Sei sulla pagina 1di 116

P u b b ’ ica zion e trim ettra te Anno XII - N.

1
MARZO 1953
Spedizione in «bbonzm ento poztalo - Gruppo IV

RIVISTA DI DIRITTO FINANZIARIO


E SCIENZA D ELL E FINANZE
( e r i v i s t a i t a l i a n a di d i r i t t o FINANZIARIO)

DIREZIONE:

LUIGI EINAUDI
Membro onorario

ACHILLE D, GIANNINI BENVENUTO GRIZIOTTI

SALVATORE SCOCA E Z I O V A N O N I

MILANO

DOTT. A. GIUFFRÈ - EDITORE


1 9 53
Pubblicazione sotto gli auspici
della C a m e r a di C o m m e r c i o di P a v i a

La Direzione è a Pavia, Istituto di Finanza presso l’Università e la Camera


di Commercio, Strada Nuova n. 65, presso il Prof. Benvenuto Grizlotti, al
quale devono essere inviati manoscritti, bozze corrette, cambi, libri per recen­
sione in duplice copia, ecc., A ssis ten te, Dr. Francesco Forte.

R ed a zion e co rrisp on d en te in R om a presso Prof. Cesare Cosciani, Via Cesare


Battisti 121, p. I l i , e presso Prof. Gian Antonio Micheli, Via Sommacam-
pagna, 15.

L ’ Amministrazione è in Milano, Via Solferino 19, presso l’ editore A. Giuffrè.


Ad essa vanno indirizzate le richieste di abbonamento (c.c. postale 3/17986),
le comunicazioni per mutamenti di indirizzo e gli eventuali reclami per man­
cato ricevimento di fascicoli.

Condizioni di abbonamento
Abbonamento annuo L. 3000
Estero . . . . » 4000
Fascicoli separati . » 1000
Estero . . . . » 1500

L ’abbonamento decorre dal 1« gennaio di ogni anno e dà diritto a tutti i


numeri dell’annata, compresi quelli già pubblicati.
Il pagamento può effettuarsi direttamente all’editore, anche con versamento
sul conto corrente postale 3/17986, indicando a tergo del modulo, in modo leggi­
bile, nome, cognome e indirizzo dell'abbonato; oppure presso i suoi agenti a ciò
autorizzati. Il rinnovo dell’abbonamento deve essere effettuato entro il 15 marzo
di ogni anno. Trascorso tale termine l’amministrazione provvede direttamente
all’incasso nella maniera più conveniente, addebitando le spese relative.
Le richieste di cambiamento di indirizzo devono essere accompagnate dall’im­
porto di L. 70 in francobolli.
I fascicoli non pervenuti a ll’abbonato devono essere reclamati entro 10 giorni
dal ricevimento del fascicolo successivo. Decorso tale termine, non si spediscono
che contro rimessa dell’importo.
Gli abbonamenti che non saranno disdetti entro il 10 dicembre di ciascun
anno si intenderanno tacitamente rinnovati per l ’anno successivo. L ’abbonamento
però non può essere disdetto se l’abbonato non è al corrente con i pagamenti.
Per ogni effetto l ’ abbonato elegge domicilio presso l ’ amministrazione della
rivista.

A B B O N AM EN TI C U M U L A T IV I: Gli abbonati alla Rivista di Diritto Finanziario


e Scienza delle Finanze, in regola con il pagamento, hanno diritto ad una ridu­
zione del 10 % sugli abbonamenti alla Rivista dei Dottori Commercialisti ed a II
Diritto fallimentare e delle società commerciali, edite dalla Casa Dott. A. Giuffrè.

Ai collaboratori saranno inviati gratuitamente 30 estratti dei loro saggi. Copie


supplementari eventualmente richieste all’atto del licenziamento delle bozze ver­
ranno fornite a prezzo di costo. La maggiore spesa per le correzioni straordinarie
è a carico dell’autore.
RIVISTA

DI DIRITTO FINANZIARIO E SCIENZA DELLE FINANZE


(E R IV IS T A IT A L I A N A D I D IR IT T O F IN A N Z IA R IO )

VOLUME XII - PARTE I


ANNO XII 19 5 3 vol . xii - parti; i

RIVISTA DI DIRITTO FINANZIARIO


E SCIENZA DELLE FINANZE
( e RIVISTA ITALIANA DI DIRITTO FINANZIARIO)

DIREZIONE:

LUIGI EINAUDI
Membro onorario

ACHILLE D. GIANNINI BENVENUTO GRIZIOTTI

SALVATORE SCOCA E Z I O V A N O N I

MI LANO
DOTT. A. GIUFFRÈ - EDITORE
IN D ICE DELLA DOTTRINA APPUNTI E RASSEGNE

B e a s i L . - T assabilità dei saldi a ttiv i da riva lu ta zion e per con guaglio


m on eta rio, e c c e d e n t i ............................................................................................ 65
B r o cco li A. - L 'ord inan za d ell’In ten d en te ed il ricorso in rev o ca z io n e . 72
B u z z e t t i G. - D iritto p rocessu a le trib u tario - R assegn a critica di giu­
rispru denza .....................................................................................................................76
F oste F. - A lcu n i problem i fon d a m en ta li d el d iritto trib u tario nel « Si­
stem a » di E. B l u m e n s t e m ............................................................................................224
F orte F. - T eo ria d ei trib u ti s p e c i a l i ............................................................................ 330
C a r in o C a n in a A. - P ro g resso tecn ico e p rog resso m orale della Finanza . 11
G ola G. - N u ova analisi d ella p ression e com parata delle im p oste e appli­
ca zio n e alla politica f i n a n z i a r i a ............................................................................ 205
G r il l o R . - C osti di prod u zion e e fen o m en i di « ob solescen za » degli im ­
pian ti te c n i c i : a sp etti econ om ico-azien d ali e giu rid ico-trib u ta ri . . 244
G r iz io t t i B. - I l m etod o della scien za pura e d elle su ccessiv e approssim a­
zion i n ello stu dio di scien za d elle finanze e d iritto fin an ziario . . 3
G r iz io t t i B. - I l prin cip io d ella solid a rietà f in a n z i a r ia ......................................107
G r iz io t t i B. • L e sp ese pu bblich e nella■ scien za d elle finanze . . . . 309
N a p o l it a n o L. - L a riva lu ta zion e p er con gu a glio m on eta rio dei titoli
a zion a ri ...........................................................................................................................117
P o l i O. - L a rifo r m a trib u taria : q u estion i p a r t i c o l a r i ...............................133
R a s t e l l o L . - L a d eroga b ilità d ella com p eten za territoria le d egli u ffici
finanziari d ello S ta to (con tin u a zion e e f i n e ) ....................................................... 55
R iv a l t a M. - L ’ esecu zion e fo r z a ta su l d enaro d ello Stato.
R o s ie r C. - L a ta ssazion e in F ra n cia degli a tti a ffetti da n u llità . . . 27
S e l a n V. - D eg li e ffe tti di d istorsion e d elle im p oste su i con sum i . . 116
S t e f a n i G. - R iflession i econ om ich e e fin an ziarie sulla fr o d e fiscale . . 262
IN DICE DELLE RECENSIONI

D . à l l a k h v e r d ia n - II red d ito n azion ale in U nione S ov ietica (F. Forte) 196


A m o ro so , A r e n a , B r e s c ia n i T u k k o n i ed a i ,t r i - Studi in m em oria di Gino
Borg atta (F. F o r t e ) ..................................................................................... 182
A nderson - T a xa tion and th è A m erica n E con om y (F. Forte) . . . .
A r e n a , E. S candale - L e leggi fiscali a n n ota te con la d ottrina, giu­
rispru d en za e le n orm ali m in isteria li (B. Griziotti) . . . . . 87
A ren a e a l t r i - Studi K ey n e sia n i (B. G r iz io tti)............................................... 182
C . A v e z z a - L e g g e sulla im posta di bollo an n ota ta (F. Forte) . . . . 407
W . B a u m o l - W e lf are E con om ics and th è th eo ry o f th è S tate (F. Forte) 188
A . B e r l ir i - P rin cip i di d iritto trib u ta rio (B. G r iz io tti) ................................ 297
A . B e r n ard in o - V ita di L u igi E in a u d i (B. Griziotti) . . . 412
A . B evan - Il socialism o e la crisi in tern a zion a le (F . Forte) . . . . 96
B u e h l e r , B tttters , S o m e r s , B a u e r - T a x a tio n and B u sin ess C on cen ­
tra tio n (F. F o r t e ) ............................................................................. 87
B ü h l e r -D a d e m a n n -N e u m a b k - In tern a tio n a ler S teilerb elastu n g
leich (F . F o r t e ) ............................................................................. ....... 186
E. B l u m e n s t e i n - S istem a di D iritto delle Im p o ste (F. Forte) . 401
E . B l u m e s t e i n - D ie R ech tsord n u n g d er Ö ffen tlich F in anz W irt sch u ft
(F. F o r t e ) .................................................................................................................... 401
E. C. B r o w n - E ffec ts o f T a xa tion - D ép r écia tio n A d ju stm en tes f o r P rice.
Changes (F . F o r t e ) ............................................................................................. 402
C alogero - C o le etc. - L ’ esp erien za socia lista in In g h ilterra (F. Forte) 96
S. C a v a l la r o - M. A m atista - L ’ im posta di n eg ozia zion e e l’ im posta sul
ca p ita le d elle so cietà str a n iere (F. F o r t e ) .............................................. 96
C.I.S.I.M . - P ro b lem i econ om ici e in d u stria li d elle in d u strie m eccan ich e
ita lia n e (F . F o r t e ) ..................................................................................................... 93
C.I.S.I.M. - R iliev i e p rop oste su ll’ind ustria m eccan ica italiana (F. Forte) 93
C.I.S.I.M . - L ’ind ustria m ecca n ica italiana alla fine d ell’ anno 1951 con
ap pen dice su l’istru z io n e e a d d estra m en to p ro fessio n a le (F. Forte) . 93
B . C ocivera - C od ice delle leggi su ll’ im p osta di ricch ezza m obile (F .
195
F o r t e ) .................................................................................................................... .......
C o m m i s s io n e P a r l a m . i n c h i e s t a d is o c c u p a z io n e - M on ografie region a li -
E m ilia (F. M a f f e z z o n i ) ...................................................... • ■ 405
C o m m i s s io n e P a r l a m . i n c h i e s t a d is o c c u p a z io n e - I l q u estion ario p e r gli
E co n o m isti e le risp o ste p erv en u te (F. Maffezzoni) . 405
C o n fe d e r a z io n e G e n e r a l e d e l l ’ I n d u s t r i a I t a l ia n a - L in d u stria italiana
alla m e tà d el seco lo X X (F. F o r t e )...............................................• 409
E. D ’A lbe rg o - E con om ia d ella finanza pu bblica (B. Griziotti) . 399
D e m a r ia - B r a m b i l l a - S cotto - D o m in e d ò ed altri - A tti del C on vegno
di stu d i su i co sti d i d istrib u zion e (F . F o r t e ) .............................................. 189
A. D e P ie t r i T o n e l l i - L ’ inflazion e fisca le in I ta lia (F . Forte) . 189
G. A. D e P o sadas B elg r a n o - E l im p u esto so stitu itiv o del de H eren cia s
■ a las S ocied ad es A nón im as (F. F o r t e ).............................................................. 406
F. Di R e n z o - I l bilancio d ello S tato e i l su o co n ten u to giu rid ico (F. Forte) 196
D iv i s a - L ’ ap port des in gén ieu rs fra n ça is a u x scien ces écon om iq u es (F.
F o r t e ) ............................................................................................................................ 196
D r u m m o n d - T h e F in a n ce and L oca l G overn m en t (F . Forte) . . . . 193
VII

L. E in a u d i - Saggi bibliografici e sto r ici in torn o alle d ottrin e econ om ich e


(B. G r i z i o t t i ) ............................................................................................................410
A . G ak in o C anina - S critti v a ri di econ om ia e di finanza (B. Griziotti) . 90
W . G e r l o f f - D ie öffen tlich e F in a n z w irtsch a ft (F. Forte) . . . . 299
W . G ek lo f f - D ie F in a n zgew a lt im B u n d essta a t (F. Forte) . . . . 299
W . G e r l o f f - Ursprung und an fänge öffen tlich er F in a n zw irtsch a ft (F .
F o r t e ) ...........................................................................................................................299
I). G i a n n i n i - Istitu zion i di d iritto trib u tario (B . Griziotti) . . . . 292
II. G o m e s D e S u o s a - A n te p r o je to de Codigo T rib u ta rio N acion al (F .
F o r t e ) .................................................................................................... ....... 40G
R. G omes D e S u o sa - C om pendio d e L egisla ea o T ributa ria (F Forte) . 406
G. G reco - L a riscossion e d elle en tr a te pa trim on ia li degli en ti pubbblici
(F. F o r t e ) ................................................................................................................... 407
R. G r il l o - P rob lem i attu a li di d iritto trib u ta rio (F Forte) . . . . 96
B. G r iz io t t i - Saggi sul rin n ova m en to degli stu di di S cien za d elle F i­
n anze e D iritto finanziario (G. Z i n g a li ) .............................................................. 289
B. G r iz io t t i - P rim i E lem en ti di S cien za d elle F in a n ze (S. Steve) . . 29S
G roves - T rou ble S pots in T a x a tio n (F. F o r t e ) .............................................. 190
G roves - L a finanza di uno S tato m od ern o (F. F o r t e ) ............................... 300
F. G uaeneri - B a tta g lie econ om ich e fr a le due grandi g u erre (F. Forte) 409
C. A . H a l l - E ffec ts o f T a xa tion - E x e c u tiv e com pen sation and R itire-
m en te Plan s (F. F o r t e ) .....................................................................................402
H. L a u f e n b u r g e r - L ’ écon om ie fin a n cière en trois leçons (F. Forte) . . 89
L e d u c - P a p i - S a l a n t - A dled ed a l t r i - L e s asp ect ftnaneièrs, fiscaux
et bud getaires du d evelopm en t des pays sou t-d evelop p és (F. Forte) . 191
— L es financem ents des in v estissm en ts (F. S ilv a n o )............................................. 195
S. V. L inares Q u in t a n a - E l pod er im p ositivo y la Itbertad individual
(F. F o r t e ) ...................................... 91
L. Livi - L a rileva n za d ella ricch ezz a e del red d ito n azion ale (F. Forte) . 187
C. L ongobardi - 1 lin eam en ti d ell’ord in am ento trib u ta rio italiano (F. Forte) 95
M a r b a c h - L u x u s und L u x u s S teu er (F. F o r t e ) ......................................................... 410
G. M a t t e r n s - D as S teu ergeh eim n is (F. F o r t e ) ........................................................ 92
T. M a z z i l l i - L a d ura ta d elle im p rese individuali (F. Forte) . . . . 98
A . M o n t a g n i - I.G .E . « M erc i in la vora zion e » (F . F o r t e ) ................................. 95
E . M o r s e l l i - L e im p o ste in Ita lia , vol. I I d el Corso di S cien za della
F in an za P u b b lica (F. F o r t e ) ...................................................................................... 90
L. N a p o l it a n o - I l red d ito n ella scien za delle finanze e n el d iritto finan­
zia rio italiano (F . F o r t e ) ............................................................................................ 190
L. R o ssi - C orso di S cien za d elle F in a n z e e D ir itto Fin anziaria (F. Forte) 186
A . R o to n d i - L e p a rti n el p r ocesso trib u ta rio (F . F o r t e ) ......................................194
T. H. S an d ers - E ffec ts o f T a x a tio n on E x e c u tiv e (F. Forte) . . . . 402
F . S erran o - L e im p oste su lle su ccession i ( F . F o r t e ) . . . . . 407
D. T. S m it h - E ffec ts o f T a x a tio n - C orp ora te Fin ancial P o lic y (F. Forte) 402
S u l t a n - F in a n zw issen sch a ft und S oziolog ie (F. F o r t e ) ........................................ 407
SviMEZ - A sp etti econ om ici, te c n ic i e giu rid ici d ell’in d u stria lizzazion e del
M ezzogiorn o - E ffe tti econ om ici di un problem a di in v estim en ti n el
M ezzogiorn o (F. F o r t e ) ............................................................................................192
R. T revisani - L ’am m od ern am en to ferro filotra m v ia rio, con prem essa del
p ro f. Im m irizzi (F. F o r t e ) ............................................................................................ 194
G. W acke - D a s F in a n zw esen d er B u n d esrep u b lik (F . Forte) . . . . 91
Z in cali - L ezio n i di S cienza d elle F in a n ze (B. G rizio tti)............................... 86
p
a

z
o

ss
PS

RIVISTA DI DIRITTO FINANZIARIO È SCIENZA DELLE FINANZE

5
Z
O
K
■f

>

i- ’.

PARTE PRI MA
IL METODO DELLA SCIENZA PERA
E DELLE SUCCESSIVE APPROSSIMAZIONI
?ì NELLO STUDIO D I SCIENZA DELLE FINANZE
E DIRITTO FINANZIARIO

1- — Iniziando lo studio della scienza economica nel lontano


anno 1901-2 potei approfondire la questione del metodo, die aveva su­
scitato tanto interesse negli ultimi decenni del secolo scorso fra gli
economisti, i sociologìa e i filosofi, meditando le critiche e gli inse­
gnamenti dati dal Pareto prima nel Cours (1896-7), pubblicato da po­
chi anni e in seguito nel Manuale (1905) e avuti poi nel 1907 dalla
viva voce del Maestro a Losanna.
E’ passato mezzo secolo e ora rileggendo il Pareto trovo che il
metodo da me seguito negli studi di Scienza delle Finanze e Diritto
Finanziario è proprio il medesimo, cioè il criterio della scienza pura
e delle successive approssimazioni con l’intento che la dottrina corri­
sponda alla conoscenza del fatto concreto. Ho lavorato, durante tutto
questo tempo, con la consapevolezza dell’impostazione scientifica avu­
ta dal Pareto, ma sopratutto con spontaneità di indagine in ogni sin­
gola ricerca, con la sola suggestione che mi veniva dai fatti. I libri
del Pareto, compresi i tre volumi della Sociologia (1), sono rimasti
rinchiusi nello scaffale. Nello studio dei fatti finanziari non seguii
le dottrine professate dal Maestro, come fecero alcuni altri suoi al­
lievi, sicché nessuno, che io mi sappia, mi ha ritenuto allievo del Pa­
reto. Anzi avvenne fra me ed il Maestro uno scambio di corrispon­
denza, che nel 1943 pubblicai nella Rivista di Diritto Finanziario e
Scienza delle Finanze, e da essa risultano divergenze (2). Invece è fa­
cile dimostrare che il metodo da me seguito è il paretiano.
Nello studio del fenomeno economico, scrive il Pareto, si comin­
cia da una prima idea di esso mediante l’eliminazione di tutto ciò
che non è essenziale per considerare solamente gli elementi principali.
Questa astrazione conduce alla scienza pura. Volendo avvicinarsi alla
realtà con teorie, che ognor più con essa concordano e che perciò

(1) V ilfredo P areto , C ours d’econ om ie politiqu e, Lausanne, Rouge, 2 voi.


1896-97; Id., M anuale d’ E con om ia politica, Milano, Soc. Edit. Libr., 1905;
Id., T ra tta to di S ociologia gen era le, Firenze, Barbera, 3 voi., 1923.
(2) V il f r e d o P a reto , Sugli e ffe tti dei p r e s titi e delle im p o ste (lettere ine­
dite al Prof. Benvenuto Griziotti) in Rivista di Diritto Fin. e Scienza delle
Finanze, 1943, I, 133-36 ; B. G r i z i o t t i , F a tti e te o r ìe d elle F in a n ze in V ilfred o
P a reto , in R iv . D ir. F in , e So. F in ,, 1943, I, 136-40.
divengono generalmente più complesse, si viene ad applicare il meto­
do delle successive approssimazioni.
Queste successive approssimazioni, le quali avvicinano sempre
più il fenomeno, che noi possiamo rappresentare scientificamente, al
fenomeno concreto, indicano un procedimento, che in ogni scienza è
lungi dall’essere esaurito. V i sarà sempre qualche residuo. E aggiun­
ge il Pareto: queste considerazioni dovrebbero richiamare a un po’
più di modestia certi economisti, che si irritano, come per un’offesa
personale, che vi siano persone che tentano nuove vie per giungere a
conoscere la verità (Cours, nn. 136-139; Manuale, III, paragrafi 4-5;
I, paragrafo 14).
Un altro insegnamento del Pareto fu di mettere in evidenza la
mutua dipendenza ossia la interdipendenza dei fenomeni, in luogo di
semplici rapporti erronei di causa ed effetto. Il famoso opuscolo di
Bastiat « Oe qu’on voit et qu’on ne voit pas » in economia politica
illustra questa mutua interdipendenza delle cause e degli effetti fra
di loro.
Dati certi fenomeni A, B, C la conoscenza della loro mutua di­
pendenza può passare per tre gradi: a) si può sapere che tale inter­
dipendenza esiste; V) avere un’idea del senso della variazione di B e
C quando varia A ; c) calcolare esattamente queste variazioni. A que­
sto punto la conoscenza dei fenomeni A, B, C è completa e perfetta
(Cours, n. 580).
Lo spirito umano, osserva ancora il Pareto, procede dal noto al­
l’ignoto. Così, avendo conoscenze diffuse sull’equilibrio di un sistema
materiale, questo equilibrio può servirci d’esempio per concepire l’equili­
brio economico; a sua volta, quest’ultimo ci aiuterà a formarci una
idea dell’equilibrio sociale. Questo procedimento per analogia presen­
ta però scogli, che sono da evitare. Gli esempi e le analogie ci servono
solo per comprendere il senso dell’enunciato di una proposizione. Dopo
si deve esclusivamente riferirsi ai fatti per decidere se la proposi­
zione è vera o falsa (Cours, nn. 589-590).
Aggiunge infine il Pareto: vi sono certi fenomeni concreti, in cui
la parte economica trascende su tutte le altre, e per quei fenomeni si
potranno considerare, con lieve errore, i soli risultamenti della scien­
za economica. Vi sono altri fenomeni concreti in cui la parte econo­
mica è insignificante, e per quei fenomeni sarebbe assurdo il conside­
rare solo i risultamenti della scienza economica; all’opposto gioverà
trascurarli. Vi sono fenomeni intermedii tra questo e quel tipo, e di
essi i risultamenti della scienza economica ci faranno conoscere una
parte grande, o piccola. Ma in ogni caso è sempre questione del più
o del meno. In altri termini si può dire: talvolta le azioni dell’uomo
concreto sono, con lieve errore, quelle dell’ùoww economicus ; talvolta
combaciano quasi perfettamente con quelle dell’feomo ethicus; tale
altra combaciano all’incirca con quelle dell’homo religiosas, ecc. Ma
in ogni caso è sempre questione del più o del meno (Manuale, I 27).
In quanto ai punti di vista o ai metodi della norma delle leggi
0

empiriche o razionali dei fatti, a) si possono ricavare i fatti ipotètici


dai fatti osservati, come si usa fare dalle scienze sperimentali e
dalla stessa economia classica e come fece Aristotele nella Politica;
6) i fatti ipotetici si desumono dai principi a priori (principi teolo­
gici, teleologici o cause finali, diritto naturale ecc.) come nella Re­
pubblica di Platone; c) oppure, ed è questo il metodo indicato da
Claude Bernard in Notes Inédites e a cui attiene il Pareto, si può
passare ora dal fatto all’idea, e ora dall’idea al fatto, in modo da
cementare l'idea col fatto e da esercitare una critica severa per eli­
minare le cause d’errore (Cours, n. 574).
Il Pareto dalle ulteriori considerazioni dei fenomeni della economia
(equilibrio economico) passò alla sociologia (equilibrio sociale).

Pur avendo una preparazione economica, compiute le


prime ricerche finanziarie, m’accorsi dall’esame dei fatti che le linee
essenziali del fenomeno finanziario erano da cercarsi in astrazioni po­
litiche per costruire una scienza pura delle finanze e non nella ricerca
di uniformità o di leggi economiche o sociologiche. La conoscenza di
queste ultime senza dubbio potrà essere interessante, quando gli studi
saranno compiuti in modo da dare affidamento di risultati effettivi. Ma
la scienza delle finanze studia le relazioni fra lo Stato e i contribuenti.
Lo Stato compie scelte coattive (quindi politiche) di spese e di entrate
in conformità all’interesse pubblico secondo tre norme fondamentali:
a) il principio della commutazione o equipollenza, come s’esprime
il Ferrara (3), che è il principio razionale, che nel terreno del diritto
pubblico è quasi una applicazione del criterio prevalente nell’economia
e nel diritto privato, è quello dell’equivalenza tra servizi pubblici ri­
cevuti e corrispettivo, ossia il principio commutativo, modificato talora
dal criterio della capacità contributiva. Lo Stato ed altri enti pubblici
compiono spese per provvedere a interessi pubblici, collettivi ed anche
individuali e si procura le entrate necessarie in due modi, o mediante
la riscossione di corrispettivi e di tasse da parte di coloro che fanno
richiesta di servizi pubblici oppure mediante tributi di coloro, che pre­
sentano capacità contributiva, formatasi anche per concorso dei servizi
pubblici, e pertanto con esclusione da questo obbligo tributario di coloro,
che non sono forniti di capacità contributiva, ma solo del minimo dell’e­
sistenza. Quindi il principio commutativo non è identico a quello dello
scambio nell’economia di mercato, che determina i prezzi dei servigi e dei
prezzi. Anche rispetto all’acquisto dei beni dello Stato o alla richiesta in­
dividuale o collettiva dei servizi pubblici, il corrispettivo finanziario solo
casualmente è uguale al prezzo economico, perchè per lo più è diffe­
rente. E maggiore il corrispettivo se lo Stato è contrario alla diffu­
sione della richiesta dei servigi (tassa di porto d’armi) oppure ritiene

(3) F. F errara , L e zio n i di E con om ia P olitica , voi 1 parte - III


Trattato
speciale delle imposte, p. 551 ss., Zanichelli, Bologna, 1934.
— 6 —

di procurarsi un soprapiù rispetto al costo ed è minore nel caso inverso,


quando è interesse pubblico che il consumo di certi servigi venga ge­
neralizzato. Si ha da un lato il corrispettivo richiesto per i prodotti
del monopolio del tabacco, e dall’altro il corrispettivo corrisposto per le
scuole, che copre solo in parte la spesa della istruzione.
Nel caso dei tributi, la commutazione è indiretta, data la natura
dei servigi che devono essere goduti da tutti nel modo più ampio e a
tempo debito, quando il Governo ritiene opportuno di prestarli, anche
a favore di chi dispone di un reddito appena sufficiente per le spese
proprie e della famiglia e quindi non presenta capacità contributiva
per l’erario pubblico. I tributi quindi colpiscono chi è dotato di ca­
pacità contributiva, definita nei termini delle singole leggi e secondo la
regola generale dettata nell’art. 53 della Costituzione (« Tutti sono te­
nuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità con­
tributiva ») ;
b) il principio della solidarietà finanziaria, che riguarda i tributi
richiesti dalle spese dei pubblici servigi aventi carattere generale (di­
fesa, sicurezza, strade, ponti, istruzione e giustizia per la parte diffe­
renziale tra i corrispettivi pagati dagli utenti ed il costo di tali ser­
vigi, igiene pubblica etc. etc.) a cui si provvede con tributi secondo il
criterio della capacità contributiva, che costituisce un indice indiretto
dei benefìci tratti dai servizi medesimi, e i contribuenti così colpiti
per solidarietà sociale pagano le spese di tali servizi pubblici, che gio­
vano anche a coloro che sono esenti da oneri diretti per mancanza di
capacità contributiva (solidarietà sociale).
Il principio della solidarietà spiega anche il pagamento di tributi
straordinari per guerre, che vengono perdute o che, se anche vinte, non
sono propizie agli interessi della generazione attuale, perchè la vit­
toria conseguita gioverà solo alle generazioni future, come le genera­
zioni attuali sono henifícate dalle spese fatte in passato per nostro van­
taggio, e senza utilità immediata dei nostri antenati (costruzioni di
strade in zone disabitate e solo in seguito divenute popolose, rimbo­
schimento di montagne, etc. etc.) (solidarietà fra diverse generazioni di
contribuenti).
Infine si ha una solidarietà finanziaria per ragione economica,
quando con dazi vari i consumatori vengono onerati per promuovere gli
interessi di categorie economiche di produttori, come agricoltori, indu­
striali, commercianti. Il consumatore pagando le imposte, che maggio­
rano i prezzi dei suoi consumi, procura a sue spese l’agiatezza dei suoi
fornitori, ma per la solidarietà economica che vige nel sistema dei
prezzi del mercato, può avvenire che la maggiore prosperità, procurata
all’economia nazionale con la protezione economica doganale, finisca
per promuovere il benessere dei consumatori stessi, considerati quali
operatori economici, che si avvantaggiano di una economia divenuta
prospera mediante aumenti divenuti possibili di salari e di stipendi,
c) il principio finanziario della spogliazione e del parassitismo
si attua, allorché il contribuente venga taglieggiato illecitamente da
— 7

tributi, die lo colpiscono per alimentare spese pubbliche che lo dan­


neggiano oppure lo gravano, quando sia sfornito di qualsiasi capacità
contributiva per mancanza di mezzi da corrispondere al Fisco ovvero
allorché le sue ricchezze vengono decimate con pieno arbitrio, senza al­
cun suo obbligo legittimo di corrispondere i tributi impostigli.
La storia è piena di esempi di questa finanza arbitraria o per la
natura delle spese pubbliche, che non corrispondono all’interesse pub­
blico, o per i tributi che colpiscono persone, che non hanno alcun ob­
bligo di pagare.
Il progresso civile e politico degli Stati consiste nell’eliminare le
entrate conformi a quest’ultimo principio, affinchè i sistemi finanziari
siano ordinati secondo i primi due.
Di ciascun principio ho elaborato e approfondito i corollari con
criteri politici, passando dal fatto alla astrazione e da questa al ri­
conoscimento di nuovi fenomeni, sempre assicurandomi di ottenere la
maggiore approssimazione alla realtà.
In seconda e stretta approssimazione ho messo in evidenza la fun­
zione economica e sociale dell’attività finanziaria. Ogni scelta politica
esercita per riflesso una determinata funzione economica e sociale.
Quindi la scelta finanziaria è di natura politica, la funzione economica
e sociale è conseguente, per quanto l’una e l’altra siano in rapporto
di mutua dipendenza.
In terza approssimazione viene lo studio del potere finanziario (4).
La coattività — scrive il Pantaleoni (5) — esclude la natura econo­
mica dei fenomeni attuati dallo Stato in vista del suo interesse, anche
se questo si rifletta sugli interessi collettivi e individuali.
Studiosi di economia finanziaria, che pur conoscono e citano questo
passo del Pantaleoni non ne trassero le immancabili conseguenze ri­
spetto all’indirizzo nello studio delle Finanze, sotto l’aspetto giuridico
e altresì sotto quello politico.
A indicare l’essenza politica della finanza pubblica e delle dottrine
che la indagano, è certo il potere finanziario che ha lo Stato per pro­
curarsi le entrate, potere finanziario che non si limita ai tributi, per­
chè si estende a qualsiasi entrata per conformare all’interesse pubblico
gli interessi collettivi ed individuali. Ma evidentemente, se la scienza
delle finanze è idonea a mettere in rilievo queste caratteristiche politi­
che del potere fiscale, occorre che il diritto finanziario consideri e metta
in evidenza l’aspetto giuridico pubblico del potere finanziario, affin­
chè la nozione complessa del potere finanziario sia conosciuta integral-

(4) B. G r iz io t t i , Il potere finanziario, in Memoria, citato nell’ultima nota


di questo scritto, p. 544 ss., e in Riv. Dir. Fin. e Se. Fin., 1950, I, 3.
(5) M affeo P a n t a l e o n i , L’atto economico in Erotemi di Economia, voi. I,
Bari, Laterza, 1925, p. 91. « Non possono darsi leggi economiche dove vigono
violenza e frode, perchè chi è forte si serve fino ai limiti della sua convenienza
della sua forza su di chi è debole, nè con esso ragiona ». Si consulti anche del
Pantaleoni, Tentativo di analisi del concetto di « forte e dettole » in economia,
Eoe. cit., p. 329.
— 8 —

mente, anche nei suoi riflessi sulle nozioni scientifiche delle finanze
pubbliche.
Lo studio giuridico del potere finanziario si compie per determinare
sia la natura e i limiti dei rapporti giuridici fra Stato e contribuente
in ogni singola entrata sia la natura della operazione giuridica for­
male, mediante la quale si attua l’entrata.
L’analisi, che si attua con questo metodo delle successive approssi­
mazioni, pone in evidenza quattro ricerche pure: sulle scelte o direttive
politiche, sulle funzioni economiche-sociali, sul rapporto giuridico fra
soggetto attivo e soggetto passivo, sulla operazione tecnica o giuridica-
formale delle finanze, con la quale (operazione) si attua l’entrata.
Per astrazione si isolano i quattro fondamentali aspetti delle fi­
nanze e per ciascuno di essi si elabora la teoria pura.
Se ne studiano le reciproche dipendenze e si mette in evidenza la
coessenzialità delle singole funzioni o cause di ciascuna entrata finan­
ziaria e di tutte le entrate tra loro nel sistema finanziario.
Nella sintesi si ha la conoscenza approssimata del fenomeno finan­
ziario concreto.
I residui di conoscenze inesplorate, con il progresso degli studi,
potranno essere indagati con successive approssimazioni, mediante even­
tuali indagini economiche, storiche, filosofiche, sociologiche ecc.
E’ da mettere in evidenza che l’estensione della scienza delle fi­
nanze allo studio delle scelte politiche delle spese e delle entrate pub­
bliche e per riflesso delle loro funzioni economiche-sociali, nonché dei
presupposti e delle premesse delle leggi finanziarie, ha consentito di
attuare lo studio del diritto finanziario sistematicamente dal lato so­
stanziale per meglio comprendere scientificamente gli istituti finanziari
e inoltre le norme giuridiche che non dal solo lato formale.
L’interpretazione e l’applicazione delle leggi finanziarie con tale
preliminare indagine scientifica della ratio legìs di ogni norma assi­
curerebbe una giustizia sostanziale e non soltanto quella formale dello
studio cosiddetto positivo, di prima approssimazione, che conduce spesso
al summum jus, summa iniuria,
Si contempera per questa via l’esigenza della scienza pura con
quella di approfondire e di completare la conoscenza dei fenomeni con
successive approssimazioni.
E’ un procedimento che si è verificato rispetto al diritto finan­
ziario, perchè in Italia venne studiata sistematicamente la scienza delle
finanze. Ma tale procedimento potrebbe attuarsi per ogni altro ramo
del diritto, se lo studio scientifico si facesse sui presupposti e sulle
premesse di ciascun ramo del diritto.
Invero con simile provvedimento e secondo lo spirito e la lettera
della legge universitaria, sarebbe assai utile che la scienza dell’ammi­
nistrazione elaborasse scientificamente i principi generali, gli oggetti
e i presupposti del diritto amministrativo e favorisse così l’applica­
zione funzionale delle leggi amministrative.
Anche la scienza delle finanze, che considera particolarmente le en­
trate pubbliche come oggetto delle sue ricerche, sarebbe facilitata nel
suo compito, se la scienza dell’amministrazione elaborasse le spese pub­
bliche e ne investigasse le loro funzioni.
Parimenti la scienza economica potrebbe adempiere ad un compito
notevole nella facoltà di giurisprudenza, se illustrasse le funzioni degli
istituti economici, che vengono considerati nei vari rami del diritto
privato e del diritto pubblico.
L’interpretazione sostanziale delle leggi in generale sarebbe allora
molto favorita.
Anche i principi generali del diritto potrebbero essere tratti dal­
l’ordinamento giuridico e considerati in vista del loro contenuto e non
soltanto della loro forma, per vederne l’applicazione, tanto nel diritto
privato quanto nel pubblico, nel diritto interno e nell’internazionale
e comparato.
E’ questo un ritorno ai nostri classici dell’economia e del diritto,
senza cadere nelle loro divagazioni, per la consapevolezza del metodo
da 'seguire e dei limiti da osservare nell’indagine, in conformità all’in­
dole del nostro gusto del sapere che rimane insoddisfatto di fronte alla
ricerca inglese di economia pura e al metodo tedesco del diritto puro.

3. — Aon mi rimane che da indicare come dallo studio dei fatti


sia giunto alla formulazione della teoria.
Avendo nel 1909 iniziato lo studio della evoluzione delle spese e
delle entrate dal 1869 a quell’anno per la Francia, mediante la lettura
degli atti parlamentari e della letteratura finanziaria francese mi per­
suasi che l’elemento politico più che l’economico segnava le direttive delle
finanze pubbliche. Nello stesso anno lo studio sul sovraprezzo delle azio­
ni di nuova emissione (6) mi fa intravedere tre idee importanti: 1) che il
sovrareddito e non la rimunerazione normale presenta capacità contribu­
tiva , 2) che e importante lo studio « scientifico » del diritto finanziario j
3) e dell’interpretazione delle leggi finanziarie, per elevare organica-
mente le dottrine della scienza delle finanze e del diritto finanziario.
Nella prolusione letta a Catania nel 1914 e a Pavia nel 1920 (7)
esposi tutte queste idee nel proposito di coordinare lo studio e l’insegna­
mento della scienza delle finanze e del diritto finanziario, per la ricerca
funzionale delle singole entrate e la loro sistemazione scientifica nel
sistema finanziario.
Nel 1926 nel corso letto all’Accademia di diritto internazionale de
L’Aia sulle doppie imposizioni definii questo fenomeno studiando il
perchè accanto al come dell’imposta col ricorso al concetto obiettivo di

(6 ) B . G r i z i o t t i , G li in crem en ti di v a lo re n elle azioni in d u stria li e il si­


stem a trib u ta rio italiano, in G iorn. d. E con ., 1909, p. 42-88.
(7) B. G r iz io t t i , Crisi e ten d en ze n egli stu d i finanziari, ivi, feb b r. 1915;
id. id., P rob lem i della rico stru z io n e finanziaria, in S tud i d ella F a c. Giur. 1925!
— 10

causa, per cui la doppia imposizione risulta la replicata imposizione


per la medesima causa (8). . .
Da queste idee tra loro coordinate in varie pubblicazioni e nella
Rivista di Diritto Finanziario e Scienza delle Finanze procedetti all ana­
lisi e alla sintesi delle entrate finanziarie, fino a costituire un metodo
di studio e un sistema scientifico, cbe esposi in una recente Memoria e
in altre pubblicazioni (9).

B envenuto G m z io t t i

,8 , B. G m z io t t i , M . , » , < « - » ¡ * 2
(9) P e r l ’insiem e di q ueste teorie si ved a . B, ’ a .M em oria
d e g li stu di di scien za d elle fin an ze .* ^ i t t o M a g a n o S 7 R o i^ 1952.

p r in cip io della spogliazion e e d el p a ra ssitism o a lle en tra te irra zion a li.


PROGRESSO TECNICO E PROGRESSO MORALE
DELLA FINANZA

U n con trasto ap p are evidente a ll’epoca n ostra tr a progresso scien­


tifico e tecnico, da u n la to , e progresso m orale, d a ll’ altro. S i può,
in fa tti, afferm are che la c iv iltà , quale m an ifestazio n e d i perfezionam ento
m orale d ell’u m an ità, non h a a i tem pi n o stri sem pre con tin u ato il suo
cam m ino verso il progresso, so v ra ttu tto nei periodi b ellici ed in quelli
im m ediatam ente su sseg u en ti; m entre conviene riconoscere che la scienza
h a prosegu ito e prosegue tu tto ra la su a lu m in osa ascesa.
N o n solo abbiam o avuto a n a lisi acute e profonde, q u a li q u ella dello
H u itzin g a , del tram on to d ella civ iltà — in tesa n el senso di v e r ità ed
u m an ità, ragione e d iritto (1) — ; m a sono purtropp o ancor v iv i i ricordi
d i ta n ti eventi v erificatisi du ran te e dopo le u ltim e guerre, che attestano
in modo irre fu ta b ile u n certo decadim ento m orale. B a s t i ricord are, oltre
le crudeltà com m esse contro i p rig io n ie ri e contro g li o sta g g i, oltre gli
in eso ra b ili b om b ardam en ti di popolazion i in erm i (2), la c r isi d ell’ordine
politico e della stru ttu r a econom ica, non d isg iu n ta da qu ella sp iritu a le,
la decadenza del costum e, del senso di rettitu d in e e del dovere, l ’ a gg ra ­
v a r s i d ella delinquenza m in orile, i sistem i procedu rali a d o tta ti in certi
processi p o litici ecc., per non p a r la r e della decadenza d i alcune form e
d ell’ arte. B en diverso è l ’ andam ento del progresso scientifico. E ’ bensì
vero che si fa n n o p u rtropp o a p p lica zion i delle scoperte e delle inven­
zioni d ell’ingegno del tu tto opposte a quelle che sarebbero con form i agli
in teressi dell’u m a n ità — com e avviene, ad esem pio, per l ’im piego della
energia nucleare, — m a non è m en vero che ciò non può a scrive rsi a
colpa d e lla scienza, la quale, tran n e in b re v i periodi di sta si, prosegue
in cessan te il cam m ino verso p iù alte m ète.
C osì, anche la scienza della finanza h a com piuto notevoli progressi,
so v ra ttu tto per q uanto si riferisce a lla finanza stra o rd in a ria , avuto
p a rticolarm en te rig u ard o a lla p o litica ed a lla tecnica fin a n ziaria della
guerra e del dopoguerra.
I l quadro, in fa tti, d ell’ordinam ento fin an ziario, p rev also du ran te i
secoli scorsi, come è noto, ap p are a ssa i meno isp ir a to a criteri di g iu ­
stiz ia di quello attu alm en te vigente n eg li S ta ti più c iv ili. A n z i, l’ assetto
trib u ta rio m an ca va u n tem po a ssa i spesso a d d irittu ra di o rg a n ic ità e

(1) J. H u i z i n g a : L a crisi della civiltà , Einaudi, 1946, p. 12.


(2 ) A . L o r i a : A s p e tti som ali ed econ om ici d ella g u erra m ondiale, Milano,
Vallardi, 1921, pp. 315 seg.
_ 12 —

di razionalità ed in certi periodi, caratterizzati da crescenti esigenze


finanziarie della nazione a motivo delle grandi guerre combattute o di
altri gravi eventi di carattere politico o sociale, diventò persino caotico,
a seguito dell’imposizione di nuovi balzelli, spesso ingiusti quanto irra­
zionali — come avvenne, ad esempio, nell'Egitto tolomaico (3), durante
il periodo di decadenza dell’Impero romano (4), nella Francia dopo la
guerra dei trent’ anni (5) ecc. Le deficienze del sistema tributario du­
rante i secoli passati ci appaiono, poi, particolarmente notevoli, sovrat-
tutto per quanto riguarda rordinamento della finanza straordinaria.
Le entrate ordinarie — costituite, oltre che da proventi del demanio
fiscale, cospicuo un tempo, come è noto, dal censo delle terre date a
livello od a colonàtico, da lauderai per la vendita delle terre, dalle im­
poste sulla proprietà terriera, particolarmente importante per il suo get­
tito, da tributi sulle industrie, sulle contrattazioni, sullo sfruttamento
delle miniere, sulle successioni, dalle tasse di cancelleria, da focaggi,
da dazi, gabelle ed altre imposte sui consumi, da sussidi, da decime, da
diritti di pedaggio e di ancoraggio, dai proventi della concessione del
diritto di sfruttare miniere, dai diritti di pascolo, da tributi eli­
dali, ecc. — si accrescevano ancora del gettito di svariati balzelli,
introdotti saltuariamente e con criterio inorganico durante le guerre.
A ciò si aggiunga ancora che troppo spesso nei secoli precedenti non si
tassava il reddito netto, ma quello presunto: per i terreni agrari m
ragione della loro estensione o della produzione lorda, per l’attività m di­
striate tenendo conto essenzialmente di qualche indice appariscente de a
redditività dell’impresa. Così, furono frequenti in passato imposte com­
misurate al numero dei fusi o dei telai nelle industrie tessili, al numero
ed alla potenzialità delle macchine motrici o lavoratrici, all’entità del e
fonti di energia installate, alla quantità e qualità di certe materie prime
adoperate. Notevoli progressi si fecero senza dubbio nel campo della
finanza ordinaria, ma ancora più sensibili furono quelli attuati nel a
politica finanziaria di guerra. Infatti, nel vasto quadro dei provvedi­
menti di natura straordinaria prevalevano un tempo tributi non di rado
contici, la cui onerosità era tanto più rilevante, in quanto essi erano
basati su accertamenti imperfetti, mancando catasti recenti e precisi ec
essendo necessario venire abbastanza sovente ad accordi a forfait
per la determinazione del reddito imponibile. Si faceva, anzi, non di
rado, ricorso a vari e propri espedienti finanziari, quali l’imposizione

(31 E C xcotti • L in ea m en ti d ell’ ev olu zion e trib u ta ria n el m ondo antico,


Milano, società editrice libraria, 1921, pp. 37-55; G. M a s p e k o , L es finances de
V E gypte s o m les L agides, Paris, 1906; M. I ìo s t o z e f f , E con om ie poUcy o f
P ergam en e K in g s, in «Anatolian studies presented to sir W illiam Mite e,
Rarnsav» Manchester. University press, 1923. .
(41 c r o b e k t u s : P e r la sto r ia d elle im p o ste rom a n e da A u g u sto in poi,
in « Biblioteca di storia economica », voi. Y, pp. 694 e seg. ; E. C le o n i, p.

( 5) a . P.ailly : H is to ir e fin a n eière de la F ra n ce, Paris, Moutaidier


libraire-éiteur, 1830, voi. I, pp. 384 e seg.
13 —

di esose « taglie », la vendita di ufilici e di cariche, l’alienazione di tri­


buti, che assumevano spesso il carattere di prestiti (6). Abbastanza di
frequente, poi, si assisteva all’erosione ed alla falsificazione delle mo­
nete, oppure si ripristinava l’odioso diritto di macina o si ricorreva
all’imposizione od all’aumento del quartiere d’inverso, del sussidio mi­
litare, del comparto dei grani ecc. (7).
Anche per quanto riguarda la contrazione dei prestiti, i metodi
adottati non erano certo i migliori ; poiché, prima che fossero sorti
grandi istituti bancari, si era costretti, ricorrendo a banche private, a
pagare sovente saggi di interesse elevati. Non di rado, poi, si emet­
tevano anche prestiti forzosi, cagione delle ben note ripercussioni sfa­
vorevoli all’economia del paese, mentre scarso era il contributo recato
da prestiti esteri e da sussidi degli altri Stati anche durante le guerre.
Il problema di importanza essenziale nella finanza bellica, di accre­
scere, cioè, la quantità di beni attuali allorché occorre utilizzare, oltre i
beni disponibili esistenti nella nazione belligerante, anche quelli pro­
venienti, per mezzo di prestiti esteri, da altri paesi, era risolto assai
imperfettamente. Qualche prestito si stipulava anche allora da altri
Stati, è vero. Così, è noto che durante le guerre d’indipendenza il Pie­
monte e l’ Italia contrassero prestiti a Parigi ed a Londra. Degni di
essere ricordati, a questo proposito, sono i due prestiti avuti dall’In­
ghilterra (nel 1854-55) in occasione della guerra di Crimea, per l’am­
montare di un milione di sterline ciascuno — prestiti, e non sussidi, a
diversità di quanto avevano chiesto ed ottenuto dall’Inghilterra diversi
altri Stati, i quali avevano accettato siffatte forme di contribuzioni —
prestiti e non sussidi, aggiungo, che vennero rimborsati gradualmente
per diversi decenni finché il nostro Governo nel 1902 provvide alla com­
pleta estinzione di essi dando un alto esempio di rettitudine finanziaria.
Infatti, tale rimborso rappresenta un’eccezione onorevole all’abitudine,
troppo spesso invalsa nei riguardi di diversi paesi, di non pagare, in
tutto od in parte, i propri debiti. Basti ricordare che la Turchia, la
Prussia, l’Austria, la Russia, il Portogallo, ecc. sono da includere tra
gli Stati, che non fecero onore agli impegni contratti coll’Inghilterra (8).
Prestiti esteri erano accordati, è vero, anche in passato, ma in mi­
sura meno rilevante di quelli concessi all’epoca nostra. A questo riguar­
do, meritano di essere ricordati i prestiti esteri, ottenuti a condizioni
favorevoli in grazia all’abilità di Camillo Cavour, nel 1849, dalla Casa
Bothschild e dalla Casa Hambro in circostanze particolarmente difficili
della nostra finanza. Ma, non solo esistevano un tempo ben maggiori6 8
7

(6 ) R. U. F e r r a n t e (R. F u b i n i ) : V ecch ie fo r m e di d eb iti pubblici, in « Ri


vista di storia economica », dicembre 1941, pp. 252 e seg.
(7) L. C ib r a r io : D e ll’econ om ia p olitica d el M ed io E v o, 'Torino, stampe­
ria reale, 1854, cap. IV, pp. 387 e seg.; L. C ib r a r io , D ella fin an za della m o­
n arch ia d ei S avoia n ei seco li X IV e X V , in « Memorie dell’Accademia delle
Scienze di Torino », Torino, 1832, tomo X X X V I, pp. 157 e seg.
(8) H. C h a p h a m : L oa n s and su bsid ies in tim e o f roar, in « The Econo­
mic Journal», dicembre 1917, pp. 495 e seg.
— 14 —

clie non all’epoca attuale le difficoltà per la contrazione di prestiti


esteri; erano sovrattutto meno frequenti gli aiuti reciproci ed i condoni
di debiti di guerra, nè era invalso il sistema degli « affitti e prestiti »,
concessi largamente dagli Stati Uniti (e con sistema analogo dalla Gran
Bretagna) durante l’ ultima guerra — sistema particolarmente favore­
vole ai paesi meno ricchi, ai quali venne, col differimento del rimborso
di prestiti in natura od in moneta e con altre agevolazioni, consentito
di continuare a svolgere tutta la loro attività bellica senza ridurre so­
verchiamente quella economia. Non mancano tuttavia esempi di sussidi
concessi anche durante i precedenti secoli dalle potenze meglio prov­
viste di mezzi finanziari a quegli Stati che fornirono truppe durante le
guerre combattutesi per il trionfo delle armi comuni. In Piemonte ad
esempio, durante la guerra di successione spagnuola, all inizio del se
colo X V III, si ebbe solo qualche prestito dai banchieri di Ctaev1
Genova; ma vennero accordati sin da allora sussidi dagli alleati m
compenso dell’aiuto recato dall’esercito piemontese Già nel^ primo pe­
riodo della guerra col trattato di alleanza (m data del 6 aprile 1701)
tra il Re Cristianissimo e Cattolico ed il Duca di Savoia, questi si era
impegnato a mettere in campo 2.500 cavalli ed &000 “
mese di agosto, e ad assumere, in pari tempi, il comando d ell* trapp
alleate in Italia (9). In cambio, il Re di Francia e quello Spagna w
obbligarono a pagare 600.000 scudi per anno, corrispondenti a 150.000
« lire di Francia » al mese (10). Cospicui aiuti finanziari ottenne, piu
tardi dal 1704 al 1712, il Piemonte dall’Inghilterra (11). Ma si trattava
f .¿ .M i assai meno i'ngen.i ai „uelli concessi ansante
guerre. Molto più frequenti furono, infatti, non solo i prestiti esteri, ma
anche gli aiuti reciproci, le agevolazioni finanziarie e degna di essere
particolarmente ricordata fu sovrattutto la cancellazione di debiti di
guerra durante l’ultimo conflitto mondiale per il prevalere di un maggio
senso di solidarietà internazionale. .
Non mancano, è vero, esempi di condoni di prestiti concessi anche
durante i precedenti secoli, quale, ad esempio, quello accordato dalla
Francia alfe tredici colonie americane per il prestito da esse contratt
per la guerra contro l’Inghilterra. E’ noto, infatti, che Luigi NIV affer­
mava di voler offrire alle colonie americane l’ammontare del pres ì
di 13 milioni di franchi-oro, - somma cospicua a quei tempi - c o i n è
«cadeau de renaissance» (12). Degno pure di essere r i d d a t o è R con-
dono da parte dell’Inghilterra, del debito contratto dall Austria dopo
le guerre napoleoniche. Notevoli furono senza dubbio gli aiuti finanziari

(9) L E i n a u d i : L a finanza sa ba u d a all'aprirsi d el c


r a n to la ìu erra di su ccession e
narchia piemontese», Torino, ^908, P1 278'
(10) L. E i n a u d i : Op. cit., pp. 278--,79.
(11) L . E i n a u d i : Op. cit., pp. 280 e seg. _ fon .
(12) A. L o r ia : O blìi d’ o ltre m a re, nel «Popolo di R o m a », del
braio 1933.
— 15

internazionali accordati durante e dopo il conflitto del 1915-18; ma di


gran lunga superiori sono stati quelli concessi nel corso dell’ultima
guerra mondiale dagli Stati alleati.
Infatti, secondo le dichiarazioni del Cancelliere dello Scacchiere
Gaitskell, Fammontare dei contributi dati dal Regno Unito ai paesi
esteri e ad enti di carattere internazionale durante l’ultimo conflitto
mondiale ascese complessivamente a 2 miliardi e 615 milioni di ster­
line (13), costituiti da contributi ad enti internazionali per milioni di
sterline 179,6, da doni a paesi esteri per milioni di sterline 357,5, da reci­
proci aiuti a Stati esteri (dal 1939 al 1945) per miliardi (di sterline)
2.078,4.
A queste elevate cifre di contributi finanziari forniti dalla Gran Bre­
tagna durante il periodo sovra indicato, devono ancora aggiungersi quelle
degli aiuti economici da essa concessi, posteriormente, alla Jugoslavia,
che dal 1949 al 1952 ascesero a milioni di dollari 27, 6, degli aiuti concessi
alla Germania occidentale (14), ai profughi arabi (15) ecc.
Più elevato è Fammontare degli aiuti gratuiti e dei prestiti concessi
dagli Stati Uniti, che appaiono ancora aumentati dopo il 1950 (16).

A iu t i g r a tu iti P r e stiti T o tale


(in milioni di dollari)
Periodo bellico
(se co n d o c o n flitto m o n d ia le ) 4 0 .2 4 6 715 4 0 .961

Periodo post-bellico
(p r im a d e lla g u e r r a in C o r e a ) 1 6 .935 9 .1 37 2 6 .0 7 2

D a l l ’1-7-1950 a l 3 0 -6 -1 95 2 8.4 57 493 8 .9 50

T o tale a l 3 0 g iu g n o 1 9 52 6 5 .6 3 8 1 0 .3 4 5 7 5 .9 8 3

Ascendono dunque a circa 76 miliardi di dollari gli aiuti gratuiti ed


i prestiti concessi dagli Stati Uniti a paesi esteri dall’inizio del secondo
conflitto mondiale sino al 30 giugno 1952.
Ma la finanza di guerra durante le ultime querre non solo è carat­
terizzata dal cospicuo ammontare di doni, di aiuti reciproci, evento alta­
mente augurale quale manifestazione di solidarietà internazionale, ma
si basa essenzialmente su un ordinamento finanziario assai più progre­
dito di quello attuato nei secoli precedenti.
Non solo si è compiuto all’epoca nostra un sensibile progresso nel-

(13) In tern a tion a l su rv e y 1950, C en tral o ffices o f in form a tion , London,


vol. I l l , p. 43.
(14) In tern a tion a l s u rv e y 1951, C en tral o ffice o f in form a tion , London,
vol. I I : post-war settlement, U. K . economic aid to Germany.
(15) In tern a tion a l su r v e y 1952, C en tra l o ffice o f in form a tion , London,
vol. II : aid development, p. 34.
(16) F o r eig n aid by th e U nited S ta tes G overn m en t - D ep a rtm en t o f com ­
m en ce (trough 30 April 1952), p. A 26.
— 16

l’ordinamento della finanza straordinaria e nell’emissione di prestiti, sia


nazionali che esteri, ma sovrattutto si sono attuate norme intese a tener
conto dell’armonica connessione della finanza colla politica economica,
ai fini di un più sicuro finanziamento della guerra e di una più facile
ripresa economica nel periodo post-bellico.
Il progresso nel campo prevalentemente tecnico, per quanto riguarda
la finanza di guerra, è stato senza dubbio notevole; tanto più se si tien
conto dell’importante aiuto a tal fine consentito dall’evoluzione caratteri­
stica dei tempi attuali dell’ordinamento bancario ed, inoltre, dei moderni
sistemi di collocamento dei titoli di debito pubblico, oltre che presso pri­
vati risparmiatori, per mezzo di finanziamento diretto da parte di banche,
enti di assicurazione e risparmio (17). Notevole, poi, la tendenza a limi­
tare, per mezzo della tassazione e di altri espedienti, le spese per i con­
sumi al fine di avere maggiore disponibilità finanziaria per la guerra.
Merita, anzi, di essere, a questo riguardo, ricordata la proposta fatta sul
« Times » dal Keynes, all’inizio dell’ultimo grande conflitto, di uno sche­
ma inteso a vincolare una parte dei redditi che superassero un dato
livello, per utilizzare siifatti risparmi a vantaggio del parziale finan­
ziamento delle spese belliche. Siffatti risparmi, depositati presso le Casse
di risparmio postali — le quali corrispondevano un interesse del due e
mezzo per cento — dovevano restar bloccati, tranne per circostanze del
tutto particolari, sino ad una certa data dopo la fine della guerra (18).
Praticamente vantaggioso apparve, poi, l'uso dei normali buoni di
risparmio (« saving bonds »), largamente diffuso sovrattutto negli Stati
Uniti, per raccogliere i rivoli di disponibilità finanziarie, provenienti da
modeste fortune, a favorire, così, anche tra le classi inferiori di rispar­
miatori non solo il possesso di titoli di debito pubblico, ma anche un
più largo interessamento alla situazione finanziaria e monetaria del
paese. Tanto in Germania, quanto negli Stati Uniti d’America, venne,
inoltre, adottata, con soddisfacenti risultati, la forma moderna di pre­
stiti a breve, denominata «buoni di imposta», mediante 1’emissione di
titoli, il cui uso era strettamente connesso al loro impiego nei versa­
menti di carattere tributario (19).
Ma più decisivi progressi si fecero essenzialmente nei riguardi dei
rapporti intercedenti tra finanza e politica economica cercando di con­
seguire per mezzo della tassazione una riduzione di alcuni consumi non
necessari, una contrazione dell’importazione di determinati beni, una
più severa imposizione delle plus-valenze e di tutte le eccedenze dei red­
diti formatesi durante la guerra — severa imposizione, intesa ad impe­
dire le eccessive speculazioni nell’acquisto della proprietà immobiliare

(17) G . B o b g a t t a : L a finanza della g u erra e del d opogu erra, Alessandria,


Gazzotti, 1946, pp. 487 e seg. . . „
(18) J. M ain ak d K e y n e s : P rop osa ls fo r com pulitory saving, in « llie
Times » del 15 novembre 1939. .
(19) A. G a s in o C a n in a : F in a n z a di g u erra e d el d opo-gu erra, m « Con­
ferenze culturali », edite a cura delle Scuole di applicazione d’arma, Torino,
tip. Castello, 1952, p. 80.
17 —

e dei titoli azionari, — mirando ad attuare una politica finanziaria,


oltre che fiscale, avente anche finalità economiche e morali, favorevoli
al successo delle operazioni belliche.
Per quanto anche nei secoli scorsi si intuissero gli stretti rapporti
intercedenti tra finanza straordinaria e politica economica, tuttavia è
relativamente recente la concezione del carattere strumentale dei pro­
cedimenti finanziari in rapporto alle finalità che lo Stato si propone,
al loro ordinamento ed alla loro subordinazione agli scopi economici e
politici prefissi. Non si può, infatti, concepire una politica finanziaria
volta ad accrescere notevolmente le entrate senza un’armoninca sua con­
nessione con una politica economica tendente ad accrescere la disponi­
bilità dei beni attuali. E’ vero che i mezzi finanziari possono essere
attinti anche a riserve di beni e di ricchezze precedentemente accumulate
(come si usava un tempo colla formazione di tesori di guerra ovvero per
mezzo di magazzini frumentari — famosi, tra questi ultimi, quelli
creati da Federico il Grande —) da utilizzarsi nell’eventualità di lunghi
conflitti, e possono, inoltre, essere attinti a redditi ancora in forma­
zione per mezzo deirinflazione ovvero a redditi futuri ricorrendo a pre­
stiti esteri che saranno poi rimborsati con redditi futuri, ma che già
consentono la disponibilità immediata a vantaggio dei paesi bellige­
ranti di beni attuali provenienti appunto dallo Stato mutuante. Ma è
essenzialmente la ricchezza via via formantesi, quella che, come è noto,
sorregge durevolmente la nazione nell’arduo sforzo della guerra. La
politica economica ha pertanto un’importanza notevolissima. Tale aspet­
to di speciale rilievo della condotta della guerra è stato preso in consi­
derazione in modo particolare durante i due ultimi conflitti mondiali,
e ben a ragione. Assai più di quanto si facesse in passato, si è cercato,
infatti, di accrescere la disponibilità di mezzi finanziari prelevandoli in
guisa da non alterare eccessivamente l’equilibrio della produzione.
Al fine di accrescere la disponibilità di mezzi finanziari, si ebbe,
inoltre, un più largo utilizzo degli investimenti fatti all’estero. Esempio
altamente significativo è quello datoci dalla Gran Bretagna, che, tanto
durante la prima guerra mondiale, quanto nel corso della seconda, si valse
largamente degli investimenti precedentemente fatti in altri paesi. L’uti­
lizzo di siffatti investimenti non potè fare a meno naturalmente di deter­
minare notevoli contrazioni nell’afflusso di redditi dall’estero ed un sen­
sibile depauperamento del patrimonio nazionale, ma impedì che si veri­
ficasse un turbamento nella vita economica così grave quale si sarebbe
avuto se l’ingente somma fosse stata prelevata dal campo della pro­
duzione nazionale.
Per quanto si riferisce alla tassazione, è da osservare che, durante
l'ultimo conflitto, si aggravò assai più di quanto sia avvenuto in pas­
sato la progressività, la quale, infatti, trovò più vasta realizzazione,
sovrattutto nelle imposte dirette, tanto per quelle incidenti sul reddito,
quanto per quelle che colpiscono il capitale. Direttiva nella tassazione,
questa, che non solo ha finalità di carattere fiscale, ma mira sovrattutto
a contrarre i consumi ed a liberare nel frattempo, nella misura del pos-2

2 - Riv\ dir. fin. - Parie I - 1953


— 18 —

sibile, fattori produttivi e prodotti indispensabili al soddisfacimento di


b isog n i p u b b lici. .
Anche nel periodo post-bellico, allorché si tratto di promuovere la
restaurazione economica, la finanza proseguì scopi, oltre che fiscali,
anche economici, sociali e demografici, la cui realizzazione, divenuta
ormai particolarmente importante all’epoca nostra, contrasta con e
finalità essenzialmente fiscali della finanza, quali appaiono negli scritti
degli economisti classici e nelle direttive prevalse per molto tempo nel­
l’ordinamento tributario dei principali paesi. Una nuova fase si e,
infatti, aperta alla finanza col sorgere di nuove correnti filosofiche e
politiche, antitetiche a quelle che caratterizzarono il secolo XX A se­
guito della nuova concezione dei diritti dello Stato e delle molteplici sue
mansioni, la finanza pure ha esteso notevolmente 1 confini del suo inter­
vento, assegnando all’ordinamento tributario anche finalità economiche
particolari, intese a favorire la resistenza del paese durante la guerra e
la sua ripresa durante il periodo post-bellico. ,.
Ma, non solo nel vasto quadro dei provvedimenti della finanza di
guerra e di quella del dopoguerra appare il progresso verificatosi nelle
direttive additate dalla scienza delle finanze agli uomini di governo,
bensì anche nell’ordinamento pratico dell’assetto tributario stesso. In­
fatti, è noto, che quanto più razionale è il sistema tributario, quanto
più rispondenti alla realtà sono gli accertamenti dei redditi, tanto meno
verrà turbato con i provvedimenti fiscali l’equilibrio economico, ed il
paese, il quale già deve superare la grave situazione di emergenza
creata dalla guerra, sarà in grado di continuare con minori sforzi il
ritmo della sua produzione; mentre il sistema produttivo si logora e si
riduce notevolmente il reddito normale, allorché coll’incremento dell one­
rosità tributaria a motivo degli imperfetti accertamenti dei redditi si
determina una situazione di squilibrio che va sempre piu aggravandosi
col tempo - come si può facilmente rilevare seguendo le vicende de a
finanza nei secoli scorsi, messe a raffronto con i progressi attuati nella
distribuzione del carico d'imposta durante l’epoca nostra.
Non soltanto la teoria del sacrificio del contribuente ha raggiunto
un livello di sempre più fine analisi nei riguardi della concezione della
Giustizia tributaria, ma sotto l’influenza dell’evoluzione compiutasi nelle
idee politiche all’epoca nostra i principi teorici hanno potuto trovare
una sia pur parziale, attuazione, eliminando non poche sperequazioni,
prima peÌ lungo tempo prevalse nell’ordinamento finanziario. Il susse-
J S , del J L , inL e v i Stati di recenti riforme tributar
se non tutte ispirate a criteri veramente razionali — e la prova evide
della tendenza a rivedere le basi della tassazione ai fini della realizza-
zione di un più corretto e tecnicamente meno imperfetto ordinamento d

sistema connessione" tra la finanza di guerra e la politica economica si


è manifestata non solo nelle finalità della tassazione, oltre che fiscali,
anche sociali o politiche, bensì anche in provvedimenti di « ^ a esse -
zi afinente economica, quali, ad esempio, la politica del basso saggio din-
— 19

teresse — nella cui attuazione è apparsa la necessità di evitare i danni


di un’artificiosa contrazione del tasso d’interesse, in guisa da impedire
l’alterazione della normale distribuzione degli investimenti del rispar­
mio e non incrementare troppo, in pari tempo, i consumi. Merita, inol­
tre, di essere ricordata la politica del controllo dei prezzi, che, stretta-
mente connessa col razionamento ed attuata colla dovuta cautela, in
determinati periodi ed in alcune speciali circostanze diede eccezional­
mente risultati abbastanza soddisfacenti (20).
Non soltanto non si è lasciato al libero gioco della domanda e del­
l ’offerta la formazione dei prezzi, ma il controllo venne esteso, oltre che
a questi, anche ai salari ed agli stipendi, per impedire il formarsi di
un eccessivo potere d’acquisto. Per riassorbire la circolazione esuberante
e frenare quindi l’incremento di domanda vennero anche emessi Buoni
del Tesoro ed altre forme di prestiti, e si introdussero pure inasprimenti
di imposte. A questo provvedimento si associò il controllo degli investi­
menti privati.
Anche in passato si ebbero, è vero, controlli dei prezzi, poiché è
noto che furono frequenti i divieti di aumento di prezzo di alcune der­
rate per mezzo della fissazione di calmieri o « mète », come pure era lar­
gamente invalso il sistema delle limitazioni o proibizioni dell’invio al­
l’estero di svariati prodotti; ma si trattava di provvedimenti empirici,
attuati senza tener presenti, nell’ordinamento dei prezzi stabiliti d’im­
perio e nei riguardi delle restrizioni del commercio estero, i rapporti
di interdipendenza intercedenti tra i prezzi di determinati beni, in
omaggio ai noti principi dell’equilibrio economico. Di questi, al contra­
rio, si tiene ora maggiormente conto, sia quando si tratta di fissare
prezzi d’imperio, sia quando si vuole tenere il saggio d’interesse ad un
dato livello.
Senza affermare che nel campo della politica finanziaria si sia
ormai raggiunto un alto livello di progresso, essendo note le sue defi-
cenze, possiamo, però, sostenere che, considerate nel loro complesso,
tanto la politica finanziaria attuale, quanto particolarmente la finanza
della guerra e del dopoguerra, appaiono dal punto di vista dell’ordina­
mento tecnico assai meno imperfette di quelle attuate durante i prece­
denti secoli.
Il progresso compiuto nel campo della scienza della finanza ha
avuto adunque notevoli ripercussioni anche nel campo pratico dell’ordi­
namento dell’assetto finanziario.
Ma, se la moderna concezione di una più frazionale politica finan­
ziaria e la più precisa conoscenza dei rapporti intercedenti, in forza di
ben note leggi economiche, tra gli effetti delle varie forme d’intervento
statale rivelano un indiscutibile progresso tecnico della finanza, esiste
anche un ininterrotto progresso nei riguardi della correttezza e della

(2 0 ) K . M a n d e l b a u m : A n exp erim en t in fu ll em ploym en t. C on trols in th e


Germ an econ om y - 1033-38, in «T h e economics of employment», Oxford, 1945,
pp. 161 e seg.
• - 20 —

rettitudine, alla quale si ispira nell’epoca attuale la politica finanziaria,


specie se raffrontata a quella prevalsa in alcuni storici periodi
Se osserviamo la decadenza morale, avveratesi sin dalla fine del p
mo conflitto mondiale, alla quale si associò anche una certa trascuranza
nell’adempimento, da-parte di alcuni Governi, di non pochi degli ® P ‘
gni da essi assunti, non possiamo far a meno di ammettere che il pro­
gresso tecnico dell'ordinamento della finanza e particolarmente della
finanza straordinaria è stato in questi ultimi tempi ^ ™ e j i quello
della rettitudine colla quale è stata retta la moderna finanza alme
in alcuni Stati. Questa verità ci apparirà piu evdiente, se raffron
tiamo la presente situazione a qnella avutasi m periodi precedenti, so-

VratE’tnotoCche,1dopo ^ primo conflitto mondiale, gli impegni assunti da


alcuni Governi nei riguardi dei risparmiatori furono *alor.a * ™ f ^ S 5 '
Basti ricordare i sistemi poco corretti adottati da alcuni Stati nell ef­
fettuare la conversione di titoli del debito pubblico. Si ebbero, infatti,
conversioni, le quali erano talora volontarie solo di nome, come avvenne,
ad esempio, nella Nuova Zelanda, dove per la cosi detta « libera coni ei
sione», attuata nel 1933, erano comminate ai dissenzienti gravi pena ,
le quali giungevano sino ad un terzo del reddito annuale dei titoli non
convertitf (21). Merita, inoltre, di essere ricordata, per 1 importanza del­
l’operazione finanziaria compiuta e per le modalità, secon o e q *
essa venne attuata,, la conversione di diversi redimibili al o %,, al fi % ,
ed al 7 % , in un nuovo tipo 4,50 %, effettuata m Francia nel 1932 per
l’ammonta re di oltre SI miliardi di franchi, pari a circa un terzo di
tutto il debito pubblico interno. Il periodo di tempo concesso per pres
tare la domanda di rimborso, accompagnata dal deposito di titoli d.
convertirsi, presso gli uffici del Tesoro era di sei giorni^oltanto,, (da
19 al 24 settembre); mentre era stato disposto che ì titoli non preseli
L e“ » detto breve termine dovessero considerarsi « M » « *
vertitT S ,p o ,i,ìo n i affini a d u e * vennero prese anche d a > Governo
Italiano per la conversione del consolidato 5 % nel redimibile 3,50 %
fatta nel 1934, essendo stati consentiti soltanto cinque giorni ca
5 al 10 febbraio) per far domanda di rimborso, accompagnata
dal deposito dei titoli da convertirsi presso una delle sedi, succuisa ì
od fgenMe della Banca d’Italia - rimborso, che praticamente da e
le lentezze burocratiche delle relative operazioni, potè venir effettuato
£ 1“ L en te, _ ed essendo, inoltre, stato s t a f f o clm 1 titoh
non presentati dovessero considerarsi convertiti ed, infine, che il m
bersò dovesse corrispondersi non immediatamente, ma entro 1 g
naie 1937. Con criteri ben diversi era, al contrario stata fatta ^ c0m
versione inglese nel 1932, come, del resto, erano state fatte tutte
altre precedenti conversioni attuate secondo le corrette norme della
delle q « . « - » » » *“ »“ ” «1“ ' * * “ , ” 11" - M W ***

^ , , „ tvt pv . t N R e e d m a n , ecc. : XJmbalnncut


(2 1 ) H . D alton - T h o m a s B r in l e y j .
budget*, London, 1934, p. 444.
— 21 — -

dal Goschen nel 1888 e quella del Luzzatti nel 1906. Per la convezione
attuata in Inghilterra nel 1932, — notevole per la vastità dell’opera­
zione finanziaria compiuta, per 1’ammontare, cioè, di miliardi di ster­
line 1,35, pari a circa un terzo del debito pubblico interno, — erano
consentiti tre mesi (dal 1° luglio al 30 settembre) per le operazioni
relative, ed era stato, inoltre, disposto che i titoli non presentati dovessero
considerarsi titoli da rimborsarsi. Il rimborso doveva essere effettuato
entro il 1° dicembre 1982.
Anche gli impegni assunti da alcuni Governi relativamente al
rimborso di prestiti contratti con Stati esteri non furono sempre man­
tenuti — della quale mancanza di rettitudine finanziaria, a dire il
vero, abbiamo precedenti in passato (22).
Non già che si siano attuati sempre nei secoli scorsi provvedimenti
corretti nel campo finanziario; poiché le difficoltà economiche ed il mal­
governo in alcuni Stati durante determinati periodi favorirono un
ordinamento tributario, tanto irrazionale quanto ingiusto e contrario
all’interesse della nazione. Basti ricordare la finanza della Francia,
dopo la guerra dei trent’anni, allorché, sotto l’influenza di un’ammini­
strazione scorretta e sotto l’assillo dell’urgente necessità di mezzi finan­
ziari, si ricorse ai più strani balzelli, « che riproducevano in un sol
giorno — come scriveva il Bailly — tutte le invenzioni della fisca­
lità » (23), e si dovettero adottare i più strani espedienti per ottenere
gettiti rilevanti (24). Ed invero, trascinato dalla necessità di procu­
rarsi disponibilità finanziarie, il Governo accordò ài suoi creditori per­
sino il diritto di istituire banche e compagnie privilegiate (25), e si con­
cessero tontine, rendite vitalizie e prestiti a condizioni rovinose per lo
Stato (26).
Ma, lasciando da parte la finanza attuata dai regimi assoluti, du­
rante i quali, come osservava il Ferrara, l’imposta è un capriccio ed
abuso, da un lato, dall’altro, è la schiavitù, l’oppressione (27), si ebbero
in passato anche periodi, in cui prevalsero criteri di particolare cor­
rettezza e rettitudine nell’amministrazione finanziaria, particolarmente
nel Piemonte.
Così, ad esempio, nella seconda metà del secolo XVI, sotto il vigile
governo di Emanuele Filiberto, si ebbe un rigido controllo della finanza
e venne attuata una severa amministrazione — il che costituì uno dei
più importanti coefficienti del progresso finanziario compiutosi a quel­
l’epoca. E’ noto che Emanuele Filiberto aveva disposto che si vigilasse con
la più attenta cura sull’esazione di tutte le entrate, come pure sulle

(22) J. H . C h a p h a m : L oa n s and su èsid ies in Urne o f mar, cit., loc. cit.


(23) M. A. B a il l y : H isto ire fin an cière de la F r a n c e, cit., tom o I, p. 384.
(24) M. A . B a i l l y : Op. cit., tom o I, pp. 403 e seg.
(25) A . L o r i a : L e leggi di pop ola zion e ed il .sistem a sociale, nel voi. « La
proprietà fondiaria e la questione sociale», Verona, 1897, p. 105.
(26) M. A . B a i l l y : Op. cit., tom o II , p. 200.
(27) F. F errara : L ezio n i di econ om ia politica, Bologna, Zanichelli, 1934,
vol. I, p. 553.
22 —

minute spese, tanto per il bilancio statale, quanto per quello della sua
Casa. Egli giungeva sino all’estremo rigore della vigile sua amministra­
zione finanziaria di non permettere neppure — così era scritto neg i
editti - che si pagasse « alcuna partita che superasse le venti lire
ducali senza quittanza, salvo nei casi di donativi e di piccole partite
straordinarie, come mance» (28). L’attenta cura nel controllo delle spe­
se, insieme con le opportune provvidenze per le entrate, costituivano
non solo sicuro fondamento del progresso della finanza piemontese, ma
anche la migliore tutela dei diritti dei risparmiatori, anzi, dei cittadini
tutti; poiché la severa amministrazione pubblica costituisce anche e -
cace mezzo per combattere i molteplici danni dell’inflazione. Iu re al­
l’inizio del secolo X V III, sotto il sagace governo di Vittorio Amedeo 11,
la finanza piemontese fu retta con criteri di particolare correttezza e
rettitudine. Infatti, durante quel periodo (dopo la pace di Utiecht),
mentre in Francia si riduceva l’intrinseco della moneta e si ricorreva
ad emissioni a corso forzoso, nonché alla riduzione privata della ren­
dita pubblica, mentre la Repubblica veneta imponeva d autorità la con­
versione dei titoli di debito pubblico dal 4 al 2 per cento, m Piemonte
si seguirono ben altre direttive di politica finanziaria Non solo si ebbe
un vero piano di riforme, dovuto essenzialmente all iniziativa di v it
torio Amedeo II, ma coraggiosi provvedimenti, ispirat! a criteri di
vera correttezza finanziaria, erano già stati attuati. Ancora, tuia
guerra contro la Francia si erano già restituite m gran parte le l
stanze temporanee avute da banchieri. E, piu tardi, non appena
possibile, si provvide a conversioni veramente libere - non ^ a n t o /l
nome, ma anche di fatto — del debito pubblico, a piu miti saggi

“ là S p a s s a t o si era effettuata, nel 1688, la conversione libera dal


5 al 4 % dei luoghi fissi della prima erezione del Monte di tean Gio
vanni Battista. Ma più vasti provvedimenti di conversane libera v
nero posteriormente attuati. Nel 1699, Vittorio Amedeo II manifestava
la sua volontà di riscattare i tassi al 6 % f i n o r a i credrtori non si
fossero contentati del 5 % , servendosi, per il nscatlo,, dii capitali o
da persone desiderose di impiegarli m fondi pubblici, poiché pai e che
l’interesse del denaro fosse sceso in quel periodo ad un livello infermi e
a 5T " a conversione libera riuscì per l’ammontare della somma, non
piccola per quei tempi, di L. 857.987 di valor capitale, che al 6 % But­
tavano L. 51.388 all’anno, mentre con la conversione rendevano solo
L 42 820 con un risparmio per il servizio del prestito, a vantaggio de
Stato di L 8.564. Le conversioni del tasso continuarono m seguito alla
spicciolata Miche ad «a .aggio »m o re dei U fi (SO) Altre copv.r.ion,
libere furono fatte in forza di Regio Biglietto del 1° dicembre 170..

(28) T G a sin o C a n in a : L a finanza del P iem o n te n ella


X V I seco lo, in «Miscellanea di storia p a tria », sene II I , t. X X I, (IMI
Raccolta), p. 85 (dell’estratto).
(29) L. E i n a u d i : Op. ett., pp. 442 e seg.
(30) L. E i n a u d i : Op. eit., p. 443.
— 23 —

Particolarmente notevole appare pertanto la correttezza con la quale


vennero effettuate dette operazioni finanziarie, a diversità di quanto
avvenne dopo le ultime grandi guerre per alcune conversioni, die, come
si è detto, erano libere solo di nome, ma non di fatto.
Durante, poi, il nostro Risorgimento e negli anni che susseguirono
all’uniflcazione nazionale, meritano di essere particolarmente ricordate
le direttive di rettitudine finanziaria attuate, non solo da Camillo Ca­
vour, del quale sono noti i criteri di scrupolosa correttezza costante-
mente seguiti, ma anche dagli altri ministri delle finanze: da Ottavio
Tfiaon di Revel a Quintino Sella, dall’On. Maglioni a Sidney Sonnino,
per i quali il ritorno al pareggio del bilancio fu sempre alto miraggio,
strenuamente difeso quale mezzo indispensabile per il risanamento del­
l ’economia e della finanza del Paese. Tra gli uomini di Stato che lega­
rono il loro nome alla finanza ed alla storia dell’Italia, ricorderò in
modo particolare Quintino Sella, che il Carcano a ragione disse « mae­
stro di lealtà » (31), il quale, convinto che soltanto gli interessi gene­
rali debbano sempre guidare l’opera del ministro delle finanze, nella
chiusa del discorso alla Camera dei Deputati del 27 maggio 1871, affer­
mava: «N oi siamo, o signori, sentinelle: siamo soldati che abbiamo
ricevuto una consegna » (32). La consegna era quella del dovere, della
rettitudine, della giustizia uguale per tutti (33). E questa giustizia
tributaria egli voleva attuare, tanto per considerazioni etiche, quanto
per evitare eccessivi aggravi su alcune categorie di contribuenti. « Io
tengo per fermo, — dichiarava alla Camera — che, se vi ha parte della
pubblica amministrazione a cui si debba applicare il canone che la
giustizia è il fondamento dei regni, veramente questa è la pubblica fi­
nanza » (34)) ed a siffatti ideali di giustizia e di correttezza tributaria
il Sella ispirò tutta l’opera sua di ministro e di uomo politico. Non
occorre certo soffermarsi più a lungo sulla politica finanziaria seguita
durante il periodo della « finanza eroica » e quello della « finanza di
risanamento » in Italia. Basti ricordare come, seguendo gli alti inse­
gnamenti di Cavour, si sia compiuta opera quasi miracolosa di restau­
razione finanziaria, nonostante le gravi difficoltà che il nostro Paese
ebbe a superare in quello storico periodo. Il virile proposito di raggiu-
gere il pareggio, senza ricorrere se non in caso di estrema necessità,
al facile espediente deH’influazione — al quale si fa ora sì di frequente
ricorso — prevaleva su ogni altra considerazione opportunistica.
Non solo: ma, per quanto si riferisce all’inflazione — oltre alla

(31) P. C arcano : F in an za e tesoro, nel voi. I I di « Cinquanta anni di


storia italiana », Milano, Hoepli, 1911, p. 28 della monografìa.
(32) Discorso del 27 maggio 1971, in D isco rsi p a rlam en ta ri di Q uintino
S ella, raccolti e pubblicati per deliberazione della Camera dei Deputati, Ro­
ma, 1887-1890, voi. IV, p. 63.
(33) Discorso del 25 maggio 1877, in D iscorsi parlam entari, cit., voi. V,
p. 403.
(34) Discorso del 10 febbraio 1873, in D iscorsi parlam entari, cit., vo­
lume IV, p. 650.
- 24 —

tendenza, sempre più accentuata, verso una progressiva svalutazione


della moneta quale si può riscontrare in diversi Stati — è facile ora
constatare nella politica finanziaria attuata da diversi paesi una di­
versa concezione dell’inflazione stessa, in confronto di quella di altri
tempi. _
Si ebbero, è vero, anche in passato lunghi periodi, durante 1 quali
un grave disordine monetario alterò profondamente la vita economica
e rese sempre più difficile gli scambi accrescendo i rischi del commer­
cio con gravi turbamenti dell’economia del paese; ma non si possono
scordare anche quelle fasi di vita economica e politica, in cui, pure in
mezzo alle non lievi difficoltà finanziarie, si cercò di provvedere a sa­
nare le gravi conseguenze della svalutazione o, quanto meno, prevalse
una concezione dell’inflazione, diversa da quella attuale; poiché, 1 emis­
sione di cartamoneta era considerata quale un prestito sui generis
senza interesse, che lo Stato si proponeva di rimborsare dichiarando
la convertibilità del biglietto. Tale, invero, è il criterio, che vediamo ac­
colto in passato dal legislatore italiano in diverse disposizioni ^ S ca l­
danti l’introduzione del corso forzoso. Il K. Decreto del 1° maggio < <
stabiliva, infatti, all’articolo 1°: «L a Banca Nazionale dava a mutilo
al Tesoro dello Stato la somma di 200 milioni di lire », ed all artico o
seguente dichiarava: «D a l giorno 2 maggio e sino a nuova disposi­
zione, la Banca Nazionale è sciolta dall’obbligo di pagamento m de­
naro contante ed a vista dei suoi biglietti ». La legge del 7 aprile I S S I ,
poi, con la quale si provvedeva all’abolizione del corso forzoso e si ac­
centuava la separazione della circolazione bancaria da quella statale,
decretava all’articolo 1°: « A partire dal 18 luglio i biglietti consor-
ziali (quelli cioè emessi dal consorzio delle Banche di emissione pei
conto dello Stato), che si troveranno in circolazione, costituiranno u
detito diretto dello Stato». Colla legge, infine, del 22 luglio 1S94, ri
torna a dichiarare il corso forzoso nel modo seguente: « L obbligo del
cambio dei biglietti a debito dello Stato è temporaneamente sospeso » -
il che implicitamente equivaleva ad affermare che il cambio doveva
più tardi essere ripristinato. Affiorava adunque, pur m mezzo alle di
lenità finanziarie di , nello storico periodo, il corretto proposito d.prov-
vedere, appena fosse stato possibile, al rimborso di quello che eia con­
siderato prestito temporaneo. A ll’epoca nostra, al contrario emis
sione di carta-moneta è generalmente ritenuta, anziché un prestito tem­
poraneo sui generis senza interesse, un vero prelievo improprio di ric­
chezza privata senza alcun indennizzo. Di siffatta concezione è prova
la crescente, progressiva svalutazione di una gran parte delle monete.
Senza voler generalizzare estendendo a tutti gli Stati le nostre con­
siderazioni sulle recenti tendenze a seguire sistemi di amministrazione
£52X Uo corretti di duelli «dottati in precedenti periodi, pos­
ia m o però, osservare co,ne in genere si.n o in c is i criteri d. iina mmor
scrupolosità nell'adempimento, d» parte di non pochi Governi, de. patti
e dei contratti conclusi. Basti, infatti, tener presente come B
servava il Dalton dopo il primo conflitto mondiale (35) — la situazio­
ne, che è venuta a crearsi in alcuni Stati a danno dei sottoscrittori del
debito post-bellico, o nei riguardi dei prestiti esteri, come pure è suf­
ficiente prendere in considerazione alcune specie di contratti conclusi
tra Governi e privati nazionali od anche tra Governi e cittadini stra­
nieri, per persuaderci della mutata concezione dei doveri dello Stato.
Infatti, oltre i mancati impegni da parte di alcuni Governi in confron­
to dei risparmiatori per la conversione di titoli di debito pubblico, vo­
lontaria solo di nome, e nei riguardi pure del rimborso dei prestiti
contratti con altri paesi, come già si è detto, si sono avuti in alcuni
Stati sintomi di un allentarsi del senso di rettitudine anche in altri
campi. Non di rado, infatti, si mancò di far fronte agli impegni as­
sunti verso i dipendenti statali, il cui stipendio o salario reale scese,
a motivo deirinflazione, per alcune categorie di essi, a livelli sensibil­
mente inferiori a quelli di prima della guerra, creando, così, una grave
sperequazione tra codesti stipendi e quelli di altri gruppi ed inoltre,
in alcuni periodi, una stridente inferiorità di codeste categorie in con­
fronti di quelle similari delle imprese private.
Il considerevole ritardo, generalmente invalso nelle parziali revi­
sioni dei canoni di affitto dei terreni agrari e, più tardi, i criteri
adottati in Italia, ad esempio, per il calcolo degli indennizzi
per gli espropri dei proprietari terrieri e per la maggiorazione dei
fitti urbani, nonostante i precìsi impegni assunti — per quanto stretta-
mente connessi alla politica deliberatamente volta a favorire la classe
degli affittuari e degli inquilini a scapito dei proprietari — costitui­
scono pure prova del mancato adempimento degli impegni assunti da
alcuni Governi, del decadere del costume parlamentare in qualche caso
ed, in pari tempo, cagione di gravi sperequazioni ed ingiustizie.
Mentre il progresso tecnico della finanza è indiscutibile in confron­
to dell’ ordinamento seguito in altri tempi e questo progresso è
particolarmente notevole nel campo della finanza straordinaria, appa­
re non di rado all’epoca nostra meno scrupolosa la politica finanzia­
ria di alcuni Stati nei riguardi dei risparmiatori e dei cittadini, sia
nazionali che esteri, in confronto dei criteri di correttezza e di retti­
tudine, seguiti in passato durante alcuni storici periodi.
Senza voler naturalmente generalizzare, come già si è detto, esten­
dendo le nostre considerazioni a tutti gli Stati — alcuni dei quali,
hanno, al contrario, scrupolosamente mantenuto fede ai patti ed agli
impegni assunti — credo si possa affermare che anche sulla finanza si
hanno ripercussioni, oltre che delle difficoltà continuamente crescenti
per il pubblico erario, anche di un certo decadimento morale, che si
accompagna alla crisi delle coscienze, del costume, dell’ordine politi­
co e della struttura economica, generalmente conseguenti alle grandi
guerre.
Lo Hegel affermò essere lo Stato la realtà del principio morale, e

(35) H. D a l t o n , T h o m a s B k in l e y , J. N. R f.e d m a n ecc. : Op. cit., pp. 444


e seg.
— 26

ben a ragion e venne osservato d ie questa m o r a lità dovrebbe necessa­


riam ente in fo rm a re anche le istitu zio n i fin an ziarie e le direttive della
p o litic a fin an ziaria (36). P u rtro p p o , non sem pre i fa ttr conferm ano sif^
fa tta concezione ideale della finanza, come a lcu n i a sp etti della recente
nolitica finanziaria hanno dimostrato. ,
Se non si può parlare di tramonto di civiltà, nel senso piu vasto
della parola, si può, però, affermare che anche nel campo 11
progresso tecnico e scientifico è stato superiore a quello molale al
meno se si raffrontano i sistemi di amministrazione finanziaria recen­
temente adottati da non pochi paesi con quelii avutisi m passato
in alcuni storici periodi, tra i quali spicca luminoso quello del no
stro Risorgimento e degli anni susseguenti all’unita politica delia. Na-
zione durante i quali uomini di Stato, dotati di indiscussa capacità e
di scrupolosa rettitudine, legarono con le loro sagaci e cornette di
tive il loro nome alla finanza ed alla stona d Italia.

A t t il io G arin o C a n in a

(36) A. R o n c a l i : L a teorìa d ello M a io in ra p p orto colla finanza, Bolo


gna, 1890, p. 20.
LA TASSAZIO N E IN FRAN CIA
DEGLI A T T I A F F E T T I DA N ULLITÀ’

§ 1. LA TEORIA FISCALE DELL’INDEBITO

I. L’antica teoria fiscale dell’indebito. — Per più di un secolo l’am­


ministrazione francese del Registro sostenne la seguente concezione,
imbevuta di un certo autoritarismo fiscale (1).
La percezione dell’imposta, per il fatto che questa è una contribu­
zione ai carichi pubblici, non può far nascere un debito incerto o con­
dizionale: il credito del Tesoro, in altre parole, una volta nato, non
deve più dipendere nè da fatti propri dei contribuenti, nè dalla loro
discrezione, nè dall’alea delle circostanze materiali; in tutti i casi,
esso non può rimanere legato all’esistenza dell’atto giuridico che ne ha
cagionato la nascita.
Il principio del diritto acquisito esige che una imposta sia acqui­
sita al Tesoro dal momento in cui esiste il fatto generatore di essa
non solamente dopo la percezione, ma anche prima.
Ossia, si diceva, la liquidazione dei tributi di Registro deve soprav­
vivere alle combinazioni giuridiche, sempre più o meno instabili, effi­
mere o modificabili che le hanno servito da base.
Il tributo, si affermava, non può divenire indebito e soggetto a
revisione per il fatto che l’atto tassato sia restato senza conseguenza,
sia divenuto privo di oggetto, vuoi per l’inadempimento più o meno
volontario delle obbligazioni di una parte, vuoi per il perimento della
cosa, vuoi per un caso fortuito ovvero una forza maggiore.
L’Amministrazione osservava infine che essa non disponeva affatto
dei mezzi per contestare in tutti i casi la sincerità o la effettività delle
cause di inadempimento o di risoluzione del contratto e che se anche
avesse ricevuto dal legislatore le prerogative a ciò necessarie, queste
sarebbero state sproporzionate all’interesse finanziario futuro, ossia ad
una migliore ripartizione del carico fiscale nell’avvenire.
Il fìsco francese completava così il suo punto di vista: il tributo
di registro non riguarda una operazione giuridica, ma un semplice
fatto giuridico, materializzato per la tassazione mediante un istrumento
scritto.

(1) Consulta le opere francesi di diritto fiscale di W ahl, Binet, Naquet,


Pilon, Guilhot, Dublineau ; il dizionario del Registro (redattori Garnier, Ma-
gners etc.) ; il trattato di C a m il l e R osier , T o u s n o s i m p ô t s ; le opere belghe
di diritto fiscale di Bastine, Maton, Gatliot.
_ 28 —

Inoltre non spetta al Tesoro, si osservava, di discutere la validità


di un atto, ricercare i vizi che possono cagionare il suo annullamento,
oppure le condizioni sospensive che sono suscettibili di constatare 1 ac­
cadimento ulteriore di certe condizioni risolutive; questo sarebbe da
parte del Tesoro una inframmettenza nella vita dei soggetti passivi
che l’applicazione dell'imposta non autorizza affatto.
Quindi, si concludeva che, sin tanto che la nullità, 1 inesecuzione
o la simulazione di un contratto non fossero state riconosciute da -
l’autorità giudiziaria, il fisco deve ignorarle e colpire gli atti così
come si presentano apparentemente al momento della formalità.
Inoltre il fisco affermò per più di un secolo: — che gli errori dei
contribuenti non possono in alcuna ipotesi complicare il suo compito,
e rimettere in causa la percezione effettuata dal ricevitore; - che l’esi­
gibilità dell’imposta è subordinata unicamente alla formalità dell atto,
che essa corrisponde ad un servizio reso dallo stato che salvaguarda,
mediante una iscrizione su un registro pubblico, gli interessi privati
dei contribuenti; — che il compimento della formalità conferisce al Te­
soro un diritto definitivo, un diritto acquisito e non soggetto a revisio­
ne sulla somma versata a titolo di imposta, quando i contribuenti han­
no chiesto ed ottenuto la protezione sociale per un istrumento appa­
rentemente valido.
L’Amministrazione francese nell’ispirarsi a queste considerazioni
generali, elabora nel XIX secolo due teorie sui tributi irregolarmente
o regolarmente percepiti e sulla restituzione dell’indebito fiscale.
1) Una percezione è regolare tutte le volte che il ricevitore ha
compiuto una esatta applicazione della legge agli atti che gli sono
stati presentati od alle dichiarazioni che gli sono state fatte dai contri­
buenti • « il tributo regolarmente percepito, scrivevano Championniere
e Eigaud, è quello che, al momento in cui la formalità è stata effettuata,
sia stato determinato secondo la vera natura dell’atto, m cui la ali­
quota sia quella che la tariffa ha fissato e che sia stato liquidato sui
valori reali stabiliti secondo la legge».
2) Una percezione è, al contrario, irregolare quando la legge fisca e
è stata mal applicata all’atto, sia perchè la sua natura escludeva im­
plicitamente il tributo percepito, sia perchè le stipulazioni che latto
racchiudeva dovevano sottrarlo.
3) Q uando u n a percezione è reg ola re, i tr ib u ti sono definitivam en e
acq u isiti a l T eso ro, anche se l ’ a tto sia successivam ente a n n u lla to , il
giu d izio r ifo rm a to o la dich iarazion e ricon osciu ta erronea. ^
Questo principio è confermato dall’art. 60 della legge del 22 l u ­
maio dell’anno V II : «tutti i tributi di registro percepiti regolarmente
in conformità alla presente legge, non potranno venire restituiti qual
che si sian o g li avven im en ti u lte r io r i ».
Questa regola dell’indebito fiscale è senza dubbio, in apparenza
contraria alle prescrizioni dell’ art. 1235 del codice civile ai sensi del
quale «tutti i pagamenti suppongono un debito; ciò che e stato paga o
senza essere dovuto è soggetto a ripetizione»; ma si obbietta: — che
questo articolo 60 assicura la stabilità delle risorse pubbliche; — che
esso evita i disturbi che delle restituzioni impreviste potrebbero pro­
vocare nell’economia del bilancio francese; — che esso impedisce un
annullamento di atti mediante collusioni fraudolente; —• che esso
stronca sul nascere gli abusi che ne potrebbero derivare; — che esso
punisce giustamente le parti che per fatto loro hanno provocato una
percezione su degli atti inficiati da nullità.
4) Inoltre l’Amministrazione completava così le sue argomenta­
zioni: essa non poteva, considerare come indebitamente acquisita l’im­
posta percepita su degli atti ulteriormente modificati, annullati o riso­
luti, poiché la somma pagata dal contribuente rappresenta la remune­
razione della formalità, ossia la contropartita legittima e definitiva­
mente acquisita quali che siano gli avvenimenti ulteriori, per il bene­
ficio degli effetti civili collegati in Francia alla registrazione (data
certa, conservazione, pubblicità).

II. La nuova teoria fiscale dell’indebito. — Le concezioni che


abbiamo esposto non potevano resistere lungo tempo, come si intuisce,
alle tendenze umanizzatrici del diritto fiscale.
Quali sono le ragioni nuove addotte nel corso del XIX e del XX
secolo?
a) la percezione dell’imposta, si afferma, deve rispettare la realtà
giuridica; essa deve essere dunque riveduta quando l’atto tassato è
annientato; si tratta di una esigenza di giustizia che non può essere
obliterata tranne che se delle circostanze volontarie o fortuite fanno
rimettere in questione delle entrate pubbliche regolari e compromet­
tere la loro stabilità.
L’imposta è considerata tuttavia come dovuta sull’operazione o sul
fatto giuridico e non più sul titolo; sono ormai arcaiche, si aggiunge,
le nozioni dell’ imposta-prezzo di un servizio reso, remunerazione
della formalità; una sola concezione vi è, che rimane valida: il diritto
di registro è una contribuzione ai carichi pubblici analoga alle im­
poste dirette sul reddito.
In altre parole, l’imposta quando tassa operazioni giuridiche qua­
lificate e definite dal diritto civile, deve colpire operazioni reali e non
delle semplici « apparenze », più o meno durevoli e rivedibili.
Di conseguenza solo la situazione giuridica, reale e definitiva, è
imponibile in base al titolo ed alle enunciazioni dello scritto da for
malizzare; queste sono dunque suscettibili di essere rettificate in base
a prove contrarie.
Questa teoria è tanto più giustificata in quanto l’Amministrazione
ha fatto ammettere dalla Corte di Cassazione il suo diritto a restituire
agli atti il loro vero carattere: l’Amministrazione, ha giudicato più
volte la Corte Suprema francese, ha il diritto ed il dovere di indagare
e constatare il vero carattere delle stipulazioni contenute nei contratti
per arrivare a imporre, in una guisa conforme alla legge, i tributi do­
vuti dalle parti contraenti a cagione delle loro convenzioni (Cass.
30 —

20 aprile 1807; D.P. 1867. 1. 337 - 14 febbraio 1870; D.P. '• ^ ;


5 novembre 1878; D.P. 1879. 1. 100 - 16 dicembre 1885; D .1. 1886. 1.-70
19“ no 1882; S. 1883. 1. 231 - 26 marzo 1903. S. 1904. 1. 295 etc...
Questo diritto di «restituire» agli atti il loro vero carattere si
ricollega alla causa generatrice reale del diritto di registrazione: la
causa è una operazione giuridica che non è reg«laramente colpita se
non quando i tributi percepiti corrispondono alla natura esatta del fatto
giuridico e non siano affatto in contraddizione con le stipulazioni effe

16) Queste differenti concezioni più umanitarie conducono 1 Ammi­


nistrazione del Registro « ad usare, come essa dice il j ^
appartiene di moderare, sotto la propria responsabilità, il rigore de
percezioni che le paiono eccessive e contrarie aU’equita » ; essa aggiung
poi che questo diritto «che le è stato riconosciuto molte volte dalla
giurisprudenza, essa lo esercita secondo il suo apprezzamento e senza
che possa esservi costretta da alcun atto giudiziale».
B’ così che successivamente il fisco francese autorizzo la r e a ­
zione dei tributi percepiti: - sulle a g g i u d i c a i g iu d iz ia r i^ ! immo­
bili annullate per vie legali (Avv. C. Et. del 18-22 ottobre 1808) - su
dei beni che non esistevano affatto nella successione (Dee. Min.

^ I n o lt r e ^ C o r t e di Cassazione ammise, in una sentenza del 28 gen­


naio 1890, conosciuta come sentenza Hirou il principio d ^ a non esigi­
bilità di tributi che non sarebbero stati piu restituibili una volta per
ceniti ( D P. 1890. 1. 177; S. 1890. 1. 225): «atteso che, recita la sen­
tenza i tributi dovuti ed i tributi percepiti non sono affatto collocati
sullo stesso piano dal testo della legge poiché solamente aitributi l re ­
cepiti, ossia effettivamente ricevuti, l’art. 60 assicura la fiss
doli al riparo dagli avvenimenti successivi il che e del tutto estraneo
alle regole relative all’esigibilità dei tributi dovuti, ^ cora
percepiti; atteso dunque che l’obbligazione di paga c u
al pubblico Tesoro è, conformemente al diritto comune, subordinata a
condizione° risolutiva che si provi prima della percezione che il con­
t a t t o che vi dà motivo secondo la legge fiscale, ha cessato di esisteie
; Conseguenza di una pronunzia giudiziale di annullamento; se queste
prova è fornita, l’obbligazione nata a favore del Tesoro pubblico esu lta
distrutta dal momento stesso m cui essa e iniziata...».
c) Parimenti il legislatore si lascia convincere m casi pertico
colavi da questo punto di vista più liberale : esso au torizza .la rest
zinne dei tributi: — sui beni di un assente il cui ritorno e stato co
statato (legge dM 28 aprile 4816 aiù.

Ì o ^ t i d ^ dalla percezione, che gli — a c e t a t i sono


compresi in queste disposizioni (legge 3 maggio 1941 art. 48)U , suite
cessioni di offici ministeriali non seguite da effetti o il cu^prez ^
ridotto dalla Cancelleria (legge 2o giugno 1841, alt. 1 ), •J
relativi a vendite giudiziarie di immobili il cui prezzo non 1
duemila franchi (legge 23 ottobre 1884, artt. 3 e 4); — sulla porzione
dell’attivo ereditario corrispondente ad un passivo la cui esistenza è
provata nei due anni dalla dichiarazione di successione (legge 25 feb­
braio 1901, art. 5); — sul trasferimento di una nuda proprietà nel caso
di usufrutto successivo, venendo ad aprirsi l’usufrutto eventuale (legge
25 febbraio 1901, art. 13, n. 2); — sul valore più elevato dell’usufrutto e
della nuda proprietà in caso di prova, nei due anni dalla percezione,
dell’età dell’usufruttuario (legge 25 febbraio 1901, art. 14).
Sul principio generale, invece, il legislatore francese resiste, nono­
stante l’abrogazione dell’art. 60 nell’Alsazia Lorena (divenuta tedesca)
con la legge del 12 giugno 1889: petizioni sono indirizzate al Senato
senza successo nel 1890 e nel 1898; l’S gennaio 1898 viene presentato
al Senato un progetto di legge Besserat per imporre la restituzione dei
tributi pagati per una sentenza in seguito riformata, per appello e per
gli atti annullati o risoluti con un giudizio definitivo; un testo è pari-
menti approvato dalla commissione delle finanze il 12 giugno 1899
(J.O. pag. 731).
Solo 11 anni dopo si compie l’ultimo passo sul cammino dell’uma-
nizzazione fiscale : la legge del 18 gennaio 1912 abroga l’art. 60 della
legge del 22 Frimaio dell’anno V II con il suo articolo unico diven­
tato in seguito l’art. 282 del codice del Registro e l’art. 1953 del codice
generale delle imposte francese : « non sono soggetti a ripetizione i
diritti regolarmente percepiti sugli atti o contratti successivamente
revocati o risoluti per l’applicazione degli articoli 954-958, 1183, 1184,
1654 e 1659 del codice civile ».
« In caso di rescissione di un contratto per causa di lesione, o di
annullamento di una vendita per causa di vizi occulti, inoltre in tutti
i casi in cui ha luogo l'annullamento, i tributi percepiti sugli atti an­
nullati, risoluti o rescissi non sono restituibili che quando l’annulla­
mento, la risoluzione o la rescissione siano state pronunziate con una
decisione o sentenza passata in forza di cosa giudicata ».
« L’annullamento, la revoca, la risoluzione o la rescissione pronun­
ciate, per qualsiasi causa, mediante una sentenza o decisione non danno
luogo alla percezione del tributo proporzionale di mutazione ».
Questo testo, come l’Amministrazione finanziaria ha sottolineato
nella sua istruzione n- 3337, ha un duplice obiettivo: determinare le
condizioni in cui possano essere ormai restituiti, a causa di avveni­
menti successivi, i tributi di registro regolarmente percepiti, d’altra
parte, esentare dall’imposta proporzionale di mutazione le sentenze o
decisioni pronunzianti l’annullamento, la revoca, la risoluzione o la
rescissione di un atto traslativo.
Praticamente, la legge del 1912 pone le seguenti regole nuove:
1) essa tende a rimettere sotto l’impero del diritto comune, cioè
a dire del diritto civile, la restituzione dei tributi di registro percepiti.
2) Essa definisce di nuovo la percezione regolare e le condizioni
in cui l’imposta è definitivamente acquisita al Tesoro: non basta più
che essa sia stata regolarmente percepita nelle condizioni determinate
32 —

dalla giurisprudenza anteriore, bisogna inoltre che la percezione non


sia più suscettibile di essere viziata nel suo principio da un avveni­
mento ulteriore che, sopprimendo la causa dell’esigibilità dell’imposta
di registro, ne motivi retroattivamente la restituzione in conformità
all’art. 1235 del codice civile.
3) La legge quindi subordina più interamente l’esigibilità del­
l’imposta a situazioni del diritto privato, ossia non obbliga più il fisco
a rispettare integralmente per la percezione definitiva dell’imposta, le
modificazioni successive nella situazione giuridica creata dall’atto regi­
straba.
Essa prevede certe deroghe a questa regola quando le modificazioni
ulteriori risultino dal solo arbitrio dei contribuenti (risoluzioni volon­
tarie, rescissioni convenzionali, etc.) e possano essere motivate dal desi­
derio di frustrare il Tesoro. ,
4) La legge permette ai contribuenti di sottomettere al controllo
dei tribunali civili e della Corte di Cassazione il potere di apprezza­
mento che l’Amministrazione francese esercitava in precedenza in guisa
discrezionale in materia di errori di fatto; essa lascia, beninteso, a
carico dei contribuenti la prova dell’errore e questa non può essere
somministrata in giudizio che nelle forme compatibili con la procedura
scritta.
In breve, i redattori della legge del 1912, si sforzano di unifor­
marsi ai rapporti del diritto privato e di restituire l’imposta perce­
pita su disposizioni che cessino di vincolare gli assoggettati tutte le
volte che la frode è impossibile, ma formalmente proibiscono il rim­
borso quando l’avvenimento posteriore ha per causa il caso fortuito o
di forza maggiore che potrebbe essere motivato da un accordo con
collusione o da una convenzione irregolare.
Inoltre essi permettono la restituzione solo se realmente le dispo­
sizioni sono state annientate, non solamente per l’avvenire, ma in tutti
i loro effetti passati; ossia bisogna che l’atto non sussista affatto per
il passato, che i contribuenti si trovino nella medesima situazione giu­
ridica che se l’atto regolarmente colpito con l’imposta non avesse mai
creato dei legami giuridici fra loro.
In definitiva, se la regola generale è restituzione dei tributi rego­
larmente percepiti su degli atti retroattivamente distrutti da un avve­
nimento posteriore, la eccezione è la non-restituzione.
5) La regola fissata dalla sentenza Hirou viene confermata, ben
inteso: non è consentito di riscuotere una imposta che divenga imme­
diatamente restituibile in virtù della regola stabilita dalla legge del
18 gennaio 1912: cioè è esonerato dal tributo l’atto o la mutazione
annullata prima di essere stata registrata.
Oltre a queste regole generali, la legge del 1912 pone altri princìpi
particolari.
1) Tutte le restituzioni eccezionalmente autorizzate da testi di
legge anteriori alla legge del 18 gennaio 1912 sono conservate (cessione
amichevole di immobili anteriore alle disposizioni di cedibilità in ma­
— 33 —

teria di espropriazione (C.G.I. art. 1954); — cessione di uffici ministe­


riali non seguite da effetto o* il cui prezzo sia ridotto per decisione
della Cancelleria o per convenzione amichevole (C.G.I. art. 1956); —■
contratti di matrimonio non seguiti dalla celebrazione; — disposizioni
testamentarie rimaste senza esecuzione vuoi per effetto della rinunzia
dei successibili, vuoi per un annullamento in giudizio; — donazioni e
legati sottoposti all’autorizzazione amministrativa della tutela; — ag­
giudicazioni giudiziarie di immobili annullate per via legale).
2) Non sono più considerati come indebiti tutti i tributi perce­
piti sugli atti risoluti od annullati, quali che siano le cause della riso­
luzione ed i modi della constatazione della nullità; per evitare le col­
lusioni fraudolente viene proibita la restituzione dei tributi regolar­
mente percepiti per effetto di una condizione risolutoria convenzionale
ed in particolare per l’inadempimento del contratto oppure la cui nul­
lità sia stata constatata con un accordo amichevole (cfr. le dichiara­
zioni del relatore e del commissario governativo alla seduta del Senato
del 24 giugno 1910).
3) I tributi percepiti sugli atti semplicemente nulli non sono mai
restituibili, anche in caso di risoluzione giudiziale, sia che la convenzio­
ne sia puramente apparente o soltanto dissimulata; e altresì se si tratta
di simulazione fraudolenta.
4) Non possono nemmeno motivare una restituzione gli avveni­
menti successivi che lascino sussistere un atto registrato nel passato
e mettano fine ai suoi effetti soltanto per l’avvenire: tale è il caso delle
rescissioni dei contratti a prestazioni successive, delle retrocessioni o
rivendite, consentite in virtù di una nuova convenzione, da parte del
nuovo proprietario all’antico, — delle risoluzioni volontarie per le
quali le parti decidono di lasciare senza conseguenze, prima della ese­
cuzione, un contratto conchiuso tra di loro validamente e definitiva­
mente.

III. La tassazione degli atti nulli e risolubili. — I princìpi ricor­


dati permettono di comprendere la situazione in cui attualmente si
trova l’Amministrazione francese del Eegistro in materia di nullità.
In primo luogo essa è tenuta a tassare degli atti nulli, annullabili
o risolubili la cui nullità sia stata o non pronunziata al momento della
formalità; in secondo luogo essa è in presenza di convenzioni amiche­
voli o di decisioni giudiziarie annullanti, rescindenti o risolventi delle
operazioni giuridiche affette da nullità vuoi dal momento della loro
formazione, vuoi successivamente.
Ossia bisogna dapprima studiare il regime degli atti inesistenti o
imperfetti, degli atti nulli od annullabili e degli atti risolubili dopo
averli definiti civilmente, quindi il regime degli atti di annullazione,
risoluzione e rescissione.
Gli atti inesistenti, gii atti nulli, gl atti annullabili ed annullati e
gli atti risolubili nel diritto civile. Il diritto civile francese distingue,

3 - Riv. dir. fin. - Parte I - 1953


— 34

come la maggior parte delle legislazioni, gli atti inesistenti, gli atti
nulli, gli atti annullati, e gli atti risoluti.
Gli atti inesistenti o imperfetti sono quelli in cui manca un elemento
indispensabile alla loro formazione; essi non hanno mai avuto esistenza
legale sia perchè l’accordo delle volontà dei contraenti è assente (l’una
delle parti ad es. è demente) sia perchè manca l’oggetto della convenzione
(es. vendita senza oggetto venduto, donazione senza oggetto di liberalità),
sia perchè non sono state osservate le formalità richieste dalla legge per
la loro formazione; ossia gli atti possono essere imperfetti quanto alla
sostanza, perchè manca una condizione essenziale per la loro esistenza,
oppure quanto alla forma, se manca una sottoscrizione in un atto di
scrittura privata, la sottoscrizione del notaio e delle parti in un atto
autentico etc...
Gli atti nulli di pieno diritto sono quelli la cui nullità è espressa-
mente pronunciata dalla legge ed esiste senza aver bisogno di essere rico­
nosciuta in caso di contestazione; per questi atti il ricorso al tribunale
è necessario non per pronunciare la nullità, ma per dichiarare e consta­
tare l’inefficacia e l’assenza dei fatti giuridici; la loro nullità che inte­
ressa l’ordine pubblico ed il buon costume può essere invocata da tutti
coloro ai quali gli atti sono opposti; essa non si sana nè mediante
l’adempimento volontario, nè mediante una conferma; l’azione di nul­
lità è consentita a tutte le persone interessate ed in linea di principio
non è prescrittibile.
Gli atti annullabili sono quelli che pur avendo i requisiti di sostanza
e di forma necessari alla loro esistenza, sono tuttavia inficiati da certi
vizi (violenza, dolo, errore, incapacità civile dei contraenti, etc...) che
permettono di impugnarli e di farne pronunziare l’annullamento davanti
ai tribunali; essi esistono e producono tutti i loro effetti giuridici sino a
quando sia stato pronunziato il loro annullamento dall’autorità giudi­
ziaria; le nullità di cui essi sono inficiati possono quindi venire sanate
dalla prescrizione, dalla ratifica o dalla conferma espressa o tacita.
L’annullabilità può essere opposta solo dalle parti incapaci od il cui
consenso sia stato viziato.
Gli atti risolubili sono gli atti immuni da vizi inerenti alla loro
formazione, ma suscettibili di essere annientati per il verificarsi di una
condizione risolutiva o di un fatto posteriore alla conclusione della con­
venzione o di un caso di forza maggiore.
Questa distinzione civile fra gli atti inficiati da nullità, bisogna sot­
tolinearlo, è ancora assai incerta nel diritto civile francese: il legislatore
non l’ha tracciata con nettezza ed ha assai spesso dichiarato nullo o col­
pito di nullità un atto, senza determinare in guisa precisa il carattere
della nullità stessa : esso ha parlato di atto « nullo di pieno diritto »
(G.C. art. 502), di obbligazione che « non può sortire alcun effetto »
(C.C. art. 1131), etc. La giurisprudenza non è più certa; certe sentenze
ammettono l’esistenza di nullità che producono i loro effetti di pieno di­
ritto (Cass. 6 giugno 1001; D.P. 03. 1. 108), altre decidono che non esiste
nullità di pieno diritto perchè le nullità, sia pure assolute e sostanziali
35 -

devono essere riconosciute dal giudice (Cass. 15 febbraio 1854, 26 lu­


glio 1869, 7 dicembre 1889) etc. Del resto la giurisprudenza sembra di
più in più appigliarsi alla distinzione fra l’inesistenza e la nullità
(Cass. 30 dicembre 1902; D.P. 1903. 1. 137).
Alcuni autori poi complicano la distinzione contrapponendo le di­
verse cause di nullità : nullità di sostanza e nullità di forma, nullità in­
trinseche ed estrinseche, nullità assolute e nullità relative, nullità appa­
renti, nullità che operano o non di pieno diritto, nullità dipendenti da
un’azione in giudizio e nullità che non dipendono da una decisione del
giudice, nullità espresse ossia indicate formalmente dalla norma e nul­
lità virtuali ossia risultanti necessariamente dallo spirito della legge
etc.; come si vede, la terminologia degli autori manca di armonia.
Certo queste controversie che un avvocato generale della Corte di
Cassazione ha definito come « sottigliezze da respingere » sarebbero inu­
tili se gli atti giuridici colpiti da invalidità perchè contravvenenti ad
una disposizione di legge imperativa o proibitiva, non producessero alcun
effetto: quod nullnm est, nullum producit effectum; ma non è affatto così,
poiché nella vita pratica nessuno si può fare giustiza da se medesimo,
poiché nessuno si può di propria autorità rifiutare di eseguire un titolo
apparente allorché ci se ne valga contro di lui, perchè in fatto occorre
quasi sempre che intervenga una decisione giudiziaria constatante l’ine­
sistenza o la nullità del titolo contestato in relazione alla invalidità più
o meno grande di cui è inficiato.
Gli atti inesistenti, nulli, annullabili, etc. nel diritto fiscale. Questa
distinzione così imprecisa e così controversa degli atti dal punto di vista
della validità civile, è opponibile al fisco? Ossia può il Tesoro ignorare
sempre l’invalidità assoluta o relativa degli atti giuridici presentati alla
formalità e reclamare in ogni caso l’imposta? Oppure è legittimo com­
piere una distinzione secondo la gravità dei vizi che inficiano gli atti?
Può infine il Fisco invocare la nullità degli atti nel proprio interesse,
o per pretendere un tributo più alto o perchè l’atto incriminato gli è pre­
giudizievole?
Bisogna infine prospettare un’altra questione: deve il Tesoro, nella
imposizione di una operazione nulla od annullabile, adottare lo stesso
trattamento : — nei confronti di un atto nullo, ma non annullato al mo­
mento della registrazione, — nei confronti di un atto annullato prima
della presentazione alla formalità, — nei confronti di un atto annullato
dopo la percezione dei diritti?
Se le risposte a questi quesiti fossero coerenti, supporrebbero, che
il diritto fiscale francese fosse fondato su princìpi assai netti: — o
che la concezione fiscale della nullità fosse conforme alla concezione civi­
listica, — o che la teoria fiscale delle nullità fosse in opposizione con la
teoria civilistica perchè ispirata soprattutto alle esigenze del bilancio.
Disgraziatamente non è affatto così: se la subordinazione del diritto
fiscale al diritto comune è perlopiù accettata implicitamente, ossia se
la legge fiscale in generale cerca la definizione dell’operazione giuridica
imponibile nel diritto civile, vi sono però delle ipotesi in cui la necessità
— 36

di una migliore ripartizione dei carichi fiscali e di una difesa efficace


contro le combinazioni fraudolente dei contribuenti, autorizzano il Te­
soro a colpire di preferenza lo « stato dei fatti » ed a « prendere la ma­
teria imponibile ove essa si trova » senza preoccuparsi di sapere se ciò
abbia rispondenza nel diritto (C.E. 21 gennaio 1921; D.P. 1922. 3. 31).
Si comprende di conseguenza che le soluzioni adottate per la tassa­
zione degli atti imperfetti, nulli od annullabili appariscano un po’ con­
tradditorie al giurista del diritto civile.
In particolare la distinzione fra gli atti imperfetti quanto alla so­
stanza e gli atti imperfetti quanto alla forma, è il più spesso assai spic­
cata per il fisco; quanto alla contrapposizione civile fra gli atti nulli
assolutamente e gli atti inficiati da una nullità relativa essa non è rece­
pita nè dall’amministrazione del Registro, nè dalla giurisprudenza; per
contro nel diritto fiscale si sottolinea di più che nel diritto civile, salvo
che per il matrimonio, la differenza fra gli atti imperfetti od inesistenti
e gli atti nulli di una nullità assoluta.
Inoltre la giurisprudenza ha accolto il diritto della Regia di invo­
care la nullità degli atti in certi casi e di rifiutarla in certi altri.
Infine gli autori del diritto fiscale, Championnière e Rigaud, Bastiné,
Maton, etc., hanno spesso utilizzato delle distinzioni non accolte dal di­
ritto civile: — atti inficiati da un vizio che li rende inesistenti ed atti
inficiati da un vizio che comporta una nullità operante di pieno diritto,
— atti inficiati da una nullità apparente ed atti inficiati da una nullità
non apparente, etc. ; essi hanno più o meno invocato le soluzioni accettate
prima del 1789 dagli specialisti del diritto feudale (Dumoulin, D’Argen-
tré, Boutaric, Pothier, Bosquet,).
Quale che sia la loro teoria sulla natura e sulle categorie della nul­
lità, dottrina, giurisprudenza e fisco sono concordi nel distinguere tre
situazioni fiscali per la percezione dei diritti.
A) Gli atti inesistenti, nulli od annullabili, ma non annullati al
momento della registrazione. Tutti sono concordi nel riconoscere che, salvo
l’eccezione di imperfezione totale o di inesistenza di un atto, le nullità
non operano affatto di pieno diritto, non esercitano alcuna influenza sulla
percezione dei tributi; ossia fin tanto che la nullità non sia nè consta­
tata nè pronunziata giudizialmente, salvo eccezione, l’imposta è esigibile
come se l’atto giuridico non fosse inficiato da nullità veruna.
Questa concezione si esplica sotto tutti i riguardi: l’atto viziato pro­
duce i suoi effetti sino al proprio annullamento, è suscettibile di esecu­
zione; può parimenti acquisire una autorità definitiva ed irrefragabile
sia per l’effetto del tempo, sia per la conferma espressa e tacita delle
parti; inoltre il fisco può invocare la legge del 22 Frimaio dell’anno V II
che colpisce con l’imposta tali o tali atti giuridici « senza condizione nè
distinzione; nel diritto fiscale, aggiunge la Corte di Cassazione, i contratti
si caratterizzano con riguardo alle loro stipulazioni, senza alcuna consi­
derazione della loro validità quanto alla sostanza o della loro regolarità
quanto alla forma » (S. 70. 1. 222).
Resta da esaminare l’applicazione di questi princìpi compiuta per
ciascuna categoria di atti viziati.
37

1) Gli atti imperfetti sono stati sempre fatti oggetto di un regime


particolare di favore adducendo che in generale essi hanno solo l’appa­
renza esteriore dell’atto giuridico e che, secondo l’osservazione di M. Go-
thot, «essi sono soltanto abbozzi di atti giuridici».
Il diritto fiscale francese accetta dunque che l’atto inesistente pre­
sentato alla formalità, non debba dar luogo, salvo eccezioni, alla per­
cezione del tributo fisso degli atti innominati, poiché esso non ha punto
l'apparenza, di un contratto sottoposto alla tariffa, in quanto palese­
mente un tale contratto non è formato.
In verità la giurisprudenza ha compiuto una distinzione da un lato
fra l’imperfezione o l’inesistenza di sostanza e l’imperfezione di forma
e dall’altro fra la presentazione volontaria alla registrazione e il per­
seguimento della riscossione da parte dell’amministrazione.
Sono stati considerati come atti imperfetti non assoggettabili all’im­
posta proporzionale e suscettibili tutt’al più di dar luogo alla percezione
della tassa fissa: una donazione tra vivi non accertata, — un atto
sottoposto ad una condizione puramente potestativa da parte di colui che
si obbliga, — un atto notarile ricevuto da un notaio fuori dalla sua giu­
risdizione oppure stilato senza l’assistenza dei testimoni richiesti oppure
privo della sottoscrizione del notaio quando sia inoltre privo della sot­
toscrizione di tutte le parti contraenti, — un atto notarile incompiuto
o un progetto di atto trovato nello studio di un notaio, — un’aggiudica­
zione volontaria di immobili quando l’ultimo offerente rifiuta di sotto­
scrivere, — un’atto di scrittura privata privo di sottoscrizione, anche
se la sottoscrizione delle parti è sostituita da quella dei testimoni, —
un atto amministrativo sottoposto ad approvazione sin quando non abbia
ricevuto tale approvazione, — una sentenza priva di sottoscrizione del
giudice e del cancelliere, etc...
Per contro l’amministrazione francese fu autorizzata a tassare con
imposte proporzionali : « l’atto notarile irregolare, ma munito della sot­
toscrizione di tutte le parti, poiché esso vale come scrittura privata, —
gli atti di scrittura privata non redatti in duplice copia o non recanti
il « buono per », — gli atti la cui validità necessiti della forma notarile
e redatti sotto la forma di scritture private (donazioni, costituzioni di
ipoteche) quando sono presentati volontariamente alla formalità, — gli
atti di scrittura privata non compiuti secondo le regole dettate dagli
artt. 1325 e 1326 del codice civile francese, se sono presentati sponta­
neamente alla formalità « poiché essi presentano le caratteristiche este­
riori di una convenzione», — gli atti sinallagmatici redatti in scrittura
privata e sottoscritti da tutti i contraenti tranne che da quello nelle cui
mani essi si trovino, — gli atti redatti in scrittura privata imperfetti,
se la loro validità è stata riconosciuta in giudizio, — le sentenze prive
di sottoscrizione del giudice o del cancelliere se si tratti di una omis­
sione.
2) Gli atti nulli di pieno diritto, per un certo periodo, vennero consi­
derati come inidonei a dar luogo alla tassazione: questi atti, si diceva,
richiedono solo la percezione della tassa fissa degli atti innomniati e
— 38 —

non del tributo al quale sarebbero assoggettati secondo la loro natura


se essi fossero validi : questi atti, non avendo alcun effetto dal punto di
vista del diritto civile, non potrebbero provocare nè un movimento di
valori generatori dell’imposta proporzionale, nè una trasmissione di
diritti od una obbligazione (Cliampionnière e Eigaud, T. Io, n. 232 ss.;
— Dalloz, Y. Enregistrement, n. 209 e ss.). Poi si È apportato un tem­
peramento a questa teoria: la tassa fissa è consentita solo quando l’Am­
ministrazione possa apprendere con la semplice lettura dell’ atto, le
cause cbe sono di ostacolo alla sua esistenza, alla sua efficacia giuridica;
invece può essere richiesta l’imposta proporzionale quando il vizio non
sia palese alla prima lettura.
Ma successivamente questo trattamento favorevole degli atti nulli
di pieno diritto fu abbandonato in conseguenza di una sentenza della
Corte di Cassazione del 15 febbraio 1845 (D.P. 1854. 1. 54; S. 1854. 1. 272):
« la legge, afferma la Corte Suprema francese, non riconosce affatto nul­
lità di pieno diritto; anche se le nullità sono assolute, gli atti che ne
sono viziati conservano ciò non di meno tutti i loro effetti fino a che
non siano stati annullati vuoi su domanda delle parti interessate, vuoi
dai tribunali pronunzianti di ufficio vuoi su richiesta di funzionari inve­
stiti del diritto di impugnare questi atti nell’interesse generale e del­
l’ordine pubblico ».
Un’altra sentenza del 7 dicembre 1886 (D.P. 1887. 1. 389; S. 1887. 1.
433) è ancora più categorica : « la mera esistenza degli atti basta, per
dar luogo all’imposta proporzionale anche se essi possano essere annul­
lati per un vizio assoluto o di ordine pubblico ».
Di questa nuova giurisprudenza si fecero le più diverse applicazioni :
l’imposta di donazione è esigibile benché l’atto notarile che la constata
sia nullo per vizio della forma (Cass. 29 novembre 1893), — l’imposta
proporzionale è egualmente dovuta su di un contratto il cui oggetto è
nettamente illecito, — l’imposta di mutazione per decesso è percepita
su di un legato, benché le disposizioni testamentarie siano nulle in quanto
contrarie a sostituzioni proibite (Cass. 14 dicembre 1881), — l’imposta
proporzionale è esigibile sugli atti notarili nulli a causa dell’interesse
del notaio, — sugli atti di società costituite senza l’osservanza delle
forme legali, — sugli atti redatti in scrittura privata, privi della men­
zione che sono stati redatti in duplice copia etc...
3) Gli atti annullami per contro sono stati sempre considerati come
soggetti all’imposta proporzionale o progressiva: la nullità relativa di
cui sono inficiati, qual che ne sia la causa ed il carattere, invero non
impedisce affatto che l’imposta sia riscossa come se gli atti fossero
validi, dato che finché non sia domandato e pronunziato rannunllamento,
essi producono tutti i loro effetti.
Questa concezione che ha cagionato l’assimilazione, riguardo al fisco,
degli atti annullabili agli atti validi, ha dato luogo a differenti argo­
mentazioni giustificative.
Si è detto che il ricevitore del Eegistro quando esige l’imposta non
— 39 —

si deve preoccupare della validità degli atti ma unicamente della loro


natura e della loro esistenza.
Storicamente i tributi di controllo e di « centième dernier » erano
percepiti, sotto l’ancien régime prima del 1789, pure sugli atti nulli.
La nullità inoltre non esiste mai di pieno diritto; fin tanto die gli
atti non sono stati annullati essi esistono ; « gli atti inficiati da nullità,
hanno osservato Aubry e Eaul, restano efficaci finché l'annullamento
non sia stato pronunciato ».
a) La giurisprudenza ha applicato costantemente questa teoria
secondo cui l’annullabilità di un atto non è un ostacolo alla percezione
del tributo afferente a questo atto : l’imposta è regolarmente percepita,
sugli atti annullabili a cagione della incapacità di una parte: atti
compiuti da una donna sposata non autorizzata (Cass. 23 aprile 1845,
18 gennaio 1854), — atti compiuti da un tutore a nome del suo pupillo
senza l’osservanza delle forme legali (Cass. 21 agosto 1811), atti cui
abbia dato il consenso un minore emancipato con l’assistenza del suo
curatore, mentre era necessaria l’ autorizzazione del consiglio di fa­
miglia (Albi, 7 febbraio 1890), — atti di acquisto compiuti da un
tutore per beni del suo pupillo in violazione del divieto sancito dal-
l ’art. 1596 del codice civile (Cass. 5 luglio 1870, 26 febbraio 1894), —
vendite compiute da un debitore riguardo a un immobile pignorato, suc­
cessivamente alla trascrizione del pignoramento (vendite nulle in virtù
dell’art. 686 del codice di procedura civile) (Cass. 10 febbraio 1812,
5 aprile 1828, 27 marzo 1832, 10 novembre 1863), — vendite cui si è dato
il consenso durante il periodo sospetto in caso di fallimento del debitore
<Cass. 24 novembre 1806, 31 dicembre 1828), — cessioni di aziende ad una
donna coniugata e priva dell’autorizzazione del marito. Parimenti sono
sottoposti al diritto proporzionale degli atti annullabili: vendite infi­
ciate da lesione maggiore dei 7/12, — divisioni rescindibili per lesione
maggiore del quarto (Cass. 19 germ.).
Inoltre si riconosce dovuta l’imposta di registro su atti annullabili
per altre cause: donazioni tra coniugi annullabili per violazione del-
l’art. 1097 del codice civile (Cass. 8 agosto 1853, 14 novembre 1865,
30 maggio 1868, 26 luglio 1869), — vendite della cosa altrui annullabili
in dipendenza della richiesta dell’acquirente (Cass. 12 febbraio 1882,
20 novembre 1844, 13 gennaio 1890, 24 aprile 1893), — atti annullabili
perchè contrari al buon costume (Cass. 14 aprile 1913), — atti aventi un
oggetto illecito (vendita di farmaci segreti, di case di piacere e di tol­
leranza) — vendite di beni intrasmissibili, di beni facenti parte del
Demanio pubblico.
Sono egualmente tassabili gli atti compiuti da un terzo senza man­
dato da un gerente ovvero gestore d’affari, le divisioni legalmente prov-
Tisionali, etc...
6) Se dunque la Kegia francese del Registro è autorizzata ad esi-
gerere l’imposta proporzionale sugli atti annullabili anche se questi
non siano stati annullati, essa si vede rifiutare dalla giurisprudenza la
facoltà di invocare la nullità di cui un atto è inficiato per reclamare un
— 40 —

tributo piti elevato: Il 26 aprile 1836 e 111 febbraio 1854 la Corte di


Cassazione ha infatti precisato che quando il fisco abbia «sempre respin­
to e con ragione la pretesa del contribuente di sottrare gli atti ai diritti
che li devono gravare, adducendo la loro nullità, esso non può per con­
seguenza esigere per sè un diritto giustamente rifiutato alle parti »
(S. 1836. 1. 499).
c) Per contro l’Amministrazione francese ha vinto la causa quan­
do ha preteso di poter invocare la nullità di un atto che, qualora consi­
derato valido, provocava la riduzione o una soppressione dei tributi esi­
gibili su un’altra operazione giuridica.
La Corte di Cassazione il 12 marzo 1870 (D.P. 1870. 1. 125; S. 1870.
1. 219) e 19 gennaio 1881 (S. 1881. 1. 26) sentenziò in occasione della pre­
sentazione simultanea di un atto di divisione inficiato di nullità e di
una sentenza di aggiudicazione su licitazione.
Il procuratore generale, sul caso della prima sentenza, aveva pre­
sentato le seguenti osservazioni: «dal fatto che si abbia il diritto di
ottenere la registrazione di un atto annullabile, non si può desumere che
ci si possa servire di questo atto nullo per sottrarre altri atti all’im-
posta cui sono soggetti di pieno diritto : non vi è alcuna inconseguenza
in ciò: basta che vi sia una divisione anche apparente per sottoporla
alla tassa; deve essere effettiva e assicurare a ciascuna parte un diritto
assoluto alla proprietà della sua quota per costituire la divisione (con­
templata dall’art. 68 del frimaio) e far esentare gli altri atti ».
d) La amministrazione è parimenti autorizzata ad esigere i tributi
su un atto che, al momento della percezione, sia oggetto di una domanda
di nullità o di risoluzione: essa non ha nè l’obbligo, nè la facoltà di
sospendere la percezione dei tributi fino al momento in cui si produca
l’avvenimento retroattivo: in altre parole: «fino a che questo avveni­
mento non sia intervenuto, una domanda di annullamento di risoluzione
non impedisce all’atto di continuare a produrre i suoi effetti, secondo
l’espressione di Albert W a h l»; tale è pure il caso prima dello spirare
del termine di ricorso; una sola eccezione è prevista per le aggiudica­
zioni inficiate da maggiore offerta al momento della percezione.
B) Gli atti imperfetti, nulli o annullabili o risoluti, ma annullati
o risolti al momento della registrazione. Può darsi che l’Amministra­
zione non abbia affatto riconsociuto gli atti nulli od annullabili del pe­
riodo in cui avevano una validità apparente e che essa riesca a scoprirli
solo quando siano già stati annullati o risolti, sia amichevolmente, sia
giudizialmente: si pone allora la questione di sapere se questo annulla­
mento retroattivo impedisca al fisco di effettuare la percezione dei tri­
buti che sarebbero stati prima esigibili.
Sotto l’ancien regime, ossia prima del 1789, la risposta era afferma­
tiva: in caso di annullamento giudiziario, i tributi feudali cessavano di
essere esigibili: questo era ammesso dagli autori come Dumoulin, Guy,
Coquell, D’Argentré, Bouchel, Forière, etc. per l’annullamento fondato
sull’appartenenza ad altri della cosa, sull’inalienabilità dell’oggetto ven­
duto, sul fatto che il contratto presentasse un difetto fraudolento, sul
— 41

fatto che l’atto fosse annullabile per incapacità, vizio di consenso, etc...
Del pari la non esigibilità era accettata in caso di risoluzione od
annullamento amichevole, quando si trattasse di una risoluzione od an­
nullamento effettivi fondati su di un vizio del contratto oppure sul com­
pimento di una condizione risolutiva : i vecchi commentatori, come Chou-
pin, Cuyas, Dumoulin, Salvainy, etc., sono chiari in proposito.
Yi era al contrario controversia per l’ipotesi del mancato pagamento
del prezzo: gli uni decidono che i tributi rimangano dovuti, salvo in
caso che il prezzo dovesse essere pagato in contanti, gli altri riten­
gono che i tributi siano dovuti se la risoluzione interviene poco dopo
il contratto; ma la generalità pensa che i tributi rimangano sempre
esigibili (Dumoulin, Auzanet, etc...).
Del pari prima del 1789 era controverso il caso della risoluzione
amichevole e non retroattiva, prima della tradizione: la maggioranza
degli autori richiedeva la non percezione dei tributi in caso di vendita,
ma alcuni Faccettavano solo se vi fosse una causa ragionevole di risolu­
zione, per es. una evizione; essi affermavano la percezione per i casi in
cui l’intervallo di tempo fosse notevole e per conseguenza si potesse pre­
sumere che l’esecuzione della vendita avesse avuto luogo.
Per contro si era unanimi nel dichiarare che la risoluzione prima
della tradizione impedisse l’esigibilità dei tributi quando si trattasse di
altri contratti (donazione, cambio, etc.).
Eiguardo al centième denier, la percezione dei tributi era possibile
solo quando vi fosse risoluzione per mancato pagamento del prezzo.
Questo atteggiamento benevolo viene conservato sotto il regime della
legge del 22 frimaio dell’anno V II?
Per un certo periodo l’Amministrazione del Registro si sforzò di
sostenere nel nome della precitata teoria dei diritti acquisiti: — che
l’imposta diventata dovuta per l’esistenza del fatto generatore, rimane
acquisita al Tesoro anche prima della percezione, — che una volta nato
questo credito del fìsco, esso non può cessare di essere esigibile, anche
se l’operazione giuridica è annullata al momento della formalità, volon­
tariamente o giudizialmente.
Ma, si è osservato, questa argomentazione era tanto rigida che, anche
prima della legge del 1912, la Corte di Cassazione la respinse, nella sua
citata sentenza del 19 gennaio 1890, con la seguente forte motivazione:
« l’obbligazione di pagare i tributi dovuti al Tesoro risulta subordinata,
conformemente al diritto comune, alla condizione risolutiva che si provi,
prima della percezione, che il contratto che le dà origine, riguardo, alla
legge fiscale, ha cessato di esistere in conseguenza di un annullamento
pronunziato in giudizio...; poiché per effetto delFannullamento, viene a
mancare il fatto generatore dell’esigibilità, l’imposta è ormai priva di
base e non può più essere percepita ».
Yi era ragione di pensare che la regola così posta dalla Corte di
Cassazione sarebbe stata applicata senza restrizione, soprattutto dopo
la legge del 1912, a tutti gli atti nulli od annullabili, quale che fosse la
— 42 —

forma dell’annullamento anteriore alla registrazione (annullamento vo­


lontario, annullamento giudiziario, risoluzione).
Tale fu invero l’opinione sostenuta da certi autori die addussero,
soprattutto M. Pilón, clie « il buon senso autorizza a dare alla sen­
tenza del 18 gennaio 1890 una portata generale, ossia ad assimilare l'an­
nullamento volontario all’annullamento giudiziale e la risoluzione alla
nullità ».
Essi invocarono l’espressione impiegata dalla Corte Suprema : « con­
formemente al diritto comune », la regola dell’interpretazione restrittiva
delle leggi fiscali, l’antico articolo 60 che non contempla altro che i tributi
percepiti e la legge del 1912 la quale, si disse, « resta estranea alla que­
stione dell’esigibilità dei tributi dovuti, ma non ancora percepiti » ; si
osservò che la sentenza della Corte di Cassazione richiamandosi al prin­
cipio del diritto comune, non aveva potuto ricusarsi di assimilare l’an­
nullamento volontario all’annullamento giudiziale, poiché nel diritto co­
mune questi due annullamenti producono il medesimo effetto.
Tuttavia l’amministrazione del Registro rigettò questo punto di vi­
sta è stimò che la tassazione degli atti annullati o risoluti al momento
della loro presentazione alla formalità, dovesse essere regolata tenendo
conto del principio posto dalla legge del 18 gennaio 1912, ossia in fun­
zione delle condizioni di sincerità presumibili delPannullamento o della
risoluzione e delle possibilità di frode.
Essa dunque fece sì che la giurisprudenza ammettesse tre ipotesi
differenti: l’annullamento giudiziale, l’annullamento volontario od ami­
chevole, la risoluzione.
a) Annullamento giudiziale : nel caso di annullamento il fisco non
può percepire l’imposta al momento della registrazione: poiché l’annul­
lamento giudiziale ha fatto sparire retroattivamente e senza possibilità
di frode l’atto annullabile, non esiste più la causa generatrice dell’im­
posta e questa non può essere percepita in mancanza di causa e di base.
La decisione giudiziale può essere una sentenza od una decisione,
ma deve essere passata in forza di cosa giudicata, ossia non più impu­
gnabile per mezzo dei rimedi detti ordinari.
ò) Annullamento volontario : la Corte di Cassazione aveva ammes­
so in differenti casi, il 30 gennaio 1815 ed il 21 marzo 1820, cliè l’annul­
lamento amichevole non potesse essere assimilato, dal punto di vista fi­
scale, all’annullamento giudiziale quando esso annientasse un atto giu­
ridico prima della percezione dell’imposta e che, per conseguenza, l’im­
posta rimaneva esigibile.
L’Amministrazione tuttavia persistette nel reclamare l’imposta an­
che dopo la sentenza del 28 gennaio 1890, sotto il pretesto che questa
decisione non ha parlato che di annullamento giudiziale, ed anche sopra­
tutto dopo la legge del 18 gennaio 1912, perchè questa legge ha solo con­
templato la restituzione dei tributi percepiti dopo l’annullamento giu­
diziale.
E’ la tesi che, ancor oggi, l’Amministrazione sostiene adducendo so­
pratutto che l’annullamento volontario favorirebbe la frode e permette-
43 -

rebbe ai contribuenti di ricorrere ad una convenzione amichevole di an­


nullamento per mascherare una retrocessione.
Certi autori, come il Pilón, hanno criticato il principio dell’esigibi­
lità dell’imposta ed hanno osservato: — che la sentenza del 1890 ha con­
templato soltanto l’annullamento giudiziario per l’unica ragione che il
caso sottoposto a giudizio concerneva soltanto tale ipotesi, — che la
legge del 1912 ha avuto un unico obiettivo: la restituzione dei tributi
percepiti e che essa è rimasta estranea al problema dell’esigibilità dei
tributi dovuti ma non riscossi, — che non vi è alcuna ragione per di­
stinguere fiscalmente l’annullamento volontario dall’annullamento giu­
diziale, dal momento che per il diritto civile essi producono i medesimi
effetti, — che la frode non deve essere affatto presunta dalla Eegia poi­
ché essa la può dimostrare con semplici presunzioni.
c) Risoluzione: prima della legge del 1912, l’Amministrazione del Re­
gistro indusse la Corte di Cassazione ad ammettere che l’imposta pro­
porzionale è esigibile quando prima della percezione l’atto sia stato, non
già annullato bensì risolto giudizialmente; questa tesi è contenuta in
una sentenza del 16 marzo 1898 (D. P. 1898.1.237 ; S. 1899.1.49).
L’Amministrazione invoca sempre a suo favore questa sentenza, an­
che dopo la legge del 18 gennaio 1912, a seguito della quale si distingue
fra la risoluzione amichevole che provoca l’esigibilità del tributo propor­
zionale e la risoluzione giudiziale « che non dà affatto luogo alla perce­
zione del tributo proporzionale.
Alcuni sostennero così che la regola di percezione risultante dalla
sentenza del 28 agosto 1890 non poteva applicarsi ai casi di revoca o di
risoluzione in virtù degli artt. 954-958, 1183, 1184, 1654 e 1659 del codice
civile, poiché la legge del 1912 ha mantenuto il divieto di restituire i
tributi regolarmente percepiti sugli atti revocati o risoluti, per queste
diverse ipotesi.
C) Gli atti nulli o annullabili o risolubili, annullati o risoluti
dopo la percezione. In questa terza ipotesi, che è la più comune, si tratta
di sapere se la percezione dei tributi sia da considerarsi definitiva od
invece soggetta a revisione e suscettibile di dar luogo al rimborso dei
tributi riscossi al momento della presentazione alla formalità.
Non sarà inutile ricalcare le orme della via seguita a questo pro­
posito in Francia nel 1789: i tributi feudali erano sempre restituibili
quando il trasferimento fosse stato retroattivamente annientato, in par­
ticolare in caso di annullamento giudiziale; il rimborso era general­
mente ammesso in caso di rescissione fondata sulla lesione o sul dolo;
parimenti la risoluzione retroattiva, anche amichevole, dava luogo a re­
stituzione; lo stesso accadeva nel caso di retrocessione amichevole se
non si fosse ancora entrati nel possesso ; solo il riscatto non autorizzava
il rimborso; quanto all’evizione essa permetteva talvolta la restituzione.
Tutti i commentari dei coutumes sono precisi a questo riguardo (Du-
moulin, D’Argentré, Boucheul, Boutaric, De La Lande, Perrier e Raviot,
Denissant etc...).
Per contro rannullamento di una mutazione non rendeva restituibili
44 —

nè i tributi di centième dernier, nè i tributi di controllo che erano con­


siderati come delle « remunerazioni della formalità » (Bosquet, Deni-
sert, etc.).
L’art. 60 della legge del 22 frimaio, come si è visto, abbandona que­
sta soluzione in genere assai benevola per i contribuenti e pone il bru­
tale principio della non restituzione; soltanto la legge del 18 gennaio
1912 rovescia le regole ammesse con l’interpretazione dell’art. CO, fon­
dandosi sul principio di diritto comune secondo cui colui che ha fatto
un pagamento indebito lo può ripetere; la detta legge ha regolato nella
guisa seguente la restituzione dei tributi in possibile conseguenza di un
annullamento giudiziale, di un annullamento volontario e di una risolu­
zione giudiziale o volontaria.
Essa ha fatto innanzitutto una distinzione da cui l’Amministrazio­
ne desume che la restituzione è l’eccezione e il non rimborso la regola,
ma che secondo certi commentatori, come Pilon, fa presumere al con­
trario, che la restituzione sia la regola e la non restituzione l’eccezione.
1. - Annullamento o rescissione giudiziale : i tributi percepiti sugli
atti giuridici successivamente annullati giudizialmente sono restitubili;
basta che « l’annullamento o la rescissione siano stati pronunziati, dice
la legge, con sentenza o decisione passata in giudicato ».
L’Amministrazione ammette che il principio dominante della legge e
dei lavori preparatori possa essere così definito : « la nullità, sia essa
radicale, assoluta o relativa, costituisce un vizio inerente al contratto
inficiato e rende possibile la restituzione ».
Le decisioni giudiziarie non devono essere impugnabili con l’appello
e con l’opposizione, ma i mezzi di ricorso straordinari (requête civil,
pourvoi en cassation prise à partie) possano essere ancora aditi (Cass.
7 maggio 1935) ; al contrario, poiché il giudizio per difetto non sottoscritto
nei sei mesi dalla sua data, viene considerato come non avvenuto (C.
pro. civ. art. 156), non si consente per esso la restituzione.
Lo stesso avviene: — per le sentenze, che si limitano a consacrare
con un « si dà atto » l’accordo intervenuto fra le parti, — per le sentenze
dirette ad applicare una transazione amichevole, in quanto queste sen­
tenze non abbiano statuito su questioni risolte definitivamente mediante
l’accordo anteriore delle parti (Cass. 21 giugno 1924).
I contribuenti che richiedono la restituzione dei tributi percepiti su
di un contratto annullato, risolto o rescisso giudizialmente, devono for­
nire la prova che la decisione giudiziaria su cui fondano la propria pre­
tesa è passata in forza di cosa giudicata ; questa prova non è soddisfatta
mediante un certificato rilasciato dal cancelliere del tribunale di prima
istanza; invero l’assenza di appello non può essere provata altro che
con un certificato rilasciato dal cancelliere della giurisdizione di appello.
E’ autorizzata la restituzione dei tributi percepiti:
— su atti annullati in conseguenza di un caso fortuito ovvero di forza
maggiore ;
— su locazioni il cui canone sia in seguito ridotto con sentenza;
— 45

— su vendite annullate o risolte per l’applicazione dell’art. 918 del co­


dice civile (vendita a successibili in linea diretta);
— su vendite annullate per vizio del consenso;
— su atti annullati perchè compiuti in frode ai diritti dei creditori;
— su vendite di animali annullate in giudizio, per vizio redibitorio;
— su vendite annullate per inosservanza delle prescrizioni dell’ordi­
nanza del 17 ottobre 1945 relative ai diritti di prelazione dell’affit­
tuario ;
— sulle cessioni di licenza di trasporti pubblici in conseguenza della
non autorizzazione dell’autorità amministrativa;
— sulle vendite di aziende di panetteria con « garanzia di cottura » ;
—- sulle rivendite effettuate medio tempore dall’acquirente dell’azienda,
quando la cessione iniziale sia risoluta per mancato pagamento del
prezzo;
— sulle vendite annullate per dolo principale in applicazione del-
l’art. 1116 del codice civile;
—• sulle costituzioni di società, annullate per inosservanza delle pre­
scrizioni legali (capitale insufficiente, numero dei soci inferiore al
minimo etc...) ;
— sugli apporti aziendali annullati su richiesta di un consocio perchè
gravati di un passivo non dichiarato, in applicazione dell’ art. 7
della legge del 17 marzo 1909 (Seine, 9 luglio 1934);
— sugli aumenti di capitale annullati per sottoscrizione fittizia in ap­
plicazione dell’art. 24 della legge del 24 luglio 1867 (Sol. Bnreg. 21
marzo 1931);
— su vendite di case in costruzione, per vizi di costruzione, in virtù
dell’art. 1644 del codice civile; per inesecuzione delle obbligazioni
del venditore in virtù dell’art. 1184 (Seine, 2 dicembre 1937);
— sulle vendite di aziende risolute per mancato pagamento del prezzo
e manovre dolose dell’acquirente dirette a rovinare le aziende (Al-
bertville, 10 maggio 1940);
— su vendite relative a beni altrui (Versailles, 8 gennaio 1936);
— su sentenze revocate su opposizione o riformate su appello o an­
nullate dalla Corte di Cassazione.
2. - Annullamento amichevole: il non rimborso dei diritti perce­
piti è la regola ; « in nessun caso, ha scritto l’Amministrazione nell’istru­
zione 3337, l’annullamento di un atto quando risulti da un accordo ami­
chevole può autorizzare la restituzione dei tributi ».
Questa regola è stata giudicata, da autori come Pilon, severa, illo­
gica e unicamente motivata dal timore di collusioni fraudolente fra i
contribuenti; si è osservato che non v’è valida ragione per violare due
principi fondamentali del diritto privato: la ripetizione dell’indebito e
la comunanza di carattere e di effetti dell’ annullamento volontario e
dell’annullamento giudiziale.
Checché ne sia, l’Amministrazione è tenuta ad applicarla: essa ri­
fiuta così la restituzione dei tributi percepiti: — su una cessione di
— 16 —

azienda annullata parzialmente in conseguenza della mediazione di un


arbitro davanti a cui il cedente ed il cessionario sono stati rinviati dal
tribunale, — sugli atti annullati per una transazione avvenuta su di
una controversia già nata (Cass. 24 giugno 1924), — sulle vendite al­
l’incanto di bovini in seguito riconosciuti come tubercolotici ed annul­
late amichevolmente.
3. - Risoluzione: a) il legislatore, preoccupato delle ripercussioni
finanziarie che potrebbero aversi nelle pubbliche entrate a causa di re­
stituzioni troppo numerose fondate su degli avvenimenti posteriori agli
atti, ha escluso, limitativamente, dal beneficio del rimborso i tributi per­
cepiti sugli atti o contratti in seguito revocati o risoluti in applicazione
degli artt. 954-958, 1183, 1184, 1654 e 1659 del codice civile.
Questa esclusione è stata poi motivata con il desiderio di evitare delle
risoluzioni fraudolente e adducendo il fatto che la risoluzione non costi­
tuisce un vizio inerente al contratto annullato.
Essa però fu assai criticata in quanto, crea in materia fiscale, una
differenziazione, inesatta nel diritto civile, fra la risoluzione e la nullità,
che hanno pur sempre un effetto identico : l'annientamento di un atto
giuridico.
Si tratta invero di due categorie di eccezioni, le une contemplanti gli
atti retroattivamente annientati per il verificarsi di una condizione riso­
lutiva, le altre contemplanti gli atti annullati in conseguenza di un vizio
inerente alla loro formazione; nelle due ipotesi, la risoluzione dipende
o da un avvenimento posteriore all’atto oppure dalla volontà delle parti,
vale a dire da circostanze favorevoli alla frode.
E’ opportuno precisare le eccezioni riferendosi alle disposizioni del
codice civile:
1) articoli 954-958: revoca di donazioni fra vivi per causa del non
verificarsi delle condizioni oppure per causa di ingratitudine;
2) articolo 1183: revoca della convenzione a cagione del verificarsi
di una condizione risolutiva;
3) articolo 1184 : risoluzione di un contratto sinaliagmatico nel caso
in cui l’una delle parti non soddisfi ai suoi impegni;
4) articolo 1654: risoluzione della vendita per mancato pagamento
del prezzo;
5) articolo 1659: esercizio della facoltà di riacquisto o di riscatto
riservato a favore del venditore.
Beninteso, quando la risoluzione è pronunziata in virtù dei testi
precitati ed in virtù dei testi non compresi nella numerazione prece­
dente, i tributi invece sono restituibili (Sol. 24 agosto 1934).
In virtù di queste eccezioni è impossibile la restituzione dei tributi
percepiti : — sulle vendite il cui prezzo sia ridotto per deficienza di con­
tenuto, — sulle vendite risolute per mancato pagamento del prezzo
(Cass. 30 gennaio 1928), — sulle vendite di immobili risolute per ina­
dempimento degli impegni presi dal venditore (Corbeil, 14 gennaio 1942),
— sugli atti risoluti per volontà dei contraenti (Seine, 28 ottobre 1928),
— sulle donazioni fra coniugi revocate per l’applicazione dell’art. 1096
— 47 —

del codice civile, ossia in virtù della condizione risolutiva definita dal-
l’art. 1183 del codice civile (Nice, 25 gennaio 1943), — sulle cessioni di
azienda annullate perchè l'acquirente è spossessato per l'effetto di un
privilegio contro il venditore esercitato da un precedente proprietario
(Seine, 26 giugno 1929).
b) Per contro i tributi percepiti su un contratto in seguito risolto
per l’effetto di una condizione risolutiva prevista dalla legge sono resti­
tuibili, anche se la risoluzione non risulta da una decisione giudiziaria :
basta che: 1) la condizione operi di pieno diritto senza intervento delle
parti e derivi da una disposizione di legge; 2) che sia stabilito il tatto
motivante la risoluzione legale.
Così sono rimborsabili i tributi percepiti su di una donazione revo­
cata per sopravvenienza di figli (art. 960 del codice civile); lo stesso vale
per i tributi percepiti sulla quota di una liberalità ridotta per lesione
della riserva (art. 920 del codice civile), sulle aggiudicazioni risolte per
la dichiarazione di maggiore offerta del decimo (art. 708 cod. proc. civ.).

III. La tassazione degli annullamenti, delle risoluzioni, delle re­


scissioni e delle retrocessioni. — Dopo la tassazione degli atti nulli od
annullabili, ci resta da studiare il regime fiscale delle operazioni giuri­
diche annientanti le convenzioni suscettibili di essere annullate o risolte.
a) E’ quindi necessario di richiamare preliminarmente la classifi­
cazione del diritto privato relativa alle operazioni di annullamento, di
risoluzione, di rescissione, di retrocessione etc...
Gli annullamenti suppongono, si è detto, l’esistenza di un vizio ri­
salente alla data del contratto, inerente o concomitante, che si è opposto
alla sua formazione e che l’ha reso incapace dall’origine di produrre va­
lidamente i suoi effetti; essi constatano una situazione che, pur non es­
sendo stata espressamente riconosciuta, tuttavia non data dal momento
in cui l’atto è compiuto (Seine, 9 luglio 1932); essi sono puramente
dichiarativi.
Le risoluzioni hanno per causa, è opportuno rammentarlo, un avve­
nimento successivo costituito dal verificarsi di una condizione risolutiva
espressa o tacita, di un caso fortuito, di una forza maggiore; esse sono
legali se sono dovute all’accadimento di un fatto sopravvenuto indipen­
dentemente dalla volontà delle parti oppure giudiziali, oppure volon­
tarie se il verificarsi della condizione risolutiva è più o meno imputa­
bile ad uno dei contraenti; esse cadono in definitiva su degli atti validi
nella sostanza e regolari nella forma e la cui perfezione non è affatto
contestata.
Legali o convenzionali, le risoluzioni annientano tutti gli effetti
dell’atto giuridico anche nei confronti di terzi e retroattivamente, non
soltanto per l’avvenire; esse creano uno stato nuovo.
Le rescissioni si distinguono nettamente dalle risoluzioni in questo,
che annientano il contratto solo per l’avvenire ; esse riguardano general­
mente convenzioni a prestazioni continuate o successive come le loca­
zioni e le forniture.
— 48 —

Le retrocessioni infine, concesse generalmente dall’acquirente o dal


donatario al venditore o al donatore della cosa venduta o donata, non
sono altro che delle rivendite: tanto fra le parti quanto nei confronti di
terzi; esse non producono effetto che per l’avvenire e lasciano sussi­
stere per il passato tutte le conseguenze dei contratti primitivi; esse non
possono esistere senza il consenso delle parti e costituiscono dei con­
tratti nuovi.
I civilisti costruiscono una categoria a parte per certe retrocessioni
che denominano risoluzioni amichevoli o volontarie ; si tratta di ac­
cordi intervenuti fra le parti in seguito ad una convenzione divenuta de­
finitiva : le parti si accordano sia per sospendere, prima dell’inizio, l’ese­
cuzione degli effetti pratici de1 contratto, sia per ritornare dopo una
esecuzione completa o parziale, alla situazione di fatto anteriore.
Praticamente queste risoluzioni volontarie, essenzialmente trasla­
tive, si presentano in due guise: possono intervenire in esecuzione di
previsioni contenute nei contratti che le avevano espressamente stipu­
late, oppure possono anche derivare da un accordo amichevole, effet­
tuato dopo la realizzazione del contratto e non previsto espressamente
nella convenzione originaria.
Queste differenti operazioni giuridiche che pongono fine a degli
atti giuridici anteriori, sono in generale assai ben distinte nel diritto
civile che sottolinea le loro diverse caratteristiche ed i loro vari effetti:
dichiarativi o traslativi, retroattivi o non, la loro opponibilità o non
opponibilità ai terzi, la loro natura convenzionale o legale etc...
b) Riguardo al diritto di registro, la contrapposizione è invece
assai spesso più fluida nonostante gli sforzi dei redattori della legge
de} 18 gennaio 1912 che, dice l’Amministrazione, avrebbero « cercato di
mettere d’accordo i principi del diritto civile e del diritto fiscale ».
La precitata legge invero si esprime nel modo seguente: « l’annulla­
mento, la revoca, la risoluzione o la rescissione pronunziate per qual­
siasi causa, con decisione o con sentenza,, non danno luogo alla perce­
zione del tributo proporzionale di mutazione » ; se questa disposizione
eccettua implicitamente certe risoluzioni (volontarie o amichevoli), essa
non fa alcuna distinzione di principio, dal punto di vista fiscale, fra
l’annullamento e la risoluzione, contrariamente a quanto si è voluto
sostenere.
L’amministrazione del Registro accetta essa medesima questo punto
di vista: «la legge, essa ha detto, ha una portata generale: l’immunità
che essa prescrive si applica a tutti i contratti traslativi, giudiziaria­
mente annullati o risolti, quale che sia il carattere della nullità (radi­
cale o non, assoluta o relativa) e la causa della risoluzione: le distin­
zioni precedentemente ammesse per l’applicazione delle disposizioni ec­
cezionali degli artt. 68 § 3, n. 6 della legge del 22 frimaio anno V II e 12
della legge del 27 ventoso anno IX ».
L’Amministrazione in questi documenti faceva allusione : I o « alle
sentenze danti luogo a risoluzione del contratto o di clausole del con­
tratto per causa di nullità radicale»; 2° «alle sentenze danti luogo a
— 49 —

risoluzione del contratto di vendita per mancato pagamento del prezzo


d’acquisto quando l’acquirente non era ancora entrato nel possesso ».
In breve, la legge del 18 gennaio 1912 estende l’immunità di cui
beneficiano queste risoluzioni ed annullamenti giudiziali (in deroga alla
regola che ogni spostamento della proprietà apparente dà luogo all’im­
posta di trasferimento) ad altre categorie di annullamento o di risolu­
zione di contratti traslativi; per contro essa è rimasta muta riguardo
alle risoluzioni amichevoli o giudiziali di contratti non traslativi.
In definitiva il regime fiscale degli annullamenti e delle risoluzioni
si può sintetizzare così:
a) le risoluzioni ed annullamenti convenzionali constatati giudizial­
mente sono esenti dal tributo proporzionale di mutazione;
b) le risoluzioni ed annullamenti convenuti o constatati amichevol­
mente, equivalgono, riguardo all’imposta di mutazione, a delle retroces­
sioni; essi sono per conseguenza sottoposti all’imposta proporzionale
abbiano o no effetto traslativo nel diritto civile;
c) le retrocessioni e le risoluzioni amichevoli e volontarie sono
egualmente sottoposte all’imposta di mutazione;
d) parimenti sono imponibili le risoluzioni ed annullamenti giudi­
zialmente constatati se operano a vantaggio di un terzo surrogato nei
diritti dell’antico possessore o cessionario di questi diritti;
e) quanto alle risoluzioni ed annullamenti amichevoli o giudiziali
di contratti non traslativi ossia di contratti di obbligazione e di libe­
razione, esse sono regolate unicamente da una giurisprudenza di specie ;
f) le rescissioni giudiziarie e amichevoli sono del pari unicamente
regolate da soluzioni amministrative o giurisprudenziali.
Infine non è inutile segnalare che se il diritto fiscale francese col­
pisce gli annullamenti e le risoluzioni senza effettivamente distinguere
fra queste due categorie differenti di operazioni giuridiche, esso tien
conto più o meno implicitamente della data in cui esse intervengono
nell’esistenza dei contratti annullabili o risolubili: la pratica arriva
così a dosare le imposizioni o l’esonero secondo che l’annullamento o le
risoluzioni si applicano a dei contratti formati ed eseguiti, secondo che
si tratti di annullamento o risoluzione concernente contratti formati
ma non eseguiti, o infine di annullamento e di risoluzione riguardanti
contratti non formati.
Gli annullamenti e le risoluzioni legali. — Le risoluzioni ed annul­
lamenti derivanti non dalle convenzioni ma dalla legge, non sono su­
scettibili di essere inficiati da simulazione e per conseguenza non pos­
sono essere colpiti da una simulazione fraudolenta anche se siano con­
sentiti amichevolmente.
In o ltre , anche se essi com portano un carattere tra sla tiv o , rea liz­
zano un m ovim ento legale di v a lo r i che sfugge per principio a tu tti i
trib u ti di m u tazion e e di trascrizion e.
Eientrano nelle categorie degli annullamenti e delle risoluzioni le­
gali siffattamente esonerati dall’imposta proporzionale: — le risoluzioni

4 - Riv. dir. fin. - Parte I - 1953


di vendite di immobili rurali a cagione dei diritto di prelazione esercitato
dall'affittuario (Ord. 17 ottobre 1945), — le risoluzioni di aggiudica­
zioni derivanti da una maggiore offerta, — le risoluzioni volontarie,
conformemente all’art. 1975 del cod. civ. di vendite verso rendita vita­
lizia, quando il venditore creditore della rendita è morto nei venti
giorni dall’alienazione, — le riduzioni di liberalità per lesione della
riserva, quando sono obbligatorie (Nice 5 gennaio 1875), — le revoche
di donazioni per causa di sopravvenienza di figli (art. 953 C. civ.), — le
reversioni legali previste dall’art. 747 cod. civ. in virtù del quale «g li
ascendenti succedono con esclusione di tutti gli altri nelle cose da loro
donate ai loro figli o discendenti deceduti senza posterità, quando gli
oggetti donati si trovino in natura nella successione, — le risoluzioni
amichevoli, anteriori alla cessazione legale dell’ostilità, delle conven­
zioni di compiacenza effettuate per sfuggire alle misure di spogliazione
attuate dal nemico oppure sotto il suo controllo (Ord. 14 novembre 1944,
art. 12).
L'esonero è per contro rifiutato: — alle revoche amichevoli di do­
nazioni per causa di ingratitudine le quali non abbiano effetti risolu­
tivi (art. 958 c. civ.) — alle riduzioni di liberalità tendenti semplice-
mente ad una perequazione convenzionale delle parti.
Gli annullamenti e le risoluzioni giudiziali- — A) Gli annullamenti
e le risoluzioni giudiziali di contratti traslativi costituenti decisioni giu­
diziali che avrebbero dovuto dar luogo a tributi proporzionali di muta­
zione; in fatto essi subiscono il più spesso il tributo proporzionale di
condanna: — sulla disposizione principale, — sul prezzo da restituire
da parte del venditore se la risoluzione o l’annullamento è stato pro­
nunciato su richiesta dell’acquirente, — sul valore dei beni da resti­
tuire nel caso opposto.
Ma ci possono essere anche: il tributo fisso se vi è condanna a resti­
tuire un immobile, ossia se non vi è « condanna di somme e valori
m obiliari»; diritto di indennità se il venditore conserva a titolo di
indennità gli acconti ricevuti dall’acquirente in virtù di una clausola
penale contenuta nell’ atto di vendita, — il tributo di quietanza nel
caso contrario (Seine, 11 febbraio 1933).
B) Quanto alle decisioni giudiziarie pronuncianti la risoluzione o
la nullità di contratti non traslativi, ossia che comportano soltanto
l’obbligo o la liberazione, esse non sono contemplate affatto dalla legge
del 1912.
Esse danno luogo il più spesso soltanto al tributo fisso se le de­
cisioni giudiziali si limitano a constatare che una obbligazione o una
liberazione non è mai esistita; se al contrario le decisioni giudiziali di
annullamento o di risoluzione hanno un carattere obbligatorio o libe­
ratorio, si percepisce al momento della registrazione della sentenza il
tributo proporzionale di obbligazione, di quietanza, di indennità o di
proroga della dilazione.
C) L’esonero dal tributo di retrocessione per gli annullamenti e le
risoluzioni giudiziali di atti traslativi si giustifica solo considerando
— 51

che la decisione giudiziale costituisce la prova contraria davanti a cui


cade la risoluzione di frode.
Se basta che la decisione giudiziale sia una decisione di una giu­
risdizione qualsiasi (Corte, tribunale civile o di commercio, giudice di
pace, arbitro), bisogna però che si tratti di una decisione contenziosa.
Al contrario, devono dunque dar luogo all’imposta di retrocessione,
gli atti di giurisdizione volontaria : processi verbali di conciliazione,
sentenze di accordo o danti atto; questi si limitano a constatare l’ac­
cordo dei contendenti, mettendo fine con un contratto « giudiziale » per
così dire, alla pretesa, ma non hanno soltanto il valore di un accordo
amichevole, di una convenzione volontaria non potendo beneficiare del­
l’esonero della legge del 1912.
Parimenti producono la percezione del diritto di retrocessione,
quando riguardino contratti traslativi anteriormente formati ed ese­
guiti, i giudizi di omologazione di una transazione, e i giudizi peritali
resi dopo che i litiganti si sono già accordati sulla base di un accordo
e stabilendone le clausole (Oass. 24 giugno 1924).
La distinzione fra le « decisioni d’espediente » tassabili e le deci­
sioni giudiziali contenziose beneficianti dell’esonero ha quindi sollevato
una controversia tra la Corte di Cassazione e l’Amministrazione del
Eegistro.
La Corte Suprema ha deciso una prima volta, PII aprile 1911, che
la mancanza della parte avversa, la sua acquiescenza ovvero la sua
dichiarazione che essa si rimette al giudice, non sono sufficienti per far
riconoscere ad una decisione giudiziale il carattere di decisione d’espe­
diente; essa ha aggiunto che bisogna che il consenso risulti da un ac­
cordo anteriore delle parti, che il tribunale accetta tale e quale, non già
per averne verificato le cause ma perchè esse non gli sono sembrate con­
trarie all’ordine pubblico ed agli interessi dei terzi (D. P. 1913-1-428).
In una seconda sentenza del 29 aprile 1931 (I). P. 1931-1-123) la Corte
di Cassazione ha formulato due regole più precise: «non beneficiano
affatto dell’ immunità del tributo proporzionale le decisioni giudiziali
che si limitano a consacrare per un « si dà atto » l’accordo intervenuto
tra le parti per risolvere un contratto ; lo stesso vale inoltre per quelle
che pronunciano nel loro dispositivo, e riferendosi agli elementi della
causa, la decisione sulla controversia ».
L’amministrazione francese del Eegistro si è opposta, con una riso­
luzione del 13 maggio 1932, alla seconda regola: essa ha ricordato che
il legislatore del 1912 ha subordinato l’esenzione dall’ imposta propor­
zionale alla condizione che l’annullamento o revocazione siano pronun­
ziati dal giudice, e siano considerati come l’opera del giudice e alla con­
dizione che il giudice abbia statuito su esame delle cause che h a uno
motivato l’annullamento o la revoca ed abbia emesso una vera e propria
decisione sulla controversia, ossia nna decisione che implica da parte
del tribunale la verifica dei motivi della risoluzione.
Non basta dunque, ha precisato il fisco, che il dispositivo sia ac­
compagnato da un riferimento agli elementi della causa e constati sem-
plicemente un accordo delle parti; in questa situazione, l’annullamento
del contratto apparirebbe come l’opera dei contribuenti e non quella
dei giudici.
Per conseguenza le sentenze arbitrali possono essere assimilate
alle sentenze in applicazione dell’art. 1953 del C.G.I. (Codice generale
delle imposte) solo quando siano munite dell’ordinanza di exequatur e
non costituiscano una decisione di espediente (li. M. 10 gennaio 1952).
Parimenti non possono beneficiare dell’immunità i processi verbali
di conciliazione.
Gli annullamenti e le risoluzioni amichevoli. — A) Il diritto fiscale
francese colpisce con una presunzione irrefragabile di frode le risolu­
zioni e gli annullamenti non giudiziali; volendosi eliminare un sistema
di evasione della materia imponibile, esse sono assimilate a delle retro-
cessioni sottoposte al tributo di mutazione-
Ciò viene stabilito tanto più facilmente in quanto si ritiene che un
annullamento od una risoluzione amichevole comportino un movimento
di valori, uno spostamento manifesto della proprietà e per conseguenza
presentino un carattere nettamente traslativo: la giurisprudenza civile
è costante in materia (Cass. 23 marzo 1881, D. P. 83-1-22; 16 marzo 1925,
S. 1926-1-347; 29 aprile 1931, D. P. 1931-1-123).
B) L ’ am m in istrazion e del R eg istro tu tta v ia am m ette che questo
effetto tra sla tiv o non si p o ssa a p p lica re n elle ip o tesi in cui la frode
e la sim u lazion e si rivelin o impossibili (previsione nel con tratto della
condizione il cui v erificarsi riso lv e la convenzione, an n u llam en to della
v en dita della cosa a ltr u i, ria cq u isto per risca tto , redibizione conven­
zionale) oppure la risolu zion e sialegale.
Con queste riserve, tutte le risoluzioni ed annullamenti amichevoli,
verbali o scritti, danno luogo all’imposta proporzionale: 1) quando siano
operati in virtù della clausola risolutiva tacita sottintesa in tutte le
convenzioni per il caso che una delle parti non adempia ai suoi obblighi.
revoche di una donazione risolta per inadempimento degli oneri (Mayen-
ne, 17 dicembre 1896), rescissioni di una cessione di ufficio per inadempi­
mento della convenzione da parte del cessionario (Nevers 26 febbraio
1843), risoluzione di una vendita in conseguenza del rifiuto di una parte
di redigerla in atto autentico in conformità alle stipulazioni di un com­
promesso (Les Andelys, 17 aprile 1870); 2) quelle derivanti da una con­
dizione risolutiva che, espressamente stipulata nel contratto risoluto,
è unicamente l’espressione letterale della condizione tacita (risoluzione
di una vendita per non pagamento del prezzo quando il mancato paga­
mento era stato espressamente contemplato dalle parti come condizione
risolutiva (Cass. 6 dicembre 1820, 16 marzo 1925); risoluzione per ina­
dempimento degli oneri di una donazione (Cass. 22 maggio e 30 di­
cembre 1844), ecc...).
Sono parimenti sottoposte all imposta proporzionale le risoluzioni e
gli annullamenti di convenzioni traslative anche se intervengono prima
della consegna della cosa trasferita o del pagamento del prezzo, le
risoluzioni amichevoli di donazioni fra vivi oppure di tutti gli altri atti
— 53

solenni compiuti sotto forma di scrittura privata, —le risoluzioni ami­


chevoli di contratti di matrimonio successive al matrimonio (Cass. 7
dicembre 1886), — le risoluzioni amichevoli di vendite su computo o
su misurazione, quando l’operazione di computo o di misurazione non è
necessaria per il trasferimento della proprietà, avendosi la determina­
zione ed il riconoscimento preliminare dei beni (Carcassonne 9 febbraio
1869), — le risoluzioni verbali di vendite di immobili (Cass. 16 marzo
1925).
Parimenti sono sottoposte all’imposta proporzionale le risoluzioni e
gli annullamenti di vendite affette da una nullità relativa, da una nul­
lità assoluta o da una nullità radicale inficiante alla radice la forma­
zione medesima dell’obbligazione (nullità fondate su un vizio di con­
senso diverso dalla lesione).
Per contro la giurisprudenza ammette l’esonero dall’imposta propor­
zionale di retrocessione ed autorizza il fisco unicamente a percepire un
semplice tributo di quietanza, di indennità, di obbligazione, di proroga,
quando vi sia impossibilità della frode: riacquisto per riscatto, condi­
zione risolutiva espressamente enunziata, nettamente ostensibile e co­
noscibile ai terzi, — redibizione convenzionale, — revoca di una dona­
zione fra coniugi, — risoluzione di una vendita operata amichevolmente
in virtù di una clausola risolutiva di disdetta inserita nell’atto.
C) Eccezionalmente beneficiano del tributo fisso, con esclusione del
tributo proporzionale: le risoluzioni e annullamenti amichevoli di con­
tratti formati e non eseguiti : è il caso delle risoluzioni o annullamenti
di obbligazioni di dare o di fare che hanno un carattere puramente
estintivo — delle risoluzioni ed annullamenti di un contratto di forni­
tura prima dell’esecuzione ossia prima della ricezione della fornitura
— delle risoluzioni prima dell’esecuzione, di vendite pattuite in specie
e non in individuo (vendite a peso, a misura od a computo - Oass. 24
marzo 1860, D. P. 60-1-199), — delle risoluzioni prima dell’esecuzione, di
vendite su assaggio, di vendite di beni altrui o di vendite di una cosa
futura, — delle risoluzioni di promesse unilaterali di vendita o di pro­
messe sinallagmatiche prima della esecuzione, dal momento che esse su­
bordinano al verificarsi di una condizione sospensiva non ancora rea­
lizzata (Cass. 8 luglio 1822).
A forziori non possono dar luogo alla percezione del tributo propor­
zionale: — le risoluzioni e gli annullamenti amichevoli di contratti non
formati, e le revoche di donazioni non accettate, — gli accordi amiche­
voli constatanti l’annullamento di atti imperfetti come di vendite senza
indicazione del prezzo o di atti non sottoseritti da tutte le parti, — le
risoluzioni relative a vendite comportanti una disdetta.
Parimenti il tributo proporzionale non può essere preteso quando
gli annullamenti e le risoluzioni amichevoli non possono essere colpiti
dalla presunzione di frode : tali sono gli annullamenti di contratti che
manifestamente riguardavano proprietà altrui, le risoluzioni di ven­
dite di immobili espropriati per causa di utilità pubblica fin da prima
del contratto (Sol. Enreg. settembre 1888), — le risoluzioni o gli annui-
— 54

lamenti amichevoli di vendite compiute con una clausola di « porte fort »


(del garante, a buon fine) e non ratificate: da parte del mandatario di
un commerciante dopo l’epoca alla quale la sentenza di fallimento ha
fatto risalire la cessazione dei pagamenti ed ha fatto cessare i poteri
di disposizione, — da parte di un marito riguardo ai beni propri della
moglie (Sol. 14 novembre 1888), — da parte di un comproprietario ri­
guardo a una quota maggiore al suo diritto prò indiviso, — da parte di
un mandatario verbale o di un mandatario che abbia oltrepassato i suoi
poteri, — da parte di un tutore riguardo ai beni del suo pupillo (Douai,
31 agosto 1854).
D) Le rescissioni di contratti a prestazioni continuate o successive
sono trattate fiscalmente in guisa differente secondo che siano giudi­
ziali o amichevoli: a) se esse sono giudiziali, sfuggono al diritto pro­
porzionale ed inoltre rifiutano la percezione dei tributi dovuti per il pe­
ricolo rimanente; b) se esse sono amichevoli, possono venire per contro
assoggettate al diritto proporzionale; tali sono le retrocessioni di loca­
zione, le risoluzioni amichevoli di una locazione. Al contrario le rescis­
sioni amichevoli di un negozio a prestazioni successive non comportano
affatto mutazione e sfuggono all’imposta proporzionale.

Conclusione. — Questo studio del regime fiscale delle nullità giuri­


diche cui l’autore si è sforzato di recare un contributo di semplificazione,
apparirà certamente a certi spiriti critici come uno dei migliori esempi
di « complexum fiscale » moderno : essi parleranno di sottigliezza ecces­
siva, di intralcio ingiustificato ecc... Essi ricorderanno che gli economi­
sti hanno richiesto per la imposizione e la liquidazione del tributo la
chiarezza dell’aliquota, la semplicità della tassazione etc.... e lamente­
ranno l’angoscia dei buoni contribuenti sperduti in questo labirinto
fiscale.
Sarà facile rispondere a questi critici che se la legislazione fiscale
è divenuta nella pratica tanto complicata, il fatto va addebitato soprat­
tutto ai contribuenti cattivi: nello stesso tempo che il legislatore si
sforza di umanizzare i testi e di semplificarli per renderli più compren­
sibili, i frodatori si sforzano di frustrarli ed eluderli: il legislatore si
vede così costretto a subordinare le immunità ed i regimi di favore ad
una serie di condizioni che nell’ esperienza si moltiplicano eccessiva­
mente; e l’Amministrazione fiscale è, essa stessa spinta, per difendere
gli interessi del Tesoro di cui è onerata, ad inasprire le richieste delle
disposizioni di legge.
( Traduzione dal francese di Francesco Forte)
Dr. C a m il l e R o sie r t

La Direzione manda un cordiale omaggio alla memoria del Prof. Camiile


Rosier, mancato il 27 gennaio a Lione. Egli era Professore di Finanza alla Ecole
des Hautes Etudes Oommerciales de Paris, e alla Facoltà libera di diritto d An-
gers. Per 15 anni rappresentava la Francia nell’I.F .A . e vi presiedeva la Com­
missione del Concorso per il Premio M. B. Carrol e il Comitato per la scelta
dei temi di ogni Congresso.
LA DEROGABILITÀ’ DELLA COMPETENZA TERRITORIALE
DEGLI UFFICI FINANZIARI DELLO STATO
(continuazione dal fase. 4, 1952)

B) Convinti come siamo che la traslazione delle regole di diritto


amministrativo nel diritto tributario non consente di accettare la teoria
della inderogabilità, riteniamo che gli stessi principi debbano trovare
integrale applicazione in materia di competenza territoriale degli uffici
delle imposte dirette e degli uffici del registro.
Contro la teoria della inderogabilità, in primo luogo, può obiettarsi
in linea generale che la giurisprudenza della C. C. non consente di acco­
gliere i principi in essa enunciati data la incertezza da cui la giurispru­
denza stessa è pervasa.
In secondo luogo, può obiettarsi ancora che la . Suprema Corte nella
citata cansa Capriz (1937) ebbe ad esprimere un orientamento netta­
mente contrario, giustificato da solidi argomenti.
Da queste due osservazioni discende che non basta richiamare 1 uno
o l’altro precedente giurisprudenziale; ma è necessario valutarli alla
stregua dei principi, e, più precisamente, alla stregua dei principi di
diritto amministrativo (come dice lo stesso Berliri in relazione alla com­
petenza degli uffici a rami separati — ufficio atti pubblici; ufficio atti
privati, ecc.), perchè « la soluzione del problema dipende non tanto dal-
« l’applicazione di principi di diritto tributario, quanto dalla applica-
«zione di principi di diritto amministrativo, dovendosi ricercare quale
« sia l’efficacia esterna delle norme, ecc. ».
E noi crediamo di aver dimostrato la inefficacia esterna delle nonne
relative alla competenza territoriale sotto tale profilo e qui, perciò,
non occorre ripeterci.
Rimane, però, da valutare la giurisprudenza contraria all’indirizzo
da noi sostenuto.
Delle decisioni richiamate dal Berliri, due riguardano la competenza
degli uffici delle imposte dirette (38) ed affermano, ma non dimostrano
la inderogabilità della competenza (la competenza territoriale degli
uffici distrettuali delle imposte dirette è di ordine pubblico, onde la
sua violazione è rilevabile d’ufficio in qualunque stadio della contesta­
zione), l’altra (39) riguarda la competenza territoriale degli uffici del
registro (le norme di competenza sono generalmente di ordine pubblico,

(38) 24-2-1938, n. 4185 ; 28-3-1945, n. 74972 (v. nota 6).


— 56

perchè stabilite a garanzia dell’Amministrazione, degli interessati e dei


terzi, salvo eccezioni in casi particolari in cui risulti evidente il carattere
privatistico della competenza e nei quali si può consentire la deroga­
bilità, con il consenso, però, delle parti).
Circa le due prime decisioni va osservato, anzitutto, che la teoria
della inderogabilità viene affermata come un dogma del diritto ammi­
nistrativo, mentre, proprio nell’ambito di questo diritto — giusta quanto
innanzi abbiamo detto —, sembra che la regola della inderogabilità in­
vesta solo la competenza per materia e per grado, e non anche quella
territoriale, la cui inosservanza dà luogo al vizio d’incompetenza rela­
tiva, la quale non rende nullo l’atto che ne è affetto, ma soltanto annul­
labile e con tutte le altre conseguenze che sopra abbiamo analizzato.
Comprendiamo perfettamente che il nostro assunto è in contrasto
con la migliore dottrina del diritto amministrativo, la quale ritiene che
« a differenza di quello che vale nel campo giudiziale, ove la competenza
territoriale è di regola derogabile, nel campo nostro tale competenza è
tassativa e inderogabile al pari di quella per materia o per grado » (40).
Ma, a nostro sommesso modo di vedere, la impostazione che la dottrina
fa del citato principio ci sembra in antitesi con la regola che la stessa
dottrina ammette poi in sede di esame dei vizi degli atti amministrativi
— e che la giurisprudenza del Consiglio di Stato ha fatto propria —
quando riconosce: 1) che il vizio di incompetenza può essere: assoluto,
il quale rende nullo l’atto che ne è affetto, allorché l’organo ammini­
strativo abbia invaso la competenza di un’autorità non amministrativa
— legislativa o giudiziaria — od anche quella di un’autorità pure am­
ministrativa, ma appartenente ad una branca diversa del potere esecu­
tivo; e relativo, il quale rende solo annullabile l’ atto che ne è affettoT
allorché l’organo amministrativo abbia invaso la sfera di competenza
di un altro organo, appartenente allo stesso ramo della pubblica am­
ministrazione. E, invero, se la competenza territoriale fosse inderogabile,
l’atto emesso da un organo competente per materia e per grado, ma non
anche per territorio, dovrebbe essere affetto da nullità assoluta, mentre,
secondo la stessa dottrina, è soltanto annullabile, cioè, spiega normal­
mente i suoi effetti, comportandosi per l’efficacia come un atto piena­
mente valido e, quindi, ove non venga impugnato, consente di derogare
alla competenza per territorio, e ove venga impugnato non sono posti nel
nulla tutti gli effetti già prodotti e, perciò, conserva efficacia anche per
la parte che è di pertinenza dell’ufficio non competente per territorio (41).
Poiché l’atto affetto da incompetenza territoriale è soltanto un atto
annullabile, anzitutto deve ammettersi che colui il quale ha dato vita
al vizio di competenza — il privato, ad es., che abbia presentato una
dichiarazione di redditi ovvero un atto da registrare ad un ufficio non
competente per territorio — non può invocare il vizio stesso perchè, se-

(39) 15-3-1947, n. 87750 (v. nota 1).


(40) Z a n o b in i , op. e toc. cit. in nota 12 e 13.
(41) Z anobini, op. e loc. cit., in nota 21.
condo la regola generale (canonizzata all’art. 38 (lei C. P. 0.) il vizio di
competenza per territorio può essere tatto valere unicamente in via di
eccezione dalla parte che non ha dato luogo al vizio stesso.
Inoltre, come innanzi è stato chiarito, le norme relative alla com­
petenza territoriale possono essere derogate dalla stessa Amministra­
zione — nell’ambito delle sue facoltà discrezionali —, quando viene ri­
chiesta dell’annullamento dell’atto viziato per incompetenza territoriale,
secondo quanto già abbiamo detto.
Infine, la natura costituzionale e funzionale degli uffici (per cui la
distribuzione delle attribuzioni tra uffici appartenenti allo stesso ente
e aventi lo stesso grado è fatta unicamente nell’interesse dell’ente cui
gli uffici appartengono) non consente di riconoscere al privato un diritto
allo annullamento dell’atto, ma soltanto un interesse legittimo, tutela­
bile in occasione della tutela dell’interesse generale e soltanto davanti al
giudice amministrativo, e non anche davanti al giudice ordinario, giusta
quanto sopra abbiamo visto.
Oltre tutte queste considerazioni di carattere generale, va ricordato
ancora — per quanto concerne la competenza territoriale degli uffici delle
imposte dirette — che una norma specifica, regolatrice della soggetta
materia, dimostra come lo stesso legislatore abbia trasfuso nella legge
tributaria il principio fin qui sostenuto.
Infatti, l’art. 9 del D. L. L. 24-8-1945, n. 585, l’art. 6 del D.L.C.P.S.
1-9-1947, n. 892, e l’art. 7 della L. 11-1-1951, n. 25, consentono all’Inten­
denza di Finanza e al Ministero di derogare alle norme sulla competenza
per territorio. Queste disposizioni non possono essere intese come se
fossero dirette a fissare la regola della inderogabilità, ma, al contrario,
come conseguenza del principio che la competenza territoriale tra uffici
dello stesso grado è stabilita unicamente nell’interesse dell’ente al quale
gli uffici appartengono, tanto è vero che è proprio un organo (Intendente
di Finanza o Ministro delle Finanze) di tale ente (Amministrazione
finanziaria) che può disporre la deroga alle nonne in discorso.
Ci sembra, quindi, che dalle due prime decisioni della C. C., richia­
mate dal Berliri, non possa trarsi quella convinzione che è necessaria
per poter ammettere la inderogabilità della competenza per territorio.
Neanche la terza decisione — quella relativa alla competenza degli
uffici del Kegistro — convince nel senso della inderogabilità. Di tale de­
cisione ci siamo già occupati in altra sede (42) e, perciò, qui dobbiamo
ripeterci.
Il caso esaminato dalla C. C. era il seguente: se l’Ufficio A, presso
il quale era stato registrato un atto di compravendita immobiliare da
Sempronio a Caio, potesse, a norma dell’art. 18 della legge del registro,
eseguire l’accertamento delle imposte relative ad un precedente trasfe­
rimento dello stesso immobile da Sempronio a Mevio, enunciato in una
sentenza registrata aH’IIfficio B, ma non assoggettato in quella sede alle
imposte derivanti dalla enunciazione.

(42) Aspetti della competenza ecc., citato in nota 1.


— 58 —

Come già dicemmo, la decisione non è censurabile per le conclusioni


alle quali perviene — per avere, in sostanza, escluso il diritto della Fi­
nanza all’accertamento in discorso — ; ma è censurabile per i motivi
posti a base della decisione stessa. Difatti nel caso in esame effettiva­
mente l’Ufficio A non aveva la potestà di accertare le imposte relative al
trasferimento occulto, però, non già per difetto di competenza territo­
riale, bensì per la mancanza di uno dei presupposti richiesti dall’art. 18,
cioè, la clandestinità del trasferimento oggetto del tributo, perché tale
trasferimento oggetto del tributo era stato enunciato in un altro atto già
precedentemente registrato all’Ufficio B e da questo non tassato (43).
Pertanto l’argomento della incompetenza territoriale, addotto dalla
decisione in parola, non era conferente alla fattispecie in esame. Inoltre,
come già rilevammo, non era corretto neanche come principio, nel senso,
cioè, che le norme dell’art. 89 della legge del registro, relative alla
competenza per territorio, sono inderogabili e che, quindi, « gli uffici
competenti ad eseguire gli accertamenti di ufficio (ex art. 18) non pos­
sono essere che quelli competenti a registrare gli atti, identica essendo
la ratio legis per la quale è stata determinata la competenza » (44).
Gli errori in cui è incorso il Collegio, secondo il nostro subordinato
parere e in relazione a quanto sopra abbiamo detto, sono due: uno ri­
guarda la regola generale della inderogabilità; l’altro riguarda il rego­
lamento della competenza per gli accertamenti d’ufficio (ex art. 18), la
quale pure sarebbe inderogabile secondo la C. C.
Rispetto alla regola generale potrebbero essere sufficienti le osser­
vazioni già ampiamente svolte; ma non è superfluo completare la parte
generale con qualche altro argomento che è utile a provare la fonda­
tezza delia derogabilità della competenza territoriale con particolare
riguardo agli uffici del registro. Pertanto, in questa sede, tenendo pre­
sente quanto già si è detto, dobbiamo considerare questi due problemi:
a) se è valida la registrazione di un atto eseguita presso un ufficio non
competente per territorio e se l’Amministrazione, i contribuenti e i terzi
hanno un diritto soggettivo alla osservanza delle norme sulla compe­
tenza territoriale; i ) se l’accertamento in via presuntiva, da esperire
d’ufficio a norma dell’art. 18 in relazione a negozi giuridici non registrati
debba essere eseguito dall’ufficio che è competente per territorio ad
eseguire la registrazione.
In ordine al quesito di cui sul) a), si può dire che la registrazione
è valida, perchè, da un lato, il contribuente ha versato all’ente creditore
(Amministrazione finanziaria) il tributo da lui dovuto, dall altro ha
certamente conseguito il servizio della registrazione con tutti gli effetti

(43) Dal principio della indivisibilità della registrazione deriva che l’atto
enunciato è investito dalla formalità, abbia o no scontato il tributo pei la
enunciazione. . .
(44) Va rilevato in proposito che il Berliri, pur poggiando la teoria delia
inderogabilità sulla decisione in discorso, ritiene tuttavia, che in sede di appli­
cazione dell’art. 18 la competenza territoriale sia derogabile, con una contrad­
dizione che non sembra giustificata.
— 59 —

eie da tale formalità discendono e, precisamente, quelli della esistenza


dell’atto e della certezza della data, perchè la registrazione, quantunque
avvenuta fuori sede, pone sempre in essere l’acquisizione della copia
dell’atto (e quindi, la certezza della esistenza dell’atto stesso) nonché un
indubbio elemento di certezza della data che armonizza con lo spirito
dell’art. 2704 C.C.. Diversamente opinando si arriverebbe all’assurdo pra­
tico — oltre che teorico — di far riscuotere alla stessa Amministrazione
Finanziaria, ma tramite un altro ufficio, gli stessi tributi già riscossi, i
quali ultimi, per effetto della conseguente duplicazione, dovrebbero essere
rimborsati dalla stessa Amministrazione, cioè, dall’ufficio non compe­
tente che eseguì la registrazione.
Non si tratta, però, soltanto di assurdi teorici — sotto il profilo della
stessa entità costituzionale e amministrativa — e pratici — sotto
l’aspetto della inutile e ingiustificabile duplicazione — ; si tratta anche
di impossibilità giuridica. Invero, ove si ritenesse nulla la registrazione
eseguita da un ufficio incompetente per territorio, bisognerebbe ricono­
scere un diritto ad ottenere la dichiarazione di nullità all’ufficio, alle
parti che hanno presentato l’atto alla formalità e, quel che più conta,
anche ai terzi, senza aggiungere che la nullità sarebbe rilevabile dal
giudice d’ufficio in qualunque stadio della contestazione.
Senonchè non si tratta di nullità — come abbiamo già visto — ma
di annullabilità, la quale, come ora vedremo, non può essere fatta valere
nè dall’ufficio, nè dalle parti che hanno registrato l’atto, e tanto meno,
dai terzi.
Non può essere fatta valere dall’ufficio competente per territorio,
perchè esso non ha azione contro l’ufficio dello stesso grado incompetente
per territorio, ma appartenente alla stessa Amministrazione finanziaria :
non può essere fatta valere dall’ufficio incompetente, perchè esso, accet­
tando l’atto e registrandolo, nel momento in cui esegue la registrazione
che teoricamente è annullabile, la sana con la sua implicita rinuncia a
far valere il vizio.
Ma la annullabilità non può essere fatta valere neanche dalle parti
che hanno presentato l’atto alla registrazione, perchè pure loro hanno
dato origine al vizio presentando l’atto e chiedendo la formalità ad un
ufficio non competente per territorio e, quindi, implicitamente hanno ri­
nunziato a far valere l’annullabilità.
I terzi, poi, non hanno alcun diritto, perchè sono estranei al rap­
porto tributario.
In ordine al quesito sub b) — competenza per territorio ad eseguire
l’accertamento in via presuntiva — va osservato che la C. C. non ha
tenuto conto della speciale struttura di questo particolare accerta­
mento, il quale poggia su determinati presupposti che noi riteniamo
essere « fatti giuridicamente rilevanti » ai fini del tributo di registro,
capaci di determinare il sorgere del rapporto d’imposta. Questi presup­
posti sono determinati elementi, fatti od atti, i quali, per legge, consen­
tono di presumere come esistito il negozio giuridico sul quale insiste il
tributo, indipendentemente dalla presentazione materiale dell’atto o della
60 —

denunzia e, quindi, anche indipendentemente dalla esecuzione materiale


della registrazione, la quale nelle ipotesi suddette non viene affatto ese­
guita. Ma se il diritto della Finanza sorge in virtù di elementi, fatti od
atti, specificati dalla legge, è ovvio che la competenza deve essere ed è
determinata in relazione a tali elementi, fatti od atti e non in relazione
all'atto soggetto a registrazione, il quale si presume esistente e non deve
e non può essere materialmente sottoposto alla formalità della regi­
strazione.
La competenza perciò, deve ritenersi devoluta a quello degli uffici
che viene in possesso degli elementi suddetti (45).
In sostanza — a prescindere dalla derogabilità o non delle norme
di cui all’art. 89 — l’accertamento in via presuntiva ex art. 18, per la
sua stessa struttura e funzione è svincolato dalle norme sulla compe­
tenza territoriale per la registrazione degli atti perchè è regolato da di­
sposizioni proprie le quali disciplinano ipotesi diverse da quelle previste
per la esecuzione della formalità.
L’art. 18, infatti, enumera diversi e specifici presupposti, i quali, si
noti, indipendentemente dalla registrazione, consentono di colpire il ne­
gozio giuridico occultato.
Questi presupposti (iscrizione nei ruoli della imposta sui terreni e
sui fabbricati; fatti od atti; scritti; pagamento dei tributi diretti; con­
tinuazione dell’esercizio ecc.) sono rilevabili dall’ufficio che ne viene a
conoscenza, quale che esso sia, competente o no per eseguire la registra­
zione dell’atto e, si noti ancora, quale che sia il luogo ove i presupposti
stessi vengono alla luce.
Attribuendo la competenza degli accertamenti presuntivi solo all’uf­
ficio nella cui circoscrizione è stato posto in essere l’atto o il negozio
giuridico, la disposizione dell’art. 18 perderebbe gran parte della sua
efficacia a tutto vantaggio dei contribuenti non in regola con i loro ob­
blighi fiscali e perderebbe di sicuro quel carattere di sanzione indiretta
che il legislatore ha voluto certamente conferirle, allorquando, per col­
pire coloro che non adempiono ai loro obblighi fiscali, con essa ha dero­
gato al principio che il tributo di registro si percepisce in occasione della
formalità e solo in tale sede.
Infine la struttura e il funzionamento dell’accertamento presuntivo,
mentre depone a favore della competenza territoriale di tutti gli uffici
del registro, dall’altro mette ancora in maggiore evidenza la ragione
stessa della derogabilità in genere delle norme relative alla competenza

(45) Il B ek l ir i , op. (¡il., 47 e 48, pure ritiene che nel caso d’applicazione
dell’art. 18 sia competente qualunque ufficio del registro, in applicazione del­
l’art. 89, sul riflesso, però, che la Finanza non è in possesso dell’atto e che essa
presume che si tratti di atto privato del quale si ignora il luogo ove è stato
stipulato o formato.
Secondo noi è più corretta la giustificazione seguita nel testo, perche nel
caso che gli elementi, fatti od atti rivelino anche il luogo ove latto è stato
stipulato o formato, bisognerebbe ammettere nuovamente la inderogabilità, il
che non ci sembra possibile.
per territorio, la quale ragione sta nella norma fondamentale secondo
la quale la distribuzione delle attribuzioni in riferimento al territorio
non è determinata nell’interesse dei contribuenti, ma solo nell’interesse
dell’Amministrazione Finanziaria.
Corretta, invece, ci sembra la teoria della inderogabilità sostenuta
dal Berliri rispetto alla competenza per l’accertamento del tributo in
via supplementare. Quando un ufficio del Registro, modificando una sua
liquidazione del tributo perchè errata, accerta e liquida una differenza
in più rispetto al tributo da esso già riscosso, esercita una attività che
è direttamente connessa con la liquidazione già fatta e che trova la sua
giustificazione solo nel precedente atto di accertamento. Perciò, la ri­
chiesta del tributo di natura supplementare non può essere fatta che
dall’ufficio che ha già registrato l’atto. In questo caso ci si trova di
fronte ad una competenza funzionale.
Lo stesso principio, a parer nostro, deve valere anche l’ accerta­
mento del tributo di natura complementare. Anche in tal caso la com­
petenza è di natura funzionale, come è facilmente desumibile dall’art. 7
della legge, il quale definisce tanto l’imposta supplementare quanto quella
complementare in relazione al momento della liquidazione del tributo
principale e, quindi, rapporta l’imposta stessa ad una precedente attività
svolta dall’ufficio.

5. La derogabilità della competenza territoriale e la legittimità del


rifiuto dell’ufficio incompetente ad accettare o ad emettere il provvedi­
mento. — Un altro punto occorre ancora esaminare, quello che si rife­
risce al rifiuto dell’ufficio di ricevere un atto o di emettere un provve­
dimento cui esso non è tenuto perchè non competente per territorio. Si
obietta, infatti, che non si potrebbe spiegare la legittimità del rifiuto
di un ufficio non competente per territorio se non si ammettesse la in­
derogabilità della competenza territoriale.
A questa obiezione può rispondersi che il rifiuto dell’ufficio, è legit­
timo, perchè, essendo le norme sulla competenza per territorio stabilite
come distribuzione interna delle attribuzioni, l’ufficio è tenuto ad osser­
vare le norme stesse come ordini interni in virtù del principio della
gerarchia.
Quindi, mentre il suo rifiuto è legittimo, il privato da parte sua non
ha alcun diritto di chiedere ed ottenere una deroga alle norme sulla
competenza territoriale.
Ma questa legittimità del rifiuto, la quale opera in forza di norme
alla cui osservanza l’ufficio è tenuto, verso l’Amministrazione e nell’in­
teresse di questa, non significa anche che ove l’ufficio accetti l’atto od
emetta un provvedimento che non rientra nella sua competenza terri­
toriale, l’accettazione dell’atto o la emissione del provvedimento sia im­
produttiva di effetti giuridici.
L’accettazione dell’atto o la emissione del provvedimento comporta,
come si è visto, una deroga alle norme sulla competenza del territorio
la quale, una volta posta in essere, impedisce all’ufficio stesso di ec
pire la inosservanza delle disposizioni sulla competenza per territorio,
perchè esso ufficio ha già implicitamente rinunciato a far valere 1 an­
nullabilità, accettando l’atto o emettendo il provvedimento fuori della
sua competenza territoriale. Il capo dell’ufficio o chi per esso, inoltre,
potrà incorrere in sanzioni disciplinari per non avere osservato le norme
interne; ma ciò non influisce e non può influire sull’avvenuta deroga
alla competenza per territorio.

6. L’obbligo dei repertori e la derogabilità della competenza terri­


toriale degli uffici del registro. — Infine, va considerato l’ultimo appoggio
che il Berliri offre alla tesi della inderogabilità attraverso gli artt. Uh,
127, ISO e 132 della legge del registro.
Diciamo subito che sono proprio queste disposizioni quelle che av­
valorano e confortano la tesi della derogabilità in applicazione e m con­
seguenza dei principi generali sopra esposti.
Come è noto, parte della dottrina ravvisa nel notaio la figura elei
cosidetto « responsabile d’imposta », sul riflesso che egli è obbligato ad
assolvere il tributo di registro, dovuto sugli atti da lui rogati o auten­
ticati, insieme con coloro che hanno stipulato gli atti medesimi (4b). F
noto anche che altra parte della dottrina non ha accolto tale nomen­
clatura e ritiene o che l’obbligazione del notaio sia un’obbligazione di­
pendente rispetto a quella del contribuente, che sarebbe, perciò, p r e g i u ­
diziale (47), oppure che si tratti di una discriminazione la quale ha
rilievo unicamente nel campo dell’economia (48).
Secondo il nostro sommesso punto di vista, se alla figura del notaio
nel quadro del rapporto d’imposta per il tributo di registro si vuole dare
un nomen iuris che risponda alla funzione del notaio (ovvero anche di
altro pubblico ufficiale tenuto agli stessi obblighi), si dovrebbe chia­
marlo sostituto della Finanza o, meglio, degli organi della Finanza.
A questa soluzione siamo indotti dalla circostanza che il notaio, da
un lato, è tenuto a riscuotere in via preventiva dal contribuente le
somme dovute a titolo d’imposta di registro sugli atti da lui rogati o
autenticati e, dall’altro, è tenuto a versare alla Finanza le somme da
lui riscosse per effetto di una obbligazione che fa carico a lui m proprio
e non in solido con i contribuenti, perchè, come correttamente,osserva il
Berliri, l’obbligazione del notaio (o altro pubblico ufficiale) « è un obbli­
gazione per sè stante, completamente distinta da quella delle parti », come
dimostra l’azione di rivalsa che la legge del registro (art. 98) concede
al notaio o altro pubblico ufficiale con tutte le ragioni e i privilegi della
Finanza e, quindi, con diritto di richiedere ad ognuno dei contribuenti
il pagamento dell’intero, quali debitori solidali verso di lui (49), allo
stesso modo di come lo sono rispetto all’Amministrazione finanziaria.

(46) G ia n n in i A. D., Istit. di dir. trib., Milano, 1950, 105.


(47) A llom o, Dir. proc. trib., Milano, 1942, 195.
(48) B erliri, op. cit., I I ed., 322.
(49) Op. cit., 332 e 333.
— 63

Tale concezione, da un lato, consente di spiegare, anche per questa


via, la derogabilità della competenza per territorio, perché se tali per­
sone debbono considerarsi sostituti degli organi della Finanza, è ovvio
e conseguente che essi, come gli altri organi, siano tenuti ad osservare
le norme di ordine interno che l’ente, di cui essi sono parte, emana nel­
l’interesse della migliore distribuzione dei servizi e della migliore attua­
zione del controllo sull’operato degli organi stessi. Dall’altro rivela dal
punto di vista logico, l’armonia del pensiero del legislatore, il quale
appunto in virtù del modo di considerare la persona del notaio o di
altro pubblico ufficiale — ha potuto ed ha voluto sottoporre tali per­
sone a determinati obblighi nell’interesse della Finanza che essi servono.
Perciò non sembra convincente l’argomento che il Berliri ritiene di
poter desumere dai citati articoli della legge del registro (126, 127, 130
e 132). Queste disposizioni, al contrario, avallano la tesi della dero­
gabilità.
L’art. 126 stabilisce per i notai l’obbligo del repertorio, in relazione
a quanto dispone l’art. 62 della L. 16.2.1913, n. 89, sulTordinamento del
notariato e degli archivi notarili, che è del seguente tenore : « il notaro
deve tenere, oltre i registri prescritti da altre leggi, due repertori a co­
lonna, uno per gli atti tra vivi, il quale servirà anche agli effetti della
legge sulle tasse di registro, e l’altro per gli atti di ultima volontà ». Il
repertorio, quindi, serve, secondo il pensiero del legislatore, oltre che
alla funzione sostanziale dell’attività del notaio, anche ad un funzione
squisitamente tributaria, onde il notaio assume — come a noi sembra
— le caratteristiche di organo aggiunto della Finanza.
Da questa interpretazione deriva che l’obbligo di registrare gli atti
presso gli uffici indicati nell’art. 89 risponde sopratutto all’interesse del­
l’Amministrazione Finanziaria, la quale attraverso il visto semestrale
del repertorio, può agevolmente controllare se tutti gli atti del notaio
sono stati sottoposti alla registrazione. E ci sembra piuttosto strano
che il Berliri, pur sostenendo la tesi della inderogabilità, così concluda
in proposito : « Che se invece il notaio, il cancelliere, ecc. potessero regi­
strare i loro atti presso un ufficio del registro diverso, tale controllo
sarebbe indubbiamente inattuabile, non essendo l’ufficio del registro, a
cui viene esibito il repertorio, in possesso dei registri di formalità su cui
sono annotati gli estremi della registrazione». Questa conclusione, infatti,
dimostra proprio che le norme regolatrici della tenuta e del controllo del
repertorio sono state dettate nell’interesse della Finanza, la quale di­
versamente non potrebbe controllare con facilità l’operato del notaio.
Del resto la riprova che le norme sulla competenza per territorio sono
derogabili è desumibile proprio dalla disciplina dell’obbligo del reper­
torio e dei controlli che la Finanza esercita attraverso il repertorio; più
precisamente, dalla mancanza di una sanzione nel caso di inosservanza
delle norme stesse da parte del notaio.
A prescindere dal fatto che è impossibile o quasi che un notaio possa
registrare i suoi atti presso un ufficio non competente per territorio e
ammettendo per amore di ipotesi che ciò possa accadere, il notaio
— 64 —

non incorrerebbe in alcuna sanzione. L’ art. 131, infatti, commina :


la pena pecuniaria — per ogni atto o autenticazione non iscritti a re­
pertorio o non iscritti per ordine di data o riportati per interlinee e per
ciascuna mancanza o inesattezza delle indicazioni prescritte ai n. 2, 3, 4
e 5 dell’art. 128, nonché per il ritardo nella presentazione dei repertori
— e la sospensione dall’esercizio delle funzioni — per il ritardo aggra­
vato nella presentazione dei repertori — ; ma non commina alcuna san­
zione per la inosservanza delle norme sulla competenza per territorio.
Pertanto, se un atto del notaio fosse registrato presso un ufficio del re­
gistro non competente per territorio, alla Finanza non rimarrebbe che
accertare presso tale ufficio l’avvenuta registrazione dell’atto in occa­
sione della, /idimazione del repertorio.
Un recente atteggiamento della prassi, ove necessario, ci dà una ul­
teriore prova della derogabilità della competenza per territorio. In se­
guito alle distruzioni causate dalla guerra, le quali impedivano o rende­
vano poco agevoli le comunicazioni, alcuni notai furono autorizzati a
registrare i loro atti presso uffici non competenti per territorio, in base
ad una semplice comunicazione ministeriale agli uffici interessati. Se la
competenza per territorio fosse stata inderogabile, l’autorità amministra­
tiva non avrebbe potuto consentirne la deroga, perchè sarebbe stata ne­
cessaria una legge; la semplice comunicazione ministeriale è stata suf­
ficiente perchè essa aveva il solo scopo di impedire che l’uificio non com­
petente per territorio si rifiutasse di registrare l’atto in ottemperanza
alle norme di carattere interno, che, come abbiamo visto, per esso ufficio
sono vincolanti in virtù del principio della gerarchia.

L u i g i F astello
T A S S A B IL IT À ’ D I SALD I A T T IV I D A RIVALU TAZIO N E
PER CONGUAGLIO MONETARIO, ECCEDENTI

1. Incertezze e timori dei contribuenti. — Nonostante rinnegatole


vantaggio che l’operazione di rivalutazione apporta sia sotto l’aspetto
economico che sotto quello fiscale e per la chiarezza dei bilanci e per la
consentita iscrizione di un più idoneo ammortamento ai beni strumen­
tali, le aziende sono fortemente preoccupate nel decidere l’operazione
per il timore di incappare sotto le sanzioni dell’art. 2 della legge (11
febbraio 1952, n. 74), che assoggetta a imposta di R.M. quei saldi attivi
eccedenti la rivalutazione del capitale e delle riserve.
In verità la legge assoggetta a imposta quei saldi solo in quanto
essi siano stati realizzati e poiché l’operazione investe principalmente il
capitale fisso e questo è di norma mantenuto presso le aziende, non sem­
bra che debbano derivarne, pel presente, le grosse conseguenze temute.
Ma il timore resta per l’avvenire: si può dire che una spada di Da­
mocle penda al riguardo sui contribuenti che hanno operato la rivalu­
tazione. Dovranno essi innanzi tutto tener bene in evidenza i saldi at­
tivi nel limite esente e in quello eccedente e per quest’ultimo le realiz­
zazioni annualmente fatte, onde assoggettare al tributo la sola parte
realizzata dei saldi attivi eccedenti.
Enunciazione abbastanza semplice di un compito tutt’altro che fa­
cile e che mette in timore le aziende, sia perchè si tratta di cifre impor­
tanti e sia perchè, data la complessità della rilevazione, sarà materia
di continuo contenzioso con l’Amministrazione.

2. Difficoltà di applicazione. — Operata infatti la rivalutazione, il


bilancio recherà dunque:
a) un saldo attivo nei limiti esenti;
b) un saldo attivo eccedente.
I due saldi saranno tenuti a riserva o utilizzati nei vari modi am­
messi, ma il saldo attivo eccedente dovrà essere tenuto in particolare
e continua evidenza considerandolo suddiviso in due aotto categorie:
— eccedenze realizzate
-— eccedenze non ancora realizzate.
II distacco tra bilancio economico e bilancio fiscale sarà ancora più
grave e sentito.
Ma come dovrà praticamente procedersi?

5 - Riv. dir. fin. - Parte 1 - 1953


— G6

Bastera tenere un conto generale delle realizzazioni latte e assog­


gettare al tributo solo quei saldi che risultano dopo aver coperto com­
pletamente il conto dei saldi attivi consentiti? La finanza nella genera­
lità dei casi avrà allora da attendere parecchi anni prima di colpire le
eccedenze.
O bisognerà risalire a una determinazione del limite ammesso e del
limite eccedente per ciascuno degli elementi costituenti le varie cate­
gorie di beni rivalutati? In questo caso dovrebbe ricercarsi il rapporto
tra saldi attivi esenti e saldi attivi eccedenti e a flanco di ogni valore
rivalutato indicare il valore consentito per modo che sia possibile a fine
d’anno, sempre attraverso una ricostruzione dell’attività realizzatrice,
mettere in evidenza alla finanza quale parte dei saldi eccedenti sia stata
nell’anno effettivamente realizzata e assoggettabile al tributo.
Si ha l’impressione che il congegno sia quanto mai complicato per
le aziende complesse e mentre distacca dall’unità del bilancio, complica
il rapporto, rendendolo non aderente alla realtà economica che l’impren­
ditore rileva e conosce.
Se si pensa che gran parte delle aziende piccole e inedie ancor oggi
sono prive di una contabilità razionalmente tenuta, non è difficile fare
la predizione che la distinzione rischia di divenir lettera morta col ri­
sultato che l’intero saldo attivo finirà per essere tassato prima della
sua realizzazione. Nè questo può esser motivo di compiacimento per
la Finanza, perchè ogni tassazione eccedente il reddito si traduce in
una falcidia al capitale a tutto detrimento dell’attività economico-pro-
duttiva.

3. Infondatezza in diritto della tassazione delle plusvalenze. —-


Dottrina e giurisprudenza furono a lungo concordi e costanti nel ri­
conoscere la intassabilità del saldo attivo di rivalutazione monetaria,
che scaturisce non già da un fatto economico, capace sempre di appor­
tare modificazioni alla sostanza netta, ma dalla appostazione in bi­
lancio, in termini di valore aggiornati, degli stessi valori anteriori.
Colla sentenza della Cassazione 13-1-38 (Banco Napoli c. Finanza,
in Giurisprudenza II. DD., marzo-aprile 1938) si ebbe una strana deci­
sione contraria relativamente al saldo attivo che venga realizzato-
Considerò la Cassazione che, allorché si abbia uno scambio effettivo di
beni, non possa prescindersi dal principio nominalistico, perchè è prò­
prio in questo rapporto che tale principio si volle dalla legge ope­
rante. Diversa soluzione invece affermò doversi dare al caso in cui la
medesima entità economica abbia subito un aumento dovuto unica­
mente al fatto dell’adeguamento del valore intrinseco della moneta di
conto.
Venne subito autorevolmente notato, a commento della sentenza,
che il principio che una differente valutazione dei beni, dovuta unica­
mente al cambiamento del valore intrinseco della unità monetaria, non
rappresenti nè reddito nè perdita, era stato fino ad allora accolto da.
— 67

tutte le Magistrature del Regno, accettato dall’Amministrazione F i­


nanziaria e in pratica applicato; che evidente si appalesava l’errore
di considerare in differente modo il plusvalore non realizzato e quello
realizzato con la vendita, quando per entrambi i casi è il fondamento
economico (la inesistenza del « quid-novi ») ; che porta a considerare la
inesistenza del reddito; che il reddito quale è concepito dalla nostra
legge tributaria è fenomeno che appartiene alla realtà economica e
non al mondo delle astrazioni giuridiche; che comunque il principio
nominalistico non distrugge, ma anzi presuppone il fatto economico del
variare del valore intrinseco della moneta; che pertanto è un contro-
senso affermare che il saldo attivo di rivalutazione rappresenti reddi­
to in forza del principio nominalistico.
La legge ha posteriormente regolata la materia considerando esente
il plusvalente realizzato con mezzi propri e tassabile quello realizzato
coi debiti. La distinzione troverebbe ragione proprio nelle invocate ra­
gioni economiche.
« Lo squilibrio ha la sua principale origine nel principio nominalisti-
« co della moneta che, al mutare dei segni monetari apporta al creditore
« una perdita, dovuta al fatto che il debitore si può liberare corrispon-
« dendo, a saldo del suo debito, un importo nominale pari a quello do-
« vuto prima della svalutazione della moneta, ma con potere d’acquisto
« ridotto, ed al debitore un utile, per lo stesso principio, considerato in
« senso opposto » (Ofr. M i n n i t i , I riflessi fiscali della svalutazione mone­
taria, paragr. 14).
La tassabilità dei saldi attivi eccedenti si farebbe dunque risalire
al profitto che le aziende, aventi nel periodo ante rivalutazione una ec­
cedenza di debiti sui crediti, hanno realizzato per effetto del principio
nominalistico della moneta. Il che è quanto dire che si assoggetta a im­
posta il guadagno realizzato con l’estinzione, in moneta di minor va­
lore, di debiti assunti in moneta di valore intrinseco maggiore.
Ma ricorrono gli estremi voluti dalla legge di R.M. perchè questo
vantaggio venga considerato reddito?
Il Quarta (condiviso da quasi tutti gli autori) considera che per
aversi reddito debbano necessariamente concorrere tre condizioni:
a) una ricchezza nuova;
b) che essa sia in rapporto di causa a effetto con una energia pro­
duttiva ;
c) che dia possibilità del ritorno di altra simigliante ricchezza.
Il G i a n n i n i (Istituzioni di dir trib., 5 a e d ., p . 3 2 1 se g g ), a ffin a q u e s t i
concetti e afferma 1’esistenza di alcuni presupposti del reddito;
а) « che si tratti di una ricchezza nuova che si aggiunga alla pree­
sistente » avvertendo che non vi è ricchezza nuova se il beneficio che ta­
luno realizza in determinate circostanze rappresenta solo la reintegra­
zione di una perdita sofferta o di un danno subito.
б) « che sia dipendente dall’impiego del capitale o dell’attività
umana », essendo da escludere le altre cause, come un accrescimento di
68

beni per alluvione, per aumento di valore della proprietà, per acquisti
a titolo gratuito, ecc.
c) « che sia determinabile in denaro », perchè l’aumento di ricchez­
za deve consistere in una somma di denaro o in un vantaggio concreta­
mente determinabile in denaro.
d) « che sia riferita a un soggetto od a un periodo determinato ».
Ora è di tutta evidenza, riferendosi alle condizioni del Quarta, che,
se è sostenibile nel plusvalore eccedente, purché razionalmente deter­
minato, il verificarsi della prima condizione (ricchezza nuova), non lo
è per la condizione seconda (essendo tale nuova ricchezza originata da
un fatto estraneo all’apparato produttivo), nè per la terza, essendo im­
possibile, una volta conseguita, il ritorno di altra somigliante ricchezza
nei termini già verificati.
E per riferirsi ai presupposti del Giannini è evidente che nel caso
che ci occupa manca il presupposto secondo: la dipendenza dall’impiego
del capitale o dall’attività umana, dovendosi invece la nuova ricchezza
ascrivere a una di quelle cause di accrescimento prese ad esempio della
intassabilità.

4. L’imposta stil saldo attivo eccedente come tassazione dei lucri


ritratti dal pagamento del passivo in moneta svalutata. — Nella sua
giustificazione logica ed economica è una imposta diversa da quella di
ricchezza mobile quella cui sono stati assoggettati i saldi eccedenti; im­
posta che dovrebbe avere semmai per soggetti passivi, non i soli contri­
buenti alla ricchezza mobile, ma quanti hanno potuto mantenere un in­
debitamento nel periodo di svalutazione e ne hanno tratto benefici, e
che dovrebbe avere modalità di accertamento e possibilità di difesa del
tutto particolari data la diversificazione di questo accertamento da quel­
lo di E.M.
Proceduto con accertamento separato per la finalità anzidetta, ci
si potrebbe accorgere forse che profitti di guerra e di congiuntura e im­
poste patrimoniali ebbero spesso a falcidiare l’utile che si cerca di
colpire, mentre dovrebbero venir detratte partite di passivo non iscritte
e partite di passivo rivalutate.
La procedura ufficiale per la tassazione dei saldi eccedenti tende al­
l’isolamento delle cause capaci di portare una turbativa alla complessa
ricostruzione del vantaggio realizzato da ciascuna azienda per avere pa­
gato in moneta debole il proprio passivo.
Considerato il bilancio sotto questo aspetto esso risulta costituito
da un attivo — massa dei beni disponibili — e due corrispondenti mas­
se: di mezzi propri (capitale e riserve) e mezzi altrui (passivo).
Rivalutato l’attivo e conosciuto il suo incremento per rivalutazione,
detraendo da questo l’incremento per rivalutazione dei mezzi propri, si
troverebbe per differenza l’incremento per rivalutazione dei mezzi altrui.
L’indagine dovrebbe esser svolta rigorosamente nei termini suindi­
— 69

cati (e vedremo come ciò offra difficoltà); ma si è sicuri, così tacendo, di


non colpire incrementi di valore per altre cause concorrenti?
Perché non dar facoltà alle aziende che lo chiedano di dimostrare,
in modo diretto, l’utilità loro derivata dal pagamento del passivo in mo­
neta svalutata? Se vero è il procedimento inverso, più vero dovrebbe
essere il procedimento diretto, da tenere con questo sistema: appura-
inento, in ogni bilancio, delle partite di passivo pagate in moneta
svalutata; assegnazione a ciascuna dei rispettivi coefficienti di svaluta­
zione; determinazione del saldo di rivalutazione passivo (Sp); appura­
m e lo delle partite di crediti, in ogni bilancio, realizzate con perdita
monetaria; assegnazione ad esse del coefficiente di svalutazione (Sa).
Differenza tra Sp e Sa : saldo attivo eccedente tassabile in caso di realiz­
zazione, ove non abbia già formato oggetto di tassazione per imposte
straordinarie.
Dovrebbesi tener conto della realtà aziendale e quindi anche di pas­
sivo non iscritto a bilancio, come per esempio il fondo licenziamento im­
piegati, come di partite di passivo da rivalutare (per es. liquidazione di
danni da infortuni o di debiti moratori con connesso onere per svaluta­
zione monetaria, ecc.).
L’imposta sul saldo attivo eccedente sarebbe allora riportata alla
sua logica giustificazione.

5. Caso particolare della Società a base ristretta o familiare. —


Comunque, pur rimanendo sul terreno della legge attuale, l’Amministra­
zione è pur sempre tenuta a mantenere l’accertamento sulle basi razio­
nali da essa poste a giustificarlo.
Una prima e clamorosa eccezione da sollevare è quella delle Società
a base ristretta e familiare.
E’ noto a tutti che esse usano costituirsi con un capitale limitato,
mentre la gestione finanziaria è alimentata da finanziamenti stabili
dei soci.
Se l’imposta, per quanto si è detto, colpisce gli utili derivati dal
pagamento di debiti a terzi in moneta svalutata, può giustificarsi come
un utile dell’azienda quanto essa pagò in meno ai propri soci?
Si dirà che il socio (o l’Amministratore) sotto questo aspetto è un
terzo, ed è giuridicamente vero — ma anche il capitale che si dice pro­
prio dell’azienda è, nella verità economica, dei soci.
In una materia di così eccezionale esame l’indagine va svolta su
direttive di carattere economico e non prettamente giuridico e la realtà
economica è che quelle somme hanno nell’interno dell’azienda quella fun­
zione di capitale « proprio » che ha il capitale sociale.
E poi esiste il caso limite del socio unico in cui anche giuridicamen­
te la personalità del socio o dell’Ente si confondono.
In questa particolare sede l’azienda dovrebbe essere considerata per
quel che economicamente rappresenta: il gruppo di persone che affronta
il rischio dell’impresa ed è sostanzialmente titolare dei vantaggi e de­
gli svantaggi conseguiti da essa.
T rapr--
— 70

Del resto la Finanza lia negato spesso alle Società cosidette « fami­
liari » la protezione fiscale che loro competeva, proprio superando l’a­
spetto giuridico per arrivare alla realtà economica. Non è sfuggita al
M i n n i t i (I riflessi della svalutazione monetaria, paragr. 106), essendosi
addentrato da par suo nella teoria della rivalutazione (dalla quale fa
discendere le applicazioni relative) l’importanza del problema, che ha
proposto di risolvere con un postumo aumento di capitale con effetto
retrotratto. Ma la legge non lo prevede.
Il problema non va sottovalutato. Esistono aziende col capitale di
un decimo del patrimonio investito e con i 9/10 versati dall’unico o dai
pochi soci come anticipazione, finanziamento e obbligazioni a lunga sca­
denza. Se esse procedono alla rivalutazione, vanno ad assoggettarsi ad
una imposizione pari all’incirca ai 9/10 del maggior valore della rivalu­
tazione quando, il capitale essendo tutto proprio, non hanno menoma­
mente lucrato del beneficio presunto posto a giustificazione della tas­
sazione.

6. Caso particolare di aziende non aventi scopo di lucro. — Una


Società azionaria che possieda e amministri immobili e perciò non sog­
getta a R.M. cat. B — potrà mai avere assoggettato a imposta di R.M.
il maggior valore realizzato per la vendita definitiva (senza scopo di
lucro) dei propri beni?
Evidentemente no:
1) perchè, se il suo reddito normale è considerato non tassabile
in cat. B) a maggior ragione non potrà esserlo neppure il plusvalore
dalle vendite dei propri beni;
2) perchè atteso il carattere non obbligatorio della legge di riva-
lutazione, le sue conseguenze non possono evidentemente applicarsi alle
aziende che non vi si assoggettarono, rimanendo la questione definita
dalla anteriore giurisprudenza, che ebbe sempre a considerare intassa­
bile il plusvalore monetario come ogni realizzo in operazioni non aventi
finalità di lucro.

7. Quali vantaggi arreca alla Finanza l’assoggettamento a R.M. dei


saldi attivi eccedenti? — Può la Finanza realizzare sostanziose partite
sotto questo titolo? Non lo crediamo per varie ragioni:
a) le aziende che hanno da temere non faranno le rivalutazioni
eccedenti il primo limite;
li) quelle che lo faranno, con fondata ragione sosterranno che per
assoggettare a B.M. le eccedenze (oltre il secondo limite) occorre avere
superata la realizzazione del primo e secondo limite (quindi chissà
quando) ;
c) nel gioco delle partite sospese chissà quanti elementi possono
entrare a modificare, attraverso il tempo, i risultati;
d) la stessa Amministrazione si troverà in condizioni di disagio
71 —

negli accertamenti di cui trattasi, che solo adeguate verifiche contabili


potranno sostenere.
E' prevedibile che tutto si ridurrà, semmai, a colpire le aziende mi­
nori, che, essendo meno attrezzate per esporre la complessa realtà che
si vuole rajipresentata, e meno attrezzate per le contestazioni, finiranno
per pagare anche senza ragione.

CONCLUDENDO
L’imposta sui saldi attivi eccedenti costituisce un grave intralcio
alla chiarificazione dei bilanci e rischia di annullare i benèfici e chiari­
ficatori effetti voluti dalla legge; la sua applicazione rende difficili i
bilanci e incerte le tassazioni; essa è insostenibile in ragione della veste
che assume di plusvalore monetario, mentre nella veste di utile di con­
giuntura dovrebbe avere una base più estesa ed è ingiusta; essa non
può comunque applicarsi oltre i confini economici delle stesse ragioni
con le quali si giustifica; non può essere ammessa nel caso di realizza­
zione forzosa dei beni o comunque mancando il fine di lucro; essa ren­
derà alla Finanza ed ai contribuenti guai e preoccupazioni ed all’eco­
nomia renderà il servizio contrario a quello voluto dalla legge: d’onde
l ’opportunità dell’abolizione che si auspica.

L ibero B lasi

N.B. - Dall’ interessantissima recente pubblicazione dell’Assonime « Le


Soc. It. per Azioni al 31 Die. 1938, 45, 51 » e in ispecie dalle tavole I e XVII si
trae conferma dei timori esposti al punto 1) : al 31 Die. 1951 il capitale sociale
complessivo delle Società era infatti di L. 1.293.075 milioni contro a L. 4.223.337
stimati dall’Assonime (applicando un coefiicient edi 54.5 ai valori 1938) come
rivalutazione del solo capitale sociale.
L’ORDINANZA DELL’INTENDENTE
ED IL RICORSO IN REVOCAZIONE

L’art. 55 della Legge 7 gennaio 1929, n. 4, sancisce che per le viola­


zioni alle leggi finanziarie per cui sia stabilita la pena pecuniaria,
l'Intendente di Finanza, nella cui circoscrizione la violazione è stata
accertata, determina, con proprio motivato provvedimento « sotto for­
ma di ordinanza », l’ammontare della pena pecuniaria comminabile
nella fattispecie.
E’ ormai pacifica, in dottrina ed in giurisprudenza, la natura squi­
sitamente amministrativa dell’ordinanza intendentizia, alla quale man­
ca ogni carattere di natura giurisdizionale (Cassazione Sez. Unite: 20
gennaio 1936, Soc. Agenzia Vendita Superfosfati contro Finanze; 17 lu­
glio 1937, S.A. Registratori di Cassa National contro Finanze; 8 feb­
braio 1940, Agenzia Agricola Girelli contro Finanze).
La natura amministrativa dell’ordinanza appare d’altronde confer­
mata implicitamente dallo stesso legislatore quando, ad esempio, con
l’art. 52, secondo comma, della Legge sull’imp. gen. entrata 19-6-1940,
n. 762, ammette che contro l’ordinanza definitiva è consentito gravame,
in sede civile, dinanzi all’Autorità Giudiziaria.
La dottrina prevalente colloca poi l’ordinanza nella classe degli atti
amministrati vincolati e più precisamente tra gli atti vincolati nella
forma e negli effetti, ma sostanzialmente discrezionali nel loro conte­
nuto, essendo ovviamente rimessa alla discrezionalità dell’Intendente la
determinazione dell’ ammontare della pena pecuniaria applicabile al
caso particolare, sempre entro i limiti minimi e massimi previsti dalla
legge tributaria violata.
In sintesi: attraverso l’ordinanza l’Intendente accerta, con atto am­
ministrativo, l’esistenza di una violazione alle leggi finanziarie e de­
termina, discrezionalmente e contestualmente, l’ammontare della pena
pecuniaria dovuta nel caso particolare.
Sempre secondo la dottrina più accreditata, l’ordinanza, essendo
atto amministrativo, può essere revocata (meglio direbbesi annullata)
per vizio di illegittimità, nel quale è compreso, com’è noto, l’eccesso di
potere, comprensivo a sua volta dell’errore nei motivi, specie quando
si tratti di motivo determinante, senza il quale, cioè, l’atto non sarebbe
stato emanato o sarebbe stato diversamente determinato (vedasi in pro­
posito: Zanobini e Vitta, nei rispettivi Corsi di diritto amministrativo).
La revoca, trattandosi di illegittimità, ha effetto ex tune, considerandosi
— 73 —

quindi l'ordinanza come non emessa, oppure come diversamente emessa


fin dall’origine.
La revoca così configurata deriva dai principi generali del diritto
amministrativo, quale esplicazione della potestà dell’Autorità ammini­
strativa di rivedere e modificare i propri atti, qualora li ritenga infi­
ciati da errore (così la risoluzione ministeriale 1-8-1948 n, 17612 della
Direzione Gen. delle Tasse - Div. IY).
Ciò premesso, viene spontaneo il chiedersi con quali norme procedu­
rali dovrà l’Intendente effettuare la revoca della propria ordinanza.
Appare esclusa senz’altro l’applicabilità dell’art. 395 del Cod. proc.
civ., il quale ovviamente riguarda la materia degli atti giurisdizionali
e non si applica quindi direttamente agli atti amministrativi, tra i
quali rientra, come vedemmo, l’ordinanza. Nè alla revoca accenna espli­
citamente od implicitamente la legge 7-1-1929 ,n. 4, là ove parla delle
norme di procedura per l’applicazione della pena pecuniaria.
Occorre rifarsi quindi ad altre fonti, le quali esistono, almeno per
quanto riguarda la revocazione dei provvedimenti amministrativi in te­
ma di tasse e sopratasse. Tali fonti (non abrogate, se non per le dispo­
sizioni incompatibili, dalla legge 7-1-29, n. 4 e dalle leggi riguardanti i
singoli tributi) sono contenute nel E.D. 22 maggio 1940, n. 316, dettante
le norme di procedura per i ricorsi amministrativi, le dilazioni e gli
annullamenti in materia di tasse sugli affari, decreto pubblicato nella
G.U. n. 147 del 1910 e riportato nel B.U. Demanio e Tasse del Ministero
delle Finanze, ove ha formato oggetto della normale 83/1910 che detta
le istruzioni per la sua applicazione ad uso degli uffici finanziari.
Al ricorso in revocazione accenna infatti esplicitamente l’art. 6
dell’accennato E.D., n. 316 e precisamente al secondo comma: «Entro lo
stesso termine (sessanta giorni dalla notificazione del provvedimento in-
tendentizio) può l’interessato produrre nuovo ricorso alla stessa Inten­
denza quando impugni la decisione per errore di fatto o di calcolo; e
nel caso che egli abbia ricuperato un documento decisivo entro il ter­
mine di novanta giorni dalla data di ricuperazione ».
Identico concetto è espresso dal successivo art. 7 nei riguardi del
ricorso in revocazione contro la decisione del Ministero delle Finanze,
emessa a seguito di ricorso di parte avverso il precedente provvedimento
intendentizio.
E che si tratti, in ambedue i casi, di tipico ricorso in revocazione,
appare palese dal richiamo esplicito che ne fa lo stesso legislatore, ad
esempio, all’art. 1 del E.D. 19-4-1923, n. 938 e all’art. 32 del D.L. 7-5-1948,
n. 1173 (bollo sui trasporti), i quali definiscono appunto ricorsi in revo­
cazione quelli presentati alla stessa Autorità amministrativa che emanò
l’impugnato provvedimento, a’ sensi degli art. 6 e 7 del E.D. 22-5-1910,
numero 316.
Non vi è dubbio poi che quest’ultimo decreto sia applicabile anche
all’ordinanza intendentizia, perchè essa come si è visto, è atto ammini­
strativo e l’accennato E.D. n. 316 approva appunto il regolamento per la
74 —

procedura dei ricorsi amministrativi in materia di tasse sugli affari.


Ma se ciò non bastasse, sovviene senz’altro l’art. 1 del ripetuto provve­
dimento legislativo, il quale fa intendere esplicitamente die le disposi­
zioni di cui al decreto medesimo sono applicabili anche alle decisioni in
sede amministrativa sulle controversie che insorgono nell’applicazione
delle « pene pecuniarie » portate dalle leggi per le tasse sugli affari. E
l’ordinanza intendentizia è appunto il tipico provvedimento amministra­
tivo con il quale l’Intendente provvede a decidere le controversie per le
quali sia prevista dalle leggi tributarie la pena pecuniaria (art. 55 della
legge 7-1-29, n. 4, precitata).
Sembra pertanto di poter concludere che le Intendenze, nel proce­
dere alla revoca delle ordinanze viziate d’illegittimità, possano e deb­
bano osservare le condizioni, i termini ed i modi di cui all’art. 6 del
IÍ.D. 22 maggio 1910, n. 316 e cioè i sessanta giorni dalla notificazione
dell’ordinanza al contribuente, quando l’impugnazione sia fatta per er­
rore di fatto o di calcolo e di novanta giorni dalla data di ricupera­
zione quando si tratti di ricupero di documento decisivo.
Ovviamente gli stessi termini valgono per i contribuenti.
Tali principi sembrano pacificamente validi per l’ordinanza non
impugnabile, per ragioni di valore, con ricorso al Ministero a norma
dell’art. 56, secondo comma, della legge 7-1-29, n. 4, modificato per l’im­
posta gen. entrata dall’art. 52 legge 19-6-40, n. 762, modificato a sua
volta dall’art. 11 del D.L.P. 27-12-1946, n. 469.
Appare pure pacifico che il ricorso in revocazione è valido se inter­
posto entro i trenta giorni concessi al contribuente per ricorrere al Mi­
nistero delle Finanze a norma dell’accennato art. 56 della legge 7-1-1929,
n. 4 e successive modifiche per l’i.g.e.
Piuttosto potrebbe chiedersi se il ripetuto ricorso in revocazione sia
ammesso quando siano decorsi i trenta giorni anzidetti, vale a dire
quando l’ordinanza intendentizia sia passata in cosa giudicata per si­
lenzio del contribuente, il quale non si è avvalso della facoltà di ricor­
rere gerarchicamente al Ministero, consessagli dal predetto art. 56 leg­
ge 7-1-29, n. 4.
Anche in questo caso sembra di poter concludere per l’affermativa
e ciò per i seguenti fondamentali motivi:
1) i due istituti (ricorso in revocazione e ricorso al Ministero)
appaiono nettamente distinti e separati, nonché ispirati a diversi cri­
teri, non tanto perchè previsti da due diversi testi di legge, quanto per­
chè appare palese (vedasi R.D. 10-4-1923, n. 938) che il legislatore ha
inteso concedere al contribuente, alternativamente, la possibilità di
ricorrere all’Autorità sovrastante a quella che emise l’atto amministra­
tivo, oppure alla stessa Autorità che l’atto ebbe ad emettere, quando
quest’ultimo sia viziato da errore. E ciò in conformità, oltre tutto, con
i principi generali del diritto amministrativo;
2) con il ricorso in revocazione non si attua una vera e propria
revisione nel merito del provvedimento (riesame che verrebbe ad essere
precluso dall’avvenuto decorso del termine di trenta giorni di cui al-
l'art. 56 precitato) ma invece si attua l’annullamento dell’atto già emes­
so per errore di fatto e soltanto per errore di fatto o di calcolo, oppure
per l’avvenuto ricupero di un documento decisivo anteriormente non
esaminato. Con la revocazione si attua quindi l’annullamento e non il
riesame nel merito dell’atto viziato, annullamento die lia effetto — co­
me si è detto — ex tunc, considerandosi il primo atto come mai emesso.
Xja motivazione e l’essenza del nuovo atto die si sostituisce all antico
potrebbero, in ipotesi, rimanere invariate, togliendosi soltanto dall’atto
nuovo ciò che nel vecchio era inficiato da errore;
3) anche se si volesse ammettere, in ipotesi, che decorsi i trenta
giorni per il ricorso gerarchico al Ministero resta pure preclusa la
possibilità del ricorso in revocazione, entro i sessanta giorni, per er­
rore di fatto o di calcolo, lo stesso concetto negativo non potrebbe cer­
tamente applicarsi al ricorso in revocazione presentato entro i no­
vanta giorni dal ricupero del documento decisivo, essendo palese, in
tale caso, l’assoluta indipendenza dei due punti di partenza per i ter­
mini fissati dalla legge relativamente ai due diversi ricorsi, uno dei
quali termini (ricorso gerarchico) decorre dalla data di notificazione
dell’ordinanza, mentre l’altro (ricorso in revocazione) decorre dalla
data di reperimento del documento decisivo, termine quest’ultimo che,
com’è ovvio, può essere di fatto ben più lato del primo.
Con ciò sembra risoluto il problema del ricorso in revocazione in
tema di tasse ed imposte indirette sugli affari, che costituiscono d’al­
tronde il campo di più estesa applicazione dell’ordinanza intendentizia.
Per le imposte dirette il problema non si pone, poiché, in tale materia,
le pene pecuniarie vengono applicate direttamente dagli Uffici delle Im­
poste Dirette e non dalle Intendenze di Finanza, a norma del E.D.
17-9-1931, n. 1608 che deroga alla legge 7-1-29, n. 4, in relazione anche
all’art. 60 di quest’ultima legge.
Per gli altri rami tributari non risulta che esista, allo stato della
legislazione, un provvedimento analogo al E.D, 22 maggio 1910. n. 316
valevole per le tasse, ed è questa una lacuna della nostra legislazione
tributaria che andrebbe colmata in sede di legge condenda.

A lfo n so B roccoli
D IRITTO PROCESSUALE TRIBU TARIO

Rassegna critica di giurisprudenza

P arte I
LE IMPOSTE DIRETTE ED INDIRETTE

F ase c o n t e n z io s a a m m in is t r a t iv a d e i x ’ acce rt a m e n t o

V. Rimedi di impugnativa: ordinari e straordinari

III. (cont.) Rimedi straordinari di impugnativa.

C) Il ricorso di legittimità alla Comm. Centrale

III. - Giudizio di mera legittimità e giudizio in terza istanza. —


Crediamo opportuna la distinzione, dovendosi escludere la tesi a suo
tempo sostenuta dal Q u a r t a [Comm. imp. R. M., 3* ed., Voi. II, 725-734)
in una discutibilissima visione unitaria ed inscindibile dell’istituto, die
in ogni caso la C. C. sia giudice di terza istanza anche in sede di legit­
timità. La C. Centrale indubbiamente ha invece una competenza che
dal punto di vista funzionale va quadripartita e cioè è giudice in primo
ed unico grado [giurisdizione piena) nel caso degli artt. 48 T. U. e
100-101 Reg. R. M. (ricorsi posteriori al ruolo) è giudice di secondo grado
secondo gli artt. 28-29 L. 7-VI-1937, n. 1016 di conversione del R. D.
7 agosto 1936, n. 1639 (in applicazione della imposta sui trasferimenti
della ricchezza); è giudice di terza istanza con pienezza di giurisdizio­
ne, in base all’art. 50 T. U. legge R. M.; è giudice infine di mera legit­
timità in tutti gli altri casi (v- B uvetti, Dei mezzi straord. di impugnaz.
nel proc. tril)., in Riv. Ital. dir. fin., 1937, p. 11-14 estratto; I d ., L’imposta
sui redditi di R. M., p. 245-246 e le precedenti Rassegne in questa Rivista,
1938 fase. die. e 1952 fase. 2 e 3). Con le premesse e riserve di che sopra,
si spiega — riconettendosi anche a quanto osservammo nella precedente
Rassegna in tema di competenza — la decisione della C. Centi'. S. U.
18-XII-1940, n. 34440 (in Giur. imp. reg, e neg., 1941, n. 49) secondo la
quale è ammissibile il ricorso alla C. C. contro la decisione emessa
dalla prov. in sede di appello, con la quale siasi dichiarato tardivo
un ricorso spedito per posta il trentesimo giorno dal ricevimento del­
l’avviso di accertamento di maggior valore. Esatto: perchè in ultima
analisi è questione di puro diritto (regolarità del procedimento) quella
relativa alla funzione dei termini posti a decadenza. Ma non ci sembra
del tutto chiara la motivazione della decisione quando afferma che in
materia di imposte dirette siccome la C. Centi-, è istituzionalmente l'or­
gano competente a decidere in terzo grado tutte le questioni che non
le siano sottratte da una espressa norma di legge, deve ritenersi che
anche in materia di imposte indirette sugli affari, la C. Centr. sia giu­
dice di terza istanza per tutte le questioni decise in appello dalla prov.
che non riguardano la semplice estimazione. Crediamo che parlare di
giudizio di terzo grado nella particolare materia delle imposte indir,
possa ingenerare una certa qual contusione concettuale, perche la C. C.
è giudice di secondo grado, come si è visto, in base agli artt. 28-29
L. 7-VI-1937, n. 1016, e non ha effatto competenza alcuna nei giudizi
di pura c.d. estimazione. Quindi nel caso esaminato, escluso il richia­
mo alla categoria della estimazione complessa, altro non rimane che par­
lare correttamente di giudizio di legittimità, lasciando da parte la ter­
minologia usata a suo tempo dal Quarta (op. e loc. cit. sopra) di giu­
dizio di terzo grado sempre ed in ogni caso. Agli stessi principi si
ispira la decis. C. Centr. del 30-VI-1945, n. 77319 (in Giur. imp. reg. e
neg., 1946, 19) che afferma la competenza in terzo grado della C. C. in
questioni relative alla regolarità del procedimento svoltosi innanzi alle
Comm. di merito in ordine alla valutazione di beni soggetti ad imposte
dirette. Anche per questa seconda decisione vale quanto osservato per
la precedente : nè si obbietti che in definitiva anche il giudizio di mera
legittimità è di terzo grado, si risolve in una terza istanza, pei che
— ripetiamo — da un punto di vista non soltanto classificatorio ma
sistematico, ci sembra preferibile non estendere il concetto di terza istan­
za oltre il caso (ex art. 50 T.TT. E.M.) in cui la C. Centr. giudica con
pienezza di giurisdizione. Sottigliezze inconferenti sul terreno pratico?
Non sembrerebbe, anche perchè la discriminazione accennata è qualche
cosa più di una sfumatura, e comunque versandosi in materia squisi­
tamente tecnica come quella che attiene all’ordine del processo, la me­
ticolosa esattezza di linguaggio e dei concetti è di rigore (v. in argo­
mento A. R oton di , in Dir. e prat. trib., 1950 - 1, 45).
Rientra in tale ordine di considerazioni la decisione della C. centr.
S. IL 24-V-1950, n. 13707 (in Giur. imp. dir. reg. e neg., 1952, 39) che ha
giustamente dichiarato ammissibile il ricorso alla C. 0. contro pro­
nunzia della O. prov. affetta da errore in procedendo. La quale decisione
conferma la precedente del 23-11-1949, n. 785 ibid 1951, 33, dove non si
parla più di giudizio di terza istanza ed a proposito della quale nella
breve nota di commento ( B e r l ir i ) si osserva che la decisione non è
altro che una nuova applicazione di un orientamento generale ormai
seguito dalla C. Centr.: quello di riconoscere la propria competenza
come giudice di legittimità su tutte le questioni di diritto decise sia
pure in sede di valutazione delle comm. tributarie (v. per i limiti
posti comunque a tale specifica funzionale competenza la dee. C. Centr.
22-Y-1950, n. 13630, in Giur. imp. dir. e ind., 1952, 119 secondo la quale
il giudizio di valutazione è invece di competenza esclusiva della C. prov.).

IY. - Modi, forme e presentazione del ricorso. — a) interesse pro­


cessuale ad agire. - Che la domanda — ricorso — presupponga l’ esi­
stenza di interesse processuale a proporla è stato riaffermato — in via
— 78

di principio — rispetto ad una specie di fatto die neppure si riesce


a comprendere come abbia potuto dar serio motivo di contestazione,
dalla C. Centr. Sez. TJ. con decisione 27-XI-1940, n. 22974 (in Giur. imp.
dir., 1942, 37) che giustamente ha dichiarato inammissibile per difetto
di interesse la domanda proposta alla C. stessa per l’accertamento della
intassabilità di un cespite, quando la C. prov. abbia dichiarato che
per l’anno in contestazione il reddito non sussiste. Esatta decisione
che si ricollega anche al principio fondamentale dell’autonomia degli
accertamenti in relazione agli anni di esercizio. Nè si sarebbe d’altra
parte potuto allegare la necessità di una declaratoria in astratto circa
la intassabilità del cespite, perchè a parte il principio di autonomia
sopra accennato, i limiti oggettivi della contestazione necessitano la
efficacia in senso oggettivo della decisione, che non può avere efficacia
oltre il caso esaminato; b) firma del reclamo. - Non è il caso che ci
ripetiamo in argomento dopo quanto esposto e richiamato nelle pre­
cedenti rassegne di questa Rivista e particolarmente nel fase. 1, 1951,
p. 79-80: trattasi di presupposto di validità dei ricorsi in genere e
quindi i principi affermati, le critiche e le adesioni, valgono anche nei
riguardi del ricorso alla C. Centr.. Per la stessa generalità del prin­
cipio affermato, in contrasto con le altre —- secondo noi discutibilissi­
me — decisioni riferite nelle ricordate precedenti rassegne, ci piace
invece ricordare la corretta decisione della stessa C. Centr. del 30-VI-
1945, n. 77319 (in Giur. imp. reg. e neg., 1946, n. 19) secondo la quale
il ricorso sottoscritto da persona diversa dal contribuente, o da chi lo
rappresenta per legge, sfornito di regolare procura, è da considerarsi
inefficace a stabilire il rapporto processuale e fa scadere i termini per
il reclamo, rendendo definitivo -l’accertamento. La contraria giurispru­
denza già richiamata, ed annotata, ha ricevuto adesione in nota redazio­
nale del B erxjri ( v . Giur. imp. dir. e ind., 1951, 49, in nota a dee. 24-V -
1949, n. 3743) adesione che si spiega con la già nota tesi (in rapporto
e contrapposizione fra azione in senso sostanziale e a. in senso proces­
suale) che il ricorso del contribuente non costituisce la domanda giudi­
ziale (1) ma qualcosa di molto simile all’opposizione ad un decreto

(1) Ohe il ricorso del contribuente costituisca non una domanda ma una
eccezione, con tutte le conseguenze derivanti da una simile affermazione di
principio, in quanto l’avviso di accertamento non soltanto precisa l’obbietto
ed i limiti della contestazione, ma asumerebbe carattere, natura, contenuto
di una vera e propria citazione (anche se il giudizio non esista ancora se non
come possibilità da parte del contribuente) lo si può ricavare anche dalle de-
cis. Comm. Centr. 27-1-1930, n. 903 e 23-V-1934, n. 63462, in Giur. imp. dir. ri­
spettivamente anni 1930, n. 135 e 1934, n. 139) ed ancora C. Centr. 1 9 -V II-
1939, ivi, 1940, il. 40, e sopra tutto, dee. 4-VI1-1951. n. 26546, in Riv. leg. fise.,
1951, n. 1046. Da vedere anche Cass. 24-3-1947, in Giur. imp. dir. ecc., 1947,
n. 16. Ora a noi sembra che l’avviso di accertamento non apra ancora la con­
testazione, ma soltanto manifesta una pretesa e se mai segna i limiti di una
possibile contestazione che soltanto sorge con l’opposizione del contribuente e
che ha per oggetto l’accertamento della Finanza, e perciò col reclamo (che è come
ogni domanda in giudizio opposizione ad una pretesa altrui) si chiede in veste
di attore la pronunzia del giudice. Ancora una volta ci sembra di poter affer­
mare che il dibattito e le equivoche allusioni che forzando il testo si vogliono
— 79

ingiunsuale, e ciò perchè il ricorso è una manifestazione di volontà di­


retta a non far divenire definitivo l’accertamento dell’ufficio. Troppo in­
sicura ci sembra la tesi, perchè ciò che non farà diventare definitivo
l’accertamento, sarà se mai la decisione, la quale non potrà mai intei -
venire se l’organo giurisdizionale non verrà sollecitato con una speci­
fica domanda: come abbiamo altre volte osservato, se è vero che l’am­
ministrazione finanziaria è la creditrice dell’imposta, è altrettanto vero
che il contribuente che reclama, pur essendo il debitore, assume senza
dubbio quella veste di attore in giudizio, avvertita in sostanza anche dal
Berliri, il quale però non si avvede che accostando il ricorso del contri­
buente alla opposizione ad un decreto di ingiunzione, viene implicitamen­
te a sconfessare la sua tesi in quanto il debitore opponente, diventa attore
nel giudizio di opposizione e il suo atto di opposizione è in funzione di do­
manda in giudizio di accertamento negativo (veggasi in argomento il
computo e davvero encomiabile studio di A . R oton di , Le parti nel proces­
so tributario, in Arch. finane., voi- III, 1953, pag. 117 e segg.). Altra specie
decisa in argomento è quella che si ricava dalla decisione 25-11, pag. 117
e segg., 1950, n. 11657 (in Giur. imp. dir. e ind., 1952, 103) secondo la
quale è valido il ricorso firmato dalla moglie del contribuente, quan­
tunque sprovvista di qualsiasi mandato da parte del marito: e ciò pei-
chè il coniuge ed i parenti entro il quarto grado, possono assumere la
rappresentanza del contribuente senza bisogno di alcun mandato, giac­
ché l’art. 35 del R.D.L. 7 agosto 1936, n. 1639, limiterebbe la necessità
del mandato, formale o non formale, alle sole persone ammesse all’eser­
cizio della assistenza e della rappresentanza in materia tributaria, quin­
di a coloro soltanto che assistono o rappresentano il contribuente nella
loro qualità di professionista. Il che non ci sembra di assiomatica cer­
tezza, perchè la locuzione « esercizio » non presuppone l’altra più ri­
stretta di « esercizio professionale » ma si riferisce in genere all’atti­
vità di rappresentanza ed assistenza : nel qual caso, il ragionamento
della Comm. centr. cade irremissibilmente, anche se ormai la massima
richiamata costituisca un ius receptum della Comm. c. (v. dee. 13-VI-
1946, n. 82928 in Giur. imp. dir. e ind., 1948, 443 e 24-Y-1949, n. 3743,
ibid., 1951, n. 49), decisione quest’ultima della quale ci siamo ex professo
occupati nel nostro dissenso dalla sua motivazione nella precedente Ras­
segna fase. I, anno 1951, in questa Rivista. Se tale è, a nostro fermo
avviso, la soluzione che de iure condito è sola possibile, siamo per al­
tro d’accordo che de iure condendo le norme attinenti alla assistenza
e rappresentanza del contribuente debbano subire una profonda riela­
borazione, nel senso postulato dalle ricordate decisioni, a prescindere
dai motivi addotti, perchè tutto quanto può facilitare la difesa del
contribuente, ci pare debba essere attuato in poche e chiare regole, che
rendano meno incerto quando non addirittura vessatorio l’iter proces­
suale che in base alle leggi vigenti ove rigorosamente applicate, tende
in certi casi a soffocare, in ogni modo a rendere penosamente difficile

ricavare dalla cennata giurispr. si risolvano in una manchevole discrimina­


zione fra azione in senso sostanziale ed azione in senso processuale.
— 80 —

l’attività difensiva del contribuente, troppo disarmato di fronte alla


scaltrita esperienza degli Uffici. Ma per quanto possa apparire umana
la tendenza degli organi giurisdizionali a piegare il testo della legge
a traverso interpretazioni fin troppo benigne, non è chi non vede che
ciò facendo si vengono ad alterare e contaminare i reciproci rapporti
fra il potere giudiziario ed il legislativo; c) presentazione del recla­
mo. - Anche nel giudizio avanti la C. centr. è ormai jus receptum che
la presentazione del reclamo ad autorità incompetente mantiene la effi­
cacia interruttiva del termine e ciò nello specifico caso di un ricorso
presentato anziché alla Comm., al Ministero dell’interno, sempre che
detto ricorso pervenga alla Commissione prima della scadenza del ter­
mine fissato a pena di decadenza, perchè diversamente ne dovrebbe di­
chiararsi la tardività in quanto la regola, in forza della quale è valido
il ricorso presentato tempestivamente ad autorità incompetente, vale
soltanto quando si tratti di presentazione ad autorità o meglio ad or­
gano giurisdizionale (C. Centi'., 10-IV-1940, n. 24S02, in Giur. imp. dir.,
1941, n. 51); ed agli identici criteri sostanzialmente si inspira un’altra
precedente e interessante decisione in materia di imp. indirette della
stessa C. Centr. (4-X1I-1939, n. 20156, ibid, 1940, n. 101) che giustamente
ritenne ricevibile il ricorso giunto sì tardivamente alla Comm. ma per
colpa dell’ufficio delle imposte dirette che pur essendo incompetente a
riceverlo, invece di indirizzare il contribunte all’ufficio designato dalla
legge, lo ebbe a trattenere ed a trasmetterlo fuori termine alla Comm.
centi’.. Ed anche il ricorso presentato o spedito direttamente alla Com-
missione competente a deciderlo, è da ritenersi valido rispetto al ter­
mine (C. Centr., 1-2 1942, n. 50682, in Giur. imp. dir., 1942, 9) e se il ri­
corso è trasmesso a mezzo posta la data alla quale deve farsi riferi­
mento per stabilirne la tempestività è quella della spedizione e non
l’altra di avviso all’ufficio (C. Centr. 3-VM-1940, n. 29003; 12-VI-1940,
n. 27971, 18-XII-1940, n. 34440; 1-2-1942, n. 50682, rispettiv. in Giur. imp.
reg. e neg., 1941, 43, 49, 91 e 1942, 97); principio codificato ormai nella
legge 11-1-1951, n. 25 e art. 6 D. L. 24 aprile 1945, n. 581. Ed anche su
questo argomento, trattandosi di criteri e di principi applicabili al re­
clamo in genere, ci basti l’accenno e rimandiamo alla giurisprudenza
ed ai rilievi contenuti nelle nostre precedenti rassegne, dove si parla
appunto dei termini di presentazione (v. particolar. quanto si è scritto
circa la inosservanza del termine in questa Rivista 1951, fase. 3, p. 287-
288). Che poi la intempestività del termine sia rilevabile di ufficio (prin­
cipio da noi sempre affermato ricollegando la questione all’istituto
della decadenza nei casi in cui è rilevabile di ufficio) è da ricordare
la decisione in tal senso emessa dalla Comm. Prov. di Caserta, del 24-
1-1952 (in questa Rivista, 1952, n. 4, p. II, Mass. 447) che ha conformi
precedenti in una non recente .decisione della C. C. del 1-2-1934, n. 59,w4,
G. imp. dir., 1934, 168, ed in sentenza della Cass. 15 marzo 1949, in
Riv. trib., 1949, 337); - d) motivazione del reclamo. - Anche da questo
specifico presupposto per la validità del ricorso, purtroppo la giuri­
sprudenza non ci offre una sicura e costante applicazione della legge
81 —

e l’alternativa dei criteri rigorosi con altri di un inconcepibile lassi­


smo processuale, disorienta il contribuente in materia che non dovrebbe
dar luogo a contestazioni apprezzabili (v. B ttzzetti , Consensi e dissensi
in tema di proc. trib., in Riv. diritto e prat. trib., 1951, n. 4, p. 6-8 del­
l ’estratto; id. Perentorietà del termine per l’appello e present. dei mo­
tivi, in Giur. ital., 1952, fase. 2, p. I l i ; e quanto in argomento si è
detto nelle precedenti nostre rassegne in questa Rivista e part. 1951,
fase. 3, p- 288-291). Ci limitiamo quindi al richiamo di poche decisioni
dove la questione della motivazione del reclamo, si riannoda sotto certo
aspetto all’altra del termine. Infatti la Comm. centr. con costanza di
giudicati ha ritenuto e ritiene che sia ammissibile il c.d. ricorso inter-
ruttivo, senza motivazione ma con la semplice dichiarazione di impu­
gnare la decsione di merito con riserva di dedurre in apposito memo­
riale i motivi del ricorso (C. Cent., 16-V-1940, n. 26567 ; 3-VII-1941,
n. 43832; S. U. 25-3-1942, n. 58; 8-VI-1946, n. 82893, in Giur. imp. dir.
rispettiv. 1941, n. 97; 1942, n. 46, 58; 1947, n. 74). Con tutto il rispetto
dovuto all’alto Consesso e pur riconoscendo il senso equitativo che in­
forma le predette decisioni, riteniamo fermamente che in concreto la leg­
ge non trovi sicura applicazione. Anzitutto la categoria del c.d. ricorso in-
terruttivo non è menomamente prevista dalla legge, come tale. Se una di­
chiarazione di impugnativa vuol ritenersi ammissibile, è per altro ne­
cessario che i motivi veri e propri del gravame debbano notificarsi alla
controparte, per la imprescindibile esigenza del contradittorio, entro
il termine perentorio fissato dalla legge per il gravame e non già am­
mettere che la integrazione della generica declaratoria di impugnazio­
ne possa avvenire in seguito mediante svolgimento dei motivi prima
che la causa passi in decisione. E’ vero, come ha osservato la C. C.
(dee. S. U. 25-3-1942, sopra ricordata) che il procedimento avanti la
medesima non è vincolato dal rigoroso formalismo cui è inspirata la
procedura dei ricorsi avanti la Suprema Corte di Cassazione, ma è
altrettanto vero che dal repudiare un eccessivo formalismo, al met­
tere in non cale una precisa disposizione di legge, ci corre assai- Se
l’art. 46 del R. D. 8 luglio 1937, n. 1516 dispone che «nei ricorsi alla
Comm. Centrale, per i casi ammessi dalla legge, debbono essere esposti
il fatto, le questioni ed i capi della decisione contestata, indicando gli
articoli di legge o di regolamento che si affermano violati od erronea­
mente applicati » è chiaro che tali requisiti debbono ricorrere e richie­
dersi quali presupposti di validità del ricorso e che al contenuto del
medesimo debbasi fare esclusivo riferimento, in quanto pone inderoga­
bilmente i termini della contestazione e non ad atti successivi, per i
quali non si richiede perentorietà di termini che non sia quello di giorni
cinque per utilmente presentare memorie o documenti alla Comm. ai fini
della discussione e decisione, e neppure l’ obbligo della notifica alla
parte contraria. Se si postula una liberazione da ogni formalità, anche
di quelle essenziali alla certezza stessa del diritto che si vuol far va­
lere e ciò a prescindere da ogni considerazione circa la natura pub-

6 - Riv. dir. fin. - Parts I - 1953


laicistica delle norme processuali, tutto questo potrà discutersi se mai
in sede di riforma degli ordinamenti del processo tributario, ma non
potrà mai dar fondato motivo all’organo giurisdizionale, disapplicando
norme chiare, precise, di carattere cogente, per mutare le forme e
gli aspetti di un processo che come quello tributario, costretto in
poche regole di fondamentale sistematica, lascia già fin troppo adito
all’ organo giudicante, a traverso criteri inquisitori ed al largo uso
di criteri equitativi di attuare la giustizia con comprensivo senso
di umanità. Il che non lo esime ma anzi gli impone il rispetto scrupo­
loso di quelle, poche del resto, regole che sono, conveniamone, le
uniche garanzie di lealtà nel contradditorio fra due contendenti che
per più di un aspetto non combattono ad armi pari (utile anche in
questo particolare argomento a consultare A. R o t o n d i , op. cit., special-
mente per il carattere di domanda giudiziale che esplica a tutti gli
effetti, sostanziali e processuali, il reclamo del contribuente come ab­
biamo rilevato sopra). Si riannodano alla questione ora trattata altra
decisione della C, Centr. S.U. del 9-2-1946, n. S0750 (in Giur. imp. dir.
1948, n. 38) dove venne stabilito che di fronte ad un ricorso con il quale
il contribuente si limiti a denunciare, in forma generica, errori relativi
alla determinazione quantitativa dell’imponibile in guisa tale che non
si possano ricavare neppure indirettamente i motivi del ricorso, la C.
centr. non può esaminare di ufficio eventuali violazioni di legge che po­
trebbero giustificare il riesame della contestazione.
Riprende qui tutto il suo impero la insopprimibile logica del pro­
cesso: la motivazione del ricorso deve risalire al reclamo o prodursi
successivamente ma nel termine ad esso prefisso. Soltanto ci permettia­
mo una riserva: e ciò per quanto attiene alla facoltà della Comm. di
rilevare di ufficio quelle violazioni di legge che attengono all’ordine
del processo (p. es. quella di decadenza derivante da intempestiva pro­
posizione del reclamo o di nullità per mancata notificazione dei motivi).

V. - Lo svolgimento del giudizio e le sue incende processuali inter


partes. — a) legittimazione e rappresentanza. - E’ principio e norma
inderogabile che davanti la C. centr. in materia di imposte dirette
l’audizione del contribuente non è consentita (giur. pacifica) all’infuori
del caso previsto dall’art. 50 T.IT. leggi R.M., in cui la Comm. centr.
giudica in terza istanza con pienezza di giurisdizione. Qualche dubbio
poteva sorgere in materia di imposte indirette, per la C- centrale
quando giudica in seconda istanza; nessuna norma permissiva o pre­
clusiva avendo dato in proposito la legge. Ma ripetutamente la C. c.
si è pronunziata per la negativa, allegando come motivazione che le
controversie in materia di imposte indirette non rientrano fra quelle
previste dall’art. 50 T.TJ. ricordato (C.C. 22-2-1945, n. 73933; 8-V-194o,,
n. 7586E rispettiv. in Giur. imp. dirette, 1945, n. 27 e 1946, n. 8 e da
ultimo 21-V-1951, n. 24140, in Leg. fase. 1951, 1095). Ed invero l’art. 45
R. D. S-VII-1952, n. 1516 stabilisce la possibilità di ricorso alla C. cen­
— 83 —

trale contro le decisioni della C. prov. senza distinguere se pronunziate


in grado di appello — come in materia di imp. dirette — od in primo
grado, come per le imposte indirette. Così essendo il prec. art. 48 lia
una portata generale quando stabilisce che i giudizi avanti la C. centr.
si svolgono senza intervento della parte nè del rappresentante della
finanza, iuori del caso previsto dall’art. 50 T.U. ed ove il contribuente
abbia dichiarato la sua audizione.
b) eccezioni e diritto di prova. - Non numerose e di non grande ri­
lievo le decisioni in materia. Che avanti alle Comm. in genere non sia
impedito nella discussione orale di proporre altre eccezioni o altri mo­
tivi che non siano stati dedotti dal reclamo, purché non si risolvano
in mutazione del petitum o in domande nuove a seconda del grado di
giurisdizione, è principio pacifico e comunque confermato dalla C. centr.
con dee. 11-2-1943, n. G6374 (in Giur. imp. dir. 1945, n. 34) e pertanto
deve ritenersi, per lo stesso principio, che ciò sia consentito nelle memo­
rie scritte che nei termini utili si presentano alla Comm. perchè ne tenga
conto nella decisione (C. c. in questo senso, con la decisione 3-XI-1950,
n. 17007 in Giust. triì)., 1952, 402, con richiamo di precedenti per i quali
vedi anche questa Rivista 1951, II, mass. 265. Ed ancora veggasi deci­
sione C. centr. 19VII-1950, n. 26164, in questa Rivista 1952, II, mass.
444, con richiamo pure di precedenti).
Ma viceversa quando una eccezione del contribuente (prescrizione
di una parte del reddito accertato) abbia avuto l’assenso e l’adesione
del rappresentante della finanza, tale assenso ha efficacia preclusiva
per l’Ufficio a risollevare la questione avanti la Comm. centr. Il che
è di intuitiva evidenza perchè la decisione della Comm. di merito che
ne ha preso atto, fa piena fede dell’accordo intervenuto sul punto con­
tenzioso, rendendo impossibile ulteriori resipiscenze tanto in linea di
fatto che di diritto. Per ciò che riguarda il diritto di prova, vogliamo
qui ricordare, in quanto segnano un limite obbiettivo alle possibili ec­
cezioni delle parti (contribuente o Finanza), in sede di legittimità, due
pregevoli decisioni, la prima della C. Centr. del 13-III-1941, n. 38675
(in Giur. imp. dir., 1942, n. 68) con la quale si è ritenuto legittimo ed
insindacabile nel merito il giudizio con cui una Comm. prov. abbia
ritenuto che un atto di transazione esibito dal contribuente non esclu­
desse l’effettiva percezione di un reddito maggiore di quello risultante
dal documento esibito; la seconda in data 6-IV-1948, n. 96780, m Giur.
imp. dir., 1950, n. 66, con la quale venne risolta una specie interes­
sante decidendosi che nel determinare il giro di affari di una ditta com­
missionaria al mercato della frutta, non può, in difetto di altri ele­
menti probanti, prescindendosi dalle risultanze del libro di carico, con­
trollato dalla direzione municipale del mercato, per prestare invece
fede alle c.d. informazioni dell’ufficio imposte. Ne deriva in concreto l’in­
sindacabilità in sede di legittimità della valutazione delle prove fatte
dalla Comm. di merito.
c) il ricorso incide vitelle. - Sulla proponibilità del ricorso incidentaxe
— 84 —

non come mezzo di difesa contro il rie. principale, al che provvede il


contro ricorso, ma quale gravame contro la decisione ex adverso im­
pugnata, nulla quaestio di contro al tassativo disposto della legge (ar­
ticolo 48 R.D. 8 luglio 1937, n. 1516) e circa i termini ed i modi del
medesimo non abbiamo che a riferirci specie per i copiosi richiami
giurisprud. alla nostra nota Termine e modo del ricorso incid. avanti
la C, centr., in questa Rivista Iial. Diritto finanz., anno IY, n. 1-2, p. Il,
54-56; ed alla pivi recente Termine e modo dell’Appello incid., in Riv. di­
ritto e prat. trib., 1951, p. II del n. 2 dove trovasi pure richiamata
giurispr. e dottrina in argomento. Notevole per una esatta applicazione
della norma propria del processo ordinario, ricordiamo ancora la dee.
della C. centr. S.TJ. 27-X-1940, n. 32974, in Giur. imp. dir. e con la quale
si stabilisce che il rigetto da parte della C. centr., del ricorso princi­
pale proposto in termini, non pregiudica il ricorso incidentale, in quan­
to esso mantiene una sua propria autonomia processuale e sostanziale.

VI. - La decisione: nei limiti della contestazione - presupposti di


validità - notifica e sua definitività. — Per la validità della decisione
nella sua formale struttura, il procedimento avanti la Comm. centr. non
si differenzia da quello avanti le Comm. di merito; e neppure per quan­
to attiene i limiti della contestazione, si discosta da quanto, sia nel
giudizio ordinario, sia in quello avanti le Comm. di merito, attiene al­
l’argomento del giudicato extra petita. E fuori dai principi e dalle nor­
me fondamentali in materia non si hanno che decisioni di specie intese
a stabilire quando da parte dell’organo giudicante, in relazione alla fat­
tispecie ed alla contestano litis, tale vizio di extrapetizione si verifichi-
Così dicasi per quanto riguarda la notifica della decisione, nei modi,
termini, onde si attua e nei requisiti intrinseci oltre che formali del­
l’atto. Nè risultano decisioni relative a casi particolari che riguardino
in proprio le decisioni della C. Centrale: anche qui la valida notifica
oltre la mancata tempestiva impugnativa determinano il passaggio in
cosa giudicata (Cassaz. civ., 12 luglio 1947, in Giur. imp. dir., 1948, n. 82).
A questo punto si potrebbe affrontare la questione della impugnabilità
delle decisioni della C. Centr. innanzi alla Cassazione nel senso da que­
sta precisato con sentenza S. U. 29 luglio 1950 (Giur. imp. dir., 1951, 14)
e cioè che a legittimare l’impugnativa e dato che le Comm. tributarie deb­
bono ritenersi veri e propri organi giurisdizionali, non è necessario che
la decisione di un giudice speciale (nell'ipotesi la Comm. centr.) sia
emessa in grado di appello o in unico grado, bastando che con essa si
possa ritenere esaurita la lite innanzi al giudice speciale, senza possibili­
tà di ulteriore impugnativa in sede di giur. speciale. Ed identica quanto
meno similare questione si profila con particolare riflesso all art. I l i della
Costituzione e che ha dato motivo alla sentenza 10-3-1952 della Corte
di Cassazione con l’ammissione del ricorso contro la decis. della Comm.
Centr. per violazione di legge sostanziale oltre che processuale, con
l’eifetto della preclusione del diritto di iniziare successivamente giudi­
— 85

zio ordinario ; sentenza attorno alla quale sono sorti contrasti dotti i-
nali vivissimi. Ma riteniamo che sia preferibile per un criterio siste­
matico, trattare della delicatissima questione che implica la soluzione
di altre importanti questioni attinenti ai rapporti fra giurisdizione
speciale e giurisdizone ordinaria, nella successiva rassegna, la quale
dopo l’esame della scarsa e poca significativa giurisprudenza riguar­
dante i ricorsi posteriori al ruolo, sarà dedicata ai ricorsi avanti 1A.
giudiziaria, tra i quali indubbiamente rientra il ricorso avanti la Cas­
sazione a’ sensi del ricordato art. I l i della Costituzione.

Giov. B t jzzetti
R E C E N S I O N I

\f Lezioni di Scienza delle Finanze, Catania, Giannotta, 1953,


G aet an o Z i n c a l i ,
f ^ III ediz., p. 467, L. 2500.
/ « Le lezioni, oltre che di Scienza delle Finanze, sono di Diritto Finanziario :
perciò può spiacere che il titolo non indichi completamente il contenuto di
questo preclaro volume, forse per conformarsi ai programmi delle scuole se­
condarie. Invero, esso, oltre che per i corsi universitari, può giovare anche per
le scuole secondarie superiori, delle quali il programma fa cenno solo all’in­
segnamento della Scienza delle Finanze, mentre è ovvio che quello del Diritto
Finanziario è altresì interessante per i giovani, che si daranno all’esercizio di
professioni, per le quali è necessaria la conoscenza del Diritto Finanziario. Per
cui è da segnalare al Ministro Segni la lacuna da colmare nei programmi delle
scuole secondarie.
Il volume presenta ottime qualità didattiche e scientifiche ed è esauriente
per l’esposizione aggiornata della dottiina, della legislazione, della letteratura
scientifica e della giurisprudenza, di cui si riportano le massime delle più in­
teressanti decisioni.
La materia delle lezioni è suddivisa in sei parti : l’attività finanziaria ; le
forme concrete dell’attività finanziaria; il procacciamento e l’erogazione dei
mezzi; l’attività finanziaria nel suo aspetto politico; l’attività finanzaria nel
suo aspetto tecnico; l’attività finanzaria nel suo aspetto economico.
Il Prof. Zingali ritiene che i corsi universitari non abbiano la funzione di
promuovere il progresso della scienza, affidato ai lavori strettamente scienti­
fici, sibbene quella di dare di esso una visione panoramica; e che, pertanto,
essi tanto più si allontanino da tale funzione quanto più indugiano sulle per­
sonali vedute dell’autore e trascurano i contributi e le opinioni dei Maestri.
Gli studenti devono essere grati all’A. di essere stati in queste lezioni
aggiornati sul movimento scientifico, anche più recente, della letteratura fi­
nanziaria e a lui anche gli studiosi, nuovi e anziani, che vedono divulgate alle
nuove generazioni le idee da loro maturate.
Questo dovere di docente, per usare l’espressione dell’A. di non far per­
dere al suo corso il carattere d’informazione e di orientamento venne osser­
vato scrupolosamente dall’A., che cerca generosamente di interpretare gli op­
posti contributi di idee contrastanti.
Ulteriori edizioni potranno forse rielaborare alcune parti, come la teoria
dei prineipii giuridici dei tributi, che in parte sono giuridici (ma non sono
tutti: per i restanti tanto per giustificare l’asserzione, mi permetto di rinviare
ai miei « Primi Elementi di Scenza delle Finanze », 2a Ed., p. 57 ss.) e in parte
più propriamente politici, che indicano la funzione economico-soeiale di eia-
— 87 —

scuna entrata o gruppo di entrata (ma non sono tutti) e sono da ritenere con­
cansanti dei principii giuridici, anziché corollari del principio dell’uguaglianza.
Invero il sistema tributario è costituito da entrate molteplici (e non da
una sola entrata, per la quale sarebbe da mettere in evidenza un solo prin­
cipio): pertanto molteplici sono i principi politici, che ne generano la diversi­
ficazione con le conseguenti e varie funzioni conomiche sociali: il principio
della controprestazione, il principio del beneficio (che non trovo elencato) e
11 pincipio della capacità contributiva. In questa categoria non v’è posto per il
principio (e non teoria) del minimo sacrificio, mentre potrebbe esservi enun­
ciato il principio della solidarietà, già illustrato dal Seligman e che riprendo dal
saggio, che figura nell’attuale fascicolo di questa Rivista. Ma tutti questi sono
soltanto i principi fiscali; restano da ricordare i principi extrafiscali e quelli
irrazionali o illeciti sia fiscali sia extrafiscali.
Ma, potrebbe sorridendo obiettarmi l’egregio Collega Zingali, questo è il
tuo sistema di idee e non il mio ed avrebbe ragione!
B en venuto G r iz io t t i .

C e l e s t in o A r e n a - E tt o r e S candali ;, L e leggi fiscali a n n ota te con la d ottrina ,


la giurisp ru d en za e le n orm a li m in isteria li (e aggiornate al 1° gennaio 1953),
iZuffi, Bologna, 1953, X X X I I I + 1 8 5 8 , L. 7.000.

Delle varie raccolte di leggi fiscali, cosi detti codici fiscali, espressione
giustamente non usata in questo volume, questa è la più completa, interessante
e utile. Ad ogni legge sono premesse la spiegazione storica e la ragione di essa,
sono fatti i rinvìi a precedenti disposizioni e quasi per ogni disposizione è data
l ’interpretazione con riferimento alla più notevole giurisprudenza, alla dottrina
e alle normali ministeriali: il tutto con perfetto tecnicismo e sicura competenza.
Sicché il volume risulta indispensabile sia a studenti e studiosi, sia a profes-
sonisti.
B en venuto G r iz io t t i.

^ B u e h l e r , B u t t e r s , S o m e r s , B a u e r e altri, T a x a tio n and B u sm esse con cen tra -


tion, Tax Institute, Princeton, 1952, pag. 264, $ 5.

In genere non sembra che la accresciuta pressione fiscale abbia notevol­


mente favorito negli Stati Uniti la concentrazione industriale poiché i dati
sulle fusioni di imprese e sulla proporzione fra imprese grosse, medie e piccole
non hanno subito sensibili mutamenti rispetto al periodo prebellico. Tuttavia
sarebbero necessarie statistiche approfondite in proposito ed ulteriori inda­
gini su eventuali forze n on fiscali a favore e contro la concentrazione.
Si lamenta che le imposte sulle società, con le alte aliquote, daneggino le
imprese piccole in espansione, asportando i mezzi per l’autofinanziamento e le
stimolino alla fusione, per accedere al mercato azionario ed al credito delle
banche in guisa più ampia. Lo stesso le imposte sui profitti non distribuiti e la
deduzione inadeguata di ammortamenti.
— 88 —

Per i tributi sui trasferimenti mortis causa, si osserva che la valutazione


fiscale incerta ed a volte troppo grave del capitale di imprese non quotate in
borsa e il cui valore dipendeva largamente dalla specifica abilità personale del­
l’estinto, danneggia le imprese personali e ne facilità la incorporazione in altre.
Per il commercio al minuto, si ritiene che il tributo sui magazzini a ca­
tena non ne alteri la capacità di concorrenza in confronto ai negozi isolati, sia
perchè esso essendo fisso non modifica la politica di prezzi dei magazzini e dei
reparti già aperti, sia perchè la sua mole non è tale da scoraggiare la aper­
tura di nuovi; le imposte sullo smercio di particolari prodotti da un lato fa ­
voriscono 1 grandi magazzini che hanno una moltepicità di prodotti in vendita
e che quindi possono più facilmente effetuare la traslazione laterale, ma d’altra
parte favoriscono ancora dì più i piccoli negozi che vendono solo i prodotti
non colpiti e che nemmeno hanno da distribuire su essi pesi fiscali relativi ad
altre merci ; i tributi sul reddito invece avrebbero l’effetto di favorire i magaz­
zini a catena asportando risorse di negozi isolati che non possono ricorrere fa ­
cilmente al credito a breve ed a lungo termine.
Si lamenta in genere la concorrenza di troppe imprese esenti. Si citano le
cooperative agricole, le attività economiche assunte sempre più largamente da
università e infine le pubbliche imprese. Si accusano in particolare queste di
praticare una politica d bassi prezzi che i concorrenti privati non possono
sostenere avendo costi fiscali addizionali. Contro di ciò per altro il Bauer, di­
rettore dell’« American Public Utlities Bureau », fa rilevare che le pubbliche
imprese hanno svolto una funzione economico-sociale generalmente benefica,
addossandosi l’onere di bassi prezzi per pubblici servizi (specialmente energia
elettrica). A ll’onere fiscale delle imprese private corrisponde, per quelle pub­
bliche. il carico per attività svolte in passivo e che l'iniziativa privata non
avrebbe svolto. I,’a. ricorda in particolare li caso della T.V.A. (l’ente pubblico
per la valle del Tennesee) che ha assunto funzioni multiple, da quella della pro­
duzione d’energia elettrica, a quella di incremento delle risorse idriche, a
quella di difesa dalle alluvioni, e di sviluppo generale della regione, trasfor­
mandone interamente la situazione economica. Il che fu possibile, perchè an­
ziché a criteri privati di costo e di profitto, si badò a criteri di vantaggio ge­
nerale, in base ad organici plani e devolvendo i guadagni delle iniziative attive
a quelle svolte in perdita:
Sul terreno della preferibilltà di imprese pubbliche a quelle private e del
ruolo delle prime nella politica contro la concentrazione industriale, sono poi
significative le pagine della raccolta dedicate all'imposizione delle sigarette.
In questa produzione dominano negli l'.S.A . quattro grandi monopolisti che
hanno più del 95 per cento del mercato e che sostengono con una colossale
campagna pubblicitaria. Contro di essi hanno tentato invano di lottare le pic­
cole imprese di sigarette « economiche » sorte durante In depressione del '29.
Esse sono ora ridotte su posizioni ristrettissime, sia a causa della politica
pubblicitaria e dell’elevato utile ai venditori assicurato dalle sigarette dei
« quattro grandi > (come si usa chiamarli!, sia a causa del tributo federale
che, essendo proporzionale nlla quantità venduta, grava di più sulla merce
di prezzo più basso. Ad ogni modo i grossi produttori affermano che. data la
■ • i ■ ir -- ■.

— 89 —

propria forza economica, il beneficio ili una modificazione fiscale non servi­
rebbe gran che per migliorare la posizione dei pìccoli produttori ; e che d’altra
parte se questi avessero successo diminuirebbero gli introiti del fisco, dei det­
taglianti e dei coltivatori. In proposito essi citano i dati sui fattori del prezzo
della sigaretta : 38,9 per cento per imposta federale, 4 per cento per il gros­
sista e 19,1 per cento il dettagliante, 15,8 per cento per il fabbricante. Confron­
tati con i fattori del prezzo delle sigarette del monopolio italiano (anche am­
mettendo che i nostri prezzi siano doppi) questi dati sono ben significativi :
17 per cento per la produzione e fabbricazione, 4 per cento per il commer­
ciante, il resto u tile n etto allo stato !
F rancesco F orte

L a u f e n b u r g e b , ¿ ’economie financière en trois leçons, Recueil Sirey, Paris,


1950, s.i.p., p. 140. t t
L’a. si occupa nella prima lezione dei rapporti fra scienza economica e
scienza finanziaria (includendovi pure il diritto fiscale), nella seconda del
rapporti fra economia privata e bilancio pubblico e nella terza del credito pri­
vato e del credito pubblico, soffermandosi sulla nozione classica e su quella
keynesiana di risparmio come astensione dal consumo mostrando che l'imposta
non realizza per solito un risparmio, andando di solito a discapito dei rispar­
mi privati ed alimentando per lo più spese pubbliche di consumo (per stipendi,
interessi di debiti, assciurazioni sociali, sussidi etc.) e solo in certi casi per in­
vestimenti. L’a. mette in rilievo che la politica domina la finunza pubblica, la
quale si sostituisce appunto all’economia quando il dirigismo, le regolamenta­
zione giuridica pubblica sottentra al mercato nel determinare le leggi econo­
miche. D'altra parte egli indica l’influsso che sul diritto hanno esercitato le
crescenti necessità dell’economia finanziaria : il diritto privato ha cessato di
fornire concetti validi anche per il diritto fiscale a difesa del contribuente ed
ad esso si è sostituito il diritto pubblico, nel cui stesso seno il diritto fiscale
ha acquistato autonomia per far valere le ragioni fiscali ; esso si è poi per­
sino staccato dal terreno dell'economia, elaborando concetti di reddito che
includono pure gli acquisti di capitale, considerando come soggetti pure parti
autonome di enti pubblici dello stato e municipali, etc. Il che, mi pare, raf­
forza sia la necessità di studiare il diritto fiscale sulla base di nozioni auto­
nome da quelle del diritto privato, del restante diritto pubblco e dell’economia,
sia di elaborare delle nozioni politico-finanziarie che facciano comprendere le
ragioni della particolare posizione assunta dal diritto pubblico in campo finan­
ziario (anche per non confonderla col fiscalismo). Ciò rende altresì indispen­
sabile di studiare la materia della scienza delle finanze non secondo i concetti
dell'econoiuia pura del principio del secolo (tesi criticata pure dal L. mostran­
do l’ irrealtà della teoria ilevitiana), bensì avvalendosi di tutte le nozioni giu-
ridico-politiche relative ai mezzi ed ai fini dell’intervento coattivo e di massa
dello stato nella vita economica.
Il volumetto è di vivo interesse e ricchissimo di riferimenti ai fatti finan­
ziari attuali, come di solto gli studi dell’illustre a.
F rancesco F orte
— no
A t t i l i o G a r in o C a n in a , S critti vari di econ om ìa e finanza, Giappicchelli, To­
rino, 1952, p. V II + 470, L. 3.500.

Questi studi, già pubblicati da riviste e da Accademie (dei Lincei, di


Torino e di Milano e da quella di Agricoltura pure di Torino) contengono
otto monografie teoriche, economiche e finanziarie (sulle cause di amplifica­
zione e variazione dei fenomeni economici; sul principio hegeliano nel campo
economico e sociale ; sul dolore in economia ; sul costo del progresso econo­
m ico; sul concetto di industria naturale; sulla elisione dell’onere della pro­
tezione sulle industrie-chiave; sulla flessibilità fiscale; sull’incidenza dell’im­
posta suU’oro-moneta) e alcuni saggi storici (sulla moneta ideale nel X V II I
secolo; sul valore e la rarità secondo Montanari; sugli indirizzi economici di
Cavuor ; sul pensiero di Cavour in politica agraria ; sui principi finanziari di
Cavour ; sul pensiero di C. I. Giulio ; sui principi finanziari di Q. Sella ; sul
pensiero politico-economico nel Risorgimento Italiano ; su Emanuele Filiberto
precursore e restauratore). Dunque, il fiore della produzione del G. C. ISei
primi saggi emerge l’economista teorico, nei secondi lo storico di periodi e
di figure del nostro risorgimento e sempre lo scrittore, che sa interessare non
solo i cultori delle nostre scienze economiche e finanziarie, ma altresì una
più ampia cerchia di persone colte.
Il volume venne pubblicato dai Colleghi della Facoltà di Economia di To­
rino e segna una tappa della sua attività di studioso, ma non 1 ultima, perchè
l ’A. libero da impegni accademici può dedicarsi meglio agli studi, cui è molto
affezionato.
B e n v e n u t o G r iz io t t i

E m a n u e l e M o r s e l l i , L e im p oste in Ita lia , Voi. I l del Corso di Scienza della


Finanza Pubblica, Cedam, Padova, 1953, p. 348, IV ed. aggiornata con la
giurisprudenza più notevole, L. 2.300.

E ’ assai difficile disporre di un trattato che dia assieme le principali no­


tizie teoriche e pratiche, legislative e statistiche, riguardo al nostro intricato
e continuamente evolventesi sistema tributario. Va quindi accolto con soddi­
sfazione questo volume del M „ veramente ricco di simili dati. In particolare
sono da segnalare l’esposizione della riforma tributaria nazionale (dichiara­
zione unica dei redditi e rilevamento fiscale straordinario), della riforma
della finanza locale (con annessa tabella delle voci soggette ad imposta di
consumo e relative aliquote), delle modifiche alla legge sulle concessioni go­
vernative (con due circolari relative ai cinematografi), dell’imposta unica sui
giochi di abilità e concorsi pronostici, della nuova disciplina doganale (con
relativa tabella delle tare), delle formule di calcolo dei diritti erariali sugli
spettacoli, della tariffa del 1952 della tassa unica di circolazione sugli auto­
veicoli. Fra i casi giurisprudenziali brevemente esposti, da segnalare quelli
relativi alla dichiarazione dei redditi e quelli in tema di imposte sugli affali.
Forse sarebbe stato bene accompagnare la risoluzione o decisione con mag­
gior copia di commenti adesivi o critici, per non lasciare al lettore 1 impres­
sione che si tratti sempre di oro colato.
F r a n c e s c o F o r t e
— 91

S. V. L in a r e s Q u i n t a n a , E l P od er Im p ositiv o y la lib ertad ind ividu ai, Edito-


rial Alfa, Buenos Aires, 1951, pagg. 300, s.i.p.

I principi finanziari costituzionali argentini, cosi come sono stati interpre­


tati dall’elaborazione della Suprema Corte di Giustizia della Nazione, consi­
stono: 1) nelle norme sulla distribuzione del potere impositivo fra governo e
provincie; 2) nelle norme generali dell’imposizione, di legalità, eguaglianza,
non confiseatorietà, libertà di circolazione territoriale. La Suprema Corte ha
rigettato invece costantemente ogni indagine sulla conformità del tributo a cri­
teri astratti di giustizia e razionalità economica e politica. La causa costitu­
zionale del tributo, su cui l’a. impernia tutta la sua sistematica, consiste nella
contemporanea esistenza dei sopraindicati requisiti costituzionali: essa è quin­
di ___ Come assume l’a. — nozione di s tr e tto d iritto p o s itiv o , che svolge la fun­
zione di difesa della libertà del cittadino contro l’arbitrio in campo fiscale e
controlla la attuazione del potere tributario secondo le norme costituzionali.
II lavoro è assai interessante per la vasta documentazone e sistematiz­
zazione della giurisprudenza di diritto costituzionale argentino in campo tri­
butario.
F ran cesco F orte

G. W acke, D as F in a n zw esen d er B u n d esrep u b lik , Mohr, Tübingen, 1950, pa­


gine 112, s.i.p.

L ’a. si occupa della nuova struttura costituzionale del sistema finanziano


della repubblica federale della Germania di Bonn, ravvisando nella normazione
costituzionale della materia finanziaria un ordinamento speciale, con principi
propri ed autonome attribuzioni legislative, amministrative, giudiziarie; ciò
porta a costruire la nozione di fu n zion e finanziaria (includente il campo dei
tributi, delle entrate patrimoniali, del bilancio, ossia la materia studiata dalla
scienza delle finanze) allineata alle funzioni giudiziaria, amministrativa e le­
gislativa, non come un q u a rto p o tere ma come una secon d a fo rm a di attività
dello stato, che si esplica naturalmente attraverso i tre poteri così come que­
sti si esplicano sulla base della attività finanziaria.
A proposito delle entrate si distinguono: a) una materia riservata esclu­
sivamente alla Federazione (dogane e monopoli fiscali, imposta sugli scambi,
imposta sui veicoli a motore, imposte sui trasporti), b) una materia in cui la
Federazione può concorrere con gli Stati (le imposte di consumo tranne quelle
riservate agli Stati, le imposte sui traffici, tranne quelle riservate alla Federa­
zione, le imposte sul reddito, sul patrimonio, sulle donazioni e successioni),
c) una materia riservata agli Stati (imposte di effetto locale delimitato, ossia
le imposte sui beni e servizi consumati entro il territorio dell’ente impositoie,
imposte sulla birra, imposte fondiarie e sull’esercizio di industrie, commerci,
arti e professioni).'L’a. osserva che le imposte sui veicoli a motore nelle pre­
cedenti legislazioni erano solitamente attribuite agli stati, almeno in parte, e
destinate alle loro spese per le strade; sostiene poi la tesi propugnata dal mi­
nistro HöPker-Aschoff, che le imposte indirette e quelle sui salari vanno cön-
— 92

siderate come costi di produzione dell’economia e pertanto vanno sottratte al


dominio dei singoli stati, per evitare che si producano disparità di costi,
prezzi e salari unicamente per ragioni fiscali, con grave danno per l’unità e
l’organicità dell’economia nazionale. Per la birra si è avuto un esempio signi­
ficativo: la Baviera ha ridotto il tributo su di essa allo scopo di invadere il
mercato delle regioni settentrionali ; queste a loro volta si sono viste costrette
a ribassare la loro imposta di consumo; fortunatamente entrambi i provvedi­
menti sono stati annullati perchè contrari alla norma che riserva alle auto­
rità di occupazione la decisione sulle aliquote delle imposte di consumo. Quanto
a ll’imposta sul reddito, nota l’a., nel caso che la Federazione voglia prelevarne
una quota, come in sua facoltà, si pone il grave problema della amministra­
zione; la Federazione non potrebbe assumere quella che spetta agli stati per
la parte di imposta sul reddito loro riservata perchè tale riserva comprende
pure i compiti amministrativi; d’altra parte creare una seconda trafila di di­
chiarazioni dei redditi, accertamenti, valutazioni, riscossioni, ricorsi, appare
all’a. mostruoso. Gli sembra quindi che la Federazione dovrebbe farsi rappre­
sentare dai singoli stati, avvalendosi di una facoltà eccezionale prevista dal-
l’art. 108, 2° co. Per l’imposta sugli scambi infine l ’a. rileva che il volume de­
gli affari è pure un buon indice per l’accertamento del reddito e viceversa,
cosicché sarebbe auspicabile che anche qui la autorità amministrativa fosse
per entrambi i tributi la stessa.
F r a n cesco F orte

G. M attf. rn, D a s S teu ergeh eim n is, Tiibingen. Mohr, 1952, p. 64, s.i.p.

Il segreto fiscale in Germania è tutelato abbastanza strettamente, a diffe­


renza che altri paesi. Infatti, mentre il § 22 delia Reichsabgabenordnung stabi­
lisce che il segreto fiscale è inviolabile e che una sua violazione rende respon­
sabile il pubblico funzionario od il privato che lo comunichi senza averne fa ­
coltà (« uribefugt »), in Svezia ad esempio esiste una apposita pubblicazione uffi­
ciale in cui compaiono annualmente i contribuenti maggiori, con indicazione del
loro imponibile e della somma pagata. Pubblicazione che fra l’altro serve nella
vita commerciale come documento della solidità di una impresa, di un commer­
ciante, di un professionista, oltreché come prova della osservanza del dovere
civico e come strumento di controllo democratico.
Esigenze diverse esistono in paesi ove i rapporti fra singoli e stato non
sono altrettanto favorevoli alla reciproca comprensione. In queste condizioni,
la tutela del segreto fiscale soddisfa, come nota il M., non solo un interesse pri­
vato, ma pure un pubblico interesse, per la possibilità di ottenere la verità dai
contribuenti, senza recar loro pregiudizio. Tuttavia, osserva ancora il M., non
pare opportuno equiparare il segreto fiscale a quello postale, epistolare, tele­
fonico, tutelandolo anche con una identica norma costituzionale, perchè gli in­
teressi in gioco sono diversi. Infatti il segreto fiscale collide con l ’interesse a
conoscere la verità sulla situazione del contribuente ; bisogna contemperarlo con
questa fondamentale esigenza, tenendo poi conto della possibile collisione di una
sua eccessiva limitazione con l’obbligo di segreto professionale dei tributaristi.
— 93 —

Questa necessità di una prudente valutazione degli interessi molteplici in gioco,


induce il M., a ritenere che la formula un po’ vaga del divieto di comunicare
il segreto fiscale quando n on se n e ha fa coltà , per quanto criticata dal Ni-
kolaus per l’arbitrio cui può portare, vada mantenuta, assicurando la elasti­
cità di applicazione secondo le circostanze. Pure da respingere, secondo 1 a.,
sia la pubblicazione dei ruoli di imposta, il cui vantaggio sarebbe superato dal
danno di rendere manifesti dati che sono forse infondati, sia una ulteriore li­
mitazione del segreto fiscale a favore del procedimento penale, per il quale già,
sarebbero assicurate deroghe bastevoli.
Il saggio, nella sua concisione, è interessante, per acume e per precisione
di argomentazioni. Tuttavia ci sembra, almeno per il nostro paese, che la
più ampia limitazione del segreto fiscale costituisca una misura coraggiosa ed
opportuna sulla strada della giustizia.
F ran cesco F orte

U I SIM - Gruppo S ta n f o r d , Problenni econ om ici ed ind u stria li d elle indu­


strie m ecca n ich e italiane, testo originale e traduzione italiana, C.I.S.I.M.,
1952, 716, s.i.p.
C.I.S.I.M ., R iliev i e p rop oste su l’in d u stria m ecca n ica italiana, a cura del sen.
prof. Corbellini, C .I.S.I.M ., 1952, X X X I I 384, s.i.p. /
C.I.S.I.M., L ’in d u stria m ecca n ica italian a alla fine d ell’ anno 1951, con Appen­
dice su : L ’istru zion e ed a d d estra m en to p rofession a le, C.I.S.I.M., 1952, X X IV
382 e 12 84 s.i.p.

La Commissione indagini e studi sull'industria meccanica italiana presie­


duta dal prof. sen. Corbellini ha incaricato il gruppo di ricerche dello Stanford
Research Institute della California, di studiare la situazione dell’ industria
meccanica italiana e di formulare delle osservazioni e proposte specifiche. Sulla
base di tale rapporto a sua volta il gruppo di tecnici italiani del C.I.S.I.M.
ha compiuto ulteriori considerazioni e controproposte ed ha inoltre provve­
duto a rilevare la situazione per settori merceologici, e per lo specifico campo
dell’istruzione ed addestramento professionale che risultò concordemente come
dei fondamentali ed in cui maggior opportunità vi è per delle concrete rifor­
me (nel senso di una istruzione meno astratta e impartita a più persone e di
più agli umili).
Il rapporto Stanford è assai vivace e solleva parecchi veli sulla situa­
zione, ma non sempre tiene conto della diversità di ambiente fra Italia e Stati
Uniti, cosicché le proposte appaiono talora discutibili, sopratutto nella ten­
denza ad introdurre da noi criteri e concetti adatti per un paese ricco e super-
capitalizzato (si veda l’idea delle ricerche di mercato e della conquista com­
merciale del consumatore italiano ed estero con metodi massicci e dispendiosi,
l ’idea delle relazioni fra imprenditore e lavoratore basata su condizioni eco­
nomiche di quest’ultimo che gli danno un ottimismo ed una posizione sociale
presso di noi inesistenti, si veda la frequente proposi ;i di sussidi pubblici di
gran mole).
Le osservazioni dei tecnici italiani sono talora assai più aderenti alla
realtà e penetrano spesso maggiormente nell’intreccio dei fatti, sopratutto nel
campo fiscale e degli oneri previdenziali ove i costi e le irrazionalità degli
attuali sistemi sono accuratamente messi in luce (a volte però con cifre pole­
micamente gonfiate) ; però non sempre affiora come sarebbe desiderabile, la
critica, probabilmente per la preoccupazione comprensibile di non toccare il
tasto di interessi particolari che hanno fornito la loro collaborazione per l’in­
dagine. Sopratutto lascia a desiderare la parte dedicata allo spinoso problema
dell’I.R .I. in cui si attenuano molte delle critiche americane alla gestione in­
controllata, eccessivamente burocratica, priva di direttive ben definite, ten­
dente ad una politica interna di gruppo che livella perdite e guadagni del
medesimo consolidandone la situazione, invece che alla propulsione ed alla
guida del settore in vista dell’interesse generale (anziché di singoli) nella con­
quista di mercati esteri, nella riduzione di costi, nella politica di prezzi.
Nella parte fiscale due concetti fondamentali mi sembra sia importante
sottolineare: in primo luogo che l’imposta sugli scambi così come è concepita
in Italia, finisce con il gravare di più e molto di più sulle lavorazioni oriz­
zontali che su quelle verticalmente integrate, laddove (come rilevano i tec­
nici americani e riconoscono ampiamente gli italiani) una delle massime de­
ficienze della nostra industria meccanica risiede nel fatto che ciascuno si fab­
brica tutto da sè diminuendo la standardizzazione, occupandosi in attività
spesso antieconomiche per la insufficiente attrezzatura, rendendo difficile la
collocazione del prodotto per la varietà incontrollata dei tipi e creando eccessi
di produzione nel settóre dei beni strumentali, mentre andrebbe stimolato quel­
lo dei beni di consumo, anche per la inferiorità italiana rispetto al progresso
negli utènsili realizzato nei passati decenni all’estero. Ora è probabile che
le duplicazioni e triplicazioni fiscali non siano nè l ’unico nè il più forte in­
centivo alla concentrazione verticale, ad essa collaborando il bisogno di sicu­
rezza sul lato dei fornitori e la maggior solidità del monopolio, la necessità
di fare qualche cosa per occupare reparti od aziende inattivi per difetto di
sbocchi, nonché la arretratezza della situazione che corrisponde ad un’epoca
e ad un ambiente in cui il costo di distribuzione ed intermediazione (più alto
che altrove), supera quello dipendente dall’affrontare produzioni molteplici con
frequenti conversioni di attrezzature (non così specializzate ed evolute come
altrove). Tuttavia al Fisco compete qui di agire contro corrente, favorendo
lo svecchiamento della situazione e quindi stimolando la organizzazione oriz­
zontale in tutti i modi possibili : il primo modo è indubbiamente quello di to­
gliere i pregiudizi al profitto di tali imprese orizzontali (spesso piccole o me­
die), almeno per potenziarle e consentirne la espansione, se non per indurre
quelle verticali ad imitarle.
In secondo luogo l ’imposta sul reddito non funziona come un efficiente
tributo sul netto : e di conseguenza imprese ed annate povere e ricche non sono
bastevolmente discriminate sul piano fiscale ed i costi di produzione risultano
onerati più del necessario ; in particolare non sono abbastanza detratti gli
ammortamenti, ritardando il rammodernamento della nostra industria che ha
sulle spalle l’eredità della autarchia e della comoda posizione di venditore
allo stato bisognoso di strumenti bellici e non preoccupato molto dei prezzi.
Anche qui sarebbe desiderabile addirittura una politica fiscale che stimolasse
l’investimento, esentandolo parzialmente anche ove esso costituisca aumento
di capitale; per intanto però si può almeno fare in modo che siano dedotti
tu tti gli ammortamenti di ob solescen za e che nel fare ciò si considerassero i
casi singoli, ben diversi l’uno dall’altro, anziché adottare — nel dubbio —
delle medie che finiscono con lo scoraggiare la veridicità dei bilanci (difetto
ampiamente lamentato dai critici americani, secondo i quali è cagione pure
della difficoltà di attingere al credito privato non bene orientato sulla soli­
dità del debitore) e con l’ostacolare chi si trovi in situazioni marginali e vor­
rebbe risalire lo svantaggio, ossia molto spesso la concorrenza di imprese pic­
cole e imprese nuove a quelle forti e monopolistiche.
Invece non pare sia da accogliersi la richiesta di maggiore protezione
doganale, perchè essa conduce alla ritorsione e perchè finisce a pregiudicai e
costi già troppo alti dei settori dei prodotti finiti meccanici e di altri campi
nonché la meccanizzazione dell’agricoltura.
La questione dei rimborsi di imposte e contributi sociali alla esportazione
va invece fatta oggetto di esame, per distinguere due punti ora un po’ con­
fusi, quello dell’eliminazione di imposizioni doppie od eccessive per i produt­
tori italiani sul piano internazionale e quello della effettuazione di una pro­
tezione dei nostri produttori all’estero. In ogni caso è probabile che una rifor­
ma generale dell’imposizione indiretta e di quella previdenziale, che le rendes­
sero più eque, porterebbero a soluzioni migliori anche per l’esportazione, ren­
dendo innecessari i rimborsi che rappresentano sempre un dispendioso siste­
ma di amministrare il denaro privato per fini pubblici, con l’incertezza di ac­
certamento nella fase di prelievo e in quella di rifusione.

F r a n cesco F orte

S a n t e C a v a l l a r o e M i c h e l e A b a t is t a , L ’im posta di n egozia zion e e l’im posta


sul ca pitale d elle a ssocia zion i e so cietà stra n iere, con Appendice di Giuri­
sprudenza, Trinacria, Roma, 1952, X-)-244, L. 1.200.
A l c id e M o n t a g n i , I.G.E. «Merci in lavorazione», Aggiornato al giugno 1952,
Milano, Giuffrè, 1952, p. 60, L. 300.
C esare L an g o b a r d i , 7 lineamenti dell’ordinamento tributario italiano, La Go­
liardica Ediz., Univ. Venezia, 1952, p. 344, L. 1.800, in litotipo.

Il volume dedicato all’imposta di negoziazione ed a quella sul capitale


delle società straniere contiene una esposizione assai minuta e sistematica dei
soggetti, dell’oggetto, dell’accertamento, della valutazione, della misura, della
liquidazione, dei ricorsi relativi ai due tributi ; la giurisprudenza è riportata da
una apposita appendice e vi è pure un buon indice per materia.
Il lavoro sull’I.G.E. per le merci in lavorazione è invece assai schematico
e sopratutto utile per la raccolta delle norme di legge, istruzioni e circolari in
merito, con brevi cenni illustrativi. La brevità mi sembra in questo caso un
pregio, aiutando il lettore ad orientarsi senza grande fatica nel labirinto di
questioni.
— 96

Il lavoro sui lineamenti del nostro sistema tributario è la raccolta delle le­
zioni di legislazione finanziaria a completamento del Corso svolto dal prof.
Vanoni ed ora dal prof. Steve. Esso è prevalentemente espositivo, tiene conto
dell’Einaudi, del Giannini, del Griziotti, del Pugliese e del Borgatta e si sof­
ferma soprattutto sul diritto tributario materiale.

F ran c e sc o F orte

R o sa r io G r il l o , P rob lem i attu a li di d iritto trib u ta rio, Milano, Gìuffrè, 1952,


p. 180, E. 800.

E ’ un lavoro di notevole interesse teorico e pratico, per la impostazione


moderna dei problemi del bilancio e del reddito netto ai fini dell’imposta sul
reddito. Per gli ammortamenti, l’A. ribadisce che la vigente disciplina fiscale di
essi, si addice alla economia ottocentesca e lenta ad evolversi, per la quale la
imposta di R.M. fu appunto istituita, e non già alle moderne condizioni dell’im­
presa. Affinchè questa conservi intatta la sua efficienza produttiva, è necessario
non solo Pammortamento degli impianti impiegati nella produzione e fisica-
mente da questa logorati, bensì pure la costituzione di riserve destinate a ram-
modernare tutta l’impresa, per tenerla al livello della concorrenza ed a fron­
teggiare i rischi del mercato. Sarebbe bene che la legge fiscale si adeguasse a
questo stato di cose.
Del pari interessante (seppure non nuova, specie all’estero) è la critica
al superato criterio dell’autonomia del bilancio e del reddito fiscale, che non
tiene conto della realtà economica unitaria del flusso temporale del reddito.
Rivalutazione, valutazione degli impianti, valutazione delle scorte e delle rima­
nenze, il diritto di opzione, le nozioni di opificio e stabilimento ai fini del do­
micilio fiscale sono le altre questioni trattate, per lo più con riferimento a cri­
teri realistici.
F r a n cesco F orte

A n e u r i n B e v a n , I l socialism o e la crisi in tern a zion a le, Einaudi, Torino, 1952,


p. 206, L. 1.000.
C alo g e r o , C o l e e A l t r i , L ’ esp erien za socia lista in In g h ilterra , numero speciale
del Ponte, anno V i l i , maggio-giugno 1952, p. 316, L. 1.000.

Si tratta di documenti assai interessanti anche per lo studio della politica


finanziaria laburista e delle ideologie che la ispirano. Nel numero del Ponte
(veramente benemerito per l’iniziativa di dedicare dei bei fascicoli a singole
questioni di elevato interesse sociale attuale, come la resistenza in Italia, la
riforma carceraria, la Germania, gli Stati Uniti, la Sardegna etc.) sono partico­
larmente da segnalare : P : Wilmott, Nazionalizzazioni, J. J. Marus, Struttura e
funzionamento delle aziende nazionalizzate, P. S. Labini, Le nazionalizzazioni
in Inghilterra, I. Thomas, L ’opinione di un conservatore, A. Bertolino, Insegna­
menti della politica economica laburista, A. Predieri, Aspetti costituzionali delle
nazionalizzazioni, saggi in cui si fa la storia e la critica delle recenti na­
zionalizzazioni inglesi, si indica l’inconveniente della mancata sostituzione in-
— 97

tegrale della mentalità e dei sistemi privati, con una gestione pubblica; si
studia il delicato punto dei rapporti con la camera dei Comuni, che ora non
ha sufficiente controllo sulle imprese; si studia la questione dei rapporti fra
operai e imprese pubbliche, riguardo al diritto di sciopero ed all intervento
nella gestione. Nei saggi di P. Wilmott, Po welfare State, J. Mitchell, Pianifi­
cazione e ricostruzione, R. Jenkins, Politica finanziaria e politica tributaria, e
in quello cit. del Bertolino si trattano le questioni complessive dell’intervento
pubblico nell’economia, attraverso controlli, piani, imposte, con gli obbiettivi
della distribuzione, meno disuguale dei redditi, dell’ottenimento della piena oc­
cupazione, assieme alla preoccupazione del bilancio da riportare in pareggio e
dell’industria britannica da potenziare per rimetterla sul livello della concor­
renza internazionale.
Nel saggio, vigoroso e balenante di idee originali (per quanto a volte pa­
radossali, a prima vista soprattutto) di Bevan, oltrchè la disamina attenta e
polemica della spesa gratuita per il servizio sanitario di cui fu promotore e
ministro nel governo laburista passato (su questo tema si cfr. poi nel Ponte,
due saggi di D. S. Murray e G. R. Turner), mi preme di sottolineare la impo­
stazione teorica che il B. dà per la finanza propria del tipo di stato cui tende
il laburismo : ossia lo stato d em ocra tico nel senso della conservazione e del
potenziamento degli istituti rappresentativi e parlamentari; e socialista nel
senso della garanzia di un tenore di vita sufficiente per ciascuno, dell’aboli­
zione di privilegi, della limitazione ai guadagni e alle fortune private, della
stabilizzazione della vita economica sostituendo la concorrenza con la scelta
collettiva nelle decisioni fondamentali sui criteri di impiego del capitale e
sulla quota da destinare a capitale.
Orbene, sotto il profilo finanziario, Bevan riconosce un limite abbastanza
netto nelle possibilità di gettito e di pressione sugli alti redditi e patrimoni
delle imposte dirette e ritiene che in Inghilterra si sia in proposito ormai al
punto critico (già superato, con dannosi risultati, in Italia ed in Francia ed
in parte negli U.S.A. ; nè l’A. ha fiducia eccessiva nelle imposte indirette che
— estese — divengono regressive. Questo dato di fatto finanziario, secondo
il B., pone un limite alla spesa pubblica, se si rimane alla struttura dello stato
e all’ estensione della proprietà privata proprie del regime concorrenziale
e liberista tradizionale; per superare il limite e realizzare il volume deside­
rato di capitalizzazione pubblica e di spesa sociale, che sono in continua
espansione, e per fare in modo che l ’onere gravi sempre di meno sui biso­
gnosi, è necessario mutare la stru ttu ra d ello sta to, ossia la proporzione fra
proprietà pubblica e privata, nazionalizzando una parte delle imprese e costi­
tuendo dei settori produttivi interamente pubblici, così da governare l’offèrta
di quel bene e quelle da essa dipendenti. Allora i mezzi per il pubblico inve­
stimento e per la spesa sociale si potranno trarre largamente attraverso le
imposte incorporate nel prezzo del prodotto pubblico. Questo prezzo sarà di­
versamente elevato sopra il costo, o sotto il costo, secondo che sia destinato
ad assicurare allo stato delle eccedenze da capitalizzare in quella stessa atti­
vità produttiva, oppure dei mezzi per altre spese pubbliche, oppure ad effet­
tuare direttamente una spesa pubblica di utilità sociale od economica, e in

7 - Riv. dir. fin. - Parte I - 1953


— 98 —

base al giudizio collettivo di priorità sui consumi privati necessari e non.


Oltre al risultato fiscale, simili provvedimenti, meglio che le imposte ed i con­
trolli giuridico-amministrativi pubblici, possono adempiere a fini di regolamen­
tazione dell’attività privata, operando dall’interno del sistema economico an­
ziché per incerta sovrapposizione dall’esterno.
Non posso fare a meno di rilevare le somiglianze fra simile impostazione
e quella che — per altro su un piano strettamente scientifico — già da lungo
tempo va in Italia sostenendo il Griziotti; questi infatti, in vista delle fun­
zioni dello stato sociale moderno, indica come strumento fondamentale delle
odierne finanze in espansione, il monopolio fiscale, ritenendo che le imposte
p. d., elevandosi oltre un certo limite, deteriorino tutto il congegno fiscale,
si carichino sul sistema della produzione con danno dei poteri di acquisto dei
salari e della piena occupazione ed inoltre che i tributi extrafiscali siano ina­
datti a controllare e dirigere il mercato, per il che sono invece da usare mi­
sure dirette.
F r a n cesco F orte

tv B. M Azzn i.i, L a durata delle im p rese ind ividu ali, C on trib u to allo stu dio s ta ti­
li ' s stico d ella v ita d elle im prese, Bari, Oressati, 1949, p. 98, s.i.p.

« Il problema della durata delle imprese è di importanza notevole anche


per la scienza delle finanze, sotto due profili fondamentali almeno.
D al punto di vista della assunzione di attività da parte dell’ente pubbli­
co, quando si riconosca che — avuto riguardo alla utilità collettiva — il pri­
vato imprenditore non le svolgerebbe adeguatamente, dato il periodo di pro­
gettazione corto (ma quanto?). D al punto di vista della capacità contributiva,
poiché due dosi di ricchezze sotto tutti gli altri aspetti uguali, hanno una
attitudine fiscale diversa se provengono da una fonte che ne assicura il carat­
tere permanente oppure soltanto temporaneo : per eguagliare le due dosi oc­
corre una quota di risparmio a favore di quella meno stabile ; interessa dun­
que la misura di questa temporaneità.
Per le imprese azionarie gli studi sono stati compiuti in Italia sopra­
tutto dal Lenti (L a v ita d elle so cietà ita lia n e p er aeion i, R iv ista B an caria,
1941, 141 ss. e due saggi prec. ivi cit.), accertando che : la « mortalità » delle
imprese — salvo che nel primo anno — è più alta nella fase infantile poi
decresce e poi si stabilizza; le società con piccolo capitale hanno probabilità
di scomparire maggiore di quelle con grande capitale; la azione selettiva
agisce di più nei periodi di depressione che di prosperità; man mano che
cresce l’età aumenta la probabilità di eliminazione per trasformazione o fu ­
sione rispetto a quella dell’eliminazione per liquidazione; la vita probabile
dai 25 anni in poi si aggira intorno ai venti anni.
Per le imprese individuali si ha ora questo studio del Mazzilli, sul va­
lore conoscitivo dei cui risultati però è necessario fare talune riserve : il « cam­
pione » scelto è la provincia di Bari, la fonte dei dati è il registro delleditte
della Càmera di Commercio, il periodo di osservazione è di 23 anni, dal1925
al 1947; a parte la limitatezza spazio-temporale cui si può ovviare con ulte-
— 99 —

riori ricerche e la relativa anormalità del periodo scelto, di cui si può tenere
conto nell’apprezzamento dei risultati, resta il dubbio se la nozione giuridica
di « vita » per l ’impresa individuale coincida con quella economica : ora, è ben
frequente che per ragioni fiscali, per la piccolezza dell’impresa o per la sua
natura familiare, si tralasci di denunciarla specialmente nei primi anni ; ed
inoltre che quando una impresa individuale si estingue ciò possa derivare dal
suo allargamento di attività, che consiglia di dar vita ad una impresa collet­
tiva, o da ragioni personali e familiari che inducono a mutarne il nome, men­
tre la sostanza non varia, etc.
Pur con queste riserve, lo studio del M. è assai interessante, confrontato
con quello del Lenti per le società azionarie: invero appare che per le im­
prese individuali più elevata è la probabilità di vita nei primi anni e sempre
meno alta man mano che si va avanti, sino a ridursi a meno di 5 anni verso
i 35 anni, scendendo poi all’anno verso i 50. Ciò pare confermare induttiva­
mente l’idea che l’impresa azionaria presenta un reddito più duraturo, essen­
do la sua attività economica meno legata alle vicende della vita di un uomo
che quella dell’impresa individuale. Il che rafforza la tesi della autonoma e
addizionale imposizione degli enti collettivi, per discriminare la maggiore ca­
pacità contributiva del loro reddito, così come si fa per il reddito di capitale
rispetto a quello di lavoro (anche se esistono poi in entrambi le ipotesi ulte­
riori decisive ragioni per la maggiore imposizione).

F ran cesco F orte


RASSEGNA DI PUBBLICAZIONI RECENTI

D IR IT T O F IN A N ZIA R IO

D ir it t o f in a n z ia r io gen e r a le e c o s t it u z io n a l e

H o f f n e r - II co n cetto della p rop rietà e gli od iern i prin cipi della ta ssazion e dal
pu nto di vista m ora le, Jus, 1952, 369.
G i a n n i n i M . S. - P rov v ed im en ti a m m in istrativi g en era li e regola m en ti m in iste­
riali, F o r o I t „ 1953, III, 9.
G r iz io t t i B . - G iustizia sosta n zia le d el d iritto finanziario, D ir. F in . e Se. Fin.,
1952, II, 301.
G u a r in o G. - L eg g e e regola m en to, F o r o I t „ 1953, I , 118.
M a r g a in H . B . - I n te r e s e s com un es en tre et F isco y los con trib u yen tes, R ev . F ise,
y F in., sept. 1952, 34.
O n d e i - L a C ostitu zion e e la ga ran zia giu risd izion a le in m a teria tributaria, F o ­
ro Pad., 1952, IV , 90.
S a in z de B u j a n d a F. - E sta d o d e d erech o y H a cien d a pubblica, R cv . de A dm in.
P u b i, 1951, 193.
S c a i l t e u r C. - In d ubio con tro fiscum , D ir. Fin. e Se. F in ., 1952, I, 334.
V id a l - L ’év olu tion du d etou rn em en t le p ou rv oir dams la J u risp ru d en ce admini-
str a tiv e, R ev. D r. Pub. et Se. P oi., 1952, 275.

D ir it t o s o s t a n z ia l e f in a n z ia r io

A l o n s o O l e a M . - E l reg im en fiscal del plus de ca rga s fa m ilia res, D erech o Fin.,


1952, 385.
D e L u c a A. - La ca usa giu ird ica d ella ob b liga zion e trib u ta ria n elle ta sse su lle
c o n c e s s im i g o v ern a tiv e, D ir. e P ra t. T rib., 1952, I, 279.
G reco G. - T asse o im p oste ip o tec a rie?, D ir. F in . e Se. F in ,, 1952, I I , 322.
L ic carro G. - L a ta ssa zion e una tantu m , A r d i. F in ., 1952, 330.
L u q u i J. C. - L ’ob b liga zion e trib u ta ria n el d iritto a rgen tin o, A rch , F in,, 1952,
65.
J a c k s o n .1. P . - T a x P lanning b e fo r e drilling, T ulan e L a w R ev ., D ie . 1952, 21.
S a s t r e R. M. - L a unidad d e la em p resa en el im p u esto d e d erech os rea les, D e ­
rech o F in ., 1952, 359.

D ir i t t o f o r m a l e f i n a n z ia r io

B e n t iv e g n a C. - D e l ra p p orto di resp on sa b ilità in te rced e n te tra l'esa ttore delle


im p o ste d irette e l’ en te im p ositore per m a n cata risco ssio n e del ca rico di
r u o lo ; A rch . F in ., 1952, 1.
E m m a n u e l M. G. - F e d era i T a x Itefu n d P roced u re, D ìg. of. T a x. A rt., Nov.
1952.
G reco G . - R iscossion e d elle en tra te p a trim on ia li dello S ta to e degli en ti pub­
blici, A rch . F in., 1952, 324.
G reco G. - In g iu n zion e fiscale e r ilie v i in ord in e alla vid im a zion e del P r e to r e
con rife rim en to alla in terru z io n e d ella p rescrizion e, D ir. F in . e Se. F in.,
1952, II, 348.
G reco G. - C on tra tti a c o rrisp ettiv o v a ria b ile o presu n to, dom anda di r e s titu ­
zio n e d ell’ im posta di reg istro e d ecorren za d el term in e di p rescrizion e, Giur.
Ita l., 1952, I, 1, 831.
— 101 —

G reco G. - Om essa rich iesta p rev en tiv a di p rivilegio trib u tario ed effica cia della
domanda di rim b orso n el term in e di p rescrizion e, R ìv. T rib., 1953, 3.
Pori O. - Im p o sta di R icch ez z a M o b ile: P riv ileg io d ello S tato e resp on sa b ilità
solidale, D ir. F in . e Se. Fin., 1952, I, 370.
R aggi L . - Sul p o tere d iscrezion a le d ell’A m m in istra zion e finanziaria, D ir. Fin. e
Se. Fin., 1952, II, 329.
R a s t e l l o L . - La d erogabilità d ella com p eten za ter rito ria le degli u ffici finan­
zia ri dello S tato, D ir. F in . e Se. F in ., 1952, I, 352.
S bordone A . - F a llim en to del co n trib u en te - D iritti d el F isco - A zion i esecu tiv e
esa ttoriali, R iv . T rib., 1952, 585.

D ir it t o p r o c e s s u a l e f in a n z ia r io

B u z z e t t i G. - O rien tam en ti giu risp ru d en ziali in tem a di p rocesso tributario,


A rd i. Fin., 1952, 308.
D e L u c a A . - La riform a d el co n ten zioso trib u tario, A rch . Fin., 1952, 13.
P retto F . - A n cora sulla rifo rm a d e l con ten zioso trib u ta rio, D ir. e P ra t. Trib.,
1952, I, 289.
N a p o l it a n o L . - A m m issib ilità del rico rso alla C orte di Cass. p er m otiv i di leg it­
tim ità co n tro le d ecision i della Comm. C en tra le d elle im poste, G iust. Trib.,
1952, I, 494.
R o to n d i A . - D e lle com m issioni trib u ta rie con rigu a rd o anche alla, C ostitu zion e,
A rch . Fin., 1952, 360.
R o to n d i A . - L e pa rti nel pi-ocesso trib u ta rio, A rch . F in., 1952, 117.
S a l e r n i A . - Gli a tti am m inistrativi n el p resu p posto e n ello sv olg im en to del ra p ­
p orto giu rid ico trib u tario e la tu tela giu risd izion a le, A rch . Fin.. 1952, 150.
Z in g a l i G. - Sui ra p p o rti fr a i due rico rsi p e rv isti dagli artt. 277 e 289 T .V.
F in . toc. e su lla p ossib ilità di riesa m e giu risd izion a le di una con trov ersia
sulla quale l’organo d ecid en te abbia esp resso p a rere in sed e con su ltiva, D ir.
Fin. e Se. F in ., 1952, II, 335.

D ir it t o in t e r n a z io n a l e f i n a n z ia r io '

C arab ib e r - L a q u estion d e la double im position et le problèm a des ju rid iction s


in tern a tion a les du C on grès de Zürich de l’A ss. In tern , fiscal et financièr,
Sept. 1951, R ev . H ellen . D r. In tern ., nr. 1-2, 1952.
Q u a d r i - ConsideratUm s su r l’ en tra id e fiscale intern a tion ale, R ev . E gyp t. D r.
In t., 1951, 1.
S t e e f e l E . C. - T a xa tion o f A m erican In co m e and A m erican B u sin ess in G er­
mani/, T axes, 1952, 707.
V a l d e s C o st a R . - E l con cep to de co n trib u y en te d esd e el doble pu nto de vista
nacional e in tern a cion a l y con r e feren cia esp ecia lm en te a las asocia cion es
de hecho, em presa s y con ju n tos econ óm icos, R ev . de D erech o Comm., 1952,
243.

D ir it t o p e n a l e f in a n z ia r io

A m o ro s R ic a N. - C ronica de J urispru dencia, D erech o F in ., 1952, 413.


B h ö n n e r H . - Z u r zivil- und s tr a frech tlich en H a ftu n g des S teu erb era ters, D ie
W irtsch a ftsp rü fu n g , 444.
H ä l b ig - D er Ir r tu m im S teu er stra frec h t, Z ölle á V erb au clisteu ern , nr. 19-20,
300.
L e n k e w it z - D a s Z u sa m m en treffen m eh rer er S tra fsch ä rfu n sgrü n d e, Z ölle & V er­
brau ch steu ern , n. 19-20, 298.
M a tt e r n G. - O rd n u n gsw id rigk eiten und S teu er stra frec h t, S teu er-Z tg., n. 2,
1952, 21.
M e rl e M . - L ’ an m istie fiscale de 1952, R ev . Sc. et L eg. Fin., 1953, 18.
N u v o l o n e P. - A n cora sul c o n cetto di atti fra u d olen ti, D ir. Fin. e Se. F in., 1952,
II, 361.
— 102 —

S p o h r W . - D ie str a frech tlich e V era n tw o rtlich k eit des W irtsch a ftsp rü fers, W ir t­
sch a ftsp rü fu n g , n. 19, 441.

G i u r i s p r u d e n z a e l e g is l a z io n e f i n a n z ia r i a - D i s c u s s i o n i e p r o p o s t e p r a t ic h e

D e R o m a n is M . - I l p roblem a d ella rio rg a n izza zion e d ell’A m m in istra zion e finan­


ziaria, H ass. T a sse e I I . II., 1952, I, 425.
G ó m e z S a n z L . - C ron ica de legisla ción , D erech o F in., 1952, 407.
L eo n a r d i E. - S ta tistich e, Rasa. T a sse e II . I I ., 1952, I, 476.
P e l a e z E. - L a S ta tistica e gli u ffici d el R eg istro , Rasa, T a sse e I I . II., 1952,
479.
B a v a g l i G . - S ervizio d elle te r z e n o te ip o tec a rie - F on d a m en to giu rid ico della
r ifo r m a d el 1951, R ass. T asse e I I . II., 1952, I, 429.
S erran o F . - R a sseg n a critica d ella giu risp ru d en za in tem a d’im posta su lle su c­
cession i, A rch . F in ., 1952, 400.
S t a m m a t i G . - A p p u n ti su i co n tra sti d ella d ottrin a e d ella giu risp ru d en za circa
la d eterm in a zion e d ell’ im ponibile d ei d iritti rea li fra z io n a ri so g g etti all’im ­
p o sta di reg istro , A rch . F in ., 1952, 163.
U c k m a r V . - G iurispru denza in tem a di ta ssa zion e degli stra n ieri in Ita lia , A rch .
F in., 1952, 408.

SC IEN ZA D E L L E F IN A N ZE

T eo ria g e n e r a le

A m o ro so L. - C apitalism o e ca pitalism o di S ta to, R iv . B an ca ria , 1952, 605.


B a k e r R . & S a r a b ia A . R . - T h e F u n ction o f T a x In c e n tiv e s in In tern a tion a l
T rad e, D ig est of. T a x A rt., 1952, 50.
D ’A lbe rg o E. - L im iti d’ im piego p riv a to e pu bblico di p o tere d’ acqu isto e teoria
d ella p ression e fiscale, R iv . B a n ca ria , 1952, 621.
D e l l a P orta G . - D i un fen o m en o di illu sion e in tem a di m etod i di ta ssazion e,
R iv . B an caria, 1952, 653.
F orte F . - I l problem a della p ro g ressiv ità co n p a rticola re rigu a rd o al sistem a
trib u ta rio italiano, D ir. F in . e Se. F in., 1952, I, 301.
G r i l l i G . - I l c o n fro n to f r a le u tilità di più s o g g etti e l’u tilità pubblica, R iv .
I n i. Se. Soc., 1952, 443.
G r iz io t t i B . - I l m etod o della scien za pura e d elle su ccessiv e approssim azioni
n elle scien ze socia li e critich e, A r. Trib. 1953, 1.
G r iz io t t i B . - P ro b lem i dei lim iti e d ella rip a trizio n e d ei ca rich i pubblici, A r.
T rib., 1953, 51.
H o p k i n W . A . B . - T h e E conom ica o f an A g ein g P op u la tion , L lyod s B a n k R ev .,
1953, 25.
M a n f r a M . R . - Q uadro dei ra p p orti tra scien za econ om ica e scien za finanziaria,
A rch . F in ., 1952, 79.
Q u in t a n a E. F. - P e rs p e c tiv e s fisca les d e la socia liza cion de la in version , R ev .
de A dm in. Pubi., 1951, 193.
T a u t s c h e r A . - I l P ia n o finanziario, A r d i. F in ., 1952, 189.

P o l it ic a e c o n o m ic a e f i n a n z ia r i a f,d o r d in a m e n t o f i n a n z ia r i o

A z z i n i J. E. - D e m a r c o H . A. - C a ra cterística s gen era les de las finanzas publi­


ca s en el U ruguay, R ev . E c. F in . y A dm in., 1952, 27.
B r in k m a n n C . - L a p olitica fin an ciera y econ om ica d e la A lem a n ia O cciden tal,
D erech o F in., 1952, 349.
C a n io t A. - F isca lité co m p a rée A lg e rie, T u n isie, M a roc - E lém en ts d’étu d e, Bull.
In t. F isc. D oc., 1952, 203.
103

C a st e l li - In tro d u zio n e alla r ifo r m a trib u taria, C ivitas, 1952, n. 6, 34.


D e n t A. - L a p o litica finanziaria in Ita lia n ell’u ltim o trien n io, D ir. e P ra t. Trib.,
1952, I, 269.
G reco L. - L a r ifo r m a d el sistem a trib u ta rio e il fen o m en o dell’ ev a sion e fiscale,
R ass. T a sse e I I . II., 1952, I, 285.
t .att G. A. - S om e A sp ects o f th e P rin cip les o f T a x a tio n in N ew Zealand, A c ­
co u n ts’ Journ., 1952, sept. 139.
L u cifred i - O rien ta m en ti g en era li p e r la r ifo r m a d ell’am m inistrazion e, Civitas,
1952, n. 4, 17.
M an zocch i B, - I l V P ian o Q uin qu en nale di svilu ppo d ell’ URSS, C rit. L eon .,
1952, n. 5-6, 90.
M orselli E. - L e im p oste in Ita lia , V oi. I I d el C orso di S cien za della Finanza
pubblica, Padova, Cedam, 1953, pp. 348.
P e sen ti A. - G li s c r itti di Stalin, Crit. E con ., 1952, n. 5-6, 11.
R obbins L. - T h e In tern a tio n a l E con om ie P roblem , L loyd s B a n k R ev., 1953, 1.
S t alin J. V. - P rob lem i econ om ici d el socia lism o n ell’ TJRSS, Crit. E con ., 1952,
n. 5-6, 21.
S tu a r t V. G. M. - E con om ie P o licy in th e N eth erlan d s, L loyd s B a n k R ev., 1953,
37.
T udeee A. E. - P u b lic F in a n ces in F in land sin ce th e W ar, P u b lic F in ance,
1952, 219.
Z avala F. - L a politica trib u ta ria en los 6 u ltim os A n os R ev. F isca l y Fin.,
1953, 27.

S t a t is t ic a e m e t r ic a f i n a n z ia r i a

B i l l e S. F . W . - T h e T a x B u rden on B u sin ess P rofits in S ix C u ntries, Bull. In t.


F isc. D oc., 1952, 193.
I s t it u t o d i e c o n o m ia in t e r n a z io n a l e - In tro d u z io n e sta tistica
allo stu d io dei
P roblem i dell’E u rop a F ed era ta , C am era Com m. In d. e A gr., G en ova, 1952,
p. 164.
M in is t e r o d e i t r a s p o r t i - S ta tistica d ei serv iz i pu bblici di tra sp orto in co n ces­
sio n e rela tiv a all’ anno 1949, Roma, Is t. P oi. S ta to, 1952, pp. 286.
S t a t is t iq u e s e t e t . f i n . - F in la nd e, L a situ a tio n écon om iq u e et fin a n cière en
1952 e t le b ud get d e 1953, 1953, 160.
S t a t is t iq u e s e t e t . f i n . - L e s p rod u its de l’en reg istrem en t, des dom aines et du
tim bre pend ant les an n ées 1948, 1949, 1950, 1951, Suppl. S ta tistiq u es, 1952,
653.
S t a t is t iq u e s e t e t . f i n . - Etats Unis - L ’ aid e à l’étr a n g er depuis de la fin de
la gu erre, 79.
S t a t is t iq u e s e t . f i n . - Suisse, L e bud get de la co n féd éra tio n pou r V e x e r c ic e
1953, 1953, 92.
S t e f a n i G. - S u lla v a lu ta zion e dei serv iz i pubblici n el ca lcolo d el red d ito na­
zion ale, A rch . F in., 1952, 170.
V e z z a n i F . - E n tità e co sto d egli a u tra sp orti n ell’anno 1951, T ra sp orti Pubblici,
1952, n. 1, 13.

S t o r ia d e i f a t t i e d e l l e d o t t r in e f i n a n z ia r i e

F a t t o r o si T. - Svilu ppo sto r ico d ell’ord in am en to d el B ila n cio Ita lia n o e con trollo
del M in istro del T esoro - Roma, Ist. Poi. Stato, 1949, pp. 96.
F ed eral R ese r v e B u l l e t i n - N ation al Sm nm ary o f B u sin ess C onditions, 1952,
1193.
L o d o l in i A. - L a Z ecca P on tificia di R om a n egli u ltim i decenn i, R iv . B an ca ria ,
1952, 543.
M in is t e r o d e l t eso ro - Istitu z io n i e M a g istra tu re
fin an ziarie e di con trollo
della R epu b b lica di G en ova, d alle origin i al 1947, Roma, Ist. Poi. Stato,
1952, 326.
— 104

M inistero del tesoro - M a g istra tu re con tab ili e di con trollo della R ep u b b lica
di V en ezia dalle origini al 1947, Roma, Ist. Poi. Stato, 1950, pp. 156.
R ow an D. - B a n ch e di N igeria : co n trib u to allo stu dio d ell'evolu zion e finanziaria
d elle colon ie, M on eta e Cred., 1952, 176.

ARG O M EN TI E TE O R IE PAR TIC O LA R I

I m p o s t e dir e t te

R ed d iti m obiliari
G a l l i R. - L ’ a ccerta m en to dei red d iti in d u stria li com m ercia li e p rofession a li in
Ita lia ai fini dell’im p osta m ob ilia re, A rch . F in ., 1952, 24.
G reco L. - P ro fitto e red d ito, N o te E con . A zien ., 1952, 209.
L iccardo G. - I q u estion a ri trib u ta ri, A rch . F in ., 1952, 465.
M a y G. O. - A n cora della con ta b ilità n ei period i di inflazion e, N o te E con . A zien d.,
1952, 223.
P ie t r a n t o n io L . - Su ll’ effica cia del p riv ileg io sp ecia le m ob ilia re per cred iti di
im posta di R . M. di cat. B e C-1, di cu i all’ a rt. 2759 GC, R iv . T rib., 1953, 19.
T r a in a P o rtanova S. - D ich ia ra zion e ob b liga toria annuale unica, G iust. T rib.,
1952, 529.

R ed d ito globale
C o s t a n t in o C. - L ’im p ót ita lien su r le r ev en u global et sa sen sib ilité con jon tu -
relle, Pubi. F in ., 1952, 259.
M c L itcas H . - In co m e T a x P lan nin g in th e T ran sm ission o f W ea lt, T a x es,
1952, 973.
N in a L. - Su ll’im p osta di fa m iglia, A rch . F in ., 1952, 476.
R ic h a r d s o n G. G. - A llo ca tio n o f I n v e n to r y C osts in th e d eterm in a tion o f p e­
rio d ic B u sin ess In com e, T h e T a x R ev ., Oct. 1952, 183.
R oberts S. 1. & H a r n e t t B . - T he T rea tm en t o f In te r e s t on O v erasessm en ts,
T a x es, 1952, 795.

P a trim on io
G o t t l ie b M. - T h e C apital L e v y a fte r W orld W a r, I, P u bi. F in ., 1952, 356.
G r il l o R. - R iv a lu ta z io n e p e r con gu a glio m on eta rio, G iust. T rib., 1952, 385.
M i n n i t i F . - L e r is e r v e da sv a lu ta z io n e ed il « M on te m erci » n ella leg g e di p e­
req u a zio n e trib u ta ria , A rch . F in ., 1952, 86.

S o v ra red d iti e in cre m en ti di va lore.


G orkm an J. W . - A C ritiq u e o f R e l ie f under th e E x c e s s P rofits T a x, T a xes,
1952, 1022.
N a p o l it a n o L. - A lcu n i riliev i su ll’ a v oca zion e d ei p rofitti di reg im e p e r il titolo
in d ica to n ell’ art. 10, com m a 3 d el D . L. 26 m a rzo 1946, n. 134, D ir. F in . e
Se. F in., 1952, II, 309.

I m po ste indirette

T ra sferim en ti e ta sse
F rance - E v o lu tio n d e la tech n iq u e dans la p e rcep tio n d e la ta x e à la prod u c­
tion, B ull, des C on tr. In d., Oct. 1952.
F rezza P. - Im p osta globale. U su fr u tto e n uda p rop rietà . R ip a rtizion e, R ass.
T asse e II . II., 1952, I, 483.
G reco G. - B r e v i con sid era zion i su l tra tta m en to trib u ta rio d ei d ecreti in giu n tivi
di pagam ento, G iur. It., 1952, I, 1, 919.
M a z z il l i - A u silia ri d el com m ercio ed im p osta en tra ta , A rch . R ie. G iur., 1952,
1166.
105 —

P r e u s s e E . - O ffen tlich rech tlich e K ö rp e r s c h a fte n im U m sata steu errech t. Steur-


zeitu n g, 1952, 530.
P r o v in i G. - A sso cia zio n e in p a rtecip a zion e e ap p orti n ell’ im posta g en era le sul­
l’en trata, D ir. F in . e Sc. F in., 1952, 382.
P a s t e l l o !.. - B r e v i riliev i in tem a di c o n tra tti di tra sp orto ai fini d ell’im posta
di reg istro , R iv . T rib., 1953, 7.
Z iekold -F r i t s c h - D ie • U m sa tzsteu ersystem e, S teu er-Z tg., n. 22, 353.

D a z i e p o l it i c a doganale

D e T o m a A . - L ’u nione eu rop ea d ei pagam en ti, R iv. B an ca ria , 1952, 517.


S a l e e n i A . - Q u estion i di d iritto d oganale, A rd i. F in., 1952, 375.

M o n e ta - C r e d it o e p r e s t i t i p u b b l i c i

A s s o c ia z io n e b a n c a r ia it a l i a n a - R ela zion e su ll’a ttiv ità sv o lta n ell’ anmo 1950,


p resen ta ta a ll’A ssem b lea del 18 d icem b re 1951, Roma, 1952, pp. 230.
B r e s c ia n i T u r r o n i C. - M o n eta ry P o lic y and In tern a i F in ancia l S ta b ility, R ev .
E con. Cond. I ta ly , 1952, 463.
C a p r a r a V. - L iq u id ità b an caria e co n tro llo d ell’ inflazione, R iv. B an ca ria , 1952,
502.
S t a t is t iq u e s e t e t . p i n . - R a p p ort du con seil d’ ad m in istration de la C aisse
A u to n o m e de G estion des bons de la D é fe n s e N ation ale, d ’E x p lo ita tio n I n ­
d u strielle des T abacs e t A llu m ettes e t d’ am ortissem en t de la D e tt e publique,
Suppl. S ta tistiq u es, 1952, 575.

F in a n z a ed e c o n o m ia d i d if e s a d i g u e r r a e r ic o s t r u z io n e

C h a n d l e r L. V. - P olitica m on eta ria p er il riarm o n eg li S ta ti Uniti, M on eta e


Cred., 1952, 129.
G r iz io t t i B. - G li effe tti econ om ici d elle im p oste d ir e tte e in d ire tte n elle finanze
p er il riarm o - A r. T rib., 1952, 464.

F in a n z a - E c o n o m ia e p o l it i c a ag raria

B oaga G. - S ta to a ttu a le d el ca ta sto italian o, A rch . F in ., 1952, 7.


P a g a n i L. - A lcu n e con sid era zion i su lle p rov v id en ze di cred ito a grario d isp oste
dalle leggi p e r lo svilu ppo d ell’ econ om ia e l’in crem en to d ell’occu p a zion e e
p e r i te r r ito r i m ontani, R iv . Cass. R isp., 1952, 295.

E n t r a t e p a t r i m o n i a l i - F in a n z e ed e c o n o m ia d e l l e i m p r e s e p u b b l i c h e

A r e n a C. - I l co n trollo d egli E n ti econ om ici pubblici, 24 Ore, 27 g e n n . 1953.


D e P a iv a G. - R eg im e L eg a l e P rod u ça o de P e tr o le o , R ev . B ra s, de E con ., 1952,
n. 2, p. 7.
P o r z i - L e u tilizza zion i del m etan o in Ita lia , C ivitas, 1952, n. 8, 19.
S t a t is t iq u e s e t e t . f i n . - R a p p ort su r la situ a tion d es s o ciétés d’ assurances,
de ca p ita lisa tion et des a u tres en trep ris es rég ies p a r le d écret-loi du 18 Juin
1938, Suppl. S ta tistiq u es, 1952, 517.

B il a n c io e c o n t a b i l it à p u b b l i c a

B a r k e r O. - T h e B u d g et C y cle in th e U nited S ta tes o f A m erica , P u bi. Fin.,


1952, 279, 386.
F r a n k M a x - P o u rq u oi et com m en t a x e r le B u d g et B e lg e su r la com p ta b ilité na-
tionale, P u b lic F in., 1952, 233.
S e c k l e r -H u d s o n C. - P e rfo rm a n ce B u d getin g in th e G ov ern m en t o f th e U nited
S tates, Pubi. F in., 1952, 327.
— 106

F in a n z a ed e c o n o m ia d e l l e aeee d e p r e s s e e s o t t o s v il u p p a t e

B l o c h H. S. - L a p olitiq u e fiscale des pays sou s-d év elop p és, R ev . 8 c. et L eg .


Fin., 1953, 5.
D i N ardi G. - P r e c e ttis tic a in tu itiv a e v a lu ta zion e eco n o m etric a p er lo sv ilu p p o
d elle a ree d ep resse, M on eta e Cred., 1952 ,152.
G r iz io t t i B . - L a d isoccu pa zion e ed il sistem a fin an ziario .ed econ om ico italiano,
A r. Triti., 1952, 512.
M ic h e l s o n A . & M a s o in - Les a sp ects fin an cièrs fisca u x et b u d gétaires du
développem ent, des pays sou s-d évélop p és, Ed. W . P. Stockum & Zoon.,
274 pp.

F in a n z a d e l l a f e d e r a z io n e e u r o p e a

L a u f e n b u r g e r H. - Q uelqu es a sp ects fin an cièrs de la F é d éra tio n eu ro p éen n e,


R ev . Se. et Leg. F in ., 1953, 73.
S t a m m a t i G. - A p rop osito d ell’ unità eu rop ea , D ir. F in , e Se. F in ., 1952, I, 346.