Sei sulla pagina 1di 86
elettronica Novembre 83 om eee Posie Editrice s. 1. abb. ote gr. i; 70 ee vie Mensile MARCUC Cl... Milano - Via Flli Bronzetti, 37 (ang. C-so XXII Marzo) Tel. 738.60.51 » La NOVAELETTRONICA vi propone TR7-A Ricetrasmettitore HF digitale copertura continua sia in TX che RX da 1,8 a 30 MHz, nuovo modello con filtri CW 500 Hz ed AM § kHz, NB7 (noise blanker) in dotazione. Miglioramenti circuitali che rendono il TR7A ancora piu tecnologicamente avanza- to, nuovo ingresso audio phone patch, protezione circuiti transistorizzati del finale. TRS Ricetrasmettitore HF 150 watt, SSB/CW dai 160 ai 10 metri (inclusi i 12/17 © 90 metri) lettura della frequenza digitale, alimentazione 12 Vd.c. (220 Ve.c. con uso del PS75). EXPLORER 14 Direttiva 4 elementi - 3 bande \, (20-15-10 m) 20m 14 + 14,350 MHz 45m 21 + 21.450 MHz 10 m 28 + 29.700 MHz Guadagno 8,8 dB Disponibile il kit (optional) per i IMPORTATORE 30 ¢ 40 m. E DISTAIBUTORE ANTENNE cain FT208R VHF murgain FT290R VHF FT480R VHF BE cron : : FT708R UHF x FT790R UHF MicROFON! Ricevitore HF-AM/FM rtice ate telescopic = da 150 kHz a 30 MHz in 30 bande ralicci fissi ¢ telescopicl TURNER 10 frequenze in memoria zncat in begno @ caldo) Noise blanker incorporato Moat 320 telescop. 343m Altopartante frontale IMiod. 340 telescop. 444m A PREZZO PROMOZIONALE | 04-228 testata completa Rotor NOVAELETTRONICA scl. 7/7 Se ra eee ane rea el (0 vendute ‘Sono coperte dans, Pe aker ee Ter ue UU me Lent eee nce) esclusiva garanzia Cae ee ee IL MEGLIO PER LA SSB, CW, RTTY, FM IC - 745 Quaiche dato saliente & sufficient per a clinuere que-to nuo issimo nicette met fore della ICO! progetisio in meio da fonteggiare le av erse condiaioat in gem ma La szione rice ente a copertur> ge. nezale (01 - LO Miz) pud e: ere pred po- sta anche culle cole gamme radianttche Tse qnale allingres:9 e ac >appato aireta mente al ml--elatore e, > riciecto, 1 an Sibiila puo e: ere accentuata in_srends Tappc ato preampliicatore a har 9 rumore Gio traducs in + 128 dB ai “intercept pom’ ed in 103 dB di dinamics La pnuma media frequenza dun "lore molt? alto (To Ritz) elimins irwalmente unm.gim & spune 1a selait i. niche ta @ rani ells “ecida con arsione con ght apc fite. ed & accontuata per mezz> det con: trolh SHIFT © WIDTE, mente con la tacea {Gt a orbimento “NOTCH: engono eific. cemente eliminate le mnterference Tl fast dios) Se yhale dal redar ruses pub diventa ze un nieorda con le doppie costant: nella sposta del NB e dall AGC E st-ta pre a pate le demrdulazione in ANT ILTX st isnngue per i taso dintermtulazione ‘molto basso —38 dB lla plena p-tenza fre yata di 100 W su tutte le gumme radian wiiche ds 18 2 30 MHz. “71 & comunque fa Fucetbila. nel ca'a fosce nchio-to, dh abt fare Vemsaione del TX im modo continuo feniyo 7h esttem, accenraty. La sintonta pu erere falta con increment dh alo 10/H2! BIT © XUT cumentana la fle: abilté operat 3 In If memone € y. ~iblle regicivare [a fequenza nonehé 1 dati concerneni la pre disposiacne HAL, GENERAL ed ii modo eperait-o prescelto La frequenza operat va lettr su un grande sisore con 6 cifte us ecsere tracfera fra 1 due “FO oppure da que-t due in memona. O” ramente & Povubile la ncerea entzo le mem.rie op Pure emo der prccmammat: iim dello “petite. Lalimentazione av ene in continua ). un apposto somparto interno ac: comoda Talimentatore a commutazione 3.38 opzionale Allre unita cpzionah al flit (280 Hz 1 C9. calioratore. manip: tore ed unit FT potenaiano le prestazont deltapparate CARATTERISTICHE DI RILIEVO Gamme operative, 18 - 2 MHz, 348 - 41 M2 628-75 bil. 9°5 » 105 Pie, 19.5, 145 Lida, 1795 - 185 MHz, 2095 - 215 TIRE 24-48 - 251 baka, 2795 » Lo Me Possiciia della ¢ ypertura comma. da (2a 30 Mk, Recesttore. 01 - 99 MHz in 30 bande, Vensizlita in $8. CW. RTTY D116 Miz oi 32 HV cer toda s/D IS-34iH2z i015 wy per 10.48 ©°D Stabilité in fre quenza "i 500 Hz a fredde 100 He a re me Peo 8 Kg Gl Kg con af nterno) Damen ron hnbe2e7 355 mm Potenza allingres"o del PA. "200 W PEP Pegolabile in Continua fra 10 Wed al “alo Microfono: £000 (non in devazione) Contiaurazione RX 24 conver ion, Liv llo du. ata audio aw Impedenzs fuscia 3a ASSISTENZA TECNICA Servino assistonca t snica SAT + v. Washincton. | Milang - tel 432704 Contr autonze3t ARTE -v Mazzi, 53 Freme RTX Radio Ser.tce Saronno - tel. 9624549 fe pre) tut rv andiion Klarcuca SpA, WA\Icom| MARCUCCL... tel, 252281 Concordia, 1S elenco inserzionisti pag, 18 2 o 16 2 cops oat u Poop. APL Via Tomoeta 3518-371 APT. SANTINI 5041 BATTAGLIATEAME (PD) VERONA FONDINELLI ‘Via Bocconi 9- 20136 MILANO SAVING ELETTRONICA. ‘Gramsci 40 -30035 MIRANO (VE) APRILE-COAXIAL Via F. Tajan'9- 20409 MILANO ARCOMAN Via Cisa 146 - 46090 CERESE D1 VIRGILIO (MN) ‘SCHWARZ ‘Via Roma 1 - 25060 SOIANO DEL LAGO (2S) ‘SCUOLA RADIO ELETTRA Via Stelone 5 - 10126 TORINO CENTRO RADIO Viadel Gob: 153 -50047 PRATO (FI) ‘SECOR Piza 1’ Maggi 36 33100 UDINE paicom 15 SIGMA ANTENNE Napoli. 96100 VICENZA V. Leopardi 33 = 46047 S, ANTONIO (MN) ELcom 18 ste Y. Angiolina 23-4170 GORIZIA \V.Maniago 15 -20134 MILANO ELECTRONIC SYSTEMS 10 TEKHNA Vue Marcori 13 55100 LUCCA ELLE-ERRE Elettronica V. Gallone 6 - 13050 PORTULA (VC) ESSE TRE Via Ala Santa - 22040 CIVATE (CO) FAGGIOLI VIS Pelico 9/11 -50121 FIERA VERONA FIRENZE 2 V.P. Loto2-00040 POMEZIA (Roma) GIGLI VENANZO_ VS. Spaventa 45 65100 PESCARA Intex Via Trasimeno 8 -20128 MILANO ISTITUTO SVIZZERO DI TECNICA via 5, Petro 49- 21016 LUINO (VA) MaRcucc! Via Fi Bronzeti37- 20129 MILANO MAZZONICIRO Via Bonincono 18-7199 VERONA MELCHION! ELETTRONICA V.Coleta 37 - 20135 MILANO MERLI ANGELO Via Washington 1 -20145 MILANO MFE Via Vers! 222045 MERONE (CO} MICROSET V. A, Penuch 64 - 99077 SACILE NOVA Elettronica \. Labiola 48" 20071 CASAL PUSTERLENGO (Mi) PELLIN LORENZO 37040 TERRANEGRA Di LEGNAGO (VA) Via Mantogra 10- 30174 ZELARINO (VE) VINER Via Brembate-Loc. Fornasotto £24020 PONTIROLO NUOVO (8G) I3VHF # Apparecchiature per radioamatori mazzoni ciro + Impianti di Radiocomunicazione per uso civile 37139 VERONA Ponti radio © Navigazione Via Bonincontro, 18 marittima e aerea Tel, (045) 574104-574488, assistenza tecnica installazioni SY FM 2030 MOBILE VHF/FM_ TRANSCEIVER in 3 versioni ii IN VENDITA PRESSO | MIGLIORI NEGO; Via Transimeno, 8 - 20128 Milano - Tel. 2589714 - 2693716 - Telex 33543 * 3 \ an Heao®, 30 FON 99! é me Fe OU YON eA 90! £0.¢ Ae Gero rOT VO TNO GO ae SLANT OG coe Ga SAND st aN 0 S) SHare eoadGa Om Hote ash Hype" Come aX eA « Hoag ose ocr oon ash, aH! OTe MOG SIE go ueth ont Gane weer Cie AAT aah” ask 8 ote aso CORTON GeO 3 WOR NECN LSD! SAME NK He OG 0 Gor FAO MA GROM KDK Distributore esclusivo per I'italia, 40 CANALI DAL. 85.000 120 CANALI AM-FM DA L. 150.000 120 CANALI AM-SSB DA L. 200.000 120 CANALI AM-FM-SSB DA L. 220.000 ALIMENTATORE 2,5 AMPERE CON VOLTAGGIO VARIABILE + STRUMENTO L. 25.000 CENTRO ASSISTENZA E LABORATORIO NOSTRO sy VIA ALLA SANTA, 5 22040 CIVATE (COMO) TELECOMUNICA ZION! TEL. (0341) 551133 | OME CB - FORTI SCONTI SUL CATALOGO MARCUCCI INviARE {ATALOgo” FRONDINELLI com> ou via Bocconi 9 - 20136 Milano - tel. 02/569921 ncoNYOVA SERIE ALIMENTATOR! panne serrata Ei HRSG PRENSA ar & Bis at HINGE Suen aa ote ” bas RIMANGONO VALIDE LE OFFERTE SPECIAL! PUBBLICATE PRECEDENTEMENTE E depute lene he aa cone vara cl inl apo nt cne ope, eninge eon he resistenae dl ogn valore pen tor potent og nats n gener it para, safle montoggi cote: a peat oe maton rer Wea ies « ATTENDIONE CONDOM GENERAL DI VENTA +E ei no sera url ese era ‘oon’ S'naneart &fantpe mini a S000, ce pu essa amezaoansegh bana voga psiaeo anche i rancoblespese dt spedone 010 ¢ Cerca de desinataro | press Gata Tale aero el meena, poebbere sve vor non sere compres ai VA. (CARBON) RENDE ESTRAIBILE OGNI RICETRASMETTITORE C.B. ... .. PERMETTENDOVI DI UTILIZZARLO SULLA NOSTRA STAZIONE FISSA Mobiletto autoalimentato fornito di serie con alimentatore stabilizzato 13V - 5A/7A, due altoparlanti e prese esterne per collegamenti ad altri utilizzi. Per ulteriori informazioni rivolgersi a. ARCOMAN ALimentazione 12-15 . oe = Dimension 170%70825 toy’ = Paeotsrosro ea A = SoanciO Pex Fonri 500 He, * ALTE eae arentsticne. cove VO 5276 Facauenze ot powtsiLt BE: BZ te 158.3 - 15.5 Me Tia > elettronica di LORAR. ROBERTO 13055 OCCHIEPPO INFERIORE (VC) Via dei Marigone 1/C - Tel. 015-592084 A-Z COMPONENTI ELETTRONICI APPARECCHIATURE PER CB ‘AVi E CONNETTORI PER ALTA FREQUENZA MINUTERIE TRANSISTOR DI POTENZA Gigli Venanzo PESCARA Via Silvio Spaventa 45 - Tel. 60395-691544 - Tx. 602135 VEGIPE SVIT=MS TransverTer monosanos LB =CTZONIC Sing narra 2L=CT Alimentazione Potonga uscita ANd Potenes vacila SSB Potenza input ANt Potonea input S58) 11-15 vots watts Rasortimerno 25 amp. max Senetbitts sa Ona, Gamma di fequensa .) TH-0-45 mete Fitarda $58 automatics > surer HURRICANE moo. 12600 mop, 24800 sralteristiche tecniche mod. 12600 nplificatore Lineare Larga Ganda 2~ 30 MHz 43ressa, 2-25 watts AM (et) 2-50 watts (P2P) “ita 25-400 watts AM (ot) 30 -€00 watts SSB (PeP) ‘iemi dl omissione AM, FA, SSB, CM da 2-30 Mea, Imertazione 41-16 Vor 38 Arb: max ‘tazionl automatiche contro | AOS vrredato di comarca Ber sella a melé potenza bese di lavoro AB in PUSH-PULL ‘regalo di Fira PASSA BASSO Simmtabite di 5 Mee: 6-10 MMe, Se sana jezione spune ~ 50 a8 lenvazione armoniche > netsion! 20 sx37.54h9 $0.32 Ko 10-22 Mike 0 0B rallerstiche teeniehe mos, 24600 aplificatore Lineare Larga Banda 2-30 Mite 3esso 1-25 walls AM (alt) 250 watts (Pe) ta 25-650 walls AM (ff) 801300 watts SSO (PeP) tem gh emiasione AM, Fi, SSB, CW ea 2-30 MH, ‘mertasione 24-730 Veo 38 Amp. max Jledion! automatiche contro 20'S eda ci comando per uscita a mela potenza ‘Se dl lavore AB sn PUSHRPULL Freeato di Fito PASSA BASSO Imenutabile da 16-8 Mie: 510 Miz; 10=2 Tyo se zione spurte > £0 088 Snuazione armoriche > 35 68 nension’ 20,5027 xh 8 cit 332 Re 2 Mie SVST=AMS SVSi Transvenrer raleanoa LBS owutlongot Alimantazione 11-215 vote Potenza usclta Ai B watts ef Potonea uscita S58, Per watts Pee Potenza Input AM FAB watts off Potenza input S82 2220" walls Pep Assorbinento 4.5 amp. max Sensibita otuv ‘Sarva cl trequeréa 1) 11-#20-99 mete TOS mate 1190-88 met Carattristiene teeniche mod. 12100 Ampiiicatore Lineare Banda 25--90 MMe Ingtesso 18 walls AMA. 245 wats S98 Useita 20-8 watts AM, 20.180 watte SSB Sistem di emissione” a. FM, SS&cW Alimantazione 11-15 Vee 15/Amp. ma, Giasse di lavoro AB. Relesione armoniche: 20 48 au 50 Ohm resist Bimongiont Sx 6xn.7 em, Caratteristiche teeniehe moe. 12900 ‘Amplificatore Lineare targa Banda 2-90 Mita ingresso = 10 watts ail 2-20 watts SSE Useita'10200 watts AN 26--400 walle SSE Sistem ci emissions AM! FM, SSB, CW da 2-00 MHz Almontarione 1219 Vee 29 Amp. ma Conedate &comando par usela a me CGiasso oi lavoro AB In PUSH-PUL Flesione srmoniche 40 0B au 89 Ohm imenston 11, 5x20x0 9 em, potenza ‘Ampliicstore Lineare Banda 26-+0 Mi Ingrosso 1-8 watts AM 2-19 walls SSB. ‘Uses 20-7100 walts AML, 20-200 watls SSB ‘Stem! di emission. AM, Ph, S88, GUC Alimantazione 20.028 Vee 12 Amp. max Classe di lavoro AB Felesione armoniee: 90 d8 au 50 Oh Bimensiont 88x 18xh.7 em. CCaratleriticne tecniche moe, 24600 nplcatora Lineare Larga Banda 2+90 Me. Ingresso F=10 walls AM, b=-20 wate Se UUsetta 10250 walls AM. 26-600 watts SE ‘Sistem! dl emigsiane: AM, FM, 858, CW da? 30 Miz, Alimentazione 20-30 Vee 20, Amp. may Corredato di comando per scila a mela potenza Siacee d lavoro AB in FUSHRPULL Roiozione armoniche 40 ¢8 to 58 Oh resistivi Bimeneton 1 -ox20xh 9 em, > > & > ‘blame a disposizione apparecchi CB can 80 canal {-FM-SSB modello STALKER IX operante sulle gam- '14-£40-45 metrl, inoltre disponiamo di una vasta mma i apparecchiature CB-OM e antenne di varie wrehe + Informazioni telefonare presso la nostra sede 0583/955217 ZL=ECTZONIC® SVITEMS Vile G. Marconi 13 -55100 - LUCCA - Tel, 0583/955217 | RC) ‘SOMMERKAMP FT 208 RE Ricetrasmetttore 2 m a 800 canal, 2,5 Watt Litera gamma tequenza interrazionaie 22m provia per pot vchiamare, su palo ‘ota voste ano nos nuovo SOMMER. KaMe FT 208 RE & complete oto: ana Zaore, memora a requonza, seleione {aed runes ature c foquena ao ‘a ha, repo fon, accumulator incor Borat al NeCad. Ha un processore a4 bi he produce requenze da Ta a 18 Mhz in essa 50 10 tr Il rehamo dl wequenze od eeseo sia menus on uneempice foo. (dale al, sa aulomalenvarnteanaizza. SOMMERKAMP FT-77 RICETRASMETTITORE HF ‘otons no 00» caer 6 a 0ate «madara un pete Selina te Marae SIF somes poaena secur abie pa ‘se ar EW aes ory, Ramer ra. one Ege a tere a ars ares Seamer enai iene anamraes Rater Seelam cee Seer hee ihe evn adams sce TREES SOMMERKAMP FT 708 RE Ricetrasmetttore FM a 400 canali 1 Watt 70 cm: Ofte le sagurt crane Guenza Seleone. aga ‘fequerza, eta iis do. tan erat a op ‘Reziporto Un programma proctor 4 orate ee ‘ee ge a gaat ‘Fequenze oem inpassl 250 tote iano & teqvenza pub e5- ‘ave ea manus on un som ‘ice tocen dale ia a aco. ion arate snalzzatore ‘Via dei Gobbi 153-1894 - 50047 PRATO (FI) Tel, (0574) 39375, TEKHNA ANTENNE PROFESSIONALI Antenna TEKHNA 5 bande (45-40-20-17-15 metri)- verticale, con tun solo cavo coasts: le di discesa, sen: bobine ‘di carica e senza «trappole di ri sonanza», senza ra: diali e con accordato- Cato nelantennay co. mandabile al posto Gi trasmissione per mezzo. del’ quadretto fon Fantenna stesoa, ANTENNA TIS BANDE vost enza raat senza bobine lcatca «sence trappsi dl isan a'asiotregutren uscente da asmettiorein mace non menich ape auectostenus maltsimo Ti; se ben ictal ir dl Hun solo cave Coaslae oi aiscess ad una sols opie sonenaa. Gopte lebande de 40:07 18 mt son yn ROS el 1.2 «1d eulle bande ‘seless-at''s met ec 18-17 ella bande WARC dei 7 mel ipolehe st auesa a lunghecra dei racltore mon coincide in armani, dato chet {nine non sono una armonien oe! 7 Ms fnia continue dal 45 mel (B5-°7,9 ME) dal 29 a 15 mee Geestuna vs gerne ere iteaeieertececrane st hes IDIETROs. Com eon, in nese reeabiio,concut Sest Sande proses, {alte et Gono in aecialo INOK, od fornile con tascette normal app ‘con fascstte NOX ota 6 poxzetto i sea tual conrovenaiura, Facaus gal dipoisale core fe petite por ughe a acitrequanss divorsi di antenneda base, tutte vericali_ad alto guadagno, lunghe met! Minim ingombro sul fetta e¢ appos late con emissione filta hon tare TV Dispaniamo inoltre di ottime a lunghezraepotenz, ttt a prezt nettamente convener cM Depliant con carattoristiche, gratis, allo spese postal. Topuetolo completo, a rchiests, allegando lve 2000 TEKHNA DI ORT! ARTURO VIA MANTEGNA 10 - 10174 ZELARING (VE) - Tel. (041) 909.167 14 ire 500 per NOVI Compatti, potenti, affidabili, teenologicamente j pitt avanzati, Qualité insuperabile, dieci anni di esperienza. Amplificatori lineari 144 + 148 MHz Mod, watt watt Alimentat. Note vooA 14/10 12-25 25-30 13,5 1245 08-3 40-45-1356, (*) Protezione anche con- tro lo stacco dell'antenna. 144/45 6-15 40-45 144/80 6-15 80-90 13,512 Commutazione automatica ricezione-trasmissione. 914/140 6-15 180-145 13,5 22 #5100 10-25 © 90-120 13,515 = 1 soli amplificatori per VHF di dimensioni ridotte con Valimentazione entrocontenuta, $100T 8-20 9-120 220 V - 50 Hz alimentazione entro- S200T 6-15 190-220 contenuta realizzata con speciali nu- S400T 6-15 880-440 de toroidal. Protezione anche contro Jo stacco deil'antenna, Classe di fan: Zonamento AB Novité assoluta! Amplificatori 430 + 440 MHz 432/10 08-3 «10-15 13,5 2,8 Commutazione ricezione- U245 08-3 «35-40 «13,5 7,5 trasmissione aarematica, 432/45 6-15 35-40 «13,5 5,5 Classedifunzionamento AB ‘Tutti imodelli sono fornibili anche per frequenza civile ¢ marina. FREQUENZIMETRI FQu 500 MHz sensibilita 20 mV 6 cifte FQ 100 1 GHz sensibilité 30 mV. nea - Mini 200 170 Miz sensibilité 20 mV 7 cifre b | | SE ela see iy I ELETTRONICHE ey 93077, SACILE_(PORDENONE) - TEL. (0434) 72459 - VIA A. PERUCH, 64 - TELEX 450270 W @prilecosxi. 20133 Milano Via F. Tajani, 9 Tel. (02) 726496 - 7385402 CAVI COASSIALI: per impianti centralizzati TV CAVI R.G. per radio frequenza CAVI per cablaggio e collegamento elettronica in genere CAVI COASSIALI DISTRIBUTRICE ESCLUSIVA PER IL Der: FABBRICA MILANESE CONDUTTORI S.p.A. CAVI COASSIALI RG PER RADIO FREQUENZA DIELETTRICO TEFLON somes ah 4 COMMERCIO IN ITALIA CAVI COASSIALI RG PER RADIO FREQUENZA DIELETTRICO POLIETILENE rape pomney 7 a — lel os 7xo008 vase] ra 0296 a KUreers Sa 8 o » Oe EE ’’ KENWOOD YO sae PIU sf DIUNO a SCONTO! snc. . “ Ne agi “S$ ELETTRONICK ~ TELECOMUNICAZIONI St oe gs di DAI ZOVI LINO & C. I3ZFC Sg 1S 990 § Via Napoli 5 - VICENZA - Tel. (0444) 39548 (URC) Japan Radio Co.,Ltd. Bid Hoscha (Commut. coas,) Hustler - Daiwa - Nuova Magnum Jaybeam Antenne Amphenol - Cavi Marlow Cushcraft Hmp Antenne - Telereader Bias - PKW- Yaesu Sigma Antenne - Icom - FDK Kenwood - Drake Sommerkamp - Hy-Gain Tecnothen - A Antenne Avan Avanti Antenne - Cavi - = Rotori impianti completi per lo ricezione : dej sutelliti meteorologici, in versione civile e professionoie ad altissimo definizione \ \#/ aysesty_er os0 Cavo Cellflex 1/2” inflex RG 17. 2 Valvole: 4CX 250 - 4CX 350 - 4CX 1000 - 4CX 1500 4CX 10000 - 3-500 Z - 572 B. VASTO ASSORTIMENTO DI APPARATI E ANTENNE PER CB. NOSTRA PRODUZIONE OSCILLOSCOPIO - MONITOR PER RTTY 2" 3 MHz Sensibilita vert. 1/5/20 V/unita. Scansione orizzontale 0.1/1/10 msec.Junita. Sincronismo automatico. Sensibilité sincron, 0.2 V. P.P. Impedenza ingres. vert. 2 Mohm. Sensibilita oriz. da 0.2 Viunita L. 220.000 Nuova produzione monitor-scope per qualsiasi apparato RTTY - L. 180.000 Ampliticatori lineari tutti i modelli. TRADUZIONI IN ITALIANO Di NOSTRA ESECUZIONE KENWOOD * TS-770-E - TR-7800 - TR-2400 - TR-9000 TS-130-V/S - TR-2500 - TS-830 - TS-780 - TS-770 - TS-930-S TS 430-S - ACC. AUT. MILLER AT-2500, COMAX TELEREADER « Nonitor 12° a fosiori verdi antirifiesso, CWR - 685A / 670A © Stampante 80 colonne (M 80 microli- ne) con carta normale (RTTY) 0 carta —— perforata (computer). # Cayo di collegamento per stampante CWR - 685A L. 1.500.000 * CWR 670A (solo ricezione) L. 600.000 Chiedete le nostre quotazioni, saranno sempre le pid convenienti DISTRIBUTORI KIT TK E MK L.ABORATORIO ASSISTENZA ATTREZZATO PER RIPARAZIONI DI QUALSIAS! MARCA DI APPARATO_1 dal radiantismo .. # Sistemi CWIRTTY automatici * MAIL-BOX intelligenti Inseguimento sateliti ‘© QTH Locators . SS .. all'informatica applicata « Pilotaggio relais di potenza « Controllo di proceso Dispositivi telefonici automatici @ Applicazioni gestionali Antifurti, telecomandi, trasmissione dati Tandy = TRS-80 DEALER INTERNAZIONALE L’elettronica applicata alla nostra _calcolatori, E soprattutto, come vita quotidiana: nel lavoro e @ casa, imparare a controllare, programmare Come prepararsi a vivere e ae sfruttare il computer, lavorare in tn mondo che sara_assicurandosi molte possibilita in sempre pit dipendente dai pit di avere, domani, un ottimo stipendio, BUONE rrr RAGIONI PER ee ce aes ISCRIVERTI Al NOSTRI CORSI. Scuola Radio Elettra Peer ANTENNA PER AUTOMEZZI 26-28 MHz (CB) BOBINA DI CARICO REALIZZATA CON UW NUOVO METODO ESCLUSIVO TWOFOLD BREV. SIGMA DOPPIA BOBINA! DOPPIA POTENZA! DOPPIA SICUREZZA! STESSO PREZZO LANTENNA REGGE COMODAMENTE 800 W IN AM E 1500 W SSB. Imp. 52 ohm. swr: 1,1 centro banda. to in fiberglas di colore nero alto m. 1,65 con bobina immersa nella fibra di vetro e pretarato singolarmente. 200 CANALI. PLC 800 HUOVO HUOVO NOUVEAU — SUPPORTO A SPECCHIO Snodo in fusione finemente PER AUTOCARRI sabbiato e cromato opaco. Molla in acciaio inox @ Realizzazione di grande sezione completamente in acciaio inox. cromata neta con corto circuito interno. ‘* Supporto per fissaggio La leva in acciaio inox antenne allo specchio retrovisore. per il rapido smontaggio rimane unita I montaggio pud essere effettuato al semisnodo impedenda indifferentemente sulla parte un eventuale smarrimento. orizzontale 0 su quella Base isolante di colare nero. ‘Attacco schermato in acciaio inox verticale del tubo porta specchio. con cuffia protettiva, alto solamente 12 mm e uscita, del cavo a 90°, DIFFIDATE DELLE IMITAZIONI IN COMMERCIO! Metri 5 cavo RG 58 in dotazione. IL NUOVO SISTEMA TWOFOLD A DOPPIA BOBINA DI CARICO culla cavozzora 8 mane LO TROVATE SOLO NELLE ANTENNE SIGMA. Verificare quindi che sulta base e sul cavo siano impressi il marchio SIGMA. CATALOGO A RICHIESTA INVIANDO L. 800 IN FRANCOBOLL! CERCGASI RIVENDITORI PER LE ZONE DI: FERRARA E ROVIGO di E. FERRARI 446047 S. ANTONIO DI PORTO MANTOVANO - Via Leopard 38 - Tel. (0878) 998687 43 sabtronics 4 8000B Frequenzimetro a 9 citre da 1 GHz (45 my) L. 468.000" 8610A — Frequenzimetroa 8 cifre 8110 A da 100 MHz L. 198.000 da 600 MHz L. 255.000 2010 A = Multimetro a3 cifre “lo 0,1% LED L. 235.000 2015A = Multimetro a3 cifre /e 0,1% LCD L. 275.000 disponibili: generatori di funzioni, multimetri- portatili LCD, sonde logiche, piastre per espe- rimenti e accessori vari. Chiedeteli al Vostro rivenditore o direttamente a: elcom Via Angiolina, 23 - Gorizia Tel. (0481) 30.909 * prezzi IVA esclusa FIRENZE 2 ANODIZZATA RTTY - VIDEO CONVERTER | VASTO ASSORTIMENTO DI TELESCRIVENTH!! OUVETT DEMODULATOR™ « SIEMENS ORIGINALI "MULTISHIFT™ « LETTORLPERFORATOR © VIDEO CONVERTER CARTAL CCON VELOGITA'FISsA. E REGOLABILE « TASTIERE ELETTR. «+ ALIMENTATORI ++ PEZZIDIRICANBIO TUTTE LE MACCHINE SONO GARANTITE DI PERFETTO FUNZIONAMENTO OFFERTA SPECIALE TELESCRIVENTI OLIVETTI TE411Ricevente —_Eztonca, Stamp ad agh Baud 6240. 110 enable, TESI5RRicevente — Moccanca, Regulate da 40 a 60 Baud Teast Telscrventeeetrenica stampa ad ahi, Baud regclabie come TE 411 TESS Telesciveniemeccarica, 4-60 Baud 7 2BCN / BS | etc. | SIEMENS T 100 / 100 A Prez teat L 480.000 TESISR 220.000 TE 431 650.000, TESI5 490.000 T2BCNBS et, L 70000 (ino esaurinenio) T 100 280.00, (fro esauriertc) SCHWARZ £25080 Sino cal Lago (eso V. oma 1» Te. 065-6709 arene feito 16 PRONTI A MAGAZZINO 1 NUOVI FAVOLOSI APPARECCHI ICOM PER VOI C.B. UNA VASTA SERIE DI OMOLOGATI E ACCESSORI CON SCONTI MOOOLTO L PO INTERESSANTI! Pe i a Cc é COBRA GTL 150 80+40 - 7 W - Le ) CON ALIMENTATORE 3,5 A S4 TOTALE L. 290.000 041-432876 .. | numeri del risparmio ELETTRONICA EL. (041) 432876 CONDENSATORI A MICA A BASSISSIMA INDUTTANZA E 0 ELEVATO Valor! noemalmente a Hock [pF} :J 101 : 10-15-18-22-27-33-39-47-56-68-82-100-120-150-180:220-270-330-390-470-1000 3HS0006 : 4,7-6,8.8,2-10-15.22-33-4)-56-68.82.100-150-220 =m on | 20134 MILANO - Via Maniago, 15 - Tel, (02) 21.57.891 -21.63.524 -21.3.525 IM sr. ELETTRONICA TELECOMUNICAZIONI Abbonatevi a Elettronica Viva la rivista di Elettronica - Radio-TV attivita amatoriali in vendita nelle edicole oppure richiedetela a: Faenza Editrice $.p.A. Via Firenze 276 - 48018 Faenza (Ra) Tel. (0546) 43120 Per abbonarsi utilizzare le cedole stampate in fondo alla rivista. 18 alla APL trovi | kit garantiti per un anno con com- ponenti e spiegazioni. Usufruiscono Ge! talloncino di sconto i Soci Elek- tor Kit (5%). ea tela aa a) Richiedi |a tessera sconto e parteci perai alla vita di club. La suddetta | GIOIELLI DI ELEKTOR aati, aur ver tessera ti verra inviata gratuitamente Sete fe oust oe facendo un'ordinazione diretta dei kit che desideri SINCLAIR-KIT ‘OFFERTA SPECIALE KIT NUOVA ELETTRONICA JUNIOR COMPUTER (versione italiana) L 920.000 ivato Moduto d'ordine da inviare alla A.P.L. atl - Vis Tombetta, 3/4 - 37135 Verona DESIDERO RICEVERE COGNOME NOME \NDIFIZZO . CaP. DESTINAZIONE DATA FIRMA Nuova collezione antenne Marcucci ] | ANTENNA TANIGUCHI } (TEN) PER VHF/UHF ANTENNA Mod $0-22 “doppia DIRETTIVA - TET + ANTENNA HF PER quae. polanzazione Mod. HB-33 STAZIONI FISSE Mod. DP-KB 105 Frequenza (I1H2): 3.5/7! verticale ;quenza (MHz) 144 N. elementi: 2x2 Bande: 14, 21, 28 MHz Neelementi: 3 Guadagno: 8 518,5/10 dB 14/21/28 Guadagno dB (iso): 16 (iso) oP - BDY 770 Potenza applicabile: (W). | Rapporto avanti/indietro Rapporto avantitindietro: Frequenza: 144/430 MHz 3000 (a8): 20 20.08 Sistema risonante: 5/3 Altezza (mt): 7 ROS entro la banda: 1.5 ROS massimo in banda Per\idd MHz; 5/8 9, per Potenza applicabile: (W) 5 432 MHz Note: Completa di if 250 Massima potenza Guadagno: 2.8 dB per controvem e compatibili | impedenza (2), 50 applicabile: 2KW (PEP) 144 MHz; 58 d8 per 432 ad un supporto da 40-48 | Lunghezza elemento Impedenza: 50. Miz mm di diametra, (op: 0.87 Lunghezza max ‘atenza applicabile: 200 Garantita a resistere ad |] Lunghezza supporto. elemento: 8 mt w un vento da 126 Km/h, (ony:2 Lunghezza supporto: 4 mt Altezza: 120 em, a A) DAIWA - ANTENNA VEICOLARE VHF/UMF Caratteristiche DAT00 —-DA200-—DA-SOO Frequenza (MHz): 144 14a 144/430 Lunghezza d’onda 718), ROS: 48 <15 Guadagno (isa): 52 2718 Lunghezea (mm): 1360, 1870 960 DAIWA GM-500 - SUPPORTO DA GRONDAIA PER. ‘ANTENNA VEICOLARE. Frequenza operativa: 1,9 ~ 500 MHz Potenza applicabile: 1 KW Impedenza caratteristica: 50 Tipo di cavo: RG 58U - 4 metr Dimensioni (mm): 86x54x37 ANTENNA TANIGUCHI TET) PER VHF/UHF fod, AX-210NW ~ oppia yagi olavizzazione incrociata requenza (Mli2): 144 |-elementi: (10x2) x2 iyadagno d8 (iso): 13, apporto avanti/indietro 38): 26 OS entre la banda: 15 NTENNA TANIGUCHI ET) PER VHF/UHF 2d. $0-007 - doppia 'ad, polarizzazione rticale equenza (MHz): 432 ‘elementi: 2x2 sadagno 48 (iso): 16 Ipporto avantuindietro 3):20 ANTENNA DIRETTIVA - Ter Mod, HB-43 Bande: 14, 21, 28 MHz N-elementi: & Guadagno: 10/10/11 48 (iso) HOKUSHIN GDx-2 Rapporto avanti/indietro. ANTENNA VHF/UHF 22.08 PER INSTALLAZIONI OS massimo in banda: FISSE 48 Potenza applicabile: (W): |] Frequenze: 50-480 MHz Massima potenza 500 Guadagno (riterito a 4/4): applicabile: 2KW (PEP) Impedenza (9): 50 3.48 Impedenza: 50.0. unghezza elemento Impedenza: 50.0 S| Lunghezza max (mb 07 Potenza massima KS] elemento: 8 mt Uunghezza supporto applicable: 500 W BS] Lunchezza supporto: 6 mb 38 Aitezea: 39 mt Ba mt a TEX OP BX XO ISE - ANTENNA BICONICA A LARGA BANDA Mod. NSK-200,con __Impedenza: 50.9 polarizzazione verticale ROS: +<1,5, con rapporto di ROS Guadagno: 6 dB (iso) costarte entro tutta ls Potenza massima banda applicabile: 100 W Frequenza: 144~ 146 Tipo di connettore: N MHz Lunghezza: 640 mn AOS entre ta banda: 1,5 Potenza applicabile: (Wy 250 impedenza (12): 90 Lunghezza elemento (rnb): 0,75 cunanezze ‘supporto Milano - Via F.lli Bronzetti, 37 Elettronica e Microelettronica IST il lasciapassare per le professioni di successo Llawento _ dell'elettronica nei plu vari settori dell’eco- nomia_internazionale ha comportato come conse- guenza la richiesta di nuovi Professionisti con ottirne co- Noscenze di elettronica e microelettronica. — come sempre accade... Chi prima degli altri potra disporre di tali requisiti fara sicuramen- te carriera, ELETTRONICA E MICROELETTRONICA CON ESPERIMENTI IST @ un nuovissimo corso per corrispondenzasicuroe col- ae _lnscte ISTITUTO 1 ela relativa GUIDA INFORMATIVA, SVIZZERO coonl_[} | DITECNICA Iv LI Lascuoladelprogresso = =| |_| « Ascrgegicuaintvcptorseoreneroc yor «8 Insegne in Europa da ote 75 onn..ntalio da ote 35, 2 Non ertetuc mat visite c domicino 2 Non nchiede lose ci ades.one 9 ainteruaone che le consente di appren- dere le nozioni di elettronica e microelettronica indispen- sabili (circuiti integrati, mi croprocessori, tecnica di- gitale, elaborazione e- letfronica dei dati, ecc,) per far carriera nel suo come in altri settori lavorativi. II corso @ costituito da: 24 dispense doppie (! di teoria +1 di prati- —~—__ ca); 8 scatole di mate- tiale sperimentale e didat- Pros covotere. agiore ospedroin toss fico (oltre 640 componenti, appartenenti a 95 tipi diver- si, per piu di 100 esperimenti di verifica); accurata assi- stenza di studio fomita da esperti insegnanti. Elettronica e Microelettroni- ca con esperimenti IST le consente di scegliere come, quando e dove studiare. Il Cettificato Finale testimo- nierd il suo impegno e il gra- do di preparazione rag- giunto. A richiesta Le inviere- mo — senza spese e senza alcun impegno — le prima dispense det corso in prova el'ampia guida informativa. [IST - ISTITUTO SVIZZERO DI TECNICA | Va. Pero 4921016 LUNO (VA) Toe 0922/590469 (ale 6 9 ate 17.20) J Desidero ricevere, GRATIS. per posta e senza alcunimpeuno f la Tdispensa del corso in PROVA DI STUDIO | | (aN ee tata sol bee Tel 0546/43120, Cas, Post, 68 Direttore responsabile: Amedeo Piperno ‘Conuirettore: Marino Miceli Hanno collaborate a questo numero: IOSNY, 14AKY, MCDH, MEAT, I@MK, IIMNP, P. Badii, O. Schwarz, 5, Romeo, A. Riccobon, F. Veronese Lpaginasione: a cra de Ui Gratin ge Faenza Direzione - Regarione - UMT. Vendite: Faenza Editrice SipAc via Firenze 276 - 48010 Ervano, Faenza, Tel. 0886743120 Pubblicta - Direzione: Facnza Ealtrice Sip-A., via Fi renze 216 + 48010 Errano, Faenza, Tet. 0546/4312 ‘Agenzia di Mitano: via della Liberta 48 - 20097 S. Dona- to Milanese (MI) ~ Tel. 278026 ‘Ageazin Wi Sassuolo: Vig Braida 138/3 - 41049 Sassvolo, (MO) - Tel. 05367804687 abletironica Viva @ diffusa in edicola e per abbona: mento. E una rivisa devinata ai radioamatori, agli hobbist-CB, SWL ¢ BCL, nonché af teenici del det. nica industrale, degli emetitor'privati radio e TV. -ne 'Organo Ufficiale A.1-R, MESSAGGERIE PERIODICI Iserdione af Regist Nazionale de! fn 824 va 9 Faso ISS el 23.03.1983, Pubblicarione cesisata gresso il Tribunale di Ravenna, 1, 641 del 10/10/1979. Pubblicia inferiore at 70", ® Ua fascicolo L. 2.000 (arretrati $0%9 in pit) Abbonamento annuo (I numeri L. 20,000 Pubblicazione associata all" USP (Unione Stampa Periodica Italiana) Stampa: Gratiche Consoliti Villanova di Castenaso (BO) Elettronica Viva -Novembre 1988-N. 99 SOMMARIO Euditoriale: I nostro parere 24 26 Lettere in Redazione 60 anni fa... nel 1923 i Radioamatori dimostravano le immense possibilita delle Onde Corte... ec .eecsees 27 Corso di autoapprendimento della tecnica digitale ..-..cececee ee 3S Glossario di elettronica 39 1 Radioamatori e le tecniche digitali .. 40 Le modulazioni digitali . 44 Inserto VHF-UHF 8° dispensa ........... 45 RTTY senza errori? Un traguardo non pi irragiungibile (3* parte) ................. 97 Una evoluzione in atto. Nuovi modi di lavorare. § servizi prevalgono sulla produzione . 64 Difendi il tuo baracchino con una cartolina .-........00 66 La propagazione .. Notiziario A.LR, Radioargomenti . Di CB parliamo Notiziario CB . Notiziario OM . Dalle aziende . 23 Il nostro parere Dicono “i sapienti de! nostro tempo” che sebbene si sia entrati netf'era della comunicazione. 1s incomunicabilita fra gli individui ¢ in aumento, Causa di cid sarebbe un vero e proprio collasso etico per cui spentosi il piacere della conversione fine a Se stessa, non testerebbe altto che ia “comunicazione a fini utter e vero. il mondo che i nostri nipoti andrebbero ad ereditare sarebbe ben triste ed arido. Verrebbe nz da pensare che i radioamatori. il cui numero & ovunque in continuo aumento, andeebbero riguar: dati come | pionieri d'un mondo migliore dove la comunicazione a distanza senza fini utiitwrstici. potrebbe rista bilite quei Valori etici di lealta ad amicizia disinteressata, che pare vadano attenuandesi, Giust'appunto 60 anni ‘orsono, con uno splendide exploit che sorprese teeniei ed esperti di radiocomunicazioni. Deloy ¢ Schnell collega- vano if Nuovo col Vecchio Continente, impiegando apparati autocosteuii e potenze nell’ordine det 200 watt Da quel 28 novembre 1923 il radiantismo, fenomeno essenzialmente american. diventava una attivita a livello mondiale, Dal vecehio sperimentatore solitario dei primi del secolo, chiuso nel guscio dincomunicabilita del suo laborato- rio. in 20 anni s'era sviluppata una nuova specie. sintesi di due precedenti indirizzi: da un lato lo sperimentatore. dallalteo Tamatore della comunicazione con tutt gli uomini del Mondo. Tale & rimasta nei 60 anni trascorsi, questa socazione: quella di studiare modi sempre nuovi ¢ pit effcienti. con lo scopo finale di realizzare un miglore QSO tra i coniratelli d’una medesima Comunita Mondiale: la LARU « fondata appunto nel 1924 Da allora 1 progress di questo piccolo gruppo di “cittadini del mondo” sono stati coasiderevol Dal punto di vista aumerico si& passati da una qualche decina di migliaia ad un milione © mezzo: dal lingungeio piuttosto impersonale ¢ codificato del “Morse” ci sié lentamente portati verso una telefonia data efficienza co- ime la SSB: per poi nell’ ultimo ventennio, evolversi verso la trasmissione diretta dellimmagine det corrispondente ‘4 mezz0 della Slow-Scat-TV. ‘Con la crescita mumerica ¢ Padozione della fonia su vasta scala, le gamme HF salvate dalla [ARU sono diven tate sempre pid affollate. ‘Anche se ali amatori con un esemplare “senso dell’economia verso un bene di tutti quale fo spettro e.m.” hanno. ristretto le esigenze duna singola coppia di conversatori a 3 kHz: crterio valido anche per lat comunicazione bil terale STV: lo spazio disponibile & pur sempre insufficiente. Del resto dove si alloca una sola stazione SSB. possono operare senza interferenze una decina di ~telegratiche Una volta ancora lo spirito sperimentale dell’OM si riaccendeva nella ricerca delle possibilith di comunicazione ivello mondiale impiegando le VHF ed UHF “che a parere degli esperti hanno solo portata ottica”. Sateliti co- me OSCAR 6-7-8-10 hanno facilitato questa intercomunicarione a grande distanza. mettendola alla portata dei meno dotati Ogei & presente solo OSCAR 10 ultimo nato ¢ gli altri rappresentano un “caro ricordo™: perd OSCAR 10 consente per circa 8 ore al giorno intercomunicazioni contemporanee fra buona parte del Mondo. Con una an: fennina montata sul tetto dell'autovettura, potete ascoltare contemporaneamente Californiani e Neo-Zelandesi per non parlare di tutti gli altri OM compresi fra tali lontani estremi Ma vi sono altre attivita che ci rendono particolarmente orgogliasi: quali le comunicazioni via-Luna © con modi i propagazione anomali Ci tendono, esse. pasticolarmente orgogliosi perché proprio in queste. i nostri OM hanno posizioni di grande ri- Tievo: MEAT of Faenza detione il primato di distanza via-terrestre in 144 MHz: 7800 km! - lo stesso EAT ope: rando via-Luna, ha anche collegato 12 Stati USA ¢ 64 differenti call-areas i2MBC e a 19 Siati - USA: secondo in Europa, dopo SM7BAE che in 144 MHz, ne ha gia collegati 31 dai 50 pos sibil. La fiorentina iSMSH in “70 cm” detiene il primato di enifegamento a grande distanza via-Luna, col QSO Italia Nuova Zeland, IDSNY ha mes-o in contatto il Marocco Spagnolo con I'Isola di Ustica in 10 gig: 1663 km attraverso il Mediterra~ Ed infine altro eccevionale primato: iMAKY scambia fra Bologna € Trieste immagini televisive non rallentate (ATV) in. 10 GHz, alla distanza di 250 km. Sono avanzamenti qualitativi d‘ogni genere: di natura educativa, utili- taria tecnico-seientifica rcalizzati fin dai primordi; ma tornando a quanto scrivevo in apertura, lasciatemi soxcoli= rere come si vade sempre pitt accentuando Timportanza della “funzione umanitaria ed umanistica di questo ec- cezionale Servizio Radio jo possiamo onestamente affermare, con pacato orgoglic: chiamo di fare nostro meglio. perche siamo gia il modello dumanita ed unitd del Mondo di domani ~ Marino Miceli 24 Elettronica Viva - Novembre 1983-N, 38 ettere in redazione Lettere in Ci sctive il CBer svizzero: MAICO KELLY P.O. BOX 2 CH-6981 - PURASCA-TI ‘SWITZERLAND Egregi Signor\ Jeqg0 la Vostro bella rivisto da quan- de contiene organo ulfficiole A.LR. Complimenti « tutto O.K. ~ Ma sono pure un CB e leqgo gli articol sulla CB, da qui il fatto! Nel N. di Giugno sotto il itolo «la CB in Svizzera» lego delle cose inesat te D) Non ci sono limitezion ch WAT ma opparati OMOLOGATI 0 non omologati 2) Non vi sono apparati omologati con SSB. 3) Non ho mai sentito che un CBer ‘abbia ricevuto Ja visita delle PIT ‘per verificore un impianto Eloticonica Viva- Novembre 1988-4. 98 In risposta alla lettera del lettore G. Romagnoli di Milano apparsa a pagi- na 26 di Elettronica Viva Luglio 83, i scrive il P.l, Giuseppe Donadio di Villapiana Scalo (C 8). Spetiabile Redozione di Elettronica Vive vi scrivo perché negli ultirni nu- ‘meri della Rivista sono oppars® cose che meritano «iflessiones. In propesito, su un argomento ho ri flaituto @ cosi rispondo al Sig. Roma: gnoli ll Lettore da me cifato nefla sua let tera sostiene che / fecnici elettranici iteliani non sono preparati La causa seconds |Egr Lettore deri verebbe anche «dal coccolamenton ‘mi si concede Ja licenza poetica - dei genilori e nella fattispecie delle mamme pricea, delle maestre poi, er finire agli insegnanti delle Supe L’apparato radiotelefonico HB640 installato come mobile sulla jeep di ESAWY “Maico Kelly”. Scus! sig. Romognoli, ma lei he ava to modo d'insegnare? $a per caso oso signilichi dore lezione @ trenta allievi con materiale didattico suffi ciente solo per 10? Aggiunga anche un po’ di cattiva vo Jonta (dei discenti) © vedré che «mi- nestrone» viene fuori, Scrive per Blettronica Viva il Sig. Romagnoli Fispondo alle prime due contestazio- ni dell'egr Sig. Donadio. Givet'ap- punto 40 anni orsone giovane poco pill che ventenne, uificiale di com plemento, assieme a decine di mi gliaia di compagni di sventura mi av- viavo verso i Lager tedeschi «per non aver voluto sottoscrivere un giura he ml sembrava tmposto) al ibblica dh Sal. jovani di allora in alcuni anni dt sventurati eventi della Patria ci ere vamo temprati € vero; ma avevamo anche una forza d’animo che non ri scontro in molti giovanl doggi. Le forza d'animo che ci fece alfrontare sia pur con rassegnazione una quer r= non voluta, ci veniva essenzia! mente dall’educazione familiaze. Oggi si sente dire dalle mamme che il «loro piccolo» non pud resistere ai rigori della vita militare (un anno!), che impazzisce se non adeguata somma di casa... @ coal via. Ergo: se i giovani di oggi sono in maggioranza dei neurolobii di chi la colpa? delle madri, Se po! tutti gli ot to anni di scuola supericre © m sono presi alla leggera dagli studenti di chi la colpa? Degli ordinamenti «troppo bonarii» ma anche di molti insegnanti (le! escluso) che si accontentano parec: chio - non sole dal punto di vista del Fendimento. scolastico, ma anche della disciplina. Mia nipote ha supe rato la maturit& scientifica qualche mese fa: — Tutta la cosidetta «esposi- 25 | redazione Lettere in redazion: ione orale» verteva su due materio ai sua scelta: storia e geogratia Ben diversa era la maturité di altri tempi, dove gli esami erano pesantis- simi oltreché numerosi: fre scritti ed orali, si veniva torchiati in tutte le materie degli ultimi 4/5 anni: altro che storia e geografial (Ora il Giappone: e la prego creder- mi perché j miei rapport! con quel Paese sono frequentissimi e recenti: ‘nche se come noi ha subito la disfat ta millitare, non ha allatio. subito quella morale. Anzi, quegli episodi di contestazione che ogni tanto gior- ali e TV ci riferiscono colpiscono proprio perché dovuti ad un ristret- {issimo numero di egiovani arrabbie- tiv e sono piuttosto rari Nella stragrande maggioranza, an- che nelle grand citt, il giovene ri spetta religiosamente, cosi_ come mezzo secolo fa, «il padre». E questo padre & assai pid «vasto» che da not es0 comprende Autorita, superior in genere, datori di lavoro in pro- gressione gerarchica Lei un giovane materiale-uomo come quello pud plasmarlo a suo piaci mento e farne anche una specie di erobot» che pilota altri «robot ciber netici» - me tenga presente: non ha a che fare con gent. che ha versato J} cervello al'ammasso - tut’altro. Sapere, pragmatisr'o, spirito i gruppo sono al! tse della vita in dustriale giappon-e, e si entra snel circolo» solo se “i hanno queste qua- Its in modo acventuato. Per diventare sdirigenti» si passa at- traverso poche prestigiose universita come quella di Tokyo. E per entrare all'universita non basta una maturita presa con due esami scritti ed un col- loquio di ustoria e geografias. Dopo uno stressante ecame di maturité, ne viene uno edi ammissione» addirittu- ra crudele: 5/6%» di ammessi a To- kyo. Naturalmente i r2:pinti non ssono da buttare via». Pru, io sulla base dei 26 rendimenti scolastio} -¢ le industrie hanno fiducia nelle graduatorie che si fanno in una scuola serie - avven- ‘gono le immissioni nel} industri, per formare i quadei intermedi. La reclu- ta entra ai pili bassilivlli di remune- rezione ed il periade di istruzione (passivo), pot di utilizzo in bassi gra i, @ lunghissimo. Finalmente quan- do «il gruppismo e l'emuleziones danno i loro frutti ed il giovane si & comogeneizzato all’Azienda (che ten- a presente 6 considerata «famiqlias) non solo nelle tecniche mna anche nei modi di pensare, nei gesti e persino nelle apparenze, allora solianto pub aspirare, altraverso esami, scuole aziendali ed altri trebocchetti, ad uscire dal gregge della manodopera ‘comune. Perché un Paese che ha al- zato la % di classe media all’80% de- ve atlingere una certa qualité di ma- nodepera comune dalla classe me- dia Comunque, io parlo di dirigenti ¢ quadri intermedi, perché non ho esperienza diretta di livelli rainori Quindl wle riconfermos: nessuna me- reviglia se in aria !OM giapponese & serio e disciplinato. Nessuna meravi- alia se esami ¢ licenze sono gestite non dallo Stato ma dalla prestigiosa Ascotiazione JARL: anche essaé «uns azienda» che procede con serieta in- corruttibile né certi scandali nostrani sulle slicenze con esonero a persone dai meriti assai discutibils sono con. ceribili in quel paese. Ma vengo per concludere ad altri due temi aseai pit: dolorosi perché foccano il nostro portafoglio attra verso | complessl meccanisml finan: Ziarii internazionali: competitivits nel campo dellelettronica e produtt- vita Secondo me, sono due argomenti sui quali non possiamo in nessun mods competere - proprio per quella ca. renza di materiale-uomo di alta que Iit&, anche se per i nostri gust latini, noicsamente unilorme © maniaco del lavoro, La ITALTEL e Je alire Sovieté talia- ne non potranno a mio parere nep- pur entrare in lizza nell'Elettronica 2d olta livello, contro un «Blocco co- me quello» E dico «Blocco» con cognizione di couse: perche il «gruppismo glappo- nese» porta alla formezione di tanti sblocchis che in una specializzozio- ne comprendone: ditte, servizi, ist. tuzioni. Allintemo del Paese «le Grandi» possono esser in concorren- 2a fre loro; ma si presentano come un‘unica possente Corporation nei confronti degli «stranierix che pre- tendono far loro concorrenza. La ringrazio sig. Donadio per aver mi dato Voccasione di chiarire me- alio le mie opinioni, frutto di espe: rienze dirette e riflessionl. Ringrazio Elettronica Viva por la cordiale ospitaita ai mie! scritti, un po! troppo verbost invero. Elettronica Viva- Novembre 1983-N. 99 60 ANNI FA... Nella notte del 28 Novembre 1923 i Radioamatori dimostravano le immense possibilita delle ONDE CORTE Nella notte del 28 Novembre 1923 Radioamatori dimostravano le im- mense possibilita delle ONDE CORTE Da tre anni s’inseguiva «il sogno» della comunicazione bilaterale fra amatori attraverso I'Atlantico & gia le Associazioni ARRL (USA) ed alcune consorelle europee avevano organizzato «tests» negli inverni 1920/21 nel dicembre 1921 e nei 1922. | tests transatlantici sul- la frequenza di 1500 kHz certezza che i segnali-Morse ira- diati dalle pid potenti stazioni ama- totiall, avevano parecchile probabi ita di scavalcare PAtiantico. Difatti durante un «trans-america tests Ie stazioni operanti nel Middie-west avevano ricevuto con yemporaneamente i messaggi dal ta Costa Est e dalla California a di stanze di 2600 ~ 3000 km. Si ratte | Alla fine de! 1920 vi era la quas! va ora, di provare sul mare, dove la propagazione @ notoriamente mi- liore: ma dal Nord America (SA) alla Gran Bretagna la distanza é di oltre 6000 km — II prime esperimento: 24 stazio- ni fra le miglior! della costa orientale degli Stati Uniti tra- smettevano, mentte gli ingles! ascoltavano; falli, nella prima settimana det febbraio 1821 Secondo lanalisi del!’esperto Paul Godley, 1a mancata ricezione si do: veva attribuire al fatto che le centi- nala di OM ingles, concentrati specialmente nelie citta; si erano interferiti a vicenda con ‘le irradia Zioni spurie del loro ricevitori a vea- Elettronica Viva -Novembve 1989. N. 39 — Per il secondo esperimento: di cembre 1921, la ARAL aecise di inviare In Sc@zia il Godley, con- siderato un vero mago nelia co- struzione di ricevitor, Nella tenda eretta nella brughiera di Ardrossam, in vista dell’Atlanti- co, Godley riceveva fino dalla pri ma sera: 7 dicembre verso mezza- notte, «segnali dalW'appacenza americani»; alle 1,33 del'8 - ariva: va finalmente una intera conversa: zione amatoriale su 270 metri, ‘s1&RW risultato oi un pirata (mai Identificato) arrivava con segnali consistenti al di sopra del rumore atmosferico, Per diverse notti furo. no ascoltate parecchie stazioni USA alla distanza di circa S800 km, Rigultd pol, che durante il stests anche OM europel avevano fatto ascolti abbastanza regolari anche ‘se molto deboli. In totale: le 24 de. signate pit) un Canadese ed «un pi ralan. Godley, In questo espreri mento, che peraltro apparve decisi vo, specie in favore delle stazioni a tubi (cw) contro la wsparte (scint la); oltre ad un ricevitore «a reazio. ne» con due stadi B.F.; disponeva anche d’una supereterodina pure autocostruita, a 10 riod; dl cul cin. que amplificatori FJ. a 100 kHz ac coppiati per resistenza e capacita, Difatti non conoscendos! ancora un metodo gratico di neutralizza- zione della capacita griglialanodo dei triodo, non si potevano evitare le autooscillazioni in amplificator! dotati di circuiti rsonanti accorda ti sulla frequenza di lavoro. La «supers comunque, disponendo di ben 4 circuiti accordati con ac coppiamento induttivo; di cul due a 100 KHz, aveva una selettivita mi gliore dell'altro pid semplice appa rato. Banda-passante minore sign fica erumore di soglia migliore» an che in presenza d'una forte compo- fente di rumore atmosterico. i conseguenza le ricezioni di Go- dley furono parecchio probanti — Grazie alle migilorate condizio nl tecniche degli OM europe, it stoste del 1922 aan ebbe atice- vitori american’ da nois ma {uin uitima analisi un vero succes- Le stasloni USA 4 Canada cleave le furono 316. 161 di esse furono ascoltate in Gran Bretagna; un Comitato franco-svizzero di OM, organizzato da Pierre Corret, ascoltd sul Conti nente ben 239 nominativi diversi, di cul 8 appartenenti ad OM della Ca- lifornia. Difficilmente pero, accorre into, "intensit det segnali avreb be potuto consentire uno scambio sicuro di messaggi ‘Ad ogni buon conto, nel turno euro. peo di trasmissione, gli americani poterono decifrare | segnall di due europel: FBAB (Deloy) ¢ due stazio- fi britanniche, una delle quali, un vero giolello per quel tempo,era la GSWS dell'Associazione RSGB a due tubi alimentati in ¢.¢, Col sen. 10 di poi, noi oggl siamo in grado dattermare che nel 1922 le scose andarono meglion in primo luogo perché al test parteciparono nume- rose «stazioni a tubi» di gran lunga migliori delta «scintilias, Poi c’era la Nalura che faceva la sua parte: Il Sole declinava ed i suo! «Fle furono: 38 (1920)-28(1921), 13 (1922) ed infine 6 nel '23. Meer? La copertina di OST-JAN 1922. 27 GLSTTROMICA VIVA Durante ogni «test» il numero det- le stazioni ascoftate era andato progressivamente crescenda, al punto che, per evitare confusioni da sovraffollamento, nel 1922 la ARRL aveva prescritto «prove di qualificazione» e solo le stazioni che avessero dimostrato di copri- re la distanza di almeno 1900 km sul territorio USA avrebbero potu- to partecipare a questa prova: che si riteneva decisiva. Non fu cosi: nonostante it gran nu: mero di stazioni ascoltate, non si ebbe alcun QSO, Un nuovo «testy accuratamente programmato doveva aver Ivogo alla fine del dicembre 1923, ma gia nell’estate, alla Convenzione della ARRL tenutasi a Chicago, il fran cese Leon Dely aveva dichiarato «al punto in cui siamo, gli sforzi per la comunicazione bilaterale trans: atlantica si debbono concludere (con sucesso} al piu presto». E Deloy invero «non perse tempo»: quando torné a Nizza aveva seco non solo un progetto eguale a quello di Schnell peril trasmettito- re a 4 valvole da 50W, ma anche buona parte dei materiali per la sua realizzazione. Egil portava in Francia anche un prestigioso i cevitore a variometri «Grebe» di- mostratosi peraltro inferiore al «sintonizzatore a capacita variabi- ler dj Reinartz, descritto da QST nel Marzo 1922. tI prodotto com. merciale andava bene per sla scin. tillan che occupava un’ampia por- zione di spettro, ma la sintonia d'un segnale telegrafico puro tix sultava «sfuggentee difficoltosar. Da qualche anno ormai, gli OM americani erano divisi: la maggior parte, dando ascolto alle opiniont sdeiprofessionistin ritenevano che la maggior distanza fosse rea- lizzabilé con le onde pit lunghe, essi tendevano quindi a concen- frarsi sulla piu bassa frequenza consentita dalla loro legislazione 4,5 MHz. Un buon numero di sperimentatori richiedeva «!'autorizzazione X» che consentiva di sganciarsi dal 200 m e salire in frequenza: taluni erano gia scesi a 70 me il tra- smettitore di Reinartz poteva ari vare alla A di 100 m. Deloy decise ai tentare vicino alla frequenza piu alta, era pronto per iniziare le prove il 25 novembre & cosi telegrafé alla ARRL. Venne RADIOTRONS YACUUM TUBES for Amateur or Experimental Use HK. facilites and resources of the world-famous RESEARCH ABORATORIES of the General Flectric Company have been concencrated upon the development and design fof anew series of VACUUM TUBES for Radio Deteetion and Amplification. ‘The RADIO COR- PORATION OF AMERICA now offers co the Wi cless Experimenter two distinet types, each particular feld of usage. RADIOTRON U. V. 200, with 2 ged condense Lise Price $5100 SH6H eiteuits wil be the m The first of the svies is 1 De tector and Audio, Frequency Amplifer of unusual capabilities, which operates Tem a single standard plate haters, Test detector aetion cours at plate volages Between 18 and 22° volts with a flament current of approximately t aumperey and fed ged leak, U,V 200 1 partic= srrenerative cieewts. Atal in Fig. 1- Quando | radioamatori USA riebbero le «Licenze» dopo Ia pace che segui la 1° 0.M. 1 trasmettitor erano a seintlla, ma la Magglor parte det riceviter! usava ormai un rvelatore & reazione pit un iodo in BF, sebbone duo tubl assommassere a 10 dollar: n bol po! dena +0, per quel tempo pari al 10% dello stIpendio mensile d'un buon Implegato. 28 ascoltato quella notte stessa ©, avuta la conferma viacablo, la notte del 26 trasmise, oltre alla chiamata ed al gruppo di ricono: scimento «segreto»: GSJTP - due messaggi: Uno era di saluto degli OM france- si per quelli americani; il secondo stabiliva le modalita per «tentare i! Q80> la notte successiva. La sera del 27 novembre alle 9.30 (ora locale USA) ossia alle 2.30 de! mattino del 28 (ora GMT = all'ora di Niza) Schnell e Reinartz nei ri spettivi shack erano sintonizzati su 109 m. Ed ecco arrivare forti € chiari «i segnali gorgoglianti» di F8AB. Nella prima ora, il francese dopo la lunga chiamata trasmise altri due messaggi, poi il +K», ossia Vinvito a trasmettere, Nel turno: prima vi fu la risposta di Schnell, pol quella di Reinartz Infine ecco «i brontolii di Deloy» che alimentava I tubi con alterna: ta da 25 Hz, non raddrizzata. Era Il sricevuto per entrambi» con Invito a Schnell «a procederen. Cosi comincid il primo Q8O trans-atlantico che univa gli OM americani a quelli della «vecchia Europap. Poi fu i! turno di Reinartz e la «con- versazione a tre» continud per al cune ore, alla distanza di quasi 7000 chilometri I motivi del successo II primo QS trans-atlantico non fu casuale: esso fu la conclusione di tre anni di tentativi, di perfezio- namento dei mezzi tecnici, di qua- si un anno di preparazione da par- te dei tre protagonisti. Da un lato dell’Atlantico Schnell e Reinartz potevano awalersi della organizzazione ARRL: erano essi fra i migliori collaborator! di QST e risiedendo vicino ad Hartford (Connecticut) avevano_ incarichi sociali fissi. A Nizza, Deloy era in: voce pressoché solo; ma dotato di Elettronica Vive -Novembre 1983-N. 38 beni di fortuna tamiliari, poteva dedicarsi ad una altivita amatori le adialt livello» quasi costante- mente. Nel sucesso entrd anche «un piz. zico di fortuna»: certamente pit per intuito amatoriale che per di relta conoscenza, egli scelse per Vesperimento decisive la frequen- za di 3 Miz, che lo favorl, Ma que- sto Si € scoperte dopo. Una pid approfondita conoscenza della ionosfera venuta nei 7 = 10 anni successivi dimostro che la frequenza di 1,8 MHz, dove si con- centravano gli americani in obbe- dienza alla Legge Taft del 1912 (che legittimava Vattivita amato- riale USA), era fra le peggiori per te ‘comunicazioni a lunga distanza. Difatti intorno a 1400 kHz ha luego it massimo assorbimento ionosfe- rico per un effete di risonanza ne- gli elettroni liberi che si muovono «a trottola» sotto l'azione congiun- ta dell’onda incidente e del campo geomagnetico. Sempre restando nel campo della propagazione occorre poi osserva- re, alla luce delle nozioni apprese, che quello fu «il miglior momento» per la comunicazione su una fre- quenza cos} bassa come 3 MHz. Elettronica Viva Novembre 1983-N. 39 Fig. 2- Due dei we artetic! del primo ‘ASO trans-Atiantico. A sinistra, il progettsta det Reinartz, col suo a Al centro lo stesso trasmetiitore, ma nella aversione lanceser realizzata 4 Nizza. A destra Leon Deloy. reuiti ssmattitore ati Fig. 3- I primo QSO Trans-atlantica uilizzoricevitor are 2zione a due tubi; ma anche negll anni succe: sta delle Onde Corte este Wwago con rc al 30 MHz tu una varianta pid @ mene elaborata di questo, ‘deseritto dallo Hassel su QST-Foby. 1924, Dotato oi bobine a bassa perditaintercambiabilh pen (mo solo per -gamime di frequenza pid basea}. Accoppiamenti indut dfantenna (1) 8 sexione 3) vail per rotation an- ‘lars, 29 Gm GLETTROMICA VIKA Dal 1927 al '30 gli astronomi Stet- sone Pettit scoprivano la relazione che lega l’attivita solare e il nume- ro delle «macchie» alla emissione di radiazioni U.V: che sono la cau- sa principale della ionizzazione dell'alta atmostera. Fu il momento migliore perché nell'autunno del 1923 si ebbe ia fi- ne del 15° ciclo ¢ linizio del 16°, con un numero livellato di mac- Chie «R = 6 Quando per effetto del «sole quie- to» la densita di ionizzazione & bassa, se da un lato le gamme 14, 21, 28 MHz hanno una propagazio- ne scadente, dall’altro, nei mesi invernali, tanto i 7 quanto i 3,5 MHz hanno ottime «aperture not turnes per effetto del basso assor- bimento e del minor livello di re more atmosferico (anche i! rumore si propaga attorno ai Mondo via ionosfera) Se la densita di ionizzazione non fosse stata cosi bassa, probabil- mente il ricevitore a reazione, dal- la banda passante amplissima, non avrebbe dato, sulla cuffia, se- gnali forti e chiari, merito d'un rap- porto segnalelrumore assai van- taggioso: si calcola che in quel primo collegamento durato circa 3 ore il rapporto SIN fosse nell’ordi- ne di 40 dB, Con un maggior assorbimento io- nésterico ed un livello di rumore pi alto, forse i segnali generati dai quattro tubi da 200W sareb- bero risultati confusi perché vici- ni alla soglia di rumore. Unvaltra componente é infine da attribuirsi alla esperienza accu mulata nelle precedenti «prove trans-atlantiches, — Si procedeva «per appunta: menti», su una frequenza sta: bilita @ vero; ma solo da poco si disponeva di ondametei ab: bastanza precisi per le onde corte. — Siesa compresa appieno la mi- glior efficienza dell'oscillatore a tubo rispetto alla «scintilla» e ci si era resi conto che una antenna la pid lunga possibile, 30 accordata alla base con indut- tanze e capacita, estraeva la massima quantita di energia dal trasmettitore, Le conseguenze In poco tempo, salendo su fre- quenze pit alte, gli OM scoprirono la possibilita dei OX anche senza appuntamento, con ogni parte del Mondo. Le frequenze salivano congiunta: mente al progresso tecnologico che specie nel riguardi dei tubi fu considerevolissimo, grazie soprat- tutto alla nascente radiodiffusio- ne con la quale ebbe inizio la pro- duzione in grande serie delle «val- vole» il cui prezzo precipite. Parecchio elevato era il costo dei tubi di potenza, ma si potevano fare trasmettitorin anche impie- gando le valvole da alcuni watt dissipabili prodotte come sfinali BF» dei ricevitor! di qualita con grandi altopariant Nel Marzo 1924 II fondatore della ARRL: MAXIM veniva a Parigi per proporre ad un ristrettissimo nu mero di detegati europei la fonda- Zione di una Lega Mondiale dei ra dioamatori, Tra gli otto firmatari della prima «Carta costitutiva» vi era 'OM italiano Giullo Salom. Oggi questo OM veneziano, unico superstite degli otto padri della JARU, & i dell’ARI. Presidente onorario La Internationa! Amateur Radio Union Percy Maxim, fondatore della ‘ARAL (nel 1914), aveva sognato un glorno, forse 5 anni prima, che i ra- dioamatori di tutto il mondo potes. sero comunicare fra loro ed essere vniti in un Sodalizio che difendes: +36 jl loro «status» ed | loro interes si Infatti, dopo le amare esperienze del dopo-guerra USA, quando sem- brava che sotto la spinta delle grandi Corporation e delia Marin Militare Il Congreso dovesse de Gidere per il xcongelamento sine dies delle licenze sospese durante iN Contito, egli si era reso conto che Ia situazione si era alla fine volta a favore degli OM solo perché erano unit In uno Stato di dirtto come la gran- de Federazione americana infatti, il cittadino pud ottenere tutto: an cche Leggi a favore d'una certa ca: tegoria ed attivita: ma non pud né deve altendersi «tavorin. Lo Stato, TAmministrazione rappresentano la «controparter e per controntarsi con esse, per lottare contro esse nel termini delta legittimita, occor re denaro per azioni legali ¢ cos! Cosi la ARAL vinse la sua battaglia del 1919 in favore degll OM-USA: di tutti, anche se non associati Cosi secondo Maxim dovevano prepararsi gli OM di tutto il Mondo per la prossima lotta che avrebbe Visto scendere In lizza, nella Arena della ITU, tanti fra i Paesi pid pro- gredit Occorreva un Sodalizio mondiale: percid egli il 12 Marzo 1924 incon- 116 a Parigl, presso Hotel Lutezia, altri sette uomini di buona volonté, plenipotenziarii di sparut! manipolt di OM appartenti a italia, Francia, Belgio, Lussemburgo, Gran Breta: ‘gna, Spagna e Svizzera. Maxim rap- presentava USA @ Canada Elettronica Viva Novembre 1983 N. 39 DE ETTRONCA VI a La Fondazione ufficiale della |ARU awenne un anno dopo, ed il 17 Aprile 1925, con la firma di 23 dele. gati d'altrettanti Paesi, nacque la Federazione delle Associazioni ra- dioamatorlali La costituzione ufficiale della In. ternational Amateur Radio Union fu un afto politico quanto mai tem- pestivo: essa awenne durante un congresso Internazionale della Radio, nei 1925, a Parigi. Fu un atto politico felice, in quan: to «i professionisti», riconosciuta V'utilita delle Onde Corte, procede- -vano alla fara invasione selvaggia. Nel 1927 si tenne una WARC della ITU @ Washington dove la |ARU partecipd come sosservatore sen- za dititto di voto». Le intenzioni della maggior parte dei Paesi era quella di espoliere | radioamatori dalt'intero spettro delle Onde cor- te, esclusi forse | 28 MHz, la cui possibilita di comunicazione a grande distanza non era ancora di mostrata. olla fine anni "20s. I! tasmettitore & costtuito da un triode di potenza per a. ipo 210, in Suculto oseillatorio Hartley. Co ‘me si osserva, le bobine accopplate Indu vamente: risonatore da_cul dipende [a Irouenza di emissione, e bobina dantenne, sono in tubetto di rame, Se la conclusione della «WARC 2» $u diversa da quanto si teme. va, lo si deve in buona parte alla IARU che seppe ben pilotare i po- chi sostenitori del radiantismo su cui poteva inizialmente contare Vinse soprattutto «la forza mora: Eloltronica Viva Novembre 1885... 38 len degli sperimentatori, Scoprito: ri delle Onde Corte: una élite di po: co pil di ventimila individui che perd godeva (negli Stati Uniti) det la protezione e simpatia di perso- ne importanti come H. Hoover «Secretary of Commercer @ di scienziati di rilievo come Wi 0 Stratton «Direttore del Bureau of Standards». In Francia, Deloy eb- be la «Legion d’Onoren. Del resto allora la IARU era la facciata; ma. dietro ad essa un abile manovriero come Percy Maxim aveva saputo raccogliere i consensi «di quelli che contanon, Piano-piano, giorno dopo giotno, la sferoce» opposizione della Gran Bretagna, sostenuta da buona parte dei Paesi delt'impeto (Gana da escluso), della Francia ¢ 50- Prattutto della Germania, venne sgretolata. II progetto iniziale di esiliare gli OM a\ di sopra dei 23, MHz, cadde. Il principio detle gam- me HF cortelate amonicamente si fece strada, anzi dobbiamo rico: noscere che i criterio introdotto dall'italia, rappresentata dal Com.te Gino Montefinale, delle gamme d’ampiezza variabile a di- screzione del vari Paesi, fu un buon passo avanti verso’ i! com promesso. Si comincid con la porzione di spetteo da 1715 a 2000 kHz; pol si vinse la gamma 3,5 + 4 MHz (non esclusiva) che gia era di largo im- lego In USA. | 400 kHz in 14 MHz non trovarono molte difficolta: erano frequenze troppo alte per gl appetiti dei «professionistiv; cost ure fu per | 28 MHz (2000 kHz di spettro} e per la gamma da 58 a 60 MHz. Alla Conquista delle Onde Corte Nel 1924 gli OM, clrca 15 mila in USA ed un migiiaio eparsi negli al- {11 tre Continenti e Sud America, si concentravano verso i 100 m. Poi, spingendosi pid in alto, iniziavano ‘adar vita a quella che doveva di- La conquista dello 0.0. si etatta anche con stazioni come questa di W7IN, Acsinistr: un rlcevitore con bobine a nido ape ad accoppiamento variable che pote: va rigevere stazioni da 15 mila mete din al Di fronte (lato destro) un trasmetitore cost tuite dal solo oscillatore Armstrong alimen tato Inc.a. a 60 Hz. La portante inerrata era ‘modulata dal sbrontolio della c.2. yentare la «gamma del 3,5 MHz, Nell'inverno 1924725 je comunica: zioni notturne trans-continentali in ‘questa gamma furono moltissime, anche impiegando piccole poten: Poiché wsalendo» sembrava che tutto andasse meglio, la ARRL ‘metteva in palio ambiti premi per il miglior lavoro costruttivo ed opera: } tivo, nelie gamme 7-14-58 MHz. Nel maggio 1925 si ebbe il prio Q80 diurno in 14 MHz fra la Gran Bretagna e l’Australia. Alla meta dell’estate '25 la ARAL organizzO test su territorio USA in 7-14-56 MH2; buon! risultati si eb ero solo in 14 MHz dove con »44 macchie» la MUF 2500 km core! spondeva ad una FOT di cires 15 MHz, per una decina d'ore di luce, ‘Al mattino presto e verso le 18 (a meta percorso) si ebbero anche ‘«doppi salti» con QSO di 5000 km (sul continente}. Oeludenti | 56 MHz la cui massima portata, forse in, -allora sconosciuto, fu di 180 NelI’aprile del 1926 un californian si aggiudicava il primo ceniificato WAG (worked ali continents = 5 continenti perche il sud America é considerato a parte): diploma re } centemente (stituito dalla /ARU. La ARAL dal canto suo istituiva it WAS = «wkd. all Slates» ossia i 48 Stati della Federazione USA. Nel 1928 (R = 77) s'arrivo a qualco sa di concreto in 28 MHz, Difatti, anche 6¢ il picco del ciclo 16° non fu brillante, una FOT sui 30 MHz | per distanze multiple di 3000 km, in a almeno 2 ore al giorno (meriggio), in inverno deve esserci stata, WICCZ e WEUF poterono collegar- si ogni giorno In 28 MHz per una seltimana: i loro QSO furono segui ti da ZL2AC nella Nuova Zelanda alla distanza di 11 mila chilometri dalla California, Ascoltf in ore diurne a talidistanze erano adgirittura impensabil, abl tuati come si era al DX notturno. [ricevitori a reazione avevano avy to fino ad allora solo lievi migliora: menti, se si fa eocezione per gli amplificatori selettivi in BF, che esaltavano la nota di circa 1000 Hz, Vlamplificatore af. comincio ad es. sere sperimentato nel 1928: difati «la valvola a griglia schermo» (le. trodo} é della fine 1927 Non é che 'amplificatore a. por tasse un gran beneficio come gua: dagno, ma la sua presenza consen- tiva un magglor numero di risona: tori fra antenna e rivalatore, i! che migliorava decisamente la sifra ai rumore donde una maggior sensi bilita del!"spparato, La supereterodina comincid ad es- sere usata da molti, negli anni ‘30, la supers allamente selettiva con filtro a eristallo in F.1, comparve su QST nel 1934, Il calo delle «macchiew dal 1929 in pol costrinse a migliorare i ricevi tori ed effeltivamente la «super» con forte selettivita F.l. risultava essere, anche se i motivi teoric! ferano ancora vaghi, la migliore ri sposta per la woassa soglia di ru ‘mores come dire: per incrementare la SENSIBILITA. Difatt, se si fa ec cezione per i sleaderss, almeno i! 70% degli OM wilizzava trasmetti tor di debole potenza, costruiti con tub! finali BF da ricevitori: tu: bl per trasmissione costavano pa: recchio. Lioscillatore a due triodi » ebbe una fortuna enorme, co: struito con materiali in gran parte di ricupero, su una tavoletta di le gno compensato, con bobine in tu betto di rame di § mm; esso su 40 ed 80 met faceva addirittura mira: coli. Il radiantismo di massa: quasi 30 mila OM nel 1930 in USA, al tem: po della «Grande crisis, si sviluppd € flori con mezzi tanto modesti! cr Iciclo 16* dell'attivita solare é sta to uno del pit fiacchi ma col suo svlluppo dal 1924 al '29 ha favorito. la conquista dello spettro HF. anno «Ry anno «Rs 19238192877 192417192865 1925 44 193055 1928 «631981 wer 68199211 193356 1934 a7 al 1924 al 1930 iricevitori dal pun. to di vista della sensibitita, ebbero lievi miglioramenti: | meravighiosi risultati si debbono in parte alla migliorata esperienza costruttiva ed operativa, ma molto all’incre. mento della altivita solare Dal 1930 in poi, i risultati ed 1 DX non declinarono col ciclo solare, per effetto d'un sostanziale miglio. ramento dei ricevitori. Le potenze del trasmeltitori semmai, con lav. vento delia «orisix diminuirano, al meno nella massa degli ON-USA, | contrasti furono forti, peri 40me- tri che tutti ritenevano di vitale in- teresse per le comunicazioni com- merciali a lunga distanza: la Ger- mania, che mirava ai mercati del Sud America, sembrava irremov' bile (anche qui gli interessi privati, in gran parte riconoscibili_ nella Telefunken, erano rappresentati da un capitano di marina: io Abra ham). Infine dopo una notte di contrattazioni si artivé alla gam ma da 7 a 7,3 MHz Uno storico risultato a cui add venne la «WARC 27», € che doveva avere importanza in tutto il tempo awenire, fu il riconoscimento del- Ia attivita amatoriale quale «SER- VIZIO»: difatti Ia ITU per distribui- re le gamma di frequenza alle va- rie utenze internazionali non pote- va accettare altro criterio. Fig. 5 - Un trasmettitoe del primi anni del "30 La atabilita di Hoquenza dell’emissione de- ve essere, ora, assai migliore,perci® a par 18 dl potenza iradiata st implegano due tu i, Linteamontabllentlodo 210» opera come amplificatoce ay. in classe C. Questo stadia (@.A) @ pilotato da un «modernissima pento do ad accensione inirettan:stipo 59 dal buibe sagomato, che lavora come oscillate re stabilizato a cristal. IWapentodo 59» era un tubo a potenza per la BF de ricevitor; e880 poteva erogare sul’ topatiante fine » 3W con bassa distorsione, La IARU era gia pronta quale rap- presentante ¢ garante per gli uten- tidi questo Servizio anomalo, con dotto da privati, cittadini di ogni Stato del mondo; ma giuridice: mente considerati win toto» come una Comunita Internazionale. La definizione del Servizio d) Ra- dioamatore mai mositicata nel 56 anni successivi é: «Un Servizio di istruzione indivi- duale, d'intercomunicazione e stu- Jio tecnico effettuato da radioa- matori: ossia da persone debita- mente autorizzate che s'interessa- no della radiotecnica a titolo uni- camente personale e senza inte- Tesse pecuniarion. (La scriviamo ancora una volta, sebbene a tutti nota; per rammen: tarla, anche e soprattutto, a quel dirigenti della ARI: centrali, regio- nali, periferici che enfatizzano, on certo nello spirito di essa, le sutenze VHF via-ponti-ripetitori) Elettionica Viva -Novembre 1983-N. 39 NS GLETTROUICA VI) mame Altri eventi memorabill in cui si distinsero anche gli OM-italiani 25 Gennaio 1924 eiACD ‘Adriano Ducati effettua QSO ‘con Schmelt su 109m. ‘Maggio 1924 (AB Leon Deloy viene ricevuto in Bra- sile su 100 m 21 Maggio 1924 Argentino Braggios viene rice vuto in Gran Bretagna da 9200 su 125m, 21 Settembre 1924 WBBCP - Magner ha QSO con ZLAAA--Bell su 100m Wottobre 1924 i Neozelandese Slade @ ricevu- toda g20 Dsu 125m 18 ottobre 1924 g2SZ ‘Goyder ha QSO con Slade: Nuo- vaZelanda 28 marzo 1925 11NO- Marietti & ricevuto in Nuova Ze- Janda su 90m 31 Maggio 1925 1ER Mario Santandgeli effettua ASO ‘con la Nuova Zelanda su 40m ‘Ottobre 1925 i1AU Federico Strada effettua QS con Australia Giulio Salom IMT - nal 1923 otte- neva la Licenza n. 1, ¢ si collega- va con Gran Bretagna, Asia, Francia, Nel 1925 otteneva la «medaglia d'oro del Ministero P.Tx per il ‘maggior numero di GSO fra tar lige USA. Oggi é Presidente Onorario dell’AFI. Franco Marielti -i1NO nel 1924 1 ceveva 1000 diverse stazioni USA aggiudicandost il «premio del 1* Concorso Navale di i ziones. Nel 1925 veniva dichiar to «Campione italiano di tra- smissioné» per aver effettuato oltre 200 QS0 a distanze mag- giort dh 8000 km. PRIMO EURO- PEO ad aggiudicarsi il WAC net 1926. Pippo Fontana (3° presidente del- V"AR| dopo Montu e Bargellini) negli anni della conquista delle Elettronica Viva Novembre 1983-N. 39 0.0. ebbe nel 1928, su 32m il pr mo QSO col Gianpone: fu un oi matista nei collegamenti con ia California e col Sud-Africa-11AY (vivente) Alberto Ancillotto I1DY fu il primo italiano ad avere QSO in 20 m ‘con tutti | paesi europe in cui ‘operavano radioamatori. Pure in 201m, effettud QSO col Giappone och giorni dopo Fontana, nel 1928. Giulio Salom H1MT col suo trasmettitore el 1923, Tei MN ilies La staztone sui 20 m dl ity (1827), Pippo Fontana i2aY. 33 Ge GSLETTRONEA VINA Gti apparati di Fontana nol 1925, snerennn =o ‘Siruttando bene i rendimentl in tunalone dellaclasse di lavoro si polevano avere potenze a fino a7 MHz, non del tutte riser. Ditatt in BF classe A, secondo i fabbricante, s avevano: ‘erogati da un solo tubo. bi In epposiziona potevano assorbire 26W ed erogarne 18 di BF. Come oscil in clagse G- reneimento del 70%, si poteva ottenere dal due Wiodl: 40 watt 18 watt clssipati in oalore dal 58~60 di potenza c. Cimpiege di tubi non specificamente tempi ne sono un esempio tubl TV sdotatinegl!stadifinall anche In certi apparat dt | Radio “ch Finalmente un controlio elettronico: immediato dello stato del vostro apparato. Un vero e proprio “check-up” del vostro: apparato, oggi potete richiederlo alla teleco- munication service di Angelo Meri, perché del vostro apparaio @ sempre meglio conoscere lo 'stata” della parte ricevente & trasmitiente, la sensibilita, ‘a stabilita oppure sapere il vero ‘output power, Insomma un vero e proprio "check-up" che vi dara per iscritto lo stato o meglio il polso, del vostro apparato. Ecco perché telecomnunication service é piu avanti ne! servizio, Telecomunication Service di Angelo Meri Via Washington 1 - 20145 MILANO - Telefono 432704 YASH MISE EB) TCOM) 34 Elettronica Viva Novembre 1989-N. 99 Corso di autoapprendimento della tecnica digitale (a cura di A. Piperno) Segue capitol 10 Continua la trattazione dei cantatori elettronici derivati dai flip-flop e si iltustra la pratica appli- cazione con un contapezzi. La figura 10/12a mostra per esempio una serie di ‘componentielettronici integrati di uso comune (con- tatore BCD, pilotaldecodificatore, tubo per indica- zione cifre) per Vindicazione di uno stato di conteg- glo mediante tubo speciale in citre. Per ognuna delle dieci cifre il tubo possiede un collegamento alla cor- rispondente uscita del componente pilota del deco- dificatore. ie di component per tubo @ cre (a luminescenza) un contatore BCD intoprato, un pitetalvecceiticatere I tubo 2 cit, Quale ulteriore esempio di realizzazione é rappre- sentata in figura 10/12b una moderna indicazione (display) a sete segment; tutte le dieci cifre vengo- no di volta in volta tappresentate mediante combi- nazioni di sette bar/ette luminescent. I! componen- Eletironica Viva -Novomere 1983-N. 38 te pilotaldecodificatore 6 adattato sla {ogicamente che tecnicamente all'unita indicatrice. condo principio dei diodi luminescent) costiwita da un contatore [BCD intagrato, un componente pilotaldecodlticatore integrato ed tuna unit di indicazione a LEO fight emiting diodes), Selezione del dato di segnalazione corrispondente ad un dato stato di conteggio Nel dispositivo di conteggio dei pezzi presentato co: me esempio in figura 10/4 ci si proponeva di arresta- re il processo di conteggio al raggiungimento di un numero di pezzi prestabilito. La segnalazione in que- sto caso deve venire rilevata da un contatore deci- 35 ASTTROMICA VINA male a due posti dell'impianto, Cid dal punto di vista circuitale é molto facilmente realizzabile mediante una porta AND di figura 10/13, Fig. 1013 - Dispositivo per la selezione della segnalazione colativa ad un date state di conteggio. Le entrate della porta AND vengono collegate attra- verso commutator con ognuna delle uscite decimali del dispositivo di conteggio che segnalano Io stato di conieggio desiderato. Nell'esempio di figura 10/13 sono impegnate uscita 6 del contatore per le sunita» e luscita 3 del contatore per le «decine». Per- tanto la porta AND da segnafe H alla sua uscita quando viene raggiunto lo stato di conteggio «36» Mediante preselezioni meccaniche con questo con tatore a due post si possono preselezionare a pia cere numeri compresi tra 00 e 99, . #2 4 Fig. 1014 - Esempio di preselezioni che si possono sunire in serie i commutators secondo I principio dele unita costruttive compo ribili. 36 La figura 10/14 mostra esemp! di realizzazioni prati che di preselezioni per un montaggio con risparmio. di spazio. Con Fimpiego di commutator meccanici é possibile Uunitamente alla preselezione della comunicazione di un determinato stato di conteggio ottenere con- temporaneamente anche la decodifica dello stato di conteggio da un codice BCD al codice 1 da 10 Si pud ottenere un particolare circuito di decodifica, se si rinuncia ad una contemporanea indicazione ot- tica (Visualizzazione) di tutti gli altri stati di conteg- gio. La figura 10/15 mostra lo schema dei collega- ment per una serie di circuiti di preselezione conce- pita per un contatore BCD con codice 8 - 4-2-1. Le uscite negate del flip-flop di conteggio vengono col: legate insieme. Se queste non fossero accessibili, si potrebbero ugualmente collegare insieme ie entrate Q dei commutator! di preselezione utilizzando le en- trate Q attraverso porte NOT. In caso di commutazione i quattro bracci di commu: tazione del commutatore a dieci stadi vengono azio- nati contemporaneamente perché tra loro collegati meccanicamente. Per la preselezione del contenuto numerico del con- tatore «6v (Stato del segnale LHHL), per esempio, la condizione di apertura della porta AND (segnale H su tutte le sue entrate) viene raggiunta quando il braccio di commutazione di FF4 viene collegato alla sua uscita Q, quelli di FF3 ed FF2 lle loro uscite Qe quello di FF alla sua uscita 0. Per la preselezione del numero #7» i bracci di com- mutazione de! commutatore suddetto vengono spo- stati in modo che anche in questo caso tutte le en- trate della porta AND vengano alimentats con se gnale H quando viene raggiunto i} contenuto numeri Co «7» del contatore (stato del segnale LHHH). II braccio di commutazione di FF4 deve in questo caso essere coilegato alla sua uscita Q, gli altri bracct di commutazione devono essere invece collegati tutti con le uscite Q dei relativi flip-lop. I! principio teori- co di commutazione che si ottiene in base al codice 8- 4-2-1 vale anche per tutti le restanti posizioni- del commutatore di preselezione. Azionamento, arresto ed azzeramente di un contato- re Se si deve conteggiare una determinata quantita prestabilita mediante un dispositivo di conteggio, occorre prima dell’inizio dell’operazione di conteg: gio portare a zero il contatore. Ogni flip-flop di conteggio, a questo scopo, possie- de di regola un’entrata statica di azzeramento attra- verso la quale, mediante un segnale H, viene portato Elettronica Viva Novembre 1983-N. 39 QETTROMEA UN, A a4 aa a3 a3 FFA FF3 a2 02 a ai FF2 FFI Fig. 10115 -Clreulto per la preselezione ela decodifioa di un Contatore BCD in codice 8-4-2. 1 mediante un commutatore di preselezione @ ‘quattro post. nello stato di segnale zero (nei circuiti dei contatori descritti nei precedenti paragrafi di questo capitolo, per ragioni di comprensibilita questa possibilita di azzeramento non é stata indicata). Anche nell’esempio citato all‘inizio il contatore deci- male a due posti impiegato per il conteggio di pezzi (fig. 10/4) viene in definitiva azzerato prima di ogni ‘nU0v0 ciclo di conteggio in quanto ogni singolo tlip- flop viene cammutato in stato di riposo. il conteggio di un numero di pezzi prestabilito co- mincia quando viene azionato it tasto di partenza, Fig. 10116. Contatore a preselezione a quattro post con tubi indica {ott di citre e commutator ci preselezione a quatro posti con tut indicator g ifree commutator ol preselezione (pulsanti a pressio- ‘8 per variaioni él commutazione)in versione eampatta perl mon: taggie i iniplanti industria. Elettronica Viva Novembre 1983: N23 Un flip-flop memorizza il segnale di awiamento e ri- porta in azione un dispositive di trasporto del mate- riale da conteggiare. Nella figura 10/17 questo corso del segnale viene rappresentato in uno schema a blocchi. aresi0__ pispositivo 01 sere, (7 Oromia | cameo T) roy mmf cons | ammo i oan 4 Fig. 10117 - Dispositivo di awiamento ed arreato per un contapezz | pezzi de conteggiare attraversano singolarmente un sensore (per esempia una fotocellula, un sensore 37 AETTROMCA WMA di prossimita oppure un contatto meccanico) che trasferisce gli impulsi di conteggio al contatore. Se viene raggiunto il numero di pezzi prestabitito, at- traverso la decoditica di preselezione 1 flip-flop di memorizzazione viene azzerato. |\ flusso del mate- ‘ale viene arrestato immediatamente. Contemporaneamente con l'azzeramento del flip- flop, in questo impianto viene inviato il segnale di azzeramento per il contatore. Con cid viene predi- sposto per un nuovo procedimento di conteggio. (j=7=T9)) faggioli guglielmo mino & c. s.a.s. etererentes) Via S. Pellico, 9-11 - 50121 FIRENZE - Tel. 245371 NATIONAL PANASONIC, PACE, C.T.E., PEARCE SIMPSON, MIDLAND, INTEK, BREMI, COMMANT, AVANTI, COMMTEL, LESON, SADELTA. TUTTO PER L’ELETTRONICA E!C.B. 38 Erettronica vwwa-Nowemore 1883-N. 3 Giulio Melli GLOSSARIO DI ELETTRONICA Un volume formato cm 17 x 24 di 246 pagine con numerosi disegni e fotografie Copertina plastificata. L. 22.000. T lettori che prenoteranno il volume utilizzando la cedola allegata potranno acquistare il volume al prezzo speciale di L. 16,500. Alcuni mesi fa in queste pagine abbonati e lettori potevano trovare Ja rubrica del Glossario di Elettrenica curata da Giulio Melli. Tale & stato il sucesso di questa rubrica che abbiamo pensato di riuuure tutte queste voci in un volume, aggiornando le parti erano state pubblicate e completando i termini fino alla lettera Z Come ben sanno quanti ci hanno seguito, questo glossario si propone di dare una breve e piana descrizione delle locuzioni e dei termini in uso nel monde dell'elettronica, per la maggior parte di origini anglosassone, difficilmente comprensibili anche con I'uso dei vocabolari. Non abbiamo ricercato intenti che andassero oltre la piana definizione dei termini, né abbiamo voluto cercare rigore e approfondimento scientifico: diamo infatti anche la definizione di termini che in linea di massima sono abbastanza conosciuti cercando perd di chiarire ancora di pitt il significato di dare quelle informazioni di uso pratico a chi si dedica alla piccola sperimentazione elettronica. Il Glossario é composto di due parti: un ordine alfabetico dei termini italiani con Ia corrispondente traduzione inglese e i] glossario vero e proprio elencato alfabeticamente con la terminologia inglese. Quindi chi conosce di un determinato termine solo la voce italiana, dovra consultare la prima parte del volume per individuare il termine inglese sotto cui tale voce viene definita, trovanda cosi facilmente Ia definizione cercata. che gi eee ee eee ee ee ee ee ee ee ee Ritagliare ¢ spedire in busta chiusa a: FAENZA EDITRICE 8.p.A. - Via Firenze 276 - 48018 FAENZA (Ra) - Italia OF Desidero prenotare n, copie del volume “Glossario di Elettronica” di Giulio Metli al prezzo speciale di L. 16.500. CI Contrassegno postale (aumento di L. 1.500 per contributo spese postali) Nome Cognome Via Cap. cinta 1D Desidero ricevere fattura ¢ Codice Fiscate 0 Partita 1.V.A Timbro © Firma Elettronica Viva - Novembre 1983 -N.39 38 I RADIOAMATORI E LE TECNICHE DIGITALI Gli OM non possono pitta lungo ignorare i fon- damenti della «digitale» non foss'altro perché congegnazioni digitali sono sempre pitt frequen- i nelle apparecchiature ad essi destinate. Col termine «Logiche digitali» si descrive xa mondo che almeno i pit anziani fra noi consi- derano estraneo. In esso le procedure, ma anche le parole stesse usembrano diverse»: non si parla pitt d’amplifi- cazione, rivelazione, mescolazione, ma di altre funzioni che spesso si concludono con «ON» od «OFF», High o Low, e simili. I termine «digitale» gid di per sé non é chiaro: perd se diciamo che con esso intendiamo segnali ed eventi «discreti, caratterizzati da impulsi (rettangolari) che hanno anche il nome di «di- git», allora le cose cambiano e vi é un terreno comune d’intesa, almeno nelle parole. LE LOGICHE ELETTRONICHE Mentre nei «circuiti linearly abblamo a che fare con segnali che possono avere un numero infinito di li- velli, e percid si rende necessario amplificarli, per renderli (ad esempio) rivelabili; net caso dei digitali le ampiezze (fino ad un certo punto) non contano, pe- 1 interessano altre proprieta. siamo nel campo della wogica» che per una certa fi- losofia matematica si sviluppa secondo la Legge della «causa-effetton, a seguito di «eventi» che han- no carattere diverso dai segnali analogici dal fluire continuo. Veniamo pol, agli schemi: una foresta di elementi at tiv interconnessi, con tante resistenze, non avrebbe nel caso della «digitale alcun significato pratico. Ecco perché anche gli schemi qui appaiono diversi: si mettono in evidenza solo le interconnessioni del blocchi secondo «le funzioni logiche». Al tempo del tubi del resto non era affatto necessario, per costrui re un apparato; conoscere le «Leggi che goverriano ia carica di spaziow; cosi nel caso dei blocchi logici, 40 dei circuiti integrati; a che pro’ mettere in evidenza la circuiteria interna a scondere ad inutili dettagli? Ben pid utile é invece, evidenziare ingressi ed uscite @ semmai puntualizzare i problemi inerenti le inter. connessioni: che oggi si chiamano «interfacciamen: ti, Del resto anche se usciamo «fuori tema con lo os: servare in che modo progredisce 'elettronica, appa: re evidente che pure nelle tecniche nor-cigitalt (I near) vi é sempre pil la tendenza a passare dalla cir- cuiteria a componenti discret! alle realizzazioni con ecircuiti integrati». Sara quindi lo schema a blocchi di tipo digitale o lineare a secondo i casi, quello che incontreremo sempre pili spesso. In awenire, gli uni e gli altri convivranno in modo stretto negli apparati per adempiere le funzioni sempre pi. complesse che richiediamo e siamo al punto che ogni dualismo sta, per scomparire, Se vogliamo comprendere fin da ogi cosa accadra domani, cerchiamo di familiarizzarci con la «digita- le», i suoi termini, i suoi schemi, | suoi problemi. Elettronica Viva -Novembre 1983-N. 39 (SIMBOLI LOGIC! 1 - Le Gates 0 Porte AND: é un modulo a pid ingressi; Y'uscita ha segnale (H = high) solo quando tale situazione & presente pure agli ingressi. In altre parole: un AND a due in- gressi pud equivalere a due interruttorl in serie che,se aperti, sono in condizioni (L = low); cosi (L) sera pure l'uscita, Quando enirambi gli interruttori sono chiusl (ingre si eccitati condizione H): anche l'uscita diviene (H). ‘Cosa accade allora? Ad esempio se all’uscita é col legato un LED questo in condizione {H) si accerde, Vi sarete gia resi conto che ad (H) corrisponde pre- senza di segnale, mentre quando diciamo (L): inten: diamo assenza, Cos! nel caso dell’AND a due ingressi occorre con- temporaneamente un segnale (H) alle entrate per fa- re circolare Corrente 0 comunque: avere segnale in ~ — oe » : ee NAND ‘ u B oR . a> : NOR . A U sD De ESCIOR Fig. 1-1 sei circuit al trasferimento dol segnale logico, chiamat! porte ‘AND: uscita() solo ge entrambe le entrate sono) NAND: —scita L) quando entrambe le entrate sono (H) OR: Uscita(t) quando slmeno uno degit ingress ¢(H) NOR; __useita{H} Slo se antramb all ingressi sono (L) ESCLIOR: useitaL) quando entramdi gli ingress! sono (06 W) INVERTER‘uscita H) 8e'ingrosso.é (L) oviceversa, NAND: if circoletto sull'uscita sta a denotare «nega- ziones. Difatti la parola «nand» risulta dalla combinazione di: not +and, Elettronica Viva - Novembre 1983-99 he I GETTROUCA i Ii comportamento di questi circuiti di trasterimento, @ quello di dianzi; ma rovesciato: per avere (L) in uscita, entrambi gii ingtessi debbono travarsi in (H), Cosicché il LED dell’esempio sta sempre acceso, finché un ingresso sente (L), Ottimo per le segnala- zioni dallarme: lampada i segnalazione accesa, finché «manca qualcosa ad un ingresso». OR; la parola sta ad indicare una scelta alternativa. Quindi in un «OR a due ihgressis la situazione & quella di due interruttori in parallelo. I LED in uscita, s'accende quando un ingresso qual siasi & (H). Per avere (L) in uscita occorte infatti (L) a tutti gli in- gressi. NOR; € una delle «porte» pit) usate; inverte la situa- zione dell'OR. Percid stando al solito esempio: il LED sara sempre spento salvo quando tutt'e tue gf ingressi sono (L). EXCLUSIVE OR: come nel «normale OR» é sufficien- ‘te-un ingresso (H) per avere uscita (H); perd in questo, particolare elemento esclusivo se entrambi git in gressi sono (H) od (L) l'uscita é (L). INYERSORE 0 NOT: é un «circuito di trasterimenton assai versatile. Poiché un Blocchetto integrate pud contenerne una mezza dozzina o pit, se ne fa un lar- ‘go uso per risolvere problemi di vario genere. La sua funzione si comprende da} nome stesso: F0- vescia sempre la condizione logica - se entra (H) ‘esce (Li e viceversa. Ui circoletto sul vertice del triangolo denota appunto Vinversione, ‘Termin cosi esame delle porte pili importanti; fra esse abbiamo incluso anche 'INVERSORE che ha i simbolo dell’'amplificatore ma in definitiva rientra nella categoria «dei circuitl di trasferimento» cosi come le «porter. Difatti nella nomenciatura USA tal volta il NOT @ anche denominato come «non- (A) ®) i) ) Fig. 2-lleircaletto ad un terminale indica vovescianento del segna: le logico. osserazione della posizione del circoletto ¢ importante nella verifica d'una architentura togica medlante Vspposita «sonda rivelarice della condisione gi segnale- In Ar 0 alingresso abbiamo (H) anche aluscita frovlamo (H) evi: In Bt quando in ingresso vié (L)alluscita atbiamo (He viceversa In: quando In ingresso abblamo (H) al'uscita sl trova (L)@ vice In Dr se ingress € (1 Cuscita@ pure (L) se(H) anche Puscite sara eh. a ASTTROMICA VINA TAVOLE DELLA VERITA ano Nan on alalu alelu ajls fu efede re eyede Load. Hou) # Holo] ow Hie fe a) a) Hoon DW HoH ok ala fa i ow lade Tu ____ssevon INveRT ats lul al|u ufos “ L wfofe " / . a) cfale " 8 — ala cla la epee amplifying inverter», Lo «OR-esclusivo» a sua volta non pud considerarsi «inversore o non-inversore», perché luscita (H) é condizionata dal fatto che i due ingressi debbono «sentire» un segnale logico oppo- sto. Se un ingresso é (H); l'altro deve essere (L). 2 + Multivibratori Fra i circuiti logici,hanno una importanza di rilievo certi multivibratori, come ad esempio i «bistabilen: flip-flop. II flip-flop ha due uscite e nello schema di base, quando una di esse é in condizione (H), l'altra é in condizione (L). Lo scambio awiene ih conseguenza d'un impulso all'ingresso e dopo un segnale di commutazione; ta- le resta ia condizione deile uscite finché non si veri fica un altro evento. 42 Un altro multivibratore & il monostabile spesso im: piegato come «temporizzatore». Uno degli impieghi detla flip-flop & quale «divisore di trequenza» utilizzando una uscita che pud presenta- re come detto sopra un cambiamento di stato ogni due impulsi d’ingresso. Lo schema é simile @ quello, del contatore ‘Anche per la costituzione dei wegistri a scorrimen- to» si impiegano dei flip-flop collegati in serie: quando all'ingresso del primo si presenta un impul- s0 di commutazione, tale commutazione dato il col- legamento seriale si trasferisce agli elementi suc- cessivi LE SPECIE Gili element logici di cui abbiamo parlato possono essere realizzati combinando assieme: resistor, Elettronica Viva -Novembre 1983 N39 diodi, transistori bipolari, transistori MOS. Riepilogando pits che altro per uno scope «storico», possiamo individuare 5 famigiie ~ DTL = Diode-Transistor-Logies. Ii chiarimento insito neha detinizione. In passato si sono pro. dotte specialmente «gates» Le DTL sono compatibili nei riguardi delle TTL; si alimentano con § volt. Una variante detle DTL con tmmunita a disturbi d'un certo livetlo sono le HTL: HIGH-threshoid Logics. Sono dispositivi in cui la soglia d'eccita- zione é piuttosto elevata in quanto agli ingressi stimpiegano Zeners. Adatti per ambient! indu: striali fortemente disturbati; si alimentano con BV. — RTL = Resistor Transistor Logics. Sono sensibi- {i ai disturbi ed ai campi rf. in generale; hanno un «fan-out» piuttosto limitato. Sialimentano con 3,6, — TTL = Transistor-Transistor Logics. Sono indicate per assolvere funzioni complesse do: ve Si richieda in particolare grande velocita di rispo sta, Hanno minor suscettibilita al disturbi delle OTL e sono particolarmente idonee per pilotare carichi ca- pacitivi avendo in entrambi gli stati logici una bas- sa impedenza. Si alimemtano con 5 V. ~ ECL Emitter Coupled Logics. La pili alta velocita di risposta. La configurazione ad wemitter follower» & caratteriz- zata da una bassa impedenza con ampie possibilits di fan-out Si alimentano con 2 V. — CMOS = Complementary Metal-Oxide Semicon- ductors. \MPULS! DI CLOCK Fig. 3- Un Registro # scorriment 1 ake. Quando attraverso la slinea di clock» giunge allngresso (toggle) ‘un impulgo, fo stato del primo uF Fe si trasferisce al secondo e cost via, procedendo dal primo a sinistra verso éestra. $i he cosi una commutazione 2 eatena, sincrona'con gli Impulsi provenienti Salvascilatore che governa istero complesso logic e che prende iiname di welocks. Uingsesco «Ts pus anche essere chiamato wo clocks 0 «CP = clack pulse», izato con Flip ops de ipo Elettconica Viva Novembre 1983-N, 39 ALSTTROWIEA WA Sono le pi moderne, si basano sull’applicazione a vasta scala delle tecniche MOS: gates isolate me- diante ossidi (1) Proprio per il fatto di essere dei MOS e per di pill complementari, i consumi di cosrente sono estrema mente bassi; difatti solo uno dei due elementi aitivi; complementari alla volta viene attivato, a seconda della stato lagico che deve assumere l'elemento. Sono caratterizzate da un «fan-out piuttosto amplo»; ammettono una vasta gamma di alimentazioni: fino a 15V max, nella media: 10 volt c.c In caso d’interconnessione con altre «famiglie» sor- ge il problema dello intertacciamento: le CMOS han- no alta impedenza perché l'impuiso di attuazione deve soltanto provocare ta catica o la scarica della capacita d'ingresso; tutte le altre con bipolar, diedt @ resistenze sono dispositivi a bassa impedenza, ca ratterizzati da una circolazione di corrente e quindi da «un assorbimento» di energia dail'elemento che le pilota. NOTA: Purtroppo si tratta di materia in via d'evoluzione: noi siamo poi debitori de! linguaggio daglf anglo-sassoni ‘8 alcun tecnico italiano ha del resto tentato di dare defi. nizioni non equivoche a cecte espressioni gergall che adot tiamo pari pari Cosi quando si parla dello elettrodo d'ingresso agate» tipi 0 del transistore wield-effect» come il MOS, non vi é al: un riferimento con queli’elemento logico (gate) dj cul ab: biamo parlato dianzi, Esso @ difatti un circulto ud trasferimento» pi 0 meno compiesso che si comporta per il segnale logico come Fosse una porta a comando, 4 pot AF usc . f Te usc D 78 Fig. 4 -(A) Logica TL, a wansistore con giodo sullemetitoe (8). Nolia CMOS si hanno realmente due MOS complementarl con rela. tivi zener di protezione allingresso. 43 Alcuni mesi or sono Elettronica Viva introdusse Vargomento si parlé principalmente della Pulse-Code-Modulation rapportata alla F.M. In quegli scritti facemmo rilevare come le «Mo- dulazioni digitali» pur richiedendo bande a.f. maggiori della «Banda b.f. da trasmettere» presentassero rispetto alla F.M., che pure utilig- za una porzione di spettro assai maggiore della «banda di base dell’informazione», il grande vantaggio di conservare la comprensibilita anche per rapporti Carrier/noise cosi bassi che non so- lo la F.M. é inutilizzabile ma persino la SSB perde in comprensibilita: quasi il 50% 0 meno. Presentiamo in questo numero, dopo uno scrit- to introduttivo, un articolo dovuto ad un cele- bre studioso italiano: il prof. Walther Horn del- la Societé AKKU che oltre ad essere un innova- tore nel campo delle comunicazioni e dell’elet- tronica professionale, @ anche e da tantissimi anni il radioamatoe: MK. Le modulazioni digitali La Delta Modulation ¢ la Differential~ Pulse-Code Modulation Nella P.C.M. si trasmette quasi tutto it complesso di onde elettiche derivate dal suono e dalla parola perché con la quartiz= ‘azione vengono solo ridoti i valor inter- ‘medi. Quindi solo «certe sfumature», ov: vero uma piceola quantita d'informazione, Inilevante 2) fini della comprensibilia de! ‘messaggio, non vengono trasmesse La ricostruzione dei segnali analogici non & fedele, perché comunque sia vi é pur sem pre un errore da quantizzazione: mantent- {0 perd entro limitiristrettssimi, in quanto iV esalto fra due gradint di lvello diverso» é assai piccolo. [Nella trasmissione telefonica la codifiea Zione (8 bit) ed il gran numero di alivelli di ‘quantizzazione adottatoy mantengono il rapporto «signal to quantisation noise» dai 35 a 40 dB il che & molto buono. Ai fini elV"economia di spettro nella trasmissio- nevi & perd da osservare che il segnale P.C.M derivante dalla trasmissione della parola contiene ancora una considerevole ridondanza. Cid implica che accettando una certa ridu zione delta ridondanza si pub limitare Ia quanti ci dati trasmessi nel tempo; € cost 44 la «Banda occupata risulterd minoreo. La ricostruzione della forma analogica al posto ricevente si basa sulla immissione di dai riterbili calla probabile forma del se snale originario» net flusso di quella por- lone di dati realmente trasmest Quanto viene trasmesso corrisponde alla ifferenza fra la grandezza istancanea cel segnate originario ed i! suo valore prevedi- bile nel Biante che segue Vie aifatti uno stadio che stabilise i valori secondo «ung previsione» derivante raw A Compan PREDICTOR Fig. 1- Schema a blocchi della trasmissione «Del ay dalt‘indice di tendenza del segnale che pas sa in quel momento: figura 1 La forma digitale trasmessa rappresenta (in codice binario) la differenza tra la gran- dezza isiantanea del Segnale ed il suo susse guente valore prevedlibile: ANU.) anziché Ved, Questo stadio particolare é indicato in fi- gura | come «Predictor»; & nel caso pit semtalice costtuito da una «tele di ritardon; mediante ess, il valore differen a codificato di un solo bt. (continua 8 pag. 53) coniricar. eo IMPULSI i CLOCK > Veal 3» col metodo «Predictive coding It we nate predicie nello schema plu semplice & derivato Calla BF entrante Elettronica Viva Novembre 1989 -N. 29 (segue da pag. 44) > aval) cock Yn CODIFICAT Flip FID PREDICTOR +E econ. ‘SOMMAT. Fig. 2- Una migliore adempienza si ottiene quando upredict»@ estatto dalla decodifica del ‘segnale digitale da trasmetiore, Vaott) VRQ) DecoDiFIC Fig, - Schema di principio de! complesso di ricezione dove dai segnali di ‘BF PREDICT. ‘Modulation si ha larestituzione della BF. Nella condizione ideale V,) = BF ricevuta dovreb- be essere identi Wsegnal vt) icovuto viene reso ascoltabil F prima della trasmissione. ‘mediante circutl integrator! e6 opportuni fit, x vais AL x LL 11 Jevocx Fig. 4-Contronto fra la BF prima della conversione (Vil BF ricostuita al ricevitore, prima et filtraggio (V9). Gli impule! di Clock sono equal. ia nel trasmettitore che nel ricevitore. Nel Delta Modul tion vie una stretta dipendenza tra rapporto SIN nellinformaziore resiltuta @ frequenza di ‘clock (fy. Alle cadanze pid elevate corrispon Elettronica Viva Novembre 1983-N. 2 la migliore qualita di ricezione. GLETTROUCA WA i Il sistema é primitivo, perd agisce secondo la teoria: se la tendenza dell'analogico ¢ «a salire» parte un bit dana polarita; se «in ccalaren, il bit avea polarita opposta In figura 2, sistema pit sofisticato: il pre- dicted value si ricava decodificando it e- nate digitale rasmesso. La differenca si ottiene nel «compa- ratoren, mentre alla codificazione prov- vede un «flip-flop tipo D» pilotato dal fronte degli impulsi di clock. Alla ricezione si ha comungue la decodifica del esegnale differenza e poi a somnma fea questo e quello ricavato dal «predictor» Vig anche un «integratore RCo, seguito da un Fltro passa-basso che sopprime 'inter- Terenza della «clock frequency». La forma el segnale restituto é visibile in (Vp: in ess0 vi & sufficiente somiglianza ‘con la forma originaria della tensione b.f. prima del trattamento (V). Quando la pendenza dela curva del segna- le V; varia bruscamente e diviene tipida, ud darsi che il predicied voltage nel rice. tore non sia pilin grado di tenes ditro al veloce gradiente del segnale restituite (Figu ra 5): allora si manifesta, in modo sgrade- vole, lo: overload noise, Gi si verifica quando l'ampiezza degli im- pulsié piccola: — Allora, nella parte di minor pendenza, Ja tensione deriva dalla integrazione degli impulsi in arrivo (a valle del de- ‘modulatore) segue agevolmente la mo~ derata pendenza del segnale originario dligitalizzato; — Se peré la pendenza varia bruscamente, si verifica quanto vedesi nella parte pit: ripida di figura 5: ossia V, aon & pit concorde con ¥;. Poiché ad impulsi ampii corrisponde un maggior rumore ‘da quantizzazione (granulat noise), la migliore adempienza si ottiene con un compromesso come in figura 6. In effet (figura 7) con impulsi pit! amp si ha maggioc granular noise nella curva con oca pendenza, ma una migliore adem- pienza nella pane pid ripida, dove V, ri: produce, istance per istante, la pendenza di Vv, Digital Voice Modulation (di 14MK) Leggendo «QEX» ho avuto la sensazione che Fra gli amatori, almeno negli Stati Uni ti, vig un considerevole interesse per le co- rmunicazioni in forma digiale; ho perd n0- tato che tale inieresse é prevalentemente Fi stretto alla «trasmissione di Dati»: Packet Radio. 53 LST TOMA HO x Vig x Fig. 5- Influenza dell'ampiezza ‘esta della BF (V))@ piccole, rata, ‘Quando Ia pendenza civiene ripida si verifica un notevole scostamento tra segnale prima ‘della trsmissione e seanale ricevuto: compare lo overload noises. ‘Con piccoli gradini di quantizzezione, il granular noise é perd assai maderato. yadini di quantizzazione. Se Vgig tapportato ai valor di ‘¢ una buona fedelta finché Ia pendenza del segnale ¢ mode- Merita osservare che anche i! parlato ¢tra- smissibile e ben ricevibile in «forma digita- le; anzi, con essa, la comprensibilita spe- ie in condizioni di propagazione difficile viene miliorata Tale miglioramento devesi principalmente al fatto che gli impulsi, assai meno della ‘eforma analogicay, sono suscetibili al de- terioramento dipendente dal rumoree dalle interferenze_ Inolte, al posto ricevente le parole sono costruite nella loro forma e suono original senza difficota, decodificando gli impulsi anche se questi sono deboli e/a distort Vi sono numerosi metodi ¢ tecniche per cconvertre il parlato cadifieandolo in gean- ‘dezze digital citerd fra esse la «A/D con- version» la P.C.M.; il «Linear prediction code» (L-P.C.); la «Fast Fourier tran- sform» (F-F 7); «Processo Vocoder la ‘Delta Modulation», ma ve ne sono altre ancora. Alcuni di questi process sono stati studiati per rendere inintercettabili le co- municazioni telefoniche (voice encryption), Nel caso nostro, la seelta fra le varie tecni- ‘che & condizionata dalla elargherza del ca- nnale armmissibilen e dalla «qualita di ripco- uzione del parlato» che non sempre é ara: devolmente accettabile. Ad esempio, ta L-PC. e le atecniche Vocoder» ammetto. Fig. 6 - Nella Delta modulation il rapporto SIN nella informazione ricovuta dipe? tuna scelta ottimale dell'atezza dei Int sei salti sono picco! se sara poco sentite, ma si presentera lo A. ‘overload noise quando la pendenza del se- gale diventa pid ripida. Pera, nella pendenza ripida si limita lo over- load noise, se | gradini sone piu at. «curva con limitata pendenza. 54 Fig. 7-Come digcusso nella precedente fig Se i gradin’ sone pid alti cio perd ence pu ditfcie i la pendenza di V, Seo raggi del granular noise nei ledeimente quella di i Elettronica Vive Novembre 1983-N. 39 no una trasmissioné con bassa cadena @impulsi: 2,7 kb/s per il primo ed anche assai meno peril Vocoder. Perd (sfortuna: tamente) al posto ricevente «il parlaton deve essere ricastruito per sintes: impie ando ad esempio gli Integrati wdigitalk, cid rende itriconoseibile la voce del cori spondente lontano. Invero tuute le voci suonano in moda identico, con accento da ‘erdbvatn: cid potr anche essere divertente se si tratta della colonna sonara dun film @'awenture spazialis non crediamo pero Jo sia altretanto ne! caso di un «rag chewing QSO». ‘Se poi si accantonano anche la «A/D con- version» ¢ la P.C.¥4.in.quanto richiedono uun ampio canale e poi vi sono problem inerenti «la sincronizzazionen, la sola pos. sibilitd per fo OM di trasmetere il parlato in forma digitale a mio parere quella of- ferta dala wDeka modulation», Esaminiamo dunaue questo processo pit da vieino: la Delta-modulation & avvan aggiata in quanta ail parlaton non presen ta brusche varlazioni di norma infatt si ri sconirs sole una moderara varigzione dil vello fra un istante e Mair. Sando cost i fait, & pertanto possibile ot- tenere una buona riproduzione della voce fo meglio delta sua forma d'onda) anche se si fasmette semplicemente una informa: zione consistent in: «il segnate tende a sa Tire» o «il segnale ha tendenza a discende- Nella Delta modulation si ha come noto la consueta weampionaturay (della forma ‘analogica). Poi istante per istante ha luo: 30 un confronio fra l'ampiesza del «cams ipione successivo> con quello che precede. Se I'ampiezza & maggiore (che in preceden- za) viene trasmesso un impulso positive {bit 1), Nel ase la tendenza sia «a diminui re» Pimpulso crasmesso & negative (bit ze 0): Figg. 4 8. B abbastanza evidente che Ia qualité di ¢: produzione @ assat influenzata dal «ritmo della campionaturan; perd dit ess0: «pulse repetition rate» dipende pure ta farghessa del canale oecupato Cosi al «ritmo» di 32 kb/s si ottiene una ottima qualité di riproduzione, perd ad Una velocivé cos? eltacorrisponde un cana. le occupato eocedionalmente ampio. Peral to riducendo il «ritmo di campionatura» Ja qualita si deteriora e nel contermpo si ac cxesoe il erurtore da quantizzazione» ilehe ‘coniribuisce al pezgioramento del rapporte SIN, NNegli schemi elementari, dove la «Coditi- cazione» avviene col semplice confronto Jira i livell di campioni successivi (Linear ela modulation) si ha una soddisfacente riproduaione 6: ques segnall che corrispon- Elattronica Viva - Novembre 1983-N. 39 we LO Soy uu Fig. 8 Modulation» augio in La trasmissione in cigitaie: «Delta vy Clock = impuls! che determinano it ritmo 21 sampling Coed data = Impulsi che vengono tra Decoded data = V(t) = BF restituita, prime del titraggio. dono a suoni intensi: ossia vieint ai Hivell ‘massimi. Perd per que suoni poco incisivi (i basso livello) si presenta una distorsione considerevole accompagnata da un apprez- zabiie degrada del rapporto S/N (per gra nnular noise - NdR), Questo inconveniente & ovviato nelle due varianti: Adaptive Deka Modulation (ADM) e CSD (figura 8), In esse, prima Sella. Codifica ha luoga Ia compressione del segnale b.!- in cadenna slabica; seguita ovviamente dalla espansione dopo la de- codifica, al posto ricevente Tanto la compressione quanto la espansio- rne sono sotto il controllo d'un algoritme digital che rendes process assa efficient Osserviamo qui, per inciso, che si potredie profitro realizzare con uno speech Fig. 9 - Per evitare gli inconvenient tipici ella Deits Modulation in presenza delle va Fiszioni trope ampio del parlato, uno de! rmetodl cocettivi @ la compressione delle ampiezze del pariato (BF prima della quan: tizzazione) col circuito CVSD. Sull'asse orlzzontale: le tonsion! Ingresso al Compreseore; in verticale i valori in dB del segnale dopo il tattamento. ASTTROLICA VIL processor per apparati SSB caavenzionali tunendo assieme uno di questi «delta modu: lator» seguito dal relative demodulator ‘Mediante il processe CSD (continuously variable slope delta-mod) si otiene wna ‘buona qualita: tipo «telefono commercia- le» con un ritmo di campionatura di 9 kb/s soltanto. La Motorola rilerendosi al suo MCA418 pacta di 8 kb/s. Poiché l'emissione in modulosione delta consiste d'una Sequenza ininterrotta di bit uno e zero, possiamo dire che la «Delta modulation» pud consideratsi come una PCM. autosinerona ad un bit Un altro vantaggio delia «Delia modula- tion seriale» la facili con la quale si ese- ue il multiplexing di parecchi canali din: Sormazione, Occorrone naturalmente eircuiti acc: tii, perché la sequenza dei bit uno ¢ zero deve prima essere immagezzinata in una RAM dove atiendere i momento ziusto per la emissione che é del tipo «time sh: ing», ossia «a divisione del tempo, E facile anche ik processo di encypher che rende la trasmissione inintercettabite: 0 corre infatii allo scope solo un «registro & scorrimento» (molto ungo) ed alcune gares per formare un linear sequence generator. Opgidi sona reperibili numerosi C.I. per ‘a «Delta modulation» a prezzi_ com- merciali; fra essi_citiamo: —Motorala «MC3417/3418) Harcis «HHCS5516» che hha il sampling rate a 16 kb/S; oltre allo sHCS5832» (sampling rate 32 kb/s-codice NRZ); Consumer Microescuits «FX209» € la versione migliorata «FX309». Quest'ul- timo C.l. & particolarmente interessante per il consumo estremamente basso: 200 WA con IDV cee. - particolarmente adatto per porcatilt 2 pile. IN «309 richiede peraltro una. minima. uancita di Componenti accessor esterni, Ia frequenza minima di modulazione ¢ demo- dulazione &: zero! In figura 10 lo sehema a no} restitzata ger la delta modulation & demodulazione con sompling-rae i 32 kb s. Factiamo in proposito osservare che il nostro schema & leggermente diverso da quello suggerito ne! wdata sheet» det lab Drive, Come gid premesso al'inizio pit) grosso inconvenience, anche con la «Delta modu: lation», & quello della larghezza del canale a.f, necessario per la crasmissione del suo Asse di Bit Si pud ovviare parvialmente a ale inconve- niente impiegando sistemi di modulazione particolarmente efficient! come la wquatee- ary phase» ed i conseguenti modi d’emis siane pon convenzionali La Motorola, ad esempia, velle sue radio MX300-H23/24 studiate per comunicazio: 55 TE GLETTROWICA VINA 4 Ain # Dout 4 No cL Fig. 10- Lo schema elettrico ci un MODEM (Modulatore © Demodulator) per trasmission. pe Bg pe Per ottenere | segnali di clock si pud impiegare Vintograto HBF 4047. ni verbali inintercettabii, impiega la mo- dulazione 20F3 ¥. Gamme di lavoro: 136 174 MHz ¢ 403-430 MB; spaziauura fra i canali: 30 © 25 kHz ‘rispettivament: sampling-rate 12kb/s; deviazione 4 kHz; canale fonico 300-3000 Hz. Pera vi sarebbera altri modi per comprime= re il segnale «Delta modulation» entro un canale della fonia (convenzionale). Si po: trebbe comprimere in frequenza la «banda base audio» prima della campionatura sampling» ed espandere di nuovo le fre- quenze al posto fonico di 300-3000 Hz in uno pitt ristretto, © fa compressione pud farsi in tre modi: nel dominio della fre- ‘quenza; in quello del tempo; oppure in en= trambi. La relazione sugli esperimenti di J.P. Cle- vald (WBECZX) apparsa su QST (1) patla- va duna compressione 2:1 nel dominio della frequenza; perd un processo simile seppure alquanto pil elaborato _perché ‘con rapporto di compressione 4:1 venne 56 presencato da J. Das nel 1961 (2), seguito dal Pappentus nel 1964 (3, Riguardo alla compressione della «Banda- base» nel dominio det tempo ricordiamo ‘che essa fu presentata la prima volta dal D. Gabor nel 1947 (4 esuccessivamente ripre- sentata da S.J. Campanella in un suo ben roto scrtto (3). Combinando le due citate tecniche do- wrebb'essere possibile ealloggiare» il cana Te asf, derivante dalla «Delta modulation» centro la banda convenzionale di kHz, rea- lizzando cos la trasmissione digitale del tevero parlato naturale. Merita pecaltro osservate che la compres: sione della «banda fonican si realizza pit {acilmente nel dominio del tempo perch ik processo elativo pud effetivarsé intera- mente a livello digitale. Nel caso della com- pressione nel dominio della frequenza inve- ce_si deve ricorrere a modulazioni ortogo: naliefilteiselettvi che sono ass pi iff coltosi dal punto di vista del progetto © elta Mode al sampling rate di 32 Kb. deli'adermpienza, Gradir6 motissimo leggere commenti sulla possibilita di impiegare la «Delta modula- tion» nella gamme amatoriali, come pure conoscere notizie da qualcuno che espe- rimenta le modulazioni polifae e la com. pressione della «Banda-base fonica .¥. Horn tk Timi in Persiero via Pio 1X (Bologna) 0017s. (1) QST Now. & Dic. 1978 (2) Elecrronic Technician - Aug 1961 (8) E.W. Pappenfus «Single Sideband Principles {4 Creuitsn Me Gram Hil 1964 payy 339336 ) D. Gabor «New possibnvies & Circuit» Me Grow Hil ~ 1964» pore. 335.336 ) D. Gabor «New possibiiies in speech tron- smmision» Journ IEE Vol $=, 22, (9) 8.1. Campanella «A sursey of speech Band ‘wih. compression» IRE Transact. on Audio Elettronica Visa- Novembre 1963 -N. 99 RTTY SENZA ERRORI? un traguardo non pit irraggiungibile (3° parte) Nella precedente puntata si é esaminata la costi- tuzione di una scrivente in gran parte elettroni- ca, che meglio delle vecchie macchine si presta a dare una ricezione comprensibile anche in pre- senza di segnali distorti, in quanto tutta la sele- zione degli impulsi é statica, In essa infatti la decodifica non avviene per via meccanica, dove a seconda delle posizioni as- sunte dalla parte mobile «dell’elettromagnete di ricezione» il complesso delle barre di selezione interpretava gli «impulsi di lavoro e riposo» in arrivo, per azionare gli organi di scrittura costi- tuiti dai martelletti. Qui si parla di «trasmissio- ne in modo diverso» per ottenere i migliori ri- sultati. CODICI_RIDONDANT) PER UNA Lesperienza ha dimostrato che eseguendo » osserveremmo che fra le 1: « ( 0111100 — Affievolimenti ¢ fading selettivo: rapi- OLX! m 3 fra te 128 01001 L ) 4010011, de fluttuazioni de? livelto, overs lene COMBInazioni ve NE sono 35 in cui sono 00111 M 1001110 ma molto profonde al punto di far ca- _Presenti tre bit-2ero: cid Cacitita il ricono- 00110, N . 1001101 Jori normali; rumore industriale ¢ da stato questo un notevole passo avanti o1010 R 4 1010101 rie di starioni in fonia troppo vicine all passo successivo di G3PLX éstato quello | O17 v = do1iT10 Canale di lavoro; parviale covrappost- ¢impiegare ottavo bit dell’ASCIT (auto. | 12001 xX f gronto orion isoafaeri Pero 8 ala esta diipeleresilcaraucreee, | 01000 need” SotNY sta il fatto che il Codice Baudot (Int, Tato. La ARQ ¢ prevista anche sulle mo- 1101 figures 0170110, iowa Oona ore 108 scende al di sotto di cert limit 5 bit del Baudot metteno in evidenza tutta la loro ambiuit, Elettionica Viva- Novembre 1983-N. 39 Per convenzione, ai abit Ts corlsponde Ia Irequenza pit alte sia neo I.k. one nella alan Tab. 2» Convorsione del codice Baudot co lonna dt sinistra nel codice a 7 bit usato per lo AMTOR: colonna di destra, 87 Mmm ALETTROMCA WIA ome sentito: «La comunicazione via OSCAR», diede eccellent risutati NASCE LO AMTOR metodo deriva da un originale interpreta Zione da parte di G3PLX della «Norma CCIR 476-1 sulla Telex nelle Comunicazio- ni Marittime = secondo essa, lo ARQ in simplex & am- missibile se si adotta uno schema di ‘quick-break sinerono, AA part la ingegnositi del software cui stavvale, la meritoria «trovatay dell’OM. inglese sta nel fatto che essendo if metodo sid parte dela normativa ITU non occorte laleuna speciale procedura per iraslarlo dal Servicio wmarina> a quello wamatorialen. Difaui lo Home Office britannico fo auto- rizeava senza diffcolté quattro anni or so- to ed ari Paesi hanno subito seguit. La FCC-USA ha delberao in suo favoreil 21 Seorko, riconoscendd @ questo ‘6: metodo» diverso dal convenzio- nale la quaifica di «plain language» che si Fichiede nei collegamenti_ amatorialis in ‘quanto esso@aderente ad una norma inter- nazionale accettata (Ia 476-1 CCIR da cui ha poi trato origine la 476-2: AMTOR) @, La filosofia del metodo Due OM sono in collegamento: «OM I» trasmette ie carattri esi ferma (automat ccamente) «OM2» conferma usando un ca- rattere €c0si via, fino al momento in cui i rmessaggio di risposta parte da «OM2» ed i segnali di uprosepui pure» o «ripeti» sono inviati (neal intervalli) da «OM 1». Percid osservandolo in modo sintetico: AMTOR ¢ un metodo in cui la probabilita «i errori é minimizzata con Ia trasmissione «di un codice (Tabella 2) di sete bit, che ‘contiene comunque «tre bit-zer0». In caso ‘errori (per le cattive condizioni del ci ‘uito) invece del segnale di «confermay si ha la ripetiaione automatica da parte di chi trasmette il messaggio, dei caratteri errati Naturalmente tanto Pinterruzione per con ferma, quanto quella per la richiesta di ri petizione, non & fatta dal'operatore, bensi dda un complesso logico che ha: CPU, me- ‘moria e programma ad hoc; over0 un mi- rocomputer «in linea», dotato di idoneo software. ‘Analizzando: — La conferma della correttaricezione dei cearaiteri di «OM I> avviene automati- 58 ccamente da parte della «OM2» che tra- smettealternativamente i segnali di co- dice indicati in tabella 2 come «control b> © wcontrol 2» (ispettivamente 1010011 e 0101011), — Se ad un certo momento, dopo tre ea- ralteri trasmessi uno o pit éilleggibie, OM?» ripete il weontrol» eguale al’ ul- timo inviato, Questo € Vinvito a ripetere il ublovco ei tre earatteri» Non @ perd Poperatore ad accorgersi del segno sbagliato, perché prima che questo venga scritto - autoverifica di parita della logica (ritenendosiinsoddi sfatta) ~ ha chiesto la ripetizione: solo i ccaratteri accettati proseguono verso la cconversione in Baudot ¢ la seritsura Questo comporta che anche se i due ‘operator sono veloci datilografi la ve- locita i ricezione def messageio il pit corretto possibile non dipende pit dal Ja abilta di «OM 1», ma dalle condizio- ni del circuto radio. Vi sara comunque sempre un ritardo, perehé i segni rice- vuti attendono «in' memoria» ilconsen: so per proseguire, Se il eollegamento & difficile, te ripeti- Zioni possono essere moltee la macchi- na scrive ad intervalli, come se «OM 1» fosse un novellino della tastiera, che prima di battere un tasto deve pensare dove ess0 si rova. Percié fa velocité det collegamento, 0 se preferite la lentezza, non & pi solianto funzione della abilita di «OM 1» ma anche ¢ soprattutto della qualita det canale di comunicazione». A titolo di esempio G3PLX fa osserva- re che su un circuito a lunga distanza, dove il corrispondente operava con 50 W, la ricezione in modo convenzionale produceva 1'80% di errori. Passando allo AMTOR, Ia serittura diventava corretta al 9,3% perd Ia velocilé appa- rente della comunicazione era rallenta- ta.a.25 parole al minuto. Inversione: i} cambio (OM 2 trasmete OM | riceve) non é istantaneo, secondo la volonta degli operato =A fine messagaio «OM 1» chiude ‘con over cui fara seguira il gruppo «<7» (1100011 0100111) — LA logica di «OM2» cessa diinviare alternativamente i segni di «contcol by e «control 2» e trasmette quello i conteol 3» (1001101. = Appena ricevuta questa informazio- ie il corrispondente, sempre auto- maticamente inva il gruppo «8 « 8» cd ottiene in risposta: «RQu - dopo di cheil cambio automatico & avve- rnuto ed «OM I» ricevera ia risposta da «OM 2», Gti apparati Le stazioni operanti oggidi in RTTY posso- rng convertirsi allo AMTOR senza mo- ifica alcuna, purché il «cambio rice- gione/teasmissione» non comprenda rnumerosi relays esia possibile uno scambio ‘automatico, simile al sistema VOX in SSB. Infatti unica esigenza nella «parte radio» Perce til Fig. 18 - La Advanced Electronic Applications Inc. P.0. BOX C-2160 LYNNWOOD We 98036 “USA produce lo «AMT - tv il primo T.U. per AMTOR prodotto inéustriaimente, secondo lo Standard di GPLX divenuto norma ITU (CCIR 476.2). Vieono almeno 800 OM ne! Mondo che impiogano oggldi di que: sta TU. dovrebbe incrementarne il numero a breve scandenza. Predotto con le tecniche compatlbili con il microprocess ‘generatore ci nota per ais. pl originate «tuning indicator» @ costituto da una bara: Imlcroprocassore. Alimentazione 12 V cc. -software, questa Unit eomprende 1S LED. Intereannessionl. Ingresso rasmissione:allinnesto wmicroto- seclamento con una RS-292 per Elettronica Viva -Novembre 1983-N. 39 che il cambio, atruato da un segnale elet- tricg, sevenga entro 10 millisecond. Tutii ‘moderni apparati lo eseguane in ‘erapo mi Per i resto, si tratta d'interfacviamenti fra telescrivente ¢ ricetrasmettito Una parte del’eeicranica aggiunta pud es- sete costtuita da un microprocessore dea- todi idoneo programma: perd in Gran Bre- tagna é in vendita un Kit (76 sterine) che comprende le unita logiche nevessarie per la «conversione in AMTOR» In USA & comparsa recencemente unita «AMT b> della A.E.A al prezzo di 500 dol- lari (figura 13) Osservazioni Msemplice fatio d’inviare un check-bit che Aaiutail posto ricevente ae identificare il ca~ rattere 0 correpgerlo, riduce di tanto le probabilité d'errore che Iartiticio equiva- Je ad un miglioramento di 6 dB del rappor- to segnale/rumore (sulla RTTY in codice Baudot), ‘Ossia, nel caso che si utilizi soltanto il eo- dice con maggior ridondanza ad «8? bit per 4 check di paritan, senza il metodo AM- TOR il migliorammenta che si ottiene equi vale a quello realizzabile nella RTTY con- venzionale aumentando la potenza di tra- smissione di 4 volte ‘Nal AMTOR il fatto di esepuire una auto- verfiea col corrispondente ogni re carat 1 da poi quel miglioramento spetiaeoloso cul si accennava dianzi L’AMTOR peié nton ha ad ogni carattere ur bit di start e8 une di stop. Non écioé un ‘modo asinerono: occorre quindi una pro- cedura di sinceonizzazione (peraltro auto- matica) fra le due stazioni che entrano in ccontatto. Non € questo un gr0sso problema se Voperatore &assistto ds sn software ac ‘curatamente preparato. Le ‘rasmissione sincrona pone perd una lic mitazione importante: = Lanormativa ITU srabiisce una ripeti- hone al ritmo di 2,22 blocchi per secon- {do con un massimo di 100 bit/sec ma i {re blocchi trasmessi (prima di ciascuna inversione) oceupano 210 millisecond 1 acontrollo del corrispondemes, = 70 mS: rimangono cosi 170 mS nei quali ambedve le stazioni sion emettono bit signiticativi — Le onde radio si propagano alla veloci- 1 di 300 km per mS, percié ealeolando Vandata ed il ritorno, occorrone 2 mS ‘ogni 300 km = Per avere la certezza che la risposta una stazione non sia coperta. dalla ‘rasmissione dellaltra,tenuto conto del Elettronica Viva -Novembre 1983 N99 tempo di commutazione (relay d’anten- na ecc)€ del ritardo eleitico nei fli ¢ rlsonatori,s'arriva alla conclusione che Ta massima distanza d'impiego. , & tipicamente umana e per ora ci hha dato una inarrivabile superiartd sulla ‘macchina. Nel parlato, anche se il segnale tuile & appena ad un liello doppio del ru- ‘more, sipassono riconoscere le parole note ‘perché i numero di esse in wn QSO ¢ put {osto limitato; mentre il numero del suoni differen @ alto. Quindi il sistema ‘arezchio-cervello &in grado di sfrutare be- rne 10 ridondarza tipica de? linguaggio. Se {in un QSO in inglese fa comprensibiltd é ‘minore, cid si deve al fatto che il cervello fia maggiar diffcotta @ riconascere parole ‘che non gli sono abbastanza familiar. 2a iprova di questo @ nella maggior faciltd di ‘fare buoni DX con America Latina perché ‘a porta di rapparto segnele/rumore le pa- role che perceplamo sono pitt facilmente Identificabili in quanto spagnole, ¢ percid affind alla nostra lingua. La RTTY in Baudot a causa della assenza di ridondanza richiede un rapporto S/N superiore a quello necessario per un suffi- ciente QSO in SSB, perd la situazione mi- aliora appena si adoria un codice datato di ridondanza. (2) Lo AMTOR - caratterizzato dalla ri- chiesta di conferma e correzione dei «erup- pidicodice incomprensibili eseguita auto~ ‘maticamente, permet(e una serittura senza errori anche in condiziani marginali; con rapporti S/N veramente bass € con segnali ‘spe5s0 inquinati dal runiore. Ltunica condizione posta dalla PCC ¢ dalle ‘alece Amministrazioni che Whanno autoriz~ 2a @ che la pratica segua alla lettera ta ormativa ITU (variante 2 AMTOR della CCIR Recommendation 476) in partico- lare; che sf impieghi a Fy con yelocitd non ‘maggiore di 300 Baud, per le HF. Lafis.k. elaa.fs.k. sono egualmente con- sentite pera ia differenza tra le due fre~ ‘quence che idencificana I due bit non do- rd essere mageiore di 900 Hz (8 norma de- Elettronica Viva Novembre 1963 .N. 39 oooh ! : S88 | Uramentarone ATTROMCA VIVA lm Fig. 21 - Lo schema a blocehi del eli OM impiegare wno shift di solo 170 Hz almeno in HF). IN PROPOSITO é interessante osservare che per i «digital codes» netlo Spetiro com reso fra 220 e 1215 MHz s'ommette ura larghezsa di Banda di 100 kHz. Quindi “implicitamente anche !a Pulse Cade Modi- > ete] | play | one out Blones ee letronica sulla telescrivente Olivottl TE830, ation per te trasmissioni in fonia pud dl- scendere dal vecchio limite della gamma 2,3 GHz alle gamme 432 ¢ 1296 MHz. Difatti ta P.C.M. specie nella versione «Delta» per un parlato ristretio entro 3 KHz non richiede una Banda maggiore di 100 kite. 63 UNA EVOLUZIONE IN ATTO Nuovi modi di lavorare: i Servizi prevaigono sulla Produzione L'Informatica e ['Automazione industriale han- no gid ozgi ed avranno anche di pid in futuro — una decisiva influenza sulle strutture produtti- ve, sui prodotti e sull’Economia del Paese. Difatti queste tecnologie manifestano il lora im- patto ben oltre le strutture industriali, coinvol- gendo t'intera societa. Si tratta d’una vera e propria rivoluzione e PAutomazione su vasta scala potrebbe anche essere causa di disoccupazione. Ma su questo risvolto sociale del progresso oc- corre una attenta osservazione da parte di tutti: or non é molto ’ISTAT ha reso noto che anche in Italia il personale impiegato nei Servizi, ossia nel cosiddetto terziario, ha superato percentual- mente la forza-lavoro dell’industria e dell’agri coltura. Quindi, seppure in ritardo rispetto agli altri Pae- si industrializzati, anche da noi il terziario tende a prevalere sulla produzione. Un aumento della disoccupazione causato dall’automazione po- trebbe anche derivare dal fatto che il lavoratore fa fatica ad adattarsi «ai tempi che cambiano». Questa attitudine mentale e la scarsa prepara- zione potrebbero esser il motivo d’un limitato assorbimento della forza-lavoro esuberante nell’industria da parte del terziario che, proprio @ causa dello sviluppo dell’Informatica, creera invece un gran numero di nuovi posti. ‘Se anche in Italia si verifichera lo svi luppo dell'informatica previsto nei Paesi dell'Europa Occidentale, @ fuori di dubbio che nel decennio si avranno notevoll conseguenze suifa qualita del lavora, sugii orarl, sull'impi:go del tempo libero. Dialtra parte @ assurdo ostinarsi a pro- dure, senza rinnovare tecniche e pro- cedure, materiali che il mercato rifiv ta: la crisi detl'acciaio e l'astronom’ 64 deficit del’EN! denunciato da Revi glio. sono qualcosa di piu che sintomi preoccupanti industrie che furono prospere sono oggi assillate da insormontablli diff colta economiche; ma vi sono anche ‘avoratori senza lavoro che cronicizza. No la loro scomoda situazione perché on si rendono conto che il mercato de lavoro si evolve rapidamente, verso ‘ie impieghi. Le condizioni cambiano ed Il rifluto a riqualiticars! per entrare in altre atti: 12, ossia nel crescente settore Servizi ha del paradossale. Agli inizi del secolo la quantita del la: vori possibili era assal limitata ed era facile comprenderne lo svolgimento perché le tecnichte erano elementari ‘Oggi vi sono almeno Ventimila diffe. rentt tipi di attivité, molte delle quali sconosciute al grande pubblico; perd Elettronica Viva -Novernbre 1983-N. 99 chi ber preparato pud introdursi senza troppa difficolta in questi appa- rentemente ermetici nvov' lavorl. Quando si parla di Rivoluzione indotta dallinformatica, tanto il grande pub- blico, quanto - ¢ soprattutto 1! pianifi catore - debbono rendersi conto di fat 1 incontrovertibii, — Non si pud riffutare informatica perché essa & wprogresso in movi mento». Chi la rifiuta wresta indie tro» @ Se Ih rfiuno unanime in un Paese questo Intero popolo é de- stinato a discendere in brevissimo tempo dal ruolo di industrializa- tox a quello di «terzomondistax — Pid si automatizzano i processt, migliori sono le probabilita di com petizione nelle vendite grazie al fattore «prezzo.qualita». Pil si au- tomatizzano'i piccessl, maggiare & la quantita di personale (idoneo) che l'azienda pud assorbite per la conduzione e la manutenzione. Se si gensa a nuovi indirizzi delPElettronica e dell'informatica Vi sono progettazioni fuori de! con venzionale e produzione di softwa re allamente specializzato: attivita entrambe assai congenial cia alla media-piccola Industria, sia alla genialita dei nostri tecnicl — Occorre perd guardare alla realta con occhi ed idee nuove: + Nei Paesi pid avanzati, I"infor- matica, dalla produzione allo impiego, assorbe fino al 40% della forzarlavoro; + informatica di oggi sar& ob- soleta entro tempi brevi; chi riu- scira a «partire per primor sui uovi orientamenti acquistera ‘unvantagglo considerevole. + L'informatica di domani tende- ‘A «al globale» con tutte le pos sibill forme di comunicazione disposizione di tutti: dall’uormo della straca, al tecnico. Cost come Il nostro cervello struttu- rato in un certo modo si adat- ta grazie al'intelligenza a qual siasi situazione, studio, disci plina, attivita, "altrettanto 1 blocch| attivie del futuro hard ware ed jl «software assai com: plesso prodotto ad hoc», con sentiranno Ja globallta con \® minime diversificazioni costrut tive. M nuovo hardware Elattronica Viva Novembre 1989- N. 98 La «quart rivoluzione elettronicas de- terminera in modo significative il pas: ‘saggio dall'éra industriale a quella ba sata sulltnformazione, La linea di separazione fra chi produce secondo le vecchie tecnologie a costi pid alti e chi beneficia dei staglio dei costis derivante dalla tempestiva ado- zione delle nuove possibilita offerte dalla Informatica e Telematica, passa attraverso la microelettronica. Probabilmente l'obbiettivo finale di questa rivoluzione portera entro Ia fl ne del secolo alla rabotizzazione su vasta scala strettamente connessa a Sistemi elettronici dove il software si modifica automaticamente. Arriveremo Cosi ad un sistema o sotto: sistema ohe si migiiora qualitative ‘mente da solo, deducendo gli elementi per correggers! dalla esperienza ac- quisita durante 0 svotgimeato del compito stesso Gio sara reso possibile dal «nuovo hardware» prodotto secondo le tecni che w.is.i, che portera in breve alla: au- tomazione integrata, II grande vantaggio dell’automazione integrata nella fabbrica (di dimensioni Grandi o piccole non importa) consiste nella possibitita di gestire e controlla- re: la produzione, l'organizzazione, i! magazzino, l'econamia aziendale (te ruta dei conti, ordinazioni spedizioniy ec. Llautomazione integrata non potra ta- re a meno di sistem elettronici di sup- porto come: — Gomputer Aided Design (CAD) per la progettazione; — Il Computer Aided Quality Assu rance (CAQ) per ii Gontrollo della Qualita; — IL Computer Aided Manufacturing (CAM) per la gestione globale (su pervisione) della produzione. Solo le «multipurpose vs. standar- Gizzate e messe al lavoro da elaborati software consentiranno questo ade guamento della w{abbrica» al generale proceso d'informatizzazione della so- ‘feta. Difaiti motivi d’alto costo renderebbe- ‘0 Irrealizzabili progetti del genere non alla portata di qualsiasi azienda_con lo hardware di cui fino ad eggi st di sponeva. GLETTROMEA OVA Uno studio soclo-economice europee per valutare gi effet della miroelettronica ‘ek prossinye decennio + Liana prevede eo fast = Slava larapitacfusane dele nuove een loge che make prababimene wriverannd *2.USA e Gappane, con un moderao cor true dea Germaria Feserale S avr poi, ua ieroduione gradual dele nuove teenlage conn prabshie maggar ontrbuzo europen da pate uch Paes he come Garmania Fedele, Gran Brec ava e Franca, anno gin corto products S progeaion in fase avanzata, Nella ere fae le nuove ecrologi europe povrano prolere sila Inporaione 1 a ies de ocapacone: (Ora varia nel prim 28: rione de i are dora ne cod le rane Tina & ore lvoratve © Moses profs ral ocipnore, con magpor gles fgloramanco & concent & eer proesion Peranco ena erring rit alors dle rox nen prrna © ascend ft: 510 arn Save ua deinuione dl oceopazions nln ree Nella cerza fat. cao oceupationale porate Inver del ett, par eller a aggor = ties ne setore crear (agsiore cual one) ¢Fapertra mere 6 tts0 ov USofeware UW Sofeware sta dvenande a voce eax ai importante nel proper « gestone d'un Sst sa Informatio, Franon mak ets incr’ par 80% gl ota le gl invest par Vinfermae:praairr, Sofoware sri donque wun buon affarce WSoteware. al pari del porsiera, non ha peso: se a funtone deel elaborcor @ muovere | bie ‘ula de software & ei lore come muover, USofeware © cinque onforraienen ws bin fermasione deta por le machine, | proget sg ueend. Em poe pik ponderon In ‘quanta ersceil compos dee norton feqraro dil documentations, neesar per conerolare proces) complcats medianen Sistemi sempre pit compless. | Sofeware svage tn compro fondumensale ne contra del plans mediante Vesoranione de segna, ma recent anche al fontions morta dl Atenéa nie ie namaste hls praduione ala arminserasone; la pre {gevanove als commersalzztzone dl prado 0 fnto 65 Difendi il tuo baracchino con una cartolina LETTERE DI COMMENTO ALL’INIZIATIVA ASSOCIAZIONE Soltanto | titolari di concessione CB possono iscriversi a LANCE CB (Libe- Fa Associazione Naz. Concess, Elet roricetrasmissioni CB). Modalita di adesione Invi — Domanda e due foto formato tes: — fotocopia della concessione = quota associativa 1984 Testo domanda N sottoseritto... (rome e cognome)..fa domanda di associazione a LANCE CB e conterma quanto indicato nella fotocopia della concessione aliegata Autorizza la pubblicazione della pro. pria Sigla CB collegata al proprio nome cognome e foto. Le sigle CB dei propri familiari sono le seguen: ti Ailega aila presente assegno circolare di Lire intastato a LANCE CB Firenze, quale quota associativa 1984 Dichiara di rendersi disponibile per il soccorso civile e collegament sport (ata e firma) QUOTA 1984 Per il 1984 la quota associativa @ di Li: re 10.000 oppure di Lire 25.000, in que- sto caso @ compreso l'abbonamento ad ELETTRONICA VIVA (scrivere da ‘quale mese compreso) IN socio ricevera: — tessera LANCE OB con foto autoadesivo socio LANCE CB — vetrofania — tesserino sconto 10% dischi e mu: slcassette — «Quelio che i CB deve sapere» Salvo non sia espressamente richie- sto non si accettano iscrizioni a LAN. CE CB per il 1983 nei mesi ottabreino- 66 vembreldicembre di questo anno. La quota 1983 ¢ uguale a quella de! 1984 Questo per non richiedere a distanza di pochi mesi la quota per l'anno suc: Difendi LANGE CB (Liber. Assoc. Naz. Con: ces, Elettroricet. CB) visti irisultati det Ccolloqui avuti, su invite, con il Ministe: ro PT ritiene utile @ significativo che | concessionari CB italiani, | gruppie le associazioni locall CB testimonino, con Pinvio di una cartolina, lesigenza di una soluzione del problema degli apparali non omologati in concessio: «Difendi il tuo baracching con una car- tolina» @ lo slogan che LANCE CB sug- gerisce a aiffondere perche i conces: sionarl CB di tutta Italia aocolgano Vinvito di presentare questa precisa ri: chiesta al Ministero PT. I singoli concessionari CB sono invita tia costituire gruppi di promozione e di raccolta delle cartoline nel Comune di residenza od anche nella cerchia di conoscenze fra i CB concessionar collegati via radio. | promotari, cid va le anche per gruppi ed associazioni CB Gia esistenti, si incaricheranno quindi di spedirie. Nulla toglie che a compiiare € spedire la cartolina sia i singolo concessionario dove non vi slano gruppi od associazioni che lo propongono, VOGLIA. ‘TRASMETIERE ALLION.LE Sig, MINISTRO LARIGHESTA pea, EMANAZIONE 1 UN DECRETO WEL QUALE. SI RIKONOSCANO ADTORIZZATI Gu APARAN CB - ! NON OMOLOGATI Cut Sonceneions ree pice poste DS ARIFICAN DOU A QUEL OMOLOG AT} CONCESSIONARK) Ke COMPART. PT, cessivo. Si ricorda che LANCE CB dal 1974 ha costituito un riconoscimento associativo a quanti hanno 4 anni di il tuo baracchino con una cartolina Linizlativa durera fino al 30 novembre ‘198s. Da questo momento ogni concessio: nario CB spedisca gia la sua cartolina, affrancata con un francobollo da Lire 300 ed inviti gli altri CB a farlo, fino al la fine di novembre Testo ed indirizzo E possibile fotocopiare il testo e lind: fizzo. Ritagliateli a misura ed incolla teli sulla cartolina che verra poi spedi ta, dopo avere applicato il francobolo da Lire 300. Si suggerisce, ad ogni concessiona flo, ad ogni gruppo od associazione CB ed alle sedi LANCE C8 italiane, di preparare cartotine gia con Il testo e Vingirizzo, a cui il CB potré aggiungere 0 fare aggiungere il numero di conces- sione e la regione. | promotori locali possono scrivere per informazione ed invitati a segnalare alla sede naziona le awvio della iniziativa ed il procede- re dolla stessa, a: LANCE CB P.0. BOX 1009 - 50100 FIRENZE. +: Baas MNGTERO PPTT DOTT. DSAMORE DIRETTORE CENTRALE SERVIZI RADOELETIRIC. VALE EUROPA 00100 ROMA EUR Elettronica Viva -Noverbre 1863 -N. 98 PEt) tet 0 4 (0) Tutti inseguono ta propagazione ati, La propagazione del Dicembre 1983 E il mese delle MUF (max usable fre: quency) pid alte, perché la minor dila- tazione dell'alta aimostera contribul- sce ad una maggior concentrazione di lettroni liberi (per m?) donde frequen: ze critiche ((,) maggiori che in altri me- si, sebbene Vaitivitd solare sia prov gressivamente calante. Rispetto al dicembre 1982, la {, a ca- vallo del mezzagiorno locale dovrebbe essere diminuita di 1 MHz: 10 MHz io corso anno; 9 MHz questo dicerriore. i conseguenza, le MUF che, come & nolo, sono funzione della, @ della wdi- ‘stanza di salto minimos, saranno mino- ri, donde anche le aperture in gamma 28-30 MHz avranno una pit breve dura- ta, s@ si considera i! «salto minimo di 3000 km». Chi ha possibilité dt irradiate in gam- ma 10 m segnali con angolo verticale zero pud awalersi d'aperture pli lun- {ghe, essendeo il «salto di 4000 kme @ la felativa MUF un po’ maggiore di quella indi¢ata con «MUF 3000® in figura 1 Non si possono escludere percio otti mi DX dai 34 mila chilometri in pol, Elettronica Viva Novembre 1983 N.S fino alle distanze antipodali sia in gamma 10 m, che nel wcanall CBs. Nelle ofe nottumne la f, s'avvicina al 4 MHz: @ questo il momento migiiore per 1 DX in 3,5 Miz; difatti contempora- neamente (dalle 2 alle 5 locali) anche le LUF toceano i valori pid basi Ricordiamo che la «piu bassa frequen za impiegabiten. = lowest Usable fre. {quency (LUF) @ per motivi graficl indi cata con una curva; ma in effetti si tratta d’'una area al di sotto di essa, ove la situazione, dipendendo da nu- merosi parametti, assai ambigua ed incerta. Gli elementi sicuri che s'introducono: ‘el calcolo d'una LUF sono la potenza del trasmettitore, che nel caso amato- riale non viene corretta col guadagno d'antenna, Si tratta invero di frequen- ze basse, dove é gia oltimistico pensa- re ad un guadagno vnitaria: in molti casi trattasi addirittura di guadagni minori di uno; ossia: potenza irradiata minore di quella disponbile. Un altro dato pid statistico che effetti vo @ il livello di rumore almosferico presumibile: @ vero che esiste una vo- luminosa normativa CCIR, riferita a mite Iocalita del mondo in diverse ‘stagioni e per differenti ore; ma sitrat- ta (Si ricordi) di valor! mediati, i ‘estrapolazioni; e per avere un elemen- toriferibile ad una verta zona det nord. Italia, dove il rumore @ diverso da quel- lo peninsulare-Mediterraneo, occorre fare delle interpolazioni, Dal rumore atmostetico, che sovrasta sempre e di parecchio {in questa parte dello spetiro) quello d'apparato, si passa al rapporto segnalelrumore mi: nimo, per attuare la comunicazione. Qui il dato @ soggettivo: un von operatore-morse sfrutta segnali il cui SIN & zero dB; ed anche addiittura in nagativo (sotto lo zero); un mediocre OM richiede invece 3 4B. Un bravo DXer fa QSO in SSB nella fa- scia da SIN = 3dB in gidj un principian- te, 0 comunque un OM che pratica po- coil DX, richiede SIN = 12dB ed oltre, (il famoso: forte e chiaro!). Vie poi al'assorbimento ionosterica» che @ minimo di notte e diminuisce proporzionaimente col calo della atti- vita solare, Da questi ed altri dati, con una espe- rienza piv che trentennale e, da qual- che anna can l'ausilio d'una machi: netta TI-59, nascono | punti caratter\- stici per disegnare la curva LUF che com’é owio si abbassa al crescere della potenza di trasmissione, mentre si alza passando dal morse (A,) alla 67 SLETTROMICA VINA $88 (ph = phone: uso ph, per non in- trodurre altre «f», simbolo riservato al la frequenza) Parcié come regola generale: allonta: nandosi dalle curve LUF verso l'alto, si hanno comunicazioni migliori; 1avo- rando su frequenze = 0,8 MUF si co- munica meglio, con la mincr potenza possibile, Vi sono perd «l nottambuli» che ama: no ricercare il DX in 3,5 ed 1,8MHz: per essi le curve LUF danno indicazioni probanti @ la regola in questi casi &: migliori probabilita quando si é il pid al di sopra possibile dalla LUF, ed i pla vicino alla f. Per i 7 MHz, le Gondiziont notturne mi: Glior! dovrebbero verificarsi quando la MUF = 1500 km s'awicina ad essi, co- me dire: dalle 23 alle 5 de! mattino. Liattivita solare dowebbe essere ca: lante per aitri 4 anni: percié cercate d'impratichievi nellinterpretare anche con la vostra pratica esperienza i gra- fici di figura 1: potrete ottenere i mi gliori success! nelle gamme 7-3, 5-1, 8 MHz, tall da lasciare Incredull I vostri amici che per il DX fanno esclusivo at fidamento sulle gamme piu alte ed a- ‘scoltano solo wsegnali forti e chiari»! Fig. 1-Le curve detia propagazione lonoste- fica per Dicembre 1983, OIC. 83 31 MUF 3000 2a - 244 MUF 1500 214 18 16 MUF 1000 14 124 104 9 fe 4 MHz 5 3s LUF 10 W | Ay LF > LUF 75 W ph 75WiA, _ tT ta 00 4 8 12 16 20 24 ORA SOLARE ALTOS COMPUTER SYSTEMS: VER: SO IL RADDOPPIO DEL FATTURATO Per l'anno fiscale 1983, la Altos Com. puter Systems, la casa americana di microcomputer rappresentata in Italia all’ Amitalia, registrera un fatturato di oltre 100 milioni di dollari, raddoppian- do i risultati ottenuti nel 1982, che era: no stati di §0.957.000 dollar Produltrice di elaboratori a 8 e 16 bit peril settore del piccoli sistemi gestio- nali, che viene indicato dalle stime de- gli dsservatori come il pid promettente ed in plu rapide sviluppo, la Altos ope- 68 ra sul mercato americano dal 1977 ed hha venduto oltre 90.000 sistem In ltalia @ stata introdotta nel 1981 dall’Amitalia, che ha legato la propria attivita alla’ commercializzazione in esclusiva dei prodott! della casa ame- ricana, La linea di microcomputer Altos com prende 6 famiglie, due ad 8 oit e tre a 16 bit, adatte a soddistare le necessita di aziende medio-grandi anche in ap. plicazioni di informatica distribuita La serie ACS8000 @ stata la prima ta. miglia di microcomputer prodotta dal- la casa di San José e, come la succes. siva serie 5, & basata sul microproces- sore a8 bit Z-80A. II successo di que- ste due famiglie & dovuto soprattutto al numeroso software disponibile per lo Z-80A ed all’ottimizzazione de} rap- porto costolprestazioni Gili elaboratori a 16 bit prodotti dalla Altos permettono una facile migrazio- ne sia dal basso che dallaito, dal mi. cero come dai mini, grazie ad una mag. ior potenza elaborativa rispetto al si stemi ad 8 bit e grazie alla disponiil ta di un software di base, che consen. te la piena trasportabilita delle appli ceazioni sviluppate, Elettronica Viva Novembre 1883-N. 38 LUGLIO 1988: Il perugino IOSNY batte due record mondiali du- rante la sua spedizione a CEUTA (Marocco Spa- gnolo) Una Spedizione italiana in parte spon: sorizzata dal «Blue Team» dell'ARI, Na lavorato nelle prime due settimane di Luglio vicino a¢ una delle Cofonne Ercole: sponda africana dello stretto di Gibilterra, nelia colonia spagnola ‘det Maracco - presso la citta di Ceuta. — Sluglio; tarde pomeriggio: collega- mento bilaterale fra ilOSNYIEAQ € la stazjone calabrese i8TUS, in gam- ma 4,3 GHz, Distanza coperta circa 1963 km SI: curamente record europeo e motto probabilmente RECORD MONDIA. LE, in questa gamma UHF. — 8 Luglio; ore 1900 U.T: QSO tra IOSNY ed iOYLWITS, in gamma 10 Ghz. Distanza coperte fra Geuta e Visola di Ustica, dove si trovava 1! cortispondente romano (noto spe simantatore delle microonde): 1663 km NUOVO RECORD MONDIALE, Il record precedente in 10 GHz (sta: bilito nel luglio 1982 dallo stesso Sanna) di 1486 km, era gia stalo su: perato tre ore prima, con la comu: nieazione fra Ceuta @ Capo 8. Vito (Trapani) dove operava un altro OM fomano: iWOBCUIT®: Come @ facile osservare, mentre il re- cord UHF puo dirsi casuale, quelll in 40 GHz werano stati ben preparatin tant’é che un agguerrito gruppo di aro- mani» attrezzati per 1 10GHz, era pron: to.all'agguata in diverse posizioni pos. sibili deil'area siciiana. ORE UT 00 | 02 | 04 | 06 2 = 5 = 3 5 3 3 3 ° el & 8 gol ° | < ft 3 —_. a a 2 z —1 5 g om] | Elettronica Viva-Novembre 1983-N. 39 + 1 WAC awards rilasciati nel 1982 432MHz 9, 5 Per 6gamme n.10 144 MHz 4 Sgamme 59 SOMHz 205 SSTV 2 35 MHz 93900 RTTY 2a 18 MHz = 22 SSB 1267 Misti 1130 WA. significa: Lavorati tutti i Conti rnenti — | Continentiin oggetto sono 6, perché le Americhe sono due. WAG € un certificato IARU. + LaUBA. sodalizio dei Radicamator) Belgi, compie quest’anno i SESSAN. TESIMO ANNIVERSARIO. Fig. 2-La propagatione OX nelle gamme 14 21:28 Mz, neh Dicernbve (982. Peri canal CB, valgone i dati del 28 MHz leggermente igliorat 69 WN KONING DA ae OA» me cue funn fn [ane fe ffi Jf forint ome RAN Panorama del radioascolto internazionale La slasione ascot dt. Monferiai di Milano, LA PROPAGAZION prevision! © dati fondamentali LE ONDE RADIO E LA IONOSFERA - LA RADIO PROPAGAZIONE Viene qui discussa la formazione del- Ie region ionizzate dell'alta atmosfe- ra terrestre che riflettono le onde ra- dio su grandi distanze: la IONOSFE- 70 RA. Viene inoltre discusso come la stessa si formi e venga misurata, la sua struttura e variazioni e come renda possibile le comunicazioni a grande distanza. 1 - CENNI GENERALI Le radiocomunicazion! in onde me- die e corte sono rese possibili dall'esistenza nell'alta atmosiera ter- restre di una regione costituita da va- ri strati elettricamente conduttivi che Elettronica Viva - Novembre 1983 -N. 39 SE ETTROUCA W sono in grado di deviare i radio se- gnali che pervengono, riflettendoli verso terra a notevoli distanze. Le caratteristiche elettriche di questi sirati, che vengono normalmente co- nosciuti con la denominazione collet tiva di IONOSFERA, sono soggette ed ampie variazioni; cid @ dovuto al fatto che la ionosiere @ formata con prevalenza dalle RADIAZIONI UL- TRAVIOLETTE provenienti del sole e che Vinlensita delle medesime mu- ta radicalmente con 'ora e ta \ocslité geosrafica, La quantita di rediazion! ultraviolette che interessano 'atmo- slera terresire vesia di ora in ora @ stegionalmente © geograficamente, dipendendo totalmente dalla relazio- ne tra la posizione astronomica del sole rispetto alla terra @ viceversa Inoltre si ha una mutazione annuale nelle caratteristiche generali che & insita in-un petiodo che ha la durata approssimativa di 11 ANNI (CICLO SOLARE) e che agisce anch’essa sul- le capacita di riflessione delle onde radio da parte della icnoslera. Que- ste variazioni annuali sono dovute al- la VARIAZIONE DEL NUMERO DELLE MACCHIE visibili sulla su- perficie del sole; essendo le macchie solari notevoli produttrici di eneraia © quindi di radiazioni ultravioletie, tanto maggiore ser& il numero delle stesse e quindi della radiazione ul travioletta prodotta, tanto pid elevato sari il grado di ionizzazione degli strati alti dell'atmostera verrestre. Quando la superficie del sole & co- perta da un gran numero di macchie Ja ionostera @ intensamnente elettriz zata e le condizioni di radio prope- gazione in onde corte sono general- mente ottime, La diminuzione del numero delle macchie soleri ha co- me conseguenza un generale peg- gioramento delle comunicazioni a grande distenza su alte frequenze, condizioni che si stanno verilicands gi in questi anni e si verificheranno sino a tutto il 1985/1986 che vedran- no la conclusione del 21° CICLO SOLARE. Da quanto sin qui detto traspare chigsamente quanto sia vitale il ruolo della ionostera nelle radioconmunica- aloni a grande distanza; da cid la ne- Elettronica Viva -Novacobre 1983-N.39 ccessité di conoscere in modo detta- liato le caratteristiche di formazio- ne, le variazioni, le anomelie che ap- punto interessano | lonosfera; solide cognizion! del sue comportamento ‘consentiranno un sapiente e raziona- Je sfruttamento della radio propaga- zione e quindi notevoli saddistaziont nella radio ricezione DX. 2 - LA IONOSFERA Nel 1901, Marconi complet con suc- ccesso uno dei pit strabilianti esper!- ment scientific: Ja trasmissione di un radio segnale al di 18 dell Atlant co. Prima dell'esperimento di Marco- ni s‘era sempre creduto che le radio propagazione fosse limitata ad una, linea visibile, ovvero non pit in lé del- la portata ottica. Hertz dimostrd co- mungue che le onde radio pur muo- vendosi in linea relta possono essere deviate dal loro percorso iniziale in- terponendo nel percorso stesso un ostacclo eletiricamente conduttivo. Un anno dopo il positive esperimento i Marconi (1902) due scienziati (A. Kennelly, americano - O. Heaviside, inglese) espressero su due distinle pubblicazioni scientifiche il parere che Ialta atmostera terrestre fosse co- shituita de una regione elettricamen- te conduttiva e che appunio questa regione, comportandosi come un ostacolo alle onde radio, avesse ri- flesso 1 segnal) di Marconi al di 1k dell'Atlantico. Altra ipotesi da essi teorizzata fu quelle d'ttribuire le Sormazione di questa regione elettri camente conduttiva alle radiazione proveniente dal sole. Trascorsero co- mungue due decenni prima che esi stenza di questa regione (denominata ETERE sin dagl'albori della radio) fosse verificata praticamente con esparimenti; la regione elettrificata fu scoperta nel 1924 da uno scienzia. to inglese (E. Appleton) che giunse alla definitiva conclusione dell’esi- stenza della stesea misurando l'ango- lo darrivo di segnali radio emessi da un vicino trasmettitore. L'angolo d'arrivo fu tale che | segnali poterono giungere da una sola direzione per rifrazione da un'area dell’atmosfera terresire ad un‘altezza di 160km. Ne} 1925, Briet e Tuve, due fisici ameri- ‘cent, dimostrarono I'esistenza di una regione tifletiente sopra la superficie terresire utilizzando varie metodolo- gle. Mediante la trasmissione verti- ccale di piccoli impulsi d’energia po- terono verificare, con Vimpiego di ‘opportune epparecchiature riceventi di misura, la presenza di una eco che veniva riflessa e ritornsta a terra dalia_jonosfera, Determinando il tempo intercorso tra la trasmissione delimpulso e la riflessione dell’eco sapendo che onda radio viaggia alla velocita della luce (300.000 kan/s), fu possibile dedurre Taltezza del mezzo rifletterse con considere: vole accuratezza. Inoltre, mediante la variazione della frecjuenza dell'impulso trasmesso en: tro una gamma abbastanza axpie, Saccorsero che al di sopra di una ccerta frequenza critica la regione ri- flettente non era pit in grado di ei- flettere alcun segnele verso terra. In tensi studi, effettuati in differenti lo- alita del ‘globo con le tecnica di Briet/Tuve, presto dimostrarone che la frequenza critica @ variabile con Yora, la stagione, ¢ la localita geo- gratica. Da ci fu facile dedurre Ja forte influenza esercitata dal sole su!- Jo strato rifletiente; ulteriare eviden- 2a della relazione intercorrente tra il compartamento lonoslerico e le ca: ratteristiche della radiazione solare fu ottenuta net 1927 quando venne osservato un rapido decrescere della Irequenza critica durante un‘eclissi totale di sole. (fig. 1) Fu cosi possibile concludere, da questo storico esperimento, che agente solare di primaria importan- za nella formazione della ionosfera la radiszione ultravioletta; quest’os- servazione fu ulteriormente verificate fn occasione di altre eclissi totali di sole avvenute dopo il 1927. 3. FORMAZIONE DELLA IONO- SFERA Lalta atmostera terrestre @ costituita principalmente da ossigeno, nitroge- 1 ELETTRODICA WA I: Intensité di ionizzazione T: Tempo A: Ionizzazione normale B: Jonizzazione osservata durante Yeclissi di sole M:Punto di massima intensité dei’eclissi ‘a @ sole, Impe Zion solar! di raggiungereI'atmostera tere ‘tre durante un'eclissi di sole. Sosserva co: Si un rapido decrescore della ionizzazione (@) man mano che progredisce Veclissi sino {al suo massimo (M) corrspondente al mini ‘mo dijonlzzazlone. La jonizzazione si rcrea Veclissi regredisce, no e lore composti, con piecole quantita ddrogeno, ello e molti altri (Questi gas, cosi come qualunque al. tro materiale, sono costituiti da atomi formati da eleltront caricati negatl: varnente e ruotanti altorno a cariche positive centrali ¢ nuclei. Gil =*-mi rigultano essere in equilibrio elettri co, owero gli elettroni caricati n getivamente bilanciano le cariche positive dei nuclei e si hanno cosl atomi NEUTRI. Un atomo neutro non esercita alcuna azione di forza elet trica all’esterno della sua struttura @ rimane tale sino a che non venga sot- toposto ad una forza energetica esterna che sia d'intensita tele da re elettroni creando nell'equilibrrio atomico che da ne ad un atomo sbilanciate o carico. Llazione energetic esterna e tale da variare l'equilibrio atomico & eserci- tata dalle notevoli quantita d'energia associate alle radiazioni ultraviolette provenienti dal sole; l'azione energe- fica esercitata sugl'atomi det gas stac lalla sua struttura, 72 presenti nell'elta atmosfera @ tale da togliere elettroni agl‘atomi stessi che passeranno cosi dailo stato neutro a quello di «carico» per ECCESSO DI CARICHE POSITIVE, Questi atomi sbilanciati 0 carichi sono definiti sIONT» ed il processo che li ha gene- ratl viene definito eIONIZZAZIONE». Quando leneraia ultravioletta che genera il processo non & pili presente, gl'elettroni stac- cati dagli atomi si ricombinano con gli loni generando nuovamente ato: mi in equilibrio eletirico. Questo processo, opposto a quello di ioniz @ definito «AICOMBINA. la ricombinazione avviene nelle ore notturne quando la ionost ra @ priva ¢ P dal sole. Quantunque la radiazione ultravioletta risulti essere la princi pale responsabile del processo di io nizzazione, anche altre radiazioni provenienti del sole (raggi X e smici) hanno un proprio ruolo nella i radiazioni provenienti formazione della ionosfera; inoltre una certa quantita di ionizzazione & prodotta dai meteoriti che penetrano nell'atmosiera terrestre. Fig. 2 Fig. 2- lustre come viene a pro nizzazione per effetto dellenergia delle ra Giazionivitraviotette. Nella figura A Vatomo 8 in equilibro elettrico, owera le carichene- gatlve (eletroni) bilanciano quelle positive {del nucle. in B Venergia della radiazione ul: {ravioletta strappa un elettrone dall'atomo; IC, Patome non piu blanciato diventa uno sioner, owero un atome carieo. 4. STRUTTURA DELLA SFERA IONO- La radiazione ultravioletta che pene- tra nell’atmosiera terrestre produce primariamente la ionizzazione nei Se gas rarefatti presenti nell’alta sfera essendo questi i primi che la ra- diazione ultravioletta incontra Llulteriore penetrazione della stessa Incontra man mano densité di gas sempre pid intensa e che aumenta progressivamente verso la superficie terrestre: Il risultato é una ionizzazio- ne diintensita altrettanto progress va. Infine, l'energia della radiazione penetrando ulteriormente nell'aimo slera viene attenuata sino ad un tote Je annullamento ('energia viene dis. sipata nel processo di jonizzazione) snsequente estinzione del pro: resto di lonizzaa Si viene cosi @ formare una regione di massima ionizzazione la cul inten: sitd diminuisce sino ad aze pra e sotto di essa. Idettagll di formazione di una regio: ne ionizzata sono riportati in Fig. 3- 480. 320 160 Fig. 3 Formazione di uno strato ionizzato da parte di una ragiazione ultrvioletta di froquenza singola. in A Fintensita della ra diazione ultravioletta aumenta con altitul. ne; In 8 la densita molecolare del gas dimi rulsce con Maltitudine (maggior densita nel lo strato D che non nella strato F2} In, Vin tensita di ionizzazione varia con alttudine La gamma di radiazione ultraviolette proveniente dal sole comprende una banda di frequenze relativamente larga; dato che 1 gas contenut nellalta atmosiera rispondono a dif ferenti frequenze nello spettro dell‘ultravioletto, si avré cosi la ten Elettronica Viva- Novembre 1989 N99 denza alla formazione della ionizza zione a differenti livelli o strati, com: presi approssimativamente tra 50 00 lalometri sopra la superficie ter- restre. Anche se queste regioni nizzate sono usualmente considerate come strati o fasce ben distinte, nelle realté esse non sono completamente separate le une dalle altre; { limiti di clascuna regione si sovrappongonoa quelli della precedente e della se- guente, formando cesl un'stea canti- quattro livelli d’intensita di ionizze: Zione normalmente conosciull come strat) «D/E/F1/F2s, Limpiego delle lettere dell'alfabeto nella denominazione delle quat regioni ionizzate @ dovuto a E. Ap- pleton che dopo le sua scoperta dello strato di Kennelly/Heaviside nel 1924 assegné al medesimo la lettera iL RAPPORTO «Es, simivelo generalmente usato per designare un vettore eletirico. Nel 1925, quando scoperse urfaltra re: Gione ionizzata a maggior altitudine, usd la lettera ef per indicare il vet tore eletirico riflesso dalla regione stessa. Assegnd quindi la letters «D» al vettore elettrico riflesso da un'altra regione pit basea della regione «E>; Robert Watson Watt, uno dei primi collaboratori di Appleton, defini in seguito tutle le regiont ionizzate con Vunico termine di ONOSFERA» che fu adotlato internazionalmente. Laltezza e le caratteristiche di quest strati ionizzati mutano dal giorno alla notte © cosi pure da stagione a sts. glone; alcune di queste variazioni G. zetia fontinua) il dialogo ascoltators = emittente «SPECIALE - dalla relazione del aruppo di lavoro dell/EDXC - Londra 8&3 - «DIALOGO ASCOLTATORE/ EMITTENTE®. Uno dei gruppi di lavoro costituitisi nell'ambito della Conferenza di Lé dra dell'European DX Coun toceato iI tema de] dialoge intercor- rente tra ascoltatore ed emittente ra fonica considerando i punti nega di questo tipo di rapporto. component! sl grappo di lavoro so- no stati concordi nel dire che es nro ebarriere fondamentali» che divi. dono I'ascollatore e l’emittente @ che sono ovviamente maggiormesite ri Elettronica Viva -Novernr® 1983-N, 39 sentite dai BCL neofiti o da coloro che s‘avvicinano per la prima volta a mondo deli’ascolio inernazionale; sinteticamente i punti di maggior ostacolo al dialogo sone | s 1) MANCANZA D1 ANTICIPAZIONE DE] PROGRAMM! trasmessi dalle emitienti internazionali Eemerso che le stazioni internazionale operano c get» di programmi che nom +a antici patamente oltre gli otte giorni; sola- mente speciali occasioni quali ad esempio: commemorazioni, anni- versari, elezioni politichefammint strative, ecc., consentono di pro: grammare con buon anticipo il con- tenuto dei programmi che ver trasmessi La carenza d'informazione qui la- "ASE RETTROMEA VINA Fig. 4 haste le vaclazioni giomal ional delle region’ ionostericho. OLTO mentata & impulabile ad una serie di problemi che sono principalmente di altere economico @ che toccano tanio le emitienti inernazionalt, quanto gl’ascoltatori (e fo Giormente) che per avere maggiori informazioni devono rivel ste specializzate (che non pre fall) e sobbarcarsi cosi notevoli ti per l'acquisto delle pubblica- zion che non sono sostenibill da tut: ti; da qui una prima dillicolta nell’in- siaurare uno stretlo dialogo tra le due part 2) MANCANZA _D'INFORMAZIONI Al, RIGUARDO DEI RICEVITOR) Sostanzialmente: il mercato dei rice vitori @ una «jungla» proprio perché not esistono (0 scarsamente) possib! lita davere consigli che indirizzino 73 SST TOMI Ua Yacquirente di un radio ricevitore ad una scelta oitimale (noi ci abbiamo provato con la serie di articol; «del ricevitore e delle sue funzionis). 3) Il punto pit problematico é quello rappresentato dal vero. rapporto ASCOLTATORE/EMITTENTE. In massima parte il dialogo tra chi dilfonde © chi riceve viene svaito dall'apposito spazio (sbbastanza {uo- i luego) denominato commenti al programmay che compare in quasi tutti { eformulari ulliciali» per rap: pporti di ricezione, pubblicati da qua: si tutte le emittenti aventi un servizio Internazionale, In quest’apposito spazio, secondo il punto di vista dell’emittente, dovrebbero prendere posto i commenti, i suggerimenti, le critiche e gl'apprezeamenti al ri guardo a questo 0 quel programma ascoltato. Anche se questa forma pud avere una certa valid, Interviene un pro- blema di carattere pratico che ne li- rita la tempestivité d'applicazione, di valutazione e, in definstiva, limita il rapporta/dialogo tra chi trasmetie © chi ascolta. La ragione, ovvero il problema, @ molto semplice: normal mente il rapporto-formulario di rice- zione, che & prevalentemente di ca- raltere tecnico, passa prima per le mani dei tecnici della stazione inca- ricati di fare una valutazione dei dati (ecnici) in esso contenuto. Va da s che passerd sempre un certo tempo prima che, dalla «sezione tecnica» dell’emittente, le note riguardanti ar gomenti di carattere non tecnico (commenti, giudizi, suggerimenti sul progremina) giungano alle redazioni dei programmi che sono pot le diret tee maggiormente interessate a! cia logo con lescoliatare. Quindi si avr un ritardo notevole che si riflettera sull’eventuale -vilup- po di un certo tipo di programme che dovrebbe avvalersi dell’apporto con- creto deql'ascoltatori; consegt: 17>: delusione da parte di chi s'@ fu't0 va rico di commentare e suggerire @ re lative allontanamento o raffredda- mento del dialago tra le due parti. Adowviare a tutte queste problemati- che, interviene il suggerimento (ior 74 RECEIVING LOG FOR RADIO KOREA [nme | tine mts Ts ro eat tbe prowrame oF se lapelissiano ma pur sempre vali do} del gruppo di lavoro dell’ EDXC: evitare di riportare noie al riguardo dei programmi sui formulari per rap- porti d'ascolto, nei quali verranno ri- poriati dati unicamente tecnici, indi- rizzando | propri suggeriment! diet tamente alle redazioni dei program: mi ascoltati. Cosi facendo s'elimina la perdita di tempo dovuta alla stasi dei formulari tecnici di ricezione presso le sezioni tecniche, agevolan- do i) diaiogo con chi produce i pro- grammi ed tutto vantaggio del pro- gramma stesso ¢ del suo contenuto, Altro aspetto sottolineato dal gruppo i lavoro (e d'indubbio ifteresse) é il contenuto dei programmi che pitt da vicino riflettono il dialago tra l'emit- tente e l'ascoltatore: 1 programmi DX © le cost dette «caselle postali», «li- Sener r cilbag» e via di questo pas: 0. Molt pregrammi di questo tipo si ri lus no, in realta, ad essere delle + auplict letture di depliant turistict; other por considerando che vi saranno pur ‘deg}’ascoltatori interessati all’aspetto turistico del paese in cu opera la sta- Zione di radiodiffusione, forse un programma DX non é lo spazio pitt adaito per farlo ¢ comunque non tro- verebbe di certo la giusta e meritata attenzione da parte deqtascoltatori che forse nan sono molto interessati al'argomento turistico. II programma DX dovrebbe infatti avere l'unica funzione di pubbliciz~ zare nuove emittenti, nuove requen- z0.e cambiamenti delle sterse, trata re argomenti prettamenti atlinenti al mondo della radiodiffusione; in talu- ni programmi DX viene poi trattato Vargomento radio solo dal punto di vista prettamente radio amatoriale 0 per meglio dire cham», che pur es- sendo d'indubbio interesse per chi si ‘occupa di trasmissione o di ricezione in queste frequenze radiantistiche, lo @ un po meno per chi si dedica uni- camente al BC DX. Liinsoddistezione dellasccltatore nel Elettronica Viva- Novembre 1883-N. $8 mania a LETTROMEA VO) Sm The Socialist People’s Libyan Arab Jamahiri; Overseas Broadcasting Service oar Mala ou Reception Log “rasa Slaton ssving Staton b System Frequerey te = rrsstyy | wetneény | toustny | Fray Terk on Pops Heed (o-Modtlation S-Seste Fang “THY. GREEN ROOK esses RO so nergesdiravion:s —— peNOGRACY Means WAGE WORKERS saeepOM AFALSIFCATION POPULAR RULENOT SUAreNr ‘OF DEMOCAACY POPULAR EXPRESSION ENGINEERING DISION Elettronica Viva - Novembre 1883-N,38 75 76 GLEVTRONICA VINA —_____ PLEASE SEND To: RADIO NACIONAL DO BRASIL [RapioBRAs P.0, 80x 04-0340 70,000 - BRASILIA = OF ~ BRAZIL ‘RECEPTION REPORT nr —_ —_ a Gate [noun tewty | rwcauency | sano [2] Tw] [0] iwrenrenence ~ + 7. - Tmorone [None Owen war) 4 — — Elottionica Viva Novembre 1985-N.39 GLETTROMEA VIVA VOICE OF AMERICA RECEPTION REPORT LocaTion RECEIVER TYPE. ANTENNA To TWTERFERENCE; DEGRADATION; our REMARKS lL PROGRAM DETAILS MAY BE ADDED ON THR OSMER SIDE OP 4HIS FoR > ° confronti di una certa emittente, o di tuno o pit programm! da essa irradia. 1H, viene a manifestarsi consequente: mente con Virregolerita dei rapporti di ricezione che lascoltatore invia alv'emitionte stessa; nella peggiore delle ipotesi non viene inviato pit di tun rapporto che serve poi, ed é la maggioranza, unicamente mento della QSL. 1] maggior numero di rapporti d'ascalta regolarment cevuti da molte emittenti si rilerisce Elettronica Viva- Novembre 1983-N. 39 infatti in massima parte ad ascoltatori che assolvone alle funzione di «moni. tor» piti che di assiduo ascoltatore che dimostri di gradire © d'essere in- tereseato a questo o quel program. ma. Quindi é unicamente per merito del servizio di pubbliche relazionie tenti mondial dele ni che realizzano pro: zionale, grarnt merale, li non prevede un app se alcune emittenti con servizio inter. per i comment In nazionale possone contare anche su ma (che non sono da che «dettagli de! programm famosi modul. di rapport «monitor», editi dalle mag di un gran numero di ascolta ‘unico che tra quest ito. spa program: considerarst ) & quello non risultine essere easservitis alla funzione di «monitors. & conalusio- ne, vengono riprodetti aleuni dei pitt 1 per la compilaz’ i ricezione @ livello di 1 servizio interna edu 7 meme GLETTRONICA VIVA mm della V.O.A. che sintetizza il codice SINPO (SINFO) in tre voci, dando maggiar spazio alla vace che riveste maggior importanza al fine della RBSWC Monitor Segnele: Questionario sull’ ascolto delle trasmissioni di Radio Budapest eT qualit8 globale della ricezione: natura della degradazione della qua- lita. espresso nel modulo del Servizio In: ternazionale della Radio Nazionale Libica, Il messimo della tecnica @ invece oz Apporecchio tipo: E Pinciso FFETTO iturale Se il «radioascoltor consistesse esclusivamente nella «continua cerca di programmi di emittenti este: re» ess sarebbe tra gli hobby pitt puri, ma sicuramente tra i pli 78 % Anno ; Teuiozone § ge reauenze )sservazioni tl gw} OE] omy caw | Gee oR ossenad 8 m= T - 0 3 Intensi 4s z Rumor z 3 23] ates [BY meteor [B] atime [R]rotme— | B] comremisina 5 | Becellonte [Nene "Nene [Nene fecalonte | Boone Debs Debate “Piven x | Madece edie doc Wecioea (aeceuobie 3 | Dabo Fete a Gomprenibie 1| Molto deboie. [Molto forte Molto forte Molto forte Incomprensivite Indio None: RADI Vascensione al no il paniere. Nella realta la ralligurazione asson glia pid ad una colli che rappresenta il fine (I'ascolto) pud toni bby cosl concepito po: trebbe essere raffigurato da una ripi- d all'ascolto, da ogilendo il maggior wenuti lunge di mantenere pie. ina in cul la cima, Eletironica Viva-Novembre 1989-N. 99 SST TRONICA Vi) essere agevolmente reqaiunta da tut- tit versanti, con percorsi a piacere. IMatto che la vette non sia acuminata oben definita indica che su essa pos- sono trovare poste pill persone senza che nessuna possa vantare con cer- tezza il eprimato» In effetti «primatisti» possono essere considerati tutti coloro che, sfruttan- do nozioni tecniche e teoriche, han- no acquisito la possibilita di sintoniz- zare una vasla cerchia di emittenti, sacrificando il tempo necessario ad un continus agaiornamento dei set- tori d'inleresse. «Primatisiay pud cos) definirsi sia Tincallito ed esperto DXer, come Ubabitué dei programmi in lingua italiana o il competente conoscitore di lingue estere apprese attraverso la radio. Tutte le persone elencate hanno ri- spettato e raggiunto il fine dell’hab- by usando il mezzo a ciascuno pid conlacente ed ottenendo il «primaion nel rispeitivo raggio d'azione. Lunica dillerenziazione possibile consisterebbe rell'attribuire pitt me- riti a chi dimostri competenza ed in- teresse in pits campi. Poiché cid av- viene solitamente net caso det DXer, conoscitore di lingue ¢ di trasmissio~ ni internazionali, ecco perché al «DXer» si riconoscono generalmente pit meriti. Ma & un criterio di com- pletezza, non i record. Questa premessa é necessatia por i lustrare aleuni dei centri dinteresse presenti nel panorama del radioa- scolto, ed in particolare quelli che possono indicarsi come: — Ascolto delle emittenti in lingua italiana; — Studio delle lingue estere attra verso la radio; — Ricerca di programm! apposita- mente realizzati per BCL e DXers, Altri settori, quali il «Dying» nelle sue numerase forme, l'ascolto gene- rico di emitienti internazionali o di particolari programm, la raccolta di QSL ed altri oggetti, non sono qui contemplati semplicemente perché hanno gi trovato 9 troveranno senz'aliro spazio tra le pagine della Elettronica Viva -Noverbre 1983-N. 99 rivista ASCOLTO DELLE EMITTENTI ESTERE CON PROGRAMMI IN LIN- GUA ITALIANA Laargomento @ gid stato trattato sul numero di Aprile '83 di «Elettronica Vivae, mediante la pubblicazione di uuna tabella semplificata che offriva una frequenza ad onda corta su cui sintonizzare alcuni dei programm! nella nostra lingua. La tavola gui presentata ne costtul: sce un completamento olfrende oratt @ frequenze in onde medie di emit- tenti con programmi in italiano. Rispetto alle onde corte, le trasmils sioni ad onda media presentano al- cune differenze relativamente alla funzione ed alla propagazione: Osservando la tavola potremo notare come solo § programm diffusi dalla Deutschlandfunk (DLF), da Radio Bucarest 0 da Trans World Radio (TWR-religiosa) siano paragonabili, per durata e contenuto, a quelli dif: {usi dalle semittenti esteren comune: mente intese. Viceversa { programmi commerciali di RMC-Montecarlo e Koper Copodictria, i progremmi intern! di Radio Svizzera Italiana o quelli indi- rizzati ad emigranti od abitanti delle zone limitrofe come quelli di NOS- Olanda © Tunisi, ben diflicilmente troverebbero collocazione nelle ‘gamme internazionali delle O.C. Anche sul fronte della propagazione, le onde medie presenteno caratteri- stiche che ne limitana l'escolto ad elevate distanze © lo assoggettano ‘eccessivamente alla presenza o meno dellinsolazione. Relativamente alla tavola, alcune stazioni in essa elencale saranno ascoltabill in modo soddisfacente s0- lonelle zone d'talia pit vicine al tra- stnettitore, fenomeno non riscontra~ bile con tale evidenza sulle bande in- ternazionali STUDIO DELLE LINGUE ESTERE ATTRAVERSO LA RADIO Il mezzo radiofonico pub consentire un indubbic miglioramento neil’ap- prendimento di lingue gid studiate sui banchi scolastici, mediante Vescolto dt programmi realizzati in tal idiom. Inoltre un ascolto continuato pud an- che consentire Yapprendimento ele. mentare di lingue sconosciute Non @ tutto: alcune emittonti hanno espressamente prodotto corsi lingul- aici, in qualche caso integrati da li bri di testo Lo studio delle lingue estere attra verso la radio potrebbe essere sud viso in tre rami tra loro distinti ma, in qualche caso, strettamente collegati: — lingue estere per Italiani; ~ inalese; — lingue estere per ascoltatori di al- tra madrelingua. Particolarité comune ad ogni corso dilingua @ la stagionalita, motivo per cui non & possibile fornire una tan- tum» tin elenco ben definito e delint tivo. A fine articolo troverete T'indi- +izz0 delle emittenti a cui potrete di reltamente rivolgervi per avere nott: zie piti attendibili sulle modatita ci elfettuazione dei rispettivi corsi Un ascoltatore Italiano potrebbe de- dicarsi allo studio de Tedesco attra verso { corsi prodotti dalla Deutschlandfunk* 0 all'apprendi mento del Giapponese tramite la NHK". Entrambe le emittenti hanno pubblicato testi propedeutici nella nostra lingua. L’eventuale conoscen: za del tedesco potrebbe consentire lo studio dello Svedese per mezzo di corsi che Radio Svezia* irradia verso Ja Germania, Litnglese, oltre alla propria impor tanza, @ anche la chiave per accede: re ad altri Corsi, © pud essere appre: 20 elruttando varie opportunita La BBC* diffonde quotidianamente otto trasmissioni di «English by Ra- dior, realizzate in Inglese, corti spondenti ad ogni grado dl cono: scenza della lingua (da zero ad aven- zato) La VOA" (Voice of America) tra- smette programm in «Special En- Glishe (Inglese elementare basato su tn dizionario di un limitato numero di yocaboli) nonché corsi per ascol- 79 am GLETTROLICA VI he tatori di altri servizi (ad esompio: elnglés por Rédio» per Portoghesi) Esistono testi scriti «universalis di facile lettura. Programmi di Inglese letti a velocit& ai detiato vengono diffust da Radio Pakistan* (notiziari) e da WYFR- USA’ (letture dalla Bibbia), Alltei corsi di inglese per ascoltator! ‘siaticl sono diffusi da stazioni locali dolla Cina, dalla RTWR di Guam e da Radio Australia: il loro ascolto, di ppoce ulilit@ ai {ini dell'apprendimen: to della lingua, potrebbe permetiere di stilare un decente rapporto di ri- cezione. La conoscenza dell'Inglese, almeno a livello intermedio, permetie di se- quire corsi di Spagnolo di Radio Ex- terior di Espana" o di Afrikaan do Radio South Africa’ Radio Mosca” produce corsi di Russo per utenti di varie lingue, mentre per Esperanto, pur essendo presente tra | programmi di varie emittenti, non mi risulta siano radiodifiusi appositi corsi Tn margine all'argomento meritano spazio alcune considerazioni parten- do dalla constatazione che i corsi di lingua costano e che non tutte le sla- zioni possono permettersi di stanzia re le relative somme. Perché non in- durre queste emittenti a trasmettere semplici notiziari lett! a velocita di detiato? Con un costo zero esse raggiunge- rebbero lo scopo di essere seguite ‘comprese da un maggior numeto di ascoliatori. Tra i destinatert di questa proposta potremmo includere Radio France*, Radio Portogallo* , Radio Exterior de Espatia", solo per citarne alcune, A loro si netrebbe chiedere di include- re (ra i programmi in madrelingua almeno un notiziario quotidiano letto Jentamente. Stesso appello potrebbe essere rivol to alla RAI* che potrebbe ad esem pio trasformare il risibile notiztario quotidiano per Malia in un dettato di notizie Italiane dirette all'Buropa. Simili considerazioni, qui espresse come epensiero a voce altar, potreb- bero ottenere qualche concreto risul- talo solo se le emittenti in questione 80 fossero raggiunte da un elevato nu- mero di richieste. RICERCA DI PROGRAMMI APPO- SITAMENTE REALIZZATI PER BCLs E DXers La composizione dell'utenza delle stazioni estere di radiodiffusione, in particolar modo di quella dedita alle ‘onde corle, vede la schiacciante maggioranza della schiera di «BCLs» o«DXers», cio’ di ascoltatori interes- sati a pith emittenti Liniziative di dedicare a questi ulti, mi appositi programmi, nei gualt in- dicare altre emittenti che avrebbero potuto sintonizzare, fu attuata con coraggio © quasi contemporeanea- mente, tra la fine del 1947 ed i primi mesi del 1958, da Radio Svezia e Ra- dio Australia Atto coraggioso, si diceva, se si pen- sa che i programmi «DX» informano sulla possibilits di captere emittenti spesso in diretia concorrenza con la stazione produttrice del programma. In seguito numerose stazioni, pressa- te da numerose richieste di «BCLs» desiderosi di aggiornarst continua- mente, sono state praticamente co- strette ad adeguarsi a questo nuovo modo di intendere alcuni prograsn- mi. Attualmente, tra i programmt «DX» nell'ambito della fingua Italia- na segnalo le trasmissioni della DLF (Lunedi) ¢ di Radio Portogallo (Ve- nerd). Gli ascoltatori del program- ma spagnolo di Radio Austria (mer- coledi) potrebbero itmbattersi in Da- rio Monferini e nei suol «flash» men- sili nella nostra lingua. Infine ricordo che anche Radio So: fia, Radio Budapest, Radio Praga, Radio Berlino Internazionale, Radio Bucarest e Radio Svizzera Interna~ ionale trasmettono programmi per SWL, radicamatori e BCL di lingua italiana. iu vasta & la scolta tra i programm «DX» realizzati in lingua inglese, tra cui segnalo «Sweden Calling Dxers» (Radio Sweden - martedi), «Media Network» (Radio Nederland - giove- dl), *SWL Digest (Rsdio Canada -Domenica), «Spectrum» (Radio Au- stralia - Domenica), «DX Party Line» (HCIB - lunedi e sabato) e lo spazio «DX» (AWR Portogallo - Domenica), Inoltre producono programmi DX in lingua Inglese anche BRT-Belgio, IBAIsracle, NHK-Giappone, RSA- Sud Alrica, TRT-Turchia, WRNO- Stati Uniti, Radio Mosca-URSS, REE- Spagna, salvo errori ed omissioni, Se non avete contidenza con la lin- {gue Inglese, il Francese vi potr8 aiu- tare da Radio Svezia (Martedi), Ra- dio Canada (Domenica), dal Belgio e dall'Ecuador, mentre lo Spagnolo @ usato nei programmi DX di Svezia, Clanda (Venerdi), Belgio e Spagna. Le possibilité offerte sono molteplict, merito di quanti hanno coinvolto di- rettamente le emittenti nella «forma mentis» hobbystica. Non tutti i pro- rammi sono peré all‘altezza della si- tuazione, a causa di incompetenza di bate o di collaborazioni non verifica te, ma @ auspicabile che gli ascolta. torl, mediante autonome confronto, ossano compiere le scelte pitt op portune, A quel punto molte emittenti potreb- bero rendersi conto che la sola pre- senza dell'etichetta «DX» non basta pet qualificare un programma o per svolgere funzione di «specchietto per allodoter. La concorrenza, in questo come in altri campi, non pud che stimolare positivamente la produzione, purché Tutente contribuisca con critiche fondate e contributi originali al mi glioramento dei servizi a lui indiriz- zali. ‘Claudio Dead APPENDICE Indirizzi delle emittenti contrasse- gnate con *) nel testo: — DLF.Deutschlandfunk, Servizio Haliano, Postlach 51 06 40 D-5000 Kéln 51, Repubblica Federale Tedesca — NHK-Radio Japan, Shibuya-Ku Tokyo, Giappone Elettronica Viva “Novembre 1983-N. 39 NE ELETTROUCA VI — Radio Sweden International 5-105 10 Stockhotm, Svezia, — BBC-British Broadcasting Corporation, Bush House, P.O. Box 76 London WC2 B4PH_ — VOA-Voice of America Washington, De 20547, Stati Uniti d’America — Radio Pakistan, Broadcasting House, Constitution Avenue Islamebad, Pabisten — WYFR Family Sietion Inc., 290 Hagenberger Road Oakland, Cahfornia 94621, Stati Uniti d'America -~ REE-Radio Exterior de Espafa, Apto. 150.039 Madrid 24, Spagna ~ RSA-Radio South Alrica, P.O. Box 4559 Johannesburg 2000, Repubblica del Sud Africa — Radio Mosca 113326 Moskva, URSS ~ Radio France International, B.P. 9516 ‘T6762 Paris Cédex 16, Francia — BDP-Radio Portogallo, Rua do Quelhas 21 1200 Lisboa, Portogallo — RAI-Redio Roma, Casella Postale 320 (00100 Roma «...BY RADIO» Spesso abbiamo visto su bolleltini, 0 udito attraverso la radio, questa {race preceduta dal nome di una lingua straniera. Si tratta evidentemente di un corso di lingua, trasmessa da una determiriata stazione. Sull'utilita del mezzo radiolonico per Yapprendimento pratico delle lingue straniere, ormai credo nessuno abbia piu dubbi. Esistono perd alcuni limit a tutte ci, limiti che cercheremo di individuare e di correggere nella maniera migliore. Anzitutto gettiamo uun rapido sguardo sulle stazioni in lingua iteliana, che teasmettono un corso della loro lingua nazionale. E partiamo con le Deutschlondlfunk, Stazione cara a woltissimi radioascol- {ator! italiani. Da alcuni anni ormai, Yemittente irradia da Colonia sul Re no un corso per Vapprendimento della lingua tedesca, dal titolo wLa famiglia Baumanns. Questo corso, ‘ampiamente sperimentato e trasmes- soanche dalla Deutsche Welle, @sta- to tradotto in molte altre lingue, ed ha raggiunto gli ascoltatori posti nel- le difierenti parti del mondo. Giunto alla replica della sesta serie, il corso «La famiglia Baumann», che narra la vita di un gidrnalista tedesco e della sua fainiglia, sta ormai per andare in pensione e per essere sostituito da un alito catso pit modero, dal titolo di Auf Deutsch gesagts (éetto in tede- sco). Anche questo corso, come il precedente, viene realizzato in colla- broazione col Goethe Institut. Sem. pre dalla Germania, la Redazione Italiana della sezione tedesca della stazione TRANS WORLD RADIO Moniecarlo - denominata «Evange- Jtums Rundfunk irradia ogni sabsto sera una lezione di tedesco allraver- ‘0 i testi della Bibbia, Al contrario ci quanto si possa inizialmente pensa: te, non si tratta di un corso del tutto inutile o ridicolo (niente & ridicolo nell'apprendimento delle lingue), ‘ORARIO MITTEN (uresemr) VE PREQUENZAUAE 17 GERMANIA( RFT) :DLE_ 1539 2=YOHACO + RNC 702 6- SVIZZERA: AST 558 3-MONACO : THR 1467 | $254 Ll A OLANDA : NOS 787 [ dom. uly 5- ROMANIA:BUCAREST 756 I | | 7- TUNISIA : TUNIST 963 @~ YUGOSLAVIA: KOPER 1170 ‘Tavola dl emittenti con programmi In ingus slo ela stagione, Elettronica Viva-Novembre 1983-N. 39 a qualita dotascolto veriera secondo Wwaga di lcezlone, "ora: a GE ALETTROUCA WO) anzi, il corso sopperisce ad una del- Je prime incredibili difficolté che un stallano pud incontrare nell'eppren- -dimento della lingua tedesca, quello della declinazione dei sostantivi e degli aagettivi, una vere e propria ‘bestia nere. Tramite la ripetizione in- stancabile da parte dei missionari addetti a queste trasmissioni, di frasi, parole, plurali etc... in breve tempo risulter& chiara la costituzione di una frase in tedesco, il che é gia un note- vole passo in avanti Cambiando lingua, passiamo al rus- s0, il cul insegnamento per radio & affidato alla nota RADYO MOSCA. Periodicaments, specialmente in in. verno, l'emittente irradia un corso di rusto ad uso degli italiani. St tratta in verité di mini-corsi, di una quindict nna di lezioni ciascuno, di difficolta progressiva, realizzati in modo tale che Lascoliatore assiduo possa ap- prendere in un lasso di tempo relati- vemente breve le prime strutture morlo-sintattiche della lingua in cul scrissero tra gli altri Tolsloj, Do- sto8wsktj, Gogol In capo aile prime 15 leziont avremo percid appreso, grazie anche all'uso del testo fornito direttamente dalla stazione, @ scrivere ed a leggere in russo, anche se, logicamente, il no- stro bagaglio lessicale sara notevol- mente ridotto. Hl Giapponese, lingua » not ancor pitt straniera data la lontananza ai questo paese, lo si pud apprendere, tramite le onde della N.H.K. (Radio Japan), ogni mattino in lingua italia nna. Dato che il tempo 4 disposizione delle trasmissioni in italiano @ di 15° Giornalieri, & logico che solo pochis- simi minut alla settimana sono dedi- cati all'insegnamento di un bagaglio, pluttosto ristretto, di frasi convenzio- reli in gispponese. Por il resto, cito ancora Radio PRA. GA che fino 8 poco tempo fa irradia va un corso di lingua ceca. Era di sponibile anche una piccola gram. matica ceca presso la redazione ita liana. Non si sa se a stazione sia di- sponibile @ trasmetterlo ancora, in futuro. ‘Come si potrd vedere, i panorama 82 diolle lingue straniere insegnate per radio a nol italian! piuttosto magro © scarso, Con la chiusura del servizio italiano della BBC, il 31/12/1981, se ne @ andata anche la possibilit® di studiare seriamente linglese. I corsi ella BBC, infati, sono not! in tutto i} mondo, ¢ in Italia le casa editrice Valmartina era preposta alla distri buzione dei testi delle lezioni tra smesse. Le lezioni venivano trasmes. s¢ per tuil? i livelli di conoscenza delinglese, dal ebeginnerse all'sad. vanceds. E chiaro che la radio permette anche ‘achi ha gid una conoscenza consoli- data di una lingua straniera, di per- fezionarsi ascoltendo la cadenza di speakers e animatori, tecnicamente perfetta Molti radioascoltatori, una volts ap: prese éleune regole grammaticali e alcune parole, hanno saputo metter- le insieme e dare organicita a questo cumaio di informszioni, proprio con Ja radio, I notiziari trasmessi ad ogni ora, le innumerevole scelta della qualité delle trasmissiont, (sportive, culturali, radiantistiche), permeto: no di avere a disposizione molti regi- srl Iinguistici, e quindi non sara dit- ticle certamente saper unire { propri Interessi alle proprie intenzioni co- municative. Esistono po! tantissime altre stazio- ni, che non trasmetiendo in italiano, irradisno per ascoltatori di alire na~ Hionalit® dei corsi di lingua, quali per esempio l'airikaans (seconda lingua uifficiale parlata in Sud Africa), da RSA, il francese da Radio France In- ternationale, lo svedese de Radio Sweden Intern., Tinglese dalla git citaia BBC, l'olandese da Radio Ne derland. Anche le nostra RAI ha un corso di italiano per stranieri. Par- tendo de queste stazioni, @ logico che bisogna avere una ceria cono- scenze della lingua di pertenza del programma prescelto, Per esempio, se si segue le lezione di svedese destinta agli ascoltatori in gles, 8 chizro che bisogner’ cono- scere almeno soddislacentemente Tinglese, altrimenti il nostro sforao sara raddoppisto, Con un po' di buona volonia, ma so- prattutlo con molta pazienza, si otter- ranno in ogni modo buoni risultati. Un consiglio a chi segue queste tra. smissioni, @ quello di munirsi di un regisiratore con cul incidere il corso che ci interessa, per ripassare le va- He lezioni pit tardi a mente pit ire- sca (alcune lezioni vengono trasmes- se ad ore impossibilit), e di un piceo- lo dizionario (ne esistono di molto economici in commercio). Natural ‘mente non mancheré una Grammati- ‘ca, con cui potrete imparare la cor- retta gratia di alcune parole o forme verbali Elemento scoraggiante @ il fatto che tra insegnante ed ascoltatore non o' aloun contatto. A volte si possono in- viare gli esercizi svolti alle stazione, ma prima di ricevere una risposta anche riguardo ai quesiti che sorgo- no spontanei in certi casi, e le corre. aioni relative, possono trascorrere anche dei mesi. Cid perd non deve venire contro i vostri tentativi di ten- tare almeno di diventare dei mini po- liglotti. Une lingua non st impara mai alle perlezione, questo € chiaro, ma si pud sempre cominciare. Se ruse rete a salutare o dare informazioni a un giepponese in maniera corretta, sara tutto merite vostro e del vostro Ticevitore. Auguril Valerio Di Selene Elettronica Viva - Novembre 1983 N29 GLETVROMEA VIVA maim CONCORS! & DIPLOMI bandi e regolamenti DX.Contest Internazionale organiz- zato dal Club «BAST and WEST RA. DIO CLUB» (EAWRC) di Colonia. Dalle ore 1800 del prossimo 11 No- vembre fino alle ore 2400 UTC del giorno 16 Novembre i partecipanti alla gara dovranno ascoltare il mag. gior numero possibile di stazioni del mondo arabo. Vengoxo messi in pa lio numerosi premi ¢ ad ogni parteci- pante verra inviato un certificato con Vindicazione del punteggio ottenuto. I costo di partecipazione alla gara & di 5 IRC. Gli interessati dovranno chiederne i relative modulo al se- guente inditizzo: «BAST and WEST RADIO CLUB. clo Hardy Borger - EIFELWALL 46 5000 COLONIA I REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA atlegando un IRC per le spese posta- 1 FOREIGN RELATIONS i contatti internazionali dell’ air Leitera aperta di Luigi Cobisi sulle relazion! internazionali dell'AIR. Cari amict, la sezione RAI-TV sul World Radio Tv Handbook, nonostante !'interven- to di molti dyer italiani, ha sempre lasciato a desiderare. L'AIR sié fatta percid promotrice di un’azione volta a migliorare la presenza della radio- televisione publica sulla Bibbia del Radioascolto, muovendos! su tre di- retirici: — Correzione degli erreri pitt pale- i, specie nei programmi regio- nali e nelle sezione televiaive; — Revisione delle frequenze nell‘as- senza d'un intervento RAI; — Revisione della lista dei program- mi dx con {'ineerimento dei pro- grammj nella nostra lingua. Gia al congresso dell’EDXC di Lon: dra, nel quale ii direttore del WRTH Jens Frost_fu proclamato socio ono- rario dell’AIR, abbiamo notato un ri- Flotronica viva-Novernbre 1883-N. 39 sveglio dell'interesse nel nostro pac se © nei programm! in italiano di Radio-TV Montecarlo, Radio-TV Ca podistria e dei programmi di Pola e Flume, questi ultim acdieitura sco- nosciuti al WRTH, e pubblicati come mia corrispondenze sul WRTH New- sletter di maggio 83 (Ora, dopo nuove correzioni effetiua- te con gil amici del Gruppo di Lavo- ro Dx-Editor dell’AIR, abiamo avu- to il piacere di ricevere la letters dell'assistente direttore del WATH Andy Sennitt, che lascia ben sperare per il futuro. Traducendo dall'ingle- se i] secondo paragrafo leggiemo: «Sono contente di notare che AIR he un'aitenzione positiva e utile nella ‘cooperazione col WRTH. Penso che ci siano stati problemi di lingue che anna impedito a molti dxers italian di scriverci. Percié YAIR pub tep- presentare un legame molto impor- tante fra il WRTH e j suoi lettori ita- Jiants, Grazie Andy e grazie a voi cari ami cl per laiuto nel campo internazio- nale, 1l pitt proprio ad un hobby sen. za frontiere come il nostro. Nel frattempo a presto dal vostro Ligh Cobia NASTRO AIR PER LE STAZIONI RADIO «Non continuare ad ascoltare la ra- Gio da solo. Nel mondo del radioa- scolto siamo in tant. Iscriviti all‘AIR e troveral altri 350 amici con cui con- dividere il tue hobby!». Questo il testo, breve me incisivo, del nuovo nastro AIR destinato alla diffusione presso le stazioni radio che volessoro collaborare alla mi- gliore conoscenza de! nostro hobby. I nastro AIR, preparato a Firenze e richiedibile alla segreteria, & gid sta to eiffuso con successo da Radio One (Firenze), Antenneerre (Livorno), ed enche in TV (Telestudio Lucca) come colonna sonore al manifesto AIR, di- spontbile anch’esso (ma in un nume- 83 a SST OLA OU ro limitato di copie) per la diffusione televisiva. CON... GRINTA ALL'AIR B toceato a Francesco Clemente esporre obiettivi e vita associativa dell’AIR sul mensile sportivo vercel ese «La Grinta» nel numero del maagio scorso, Grazie di cuore a questi nuovi e vec. chi amici certi che avete afferrate che «ll radioascoltatore & una perso: na qualunque» che vive e lavora in mezzo a noi, C'l ANCHE IL CONTO CORRENTE ‘Un numero da non dimenticare in vi- sia del rinnovo della quota e per i servizi AIR: il conto corrente postale AIR di Firenze il cui numero & 1909 25 01 AIR ~ 50100 FIRENZE, IN PRIMAVERA ALLA RADIOVA. TICANA, Accolta in pieno la nostra richiesta alla RV ci aspettano per primavera! Per la visita scrivete entro il 31.12 al la segreteria segnalando la vostra di- sponbilité per un gicrno di marzo ie dicando solo se feriale 0 festivo o di sabato. Sarete poi raggiunti telefoni- camente per conierma. Il. gruppo dovra risultare di circa 10. 15 persone. GRUPPO DI LAVORO DX EDITOR Alcuni dx-editer della Toscana si so- no incontrati presso la nostra Asso: clazione per la presentazione della cassetta AIR. Si sono quindi dati una struttura, il gruppo di lavoro, rag. giungibile presio la Segreteria, aperto alla collaborazione con dx 84 editor italiani ed esteri per Ja reda- zione comune di programmi nello spirito di amicizia dell’ AIR. Obiettivo del gruppo una grande riunione sul tema «STAMPA RADIO ‘TV E DXING IN ITALIA da organiz- zarsi nel 1985, Per preparare questo convegno & necessario cominciare fin da ora allestendo il tema... con PAiuto di tut LINGLESE SI IMPARA ANCHE CON LAIR «Mici cari amici dxisti - scrive Rod- ney G. Golden dagli USA -» io cerco scambi di cassette con italian in in- alese o francese, Vorrei infatti apprendere la lingua italiana per mezzo di tali scambi e magari ricevere un po’ di musica po- polare @ folcloristica. Se volete po: trei allo stesso modo contraccambia- Allora é fatta, preparate le cassette © attendete un nastro. dall’America {poste e tult'il resto permettendo) da: Rodney G. Golden 1428 Draper Valley Rd Selma, Oregon 97538, USA. UNO SGUARDO DIETRO LE QUIN- TE DELLA RADIO Il citco hertziano delle onde corte & 2 tema scelto da aicuni dxers ameri- cant nel redigere «Tune In The World. A Listener's Guide to Inter~ national Shortwave Radio», che con- tiene i profill di stazioni e personalita tadiofoniche di 60 paesi. Costa US$ 7.95 + USS 1.50 di spese postali_presso la Global Village Press, POB 1345, Jeffersonville, In- diana 47131-1345, USA. Anche in ltalia & possibile avere in- formazioni sulla storie delle princi- pali stazioni internazionalt in una se- rie di dispense preparate da un nolo dxer e di cui pud essere richiesto un catalogo completo dietro {rancori- sposta, a: Fabio Marranci, Via Citta- della 35, 50144 Firenze. IM CEREDX La terza Conferenza Spagnola di Ra- dioascolio e DXismo si ® tenuta a Burgos dal 23 al 25 Luglio 1983 contemporaneamente a Las Palmas WICEREDX conFERENGA ESPanOLA f, ODE RAOCESOUCH YOEKgO igi Bry. 23.2825 plo 1983 Ty Rennes ed GFrarco isco Rubio Cubo, Presidente della ADXB, Andres Galaron Cal- ¥o, Presidente della Commissione Organlzzatrce in Burgos, Francisco Martinez y Martine?, ‘Sogretarlo Generale del GECE e Ambrosio Wang An Po, della Redazion Espatia. i Radio Exterior de Elettronica Viva-Novembre 1983-N. 38 EET TROWICA VI) a 101 CONFERENCIA ESPAROLA DE RADIOESCUCHA ¥ DIEXISMO Burgos, 23,28 25 de julio de 289 APARTADO DE CORREDS—834— di Gran Canaria 1 temi proposti alla discussione dal GECE (Grupo de Escucha del Cen- tro de spat), a cul toccava per tur no il campito della organizzazione della Conferenza di quest’anno, sono stati in breve | sequenti: dare una de- finizione concreta e precisa della CEREDX; le relazioni con le Emitten- ti; un modello uniformato di rapporto dlascolto; come organizzare i vari ti- pi di ascolto; OL-OM, OC, UTE, HAM, FM-TV. In attesa di ricevere un rapport completo circa l'andamento ed i ri- sultati della Conferenza, possiamo anticipare che per loccasione é stala allestita anche una mostra di reperti {ilatelicie numismatici riferti alla ra- diodilfusione e che & stato apposita mente stampato e distribuito uno speciale fascicolo intitolato ll Dx smo, dualeosa di pid di una passio: nes. Questo opuscolo, indirizzato ad tun pubblico eterogeneo, tratta bre- vemente della natura del DXismo in generele, della CEREDX e della or- ganizzazione DXista in Spagna Da questa terza parte si pud rilevare che in Spagna esisiono aitualmente Elettronica Viva-Novembre 1963-N. 39 tre raggruppamenti che «aglutinans Ta maggioranza dei dxers spagnoli- 11 pit vecchio 6 il «Grupo de Escucha del Centro de Espanay (GECE) con sede a Madrid (AP 4031), con pitt di 250 soci e che pubblica il mensile MADRIDX. IL GECE ha anche una sua delegazione molto attiva alle Iso: le Canarie. Un secondo ragaruppamento, di piit recente creazione, é la «Asociacion DX Barcelona» (ADKB) con sede a Borcellona (Calle Niea, 17-19, Atico 2°, Barcelona 24), con circa 200 membri e che publica il mensile MUNDO DX, Infine, Yultimo note: VAtalaya DX Club (ADC) con sede in Gran Cana- ria, provincia di Las Palmas, (AP 68, Santa Maria de Guia), con circa 30 soci e che publica i bollettina MO- NITOR. A lato una immagine dei la- vori della Ill CEREDX. Piero Costasnone 1CP38 La Comiriin Org 8. |onferencia Phalescuche y Diexista. qprovucke guiote ald eeanin Bago, 7 de Apartado 434 BURGOS Saluda @ Piere Castagnone de Italia, y se cosplace cer 1a colaboracién prestada con sotivo de la celetraciéa de 1a IIT CBREDX, aportando material ala exposicién Filatelico ANDRES GALARIW CALWO-pte~/Copiasén Organizadora wu canndascion is didlnguida BURGOS, 23. 24 y 25 Jullo, 1983 anisadora de la Eopatiola de Tieaisme fen agrade~ dalemonce “poe fice Agosto & 95s 85 di CB parliamo acura di Paolo Badii CB ITALIANI ~ L¢ Salvatore Di Stetano «Basco Nero». Lance CB Rosollt (Siracusa). Vincenzo Ranier! Alfa Bravor Master Lence Adriano Andreini «Hiram Lance CB Paler- Calabria Nord Ovest. mo Concesstonario n. 264 Sicilia. - a 284 - Sic = fe K Salvatore Di Dio wPantera ts. Lance C8 Rosolin (Strauss) Dario Baracco «Raso Noror Lance CB Tor: Emanuele Midolo «Siellia 1» Master Lanco SI Coneessionatto n. 6062 -Plamonte. ince OB Aretusee. 86 Elettronica Viva -Novembre 1963-N. 39 GLI APPARATI OMOLOGATI Continuano a giungere in Redazione -ed al mio domicilio - telefonate di per- sone che vogliono conoscere quali so: ‘no gli apparati «CB» omologati Sulle pagine di questa rivista ho pid volte Indicato come ticonoscere un apparato omologato, Era ed 6 un infor- ‘mazione pili durstura sel tempo di una lista di marche e modelli da consulta: re o da tenere a memoria, La lista si modifica nel tempo, ora pid che mai considerando i! divieto di immettere Sul mercato apparati non omologati ¢ le sanzioni (c'é anche la confisca) pre- viste da una Legge firmata dal Presi dente della Repubblica. Troverete, in calce 2 questi righi, elenco degli apparati omologati for niitomi In data 6 giugno 1983 dall’Am. ministrazione PT. Prima perd voglio ricordare, ancora una volta, come ricenoscere un appa- rato omologato da uno che non Jo &, Per appatato omologato intendo un modalio che da diritto ad un rinnovo Quinquennale de! riconoscimento di utilizz0 da parte del Ministero PT. COME RICONOSCERL! Il decroto ministeriale PT del 15 luglio. 4977 specifica che la ricetrasmittente «CB» omologata dabba avere una tar ghetta nella quale sono indicati gli estremi di omologazione. Che cosa si gnifica? In qualche punto visibile dell'apparato deve esserci una scritta nella quale oltre ad indicare ta marca ed il modello dell'apparato, si pud leg: gere: romoiogazione prot... del Scopl..... dell'art. 334 del Codice Po: stale». Un apparato privo della targhetta & quasi sicuramente non omologato. LELENCO Alla data del 6 giugno 1988 gil appara. ti omologati, indicati come tali dali’Amministrazione PT a cul mi sono rivolto, sono i seguentl: (sono 26 mo- elit) 1) Alan K 350 BC CTE 2) CTE: SSB 350 + filtro @ C8 747 + filtro 4) ELBEX MASTER 34 '5) HANDIC: Madello 112 € 412 7) INTEK: Modell M340 6 FM 689 9) IRRADIO MC 700 Elettronica Viva -Novembro 1983-N. 39 10) MIDLAND: Modelli - CTE ALAN 34 CTE ALAN 34/8 - CTE ALAN 67 CTE ALAN 68 - CTE ALAN 69 CTE ALAN 68/6 - OTE ALAN 685 - ALAN61 11) PACE 123 EURO 12) POMAR: Modello CB 309 ¢ CB 823 FM 14) ZODIAC: Modelli - M 2708 - DIG TAL 23. P 3006/8 -M 2202.-P 2202