Sei sulla pagina 1di 3

CLIMACTION

Il contributo dei giovani nella lotta ai Cambiamenti Climatici

• Contesto e problematiche
La lotta ai cambiamenti climatici prevede che tutti i cittadini europei possano a loro modo contribuire al
perseguimento dell’obiettivo cosiddetto del “20-20-20”, cioè la riduzione delle emissioni di CO2 entro l'anno
2020, attraverso l'aumento del 20% nell'uso delle fonti energetiche rinnovabili (RES). Questa attenzione
verso un’intensa azione di informazione sottolinea perciò l’urgenza di implementare sul territorio percorsi
educativi e campagne di comunicazione mirate, da un lato per approfondire la delicata connessione tra
modelli di vita e di consumo, individuali e collettivi, e processi climatici, e dall’altro lato per accelerare la
diffusione di nuovi modelli, stimolando i giovani a fare la propria parte verso un obiettivo comune a tutta la
società.
Per contribuire a tutto ciò con la presente proposta progettuale si intende promuovere una campagna che –
mettendo a fuoco le caratteristiche specifiche dei giovani del territorio delle Province di Lecce e di Agrigento -
punta a promuovere azioni concrete per coinvolgere attivamente gruppi di giovani, così da renderli
protagonisti informati e consapevoli del cambiamento in atto.
La campagna ClimAction prevede dunque di affrontare sia il problema della conoscenza e della percezione
del tema “cambiamenti climatici” e delle connessioni con stili di vita e modelli di consumo: i nostri giovani
oggi appaiono sempre più orientati verso la scienza e la tecnologia (nel 2010 aumentano infatti gli iscritti a
scuole o facoltà di indirizzo tecnico scientifico), ma il livello di competenza scientifica e ambientale medio,
specie nel meridione, è tra i più bassi tra i Paesi OCSE (rilevazione OCSE-PISA 2006).
D'altra parte la pressione esercitata dall'attuale modello di consumo sui giovani nasconde l'effettiva adozione
dei comportamenti ecosostenibili: per un ragazzo ridurre i propri consumi o risparmiare energia può apparire
spesso incomprensibile, comunque faticoso e demotivante, perché legato a retoriche ideologie ormai
obsolete e spesso in contrasto con i modelli “vincenti”. I giovani e gli adolescenti infatti possono riconoscersi
in modelli alternativi di comportamento solo se questi appaiono “premianti”: ad esempio andare in bicicletta
non deve rappresentare la rinuncia a moto e motorini, ma dimostrare il maggior numero di vantaggi pratici e
edonistici, rispetto allo stesso orizzonte valoriale del gruppo di appartenenza. Nello stesso modo scelte che
fanno “tendenza” possono essere rivolte verso le tecnologie ecoefficienti o in linea con la diffusione delle
fonte energetiche rinnovabili o riducendo l'uso di risorse naturali (come cellulari a batteria solare, materiali
riciclabili, acquisti ecosolidali, ecc.).
Per questo il progetto ClimAction punta a produrre effetti concreti e dimostrativi di come il cambiamento di
stile di vita possa facilmente essere adottato e avere impatti efficaci nella riduzione delle emissioni
climalteranti nel solco di un modello sociale positivo e innovativo, che possa ridare fiducia ai giovani dei
nostri territori. Pertanto si intende stimolare gli studenti, promuovendo tra le classi del territorio di progetto
una “competizione” che permetta di sperimentare realmente il cambio di atteggiamento, e di confrontare
l'impegno dei giovani protagonisti valutando, tra i comportamenti ecosostenibili adottati, quelli più significativi,
cioè più efficaci, ma anche più semplici da mettere in pratica e duraturi rispetto alla vita di tutti i giorni.
I risultati ottenuti saranno utilizzati per testimoniare e comunicare sul territorio questo cambio di mentalità,
attraverso la disseminazione a tutti i giovani del territorio della realizzabilità di quelle azioni adottate nella vita
di tutti i giorni di tutti.

• Obiettivi generali e specifici


In generale gli obiettivi che il progetto si propone possono sintetizzarsi come segue:
• Sviluppare azioni per contribuire all’obiettivo di riduzione delle emissioni di CO2.
• Coinvolgere attivamente i giovani in una campagna di comunicazione peer to peer.
• Contribuire a migliorare le pratiche scolastiche e la comunicazione rivolta ai giovani sul tema dei
cambiamenti climatici.
Nello specifico si sottolinea che il progetto ClimAction si pone l’obiettivo di modificare la percezione e
l’attitudine dei giovani nelle province di Lecce e Agrigento, orientandoli verso comportamenti che hanno un
minore effetto sulle emissioni di CO2, e testimoniare l’impegno che essi metteranno nel cambio di mentalità,
misurando i risultati effettivi nel risparmio energetico o nei consumi derivanti dalle azioni sperimentate nel
corso di un anno scolastico.
In questo modo si intende dimostrare all’intera comunità locale, ma in particolare ai coetanei dei partecipanti
al progetto, che il contributo che i giovani posso produrre è reale e fattibile, senza aspettare e che questo è il
modo per perseguire anche l’obiettivo complessivo proposto dalla Unione Europea.

• Beneficiari
I beneficiari del progetto sono gli studenti della scuola secondaria di 1 e 2 grado (dai 13 ai 18 anni) e i loro
insegnanti, nel territorio della Provincia di Lecce e in quella di Agrigento.

• Attività
Le attività previste dal progetto saranno:
• Disseminazione e comunicazione: è la fase in cui sarà predisposto il sito web, importante
in quanto non è solo uno strumento di disseminazione e comunicazione generale del progetto, ma
uno spazio per sviluppare la comunicazione tra pari dei giovani partecipanti. Pertanto il sito verrà
realizzato con doppia interfaccia, costituito da pagine html nelle pagine rispettive del capofila e dei
partner, nonché da un'area dedicata all'interno della community gestita da CTS sul sito
www.iogiro.com, che già ospita una comunità virtuale di circa 10.000 utenti. Questo sito è gestito
come blog nel quale gli utenti registrati possono aprire un “profilo” personale (singolo e del
gruppo/classe) all’interno del quale inserire e condividere contenuti, che in questo caso saranno
orientati sul tema del progetto. La messa in rete dei contenuti viene dapprima stimolata e
successivamente verificata e pubblicata dagli operatori che saranno incaricati dell’animazione della
comunità. In questo spazio saranno previste naturalmente tutte le informazioni istituzionali e i link
verso i siti dei soggetti promotori e al sito dell’UPI e del Dipartimento della Gioventù. Si prevede
inoltre la comunicazione dei risultati ottenuti a fine progetto, mediante la produzione di
videoracconti per documentare sul web il percorso realizzato e di una manifestazione finale in
ciascun territorio.
• Azioni preparatorie e promozione del progetto: inizialmente si prevede uno studio analitico sulla
percezione dei giovani nel territorio delle due province, tramite somministrazione di questionari a
campione e un focus group in ciascuna area, nonchè un sondaggio on line sul sito di progetto. La
diffusione dell’iniziativa e coinvolgimento dei partecipanti si svilupperà successivamente tramite una
locandina “invito” e una brochure elettronica da inviarsi alle scuole locali e alle associazioni
giovanili. Altri prodotti promozionali saranno realizzati a fine progetto.
• Percorso educativo: questa fase prevede - in ciascun territorio - un seminario informativo per i
docenti, e una serie di giornate di formazione rivolte a classi o gruppi interclasse di scuola
secondaria, per approfondire il tema dei cambiamenti climatici. I percorsi educativi si completano con
una competizione che, attraverso il sito web, metterà a confronto l'efficacia e la creatività delle
proposte delle classi partecipanti nei due territori. All'interno della community le classi di partecipanti
di giovani leccesi e agrigentini si confronteranno commentando gli uni gli altri le rispettive iniziative e
i rispettivi risultati di riduzione della CO2. alla fine del percorso verrà stilata una classifica delle
proposte, in base alle preferenze espresse all’interno della community e in base ad un giudizio della
Giuria di progetto che valuterà in base al criterio di maggiore efficacia, originalità, ma anche per la
maggiore trasferibilità nella vita di tutti i giorni. In questa fase potranno esprimersi anche giovani
studenti non appartenenti alle scuole coinvolte nel percorso educativo ma già registrati nella
community iogiro.com.
Le due iniziative – una per ciascuna provincia – che risulteranno vincitrici saranno premiate con
gadget ecologici da distribuirsi tra tutti i membri della classe (il premio individuale potrebbe cambiare
in relazione al numero degli studenti delle classi: zaini a celle solari, caricabatterie solari per cellulari,
biciclette). In ogni caso tutti i partecipanti al progetto riceveranno la T-shirt del progetto come
riconoscimento dell'impegno espresso.
Al termine del percorso di sperimentazione delle azioni degli studenti sarà organizzata una
manifestazione conclusiva per dare conto dei risultati ottenuti e la premiazione dei vincitori.Le
migliori iniziative di ciascun territorio saranno premiate, mentre tutto l'insieme delle esperienze delle
classi partecipanti sarà pubblicato in un manuale in formato elettronico.

• Risultati attesi
1. Definizione di un quadro locale della percezione dei giovani rispetto al cambiamento climatico.
2. Coinvolgimento diretto di almeno 34 classi, 65 docenti, 850 ragazzi, in circa 100 giornate di formazione.
3. Coinvolgimento degli altri giovani registrati nella community (almeno 3000 utenti), diffondendo i
videoracconti e il manuale finale come testimonianza del percorso di progetto.

• Caratteristiche del Partenariato

I 3 soggetti partner mettono insieme competenze diverse ma complementari e contigue: la Provincia di


Lecce con l’esperienza del settore Politiche Giovanili che sviluppa da anni iniziative di promozione sociale e
coinvolgimento attivo dei giovani per una crescita integrata e interculturale; la Provincia di Agrigento che con
l’Assessorato all’Ambiente porta le competenze su temi ambientali e nella capacità di gestire iniziative di
sensibilizzazione e coinvolgimento delle scuole. Il CTS, associazione giovanile di promozione sociale e
protezione ambientale, presente con sedi e gruppi operativi in entrambi i territori, si fa forte delle esperienze
di gestione e sviluppo di progetti locali e nazionali in cui si coniuga la promozione sociale e il coinvolgimento
dei giovani con la sensibilizzazione ambientale in particolare sui temi della biodiversità e della lotta ai
Cambiamenti Climatici.