Sei sulla pagina 1di 100
Perec te | spe. Fv -G8O ANP 34°34 CANAL GMOLOGAZIONE DCSR-2-4-144-06-79537 MINTER 5.p.. - Via Tresimeno, 8 - 20126 MILANO - Tel. 2593714-16 - Tix. 335432 INTEK | bs MEUEFANIIE TXT AI 000 DRAKE - TRIO KENWOOD - SOMMERKAMP - ALPHA AMPLIFIERS - TELEREADER - ICOM - AOR - J.W. MILLER - HAL COMMUNICATIONS isegno:17-VAK GIANNI MANGANO PUNT! DI ASSISTENZA BARI Lucca 17 -VRK 15 - TEO Ditta M.A.0.E. Via Degli Asili, 53 Via Dalmazia, 86 Tel. 0583 - 41 168 Tel. 080 - 482945 AVELLINO MONTECASSIANO (MC) 18 - MEJ FOSSANO (CN) I6 - DX! MEDUGNO ANTONIO I1-ZsY ing. FABIO DE LUCA Via 2 Principati, 132 Via Risaglia, 16 Via Scaramuccia, 2A Tel. 0825 - 72 168 Tel, 0172 - 63 45 29 Tel, 0733 - 59 81 26 © Hi elettronica Zot oar) escoes 1868 mano Ds feos ot red Nuovo ricevitore radio IC R 70 - ICOM Around the world II nuovissimo ricevitore ICOM é un concentrato di tecnologie per farvi ascoltare il “respiro del mondo” ¢ in particolare i radioamatori con suo! trenta segmenti dat Mz in ricezione. CARATTERISTICHE TECNICHE Copertura di frequenzs 1.8 MHz- 20MHz 35 MHz- 4.1 MHz 69MHz- 75 MHz 9.9 MHz - 105 MHz 139 MHz - 14.5 MHz 17.9 MHz - 185 MHz 20.9 MHz - 21.5 MHz 24.5 MHz - 25.1 MHz 280 MHz - 30.0 MHz Copertura continua: da 0.1 MHz 2.30 MHz Controllo della frequenza: CPU a passi di 10 Hz doppio VFO e sintetizzazione. digitale della frequenza Display: dj 6 digit. con lettura dei 100 Hz ‘Stabilitd di frequenza: - di 250 Hz da 1 minuto a 60 minuti di riscaldamento = 0150 Hz dopo 1 ora ‘Alimentazione: 220 V Impedenza d’antenna: 59 ohms Peso: 7,4 kg MARCUCCI... ‘Muano - Via Fl Bronzett, 37 (ang. C.s0 XXII Marzo) Tel, 738.60.51 Servizio assistenza tecnica: SAT. -v. Washington, 1 Milano te. 432708 Contr autorizzat: ARTE. -v. Mazin, 63 Firenze - te. 249251, TX Radio Service -v, Concordia, 15 Saronno = tel, 9624548 0 presso full ivanditor' Marcucci SpA. Dimensioni: 111 mm (altezza) x 286 mm (larghezza) x 276 mm! (profondita) Ricevitore: circuito a quadrupia conversion Supereterodina con controlio delle bende continue Ricezione: At A3 J (USB, LSB), FI, FSK, A3, FS ‘Sensibilita: (con preampificatore acceso) ‘$88 OW RTTY meno di 0.15 microvolt (0.1~1,6 MHz" (GSES) ner 1 a0 s+ wm (O.1~1.6 M2 'S microvolt FM meno di 0.3 microvolt per 12.48 SINAD (1.8 - 30 MHz) Selettivita: SSB CW ATTY 23 KHz a- 648 4.2 KHz a- 60 dB OW-N, TTY -N 500 Hz a6 dB 1.5 KHz a 60 dB AM meno di 05 microvolt AM 6KHza- 6dB 18 KHz a- 60 8. FM 1SKHza- 60B 25 KHz a-60 dB Reiezione spurie: pit, di 60 dB Uscita audio: pid di 2 watt Impedenza audio: 8 ohms elenco inserzionisti arte 45 ‘MAS-CAR. {ia Tembetia35/8-97195 VERONA AW egg Emilia 30 -00198 ROMA 14 APRILE-COAXIAL. 58 MAZZONICIRO - Gia. Tajan9-20133 MILANO Via Bonincont 18-37139 VERONA 89 APSA 4¢cop. MELCHIONIELETTRONICA ~ Piza Addis Abeba 1 -00199 ROMA Vico 37 20135 MILANO 22 APTSANTIN' 2 MERLI ANGELO $5047 BATTAGLIA TERME (PO) Via Washington | -20°45 MILANO 10 GENTRO RADIO 2c MRE Via dol Gobbr 15850047 PRATO (FI) Via Verd!2- 22046 MERONE (CO) 3 Daicom 2 MicnoseT ~ Vintpat 5-98700 VICENZA UNA Peruch 64 -99077 SACILE 10 EDITRICE ANTONEL LANA 9 NOVAElettranica Wiategnano 210128 TOFINO ‘abril #82071 CASALPUSTERLENGO (Mt) 4 ELcom ateop, NOVEL V.Anglolina 23 34170 GORIZIA Via Cuneo $-20149 MILANO 8 ELECTRONIC SYSTEMS: 8 ATX Vie Marconi "3. 58100LUCCA Va Concordia 15-2047 SARONNO (VA) 8 ELLE ERRE Elettronica " SANDIT ‘Vi Galtone 6 12050 PORTULA (VO) Via's Fc Assisi5-24100 BERGAMO 51 FAGGIOL 24 “SAVING ELETTRONICA, ~ VES Pelizo ot 50121 FIRENZE WAGramoe! 4030005 MIRANC (VE) a FIERADIBARI ~ 2 SCHWARZ ~ —__ _ Vis oma | - 25080 SOIANO DEL LAGO ( 6 FIERA DI GASTELLANA GROTTE -— — %0 FIERA EHS-Uaine ~ jo 96 -93100 UDINE 10 FIRENZE? SIGMA ANTENNE ~ VIP. Lotto 2- 00040 POMEZIA Fora) Leopardi 43 46047 S, ANTONIO (MN) 8 GIGLLVENANZO. at Ste AIS spaventa 42 -65100 PESCARA ViNianiago 15~ 20134 MILANO copering INTEK o TeLav Via Trasimeno 8 -20128 MILANO Viet Da Vin! 43-2000 TREZZANO SIN (MI) 2a Lemme 7 TELPRO VE Nogrol 24~- 20133 MILANO ViarGororbera 143- 33080 PORGIA (PN) 13 vIMER ~ 1 MARcucG! Via Fl Bonzet 37 -20129 MILANO Via Brembate Loc, Fornascto 24020 PONTIROLO NUOVO (26) RTTY - VIDEO CONVERTER VASTO ASSORTIMENTO DI TELESCRIVENTI!!! » OLIVET! ‘« MOBILISILENZIATI «SIEMENS ‘© "DEMODULATORI, ‘» KLEINSCHMIDT ORIGINAL *MULTISHIFT, ‘+ LETTOR!-PERFORATOR] « VIDEOCONVERTER =CARTA CON VELOCITA’FISSA AUIMENTATORI PEZZIDiRICAMBI EREGOLABILE TASTIERE ELETTR, TUTTE LE MACCHINE SONO GARANTITE DI PERFETTO FUNZIONAMENTO SCHWARZ 25080 Sano oe Lago (Ersci) -V, Roma 1 ~ Tel 6265-67009 ene eto ABBONARSI e il sistema piu semplice per avere la certezza di entrare in possesso di tutti i fascicoli di ELETTROMCA VIMA ELETTRONICN | TELECOMUNICAZIONI di DAI ZOVI LINO & C. I3ZFC Ts 430 § Via Napoli 5 - VICENZA - Tel. (0444) 39548, - si (TRC| Goyacin Radio Co, Ltd. 3iAS Hoscha(Commut.coas.) —_ Hustler - Daiwa Jaybeam Antenne Amphenol - Cavi Marlow Cushcraft Hmp Antenne - Telereader Bias - PKW- Yaesu Sigma Antenne - Icom - FDK Kenwood - Drake ~Sommerkamp - Hy-Gain Tecnothen- THB Antenne - Cavi - Rotori Impionti completi per la ricezione dei sotelliti meteorologici, in versione civile e professionole + ow. od altissimo definizione WINES FT 102 Cavo Cellflex 1/2” inflex RG 17. Valvole: 4CX 250 - 4CX 350 - 4CX 1000 - 4CX 1500 4CX 10000 - 3-500 Z - 572 B. ANTENNA IN GOMMA PER FT290 NOSTRA PRODUZIONE OSCILLOSCOPIO - MONITOR PER ATTY 2” 3 MHz (|ICcoM) —ic720 Sensibilita vert. 1/5/20 V/unita. Scansione orizzontale 0.1/1/10 msec./unita. Sincronismo automatico. Sensibilité sincron. 0.2 V. P.P. Impedenza ingres. vert. 2 Mohm. Sensibilita oriz. da 0.2 V/unita L. 220.000 Amplificatori tineari tutti i modell Nuova produzione monitor-scope per qualsiasi apparato RTTY - L. 180.000 TRADUZIONI IN ITALIANO DI NOSTRA ESECUZIONE KENWOOD © TS-770-E - TR-7800 - TR-2400 - TR-9000 ‘TS-130-V/S - TR-2500 - TS-830 - TS-780 - TS-770 - TS-930-S ACC. AUT. MILLER AT-2500 COMAX TELEREADER $ ¢ Monitor 12” a fosfori verdi antirilesso. i : + Siampante 80 colanne (Mi 80 mero CWR = GB5A 1 670K ne) con carta normale (ATTY) o carta eee perforata (computer ‘* Cavo di collegamento per stampante CWR - 685A L. 1.500.000 * CWR 670A (solo ricezione) L. 600.000 Chiedete le nostre quotazioni, saranno sempre le pitt convenienti DISTRIBUTORI KIT Tk E MK L_ASSISTENZA - PERMUTE - ANTENNE - CAVI - ROTOR! - CONNETTORI E STRUMENTAZIONI VARIE — sabtronics 4 8000 B — Frequenzimetro a 9 cifre da 1 GHz (45 mv) L. 468,000" 8610 A Freauenzimetro a8 cifre 8110A —dai00MHzL. 198.000 da 600 MHz L. 255.000 2010A = Multimetro a3 cifre '/e 0,1% LED L. 235.000 2015A = Multimetro a3 cifre “/o 0,1% LCD L. 275.000 disponibili: generatori di funzioni, multimetri portatili LCD, sonde logiche, piastre per espe- rimenti e accessori vari Chiedeteli al Vostro rivenditore o direttamente a: elcom Via Angiolina, 23 - Gorizia Tel, (0481) 30.909 * prezzi IVA esclusa sod. 579 Nera en ba” id onda Guacagno 38 0 Sereneneits Siawre: inghesee tm. Casireta ins seyeolace GUTTER MOUNT 1408 lalla grondahy.gain-Utle por qualsias antenna FOLO-DOWN GUTTER MOUNT 1405 TRUNK LIP MOUNT 1401 Safa 0G, on mod, ivan 1008 W Poe Resistotea adanm. ca1200N Sara diol ampiesiocen vou Keita apicg ab ondepec'2m- Guadagnoa Hag wert sm Caco as 309 sod. 258 Brtnna 2585 coe onkagy mod 2988 H (Maa ane Gusdsano 14884. Go0m — (GAS.CAR.) ICMEDERE CATALOGO INVANOOL 8.200 ») z — 3) NK Ce mod. 821 PROCOM300 Y GUTTER MOUNT 1404 % FOLD-DOWN GUTTER MOUNT 1405, el vee I mod. 822 TRUNK LIP MOUNT 1401 . A mod. 28BS BN.86 242 Sere MAS. CAR. di A. MASTRORILL! Via Reggio Emi, 20. D019 ROMA “Te, (0) 8465641000908 - Telex 721440 RTX Radio Service, La grande mano c A volte capita di ritrovarsi con un apparato che non dda segni di vita 0 che non piu come il primo giorno. Ecisidispera a cercare Un‘assistenza tecnica valida veloce, esperta, Da oggi ¢ ¢ ia mano amica dl ATX Racio Sevice Suto anpart Ficordati quind BX Radio Service wole dire assistenca tecnica. ( gzantta YAESU. “een FONe. Batu MARGUCC, marcucci Assistenza tecnica e componenti original. : DE Via Concordia, 15 - 20147 Saronno - Tel. 9624543 ©3 Dawa AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI BARI COMUNE DI CASTELLANA GROTTE ASSOCIAZIONE TURISTICA PRO LOCO CENTRO DI AZIONE FRANCESCANA 9* mostra mercato del radioamatore 4-5 giugno 1983 Castellana Grotte (Ba) Tne rd) Mou Ke) ium klar iene ao sullo schermo televisivo, ed a colori, Seeker ec meteorologico geostazionario METEOSAT 2. Terentia F =unvantenna parabolica del diametro di mt. 1,2: Mee ucts neue Tar =z Cees MelRIlM eu mcon Nanton Kee ea Pieces nes raglan once ekes eo cH Bee tet Menl Meoa oes) aggancio automatico e sistema di elaborazione e Geert Nesenr eerie Kir testbs Patol cor Meu) =| Woe kee Il sistema presenta una Uscita in canale televisivo, una in « eee Neen Memento aa Weel K ISLE composito per stampante ed inoltre permette di registrare Re sepe tres oestrone eerste ok Nea un apposite ingresso di rivedere a piacere le immagini registrate. Presenta inoltre la possibilita di espandere limmagine UceMmie Miler gett nin Xe eu ee Me oe Per maggiori informazioni, sii richiesta, vi sara inviata Cleemetiureierogcy Telpro, Via Colombsra 14/3 = 33080 PORCIA (PN) Telefono 0434/921 460 pre eae en Ca Ln UNOr seme ctinentaz one 120180 = DtmeN font 130570425 an? aE a Fresuen2e o1spouisiut HEY Me 33-1 ae ad > elettronica i LORAR, ROBERTO 13055 OCCHIEPPO INFERIORE (VC) _ Via del Marigone 1/C - Tel. 015-592084 A- COMPONENTI ELETTRONICI Gigli Venanzo PESCARA Via Silvio Spaventa 45 - Tel. 60395-691544 ransvenrer monosanna LBT Alimentazione Botensa uscla Ai Potenza useite S88 Botenza Input AM Potenza Input S38 1-5 vote 2 2anatis POP ‘Assorormente 45 Amp. man Senaioiita ota Gamma ct aguerié\° 14-40-45 me Fiterda $88 automatics SUPER: HURRICANE moo. 12600 mov. 24800 CCaratterstiche teeniche mod. 12600 Ampliicatoe Lineare Larga Banda 230 Me, Ingresso 125 watts AM! (ell) 250 watts (PeP) seta 25.-400 wats AM (ef 20-800 watts SSB (Pe) Sistem oi emscione AM. FM, SSE, CW da 200 MIME Rlmentazione Tie 16 Vee 38/Amp. max Protezion’ aufomalicne contro ROS Comedato dl comarca ger useite 8 meta potenza Chasse 6 lavoro AB in PUSHLPULL Gorredate ol Fitvo. PASSA BASSO Commute 18-5 Mina 5-10 MH: 10-22 Ma Bao Me Roierione spure > 50.48 Atenuasione armenicne > Bimensiont 20,5027 54h Peso 3.2K waa Ccaratterstiche tecniche mod. 24800 Amollicatore Lineare Larga Bands 2—00 Mis ingress 125 watts AM! (ett) 260 watts (PP) ata 2e-se0 wots At) 20-300 are SS (PoP) ‘Ssiem oi emiszione AM. FM. SoB, GW da 2~00 Me tazione 24-30 Veo 35 Amp. max Protedon automaiene conte ROS Cortecate oi comance ger useita a meta potenca Giasse 6 lavoro Adin PUSHEPULL Goreasio di Five PaSgA BASSO Sommutabile da 18-5 MN; 5-10 Mie: 10-20 Me S205 hie Rewzione sourie > 50 68 Atenuazione armoniche > 25 0 Birsensiont 20:5027 Sth ¥ em Peso 32 Kg =L=CTCONIC =L=CT: IVS. oe tg Alimentazione 11215 volts Sotonca useta Ai Bats at Potena usciia S88 2eiwalls PoP: Potenza input AM SB watts eft Potenza input S88 222 watts PeP Assoroimento 4.5 Amp. max Senet ot av Gamma ai fequénsa’:.. 5420-29 mete 140-4 met Caratteristiche teeniche mod. 12100 Ampilicatore Lineare Banga 25--0 Miz Ingresag "8 watls AM, 245 watts SSB, Useita 2090 watts AM, 20.-760 waite SSB Sistemi oi emissione: AM, Fit, SSB, CW ‘lmentazione V1or15 Vet 1 Amp. max. Classe a avoro AS Felezione armoniche: 30 48 su $0 Ohm resistiv’ ‘Bimensront 9.9 1exn 7c Carattraticheteeniche mod, 12500 Ampilficatore Lineare Larga gna 2-20 MHz Ingresso "-10 watte ANt 2-20 watts SSB. Useita 10200 watts AW, 20."400 watts SSB ‘Sigtem: ci emissione AM! FM, SSB, CW da 230 Me Alimentazione 12-15 Vee25 Amp” max Gorredate ot comanco per uscita’a mela potenza asee 6 avdro A in PUSHEPULL Retenione armoniche 9 JB cu 80 Ohm res Bimonsiont: 1 5x20xh8 6m. Caratteritiche teeniche moa, 24100 Ampliicatore Lineare Banda 25-00 mi Ingresso 8 watis AM 2-15 watts SB Useita 20-100 watte AM, 20-200 watts SSB. Stem oi emissione: AM, Pe, $6, CW Alimantanione 20-28 Ver 12 Amp. max Clasce lavoro AB Reiesione aronicte: 30 68 su 0 Ohm resstivi Bimensiont"® Setesh.7.em “carattetiche tecniche mod. 28600 Ampiificatore Lineare Larga Ganda 2-20 Me Ingressa 1-10 watts Att 2-20 watts SSB. Uselta T0"-280 wats AY, 20--500 watts SSB Sletem' gi emigeione: AM FM, S83, CW da? 20 MHz Alimontazione 20-30 Vee 20 Amp. ms Goredato ct comando per uscita'8 mel rotenza iasce a lavoro Ag in PUSH-PULL zione armaniche 40 dB su 50 Ohm resistivi Dimenstont: 11,5e20xh.9 em ‘Abbiamo a disposizione apparecchi CB con 80 canal AM-FM-SSB modello STALKER IX operante sulle gam- ‘me 11-+ 40-45 mein Inoitre dispontamo di una vasta ‘gamma di apparecchiature CB-OM e antenne di varie marche. Per Informazioni telefonare presso a nostra sede tel. 0583/955217 Vie. wi ‘55100 - LUCCA - Tel. 0589/955217 7 PRESENTAN A TUT 1 RRDIOANATOR NOWITA’ (i'Stconoo vowme ye a C7 en SG em Formato 27x35 - Pagine 250 circa. Nei due volumi sona pubblicoti gli schemi oi circo 500 oppereccni di 70 marche diverse. Agli interessati che ci scriveranno per infor ‘mazioni, citando ia rivista, invieremo iI catalogo generale illustrat con pia ampie descrizion EDITRICE ANTONELLIANA Via Legnano 27 - Tel, 541304 10128 TORINO aterlone at marcia ALT ... SEL ARRIVATO oe FEAT vase cn sean aro Tel. (0574) 39375, PERSONAL COMPUTER:A TE LA SCELTA..- i 8 I Borsa gia! « +E ACCESS. - VIC 28 + ACCESSORI & 2k BL + ALIMSE “COMMODORE 64 - MAKUALE in ITALIANO I OO O99 0 0 SSG «= eS CaO0O0C00 0 per le necessita del tuo computer Nella nostra sala mostra potrai ammirare e provare prodotti come: OQ stampanti 0 floppy disk QO programmi ( biblioteca specializzata Le migliori marche di Personal Computer Disponiamo infatti pronta consegna di APPLE II, APPLE II E, SIRIUS, dere eli SORD M 23, AVT COMP 2, VIC 20, os Person " VIC 64, ZX81, SPECTRUM, MPF II pes DISTRIBUTORI ESCLUSIVI DEL FAVOLOSO “THE LAST ONE” PER IL VENETO iti di accontentart Vendita anche per telefona per ie quot ELETTRONICA VIA GRAMSCI 40 - MIRANO (VE) - TEL. (041) 432876 (age Se I Via Firenze 236 448018 Faenza (RA) Tel. 0546743120 Cas. Post, 68 Direttore responsabile: Amedeo Piperno Condirettore: Marino Micel Hanno collaborato @ questo numero: IOFHZ, HZCT, ISSZB, 2COR, C. Amorati, P. Bad, T. Corsini, G. Melli, P. Montanasi Direrione - Redazione - Uff, Vendite: Faenza Editrice Sp... via Firenze 276 Tel, 0386/43120 48010 E:rano, Faenza, Pubblicta - Direrione: Faenza Editrice S.p.Ax, via Fl renze 276 - 48010 Errano, Facnza, Tel. 0$46/43120 ‘Agenzia di Milano: via della Liberta 48 - 200917 S. Dona- to Milanese (MI) - Tel. 5278026 ‘Agenzia di Sassuoto: V.le Peschiera, 79/81 - 41049 Sas suolo (MO) » Tel, 05367885176 «Elettronica Viva» & diffusa in edicola e per abbona- mento. E una rivista destinata ai radioamateri, agli hobbisti-CB, SWLe BCL, nonché a tecnici delleletiro- nica industriale, degli emettitori privatt radio e TV, Contiene MOrgano Ufficiale A.LR. MESSAGGERIE PERIODICI Pubblicazione regi n. 64 a presso il Tribunale di Ravenna, cl 10/10/1977. Pubblcita inferiore al 70% Un fascicolo L. 2.000 (arretrati $09 in pit) Abbonamento annuo (11 numeri) E- 20.000 Pubblicazione assoctata all" USPI (Unione Stampa Periodica \aliana) Stampa: Grafiche Convelini Villanova di Castenaso (BO) onica Viva Maggio 1983. 94 AETTROMEA VINA SOMMARIO Editorial 1 nostro parere Lettere in redazione . Alla ricerca di un metodo per far da sé (8° puntata) Corso di autoapprendimento della tecnica digitale ........ Glossario di Elettronica Attivita spaziali. Una visita alla stazione e.m.e. I2COR . Inserto CB: quello che il CB deve sapere Sempre pili interessanti le applicazioni dello arseniuro di gallio . Le nuove gamme WARC sul ricetrasmettitore FT 101/227 E Notiziario A.LR. Pellegrinaggio londinese alla ricerca dei luoghi Marconiani La propagazione Notiziario OM. Due nuosi oscilloscopi della Trio-Kenwood . Import-export, Colloqui con le radio TV Libere Amiche . . Censimento delle Radio TV Amiche di «Elettronica Viva» 26 28 29 . 33 37 39 45 55 59 61 77 80 . 84 . 88 89 90 91 25, 28 Il nostro parere Da qualche tempo gli organi di informazione ed in particolare la televisione di stato dimostrano un certo interesse per 10 sviluppo dell’elettronica e per le sue implicazioni sullo sviluppo tecnologico delle strutture produttive, commerciali e «terziarie» del nostro paese. Bonta loro! Quale misera soddisfa- Zione per chi da ben piii di dieci anni ha cercato e cerca ogni possibile strada per sensibilizzare sm’op' nione publica del tutto apatica e disinformata sull’enorme importanza dell’elettronica per lo sviluppo economico e sociale della societé moderna! E cosi anche nel nostro paese nonostante tutti gli ostacoli frapposti c la generale indifferenza, Velet~ tronica sta lentamente penetrando sia pure a rimorchio di interessi stranieri. Tuttavia sono perfetta- mente sicuro che anche oggi che il fenomeno evolutivo, chiamato terza rivoluzione industriale ha inv stito il mondo intero € sopractutto nel modo pili pesante il nostro paese che da questo fenomeno si & lasciato passivamente sorprendere, sono sicuro, dico, che Ja maggior patte di chi mi legge in questo momento non riesce ad individuare il nesso che lega tale fenomeno all’elettronica. Eppure non dovrebbe essere difficile cogliere le caratteristiche peculiari pi evidenti che fanno dell’elettronica un elemento «rivoluzionario» sotto tutti gli aspetti da quello economico a quello politi- co, a quello sociale: I - la sua produzione non é fine a se stessa come fornitrice di beni di consumo ma entra come parte integrante ormai indispensabile in tutti i processi produttivi ed influenza in modo determinante con le sue molteplici sbalorditive applicazioni ogni attivita di lavoro 0 di svago; 2 - non trae la sua forza ¢ le sue radici da risorse naturali, ma dalle caratteristiche peculiari dell’ele- mento umano (logica, fantasia, capacita creativa ecc.) € questo fatto la affranca dalla suddittanza alle materie prime tradizionali; 3 - nella sua forma pid recente, la telematica, rivela la capacita di intervenire sia sulla qualita che sul rendimento dell’elemento umano inteso come forza lavoro tanto da modificare cadicalmente i rapporti uomo-macchina, uomo-ambiente, uomo-uomo € la distribuzione della forza lavoro tra le varie attivita (primaria, secondaria e terziaria); é particolarmente adatta a decentrare, frazionare i posti di produzione fino al livello di «persona- lizzazione». Ebbene sono proprio queste caratteristiche fondamentali che fanno dell’elettronica a pitt importante, in una parola, Ja regina delle materie prime perche pit di ogni altra trova applicazione in tutti i campi di attivita e soprattutto perché ngn si cela nel sottosuolo di qualche zona privilegiata della terra ma seaturisce dall’elemento umano. E un po’ come se ognuno di noi si trovasse inconsapevoimente a po- sare i piedi su di un terreno che copre un’immensa ricchezza potenziale! Ebene, perché questa nuova straordinaria «materia prima» possa trasformarsi in risorsa economica, in ricchezza a beneficio dei singolie di tutta la comunita é assolutamente necessario prima di tutto «estrarla» come una delle tante materie prime tradizionali. In questo caso estrarla ha il significato di diffonderne la conoscenza a tutti ilivelli, persuadere una buona volta tutta la gente che la considera con timore o diffidenza una materia astrusa per pochi addetti, che lelettronica applicata, quella in sostanza che serve allo scopo, non scienza ma tecnica quindi alla portata di tutti senza distinzione di sesso di eta e dilivello culturale di base. Che produrla ¢ facile e costa praticamente... «niente; che con le sue applicazioni si possono risolvere tutti, dico tutti i problemi che la vita quotidiana ci propone; infine che produrla significa procurarsi un lavoro redditizio, praticamente indipendente ed autonomo. Diffonderne la conoscenza é assoluta- mente necessario anche per strapparla dalle mani degli speculatori e dei «faccendieri» ed evitare tra altro ché si possano determinare le condizioni favorevoli all’instaurarsi di una «tecnocrazian. Data la rapidita sconvolgente con la quale oggi si evolvono l’elettronica ed il conseguente sviluppo tecnologi- 0, non avremo molto tempo da attendere per vedere verificarsi tale deprecabile ipotesi Acoloro che a queste argomentazioni volessero opporre il fatto che ultimamente si sono notati cenni di interesse ¢ di risveglio da parte degli organi competenti relativamente all’elettronica vorrei racco- Elettronica Viva Maggie 1989-1. 3 mandare di.non lasciarsi fuorviare dalla «disinformazione» operata dagli organi di «informazionen ufficiali. Per quanto riguarda l’elettrenica il nostro paese é oggi al livello di un qualsiasi paese del ter- 20 mondo e del pari sottoposto ad una massicia e progressiva azione di colonizzazione!! La quasi tota- lita delle aziende grandi o piccole che operano attualmente nel settore elettronico sono il braccio esecu tivo pid o meno consapevole di questa azione portata avanti dalle imprese multinazionali che gestisco- no la produzione e I’espansione sul mercato intemazionale dell’elettronica. Vorrei farvi osservare che mentre gli organi ufficiali si stanno impegnando a propagandare la imminente introduzione di un ser- vizio (il «videotel») gia adottato da altri paesi ben piti avanzati nel campo elettronico, come una mira- bolante innovazione tecnologica, una «prova concreta» della sensibilita della «stanza dei bottoni» per lo sviluppo tecnologico del nostro paese, si guardano bene dailo spiegare al «volgo» perché da parte dey organi responsabili non si sia ancora prowveduto alla scelta definitiva del sistema da adottare per il servizio ni responsabili non si sia ancora prowveduto alla scelta definitiva del sistema da adottare per it servizio via etere «teletext» altrettanto se non pid importante o di quello di adottare per la diffusione «stereo- fonica» dell’audio televisivo: blocco che penalizza la produzione nazionale dei televisori rispetto a quetla estera gid da tempo «aggiornata». Un tipo di blocco che presenta una chiara analogia con quel- Io tristemente famoso e operato al tempo dalla disputa «secam-pal». Un altro attegeiamento preoccupante ¢ contraddittorio dell’esecutivo & quello tenuto nei riguardi dell’emittenza radiotelevisiva privata. La totale mancanza di regolamentazione ha consentito nel vol- gere di pochi anni la creazione di «reti televisive nazionali private» gestite in assoluta liberta da gruppi economicamente importanti che con la loro progressiva espansione stanno soffocando Vemittenza pri- vata locale vanificando di fatto la liberta di trasmissione sancita dalla Corte Costituzionale. Ebbene questo regime di assoluta liberta é in netto contrasto con le norme restrittive stabilite dalla legge 103 varata nel 1975 a tamburo battente da una commissione interparlamentare che hanno praticamente «soffocator sul nascere liniziativa della ripetizione dei programmi esteri in lingua italiana. Intendo qui riferirmi in particolare ai programmi della T.S.I. e di Capodistria, Proprio quella iniziati- va che ha in sostanza accelerato la sentenza della Corte Costituzionale e di fatto liberalizzato l’emissio- ne radiotelevisiva privata. E pensare che una rete radio televisiva cosi sviluppata e capillarmente distri buita come quella che il nostro paese si ritrova potrebbe diventare il mezzo pit efficace di diffusione per sensibilizzare l’opinione publica sulla necessita di sviluppare l’elettronica nel modo giusto e nella misura atta a trasformarla da prodotto di consumo ad aitivita produttiva trainante per tutte le altre at- tivita. L’elettronica é un bene, una fonte di ricchezza che deve essere diffusa, distribuita a tutti! Invece nell’attuale situazione di fatto, stiamo correndo il rischio concreto ed imminente di vederla monopo- lizzata da alcuni «centri di potere» per il loro esclusivo tomaconto: é quanto avvenuto nel recente pas- sato per un'altra materia prima, il petrolio! Si stanno gia delineando alleanze ad «alto livello» che non mancheranno, a breve scadenza, di fare sentire il loro peso, il loro dispotico dominio. Nessuno degli organi di informazione che in occasione dei recenti scandali si sono distinti per «solerzia» nel rivelare vari retroscena, si preoccupa di scoprire che si muove dietro certe sigle che a quanto pare hanno rice- vuto l'appalto dell’elettronica ufficiale. L’unica medicina per questo male cronico del nostro paese é una vera e propria presa di coscienza da parte dell’opinione pubblica del fatto che si sta sciupando un’occasione pid unica che rara di recupera- re questa «fonte di ricchezzan. Basterebbe che un certo numero di lettori di questo periodico, rompen- do ogni indugio, superando comprensibili esitazioni, decidessero di costituire un primo nucleo, un gruppo, un «club» se preferite, per dare l’avvio ad un movimento di promozione dell’elettronica. Que- Sto gruppo aperto a tutti direttamente od indirettamente interessati al suo sviluppo, nel termine di un anno sarebbe in grado di innescare un fenomeno di crescita attualmente inimmaginabile. Mi piacereb- be fare una scommessa con i lettori: basta cominciare ed il resto verra da sé! Lo scopo cui si deve ten- dere in un primo momento é la creazione di un centro di produzione radiotelevisivo e l'accessibilita ai mezzi di comunicazione di massa. Perché non provate a scriverci? Amedeo Piperno Elettronica Viva- Maggio 1983-N.34 27 Lettere in redazione Lettere ir La gamma 1,8 MHz Fra le numerose lettere di OM che ci domandano precisazioni in proposi to, ed ai quali abbiamo risposto a suo tempo; ci pervengono due leitere ‘emblematiche: quella del Sig. Piero Colla di Bologna ¢ quella del Sia, Bruno Battistella di Treviso. 1 primo non ci dice se @ «OM con li cenzas il secondo afferina di essere sn possesso di econcessione CB». Pud darsi che il nostro breve annun: clo non fosse sufficientemente chia: Fo, ma un fatto & certo: La gamma in questione @ una gamma HF (Ja pi bassa) allocata al Servizio di Radioamatore. Per- tanto requisito essenziale alfin ché la richiesta di permesso tem: poraneo possa Venire accolta dal Ministero P.T- e L'ESSERE IN POSSESSO DI LICENZA DI RA- DIOAMATORE. Ci serive il dottor Primo Boselli di Fi- renze edecano degli SWL italianin Dal 1923 ascolto ogni genere di tra: smissione su «Onde Corte» dla qual- che tempo mi sono convertito ai #Sa- telliti», —Con il mio ricevitore Satellit—3000 della Grundig, ri- cove I'Oscar 8, modo A, sui 10m, con la propria antenna stile in- corporata (direzione sud-nord o viceversa) idem c.s. per i sateliti RSS =RSB; = con il Trio «TS 700/S», peri2m., hho olflenuto ottimt ascoltt dell’ex- Oscar 7, con antenna girevole sul fetfo a § elementi in verticale; con il mio ICOM 451-E per i 430- 440 MHz, oscolto 'OA8, modo J. con una semplice antenna FR a 10 clement in verticale, fissata provvisoriamente al balcone di 28 s0n ora in procinlo di accoppiare questultima, @ 20 elementi, a quella suddetta per i 144-146 ‘MHz, sul fetto, can il solito roto: re, per gli spostamenti circolari, pit! un secondo rotore per il rial. 20 contemporaneo delle due an fenne in parola; quonto sopra nel fentativo di agganciare in rice- trosmissione i satelltislessi. Partroppo da due mesi, forse tre, tutto il lavoro di aggancio ai sa: ‘elliti & Jetterclmente bloccato, ‘Bite jinn, soni pin opal ad Dinah eR eee ohgre" per la mancata pubblicazione del prospelto delle elfemeridi. Potete rimediare voi? Un abbraceio - 73 - Primo Risponde Elettronica Viva — Pur- troppo non possiamo, perché i tempi tecnici di stampa sono lunghi ed bollettin’ anche quelli del «primo FOX giornaliero» arrivano con ritar- do - Siamo certi che la AMSAT.I sta prowedendo per rimediare al grosso inconveniente. Ricambio abbraccio - 73 4SN tall, neem astewde -tambste matide x "Baty, HAs asad olbsgament seem opi. ammtnran nedaifagions Sb mnt, di: rlaals by te arebioriambrte o- Manno Mors If s%0 oo me nn he dif Acemoglu pont Carbo Seo 4 my nek poe eal a oe he aby ci ool Te fon oe ee ah Aram Le Porta rn publizve Le. macorihen atinidlit ololo Sache anode of orpiranct’ OH, west lil enema 1 prsyprcal le tol sapien he gemma away, cl valle adits % pean Poe pat Grate filenioo dsr cocortrtics quigo distinct: rabdbe! Elettronica Viva -Maggio 1983--N. 34 Alla ricerca d’un metodo Per far da SE vr nna Siamo ormai alta ottava puntata «del Metodo» e Vinteresse dimostrato dai lettori, ci incoraggia a proseguire. In questo numero: ancora pilotaggi ¢ coniuga- zioni. Si comincia poi la realizzazione vera e propria, con una discussione sui component. Ancora delle coniugazio Con elementi attivi le cul impedenze d'ingresso e d'uscita sono alte, i se 4gnali pilota sono visti in termini of tem sioni e, se vi é un margine adeguato, adattamento fra Muscita d'uno stadio ad alta impedenza e l'entrata d'un fil fro pud essere Solo un problema di scolta d'un resistore. In figura 1 abbiamo un caso del gene. re: un filtro plezoelettrico con Z = 6000 «eden da un lato Il drain d'un MOSFET mescolatore ¢ dall'altroil ga te d'un altro MOSFET - amplificatore Fi. In entrata ed uscita tali MOSFET pos: ‘sono avere impedenze di 190 k@. quindi il resistore (R) da 600 2, da la correlta terminazione ad (F) anche perché il pa: rallelo delle due grandezze porta ad una impedenza equivalente di 596 9, in ‘gran parte resistiva, Una semplicistica soluzione del gene- re, non va, salvo rare eccezioni nei tra- ‘smettitori, Perd, quando si opera con del classe A od AB, ossia senza cor- rente di griglia ma solo tensione di pi- lotaggio; se lo stadio precedente ha sufficiente potenza affinché ai capi della resistenza (Rg) di figura 2, com: paia la tensione di cresta desiderata, per la max erogazione da parte di (V) i metodo @ idoneo. Non solo; ma vié an- che il vantaggio della «non troppo al tay impedenza di ingresso in (V) che elimina la necessita della neutralizza: zione. Un altro problema connesso al prece: dente, @ quello di pilotare un ampiit: sHronica Viva- Maggio 1983 -N. 94 “tlh " Ln rH fh] 3: . 4 4 4 co f uy s Fig. 1 - Uno stadlo amplificatore FJ. 422) & precedulo da un mescolatore (01) con accoppia mento aftr di banda atrettiesimo ¢l tipo piezoelettrico, ITFilto (F) d8etfetivamente la Banda desiderata, con pochissime tluttuaziont di ivelloentro la wbands tragparentes inolte | fianchi sone molto ripe. Questo perd solo a condlzione che je impedence é'entrata o¢ uscita siano corre Q, ha una impedenza di Drain molto alta, anche £2 quando opera come Mescolatore, pue vere una Zo. par ad un terz0 di quella tipfea di Q, che @ invece un ampllficatr Cimpedenza‘é alta comungue, anche nella banda dl frequenze che rappresentano | prodott 4l mescolazione. A questo scopo abbiame sul Drain ¢i Q, un wrisonatore in parallel» (JC) faccordato sul valore della F.- che € poi la wrequenza di centror dl illo (F). Le R, del due MOSFET sono resistor di polarizzazione in sere alla Source: | condensator in paralielo (C) sone dei by-pass. Ry ell restore dl agate Is in Q,:valore tipico 47 2. US capacits C, hanno una reattanza molto bassa per la frequenza di lavoro (F1)- date le alte Impedenze in gioco, i loro valore puo essere oi 1 nF. ITesistor veramente Important, che determinano la corretta terminazione di (F) alle sue due estromita, sono (R). ‘80 I ito aceve vedere» 6000 © nol scegliama R = 6100; anche tenendo conto delle tole ranze medie, siamo cert dl avere terminazioni molto vicine a quelle atimal AETTROMEA VIA Mm agen poe SLT Fig. 2- Amplifieator di potonza con tetrodo a fascio. La SSH ed anche le interferenze alla TV hanno portato alla eliminazione del wmodo dl funzionamenton in classe C. ‘Siecome col tetrodo, Il «modov in AB, (con corrente gi grglia) da un rendimento di poco pit lovato dello AB, (griglla mai positiva quindi niente corrente di grglia; dat! | numerosi van: {aggl, 81 € ormal oriental verso quest ultimo modo di 1av0r. Classe A, infati, hs la minima distoreione ma anche un rendimento eccessivamente bas Se non scorre corrente di griga in (I wcarico visto» dal pilota@ pressoché costante; perdi pid la potenza aé e850 richiesta é del tutto rascurabile Peré s@ si implega como pilsta un ricetrasmettitore del commerclo anche se ORP coma lo FTT- la potenza erogata (10 W) 6 pur sempre esuberante.Allora si consuma tale onergia it Ry (che dovra diesipare tranquillamonte 110 Whe runics wvertenza da saguire é quella di alzare impedenza del clrcuito d'ingresso «quanto basta» per avere una semionda positiva di acct tazlone, tale che la sua tensione gi eresta non sia magglore di Va, [Ad esempio, 10 W su Z = 500 producono una tensione dl 22 vot. Se si raiza la Z dl nove volte con un (7) alarga-band, a parlta di potenza avremo una tens: ne a. dh cles 67 volt; adatta perl pllotaggio in AB, va plena potenzay di molt [Ad esemplo 17094 con Vy = 2kV © Vag 85. 1 frastormatore wlarga-banda uo HF, senza richiedere accordo, LoB.A. sono bobine arcesto la cui reattancs, imeno 10 volte "impedenza del elcuito at ul SI trovano in paralelo. C, sono capacita rei ata '= 400 V eroga 250 W e richlede una polasizazione Lun sistema apertodico che permette di coprir tuto lo spet: lap bassa trequenza dl lavoro deve esse accopplamento: bastano (con i tubl) 1000 pF. C sono capacita dl fuga: tipiel 4,7 nF. catore di potenza finale fagglunto) con Un eicetrasmettitore la cul minima po- tenza erogata pud essere eccessiva, come «segnale pilotar. Una delle soluzioni amatoriall pit co- rmisni € quella di pilotare il tubo «di ca: todo e poihé i tubi pl popolari per- ché a buon mercato, sono | tetrodi a fascio stiga TVs - le griglie vengono collegate in parallelo al fine d’avere la equivalenza del triodo. Difatti i migliori amplificatori griglia-a- massa, sono i triodi, per le semplifica. Zioni che comportano, ‘Abbiamo pertanto, ed 8 un caso pari colare; da un lato-semplificazione & dallaltro - migliori prestaziont dinam cche - perché nell'ampliticatore ad in- gresso catodico si verifica un miglio- Famento della «linearita» per effetto d'una reazione negativa intrinsece. Poiché nella maggioranza dei casi la potenza del ricetrasmettitore esube: rante, ai fini del pilotaggio, di solito 30 ‘non ci si preoccupa di sprecare poten. za di ingresso a causa del disadatta- mento che si verifica tra l'uscita nor- malizzata del ricetrasmettitore (502) @ impedenza fra catodo e massa del tu- bo; che sebbene non elevata, non neppure quella ottimale Un adeguamento delle potenze con non-coniugazione accettata porta nelesempio in esame, ad un peggio- ramento della cistorsione, Difatti 'ampliticatore catodico miglio. ra la sue linearit@, solo se, oltce alle ai tre condizioni soddisfatte, & anche do: tato d'un buon wcircuito volano» all gresso ("), ()Nota:per una esauriemte trattaxione di ‘questo delicato argomenta Vas “Elettronica per Radioamatoris ap. 17, pagg. 504 e 505, Faenza Ealtrice 1982, Lraggiunta del volano catodico, fa na: turalmente ricomparire Il problema della potenzapilota eccessiva, ed una soluzione pud essere quella rappre sentata da resistenze in parallelo, di valore tale da fornire il gluste adatta: mento diimpedenza, con elementi dis- sipativi che convertono parte della rf in calore, senza deteriorare la coniu: gazione, come del resto «Rg» di figura 2 Con questo esempio abbiamo voluto sottolineare Il fatto che non sempre lecito abbassare la potenza trasferita da uno stadio all'altro implegando cir- ouiti aperiodic! efo impedenze non- coniugate, Anzi il caso di figura 2, @ per certi aspetti particotase, in quanto tutta la potenza pilota viene dissipata In «Rg» @ fra griglia e catodo si richie: de soltanto una tensione eccitatrice che al valore di cresta deve eguagliare (ma non eccedere) il potenzlale negati- vo (Vg) della polarizzezione fissa. Pero anche in questo caso, per evitare distorsione nelio stadio pilota; spesso 6 lo stadio finale d'un ricetrasmettito- se QRP; occorre che, mediante il «tra sformatore larga banda» si dia at ge. neratore (ricetrasmettitore 0 comun que una unita SSB di piccola potenza) la giusta impedenza dicarico. Semmai non essendo conveniente un salto di impedenza molto grande, si fara in (T) un rapporto Z = 1:8; con cid limpe- denza d'ingresso di (V) non sara cosi alta come potrebbe essere ma cid in pratica consente di ottenere un'eccel- lente adempienza senza la «neutraliz: | COMPONENTI ED IL LORO MON- TAGGIO S| arriva ad un certo punto della prov gettazione nel quale il complesso de- ve passare dalla carta alla fase realiz zativa In altre parole, dopo aver perfezionato lo schema elettrico si tratta di conver tirlo, seguendo tutte le annotazioni ed ‘osservazioni, nel piano di montaggio Inulile mettere in rillevo Vimportanza di questa fase: semmai ricorderemo che nella maggior parte dei casi, an: che disponendo di un buono ¢ sicuro schema; il successo finale dipende in larga parte anche dalla qualita dei componenti e dalla loro razionale di- sposizione: per non pariare della smessa a puntor. Riguardo alla posa delle parti ed alle Elottionica Viva. Maggio 1983-N. 24 Interconnessioni, oggidi la scheda in vetronite ramata & di grande aiuto per Fautocostruttore; perd se si incomin: cia a costruire con Ja speranza di po ter disporre progressivamente i tuttit componenti dalle qualita Idealizzate ud darsi s‘arrivi ad un punto morto causato dalla difficolta di disporre di qualche parte indispensablle, ma non reperibile, Molti lavori awiati 2 questo modo non song mal arrivati al compimento o per cché un certo componente era introva: bile, o perché quello che poteva razio nalmente sostituirlo aveva dimensioni differenti ‘Spesso moditiche e cambiamenti cau sati da una disavventura del genete ri chiedono un lavoro tediosa che sco raggia | plu, e gli insuccessl in questa fase, sono la miglior testimonianza che questo non ¢ il modo pid razionale per affrontare il problema. II reperimento dalle parti | skits» prodott’ da ditte serie, riscuo tono in generale molto sucesso per- cché anche se l'apparecchiatura non ha quei requisiti idealizzatl da not; c’é il vantaggio di poter disporre subito, ed in blocco, di tutto quanto occorre fino all'ultima vite, Questo perd accade solo «con i pro: duttorl seri» altri Invece, mandano wa scatola di montaggio» incompleta né @ pai facile riuscire ad ottenerg entro templ brevi, tutto il necessarlo, Anzi ‘come norma quanto manca e che «il fomire fa riserva d'inviare al pid pre: Sto» & proprio il componente pit lm: Portante! Por chi vuole tradurre in pratica un Progetto proprio, la regola che racco- mandiamo é «quella dei tre elenchi. 4+ Part insostituibili Sielencheranno quel componenti sen- zai quali lo schema non ¢ realizzabile. Sulla base delle risposte dei fornitori (e se non si abita in una citta le diff. coité aumentano) si faranno quelle modifiche al progetto ancora sulla carta, per utllizzare non quello che vor- remmo, ma l'equivalente che viene of- terto, ‘Ad esempio: vogliamo realizzare un alimentatore leggero de! tipo «a com: mutaziones Poiché i transistori di potenza equiva: lenti sono moltie facilmente reperibill, Eettionica viva - Maggio 1989-N. 34 J} vero problema & rappresentato dal sTrasformatore speciale» parte vera: ‘mente insostituibile Peré non si pud escludere che invece di quello desiderato, un fornitore ne offra un altro di prestazioni simi IU problema si risolve, perd occorre co. noscere in anticipo le dimensioni d'in- gombro perche molto probabilmente saranno diverse; come differente po- trebbe essere la disposizione de’ ter rminali Quindi molto probabilmente scheda relative piste saranno da modificare: meglio farlo sulla carta che sul lavoro parzialmente aviato. 2- Componenti important! In questo elenco si dovrebbero mette. re tutte quelle parti, come del resto i transistori del comma 1. che ammet tono una sostituzione, perd possono comportare moditiche costruttive. Ad esenipio: il progetto prevedeva rimplego di bobine con nuclei toroida. Win pulviterro. Per vari motivi, non si pud disporre di quelli di diametro e caratteristiche de- siderate. Vi sono a questo punto due alternati ve: Impiegare un nucleo toroidate un po! diverso, ad esempio un po” plu grande (che compertera modifiche al piano della scheda; oppure se non si trovano «i toroidal» adoperare i sup: portti cilindrici Inentrambi i casi sara necessario risa- lire dal numero delle spire e dai tipo di ‘nucleo desiderato; al valore induttive di ciascuna bobina. Poi si calcoleran. No le spice necessarie per ottenere la stessa induttanza col nucleo differen: te, Finché si tratta di adottare un altro ‘oroidales un po! pid grande o forma: to con miscuglio di pulviferro diverso, il male & piccolo. Se invece si tratta di adottare (a forma Cllindrica, #t problema costruttivo di: Difatti queste bobine hanno un Q inte: rlore - e questo nella maggior parte del casinon ha grandi conseguenze. Ii fat to 8, che il Q inferiore si deve in gran parte al flusso disperso: qui il proble- ma si complica, perché octarre inseri- re nel piano costruttivo schermature che «le toroidaliv non richiedevano, In certi casi, purché non si tratti di bo: bine troppo vicine, il mutuo accoppla- mento hud venire minimizzato mon- mi GLETTROMICA WA «> tando un cilindretto verticale e laltro orizzontale, 3- Componenti vari Sono tutte quelle numerose parti, co. me connettori, resistori condensator! feco.che hanno la loro Importanza; ma che ammettono sostituzione senza Creare grossi problemi ‘Ad esempio pud darsi che nella wsca- tola delle varie» si disponge di resisto- 1 da 0,5W con valor! assai simili a quelli »dei resistori ideall» che invece sarebbero da 0,25 W. La sostituzione In questo senso @ ammissibile; il con. trario no. Poiché il resistore & pid lun. go, invece di disporlo sul piano della scheda si pud montare verticalmente ad essa. Per le capacita fisse: un «silver micaw va bene quanto un «poliesteres, anche se si tratta del circuito d’accordo d'un VFO. Se per i componenti di questa terza categoria attingete alla scasset. ta», molto probablimente trattasi di parti gid usate: @ assolutamente ne. cessario verificarle e provarle prima, scartando ogni componente che su: scita dei dubbi. Diffidate degli «let. troliticin che sono timasti inutilizzati per anni, Se le parti usate provengono dalla scannibalizzazioné» d'un televisore, far attenzione che non siano deteriora: te dal calore: 6 un inconveniente abba- stanza comune specie ne! caso di con: densatorl fissi tratti da «TV a tubh. Un esempio concrete oiché alcuni lettori ci hanno scritto a roposito del «Palmares descritto su EV. - Dicembre 1982 (pag, 42): portia- mo come esempio le sdiffizolta» di ap. prowigionamento incontrate da talu- 1 -Insostituibili ‘Sembra che vi siano difticolté per un rapido approwigionamento dei cristal Ii indicath, mentze ae vengono offerti alt. Non @ aftatto necessario, se si costrul sce una coppia di tall apparecchi, usa: re proprio cristalli per wcanale 9» Qualslasi coppia di cristalll anche se in custodia diversa @ con passo dei terminali differente, va bene, 34 LS won a yt 1 3 4 ) 7 LJ Z| a ys Fig. 3. Trlodo amplificatore «Griglia a mass Questo sehema ha avuto molto suecesso con ia SSB. Una parte della potenzapllota passa al carico qulndl non viene perduta, mai somma a quel- la erogata dal triode Questo modo ¢i funzionamento mighara a lineata per effetto dna cert intrinseca, Un tiodo 811 - senza polarizzazion ama, Con un pilotaggio di 10 W a bassa impedonza, la |, sale 2 175 mA o 1a patenza erogata & di 165 W. La classe di lavoro, come & evidente dai dal in esempio, ¢ la tpica vB. Le vatiazioni di earico(piuttosto fort) rilesse verso il pilot, sono compensate dal ciccuno%! sonante multibanda posto alVingresso, Per semplicita pud essere un circulto ad L, col amo zione negativa con V, = 1250°, assorbe in assenza di segnel pllota capacitive dal lato del triodo (V) parché impedenzs d'ingresso di questo, @eccitazione, & magglore i son. inehe in eresta Per C, traltandosi d'un citcuito a Bassa impedenze, occorrono 10 nF. Riguardo In questo caso vi Sono 23 possibilta di scelta, tanti sono i canali CB: e poi le possibilita aumentano col surplus. Per questo pud essere necessario la sola modifica del piano della scheda se la distanza fra | pledini @ maggiore e la custodia pid grande. Liimportante & che il cristallo di ricezione facia lavo- rare 'oscillatore (L.0.) su una frequen: za pari a {,-455 kHz (perché questo & il valore della Fl). Un altro componente insostituibite che ha dato problemi, @ il TFI trasfor matore che contiene il uflltro ceram con, La GAG, nel sui numerosi negozi © B.A. vale quanto detto per ia figura 2. ne dispone di svariat tip: uno vale 'al- tro, ed anche se la Fl. € leggermente diversa, poco male; basta tenerne con. to nell'ordinare Il cristallo per la rice- zione, Forse le dimensioni d’ingombro 0 \ceafori del TFI reperibile, sono dit ferenti: modificare di conseguenza il disegno (e se necessario) le dimensio- ni dolla scheda. Altrettanto dicasi per il TBF - ormat considerato un «surpluse. Alla GBC perd si trovano componenti ¢ ricambi con caratteristiche simill, anche qui non @ problema elettrico - ma solo di dimension ed eventualmente di termi nal 2+ Importanti Fra «gli importantis rigultano solo: un condensatore da 1 uF @ la scheda, Per la capacita fissa, va tanto bene il ceramico indicato, quanto il «polieste- row od il emylars - in definitiva: siamo In Bassa frequenza, Riguardo alla scheda disegnata, certi principianti hanno difficolta 0 pet Il disegno cosi compatto 0 per la traduzione del dise: no in «piste», col trattamento chim Si pud anche ridisegnare pit in gran. de, con trace pits larghee distanze fra le piste maggiori: naturaimente non si possono moditicare gli interspazi tra | reofori del wcircuito integrato» Per chi non @ in grado di fare il ebagno Cchimico» consigliamo la vetronite fo: rellata; naturalmente le dime della scheda di questo tipo diventeranno ‘maggiori 3: Varie Nelle «variew abblamo ur’unica obbie- Zione: ci viene da un lettore che abita in un piccolo centro, che ha procurato tulto, perd I'elettromeccanico del pae- se che riawolge motorini e trasforma: tori, non usa Il filo 0,3 smaltato. Di filo per bobine smaitato ne occorre na quantita infinitesima: non © per. cid affatto convenient andarne a comperare un intero rocchetto. per6 Il 0,2 0 0,26 vanno aitrettanto be: ne purché, spaziando un poco le spire; la lunghezza dell’awolgimento risultl eguale a quella che sarebbe risultata usando il flo 0,3, parametri che entro ampi limiti han ‘no importanza per replicare il valore induttivo, Sono infatti il diametro del supporto @ la lunghezza della bobina cilindrica. (continua) Dopo la nostra recente pubbli cazione di «Disegni al Compu- ter» esposti a New York ci infor- mano che una mostra analoga si é tenuta nel febbraio '83 a Milano. Esponeva Ludovico De Luigi, al Palazzo Bagatti Val: secohi Tema: «Le Venezie fantastiche: Vimmaginazione al computers una personale dell'Artista Ve. neziano in una serie di dipinti realizzati col pennello ciberne- tico del computer della 3M sho- gun. De Luigi ha dedicate il ciclo alla esua Venezia»: un'interpre- tazione acuta e allarmante, in bilico tra tenerissima nostalgia e mostruosita tecnologica, 32 Elettronica Viva-Magglo 1983-.N. 94 Corso di autoapprendimento della tecnica digitale In questo paragrafo si prosegue la trattazione dei contatori binari: si prendono in considera- zione i contatori modulari ed infine la cosiddet- ta «decade di conteggio» 0 «contatore ad anel- lo». acura di A. Piperno Segue Cap. 9 Predisposizione del contenuto di un contatore In determinati casi dell’elaborazione digitale delt'in- formazione non si pud partire dai contenuti estremi del contatore «zero» (per conteggio avanti) 0 spieno» (per conteggio retrogrado), ma ci si deve riferire ad una data serie di impulsi, un contenuto del contato- re in teoria regolabile a piacere. Questo & I! caso per esempio del posizionamento digitale di un trapano elettrico 0 I'impostazione della differenza tra valore effettivo e valore nominale. Tuttavia per poter porta- re un contatore ad un contenuto scelto non median- te somma di impulsi ma per mezzo di un unico se- gnale di attivazione, occorré una logica di attivazio- ne preselezionatrice con cui mettere a punto ogni singolo flip-flop di conteggio (tig. 9/45). in pratica si fa distinzione tra preregolazione statica € preregolazione dinamica del contenuto del conta- tore. | circuiti impiegati per questo scopo sono vera: mente interessanti ma la loro particolareggiata trat- tazione esula dall’ambito di questo corso. Tuttavia per facilitare la comprensione delt'impor. tanza e della necessita di siffatte preregolazioni dei contatori presentiamo un esempio (fig. 9/46). MCC eo 4 4 + CT tt tt hi Fig. 245 - Contatore con logi teorieo) tivante preselezionabile (principio Elettronica Viva -Maggio 1969 -N. 24 Vaiore nominale Dato relative Comparators alla diferenza 7 Valoreetfettivo Fig. 9146 Principio teorico di un contronto tra valore ef lore nominal Si debbano confrontare tra loro due valori numerici — ueffettivo» e enominaler. Lo scostamento dal va- lore nominale che si determina si deve visualizzare come ammontare ¢ segno. Una delle possibili solu ioni (fig. 9/47) € quella di introdurre sia il valore ef fettivo che quello nominale ognuno in un contatore retrogrado. | due contatori vengono comandati ed azzerati da un unico generatore di clock. Quello dei due contatori che per primo ha raggiunto il contenu- to sZerO» arresta il generatore che comanda | due contatori, Soltanto uno del due contatori ha ora un contenuto che si discosta dallo «zero». Da questo contatore viene letto e visualizzato I’ammontare del: la differenza tra valore effettivo e valore nominale per mezzo di una unita di decodifica. 1I segno viene fissato per mezzo del contatore che ha raggiunto il contenuto «zero». Contatore sincrono modulare n. Per il comando digitale si ha bisogno di contatori 33 ALETTROMEA VINA Gererioe 17! Sreaens — i) oan nee, ; (acne : | — | a Contatore det Contatore. eg) meus gets | | 5 efiettivos ' ' 4 Logica dl decoatica Bela olforonea + BOAT om Dato rolatvo alla ditferenea Fig. 9147 Principio teorico della visualzzazione della difteronz ‘stior eftettivo dl soglia (nominale); per mezzo di contatorl a con tegglo retrograde. con ben determinate capacita di conteggio. Si pub per esempio desiderare che un contatore conti fino a7, vale a dire che registri, compreso lo On=8 stati di Conteggio, dopo di ché cominci nuovamente con acontenuto numerico» 0. Tali contatori modulari n si possono realizzare con relativa facilita con flip-flop ‘K costruiti ed offert!in tecnica integrata. Per poter costringere questi contatori di comando al tipo di conteggio desiderato occorre nella massima parte dei casi ricorrere ad una logica di controllo. Anche gui viene incontro all’utente la tecnologia dei com: ponenti digitali. Si pud impiegare il componente Io- gico a buon mercato, oppure rifarsi agli adattamenti logici integrati visti peri flip-flop di conteggio di ca- pitolo 6, Prima di esaminare tipi diversi di contatori sincroni modulari n, vogliamo richiamare alla memoria il {un- Zionamento del flip-flop JK del capitolo 6. Condizio- ni per la commutazione dell'uscita Q da L ad H: H all’ingresso J, valore qualsiasi all’entrata K, pas: saggio H/L del segnale applicato a g 8 ek ce a rt Fig. 148. Fliplop JK: nelle versione di tipo industiale, tra Valrole uscite vengone designate con A e A cy Condizioni per la commutazione dell'uscita @ da L ad H H al’ingresso K, valore qualsiasi all’ingresso J, pas: saggio HIL del segnale applicato a T. ‘Osservazioni sui circuiti che seguono: | circuiti qui rappresentati si basano su una serie di component digitali che attualmente é largamente diffusa in campo internazionale. In contrasto con le convenzioni incontrate nei circuiti finora considerati le uscite del flip-flop vengono designate in modo di- verso. Vale a dire A in luogo di Qed A in juogo di Q Lo scarto dei posti del contatore avviene ora da sini stra verso destra. Fate attenzione a questo nella in- terpretazione del valore dei flip-flop. Esempi: La fig. 9/49 riproduce i! circuito di un contatore mo- dulo 2. AR FF, aly t iH Fg. 150 - Contatore modulo 3 Con il passaggio del segnale HIL del secondo se- gnale di conteggio i! contatore viene azzerato. La fig. 9/60 mostra il circuito di un contatore modulo 3 con conteggio avanti. Con il passaggio HIL del se- gnale del terzo clock di conteggio il contatore viene azzerato. La fig. 9/51 riproduce il circuito di un contatore mo: dulo § con conteggio avanti. Con il passaggio H/L Elettconica Viva- Maggio 1989-N.9¢ del segnale del quinto clock di conteggio i! contato- re viene azzerato, Fig. 9/51 -Contatore modulo 6 Contatore ad anello detto anche «decade di conteggion Fino a questo punto del capitolo sono state rappre- sentate, salvo alcune eccezioni, in prevalenza va~ anti di circuiti di contatori binari Questi contatori binari lavorano in base alla struttu; beoe ee GLETTROMEA VIVA ra del sistema numerico binario o secondo quello da questo derivato denominato codice 8 - 4-2-1 (vedi cap. 1 Titiavia si possone anche impogare pe il conteg gio varianti dei circuiti det registri scorrevoli incon- trati nel capitolo 8. Nella figura 9/55 «rappresentato Un siffatto circuito di registro scorrevole trastormate per il funzionamento come circuito di conteggio. Facciamo un paid di osservazioni sul suo funziona- mento. Il contatore, che si chiama decade di conteggio 0 contatore ad anello attraverso il conduttore di azzera- mento R, viene portato nella posizione di partenza «Zero», Postl del contatore 98765439210 . : | Fig. $158 - Codice «1 da 10s, eH run | Ingresso ot conteggio Fig. 8155 - Decade ai conteggio 0 cont Eletronica Viva Maggio 1883-N. 34 35 ALETTROMICA VINA Questo avviene tramite un impulso ad azione statica sulia parte di riposo dei flip-flop da FF, ad FFs. Lo stato H raggiunto nella parte di riposo del FF, viene valorizzato e portato alla visualizzazione come valo- re «zero». Con il primo impulso di-conteggio tutti i dieci flip- flop vengono settati sincronicamente. Il flip-flop FF, assume attraverso le connession\ ad anello dall’uscita del circuito il contenuto «zero» del FF,, Il flip-flop FF1 secondo il principio del registro score vole assume il contenuto del FF, e cosi via. ‘Ad ogni successivo impulso di conteggio di segnale H contenuto nel circuito si sposta esattamente di un posto. Con il decimo impulso questo segnale H vie- ne ciportato dalle connessioni ad anello al flip-flop FF,. La capacita di conteggio della prima decade di conteggio é esaurita. La figura 9/56 riproduce il funzionamento del conta: tore ad anello. Questo lavora in base al principio teorico note come Codice «1 da dieci» Nel caso di contatori a pil posti vengono collegate in cascata le corrispondenti decadi di conteggio (ig. 9/57). Il trasferimento dalla prima alla seconda deca- de di conteggio awiene asincronicamente con il de- cimo impulso di conteggio. Decade L } 1 contoasion Ingresso T di ‘entegglo PITT ITOTTTTN VIDED TOT OTOTO ITE 7 Upp see OOS 3157 - Contatore a decadi dl contegglo a due post (principio rico). DALLA STAMPA acura Pesce INZCT cq-DL (12/82) Calcolo di antenne monoelementi (Qusow & OFLW) E pubblicalo un metodo di calcolo di antenne. La seconda parte (la prima & Stata pubblicata nel numero prece: dente) tratta Delta Loop e antenne ad Ala, Per | due tipi di antenna gli autori for riiscono dati costruttivie diagrammi di radiazione oltre che le relazioni che le- gano J'altezza dal suolo all'impenden: za di fadiazione ef al guadagno, RTTY con video e TRS80 (M. Hisch) RITY con "EG 3003 0 con il TRS 80, cingue velocita Baudol & ASCII, ban: da perforata elettronica, doppia utiliz. zazione del visualizzatore ¢ dell’inter- faccia (programmi disporibill presso la redazione di c-DL) 36 Apparecchiatura con antenna per ARDF (OL30C) € descritto un ricavitore dawero ta scabile per gare di radivlocalizzazione In 10 metr. I! complesso & comprensi vo di antenna a quadro, pure tascabi le, delie dimension di 10 cm di lato e realizzato su circulto stampato come lo stesso apparecchio. Raddrizzatore programmato per cari ca-scarica batterie al NiCd (0J1ZH) Llapparato, di cui 'articolo descrive i principio di funzionamento e fornisce dettagli per la costruzione, consente Ja carica e la scarica (importantissima per Ie batterie di questo tipo) di accu mulatori al nichel-cadmi, controll della carica e misura della capacita degli element. II raddrizzatore dispo- ne di uscita commutabile a corrente costante, temporizzatore @ resistenza di scarica, ‘VI @ BCI causate da armoniche (OL1BU) Cause, misure e contromisure da adotiare per combattere le interferer: ze dovute ad oscillazioni armoniche generate dal trasmettitore. Fill assa-basso, loro funzioni e limiti. La materla @ profondamente trattata, QST (dic. 1982) MOSFET di potenza e loro applicazio- fi in RF (K7ESIOH2ZE) Uarticolo riferisce sulle pli recenti ap- plicazioni dei MOSFET di potenza. Non descrive circulti applicativi, ma ‘consente alla fantasia dei fettori di im- ‘maginarseli, suggerendone la realizza- zione altraverso schema a blocchi, Elettronica Viva Maggi 1983-N.34 OSCILLOGRAPH Oscillografo. Strumento che consente di registrare in funzione del tempo i valori istantanei di grandezze fisiche variabili. In genere un oscillografo comprende un rivelatore sensibile alle variazioni dei valori del- le grandezze in esame; un sistema che introduce la scala dei tempi; un dispositive che consente di regi- strate la forma che il segnale assume nel tempo, Nell’oscitlografo a scrittura diretta come, ad esem: plo, Velettrocardiografo, il rivelatore é costituito da un galvanometro al quale € collegata una pena scrivente. La penna simuove seguendo la variazione di ampiezza del segnale applicato alla bobina mobi le dello strumento e lascia una traccia d'inchiostro su di una striscia di carta che si muove uniforme mente. Sulla carta é stampato un reticolo con le spa: Ziature longitudinali che segnano gli intervalli di tem- po e le spaziature trasversall che indicano i valor! in ampiezza del segnale. L'inerzia dell'equipaggio mo- bile dello strumento ¢ la frequenza di risonanza del sistema scrivente limitano Puso dell’oscillografo all'esame di segnali con frequenza di oscillazione non superiore al centinaio di hertz. Per segnali con frequenza fino a 500 hertz é-utilizzato roscillogratoa raggio luminoso. Questo strumento ha una bobina mobile costituita da una unica spira a forma di U con un basso momento d'inerzia. Al posto della pen- na o’é uno specchietto che devia un pennello di luce su di una striscia di carta fotografica. (Fig. 30) spect sate collinatrice ~~ [ Cesss Vena @ Jespensioni polar carts, jgsivanouotre Petogration mil Fig. 30 Elettronica viva -Maggio 1983-N.34 a cura di Giulio Melli OSCILLOSCOPE Oscilloscopio. Strumento che consente lo studio di uno © pid segnali in funzione di una variabile indi- pendente che molto spesso é il tempo. Il segnale che si analiza é quasi sempre una tensic- ne, ma poiché qualunque altra grandezza fisica, elettrica 0 non elettrica, pud essere convertita in una tensione con ceratteristiche analoghe, median- te convertitori e trasduttori, l‘oscilloscopio si presta per ’analisi di moltissimi fenomeni nei campi pid svariati della scienza e della tecnica. Un oscillosco pio per usi generali comprende schematicamente le seguenti parti a) II tubo a raggi catodici che @ I'elemento fonda- mentale. Consiste in un involucro di vetro in cul é stato fatto i vuoto. Ad una estremita del quale & sistemato il cannone elettronico ¢ | sistemi di fo- calizzazione e di deflessione, Allaltra estremita c’€ lo schermo fluorescente. La superficie di que- sto schermo rappresenta un piano cartesiano in cui ascissa orizzontale (asse X) é la funzione Ii: neare del tempo, mentre|'ordinata verticale (asse Y)@ la funzione lineare dalla grandezza in esame. L'ampliticatore del segnale da esaminare, 0 am: lificatore verticale, la cui uscita é collegata alla coppia di placchette verticali del tubo. L'amplit catore verticale deve mantenere, il pid possibile inalterata la forma d’onda della grandezza in esa- me. | segnali osservabili con l'oscilloscopio han- no ampiezze che variano da pochi microvolt a di- versi chilovolt e frequenze estese da zero a molti megahertz, Circuiti di deflessione orizzontale @ sincronizza- zione. Dovendo visualizzare una grandezza Y in funzione del tempo, il circuito di deflessione oriz- zontaie, detto anche citcuito della base dei tem- pi, provvede a generare un segnale che simuli il tempo, da applicare alla coppia di placchette corizzontali. La forma di questo segnale & normal. mente a dente di sega con rampa molto lineare di durata regolabile a seconda delle caratteristiche temporali della funzione Y. II tratto discendente del dente é a fronte ripido e corrisponde al perio: do di ritorno della traccia al punto di partenza Per una corretta visualizzazione dell'immagine sullo schermo @ importante che l’avvio di ogni dente di sega, quindi, l'avvio di ogni esplorazione b) °) 37 ALSTTROMCA WMA aweenga in corrispondenza di un istante ben pre ciso determinato dallo stesso segnale Y o di altri segnali di sincronismo applicati dall’estemno. 4) Gli alimentatori che forniscono le tensioni conti- ‘ue necessarie al corretto funzionamento di tutti i circuit - ) Dispositivi ausiliari come, ad esemplo, generato- fi di frequenze campione, circuiti per la taratura di ampiezze e tempi (Fig. 4.0 € 5.0), semale Fig. 40 Fig. 50 ouTLET Presa di corrente. Terminale di una rete di alimenta- zione al quale ci si pud collegare per prelevare ener- gia. 38 OUTPUT Energie sviluppata. II termine assume diversi signif! ati, ma tutti, In genere, indicano un prodetto utile all'uscita di un sistema elettronico. L’output di un si stema pud essere ulteriormente elaborato da un al tro sistema 0 applicato a terminali di utilizzazione: altoparlanti, schermi video, stampanti, antenne irra- dianti ecc. OUTPUT IMPEDANCE Impedenza di uscita. Ogni generatore presenta una propria impedenza al carico applicato. In una catena, di trasduttori, per ottenere il massimo trasferimento di energia é opportuno inserire traslatori in modo che l'impedenza di uscita di ciascun elemento sia uguale, 0 molto vicina all’impedenza di entrata del successivo, OUTPUT LEVEL Livello del segnale in uscita. OUTPUT STAGE Stadio di uscita. E I'ultimo stadio in una caiena di amplificazione al quale @ applicato il sistema di uti- lizzazione. OVERDRIVEN AMPLIFIER Amplificatore sovrappiiotato. Amplificatore nel qua le, in genere, intenzionalmente, viene introdotto un segnale di grande ampiezza tale da provocare volute distorsioni nel segnale di uscita OVERFLOW Eccedenza di capacita. I! termine indica che in una operazione di trasferimento, di immagazzinamento 0 di visualizzazione di dati si @ superato il limite cu- periore di capacita del sistema interessato. OVERLOAD Sovraccarico. Aumento, per lo pi, non previsto de! valore del carico al di sopra dei limiti di progettazio- ne, Un sovraccarico ha come conseguenza un au- mento della corrente che pud danneggiare il circui- to. E opportuno, quindi, inserire in determinati punti dell’impianto, limitatori di corrente come valvole di sicurezza. Elettronica Viva -Maggio 1983.N.34 Attivita Spaziali Una visita alla stazione e.m.e, I2COR Una visita a questa stazione cremonese all’avan- guardia della tecnologia amatoriale era per noi doverosa. Mesi orsono, osservando i risultati dell’ultimo «Contest Moon-Bounce» avevamo infatti tratta una conclusione affrettata, affermando «che qualcosa nella sua parte ricevente non doveva essere a posto», dati gli scarsi risultati consegui- ti nella competizione. L’0M Luigi Zorzino ci ha invitato e ci ha mo- strato come il passaggio del Sole produca un au- ‘mento del livello di rumore da 16 a 18 dB! Egli ci ha poi spiegato come il motivo del basso pun- teggio sia dovuto ad una causa ben meno tecni ca: le poche ore d’attivitd durante ta competi- zione. Peraltro nei due anni scarsi dacché é attiva, la PCOR ha gid all’attivo 61 stazioni lavorate in gamma 432 MHz (29 Paesi) € 9 in gamma 1,3 GHz (8 Paesi): La i2COR é una wstazione di Gruppo» 4quindi partecipa ai Contests nella cate- goria «Multioperatorn, Essa ¢ installata in un’abitazione uni- famitiare, piuttosto isolata, in mezzo alla ridente campagna cremonese circa 10 km a sud del Capoluogo. Posizione eccellente per il basso livello di QRN- industriale. Liabitazione & quella di uno dei pit centusiasti membri del Team: Guerrino G@W2ATM) - naturalmente presso [a Elettionica Vive -Maggio 1983.0. 34 casa si trova Pantenna autocostruita: un paraboloide del diametro di 8 metri posto su tealiccio, con motorizzazioni azimutale e zenitale Durante ultimo Contest ci spieyano ail amici, Guerrino si trovava in Vene- Zacla, quindi vi era un certo ritegno da parte degli altri OM «ad invadere» la privacy dell’amico in ore prevalente- mente notturne ma la Luna in quel pe- rioda era lavorabile dalle prime ore se- rali fino alle 10 del mattino. A parte questa ovvia limitazione, in- tervenne poi «il fuori uso» della mentatore A.T. (Finale in gamma 432 MHz) - probabilmente a causa dell'umidita accumulata durante una lunga inativita LA STAZIONE, Passiamo vicinissimo al traliccio che sostiene il paraboloide: ¢’é nebbia e fa freddo: andremo ad esaminarlo pit tardi. La stazione attrezzata per operare in un risultato di tutto rispetto! due gamme UHF é in gran parte siste- mata nel locale di figura 1 Una delle prime cose che osserviamo, @ il monitor-video su cui si succedono in continuita dati numerici aggiornati. E il visualizzatore di_un micro computer «Commodore 2032 che su programmi preparati da Luigi (iW4AKM) da le indicazioni in pro- gressione di 0,5° d'arco azimutale e zenitale, per il posizionamento dell'antenna il eui tracking & peril mo- mento, effettuata con comandi ma- sali Parra strano che si debbano impiegare sequenze di 0,5° per inseguire la Luna, rma ove si pensi che i fasci dell'antenna sono di 4° per i432 MHz. 2* in gam- ma 1,3 GHz appare abbastanza e dente il motivo (spiegato in un recente numero di E.V). I nostro satellite é wn bersaglio veloce, percid la posizione dellantenna va corretta ogni minuto nella gamma pit bassa ed ogni 30° it quella maggiore. E una operazione laboriosa sicehé j nostri amici hanno gia in corso dese- 39 GLETTROMIEA YIM Fig, 1 La stazione 12COR. Al tavolo di lavoro, tre membri del gruppo: i2TFI -i2COR -i2¥1D. cuzione linserimento del computer- incline, ‘Appena iW4AKM avra ultimato i cit- ccuiti d’interfaccia, il grande pannello a diodi-led rimarra solo come indicatore di verifica, ed il monitore-video reste- ra attivo per saltuati controlli, perché il sistema operera in modo del tutto automatico. E interessante osservare che per I’ac- censione progressiva dei Led & neces- sario un cavo telefonico multicoppie i cui 450 conduttori collegano il quadro di segnalazione ai rivelatori di posizio- ne posti sull’antenna: due piastre di vetroresina con 360° settori di azimut € 90 settori zenitali Sistemi trasmittenti ‘Come vedesi da figura 2 in gamma 70 com; il segnale-morse HF (2 28 MHz) generato da un FL-101 passa ad un Trans-verter della «Microwave» ed esce in basso livello, per pilotare uno stadio «driver» costituito da un triodo 2039 ad ingresso catodico. L’anodo del triodo & sintonizzato en- tro una cavita: questo stadio come successivo finale di potenza, é autoco- struito (). finale genera dai 700 agli 800 W; im- piega due tetrodi a fascio tipo 40 _ “ ! Te Ts f : oe 1 eS ' a ; (er Ce pe Fig. 2-Lo schema a blocchl del sistema ri. cetrasmitiente in gamma 432 MHz ss | [+] 63 Fig. 3- Schema a blocchi del sistema rice trasmittente In gamma 1,8 GHz. 4CX250R in parallelo, secondo il ben oto metodo di montaggio «a Ta K2RIWy, Nella gamma 1,3 GHz (figura 3) si ma- nipola un ICSYE che eroga il segnale in 144 MHz poi convertito a 1296 MHz da un Trans-verter della «Micro- waver. Gii stati amplificatori autocosirtiti so- no: Triodo 2C39 in cavita che evoga 3W; altro simile (driver) che fornisce i 30W necessari al finale di potenza. Sei triodi 2C39 in parallelo con gli anodi centro una cavita, secondo il progetto di OZ6CR, erogano infine i 200 watt- utili che con lattenuazione di circa 1 dB producono (grazie al guadagno del paraboloide) un e.r.p. di 1 megawatt! L’e.r.p. dei 432 MHz & solo 330 kW, ‘ma ancie fa attenuazione del percorso terra-luna e viceversa é minore. Elettronica Viva- Maggio 1983-N 3¢ Ss SETTROOCA VW a Come é agevole osservare, stazioni te- legrafiche robuste per le due gamme gamme UHF, non sono difficili da realizzare: con esse ove non si dispon- ga d’antenne di considerevole guada- go; & piuttosto difficile realizzare il moon-bouncen; perd via-tropo of- frono delle possibitita esaltanti, altro che FM, via ripetitorit Sistemi riceventi Buona parte dei successi, quando si opera sulle frequenze elevate, deriva- no dalla «temperatura di rumore del sistema riceventen. In particolare, nel- le comunicazioni spaziali, minore ¢ale temperatura maggiori le probabilité di sentire deboli segnali. Secondo questa filosofia, i nostri ami- i della i2COR, compatibilmente col «kTB» determinato dalla banda pas- sante F.L. del ricevitore ottimizzata per la ricezione di segnali-morse; han- no dato la massima importanza al «fattore di rumore». Esso ¢ quel fatto- re, in gran parte dipendente dal primo stadio; che fa da moltiplicatore al «KTBy e riduce di conseguenza, la ssensibilita limite». Preamplificatori che determinano la aninima temperatura» sono logica- mente, installati in cassette stagne presso gli «illuminator» della parabo- la assieme ai relais di commutazione. er i 432 MHz si tratta di una GAAS- FET tipo MGF 1400 ottimizzato me- diante «Generatore di rumore ALTEC 75» dotato di sonde allo stato solido. Con questo FET - di tipo economico -il puadagno é intorno ai 18 4B mentre la cifra di rumore non eccede i 0,4 dB Lo schema utilizzato & quello di JAGCZD e per Voptimam, tanto la corrence ai drain quanto la capacita di accoppiamento all’antenna (') hanno una funzione determinante sul guada- gno Per i 1295 MHz Jo stesso modello MGF, messo appunto col medesimo sistema di misura, offre un guadagno di 16 dB con NF = 0,9 dB. Nelle condizioni ottimali, con 20 metri di cavo concentrico RG 17 AU i siste- mi riceventi(figg 2 € 3) al passaggio Elettronica Viva Maggio 1883-N. 34 el sole davanti allo specchio paraboli- co davano i seguenti risuitati: Gamma 432 MHz: sun noise = 1516 dB Gamma 1,3 GHz: sun noise B A vaiie del eavo, inshack si trovano in ‘Trans-verters ed i ricevitori — FR 101 con filtro attivo DATONG in BF per i 432 MHz — 1C251E con filtro DATONG; op- pure in alternativa, conver 144/28 della «Microwave» seguito dal solito FR 101 e filtro BF. Come strumentazione, oltre al citato ALTEC ed agli apparecchi convenzio- nali, notiamo pure: un Analizzatore di Spettro «Singen» da 10 MHz a 40 GHz; misuratori di uscita «Bird» con sonde fino ad 1,8 GHz. 718 ANTENNA Finalmente, a tarda mattina, si vede un pallido Sole: usciamo anche noi Sul robusto traliccio, presso casa, al’altezza di circa 18 m da terra & in- ‘cernierato il pesante paraboloide di 8 metri, autocostruito. Si tratta dun fine lavoro di carpente- ria, del peso di circa 8 quintali (figg. 4 5), Fig. 4 Il paraboloide oi 8 motrin sima al trallecio. Progettazione e realvzazione gi Weare 11 movimento azimutale e zenitale realizzato con sistemi idraulici Sulla sommita del traliccio sono piaz- zati una centralina idraulica, con rela- tiva motore idraulico e riduttore: due ‘minuti per il giro d"orizzonte comple- t0 (360°), Per V’elevazione: due pistoni prove- nienti da-un escavatore (90°). ‘opera di menutenzione entro il wpadeltone ‘sistema eccltatore con 1 luminatore della gamma 1,8 GH2 in posizione; ‘mentee Vantenna det #32 MHz rovesciata verse l'alto ¢ in posizione anon operativay, at Degli indicatori di posizione, che han- no i cursori che si muovono sulle pia- sire di vetroresina fissate al complesso in cima al traliccio abbiamo parlato in precedenza. | guadagni reali, estrapolati con diver- si metodi di verifica sono: 27 4B per i 70 cm e 38 dB per la gamma £,3 Ghz, La focale dello specchio é 0,5 quindi ali Mlaminatori sono centrati ad una ragguardevole distanza dal centro. Attualmente T'lluminatore per i 432 MHz é costituito da un doppio dipolo ripiegato, con riflettore ed adattatore 2/4 che funge anche da simmetrizza- tore per passare dal cavo (asimmetri- co) al carico bilanciato: Dipolo. Per compensare Ia Rotazione di Faraday () questo illuminatore ¢ provvisto di tun comando che fa variare entro 90° il piano di polarizzazione. E questa un’apparente complicazione, che abbiamo visto anche presso la ISMSH, che invece si dimostra molto utile ai fini della comprensibilita. Pe- raltro essendo in «70 em» tale rotazio ne piuttosto lenta, il movimento rota- tivo del dipolo telecomandato dalla stazione, non pone particolari proble- Mediante un braccio con rotazione di 180° a comando idraulico, si rimuove dal Suoco il sistema dei 432 MHz e si mette a fuoco 'illuminatore cilindrico «Dual mode feed» per 1,3, GHz “Anche se Ie onde al lavoro sono solo di 23-m, il cilindro del sistema illumi nnante a due «lanciatori ortogonali» in- terni, ha dimensioni di tutto rispetto: figura 5. Come si deduce dalla presenza dei due Janciatori sfasati questo ilturninasoce produce la «polarizzazione circolare» In un tempo assai prossimo, gli amici della i2COR pensano di modificare il sistema dalimentazione passanto al metodo, peraltro poco usato dagli amatori; della eecitazione della para- bola con un sub-riflettore fisso presso il fuoco e gi illuminatori piazzati viei- no alla parte centrale della superficie specchiante, cosi come si usa nei tele- scopi «Caissegrain», 17 Vs ua 100 Mts 0 10 GH 149-167-171 (7 Secondo IAGCZD: louie = 10 mA; taco. ac in sre fra conaetore@ngreso of foedeveerore 1.2 pF (ore oH per ining Np. (4 Vs Da 10) Mt 10 Gt va 1 pag 30 Vol 11 - poe. Fig. 6 L'anitita QSL. che conforma il GSO ‘ome. con la Rhodesia, snaitz NeW sgasey ll 7h INV) j % ZI) Fig. 7 La QSL di K2UYH - una de! pid not! (xers in questa specialita: 203 etanon’ lave: fate in 432 MH2 @ 25 In 1,9 GHz. Il 0 para boloide 6 ai 85 mete Laboratorio ai assistenza tecnica protessionale. Marina, aeronautica, amatori, uso civile © industrial, Angelo Merli Via Washington, 1 20145 Milano Tel. 02 - 432704 42 Elettronica Viva -Magglo 1983-N.34 Ottimizziamo la Yagi a.c. di i1ZCT Le direttive sono un tema di discussione inesau- ribile. Dopo le «Yagi lunghen, argomento di questo scritto, ci sono i «Paralleli di Yagi o di elicoida- liv. I paraboloidi poi, sono ogni giorno pin dattualita. L'antenna Yagl-Uda @ stata inventata nell'ormai lon- tano 1926; sono passat! quasi 60 anni e non si han- no ancora nozioni precise sul modo con il quale il diametro degli elementi parassiti e del boom in- fluenzi la lunghezza degli elementi stessi. Un recente studio effettuato da Viezbicke @ pubbli cato sul Bollettino de! National Bureau of Standard ‘iferisce sulle esperienze dell’autore con una Yagi er UHF (400 MH2). I\ sistema di prova consisteva in un’antenna riceven- te posta a circa 300 metri da quella trasmittente, en- trambe a tre lunghezze d’onda dal suolo (m 2,25); un dipolo, posto a § A dall’antenna ricevente ed alla me desima altezza costituiva elemento di compatazio ne; Il segnale ricevuto dall’antenna sotto misura ve- niva attenuato tramite un attenuatore di precisione per poterlo comparare a quello ricevuto dal dipoto. | dati ottenuti, elaborati successivamente da un cal colatore, hanno consentito di approntare quanto @ qui pubblicato, valido per la costruzione ottimale di antenne Yagi per 14,1 ¢ 431,1 MHz (tabelle 1 € 2) @ di antenne Yagi in genere (fig. 1). Per la presente pubblicazione cl si é avvaisi dei dati forniti da QST 8/82, ricalcolando tutto secondo II si: stema metrico decimale ed aggiungendo alcune no- stre considerazioni. Le dimensioni fornite sono quelle per le prestazioni normalizzate. Qualora si desiderasse servirsi di ma teriali aventi caratteristiche diverse (diametro degli element e del boom), secondo quanto si ha a dispo- sizione, ¢ necessario ottimizzare il sistema, ricalco- lando secondo i dati di cul alle tabelle 3 ed i dia- grammi di fig. 2 ¢ 3. Per I’elemento radiante non sono forniti dati precisi perché la scelta del sistema di alimentazione gioca Un ruolo importantissimo; per la costruzione di an- tenne per i144 MHz ed | 432 MHz, i dati di cul alla fig. 1 costituiscono comungue un ottimo riferimento. Le dimensioni Come @ stato detto, le tabelle 1 @ 2 nonché il disegno di fig. 1 forniscono i dati per antenne Yagi per i 2me- a tronica Viva- Maggio 1983-N, 9¢ Per _antenne 432.1 MHz Yanehesse | 42) | 2420 | 32) | 42d aezitoos, | ‘ban | ier | dee | 03 | Pisweme [as | 5 | 8 BS sien (an)_| ? sis is patetiors | as) ase) ask | maiotere, | ses [303 | 323 | 323 waaeetss | oie [oe | a | te wart Tan | 3 | an | 16 [aires [313 | 305 | 305 | 13 nantes) 318 298 | ase 305 Sgt a [es ial 3 | a | a8 Te Garost, ce Bunge (as) a3 | 290 | 283 | gre [| ase ase | ass Aoghs (an) wos_| so | 293 _| Tiron woe eet ao = ils, a0 | asa Aingh. (aa) | al le = lung, (mm) “ Tab. 1-Dimensiont di antenne Yagi per 144,1 Mz secondo calcoli de! N.BS. americano. trie peri 70 centimetri. Tali dati sono complet! e non hanno bisogno di rettifica alcuna sei materiali usati 43 se | 41 1432, Tae 73 a Per _antenne 144.1 Mie Hmeherse | 9,9) 1,2) 2,20 4,20 dex boon, | 1,65 | 2,50 | 4,58 aire “Disaeto pee) | 3 | 25 | BB | 38 | 3,8 5 5 5 5 1,032 | 1,037 |1,063 | 1,029 ‘Radiators 0,97 0,87 10,37 [0,97 10,97 | Sangh (a) J Tease 7 0,952 [0,958 | 0,964 | 0,968 | 0,958 2pof all boos 2 lungh. (a) 2 [or " Gi i stata a oF iret moat Trl rrtT i ReetkTHET® |/0,949 0,943 | 0,930 [0,549 |0,956 Br GiPeEE To,952 [0,943 [o,a14 (04995 (0,987 el L ys redisess 24 16 - 0,952 | 0,898 /0,919 | 0,932 ae: fungi (a) rT mM ‘5° dirett. 0,898 0, -. Lungh. (a) 1898/0914 | 04929 pee A 0,698 (0,505 10,920 ! l | Pmgse 0,638 0,858 0,917 | 8° dirett. | Fig, 1. Spaziatura fra gli elementi di alcune antenne Yagh in termini Tanen, la) | 21898 | 0,898 / 0,505 STunghecee tones, eae " eres 0,874 0,898 (0,305 sono quell indicat 0 disers: 0,930 0,686 [0,905 Per cicalcolare completamente II sistema, partendo te) “pase lessor] dal presupposto d voler realizzare antenne Yagicon —_| ungh.(w) | 01898 [0,9 boom avent! unalunghezzadiO,th-OBA-12A-921 [Ae aires are 42Xe con spaziature ea gli elomenti come nig. 1, | 3anghe(=) ° | C18) deve avalere dla tabelia3,laqualena come | LiF 0,888 0,905 dati fissi la spaziatura di 0,2 fra rlitettore ¢ radiato- Tete a re ed un rapporto fra diametro degli elementi e lun: Qungn. (a) | 0,89 ghezza d'onda di 00085 (cloe gli elementi hanno un | 15 asretts eas Giametro che € 8.5 per mille delle lunghezza d'onda | 18eah-(®) usata). Per un esempio pratico, supponiamo di dover rical- colare una Yagi peri 2 metri a tre element (direttore, radiatore, riflettore) come la prima di fig. 1 edi avere a disposizione per il boom un tubo da 30 mm e per gli elementi del tubo da 10 mm di diametro. Anzitutto é necessario conoscere la lunghezza don. da, usando la formula: 290,1 144,41 2,076 metri Il rapporto fra diametro degli elementi e lunghezza d’onda & quindi: 10 daA= > — = 0,0048 2076 Tale valore, riportato sulla curva A di fig. 2, corti 44 ‘Tab, 2- plmensioni di antenne Yagi per 492,1 MHz Secondo calcoli det NBS. americano, sponde rispettivamente ad un valore ottimale per il direttore e per il riflettore di 0,452 A @ di 0,484 A Si considera poi che il boom (20 mm) ha una dimen sone che é corrispondente a 30. DA= S—— = 0,014 2076 Tale valore, ripartato nella fig. 3, dA un incremento nelle misure degli elementi di 0,008 A; cid porta ad un valore complessivo di 0,452 A + 0,008 A= 0,460 A per il direttore e di 0,484 A + 0,008 A= 0,492 A per Ilr: fiettore. (continua a pag. 82) Elettronica Viva Maggio 1969 N94 QUELLO CHE IL CB DEVE SAPERE DOMANDA DI CONCESSIONE In questo inserto trovate anche lo stampato per richiedere la con: cessione. Le indicazioni, in ess0 contenute, do: vrebbero fare superare ogni difficolta nel compilarlo. Si tenga presente che lo stampato ha lo scopodi potere essere utilizzato per tutte le regioni italiane. Per precauzione, alcune precisazioni Je marche da bolo (da applicare in alto a destra) non devono essere annulate. Procedera, all'annullo, Ufficio del Compartimento PT che ricevera la do: manda, | certificati in pollo, penale, carich pendenti e buona condotta, non sono fichiesti, ma se inoltrati consentono utilizzo Immediato deil/apparato, Ne! caso non vengano ailegati occorre altendere 'atto formale di concessio ne, prima di rendere attivo 'apparato. Firmare ia domanda solo al momento dell'autentica della firma, Si pub face anche presso il Comune od organo da ‘questo delegato 0 direttamente all’Uf ficio Compartimentale PT a cui si con: segna personalmente la domanda, ‘Si pud non autenticare la firma. In que- sto caso occorre allegare il certficato di cittadinanza italiana e la certifica- zione della stato di famiglia. Questa solo nel caso sia stata richiesta estensione della concessione anche ai familiarl conviventi. Altrimenti alle- ‘gare soltanto il certificato di cittadi rranza italiana COME PROCEDERE 4-Compllare la domanda, Fare possi bilmente fotocopla, 2- allegare \a documentazione (certifi cali in botlo}, 3. Spedire raccomandata con ricevuta di ritorno. 4. 1n attesa, di ricevere V'atto formale gl concessione, potrete mostrare all'autorita che ve To richieda: 2 - la copia della domanda b = la riceviuta deta raccomandata © - la cartolina di ricevimento d - la ricevuta del versamento @ - la denuncia di possesso. Elottonica Viva - Maggio 1989: N. 34 DENUNCIA DI POSSESSO La denuncia di possesso @ dovuta al sensi dell'art, 403 del codice postale. Dovrebbe essere fatta preventivamen: te al possesso dell'apparato. E quindi ‘opportuno farla immediatamente. De- ve essere inoitrata alla locale autorita i pubblica sicurezza ed al Comparti meno PT, Chi richlede la concessione pud non denunciare il possesso al Compartimento PT. Qui di seguito tro: verete il testo della denuncia per l'au- torita di pubblica sicurezza locale, FAC-SIMILE orwell) OGGETTO: Denuncia di possesso ai sensi dell'art. 403 del co. dice postale. 11 Sottosoritto (nome e cognome) Nato a i abitante e residente a DENUNCIA IL POSSESSO di N° 2). apparatoli ricetrasmitten- tell di debole potenza, conosciuti co- munemente come apparati CB di mar- ca a modello? {4 gottoscritto conosciuto con il so. prannome CB ...... (sigla CB) dichiara di avere fatto domanda, all’Autorita Compartimentale PT com: petente, per ottenere la concessione all'uso per il punto 8 dellart. 334 del codice postale, allegando alla doman: da stessa | certificati in bollo: penale, cavichi pendenti e buona condotta. La presente denuncia, inaltrata ai sen- si dell'art, 403 del codice postale, é in doppia copia, di cui una In bollo, per ché questa ultima gli venga restituita con quanto apposto a conferma dell'awentura denuncia di possesso. Con osservanza (data) (firma), NOTE (1) La denuncia deve essere scritta su carta legale (da bollo). € richiesta \n doppia copia, dicui una sottanto In bollo, Indirizzarie ala Questura della propria citta od al Commissa- di Paolo Badii (Falco 1 - Firenze) riato di zona od alla pid vicina sta- alone dai Carabinieri (2) Indicare il numero degii epparati {@) Nel fac-simile @ stato indicato lo spazio per un solo apparato, Nel caso che siano pil di uno descri- verll con la stessa modalita: mar. ca, modello. Meglio se indicato an- che il numero di matricola del’ap: parato, Nel fac-simile di denuncia & stato preso in esame il caso di chi abbia inoltrato domanda di concessione indigare i certificati realmente ino! trati, Nel caso che si tratti di de- nuncia di possesso senza utilize Zione del’apparato 0 degli appara- ti, la dichiarazione di Inoliro i do- manda per la concessione non & necessaria « COME PROCEDERE 1. Fare tre copie della denuncia, di cul una in bollo, 2 « Spedire due copie, una in bollo ed tna in carta uso bollo, all’Autorita di publica sicurezza locale, a mezzo raccomandala con ricevuta di ritorno, 3 In attesa di cicevere, la copla in bollo di ritorno, potrete mostrar all'autorita che ve lo richieda: a - copia della denuncia b - ricevuta della raccomandata = la cartolina di ricevimento d= la documentazione dell'inol tro della domanda di conces: sione, ASSOCIAZIONE Soltanto | titolari di concessione CB possono iscriversi alle Libera Associa: Zione Nazionale Concessionati Elet ‘oricetrasmissioni CB (LANCE CB), Per familiar! del titolare Iscritto non & richiesta alcuna quota associativa. Possono partecipare alle attivita pro- mozionali di LANCE CB, salvo quelle proprie e consuete del socio effettivo. Modalita di adesione — Invio domanda e due foto = Invio fotocopia della concessione — Quota sociale 1983. 45, AETTROMIEA VIVA ‘Testo domanda LANCE CB - °.0. BOX 1009 50100 Firenze IN Sottoscritto... (nome € cognome) fa domanda di associazione a LANCE GB e conferma quanto indicato nella fotocopia della concessione allegata, Autorizza la pubblicazione della pro- ria sigla. ‘nel Call-800k “SIGLE CBr italiane @ quelle dei propri familiari, qui indicate Ailegata alla presente assegno circo- lare di Lire intestato a LANCE CB “Firenze, quale quota as: sociativa 1983. Si propone di fare par. te: del soccorso civile - collegamenti sportivi data e firma quota Per Il 1983 la quota associativa é di Li- re 10.000 oppure oi Lire 25.000 questa ultima comprendente l'abbonamento annuale ad Elettronica Viva (scrivere da quale mese compreso). I socio ricevera: — tessera LANCE CB — adesivo socio LANCE CB — vetrofania auto musicassette — copia dello statuto = call-book «Sigle CB» (alla pubbii cazione). PER FARE QSO 1 Prima ai occupare un canale do- mandare, almeno per tre volte: «& libero il carale, interrogativo?» 2- Non entrare ed uscire da un QSO (collegamento radio di due o pit persone} se prima non hai chiesto di facne parte (break) od avertire del proprio QRT (cessare di tra: smettete) 0 della propria QSY (spostarsi su altro canale) 3-Rispettare Vordine della RUOTA (ordine di intervento nel QO). 4-Hon riprandere affrettatamente il ‘microtono (mike), ‘Atlendere Sempre qualche secon- do per ascoltare eventuali od eventuale «break» 46 5- Dire sempre all'inizio ed alla fine del proprio intervento Ia propria si gla CB, 6-Non dimenticare di informare a Chi passi il mike (la possibilita di parlare) rispettando lordine della twota, 7-Non sewamodulare. Mal parlare entre un altyala sta parlando. & Permesso solo nel caso di infor mare il proprio RT immesiato, hi ti ascolta in sovramodulazio- ne rispondera: Roger tl QRT. Al suo turno lo comunichera agli altri ‘component il QSO. 8-Quando chiedi di entrare in un QS0 aggiungi al break la tua sigla Break da, 9-Soltanto il «break urgenten (reali motivi di soccorso 0 simill) deve essere fatto entrare subito. Al nor- ‘male «break» si comunica di aver. lo ascoltato e quando lo si fara e da chi lo fara entrare nella ruota, Quando si chiede break si deve avere la pazienza di attendere, 10- Se desidert collegare un CB gia in contatto radio con un altro, in una particolare situazione 6! propaga: Zione o di emissione e ricezione (0X), non chiamare per superare chi gia sta parlando chiedere di «passartelon COME SI SCEGLIE LA SIGLA CB L’Amministrazione PY non riconosce la esigla CB», ma la possibile esisten za di un soprannome. IN regolamento di concessione vuole che nelle trasmissioni sia usato il no- me © cognome od i] Soprannome, se denunciato, Perché considerata un soprannome non vi @ alcuna protezione contro eventuali doppioni: Da sempre l'utenza CB si é data una regolamentazione non seritta che, pro- prio perche non scritta, non é da tutti conosciuta. Sono tre punti che non do- wrebbero essere mai dimenticati, por ricordarlo sempre ai nuovi che, quasi quotidianamente, si affacciano sui 27 Miz, 1-La sigla CB serve per identiticarsi, non per nascondersi dietro di essa. Ne consegue che occorre evitare doppioni o 'uso del nome proprio. 2+ La sigla CB non dovrebbe avere ti ferimenti esaltantiod irtiverenti_ di carattere politico o religioso. 3- Nello scegliere la sigla CB occorre: rebbe ricordare che spesso diventa, tun soprannome, usato fuori delle trasmissioni. Nello sceglierla pen- sare se é accettabile sentirsi chia mare, con tale soprannome, mente vi trovate con persone che non so- no OB. ELENCO DE} COMPARTIMENT! PT ALTO ADIGE - (vedi Trentino} ABRUZZO MOLISE - Pescara BASILICATA - (vedi Puglie) CAMPANIA - Napoli CALABRIA - Reggio Calabria EMILIA ROMAGNA - Bologna FRIULI VENEZIA GIULIA - Trieste LAZIO - Roma LIGURIA - Genova LOMBARDIA - Milano MARCHE UMBRIA - Ancona MOLISE - (vedi Abruzzo} PIEMONTE VAL D'AOSTA - Torino PUGLIA BASILICATA - Bari SARDEGNA - Cagliari SICILIA- Palermo TOSCANA - Firenze TRENTINO ALTO ADIGE- Trento UMBRIA - (vedi Marche) VAL D'AOSTA - (vedi Piemonte) VENETO - Venezia ‘A_queste Direzioni Compartimentali PT vanno inoitrate le domande di con: cessione CB (art. 334 del codice posta- le). Sempre a questi Compartimenti vanno inoltrate le richieste di licenza Per radioamatore (speciale ed ordina- Tia) e di ascolto (SWL), LE FREQUENZE CB La CB é nata in Italia con una richiesta i 23 canall 0 trequenze) sul 27 MHz e 5 watt di potenza massima. Nef 1973 fu riconosciuta ma non come pratica radioamatoriale. Nel 1974 uso di apparati ricetrasmit tenti di debole potenza (CB) sui 27 MHz fu previsto per 23 canali suddivisi in otto utilizzazioni In generale i CBers degli anni 1974 {continua a pag. 51) viva- Maggio 1983 -N. 34 LANCE CB LIBERA ASSOCIAZIONE NAZIONALE CONCESSIONARI ELETTRORICETRASMISSIONI CB P.O. BOX 1009 - FIRENZE applicare qui marche da bollo da Lire 3.000 marche da bollo da obliterare a cura dellUMicio statalericevente ‘Alla DIREZIONE COMPARTIMENTALE pot per via RACCOMANDATA R.R. eit OGGETTO: DOMANDA PERIL RILASCIO DELLA GONCESSIONE PER IL PUNTO 8 DELL'ART. 334 CODICE PT. (da compilarsi a stampatelio 0 con machina da scrivere) i sottoseritora | LI atoiai — L| »L | LI | uoge ai naseita | Lt | resident a lta dl residenza provinela sigia via, plazza occ sonics L1_| | | | n® eivieo cit Precisare il domiciio solo £0 diverso dalla residenza l LiL LI LLL provincia sigla Ll via, piazza eee. soprannome ntasmissiore |_| | | | | | |} { bi Lt | CHIEDE ‘8 norma di quanto previsto dall'at. 834 del Cotice Postale, approvate con O.P.A. del 29 marzo 1973 n. 156, la concessions per numero (numero degit apparatl por i quai si richiede Ia concessione) apparatotiricetrasinttentel di debole potenza, per lo scopo di cui al punto 8 del citato artican, sotto descritto modello matricola modelo matricola modelto matticola (ingicare gli apparecchi CB che si intende usare. Gl apparecehi CB, che non si intendono usare, si possono ‘dotenere con solo denuncia gi possesso alla Autorita locale di PS. ed alla direzione compartimentale PT) Alt'uope dichiara, sotto la propria responeabilit: 8) di essere cittadira italiano; ') che folg apparatl che intende utiizzare élsono tecnicamente predisposti per un valore massimo della potenza in Uscita del tasmettitore non superiore a 5 Watt; ©) che impieghera esclusivamente ie frequenze riservate per Il punto 8 dal O.M. 15/7177 (pubblicato sul 2OIRIT e successin! decreti 6) diimpegnarsi a versare, otto il 31 Gennaio ogni anno, il eanone dit. 15.000 per clascuno apparato sul CIC postale Intestato alla Direzione Compartimontale PT, indirizzo della presente domanda, 6.U,n. 226 del Familiari conviventi per cui é richiesta l"estensione della concessione (maggiori di 14 anni): 1 L | ato | L 3 L nwo | | | J Lo pareieia : ri | — ALLEGA ATTESTAZIONE VERSAMENTO DILIRE || || LL sul conto corrente postale numero LELL intestato a code: irezione Compartimentale PT in indirzzo della presente domands Al Uficio Postale dove essere rchiesto peril versamento Il modulo chi8 quater. I ichiedente la concessione dovra trattenere la rice: ‘wile ed allegare alla domanda di concessioneI'stastazione dl versamento. (@er ogni apparato ingieato nella éomanda 6: concessione il versamento deve essere di Lire 15.000 per intero anno in corso, se lado ‘manda viene inviata fino al 30 giugno; ci Lite 7500 se la domanda viene inviata dopo'l 30 giugno. Sul reo del modulo i conto corren {negli spaziriservat alla eastuale dal versamento servere «Canone per uso di apparato i debola potenza di cui al punto 8 dal’. {334 del Codice Postale relaliv alla domanda d: concessione some e cognome del richiedente la concessione..) — ALLEGA cen ravine otis racotrA o1 mmeniaro UTILIZZO DEGLI APPARATIIO QUANTO SEGUE: 4) cerifeato ¢i buona condotta morale ¢ cvile carta da bello rilaciato Oo {al Comune dl residenza - ») cortiticate penale, su carta da bollo. (@arrare con una X Filasciato dalla Cancelleria del Tribunale del Iuogo i origine (nascits). se allegat sat) 6) coriticato del carichl pendent! su carta da boll Rllaseisto dalla Procura della Repubblica del Comune di esidenzs. PRENDO ATTO CHE LUTILIZZAZIONE DELUAPPARATOII E DA INTENDERS! SOTTOPOSTA A RISOLUZIONE IMME: DIATA QUALORA GLIACCERTAMENTI D'UFFICIO NON CONFERMINOLE RISULTANZE DEI CERTIFICATIINOLTRATI. — ALLEGA o IN LUOGO DELLA AUTENTICAZIONE DELLA FIRMA QUANTO SEGUE: (solo ne! case ta firma non sia autenticat 6) Contficato ai cittacinanza it jana in bolo rilctati dal Comure di residenza (berrare con une X ©) Cettiticato di stato di famiglia in bolo rilasciato dal comune di residenza. ‘seallegato) : ® Date Fim La domanda dove ossereindiizzata alla Diezione Compartimentale P.T. competente per terltorio in relazion ‘chiedente, Per indriza ved! elenco teletonico alla voce «Poster. la residenza del. ‘ABRUZZO MOLISE PESCARA MARCHE UMBRIA ANCONA CAMPANIA, NAPOLI PIEMONTE VAL D'AOSTA TORINO CALABRIA REGGIO CALABRIA PUGLIE BASILICATA aa EMILIA ROMAGNA BOLOGNA SARDEGNA CAGLIARI FRIULI VENEZIAGIULIA TRIESTE SICILIA PALERMO Lazio ROMA TOSCANA FIRENZE Liguata GENovA TRENTINO ALTO ADIGE TRENTO LOMBanDiA MILANO VENETO VENEZIA (continua da pag. 48) 1977 furono contrari alla riserva di ca: ‘ali compresi nei,23 per usi specifici, fa cul il soccorso in mare od a terra Chiedevano che, queste ed altre utliz- Zzazioni, trovassero la loro idonea col- locazione su canali (9 frequenze) fuori dal 23, Nel 1977 'utilizzazione di una banda radio cittadina (CB) sui 27 MHz fu al largata da 23 2 94 frequenze. Di que- ste, 23 frequenze vennero riconosciute all'uso pid diffuso, conosciuto come (OB por eccellenza (punto 8 dell'art. 334 del Codice Postale}. Delle altre 11 fu fatta la seguente suddivisione: per soccorso ed emergenza in mare (3), a terra (2), servizi sanitari (2), commer- clali 2 € sportiv (2). Nel luglio 1977 i CBers ebbero cost ‘conosciute Ie loro richieste. Gli inte- ressati a speciali aspetti del comuni ‘care CB poterono cosi contare su 11 frequenze riservate ¢ la CB wclassicay su 23 Gl apparati a 34 canali comprendono, In genere, tutte le frequenze, compre- ervate ad usi specifici, per quali, dipendentemente dallo scopo, ‘occorre una propria concessione. Ii mercato internazionale, tino al 1977 circa, ha prodotto apparati a 23, ¢ al- uni ‘modelli modificati a 46 canall, successivamente a 40 e pid canal POTENZA DEL SEGNALE La potenza del segnale, pud essere quella con cul sié ricevutio siriceve, & chiamata SANTIAGO. € leggibile sul scala graduata dello S-meter. Chiedere il SANTIAGO significa volere ‘conoscere con quale segnale di poter za si giunge. La scala dei valorl, con cul si misura, Inizia da 0 @ termina a 8, con una ag- AEVTROMEA YA glunta in decibel, che si pud leagere sullo S-meter, di +10, +20 ete. CHIAREZZA della FONIA Quanto i! segnale trasmette via radi ossia cid che viene detto, 6 misurat con un voto, una valutazione, da 1 a5 E un rappoito di chiarezza enon di SANTIAGO (potenza del segnale). Tale rapporto @ chiamato RADIO. € il proprio orecchio che assegna il voto dda dare a quanto si ascolta, perché so- lo questo @ capace di valutare se ‘quanto dette ¢ chiaramente compre sibile 0 scarsamente o non lo @ affa to. La scala dei valori con cul si esptime la RADIO 6 la seguente: J: incompren- sibile- 2: insufficiente - 3: scarsamen- te comprensibile - 4: comprensibile - 5:ottimamente comprensibive, faggioli guglielmo mino & c. s.a.s. Via S. Pellico, 9-11 - 50121 FIRENZE - Tel. 245371 NATIONAL PANASONIC, PACE, C.T.E., PEARCE SIMPSON, MIDLAND, INTEK, BREMI, COMMANT, AVANTI, COMMTEL, LESON, SADELTA. TUTTO PER L’ELETTRONICA E1C.B. Elettronica Viva -Maggio 1989: N. 34 st GLETTROMICA WA (continua da pag. 44) 4 TI ae asap a Lagheree dept 02 aa foe aa te pelt per riflettort te | SSE aac ne 2 ous [eo ee oe) ne) ae) he] Ae] assert, Ressatore per’ direttort, as? , ost —- +H 0.0 {. 4 i . ‘s “| oo || | Datreet. [sen sor aol wa a wh bd wow Fig. 2- Relazione tra diametro dogll element ¢ lunghezze e'onda s+ spotto alla unghezza del singoll elementi costituenti ana Yagi A) Yagi lunga 04 Aa un cirettore ed un iflettore, spazial 0.2 ¥ spelto al radiatore fh) Yagi lunga 22 A.a 10cirator, un riflettore, spaziati 0:24 rah element Yagi lunga 08 A a 8 direttore, un et Yagi lunga 7.2 Aa 4 dirattri, un silletior, spaziatl 0,254 clement diraltor @ 0.2 A tra illetore ed il raciatore Yagi lunga 3.2 Aa *Sdirettor, un “feta, spaziati 0.2. ta gl eiement Dy Yagi lunga 4,2 a 19 dietton, un silettore, spaziat 0,308 A tra gl lementi ciretion e 0.2 A trarflattore ed il radiator, Landamento pit orizzontale delle cure relative ai riletori ed al primi diretton, sta a dimostare che lalunghezza di quest elementi Gimeno sensibile alla vaiazione det loro dlameto, 9) lore, spaziati 0.24 tra gli ol Si avranno conseguentemente le seguenti dimensio: ni fisiche: lungh. dir. = 2,076-0,460=0,955 m lungh.rifl, = 2,076-0,492= 1,021 m II caso in cui si dovesse ridimensionare un’antenna a pid element direttori é un po’ pid complesso; ci si puo tuttavia riferire alla seguente esemplificazione. Supponiamo di dover ricalcolare una Yagi a sei ele- menti per 144,1 MHz come quella di cui a figura 1 ed a tavola 3 (V’antenna cioe avente un boom di lun: ghezza 1,2 A) e di voler usare anche in questo caso del tubo da 10 mm di diametro per gli elementi e da 30 mm per i! boom. Per il calcolo del riflettore la pro cedura é la seguente. In corrispondenza del valore 0,482 A (raccomandato dalla tabella 3 per tale antenna) si pratica sulla cur- va C il punto R; tale punto dista dalla verticale trat teggiata proveniente dall’ascissa 0,0085 (che ¢ alla base della tabella 2) di un certo valore. Dopo avere tracciato una nuova verticale V' in corrispondenza del valore diA (lo stesso valore dell'esempio prece- dente ciog, dato che il diametro degli elementi e Ia lunghezza d'onda sono i medesimi ed avere pratica- 52 0,00 | 0,85 0,20 0,20 0,20 Ti duauetro aegis elpoynts $ 0,008.12 zitlettore 6 s7- Bato 0,20) aan nadie tee 2 Tab. 3 Lunghezze oti: antenne Yagl egli elemonti parassit! per sei tipi di to un nuovo punto ove la nuova verticale V’, interseca la curva C, si riporta su detta curva la distanza di R dalla verticale V, partendo dalla medesima linea V verso sinistra (perché se R si trova alla sinistra di V, anche il nuovo punto R’ si deve trovare alia sinistra di V"); si determina cosi la posizione di tale nuovo punto R’. Si legge infine sulle ordinate il valore, espresso in lunghezze d’onda, che dovra avere il ri- flettore: 0,485 A. Per direttori si procede nelio stesso modo, ma sulla curva C piti bassa, Nell'esempio i nuovi punti saran- no 1' -2'-3'- 4’, corrispondenti rispettivamente a di- rettori lunghi 0,443 - 0,432 - 0,432 - 0,439 A. ‘A queste dimensioni é necessario infine aggiungere la correzione di cul alla fig. 3, ricavata nell'esempio precedente e cioé 0,008 A, per tenere conto del dia- metro del boom. Si otterranno di conseguenza | se- guenti valori relativi riflettore: 0,485 +0,008 =0,493 A — 1° direttore: 0,443 +0,008=0,451 A — 2°direttore: 0,432 +0,008 =0,440 A Elettronica Viva Maggio 1989.-N.3¢ incremento jelem.(4) 03s 030 025 2020 +—— qo0e aa06 aor 002 apporto’ diam. bom e Fig. 3 Influenza dol diametro boom rmenti parassti. I! diagramma permette di ri jlungere a quanto calcolato con il diagrammma rapport esistente fra dlametro del boom ¢ lun ‘hezza onda, a0 lungh. d onda GLETTROMICA VIVA — 8*direttore: 0,432 + 0,008=0,440 A — 4°direttore: 0,439 + 0,008=0,447 A e le seguenti dimensioni fisiche: — _fitlettore: 0,493x 2,076 = 1,023 m — tdirettore: 0,451 x 2,076 =0,936 m — 2%direttore: 0,440 2,076 = 0,913 m — 3° direttore. — 4°direttore: 0,447 x 2,076 =0,928 m Alcune considerazi Lrosservazione delle tabelle e la lettura dei dati non possono dare, se non con una certa difficolta, un’idea della differente lunghezza degli elementi pa- rassit! lungo il boom. Abbiamo allora riportato in fig. 4 un gratico, ricavato dai dati di tabella 3, in modo da poter osservare in modo «aralogico» la tabella stessa. La cosa che colpisce subito é che nelle Yagi pid! lun- ghe gli ultimi otto o nove direttori hanno la medesi- ‘ma lunghezza (pid della meta del totale, quindi) e 0.44 040 Ne @) 0 04) a8) Rel. 0,48} ga Rad. | 0.46 040 So on 12) 22) 0 32) 42) Fig. &- Rappresentazione gratica della lunghezza det singoli elementi parassitl in un'antenna Yagi, distribulti tungo il boom. Elettronica Viva -Maggio 1983-N.34 53. GE GLETTROUICA VIVA ee che essi sono pit corti degli altri, ‘Si nota poi che la classica disposizione in ordine de- ofescente degli elementi Iungo il boom trova ecce- Zioni per le antenne di medie dimensioni; infatti, in quelle maggiori, gli ultimi direttori sono pit lunghi dei precedenti, Parecchi di noi avranno invece nota- to che molte antenne in Gommercio, con poche ecce- zioni, non seguono questo dimensionamente, il qua- le tuttavia presume che la spaziaturs tra gli element sia quella indicata nelle nostre tabelle. BIBLIOGRAFIA DJ. Lusis «Go for the Gain, NBS Style» -QST, agosto 1982. P. Viezbicke, «Yagi Antenna Designs - NBS Technical Note = Dic.1976. H. Yagi e 8. Uda, Proceding of the Imperial Academy - Febs braio 1928. J. Lawson, «Yagi Antenna Design» Ham Radio, Febbr. 1880. J. Reisert, «How to Design Yagi Antennas» - ‘Agosto 1980. ARAALL, - The Radio Amateur Handbook, 59° ediz. 1981 G. Hall-The ARAL Antenna Book, 14* edizione. Capitolo 5. Ham Radio, 3) Lo aM» «SCOTCHFLEX» DELLA «Scotchtlex» Breadboard System @ un prodotto «3M» che consente di passare dal progetto sulla carta al prototipo di progetti elettronici, nella meta del tempo richiesto dal tradizionale metodo Wire Wrap, 0 della saldatura manuale. | component, contenuti in un pra- tico Kit, non richiedendo saldatu- ra, e consentono la verifica imme- diata del funzionamento come pu- re di apportare eventual modifi- che. Successivamente || prototipo pud essere poi smontato ed i vari com- ponenti sono facilmente recupera- bili per essere reimpiegati in altri progetti. Che cosa contiene il Kit: Strisce termoplastiche - sono strisce con Lo Scotch DALLE AZIENDE x Breadboard & un mente dal prototipo i progett iema esclusivo dolla SM che pormette ai passare direts tronic! alla produzione, Attrezzo universale - consente di 24 contatti a perforazione di Iso- lante da un lato e 24 piedini a sal- dare dallaltro che possono essere spezzate secondo la lunghezza de- siderata. | piedini sono previsti per fori di scheda da 0,89 mm. ed ol- tre. Due i tipi contenuti, il tipo pid corto va saldato sulla scheda, It: po pid lungo va connesso con z0¢- coli per component Dual in line. Filo per cablaggio -é un filo isola- to a conduttore unico di 30 AWG. Usando l'attrezzo per Iinserzione, non @ richiesta la spellatura dellisolante. 54 Strip Cutter -@ usato per spezzare le strisce termoplastiche alla lun- ghezza desiderata, fino a 12 posi- zion Attrezzo per inserzioni - una parte serve a inserire il filo nei contatti a «Un; la parte finale a T serve per realizzare il collegamento fra le strisce a inserzione e lo zoccolo. | basso profilo di ogni contatto a «Us aluta ad eliminare l'effetto an- tenna del wrap post assicurando percid una maggiore immunita dal rumore, specialmente in cir- ouiti ad alta velocita. estrarre facilmente gli zoccoli e di Inserire o rimuovere le strisce ad inserzione senza plegamenti o rot- ture di contatti. Gli zoccoli- il Kit di base contiene i tipi a 16,24 e 40 contatti che han- no un contatto ad «S» in rame- beriliio che accetta un piedino IC dall'alto e un piedino di una stri- scia ad inserzione, dal basso. Lo zoccolo fornisce una interfaccia fra.un Dualin line ed i contatti stri- scianti Elettronica viva Maggio 1989 -N.34 Sempre piu interessanti le applicazioni dell’ Arseniuro di Gallio In questa serie, in due puntate, si tratta delle prestazioni del GaAs specialmente per quanto concerne le microonde. Cid non esclude che prossimamente, se argo- mento gradito ai lettori, si parli a fondo della Optoelettronica, ora solo accennata, anche se il Gallio é stato uno dei componenti principali del suo rapidissimo evolversi. MICROONDE ED OPTOELETTRONICA - IL GaAs SPODESTA IL SILICIO E piuttosto recente I’annuncio della Siemens ineren te un nuovo «modulo amplificatore-convertitores di tipo commerciale, per 12 GHz. Il modulo, sigiato SMG 98128, grande quanto un pacchetto di sigaret te, comprende: preamplificatore, mescolatore, oscil: lalore locale per queste elevatissime frequenze. II suo scopo é quello di consentire la ricezione diretta della TV da satelliti geostazionaril: ¢ che quindi, in quanto ubicati sopra I'Equatore; distano oltre 38 mi- la chilometri da noi Se tutto il guadagno dell’antenna ricevente (parabo loide di 90 cm) viene attribuito al rapporto segnale/rumore per una ricezione TV di buona quali 18; occorre pensare che la soglia del ricevitore pre. ceduto dal modulo 98128 é nell’ordine di —140 dBw, Queste eccezionall possibilita, introdotte in un arti colo commerciale d'intrattenimento costringono a rivedere numerose posizioni ed opinioni nei riguardi dei pil recenti progressi nel campo delle microonde, Tali progressi, come ormai da un decennio; ci vengo- ‘no dalle applicazioni del GaAs, che sembrorebbe aver spodestato il Silicio. Anche nel nuovo prodotto Siemens, il preamplifica tore, con cifra di rumore decisamente al di sotto del migliori diodi, @ un GaAs FET il cui gate ha lo spes- sore di un micron:. CFY 11 Lo stadio mescolatore @ classico per le HF ed VHF; ma del tutto nuovo in microonde: esso impiega un «dual gate GaAs FET» siglato CFY 20, che riceve il segnale L.O. da un oscillatore pure ai GaAs. L’amplificatore post-mescolazione ¢ infine, l'inte: grato monolitico ai GaAs siglato CGY 21 Indubbiamente dopo questa notevole applicazione di tipo commerciale a 12 GHz, gli orizzonti del GaAs si allargano ulteriormente: & stato un progredire ver tiginoso quanto recente Elettonica Viva - Maggio 1989-N, 94 I pregi del GaAs Fino a pochi anni orsono infatti si parlava quasi esclusivamente di semiconduttori al Germanio ed al Silicio; anzi, col progredire della tecnica, sembrava che |! silicio dovesse decisamente prevalere su ogni altro tipo di semiconduttore. Poi, con l'optoelettronica, comparve Il GaAs, ossia l'Arseniuro di Gailio. Gon la produzione su vasta scala di questo semicon: duttore e col perfezionamento dei processi per ele- varne il grado di purezza; si sono vie-via scoperti, nei laboratori di ricerca, aspetti particolari di esso, non: ché pregi tali da farlo ritenere un semiconduttore privilegiato per le applicazioni d’avanguardia, II GaAs, a parte la optoelettronica, da cui ha preso le mosse, si é rivelato un eccellente semicondutiere Per i dispositivi a microonde ma dovrebbe avere an. che un considerevole impiego in applicazioni Indu: striali 1! GaAs & un composto binario: Gallio (con tre elet- troni di valenza) ed Arsenio con 5. Quale composto- semiconduttore, esso presenta un numero medio di 4elettroni di valenza, cosi come il germanio ed il sili cio Per il GaAs, il salto d’energia per il passaggio degli elettroni daila banda di valenza a quella di conduzio- ne @ di 1,4 elettronivolt, contro 0,7 e V del Germanio ed 1,1 eV del silicio. Questa proprieta ha dei lati po sitivi, nell'impiego industriale, ma anche nel com portamento alle temperature maggiori di quell’am: biente: si ricordi gli inconvenienti dei diodi e transi: stori al germanio, con l'aumento della temperatura Peraltro nei semiconduttori drogati, la mobilita degli elettroni é indipendente da tale valore: difatti, espressa tale mobilita in cm? per volt al secondo, si rileva come nel GaAs tale mobilita sia superiore: 5500, contro 4000 del Germanio € 1400 del Silicio. 55 GLSTTROMEA WMA Tale maggior mobilita, a cul corrisponde una minore resistenza di giunzione, é come vedremo, un fattore positive per il basso rumore nella ricezione delle UHF ed SHF. Anche la bassa costante dielettrica é un’altra caravteristica apprezzata per l'impiego in microonde. La stabilita all’aumento della temperatu- ra infine, pone questo semiconduttore in posizione di vantaggio rispetto al due pid noti GaAs are Fig. 1- Velemento GUNN é una barrette dl GaAs divenuto tip con drogaggio leggero. Alle estremita della parte attiva vl sono con {alti ohmich ottenuti con drogaggio pesante, pure di tipo ane. I ‘GUNN non 6 un diodo a giunzione: la caratteristica diresistenza ne sativa 81 deve ad una peculiaita ¢ questo semiconduttore:difatt {o sfasamento fa corrente e tension si deve alla rapiéa stuga ci pacchett di caricher che dopo essersi ammassati ad un polo, si Sposteno verso quello opposto. substrate n* nastro doro reoforo di ‘enodo Ui PS dissipatore in | rame e reoforo di catodo ploccat. ol 7 Stroterello nt Stroro“n” ottivo di lon Fig. 2- Costtuzione di un elemento GUNN. Lo strato aitivo, ossia il vero elemento, ha uno spessore picoolssi ‘mo, dato dal rapporto tra velocita gi scorrimento del pacchett! di, Cariche e frequenza di oscillazione. ‘A410 GHz tale spessore é dl cirea 10 micron, Le varie part illustrate in figura sono otteny (tecnica opitassiale) mediante un ben regolato ‘materiale drogante pit ioni metallic 2 sovrapposizione impianto dl loni» 56 Migliori diodi Riguardo alla resistenza ed alla capacita di giunzio- ne ad esempio, € noto, che nello stadio convertitore d'una supereterodina per microonde iI contributo globale di rumore (f,) & dato dal prodotto: Le (fy +Ni—1) in oul; L, = conversion loss del diodo mescolatore; N;= temperatura di rumore del diodo; f,,=fattore di rumore dello stadio Fl a valle del me- scolatore. La perdita di conversione L, dipende a sua volta in maniera considerevole, dalla Capacita di giunzione Cy ¢ dalla Resistenza in serie R,; quindi i diodi pro- dotti con GaAs, che possono avere una C, minore in virtl della pit bassa costante dielettrica del semi- conduttore ed una minore resistenza, per effetto del- la maggiore mobilita degli elettroni, dovranno in de- finitiva, essere migliori dl alte In effetti, si osserva che i diodi tipo Schottky, ossia con giunzione semiconduttore-metallo, al GaAs; possono avere una cifra di rumore che tende ad un max di 6 dB, quando la corrente impressa dal segna- le dell'oscillatore locale é da 2 a3 mA; con una L, di 4B; contro 7,5 dB di rumore ed L., di 6 dB, per diodi Schottky al silicio, Pregi di basso rumore si riscontrano pure, nel diod! al GaAs del tipo a capacita variabile, per amplifica > sé Zone di oscillaz, persistenti —, of _ L 5 2 4 6 & 0 Polarizzazione 2 veo Fig. 3- Al erescere dela tensione, il GUNN si presenta come una re sistenza positive, ma superato i! welore di soglian si ontra progres sivamente in rogione ol resistenza nogativa, questa per polarizea. ni tre Be 10V c.c produce Io sfasamento voluto, ossia 180° 1a Ia corrente prodotta dal movimento dele cariche ela tensione ap plicata. Elettronica viva -Magglo 1983 .N.34 tori parametrici, o per la sintonia elettrica nelle mi- croonde. I parametrici in particolare, anche se non raffredda- 1i, possono scendere a temperature di rumore di soli 75k, con quadagno netto di 10 dB. Transistari per microonde ultima novita, pec modo di dire, perché se ne parla gia da qualche anno, sono i FET realizzati con semi- Conduttore GaAs-FET ovvero MESFET a basso ru- more, a parte i Siemens citati aiinizio ma non facil- mente disponibili per lo sperimentatare privato; ve ne sono gia parecchi in commercio, a prezzi assal ragionevoli. Ad esempio: il $3090 ha Nf =0,7 dB in 432 MHz mentre lo MGF 1400 presenta 0,4 dB In questa gamma e 0,9 dB in 1,3 GHz. Un tipo commerciale, che fra Valtro, essendo qualift cato «di potenzar pud anche avere un output di 250 mW, presenta una cifra di rumore sotto 1 dB, a 432 MHz, e 2,5 dB a 1296 MHz; ormai non @ pit una novi ta specie se raffrontato ai recenti prodotti per 12 GHz cul accennavasi prima. Nella trasmissione in microonde, i MESFET ci riser veranno delle sorprese, anche s¢ finora le maggior! potenze, accompagnate dai migliori rendimenti, so: no offerte dai Varactors moltiplicatori, pure prodotti con lo stesso semicondutiore. Generatori | lavori sperimentali di W.T. Read della Bell e J.B. Gunn della IBM, hanno avuto conseguenze, per ora inealcolabili, nell'avvenire nell'impiego avvenire del le micreonde. Nel prossirno decennio, per merito delle loro scoper- te sul movimento delle cariche entro barrette di GaAs, disporremo di quantita illimitate di apparec: chiature a basso costo e d'impiego versatile, dipen: denti da generatori a microonde di considerevole af- fidabilita, Per ora, il primo oscillatore, che ha avuto sviluppo commerciale ed @ divenuto assai popolare anche fra gli OM (ll gigafono) @ il «monodo Gunn» ma vi sone altri tre dispositivi che assumeranno altrettanta im- portanza, quando avranno raggiunto un soddisfa- cente sviluppo per il pratico impiego, essi sono: — il diode LSA (limited space-charge accumula- tion) ossia ad accumulazione limitata della cari ca spaziale; Elottronica Viva- Maggio 1983-N. 34 GLETTROMICA VINA — il diodo IMPATT (impact ionisation avalanche transit time) cioé a tempo di transito condiziona- to dalla ionizzazione conseguente alla valanga durto, Qualcosa di simile al fenomeno che da origine alleffetto tunnel, ma con diverse conse: guenze; — il diodo TRAPATT (trapped plasma avalanche triggered transit): transito di plasma a valanga controllata. Questi dispositivi, impiegati in cavita opportune, presentano resistenza negativa e la corrente viene ad essere in opposizione rispetto alla tensione. Mentre nella conduttanza positiva, tensione e cor- rente sono in fase, nella negativa si presenta la pos- sibilita di convertire la corrente continua di polariz- zazione in energia alla frequenza di risonanza della cavita. Per ora, oltre al popolare Gunn, si registrano impie- ghi professionali dell'IMPATT come diodo amplifica- tore di potenza, ma gli altri due dispositivi non tarde- ranno ad esibire, anche nel campo delle applicazioni tecniche correnti, le loro considerevoli possibilita: oscillatore di potenza il primo: oscillatore o moltipli: Catore di potenza, ma molto prebabilmente limitato al regime impulsivo, il TRAPATT. In conciusione, nei component allo state solido per ricevitori a microonde: amplificatori r.1. mescclatori, oscillatori locali; il GaAs é divenuto il semicondutte- re pit importante. Altrettanto puo dirsi per la trasmissione, ove si pren dano in considerazione: gli oscillatori in cavita, i moltiplicatori varactor, gli amplificatori a diodo € MESFET. Optoelettronica Nella optoelettronica, lo GaAs & il componente di base, i vari colori dei diodi luminescenti (LED) sono strettamente dipendenti dalle percentuali e qualita del drogaggio con altri elementi, che spostando il salto d'energia necessario all’elettrone per tornare nella banda i valenza, determinano la frequenza della radiazione prodotta. La legge fisica da cui dipende da radiazione é intat lunghezza dell’onda luminosa velocita della luce costante di Planck ampiezza de! salto fra banda di valenza e di conduzione. 87 Om GLeTTROMICA vA Ed allora abbiamo il GaAs con zinco o silicio, che re- stando in prassimita di 1,4 eV, produce radiazioni in- frarosse, seppure con due diverse A; pari a 8900 A per il primo e 9800 A per raitr. Invece l'aggiunta di fosforo sposta la luce emessa nella gamma delle radiazioni visibill: In piccala per- centuale, il fosforo, alza eil smalto» ad 1,8 eV di con- seguenza la lunghezza d’onda scende a 6800 A ed ab- biamo i LED rossi; un GaAsP maggiormente droga- to, emette luce gialla di circa 5850 A; mentre per i LED verdi essendo necessario un «salto» di 2,18eV a cui corrisponde appunto la luce verde di 5350 A, oc- corre un composto di GaP. Sappiamo che in natura, in fenomeni sono reversibi- lis gli elettroni che si spostano dalla banda di condu- zione a quelia di valenza, per ricombinarsi con i va- cuoli, liberano energia che nei LED, é in forma di on- de luminose od infrarosse; ¢ il reciproco? Se i fotoni investono in quantita sufficiente, una giunzione diodica, gli elettroni saltano dalla banda di valenza a quella di conduzione e l'energia lumino- sa induce movimenti di cariche, quindi corrente alet- trica. Dati gli insoddistacenti risultati ottenuti col germa- nio, finora le celle solati, che sfruttano questo pri cipio, sono state fabbricate con silicto drogato (per realizzare la giunzione pn). Di recente la IBM ha annunciato la produzione di cel- le solari all'arseniuro di gallio che sono in grado di convertire in elettricita il 22% della luce, avvicinan- dosi cosi, sensibilmente, al massimo rendimento teorico. Fra Valtro, mentre le celle solari al silicio, oltre al rendimento inferiore, incontrano forti limitazioni a causa dell'aumento della temperatura, che ne ridu- ce lefficienza; quelle al GaAs sopportano tempera- ture eccezionaimente elevate, consentendo una concentrazione della luce solare circa mille volte maggiore delle attuali in uso sui satelliti Questa caratteristica permette, di ridurre la superfi- cle det pannelll La possibilita poi, di concentrare la luce a mezzo di lenti poco costose, contribuisce a rendere l'implego delle celle solari conveniente, anche in numerose al- tre applicazioni, oltre a quelle spaziall Potrebbe darsi che un rapido sviluppo delle celle al GaAs rendesse in poco tempo obsolete quelle at- tualmente in uso, e quindi il loro costo, come «sur- plus» potrebbe discendere considerevoimente. Ailofa un pannello come quello riprodotto in figu: ra 4, per alimentare una stazione QRP: 12 V —100 mA, potrebbe essere alla portata di tutti; mentre | 700 dollari ora necessatl per ottenere dal sole una potenza di 25 W: 16,5 V —1,5 A (ricarica d'un accu- mulatore) potrebbero subire un drastico taglio. 58 4- Com questo pannellino, montato entro una cornic ‘om WiFB oltiene +2 W per ailmentare una stazione GRP. Irpanneliina, impostato ev una tepiedi per fotografie, &orlentato verso il sole; ogni ealia produce 08 vot I3VHF ‘© Apparecchiature per radioamatori mazzoni Ciro « Impianti di Radiocomunicazione per uso civile 37139 VERONA * Ponti radio * Navigazione Via Bonincontro, 18 marittima e aerea sTel. (045) 574104-574488 assistenza tecnica insta\lazioni Elottronica Viva Maggio 1983 .N. 34 Le nuove gamme WARC sul ricetrasmettitore FT 101/277E Abbiamo pitt volte affermato che «un vero OM» non deve aver paura di modificare, aggiu- stare, ricalibrare, i propri apparati anche se essi a differenza di quelli d’un tempo, sono piti compatti, pitt complessi, meno accessibili. La descrizione delle modifiche pubblicata lo Scorso mese, ci ha fruttato parecchi consensi: sappiamo di OM che finalmente si sono decisi a «guardare dentro lo FT 101» hanno studiato quanto suggerivamo ed ora aspetiano, per ini- ziare il lavoro, la conclusione. Eccola: in questo numero si parla di modifiche al finale; ma so- prattutto di terature. da Old Man studio di HB9TL nella rielaborazione di I1ZCT (2° parte) Comtinvazione e conclusione due condensatorl 0136 versa il centro del settore a (470 pF) e 6133 (5000 pF). circa 7 mm dal piano di E- Modifica al pi-greco ed alcom. 5 ( ) Dal contatto strisciante del questo e termina a sette ot- mutatore settore S1m si dissaldino tavi di spira dalla presa dei 25, L9, ©28 ed i coliega: 18 metri, verso quella dei 1 () Dopo aver tolto l'intera cu: menti al variabile VC2, al 20 m, con una saldatura stodia esterna dell’appara setiore Stk ed a! settore lunga'circa 7 mm. La salda to, si tolga la gabbia di pro: Sil tura per i 17 m é quindi da tezione dello stadio finale 6 ( ) Si tolgano le due viti di fis- effettuare, con un saldato- (PA), rimuovendo le sei viti saggio al pannello interno re ben caldo, tra la presa di fissaggio; si estraggano della bobina L8 del filtro a dei 15 me quella dei 20 m, guindi le vaivole final! per pi-greco. Si tolgano ora i evitando ponti di stagno non danneggiarle durante due dadi alla fine del com- che cortocircuitino le spire il lavoro mutatore in corrisponden- della bobina. 2 () Si dissaldino i due conden: za del settore Sim, unita- 8 () Dalla posizione WWV dei satori 023 (7000 pF/1500 V) mente alle ranelie’ elasti- settore Sim, seguendo le C125 (100 pF/1000 V) dal- che ed a quelle di spesso- indicazioni di fig. 4, saldare Ja impedenza di blocco L7. re. A questo punto il setto: un conduttore di rame ar. Quest'ultima viene svitata re Sim, assieme alla bobi. gentato @ 1,2 mm lungo dalla parte inferiore dello na LB del filtro a pi-greco, circa 8 cm piegato in modo chassis e piegata verso il possono essere tolte con che non si awvicini troppo ventilatore al fine di trovare cautela verso l’alto, senza alla vite di fissaggio del abbastanza spazio per po- danneggiare i collegamenti settore stesso ed agli altri ter dissaldare la bobina del al commutatore (con un po’ terminali, che termini alla filtco a pi-greco LB ed il set- di pazienza e .. di tatto}. seconda spira dopo la pre- tore Sim del commutatore. 7 () Dal settare Stm togliere il sa dei 20 m, verso quella 3 () Si dissaidino i coliegamen- ponticello fra la posizione dei 40 m della bobina L8 ti di L8 al condensatore di 10C e 10D. Come é visibile del filtro a pi-greco. placca VX1 ed al settore nella fig. 3, un conduttore 9 () Con la necessaria cura, la St di rame argentato da 1,2 bobina LB ed il settore Sim 4 () Si dissaldino dalla posizio- mm é saldato sul terminale vengono nuovamente mon: ne 160 del settore Sim i della posizione 10D, attra tati nella primitiva posizio Elettronica Viva -Maggio 1983-N.34 50 GLETTROMEA WIA Fig. 3 particlare dl settore Sim ode if reco: modifica per! Fig. 4 - Particolare dot settore Sim o dolla bobina del tito @p-greco: moditica peri 30 ett. ne. Dapprima iiset- tore Sim sulle viti del com- mutatore con le relative ra- nelle; poi si fissa la bobina LB con le due viti al pannel- lo interno. Le due nuove prese vengono sistemate megiio ed il commutatore viene prevato per control- larne ia meecanica. Si ripristini la posizione pri- mitiva della impedenza di blocco L7, con il suo fis- saggio allo chassis, 10) 11 () Si saldino ora i collega- menti della bobina LB del filtro a pi-greco al conden- satore VCi od al settore Sij, In corrispondenza della po: sizione 160 del settore Sim si saldino i terminali liberi dei condensatori C136 (470 PF) e C133 (5000 pF). Ai contatto strisciante del settore S1m si saldino nuo- vamente L25, L9, 28 ed i 12() 13 () collegamenti al variabile VC2, al settore Stk ed al settore StI. 14 () Sulla parte superiore, i due terminali dei condensatori €23_(1000_pFI1500 V) e (C125 (100pF/1000 V) vanno saldati nelle due asolette della impedenza di blocco L7, come @ indicato nella fi- gura 24 del manuale diistruzioni dell'apparato. Dopo aver controllato tutte Ie saldature ¢ la disposizio- ‘ne dei componenti, la mo- difica @ terminata. Si monta la gabbia di prote- zione del PA, fissandola con le sei viti, avendo natu- ralmente rimontato le val- 16) Fig. §- Nuove Indleaatoni sul panneliotron- tale. TARATURA Per facilitare la taratura, I'Autore ha marcato sul pannello la posi- zione di ogni singolo trimmer con il riferimento alla relativa banda. Sul pannello frontale, inoltre, so- no state aggiunte con dei trasferi- bili te indicazioni necessarie per Videntificazione delle singole ban- de: in Iuogo di 11 € stato indicato 12; 10D @ stato sostituito da 17; WWV é divenuto 30. Cid é stato fatto, oltre che per il commutatore di banda, anche per il preselettore e per I'accordatore di placea (fig. 8. Taratura degli oscillatori a cristallo Diversamente da quanto prescrit- todal manuale d'istruzioni dell’ap- parato per cid che attiene alla ta- ratura (pag. 28, art. 14), si inizia dalla posizione 10C @, con il che C23 ad un terzo circa della capa- cita, si regola T11 per lottenimen- to di 0,3 V al punto di prova TP sul- la piastra PB-1181B (misurati con voltmetro a valvola). Sulla posizio- ne 17 (gid posiz. 10D) si regola TO24; sulla posizione 12 (gia po- siz. 11) i regola TC20e sulla posi- zione 30 (gia posiz. WWV) si regola C25 per l'ottenimento della stes: sa tensione di 0,3 V. Taratura del miscelatore, del dri- ver e degli stadi di ingresso Diversamente alle istruzioni det manuale (pag. 25, art. 13), si inizia dalla posizione 10C su 29,500 MHz, ponendo TCS in posizione centrale @ regolando T102 e T103 per la massima uscita su carico fittizio. || preselettore é in prossl- mita del segmento dei 10 m (gra- dazione 9 della relativa scala). Ri- petendo | passi da 1 a4, si regola it trimmer per la banda dei 12m; il asso 7 é invece relativo alla ban- da dei 17 m ed il passo 8 é per la banda dei 30 m. Si ricorda che I'in- dice della manopola deve trovarsi sulla corrispondente posizione in- dicata sulla scala, Si effettuano infine i passi da 9a 18 ed anche la taratura é ultimata. Elettronica vive Maggio 1983 -N.24 WGNAA BAY ANA, ome linia} af ieee see ae ‘ie \/\/\ Panorama del radioascolto internazionale ““8==2~ La staztone d'ascolto di Salvatore Placanica, dl Cal Montenotte - SV. finciso culturale 1983: ANNO MONDIALE DELLE CO- MUNICAZIONI (dall’opuscolo-programma 1983 della Ra- dio Svizzera Internazionale) Por tutto anno, una scorpacciata di co rmunicazioni in tutte le salse. Con collo ul, riunioni, simposi @ congres:i Non & proibito ignorare le consegne ¢ sorridere di questi «anni santi» decretati Elettronica Viva Maggio 1983-34 EFFETTO RADIO politica laica dalle Nazioni Unite. Anzt pu anche ¢ssere una forma di saagezza. Poré, & meglio apprefitare delloccasions oferta, per distillare la lina vitale del te sma proposto par dodici mesi ala rillessio: ne generale. Una strada ce la indica letimolegia: in comunicazione, c'@ messa in comune. Pri ‘ma fra lute, Radi Svizzera Internaziona- enon ha i diritio di ignorarlo. I suci stu: die le sue antenne si ergoro nel cuore di lun paese che ss fondo rappresenta pro prio una perpetua ricerca delle messa in ‘comune. Gli stati che lormano la Svizzera hanno rinunciato allessenziale dela lo- ro sovranita per entrare nella Conledera 2ione. Hanno scelte di arricchirsi delle lo ro di-ersita, anche a costo di privarsi dt ‘leune proprie particolarta In questo campo, non si prende una deci 61 ELETTROMICA VINA, La redezione italiana dolla Radio Svizzera Internazionale. sione in un baler docchio per pot reali zarla a forza di decreti, Bisogna maturar Ia a lungo, anche l'eveluzione compor- 4a degli alt ¢ bass © perfino desl atti Ma in utto cid, v1 ftee queleosa che va lela pena di comunicaze al mondo? Il mo. dello svizzero non & forse come cert abit alte mode: unesclusiva precia al co- rune morlale © poco adits alla vite quo- tidione? Certo, quando si crede ai aver trovato la nicetta di una certa armania, si & sollecit fino allindir-rezione nel volerla insegna: re.agli altri ad ogni costo, E molta meglio andare per la propria strada senza osten: CALENDAR i compleanni delle MAGGIO Le‘i9s0 L?'1960 5/1961 US 196) Progreso da uazoire'Braslla R. KSBU/Corea del Sud Fi. Habana Cuba/Cuba R. Provincia Sonte Cru Argentina 15/1962 _R. Ganbia;Gambia 1/5/1964 TRT Ankore Turchio LS'1964 R. Alvorada LondeinaBrasite 62 fazione né proselitismo, facendo sempli- ccomente mostra di cid che si cerca di es: sere. Questaé lopzione acottata da Radio Svizzera Internazionale, che non vuole essere una votrina di propaganda, un bbenco d'esposizione, un’agenzia di collor ccamento. Quando e'I'itenzione di con- vinoere, la comunicazione @ perturbala La voce che in un luage pubblico copre le altre, fa spesso sfoggio di vanit’, Una voce forte non & necessariamente una vo- ce piena. Si impara di pit da chi non ha Vambizione di dominare il proprio inter- locutore. Allora ei, che uno scambio & possibile. Radio Svisrera Internazionale ‘pon rompe i timpani ai suoi ascoltater stazioni 119/196. Boos del Combeima Colombia as ‘onde corte) SWABC Windhoek/ Namibia WAP Forth Wortt/USA R. Canada relay RTE Portage R. Edueadora Parnoiba Brasla Deutsche Welle Germania Federa Lens 25'1922 25197 4511922 RADIO Cerca pluttosto di dislogare. Di ascoltar: I, oltre che di rivotgersi ¢ loro. Se ci preocoupa del prestigio, si Inquina la co: municazione. Perché canton! cattolicte protestant nc cchi e meno agitat, urbant e ruralt poss no convivere e collaborare, gli Svizzeri hanno dovuto e devono tuttora impeanar. sper abolire ci diritto — e net limit det possibile anche d) fatlo — inuguaghianca, he & fonte di aggressivita. Sec’ un po" so dove si & diventati maettri nel'arte di “smussare gli angoli é proprio la Svizzera Atal punto che queste passione del live} Jamento induce certi giovani Elvezi ar. voltarst, perlino con la violenza. Certo, bisogna evitare che il consenso generale loci nell'appianamento (appiatlimento?): ma che omaggio alle ragione, scegliere Insiome la modesta via del compromesso per consolidare la concordial Radio Sviz: zeta Internazionale @ pervasa da questa atmostera, poiché sa che la volonta di de- minio ostacola la comunicazione. La ditficolté ai mantenere la coesione nel vvariopinto mosaic della Svizzera pud an che avere quale contropartita Un ecce: v0 more dello scontro aperto. Una vergenza & subito tacciata di dividenza; la polifonia viene scambiata per cacolo: nile Ma se non altro, in quest’angolo di terre Ron regna né unopprimente unanimitd né un pesante sllenzio. Radio Svizzera In snazioniale ha il dirito ed il dovere di farsi pottavoce di tutt | pareri di uns so: cietd pluralista, Non pud ignorare che senza liberia la comunicazione 8 morta, Frangois Gross ‘ioralita@ membro del Comilao Centrale dalla SSR, Socials Svisuera di Raditolevisione FONICO as1976 551960 FSig77 8 1933 231970 es1970 wos024 Fi. 1° de Marze Paraguay WWBAS), Petarsburg/U5A, BR. BenguasCamerun R. France Internaticnale’Francio 3B. Syd. Som FEBA Seychelle/Seychelles ‘Sisdoutscher Rndlunk/Germania Federale (CHNS Hatitas-Canada ise tronica Viva -Maggio 1989-N.36 lasioss vsrisas iasige) vaysi9e3 B BR. DDR/Germania Democratics Dil, Asuncign Paraguay W593. Guarojd Florianopolis Brasle 11W5:1862_R. Mil Rep, Dominicana 1451968 _R. Chaco Boreal/Paraguay 16=1941 La Vor dels Libord/Rop. Domin- ABC Radio Austral Australia XEQ Ciudad de Mesico/Messico R, Praga Cecoslovecchia insnsaz 17851958, iF 19873 START 1981975 IBA Plymounth Sound Gran Brete: ‘gna Facio 4VEH/Fot WGR New Yari/USA R. Moderna/Hondurat , Caracas Veneauela IBA Mercia Sound Gran Bretagna R. Dit Nacional del. Ecuador: Ecuador Fit de Gotonia/Brasle R. Rajacle"Argentine WEEF Jackson USA WYYZ lasper/U5A 2075/1950 ari 215'1949 291906 23'5'1960 24°5/1861, 51958 2505 1970 25.51973 2505/1973 principianti si nasce... TARGET = SCHEDULES + LOGS! Dopo aver affrantate © superato il primo irmpatto con le stazionl estere di radioc- fusione (rbroadcastingss) in modo gre doale © progressivo, il radioascoltatore ove essere in grado di programmars | futur ascot lrttonds le ozioni acquis te durante il primo petiodo di approccio. Lobietvo consistors nella ricerce ol nuove erittenti sulla base di notize roe- wate attraverso segnalazioni dt orari e ascolt apparel su pubblicazio’ spectalz Zale. Si deto orari ed asclt perché et sie una neta separazione ta f primi ed | second Loran (schedules) & fornito dall'emt tente ed indica una polenziale possiilta dlascolto pit probablle nelfazee a cui & indirizzao ogni singole programma; la segnalazione di un ascolto da al a fettuato (slog) indica la reale ricerione el programma e ne precisa la quali E subito evidente che una programmazio ne basata escusivamente sy altrut segna lazioni necesita di minor impegno rise tp alla previsione basata si wachedless che debba toner conto di inerferenze © Un‘ultime cosa, perairo riscontrabile an- che in mote emisoras LA durante le serate dei week-end, ciod quando noi solitamen- tfacciamo il DX: la messa in onda di pro- ‘grammi musicali con motiv) sentimental, ‘amorosi, fat apposta peril divertimento flo svaqo dei giovani, nitrasmessi nei clr- coli ¢ nelle locali balere («la voz del re: ccuerdor, «juventud y alegrias, la nueva ola del recuerdor, cc.) Le condizioni di ricezione 1 segnali sono generalmente scadent, & bene dirlo subito, a scanso di facili equi ‘voc, facili entusiasms; essi ct giungono, eccetto quelli delle slazioni pit potent per un intervallo di tempo che dic mente supera i 30=60 minut, salvo rath ‘casi. La parte centrale di questo periodo & quella ottimale per cercare di caplre qualcosa; quella iniziale, non di rado, & caratterizata dalla presenza della sola portante (cio® azriva il segnale sotto for- sme di soffio ma non audio) o dal fading (evanescenza) pluttosto intenso. In pre> senza di tali offi risultera sompre pid chiara la ricezione della musica rispetto ‘al parlato, a causa dei microfoni di qual ta scadente o sto precario oppure di mi xer mal regolati da mani inesperte, in {quanto i fon! alt ne vengone privilegiat Elettronica Viva Maggia 1989-N. 34 Anche quando la stazione sta scomparen do nel fading © nel ORM succede pit! o meno la elessa cosa Se oggi un dato segnale ci arriva bene, ddomani pud darsi che non sa pitt: parti colarita quindi de segnali andini quella della variazione notevole dell'intensiti, anche da un giamo al'atro, indipende temente in cert casi dalla prevenza o me no dei restanti segnali LA; in breve, po- trete trovarvi in una mediocre serata LA ma con buoni anche se sporadici segnali andini (e viceversa).. Le condizioni di ricezione non dipendono fovviamente solo dalla buona propagazio- ‘ne, o dalla bonta o meno del sistema d’an- enna, ma molto importante & pure il rice- vitore: un RX casalingo certamente non & alleliezea di questi impegnativ: segneli (vale la pena di dirlo...) e grosse preteso ron si potranno nemmeno nporre nei pid ‘economici ricevitori per comunicazione; ‘certo, davanti a serate eccezionali, ad ‘operator esperti tutto pu) accadere! no: le che non intendono scoraggiare nessu ro, anzi, ma gervono ad inquadrare mag slormente il problema; non sara certo fa- cile come collegare un OM daa antipo di, al maitino, su un canale libero! Gli orari di ricerione Dalle 2230 fino alle 0530 UTC, teorica mente, ® sempre possibile ricevere qual ‘cote dat paesi che stiamo prendendo in ‘esame. Alcune precisazioni sono perd do: vverose; Innanaitutto 61 sono le differenze {ra stagione e stagione: da maggio a otto- bre risulta_privilegata la fascia 2230+ 2400 UTC per quento riguarda la ‘Bolivia ed il Peri; le ecuatoriane possono ‘comparire dopo le 0100, tranne qualche Dalle 0400 in por si possano ascoltare al tre stazioni del Pert ¢ dell'Ecuador, ma cari su canalilasciti beri ed occupat in precedenza da venezuolane e brasiliane, manire & noto che fe boliviane tendono a Cchiudere prima, quasi mai dopo le 0400 ure. Da ottobre a maggio le cose si complica zo un po le aperture diventano imprev bili, le staziont-faro sono meno credibil fe postono arrivare strane stazioni anche per poch! minuligollanto. In linea di mas sme, comunque, la fascia mattutina finan ‘00 16 0600 risulta essere pit probiica di quella tardo-serale. Aueenaione inolite alle stazioni brasiliane della regione amazzonica che spesso preannunciano qualche ora prima, data Ja vicinanza, buona o cattiva propagazio- ne verso Altiplano: un esempio sopra tut, @ Radio Difusore do Amazonas da Manaus sui 4805 He, Limprovedibilita @ legata enche al fatto ‘che i segnali postono giungere pure da Est, via Pacifico e quindi Asia, sempreché non ct siano conseguenze aurorali lango 41 percarto tali da deviere il campo elet- tromagnetico. Lorario di chiveura Altra carateristica di queste emittenti & Virregolarita dell'orario di sign-of; alow: ne di esse sono cosi radicamente indisci- plinale che si he davvero limpressione ‘che il locator» spenga il tutto quando ali ‘viene tonne! la verté probabilmente non @ lontana da questa ipotes: perch l'inter- ruzione a volte @ repentina, sul pitt bello i un brano mosicale o di un programme In pieno avolgimento! Normalmente viene ‘rasmesta una colonna musicale no-stop & dopo annuncio complato viene mesto in onda I'inno nazionale, nella maggioranza ei cas ” ME ALETROMEA VO) AS Lannuncio Esl momento pit imp srtante dell'ancors presunto DX; aquzzato bene le orecchie allo scadere dellora, di ogni mezzora, prima e dopo gli annunci pubblicitart @ ‘catena. Lannuncio standard suena pit o meno cost: «Desde la ciudad... provincia... tran smite Radio/Radio emisora‘La Voz defRadio Ondae...». Seque solitamente il call (la sigla) deliemittente sia in onda ‘media che in onda corla ele due pit fre ast 4826 Kne HABE RHE ny Caratteristica & anche la presenza di uno slogan, di un jingle sempre uguale, di luna musichetta di sottofondo. E importan. tissimo identificare attentamente una sta Zione prima di segnalarla in giro per il mondo: Iuso parallelo del registratore, rmagari con una cassetta C90 per una ade ‘quata autonomia, diventa gut davvero in: ispensabile; 2818 poi facilmente agevole risentire pitt @ pit volte lo spezzone di programma inciso, riuscendo @ cogliere particolari del parlato suggiti ad una pri rma audizione (il suggerimento @altrettan- to valido In linea generale! Le conferme Tralascio slavolta un esame pit accurato 72 stazione per stazione per due motivi: par- Jaro delle stazioni pit gomunl sembrereb- be presuntuoso, perché sono tutte rare o rarissime e non vorrel avere sulla coscien za qualche vecchiat uccisa da Satelit lanciato dalla finest. In seconde luego bisognerebbe dire di tutte pi 0 meno le stesse cose e non ab- blamo cento pagina a disposizione! Consiglio vivamente di non fidarsi del WRTH, in patticalar modo per le staziont andine, perché Ie medesime cambieno frequenze ed orari con un ritmo lrenetico; {bollettin! seri sono molto pi utili ed ag glornat Danque, per quanto riguarda i rapporti di rlcezione, quando scrivete ad une di questo stazion! provate ad immaginare come possa essere fata, organizzata, ge fa; te nen et riuscite da soli ve la dice to: nella gran parte dei casi si tratte di una stanza, due o tre persone al massimo che fanno un po’ ds tutto, dischi di mustea lo- caleo, se occidentale, molto vecchi, con i classics oldies (dunque se sentite I'ulimo dei Clash pensate a tut'altro; col Beatles snvace va un po’ meglio!) implant antidi- Joviani, insomma una cosa alla buona, t= po emittent! private iteliche primissima (Quendo scrivete dunque cercate di dare lun tono personale alla eters, nom infarc tela di cose tecniche tipo codice SINPO, oordando che non hanno nessun inte resse particolare a rispondere e che, se lo faranno, sar& sopraituto per lentusiasme da voi suscitao, per la quantita di infor- ‘magion! dettagli che sarete riuscit! a sspremerer da quel misero segnalino, ascoltalo In modo cosi precarto. Assolutamente inutile inviare IRC (buoni di risposta internazionali) perch® del tutto sconosciatt negli wllict postal perferici: serebbe invece molt6 comade avere a di sposizione francobolli nuovi di quel pae- 5, ma non sempre & cosi facile. Diidate degli indirizal con «casillar, jiréns, aperiados, ecajén» poiché anch‘ess! ‘cambiano spessissimo; fidatevi della ca- sella postale invece nel paoseti dell inter: no, dato che la posta non viene recapitata al domicilio ma gisce spesso neglt ullici postal principal, dove appunta enti, cit fe... @ sta2ioni radio vengono a ritvarle periodicamente, Tnutile aspettare col cuore in mano giorno dopo giomo una conferma LA, ancor me- ro una sconfirmaciéne andlina’ in rari ca- si arrive dopo 30 glorn!, pit spesto ci vo- Glione vari mes), anche in intera anno! Inviare la cassatia C5 0 C10 & quasi som pro utile ma dispendioss in quanto, per es- sere siouri che arrivi, andrebbe Inviata come une lettera in Busta chiusa: la lunga milizia nel DX attivo porta ad escogitare vari stratagemmi per cercare di essare aplendidi e quindi efficaci ma spendendo 1 meno possibile: spedite per via sores in busta chiuse il normale rapporto eppot fate sequire, anche per via superticie, un pacchetto postale con la sola cassetta re- Glstrata, dove magari avrete inciso il vo- sito recapito ed | riferimenti essenzial del ‘apporto originale; & capitato a pit di qualcuno di ncevere anche due distinte cconferme per lo stesso rapporto! Usate inoltre, se compatibile con le vostro sinanze, la raccomandazione, Conclusions Difficolt di ricezione abbinate spessiss mo a conferme ricevule col contagocce: vera giota nellascolto di musiche e pro- {grammi esotici abbinata ad alcune con- ferme confortate degli ormai rar, preziosi ‘ma fentasmagorici bellissimi cbanderi nes» (pennants), che proprio con le sta iont andine aequistano maggior colore, pittoricité¢ .. dimension! ragguardevoli Questa & lequazione pit verosimile per Chi vuol cimentarsi con le stazionl andine Da questo mese di maggie le cose inco: minciano « migliorare; c® poi ora legale cche ci dd una mano al maine presto, par eventual levajacce andine: vogliamo ten- tare?! B, Cotrone0 Elettronica Viva- Maggio 1989 N94 SS ELETTRONCA VI FP la modulazione di INTRODUZIONE Lestate si sta avvicinando sempre pli, e con questa, le condizioni pid ropizie per un oltimo ascolto in FM, Di seguito esaminiamo le possibilité che le condizioni propagative ci of- {rono. Le onde, la cui frequenza super i 60 MHz, non trovano quasi mai delle condizioni tali da venir riflesse dalla ionosfera Cid pud avvenire solemente durante il periodo di massima attivité solare, ‘oppure in occasione di fenomeni anomali nella ionosfera, quali rifles: sioni dello strato E, tempeste ionosfe- riche, ece. Ls propagazione ionosferica per queste frequenze va pertanto consi- derata come un fenomeno ecceziona- Je, mentre presenta importanza pra tica solo la propagazione terresire, (Portata ottica), in teluni casi accom: agnata da propagazione troposferi ca che ne complice la valutazione. Bisogna tener conto che onda di su perlicie subisce una attenuazione crescente con Yaumentare della fre- quenza, per cui oltre i 50 MHz pud ritenersi trascurabile Vintensita del segnale anche @ poca distanza dal trasmettitore. Per distenze assai minori delle porta- ta ottica, Iintensita di campo &, con molla approssimazione, inversamen- te proporzionale al quadrato della distanza. E SPORADICO Lo strato E, detto anche di Kennelly- Heaviside, ha una densita elettronica ‘massima di 108 elettroni per cm3 e varia con l'esposizione al sole. Elettronica Viva -Magglo 1983-94 MM frequenza Subisce fluttuazioni a causa di tem- porali, tempeste magnetiche ed in particolare a causa di eclissi e me- teoriti, sulla scia delle quali si nota Un notevole aumento della ionizza zione. Ogni giorno aumenta a partire dall‘alba sino a mezzogiorno, quan- do assume il suo massimo valore e di- minuisce da mezzogioro al tramon- to. 1 fenomeno dell’E sporadico si-verifi- ca In zone di limitate estensione & consiste nella riflessione di frequen. ze assai elevate di quelle che, di soli- to, lo strato E pud normalmente riflet- tere. Queste riflessioni avvengono ad vun‘altezza all’incirca uguale a quella propria dello strato E, ossia legger- mente oltre | 100 km. Le dimensioni.di queste zone sono all'incirca di 1 km di larghezza per alcune di lunghezza. ‘Quando si verificano queste condi- zioni anomale, é possibile ricevere emittenti molto lontane anche a que- ste elevate frequenze, in quanto & possibile data la bassa altezza dello atrele E colpirlo con angoli di inci= denza relativernente piecoli, che consentono anche a queste frequen- ze di essere rimandate a terra. F. Skeboo radio venere'80 mhz 100.300-va 73 GE GLETTROMICA WIA FOREIGN RELATIONS i contatti internazionall dell alc Lettera aperta di Luigi Cobisi I gran giorno sti ormai per arrivare! Credo abbiate gid capite che si trata del giarne del Congresso europeo dal Xing, organizzato 2 Londra dall/BDXC, per |) week-end di Pentecoste (20+23 maggio 1983). Perchd a Pentecoste? E tuna (radizione di ormai molt anni, che deve le sue origini al fatto che 1 Iunedi di Pentecoste per i popoli nordici, che per [primi st eono avvicinat in massa el nostro hobby, quello che per noi & Pasquetia La giorata ideale per incontrare gli ami cle stare tut fuor!insteme, approfittando delle giornate primaverili. Anche nol an- diamo a Londea per incontrare amici dl tutta Europa e di alcuni paesi extraeuro- pei, per discutere con loro de} nostro hobby e del suo futuro. Per questo abbiamo biseyao del vostro faluto e capiis non a caso la mia richlesta ala vigilia dell’Assemblea ALR, di Faenza, nella quale ci conosceremo dt Vv TEL SION persona. Come rappresentante vorrel in fatti portare le votire idee, quelle degli amici A.LR., € non solo le mie. Mente valutate cosa crm a Faenza da tt: ferire, vorrei presentare quelli che niten- {90 } punt fondamentali della nostra pre senza a Londra 1) aflermare la presenza in Europa del DXing italiano, © con essa della intera radiofonia del nostro paese, dl cul allsstero si parla troppo poco, edi cut MA.LR. come maggisr gruppo 9azio pale di DXers ¢ BCL deve farsi carico; 2) contattare exponent di radio e clubs fnternazionali par utili scambi di idee fe, perché no, di programm: concreti peril futuro fare propaganda all’A.L.R. e avere so: clanche all'estero visto che, come ci anno scorso era stato dimostrato, ppossono molto alutarci. Srero tra l'a: tro di poter consegnare ad alcuni ami: c stranieri particolarmente important Al prime riconoscimento di ssocio ono 3) sintonizzando .... immagini! INTRODUZIONE Che cos’e questo famigerato TV DX? Non é altro che la ricezione di segna: Hitele:isivi e grande distanza, cio’ al di fuori della normale area di servi- 2io. 4 (Qgni emittente televisiva, sia in VHF che UHF, garantisce tramite | suot trasmettitor! ed | suo} ripetitor | ser iz) ai suoi teleutenti di una ben dell mitata zona (poriate ottica). Ma in determinate ciecostanze, che spiecheremo pid avenii, questi se In questa fresetica attivité non sard solo. Come gi altry anni altri BCL Htaliant st ‘apprestano a partecipare al Congreso EDXC e tra questi YALR. ha visto (alu: stamantel) in Elo Fior di Trieste il mio collega ideale, Con E. Fior abbiamo con diviso molti momenti, anche amar\, della storia del DXing italiano e, insieme, non abbiamo mai perso la voglia di batterci per qualcosa di pit, di sempre migliore. Lresperienza internazionale ci Eho é tale, poi, de garantire all'A.I.R. un «eam, ‘modestia a parte, oi primissimo ordine. viaggio @ Londra sara piuttosto lungo e consentir4, lo spero, fermate in facalita radiofonicamente interessant, delle quali i parlerd nel prossimo resoconto. Naturalmente vi ringraeio {in diora per tutto Taiuto che potrete dare a questa ini: Ziativa, ed arrivederci a Faenza, 18 mag. ial ‘gnali stuggono al controllo dei tecri- Gi, © quindi si ha la possibilits a cevere questi segnali anche a mi gliais di chilometri di distanza, fuori dell'area di ser:izio, Gli standard di emissione tele iste sono molteplici ed il pit delle volte Elettronica Viva -Maggio 1969 -N.9 LS SUTTON VN non compatibili tra di loro: attuel- mente nella sole Europa vengono tra- smessi segnali télevisivi con ber: un dlici stendard! ‘Questi standard sono contrassegnati internazionalmente con una lettera det'alfabeto. L'lalia come altri Paes! del'Buropa Occidentale adotta per Je banda VHF (Very High Frequen ey) lo standard contrassegnato dalle lettera «Bs. Vediamo ora quali sono le caratieristiche tecniche di questo standard: 625 righe, 25 quadri (50 semiquadr!) interlacciate al secon: do. Ls modulazione video é in am- piezza negativa (AM) menire ‘audio @ modulato in frequenza; la distanza {ra la portante video e la portante au- dio é di 5,5 MHz e la distanza della portante audio dal limite superiore del canale é di 0,25 MHz; la larghez- za per agni canale @ di 7 MHz, La VHF e sua volta viene suddivisa in Banda I ed in Banda III; la bands 1 compresa ira 47 @ 68 MHZ e contiene tre canali contraddistinti da une let tera seguita da un numero, che sono: 2 47 = 54 MHz E354 = 6) MHz E46] + 68 MHz Ed @ proprio su quesia banda I che Yappassionato del TV DX dee pre. stare la maggior attenzione. Le banda IIlé compresa ira #74.©230 Mize contiene otto diversi canali, contraddistinti anch’essi da una let tera seguita da un numero, che sono: ES 174 = 181 MHz E6 18) + 188 MHz E7 188 = 195 MHz BB 195 + 202 MHz EQ 202 » 209 MHz E10 209 = 216 MHe El] 216 > 223 MHz E12 223 + 230 MHz. Con televisori predisposti a ricevere segnali del sistema «Bs € possibile captareanche j segnali trasmessi con i LU sistema «De, adottate da tutti pae- si dell Est europeo ad esclusione det Ja Repubblica Democratica Tedesca, ma in questo caso non si pud ricevere Faudio. Altri sistemi compatibili sono quelle Cy (Timmagine perd sara in negat: Elettronica Viva Maggio 1989 -N. 94 vo € non si ascoltera l’aiidia), quello al» (non si ascoltera audio). Total- mente Incompatibill col nostro siste- ma invece risultano il francese +E» e quello inglese «A. Sulla banda UHF (Ultra High Fre- quency) non vi sono grosse diflicolt& almeno per quanto riguarda il video, in quanto sone compatibili col nostro sistema «Gv: & suddivisa in canali anch’essa, con la differenza rispetto alla VHF che la larghezza per cancle edi 8 MHz. (Questi canali vengono contraddistin- {tra loro da numeri che vanno dal 21 a 37 per la IV banda, e dal 38 al 69 per la famosa (o famigerata?) V ban: da. Per quanto concerne la {requenza, la bande IV & compresa Ira 470 © 606 MH, la V banda fra 606 © 862 Mii. Com® 218 visto, lo spettro delle onde elettromagnetiche destinate alle tra smissioni tolevisive & molto varto @ rolli sono I fenomeni fisici ed atmo: sferiel che possono far giungere lon: tano i segnali. Certemente tutti sanno che queste articolar! emissioni si propagano per onda terzestre, a portato otfica, guindi normalmente si pud oltenere una buona qualité del segnale solo quando entenna trasmittente ¢ quella ricevente sono visibili una con altra Ma per nostra fortuna ci vengono in aiuto sia a propageziane fonosferica che quella troposferica La propagazione ionoslerica si ha quando il segnale viene riflesso ver 50 il nostro piansta da uno strato di elettroni, come avviene per le nor. mali onde corle. Questo fenomeno generalmente non accade in quanto queste frequenze tele-isive sono troppo alte ¢ tendono e perdersi nel lo spazio; tuitavia, quando vi @ una maggior attivité solare ¢ la nostra io: nosfera viene bombardata da un nu mero pit elevato di ragsi UV, allora si possono formare delle particolari nub! tonizzaie che darino origine al Samoso E sporadico. Vediamo ora quando VE sporadico & possibile. Questo enomeno avvie- ne in estate (periodo maggio-set tembre, con particolare intensité ne gli anni in cui il Sole @ in una fase di maggior ttivité, nelle ore pit calde della giomata; ha une dura ta che pud variare da pochi secon di a qualche ora. I segnali che st 1 cevono guindi possono essere molto deboli come @ volte fortissimi, con una pronunciata evanescenza Le bande maggiotmente interessate 8 questo fenomeno sono la ie la lil, con la possibilité di ricevere segnali fino ad une distanza di 4.000 kin La propagazione troposierica si ha invece quando & lo strato pid basso della nostra atmosfera a fare da spec- chio riflettore. Le onde elettroma- gnetiche vengono imprigionate fra due strati di aria, uno pit: denso (aria fredda) ad alta quota ed uno meno denso (aria calda) 4 bassa quola: il fenomeno viene conosciute anche col name di inversione fermica, @ st manileste con particolare evirulen za» alla tine della primera ed agli inizi dell'autunno, all'alba o al tra monto del Sole. Le bande maggiormente interessate @ tale fenomeno sono ia Il, IV e V, Per ora mi fermo qui, timandandovi alla prossima parte, dove iniziero descrivere come allestire una stazio ne per il TV DX, quali television’ festete si possono ricevere in Italia ed uns rerie di altre nozioni elementari su questo specifica argomento® if tut to in vista della prossima stagione di caccial Per quesia breve trattazione devo ringraziare pubblicamente il Sig Sergio Roca di Roma ¢ la sua cttima guida al TV DX, A. Pogent 78 GLETTROMICA VIVA ‘ALR Associa Walaa Raciasoo. ALA. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RADIOASCOLTO CASELLA POSTALE 60 16039 SESTAI LEVANTE - GE La quota associative por Yenno 1983 & di L. 25.006 (per Vestoro L. 30.000, 20 USS, oppure 60 ICs) da versarsi a ALLA. - Associazione Italiana Radioascolto - Passo Tigullio 20°10 16035 Rapallo - GE (conto corrente pastale a. 11378163) ALLR. - Associazione Italians Radioascolto Cariche social Presidente Onorario Cav. Dott. Primo Bosell Consiglio Direllivo Manfredi Vinasea de Regny, Presidente Dott. Giovanni Monnell, Cassiere e Vice Presidente Piero Castagnone, Segrotario Collegio dei Probiviri Dott. Pro, Andrea Tosi, Presidente Rag. Ettore Ferrini Pasquale Salemme Addetio Stampa e P.R., Francesco Clemente Incarie to Osservatore _all'EDXC, Luigi Cobisi Soci collaborator!: Conculanti Tecnici --Giuteppe Zalla Roberto Pieraceint Saar. - Susi al radjoascelto Mario Puccettt, Coordinatore Ehio Fior Roberto Pieraccini ONDE RADIO - Panorama del radioascolto internazionale (recapito provvisorio) cia Francesco Clemente Casella Postale 128 33100 Udine Incarlehi editorial Comitato di Redazione Francosco Clemente, Diretiore Giuseppe Zalla, Redattore Capo Fabrizio Magrone, Segretario di fiedazione La collaborazione a ONDE RADIO & aperta a tut! soci A.L.R., ed # tut | 72 dioascoitator’ italian! ed esterit 76 Elettronica Viva -Maggio 1983 -N.94 Pellegrinaggio Londinese alla ricerca dei luoghi Marconiani Nel febbraio 1976 Guglielmo Marconi accom- pagnato dalla madre Anna Jameson si trasferi- va a Londra con lo scopo di valorizcare Uinven- zione della T.S.F. — dopo le deludenti risposte delle autorita italiane. Qui nel periodo iniziale, visse in diverse appar- tamenti, in attesa della Concessione del Brevet- to e degli appoggi finanziari. H nostro collaboratore, in due puntate, ci narra del suo pellegrinaggio alla ricerca dei luoghi do- ve, dopo Villa Griffone di Pontecchio, la Inven- zione si trasformé da «idea dun giovane capar- bio» in prodotto industriale dal radioso avve- nire. Quanti italiani sanno che Marconi abit a Londea per diversi anni a due passi dal- 1h famosissima Portobello Road? L’amico Ralf -G2FQS- conosce bene la zona: nel 1974, centenario della nascita del genio italiano, impiantd proprio al 1. 71 di Hereford Road una stazione amatoriale commemorativa, la GB2MT. Svoltiamo da Westbourne Groves sull’angolo alcani piccoli negozi di ali- mentari, poi a strada assume un aspetto molto