Sei sulla pagina 1di 17

A cura di Lorenzo Bacci

Osservatorio strategico
della provincia di Pistoia
Ruolo del turismo e
strategie di sviluppo

IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana


OBIETTIVO: Le azioni per la crescita economica
della provincia attraverso lo sviluppo turistico

Due tipologie di intervento possibili:


Interventi di sistema Strumenti
rilanciare risorse in difficoltà infrastrutture
rafforzare risorse oggi vincenti coordinamento (network)
connettere risorse diverse formazione
evitare dispersione degli effetti di attivazione crescita professionale
agganciare flussi diretti all’esterno promozione

Interventi sulle imprese Strumenti


incentivare comportamenti “vincenti” Individuazione di best
sfavorire comportamenti “perdenti” practice e incentivazione
scoraggiare comportamenti opportunistici regole di comportamento
incoraggiare comportamenti virtuosi collettivo con incentivi ed
esclusione dai benefici

IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana


OBIETTIVO: Le azioni per la crescita economica
della provincia attraverso lo sviluppo turistico
1) Come funziona il motore di sviluppo turistico?
Una valutazione economica del turismo
Che dimensione ha nell’economia dei diversi luoghi; Quali settori
coinvolge e con quali meccanismi; Che relazioni innesca fra i territori.
2) Che tipo di domanda turistica e quale evoluzione?
Quanto termalismo e quanto turismo “altro”?
Quanti turisti al di fuori dei circuiti ufficiali? Quanti turisti termali “veri” e
quanti per altre ragioni; Pro e contro del processo di diversificazione
della clientela turistica; Mutamenti in corso nelle tipologie di turista
3) Quali possibili linee strategiche di sviluppo?
Focalizzazione sul termalismo o diversificazione?
Integrazione fra diverse risorse o strategie di segmentazione? Ecc.
4) Scelta degli indirizzi strategici:“una fase politica”
5) Affinamento e definizione delle strategie:
un possibile ruolo per la ricerca
progettazione di azioni e misure; suggerimenti per il monitoraggio
IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana
Filosofia di lavoro: non giocare da soli
OBIETTIVI: Facilitare
Evitare duplicazioni condivisione
Ricercare sinergie indirizzi
Condividere percorso strategici
⇒ Acquisizione ricerche esistenti
⇒ Individuazione serbatoi informativi e raccolta dati
⇒ Individuazione delle ricerche in corso
⇒ Ricerca di possibili sinergie
⇒ Colloqui e contatti con soggetti interessati
Per ora abbiamo incontrato:
Provincia di Pistoia Mercury
APT Val di Nievole CST (Centro Studi Turistici)
Associazioni di Categoria Ciset (Cà Foscari)
Operatori delle Terme ServizioStatistica Reg.Tosc.
IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana
Le altre ricerche in corso od in fase di avvio
Analisi dei flussi turistici per ambiti e risorse Prov. Pistoia
- Monitorare i flussi turistici per risorse Università;
(visitatori per singoli siti e attrazioni turistiche) Enit
- Verificare tendenze in atto
- Individuare azioni per stimolare la domanda
Qualificazione dell’offerta turistica Prov. Pistoia
- Censire risorse turistiche presenti e infrastrutture di supporto
- Aggregazione negli ambiti turistici (PTC) e definizione prodotti
turistici (integrazione di risorse a seconda dei target di utenza)
- Definizione strategie di comunicazione, marketing, promozione
Progetto Associazione Industriali
- Come integrare offerte diverse; come connetterle ad altre
offerte/identità; come promuovere una offerta integrata
Fabbisogni informativi e desiderata dei turisti APT Val Nievole
- Organizzare sul modello PADIOL un sistema informativo sulle
richieste di informazioni e sul materiale distribuito ai visitatori
IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana
Le altre ricerche in corso od in fase di avvio
Analisi dei flussi turistici per ambiti e risorse Prov. Pistoia
- Monitorare i flussi turistici per risorse Università;
(visitatori per singoli siti e attrazioni turistiche) Enit
- Verificare tendenze in atto - Individuare azioni per la domanda

Con gli approfondimenti sul ruolo economico del turismo;


sull’evoluzione della domanda; sul sistema termale
diviene centrale nel definire le linee strategiche generali

Qualificazione dell’offerta turistica Prov. Pistoia


- Censire risorse turistiche presenti e infrastrutture di supporto
- Aggregazione negli ambiti turistici (PTC) e definizione prodotti
turistici (integrazione di risorse a seconda dei target di utenza)
- Definizione strategie di comunicazione, marketing, promozione

Definite le linee strategiche generali diviene centrale per


definire gli strumenti operativi (azioni e misure)
IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana
RICERCA IRPET: 1) valutazione economica del turismo
Quanti sono i turisti effettivi che soggiornano nella provincia?
Oltre ad esercizi ricettivi anche presenze in seconde case, soggiorni
presso amici e parenti, “evasione”
Di quali capacità di spesa sono portatori i diversi tipi di turisti?
Qual è la spesa pro capite dei turisti a seconda del tipo di alloggio e della
provenienza. Oltre all’alloggio quali altri beni e servizi sono acquistati?
La spesa complessiva dei turisti in che misura si traduce in PIL nella
provincia e quanta attivazione è persa all’esterno?
Quali sono i settori direttamente coinvolti oltre agli alberghi?
Oltre all’attivazione diretta quanto valore aggiunto si crea nei settori che
producono beni e servizi per i settori “turistici” (attivazione indiretta)?
Quanta attivazione è dispersa fuori provincia tramite importazioni?
Quanto valore aggiunto indiretto attivato dai turisti del resto della Toscana
è catturato dagli attori provinciali?
Quanto conta il PIL turistico nell’economia dei singoli Sistemi Locali?
Rispondere a questi quesiti è fondamentale per programmare gli
interventi superando le logiche strettamente settoriali
IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana
Provincia
1) valutazione
Presenze turistiche X Spesa pro capite = Spesa turistica totale
economica
Matrici ponte Funzioni
del turismo
dei consumi di spesa

Domanda di beni e servizi Modello


per branche produttrici Input output La procedura
di stima del
Valore aggiunto
==========
coeff. PIL turistico
VA
Diretto
relazioni
========== intersettoriali
Indiretto
attivazione
========== via consumi
Indotto

importazioni

feedback spillover

Attivazione Esterno Provincia


all’esterno del
sistema economico
IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana
RICERCA IRPET: 1) valutazione economica del turismo

Quanti sono i turisti effettivi che soggiornano nella provincia?


Oltre ad esercizi ricettivi occorre considerare: Prov. PT.
- seconde case di proprietà Turisti ufficiali 2,38 mln
- seconde case in affitto (non rilevate) Turisti non uff. 2,40 mln
- soggiorni presso amici e parenti
a livello regionale: Istat per Italiani UIC per stranieri
Fonti:
a livello comunale per la Toscana stime IRPET (energia elettrica)

Di quali capacità di spesa sono portatori i diversi tipi di turisti?


Indagini: Ciset anni vari
Irpet 2005 su turisti d’arte in Toscana
CST su turisti fiorentini
Irpet-CST su turisti prov. Lucca 2003 e Siena 2005
Valutare opportunità di indagine sui comportamenti di spesa oppure
utilizzo in prima battuta di stime mutuate da altre indagini; nel caso di
Pistoia più rilevante approfondire il tema di dove spendono i turisti.
OBIETTIVO: una prima stima da rivedere in base ad indagini sul campo
IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana
RICERCA IRPET: 1) valutazione economica del turismo

ristorazione

commercio

prod. tipici,
Un esempio

trasporti
alloggio

turistici
servizi
(Siena 2005)

totale
artig.
Spesa media 1/2 stelle 46.0 18.0 6.6 14.2 13.8 12.8 111.4
pro capite 3 stelle 58.7 14.3 6.3 10.2 11.7 16.6 118.0
per funzioni 4/5 stelle 82.2 18.7 6.1 10.1 10.6 13.9 141.6
agriturismo 47.5 28.0 6.5 12.2 14.6 20.8 129.6
altri extra-alb. 32.4 33.0 8.0 11.9 16.5 19.2 121.0
totale 54.4 21.1 6.7 11.2 13.1 16.9 123.3

Simulazione
Applicando analoghi vettori di spesa otterremmo: Settori attivati
SPESA: circa 500 milioni (42% da seconde case) Agricoltura 2
Industria 11
VA: circa 297 milioni di euro di cui:
Commercio 23
195 diretto
Alberghi e rist 33
52 indiretto
Trasporti 5
43 indotto
Altri servizi 26
7 spillover in entrata
Totale 100
IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana
RICERCA IRPET 2) Tipo di domanda e sua evoluzione
1) Presenze e arrivi: sono dati ampiamente analizzati si tratta
ora di individuare i fatti rilevanti e gli elementi di sintesi:
- differenziali di performance locali
- nazionalità emergenti e in declino
- analisi di benchmark con realtà analoghe regionali e non
(capacità di reagire agli stimoli della domanda rispetto ad altri sistemi)

Presenze: rappresentano incontro fra domanda e offerta


occorre verificare quali siano gli scenari evolutivi dal lato
della domanda in senso proprio. Poi all’interno di tali
scenari progettare le strategie per intercettare più domanda

2) Analisi di scenario nelle componenti della domanda:


Estera: indagine UIC e matrici OD turismo internazionale
(analisi Ciset su incoming; evoluzione low cost, ecc.)
Italia: Analisi da Viaggi e Vacanze degli italiani (indagine Istat)
IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana
RICERCA IRPET 2) Tipo di domanda e sua evoluzione
Pernottamenti in Italia per vacanza e lavoro in strutture “tetto”
Vacanza 1999-2000 2001-2002 2003-2004
Piacere, svago 402.0 418.0 421.0
di cui mare 241.5 256.0 257.0
di cui montagna 76.5 70.2 76.8
di cui campagna, agritursmo 14.1 21.0 16.6
di cui giro turistico 26.1 32.9 33.2
di cui visita di città d'arte 22.4 19.0 19.6
Visita a parenti e/o amici 88.7 93.7 97.5
Motivi religiosi, pellegrinaggio 5.6 3.6 2.9
Trattamenti di salute, cure termali 14.0 11.9 8.5
Totale Vacanza 515.5 527.9 530.0
Lavoro-Studio 1999-2000 2001-2002 2003-2004
congresso, convegno, conferenza 6.8 7.4 5.1
fiera, mostra, esposizione 3.3 4.0 4.1
riunioni d'affari, missioni di lavoro 11.2 17.6 11.8
docenza-corso di studio 6.7 5.7 7.3
altro 22.7 16.8 19.7
Totale Lavoro-Studio 50.7 51.6 48.0
IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana
RICERCA IRPET 2) Tipo di domanda e sua evoluzione
3) Turismo d’arte, montano, termale: definiti in base alla
risorsa turistica prevalente del territorio ospitante
Non sappiamo però perché il turista è in un luogo e se
la sua presenza è legata alla risorsa principale locale
Totale assenza Indagini dirette sul turista
di informazioni
Utilizzo di dati indiretti
(fruizione di risorse locali)
Procedure onerose
ogni luogo fa storia a sè Ci concentriamo solo sul
termalismo specie su
Montecatini
Italiani Stranieri Totale
Montecatini 701 1017 1717
Monsummano 19 11 30
Provincia 1098 1292 2390
IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana
RICERCA IRPET 2) Tipo di domanda e sua evoluzione
3) APPROFONDIMENTO SUL TERMALE (Mercury-Becheri)
Domanda di cure termali e domanda di alloggio
- Quanti curandi? Quanti di questi sono turisti (curisti?)
- Quanti i turisti altri?
- Nel processo di diversificazione quale ruolo per il congressuale

Identikit dei turisti termali


- Quale tipo di cure? Che tipo di regime di somministrazione?
- Quali le caratteristiche dei curandi?
- Quali idealtipi di turisti termali?
- Quali differenze rispetto alle altre terme regionali/nazionali?

Evoluzione qualitativa della domanda


- Come sono cambiati i turisti termali nel tempo?
- Quali traiettorie evolutive per i diversi idealtipi di termalista
- A partire dal quadro demografico e dai trend culturali in atto
quali sono i possibili scenari evolutivi dei diversi idealtipi?
IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana
RICERCA IRPET 2) Tipo di domanda e sua evoluzione
Da prime stime i turisti termali rappresentano circa il 15-20%
delle presenze di Montecatini.
4) APPROFONDIMENTO SUL TURISMO “ALTRO”
(Irpet-CST-Associazione Industriali-Confcommercio)
Indagine diretta sulle strutture ricettive + dati pulmann

Prezzo clienti individuali


internet (piccolo ma promettente)
turismo intermediato (tramite agenzie)
turismo organizzato (gruppi da tour operator)
Conseguenze per la singola struttura:
- riduzione del rischio (si può programmare parte dell’occupazione)
- prezzi unitari più bassi (fino a che punto sostenibili?)
Conseguenze per il sistema:
- affollamento (in orari specifici)
- conflitto fra turisti termali e turisti altri (specie tur. scolastico)
- ricadute di spesa sul sistema locale limitate (solo pernottamento)
IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana
RICERCA IRPET 2) Tipo di domanda e sua evoluzione
Per comporre gli elementi di conflitto e ripristinare
sostenibilità occorre conoscere:
- quali sono le % delle diverse formule (individuale, organizzato,
intermediato, scolastico, ecc)
- tali % come sono cambiate nel tempo e quali le prospettive?
- quali sono le escursioni più gettonate dal turista che fa base a
Montecatini?
- quanta parte è intermediata da ricettivisti-incoming locale
quanta da tour operator e agenzie estere (non locali)?

- quale offerta per intercettare il tempo libero dei turisti termali?


- quale parte dell’organizzato può essere orientata al territorio?
Quali infrastrutture materiali e immateriali per:
- connettersi alle mete turistiche del resto della regione?
- orientare il turismo organizzato sul territorio provinciale?

IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana


RICERCA IRPET 2) Tipo di domanda e sua evoluzione

OBIETTIVO
qualificare l’offerta per rompere un possibile e
pericoloso circolo vizioso

Riduzione Minori
dei prezzi investimenti

Domanda a Minor qualità


minor capacità del trattamento
di spesa

IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana