Sei sulla pagina 1di 41

Appunti Misure Elettroniche

Simone Bosotti

Indice
1 Definizioni 5
1.1 Definizione di misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1.2 Altre definizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5

2 Errori di misura 5

3 Definizioni metrologiche 6

4 Sistema Internazionale (SI) 7


4.1 Definizioni delle unità fondamentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
4.1.1 Metro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
4.1.2 Kilogrammo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
4.1.3 Secondo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
4.1.4 Ampere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
4.1.5 Kelvin . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
4.1.6 Mole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
4.1.7 Candela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
4.2 Multipli e sottomultipli del SI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8

5 Tipi di campioni e tarature 8

6 Unità logaritmiche 9
6.1 Il bel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
6.2 Il decibel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
6.3 dBx, dBm, dBW, dBk . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
6.4 Neper . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9

7 Variabilità delle misure 10


7.1 Incertezza di misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
7.2 Tipi di errori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
7.3 Incertezza standard di misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
7.3.1 Incertezza di categoria A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
7.3.2 Incertezza relativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
7.3.3 Incertezza estesa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
7.3.4 Incertezza di categoria B . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
7.4 Densità di probabilità (PDF) più comuni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
7.4.1 PDF uniforme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
7.4.2 PDF triangolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
7.5 Note sulle approssimazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
7.6 Incertezza di misure dirette . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11

1
7.7 Incertezza di misure indirette . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
7.7.1 Incertezza composta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
7.7.2 Coefficienti di correlazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
7.8 Casi particolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
7.8.1 Somma o di↵erenza di misure . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
7.8.2 Prodotto o rapporto di misure . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
7.9 Compatibilità tra due misure . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
7.10 Media pesata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
7.11 Gradi di libertà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
7.11.1 Formula di Welch-Satterthwaite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13

8 Rappresentazione grafica delle misure 14


8.1 Interpolazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
8.2 Regressione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
8.2.1 Regressione ai minimi quadrati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
8.2.2 Regressione lineare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14

9 Campionamento 15
9.1 Campionamento ideale/reale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
9.2 Spettro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
9.3 Teorema di Shannon . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
9.4 Campionatore Sample & Hold . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
9.5 Schede di acquisizione dati (DAQ) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
9.5.1 Ingressi single ended o di↵erenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
9.5.2 Analog to Digital Converter (ADC) . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16

10 Protocolli di comunicazione 17
10.1 Interfaccia Seriale RS-232 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
10.2 Interfaccia IEEE-488 (GPIB) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
10.3 Interfaccia USB . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18

11 Voltmetri digitali e Convertitori 19


11.1 Convertitore D/A . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
11.1.1 Convertitore D/A a rete di R . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
11.2 Voltmetro o Convertitore A/D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
11.2.1 Quantizzazione in ampiezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
11.3 Voltmetri e multimetri digitali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
11.3.1 Voltmetri di↵erenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
11.3.2 Voltmetro potenziometrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
11.3.3 Voltmetro a rampa analogica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
11.3.4 Voltmetro Flash . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
11.3.5 Voltmetro ad approssimazioni sucessive . . . . . . . . . . . . . . . . 22
11.3.6 Voltmetri a integrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
11.3.7 Voltmetro a doppia rampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
11.3.8 Formulario Voltmetro a doppia rampa . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
11.3.9 Integrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
11.3.10 Digital MultiMeter (DMM) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
11.3.11 Bit equivalenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25

12 Oscilloscopi 26

2
13 Oscilloscopi analogici 26
13.1 Lo schermo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
13.1.1 Tubo a raggi catodici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
13.1.2 Lente elettrostatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
13.1.3 Alluminazione dello schermo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
13.1.4 Sensibilità statica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
13.1.5 Sensibilità dinamica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
13.2 Condizionamento - Amplificazione verticale . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
13.3 Sincronismo (trigger) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
13.4 Base dei tempi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
13.4.1 Controllo porta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
13.4.2 Integratore di Miller . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
13.4.3 E↵etti del sincronismo sul segnale visualizzato . . . . . . . . . . . . 31
13.5 Modalità multitraccia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
13.5.1 Modalità Alternated . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
13.5.2 Modalità chopped . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
13.6 Impedenza d’ingresso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
13.7 Sonde d’ingresso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
13.8 Compensazione della sonda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33

14 Oscilloscopi digitali 34
14.1 Fasi di misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
14.2 Elementi di novità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
14.3 Schermo raster . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
14.3.1 Parametri della visualizzazione raster . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
14.3.2 Deflessione elettromagnetica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
14.3.3 Display a schermo piatto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
14.3.4 Display LCD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
14.3.5 Display a TFT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
14.4 Condizionamento Analogico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
14.5 Conversione A/D ed acquisizione dati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
14.5.1 Interpolatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
14.6 Modalità di campionamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
14.6.1 Campionamento in tempo equivalente sequenziale . . . . . . . . . . 38
14.6.2 Campionamento in tempo equivalente casuale . . . . . . . . . . . . . 39
14.7 Modalità di trigger avanzate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
14.8 Risoluzione verticale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
14.9 Risoluzione orizzontale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
14.10Funzionalità aggiuntive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39

15 Misure con l’oscilloscopio 40


15.1 Misure di ampiezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
15.2 Misure di tempo e periodo/frequenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
15.3 Misure di sfasamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
15.4 Markers per misure di T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
15.5 Misure del tempo di salita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
15.6 Modalità X-Y . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
15.7 Figure di Lissajous . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
15.8 Misure di↵erenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41

3
16 Analizzatori di Spettro 42
16.1 Gamme spettrali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
16.2 Parametri di misura di un AS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
16.3 Analizzatori a filtri contigui . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
16.4 Analizzatori a filtro accordato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
16.5 Analizzatori a eterodina/supereterodina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
16.6 Analizzatori di spettro digitali a FFT . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
16.7 Misure con gli analizzatori di spettro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
16.7.1 Segnali in modulazione AM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44

4
1 Definizioni
1.1 Definizione di misura
1. Procedimento di misurazione che porta all’assegnazione di un valore a una
grandezza fisica detta misurando.

2. Risultato della misurazione oggi è convenientemente espresso da un valore nu-


merico, un’unità di misura e l’incertezza associata alla misura.

La misura è il confronto tra due grandezze omogenee, di cui una solitamente è presa come
riferimento o campione per la misura.

1.2 Altre definizioni


• Grandezza: è l’attributo di un fenomeno, un oggetto o una sostanza distingui-
bile qualitativamente e determinabile quantitativamente. Due grandezze si dicono
omogenee se sono direttamente confrontabili tra loro.

• Misurando: è la grandezza presa in considerazione nella misura.

• Valore: è il numero che esprime il rapporto della grandezza misurata con il riferi-
mento.

• I riferimenti possono essere di due tipi:

1. Manufatti: costruiti direttamente dall’uomo. Es: pollice, spanna, sacco,


tazza, peso campione. . .
2. Assoluti: basati su proprietà immutabili della materia o dell’universo.

2 Errori di misura
Ogni misura è a↵etta da diversi contributi di errore o cause di incertezza. ! Nessuna
misura è esatta!
Cause di incertezza in una misura:

• riferimenti: quando prendo una misura ho dei limiti di accuratezza e stabilità.

• dati di origine o risultati di altre misure.

• relazione tra misurando e sistema di misura:

– misure dirette: andando a misurare altero parzialmente il fenomeno che voglio


misurare. (Es: e↵etto di carico nella misurazione con un voltmetro).
– misure indirette: errori dovuti ad approssimazioni nella descrizione del modello
del fenomeno da misurare. (Es: ignorare i termini di grado superiore nello
sviluppo di una equazione).

• parametri ambientali : detti anche grandezze di influenza, sono tutti quei parametri
che circondano il fenomeno da misurare che non sono direttamente connessi con
esso, ma che potrebbero variarne la misura. (Es: temperatura, pressione, umidità,
vibrazioni, campi elettromagnetici, . . . )

5
• interazione occhio-strumento: quando si leggono misure dagli strumenti l’occhio può
essere causa di errore. (Es: parallasse, interpolazione, media, . . . )

• zero (o↵set): lo strumento segna sempre un certo valore in più (o in meno) rispetto
al valore reale.

• guadagno/pendenza (gain/slope): la retta delle misure ha una pendenza più alta (o


più bassa) di quella teorica.

• non linearità: la curva delle misure non mantiene la linearità, presentando una
gobba.

• isteresi : i valori misurati procedendo in una direzione non sono uguali a quelli
misurati nell’altra direzione.

3 Definizioni metrologiche
• Accuratezza

– Accuratezza di campione: scarto tra la grandezza realizzata con il campione


e la definizione dell’unità.
– Accuratezza di misura: vicinanza del valore di misura rispetto alla miglior
stima possibile per il misurando.
– Accuratezza di strumento: stima dell’incertezza dello strumento, o confronto
con uno migliore.

• Risoluzione: capacità di uno strumento di risolvere stati (livelli) diversi del misu-
rando.

• Sensibilità: rapporto tra la variazione della grandezza di uscita e la corrispondente


variazione della grandezza d’ingresso.

• Incertezza: stima del livello di non conoscenza del misurando. Può essere conside-
rata l’opposto dell’accuratezza.

• Ripetibilità: capacità di ottenere valori di lettura simili nel breve periodo a parità
di procedimento e parametri ambientali.

• Riproducibilità: capacità di ottenere, per uno stesso misurando, risultati vicini


tra loro in diverse e specificate condizioni di misura, indipendentemente dal tempo.

• Stabilità: capacità di ottenere, per uno stesso misurando, valori di lettura vicini
tra loro in un intervallo di tempo ben definito e chiaramente specificato.

• Riferibilità: proprietà di una misura di essere messa in relazione (riferita) con


quella fornita da un campione riconosciuto.

6
4 Sistema Internazionale (SI)
Il sistema internazionale, adottato nel 1960, si basa su 7 unità fondamentali.

metro m lunghezza
kilogrammo kg massa
secondo s intervallo di tempo
ampere A corrente elettrica
kelvin K temperatura
mole mol quantità di sostanza
candela cd intensità luminosa

Tabella 1: Unità del sistema internazionale

Moltiplicando tra loro queste unità è possibile ottenere tutte le unità di misura derivate.
Per ogni grandezza fisica esiste una sola unità di misura riconosciuta dal SI.
Le unità fondamentali sono tra loro dimensionalmente indipendenti, ma non logicamente.
Infatti nella definizione del metro è fondamentale la definizione di secondo. il Metro È IN RELAZIONE
con il secondo

4.1 Definizioni delle unità fondamentali


4.1.1 Metro
Il metro è la lunghezza del tragitto compiuto dalla luce nel vuoto in un intervallo di tempo
pari a 1/299792458 s. Incertezza relativa: 10 10
Questa definizione è utile solo per la misura di grandi distanze. Per intervalli minori si
preferisce utilizzare il conteggio del numero di lunghezze d’onda di un laser stabilizzato.

4.1.2 Kilogrammo
Il kilogrammo è la massa del prototipo internazionale (kilogrammo campione) depositato
presso l’Ufficio internazionale dei pesi e delle misure di Sèvres, in Francia. È l’unica unità
di base ancora definita tramite riferimento manufatto. Incertezza: 0.

4.1.3 Secondo
Il secondo è l’intervallo che contiene 9.192.631.770 (⇠ 9 miliardi) periodi della radiazione
emessa da un atomo di cesio (imperturbato) che decade tra due livelli iperfini dello stato
fondamentale. Incertezza relativa: 10 15

4.1.4 Ampere
L’ampere è l’intensità di corrente elettrica che attrae due fili paralleli e distanti 1 m con
una forza di 2 · 10 7 N/m ! µ0 è nota con incertezza nulla. Incertezza relativa: 10 7

4.1.5 Kelvin
Il kelvin è la frazione 1/273.16 della temperatura del punto triplo dell’acqua.
Incertezza relativa: 10 5

7
4.1.6 Mole
La mole è la quantità di sostanza che contiene tante entità elementari quanti sono gli
atomi contenuti in 0.012 kg di 12 C. Incertezza relativa: 8 · 10 8

4.1.7 Candela
La candela (cd) è l’intensità luminosa, in una assegnata direzione, di una sorgente che
emette luce gialla (a una frequenza di 540·1012 Hz) con intensità energetica di 1/683 Wsr 1 .
Incertezza relativa: 3 · 10 3

4.2 Multipli e sottomultipli del SI

Multipli Sottomultipli
prefisso simbolo fattore prefisso simbolo fattore
kilo k 103 milli m 10 3
mega M 106 micro µ 10 6
giga G 109 nano n 10 9
tera T 1012 pico p 10 12
peta P 1015 femto f 10 15
exa E 1018 atto p 10 18
zetta Z 1021 zepto z 10 21
yotta Y 1024 yocto y 10 24

Tabella 2: Multipli e sottomultipli del sistema internazionale

5 Tipi di campioni e tarature


• Campioni primari: realizzano l’unità con i migliori livelli di accuratezza ottenibili.
Sono conservati a livello del sistema internazionale e in alcuni sistemi metrologici
nazionali.

• Campioni secondari: consentono di trasferire l’unità e di confrontare indiretta-


mente i campioni primari e quelli di lavoro.

• Campioni di 1a linea: si usano nei centri di taratura e certificazione per tarare i


campioni di 2a linea.

• Campioni di 2a linea: su usano nelle misure e nei confronti di routine.

• Taratura: procedimento che consente di valutare l’incertezza di un campione ri-


spetto a uno di qualità superiore e di ricavare le correzioni.

• Messa in punto: punto: insieme di operazioni volte a permettere a uno strumen-


to di operare nelle migliori condizioni di lavoro (regolazione di o↵set e guadagno,
parametri ambientali, . . . ).

8
6 Unità logaritmiche
Le unità logaritmiche esprimono sotto forma di logaritmo il rapporto tra due grandezze
omogenee. Sono utili quando bisogna esprimere il rapporto tra due grandezze omogenee
molto diverse tra loro. Un esempio di unità logaritmica è il bel.

6.1 Il bel
Il bel (B) esprime il rapporto di potenze in scala logaritmica base 10. Il problema è che
la di↵erenza di 1 bel rappresenta un rapporto 10:1 e quindi la scala che ne deriva risulta
grossolana.

6.2 Il decibel
Il decibel è il sottomultiplo (1/10) del bel.
✓ ◆ ✓ ◆
P2 P2
= 10 log10 (1)
P1 (dB) P1

Quando invece il rapporto si calcola tra ampiezze (per esempio tensioni o correnti) l’equa-
zione diventa: ✓ ◆ ✓ ◆
A2 A2
= 20 log10 (2)
A1 (dB) A1

6.3 dBx, dBm, dBW, dBk


Come riferimento per il calcolo dei decibel nell’equazione 3 è possibile scegliere una
qualsiasi Px , esprimendo quindi la potenza P in riferimento a questa.
✓ ◆
P PdBx
PdBx = 10 log10 ! P = Px · 10 10 (3)
Px

Prendendo come Px alcuni valori significativi si ottiene:


✓ ◆
P
PdBm = 10 log10 (4)
1 mW
✓ ◆
P
PdBW = 10 log10 (5)
1W
✓ ◆
P
PdBk = 10 log10 (6)
1 kW

Prendendo invece come termine di riferimento la potenza della portante (carrier) ottenia-
mo i dBc. ✓ ◆
P
PdBc = 10 log10 (7)
Pc

6.4 Neper
Il neper (Np) esprime il rapporto di ampiezze attraverso il logaritmo naturale.
✓ ◆ ✓ ◆ ✓ ◆ ✓ ◆
A2 V2 I2 1 P2
R(N p) = ln = ln = ln = ln (8)
A1 V1 I1 2 P1

9
7 Variabilità delle misure
7.1 Incertezza di misura
L’incertezza di misura è la stima della dispersione dei valori attribuibili al misurando. È
la semiampiezza dell’intervallo a ±1 ( = deviazione standard) dal valore centrale.

7.2 Tipi di errori


• Errori sistematici: si presentano nella stessa entità ogni volta che si ripete la
misura (o↵set o polarizzazione).

• Errori accidentali: si presentano in maniera diversa e impredicibile ogni volta che


si ripete la misura (fluttuazione casuale).

7.3 Incertezza standard di misura


Si definisce incertezza standard (scarto tipo), con simbolo u, una stima della deviazione
standard prevista per il valore di misura. È un parametro, valutato secondo procedure
convenzionali, che esprime il nostro grado di non conoscenza del misurando. È di due tipi:
• Tipo A: stimato con metodi statistici

• Tipo B: stimato in altro modo (Es: conoscenze a priori o proprietà dello strumento)
DERIVA da
7.3.1 Incertezza di categoria A MISURAZIONI DIRETTE

Si definisce incertezza di categoria A la dispersione del valor medio delle misure ripetute,
calcolabile come 6 (f)
deviazione

( IDEALE )
standard Media sei
-
valori
v Misurazioni
u n NUMERO OI N e

s(x) u 1 X
Misura ± UAH ) uA (x) = s(x̄) = p = t (xk x̄) 2
-2¥
Effie
(9) s
.
andare


n n(n 1)
k=1
DEVIAZIONE

dove s è la deviazione standard campionaria. (


STANDARD CAMPIONARIA REALE
)

7.3.2 Incertezza relativa


Parliamo di incertezza relativa quando normalizziamo il valore di incertezza tipo al
valore di misura: ✓ UH ) può ESSERE :

u(y)
! numero puro Uafy ) ? rega
incertezza
"
non conosco Cate
QUANTO
ux (y) = (10)
Una Misura
"

ȳ IN B

7.3.3 Incertezza estesa
Quando si vuole definire un intervallo di valori attorno al valore di misura all’interno del
quale di ritiene che il misurando debba cadere con un certo intervallo di confidenza si
utilizza l’incertezza estesa: U (y) = ku(y), dove tipicamente k = 1, 2, 3.

k=1 1 68%
Uk ) -
-

Kauai ) k=2 2 95%


k=3 3 99.7%

k è detto fattore di copertura.

10
DEFINISCO Un intervallo entro il

QUALE dovrebbero cadere I valori CON


7.3.4 Incertezza di categoria B Una data probabilità
,

Si basa sulla definizione a priori di un opportuno intervallo di valori entro il quale si sup-
pone debbano cadere i valori del misurando (con una data probabilità). Questo intervallo
è tipicamente centrato nel valor medio. Per stimare l’incertezza bisogna seguire i seguenti
passi:

1. Definisco un intervallo di categoria B. dx

2. Vi associo una densità di probabilità TRIANGOLARE ,


UNIFORME . . .

3. Di questa calcolo media, varianza e deviazione standard.

Glifo
7.4 Densità di probabilità (PDF) più comuni
• Uniforme e triangolare: abbiamo la certezza che la misura non uscirà mai dall’in-
tervallo.

• a U : possibilità di uscire dall’intervallo. Questa distribuzione nasce da processi


produttivi e di vendita. La parte centrale viene svuotata artificialmente.

• Gaussiana: possibilità di uscire dall’intervallo.


DX -22

Ax
7.4.1 PDF uniforme - -


MINIMO
MASSIMO
! I
µ(x) = a0 (11)
zelota x
(x) = p a .
a. a (12)
12

7.4.2 PDF triangolare MISURA =


µ Io

→× →
Media

#
2

µ(x) = a0 (13)
Varianza e

x 24
µ (x) = p (14)
DEVIAZIONE 24
standard
aota
20-2 po
7.5 Note sulle approssimazioni
• È sconsigliato scrivere le incertezze con più di due cifre significative.

• Quando arrotondo è meglio farlo per eccesso anche se le cifre seguenti non sono
maggiori di 5 perchè è meglio avere un incertezza più grande di quella corretta che
più piccola.

Quando MISURO direttamente


7.6 Incertezza di misure dirette →

)
voglio Misurare ce
MISURANDO
|
Il es :

tensioni USO UN VOLTMETRO

Formula dell’incertezza composta:


Incertezza di
← CATEGORIA B

u2C = u2A + u2B (15)


i
Incertezza di
CATEGORIA A

11
MISURANDO LO Ottengo
Quando IL
→ ALTRE GRANDEZZE
7.7 Incertezza di misure indirette ES :
CON

CALCOLO LA Potenza con tensione e CORRENTE D= V. I )

Si ha una misura indiretta quando il misurando Y = f (X1 , X2 , . . . , XN ) viene ricavato


indirettamente dalla conoscenza di altre N grandezze (parametri di ingresso).
La funzione f (Xi ) è detta relazione funzionale (equazione della misura).
L’incertezza del valore dell’uscita è una opportuna combinazione delle incertezze degli in-
gressi.
✓ ◆ ✓ ◆
@f @f
(y ȳ) ' (x1 x̄1 ) + ... + (xN x̄N ) (16)
@x1 ȳ @xN ȳ
⇣ ⌘
@f
I coefficienti ci = @x i
cosı̀ ottenuti sono detti coefficienti di sensibilità ed indicano

come varia il misurando Y in corrispondenza della variazione di un parametro xi .
⇥ ⇤
Varianza = 2 (xi ) = u2 (xi ) = E (xi x̄i )2 (17)
2
Covarianza = (xi , xj ) = u(xi , xj ) = E [(xi x̄i )(xj x̄j ] (18)

7.7.1 Incertezza composta

N ✓
X ◆ N
X1 N ✓
X ◆✓ ◆
@f 2 @f @f
u2c (y) = 2
u (xi ) + 2 u(xi , xj ) (19)
@xi @xi @xj
i=1 i=1 j=i+1
N
X N
X1 N
X
u2c (y) = c2i u2 (xi ) + 2 ci cj u(xi , xj ) (20)
i=1 i=1 j=i+1

7.7.2 Coefficienti di correlazione


u(xi , xj )
rij (x1 , yj ) = 2 [ 1, +1] (21)
u(xi )u(xj )
Se ri j = 0 ! xi e xj sono statisticamente indipendenti.
Usando i coefficienti di correlazione l’incertezza composta si può scrivere anche cosı̀:
N
X N
X1 N
X
u2c (y) = c2i u2 (xi ) + 2 ci cj rij u(xi )u(xj ) (22)
i=1 i=1 j=i+1

Quindi, se le variabili sono statisticamente indipendenti, l’incertezza composta si trasforma


nella media pesata dei quadrati delle singole incertezze:
N
X
u2c (y) = c2i u2 (xi ) (23)
i=1

7.8 Casi particolari


7.8.1 Somma o di↵erenza di misure
L’incertezza è la somma quadratica delle singole incertezze:
N
X
u2c = u2 (xi ) (24)
i=1

12
Devo USARE i
di LTÀ formule sei
Coefficienti sensi si O LE

casi speciali ?

7.8.2 Prodotto o rapporto di misure ✓


L’incertezza è la somma quadratica delle incertezze relative:

-5
N
X
una ÈURIKP u2r,c = u2r (25)
i=1

7.9 Compatibilità tra due misure


Due misure, supposte a↵ette da errori casuali, si dicono tra loro compatibili quando la loro
di↵erenza può essere ricondotta ad una pura fluttuazione statistica attorno al valore nullo.
Ovvero, se possono essere considerate uguali, nei limiti dei rispettivi errori sperimentali:
q
COMPATIBILITÀ
d = |x1 x2 |  k u2 (x1 ) + u2 (x2 ) 2 r1,2 u(x1 )u(x2 ) (26)
È nullo se statisticamente

delle indipendenti ( è novo ne nostro caso )


7.10 Media pesata MIGLIOR STIMA
← MISURE

Avendo una serie di N misure compatibili, indipendenti e normalmente distribuiti, è pos-


sibile calcolare la migliore stima di misura e↵ettuandone la media pesata, usando come
pesi wi = u12 .
i

PN
i=1 w i xi Wi =L
x = x̄ = P N
2 (27)

Ui
MIGLIOR / i=1 wi
STIMA del VALORE

Il vantaggio della media pesata è che la sua incertezza è sempre minore della minima
incertezza della serie di misure.
MIGLIOR STIMA
dell' ERRORE
1 1
↳ u2 (x̄) = PN 1
= PN (28)
i=1 u2 (xi ) i=1 wi

7.11 Gradi di libertà


Anche le incertezze hanno un loro grado di incertezza. La loro precisione si esprime
attraverso il numero di gradi di libertà.

• Per le incertezze di categoria A ⌫A = n 1, dove n è il numero di misure considerate.

• Per le incertezze di categoria B non è possibile calcolarlo, ma va stimato sulla base


della credibilità della stima dell’incertezza: nel caso migliore ⌫B = 1, mentre in
quello peggiore ⌫B = 1.

7.11.1 Formula di Welch-Satterthwaite


La formula si usa per calcolare il numero e↵ettivo di gradi di libertà di una incertezza
composta:
XN
u4 (y)
⌫c = ⌫e↵ = P c u4 (y)  ⌫i ma ⌫c ⌫i,min (29)
N i
i=1 ⌫i i=1

Quindi il numero di gradi di libertà e↵ettivi è minore della somma dei gradi di libertà delle
singole misure, ma maggiore del minimo numero di gradi di libertà della singola misura.

13
8 Rappresentazione grafica delle misure
Una volta acquisite delle misure è possibile rappresentare in grafici. Questi possono essere
qualitativi, utili per mostrare andamenti e tendenze senza entrare nei dati precisi, o quan-
titativi, quando sugli assi compaiono anche i valori numerici.
I grafici possono avere coordinate cartesiane e polari, oppure possono usare scale logarit-
miche. Esistono grafici semilogaritmici che hanno un asse espresso con scala lineare e uno
in scala logaritmica, oppure bilogaritmici. Particolarmente utili sono i diagrammi di Bode:
coppia di grafici che esprimono la fase (semilogaritmico) e l’ampiezza (bilogaritmico) di
un segnale.
UNA FUNZIONE è CONTINUA
8.1 Interpolazione Le MISURE solo DISCRETE : RIEMPIO i BUCHI
Dato che la misura è l’insieme di una serie di valori discreti, per rappresentarli in un grafico
continuo applichiamo l’interpolazione, cioè “riempiamo” lo spazio presente tra due misure
adiacenti. La funzione ottenuta è detta interpolante.
Esistono diversi metodi di interpolazione:

• Interpolazione lineare: è la più semplice, consiste nell’unire i punti successivi con


una serie di segmenti.

• Interpolazione polinomiale cubica: è la curva che passa per i punti sperimentali


mantenendo continue le derivate prima e seconda.
USO Polmoni di terzo grado

• Interpolazione a seno cardinale: è la convoluzione del segnale campionato con


la funzione sinc(⇡x) = sin(⇡x)
⇡x . È usata per la ricostruzione di segnali nel tempo.
È PRECISO
"
in mezzo
"
E Più scarso ai lati

8.2 Regressione
La regressione permette di risalire alla relazione matematica che descrive il rapporto tra
le due grandezze coinvolte nella misura.

8.2.1 Regressione ai minimi quadrati


Si considera una generica dipendenza di una variabile y dalla variabile x attraverso una
funzione con più parametri f (A, B, ...x). E↵ettuiamo poi una serie di misure. Per stimare
i parametri che meglio rappresentano la realtà misurata definiamo la funzione “distanza”
tra la misura e la funzione f e poi la minimizziamo.

8.2.2 Regressione lineare


Consideraimo una dipendenza lineare y = mx . Si cercano quindi i due parametri che
minimizzano la distanza tra i punti sperimentali dalla funzione teorica.
n
X
(m, b) = [yi (mx + b)]2 (30)
i=1

Per trovare il minimo di annulliamo le due derivate prime parziali.

14
9 Campionamento
9.1 Campionamento ideale/reale
Il segnale campionato idealmente si ottiene prelevando i campioni in un tempo infinitesimo,
ma nella realtà la misura avviene in un intervallo di tempo finito. Nel campionamento
ideale il segnale continuo in ingresso è moltiplicato per un treno di delta di Dirac,
mentre nel campionamento reale il segnale è moltiplicato per una serie di rettangoli di

3k¥
2. µ
CAMPIONAMENTO
durata finita.
µ
reale
'
e-

9.2 Spettro
Lo spettro di un segnale è la descrizione di questo come somma di sinusoidi. Lo spettro
del segnale campionato è un segnale periodico che contiene infinite repliche dello spettro
del segnale, distanziate con un passo fc (frequenza di campionamento).

La FREQUENZA di CAMPIONAMENTO fa deve Essere almeno


9.3 Teorema di Shannon Doppia Rispetto alla FREQUENZA Massima del segnale da CAMPIONARE

Un filtro passa-basso (PB) ideale con frequenza di taglio pari alla frequenza di Nyquist
fN = fc /2 permette di ricostruire il segnale originale, dal segnale campionato, se la
massima frequenza fmax del segnale d’ingresso è tale che fmax  fN .
In pratica: da un segnale campionato posso ricostruire il segnale originale a una frequenza
massima che è metà della frequenza di campionamento (frequenza di Nyquist).
Se fmax fN . si avrà aliasing sul segnale ricostruito.

9.4 Campionatore Sample & Hold

IL Condensatore si

scarica durante l' HOLD

Figura 1: Schema semplificato di un campionatore Sample & Hold

A interruttore chiuso il condensatore “memorizza” la tensione e poi la mantiene quando


l’interruttore è aperto. I campionatori poi possono disporre di resistori collegati prima
dell’interruttore che permettono di misurare tensioni più alte di quelle compatibili con
il condensatore, e al posto degli interruttori sono presenti transistor, che permettono di
raggiungere frequenze di accensione-spegnimento elevate.

9.5 Schede di acquisizione dati (DAQ)

Figura 2: Schema di un DAQ

15
DAQ

• Multiplexer (MUX): permette di selezionare i diversi ingressi (canali) disponibili

• Amplificatore: regola l’ampiezza del segnale per utilizzare la piena dinamica del
convertitore ADC.

• Campionatore + ADC: (Analog to Digital Converter) converte la tensione in


ingresso in valore numerico.

• FIFO: consente di inviare i valori misurati dal campionatore al bus dati del PC.

9.5.1 Ingressi single ended o di↵erenziali


Usando ingressi di↵erenziali posso eliminare il rumore sul segnale, mentra usando in-
gressi single-ended non posso. Però usando ingressi di↵erenziali, a parità di ingressi
disponibili nel mux, posso ottenere la metà dei canali rispetto al metodo single-ended.
Infatti nel metodo single ended la tensione in ingresso nel singolo cavo viene confrontata
con il potenziale di terra, mentre nel metodo di↵erenziale si ricava il V tra i due cavi di
ingresso.

9.5.2 Analog to Digital Converter (ADC)

Figura 3: Schema di un Analog to Digital Converter

• La frequenza di campionamento è la massima frequenza a cui la DAQ può di-


gitalizzare il segnale. In una DAQ c’è un solo campionatore, quindi la frequenza
massima di campionamento si divide per il numero di canali utilizzati. Il multiplexer
"

si occuperà di alternare i vari segnali da campionare. fc SE


LA
MISURO
PER Il
Più
NUMERO
Cose
di
INSIEME

MISURE IN
DIVIDO

PARALLELO

• La dinamica dell’ADC (DADC ) è la massima ampiezza di segnale registrabile dallo


strumento. La dinamica è fissa quindi, per avere misure migliori, si agisce su segnale
in ingresso amplificandolo (o smorzandolo) e centrandolo. La misura dell’amplifica-
zione applicata è detta guadagno: G = DADC /Dsegnale

• La risoluzione è il numero di bit (n) che l’ADC usa per rappresentare il segnale in
ingresso. Maggiore è la risoluzione, maggiore è il numero di livelli (N ) in cui è divisa
la dinamica, quindi è minore la minima variazione di tensione misurabile a parità di
dinamica:
DADC
V = ! risoluzione dimensionale (31)
IN UN VOLTMETRO

G · 2n

Il Gan È unitario
1 1
= = n ! risoluzione adimensionale (32)
N 2

16
10 Protocolli di comunicazione
10.1 Interfaccia Seriale RS-232

Figura 4: Aspetto di una interfaccia seriale RS-232

La comunicazione seriale avviene attraverso tre linee: ricezione (RX), trasmissione


(TX) e linea di massa (GND). I livelli delle linee RX e TX sono riferiti a massa. Il livello
di tensione dello stato alto è compreso tra +3 V e +12 V , mentre lo stato basso è compreso
tra 3 V e 12 V .

Figura 5: Struttura di un pacchetto

I dati sono trasferiti usando pacchetti da 10 bit: 1 di start, 7 bit di dati, 1 di parità
e 2 di stop. La velocità di trasmissione è ⇠ 9.6 kbit/s e la trasmissione è half-duplex, cioè
non permette trasmissione e ricezione in contemporanea.

10.2 Interfaccia IEEE-488 (GPIB)


L’interfaccia parallela GPIB (General Purpose Interface Bus) dispone di 8 linee dati, 5
linee di gestione dell’interfaccia e 3 linee di handshake (processo adoperato per stabilire i
parametri di comunicazione). Si basa su pacchetti da 8 bit (7 bit + 1 di parità), permette
di collegare fino a 15 dispositivi e ha una velocità massima di 1 Mbyte/s. I dispositivi
collegati possono assumere una delle 4 modalità disponibili: listener (riceve i dati), talker
(trasmette i dati), controller (gestisce il bus) e idler (in attesa). Permette la comunicazione
full-duplex.

17
Figura 6: Interfaccia parallela

10.3 Interfaccia USB


L’Universal Serial Bus è uno standard di comunicazione seriale che consente di collegare
fino a 127 diverse periferiche, con schema ad albero.

Figura 7: Interfaccia USB

L’interfaccia USB dispone di 4 linee:

1. Alimentazione (+5 V)

2. Ricezione dati

3. Trasmissione dati

4. Riferimento di massa

La velocità di trasmissione va da 1.5 Mbit/s half-duplex per l’USB 1.0 a 4.8 Gbit/s full-
duplex per l’USB 3.0. I dispositivi collegati assumono uno stato che può essere con-
trol (operazioni di comando e stato), interrupt (latenze garantite, pochi dati trasferiti),
bulk (latenze non garantite ma grandi dati trasferiti) e isosinchronous (per trasferimenti
continui di dati).

18
11 Voltmetri digitali e Convertitori
Trasforma w analogico : vai tra Risoluzione

11.1 Convertitore D/A


Il convertitore D/A è uno strumento che prende in ingresso una n-upla di cavi (pari al
numero di bit) che portano un valore digitale e che lo converte in una tensione analogica
pari al numero in ingresso, emettendola da un singolo filo.
(e RIFERITA A Massa
)

11.1.1 Convertitore D/A a rete di R

Ogni BIT
Controlla un
Interruttore

Figura 8: Schema di un convertitore D/A

Un convertitore D/A (o DAC) a rete di resistori R consiste in un gruppo di resistori


collegati in parallelo e controllati da interruttori. Ognuno di questi interruttori rappresen-
ta un bit del numero binario da convertire in corrente analogica. Il resistore con resistenza
maggiore rappresenta il bit meno significativo LSB (Less Significant Bit), mentre il re-
sistore con resistenza minore rappresenta il bit più significativo MSB (Most Significant
Bit). Infatti, essendo la tensione imposta, a resistenza minore corrisponde corrente mag-
giore. L’amplificatore operazionale posto alla fine somma le correnti in uscita dai singoli
resistori e converte, attraverso la resistenza di feedback, la corrente risultante in una ten-
sione. L’accuratezza del DAC dipende dalla Vref , dalle resistenze usate e dalla qualità
degli interruttori. L’incertezza dei valori di tensione in uscita hanno incertezza:
V0,max
u(V0 ) = p ! Incertezza di quantizzazione (33)
2n · 12

11.2 Voltmetro o Convertitore A/D


Il voltmetro è uno strumento che riceve in ingresso una tensione analogica e la digitalizza,
discretizzando in primo luogo il tempo (le misure vengono campionate in determinati
intervalli), poi l’ampiezza (il valore misurato potrà assumere uno solo dei valori del set).
La quantizzazione nel dominio del tempo avviene con risoluzione Tc = 1/fc (c !
campionamento).
Tel
fa
11.2.1 Quantizzazione in ampiezza
La quantizzazione in ampiezza avviene suddividendo la dinamica D di misura in N
sottointervalli di larghezza costante V = D/N (dove V è la risoluzione).
Quando la tensione analogica in ingresso cade in un determinato intervallo le viene associa-
to il valore numerico di quell’intervallo. Questa procedura porta inevitabilmente ad errori
di quantizzazione. Una conversione A/D, oltre ai soliti errori di o↵set e gain, può compor-
tare anche errori di Di↵erential Non-Linearity (DNL) e di Integral Non-Linearity (INL).

19
Intervalli CON

ampiezze diverso

Figura 9: Esempi di error di DNL (a sinistra) e di INL (a destra)

Il primo errore si manifesta quando gli intervalli V non hanno tutti la stessa misura, ma
rimangono centrati nel valore corretto. Il secondo invece si manifesta quando gli intervalli
sono tutti o più lunghi o più corti. Questo porta anche a un decentramento dell’intervallo
dal valore centrale teorico.
i. e
11.3 Voltmetri e multimetri digitali a-

I voltmetri digitali DVM (Digital VoltMeter) e i multimetri digitali DMM (Digital Mul-
tiMeter) sono strumenti usati per misurare tensioni, temperature, resistenze, capacità,
temperature, ecc. Questi strumenti sono contraddistinti da una serie di caratteristiche:

• Dinamica (D) Massima ampiezza DEL segnato campionaria

• Numero di cifre decimali (m), numero di bit (n), o numero di livelli (N )

• Risoluzione (combinazione dei due parametri precedenti). Può essere espressa in


D
modo dimensionale V = N o adimensionale = DV = Nmax 1
(parti per ...).

• Accuratezza e velocità di lettura: il “prodotto” tra velocità e accuratezza è


costante, quindi aumentando la velocità di misura si perde in accuratezza e viceversa.

• Reiezione al rumore in modo di↵erenziale

Ma la distinzione principale è quella tra di↵erenziali e integratori.

11.3.1 Voltmetri di↵erenziali


I voltmetri di↵erenziali e↵ettuano la misura di una tensione incognita Vx mediante il con-
fronto con una tensione di riferimento Vr generata all’interno dello strumento. All’interno
di un voltmetro di questo tipo è presente un operazionale comparatore che confronta la
tensione da misurare con quella di riferimento, che ovviamente varia nel tempo. Quando le
due tensioni corrispondono l’uscita del comparatore scatta di livello e si registra il valore.

20
Voltmetri differenziati

- Volt .
POTENZIOMETRI
volt .
a rampa analogica D

volt . FLASH

- volt .
Approssimazioni successive A

DEFINISCONO
| LE
TACCHE

la RISOLUZIONE

Figura 10: Schema di un voltmetro potenziometrico

11.3.2 Voltmetro potenziometrico


Un esempio di voltmetro di↵erenziale è il voltmetro potenziometrico. È un dispositivo
ormai superato data la scarsa risoluzione (3 cifre) e dalla bassa velocità (poche letture
al secondo), ma è un esempio chiaro del funzionamento di questi voltmetri. In questo
strumento la tensione di confronto viene variata da un potenziometro, mentre il valore
della tensione misurata viene mostrato tramite un indicatore a lancetta.

11.3.3 Voltmetro a rampa analogica

Figura 11: Schema di un voltmetro a rampa analogica

Il voltmetro a rampa analogica è la versione a stato solido del voltmetro potenziome-


trico. Questo permette di avere uno strumento più veloce e preciso (4 o 5 cifre con 10000
o 100000 conteggi). Lo strumento opera secondo una conversione tensione/tempo e la
tensione Vx che avviene misurando il tempo TG che intercorre dall’inizio della rampa e
lo scatto del comparatore. Il tempo viene misurato contando un certo numero di periodi
O Tc in TG , proporzionale al modulo di Vx .
di clock
più
Cicli
è
ai
grande Vx più
fare |Vx | = ①
TG
· VM =
NC · TC
· VM (34)
Clock devo
Trampa /2 Trampa /2

L’accuratezza dipende dalla linearità della rampa, dalla stabilità del clock, dal rumore
e dalle derive dei comparatori. L’errorepdi quantizzazione è sul conteggio dei cicli di
clock, mentre l’incertezza u( TG ) = Tc / 6. La rampa analogica varia linearmente da

21
VM a +VM con periodo Trampa . Il tempo di misura è uguale a quello di rampa ed è
dell’ordine dei millisecondi. Il numero di livelli è N = fc /frampa . La risoluzione quindi
cresce al crescere del rapporto fc /frampa .

11.3.4 Voltmetro Flash


Il voltmetro flash è il convertitore A/D più veloce e, con Tmis ' Tc , può raggiungere
frequenze di conversione di 40 GSa/s (Giga sample al secondo). Il costo e la complessità
del circuito fanno sı̀ che si lavori a bassa risoluzione, di solito n ⇠ 8 bit. Non è conveniente
salire di risoluzione anche perchè a cosı̀ alte velocità di campionamento l’alta banda di
segnale e rumore riduce il numero di bit equivalenti (v. paragrafo 11.3.11).

Figura 12: Schema di un voltmetro flash

Questo tipo di convertitore utilizza n 1 comparatori collegati a una serie di resistori.


Su questi ci sarà una tensione via via crescente secondo l’espressione Vi = i(Vref /N ).
Questo permette di avere N = 2n livelli equispaziati utilizzando 2n 1 soglie. Tipicamente
si lavora con 8 bit, quindi 256 livelli, e la risoluzione relativa è = 1/256 ' 4 · 10 3 . Il
primo e l’ultimo resistore hanno valore diverso dagli altri per evitare l’o↵set e per poter
convertire segnali bipolari.
Questo tipo di convertitori viene usato all’interno degli oscilloscopi digitali. In questi
strumenti infatti non è importante la risoluzione, ma la velocità delle misure.

11.3.5 Voltmetro ad approssimazioni sucessive


Il voltmetro ad approssimazioni successive è l’equivalente digitale del voltmetro a poten-
ziometro.

Figura 13: Schema di un voltmetro ad approssimazioni successive

22
In questo strumento si sfrutta il metodo di bisezione per determinare il valore di tutti
i bit partendo dal MSB per arrivare al LSB. Ad ogni confronto con Vx se la tensione da
misurare è maggiore di quella di riferimento il bit assume valore 1, altrimenti 0. La tensione
in uscita dal DAC (che è la tensione di confronto) può assumere un valore qualsiasi tra
quelli possibili di questa equazione, dove bi è il valore del bit i-esimo:
log (N )
NUMERO
: n
confronti
=
di ,

VF S ⇥ n 1

VD/A = n bn 12 + ... + b1 2 + b0 Tucson ( mt ) (35)
2
dove i vari bn sono le cifre binarie del valore di tensione misurato.
Grazie al metodo di bisezione si eseguono solo n = log2 (N ) confronti, ciascuno di durata
m Tc con 2  m  5. Il tempo di misura è indipendente dalla Vx e vale Tmis = n(m Tc ).
Il rumore può portare ad errate decisioni sul singolo confronto, portando quindi ad un
errore di misura. La risoluzione e↵ettiva dipende quindi dal rumore e generalmente varia
tra le 3 e le 5 cifre significative. L’accuratezza dipende dalla qualità dello strumento e dal
rumore del comparatore (proveniente sia dal misurando che dal DAC). Ad esempio, un
voltmetro a 16 bit (65536 livelli) ha un tempo di misura di 100 ns, e quindi una frequenza
di misura di 10 MSa/s.
Questi voltmetri sono spesso utilizzati nelle DAQ poichè permettono una buona velocità
di acquisizione abbinata a una buona risoluzione. Spesso sono anche accoppiati a un filtro
passa-basso che limita le errate decisioni dovute al rumore, ma che riduce anche la velocità
di conversione. Voltmetri a integrazione :

- volt . a doppia TAMPA

11.3.6 Voltmetri a integrazione


Nel voltmetro a integrazione il valore di lettura dipende dalla tensione in ingresso secondo
una relazione integrale: Z TI
1
Vm / V (t) dt (36)
TI 0
In generale, prendendo un tempo di integrazione TI abbastanza lungo i contributi del
rumore si annullano tra loro, permettendo una maggiore accuratezza della misura.

Figura 14: Schema del circuito integratore

Dato che la corrente I = Vx /R è costante (supponendo fissata Vx ) il condensatore si


carica a corrente costante, quindi la tensione ai suoi capi Vc cresce linearmente nel tempo.

11.3.7 Voltmetro a doppia rampa


Il voltmetro a doppia rampa si basa sulla conversione tensione-tempo come il voltmetro a
rampa analogica.
Il tempo di run-up Tu = Nu Tc è fissato, quindi, essendo la corrente in ingresso nel
condensatore fissata, la tensione ai suoi capi dipenderà dalla tensione da misurare Vx .

23
Figura 15: Schema di un voltmetro a doppia rampa

Nella fase di run-down invece è fissata la tensione, mentre il tempo di scarica dipenderà
dalla tensione ai capi del condensatore, a sua volta dipendente dalla tensione Vx da misu-
rare.
Ogni voltmetro a doppia rampa in realtà è formato da due voltmetri distinti, usati per
misurare tensioni positive e negative. Ognuno di questi voltmetri ha n 1 bit, dove n
è il numero di bit dell’intero voltmetro. Il bit rimanente indica il segno della tensione e
raddoppia la dinamica del voltmetro “totale” rispetto a quella del singolo sottovoltmetro,

?
infatti:
V = n 1 = 0
xV 2x V a (37) .

2 2n zn

11.3.8 Formulario Voltmetro a doppia rampa


IT' fs Top

T.fs.to#
tempo di
°

salita
Questa mi sembra utile, ma non so come commentarla: REIEZIONE : re -

TEMPO ai clock :
( sin
Vx T u Vr Td
ftp.tu
te Vr : tensione
devi Alimentatore

( INTERNA All' Oscilloscopio) V0 = = (38)


RC RC
La tensione Vx si può quindi ricavare in due modi diversi:
Td Vr
Vx = Vr = · Td (39)
Tu Tu
Nd Tc Vr
Vx = Vr = · Nd (40)
Nu Tc Nu
In entrambe le equazioni finali della 39 e della 40 si possono riconoscere due parti, la prima
costante che dipende dallo strumento, la seconda che è proporzionale a Vx .
Quando si calcola il tempo di discesa Td = VVxr Tu e si ottiene un numero non intero bisogna
arrotondare per difetto in ogni caso. Questo perchè, dato che il contatore scatta quando
è trascorso un intero periodo, se questo non si è ancora concluso ma si è raggiunto lo zero
il contatore non riesce a scattare, tenendo l’ultimo numero segnato.

11.3.9 Integrazione
Qui ci sono un po’ di menate matematiche sugli integrali, seni e coseni che non ho assolu-
tamente voglia di capire. La cosa importante è che se si integra il segnale disturbato su un
tempo che è multiplo intero del periodo
R 2⇡ del rumore si ottiene il segnale pulito perchè, im-
maginando il rumore come un seno, 0 sin x = 0. Ci sono anche delle storie sul disturbo
massimo e efficace, ma negli esercizi non si usano mai, quindi balza.

24
11.3.10 Digital MultiMeter (DMM)
I Digital MultiMeter sono strumenti per la misura di tensioni e correnti (sia AC che DC),
resistenze, capacità, prova transistor o diodi, temperatura, ecc. La funzione base che questi
strumenti compiono è quella di misurare una tensione, per misurare le altre grandezze
sfruttano circuiti che trasformano queste in tensioni proporzionali alle grandezze originali.
Per esempio, per misurare la resistenza di un resistore faccio scorrere al suo interno una
corrente nota e misuro la tensione che si sviluppa ai suoi capi. Per adattare al meglio la
dinamica del convertitore alle tensioni da misurare i DMM sono muniti di un selettore che
permette di attenuare al livello corretto le tensioni in ingresso. I DMM usano per l’output
dei valori misurati una serie di display a 7 segmenti.

Figura 16: Schema di un display a 7 segmenti

11.3.11 Bit equivalenti


Il segnale in ingresso in un voltmetro è a↵etto da rumore. Questo disturbo può impedire
al voltmetro di realizzare una misura al massimo della sua risoluzione, e questo fenomeno
è rappresentabile come una riduzione dei bit e↵ettivi a disposizione. In un convertitore
ideale infatti il numero di bit si calcola come:
✓ ◆
1 S
n = log2 (41)
Varianza
2 Nq
✓ ◆
S= s= ⑦ 2 Dinamica 2
p
12
(42)
✓ ◆
2 V 2
Nq = q = p (43)
12
Nel caso in cui si aggiunga del rumore aggiuntivo l’errore totale diventa
N = Nq + NA/D + Next , e quindi il numero di bit equivalenti si calcola come:

BIT 1 S 1 S
EQUIVALENTI ne = log2 = log2 (44)
2 N 2 Nq + NA/D + Next
LO

Calcolo
i
li sa il TESTO

Una formula alternativa può essere:


✓ ◆
1 N
ne = n log2 1 + (45)
2 Nq

Si perde un bit equivalente ogni volta che il rapporto segnale/rumore diminuisce di un


fattore 4 (-6 dB), mentre se il rapporto dimezza (-3 dB) si perde solo 1/2 bit.

25
12 Oscilloscopi
L’oscilloscopio è uno strumento che consente di visualizzare l’evoluzione temporale di
un segnale di tensione in funzione del tempo. Usando scale graduate è possibile non solo
vedere che forma ha un certo segnale (misura qualitativa), ma anche fare delle misure
quantitative.

13 Oscilloscopi analogici
Il pannello frontale degli oscilloscopi analogici ha 4 sezioni principali:

• Schermo e regolazione della traccia

• Condizionamento e amplificazione verticale (accoppiamenti e guadagni d’ingresso)

• Sincronismo (trigger) QUANDO Traccerete \ Quanto Allargare

/
RESTRIN sere

• Base dei tempi (amplificazione orizzontale


5

Figura 17: Pannello frontale di un oscilloscopio analogico a 2 canali

13.1 Lo schermo
Lo schermo negli oscilloscopi analogici è a tubo catodico (CRT). Ha forma rettangolare
ed è suddiviso in una griglia da 10x8 quadretti da 1 cm di lato. Sulle linee centrali ogni
quadretto è a sua volta suddiviso da 5 tacche.

13.1.1 Tubo a raggi catodici


Il principio di funzionamento del tubo a raggi catodici è basato sull’emissione di raggi di
elettroni che dal catodo finiscono a impattare contro un rivestimento di fosfori posto sul
retro del pannello di vetro dello schermo. I fosfori, quando vengono urtati dagli elettroni,
disperdono l’energia derivante dall’urto emettendo luce. L’emissione di elettroni sfrutta
l’e↵etto termoionico: un piccolo elemento metallico viene riscaldato e questo permette
l’emissione degli elettroni. Questi vengono poi messi in movimento da una grande di↵e-
renza di potenziale imposta tra il catodo e l’anodo (⇠ 15 kV ). Subito dopo il catodo c’è il
controllo di griglia, elemento che permette di interrompere il flusso di elettroni, spegnendo

26
il punto luminoso sullo schermo. Successivamente due coppie di placchette cariche devia-
no il fascio di elettroni, permettendo di muovere il punto luminoso sull’intera area dello
schermo.

Figura 18: Schema di un tubo a raggi catodici

Ma vediamo più nello specifico alcune parti dello schermo.

13.1.2 Lente elettrostatica


In realtà gli anodi presenti nel tubo catodico sono tre, disposti uno dopo l’altro: questi
hanno la funzione di lente elettrostatica, infatti sotto l’elettrodo centrale si crea un
campo elettrico radiale con direzione centrifuga. L’elettrone, data la sua carica negativa,
è spinto in direzione centripeta, e quindi viene focalizzato lungo l’asse Z del tubo. In
questo modo è possibile ottenere un fascio ben concentrato da un raggio più largo, proprio
come si fa in una lente.

13.1.3 Alluminazione dello schermo


Per aumentare la luminosità dello schermo si e↵ettua l’alluminazione: dietro al vetro del-
lo schermo si pone un sottile strato di alluminio che non impedisce agli elettroni di passare,
ma che riflette verso l’osservatore la luce emessa dai fosfori, evitandone la dispersione.

13.1.4 Sensibilità statica


Si suppone che la tensione applicata alle placchette Vy sia costante e che il campo elettrico
generato sia uniforme di ampiezza Ey = Vy /d. Questo genera a sua volta un forza e
eV
quindi una accelerazione sull’elettrone: ay = meyd . Dopo una serie di passaggi si ottiene
che la sensibilita statica dello schermo CRT è:
BL
Ss = (46)
2 d Vacc
dove B è la distanza tra lo schermo e il punto centrale delle placchette, L è la lunghezza
delle placchette (⇠ 4 cm), d è la distanza tra le due placchette e Vacc è la tensione tra
l’anodo e il catodo.

13.1.5 Sensibilità dinamica


Si supone ora che la tensione applicata abbia andamento sinusoidale. Quindi ora Vy ha
una forma simile a Vy (t) = Vy sin(!t + ). Anche la sensibilità dinamica dipenderà da un
seno:
BL sin !⌧2 sin !⌧2
Sd = · !⌧ = S s !⌧ (47)
2 d Vacc 2 2
dove ⌧ è il tempo di volo dell’elettrone tra le placchette.

27
Il tempo di risposta delle placchette (condizionato dalla difficoltà di variare una tensio-
ne sulle due placchette che si comportano come un condensatore), limita la banda passante
dello schermo: quando la frequenza del segnale diventa troppo alta il pennello elettronico
non è in grado di variare abbastanza velocemente la sua posizione. Quello che si ottiene
è la diminuzione dell’ampiezza delle oscillazioni a frequenze alte. Per esprimere questa
difficoltà si usa il concetto di frequenza di taglio: questa corrisponde alla frequenza per
cui l’attenuazione causata dall’elemento corrisponde a 3 dB. La frequenza di taglio, o
banda utile per misure non distorte, corrisponde a:
1
fmax = (48)
2⌧
Banda passante e sensibilità sono caratteristiche
p contrastanti, aumentandone una dimi-
nuisce l’altra e viceversa. Infatti B ⇠ fmax / Vacc /L, mentre S / L/Vacc . È stato però
trovato un compromesso che permette di avere buona sensibilità e alta banda. Il meto-
do consiste nel rallentare il passaggio degli elettroni sotto alle placchette e di segmentare
queste ultime in più blocchi, collegati tra loro tramite induttori.

Figura 19: Placchette segmentate

Questi ultimi rallentano l’avanzamento del segnale tra i vari segmenti, sincronizzandolo
con la velocità dell’elettrone. In questo modo l’elettrone ha più tempo per variare la sua
velocità verticale. Per poi fare in modo che l’elettrone abbia abbastanza velocità, e quindi
energia, per raggiungere lo schermo ed illuminare i fosfori, si usano degli anodi di post-
accelerazione (una griglia con maglie abbastanza grandi da non ostacolare gli elettroni).
In questo modo si diminuisce Vacc , facendo crescere linearmente la sensibilità, ma facendo
decrescere la banda passante proporzionalmente alla radice.

Figura 20: Disposizione degli anodi di post-accelerazione

Intorno allo schermo trovano 3 potenziometri:


• Focus: regola la lente elettrostatica, permette di aumentare o diminuire la dimen-
sione della traccia.
• Intens: con questo regolo il potenziale di griglia, aumentando o diminuendo il
numero di elettroni che raggiungono lo schermo, regolando la luminosità della traccia.
• Trace rotat: a causa del campo magnetico terrestre le tracce sullo schermo po-
trebbero apparire ruotate (ad esempio la traccia continua 0 V potrebbe apparire
diagonale). Con questo potenziometro è possibile correggere questo difetto.

28
13.2 Condizionamento - Amplificazione verticale

Figura 21: Schema del circuito di amplificazione verticale

L’amplificazione verticale è la parte dell’oscilloscopio che si occupa dell’amplifi-


cazione e della regolazione del segnale in ingresso. Vediamo i vari componenti uno alla
volta:

• Coupling : permette di scegliere il riferimento da prendere nella misura

– AC: la modalità AC è indicata per visualizzare segnali a tensione alternata. In


questa modalità i segnali alternati vengono mostrati eliminando, se presente, la
componente DC, cioè il segnale varia continuamente intorno allo 0.
– DC: questa modalità è adatta a segnali a tensione continua, ma anche alternata.
Infatti se avessimo un segnale AC il cui valor medio oscilla a sua volta, settando
il coupling in AC non noteremmo questa fluttuazione.
– Ground: questa modalità mostra il valore di terra. Ritornando poi a DC è
possibile farsi un’idea della distanza che c’è tra il segnale misurato e il potenziale
di terra.

• Regolazione della scala verticale: permette di regolare grossolanamente la scala


verticale della nostra misura. Il potenziometro può variare su una scala con un
numero finito di livelli che indicano i Volt a divisione.

• Questo me lo sono perso

• Guadagno fine e o↵set: permette di regolare finemente il guadagno e di spostare


la traccia verticalmente nello schermo.

• Rifasamento X-Y: nel caso in cui l’oscilloscopio abbia più canali, questa parte ha
la funzione di mantenerli in fase.

• Amplificatore: i segnali trattati fino ad ora arrivano al massimo all’ordine di qual-


che volt. Per poter pilotare le placchette, e quindi muovere il pennello elettronico,
ho bisogno di tensioni fino a 400 V, generate da questo amplificatore.

Come tutte le apparecchiature, anche l’oscilloscopio si comporta come un filto passa-basso.


Quando il periodo del segnale scende sotto tso , il segnale non è visibile.
k
tso = (49)
B
dove k vale 0,35 per funzioni ad un polo mentre 0, 35 < k < 0, 5 per funzioni a due poli.

29
13.3 Sincronismo (trigger)
Per avere una singola traccia sincronizzata sullo schermo è necessario che il segnale venga
disegnato sempre a partire dallo stesso punto del periodo, altrimenti sullo schermo si
vedranno una serie di segnali che non si sovrappongono, rendendo impossibile l’analisi. La
parte che si occupa di mantenere la sincronia tra il segnale già rappresentato e quello da
rappresentare è il trigger. Vediamo una a una le parti che compongono il trigger

Figura 22: Schema del trigger

• Trigger source: posso scegliere quale segnale prendere come riferimento per il
trigger: il segnale interno (cioè quello che voglio analizzare), un segnale esterno
(preso attraverso un apposito connettore sul pannello) oppure dalla tensione di linea
(quella della presa a cui è attaccato l’oscilloscopio).

• Controllo del trigger: è la sezione in cui si regola il livello a cui scatterà il trigger.
Su NORM il trigger scatterà continuamente alla tensione selezionata, su SINGLE
scatterà una sola volta alla tensione selezionata, su AUTO se il segnale non attraversa
il livello di trigger per 20 ms il trigger scatterà comunque.

• Filtro pre-amplificatore: filtro passa-basso per evitare che rumore al alta fre-
quenza possa far scattare il trigger nel momento sbagliato.

• Slope: con questo possiamo scegliere l’inclinazione a cui far scattare il trigger. In-
fatti una funzione periodica passerà per un determinato valore 2 volte in un periodo.
Con questa sezione è possibile scegliere se scattare al valore quando in discesa o
quando in salita.

• Comparatore di livello: questo è il trigger e↵etivo. Si tratta di un comparatore


che scatta quando entrambi i suoi ingressi si trovano allo stesso livello.

Nonostante si utilizzi il filtro passa-basso, si possono avere lo stesso degli errori di confronto
che portano il trigger a scattare al momento sbagliato. Questo errore è definito jitter .
QUANDO TRIGGER O AL
MOMENTO SBAGLIATO
13.4 Base dei tempi
La base dei tempi è la parte di controllo delle placchette che causano il movimento
orizzontale del pennello elettronico.

13.4.1 Controllo porta


Il controllo porta si occupa di non avviare un nuovo ciclo (causato dal trigger) fino a
quando il pennello non abbia concluso uno schermo completo (traccia completa + ritorno

30
Figura 23: Schema della base dei tempi

del pennello). È sede anche del controllo di unblanking, comando che agisce durante la
fase di ritorno del pennello elettronico sulla tensione di griglia, regolando a zero l’intensità
della traccia luminosa sullo schermo.
Al controllo porta arriva anche il controllo di Hold o↵. Questo serve ad aggiungere un
tempo ulteriore alla fine di un ciclo di disegno prima di accettare il successivo trigger in
ingresso. Questo evita che la deflessione orizzontale riparta in un momento non adatto.

13.4.2 Integratore di Miller


L’integratore di Miller è un amplificatore operazionale in configurazione invertente, con
un condensatore C in reazione e una resistenza R in ingresso.

Figura 24: Schema dell’integratore di Miller

È comandato da una tensione in ingresso costante che produce una corrente costante quindi
integrata sul condensatore. In uscita si ottiene una rampa di tensione con pendenza che
dipende da RC. In pratica si può variare mettendo diverse resistenze precedute da un
selettore, ottenendo cosı̀ una scala temporale diversa sullo schermo.

13.4.3 E↵etti del sincronismo sul segnale visualizzato

Il primo e↵etto che ha il sincronismo sul segnale visualizzato è quello di mostrarne


solo una parte. Tutto quello che avviene tra la fine di una rampa e il successivo trigger

31
è perduto. Dal grafico si può vedere anche come i segnali di trigger durante le rampe
(sia in salita che in discesa) vengano ignorati. Tutto questo permette di disegnare sullo
schermo sempre la stessa parte di periodo.
MODALITÀ DI visualizzazione
13.5 Modalità multitraccia
In un amplificatore multicanale l’amplificatore e il pennello elettronico sono unici, quindi
per rappresentarli entrambi bisogna applicare dei metodi specifici. La prima modalità di
rappresentazione è quella di disegnare sullo schermo un solo segnale, somma o di↵erenza dei
due originali. Questa operazione viene svolta da un operazionale sommatore, controllato
da un interruttore che decide se invertire o no il secondo segnale (scegliere se sommare
o sottrarre). Le altre due modalità sono più interessanti perchè permettono di vedere i
segnali indipendentemente uno dall’altro.
Disegno Prima una

Funzione POI E Altra


13.5.1 Modalità Alternated ,

Nella modalità alternated il pennello elettronico disegna uno schermo completo del segna-
le A, poi disegna uno schermo completo del segnale B, e continua ad alternarle. Questa
modalità è utile quando i segnali sono ad altissime frequenze (condizione che non permette
di usare la modalità chopped), ma ha lo svantaggio di far perdere la relazione di fase che
vige tra i due segnali, infatti la fase di disegno inizierà quando scatterà il trigger.
DISEGNO ENTRAMBE le

13.5.2 Modalità chopped FUNZIONI W Parallelo

Nella modalità chopped i canali in ingresso vengono continuamente alternati, facendo


“saltare” il pennello nelle posizioni del primo e del secondo segnale alternativamente.
In questo modo i due segnali vengono disegnati contemporaneamente, mantenendo la
relazione di fase. Questa modalità però non è adatta a segnali molto veloci (superiori a
100 kHz o 1 MHz) perchè, in primo luogo, le tracce potrebbero apparire segmentate, e
perchè, in secondo luogo, l’amplificatore verticale potrebbe non essere in grado di compiere
grandi salti in cosı̀ brevi intervalli di tempo (se i due segnali fossero in opposizione di fase
il pennello potrebbe dover saltare dall’estremo inferiore a quello superiore dello schermo).

13.6 Impedenza d’ingresso

L’oscilloscopio ha una impedenza in ingresso che non è solo ohmica (1 M⌦), ma è


anche capacitiva (⇠ 20 pF). Quando si aggiungono dei resistori per attenuare il segnale, è
necessario aggiungere anche dei condensatori per mantenere la stessa impedenza. Questi
moduli formati da resistori e condensatori sono detti celle ⇡, e possono essere inseriti e
disinseriti senza cambiare l’impedenza, ma variando l’attenuazione.

32
13.7 Sonde d’ingresso

Figura 25: Schema di una sonda

Dato che l’impedenza in ingresso dell’oscilloscopio è elevata, il segnale viene prelevato


con cavi coassiali, che riducono le interferenze esterne. Dato che però anche il cavo ha
una sua capacità, l’impedenza totale vista dalla sonda varia con la frequenza del segnale e
con la lunghezza del cavo. Per questo, se la sonda è un tutt’uno con il cavo, si inseriscono
un resistore e un condensatore per ottenere un’impedenza che sia puramente resistiva,
quindi indipendente dalla frequenza (si cerca di ottenere un comportamento equalizzato
in frequenza).
Ri + Rs
a= (50)
Ri
dove a è l’attenuazione, Ri la resistenza dell’oscilloscopio e Rs quella correttiva della sonda.

13.8 Compensazione della sonda


Per controllare che la sonda e l’oscilloscopio siano correttamente calibrati, si genera un’on-
da quadra e si visualizza sullo schermo.

Se la compensazione è corretta si vede un’e↵ettiva onda rettangolare.

Se la sonda è sovracompensata il valore di Cs è troppo elevato e vengono attenuate


poco le armoniche a più alta frequenza (si ha un e↵etto passa-alto).

Se la sonda è sottocompensata il valore di Cs è troppo piccolo e vengono attenuate


troppo le armoniche a più alta frequenza (si ha un comportamento passa-basso).

33
14 Oscilloscopi digitali
Gli oscilloscopi digitali o DSO (Digital Storage Oscilloscope) si basano sul campiona-
mento e conversione del segnale, memorizzazione della sequenza, elaborazione e visua-
lizzazione. Per fare questo si usano convertitori A/D, memorie a semiconduttore molto
veloci (devono essere in grado di salvare diversi gigabyte/s) e microprocessori abbastanza
veloci. Come è evidente anche dal nome, la parte fondamentale di questi oscilloscopi è la
memoria. Infatti il segnale non viene visualizzato sullo schermo in real-time, ma prima
vengono salvati un certo numero di campioni, poi questi vengono elaborati, poi viene vi-
sualizzato il risultato sullo schermo. Il vantaggio degli oscilloscopi digitali, oltre a quello
della possibilità di memorizzare i dati, è quella di poter essere collegati a schermi esterni,
a stampanti, a periferiche di archiviazione e a pc, anche in remoto tramite interfacce di
rete.

14.1 Fasi di misura


1. Condizionamento analogico, campionamento e conversione in sequenza numerica
del segnale

2. Memorizzazione dei campioni

3. Elaborazione numerica

4. Visualizzazione sullo schermo

I primi due passi devono essere compiuti in real time, i componenti devono essere in
grado di operare con milioni di misure al secondo, mentre i due passi successivi possono
essere compiuti anche in seguito: una volta che il segnale è stato acquisito l’oscilloscopio
può anche rimanere un certo tempo fermo ad elaborare prima di visualizzare il segnale.

Figura 26: Schema a blocchi di un oscilloscopio digitale

È importante notare come, nelle prime sezioni dell’oscilloscopio i cavi di collegamento


siano disegnati con linee sottili, che corrispondono a collegamenti analogici, mentre nelle
altre sono disegnati con linee spesse, che rappresentano il collegamento digitale, quindi
con una serie di cavi in parallelo. Inoltre, nonostante qui sia rappresentato, molto spesso

34
negli oscilloscopi digitali il filtro passa basso non è presente perchè esistono delle procedure
che permettono di rappresentare segnali con frequenze superiori a quella del convertitore
(v. paragrafo 14.6).

14.2 Elementi di novità


Rispetto all’oscilloscopio analogico esistono delle di↵erenze sostanziali:

• Disaccoppiamento temporale tra segnale e visualizzazione: qui il segnale vie-


ne campionato, salvato nella memoria, elaborato e poi visualizzato. Lo strumento
quindi non è più real time.

• Visualizzazione mediante display di tipo raster: il segnale viene disegnato su uno


schermo analogo agli schermi tv (v. paragrafo 14.3). Questo implica che ci sia una
memoria RAM video, che permette di conservare la forma del segnale.

• Dispositivi di input-output: da questi oscilloscopi è possibile esportare i dati su


stampanti, memorie di massa, pc e rete, tramite una serie di interfacce.

• Span: larghezza dell’intervallo di frequenze considerato n


-

14.3 Schermo raster


La principale di↵erenza tra lo schermo raster e quello dell’oscilloscopio analogico (detto
vector) è la modalità di rappresentazione dell’immagine. Nello schermo vector infatti il
pennello elettronico si muove seguendo l’andamento del segnale da rappresentare, illumi-
nando i fosfori corrispondenti. Nello schermo raster invece il pennello fa una scansione
completa di tutto lo schermo, illuminando però solo i fosfori necessari per comporre l’im-
magine. Per questo motivo è necessaria la RAM video, una volta composto il quadro da
visualizzare, bisogna memorizzare quali punti accendere durante l’intera scansione.

Figura 27: Percorso del pennello elettronico durante il disegno di un quadro sullo schermo

14.3.1 Parametri della visualizzazione raster Fare GIRO si QUADRO


Quanto IMPIEGA Il Pennello a un

• Rinfresco quadro: il periodo di rinfresco (refresh), o tempo di quadro, è il tempo


che il pennello impiega a coprire l’intero schermo e a tornare alla posizione iniziale.
Deve essere più piccolo della somma del tempo di persistenza dell’immagine sulla
retina sommato a quello di fosforescenza dei fosfori (altrimenti l’occhio si accorge del
“trucco”).

• Risoluzione dello schermo: la risoluzione più di↵usa è quella standard VGA


(640x480), ma ci sono oscilloscopi con risoluzioni anche di 800x600 o 1024x1024.

35
L’area del grafico ha proporzioni 5:4, mentre gli schermi sono 4:3 o 1:1. Lo spazio che
“avanza” viene usato per mostrare informazioni aggiuntive in forma alfanumerica.

• Requisiti di banda passante: una completa deflessione orizzontale avviene in un


tempo di riga 20 ms/480 ' 42 µs, che è 4 volte più lento del tempo minimo di sca-
nione dei migliori oscilloscopi analogici. Questo rende più economica la costruzione
di questo tipo di schermi.

14.3.2 Deflessione elettromagnetica


Come abbiamo visto, in questo tipo di schermi la velocità di deflessione non deve essere
altissima, questo permette di usare un principio diverso per muovere gli elettroni: la defles-
sione elettromagnetica. In questi schermi il fascio viene orientato per mezzo di bobine in
cui scorre una corrente generante un campo magnetico. Questa tecnologia è più lenta, ma
sensibilmente più economica perchè controllare una corrente in una bobina è più semplice
che controllare alte tensioni su un condensatore.

14.3.3 Display a schermo piatto


L’evoluzione della tecnologia ci ha portato alla nascita di tecnologie per schermi piatti
(FPD, Flat Panel Display): elettroluminescenza, LED, LCD; TFT, OLED, ecc. Alcuni
si basano su pixel che emettono luce, altri su pixel che si scuriscono impedendo a una
luce posteriore di passare. La caratteristica comune però è quella di essere molto più
compatti dei CRT e di assorbire meno energia. Questo vantaggio ha permesso di sviluppare
oscilloscopi portatili a batteria.

14.3.4 Display LCD


I display a cristalli liquidi basano il loro funzionamento su due filtri polarizzatori e sui
cristalli liquidi che, in assenza di tensione di polarizzazione, fanno ruotare la polarizzazione
della luce che li attraversa. Quindi, in assenza di campo elettrico la luce può passare e il
pixel è acceso, altrimenti è spento, come si vede nella figura 28.

36
Figura 28: Schema di funzionamento di un display LCD

14.3.5 Display a TFT


Il display a TFT (Thin Film Transistor ) ha un principio di funzionamento simile all’LCD,
ma integra nella cella elementare anche il transistor per l’accensione/spegnimento del pixel.
Questo permette di avere tensioni e correnti basse e una buona velocità di refresh.

14.4 Condizionamento Analogico


Il condizionamento analogico di un oscilloscopio digitale è molto simile a quello analo-
gico (vedi paragrafo 13.2). La di↵erenza principale che si trova è l’assenza del filtro passa
basso in funzione di antialiasing, infatti grazie a procedure di misurazione particolari con
gli oscilloscopi digitali è possibile visualizzare segnali periodici con frequenze maggiori a
quella di campionamento (v. paragrafo 14.6).

14.5 Conversione A/D ed acquisizione dati

Figura 29

Il segnale, dopo essere passato dalla parte di condizionamento analogico, passa dal
campionatore e dal convertitore A/D, quindi i dati vengono salvati nella memoria. I pa-
rametri che caratterizzano questa sezione sono la risoluzione del convertitore, la frequenza
di campionamento e la capacità (o profondità) massima di memoria.
La possibilità di elaborare i dati prima di visualizzarli permette andare oltre i limiti del
singolo campionatore: collegando, ad esempio, 10 convertitori in parallelo e facendoli ope-
rare con 1/10 di periodo di sfasamento reciproco, ottengo lo stesso e↵etto di un singolo
campionatore a frequenza 10 volte più alta (campionamento e conversione a multicon-
vertitore).
Oltre al teorema del campionamento (paragrafo 9.3), la visualizzazione per punti potrebbe
creare problemi di aliasing percettivo. Infatti, se un segnale sinusoidale viene visualiz-
zato con meno di 25 punti per periodo, potrebbe risultare di ambigua interpretazione alla
vista.

14.5.1 Interpolatori
Per ovviare a questo problema si usano gli interpolatori:
• Interpolatore lineare: con questo tipo di interpolatore si riduce a 10 il numero di
punti per periodo necessari per visualizzare il segnale corretto.

37
Figura 30: Esempio di aliasing percettivo

• Interpolatore a seno cardinale: basato sulla teoria di Shannon, permette di


ridurre a 2.5 il numero di punti per periodo. La banda di misura risulta quindi il
40% della frequenza di campionamento.

14.6 Modalità di campionamento


Il campionamento di un segnale può avvenire secondo tre di↵erenti modalità:

• Campionamento in tempo reale (single shot)

• Campionamento in tempo equivalente sequenziale

• Campionamento in tempo equivalente casuale

La prima modalità presenta i già conosciuti limiti di banda, ma è adatta a qualsiasi tipo
di segnale. Le altre due modalità sono adatte a segnali molto veloci, ma solo se sono
ripetitivi o periodici.

14.6.1 Campionamento in tempo equivalente sequenziale


Supponendo che il segnale non cambi tra un periodo e l’altro, si prendono diversi campioni
all’interno di diversi periodi, con una distanza dal trigger ⌧ incrementata a ogni misura.
In questo modo si prendono punti in posizioni diverse del periodo del segnale e, dopo
averli riordinati, si ottiene un segnale con molti più punti per periodo di quelli che il
semplice campionatore avrebbe potuto prendere. In questa modalità il trigger non ha

Figura 31

più lo scopo di iniziare il disegno del segnale, ma serve come punto di riferimento per
riordinare i punti salvati. Si ottiene una frequenza di campionamento equivalente fe = ⌧1
FREQUENZA Di
CAMPIONAMENTO

38
che è molto maggiore (10-100 volte) di quella del campionatore. È per questo motivo
che non si utilizza il filtro passa basso all’ingresso. Nel caso migliore possibile si possono
raggiungere risoluzioni temporali di 1 ps, e quindi visualizzare segnali con banda a 50 GHz
con 20 punti per periodo. Ovviamente, a seconda del numero di periodi successivi che si
analizzano, il tempo di misura cresce.

14.6.2 Campionamento in tempo equivalente casuale


In questa modalità i campioni non vengono presi aspettando un certo intervallo dal trigger,
ma vengono catturati ogni qual volta l’ADC sia pronto. Questi dati vengono quindi salvati
abbinati al tempo che li distanzia dal trigger e poi riordinati in seguito. Questo permette
di far lavorare l’ADC alla massima velocità possibile.

14.7 Modalità di trigger avanzate


Sulle slide sono chiare, leggile lı̀ (oscilloscopi, 86).

14.8 Risoluzione verticale


Negli oscilloscopi digitali il coefficiente di deflessione e l’o↵set possono essere regolati fi-
nemente (non a scatti), quindi è possibile ridurre al minimo l’errore di quantizzazione. È
possibile anche acquisire segnali in modalità media (average), facendo la media di intere
tracce misurate in momenti successivi, o in modalità alta risoluzione (high resolution
o box car averaging), acquisendo un segnale lento a frequenza molto alta, e poi facendo
la media tra un gruppo di punti vicini, visualizzandone uno solo. Con queste modalità
è possibile ridurre il rumore, aumentando il rapporto S/N e, in alcuni casi, portando il
numero di bit e↵ettivi a essere maggiore di quelli reali. Ovviamente la prima modalità
non è adatta a segnali non periodici, mentre la seconda non è adatta a segnali ad alta
frequenza.

14.9 Risoluzione orizzontale


Nella modalità di campionamento in tempo reale il limite della risoluzione orizzontale è
dettato dalla frequenza di campionamento, ma la risoluzione e↵ettiva è data dalla taratura
scelta per l’asse. Nella modalità a tempo equivalente il limite è dato dalla precisione con
cui si stabilisce la distanza tra il trigger e il campione acquisito.

14.10 Funzionalità aggiuntive


Gli oscilloscopi digitali dispongono di un grande numero di funzioni aggiuntive. Per esem-
pio permettono di compiere misure standard automatizzate, possono compiere analisi sui
dati di misura, hanno la persistenza infinita (DPO, le tracce rimangono per un tempo inde-
finito sullo schermo) e il controllo di conformità con una maschera prestabilita (controllano
se un segnale ha una forma simile a un campione scelto).
Se vuoi leggere le ultime menate sui vantaggi dei DSO e i limiti dei SUPERMEGA-
FANTASTICI oscilloscopi TEKTRONIX del tizio amico di Svelto, guarda le ultime 3
slide.

39
15 Misure con l’oscilloscopio
15.1 Misure di ampiezza
1. Si pone a zero sullo schermo il livello di riferimento selezionando l’ingresso GND e
la modalità di trigger automatica e poi regolando la Vert. Pos. del canale scelto.

2. Si regolano i controlli di intensità e focus affinchè la linea appaia abbastanza luminosa


e definita.

3. Ora bisogna stabilire se la tensione da misurare è continua o periodica.

• Continua: si sceglie l’accoppiamento DC


• Periodica: è possibile utilizzare anche l’accoppiamento AC, eliminando cosı̀ una
eventuale componente continua nel segnale. In questo caso è però necessario
verificare che la frequenza del nostro segnale sia più alta di quella del filtro
passa alto dell’accoppiamento AC. Infatti, se il segnale è troppo lento, l’accop-
piamento AC non lo riconosce come tale e non riesce a calcolarne la media,
portando ad e↵etti di distorsione.

4. • Continua: si setta il trigger in automatico e non è necessario regolarne il livello.


• Periodica: se il segnale è a bassa frequenza, è consigliabile utilizzare la modalità
normale del trigger, ed è necessario regolarne il livello. È consigliato porre il
livello nel tratto a maggiore pendenza.

5. Verificare che il comando di attenuazione in ingresso abbia il potenziometro di at-


tenuazione variabile nella posizione di esclusione, di modo che l’attenuazione intro-
dotta corrisponda solamente a quella indicata dal commutatore a scatti, calibrata
ed espressa in volt/divisione.

15.2 Misure di tempo e periodo/frequenza


Una volta che regolo le impostazioni per vedere il segnale (vedi paragrafo 15.1), a mag-
giore pendenza del segnale corrisponde una migliore valutazione dell’ascissa del punto di
attraversamento. Anche regolare una traccia sottile aiuta. Misurando la distanza N tra i
due punti corrispondenti di attraversamento del’asse orizzontale, il periodo vale:

T = N Ax (51)

dove Ax è l’amplificazione orizzontale.

15.3 Misure di sfasamento


Una volta che regolo le impostazioni per vedere il segnale (vedi paragrafo 15.1), misurando
la distanza M tra i punti dei due segnali che attraversano lo stesso asse orizzontale, posso
ricavare lo sfasamento:
t
= 2⇡ con t = M Ax (52)
T
dove Ax è l’amplificazione orizzontale e T il periodo.

40
15.4 Markers per misure di T
Per facilitare le misure di intervalli di tempo T , esiste una funzione che emette impulsi
quando i livelli di tensione regolabili VL1 e VL2 uguagliano la rampa principale, aumentando
la luminosità dei punti corrispondenti. Attraverso un contatore elettronico interno alla
strumento viene misurato con precisione il t tra T1 e T2 .

15.5 Misure del tempo di salita


Per misurare il tempo di salita del segnale si misura il tempo che impiega a passare dal
10% al 90% dell’intervallo verticale. Questo è il tempo di salita totale:
q
tsal = t2segnale + t2osc (53)

0.35
Sappiamo dall’equazione 49 che il tempo di salita dell’oscilloscopio vale tosc = B , quindi
dalla 53 possiamo ricavare il tempo di salita del segnale:
q
tsegnale = t2sal t2osc (54)

15.6 Modalità X-Y


Questa modalità applica i due segnali ai canali 1 e 2 alle placche di deflessione orizzontale
e verticale rispettivamente. In questa modalità il trigger viene escluso. In questo modo è
possibile confrontare due segnali, ad esempio corrente e tensione su un componente.
Poi ci sono cose secondo me poco utili.

15.7 Figure di Lissajous


Rappresentando due segnali sinusoidali in modalità X-Y si ottengono queste figure:

Figura 32: Figure di Lissajous

A seconda della figura che si forma sullo schermo è possibile capire quanto valga il rapporto
tra le frequenze dei due segnali e di quanto siano sfasati.

15.8 Misure di↵erenziali


In alcuni casi connettere i due morsetti di un singolo canale ad un elemento può portare
a dei problemi al circuito da misurare. Infatti un capo del cavo è direttamente collegato
a terra. Per evitare questo, si sfruttano i connettori non a massa di due canali diversi
dell’oscilloscopio e si imposta la modalità di visualizzazione per di↵erenza. In questo
modo non si cambiano impedenze e punti di massa del circuito da misurare.

41