Sei sulla pagina 1di 1

Mappa visuale

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia


La chimica studia:
• la composizione;
• la struttura;
• le trasformazioni della materia.

Una porzione delimitata di materia è In funzione, della sua costituzione,


chiamata sistema della pressione, della temperatura, la
Per separare i componenti materia può presentarsi sotto tre stati di
di un miscuglio eterogeneo aggregazione:
si possono utilizzare tra- – solido (s);
sformazioni fisiche quali: la – liquido (l);
omogeneo se è eterogeneo se è filtrazione, la stratificazione – aeriforme (g).
formato da una formato da almeno in imbuto separatore, la cen- Nel passaggio da uno stato all’altro, la
sola fase*. due fasi*. trifugazione e l’estrazione. massa rimane costante ma proprietà
come il volume e la densità variano.

Se contiene un Se contiene Se c’è un solo Se contiene alme- I possibili passaggi di stato sono:
solo componente almeno due com- componente no due componenti • brinamento: gas → solido
è detto puro e ponenti prende il sono fasi in chimicamente • condensazione: vapore → liquido
prende il nome di nome di miscuglio equilibrio definiti è un miscu- • liquefazione: gas → liquido
sostanza. omogeneo o solu- della stessa glio eterogeneo • evaporazione: liquido → vapore
zione. Il compo- sostanza. e prende nomi • sublimazione: solido → vapore
nente presente in differenti a seconda • fusione: solido → liquido
quantità maggiore degli stati di aggre- • solidificazione: liquido → solido.
è detto solvente, gli gazione delle fasi
altri sono soluti. costituenti: schiu-
Esistono soluzioni ma (g/l), emulsione
liquide (acqua del (l/l), nebbia (l/g),
rubinetto), solide fumo (s/g). Gas: aeriforme Vapore: aeriforme
(leghe metalliche) al di sopra della al di sotto della
e aeriformi (aria). propria temperatu- propria temperatu-
ra critica. ra critica.

Per separare tra loro i diversi componenti di una so-


luzione si possono utilizzare trasformazioni fisiche
quali la cromatografia e la distillazione. Temperatura critica: temperatura
al di sopra della quale è impossibile
rendere liquida una sostanza aeriforme
Le curve di riscaldamento (o raffreddamento) sono grafici in cui le tempe- qualunque sia il valore della pressione
rature sono registrate in funzione del tempo a pressione costante. applicata.
Le curve di riscaldamento e di raffreddamento relative, rispettivamente, a
una sostanza allo stato solido che viene riscaldata o a una sostanza allo
stato aeriforme che viene raffreddata, presentano due soste termiche: una
in corrispondenza della temperatura di fusione/solidificazione e una in
corrispondenza della temperatura di ebollizione/condensazione.

Le curve di riscaldamento e raffreddamento dei miscugli sono La temperatura di ebol- La tensione di vapore di un
diverse da quelle delle sostanze pure:poiché le temperature a cui lizione di un liquido è la liquido, a una certa temperatura,
avvengono i passaggi di stato sono caratteristiche per ciascuna temperatura a cui la sua è la pressione che esercita un
sostanza pura, la determinazione del punto di fusione (o di ebolli- tensione di vapore uguaglia vapore in equilibrio con il proprio
zione) è un metodo per determinare la purezza di una sostanza. la pressione esterna. liquido puro.

*Fase: porzione di materia, fisicamente distinguibile, che presenta proprietà intensive uniformi.

Valitutti, Tifi, Gentile Le idee della chimica seconda edizione © Zanichelli 2009