Sei sulla pagina 1di 134

TP16-512 GSM

CENTRALE 16 - 512 ZONE

CEI 79/2 - Livello 2


EN 60950
EN 50130-4
EN 50081-1

MANU ALE PER


MANUALE
L'INST
TAALLA
ATTORE
Versione documento: 1.0
Versione FW 0.8.02 -->
Versione HW TP16-512 GSM
Versione SW programmazione: 4.0 -->
(x Windows)
Data Aggiornamento: Maggio 2010
Lingua: Italiano
Dichiarazione di Conformità
La Tecnoalarm snc di Trucchi Luciano e Negro Giovanni
10156 Torino, Italia

dichiara sotto la propria responsabilità che il prodotto

TP16-512 GSM
è conforme ai requisiti essenziali previsti dalla direttiva 1999/5/CE e che in particolare
vengono coperti gli aspetti della salute e della sicurezza dell’utente previsti dalla
direttiva 73/23/CEE ed i requisiti di compatibilità elettromagnetica prevista dalla
direttiva 89/336/CEE.
Il suddetto prodotto è costruito in conformità alla TBR21 che garantisce le
caratteristiche di connessione alla rete PSTN in Europa.
Inoltre viene garantito il corretto utilizzo dello spettro radio evitando interferenze
dannose.

Torino, lì 20 Aprile 2010

Negro Giovanni

E' vietata la copia, la distribuzione e la pubblicazione del presente manuale o di parti dello stesso, su qualun-
que tipo di supporto e in qualunque forma, senza previa autorizzazione da parte della TECNOALARM.
ll contenuto del presente manuale può essere soggetto a modifiche in qualsiasi momento e senza preavviso.
Manuale installatore indice
Introduzione al Sistema TP16-512 GSM
Menu di programmazione.......................................................... Pag. 05
Configurazione Hardware.......................................................... Pag. 11

Programmazione zone
Zone.............................................................................................. Pag. 21
Zone funzioni................................................................................ Pag. 35
Zone programmi.......................................................................... Pag. 37
Tastiere........................................................................................ Pag. 39
Punti chiave..................................................................................Pag. 41
Opzioni.......................................................................................... Pag. 43
Uscite............................................................................................ Pag. 47
Sirene BUS.................................................................................. Pag. 49

Programmazione sezione telefonica


Parametri telefonici..................................................................... Pag. 51
GSM............................................................................................. Pag. 55
Tecnocell...................................................................................... Pag. 57
Ethernet........................................................................................ Pag. 59
Codici di rapporto.......................................................................Pag. 61
Messaggio-iniziale - Vocabolario..............................................Pag. 63
Telecomandi................................................................................ Pag. 65
Approfondimenti telefonia...........................................................Pag. 67

Programmazione temporizzazioni
Temporizzazioni.......................................................................... Pag. 79
Programmatori orari................................................................... Pag. 83
Fascie orarie di accesso...........................................................Pag. 85
Personalizzazione anno 1.......................................................... Pag. 87
Personalizzazione anno 2.......................................................... Pag. 89
Approfondimenti: programmatori orari - test ciclico................Pag. 91
Approfondimenti: test ciclico server - fascie orarie................Pag. 92

Configurazione accessi
Codici........................................................................................... Pag. 93
Chiavi........................................................................................... Pag. 97
Radiocomandi............................................................................ Pag. 99
Approfondimenti: funzionalità organi diaccesso.................... Pag. 101

Sistema TP16-512 GSM Indice-1


Programmazione sirene tastiere radio
Sirene radio................................................................................. Pag. 105
Tastiere radio...............................................................................Pag. 107

Programmazione Configurazione Hardware


Configurazione Hardware...........................................................Pag. 109

Backup - Restore dispositivi radio


Backup restore dispositivi radio................................................Pag. 115

Analisi rete RS485


Analisi rete RS485......................................................................Pag. 117

Appendici
A1 - Scaricare il firmwaredal sito..............................................Pag. 119
A2 - Aggiornamento firmware da porta USB............................ Pag. 121
A3 - Cancellazione codicidi accesso.......................................Pag. 125
A4 - Cancellazione configurazione centrale.............................Pag. 127

Fogli aggiuntivi
Sistema TP16-512 GSM............................................................Pag. 129
Topologico scheda CPU............................................................Pag. 130
Morsettiera CPU: alimentazione -ingressi............................... Pag. 131
Morsettiera CPU: uscite - alimentazione..................................Pag. 133
Morsettiera CPU: telefonia -seriali..................................... Pag. 134

Indice-2 Sistema TP16-512 GSM


Menu di Programmazione
In alto a sinistra sono visualizzati i tasti funzione, con cui selezionare i menu di programmazione della centrale

Configurazione programmazione

Avanzata - Programmazione avanzata, abilita/disabilita la programmazione avanzata.


N.B. la programmazione avanzata si può abilitare solo se si ha la relativa licenza.

Auto cablaggio - Abilita/disabilita la funzione di autocablaggio.

N.B. tutte le altre funzioni della finestra "Configurazione programmazione" non sono abilitate .

Programmazione generale impianto

Zone - Associazione "Zona Logica" a "Zona Fisica" - Descrizione alfanumerica - Abiltazione del
messaggio vocale da vocabolario - Tipo zona - Cicli di allarme - Cablaggio - Contatore per allarme
- Scelta famiglia sensore - Scelta modello sensore - Filtro ingresso e sensibilità

Zone funzioni - Associazione zone alle funzioni: Sirena - PGM - Parzializzabile - Coincidente -
Chime - Non escludibile - Comune.

Zone programmi - Associazioni delle zone ai programmi - Descrizione alfanumerica dei


programmi - Abilitazione del messaggio vocale da vocabolario.

Tastiere - Definizione delle funzioni delle tastiere - Abbinamento dei led di segnalazione ai
programmi - Inserimento/disinserimento rapido - Funzione panico - Menu rapido - Chime -
Definizioni funzioni vocali - Pianificazione messaggistica programmata.

Punti chiave - Abbinamento dei programmi ai punti chiave

Opzioni - Opzioni di funzionamento - Senalazioni Buzzer - Opzioni sezione radio - Report


messaggi vocali Comportamento zona chiave - Inserimento singolo da chiave - Parametri
telefonici - Potenza di trasmissione radio - Autoesclusione tamper - Anti-mask - Abbinamento
sirene/uscite di allarme

Uscite - Specializzazione uscite - Programmazione polarità

Sirene bus - Abbinamento sirene/programmi - Post lampeggio - Regolazione volume - Modo


sirena - Tipo suono - Abbinamento sirene/allarmi e segnalazioni - Abilitazioni antischiuma e
antiperforazione

Sistema TP16-512 GSM 1-1

Pagina 5 di 134 05/06/10


Programmazione sezione telefonica

Parametri telefonici - Programmazione comunicatori telefonici A ---> H - Numeri telefonici -


Protocolli - ID - Call back - Tacitazioni - Controllo tono - Abilitazione messaggio iniziale.

GSM - Abiltazione GSM - Risposta - SMS richiesta credito - Intestazione messaggi - Abilitazione
e definizione parametri GPRS - Comandi SMS - Password - White list.

Tecnocell - Abilitazione - Risposta - Numero telefonico emergenza - Abbinamento messaggio


risposta - SMS emergenza.

Ethernet - IP address - Subnet mask - Gateway - Programmazione porte di comunicazione per:


Local Server Tecnoalarm - Remote Server Tecnoalarm - Tecnoserver Tecnoalarm - Tecno out.

Codici di rapporto - Codici di rapporto degli 8 comunicatori per: inizio/fine allarme zona e
programma - Inserimento/disinserimento programma - inizio/fine parzializzazione programma

Messaggio iniziale -Vocabolario - Prova/registrazione/caricamento da file del messaggio


telefonico iniziale - Caricamento/aggiornamento file vocabolario.

Telecomandi - Messaggi telecomandi, scrittura descrizione alfanumerica e/o caricamento da


vocabolario - Programmazione del tempo di attivazione.

Programmazione temporizzazioni

Temporizzazioni - Tempi ingresso 1,2, uscita - Ritardi inserimento, attivazione comunicatori,


sirene - Tempi allarme, autoprotezione, tecnico, rapina -Avvisi fine parzializzazione,
autoinserimento - Ritardi antimascheramento e controllo rete -Intervalli tempo massimo di
parzializzazione, intervallo di sopravivenza

Programmatori orari - Programmazione intervento, cadenza giorni/ora, per inserimento


disinserimento (normale, condizionato, forzato) - Parzializzazione inizio/fine - Telecomando ON/
OFF attivare/disattivare.

Fasce orarie di accesso - Fasce orarie di accesso, programmazione della cadenza giorni/ ora,
inizio/fine fascia - Accesso condizionato alle fascie orarie per codici, chiavi, telecomandi abilitati.

Personalizzazione anno 1 - Programmazione calendario anno 1, personalizzazione giorni e


periodi festivi - Condizionamenti programmatori orari e fasce orarie di accesso. Programmazione
dell'ora solare/legale. Programmazione della visualizzazione dei messaggi ciclici di tastiera.

Personalizzazione anno 2 - Stesse funzioni di personalizzazione anno 1 per anno successivo.

1-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 6 di 134 05/06/10


Programmazione codici chiavi radiocomandi

Codici - Programmazione dei codici di inserimento/disinserimento - Attribuzione nome


Determinazione lunghezza codice - Funzione inserimento/disinserimento o parzializzazione
Abbinamento ai programmi - Programmazione attributi.

Chiavi - Programmazione delle chiavi per inserimento/disinserimento - Attribuzione nome


Funzione inserimento/disinserimento o parzializzazione - Abbinamento ai programmi
Programmazione attributi.

Radiocomandi - Programmazione radiocomandi - Attribuzione nome - Abbinamento dei tasti ai


programmi o alle funzioni - Programmazione attributi.

Programmazione sirene tastiere radio

Sirene radio - Programmazione delle sirene radio - Tempo di allarme - Ritardo all'attivazione
Tempo lampeggio - Regolazione volume suono - Modo sirena interna/esterna - Abbinamento agli
allarmi - Programmazione degli attributi per: allarme preallarme, segnalazioni, allarme tecnico.

Tastiere radio - Programmazione delle tastiere radio - Abbinamento dei led di segnalazione ai
programmi - Programmazione attributi, inserimento/disinserimento rapido, panico, menu rapido,
abilitazione sopravvivenza.

Programmazione avanzata

Eventi- ->Operazioni - In base al verificarsi di un preciso evento, ad esempio: (quale evento?


"inserimento"), (di che tipo? "remoto"), (da chi? "utente 1"), (di che cosa? "programma 2"),
(come? "da telefono"). La centrale esegue una operazione programmata abbinata all'evento.

Operazioni - Inserimento nuova operazione - Modifica operazione - Cancella operazione.

Rubrica telefonica - Memorizzazione dei recapiti telefonici, abbinati ad una operazione.

Sistema TP16-512 GSM 1-3

Pagina 7 di 134 05/06/10


Storico eventi

Visualizzazione/consultazione, stampa e salvataggio in un file di testo (TXT) dello storico eventi della centrale. Gli eventi
memorizzati nel file storico sono corredati di data e ora. La consultazione del file storico eventi permette di verificare in
modo circonstanziato e cronologico, l'uso e il funzionamento dell'impianto.

N. - Numero evento, consultazione file eventi, per numero cronologico (sequenza di registrazione).

Data Ora - Consultazione file eventi per data e ora, visualizza gli eventi da "data-ora" a "data-ora"

Descrizione - Descrizione eventi, consultazione del file evento filtrata per tipo di evento.

Configurazione hardware

Configurazione hardware del sistema. Con questo menu è possibile aggiungere/cancellare, i moduli hardware, che
compongono l'impianto.

Aggiungi - Selezionando la voce "aggiungi" si aggiunge il dispositivo selezionato dall'elenco.

Cancella - Selezionando la voce "cancella" si elimina il dispositivo selezionato dall'elenco.

Dispositivi disponibili - Elenco dei dispositivi compatibili con il sistema

Configurazione planimetrie

Con questo menu è possibile creare e gestire la planimetria associata all'impianto.


La funzione è abilitata, dal possesso della specifica licenza d'uso Tecnoalarm.

Menu a tendina che permette la scelta degli elementi utili per la realizzazione della
planimetria. Inoltre sono disponibili comandi specifici per visualizzarla.

Simboli disponibili - Raccolta di simboli che è possibile inserire nella planimetria.

1-4 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 8 di 134 05/06/10


RF monitor

RF monitor è uno strumento di analisi. Da questo menu è possibile visualizzare graficamente la trasmissione dei
dispositivi radio ed il livello, dei disturbi radio dell'ambiente in cui il sistema è installato.
RF monitor si attiva solo se si è collegati alla centrale da monitorare.

Radio rx - tasto di selezione del ricevitore che si vuole monitorare.

Ch. - Selezione del canale della frequenza che si vuole monitorare

Tastiera remota

Questo menu visualizza una tastiera virtuale, con cui è possibile interagire, con la centrale a cui si
è collegati.
La tastiera remota si visualizza solo se si è collegati alla centrale.

BackUp-Restore programmazione dispositivi radio

Il menu permette due azioni distinte il BackUp ed il Restore della programmazione dei dispositivi radio.
Funzione disponibile sole se si è collegati alla centrale.

Ricezione (Backup) - Riceve dalla centrale collegata e salva su PC i dati di programmazione


dei dispositivi radio. Backup (salva una copia).

Invio (Restore) - Invia alla centrale collegata i dati di programmazione relativi ai sensori radio,
precedentemente salvati sul PC. Restore (ripristino).

Ultimo backup - Registrazione di data e ora dell'ultimo Backup.

Sistema TP16-512 GSM 1-5

Pagina 9 di 134 05/06/10


Messaggio telefonico iniziale

Il menu permette di inviare (memorizzare sulla centrale) il messaggio telefonico iniziale che si è registrato nel menu
"programmazione sezione telefonica". Funzione disponibile solo se si è collegati alla centrale.

Invio - Tasto di invio (memorizzazione) del messaggio telefonico iniziale alla centrale.

Verifica - Tasto di verifica (ascolto) permette di ascoltare il messaggio telefonico memorizzato.

Aggiornamento firmware e vocabolario

Da questo menu e possibile, aggiornare il firmware della centrale e dei moduli del sistema (solo per i dispositivi
predisposti). Il menu permette anche l'aggiornare del vocabolario messaggi vocali della centrale.
Funzione disponibile solo se si è collegati alla centrale

Centrale - Visualizza la versione hardware ed il firmware installato. Permette l'aggiornamento firmware.

Vocabolario - Visualizza la versione installata. Permette l'aggiornamento del file vocabolario.

Modulo - Permette di scegliere il modulo, visualizza la la versione hardware ed il firmware installato.


Permette l'aggiornamento firmware.

Analisi rete RS485

La videata visualizza un analizzatore di comunicazione della rete RS485 che collega il sistema.
Funzione disponibile solo se si è collegati alla centrale.

Dip - Indirizzo logico del dispositivo


TOT - Numero totale delletrasmissioni in rete
ERROR - Numero degli errori di comunicazione

Controllo coerenza hardware

E possibile utilizzare questo menu in alternativa alla configurazione hardware fatta con il PC, ovvero l'installatore può
montare tutte le apparecchiature che compongono l'impianto e lanciare questa procedura che automaticamente rileva
tutti i didpositivi installati contradistinsi dal proprio indirtizzo fisico
Da questo menu è anche possibile analizzare in qualsiasi momento la presenza e la coerenza di tutti i dispositivi che
compongono l'impianto. Funzione disponibile solo se si è collegati alla centrale
1-6 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 10 di 134 05/06/10


Configurazione hardware moduli disponibili
CENTRALE TP16-512 GSM - 16 ingressi zona,espandibile su BUS RS485 fino a 512 (zone radio max 256)
- 7 Uscite di allarme programmabili - 2 Serial BUS (velocità di comunicazione 38400 Baud) - 1 Siren BUS
-Modulo GSM - Ethernet LAN 8 porte - Alimentatore 6,2A

Espansione Zone Max 48

SPEED ALM8PLUS
Scheda espansione zone con alimentatore - 4 Ingressi Sensor BUS per 8 zone - 4 Uscite di allarme
programmabili - 1 Uscita Siren BUS per 8 sirene - Alimentatore 1,8A

SPEED 8PLUS
Scheda espansione zone - 2 Ingressi Sensor BUS per 8 zone - 2 Uscite di allarme programmabili

SPEED 4PLUS
Scheda espansione zone - 1 Ingresso Sensor BUS per 4 zone - 4 ingressi zona - 1 Uscita di allarme progr.

SPEED ALM8
Scheda espansione zone - 8 Ingressi zona- 4 Uscite di allarme programmabili - Alimentatore 1,8A

SPEED 8
Scheda espansione zone - 8 Ingressi zona - 2 Uscite di allarme programmabili

SPEED 8STD
Scheda espansione zona - 8 Ingressi zona

SPEED 4 ...
Scheda espansione zona - 4 Ingressi zona - 1 Uscita di allarme programmabile

Console Max 32

LCD300/S
Console di comando - Visualizzazione,display LCD 2 righe x 16 caratteri - 32 Led di segnalazione
- Tastiera 16 tasti - Altoparlante integrato per la gestione dei messaggi vocali

Sistema TP16-512 GSM 1-1

Pagina 11 di 134 05/06/10


Espansione Wireless Max 3

RX 300
Scheda espansione zone radio - Ricevitore radio doppia frequenza 433MHz/868MHz. Gestisce il
funzionamento dei dispositivi tastiere via radio LCD 300WL, sirena via radio SAEL 2000WL

RTX 200
Scheda espansione zone radio - Ricetrasmettitore radio doppia frequenza 433MHz/868MHz - Gestisce il
funzionamento bidirezionale dei dispositivi tastiere via radio LCD 300WL e sirena via radio SAEL 2000WL

LCD 300WL
Console di comando radio - Display LCD 2 righe x 16 caratteri - 16 tasti - 1 ingresso di allarme NC

SAEL 2000WL
Sirena radio - Doppia frequenza bidirezionale

TX 240-3
Radiocomando - Programmabile - 3 Tasti funzione

Punti di Comando Max 16

TP SDN
Tastiera seriale - Tastiera 12 tasti - 18 Led di segnalazione - Comanda fino a 4 programmi

TP SK6N
Punto chiave - Attivatore per chiave elettronica - 10 Led di segnalazione - Comanda fino a 6 programmi

TP SKN
Scheda per attivatori - Per il collegamento di un attivatore per chiave elettronica - Comanda 3 programmi

Trasmettitore GSM Max 1

TECNOCELL PRO
Trasmettitore telefonico GSM - Ricetrasmissione su rete cellulare di toni DTMF e dati - Ricetrasmissione di
messaggi SMS - Trasmissione di messaggi vocali. Il dispositivo non ha indirizzo

SPEED RS485
Ripetitore di linea seriale - Modulo di rigenerazione segnali per seriale RS485, permette, l'estensione di un
altro chilometro - Il dispositivo non ha indirizzo

STAR RS485
Ripetitore di linea seriale - Modulo di estensione diramazione e rigenerazione segnali per seriale RS485
3 loop - 6 linee (collegamento a stella) Il dispositivo non ha indirizzo

SAEL 2000 BUS


Sirena RS485 - Sirena seriale,autoalimenata, per esterno, la sirena si collega al Siren BUS, sul sistema si
possono collegare un massimo di 15 sirene SAEL 2000 BUS

1-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 12 di 134 05/06/10


Espansioni Uscite Max 48

Sistema TP16-512 GSM 1-3

Pagina 13 di 134 05/06/10


1-4 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 14 di 134 05/06/10


Sistema TP16-512 GSM 1-5

Pagina 15 di 134 05/06/10


1-6 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 16 di 134 05/06/10


Sistema TP16-512 GSM 1-7

Pagina 17 di 134 05/06/10


1-8 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 18 di 134 05/06/10


Sistema TP16-512 GSM 1-9

Pagina 19 di 134 05/06/10


1-10 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 20 di 134 05/06/10


Programmazione generale impianto
Cliccare sull'icona 1 programmazione generale impianto

Si visualizza la finestra del menu "Zone"

In questo menu si programmano le funzioni relative alle zone.

1 - Associazione Zona logica a Zona fisica


A - Zona logica. Cliccare sul menu a tendina. Si visualizza l'elenco
A B C
numerico progressivo, delle zone logiche, gestite dalla centrale

B - Dispositivo fisico (modulo). Cliccare sul menu a tendina.


Si visualizza l'elenco dei moduli (dispositivi), fisicamente dotati di
ingressi zona, l'elenco è composto da: non associata (zona logica
non attribuita a nessun dispositivo fisico). Centrale (centrale di
controllo). Esp. radio (espansione zone radio) Modulo da 1 a 48
(espansione zone filari)

C - Zona del dispositivo fisico. Cliccare sul menu a tendina.


Si visualizza l'elenco numerico progressivo delle zone fisiche
disponibili sul modulo selezionato

Dopo l'associazione della zona logica a zona fisica, si visualizzano i campi che caratterizzano la zona.

Sistema TP16-512 GSM 2-1

Pagina 21 di 134 05/06/10


2 - Descrizione
Descrizione alfanumerica della zona - Per la descrizione
sono disponibili 16 caratteri. Il testo della descrizione viene
visualizzato sul display della tastiera per identificare la zona.

Messaggio vocale - L'abiltazione del messaggio vocale amplia


la finestra visualizzando i campi A,B,C,D, in ognuno dei 4
campi è possibile scegliere un vocabolo, i vocaboli proposti
sono estratti dal vocabolario della centrale. I quattro vocaboli
A+B+C+D, formano il messaggio vocale associato alla zona.
A B C D Il messaggio sarà riprodotta vocalmente dai dispositivi abilitati.

Tasto copia vocaboli - Cliccando su E (tasto copia) i vocaboli


A+B+C+D, vengono automaticamente copiati nel campo
E descrizione, ovviamente rispettando il limite di 16 caratteri, di
conseguenza i caratteri eccedenti alla sedicesima posizione
vengono troncati.
La copia dei vocaboli nel campo descrizione è facoltativa,
copiando i vocaboli si rendono coerenti le descrizioni visiva e
vocale della zona.

Dopo l'associazione della descrizione alfanumerica, la programmazione della zona prosegue e si sviluppa
in base alle scelte di famiglia e modello di sensore.
Ogni famiglia ha connotati e parametri di programmazione specifici.

Classificazione delle famiglie di sensori convenzionali e Tecnoalarm


La programmazione delle zone varia in base al tipo di collegamento (cablaggio) tra il sensore e la centrale.
Suddividendo i sensori in base al tipo di collegamento, possiamo identificare quattro gruppi.
Ogni gruppo ha differenti caratteristiche di funzionamento, che si traducono in differenziate modalità di programmazione
Nelle pagine seguenti vengono illustrate a titolo di esempio tutte le casistiche di programmazione dedicate alle varie
tipologie di sensori.

Gruppo 1
Zone con cablaggio convenzionale e Tecnoalarm (RDV), con cablaggio: N.C. - N.O
Bilanciato - Doppio bilanciamento

Gruppo 2
Zone radio - RADIO (sensori Tecnoalarm con collegamento in radiofrequenza)

Gruppo 3
Zone con cablaggio seriale - ZONA BUS per barriere seriali Tecnoalarm: Winbeam - Doorbeam

Gruppo 4
Zone con cablaggio seriale - SENSOR BUS sensori Tecnoalarm: Dualtecno - Dual Mask
Esplorer - Beamtower

2-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 22 di 134 05/06/10


Programmazione Sensori convenzionali

Sensore convenzionale
La definizione, sensore convenzionale indica
tutte le tipologie di sensori classici, ovvero
sensori, che manifestano l'allarme attravero
la commutazione di un semplice contatto.
La famiglia dei sensori convenzionali
comprende sensori con uscita di allarme a relè,
contatti magnetici, sensori di vibrazione,
contatti a fune ecc. ecc.
I sensori convenzionali nel complesso offrono
prestazioni tecniche di gran lunga inferiori,
rispetto ai sensori, che utilizzano tecnologie
native Tecnoalarm. I sensori Tecnoalrm
racchiudono, caratteristiche uniche in grado di
aggiungere precisione e qualità, alla rivelazione
degli allarmi. (RDV, RSC, RBC).

3 - Caratteristiche zona
Tipo - Scelta tipo zona (specializzazione di funzionamento) è possibile
scegliere tra:

Esclusa - Condizione che esclude la zona dal funzionamento.

Istantanea - Zona non soggetta a ritardi di attivazione allarme.

Interna - Zona con funzionamento dinamico, la zona è normalmente istantanea, diventa ritardata, nell'istante in cui una
qualsiasi zona ritardata va in stato di preallarme.

Tecnologica - Zona attiva 24h su 24h specializzata per il controllo di sensori tecnologici, rilevazione allagamento, gas,
incendio ecc.

Ritardata T1 - Zona soggetta ad un ritardo di ingresso ed un ritardo di uscita, governata dal tempo ritardo ingresso 1

Ritardata T2 - Zona soggetta ad un ritardo di ingresso ed un ritardo di uscita, governata dal tempo ritardo ingresso 2

Rapina - Zona che genera un allarme silenzioso e invisibile, di massima priorità

Chiave - Zona che inbase al suo stato logico condiziona l'attivazione/disattivazione del programma di cui fa parte

Tamper - Zona di autoprotezione sempre attiva (ZT)

4 - Cicli
Definizione del numero massimo cicli di allarme per sessione di
funzionamento. La zona si autoesclude dal funzionamento nel momento in cui
il suo contatore di allarmi raggiunge il valore impostato. L'autoesclusione
perdura fino allo spegnimento del programma in cui la zona è compresa.
I numeri di cicli impostabili sono: 1,4,8,15 o infiniti cicli al raggiungimento del
numero programmato la zona si autoesclude dal funzionamento.

Sistema TP16-512 GSM 2-3

Pagina 23 di 134 05/06/10


5 - Cablaggio
Definizione (scelta) della modalità di collegamento elettrico del sensore al
morsetto d'ingresso zona. La scelta della modalità di cablaggio deve essere
fatta in funzione del tipo di sensore da collegare
Attenzione la scelta di cablaggio N.C. (normalmente chiuso) e N.O.
(normalmente aperto) declassano il livello di prestazione (norma CEI79/2) del
sistema, è possibile scegliere tra:

N.C. - Zona normalmente chiusa. Il positivo di riferimento ingresso, passa in un contatto chiuso in condizione di riposo.

BILANCIATA - Zona bilanciata, la tensione di riferimento ingresso passa in un contatto chiuso in condizione di riposo,
in serie al contatto viene montata una resistenza da 2,7K, che provvede a bilanciare (regolare) la tensione di ritorno
verso la centrale.

DOPPIO BILANCIAMENTO - Il doppio bilanciamento (anche definito 2BIL) è in grado di riconoscere su di un unico filo il
contatto di allarme e il contatto di manomissione del sensore. La tensione di riferimento ingresso passa attraverso i due
contatti, su cui in maniera opportuna sono state collegate due resistenze di bilanciamento da 2,7k, che provvedono a
bilanciare (regolare) la tensione di ritorno verso la centrale.

N.O. - Zona normalmente aperta la tensione di riferimento ingresso, passa in un contatto aperto in condizione di riposo

ZONA BUS - Il cablaggio ZONA BUS è dedicato al collegamento delle barriere seriali Tecnoalarm WINBEAM/S e
DOORBEAM/S.
Si tratta di un collegamento digitale, tramite il quale la centrale può provvedere alla programmazione ed al controllo
completo delle barriere seriali. Tramite questo collegamento la centrale è in grado di riconoscere e discriminare il tipo e
l'entità dell'allarme che la barriera trasmette.

SENSOR BUS - Il cablaggio SENSOR BUS è possibile solo sui dispositivi che dispongono di un ingresso SENSOR
BUS, si tratta di un collegamento seriale in RS485. A questi ingressi è possibile collegare solo sensori Tecnoalarm
della famiglia BUS. Questi sensori dispongono di un interfaccia RS485. Tramite questo collegamento bidirezionale la
centrale programma, controlla e gestisce completamente ed in modo peculiare i sensori

RADIO - Si tratta di un cablaggio virtuale. Questa specializzazione viene visualizzata solo se l'ingresso zona
selezionato appartiene ad un dispositivo radio.

6- Numero attivazioni nel tempo


La zona segnala allarme se il numero di attivazioni (allarmi da 0 a 99 ) viene
verificato nel tempo (minuti da 0 a 99).
La segnalazione di allarme viene anche attivata se, allo scadere del tempo
impostato la zona risulta essere ancora in allarme (anche se il numero di
attivazioni programmato non è stato verificato) tempo di accettazione allarme.

7 - Famiglia
Famiglia sensore, in base alla tipologia di cablaggio scelta precedentemente,
vengono automaticamente proposte le famiglie di sensori coerenti.
Le famiglie tra cui è possibile scegliere sono:

Bitecnologia - Sensore volumetrico con doppia tecnologia (MW+IR)


Microonde - Sensore volumetrico a microonda (MW)
Infrarossi - Sensore volumetrico ad infrarossi (IR)
Microcontatti - Contatto magnetico
Inerziale - Sensore d'urto inerziale
Conteggio - Contatti a fune per tapparella
Perimetrale - Protezioni perimetrali, barriere ad infrarossi e radar
Tecnologico - Sensori gas, incendio, allagamento ecc.
Doppler - Sensori volumetrici di tipo RDV (Tecnoalarm)

2-4 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 24 di 134 05/06/10


8 - Modello
Il campo Modello, in base alla famiglia scelta, propone l'elenco modelli di sensori
Tecnoalarm tra cui scegliere.
Attenzione i campi Famiglia e Modello sono editabili, ovvero se si vuole dare una
descrizione/nome diversa da quella proposta è possibile scrivere all'interno dei
campi i nomi desiderati.
Attenzione se si inseriscono dei nuovi nomi, prestare molta attenzione al campo
filtro, perchè l'automatismo che propone l'unità di misura del filtro non è più
funzionante, quindi è necessario scegliere manualmente tra le voci: msec.,
conteggio, inerziale o doppler.

9 - Filtro
Unità di misura del Filtro
Scegliere l'unità di misura del filtro, in funzione del tipo sensore.

Sensibilità
Agendo sul cursore si può variare la sensibilità/valore del filtro
Il filtro assume scale di valori diversi in funzione dell'unità di misura.
A seconda dei casi il valore può esprimere un tempo o un conteggio
Il valore del filtro esprime, la soglia, in base alla quale, la centrale
riconosce o no un allarme.

Unità di misura e valori del filtro


msec - 200, 400, 1000, 2000 (tempo minimo di apertura ingresso per accettare l'allarme)
Conteggio - 2, 4, 8, 16 (numero di aperture ingresso per accettare l'allarme, il contatore si azzera dopo 15 sec.)
Inerziale - 12, 24, 36, 48 (numero di aperture ingresso per accettare l'allarme, il contatore si azzera dopo xxxx sec.)
Doppler - 3, 5, 7, 10 (algoritmo di analisi e conteggio del segnale rilevato da un sensore microonda).

10 - Copia
Il tasto copia, permette di copiare la programmazione di una zona.
L'uso del tasto copia è utile per velocizzare la programmazione quando più zone
dell'impianto devono avere le stesse caratteristiche.
Il tasto copia ha la funzione di copiare tutta la programmazione di una zona è di
renderla disponibile per copiarla (incollarla) in un altra.

11 - Incolla
Il tasto incolla si visualizza solo in seguito alla digitazione del tasto copia.
Il tasto visualizza anche un numero tra parentesi, il numero visualizzato si
riferisce al numero della zona che è stata copiata.
Il tasto incolla, permette di incollare (copiare) la zona precedentemente copiata in
un altra zona. Dopo aver incollato le caratteristiche di una zona in una nuova zona
è sufficente cambiare i parametri desiderati, come ad esempio la descrizione.

La programmazione della zona è completata


Per confermare le programmazioni premiOK
Per annullare le programmazioni premiAnnulla

Sistema TP16-512 GSM 2-5

Pagina 25 di 134 05/06/10


Programmazione Zone BUS WINDOORBEAM
Zone BUS. Programmazione delle barriere seriali Winbeam e Doorbeam
La prima parte di programmazione della Zona BUS è uguale alle altre tipologie di zona.

1- Cablaggio
Per accedere alla programmazione della
ZONA BUS selezionare il campo cablaggio
e scegliere "ZONE BUS"

2 - Famiglia/Modello
Selezionare il campo modello e scegliere
uno dei modelli DOORBEAM o WINBEAM.

Di seguito vengono illustrati i campi di configurazione delle barriere seriali raggruppati nel riquadro A

3 - Posizione cavi
Dichiarazione della posizione di uscita dei cavi di collegamento, alto o basso,
alto significa che il cavo esce dalla parte alta della barriera, basso significa che
il cavo esce dalla parte bassa. La dichiarazione alto/basso serve a stabilire la
numerazione dei raggi, numerazione dall'alto in basso o dal basso in alto.

4 - Raggi
Abilitazione dei raggi al funzionamento. Ogni raggio è numerato, la casella
bianca a lato del numero indica se il raggio è abilitato o no, per abilitare o
disabilitare il raggio cliccare sulla casella. La casella con il carattere di spunta
indica raggio abilitato, la casella vuota, indica raggio disabilitato.

5 - Tempo di intervento
Impostazione del tempo di interruzione raggio, fattore "T", per provocare allarme.
Il tempo "T" è uno dei fattori nelle regole "Modo di funzionamento" (punto 4).

6 - Modo di funzionamento
Scelta del modo di funzionamento. Nelle regole di funzionamento il simbolo "T"
indica il "Tempo di intervento" (punto 3)

7 - Power
Regolazione della potenza di trasmissione dei raggi, nell'operare la scelta tenere
conto della distanza tra trasmettitore e ricevitore e delle eventuali riflessioni
ambientali, le opzioni sono: OFF (barriera spenta), minima, media, alta.

2-6 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 26 di 134 05/06/10


Programmazione Zone Radio
Zone Radio. Programmazione delle Zone Radio
La prima parte di programmazione della Zona Radio è uguale alle altre tipologie di zona.

1 - Espansione radio
Per programmare una Zona Radio è
necessario, nel campo selezione modulo
scegliere il dispositivo fisico Esp. radio

Note: al sistema TP16-512 possono essere connessi fino a 3 moduli radio.


Il sistema TP16-512 può gestire fino a 256 Zone radio

2- Cablaggio
Per accedere alla programmazione di una Zona Radio
selezionare il campo cablaggio e scegliere "RADIO"

3 - Famiglia/Modello
Selezionare il campo famiglia e segliere "INFRAROSSI" o la
famiglia desiderata.
Selezionare il campo modello e scegliere il modello.

Di seguito vengono illustrati i campi di configurazione dei sensori radio raggruppati nel riquadro A

4 - Disabilitazione soppravvivenza e Tamper


Disabilitazione dell'interpretazione del segnale di sopravvivenza.
Disabilitazione dell'allarme Tamper.
La casella bianca indica che la funzione è abilitata.
La casella con il carattere di spunta indica funzione disabilitata.

Sistema TP16-512 GSM 2-7

Pagina 27 di 134 05/06/10


Programmazione Sensor BUS DUALTECNO
Sensor BUS. Programmazione di un sensore doppia tecnologia DUALTECNO BUS
La prima parte di programmazione della zona Sensor BUS è uguale alle altre tipologie di zona.

1 - Modulo
Per programmare una Zona Sensor Bus è
necessario, nel campo selezione modulo
scegliere un dispositivo fisico Modulo.

2- Cablaggio
Per accedere alla programmazione di una zona SENSOR BUS
selezionare il campo cablaggio e scegliere "SENSOR BUS"

3 - Famiglia/Modello
Selezionare il campo famiglia e segliere "BITECNOLOGIA".
Selezionare il campo modello e scegliere DUALTECNO BUS

Di seguito vengono illustrati i campi di configurazione del sensore Dualtecno BUS contenuti nel riquadro A

4- Sensibilità/Tempo
Regolazione del tempo minimo di rilevazione movimento affinchè
venga riconosciuto come allarme.
Attenzione il parametro è valido solo per la sezione microonde.

2-8 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 28 di 134 05/06/10


5- Sensibilità
Regolazione della portata massima del sensore, sezione
microonda.

6 - Conta impulsi
Regolazione del numero di impulsi che devono essere rilevati
dalla sezione infrarossi prima di generare un allarme.
1 impulso IR o 3 impulsi IR. Il tempo di conteggio si resetta dopo
20sec. dalla rilevazione del primo impulso (Time-out).

7 - Modulazione RDV
Scelta modalità di funzionamento normale o RDV. Allarme come
contatto - Funzionamento normale.
Il sensore si comporta come un normale sensore.
Modulazione RDV su allarme - Funzionamento RDV, il sensore
invia alla centrale un segnale digitale in funzione del movimento
rilevato dalla microonda.

8- FAIL
Abilitazione/disabilitazione, segnalazione di guasto del sensore.

9 - LED
Programmazione modo di funzionamento dei LED di
segnalazione. Sempre spenti - I LED non si accendono mai.
Abilitati - I LED si accendono solo se il programma che
comprende il sensore è inserito ed il sensore rileva allarme.

10- Sensore attivo


Solo a progr. inserito - Il sensore è attivo solo a centrale inserita.
Sempre - Il sensore è sempre attivo.

11 - Tamper
Abilitazione disabilitazione della protezione Tamper.

Sistema TP16-512 GSM 2-9

Pagina 29 di 134 05/06/10


Programmazione Sensor BUS DUAL MASK
Sensor BUS. Programmazione di un sensore doppia tecnologia DUAL MASK BUS 05.
La prima parte di programmazione della zona Sensor BUS è uguale alle altre tipologie di zona.

1 - Modulo
Per programmare una Zona Sensor Bus è
necessario, nel campo selezione modulo
scegliere un dispositivo fisico modulo.

2- Cablaggio
Per accedere alla programmazione di una zona SENSOR BUS
selezionare il campo cablaggio e scegliere "SENSOR BUS"

3 - Famiglia/Modello
Selezionare il campo famiglia e segliere "BITECNOLOGIA".
Selezionare il campo modello e scegliere DUALMASK BUS 05

Di seguito vengono illustrati i campi di configurazione del sensore Dualtmask BUS contenuti nel riquadro A

4- Sensibilità/Tempo
Regolazione del tempo minimo di rilevazione movimento affinchè
venga riconosciuto come allarme.
Attenzione il parametro è valido solo per la sezione microonde.

2-10 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 30 di 134 05/06/10


5- Sensibilità
Regolazione della portata massima del sensore, sezione
microonda.

6 - Conta impulsi
Regolazione del numero di impulsi che devono essere rilevati
dalla sezione infrarossi prima di generare un allarme.
1 impulso o 3 impulsi IR.

7 - Modulazione RDV
Scelta modalità di funzionamento normale o RDV. Allarme come
contatto - Funzionamento normale. Il funzionamento del sensore
é normale. Modulazione RDV su allarme Funzionamento RDV, il
sensore invia alla centrale un segnale digitale in funzione del
movimento rilevato dalla microonda.

8 - Modo di funzionamento
Scelta del modo di funzionamento. In logica AND o in Logica OR.

9 - Sensibilità AM
Regolazione sensibilità della funzione antimask.

10 - Antimask IR
Abilitazione/disabilitazione del sensore infrarosso di antimask

11 - Antimask MW
Abilitazione/disabilitazione del sensore microonda di antimask

12 - FAIL
Abilitazione/disabilitazione, segnalazione di guasto del sensore.

13 - LED
Programmazione modo di funzionamento dei LED di
segnalazione. Sempre spenti - I LED non si accendono mai.
Abilitati - I LED si accendono solo se il programma che
comprende il sensore è inserito ed il sensore rileva allarme.

14 - Sensore attivo
Solo a progr. inserito - Il sensore è attivo solo a centrale inserita.
Sempre - Il sensore è sempre attivo.
Attenzione si consiglia di utilizzare sensore attivo a prog. inserito

15 - Tamper
Abilitazione disabilitazione della protezione Tamper.

Sistema TP16-512 GSM 2-11

Pagina 31 di 134 05/06/10


Programmazione Sensor BUS EXPLORER
Sensor BUS. Programmazione della barriera microonde ESPLORER BUS.
La prima parte di programmazione della zona Sensor BUS è uguale alle altre tipologie di zona.

1 - Modulo
Per programmare una Zona Sensor Bus è
necessario, nel campo selezione modulo
scegliere un dispositivo fisico Modulo.

2- Cablaggio
Nel campo cablaggio scegliere ZONE BUS
A

3 - Famiglia/Modello
Nel campo famiglia scegliere Perimetrale
Nel campo modello scegliere Explorer BUS

Di seguito vengono illustrati i campi di configurazione barriera Explorer BUS contenuti nel riquadro A

4 - Sensibilità/Tempo
Regolazione del tempo minimo di rilevazione movimento affinchè
venga riconosciuto come allarme.

5 - Sensibilità
Regolazione della sensibilità, (sono disponibili 5 livelli)

6 - Canale TX
Impostazione del canale di trasmissione. Se nell'impianto
coesistono più coppie differenziare il canale TX

7 - Segnalazione FAIL
Abilitazione/disabilitazione della segnalazione di guasto barriera.

8 - Supervisione
Abilitazione/disabilitazione della supervisione. L'abilitazione
funziona solo quando si collega il filo il TX al RX (sincronismo)

9 - Tempo di mascheramento
Impostazione del tempo di mascheramento.

10 - Antimascheramento attivo
Modalità di abilitazione dell'antimascheramento. Sempre attivo o
attivo solo se il programma è inserito.

2-12 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 32 di 134 05/06/10


Programmazione Sensor BUS BEAMTOWER
Sensor BUS. Programmazione della barriera infrarosso BEAMTOWER.
La prima parte di programmazione della zona Sensor BUS è uguale alle altre tipologie di zona.

1 - Modulo
Per programmare una Zona Sensor Bus è
necessario, nel campo selezione modulo
scegliere un dispositivo fisico modulo.

2- Cablaggio
Per accedere alla programmazione di una zona SENSOR BUS
selezionare il campo cablaggio e scegliere "SENSOR BUS"

3 - Famiglia/Modello
Selezionare il campo famiglia e segliere "PERIMETRALE".
Selezionare il campo modello e scegliere "BEAMTOWER"

Di seguito vengono illustrati i campi di configurazione barriera BEAMTOWER raggruppati nel riquadro A

4 - Configurazione
Dichiarazione del tipo di perimetro da proteggere, perimetro
aperto o perimetro chiuso, numero dei lati che compongono il
perimetro, oppure barriera una coppia per lato.

Sistema TP16-512 GSM 2-13

Pagina 33 di 134 05/06/10


5 - Raggi
Abilitazione dei raggi al funzionamento. Ogni raggio è numerato,
la casella bianca a lato del numero indica se il raggio è abilitato
o no, per abilitare o disabilitare il raggio cliccare sulla casella.
La casella con il carattere di spunta indica raggio abilitato, la
casella vuota indica raggio disabilitato.

Ta (Tempo di attraversamento)
Impostazione del tempo di interuzzione del raggio, fattore "Ta"
per provocare allarme. Il tempo "Ta" è uno dei fattori nelle regole
"Modo di funzionamento" (punto 5).

6 - Modo Funzionamento
Scelta del modo di funzionamento (regole di funzionamento). In
alcune regole di funzionamento è indicato il fattore "Ta"" che
indica il "Tempo di attraversamento" (punto 4A)

7 - Tempo accecamento MASK


Abilitazione/disabilitazione della funzione accecamento ed
impostazione del tempo minimo necessario per provocare
allarme accecamento.

8 - Potenza raggi
Regolazione della potenza di trasmissione dei raggi, nell'operare
la scelta tenere conto della distanza tra trasmettitore e ricevitore
e delle eventuali riflessioni ambientali.
.

9 - Disqualifica FAIL
Abilitazione/disabilitazione della funzione disqualifica.
Disqualifica impostabile per numero minimo di raggi interessati,
e per tempo minimo di permanenza continua, della condizione di
disqualifica, prima di generare la segnalazione di guasto.

10 - Alimentazione
Dichiarazione indipendente per TX e RX del tipo di alimentazione,
alimentazione da rete (AC) o da alimentatore (DC).

2-14 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 34 di 134 05/06/10


Associazioni Zone-Funzioni

Cliccare sul tasto Zone-Funzioni


Nel menu ogni funzione ha una videata, ogni videata, rende visibili tutte le zone logiche gestite dalla centrale, è possibile
abbinare alle funzioni solo le zone programmate. Per abilitare/disabilitare la zona alla funzione clicca sulla zona.
La casella con il carattere di spunta indica che la zona è abilitata alla funzione.

Scegli la funzione ed abilita o disabilita


le zone

Ad ogni zona è possibile associare le seguenti funzioni

1 - Associazione Zone-Sirena
Abbinamento della Zona alla sirena. In caso di allarme le zone associate attivano la sirena.

2 - Associazione Zone-PGM
Abbinamento della Zona all'uscita logica PGM. In caso di allarme le zone associate attivano l'uscita
PGM

3 - Associazione Zone-Parzializzazione
Si assegna alla Zona la caratteristica di parzializzabile. L'attributo di parzializzazione rende la zona
escludibile dal funzionamento. La parzializzazione della zona avviene digitando un codice dedicato alla
funzione.

4 - Associazione Zone-Coincidenti
Si associa alla zona la caratteristica di zona coincidente. Le zone coincidenti hanno due modalità per
provocare un allarme di centrale.
1 - Funzionamento in doppio impulso, la zona coincidente riconosce un allarme, se dopo 6 secondi ed
entro 15 minuti la stessa zona riconosce un altro allarme, la centrale va in allarme.
2 - Funzionamento in doppio allarme, una zona coincidente riconosce un allarme, se entro 15 minuti
una altra zona coincidente va in allarme, la centrale va in allarme.
Attenzione è sconsigliato programmare come coincidente una zona rirardata.

Sistema TP16-512 GSM 2-1

Pagina 35 di 134 05/06/10


5 - Associazione Zone-Chime
Si assegna alla zona la caratteristica di Zona-Chime. Una Zona-Chime assume un doppio
comportamento. Quando il programma a cui appartiene la zona è inserito, la zona svolge normalmente
il compito a lei attribuito, secondo i criteri della sua programmazione. Quando il programma a cui
appartiene la zona è disinserito, la zona svolge la funzione Chime. La commutazione di una zona
Chime attiva la segnalazione dei dispositivi associati alla funzione Chime (buzzer di console, uscite
logiche, sirene bus) secondo le modalità programmate.

6 - Associazione Zone-Non escludibile


Si assegna alla zona la caratteristica di non essere escludibile. La zona non escludibile non può
essere esclusa con nessun tipo di comando. Le funzioni di autoesclusioni della zona se programmate
rimangono abilitate.

7 - Associazione Zone-Comune
Si assegna alla zona la caratteristica di essere una zona comune.
Si definisce zona comune, una zona che appartiene a più di un programma. La zona comune è attiva
solo se tutti i programmi di cui fa parte sono attivi, la zona comune è disattiva se uno dei programmi di
cui fa parte è disattivo. Per il suo funzionamento prevale la logica dell'attivazione, la zona è attiva solo
se tutti i programmi che la contengono sono attivi.

Nell'esempio a lato si può notare che le zone LOCALE 2 e


LOCALE 4 non sono abilitate alla funzione. La Zona 21 non
è programmata (non è abilitabile). Tutte le altre zone con il
carattere di spunta sono abilitate alla funzione.

ll menu Zone-Funzioni è completato


Per confermare le programmazioni premiOK.
Per annullare le programmazioni premiAnnulla.

2-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 36 di 134 05/06/10


Associazioni Zone-Programmi

Cliccare sul tasto Zone-Programmi


Il menu Zone-Programmi permette di creare (compilare) i programmi di funzionamento della centrale.
Ogni programma ha una videata, ogni videata, rende visibili tutte le zone logiche gestite dalla centrale, è possibile
abbinare ai programmi solo le zone programmate. Per abbinare la zona al programma clicca sulla zona.
La casella con il carattere di spunta indica che la zona è abbinata al programma.

Definizine di programma
Ogni programma di inserimento identifica un gruppo (insieme) di zone, l'insieme di zone viene abilitato al funzionamento
nel momento in cui il programma il programma viene acceso.

Zona condivisa
Una zona può appartenere a più programmi, in questo caso la zona è abilitata al funzionamento nel momento in cui uno
dei programmi a cui appartiene viene acceso, la zona condivisa, viene disabilitata dal funzionamento nel momento in cui
l'ultimo dei programmi a cui appartiene viene spento.

Zona comune
Una zona è comune, se ad essa è stata programmata la funzione Zona comune (vedi il capitolo Zone-Funzioni)
Una zona comune può appartenere a più programmi, in questo caso la zona è abilitata al funzionamento nel momento
in cui tutti i programmi a cui appartiene vengono accesi, la zona comune, viene disabilitata al funzionamento nel
momento in cui uno dei programmi a cui appartiene viene spento.
Nell'utilizzo dell'impianto è possibile accendere uno o più programmi contemporaneamente.
Le fasi di accensione e spegnimento sono indipendenti per ogni programma.

1 - Programmi
Nel riquadro vengono visualizzati tutti i numeri che identificano
i programmi gestiti dalla centrale.
Clicca sul numero del programma che si vuole selezionare.

Sistema TP16-512 GSM 2-1

Pagina 37 di 134 05/06/10


2 - Descrizione
A
Selezione e compila il campo descrizione A.
Nel campo descrizione è possibile nominare con caratteri
alfanumerici il programma, Per la descrizione sono disponibili
16 caratteri. Il testo della descrizione sarà visualizzato sul
display della tastiera per identificare il programma.

3 - Messaggio vocale
Seleziona i menu a tendina A,B,C,D e scegli i vocaboli.
A B C D In ognuno dei 4 campi è possibile scegliere un vocabolo, i
vocaboli proposti sono estratti dal vocabolario della centrale. I
quattro vocaboli A+B+C+D, formano il messaggio vocale
associato al programma.
Il messaggio vocale sarà riprodotta dai dispositivi abilitati.

A 4 - Tasto copia vocaboli in descrizione


Cliccando su A (tasto copia) i vocaboli A+B+C+D, vengono
automaticamente trascritti nel campo descrizione, ovviamente
rispettando il limite di 16 caratteri, di conseguenza i caratteri
eccedenti alla sedicesima posizione vengono troncati.
La copia dei vocaboli nel campo descrizione è facoltativa,
copiando i vocaboli si rendono coerenti le descrizioni visiva e
vocale della zona.

Nell'esempio a lato si può notare che le zone: LOCALE 4,


DISIMPEGNO, GARAGE 1 e SALA PRANZO non sono
abbinate al programma.

Le Zone 10 e 11 non sono programmate (quindi non sono


abbinabili al programma).

Tutte le altre zone con il carattere di spunta sono abbinate al


programma.

ll menu Zone-Programmi è completato


Per confermare le programmazioni premiOK.
Per annullare le programmazioni premiAnnulla.

2-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 38 di 134 05/06/10


Programmazione Tastiere

Cliccare sul tasto Tastiere


Il menu Tastiere (Console) permette di programmare le tastiere LCD300/S.
Ogni tastiera ha una videata, ogni videata, rende visibili tutte le opzioni gestite dalle tastiere.

1 - Selezione della Tastiera


Clicca sul menu a tendina, vengono visualizzate tutte le tastiere gestite dalla
centrale, scegli la tastiera.

2 - Inserimento rapido
Abilitazione o disabilitazione della funzione inserimento rapido

3 - Disinserimento rapido
Abilitazione o disabilitazione della funzione disinserimento rapido

4 - Panico
Abilita la tastiera alla generazione di allarme panico. L'allarme panico viene
provocato dalla digitazione contemporanea dei 2 tasti: freccia su e freccia giù.

5 - Menu rapido
Se abilitato permette l'attivazione/disattivazione dei telecomandi, senza la
digitazione del codice.

6 - Chime
Abilita/disabilita la tastiera come organo di segnalazione per la funzione Chime.

Sistema TP16-512 GSM 2-1

Pagina 39 di 134 05/06/10


7 - Opzioni audio
Volume - Scelta dell'intensità sonora (volume) per la
riproduzione dei messaggi vocali.
Audio sempre - Abilita la console a riprodurre sempre i
messaggi, anche per operazioni eseguite da altre console.
Universale - Abilita la console all'inserimento e disinserimento
di tutti i programmi ai quali il codice è abilitato, anche se il
programma non è visualizzato dai led. In questo caso
l'inserimento/disinserimento viene visualizzato sul display.

8 - Led di segnalazione stato programmi


La console LCD300/S è dotata di 15 coppie di led che
visualizzano lo stato e l'allarme dei programmi di
funzionamento.

Il riquadro rappresenta graficamente la posizione fisica delle


coppie di led dedicati alle segnalazioni relative ai programmi.

Seleziona la posizione clicca sul menu a tendina e scegli


il programma che si vuole visualizzare in quella posizione.

Per non abbinare il LED ai programmi apri il menu a tendina e


clicca sull'opzione vuota

9- Messaggistica programmata
La centrale permette di programmare 3 messaggi, l'estensione
massima per ogni messaggio è 2 righe da 16 caratteri.
I messaggi verranno visualizzati su tutte le console
dell'impianto alla data che è stata impostata nel calendario,
i messaggi possono essere visualizzati più volte nel corso
dell'anno.
Per la programmazione della data di visualizzazione dei
messaggi, leggi il paragrafo "Personalizzazione anno1 e 2".
Priorità di disattivazione. Il messaggio visualizzato sarà
cancellato solo dal riconoscimento del codice specificato nel
campo "Priorità di disattivazione".

ll menu Tastiere è completato


Per confermare le programmazioni premiOK.
Per annullare le programmazioni premiAnnulla.

2-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 40 di 134 05/06/10


Programmazione Punti chiave

Cliccare sul tasto Punti chiave


Il menu Punti chiave permette di abbinare ai punti chiave i programmi che essi possono comandare.
Ogni punto chiave ha una videata, ogni videata, visualizza sei campi numerati da 1 a 6 che corrispondono ai 6 tasti
del punto chiave PROX-K6N. E' importante tenere conto che la tastiera TP-SDN gestisce 4 programmi, mentre i punti
chiave TP-SKN (scheda controllo per attivatore) gestiscono 3 programmi.

1 - Selezione del Punto chiave


Clicca sul menu a tendina e segli il punto chiave che si vuole programmare.

2 - Associazione Punto chiave ai programmi


Attenzione la finestra visualizza 6 posizioni, quindi 6 programmi è importante
sapere quanti programmi può gestire il dispositivo che si sta programmando,
vedi elenco.

PROX K6N - 6 Programmi - I numeri da 1 a 6 rappresentano le 6 possibili


attivazioni eseguibili dal punto chiave PROX K6N. I numeri si riferiscono ai 6
tasti del punto chiave, l'abbinamento pulsante numero programma è libero.

TP-SDN - 4 Programmi - Il punto chiave TP-SDN può gestire un massimo


di 4 programmi, gli abbinamenti 5 e 6 non sono possibili.

TP-SKN - 3 Programmi - L'interfaccia TP-SKN, scheda di controllo per


attivatore gestisce 3 programmi, gli abbinamenti 4,5 e 6 non sono possibili.

ll menu Punti chiave è completato


Per confermare le programmazioni premiOK.
Per annullare le programmazioni premiAnnulla.

Sistema TP16-512 GSM 2-1

Pagina 41 di 134 05/06/10


2-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 42 di 134 05/06/10


Programmazione Opzioni

Cliccare sul tasto Opzioni


Il menu Opzioni permette la programmazione dei parametri di carattere generale della centrale.

1 - Opzioni Buzzer
Nel riquadro buzzer vengono definite le opzioni di funzionamento e
segnalazione del buzzer delle console LCD300/S.
CHIME - Nel menu a tendina è possibile scegliere la modalità di
funzionamento del buzzer per un evento Chime, le opzioni sono.
Continuo per un allarme zona il buzzer inizia a suonare, il buzzer
smette di suonare quando la zona torna a riposo.
Impulsivo per un allarme zona il buzzer suona per 2 secondi.

Tempo di uscita - Abilita/disabilita il buzzer, durante il tempo di uscita


(preinserimento)
Tempo di ingresso - Abilita/disabilita il buzzer, durante il tempo di
ingresso (preallarme)
Allarme - Abilita/disabilita il buzzer, durante il tempo di allarme
Avviso fine parzializzazione - Abilita/disabilita il buzzer, per l'avviso
della fine del tempo di parzializzazione
Preavviso autoinserimento - Abilita/disabilita il buzzer, per il preavviso
di autoinserimento (da programmatore orario)
Report sonori - Abilita/disabilita i messaggi vocali della console.
Abilitando questa opzione, tutte le segnalazioni del riquadro buzzer,
vengono segnalate vocalmente dall'altoparlante della tastiera.
Attenzione il buzzer rimane attivo quindi per evitare che il suono del buzzer
si sovrapponga alle segnalazioni vocali, è necessario disattivare il buzzer
commutando il Dip 10 della console.

Sistema TP16-512 GSM 2-1

Pagina 43 di 134 05/06/10


2 - Sezione radio
Nel riquadro sezione radio vengono definite le opzioni di allarme
per le condizioni, sopravvivenza e mascheramento.
Sopravvivenza - L'allarme sopravvivenza viene generato
quando la centrale, non riceve da uno dei suoi dispositivi radio,
entro il tempo previsto il segnale di sopravvivenza (vedi tempo
massimo di sopravvivenza). L'evento di mancata ricezione del
segnale di sopravvivenza di un dispositivo radio, viene registrato
nel file storico. L'evento può anche essere segnalato,
in modo visivo e/o acustico, da e nelle modalità descritte di seguito
Mascheramento - L'allarme mascheramento viene generato
quando il ricevitore radio della centrale, rileva (per il tempo massimo
previsto) una interferenza sulla frequenza utilizzata dai dispositivi
radio del sistema. (vedi tempo massimo di mascheramento).
L'evento di mascheramento radio, viene registrato nel file storico.
L'evento può anche essere segnalato, in modo visivo e/o acustico,
da e nelle modalità descritte di seguito.

Segnalazioni - Abilita/disabilita le segnalazioni di natura visiva.


Se si abilita la funzione la segnalazione viene visualizzata da:
console (segnalazione di anomalia), sinottici e espansioni uscite
logiche.
Sirene - Abilita/disabilita le segnalazioni di natura acustica. Se si
abilita la funzione la sirena suona per il tempo programmato per un
evento di manomissione.

3 - Report messaggi vocali


Abilita/disabilita i messaggi vocali della console per tutte le
segnalazioni e allarmi.

4 - Comportamento zone chiave


Specifica il comportamento delle zone definite "zona chiave".
I comportamenti sono:
A impulso - L'ingresso riconosce un comando impulsivo, per cui
ogni volta che l'ingresso riconosce un impulso, cambia stato.
(Esempio per comandare il programma associato all'ingresso
chiave collego sull'ingresso chiave un pulsante).
A stato - L'ingresso riconosce un comando ON/OFF, per cui ogni
volta che l'ingresso riconosce un cambio di stato, cambia stato.
(Esempio per comandare il programma associato all'ingresso
chiave collego sull'ingresso chiave un interuttore).

5 - Inserimento singolo da chiave


Questa opzione è valida solo per gli attivatori collegati al modulo
chiave TP-SKN. L'opzione, permette alla chiave di inserire i
programmi, a lei abbinati in modo singolo e sequenziale, un
programma alla volta, in sequenza. (In fase di accensione -
Inserendo la chiave nell'inseritore si accende il primo programma,
abbinato alla chiave, il secondo inserimento della chiave, spegne
il primo programma e accende il secondo,ecc.) In fase di
spegnimento - inserendo la chiave nell'inseritore la chiave spegne
il programma a lei abbinato.

6 - Nazionalità
Definizione dei parametri telefonici. I parametri di funzionamento
della rete telefonica sono diversi in ogni nazione. Per garantire un
funzionamento appropriato, scegli tra le opzioni la tua nazione.

2-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 44 di 134 05/06/10


7 - Modifica codice da utente
Abilita/disabilita il privilegio dell'utente Master.
Con l'opzione abilitata, tutti i codici utente godono degli stessi
privilegi, ogni codice può, visualizzare e modificare solo se stesso.
Con l'opzione disabilitata, il codice utente master è l'unico codice
che ha il privilegio di poter visualizzare e modificare tutti gli altri
codici utente.

8 - Inversione codici di rapporto


L'opzione abilita, nella trasmissione di protocolli digitali, l'inversione
delle cifre. Abilitare l'opzione solo nel caso sia specificatamente
richiesto.

9 - Modalità radio
Nel menu a tendina è possibile selezionare la potenza di uscita del
trasmettitore radio RTX200.
Con l'opzione Sistema 1 si ha una bassa potenza di trasmissione.
Con l'opzione Sistema 2 si ha una media potenza di trasmissione.
Con l'opzione Sistema 3 si ha una alta potenza di trasmissione.

10 - Autodisabilitazione autoprotezione
Il menu a tendina permette di disabilitare la funzione di
autoesclusione allarme per eventi di autoprotezione (Tamper).
Oppure permette la funzione di autoesclusione dell'autoprotezione
dopo il numero di cicli di allarmi impostato.
Se si abilita la funzione programmando un numero massimo di cicli
di allarme per autoprotezione, si ablita la programmazione del
tempo di riattivazione autoprotezione, ovvero a seguito di
autoesclusione dopo quanto tempo ore e minuti la
autodisabilitazione si riattiva.

11 - Mascheramento zone (Mask sensori BUS)


Il menu a tendina permette di scegliere le modalità di controllo e di
allarme per gli eventi di mascheramento dei sensori BUS.
Le opzioni sono:
Sempre attivo - Il controllo è sempre attivo, gli allarmi e le
segnalazioni di console, sono abilitati.
Allarme solo a programma inserito - Il controllo si attiva solo se
il programma è inserito, per i sensori appartenenti, gli allarmi sono
abilitati, le segnalazioni di console no, (il Led di manomissione si)
Allarme/segnalazioni solo a programma inserito - Il controllo si
attiva solo se il programma è inserito, per i sensori appartenenti, le
segnalazioni di console e gli allarmi, sono abilitati.

12 - Uscite di allarme
Abbinamento delle sirene logiche ai programmi. Nel riquadro sono
visualizzati, un menu a tendina con cui selezionare la sirena logica,
1 riga per i programmi e 1 riga per le uscite PGM.
Possiamo abbinare liberamente ad ogni sirena logica i programmi e
le uscite PGM. Poi nel menu uscite si abbina la sirena logica ad
una uscita, su cui si collega la sirena fisica.

Il menu Opzioni è completato


Per confermare le programmazioni premiOK.
Per annullare le programmazioni premiAnnulla.

Sistema TP16-512 GSM 2-3

Pagina 45 di 134 05/06/10


2-4 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 46 di 134 05/06/10


Programmazione Uscite

Cliccare sul tasto Uscite


Nel menu Uscite si abbinano le uscite dei moduli alla specializzazione.

1 - Scelta del modulo hardware


Clicca sul menu a tendina, si visualizzano i moduli hardware dotati
di uscite programmabili.
Clicca su quello che vuoi programmare.

2 - Abbinamento dell'uscita alla specializzazione


Per ogni modulo, suddivise per righe vengono visualizzate le uscite
A B C programmabili, ogni riga è suddivisa in 3 campi.

A - Campo descrittivo, viene indicato il nome dell'uscita fisica del modulo.


B - Campo programmabile, clicca sul menu a tendina e scegli la specializzazione dell'uscita.
C - Campo programmabile, clicca sul menu a tendina e scegli la polarità dell'uscita, nella condizione di riposo.

SIR INT - Uscita open-collector a cui è possibile abbinare una


delle specializzazioni. Programmabile come normale o inverita.

Attenzione l'uscita SIR INT è una uscita positiva in grado di erogare al massimo 300mA

SRA - Uscita rele a cui è possibile abbinare una delle


specializzazioni. Programmabile come normale o invertita

Sistema TP16-512 GSM 2-1

Pagina 47 di 134 05/06/10


OUT 1 - Uscita open-collector (logica negativa) a cui è possibile
abbinare una delle specializzazioni. Programmabile come normale
o inverita.

OUT 2 - Uscita open-collector (logica positiva) a cui è possibile


abbinare una delle specializzazioni. Programmabile come normale
o inverita.

OUT 3 - Uscita open-collector (logica negativa) a cui è possibile


abbinare una delle specializzazioni. Programmabile come normale
o inverita.

OUT 4 - Uscita open-collector (logica positiva) a cui è possibile


abbinare una delle specializzazioni. Programmabile come normale
o inverita.

ll menu Uscite è completato


Per confermare le programmazioni premiOK.
Per annullare le programmazioni premiAnnulla.

2-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 48 di 134 05/06/10


Programmazione Sirene BUS

Cliccare sul tasto Sirene bus


Menu di programmazione delle funzioni delle sirene BUS. Le sirene Bus sono collegate sul Siren BUS.

1 - Selezione della sirena BUS


Selezione del numero (indirizzo) della sirena BUS che si vuole
programmare.

2 - Abbinamento ai programmi
Abbinamento della sirena ai programmi di funzionamento della
centrale.

3 - Programmazione tempo Post lampeggio


Programmazione del tempo di lampeggio successivo ad un ciclo
di allarme. Al termine di un ciclo di allarme la sirena smette di
suonare ma il lampeggiante della sirena rimane attivo per il tempo
programmato (max 99 minuti).

4 - Regolazione volume per Preallarme


Cliccando sulla barra si regola il volume, della sirena (scegli 1 dei 4
livelli) per le segnalazioni di chime preallarme e allarme tecnico.

5 - Scelta modo sirena


Scelta della modalità di funzionamento In base alla scelta la sirena
segue le modalità di funzionamento, sirena interna o sirena esterna.

Sistema TP16-512 GSM 2-1

Pagina 49 di 134 05/06/10


6 - Allarme
Modo di funzionamento per la segnalazione di allarme.
Non attivo - per questa segnalazione la sirena non viene attivata.
Suonata - si attiva solo l'allarme acustico.
Lampeggiante - si attiva solo l'allarme ottico.
Suonata+Lampeggiante - si attivano gli allarmi ottico e acustico

7 - Tipo suono per Allarme


Scelta del tipo di suono per la segnalazione di allarme.

8 - Allarme tecnico
Modo di funzionamento per la segnalazione di allarme tecnico.
Non attivo - per questa segnalazione la sirena non viene attivata.
Suonata - si attiva solo l'allarme acustico.
Lampeggiante - si attiva solo l'allarme ottico.
Suonata+Lampeggiante - si attivano gli allarmi ottico e acustico.

9 - Tipo suono per Allarme tecnico


Scelta del tipo di suono per la segnalazione di allarme tecnico.

10 - Preallarme
Modo di funzionamento per la segnalazione di preallarme.
Non attivo - per questa segnalazione la sirena non viene attivata.
Suonata - si attiva solo l'allarme acustico.
Lampeggiante - si attiva solo l'allarme ottico.
Suonata+Lampeggiante - si attivano gli allarmi ottico e acustico.
(Per questa funzione il tipo di suono non è modificabile).

11- Segnalazioni
Modo di funzionamento per le segnalazioni di inserimento/disinserimento
dei programmi associati alla sirena.
Non attivo - per questa segnalazione la sirena non viene attivata.
Suonata - si attiva solo la segnalazione acustica.
Lampeggiante - si attiva solo la segnalazione ottica.
Suonata+Lampeggiante - si attivano le segnalazioni, ottica e acustica.
(Per questa funzione il tipo di suono non è modificabile).

12 - Chime
Modo di funzionamento per la segnalazione chime.
Non attivo - per questa segnalazione la sirena non viene attivata.
Suonata - si attiva solo l'allarme acustico.
Lampeggiante - si attiva solo l'allarme ottico.
Suonata+Lampeggiante - si attivano gli allarmi ottico e acustico.
(Per questa funzione il tipo di suono non è modificabile).

13 - Abilitazione antischiuma e antiperforazione


Abilitazione/disabilitazione delle funzioni di autoprotezione della sirena.
Protezione antischiuma e protezione antiperforazione.

Il menu Sirene Bus è completato


Per confermare le programmazioni premiOK.
Per annullare le programmazioni premiAnnulla.

2-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 50 di 134 05/06/10


Programmazione sezione telefonica
Clicca sull'icona 1 programmazione sezione telefonica

Si visualizza la finestra "Programmazione sezione telefonica " menu "Parametri telefonici"

In questo menu si definiscono i parametri telefonici degli 8 comunicatori e della Call back: numeri telefonici, protocollo,
identificativo. Inoltre si definiscono le tacitazioni e le funzioni di carattere generale.

1 - Comunicatori
La centrale dispone di 8 comunicatori telefonici (A, B, C, D, E, F, G, H) ad ognuno di
essi può essese associato un nome, un numero telefonico principale, un numero
telefonico di emergenza, un protocollo di comunicazione ed un codice identificativo.
Ogni comunicatore ha un riquadro che comprende i campi da compilare.

A - Comunicatore A. Campo per la descrizione alfanumerica.


Per scrivere il nome clicca sul campo, si hanno a disposizione 14 caratteri.

N.tel.1 - Numero principale, primo recapito telefononico, che il comunicatore chiama,


nel suo ciclo telefonico. Per scrivere il numero clicca sul campo, per
la compilazione, si hanno a disposizione 24 cifre.

N.tel.2 - Numero d'emergenza, secondo recapito telefonico, che il comunicatore


chiama, nel suo ciclo telefonico. Per scrivere il numero clicca sul campo, per la
compilazione, si hanno a disposizione 24 cifre.

.
Sistema TP16-512 GSM 3-1

Pagina 51 di 134 05/06/10


Protocollo - Scelta del protocollo di comunicazione, utilizzato dal comunicatore
per inoltrare gli allarmi. I protocolli di comunicazione si dividonono in tre gruppi,
Vocali, Digitali, Tecnoalarm. Per scegliere il protocollo, clicca sul campo.

Si visualizza la finestra con l'elenco dei protocolli di comunicazione utilizzati dalla


centrale.

Scegli dall'elenco il protocollo desiderato e clicca sul tasto OK.

ID - Codice identificativo del comunicatore (lunghezza massima del codice 6 cifre).


Tramite Il codice identificativo il centro di Teleassistenza identifica il comunicatore e
di conseguenza la centrale, da cui provengono gli allarmi.

2 - Callback
Callback, (richiamare) è la funzione che sollecita la centrale a chiamare il centro.
Nella Callback è la centrale a chiamare il centro, quindi la telefonata è a suo carico
La Callback è uno dei metodi di programmazione/gestione da remoto.
Il riquadro a lato, racchiude la programmazione dei parametri di funzionamento.

Call back - Campo descrittivo alfanumerico, nome Callback, (es. installatore).


Per scrivere il nome clicca sul campo, (estensione 14 caratteri).

N.tel.1 - Numero/indirizzo di Callback principale, è il recapito telefonico o l'indirizzo


IP, che il comunicatore utilizza, per la Callback. Per scrivere il numero/indirizzo,
clicca sul campo, (estensione 24 caratteri).

N.tel.2 - Numero/indirizzo di Callback di riserva, il numero di riserva ha le stesse


prerogative del numero principale.
Il numero di riserva viene contattato solo se, il primo numero non è raggiungibile.

Protocollo - Protocollo di comunicazione, utilizzato per la Callback.


La centrale supporta 4 protocolli di comunicazione, per scegliere il protocollo,
clicca sul campo, fino a che si visualizza il nome del protocollo desiderato.
I protocolli selezionabili sono: Tecno Standard (000), Tecno GSM (160),
Tecno GSM dati (175), Tecno GPRS (182),il numero tra parentesi, indica il codice
numerico del protocollo. Nella programmazione da console il protocollo viene
programmato come codice numerico.

Disabilitazione redirezionamento - Definizione di redirezionamento: il


redirezionamento, indica l'azione di un comando, che devia il flusso, dai canali
predefiniti come standard, verso una diversa destinazione.
Nel nostro caso con il redirezionamento,il centro di teleassistenza può tramite una
specifica richiesta, deviare la chiamata di Callback dai numeri programmati, verso
un altro recapito telefonico, indicato dal centro.
Con la funzione selezionata: la centrale non può mai deviare dai numeri di Callback
programmati.(La Callback sarà effettuato sempre e solo sui 2 numeri programmati).
Con la funzione non selezionata: la centrale su richiesta del centro, può deviare la
chiamata di Callback dai numeri programmati, al nuovo recapito indicato dal centro.

3-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 52 di 134 05/06/10


3 - Tacitazioni
La tacitazione è il comando che interrompe le chiamate di allarme
del comunicatore/i. Ad ogni comunicatore è stato associato un
protocollo di comunicazione, i protocolli si suddividono in tre
gruppi vocali, digitali e Tecnoalarm.
Le tacitazioni di conseguenza sono tre una per ogni gruppo
di protocolli, più la tacitazione totale
Tacitazioni Vocali - Tacita i protocolli Vocali
Tacitazioni Digitali - Tacita i protocolli Digitali
Tacitazioni Tecnoalarm - Tacita i protocolli Tecnoalarm
Tacitazione Totale - Tacita i protocolli Vocali,Digitali,Tecnoalarm

La tacitazione può agire sul singolo comunicatore (il comunicatore


in linea) o su tutti i comunicatori associati allo stesso evento di
allarme, programmati con un protocollo che fa parte dello stesso
gruppo.

Per ogni gruppo è possibile scegliere se tacitare il singolo


comunicatore o tutti i comunicatori

Singolo Com - Singolo comunicatore. Viene tacitato solo il


comunicatore in linea

Tutti Com - Tutti i comunicatori. Viene tacitato il comunicatore in


linea e tutti i comunicatori associati all'evento, che trasmettono
con protocolli appartenenti allo stesso gruppo.

4 - Funzioni
Selezione - Scelta della modalità di selezione telefonica, DTMF
o PULSE, la scelta deve essere fatta in funzione dell'infrastruttura
(centrale telefonica) a cui è collegata l'utenza.
Pulse - selezione decadica (la composizione del numero è lenta)
DTMF - selezione a toni (la composizione del numero è veloce)

PABX - Centralino telefonico, se la centrale è collegata ad un


centralino telefonico (PABX) abilitare la funzione. Abilitando la
funzione si abilita il campo a destra, nel campo deve essere
impostatato il numero di uscita richiesto dal centralino telefonico
per ottenere la linea esterna.
Il campo permette di inserire da 1 di 16 cifre.

Risposta - Abilita la centrale a rispondere alle chiamate entranti.


La centrale risponde alla chiamata dopo aver aver verificato il
numero di squilli programmati.

Numero di squilli - Programmazione del numero di squilli dopo i


quali la centrale risponde alle chiamate entranti (da 3 a 17)
La funzione è utile quando sulla stessa linea sono collegati
dispositivi abilitati a rispondere come segreterie telefoniche o
telefax.
La programmazione del numero di squilli è significativa solo se nel
campo precedente è stata abilitata la risposta.

Sistema TP16-512 GSM 3-3

Pagina 53 di 134 05/06/10


Test linea - Abilita la centrale a testare la presenza della linea
telefonica. Se abilitato il controllo di presemza della linea
telefonica è continuo.

Controllo tono di risposta - Abilita la centrale al controllo del


tono telefonico di risposta del corrispondente con la funzione
abilitata la cerntrale rilascia il messaggio vocale solo in seguito
alla verifica del corretto tono telefonico di risposta.
Con la funzione disabilitata la centrale rilascia il messaggio
senza verificare il tono di risposta.

Controllo tono di centrale - Abilita la centrale al controllo del


tono di linea libera della centrale telefonica prima della
composizione del numero.
Con la funzione disabilitata la centrale compone il numero
telefonico senza verificare la presenza del tono di libero.

Messaggio iniziale - Funzione valida solo per i protocolli vocali.


Nelle chiamate vocali, abilita la centrale al rilascio del messaggio
iniziale, prima del messaggio di allarme.
Con la funzione abilitata la centrale rilascia il "messaggio iniziale"
più il "messaggio di allarme"
Con la funzione disabilitata la centrale rilascia solo il "messaggio
di allarme"

Il menu Parametri telefonici è completato


Per confermare le programmazioni premiOK.
Per annullare le programmazioni premiAnnulla

3-4 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 54 di 134 05/06/10


Programmazione del vettore di comunicazione GSM

Clicca sul tasto GSM

Menu di programmazione dei parametri di funzionamento del GSM della scheda CPU.

1 - GSM
Abilitazione - Abilita il funzionamento del GSM della scheda CPU
Risposta - Abilita il GSM a rispondere alle chiamate entranti. Con l'opzione di
risposta abilitata, in caso di chiamata entrante dopo il numero di squilli
programmato, il GSM risponde introducendovi nel menu fonico guidato.
Numero di squilli - Numero di squilli dopo i quali il GSM risponde alle
chiamate entranti (da 3 a 15)

2 - Richiesta credito
Quando, si utilizza una scheda telefonica prepagata, è possibile (solo per i
maggiori operatori) richiedere il valore del credito telefonico residuo, tramite un
messaggi SMS o una semplice chiamata.
Richiesta di credito via SMS - Abilitare la la funzione cliccando sulla casella
richiesta credito.
Numero credito - Numero a cui richiedere il credito.
SMS di richiesta credito - Testo del messaggio con cui fare la richiesta.

Consulta la tabella e compila i campi in base


ai parametri richiesti dal proprio operatore.

Sistema TP16-512 GSM 3-1

Pagina 55 di 134 05/06/10


3 - Intestazione messaggi SMS
Tutti i messaggi SMS che la centrale invia contengono un testo standard, il
testo viene composto dinamicamente in funzione dell'evento. Per distinguere la
provenienza dei messaggi si programma l'intestazione dei messaggi SMS
(mittente). Per il testo di intestazione si hanno a disposizione 40 caratteri
alfanumerici. Attenzione nel testo non si possono usare accenti.

4 - Abilitazione GPRS
Abiltazione del canale GPRS del GSM della scheda CPU

5 - Porta di comunicazione e indirizzo IP della rete GPRS


Port - Porta di accesso al centro Tecnoalarm, il valore di default è 10001
IP - Indirizzo IP (DNS) indicato dal gestore (provider del servizio) vedi la tabella
che indica i parametri di accesso alla rete per i maggiori operatori telefonici

6 - Parametri di accesso alla rete GPRS


Definizione del punto di accesso alla rete. Il collegamento GPRS no è un
collegamento punto punto, come per i telefoni. Il collegamento GPRS è
paragonabile al collegamento Ethernet, esso avviene tramite la rete Internet.
Quindi è necessario accedere alla rete tramite un punto di accesso (Access
point), i parametri di accesso sono forniti dall'operatore telefonico.
Nella tabella sono indicati i parametri dei maggiori operatori.

Attenzione - I parametri di accesso al servizio, sono indicativi e possono, essere variati dai gestori.
Si consiglia per avere informazioni più dettagliate, di contattare comunque , il gestore del servizio.

7 - Comandi SMS
Abilitazione comandi SMS - Abilitazione della funzione di accettazione dei
comandi SMS
Password - Password da introdurre nella sintassi del messaggio affinchè il
comando sia accettato. Lunghezza massima della password 8 caratteri
alfanumerici.
White list - Elenco dei numeri di telefono abilitati ai comandi SMS.
Se nella white list non si programma nessun numero telefonico (campi in
bianco) la centrale accetterà comandi SMS da qualsiasi numero telefonico.
Se nella white list, vengono programmati dei numeri telefonici, sarà solo da
essi che saranno accettati comandi SMS.

Note - Il controllo dei numeri non considera i prefissi internazionali quindi è sufficente scrivere i numeri telefonici senza
l i
prefisso internazionale

Il menu GSM è completato


Per confermare le programmazioni premiOK.
Per annullare le programmazioni premiAnnulla

3-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 56 di 134 05/06/10


Programmazione del vettore di comunicazione Tecnocell

Clicca sul tasto Tecnocell

Menu di programmazione dei parametri di funzionamento del comunicatore Tecnocell (GSM supplementare)

1 - Abilitazione
Abilita il Tecnocell a segnalare le condizioni di allarme della
centrale in caso di mancato funzionamento del GSM della
scheda CPU (canale primario).

2 - Telefono di emergenza
Numero di telefono di emergenza lunghezza massima 17
cifre.
Il Tecnocell colloquia in continuazione con la centrale
attraverso la linea seriale RS485. Quando il colloquio è
assente (linea seriale scollegata o non funzionante) per un
periodo superiore a 30 secondi, il Tecnocell esegue una
chiamata telefonica di emergenza di tipo vocale al numero
di emergenza programmato.

Sistema TP16-512 GSM 3-1

Pagina 57 di 134 05/06/10


3 - Messaggio
Nella chiamata di emergenza viene inviato il messaggio
telefonico selezionato (da 1 a 4).
Per selezionare il messaggio telefonico che si vuole inviare,
cliccare sulla casella e digitare il numero del messaggio.

Attenzione la funzione disponibile solo se il Tecnoceell


è equipaggiato con la scheda di espansione opzionale
VOICE

4 - Messaggio SMS di emergenza


Attenzione: l'abiltazione del messaggio SMS di emergenza
annulla la chiamata telefonica vocale illustrata nel punto 4.
Quindi in caso di mancato funzionamento della linea seriale
RS485 per più di 30 secondi, la chiamata telefonica vocale
non viene effettuata, al suo posto viene inviato il messaggio
SMS.
Il testo del messaggio SMS viene proposto di default, se si
vuole è comunque possibile modificare il testo del
messaggio.

Il menu Tecnocell è completato


Per confermare le programmazioni premiOK.
Per annullare le programmazioni premiAnnulla

3-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 58 di 134 05/06/10


Programmazione del vettore di comunicazione Ethernet

Clicca sul tasto Ethernet

Menu di programmazione dei parametri di funzionamento di rete, indirizzo IP di centrale, definizione delle porte di
comunicazione.

1 - Indirizzo IP della centrale


IP address (Indirizzo di rete) - Indirizzo IP della centrale. L'indirizzo di rete
permette di identificare in modo univoco la centrale collegata alla rete internet.
Subnet mask (Maschera di sottorete) - L'indirizzo di Subnet mask è
correlato all'indirizzo IP. In base ad una regola i due indirizzi vengono
confrontati automaticamente, il risultato ottenuto determina l'instradamento
del flusso dati, che saranno inviati verso il Gateway (WAN) o verso la rete
locale (LAN).
Gateway (Porta di instradamento) - Il Gateway o Router è il dispositivo
che ha il compito di veicolare i pacchetti di comunicazione all'esterno della
rete locale, in pratica il Gateway si occupa di inoltrare tutto il traffico diretto
all'esterno verso la rete internet.

2 - Local Server Tecnoalarm


LOCAL SERVER TECNOALARM - Abilitazione/Disabilitazione funzione.
Port - Porta TCP/IP di comunicazione del canale "Local Server Tecnoalarm".
Porta di comunicazione per la programmazione locale da PC
Collegamento locale tra "PC>Programma>Centro" e "Centrale").
White list - Elenco di 3 indirizzi di comunicazione accettabili. Se tutti e 3 gli
indirizzi sono "0-0-0-0" la comunicazione è accettata da qualsiasi indirizzo.
Se nella whit list, vengono indicati degli indirizzi, la comunicazione sarà
accettata solo dagli indirizzi indicati.

Sistema TP16-512 GSM 3-1

Pagina 59 di 134 05/06/10


3 - Remote Server Tecnoalarm
REMOTE SERVER TECNOALARM - Abilitazione/Disabilitazione funzione.
Port - Porta TCP/IP di comunicazione del canale "Remote Server Tecnoalarm"
Porta di comunicazione per la programmazione remota da Centro.
(collegamento remoto tra "Centro" e "Centrale").
White list - Elenco di 3 indirizzi di comunicazione accettabili. Se tutti e 3 gli
indirizzi sono "0-0-0-0" la comunicazione è accettata da qualsiasi indirizzo. Se
nella whit list, vengono indicati degli indirizzi, la comunicazione sarà accettata
solo dagli indirizzi indicati.

4 - Tecno Server Tecnoalarm


TECNO SERVER TECNOALARM - Abilitazione/Disabilitazione funzione.
Alarm Port - Porta TCP/IP di comunicazione attraverso cui la centrale
trasmette gli allarmi al Centro, (collegamento remoto tra "Centro" e "Centrale").
Variare il numero solo se la porta del PC è occupata da un altro applicativo.
Call back Port - Porta TCP/IP di comunicazione attraverso cui la centrale
effettua la chiamata di Call back, (collegamento remoto tra "Centro" e
"Centrale").
Variare il numero solo se la porta del PC è occupata da un altro applicativo.

Il numero di porta,deve essere trascritto nel menu di configurazione centro


videata "Modem Port"

N.B. La funzione è abilitata solo se si è in possesso della licenza "REMOTE IP"

TSP7000 Port - Porta TCP/IP di comunicazione attraverso cui la centrale


comunica con la console locale TPS7000 (collegamento locale tra "TPS7000" e
"Centrale"). Attenzione il numero della porta non deve essere cambiato.

5 - Tecno Out
TECNO_OUT - Abilitazione/disabilitazione funzione. Il "Tecno Out" è un
protocollo di interfaccia verso altri sistemi.
Il protocollo "Tecno Out" è abilitato solo se si possiede la relativa licenza d'uso.
SERVER - Modalità di funzionamento del canale, come "Server" o come "Client"
Port - Porta TCP/IP di comunicazione per il protocollo "Tecno Out".
White list - Elenco di 3 indirizzi di comunicazione accettabili. Se tutti e 3 gli
indirizzi sono "0-0-0-0" la comunicazione è accettata da qualsiasi indirizzo. Se
nella whit list, vengono indicati degli indirizzi, la comunicazione sarà accettata
solo dagli indirizzi indicati.solo dagli indirizzi indicati.

Il menu Ethernet è completato


Per confermare le programmazioni premiOK.
Per annullare le programmazioni premiAnnulla

3-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 60 di 134 05/06/10


Programmazione Codici di rapporto

Clicca sul tasto Codici di rapporto

Menu di programmazione dei codici di rapporto.


La centrale può trasmettere tramite i suoi 8 comunicatori tutti gli eventi che riguardano il suo funzionamento.
Ad ogni comunicatore possono essere abbinati tutti o solo alcuni degli eventi.
Gli eventi che si vogliono trasmettere devono essere abilitati.
Gli eventi sono trasmessi da ogni comunicatore secondo il protocollo a lui abbinato, nel menu Parametri telefonici.
Gli eventi vengono inviati da ogni comunicatore ai numeri a lui abbinati, nel menu Parametri telefonici.

1 - Abbinamento Comunicatori /Eventi


I comunicatori disponibili sono 8, ogni comunicatore è
contradistinto da una lettera alfabetica da A a H.
Gli eventi trasmissibili sono 1239 (vedi tabella eventi
trasmissibili) ad ogni evento, corrisponde una riga,
ogni riga è suddivisa in 8 caselle, ad ogni casella
corrisponde un comunicatore.
Cliccando sul riquadro in rilievo che contiene la lettera
che contradistingue il comunicatore si abilita o si
disabilita il comunicatore alla trasmissione di tutti gli
eventi.
Se si vogliono abilitare o disabilitare solo alcuni eventi
cliccare sulla casella evento che corrisponde alla
colonna del comunicatore desiderato.

Sistema TP16-512 GSM 3-1

Pagina 61 di 134 05/06/10


Riga Evento
Riga Evento Colonna Comunicatore A
In orizzontale è evidenziata la riga evento,
composta, dalla descrizione evento, seguita
da 8 caselle,1 per ognuno dei comunicatori.

Colonna Comunicatore
In verticale è evidenziata la colonna, del
comunicatore A, il comunicatore ha una
casella in corrispondenza di ogni riga evento.

Barra di scorrimento Barra di scorrimento


Cliccando sulla barra di scorrimento è possibile
scorrere l'elenco degli eventi.

Codici di Rapporto
I codici di rapporto, vengono utilizzati solo nei
casi in cui, siano richiesti in modo specifico, da
istituti di vigilanza che utilizzano, particolari
protocolli di comunicazione.
Codici di Rapporto Per variare, il valore esadecimale del codice di
rapporto, cliccare sulla casella, compare un menu
a tendina, selezionare il valore desiderato.

Il menu Codici di Rapporto è completato


Per confermare le programmazioni premiOK.
Per annullare le programmazioni premiAnnulla

3-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 62 di 134 05/06/10


Programmazione messaggio iniziale, aggiornamento vocabolario

Clicca sul tasto Messaggio iniziale - Vocabolario

Menu di programmazione (registrazione) del messaggio iniziale utilizzato dai comunicatori, dallo stesso menu è
possibile caricare o aggiornare il file vocabolario della centrale.

Il messaggio telefonico iniziale, è il messaggio vocale che viene riprodotto dai comunicatori della centrale, come
preambolo, ogni volta che viene inoltrato un allarme telefonico vocale.
Tramite questo menu è possibile: ascoltare, registrare o caricare il messaggio telefonico da un file .

1 - Prova messaggio (Play)


Permette la riproduzione del messaggio telefonico registrato.
Il messaggio viene riprodotto dall'altoparlante del Personal Computer.

Nel riquadro nero della videata, durante la fase riproduzione o di


registrazione del messaggio, viene visualizzata la forma d'onda che
raffigura graficamente il messaggio in riporduzione/registrazione.

2 - Carica messaggio da file wav


Permette di caricare un file da un dispositivo di memoria (es. hard-disk)
che contiene il messaggio iniziale preregistrato in formato WAV

Siastema TP16-512 GSM 3-1

Pagina 63 di 134 05/06/10


3 - Registazione del messaggio
Esistono 3 modi diversi, per la registrazione del messaggio, è possibile
usare indifferentemente uno dei tre modi.

Modo 1 - Registrazione da software "Centro Tecnoalarm"


Il messaggio può essere registrato utilizzando un microfono connesso
alla scheda audio del Personal Computer.
La registrazione del messaggio richiede tre semplici passi:
1 - Cliccare sul tasto, "Registra messaggio scheda audio".
2 - Parlare con voce forte e chiara.
3 - Cliccare sul tasto "Registra messaggio scheda audio".
Il tempo massimo disponibile per la registrazione del messaggio è di 16
secondi (al termine dei 16 secondi la registrazione viene interrotta
automaticamente).

Modo 2 - Messaggio registrato da Personal Computer


Il messaggio può essere registrato utilizzando un qualsiasi programma di
codifica audio, anche in questo caso utilizzando la scheda audio di un
Personal Computer ed un microfono.
Il formato da utilizzare per la registrazione del messaggio è:
Formato di registrazione - Windows PCM con estensione ".WAV"
Frequenza di campionamento - 8KHz - Mono
Formato dati - 8 Bit
Durata massima del mesaggio - 16 secondi

Modo 3 - Messaggio registrato attraverso telefono


Il messaggio, può essere registrato da remoto utilizzando, un telefono
nel corso di una comunicazione con la centrale di allarme, in questo
caso la durata massima del messaggio è di 10 secondi.
La durata è fissa, perciò è consigliabile registrare un messaggio di durata
vicina ai 10 secondi, per evitare fastidiosi silenzi, in fase di riproduzione
del messaggio.

4 - Vocabolario
Permette di selezionare il file vocabolario, dei messaggi vocali, utilizzato
dalla centrale.
Il vocabolario/i sono memorizzati nella directory:
C:\Programmi\Tecnoalarm \centro\wav2\ITA

Il menu Messaggio iniziale - Vocabolario è completato


Per confermare le programmazioni premiOK.
Per annullare le programmazioni premiAnnulla

3-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 64 di 134 05/06/10


Programmazione Telecomandi

Clicca sul tasto Telecomandi

Menu di programmazione dei telecomandi. La centrale mette a disposizione 32 telecomandi, attraverso cui è possibile
eseguire delle funzioni Ad ogni telecomando è possibile attribuire una descrizione alfanumerica e per ognuno di essi è
possibile programmare il tempo di attivazione.

Seleziona e compila il campo descrizione (1)


1 2 oppure seleziona e scegli il vocabolo per i
campi (A),(B),(C),(D)
A B C D Per copiare il contenuto dei campi A,B,C,D nel
campo descrizione clicca sul pulsante (2)

1 - Descrizione alfanumerica
Ad ogni telecomando è possibile associare una descrizione alfanumerica, la descrizione alfanumerica può essere
digitata direttamente nel campo indicato dal numero 1, per la descrizione si hanno a disposizione 16 caratteri.
Oppure si può clliccare sui menu a tendina dei campi A,B,C,D.
In ognuno dei 4 campi è possibile scegliere un vocabolo, i vocaboli proposti sono estratti dal vocabolario della centrale.
I quattro vocaboli A+B+C+D, formano il messaggio vocale associato al telecomando.
Il messaggio sarà riprodotto vocalmente dai dispositivi abilitati

Tasto copia vocaboli in descrizione


Cliccando sul punto 2 (tasto copia) i vocaboli A+B+C+D, vengono automaticamente trascritti nel campo descrizione,
ovviamente rispettando il limite di 16 caratteri, i caratteri eccedenti alla sedicesima posizione vengono troncati.
Copiare i vocaboli nel campo descrizione è facoltativo, copiare i vocaboli rende, coerenti le descrizioni visiva e vocale.

Sistema TP16-512 3-1

Pagina 65 di 134 05/06/10


2 - Tempo attivazione
Per ogni telecomando è possibile programmare il tempo di attivazione.
Per la programmazione del tempo sono disponibili due campi uno per definire i minuti e l'altro
per definire i secondi.

Funzionamento impulsivo
Se nei due campi viene programmato un tempo il telecomando assumerà un comportamento
temporizzato.
Comando = <Commutazione><Temporizzazione><Ripristino della condizione di riposo>

Funzionamento a stati
Se nei due campi viene programmato "0" il telecomando assumera un comportamento a stati
Comando = <Commutazione>
Comando = <Ripristino della condizione di riposo>

Il tempo massimo programmabile è di 59 minuti e 59 secondi.

Il menu Telecomandi è completato


Per confermare le programmazioni premiOK.
Per annullare le programmazioni premiAnnulla

3-2 Sistema TP16-512

Pagina 66 di 134 05/06/10


Approfondimenti - Numeri - Ciclo telefonico

Formato numeri telefonici.


I campi dei numeri telefonici hanno una estensione massima di 24 caratteri, all'interno dei quali possono essere scritti
numeri telefonici di rete fissa(PSTN) o mobile (GSM), oppure indirizzi IP di rete.
Numero telefonico. Formato numero telefonico
Per la compilazione dei numeri telefonici non esiste nessuna regola particolare.
Indirizzo IP (rete ethernet). Formato indirizzo IP.
L'indirizzo IP può essere formato da 4 o 5 campi numerici, l'ultimo campo può essere terminato dalla lettera G.
I campi devono essere intervallati dal carattere, punto o trattino.
- I primi 4 campi indicano l'indirizzo IP del centro Tecnoalarm con cui si vuole comunicare.
- Il 5' campo specifica la porta di accesso. (la compilazione del 5' campo non è obbligatoria).
- La lettera di terminazione G indica alla centrale, la modalità di comunicazione GPRS.
La centrale può contattare gli indirizzi IP, utilizzando indifferentemente lo switch interno collegato alla rete Ethernet, ol i
modulo GSM in modalità GPRS. La scelta del vettore è dettata dalla sintassi dell'indirizzo (vedi tabella "Tipo indirizzo")

Ciclo telefonico
Il numero1 (principale) viene chiamato per primo, se il numero principale non risponde o è occupato viene chiamato il
secondo numero (numero di riserva), Se entrambe i numeri non rispondono, si passa al successivo comunicatore
abbinato all'evento. Per ogni comunicatore vengono eseguiti al massimo 4 tentativi di chiamata per ognuno dei 2
numeri..

Sistema TP16-512 GSM A.T.-1

Pagina 67 di 134 05/06/10


Approfondimenti - Priorità ciclo telefonico - Protocolli

Priorità del ciclo telefonico


Tutti i comunicatori hanno lo stesso livello di priorità. Gli allarmi telefonici vengono inviati in ordine di arrivo, partendo
dal comunicatore A, poi B, C, D, E, F, G.
L'unica eccezione è l'allarme Rapina. al riconoscimento di un allarme Rapina la centrale interrompe l'eventuale ciclo di
allarme in corso e serve come prioritario l'allarme Rapina, al termine del quale viene ripreso l'eventuale ciclo di allarme
precedentemente interotto. La Callback non ha nessuna priorità è può essere interrotta da qualsiasi ciclo di allarme.

Protocolli
I protocolli di comunicazione della centrale si suddividono in protocolli vocali, protocolli digitali e protocolli Tecnoalarm.
I vettori di trasmissione della centrale sono, il modulo GSM e lo switch Ethernet, inoltre la centrale può gestire un
altro comunicatore GSM (Tecnocell), collegato sulla linea seriale.
Ogni protocollo, ha un nome, ed un corrispettivo codice numerico, allo stesso protocollo possono corrispondere più
codici numerici, il codice numerico indica alla centrale il tipo di protocollo ed il vettore (mezzo trasmissivo) utilizzato
per inviare le segnalazioni di allarme.
Il protocollo può essere: primario trasmesso da PSTN di centrale,secondario trasmesso da GSM di centrale,
backup trasmesso da PSTN di centrale primario o se il primario non funziona dal GSM di centrale secondario,
ethernet trasmesso dallo switch TCP/IP di centrale.

Tabelle protocolli
Nelle tabelle i protocolli sono stati divisi per categoria, per ognuno di essi è indicato: il nome, il codice numerico di
indirizzamento verso i vettori di comunicazione (primario, backup, secondario, ethernet), la modalità di trasmissione
ed il gruppo di tacitazione a cui fa capo.

A.T.-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 68 di 134 05/06/10


Approfondimenti - Protocolli

Sistema TP16-512 GSM A.T.-3

Pagina 69 di 134 05/06/10


Approfondimenti - Protocolli

A.T.-4 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 70 di 134 05/06/10


Approfondimenti - Protocolli

Sistema TP16-512 GSM A.T.-5

Pagina 71 di 134 05/06/10


Approfondimenti - Protocolli

A.T.-6 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 72 di 134 05/06/10


Approfondimenti - Protocolli

Sistema TP16-512 GSM A.T.-7

Pagina 73 di 134 05/06/10


Approfondimenti - Tacitazione - Richiesta credito

Tacitazioni
Il ciclo telefonico può essere tacitato. I destinatari delle chiamate,siano essi utenti o dispositivi automatici di ricezione
allarmi, possono con comandi definiti, tacitare i comunicatori, (bloccare le chiamate successive, provocate dall'evento)
Le modalità di tacitazione sono tre, vocali,digitali, tecnoalarm,ogni tacitazione è selettiva ed agisce sul proprio gruppo di
protocolli, vocali, digitali, tecnoalarm. La tacitazione di ogni gruppo, può agire sul singolo comunicatore o su tutti i
comunicatori del gruppo associati all'evento che ha provocato il ciclo di allarme.
La tacitazione può anche essere programmata come totale. La tacitazione totale non è selettiva, tacita tutti i gruppi di
protocolli, vocali, digitali, tecnoalarm, anche la tacitazione totale può agire sul singolo comunicatore o su tutti i
comunicatori associati all'evento che ha provocato il ciclo di allarme.
Tacitazione delle chiamate digitali e tecnoalarm - Tutti i centri di ricezione allarmi, a seguito di una chiamata
inviano automaticamente alla centrale il comando di tacitazione.
Tacitazione delle chiamate vocali - Per la chiamate vocali, è l'utente in linea che invia il comando di tacitazione.
Durante la chiamata dopo aver ascoltato il messaggio l'utente può tacitare il comunicatore digitando dalla tastiera del
proprio telefono il tasto (*) o (#).

Richiesta credito telefonico


Se gli apparati telefonici GSM utilizzano, SIM prepagate è necessario periodicamente verificare il credito residuo.

Modulo GSM
Per conoscere il credito, della scheda telefonica del modulo GSM della centrale è necessario in funzione dell'operatore
telefonico utilizzato, programmare i parametri di richiesta credito. Con i parametri programmati è possibile in qualsiasi
momento inviare al comunicatore un SMS di richiesta del credito residuo.

Tecnocell
Il comunicatore telefonico Tecnocell, per assolvere a questa funzione non richiede nessuna programmazione, per
conoscere il suo credito residuo è sufficente inviargli un messaggio SMS di richiesta del credito residuo.

Note - I messaggi vengono accettati e gestiti solo se ci si attiene alle regole di sintassi.
1 - Il messaggio è composto da 1 o 2 parole, se ci sono 2 parole tra di esse deve esserci un solo spazio.
2 - Il messaggio deve essere scritto rispettando i caratteri maiuscoli e minuscoli come indicato negli esempi.

A.T.-8 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 74 di 134 05/06/10


Approfondimenti - Callback

Modalità di Callback
Callback diretta
Il centro chiama la centrale, la centrale riconosce che la chiamata arriva da un centro Tecnoalarm ed instaura la
comunicazione, nella comunicazione vengono verificati il codice ID ed il modello della centrale, la centrale chiude la
comunicazione e chiama il centro di teleassistenza, secondo i parametri programmati.

Esempio di Callback - L'esempio è riferito alla prima riga della tabella.


Chiamata Centro - Il centro chiama la centrale in modalità Standard (vettore di comunicazione PSTN) utilizzando un
protocollo DTMF (formato di comunicazione)

Centrale TP16-512 - La centrale tramite il vettore di ricezione, riceve dal centro la chiamata di richiesta Callback. La
centrale scambia con il centro, le informazioni necessarie, poi chiude la comunicazione.
La centrale verifica dalla sua programmazione il contenuto dei campi di Call back "N. tel.1" e "Protocollo".
Il contenuto di questi campi determina le regole di Call back, quindi seleziona:
il vettore di chiamata
il protocollo di Call back 000 (protocollo di trasmissione Tecno Standard)
il numero/indirizzo di Call back (numero telefonico PSTN)
ed effettua la chiamata di Callback al centro.

Ricezione Centro - Il centro riceve la chiamata di Callback sulla linea PSTN, in DTMF (formato Tecno Standard).

Sistema TP16-512 GSM A.T.-9

Pagina 75 di 134 05/06/10


Approfondimenti - Callback

Callback rediretta
La funzione è possibile solo se il campo "Disabilitazione redirezionamento" non è abilitato.
Il comportamento è uguale al Callback diretta. In questo caso, il centro indica alla centrale un numero telefonico diverso
da quelli programmati per la Call back diretta, la centrale quindi chiama il numero indicato, mantenendo l'impostazione
del protocollo di comunicazione programmato.

Callback da menu
Localmente da consolle LCD300/S selezionando i menu>Telefono>Callback si può effettuare una Callback. Il
comportamento è identico alla Callback diretta. La centrale chiama direttamente il centro, secondo i parametri
programmati.

A.T.-10 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 76 di 134 05/06/10


Approfondimenti - Ethernet

Nota Importante - Attenzione alcune delle programmazioni di questo menu


devono essere trascritte sulla scheda utente.
Le programmazioni: da trascrivere sono:
LAN - Per la voce LAN riportare "l'indirizzo IP" della centrale ed il numero della
Porta di comunicazione "Local Server Tecnoalarm"
WAN - Per la voce WAN riportare il numero della Porta di comunicazione
"Remote Server Tecnoalarm"
Attenzione per la voce WAN l'indirizzo IP si può indicare solo se si dispone di
un indirizzo IP statico, se non si è in possesso di un indirizzo di rete statico non
compilare il campo.

Web-Server
La centrale dispone di mini Web-Server che
permette agli utenti provvisti di IP statico il
monitoraggio real time delle condizioni
generali della centrale.
Per accedere al Web-Server digitare dalla
barra di internet explorer, l'indirizzo IP della
centrale

Tabella riepilogativa canali


La tabella indica per ogni canale la modalità di funzionamento, la funzione, il numero di Porta ed il protocollo

Glossario
Client - Indica una componente che accede a dei servizi/risorse che un Server mette a disposizione attraverso un rete.
Server - Indica una componente informatica che fornisce attraverso una rete servizi/risorse ai Client
LAN - Local Area Network, rete locale è una rete di estensione limitata ad esempio la rete di un edificio.
WAN - Wide Area Network, rete geografica è una rete che copre grandi aree geografiche.

Sistema TP16-512 GSM A.T.-11

Pagina 77 di 134 05/06/10


Approfondimenti - Gestione telecomandi

Gestione telecomandi
I telecomandi di centrale possono essere gestiti tramite messaggi SMS.
I parametri di funzionamento della gestione telecomandi SMS si programmano nel menu "GSM>8 Comandi SMS".
I parametri da programmare sono:
Abilitazione comandi SMS - Se si desidera usufruire della funzione è necessario abilitarla.
Password - La password di riconoscimento può essere omessa (ovviamente ciò va a scapito della sicurezza), se
compilata può essere composta da 1 a 8 caratteri alfanumerici.
Attenzione il controllo della password verifica anche i caratteri maiuscoli e minuscoli.
White list - La white list contiene l'elenco dei numeri telefonici abilitati a gestire i telecomandi SMS, se nell'elenco non
viene scritto nessun numero, qualsiasi numero telefonico sarà abilitato ad interagire con i telecomandi.

La sintassi del messaggio


Affinche i messaggi vengano accettati e gestiti dalla centrale è necessario, attenersi a delle regole di scrittura (sintassi)
Il messaggio è composto da 3 elementi, la password, il telecomando, il comando.

Nota gli elementi possono essere 2 se non si programma la password.

Spazi tra le parole - I tre elementi (parole) sono distinti ed ognuno di essi fornisce alla centrale una precisa
informazione è quindi necessario tra una parola e l'altra introdurre sempre uno spazio.

La password - Può essere alfanumerica e deve rispecchiare esattamente quella programmata, attenzione ai caratteri
maiuscoli e minuscoli. La password è la prima parola del messaggio e i telefoni scrivono il primo carattere in maiuscolo.

Il telecomando - Il telecomando può essere scritto in forma numerica oppure può essere scritto il nome che gli è stato
dato in programmazione, La lunghezza del nome non deve essere superiore ai 16 caratteri, il nome può essere scritto
indifferentemente con caratteri maiscoli o minuscoli.

Il comando - Il telecomando può essere: attivato (la parola per attivare il telecomando è "ON"), disattivato (la parola per
disattivare il telecomando è "OFF") o interrogato (per interrogare il telecomando non è richiesta nessuna parola).
I comandi "ON" "OFF" possono essere scritti indifferentemente con caratteri maiuscoli o minuscoli.

La risposta della centrale


La centrale che riceve Il messaggio SMS effettua i controlli di password e numero, se entrambe sono corretti, effettua il
controllo del telecomando se anche questo è corretto, risponde con un messaggio SMS, che contiene: l'intestazione
dei messaggi SMS (come programmata da centro), il nome o il numero del telecomando, ed il suo stato.
Se password o numero telefonico non sono corretti non si ottiene nessuna risposta.
Se il numero del telecomando od il nome, non è corretto la centrale risponde con un messaggio di errore.

A.T.-12 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 78 di 134 05/06/10


Programmazione temporizzazioni
Clicca sull'icona 1 programmazione temporizzazioni

Si visualizza la finestra "Programmazione temporizzazioni " menu "Temporizzazioni"

In questo menu si programmano tutte le temporizzazioni che regolano il funzionamento della centrale.

1 - Tempi relativi a
Programmazione dei tempi può essere relativa a tutti i programmi o ad uno
specifico programma. Clicca sul menu a tendina e scegli "Tutti i programmi"
o un programma specifico.

2 - Tempo di ingresso 1
Programmazione del tempo di ingresso 1, la programmazione è valida solo
per le zone ritardate, programmate come "Ritardata 1"
Da 00:00 a 59:59 min:sec

3 - Tempo di ingresso 2
Programmazione del tempo di ingresso 2, la programmazione è valida solo
per le zone ritardate, programmate come "Ritardata 2"
Da 00:00 a 59:59 min:sec

Sistema TP16-512 GSM 4-1

Pagina 79 di 134 05/06/10


4 - Tempo di uscita
Programmazione del tempo di uscita, la programmazione è valida solo per
le zone ritardate, programmate come "Ritardata 1" e "Ritardata 2"
Da 00:00 a 59:59 min:sec

5 - Ritardo conferma disinserimento


Programmazione tempo massimo entro cui il disinserimento di un
programma deve essere confermato da un secondo disinserimento
(disinserimento + conferma disinserimento).
Se il doppio disinserimento non viene riconosciuto entro il tempo
programmato la centrale attiva le segnalazioni di allarme.
Attenzione la conferma di disinserimento è sempre e solo un codice
utente digitato da una console LCD300/S.
Da 00:00 a 59:59 min:sec.

6 - Ritardo attivazione comunicatori


Programmazione tempo di ritardo di attivazione comunicatori.
Da 00:00 a 59:59 min:sec.

7 - Ritardo attivazione sirene


Programmazione tempo di ritardo di attivazione sirene. Attenzione il
tempo di ritardo programmato si sottrae al tempo di allarme programmato.
Da 00:00 a 59:59 min:sec.

8 - Tempo di allarme
Programmazione tempo allarme per l'uscita/e di allarme che pilotano
ad esempio dispositivi acustici (sirene). Da 00:00 a 59:59 min:sec.

9 - Tempo di allarme autoprotezione


Programmazione tempo di allarme manomissione. (valido per zona ZT e
zone definite tamper). Da 00:00 a 59:59 min:sec.

10 - Tempo di allarme tecnico


Programmazione del tempo di attivazione dell'uscita logica/fisica
programmata come allarme tecnico.
(valido per le zone definite tecnologiche).
Da 00:00 a 59:59 min:sec.

11 - Tempo di allarme rapina


Programmazione del tempo di attivazione dell'uscita logica/fisica
programmata come allarme rapina. Da 00:00 a 59:59 min:sec.

4-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 80 di 134 05/06/10


12 - Avviso fine parzializzazione
Definisce la durata del preavviso della fine del tempo di parzializzazione.
Da 00:00 a 59:59 min:sec.

13 - Preavviso autoinserimento
Definisce la durata del preavviso prima dell'autoinserimento. Attenzione il
tempo programmato ritarda l'orario previsto dell'effettivo autoinserimento.
Da 00:00 a 59:59 min:sec.

14 - Ritardo antimascheramento
Programmazione del tempo massimo di accettazione di un disturbo radio,
se il disturbo persiste per un tempo maggiore di quello programmato la
centrale attiva le segnalazioni programmate per l'evento. La
programmazione è valida solo se, nel sistema sono presenti dispositivi
radio.Da 00:00 a 59:59 ore:min.

15 - Ritardo controllo rete


Programmazione del tempo massimo di mancanza tensione di rete. Se la
tensione di rete manca per un tempo superiore a quello programmato
l'allarme viene inoltrato. Se la tensione di rete manca per un tempo
inferiore al tempo programmato l'allarme non viene inoltrato. In entrambe i
casi l'evento mancanza rete viene registrato nel file storico. Da 00:00 a
59:59 ore:min.

16 - Tempo massimo di parzializzazione


Programmazione del tempo massimo di parzializzazione trascorso il
quale la parzializzazione termina. Da 00:00 a 59:59 ore:min.

17 - Intervallo sopravvivenza
Programmazione del tempo massimo di mancata ricezione del segnale di
sopravvivenza di un dispositivo radio.
I dispositivi radio trasmettono periodicamente in automatico una
segnalazione di presenza in vita, se la trasmissione di presenza in vita
non viene ricevuta dalla centrale per un tempo superiore a quello
programmato, la centrale attiva le segnalazioni programmate per
l'evento.La programmazione è valida solo se, nel sistema sono presenti
dispositivi radio.
Da 02:00 a 59:59 ore:min.

Il menu Temporizzazioni è completato


Per confermare le programmazioni premiOK.
Per annullare le programmazioni premiAnnulla

Sistema TP16-512 GSM 4-3

Pagina 81 di 134 05/06/10


4-4 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 82 di 134 05/06/10


Programmazione programmatori orari

Clicca sul tasto Programmatori orari


Menu di programmazione dei programmatori orari. La centrale dispone di 64 programmatori orari con qui effettuare
operazioni automatiche e ripetitive. In questo menu è anche possibile programmare i parametri dei test telefonici ciclici.

1 - Riga del programmatore orario


Ogni programmatore orario è rappresentato da
una riga, ogni riga è contradistinta da il numero
del programmatore orario.

La programmazione del programmatore orario è


articolata in 4 passi:
La frequenza - ovvero la cadenza della azione.
L'ora - ovvero il momento in cui si attua l'azione
L'azione - ovvero cosa si vuole attuare (fare)
I soggetti - ovvero cosa è legato all'azione

La frequenza - clicca sul menu a tendina e scegli la frequenza dell'azione, la frequenza


può avvenire ogni giorno, solo nei giorni feriali o festivi o prefestivi, oppure la frequenza
può essere un ben preciso giorno della settimana.

L'ora - clicca nei campi hh, mm e scrivi l'ora e i minuti di esecuzione della azione.

L'azione - clicca sul menu a tendina e scegli l'azione, da effettuare le azioni possono
essere riferite a programmi o a telecomandi. Le azioni riferite ai telecomandi sono "attivo
telecomando" e "riposo telecomando" tutte le altre azioni sono riferite ai programmi

Sistema TP16-512 GSM 4-1

Pagina 83 di 134 05/06/10


I soggetti - I soggetti dell'azione possono essere programmi o telecomandi
Le 32 caselle rappresentano i soggetti devono essere abbinati all'azione.
Per abbinare il/i soggetti all'azione clicca sulla casella, il numero visualizzato
indica che il soggetto è abbinato all'azione.
Attenzione i soggetti sono solo programmi o solo telecomandi, mai
programmi e telecomandi insieme, è l'azione scelta che determina la la
natura dei soggetti.

2 - Test ciclico
Il test ciclico permette il controllo periodico automatico della presenza di
connessione telefonica tra centrale e centro. Consiste in una o più chiamate
telefoniche eseguite dai comunicatori ai quali è stato associato il test ciclico
(vedi codici di rapporto).
Abiltazione - Il test ciclico viene eseguito solo se è abilitato, per abilitarlo
clicca sulla casella (  significa abilitato).
Start - Impostazione dell'ora in cui deve essere effettuato il test, clicca sulle
caselle hh e mm ed imposta l'ora e i minuti di esecuzione del test ciclico.
Frequenza - Impostazione del valore numerico dell'intervallo (frequenza)
clicca sulla casella e digita il valore (da 1 a 255). Clicca sul menu a tendina e
scegli l'unità di misura del valore minuti, oreo giorni.
Condizione - Impostazione della condizione di esecuzione, il test ciclico
può essere eseguito sempre o solo quando ci sono programmi inseriti. Clicca
sul menu a tendina e segli una condizione.

3 - Test ciclico Server


Il test ciclico server permette il controllo periodico automatico della presenza
di connessione di rete tra centrale e centro, la connessione avviene via
ethernet , per la comunicazione viene utilizzato un protocollo TCP/IP.
Frequenza - Impostazione del valore numerico dell'intervallo (frequenza)
clicca sulla casella e digita il valore (da 1 a 255). Clicca sul menu a tendina e
scegli l'unità di misura del valore minuti, oreo giorni.
Abilitazione test ciclico Server - Il test ciclico server viene eseguito solo
se è abilitato, per abilitarlo clicca sulla casella (  significa abilitato).
Combinatore telefonico - Per la comunicazione viene utilizzato uno dei
comunicatori, clicca sul menu a tendina e scegli un comunicatore.
Attenzione il comunicatore scelto deve essere abbinato al protocollo dati
Tecnoalarm TCP/IP (codice numerico del protocollo 192)
Memorizza nello storico eventi - Abilita la registrazione dell'evento test
ciclico eventi nel file storico di centrale, per abilitarlo clicca sulla casella
(  significa abilitato).

Il menu Programmatori orari è completato


Per confermare le programmazioni premiOK.
Per annullare le programmazioni premiAnnulla

4-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 84 di 134 05/06/10


Programmazione delle fascie orarie di accesso

Clicca sul tasto Fascie orarie di accesso


Con il menu fasce orarie è possibile disciplinare l'accesso alle aree protette. La funzionalità di codici, chiavi e
radiocomandi viene assoggettata a dei criteri di accettazione, definiti nella fascia oraria di accesso. Con la centrale
TP16-512 SM è possibile definire fino a 8 fascie orarie di accesso, le fascie sono liberamente associabili ai 302 codici,
alle 200 chiavi e ai 100 radiocomandi, gestiti dalla centrale.

1 - Riga della fascia oraria


Ogni fascia oraria di accesso è rappresenta
da una riga, ogni riga è contradistinta da il
numero della fascia oraria.

La programmazione della fascia oraria è


articolata in 3 passi:
L'inizio - giorno o tipo giorno e orario di inizio
La fine - giorno o tipo giorno e orario di fine
L'abbinamento alla fascia dei codici d'accesso

L'inizio fascia - Clicca sul menu a tendina e scegli il giorno o il tipo giorno di inizio
fascia oraria di accesso.
Clicca nei campi hh,mm e scrivi l'ora e minuti di inizio fascia.

La fine fascia - Clicca sul menu a tendina e scegli il giorno o il tipo giorno di fine
fascia oraria di accesso.
Clicca nei campi hh,mm e scrivi l'ora e minuti di fine fascia.

Sistema TP16-512 GSM 4-1

Pagina 85 di 134 05/06/10


Attenzione, le descrizioni alfanumeriche dei codici, delle chiavi e dei radiocomandi vengono visualizzate solo se sono
già state compilate nel menu programmazione codici, é tuttavia possibile cliccando sul campo descrizione scrivere o
variare la descrizione alfanumerica, anche da questo menu.

2 - Codici
Abbinamento dei codici di attivazione alle fasce orarie.
La finestra codici visualizza in ordine numerico progressivo
i 302 codici e la loro descrizione alfanumerica.

Il codice master è abbinato di default a tutte le fascie orarie.


Per abbinare il codice alle fascie clicca sulle caselle che
compaiono a destra della descrizione.
Cliccando sulla casella si visualizza il numero della fascia
oraria che si vuole abbinare, anche più di una.
Per eliminare l'abbinamento clicca su il numero visualizzato
Per scorrere l'elenco dei codici clicca sul cursore di
scorrimento visualizzato a destra del riquadro codici.

3 - Chiavi
Abbinamento delle chiavi elettroniche alle fascie orarie.
La finestra chiavi visualizza in ordine numerico progressivo
i 200 codici chiave e la loro descrizione alfanumerica.

Per abbinare la chiave alle fascie clicca sulle caselle che


compaiono a destra della descrizione.
Cliccando sulla casella si visualizza il numero della fascia
oraria che si vuole abbinare, anche più di una.
Per eliminare l'abbinamento clicca su il numero visualizzato
Per scorrere l'elenco delle chiavi clicca sul cursore di
scorrimento visualizzato a destra del riquadro chiavi.

4 - Radiocomandi
Abbinamento dei radiocomandi alle fascie orarie.
La finestra radiocomandi visualizza in ordine numerico
progressivo i 100 radiocomandi e la loro descrizione
alfanumerica.

Per abbinare il radiocomando alle fascie clicca sulle caselle


che compaiono a destra della descrizione.
Cliccando sulla casella si visualizza il numero della fascia
oraria che si vuole abbinare, anche più di una.
Per eliminare l'abbinamento clicca su il numero visualizzato
Per scorrere l'elenco dei radiocomandi clicca sul cursore di
scorrimento visualizzato a destra del riquadro
radiocomandi.

Il menu Fasce orarie di accesso è completato


Per confermare le programmazioni premiOK.
Per annullare le programmazioni premiAnnulla

4-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 86 di 134 05/06/10


Programmazione e personalizzazione del calendario anno 1

Clicca sul tasto Personalizzazione anno 1

Menu di personalizzazione del calendario anno. La centrale è dotata di un calendario biennale personalizzabile per il
controllo di tutte le operazioni automatiche controllate dall'orologio. Nei due calendari è possibile definire i giorni feriali
prefestivi e festivi specificare i giorni di cambiamento dell'ora legale/solare e viceversa

1 - Seleziona l'anno
Per scegliere l'anno clicca sul pulsante freccia in alto o freccia in basso.
In base alla scelta dell'anno, viene visualizzato il calendario corrispondente.

2 - Seleziona l'operatore
Utilizzando gli operatori è possibile introdurre le variazioni che personalizzano
il calendario, secondo le specifiche esigenze dell'utenza.
Clicca sul menu a tendina e scegli lo specifico operatore di variazione in
base alla modifica che si vuole introdurre nel calendario. Gli operatori sono:

Feriale/Prefestivo/Festivo - Questo operatore permette di cambiare il tipo


giorno originale, in un giorno feriale, prefestivo o festivo.

Ora legale - Operatore che permette di specificare il giorno di introduzione


dell'ora legale, (tipicamente l'ultima domenica del mese di marzo).

Ora solare - Operatore che permette di specificare il giorno di ripristino


dell'ora solare, (tipicamente l'ultima domenica del mese di ottobre).

Messaggio programmato - Operatore che permette di specificare i giorni in


cui visualizzare i messaggi di avviso programmati nel menu "Tastiere".
Sistema TP16-512 GSM 4-1

Pagina 87 di 134 05/06/10


3 - Personalizzazione del calendario
1 - seleziona l'anno
2 - scegli l'operatore di modifica
3 - sposta il puntatore del mouse sulla casella del giorno
desiderato, quindi clicca su di esso una o più volte fino
a visualizzare la variazione o l'indicazione desiderata.

4 - Legenda colori e simboli utilizzati

Il tipo giorno - Il tipo giorno viene identificato in base al colore del suo riquadro.
I riquadri dei giorni possono essere di colore:
Bianco - Colore che indica un giorno feriale
Rosso scuro - Colore che indica un giorno prefestivo
Rosso chiaro - Colore che indica un giorno festivo
Blu - Colore che indica un giorno nullo. Il giorno nullo, serve per modificare
la funzionalità di un programmatore orario che esegue operazioni, su giorni
contrassegnati con un attributo feriale, prefestivo o festivo.

Ora solare/legale - I simboli di introduzione ora legale e ripristino ora legale sono:
Cerchio giallo - Indica il ripristino dell'ora solare
Cerchio giallo barrato - Indica l'inizio dell'ora legale

Messaggio programmato - I messaggi programmati sono contrassegnati dai


numeri 1, 2, 3, contornati da un riquadro di colore verde.

Il menu Personalizzazione anno 1 è completato


Per confermare le programmazioni premiOK.
Per annullare le programmazioni premiAnnulla

La programmazione prosegue con la personalizzazione del "Calendario anno 2".


Le modalità di programmazione sono uguali a quelle del menu "Calendario anno 1".

4-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 88 di 134 05/06/10


Programmazione e personalizzazione del calendario anno 2

Clicca sul tasto Personalizzazione anno 2

Menu di personalizzazione del calendario anno. La centrale è dotata di un calendario biennale personalizzabile per il
controllo di tutte le operazioni automatiche controllate dall'orologio. Nei due calendari è possibile definire i giorni feriali
prefestivi e festivi specificare i giorni di cambiamento dell'ora legale/solare e viceversa

1 - Seleziona l'anno
Per scegliere l'anno clicca sul pulsante freccia in alto o freccia in basso.
In base alla scelta dell'anno, viene visualizzato il calendario corrispondente.

2 - Seleziona l'operatore
Utilizzando gli operatori è possibile introdurre le variazioni che personalizzano
il calendario, secondo le specifiche esigenze dell'utenza.
Clicca sul menu a tendina e scegli lo specifico operatore di variazione in
base alla modifica che si vuole introdurre nel calendario. Gli operatori sono:

Feriale/Prefestivo/Festivo - Questo operatore permette di cambiare il tipo


giorno originale, in un giorno feriale, prefestivo o festivo.

Ora legale - Operatore che permette di specificare il giorno di introduzione


dell'ora legale, (tipicamente l'ultima domenica del mese di marzo).

Ora solare - Operatore che permette di specificare il giorno di ripristino


dell'ora solare, (tipicamente l'ultima domenica del mese di ottobre).

Messaggio programmato - Operatore che permette di specificare i giorni in


cui visualizzare i messaggi di avviso programmati nel menu "Tastiere".
Sistema TP16-512 GSM 4-1

Pagina 89 di 134 05/06/10


3 - Personalizzazione del calendario
1 - seleziona l'anno
2 - scegli l'operatore di modifica
3 - sposta il puntatore del mouse sulla casella del giorno
desiderato, quindi clicca su di esso una o più volte fino
a visualizzare la variazione o l'indicazione desiderata.

4 - Legenda colori e simboli utilizzati

Il tipo giorno - Il tipo giorno viene identificato in base al colore del suo riquadro.
I riquadri dei giorni possono essere di colore:
Bianco - Colore che indica un giorno feriale
Rosso scuro - Colore che indica un giorno prefestivo
Rosso chiaro - Colore che indica un giorno festivo
Blu - Colore che indica un giorno nullo. Il giorno nullo, serve per modificare
la funzionalità di un programmatore orario che esegue operazioni, su giorni
contrassegnati con un attributo feriale, prefestivo o festivo.

Ora solare/legale - I simboli di introduzione ora legale e ripristino ora legale sono:
Cerchio giallo - Indica il ripristino dell'ora solare
Cerchio giallo barrato - Indica l'inizio dell'ora legale

Messaggio programmato - I messaggi programmati sono contrassegnati dai


numeri 1, 2, 3, contornati da un riquadro di colore verde.

Il menu Personalizzazione anno 2 è completato


Per confermare le programmazioni premiOK.
Per annullare le programmazioni premiAnnulla

4-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 90 di 134 05/06/10


Approfondimenti - Programmatori orari - Test ciclico

Sistema TP16-512 GSM 4-3

Pagina 91 di 134 05/06/10


Approfondimenti - Test ciclico server - Fascie orarie

4-4 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 92 di 134 05/06/10


Configurazione accessi
Clicca sull'icona 1 configurazione accessi

Si visualizza la finestra "Configurazione accessi" menu "Codici". In questo menu si programmano i codici numerici di
accesso che digitati sulle consolle dell'impianto permettono l'accensione lo spegnimento e la parzializzazione dei
programmi. I codici programmabili sono il codice Master (codice che gode di tutti i privilegi) più altri 300 codici.

1 - Scelta del codice


Clicca sul menu a tendina e scegli il codice da programmare. Per primo
viene proposto il codice master poi in ordine numerico progressivo gli altri
300 codici.

2 - Nome
Clicca nel campo nome e scrivi il nome da attribuire al codice.
Per il nome (descrizione alfanumerica) sono disponibili 16 caratteri.

3 - Lunghezza codici
Clicca sul menu a tendina e scegli la lunghezza del codice, 4, 5, o 6 cifre.
Attenzione tutti i codici devono avere la stessa lunghezza, non è possibile
programmare codici di diversa lunghezza.

Sistema TP16-512 GSM 5-1

Pagina 93 di 134 05/06/10


4 - Codice
Clicca nel campo codice e scrivi il codice numerico di accesso. Il
codice deve avere un numero di cifre pari a quanto è stato impostato
nel campo lunghezza codici.

5 - Tipo
Clicca sul menu a tendina e scegli la funzione che vuoi attribuire
al codice: inserimento/disinserimento oppure parzializzazione.

6 - Programmi
Associazione del codice ai programmi. Per associare il codice ai
programmi, clicca sulla casella che rappresenta il numero del
programma, i numeri visualizzati rappresentano i programmi associati
al codice.

Di seguito sono illustrati gli attributi che caratterizzano il comportamento è la funzionalità del codice.

7 - Abort manuale generale dei comunicatori


Con la funzione abilitata durante un ciclo di allarme dopo il disinserimento
dell'impianto viene riportata sul display della console la richiesta di effettuare o
no l' abort dei comunicatori (il blocco di tutti i comunicatori attivi e accodati).
Digitando il tasto (#YES) i comunicatori vengono bloccati.
Digitando il tasto (*NO) i comunicatori effettuano il ciclo di chiamata
Se non viene digitato nessun tasto entro 8 sec.dal disinserimento
(time-out) i comunicatori effettuano il ciclo di chiamata.

8 - Abort automatico comunicatori al disinserimento


Con la funzione abilitata durante un ciclo di allarme la digitazione del codice
spegne il programma e blocca automaticamente i comunicatori attivi e
accodati.

9 - Codice rapina
Attiva il codice alla funzione rapina. L'utente può attivare la funzione rapina
digitando il codice con l'ultima cifra decrementata di una unità.
Ad esempio se il codice è 12345, per segnalare rapina digiterà 12344
Al riconoscimento di un codice rapina, la centrale viene disinserita e il
comunicatore inoltra un ciclo di allarme telefonico
Trasmissione dell'evento >"Codici di rapporto" >" Codice rapina".

10 - Bypass allarmi generali


Con la funzione abilitata il codice può eseguire l'inserimento anche in presenza
di condizioni di allarme generale manomissione, batteria scarica, mancanza
rete, sopravvivenza dispositivi radio, anomalia moduli.

5-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 94 di 134 05/06/10


11 - Disabilitazione accesso da remoto
Disabilitazione del codice utente all'accesso telefonico da remoto.
L'utente tramite il codice può accedere telefonicamente alla centrale ed
interagire con lei attraverso il menu vocale guidato.
Per disabilitare la funzione spunta il campo.
(Il codice non ha l'accesso da remoto).

12 - Disabilitazione Inserimento/Disinserimento diretto


Disabilitazione del codice utente all'inserimento/disinserimento diretto.
L'utente dopo aver digitato il codice, può digitare il tasto (#YES) per eseguire
l'inserimento o il disinserimento simultaneo di tutti i programmi a cui è abilitato.
Per disabilitare la funzione spunta il campo.
(Il codice non può effettuare un inserimento/disinserimento simultaneo)
L'utente dovrà inserire/disinserire manualmente uno ad uno i programmi
desiderati.

13 - Privilegiato
Abilitando la funzione il codice utente diventa privilegiato.
Un codice privilegiato oltre ai telecomandi ha anche accesso
ai menu "telefono" e "esclusione"

14 - Esclusione zone disabilitata


Disabilitazione del codice all'esclusione zone. L'utente in fase di inserimento
può escludere le zone, inoltre se il codice è privilegiato
può accedere al menu esclusioni. Per non dare al codice la possibilità di
escludere le zone e di accedere al menu "esclusioni" spunta il campo
(Il codice non può escludere le zone).

15 - Disabilitazione accesso telecomandi


Tutti i codici possono accedere ai telecomandi. Se non vuoi dare al codice
l'accesso ai telecomandi spunta il campo.
(Il codice non può interagire con i telecomandi).

Il menu Codici è completato


Per confermare le programmazioni premiOK.
Per annullare le programmazioni premiAnnulla

Sistema TP16-512 GSM 5-3

Pagina 95 di 134 05/06/10


5-4 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 96 di 134 05/06/10


Programmazione Chiavi

Clicca sul tasto Chiavi


Si visualizza il menu "Chiavi" In questo menu si programmano le funzionalita delle chiavi di accesso. Tramite le chiavi è
possibile accendere, spegnere e parzializzare i programmi. E' possibile programmare 200 chiavi.

1 - Chiave
Clicca sul menu a tendina e scegli la chiave da programmare.
Le 200 chiavi sono visualizzate in ordine numerico progressivo.

2 - Nome
Clicca nel campo nome e scrivi il nome da attribuire alla chiave.
Per il nome (descrizione alfanumerica) sono disponibili 16 caratteri.

3 - Tipo
Clicca sul menu a tendina e scegli la funzione che vuoi attribuire
alla chiave: inserimento/disinserimento oppure parzializzazione.

4 - Programmi
Associazione della chiave ai programmi. Per associare la chiave ai
programmi, clicca sulla casella che rappresenta il numero del programma,
i numeri visualizzati rappresentano i programmi associati alla chiave.

Sistema TP16-512 GSM 5-1

Pagina 97 di 134 05/06/10


Di seguito sono illustrati gli attributi che caratterizzano il comportamento e la funzionalità della chiave.

5 - Bypass allarmi generali


Con la funzione abilitata la chiave può eseguire l'inserimento anche in presenza
di condizioni di allarme generale manomissione, batteria scarica, mancanza
rete, sopravvivenza dispositivi radio, anomalia moduli

6 - Abort automatico comunicatori al disinserimento


Con la funzione abilitata durante un ciclo di allarme la chiave spegne il
programma e blocca automaticamente i comunicatori attivi e accodati.

7 - Conferma disinserimento (blocco rapina)


La funzione è basata sul doppio riconoscimento del comando di disattivazione
programma. L'operazione si divide in due fasi il disinserimento e la conferma.

Sequenza operativa della conferma disinserimento con la chiave:


Il disinserimento del programma si esegue con la chiave, la conferma di disinserimento si attua digitando un codice
sulla console. La conferma deve avvenire entro il tempo di ritardo programmato nel menu "Temporizzazioni">"Ritardo
conferma disinserimento". Se la conferma di disinserimento non viene eseguita la centrale inoltra un ciclo di allarme
telefonico. Trasmissione dell'evento >"Codici di rapporto" >" Conferma rapina".

8 - Esclusione zone disabilitata


Disabilitazione della chiave all'esclusione zone. L'utente in in fase di
inserimento può escludere le zone.
Per non dare alla chiave la possibilità di escludere le zone spunta il campo.

Sequenza operativa per l'esclusione delle zone aperte con la chiave:


1 - Inserire la chiave nel punto di attivazione, il Led OCG lampeggia, per segnalare delle zone aperte.
2 - Attendere lo spegnimento del led OGC.
3 - Estrarre la chiave, il programma si inserisce escludendo le zone aperte.

9 - Disinserimento rapido
Abilitazione della chiave al disinserimento rapido dei programmi.
La funzione permette alla chiave di disinserire contemporaneamente tutti i
programmi a lei associati.

10 - Appresa
Il campo "Appresa" non è un campo programmabile è un campo indicatore.
Il campo indica se per il codice chiave selezionato è stata appresa una chiave
(memorizzata).
Campo con carattere di spunta: indica che la chiave è stata memorizzata.
Campo senza carattere di spunta: indica che la chiave non è memorizzata.

Il menu Chiavi è completato


Per confermare le programmazioni premiOK.
Per annullare le programmazioni premiAnnulla
5-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 98 di 134 05/06/10


Programmazione Radiocomandi

Clicca sul tasto Radiocomandi


Si visualizza il menu "Radiocomandi". In questo menu si programmano le funzionalità dei radiocomandi di accesso.
Tramite i radiocomandi è possibile accendere, spegnere e parzializzare i programmi, attivare e disattivare telecomandi
E' possibile programmare 100 radiocomandi.

1 - Radiocomando
Clicca sul menu a tendina e scegli il radiocomando da programmare.
I 100 radiocomandi sono visualizzati in ordine numerico progressivo.

2 - Nome
Clicca nel campo nome e scrivi il nome da attribuire al radiocomando.
Per il nome (descrizione alfanumerica) sono disponibili 16 caratteri.

3 - Tasti
Definizione del funzionamento tasti del radiocomando.
Tasto 1 - Clicca sul menu a tendina di sinistra e scegli la funzione che vuoi
attribuire al tasto 1 del radiocomando, clicca sul menu a tendina di destra e
abbina alla funzione tasto un programma o un telecomando. Attenzione la
funzione "Disinserimento" è riferita a tutti i programmi che vengono inseriti
dal radiocomando, quindi il menu a tendina di destra non si attiva.
Tasto 2 - Ripeti le stesse operazioni per il tasto 2
Tasto 3 - Ripeti le stesse operazioni per il tasto 3

Attenzione. Per abbinare ai tasti funzioni di parzializzazione è necessario


abilitare la funzione parzializzazione vedi "punto 4" > "Parzializzazione"

Con il campo "parzializzazione" abilitato le funzioni dei tasti, proposte nel


menu a tendina cambiano, da "Inserimento/Disinserimento programma" a
"Parzializzazione/Fine parzializzazione, programma"

Sistema TP16-512 GSM 5-1

Pagina 99 di 134 05/06/10


Di seguito sono illustrati gli attributi che caratterizzano il comportamento e la funzionalità del radiocomando

4 - Parzializzazione
Abilita il radiocomando alle funzioni di parzializzazione.

5 - Bypass allarmi generali


Con la funzione abilitata il radiocomando può eseguire l'inserimento anche in
presenza di condizioni di allarme, generale, manomissione, batteria scarica,
mancanza rete, sopravvivenza dispositivi radio, anomalia moduli.

6 - Abort automatico comunicatori al disinserimento


Con la funzione abilitata durante un ciclo di allarme la digitazione del codice
spegne il programma e blocca automaticamente tutti i comunicatori attivi e
accodati.

7 - Conferma disinserimento (blocco rapina)


La funzione è basata sul doppio riconoscimento del comando di disattivazione
programma. L'operazione si divide in due fasi il disinserimento e la conferma.

Sequenza operativa della conferma disinserimento con radiocomando:


Il disinserimento del programma si esegue con il radiocomando, la conferma di disinserimento si attua digitando un
codice utente sulla console. La conferma deve avvenire entro il tempo di ritardo programmato nel menu
"Temporizzazioni" > "Ritardo conferma disinserimento". Se la conferma di disinserimento non viene eseguita la
centrale inoltra un ciclo di allarme telefonico. Trasmissione dell'evento >"Codici di rapporto" >" Conferma rapina".

8 - Aggressione
Con la funzione abilitata, il sistema accredita il radiocomando alla trasmissione
del segnale di allarme aggressione.
Al riconoscimento di un allarme aggressione , la centrale inoltra un ciclo di
allarme telefonico .
Trasmissione dell'evento >"Codici di rapporto" >" Codice rapina".

Sequenza operativa per la trasmissione dell'allarme aggressione dal radiocomando:


1 - Premere contemporaneamente i tasti 2 e 3 del radiocomando.

9 - Esclusione zone disabilitata


Disabilita il radiocomando all'esclusione zone aperte. L'utente in fase di
inserimento può escludere le zone. Per non dare al radiocomando la possibilità
di escludere le zone spunta il campo, (il radiocomando non esclude le zone).

Sequenza operativa per l'esclusione delle zone aperte con il radiocomando:


1 - Premere il tasto di attivazione programma, la console segnala vocalmente la presenza di zone aperte .
2 - Premere di nuovo il tasto di attivazione programma, la console segnala vocalmente l'inserimento del programma e
l'esclusione delle zone aperte.

10 - Impulso sirena all'inserimento


Abilita la sirena a dare un impulso sonoro nel momento in cui il radiocomando
inserisce un programma.

Il menu Radiocomandi è completato


Per confermare le programmazioni premiOK.
Per annullare le programmazioni premiAnnulla

5-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 100 di 134 05/06/10


Approfondimenti - Funzionalità organi di accesso

L'esempio fa riferimento alla funzione "Abort manuale generale dei


comunicatori" Pag. 4-2 (7)

L'esempio fa riferimento alla funzione "Abort automatico dei comunicatori al


disinserimento"
Per il codice Pag. 4-2 (8)
Per la chiave Pag. 4-5 (6)
Per il radiocomando Pag. 4-7 (6)

Sistema TP16-512 GSM 5-3

Pagina 101 di 134 05/06/10


Approfondimenti - Funzionalità organi di accesso

L'esempio fa riferimento alla funzione


"Disabilitazione Inserimento/Disinserimento diretto" Pag. 4-3 (12)

L'esempio fa riferimento alla funzione "Codice rapina" Pag. 4-2 (9)

L'esempio fa riferimento alla funzione "Esclusione zone disabilitata" Pag. 4-3(14)

5-4 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 102 di 134 05/06/10


Approfondimenti - Funzionalità organi di accesso

L'esempio fa riferimento alla funzione "Esclusione zone disabilitata" Pag. 4-5 (8)

L'esempio fa riferimento alla funzione "Esclusione zone disabilitata" Pag. 4-7 (9)

L'esempio fa riferimento alla funzione "Conferma disinserimento (blocco rapina)"


Per la chiave Pag. 4-5 (7)
Per il radiocomando Pag. 4-7 (7)

Sistema TP16-512 GSM 5-5

Pagina 103 di 134 05/06/10


5-6 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 104 di 134 05/06/10


Programmazione sirene tastiere radio
Clicca sull'icona 1 Radio (programmazione sirene tastiere radio)

Si visualizza la finestra "Configurazione dispositivi radio" menu "Sirene radio"

In questo menu si programmano i parametri che regolano il funzionamento delle sirene radio.
La centrale gestisce un massimo di 4 sirene radio.

1 - Durata suonata
Programmazione del tempo di suonata della sirena in caso di allarme.
Da 00:00 a 01:59 min. sec.

2 - Ritardo attivazione
Programmazione tempo di ritardo di attivazione della sirena.
In caso di allarme la sirena inizia a suonare solo dopo che il tempo di ritardo
attivazione si è esaurito. Da 00:00 a 01:59 min. sec.

3 - Durata lampeggio
Programmazione del tempo di lampeggio della sirena in caso di allarme.
Da 00 a 15 min.

Sistema TP16-512 GSM 6-1

Pagina 105 di 134 05/06/10


4 - Volume
Clicca sulla barra per regolare il volume di segnalazione sonora della sirena.
E' possibile segliere uno dei 4 livelli di segnalazione proposti.

5 - Modo Sirena
Scelta della modalità di funzionamento. In base alla scelta la sirena segue le
modalità di funzionamento (attivazione), sirena interna o sirena esterna.
Sirena esterna - La sirena và in allarme quando commuta l'uscita SRA.
Sirena interna - La sirena và in allarme quando commuta l'uscita SRINT.

6 - Allarme
Scelta del modo di funzionamento per la segnalazione di alllarme.
Clicca sul menu a tendina è scegli tra quelle proposte una delle
opzioni di segnalazione.

7 - Preallarme
Scelta del modo di funzionamento per la segnalazione di prealllarme.
Clicca sul menu a tendina è scegli tra quelle proposte una delle opzioni
di segnalazione.

8 - Segnalazioni
Scelta della modalità di funzionamento per segnalare ON/OFF impianto.
Clicca sul menu a tendina è scegli una opzione di segnalazione.
Suonata - la sirena emette 1 Beep per segnalare ON e 3 Beep per OFF.
Lampeggiante - la sirena emette circa 3 lampeggi per segnalare ON e OFF.
Suonata+Lampegginate - la sirena suona e lampeggia per segnalare ON e
OFF impianto, secondo le modalità di suonata e lampeggio già descritte.

9 - Allarme tecnico
Scelta del modo di funzionamento per la segnalazione di alllarme tecnico.
Clicca sul menu a tendina è scegli tra quelle proposte una delle opzioni di
segnalazione.

Il menu Sirene radio è completato


Per confermare le programmazioni premiOK.
Per annullare le programmazioni premiAnnulla

6-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 106 di 134 05/06/10


Programmazione delle Tastiere radio
Clicca sul tasto Tastiere radio

In questo menu si programmano i parametri che regolano il funzionamento delle tastiere radio LCD300WL.
La centrale gestisce un massimo di 4 tastiere radio.

1 - Tastiera
Clicca sul menu a tendina e scegli la tastiera che si desidera programmare.

2 - Abbinamento dei tasti ai programmi.


La tastiera via radio LCD300WL può gestire un massimo di 8 programmi.
I tasti numerici da 1 a 8 sono adibiti alla accensione e allo spegnimento
dei programmi.
Il riquadro raffigurato, rappresenta i tasti da 1 a 8, ad ognuno di essi è
possibile abbinare un programma.
Per abbinare i tasti ai programmi clicca sul menu a tendina e scegli il
programma che si vuole abbinare al tasto.
Utilzza la stessa procedura per abbinare ad ogni tasto un programma.

Sistema TP16-512 GSM 6-1

Pagina 107 di 134 05/06/10


3 - Inserimento rapido
Abilita la tastiera alla funzione di inserimento rapido.
Con la funzione abilitata per inserire un programma è sufficente digitare il tasto
asterisco seguito dal numero del programma che si vuole inserire.
Con la funzione disabilitata per inserire un programma è necessario digitare
prima il codice seguito dal numero del programma che si vuole attivare.

4 - Disinserimento rapido
Abilita la tastiera alla funzione di disinserimento rapido.
Con la funzione abilitata per disinserire un programma è sufficente digitare il
tasto asterisco seguito dal numero del programma che si vuole disinserire.
Con la funzione disabilitata per disinserire un programma è necessario digitare
prima il codice seguito dal numero del programma che si vuole disinserire.

5- Panico
Abilita la tastiera alla generazione di allarme panico.
L'allarme panico viene provocato dalla digitazione contemporanea dei 2 tasti:
freccia su e freccia giù.

6 - Menu rapido
Se abilitato permette l'attivazione/disattivazione dei telecomandi, senza la
digitazione del codice.

7 - Soppravvivenza disabilitata
Disabilita la centrale al controllo (verifica periodica) del segnale radio di
soppravvivenza, trasmesso dalla tastiera.

Il menu Tastiere radio è completato


Per confermare le programmazioni premiOK.
Per annullare le programmazioni premiAnnulla

6-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 108 di 134 05/06/10


Configurazione hardware (programmazione)

Prima di procedere nella configurazione hardware verifica lo stato dell'opzione autocablaggio.


Clicca sull'icona Ver.

Si visualizza la finestra "Opzioni" verifica lo stato dell'opzione di programmazione "Autocablaggio" se a sinistra della
voce autocablaggio è presente il carattere di spunta significa che l'opzione è abilitata, cliccando sulla casella si abilita
o si disabilita l'opzione.

Per chiudere la finestra clicca su OK, Il menu che segue è illustrato considerando, l'opzione autocablaggio attivata.

Clicca sull'icona configurazione hardware

Si visualizza la finestra "Configurazione hardware" il menu


permette di aggiungere o cancellare i dispositivi che
compongono il sistema che si vuole realizzare.

Il menu assolve a due funzioni, la prima funzione è la


definizione/programmazione della configurazione hardware
del sistema, la funzione di programmazione può essere
svolta in assenza di collegamento con la centrale.

La seconda funzione del menu è più orientate alla diagnostica


di sistema, ovviamente, il collegamento alla centrale è
necessario.

Le due funzioni hanno visualizzazioni diverse, per una


migliore trattazione la spiegazione del menu è suddivisa
in due capitoli, in questo capitolo il menu è descritto solo
per la funzione di programmazione, la funzione di diagnosi
è descritta in un altro capitolo.

Sistema TP16-512 GSM 9-1

Pagina 109 di 134 05/06/10


1 - Aggiungi - Cancella
Il menu a tendina propone l'aggiunta di dispositivi al sistema, se si
desidera cancellare dispositivi dal sistema clicca sul menu a
tendina e seleziona la voce cancella.

2 - Scelta del dispositivo


La finestra configurazione hardware visualizza l'elenco dei
dispositivi disponibili, (dispositivi che possono essere
aggiunti al sistema).
Per scorrere l'elenco dei dispositivi disponibli clicca sulla
barra di scorrimento verticale, visibile a destra della finestra.
Cerca il dispositivo desiderato e clicca su di lui.

3 - Inserimento del dispositivo


Si visualizza la finestra che chiede di confermare l'inserimento
del dispositivo scelto.
Per confermare l'inserimento clicca sul tasto SI.
Per rinunciare all'inserimento clicca sul tasto NO.
Procedi nello stesso modo per tutti gli altri dispositivi da inserire
nel sistema
Nota: è comunque possibile inserire o cancellare dispositivi in
qualsiasi momento

Limiti di sistema
Il programma controlla automaticamente i limiti hardware del
sistema che si sta creando (programmando).
I limiti del sistema sono il numero massimo di dispositivi collegabili
alla centrale per ognuno dei gruppi di dispositivi (espansioni zone,
console, dispositivi wireless, espansioni uscite ecc.).
Ogni volta che il programma riconosce che un gruppo ha raggiunto
il limite del sistema, visualizza automaticamente una finestra di
avviso, che indica che il numero massimo di dispositivi del gruppo
è stato raggiunto, impedendo di fatto il superamento del limite di
sistema. Per chiudere la finestra di avviso clicca su OK.

Icona della centrale


L'icona della centrale è l'unica icona che con l'opzione
autocablaggio attiva può essere spostata sul piano di lavoro,
per spostarla, lascia aperta la finestra configurazione hardware,
posiziona il mouse sull'icona della centrale, premi il tasto sinistro
del mouse e trascina l'icona in un altra posizione, rilascia il
mouse. Quando nel sistema vengono programmate delle zone
radio la dimensione dell'icona della centrale si ingrandisce,
all'icona originale vengono aggiunti uno o più moduli (1 modulo ogni
32 zone radio)

9-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 110 di 134 05/06/10


Norme di schematizzazione grafica del sistema
L'insieme dei dispositivi disposti sul piano di lavoro forma lo schema di principio
dell'impianto, si tratta di una rappresentazione grafica di sintesi del sistema.
I collegamenti - l collegammenti sono rappresentati in modo unifilare, i tratti
rossi rappresentano l'alimentazione, i tratti blu rappresentano la linea seriale
RS485.
Le sirene BUS - Nello schema viene rappresentato solo il Serial BUS, quindi
per semplificazione grafica anche le sirene BUS sono figurativamente collegate
all Serial BUS. Attenzione nel cablaggio reale, le sirene BUS devono essere
collegate solo al Siren BUS.
I dispositivi radio - Tutti i dispositivi radio tranne i moduli ricevitori, vengono
raffigurati senza nessun tipo di collegamento al BUS.

Spostare la finestra
Durante le operazioni di inserimento dei dispositivi, la posizione della finestra di
configurazione hardware si può sovrapporre allo schema di del sistema che si
sta costruendo, per spostare la finestra posiziona il mouse sulla banda blu in
alto alla finestra, premi il tasto sinistro del mouse e trascina la finestra in altra
posizione, rilascia il mouse.

4 - Cancellazione dispositivo
Procedura di cancellazione dispositivo:
A - Nella finestra configurazione hardware seleziona
cancella
B - Clicca sul dispositivo che vuoi cancellare
C - Appare la finestra di conferma cancellazione, per
cancellare il dispositivo clicca sul tasto SI
Se non vuoi cancellare il dispositivo clicca sul tasto NO
A

5 - Salvataggio configurazione
Al termine della configurazione per salvare il
lavoro clicca sul tasto OK
Se non vuoi salvare la configurazione clicca
sul tasto Abbandona.

Sistema TP16-512 GSM 9-3

Pagina 111 di 134 05/06/10


6 - Il piano di lavoro
Il grande rettangolo bianco, delimitato in alto dalla barra dei menu e a destra ed in basso dalle barre di scorrimento è il
piano di lavoro.
Sul piano di lavoro vengono disposti i dispositivi, secondo le regole illustrate in
"Disposizione dei dispositivi".
La visualizzazione del piano di lavoro può essere personalizzata come illustrato in"Opzioni di visualizzazione"

Disposizione dei dispositivi


Ogni volta che si inserisce un dispositivo, il programma lo dispone automaticamente sul piano di lavoro, i dispositivi
vengono posizionati in sequenza, impilati in colonna in modo discendente uno sotto l'altro, la capienza massima della
colonna è il vertice basso del piano di lavoro, quando una colonna raggiunge la capienza massima gli ulteriori altri
dispositivi vengono disposti in una colonna affiancata.
I dispositivi alimentati vengono disposti sempre e solo nel vertice alto del piano di lavoro, di conseguenza l'inserimento
di un dispositivo alimentato (SPEED ALM) provoca l'apertura di una nuova colonna.
La disposizione dei dispositivi sul piano di lavoro rappresenta uno schema di principio del sistema, che nulla a che
vedere con la reale disposizione impiantistica del sistema nel sito.

Opzioni di visualizzazione
Cliccando con il tasto sinistro del mouse in un qualsiasi punto del piano di lavoro si visualizza la finestra delle opzioni
di visualizzazione del piano di lavoro. Le opzioni abilitano o disabilitano le seguenti funzioni:
Programmazione - L'opzione visualizza i tasti di selezione dei menu di programmazione (barra in alto e barra a destra)
Dip indirizzo - L'opzione visualizza i dip di indirizzo seriale dei dispositivi visualizzati sul piano di lavoro
Barra di scorrimento orizzontale - L'opzione rende visibile o nasconde la barra di scorrimento orizzontale del piano
Barra di scorrimento verticale - L'opzione rende visibile o nasconde la barra di scorrimento verticale del piano

Per abilitare o disabilitare ogni singola opzione clicca sulla voce, se a sinistra della
voce è visualizzato il carattere di spunta significa che l'opzione è abilitata.

9-4 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 112 di 134 05/06/10


Ridimensionamento del piano di lavoro
Se si minimizza la finestra del programma centro, il piano di lavoro può non essere più in grado di riuscire a visualizzare
tutti i dispositivi, come avviene nella modalità a schermo intero. Per ovviare a questo inconveniente entra in un qualsiasi
menu ed esci, il programma, provvede a riposizionare tutti i dispositivi, al fine di renderli nuovamente tutti visibili sul
piano di lavoro ridimensionato.
Se si massimizza la finestra del programma centro, il piano di lavoro mantiene la disposizione dei dispositivi, con
l'impostazione precedente (finestra minimizzata), per ricondurre i dispositivi alla disposizione originale, clicca sul tasto
configurazione hardware, poi clicca sul tasto OK.

Configurazione hardware (no autocalaggio)


Configurazione hardware senza l'ausilio dell'opzione autocablaggio
Senza l'opzione autocablaggio la disposizione dei dispositivi sul piano di lavoro è libera, ogni dispositivo può essere
sistemato nella posizione desiderata, i collegamenti tra i dispositivi ovvero le traccie di alimentazione e la linea RS485
non vengono disegnate in automatico, le traccie di collegamento possono essere disegnate liberamente selezionando le
opzioni "Traccia alimentazione" e "Traccia loop 485"

1 - Clicca sull'icona Ver.


Si visualizza la finestra "Opzioni"

2 - Disabilita Autocablaggio
L'opzione autocablaggio non deve avere il carattere di
spunta. Controlla lo stato dell'opzione autocablaggio se è
abilitata clicca nel riquadro bianco per disabilitarla.
Chiudi la finestra, clicca su OK.

3 - Clicca sull'icona configurazione hardware


Si visualizza la finestra "Configurazione hardware"

4 - Menu a tendina
Al menu a tendina oltre alle opzioni Aggiungi e Cancella si
aggiungono le opzioni:
Sposta - Permette di spostare la posizione dei dispositivi
sul piano di lavoro
Traccia alimentazione - Permette di tracciare linee di
colore rosso che rappresentano l'alimentazione del
dispositivo
Traccia loop 485 - Permette di tracciare linee di colore blu
che rappresentano la linea seriale RS485

Sistema TP16-512 GSM 9-5

Pagina 113 di 134 05/06/10


5- Cancellazione dispositivo e traccia
Procedura di cancellazione dispositivo
A - Nella finestra configurazione hardware seleziona
cancella
B - Clicca sul dispositivo che vuoi cancellare
C - Appare la finestra di conferma cancellazione, per
cancellare il dispositivo clicca sul tasto SI
Se non vuoi cancellare il dispositivo clicca sul tasto NO
A
Procedura di cancellazione traccia
A - Nella finestra configurazione hardware seleziona
cancella
B B - Clicca sulla traccia che vuoi cancellare

6 - Salvataggio configurazione
Al termine della configurazione per salvare il
lavoro clicca sul tasto OK
Se non vuoi salvare la configurazione clicca
sul tasto Abbandona.

9-6 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 114 di 134 05/06/10


Beckup restore configurazione radio
Clicca sull'icona Radio beckup restore configurazione radio

Si visualizza la finestra "Backup-restore configurazione radio"

I codici dei dispositivi radio che compongono l'impianto sono memorizzati sulla centrale
Il menu permette due azioni distinte:
il "Beckup" ricezione dalla centrale e salvataggio sul PC dei codici dei dispositivi radio dell'impianto
Il "Restore" ripristino dal PC e scrittura sulla centrale dei codici dei dispositivi radio dell'impianto

Attenzione la funzionalità di questo menu richiede il collegamento locale o remoto tra centrale e centro

1 - Ultimo backup
Il campo visualizza la data e l'ora in cui è stato effettuato l'ultimo
backup dei dispositivi radio.
La data visualizzata offre un riferimento preciso che fotografa il
momento in cui i codici dei dispositivi radio sono stati salvati
nell'archivio del programma "Centro".

Ogni volta che sull'impianto vengono aggiunti o rimossi dispositivi


radio è buona norma eseguire sempre l'operazione di beckup

2 - Invio (Restore)
Cliccando il tasto "invio" tutti i codici dei dispositivi radio della centrale
memorizzati nel Centro nell'ultima operazione di beckup, vengono inviati
(ripristinati) sulla centrale.

Attenzione l'operazione non è reversibile i dati dei dispositivi radio


residenti in centrale verranno sovrascritti
Il programma centro visualizza una finestra che chiede la conferma
dell'operazione.
Clicca su SI per confermare l'operzione.
Clicca su NO per rinunciare all'operazione

Sistema TP16-512 GSM 13-1

Pagina 115 di 134 05/06/10


Il buon esito dell'operazione è confermato dalla visualizzazione della
finestra di notifica del Centro "Invio completato correttamente"

Clicca sul tasto OK per chiudere l'operazione di restore

3 - Ricezione (Backup)
Premendo il tasto "ricezione" tutti i codici dei dispositivi radio della
centrale vengono memorizzati sul PC (programma centro).

Il buon esito dell'operazione è confermato dalla visualizzazione della


finestra di notifica del Centro "Ricezione completata correttamente".
Clicca sul tasto OK per chiudere l'operazione di ricezione.

Ad operazione completata, la data e l'ora che indicano il momento


dell'ultimo beckup vengono aggiornate.

Attenzione la funzione di Backup è comunque intrinseca nel trasferimento della programmazione da centrale a centro,
quindi ogni volta che viene effettuato il trasferimento della programmazione la data ultimo Beckup viene aggiornata.

Numero seriale della centrale


Tutte le centrali Tecnoalarm sono contradistinte da un proprio numero
seriale "SN" composto da 10 cifre, il numero seriale viene scritto in
fabbrica nella memoria della centrale è trascritto sull'etichetta adesiva
visibile sulla scheda.

Nell'operazione di backup il numero seriale viene verificato e validato, se


il programma centro riscontra che il numero seriale della centrale è
diverso dal numero seriale memorizzato nell'ultimo backup, apre una
finestra che notifica l'incongruenza, e chiede la conferma per procedere.

Clicca su SI per confermare l'operazione.


Clicca su NO per rinunciare all'operazione.

Il menu Backup-restore è completato


Per uscire clicca sul tasto Uscita

13-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 116 di 134 05/06/10


Analisi rete RS485
Clicca sull'icona analisi rete RS485

Si visualizza la finestra "Analisi rete RS485"

Analisi colloquio di rete RS485


Analisi rete è un controllo strumentale, continuo, esercitato sulla linea seriale RS485 che collega i dispositivi che
compongono il sistema. Tutti i dispositivi sono costantemente monitorati tutte le transazioni di comunicazione vengono
verificate per accertare la coerenza e la correttezza dei dati di interscambio. Ogni transazione incrementa il contatore
dati di comunicazione totale gli eventuali errori di comunicazione sono totalizzati dal contatore errori. L'analisi dei dati di
comunicazione permette di accertare l'entità numerica degli errori di comunicazione provocata da disturbi di natura
elettrica o dal deterioramento della rete di comunicazione. L'analisi del colloquio relaziona i dati dei due contatori e in
base al rapporto risultante, segnala la percentuale di errori classificandola come insignificante, trascurabile o critica.

1 - I Contatori
Ogni transizione viene analizzata, totalizzata e memorizzata dal contatore
TOT (transizioni totali), nel caso in cui la transazione non è considerata
valida, viene incrementato anche il contatore ERROR (transizioni errate).
Il rapporto numerico dei contatori "TOT" ed "ERROR" determina l'affidabilità
dell'interscambio dati tra CPU e periferiche.

Ogni periferica ha un semaforo di segnalazione: il verde indica che il flusso dati è affidabile (errori non significativi), il
giallo una percentuale d'errore del 1% (trascurabile), Il rosso una percentuale d'errore superiore al 3%.(criticità)

Dip - Colonna di visualizzazione degli indirizzi dei periferici.


TOT - Colonna del contatore totale transizioni
ERROR - Colonna del contatore errori (totale errori di comunicazione)
Nell'esempio raffigurato il periferico con l'indirizzo 1 non è presente sull'impianto, di conseguenza il numero di errori e
pari al numero di transizioni ed il semaforo è rosso. Il periferico con l'indirizzo 2 è presente sull'impianto e non segnala
nessun errore di comunicazione il semaforo è verde.
TP16-512 GSM 16-1

Pagina 117 di 134 05/06/10


Lo strumento analizza selettivamente i moduli che compongono l'impianto, i moduli sono suddivisi in gruppi coerenti
per la funzione svolta. La selezione del gruppo che si vuole monitorare avviene cliccando sul relativo tasto.

2 - Moduli
Tasto di selezione dei moduli espansione zone
(visualizza 15 indirizzi)

3 - Tastiere
Tasto di selezione delle tastiere
(visualizza 15 indirizzi)

4 - Punti chiave
Tasto di selezione delle periferiche punti chiave
(visualizza 15 indirizzi)

5 - Sinottici
Tasto di selezione delle periferiche espansione uscite sinottico 32N ed ESP32-OCN
(visualizza 16 indirizzi)

6 - Moduli radio
Tasto di selezione delle periferiche moduli radio
(visualizza 2 indirizzi)

7 - Tecnocell
Tasto di selezione della periferica comunicatore telefonico Tecnocell
(visualizza 1 indirizzo)

8 - Sirene
Tasto di selezione delle periferiche sirene BUS collegate al Siren BUS della centrale
(visualizza 8 indirizzi)

9 - Azzera
Tasto azzeramento dei contatori. Attenzione la digitazione del pulsante provoca
l'azzeramento di tutti i contatori di tutti i gruppi.
Si consiglia di azzerare i contatori al termine delle operazioni di installazione.

Le segnalazioni del semaforo

Spento periferico non presente, o collegamento assente, o escluso permanente

Rosso numero di errori superiore al 3%, collegamento molto disturbato situazione da correggere

Giallo numero di errori superiore al 1% collegamento disturbato situazione da tenere sotto controllo

Verde numero di errori inferiore al 1% situazione ottimale

Uscita per uscire dalla funzione di analisi rete premi il tasto uscita

16-2 Sistema TP16-512 GSM

Pagina 118 di 134 05/06/10


Scaricare il firmware dal sito

1 - Accedi al sito Tecnoalarm www.tecnoalarm.com


A - Clicca sulla parola "Installatori"
B - Clicca sull'icona "Installatori Professionali Tecnoalarm"
C - Compila "Username" e "Password" e clicca su "Login"
D - Clicca sul riquadro "Software e Firmware"

E - Scorri la pagina e cerca il "Firmware modello centrale"


F - Scegli "Release" e "Lingua" E
G - Clicca sul "Download" corrispondente

Scaricare il firmware dal sito Sistema TP16-512 GSM A1-1

Pagina 119 di 134 05/06/10


2 - Sequenza di memorizzazione del file
A - Clicca sul tasto "Salva".
B - seleziona "Risorse del computer"
C - Seleziona il dispositivo su cui memorizzare il file
A D - Clicca sul pulsante "Salva"

3 - Note importanti

Prima dell'aggiornamento
A - Prima di effettuare un aggiornamento Firmware salvare la programmazione della centrale sul Centro
B - Se la centrale dispone di dispositivi radio effettuare il Backup della configurazione radio sul Centro

Dopo l'aggiornamento
A - Dopo aver aggiornato il Firmware della centrale, ricaricare la programmazione precedentemente salvata sul Centro
B - Se la centrale dispone di dispositivi radio effettuare il Restore della configurazione radio dal Centro

A1-2 Sistema TP16-512 GSM Scaricare il firmware dal sito

Pagina 120 di 134 05/06/10


Aggiornamento firmware da porta USB

Il capitolo illustra la procedura di aggiornamento firmware della scheda centrale


Attenzione prima di procedere accertatevi di essere già in possesso del file necessario all'aggiornamento, il capitolo
"Scarica Firmware dal sito" offre tutte le informazioni necessarie al reperimento del file di aggiornamento.

Il disegno a lato evidenzia ingrandita l'area della scheda


CPU, su cui agire per l'aggiornamento della centrale,
l'area racchiude la porta USB, jumper 3, 8, 9 e i led di
segnalazione.

Il disegno a lato e i seguenti illustrano la sequenza


operativa delle operazioni da svolgere per
l'aggiornamento della centrale TP16-512 GSM

Le operazioni da svolgere sono: l'apertura e/o la


chiusura dei jumper, la connessione e la sconnessione
del cavo USB, il riquadro "LED" indica e le risposte che
la centrale da tramite i led di segnalazione.

1 - Chiudi collegamento centro/centrale


Chiudi la cartella della centrale dal programma centro.
Chiudi i ponticelli JP8 e JP9

2 - Reset della centrale


Chiudi il ponticello 3.
Apri il ponticello 3.
Verifica il lampeggio sincrono dei led giallo e verde.

Aggiornamento firmware della centrale Sistema TP16-512 GSM A2-1

Pagina 121 di 134 05/06/10


3 - Collegamento del cavo USB
Collega il cavo USB alla USB PORT.
Verifica l'accensione del led rosso.

4 - Apri il programma centro


A - Seleziona la centrale e clicca su di essa
B - Clicca sull'icona per aprire il collegamento
C - Clicca sull'icona per collegarti alla centrale

A2-2 Sistema TP16-512 GSM Aggiornamento firmware della centrale

Pagina 122 di 134 05/06/10


5 - Apri la finestra Firmware
Clicca sull'icona Firmware

Si apre la finestra "Firmware"


Nella parte alta della finestra, nel riquadro centrale si
visualizza la "Versione hardware" e la "Versione
installata".

A - Clicca sul tasto "Invio".


Si apre la finestra inserire disco.
B - Clicca su "Annulla"

Si visualizza la finestra apri


Cerca il file di aggiornamento
C - Clicca su risorse del computer
D - Clicca sul dispositivo di memoria che contiene il file
E - Clicca sul file, clicca su apri

Aggiornamento firmware della centrale Sistema TP16-512 GSM A2-3

Pagina 123 di 134 05/06/10


6 - Finestra Invio Firmware
Si apre la finestra "Invio Firmware" l'avanzamento
della barra blu indica che è in corso il
trasferimento del file.

La finestra visualizza anche le informazioni che


riguardano l'avanzamento del trasferimento ed il
completamento della procedura

7 - Fase di trasferimento
Inizio - Durante la fase di trasferimento i led giallo e
verde lampeggiono velocemente.

Fine - Alla fine della fase di trasferimento i led giallo e


verde si spengono per un istante, poi ritornano a
lampeggiare lentamente.

8 - Ripristino dei ponticelli


Apri il ponticello JP8
Apri il ponticello JP9
Scollega il cavo USB
Verifica led rosso spento, led giallo lampeggiante
e led verde acceso.

L'aggiornamento Firmware è completato clicca sul tasto "Uscita".

A2-4 Sistema TP16-512 GSM Aggiornamento firmware della centrale

Pagina 124 di 134 05/06/10


Cancellazione codici di accesso

Il capitolo illustra la procedura di cancellazione di tutti i codici di accesso della centrale


Attenzione prima di procedere accertatevi di essere sicuri di volere cancellare tutti i codici di accesso della centrale, la
seguente procedura riconduce la centrale ai codici di accesso programmati in fabbrica (default).

Il disegno a lato evidenzia ingrandita l'area della scheda


CPU, su cui agire per la cancellare totalmente la
programmazione della centrale, l'area racchiude JP3
Reset e i led di segnalazione.

Di seguito è illustrata la sequenza delle operazioni da


svolgere per cancellare tutti i codici di accesso della
centrale TP16-512V

1 - Inizio Reset codici


Chiudi il ponticello JP3.
Verifica lo spegnimento dei led rosso, giallo e verde.

2 - Visualizzazione di tastiera
Il display della tastiera LCD300/S visualizza la scritta
"LINEA ASSENTE" tutti i led della tastiera
lampeggiano in modo sincrono

Cancellazione codici di accesso Sistema TP16-512 GSM A3-1

Pagina 125 di 134 05/06/10


3 - Fine Reset codici
Apri il ponticello JP3.
Verifica l'accensione del led giallo

4 - Procedura da tastiera LCD300/S


A A - Il display della tastiera visualizza
B - Premi più volte il tasto "EXIT"
C - Il display visualizza per un attimo
B
D - Fine della procedura il display visualizza data e ora

5 - I codici di fabbrica
L'operazione di cancellazione totale dei codici programmati riporta la centrale ai codici di accesso programmati in
fabbrica (defoult). I codici di fabbrica hanno tutti una lunghezza di 5 cifre, i codici sono:

Codice installatore : 54321

Codice utente Master: 1 2 3 4 5

Codici ausiliari 0 0 0 0 0 (valore non valido)

A3-2 Sistema TP16-512 GSM Cancellazione codici di accesso

Pagina 126 di 134 05/06/10


Cancellazione configurazione centrale

Il capitolo illustra la procedura di cancellazione totale della programmazione della centrale


Attenzione prima di procedere accertatevi di essere sicuri di volere cancellare totalmente la programmazione della
centrale, la seguente procedura riconduce la centrale alla programmazione di fabbrica (default).

Il disegno a lato evidenzia ingrandita l'area della scheda


CPU, su cui agire per la cancellare totalmente la
programmazione della centrale, l'area racchiude JP3
Reset e i led di segnalazione.

Di seguito è illustrata la sequenza delle operazioni da


svolgere per cancellare totalmente la programmazione
della centrale TP16-512V

1 - Inizio Reset centrale


Chiudi il ponticello JP3.
Verifica lo spegnimento dei led rosso, giallo e
verde.

2 - Visualizzazione di tastiera
Il display della tastiera LCD300/S visualizza la scritta
"LINEA ASSENTE" tutti i led della tastiera
lampeggiano in modo sincrono

Cancellazione configurazione centrale Sistema TP16-512 GSM A4-1

Pagina 127 di 134 05/06/10


3 - Fine Reset centrale
Apri il ponticello JP3.
Verifica l'accensione del led giallo

4 - Procedura da tastiera LCD300/S


A A - Il display della tastiera visualizza
B - Premi più volte il tasto "NO"
C - Il display visualizza per un attimo
B
D - Fine della procedura il display visualizza data e ora

5 - I codici di fabbrica
L'operazione di cancellazione totale della programmazione riporta la centrale alla programmazione di fabbrica (defoult).
I codici di fabbrica hanno tutti una lunghezza di 5 cifre, i codici sono:

Codice installatore : 54321

Codice utente Master: 1 2 3 4 5

Codici ausiliari 0 0 0 0 0 (valore non valido)

A4-2 Sistema TP16-512 GSM Cancellazione configurazione centrale

Pagina 128 di 134 05/06/10


Espansioni Zone Max 48
Serial Serial Serial Serial Serial Serial Serial
BUS 1 BUS 1 BUS 1 BUS 1 BUS 1 BUS 1 BUS 1

Sensor RBC
BUS 4 XZone
8
Sensor
Remote Beem Control

X 4 RBC RBC RBC


X 8 ALM
Sensor
2 Zone
BUS 1 Zone Remote Beem Control

1,8A
8 ZONE 8 ZONE
Remote beam control

4 ZONE
Remote Beem Control

Siren X 8 ALM BUS


1 Siren 1,8A 4 ZONE
8 ZONE
2 OUT 1 OUT
BUS SPEED SPEED SPEED SPEED
SPEED 2 OUT 8 PLUS 1 OUT 4 PLUS 4 OUT ALM8 8STD SPEED 8 SPEED 4
4 OUT ALM8 PLUS
+-AB
Wireless Max 3

1
4
2
5
3
6
TX
7 8 9
0 #
*

433MHz Serial
+-AB 868MHz BUS 1
Console Max 32 GSM RX
TTL USB Module
GPRS
PSTN
Interface RTX200
Interface Ethernet Module Interface
DTMF
LCD Hz 433MHz
32 DTMF
P 2 Righe x 16 Hz SMS 868MHz
B Serial
R Tastiera 16 tasti A
Serial O 32 Led
Serial Power
DATI Protocols RX BUS 1
G + 6,2A TP16-512 GSM Byte
BUS 2 BUS 1 0101
Mode FSK Hz RX300
Voce S S Advanced
DATI
B PR G 0101 Byte FONIA RING
LCD300/S A Serial BUS Veloce B
38400 Baud Siren A Massima estensione
+ BUS 2
S 7 OUT
BUS della linea seriale 1Km
Punti di comando Max 16 +
16 ZONE

4 Tastiera
Serial P 12 Tasti
R 18 Led
BUS 2 O
G Rosso Nero (2x1)
TP SDN Alimentazione Sirene BUS Max 15
Azzurro Nero Twistato Cavo per Serial BUS RS485
(2x0,50) segnali A e B Codice F11200000228
6 Punto Chiave
Serial P 6 tasti Giallo (1x0,50) segnale S
programma Flash Tromba
R per Console e Tecnocell
BUS 2 O 10 Led ON impianto 8 modi suono
GSM Timer allarme Regola volume
G Module
PROX K6N GPRS SMS e postallarme Timer e Counter
Module Trasmission B
Modes A Siren SAEL 2000
Scheda FONIA BUS PRO BUS
3 32 OUT
controllo per 32 LED +
Serial P
R attivatori
BUS 2
O
ESP32-OCN SINOTTICO 32N TECNOCELL-PRO
G
TP SKN Serial Serial Serial
BUS 2 BUS 2 BUS 2
Massima estensione
Espansione Uscite Max 48 Trasmettitore GSM Max 1 della linea seriale 1Km

Sistema TP16-512 GSM Tecnoalarm


Foglio 01
Pagina 129 di 134 05/06/10
PonticelloPonticello JP4
JP2 - WATCH-DOG Ponticello JP9
Ponticello - CLEAR
JP4 Ponticello
Ponticello JP8 JP4
- BOOT Ponticello
Ponticello JP3 -JP4
RESET Interfaccia USB Collegamento
Aperto Aperto Solo per aggiornamento Aperto per programmazione Tamper Ponticello JP10
Condizione normale Firmware del prodotto Funzionamento normale collegamento autoprotezione Tipologia Tamper
Watch-dog abilitato
diretto al PC distacco e apertura Aperto
Chiuso Chiuso Reset della programmazione Chiuso
ritorna al default di fabbrica Reset HW scheda Tamper NC
Watch-dog disabilitato

Interfaccia seriale TTL Interfaccia Ethernet Chiuso


Tamper bilanciato
per programmazione 8 canali
collegamento connessione diretta
PROG USB alla rete Ponticello JP4
Ponticello
Abilitazione JP4
Tamper
RESET SERIAL USB TAMPER Aperto
INTERFACE PORT Tamper abilitati
JP3
Collegamento
BATT.1 BATT.2
JP9 JP8 JP4 JP10 Chiuso
Batteria 1 ETHERNET Tamper disabilitati
Max 12Ah INTERFACE
SLOT SD
JP2 D22 D23 D26
Collegamento MEMORY CARD
Batteria 2
Max 12Ah D29
Led Monitor connessione Led Monitor collegamento
Led D29 Monitor connessione USB Acceso Connessa Lampeg. Attivo
JP7 Alloggiamento SIM
Spento Sconnessa Spento Disattivo
Acceso USB connessa a PC
Ponticello JP7 Batteria
Spento USB non connessa Led Monitor velocità
Chiudi Acceso X100 PUSH PUSH SYSTEM

Per alimentare la centrale PROG D33 D32 Modulo GSM


Spento X10
solo con batteria chiudere Ponticello JP1 Riservato GM862 QUAD
2 sec.
Apri il ponticello per 2 sec. JP1 IMEI: 358279005279557

Poi riaprirlo

Led D33 Stato sistema Led D32 Controllo Rete 230V


FCC ID: RI7GM862L
IC: 513A-GM862L
ANATEL: 0410-05-2618
RoHS COMPLIANT

Aperto Sgancia la batteria quando


la tensione è minore di 9V 1 lampeggio al sec. Sistema OK Acceso Rete 230V presente
2 lampeggi al sec. GSM in comunicazione Spento Rete 230V assente
Chiuso D3
Sgancio batteria disabilitato 4 lampeggi al sec. Segue gli squilli del GSM Relè gestione
linea telefonica Connessione antenna GSM
Spento Sistema Guasto
Ingresso
alimentazione JP12 58 59 60 61
32VAC AC 63 Ponticello JP12 Riservato Led D52 Controllo GSM
Trasformatore AC 62
230/32VAC Lampeggio GSM OK
A B A B
JH1

JH2
150VA TEL LINE Acceso GSM in chiamata
JH1 JH1
Spento GSM KO

SIREN BUS
Led D1-D8 Controllo alimentazione
RS485
Relè contatti in Led acceso Sovraccarico alimentazione Solo per sirene
scambio libero
1 2 3 4
JH1

JH2 BUS
Led spento Assorbimento corrente regolare - + A B
SERIAL BUS 1
53 54 55 56 57 SIREN BUS RS485
Relè comando D1 D2 D3 D4 D5 D6 D7 D8
L1 L2 C NC NO 5 6 7 8 9 Solo per moduli
sirena
espansione zone
- + SPEED e Radio
A B S
SERIAL BUS 1
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 SERIAL BUS 2
10 11 12 13 14 RS485
- + - + - + - + - + -+ -+ -+ Solo per dispositivi
OUT2+
OUT4+
OUT3-

OUT1-

- +
COM

COM

COM

COM

COM

COM
SRINT

14,4V SRA
OFF-

Z1 Z2 Z3 Z4 Z5 Z6 Z7 Z8 Z9 Z10 Z11 Z12 Z13 Z14 Z15 Z16 ZT


COM

COM

- + - + - A B S di comando e
SERIAL BUS 2 sinottici

Sistema TP16-512 GSM


Topologico CPU Tecnoalarm
Foglio 02 02
Pagina 130 di 134 05/06/10
TP16-512 GSM 58 59 60 61
AC 63
AC 62
A B A B
TEL LINE

1 2 3 4

53 54 55 56 57
- + A B
SIREN BUS
L1 L2 C NC NO 5 6 7 8 9
- + A B S
SERIAL BUS 1
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52
10 11 12 13 14
- + - + - + - + - + -+ -+ -+
OUT2+
OUT4+
OUT3-

OUT1-

- +

COM

COM

COM

COM

COM

COM
SRINT

14,4V SRA
OFF-

Z1 COM Z2 Z3 Z4 Z5 Z6 Z7 Z8 Z9 Z10 Z11 Z12 Z13 Z14 Z15 Z16 ZT

COM
- + - + - A B S
SERIAL BUS 2

Corrente
S
TP16-512 GSM Ingressi Descrizione morsetti Segnale
massima
12 + Positivo alimentazione sensori +13,8V 250mA
12 13 14 15 16
13 Negativo alimentazione sensori
- + 14 Z1 Ingresso Zona 1 (NC-NA-BIL-2BIL) Ingresso
Z1 Z2
COM

15 COM Comune ingressi Zone V rifer.


16 Z2 Ingresso Zona 2 (NC-NA-BIL-2BIL) Ingresso
17 + Positivo alimentazione sensori +13,8V 250mA
17 18 19 20 21
18 Negativo alimentazione sensori
- + 19 Z3 Ingresso Zona 3 (NC-NA-BIL-2BIL) Ingresso
COM

Z3 Z4
20 COM Comune ingressi Zone V rifer.
21 Z4 Ingresso Zona 4 (NC-NA-BIL-2BIL) Ingresso
22 + Positivo alimentazione sensori +13,8V 250mA
22 23 24 25 26
23 Negativo alimentazione sensori
- + 24 Z5 Ingresso Zona 5 (NC-NA-BIL-2BIL) Ingresso
COM

Z5 Z6
25 COM Comune ingressi Zone V rifer.
26 Z6 Ingresso Zona 6 (NC-NA-BIL-2BIL-ZBUS) Ingresso

Sistema TP16-512 GSM


Morsettiera CPU Tecnoalarm
Foglio 03
Pagina 131 di 134 05/06/10
Corrente
S
TP16-512 GSM Ingressi Descrizione morsetti Segnale
massima
27 + Positivo alimentazione sensori +13,8V 250mA
27 28 29 30 31
28 Negativo alimentazione sensori
- + 29 Z7 Ingresso Zona 7 (NC-NA-BIL-2BIL) Ingresso

COM
Z7 Z8
30 COM Comune ingressi Zone V rifer.
31 Z8 Ingresso Zona 8 (NC-NA-BIL-2BIL) Ingresso
32 + Positivo alimentazione sensori +13,8V 250mA
32 33 34 35 36
33 Negativo alimentazione sensori
- + 34 Z9 Ingresso Zona 9 (NC-NA-BIL-2BIL) Ingresso

COM
Z9 Z10
35 COM Comune ingressi Zone V rifer.
36 Z10 Ingresso Zona 10 (NC-NA-BIL-2BIL) Ingresso
37 + Positivo alimentazione sensori +13,8V 250mA
37 38 39 40 41
38 Negativo alimentazione sensori
- + 39 Z11 Ingresso Zona 11 (NC-NA-BIL-2BIL) Ingresso
COM

Z11 Z12
40 COM Comune ingressi Zone V rifer.
41 Z12 Ingresso Zona 12 (NC-NA-BIL-2BIL-ZBUS) Ingresso
42 + Positivo alimentazione sensori +13,8V 250mA
42 43 44 45 46
43 Negativo alimentazione sensori
- + 44 Z13 Ingresso Zona 13 (NC-NA-BIL-2BIL-ZBUS) Ingresso
COM

Z13 Z14
45 COM Comune ingressi Zone V rifer.
46 Z14 Ingresso Zona 14 (NC-NA-BIL-2BIL-ZBUS) Ingresso
47 + Positivo alimentazione sensori +13,8V 250mA
47 48 49 50 51 52 48 Negativo alimentazione sensori
49 Z15 Ingresso Zona 15 (NC-NA-BIL-2BIL-ZBUS) Ingresso
-+
COM

Z15 Z16 ZT 50 Z16 Ingresso Zona 16 (NC-NA-BIL-2BIL-ZBUS) Ingresso


51 COM Comune ingressi Zone V rifer.
52 ZT Ingresso Zona Tamper Ingresso

Sistema TP16-512 GSM


Morsettiera CPU Tecnoalarm
Foglio 04
Pagina 132 di 134 05/06/10
Corrente
TP16-512 GSM Uscite Descrizione morsetti Segnale massima
1 +14,4V Positivo carica batteria sirena +14,4V
1 2 3 4 5 6 2 Negativo carica batteria sirena
3 SRA+ Comando sirena autoalimentata +13,8V

SRINT
14,4V SRA
- + - + - 4 Negativo alimentazione sirena autoalimentata
5 SRINT Comando sirena interna (stato programmabile) +13,8V/O.C. 300mA
6 Negativo alimentazione sirena interna
7 OFF- Comando Stand-By (negativa) /O.C. 100mA
7 8 9 10 11 8 OUT4+ Uscita logica positiva (stato programmabile) +13,8V/O.C. 100mA
9 OUT3- Uscita logica negativa (stato programmabile) /O.C. 100mA

OUT2+
OUT4+

OUT1-
OUT3-
OFF-
10 OUT2+ Uscita logica positiva (stato programmabile) +13,8V/O.C. 100mA
11 OUT1- Uscita logica negativa (stato programmabile) /O.C. 100mA

TP16-512 GSM Descrizione morsetti Comando


Corrente
Rele suplementare massima
53 L1 Comando bobina rele scambio libero +12V
53 54 55 56 57
54 L2 Comando bobina rele scambio libero
55 C Rele scambio libero contatto comune
L1 L2 C NC NO 10A
56 NC Rele scambio libero contatto normal. Chiuso
250VAC
57 NO Rele scambio libero contatto normal. Aperto

TP16-512 GSM Alimentazione Descrizione morsetti Segnale Note

AC 63 62 AC Ingresso d’alimentazione da trasformatore 32VAC Collegamento


con
AC 62 63 AC Ingresso d’alimentazione da trasformatore 32VAC
polarità libera

Sistema TP16-512 GSM


Morsettiera CPU Tecnoalarm
Foglio 05
Pagina 133 di 134 05/06/10
TP16-512 GSM Telefonia Descrizione morsetti Segnale Note
58 A Uscita linea telefonica (collegamento telefoni) +48V Valore indicativo
58 59 60 61 collegamento con
59 B Uscita linea telefonica (collegamento telefoni) polarità libera

A B A B 60 A Ingresso linea telefonica (collegamento linea) +48V Valore indicativo


collegamento con
TEL LINE 61 B Ingresso linea telefonica (collegamento linea) polarità libera

Descrizione morsetti Corrente


TP16-512 GSM Seriali Segnale
massima
1 +13,8V Positivo alimentazione linea Bus seriale sirene +13,8V 900mA
1 2 3 4
2 Negativo alimentazione linea Bus seriale sirene
- + A B 3 A Canale A linea Bus seriale sirene Dati seriale
SIREN BUS 4 B Canale B linea Bus seriale sirene Dati seriale
5 +13,8V Positivo alimentazione linea Bus seriale 1 +14,4V 600mA
5 6 7 8 9 6 Negativo alimentazione linea Bus seriale 1
- + 7 A Canale A linea Bus seriale 1 Dati seriale
A B S
8 B Canale B linea Bus seriale 1 Dati seriale
SERIAL BUS 1
9 S Uscita segnale Voice per console LCD300/S Tx Voice
10 +13,8V Positivo alimentazione linea Bus seriale 2 +14,4V 600mA
10 11 12 13 14 11 Negativo alimentazione linea Bus seriale 2
- + 12 A Canale A linea Bus seriale 2 Dati seriale
A B S
13 B Canale B linea Bus seriale 2 Dati seriale
SERIAL BUS 2
14 S Uscita segnale Voice per console LCD300/S Tx Voice

Sistema TP16-512 GSM


Morsettiera CPU Tecnoalarm
Foglio 06
Pagina 134 di 134 05/06/10