Sei sulla pagina 1di 105

Facoltà di Ingegneria

Università degli studi di Pavia

Corso di Laurea Triennale in


Ingegneria Elettronica e Informatica

Campi Elettromagnetici e Circuiti I


Linee di trasmissione

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 1
Sommario
• Introduzione
• Equazione dei telegrafisti
• Tipi di linee di trasmissione e loro caratteristiche
• Coefficiente di riflessione, impedenza e
ammettenza d’onda e loro relazioni
• Potenza trasmessa, incidente e riflessa
• Linea senza perdite e diagramma d’onda
stazionaria
• Casi particolari: linea adattata, linea in corto
circuito, linea a vuoto, linea l/2, linea l/4
• Carta di Smith
Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 2
Introduzione
Finora i fili presenti nei circuiti elettrici sono sempre stati considerati
come elementi ininfluenti nel calcolo di tensioni e correnti. Il loro
scopo era solo quello di indicare le interconnessioni topologiche fra i
vari elementi circuitali.

Questa ipotesi è valida rigorosamente solo se il circuito opera in


regime stazionario e se i fili sono realizzati con conduttori ideali
(resistività r = 0) e il materiale che li separa è un dielettrico perfetto
(conducibilità s = 0).

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 3
Introduzione
Nell’ipotesi che il circuito sia in regime stazionario, la resistività r ≠ 0
dei materiali che costituiscono i fili determina cadute di tensione tra
l’ingresso e l’uscita.
filo di collegamento di sezione A
Rfilo = rd/A
generatore I1 I2 carico

+ +
V1 V2
– –
d

Esempio:
Conduttori di rame r = 20 nW/m, di sezione A = 1 mm2, lunghezza della linea d = 50 m,
corrente in ingresso I1 = 1 A, tensione all’ingresso V1 = 100 V.
Si ha Rfilo = rd/A = 1 W, caduta di tensione sul filo = Rfilo I1 = 1 V, V2 = 99V

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 4
Introduzione
Nell’ipotesi che il circuito sia in regime stazionario, la conducibilità
s ≠ 0 del materiale che li separa determina una dispersione di
corrente tra l’ingresso e l’uscita.

filo di collegamento di sezione A


generatore I1 I2 carico

+ +
V1 Gisolante V2
– –
d

Esempio:
Conduttanza equivalente dell’isolante Gisolante = 0.1 mS, lunghezza della linea d = 50 m,
corrente in ingresso I1 = 1 A, tensione sulla linea V2  V1 = 100 V.
Si ha I2 = I1  Gisolante V1 = 0.99 A

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 5
Introduzione
Nell’ipotesi che il circuito sia in regime non stazionario, anche
considerando conduttori ideali e dielettrici perfetti, a causa dei campi
elettrici e magnetici variabili vi sono effetti di tipo induttivo e
capacitivo lungo i fili.

generatore I1 I2 carico

+ +
V1 V2
– –
d

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 6
Introduzione

generatore carico

linea di trasmissione

Se la frequenza massima di lavoro non è troppo elevata, lo studio delle variazioni di


tensione e corrente lungo le linee di collegamento può essere condotto nell’ipotesi
che il campo elettrico e quello magnetico su ogni sezione abbiano la stessa forma
dei campi stazionari. In questo caso, è possibile studiare il fenomeno con la
cosiddetta “teoria elementare delle linee di trasmissione” che si basa sui concetti
circuitali introdotti finora.
Una trattazione più rigorosa, che verrà svolta nei successivi corsi di campi
elettromagnetici, permetterà di meglio capire i limiti di questa teoria e di ottenere la
soluzione esatta del problema.

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 7
Equazione dei telegrafisti
z z+dz
generatore carico

linea di trasmissione

Rdz Ldz R = resistenza per unità di lunghezza [W/m]


L = induttanza per unità di lunghezza [H/m]
Gdz Cdz G = conduttanza per unità di lunghezza [S/m]
C = capacità per unità di lunghezza [F/m]

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 8
Equazione dei telegrafisti

generatore carico

linea di trasmissione

Una linea di trasmissione può essere considerata come una cascata


di infiniti circuiti di lunghezza infinitesima dz, ciascuno costituito da
una resistenza in serie a un’induttanza e da un elemento conduttivo
in parallelo ad uno capacitivo.

generatore dz carico

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 9
Equazione dei telegrafisti
I(z) Rdz Ldz I(z+dz)
+ +
V(z) Gdz Cdz V(z+dz)
– –

I ( z )  I ( z  dz )  (Gdz  jCdz )V ( z  dz )
V ( z )  V ( z  dz )  ( Rdz  jLdz )I ( z )

I ( z  dz )  I ( z )
lim  lim   (G  jC )V ( z  dz ) 
dz 0 dz dz 0

V ( z  dz )  V ( z )
lim  lim   ( R  jL)I ( z ) 
dz 0 dz dz 0

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 10
Equazione dei telegrafisti

dI ( z )
 (G  jC )V ( z )
dz
dV ( z )
 ( R  jL)I ( z )
dz

Queste due equazioni sono dette


equazioni dei telegrafisti.
Esse mostrano come la tensione e la
corrente lungo una linea possa
cambiare a causa delle sue non idealità
Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 11
Soluzione dell’equazione dei telegrafisti
dV ( z ) dI ( z )
 ( R  jL)I ( z )  (G  jC )V ( z )
dz dz
Derivando la prima equazione rispetto a z e sostituendo si ottiene:

d 2V( z) dI ( z )
2
  ( R  j L )  ( R  jL)(G  jC )V ( z )
dz dz
Introducendo la quantità complessa
k 2  (   j ) 2  ( R  jL)(G  jC )
si può scrivere:
d 2V( z) 2
2
 k V( z)  0
dz
Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 12
Soluzione dell’equazione dei telegrafisti
La soluzione dell’equazione

d 2V( z) 2
2
 (   j ) V( z)  0
dz
è del tipo

V ( z )  V0 e  j (   j ) z  V0 e j (   j ) z
 V0 e (  j ) z  V0 e (  j ) z
 
Dove V e V 0 0 sono
costanti arbitrarie che, come vedremo, si possono
calcolare una volta che siano note le caratteristiche del carico e del
generatore collegati alla linea.

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 13
Soluzione dell’equazione dei telegrafisti
V0 e  (  j ) z V0 e (  j ) z
Quale fenomeno fisico descrivono queste funzioni fasoriali?

Passando al dominio del tempo si ha:

  z 
v (t ) | V | e 0 cos(ωt  βz  arg V ) 0

v  (t ) | V0 | ez cos(ωt  βz  arg V0 )

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 14
Soluzione dell’equazione dei telegrafisti
  z 
v (t ) | V | e
0 cos(ωt  βz  arg V )
0

v  (t ) | V0 | ez cos(ωt  βz  arg V0 )

Sono funzioni periodiche di periodo T=2p/ rispetto al tempo, ma


sono anche periodiche di periodo l=2p/ rispetto alla variabile
spaziale z.
Pertanto si può scrivere:

  z t z 
v (t ) | V | e cos(2p  2p  arg V0 )
0
T l
z t z
v (t ) | V0 | e cos(2p  2p  arg V0 )
 

T l
Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 15
Soluzione dell’equazione dei telegrafisti
  z t z 
v (t ) | V | e
0 cos(2p  2p  arg V0 )
T l

Plot animato

linea di trasmissione

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 16
Soluzione dell’equazione dei telegrafisti
  z t z 
v (t ) | V | e 0 cos(2p  2p  arg V0 )
T l
La funzione v+(t) è quindi un’onda che si propaga lungo la linea
nel verso positivo dell’asse z e che si attenua esponenzialmente.

Le costanti che appaiono nell’espressione di v+(t) prendono i


seguenti nomi:

 = costante di attenuazione [1/m]


 = costante di fase [rad/m]
l = lunghezza d’onda [m]

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 17
Soluzione dell’equazione dei telegrafisti
  z t z 
v (t ) | V | e
0 cos(2p  2p  arg V0 )
T l
Con quale velocità si muovono le creste dell’onda?
Se un osservatore è nell’origine (z=0) all’istante t=0 e si muove nella direzione
z con velocità v=z/t, esso avrà la stessa velocità dell’onda se per lui
l’argomento della funzione coseno rimane costante:

t z
2p  2p  arg V0  costante (z, t )
T l
t vt l 2p 
2p  2p  0  v   lf  f 
T l T  

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 18
Soluzione dell’equazione dei telegrafisti
  z t z 
v (t ) | V | e cos(2p  2p  arg V0 )
0
T l

Plot animato

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 19
Soluzione dell’equazione dei telegrafisti
  z t z 
v (t ) | V | e cos(2p  2p  arg V0 )
0
T l
La funzione v(t) è quindi un’onda che si propaga lungo la linea
nel verso negativo dell’asse z e che si attenua esponenzialmente.

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 20
Soluzione dell’equazione dei telegrafisti
Solitamente l’attenuazione lungo la linea è abbastanza piccola
rispetto alla costante di fase (<<) e si può quindi scrivere:

k 2  (   j ) 2   2  j 2   2   2  j 2
Ricordando che:
k 2  ( R  jL)(G  jC )   RG   2 LC  j ( RC  GL)
si ottiene:

 2   2 LC  RG    2 LC  RG
 
   ( RC  GL)
2   ( RC  GL)   2
  2  LC  RG

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 21
Soluzione dell’equazione dei telegrafisti
Normalmente, anche a frequenze relativamente basse, è ben
verificata l’ipotesi R << L e G << C.
Ad esempio, valori tipici per una linea possono essere R = 0.02 W/m, G = 0.01 mS/m,
C = 0.1 nF/m e L = 0.25 mH/m. Assumendo  = 1 Mrad/s si ha R  L/10 e
G  C/10.

Si può quindi scrivere:

2
   LC  RG   LC

 ( RC  GL)RC  GL
 
2  2 LC  RG 2 LC

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 22
Soluzione dell’equazione dei telegrafisti
Sostituendo l’espressione

V ( z )  V0 e  (  j ) z  V0 e (  j ) z
nell’equazione
dV ( z )
 ( R  jL)I ( z )
dz
si ottiene
  j  (  j ) z   j  (  j ) z
I( z )  V0 e  V0 e
R  jL R  jL
V0 (  j ) z V0 (  j ) z
 e  e
Z0 Z0
Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 23
Soluzione dell’equazione dei telegrafisti
La quantità

R  jL R  jL
Z0  
  j RC  GL
 j LC
2 LC

è detta impedenza caratteristica della linea di trasmissione.

Nell’ipotesi R << L e G << C si ha

L
Z0 
C
Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 24
Soluzione dell’equazione dei telegrafisti
Cosa non è l’impedenza caratteristica?

Z0 ZL

Z0 ZL Z0 ZL

L’impedenza caratteristica non è un carico equivalente che può


essere sostituito all’interno del circuito al posto della linea!
Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 25
Soluzione dell’equazione dei telegrafisti
Riassumendo:
dI ( z )
 (G  jC )V ( z ) V ( z )  V0 e  (  j ) z  V0 e (  j ) z
dz
dV ( z ) V0 (  j ) z V0 (  j ) z
 ( R  jL)I ( z ) I( z )  e  e
dz Z0 Z0
dove:

   LC L
Z0 
C
RC  GL R / Z 0  GZ 0
 
2 LC 2

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 26
Soluzione dell’equazione dei telegrafisti
L’andamento generale di tensioni e correnti sulla linea è quindi:

V ( z )  V0 e  (  j ) z  V0 e (  j ) z
V0 (  j ) z V0 (  j ) z
I( z )  e  e
Z0 Z0

che nel dominio del tempo risulta:

v(t ) | V0 | e z cos(ωt  βz  arg V0 ) | V0 | ez cos(ωt  βz  arg V0 )
V0 z V0 V0 z V0
i (t )  e cos(ωt  βz  arg ) e cos(ωt  βz  arg )
Z0 Z0 Z0 Z0

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 27
Soluzione dell’equazione dei telegrafisti
Graficamente l’andamento di tensioni e correnti sulla linea risulta:

Plot animato

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 28
Tipi di linee: linea bifilare
r

D er e0 mr m0

campo elettrico
campo magnetico

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 29
Tipi di linee: linea bifilare
r 1
C  pe 0e r
D
D
ln
er e0 mr m0 r
m0 mr D
r L ln
p r
Per  sufficientemente grande (R << L, G << C):

L 1 m0 m r D 0 mr D
Z0   ln  ln
C p e 0e r r p er r

dove  0  m0 / e 0  120p W  377 W


Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 30
Tipi di linee: linea bifilare
r 1
C  pe 0e r
D
D
ln
er e0 mr m0 r
m0 mr D
r L ln
p r
Solitamente si ha mr = 1:

0 mr D 0 D
Z0  ln  ln
p er r p er r

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 31
Tipi di linee: filo su piano di massa
r

D/2
er e0 mr m0

campo elettrico
campo magnetico

piano di massa

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 32
Tipi di linee: filo su piano di massa
r 1
C  pe 0e r
D
D/2
er e0 mr m0
ln
r
m0 mr D
L ln
p r
Per  sufficientemente grande (R << L, G << C), e assumendo mr = 1 si ha:

L 0 D
Z0   ln
C p er r

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 33
Tipi di linee: cavo coassiale

De Di

er e0 mr m0

campo elettrico
campo magnetico

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 34
Tipi di linee: cavo coassiale
1
C  2pe 0e r
De
ln
De Di Di
m0 m r De
er e0 mr m0 L ln
2p Di

Per  sufficientemente grande (R << L, G << C), e assumendo mr = 1 si ha:

L 0 De
Z0   ln
C 2p e r Di

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 35
Tipi di linee: cavo coassiale

I(z)
De Di

+
V(z)

z

V ( z) I ( z)
E( R , z )  u R H ( R, z )  u 
R ln( De / Di ) 2pR

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 36
Tipi di linee: cavo coassiale
Attenuazione d = outside diameter of inner
conductor in mm
D = inside diameter of outer
conductor in mm
er = relative dielectric constant
f= frequency in GHz
rrd = inner conductor material
resistivity relative to copper
rrD = outer conductor material
resistivity relative to copper
d = loss angle

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 37
Tipi di linee: cavo coassiale
Attenuazione: esempio pratico

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 38
Tipi di linee: cavo coassiale
Perché 50W di impedenza caratteristica?
Standardizzato intorno al 1930, rappresenta un buon compromesso tra perdite e potenza massima
trasmissibile (per cavo in aria): è una via di mezzo tra la media aritmetica (53.3 W) e quella
geometrica (48 W) tra 30 W (massima potenza) e 77 W (perdite minime)

Cavo in aria, diametro conduttore esterno 10 mm, f = 10 GHz.


Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 39
Tipi di linee: cavo coassiale
Perché 75W di impedenza caratteristica?
Per uso commerciale (bassa potenza), l’impedenza caratteristica standard è tipicamente 75 W.
Sembrerebbe naturale poiché abbiamo visto che un’impedenza di 77 W minimizza le perdite. Ma non
è così! Se il cavo non è in aria, il valore di Z0 che minimizza le perdite cambia con er e, nel caso tipico
di er  1.5, il valore ottimo sarebbe intorno ai 60 W.

Allora perché 75 W?

Il conduttore centrale di cavi a basso


costo è spesso realizzato in acciaio e
ricoperto in rame. Poiché impedenze
caratteristiche basse richiedono
conduttori interni di sezione maggiore,
la scelta dei 75 W è probabilmente stata
un buon compromesso fra basse
perdite e flessibilità del cavo.

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 40
Tipi di linee: cavo coassiale
Come scegliere?
I parametri da considerare sono molteplici:

MisureElettromagnetici
Campi a Microonde e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof.Luca
Prof. LucaPerregrini
Perregrini Linee Cavi coassiali, pag.
di trasmissione, 4141
pag.
Tipi di linee: cavo coassiale
Esempio di struttura reale

MisureElettromagnetici
Campi a Microonde e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof.Luca
Prof. LucaPerregrini
Perregrini Linee Cavi coassiali, pag.
di trasmissione, 4242
pag.
Tipi di linee: cavo coassiale
Esempio di struttura reale

MisureElettromagnetici
Campi a Microonde e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof.Luca
Prof. LucaPerregrini
Perregrini Linee Cavi coassiali, pag.
di trasmissione, 4343
pag.
Tipi di linee: cavo coassiale
Esempio di struttura reale

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 44
Tipi di linee: linea bifilare schermata

d
D 2h er e0 mr m0
d

campo elettrico
campo magnetico

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 45
Tipi di linee: linea bifilare schermata
1
C  pe 0e r
2h( D 2  h 2 )
d ln
D 2h er e0 mr m0 d (D2  h2 )
d m 0 m r 2h ( D 2  h 2 )
L ln
p d (D2  h2 )

Per  sufficientemente grande (R << L, G << C), e assumendo mr = 1 si ha:

L 0 2h( D 2  h 2 )
Z0   ln
C p er d (D2  h2 )

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 46
Tipi di linee: linea a striscia (stripline)

piani di massa
er e0 mr m0

Per  sufficientemente grande (R << L, G << C), e assumendo mr = 1 si ha:

Z0 

dove

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 47
Tipi di linee: microstriscia
w

h er e0 mr m0
campo elettrico
piano di massa

Per  sufficientemente grande (R << L, G << C), e assumendo mr = 1 si ha:

Z0 

dove

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 48
Coefficiente di riflessione

Z0, ,  ZL

d (z) L=(0) 0 z
Il rapporto fra la tensione dell’onda riflessa (che si propaga nel verso negativo di z)
e la tensione dell’onda incidente (che si propaga nel verso positivo di z) si definisce
coefficiente di riflessione :

V ( z )  V0 e  (  j ) z  V0 e (  j ) z  V  ( z )  V  ( z )

  (  j ) z 
V ( z) V e V 2(  j ) z
( z )    0
  (  j ) z
 e 0

 (0)e 2 (  j ) z
V ( z) V e 0 V 0

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 49
Impedenza d’onda

Z0, ,  ZL

d Z(z) ZL=Z(z) 0 z
Il rapporto fra la tensione e la corrente in ogni sezione z viene detto impedenza
d’onda:
V0 (  j ) z V0 (  j ) z
V ( z )  V0 e (  j ) z  V0 e (  j ) z I( z )  e  e
Z0 Z0
  (  j ) z  (  j ) z   2 (  j ) z
V( z) V e 0 V e 0 1  V /V e0 0
Z ( z)   Z0  (  j ) z  (  j ) z
 Z0   2 (  j ) z
I( z) V e 0 V e 0 1  V /V e0 0
2 (  j ) z
1  (0)e 1  ( z )
 Z0 2 (  j ) z
 Z0
1  (0)e 1  ( z )
Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 50
Ammettenza d’onda

Z0, ,  ZL

d Y(z) YL=Y(z) 0 z
Il rapporto fra la corrente e la tensione in ogni sezione z viene detto ammettenza
d’onda:
V0 (  j ) z V0 (  j ) z
V ( z )  V0 e (  j ) z  V0 e (  j ) z I( z )  e  e
Z0 Z0
  2 (  j ) z
I( z ) 1 1 1  V /V e 0 0
Y ( z)      2 (  j ) z
V ( z ) Z ( z ) Z 0 1  V /V e 0 0

1 1  (0)e 2(  j ) z 1  ( z )
 2 (  j ) z
 Y0
Z 0 1  (0)e 1  ( z )
Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 51
Relazioni fra , Z e Y su una sezione z

V  ( z ) V0 e (  j ) z V0 2(  j ) z


( z )     (  j ) z   e  (0)e 2 (  j ) z
V ( z ) V0 e V0

1  ( z ) 1  ( z )
Z ( z)  Z0 Y ( z )  Y0
1  ( z ) 1  ( z )

Z ( z)  Z0 Y ( z )  Y0
( z )  
Z ( z)  Z0 Y ( z )  Y0

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 52
Relazioni fra  su diverse sezioni
d
Z0, ,  ZL

(zd) zd (z) z 0 z

  (  j ) z  (  j ) d
V (z  d ) V 0e e
( z  d )     (  j ) z  (  j ) d
V ( z  d ) V0 e e

 ( z )e  2 (  j ) d  ( z )e  2d e  j 4pd / l

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 53
Relazioni fra  su diverse sezioni
1.0

Esempio: Im[]  ( z  d )   ( z )e 2d


e  j 4pd / l

a = 0.1 m1
l=1m (z2l) = 0.27+j0.09
0.5
(zl/2) = 0.667+j0.222
(z) = 0.9+j0.3

1.0 0.5 0.5 1.0


Re[]

0.5

1.0

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 54
Relazioni fra impedenze su diverse sezioni
d
Z0, ,  ZL

Z(zd) zd Z(z) z 0 z

1  ( z  d ) 1  ( z )e 2 (  j ) d
Z (z  d )  Z0  Z0
1  ( z  d ) 1  ( z )e  2(  j ) d
Z ( z )  Z 0  2(  j ) d
1 e
Z ( z)  Z 0 Z ( z )  Z 0 tanh (  j )d
 Z0  Z0
Z ( z )  Z 0  2(  j ) d Z  Z ( z ) tanh (  j ) d
1 e 0
Z ( z)  Z 0

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 55
Relazioni fra ammettenze su diverse sezioni
d
Z0, ,  ZL

Y(zd) zd Y(z) z 0 z

1  ( z  d ) 1  ( z )e 2(  j ) d
Y ( z  d )  Y0  Y0
1  ( z  d ) 1  ( z )e  2(  j ) d
Y ( z )  Y0  2 (  j ) d
1 e
Y ( z )  Y0 Y ( z )  Y0 tanh (  j )d
 Y0  Y0
Y ( z )  Y0  2 (  j ) d Y  Y ( z ) tanh (  j ) d
1 e 0
Y ( z )  Y0

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 56
Relazioni ingresso/uscita per , Z, Y
d
Z0, ,  ZL

I, ZI, YI L, ZL, YL 0 z

I  L e 2(  j ) d  L e 2d e  j 4pd / l

Z L  Z 0 tanh (  j )d
Z I  Z0
Z 0  Z L tanh (  j )d

YL  Y0 tanh (  j )d
YI  Y0
Y0  YL tanh (  j )d

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 57
Potenza lungo la linea

Z0, ,  ZL

(z), Z(z), Y(z) z 0 z


V0 (  j ) z
V( z)  V e   (  j ) z
0 1  ( z )  I( z )  e 1  ( z ) 
Z0
La potenza attiva che attraversa nel verso positivo una qualunque sezione z è data
da: 2
 V ( z )I ( z )  * V0
P( z )  Re   e  2z Re 1  ( z )  * ( z )  ( z )* ( z ) 
2 2 Z   
  0  j 2 Im(  ( z )) ( z )
2

 2
V

2Z 0
0
e  2z
1  ( z)   P ( z)1  ( z) 
2
inc
2

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 58
Potenza lungo la linea

Z0, ,  ZL

(z), Z(z), Y(z) z 0 z

 V ( z )I * ( z ) 
P( z )  Re
2
2

  Pinc ( z ) 1  ( z )  Pinc ( z )  Prifl ( z ) 
 
 2  2
V0  2z
V0
Pinc ( z )  e Prifl ( z )  e 2z
2Z 0 2Z 0

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 59
Potenza lungo la linea
Pinc ( z ) Pinc ( z  d )

Z0, , 

z z+d 0 z

L’attenuazione in decibel tra le sezioni z e z+d risulta:

Pinc ( z ) e 2z 2d ln e 2d



10 log10  10 log10 2 ( z  d )  10 log10 e  10  10 d  8
.
68 d
Pinc ( z  d ) e ln 10 ln 10  dB

dB = 8.68 

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 60
Casi particolari: linea senza perdite
d
=0
Z0,  ZL

I, ZI, YI L, ZL, YL 0 z

I  L e 2 (  j ) d  L e  j 4pd / l  I  L

Z L  Z 0 tanh (  j )d Z L  jZ 0 tan d
Z I  Z0  Z0
Z 0  Z L tanh (  j )d Z 0  jZ L tan d

YL  Y0 tanh (  j )d YL  jY0 tan d


YI  Y0  Y0
Y0  YL tanh (  j )d Y0  jYL tan d

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 61
Diagramma d’onda stazionaria
| V ( z ) || V0 e  jz (1  L e  j 4pz / l ) || V0 | | 1  L e  j 4pz / l |
V0  jz  j 4pz / l | V 
0 |
| I( z ) | e (1  L e ) | 1  L e  j 4pz / l |
Z0 Z0
Al variare di z, le ampiezze della tensione e della corrente variano fra
due estremi:
Vmin | V ( z ) | Vmax I min | I ( z ) | I max
dove:
| V0 |
Vmin | V0 | (1 | L |) I min  (1 | L |)
Z0
| V0 |
Vmax | V0 | (1 | L |) I max  (1 | L |)
Z0
Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 62
Diagramma d’onda stazionaria
| V ( z ) || V0 e  jz (1  L e  j 4pz / l ) || V0 | | 1  L e  j 4pz / l |
L  0.1  j 0.2
V0  jz  j 4pz / l | V 
0 |
| I( z ) | e (1  L e ) | 1  L e  j 4pz / l |
Z0 Z0  reale positivo
1.4

1 | L | 1.2

1.0

1 | L | 0.8

0.6

| 1  L e  j 4pz / l | l/4  reale negativo


0.4

| 1  L e  j 4pz / l | 0.2
l/2
1.4 1.2 1.0 0.8 0.6 0.4 0.2 0.0 z
Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 63
Diagramma d’onda stazionaria
Si definisce rapporto d’onda stazionaria la quantità

Vmax I max 1 |  | 1 | L |
ROS    
Vmin I min 1 |  | 1 | L |

E’ evidente che

1  ROS  

Si ha:

ROS  1
|  || L |
ROS  1

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 64
Diagramma d’onda stazionaria
1  ( z ) ROS  1
Ricordando che Z ( z )  Z 0 |  || L |
1  ( z ) ROS  1 L  0.1  j 0.2

 = ||, Z(z) = Zmax = Z0 ROS 1.4

1.2

1.0

0.8

0.6

| 1  L e  j 4pz / l |  = ||, Z(z) = Zmin = Z0/ROS 0.4

| 1  L e  j 4pz / l | 0.2

1.4 1.2 1.0 0.8 0.6 0.4 0.2 0.0 z


Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 65
Casi particolari: linea senza perdite
Poiché la linea è senza perdite la potenza che giunge al carico
coincide con quella d’ingresso:
 2
V
P( z )  PI  PL 
2Z 0
0
1  ( z) 
2

Tenendo conto delle relazioni


 Vmax Z 0 I max 1 | L |
| V |0  ROS 
1 | L | 1 | L | 1 | L |
si ottiene
2 2
Vmax Z 0 I max
P( z )  PI  PL  
2 Z 0 ROS 2 ROS
Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 66
Casi particolari: linea adattata
d
ZL = Z0
Z0, ,  ZL
YL = Y0
I, ZI, YI L, ZL, YL 0 z

L  0  I  L e 2(  j ) d  0

Z L  Z 0 tanh (  j )d
Z I  Z0  Z I  Z0
Z 0  Z L tanh (  j )d

YL  Y0 tanh (  j )d
YI  Y0  YI  Y0
Y0  YL tanh (  j )d

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 67
Casi particolari: linea adattata
Poiché non vi è riflessione sul carico ((z) = L = 0) si ha:

 2
V

P( z )  Pinc ( z ) 1  ( z )
2
 P inc ( z ) 
0

2Z 0
e  2z

quindi

PL  PI e 2d

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 68
Casi particolari: linea in corto circuito
d
ZL = 0
Z0, , 
YL = ∞
I, ZI, YI L, ZL, YL 0 z

Z L  Z0
L   1  I  L e  2(  j ) d  e  2d e  j 4pd / l
Z L  Z0
Z L  Z 0 tanh (  j )d
Z I  Z0  Z 0 tanh (  j )d
Z 0  Z L tanh (  j )d

YL  Y0 tanh (  j )d 1
YI  Y0  Y0
Y0  YL tanh (  j )d tanh (  j )d

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 69
Casi particolari: linea in corto circuito
[W]
400
corto circuito
200

0.5 1.0 1.5 2.0 d/l

200

Z 0sinh 2d
circuito aperto R  Re( Z I ) 
cosh 2d  cos 4pd / l
400 jZ 0sin 4pd / l
X  Im( Z I ) 
cosh 2d  cos 4pd / l

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 70
Casi particolari: linea in corto circuito

L  1  I  e  j 4pd / l

2p d
Z I  jZ 0 tand  jZ 0 tan d  jZ 0 tan
l v

  j 2pd / l  2pd
j 2pd / l 
VI  V e 0 V e  2 jV sin
0 0
l
V0  j 2pd / l V0 j 2pd / l V0 2pd
II  e  e 2 cos
Z0 Z0 Z0 l

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 71
Casi particolari: linea in corto circuito
2pd
| VI | 2 | V || sin 0 | ROS=∞
l
| V0 | 2pd 2.0
| I I | 2 | cos |
Z0 l
1.5

1.0

2pd
2 | sin |
l 0.5

2pd
2 | cos |
l 1.4 1.2 1.0 0.8 0.6 0.4 0.2 0.0

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 72
Casi particolari: linea a vuoto
d
ZL = ∞
Z0, , 
YL = 0
I, ZI, YI L, ZL, YL 0 z

YL  Y0
L   1  I  L e  2(  j ) d  e  2d e  j 4pd / l
YL  Y0
Z L  Z 0 tanh (  j )d Z0
Z I  Z0 
Z 0  Z L tanh (  j )d tanh (  j )d

YL  Y0 tanh (  j )d
YI  Y0  Y0 tanh (  j )d
Y0  YL tanh (  j )d

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 73
Casi particolari: linea a vuoto

L  1  I  e  j 4pd / l

2p d
YI  jY0 tand  jY0 tan d  jY0 tan
l v

  j 2pd / l  2pd
j 2pd / l 
VI  V e 0 V e  2V cos
0 0
l
V0  j 2pd / l V0 j 2pd / l V0 2pd
II  e  e  2 j sin
Z0 Z0 Z0 l

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 74
Casi particolari: linea l/2 senza perdite
d
d = l/2,  = 0
Z0, ,  ZL
d = p , d = 0
I, ZI, YI L, ZL, YL 0 z

I  L e 2(  j ) d  L e 2d e  j 4pd / l  L tanh jp  0

Z L  Z 0 tanh (  j )d Z L  Z 0 tanh jp
Z I  Z0  Z0  ZL
Z 0  Z L tanh (  j )d Z 0  Z L tanh jp

YL  Y0 tanh (  j )d
YI  Y0  YL
Y0  YL tanh (  j )d

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 75
Casi particolari: linea l/2 senza perdite
Poiché:

VL  V0  V0 VI  V0 e jp  V0 e  jp  (V0  V0 )


V0 V0 V0 jp V0  jp  V0 V0 
IL   II  e  e    
Z0 Z0 Z0 Z0  Z0 Z0 
si ha:

VL   VI I L  I I

indipendentemente dal valore del carico

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 76
Casi particolari: linea l/4 senza perdite
d
d = l/4,  = 0
Z0, ,  ZL
d = p/2, d = 0
I, ZI, YI L, ZL, YL 0 z

I  L e 2(  j ) d  L e 2d e  j 4pd / l  L tanh jp  

Z L  Z 0 tanh (  j )d Z L  Z 0 tanh jp / 2 Z 02
Z I  Z0  Z0 
Z 0  Z L tanh (  j )d Z 0  Z L tanh jp / 2 Z L

YL  Y0 tanh (  j )d Y02
YI  Y0 
Y0  YL tanh (  j )d YL

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 77
Casi particolari: linea l/4 senza perdite
Poiché:

VL  V0  V0 VI  V0 e jp / 2  V0 e  jp / 2  j (V0  V0 )


V0 V0 V0 jp / 2 V0  jp / 2  V0 V0 
IL   II  e  e  j  
Z0 Z0 Z0 Z0  Z0 Z0 
si ha:

VI
VL   jZ 0 I I IL   j
Z0

indipendentemente dal valore del carico

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 78
Casi particolari: linea l/4 senza perdite
Collegando in parallelo gli ingressi di N linee l/4 chiuse su carichi Z1,
Z2, …, ZN, le correnti sui carichi risultano tutte in fase e dipendono
solo dalla tensione d’ingresso e dalle impedenze caratteristiche delle
linee. I1
Z1
l/4

l/4 I1   jVI / Z 01
+ I2
VI Z02 Z2
I 2   jVI / Z 02
 I 3   jVI / Z 03

I3
l/4 Z3

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 79
Matrice di trasmissione di una linea
I1 d I2

V1 + Z0, ,  +
– – V2

0 z

La matrice di trasmissione è comunemente utilizzata per descrivere


le relazioni fra tensioni e correnti all’ingresso e all’uscita di una linea.

V1   A B  V2 
 I    C D  I 
 1   2 

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 80
Matrice di trasmissione di una linea
I1 d I2

V1 + Z0, ,  +
– – V2

0 z
V0 (  j ) z V0 (  j ) z
V ( z )  V0 e (  j ) z  V0 e (  j ) z I( z)  e  e
Z0 Z0
In z = 0 e z = d si ha:

V1  V (d )  V0 e (  j ) d  V0 e  (  j ) d V2  V (0)  V0  V0

V0 (  j ) d V0  (  j ) d V0 V0


I1  I ( d )  e  e I 2  I(0)  
Z0 Z0 Z0 Z0

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 81
Matrice di trasmissione di una linea
I1 d I2

V1 + Z0, ,  +
– – V2

0 z

 
V V
Eliminando 0 e 0 dalle precedenti equazioni, si ricava:

cosh(  j )d Z 0 sinh(  j )d 
V1    V2   A B  V 
      2
   sinh(  j )d cosh(  j )d    C D  I 2 
 I1   Z0   I2 

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 82
Matrice di trasmissione di una linea
Vogliamo calcolare i valori di VA e ZA affinché il circuito

Zg I1 d I2

V0 + V1 + Z0, ,  +
– – – V2

Sia equivalente a

ZA I2

VA +
– V2 +

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 83
Matrice di trasmissione di una linea
Zg I1 d I2

V0 + V1 + Z0, ,  +
– – – V2

V1  AV2  BI 2
V0  V1 V0 AV2 BI 2
I1  CV2  DI 2    
Zg Zg Zg Zg

da cui:
V0
 V2
V0 A  CZ g A  CZ g
I2   V2 
B  DZ g B  DZ g B  DZ g
A  CZ g

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 84
Matrice di trasmissione di una linea
ZA I2
Poiché per il circuito equivalente si ha:
VA  V2 VA +
– V2 +

I2 
ZA
confrontando con la formula
V0
 V2
A  CZ g
I2 
B  DZ g
A  CZ g
Si ottiene

V0 B  DZ g
VA  ZA 
A  CZ g A  CZ g

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 85
Matrice di trasmissione di una linea
La potenza disponibile del generatore equivalente risulta:

2 2
VA V0
PdA  
8 ReZ A  2  B  DZ g 
8 A  CZ g Re 
 A  CZ g 
Pd Pd
 
A  CZ g
2
 B  DZ g  Re ( B / Z g D )( A  C Z g ) *

Re 
ReZ g   A  CZ g 

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 86
Matrice di trasmissione di una linea
Caso particolare: generatore adattato alla linea (Zg = Z0)

V0 V0
VA  
A  CZ g Zg
cosh(  j )d  sinh(  j )d
Z0
V0
  V0 e d e  jd
ed e jd  e d e  jd ed e jd  e d e  jd

2 2

Z0 sinh(  j )d  Z g cosh(  j )d
B  DZ g
ZA    Zg
A  CZ g Zg
cosh(  j )d  sinh(  j )d
Z0

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 87
Matrice di trasmissione di una linea
Caso particolare: generatore adattato alla linea (Zg = Z0)

Pd
PdA 

Re (B / Z g  D)( A  CZ g )* 
Pd


Re (sinh(  j )d  cosh(  j )d )(cosh(  j )d  sinh(  j )d )* 
Pd
 2
sinh(  j )d  cosh(  j )d
Pd Pd
   Pd e  2d
d j d d  j d d jd d  j d 2 d j d 2
e e e e e e e e e e

2 2

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 88
Matrice di trasmissione di una linea
Caso particolare: generatore adattato alla linea (Zg = Z0)

Zg d

V0 +
– Z0, , 

ZA
VA  V0 e d e  jd
VA +

ZA  Zg
PdA  Pd e 2d

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 89
Matrice di trasmissione di una linea
Caso particolare: generatore adattato alla linea (Zg = Z0)
linea senza perdite ( = 0)
Zg d

V0 +
– Z0, , 

ZA
VA  V0 e  jd
VA +

ZA  Zg
PdA  Pd

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 90
Matrice di trasmissione di una linea
Caso particolare: generatore adattato alla linea (Zg = Z0), linea senza
perdite ( = 0)
Zg d

V0 +
– Z0, , 

ZA  j d
N.B.:
VA  V0 e cambia
VA +
– solo la
ZA  Zg
fase della
PdA  Pd tensione

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 91
Carta di Smith
Si definisce l’impedenza normalizzata:
Z ( z)
Z ( z )  R( z )  j X ( z ) 
Z0
Indicando con u e v la parte reale e immaginaria di  ( = u+jv) si ha :

Z ( z ) 1  ( z ) 1  u  jv
Z ( z )  R( z )  j X ( z )   
Z0 1  ( z ) 1  u  jv

Esiste una relazione biunivoca fra le coppie ( R, X ) e le coppie (u,v):

( R, X ) (u, v)

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 92
Carta di Smith
Z  R jX v   u  jv
X

0 1 u
R

1

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 93
Carta di Smith
Quali curve descrivono R  cost e X  cost sul piano (u,v)?

1  u  jv 1  u 2  v 2 2v
R jX   2 2
j
1  u  jv (1  u )  v (1  u ) 2  v 2

2 2
 R  1 
R  cost u    v 2   
 
R 1  R 1

2
 1 1
X  cost u  1   v    2
2

 X X

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 94
Carta di Smith

2 2
 R  1 
R  cost u    v 2   
 
R 1  R 1

 R  1

Circonferenze con centro nel punto  
, 0  e raggio
 R 1  R 1

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 95
Carta di Smith
Z  R jX v   u  jv
X
R  0.2
R  0.5
R0 R 1
R2

R5

0 0.2 0.5 1 2 u
R

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 96
Carta di Smith

2
 1 1
X  cost u  1   v    2
2

 X X

 1 1
Circonferenze con centro nel punto 1 ,  e raggio
 X X

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 97
Carta di Smith
X Z  R jX v   u  jv
2
X  0.5 X 1

X 2
1 X  0.2

X 5
0.5
0.2 X 0
0
0.2 u
R
0.5 X  5
1 X  0.2
X  2
X  0.5
X  1
2

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 98
Carta di Smith

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 99
Carta di Smith

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 100
Carta di Smith
d
Z0, ,  ZL

I, ZI L, ZL 0 z

ZL

I  L e 2d e  j 4pd / l |L|

Z L  Z 0 tanh (  j )d
Z I  Z0 ZI
Z 0  Z L tanh (  j )d |I|
d/l

punto notevole

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 101
Carta di Smith
Se si definisce l’ammettenza normalizzata:
Y ( z)
Y ( z )  G ( z )  j B( z ) 
Y0
Indicando con u e v la parte reale e immaginaria di  ( = u+jv) si ha :

Y ( z ) 1  ( z ) 1  u  jv 1
Y ( z )  G ( z )  j B( z )    
Y0 1  ( z ) 1  u  jv Z ( z )

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 102
Carta di Smith
Con la Carta di Smith è immediata la trasformazione da impedenza
ad ammettenza e viceversa. Im 

||

Re  || Re 

Im 
Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 103
Carta di Smith

altri dati

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 104
Carta di Smith

Campi Elettromagnetici e Circuiti I  a.a. 2015/16 Prof. Luca Perregrini Linee di trasmissione, pag. 105