontano, h(t), e il segnale registrato dal ricevitore più
vicino, ritardato però di un tempo τ:
+∞ (B.9)
CC (τ ) = ∫ h (t ) ⋅ g (t − τ ) ⋅ dt
−∞

Il valore di τ per cui tale integrale assume valore massimo rappresenta anche il
valore per cui le funzioni h(t) e G(t-τ) sono più simili e perciò si assume come
tempo di ritardo esistente tra i due ricevitori nella registrazione dello stesso
impulso sorgente, nonché tempo di propagazione delle onde sismiche tra i due
ricevitori.
Anziché ricavare direttamente tale funzione, si preferisce calcolare la sua
trasformata di Fourier nel dominio della frequenza f, CS(f), detta anche spettro
di cross-correlazione e dato dal prodotto della trasformata del segnale registrato
dal ricevitore più vicino, G(f), e dal complesso coniugato della trasformata del
segnale registrato dal ricevitore più lontano, H(f):
CS ( f ) = G ( f ) ⋅ H ( f ) (B.10)

211
Quindi si considera l’angolo di fase Φ(f), espresso in gradi, dello spettro di
cross-correlazione e si ricava, come funzione della frequenza f, il tempo di
viaggio delle onde sismiche tra i due ricevitori, t(f), e, nota la distanza d, anche
la velocità:
Φ( f ) (B.11)
t( f ) =
360 ⋅ f
d (B.12)
v( f ) =
t( f )

Quindi si considera l’intervallo di frequenza all’interno del quale la coerenza


dello spettro di correlazione è assai prossima ad 1, e si assumono come valori
accettabili della velocità v(f) quelli corrispondenti a tale campo di frequenza,
considerandone una media.

La velocità delle onde di Rayleigh VR può anche essere rappresentata in termini


di lunghezza d’onda LR:
VR ( f ) (B.13)
LR =
f
ottenendo la cosiddetta curva di dispersione.
Una stima approssimata del profilo delle velocità delle onde S, VS può essere
ottenuta assumendo che VR/VS ≅ 0.92 e che la profondità corrispondente a
ciascuna valore di velocità VR(LR) sia pari a 1/2 ÷ 1/3 la corrispondente
lunghezza d’onda. Tale stima può considerarsi valida nel caso di mezzi
stratificati aventi rigidezza crescente con la profondità, ma in generale è
richiesto un processo di inversione più accurato, basato su metodi di
simulazione della propagazione delle onde superficiali.

„ B.1.6.2 Prova Multicanale FK

Modalità di prova e di elaborazione


Il procedimento di rilevazione ed interpretazione dei segnali generati dall'azione
di una sorgente di tipo stazionario agente in superficie per ottenere la curva di
dispersione caratteristica del sito sopra delineato, può essere indicato come
metodo a due stazioni perché basato sull'uso di due soli ricevitori.
Fermo restando il criterio di base della caratterizzazione basata sulla
propagazione di onde superficiali, tecniche alternative possono essere utilizzate
per rilevare la propagazione ondosa in sito ed elaborare i relativi segnali per
giungere alla curva di dispersione caratteristica del sito.
Un esempio in tal senso può essere costituito dall'elaborazione simultanea di
più tracce provenienti da un’acquisizione multicanale.

212
1 2 3 n

? ? ?

Figura B1.6 b Schema di acquisizione multicanale

Trasformando le tracce nel dominio frequenza f - numero d’onda k, le coppie f-k


cui corrispondono i massimi spettrali di energia permettono di risalire alla curva
di dispersione mediante la relazione:
f B.14
VR ( f ) =
k
La prova viene eventualmente ripetuta considerando diverse spaziature tra i
ricevitori.
Il procedimento da seguire per l'inversione finalizzata ad ottenere dalla curva di
dispersione la stima del profilo di rigidezza caratteristico del sito è esattamente
identico a quello indicato per la prova SASW.
L'utilizzo di tecniche di analisi multicanale presenta diversi vantaggi rispetto alla
elaborazione dei segnali a coppie, come usualmente avviene nel metodo
SASW, derivanti essenzialmente dall'utilizzo contestuale di dati rilevati in diversi
punti sulla superficie conferisce alla tecnica una notevole robustezza e fornisce
garanzie nei confronti di possibili effetti locali. Proprio tali proprietà consentono
l'abbandono della configurazione di prova basata sulla geometria common
receivers midpoint.

213
214
† B.1.7 PROVA DEL CONO SISMICO
(Seismic Cone Penetration Test)

Scopo della prova


Lo scopo della prova consiste nel determinare la velocità di propagazione delle
onde di volume, di compressione (onde P) e di taglio (onde S), calcolandone il
tempo ad esse necessario per spostarsi tra due o più punti (sorgente e
ricevitori) di cui è nota la distanza.

Campo d’applicazione della prova


La prova del cono sismico si applica quando la profondità delle coperture da
esplorare sono superiori a qualche metro ed è raccomandabile soprattutto
quando i risultati da ottenere devono essere di qualità e precisione da medie a
buone e non si vuole ricorrere a delle indagini eccessivamente costose.

Schema della prova


La prova può essere condotta secondo la procedura Down-hole o secondo la
procedura cross-hole, in entrambi i casi consiste nell’utilizzare un penetrometro
a punta conica, sulla quale viene installato un geofono, che può essere così
condotto all’interno del terreno alle profondità desiderate, senza l’esecuzione e
la preparazione preliminare di uno o più fori. A seconda che la sorgente venga
posizionata sulla superficie del deposito da investigare o venga condotta alla
medesima profondità del ricevitore, utilizzando sempre un penetrometro a punta
conica che proceda nel terreno parallelamente al penetrometro su cui è
installato il ricevitore, la prova SCPT sarà rispettivamente del tipo down-hole o
cross-hole. In linea di massima tutta quella serie di accorgimenti definiti per le
prove cross-hole e down-hole sono validi per il metodo in oggetto.

Prova SCPT Cross-hole


La prova consiste nel produrre all’interno del terreno, ad una profondità nota,
una sollecitazione verticale mediante una sorgente meccanica, e nello studiare
il treno di onde, P e S, che si propagano all’interno del terreno in direzione
orizzontale, con vibrazioni polarizzate nella direzione di propagazione (onde P),
e dirette perpendicolarmente alla direzione di propagazione, polarizzate su un
piano verticale (onde SV), calcolando in particolare, mediante un ricevitore
(geofono) disposto sempre nel terreno, alla medesima profondità, l’istante di
arrivo del treno di onde P e S, rispetto all’istante in cui vengono indotte le
sollecitazioni alla sorgente, in modo che dividendo per tali valori la distanza,
supposta nota, tra sorgente e ricevitore, si possa ricavare la velocità delle onde
P e S.

215
Prova SCPT Down-hole
La prova consiste nel produrre sulla superficie del terreno, sollecitazioni verticali
e orizzontali mediante sorgenti meccaniche, e nello studiare i treni d’onde, P e
S, che si propagano all’interno del terreno alle varie profondità in direzione
verticale, con vibrazioni polarizzate nella direzione di propagazione (onde P), e
dirette perpendicolarmente alla direzione di propagazione, polarizzate su un
piano orizzontale (onde SH), calcolando in particolare, mediante un ricevitore
(geofono) disposto nel terreno, a profondità nota, l’istante di arrivo del treno di
onde P e S, rispetto all’istante in cui vengono indotte le sollecitazioni alla
sorgente, in modo che dividendo per tali valori la distanza, supposta nota, tra
sorgente e ricevitore si possa ricavare la velocità delle onde P e S.

Apparecchiatura
L’apparecchiatura utilizzata per questo tipo di prove si deve comporre delle
seguenti parti:
− sistema sorgente
− sistema di ricezione
− sistema di acquisizione dati
− trigger

Sorgente. La sorgente deve essere di tipo meccanico e in grado di generare


onde elastiche ad alta frequenza ricche di energia, con forme d’onda ripetibili e
direzionali, cioè con la possibilità di ottenere prevalentemente onde di
compressione e/o di taglio polarizzate su piani verticali (per la configurazione
cross-hole) o orizzontali (per la configurazione Down-hole). Nel caso in cui si
adotti la procedura cross-hole è costituita da un’asta a punta conica analoga a
quella utilizzata per le prove penetrometriche statiche, che viene fatta penetrare
nel terreno fino alla profondità desiderata e poi opportunamente sollecitata alla
testa con uno speciale martello; nel caso in cui si adotti la procedura down-hole
la sorgente è costituita da una trave di forma tale da potere essere colpita
lateralmente ad entrambe le estremità con un apposito martello. E’ importante
che la trave venga gravata di un carico statico addizionale in modo che possa
rimanere aderente al terreno sia al momento in cui viene colpita sia
successivamente, affinché l’energia prodotta non venga in parte dispersa.
Con questi dispositivi è possibile generare essenzialmente delle onde elastiche
di taglio che si propaghino verticalmente e polarizzate orizzontalmente, nel caso
della procedura Down-hole, che si propaghino orizzontalmente e polarizzate
verticalmente, nel caso della procedura cross-hole, con possibili distorsioni nella
direzione di propagazione e nella polarizzazione generalmente trascurabili e
con un contributo di onde P anch’esso trascurabile. Inoltre, data l’entità di
energia generalmente prodotta, le deformazioni indotte nel terreno in prossimità
della superficie sono inferiori a 10-2 % e decrescono con la profondità.

216
Sistema di ricezione. Sia nel caso della procedura Down-hole che Cross-hole
tale sistema è composto da un ricevitore, montato su un’asta a punta conica
equivalente a quella utilizzata come sorgente, nel caso della procedura Cross-
hole, che viene fatta penetrare nel terreno fino alla profondità desiderata
(coincidente con quella raggiunta dall’asta sorgente nel caso della procedura
Cross-hole); il ricevitore è costituito da una terna di trasduttori di velocità
orientati secondo le componenti di una terna cartesiana ortonormale e collocati
all’interno di un unico contenitore (preferibilmente di forma cilindrica) di
lunghezza non superiore ai 450 mm, in modo che uno dei tre trasduttori sia
orientato secondo la lunghezza del contenitore (trasduttore verticale) a sua
volta disposto parallelamente rispetto all’asta e gli altri ad esso perpendicolari
(trasduttori orizzontali). I trasduttori devono possedere appropriate
caratteristiche di frequenza e sensitività tali da potere ricevere in maniera
adeguata il treno d’onde prodotto dalla sorgente. La risposta in frequenza dei
trasduttori non deve variare più del 5% su un campo di frequenze compreso tra
metà e due volte la frequenza predominante del treno d’onde che si propaga
all’interno del mezzo (per la procedura Cross-hole si possono anche utilizzare
due ricevitori ad un metro di distanza l’uno dall’altro montati sull’asta del
penetrometro).

Trigger. Il trigger consiste in un circuito elettrico che viene chiuso nell’istante in


cui viene attivata la sorgente (cioè nell’istante in cui il martello colpisce la trave
metallica, nel caso della procedura Down-hole, o l’asta a punta conica, nel caso
della procedura Cross-hole), consentendo a un condensatore di scaricare la
carica precedentemente immagazzinata e la produzione di un impulso della
durata di circa 2.4 s (tale da annullare possibili effetti dovuti ai rimbalzi del
martello) che viene inviato ad un sensore collegato al sistema di acquisizione
dati; in questo modo è possibile individuare e visualizzare l’esatto istante in cui
la sorgente viene attivata e parte la sollecitazione dinamica. L’attivazione del
circuito per individuare l’istante di energizzazione deve, all’atto delle
sollecitazioni ripetute, consentire una differenza di chiusura non superiore a 0.5
msec.

Sistema di acquisizione dati. Si tratta di un sistema multicanale in grado di


registrare su ciascun canale in forma digitale le forme d’onda e di conservarle
su memoria di massa. Esso è collegato a ciascuno dei tre trasduttori di velocità
del ricevitore e al sensore del trigger e consente quindi di registrare in forma
numerica e visualizzare come forme d’onda su un apposito monitor le vibrazioni
così come rilevate dai trasduttori del ricevitore e l’impulso inviato dal trigger.

Modalità di preparazione della prova


Una volta preparati l’asta su cui è montato il geofono e l’asta da utilizzare come
sorgente, nel caso della procedura Cross-hole, o la piastra, fissata alla

217
superficie del terreno, mediante l’applicazione di un carico statico, nel caso
della procedura Down-hole, vengono collegati al sistema di acquisizione i
trasduttori del geofono e del trigger; quindi si procede alla perforazione, in
corrispondenza del sito da investigare, per portare alla profondità desiderata il
ricevitore, e la sorgente nel caso della procedura Cross-hole.
L’attrezzatura utilizzata per la penetrazione (punta conica, dispositivo di spinta,
batteria d’aste che collega il dispositivo di spinta in superficie alla punta conica
in foro) e le modalità d’avanzamento devono essere conformi alle
“Raccomandazioni sulla programmazione ed esecuzione delle indagini
geotecniche” (AGI, 1977).
In particolare il dispositivo di spinta deve esser ancorato in superficie in modo
da non muoversi rispetto al piano di lavoro durante l’infissione e deve essere
posizionato in modo da garantire la verticalità iniziale della spinta sulle aste
cave (deviazione dalla verticale non superiore al 2 %).
Sulla punta conica, di area pari a 10 cm2 per l’asta che ospita il ricevitore e 15
cm2 per l’asta utilizzata come sorgente, nel caso di procedura Cross-hole, deve
essere montato anche un inclinometro che consenta di controllare, ad ogni
successivo avanzamento per raggiungere le profondità di prova, la verticalità
dei fori ed interrompere eventualmente la penetrazione.
Questo tipo di prova può essere eseguita su tutti i tipi di terreno compresi tra
argille e sabbia a grana grossa, mentre si possono incontrare difficoltà per
l’attraversamento di livelli di ghiaia e terreni cementati.

Modalità di esecuzione della prova


Prova SCPT Cross-hole
La prova si sviluppa secondo le seguenti fasi:
1. Le due aste a punta conica vengono fatte penetrare nel terreno, in modo che
procedano parallelamente e ad una distanza (da centro del foro a centro del
foro sulla superficie) compresa tra 3 e 5 m, comunque non superiore per
evitare di rilevare le onde rifratte piuttosto che quelle dirette (preferibilmente
3 m; più di 3 m quando la velocità delle onde S caratteristica del materiale in
esame sia superiore ai 450 m/s, come accade per materiali alluvionali). Dopo
avere raggiunto la profondità non superiore a 1.5 m, si arresta il sistema di
penetrazione collegato alle due aste (sorgente e di ricezione).
2. Viene attivata la registrazione delle vibrazioni con un opportuno anticipo
rispetto all’attivazione della sorgente.
3. Viene attivata la sorgente producendo in testa all’asta con uno speciale
martello una sollecitazione verticale che, attivando il trigger, si propaga
orizzontalmente dalla punta dell’asta sollecitata fino al ricevitore con
vibrazioni di tipo P, quindi polarizzate nella direzione di propagazione, e
vibrazioni, di tipo S, dirette perpendicolarmente alla direzione di
propagazione e polarizzate sul piano verticale. Il tempo di registrazione deve

218
essere tale da consentire la rappresentazione dei treni d’onda nella loro
interezza.
4. Viene ripreso l’avanzamento delle aste fino ad una profondità non superiore
a 1 m e riprodotta la sollecitazione e quindi ripetuta la prova.
5. Raggiunto la profondità massima programmata la prova viene iterata questa
volta sollevando le aste ad intervalli di 2 m.

Figura B1.7.1 – Schema della prova SCPT (Cross-hole)

219
Prova SCPT Down-hole
La prova si sviluppa secondo le seguenti fasi:
1. Dopo avere predisposto un opportuno piano d’appoggio la sorgente viene
collocata sulla superficie in prossimità del punto in cui verrà effettuata la
perforazione ad una distanza dal punto di penetrazione compresa tra 1.5 m e
2.5 m (comunque non superiore per evitare di rilevare le onde rifratte
piuttosto che quelle dirette) e orientata perpendicolarmente al raggio
uscente. Quindi la piastra viene fissata al terreno applicando sulla sua
superficie un carico statico.

Figura B1.7.2 – Schema della prova SCPT (Down-hole)

220
1. Si procede alla penetrazione con l’asta a punta conica fino alla profondità
desiderata (1 m).
2. Per mezzo delle batterie d’aste che collegano la punta conica alla superficie,
si orienta il ricevitore installato sulla punta in modo tale che uno dei
trasduttori orizzontali sia orientato parallelamente all’asse della sorgente
(radiale rispetto al foro) e quindi alla direzione di polarizzazione delle onde S
in modo da massimizzare l’ampiezza di ricezione delle onde SH ai ricevitori.
3. Viene attivata la registrazione delle vibrazioni rilevate da un sensore montato
sulla sorgente e collegato al trigger e dai trasduttori che costituiscono il
ricevitore con un opportuno anticipo rispetto all’attivazione della sorgente.
4. Viene attivata la sorgente colpendola lateralmente e orizzontalmente,
producendo quindi una sollecitazione orizzontale che, attivando il trigger, si
propaga dalla sorgente verso i ricevitori in direzione essenzialmente verticale
con vibrazioni di tipo P, quindi polarizzate nella direzione di propagazione, e
vibrazioni, di tipo S, dirette perpendicolarmente alla direzione di
propagazione e polarizzate sul piano orizzontale. Il tempo di registrazione
deve essere tale da consentire la rappresentazione dei treni d’onda nella loro
interezza.
5. Viene riprodotta la sollecitazione e quindi ripetuta la prova ad una profondità
inferiore di non più di 1 m, riprendendo la penetrazione.
6. Raggiunto la profondità massima programmata la prova viene iterata questa
volta sollevando le aste ad intervalli di 2 m.

Determinazione delle velocità


Per quanto riguarda l’interpretazione dei tracciati registrati durante la prova per
la determinazione della velocità di propagazione delle onde sismiche, esistono
varie tecniche nel dominio del tempo e nel dominio della frequenza; di seguito
verrà illustrata quella più semplice ed immediata, non escludendo però la
possibilità di ricorrere ad altre tecniche purché già collaudate e sperimentate. In
tal caso è necessario che insieme ai risultati della prova venga esplicitamente
dichiarato il metodo adottato per la determinazione delle velocità, nonché i
passi successivi secondo cui è stato applicato e le registrazioni delle vibrazioni,
accoppiate con quella del segnale di trigger, a partire dalle quali sono stati
ricavati i valori di velocità.

Per determinare il tempo di arrivo delle onde P e S ai ricevitori, si procede ad


un’analisi visuale delle registrazioni delle vibrazioni rilevate dai trasduttori del
ricevitore confrontate con il segnale di trigger (i risultati sono analoghi a quelli
riportati in Figura B1.5.2).

In particolare il sensore collegato al pre-trigger inizia a registrare nell’istante t =


0, prima dell’applicazione della sollecitazione che avviene nell’istante t = T,

221
detto zero dei tempi, che è facilmente individuabile sulla registrazione
corrispondendo all’impulso inviato dal trigger; quindi il segnale si suddivide in
due parti: la parte compresa tra gli istanti t = 0 e t = T, rappresentativa di quanto
avviene nel terreno in corrispondenza della sorgente prima dell’applicazione
della sollecitazione, utile per rilevare e eliminare eventuali disturbi ambientali
preesistenti, e la parte successiva all’istante t = T.
Si consideri comunque la possibilità di operare anche senza pretriggering.

Una volta riportato l’istante t=T anche sulle tracce rilevate dal ricevitore, che
iniziano a registrare simultaneamente col trigger nell’istante t = 0, si può
individuare:
− un intervallo [t = T; t = P] in cui il tracciato è completamente piatto o itera
l’andamento rilevato nell’intervallo precedente dovuto ad eventuali disturbi,
rappresentativo del tempo impiegato delle prime onde (P) per arrivare dalla
sorgente al ricevitore
− un intervallo [t = P; t = S], in cui si rilevano oscillazioni di modesta ampiezza
inizialmente crescente e poi decrescente, rappresentativo dell’arrivo al
ricevitore e del successivo smorzamento delle onde P
− un intervallo [t = S; t = F], dove F è l’istante di fine registrazione,
caratterizzato da vibrazione di ampiezza e periodo almeno due volte quella
dell’intervallo precedente, rappresentativo dell’arrivo al ricevitore e del
successivo smorzamento delle onde S

In ogni caso nell’ambito del progetto si operi in tecnica DH con il doppio sistema
di energizzazione , percussione verticale per le onde P, percussione orizzontale
per le onde SH, nelle registrazioni energizzate in verticale si valuterà il primo
arrivo in P, nelle registrazioni energizzate con percussione orizzontale, sottratte
le registrazioni “battuta destra – battuta sisnistra”, il primo arrivo sarà costituito
dalle onde di taglio SH poiché eventuali onde di compressine provocate durante
l’energizzazione tenderanno, con la differenza “battuta destra-battuta sinistra” a
ridursi in ampiezza laddove le SH (che invertono in polarità a seconda e della
direzione di battuta) tenderanno a sommarsi aumentando così di ampiezza.

Si suppone che il percorso di propagazione delle onde, tra sorgente e ricevitore,


sia rettilineo (orizzontale nel caso della procedura Cross-hole e verticale nel
caso della procedura Down-hole), trascurando quindi l’effetto di curvatura
legato al loro percorso, che è comunque modesto essendo limitate le distanze
in gioco in questo tipo di prova.

Dividendo perciò per i tempi d’arrivo la distanza percorsa dalle onde dalla
sorgente al ricevitore si ricava la velocità diretta delle onde S e P.

222
Nel caso della procedura Cross-hole tale distanza è orizzontale ed è pari alla
distanza tra le due aste utilizzate per la penetrazione, nel caso della procedura
Down-hole, poiché le onde sismiche prodotte dalla sorgente non si propagano
esattamente in direzione verticale rispetto al ricevitori, data la posizione della
sorgente, è necessario correggere i tempi di arrivo stimati per tenere conto
dell’inclinazione del percorso effettivo.

In quest’ultimo caso, indicata con z la profondità del ricevitore, con d la distanza


effettiva tra sorgente e ricevitore e con R la distanza superficiale tra sorgente e
centro del foro, con t il tempo determinato dalle tracce di registrazione, il tempo
corretto risulta:
z z (B.15)
t* = t = t
d z +R
2 2

Dividendo la profondità a cui viene collocato il ricevitore per il tempo corretto si


ricavano i valori di velocità in corrispondenza di ciascuna delle profondità
considerate.

E’ anche possibile, sempre nel caso di procedura Down-hole, ricavare le


velocità dividendo la differenza tra due profondità successive per la differenza
tra i tempi determinati in corrispondenza di ciascuna delle profondità
considerate, relativamente a due impulsi successivi (per cui le profondità sono
quelle d’avanzamento della prova e le velocità calcolate si definiscono velocità
di pseudo-intervallo).

E’ chiaro che disponendo di un solo ricevitore, sia che si adotti la procedura


cross-hole, che Down-hole, le misure ottenute non sono precise come quelle
che si otterrebbero con le procedure classiche, in quanto manca la possibilità di
controllare più tracciati per individuare l’esatto istante di primo arrivo delle onde
o per calcolare delle velocità di intervallo da confrontare con quelle dirette o per
applicare il metodo della cross-correlazione.

Modalità di presentazione dei risultati


In questo tipo di prova è fondamentale fornire non solo il risultato finale, cioè la
velocità di propagazione delle onde S e P al variare della profondità, ma anche
il dato grezzo che è stato misurato dai trasduttori dei ricevitori e il criterio di
elaborazione e interpretazione adottato.

Quindi questo tipo di prova deve essere accompagnato da una relazione


comprendente:
− l’interasse adottato tra l’asta-sorgente e l’asta-ricevitore nel caso di prova
Cross-hole, la distanza superficiale tra sorgente e asta-ricevitore nel caso di
prova Down-hole, le profondità raggiunte progressivamente durante la

223
prova, l’ubicazione della verticale d’esplorazione (espressa in termini di
coordinate planimetriche e altimetriche e riportata su un’apposita Carta in
scala 1:2.000);
− l’attrezzatura e le modalità d’avanzamento adottate per la penetrazione;
− eventuali deviazioni dalla verticale dell’asse dei fori, nel caso di procedura
Cross-hole;
− la strumentazione adottata;
− i segnali registrati dai trasduttori del ricevitore e il corrispondente segnale di
trigger, specificando per ciascuno di essi la profondità di prova, la direzione
del trasduttore (verticale o orizzontale); i segnali dovranno essere disponibili
sia in forma cartacea, come grafici in cui sull’asse delle ascisse sia riportato
il tempo (in ms) e sull’asse delle ordinate il segnale (in mV), sia in forma
numerica su floppy disk;
− il criterio di elaborazione adottato per il calcolo delle velocità, riportando, nel
caso di prova Down-hole, sia i tempi d’arrivo originali che quelli corretti;
− il diagramma che riporta le dromocrone e le velocità calcolate (in m/s)
sull’asse delle ascisse in funzione della profondità (in m) sull’asse delle
ordinate.

224
† B.1.8 Metodo “Suspension P-S Velocity Logging”

Scopo della prova


Lo scopo della prova consiste nel determinare la velocità di propagazione delle
onde di volume, di compressione (onde P) e di taglio (onde S), calcolando il
tempo ad esse necessario per spostarsi tra due o più punti (sorgente e ricevitori
alloggiati nello stesso strumento che viene calato all’interno di un foro, come in
Figura B1.8) di cui è nota la distanza.

Campo d’applicazione della prova


Questi tipo di prova si applica quando la profondità delle coperture da esplorare
sono superiori ai 20 m e, data la leggerezza della struttura utilizzata, consente
di raggiungere profondità assai elevate (anche dell’ordine di 2 km), e comunque
nettamente superiori a quelle investigabili con prove Cross-hole o Down-hole e
consente di ottenere risultati di qualità e precisione elevate.
È opportuno spingere la prova fino ad incontrare il bedrock attraversandolo per
uno spessore significativo.

Schema della prova


La prova consiste nel produrre all’interno del terreno, ad una profondità nota,
una sollecitazione mediante una sorgente meccanica, e nello studiare il treno
d’onde, P e S, che si propagano all’interno del terreno in direzione verticale, con
vibrazioni polarizzate nella direzione di propagazione (onde P), e dirette
perpendicolarmente alla direzione di propagazione (onde S).

In particolare viene calcolato, mediante due ricevitori (geofoni) disposti nel


terreno in asse e al di sopra della sorgente, l’istante di arrivo del treno di onde P
e S, rispetto all’istante in cui vengono indotte le sollecitazioni, in modo che
dividendo per tali valori la distanza, supposta nota, tra sorgente e ricevitori, si
possa ricavare la velocità delle onde P e S.

Apparecchiatura
L’apparecchiatura utilizzata per questo tipo di prove si deve comporre delle
seguenti parti:
− sorgente
− sistema di ricezione
− sistema di acquisizione dati
− trigger

Sorgente. La sorgente deve essere di tipo meccanico e in grado di generare


onde elastiche ad alta frequenza ricche di energia, con forme d’onda ripetibili e
direzionali, cioè con la possibilità di ottenere prevalentemente onde di

225
compressione e/o di taglio polarizzate su piani verticali o orizzontali. Tale
sorgente è costituita da un solenoide orizzontale che genera onde di pressione.

Sistema di ricezione. Tale sistema si deve comporre di due ricevitori, collocati


5 m al di sopra della sorgente e a distanza di 1 m l’uno dall’altro. Ciascuno di
tali ricevitori è costituito da una terna di trasduttori di velocità orientati secondo
le componenti di una terna cartesiana ortonormale e collocati all’interno di un
unico contenitore (preferibilmente di forma cilindrica) di lunghezza non
superiore ai 450 mm, in modo che uno dei tre trasduttori sia orientato secondo
la lunghezza del contenitore (trasduttore verticale) e gli altri ad esso
perpendicolari (trasduttori orizzontali). I trasduttori devono possedere
appropriate caratteristiche di frequenza e sensitività tali da potere ricevere in
maniera adeguata il treno d’onde prodotto dalla sorgente. La risposta in
frequenza dei trasduttori non deve variare più del 5% su un campo di frequenze
compreso tra metà e due volte la frequenza predominante del treno d’onde che
si propaga all’interno del mezzo.

Trigger. Il trigger consiste in un circuito elettrico che viene chiuso nell’istante in


cui la sorgente viene attivata, consentendo a un condensatore di scaricare la
carica precedentemente immagazzinata e la produzione di un impulso che
viene inviato ad un sensore collegato al sistema di acquisizione dati; in questo
modo è possibile individuare e visualizza