Sei sulla pagina 1di 15
ae UFFICIO_CENTRALE BREVETT] BREVETTO PER INVENZIONE INDUSTRIALE N4-09-42-9-4 II presente brevetto viene concesso per I invenzione oggetto della domanca soto specificata: =e Eo | |= eee maelis [ee erage eee FITO bar & ee TIT2L0 “2 a DIRETTORE eal gees i Roma, li_ i on cmt (8009 = Seas = OHTE TH = uwsteR© OAL'INDUSTRIA CEL CONMERCIO F OFLC ARTIGIANATO 8 Ufficio Provinciale Industria Commercio e Artigianato di Verona “SERVIZIO DEI BREVETTI PER INVENZIONY, MODELLI B MARCHE COPIA DEL VERBALE DI DEPOSITO PER BREVETTO D'INVENZIONE INDUSTRIALE Lenno 2974 ll giorno trenta. del mese di... settembre. alle ore dadied © minuti decd. i ‘abit __SPERI_OMERO . di nazionelita ...{taldana tide (9 Verona, Via Raggic di Sole,.7/4 a mezzo mandatario ...... ed elettivamente domiciliat... egli offetti di legge a Verona, Via Raggio di Sole, 7/A presso 8@. ateaao, ha...... progentato @ me sottoseritto domanda, in bollo, di BREVETTO PER INVENZIONE INDUSTRIALE avente per TITOLO Produttore di energia termonucleare controllata di idrogene e¢ sui isotopie Inventor... designat__ e completivo al... - PRIORITA’ DELLA DOMANDA DI BREVETTO IN: depositeta il brovatto - abrovatto. n, domanda corredata di: = Descrizione in duplo din, .....6e4. gine di serittura. + Disegni, tavole n, ae. in duplo. - Attestazione di versamento sul ¢/e/p n. 1/11770 Intestato all'Ufficio Registro - Roma di L. 374000 ‘emessa dall'Ufficlo Postale di .... YOromanS. i) 302941974 n._455_ = Marca da bollo da L. 598. 700 La domanda, le deseriztoni ed | disegnt sopraelencati sono stati firmati dal richiedente e da me controfirmatl e bollati col timbro dlufficio. UFFICIALE ROGANTE F. Selinas I Depositante Onero Speri tio =e Per copla conforme alforiginale “a 1024274 AL MINISTERO INDUSTRIA, COMMERCIO ED ARTIGIANATO _ UFPICIO CENTRALE BREVEPTT 87 ROMA Deserigione di modello industriale di utilita, "PRODUTTORE DI ENERGIA TERMONUOLEARE CONTROLLATA ze DELL'IDROGENO E SUOI ISOTOPI", a nome del sotto- soritto: Dr. OMERO SPERT di nazionalita italiana, domiciliato a Verona, Via Raggio ai Sole 7/4, in _ qualit& di inventore, depositato seen a Bo octlerdne d9th Dispositivo meccanico;elettrico ed elettromagne— tico, che con 1'introduzione di energia elettrica e, 0 elettromagnetica continua 0 variabile con elettrodi a distanza variabile in un yolume ade- guato di idrogeno, suoi isotopi e composti a va~ riabili temperature © pressioni, ne provoca la pro duzione di energia derivata dalla fusione muclea— re oontrolata degli stosei, Nessun fino ad ogei) ha mai pensato che a livello ai piccole scintille elettriche vi fossero fusioni mucleari, in quanto, tutti _pensavano che dette reazioni dovessero avve- nire solo in determinate condizioni molto diffici- 1i da ottenersi, Noi, considerando 1a possibilita ai ottenere seppure statisticamente in quantita __________infinitesime condigioni determingte e caratteri- stiche per le fusioni nucleari degli isotopi del __ ________1 4arogeno nelle scintille elettriche, abbiamo ine ______|_trodotto quantith variabili di energia elettrica _ in un volume di idrogeno suoi isotopi e composti, | __________ottenendo-un inoremento utile di_energia che deri, _____|_vava_con prove chimico-fisiche dstechiometriche da ___fusioni nucleari degli atomi ai idrogeno suoi isos _|_e, 0 elettromagnetica nel dispositive in brevetto 0 topi, Variando, a nostro controllo, tensioni, ampp | ragei, campi mgnetiei ed elettromenetici conti-. nui_e oon frequenze variabili in miscela di idro-| geno suck isotopi e composti, da 901i o con ossi-| geno anche con composti ai Iitio, Berilio e Bo ro, abbiamo ottenuto ulteriori incrementi caratte- T _______|_ristici_ai_fusioni _nucleari_degli_isotopi dell'i-|__\__ arogenoe in parti estremamente piccole, anche rea sioni atomiche di questi ultimi, Tl settore sul _ quale viene applicata L'invenzione é nelle trasfor mazione ai energia nei motori a combustione ed in| | tutte le combustioni in genere, che hanno come | scopo 1a produsione di energia, Allo stato attua-_ le della tecnica nelle combustioni si riguarda par ticolarmente 1a sola reazione molecolare del. car a ____|_ ponie e darogeno con ossigeno ad anidride carbo- 0 nica ed acqua. Attualmente le reazioni di fusione |_mueleare de11'idrogeno o suoi isotopi esigono del- _ _1e_condigzioni di lavoro che necessitano delle gran __ |i energie per inisiare 1a reazione e mantenere Le oondigioni di lavoro; cid ha come conseguenza _ il realigzo di impianti costosi_e complessi per _ oe ___|_produgione di snergia nucloare da fusione degli ij ____ sotopi di idrogeno in continuita in un solo punto, unre L'invenzione permette 1'utilizzo della medesim. _____|_veazione ai fusioni dell'idrogeno e_suci composti! a | |ad_un costo modesto e con apparecchiature semplici. Llenergia ottenuta é la risultante controllata del [ 19_somma di infinitesime reazioni nucleari disp ______se, in una miscela esplosiva molecolare formate dalla combustione ai composti di idrogeno e suoi isotopi con ossigeno, ed anche, in tutti i compo-| sti di idrogeno senza aleuna combustione molecola+ | re. In tutti i composti di idrogeno, vi ¢ un con, | tenuto ai deuterio, e trizio, sono questi che ac- compagnati da reazioni secondarie reagiscono coin volgendo lo stesso idrogeno e producendo energia come da reazioni nucleari: 2 4 2 4p sD = pHe + AB 4 2 bs 4 ain _+2fn_ = fie + Az es ess i Se Te a _______Ia_validit& dell'invenzione pud essere dimostrata — _sia con Ja misura di energia secondo 4 metodi usug— _ = 1i, sia con un sistem comparativo o con la conse= ———_ em guente determinazions analitica della produzione di Elio, oppure con altri_sistemi termici, meeca~ nici, magnetici, elettrici, elettromgnetici e ee nucleari, Se infatti un solo decimillesimo degli _ atomidi_deuterio e trizio contenuti nell'iapoge- = nome suoicomposti reagissero, per esempio in 10 = grammi di Cg Hyg avremmo tanta energia quanta se ne |_produrrebbe con 10 grammi dello stesso composto a combustione moleoolare. la finalitd della scoper~ _______|_ ta 6 nell'utilizzo di energia da composti_di idro— geno che si trovano anche in grandi_quantiba ovur— = |_ que ed a esiguo prezzo. Pertanto, primi nel mondo, per mezzo ai questa sperimentazione abbiamo aperto nuove possibiliti di energia a basso prezzo, in quantita ed anmullando 1'emissione ai fumi tossici. = ‘Le dimensionidel dispositive si _possono ampliare in rapporto alla qualité di energia da utilizzare, Anche le dimensioni degli elettrodie la forma pos ______|_sono essere modificati a piacere. G1i involucri_ ai isolante possono pure essere 4i forme dimen sioni diverse, Iaccorgimento per la regolazione _delle distanze degli clettrodi, pud pure essere fe —modificato-con-altro sistema_e anche fisso,—I2————— tutto o gli elettrodi_da soli per usi_continui ed a alterni possono avere delle cavita ed essere rafs— — —____ |__freddati con un circuito apposito. _|_o scopo dell'invenzione é di realizzare le de~ _ uti! soritte reazioni in modo semplice jando_una| _ tecn#logia conosciuta in condizioni sperimentali vicine alla conbustione molecolare. L'allegato |_tav. n. 1 ¢ tav. n. 2 rappresenta 41 disegno di un apparecehio cho 6 un insieme meccanico, eletts co ed elettromgnetico in sezione longitudinale | ______formato da: A,B, elettrodi di materiale condutto- re di corrente elettrica resistente ad alte tem perature; C, materiale isolante di porcellana od | equivalente; D, contenitore meccanico dell'isolan te, ai ferro o altro metallo; B, contenitore reg- @ispinta delle molle; F, molle in acciaio onde mantenere una pressione costante sui contenitori | degli elettrodi sull'involucro G; G, corpo in me, tallo_o lega leggera come supporto dei contenito— ri degli elettrodi e del giogo dell'elettromagne— te I; H, rondella in materiale malleabile per te- nuta dell'isolante nei contenitori D3 1, avvolgi~ mento in filo di rame o altro metallo conduttore avvolto su un giogo I; I, giogo in acciaio dolce 0 altro materiale magnetioo; M, camera di reazione termonucleare, Gli elettrodi A,B, possono essere avvicinati o distanziati variabilmente a nostro controllo, possono essere anche contrapposti a crit 180° @ in altro modo, Nol dispositive qui a. to aa elettrodi sono stati posti a 90° per avere la possipilité ai avvibarli su una nostra apparec— chiatura che 6 servita per 1'esperiensa. Si posso- no adoperare nella camera di reagione termonuclea- re uno solo o anche pit di due elettrodi. Ia tay. n.2 mostra il dispositive visto dal basso. Questo apparecchio viene alimentato da un accumlatore elettrico, da un elevatore di tensione, da un con— Gensatore ed in alternativa anche da un campo ma- gnetico concomitange. A titolo ai esempio su un motore a benzina oon un eilindro ai 400 ema 4 _ tempi completo di appareechiatura elettrica, abbia mo-inserito il nostro apparecchio (in scala 1:0,8) con-una modifica sulla testata lasciando invaria— va L'accensione con la normale sua candela, A tam le dispositivo viene data 1'energia elettrica oc- corrente dallo stesso accumlatore in uso, ed é @iotribuito tramite un interruttore a camme inse vito sull'albero di trasmissione del motore e me diante un elevatore di tensione a 60,000 Volt e dieci Miliamper e di un condensatore adatto. L'ener gia viene portata all'estremita degli elettrodi on de ottenere una forte scintilla elettrica. E' que sta scintilla elettrica che permette una variabile fusione termonucleare dell'idrogeno ¢ suo isotopi in quanto forma una somma ai selettive, singolari infinitesime reazioni controllate, che possono an- che essere aunentate con 1!introduzione contempo- vanea del campo mgnetico indotto. Nel nostro esem™ pio abbiamo inserito nell'avvolgimento L una cor vrehte elettrica di 10 Ampere circa per impulso, Messo in moto il motore con 1a sola apparecehiatu- ra originales etabilizzato a un regime ai 1400 gir rie con un consumo ai benzina di 2,9 om? o ogni | 30 secondi, abbiamo inserito con interruttore a parte la corrente nella nostra apparecchiatura ¢ 8i 6 ottemuto un incremento di 800 giri-con la stessa quantitA di benzina, Abbiamo anche inserito la bobina L ottenendo un campo magnetico coinci- dente con un ulteriore aumento di produzione di energia. Naturalmente con il dispositive pit pic— colo « anche pit grande e variando particolarmente la pressione, temperatura, voltaggio ed amperaggio nella camera di scoppio si possono ottenere incre- menti energetici diversi e controllati. L'inseri- mento oltre alla benzina nella camera di scoppio i miscele di composti di idrogeno, quale 1'ac qua, -nafta o alcooli non viene ad abbassare i1 rendimento energetico, in quanto é sempre ralati- vo allo sfruttamento degli isotopi dell'idrogeno 0. Al limite 6 possibile ot- e dell'iarogeno ste: tenere anche la scintillasione elettrieg in una camera di scoppio col solo vapore acqueo 0 con un qualeiaei composto dell'idrogeno, 11 principio come su esposto pud essere realizzato con 1'appa— reechio descritto qui sopra che tuttavia rappresen ta un modo 44 apphicazione che non esclude la rea~ liszazione con altri mezzi detta funzions Liapplicazione industriale dell'invenzione ha aa possibilita di inserimento nei motori a combustio- ne ed in tutte le combustioni in genere dei compo sti di Adrogeno © suoi isotopi con 1!ossigeno. In g ‘tutti quei complessi tecnici dove si ha come sco- po la produsione di energia da composti di idro~ geno. RIVENDICAZIONI Rivendichiamo 1'introduzione variabile di energia elettrica e mgnetica che con una o mitiple sca~ riche elettriche o elettromgnetiche inducono sein tille elettriche corrispondenti simltanee 0 a ca- scata frazionate nel tempo in idrogeno, deuterio, trigio e suoi composti a temperature ¢ pressioni variabili; in benzine ed idrocarburi in genere soli o in miscela con ossigeno od aria nei motori a combustioné evmelle combustion’ in genere allo sedpo.specifico di ottenere una parziale e singo- lare comma di selettive fusioni nucleari infinite- sime-dell'idrogeno e suoi isotopi, ottenute ad in- tervalli controllati o continui in frazioni di tem po picoole o grandi per l'utilizzo di calore ed energia, Rivendichiamo anche 1'introduzione di composti ai Iitio, Berilio e Boro che con la loro presenza in composti dell'idrogeno catalizzano 14 reagione termonucleare con conseguente maggiore produzione di energia. Rivendichiamo anche I'attivagione.di composti di r ° 3 idrogeno e suoi isotopi con msse radioattive e con 1*introduzione di composti radioattivi per ottenere un maggiore incremento di energia nelle applicazioni della nostra invensione in quanto aumenta la probabilita di fusioni nucleari dell'i- @rogeno e suoi isotopi. o SPERI 0 Verona, 30 spiytembre 1974 RONA + UFRCIALE ROGANTE: YEG ae LUFFICIO- PROVINCIALE.INDUSTRIA g COMMERCIO. EARTIGIANATO S64 95D A [As Ps Ministero dello Sviluppo Economico Rom, 01.02.2011 D.G.L.C.-ULBM. MEZZALIRA ANDREA VIA MARSALA, 8 D.GL.C. -U.LB.M. - DIV IX Pot N. ACE) G 25011 CALCINATO (BS) Invio documentazione In relazione alla richiesta pervenuta in data 18,1.201 1, si trasmette in allegato la documentazione relativa al brevetto n, 1024274. jegato pt adden ce ra\Pppadia Cristina) _ \ Lanse ed