Sei sulla pagina 1di 20

Pietro Marturano

Il Manuale per l’uso e la


manutenzione delle macchine
Come previsto dall’art. 71, comma 4, punto 2, del decreto legislativo n. 81/2008

Edizioni MEG
Il Manuale per l’uso e la manutenzione delle macchine

DATI CLIENTE
NOME COGNOME / RAGIONE SOCIALE MARIO ROSSI SPA
INDIRIZZO VIALE VIRGILIO 110 – TARANTO TA
TELEFONO / CELLULARE / E-MAIL 339-000-000 / TOPOLINO@libero.it
CF / P.IVA 020304050607
COD. CLIENTE/ COD. COMMESSA 007
RESPONSABILE MARIO ROSSI

DATI MACCHINA
COSTRUTTORE LOLLINI INTERNATIONAL
INDIRIZZO VIA BOLOGNA 133 – 44122 FERRARA
TELEFONO / CELLULARE 0532-1820511 / | | | | | | | | | | | | | | |
E-MAIL info@GPS-Recycling.com
CF / P.IVA |||||||||||||||
TIPO / MODELLO PRESSA OLEODINAMICA PER CARROZZERIE E ROTTAMI FERROSI / MAX-500
N. MATR./FABBRICA - - - - - - / 000000
NOTE / INFO AGGIUNTIVE MACCHINA COSTRUITA E COMMERCIALIZZATA ANTECEDENTEMENTE ALLA PRIMA
DIRETTIVA MACCHINE (1996)
ANNO DI COSTRUZIONE 1993
ANNO COLLAUDO |||||||||||||||
Marcatura CE □ SI - ■ NO
Attrezzatura di lavoro utilizzata esclusivamente da □ SI - ■ NO
personale appositamente formato (patentino)
NORMATIVA DI RIFERIMENTO ART. 69, 70, 71 D.LGS N.81/2008 e Allegato V. direttiva 2006/42/CE e d.lgs.
n.17/2010
REGOLA TECNICA DI RIFERIMENTO □ SI - ■ NO ( - - - - - - - - - - )
NORMA TECNICA APPLICABILE □ SI - ■ NO [rif. Non cogente: UNI EN ISO 16092:2018 che sostituisce la UNI EN
693:2011 (Presse idrauliche)]

Edizioni MEG – Ingegneri dal 1922 Pagina 2


Il Manuale per l’uso e la manutenzione delle macchine

SOMMARIO
Legislazione e Regole tecniche di riferimento ......................................................................................................................... 4
Norme tecniche di riferimento ................................................................................................................................................. 4
Art. 437, Codice penale........................................................................................................................................................... 5
Art. 2087, Codice Civile ........................................................................................................................................................... 5
0.1 - Premessa ....................................................................................................................................................................... 6
1.7.4. Istruzioni () ................................................................................................................................................................... 6
Ragione sociale e indirizzo completo del fabbricante e del suo mandatario .......................................................................... 7
Dati tecnici e identificazione della macchina ........................................................................................................................... 7
Descrizione generale della macchina ...................................................................................................................................... 8
Disegni, i diagrammi, descrizioni, spiegazioni per l'uso, la manutenzione e la riparazione ................................................... 8
Intervalli tra ispezioni .............................................................................................................................................................. 8
Ispezioni e controlli periodici ................................................................................................................................................... 9
Ispezioni da effettuare prima di ogni utilizzo della macchina ................................................................................................. 9
Ispezioni ogni 40 ore di lavoro o settimanali .......................................................................................................................... 9
Ispezioni ogni 500 ore di lavoro o trimestrali ......................................................................................................................... 9
Ispezioni ogni 2000 ore di lavoro o annuali ......................................................................................................................... 10
Postazione di lavoro.............................................................................................................................................................. 12
Uso previsto della macchina e avvertenze ............................................................................................................................ 12
Istruzioni per l'installazione e il montaggio per ridurre il rumore e le vibrazioni prodotti .................................................... 12
Istruzioni per la messa in servizio e l'uso della macchina .................................................................................................... 12
Arresto di emergenza ............................................................................................................................................................ 12
Istruzioni per la formazione degli operatori .......................................................................................................................... 13
Rischi residui e misure di protezione complementari............................................................................................................ 13
Misure di protezione per l’operatore, uso dei dpi ................................................................................................................ 13
Dispositivi di protezione individuale (DPI) da utilizzare durante l’uso della macchina ......................................................... 13
Caratteristiche essenziali degli utensili che possono essere montati sulla macchina ........................................................... 13
Stabilità della macchina ......................................................................................................................................................... 14
Istruzioni per le operazioni di trasporto, movimentazione e stoccaggio. ............................................................................. 14
Istruzioni da seguire in caso di smantellamento e demolizione della macchina ................................................................... 14
Azioni da eseguire in caso di infortunio o avaria .................................................................................................................. 14
Azioni da eseguire in caso di blocco della macchina ............................................................................................................ 15
Operazioni di regolazione e manutenzione........................................................................................................................... 15
Manutenzione preventiva ...................................................................................................................................................... 15
Pezzi di ricambio ................................................................................................................................................................... 15
Altre informazioni per la sicurezza ........................................................................................................................................ 15
Bibliografia essenziale........................................................................................................................................................... 16

Edizioni MEG – Ingegneri dal 1922 Pagina 3


Il Manuale per l’uso e la manutenzione delle macchine

Legislazione e Regole tecniche di riferimento

§ Art. 2087, Codice Civile (Tutela delle condizioni di lavoro);


§ Art. 437, Codice Penale (Omissione di tutele);
§ Direttiva 2006/42/CE (direttiva macchine);
§ Direttiva 2006/95/CE (direttiva bassa tensione);
§ Direttiva 2004/108/CE (direttiva compatibilità elettromagnetica);
§ D.Lgs. n.17/2001 (Attuazione della direttiva macchine)
§ D. Lgs. n. 81/2008 (Testo unico in materia di tutela della salute e della sicurezza);
- artt. 36, 37, 69, 70, 71, 72 e 73 (Obblighi del datore di lavoro);
- Allegato V (Attrezzature di lavoro costruite prima della direttiva macchine)
- Allegato VI (Uso delle attrezzature di lavoro)

Norme tecniche di riferimento

§ UNI-CNR 10011-88 (Costruzioni in acciaio-esecuzione-collaudo-manutenzione)


§ UNI EN ISO 16092:2018 (che sostituisce la UNI EN 693:2011 - Presse idrauliche)
§ UNI EN ISO 12100:2010 (Sicurezza del macchinario - Principi generali di progettazione - Valutazione del rischio …)
§ UNI EN ISO 20607:2019 (Sicurezza del macchinario – Manuale di istruzioni – Principi generali …)
§ UNI EN 294:1993 (Sicurezza del macchinario - Distanze di sicurezza per impedire il raggiungimento di zone pericolose
con gli arti superiori)
§ UNI EN 349:1993 (Sicurezza del macchinario - Distanze di sicurezza per impedire il raggiungimento di zone pericolose
con gli arti inferiori)
§ UNI EN 13850:2017 (che sostituisce la UNI EN 418 - Arresto di emergenza)
§ UNI EN 60204-1 (Sicurezza degli equipaggiamenti elettrici ed elettronici)
§ UNI EN ISO 13849-1/2 (Affidabilità dei sistemi di comando)
§ CEI EN 62061 (Affidabilità dei sistemi di comando – parte elettrica)

Edizioni MEG – Ingegneri dal 1922 Pagina 4


Il Manuale per l’uso e la manutenzione delle macchine

Art. 437, Codice penale


«Chiunque omette di collocare impianti, apparecchi o segnali destinati a prevenire di-
sastri o infortuni sul lavoro, ovvero li rimuove o li danneggia, è punito con la reclu-
sione da sei mesi a cinque anni. Se dal fatto deriva un disastro o un infortunio, la pena
è della reclusione da tre a dieci anni».

Art. 2087, Codice Civile


«L'imprenditore è tenuto ad adottare nell'esercizio dell'impresa le misure che, secondo
la particolarità del lavoro, l'esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l'inte-
grità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro» [Cost. 37, 41].

Edizioni MEG – Ingegneri dal 1922 Pagina 5


Il Manuale per l’uso e la manutenzione delle macchine

0.1 - Premessa
Il presente documento è stato redatto in quanto la macchina a cui si riferisce (pressa idraulica Lollini per carrozzerie e
rottami ferrosi) è una macchina piuttosto datata e l’attuale proprietario non è stato in grado di procurarsi l’originale del
manuale. Pertanto, nelle more di richiedere e ricevere (se possibile) una copia del manuale originale del costruttore
(Lollini), il presente manuale rappresenta il “Manuale di istruzioni” dell'Attrezzatura di lavoro in oggetto e soddisfa i requisiti
di cui all'articolo 71, comma 4, punto 2), del decreto legislativo n. 81/2008, nonché quanto previsto (anche se non
strettamente obbligatorio) dall’allegato I alla direttiva macchine (d.lgs. n.17/2001) in tema di “istruzioni per l’uso” ed
“avvertenze circa i rischi residui” (1). Nell’elaborazione del presente manuale si seguito, per quanto possibile, quanto
previsto dalle Norme UNI EN ISO 12100:2010 e UNI EN ISO 20607:2019.
Il presente manuale rispecchia lo stato dell’arte al momento del sopralluogo da parte del tecnico, ed esso non potrà essere
considerato inadeguato, solo perché successivamente potrebbe essere aggiornato, ovvero il proprietario rintracci il
manuale di uso e manutenzione originale del costruttore.

Le istruzioni riportate in questo manuale non sostituiscono o modificano gli obblighi di sicurezza e sa-
lute sui luoghi di lavoro cui il proprietario e l’utilizzatore sono tenuti ad osservare e di cui alla legisla-
zione vigente ma ne costituiscono una necessaria integrazione relativa alla particolarità della macchina

Le responsabilità dell’operatore non sono mai annullate o diminuite per il fatto che la macchina è dotata di dispositivi di sicurezza.
Deve sempre essere evitato ogni eccesso di confidenza che possa condurre ad una riduzione dell’attenzione durante l’uso. I
dispositivi di sicurezza possono assistere ma non governare il funzionamento di una macchina, essi possono essere di tipo
meccanico, elettrico od elettronico o una combinazione di questi, e sono sempre soggetti a possibili guasti sia ad essere usati
impropriamente (o eventualmente anche ad essere esclusi volontariamente o inavvertitamente).
In definitiva, l’operatore è l’unico soggetto responsabile della sicurezza (propria e di chi lo circonda) e per questo motivo egli
deve sempre agire professionalmente seguendo meticolosamente le procedure di sicurezza, le norme di sicurezza e tutte le
relative disposizioni, senza eccezioni e senza effettuare personali valutazioni sulla validità o meno di tali misure.

ATTENZIONE
La mancata osservanza anche di una sola disposizione di sicurezza può
causare incidenti a persone o cose e danni alla macchina

1.7.4. Istruzioni (2)


Un adeguato livello di sicurezza durante il lavoro è indispensabile per evitare danni a se stessi e gli altri. E’ pertanto
indispensabile seguire pedissequamente le presenti istruzioni ed in particolar modo le avvertenze presenti che forniscono
istruzioni basilare per l’uso in sicurezza del macchinario nonché sulle operazioni di manutenzione ordinaria, periodica e
straordinaria necessarie per il buon funzionamento della macchina.
Le presenti istruzioni sono redatte in lingua italiana e accompagnano la macchina (facendone parte integrante). Esse de-
vono essere considerate come "Istruzioni originali" e non sono una traduzione da altra lingua.
Le presenti istruzioni sono state elaborate (per quanto possibile) secondo i principi elencati ai punti 1.7.4.1. e seguenti
dell’allegato I al decreto legislativo n.17/2001 (direttiva macchine).

1 Il riferimento alla direttiva macchine non è obbligatorio in quanto la pressa è stata costruita molto prima della sua pubblicazione.
2 I numeri di paragrafo corrispondono a quelli dell’allegato I al decreto n.17/2001.

Edizioni MEG – Ingegneri dal 1922 Pagina 6


Il Manuale per l’uso e la manutenzione delle macchine

In particolare, il contenuto delle presenti istruzioni non riguarda soltanto l'uso previsto della macchina (modalità prevedibile
di utilizzo della macchina da parte dell’operatore, ovvero la macchina viene utilizzata dall’operatore per gli scopi per cui è
stata progettata e costruita), ma tengono conto anche dell'uso scorretto ragionevolmente prevedibile.
Pur essendo questa una macchina non destinata all'utilizzazione da parte di operatori non professionali, la redazione e la
presentazione delle presenti istruzioni tengono conto del livello di formazione generale e della perspicacia che ci si può
ragionevolmente aspettare da questi operatori.

L’utilizzo delle informazioni presenti in questo manuale devono essere seguite


obbligatoriamente da parte del proprietario e utilizzatore della macchina

Ragione sociale e indirizzo completo del fabbricante e del suo mandatario


COSTRUTTORE LOLLINI INTERNATIONAL
INDIRIZZO VIA BOLOGNA 133 – 44122 FERRARA
TELEFONO / CELLULARE 0532-1820511 / | | | | | | | | | | | | | | |
E-MAIL info@GPS-Recycling.com

Dati tecnici e identificazione della macchina


COSTRUTTORE LOLLINI INTERNATIONAL
Indirizzo via Bologna 133 – 44122 Ferrara
Telefono / Cellulare 0532-1820511 / | | | | | | | | | | | | | | |
E-Mail info@gps-recycling.com
Cf / P.Iva |||||||||||||||
Tipo / Modello Pressa oleodinamica di tipo ad installazione fissa per carrozzerie e rottami ferrosi
/ max-500
N.ro di Fabbrica 2060
Motore SAME – DIESEL 6 CILINDRI – 130 CV
Note Macchina costruita e commercializzata antecedentemente alla prima direttiva
macchine (1996)
Pompa Olio a giranti semplice
Tubazioni Olio rigide e flessibili pmax di collaudo min 300 bar
Anno di Costruzione 1993
Peso Totale Macchina 28.000 Kg
Dimensioni Cassa – Larghezza Totale Macchina 4 x 2 m – 2,5 m
Dimensione prodotto pressato in uscita 0,60 x 0,60 x 0,80 m (0,288 m3)
Carico massimo di materiale ferroso da pressare 2250 kg
Peso medio prodotto pressato in uscita 2000 kg
Marcatura CE □ SI - ■ NO
Attrezzatura di lavoro utilizzata esclusivamente da □ SI - ■ NO
personale appositamente formato (patentino) in ogni caso valgono gli obblighi di formazione e informazione di cui agli artt. 36
e 37 del decreto 81/08
normativa di riferimento Artt. 69, 70, 71 D.LGS n.81/2008
Allegato V D.LGS n.81/2008
Allegato VI D.LGS n.81/2008

Edizioni MEG – Ingegneri dal 1922 Pagina 7


Il Manuale per l’uso e la manutenzione delle macchine

direttiva 2006/42/CE e d.lgs. n.17/2010 (in quanto applicabile)


regola tecnica di riferimento □ SI - ■ NO ( - - - - - - - - - - )
norma tecnica applicabile □ SI - ■ NO [rif. Non cogente: UNI EN ISO 16092:2018 che sostituisce la UNI EN
693:2011 (Presse idrauliche)]
Olio impianto idraulico Marca _ _ _ _ _ _ _ _ _ Tipo _ _ _ _ _ _ _ Grad. _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Pompa idraulica Marca _ _ _ _ _ _ _ _ _ Tipo _ _ _ _ _ _ _ Cilind. _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Presa di Forza (PTO) Marca _ _ _ _ _ _ _ _ _ Tipo _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _
Minimo regime motore per l’uso della macchina 1600-1800 RPM

Eventuali modifiche, adeguamenti o altro che venissero apportate alla macchina in data successiva al
presente manuale ne inficiano la validità. In tal caso si dovrà eseguire un
aggiornamento del presente documento

Descrizione generale della macchina


Pressa di tipo fisso con 5 + 3 pistoni oleodinamici, tubazioni oleodinamiche da 300 bar, idonea alla pressatura di carroz-
zerie di autoveicoli e rottami ferrosi. Cassa di caricamento dimensioni 4 x 2 m e compressa 0,60 x 0,80 m.

Disegni, i diagrammi, descrizioni, spiegazioni per l'uso, la manutenzione e la riparazione

La cassa per la pressatura può essere caricata dall’alto per mezzo di un apparecchio di sollevamento ausiliario, ovvero
autonomamente se è possibile inserire il carico sulle piastre laterali. La manutenzione deve essere effettuata come appresso
riportato.

ATTENZIONE:
il superamento dei carichi massimi previsti per la pressatura può portare a
danneggiamenti strutturali ed anche al ribaltamento della macchina

Intervalli tra ispezioni


Le ispezioni periodiche di tutte le attrezzature di lavoro devono essere effettuate come previsto nel manuale d'uso e
manutenzione del costruttore. In sua assenza, secondo quanto riportato nelle norme tecniche e nelle buone prassi.

Edizioni MEG – Ingegneri dal 1922 Pagina 8


Il Manuale per l’uso e la manutenzione delle macchine

La periodicità di tali ispezioni è comunque relazionata alle ore di funzionamento ed alle condizioni di lavoro.
Una ispezione deve essere effettuata almeno una volta l'anno per tutte le tipologie di macchine ed indipendentemente
dall'uso e dall'ambiente di lavoro.
Nelle pagine seguenti devono essere riportate – a cura del responsabile della manutenzione della macchina (responsabile
dell'apparecchio) – le operazioni di controllo e di manutenzione.
I controlli devono essere effettuati periodicamente ad intervalli di tempo prestabiliti, ovvero in funzione delle ore di lavoro
della macchina ed in considerazione del particolare ambiente di lavoro.
Tutte le operazioni di manutenzione (ordinaria e straordinaria) devono essere trascritte con l'indicazione della specifica
operazione eseguita, della data, delle ore di lavoro e di chi le ha effettuate (operatore, officina autorizzata, costruttore).

Le responsabilità sul corretto uso e sulla corretta manutenzione dell'apparecchio ricadono esclusivamente sul
proprietario/utilizzatore.

Ispezioni e controlli periodici


In riferimento al manuale d'uso e manutenzione del costruttore, ed allo scopo di assicurare nel tempo il funzionamento
della macchina in piena sicurezza, è necessario effettuare le operazioni di controllo e di ispezione ivi previste.
Ciò assicura che eventuali difetti o irregolarità siano prontamente sanati al fine di mantenere nel tempo le condizioni di
sicurezza previste dal costruttore ed obbligatorie per legge ai sensi del d.lgs. n.81/2008 in tema di salute e sicurezza sui
luoghi di lavoro.
Le ispezioni ed i controlli devono essere predisposti dal proprietario/utilizzatore e le eventuali prescrizioni devono essere
sanate nei tempi prescritti.

Ispezioni da effettuare prima di ogni utilizzo della macchina


L'operatore - prima di cominciare il lavoro con la macchina - deve effettuare almeno i seguenti controlli:

§ presenza targhe di portata


§ presenza pittogrammi di manovra su leve di comando
§ funzionamento dispositivo di arresto di emergenza (STOP)
§ controllo livello olio serbatoio impianto oleodinamico e motore termico
§ presenza in cabina delle istruzioni ed avvertenze
§ presenza del manuale di uso e manutenzione

Ispezioni ogni 40 ore di lavoro o settimanali


Ogni 40 (quaranta) ore di lavoro ovvero ogni settimana (indipendentemente dalle ore di lavoro) devono essere effettuati i
seguenti controlli:

§ verifica dispositivi di sicurezza


§ verifica livelli olio motore e impianto oleodinamico
§ verifica (a vista) componenti circuito oleodinamico e tubazioni flessibili, perdite olio, ecc…
§ verifica funzionamento leve comandi e deviatori, PTO
§ verifica a vista serraggio tiranti e bulloni
§ verifica a vista pulizia filtri
§ verifica a vista ingrassaggio articolazioni
§ verifica a vista ingrassaggio elementi rotanti, rumore eccessivo, ecc…

Ispezioni ogni 500 ore di lavoro o trimestrali


Ogni 500 (cinquecento) ore di lavoro ovvero ogni 3 (tre) mesi (indipendentemente dalle ore di lavoro) devono essere
effettuati i seguenti controlli ed interventi:

Edizioni MEG – Ingegneri dal 1922 Pagina 9


Il Manuale per l’uso e la manutenzione delle macchine

§ prova di funzionamento dispositivi di sicurezza


§ verifica a vista livelli di olio motore e impianto oleodinamico livelli olio
§ verifica a vista componenti circuito oleodinamico, tubazioni flessibili, ecc…
§ verifica a vista e prove di funzionamento leve comandi e deviatori, PTO
§ verifica a vista serraggio tiranti e bulloni
§ verifica pulizia filtri. Se del caso pulire o sostituire
§ verifica ingrassaggio articolazioni, rumorosità eccessiva, ecc…

Ispezioni ogni 2000 ore di lavoro o annuali


Ogni 2000 (duemila) ore di lavoro ovvero ogni anno (indipendentemente dalle ore di lavoro) devono essere effettuati i
seguenti controlli ed interventi:

§ prova di funzionamento dispositivi di sicurezza


§ verifica a vista livelli di olio motore e impianto oleodinamico livelli olio
§ verifica a vista componenti circuito oleodinamico, tubazioni flessibili, ecc…
§ verifica a vista e prove di funzionamento leve comandi e deviatori, PTO
§ verifica a vista serraggio tiranti e bulloni
§ verifica pulizia filtri. Se del caso pulire o sostituire
§ verifica ingrassaggio articolazioni, perni, rumorosità eccessiva, ecc…
§ sostituzione completa olio impianto oleodinamico e motore termico
§ controllo a vista saldature e strutture metalliche

Verificare il corretto funzionamento dei comandi e delle leve di comando (elettrici e idraulici), il corretto ritorno a zero della
leva, la gradualità delle manovre e le relative velocità operative. Se si riscontra un funzionamento anomalo rivolgersi
immediatamente ad un centro di assistenza autorizzato.

L’ingrassaggio dei perni di incernieramento deve essere effettuato per mezzo gli appositi ingrassatori (se esistenti). Per il
tipo di olio per l’impianto oleodinamico e per il grasso da utilizzare per le lubrificazioni perni e cuscinetti fare riferimento
alla seguente tabella:
GRASSO OLIO
NILS NILEX EP1 AGIP ARNICA 46
ESSO INVALOR EP 46 AGIP OSO 32 - 46
TOTAL EQUIVIS ZS 46 TAMOIL TAMHYDRO (serie)
SHELL TELLUS SX 46 MOBIL NUTO – SERIE H
MOBIL DTE 15 CASTROL ANVOL WG

Per la lubrificazione del motore fare riferimento al manuale di uso e manutenzione del costruttore

Il controllo a vista delle strutture metalliche e delle saldature (controllo annuale) può essere effettuato dallo stesso
proprietario o suo tecnico competente delegato. In ogni caso, è consigliato di far eseguire tali verifiche ad un ingegnere
esperto ed abilitato ai controlli non distruttivi (CND) di livello non inferiore al secondo (ai sensi della norma internazionale
UNI-EN-ISO 9712) nonché certificato Welding Inspector per le saldature.

Nota importante
È fatto obbligo al proprietario ed all’utilizzatore di attenersi sempre e scrupolosamente alle norme sulla prevenzione
infortuni con particolare riferimento al Titolo III (uso delle attrezzature di lavoro), art. 71 ed Allegato VI del D.Lgs.
n.81/2008.

Edizioni MEG – Ingegneri dal 1922 Pagina 10


Il Manuale per l’uso e la manutenzione delle macchine

Le tubazioni oleodinamiche di tipo flessibile ogni dieci anni devono essere sostituite, indipendentemente dal loro stato di
usura.

TABELLA COPPIE DI SERRAGGIO BULLONERIA


(N*m)
Classe Bullone
Diametro Nominale 8.8 10.9 12.9
(mm)
5 5 7 8
6 8 12 14
8 20 29 35
10 40 60 70
12 70 100 120
14 110 160 190
16 170 250 300
18 240 350 410
20 340 500 580
22 460 680 800
24 580 860 1000
27 860 1270 1490
30 1170 1720 2010
33 1590 2340 2740
36 2040 3000 3520
39 2660 3900 4570

TABELLA COPPIE DI SERRAGGIO RACCORDI E TUBAZIONI

RACCORDI-TUBAZIONI 24° - DIN 3861 RACCORDI-TUBAZIONI 60° - BSP


Diametro esterno Filettatura Coppia Diametro esterno Filettatura Coppia
Serie SP (N*m) (mm) (inch) (N*m)
6 12 x 1,5 13-15 5 3/16 1/8 12-14
8 14 x 1,5 15-18 6 1/4 1/4 14-16
10 16 x 1,5 25-28 10 3/8 3/8 25-28
12 18 x 1,5 27-30 12 1/2 1/2 45-60
Leggera (L)
15 22 x 1,5 50-60 16 5/8 5/8 55-70
18 26 x 1,5 60-75 20 3/4 3/4 90-110
22 30 x 2,0 85-105 25 1 1 120-140
28 36 x 2,0 120-140 32 1-1/4 1-1/4 170-190
6 14 x 1,5 14-16 38 1-1/2 1-1/2 200-245
8 16 x 1,5 25-28
10 18 x 1,5 27-30
12 20 x 1,5 43-54
Pesante (S)
14 22 x 1,5 50-62
16 24 x 1,5 60-75
20 30 x 2,0 90-110
25 36 x 2,0 125-145

Edizioni MEG – Ingegneri dal 1922 Pagina 11


Il Manuale per l’uso e la manutenzione delle macchine

Postazione di lavoro
il manovratore della pressa opera dalla cabina protetta che è presente a bordo macchina. L’accesso alla cabina avviene a
mezzo di una scala metallica poggiata a terra e saldamente ancorata al piano di sbarco della cabina stessa. Nella cabina vi
è un seggiolino, quindi l’operatore può lavorare anche in posizione seduta e dal posto di comando egli ha la visuale completa
della macchina e del suo funzionamento.

Uso previsto della macchina e avvertenze


La macchina è stata progettata e realizzata per la pressatura di rottami metallici e carrozzerie di autoveicoli da rottamare.
La velocità di movimento dei pezzi meccanici è molto bassa (dell’ordine del cm/s) e pertanto non sono rilevabili rischi di
schiacciamento sia per l’operatore che per eventuali operatori nelle vicinanze della macchina stessa.
La pressa non deve essere utilizzata per la pressatura di altro tipo di materiali ovvero per usi non previsti nel presente
manuale.

Prima di procedere con le operazioni di carico e di pressatura del materiale verificare sempre l’assenza di materiali infiam-
mabili o esplosivi (serbatoi di carburante, bombole di gas o di aria compressa, ecc…) che potrebbero esplodere o incen-
diarsi durante le fasi di pressatura e causare rischi elevati per l’operatore o per le persone nelle vicinanze della pressa.

Non è previsto l’uso della macchina con funzionamento in automatico. È quindi sempre prevista la presenza di almeno un
operatore (si consiglia di utilizzare due operatori, uno con funzioni di supervisore).

Istruzioni per l'installazione e il montaggio per ridurre il rumore e le vibrazioni prodotti


La pressa in esercizio non produce rumori superiori a 40-45 dB. L’unica fonte di rumore maggiore è rappresentata dal
funzionamento del motore diesel che in uso può raggiungere gli 80-85 dB. Al fine di ridurre questa fonte di rumore e le
vibrazioni prodotte dallo stesso motore, si consiglia di installarlo su basamento con interposizione di materiale antivibrante
(es. strato in polipropilene ad alta densità) e di proteggerlo con barriere antirumore per la propagazione aerea.

Istruzioni per la messa in servizio e l'uso della macchina


La messa in servizio della macchina non comporta particolari formalità, fatte salve quelle previste dalla vigente legislazione
nazionale in tema di sicurezza e salute dei lavoratori.

È vietato eseguire operazioni di pressatura con presenza di persone a bordo macchina


(con l’esclusione dell’operatore in cabina)

Non utilizzare mai la macchina in caso di pioggia, temporale o condizioni climatiche avverse (se installata all’aperto).
Non abbandonare mai la macchina con motore acceso.

Arresto di emergenza
La macchina è dotata di un pulsante di arresto di emergenza di colore rosso su fondo giallo (fungo di emergenza) che se
premuto blocca il macchinario e si pone in posizione autoritenuta di sicurezza in modo tale che il riavvio della macchina non
potrà avvenire se non con ina azione di tipo volontario.
In presenza di qualsiasi anomalia, rumore anomalo, o in qualsiasi caso di pericolo arrestare immediatamente la macchina
spingendo il tasto di STOP. La sua pressione provoca l’arresto immediato della macchina, l’arresto del motore termico e
l’attivazione del segnale acustico. Per riavviare la macchina sbloccare il pulsante a fungo (di colore rosso) ruotando la parte
superiore. Prima di riavviare la macchina, assicurarsi che siano cessate le condizioni di pericolo o anomalia.

Con il motore endotermico spento, la macchina non è in grado di lavorare (non è presente elettropompa di riserva).

Edizioni MEG – Ingegneri dal 1922 Pagina 12


Il Manuale per l’uso e la manutenzione delle macchine

Istruzioni per la formazione degli operatori


Gli operatori potranno essere formati ed istruiti all’uso della pressa direttamente contattando il costruttore ovvero anche
leggendo il presente manuale.
La formazione dovrà riguardare nello specifico l’uso normale, l’uso scorretto ragionevolmente prevedibile, i guasti e le
misure per risolvere i guasti, le operazioni da compiere in caso di blocco della macchina, i limiti di uso, gli usi non consentiti,
i rischi ai quali sono esposti gli operatori, le misure di prevenzione e protezione per gli operatori, i dispositivi di protezione
personale da utilizzare, la manutenzione ordinaria e straordinaria, le verifiche periodiche, le norma di sicurezza da rispet-
tare. Per l’utilizzo della macchina è obbligatorio che gli operatori:
§ siano in perfette condizioni fisiche (no alcol, no sostanze)
§ siano adeguatamente addestrati all’uso da parte del datore di lavoro
§ abbiano letto e compreso il presente manuale (con verifica e responsabilità a carico del datore di lavoro)
§ abbiano letto e compreso le istruzioni presenti sulla macchina (con verifica e responsabilità a carico del datore di
lavoro)
L’operatore deve accertarsi che tutti coloro che lavorano con lui siano consapevoli dei rischi connessi al funzionamento
della macchina e conseguentemente istruiti.
L’operatore deve essere in ogni momento consapevole della sua responsabilità anche nei confronti dei colleghi attorno alla
macchina.

Rischi residui e misure di protezione complementari


Azionamento brutale delle leve di comando – Rischio di movimenti anomali od oscillazioni della macchina
Agire sulle leve di comando con dolcezza e gradualità.

Operazioni di pressatura di autoveicoli, contenitori in pressione, serbatoi carburanti liquidi o gassosi - Rischio esplosioni o
incendi
Verificare l’assenza di tali materiali o sostanze prima di procedere alle operazioni di pressatura.

Motore termico e impianto di scarico gas combusti – Rischio asfissia, rischio intossicazione, rischio scottature
Non utilizzare la pressa in locali chiusi, prevedere idonea ventilazione in caso di installazione al coperto. Non sostare in
prossimità degli scarichi. Prevedere barriere di protezione per motore e scarichi.

Le misure per contenere ulteriormente tali rischi sono rappresentate da:


- uso della macchina unicamente da parte delle persone autorizzate, formate ed istruite;
- divieto di uso da parte di personale non autorizzate, formate ed istruite;
- divieto alle persone non autorizzate di avvicinarsi alla macchina durante l’uso;
- apposizione di idonea cartellonistica di sicurezza riportante gli obblighi ed i divieti di cui sopra.

Misure di protezione per l’operatore, uso dei dpi


- non utilizzare la pressa se non si conoscono le materie caricate;
- controllare l’assenza di serbatoi di aria compressa, gas, ecc… prima di procedere alle operazioni di pressatura;
- prima di procedere alle operazioni di pressatura assicurarsi di aver completamente svuotato eventuali serbatoi
di carburante (si consiglia la loro completa rimozione prima di caricare la pressa).

Dispositivi di protezione individuale (DPI) da utilizzare durante l’uso della macchina


- guanti, occhiali, otoprotettori, scarpe di sicurezza.

Caratteristiche essenziali degli utensili che possono essere montati sulla macchina
Non sono previsti utensili da montare.

Edizioni MEG – Ingegneri dal 1922 Pagina 13


Il Manuale per l’uso e la manutenzione delle macchine

Stabilità della macchina


La stabilità della macchina durante l’utilizzo è assicurata dal suo corretto posizionamento in orizzontale sul piano di posa
(fondazione). Assicurarsi che il piano di posa sia idoneo a sopportare il peso proprio della macchina a pieno carico oltre il
peso dell’operatore (si consiglia una verifica della portanza del terreno e della fondazione da parte di ingegnere).

La stabilità della macchina durante il trasporto è assicurata dal corretto posizionamento all’interno del piano di carico del
veicolo (posizionamento in orizzontale sul piano di posa). La stabilità è garantita dal peso proprio della macchina.

La stabilità della macchina durante il montaggio e lo smontaggio è assicurata dalla corretta sequenza di posizionamento
dei vari componenti (dal più basso al più alto) nel caso di trasporto smontata, ovvero dalle corrette operazioni di posa sul
piano fondale nel caso di trasporto della macchina intera (aggancio dei dispositivi per il sollevamento sugli appositi anelli
di carico esistenti) e movimentazione della macchina in posizione orizzontale. Una volta posata la macchina (in orizzontale)
sul piano di posa la stabilità è garantita dal peso proprio della macchina.

La stabilità della macchina durante il fuori servizio è assicurata dalle stesse condizioni di stabilità durante il servizio. La
stabilità è garantita dal peso proprio della macchina.

La stabilità della macchina durante le prove o durante le possibili avarie è assicurata dalle stesse condizioni di stabilità
durante il servizio. La stabilità è garantita dal peso proprio della macchina.

Istruzioni per le operazioni di trasporto, movimentazione e stoccaggio.


Per quanto attiene le istruzioni per effettuare in condizioni di sicurezza le operazioni di trasporto, movimentazione e stoc-
caggio, vedere paragrafo precedente.
La macchina complessivamente pesa 28 tonnellate.
Se deve essere trasportata a pezzi separati, considerare un peso non inferiore a 5,5 tonnellate per le ali, 18 tonnellate per
la base, 2 tonnellate per la cabina e 2 tonnellate per il motore.

In caso di lunghi periodi di inattività si prescrive di:


§ asportare le chiavi di attivazione della macchina e chiudere a chiave la cabina
§ effettuare la pulizia o la sostituzione del filtro olio motore e olio impianto
§ proteggere con specifico prodotto protettivo antiossidante i contatti elettrici e le parti visibili delle leve di comando
§ lubrificare le superfici non protette da vernici, piste di scorrimento, steli pistoni
§ non coprire la macchina con teli in materiale plastico in quanto ciò potrebbe causare pericolose condense

Prima di rimettere in servizio la macchina eseguire i controlli e le ispezioni di manutenzione previsti per le periodicità: “prima
di ogni utilizzo della macchina” e “annuali”.

Istruzioni da seguire in caso di smantellamento e demolizione della macchina


In caso di messa fuori uso della macchina e sua demolizione è necessario smontare la macchina nei suoi componenti
essenziali e separare le varie tipologie di materiali ricavati i quali dovranno essere smaltiti nei vari centri di raccolta.
Dallo smontaggio della macchina proverranno le seguenti tipologie di materiali:
- materiali ferrosi, carpenterie e componenti meccanici
- materiali plastici e gommosi, guarnizioni, cinghie, protezioni
- materiali elettrici ed elettronici, avvolgimenti, comandi, elettrovalvole e simili
- olii e lubrificanti, olio idraulico, olio lubrificante, grassi

Azioni da eseguire in caso di infortunio o avaria


In caso di infortunio contattare immediatamente il servizio sanitario aziendale e, se del caso, contattare il 118.

Edizioni MEG – Ingegneri dal 1922 Pagina 14


Il Manuale per l’uso e la manutenzione delle macchine

In caso di avaria spegnere la macchina e disconnettere il motore. Se l’avaria persista, contattare il centro di manutenzione
autorizzato.

Azioni da eseguire in caso di blocco della macchina


In caso di blocco della macchina disconnettere il motore. Contattare il centro di manutenzione autorizzato.

Operazioni di regolazione e manutenzione


La regolazione della macchina avviene operando sulle relative leve di comando presenti sul quadro di manovra presente
nella cabina. La manutenzione della macchina deve avvenire come previsto dai paragrafi precedenti del presente manuale.

Manutenzione preventiva
Se tutte le operazioni di manutenzione ordinaria e straordinaria, previste dal presente manuale, vengono rispettate, la vita
utile della macchina si allunga conseguentemente e gli interventi di assistenza tecnica si riducono considerevolmente.

E’ vietato eseguire qualsiasi operazione di manutenzione con la macchina in movimento

Pezzi di ricambio
La garanzia di buon funzionamento e di durata della macchina è possibile soltanto utilizzando parti di ricambio originali
LOLLINI o dallo stesso autorizzate. A tale scopo occorre sempre fare riferimento al magazzino ricambi Lollini.

Altre informazioni per la sicurezza


La macchina non emette radiazioni ionizzanti o non ionizzanti che potrebbero nuocere a persone, cose o animali.

Edizioni MEG – Ingegneri dal 1922 Pagina 15


Il Manuale per l’uso e la manutenzione delle macchine

Bibliografia essenziale

§ Manuali di uso e manutenzione presse oleodinamiche – varie marche


§ Odone Belluzzi, Scienza delle Costruzioni, Edizioni Zanichelli;
§ Alfredo Sollazzo, Scienza delle Costruzioni, Edizioni UTET;
§ Pietro Marturano, Appunti di Meccanica applicata alle macchine e macchine, 2014, Non pubblicati;
§ Pietro Marturano, Appunti di Tecnica delle costruzioni, 2014, Non pubblicati;
§ Pietro Marturano, Le verifiche decennali e ventennali sulle autogru, 2015, non pubblicati;
§ Pietro Marturano, Modelli e caratteristiche degli apparecchi di sollevamento cose e persone, 2017, non pubblicato.
§ Belladonna Ulisse, Elementi di oleodinamica, 2001, edizioni Hoepli.
§ G.B. Punzi, Meccanica generale ed applicata, 1974, edizioni Hoepli.
§ Milella Pietro Paolo, Fatigue and corrosion in metals, 2012
§ Enrico Grassani, La sicurezza sulle macchine, 2010, edizioni Delfino.

Edizioni MEG – Ingegneri dal 1922 Pagina 16


Il Manuale per l’uso e la manutenzione delle macchine

MEG Engineering & Consulting

Ingegneria & Consulenza


Collaudi | Certificati di idoneità statica | Revisioni | Ispezioni e Verifiche Gru (Art. 71, d.lgs. n. 81/2008 e DM 11-04-2011) | Autogru
| Ascensori | Montacarichi | Apparecchi di Sollevamento (DM 11/04/2011) | Piattaforme Elevatrici PLE | Ingegneri Esperti Gru UNI-
EN-ISO 9972 & 23814 Trasformazioni veicoli | Attrezzature di lavoro | Manutenzioni | Riparazioni | Revamping e Ricondizionamenti
| Indagini Diagnosi Monitoraggio e Controlli su strutture e impianti Civili Industriali e Portuali | Ispezioni decennali e ventennali Gru |
Calcoli Vita Residua Gru | Controlli non Distruttivi Metodi VT-UT-SC-PT-MT-MIT-MRT-TT-RX | Tecnici abilitati CND 2° e 3° Livello UNI
9712 | Controlli & Collaudi Serbatoi con videoispezione interna | Cisterne ed autocisterne – ispezioni triennali ed esennali Difettologia
| Durometria | Monitoraggio stati fessurativi | Prove di carico | Centro Collaudo Cisterne Ispezioni Saldature e Certificazioni |
Engineering Critical Assessment (ECA) | Analisi termografiche Controllo funi con esame magneto-induttivo | Manuali Uso e Manuten-
zione (MUM) | Manuali della Sicurezza | Fire Prevention & Fire Fighting | Automazione industriale | Analisi dei rischi e sicurezza sul
lavoro | Progettazioni civili ed industriali | Analisi termografiche su impianti fotovoltaici ed eolici Verifiche impianti di terra (DPR n.
462/2001) | Consulenze e perizie | Ingegneria della manutenzione (UNI-EN 15628) | Fitness for Service (FFS) | Controlli non-
distruttivi semidistruttivi e distruttivi Certificazioni di idoneità statica | Certificazione staticità pali per l'illuminazione tralicci elettrodotti
Portali a Ponte ed a bandiera Insegne Pali turbine eoliche | Verifiche ponti e viadotti |Risanamenti per umidità Analisi e Risanamento
strutture in Calcestruzzo armato, legno, muratura, acciaio | Costruzioni Ristrutturazioni e consolidamenti |Verifiche bullonature e
saldature

Formazione & Addestramento


Corsi di Formazione - Patentini Gruisti - Operatori Macchine | Qualificazione e Certificazione dei saldatori (UNI-EN 287) e delle proce-
dure di saldatura (UNI-EN 288) | Corsi di formazione per il personale addetto ai controlli non-distruttivi (UNI-EN 9712) | Corsi
sull’analisi e la valutazione dei rischi

Edizioni MEG – Ingegneri dal 1922 Pagina 17


Il Manuale per l’uso e la manutenzione delle macchine

NOTE

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

_ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _

Edizioni MEG – Ingegneri dal 1922 Pagina 18


Il Manuale per l’uso e la manutenzione delle macchine

Edizioni MEG – Ingegneri dal 1922 Pagina 19


Il Manuale per l’uso e la manutenzione delle macchine

MEG Engineering & Consulting | Marturano Engineering Group

Corso Italia 330 | 74121 Taranto (TA)


Info line h24 099.96.46.630
meg.group.ta@gmail.com | www.megonline.org

Edizioni MEG – Ingegneri dal 1922 Pagina 20

Potrebbero piacerti anche