Sei sulla pagina 1di 1

URL :http://www.ilmessaggero.

it/
PAESE :Italia
TYPE :Web International

10 febbraio 2020 - 07:00 > Versione online

Lanciata con successo Solar Orbiter


(Teleborsa) - E' stata lanciata con successo dalla base di Cape Canaveral, in Florida, alle 5:03 del
mattino ora italiana, con un razzo Atlas V della NASA, la sonda "Solar Orbiter" dell'Agenzia
Spaziale Europea che ha iniziato il suo viaggio che la porterà a 42 milioni di km, circa 1/3 della
distanza che separa la Terra dalla nostra stella. Solar Orbiter arriverà a destinazione seguendo
dopo un viaggio di due anni, seguendo un'orbita fortemente ellittica.
Dopo circa 50 minuti dalla partenza, la separazione della sonda dal secondo stadio a un'altitudine
di 240 chilometri, seguita dall'accensione del motore che ha fornito la spinta finale. Il controllo
della missione è passato al centro ESOC (Space operation center) dell'Esa a Darmstadt, dove
l'italiano Andrea Accomazzo ha confermato l'avvenuta apertura dei pannelli solari.
Sfruttando la spinta gravitazionale di Venere, uscirà dall'eclittica, il piano orbitale del sistema
solare, per andare a studiare le regioni polari del Sole con un'angolazione compresa tra i 17 e i 33
gradi, allo scopo di approfondire le conoscenze sul campo magnetico, sul vento solare e sui cicli
solari undicennali e ottenere misure puntuali della superficie della nostra stella. Solar Orbiter
opererà in una zona con temperature vicine ai 500 gradi. Tra i dieci strumenti scientifici, c'è il
coronografo italiano Metis costruito da Thales Alenia Space con Ohb Italia, per conto di Airbus
Defence and Space, per lo studio della corona solare.
L'Italia partecipa alla missione fornendo una coppia di sensori di assetto stellare per la
navigazione interplanetaria anche per altri strumenti della sonda
Attraverso l' Agenzia spaziale italiana , il nostro Paese fornisce una serie di contributi tecnologici,
tra cui una coppia di sensori di assetto stellare per la navigazione interplanetaria realizzati da
Leonardo, e quelli sviluppati delle università di Firenze, Genova, Padova, Urbino e Torino,
dell'Istituto nazionale di astrofisica del Cnr, © RIPRODUZIONE RISERVATA

Tutti i diritti riservati