Sei sulla pagina 1di 12

linguaggio | bellezza | curiosità | passione | conoscenza | pensare

cultura | comunicare | arte | sperimentare | scienze | storia

Liceo ClassicoO
"Giovanni Prati"

A S SIC
O GI

IC

OV
E O C LA SS

ANN
L

I P R AT I
LIC
C TR
E N TO

• Tradizione e modernità
O
• Arricchimento della cultura e
E
della persona
• Apertura al mondo
C

• Metodo e personalizzazione
I

• Bello e utile
L

• Unità della conoscenza


• Base umanistica

TR
• Potenziamento dell’area
scientifica
• Potenziamento delle
lingue straniere
EN
• Percorsi di orientamento

Via SS. Trinità 38 - 38122 Trento


Tel. 0461 980190 - fax 0461 980747
liceoprati@scuole.provincia.tn.it www.liceoprati.it
Tre perché per
scegliere
Perché il liceo classico ?
• GI
È una scuola che mette a confronto e integra il passato con il presente, le
discipline con i punti di vista, sulla base della formazione umanistica;
OV

• si usano il ragionamento, il linguaggio, la riflessione, la creatività, il metodo;


• la cultura diventa scelta di vita e mezzo di realizzazione di sé;
• si leggono i libri e il mondo con gli occhi curiosi di chi vuole conoscere;
ANN

• si pongono le basi di conoscenza e di metodo per scegliere qualsiasi


università.

Perché proprio io ?
I PR

• Mi piace conoscere e capire, e sono convinto che questo valga il mio impegno;
• amo le discipline umanistiche;
• sono interessato ai valori della cultura nelle sue varie manifestazioni:
l’incontro con il pensiero scientifico, le lingue moderne, l’attualità;
A

• sono disposto a impegnarmi e a rendermi disponibile per scoprire insieme


T

agli insegnanti e ai compagni il modo per realizzarmi come persona e come


cittadino.
I

E N TO
O

SIC
Perché il “Prati” ?
• È una scuola di grande tradizione che sa stare al passo con la modernità;

S
• mette al centro dei suoi interessi la crescita armonica degli studenti;

A
• sulla base delle materie umanistiche integra le esperienze e i talenti degli alunni
nel campo delle discipline scientifiche e delle lingue moderne, garantendo


possibilità di scelta e di personalizzazione; C L
ha affrontato la riforma della scuola arricchendo i propri percorsi secondo un
modello che facilita la scelta universitaria.
I C E O
L

TR
Educare non è riempire un secchio,
EN
ma accendere un fuoco
William B.Yeats
La struttura
La scuola ha sede in un edificio storico di grande pre-
gio artistico nel centro città, l’ex convento delle Cla-
risse della SS. Trinità dove il Ginnasio-Liceo è stato tra-
sferito nel 1816.
All’edificio principale si accede da via SS. Trinità attra-

GI
verso il portico, oppure dal parcheggio posteriore ver-
so piazza Garzetti. Ai tre piani del blocco centrale è
stata aggiunta negli anni Novanta un’ala nuova; alcune
aule sono ospitate al secondo piano della Palazzina Li-
berty di piazza Garzetti, adiacente al cortile del’edificio
OV

principale.
La struttura è stata sottoposta negli ultimi a importan-
ti opere di risanamento: l’ambiente è confortevole e
ANN

funzionale, la dotazione di aule speciali è ampia (labo-


ratori, palestra, locali di servizio), gli studenti passano
spesso il tempo di studio pomeridiano negli spazi dedicati e in biblioteca.
Le aule sono attrezzate con computer connessi a internet, lavagna interattiva, sistemi multi-
mediali, impianto luminoso dotato di sensori che permettono comfort e risparmio energetico.
L’Aula Magna di 180 posti ospita anche attività esterne ed è luogo di conferenze e incontri
I PR

organizzati dalla scuola per la cittadinanza: è dotata di impianto multimediale e durante le as-
semblee e in altre occasioni vi si possono proiettare film, ospitare concerti o spettacoli teatrali.
Sono funzionali alle attività didattiche i laboratori di fisica, di chimica, i due laboratori
informatico-multimediali, il laboratorio multimediale per le lingue, l’aula d’arte, la palestra,
lo spazio sportivo attrezzato nel cortile.
AT I

E N TO È meglio una testa ben fatta che


una testa ben piena
Michel de Montaigne
Offerta formativa
Piani orari e percorsi

S SIC
Piano di studi e orario prevedono

A
• una salda presenza delle materie caratterizzanti in ambito umanistico, che forma-
no un’area comune ampia e condivisa da tutti gli studenti;
C L
• nel primo biennio (cioè in IV e V ginnasio) si potenziano, nelle ore a disposizione
dell’istituzione scolastica, gli insegnamenti di italiano e matematica;
• nel secondo biennio (cioè in I e in II liceo) lo studente potrà scegliere se proseguire con
lo studio del tedesco oppure optare per un potenziamento nell’area scientifica (mate-
O
matica e scienze);
• nell’ultimo anno (cioè in III liceo) le 2 lezioni di potenziamento sono dedicate a percorsi
E
orientativi: temi e contenuti transdisciplinari e a stretto contatto con università, mu-
sei, enti, a seconda che l’interesse sia orientato per l’area umanistica, oppure per quella
C
scientifica, oppure per quella giuridica o economica...;
I

Il ginnasio è dunque uguale per tutti, mentre nel corso del liceo gli studenti seguono un
L

corso con lo studio del tedesco oppure con l’ampliamento dell’area scientifica, riservando
all’ultimo anno 2 lezioni settimanali per percorsi orientativi e personalizzanti.
La scelta del corso (tedesco o area scientifica) sarà indicata fin dall’iscrizione, ma nel piano
dell’offerta formativa è compreso anche un forte momento di orientamento nel corso della V

TR
ginnasio che favorirà la scelta di ribadire l’opzione oppure di transitare sull’altro dei due corsi.

EN
Nell’ultimo anno una delle discipline è insegnata in lingua straniera.
Nel corso di studi si attivano moduli di insegnamento delle discipline in lingua
straniera (CLIL).

• Potenziamento dell’area scientifica

• Potenziamento delle lingue straniere

• Percorsi di orientamento
Liceo classico con
potenziamento dell’area
scientifica
La conoscenza è una sola
GI
Il corso di Liceo Classico (base comune ampia dell’area umanistica) con il potenziamen-
to dell’area scientifica risponde alle indicazioni europee (competenze in lingua madre
e competenza matematica, scientifica e tecnologica): si frequentano una lezione in più di
OV

matematica e una di scienze (rispetto ai piani orari standard della Provincia).


Si ricorda che una materia sarà insegnata in inglese all’ultimo anno e che sono attivi moduli
di insegnamento delle discipline in inglese (CLIL).
ANN

La sfida è far convergere il pensiero umanistico e quello scientifico e rispondere alle


esigenze di quegli studenti che sono intenzionati a proseguire in campi che richiedono
conoscenze scientifiche.
Il Liceo “Prati” è abilitato come “test center” per la Patente Europea del Computer (ECDL).
I PR

IV V I II III
Ginnasio Ginnasio Liceo Liceo Liceo
Lingua e letteratura italiana 5 5 4 4 4
Storia e geografia 3 3
Lingua e cultura inglese 3 3 3 3 3
A

Lingua e cultura tedesca 3 3


T

Matematica 4 4 3 3 3
I

Fisica 2 2 2
Scienze naturali 2 2 3 3 3
IRC o Alternativa 1 1 1 1 1

E N TO
Storia 3 3 3
Filosofia 3 3 3
Lingua e cultura latina 5 5 4 4 4
Lingua e cultura greca 4 4 3 3 3
Storia dell’arte 2 2 2
Totale settimanale 32 32 33 33 33
Liceo classico con
potenziamento dell’area
linguistica moderna
Aperti al mondo

O
Il piano del Liceo Classico (base comune ampia dell’area umanistica) con la prosecuzione
dello studio del tedesco prevede due ore settimanali di studio di tale lingua, in aggiunta
allo studio dell’inglese, moduli di insegnamento delle altre discipline in lingua (CLIL) e in

SIC
ultimo anno lo studio di una disciplina in lingua straniera.
Dunque il corso di studi standard si arricchisce con la presenza di una seconda lingua
(il tedesco che si aggiunge all’inglese) e un’attenzione particolare della scuola alle lingue
moderne che si manifesta attraverso un insegnamento curricolare finalizzato al raggiun-

S
gimento degli obiettivi stabiliti dal Portfolio Europeo delle Lingue e il conseguimento
delle certificazioni europee B1 e B2 e con l’organizzazione di viaggi, settimane linguistiche,

A
scambi, gemellaggi, progetti e attività extracurricolari.

IV V I
C L II III
Ginnasio Ginnasio Liceo Liceo Liceo
O
Lingua e letteratura italiana 5 5 4 4 4
Storia e geografia 3 3
E
Lingua e cultura inglese 3 3 3 3 3
C

Lingua e cultura tedesca 3 3 2 2 2


I

Matematica 4 4 2 2 2
L

Fisica 2 2 2
Scienze naturali 2 2 2 2 2
IRC o Alternativa 1 1 1 1
TR 1

EN
Storia 3 3 3
Filosofia 3 3 3
Lingua e cultura latina 5 5 4 4 4
Lingua e cultura greca 4 4 3 3 3
Storia dell’arte 2 2 2
Totale settimanale 32 32 33 33 33
Le discipline
Si fondono:
• la classicità del greco e del latino, radici culturali
imprescindibili;

GI • la modernità delle lingue straniere, della formazio-


ne matematico-scientifica, dell’approccio didattico
e culturale attento alla contemporaneità;
• l’attualità e la potenzialità delle nuove tecnologie;
OV

• il rigore del metodo di lavoro e lo sviluppo della


capacità critica.
ANN

Prerequisiti
I PR

Non viene richiesta una preparazione particolare già sviluppata nella scuola secondaria
di primo grado (per esempio corsi di latino o di greco): sono necessari l’impegno e la
curiosità intellettuale.
AT I

E N TO
Se ho visto più lontano è perché
stavo sulle spalle di giganti
I. Newton
La didattica

SIC
Il nostro liceo riafferma le finalità educative derivanti dalle conoscenze delle lingue e delle
civiltà classiche e dal complesso di conoscenze e competenze derivanti dallo studio dei

S
classici moderni e delle materie umanistiche, “non veste, ma dimensione del pensiero, non
formulario ma raffigurazione e sintesi mentale di un modo di essere” (Documento della

A
Direzione generale Classica): gli studenti incontrano i classici nella dimensione dell’attuali-
tà, sono sollecitati a domande sul presente e ad attivare un confronto critico con la cultura
contemporanea. C L
Ma è lo studente al centro: sarà proprio lui a conquistare autonomia nel confronto con la
cultura, a integrare pensiero umanistico e scientifico, passato e presente, senza cedere a
opposizioni anacronistiche.
O
Accanto ai classici dunque il pensiero scientifico, le lingue moderne, l’attenzione alla con-
E
temporaneità: l’ambiente di apprendimento favorisce tali integrazioni e lo sviluppo di auto-
nomia e critica, attraverso metodi aggiornati e l’ausilio di strumentazione all’ avanguardia.
C

Anche nelle scelte pedagogico-didattiche la nostra è una scuola che sa coniugare il rispet-
I

to, la costruzione di sé come individuo e cittadino, l’eredità della tradizione culturale e


L

l’innovazione sensata.

TR
Dove tuona un fatto,
statene certi,
ha lampeggiato un’idea
EN
Ippolito Nievo
Progetti e attività
Prevenire gli insuccessi e favorire
le eccellenze: sportelli disciplinari,
corsi di storia della musica, Il Quoti-
diano in Classe, Olimpiadi di matema-
tica e fisica, corsi e certificazioni ECDL

GI (computer); corsi di astronomia; po-


tenziamenti delle lingue straniere con
certificazioni europee, settimane lin-
guistiche e scambi con l’estero (Ger-
mania, Gran Bretagna, Australia, Cina,
OV

Cile, Argentina).
Numerosi progetti e attività accompa- Orientamento: orientamento uni-
versitario; Orientamat e Tandem; tiro-
ANN

gnano e arricchiscono i curricoli.


cini e stage estivi; attività di formazione
Ben-essere: accoglienza delle classi in con le Università.
entrata; scuola e cultura della sicurez- Autovalutazione d’istituto: nucleo
za; consulenza pedagogico-psicologica; di autovalutazione; sondaggi e questio-
Progetto Salute (incontri con esperti nari alle famiglie.
I PR

di alimentazione, educazione sessuale, Nuove tecnologie ICT: sito web,


dipendenze, primo soccorso, consulto- ECDL (Patente europea del compu-
rio). ter), lavagne interattive, elearning
Studenti protagonisti: giornalino Territorio: conferenze e protocolli
d’istituto, gruppi musicali classici e mo- con Università, Museo di Scienze, Mu-
derni; olimpiadi della danza; giornata seo Storico, Fondazione Kessler, Fon-
A

della creatività; spettacolo a fine anno; dazione Mach.


"cogestione"; giornate sportive e cam-
T

pionati studenteschi; patentini e certi-


I

ficazioni; ecologia e ambiente; corsi di


video, fumetto, grafica; teatro classico
e moderno; laboratori di archeologia
e arte.

E N TO
Scuola online
Il sito web
Studenti e genitori possono accedere ai miniportali delle classi, dove trovano le risorse
dedicate allo studio e le informazioni relative a orari, udienze, referenti, rappresentanti,

O
corsi pomeridiani ecc. Il sito ha infatti una parte statica di informazione e una dinamica di
servizio; viene costantemente aggiornamento ed è un importante snodo di comunicazione
e completamento dell’attività della scuola.

SIC
Online è possibile anche consultare i voti assegnati e prenotare le udienze, oltre che acce-
dere a altri servizi della didattica e di segreteria.

E O C L A S

Ambienti di apprendimento
I C

Le lavagne interattive, il collegamento a internet, l’uso del digitale, la piattaforma di ele-


L

arning sono mezzi potenti e all’avanguardia per rinnovare la didattica in classe e rendere
flessibili e personalizzati il tempo e lo spazio dello studio, che lo studente può meglio
modellare a seconda delle proprie inclinazioni ed esigenze.

TR
Informazioni e servizi: www.liceoprati.it
Tutti gli uomini per loro stessa natura
EN
desiderano imparare
Aristotele
Quadro orario delle lezioni
IV - V I - II LICEO III LICEO
GINNASIO

E N TO
GI
Potenziamento Potenziamento Potenziamento Potenziamento
DISCIPLINE DI INSEGNAMENTO Biennio seconda lingua area seconda lingua area Percorsi di
comune straniera - scientifica straniera - scientifica orientamento
Tedesco Tedesco
Lingua e letteratura italiana 5 4 4 4 4 4
OV
Lingua e cultura latina 5 4 4 4 4 4
I
Lingua e cultura greca 4 3 3 3 3 3
AT ANN
Storia e geografia 3 - - - - -
I PR
Storia - 3 3 3 3 3
Filosofia - 3 3 3 3 3
Storia dell’arte - 2 2 2 2 2
Lingua e cultura straniera (Inglese) 3 3 3 3 3 3
Lingua e cultura straniera (Tedesco) 3 2 - 2 - -
Scienze naturali 2 2 3 2 3 2
Matematica 4 2 3 2 3 2
Fisica - 2 2 2 2 2
Percorsi di orientamento - - - - - 2
Scienze motorie e sportive 2 2 2 2 2 2
Religione cattolica o Attività alternative 1 1 1 1 1 1
Totale unità orarie di lezione
32 33 33 33 33 33
di cinquanta minuti

Via SS. Trinità 38 - 38122 Trento


Tel. 0461 980190 - fax 0461 980747
liceoprati@scuole.provincia.tn.it www.liceoprati.it