Sei sulla pagina 1di 1

Gannak: Backgroud

Nessuno ti regalerà mai niente


Tutti proveranno a fotterti
Puoi contare solo su te stesso

Gannak è un Ulfeno cresciuto tra i vicoli di Riddleport. Ancora in fasce è stato abbandonato
dalla madre, e a occuparsi del piccolo è stata Kassandra, una sacerdotessa di Calistra.
Nonostante la figura religiosa costituita dalla madre, Gannak non è mai stato interessato agli
dei e alle loro vicende. Abituato a doversi guadagnare tutto da solo, durante l’adolescenza ha
anzi sviluppato una repulsione verso questi ultimi, accusandoli di pensare unicamente a loro
stessi e di non usare il loro poter aiutare la gente.
Queste idee sono anche state alimentate dalle sue compagnie. Egli ha iniziato da bambino con
qualche furtarello e altri piccoli crimini. Crescendo lui sono cresciuti anche i crimini suoi e
della sua banda di amici, fino a unirsi, all’età di 12 anni, a una ciurma di pirati. A bordo della
“perla dei fondali”, Gannak ha imparato i rudimenti della navigazione e del combattimento.
Inizialmente era sfruttato soprattutto per salire di nascosto su altre navi, in piena notte, e
sabotarle. Questo spiega la sua predilezione per i coltelli, più comode rispetto ad altre armi,
soprattutto se le braccia ti servono per nuotare e l’arma la devi tenere stretta tra i denti.
Grazie alla sua abilità in queste operazioni si è conquistato la fiducia dei suoi compagni, e, una
volta cresciuto e quindi diventato troppo grosso per la discrezione richiesta da un sabotaggio,
è entrato ufficialmente della ciurma.
La sua avventura con la “perla dei fondali” è terminata quando lui e i suoi compagni hanno
accettato un lavoro che prevedeva l’attacco di una nave mercantile, senza sapere che quella
trasportava merci in nome di John Silvermoon, il capitano di una ciurma molto più potente e
pericolosa della loro. Silvermoon ha minacciato di uccidere loro e tutti i loro familiari se non
avessero abbandonato immediatamente Riddleport. La ciurma è stata quindi sciolta e Gannak
si è recato a Sandpoint, cercando di rifarsi una vita come mercenario.