Sei sulla pagina 1di 24

DOMANDE DI TEORIA

Primo compitino

N.B. Queste sono domande del tipo di quelle che verranno proposte per la parte di
teoria.

1) Si dia la definizione di limn bn = L e si dimostri che se L 6= 0 allora limn b1n = L1


Si dia la definizione di successione (bn )n indeterminata e se ne dia un esempio.
[R. Abbiamo visto che an → L1 , bn → L2 con L2 6= 0 implica abnn → L2 L1
. Rifare la
dimostrazione nel caso in cui an = 1 ∀n.]
2) Si dimostri la seguente prprietà: se (an )n è una successione limitata e bn→ 0 allora
 n n
an bn → 0. Si applichi questa proprietà per determinare limn n1 1 + (−1)n .
 n
n
[R. Lezione del 08/10. Detti bn = n1 e an = 1 + (−1)
n si ha a2n → e e a2n+1 → e−1 .
La successione (an )n è limitata perchè le due sottosuccessioni (a2n )n e (a2n+1 )n sono
limitate essendo convergenti e l’unione di due insiemi limitati è limitata. Poi si applica
la proprietà.]
3) Si enunci e si dimostri il teorema ”ponte” . Lo si applichi per dimostrare che
limx→+∞ log x = +∞ e che limx→−∞ ex = 0.
[R. Teorema ”ponte”: limx→x0 f (x) ⇐⇒ ∀(xn )n , xn → x0 , xn 6= x0 , limn→+∞ f (xn ) =
L. La ⇒ è dimostrata sul testo per f continue, (ma la dimostrazione si adatta anche
al caso non continuo) nella Proprietà 3.2 di pag. 99. La dimostrazione della ⇐ è stata
fatta nella lezione del 31/10. limx→−∞ ex e il limx→+∞ log x esistono in quanto sono
funzioni monotone. Per il teorema ponte, limx→+∞ log x = limn log(2n ) (testo pag 94
) e limx→−∞ ex = limn→+∞ e−n = limn→+∞ ( 1e )n = 0.]
4) Si dia la definizione di asintoto obliquo√ e si dimostri come si calcola. Si applichi
tale definizione per dimostrare che y = x2 + 1 ha due asintoti obliqui. Si dia la
definizione di asintoto verticale e orizzontale per f . E’ vero che se limx→+∞ f 0 (x) = 0
allora esiste un asintoto orizzontale per f ?
[R. Per l’ultima domanda si pensi a y = log x.]
5) Sia f : (a, b) → R una funzione derivabile ∀x ∈ (a, b). Si enunci e si dimostri il teo-
rema che permette di dedurre il segno della derivata prima, assumendo la monotonia
di f . Come si inverte tale teorema?
[R. f crescente (anche in senso stretto) ⇒ f 0 ≥ 0 (Per la dimostrazione si usa la
definizione di derivata e la permanenza del segno). L’inverso : se f 0 (x) > 0 allora f è
crescente in senso stretto...]
Pn k
6) Si dimostri che ex ≥ k=0 xk! per x > 0 e per qualsia si n ∈ N. Si dia la definizione
di f = o(g) per x → x0 e si usi il simbolo o-piccolo per dire cosa si può dedurre dalla
stima precedente sul comportamento di ex e xn per x → +∞

1
xn+1
[R. La stima è dimostrata a pag 110 del testo. Dalla stima si ricava subito ex ≥ (n+1)!
x n
e x
per x > 0, quindi limx→+∞ xn = +∞, limx→+∞ ex = 0 ⇒ xn = o(ex ) per x → +∞.]

√ √
7) Si dimostri che la successione
√ ( n n)n è√decrescente per n ≥ 3 e che limn n n = 1.
(Se ne deduca il sup{ n n, n ∈ N} e l’inf{ n n, n ∈ N})
[R. Lezione del 14/11 e del 10/10 . Si ricordi che una successione convergente è limitata
e che se è decrescente allora inf{an , n ≥ 3} = lim an mentre sup{an , n ≥ 3} = a3 ... ]
8) Si dimostri che per una successione decrescente si ha limn→+∞ an = inf{an , n ∈
N}, distinguendo i due casi (an )n limitata e (an )n non limitata. . Se ne deduca il
limite limn→+∞ an per 0 < a < 1 e limn→+∞ −an per a > 1.
[R. Lezione del 15/10. Provare che la successione (an )n è decrescente se 0 < a < 1 e
che inf{an , n ∈ N} = 0. Provare che la successione (−(an ))n è decrescente se a > 1 e
che inf{an , n ∈ N} = −∞.]
9) Si usi la formula del binomio di Newton per scrivere (x + 3)2n e si scriva nel caso
di n = 7 il monomio
P2n di grado 12. P14 14 k 14−k
[R. (x + 3)2n = k=0 2n
 k 2n−k
k x 3 = k=0 k x 3 . Il monomio di grado 12 si
 n=7 14! 12 2
14 12 2
ha per k = 12 ed è uguale a 12 x 3 = 2·12! x 3 .]
10) Sia A ⊂ R e B ⊂ R, A, B 6= ∅. Si dia la definizione sup A e di inf A. Si di-
mostri che se A ⊂ B allora sup A ≤ sup B e inf B ≤ inf A e che se sup A ∈ A allora
sup A = max A.
[R. È chiaro che se A ⊆ B allora a ∈ A ⇒ a ∈ B e che quindi sup B è un mag-
giorante dell’insieme A. Da cui essendo sup A il minimo dei maggioranti di A si
ha sup A ≤ sup B. Per i minoranti le diseguaglianze si scambiano in modo ovvio.
Se sup A ∈ A allora si ha sup A ≤ max A, per definizione di massimo. Se fosse
sup A < max A allora max A sarebbe un elemento di A maggiore di sup A che è
un maggiorante: assurdo.]
11) Si dica come si definisce il loga x per a > 0 e a 6= 1 e si dimostri che loga xy = . . .
e che loga xy = . . . , specificando per quali x e y sono valide tali formule.
[R.La funzione loga x è definita come funzione inversa della funzione ax , pag 117 del
testo. La dimostrazione delle due formule si fa come nel caso in cui la base sia il
numero e usando le proprietà della funzione esponenziale ax . ]

12) Dare la definizione di limx→x0 f (x) = −4 e di limx→−4 f (x) = +∞. Si enunci il


teorema della permanenza del segno e lo si applichi al caso di f tale che limx→x0 f (x) =
−4. È vero che se f < 0 per x ∈ Br (x0 ) \ {x0 } allora se esiste limx→x0 f (x) tale limite
è negativo?
[R. Si guardino le definizioni di limiti a pag 59 e 94 del testo. Per la permanenza
del segno si veda la lezione del 22/10. L’ultima risposta è NO. Si dia l’ esempio di
f (x) = −x2 < 0 per x 6= 0 ma limx→0 f (x) = 0.]

13) Sia f : (a, b) → R una funzione e x0 ∈ (a, b). Si dia la definizione di derivata in

2
x0 e di retta tangente al grafico di f in un punto x0 . Si dimostri che detta T (x) tale
retta, allora f (x) = T (x) + o(x − x0 ) e che se f è derivabile ed è crescente in (a,b)
allora f 0 (x) ≥ 0.
[R. Si veda la lezione del 24/10.]

14) Sia f : (a, b) → R una funzione e x0 ∈ (a, b). Si dia la definizione di derivata in
x0 . Si dimostri che una funzione derivabile in x0 allora è ivi continua. Si dimostri che
se f è derivabile e se x0 è punto di max o min locale allora f 0 (x0 ) = 0.
[R. Si veda la lezione del 24/10. La seconda proprietà è il Teorema di Fermat: lezione
del 30/10.]

15) Si dica cosa si intende con la scrittura f = o(g) per x → x0 . Si dimostri che se
α > 0 allora limx→0+ xα log x = 0 e limx→+∞ log x
xα = 0. Si usi il simbolo di o piccolo
per esprimere entrambi questi limiti.
[R. Sono due dei limiti importantissimi, vedasi lezione del 7/11. Si ha log x = o( x1α )
per x → 0+ mentre log x = o(xα ) per x → +∞.]

16) Si dimostri che se f è una funzione continua definita in [a, b] allora la sua immag-
ine è un intervallo. Si applichi tale proprietà al caso di f (x) = | log x| e si dica qual’è
l’immagine dell’intervallo [1/e, e].
[R. Vedasi Lezione del 14/11. Per Weierstrass esistono max f = f (xM ) = M e
x∈[a,b]
min f = f (xm ) = m. Quindi Imf ⊆ [m, M ]. Per dimostrare l’uguaglianza si consid-
x∈[a,b]
era λ ∈ [m, M ] e si applica il teorema dei valori intermedi a f ristretta all’intervallo
[xm , xM ]. Per l’esempio si noti che 1 ∈ [1/e, e] e log 1 = 0 = m mentre | log 1e | =
log e = 1 = M .]

17) Si enunci e dimostri il teorema di Lagrange. Lo si applichi al caso di f (x) =


x3 − 2x2 nell’intervallo [0, 1].
[R. Vedasi testo a pag.228 o la lezione del 12/11. Per l’esempio f (0) = 0, f (1) = −1
e f (1)−f
1−0
(0)
= −1. Quindi si deve trovare un c ∈ [0, 1] tale che f 0 (c) = 3c2 − 2c = −1.
Trovarlo e verificare che sta in [0, 1].]

18) Sia x0 ∈ (a, b) e siano f, g : (a, b) → R funzioni derivabili tali che f (x0 ) = g(x0 ).
Sia f 0 (x) > g 0 (x) per x > x0 e f 0 (x) < g 0 (x) per x < x0 . Dire che diseguaglianza vale
tra f e g e dimostrare ciò che si afferma. Usare quanto provato per dimostrare che se
log(x) ≤ (x − 1) per ogni x ∈ R.]
[R. Questo è l’esercizio importante fatto nella lezione del 05/11, vedasi anche il testo
a pag 77. Si ha f (x) > g(x) per x > x0 perchè a destra di x0 si conservano le dis-
eguaglianze tra le derivate. Si ha pure f (x) > g(x) per x < x0 perchè a sinistra di x0
si scambiano le diseguaglianze tra le derivate. Per l’applicazione sia g(x) = x − 1. Si
ha log0 (x) = x1 > 1 = g 0 (x) ⇐⇒ x < 1. E si conclude che log x ≤ x − 1 per ogni x.]

19) Data f : (a, b) → R e x0 ∈ (a, b), si dia la definizione di derivata in x0 . Si dica

3
quando è possibile calcolare f 0 (x0 ) come limx→x0 f 0 (x). Si dia un esempio in cui esiste
limx→x0 f 0 (x) ma la funzione non è derivabile.
[R. È un’applicazione della formula di de L’Hospital al limx→x0 f (x)−f (x0 )
x−x0 che si pre-
0
senta nella forma 0 nel caso che f sia continua. Si ricordi che si può applicare la
formula di de L’Hospital se si sa che il limite del rapporto delle derivate, che qui si
0
riduce a limx→x0 f 1(x) esiste.]

20) Enunciare e dimostrare il teorema sulla derivata del quoziente di due funzioni.
Applicarlo al caso f (x)
x per x 6= 0.
[R. Si deve dimostrare la regola della derivata del quoziente nel caso in cui il denom-
inatore sia la funzione x.]