Sei sulla pagina 1di 12

Moto armonico

1
Moto periodico
• Un moto che si ripete nel tempo e’ detto periodico ( o armonico o
oscillatorio)
• Esempio: molla agente su un oggetto su una superficie orizzontale
priva di attrito
Se si sposta l’oggetto a destra, la molla allungata esercita una
forza di richiamo verso sinistra (opposta allo spostamento)

L’oggetto oscilla avanti Nella posizione di equilibrio (molla a riposo) la molla non
ed indietro attorno alla esercita forze
posizione di equilibrio

Quando l’oggetto oltrepassa l’origine verso sinistra, la molla


compressa esercita una forza di richiamo verso destra

• Caratteristica del moto oscillatorio: dovuto a forza di richiamo che


agisce richiamando un oggetto verso la sua posizione di equilibrio

2
Moto periodico
• Il tempo che il moto impiega per ripetersi e’ detto periodo 
• Tempo per compiere un’oscillazione completa
• Tempo dopo il quale si ritorna nella stessa posizione
Nel SI Unita’ di misura: secondi

• Il numero di oscillazioni complete per unita’ di tempo e’ detto


frequenza f
𝟏
𝒇=

Nel SI Unita’ di misura: Hertz 1𝐻𝑧 = 1s -1

3
Moto armonico semplice
• Consideriamo un tipo di moto oscillatorio, il moto armonico semplice,
che si ha quando lo spostamento segue la legge:

Espresso in temini di coseno/seno che


𝑥 𝑡 = 𝐴 cos 𝜔𝑡 + 𝜑 sono le funzioni periodiche piu’ familiari

– A e’ l’ ampiezza del moto oscillatorio


– (𝜔𝑡 + 𝜑) e’ detta fase del moto
–  e’ detto angolo di fase
–  e’ la frequenza angolare, vediamone il significato:
2𝜋
Se considero un tempo 𝑡 ′ = 𝑡 + avro’ 𝑥 𝑡′ = 𝐴 cos 𝜔𝑡 + 2𝜋 + 𝜑 = 𝑥(𝑡) ovvero se
𝜔
2𝜋 2𝜋
aggiungo un tempo si ritorna nella stessa posizione  definizione di periodo  =
𝜔 𝜔
2𝜋
percui 𝜔 = = 2𝜋f

• Moto armonico semplice e’ un caso particolare importante perche’ molti
problemi in fisica si riducono (per piccole oscillazioni) all’oscillatore
armonico semplice o sue combinazioni
4
Confronto tra 2 moti oscillatori
• Differiscono per  • Differiscono per ampiezza A
 stessa A  stesso 
 stesso   stesso 
x x

A A

• Differiscono per periodo (o )


 stessa A
x  Stesso 


5
Equazioni del moto armonico semplice
• Spostamento:
𝑥 𝑡 = 𝐴 cos 𝜔𝑡 + 𝜑
• Velocita’:
𝑑𝑥(𝑡)
𝑣 𝑡 = = −𝐴 𝜔sen 𝜔𝑡 + 𝜑
𝑑𝑡
notiamo che la velocita’ e’ nulla quando lo spostamento e’ massimo (x=A)
ed e’ massima quando lo spostamento e’ nullo (x=0)
• Accelerazione:
𝑑𝑣(𝑡)
𝑎 t = = −𝐴 𝜔2cos 𝜔𝑡 + 𝜑 = − 𝜔2𝑥(t)
𝑑𝑡
notiamo che l’accelerazione e’ direttamente proporzionale allo spostamento
• Forza che genera il moto armonico semplice :
𝐹 = 𝑚𝑎 = − 𝑚𝜔2 𝑥
dove m e  sono costanti percui possiamo scrivere con 𝑘 = 𝑚 𝜔2
𝐹 = −𝑘𝑥 Legge di Hooke per le molle ideali

e’ una forza di richiamo lineare (direttamente  allo spostamento)


6
Periodo del moto armonico semplice
• Possiamo quindi scrivere la forza che genera un moto armonico
semplice come la forza di richiamo elastica se la costante elastica e’:
𝑘 = 𝑚 𝜔2
• La frequenza angolare del moto armonico semplice e’:
𝑘
𝜔=
𝑚

• Il periodo:
2𝜋 𝑚
= = 2𝜋
𝜔 𝑘
– m maggiore  si muove piu’ lentamente  tempo maggiore per ritornare nella
stessa posizione
– k maggiore (forza della molla maggiore)  si muove piu’ velocemente  meno
tempo impiegato per tornare nella stessa posizione

7
Energia del moto armonico semplice
• Energia potenziale della forza elastica
1 1 1
𝑈= 𝑘𝑥2 = 𝑘(𝐴 cos 𝜔𝑡 + 𝜑 )2 = 𝑘𝐴2 cos 2 𝜔𝑡 + 𝜑 oscilla in t
2 2 2
• Energia cinetica
1 1 1
𝐾= 𝑚𝑣2 = 𝑚(−𝐴𝜔 sen 𝜔𝑡 + 𝜑 )2 = 𝑚𝜔2𝐴2 sen 2 𝜔𝑡 + 𝜑 oscilla in t
2 2 2
sapendo che k = 𝑚𝜔2
• Energia meccanica
1 1 1
𝐸 = 𝑈 + 𝐾 = 𝑘𝐴2 cos 2 𝜔𝑡 + 𝜑 + 𝑘𝐴2 sen 2 𝜔𝑡 + 𝜑 = 𝑘𝐴2 costante!
2 2 2

E = U(t) +K(t)
• K=0 quando v=0  punto di inversione
U(t) ovvero spostamento massimo  U max

• U=0 quando spostamento(dall’equilibrio)


K(t) e’ nullo  v max  K max
t

8
(14.25)
dove U0 è una costante positiva con il joule come unità di misura. Quando i due

Accenno a vibrazione delle molecole


atomi sono molto distanti, U = 0; quando sono separati dalla distanza di equili-
brio r = R0, U = –U0. La forza sul secondo dove
atomo
atomi di
essere trovata calcolando la derivata, cambiata
è una costante
U0(quello
sono
a destra,positiva
moltodella
segno, distanti,
con
sull’ asse
U = 0;energia
funzione
joule come unità di misura. Quando i due
r) ilpuò
quando sono separati dalla distanza di equili-
potenziale, Equazione (14.25): brio r = R0, U = –U0. La forza sul secondo atomo (quello a destra, sull’ asse r) può
essere trovata calcolando la derivata, cambiata di segno, della funzione energia
• Quando due atomi sono separati da una(14.25):
potenziale, Equazione distanza pari a pochi raggi atomici,
esercitano uno sull’altro forze attrattive (14.26)
• Se la distanza viene ridotta fino a far sovrapporre i loro gusci elettronici, le(14.26)
forze
Le Figure interatomiche
14.20b e 14.20c riportano le curve dell’repulsive
diventano energia potenziale e della for-
za, rispettivamente. La forza è positiva per Ler Figure
< R0 e14.20b
negativa per r riportano
e 14.20c > R0: anche
le curve dell’ energia potenziale e della for-
•questaTra questi due
è una forza di richiamo. limiti c’e’ una distanza di equilibrio(R
za, rispettivamente. La forza è positiva per o) tra i due atomi tale
r < R0 e negativa per r > R0: anche
percui possono formare una questa molecola.
è una forza di richiamo.

• La forza di un atomo sull’altro ha un andamento complicato (vedi fig.) ma e’


separati da una distanza r. (b) L’ energia potenziale U, data dall’ interazione di van der Waals, in
sull’ atomo1 4positiva
di.2destra
0 (a) in per
atomi r<R
funzione
Due della
con ecentri
negativa
odistanza
i loro r.
separati da una r>Rr.o (b)L’ energia
perdistanza e’ una forzaU, di
potenziale datarichiamo
dall’ interazioneattorno a Rin
di van der Waals, o
funzione della distanza r. (c) La forza Fr sull’ atomo di destra in funzione della distanza r.
enziale•U del Se i due
sistema atomi
composto dai vengono
(c) La forza spostati dalla
Fr in funzione della posizione
distanza r di equilibrio R o, inizieranno
zione della(a)
distanza r composto (b) Energia potenziale U del sistema composto dai
Un sistema (c) La forza Fr in funzione della distanza r
daad oscillare. due atomi in funzione della distanza r
due atomi
Fr
Distanza tra i centri U 10U /R Fr
Parabola degli atomi
Intorno alla posizione 2U0
0 0 Fr (r ) 10U0 /R0 Per oscillazioni di piccola
Intorno alla posizione di equilibrio, Fr (r )
Intorno si puo’ di equilibrio,
di equilibrio, U può Parabola Intorno alla posizione
r
essere approssimata
U(r )
5U 0 0/R Fr può essere
di equilibrio, U può approssimata ampiezza alla posizione
U0 5U0 /R0 Fr può essere approssimata
con una parabola esserecon
approssimata
una linea retta
con una parabola
approssimare la forza ad una
con una linea retta
 allo
r
R0 retta (cioe’
r O
R0
1.5R0
2R0 O
R0
R0 1.5R2R
00
r O0
2R linea 2R0
r
1.5R0 1.5R0
Atomi
2 U0
2 5U0 /R0 2 5U0 /R0
spostamento)
Fr 5 forza che
sizione di equilibrio è rsinistra
l’ atomo di 5 R0 La posizione di equilibrio è r 5 R0
La posizione di equilibrio è r 5 R0  moto
La posizione armonico
di equilibrio è r 5 R0 semplice!
2 10U 0 0U ha un(dove
/R F è nulla) (dove Fr è nulla)
U ha un minimo)
esercita su quello
di destra
2 2U0 (dove minimo)r 2 10U0 /R0
 molecola come molla

9
abbiamo già detto, le equazioni del moto con accelerazione costante viste nel Pa-
ragrafo 2.4 non sono di aiuto, dato che l’ accelerazione cambia continuamente a
seconda del valore dello spostamento x. Troveremo quindi x(t) notando una im-

Moto circolare uniforme prevista similarità tra il moto armonico semplice e un altro tipo di moto che ab-
biamo già studiato.

1 4 .5 (a) Relazione tra il moto circolare uniforme e il moto armonico semplice. (b) L’ ombra della pallina si muove esattamente come
un oggetto in oscillazione attaccato a una molla ideale.
• Relazione
(a)
tra moto armonico semplice e moto circolare uniforme
(b) Una rappresentazione del moto raf f gurato in (a)
• Consideriamo il moto circolare uniforme di un oggetto con velocita’
angolare
Schermo
verticale
 su2A
una crf di
P
raggio
A
A Ombra della pallina
sullo schermo La pallina in moto
O circolare uniforme
– Il punto Q descrive la posizione dell’oggetto
illuminato
Ombra della pallina
y
La sua ombra si muove
ed il punto P rappresenta la proiezione
Mentre la pallina
disulQdisco
Pallina Q avanti e indietro lungo
Q in rotazione A l’ asse x con un moto
sull’asse
muove di moto x
nel punto Q si
A u P
armonico semplice
circolare uniforme, x
–suaIlombra
la puntoP P esegue un moto armonico O
si muove avanti x 5 A cos u
semplice
e indietro sullo lungo l’asse x oscillando traIlluminazione
v A e -A : x=Acos

𝑥 𝑡 = 𝐴 cos 
schermo con un moto
armonico semplice Tavolo

dove  varia nel tempo come  = ωt + φ


Fascio di luce

• Moto armonico semplice equivale al moto della proiezione di un


moto circolare uniforme su un diametro
• Moto circolare uniforme puo’ essere visto come la combinazione di 2
moti armonici semplici su 2 assi perpendicolari sfasati di /2
320 30

10
Esercizi moto armonico/circolare
• Esercizio 1
Un oggetto e’ in moto circolare uniforme su una circonferenza di raggio
r=21cm con velocita’ angolare =3600rad/min. In un sistema di
riferimento cartesiano xy, l’andamento nel tempo delle componenti
della posizione e’ dato dalle equazioni:
x(t) = r cos(t)
y(t) = r sen(t)
Determinare
a) Il periodo di rotazione dell’oggetto
b) il modulo della velocita’ dell’oggetto e le componenti della velocita’
lungo gli assi x ed y
c) l’accelerazione dell’oggetto
2𝜋
d) Disegnare il vettore posizione e velocita’ agli istanti t=0 e t=
𝜔

11
Esercizi moto armonico
• Esercizio 2 (Pendolo semplice)
Un pendolo semplice e’ composto da un filo lungo L=40cm, a cui e’
legata una massa m=30g. Detta posizione di equilibrio la posizione della
massa per cui la somma di tutte le forze e’ nulla, si supponga che
all’istante iniziale la massa sia spostata di un angolo =15° rispetto alla
posizione di equilibrio e successivamente lasciata libera. Determinare:
1) le forze agenti sulla massa m nell’istante iniziale
2) l’altezza di m rispetto alla posizione di equilibrio all’istante iniziale t=0
3) La velocita’ con cui m passa per la posizione di equilibrio
4) Il periodo di oscillazione del pendolo

L

m

12