Sei sulla pagina 1di 58

Controllo Accessi

Software di configurazione e scrittura smart card


REQUISITI MINIMI HARDWARE E INSTALLAZIONE DEL PROGRAMMA
SOFTWARE • Inserire il CD nell’apposito lettore e seguire la procedura guidata.
Software: • Eseguire il programma direttamente dal browser Internet
• Sistema Operativo Microsoft: Explorer.
- Windows XP. • Qualora siano presenti antivirus, firewall o centro di sicu-
- Windows 8 a 32 bit o 64 bit. rezza PC, potrebbero verificarsi dei problemi nell’installazio-
- Windows 7 a 32 bit o 64 bit. ne. In tal caso disabilitare il centro di sicurezza ed riprende-
- Windows Vista a 32 bit o 64 bit. re l’installazione del software.

Hardware: INSTALLAZIONE DEI DRIVER


• 100 Mb di spazio di memoria su disco fisso.
• Mouse. Per utilizzare il software di programmazione delle smart card,
• CD-ROM. è necessario configurare opportunamente la porta seriale del
• Porta USB. PC mediante la procedura che segue:
1. Aprire la finestra di Gestione dispositivi utilizzando il
Il computer deve essere provvisto di porta seriale; in Pannello di Controllo.
caso contrario dotarsi di un convertitore USB/COM 2. Individuare il dispositivo USB <-> Serial all’interno della
comprensivo di driver del sistema operativo in uso. categoria Altri dispositivi.
3. Aprire il menù a tendina Driver e selezionare Dettagli Driver.
4. Selezionare il file con il driver presente su PC e confer-
mare l’operazione selezionando Avanti.

2
DESCRIZIONE FUNZIONALE DEL
SOFTWARE PER IL SISTEMA CONTROLLO
ACCESSI – LATO PC
Il software per PC contenuto nel CD e allegato al sistema
Controllo Accessi, permette di:

• definire e configurare il sistema e ogni singolo dispositivo


che lo compone

• scrivere e leggere le smart card per accedere ai locali


controllati

Di seguito ogni parte dell’applicazione verrà analizzata e


spiegata nella sua funzione, anche con esempi di applica-
zioni pratiche.

3
INDICE
IL LOGIN . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
LA BARRA DEGLI STRUMENTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
LE FUNZIONALITÀ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Definizione del sistema e dei suoi dispositivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
Tipologia Card . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
Configuratori Card . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
Attuatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
Lettori Card . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
Configurazione dei dispositivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
Scrittura di smart card generiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
Scrittura di smart card per la manutenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
Scrittura smart card tipiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
Gestione di parametri generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
Backup e scelta dei dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
Comunicazione con il dispositivo mobile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
Gestione dei dati storici del sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
Utility generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50

4
IL LOGIN

Il login all'applicazione è discriminante e, in base alla tipolo- Le tipologie di utente disponibili sono:
gia di utente che lo effettua, l'ambiente dell'applicazione si • Installatore
configura abilitando/disabilitando le varie funzionalità.
• Utente privilegiato
• Utente finale
• Amministratore

Nota bene: la prima volta che viene eseguita, l'applicazio-


ne propone la scelta della lingua.

5
A ogni tipologia di utente sono associate delle funzionalità: Utente privilegiato accede alle funzionalità di:
• Gestione di parametri generali
Installatore accede alle funzionalità di:
• Scrittura smart card generiche
• Definizione del sistema e dei suoi dispositivi • Scrittura smart card tipiche
• Configurazione dei dispositivi • Backup e scelta dei dati
• Scrittura smart card generiche • Gestione dei dati storici del sistema
• Scrittura smart card tipiche
• Gestione di parametri generali
• Configurazione dell'ambiente dell'applicazione Utente finale accede alle funzionalità di:
• Backup e scelta dei dati • Scrittura smart card tipiche
• Comunicazione con il dispositivo mobile
• Gestione dei dati storici del sistema
Amministratore
• Utility generali
è il tecnico specializzato Vimar che, oltre ad avere accesso
a tutte le funzionalità dell'applicazione, può modificare i
Per effettuare il login esistono tre utenti utilizzabili e preinseri- parametri di base del sistema e del software; e dispone di
ti con i seguenti dati di accesso: un menu con funzionalità di debug specifiche.
Utente Password

installatore install
utente user
direttore direct

6
LA BARRA DEGLI STRUMENTI Installatore

È la barra con pulsanti e menu che permette di acce-


dere alle funzionalità dell'applicazione. È presente per
ogni tipo di utente, ma abilitata nelle sue parti in rela-
zione all'utente che ha effettuato il login.
Utente privilegiato

Utente finale

Amministratore

7
LE FUNZIONALITÀ

Di seguito sono riportate e analizzate nel dettaglio le funzio-


nalità dell'applicazione.

Definizione del sistema e dei suoi dispositivi

Alla definizione del sistema si accede tramite pulsante


Definisci Sistema o menu Funzioni->Definisci Sistema;
la funzionalità permette di disegnare il sistema e configurare
i dispositivi in ogni parametro disponibile.

La finestra è divisa in cinque cartelle che corrispondono alle


diverse tipologie di dispositivi configurabili e ai parametri
generali del sistema.

8
Le cartelle sono:

Lettori Card permette di: Tipologie Card permette di:


• configurare, modificare, eliminare lettori a badge • visualizzare le tipologie di badge riconosciute dal sistema
• associare un attuatore al lettore attivo • modificare alcuni dei parametri delle tipologie di badge.
• scegliere le tipologie di badge che il lettore attivo può
riconoscere
• associare fino a dodici accessi al lettore attivo. Tipologia Accessi permette di:
• visualizzare i livelli di accesso.

Attuatori permette di:


• configurare, modificare eliminare attuatori.

Configuratori Card permette di:


• configurare, modificare, eliminare configuratori a badge
• scegliere le tipologie di badge che il configuratore può
riconoscere.

9
Legenda dei pulsanti funzione tipici di tutta l'applicazione. Dettaglio delle singole cartelle e delle operazioni che rendo-
no disponibili. La sequenza è utile anche come schema per
Pulsanti di navigazione: la configurazione di un impianto.
Porta al primo dato della cartella
Tipologia Accessi
Porta al dato precedente a quello visualizzato
Questa cartella contiene dei dati predefiniti per i livelli di
Porta al dato successivo a quello visualizzato accesso riconosciuti dai Lettori a Badge e per le tipologie di
Porta all'ultimo dato della cartella accesso utilizzabili nella scrittura delle smart card.
Ricerca un dato tra quelli della cartella

Pulsanti di edit:
Mette in modifica il dato visualizzato
Permette di inserire un nuovo dato nella cartella
Cancella il dato visualizzato
Conferma tutte le modifiche effettuate (inserimento
nuovo dato o modifica di un dato esistente)
Annulla le ultime modifiche o il nuovo inserimento e
ripristina lo stato precedente

10
La finestra è divisa in due gruppi di dati e ogni gruppo ha, È possibile scorrere i dati di entrambi i gruppi.
nella parte superiore, una barra degli strumenti composta
dai pulsanti funzione già descritti all'inizio del documento e
nella parte inferiore i dati.

11
Tipologia Card
Questa cartella contiene i tipi di smart card riconosciuti dal
sistema. I dati contenuti nella cartella sono in parte modi-
ficabili dall'utente Installatore. Questo tipo di operazione
può essere effettuata anche dopo la definizione del sistema,
ma prima della configurazione fisica dei dispositivi ai quali
questi dati vengono trasferiti perché da loro utilizzati per
accedere alle smart card sia in fase di lettura che di scrit-
tura.
La finestra è divisa in due parti: la parte superiore contiene
la barra degli strumenti con i pulsanti funzione, mentre la
parte inferiore visualizza valori raggruppati in tipologie.

12
I pulsanti funzione eseguono le operazioni precedentemente
descritte. In caso di operazioni di modifica i valori modifica-
bili appaiono su sfondo chiaro.

13
Configuratori Card
Questa cartella contiene i dati relativi i configuratori del
sistema, uno per ogni postazione di reception.
La finestra è divisa in due parti: la parte superiore contiene
la barra degli strumenti con i pulsanti funzione tipici (illustrati
in precedenza), e pulsanti funzione dedicati che verranno
illustrati di seguito, mentre la parte inferiore visualizza valori
raggruppati in tipologie.
É possibile inserire nuovi configuratori, cancellare quelli già
inseriti e modificarne la configurazione.
É inoltre possibile scorrere i configuratori impostati con i
pulsanti di navigazione.
Ogni configuratore necessita di un codice che lo identifica
univocamente, generato automaticamente dall'applicazione
al momento dell'inserimento, non visibile all'utente, e di un
nome (descrizione) che permetta il suo riconoscimento (nel
caso di più configuratori per reception) e che deve essere
inserito manualmente.
Ad ogni configuratore devono essere assegnate le tipologie
di smart card che può riconoscere. Questo avviene tramite
il pulsante funzione che apre una finestra per
la scelta tra quelle definite nella cartella Tipologia Card, pre-
cedentemente illustrata.

14
La scelta può essere singola (una sola tipologia) o multipla, Con il pulsante funzione le tipologie selezionate
effettuata tenendo premuto il tasto Ctrl e selezionando le vengono associate al configuratore attivo, con il pulsante
voci con il mouse. l'operazione viene annullata; in entrambi i casi il
La finestra di scelta si presenta come indicato di seguito. controllo dell'applicazione ritorna dalla finestra di configura-
zione alla cartella Configuratori Card.
Infine è possibile eliminare una o più tipologie di smart card
riconosciute dal configuratore. Questo avviene selezionando
la tipologia nella griglia “Tipo Card” e scegliendo il pulsante
funzione .

15
Attuatori
Questa cartella contiene la configurazione degli attuatori del L'utente può inserire nuovi attuatori, cancellarli e modificare
sistema. i dati di quelli già inseriti.
La finestra è divisa in due parti: la parte superiore contiene É possibile, inoltre, scorrere gli attuatori già memorizzati con
la barra degli strumenti con i pulsanti funzione tipici (illustrati i pulsanti funzione di navigazione o effettuare una ricerca
in precedenza) mentre la parte inferiore visualizza i valori. rapida selezionando il tasto funzione che apre una fine-
stra con la lista dei principali dati della cartella.

16
Selezionando l'attuatore voluto e il tasto l'applica-
zione rende attivo il dato nella cartella Attuatori mentre
con il tasto l'applicazione ritorna alla cartella
Attuatori con il dato precedente.
Tutte queste operazioni sono possibili in ogni fase della defi-
nizione del sistema, ma è consigliabile creare ogni attuatore
prima di creare il dispositivo Lettore a Badge a cui l'attuato-
re va associato, in modo da renderlo disponibile nella fase
di definizione del Lettore stesso.
In fase di inserimento e modifica le modalità dell'attuatore
sono selezionabili da una lista e in base alla modalità scelta
è possibile o meno impostare il tempo di attivazione agen-
do sul pulsante relativo il tempo di attivazione.

17
Lettori Card
Questa cartella contiene la configurazione dei lettori a
badge del sistema.
La finestra è divisa in due parti: la parte superiore contiene
la barra degli strumenti con i pulsanti funzione tipici (illustrati
in precedenza), e pulsanti funzione dedicati che verranno
illustrati di seguito, mentre la parte inferiore visualizza valori
raggruppati in tipologie.

18
É possibile inserire nuovi lettori, cancellare quelli già inseriti
e modificarne la configurazione.
É inoltre possibile scorrere i lettori configurati con i pulsanti
funzione di navigazione o effettuare una ricerca rapida sele-
zionando il tasto funzione che apre una finestra con la
lista di tutti i dati della cartella.

19
Selezionando il lettore voluto e il tasto l'applicazione
rende attivo il dato nella cartella Lettori Card mentre con il
tasto l'applicazione ritorna alla cartella con il dato
precedente.
Ogni lettore necessita di un codice che lo identifica uni-
vocamente, generato automaticamente dall'applicazione
al momento dell'inserimento, non visibile all'utente. Sono
invece da inserire manualmente un numero che indica,
a seconda delle applicazioni, stanza/varco, e un nome
(descrizione) che descrive il varco. Dalla finestra di scelta è possibile selezionare con il mouse
Un lettore può avere un attuatore collegato, necessario per l'attuatore voluto e associarlo al lettore scegliendo il tasto
attuare il comando (per esempio di apri porta). Per effettua- ; con il tasto la situazione precedente
re l'associazione è necessario selezionare il tasto funzione rimane invariata. In entrambi i casi il controllo dell'applica-
che apre una finestra con la lista degli attuatori zione ritorna alla cartella Lettori Card.
precedentemente memorizzati nella cartella Attuatori. A ogni lettore devono essere assegnate le tipologie di smart
card che può riconoscere. L'operazione è identica a quella
precedentemente descritta per i Configuratori Card.

20
Infine è necessario inserire i codici di accesso che il lettore Il codice viene generato automaticamente dall'applica-
deve riconoscere. zione ma non è visibile dall'utente. L’utente deve dare un
L'operazione avviene selezionando il tasto funzione nome (descrizione) che identifichi l'accesso, deve sce-
che apre la seguente finestra. gliere il livello di accesso da una lista che si apre di lato al
dato “Livello Accesso” e che propone i dati inseriti nella
cartella Tipologia Accessi, infine deve specificare se è
“di zona” e quindi utilizzabile anche su altri lettori.
Con il tasto i dati vengono inseriti con il tasto
l'operazione viene annullata.
• Modificare i parametri di un accesso già esistente con il
tasto funzione che li rende disponibili per la
modifica. Con il tasto i dati vengono inseriti;
con il tasto l'operazione viene annullata.
• Eliminare un accesso precedentemente inserito, selezio-
nando l'accesso che si vuole eliminare sulla griglia e sce-
gliendo il tasto funzione .
• Associare al lettore un accesso inserito per altri lettori e
definito quindi “di zona”, selezionando il tasto funzione
il quale apre una finestra di scelta che permet-
Da questa finestra è possibile: te di scegliere tra gli accessi disponibili quello voluto.
• Inserire un nuovo codice di accesso con il tasto funzione
.

21
Selezionando il tasto l'operazione viene annullata,
in entrambi i casi il controllo dell'applicazione ritorna alla
finestra degli accessi.

Terminate le operazioni di codifica si ritorna alla cartella dei


lettori con il tasto e tutti gli accessi del lettore
attivo, con i relativi parametri, sono visualizzati nella griglia
“Accessi”.

Selezionando il tasto l'accesso, se non già pre-


sente, viene inserito, altrimenti compare un messaggio di
avviso.

22
Configurazione dei dispositivi Per effettuare l'operazione, è disponibile la finestra di
“Comunicazione” richiamabile dal menu
La configurazione dei singoli dispositivi può avvenire in due Utility->Sistema->Comunicazione che permette di sce-
modi: gliere la porta che si vuole utilizzare per la comunicazione.
L’operazione avviene scegliendo la voce che interessa e uti-
1. Da PC, tramite porta seriale o infrarossi, utilizzando l'ap- lizzando il tasto , uno “spunto” verrà visualizzato
plicazione. a lato della voce selezionata.
2. Da dispositivo mobile dopo avervi trasferito i dati dal PC.

1. Configurazione via PC
Il collegamento tra PC e dispositivo, come illustrato nel
manuale dei dispositivi, avviene alternativamente tramite
porta infrarossi, apposito dispositivo collegato alla porta
seriale o collegamento diretto su porta USB per il configura-
tore. In ogni caso è necessario rendere noto all'applicazione
il mezzo di comunicazione che si intende utilizzare.

23
Per uscire dalla finestra utilizzare il tasto . La porta di comunicazione nel caso del configuratore, ha un
Al momento della configurazione dei dispositivi appare nome diverso a seconda del pc utilizzato.
comunque una finestra informativa che ricorda all'utente di Per scoprire il nome assegnato dal sistema operativo alla
scegliere la porta di comunicazione. porta del validatore la procedura migliore è:
1. Avviare il programma con il validatore NON collegato
al PC.
2. Aprire la finestra di comunicazione richiamabile dal menù
Utility->Sistema->Comunicazione e segnare i nomi
delle porte presenti nella lista.
3. Chiudere il programma e collegare il configuratore al PC.
4. Avviare il programma e aprire la finestra di comu-
nicazione richiamabile dal menù Utility->Sistema-
>Comunicazione
5. Confrontare la lista delle porte con la lista ottenuta al
passo 2.
La porta di comunicazione con il configuratore è quella
presente nell’attuale lista e non in quella ottenuta al
passo 2.

24
Una volta scelta la porta di comunicazione i dispositivi ven-
gono configurati tramite il tasto funzione pre-
sente nella loro cartella di definizione.
In particolare per la configurazione dei lettori è possibile
scegliere quali dati inviare dalla finestra di scelta, che com- Inizia la configurazione e nella barra di stato della finestra
pare automaticamente con la scelta del tasto funzione per principale è possibile seguirne l'avanzamento sia nel caso
la configurazione. Inoltre è possibile sincronizzare il lettore dei lettori,
con la data/ora che compare nella finestra. Inizialmente
vengono visualizzati i valori di data/ora presenti sul compu-
ter, dati che possono essere modificati. Le eventuali modifi-
che vengono memorizzate per tutta la sessione di lavoro.

Scegliendo il pulsante l'applicazione chiede se si


desidera cancellare la configurazione precedente del dispo-
sitivo o sovrascrivere.

25
che dei configuratori. 2. Configurazione via dispositivo mobile
La configurazione mediante dispositivo mobile (PDA o cellu-
lare) è spiegata nell’apposito manuale.
Per utilizzare il dispositivo mobile è necessario trasferire
a esso i dati che definiscono il sistema, introdotti con la
funzionalità, precedentemente illustrata, Definizione del
sistema e dei suoi dispositivi.
La funzionalità di trasferimento dei dati tra PC e dispositivo
mobile verrà affrontata in Comunicazione con il disposi-
tivo mobile.

Con la scelta del pulsante l'operazione viene


interrotta e il controllo ritorna alla finestra principale.

26
Scrittura di smart card generiche
La scrittura delle smart card di accesso è un'operazione
destinata all'utente finale e avviene utilizzando il dispositi-
vo configuratore collegato alla porta USB del PC.
Alla funzionalità si accede dalla barra degli strumenti
selezionando il tasto funzione o tramite menu
Funzioni -> Scrivi Card: generale.
La finestra è divisa in due parti: la parte superiore contiene
la barra degli strumenti con i pulsanti funzione tipici (illustrati
in precedenza), e dei pulsanti funzione dedicati che verran-
no illustrati di seguito, mentre la parte inferiore visualizza
valori raggruppati in tipologie.

Il primo gruppo Lettori visualizza i dati del varco a cui si Scorrendo la lista dei codici i dati di accesso cambiano e
vuole accedere, il secondo gruppo Codici di accesso potrebbero essere vuoti se l'accesso non è mai stato com-
visualizza la lista degli accessi definiti e configurati per quel pilato e trasferito su una smart card.
varco, il terzo gruppo visualizza gli ultimi dati compilati per il É possibile scorrere tutti i varchi definiti nella finestra di
codice di accesso attivo. configurazione del sistema; per ogni varco selezionare con
il mouse un codice di accesso e visualizzare, se presenti, gli
ultimi dati di accesso compilati.

27
L'applicazione permette di inserire nuovi dati ad un accesso Tutte le finestre avranno in comune due parti:
selezionando il tasto funzione che apre la
seguente finestra di scelta. 1. L'indicazione della stanza su cui si sta compilando
l'accesso, questo dato risulta in grigio in quanto non
modificabile.

2. Un gruppo Antintrusione con tre voci di scelta che


stabiliscono se l'accesso che si vuole compilare: abilita
e disabilita automaticamente il sistema antintrusione; lo
disabilita automaticamente ma l'abilitazione dovrà avve-
nire manualmente sul dispositivo; il sistema non interagi-
sce con un sistema antintrusione.

Inoltre è comune a tutte le finestre, e quindi a tutte le tipo-


logie di accesso, la visualizzazione del codice identificativo
della card al termine della sua scrittura.
Permette di decidere quale tra le tipologie di accesso, sup-
portate dal sistema si vuole compilare. Di seguito sono visualizzate le finestre per l’introduzione dei
In seguito alla scelta di una delle voci proposte, l'applica- dati relative alle varie tipologie di accesso, e per le tipologie
zione proporrà una diversa finestra per la compilazione dei più complesse degli esempi esplicativi.
dati.

28
Accesso numerico a notti

Le notti partono dalla data inserita alla voce Da e terminano


il giorno dopo l'ultima notte; l'ora di fine (il check-out) deve
essere configurato con la funzionalità Configurazione
dell'ambiente dell'applicazione descritta a pag. 41.

Infine, i dati di accesso vengono scritti nella smart card e


memorizzati nel database dell'applicativo (utili per even-
tuali duplicazioni di smart card) con il pulsante funzione
, con il pulsante funzione il control-
lo dell'applicazione ritorna alla finestra Scrivi Card.

29
Esempio. Si supponga di voler dare un accesso a un • scegliere il tasto funzione
cliente per tre notti alla stanza n° 210 con disattivazione e scegliere
automatica e abilitazione manuale del sistema antintrusione la tipologia Accesso
collegato al sistema controllo accessi, i passi per configu- numerico a notti.
rarlo sono:
• selezionare nella finestra Scrivi Card la stanza n° 210 e il
relativo codice di accesso (per il cliente).

• Inserire la data e l'ora di


inizio 05/08/2005 15:00
nel campo Da ed il n° 3
notti nel campo numero;
scegliere la voce Abilita
manuale e disabilita.

30
Scegliendo il tasto i dati vengono scritti sulla
smart card attraverso il dispositivo configuratore e l'avanza-
mento dell'operazione è visibile sulla barra posta nella parte
bassa della finestra.

Supponendo che l'impostazione dell'ambiente dell'applica- Se fosse necessario riscrivere questo accesso su altre
zione fissi l'ora del check-out alle 10.00, in questo esempio smart card, sarà sufficiente selezionarlo, inserire la smart
l'accesso sarà valido dalle ore 15.00 del 05/08/2005 alle card nel configuratore e agire nel tasto della
ore 10.00 del 08/08/2005. I dati inseriti vengono visualizzati finestra Scrivi card generale, senza dover nuovamente
nella finestra Scrivi Card. ritornare nei dati di accesso.

31
Accesso per date Accesso numerico a scalare

I valori da inserire, preimpostati in base ai dati inseriti nella I valori da inserire, preimpostati in base ai dati inseriti nella
configurazione dell'ambiente dell'applicazione, riguardano la configurazione dell'ambiente dell'applicazione, riguardano il
data di inizio, la data di fine e i parametri relativi al collega- numero di accessi da scrivere sulla smart card e i parametri
mento al sistema antintrusione. relativi al collegamento al sistema antintrusione.
Infine, i dati di accesso vengono scritti nella smart card e Infine i dati di accesso vengono scritti nella smart card, e
memorizzati nel database dell'applicativo (utili per even- memorizzati nel database dell'applicativo (utili per eventuali
tuali duplicazioni di smart card) con il pulsante funzione duplicazioni di smart card) con il pulsante funzione
; con il pulsante funzione il controllo , mentre con il pulsante funzione il
dell'applicazione ritorna alla finestra Scrivi Card. controllo dell'applicazione ritorna alla finestra
Scrivi Card.

32
Accesso a fasce orarie Esempio. Si supponga di voler dare un accesso all'istruttore
della palestra, tutti i giorni dalle 8.00 alle 18.00, senza siste-
ma antintrusione. I passi per configurare una smart card
con questo accesso sono:
• selezionare nella finestra Scrivi Card il varco Palestra e il
relativo codice di accesso (per il personale).

I valori da inserire, preimpostati in base ai dati inseriti nella


configurazione dell'ambiente dell'applicazione, riguardano,
per ogni fascia, se questa deve essere o meno usata e nel
caso ora inizio, ora fine e i parametri relativi al collegamento
al sistema antintrusione.
Infine, i dati di accesso vengono scritti nella smart card e
memorizzati nel database dell'applicativo (utili per even-
tuali duplicazioni di smart card) con il pulsante funzione
; con il pulsante funzione il controllo
dell'applicazione ritorna alla finestra Scrivi Card.

33
• scegliere il tasto fun- Scegliendo il tasto i dati vengono scritti
zione e sulla smart card attraverso il dispositivo configura-
scegliere la tipologia tore e l'avanzamento dell'operazione è visibile sulla
Accesso a fasce barra posta nella parte bassa della finestra.
orarie.

• Abilitare la prima
fascia oraria e disa-
bilitare la seconda
fascia, inserire nel
gruppo della prima
fascia oraria l'ora di
inizio (Da) e l'ora di
fine (A) e scegliere
la voce Senza
Antintrusione.

34
I dati di accesso risultano nella finestra Scrivi Card. Accesso a fasce orarie a scalare

I valori da inserire, preimpostati in base ai dati inseriti nella


configurazione dell'ambiente dell'applicazione, riguardano,
per ogni fascia, ora inizio, ora fine e i giorni in cui deve
essere applicata e i parametri relativi al collegamento al
sistema antintrusione.

35
Nel caso una fascia venga impostata ma non assegnata ad Accesso sempre valido
almeno un giorno della settimana, essa verrà ignorata.
I dati di accesso vengono scritti nella smart card, e memo-
rizzati nel database dell'applicativo (utili per eventuali dupli-
cazioni di smart card) con il pulsante funzione ;
con il pulsante funzione il controllo dell'applica-
zione ritorna alla finestra Scrivi Card.

I due valori da impostare sono il check che seleziona l'ac-


cesso sempre valido e i parametri relativi al collegamento al
sistema antintrusione.
I dati di accesso vengono scritti nella smart card, e memo-
rizzati nel database dell'applicativo (utili per eventuali dupli-
cazioni di smart card) con il pulsante funzione ;
con il pulsante funzione il controllo dell'applica-
zione ritorna alla finestra Scrivi Card.

36
Scrittura di smart card per la manuten­ Questa operazione va effettuata per ogni varco in cui la
zione smart card smarrita era valida; l’applicazione avvisa su quali
varchi è necessario agire, con il seguente messaggio.
La finestra per la scrittura di card generiche presenta un
pulsante funzione che permette di scrivere
smart card di manutenzione al sistema. Nel caso una
smart card venga smarrita o rubata, è possibile rigenerare
o eliminare definitivamente il suo codice dai dispositivi che
la riconoscevano valida tramite una nuova smart card di
manutenzione scritta con la finestra.

37
Scrittura smart card tipiche Se l'accesso tipico definito è:
• Accesso numerico a notti:
La scrittura delle smart card tipiche avviene con gli stessi la finestra si presenta come quella della funzionalità Scrivi
strumenti grafici (finestre) utilizzati per la scrittura delle smart Card generale, ma permette di scegliere il varco a cui dare
card generiche. l’accesso agendo nel pulsante di scorrimento che visualizza
Al momento della configurazione dell'ambiente dell'appli- uno alla volta tutti gli accessi definiti o, in modo più rapido,
cazione, l'installatore può scegliere, tra le diverse tipologie digitando il numero della stanza il cui primo accesso defini-
di accesso, quella che l'utente finale utilizzerà più spesso to viene automaticamente visualizzato.
e definirla come tipica. Alla pressione del pulsante funzione
la finestra che si aprirà sarà relativa alla tipolo-
gia di accesso impostata.

38
• Accesso per date: • Accesso numerico a scalare:
la finestra si presenta come quella della funzionalità Scrivi la finestra si presenta come quella della funzionalità Scrivi
Card generale, ma permette di scegliere il varco a cui dare Card generale, ma permette di scegliere il varco a cui dare
l’accesso agendo nel pulsante di scorrimento che visualizza l’accesso agendo nel pulsante di scorrimento che visualizza
uno alla volta tutti gli accessi definiti o, in modo più’ rapido, uno alla volta tutti gli accessi definiti o, in modo più’ rapido,
digitando il numero della stanza il cui primo accesso defini- digitando il numero della stanza il cui primo accesso defini-
to viene automaticamente visualizzato. to viene automaticamente visualizzato.

39
• Accesso a fasce orarie: • Accesso a fasce orarie a scalare:
la finestra si presenta come quella della funzionalità Scrivi la finestra si presenta come quella della funzionalità Scrivi
Card generale, ma permette di scegliere il varco a cui dare Card generale, ma permette di scegliere il varco a cui dare
l’accesso agendo nel pulsante di scorrimento che visualizza l’accesso agendo nel pulsante di scorrimento che visualizza
uno alla volta tutti gli accessi definiti o, in modo più’ rapido, uno alla volta tutti gli accessi definiti o, in modo più’ rapido,
digitando il numero della stanza il cui primo accesso defini- digitando il numero della stanza il cui primo accesso defini-
to viene automaticamente visualizzato. to viene automaticamente visualizzato.

40
• Accesso sempre valido: Gestione di parametri generali
la finestra si presenta come quella della funzionalità Scrivi
Card generale, ma permette di scegliere il varco a cui dare L'applicazione permette la gestione di alcuni parametri
l’accesso agendo nel pulsante di scorrimento che visualizza generali relativi le smart card. Dal menu Utility->Card-
uno alla volta tutti gli accessi definiti o, in modo più’ rapido, >Gestione Monetica si accede a una finestra per la ges­
digitando il numero della stanza il cui primo accesso defini- tione di smart card speciali per le applicazioni di monetica.
to viene automaticamente visualizzato.

È possibile cambiare il banco di memoria dove scrivere e


leggere i dati, impostare un pin di accesso e il relativo indi-
rizzo, modificare il pin di modalità di accesso e relativo indi-
rizzo. Questi dati sono utili per applicazioni specifiche e di
settore. Un caso tipico potrebbe essere l'integrazione tra il
sistema di controllo accessi ed un sistema di gestione mo­
netica (prepagato, ecc.). Una stessa smart card deve poter
essere utilizzata dai due diversi sistemi senza interferenze;
ai due sistemi vanno assegnate zone di memoria diverse
nella smart card. Può essere necessaria la modifica del PIN
di accesso alla smart card stessa per questioni di sicurezza.

41
Dal menu Utility->Card- Configurazione dell'ambiente dell'applicazione
>Modifica Pin si accede ad una
finestra per la modifica del pin L'applicazione può essere personalizzata in alcuni para-
della smart card che visualizza i metri, secondo il tipo di sistema che si vuole configurare.
dati correnti in base alla tipologia Come già accennato in precedenza, è possibile stabilire la
di smart card inserita nel confi- tipologia di accesso tipica del sistema tra quelle riconosciu-
guratore e letta dall’applicazione, te dai dispositivi e impostarne i valori di default.
e permette di modificarli previo Alla personalizzazione dell'ambiente dell'applicazione si
avviso sul tipo di operazione che accede dal menu Utility->Sistema->Personalizzazione,
si sta effettuando. da cui si presenta la finestra per la scelta della tipologia di
accesso tipica.

Segnalando inoltre la modifica deve essere estesa anche ai


dispositivi del sistema (altrimenti quella smart card non può
più essere letta).

42
In base alla scelta effettuata vengono aperte delle finestre Con l'Accesso numerico a scalare è possibile impostare
successive che permettono di configurare i valori di default il numero di accessi che più frequentemente viene utilizzato
relativi alla tipologia di accesso scelta. e la finestra per la configurazione di questi parametri è la
Con la scelta dell'Accesso numerico a notti è possibile seguente.
impostare l'ora in cui si vuol far partire la prima notte e l'ora
in cui si vuol far terminare. Questo è una tipologia equiva-
lente a quella per date ma è più intuitiva in settori come
l'alberghiero dove l'ora di arrivo è vista come il check-in e
l'ora di partenza è vista come il check-out.
La finestra per la configurazione di questi parametri è Con l'Accesso a fasce orarie è possibile impostare le due
fasce orarie che normalmente verranno utilizzate nel siste-
ma, con la finestra seguente.

43
Con la scelta dell'Accesso a fasce orarie scalari è possi- Backup e scelta dei dati
bile impostare il numero di accessi che più frequentemente
viene utilizzato, É possibile eseguire il backup dei dati dell'applicazione
utilizzando la funzionalità del menu Utility->Sistema-
>Backup che apre una finestra dove è possibile indicare la
posizione su cui fare una copia dei dati.

e di seguito le due fasce orarie che normalmente verranno


utilizzate nel sistema.

Con la scelta dell'Accesso per date o l'Accesso sempre


valido non vengono chieste configurazioni di default.

44
In qualsiasi momento è possibile far utilizzare all'applicazio- Comunicazione con il dispositivo mobile
ne i dati salvati precedentemente, utilizzando la funzionalità
su menu Utility->Sistema->Scegli Dati che chiude i L’applicazione permette di scambiare i dati con il disposi-
dati correnti (salvandoli, dove viene indicato con la stessa tivo mobile che si vuole utilizzare per la configurazione e la
modalità del backup semplice) e apre una finestra per la manutenzione del sistema. Si noti che nei dispositivi mobili,
scelta dei nuovi dati da visualizzare. per motivi legati a scelte di fabbricazione ed indipendenti
dalla nostra volontà, verranno gestite correttamente solo
le informazioni memorizzate nelle seguenti lingue: italiano,
inglese, francese, tedesco, spagnolo. Nel caso di uso della
lingua greca è necessario trasferire i dati utilizzando un col-
legamento con cavo seriale tra il PC e la testina di lettura.
Lo scambio dei dati avviene nei due versi:

1. Da PC a dispositivo mobile vengono trasferiti i dati di


definizione del sistema, quelli inseriti con la funzionalità
Definizione del sistema e dei suoi dispositivi.
2. Da dispositivo mobile a PC vengono trasferiti i dati even-
tualmente modificati in fase di configurazione (si veda il
manuale relativo l’applicazione software del dispositivo
mobile) e i dati storici che si possono leggere dai dispo-
sitivi del sistema.

45
Nel primo caso l’operazione avviene dal menu Funzioni- La prima finestra del wizard chiede all’utente di collegare
>Invia a Mobile dal quale si apre la finestra per la scelta fisicamente il computer con il dispositivo mobile.
dei dati da inviare.

Successivamente viene visualizzato l’avviso relativo la porta


di comunicazione che l’applicazione deve utilizzare per lo
scambio dei dati (vedere Configurazione dei dispositivi
a pag. 23).
È possibile scegliere, tra i dispositivi definiti, i dati di quali
inviare; la scelta di più dati dalla lista avviene tenendo pre-
muto il tasto Ctrl e selezionando con il mouse i dati voluti;
è possibile inoltre, scegliendo la voce Tutti, inviare i dati di
tutti in una sola soluzione.
È possibile modificare la velocità di comunicazione tra il PC
e il dispositivo mobile, agendo nella finestra a discesa posta
L’applicazione, quindi, prepara i dati da trasferire e l’anda-
nell’angolo in alto a sinistra.
mento dell’operazione verrà visualizzato nella barra di avan-
Scegliendo il pulsante verrà visualizzato un
zamento della finestra di invio.
wizard che guiderà l’utente nelle operazioni di connessione
tra i due dispositivi e invio dei dati.

46
Lo scambio di dati tra dispositivo mobile e PC avviene per
importare i dati storici letti dai dispositivi o per allineare i dati
eventualmente modificati su dispositivo mobile.
Nel primo caso, alla funzionalità si accede dalla finestra
relativa alle Statistiche che verrà analizzata nel seguito
nella funzionalità Gestione dei dati storici del sistema.
Nel secondo caso si accede alla funzionalità dal menu
Funzioni->Leggi da Mobile che propone la finestra.

Infine, l’applicazione suggerisce le operazioni per sincroniz-


zare i due dispositivi.

È possibile modificare la velocità’ di comunicazione tra il


PC e il dispositivo mobile, agendo nella finestra a discesa
Velocità.
A completamento delle fasi di connessione tra i due dispo- Scegliendo il pulsante per la ricezione dei dati, l’applicazio-
sitivi l’applicazione invia i dati. ne propone un wizard che guiderà l’utente nelle operazioni
di connessione tra i due dispositivi e ricezione dei dati.

47
La prima finestra del wizard chiede all’utente di collegare L’applicazione, quindi, guida l’utente nelle operazioni per
fisicamente il computer con il dispositivo mobile. preparare il dispositivo mobile alla ricezione dei dati.

A completamento delle fasi di connessione tra i due dispo-


Successivamente viene visualizzato l’avviso relativo la porta
sitivi, l’applicazione riceve i dati e l’andamento dell’opera-
di comunicazione che l’applicazione deve utilizzare per lo
zione verrà visualizzato nella barra di avanzamento della
scambio dei dati (Configurazione dei dispositivi vedere
finestra di ricezione.
pag. 23).

48
Gestione dei dati storici del sistema dove è possibile impostare la velocità di comunicazione
con il dispositivo mobile, agendo nella finestra a discesa
L’applicazione permette di leggere i dati storici che il dispo- Velocità, leggere i dati dal dispositivo mobile e/o esportare
sitivo mobile ha acquisito dai singoli dispositivi del sistema, i dati storici memorizzabili in un file.
li memorizza nel database locale e li rende disponibili in un Nel primo caso l’applicazione presenta un wizard che guida
formato utilizzabile dai piu’ comuni fogli elettronici (excel...), l’utente nella connessione tra il PC e il dispositivo mobile.
in modo che sia possibile effettuarne delle statistiche. I
dati storici che i dispositivi del sistema forniscono sono i
seguenti:
• Varco su cui viene effettuato l’accesso
• Identificativo della smart card che effettua l’accesso
• Data e Ora di accesso

Alla funzionalità si accede o dal pulsante funzione


, o dal menu Funzioni->Statistiche, si presenta
la finestra,

I dati vengono letti e trasferiti nel database locale; l’anda-


mento dell’operazione è visibile nella barra di avanzamento
della finestra da cui è partita la richiesta di letture.

49
Utility generali
L’applicazione fornisce una serie di Utility generali per ope-
razioni dirette sulle smart card e sui dispositivi del sistema e
per la gestione dell’applicazione e dei suoi dati.

• Lettura dei dati contenuti in una smart card:


Nell’esportazione dei dati l’applicazione presenta una fine- tramite il configuratore, l’applicazione legge i dati scritti
stra dove e’ possibile scegliere la cartella di memorizzazione nella smart card inserita e li confronta con i propri.
del file:

50
Con il pulsante funzione l’operazione viene ese- • Pulizia dei dati della smart card:
guita e i dati vengono visualizzati. si accede tramite il menu Utility->Card->Cancella Dati
e, previa conferma dell’operazione,

permette di cancellare completamente tutti i dati di accesso


contenuti nella smart card
È disponibile anche la funzionalità di cancellazione di uno
dei dati visualizzati da scegliere tra quelli proposti in una
lista.

51
• Cancellazione dell’identificativo della smart card:
si accede tramite il menu Utility->Card->Cancella
Identificativo e, previa conferma dell’operazione,

permette di cancellare dalla smart card il codice che la


identifica univocamente. La volta successiva che la smart
card verrà scritta le verrà assegnato un nuovo codice.
È possibile scegliere il lettore a cui si vuole regolare l’orolo-
gio (o con l’opzione tutti, inviare il messaggio a tutti i lettori
collegati al lettore scelto) e impostare la data e ora di par-
tenza, che sarà quella in cui la smart card verrà inserita nel
• Creazione di una smart card per la regolazione dispositivo. L’esecuzione dell’operazione permette all’appli-
dell’orologio: cazione di scrivere la smart card di manutenzione attraverso
si accede tramite il menu Utility->Card->Reset il configuratore.
Orologio e permette di creare una smart card speciale di
manutenzione che regoli l’orologio di uno o più dispositivi • Lettura codice identificativo della card:
del sistema. si accede tramite il menu Utility->Card->Leggi
Identificativo e permette di leggere dalla smart card il
codice che la identifica univocamente.

52
• Lettura dei dati di configurazione di un dispositivo: • Cancellazione dei dati di configurazione di un dispo-
è possibile leggere i dati del dispositivo del sistema colle- sitivo:
gato alla porta di comunicazione attiva; alla funzionalità vi è possibile cancellare i dati di configurazione di un dispo-
si accede attraverso il menu Utility->Dispositivi->Leggi sitivo del sistema attraverso la funzionalità del menu
Configurazione. Utility->Dispositivi->Cancella Configurazione che
propone un messaggio di conferma prima di effettuare
Con il tasto funzione
l’operazione.
è possibile
leggere i dati, che ven-
gono confrontati con
quelli dell’applicazione
e visualizzati.

In seguito è possibile riconfigurare il dispositivo come indi-


cato nella funzionalità Configurazione dei dispositivi.

• Reset di un dispositivo
è possibile effettuare il reset del dispositivo collegato alla
porta di comunicazione attiva per l’applicazione. Alla
funzionalità si accede tramite menu Utility->Dispositivi-
>Reset.

53
• Lettura dei dati storici direttamente dal dispositivo • Impostazione dell’orologio del dispositivo: è possibile
del sistema: gestire l’orologio del dispositivo del sistema, collegato alla
è possibile leggere i dati storici del singolo dispositivo porta di comunicazione attiva dell’applicazione. La funziona-
collegato alla porta di comunicazione attiva per l’appli- lità è disponibile nel menu Utility->Dispositivi->Orologio
cazione. I dati vengono memorizzati tra quelli dell’appli- e presenta la finestra sottoriportata. Se nel PC è impostata
cazione e resi esportabili in formato .xls dalla funzionalità una data/ora scorretta è possibile modificare le impostazioni
Gestione dei dati storici del sistema. ed inviare quelle corrette al dispositivo. La modifica verrà
la funzionalità è disponibile sia dal pulsante funzione memorizzata dall’applicativo per tutta la sessione di lavoro.
, sia dal menu Funzioni-> Statistiche e
presenta la finestra sottoriportata.

Con il pulsante funzione per la lettura dello storico, l’appli-


cazione identifica il dispositivo collegato e ne legge i dati
storici mostrando l’andamento dell’operazione nella barra di
avanzamento.

Permette di leggere le impostazioni correnti dell’orologio


(data e ora) o aggiornarle, previa conferma dell’operazione
con quelle del PC su cui vive l’applicazione.

54
• Gestione degli utenti dell’applicazione: • Cambio lingua all’applicazione
l’applicazione fornisce la funzionalità di gestione degli In qualsiasi momento è possibile modificare la lingua
utenti accreditati al suo utilizzo, dell’assegnazione dei pri- dell'applicazione. Alla funzionalità si accede dal menu
vilegi e della gestione della password di accesso. Utility > Sistema > Lingua.

Permette di scorrere gli utenti dell’appli-


cazione, modificare i dati, cancellare e
inserire nuovi utenti con i pulsanti fun-
zione già descritti in più parti di questo
testo. Per ogni utente è inoltre possibile L’applicazione avvisa che la modifica viene applicata sola-
cambiare la password attraverso la fine- mente alla sucessiva esecuzione dell'applicazione:
stra che impone di inserire la password
corrente per poterla modificare con una
nuova.

• Cambio del login all’applicazione:


in qualsiasi momento è possibile cambiare l’utente che
usa l’applicazione dal menu Utility->Sistema->Nuovo
Login. L’operazione chiude tutte le finestre attive e pre-
senta la finestra di login come all’avvio dell’applicazione.

55
• Help
L’applicazione fornisce l’accesso ad un help in linea attra-
verso il menu Help > help content, oppure attraverso il
tasto F1 dalle finestre principali. Si tratta di un help conte-
stuale ovvero visualizza il testo relativo relativo la finestra
da cui viene chiamato (ad esempio: premendo F1 dalla
finestra “Scrivi Card: Generale” verrà visualizzata la parte
dell'help relativa alla scrittura di smart card generiche).

56
57
Viale Vicenza, 14 - I 36063 Marostica
Tel. +39 0424 488 600 - Fax 0424 488 188
http://www.vimar.com sw Controllo Accessi 08 1301
VIMAR - Marostica - Italy