Sei sulla pagina 1di 6

G

History of Science and Technology

European Pupils Magazine

ANTIMONY

History, Alchemy

ANTIMONIO

Storia, Alchimia

G

Pasquale Fetto

Veterinary Faculty, via Tolara di Sopra, 50 - 40064 OZZANO BO, Italy pasquale.fetto@unibo.it

Sopra, 50 - 40064 OZZANO BO, Italy pasquale.fetto@unibo.it ANTIMONY ELEMENTARY SAMPLE Historical facts Antimony has

ANTIMONY ELEMENTARY SAMPLE

Historical facts Antimony has been a well known element since an- cient times. Sib- nite, antimony sulphide Sb 2 S 3 , was used in bibli- cal times to make up eyes; it has

been found as crockery in Caldea dated presumably about 4000 b.C., as the product of the fusion of the metal, while other finds covered in copper with Antimony date back to 2500-2000 b.C. in Egypt. Pliny named the element Stibium, while Jabir, about 800 a.D. used the name Antimony; the two names were alternately used both for the element and the sulphide up to

Lavoisier‘s time. The confusion about the element was actually bound to the work of the alchemists who wrote several treaties on the subject (as we will afterwards see) trying to hide the knowledge on the element and its compounds.

Chemical properties and use Symbol Sb, atomic mass 121,760, boiling point 1860 °K, melting point 903,78 °K, density (near r.t.) 6,6979 g/cm 3

Antimony compounds in the form of oxides, sulphides, sodium antimonate, and antimony tri- chloride (SbCl 3 ) are used in the making of fire proof compounds, ceramic enamels, glass, paints, and pottery. Antimony trioxide (Sb 2 O 3 ) is the most important of the antimony compounds and is primar-

Notizie storiche L’antimonio è un elemento noto sin dall’antichi- tà. La stibite, solfuro di antimonio Sb 2 S 3 , veniva usato in tempi biblici per truccare gli occhi, è stato trovato come vasellame in Caldea datato presumi- bilmente intorno al 4000 a.C., prodotto della fusione del metallo mentre altri reperti in rame ricoperti di antimonio risalgono al 2500-2000 a.C. in Egitto. Plinio dette il nome stibium a questo elemento men-

tre Jabir attorno all’800 d.C. usò il nome Antimo-

nio; i due nomi venivano usati alternativamente sia per l’elemento che per il solfuro fino a Lavoisier. In

effetti la confusione attorno all’elemento fu legata all’opera degli alchimisti che scrissero numerosi trattati sull’argomento cercando di mascherare le conoscenze sull’elemento e i suoi composti.

Utilizzo L’antimonio è usato nella produzione di leghe per la costru- zione degli accumulatori a piombo. Re- c e n t e m e n t e sono state in- trodotte leghe

di piombo con

il 2,5-3 % di Sb e tracce di arsenico per

ridurre feno- meni di auto-

scarica. Viene impiegato anche nell’industria dei semiconduttori.

Viene impiegato anche nell’industria dei semiconduttori. ANTIMONITE CRYSTALS OR STIBNITE Alchimia L’ antimonio

ANTIMONITE CRYSTALS OR STIBNITE

Alchimia L’antimonio non era altre volte di alcun uso in

24

G

History of Science and Technology

European Pupils Magazine

G

ily used in flame-retardant formulations. These flame- retardant applications in- clude such products as chil- dren's clothes, toys, aircraft and automobile seat covers. Also, antimony sulphide is one of the ingredients of the modern match.

sulphide is one of the ingredients of the modern match. TYPOGRAPHIC CHARACTERS medicina. Un monaco chiamato

TYPOGRAPHIC CHARACTERS

medicina. Un monaco chiamato Basilio Valentin cercando la pietra filosofale, scoprì gli ef- fetti violenti di questo purgante. Un giorno gettò via qualche re- siduo di questo minerale che gli era servito per le sue operazioni chimiche; dei porci accidental- mente ne mangiarono e furono fortemente purgati; ma poi in- grassarono in modo straordina- rio. Valentin osservato il caso volle rendere un gran servigio ai suoi confratelli, ingrassandoli tutti. Ne compose quindi delle

bibite che non mancarono di mandare all’altro mondo tutti i frati del convento. Allora, siccome frate o monaco chiamansi in france- se moine, così questo funesto minerale si chiamò antimonite donde ne venne antimonio. Il frate, ciò nonostante, continuò i saggi ricercando i principi e cercò di eliminare dal minerale le sue qualità perico- lose. Quando credette di esserci riuscito compose un libro dal titolo Il cocchio trionfante dell’antimonio, ciò avveniva nel secolo Decimoterzo. Al principio del secolo XVI Paracelso riprodusse questo terribile rimedio, che il parlamento e la facoltà di medicina si affrettarono a proibire come vero veleno. Solo nel 1666 se ne permise definitivamente l’uso in me- dicina.

Like water, it has the exceptional property of ex- panding when it freezes. Antimony is, besides, used

in alloy with lead, in the manufacture of press characters. Antimony is some- times found native, but more frequently it is found in the sulphide stibnite (Sb 2 S 3 ) which is the predomi- nant ore mineral. Commercial forms of antimony are generally ingots, broken pieces, granules, and cast cake. Other forms are powder, and single crys- tals.

The natural sulphide of antimony, stibnite, was known and used in Biblical times as drug and as a cosmetic. Stibnite is still used in some developing countries as a drug. Anti- mony has been used for the treatment of schistosomiasis. Antimony binds with sulphur atoms in certain en- zymes which are used both by the parasite and human host. Small doses can kill the parasite without causing damage to the patient.

Antimony and its compounds are used in several veterinary preparations like Anthiomaline or Lithium anti- mony thiomalate, which is used as a skin conditioner in ruminants. Anti- mony has a nourishing or conditioning

effect on keratinized tissues, at least in animals. Tartar emetic is another antimony prepa- ration which is used as an anti-schistosomal drug.

Antimony sulphide is used in the production of matches and in the vulcanization of rubber, in the production of antimony glasses (sulphide mixtures and oxidize of Antimony, as yellow pigment in

mixtures and oxidize of Antimony , as yellow pigment in A SAMPLE OF STIBNITE - S

A SAMPLE OF STIBNITE - Sb 2 S 3

Etimologia: Dal greco Antimonos (solitudine). Dal Latino Stibium (bastone). Dal nome alchemico Anti- monio (antimonaco). Interessante il nome commune Valen- tinite dato a Sb 2 O 3 probabilmente in riferimento a Basilio Valentin.

Basilio Valentino

Alchimista e filosofo ermético tede- sco vissuto nel XV secolo, sebbene non esistano fonti certe, Basilio Valentino, secondo la tesi più accreditata, fu un frate benedettino nato ad Erfurt (Germania) mentre altre fonti traggono in- formazioni sulla provenienza direttamente dai suoi stessi scritti che lo vedrebbero nato in un paese dell’- Alsazia. Figura emblematica e enigmatica nella Sto-

25

G

History of Science and Technology

European Pupils Magazine

G

S cience and T echnology E uropean P upils M agazine G ALCHEMICAL SYMBOL of Sb

ALCHEMICAL SYMBOL of Sb

glass and china manufacturing); the antimony trichloride is called anti- mony butter for its consistency. Antimony is used to produce alloy for lead accumulators. Alloy made of lead have been introduced re- cently with the 2,5-3 % of Sb and arsenic tracks to reduce electric dis- charge phenomena. At present it finds growing applications in the industry of semiconductors.

Alchemy In ancient times Antimony was of no use in medicine. A monk called Basilius Valentin, looking for the philosopher's stone, found out its violent laxative effects. One day he threw some residual ore which served him for his chemical experiments; some pigs accidentally ate it and were purged strongly; but then they got extremely fat. After ob- serving the case, Valentin thought he would do a great favour to his brethren, making them fat. So he prepared a soft drink for them, with the result that they all died. Since in French Moine means friar or monk the mineral was called Antimony [1].

The friar continued his research on the mineral and tried to remove its dangerous properties. When he thought he had suc- ceeded, he wrote a book entitled The Triumph- ing Coach of Antimony [2, 3]. Only in 1666 An- timony was allowed to be used in medicine.

in 1666 An- timony was allowed to be used in medicine. Etymology Antimony , from Greek

Etymology Antimony, from Greek Antimonos (solitude); Stibnite, from Latin Sti- bium (stick); Antimony alchemical, from Antimony al- chemical (antimonk). Valentinite oxide, the common name given to Sb 2 O 3 maybe referred to

BASILUS VALENTINUS

to Sb 2 O 3 maybe referred to BASILUS VALENTINUS MEDIEVAL MANUSCRIPT ria dell’Alchimia per tradizione

MEDIEVAL MANUSCRIPT

ria dell’Alchimia per tradizione vie- ne considerato se non il padre certo uno dei più grandi alchimisti della storia. Le poche notizie che lo ri- guardano proven- gono esclusiva- mente dalle sue stesse opere, ove si accenna ad un pel- legrinaggio fatto a San Giacomo di

Compostela ed a viaggi in Belgio ed in Inghilterra. Vi è indicata la sua origine nella zona renana tedesca, nonché l’ap- partenenza all’ordine di San Benedetto, confraterni- ta di San Pietro di Erfurt, dove sarebbe vissuto tra la fine del XIV e l’inizio del XV secolo. Secondo quanto riferito da J. J. Manget nell’opera Bibliothe- ca Chemica Curiosa del 1702, i trattati a lui attribui- ti sarebbero venuti fuori dalla breccia aperta da un fulmine in una colonna della chiesa di Erfurt. Nel libro The last will and testament of Basilius Valen- tin, edito a Londra nel 1671, sul frontespizio è rac- contato che egli giace sotto una tavola di marmo die- tro l’altare maggiore della Cattedrale di Erfurt. Queste sono le uniche scarne notizie oggi disponibili su questo misterioso personaggio. Comunque il suo nome allegorico, sembrerebbe possedere una matrice di origine greca (basiléus = sovrano) e latina (valens = potente) che ricondurrebbe alle opere al- chemiche che produsse e scrisse, si presta ad essere ricordato come vera potenza dell’alchimia, ed è in-

produsse e scrisse, si presta ad essere ricordato come vera potenza dell’alchimia , ed è in-

ALCHEMIC LABORATORY

26

G

History of Science and Technology

European Pupils Magazine

G

S cience and T echnology E uropean P upils M agazine G ALCHEMIC LABORATORY Basilius Valen-

ALCHEMIC LABORATORY

Basilius Valen-

tinus.

Basilius Valen-

tin

The Ger- man Alchemist and philoso- pher lived in the XV century apparently he was a benedec- tine friar in Er- furt (Germany);

from his own writings we may infer that he was born in the Alsa- tian area. Tradition considers him if not the father of Alchemy, certainly one of the most outstanding fig- ures in that art. What little news we possess come directly from his own writings, in which he mentions a pilgrimage

to Santiago de Compostela and journeys to Bel- gium and Britain. According to what referred by J. J. Manget in his work Bibliotheca Chemica Curiosa (1702), Valentin’s treatises where discovered when a lightning struck a column in Erfurt Cathedral, revealing an opening where they had been hidden.

Cathedral , revealing an opening where they had been hidden. FURNACES FOR MINERAL FU- SION In

FURNACES FOR MINERAL FU- SION

In the book The last will and testament of Basilius Valentin published in London in 1671, we are told that he lies under the main altar in Erfurt Cathedral. This is the only scanty informa- tion we have on this mysterious figure.

His name itself, hav-

allegoric

meaning, according

root

Basileus (King) and Valens (powerful),

to

ing

an

the

Greek

would point

to

the

fact

that

he

was

a

power

of

Alchemy,

discutibilmente diventato leggenda e verità pseudo- nima. Le opere a lui attribuite, pubblicate fin dal 15- 99, sono una miscela di conoscenze metallurgiche e metafisiche. Secondo il filosofo Leibniz, l’editore Johann Thölde di Hesse le avrebbe tradotte mani- polandole purtroppo a fondo. Vi si ritrovano formule chimiche sistematicamente collegate ad una profon- da simbologia spirituale. Nel Cocchio trionfale del- l’Antimonio l’insegnamento alchemico è dichiarato sia nella chiave chimico-operativa che nella sua più esplicita chiave mistica. Vi è compresa la definizio- ne fondamentale della dottrina, riassunta nella frase Tutte le cose vengono da uno stesso seme; esse sono generate, in origine, dalla stessa madre. Altre famo- se opere di Basilio sono Le dodici Chiavi della Filo- sofia, un trattato di arte spagirica e di filosofia er- metica che secondo il Maestro Samael sono le chiavi per l’interpretazione della Alchimia., e l’A- zoth, pubblicata a Francoforte nel 1613 dall’editore Johann Bringern in una doppia versione in tedesco ed in latino. Inizialmente solo quest’ultima venne attribuita al misterioso frate. A lui è attribuita la di- stillazione del vetriolo dal sale comune, la scoperta dell’acido muriatico e l’utilizzo dell’antimonio co- me strumento di cura. A lui sono altresì attribuiti oltre gli scritti già citati anche il Trattato sui Sali, ed è da ricordare che nel 1700 molte delle sue opere furono riunite in una unica opera dal titolo: Scripta Chimica. Le 12 leggi furono pubblicate per la pri- ma volta in un trattato riassuntivo, circa Stein des Uralten (la pietra degli antichi = pietra filosofale), Ei- sleben, anno 1599 senza illustrazioni e successivamente a Leipzing nell’anno 1602 con alcune inci- sioni, probabilmente realizzate in rame. ANTIMONIO Nella poesia Riporto di seguito i versi dedicati all’Anti- monio, tratti da La Chimica in versi di

Riporto di seguito i versi dedicati all’Anti- monio, tratti da La Chimica in versi di TRIUMPH

TRIUMPH WAGEN ANTIMONII

27

G

History of Science and Technology

European Pupils Magazine

G

and this pseudonym has unquestionably become a mixture of legend and truth. His alleged works, published in 1599 contain both metallurgical and metaphysi- cal studies.

Accord-

ing to the philosopher Leibniz the pub- lisher Johann Tholde of Hesse who trans- lated Valentin’s works, tampered with them in depth. Chemical formulae are regularly con-

nected to a deep spiritual symbology. In his

book

thor openly declares his alchemic teachings

both in the operative functions and in the mythical aspect. The fundamental principle of his doctrine is here summarized in the sentence All things come from the same seed; they were born originally from the same mother

au-

seed; they were born originally from the same mother au- THE FIRE-PLACE LABORATORY Alberto Cavaliere e

THE FIRE-PLACE LABORATORY

Alberto Cavaliere e la prefazio- ne all’opera dello stesso autore per evidenziare l’ecletticità dei

chimici. Circa la sua Chimica in versi, narra egli stesso che, vitti- ma di una bocciatura all'esame di chimica, si presentò a quello di riparazione con tutta la chimica imparata in versi, da lui stesso scritti. Forse la storia è vera, ma

di certo il testo poi pubblicato fa

riferimenti al lavoro dell'autore,

già laureato. Prefazione. Da giovane stu- dente, alunno d'istituto, non an- dai mai d'accordo col piombo o col bismuto; anche il vitale ossi- geno mi soffocava; il sodio, per

un destino amaro, sempre rimò con odio; m'asfissiò forte a scuola, prima che, in guerra, il cloro; forse perfino, in chimica, m'infasti-

diva l'oro. E di tutta la serie sì numerosa e varia di corpi e d'elementi, sol mi garbava l'aria, quella dei campi, libera, nel bel mese di luglio: finché non m'insegna- rono che anch'essa era un miscuglio! Un vecchio professore barbuto, sul cui viso crostaceo non passa- va mai l'ombra d'un sorriso, un redivivo Faust, vole- va ad ogni costo saper da me la formula d'un celebre composto. Non sapevo altre formule che questa: H 2- O; e questa dissi: il bruto, sen- z'altro, mi bocciò. Poi ch'era an- cor più arida nella calura estiva,

io m'ingegnai di rendere la chi-

mica più viva; onde, tradotta in

versi, l'imparai tutta a mente, e in versi, nell'ottobre, risposi a quel sapiente. Accadde un gran mira- colo: quell'anima maniaca, che non vedeva nulla più in là del- l'ammoniaca, dell'acido solfori- co, del piombo e del cianuro, ri- se, una volta tanto, e m'approvò:

TRIUMPH WAGEN ANTIMONII., the

Other famous Basilius’ works are The 12 keys of philosophy, a treaty on spagiric art and obscure phi- losophy which, according to Master Samael, are the keys for the interpretation of alchemy, and the Az- oth, published in Frankfurt in 1613 by the pub- lisher Johann Bringern in a double version in Ger- man and Latin. He has been attributed the distillation of Vitriol (sulphuric acid H 2 SO 4 ) from the com- mon salt, the discovery of the Muriatic acid (hydrochloric acid HCl) and the use of the Antimony as a treatment.

Bibliography and Iconography [1] Enciclopedia ad uso della Gioventù ovvero Principj di tutte le Science di G. B. Masson – Vol. V, Milano, 1813

[2] Alberto Cavalieri La chimica in versi – Signorelli Editore, Bologna, 1955,

VII ed.

[3] Frate Basilio Valentino, Quinta Es- sencia ed. Mirded. [4] B. Valentino Trattato sulle meraviglie dell’Antimonio a cura di Sergio Tira, Ed. Mediterranee [5] Basilio Valentino Azoth Translated

by Insolera M., Ed. Mediterranee,

1988 - Collana ermetica

by Insolera M., Ed. Mediterranee, 1988 - Collana ermetica ERMETIC DOOR IN ALCHEMIC LAB. lo giuro!

ERMETIC DOOR IN ALCHEMIC LAB.

lo giuro! Mi lusingò quel fatto:

volevo far l'artista, e invece, sen-

z'accorgermi, divenni un alchi-

Oggi distillo e taccio in

un laboratorio, dove la vita ha

mista

28

G

History of Science and Technology

European Pupils Magazine

G

[6]

SistemaPeriodico/antimonio.htm [7] B. Valentino Cocchio Trionfante dell’Antimonio, Ed. del volgarizzamento Settecentesco by Carlo

www.minerva.unito.it/Chimica&Industria/

Bacci. www.libroelibri.com/med-alchimia.htm [8] www.levity.com/alchemy/pon-13.html [9] www.levity.com/alchemy/index.html

[11] Aylesworth, T. G. The Alchemists Magic Into

Science.

Reading,

Massachusetts:

Addison-

Wesley Publishing Co., Inc., 1973

 

[12]

The

free

encyclopaedia

-

http://

en.wikipedia.org/wiki/

www.levity.com/alchemy/

alchemy_laboratories_engravings.html

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/

commons/thumb/9/99/

Alchemik_Sedziwoj_Matejko.JPG/400px-

Alchemik_Sedziwoj_Matejko.JPG

www2.comune.roma.it/artesanitaria/

immagini/sale/porta_ermetica.jpg

[13]

[15]

[16]

Pictures Captions Page 24 - An elementary sample of antimony [6] Page 24 - Antimonite crystals or stibnite, Sb 2 S 3 , coming from the Pereta mine, Toscana,Italy, by Joachim Burow photography [6] Page 25 - The Sb is used to harden the used alloy made of lead to model the typographic characters

[6]

Page 25 - A sample of stibnite, Sb 2 S 3 [6] Page 26 - Jabir ibn Hayyan, medieval manuscript drawing. Pag. 26 - Alchemical symbol for antimony Page 26 - An alchemic laboratory, The Story of Al- chemy and the Beginnings of Chemistry Page 26 - Basilius Valentinus [7] Page 27 – Alchemic Lab., incision in copper, 1600 Page 27 - Furnaces for the fusion of the mineral ones of antimony, incision in copper 1600 Page 27 - Carro trionfale dell'antimonio, published in 1676, B. Valentino [7] Page 28 - The hermetic door in the alchemic lab. To the left the container of the triaca [16] Page 28 - The fire-place lab. with the Athanor, the container the alchemist was heating with the po- tions which leans an Alambicco on; beside a Cu- curbita [16]

tutto l'aspetto d'un mortorio. E vedo, in fondo, dato che non conosco l'oro, dato che ancor mi soffoca, sempre accanito, il cloro, che non avevo torto, e il mio pensier non varia: la miglior cosa, amici, è l'a-

ria, l'aria, l'aria

!

Col solfo trovasi nella stibina, ch'esiste libera e cristallina in forme splendide specie in Giappone:

mi fermo agli ossidi:

 

ci

si presenta

la

serie solita:

tri, tetra e penta. S'ottien triossido per via ordinaria,

da quella ha origine per riduzione - s'ha prima l'ossido - quell'Sb, dei cui caratteri parlerò qui. Bianco metallico come l'argento, è molto fragile quest'elemento e in fina polvere lo si riduce. L'aria non l'altera, né ancor la luce. Con azzurrognola fiamma risplende, formando l'ossido, se lo s'accende. S'ottien l'idrogeno antimoniato se col cloridrico non concentrato un'antimonica lega si tratta:

c'è misto idrogeno, che poi si sfratta. Un gas venefico così c'è dato, poco piacevole per l'odorato. Se brucia e il tossico vapor ch'emana lambe, ad esempio, la porcellana, esso deposita macchie fatali, che ad occhio sembrano le arsenicali; ma, per distinguerle, un mezzo cito:

non può discioglierle l'ipoclorito. Lasciando perdere gli altri composti, verso i miei sdruccioli più mal disposti,

 

se

il metalloide

si

brucia all'aria:

forma una polvere con un cristallo

di

forma rombica,

di

color giallo.

L'idrato è basico:

 

se

lo s'unisce,

perciò, con gli acidi, sali fornisce. Acqua e antimonico

 

tetracloruro

producon l'acido,

bianco, se puro:

questo il pentossido

sui trecento,

che, dietro energico riscaldamento, poiché, d'ossigeno parte s'affranca, forma il tetrossido, polvere bianca. Se m'è impossibile completar l'opra, lettor benevolo passaci sopra! Già dai discepoli

 

di

Paracelso

creduto un farmaco davvero eccelso, oggi è pacifico clie l'antinionio è un corpo chimico

sacro al demonio:

tutti conoscono come la lega, che pei caratteri

la

stampa impiega,

abbia in notevole parte su cento questo pregevole nostro elemento, a cui si debbono tante bugie, comprese - è logico - pure le mie!

29