Sei sulla pagina 1di 6

ESERCITAZIONE 2

Analisi e bilancio termico di una centrale a vapore basata su ciclo Rankine


supercritico

Rendimento isoentropico dei tre corpi turbina (VHP, HP, IP)

Il rendimento isoentropico è calcolato come rapporto tra il salto entalpico reale e il


salto entalpico isoentropico ideale.

I dati, nello schema di impianto, sono espressi in unità di misura anglosassoni;


evitiamo di riportare i fattori di conversione in unità del S.I. poiché già indicati nel
testo dell’esercitazione.

Grazie all’applicativo messo a disposizione, è possibile, note due grandezze, calcolare


le altre.
I valori di entalpia ed entropia in ingresso e all’uscita delle rispettive turbine, vengono
ricavati noti i valori di temperatura e pressione.
Per calcolare hout,is, occorre utilizzare i valori di pressione all’uscita ed entropia
all’ingresso poiché il processo è isoentropico.

Di seguito viene riportata una tabella riassuntiva con i valori espressi in unità di
misura supportate dall’applicativo e i relativi risultati di entalpia ed entropia.

hin (KJ/Kg sin (KJ/Kg K


Tin(°C) T out (°C) pin (bar) pout (bar) hout (KJ/Kg) hout,is (KJ/Kg) sout (KJ/Kg K)
) )
593,3
VHP 400,77 331 93,55 3411 3116 3058 6,182 6,270
3
593,3
HP 402,56 86,07 26,08 3618 3245 3216 6,960 7,120
3
593,3
IP 382,61 23,99 6,26 3670 3231 3212 7,600 7,630
3

In conclusione:
TURBINA ηis
VHP 0,84
HP 0,93
IP 0,96

Entalpia e titolo di vapore in uscita alla turbina LP

Per calcolare l’entalpia specifica in uscita dalla turbina LP, è possibile esplicitare la
formula del rendimento isoentropico ( dato del problema) rispetto a hout .

Il valore dell’entalpia in ingresso si trova sempre tramite l’applicativo noti i valori di


temperatura (382,6 °C) e pressione (6,02 bar); allo stesso modo si trova il valore
dell’entalpia isoentropica considerando la pressione in uscita (0,069 bar) e l’entropia in
ingresso (7,653 KJ/Kg K).

Dai dati di output relativi alla condizione di uscita identificata da h out (2470 KJ/Kg) e pout
(0,069 bar), si trova il titolo di vapore che risulta pari a 0,958.

Verifica del bilancio entalpico del primo rigeneratore dopo il degasatore

La verifica del bilancio entalpico si basa sul confronto tra la potenza termica assorbita
dall’acqua di alimentazione (feed water) e la potenza termica ceduta dal vapore
spillato e successivamente miscelato con la condensa proveniente dal rigeneratore
successivo.

Bilancio acqua di alimentazione:


(Valori ricavati dallo schema di impianto e successivamente convertiti)

Il vapore spillato ed utilizzato nel rigeneratore, durante il processo condensa quindi


possiamo evidenziare le fasi di desurriscaldamento, condensazione e
sottoraffreddamento.
Per ipotesi, si suppone di miscelare la condensa proveniente dal rigeneratore
successivo(liquido saturo) con la fase condensata del vapore spillato dalla turbina;
quindi nelle fasi di desurriscaldamento e condensazione verrà considerato l’apporto
del solo vapore(A) mentre nella fase di sottoraffreddamento verrà considerato
l’apporto anche della condensa proveniente dal rigeneratore successivo(B).

Al fine della verifica, la somma di deve essere pari a 52,56 MW.

I valori di portata sono stati ricavati direttamente dallo schema mentre i valori di
entalpia sono stati calcolati tramite il programma noti temperatura e pressione.

I valori sono leggermente discostati a causa anche delle semplificazioni assunte.


Rendimento lordo del ciclo

Il rendimento lordo del ciclo è espresso come

- è la potenza termica entrante nel ciclo attraverso la caldaia

Usiamo le seguenti informazioni contenute nello schema:

ECO,EVAP, RH1 RH2 Pompa Pompa


SH COND DEGAS
m (kg/s) 321,74326 261,34277 218,88442 231,381738 321,743268
1432,1879
hin (kJ/kg) 3116,0259 3244,6071 160,79638 794,98028
8
hout (kJ/kg 3411,0324 3619,1629
3671,3584 163,5178 802,51652
) 8 6
h (kJ/kg) 1978,8445 503,13706 426,75122 2,72142 7,53624

Così otteniamo

- è la potenza elettrica ai morsetti della turbina meno la potenza delle pompe di


estrazione.

e sono forniti e il loro valore è:

Le potenze delle pompe di condensazione e del degasatore si calcolano:

E quindi:

Infine calcoliamo il rendimento del ciclo:

Rendimento netto con alcune ipotesi

Servendoci delle ipotesi fornite dal testo, calcoliamo il rendimento netto del ciclo, che
è dato dalla seguente espressione:

-QLHV è il calore generato dal combustibile, e viene calcolato dal rendimento del generatore
di vapore


-PNetta EXP è la potenza netta estratta dal ciclo a vapore ottenuta sottraendo, alla potenza lorda, le
perdite dovute al funzionamento dei ventilatori, delle pompe e degli accessori. Tutto questo
moltiplicato per il rendimento del trasformatore

Il calcolo della potenza utilizzata dalla pompa del liquido di raffreddamento è più complessa.
Prima di tutto dobbiamo fare un bilancio applicando il primo principio per calcolare il calore
dissipato nel condensatore, che dovrebbe essere lo stesso che assorbe l'acqua di
raffreddamento.

Realizzando un equilibrio con l'acqua di raffreddamento:


Il salto entalpico della pompa è proporzionale alla differenza di pressione e al volume specifico
del fluido di lavoro:

Quindi,

Finalmente, otteniamo la potenza netta :

Infine,

Analisi entropica semplificata

Faremo un’analisi da cui risulti in cui i sono espressi come ( ) e sono da attribuirsi a:

• Trasferimento di da “potenza reversibile” a “sorgente a ” dove


(Per semplicità ipotizziamo, per lo scambio di exergia da chimica a termica, la sorgente di a temperatura
infinita)

Così:

• Trasferimento di da “sorgente a ” al fluido di lavoro del ciclo


(Bilancio del flusso entropico)

I valori di entropia sono stati ricavati tramite l’applicativo considerando i valori


di temperatura e pressione all’ingresso e all’uscita dei rispettivi componenti

Tin (°C) Tout (°C) Pin (bar) Pout (bar) Sin (KJ/Kg Sout ΔS
K) (KJ/Kg K)
ECO
320,5 593,3333 349,6759 311,3379 3,341 6,182 2,841
EVAP SH
RH1 400,7778 593,3333 93,55172 85,57241 6,268 6,965 0,697
RH2 402,5556 593,3333 26,07586 23,9931 7,005 7,598 0,593
• Trasferimento di dal fluido di lavoro del ciclo all’ambiente (posto a 15 °C)

• Irreversibilità interne ( per differenza)