Sei sulla pagina 1di 70

MODELLI AFFLUSSI - DEFLUSSI

SEPARAZIONE DELLE COMPONENTI DELL’IDROGRAMMA DI PIENA


Componenti superficiale e sotterranea di un idrogramma di piena:
 Afflusso diretto:
diretto è la precipitazione che cade direttamente sugli specchi
d’acqua della rete drenante
 Scorrimento superficiale (run off):
off): ha origine inizialmente sul suolo e si
propaga quindi all’interno della rete idrografica. Costituisce il contributo più
rapido e, in molti casi, di gran lunga più importante alla piena
 Scorrimento ipodermico:
ipodermico è costituito dall’aliquota di precipitazione
infiltrata che si muove orizzontalmente nel suolo, nello strato
immediatamente sottostante la superficie, ed è generalmente causato da
strati impermeabili che ne impediscono la percolazione profonda. In genere i
tempi caratteristici dello scorrimento ipodermico sono dello stesso ordine di
grandezza di quelli dello scorrimento superficiale
 Scorrimento sotterraneo (o profondo):
profondo) è l’aliquota d'acqua affluita che
raggiunge la sezione di chiusura attraverso lenti fenomeni di filtrazione negli
strati più profondi del terreno. Questo contributo all’idrogramma di piena
varia dunque piuttosto poco durante l’evento perché risente in maniera
limitata degli effetti della pioggia
MODELLI AFFLUSSI - DEFLUSSI

Applicazione di
un modello
afflussi-deflussi
MODELLI AFFLUSSI - DEFLUSSI

1. Determinazione della curva di probabilità pluviometrica


Sul punto occorre osservare che, in linea di principio, non è detto che i tempi di
ritorno delle piogge e delle piene da queste generate coincidano. Infatti il
tempo di ritorno delle piene dipende dalla probabilità combinata delle piogge
che le generano e delle altre variabili che intervengono nella loro formazione
(infiltrazione, tempo critico, ecc.).
Tuttavia nella pratica si assume che, facendo riferimento, per tutte le altre
variabili, ai valori medi, il tempo di ritorno T delle piene coincida con quello
delle piogge che le hanno generate.
2. Determinazione degli afflussi su di un bacino
3. Determinazione del pluviogramma di progetto
La distribuzione temporale delle intensità di pioggia durante un evento
(pluviogramma) è una informazione non sempre disponibile. Pertanto, in
assenza di dati rilevati, il pluviogramma va considerato come un’ipotesi del
progettista.
MODELLI AFFLUSSI - DEFLUSSI

Tuttavia si possono fare due considerazioni:


- l’esperienza ha evidenziato che normalmente gli eventi di pioggia si
presentano “nidificati”. Ciò significa che in uno stesso evento le altezze di
pioggia sono critiche per diverse durate;
- nel costruire uno ietogramma di progetto occorre che, qualsiasi sia
l’intervallo temporale d che si considera, l’altezza di pioggia complessiva non
sia superiore a h(d).
4. Determinazione del pluviogramma netto
La distribuzione temporale delle intensità di pioggia efficace ai fini del
deflusso (pluviogramma netto) va calcolata, a partire dal pluviogramma
ipotizzato, tenendo conto delle sottrazioni per ritenzione superficiale e per
infiltrazione, già trattate in precedenza.
5. Costruzione dell'idrogramma di piena
Mediante i modelli afflussi-deflussi è possibile costruire l'idrogramma
di piena corrispondente all'assegnato pluviogramma netto.
MODELLI AFFLUSSI - DEFLUSSI
MODELLI AFFLUSSI - DEFLUSSI
MODELLI AFFLUSSI - DEFLUSSI
MODELLI AFFLUSSI - DEFLUSSI
MODELLI AFFLUSSI - DEFLUSSI
MODELLI AFFLUSSI - DEFLUSSI
MODELLI AFFLUSSI - DEFLUSSI

Diverse formule empiriche mettono


in relazione il tempo di corrivazione
Tc con le caratteristiche del bacino
MODELLI AFFLUSSI - DEFLUSSI

tc [h]
MODELLI AFFLUSSI - DEFLUSSI
MODELLI AFFLUSSI - DEFLUSSI
MODELLI AFFLUSSI - DEFLUSSI
MODELLI AFFLUSSI - DEFLUSSI
MODELLI AFFLUSSI - DEFLUSSI
MODELLI AFFLUSSI - DEFLUSSI
MODELLI AFFLUSSI - DEFLUSSI
MODELLI AFFLUSSI - DEFLUSSI
MODELLI AFFLUSSI - DEFLUSSI
MODELLO CINEMATICO
MODELLO CINEMATICO
MODELLO CINEMATICO: CURVA AREA-TEMPI LINEARE
MODELLO CINEMATICO: CURVA AREA-TEMPI LINEARE
MODELLO CINEMATICO: CURVA AREA-TEMPI LINEARE
MODELLO CINEMATICO: CURVA AREA-TEMPI LINEARE
MODELLO CINEMATICO: CURVA AREA-TEMPI NON LINEARE
MODELLO CINEMATICO: CURVA AREA-TEMPI NON LINEARE
IDROGRAMMA UNITARIO (SHERMAN, 1932)
IDROGRAMMA UNITARIO
IDROGRAMMA UNITARIO
IDROGRAMMA UNITARIO: CURVA AD S
IDROGRAMMA UNITARIO: CURVA AD S
IDROGRAMMA ISTANTANEO UNITARIO (IUH)
IDROGRAMMA ISTANTANEO UNITARIO (IUH)
IDROGRAMMA ISTANTANEO UNITARIO (IUH)
IDROGRAMMA ISTANTANEO UNITARIO (IUH)
IDROGRAMMA ISTANTANEO UNITARIO (IUH)
IDROGRAMMA ISTANTANEO UNITARIO (IUH)
IDROGRAMMA ISTANTANEO UNITARIO (IUH)
IDROGRAMMA ISTANTANEO UNITARIO (IUH)
IDROGRAMMA ISTANTANEO UNITARIO (IUH)
INVASO LINEARE
INVASO LINEARE
-
INVASO LINEARE
INVASO LINEARE
MODELLO DI NASH
MODELLO DI NASH
MODELLO DI NASH
MODELLO DI NASH
MODELLO DI NASH
TEMPO DI RITARDO
TEMPO DI RITARDO
IDROGRAMMA UNITARIO GEOMORFOLOGICO GIUH

Idrogramma unitario geomorfologico - GIUH


(Rodriguez-
Rodriguez-Iturbe e Valdés)
Assunzione fondamentale: esistenza di un legame tra caratteristiche
geomorfologiche del bacino e forma dell'IUH.
dell'IUH
Per determinare la scala dell'IUH occorre determinare un tempo
caratteristico, attraverso alcune misure.
In linea di principio, le ipotesi assunte sono due:
- l'IUH di un reticolo idrografico equivale a una rete di serbatoi lineari,
lineari
per cui vale una qualche relazione tra i coefficienti dei serbatoi e le
caratteristiche del bacino
- le leggi geomorfologiche (di Horton) pongono alla forma dell'IUH
delle limitazioni
IDROGRAMMA UNITARIO GEOMORFOLOGICO GIUH
IDROGRAMMA UNITARIO GEOMORFOLOGICO GIUH
IDROGRAMMA UNITARIO GEOMORFOLOGICO GIUH
IDROGRAMMA UNITARIO GEOMORFOLOGICO GIUH
IDROGRAMMA UNITARIO GEOMORFOLOGICO GIUH
IDROGRAMMA UNITARIO GEOMORFOLOGICO GIUH
IDROGRAMMA UNITARIO GEOMORFOLOGICO GIUH
IDROGRAMMA UNITARIO GEOMORFOLOGICO GIUH
IDROGRAMMA UNITARIO GEOMORFOLOGICO GIUH
IDROGRAMMA UNITARIO SINTETICO SCS
IDROGRAMMA UNITARIO SINTETICO SCS
IDROGRAMMA UNITARIO SINTETICO SCS
IDROGRAMMA UNITARIO SINTETICO SCS
IDROGRAMMA UNITARIO SINTETICO SCS
MODELLI AFFLUSSI - DEFLUSSI