Sei sulla pagina 1di 36

Modulo Avventura Per Personaggi di Livello 6-9

Modulo Avventura per le Regole Expert


Il Tempio della Morte
di David Cook
Il 2° modulo della serie I Nomadi del Deserto.

Trovate la via che porta alla fortezza del Maestro, il Tempio della Morte, in questa eccitante
avventura che può essere giocata da sola o come seguito del X4, Il Maestro dei Nomadi del
Deserto!

DCINGEONS & DRAGONS* é un marchio registrato della


R egole E x p e rt
M odulo p e r le Z one Selvagge X5

Il Tempio della Morte


efi David Cook
U n ’A vventura p e r P ersonaggi di Livello 6-10

Vi trovate di fro n te al G ran d e Passo, oltre il quale giace la terra di H ule e an co r più o ltre la fortezza
del M aestro, conosciuta com e il T em pio della M orte. Riuscirete a trovare il cu o re del suo avam posto
per ferm are le scorrerie com piute ai danni della Repubblica?

T rad u tto re: Nick Gandolfi


© 1983 T S R Hobbies. Inc.
Tutti i diritti riservati

e g
EDITRICE
GIOCHI
DUNGEONS 8c DRAGONS Regole E xpert
M odulo p e r le Zone Selvagge X5

IL TEMPIO DELLA MORTE

PARTE 1: INTRODUZIONE
Q u e sto m o d u lo r a p p re s e n ta fa seco n d a p a rte d i u n a se rie co m p o ­ naggi d e v o n o e ssere p ro n ti ad a ffro n ta re le z o n e selvagge: essi
sta d a d u e m oduli. La p rim a p a r te è il m o d u lo X 4, Il M aestro d ei d o v reb b ero d isp o rre ili cavalcature, razio n i, libri degli incantesim i
N o m ad i d e l D eserto . La p re se n te a v v en tu ra p u ò essere giocata ed acqua.
co n o sen za il p rim o m o dulo. C o m u n q u e , sia i giocatori che il DM
tro v e ra n n o q u esto m o d u lo b e n p iù in te re ssa n te se g io cato com e Se in te n d e te g io care q u e sto m o dulo, s m e tte te d i le g g e re o ra. Le
seg u ito d e II M a estro d e i N o m ad i d e l D eserto. restan ti p a rli d ell'av v en tu ra so n o di interesse esclusivo del DM.
Q u e sto m o d u lo è sta io p ro g e tta to p e r u n a co m p ag n ia d i 6-B p e r­ Egli o ella u tilizzeranno le in fo rm azio n i più av an ti fo rn ite p e r gui
sonaggi d al 6" al 10" livello. C iascu n p erso n ag g io d o v re b b e posse­ d a r e i p erso n ag g i a ttra v e rso le a v v e n tu re d el m o dulo. S a p e re in
d e r e 3 4 o ggetti m agici, incluse le a rm i, le a r m a tu re e gli oggetti p reced en za cosa accad rà in q u e sto m o d u lo p u ò ro v in a re il d iv erti­
m agici vari. Si racco m an d a fo rte m e n te ch e in co m p ag n ia siano m en to e la so rp resa d ei giocatori c h e in te n d o n o a f fr o n ta r e situ a­
p resem i u n ch ierico ed u n g u e r rie r o di livello 8-10. T u tti i p e rso ­ zioni n u o v e e se m p re diverse.
P e r utilizzare q u e s to m o d u lo c o m e s e c o n d a p a r te d e lla serie,
La P rim a A vventura r ip re n d e te a gio care d a l p u n to in cui II M a e s tro d e i N o m a d i d e l
Se i vostri g io cato ri n o n h a n n o g iocato il p rim o m o d u lo . Il M ae­ D eserto finisce. F ate u so degli stessi p e rs o n a g g i giocanti e d e i
stro d e i N o m a d i d e l D e s e rto , u tilizzate i se g u e n ti p a ra g ra fi in c o r­ m edesim i seguaci. I p erso n a g g i d e v o n o d is p o r r e degli stessi
niciati p e r a m b ie n ta re le a v v e n tu re c h e s e g u ira n n o . 1 giocatori o ggetti m agici e d e q u ip a g g ia m e n to ch e p o ss e d e v a n o alla fin e del
c h e in v ece h a n n o g io cato il p rim o m o d u lo d ella se rie d is p o rra n n o p rim o m o d u lo . A n c h e i p u n ti fe rita c gli a ltri p u n te g g i d e lle c a ra t­
già d ella lo r o e sp e rie n z a d a u tilizzare co m e am b ien tazio n e. teristich e d e v o n o c o rris p o n d e re a qu elli se g n a ti alla fin e d ella p r i­
m a p a rte . A m e n o c h e i p e rso n a g g i n o n lo a b b ia n o sp ecificato
c h ia ra m e n te , essi n o n si s a ra n n o rip o sa ti n e a v r a n n o utilizzato gli
C o n d o tte d a “ Il M aestro ”, le trib ù d e l D eserto S in d in n alzan o
incantesim i p e r r e c u p e r a re i p u n ti fe rita . E ssi p o sso n o o m e n o
gli s te n d a rd i d i g u e rra ! P e r p ro te g g e rs i, i te rrito ri c o n fin an ti
p o ss e d e te le in fo rm a z io n i n ecessa rie p e r g iu n g e t e al G ra n d e Pas­
ch ia m a n o alle a rm i tu tti gli u o m in i d isp o n ib ili. La vostra c o m ­
so. Se i PG p o ssie d o n o d elle in fo rm a z io n i, esse s a ra n n o so tto f o r ­
p a g n ia risp o n d e alla c h ia m a ta e si avvia v erso il fro n te . In fin e , m a d i se g n i. 'l'ali segni (un s e rp e n te , u n p esce e u n m o stro che
in u n piccolo villaggio ai m a rg in i d e l d e s e rto , v en ite incaricati
ingoia il sole) n o n v e n g o n o m o stra ti sulla m a p p a . Se i vostri gioca­
d i u n a m issione perico lo sissim a. I-a vostra c o m p a g n ia deve
to ri n o n h a n n o tro v a to tali se g n i, p o te te d is p o r r e < jucst\iltim i a
a ttra v e rs a re il d e s e rto o stile c tro v a re il G ra n d e Passo, d a to
p iacim en to sulla m a p p a , cosi d a g u id a r e la c o m p a g n ia fin o a ll'e n ­
ch e. d a q u a lc h e p a r te al d i là d i esso, si tro v a il T em pio d ella
tra ta del G ra n d e Passo.
M o n e , cau sa p rim a d eg li attacch i m alvagi. Voi d o v re te tro v a r­
lo e d e c id e re in se g u ito c o m e c o m p o rta rv i. Se in te n d e te utilizzare q u e s to m o d u lo co m e a sé sta n te e n o n com e
se co n d a p a r te d ella se rie , lasciate c h e i g io c a to ri utilizzino o i p r o ­
p ri p erso n a g g i o qu elli p re -g e n e ra ti, fo rn iti n e lla P a rte 7 a p a g .3 0
A iu tati, a n c h e se p o co , d a ll’eserc ito , voi risalite il fiu m e in co n ­ d el m o d u lo . Essi p o sso n o e q u ip a g g ia rsi co m e c re d o n o (ra g io n e ­
t r a n d o Iur.50 il tra g itto m o stri e d a g e n ti d e l "M aestro ”. Solo v o lm en te) sc e g lie n d o t r a gli o g g e tti elen cati n e lla lista d e lfe q u i-
d o p o a-.er c o m b a ttu to nem ici, ev itato gli eserciti ostili e rat col­
p a g g ia m e n io n o rm a le , o p p u r e , se i p e rs o n a g g i sta n n o g io can d o
to a lc u n e in fo rm a z io n i, vi siete tro v ati ai piedi d e lle M o n tag n e
u n a ca m p a g n a , essi p o sso n o d is p o r r e d i ciò c h e p e r m e tte il lo ro
C im e O scu re. T r a d i esse, d a q u alch e p a rte , si tro v a l’accesso al
te so ro p e rso n a le . L ’a v v e n tu ra h a inizio alle p o r te d e l G ra n d e Pas­
G ra n d e Passo! E o ltre d i esso si tro v a il T e m p io d ella M orte ed
so. I p erso n a g g i d is p o r r a n n o d e l p ie n o d e i lo r o p u n ti fe rita e
il m alv ag io “M a estro ”.
d egli incantesim i. Voi d o v re te le g g ere a voce a lta la se zio n e d e d i­
cata aH'am bientH /.ione, “ La P rim a A v v en tu ra” .
I.a m a p p a d elle z o n e selvagge p re s e n te a p ag .3 1 d e l m o d u lo , illu ­
s tra la zo n a c h e i p e rso n a g g i d e v o n o a ttr a v e rs a r e p e r tro v a re il
N ote p e r il D ungeon M aster T e m p io della M o rte. I-a m a p p a in c lu d e in o ltre n ltrc zone n o n d e t ­
tagliate in q u e s to m o d u lo . Voi p o tr e te u tiliz z a re q u e s te zo n e nella
Prim a d i g io care l'a v v e n tu ra , voi d o v re ste le g g ere tu tto il m o d u lo v ostra c a m p a g n a , d e tta g lia n d o le e p o p o la n d o le a v o stro piaci­
e fam iliarizzare co n i d e tta g li e gli ev e n ti c h e vi si tro v an o . Se n o n m en to .
sa p e te co m e tr a tta re u n m o stro , u n incan tesim o , u n o g g e tto m ag i­
co o u n a reg o la tr a tu tto ciò c h e v ien e utilizzato nel m o d u lo , I g io cato ri s ta n n o p e r e n tr a r e nel te rrito rio d i u n nem ico assai
d o v re ste in o ltre rip a ss a re le sezioni p e rtin e n ti d e lle R egole B ase p o te n te . D o v rete ra c c o m a n d a re ai gio cato ri la p iù asso lu ta cau tela
e d E x p e rt. B en p re p a ra rs i p rim a d i c o n d u r r e l'a v v e n tu ra re n d e il e seg retezza. Se la lo ro m issione do v esse v e n ire sc o p e rta , co n ogni
gioco p iù d iv e rte n te e p iù veloce p e r tu tti. p ro b ab ilità n o n a n d r à a b u o n fine. S e volete, p o te te su g g e rire ai
g iocatori d i a d o tta r e u n a s o rta d i “c o p e r tu ra ’' p e r s p ie g a re la loro
Il m o d u lo è o rg a n iz z a to in p a rti. La P a rte 1 è l’in tro d u z io n e . L e p re se n z a a ll'in te rn o d e l te rrito rio nem ico.
P arti d alla 2 alla 5 d esc riv o n o le a v v e n tu re e gli in c o n tri ch e a v ra n ­
n o lu o g o d u r a n te il gioco. L a P a rte 6 descriv e i n u o v i m o stri ch e L a m issione d e i p e rso n a g g i h a a d d ir ittu r a a ttira to l'a tte n z io n e di
co m p a io n o in q u e s to m o d u lo . In fin e , la P a rte 7 illu stra alcu n i p er- esseri su p e rio ri. I n alc u n i p u n ti d e l m o d u lo c o m p a r e u n o “S co n o ­
so n ag g i p re -g e n e ra ti c h e p o sso n o esse re utilizzati p e r l'av v en tu ra. sciuto B e n e fa tto re '. N e s su n o sa chi o cosa sia ta le essere, e d i [k t -
so n a g g i n o n a v ra n n o m o d o d i o sse rv a rlo d a vicin o . N o n utilizzale
A lcu n i in c o n tri si v erifican o in d e te rm in a ti lu o g h i, a d e sem p io in lo "S conosciuto B e n e fa tto re ” p e r tr a r r e d ’im p a c c io i p erso n ag g i
c e rte sta n ze. T a li in c o n tri h a n n o lu o g o «piando i p e rso n a g g i ra g ­ ch e so n o in cattive a c q u a a cau sa d ella lo ro s tu p id ità o sb a d a ta g g i­
g iu n g o n o la sta n za o se attiv a n o u n alla rm e . A ltri in co n tri so n o ne!
invece legati al tip o d i te r r e n o in c u i d e v o n o av ere lu o g o . Q u esti
in co n tri si p o sso n o v erificare in u n m o m e n to qualsiasi a p a tto ch e È possibile c h e i p e rso n a g g i p o ssied an o u n a m u le to lu n g im ira n te
i p erso n a g g i si tro v in o su q u e l tip o d i te r re n o , c a voi rim a n e la o ch e n e tro v in o u n o d u r a n te lo sv o lg im en to d cU 'a v v en tu ra. L’o g ­
scelta d e l p reciso ista n te d eg li acca d im en ti. Q u e s to tip o d i in c o n ­ g e tto assom iglia a d u n o d e i ta n ti a m u le ti o talism an i m agici.
tro d i so lito h a lu o g o n elle z o n e selvagge. C h iu n q u e indossi u n o d i q u esti a m u le ti risu lta in g r a d o d i v e d e re
a ttra v e rs o u n a ltro a m u le to in d o ssa to d a u n a d iv e rsa p e rso n a . Il
I.e in fo rm azio n i c o n te n u te n e l m o d u lo posso n o o m en o essere M aestro p o ssied e p a re c c h i d i q u esti a m u le ti e li co n serv a in u n a
racch iu se in co rn ici. L e in fo rm a z io n i in co rn iciate d e v o n o essere b o rsa n e r a (così n e s su n o p u ò v e d e re a ttra v e rs o i suoi). Egli fa uso
lette ai g io cato ri a te m p o d e b ito . L e in fo rm azio n i n o n in co rn iciate d i tali a m u le ti p e r esse re c o s ta n te m e n te in fo rm a lo . S e u n o d e i
so n o in d irizz ate a voi in q u alità d i D M ; esse p o sso n o descriv ere p erso n a g g i tro v a e d in d o ssa u n o d eg li a m u le ti, il M a estro sa rà in
m o stri o co m e c o n d u r r e u n in c o n tro . g ra d o d i o sserv are tu tte le s u e azioni.
PA RTE 2: IL GRANDE PASSO
Q u i, a p iù d i 1 c h ilo m e tro e m ezzo d i d isia n z a d a u n 'a p e rtu r a ,
l’a ria è sta n tia . l.c to rc e e le la n te r n e illu m in a n o fin o a m e tà del
In co n tri C asuali nel G ran d e Passo
Q u a n d o i p erso n a g g i sta n n o v iag g ian d o a ll'in tó rn o d elle gallerie,
Io r« n o rm a le ra g g io d 'a z io n e . L’olio b ru c ia solo in p ro ssim ità d e l­
l’e n tra ta . Gli in can tesim i basati sul fu o c o in flig g o n o le n o rm ali le p ro b ab ilità d i in c o n tro so n o u n a su sei. U n c o n tro llo p e r il v eri­
ficarsi d i u n in c o n tro d ev e e s se re e ffe ttu a to u n a volta o g n i 6 ch ilo ­
le r ite ina, nel ro u n d successivo a q u ello in cui è sta to lan ciato l'in ­
m etri p erco rsi. Se si verifica u n in c o n tro , tira te ld 2 0 e co n su lta te
can tesim o , in flig g e ra n n o a ltr e Id lO f e r ite a tu tte le c r e a tu r e ch e
la tabella c h e segue:
re sp ira n o a r ia e c h e si tro v a n o e n tr o il tr ip lo d ella n o rm a le zona
d 'efficacia. L 'u tilizzo d i u n in c a n te sim o b a s a to sul fu o co , sp e g n e T ir o d e l d a d o In c o n tro
im m e d ia ta m e n te tu tte le to rc e e la n te rn e c h e si tro v a n o n ella zo n a
c h e, in g e n e ra le , è te a tro d cH 'in c o n tro . S e v ien e e v o c a to u n eie- 1-2 P ip is tr e llo N o rm a le . N ° d i M ostri l- 1 00 (CA ti: D V 1
m e n ta le d e l fu o co , tu tte le c r e a tu r e ch e si tro v a n o e n tr o i 30 m etri p f ciascuno; N ° A 'I T c o n fu sio n e ; F n e ssu n a ; MV 1/12:
daU’c le m e n ta le s o f f ro n o Id 10 fe rite a c a u s a dell'o ssig en o b ru c ia to T S U C ; M L 6: AM N). E siste u n a p ro b ab ilità d e l 50%
d a lla c r e a tu r a ev o cata. c h e sia p re se n te u n ’a ltra c r e a tu r a (o p iù d 'u n a ) nella
stessa zo n a . S e q u e s to è il caso, tira te n u o v a m e n te su
L e g a lle rie ch e a ttr a v e rs a n o le M o n ta g n e C im e O s c u re c o n n e tto ­
q u e sta tab ella ig n o ra n d o i risu ltati p a ri a 1-2 .
n o tr e d iv e rse v allate. T a li vallate si tr o v a n o b e n al d i so p ra degli
3 P ro to p la s m a N ero * . N" d i M ostri 1 {CA 6: DV 10;
alb eri m a p r e s e n ta n o tu ttav ia i tipici p r a ti alp in i p u n te g g ia ti di
N 'A T l 1: F 5-24; M V 6; T S C o : M L 12; AM N;
fio ri, m u sc h io e lich en i c h e si a r ra m p ic a n o sui fianchi d e i m acigni
im m u n e a tu tto a d eccezio n e d e l fuoco).
e d elle p a re ti rocciose. Il te r r e n o è b a g n a to c o sta n te m e n te d a i
4 C aeeiJia. N" d i M ostri 1-3 (CÍA 6 ; DV (i; N -A T I" 1; F
rivoli p ro v e n ie n ti d a i vicini ghiacciai. L e v allate so n o c irc o n d a te e
1-8; MV 6 ; T S G 3; M L 9 ; AM N).
ch iu se d a i picchi m o n ta n i. N elle vallate v iv o n o p o c h e e piccole
5 V e rm e Ie n a . N° d i M ostri 1-3 (CA 7 ; D V 3 + 1 ;
c re a tu re , co m e alc u n i r o d ito r i c h e si d e d ic a n o alla racco lta d i bac­
N -A T T ¡S; F p aralisi; M V 12; T S G 2; M L 9 ; AM N).
c h e e p ian ticelle n o n c h é falchi e g rifo n i c h e p r e d a n o d e tti ro d ito ­
6 M e ta m o rfo sis. N° d i M ostri 1-4 (CA 5: I)V 4 : N "A T T
ri. Si p o sso n o tro v a re a lc u n e c a p re d i m o n ta g n a c h e g iro n zo lan o
1; F 1-12; M V 9 ; T S G 10; M L 10; A M C; im m u n e agli
ai m a rg in i d elle v allate. T u tte le a ltre c r e a tu r e d e lle valli sono
incan tesim i c h a rm e e so n n o ). Se n o n v iene sc o p e rto o
e le n c a te sp e c ific a ta m e n te p e r o g n i in c o n tro in u n a d e te rm in a ta
se v ince l'iniziativa, il m etam o rfo sis si n a sc o n d e . D o p o
vallata.
il passag g io d e lla c o m p a g n ia , egli se g u e il g ru p p o
a tte n d e n d o la g iu sta occasione p e r a tta c c a re u n sin g o ­
lo p e rso n a g g io d isa tte n to .
7-8 P a ttu g lia d i G e o n id i. N" d i M ostri 2-12 (CA -2; DV 2;
p f 10; N ° A T I' 1: F 1-8: MV 6; T S G 2; M L 8; AM C;
s o rp re sa 1-4; vedi alla fin e d e l m o d u lo ). Q u esti geont-
d i so n o al servizio d e l M aestro. Essi p a ttu g lia n o le g al­
lerie d e l passo e fe rm a n o tu tti gli s tra n ie ri (n o n i
m o stri) ric h ie d e n d o lo ro il lasciapassare. S e i p e rso ­
naggi n o n h a n n o il lasciapassare o si d im o stra n o ostili,
i g e o n id i a tta c c h e ra n n o .
9 G ig a n te d e lle ro c c e . N ° d i M ostri 1 (CA 4 : DV 9;
N -A T T 1: F 3-18; M V 12; T S G 9; M L 9 ; AM N). Il
g ig a n te sta r ito r n a n d o a casa. E siste u n a p ro b ab ilità
p a ri al 5 0 7c c h e co n lui si tro v in o 1-3 o rsi d elle cav er­
n e (CA 5 ; DV 7 ; N °A T T 3; F 1-8/1-8/1-12; MV 12; I S
G 3 ; M L 9 : A M N ). E siste in o ltre u n a p ro b ab ilità p a ri
al 75% ch e il g ig an te tra s p o rti u n a b o rsa c o n te n e n te
1.000-8.000 M .O .
10-11 F a n g h ig lia v erd e* . N° d i M ostri 1 (CA s e m p re colp ita;
DV 2 : N ° A T T l: F sp e ciale; M V 30 cm ; I S ( i l : M L
12; A M N).
12 M in o ta u ro . N° d i M ostri 1-6 (CA 6; DV 6 ; N °A T T 2 o
1; F I -6/1-6 o a rm a +-2; MV 12; T S G 6 ; M L 12; AM
C >-
13 A m eb a p a g lie rin a * . d i M ostri 1 (CA 8; DV 5;
N -A T T I ; F 2-12; MV 3 : T S G 3; M I. 12: A M N).
14 V e rm e sc a rla tto . N° d i M ostri 1 (CA 6 ; DV 15;
N - A T T 2; F 2-16/1-8 + v eleno: M V 6 ; T S G 8; M L 10:
A M N).
15 O m b ra S p e ttra le * . N° d i M ostri 2-12 (CA 7; DV 2 + 2 ;
N -A T T 1; F 1-4 + sp e c ia le ; MV 9 : T S G 2; M L 12; AM
C ).
16-17 B o leto S trid e n te . N° d i M ostri 2-8 (CA 7; I)V 3:
N ° A T T speciale; F n e s su n a ; M V 1: T S G l : M L 12;
A M N ). S e u n b o leto s tr id e n te u rla , voi d o v e te c o n ­
tro lla re il verificarsi d i u n u lte rio re in c o n tro . La c re a ­
t u r a ch e c o m p a re sa rà d e te r m in a ta c a su a lm e n te sem ­
p r e r ic o rr e n d o alla p re se n te tabella.
18 T ro ll* . N - d i M ostri 1 8 (CA 4 ; DV 6 + 3 : N - A T T 3; F
1-6/1-6/1-8; MV 12; T S G 6 ; M I. 10; A M C ; rig e n e ra ­
zione).
19-20 F u re tto G ig a n te . N* d i M ostri 1-4 (CA 7; DV -1+4;
N -A *IT 1 + speciale; F 2-8: MV 15; T S G 3; M L 12;
AM N). Q u e sti fu re tti so n o voracissim i. Essi attaccan o
c h iu n q u e a vista e n o rm a lm e n te c o m b a tto n o fin o alla
m o rte .
Gli ab itan ti d elle cav ern e so n o i d isc en d en ti d i u n a b a n d a di u m a ­
Incontri Speciali nelle G allerie ni che e n trò nelle gallerie cen tin aia di a n n i fa. L a lo ro pelle ed i
Q u esta sezione fo rn isce d u e in c o n tri d e tta g lia ti p e r n essu n o dei capelli sono c o m p letam en te bianchi. Essi n o n riescono più a v ed e­
quali è stata p red isp o sta u n a precisa locazione sulla m ap p a del re m a d isp o n g o n o d i u n u d ito m olto sv iluppalo. G razie all’u d ito
G ra n d e Passo. P o tete fa re u so di tali in c o n tri p e r ravvivare l’in te ­ essi riescono c o m u n q u e ad a tta c c a re e a m uo v ersi n o rm alm e n te .
resse della co m p ag n ia nel caso q u esta n o n e ffe ttu i in co n tri casuali. Essi n o n p o sso n o venire accecali d a u n in can tesim o basato sulla
Q uesti in co n tri h a n n o lu o g o solo m e n tre i p e rso n a g g i si tro v an o lu ce e n o n so n o in flu e n zati d al p o te re (p au ra ) d el m ujina. U n
all’in te rn o d i u n a galleria. silen z io (rag g io 5m ) n a s c o n d e rà lo ro la c o m p ag n ia. M e n tre co m ­
b atto n o essi si c h iam an o l'u n l’a ltro p e r stabilire le posizioni reci­
A. I F ig li d e lle C a v e rn e
proche.
M e n tre i p erso n ag g i si av v icinano a d u n a c u rv a d ella galleria, essi
se n to n o u n ru m o re rim lx>m bantc p ro v e n ire d a u n p u n to d av an ti Q u a n d o i p erso n ag g i o ltre p assan o la cu rv a, il m u jin a si p re se n ta
a loro. M an m an o ch e si avvicinano, essi p o sso n o se n tire delle voci com e u n n o rm ale u m an o : è vestito con u n 'a r m a tu r a e se m b ra un
acu te ed il ru m o re d el m etallo c o n tro la p ie tra . Q u a n d o i PC o ltre ­ n o rm ale g u e rrie ro . Q u a n d o vede i p erso n ag g i, egli g rid e rà p e r
passano la cu rv a, essi si tro v a n o d av an ti 12 a b ita n ti d elle caverne c h ie d e re a iu to . (ìli ab ita n ti d elle cav ern e sa n n o che i personaggi
(CA 6: DV 1; p f 5 ciascuno; N °A T T 1; F 1-6: M Y 15: T S G l : N1L so n o p resen ti (a m e n o ch e n o n sia sta to lanciato u n incantesim o
7; AM N ) ch e co m b atto n o c o n tro u n m u jin a (CA 4; DV 8: p f 37; sile n z io (rag g io 5m )). Essi n o n a tta c c h e ra n n o subito m a a s p e tte ­
N -A 'IT 2 + speciale; F 1-6/1-6; MV 12; I S G 8: M I. 9; AM C: vedi ra n n o p e r v erificare cosa accade. Se i p e rso n a g g i si sc h ie ra n o dalla
p ag.29). Il m u jin a è a rm a to di u n a sp a d a a d u e m ani e di u n a p a rte del m u jin a e sco n fig g o n o gli ab ita n ti d elle cav ern e, il m ujina
sparla co rta. C iascun a b ita n te delle cav ern e possiede d u e tipi di cerch erà di unirsi alla co m p ag n ia. Egli ra c c o n te rà di essere un
arm i alq u a n to insolite: u n coltello ru g g e n te c sei cerch i affilati. Il g u e rrie ro ch e si c p e rso o rm ai d a m esi all’in tc m o d elle gallerie.
coltello ru g g e n te è co m p o sto d a u n a c a te n a ch e finisce con u n a Egli n o n sa rà in g r a d o di g u id a re i p erso n ag g i m a c o m b atterà al
lam a p iatta: la ca te n a v ien e fatta r o te a re s o p ra il c ap o e q u esta loro fianco in tu tte le circostanze. Se i p erso n ag g i sco n fig g o n o il
p ro d u c e u n fo rte ru m o re sim ile a d u n ru g g ito . C iascun coltello m ujina, gli ab ita n ti d elle cav ern e si f e rm e ra n n o p e r rip o sare.
infligge 1-6 ferite e p u ò attaccare u n a qualsiasi c re a tu ra si trovi ad A ttraverso l'em issione di stran i su o n i c gesticolando e s p rim e ra n ­
u n a d istan za m assim a di 3 m etri. Il c e rc h io affilato è u n anello no alla co m p ag n ia la lo ro g ra titu d in e . Se i p erso n a g g i riesco n o ad
d ’acciaio di 15 cm di d ia m e tro il cui c o n to rn o e s te rn o è e stre m a ­ im provvisare u n sistem a p e r p o r r e d elle d o m a n d e e fo rm u la re
m en te affilato. I ce rc h i p o sso no essere scagliati fin o a d u n a d ista n ­ delle richieste, gli abitan ti d e lle c a v e rn e fo rn ira n n o im m ed iata­
za d i 9 m etri ed in flig g o n o 1-6 ferite. C iascun a b ita n te d elle cav er­ m en te u n a g u id a c h e li acco m p ag n i alla prossim a vallata. V iag­
n e p o rta i sei cerch i sistem ati sulla fro n te. gian d o assiem e alla g u id a, la co m p ag n ia n o n p o trà p e rd e rsi asso­
Q u esta sezione rig u a rd a tu tte le a v v e n tu re d e i p erso n ag g i m e n tre lu tam en te.
q u e i:: -.^ c ^ e ra n n o a ttrav erso il G ra n d e Passo. Essa c o m p re n d e Se i p erso n ag g i p e rq u isira n n o i c o rp i d e i c a d u ti, essi tro v e ra n n o
u n a d escrizio n e g e n erale d el G ra n d e P asso, u n a tabella degli 1.000 M .O . ad d o sso al m u jin a e 2-8 p ie tre a p p a re n te m e n te senza
in co n tri casuali ed a ltri in co n tri sia speciali c h e legati a d u n a p a rti­ valore ad dosso a ciascun ab ita n te delle cav ern e. I jc p ie tre h a n n o
c o lare locazione. valore solo p e r chi le p o rta : la foggia di tali p ie tre d e te rm in a il
valore che esse ra p p re s e n ta n o co m e m oneta.
D escrizione G enerale B. Il P assag g io L u m in o so
Il G ra n d e Passo giace n elle M o n ta g n e C im e O s c u re , u n a delle più Q u a n d o i p erso n a g g i si tro v a n o a 30 m etri d alla locazione d ell'in ­
alte e p ro ib itiv e caten e m o n tu o se p resen ti n e i te rrito ri conosciuti c o n tro , essi p o sso n o n o ta re d av an ti a lo ro u n d e b o le so rg e n te di
d ella c am p ag n a. Q u i i picchi so n o p e r e n n e m e n te co p erti di neve c luce, lui luce n o n è d el colore classico di u n a to rcia, di u n a la n te r­
le valli e le selle m o n ta n e o sp itan o spesso d e i vasti ghiacciai. In n a o d el sole, m a se m b ra a v e re riflessi a z zu rrin i. A d eccezione di
d istan za le m o n ta g n e a p p a io n o co lo rate di b ian co e b lu , m a p iù da u n piccolo s e n tie ro n el m ezzo d el p av im en to , la luce ric o p re in te­
vicino, il blu d iv en ta il g rig io op aco della roccia. La m ag g io r p a rte ra m e n te la re sta n te p a rte d el p av im en to , il so ffitto e le pareti della
del te rrito rio m o n ta n o è ben al «li s o p ra d e g li alb eri, a d d irittu ra galleria p e r u n a lu n g h ezza di 72 m etri. La luce è abbastanza fo rte
o ltre i più alti p rati alp in i ch e ric o p ro n o le p en d ici della caten a d a far sì che i p erso n ag g i n o n ab b iso g n in o d i a ltre fonti d i illum i­
m o n tu o sa. n azione. S em b ra che la luce p ro v e n g a d a tu tto in to rn o , d alle ro c­
L ’e n tra ta d ella p rim a galleria d el G r a n d e P asso è in u n 'a n g u sta ce, dai fu n g h i, d a ll’acqua. Il su o co lo re p ecu liare fa se m b ra re gli
rete d i gole, lu n g a 1 c h ilo m etro e m ezzo. L ’e n tra ta d ella re te è oggetti ch e tocca tra sp a re n ti. Q u a n d o i p erso n ag g i si tro v an o a
larg a 2 0 m etri. L e p a re ti rocciose si in n a lz a n o sui fianchi d ei p e r ­ m età dello stre tto se n tie ro , la luce si fa in n an zi, c o p re n d o e n tra m ­
corsi fin o ad u n ’altezza di 9 0 m etri. I p e rc o rsi se rp e g g ia n o e si be le estrem ità e lasciando libera u n striscia d i soli 15 m etri. In
p ieg an o m a n te n e n d o la stessa larghezza p e r q u asi u n c h ilo m etro e se g u ito la luce c o n tin u a inesorabile la su a avanzata alla velocità di
co n d u co n o ad u n 'a m p ia zo n a a p e r ta larga 1 c h ilo m e tro e m ezzo. 30 cm p e r ro u n d . I p erso n ag g i d isp o n g o n o d i soli 25 r o u n d p e r
All’e stre m ità o p p o sta d i q u esta conca si tro v a l ’im b o ccatu ra d i u n a ag ire in q u alch e m o d o , p rim a ch e la luce ric o p ra il se n tie ro co m ­
cav ern a p o sta a 9 m e tri d a l suolo. U n a r a m p a d i te rra b attu ta pletam en te.
co n d u ce d al livello d e l su o lo fino a ll'a p e rtu ra .
C o m u n q u e, u n te r re n o illu s o rio m aschera l'e n tra ta della re te di Se i p erso n ag g i cercan o di u sa re u n in can tesim o (co m u n icazio n e
gole. S e i g io cato ri d isp o n g o n o delle istru z io n i p e r ra g g iu n g e re con g li d e i, c o n ta tta re a ltre d im e n s io n i, o d e s id e rio ) p e r sa p e re
ualcosa d i più su q u esta zo n a, risp o n d e te alle d o m a n d e com e
l'e n tra ta al G ra n d e Passo, essi tro v e ra n n o l’e n tr a ta d ella re te di
gole sen za diffico ltà. U n se n tie ro fo rte m e n te b a ttu to co n d u c e fino
3escritto nelle regole. La luce è n u o v a e d aliena a q u esta m o n d o , e
a tale e n tr a ta c se m b ra te rm in a re c o n tro u n a liscia p a re te di roc­ così a n c h e gli d e i n e sa n n o poco. In fatti, il b ra n o se g u e n te tra tto
cia. Se i gio cato ri s ta n n o p e rlu s tra n d o sen za d is p o rre di u n a m a p ­ dai D iari di Quoti è l'u n ico sc ritto ch e n e p arla.
pa, essi riu sc ira n n o alla fine a tro v a re tale se n tie ro . Se la p a re te di
roccia alla fin e d el se n tie ro v iene toccata, essa sc o m p arirà rivelan­ "A ldisious <li P arq u o ssa così scrive di u n o dei suoi viaggi:
d o l'in g resso ag o g n ato . ‘M e n tre e r o in viaggio a ttra v e rs o le M o n ta g n e di A n th ro p o -
l.e gallerie ch e c o rro n o a ttra v e rs o le M o n ta g n e C im e O scu re sono m agi. trovai u n a trib ù il cui d io e r a ch iam ato la L uce V ivente.
d ei passaggi n a tu ra li. Il su o lo è irre g o la re e in g o m b ro di sta la g m i­ P er lo ro o rd in e io fui p o rta lo al lo ro te m p io dove p o tei o sser­
ti e p ie tre c a d u te dal so ffitto . L e p a re ti so n o c o p e rte d a u n a p atin a vare un pozzo le cu i p a re ti e r a n o c o p e rte d a u n a radiosità
d 'acq u a e ghiaccio. P o zzan g h ere ghiacciate p u n te g g ia n o il pavi­ co lo r ghiaccio ch e si a n im ò e si m osse in m ia p resen za. P rim a
m en to . A n c h e il so ffitto e le p a re ti d elle g allerie sono frastagliati e di essere c o n d o tto verso u n p iù vicino esam e d el pozzo, D on
irreg o lari. L e gallerie so n o la rg h e d ag li 11 ai 2 0 m etri ( l d l 0 + 10) H esq u iro t c i suoi cavalieri p rev alsero con la forza d elle arm i
ed alte dagli 11 ai 3 0 m etri ( ld 2 0 -t-1ò). A ll'in te rn o delle gallerie, i sulla trib ù p e r a p rire u n passaggio a ttra v e rs o le lo ro te rre .
fiersonaggi n o n sa ra n n o in g ra d o d i stabilire c o rre tta m e n te il tem ­ L 'esam e ravvicinalo ch e h o p o tu to e ffe ttu a re a ltro n on fa che
p o trasco rso . N elle gallerie alcu n i fu n g h i cre sc o n o a m acchie c o n fe rm a re la m ia ipotesi ch e vede tale luce com e il risu ltalo di
p o ste a d o g n i altezza, la m ag g io r p a rte dei q u a li (il 70% ) è m o rta l­ u n m iscuglio di olii e r a ri m in erali nelle p ro fo n d ità della te rra .
m en te velenosa. Se u n p erso n ag g io m an g ia u n o d ei fu n g h i vele­ N on sa p rei d ir e se la luce e ra viva o intelligente. D a q u a n d o
nosi. egli d ev e e ffe ttu a re co n successo u n tiro salvezza c o n tro sono to rn a to , n o n sono a n c o ra riuscito a d o tte n e re lo stesso
risultalo nel m io la b o ra to rio .” '
V eleno o m o rire.
Se u n q u alsiasi o g g e tto tocca la zo n a lu m in o sa, la luce vi attecchi­ sim o in v isib ilità c fu g g irà. S e viene in q u alch e m o d o in d iv id u ato
sce c si p ro p a g a su di esso a d u n a velocità di 30 u n p e r ro u n d . La ed inseguito, egli utilizzerà la b a c c h e tta d e lla p a u r a c o n tro i suoi
velocità è tale d a l a r si ch e u n u m a n o p e r q u a n to g rosso possa inseguitori. Egli n o n rin u n c e rà alla c o p e r tu ra d e ll’invisibilità p e r
essere ric o p e rto dalla luce in u n solo tu rn o . M e n tre si e s p a n d e , la salvare i g u e rrie ri. C iascun g u e r rie r o tra sp o rta 100 M .O . in u n a
luce n o n se m b ra a r re c a re d a n n o alc u n o ai p erso n ag g i. C o m u n ­ borsa. Il m ago, o ltre agli oggetti m agici, possiede 3 g em m e del
q u e. q u a n d o u n p e rso n ag g io viene in te ra m e n te ric o p e rto , egli in i­ valore di 5 00 M .O . ciascuna.
zia a p e rd e re u n p u n to d i F orza e u n o d i Intelligenza p e r ro u n d .
N on d ito al g io c a to re cosa sta a cca d en d o e sa tta m e n te , m a avverti­ 2. La V alle d e l R oc
telo in m o d o vago, d ic e n d o a d esem p io “T i senti stanco. O ra ci
La valle è c o p e rta d a nuvole basse, e d è fre d d a e um ida. La
sen ti più deb o le. F orse faresti m eglio a se d erti”, e “N o n riesci a p a rte su p e rio re delle pendici d ei m o n ti è nascosta d a u n o sj>es-
c a p ire cosa sta su c ced en d o . O ra n o n riesci a c o n c e n tra rti, ti d istrai so banco di nu v o le nebbiose. La neve c d il ghiaccio c h e si fo r­
facilm ente, 'l'u lto ti se m b ra c o n fu so . T i piace il co lo re della lu m i­ m an o d u r a n te la n o tte , sp a risco n o d u r a n te il g io rn o . 11 fo n d o
nosità ch e ti circo n d a". Se il p u n te g g io d i F orza d el gio cato re vie­
della valle spesso p re se n ta delle a m p ie zone in cui il te rre n o è
n e rid o tto a zero , egli è m o rto . Se viene rid o tto a zero il p u n teg g io
stato scavato. S em b ra ch e tali zone n o n sia n o 'd isp o ste in un
d i In tellig en za, egli è n ie n te più di un vegetale p riv o d i pensieri.
q ualche o rd in e logico, m a l'asp etto d i o g n u n a spesso è in fo r­
U n c u ra m a la ttie d istru g g e rà la luce ch e ric o p re u n o g g e tto o u n a
m a di 6 lu n g h i solchi più o m en o paralleli tra di loro. I solchisi
c re a tu ra m a n o n in flu e n z e rà q u ella che rim a n e sul p av im en to , sul e s ten d o n o p e r 15-30 m etri e finiscono in u n a zona p u n te g g ia ­
so ffitto e sulle p a re ti d el passaggio. U n incantesim o te n e b re m agi­ ta di fo ri larg h i 30 cm e p ro fo n d i 1 m e tro . Il suolo a tto rn o ai
c h e blo cch erà l’av an za ta «Iella luce e d i suoi effe tti sulla zona. fori è rivoltato e sm osso. A lcuni di questi segni se m b ra n o esse­
Q u a n d o l'in can tesim o esau risce la su a d u r a ta o viene dissolto, la re recenti, m e n tre altri a p p a io n o abbastanza vecchi.
luce r ito r n e r à a c o m p o rta rs i com e in p reced en za. A n ch e la luce
d ire tta d el sole d istru g g e rà la s tra n a lum inescenza. Vicino al c e n tro d ella valle si tro v a u n piccolo accam p am en to . In
q u a ttro c a p a n n e di tela e zolle vivono 10 g n o m i (CA 5; I)V 1; p f 6
Incontri nel G rande Passo ciascuno; N<\ATT 1; F 1-6 o a seco n d a d ell'arm a; MV IS ; T S N I :
M L 5; AM L) a rm ati d i sp a d e c o rte e b alestre. M olli an n i fa.
(ili in c o n tri ch e se g u o n o si riferisco n o alle locazioni n u m erate parecchie cen tin aia d i g n o m i fu g g iro n o d al R egno d ella M orte
p resen ti su lla m a p p a d el G ra n d e Passo. (M ule). C o m u n q u e , nella fu g a, su b iro n o la m aledizione d el M ae­
stro (vedi In c o n tri nel (¡ra n d e Passo 6) e fin o ra n o n so n o riusciti a
I . II D rag o d e lla S v e n tu ra
tro v a re la via «l’uscita d al Passo. D u ra n te tu tto q u esto tem p o , il
M en tre sta te a ttra v e rs a n d o u n a zona a p e rta , dirig e n d o v i verso lo ro n u m e ro è d im in u ito c o n sid erev o lm en te e tu tto ciò ch e resta è
la hocca d ella c a v e rn a , voi n o ta te alcu n i riccioli di fu m o simili a il g r u p p o q u i accam pato.
d e l v a p o re ch e fu o riesce d a ll'a p e rtu ra . In fin e , a 9 m etri d a l­ (ili g n o m i so n o m o lto cau ti e n o n am a n o rischiare. M e n tre u n o di
l’im b o ccatu ra, u d ite u n p r o fo n d o ru m o re to n a n te ed u n a loro sa lu ta la co m p ag n ia, gli a ltri a f fe rr a n o le balestre e, d a ll'in te r­
gro ssa n u v o la di v a p o re sb u ffa al di fu o ri d ella caverna. no delle c a p a n n e , le p u n ta n o c o n tro i p erso n ag g i. Gli gnom i n o n
Im p ro v v isam en te, la grossa testa di u n a c re a tu ra fin tro p p o p e rm e tto n o ai PG di accam parsi nelle im m ed iate vicinanze del
sim ile a d u n d ra g o v e rd e esce d a ll'a p e rtu ra e dice: “E adesso loro stesso acc a m p a m e n to c n o n li m etto n o in g u a rd ia c o n tro le
cosa c’è? A ltre di q u e lle m isere c re a tu re ch e sg a m b e tta n o sulla m isteriose c re a tu re d e l ven to che vivono nella valle.
su p e rfic ie della te rra ? A n d a te via e lasciatem i solo!”
D u ra n te il ta rd o po m erig g io , i p erso n ag g i o d o n o u n d eb o le u rlo
c h e se m b ra p ro v e n ire d a m olto d istan te. S em bra che l'u rlo volesse
N ella cav ern a ci so n o 1 1 g u e rrie ri (CA 4; C 2: p f 12 ciascuno;
c h iam are q u alcu n o (utilizzate il n o m e di u n o d ei PO o P N G p re­
N -A T T I : F 1-8; M V 12; T S 0 2 ; M L 8 : AM C) ed un m ago< 0A 0;
senti in com pagnia). L’u rlo p e r m a n a p e r u n c e rto p e rio d o e poi
M 7; p f 20 ; N “A T T 1; F 1-1 + 1 o incantesim o; MV 12; T S M7;
svanirà. C iò a cca d rà diverse volte e l’u rlo sa rà se m p re più forte.
M I. 9; AM C) ch e è a rm a to co n u n p u g n a le + 1 e u n a b a c c h e tta
D u ra n te l'u rlo , l'aria d iv en ta più f re d d a c d il vento più fo rte . I n f i­
d e lla p a u ra . F.gli h a m em o riz zato i seg u en ti incantesim i:
n e l’u rlo si fa cosi s o n o ro d a n o n essere p iù intelleggibile assom i­
P rim o liv ello : c h a rm e , d a r d o in c a n ta to , v e n trilo q u io g lian d o ad u n tre m e n d o g rid o senza senso. Il v en to in fu ria a tto r ­
S eco n d o liv ello : c re a z io n e s p e ttr a le , in v isib ilità no ai personaggi co n la forza quasi d i u n a tem p esta , ab b a tte n d o
T en to liv ello : p a lla d i fu o co , p ro te z io n e d a p ro ie ttili n o rm a li gli halfling, le te n d e e sp e g n e n d o i fuochi. A ll'apice di q u esta sfu ­
Q u a rto liv ello : m u r o d i fu o co riata, d al ciclo cad e u n g rosso o g g etto , il c o rp o d i un m am m u t.
Il “d ra g o ” è in realtà u n falso, co stitu ito d a u n telaio ric o p e rto di Esiste u n a pro b ab ilità su 20 ch e il cor|>o cad a su q u a lc u n o dei
tessuti e stralci di pelle di d rag o . La c o p e rtu ra è stata tra tta ta in p resen ti. Se ciò accade, d e te rm in a te a caso il m alcap itato e fategli
m o d o d a resistere a qualsiasi tip o di fuoco. A ll'in te rn o d el d ra g o si e ffe ttu a re un tiro salvezza c o n tro S offio d el D rago. Se il tiro risu l­
tro v an o i g u e rrie ri e d il m ago, q u i lasciati d a l M aestro co m e g u a r ­ ta in un fallim ento, il c o rp o lo schiaccerà in flig g en d o g li 5-50 fe ri­
d ie. 1 g u e rrie ri sta n n o a z io n a n d o leve, p u leg g e, a rg a n i e tam b u ri, te. Se il tiro viene e ffe ttu a to con successo, allo ra Io av rà evitato.
l 'a l e m acch in ario p e rm e tte al d ra g o di m uoversi av an ti e in d ietro , Se i p erso n ag g i esam in an o il c o rp o d e l m a m m u t, essi sa ra n n o in
d i g ira re la testa, m u o v e re le zam p e, s b u ffa re v a p o re e g e n e ra re g ra d o di stab ilire solo ch e è c a d u to d a u n a g r a n d e altezza. È
uti basso ru m o re to n a n te . U n o d e i g u e r rie r i u sa u n m eg afo n o così im possibile stabilire se sia sta ta la c a d u ta ad uccid erlo e com e sia
d a sim ulat e la su p p o sta voce po ssen te d el d ra g o . A n ch e il m ag o si riuscito a ra g g iu n g e re u n a q u o ta cosi considerevole. Se i p e rso ­
tro v a all’in te rn o d el d ra g o , vicino alla testa. Egli p u ò v e d e re dalle n aggi rivolgono d e lle d o m a n d e in in e rito all'accaduto (o in m erito
su e fauci e d è p ro n to a lan ciare i p ro p ri incantesim i. ai solchi d e l te rre n o ) agli g n om i, essi n o n d ir a n n o p r o p rio nulla.
Sic i g iocatori d e c id o n o di a f fr o n ta r e il d ra g o , il m ag o u se rà l’in ­ Fssi a ffe rm a n o di n o n conoscere le cau se d i tali m anifestazioni,
can tesim o c re a z io n e s p e ttra le p e r fa r c o m p a rire u n a ltro d rag o , a lcu n e volte o d o n o «Ielle u rla c v en g o n o sferzati d a venti im p e tu o ­
le g g e rm e n te p iù piccolo, il q u a le farà cap o lin o d a lle n tr a ta della si. O gni volta ch e ciò accade, essi si n a sco n d o n o nelle lo ro c a p a n ­
c a v e rn a vicino all’a ltro . Se n e a n c h e q u esta azio n e scoraggia i p e r­ ne.
sonaggi, il m ag o p ilo te rà la su a creazio n e sp e ttra le facend ola
Se i p ersonaggi lasciano il c o rp o d el m a m m u t in cu sto d ito , al lo ro
r ito rn a re all’in te rn o d e lla cav ern a e farà uso della b a c c h e tta d e lla
rito rn o esso sarà scom parso. N o n vi sa ra n n o tracce a p p a rte n e n ti a
p a u ra in d irizzata c o n tro la c o m p ag n ia. Se il d ra g o viene attaccato,
chi o che cosa lo abbia p o rta lo via. C o m u n q u e , a poca distan za, sul
il m ag o lan cerà la sua p a lla d i fu o c o c o n tro la co m p ag n ia. Se q u a l­
te rre n o si tro v e ra n n o d e i solchi fresch i, sim ili a quelli già no tati in
cu n o d ei p erso n ag g i e n tr a nella cav ern a, il m ag o taglierà ogni via
di fu g a sig illan d o l’e n tr a ta con il m u r o d i fu o co , lasciando poi ai p reced en za.
g u e rrie ri il co m p ito d i sistem are co lo ro ch e so n o così stati in tra p ­ L e tracce, i su o n i, il ven to e la c a d u ta d el m am m u t so n o sta te tu tte
polati. causale d a u n roc (CA 0; DV 3 6 ; p f 160; NKATT 3; F 3-18/3-18/
A ttaccare il d r a g o co n degli incantesim i n o n d a n n e g g e rà coloro 8-48; MV 18/144; T S G 15; M I. 10; AM L). Esso si trova al d i so p ra
ch e si tro v a n o al su o in te rn o . T u tti gli incantesim i ( tra n n e quelli d elle nuvole c h e c o p ro n o la vallala. Q u a n d o i p erso n ag g i p e rlu ­
basati su l fuoco) ch e in flig g o n o 20 o p iù ferite, m a n d e ra n n o in s tre ra n n o la vallata d o p o l’in c o n tro co n il c o rp o d e l m a m m u t, essi
fra n tu m i il telaio d el d r a g o sv e lan d o la su a vera n a tu ra . Se ciò tro v e ra n n o u n cu m u lo d i scheletri situ ato alla base d i u n a delle
accade, i g u e rrie ri si d a r a n n o alla fu g a. Il m ag o lan cerà l'in can te­ p a re ti rocciose. Essi ra p p re s e n ta n o gli avanzi d ei pasti d e l roc ed
o v viam ente sono p resen ti a n c h e le ossa d el m a m m u t o ltre a quelle co n d a rla e di fo rza rla alla resa. Se i p erso n ag g i n o n si a r re n d o n o i
d i alcuni piccoli se rp en ti d i m a re e d i a ltre g ro sse c re a tu re g eonidi a ttacch eran n o .
La n o tte se g u en te l’in co n tro co n il m a m m u t, la co m p ag n ia v errà Se i personaggi ven g o n o cattu rati, essi v e rra n n o p o rtati in u n a
attaccata. I p erso n ag g i u d ra n n o n u o v am en te il g rid o e v e ria n n o piccola cella poco d istan te. La cella è u n q u a d ra to di circa 2 m etri
investiti d a u n v en to gelido. C o m u n q u e, q u esta volta, il v a n o è p e r 2 c le sb a rre sono fa tte di p ietra. D ue g eo n id i m o n te ra n n o
rosi im p en n i« : rii«' n in i i [»¿■r.conaggi ven g o n o soffiati via com e se se m p re la g u ard i» . I personaggi v e rra n n o te n u ti p rig io n ieri p o r
fossero delle foglie secche. 11 ven to co n tin u a ad in fu ria re p er 5 u n a se ttim an a, e d u r a n te q uesto p e rio d o n on v e rra n n o n u triti nè
m in u ti, d u ra n te i q u ali i p erso n ag g i v en g o n o sb a ttu ti e sparsi p e r v errà d a ta loro dcH 'acqua. Alla fine d ella se ttim an a, u n u o m o
tu tto l'accam p am en to . Q u a n d o la co m p ag n ia si riunisce, u n o d ei g iu n g erà p e r isp ezio n are i p rigionieri. L 'u o m o è E ocquet. un
p erso n ag g i (colui ch e p re se n ta la m igliore com binazione di Xorza g u e rrie ro (CA 0; G 8 ; p f 4 0 ; N- A T T 1; F 1-8 + 2 ; M V 12: T S ( i 8:
e C ostituzione) m an ca all'ap p ello . 11 roc lo h a c a ttu ra to e lo ha M L 9; AM C) a rm a to d i u n a sp a d a + 2 e indossa u n a corazza di
tra sp o rta to nel su o nido. Esse» n o n fa rà d el m ale alla su a pr eda p ia s tre + 1 . Egli possiede in o ltre un a n e llo d i rig e n e ra z io n e . Foc-
m a, se possibile, n o n le p e rm e tte rà d i fuggire. q u et è il c o m a n d a n te in seconda nella Z o n a In c o n tri n°9. Egli p o s­
Se gli altri d e rid o n o d i salv are il loro am ico ra p ito (ed h a n n o c a p i­ siede u n a g em m a d el valore di 2.000 M .O . e u n a p iastrin a ap p esa
to d ove si trova) essi d o v ra n n o scalare la p a re te ai p ied i deila quale ad u n a collana. L i p iastrin a è u n lasciapassare che, se p resen tato ,
av ev an o trovato il cu m u lo di ossa. La p a r e te si e rg e p er 720 m etri p e rm e tte ai P ii di p assare olire le g u a rd ie d ei M aestro. Se i p erso ­
e p u ò essere scalata se i p erso n ag g i d isp o n g o n o d i co rd e , picchetti naggi n o n fu g g o n o . 20 geonidi li p o rte ra n n o via e li uccid eran n o .
o attrezzi simili. L’a rra m p ic a ta rich ied e alm en o d u e g io rn i di te m ­ Se i p erso n ag g i vogliono fu g g ire, essi d o v ra n n o c o m b a tte re a
po. D u ra n te li. n o tte , i p erso n ag g i p o sso n o riposarsi su u n o dei m ani n u d e e con ogni p ie tra riescano a raccogliere.
vari co rn icio n i p resen ti su lla p a re te . P er la n o tte a v ra n n o rag g iu n ­
to u n 'altezza che li v ed e a ll'in te rn o d el b anco di nuvole, m a il g io r­ 4. I l P alazzo d i F u n g h i
no se g u e n te essi u sc iran n o d alla nebbia. S o p ra di lo ro v e d ran n o Q u a n d o i p erso n ag g i si tro v an o a d u n ch ilo m etro e m ezzo dalla
c iè c h e sem b ra u n a piccola fo resta. A vvicinandosi essi si r e n d e r a n ­ zona di q u e sto in c o n tro , e ffe tt ja t e in se g re to u n tiro salvezza co n ­
no c o n to ch e si tr a tta del n id o d el roc g ig an te, c o stru ito co n a llo ri tro V eleno p e r ogni perso n ag g io . Il tiro salvezza d ev e essere e ffe t­
s r a d i c a li e t r o n c h i . Il n i d o d e l r o c n o n c o n t i e n e t e s o r i. tu a to .i -2. C o lm o elie falliscono il lito salvezza sa ra n n o in p re d a
Q u a n d o i p erso n ag g i rag g iu n g o n o il n id o , essi vi tro v an o il co m ­ alla delu sio n e d escritta più avanti. C o lo ro che lo e ffe ttu a n o con
p ag n o rap ito , il ro c li v ed e m a n on fa rà lo ro d e l m ale n è li attac­ successo n o n su b ira n n o effetti. In en tra m b i i casi n o n d ite ai gio­
c h e rà a m en o n o n v en g a attaccato a su a volta. Poi i personaggi catori cosa è accaduto. L eggete a rutti il testo ch e segue:
u d r a n n o u n a voce ch e con to n o pacato d irà loro: "A n d iam o . Q u e ­
sto è tu tto ciò che posso fa re p e r voi”. Il ro c sp ie g h e rà le ali e si M entre vi avvicinate a d u n a curva d e lla galleria p o te te sco rg e­
p r e p a r e rà a volare via: esso si asp e tta ch e i p ersonaggi gli m o n tin o re u n d eb o le b ag lio re innanzi a voi. N o n se m b ra d e riv a re d a
sulla schiena. Se i p erso n ag g i n o n si m u o v o n o , esso li fisser à e poi u n a la n te rn a o d a u n a loicia. Allo stesso te m p o p e rc e p ite u n o
p ie g h e rà le :ci:a in d irezio n e della su a schiena. Se a n c o ra i p erso ­ stra n o o d o re nell’aria . L 'o d o re n o n è spiacevole m a n on asso ­
naggi n o n im m ag in an o cosa d ev o n o fare , il roc co n il becco a ffe r­ m iglia a d alcu n o di quelli già p ercep iti d u r a n te la v o stra p e r ­
re rà g en tilm en te u n c o m p o n e n te d ella co m p ag n ia e lo depositerà m an en za nelle gallerie.
sulla su a schiena. Poi a sp e tte rà ch e a n c h e gli a ltri m o n tin o in
g ro p p a . Q u a n d o tu tti sa ra n n o m o n tati, il roc p re n d e rà il volo. M e n tre i p erso n ag g i avanzano, l’o d o re si fa più fo rte e la luce più
Égli volerà al di s o p ra delle- m o n ta g n e e li d e p o site rà nella zona brillante. Q u a n d o il g ru p p o oltrepassa la cu rv a, leggete il p rim o
te a tro d ell'in co n tro 9 (pag .9 ). Il volo ric h ie d e rà p arecchie o re e d ei d u e testi ch e se g u o n o ai giocatori i cui p erso n ag g i h a n n o e ffe t
sa rà sp iacevolm ente fre d d o e p reo ccu p an te. N o n c'è possibilità tu a to con successo il tiro salvezza e il se co n d o ai giocatori i cui
ch e i p erso n ag g i cad an o in av v ertita m en te d al d o rso d el roc. p erso n ag g i lo h a n n o fallito.
Se, p e r u n a ragione qualsiasi, i p erso n ag g i d ecid o n o d i n o n salva­
re il lo ro co m p ag n o , il ro c lo r ip o rte r à sul p o sto il g io rn o seguen­ D avanti a voi, la galleria si ap re in u n ’e n o rm e cav ern a. L a sce­
te. Il p erso n ag g io av rà tn w ro r.w la n o n e n el n id o d el iuc c n o n na t h e vi si p a ra in n an zi è terribile: fu n g h i giganti ch e sgoccio­
sarà ferito. lano u n a sostanza gelatinosa e fosforescente, rigagnoli di
Se. p e r u n qualch e m otivo, i p erso n ag g i n o n in c o n tra n o il roc, essi acq u a n e ra e v erd e chiazza:a d a sj>ore b ian castre e piccole
v e rra n n o avvicinati d ag li g n o m i della vallata, (ili g n o m i, che anco­ c re a tu re am eboidi ch e si m uovono sul te r re n o a ll'in te rn o della
ra n o n si fidano d ei p erso n ag g i, h a n n o deciso ch e l'u n ico n o d o fo resta d i fu n g h i. O ssa rico p erte d i u n a sostanza gelatinosa
p e r liberarsi di lo ro è d i m o stra re lo to u n a via d ’uscita. Gli gnom i sono ad d o ssate alla base di grossi tro n ch i. In distanza, si tro v a
g u id e ra n n o i perso n ag g i p resso u n a delle tre gallerie (n o n quella u n a s tr u ttu ra in trica ta com posta di fu n g h i neri, verd i, grigi e
dalla q u a le sono v enuti) e c h ie d e ra n n o loro «li a n d a rse n e , (ili g n o ­ blu. La co stru zio n e assom igl a a d u n castello che si e rg e al di
m i n o n fa ra n n o d el m ale ai p erso n ag g i e n o n v iaggeranno con so p ra d ella fo resta circostante.
loro.
3. Il P o p o lo d e lle R o cce N o n a p p e n a o ltre p a ssa te la curva, p o te te sc o rg ere l'in te rn o di
Q u a n d o la com p ag n ia e n tr a in q u esta p a rte d ella galleria, i p erso ­ u n a cav ern a. F. e n o rm e , forse più larg a di u n ch ilo m etro e
naggi u d r a n n o il ru m o re di p ie tre b a ttu te c o n tro la roccia. Ogni m ezzo. La cav ern a è illum inata d a u n a luce so lfu sa ch e provie­
volta che si avvicinano alla so rg e n te d el ru m o re , qu est'u ltim o ces­ ne d a alcuni fu n g h i. Ruscelli d ’acq u a zigzagano tra i tro n ch i di
sa. D o p o ch e i p erso n ag g i si m u o v o n o n u o v am en te, il ru m o re funghi giganti. InseLti c anim alctti sg a m b e tta n o sul te rre n o . In
rip re n d e . Se p erlu stra n o u n a zona in cui p ro b a b ilm e n te il ru m o re distanza jw te tc sc o rg ere ciò che se m b ra u n castello c h e d o m i­
veniva o rig in ato , essi n o n tro v e ra n n o alcu n ch é d i stra n o : solo na su tu tta la fo resta, co stru ito in te ra m e n te co n i tro n c h i «lei
m acigni, stalagm iti e stalattiti. fu n g h i giganti.
11 ru m o re viene p ro v o cato d agli e s p lo rato ri d ei g eo n id i. F..vii stan­
n o tra sm e tte n d o in fo rm azio n i rig u a rd a n ti il n u m e ro , la forza e le l- i scen a reale è ovviam ente la p rim a , cioè la fo resta disgustosa. 1
possibili debolezze d ella co m p ag n ia al c o rp o prin cip ale di guardia p erso n ag g i che invece la v ed o n o se co n d o l’u ltim a descrizione,
dei g eo n id i, situato più innanzi. Se u n o qualsiasi dei personaggi fa sono stati influenzati dalle sp o ie rilasciate d ai fu n g h i. N o n dite nè
uso di u n a su a abilità p a rtic o la re (lancia u n incantesim o, si nascon­ fate ca p ire ai giocatori q u a le pcssa essere la scen a reale. F-ssi d e v o ­
d e n elle o m b re, ecc.) o utilizza u n o g g e tto m agico, i geonidi tra ­ no d e c id e re d a soli. N o n vi sono indizi o sensazioni c h e possano
sm e tte ra n n o le in fo rm azio n i relative a n c h e a q u e ste ultim e novità fa r c ap ire a d un p e rso n ag g io di essere sta to in flu e n zato d a lle spo-
a p p rese . T rasco rsa u n ’o ra in te m p o di gioco, i p erso n ag g i incon­ rc. U n n e u tra liz z a v e le n o cancella gli e ffe tti «Ielle sp o re . U n p e r ­
tre ra n n o 16 g u a rd ie g eo n id i (CA -2: DV 2: p f 13 c ia s o n o ; sonaggio cosi c u ra lo n o n necessita u lterio ri tiri salvezza in d ip e n ­
N UA I T 1; I; 1-8 o a seco n d a d c ll'a n n a ; MV 6; T S G 2; M L 8: AM d e n te m e n te «lai te m p o di p erm an en za in q u esta zona.
C; s o rp re n d o n o co n 1-4). Q u e ste g u a rd ie si sono cam m u ffate d a D opo un tu r n o di p e rm a n e n z a nella fo resta, i p erso n ag g i v e rra n ­
m acigni e, essendo sta te av v ertite dagli esp lo rato ri, n on possono n o attaccati d a 20 zom bi (CA 8 ; DV 2; p f 14; N °A T 1' 1 : F 1-S; MV
essere so rp rese. Le g u a rd ie già sa n n o q u a n ti sono i personaggi 12: TS G l ; ML 12; AM C). 1 p erso n ag g i ch e so n o vittim e delle
della co m p ag n ia e p ossono sa p e re a n c h e a quali classi a p p a rte ig o - sp o re (cioè delusi) li v e d ra n n o com e degli albini ab itan ti delle
no. Le g u a rd ie c e rc h e ra n n o di s o rp re n d e re la co m p ag n ia, d: cir­ cav ern e ch e si avvicinano c a u ta m e n te sen za m o stra re ostilità. I
chierici c'olpili d alle s p o re n o n p o tr a n n o s c a rn a re gli zom bi. Se gli vino d a im m agazzinare in fosse so tte rra n e e sp a rse p e r tu tta la p ia­
zom bi v en g o n o attaccati, i p erso n ag g i delusi v e d ra n n o l’azione n u ra.
co m e u n attacco n o n p ro v o calo n e necessario ai d a n n i d i c re a tu re
Se i personaggi stu d ia n o il su o lo p resso u n o qualsiasi d e i ruscelli,
con ogni p ro b ab ilità d el tu lio in n o cen ti. Gli zom bi n o n possiedono
tesori. essi n o te ra n n o !e tracce d ei c e n ta u ri. C o m u n q u e n o n riu sciran n o
a d istin g u erle d a q u e lle di n o rm ali cavalli. M e n tre attra v e rsa n o la
Se i p erso n ag g i sc o n fig g o n o gli zom bi e d ecid o n o di esp lo ra re la
zona, essi in c o n tra n o d a p p rim a u n a pattu g lia d i 6 c e n ta u ri. I ce n ­
fo resta, tira te u n d a d o a sei facce e co n su lta te la tabella che segue
p e r d e te rm in a re a ltri eventuali in co n tri. Il c o n tro llo d el verificarsi tau ri n o n si avvicinano a m en o di 5 00 m etri. D opo a v e r osservato
d i u n in c o n tro d ev e esse re e ffe ttu a lo u n a volta o g n i 2 tu rn i e la p e r u n p o ’ la co m p ag n ia, essi g a lo p p e ra n n o via p e r av v ertire gli
altri d ella trib ù .
probabilità d i in c o n tro è p a ri a I -2 su 1d 6. Il p rim o in c o n tro c con
A, q u i d i seg u ito , il se co n d o è co n B c il terzo con C. N on ci sa ra n ­ In 30 m in u ti, u n g ru p p o d i 15 c e n ta u ri a rm a ti di lance, si avvici­
n o p iù di tr e in c o n tri casuali. n e rà c a u ta m e n te alla co m p ag n ia. 11 lo ro pian o consiste nell'in trap -
polare la co m p ag n ia m o stran d o si d a p p rim a am ichevoli, a tte n d e n ­
A. D ue Basilischi <CA 6; DV Ü: p f 32.25; N » A I T 1; F 1-8; MV d o il m o m en to in cu i il g r u p p o di "spie" è d istra tto p e r c a ttu ra rlo .
6; I S G 3; M L 9; AM N; i p erso n ag g i d ev o n o e ffe ttu a re u n tiro Essi c e rc h e ra n n o d i s tra p p a re ai p erso n ag g i in fo rm azio n i rig u a r­
salvezza c o n tro P ietrificazione se ven g o n o toccati o se in c o n tran o d a n ti i g eo n id i e i lo ro piani. Se i p erso n ag g i, in u n qualsiasi
il lo ro sg u a rd o ). I p erso n ag g i so tto l'influsso d elle s p o re li v e d ra n ­
m o m en to , m o stran o u n lasciapassare del M aestro, i c e n ta u ri li
n o co m e d u e in n o cu i lu certo lo n i.
sa lu te ra n n o (o li lib ereran n o ) c o rte se m e n te c g a lo p p e ra n n o via.
B. Il su o lo iniziera a collassarc p ro p rio so tto i piedi del p e rso ­ Se i personaggi d e s id e ra n o p a rla re an co ra, i c e n ta u ri rim a rra n n o
n aggio (o d ei p erso n ag g i) in testa al gi'upfxj. C iascun p ersonaggio con rilu ttan za. Essi sa n n o b en poco d ei piani del M aestro e a n co r
dev e e ffe ttu a re u n tiro salvezza c o n tro S offio d el D rago. Se il tiro m en o d e l T e m p io della M orte. Essi possono d ire ai personaggi
viene e ffe ttu a to co n successo, il p e rso n ag g io riesce a scansarsi che il M aestro re g n a su u n te rrito rio vastissim o, ch e si esten d e
a p p e n a in tem p o . S e il risu lta to d el tiro è u n fallim ento, il p e rso ­
d alle m o n ta g n e fino al lo n ta n o oceano. Le p e rso n e ch e vivono nel
nag g io c a d rà p e r 6 m etri e si tro v erà in u n a n f ra tto a n g u s to sotto re g n o sono m o lto '‘c o rre tte ”, alm en o a d e tta d ei cen tau ri.
al te rre n o . L a c a d u ta in llig g c so lo l d 6 fe rite d a to che l’a tte rra g g io
è reso p iù m o rb id o d a un cuscino fo rm a to d a u n ’am eb a p ag lierin a I cen tau ri p o ssiedono u n teso ro c o m u n e costituito d a 6 00 M.A.,
2.000 M .E., u n a n e llo p e r c a m m in a re s u ll’acq u a, u n a p o zio n e di
<CA se m p re colpita; DV 2; p f 9; N « A T r speciale; F 1-0 + sp o re;
MV 0; T S ( i l ; M L 12; AM C; tiro salvezza p ari al 50% c o n tro le v elo cità e u n a p e rg a m e n a c o n te n e n te in fra v is io n e . ch arm e
s p o re o m o rie ). T u tti i g io cato ri (delusi o m en o ) v e d ra n n o l'am eba (m ostri) e tra s fo rm a p ie tra in carn e. 11 te so ro è nascosto in una
p ag lierin a p e r ciò c h e c v eram en te. fossa sim ile a q u elle c o n te n e n ti il cibo. T u tti i c e n ta u ri conoscono
C. 15 Z om bi (CA 8: DV 2; p f 12; N °A T T I; F 1-8; M V 12; T S l’ubicazione del teso ro e possono essere forzati a c o n d u r re là la
C I ; M L 12; AM C). I p erso n a g g i d elu si v e d ra n n o u n g r u p p o di com pagnia. S e ciò accade, tu tti i c e n ta u ri sopravvissuti c e rc h e ra n ­
no di te n d e re u n ’im boscata ai p erso n ag g i p rim a che questi lascino
ab itan ti d elle cav ern e ch e avanza pacificam ente, tra sp o rta n d o
la Piana d e i Cavalli.
d o n i co stituiti d a fu n g h i e so stan ze gelatinose. I chierici delusi n on
p o tra n n o scacciare gli zom bi.
6. La V allata d e i C iclo p i
O c c o rre ra n n o 10 lu m i p e r ra g g iu n g e re il palazzo d i fu n g h i. I
p erso n ag g i d elu si lo v e d ra n n o co m e u n a co stru zio n e b en te n u ta
T ale zona r a p p re s e n ta la vallata p rin cip ale. Essa c in in trico di
co stitu ita in te ra m e n te d a tro n c h i e assi d i fu n g h i giganti. I p e rso ­
p areti fra n a te , m acigni instabili e crepacci. Il suolo è estre m a ­
naggi n o n d elu si v e d ra n n o invece u n a asse m b ra m e n to in trica to di
m e n te roccioso e p o ch e so n o le p ia n te c h e vi cresco n o m a n o n
fu n g h i m arci ch e p o ssono o m e n o essere siati o rg an izzati in m o d o
nei pressi d ei corsi d ’acqua ch e p e rc o rro n o la vallata p rin c ip a ­
d a fo rm a re u n a co stru zio n e sim ile ad un castello. U n 'a p e rtu ra ,
le. N o n c’è se g n o di \ita .
ch e u n a volta doveva essere d o ta ta di p o n e o rm a i m arcite, c o n d u ­
ce a ll'in te rn o d i u n a stanza lu g u b re. P e r q u a lc u n o invece essa sarà
Nella vallata vivono tre ciclopi (CA 5 : 1)V 13; p f 65,50,40; N °A T T
u n a sala b en e am m o b ig liata o r n a ta di arazzi. P er i p erso n ag g i n on
1: F 3-30; M V 27; T S G 13; M L 9 ; AM C). Il più grosso d ei ciclopi
d elu si, la sta n za è o sc u ra e in ro v in a e le su e p a re ti so n o chiazzate
è in g ra d o d i lan ciare u n a m aled izio n e. L a m aledizione è efficace
<li fan g h ig lia c di spiacevoli sostanze gelatinose. Se i p ersonaggi
su u n solo p erso n ag g io . Se il p e rso n a g g io fallisce il tiro salvezza
e n tra n o nella .stanza, essi sa ra n n o attaccati d a u n d u sa n u * (CA 4;
c o n tro Incantesim i, egli n on sa rà in g ra d o d i lasciare il G ra n d e
DV 9 + 2 ; p f 45 ; N -A T T 2 + sp c ciale: F 1-8/1-8 -«-.speciale; MV 12: Passo a m e n o ch e n o n g etti p rim a u n a p ie tra nel Pozzo d ella L u n a
T S G 9; M I. 10; AM C ; vedi alla fine d el m odulo). I p erso n ag g i
e n o n n e p o rli via u n a tazza d 'a c q u a fin o in q u esta vallata (vedi
d elusi v e d ra n n o nel d u sa n u il pacifico cap o deg li abitan ti delle
Zona In co n tri 7).
c av ern e. S e i p erso n ag g i riesco n o a d u ccid ere il d u s a n u . essi p o s­
I p erso n ag g i ch e e n tr a n o in q u esta vallata tro v e ra n n o difficoltoso
so n o tro v a re tre grossi m olli di g elatin a nascosti nella sua tan a.
m uoversi e spostarsi. Essi p o tra n n o viaggiare solo alla m e tà d ella
Q u esta g elatin a è la stessa d el d u sa n u . Q ualsiasi p ersonaggio
lo ro capacità di m o vim ento. D o p o a v e r viaggiato nella valle p e r un
d istu rb i le g elatin e, d o v rà e ffe ttu a re u n tiro salvezza com e se si
ch ilo m etro e m ezzo, i p erso n ag g i in c o n tre ra n n o i ciclopi; questi
trovasse nel rag g io d 'a z io n e d e lle s p o re d e l d u sa n u . Il fallim ento
ultim i sc ag licran n o q u a lc h e p ie tra nella loro d irezio n e m a n o n li
c o m p o rte rà le stesse co n seg u en ze. N ei m otti di g elatin a sono
co lp iran n o . Essi a s p e tte ra n n o che il loro cap o abbia lanciato la sua
nascosti u n a collana elei valore d i 3.000 M .O ., d u e p o zio n i d i g u a ­
m a led izio n e su u n p erso n ag g io . P er rag io n i sconosciute ai p e rso ­
rig io n e e u n m e d a g lio n e d e lla ESP.
naggi, i ciclopi d e sid e ra n o ch e q u a lc u n o ad e m p i al co m p ito im po­
N ella stan za n o n ci so n o a ltre uscite. sto dalla m aled izio n e.
5. La P ia n a d e i C av alli. Se la m a le d iz io n e fallisce o se i p erso n ag g i attaccano, i ciclopi
co m b a tte ra n n o e c e rc h e ra n n o di u ccid ere i lo ro nem ici. Se i
Q u e sta e stre m ità d ella vallata c ra p p re s e n ta ta d a u n 'am p ia m ostri v en g o n o feriti g rav em en te, essi fu g g ira n n o tr a le rocce. I
p ia n u ra , p e rfe tta m e n te p ian a e sg o m b ra d i p ietre. S em b ra che ciclopi p o ssied o n o u n te so ro co m posto di q u a ttro g em m e d a 50
l’e rb a sia sta ta a p p e n a tagliata e. d a p p e r tu tto , n o n è p iù alta di M.O. l’u n a , d u e g em m e d a 5 00 M .O . l’u n a , q u a ttro g em m e d a
5 o n . La p ia n u ra è p erco rsa d a piccoli ruscelli che sc o rro n o in 1.000 M .O . l'u n a c 5.000 M .O . Il teso ro viene cu sto d ito nella
tu tte le d irezio n i. Le s p o n d e so n o poco scoscese e p aludose. In cav ern a p rin cip ale ch e c b en nascosta e p u ò essere tro v a ta solo se i
vista n o n ci so n o alb eri, edifici o altri lipi di c o p e rtu re . p ersonaggi vi in sc g u o n o i ciclopi o se u n o di essi v iene “convinto"
a fu n g e re d a g u id a.
A q u esta e stre m ità d ella vallata vive u n a trib ù d i 30 c e n ta u ri (CA Se un p erso n ag g io so g g e tto alla m a le d iz io n e cerca d i lasciare il
5; DV 4; p f 2 0 ciascu no; N °A T T 3; F 1-6 ciascuno; M V 54; T S G ra n d e Passo, egli sc o p rirà c h e è im possibile a lm e n o finché la
G4; M L 8 ; AM N). Essi sono a c e rrim i nem ici d e i g eo n id i ch e vivo­ m aledizione n o n viene scacciata. Se tale p erso n ag g io si avvicina ad
n o n elle g allerie, m a n o n si p re o c c u p a n o d el M aestro o dei suoi u n a uscita, egli sb ag lierà s e m p re svolta o cam b icrà d irezio n e. Se
seguaci a lm e n o fin ch é questi n o n si in tro m e tto n o nei lo ro affari. viene fo rzato o tra sp o rta to verso l'uscita, egli so ffrirà se m p re più
A d d irittu ra , in p assato, t ce n ta u ri h a n n o serv ito il M aestro in cam ­ in ten sa m e n te m a n m an o ch e si avvicina all’uscita. Se il p e rso n a g ­
bio di u n a b u o n a p ag a e della p ro m essa d i essere lasciati in pace. gio m a le d e tto viene tra sp o rta to o lire l’uscita egli m o rirà tr a atroci
Q u in d i essi so sp e tta n o ch e ogni c re a tu ra ch e esce d alle gallerie sia sofferenze.
u n a sp ia d ei g e o n id i a m en o c h e n on p o rti il lasciapassare del S em b ra ch e i ciclopi siano c o s tre u i a vivere nella vallata d a u n a
M aestro. Essi n o n si co stru isco n o d ei rip a ri m a raccolgono cibo e forza m olto p o te n te (u n a m a le d iz io n e o altro ). Essi possono
a b b a n d o n a re la vallata soltanto se vien e versala sul suolo d e l! .-. c a v ern a a d u n a p ro fo n d ità di circa 100 m etri. Q u a n d o i p e rs o n a g ­
q u a p ro v e n ie n te dal Pozzo della L u n a. gi av an za n o nella cav ern a, la m oriusa d o ta ta del m a g g io r n u m e ro
di p u n ti fe rita si sta n a sc o n d e n d o in u n can tu ccio d a v a n ti all'altra.
7. Il P ozzo d e lla L u n a
T a le a n f ra tto è b en nascosto c d i p erso n a g g i p o tra n n o sc o p rirlo
solo se d ic h ia re ra n n o c h e s ta n n o c e rc a n d o d elle p o n e se g rete. I s*
Le p a re ti scoscese «Iella vallata so n o sia te intagliate in m o d o d a
m ed u sa r im a rrà nascosta finché i p erso n a g g i n o n sia n o passati
r a ffig u ra re visi e n o rm i d i s.ran i esseri. Tali sc u ltu re so n o alte
o ltre e n o n ab b ia n o in c o n tra to la su a co m p ag n a. S olo a llo ra , la
30 m etri. Esse so n o m o lto antiche, in p a rte ro v in ate e d ero se
m e d u sa b alzerà fu o ri d al su o nascondiglio c o n u n f o n c u r lo s tri­
dag li ag en ti atm o sferici. S parse sul su o lo della vallata ci sono
d e n te . c e rc a n d o d i a ttira re l'a ttc rz io n e su di sé. Q u a lu n q u e p e rso ­
delle ossa. A lcu n e so n o d i anim ali m a a ltr e a p p a r te n g o n o alla
naggio si volti p e r sc o p rire chi abbia u rla to in c o n tre rà Io sg u a rd o
s tr u ttu ra d i u m an i, n a n i e elfi.
della m e d u sa a m e n o ch e n o n dich iari sp e cificatam e n te di aver
p reso le d o v u te p recau zio n i (ovviam ente p rim a di v e n ire a sa p e re
Il Pozzo della L u n a è s itu a to in u n a gr ossa ca v e rn a all'estrem ità
chi ab b ia u rlato).
o p p o sta della vallata. I p erso n ag g i t h e e sp lo ra n o tale zona della
vallata po sso n o tro v a rla facilm ente. C o m u n q u e , nella ca v e rn a vive Le m e d u se p o ssied o n o p o ch i oggetti di valo re. 4 .000 M .O . e d u n a
u n vecchio d r a g o rosso (CA -1: DV 13; p f 7 0 ; iV 'A T T 3 -ksoffio; F b a c c h e tta d e ll’in d iv id u a z io n e d elle tra p p o le , il tu tto nascosto
| 1-8/1 •8/4-32; M V 2 4 /7 2 ; T S G 13; \1 L 10; A M C) c h e è a g u a rd ia n e ll'a n fra tto in cui si celava la m ed u sa p iù ro b u sta.
d el pozzo. Il d r a g o p u ò p a rla re e conosce i se g u en ti incantesim i: 9. L a G ra n d e U scita
P rim o L iv ello : c h a rm e , d a rd o in c a n ta to (x2)
S ec o n d o L iv ello : E SP , in d iv id u a z io n e d e ll’in v isib ile , in v isib i­ La g alleria si inclina verso il basso, d a p p r im a le n ta m e n te e poi
lità in m a n iera s e m p re p iù rip id a . B en p re sto si p u ò n o ta re u n
T e rz o L iv ello : d iss o lv i m agie, f u lm in e m ag ico , v elo cità piccolo p u n to d a cui p ro v ien e la luce d el g io rn o e l’o m b ra del
cancello e d elle su e s b a rre c h e bloccano la via d 'u scita. Il c a n ­
Il d r a g o è a g u a rd ia del Pozzo della L u n a ed a tta c c h e rà q u a lu n q u e cello c m olto g r a n d e e se m b ra p iu tto sto ro b u sto . U n 'e n o rm e e
c re a tu ra gli si avvicini. Il Pozz:> è il su o te so ro ch e g o d e di p a rtic o ­
• pesantissim a b a r ra di f e rr o lo ch iu d e d a ll'a ltra p a rte . C ollegata
lari p ro p rie tà :
! alla b a rra c’è u n a c a te n a c h e <i p e rd e a ttra v e rs o u n piccolo
1. U n q u a lu n q u e p erso n ag g io c h e beva u n a sola volta l'acq u a I fo ro sul soffitto. S ulla p a re te sinistra d ella g alleria c’è u n picco-
d el pozzo v ien e ista n ta n e a m e n te c u ra to co m p le ta m e n te d alle fe ri­ ! lo im b u to p ia n ta to nella roccia.
te c dalle m alattie (n o rm ali e m agiche). Se u n p e rso n a g g io beve
d u e v olte l'acq u a d el p o zzo , egli c o n tr a rr à la lican tro p ia p ro p rio II cancello n o n p u ò essere a p e n o fin ch é n o n si solleva la b a r ra e
co m e se fosse sta to m o rso d a u n lican tro p o . n essu n o d ei p erso n ag g i p u ò farlo a m e n o ch e n o n «lisjxm ga d i
2. U n a g em m a im m ersa nel pozzo ra d d o p p ie rà il su o valore nel u n a fo rza p ari a qu ella di u n gigante, l a c a te n a a rriv a fin o a d un
5 0 d ei casi o d im ezzerà il suo valore (re s ta n te 50*i ). T a le e ffe tto p ia tta fo rm a all’a p e r to posta sul fianco della m o n ta g n a d ir e tta ­
e valido u n a sola volta p e r gem m a. m en te so p ra la galleria. S u q u esta p ia tta fo rm a si tro v a n o u n
3 . Se n el Pozzo viene im m erso u n p e rso n a g g io m o rto , questi gig an te delle nuvole (CA 4; DV 12 I 3; p f 00; N->ATT 1; F 6-36;
r ito rn e rà alla vita. C iò fu n ziona u n a sola volta p e r persona^ifio. Se N1V 36: T S G l 2; M L 10: AM N) c h e indossa u n a m u le to a n ti
il tra tta m e n to v ien e r ip e tu to p e r lo stesso p erso n a g g io , il su o c o r­ sfe ra d i c rista llo c d E S P e Focquet. u n g u e r rie r o (CA 0; G 8; p f
p o si dissolverà. 4 0 . V A T T 1; F 1-8 + 2 ; MV 12; T S G 8: M I. 9; AM C) a rm a to con
4. N elle n o n i d i lu n a p ie n a co m p a re u n a scala di luce ¡u n are tra u n a s p a d a - 2 e c h e indossa u n a corazza d i p ia s tr e - r i . Egli in o l­
il pozzo e la lu n a. La sta la p u ò essere risalita in u n a n o tte. Essa tre pm M ede u n a n e llo d i rig e n e ra z io n e . F ocquet è agli o rd in i del
co n d u c e al R e g n o d ella Luna. Voi d o v ete c re a re tale R egno. -Se gigante d elle nuvole. (Se F o cq u et è sta to ucciso nella Z ona In c o n ­
p re fe rite c h e i p erso n ag g i non v ad an o sulla L u n a p o te te ig n o ra re tri n '3 a llo ra n o n sa rà p re se n te ii. q u e s to in c o n tro ). G razie al suo
tale p o tere. sviluppatissim o o d o ra to , il g igante sa b e n e ch e i p erso n ag g i si tr o ­
5. Se u n a fiasca c o n te n e n te d cll'acq u a d el Pozzo vien e versata su vano p resso il cancello. V icino a lui si tro v a u n tu b o ch e fu n g e d a
un su o lo a rid o , in qu el p u n to in iz ie ra n n o a c resc ere delle piante co m u n icato re. A ttrav erso il tu b o egli c h ie d e rà ai p erso n ag g i la
v erd i. L i crescita si e s p a n d e len tam en te e in u n a se ttim an a ¡1 te r r i­ p a ro la d ’o rd in e (“V ittoria al M aestro"). Si: i p erso n a g g i la c o n o ­
to rio v e rd eg g ian te sa rà u n cerchio di u n c h ilo m etro e m ezzo di scono o se vogliono te n ta re u n a risposta, essi p o sso n o p a rla re nel
d ia m e tro . A q u esto p u n to la crescita si in te rro m p e . l a zona v erd e tu b o a ttra v e rs o l'im b u to p o sto nella roccia. Se la p a ro la «l’o r d in e è
rim a rrà tale p e r se m p re . Se l’acqua d el pozzo viene versata su u n c o n e tta , il g ig a n te alzerà la b a r ra tra m ite la c a te n a e i p erso n ag g i
te rrito rio già v erd eg g ian te, allora si v erifich erà l’opj>o$to c il te r r i­ p o tra n n o p assare in d istu rb ati.
to rio d iv e rrà a rid o e m o rto . Se i p erso n ag g i n o n risp o n d o n o c n o n in d o v in a n o la p a ro la d ’o r ­
Q u a n d o l'acq u a v ien e rim ossa d al pozzo, essa n o n rite rrà a lcu n d in e , il g ig an te m a n d e rà F ocquet ad in v estig are. II g u e r rie r o scen ­
p o te re se n o n il 5* e sa rà c o m jn q u e potabile. d e rà fin o al livello d e l can cello e d a rà u n ’occh iata ai p ersonagg i,
S e n el pozzo viene g ettata u n a p ie tra , l’acq u a schizzerà fin o al so f­ Egli vuole s a p e re ch i so n o i p ersonaggi e q u ali so n o le lo ro in te n ­
fitto in o n d a n d o tu tti i p resenti. G e tta re u n a p ie tra n el pozzo non zioni. Se lo sc o p re . F ocquet r ito rn e rà «lai g ig an te. Il can cello n o n
suscita a ltri effetti. viene a p e r to e«l i p e rso n a g g i vengono ig n o rati. Se i p erso n ag g i
8. I.a S celta u ccid o n o F ocquet q u a n d o q u esti si p re se n ta , il g ig a n te già sa cosa
è successo g razie al su o u d ito sviluppatissim o. D opo la m o rte di
La vallata si re strin g e a p<x:oa poco. In d istan z a n o ta te p a re c ­ F ocquet, il g ig an te o f fr e u n com prom esso. Egli lascerà passare i
chi o g g etti b ian ch i c h e giacciono sp a rsi su u n ta p p e to di fiori p erso n ag g i in cam bio di u n p ag am en to . D ecidete l’a m m o n ta re
v erd i c gialli. S em b ra c h e tali og g etti sia n o rocce. Più d a vicino della cifra in base a q u a n to i p erso n ag g i p o ssied o n o . S e i p erso ­
essi s e m b ra n o in v erità d elle statuì-. A n co r p iù d a vicino p o tete naggi accettan o , il g ig a n te a p r irà il cancello c li lascerà p assare.
d ir e ch e le sta tu e so n o di uom ini e c re a tu re . Le sta tu e so n o P er assicurarsi ch e il p a g a m e n to venga e ffe ttu a to , il g ig a n te solle­
scolpite in u n m o d o in cred ib ilm e n te d e tta g lia to e in pose e s tre ­ v erà e te r rà p ro n to all’u.so u n m acigno (F 3-18) d a lan ciare in caso
m a m e n te realistiche. A lcunc m o stra n o esp ressio n i di gioia, i P ii cerc h in o d i in g a n n a rlo . Se i p erso n ag g i se m b ra n o a v e re p r o ­
a ltre d i d o lo re, a ltre a n c o ra sono co n to rte p e r la p a u r a e d a ltre p rio q u esta in ten zio n e o si d im o s.ra n o pericolosi, il g ig an te sca-
se m b ra n o ritr a r re la calm a in p e rso n a . D ietro le sta tu e ci sono glierà il m acig n o e poi si g e tte rà nel m ezzo «Iella co m p a g n ia p e r
d u e im b o ccatu re a d a ltre tta n te cav ern e. U n a d elle e n tr a te è co lp ire con la su a clava.
sta ta scolpita in m o d o da assom igliare alla bocca a p e r ta di Q u a lu n q u e p e rso n a g g io possieda la fo rza di u n g ig a n te p u ò a p r i­
u n 'e n o rm e c r e a tu r a m a n n a . I.'a h ra a p e r tu ra e c o n to rn a ta d a r e il cancello. C o m u n q u e , a m e n o che n o n ci si p re o c c u p i di te n e r
m ani in p ietra scolpita Ila nessuna d elle ap ertu re : e m a n a n o f e rm a la caten a, il g ig an te se nc a c c o ig cià. Il gigant«- e Hocquet
su o n i o d o d o ri. lascera n n o la lo ro p o stazio n e e d attacch eran n o .
A fianco della p o stazio n e d el g igante, nasco sto so tto u n m acigno,
La c a v e rn a c o n to rn a ta d ilia b»xca d i u n s e rp e n te m a rin o c o n d u ce si tro v a il su o teso ro c o stitu ito d a 2 0 0 0 M .E., u n a p o z io n e d i rim -
all’uscita d el passo. L 'a ltra caverna <o n d u c c p resso d u e m ed u se p ic c io lim e n to . u n a s p a d a - f i e d u n a p e rg a m e n a di p ro te z io n e
(CA S; DV 4 ; p f 23.18; N * A l l 1 : F 1-6 + vcIeno: M V 9; c o n tro i N o n -M o rti. P er sp o sta re il m acig n o o c c o rre u n tu rn o
T S G 4; M L 8; ANI C). E n tram b e si n a sc o n d o n o a ll'in te rn o della co m p leto e d u n a forza co m b in ata «li 3 0 p u n ti.
PARTE 3: HULE

D o p o ch e i p e rso n a g g i h a n n o a l tra v e rs a to il G r a n d e Passo essi sbagliati", cosi c o m e le p e rs o n e c h e n o n c r e d o n o in alc u n a divin ità


e n tr a n o n ella te r r a d i M ule. La se zio n e c h e se g u e descriv e (ale e lu tti i m ag h i tr a n n e q u elli c h e la v o ra n o p e r i D ivinatori e p e r il
te rrito rio , il g o v e rn o , gli usi e i co stu m i d e l paese. A causa della clero. Il se c o n d o d o v e re dei D iv in ato ri è qu ello d i ric e rc a re p e rs o ­
n o tev o le d iv e rsità d e l m o d o d i v ivere, voi d o v re ste le g g e re q u esta ne d e g n e d i se rv ire il g o v ern o . S e essi tro v a n o u n a p e rso n a p a rti­
sezio n e co n in o lia a tte n z io n e . In o ltre , f a te in m o d o c h e i p erso ­ c o la rm e n te sa n ta, i D ivinatori la c o n d u c o n o d a v a n ti ai p r o p ri capi
n ag g i a p p r e n d a n o a lc u n e d e lle in fo rm a z io n i q u i rip o rta te {ad p e rc h e sia so tto p o sta a d e lle p ro v e. D ato ch e i D ivinatori so n o
e sem p io i perico li p e r i ch ierici e p e r i m ag h i) p rim a c h e e n tr in o in ta n to pericolosi q u a n to g ra tific a n ti, la g e n te c o m u n e li risp e tta e li
u n a qualsiasi d e lle città. F ate in m o d o c h e i P ii p a rlin o con viag­ te m e allo stesso te m p o .
g iato ri e co n ta d in i a p p e n a fu o ri d e l G r a n ile Passo.
Gli E rem iti so n o q u e lle p e rs o n e ch e h a n n o d ic h ia ra to d i a v e r a v u ­
to u n a visione inviatagli d alla d iv in ità c h e h a im p a rtito lo ro il
c o m a n d o d i vivere da soli nelle zo n e selvagge. Gli E rem iti posso n o
D escrizione G enerale e sse re visti vivere in q u a lu n q u e c o n d izio n e, d o r m ir e su pagliericci
La te r r a d i H u le (ch iam ata a n c h e la T e r r a S antificata) è u n a m p io d i sp in e , vivere co n d eg li anim ali, m a n g ia re tu tto tr a n n e la c arn e.
te rrito rio situ a to al d i là d e lle M o n ta g n e C im e O s c u re . F.sso si U n ’u sa n za c o m u n e a tu tti è il n o n ra d e rsi n è tagliarsi i capelli.
e s te n d e d a i p ied i d e lle M o n ta g n e fin o a lla S c a rp a ta d i R isilvar a S pesso i co n ta d in i c e rc a n o gli E re m iti p e r c h ie d e re lo ro de i co n si­
su d e fin o alle S te p p e D rav ish a d ovest. L i m a g g io r p a r te del te r ­ gli-
rito rio è co stitu ito d a te r r e n o coltivabile. A l c e n tro d i q u e s to paese l P ro feti viaggiano p e r tu tto il te rrito rio . F.ssi n o n so n o ufficiali
si tro v a la sa c ra fo re s ta N iw h elm . O ltre ta le fo re s ta si tro v a il Lago «lei g o v ern o m a v e n g o n o risp e tta ti p e r il lo ro g r a n d e giu d izio e
T ro s . c o n o sciu to a n c h e c o n il n o m e d i L a g o d e lle P ro fo n d ità . La saggezza. Essi fu n g o n o d a g iudici p e r i casi im p o rta n ti in cui le
p o p o lazio n e è u n m isto d i u m a n i e n o n -u m a n i, p e r lo più o rch ctti. a u to rità locali n o n tro v a n o so lu zio n e. S eb b en e n o n a b b ia n o a u to ­
g n o ll, bugl>ear, co b o ld i c o rch i. T a li razze s e m b ra n o co n v iv ere e rità alc u n a , i lo ro g iudizi so n o sp e sso accettati. C o m u n q u e , cosi
c o lla b o ra re a lm e n o fin o a d u n c e rto p u n to ; a volte c o m u n q u e si com e la G e n ie C o n n in e , essi p o sso n o esse re a rre s ta ti o ric o m p e n ­
fo rm a n o d e lle fazioni c h e g u e rre g g ia n o e c o m p io n o d e lle s c o rre ­ sati d a i D ivinatori. U n 'u s a n z a c o m u n e a tu tti è il viaggiare acco m ­
rie l'u n a ai d a n n i d ell’a ltra . Il te r rito r io coltivabile è p u n te g g ia to p a g n a li d a u n ca n e e d a u n g io v an e c h e re g g e u n a lam p ad a.
di piccoli villaggi e c o m u n ità d e d ite ali'a llc v a m e n to del bestiam e e
alla co ltiv azio n e d ei cam p i. V illaggi e f a tto rie so n o m o lto piccoli e 1 C h ierici svolgono il lo ro serv izio p re sso i tem p li locali. II lo ro
sem plici e n o n so n o d i a lc u n in te re sse p e r i p e rso n ag g i. L e in fo r­ d o v e re è di g u id a re e d istru ire la p o p o lazio n e. Essi n a tu ra lm e n te
m azio n i c h e q u i si p o sso n o ra cco g liere s o n o solo so tto fo rm a di c e rc a n o di e sa lta re le " sa n te q u a lità " d elle p e rs o n e e le p re p a ra n o
d icerie e voci in c o n tro lla te . S ulla m a p p a n o n c 'è se g n o d i questi p e r esse scelte d a i D ivinatori. T u tti i C h ierici p o ssie d o n o le n o r ­
villaggi m a so n o m o stra te solo le locazioni d i a ltre città più g ra n d i. m ali ab ilità d e lla lo ro classe sia p e r ciò c h e r ig u a rd a gli incantesim i
T ali città, b ru lic an ti c e n tri d i co m m ercio , p o sso n o so d d is fa re tu tte ch e p e r le abilità d a co m b a ttim e n to . A n c h ’essi p o sso n o essere
le rich ieste d e i p e rso n a g g i, c o m p re s e le in fo rm a z io n i. a rre sta li o ric o m p e n sa ti d a i D ivinatori.

S o cietà. H u le è u n re g n o d i sa n ti e d il g o v e rn o è n elle m ani dei La m ag g io r p a r te d e lla G e n te C o m u n e se g u e la relig io n e d e l lo ro


" S a n tu o m in i" e d e l clero . Solo gli u m a n i p r e n d o n o p a r te alle a tti­ c ap o . T ali p e rs o n e p o sso n o esse re c o n ta d in i, so ld a ti, m e rc a n ti o
vità d i g o v e rn o , se b b e n e i n o n -u m a n i p o ssa n o r ic o p rir e i ru o li di artig ia n i. Essi n o rm a lm e n te c o n d u c o n o u n a vita pacifica e lo ttan o
p e r f a r e m e r g e r e le lo ro “s a n te q u alità". Q u asi tu tti so n o d i Alli­
consiglieri p e r gli a lti ufficiali. 1 g o v e rn a m i so n o p e rs o n e ili u n a
fe d e religiosa “p iù c h e ra d ic a ta ” : essi c o n d u c o n o u n a vita c h e r a p ­ n e a m e n to M o rale C ao tico , b e n po ch i so n o N e u tra li o L egali. Q u e ­
p re se n ta il s u p r e m o e s e m p io dei lo ro in s e g n a m e n ti religiosi. P er sti ultim i so n o d i solito o p e ra i, servi o m e rc a n ti stra n ie ri. Essi so n o
ric o p rire u n ru o lo im p o rta n te , u n a p e r s o n a n o n d ev e p e r forza g u a rd a ti d all'alio in basso m a so n o c o n s id e ra ti necessari. A lcuni,
p iù ciarlieri d i altri, v e n g o n o c o n s id e ra ti fu o rile g g e 9 ti'iiUilori
essere u n ch ierico ; b asta clic m o s u i i se g n i eli u n fav o re g g ia m e n to
d ella società. Q u esti ultim i p o sso n o esse re ch ierici d i a ltre relig io ­
d eg li d e i nei su o i c o n fro n ti.
ni, la m ag g io r p a rte d e i m a g h i o sem plici b an d iti.
I g o v e rn a n ti so n o tu tti C aotici e se rv o n o gli d e i del C aos. A n ch e la
I n o n -u m a n i n o n s o n o divisi se c o n d o q u e s te classi. C iascu n a trib ù
m ag g io r p a rte d elle p e r s o n e c o m u n i e C a o tic a o tu tt’al p iù N e u ­
si c o n sid e ra u n g r u p p o a p a r te c h e n o n d e v e r e n d e r e c o n to a
trale.
n essu n o . C o m u n q u e , d a to ch e gli u m a n i so n o m olti e l>ene o rg a ­
L a p o p o la z io n e è divisa in d iv e rse classi. A ciascu n a classe viene nizzati, q u asi tu tte le trib ù d i n o n -u m a n i h a n n o alleati tr a le p e rso ­
riserv ato u n m ig lio re tr a tta m e n to e m o s tr a ta m ag g io re d evozion e n e d i g o v ern o .
d i q u a n to n o n v en g a fa tto p e r le classi so tto sta n ti, I-e classi (in
U si e C o stu m i. P e r lo p iù , la g e n te d i I iu le c u g u a le a q u e lla ch e si
o rd in e d a lla p iù im p o rta n te alla m e n o im p o rta n te ) sono:
p u ò in c o n tra re o v u n q u e . Essi la v o ra n o p e r g u a d a g n a rs i d a vivere,
S a n tu o m in i m an g ian o , d o r m o n o e si d iv e rto n o c o m e tu tte le a ltre p e rso n e . I e
D ivinatori in fo rm azio n i ch e se g u o n o vi a iu te r a n n o a d e sc riv e re tale p o p o la ­
F re m iti zione e il p aese in cui vive:
P ro feti
L e ce rim o n ie religiose v e n g o n o c e le b ra te o g n i n o n e . I co n ta d in i
C h ierici
d i solito vi p a rte c ip a n o d u e volte alla se ttim a n a .
G e n te C o m u n e
U n a volta alla s e ttim a n a , il ch ierico locale g u id a u n a p ro cessio ­
1 D iv in ato ri so n o sim ili alla polizia. Fssi v ia g g ia n o lib e ra m e n te p e r ne a ttra v e rs o la città o il villaggio, alla ricerc a d i segni o d i " m ira ­
tu tto il te rrito rio , sp esso c a m u ffa ti. Q u a n d o n o n so n o trav estiti, la coli", cioè d i ev en ii al d i fu o ri d e lla p o rta ta d i o g n i m agia co n o ­
lo ro u n ifo rm e è co stitu ita d a u n a tu n ic a ro ss a , u n a m a s c h e ra di sciuta. T ali p ro cessio n i so n o celeb razio n i d i m o d esta p o rta ta c h e
cu o io n e r a , u n a m azza e d u n a m u le to d i cristallo . Q u esti ufficiali c o m p o rta n o b ev u te, d a n z e c m usica. Se v ien e sc o p e rto u n " m ira ­
h a n n o d u e im p o rta n ti d o v e ri. P rim o , essi d e v o n o scovare i crim i­ colo” , viene co n v o cata u n a c o r te c h e g iu d ic h i la g e n u in ità d i tale
nali. I crim in a li n o n s o n o so lo gli assassini o i la d ri m a a n c h e le p o rte n to .
p e rso n e c h e h a n n o ‘p e n sie ri sbagliati". P e n sie ri sbagliati v e n g o n o T u tti gli anim ali, a d eccezio n e d i quelli pericolosi, v e n g o n o tr a t­
co n sid e ra ti q u elli c h e so n o c o n tr o la re lig io n e d i sta to o ch e d u b i­ tati c o n risp etto . 1 c o n ta d in i n o n posso n o e s se re sicu ri ch e l’a n im a ­
ta n o d ei “m iraco li" d e i S a n tu o m in i. T u tti i c h ie ric i c h e n o n se rv o ­ le n o n sia in re a ltà u n S ant u o m o c h e abbia a s su n to m iracolo sa­
n o la re lig io n e di sta to so n o co n sid e ra ti a lb e rg a to ri d i "p en sieri m e n te u n a fo rm a an im ale.
(ili alb erg ato ri d i "p en sieri sbagliati" p o sso n o esse re co n d an n ati L a G u e rra . Se v en g o n o p oste d elle d o m a n d e rig u a rd a n ti la g u e r ­
a i r ‘istru zio n e”. Istru zio n e significa ch e la p e rs o n a viene affid ata ra, la g e n te d irà ch e la s u p p o rta e d è d 'a c c o rd o . Le tr u p p e sono
q u a lc u n o p e rc h é sia istru ita nelle g iu ste vie di p en siero . T ale p a rtite p e r c o m b attere i m iscred en ti ed i falsi S an tu o m in i. I-i
a d d e s tra m e n to n o n è <li solito u n a fatica d a poco. U na qualsiasi g u e rra ha in o ltre p o rta to lo n ta n o alcu n i n o n -u m a n i assai p erico ­
p e rso n a im p u ta ta di u n c rim in e d iv erso daH 'alb erg are “pensieri losi e. a lu n g a sc ad en za, tu tto ciò r e n d e r à le loro vite più sicure.
sbagliati” p u ò essere assolta se essa riesce a d im o s tr a r e ch e l'azione Ben poche p e rso n e riescono a p a rla re lib e ra m e n te co n tro la g u e r ­
gli è sta ta o rd in a ta d a u n a divinità. Allo ste sso m o d o , u n a perso n a ra e sentirsi al sicuro.
p u ò essere g iu d icata colpevole o in n o cen te a seco n d a che il g iu d i­
ce ab b ia o m en o u n a visione inviatagli d a g li dei.
I n o n -u m an i m alvagi so n o tra tta ti con g r a n d e risp etto , n o n solo
d eriv ato d alla p a u ra . I c o n tad in i n o n sa n n o q u a n d o u n a trib ù p os­ In co n tri C asuali p e r la T e rra di H ule
sa d e c id e re di c o m p iere u n a sc o rreria, e d essi di c e rto n o n voglio­
n o provocarla. M e n tre i p erso n ag g i viaggiano a ttra v e rs o il te rrito rio e le città di
I p erso n g g i n o n -u m a n i (n an i, elfi ed h a lilin g ) so n o m olto ra ri e H ule, fate uso d ella tabella ch e segue p e r gli in c o n tri casuali. D ato
sic u ram en te o g g e tto d i g r a n d e cu rio sità p e r gli ab itan ti di H ule. che la zo n a è p o p o lata, la tabella n o n p re se n ta le sole p e rso n e ch e i
N a tu ra lm e n te , ai n o n -u m a n i m alvagi, tali p erso n ag g i n o n p erso n ag g i possono in c o n tra re , m a solo quegli in c o n tri ch e risul­
a n d r a n n o a ffa tto a genio. ta n o im p o rta n ti. I p erso n ag g i in c o n tre ra n n o a n c h e c o n tad in i al
lavoro nei lo ro cam pi, viaggiatori e d a ltre p e rso n e ch e vivono la
Il T e m p io d e lla M orte. Il T e m p io d ella M o rte c la capitale di
loro vita no rm ale.
H ule. E sso giace se p a ra to d alle città e le p e rs o n e Io visitano r a ra ­
m en te. D a qu i il M aestro osserva il su o te r rito r io ed i! p ro g re d ire E ffettu ale u n c o n tro llo d u e volte al g io rn o . Le possibilità d i in co n ­
della g u e rra . I su o i d esid eri v en g o n o p alesali tra m ite i D ivinatori tr o sono 1-2 su l d 8. Se l’in c o n tro si p re se n ta m e n tre i p erso n ag g i
o altri m essaggeri. Se i p erso n ag g i c h ie d o n o d e l T e m p io della sono in città, tira te ld 2 0 e co n su lta te la tabella. Se l'in c o n tro avvie­
M orte, la g e n te n o n sa p rà d i cosa essi s tia n o p a rla n d o . Essi ch ia­ n e m e n tre i p erso n ag g i si tro v a n o al di fu o ri delle città, tira te Id 10
m an o il te m p io G ra n re g n o . Se i p erso n ag g i c h ie d o n o delle in d ica­ e l d 6 p e r o tte n e re u n n u m e ro d a 1 a 30. Il d 6 stabilirà se il n u m e ­
zioni, la g e n te a c c e n n e rà v ag am en te ch e esso si tro v a a d ovest r o è d a leg g ere negli intervalli 1-10(1-2). 11-20 (3-1) o 21-30 (5-6).
presso le rive d el L ago T ro s. D ovrete poi consultare la stessa tabella qui di seguito.

T ir o T ir o
In c o n tro In c o n tro
del dado del dado

1-2 C h ie ric i. N'° d i M ostri 1-8 (CA •!: C 2-8: N °A T T 1: F 16-17 S o ld ati. N ° d i M ostri 3-30 (CA 7; 1)V 1; p f 5; N °A T T
1-6: M V 36. I S C 2-8; M L 9; A M C). Q uesti sono n o r­ 1: F 1-8; MV 36; T S U C ; M L 7; AM C o N). Q uesti
m ali chierici ch e c o n d u c o n o la lo ro n o rm ale attività. u o m in i c e rc h e ra n n o di fo rz a re i p erso n ag g i a d unirsi
Essi n o n in fastid iscono la c o m p a g n ia a m en o che non all’esercito d e l M a estro p e r c o m b a tte re la g u e rra .
v ed an o i p erso n ag g i co m p iere d e lle azioni c o n tro la 18-20 M e rca n ti. N° di M ostri 1-1 (CA 9; DV 1/2; p f 2;
legge o v en g an o attaccati. Essi c o m b a tto n o ed u sa n o i N »A T T 1; F 1-4; M V 36; I S UC: M L 5; AM N). In
lo ro in can tesim i in m o d o intellig en te. città i m ercan ti sa ra n n o in viaggio con u n c a rro colm o
3-8 G en te C o m u n e. Nu di M ostri 2-20 (CA 9: DV 1. 2: p f d i m erci assortile.
3: N -A T T I ; F I -2: MV 3 6 ; T S U C ; M L 6; A M C o M . 21 O rsi n e ri. V d i M ostri 1-2 (CA 6 ; DV 1; pf 2 2 ; N ° A T f 3 ;
Se volete p o tete ig n o ra re q u e s to in co n tro . F 1-3 1-3/1-6: M V lìti: T S G 2; M L 7; AM N).
9 V erri d iab o lici* . N y d i M ostri 1-2 (CA 3(9): DV 9: p f 22 B u g b ear. >.'<■ d i M ostri 2 20 (CA 5; DV 3 + 1 ; p f 15;
43: .V A T I 1: F 2-12 o a se c o n d a d e ll’a rm a : M V 54 o .V’A T f 1: F 2-8: MV 27; T S G 2; M L 8 ; A.Vl C).
3 6 ;T S G 9 ; M L 10; AM C). Essi sa lu ta n o la com pagnia 23 G noII. N° di M ostri 3-3 0 (CA 9; DV 2: p f 10; N °A T T
c cercan o di u n irsi a d essa. D o p o a v e r finto u n p o ' di 1; F 2-8; MV 27; T S G 2; M L 8; AM C).
stra d a assiem e, i v erri cercan o d i so tto p o rre allo c h a r ­ 24 E re m ita . N° di M ostri 1 (CA 9; DV 1/2; p f 4: N UA I T
m e tu lli i p erso n aggi. 1 : F 1-4; M V 36; T S UC; ML 9: AM C). U n ere m ita è
10-11 D iv in a to ri. N'° di M ostri 2-12 (CA 6 : G -1: p f 23; in g ra d o d i fo rn ire utili in fo rm azio n i sul te rrito rio cir­
N ° A T I 1 ; F 1-6; MV 36; T S G 4; M L 9 ; AM C). Q uesti costante senza ric h ie d e re n ie n te in cam bio.
u o m in i v ag an o p e r la ca m p a g n a alla ricerca d i m iscre­ 25 C in g h ia li m a n n a ri* . N° di M ostri 1-6 (C A 4(9); DV
d e n ti o novelli sa n tu o m in i. Se i D ivinatori sc o p ro n o 4 + 1 ; p f 26; N -A T 1 1 : F 2-12: MV 45; T S G l; M L 9:
ch e tra i p erso n ag g i ci sono m ag h i o chierici di alire AM C). Se v en g o n o in c o n tra ti in fo rm a u m an a (a
relig io n i, essi c e rc h e ra n n o d i a r r e s ta r e tu tta la com pa- vostra scelta), le c r e a tu re c e rc h e ra n n o d i u n irsi alla
gnia. co m p a g n ia p e r tra sc in a rla in u n a tra p p o la . A q u esto
12 C o b o ld i. N ° d i M ostri 2-8 (C A 7; DV 1/2; p f 2: scopo ci sa ra n n o a ltri cinghiali m a n n a ri nascosti nella
N -A T T 1; F 1-4; MV 18; T S U C ; M L 5; AM C). Q u e ­ zona.
ste c re a tu re so n o i servi degli u m a n i in città. 26 O rc h i. N" di M ostri 2-8 (CA 5; DV 4 + 1 ; p f 25;
13 T o p i m an n ari* N di M ostri 1-1 (CA 7(9); DV 3: p f .V -A TT 1: F 1-10; M V 27; I S G 4; ML 10; AM C).
18: N ° A T r 1: F 1-4 o a se co n d a d e ll'a rm a MV 36; T S 27 O rc h e tti. N° di M ostri 10-60 (CA 6: D V 1: p f 5;
C 3; M L 8; AM C). Se v en g o n o in c o n tra ti in città, essi N -A T T 1; F 1-6; MV 36; T S G l : M I. 8; AM C). Q u e ­
so n o in fo rm a u m a n a e si fa n n o p assare p e r g e n te ste b a n d e fa n n o p a rte di u n 'u n ic a trib ù e so n o o in
co m u n e. u n a sp ed izio n e di caccia o e sp lo ra to ri di nuovi te r rito ­
14 M u jin a. N ° d i M ostri 1 (CA 4; D V 8 ; p f 36: .V A T I ' 2 ri.
^ sp eciale; F l-6 'I -6 o a se c o n d a d e ll'a rm a ; MV 36; 28 F u o rileg g e . .V d i M ostri 2-20 (C A 4: G 3: p f 15;
T S G 8; M I. 9; AM ( : vedi alla fin e del m odulo). Q u e ­ N 0A 'I T 1: F 1-8; MV 36; T S G 3; M L 8 ; AM L). Se
sta c re a tu ra c e rc h e rà d i um r>i aila com p ag n ia. v en g o n o in c o n tra ti più d i 10 fu o rileg g e, allora con
15 P ro fe ta . N° di M ostri I C.A 9: C 1; p f 4 ; N »A T T 1: F loro si tro v e rà a n c h e u n C h ierico d i 5° livello. I fu o ri­
1-6; M V 36; T S C 1 ; ML 1«.». AM C). Il p ro fe ta indivi­ legge possono viaggiare con la co m p ag n ia p r r un
d u e r à l’o biettivo della co m p a g n ia e p re d irà , in m odo g io rn o e poi lasciarla.
vago e sibillino, il successo o il fa llim e n to deH’im p re sa. 29 F o lletti. Nu d i M ostri 3-18 (CA 3; DV I: p f 4; N A T I '
B asate la p re d iz io n e sui successi ch e la co m p ag n ia ha 1: F 1-4; M V 27/54; T S E l : M I. 7; AM N ; invisibili).
(in o ra o tte n u to . II p ro fe ta n on d e n u n c e r à i p e rso n ag ­ 30 T ro ll. N» di M ostri 2-8 (C A 4: DV 6 + 3 ; p f 40:
gi ai D ivinatori p o ich é c re d e rà c h e le azioni d ei p e rso ­ N °A T T 3; F I-6 '1 -6/1-10; MV 36; T S G 6 : M L 10(8);
naggi sian o nelle m ani deg li d ei. AM C).
In co n tri in M agden viene fo rn ita a lc u n a m a p p a d e ll'in te rn o d ell’edificio p o ic h é i p e r ­
sonaggi n o n do-.T ebbcro visitarlo.
L a p rim a città in c u i gli a v v e n tu rie ri e n t r a n o è M a g d en , in d ip e n ­
d e n te m e n te d a lla locazio ne sulla m a p p a d e lla città e ffe ttiv a m e n te 2. II T e m p io
scelta. U n a volta t h e i p e rso n a g g i so n o a r riv a ti in q u e s ta città, voi Q u esto basso edificio a d u n solo p ia n o e in p a rte c irc o n d a to d a u n
p o te te sc riv ere il n o m e “ M a g d e n ” v icin o alla città stessa. C iò vi m u ro alio 3 m etri. L 'u n ic o can ce llo rita g liato nelle m u ra d à acces­
p o tre b b e a iu ta re in f u tu r o p e r r ic o rd a r e d o v e in realtà essa è so a d u n g ia rd in o e all’e n tr a ta d e l tem p io . L 'edificio è c o stru ito in
situ ala. Sul r e n o d e l m o d u lo c’è u n a m a p p a s tra d a le c h e r ip o rla la m o d o sem p lice m a il m ateriale è assai c reto so . Il te m p io è s e m p re
locazione d elle stra d e , d ei vicoli e d e g li edifici im p o rta n ti di a p e r to e 2-8 c h ie r x i CA 9 ; C 1-10; N A T T 1; F 1-6; MV 3 6 ; T S
M a g d en . L a d e sc riz io n e ch e s e g u e d e v e essere utilizzata co n tale (31-10; M L 9 ; AM C; 1-6 o g g e tti m agici o p p o r tu n i scelti a caso)
m ap p a. so n o se m p re p re se n ti. Essi « d im o s tr a n o am ichevoli (a m e n o c h e i
p erso n a g g i n o n d im o strin o ostili o a p e r ta m e n te a p p a r te n e n ti
M ag d en c o n ta circa 4.0DU a b ita n ti, c o m p re si d o n n e e bam bini.
ad u n a re lig io n e d iv ersa) e risp o n d o n o co m e m eglio p o sso n o a
Essa è situ a la su lle r ip id e sp o n d e d i u n f iu m e e d è ab b astan za al
tu tte le d o m a n d e ch e v e n g o n o lo ro rivolte. Essi c o n o sc o n o la p o si­
sic u ro d a lle in o n d a z io n i. A tto r n o alla c ittà è sta to e r e tio un m u ro
zione d e l te m p io p rin c ip a le d i H u le (la base d e l M aestro), m a se i
d i 6 m etri p e r p ro te g g e rla dagli a ttacch i d e i n o n -u tn a n i. A d in te r­
[jersonaggi c h ie d o n o lo ro d o v e si trovi il T e m p io d e lla M o rte, i
valli, il m u r o p r e s e n ta d e lle to rri a lte 9 m e tr i g u a r n ite d a 2-4 g u a r ­
chierici si in so s p e ttira n n o e d in f o rm e r a n n o i D ivinatori. Se i c h ie ­
d ie (CA 6; D V 1: p f 4 ; N "A T T 1: F 1-8; MV 36; T S UC: M I. 7;
rici v e n g o n o attaccati, i D ivinatori (che po sizio n an o s e m p re qual
AM C o N).
c im o a d o sserv are il l'e m p io attra v e rs o le g allerie se g re te ) v e r ra n ­
L a città è fo rm a ta d a u n ris tre tto n u m e r o d i case e vicoli stretti e n o in lo ro a iu to . I ch ierici n o n so n o a con o scen za d elle gallerie
fan g o si. L a m a g g io r p a r ie degli edifici è a d u e p ia n i, p e r m età in se g rete.
leg n o e il cu i te tto è ric o p e rto d a spessi stra ti d i p ag lia. A lcuni 3. Il T e m p ie tto d i H o s a d u s
degli edifici p iù belli p re s e n ta n o d e lle v e r e e p r o p rie tegole. Alla
p e rife ria d e lla città si tro v a n o a lc u n e c a p a n n e di fan g o e paglia. In Q u e s to a g g lo m e ra to è c irc o n d a lo d a u n m u r o alio -I m etri c m ez­
città si tro v a n o , sp arsi u n p o ' d a p p e r tu tto , dei c o n ili chiusi d a zo. L’u n ica e n tr a ta n o n ha p o r te ed è s e m p re a p e rta . A ll’in te rn o si
m u ra a lte circa 2 m e tri. I co rtili c o n te n g o n o g ia rd in i, polli, m aiali trova u n g ia rd in o e d u n te m p ie tto r ip a ra to d a u n tetto . L ’edificio
e o ccasio n alm en te u n a m u cca. I rifiu ti v e n g o n o sc ara v en tati p e r le è a p e rto su d u e lati e c o n tie n e u n piccolo a lta re e d iv ersi vecchi
stra d e o n e l fiu m e. p an n elli illu strati. Di fro n te a ll'a lta re vi so n o d elle piccole bocce
co n le n e n ti le o f fe r te d e i fedeli
M ag d en è u n a città d i m e rc a to . I vicini villaggi p o r ta n o le lo ro
m ercan zie a M ag d en p e r c h é v e n g a n o s p e d ite lu n g o il fium e. I Il te m p ie tto è d e d ic a to al S a n tu o m o H o sad u s. S e b b e n e i p e rso ­
m e rc a n ti v e n d o n o gli o g g etti c h e n o n s o n o disponibili nei villaggi. naggi n o n lo sa p p ia n o . H o s a d u s e il M aestro. S e i p erso n ag g i e s a ­
T r a q u esti si p o sso n o c o n ta r e i tessuti r a ff in a ti, o g g e tti in m etallo, m in an o il te m p te iio essi p o sso n o a p p r e n d e r e d e lle utili in fo rm a ­
v etro , v asellam e, sp ezie, sale e d a ltr e m e rc i ra re . M olte p e rso n e si zioni. L a sta tu a su ll'a lta re r itr a e u n g io v an e s fig u ra to ria u n a cica­
racco lg o n o in città p e r d iv e rtirs i c o n , a d e s e m p io , i te a tri d i m a rio ­ trice. U n a m an o re g g e u n a m azza ch e in casto n a d e i piccoli {»ezzi
n ette. c o m m e d ie , ac ro b a ti, giocolieri, m u sic i e m a n g ia to ri d i fu o ­ di v etro (p e r r a p p re s e n ta r e u n 'a r m a m agica). L ’a ltra m an o strin g e
co. U n a volta alla se ttim a n a i m e rc a n ti e d i c o n ta d in i si raccolgono un p ip istrello p e r le zam p e. A tto r n o alla base d ella s ta tu a è scritto
in città p e r la fie ra così d a p o te r v e n d e re le lo ro m erci. L e fiere il n o m e di H o sa d u s e d u n a d a ta . L a d a ta risale a circa 4 0 0 a n n i fa.
so n o g io rn i eli festa ru m o ro s i e p ien i d i c o lo ri. Al m o m e n to d e l­ I p an n elli illustrati r a ff ig u r a n o a lc u n e scen e d ella vita d i H o sad u s.
l’a rriv o d e i p e rso n a g g i ci sari» p r o p r io u n a fie ra in p ie n o svolgi­ II p rim o p a n n e llo m o stra la s u a n ascita, u n b am b in o è in n alzato
m e n to . so p ra u n b ra c ie re fu m a rn e e d è r e tto d a u n a m a n o artig lia ta m e n ­
Sulla m a p p a ci so n o sci locazioni se g n a te c o n u n a le tte ra , ü i le tte ­ tre d u e u m a n i s ta n n o a g u a r d a r e . Il se c o n d o p a n n e llo m o stra u n
r a “S ” se g n a la lo cazio n e d i u n fa b b ro in g r a d o d i r ip a r a r e l'eq u i­ gio v an e ch e co m b a tte u n a sc in tillan te c r e a tu r a d ra g h e sc a . Il terzo
p a n n e llo m o stra lo stesso g io v an e, fe rito g ra v e m e n te , accu d ito d a
p a g g ia m e n to d e i p erso n a g g i e d i f o r n ir e lo ro n u o v e a rm i ed
d iv ersi esseri d a ll'a s p e tto m alvagio. U n a c r e a tu r a re g g e u n libro
a r m a tu re . Il fa b b ro im p ie g h e rà 1-8 g io rn i p e r r ip a ra r e o re c u p e ­
c h e il rag azzo sta leg g en d o . Il q u a r to p a n n e llo m o stra il giovan e,
ra re u n sin g o lo c o m p o n e n te d e ll'e q u ip a g g ia m e n io n ecessario ; se,
o ra s fig u ra to , ch e c o n u n in can tesim o sco n fig g e u n g r u p p o d i
a d esem p io , i p e rso n a g g i o r d in a n o 3 o g g e tti, il te m p o richiesto
s a rà 3-24 g io rn i. P o tete c o m u n q u e m o d ific a re il te m p o richiesto c r e a tu r e n o ti-u m a n e . Il q u in to p a n n e llo m o stra la co stru z io n e d i
se n o n volete c h e i p e rso n a g g i si fe rm in o cosi a lu n g o in città. u n g r a n d e palazzo, (ili o p e ra i so n o delle c r e a tu r e d e m o n ia c h e ch e
M e n tre i p erso n a g g i si tro v a n o in città, essi posso n o rip o sa re e so llevano en o rm i blocchi d i p ie tra . Il p a n n e llo successivo m o stra il
palazzo o r a u ltim a to . D u e g ra n d i s ta tu e si e r g o n o ai lati deH’e n ira -
racco g liere in fo rm azio n i.
la. Esse ra ff ig u r a n o le Stesse c r e a tu r e c h e e r a n o d e d ite alla c o s tru ­
I -i le tte ra “T " in d ica la lo cazione d i u n a ta v e rn a . C iascu n a ta v e rn a zio n e d e l palazzo nel p a n n e llo p re c e d e n te . H o sa d u s c in p ied i in
d isp o n e d i sta n ze lib ere, cibo e b e v a n d e . L e ta v e rn e p e r lo più u n a to r re s o p ra la p o rta , c irc o n d a to d a u n a n u v o la d i pipistrelli.
so n o d e i p o sti tra n q u illi in cui si p o ss o n o tro v a re solo u m a n i o L’o ttavo p a n n e llo ra ff ig u r a H o sa d u s, o r a p iù vecchio, alla p r u a rii
u m a n i a lm e n o in a p p a re n z a . N o n ha im p o rta n z a q u a le ta v e rn a i u n ’im b arcazio n e m e n tr e sta m e tte n d o u n c o lla re a tto r n o a l collo
p erso n ag g i scelg an o , fate uso d e ll'a v v e n tu ra e d e lla m a p p a p e r d i u n a g r a n d e c r e a tu r a acq u atica. S ullo sfo n d o si v e d o n o d e lle
“ U n a N o tte in C ittà ”. p a lu d i, u n a fo re s ta e d il palazzo. L 'u ltim o p a n n e llo ra ffig u ra
H o sad u s, vecchio e d e c re p ito , a p fx jg g iato ad u n b asto n e, in pied i
L L a C o rte d e i D iv in a to ri
d i fro n te a d u n a a p e r tu r a d e n sa d i n eb b ia. N ella n eb b ia si d istin ­
L’ed ificio è in re a ltà u n a piccola fo rtezz a. E sso p o g g ia s u u n picco­ g u o n o v a g am en te d e lle fig u re o sc u re.
lo rilievo, d i p o c o al ili s o p ra d e l livello a l q u a le si tro v a tu tta la
città. D u e lati si affa ccian o su l fiu m e e p r e s e n ta n o u n m u r o alto 12 N o n sp ie g a te il sig n ificalo d e i p a n n e lli ai g io cato ri; descriveteli
m etri s u cui si tro v a n o , in alto , b e n p o c h e fin e stre . Gli a ltri lati cosi co m e a p p a io n o , se c o n d o q u a n to è sc ritto in p re c e d e n z a . Se i
so n o p ro te tti d a urrà c o rtin a ili m u r a alte 9 m e tri. L’edificio h a u n perso n ag g i fa n n o d elle d o m a ta le in m erito al te m p ie tto , le p e rso
in g resso p rin c ip a le e d u n a p o r ta p iù piccola c h e si affaccia d ir e tta ­ ne ch e r is p o n d e ra n n o n a r r e r a n n o d elle s to rie assi c o n tra sta n ti
m e n te su l fiu m e . S olo i d iv in a to ri, i loro p rig io n ie ri e c o lo ro che sulla vita «li H o sad u s. S e i p erso n a g g i p o n g o n o d e lle d o m a n d e ai
so n o stati scelti p e r so tto p o rsi alle p ro v e h a n n o il p erm e sso di chierici, essi ris p o n d e r a n n o c h e H o sad u s è il m o d ello s u p re m o
e n tr a re . T u tt i d e v o n o esse re a c c o m p a g n a li d a uti D iv in ato re. P e r della sa n tità e c h e tu tti d o v re b b e ro m o d e lla re la lo ro vita se co n d o
o ltre p a ss a re il can ce llo o c c o rre c o n o s c e re la p a ro la d 'o r d in e . Se tale fu lg id o esem p io . N è i ch ierici, n è , ta n to m en o , la g e n ie d ella
v ien e d a ta la p a ro la d ’o r d in e sb ag liata. 2 -1 2 D ivinatori (CA 4 : G città s a n n o c h e H o sa d u s è il M aestro. (P e r u lte rio ri in fo rm azio n i
1-4; .V A T I ' 1; F 1-6; MV 36; T S G l- 1 ; M L 10; AM C> u sc iran n o su l M aestro, v e d e te pag .2 5 ).
allo sc o p e rto e d a r re s te r a n n o la p e rso n a . C iò scoraggia i visitatori 4. Il C ovo
n o n g ra d ili. L u n g o u n a stre tta via m a lte n u ta si trova u n a piccola casa. S ebb en e
A ll'in te rn o d ell'ed ificio si tro v a n o b a ra c c h e , celle, sta n ze d i in q u i­ la g e m e d e l p o sto la conosca c o m e l'ab itazio n e d i C a n o p a il B a r ­
sizione, sta n ze p e r le riu n io n i, sta n z e p e r l e esecuzioni, stan ze p e r caiolo, in re a ltà essa n asco n d e u n co v o d i la d ri. C a n o p a u n la d ro
gli o spiti p rescelti e i reg istri «lei D ivinatori. G allerie se g re te (cono­ di 10= livello (CA 5 ; L 10; p f 28; .V-A I T I; F 1-8 + 2 ; MV 3G; T S
sc iu te solo d a i D iv in ato ri) c o n n e tto n o l'e d ific io al T e m p io . N on L 10: M L 8; AM (3; n o rm ali ab ilità d a la d ro ). Egli p o ssied e u n a
sp a d a + 2, in tellig en za 8, in d iv id u a sta n z e e p a re ti m obili, scova In c o n tri C3) c o n tro lla to d al M aestro. Gli accenni geo g rafici posso­
tra p p o le , ego 5; a r m a tu ra d i c u o io + 1 ; u n a n e llo d i pro tezio n e n o d a r e ai PG u n 'id e a g e n e r ile di d o v e possa trovarsi il T e m p io
+ 1 : u n a p o zio n e d i fo rm a g asso sa c u n a p e rg a m e n a co n ten en te d ella M orte.
gli incantesim i E SP , in fra v is io n c e r e s p ir a r e s o tt’acqua. AI suo
co m an d o si tro v an o altri cin q u e lad ri di 3° livello (CA 7; L 3; p f M e n tre il o i p erso n ag g i sta n n o assiste n d o allo spettacolo. M atcra.
10.9,8.7.5: N 'A I T 1: F 1-8: MV 36: I S 1.3; ML 7; AM C; norm ali u n a lad ra d i 6° livello (CA 6 b o n u s D c; L 6 ; p f 15; N °A T T 1: F
abilità d a ladro). Il la d ro ch e tra q u esti d isp o n e d el m aggior 1 -8: MV 36: T S L6 ; M I. 7; AM C; b o rseg g iare 45% : n o rm ali abili­
n u m e ro d i p u n ti fe rita p o ssied e a n c h e u n a p o z io n e d i velocità. tà d a lad ro ), si avvicinerà alla co m p a g n ia p e r alleg g erirla di q u a n ­
Q uesti lad ri si sp accian o p e r lavoratori sulla su a b arca cd abitano to possibile. Se viene scoperta, d a p p rim a c e rc h e rà ili n e g a re tu tto
nel s u o nascondiglio. e se ciò dovesse fallire, si tiara alla fuga. S ebbene n o n faccia p a n e
d el g ru p p o d i C anopa, M atcra è riuscita ad in d iv id u a rn e il
Il nascondiglio è u n ed ifìcio a d u e piani. Sia d e n tr o ch e fuori esso nascondiglio e si re c h e rà presso tale covo d i la d ri p e r c h ie d e re
sem b ra essere u n a n o rm a le abitazione dove C a n o p a. la sua fam i­ aiu to . M atera h a co n sè u n a g em m a d a 1.000 M .O .
glia e d i suoi lav o rato ri vivono. C o m u n q u e , p e r tu tta la casa esisto­
n o d eg li stretti passaggi se g reti ch e p ro v v ed o n o a d u n a ra p .d a via Se i p erso n ag g i a ttira n o l’atten zio n e d u r a n te la lo ro d isp u ta con
di fuga. U n a stan za se g re ta so tto il b asam en to serve co m e stanza M atera (sfo d e ra n d o le a n n i, u r la n d o "F erm ati lad ra!”, ecc.), 6
d elle riu n io n i. A lcuni passaggi collegano il b asam en to alia itra d a c D ivinatori (CA -1; G 4; p f 2 0 ciascuno; N“A I ' r 1; I* 1-0; M V 30;
a parecchi cortili. T S G 4; M L 9; AM C) si avvicineranno alla co m p ag n ia. Essi c o n ­
d u r ra n n o tu tti gli im plicali presso la (io rte d ei D ivinatori. Se essi
O vv iam en te n essu n o in città sa del nascondiglio. P er scovare il dovessero sc o p rire che alcu n i p erso n ag g i a lb erg an o "p en sieri sb a­
* po sto i perso n ag g i d o v ra n n o se g u ire u n o d ei la d ri o p p u re esserci gliati". i D ivinatori li tra tte ra n n o in m o d o a p p ro p ria to . Voi p o tre ­
co n d o tti (fatto im p ro b ab ile). Se i p erso n ag g i riescono a parlare a ste ric o rd a re ai giocatori che i p erso n ag g i n o n vogliono certo a tti­
C an o p a, egli p o trà fo rn ire lo ro delle in fo rm azio n i sul T em p io ra re l’a tten zio n e su di loro.
d ella M o rte. Egli sa in o ltre ch e il M a estro è H o sad u s. Egli fornirà
q u este in fo rm azio n i solo in cam bio d i qualcosa. Se i personaggi
in c o n tra n o C an o p a, egli c e rc h e rà di circuirli: se i jjersonaggi non
p r e n d o n o delle p recau zio n i co n tro ev en tu ali fu rti e lo fan n o sa p e­
re a C a n o p a. essi c o rro n o il rischio che C an o p a li d e ru b i p rim a
In co n tri Speciali p er la C ittà d i M agden
ch e p o ssan o lisciare la città. Egli in o ltre fo rn irà u lte rio ri in fo rm a­
zioni ch e spera p o ssan o c o n d u r re i p erso n ag g i verso la loro m o r ­ Q u esta sezione fo rn isce i dettagli p e r d u e in co n tri speciali nella
te. N o n gli im p o rta ch e a ltri conoscano i suoi segreti. città di M ag d en . T u tti gli in co n tri av v en g o n o all’in te rn o o nei
pressi d ella ta v e rn a d o v e i p ersonaggi alloggiano. N o n im p o rta
C a n o p a ten terà qualsiasi m ezzo p e r g u ad a g n a rsi la fiducia dei
q u ale sia la p artic o la re tav ern a scelta d ai PG: q u a lu n q u e essa sia.
p erso n ag g i. Se egli a p p r e n d e gli obiettivi dei PG. C a n o p a fingerà
ra p p re se n te rà il te a tro di tali avvenim enti. Se d o p o u n in c o n tro i
d i porsi ciaiia lo ro p a n e a n ch e se n o n attiv am en te. C anopa c- un
u o m o m o lto pericoloso d a rrairare. perso n ag g i d ec id o n o di cam biare ta v ern a, se m p lice m e n te il
secondo (se in te n d e te utilizzarlo) av v errà nella n uova. Se ì p e rso ­
naggi volessero lasciare M agden p rim a ch e e n tra m b i gli incontri
5. II M ercato abbiano a v u to lu o g o , utilizzate i rim a n e n ti in u n a qualsiasi tav ern a
Q u esta am p ia zo n a a p e r ta è la piazza d el m ercato di M agden. Seb- o lo can d a p resso la q u a le i PG so g g io rn in o e d al m o m e n to o p p o r ­
l>enc la zo n a n o n p re se n ti edifici o costruzioni p erm an en ti, la tu n o . Gli in c o n tri p ossono avvenire in u n o rd in e qualsiasi.
piazza è in g o m b ra di pile e cum uli di m ercanzie. In un certo
m o m en to d u ra m e la p e rm a n e n z a d e i perso n ag g i, ci sarà il g iorno
d el m ercato . M eglio sa reb b e p re d isp o rre l’av v en im en to p e r il
g io rn o stesso <li a rriv o d ei p erso n ag g i o il successivo. N el g io rn o di
m ercato , la piazza b ru lica di attività, in g o m b ra d i cu m u li di v e rd u ­
re, o ch e starn azzan ti, b am bini se m p re in corsa, m aiali, cavalli,
d o n n e , m ercanti u rlan ti, m e n d ican ti cd acrobati. I personaggi
n o n a v ra n n o difficoltà a c o m p ra re gli oggetti co m u n i d i cui neces­
sita n o m a non tro v e ra n n o a rm i o a rm a tu re .
In u n an g o lo del m e rc a to si tro v a u n te a tro viaggiante di m ario­
nette. Raccolti in to rn o a d esso vi so n o sch iere d i bam bini, giovani
e d o n n e , g en te an zian a, tu tti in ten ti ad osservare lo spettacolo. La
sto ria ch e viene racco n tala suscita di ta n to in ta n to alcu n e risate
ch e si v an n o a c o n fo n d e re co n le voci su M ule d elle n u u io n eiie. .Se
u n o d ei p erso n ag g i assiste allo sp ettaco lo egli p o trà a p p re n d e re
alcu n e info rm azio n i utili. Le m a rio n e tte sta n n o recitan d o u n a
co m m ed ia sp iritosa m a in tesa ad im p a rtire u n a lezione di m orale.
U n a d elle m a rio n e tte è ch iam ata il C re a to re di G ra n rc g n o : essa è
m asch era ta cd in cap p u cciata ed è co stru ita con pezzi di cuoio n e ro
e latta. Se i perso n ag g i h a n n o g ià visto il M aestro, essi la identifi­
c h e ra n n o conce u n a sua rip ro d u z io n e . L ’a ltra m a rio n e tta c un
grosso pupazzo ra ffig u ra n te u n gigantesco u o m o di bronzo. 11
C re a to re di G ran re g n o dice. “ P er av ere o ltre p assato i confini del
m io re g n o , io (i o rd in o d i rim a n e re co m e m io se rv ito re a casa m ia,
a G ra n rc g n o "
Il g ig an te di b ro n zo risp o n d e , “O h n o piccolo uo m o , io non ti
se rv irò n ean ch e tr a c e n t'a n n i, n é a n d r ò al tu o tem p io d ella m o r­
ie!"

“E d u n q u e tale sia la d u ra ta d el tu o servizio!" I.e d u e m arionette


co m b a tto n o cd in fin e si o d e u n ru llio di ta m b u ri e si vede u no
sb u ffo di fum o. 11 g ig an te di b ro n z o rim a n e im m obile. “O ra vai a
G ra n rc g n o o ltre il B osco O scu ro , sulle spiagge d el lago T ros. Là
lu m i se rv irai )cr c e n to a n n :‘
“ lo li o b b ed irò , m io p a d ro n e " Poi il g ig an te sc o m p are alla vista.
Il g ig an te voleva ra ffig u ra re ^ g ig an te d elle tem p este (Zona
A. U n a N o tte in C ittà 2. D iv in ato ri S ospettosi
Al m o m e n to d ell'arriv o d ei p erso n ag g i, la ta v e rn a se m b ra affo lla­ T ale in c o n tro d o r re b b e a \e r c lu o g o m e n tre i p erso n ag g i si tro v a ­
ta. Di fro n te all'ed ifìcio u n a caro v an a si sta o rg an izzan d o p er n o nella stanza co m u n e della ta v e rn a . M e n tre sie d o n o al tavolo
d is p o rre gli an im ali c sistem are le m erci. D ue m ercan ti so n o occu­ m an g ian d o c bev en d o , essi ven g o n o avvicinati d a u n uo m o , in
pati a d in g ra ssa re le ru o te d i un c u rro ch e si trova p ro p rio di ap p a re n z a u n v ian d an te. Kgli sem bra voler scam biare raccon ti di
f ro n te alla p o rta p rin cip ale. 11 c a p o caro v an a sta d isc u te n d o con il storie e pettegolezzi. Se la co m p ag n ia n o n si rifiu ta d i p a rla re , egli
p ro p rie ta rio d ella ta v e rn a sui costi di tu tto q u a n to , gesticolando inizierà a n a r ra re le p ro p rie sto rie, riv elan d o in realtà b e n poc hi
ed in d ic a n d o le m erci ch e in te n d e b a ra tta re . A ll'in tern o alcuni particolari sulla lo ro ubicazione c sul p e rch e si trovasse in tali
m e rc a n ti e c o n d u tto ri si so n o sistem ati a tto r n o ai tavoli: se m b ra n o {»osti. O g n i ta n to egli fa d elle d o m a n d e ai perso n ag g i, con m olta
p ro n ti ad iniziare u n lu n g o e sostanzioso p ran zo . A p p re n d isti e atten zio n e e, in a p p a re n z a , quasi p e r caso, rig u a rd a n ti i posti in
g arzo n i si d a n n o d a la r e s e rv e n d o vassoi d i c a rn e fu m a n te e cioto­ cui sono a n d a ti, cosa h a n n o visto, d o v e so n o d ire tti e cosa sta n n o
le di z u p p a. D o p o circa 5 m inuti di attesa, il p ro p rie ta rio della facendo in città. F.gli se m b ra p e r lo p iù in teressato a c h e cosa i
ta v e rn a (CA 0: DV 1-1; p f 4; .V A T T 1: F 1-4; MV 30: T S UC: personaggi h a n n o visto nei lo ro viaggi. C o m u n q u e n o n insiste mai
ML 7; AM N ) si d ecid e a d a rv i retta. Se i p erso n ag g i gli ch ied o n o in alcu n a d elle su e d o m a n d e .
u n a stanza, egli ris p o n d e rà d i a v e rn e solo u n a disponibile m a
g r a n d e ab b astan za d a o sp ita re tu tti i m em b ri della com pagnia. L’u o m o è in realtà u n D ivinatore (CA 7; C 7: p f 30: N uA T T 1: F
LG + 3 ; MV 12; T S C 7; M L 9; AM C) cam u ffa to . S otto le vesti
F.gli si o f fr e di p ro v v e d e re agli a r re d i e ai letti su p p le m e n ta ri sp ie­
indossa u n a a rm a tu ra di c u o io e possiede i g u a n ti d e l p o te re
g a n d o ch e d o m a n i più stanze sa ra n n o disponibili, d a to ch e la
o rc h e sc o ed un m e d a g lio n e d c ll’ESP, ra g g io 9 m e tri. F.gli ha
caro v an a s a rà p a rtita . Kgli in o ltre in fo rm e rà i p erso n ag g i c h e ben
m em orizzato i seg u en ti incantesim i:
d ifficilm en te p o tra n n o tro v a re d ei posti altro v e in città.
P rim o L iv e llo : in d iv id u a z io n e d e l m a le , in d iv id u a z io n e d el
Se i {lersonaggi n o n a cce ttan o l'o ffe rta , il p ro p rie ta rio ag g iu n g e
m agico
q u alch e cosa e x tra alla tratta tiv a , co m e un [io’ di vino g ratis o un
S eco n d o L ivello: blocca p e rs o n e , in d iv id u a z io n e d e ll’allin ea-
piccolo sco n to . Se a n c o ra i p erso n ag g i n o n accettan o , egli alzerà le
m ento
spalle ed a n d r à via. C o lo ro ch e p ro v a n o altro v e, tro v e ra n n o ch e i
T e rz o L ivello: in d iv id u a z io n e d e g li o g g e tti, m aled izio n e
prezzi d elle tav ern e so n o in v ero sim ilm en te alti. I-i città sem bra
dav v ero p ie n a di g e n te in d a ffa ra ta . Q u a rto liv ello : m e ta m o rfo si d e i b a s to n i in se rp e n ti
Q u in to liv ello : d is tru z io n e d e l m ale
I-t stan za ch e in fin e i p erso n ag g i o tte n g o n o se m b ra abbastanza
Se i p erso n ag g i so n o stati atte n ti, essi a v ra n n o n o ta to c h e il viag­
d e c en te. Le su e d u e piccole fin e stre so n o ch iu se e p esan tem en te
sb a rra te . I-a p o rta h a u n a s e rr a tu r a ro b u sta c n on p u ò essere c h iu ­ g ia to re h a già p a rla to co n a ltre p e rso n e nella tav ern a. Se sono stati
sa o s b a rra ta d a ll’e s te rn o . Se i p erso n ag g i esam in an o la stanza, essi più che atte n ti, a v ra n n o n o ta to in o ltre c h e seb b en e tale p e rso n a g ­
gio ap p aia u b riaco , n essu n o lo ha m ai visto b ere. Il M aestro ha
n o n tro v e ra n n o p o rte se g rete o botole. I letti se m b ra n o co n fo rie-
o rd in a to ai D ivinatori di in d a g a re e so n d a re tu tti gli stran ieri. Se i
voli. C o m u n q u e se u n la d ro esam in a la s e rr a tu r a d ella p o rta (ed
p erso n ag g i so n o stati osservati a ttra v e rs o l’a m u le to lu n g im ira n te
e ffe ttu a con successo u n tiro p e r Scassinare), egli sc o p rirà ch e essa
neU'X4, II M a estro d ei N o m ad i d e l D eserto , i D ivinatori d isp o r­
è d o ta ta di u n o scatto nascosto c h e p e rm e tte la su a a p e r tu r a d a ll'e ­
ra n n o a n c h e di u n a loro d escrizione su fficien tem en te d ettag liata.
ste rn o .
P o n en d o d o m a n d e rig u a rd a n ti i posti d a lo ro visitati e a ltri ai q u a ­
Se i p erso n ag g i bev o n o o m a n g ia n o qualcosa p rim a di coricarsi, il li sono d ire tti, il D iv in ato re sp e ra di p o te r c a rp ire tra m ite il su o
p ro p rie ta rio della ta v e rn a d r o g h e rà il lo ro cibo. E ffettu ate in m ed ag lio n e alcu n i p en sieri significativi. D o p o av er a p p re so tu tto
se g re to u n tiro salvezza c o n tro V eleno p e r og n i p erso n ag g io . T u t ­ ciò che h a |>otuto. il D ivinatore lascia il tavolo c p resto a b b an d o n a
ti i p erso n ag g i ch e lo falliscono si se n tira n n o e stre m a m e n te affa ti­ la taverna.
cati ed asso n n ati: se u n o di q u esti p erso n ag g i rim a n e di g u a rd ia ,
Se il D ivinatore h a a p p re s o ciò di cui aveva bisogno, egli si rech erà
egli si a d d o rm e n te rà . C irca alle d u e di m attin a, il p ro p rie ta rio
im m ed iatam en te alla C o rte d e i D ivinatori. Egli rito rn e rà in ire
a p r irà la p o rta e d in tro d u r r à 5 g n o ll (CA 5; DV 2; p f 12 ciascuno;
tu rn i con a ltri o lio D ivinatori (C A 2: G 3; p f 15 ciascuno: N °A T T
NUA T T l : F 2-8: MV 9; T S G 2: M I .8 : AM C ) nella stanza. Se tu tti
1: F 1-8: M V 12: T S G 3; M L 9; AM C). Q uesti uom ini son o in
i p erso n ag g i so n o a d d o rm e n ta ti, gli g n o ll li le g h e ra n n o u n o ad
a rm a tu ra cd e n tr a n o nella ta v e rn a con le arm i in p u g n o . L a spia
u n o . Se solo u n o o d u e so n o svegli, gli gnoll li a tta c c h e ra n n o nel
ad d ita su b ito i p erso n a g g i c d i g u e rrie ri si f a n n o in n an zi p e r a r re ­
m o d o p iù silenzioso possibile. Se più di d u e so n o svegli, gli gnoll
starli. Essi n o n si fa ra n n o dei p roblem i ad u ccidere. I personag g i
fu g g iran n o . Se i p erso n ag g i v en g o n o ca ttu ra ti, gli gnoll li p o rte ­ arre stati ven g o n o te n u ti nelle celle della C o rte d ei D ivinatori. I
ra n n o fu o ri c ittà in a p e r ta c a m p a g n a ; là si r iu n ira n n o a d u n a pic­
C hierici, i M aghi c gli Elfi v en g o n o in o ltre legati cosi ch e n o n
cola b a n d a di altri 15 gnoll (utilizzale le statistiche già d a ie ) all'in ­
possano lan ciare incantesim i. D opo u n a se ttim an a, i p rig io n ieri
te rn o d i u n piccolo bosco.
vengono spediti via fiu m e a C ra n re g n o . L à il M aestro p o r r à lo ro
I p erso n ag g i v e rra n n o spogliati di tu tto il lo ro e q u ip ag g iam en to . le d o v u te d o m a n d e c li ucciderà.
Q u i gli gnoll c o m m e tte ra n n o l’e r r o r e d i sle g are i p erso n ag g i p e r
Se i p ersonaggi lasciano la tav ern a p rim a ch e g iu n g a n o gli altri
v ed e re ed asco ltare la lo ro ag o n ia. I p erso n ag g i a v ra n n o a disposi­
D ivinatori c d a b b a n d o n a n o la c ittà im m ed iatam en te, n u lla acca­
zio n e d a allora solo 3 0 m in u ti p e r sc a p p a re , trascorsi i quali, ver­ d r à loro. Se essi co m b atto n o i D ivinatori e friggono dalla tav ern a, i
ra n n o uccisi d ag li g n o ll. Se i p erso n a g g i sco n fig g o n o i p rim i 5 personaggi in c o n tre ra n n o 10 g u a rd ie (CA 7: DV 1-1; p f 5 ciascu­
gnoll. essi tro v e ra n n o 5 0 M .O . in tu tto . Se sc o n fig g o n o l'in tera no; N - A Ì T l; F 1-10: MV 36: T S U C ; ML 8; AM C ) a rm a te di
b an d a, i p erso n ag g i tro v e ra n n o m o n ete p e r un valore d i 2 0 0 M .O.
a rm i ad asta p resen ti a d o g n i p o rta della città. Le g u a rd ie cercan o
in totale. di im p e d ire ai p erso n ag g i di fu g g ite dalla città. Se i personag g i
II p ro p rie ta rio d ella ta v e rn a h a lav o rato con gli gnoll p e r q uasi un p refe risco n o nasco n d ersi in u n a q u alch e p a r te della città, esiste
a n n o . I.a su a p a rie d e ll’a cco rd o consiste n el p ro c u ra re vittim e u n a pro b ab ilità d ell’80% ch e essi v e n g an o ritro v ali il g io rn o stesso
a d a tte p e r gli gno ll in cam b io d e lla prom essa d i n o n attaccare lui d a pattu g lie d i D ivinatori (utilizzate le statistiche già date). D opo
stesso, la su a ta v e rn a , la città e possibilm ente i v ian d an ti solitari un g io rn o di ricerch e, i D ivinatori rin u n c ia n o , seb b en e sia le g u a r ­
sulle stra d e vicine. S e i p erso n ag g i lo c a ttu ra n o , egli confessa subi­ d ie che i cittad in i sa ra n n o m o llo a tte n ti e sospettosi «li tu tii gli
lo tu tto e p iag n u co la che l'ispirazione d ivina lo h a co n v in to ad stra n ie ri ch e assom iglino ai perso n ag g i.
ag ire in q u e sto m o d o p e r p ro te g g e re se stesso e d i suoi co n cittad i­
ni. Se i p erso n ag g i lo co n se g n a n o ai D ivinatori, essi asco lteran n o il
su o caso e lo asso lv eran n o proib ig lien d o g li d i c o n tin u a re secondo
il su o acco rd o . Se i p erso n a g g i lo “sistem ano” di p ro p ria iniziativa,
ci s a rà u n ’in ch iesta ed essi p o tre b b e ro essere sc o p erti c c attu rati
d ai D ivinatori: in tal caso essi v e rra n n o tra tta ti com e spiegato in
“Il M ercato ”.
PARTE 4: IL BOSCO OSCURO

Q u a n d o i perso n ag g i si a p p re sta n o a lasciare la città di M agden. U opo ch e i p erso n ag g i si sono avvicinati u n p o ’, essi so n o in g ra d o
essi d o v reb b ero av ere a lm e n o u n ’id ea vaga d i d o v e possa trovarsi di v e d ere ch e l’obelisco si trova a circa 100 m etri d al m arg in e del
il T e m p io della M orte. Se n o n d isp o n g o n o d i n essu n a indicazione, bosco. N elle su e vicinanze cresce solo d ell’e rb a e n o n vi so n o a n i­
p e r colpa loro o p e r sfo rtu n a , i p erso n ag g i in c o n tra n o u n profeta, m ali in vista. S e m b ra che l’obelisco sia «li p ie tra e n o n p re se n ta
'l'a le p ro feta co n o sce la lo ro m issione a n ch e se n essu n o lo ha effet- a p e r tu r e o p o rte segrete.
tiv am en te in fo rm ato . Egli fo rn irà ai p erso n ag g i le necessarie in d i­
cazioni p e r la stra d a Ha se g u ire Fgli n o n ris p o n d e rà a nessuna I pciM Jiiaggi possono avvicinarsi u lte rio rm e n te all'obelisco e d esa­
d o m a n d a e n o n si u n irà alla co m p ag n ia. Le indicazioni sa ran n o m in arlo senza d a n n o . L a pietra si rivela com e norm alissim o m a r­
relative an ch e al tra g itto a ttra v e rs o il Bosco O scuro. m o. L’obelisco irra d ia m agia m a n o n il m ale. Se u n p erso n ag g io
tocca l’obelisco, u n rag g io «li luce d o r a ta sc a tu rirà dalla su a som ­
D escrizione G enerale m ità e si p e r d e r à n e l cielo. Subito d o p o n o n accade a ltro d i stra n o .
N ei seg u en ti tre tu rn i il o r o .si ra n n u v o la a tto rn o all'obelisco in
La p o p o lazio n e locale h a p a u r a di q u esta g r a n d e fo resta. Gli u m a ­ un rag g io di q u a ttr o chilom etri e m ezzo. Le nu v o le so n o n e r e e
n i n o n vivono in essa e la m ag g io r p a r te delle c re a tu re um anoidi e cariche di elettricità. A lla fine d e i tre tu r n i (d u ra n te i quali i p e rso ­
m alvage la evita. Se lo d e s id e ra te p o tete ra c c o n ta re ai personaggi naggi possono esa m in a re u lte rio rm e n te l'obelisco) u n singolo ful­
d elle sto rie terribili ed o v v iam en te false rig u a rd a n ti ciò th e p u ò m ine p io m b erà a co lp ire la facciata d e ll’obelisco, sc o p p ie tta n d o e
accad ere loro se e n tra n o nella fo resta e quali m eraviglie vi sono d an zan d o v i a tto rn o per tre ro u n d com pleti. I p erso n ag g i e n tr o il
nascoste. L 'unica in fo rm azio n e che i p ersonaggi o tten g o n o dalla m etro e m ezzo d all’obelisco su b ira n n o (5-36 ferite d i elettric ità p e r
p op o lazio n e locale è ch e il B osco O scu ro viene utilizzato p e r sele­ ogni r o u n d in cui rim a rra n n o e n tr o tale d istan za. T ra s c o rsi i tre
zio n are i can d id ati al gov erno. ro u n d il fu lm in e sco m p arirà e le n u v o le in iz e r a n n o a d ira d a rsi.
Gli alb eri più co m u n i d ella fo resta so n o q u e rc e e p io p p i. Il sotto- D ove il fu lm in e aveva colpito, o ra a p p a io n o «Ielle rosse lettere bril­
bosco è inolio fitto e vi si tro v a n o n u m e ro si cespugli spinosi. I lanti. sc ritte in u n a lingua d ie i p erso n a g g i n o n conoscono:
p erso n ag g i s. m u o v o n o a ttrav erso la fo resta a m età d ella loro n o r­
m ale capacità di m o v im en to g io rn a lie ra . Le c re a tu re che abitano Un essere vive potente
la fo resta si m u o v o n o alla loro velocità no rm ale, (ili anim ali tipici sulla riva dal lago ¡ambita
H e lia fo resta so n o cinghiali, orsi, d a in i, piccola selvaggina, gufi, e l’uomo cercò intuitinenlc
corvi, cornacchie, rospi c pipistrelli. I p erso n ag g i a v ra n n o la .sen­ d ’abbatter la torre munita.
sazione ch e u n te q u este c r e a tu r e li stian o o sserv an d o al loro p as­
Così un maestro cercando
saggio.
un altro invece trovarono
11 fiu m e c a d i so tto l'influsso della m agia n o n a p p e n a e n tra nel e p u r sul minore trionfatalo
bosco. O g n i volta ch e u n p e rso n ag g io beve l'acqua d el fium e egli sconfitti dall’altro rimasero.
d ev e e ffe ttu a re con successo un tiro salvezza c o n tro Incantesim i.
Sia ch e il tiro ab b ia successo o m en o , il p erso n ag g io n o n n o te rà Come un fratello, è questo l’inganno
alcu n a d ifferen za. Se u n p e rso n a g g io fallisce q u a ttr o tiri salvezza, poiché vive e da morto respira
egli v e rrà tra sfo rm a to in u n cinghiale o in u n d a in o . Egli non l'uomo. uno, v.a in due vanno
ritie n e la m em oria d ella su a vita trascorsa ed assu m e tu tte le stati­ del terrore innescando la pira.
stiche (ad eccezione d ei p i) della n u o v a c re a tu ra . O vviam ente il
p erso n ag g io .rasfo rm a to a v rà p a u r a degli a ltri p erso n ag g i e c e r­ Vani coloro eh/ han seguito la via
c h e rà im m ed iatam en te di fu g g ire tra gli alberi. N o n occorre ch e i nel bosco e più oltre giunsero i prodi
q u a ttro tiri salvezza falliti necessari p e r la trasfo rm az io n e d eb b an o fede nessuna p tr forte che sia
essere effe ttu ali co n secu tiv am en te. U n p erso n ag g io p u ò bere cin ­ del legarne ha potuto sciogliere i nodi.
q u e volte l’acqua d el fiu m e , e ffe ttu a re co n successo solo il terzo
L’iscrizione si riferisce al M aestro n el su o te m p io a G ra n re g n o .
tiro salvezza e d essere tra sfo rm a to co m u n q u e. L’incantesim o
P er m aggiori in fo rm azio n i sul M aestro, si veda pag. 25.
scaccia m aled izio n i rip o rta alla n o rm alità il p erso n ag g io tra sfo r­
m alo.
L’iscrizione sull’obelisco si offusca e sc o m p are nel g iro di 10 m in u ­
Nel Bosco O scu ro n o n vi so n o in c o n tri casuali. ti. L’obelisco rid iv e n ta liscio e levigato. Se i p erso n a g g i n on
d isp o n g o n o sul m o m e n to d i m ezzi c h e c o n s e n ta n o lo ro la tr a d u ­
In co n tri Speciali nel Bosco O scuro zione d ella scritta, essi possono rico p iarla (se tale id ea v ien e in
m en te ad u n o d ei giocatori). C o m u n q u e a cau sa d ella difficoltà
M e n tre i perso n ag g i a ttra v e rsa n o il Bosco O scu ro voi potete fare della co p ia tu ra , I -3 linee (a vostra scelta) risu lte ra n n o senza senso.
uso d e i seg u en ti in co n tri. N essu n o d i questi ha u n a locazione p r e ­ 1^» scritta sull'obelisco co m p are solo u n a volta; se i p erso n ag g i to c­
fissata e, a d eccezione d el p rim o , u n o rd in e p re d e fin ito . Voi {mie­ cam i n u o v a m e n te la su a superficie, nulla a cca d rà di fatto.
le scegliere di utilizzarn e alcuni, tu tti o nessuno.
1. II C en o tafio D o rato 2. L ’A lta re N ero
T a le in c o n tro d o v reb b e a v e re lu o g o p rim a che i p erso n ag g i e n tr i­
n o nel bosco vero e p ro p rio . L eg g ete il testo che se g u e n on a p p e ­ U na spessa b a rrie ra d i cespugli spinosi blocca o ra il se n tie ro
n a i p erso n ag g i avvistano il bosco c h e rip re n d e più o ltre a n ch e se più rozzo e p iù difficile da
p e rc o rre re . Im p ro v v isam en te n o n si v ed o n o p iù n è cespugli
l.a fo resta non h a p iù m o strato segni d i in se d ia m e n ti orm ai da
n e alberi. Di fro n te a voi giace u n 'a m p ia r a d u ra . N el s u o ce n ­
p arecch i g io rn i ed a n ch e gli anim ali so n o div en tati u n a rarità. tro , a d u n a d istan z a d i circa 15 m e tri, si tro v a u n a p ie tra alta
O ra , d a v a n ù a voi, u n a lin ea d i a lb e ri sc u ri si e ste n d e p e r chilo­
quasi 2 m etri. S em b ra essere p iatta e levigata. Alla luce del sole
m etri in e n tram b e le d irezio n i. In q u a lc h e m o d o essi presagi­ essa brilla di u n n e ro oleoso.
scono tetrag g in e e p erico lo M e n tre il sole si sposta leg g erm en ­
te n ella su a ro tta celeste, al co n fin e d ella fo resta co m p are un
b ag lio re d o ra to . U n o s g u a rd o a tte n to rivela u n obelisco e re tto La p ietra è un a n tico alta re consacrato a q u a lc h e d iv in ità d im e n ti­
al m a rg in e della f o re s u . S em b ra ch e il g rosso p ilastro brilli di cata. I p erso n ag g i n o n riu sciran n o ad id en tifica re il m ateriale di
u n a lu ce d o rata. costru zio n e utilizzato. T o ccare l’a lta re n o n p ro d u c e stran i effetti.
Esso n o n irra d ia m ag ia o m alvagità e nulla di p iù si p u ò a p p r e n d e ­
r e a u ra v e rs o u n a c o m u n ic a z io n e c o n g li d e i. L 'a lta re n o n p re s e n ­ la lo ro d ire z io n e . L e c r e a tu r e s e m b ra n o d e i segugi a n c h e se so n o
ta iscrizioni o in tarsi. m o lto pallidi c in q u a lc h e m o d o insoliti. Essi so n o d e i segugi sp e t­
L’a lta re è in re a ltà u n a g ia r a m a g ic a d e l m a g o G allus (M 10: MI- trali4 (CA -2; DV 5 ” * ; p f 30 ciascu n o : N °A T T I ; E 2-1‘i -fspccia
IO; A M C). N o n v e n g o n o f o rn ite le sta tistich e p e r i p u m i ferita, le: MV 4 5 : T S Gf>: M I. 12; AM C ). S e i p erso n a g g i si f e rm a n o p e r
classe d e ll'a rm a tu ra , m o v im en to , ecc. p o ic h é n o n è possibile co m ­ co m b a tte re , i segugi a tta c c h e ra n n o . Se in v ece i PG p refe risc o n o
b a tte re il m a g o n el su o p r o p rio c o rp o . Il m a g o ha m em o riz zato i te n ta re la fu g a , i se g u g i p e r u n p o ’ n o n li d is tu rb e ra n n o . C o m u n ­
se g u e n ti in can tesim i, utilizzabili nel caso c o n tro lli u n co rp o : q u e. d a to c h e i seg u g i so n o m o lto abili nel s e g u ire la lo ro pista,
q u esti ultim i r ic o m p a rira n n o su lle o rm e d e lla co m p a g n ia og n i
P rim o liv e llo : c h a rm e , d a r d o in c a n ta to gio rn o poco p rim a d e l tra m o n to . Essi c o n tin u e ra n n o a d in se g u ire
S e c o n d o liv e llo : im m a g in i illu s o rie , in d iv id u a z io n e d e ll’in v i­ i p erso n a g g i a m e n o ch e q u esti ultim i n o n li u ccid an o , n o n n e
sib ile , in v isib ilità v e n g a n o uccisi o riescan o a sfu g g ire p e r c in q u e volte.
T e rz o liv e llo : f u lm in e m a g ic o , velocità» v o la re
Q u a r to liv e llo : a u to m e ta m o rfo s i, c o n f u s io n e , m e ta m o rfo s i 4. L a N av e
Q u in to liv e llo : e v o c a z io n e d e g li e ie m e n ta li
In u n a z o n a d e l bosco sc a rsa m e n te p o p o la ta d i a lb eri, se n tite
N o n a p p e n a i p e rso n a g g i avvistano l’a lta re , il g u e r rie r o ch e g u id a u n r u m o re scricch io lan te e d u n fru scio p ro v e n ire d a l cielo.
il g r u p p o d e v e im m e d ia ta m e n te e f fe ttu a r e u n tiro salvezza c o n tro G ra d u a lm e n te il s u o n o si fa p iù fo rte . Im p ro v v isam en te
In can tesim i. Se il tiro h a successo, n u lla ac c a d e . S e il tiro fallisce, u n 'o m b ra passa s o p ra la zona d o v e vi tro v a te e si fe rm a . A 15
G allus c o n tro lle rà il s u o c o rp o . I m m e d ia ta m e n te il p e rso n a g g io m etri d i altezza galleg g ia n e ll'a ria ciò c h e s e m b ra e s se re la c h i­
c ro lle rà al su o lo c o m e se co lp ito d a u n a {»olente visione. D opo glia tli u n « n av e. U n a sc aletta d i c o rd a v ien e sro to la ta o ltre la
essersi rialzato . G allu s f a rà d ir e al p e rso n a g g io d i av e r a v u to u n a fian cata d ella n av e e p en zo la a p o c a distan z a d a lle v o stre teste.
v isione d e lla e n o r m e m alv ag ità c h e a lb e rg a in q u e s to posto.
L 'im barcazione è la m agica n av e vo lan te d i p ro p rie tà d e l M aestro.
Il c o rp o d i G allu s è rim a sto se p o lto so tto l'a lta re p e r secoli. Esso è
L 'eq u ip ag g io è fo rm a to d a 2 0 sc h eletri (CA 7 ; DV 1: p f 4; N °A T T
d eco m p o sto e d in u tilizzabile. Se G allus v ie n e fo rz a to all’in te rn o
l; F 1-0; MV 6 ; T S G l: M L 12; A M C). S e u n o d e i p erso n ag g i
d e l su o c o rp o o rig in a rio , egli n e m o rirà . G allu s d e s id e ra d isp e ra ­
risale la scaletta d i c o rd a , egli potr à v e d e re alcu n i sinistri m em b ri
ta m e n te u n corjM) n u o v o c fo rte e così n o n f a rà n u lla c h e possa
d e ll'e q u ip a g g io alla r u o ta d e l tim o n e , a ltri a d d e tti all'im bracagg io
d e s ia re so sp etti. Egli asco lterà, im p a r e rà c iti im p e rso n a , c h i so n o
d e lle vele, in g e n e ra le tu tti d e d iti al m a n te n im e n to d ella nave. Essi
gli a ltri p e rso n a g g i, co sa sta n n o fa c e n d o , ecc. In u n q u alch e
n o n a tta c c h e ra n n o . S e tu tti i p erso n a g g i sa lg o n o a b o r d o della
m o m e n to fu tu ro , egli lascerà la c o m p a g n ia u c c id e n d o tu tti coloro
n av e, gli sc h e le tri ritir e r a n n o la scaletta e s p ie g h e ra n n o le vele.
c h e gli si o p p o r ra n n o . S p ie g a te tale s itu a z io n e al g io c a to re ch e
g ioca il ru o lo «lei p e rso n a g g io p o sse d u to d a G allus cosi c h e possa Se i p erso n ag g i atta c c a n o la n ave d a te r ra , gli sc h eletri v ele g g e ra n ­
c o m p o rta rs i d i c o n s eg u en za. Il g io cato re n o n «leve a s so lu tam en te n o via c n o n fa ra n n o rito rn o . L a n av e è in viaggio v erso il T e m p io
lasciare s o s p e tta re ag li a ltri l’a c c a d u to ’ Voi p o te te cam b ia re ogni d ella M orte cd a tte r r e r à n ella Z o n a CIO . Il viaggio ric h ie d e u n
d ecisio n e d i tale g io c a to re basan d o v i su l f a tto ch e “n o n è qu esto g io rn o in te ro . D u r a n te q u e s to te m p o , gli sc h eletri n o n d is tu rb e ­
c h e lui v u o le fa re ". G allu s n o n v iag g erà c o n la co m p ag n ia p iù a r a n n o in a lc u n m o d o i p e rso n a g g i e se m b re ra n n o an zi n o n n o tar li
lu n g o d i q u a n to n o n gli sia n ecessario : egli h a degli a ffa ri d a sb ri­ affa tto . Essi n o n p o sso n o esse re scacciati m a n o n a tta c c h e ra n n o :
g a re altro v e. S e il p e rso n a g g io è a n c o ra p o s s e d u to al m o m e n to se v e n g o n o attaccati, essi n o n si d ife n d e ra n n o . C o m u n q u e se ven ­
(iella su a p a rte n z a , il risp e ttiv o g io c a to le d o v r à c re a r n e u n a ltro g o n o d istru tti 10 o p iù sch eletri, i p erso n a g g i n o n riu sc ira n n o a
n u o v o : il v ecchio è p e r d u to p e r se m p re . c o n tro lla re la n ave c h e in izierà a ¡»erdcrc q u o ta ra p id a m e n te e si
sc h ia n te rà al suolo. C iascu n p asseg g ero su b irà 2-2 0 fe rite a causa
3. I Segugi deH 'im patto.
L 'in c o n tro h a inizio q u a n d o i {»ersonaggi s e n to n o in lo n ta n a n z a il Q u a n d o la n av e a ttra c c a , il M a e stro sa rà in attesa d e i p erso n ag g i.
su o n o d i u n c o rn o d a caccia. In b re v e p o ss o n o a n c h e se n tire u n In q u a lc h e m o d o h a s a p u to d ella lo ro cerca, li h a in d iv id u a ti e d h a
d e b o le a b b a ia re p ro v en ir e d a d ie tr o d i loro. T a li su o n i si rip e to n o , m a n d a to la n av e a p relev arli. Egli c e rc h e rà d i p e rs u a d e re la co m ­
o g n i volta s e m p re p iù fo rti e vicini. D o p o tr e o re , i p erso n ag g i p a g n ia a d u n irsi alla su a causa. S e n o n vi riesce, c e rc h e rà d i
p o sso n o d is tin g u e re d elle c r e a tu r e ch e c o r r o n o ne l sottobosco n e l­ d istru g g e re i p erso n ag g i.
PARTE 5: IL TEMPIO DELLA MORTE

I sa n tu o m in i si p ossono m uovere lib e ra m e n te nella p rim a e nella


D escrizione G enerale seconda sezione d el tem p io . Essi non v en g o n o ferm ati dalle g u a r ­
II 'l'e m p io della M o rte (conosciuto con il n o m e d i G ra n re g n o d a lla die e ven g o n o tra tta ti con g ra n d e risp etto d a tu tti gli altri. A volte
g en te d i Mule) è situ a to n o n lo n ta n o d a lle spiagge d e l L ago T ros. si possono v e d e re in com pagnia di m aestri o . più ra ra m e n te , di
Esso e co stru ito su i p en d ìi di u n a piccola vallata. 1! tem pio è co m ­ iniziati. Essi p ossono e n tr a re neH’u ltin ia sezione d el tem p io , m a
posto d a u n ru m e rò di edifici racchiusi d a delle m u ra. La te r ra p rim a d i ricevere il p erm esso di v arcare il cancello ven g o n o se m ­
a tto rn o al tem pio è c irc o n d a ta d a cam p i co ltira ti. A lcuni contadini p re ferm ati dalle g u a rd ie . S em bra ch e d o rm a n o nella seconda
vestiti di giallo e d i ro sso so n o al lavoro n ei cam pi. Se i personaggi sezione d el tem pio.
fa n n o abbastanza a tte n z io n e , essi p o sso n o o sserv are il tem p ia p er
I D ivinatori, nelle lo ro vesti rosse, a p p a io n o o v u n q u e nella varie
p arecchi giorni senza essere scoperti. Se ciò è possibile, incorag­
sezioni d el tem pio. Essi fu n g o n o d a g u a rd ie a tu tti i cancelli e a
giate i giocatori a c o m p o rta rsi in q u e sto m odo.
volte p attu g lia n o vie e d edifici d el tem p io . N è gli iniziati n è i m ae­
U n am p io se n tie ro p o rta d al te m p io fino alle sp iag g e del L ago stri li fe rm a n o o p o n g o n o loro delle d o m a n d e e d a n ch e i san tu o -
T ro s, n o n visibile d a l tem p io . Ai lati di q u esta s tra d a si trovano rnini lo fa n n o ra ra m e n te . C o m u n q u e anch'essi, com e i sa n tu o m i­
d elle sta tu e raffig u ran ti div in ità e santi v en erati d alla popolazione ni, ven g o n o fe rm a ti p rim a di v arcare la soglia della te rz a sezione
d i H u le. Poco prim a d e c e n t r a ta p rin cip ale, ad e n tra m b e i lati del del com plesso. I D ivinatori sono aitivi sia d i g io rn o ch e di n o tte e
se n tie ro , si tro v an o sei e n o rm i sta tu e ra ffig u ra n ti c re a tu re in p ar non è possibile stab ilire d o v e d o rm an o .
te cavallo e in p a rte d ra g o . Esse sono ag g io g ate e so n o state scolpi­
te in m o d o da fo rn ire l'im p ressione d i tra sc in a re il tem pio. P er La m ag g io r p a rte degli iniziati e dei m aestri del te m p io r costituita
c o m p letare la scena, sulle m u ra este rn e , si tro v a n o le sculture di d a g e n te co m u n e. Q u in d i le loro statistiche n on v en g o n o elencate
o tto g ra n d i ru o te e sul te tto al d i s o p ra d e l C ancello del T em p io nel m o d u lo ogni volta ch e essi co m p aio n o . Q u a n d o si verifica la
(Zona C3) se nc tro v a u n 'a ltra a ltre tta n to e n o rm e ra ffig u ra n te u n presenza di iniziati o m aestri n on seguiti d a d e te rm in a te statisti­
uom o. In a p p a re n z a l'u o m o g u id a tu tto l’e n o rm e c a rro ed è forni­ che, p o te te utilizzare q u elle fo rn ite q u i di seguito: CA 9; DV 1-1;
to d ella relativa fru sta p e r i cavalli. L’in te ro com plesso degli edifici p f 3: N °A T T 1; E 1-2 o a seconda d ell’a rm a : M V 36/12; T S UC;
vuole d a re l’idea di u n c a rro d i dim en sio n i im pressionanti. M L 6 : AM C . N egli in co n tri eoa sa n tu o m in i o D ivinatori le statisti­
ch e v en g o n o se m p re fo rn ite . A ll'interno d el te m p io essi sono sem ­
Degli am p i fossati c irco n d an o l’edificio all’in te rn o d e l com plesso. p r e a rm ati d i m azza e di fionda.
L 'acqua vi sco rre sg o rg a n d o p e re n n e m e n te d a q u a ttro fontane
situ ate aH 'cstrem iià re m o ta d el com plesso, cad e in u n a cascata d i G I p erso n ag g i possono a n c h e n o tare alcu n e caratteristich e di base
m etri e d in fin e si p e rd e in u n q u alch e scarico nascosto all'altra della vita q u o tid ian a. La g io rn ata lavorativa h a inizio alle 5 del
estrem ità. Se i p erso n ag g i o sserv an o le attività ch e si svolgono nel m attin o q u a n d o gli iniziati si recano n ei cam p i e p resso gli stu d i di
tem p io , essi v e d ran n o alcu n i ab itan ti g e tta re qualcosa nell’acqua, co p iatu ra. A lla stessa o ra u n g ru p p o fo rm a to d a 20 iniziati. -\ m ae­
a ttira n d o così delle c re a tu re acquatiche. stri e 2 sa n tu o m in i si reca al lago p e r b ag n arsi. In q u e sto m o m e n ­
to essi so n o fu o ri vista di colore c h e si tro v a n o al tem p io . A m ezzo­
Gli edifici d el tem p io so n o tu tti in p ie tra bianca. T u tti so n o fitta­ g io rn o , su o n a u n a cam p an a e tu tti in te rro m p o n o il lo ro lavoro
m en te d e c o ra ti con sta tu e , freg i, em blem i elaborati, to rri, ste n d a r­ p e r 5 m in u ti. D u ra n te questi m inuti essi se m b ra n o assorti nella
d i e d affresch i. P arecchi d eg li edifici so n o a d u e piani. Dal prim o p re g h ie ra . In se ra ta lu tto ciò viene rip e tu to e viene co n su m ato il
edificio si innalzan o q u a ttro to rri sottili, u n a p e r angolo. Le to rri pasto p rin cip ale d ella g io rn a ta . I.a m a g g io r p a rte d elle p erso n e
cu lm in an o con piccoli m in a re ti e se m b ra n o esseri- to rri di g u a r­ m angia a ll'a p e rto o al rip a ro ci u n a v era n d a . D o p o il p asto tulli
dia. L’u ltim o edificio è u n asse m b ra m e n to di to rri sim ili ad alvea­ (ad eccezione d ei D ivinatori) si ritiran o p resso le lo ro cam ere p e r il
ri. La to r re cen trale di q u esto g r u p p o si innalza al d i s o p ra di :utte resto della n o n e.
qu elle p resen ti nel com plesso.
I p erso n ag g i osservatori possono a ffe rm a re c h e al tem p io si tro v a ­
Voi d o v reste m o strare ai giocatori il d ise g n o d el com plesse del
n o dav v ero n u m e ro se p erso n e. Essi d o v re b b e ro co n sta ta re che
tem p io ch e si trova a p ag . 18, così d a c h ia rire l'asp etto e la disposi­
l'utilizzo della fo rza b ru ta li p o rte re b b e a m o rie c e rta . Se i p e rso ­
zione d eg li edifici.
naggi n o n se n e acco rg o n o d a soli, voi d o v reste fa r b ene n o ta re
Se ì p erso n ag g i sp e n d o n o d el te m p o a d o sserv are il tem p io , essi tale fatto. Q u in d i la m igliore possibilità di e n tr a re al tem p io è data
n o te ra n n o ch e vi so n o d e lle attività e c o m p o rta m e n ti regolari daU’utilizzo delle d o ti fu rtiv e. G ò che se g u e è u n elen co di m etodi
seguiti d a tu tti co lo ro ch e si tro v a n o a ll'in te rn o delle m u ta. I-i ch e i p erso n ag g i p o sso n o a d o tta re p e r e n tr a re nel T e m p io e sco­
g e n te d el tem pi;) è divisa in q u a ttr o classi, ciascuna identificata d al vare il M aestro.
colore della veste indo ssata: gli iniziati indossano delle vesti bian­
1. Se i p erso n ag g i p assan o parecchi g io rn i a e sp lo ra re il te rrito ­
ch e, i m aestri gialle, i sa n tu o m in i p o rp o ra e i D ivinatori rosse. Le
seg u en ti in fo rn .azio n i rig u a rd a n ti ciascuna classe possono e-sere rio nelle prossim ità d el tem pio, essi p ossono iro v a re il passaggio
raccolte a ttrav erso u n a tte n to esam e d e lle attività. se g reto ch e si c o n tie n e al d u n g e o n al di sot to della lo r re p rin c ip a ­
le.
Gli iniziati lavorano n ei cam p i e nella p rim a sezione d el com plesso 2. Se i p erso n a g g i p e n e tra n o nel tem p io invisibili, essi possono
(gli edifici segnati con u n a “A “ sulla m ap p a). Essi se m b ra n o essere p e rlu stra re m olte zone senza essere sco p erti. C o m u n q u e so n o sta­
degli o p e ra i o degli scrivani co n poca o n essu n a au to rità . Ben le p re se d e te rm in a te p recau zio n i d a fa r sì ch e i p erso n ag g i invisi­
po ch e p e r o n e in vesti b ian ch e c u ti a n o nella seco n d a sezione del bili n o n po ssan o ra g g iu n g e re ii M aestro.
com plesso (gli edifici segnati con u n a "B "). Q u a n d o essi si trovano 3. Se i p erso n ag g i si possono p ro c u ra re d elle vesti sen za a ttira re
nella seco n d a sezione. gli iniziati v >:-.<> ^ -m p rc accom pagnati da un l'attenzione, essi p o sso n o g irare lib e ra m e n te in ta lu n e sezioni del
m aestro o d a u n sa n tu o m o . Di n o tte essi d o rm o n o nella prim a tem pio. C o m u n q u e, u n a voilà all’in te rn o , essi d ev o n o co m p o rtarsi
sezione d el tem pio. Gli iniziati fo rm a n o la classe p iù num erosa. in u n m o d o ad e g u a to . Essi dev o n o n a sc o n d e re a rm i ed a rm a tu re .
S em b ra ch e i m aestri agiscano d a su p erv iso ri del lavoro degli ini­ -1. Se i p erso n ag g i fa n n o in m odo ch e alcu n i d i lo ro v en g an o
ziati, sia nei cam pi ch e al tem p io . Essi si possono n o rm alm e n te c a ttu rati, il resto della co m p ag n ia, p ro te tto daH’invisibilità,
tro v are nella prim a sezione d e l tem p io , nella q u a le si m uovono p o treb b e essere in g ra d o di se g u ire i p rig io n ieri. Q u e sto è,
lib eram en te. Alcuni si p o sso n o e d e re e n tr a r e nella seco n d a sezio­ co m u n q u e, un m eto d o m o lto pericoloso.
ne, d a soli o accom pagnati d a un san tu o m o . U n a volta a ll'in te rn o d el tem pio, i p erso n ag g i d ev o n o essere m o l­
Q uelli ch e e n tra n o d a soli v en g o n o se m p re fe rm a ti d a u n a g u ar­ to cauti. N essu n o p u ò p e n s a re che a b b ian o il p erm esso d i trovarsi
d ia p rim a eli ricevere i! pcrrr.ev^- di \ a rc a re la M i g l i a . Essi d o rm o ­ H. Se essi ven g o n o coinvolti in u n co m b a ttim e n to o in u n ’altra
n o nella p rim a sezione d el tetap«o attività ch e riveli la lo ro vera n a tu ra , tu tti co lo ro ch e vivono nel
yjaj II Tem pio della Morte
tem pio re a g ira n n o in m o d o a p p ro p ria to . U na delle p rim e com? uccelli attaccano. Se tale p e rso n a fu g g e dalla stanza, gli uccelli la
che gli ab itam i fa ra n n o , sa rà d a re l’allarm e. Se in so rg o n o situazio­ inscguono. N ella stanza n o n ci so n o tesori.
n i p e r cui no n so n o state d a te specifiche istruzioni p e r d a re l'allar­ A5. S tanze d eg li In iziati
m e, co n tro llate chi si tro v a n elle stanze adiacenti. T u tti coloro che
po ssono co m b attere c o rre ra n n o sul lu o g o del pericolo p e r p resta­ C iascuna di queste piccole stan ze o sp ita sei iniziati. L a m aggior
re aiuto. p a rte dello spazio e o ccu p ata d a d u e letti a castello a tr e piani. Il
Q uesti n o n so n o i soli m o d i p e r e n tr a re nel tem pio. 1 giocatori poco spazio rim a n e n te è o ccu p ato d a alcuni cuscini o d a u n tavolo
intelligenti p o ssono esco g itarn e altri. R icordate che i personaggi e alcu n e sedie (a vostra scelta), (ili iniziati ten g o n o i loro pochi
d ev o n o essere in g ra d o , in q u alch e m o d o , d i ra g g iu n g e re il M ae­ effetti p erso n ali so tto il p ian o p iù basso d e i letti a castello. D u ra n te
stro; q u in d i n o n re n d e te lo ro le cose tro p p o difficili, tali d a non il g io rn o le stanze so n o vu o te. Di n o tte ci so n o sei iniziati in ciascu­
lasciare a p e rta n ean c h e u n a possibilità. na stanza. N elle sta n ze n o n ci so n o tesori.
A 6. F ossato
Descrizione degli Incontri Il fossato h a p a re ti e fo n d o d i p ietra liscia. Esso è p ro fo n d o 6
nel Tem pio della M orte m etri in tu tti i p u n ti. L 'acq u a è tiep id a e si m uove len tam en te dalle
fo n tan e verso lo scarico sotto il p o m e in A I . Lo scarico è u n q u a ­
I.e m u ra che circo n d an o l’in te ro com plesso sono alte 6 m etri. Esse d ra to d i poco più d i 1 m e tro d i lato. L i bocca dello scarico è bloc­
no n so n o p attu g liate d a to ch e il fossato ch e si trova d all’a ltra p arte cata d a b a r re di m etallo spesse 1,5 centim eLri ch e lasciano delle
è co n sid erato u n a difesa su fficiente. La facciata e stern a è scolpita a p e rtu re larg h e a p p e n a 10 cen tim etri. O ltre lo scarico si trova un a
in com plessi m otivi g eom etrici e qui si tro v an o le g ra n d i ru o te che galleria ch e arriv a fino alle spiagge del lago. Q uesta galleria è lu n ­
fo rm an o p a rte d el carro . ga 750 m etri ed è 10 cen tim etri in d iam etro .
Per im p ed ire che le p e rso n e a ttra v e rsin o il fossato a n u o to , l’acqua
A. La Prim a Sezione: La C orte degli Iniziati è popolata d a p ira n h a giganti (CA 6 ; DV 3 + 3 ; p f 18 ciascuno;
A l . E n tra ta al T e m p io N oA T T 1 : F 1-8; M V 15; T S G 2: M L 7; AM N ). P e r o g n i tu r n o (o
p a rte di esso) in cui u n a p erso n a si tro v a nell’acqua, q u esta viene
I g rad in i n o n so n o sorvegliati e co n d u co n o a d un am p io m arcia­ attaccata d a 1-0 p ira n h a giganti. U n a p e rso n a n o n p u ò essere
p ied e ch e si e ste n d e p e r tu tta la larghezza del tem pio. Il m arcia­
attaccata d a più d i 30 di tali c r e a tu re co n te m p o ra n e a m e n te .
p ied e è in p ietra bianca, lucida, levigata e pulita. Al c e n tro , un
p o n te si esten d e o ltre il fossato p e r co n n ettersi all'isola degli ed ifi­ A 7. M a rciap ied e C o p e rto
ci ch e si tro v a d a ll'a ltra p a rte . Il p o n te è m olto robusto. Sotto il La sezione c e n trale d i q u esto piccolo m arciap ied e è c o p e rta d a u n
p o n te e fu o ri vista si tro v a lo scarico d ell’acqua (vedi AG). D u ra n te tetto a d a rc o a sesto acuto. Esso è a p e rto ad e n tra m b e le estrem ità
il g io rn o sa ra n n o visibili 3 -IS iniziati e 2-8 m aestri. c in p iù p u n ti a n c h e sui fianchi. Gli alti pilastri che so rre g g o n o il
A 2. P o sti d i G u a rd ia tetto so n o fitta m e n te o rn a ti di scene ch e illu stran o sa n tu o m in i che
su p e ra n o o g n i fo rm a di ten tazio n e. Il te tto è fo rm ato d a tegole di
Q uesti posti di g u a rd ia so n o se m p re p iesid iati d a o tto D ivinatori
u n colore aran cio n e brillante. All’estrem ità fro n tale (quella che
(CA -1: G 1; p f 22 ciascuno; NnA T T I ; F 1-8; MV 36; T S G 4; M I.
10; AM C). Essi osserv an o tu tti coloro ch e e n tra n o nel tem p io e g u a rd a l'e n tra ta del tem pio) si trova la grossa faccia di u n a cre a tu ­
ra. Essa è d o ta ta d i zan n e, baffi, q u a ttro occhi e di u n a capigliatu­
ferm an o coloro ch e n o n a p p a rte n g o n o all’o rd in e (coloro c h e non
ra folta e spessa. La c re a tu ra è posizionata in m o d o d a g u a rd a re in
ne in d o ssan o le vesti o si c o m p o rta n o in m o d o stran o ). I lo ro o rd i­
ni so n o di bloccare tu tti gli ospiti in d esid e rati o alm en o rita rd arli basso verso coloro c h e si avvicinano alla c o p e rtu ra . Q u esta faccia e
fin ta n to c h é n o n g iu n g a n o i rinforzi. A d ogni po sto d i g u a rd ia si la g ia ra m ag ica di A lrcthus. Al m o m en to è vuota d a to che Alrc-
trova u n c o n io . Se q u esto viene su o n a to , a ltri 12 D ivinatori (con le tlius sta o c cu p an d o u n altro corpo. Il d o rso del te tto è fo rm a lo d a
stesse statistiche g ià elen cate) g iu n g e ra n n o sul po sto in un tu rn o . tegole d i ceram ica bianca posizionate in m odo d a costituire la sp i­
N o n a p p e n a i rin fo rzi so n o arriv ati, tu tti i p onti levatoi vengono n a d o rsale dell’ipotetico m ostro. L e sc u ltu re aH 'allra estrem ità del
alzati. Q uesti uo m in i no n possiedono tesori. m arciapiede c o p e rto n e ra ffig u ra n o la co d a c le gam be.
D u ra n te il g io rn o q u esta zona è pattu g liata d a 2-12 iniziati, 1-4
A3. S tanze d e i M aestri
m aestri, u n sa n tu o m o (CA 9: M f>: p f 13: N °A T T I : F 1-4 +1 -, MV
Q u este stan ze n o n h a n n o p o rte ; le e n tra te sono sc h erm ate solo d a 12; T S M6 ; M L 7; AM C) e 3 D ivinatori (CA 5; ( ’. 3; p f 18; N »A T T
ten d ag g i leggeri. A ll'in tern o d i ogni stanza si tro v an o d u e letti a 1 ; F 1-8 +1 ; MV 12; T S G3; M L 8; AM C). Sia il sa n tu o m o ch e i
castello, u n tavolo, q u a ttro sgabelli, q u a ttro casse piccole, pcntola- D ivinatori possiedono delle a rm i m agiche + 1 . Il sa n tu o m o h a
m e vario e diversi o g getti personali di n essu n valore. D u ra n te il m em orizzalo i seguenti incantesim i:
g io rn o nessu n o si trova nelle stanze. Se i p erso n ag g i fru g a n o in
u n a d i q u este stanze, essi tro v e ra n n o alcuni di questi oggetti: vesti P rim o liv ello : lu c e m ag ica, so n n o
gialle, u n ’a rm a n o n m agica (p u g n ale, sp a d a , m azza, arco e frecce), S eco n d o liv ello : in d iv id u a z io n e d e ll’in v isib ile , levitazione
0-5 ( ld (i- l) m o n ete d 'o r o e u n a p erg am en a. L a p erg a m e n a reca T e rz o liv ello : p ro te z io n e d a l m ale (3 m ), velocità
scritta u n a cro n aca c h e d escrive la vita qu o tid ian a del tem p io nei Di n o tte in questa zona si tro v a n o tr e D ivinatori (stesse statistiche
g io rn i passati e fornisce indicazioni sulle relazioni esistenti tra i già elencate). Essi fe rm a n o e |>ongono d o m a n d e a c h iu n q u e (ad
vari g ru p p i. Essa in o ltre fo rnisce ai p erso n ag g i u n ’idea gen erale eccezione dei sa n tu o m in i c dei D ivinatori) si ag g iri nei parag g i
delle attività svolte in ciascun edificio e di quali siano le stanze d o p o ch e tu tti gli a ltri so n o a n d a ti a d o rm ire .
d e g n e di in teresse. (La p rim a sezione p o rta avanti tu tto il lavoro
clericale n ecessario al g o v ern o ; la seconda ospita la corte legislati­ A 8. M agazzino
va, le stan ze d ei sa n tu o m in i c la sala fu n e ra ria : l’ultim a sezione è il La stan za o sp ita n u m ero se sc affalatu re. Sugli scaffali si trovano
g ra n d e tem p io e d osp ita la sala del tro n o c gli a p p a rta m e n ti d e l­ vasi di inchiostro, p e n n e , ro to li d i p erg am en e, lacca p e r sigilli,
l'attuale g o v ern ato re del territo rio ). D u ra n te la n o tte, q u a ttro candele, lam pade e n astri. Sul pav im en to al cen tro della stanza si
m aestri d o rm o n o in ciascuna stanza. Se v en g o n o attaccati, essi c e r­ tro v an o ire grosse casse. N elle casse ci so n o sandali inutilizzati e
ch e ra n n o di fu g g ire e d i d a r e l'allarm e. vesti, sia bianche che gialle. Ciascun p erso n ag g io sa rà in g ra d o di
tro v are u n a veste della su a taglia, d i u n o qualsiasi dei d u e colori.
A4. L a C u c in a C o m u n e
N ella stanza n o n c’è altro.
Q u esta stanza è la cucina p rin cip ale p e r la p rim a sezione del te m ­
pio, seb b en e la m ag g io r p a rte delie stanze sia d o ta ta del necessario A9. A n g o lo d e lla M e d itazio n e
p e r cu cin are. N ella stanza so n o p resen ti parecchi grossi focolari, La p o rta della stan za c chiusa d a ll’estern o . Il M aestro degli Scriva­
u n tavolo lu n g o , stru m e n ti p e r cu cin are e to rb a d a b ru ciare. ni (AIO. L a Sala degli S crivani) n e possiede la chiave. A ll'interno,
D u ra n te il g io rn o qui si tro v an o 1-3 iniziati ed u n m aestro. Se il pavim ento è irto d i p u m e a cu m in ate poste a disianza ravvicinata
v en g o n o co stretti al co m b attim en to , essi u sa n o d e i coltelli com e l’u n a dall’altra, sim ile ad u n letto d i chiodi. I j stan za n o n h a fine­
pugnali. Di n o tte gli uo m in i ab b a n d o n a n o la stanza ma al loro stre. l’aria è calda e sa d i chiuso. D isteso in un angolo della stanza
p osto si iro v an o 9 uccelli stigei (CA 7; DY 1: p f 5; N °A 'IT 1: I; 1-3 c’è A iras. un iniziato (CA 9; L 4 ; p f 12; N °A T T 1; F a seconda
+ spcciale; MV 9/54; T S G 2; M L 9; AM N) ch e svolazzano nei dell’arm a; MV 12; T S L4; M L 6 ; AM N). Egli è sta to rin ch iu so in
pressi <lel soffitto. N o n a p p e n a q u a lc u n o e n tra nella stanza, gli q uesta stanza a ffin ch é m editi sui suoi e rro ri. Se la com pagnia lo
salva, all'inizio A iras n o n si fid e rà dei P C p e n s a n d o ch e si tra tti di / . L ’Arrivo dei S fa ta to . La p e rg a m e n a n a r ra d i c o m e il M aestro,
u n n u o v a p ro v a p e r s a g g ia re la su a lealtà. S e i P C riesco n o a fargli vecchio, rin secch ito e sfregiato, sìa arrivato a G ra n re g n o . U n a vol­
c a p ire c h e il salv atag g io n o n n a sc o n d e se c o n d i lin i e gli illu stran o ta a rriv a to , egli o rd in ò ai p o te ri ch e c o m a n d a v a d i in n a lz a re il
la lo ro m issione, A iras si u n irà v o len tieri al g r u p p o . Égli d isp o n e terzo edificio. l'ed ifìcio a to r re . D o p o av e r fa tto ciò egli sc o m p a r­
d i n u m e ro se in fo rm a z io n i u tili, rig u a rd a n ti sia la m a p p a d e l te m ­ ve. ordii:-.-. : a tu tti di o b b e d ire ad u n g io v an e ch e sa re b b e a r r i ­
p io ch e le o p e ra z io n i c h e vi si sv olgono. P e r m e ite le ai g io cato ri d i vato e c h e a v re b b e p a rla to in su o n o m e . Il gio v an e a rriv ò d o p o
p o r r e a d A iras tu lle le d o m a n d e ch e c r e d o n o . Egli p u ò risp o n d e ­ m olli ir.es: e p o n ó co n se la b a ra d i cristallo d i H o sad u s. Q uesta
r e a tu lle le d o m a n d e c o n c e rn e n ti la p r im a sezio n e d e l tem p io , a d v en n e p o sta nefla S a la d e lle L eggi assiem e a tu tti gli altri sa n a to -
a lc u n e su lla se c o n d a se zio n e (p ia n ta , chi h a il p e rm e ss o d i e n tr a re , m ini im p o rta n ti. O r a q u e s to g io c a n e e il M aestro.
q u ali attiv ità vi v e n g o n o svolte) in a a b e n p o ch e sulla re sta n te 2. I s Gesta di Hosadxa. Il c o n d u c e n te d e l c a rro ch e si e rg e sul
sezione. Egli sa c h e il M a estro c c o n s id e ra to l’in c a rn a z io n e d i cancello c h e d à accesso alla te rz a s e z » n e e v e ra m e n te u n gig an te
H o sad u s il S a n tu o m o . S e a d A iras viene co n cesso d i sp o starsi co n reso schiavo d a H o sad u s. L e ca ria ta li d e m o n ia c h e so n o in v erità i
la c o m p ag n ia, egli si riv e le rà u n a g u id a p re z io sa . Egli p u ò istru ire g u a rd ia n i d e l tem p io .
i l'G su gli usi e co stu m i a p p r o p ria ti d a s e g u ire , cosa d ire e cosa 5. P iani dell'Architetto. C o m p re n d o n o le d escrizioni d elle porte-
n o n d ire , co sa essi p o sso n o fa re e cosa n o n p o sso n o . S e i p e rso n a g ­ se g re te ch e d a n n o accesso a lle v arie to rri d ella Z o n a C e d e ll'e n tra ­
gi lo a iu ta n o a fu g g ite d a l te m p io , A iras f a rà tu lio ciò c h e è in su o ta se g reta e s te rn a c h e p o rta a l d u n g e o n (Z ona D5). --\
p o te re p e r a iu ta re la c o m p a g n ia a ra g g iu n g e re il M aestro. Egli ha 4. Il Contrailo. T a le d o c u m e n to (g iu n to nella biblioteca p e r e r r o ­
se n tilo d elle voci c h e p a rla v a n o d i u n 'e n tr a ta se g re ta , d a q u alch e re) rip o rta il c o n tra tto stip u la to tr a il M aestro e a lc u n e c re a tu re
p a rte , c h e c o n d u c e al tem p io . D o p o a v e r a iu ta to la c o m p ag n ia, p ro v e n ie n ti d a u n ’altra d im en sio n e. I n cam b io d i c e rti servizi egli
A iras lascerà i PC p e r r ito r n a r e a casa. h a d a to i su o i a n n i d i vita e d o r a d e v e vivere p e r s e m p re co m e u n
cad av e re.
A IO . L a S ala d e g li S c riv a n i
A 14. L a S tanza d e l C a n c e llie re
Q u e sta g r a n d e sala è d isp o sta in m o d o ta le d a asso m ig liare ad u n a
sala d e lle c o n fe re n z e : è fo rm a la <la c in q u e p ian i d i p a n c h e e b a n ­ Q u e sta piccola stan za c o n tie n e solo u n tavolo e d u n a sed ia. Il tav o ­
c h i d i p ie tra . Sul fo n d o si tro v a n o u n g r a n d e tavolo e d u n a sedia. lo è ric o p e rto d i fogli d i p e rg a m e n a . La sta n za è illu m in a ta d a u n
Il tavolo t’ in g o m b ro eli c u m u li d i p e r g a m e n e e d i tu tto l'o c c o rre n ­ in can tesim o lu c e p e rs is te n te . D u ra n te il g io rn o , il C a n celliere
te p e r sc riv ere. S e d u to al tav o lo si tro v a il M a estro d eg li Scrivani degli Iniziati, u n sa n tu o m o (CA 3: C 8; p f 32; N °A T T 1 ; F 1-6 + 2 ;
(CA 8 : C 2 : p f 10: N -A I T 1 : F 1-6; MV 12; T S G 2; M L 8: AM C). MV 12; T S C 8 ; M L 10; AM C ) si tro v a p r o p rio in q u e s ta stanza.
Egli p o ssied e u n a m azza n asco sta sul ta v o lo e p o rta al d ito u n Egli veste u n a corazza d i p ia stre e p ossiede u n a m azza -1-2, u n
a n e llo d i p ro te z io n e + 1 . Egli sta e s a m in a n d o il lavoro d i 35 inizia­ a n e llo p e r c a m m in a re .su ll'acq u a, u n a m u le to lu n g im ira n te (vedi
ti c h e sta n n o se d u ti ai p ian i su p e rio ri d e lla sta n za, in te n ti a rico ­ In tro d u z io n e ) e u n o sc a ra b e o p r o te tto r e . Egli ha m em o riz zato i
p ia re vecchi m an o scritti e d a ltr e p e rg a m e n e . Se i p erso n a g g i si se g u en ti in can tesim i:
so n o trav estiti tu tti d a iniziati o d a iniziati e m a e stri, il m a e stro P rim o liv e llo : c u ra f e rite le g g e re , in c a n te s im o d e l te r ro r e ,
d eg li scriv an i o r d in a se ccam en te a co lo ro c h e in d o ssa n o le vesti da te n e b re m a g ic h e
in iziato d i o c c u p a re i p o sti vu o ti, d à lo ro in m a n o d e lle p e rg a m e n e S e c o n d o liv ello : in d iv id u a z io n e d e lP a lIin c a m e n to , silen z io
e d in tim a d i m ettersi al lav o ro all'isian te. S e i PC p ro te sta n o , il (R ag g io 5 m )
m a e stro m inaccia d i rin c h iu d e rli n e ll'a n g o lo della m e d itazio n e. Se T e rz o liv ello : in c a n te s im o d e l c o lp ir e , in flig g i m a la ttie
c'è q u a lc u n o vestilo d a m a e stro , egli lo »'ingrazierà p e r av e r Q u a r to liv ello : c u ra f e rite g ra v i, c re a z io n e d e ll’a c q u a
ac c o m p a g n a to gli scriv an i e poi lo ig n o r e rà c o m p le ta m e n te . S e un Q u in to liv e llo : d ito d e lla m o r te ( re s u rr e z io n e invertito)
p erso n a g g io v estito d a m a e s tro p u ò f o r n ir e d elle b u o n e rag io n i
{ad e se m p io c h e gli in iziati so n o a d d e tti a d a ltri co m p iti), il m a e ­ Il C a n celliere d eg li Iniziati è u n a p e rso n a v e ra m e n te spiacevole.
s tr o d eg li scriv an i p u ò a c c o n s e n tire a lasciarli liberi. S e gli iniziali I la u n pessim o c a r a tte r e e d a d o m b r a u n n o n so c h c d i m alvagio. Se
c e rc a n o d i fu g g ire co n la fo rza o d iso b b e d isc o n o agli o r d in i, egli i D ivinatori n o n riesco n o a d a v e re il so p ra v v e n to sulla c o m p ag n ia,
c h ia m e rà q u a ttr o D iv in ato ri (CA -1; C 4; p f 20: N " A T T 1; F 1-6; essi c h ia m e ra n n o il C a n c e llie re p e rc h é p r e n d a in m a n o la situ azio ­
MV 12: T S G 4 ; M L 9 ; A M C). U n o d e i D iv in ato ri po ssied e u n ne. Egli n o n m o stra p ie tà m a ce rc a c o m u n q u e d i p r e n d e r e p rig io ­
a n e llo a c c u m u la to r e d i in c a n te s im i con tam en te i s e g u e n ti in can ­ nieri p e r p o r re lo ro d e lle d o m a n d e in se g u ito . Egli po ssied e u n a
tesim i: b lo cca p e rs o n e , c h a rm e , E SP. Se i p e rso n a g g i n o n ce rc a n o gem m a d e l v a lo re d i 2 .0 0 0 M .O .
d i fu g g ire , essi r im a rr a n n o al la v o ro n e i b a n c h i p e r tu tto il resto S e i p erso n ag g i e s a m in an o i fogli su l tavolo, s c o p rira n n o ch e p e r
d ella g io rn a ta . Il m a te ria le d a c o p ia re n o n fo rn isce lo ro a lcu n e la m ag g io r p a r te essi tr a tta n o d eg li a ffa ri o rd in a ri degli iniziati.
in d icazio n i utili. C o m u n q u e , a lc u n i s e m b ra n o esse re d e lle com unicazioni speciali
inviate al C an celliere. S e q u esti v e n g o n o p resi e letti p iù av an ti, i
A l l & A 12. U ffic i d e g li Im p ie g a ti
p erso n a g g i a p p r e n d e r a n n o c h e il C a n cellie re degli Iniziati è sta to
O g n u n o d e i piccoli u ffici c o n tie n e d u e iniziati se d u ti al tavolo su n o m in a to c o m a n d a n te su l c a m p o d e ll'a rm a ta d ell'E st. Si s u p p o n e
d eg li sgabelli. Gli uffici p iù g r a n d i c o n te n g o n o q u a ttr o iniziati ed ch e p r e n d a il c o m a n d o d e l c o rp o p rin c ip a le d 'a r m a ta p e r il g r a n ­
a ltre tta n ti tavoli e sgabelli. Q u esti iniziati s o n o degli im p ieg ati c h e d e attacco al c u o re d e lla R ep u b b lica. La c o m p a g n ia p u ò in d o v in a­
c o m p ila n o il co d ice d e lle leggi p e r la te r r a d i M ule. Essi ig n o ra n o re , a ra g io n e , c h e le a r m a te d e l M aestro so n o o rm a i p r o n te a ll'a t­
c h iu n q u e passi d a q u e lle p a r li e r is p o n d o n o d is tra tta m e n te a q u a l­ tacco. Ai p erso n a g g i n o n rim a n e m o lto te m p o .
siasi d o m a n d a v en g a lo ro p o sta . Essi p o ss o n o f a r sì c h e i PC Di n o tte la sta n za sa rà d e se rta .
a p p r e n d a n o q u a lc h e u tile in fo rm a z io n e , s e m p re c h e ve n g a n o f o r ­
m u late le d o m a n d e g iu ste. A ltrim e n ti, gli iniziati si p re o c c u p a n o A 15. A u la S c o la stic a
solo del lo ro lav o ro . G li scritti c h e sta n n o c o m p ila n d o fo rn isco n o Q u e sta stanza è l'a u la do v e gli iniziati v e n g o n o istru iti p e r d iv en ta­
utili in fo rm azio n i sul te m p io e n o n solo, visto ch e il s a p e re le leggi re m aestri. D u ra n te il g io rn o , nella stan za si tro v a n o 3 - IS iniziati
di H u le p u ò esse re d i g r a n d e a iu to ai P G q u a n d o q u e sti lascera n ­ e d u n m aestro . Il m a e s tro sta sp ie g a n d o le vie del p e n s ie ro p u ro .
n o il te m p io e r ia ttr a v e r s e ra n n o la te r r a eli H u le. N’è il m a e s tro n è, ta n to m e n o , gli iniziati o p p o r r a n n o resisten za se
v e n g o n o m inacciati. In v ece essi c e rc a n o d i tr a tte n e re gii in tru si
A 13. B ib lio teca risp o n d e n d o ad ev e n tu a li d o m a n d e d i poca im p o rta n z a e f o r n e n ­
N ella sta n za r e g n a u n a o sc u ra e tris te c o n fu sio n e . M ucchi d i vec­ d o . negli a ltri casi, false in fo rm a z io n i. >Se possibile essi c e rc a n o di
c h ie p e rg a m e n e e lib ri g iaccio n o sp arsi o v u n q u e . N essu n o è nella fu o rv ia re i p e rso n a g g i in d u c e n d o li ad e n tr a r e nella S tan za d ella
stan za. P rova. A 16. Di n o tte l'a u la scolastica è vuota.
S e i p erso n a g g i ro v istan o tra libri e p u rg a m e n e , essi p o sso n o tro ­
A 16. L a S tan za d e lla P ro v a
v are u n q u a lc h e tito lo ch e p u ò m o strarsi utile. C o m u n q u e , p e r
o tte n e r e le in fo rm a z io n i d a q u e sti scritti, i p e rs o n a g g i d e v o n o stu ­ L a p o rta d i q u e s ta sta n z a è s e m p re ch iu sa. Essa p u ò esse re v arcata
d iarli p e r u n g io rn o . T ir a le ld 6 -2 p e r d e te r m in a re q u a n ti stralci solo in u n se n so c p u ò essere a p e r ta solo dall’e.stem o. A m en o c h e
d i in fo rm azio n i i per so n ag g i rie sc o n o a c a v a r fu o ri (1 e 2 d iv e n ta ­ n o n si g u a r d i l’a ltra faccia d e lla p o r ta , ta le fa tto n o n è intuib ile.
n o 0. 3 d iv e n ta I, ecc.). Ixt in fo rm azio n i d e v o n o essere fo rn ite U n a volta c h e la c o m p a g n ia si tro v a a ll'in te rn o d e lla sta n za, la
nell’o r d in e d a to {ad e se m p io , se i p e rso n a g g i o tte n g o n o tr e in fo r­ p o rta si ric h iu d e di b o tto e la s e rr a tu r a sc atta. I.'u n ico m o d o p e r
m azioni, q u e s te d e v o n o e s se re le p rim e t r e d ella lista). a p r ire la p o rta d a q u e sta p a rte è q u ello d i a b b a tte rla o fracassarla.
1-i p o rla è d o tata d i 100 p f è p u ò essere d a n n e g g ia ta solo da areni B2. P o sti d i G u a rd ia
d a taglio o da p esan ti a rm i d a botta. Q u e ste d u e stanze si tro v an o a fianco deH 'cn trata e so n o g u a rn ite
La sta n za è v u o ta a d eccezione di u n a piccola bacinella d'acqua nello stesso m o d o . C iascuna stanza c o n tien e letti, u n tavolo ed altri
posta sul pavim ento. C h iu n q u e g u a rd i nell’acqua d eve effe ttu a re oggetti co m u n i. I n ciascuna stanza, d i g io rn o e di n o tte , si tro v an o
u n tiro salvezza c o n tro Incantesim i. Se il tiro h a successo, nulla q u a ttro D ivinatori (CA 5; G l ; p f 2 4 : N "A T T 1: F 1-6; MV 12; I S
accade a m eno ch e il p erso n ag g io in q u estio n e n o n stesse p ensan­ G 4; M L 9; AM C). Se ven g o n o attaccali essi fa ra n n o ricorso agli
d o ad u n a pai licu laic p e rso n a o luogo. Se q uesto ò il caso, l’acqua oggetti m agici d i cui d isp ongono. T a li oggetti sono u n a ascia + 1 ,
si in to rb id irà e d alla bacinella co m in cerà a salire u n a nebbiolina. u n a m azza + 1 . d u e sc u d i + 1. un a n e llo d i re siste n z a al tu o c o .
Nella nebbia, il p e rso n ag g io sa rà in g ra d o d i o sserv are quel luogo u n a [>ergam cna della p ro iezio n e d a lla m a g ia e d u n ta p p e to
o q u ella persona. Q u in d i l’acq u a p u ò essere utilizzata p e r scovare volante. S arete voi a d ecid ere la d istrib u zio n e degli oggetti tra
il M aestro e p e r sc o p rire com e è fa tta la sta n za in cui si trova tu tti i D ivinatori. C iascu n a stanza c o n tie n e u n c o rn o p e r su o n a re
an ch e se ciò p u ò n o n in d ic a re d o v e tale stanza si trovi. Se il p erso ­ l'allarm e. Se il c o rn o viene su o n a to , i D ivinatori e i sa n tu o m in i
nag g io fallisce il tiro salvezza, l’acq u a si intorbidisce, diventa n e b ­ della Z o n a B4 a c c o rre ra n n o in aiu to . Essi g iu n g e ra n n o in cin q u e
bia e la nebbia lo c irco n d a. Il p e rso n ag g io si tro v e rà nel 1x1 mezzo ro u n d .
di u n o strar.o paesaggio. Gli unici colori sono il g rigio e il n e ro e
tu tto è co n to rto . Q u a ttr o o m b re spettrali* (C A 7; DY 2 + 2 : p f 10
ciascuna: N*A I T 1; F 1-1 + sp cciale; \1V 9; T S G 2: M L 12: AM B3. I-a S ala d e lle L eggi
C; so rp resa con 1-5) gli si sta n n o avvicinando. I p ersonaggi che Al c e n tro di q u e sto edificio si tro v a la Sala d elle L eggi, u n insolito
o sservan o il m alcap itato lo ved o n o c irco n d ato d a u n a nebbia sem ­ m ausoleo ch e o sp ita i grandi sa n tu o m in i d el p assato di H u le. In
p re più scura m a n o n riescono a d istin g u e re le o m b re spettrali. Iti e n tra m b e le p a re ti sono in castrate alcu n e b a re d i cristallo. In esse
u n tu r n o la n eb b ia avvolge e n asco n d e c o m p letam en te il p e rso ­ sono p e rfe tta m e n te conservati i c o rp i d ei passati re g n a n ti della
nag g io e poi inizia a d ira d a rsi. U n a volta scom parsa la nebbia, te rra di H ule. S otto ciascuna b a ra si tro v a u n a piccola lastra di
an ch e il p erso n ag g io d a essa avvolto s a rà scom parso. Egli è stato p ietra che reca scritto il n o n e d el r e g n a n te ed il p e rio d o della sua
in tra p p o la lo nella stessa d im en sio n e d elle o m b re spettrali. Q u a ­ vita. D u ra n te il g io rn o la saia è p a ttu g lia ta d a 1-6 m aestri e presso
lu n q u e perso n ag g io e n tr i nella nebbia d ev e e ffe ttu a re u n tiro sal- u n a g ra n d e a p e r tu r a si tro v an o 2 D ivinatori (CA 1; G 6; p f 38
vc lui co n tro In can tesim i. Se il tiro h a successo, egli p u ò a ffe rra li' ciascuno; N '°A T T 1; F 1-6; MV 12: T S G 6 : M I. 9; AM C ) ch e
il perso n ag g io m alcap itato e trascin arlo fu o ri della nebbia, a n n u l­ h a n n o in do ta z io n e u n o scu d o + 1 . Essi attaccan o c h iu n q u e cerch i
la n d o cosi Fincantesim o. Se a n ch e q u e sto p e rso n ag g io fallisce il di e n tr a re nella sezione (sezione C ) della to rre o cerchi di d istru g ­
tiro salvezza, a n c h ’egli v e rrà avvolto dalla dim ensione delle g e re le b a re di cristallo.
om b re. S e u n p erso n ag g io è co m p letam en to p e r d u to nella d im e n ­
sio n e delle o m b re, egli p u ò essere salvato se e n tro tre tu rn i viene S otto u n a d i q u este b a re si tro v a st rillo il n o m e di “ H o sad u s”. In
lanciato u n in can tesim o scaccia m ale d iz io n i o d istru z io n e del essa giace il c o rp o sfreg iato ed avvizzito di u n vecchio. Q u e sta b ara
m ale. T rasco rso tale p erio d o , il p erso n ag g io in tra p p o la to n on irra d ia m agia. H o sad u s (il c o rp o nella b ara) è il M aestro. L 'uom o
p u ò più essere re c u p e ra to con i norm ali mezzi (anche se l'incante­ visto d a tu tti nel tem p io è un a v a ia r, u n a fo rm a te rre n a di H o sa­
sim o d e sid e rio riesce n d l'in tc n to ). d u s, il c o rp o q u i racchiuso nella b a ra . I-a m e n te e Io sp irito di
H o sad u s agiscono tra m ite il c o rp o d e ll’av atar, re g n a n d o su I Itile e
Q u esta stanza v ien e utilizzata d ai m aestri e d a i santuom ini com e p re p a ra n d o la g u e rra . C o m u n q u e, la m en te e lo sp irito di H o sa­
[trova finale cu i s o tto p o rre gli iniziati p rim a di prom uoverli al g ra ­ d u s a lb e rg a n o an c o ra nel c o rp o a ll'in te rn o d ella b ara. S ebben e
d o successivo. N ella stan za n o n ci so n o tesori. H o sad u s sem b ri m o rto , la su a m e n te è a n co ra viva. Se u n p e rso ­
n ag g io utilizza l’E SP sul c o rp o nella b a ra , egli sco p rirà i p ensieri
A 17. T o rri d i G u a rd ia d el M aestro. Se il co rp o di H o sad u s viene d istru tto , la v a ta r si
Le q u a ttro scalinate circolari ili q u e s ta sezione si arram p ican o d isin te g re rà all'istante: i personaggi a v ra n n o sc o n fin o il M aèstro.
all’in te rn o delle q u a ttro to rri. In cim a ad o g n i to rre , a 30 m etri dal Se l’av a ta r viene d istru tto , il c o rp o di l lo sa d u s si ria n im e rà a n ch e
suolo, si trova u n po sto di g u a rd ia , l’ale postazione è u n a sem plice se inizicrà a d eco m p o rsi quasi im m ed iatam en te. Q u a n d o i p e rso ­
stanza circolare c irc o n d a ta d a u n m u ro alrn p o r o più Hi un m etro. naggi lo in c o n tre ra n n o , egli d isp o rrà di tu tte le abilità m agiche
Il te tto è so rretto d a cin q u e pilastri sottili. In ciascuna to rre si rim a ste d o p o la d istru zio n e d ell’av atar. C o m u n q u e le altre statisti­
tro v an o d u e D ivinatori (CA 7; G 2: p f 12; N °A T T 1: F 1-6; MV ch e sa ra n n o le seguenti: CA fi; p f 50; \ " A T T 2; F 1-6 co n le
12; T S G2: M L 8; AM C) e d u e goblin (C A 6 ; DV 1-1; p f 1; m ani: M V 36/12: T S C 14; M L 12: AM C. Egli c e rc h e rà d i scovare
N °A T T 1; F 1-6: M V 6; T S U C : M L 7; AM C). C iascuna to r re è e d istru g g e re c o lo ro ch e h a n n o ucciso il su o avaiar.
d o ta ta di un c o rn o p e r su o n a re l'allarm e. Ixr g u a rd ie sc ru tan o la
c a m p a g n a per av v istare in te m p o in tru si o attaccanti. Se essi se n ­
to n o u n qualch e ru m o re stra n o p ro v e n ire dagli edifici so tto di B 4. L a C o rte d e l G ra n G iudizio
loro, u n u m an o ed u n goblin sc en d o n o a d investigare. Essi n on
cercan o di co m b attere m a p ro v a n o a r ito r n a r e nella to rre p e r su o ­ I n q u esta g r a n d e stanza siede u n a delle p iù im p o rta n ti co rti di
n a r e Fallarm e. C iascu n a g u a rd ia possiede 1-4 M .O . giustizia di H ule, la C o rte d e l G ran G iudizio. L u n g o la p a re te
o p p o sta siedono q u a ttro sa n tu o m in i. D ue so n o n o rm ali u m an i
(CA 9; DV 1; p f 3 ciascuno; N "A T T 1; F a seco n d a d ell'arm a: MV
12; T S UC; M L 7; AM C). un a ltro è u n ch ierico (CA 9; C 6 ; p f 24;
B. La Seconda Sezione: Le C orti dei Santuo­ N °A T T 1; F 1-6 + 1: M V 12: T S C6 : M L 8; AM C ) e l'ultim o è u n
m ini m ag o (CA 8; M 8 ; p f 2 2 : .V A 1 T 1; F 1-4 + 1 : MV 12: T S MS; M I.
7; AM C). Il ch ierico possiede u n a m azza M , u n a n e llo re s p in g i
B l . C ancello in c a n te s im i, u n m an tello d e fle tte n te ed h a m em orizzato i
seg u en ti incantesim i:
Il cancello p u ò essere ra g g iu n to solo d o p o a v e r attrav ersato il fos­
sato ch e circo n d a l’edificio. D u ra n te il g io rn o il p o m e levatoio è P rim o liv e llo : in d iv id u a z io n e d e l m ale, •rnchri* m ag ich e
te n u to abixtssato. Esso v iene sollevato di n o tte o se è stato suonato S eco n d o liv e llo : blo cca p e rso n e , in d iv id u a z io n e d elF alIin e a-
l'allarm e. A g u a rd ia d el p assag g i) o ltre il p o n te si trova la S e n ti­ m ento
nella, u n gig an te d elle co llin e (CA 4: 1)V S: p f IO: N °A T T 1; F T e rz o liv ello : sc a c c ia m aled izio n i
2-16; MV 12; T S C 8: M L S: AM C>. La c re a tu ra è pesan tem en te Q u a rto liv e llo : n eu tralizza v elen o
avvolta in stracci. Faccia e co rp o >or.o nascosti alla vista c tu tto ciò
che .si p u ò v e d ere so n o le sp o rc h e p u n te delle dita. Q u a n d o q u a l­ Il m ag o possiede u n p u g n a le + 1 , u n a n e llo d i p ro te z io n e + 1 , u n a
c u n o cerca d i e n tra re in q u esta sezione. !a S entinella lo fe rm e rà e b acch e tta d e lle illu sio n i ed h a m em o riz zalo i se g u e n ti incantesi­
c h ie d e rà : “C hi s e r v i a m o - L a risp o sta c o rre tta è "H o sad u s’’. Se m i:
viene d a ta tale r isposta, il g ig an te lascerà p assare la perso n a o il
g ru p p o . Se- tale risposta n o n viene d a ta , il g ig an te sp in g e rà l'in tru ­ P rim o liv ello : c h a rm e , le ttu ra d e i lin g u a g g i, sc u d o m ag n etico
so facendolo ru zzo lare fin o o ltre il p o n te . Se il personaggio resiste S eco n d o liv ello : E S P , in d iv id u a z io n e d i u n o g g etto , ra g n a te la
o insiste, il g ig an te attacca. Se rie v .e a d a f fe rr a r e e sollevare u n a T erzo liv ello : p a lla d i fuoco, v elo cità
p erso n a, il g ig an te c e rc h e rà d i scara v en tarla nel fossato. Q u a rto liv ello : co n fu sio n e , m u r o d i g h ia c c io
Ci so n o in o ltre 4 D ivinatori (C A 6; G 3; p i' 15; N °A T T 1; F 1-6: m in a re q u ali sa n tu o m in i effe ttiv a m e n te si tro v in o in u n a stan za,
MV 12; T S G 3; M L 8 ; AM C) di g u ard ia. U n o d i questi possiede fate ricorso a-la se g u e n te tabella:
u n a p o zio n e d i rim p ie e io lim c n to ed un a ltro possiede u n a pozio­
n e d i g u a rig io n e . I sa n tu o m in i sta n n o ascoltando un iniziato e u n T ir o O c c u p a n te
m aestro ch e leg g o n o la d escrizio n e d i u n caso d a alcu n i ra p p o rti. d e l D ado
S e altro v e nell'ed ificio si v erifican o d ei d istu rb i, i sa n tu o m in i e i
D ivinatori v a n n o a d investigare.
1-7 M 6 i d ella Z ona pag.19)
B5. L e S tan ze d e i G iu d ic i 8-14 C h ierico (C 8) d efia Z o o a A H (pag.20)
15-21 U om o G > ~ ur*r della L n : B4 (pag.21)
Q u e sta stan za v ien e utilizzata d ai sa n tu o m in i d ella C o rte d el G ran 22-28 U om o C o m u n e d e lla Z o o a B4 (pag.21)
G iudizio p e r in c o n tra rsi e c o n fe rire nella discussione d ei casi p r i­ 29-35 C h ierico (C 6) d ella Z o o a B4 (pag.21)
m a d i e m a n a re il p r o p rio v e rd e tto . L a sta n za è ben am m obigliata 36-42 M ago (M S) della Zor— S i pag.21)
con se d ie c o n fo n e v o li ed u n g r a n d e tavolo. D ietro alla p o rta , in ca­ 43-49 G u e rrie ro (G 7) d ella Z ona B8 (pag.22)
te n a ta a d u n a p a re te , si tro v a u n a p a n te ra (CA 4; DV 4; p f 20; 50-56 G u e rrie ro (G 7) d ella Z- ::a B8 (pag.22)
N - A I T 3 : F 1-4/1-4/I-8; M V 2 1 :T S G 2; M I .8; AM N). I n c a te n a 57-63 G u e rrie ro (G 7 1 d eila Z ona B8 (pag.22)
è ab b astan za lu n g a d a p e rm e tte re all’an im ale d i a rriv a re alla p o r­ 64-70 U om o C o m u n e della Z o n a C5 (pag.23)
ta. Il felino atta c c h e rà tu tte le p e rso n e che n o n in d o ssan o le vesti 71-77 G u e rrie ro (G 9 ) d e lla Z ona C M (pag.25)
d e i sa n tu o m in i. Sul tavolo ci so n o m ucchi eli fogli di scarsa im p o r­ 78-84 U om o C o m u n e «sempre p resente)
tan za. U n o d i questi cu m u li è tr a tte n u to d a u n a m u le to lu n g im i­ 85-92 C h ierico (C 10) delia Z ona C 16 (pag.25)
ra n te . U n a ltro e so tto il peso d i u n a g em m a intagliata a form a di 93-100 G u e rrie ro (G 10) della Z ona D2 (pag-26)
occhio. La g e m m a v ale 10.000 M .O .
B6. S tan ze d eg li A v v o cali La tabella elen ca classe e livello (se a p p ro p ria to ) d el sa n iu o m o e
d o v e tale p erso n ag g io c o m p a re n el m o dulo. S eg n ate ogni sa n iu o ­
C iascu n o d i q u esti piccoli cubicoli o sp ita u n m aestro ch e lavora ad m o sc o n fitto d ai p erso n ag g i c le fe rite ricevute cd incantesim i u ti­
u n tavolino g io rn o c n o tte . C iascun cubicolo è illum inato d a un lizzati degli altri. Se la co m p ag n ia perquisisce u n a stan za, fate
in can tesim o lu c e p e rs is te n te . I fogli ch e si possono tro v a re nelle ricorso alla tabella c h e se g u e p e r d e te rm in a re cosa tro v an o . Nes-
sta n zette tr a tta n o di casi legali d i n essu n a utilità p e r i personag gi. sun o g g etto elen cato p u ò essere tro v ato più di u n a volta. L a tab el­
I m aestri al lav o ro in q u esti cubicoli ig n o ra n o tu tti i ru m o ri o la n o n in clu d e og g etti m agici o teso ri tra sp o rta ti d ai sa n tu o m in i.
d istu rb i p ro v en ien ti daH’e s te rn o . a m en o che n on n e v en g a d a n ­
n eg g iata la lo ro vita o il lo ro lavoro. T iro O g g etto
d e l D ado
B7. S tanza d e g li S c riv a n i
L i stanza è o ccu p ata di g io rn o d a o tto iniziati, tu tti occupati a
rico p iare i d o c u m e n ti legali d i cui necessitano gli avvocati e i sa n ­ I S crigno p ro te tto d a u n a tra p p o la ch e n asco n d e u n
tu o m in i. Essi fa ra n n o di o g n i d istu rb o u n a scusa p e r p o te r a b b a n ­ ag o velenoso (T S c o n tro V eleno o m o rte ), c o n ten en te
5.000 M .O . in u n a b o rsa c o n se rv a n te
d o n a re p e r u n p o ’ il lo ro noiosissim o lavoro.
2 U na c in tu ra o rn a ta di gioielli d el valore di 1.000 M.O.
B 8. L e C o rti M in o ri 3 U n elm o d e lla M u tazio n e d e ll’A llin eam en to
Q u e ste piccole sta n ze so n o delle a u le di giudizio in cu i ven g o n o 4-6 N ulla d i valore
p re se n ta li i casi di m in o re im p o rta n z a . In u n a v en g o n o p resen tati
i casi civili ch e n o n h a n n o p o tu to essere risolti d alle a u to rità c dai B12. A rm adi
p ro fe ti locali. U n ’a ltra au la e m e tte le sen ten ze a carico d i coloro Q ueste piccole stanze so n o in re a ltà d e i grossi a rm a d i. Esse c o n ­
ch e vivono nel tem p io . La terza c riserv ata ai casi d i crim inalità. ten g o n o delle vesti (indossabili d ai p erso n ag g i), utensili d a sc rittu ­
D u ra n te il g io rn o q u i si tro v a un sa n iu o m o (CA 9; G 7: p f 37; ra, sa p o n e, olio d a b ru c ia re c d a ltri oggetti d i c o m u n e utilizzo.
N -A T T 1; F 1-8; M V 12; I S G7; M L 8; AM C) a rm a to di sp a d a;
B 12. S tazio n e d i G u a rd ia
egli in o k re p o ssied erà o u n a p o z io n e d i in v u ln e ra b ilità o m a n te l­
lo e stiv ali elfic i. C o n lui si tro v e ra n n o d u e m aestri e d un iniziato. T a le stazione il cui scopo è d ife n d e re e p ro te g g e re i sa n tu o m in i e
Di n o tte tali sta n ze so n o vuote. Se u n sa n iu o m o n o ta d ei segni di occupata d a d u e D ivinatori (CA 3; G 4; p f 22 ciascuno; N °A T T 1;
d istu rb o , egli ch ia m e rà gli altri p re se n ti e tu tto il g ru p p o acco rre­ F 1-6; MV 12; T S G l; M L 9: AM C). C iascun D ivinatore possiede
r à p e r investigare. C iascun .saniuom o indossa u n a collana in g em ­ u n a p o zio n e d e lla fo rza d e i g ig an ti. La stazione e o p erativ a solo
m ata, sim bolo d el p r o p rio a lto incarico. T a li collane valgono 2.000 di n o tte m e n tre d u r a m e il g io rn o è deserta.
M .O . ciascuna.
B9. A ttracco
Q u esto p o rtic ato d o ta to di tetto si e ste n d e fin sul fossato. A d esso
C. La Terza Sezione: La C orte del M aestro
so n o attra c c a le q u a ttr o c a n o e (M V 18). C iascuna c a n o a p u ò c o n te ­ T a le sezione si innalza al di s o p ra d i tu tte le a ltre zone del tem pio.
n e re d u e p erso n ag g i o u n p e rso n a g g io con tu lio il suo e q u ip ag ­ T u tti gli edifici si a p p o g g ia n o a d u n a terraz za 6 m e tri più in alto
g iam en to , arm i cd a r m a tu ra . Q u e ste im barcazioni v en g o n o utiliz­ delle a ltre sezioni. L’edificio p rin cip ale consiste d i p arecch ie to rri,
zate p e r rilassarsi o p e r isp ezio n are il fossato. Sia di n o tte che di la più alta delle quali a rriv a ai 30 m e tri di altezza. T u tie le torri,
g io rn o , n e ssu n o è p re se n te all'attracco. all’e ste rn o , sono d e c o ra te e o rn a te di sc u ltu ie A g i angoli delle
to rri si tro v an o sta tu e di c re a tu re g ro ttesch e. Le rlniexrc sono rac­
B10. B alco n ata
chiuse in cornici ra ffig u ra n ti delle fauci sp a lan cali Le fo n ta n e
II seco n d o p ian o di q u e sto edificio c c irco n d ato d a u n ’a m p ia b a l­ sg o rg an o acq u a dalle !>ocche di c r e a tu re c o n to rte C iascuna to rre
co n ata c o p e rta . L u n g o il suo m a rg in e e ste rn o c o rre u n p a ra p e tto è so rm o n ta ta d a u n p e n n acc h io sv e n to la n te di to?o?e vivace.
ili p ietra. D u ra n te il g io rn o la balconata è d e s e rta . D u ra n te la n o t­
te vi si tro v a n o q u a ttro D ivinatori (CA 2; G 5; p f 32; N °A T T 1; F C I. La C ascata
1-6 + 1 ; M V 12; T S G 5; M L 9; AM C), arm a ti di u n a m azza + 1 , Un m u ro d i p ie tra a lto 6 m etri se p a ra q u esta sezione d el tem p io
u n o p e r an g o lo . Essi fe rm a n o c h iu n q u e cerch i d i e n tr a re nella dalle a ltre . D a so p ra il m u ro cad e u n flusso d ’a c q u a c o n tin u o . D al­
p a rte alta deU’cdificio. la p a rte so tto stan te si in n alzan o piccole nuv o le d i neb b ia. Se u n
p e rso n ag g io cad e nella rasenta, egli su b irà 1-6 fe rite p er l’im patto .
B I 1. S tan ze d e i S a n tu o m in i Il fossato che circo n d a la sezione d ella to rre è p ro fo n d o 3 m etri.
C iascuna stan za o sp ita d u e sa n tu o m in i. L e stanze possono essere Nel fossato vivono 10 coccodrilli g r a n d i (CA 3; DV 6; p f 32 ciascu­
in p re d a alla co n fu sio n e o p p u r e p e rfe tta m e n te o rd in a te , a secon­ no; N - A I T I; F 2-16; M V 9/9; T S G3; ML 7: AM N . C h iu n q u e
d a d elle ab itu d in i d eg li o ccu p an ti. C iascuna stanza d isp o n e dei e n tri nel fossato v e rrà attaccato d a u n coccodrillo nel q u a rto
co m u n i a r re d i q u ali d u e letti, u n tavolo, sedie, vestiti, vari effetti ro u n d a p a r tire d a q u ello in cu i il p erso n ag g io e n tr a nell'acqua.
p erso n ali e uten sili d a cucina. D u ra m e il g io rn o le stanze sono O g n i p erso n ag g io n o n v e rrà attaccato d a più di q u a ttro coccodril­
vuote. Di n o tte in o g n i sta n za ci sono d u e sa n iu o m in i. P er d e te r ­ li.
Q ui si trova u n a s tr u ttu ra a d u e piani so rm o n tata d a ciò ch e sem ­ Su ciascun lato d ell’e n tra ta a questa zo n a si trova l’en o rm e sta tu a
b ra essere la gigantesca sta tu a d i u n c o n d u cen te d i carro . Sul pavi­ di u n a c re a tu ra screziata d i n e ro e rosso. T ali c re a tu re p re se n ta n o
m en to p iù basso si tro v a u n o stre tto p o n te levatoio ch e si congiun- u n m u so elefan tin o d o ta to di c o rn a e zan n e. Il c o rp o è fo rm a to d a
ge ad u n a p a rte rialzata della sezione 15. I com andi del p o n te leva­ u n a m assa in tricata d i tentacoli filam entosi. I«e braccia term in a n o
toio possono essere visti nel passaggio. Nel bel m ezzo del con grosse chele. I piedi so n o p alm ati e artigliati. Le sta tu e sono in
[»assaggio si tro v an o d u e o rc h i di g u a rd ia (CA 5; DV 4 + 1 ; p f realtà delle m alferc* (CA 3; DV 9; p f 45,40; N °A T T 3 +specialc;
20.15; N °A T T 1; F 1-10; MV 9; T S G 4; M L 10; AM C). Essi F 1-10/1-10/1-6; MV G; T S G 13; M L 11; AM C ; vedi alla fin e del
fe rm a n o ch iu n q u e cerch i di e n tr a re nella zo n a e rich ied o n o la m odulo). Le m alfe rc attaccan o solo se i p erso n ag g i cercan o di
p aro la d o r d in e . T a le p aro la d ’o rd in e è "Il M aestro regna". Se la e n tra re nella to r re sotto la p ro tezio n e d ell’invisibilita o se vi e n tra ­
p arola d ’o rd in e n o n viene d a ta o è sbagliata, gli o rch i attaccano. no senza p rim a av er sa lm o d iato la c o rre tta p re g h ie ra . L’esatta
p re g h ie ra p u ò essere a p p re sa se i PG p assano u n p o ’ di tem p o ad
A d en tram b i i Iati del passaggio si tro v an o d u e stanze. U na di
osservare gli altri ch e e n tra n o nella to r re o se riescono a d in g a n ­
q u este è la stanza deg li orchi. Èssa co n tien e stracci, ossa e parecchi
n a re gli orchi d i g u a rd ia facendogliela salm o d iare. (A d esem pio,
pezzi di leg n o fracassato. N ascoste sotto il cu m u lo più rib u ttan te
se i p ersonaggi ch ied o n o loro, “Q u al è la p re g h ie ra del giorno?",
d i stracci si tro v an o 4 .0 0 0 M .O. L ’a ltra stanza è il po sto di g u ard ia
gli orchi p o tre b b e ro n o n realizzare ch e la p re g h ie ra n o n t'am bia
d i d u e D ivinatori (CA 1; O 5; p f 30,28; N °A T F 1; F 1-8 + 2 ; MV
mai). Se le m alfere v en g o n o uccise, i lo ro co rp i si dissolvono in
12; T S G 5; M I. 12; AM C). C iascun d iv in ato re possiede un a
nebbia.
corazza d i p ia s tre 1 1 e u n a sp a d a + 2 . Se nel passaggio inizia un
co m battim ento, essi ce rc h e ra n n o d i s o rp re n d e re ed attaccare gli All’in te rn o d ell’e n tra ta , il passaggio è fiancheggiato d a pannelli di
in tru si. Se n o n dov essero riuscire, essi c e rc h e ra n n o d i circo n d are i legno in tarsiato ch e illu stran o sa n tu o m in i e c re a tu re provenienti
nem ici. Q uesti D ivinatori c o m b a tte ra n n o fino alla m o rte. C iascu­ d a a ltre d im ensioni. D aU'altra p a rte dei pannelli ci sono dei pas­
n o tra sp o rta 500 M .O . in u n a b o rsa alla cin tu ra. La stanza n o n saggi segreti ch e n a sco n d o n o d u e o rch etti (CA 6 ; DV 1; p f 5 cia­
co n tien e alcu n ch é d i in teressante. scuno; N °A T T I; F 1-6; MV 12; T S G l; M L 9; AM C) p e r lato del
passaggio. C iascun o rc h e tto si trova dav an ti ad u n a feritoia nasco­
C3. S eco n d o P ia n o d e l C an cello sta. osserva l'e n tra ta e, se lì si verifica u n com b attim en to , a p r e la
feritoia e scaglia le frecce. D ato che attaccan o a ttra v e rs o delle feri­
l-a stan za p u ò essere rag g iu n ta solo a rra m p ica n d o si p e r le scale toie, gli o rch etti h a n n o la classe d e ir a n n a tu n i p a ri a 2 e d e ffe ttu a ­
poste ad e n tra m b e le estrem ità. I.e scale a ttrav ersan o la stanza e si no i tiri salvezza a -4.
p e rd o n o su p e r d elle botole sul soffitto. Nella stanza si tro v an o 6
D ivinatori (CA 7; G 2 ; p f 10 ciascuno; N °A T T 1; F 1-6; MV 12;
T S G 2; M L 8; AM C) a rm a ti d i m azze e d archi. Essi sono in servi­ C 6. S tanze d e l M aestro d e l P ro to c o llo
zio p e r p ro te g g e re la to r re d a ogni tipo di attacco. I jc g u ard ie Q ueste piccole stanze d isp o n g o n o di tavoli, sedie e sgabelli. N on
scagliano frecce sia a ttrav erso le ferito ie che si tro v an o sulle p a re ­ c'è nessuno. E n tram b e so n o illum inate d a un in cantesim o lu ce
ti, sia attrav erso la botola ch e si tro v a al c e n tro del pavim ento, nel p e rsis te n te . Sui tavoli vi so n o cum uli d i fogli. Se i p erso n ag g i vi
caso si verificasse u n co m b attim en to al p ian o so ttostante. Nella fru g a n o in m ezzo, essi tro v e ra n n o u n a m ap p a della sezione della
stanza si tro v an o in o ltre p arecchi barili d i olio d i b u o n a qualità. Se to rre. L a m ap p a m ostra tu tte le stan ze del p rim o p ian o ad eccezio­
necessario, i D ivinatori p o ssono in o n d a re d o lio il passaggio sotto­ n e delle scalinate se g rete e d ello sgabuzzino se g reto di u n a delle
sta n te e poi d arg li fuoco g e tta n d o u n a torcia accesa. U n barile d u e stanze.
d ’olio rico p re tu tti i p erso n ag g i ch e si tro v an o d ire tta m e n te sotto
la botola in u n ’a re a q u a d ra ta di 3 in e tri d i lato. L ’olio infligge 1-8 N ell’an g o lo di u n a stanza c ’è u n a p o rta seg reta. L a p o rta p u ò esse­
ferite p e r ro u n d e c o n tin u e rà a b ru c ia re p e r cin q u e ro u n d a m eno re a p e rta facen d o sc o rre re u n o zoccolo ch e si trova alla su a base.
ch e n o n venga lavato via. O gni D ivinatore nella stanza possiede A ll'in tern o si trova u n piccolo sgabuzzino vuoto, u n a via d i fuga
u n a borsa c o n te n e n te 100 M .O. speciale p e r il M aestro e gli altri del suo seguilo. U na volta ch e u n a

E retto so p ra il cancello si trova u n gig an te delle tem peste (CA 2;


DV 15; p f 70; NuA i T l ^ s p e d a le ; JK8-48 + speciale; MV 15; T S
G15; M L 9; AM I.) so tto l’influsso d i u n incantesim o, posto in
m odo d a se m b ra re la sta tu a d i b ro n zo d i u n c o n d u cen te d i carro .
In u n a m an o egli reg g e u n a fru s ta en o rm e. Se gli viene o rd in a to
dal M aestro (che dev e p e rò tro v arsi a d u n a distanza tale d a potersi
fa r u d ire ), egli si an im erà ed eseg u irà ogni su o o rd in e . U na volta
term in a ta l’esecuzione deg li o rd in i, egli si a llo n ta n e rà dal tem p io e
n o n vi fa rà p iù rito rn o . Egli n o n d e sid e ra assolutam ente rim a n e re
in q u esta zona. Solo il M aestro p u ò a n im a re il gigante. Q u esto
g ig an te è lo stesso d ella ra p p re se n ta z io n e del te a tro delle m ario ­
nette. C o m u n q u e, i d ettag li a su o tem p o forniti rig u a rd a n ti l’in ­
can tesim o c h e Io co strìn g eva al tem p io e ra n o sbagliati.

C4. I G ia rd in i
Q u a ttro piccoli g iard in i, collegati d a sottili strisce di te rre n o erbo-
so, c irco n d an o l'edificio d ella to rre principale. In ciascun giard in o
vivono d u e orsi g u fi (CA 5; DV 5; p f 24 ciascuno: N °A T I' 3; F 1-8
ciascuno; MV 12; T S G 3; M L 9; AM C). Gli orsi gufi presen ti in
u n a sezione n o n a iu te ra n n o quelli p resen ti in u n 'altra. Essi non
possied o n o tesori.
I g iard in i so n o v eram en te b e n ten u ti. L 'erba è ben tagliata, ciascu­
n a sezio n e co n tien e aiu o le fiorite, piccoli alberi ed u n a g ra n d e
fo n tan a. N el c e n tro d i o g n i fo n ta n a si trova la sta tu a d i u n a o rrib i­
le bestia. L’acqua sgorga c o v a n te m e n te dalla bocca di q u este sta­
tu e, rag g iu n g e ed o ltrep assa i b o rd i della vasca p e r poi riversarsi
lu n g o i fianchi della base. L 'acqua c h e fuoriesce dalle fo n ta n e a li­
m en ta il fossato.
p e rso n a vi si u ovi a ll'in te rn o e la p o rta venga chiusa, tale p erso n a g iovane vestito con a m p ie \e s ii b lu . piegato >u u n tavolo, in te n to a
viene ic lc tra sp o i tata nel |H>sto c h e sta visualizzando. Se la p erso n a c onsultare u n hbco d a lfa sp e tto assai antico. A dagiato in u n a bara
e n tra n ello sg ab u zzin o e n o n p e n sa a d u n a locazione specifica (che accanto a lu i s tr o r a 0 c o r p o d i u n u o m o anziano, d ai capelli c
abbia già visto) e n tr o 5 ro u n d , essa v e rrà te le tra sp o rta ta in u n a b arb a grigi P er tu tta la stanza ci w n o scaffali d i libri c p erg am e­
qualsiasi locazione casu ale a d 1- 100 chilo m etri di distanza dal tem ­ ne; qui <■: tro v an o in o ltre u n ietto, anim ali im pagliati, stran i og g et­
pio. S e n ello sgab u zzin o si tro v a n o più d i u n a p e rso n a , essi a rriv e ­ ti appesi afle p a re ti e d iv erse casse in g o m b ra n ti. Delle im poste
r a n n o tu tti n ello stesso luogo. c h iu d o » , fe rm a m e n te !c Finestre.
Il g io v a re c delia g ia ra m ag ica di A lre th u s (statisti­
C 7. Il T e m p io P u b b lic o che d i A lreth u s: C A 9 ; M 11; p f 26: V A T I 1; F 1-4 + 2 ; MV 12;
Q u esta g r a n d e sta n za è il te m p io p rin cip ale utilizzato p e r le c e ri­ T S M I I ; ML 7 u tis ù c h e d e l giovane: C A 8; p f 40;
m o n ie pubb lich e. Q u i so n o se m p re di g u a rd ia d u e p a n te re d isto r­ N A T I 1: F 1-4 + 2 : M V 12; le restan ti statistiche so n o u guali a
quelle di A lreth u s se co n d o in c o m a n d o e assistente p erso n ale d el
centi (CA 4; n v 6 ; p f 3 0,25; N °A T T 2; F 2-8/2-S; MV 15; T S G 6 ;
M aestro. Il c o rp o ricin o al g io v an e a p p a rtie n e ad A lreth u s. A lre­
M L S; AM N ; -2 ai tiri p e r co lp irle e + 2 ai tiri salvezza) ad d estrate.
Esse attaccan o solo agli o rd in i d el M aestro o dei D ivinatori. Le th u s ha m em o riz zalo ì se g u e n ti incantesim i ch e p u ò lanciare
an ch e m e n tre :1 su o sp irito abita il c o rp o d el giovane:
p a re ti so n o d e c o ra te co n d ip in ti ch e illu stra n o le Dieci D evozioni
alla S an tità ch e o g n i iniziato o m aestro d ev e re c ita re p rim a di P rim o liv ello : c h a rm e , d a rd o in c a n ta to (x2), lu c e m agica
e n tr a r e in q u esta stan za. (Contro la p a re te o p p o sta a ll'e n ira ta si S eco n d o liv ello : ESP. in v isib ilità , levitazione
tro v a u n tavolo s tre tto ch e reg g e le reliq u ie d e i sa n tu o m in i del T e rz o liv ello : fu lm in e m agico, p a lla d i fu o co , volare
passato. Esse so n o o g g etti c o m u n i e n o n m agici co m e bastoni, Q u a rto liv ello : c h a rm e ¡m o stri), c o n fu sio n e , m etam o rfo si
libri, in d u m e n ti e d a rm i o rm ai inservibili. Esse n a sco n d o n o u n a Q u in to liv ello : ev o caz io n e d e g li d e m e n ta li, p assa p a re ti
tra p p o la m agica cosicché tu tti gli oggetti v en g o n o individuati S esto liv ello : tra s fo rm a c a rn e in p ie tra
co m e m agici. C h iu n q u e a f fe rr i u n o g g e tto d el tavolo d ev e e ffe t­
In p iù , A lreth u s tra s p o rta u n p u g n a le + 2 , + 3 c o n tro gli elfi, i
tu a re co n successo u n tiro salvezza c o n tro In can tesim i o essere
n a n i e g li h a lflin g , u n a p o zio n e d i re sisten za al fu o co , u n a pozio­
tra sfo rm a to (m etam o rfo si) in u n ’in fim a lum aca. D ietro il tavolo
n e d e ll’au to m e ta m o rfo s i. u n a b a c c h e tta d e l fre d d o , ed u n a p e r­
c 'è u n a p o rta se g re ta c h e co n d u c e alle C elle d ella P rep arazio n e.
g am en a c o n te n e n te gli incantesim i lu ce m ag ica, in d iv id u a z io n e
d e ll’in v isib ile , in fra v is io n e , d iss o lv i m ag ie e disso lu zio n e.
C 8. B a racc h e d e i D iv in a to ri
Se viene colto im p re p a ra to , A lreth u s c o m b atterà nel c o rp o del
Q u este stanze o sp ita n o i D ivinatori a g u a rd ia d el tem p io . In cia­ g iovane senza b a d a re a m e tte re a re p e n ta g lio la su a vita. D a p p ri­
scu n a stanza si tro v an o 2-S D ivinatori (CA 9; G 3; p i IO ciascuno; m a lan cerà l’in can tesim o c o n fu sio n e cd in seguito fa rà ricorso ai
N - A 'I T 1: F a seco n d a d e ll'a rm a ; MV 12; T S 0 3 ; M L 9; AM C) d a rd i in c a n ta ti e alla m e ta m o rfo s i p e r sbarazzarsi di eventuali
fu o ri servizio. A m en o ch e n o n sia sta to su o n a to l'allarm e, essi non superstiti.
d isp o n g o n o d i arm i o a r m a tu re a p o rta ta di m an o . S e l’alla rm e è S e i p erso n ag g i p alesano la loro presen z a nel ten tativ o d i v arcare
staio su o n a to , la lo ro classe d e ll'a rm a tu ra sa rà 4 e a v ra n n o in la soglia, A lreth u s. n el co rp o d el g iovane, p ro te g g e rà il su o co rp o
m a n o a rm i d i vario tipo. reale c o p re n d o lo con u n a te n d a . Poi l>errà la p o zio n e d e lla m e ta ­
C iascuna stanza c o n tien e u n lu n g o tavolo e parecchi letti a castello m o rfo si trasfo rm a n d o si in u n piccolo to p o . U na volta e n tr a ta la
a q u a ttro piani. S o tto il p ian o in fe rio re d i ciascun letto si tro v an o com pagnia, A lreth u s a tte n d e il m o m e n to m igliore (cioè q u a n d o i
le casse c o n te n e n ti gli effe tti p erso n ali d i ciascuno. Se esse v en g o ­ suoi attacchi a v ra n n o più effe tto ) e si ritra s fo rm a nella su a vera
n o p erq u isite (in ciascu n a stanza si tro v an o 28 casse), i personaggi form a, lancia u n in can tesim o p e r poi c o m p ie re n u o v am en te u n a
tro v e ra n n o 5.0 0 0 M .O . in m o n e te e g em m e d i vario tip o (nessuna m etam o rfo si in u n 'a ltra piccola c re a tu ra p e r n ascondersi. Egli
d i v alo re su p e rio re alle 100 M .O ., co m u n q u e). L u n g o le pareti si c o n tin u e rà a co m p o rtarsi in q u e sto m o d o finché n o n svanisce l e f ­
tro v a n o d elle la stre llie re c o n te n e n ti varie a n n i: qui si p u ò tro v a re fetto della p ozione o h a sistem ato lu tti i perso n ag g i.
q u a lu n q u e tip o d i a rm a m a n essu n a è m agica. Se, [km- u n a qualsiasi rag io n e, il corpi) d el giovane v ien e ucciso, lo
sp irito di A lre th u s lo lascia e rito rn a alla sua g ia ra m ag ica in A7
C 9. C u c in e (nag.19). Se m età o p iù d ei p erso n ag g i è sta ta elim in ata. A lreth u s
rito rn a nel su o c o rp o p e r p ro se g u ire il co m b attim en to . Se i suoi
S itu ate al di so p ra d elle b aracch e d e i D ivinatori si tro v a n o le cuci­ attacchi n o n risolvono la situazione, egli si ritire rà in C I 2. Se in v e­
n e p e r q u esta sezione d el tem p io . C iascuna cu cin a è u n a stanza ce le pro b ab ilità di v ittoria n o n so n o alte, egli a tte n d e rà nella sua
b u ia e fu m o sa. Al lav o ro nelle cu cin e si tro v a n o o tto goblin (C A 6 : g iara m ag ica in a tte sa di o c c u p are u n a ltro c o rp o ad atto .
DV 1-1 ; p f 3 ciascuno; N *A T T 1; F 1-4; MV 6; T S U C ; ML 7; AM
C ) e d u e b u g b e a r (CA 5; DV 3 + 1 ; p f 10 ciascuno: N “A T T 1; F A p a rte gli og g etti già descritti, nella stanza n o n ci sono altri tesori.
2-8; MV' 9: T S G 3; M L 9 ; AM C ) che f u n g o n o d a su p e rv iso ri. Essi I libri, seb b en e an tich i, n on h a n n o alcu n valore.
so n o in te n ti a p r e p a r a re il p ra n z o p e r gli ab itan ti d el tem p io . Se
v en g o n o attaccati, i go b lin c o m b a tte ra n n o con i coltelli d a cu cin a c C I 2. L ab o rato rio d i A lre th u s
i b u g b e a r si a r m e ra n n o d i u n qualsiasi o g g e tto disponibile. Essi Q u esta piccola stanza è vu o ta a d eccezione di alcu n i scaffali a d d o s­
n o n si p re o c c u p e ra n n o di investigare su o n i o d istu rb i p ro v en ien ti sati alle p areti. Un fu re tto g ig an te (CA 7: D V 4 + 4 ; p f 30: N'*ATT
d all'estern o . N essu n a d elle stanze co n tien e tesori. 1 + speciale: F 2-8; MV 15; T S G 3; M L 9; AM N) e incatenato
vicino all’e n tra ta . Gli scaffali sono in g o m b ri di tu tù q uegli s tr u ­
CIO. C e lle d e lla P re p a ra z io n e m enti che un m ag o deve av ere p e r p ra tic a re la sua professione.
N essuno di q u esti m ateriali se m b ra essere di q u a lc h e valore.
Q u esto piccolo c o rrid o io ospita q u a ttro celle, tre d elle quali sono C o m u n q u e, invisibile su u n o degli scaffali, si u o v a u n o scrigno
vuote. N ella q u a r ta è rin ch iu so N arellu s, u n g u e r rie r o (CA 9; G 7; c o n te n e n te d elle gem m e. In q u e s to sc rig n o ci sono 20 cernine p e r
p f 45; N * A T T 1; F a seco n d a d ell'arm a: M V 12; T S G 7; M I. 8 ; u n valore di 10.000 M .O . in totale. Se A lre th u s è fu g g ito in questa
AM L; Fo 12, In 10, Sa 11, D e 13, CO 15, C a 12). Egli a p p a rtie n e stanza, egli c o n tin u e rà qui il su o co m b attim en to . A f f a n d o il
alla sp ed izio n e o rig in a le ch e e r a sta la in v iata p e r sp ia re il M aestro. fu re tto g ig an te p e rc h é lo aiu ti. A lreth u s c o m b atterà fin o alla m o r­
O ra , d o p o essere stato c a ttu ra to , è in attesa di un fato sconosciuto te.
m a sic u ram en te spiacevole, alla m ercè del M aestro. Egli si u n irà
v olen tieri alla co m p ag n ia ch e gli sia fo rn ito o m en o d cll'equipag-
C I 3. S tanza d e lle Spie
g iam en to . N a tu ra lm e n te sa rà d i m a g g io r aiu to se gli v e rrà a ffid a ­
ta alm en o u n 'a rm a , se n o n u n 'a rm a tu ra . Egli vuole vendicarsi del Q u esta piccola stanza p u ò essere ra g g iu n ta solo a ttra v e rso le p o rte
M aestro c p u r di t r a r r e v e n d e tta fa rà di testa p ro p ria . se g rete che c o n d u c o n o al passaggio vicino alle scale. All’in te rn o si
tro v an o d u e sgabelli posti vicino a d u n o spioncino. La stanza è
illum inata d a u n a la n te rn a sc h erm ata. N ei perio d i in cui vi sono
C I I. S tan za d i A lre th u s delle co n fe re n z e nella Sala dei R icevim enti, qui si tro v a n o diversi
La p o rta di q u esta stanza c ch iu sa con u n c h ia v is te llo m agico. Se i scrivani p e r re g istra re tu tto ciò c h e viene d e tto o fatto. A l m o m e n ­
p erso n ag g i e n tr a n o nella sta n za in g ra n se g reto , essi v e d ra n n o un to la stanza è vuota.
C 14. S ala d e i R ice v im en ti m o dulo. L a C asa d i Z eb u lo n è un piccolo cu b o d i p ie tra che reca
d ip in te u n a p o rta e alcu n e fin estre. Il su o possessore, q u a n d o
A d u n a estrem ità d i q u esta lu n g a sala si tro v a u n g rosso seggio
vuole, p u ò fa r a p p a r ire u n a p o rta v era. La p e rso n a c h e ne v arca la
sim ile a d u n tro n o . A ll'altra e stre m ità u n p a io d i grosse d o p p ie
soglia, co n tu tto ciò ch c tra sp o rta e tu tti co lo ro a cui si accom pa­
p o n e si a p ro n o su u n a b alco n ata che g u a r d a d ire tta m e n te sulle
gna, v e rrà tra sp o rta ta a ll'in te rn o del cu b o in un piccolo a p p a r ta ­
zone C5 e C 6. I-e p areti d ella stanza so n o ric o p e rte d a u n sottile
m en to di sci stanze. Q ui tale p erso n a p u ò rim a n e re p e r q u a n to
strato di a rg e n to b a ttu to . L ’a rg e n to riflette tu tto ciò che si trova
tem p o d esid era. Il possessore p u ò lasciare le stan/.e in ogni
nella stan za e causa co n fu sio n e. In p ied i n ella stanza si tro v a u n
m o m en to , v arcan d o la stessa soglia p e r la q u ale e r a e n tra to . U n a
sa n tu o m o ( ( ’A 0 b o n u s De; G 9; p f 55; N°A’I T 1; F 1-8 + 3 b onus
volta alla se ttim an a, il possessore p u ò p ro ie tta re l'in g resso in un
Fo; M V 12; T S G 9; M L 10; AM C). I p erso n a g g i v ed o n o tre div e r­
qualsiasi luogo ch e gli sia fam iliare, com e p e r l’incan tesim o tele-
se im m ag in i d el sa n tu o m o e d ev o n o c o m b a tte rlo co m e se su d i lui
tra sp o rto . Il M o d u lò X 4 c o n tien e u n a m a p p a di q u esto cu b o (n el­
fosse sta to lan ciato l’in can tesim o im m ag in i illu so rie : co m u n q u e,
l’A bbazia d el Male) alla q u a le si p u ò fa re rife rim e n to : il DM e
le im m ag in i riflesse n o n sc om paiono u n a v o lta colpite, com e acca­
co m u n u e lib ero d i c re a rn e u n a p ro p ria .
d re b b e se si tratta sse v e ra m e n te di tale in can tesim o . Egli tra sp o rta
u n a ta rg h e tta d ’o ro co m e salvacondotto, re c a n te il sigillo ilei M ae­
D istese ai piedi d el M aestro si tro v a n o d u e tigri (CA 6 ; DV 6 ; p f
stro. La ta rg h e tta vale 5 0 0 M .O .
34,30: N °A T T 3; F 1-6/1-6/1-12: M V 15; T S G 3; M I. 12; A M N)
che in d o ssan o d e i c o lla ri d e l c o n tro llo d e g li a n im a li. T a li collari
C I 5. M agazzino fu n zio n an o nello stesso m o d o della o m o n im a p ozione m a il loro
e ffe tto n o n svanisce m ai. S e m p re ai p ied i del M aestro si tro v a il
La stan za co n tien e m o lte d elle m erci o c c o rre n ti nella vita q u o ti­ co m an d o p e r a z io n are la botola di fro n te alla scalinata.
d ian a d el tem p io . T r a q u este si c o n ta n o d e lle can d ele, scope, cesti­
ni, p e rg a m e n e , in ch io stro , p e n n e , sabbia e incenso. N ella stanza Se il M aestro e sta to colto im p re p a ra to , egli d a p p rim a c e rc h e rà di
n o n v e alcu n ch é di valore. fa r c a d e re il m ag g io r n u m e ro possibile di p erso n ag g i a ttra v e rs o la
botola. T a le botola si a p r e sulla Z ona C 14. C h iu n q u e cad a a ttr a ­
verso tale botola su b irà 2-12 fe rite p e r la c a d u ta d i 6 m etri. D opo
C I 6. S tan za d el M ag g io rd o m o av e r azio n ato la tra p p o la , il M aestro o rd in e rà alle tigri di attaccare
e lan cerà l'incantesim o d ito d e lla m o rte sul p e rso n ag g io più vici­
Q u esta stan za è l’ufficio d el M aggio rd o m o d e l tem p io . Al m o m e n ­ no. In se g u ito lan cerà il sile n z io (ra g g io 5m ) su u n p erso n ag g io
to nella stanza e p re se n te u n sa n tu o m o (CA 5; C 6 ; p f 27: N °A T T
ch e si sia rivelato u n m ag o o u n elfo. In fin e utilizzerà i rim a n en ti
1; F 1-6 + 3 : M V 12: T S C 6; M L 5; AM C ) c h e indossa i g u a n ti d el
incantesim i c e rc a n d o d i tr a rn e il m a g g io r p ro fitto . S e le tigri v en ­
p o te re o rch esc o . Egli h a m em orizzato i se g u e n ti incantesim i:
g o n o sconfitte o se si trova in se rio pericolo, il M aestro utilizzerà
P rim o liv ello : c u r a f e rite le g g e re , in f lig g i fe rite leg g ere gli stiv a li d e lla le v ita z io n e p e r p assare a ttra v e rs o la botola c h e si
S eco n d o liv e llo : b lo c c a p e rs o n e , sile n z io (ra g g io 5m) tro v a sul so ffitto , e n tra n d o cosi nella zona C 18. U na volta in q u e ­
T e rz o liv e llo : c re sc ita a n im a le sta zona egli p u ò c o n tin u a re a d attaccare i p erso n ag g i o , se le cose
Q u a rto liv ello : c u ra fe rite g ra v i si m e tto n o m ale, p u ò so ttrarsi alla vista p e r e n tr a re nella C asa d i
Z ebulon. In tal caso, q u a n d o i [»ersonaggi g iu n g o n o in q u esta
Egli h a con sè u n piccolo falco (C A S: DV 3/2: p f 3; N °A T T 1; F zona, essi tro v e ra n n o solo il cu b o m agico. Se i p erso n ag g i p o rta n o
1-2: MV 48; T S U C ; ML 7: A M N) sul q u a le lancia l’incantesim o il cu b o con loro, il M aestro ric o m p a rirà p e r attaccarli d o p o av er
c re sc ita an im a le . D o p o d ich é cerca di fu g g ire il più velocem ente re c u p e ra to gli incantesim i e d essersi c u ra to le ferite.
possibile lasciando il laico ad im p e d ire o r a lle n ta re l’in se g u im en ­
to. Se gli è possibile, il sa n tu o m o c e rc h e rà d i ra g g iu n g e re il g u e r­ Se il M aestro è sta to av v ertito della p resen z a d e i p erso n ag g i, egli
rie ro d ella Z ona C I 4. sarà p ro n to a d accoglierli. P e r p rim a cosa posizionerà le d u e tigri
Se i p erso n ag g i esam in an o la stan za, essi n o n tro v e ra n n o alcu n ch é ai lati della scalinata con l’o rd in e di attaccare q u a lu n q u e in tru so .
di valore. Poi lancerà l’incantesim o b e n e d iz io n e su sè stesso e sulle tigri,
se g u ito d a u n sile n z io (ra g g io 5m ) posizionato in cim a alle scale.
In fin e utilizzerà la su a p e rg a m e n a p e r lanciare l’in can tesim o p r o ­
C I 7. L a S tan za d e l M aestro tezione d a l m a le su sè stesso. D o p o L u tto ciò, il su o p ian o di b a tta ­
glia se g u irà il corso già d escritto.
La stan za p u ò essere ra g g iu n ta so ltan to tra m ite la scala circolare
ch e sale fin o a q u e sto p ian o . Se n o n è stato d a t o alcu n allarm e, un
u o m o vestito co m p le ta m e n te in abiti e a r m a tu r a n e ri, fiancheggia­ Se l'av atar d el M aestro viene sco n fitto , il su o c o rp o sc o m p arirà. Lo
to d a d u e tigri, sa rà se d u to d i fro n te al tavolo al c e n tro «Iella sta n ­ sp irito d el M aestro r ito rn e rà nel c o rp o di H o sad u s nella zona B3
za. L’u o m o è il M aestro (CA -2: C 14; p f 5 6 ; N 0A T T 1; F 1-6+ 4; (p a g .2 l). D a q u i il M aestro inizierà a cerc a re d i vendicarsi d ei p e r ­
MV 12: T S C 1 4 ; M I. 10; AM C: Fo 16, In 13, Sa 18, De 16. C o 18. sonaggi.
C h 18). L e su e abilità n a tu ra li lo fa n n o b etific ia rc di u n b o n u s di
+2 ai tiri p e r c o lp ire e alle fe rite in fc rtc (già co n teg g iato nelle La stanza d el M aestro è la co m b in azio n e d i u n a ca m e ra d a letto,
statistiche), + 3 ai tiri salvezza c o n tro A ttacchi M agici, e u n bonus u n o stu d io e u n lab o rato rio . Essa c o n tien e u n tavolo, u n Ietto,
di + 2 alla classe d ell’a rm a tu ra (già co n teg g iato ). Egli h a m em o riz­ alcu n e sc affalatu re e d u e casse. E n tra m b e le casse so n o ch iu se a
zato i se g u e n ti incantesim i: chiave e n a sco n d o n o u n a tra p p o la . U n a tra p p o la è fo rm a ta d a u n
sem plice ag o avvelenato ch e, se n o n viene rim osso, g ra ffia c h iu n ­
P rim o liv ello : c u ra f e rite le g g e re (x2), in c a n te s im o d e l te r r o ­ q u e cerchi di a p r ire la cassa. Il p e rso n a g g io d o v rà e ffe ttu a re con
r e , lu c e m ag ica, p ro te z io n e d a l m ale, te n e b r e m ag ich e successo u n tiro salvezza c o n iro V eleno o m o rire . La cassa n on
S ec o n d o liv ello : b e n e d iz io n e , blo cca p e r s o n e (x2), m aled izio ­ co n tien e a ltro c h e c a rte e d o c u m e n ti relativi alla g u e rra e all’a m ­
n e I, sile n z io (rag g io 5m ) m in istrazio n e d el tem p io . L a se co n d a cassa è p ro te tta d a u n a tr a p ­
T e rz o liv ello : in c a n te s im o d e l c o lp ire , in flig g i m alattie, luce pola m agica. A m e n o c h e n o n si faccia p rev en tiv am en te ricorso
p e rs is te n te , m a led izio n e I I , scaccia m a le d iz io n i all’incantesim o d iss o lv i m ag ie, u n a m a le d iz io n e I I co lp irà lo sfo r­
Q u a rto liv ello : cre a z io n e d e ll’a c q u a , c u r a f e rite g ra v i (x2), tu n a to scassinatore. T a le m aledizione fa rà si ch e il p erso n ag g io
in flig g i f e rite g rav i, n e u tra liz z a v elen o n o n sia più in g r a d o d i m e n tire , p e r n essu n a ra g io n e . Il p e rso n a g ­
Q u in to liv ello : d is tru z io n e d e l m a le , d ito d e lla m o rte (x2), gio colpito n o n sa n u lla d i ciò ch e gli è acca d u to : so ltan to il te m p o
sciam e d i in se tti e le su e azioni riv e le ra n n o la p resen z a d ella m a le d iz io n e I I . All’in ­
te rn o d ella cassa si tro v a la m a p p a c o m p le ta d el tem p io (sono p r e ­
In o ltre p ossiede i seg u en ti oggetti m agici: c o razza d i p ia s tre + 1 , senti a n ch e i passaggi se g reti, ecc.) e la d o cu m e n ta z io n e co m p leta
sc u d o + 1, u n m a rte llo d a g u e r ra -^-2. u n a p o zio n e d e l c o n tro llo d ei piani d i g u e r ra d el M aestro. Se q u esti piani v e rra n n o co n se­
d e i n o n -m o rti, u n a p o zio n e d i cre sc ita , u n a p e rg a m e n a co n te­ gnati ai d ifen so ri, l’esercito d e l M aestro sa rà c o m p letam en te
n e n te gli incantesim i p ro te z io n e d a l m ale c sc ia m e d i in se tti, un d istru tto . N ascosta in u n o sc o m p arto se g re to all’in te r n o d ella cas­
a n e llo re s p in g i in c a n te s im i, stivali della levitazione, u n am u le to sa si trova u n a collana di gioielli d el valore d i 10.000 M .O . in to ta ­
lu n g im ira n te (in u n a b o rss velluto n e r o ) e u n a C asa d i Z ebu- le. S ebbene gli a lu i o g g etti d ella sta n za sia n o in teressan ti, essi n on
lo n . L’u so d e ll'a m u le to I n n g is iira n te è spiegato all'inizio del sono p e rò di valore.
L ’In q u isito rc s u d e tta n d o a lio * < rr» ìto u n r a p p o r to rig u a rd a n te
N ella sta n z a n o n ci s o n o n è m obili n ò a ltri o ggetti. S e il M a e stro si la c a ttu ra d i M aria i m a . S e \ ìc a c ¿ n s c c a to egli c o m b a tte rà p e r
c r itir a lo in q u e s ta sta n z a , le g g e te la Z o n a C'17 p e r s a p e re q u ali r ita rd a r e a v ic r .tu r ie r i n .s r .tr e f g — c or r e r à o a lla Z o n a I) 1
sia n o le su e azio n i. S e i p e rs o n a g g i rim a n g o n o in q u e s ta sta n z a p e r o alla Z o n a D 3 . a se c o n d a d e lia d ir c r io o e d i p ro v e n ie n z a d e i p e r ­
tr e r o u n d (sen za c o m b a tte re o p r o d u r r e fo rti ru m o ri), essi illùde­ sonaggi. L o sc riv a n o r ito r n e r à e o a : rin fo rz i in q u a ttr o ro u n d .
r a n n o a s e n tir e d ei d e b o li su s s u rri. P iù a lu n g o r im a r r a n n o , p iù L ’I n q u is ito re n o n h a a lc u n c h é d i v a lo re ad d o sso .
fo rti c c h ia ri si f a r a n n o tali r u m o ri. Essi p ro v e n g o n o tu tti d all’in-
te r n o d e l te m p io . C o n c e n tra n d o s i, u n p e rso n a g g io p u ò a sco ltare D 3 . C o v o d e i N c r:-U —.xr.:
q u a lu n q u e cosa v e n g a d e tta n e l te m p io . Q u esta sta n za v ie n e utiliz­ Q u e sta g r a n d e sta n z a ir r e g o la r e o s p ita i n o n -u m a n i c h e lav o ra n o
zata d al M a estro p e r c o n tro lla re c o lo ro c h e n o n so n o felici d e l su o n el te m p io . In o g n i m o m e r.:o c u : 5; T rovano 1 2 g o b lin (CA 0: DV
g o v e rn o . 1-1; p f 3 ciascu n o : X A T T I: F 1-6: M V 6 ; T S U C ; M L 7: AM C ),
8 o rc h e tti (C A 6 ; DV 1: pf ' , N A I T 1: F 1-8; MV 12:
T S G l ; M L 8; AM C ), 5 b u g b e a r C A 5: D V 3 + 1 ; p f 14 ciascu n o ;
C 1 9 . P ia tta fo r m a
V A I T 1: F 1-10+ 1; M V § ; T S C o : M L 9; AM C ) e u n g ig a n te
A d ecce zio n e d e ll’a s ta d e lla b a n d ie r a a lia 6 m e tri, l’u n ic a cosa d e lle c o llin e (CA 4 ; DV p f 5" : N A T T 1; F 2 -1 6 : M V 12; T S
d e g n a d i n o ta p r e s e n te su q u e s ta p ia tta fo rm a sp a z z a ta d a l v e n to è C 8; M L 8; AM C ). I g o b lin v>no a rm a ti d i a rc h i e s p a d e c o rte , gli
u n a p iccola b u sso la su u n p ied istallo . L a bussola è m ag ica e p u n ta o rc h e tti p o ss ie d o n o b a le s tre e s p a d e e i b u g b e a r c o m b a tto n o c o n
se m p re n ella d ir e z io n e d e lla n a v e v o la n te del M a estro . L a p ia tta ­ sp a d e a d u e m an i. Se la sta n za M ene a tta c c a ta d a ciò c h e p u ò se m ­
fo rm a v ien e u tilizzata p e r f a re a ttra c c a re p ro p rio la ste ssa m agica b r a re u n a g ro ssa fo rza , tu tte le c r e a tu r e f u g g ira n n o a d eccezion e
im b arcazio n e. d e l g ig a n te c h c r im a r r à a c o m b a tte re il n e m ic o , (ili a ltri n o n -u m a ­
ni d a r a n n o l’a lla rm e . Se q u e s ti u ltim i v e n g o n o fo rza ti a fu g g ire in
d ire z io n e d e l te m p io , essi si s p a rp a g lic r a n n o in piccoli g r u p p i ch c
i n iz e r a n n o u n a se rie d i a tta c c h i d e l tip o " to c c a ta e f u g a ” ai d a n n i
D. La Q u a rta Sezione: I Passaggi S o tterran ei d e lla c o m p a g n ia , fin c h é i p e rs o n a g g i n o n v e r ra n n o scacciati.
L a sta n za c o n tie n e m u cch i d i pellicce sp o rc h e c p u z z o le n ti, cuscini
l u tti i p assag g i n o n s o n o s o r r e tti d a trav i o im p a lc a tu re p o ich é sv e n tra ti e vasellam e sb recc ia to . In tu tta q u e s ta c o n fu s io n e si tr o ­
so n o sta li scav ati n e lla viva ro c c ia . P a re ti, p a v im e n to c so ffitto v a n o a n c h e a lc u n e b o rs e d i c u o io c o n te n e n ti 2 0 0 M .O . in totale.
so n o s e m p re m o llo u m id i d a to c h e tali p ajsag g i c o r r o n o m o lto Le lx>rsc s o n o nasco ste so tto c u m u li d i o ssa, d i to p i in via di
vicin o a d u n a f o n ta n a e al fo ssato . T u tt i i passaggi s o n o p riv i d i d e c o m p o siz io n e e m u cch i d i in se tti m o rti. L e a rm i e le a r m a tu r e
illu m in a z io n e a m e n o c h e n o n v e n g a in d icato d iv e rsa m e n te . tro v a te in q u e s ta sta n z a , se b b e n e sia n o p u lite e p e r fe tta m e n te u ti­
lizzabili, s e m b ra n o tu tta v ia v ecch ie e m a lte n u te .
D i . P rig io n i
D 4. L ’U s c ita S e g re ta
Q u e s ta z o n a o s c u ra e d o p p r im e n te o sp ita 5 piccole celle q u a d r a te
d i 1.5 m e n i d i Iato, p e r la m a g g io r p a r te v u cte. In p ie d i vicino a d Q u e s ta g a lle ria c o r re p e r circa 7 5 0 m e tri (n o n è m o s tra ta sulla
u n a la m p a d a alla b ase d e lle scale si tro v a n o u n D iv in a to re (C A 7: m a p p a ) c u rv a n d o si c s e rp e g g ia n d o in c o n tin u a z io n e . L a c o m p a ­
G 4; p f 2 0 ; N ° A T T 1: E 1-6: M V 12; T S G 4; M L 8; AM C ) c h e g n ia p u ò p e r c o r r e r e tale p e rc o rs o in c irc a 2 0 m in u ti. Alla fin e
in d o ssa u n a n e llo d e l Pi n f re v is io n e (fu n zio n a c o m e l'o m o n im o d e lla galleria si tro v a u n a stan za b e n a m m o b ig lia ia c h e c o n tie n e
in can tesim o ) e -1 bugl> ear (C A 5; D V 3 + 1; p f H c iascu n o ; N "A T T c a n d e le , u n a cassa o b lu n g a , u n a se d ia , u n tav o lo e lu tto il m a te ria ­
1; F 2 -8; M V 9 ; T S G 3 : M L 7; A M C ). S e il D iv in a to re v iene le p e r sc riv e re . S u u n a p a r e te si tro v a u n a p o r ta s e g re ta c h e si
a tta c c a to , egli s p e g n e rà la to rc ia im m e rg e n d o la in u n se cch io lì a p r e su l fian co d i u n a co llin a a u n p o ’ d i d ista n z a d a l te m p io . Per
vicino, s p e r a n d o cosi d i g u a d a g n a r e il v an tag g io dellV isrurirà Tglì chi si tro v a a q u e s ta e n tr a ta , la vista d e l te m p io è n e g a ta d a lla
c o m b a tte rà fin c h é il s u o m o ra le o q u e llo d e i L uglm ar n o n fallisce o collina stessa. Q u i vive u n v a m p iro * (CA 2; DV 9 ; p f -12; N "A T T 1
fin c h é a lm e n o d u e b u g b e a r rim a n g o n o vivi. Poi c e r c h e r à d i fu g g i­ + sp e c ia le ; E 1-10 -{-risucchio d i e n e r g ia : M V 3 6 /5 4 ; T S G 9 ; M L
r e p e r d a r e l’a lla rm e . U n q u a lu n q u e s u o n o di c o m b a ttim e n to a tti­ 11; AM C ; c h a rm e ; r ig e n e ra z io n e ). D u r a n te il g io rn o egli rip o sa
re rà l’a tte n z io n e d el s a n tu o m o d e lla Z o n a D2 e d e i n o n -u m a n i n ella b a ra vicino all’e n tr a ta . Di n o tte egli v ag a se n z a so sta, co g lien ­
d e lla Z o n a D 3. Essi a r r iv e r a n n o e n tr o sei ro u n d p e r in v estig are. d o o c c a s io n a lm e n te q u a lc h e v ittim a nei d in to rn i d e l te m p io . La
s u a b a r a è nasco sta s o tto la cassa o b lu n g a . Q u e s ta cassa è ch iu sa a
T r e d e lle celle s o n o o c c u p a te . D u e d i ques'.e c o n te n g o n o i d u e c h ia v e e n a s c o n d e u n a tr a p p o la . S e la tr a p p o la n o n v ie n e tro v a ta e
n o ti c rim in a li R a n as e P h ilo m e n (C A 9 : L 6 ; p f 19.15: N ° A 'f T 1; F rim o ssa , il p e rs o n a g g io c h e a p r e la cassa in iz ie rà a tra s fo rm a rs i
a se c o n d a d e ll’a r m a : M V 12: T S L 6 : M L sp eciale; AM N ) in attesa le n ta m e n te in u n to p o g ig a n te . I.a tra s fo rm a z io n e v e r rà c o m p le ta ­
d i p u b b lica p u n iz io n e . S e v e n g o n o lib e ra ti essi si u n ir a n n o di la n el g iro d i 24 o re . D a p p rim a i c a m b ia m e n ti s a r a n n o quasi
b u o n g r a d o alla c o m p a g n ia se n z a p e r ò riv e la re la lo ro id e n tità o la im p ercettib ili, il p e rs o n a g g io s a rà p e r s e g u ita to d a d o lo rin i c n o n
lo ro p assata o c c u p a z io n e . Essi r im a r r a n n o con la c o m p a g n ia fin ­ si s e n tirà m o lto b e n e . I n se g u ito eg li p r o v e rà il d e s id e rio d i c a m ­
c h é i p e rs o n a g g i d a r a n n o a d in te n d e r e di v o ler f u g g ire . Essi lasce­ m in a re a q u a ttr o z a m p e , poi si a c c o rg e rà c h e i vestiti n o n gli v an ­
r a n n o c h e i p e rso n a g g i c o r r a n o tu tti i rischi d elle v arie situ az io n i c n o p iù b e n e e d a v rà d iffic o ltà a d a f f e r r a r e gli o g g e tti. T u tt o ciò
c e r c h e r a n n o d i r u b a r e t u tto ciò c h e p o sso n o (S v u o ta re lasch e p ro s e g u irà fin ch é la tra s fo rm a z io n e n o n v e r rà c o m p le ta ta . U n a
45% ). I n o g n i p u n io in c u i si in tra v e d e u n a via d i fu g a d a l te m p io , volta tra s fo rm a to , il p e rs o n a g g io p e r d e r à tu tte le su e p re c e d e n ti
essi a b b a n d o n e r a n n o la c o m p a g n ia p o r ta n c o con lo ro tu tto ciò c a ra tte ris tic h e (a d ecce zio n e d e i p u n ti fe rita ) e d a s s u m e rà q u elle
c h e riesco n o . I-a te rz a p e rs o n a è M a ria le n a , u n ’elfa (C A 9; E 5: p f d i u n to p o g ig a n te . S e n e c e ssa rio , c a m h ie rà a n c h e l’a llin e a m e n to
2 2 ; N ° A T T 1; F a se c o n d a d e ll'a rm a : M V 12: T S E 5: M I. 8; AM m o ra le d el p e rso n a g g io . Uà tra s fo rm a z io n e p u ò e s se re in te r ro tta
L). E lla n o n h a m e m o riz z a to a lc u n in c an tesim o p o ic h é le è sta to so lo se sul p e rs o n a g g io v ien e la n c ia to u n in c a n te sim o sc a c c ia
p o r ta to via il lib ro d e g li in c a n te s im i. E lla si u n ir à v o le n tie ri alla m a le d iz io n i e n tr o le 2 4 o r e fa tid ic h e . T ra s c o rs e le 24 o r e . lale
c o m p a g n ia c h e l’a v rà sa lv ata sc b h c n c ric h ie d a a r m i, e q u ip a g g ia ­ in c an tesim o n o n a v rà p iù e f fe tto ; p e r r ip o r ta r e il p e rso n a g g io alla
m e n to e la lib e ra c o n s u lta z io n e d i u n lib ro (lugli in can tesim i. E lla n o rm a lità , o c c o rre rà u n in c a n te s im o d e s id e rio .
r im a r r à f e d e lm e n te c o n gli a v v e n tu rie ri alrr.eno fin c h é n o n ci si
tro v i a b b a s ta n z a lo n ta n o d a l te m p io . M a rialen a co n o sc e l'u b icazio ­ L a cassa s e m b ra e sse re p ie n a d i vestici e d altri o g g etti n o rm a lis si­
n e d e lla g a lle ria s e g re ta d ’u sc ita d a l te m p io (Z o n a D I) e f o rn ir à m i. C o m u n q u e , il fo n d o d e lla cassa è in c e r n ie ra to : al d i s o tto si
tro v a la b a ra d e l v a m p iro . Il v a m p iro è u n a vecchia co n o scen za d el
v o lo n ta ria m e n te le d o v u te in fo rm a z io n i in m erito .
M a estro c n e s su n o d e i d u e d is tu r b a la p a c e in cu i l’a ltro re g n a . Se
il v a m p iro è in g ra v e p e ric o lo , c o m u n q u e , egli in v ic rà u n p ip istre l­
D 2 . S ta n z a d e g li* In te rro g a to ri lo al M a estro c o m e s e g n a le p e r u n a ric h ie sta d i a iu to . In tr e tu rn i,
il M a estro a c c o m p a g n a lo d a u n s a n tu o m o (a voi la scelta) g iu n g e ­
L a sta n z a è illu m in a ta d a p a re c c h ie to rc e e vi si tro v a n o riu n iti
r à in a iu to d e l n o n -m o rto .
tu tti i possibili s tr u m e n ti d a to r tu r a . Al m o m e n to , n e lla sta n za si
tr o v a n o (a m e n o c h e n o n sia n o sta li a ttira ti altro v e d a i r u m o ri d i N ell’im b o ttitu ra d e lla b a ra s o n o n a sc o ste 2 0 0 M .A .. 2 .0 0 0 M .O . e
c o m b a ttim e n to ) l'In q u is ito rc , u n s a n tu o m o (CA 5 ; G 10: p f -15; tr e g e m m e d e l v alo re d i 1.000 M .O . ciascu n a. Q u i n o n c e a ltr o di
N -A I T 1; F 1-8; M V 12; T S G 1 0 ; M L 8 ; AM C) e u n iniziato. v alore.
PARTE 6: NUOVI MOSTRI
Q u esta sezione p re se n ta i n uovi m ostri utilizzati in q u esto m odulo. P rim a di giocare gli in co n tri con u n a qualsiasi di q u e s te c re a tu re , leggete
a tte n ta m e n te le d escrizioni c h e seg u o n o .

Dusanu*
C lasse d ell'A rm atu ra : 4 N° d i M ostri: 2-4 (0)
D adi V ita: 9 + 2 * T ir o Salvezza: G u e rrie ro : 9
M ovim ento: 26 (12) M orale: 10
A ttacchi: 2 aitigli + s p e d a le T ip o d i T eso ri: B
F erite: 1-8/I-8 + sp c ria le A llin eam en to : C aotico
Il d u sa n u , o d e m o n io p u tre fa tto , assom iglia a d u n o scheletro
in cro stato di m u ffa, a m m a n ta to in u n a veste lu rid a e stracciata. 1
suoi occhi brillano d i u n a luce a z z u rrin a . L 'aria vicino al d u sa n u e
ap p estata dalie s p o re d el suo m arciu m e. I d u sa n u so n o m olto
intelligenti e sagaci. In co m b attim en to , essi attaccan o co n gli arti­
gli rico p erti d. m u ffa e fu n g h i. N ello stesso tem p o , essi rilasciano
delle s p o re che rie m p io n o u n 'a re a circolare d i 3 m etri di d iam e­
tro . Q u a lu n q u e p e rso n ag g io si trovi in q u esta are a , d ev e e ffe ttu a ­
re u n tiro salvezza c o n tro V eleno. C oloro che falliscono subiscono
ld.S fe rite u lterio ri c rim a n g o n o infetti. P e r i successivi 2-4 giorni,
i p erso n ag g i infetti n o n m an ifestan o i segni dell’o rrib ile m alattia
c o n ira u a . C o m u n q u e, d u r a n te tale p e rio d o , gli incantesim i c u ra
fe rite n o n av ran n o e ffe tto sul perso n ag g io . Alla fin e di questo
p e rio d o , m uffa c fu n g h i fu o riesco n o d alla pelle d el m alcapitato.
O g n i g io rn o il p e rso n ag g io d eve e ffe ttu a re u n tiro salvezza co n tro
R aggio «Iella M orte. S e U u r o salvezza n o n ha successo, la m uffa
ric o p rirà in te ra m e n te la p elle d el p erso n ag g io . Egli m o rirà nel
g iro di 1-3 giorni e si ria n im e rà so tto fo rm a d i d u sa n u . La sua
m em o ria e le >uc abilità sa ra n n o cancellate. S arete voi a controlla­
r e tale p ersonaggio. L 'in can tesim o c u r a m a la ttie uccide le spore.
Il d u s a n u ha ossa leg g ere e g o m m o se e cosi subisce solo la m età
delle ferite in ferte d a a rm i d a bo:ta (m azze, m artelli, ecc.). Le altre
a rm i n o n m agiche cau san o solo un p u n to ferita. Le a rm i d a taglio
m agiche infliggono tu tte le 'o ro ferite. Gli attacchi basati suH'elet-
tricità n o n infliggono ferite.
Geonide Malfera*
C lasse d ell’A n n a tu r a : -2 N° d i M ostri: 2-12 (0) C lasse dcU’A rm a tu ra : 3 N° d i M ostri: 1 (1-2)
D adi V ita: 2 T ir o Salvezza: G u e rrie ro : 2 D adi V ita: 9** T ir o Salvezza: G u e rrie ro : 13
M ovim ento: 18 (6) M orale: 8 M ovim ento: 18 (6) M orale: 11
A ttacchi: 1 p u g n o o 1 arm a T ip o di T e so ri: C A ttacchi: 2 artigli. 1 m orso
F erite: 1-8 o a seco n d a d e ll’a rm a A llineam ento: C aotico -»-speciale T ip o d i T eso ri: E
F erite: 1-10/1-10/1-6 A llineam ento: C aotico
11 g eo n id e è u n piccolo e in tellig en te ab ita n te d elle caverne. Egli
p ossiede d u e g am b e, d u e braccia e u n a specie di guscio ch e lo fa La m alfera è u n a c re a tu ra d ella D im ensione dell’Incu b o . Essa ha
se m b ra re u n piccolo m acigno. B raccia c g am b e fu o riesco n o d a u n a g ra n d e faccia e le fan tin a e d u n tro n c o piccolo e tozzo. La testa
u n a a p e r tu ra alla base d e l guscio. Il g e o n id e è in g ra d o d i ritira re c d o ta ta di c o m a . D a e n tra m b i i lati d el c o rp o fuoriesco n o delle
all’in te rn o d e l guscio braccia e g am b e così d a c h iu d e re l’a p e rtu ra . z a n n e . II c o rp o è co m p o sto d a u n a m assa di tentacoli viscidi e
In q u e sto m o d o n o n p u ò essere d istin to d a u n n o rm a le m acigno. corti. Le braccia lu n g h e e m uscolose te rm in a n o con chele d al filo
A cau sa d i q u e sto fatto , esso g o d e d ella so rp re sa co n u n p u n teg g io se g h ettato . I piedi so n o palm ati e do tati d i artigli. II m o stro è di
p a ri a 1-4 su I d 6. In co m b attim en to , u n g eo n id e attacca o con il un colore n e ro co m e la n o tte sul q u a le risaltano vene e occhi rosso
su o p u g n o d u r o co m e la p ie tra o co n u n 'a rm a . Le a rm i ch e n o r ­ fuoco,
m a lm en te tra sp o rta n o so no clave d i p ie tra o asce.
In co m b attim en to , la m alfera attacca con le ch ele e m o rd e n d o . Se
1 g eo n id i vivono nel so ttosuolo, a ll'in te rn o di reti d i gallerie o in e n tra m b e le chele colpiscono lo stesso avversario, n el ro u n d
cav ern e n a tu ra li. I lo ro covi so n o n o rm a lm e n te p u n teg g iati di roc­ se g u en te la vittim a viene trascin ata v erso il c o rp o d ella m alfera.
ce, stalattiti e stalagm iti. Nel lo ro covo si tro v a u n te m p ie tto fo r­ Poi i tentacoli au to m a tic a m e n te im m obilizzano il m alcapitato.
m ato d a grossi m acigni d alla fo rm a insolita. U n covo co n ta d a 30 a Q uesti tentacoli sono cosparsi con u n acido che infligge 2-12 ferite
8 0 (Id 6 x l0 -i-2 0 ) g eo n id i gu id ati d a u n g eo n id e chierico. Q u esto p e r ro u n d . I-a vittim a p u ò essere lib e ra ta solo d o p o la m o rte della
chierico n o n h a i p o teri tipici d ell’o m o n im a classe d ei p ersonaggi, m alfera. In o ltre , l’alito d ella m a lfe ra è velenoso; ogni volta ch e
m a è d o ta to d i 4 d a d i vita e infligge 2-12 fe rite co n u n solo p u g n o essa colpisce con il m o rso , la vittim a deve e ffe ttu a re co n successo
o p p u r e ag g iu n g e u n b o n u s d i + 2 alle fe rite in fe rte dalla su a un tiro salvezza c o n tro V eleno (a + 3 ) o m o rire. La m alfera è
im m u n e all’acido e p u ò essere fe rita solo d alle arm i m agiche.
La m alfera, in o ltre, p u ò in d iv id u a re l’in v isib ile ed a p r ire tu tte le
p o rte com e se avesse a disposizione u n incantesim o sc a ssin a re .
G razie alla su a incredibile co stitu zio n e n a tu ra le e m agica, i suoi
tiri salvezza ven g o n o effe ttu a ti com e se si tratta sse di u n g u e rrie ro
d el 13" livello.
U n a m alfcra p u ò a p p a r ire in q u e sta d im en sio n e solo in seguito ad
u n p o ten te e specifico a tto di m agia o com e d o n o d a p a r te di u n a
divinità. N essu n o p u ò d escriv ere la d im en sio n e d i a p p a rte n e n z a
di u n a m a lfe ra : si p u ò solo d ir e c h e è velenosa e m o rta le p e r gli
um ani
Mujina Segugio Spettrale*
Classe* d ell’A rm a tu ra : 4 N° di M o stri: 1-4 (1-4) Classe d e ll’A rm a tu ra : -2 N° di M ostri: 1-6 (1-6)
Dadi V ita: 8* T ir o S alvezza: G u e rrie ro : 8 Dadi V ita: 5** T ir o Salvezza: G u e rrie ro : 5
M ovim ento: 36 (12) M orale: 9 M ovim ento: 45 (15) M orale: 12
A ttacchi: 2 a rm i + sp eciale T ip o d i T eso ri: E A ttacchi: 1 T ip o d i T eso ri: N essuno
Ferite: 1-6 o a seco n d a d e ll'a rm a A llin eam en to : C aotico Ferite: 2-12 + sp c cialc A llineam ento: C aotico
Un m u jin a, nella su a fo rm a n a tu ra le , a p p a r e com e u n u o m o ad I segugi sp e ttrali so n o c re a tu re d el V ortice D im ensionale, ovvero
eccezione del fatto ch e n o n ha faccia. N u lla a p p a r e d o v e d o v re b ­ il v u o to ch e s e p a ra le v arie d im en sio n i. In q u e sto m o n d o essi
b e ro esserci gli occhi, il naso, le orecchie: il s u o viso è liscio com e il ap p a io n o com e cani fan tasm a, d al colore pallid o e traslucido. I
guscio d i u n uovo. C o m u n q u e , u n m u jin a p u ò c re a re u n ’illusione lo ro occhi so n o dei pozzi n e ri com e la n o tte. Essi sono d ei segugi
in m o d o d a f o rn ire la su a faccia d ei lin e a m e n ti desid erati. Spesso eccellenti e, u n a volta sulle tracce della lo ro p re d a , essi la seg u o n o
si fa p assare p e r u n u o m o , alm en o fin o al m o m e n to d i attaccare. p e r giorni.
Un m u jin a è m o lto lo r te e p u ò b ra n d ire c o n u n a m an o sola an ch e In co m b attim en to , u n se gugio sp e ttra le attacca col m orso. U n p e r ­
le a rm i a d u e m an i (ad eccezione d e lle a r m i a d a sta, «Iella lancia e sonaggio ch e viene m o rso d a u n segugio deve e ffe ttu a re u n tiro
della b alestra). In co m b attim en to esso a d o p e r a d u e arm i, u n a p e r salvezza c o n tro Incantesim i. Se il tiro h a successo, il p erso n ag g io
m an o , e n tra m b e con Li stessa pro b ab ilità d i co lp ire. U n m ujina patisce solo le n o rm a li 2-12 ferite. Se il tiro fallisce, il p erso n ag g io
p u ò f a r co m p a rire a p iacim en to la su a v e ra faccia. U na qualsiasi illùderà a svanire g ra d u a lm e n te : n el g iro di 24 o r e lo sfo rtu n a to
cre a tu ra con 5 d a d i vita o m e n o che vede la v era faccia d e l m u jin a sarà svanito c o m p letam en te c m o stre rà Io stesso colore pallid o e
au to m aticam en te fu g g irà p e r 1-3 r o u n d in p r e d a al panico, al tr i­ traslu cid o d ei suoi ag g resso ri. L 'eq u ip ag g iam en to del p e rso n a g ­
plo d ella sua n o rm ale capacità di m o v im en to . L e c re a tu re c a ra tte ­ gio n o n subisce co n seg u en ze. Q u a n d o il p erso n ag g io è svanito
rizzate d a p iù ’ d i 5 d a d i vita d e v o n o e f fe ttu a r e con successo u n co m p letam en te, egli n o n sa rà p iù ' in g ra d o d i a f fe rr a r e gli oggetti,
tiro salvezza c o n tro B acch ette o sc ap p are c o m e sp ieg ato in p re c e ­ n è sa rà in g ra d o di c o m u n ic a re con i p erso n ag g i n o n svaniti. Dal
denza. suo p u n to di vista, tu tti gli oggetti norm ali se m b ra n o traslucidi,
m e n tre tu tte le a ltre c re a tu re svanite (cioè i segugi sp e ttrali e gli
Un m u jin a spesso si un isce ad u n g r u p p o di av v en tu rieri com e
altri p erso n ag g i svaniti) se m b ra n o solide c reali.
g u e rrie ro m ercen ario . Esso p u ò serv ire fe d e lm e n te a n c h e p e r un
lu n g o p e rio d o , senza riv elare la sua v era id e n tità . C o m u n q u e , se In ogni m o m en to , d o p o ch e u n p e rso n a g g io è sv an ito , questi p u ò
gli v ien e d a ia l’o p p o rtu n ità , il m u jin a d e r u b e r à i p erso n ag g i di essere rip o rta to alla n o rm a lità con u n in can tesim o p o rta d im e n ­
q u a n to possibile p e r poi fu g g ire via. U n m u jin a p u ò p a rla re il sionale. U n a volta lanciato l’in can tesim o , i p erso n ag g i afflitti d a
C o m u n i, ¡1 linguaggio tipico della sua razza e la lingua del suo q u esta sin g o lare an o m alia p o sso n o v a rc a re la soglia della p o rta
allineamento. d im e n sio n a le p e r r ito r n a r e al m o n d o no rm ale.
I segugi sp ettrali p o sso n o essere feriti solo d alle a rm i d 'a rg e n to o
m agiche. Essi so n o im m u n i agli incantesim i basati sul fre d d o o sul
fuoco.
PARTE 7: PERSONAGGI PREGENE RATI

I p e r s o n a li p re g e n e ra ti ch e se g u o n o s o n o gli stessi d e l m o d u lo m o d u lo d e lla se rie c h e s a ra n n o caratxerizzati d a i livelli e dag li


X 4 , II M a e stro d e i N o m a d i d e l D eserto . S i assu m e c h e c o lo ro i o ggetti m agici g u a d a g n a li in u ì c nv;«iuio.
q u ali h a n o gioente» il n id u lo X 4 sia n o a v a n z a ti d i livello d u r a n te il
c o rso d e lla lo r o a v v e n tu ra . Essi in o ltre a v r a n n o utilizzato alcuni I p erso n a g g i p re g e n e m i: p o sso n o d is p o r r e in o ltre d i p ra tic a m e n ­
d e i lo ro og g etti m agici e d altri n e a v r a n n o tro v a ti p e r rim piazzarli. te qualsiasi o g g e tto p re se n te n e ll'elen co d e ll'e q u ip a g g ia m e n tc che
Q u in d i l’e len co d eg li o g g etti m agici d iffe risc e le g g e rm e n te d a si tro v a nei m an u ali d e lle reg o ìc N o n p e rm e tte te c o m u n q u e ai
q u ello p r e s e n te n e l m o d u lo X 4. g iocatori d i a b u s a re d i tale o p p o r tu n ità : n e s su n p e rso n a g g io p u ò
ovviam ente d is p o r r e d i u n a galea d a g u e r ra o d i 120 m etri di
Se volete g io care q u e s to m o d u lo co m e s e g u ito d elP av v en tu ra in i­ c o rd a p rim a a n c o ra d i in iziare l'a v v e n tu ra . C iascun p e rso n a g g io
ziata n el m o d u lo X 4 . n o n u tilizzate i p e rs o n a g g i q u i p re se n ta ti. I d o v re b b e in o ltre d is p o r r e d i 1.000 M .O . p e r u so p erso n ale.
g io cato ri u tiliz z e ra n n o invece i p e rso n a g g i p re se n ta ti nel p rim o

T abella dei Personaggi Pregenerati


N" Classe Livello Fo In Sa Co De Ca Pf
1 Chierico 9 11 12 14 16 10 7 53
2 Guerriero 10 15 12 6 17 12 10 62
3 Elfo 7 12 17 9 11 8 10 28
4 Mago 9 7 15 8 14 9 8 33
5 Nano 8 15 7 10 16 10 9 49
6 Ladro 8 13 9 9 14 11 10 27
7 Halfling 7 12 16 12 10 14 10 30

T abella degli Oggetti Magici


1. corazza di piastre -fi; scudo +1; anello di resistenza al fuoco; pozione di longevità; pozione di guarigione.

2. spada 1-1, fiammeggiante; corazza di piastre +3; scudo +1; pozione di levitazione.

3. spada +1, intelligenza 9, individuazione dell'invisibile, individuazione delle gemme, levitazione, allineamento
Legale, ego 7; corno distruttore.

4. pugnale +1; anello della telecinesi; anello accumulatore di incantesimi; pergamena contenente l’incantesimo invisi-
biltà (raggio 3m); scarabeo protettore.

5. scudo +2; martello da guerra 13; due pozioni di guarigione.

6. mazza +3; spada +1; arm atura di cuoio +1; anello respingi incantesimi.

7. spda +1; fionda +1; corazza di piastre +1; mantello e stivali elfici; pozione di resistenza al fuoco.
MAPPA Q s o l l i i i è Byloi
DI HULE
1 ESA = 36 Km

) P ia n u r a

J F o re sta

^ P a lu d e

,y w 1c ..iv e m e
) U sc u ra
*^l,‘ M o n ta g n e

S te p p a
D e s e rto

S c a rp a ta

F iu m e

\ J / S trad a
{ '• • y P ista

P asso

\ i C o n fin e

• C itta d in a

9 C ittà

HULE
Steppe
Y azak

r a n d e

Slágovlch
Vallata M appa del G rande Passo
Galleria N o ia : la la r g h e z z a d e lle g a lle r ie n o n è in s ta la
1 q u a d r e l l o = 1,5 K m

117-T-9069
B6 B6

-------

A3 A sl A 51 ASIASÌ A 5I A 3 A 5| a 5| A 5l A 5I A 5 |A 5 | A 5 [A5

I C 18 5

Mappa del Tem pio della Morte


*1983 T$R Hobbies, inc. A ll Rights Reserved.
P o rta d e lla cella

P o rta S e g re ta

Botola,
p a v im e n to
B otola,
s o ffitto
Botola, pavim ento
c soffitto

F in e stra

S calin ata

F o n ta n a

B a rre

• __ I A cq u a

□ C ascata

P o rtica to

j P ilastro
1 q u a d r e tto — 3 ni
| Fossa C o p e rta

\
NORD
S cala a pioli

-------1 R in g h ie ra

F ro n d e

B®*] P a re te , p ie tr a

Π3 P a r e te , le g n o

75 0 m
Modulo Avventura per le Regole
Expert

Il Tempio della Morte


di David Cook

Siete stati incaricati di u n a missione disperata in


territo ri sconosciuti, alla ricerca di colui che si fa
chiam are “Il M aestro” e del T em p io della M orie.
N on c’è tem po da p e rd e re poiché dovete agire
prim a che gli eserciti del M aestro invadano le
vostre case. Ma p er p o rta re a buon fine la vostra
missione, dovrete com battere terribili guardiani,
viaggiare attraverso u n regno ostile e scoprire 1!
segreto del M aestro. R iuscirete ad aggirare le »uè
difese e vincere la partita?

Q uesto m odulo contiene note di riferi men: .


am bientazioni e descrizioni dettagliate. Esse' r. -
presenta la seconda avventura della serie divi
due parti dei N om adi del D eserto ma è p u r
bile com e a sè stante. Sia che giochiate il T e n;o
della M orte com e a sè stante o com e pai le de
serie, l’avventura vi o ffrirà ore di dive
estrem am ente avvincenti.

© 1983 TSR Hobbies. Inc.


■Tutti i .diritti riservati