Sei sulla pagina 1di 10

La moda italiana negli anni 20

In questo periodo fanno capo attività ancora inerenti al futurismo. In italia troviamo la nascita di
Prada 1919, Gucci (1921)e l’entrata in scena delle iconiche valigie che servono a sostenere
quelle che è il tema del viaggio che inizia a divampare nel mondo sociale, si raggiunge per la
prima volta la spiaggia, la montagna. Ritroviamo invece un giovane Salvatore Ferragamo (1926)
per il mondo delle calzature. Gli studiosi sono un caposaldo della moda italiana ad esempio La
Vaccari, parte da una considerazione per studiare la moda italiana sarebbe opportuno andare a
considerare questo doppio piano della moda portata, moda progettata, creazione spinta e
sperimentale ma anche teorica che vive in un determinato contesto. Nell ambito del primo
filone moda progettata che fa parte delle tre sottocategorie, avanguardia dellla produzione
futurista, poi quella che ha l'istanza degli esiti della cultura decò e quella del filone storicista. I
protagonisti al di questo filone italiano sono Mariano Fortuni insieme a lui ricordiamo Rosa
Genoni, prima femminista che in italia aveva spinto a un indirizzo di italianizzazione della
produzione come sosegno di lavoro alle donne, occorreva quindi individuare un'attività in cui
erano adeguate le capacità di trovare un sostentamento per le donne, quindi la sartoria. Un
indirizzo fortemente policizzato, vuole italianizzare la moda per tagliare il cordone ombelicale
con la francia e dare valore alle donne italiane. Rosa Genoni e una docente quindi lavora
inizialmente a livello scolastico, poi alle esposizioni a Milano, si fa portavoce dell recupero della
storia italiana, rinascimentale e medievale che rievoca nelle sue creazioni come il Tanagra, abito
che si rifà alla cittadina Greca: Tanagra, che indossavano questi tessuti attorcigliati addosso.
Troviamo anche un Mantello ispirato a Pisanello, enormi drappi legati all'iconografia di Pisanello,
mosaico bizantino di Ravenna e poi quello della primavera di botticelli. L'idea per lei era questa,
troviamo una strada italiana a cui è possibile legarci e dove si può consolidare il nostro percorso
e quindi nella storia dell'arte, immagini, gusto qualità e forme, si può anche lavorare sull'idea di
costume e non di moda. Maria Monaci Gallenga, figura presa in considerazione oggigiorno,
figura riscoperta anche da Fabbri, insieme a Schiaparelli, Patou proprio perchè si è studiato
questo atto cronologico e si è indivudato nella sua produzione una figura che scrive una pagine
significativa nella produzione italiana, la scrive guardando nn alla riproduzione rinascimentale
ma più prettamente a quella medievale, toscana. Il suo lavoro e la sua creatività si concentrano
sull'aspetto del disegno e del progetto, sul tessuto, come se ci fosse un ribaltamente di
significato. Lavora in strutture semplificate come grandi cappe, dove ritroviamo un'enorme
ricerca formale e qualitativo dei broccati, rievoca quindi tessuti medievali. nel 1917 ritroviamo
forme più asciutte e più simili rispetto agli abiti di Callot o Vionnet, altra protagonista che si
muove nel nostro scenario italiano di quest'insieme della moda progettata quella di Rosi Giolli
Menna, si rifà al tessuto legato all'art decò, forme geometriche e simmetrie ripetute con forte
dinamismo. Altra figura sempre italiana di questo periodo è Marcello Nizzoli, diventerà designer
di arrendamento e oggetti, poi Guido Ravasi, sempre portatore del tema decò. La moda è la
volontà del regime e del momento del tempo si sta operando in linea con quelli che sono gli
indirizzi politici, le volontà del duce per avere un indirizzo che non sia di sola ricerca. Il mondo
dell'editoria, dell'industria e della comunicazione e di quello che riguarda la vita comune, sono
questi i temi protagonisti di quest'altro mondo della moda. In questo dell'editoria troviamo il
riflesso di quelle che sono pubblicazioni, riviste, dizionari, libri manuali dedicati alla produzione
sartoriale, quella che è la volontà del duce, portare in alto la moda italiana. Un arredamento e
un architettura italiana ci sono ma bisogna anche creare una moda italiana (Ciò viene detto da
Mussolini) , vuole innescare tutto ciò che può per portare avanti il suo obiettivo nasce così Lidel
(1919 al 1935) la rivista di pubblicazioni della moda italiana. Altro tema e voce di questa
produzione letterale , abbiamo il manuale dei sarti che si divulga e produce in maniera
numerosa, l'altra pubblicazione fondamentale in tutti i libri che parlano del tempo della moda
italiana, è questo commentario di Cesare Meano, divertente e suggestivo è il tentativo di
italianaizzare le prove francesi, sostituire, i volà, pois, tailleur sostituirle con nuovi eologismi,
sintagoni propriamente italiani, cercando di eliminare dal linguaggio il francesismo. La vaccari
dice che c'è in questo ventennio una forte spinta opposta, da una parte alla modernità e
dall'altra invece ad una valorizzazione dell'autoctono, singoli terrirotir della manualità o anche
quello dell'industria ma anche nella scientificità che ci sta dietro il lavoro del sarto, tagliatore. La
spinta verso le borse di canapa piuttosto dei sandali di cuoio, o portare la divisa fascista o di
portare la donna nelle realtà del mondo del lavoro. Questi due mondi si sovrappongono nessuno
tende ad escludere l'altro, sono due forze analogamente capaci di portare degli effetti. La
vaccari dice sopratutto che rispetto a quello che è dato della vita reale, la spinta verso paradigmi
sempre più moderni, meno decorati e più funzionali anche l'arredamente non in paglia ma col
tubolare di metallo, l'abito che segue il progetto funzionalista, nel piano visivo. Tema della
modernità che si legge negli scenari dell'architettura, come sfondo in base a tutto ciò che si
stava proponendo. Su questi fondali iniziano a trovare queste signorine, con modalità di
indossare abiti in modo moderno, con l'abito in zip, cerniere lampo, ispirazione alla vestaglietta
che i futuristi avevano chaiamto tuta. In questo peridoo tra architetti e critici, troviamo persico
che spinge moltissimo ad andare verso la direzione di produzione e sopratutto senza stile e priva
di ornamento, troviamo interessante il sostegno dell'architettura e de design e anche
l'abbigliamento, un intreccio d Illusione. Abbiamo questo tipo di realtà. Ideale di donna italiana,
formosa, più vicina all'idea della massaia invece della tedesca proposta e sostenuta nella
comunicaizone intellettuale che viene rappresentata con un bel seno, bella corposa, si tengono
però sempre molto in forma con le attività ginniche, determina ulteriori ricadute, costume, tuta
di ginnastica ecc. determina una cura del corpo che si riesce a esibire con un corpo che diventa
curato. C'è l'attenzione all'attività ginnica è massaia la donna ma è anche italiana quindi deve
produrre, consentire all'italia di sostenere gli sforzi della guerra, le difficoltà, un allenamento
continuo deve essere forte ep roduttiva dal punto di vista fisico. Questo tipo di regime della
donna fascista, prevede l'uso nella quotidianità scolastica, ginnica con abbigliamento uniforme
con un aspetto molto significativo. Uniforme che recupera per gli uomini il modello militare,
struttura militare che troviamo nella divisa femminil si cercava quindi di diffondere proprio
come faceva Chanel, una moda selettiva, funzionalista e non con la gente comune. In questo
canale produttivo troviamo divise e unifrome volute dal regime con presenze maschile, diventa
di più facile arricchimento alal divisa femminile. Grandi tasconi, colletti brevi, fascette sulle
spalle. Il riflesso della Martin Gala, parte retrostante dei cappotti che vengono semrpe
dall'abbigliaento militare, per consuetudine. I colletti bianchi vengono dall'uniforme, si conierà
poi a identificare una categoria sociale "i colletti bianchi" che si presenta in maniera codificata
all'interno dell'abbigliamento italiano.Organizzare l'abito in scansione dell'arco della giornata,
mattina, pomeriggio e sera. Tre abiti per ciascun momento. Il concetto di scansione e ordine e
disciplina, rigida rigorosa e degli aspetti della vita, fortemente ingombranti. Il guardaroba
razionale, abiti di Nichi su rivisti qualunque, l'idea come guardaroba una rigorosità nei capi.
Tipologia di abbigliamento è consuetudine, completo in jersey, gonna e maglia incorciata
dall'ideologia di Patou. Nel mondo dell'industria accadeva nello scontro con la realtà del regime
autartico è un regime politico voluto dal regime del duce che spinge a volere di non importare
MATERIE PRIME DALLE ALTRE NAZIONI di produrre esclusivamente con MATERIE PRIME
ITALIANE. questo a tutti i settori. Una regola a cui non si può transigere, se non ci fosse stato
però questa regola non avremmo avuto la fama di Ferragamo con la scarpa col tacco di sughero.
Tutte le materie che produce l'italia si davano vita tramite l'indutria chimica e spinge e ingrana
sia laddove prevede l'utilizzo della chimica, prodotti artificiali o materie prime artificiali.
Produzioni che siano capaci di surrogare e sostituire le produzioni che l'italia non può produrre
autonomamente. L'autarchia riesce ad avere una produzione circolare, controlla gli sprechi e la
monnezza e bisogna lavorare al riciclo, con manuali che spiegano come si può recuperare un
abito da bambino da un vecchio abito da donna. Durante il regime si era inculcato un grande
rispetto degli oggetti e per le cose, una produzione che lavora convincendo che questi materiali
sono sinonimo della modernità. Manifesti dove si nota la resistenza dei tessuti. (TESSUTI
SCRIVERE). La lavorazione del coniglio perchè consente una lana d'angora molto morbida e
pelosa che vengono apprezzate molto dalle donne che apprezzano tutto ciò che fa parte del
mondo della pellicceria, incarna il concetto di lusso, collo o stola di pelliccia chen on è sempre
realizzata con la pelle di visione o di cane, gatto o topo ma anche zebra quando ci fu il tempo
d'oro. Un'altra fibra sintetica che emerge nel contesto internazionale e non solo in italiana, gli
ingegneri chimici riescono a produrre è il Nylon,la seta che serviva nei paracadute che non si
poteva più utilizzare e si utilizzava il nylon per poter sopperire ai problemi militari che deriva
questo nome dalla frase now you lose old nippon 1938. La presenza del nylon, acquisto di calze
in nylon che loro vendevano prima con un kit per aggiustarla, perchè porta nella quotidianità e
nel guardaroba il collant che viene da una parte combattuta dal regime perchè potenzia il
collant in nylon e impoverisce invece i laboratori che c'erano attorno al lago di como che
lavoravano la seta e le calze in seta, il fascismo spinge sempre di più alla gamba coperta,
l'abolizione della gamba nuda, chi non poteva utilizzare la calza doveva avere le gambe coperte.
Si era inculcata l'idea di andare in giro con la gamba vestita. Moda post-guerra mondiale. Nel
momento in cui avverrà il grande imaptto della seconda guerra mondiale, bisognerà ridurre fino
a ridurre le dimensione degli abiti, quindi si inizia ad indosssare gonne ma che non sono
minigonne corte, piccole perchè il tessuto non c'è e quindi si limita a coprire leggermente la
gamba fino alla coscia e si arriva addirittura in mancanza di calze, risolve la mcanza dipingendo
con l'hennè la linea della calza nella parte posteriore della cosce non avevano ancora il processo
della macchina tubolare e quindi avevano la cucitura del retro (ancora troviamo l'effetto traump
d'oeil).
Lezione 10/12/19

Il fascismo che detta legge nelle tematiche anche d’abbigliamento. La storiografia propone tanti
temi e occasioni di approfondimento, sinteticamente possiamo mettere in evidenza l’aspetto
dell’attenzione alla produzione industriale dell’abbigliamento e sartoriale, determina un
approccio di tipo scientifico dell’artigianalità e della sartoria. Si arriva a produrre una serie
importante di manuali per sarti, il manuale del sarto tagliatore viene promosso da mussolini
vuole fare un libro di istruzione. L’ordine e la razionalità temi principali delle produzioni
dell’abbigliamento fascista. Atteggiamento di tipo scientifico che guarda alla sartoria in
particolar modo con le pubblicazioni di domenico caraceni maestro abbruzzese, nuovo
strumento per le misure del corpo umano nasce lo strumento, per sistematizzare i capi, rendere
la sartoria una disciplina qualificata e non una di secondo piano o terzo piano, consente così di
produrre e autogarantirsi all’italia di provvedere a ciò, principalmente alla qualità. Lo schema
che viene proposto è uno schema di tre figure, corpi umani che preludono alla standardizzazione
di produzione d’abbigliamento delle varie class. Nelle riviste anche i tessuti vengono visti
ingranditi e abbiamo una visione più scientifica delle cose. L’osservazione riguarda anche
l’impaginazione e i pattern realizzati da importanti progettisti, in modo da osservare sempre più
da vicino ciò che può comporre questi prodotti. Inizia anche a nascere la standardizzazione del
capo, per ridurre gli sprechi e i tempi di produzione. Questi sono processi che hanno un sapore
un pò americano, molti dei nostri industriali e ingegneri per tenere questo miglioramento e
perfezionamento fanno fughe in america per imparare, hanno bisogno di questo contatto per
potersi poi migliorare. Per la modernizzazione della vendita, abbiamo la presenza di ulteriori
metodi di vendita, come il prezzo unico o il prodotto accessibile sempre a tutto seguendo l’onda
dell’800 con forme modernizzate nei gusti, nelle tipologie di prodotti venduti. Il commentario di
cesare meano, il concetto è quello di italianizzare i termini, trovare un’occasione di
alleggerimento dell’influenza francese nei nostri vocaboli. Questa pubblicazione e valida per
capire l’approccio di tipo progettuale e di gusto che si cerca in questo tipo di progettazione. La
parte introduttiva del libro dimostra che l’italia cerca un proprio stile e una propria identità. Ma
non ci sarà mai un solo esponente dell’abbigliamento italiano, ci sarà sempre un’influenza
regionalista, che proviene dalla cultura dei luoghi, come sandalo a capri ad esempio. Il continuo
rievocare, a bandire il modello francese significava cercare un nuovo modello da seguire e porta
così a uno sguardo verso le nuove tradizioni. Modernità sicuramente ma anche protenzione
verso il regionalismo. L’esito di questi sguardi e progetti si può leggere in alcune sartorie, di
grandi creativi (atelier più o meno ricchi sulla sartoria di alta moda) Torino era la città più
famosa, era stata capitale e vicina all’europa e più vicina ai mondi che si evolvono perchè è
anche sede industriale molto attiva. Tra qusti personaggi troviamo Gabriella Sworth, Marta
Palmer ecc. Queste signore hanno ancora un’idea di rievocare dalla storia alcuni elementi
rendendoli più moderni e fluenti, in questo senso possiamo vedere il modello di fernanda
lamma 1933 che riprende temi storici medievali come il cappuccio. Temi che interessano al
duce, lui farà organizzare infiniti eventi e parate di messa in mostra di cose storiche e medievali.
Alla docente di abbigliamento e costume dell’accademia di moda di commissionare vestiti storici
di regione per regione, luogo per luogo una mappatura molto ampia che serve a riscoprire le
proprie radici, riuscire a far rinascere l’orgoglio della modestia, come far diventare qualcosa che
esisteva donargli qualcosa che potesse inorgoglire il popolo italiano. Per Marta Palmer troviamo
schemi ottocenteschi che rivedono tutta la moda su oggetti superflui, appoggiati sul corpo,
manicotti, scialli di pellicce. Un altro personaggio è Sandro Radice la ricaduta di scegliere e
lasciare la schiena scoperta, un segno di emancipazione. Sironi rappresenta tradizione e
urbanesimo, la collisione tra cultura del presente e tradizione come difesa di fronte alla minaccia
del cambiamento. L’attenzione al mondo della moda questo motore porta a organizzare eventi
importantissimi a Torino, perchè serve avvicinarli a questo mondo e alle capacità produttive
italiane. Sartoria italiana e prodotti italiani significativi. Alcune sfilate di Roma con parate di
costumi popolari, con la valorizzazione di questo sguardo alla tradizionalità. Lo sguardo al
costume popolare ricade anche nelle proposte di sartorie presenti in italia come Fercioni,
manica a palloncino che deriva dal vestito popolare. Lo sguardo a questo orgoglio della
tradizione viene citato dalla pagina di Joe Conti che fa lavorare a questa pubblicazione delle
peculiarità delle città il titolo “gli italiani debbono innamorarsi della loro produzione artigiana”.
In queste pagine, cesti, scarpe, pellicce - archittetura intesa come apertura. E’ lo sguardo alla
rassegna che di fatto sarà portatore e vittorioso del momento di attenzione e di valorizzazione
che ci consentirà dopo la guerra lo sguardo degli americani sull’italia che ricercano “mostra italy
at work” . Questo tipo di produzione viene esaltato dai prodotti tipo canapa, piuttosto che di
lino e poi diventano anche abiti che diventano performance indossati da Wanda Zuzz. A torino
viene costruito un luogo dedicato a questi eventi. Sintesi nello scenario è la grafica disegnata a
Gruau, un disegnatore di Dior, fa questa grafica apparentemente brutta ma suggestiva. Il
concetto è che ci sono tutti questi numerosi sarti e operatori che corrono verso torino sullo
stivale italiano. Ci dice che ci sono in tutta italia queste figure e che c’è una rete di ingiunzione
ma che esistono e che serve percorrere l’italia trasversalmente di forza e lavoro e seminata su
tutto il territorio. Tentativo di marchiare la produzione italiana coi primi sigilli, primo marchio
nella formula più semplice passerà dal colore nero, argento ad oro. Con il marchio d’oro si aveva
un prodotto perfettamente italiano dalla produzione al tessuto. (1941). Nel palazzo delle
esposizione serie di mostre del tessile italiano, manifatture locali, regionali, corallo di torre del
greco 1933, grande momento di osservamento.

UN PROTAGONISTA ITALIANO - SALVATORE FERRAGAMO

Nell’arco cronologico approfonditamente ci interesserà guardare al’esperienza italiana di grande


portata, intramontabile del calzolaio di hollywood delle star, Salvatore Ferragamo che si
inserisce nel contesto non solo nel motivo tecnologico che iniziano nei primi anni nel 900 prima
in america e poi in italia si inseriscono in questo contesto per la dimostrazioen e valorizzazione
di quello che è la risorsa per il sostegno e la connotazione della moda italiana. Si parte dai piccoli
laboratori che esistevano nel nostro contesto. il successo di ferragamo si incanala nello scenario
da una parte fascista e di orgoglio e modestia e nell’altra dalla capacità di ferragamo di
realizzare in quel momento di difficoltà la sua forza. L’artigianalità italiana si stava imponendo in
questo scenario, troviamo alcuni nome parallelamente a ferragamo e Guccio Gucci e Prada,
siamo interno agli anni 20 i prodotti semplici non sono ancora fenomeni espansivi, producono
un prodotto peculiare. La caratteristica di Gucci, vendeva prodotti inglesi e conoscerne le
dinamiche e come far fruttare e produrre queste cose, quindi egli studiava i prodcessi di vendita
di determinati prodotti. Vendita di valigie inglesi nello specifico. Dal commercio si arriva alla
produzione di articoli da viaggio e pelletteria, significa rimanere nella pecularietà del luogo,
come Firenze o Napoli, patria della pelletteria e non tradire l’identità del luogo che lo porterà a
crescere da venezia a Roma, fino agli anni 50 col gran colpo di fortuna. Il mondo di Salvatore
ferragamo, la sua caratteristica e che è Campano, egli va in america, emigra e va in cerca di un
futuro migliore, inizia a farlo in un luogo non poco comune, quello di Hollywood realizzare
scarpe alle stelle del cinema. Lui avrà la capacità di mostrare di realizzare scarpe più strane
possibili per tutte le situazioni, fa la produzione dedicata alla cinematografia, scarpe comode,
perfette, si adeguano alla forma del piede. Il successo raggiunto parte da determinati oggetti
che riprendono le varie forme del piede, i piedi non sono uguali la scarpa e un prodotto di alta
ingegneria, aldilà del prodotto estetico, la scarpa per funzionare deve corrispondere a delle
regole di bilanciamento, di risposta e assuefazione con l’anatomia del piede, anatomia e
ingegneria. Egli va a seguire l lezioni di anatomia all’università per capire la forma del piede e di
come può unire funzionamento e abbellimento. L’idea è quella di capire il funzionamento tanto
da arrivare a sintetizzare il funzionamento della scarpa con l’oggetto di una piccola macchina sul
quale; Ogni oggetto ha un peso che esercita una forza, spinge e una freccia che cade al centro
(????). Quindi per ferragamo è necessario che la scarpa abbia in quel punto la capacità di
sostenere parti resistenti, quasi come se fossero la parte più forza, la colonna portante della
calzatura. (1924-25-27). Nel 1937 ferragamo una volta capito il mondo americano avanzato, la
sua fortuna è quella di tornare in italia, a Firenze, perchè Firenze parla della pelletteria, della
calzoleria, ritorna a Firenze a palazzo spini e apre il laboratorio, poco rurale ma bensì imperiale
che si adatta alle esigenze. La scarpa è un prodotto manuale e industriale è personale ed esce
fuori singolo, unico fatto su misura come un capo sartotiale. Quando egli ritorna in italia siamo
nel 1937, ritroviamo il regime autartico, potrebbe questa situazione immobilizzare la sua
posizione e impoverirla, quindi non sarebbe opportuno creare scarpe preziose. Inizia poi a
realizzare negli anni 40 gli stivali di mussolini. L’idea quindi è quella di utilizzare anche le pelli di
pesce conciato; Squalo, Carta di Caramella, Nylon da pesca. ( 1935 - 1940.) La cosa più
significativa. Egli intuisce analogalmente, nella suola è opportuno inserire anime metalliche
“cambioni” che vengono addirittura brevettati, a dare una norma e una regola che può serve
all’industria. Il brevetto del primo “cambrione” che ha una forma ad x o a y che consente ad
ampliare la superficie resistente, un altro brevetto del 1933 tomaia realizzata con le reti che
possono deformare e adattare al piede. Il cambrione è un ogetto di metallico nel regime
autartico, non si poteva abusare di un prodotto che serviva per altro (guerre, armature, cannoni)
non è consentito questo quindi la sua idea è quella di trovare la soluzione alternativa dell’uso
del cambrione nell’era autartica, con la suola, la zeppa di sughero. Prodotto italiano e di grande
quantità coerente alla regola del regime imposto. Va contro la regola dell’assottigliare ma rende
la scarpa comoda 1937, viene brevettato e poi nel 1938 viene realizzato una nuova zeppa di
sughero rivestita da capretto dorato, scarpe molto modellabili una ricerca estetica più raffinata,
una soluzione che consente di estremizzare il lavoro del sughero, la punta molto moderna che si
alza verso l’alto per aiutare la camminata. Modello di sandalo ferragamo realizzato per il cinema,
su questo modello e immagine decrescente molto ottocentesca si pensa poi di lavorare a tutta la
zeppa di sughero con scalettamenti, poi si arriva a soluzioni con il sughero del tacco e della raffia
all’uncinetto, si racconta che a scarsezza di materiali stesse arrivando la raffia, disse ferragamo
datemela tutta e si inventa così delle scarpe, così con le carte dei cioccoalttini con un inventiva
continua. Il brevetto del tacco di metallo 1956, cambrione orizzontale, nel tacco a spillo o
decoltè c’è questo filo di ferro che permette il sostegno del tallone, ngli anni 58. la suola a
conchiglia che gira che permette di calzare e avere libertà nel movimento. Dopo la guerra dopo il
1947, quando c’è bisogno di rimboccarsi le maniche, di costruire un nuovo progetto è quello
della fotografia, la prima modalità dove si guarda l’italia del dopoguerra sono le botteghe, le
sartorie, dove ricamano e ferragamo viene raffigurato così, come un personaggio, un esperto
calzolaio che studia insieme ai suoi operai, questa immagine sarà la forza di questa italia che si
dovrà rimettere in piedi. (LE SCARPE PRODOTTI PER I MARCHI IMPORTANTI, SONO PRODOTTI A
MANO CHE HANNO UNA LAVORAZIONE - PER GLI SCARPARI INVECE ANCHE C’E’ UN PERCORSO
MOLTO IMPEGNATIVO, ENTRAMBE LE SCARPE DEVONO ESSERE UGUALI, NON SIMILI, METTERE
IN FORMA LA SCARPA, METTERE I CHIODINI DELLA TOMAIA SULLA FORMA, SCHIODARE,
ASPETTARE CHE SI ASCIUGA, RIFINIRE E POI LUCIDARE, ATTACCARE IL CINTURINO ECC. DI FATTO
LA SCARPA FATTA A MANO E’ QUELLA PIU’ COMPLICATA MA ANCHE LA PIU’ BELLA). L’altra
intuizione è la scarpa di Nylon nella dubond c’è l’esperimento del nylon all’abbinamento della
suola molto particolare un oggetto scolpito di legno come suola, poi abbiamo altre calzature
raffinate: Decoltè a ballerina, a conchiglia a tomaia. L’idea di combinare una scarpa con il tema
dell’intreccio brevettata nel 1933, calzale interno in raso che si abbina alla scarpa e la cosa
interessante è che lavorerà in collaborazione con Chuber, nel 1951, in queste manifatture
dimostra che nel momento in cui si mettono insieme queste forze, si raggiunge il culmine della
creatività. Fiamma ferragamo prenderà le redini in mano dell’azienda del padre, portando
innovazione e seguendo la stessa linea creativa del padre. L’altro modello di successo è la scarpa
“Vara”.

BERNARD RUDFOSKY (1905-1988) - L’ABITO ARCITETTONICO CONTRO L’ABITO DISUMANO


Rudosky fu progettista, utilizza parola come “ il disumano “ perchè rudfosky utilizza un
approccio particolare che lo porta dal lavoro archiettonico di una necessità di un cambiamento
di rotta, della struttura architettonica e dal cambio di stile di vita e quello che è il primo oggetto
col quale si relazione che è l’abito. Lui interviene nel mondo dell’architettura è complementare è
una figura come se fosse un viaggiatore, figurato e fisico, il suo studio parte in un incontro conn
l’orss e si dissemina in più luoghi e aree geografiche con il quale lavora, che lo porta in città
come Napoli, Capri e Procida, luoghi nei quali le architetture sono nate in maniera spontanea, in
architettura è la grotta, come architettura che riguardano i nostri territori, il pescatore, luoghi
come quelli nel mondo e di ricerca, come quell’architettura che nasce senza architetti con il solo
scopo di vivere. Pubblica nel 64 il libro architecture withouth architects che non esce, viene fuori
ai bisogno dell ‘uomo. Realizza una serie di mostre, all’interno del mediterraneo dove finirà
nell’USA. Cosa vuol dire andare verso questa disumanità nell’abito? significa osservare la civiltà
come l’uomo si è interfacciato all’abito per poter risolvere e poter inquadrare fino ad eliminarla,
lavorare per sottrazione elimare tutte quelle forme di estremizzazione di ornamenti, per
dimostrare che la mancanza di civiltà , ignoranza, la non cultura di ricerca estrema. Lui parte e
condivide con Loos questo concetto esaltando quella che può essere la ricerca di una
produzione spontanea e anonima. E’ quella che riesce a conoscere viaggiando a lungo, in luoghi
per scoprire la casa del contadino, del pescatore in contatto con intellettuali con Roberto Pane,
che fu un intellettuale del calibro di Benedetto Croce, il padre della scuola dell’archiettura e del
restauro. Roberto Pane si dedica alla conoscenza dell’architettura rurale, le case botte
spontanea tipica del luogo che valorizza l’identità. Negli anni 30 il 32 Rudofsky va a visitare tutte
quelle architetture con le scale esterne con copertuna a botte, che serve per far scivolare
l’acqua che si raccoglie... parallelamente questo tema è al centro dell’attenzione di quell’italia
che lavora all’orgoglio della modestia, aveva portato all’interno delle sedi una serie di mostre
sull’arte rurale, si sta cercando un’identità della figura italiana che non fosse quella storicista del
800, come se l’italia potesse trovare in questa ruralità l’architettura razionalista, un’architetttura
senza intonaci, pareti bianche, fatti di più piani.. L’architettura che ha una dialogo con la natura,
ne fa un’elemento di integrazione le mostre di questo momento guardano questi luoghi come la
puglia dei trulli, come Boscotrecase, anonime e spontanei. Quest’osservazione porta a
progettare Rudofsky una casa per procida che non viene progettata, come quella per positano
sia la più bella opera del razionalismo mediterraneo che si chiama Villa Oro, che lavoro’ con un
padre del razionalismo. A villa ora, è un insieme di corpi e volumi che si incastrano nel tufo, su
superfici liscie e compatte con una serie infinite di bianchi che colorano questa architettura.
Attraverso queste visioni vuole cambiare il progetto è necessario cambiare mentalità e stilismo,
per queste architetture riusciamo a immarginarci, donne che non hanno cappelli di modiste e
che non indossano scarpe o abiti costrittivi. Come se la prima denuncia di queste donne ideali
potessero essere trovate all’interno del fatto che vivono senza seguire dei conformismi, che tutti
utilizzassero quel cappello, quelle scarpe... dentro quelle case sembrava che non fosse
accessibile tutto ciò. L’arte totale significa adesione di addobbare il corpo, quella si poteva
manifestare laddove la donna si immaginava all’interno di questo luogo che si immaginava in
questo modo di vivere. Nel 1938 Rudofsky pubblica delle pagine di Domus, un articolo che si
chiama la moda abito disumano. Dice che bisogna rispondere ad una necessità pratica, non c’è
speranza di un abito umano che non sia mutato. Lui fa un attacco ai sarti e calzolaio che loro
immaginano un corpo sul quale si poteva adattare un vestito, un corpo deformandolo, l’hanno
reso disumano non hanno rispettato la naturelazze del nostro corpo. Utilizzando degli oggetti
che potevano evidenziarlo, di costringerlo in scarpe affusolate, così i sarti hanno riempito le
giacche piene di tasche e bottoni che non avevano funzioni reali. Egli sosteneva che la negazione
di queste modalità fasulle rispetto alla realtà potevano essere ritrovati nell’ambito classico. Il
lavoro sartoriale ha esasperato la forma del corpo, è arrivato a divulgare questo contenuto di
domus all’interno di una mostra al moma di new york, rimane nel circuito del direttore del
moma nel quale era molto aperto ad intendere il progetto della moda come progetto di design
dell’ambito dell’architettura, come opera tradizionale delle arti, che già nel 1946 fa questa
mostra dedicata al costume ma all’interno di questo progetto la cosa interessante e
l’allestimento della mostra, una bellezza sensazionale che lavora all’idea di presentare tutti gli
errori e le falle interpretazioni sbagliate che i progettisti hanno dedicato al mondo della moda
realizzando queste articolazioni complesse e deformanti e questa mostra viene realizzata in
questi pannelli con sculture e grafici con modalità contemporanea per consentire al pubblico di
mettere a paragone come l’uomo sia stato imprigionato nelle gabbie e nelle strutture complesse
che hanno alterato il loro essere. Lui mette in evidenza le deformazioni, disegni le alterazioni
della moda. Gli abiti sono stati concepiti con un approccio moderno, onesto, autentico, semplice
che lascia il corpo libero e spontaneo per lui, e sicuramente la risposta è No affinchè la gente si
interroghi su questo concetto. “il corpo incompiuto” 1975. ARE CLOTHES MODERN?? (1944)
Deformazione del corpo, silhoutte stelo, chiattezza finta forma della donna innaturale. I piedi
che non seguono la normale anatomia. Troviamo uno sguardo esclusivo che esamina tutte le
civiltà fino ad arrivare a dire che l’unica civiltà che non ha subito questa violenza è quella
giapponese con l’uso del kimono è riuscita ad esaltare il corpo senza costringerlo. (calzare per le
donne della villa oro a napoli o piedi nudi per la capacità di avere un piede libero che trova a
capri, i capresi indossano il sandalo vede le pitture di pompei quindi ha conferma del fatto che
laddove spontaenismo rurale c’è ancora l’uso del sandalo e del calzare. In luce di quello che sarà
la sua proposta della scarpa costrittiva del Bernardo Sandals, centinaia e centinaia di modelli che
studierà insieme alla moglie. ) La denuncia di Rudofsky non va solo al personaggio femminile ma
anche a quello maschile, disegna su pannelli trasparenti tutte le cose inutili che si sono andate a
mettere sul capo disegnate su questi sfondi, sintomo dello specchio della mancanza di civiltà e di
cultura, tutti questi disegni e quadrati rappresentano tasche inutili quindi di oggetti superflui. La
sua attenzione e approfondimento delle tematiche inizia col girare riviste e giornali fino ad
arrivare a pagine di life, quotidiano più diffusi nell’america che leggono cani e porci e che
diventa uno stimolo. La risposta a queste proposte sono dalla parte un esito progettuale sarà la
realizzazione di questi sandali su invito di diana vreeland, la sua proposta che nasce nella sua
ricerca e nell’architettura, nella modernità mediterranea, ricreare un nuovo ordine che regge lo
scettro della moda aveva apprezzato quella a Capri nel 35 c’è un incrocio di interessi nella moda
che introduce un ulteriore modernità del mondo della moda, come occasione di scoprire una
parte del piede nudo, una grande novità letto in una chiave lussuosa, sandali che possono
trasferirsi al mondo dello sport, fino al sandalo a piede nudo con perline e ornamenti, con
risposta che va a conferma del mondo della moda più ampia che viene interpretata da questo
tipo di soluzione che viene proposto anche sulle pagine di life, che vede un’accettazione
negativa di questo personaggio che sta osando, ha una visione più ampia e moderna.. Segue a
questa ricerca su Rudofsky di questi abiti, la collezione che si chiama ready-mates fondata sul
rettangolo di tessuto su cui realizzare l’abito più semplice senza maniche, che semplicemente
adagiavano al corpo ad angolo una tunica contemporanea e moderna, un capospalla scondo la
regola della cultura classica, un piccolo pantaloncino più spontaneo per le case all’aperto non
era un concetto di uomo selvaggio ma di ritorno alle origini. Gonna pareo, un progetto che ha
una ricaduta positiva, che viene pubblicata nelle pagine di Life che vuole essere propositivo di
qualcosa che andasse oltre. La caratteristica di questa collezione concepita sulla base di piegare
più che cucire un tessuto a righe, è che in quel momento in america la figura della riga era un
tessuto di canapa che si era utilizzato per le sedie a sdraio e quindi ritorna l’idea di modernità
attraverso la riga.