Sei sulla pagina 1di 2

OBIETTIVO COOPERAZIONE TERRITORIALE 2007 - 2013

Programma di cooperazione transnazionale

Europa Sud Orientale

Programma Operativo di Cooperazione Transnazionale Europa Sud Orientale –


Fonte
approvato il 20 dicembre 2007 con decisione 6590

Per la parte Fondo Europeo di Sviluppo Regionale: Commissione Europea –


Ente Erogatore
Direzione Generale Politica Regionale
Autorità di Gestione del
National Development Agency (Hungary) – H – 1133 Budapest – Pozsonyi út 56
Programma
Promuovere il processo di integrazione territoriale, economico e sociale e contribuire
Obiettivo Generale alla coesione, stabilità e competitività attraverso lo sviluppo di partenariati
transnazionali e di azioni congiunte su materie di importanza strategica

1. Facilitare l’innovazione, l’imprenditorialità, l’economia della conoscenza e la


società dell’informazione attraverso azioni di cooperazione concrete e risultati visibili
2. Migliorare l’attrattività delle regioni e delle città prendendo in considerazione lo
Obiettivi specifici sviluppo sostenibile, l’accessibilità fisica e della conoscenza e la qualità ambientale
attraverso approcci integrati, azioni di cooperazione concrete e risultati visibili
3. Promuovere l’integrazione facilitando lo sviluppo di competenze bilanciate per la
cooperazione territoriale transnazionale a tutti i livelli

Priorità 1- Facilitare l’innovazione e l’imprenditorialità


1.1 Sviluppo di reti tecnologiche ed innovative in campi specifici
1.2 Sviluppo delle condizioni per la promozione dell’imprenditorialità
1.3 Rafforzamento delle condizioni per agevolare l’innovazione

Priorità 2 - Protezione e miglioramento dell’ambiente


2.1 Miglioramento della gestione integrata delle acque e della prevenzione dei rischi
di inondazione
2.2 Rafforzamento della prevenzione dei rischi ambientali
2.3 Promozione della cooperazione nella gestione del patrimonio naturale e delle
aree protette
2.4 Promozione dell’efficienza energetica e del razionale utilizzo delle risorse

Priorità 3 - Miglioramento dell’accessibilità


3.1 Miglioramento del coordinamento nella promozione, pianificazione e nella
Priorità e azioni
gestione delle reti di trasporto primarie e secondarie
3.2 Sviluppo di strategie per affrontare il “digital divide”
3.4 Miglioramento delle condizioni per lo sviluppo di piattaforme multi-modali

Priorità 4 - Sviluppo di sinergie transnazionali a favore di aree di crescita


sostenibile
4.1 Risoluzione di problemi cruciali che colpiscono le aree metropolitane e i sistemi
insediativi regionali
4.2 Promozione di un tessuto equilibrato di aree di crescita attrattive ed accessibili
4.3 Promozione dei valori culturali come leva per lo sviluppo

Priorità 5 - Assistenza tecnica


5.1 Assicurare una corretta gestione nell’implementazione del programma
5.2 Implementare attività di accompagnamento per sostenere la creazione e la
realizzazione di progetti transnazionali e di partenariati di elevata qualità

aggiornato al 14gennaio 2008 1


Autorità pubbliche nazionali, regionali e locali, enti pubblici equivalenti ed
istituzioni private,
Beneficiari I criteri di eleggibilità dei promotori verranno specificati nel manuale per la
presentazione dei progetti che includerà, per ogni bando, una lista indicativa di
istituzioni eleggibili

Le risorse del programma verranno attribuite attraverso bandi.


Bandi aperti indirizzati a tutti i potenziali promotori, per la presentazione di progetti
rilevanti per le priorità del programma
Bandi ristretti focalizzati sulle priorità del programma, indirizzati a beneficiari
specifici, secondo criteri di eleggibilità particolari rispetto al numero e al tipo di
Modalità, procedura e partner (o paesi) e attività
tipologie di progetti
La procedura di selezione potrà avvenire secondo due modalità:
one step: i promotori presentano la candidatura completa
two step: i promotori presentano solo l’”idea progetto”. Successivamente per le sole
“idee” valutate positivamente, i promotori saranno invitati a presentare la
candidatura completa

Scadenza del bando Non vi sono bandi aperti

Struttura tecnica di Segretariato tecnico congiunto VATI Hungarian Noprofit organisation, Budapest –
riferimento Ungheria

Regione Emilia Romagna


Direzione Programmazione territoriale e negoziata, Intese. Relazioni europee e
internazionali
Via Aldo Moro 52 – Bologna
Referenti per la Regione Tel. 051 6395377 (Lodovico Gherardi - lgherardi@regione.emilia-romagna.it)
Emilia Romagna
ERVET SPA
Area Politiche UE e Cooperazione Internazionale
Via Morgagni 6 – Bologna
Tel. 051 6450411 (Claudia Ziosi e Elisa Bottazzi - sees@ervet.it )

FESR: € 206,69 milioni di euro (2007-2013)


Fondi nazionali: 38,5 milioni di euro (2007-2013)
Priorità 1 - Facilitare l’innovazione e l’imprenditorialità (21%)
Risorse finanziarie
Priorità 2 - Protezione e miglioramento dell’ambiente (26%)
disponibili
Priorità 3 - Miglioramento dell’accessibilità (27%)
Priorità 4 - Sviluppo di sinergie a favore di aree di crescita sostenibile (20%)
Priorità 5 - Assistenza tecnica (6%)

FESR: 85% per tutti i paesi dell’area del programma


Entità contributo Per i partner italiani il cofinanziamento del 15% è a carico del Fondo di Rotazione
(Delibera CIPE n. 36 del 15 giugno 2007)

Albania: l’intero paese, Austria: l’intero paese, Bosnia–Herzegovina: l’intero


paese, Bulgaria: l’intero paese, Romania: l’intero paese, Croazia: l’intero paese,
FYROM: l’intero paese, Grecia: l’intero paese, Ungheria: l’intero paese, Italia:
Lombardia, Provincia Autonoma Bolzano, Provincia Autonoma Trento, Veneto, Friuli
Aree geografiche
Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Umbria, Marche, Abruzzo, Molise, Puglia,
ammissibili
Basilicata, Serbia: l’intero paese, Montenegro: l’intero paese, Repubblica
Slovacca: l’intero paese, Slovenia: l’intero paese,
Moldavia: l’intero paese , Ucraina: Cjermovestka Oblast, Ivano-Frankiviska Oblast,
Zakarpatska Oblast, Odessa Oblast
Indirizzi utili http://www.cadses.net

aggiornato al 14gennaio 2008 2