Sei sulla pagina 1di 73

RIVISTA PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

6
FEBBRAIO 2020

OLTRE LE DIFFIDENZE

@riviste_muj

Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
Dopo tanta nebbia
a una a una
si svelano le stelle
GIUSEPPE UNGARETTI

Principio ispiratore dell’antologia è la centralità del ragazzo.


È orientata all’inclusione, all’accompagnamento e all’acco-
glienza di ogni alunno ed è pensata per la personalizzazione
dell’apprendimento, grazie alla presenza costante di attività
con livelli differenziati.
Elemento fondamentale è il percorso pensato per l’acquisizione
di un metodo di studio.
Il percorso antologico è strutturato in Tipologie testuali (testo
USA I QR CODE PER ATTIVARE
descrittivo, regolativo, espositivo, argomentativo), Generi e Temi.
I CONTENUTI DIGITALI!
Costante è l’attenzione allo sviluppo delle competenze europee, di
Per accedere in modo semplice e veloce ai contenuti Educazione civica e al rafforzamento delle competenze lessicali.
digitali del testo, inquadra con smartphone o tablet i L’antologia presenta una nuova e ricca scelta di testi di autori
QR code presenti nelle pagine del volume. italiani e stranieri della più attuale produzione letteraria, senza
Video, audio, immagini e approfondimenti saranno tutti rinunciare alla presenza di passi tratti dai “classici”.
immediatamente a portata di clic, anche in mobilità!
In questo percorso particolare attenzione è riservata all’intercul-
tura, con testi di altre nazioni e storie di altre culture e civiltà.
La dimensione interdisciplinare permette allo studente di im-
parare a rapportarsi con la realtà per comprenderla, interpre-
tarla e comunicarla in forma personale.

IL CORSO È DISPONIBILE NELLE EDIZIONI:


š PLUS (LIBRO + E-BOOK INTERATTIVO SCARICABILE)
š DIGITALE (SOLO E-BOOK INTERATTIVO SCARICABILE)

Per maggiori informazioni, rivolgiti al tuo Agente di zona


(elenco in www.lascuola.it alla voce CONTATTI - RETE COMMERCIALE)
Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
editoriale
Motivare.
Divertire.
Insegnare
Caterina Lazzarini

Il titolo dato a queste righe suonerà in qualche modo familiare a chi, come me, proviene dagli
studi classici. Nella loro successione i tre verbi sembrano infatti riecheggiare la traduzione
italiana del celebre “tricolon” latino, docere, delectare, movere, e cioè «insegnare, divertire,
emozionare», diffuso in questa successione da Quintiliano (nelle sue Institutiones oratoriae
12,10,59), e un secolo prima di lui elaborato concettualmente da Cicerone (ad es. Brutus 276). Il
grande scrittore e uomo politico del I secolo a.C. ebbe fra gli altri meriti quello di divulgare a
Roma la raffinata tecnica oratoria elaborata dai Greci, e di creare – come lui stesso amava ricor-
dare – la lingua appropriata per compiere la sua opera (sia detto in parentesi: Cicerone fu un
grande inventore di parole e proprio per questo l’argomento attorno a cui muove questa pagina
non gli sarebbe certo dispiaciuto).
Unire la capacità di trasmettere nozioni a quella di divertire ed emozionare l’uditorio era per
Cicerone la base delle qualità di un perfetto oratore, di quelli che sapevano trascinare gli ascol-
tatori e piegare la loro opinione nella direzione desiderata (oggi diremmo un influencer). Ancora
una volta, fa piacere rilevare come i classici, se interrogati in modo opportuno, non perdano
la loro potenzialità di stimolare la riflessione dei moderni, e siano in grado anzi di interagire
efficacemente con qualsiasi epoca storica.
Io credo che i tre verbi ciceroniani potrebbero infatti sintetizzare la formula magica che ogni
insegnante ambirebbe a veder realizzata nella sua prassi didattica quotidiana, e anche chi
opera a costruire libri di testo sa bene quanto oggi sia diventato importante il richiamo al coin-
volgimento emozionale dei ragazzi, parallelamente al crescere dell’attenzione della comunità
scientifica per il ruolo dell’intelligenza emotiva nella formazione e nel successo professionale
degli individui.
Sì, ma che dire dei tre verbi del titolo, che introducono invece, in variazione dal modello, un con-
cetto per forza sconosciuto alla retorica antica, perché appartiene ad acquisizioni pedagogiche
di età moderna, quello della “motivazione” dei discenti? Da dove provengono?
Se è in generale relativamente recente la presa di coscienza che un insegnamento efficace rap-
presenta la messa in campo di un insieme di competenze, da parte dei docenti, in cui le capacità
di coinvolgere divertendo e di sommuovere le emozioni dei ragazzi hanno un ruolo anche supe-
riore alla trasmissione delle nozioni, c’è chi invece da tempo ha fatto di questa presa di coscienza
un’acquisizione teorica e ha costruito una teoria didattica, nel campo della linguistica applicata,
che ha fatto dell’apprendimento attraverso il gioco e il divertimento intellettuale il perno della
propria disciplina. Mi riferisco agli studi di Anthony Mollica, professore emerito dell’Università
di Brock, Canada, che ha sviluppato nel tempo e veicolato a livello internazionale gli studi di
ludolinguistica e che, con le sue pubblicazioni, ha “fatto scuola” su questo tipo di didattica.
È a lui che si deve, tra l’altro, la divulgazione di una riproposizione in chiave moderna del tricolon
ciceroniano, come «motivare, divertire, insegnare».

Sd 1 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
editoriale

Merito di questi studi è, tra gli altri, aver messo a fuoco il potenziale dell’approccio ludo-
linguistico come stimolo delle capacità cognitive, logiche e di apprendimento e memorizza-
zione. Non solo: in un contesto, per rimanere all’Italia, in cui la realtà di classi disomogenee
dal punto di vista della lingua materna sta diventando fenomeno importante per numeri e
per complessità didattica, l’utilizzo del gioco si può rivelare una strategia vincente proprio
nell’insegnamento di Italiano come L2. Chi ci legge sa che anche da queste pagine sono state
proposte attività e Unità di Apprendimento impostate secondo questa metodologia per l’Ita-
liano come seconda lingua, per le stesse ragioni che abbiamo prima ricordato.
È quindi con particolare apprezzamento che salutiamo la nuova edizione completamente
aggiornata del trattato di ludolinguistica di Anthony Mollica che usciva giusto dieci anni fa,
nel 2010, per i tipi di Guerra Edizioni (Perugia) e che ora (2019-2020) viene riproposto in tre
volumi, per ELI-La Spiga Edizioni (Recanati): 1. Ludolinguistica. I giochi linguistici e la didattica
dell’italiano; 2. Ludolinguistica. Imparare una lingua con i giochi di parole; 3. Ludolinguistica.
Parlare e scrivere con creatività.
Ci sentiamo di consigliarne la lettura, indipendentemente dalla disciplina di insegnamento,
certi come siamo che i numerosissimi spunti per attività enigmistiche e di gioco potranno
ispirare a tentare un approccio diverso anche per chi non si trova a insegnare direttamente
una lingua.

D
I

M O T I V A R E
Q
E
U
L U E C E R
I N F I
T
G N A R E
I N S E
E T
R
G I
C E R O N E
C I L
N
S T I C A
I N G U I
L U D O L
A
N
O

Sd 2 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
Sd 6
febbraio 2020ЕϐЕAAGЕ:vpЕ
© Editrice La Scuola

Direttrice: Caterina Lazzarini

p°“™°ßêêÐß°ϑ Mario Falanga, Paolo Nitti

ÐÈ°ê†êÐЕ㓰Éê°đЕ“ÐϑЕNieves Arribas (Università degli


Zêï™°Е™ÂÂЍ+Éãï’ß°†ϫЕϐЕ:ï°ã†Е­°ß°“­êê°ЕϨeÉ°úßã°ê‹Е
editoriale
™¨Â°ЕZêï™°Е™°Е ß¨†ÈÐϫЕϐЕV†§§†ÂЕ°†È’ßÐÉЕ Motivare. 1
(Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della
V°“ß“†ϫЕϐЕ"߆ɓã“†ЕÐãê†ЕϨeÉ°úßã°ê‹Е†êêа“†Е™ÂЕ Divertire.
Z†“ßÐЕïÐߝϒЕ@°Â†ÉÐϫЕϐЕÐãê†ÉƆЕ­°ЕϨeÉ°úßã°ê‹Е Insegnare
†êêа“†Е™ÂЕZ†“ßÐЕïÐߝϒЕ@°Â†ÉÐϫЕϐЕ#°†ÉÂЕ
ïÉ°’ßê°ЕϨeÉ°úßã°ê‹Е™¨Â°ЕZêï™°Е™°Е`Ðß°ÉÐϫЕϐЕ:ï°¨°Е Caterina Lazzarini
°ЕϨVêêÐߝЕeÉ°úßã°ê‹Е™°Е"°ßÉƝϫЕϐЕS°ß¨°ïãÜܝЕ
߆ɰЕϨeÉ°úßã°ê‹Е™ÂЕZ†ÂÉêÐϒЕ:““ϫЕϐЕ#°ï°ÐЕ
"†““­êê°ЕϨeÉ°úßã°ê‹Е™¨Â°ЕZêï™°Е™ÂÂЍ+Éãï’ß°†ϫЕϐЕ@†ß°ÐЕ
"†Â†É¨†ЕϨ:°’ß†ЕeÉ°úßã°ê‹Е™°Е ÐÂƆÉÐϫЕϐЕ"†’°†É†Е"ïã“ÐЕ
ϨeÉ°úßã°ê‹Е™¨Â°ЕZêï™°Е™°Еe™°ÉϫЕϐЕA°“ІЕ+ɓ†ÈÜÐЕ
(Ufficio scuola e pastorale scolastica Diocesi di
osservatorio
`ß°“†ß°“ÐϫЕϐЕ#°†ÉЕÉß°“ÐЕ@†ÉĆÐÉ°ЕϨeÉ°úßã°ê‹Е†êêа“†Е pedagogico e didattico
™ÂЕZ†“ßÐЕïÐߝϒЕ ßã“°†ϫЕϐЕS†êß°Ć°†Е@†ßêê†ЕϨÉêßÐЕ
™°ЕЧÐÉÐÂШ°†ϒЕVÐȆϫЕϐЕS†ÐÂÐЕA°êê°ЕϨeÉ°úßã°ê‹Е
™¨Â°ЕZêï™°Е™ÂÂЍ+Éãï’ß°†ϒЕp†ßãϫЕϐЕZꝧ†É°†ЕS†¨Â°†ß†Е
Reclutamento, carriera,
(Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano) valutazione 5
ϐЕ:°ú°†ЕVÐȆÉÐЕϨeÉ°úßã°ê‹Е™¨Â°ЕZêï™°Е™°ЕS†ÂßÈÐϫ
ϐЕÐȝɰ“ÐЕZ°ÈÐɝЕϨeÉ°úßã°ê‹Е†êêа“†Е™ÂЕZ†“ßÐЕ
Gian Carlo Sacchi
ïÐߝϒЕ@°Â†ÉÐϫЕϐЕS°ß܆ÐÂÐЕ`ß°†É°ЕϨeÉ°úßã°ê‹Е†êêа“†Е
™ÂЕZ†“ßÐЕïÐߝϒЕS°†“ÉĆ†ЕЕ ßã“°†ϫЕϐЕãã†É™ß†Е
Vicentini (Università degli Studi dell’Insubria)

V™†Ć°ÐɝϑЕMarco Angeletti rubriche


+È܆¨°É†Ć°Ðɝϑ Carlo Zaccheddu

Z¨ßêß°†Е™°ЕV™†Ć°ÐɝϑЕMichela Berardi Prendiamoci in parola 8


SßШêêÐЕ¨ß†đЕ“Ðϑ Studio Mizar, Bergamo
Una risorsa naturale:
Ðܝßê°É†ϑ Apotema, Milano il suolo
V§ßÉĆЕ§ÐêШ߆đЕ“­ϑЕArchivio Editrice La Scuola, Elisabetta Sergio
ICP online, Shutterstock

Mensile di problemi e orientamenti per la scuola


Secondaria di I grado ‒ Anno LXV ‒ Direttore responsa-
bile: Caterina Lazzarini ‒ Autorizzazione del Tribunale CLIL scienze 10
di Brescia n. 100 del 3-10-1955.
ISSN 0036-9861
The salty sweater: quando
non si riesce a leggere tutto
°ßĆ°ÐɝϒЕ V™†Ć°ÐɝϒЕ ÈÈ°É°ãê߆ưÐɝϑЕ EDITRICE LA
SCUOLA S.p.A., 25121 Brescia, via A. Gramsci, 26 ‒ Codice
il DNA
Fiscale e Partita I.V.A. n. 00272780172 ‒ Tel. centr. 030 Flaminia Malvezzi
29 93.1 ‒ Fax 030 29 93.299.

UïÐê†Е™°Е†’’ÐɆȝÉêÐЕ™°¨°ê†Â
Annata da settembre 2019 a giugno 2020
(10 fascicoli digitali): € 30,00
% @ Per un pugno di App 11
Aa
Per l’acquisto, visitare il sito ûûûϗ†ã“ïІϗ°ê
alla voce RIVISTE.
Le app più social!!!
Per informazioni o problematiche di attivazione, (seconda parte)
scrivere a: abbonamenti@lascuola.it Luca Piergiovanni
e§đЕ“°ÐЕ@†ß¿ê°É¨
Per richieste relative a pubblicità o promozioni, scri-
vere a: pubblicita@lascuola.it
Al passo di ciascuno 12
I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica,
di riproduzione e di adattamento totale o parziale, Maria Montessori
con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm), sono riser- e l’educazione
vati per tutti i Paesi. Le fotocopie per uso personale
del lettore possono essere effettuate nei limiti del degli adolescenti
15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro Marina Bottacini
pagamento alla SIAE del compenso previsto dall’art.
68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941, n. 633. Le
fotocopie effettuate per finalità di carattere profes-
sionale, economico o commerciale o comunque per
Normativa 14
uso diverso da quello personale possono essere ef-
fettuate a seguito di specifica autorizzazione rilasciata
Nuove disposizioni
da CLEARedi, Centro Licenze e Autorizzazioni per le per la scuola
Riproduzioni Editoriali, Corso di Porta Romana n. 108, Mario Falanga
20122 Milano, e-mail autorizzazioni@clearedi.org e
sito web www.clearedi.org

Sd 3 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Religione cattolica 16
Luciano Pace, Matteo Colosio,
Federica Zoli, Francesco Zovi,
Giordano Baglioni

Italiano 21
Elisa Dagnino, Maria Adelaide Pino

Italiano L2 26
Paolo Nitti

Inglese 29
Alessandra Armanni

Francese 32
Giovanni Favata

Tedesco 34
Anita Groeger

Spagnolo 37
Paolo Nitti Matematica 48
Filomena Ricci
Storia 41
Marina Bottacini Scienze 52
Francesco Epifani
Geografia 45
Marcello Meinero Tecnologia 55
Milena Monfardini

Arte e immagine 57
Renato Pegoraro

Musica 60
Fabio Perrone

Educazione fisica 62
Manuela Valentini, Samantha Cremonesi

... incontra le scuole


Scuola inclusiva:
la Potenziata diffusa 65
Teresa Capezzuto, Susanna Cancelli,
Francesca Nera

Sd 4 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
osservatorio
pedagogico e didattico

Reclutamento, carriera,
valutazione
Gian Carlo Sacchi

Esperto di politica scolastica

Premessa
Vi è nella categoria insegnante una
certa difficoltà ad accettare giudizi
sulla propria vita professionale, so-
prattutto se ciò può avere ricadute sul
piano della retribuzione e della car-
riera. Atteggiamento paradossale per
chi vive come parte essenziale della
propria professionalità la valutazione
degli allievi.
Da un docente assimilato a un impie-
gato ci si aspetta che egli prevalente-
mente “esegua”, e non si parla per lui
di produttività. Ma in un’Ðê갓†ЕÜßЧãϼ
ã°ÐɆ si fa largo l’idea di una mag-
giore autonomia e, di conseguenza, la
richiesta di render conto dei risultati
del proprio lavoro.
È questa seconda la visione del ruolo La competenza distintiva del docente esempio far ricadere sugli insegnanti
del docente che va affermandosi. So- è sempre stata quella disciplinare, ma quanto conseguito dagli allievi o la
prattutto nei più giovani e in coloro che chiaramente trattandosi di insegna- valutazione esterna della scuola, spe-
sono entrati più di recente nel mondo mento-apprendimento servono anche cialmente se ci sono tensioni o pro-
dell’insegnamento non c’è il rifiuto le competenze metodologico-didatti- blemi di funzionamento.
della valutazione, solamente non è che, comunicative e relazionali, orga- Va da sé che la componente organiz-
ancora districato il rapporto tra “ugua- nizzative, e soprattutto la capacità di zativa è più facilmente evidenziabile
glianza”, sentita soprattutto in un’atti- documentare la propria esperienza e in itinere, mentre quella culturale-di-
vità che fa largo uso della collegialità, e di riflettere criticamente sulla propria dattica è più vicina al capitolo della
“giusta valorizzazione dei singoli”, che pratica professionale. Su questi indi- formazione, iniziale e in servizio, per
però non deve sfociare nella compe- catori c’è un accordo diffuso, quello quanto concerne la ricaduta in inno-
titività, pur pensando a una carriera che resta più difficile da validare vazione. Le operazioni per l’attribu-
che progredisca sulla base del merito sono le evidenze attraverso le quali zione del bonus sono sembrate an-
e non solo per anzianità. sia possibile confermare un “valore cora alquanto incerte per gli aspetti
aggiunto”. qualitativi. Rimane fondamentale,
Il problema della Si può procedere abbastanza spedita- sia per la storicizzazione del proprio
valutazione mente quando si tratta di certificare percorso professionale, sia per la co-
Premiare gli insegnanti più bravi è attività di supporto all’organizzazione municazione istituzionale, il ÜÐßê§Ð°ÐЕ
opinione sempre più diffusa. In tal della didattica, ma quando si deve ™ÂЕ ™Ð“Éê, primo e più importante
senso si è avviato un percorso con la passare al giudizio degli altri (poca strumento di autovalutazione, utile
legge 107/2015, ma ancora ci si trova strada hanno fatto i questionari an- anche al fine di effettuare un “bilan-
nella intersezione tra diverse “filoso- nessi alla “Carta dei servizi”) risultano cio delle competenze” nei vari periodi
fie”: autovalutazione, poteri del diri- meno chiare sia la legittimazione sia della carriera e per lo sviluppo profes-
gente, valutazione tra pari, da parte le modalità con le quali vengono sionale. L’esperienza infatti fa crescere
dell’utenza e da parte dell’INVALSI. analizzati i risultati stessi, come ad solo se si è capaci di rielaborarla.

Sd 5 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
osservatorio
pedagogico e didattico

Un robusto supporto professionale (la competizione economica rispetto Si può immaginare la presenza con-
arricchirà il corredo di libertà e di au- all’élite gentiliana), la selezione in temporanea di tre diverse sedi di de-
tonomia, fino a far pensare a forme di base a standard imposti dall’esterno. cisione:
reclutamento diretto da parte delle In passato era stata chiesta la costitu- ‡ parlamentare, dove si dovrebbero
scuole, con contratti di apprendistato zione di un ordine professionale degli affrontare le grandi questioni della
professionale, che forse risultano più insegnanti per proteggerne l’identità professione docente, i diritti di li-
efficaci e sbrigativi di tutti i passaggi e la dignità e offrire una garanzia alla bertà, le responsabilità, le forme di
burocratici ai quali assistiamo e che comunità sociale, con poteri di con- rappresentanza e di autogoverno,
portano ritardi, senza escludere il con- trollo e sanzionatori e come custode gli standard di riferimento;
tenzioso relativo al movimento dei do- dei valori della professionalità. Uno ‡ contrattuale, dove si valuteranno
centi stessi. stile di lavoro improntato alla logica concretamente e si negozieranno
I neoassunti si esprimono a larga della collegialità, nell’attitudine all’e- le prospettive giuridiche ed econo-
maggioranza, indipendentemente sercizio della libertà di insegnamento, miche della carriera;
dall’ubicazione geografica, a favore nonché allo sviluppo dell’autonomia ‡ professionale, in cui si segue l’e-
di una differenziazione dello status e di ricerca e innovazione. voluzione culturale e pedagogica,
di promozioni retribuite che valoriz- Il dibattito internazionale mette in si elaborano nuove idee, con il
zino l’impegno dei singoli e l’attività evidenza l’insufficienza di defini- confronto e la partecipazione de-
effettivamente svolta. Si dichiarano zioni amministrative della funzione gli stessi insegnanti e del mondo
inoltre favorevoli a una progressione docente – non può trattarsi di un scientifico.
stipendiale legata alla valutazione mansionario dei diritti e doveri del
della professionalità misurata secondo pubblico dipendente –, e sollecita Questi momenti decisori dovrebbero
standard e procedure strutturate (Fon- invece l’individuazione di ãê†É™†ß™Е far parte di un “sistema” professio-
dazione Agnelli 2010). ÜßЧãã°ÐɆ° (descrizione accurata, nale che si sviluppa, come si è detto,
Diverse sono le proposte in campo, per livello scolastico e per area di- attraverso la collaborazione con i col-
divise tra anzianità e merito, che clas- sciplinare, di comportamenti adeguati leghi, ma spesso ciò non accade, in
sificano i docenti a seconda dei livelli e concretamente attesi dai docenti, quanto, ad esempio nei rapporti con
di professionalità, comprese una serie riferiti sia al lavoro in classe con gli i genitori, i docenti si sentono messi
di attività che determinano il conse- alunni, sia alle relazioni con i colle- in discussione a livello individuale e
guimento di “crediti” per permettere ghi, i genitori e la comunità locale). questo provoca frustrazione e disagio
il progredire nelle fasce retributive, Un’ipotesi è la creazione di un †Â’Ð i all’interno della scuola. L’autonomia
con passaggi anticipati se questi ven- cui accessi e i relativi requisiti di per- ha ampliato la visione professionale,
gono conseguiti rapidamente. Tutto manenza sarebbero controllati dalla ma bisogna essere sicuri che questa
ciò potrebbe essere utilizzato per il stessa componente professionale, in non sia subita.
conferimento di incarichi professio- una governance che prevede l’autono- Solo una scuola come centro di ricerca
nali, all’interno ad esempio di reti di mia delle scuole come autogoverno e e di progettazione educativa ricono-
scuole, dell’organico “potenziato”, o la un “ÐÉ㰨°ÐЕɆưÐÉ†ÂЕ™ÂÂ†Е™Ð“ÉƆ. sce agli insegnanti un ruolo centrale,
partecipazione a percorsi di selezione
per altri profili.

Standard professionali
per la docenza
Si può dire che negli ultimi cin-
quant’anni i docenti si siano trovati
di fronte a due contrapposte visioni:
una °™ÐÂШ°“†, tesa a privilegiare gli
elementi di democratizzazione della
cultura e a promuovere la scuola di
massa, facendo leva sulla libertà di
insegnamento; una più vicina a noi,
che potremmo definire Ü߆¨È†ê°“†,
che si occupa dei risultati e quindi ri-
pristina, anche se con altri obiettivi

Sd 6 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
osservatorio
pedagogico e didattico

strategico e autonomo nelle decisioni sta”, in quanto a scuola non sono in Le prestazioni professionali diventano
e nelle scelte culturali, didattiche, or- gioco solo le garanzie tecniche della così leggibili, affidabili, progettabili,
ganizzative e gestionali. L’insieme di prestazione, ma spiccano la ߝ†ưÐÉЕ coordinabili (Romei 2004).
queste competenze non può dare ori- ™ï“†ê°ú†, ilЕú†ÂÐߝЕãГ°†Â del progetto
gine a un “collegio dei docenti” come e laЕ™°ÈÉã°ÐÉЕ°ãê°êïĆ°ÐɆ del servi- Conclusione
assemblea anonima, ma è qui che si zio. Né, come abbiamo visto, si tratta La dignità e il prestigio della profes-
deve lavorare, assieme alle altre com- di un impiegato soggetto al codice di sione docente sono fatti innanzitutto
ponenti, per elaborare l’identità della disciplina dei pubblici dipendenti. di ú†ÂÐß°ЕЕ“ÐÈÜÐßê†ÈÉê°Еai quali ogni
scuola stessa. Non essendo auspicabile un’iperlegi- docente deve liberamente attenersi
L’interesse è per la comunità di pra- ficazione e rivelandosi superata l’iper- per svolgere al meglio il suo compito
tiche, la documentazione dell’espe- contrattualizzazione, è preferibile una educativo e sociale.
rienza didattica è la fonte della rifles- forma di status che ha molto a che fare L’etica ha come fondamento la libertà,
sione, dell’analisi per il miglioramento con un “Й°“Е ™ÐÉêÐÂШ°“Ð, magari ma deve riferirsi a standard, stabiliti
dell’offerta formativa sul territorio, la corredato da unЕ†Â’ÐЕÜßЧãã°ÐɆ, in dallo Stato, orientati al miglioramento,
base della formazione continua. cui si definiscano regole scritte dagli elaborati con il concorso dei docenti
stessi membri della categoria. Il codice, stessi all’interno delle scuole auto-
Un “codice deontologico” che fonda sull’autonomia del corpo nome (autonomia del sistema pedago-
per docenti professionisti professionale, mette in evidenza le gico), fino ad arrivare a un organismo
Nell’insegnamento convivono in equi- responsabilità nei confronti delle per- nazionale della docenza.
librio instabile, come abbiamo accen- sone a cui si rivolge l’attività educativa È necessario trovare un punto di rac-
nato, elementi di tipo impiegatizio e di e la fedeltà ai valori che vengono posti cordo tra l’etica personale di ogni sin-
tipo professionale. Ci si vuole allonta- a riferimento, e chiarisce a chi e a che golo e un’ê°“†ЕÜ°“†Е“Ðə°ú°ã†, di
nare dal primo, ma non è stato ancora cosa un insegnante deve rispondere. cui le istituzioni scolastiche si possono
definito con chiarezza il secondo. È a un codice centrato sui valori che rendere garanti. Sarà così possibile
Lo stato giuridico promulgato nel 1974 si accompagna il profilo professionale favorire il sorgere di quella comunità
ha evidenziato il limite di voler stabi- del docente e, partendo da questi as- educativa che dovrebbe caratterizzare
lire per legge le caratteristiche della sunti in modo esplicito, se ne derivano lo stile della convivenza scolastica.
funzione docente e della libertà di prescrizioni di comportamento che gli
insegnamento. Successivamente si interessati si impegnano a osservare.
è cercato di delegificare delegando
alla contrattazione sindacale tutti gli
aspetti dell’agire professionale, ma
ponendo in essere un organismo ne-
goziale in un contesto organizzativo
scarsamente autonomo.

Sembra che gli insegnanti


per non subire il condiziona-
mento di modelli, giustificati
dalla collettività, di tipo ideo-
logico o economico, si ritirino
nella tranquillità di una rou-
tine che li pone in una posi-
zione più “impiegatizia” e li
mette al riparo da responsa-
bilità che potrebbero venire
sanzionate dall’istituzione.
Ecco presentarsi, come rispo-
sta in termini educativi e di
sviluppo, l’esigenza di un do-
cente come ricercatore dotato
di una sua autonomia. Questi
non è un “libero professioni-

Sd 7 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
rubriche
Prendiamoci in parola

Una risorsa naturale:


il suolo
Elisabetta Sergio

Docente di italiano
scuola secondaria di I grado

Che cos’è il suolo? PROPOSTA DIDATTICA


1 Z“ß°ú°ЕÂЍê°ÈÐÂШ°†Е™ÂЕêßÈ°ÉЕЊãïÐÂÐЋϗ
Leggiamo i brani seguenti.
…………..........................................................................................................
La funzione del suolo 2 Z“ß°ú°ЕÂ†Е™°§§ßÉƆЕêß†Е°Е™ïЕêßÈ°É°ЕЊãïÐÂÐЋЕЕЊ­ïÈïãЋϗ
Il suolo è una parte importante del paesaggio e contribuisce ……………………..............................................................................................
a determinare il modo in cui la vegetazione naturale, le 3 Z“ß°ú°ЕêߝЕã°ÉÐÉ°È°Е™ÂЕêßÈ°ÉЕЊ“Ðã°ãêÈ†Ћϗ
coltivazioni e gli insediamenti umani si distribuiscono sul ………………............ ………………............ ………………............
territorio.
L’importanza del suolo risiede soprattutto nella sua duplice 4 Z“ß°ú°ЕêߝЕã°ÉÐÉ°È°Е™ÂЕêßÈ°ÉЕЊ’ÐÉ°đЕ“†ßЋϗЕ
funzione di riserva degli elementi nutritivi e dell’acqua e ………………............ ………………............ ………………............
di supporto meccanico per la vegetazione (come farebbero
5 Z“ß°ú°ЕêßЕ†¨¨êê°ú°Еߝ†ê°ú°Е†ÂЕêßÈ°ÉЕЊÜ†ÂЋϗ
a stare in piedi le piante se non avessero il suolo in cui
………………............ ………………............ ………………............
affondare le radici?), consentendo la formazione di boschi,
foreste e aree protette. 6 Z“ß°ú°ЕïÉЕ“†ÈÜÐЕãÈ†É갓ÐЕ܆ßêÉ™ÐЕ™†ÂЕêßÈ°ÉЕЊÜ†ϼ
ÂЋϗ Puoi arricchirlo aggiungendo attributi caratteristici
(tratto da “ENIscuola.net”)
(per es. melmosa) o elementi caratterizzanti (per es. rane
gracidanti).
L’importanza del suolo per l’uomo?
Il suolo riveste un ruolo di fondamentale importanza per
l’uomo anche se è lasciato indisturbato e mantenuto nelle La trasformazione del suolo
sue condizioni naturali. È il caso delle aree protette (parchi Leggiamo il brano seguente.
e oasi): la sopravvivenza dei delicati ecosistemi di queste
zone dipende anche e soprattutto dal fatto che il suolo si È l’agricoltura che costituisce la forma più imponente di
mantenga in buono stato e non subisca modificazioni da sfruttamento delle risorse rinnovabili (acqua, suolo, flora,
parte dell’uomo. Ad esempio, un tempo l’uomo considerava fauna e atmosfera) del nostro pianeta. L’agricoltura utilizza
le zone umide come aree malsane da bonificare e destinare il terreno per ottenere alimenti (frutta, verdura, radici e altri
all’agricoltura. Oggi le zone umide sono considerate parti di piante che costituiscono il nutrimento quotidiano di
ecosistemi importanti e fragilissimi, la cui sopravvivenza base per più di nove decimi dell’umanità), fibre e altri beni
può essere assicurata solo mediante un’azione attenta di utili all’uomo.
mantenimento delle condizioni particolari del suolo. Nel corso degli ultimi anni, per far fronte alle esigenze
(tratto da “ENIscuola.net”) alimentari della popolazione mondiale in crescita (senza
però poter ampliare la superficie dei terreni coltivabili perché
non produttivi o perché occupati dalle città), l’agricoltura
ha subito una vera e propria rivoluzione. Essa è diventata
intensiva, cioè ad alta produzione per unità di superficie,
e specializzata, ossia rivolta verso la coltivazione di poche
colture selezionate e migliorate per essere più produttive o
qualitativamente migliori.
(tratto da “ENIscuola.net”)

Sd 8 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
rubriche
Prendiamoci in parola

PROPOSTA DIDATTICA
1 Z“ß°ú°ЕêßЕ†Ć°ÐÉ°Е¨†êЕ†ÂЕêßÈ°ÉЕЊ†¨ß°“ÐÂêï߆ЋЕ(per es.:
bonificare).
…………….................. ………………................. ……………..................
2 Z“ß°ú°ЕÞï†êêßÐЕmestieriЕ“Ð¨†ê°Е†ÂЕêßÈ°ÉЕЊ†¨ß°“ÐÂêï߆ЋЕ
(per es. contadino).
………………....... ………………....... ………………....... ……………….......
3 Z“ß°ú°Е °ÂЕ ÉÐÈЕ ™°Е Þï†êêßÐЕ ãêßïȝÉê°Е ïê°Â°Е °ÉЕ †¨ß°“ÐÂêï߆Е
(per es. trattore).
………………....... ………………....... ………………....... ………………....... PROPOSTA DIDATTICA
4 Z“ß°ú°Е °ÂЕ ã°¨É°đЕ“†êÐЕ ™ÂÂЕ ã¨ïÉê°Е ã°¨ÂЕ Â¨†êЕ †ÂÂЍ†¨ß°ϼ 1 Sß“­žϒЕ㝓ÐəÐЕêϒЕ“Ѝ¤ЕÂ†Е¨°ÐßɆê†ЕÈÐə°†ÂЕ™ÂЕãïÐÂÐϘЕ
“ÐÂêï߆ϗ Z“ß°ú°ЕãïÂЕÞßÉÐЕЕêïЕß°ĒЕãã°ÐÉ°ϗ
FAO ……………………………… BNA …………………………………… 2 Z“ß°ú°Е°ÂЕ㰨ɰđЕ“†êÐЕ™ÂЕêßÈ°ÉЕЊßÐã°ÐɝЋϗ
PAC ………………………………. OCM …………………………………..
………………………………………………….............................................…………
5 Z“ß°ú°ЕÞï†êêßÐЕ܆ßÐÂЕ™ß°ú†êЕ“ÐÉЕ°ÂЕÜߝđЕããÐЕЊ†¨ßϼЊЕ(per
3 Ti vengono forniti sotto dei termini legati in senso lato
es. agrifoglio).
alla parola “erosione”. V°“ß“†Е°ÂЕÂÐßÐЕ㰨ɰđЕ“†êÐЕãïÂЕêïÐЕ™°ϼ
………………....... ………………....... ………………....... ……………….......
Ć°ÐɆ߰ÐЕЕïê°Â°ĆĆ†Е“°†ã“ïÉÐЕ™°Еãã°Е°ÉЕïÉЕ“ÐÉêãêÐЕ†™¨ï†êÐϗ
6 (Lavoro in coppia) Secondo alcuni studiosi le origini Frana. I‫ܖ‬osta‫ܖ‬ìa. Mesa. Balza. Alluvione
dell’agricoltura risalirebbero a circa 23.000 anni fa e andreb-
4 L’erosione è un processo naturale. Da quali fattori può di-
bero situate in Mesopotamia, l’attuale Iraq. ZúШêЕ ïɆЕ
pendere? ZúШ°ЕïɆЕß°“ß“†ЕãïЕÞïãêÐЕÜßÐ’ÂÈ†Е“­°™É™ÐЕ
ß°“ß“†ЕãïÂÂЍÐß°¨°ÉЕ™ÂÂЍ†¨ß°“ÐÂêïß†ЕЕãïÂÂЕ™°úßãЕ§ÐßÈЕ™°Е
†°ïêÐЕ†É“­Е†°Еêãê°Е™°Е¨Ð¨ß†đЕ†ϗ
†¨ß°“ÐÂêïß†Е™°ЕêÈÜ°ЕÈЙßÉ°ϗ
5 ZÜ°¨†Еܝߓ­žЕ†Â“ïÉЕ†êê°ú°ê‹Е™ÂÂЍïÐÈÐϒЕÞï†Â°ЕÂЍ†¨ß°“ÐÂϼ
êïß†Е°ÉêÉã°ú†ϒЕÂ†Е™§Ðߝãê†Ć°ÐɝϒЕÂЍ†Âú†ÈÉêÐЕ°ÉêÉã°úÐЕЕ
La Giornata Mondiale del Suolo ÂЍ°ÈÜ°¨ÐЕ™°Еã°ãêÈ°Е™°Е°ßß°¨†Ć°ÐÉЕ°É§đЕ“°Éê°ЕÐЕ°É†™¨ï†ê°ϒЕ
Leggiamo il testo proposto sotto. †““Âß†ÉÐЕЕ°ÉêÉã°đЕ“†ÉÐЕ°ÂЕÜßГããÐЕßÐã°úÐϗ

5 dicembre, Giornata Mondiale del Suolo


Dal 2014 la FAO promuove la Giornata Mondiale del Suolo, che
si tiene ogni anno il 5 dicembre, come mezzo per focalizzare
l’attenzione sull’importanza di preservare un suolo sano e della
sua gestione sostenibile.
Una giornata fitta di iniziative organizzate a livello mondiale da
associazioni, enti di ricerca e amministrazioni per sensibilizzare
il pubblico sull’importanza dell’impegno nel miglioramento
proattivo della salute del suolo affrontando le crescenti sfide
nella gestione del suolo.
Il 2019 è segnato dalla campagna di sensibilizzazione sul tema
dell’erosione del suolo. La Commissione Europea considera
l’erosione tra le principali minacce di degrado del suolo e pone
come obiettivo del 7° Programma di Azione Ambientale “un
mondo esente dal degrado del suolo nel contesto dello sviluppo
sostenibile”.
(fonte Internet)

Sd 9 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
rubriche
CLIL scienze

The salty sweater: quando non


si riesce a leggere tutto il DNA
Flaminia Malvezzi

Assistente alla direzione scientifica


della Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica

Il codice genetico contenuto nel DNA È importante per noi insegnanti sa- mensioni di pochi miliardesimi di me-
deve essere letto, interamente, in perlo, i codoni di stop prematuro sono tro, grosso modo sferica, in grado di
modo adeguato e corretto. Le conse- responsabili del 10-15% di tutte le pa- penetrare il nucleo della cellula, siano
guenze dovute a una decodifica errata tologie ereditarie. La soppressione a ancorate le molecole ACT necessarie a
del messaggio genetico sono moltis- causa del codone di stop durante il neutralizzare il segnale di stop TGA. E
sime, spesso legate a gravi patologie. processo di trascrizione e traduzione ciò assieme a due regolatori di equi-
Per fare un esempio di errata o in- del messaggio genetico offre un ap- librio laterali, che permettano a tutto
completa lettura del messaggio gene- proccio promettente per curare una l’insieme di arrivare in modo sicuro al
tico a ragazzi nella fascia di età della molteplicità di disordini genetici. sito del DNA che si vuole neutralizzare.
scuola secondaria di I grado possiamo
spiegare che una caratteristica fisica Premature termination codons arise from Premature termination codons
semplice come il sudore più o meno single nucleotide mutations that convert are difficult to neutralize. As a
salato dipende proprio da una deco- a canonical triplet nucleotide codon into consequence, the diseases correlated to
difica errata del messaggio genetico. E
a stop codon. Examples of premature a premature termination of the genetic
termination codons are TAG, TGA, code are often extremely serious and
questa caratteristica potrebbe essere
or TAA. As a result of a termination difficult to treat. Below is shown the
responsabile del grado di fastidio arre-
codon being included into the DNA picture of a nanoparticle that carries
catoci dalle zanzare o del fatto che, nel
sequence, loss of protein expression will the triplet ACT, potentially capable
caso della medicazione di una sbuc-
be observed. Premature termination of linking to TGA and neutralize that
ciatura, il cerotto aderisca più o meno
codons are responsible for 10–15% of all termination codon. What is shown
alla pelle. inherited disease, therefore suppression below is just a very simple prototype.
Il gene è una ÜÐßĆ°ÐÉЕ™°ЕA che con- of those codons during transcription and Teachers may encourage students to
tiene le informazioni per codificare una translation of the genetic code offers a think of alternatives that may be of
certa proteina. Come abbiamo visto, e promising approach to treat a variety of help to all people suffering from this
come ormai i ragazzi sapranno, il gene genetic disorders. kind of genetic diseases.
è costituito da quattro molecole dif-
ferenti, indicate con le lettereЕ`ЕЕЕ#, Intervenire sui codoni di stop non è
unite insieme in una lunga catena. Esse semplice, la ricerca scientifica ci ha la-
costituiscono il messaggio genetico vorato e ci sta lavorando moltissimo.
che viene poi decodificato in proteine Una soluzione potrebbe essere quella A†ÉÐ܆ß갓Â†
utili alla nostra vita. di neutralizzarli attraverso la combi-
Quindi la lettura del codice genetico nazione, opportunamente “masche-
determina la sintesi delle proteine. Esi- rata”, di molecole complementari. Per
stono anche delle triplette di queste esempio, TGA è complementare ad ACT,
quattro molecole che danno il via alla come abbiamo visto nelle precedenti V¨Ð†êÐߝ
ã°Éêã°ЕÜßÐꝰ“†Е(ATG) o che la fermano lezioni, perché T si lega sempre ad A e
` Е™°ЕÞï°Â°’ß°Ð
(TGA, ad esempio). Alle volte questi C sempre a G. Quindi, per neutralizzare
`#
messaggi di stop, chiamati “codoni di un segnale di stop indesiderato, si può
ЙÐɝ
stop prematuro”, sono in posizione immaginare un prototipo, come quello
ЙÐÉЕ™°ЕãêÐÜЕ “ÐÈܝȝÉê†ß
sbagliata e causano una interruzione schematicamente raffigurato in fondo,
nella corretta sintesi della proteina. in cui a una particella polimerica di di- ÜߝȆêïßÐ

Sd 10 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
Luigi Ronga, Gianni Gentile,
Anna Rossi, Giulia Digo

Impariamo dalla storia

Interrogare la storia
per comprendere
il presente
e progettare il futuro
La lezione del tempo propone lo studio della storia mostrando il
legame tra gli avvenimenti del passato e il presente.
Intende inoltre sostenere in modo sistematico la motivazione allo
studio attraverso due leve: l’attualità della storia e la sua…bellezza.
Caratteristiche del corso sono l’accessibilità nella fruizione,
che risponde alle esigenze di inclusività, e il metodo, modulato
secondo una didattica per competenze.
Ci sono poi le storie da leggere e da guardare, che fanno leva
sull’intelligenza emotiva come Il racconto, una proposta originale
di lavoro sui documenti nella forma della graphic novel; Imparia-
USA I QR CODE PER ATTIVARE mo dalla storia che, a partire dal passato, presenta un tema civico
I CONTENUTI DIGITALI! particolarmente urgente inerente i valori fondanti della civiltà
occidentale; e il Tema, una mini monografia su un argomento
Per accedere in modo semplice e veloce ai contenuti particolare che invita l’allievo a considerare più punti di vista.
digitali del testo, inquadra con smartphone o tablet i Il manuale pone inoltre un forte accento all’approccio geografico
QR code presenti nelle pagine del volume. della didattica della storia, tramite le carte storiche commen-
Video, audio, immagini e approfondimenti saranno tutti tate, l’Atlante con temi presentati in comparazione fra aree o
immediatamente a portata di clic, anche in mobilità! epoche diverse e le pagine di Geostoria con prospettive mondiali.
L’attenzione agli altri ci porta poi direttamente all’educazione civi-
ca, cui sono dedicati i fascicoli dentro a ciascun volume.
Secondo il nuovo orientamento della didattica attiva, il corso
propone inoltre attività come il compito di realtà, la flipped
classroom, il cooperative learning e il debate.

IL CORSO È DISPONIBILE NELLE EDIZIONI:


š PLUS (LIBRO + E-BOOK INTERATTIVO SCARICABILE)
š DIGITALE (SOLO E-BOOK INTERATTIVO SCARICABILE)

Per maggiori informazioni, rivolgiti al tuo Agente di zona


(elenco in www.lascuola.it alla voce CONTATTI - RETE COMMERCIALE)
Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
GILDA FLACCAVENTO

CORSO DI MATEMATICA
PER LA SCUOLA SECONDARIA
DI PRIMO GRADO

Imparare matematica
attraverso un metodo
consolidato

Risolvo! è un corso che coniuga passato e presente: fa tesoro


dei punti di forza del "metodo Flaccavento" ma con una propo-
sta rinnovata in molti aspetti.
Gli elementi di continuità sono rappresentati dall’approccio teo-
rico (graduale e deduttivo) e dal ricchissimo repertorio di eser-
cizi che ha come obiettivo finale lo sviluppo delle competenze.
Il percorso lungo questa strada maestra, apprezzata nel tempo,
si rinnova attraverso un’attenzione alla realtà che trova il suo
spazio privilegiato nella rubrica Matematica intorno a te.
USA I QR CODE PER ATTIVARE Un’altra novità è l’attenzione alla costruzione di un Metodo di
I CONTENUTI DIGITALI! studio personalizzato, attraverso la proposta di spunti eserci-
tativi che hanno l’obiettivo di focalizzare gli strumenti di metodo
Per accedere in modo semplice e veloce ai contenuti adatti a ciascuno.
digitali del testo, inquadra con smartphone o tablet i
Uno spazio particolare è, infine, assegnato allo sviluppo delle
QR code presenti nelle pagine del volume.
Competenze digitali: Laboratori di Excel, GeoGebra (nel Qua-
Video, audio, immagini e approfondimenti saranno tutti
immediatamente a portata di clic, anche in mobilità!
derno) e Coding (nei Volumi e nei Quaderni) sono proposti con
un approccio ludico per applicare le conoscenze matematiche
alla logica della programmazione.
Risolvo! semplifica il lavoro dell’insegnante grazie alla ricchez-
za della proposta e aiuta il ragazzo a impadronirsi dei meccani-
smi procedurali per risolvere i problemi della vita reale.

IL CORSO È DISPONIBILE NELLE EDIZIONI:


š PLUS (LIBRO + E-BOOK INTERATTIVO SCARICABILE)
š DIGITALE (SOLO E-BOOK INTERATTIVO SCARICABILE)

Per maggiori informazioni, rivolgiti al tuo Agente di zona


(elenco in www.lascuola.it alla voce CONTATTI - RETE COMMERCIALE)
Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
rubriche
% @
Aa Per un pugno di App

Le app più social!!!


Luca Piergiovanni
(seconda parte)
Docente di Lettere ed esperto
di Tecnologie dell’apprendimento

Instagram È uno strumento di grandi potenzia- di livestreaming acquisita da Amazon


Nel numero precedente della rivista lità didattiche. Pensiamo alla possi- nel 2014.
(“Scuola e Didattica” n. 5, p. 9) ab- bilità, creato un account di classe, di Non si riscontrano al momento spe-
biamo indagato l’utilizzo dei social a documentare una visita d’istruzione, rimentazioni didattiche per questo
livello mondiale, ipotizzando un uso gli esperimenti condotti nel laborato- strumento, usato per seguire sessioni
didattico dell’app del momento più rio di scienze, i monumenti e le opere di videogames o di eventi e tornei di
in voga tra i giovani, ovvero Tik Tok: d’arte della propria città... livello amatoriale, semiprofessionistico
in Cina è protagonista, appunto in Può essere interessante anche pre- e professionistico, con arbitri e com-
campo educational, di tutorial, guide, sentare, attraverso un book fotogra- mentatori.
corsi di formazione... fico, la propria scuola nella giornata Le competizioni internazionali più note
dell’Open day, o documentare un sono World Cyber Games e Major Lea-
Altra app di riferimento è Instagram, particolare evento organizzato nel gue Gaming, mentre i giochi più diffusi
il social lanciato nel 2010 e comprato proprio istituto con uno storytelling e seguiti da milioni di giovani sono
poi, per 1 miliardo di dollari, da Fa- ragionato, capace di mostrare agli quelli che vedono un gran numero di
cebook, che vi ha importato, dall’ap- alunni l’uso professionale di certi stru- partecipanti che si sfidano in tempo
plicazione multimediale Snapchat, la menti. O anche impostare un servizio reale, soprattutto in giochi di ruolo.
funzione delle ZêÐß°ã, con le quali è “giornalistico” su un tema di attualità.
possibile postare immagini e creare L’abbinamento inoltre tra immagine e
brevi video visualizzabili solo per 24 didascalia permette di dare vita a una
ore. ß°ã“ß°êêïß†Е“ß†ê°ú†Еdelle opere lette-
rarie, in una sorta di social reading
in cui l’unione di parole e immagini
innesca una nuova interpretazione dei
testi letti in classe. Amino
Altra idea è quella, grazie alla forza
Si tratta di un’app nata per ospitare di-
evocativa del °ɨ¨°ÐЕ §ÐêШ߆đЕ“Ð,
scussioni di ogni genere, anche di pro-
di costruire storie a più mani, sfrut-
blemi adolescenziali, per permettere
tando le sensazioni che certe foto
ai giovani che condividono gli stessi
possono suscitare.
interessi e hobby di incontrarsi virtual-
mente e coltivare insieme le proprie
Insomma, gli usi didattici di Instagram
passioni.
possono essere davvero innumerevoli.
Anche in questo caso non si riscon-
Basta sapersi mettere in gioco, riflet-
tra un utilizzo che vada in direzione
tere su nuove strategie d’insegna-
della didattica condivisa. Chissà che a
mento, educare gli studenti al rispetto
qualcuno di voi non sorgano idee da
di una netiquette condivisa e, più in
mettere in atto con la propria classe!
generale, a un uso critico dei social.
Raccontateci le vostre esperienze di-
Twitch dattiche con i social! Per interagire,
In aggiunta a Tik Tok e Instagram vo- potete utilizzare l’hashtag #PerUnPu-
gliamo segnalare Twitch, piattaforma gnoApp

Sd 11 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
rubriche
Al passo di ciascuno

Maria Montessori e l’educazione


degli adolescenti
Marina Bottacini

Docente di italiano scuola secondaria di I grado, Verona

Premessa realtà, quanto avanzati per i tempi fos- sviluppo intellettivo) potessero essere
In questi giorni mi è capitato di rior- sero il suo metodo educativo e i mate- applicati non solo all’età infantile, ma
dinare un settore della mia libreria in riali didattici approntati, quanto quel anche nelle fasi successive dello svi-
cui sono collocati i testi che ho letto e metodo avesse una flessibilità tale luppo del discente.
studiato quando ero studentessa uni- da adattarsi all’individuo colto nella Ai docenti della scuola secondaria la fi-
versitaria (ormai molti anni fa...). Ho sua singolarità e non inquadrato nello gura della pedagogista credo sia meno
ritrovato alcune opere della illustre schema sequenziale delle fasi evolu- nota, anche perché la storia della pe-
pedagogista Maria Montessori di cui tive o nelle specificità codificate per dagogia, purtroppo, non è parte del
ho approfondito il pensiero e imparato ciascuna età.. patrimonio della formazione di base
ad apprezzarne l’opera non da studen- Ho maturato poi la convinzione che di tutti gli insegnanti. Oltre alla cono-
tessa, bensì nel corso del mio succes- alcuni concetti pedagogici da lei for- scenza dei principi generali della pe-
sivo lavoro di docente. mulati (ad es. quello dellaЕ ÈÉêЕ †ãϼ dagogia montessoriana, mi sento in
Solo insegnando ho potuto constatare ãÐߒÉê, o l’importanza dell’Ðߙ°ÉЕЕ particolare di raccomandare ai colleghi
quanto le sue teorie e la sua visione ™Â†Еããã°Ðɝ nella proposta delle la lettura di un testo della Montessori,
dell’infanzia fossero rispondenti alla attività in corrispondenza di un certo Dall’ infanzia all’adolescenza, da cui
emergono alcune linee fondamentali
del pensiero della autrice, a mio av-
viso molto interessanti, sul passaggio
dall’età infantile all’adolescenza, che
cerco di qui di sintetizzare.
Un primo punto è il sostanziale cam-
biamento del ragazzo divenendo
adolescente, essendo più esposto al
disagio dovuto alla “ߝ㓰ê†ЕđЕ㰓†ЕЕÜã°ϼ
“ÐÂШ°“†Еspesso disarmonica, a cui può
corrispondere anche un regresso delle
facoltà intellettive.
Il secondo aspetto è il desiderio che
anima l’adolescente diЕ ãÜÂÐ߆ߝЕ
°ÂЕ ÈÐəÐЕ “°ß“Ðãê†Éê, ma anche se
stesso, con tutti i fattori che entrano
in gioco a seguito di questa necessità.
Anche in questo momento evolutivo la
pedagogista ritiene che sia necessario
partire dal soggetto, dal ragazzo con
le sue caratteristiche individuali per
poterlo guidare, in modo attento e de-
dicato, nel suo sviluppo.

Ritratto di Maria Montessori.

Sd 12 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
rubriche
Al passo di ciascuno
dell’insegnamento alcune indicazioni
montessoriane, come un’osservazione
attenta alle caratteristiche di ogni sin-
golo adolescente, per sostenerne idee
e iniziative come sperimentazioni fina-
lizzate alla realizzazione di un progetto
di vita.
Per approfondire la conoscenza dell’o-
pera di Maria Montessori attraverso
le sue pubblicazioni, proponiamo di
seguito una bibliografia minima e la
visione di due film sulla sua vita e il
suo pensiero.

Bibliografia
t Come educare il potenziale umano,
Garzanti, Milano 1970 (1a ed. inglese:
To educate the human potential, 1947).
t Dall’infanzia all’adolescenza, Garzanti,
Milano 1949 (1a ed. francese: De
Un altro elemento importante è l’idea consentire l’ãÜÂÐ߆ưÐÉЕ ™°Е ãžЕ Е ™ÂЕ l’enfant à l’adolescent, 1948).
che la scuola secondaria rappresenti ÈÐəÐ, e deve permettere allo stu- t Educazione e pace, Garzanti, Milano
il centro dell’educazione (Conferenza dente di muoversi liberamente negli 1949.
di Utrecht, 1937) e che la sua missione spazi per potersi poi orientare nella t Educazione per un mondo nuovo,
vada oltre il mero istruire, configuran- vita. Il ruolo − e il diritto − dello stu- Garzanti, Milano 1970 (1a ed. inglese:
dosi anche come un compito umano, dente è quello di avere un’idea, un pro- Education for a new world, 1947).
sociale e storico. getto da realizzare e “provare” a scuola t Formazione dell’uomo, Garzanti,
La scuola deve focalizzarsi sulla co- per svolgere il quale è necessario ap- Milano 1949.
noscenza dello studente e sulla valo- prendere e studiare. t Il segreto dell’infanzia, Istituto
rizzazione degli aspetti della sua per- Mi domandavo, a fronte di tale auto- Editoriale Ticines, Bellinzona 1938
sonalità proponendo un modello che revole proposta, formulata ricordiamo (1a ed. francese: L’Enfant, 1936).
offra accoglienza e prepari lo studente, tra gli anni Quaranta e Cinquanta del t La mente del bambino. Mente
e nello stesso tempo sia correlato con secolo scorso, quale riscontro possa assorbente, Garzanti, Milano 1952 (1a
il mondo esterno, nel quale il ragazzo prodursi oggi, anche solo a livello spe- ed. inglese: The absorbent mind, 1949).
compie le sue esperienze di vita e in rimentale, nella scuola italiana, anco- t La scoperta del bambino, Garzanti,
cui dovrà inserirsi a pieno titolo al ter- rata spesso a un modello pedagogico
Milano 1950 (1a ed. inglese: The
discovery of child, 1948).
mine del percorso scolastico. tradizionale.
La connessione dei due contesti – Un approccio che desse più attenzione
scuola e mondo – non deve però essere al ragazzo nella sua unicità di appren-
artificiosa; l’interno, la scuola, deve es- dente potrebbe forse ridurre il triste
sere specchio dell’esterno, l’ambiente fenomeno dell’abbandono scolastico Filmografia
sociale, configurandosi come sorta ancora troppo diffuso nel nostro Pa-
t Il bambino è il maestro - Il metodo
di “ãêßïêêïß†Е ú°úÉꝔ in cui si possa ese.
Montessori, regia di Alexandre
apprendere soprattutto attraverso l’a- È urgente, pensiamo, introdurre ri-
Mourot, 2017.
zione e il fare. forme strutturali che consentano una
t Maria Montessori. Una vita per
Il percorso della scuola secondaria maggioreЕ°Éê¨ß†Ć°ÐɝЕê߆Еã“ïÐÂ†ЕЕú°ê†.
i bambini, miniserie televisiva in due
deve essere articolato in modo da far In attesa, possiamo fare la nostra parte puntate con P. Cortellesi – Rai.
apprendere non solo contenuti, ma inserendo nella pratica quotidiana

Sd 13 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
rubriche
Normativa

Nuove disposizioni per la scuola


Mario Falanga

Docente, Libera Università di Bolzano

Reclutamento
docenti di religione
cattolica e dirigenti
tecnici
L’art. 1 bis autorizza il Ministero a ban-
dire entro l’anno 2020 un concorso per
la copertura dei posti per l’insegna-
mento della religione cattolica che si
prevedono siano vacanti e disponibili
negli anni scolastici dal 2020/2021 al
2022/2023.
L’art. 2 autorizza il Ministro dell’istru-
Disposizioni sulla scuola sono conte- livello nazionale, ma è organizzato re- zione dell’università e della ricerca
nute nella legge n. 159/2019 di conver- gionalmente; i posti vacanti e disponi- a bandire, nell’ambito della vigente
sione del Decreto legge n. 126/2019. Si bili, comuni e di sostegno, sono rela- dotazione organica, un concorso pub-
tratta di “misure di straordinaria ne- tivi agli anni scolastici dal 2020/2021 blico, per titoli ed esami, per il recluta-
cessità e urgenza”, si legge nell’oggetto, al 2022/2023. mento, a decorrere da gennaio 2021, di
relative al reclutamento del personale La graduatoria di merito sarà a esau- 59 dirigenti tecnici nonché, a decorrere
scolastico e di abilitazione dei docenti. rimento, e perciò ultra-attiva dopo il dal 2023, di ulteriori 87 dirigenti tecnici.
Altre disposizioni sulla scuola sono biennio di vigenza considerato.
anche contenute nell’annuale legge di Possono partecipare al concorso stra- Altre disposizioni
bilancio n. 160/2019. ordinario coloro che tra l’anno sco- Si prevede che la spesa di partecipa-
Di seguito sono riportate in sintesi le lastico 2011/2012 e l’anno scolastico zione diretta dovuta dalle famiglie per
disposizioni più rilevanti delle due 2018/2019 hanno svolto, su posto co- l’accesso ai servizi di trasporto degli
leggi. mune o di sostegno, almeno tre an- alunni possa essere inferiore ai costi
nualità di servizio, di cui una prestata sostenuti dall’ente locale per l’eroga-
Reclutamento nella specifica classe di concorso; e zione del servizio o anche nulla, sulla
e abilitazione del posseggono il titolo di studio relativo base delle condizioni della famiglia e
personale docente alla classe di concorso richiesta. Per sulla base di delibera motivata.
della scuola secondaria la partecipazione ai posti di sostegno Il personale precario degli enti pubblici
(dalla legge n. 159/2019) è necessario l’ulteriore requisito del di ricerca, vincitori di selezioni pub-
L´art. 1 della legge autorizza il Ministero possesso della relativa specializza- bliche per contratto a tempo determi-
a bandire, contestualmente, il concorso zione. nato, viene stabilizzato; i contratti cioè
ordinario per titoli ed esami e un con- A decorrere dalle immissioni in sono trasformati in contratti a tempo
corso straordinario per titoli ed esami ruolo disposte per l’anno scolastico indeterminato.
per docenti della scuola secondaria di 2020/2021, i docenti a qualunque titolo È prevista la progressione all’area dei
I e di II grado, finalizzata all’immissione destinatari di nomina a tempo inde- direttori dei servizi generali e ammini-
in ruolo. Il concorso straordinario è terminato possono chiedere il trasfe- strativi del personale assistente am-
anche finalizzato all’abilitazione all’in- rimento, l’assegnazione provvisoria o ministrativo di ruolo che abbia svolto
segnamento nella scuola secondaria. l’utilizzo in altra istituzione scolastica a tempo pieno le funzioni dell’area di
L’obiettivo è quello di stabilizzare il soltanto dopo cinque anni scolastici di destinazione per almeno tre interi anni
personale precario per 24.000 unità. effettivo servizio nell’istituzione scola- scolastici a decorrere dall’anno scola-
Il concorso straordinario è bandito a stica di titolarità. stico 2011/2012.

Sd 14 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
rubriche
Normativa
È escluso per il personale delle scuole, zione degli studenti sui temi della non
quindi anche per i dirigenti scolastici, violenza e del contrasto a ogni forma di
il controllo biometrico. discriminazione.
Il bonus per la valorizzazione del me- Le somme stanziate per attuare que-
rito è attribuibile oltre che al perso- sti obiettivi sono di 12 milioni di euro
nale di ruolo anche al personale «con per l’anno 2020 e di 1 milione di euro
contratti a tempo determinato annuale per ciascuno degli anni 2021 e 2022
o fino al termine delle attività didatti- (comma 256).
che». Sono stanziate risorse per il rinnovo
del contratto di tutti i dipendenti pub-
Sicurezza delle scuole blici: 1100 milioni per il 2019, 1750 mi-
(dalla legge n. 160/2019, lioni per il 2020 e 3375 milioni a decor- ziali di condanna definitiva notificati
art. 1) rere dal 2021 (comma 127). all’amministrazione scolastica al 31
L’art. 1, commi 29 e 30, dispone l’as- agosto 2019 (comma 270).
segnazione ai Comuni per ciascuno
Addio al bonus docenti La dotazione organica complessiva è
degli anni dal 2020 al 2024, di risorse Il bonus docenti, previsto dal comma incrementata di 390 posti con riferi-
nel limite complessivo di 500 milioni di 126 dell’art. 1, della legge n. 107/2015, mento alla scuola dell’infanzia per po-
euro annui per investimenti destinati esteso ai docenti con contratto a tenziarne l’offerta formativa (comma
a opere pubbliche tra cui gli interventi tempo determinato dall’art. 8, comma 279).
per l’adeguamento e la messa in sicu- 5, della legge n. 159/2019, ora non c’è Per le scuole dell’infanzia paritarie che
rezza di scuole, edifici pubblici e patri- più; la legge finanziaria ha disposto accolgono alunni con disabilità è pre-
monio comunale e per l’abbattimento che le risorse già previste per il bonus vista l’assegnazione di 12, 5 milioni di
delle barriere architettoniche. docenti siano contrattate senza vicolo euro (comma 335).
Risorse sono altresì assegnate per la di destinazione in favore del personale Altre disposizioni sono previste per il
messa in sicurezza e l’efficientamento scolastico, quindi docenti e non do- congedo obbligatorio di paternità, per
energetico delle scuole (comma 51). centi (comma 249). il sostegno all’Istruzione Tecnica Supe-
È istituito un fondo di 100 milioni per A questo punto, viene meno anche il riore, per la proroga dell’Ape sociale e
gli anni 2021 al 2023 e di 200 milioni di compito del Comitato per la valuta- dell’Opzione donna (commi 473-476).
euro per ciascuno degli anni dal 2024 zione dei docenti in ordine alla indi-
al 2034 per la messa in sicurezza, ri- viduazione dei criteri per la valoriz- Per concludere
strutturazione, riqualificazione o co- zazione dei docenti, compito previsto Come consuetudine oramai consoli-
struzione di edifici di proprietà dei dal comma 3 dell’art. 11 del Decreto data, nell’annuale Legge finanziaria
comuni destinati ad asili nido e scuole legislativo n. 297/1994. confluiscono anche disposizioni sulla
dell’infanzia (commi 59 e 60) per la Risorse sono disposte per il finanzia- scuola, disparate per contenuto e fina-
riconversione di spazi delle scuole mento della retribuzione di posizione lità che, di fatto, complicano la legisla-
dell’infanzia attualmente inutilizzati, e di risultato dei dirigenti scolastici zione scolastica.
con la finalità del riequilibrio territo- (comma 255); per l’innovazione digitale Invece di procedere con aggiornamenti
riale, anche nel contesto di progetti (comma 257); per le scuole innovative sul Testo unico della scuola (D. Lgs n.
innovativi finalizzati all’attivazione di così denominate perché caratterizzate 297/2015) si legifera per stratificazione:
servizi integrativi che concorrano all’e- dalla presenza di nuovi ambienti di ap- saranno poi gli interpreti a trarre le
ducazione dei bambini e soddisfino i prendimento e dall’apertura al territo- norme da applicare attraverso un duro
bisogni delle famiglie in modo flessi- rio (commi 261 e 262); per l’efficienta- lavoro di coordinamento tra gli istituti
bile e diversificato. mento energetico degli edifici pubblici giuridici vigenti.
adibiti a uso scolastico (commi 263 e Nel cambio dei ministri della pubblica
Finanziamento del 264). istruzione, si è smarrita l’idea di ri-
Piano nazionale di scrivere il Testo unico della scuola per
formazione e risorse per Potenziamento degli dare certezza del diritto agli operatori
i contratti pubblici organici per il sostegno e del settore.
Sono previsti interventi per potenziare per la scuola dell’infanzia Auguriamo al nuovo Ministro certa-
la qualificazione dei docenti in materia L’organico di sostegno è incrementato; mente un ottimo lavoro e chiediamo
d’inclusione scolastica, di prevenzione la distribuzione territoriale dei posti di porre attenzione anche al problema,
e contrasto al bullismo e al cyberbulli- dovrà tener conto della necessità di molto serio, del coordinamento giuri-
smo, di parità dei sessi, di sensibilizza- ottemperare ai provvedimenti giudi- dico della normativa scolastica.

Sd 15 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Religione cattolica
Percorso trasversale per le classi prima, seconda, terza

Una mente aperta


offre fiducia Luciano Pace, Matteo Colosio, Federica
Zoli,
Francesco Zovi, Giordano Baglioni

Struttura della UdA* Docenti di IRC presso la scuola secondaria

Focus educativo- Obiettivi di Apprendimento (OA)


interculturale Relazionarsi in maniera armoniosa con sé, il mondo e gli altri
Chiudersi di fronte a ciò che non si co-
nosce rende impossibile ogni tipo di Sviluppo Sviluppo Sviluppo
relazione e non permette di sperimen- disciplinare creatività relazionale
tare la bellezza della fiducia che fio- (sapere) (saper fare) (saper essere)
risce all’interno di un rapporto denso Declinazione OA L’alunno/a L’alunno/a L’alunno/a
di interazione verbale e non solo. Per- approfondisce e individua riconosce
mettere agli alunni di sperimentare la riflette sui concetti situazioni di l’importanza
relazione con sé, con il mondo e con gli di chiusura, fiducia chiusura e riesce dell’interazione
e interazione. a motivarne il nella vita.
altri li conduce a interiorizzare un ha-
superamento.
bitus che guida a un integrale sviluppo
della persona.
Si introduce il concetto di chiusura, che
Compito di realtà partenza alla luce degli approdi rag-
apre la strada alla riflessione sulla fi-
ducia e sulla interazione. La proposta Dopo aver spiegato le tre parole chiave giunti durante il percorso proposto.
didattica si sofferma sull’analisi delle alla classe, ogni alunno sul proprio
esperienze di vita di Yusra, una cam- quaderno dovrà completare la frase:
Presentazione
pionessa nel nuoto ma soprattutto «Essere chiusi significa…» aiutandosi delle fasi di lavoro
nella vita, per proseguire con il mito con sollecitazioni dall’attualità che si
trova a vivere o che trae dalla lettura Il compito di realtà sarà supportato
dell’induismo riguardante il valore
di quotidiani (ad esempio: «Essere dagli approfondimenti proposti:
della lealtà. L’episodio de “I Simpson”
ci accompagna, ancora una volta, a ri- chiusi significa escludere il mio com- ‡ “Assaporando” (fase di evocazione):
flettere su diversi modi di essere e di pagno perché parla un’altra lingua... la riflessione ha inizio a partire
relazionarsi con gli altri. ha passioni diverse dalle mie... pra- dalle tre parole chiave che guidano
tica una religione diversa dalla mia... l’intera proposta didattica: chiusura,
ha una famiglia diversa dalla mia»). fiducia e interazione.
Quindi si chiede agli alunni di moti- ‡ “Praticando” e “Confabulando”
vare le ragioni della chiusura, senza (fase di esplorazione): aiutati dall’e-
giudicarle. sperienza di Yusra, unitamente al
Al termine delle proposte di riflessione mito dell’induismo.
contenute nell’UdA ogni alunno dovrà ‡ “Ridendo e scherzando” (fase di te-
riprendere la frase iniziale e integrarla matizzazione): per riflettere guidati
con la seguente affermazione: «Per es- dalle avventure de “I Simpson”.
sere fiduciosi è necessario conoscere, ‡ “Avvalorando” (fase di ri-appropria-
per conoscere è necessario interagire; zione): perché la valutazione sia a
interagire genera ulteriore fiducia» e favore di un’interazione carica di
cercare di rileggere la convinzione di fiducia.
* a cura di Federica Zoli

Sd 16 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Religione cattolica

Assaporando. L’antidoto alla solitudine:


conoscersi*
Spesso le prime impressioni sulle per-
sone sono influenzate da modi di dire
generalizzati, da caratteristiche come
il colore della pelle o l’accento e tanto
altro. Infatti, il rischio è quello di dare
giudizi senza avere una minima co-
noscenza di chi si stia parlando. Ma
la situazione si ribalta quando siamo
noi quelli sotto osservazione, magari
nell’imbarazzo di trovarci in un luogo
in cui non conosciamo nessuno e si
ha timore di sbagliare, di essere derisi
e presi di mira, con la conseguenza di
ritrarci in noi stessi chiudendoci nella offriamo al compagno una sensazione Quel primo passo, che tutti possiamo
solitudine. di fiducia. Da quel momento possiamo osare, ma che non sempre sorge spon-
E questo capita ogni volta che arriva dire che si avverte un legame. taneo. Eppure, è importante rendersi
un nuovo studente in classe, dove non È bello e rassicurante quando il nuovo conto che basta veramente poco per
conosce proprio nessuno. Se non ci compagno sa che può contare su fare tanto per il nostro prossimo.
abbiamo mai fatto caso, è importante qualcuno, e aspetta con trepidazione La preziosa possibilità di poter par-
prestarci attenzione. In questi casi, il momento in cui si compie il gesto di lare con tutti e di stare bene quando
sappiamo che la parolina magica che creare un contatto. Lì, egli saprà che ci si trova in un posto nuovo è frutto di
può disinnescare l’isolamento è: co- potrà contare su chi lo ha avvicinato. tutti e di ognuno. La classe è vicina al
noscersi. Lo sforzo di “andare vicino” Così, un semplice atto di apertura e di nuovo arrivato e lo farà sentire bene,
al nuovo compagno (fisicamente, non fiducia può offrire a una persona una infondendogli quello che anche noi
chiedendogli se è su qualche social!) e grande opportunità, quella di potersi cerchiamo: fiducia. Quella “cosa” che
parlargli un po’ più spesso fa scattare aprire a tutto il gruppo. possono dare solo gli amici, più che i
una forma di simpatia. Pian piano, con In modo naturale e in breve tempo il followers.
lo sforzo di entrambi la semplice sim- nuovo compagno interagirà con tutta la
patia può trasformarsi in un’affinità. Si classe… ma ci vuole chi faccia il primo
sa bene che non è ancora amicizia, ma passo: quello che infonde fiducia! * a cura di Francesco Zovi

Praticando. “Voglio che tutti i rifugiati


siano fieri di me”*
Yusra Mardini vive in Siria. La sua è una «Sarah, non possiamo più stare qui!» e successivamente in Turchia. Qui si
vita normale, fatta di scuola, amici e «Lo so, Yusra. Forse moriremo scap- imbarcano con altre 17 persone su un
della sua passione più grande: il nuoto. pando, ma qui siamo comunque già gommone per dirigersi in Grecia, ma il
«Andava bene il tempo papà?» morte.» motore del natante va in avaria dopo
«Sì! Brava. Avanti così!» «Dobbiamo scappare…» mezz’ora di navigazione.
Ma la guerra inizia ad annientare ogni Yusra ha 17 anni quando, nell’estate Yusra, Sara e altre due persone si tuf-
cosa e anche i suoi amici vengono uc- del 2015, inizia il suo viaggio per fug- fano in acqua e iniziano a nuotare per
cisi. La piscina dove si allena con la so- gire, insieme alla sorella, alla guerra. trainare al sicuro il gommone. Dopo tre
rella Sarah viene distrutta dalle bombe, Insieme a tanti altri profughi cammina ore e mezza raggiungono la terraferma,
così come la loro casa. per settimane fino ad arrivare in Libano portando in salvo i compagni di viaggio.

Sd 17 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Religione cattolica
«Ce l’avete fatta! Siamo in Grecia… Ci «Rimani concentrata e continua a la- hai dei profughi, di persone rifugiate,
avete salvato la vita!» vorare sodo come hai sempre fatto» le delle persone in genere, si basa su dei
Ma il cammino non si ferma in Grecia, risponde l’allenatore. pregiudizi o su una conoscenza reale? Io
che è solo un punto di passaggio. La squadra dei rifugiati sfila per la sono Yusra. Sono una rifugiata e voglio
Yusra prosegue con gli altri verso la Ma- prima volta il 5 agosto 2016. cambiare la percezione che le persone
cedonia, la Serbia e l’Ungheria, dove Yusra continua ad allenarsi duramente hanno dei rifugiati. Le persone credono
viene arrestata mentre prova a varcare per poter partecipare alle Olimpiadi del che noi siamo venuti qui a prendere
clandestinamente il confine. 2020, sognando di essere una fonte di loro qualcosa. Ma noi abbiamo dovuto
«Si può sapere che avete da ridere?!» ispirazione e forza per i rifugiati come lasciare le nostre case. Siamo qui per-
chiedono stupite le guardie ungheresi lei. ché volevamo la pace, perché non ne
alle sorelle Mardini. L’atleta, con la sua storia, ci pone un in- potevamo più della guerra.»
«Stavamo per morire in mare e ora do- terrogativo: «E a te che hai conosciuto
vremmo aver paura di voi che ci arre- la mia storia, a te chiedo se l’idea che * a cura di Giordano Baglioni
state?»
Yusra e gli altri riescono a fuggire
dall’Ungheria, attraversano l’Austria e
arrivano alla meta, la Germania, dove
vengono portate in un campo profughi.
E parlando con un traduttore…
«Davvero siete delle nuotatrici?»
«Certo! Ci piacerebbe trovare un club
per continuare ad allenarci.»
Il traduttore egiziano le mette in con-
tatto con un allenatore, che rimane col-
pito dalle loro capacità.
A marzo 2016 il Comitato olimpico an-
nuncia la nascita di una squadra com-
posta da rifugiati. Yusra riesce a qua-
lificarsi alle Olimpiadi di Rio ed entra
nella squadra: «Non posso crederci»
dice commossa Yusra.

Confabulando. Lealtà, valore


supremo nell’induismo*
Molto tempo fa, una vacca si allontanò Avrei però una piccola richiesta.» tigre –, ma non tornerai. Come posso
dalla sua mandria e si avvicinò alle «Parla!» ruggì la tigre. crederti?»
rive del Gange per bere un po’ d’acqua. «A casa ho un vitello. È ancora piccolo, «Ti do la mia parola: se non torno da
Lì trovò anche dell’erba verde, e co- e non può brucare l’erba: beve solo te, che io finisca nell’inferno degli sle-
minciò a brucare. Mangiò e mangiò fin- latte. Nel frattempo, gli sarà venuta ali.»
ché si accorse che stava scendendo la fame: vado a nutrirlo con il mio latte «D’accordo» disse allora la tigre.
notte, e così riprese la via verso casa. e poi ritornerò da te. Altrimenti tutta La vacca corse veloce a casa, dove
Lungo la strada però incontrò una l’erba che ho brucato e tutto il latte chiamò il suo vitello: «Vieni, figlio mio,
tigre. «So che sei una vacca sacra – che posso donare andrebbero spre- a bere il tuo latte».
disse la tigre –, ma per me sei solo una cati, come un fiore che sta nascosto Il vitello, però, osservando bene la
cena gustosa! E io ti mangerò.» nella foresta e che non renderà felice madre, disse: «Che cosa ti preoccupa,
«Di fronte a te, la morte mi è inevita- nessuno. La vita è buona se è utile per mamma? Dimmelo, o mi rifiuterò di
bile – rispose allora la vacca –, se dun- qualcuno: che cosa vale se diventa succhiare il latte.»
que devo perdere la vita, sarò io stessa inutile?» La vacca capì che il vitello faceva sul
a donare il mio corpo a chi è affamato. «I tuoi pensieri sono giusti – disse la serio e, così, gli raccontò della tigre.

Sd 18 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Religione cattolica
«Ora però succhia in fretta, figlio mio! è utile per qualcuno: cosa vale se di- simbolico. Scopo dei miti è quello di
Ho dato alla tigre la mia parola!» venta inutile?» offrire rappresentazioni della divinità
«Sono così turbato da quello che mi Così riflettendo, vacca e vitello si pre- (in forma umana o animale) che per-
hai raccontato, mamma, che non rie- sentarono entrambi alla tigre: «Vieni, mettano al devoto di comprendere
sco nemmeno a succhiare. Vengo con tigre, tu hai fame. Divoraci. Offriamo i un aspetto fondamentale della vita
te. Tanto non sopravviverei comunque nostri corpi a chi è affamato». spirituale. Gli dèi induisti sono per lo
alla mia tristezza. La vita è buona se «Cara vacca e caro vitello! – esultò la più manifestazioni di tratti spirituali
tigre. – Felici voi che, mantenendo la di un’unica essenza divina, chiamata
vostra parola, avete rinunciato al vo- Brahman.
stro corpo ma non alla vostra lealtà! Il mito della mucca sacra e della tigre
Andate liberi! Tu adesso sei mia so- qui riportato ne è un esempio. Esso
rella, e questo è mio nipote. Non vi racconta di un tratto tipico della divi-
divorerò.» nità: la lealtà, cioè la forza spirituale
E così, vacca e vitello, ritornarono felici che permette la creazione di legami
a casa». di fiducia anche tra esseri antagoni-
(Tratto dall’opera Panchakhjana Hitopade- sti come possono essere una mucca
sha, della tradizione popolare induista) e una tigre.

Il racconto mitologico nella cultura e


religione induista ha un alto valore * a cura di Luciano Pace

Ridendo e scherzando. Un mare di amici*


A Springfield è l’ultimo giorno di scuola Sono soddisfatto di me stesso? Mi ca- causa del conflitto con il fratello si è
(st. 7, ep. 25), e si respira aria di va- pita di mettere delle maschere per es- isolata, decide di tornare a casa in an-
canze. Lisa distribuisce ai compagni sere accettato? ticipo. Giunta davanti alla porta, sente
l’annuario che ha realizzato con tanto Arrivata al mare Lisa cambia look e le voci dei suoi amici e, convinta che si-
impegno, convinta che il suo rendi- modo di fare e subito fa amicizia con ano lì per prendersi gioco di lei, li invita
mento eccellente unito alla vittoria in dei ragazzi molto alla moda. Bart, ve- a fare ciò che vogliono... I ragazzi però
diversi concorsi scolastici (tutti elen- dendo il successo della sorella, prova le mostrano il “regalo” per lei: hanno
cati nell’annuario) non potranno che invidia per le sue nuove conoscenze e decorato la macchina di famiglia con
renderla la ragazza più popolare. decide di far vedere al gruppetto dei delle conchiglie che compongono la
Al momento dei saluti, si accorge però nuovi amici di Lisa l’annuario scola- scritta Lisa Rules per permetterle di
che nessuno vuole firmare il suo an- stico nel quale sono elencati tutti i ri-
nuario, mentre suo fratello Bart (tep- sultati della sorella smascherandone
pistello dal rendimento scolastico sca- la vera identità. Lisa davanti a questo
dente) ha addirittura la fila di persone fatto fugge disperata, sicura che nes-
che gli chiedono un autografo. Homer suno voglia essere amica della “cocca
e Marge decidono di trascorrere le della maestra”.
vacanze al mare e Bart invita l’amico Provi invidia per i successi degli altri o
Milhouse ad andare con loro. Marge sai gioire con loro?
propone a Lisa di portare un’amica, Lisa chiude i suoi rapporti con i nuovi
ma lei si accorge di non averne... La amici per il timore di ciò che ora po-
madre la incoraggia dicendole di non trebbero pensare di lei e chiude anche
temere e che rimanendo se stessa, si- i rapporti con Bart che l’ha tradita sve-
curamente le amicizie arriveranno. landone il carattere autentico. L’ultima
Lisa però fa di testa sua e decide di sera di vacanza, i genitori decidono di
lasciare a casa la sua personalità per portare i ragazzi al luna park; Bart e
presentarsi al mare come una nuova Lisa passano tutta la sera a provocarsi.
ragazza. Lisa che ormai ha perso gli amici e a

Sd 19 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Religione cattolica
portare a casa un pezzo di mare e un non è una persona finta, ma molto re- suoi amici; Lisa lo sfoglia e vede che
ricordo di loro. ale. tutti i ragazzi le hanno lasciato una de-
Questo gesto dà fiducia a Lisa che La nostra idea di una persona si basa dica, riempiendo le pagine che prima
ricomincia a interagire con gli amici su dei pregiudizi o su una conoscenza erano bianche. Questo gesto riattiva
chiedendo loro se non siano delusi dal reale? la fiducia e l’interazione tra i fratelli e
fatto che si era finta una persona di- Il giorno successivo i Simpson tornano induce Lisa a perdonare Bart.
versa. Gli amici le rispondono che la a casa e Bart dice alla sorella che ha
bella persona che hanno conosciuto nuovamente mostrato l’annuario ai * a cura di Matteo Colosio

Avvalorando. Condividere i punti


di forza… per farli nostri!*
Gli indicatori osservabili per la valuta- all’interno di un percorso, ma che ci bisogni, ansie e limiti senza troppe ini-
zione potrebbero essere: sono strumenti per potersi rialzare a bizioni. Rassicurare e sferzare l’alunno
‡ l’alunno è in grado di comprendere partire dalle potenzialità di ognuno. In permette di ottenere i risultati migliori
e riflettere sui concetti di chiusura, vista di una sempre maggiore persona- solo a fronte di una conoscenza dalla
fiducia e interazione; lizzazione è indispensabile che il do- quale il docente non può esimersi.
‡ l’alunno interiorizza gli approfondi- cente conosca i suoi alunni e incentivi La valutazione è un’occasione per per-
menti proposti; i punti forza di ognuno per colmare le mettere a ogni alunno di riflettere sulle
‡ l’alunno, a seguito della proposta lacune in maniera attiva. All’interno del varie forme di intelligenza e operatività
didattica, è in grado di formulare quadro dei Bisogni Educativi Speciali e conoscere in maniera consapevole
risposte che interagiscano con la ci sono indicazioni che permettono di i propri punti di forza, magari senza
propria esperienza personale. puntare più sul contenuto che sulla essere spaventato dalle debolezze.
forma, più sull’esposizione orale che Inoltre, è opportuno confrontare tali
L’osservazione può essere annotata
sul compito scritto. Indicazioni chiare approdi in classe per condurre a un
secondo quattro gradi: iniziale, base,
e fornite a priori, ma ogni docente sa rinforzo positivo, tra pari, di ogni pe-
intermedio e avanzato.
che il suo alunno è unico e irripetibile culiarità insita nel singolo alunno. Fare
La valutazione può essere proposta
e andrà quindi a personalizzare la ri- luce su ciò che noi percepiamo come
anche per “compensazione”, inten-
chiesta anche per potenziare non solo profondamente nostro permette di
dendo ogni percorso individualizzato
per compensare. condividerlo con il prossimo e di of-
sulle caratteristiche e sulle potenzia-
frire nuove occasioni di interazione ba-
lità di ogni singolo alunno. L’iniziale L’interazione continua con il gruppo
sate sulla fiducia e sull’apertura come
insuccesso potrebbe portare alla chiu- classe e con il singolo alunno conduce
chiave dominante per dar valore a ogni
sura dell’alunno nei confronti di ogni a un possibile adattamento della pro-
individuo.
proposta didattica; è fondamentale posta anche in fase di valutazione.
quindi che il docente cerchi di costru- Spesso gli stimoli maggiormente signi-
ire il più possibile una relazione ba- ficativi vengono dati proprio dal sin-
sata sulla fiducia. I nostri alunni de- golo alunno che nella scuola seconda- * a cura di
vono sapere che l’insuccesso è inserito ria di I grado ancora comunica i propri Federica Zoli

Sd 20 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Italiano
Classe prima

Dialogare per incontrarsi Elisa Dagnino, Maria Adelaide Pino

Docenti di Lettere
scuola secondaria di I grado “Ansaldo”, Genova

La proposta di un’attività sul testo Step 2. Il dialogo critico


argomentativo nella classe prima po-
trebbe sembrare azzardata. A nostro
avviso, invece, avviare già dal primo
anno un percorso sull’argomentazione
può essere utile e proficuo, soprat-
tutto perché i ragazzi, nella relazione
con l’altro, coetaneo e adulto, spesso
faticano a interagire quando devono
confrontare le proprie idee. La discus-
sione diventa un monologo dove non
trova spazio l’ascolto; all’esposizione
pacata e ragionata della propria opi-
nione si sostituisce la parola gridata
in modo impulsivo. La riflessione
Con questa simpatica vignetta pos-
sull’argomentazione, in un’ottica di
siamo introdurre il momento succes-
Cittadinanza attiva, appare quindi già
sivo di approfondimento: che cosa si
dalla prima classe come la possibilità
intende per “testo argomentativo”. Si
di dialogare per arricchirsi e crescere
tratta di un discorso orale o scritto
nell’incontro con l’altro.
in cui cerchiamo di persuadere qual-
cuno della validità delle nostre opi-
Step 1. Che cosa nioni attraverso idee, esempi... certo
significa “argomentare”? non come fa Lucy con il fratello!
Introduciamo il percorso con una di- l’atteggiamento di Lucy nelle due stri- Chiediamo ai ragazzi di elencare si-
scussione in classe. Partiamo da alcune sce: il suo atteggiamento di “avere tuazioni di vita quotidiana in cui sono
domande, ad esempio: Ti piace con- sempre ragione”, a prescindere da chiamati ad argomentare (convincere
frontare le tue opinioni con quelle degli qualunque possibilità di confronto, i genitori per ottenere un regalo,
altri? Sai difendere le tue idee quando è corretto? Da che cosa deriva l’equi- chiedere all’insegnante di spostare
qualcuno non la pensa come te? Che voco nel secondo dialogo con Charlie una verifica, decidere con gli amici
differenza c’è tra discutere e litigare? Brown? Riflettiamo insieme sul fatto quale film vedere…).
Alla LIM o alla lavagna fissiamo i ter- che “avere sempre ragione” non è un Leggiamo poi alcuni brani narrativi
mini chiave (confronto, discussione, merito, perché implica l’incapacità di in cui sia presente una semplice ar-
litigio…) e le frasi significative o ricor- mettersi in discussione. Inoltre, ar- gomentazione (ad esempio tratta da
renti nelle risposte. rivare a una “giusta comprensione” una fiaba come il dialogo in cui Pi-
Per approfondire e guidare il dibattito vuol dire capire e incontrare chi parla nocchio schiaccia il Grillo Parlante)
possiamo mostrare ai ragazzi alcune con noi, sostenendo le nostre idee e individuiamo insieme ai ragazzi,
vignette dei Peanuts di Schultz, perso- senza respingere l’altro. Spieghiamo delineandola in una tabella, la strut-
naggi che ci accompagneranno lungo ai ragazzi che questo è il vero obiettivo tura del dialogo critico, in cui gli in-
tutto il percorso sull’argomentazione. dell’“argomentare”, come vedremo dal terlocutori si confrontano su due tesi
Chiediamo alla classe di analizzare percorso dell’Unità. opposte, contrapponendo alle argo-

Sd 21 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Italiano
mentazioni dell’una le contro-argo- conflltto tra coetanei: scriviamo alla
mentazioni dell’altra. lavagna o alla LIM una classifica per Step 4. Animiamo un
Infine, ragionando sul brano di Pinoc- individuare quelli più frequenti. Ri- dibattito
chio, chiediamo se quella narrata è flettiamo inoltre su quale uso delle A questo punto i ragazzi sono pronti
la giusta conclusione di un dialogo parole si fa nei litigi (parola gridata, per animare una discussione. Dopo
critico, o se non sarebbe opportuno insulto, mancanza di ascolto…). aver letto in classe i punti salienti del
giungere a una conclusione di incon- Infine, a partire dalle esperienze dei Manifesto della comunicazione non
tro, ragionevole per entrambi i per- ragazzi, chiediamo quali strategie ver- ostile, possiamo avviare insieme un
sonaggi, Grillo e Burattino. Doman- bali hanno permesso loro di superare dibattito, dividendo la classe a metà:
diamo agli alunni di ragionare su un davvero un litigio e arrivare al dia- con le opportune argomentazioni i due
finale di questo tipo e di scriverlo. logo e alla riappacificazione (parole gruppi sosterranno tesi opposte, in un
di scusa, pacata esposizione delle confronto critico che dovrà arrivare a
Step 3. Affrontiamo proprie opinioni, ascolto dell’altro…). una conclusione comune ragionata di
e superiamo un litigio Possiamo poi leggere e analizzare incontro.
insieme alcuni celebri litigi letterari Possiamo scegliere argomenti di at-
Una comunicazione non adeguata
con successive riappacificazioni (ad tualità (ad esempio, l’uso del cellulare
sfocia spesso in un litigio. Analiz-
esempio, quelli tra Harry Potter e Ron in classe), ma anche tematiche ine-
ziamo ancora una volta le vignette dei
nella celebre saga, oppure al femmi- renti alle materie di studio. Appassio-
Peanuts.
nile quello tra le sorelle Jo e Beth di nanti possono risultare le discussioni
Piccole Donne) per riflettere di nuovo sui personaggi dell’epica nei diversi
su motivi del litigio e sul percorso che contesti (Elena è davvero responsa-
ha portato alla riconciliazione e a rin- bile della guerra di Troia? Achille è più
saldare il legame tra i personaggi. forte di Ettore?).

Classe seconda

Attrezzi per argomentare


Con gli alunni della classe seconda, argomento) i rudimenti del testo ar-
si può approfondire il discorso sul gomentativo. Discutiamo su una que-
testo argomentativo, iniziando a in- stione cara ai ragazzi, ad esempio il
quadrare il bersaglio della Tipologia B fatto che sia giusto o meno copiare
della prova scritta dell’Esame di Stato. durante i compiti in classe.
Lasciando gli aspetti più tecnici alla Leggiamo a questo proposito alcuni
terza, forniamo ai ragazzi alcuni “at- articoli facilmente reperibili sulla
trezzi” per poter leggere, comprendere rete1, sulla tematica proposta. Analiz-
e scrivere un testo argomentativo su ziamo il testo chiedendo ai ragazzi di
un tema di attualità che tocchi i loro evidenziare con colori diversi la tesi e
interessi. le argomentazioni; ampliamo poi la di-
Infine, per seguire il filone tematico del scussione chiedendo loro di sostenere
rispetto dell’altro, riflettiamo sul fatto la propria opinione sull’argomento.
che l’argomentazione non deve avere Concludiamo infine sintetizzando in
Rivolgiamo ai ragazzi alcune do-
come intento recondito l’inganno. una mappa alla LIM o alla lavagna che
mande: da che cosa nasce il litigio
cosa si intende per argomentazione.
nella striscia con protagonista Sno-
opy? E la conclusione del litigio tra Step 1. Cos’è un testo
fratelli della seconda vignetta è dav- argomentativo
vero quella auspicabile? Per avviare l’Unità in seconda, ripren- 1 Ad esempio, in Focusjunior: Copiare è
Chiediamo poi di elencare quali sono diamo (o introduciamo ex novo, se la da sfigati; in Corriere.it: Ma davvero
i motivi che più spesso portano al classe non avesse mai svolto questo copiare in classe è un diritto?

Sd 22 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Italiano

Step 2. La struttura del tesi sull’antitesi. Il dibattito sarà espo- in modo inconsapevole chi non ha le
testo argomentativo sto in classe ai compagni, anche sotto idee chiare, o addirittura tra l’argo-
forma di presentazione multimediale, mentazione e l’inganno. Per far com-
Proponiamo agli alunni la lettura di
e redatto infine come testo scritto prendere questo concetto ai ragazzi,
altri brani argomentativi su questioni
sotto forma di verbale. domandiamo loro di analizzare, sem-
di attualità, ad esempio la celebre
pre a gruppi, alcuni manifesti o spot
“Bustina di Minerva” di Umberto Eco
Step 4. Scriviamo un pubblicitari, per comprendere come
sulla diatriba libro cartaceo/digitale.
testo argomentativo la pubblicità cerchi di “persuaderci” a
Analizziamo insieme la struttura dei
Arriviamo adesso alla vera e propria comprare qualcosa che non ci serve, o
testi proposti, sino ad arrivare a re-
stesura di un testo argomentativo. Sce- addirittura diventi ingannevole quando
alizzare uno schema della tipologia
gliamo un tema che sia coinvolgente esalta qualità che un prodotto non ha
argomentativa così articolato:
per gli alunni, come: i videogiochi sono (ad esempio dicendo che fa dimagrire)
‡ presentazione del problema;
dannosi? “La trap” si può definire un o utilizza testimonial che possono fuo-
‡ tesi;
genere musicale? Facciamo raccogliere rviare (un atleta che pubblicizza una
‡ argomenti a favore della tesi;
ai ragazzi materiali sulle tematiche da bevanda zuccherata e calorica). Infine,
‡ antitesi;
discutere su giornali o siti web, che in- ribaltiamo la prospettiva con un’at-
‡ argomenti a suo favore;
tegreremo con i nostri contributi. Leg- tività di cooperative learning finale:
‡ confutazione dell’antitesi;
giamo insieme i testi e costruiamo una gli stessi gruppi dovranno realizzare
‡ conclusione.
tabella dei “pro” e dei “contro”, arric- un manifesto, uno slogan o un breve
Analizziamo anche il linguaggio, che chita con le riflessioni e gli esempi de- spot di “pubblicità progresso” in cui
deve essere chiaro e preciso, scorre- sunti dalla discussione in classe. Infine, si spiega che convincere non vuol dire
vole e coerente nella sintassi e nell’uso assegniamo agli alunni la stesura di ingannare.
dei legami logici: leggiamo ad esem- un testo argomentativo sul problema, Gli elaborati saranno infine illustrati
pio l’articolo di Chiara Severgnini2 documentato dai materiali prodotti alla classe con la metodologia del tour
sul “Corriere della sera” inerente le dal lavoro precedente e strutturato in gallery e si procederà alla votazione
sempre più numerose “Giornate mon- secondo lo schema studiato. del più efficace.
diali” a sostegno di eventi, categorie
di persone, oggetti… per notare come
l’uso di un lessico puntuale e in que- Step 5. Persuadere non 2 C. Severgnini, La giornata internazionale

sto caso di un tono ironico possano


significa ingannare delle giornate internazionali, in corriere.
it/sette, 17 maggio 2011
rinforzare l’argomentazione. Come ultimo step di raccordo tra le
classi seconda e terza, riflettiamo sulla
valenza dell’argomentazione: convin-
Step 3. Discussione
in classe cere qualcuno della propria idea, in-
fatti, dovrebbe avere come scopo il
A questo punto, diamo la parola ai ra- bene di tutti, non il danneggiamento
gazzi affinché possano cimentarsi con dell’altro.
l’argomentazione, in un’attività di coo- A volte, invece, diventa sottile il confine
perative learning. La classe viene divisa tra l’argomentazione e la persuasione,
a coppie: a ognuna di esse viene asse- che mira a portare dalla nostra parte
gnata una questione da dibattere di
attualità (ad esempio: È meglio tifare la
squadra della propria città o un’altra? È
meglio abitare in centro o in periferia?
La divisa a scuola: sì o no? I compiti
delle vacanze sono davvero utili?). Un
componente della coppia sostiene una
tesi, l’altro l’opinione opposta: insieme
dovranno articolare la scaletta di un
dialogo critico in cui argomenteranno
le loro posizioni, arrivando ad una con-
clusione che potrà essere d’incontro
oppure di prevalenza motivata di una

Sd 23 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Italiano

Classe terza

Dialogare
Comprendere e strutturare testi argomentativi
per arrivare pronti alla tipologia B d’Esame
Il testo argomentativo è solitamente te- quotidiana discussione: lo zaino per la attenti e che se si dimentica qualcosa
muto dai ragazzi poiché ne intuiscono scuola va preparato la sera precedente non è poi la fine del mondo!
la complessità e hanno paura di non ri- o no? Ecco, questa è la base del testo argo-
uscire a organizzarne in modo corretto L’opinione dell’insegnante è che lo mentativo: se uno studente vuole af-
l’organizzazione e la stesura. zaino deve essere preparato la sera fermare il proprio punto di vista deve
In realtà, i ragazzi, soprattutto quelli precedente sostenere con argomentazioni e dati
della classe terza, entrando nel mondo Gli argomenti a sostegno sono che la alla mano chiari e reali la propria tesi,
della preadolescenza, esercitano l’arte sera precedente è possibile fare questa confutando l’antitesi, cioè quanto af-
dell’argomentazione spesso, confon- operazione con calma e con il diario ferma l’insegnante.
dendo la dialettica dell’argomentare alla mano, dimenticando difficilmente Nella conclusione saranno esposte
con la protesta. i materiali. Inoltre, è una buona regola proposte pratiche per risolvere il pro-
di metodo pianificare con accuratezza blema posto dal tema.
Cos’è il testo argomentativo il proprio lavoro anche in questa sem- Possiamo proporre una serie di spunti
Il primo punto da sfatare con i ragazzi plice cosa. di dibattito su cui spesso si argomenta
è proprio questo: noi argomentiamo L’opinione dello studente è che prepa- schematizzando come nell’esempio
quando esponiamo la nostra idea o rare la sera precedente lo zaino è una precedente: l’uso del cellulare, l’ordine
opinione cercando di dimostrare che il vera seccatura. nella propria camera, il tempo da de-
nostro punto di vista è quello migliore Gli argomenti a sostegno sono che dicare alla playstation o alla visione
oppure il più aderente alla verità, utiliz- facendolo la sera prima si perde del di serie televisive, fissare una verifica,
zando esempi o argomenti a sostegno. tempo prezioso, che lo zaino si può fare l’orario di rientro dalle uscite con gli
Mettiamo a tema come esempio una la mattina appena alzati, basta stare amici, utilizzare i mezzi pubblici...

Comprendere e analizzare testi argomentativi


La comprensione di un testo parte dal Polifemo Il computer è intelligente?
suo riconoscimento. Proponiamo la let-
Il colonnello Toledano, Dietro lo schermo di un computer c’è
tura di tre brevi testi come dall’esempio
soprannominato Polifemo, era un una macchina o un uomo?
chiedendo quale dei tre sia argomenta- omaccione feroce che vestiva una Da una parte ci sono gli entusiasti
tivo e perché. lunga palandrana, pantaloni a quadri dell’intelligenza artificiale.
e cappello a cilindro dalle ali ampie e Dall’altra parte ci sono gli scettici, per
risvoltate. Statura gigantesca, passo i quali la macchina non fa altro che
rigido, imponente, enormi baffi eseguire un programma che le è stato
bianchi, voce di tuono e cuore di assegnato dall’uomo.
bronzo. In questa seconda prospettiva, che
(tratto da A.P. Valdez, Polifemo) condivido, uomo e macchina non si
possono separare.
Essi costituiscono un simbionte
cognitivo dotato di proprietà inedite:
senza il computer l’uomo è menomato,
ma senza l’uomo il computer è inerte.
(tratto da G. Longo, Il computer è intelligente?)

Sd 24 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Italiano

Scrivere testi argomentativi a partire


da un testo letterario
Gli spunti per una discussione non un testo argomentativo a partire dai
sono solo presenti negli articoli di seguenti spunti:
fondo, nei commenti, nelle recensioni ‡ Non stimare la propria madre come
o comunque in testi appositi, ma pos- Tamar, è un bene? Può porre rime-
sono essere suggeriti da testi narrativi dio a questa situazione?
letterari che favoriscono la riflessione ‡ In situazioni molto difficili e conflit-
e aiutano a sviluppare il proprio senso tuali come Shelly, è bene tagliare i
critico. legami con la propria origine?
Proponiamo ai ragazzi la lettura del ‡ Un ragazzo può vivere senza fare i
brano tratto da Qualcuno con cui cor- conti di essere figlio di quei genitori,
rere di David Grossman, quando Tamar, di quella storia, a volte dolorosa?
approfittando dell’assenza dei geni-
tori, si trasforma in artista di strada Chiediamo ai ragazzi di contestualiz-
Nonna Rosa per cercare il fratello scappato di casa zare il testo, immaginando che sia un
«Quanti anni ha, Nonna Rosa?» per problemi di droga. Nella sua te- articolo richiesto per il giornalino della
«Riesci a tenere a mente i numeri con sta si affollano numerosi pensieri ed scuola nella sezione “Genitori e figli”.
tredici cifre, Oscar?» esprime giudizi duri e severi nei con- Si dovrà assegnare un titolo, esporre
«Oh! Lei esagera!» fronti dei suoi genitori (amarezza per tema e tesi a partire dal brano letto e
«No. Qui non devono assolutamente la superficialità del suo rapporto con argomentare con antitesi sostenute da
sapere la mia età, altrimenti mi la madre, la difficoltà di relazione con argomenti opportuni. La confutazione
cacciano e non ci vedremo più.» il padre solitario e scontroso), sorretti deve essere chiara e deve portare a
«Perché?» dal dialogo con Shelly, ragazza dipen- una conclusione o all’elaborazione di
«Sono qui di contrabbando. C’è un’età
dente dalla droga conosciuta in questo proposte risolutive del problema.
limite per stare qui. E io l’ho superata
viaggio pericoloso, la quale addirittura Raccomandiamo il controllo dell’equi-
abbondantemente.»
sostiene di essere padre e madre di se librio nell’argomentare le due diverse
«È scaduta?»
stessa e di non aver alcun bisogno di parti (tesi e antitesi), nell’esposizione
«Sì.»
queste figure parentali. della confutazione e della parte con-
«Come uno yogurt?»
«Sss!» Chiediamo ai ragazzi di individuare il clusiva, ovviando attraverso la sche-
«O.K.! Non dirò nulla.» tema emergente: quello dell’incom- matizzazione di una scaletta prima e il
prensione che spesso divide genitori controllo dopo la stesura, anche con la
(tratto da E.-E. Schmitt,
e figli e che può portare alla ribellione semplice conta del numero delle righe
Oscar e la dama in rosa)
e al rifiuto violento. dedicate alle diverse parti, una sem-
Indichiamo quindi letture presenti Possiamo stimolare un dibattito di plice soluzione che permette ai ragazzi
nell’antologia in uso, oppure articoli di critica o di sostegno alla posizione di di “vedere” la struttura del loro testo.
giornale di tipo argomentativo. Tamar oppure proporre la stesura di
Infine, proponiamo un compito-sfida: i
ragazzi, divisi in gruppi, ricercheranno
articoli su argomenti a loro affini (il tifo
allo stadio, un film appena uscito, un
personaggio famoso, l’intelligenza ar-
tificiale, omologazione dei giovani, uso
dei social ecc.) su cui si cimenteranno
sostenendo tesi opposte.
In classe presenteranno il loro lavoro
mettendo in luce, attraverso una pre-
sentazione multimediale, tesi, antitesi,
la confutazione e la conclusione degli
articoli e la loro posizione rispetto a
quanto letto e compreso.

Sd 25 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Italiano L2

La competenza metalinguistica
in Italiano L2 Paolo Nitti

Docente di Linguistica italiana,


Università di Verona

La metalingua
Finalità Si propongono alcuni suggerimenti per lo sviluppo della La riflessione metalinguistica consiste
competenza metalinguistica, in particolare per l’affinamento della
nella capacità di attivare una delle pro-
microlingua relativa alla grammatica.
prietà del linguaggio verbale umano,
Obiettivi Partendo dalla dimensione testuale, si passerà a indicare alcune ovvero la facoltà di descrivere sé stesso
formativi soluzioni per lo sviluppo della competenza metalinguistica. (Nitti 2018). Nel caso della matematica,
Percorso Si prevedono alcuni esercizi orientati al ragionamento rispetto ad esempio, per trattare le questioni
didattico alle categorie grammaticali produttive per la descrizione del inerenti alla disciplina si ricorre alla
sistema linguistico della lingua seconda. lingua, tuttavia è facile osservare come
Si osserva una didattica del learning by doing; lo studente per parlare della lingua si utilizzi la
è parte attiva del processo di apprendimento. lingua stessa. In effetti, la metalingua
Percorso Le attività e gli esercizi di questa proposta non sono pensati rappresenta una proprietà esclusiva
valutativo per un fine valutativo di tipo sommativo, in quanto l’articolo del sistema linguistico, trattandosi, a
mira a proporre suggerimenti per lo sviluppo della competenza livello terminologico, di un «neologi-
metalinguistica. smo introdotto nel repertorio termino-
È possibile utilizzare alcuni esercizi come test conclusivi per logico della linguistica per indicare la
verificare l’apprendimento.
prerogativa specifica ed esclusiva del
Ogni attività prevede momenti di valutazione in itinere collegati
al buon andamento della didattica e occorrerebbe strutturare dei linguaggio verbale di codificare mes-
questionari, preferibilmente in forma anonima, per accertarsi che saggi aventi come contenuto il linguag-
il momento formativo sia stato significativo e soprattutto che sia gio stesso» (Beccaria 2004: 493).
stato piacevole. In merito alla competenza metalin-
guistica, invece, il discorso è più com-
plesso. Ogni individuo, infatti, riflette
più o meno consapevolmente sulla
lingua e sulle scelte linguistiche che
adotta, con il risultato di modificare
in parte le proprie abitudini linguisti-
che sulla base delle regole che scopre
(Nitti 2016). Tali fissazioni, tuttavia, non
è detto che siano necessariamente
corrette, e possono costituire l’esito di
cristallizzazioni di usi scorretti o, più
semplicemente, frequenti rispetto alle
varietà utilizzate dalla comunità di cui
l’individuo è parte.
La riflessione metalinguistica, inoltre,
ha costituito parte dell’impostazione
dei metodi grammaticali-traduttivi e,
indiscutibilmente, configura il perno
degli approcci cognitivi (Baldi, Savoia
2018), entrambi superati e sostituiti
dall’approccio comunicativo.

Sd 26 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Italiano L2
È proprio verso la fine degli anni Ot- prendente; difatti, mentre l’incremento della competenza comunicativa può avve-
tanta del secolo scorso che si assiste nire a un livello puramente inconscio, la competenza metalinguistica rappresenta
a un abbandono progressivo della ri- il frutto preciso delle riflessioni del parlante.
flessione metalinguistica all’interno
dei corsi di lingua straniera e seconda, Attività
nonostante alcune tradizioni abbiano
Livello QCER: B1-C2. ‡ Tempo: 40-50 minuti.
continuato a proporre l’insegnamento
Preconoscenze: occorre aver trattato con il gruppo classe il sistema verbale dell’i-
esplicito della grammatica, come è av-
taliano, gli aggettivi e gli avverbi.
venuto per la didattica del francese e
Modalità operativa 1 (B1-C2): si divide la classe in coppie e si chiede a ognuna
dell’italiano come L1 (Nitti 2017).
di individuare gli aggettivi e gli avverbi, collegando con una freccia la parte del
All’interno di qualsiasi corso di di-
discorso che modificano.
dattica dell’Italiano come L2, quando
Modalità operativa 2 (C1-C2): si divide la classe in coppie, chiedendo a ognuna
si tratta l’insegnamento della gram-
di sottolineare tutti i verbi presenti nel testo, analizzandone il modo, l’aspetto, il
matica, si tende a proporre un tipo di
tempo ed eventualmente la persona e il numero. È essenziale fornire un esempio
didattica che si orienti verso l’acqui-
prima dello svolgimento dell’attività. Gli studenti potranno avvalersi di una tabella
sizione implicita delle regole gramma-
di coniugazione verbale per facilitare lo svolgimento del lavoro. Al termine dell’at-
ticali, evitando laddove possibile sia
tività si procederà alla correzione. È possibile proporre l’attività in forma di gara,
il ricorso alla metalingua che all’in-
assegnando un punteggio più alto alla coppia che identifica meglio il maggior
segnamento esplicito delle regole. Lo
numero di forme verbali.
sviluppo della competenza metalin-
guistica, tuttavia, costituisce un fattore Carmelo Bene
molto più potente, poiché riguarda il Carmelo Bene. Me l’ero immaginato definitivamente ingoiato da una vita
rapporto fra l’individuo e l’interiorizza- quotidiana inimmaginabile, e triturata dal suo stesso genio, portato via su
zione delle strutture. galassie tutte sue, a doppiare pianeti che sapeva solo lui. Perduto, insomma.
La proposta di questo contributo, Poi ha iniziato a girare con questo suo spettacolo anomalo, una lettura dei
pertanto, è di integrare, all’interno di Canti Orfici di Dino Campana.
suggerimenti che sviluppino la compe- L’ho mancato per un pelo un sacco di volte, e alla fine ci sono riuscito a
tenza comunicativa degli apprendenti, trovarmi una poltrona, in un teatro, con davanti lui. A Napoli, all’Augusteo.
alcuni elementi di sviluppo della com- Scena buia, solo un leggio. Lui, lì, con una fascia sulla fronte alla McEnroe, e
petenza metalinguistica: «Nel processo dei segni di cerone bianco sotto gli occhi. Un microfono davanti alla bocca,
lungo e complesso di acquisizione di e una luce addosso. Cinquanta minuti, non di più. Non so gli altri: ma io me
una lingua straniera, l’apprendente li ricorderò finché campo.
sotto la guida del docente che agisce Non è che si possa scrivere quel che ho sentito. Né cosa, precisamente, lui
come un facilitatore, costruisce il pro- faccia con la sua voce e quelle parole non sue. Dire che legge è ridicolo. Lui
prio sistema interlinguistico, che lo diventa quelle parole, e quelle non sono più parole, ma voce, e suono che
porterà dalla sua lingua materna, verso accade diventa ciò-che-accade, e dunque tutto, e il resto non è più niente.
la lingua target, mettendo in campo
non solo la propria competenza lingui-
stica, ma anche quella che viene de-
finita consapevolezza metalinguistica.
Quest’ultimo meccanismo di riferisce
alla capacità dell’apprendente di fo-
calizzare coscientemente la propria
attenzione sul sistema formale della
lingua che sta acquisendo, rendendosi
così capace di sistematizzarne le regole
di funzionamento in modo autonomo e
personale» (Peppoloni 2018: 11).
La definizione proposta da Peppoloni
è significativa per quanto concerne
l’inquadramento del connubio relativo
allo sviluppo della competenza meta-
linguistica e dell’autonomia dell’ap-

Sd 27 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Italiano L2

Chiaro come il regolamento del pallone elastico. Riproviamo. Bibliografia


Quando sono uscito non avrei saputo dire cosa quei testi dicevano. Il fatto è
t B. Baldi, Savoia, L.M., Linguistica
che nell’istante in cui Carmelo Bene pronuncia una parola, in quell’istante, per insegnare. Mente, lingue e
tu sai cosa vuol dire: un istante dopo non lo sai più. Così il significato del apprendimento, Zanichelli, Bologna
testo è una cosa che percepisci, si, ma nella forma aerea di una sparizione. 2018.
senti il frullare delle ali, ma l’uccello non lo vedi: volato via. Così, di continuo, t G.L. Beccaria, Dizionario di linguistica,
ossessivamente, ad ogni parola. E allora non so gli altri, ma io ho capito quel Einaudi, Torino 2004.
che non avevo mai capito, e cioè che il senso, nella poesia, è un’apparizione t P. Nitti, Insegnare e imparare la
che scompare, e che se alla fine tu sai volgere in prosa una poesia allora hai grammatica, “Scuola e Didattica”, n. 6,
sbagliato tutto, e, a dirla tutta, la poesia esiste solo quando diventa suono, e 2018, pp. 41-44.
dunque quando la pronunci a voce alta, perché se la leggi solo con gli occhi t P. Nitti, La grammatica
non è nulla, è prosa un po’ vaga che va a capo prima della fine della riga ed nell’insegnamento dell’italiano per
è scritta bene, ma poesia non è, è un’altra cosa. stranieri, EAI, Saarbrücken 2017.
Diceva Valéry che il verso poetico è un’esitazione tra suono e senso: ma era t P. Nitti, L’insegnamento della
un modo di restare a metà del guado. Se senti Carmelo Bene capisci che grammatica, “Scuola e Didattica”, n. 7,
il suono non è un’altra cosa dal senso, ma la sua stagione estrema, il suo 2016, pp. 37-41.
ultimo pezzo, la sua necessaria eclisse. Ho sempre odiato, istintivamente, le t D. Peppoloni, Glottodidattica e
poesie in cui non si capisce niente, neanche di cosa si parla. Adesso so che metalinguaggio. La consapevolezza
c’è qualcosa di sensato in quel rifiuto: rifiuta una falsa soluzione. Quel che metalinguistica come strumento di
bisognerebbe saper scrivere sono parole che hanno un senso percepibile fino acquisizione delle lingue straniere,
all’istante in cui le pronunci, e allora diventano suono, e allora, solo allora, il
Guerra Edizioni, Perugia 2018.
senso sparisce. Edifici abbastanza solidi da stare in piedi, e sufficientemente
leggeri da volare via al primo colpo di vento.
È meraviglioso come tutto questo non abbia niente a che fare con l’idea che
si ha normalmente della poesia: un poeta soffre, esprime il suo dolore in
belle parole, io leggo le parole, incontro il suo dolore, lo intreccio col mio, ci
godo. Palle: per anime belle. Tu senti Carmelo Bene e il poeta sparisce, non
esprime e comunica niente, l’attore sparisce, non esprime e comunica niente:
sono sponde di un biliardo in cui va la biglia del linguaggio a tracciare traiet-
torie che disegnano figure sonore: e quelle figure, sono icone dell’umano. Le
poesie non sono delle telefonate: non le si fanno per comunicare. Le poesie
dovrebbero esser pietre: il mare o il vento che le hanno disegnate, sono poco
più che un’ipotesi.
(tratto da un racconto di A. Baricco
in www.poesieracconti.it/.../carmelo-bene,
ultima consultazione 15/12/2019)

Sd 28 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Inglese
Percorso trasversale per le classi prima, seconda, terza

A «C» for Certification Alessandra Armanni

and Cognition Docente di lingua Inglese scuola secondaria I grado


ICS Franceschi, Milano

carries out when we think and learn.


Thinking skills can be divided in:
‡ LOTS (Low Order Thinking Skills): re-
member, understand, apply (what,
which, who, where, when, how many,
label, describe, name, compare,
classify, show);
‡ HOTS (High Order Thinking Skills):
analyse (reasoning skills), evaluate
(evaluative skills), create (creative
thinking: why, how can you…, ju-
stify…, invent…, solve…, explain,
change). Learners interpret a text at
a more abstract level and manipu-
late information and ideas in ways
that transform their meanings and
Certificates and testing are internatio- Italian Ministry of Education, University
implications.
nally widespread in order to provide, and Research has published a list of
test and assess the skills needed to recognised certifications. Why should We could say that INVALSI aims at te-
communicate and succeed in the real we prepare learners for English qua- sting not only LOTS, but also HOTS – as
world. During the school year 2017/18, lifications? How could we do it? How now society needs more autonomous,
INVALSI – Italy’s National Institute for creative can our class be? resourceful, responsible people, who
Evaluation – introduced the new IN- are willing to take initiatives and learn
VALSI English test for third graders to throughout life3.
measure the quality of their learning of Thinking Skills Students are citizens of the future and
English and help “each pupil to master Through the Common European Fra- must be able to think out of the box, by
knowledge, concepts and skills. And to mework of Reference (CEFR) and its 6 linking knowledge and being creative
use these in a way that is aware, cri- levels Europe has standardized lan- as well as by applying knowledge and
tical and productive. Or, if we prefer, guage levels and competences. Certi- solving problems.
creative”1. fications can help teachers focus on The INVALSI test is not a memory test,
Almost all European countries have competence. Focusing on Bloom’s ta- but a competence one. Indeed, the
introduced evaluation and self-asses- xonomy on thinking skills may guide format of the test does not focus on
sment systems based on standardi- teachers through more effective tea- mere knowledge and memory, instead
sed tests managed by institutes like ching. Bloom’s taxonomy2 aimed at it focuses on two receptive skills: li-
INVALSI, i.e. an external and objective promoting higher forms of thinking as stening and reading. Two different
assessment board. learners construct their own knowle-
The two-year-old national English test dge and understanding and develop
1 invalsi-areaprove.cineca.it/
is affecting teaching and learning: how studying and thinking skills (persona- docs/2018/.../
can we make it a creative learning pro- lized learning). Learners progress from 2 Bloom B.S.; Engelhart M.D.; Furst
cess? information processing or concrete E.J.; Hill W.H.; Krathwohl, D.R. (1956),
As well as practical tricks to prepare thinking skills (what, when, where, Taxonomy of educational objectives:
learners to do their best during this na- which, who, how many questions) to The classification of educational goals.
Handbook I: Cognitive domain. New
tional test, a quick overview of some of abstract thinking (why and what if York: David McKay Company.
the certificates of English as a Foreign questions). 3 invalsi-areaprove.cineca.it/
Language will be provided, since the Thinking skills are processes our brain docs/2018/.../, cit.

Sd 29 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Inglese
types of subskills are needed: quick ‡ introduce the students to the test also involves and promotes commu-
selective listening/reading and care- format by showing them the official nication and collaboration, asking the
ful detailed listening/reading. INVALSI webpage www.invalsi.it/in- students to carry out projects based
To provide a benchmark for all stu- valsi/index on listening and reading inputs in-
dents, each skill is tested through va- ‡ both the technical tips to use the volves creativity and critical thinking,
rious techniques in a computer-based INVALSI platform and the content guiding the students’ attention to cul-
test: multiple choice, matching, true/ tips will provide useful training and tural similarities and differences in
false/not given answers, one to four improve students’ confidence; authentic texts improves intercultural
words short answers. ‡ focus on global skills4 and make competence and citizenship, guiding
Preparing learners to achieve good students aware that learning En- students to practice online indepen-
results means introducing and fo- glish means using it when needed, dently and considering mistakes as
cusing on language in context and so create opportunities for projects learning sources improves the stu-
guiding them to understand the gist to be carried out in English. INVALSI dents’ emotional self-regulation and
of authentic texts first and only sub- can’t but benefit from all this com- wellbeing, asking students to practice
sequently their details. Our teaching municative and creative work; on line implies they should find out
should follow the principle of lan- the technical features of the online
guage as communication. Why don’t you challenge your stu- platform, thus helping them to deve-
This is possible, especially in a lower dents to present a multimedia lop their digital literacy.
secondary school, as learners are still project on Climate Change? Therefore, teachers can teach global
developing intellectually and cogniti- They will be free to tackle the issue skills and prepare learners for a suc-
vely and, at the same time, they are through video-interviews, adverti- cessful life:
learning English, unlike adult learners sements, songs, drawings and cap- ‡ become aware that we have an
who have already reached their full tions, arts and crafts products, ppts instrument to evaluate our own
cognitive development when they start with research results, posters on the teaching and make adjustments
learning a new language. topic, videos with pictures and com- and changes if necessary, but we
As a consequence, we could/should: ments, self-made videos with tips to should not feel “judged” through
‡ integrate INVALSI into our lessons a save the earth… the test results;
little at a time and very often (in a ‡ become aware that the UNESCO’s
gradual and steady way); four pillars of education – learning
‡ create our own “mock test” with to know, learning to do, learning
exercises organised into progres- to be, and learning to live together
sive levels of difficulty; – are a means to reshape educa-
‡ collect materials from different tion5. Communicative and humani-
websites and publishing houses stic language teaching represents
and allow learners to access the li- a great contribution to this.
stening/reading material in a sim-
ple way (see an example at app.we-
school.com/.../wall (enter with your
account) where the personal board
you create becomes a formative-in- 4 Global Education and Skills
Forum DUBAI 2019: www.
formative collector to prepare IN-
educationandskillsforum.org/
VALSI); programme
‡ provide dyslexic students with an A T-shirt designed by two 2nd year The five clusters of global skills:
audio version of all the reading lower secondary students, related Communication and collaboration;
texts to support pronunciation and to the topic of pollution and Creativity and critical thinking;
climate change. Intercultural competence and
comprehension;
citizenship; Emotional self-regulation
‡ make students aware that in order and wellbeing; Digital literacies.
to understand the main information ‡ show our students that preparing
See: elt.oup.com/feature/.../
while listening, they should focus on for the national test by INVALSI 5 You can get an insight and some
content words – those providing im- may contribute to the achievement practical ideas on how to develop
portant information – rather than on of all the new global skills. global skills at the online space
dedicated to INVALSI: app.weschool.
function words – those linking the Tackling the test techniques not only com/.../641171 (enter with your
information only; promotes learners’ confidence, but account).

Sd 30 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Inglese

Foreign language British Institutes platform – and you will find more
certification bodies Gatehouse Awards Ltd than you can imagine).
www.gatehouseawards.org ‡ Follow webinars and online courses,
INVALSI is a new compulsory certifica-
moocs (Massive Open Online Cour-
tion for “terza media” school-leaving LanguageCert
ses) included, and your competence
examinations but there are other forms Suite 10, 121/122 Sloane Street, London,
will gradually foster your profes-
of certificates to assess and certify the SW1X 9BW
sional creativity (and the other way
English language competence. www.languagecert.org
round).
The Italian Ministry of Education relea- ESaT Malta ‡ Design a wiki page using a Google
sed the following list of accredited bo- Level 2 The Forum, Constitution Street, document or a Microsoft for schools
ards and institutes to certify the level of Mosta MST 9051 word page: all learners will be able
English mastery at any level6. Malta - e mail: customercare@esat- to collaborate and edit by adding
Cambridge Assessment English malta.org possible questions and answers and
1, Hills Road, Cambridge, CB1 2EU, UK Michigan State University (MSU) trying to imagine their oral exams.
www.cambridgeenglish.it elc.msu.edu ‡ Create occasions for oral mock
City and Guilds (Pitman) elc@msu.edu exams where one student is the exa-
1, Giltspur Street, London, EC1A 9DD, UK minee and you and the class mem-
For lower secondary schools, the most
Edexcel /Pearson Ltd bers are the examiner(s). Students
common optional certificates are from
190, High Holborn, London, WC1V 78H, like performing as teachers and as
CAMBRIDGE and TRINITY.
UK such they will be using language
Each certificate focuses on a specific
more spontaneously!
Educational Testing Service (ETS) level of the Common European Fra-
‡ Ask your students to film a short vi-
www.ets.org mework of Reference (CEFR): Cambri-
deo imitating an English examiner
English Speaking Board (ESB) dge exams focus on the four skills, the
testing a foreign student.
9, Hattersley Court, Burscough Road, exams are based on real-life situations,
‡ Suggest recording one’s voice while
Ormskirk L39 2AY, UK thus helping learners develop the skills
talking about a favourite topic or
they need to communicate effectively.
International English Language Testing answering personal questions on
Trinity GESE exams focus on two skills
System (IELTS) chosen topics.
(listening and speaking/interacting) to
1 Hills Road, Cambridge, CB1 2EU, UK
develop communicative English for use Needless to say the more you persona-
Pearson – LCCI in real life. lize, the more creativity you ask from
Pearson – EDI Some tips which could be helpful: your students, the better results you
Trinity College London (TCL) ‡ Access www.trinitycollege.com/.../ will achieve. Don’t forget to analyse
The Blue Fin Building, 110 Southwark GESE-grades-4-6-elementary-re- your learners’ INVALSI test results at
Street, London SE1 OTA, UK sources to examine Trinity resour- the end of June: you should find useful
www.trinitycollege.it ces to practice speaking through feedback for your teaching. Good luck
worksheets, games, videos and mock to all learners and teachers!
Department of English, Faculty of Arts
exams; log in at www.cambridgeen-
- University of Malta
glish.org/.../resources-for-teachers
Tal-Qroqq, Msida MSD 2080, Malta
to make your students familiarize
National Qualifications Authority of with the Cambridge tests and their
Ireland - Accreditation and Coordina- objectives.
tion of English Language Services (NQAI ‡ Visit all publishing houses websites,
- ACELS) they all have free useful resources
5th Floor Jervis House, Jervis Street, Du- which you can exploit.
blin 1, Ireland ‡ Join online communities of teachers
Ascentis who are willing to exchange opinions
AIM Awards and experiences (even Facebook is a
precious resource).
Learning Resource Network (LRN)
‡ Never forget to check training op-
www.lrnglobal.org
portunities from Trinity and Cam-
bridge, from the publishing houses,
6 See www.miur.gov.it/enti-certificatori- from online associations (check so-
lingue-straniere fia.istruzione.it – the MIUR training

Sd 31 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Francese
Percorso verticale per le classi prima, seconda, terza

Andando verso l’Oceano:


la Nouvelle-Aquitaine
Giovanni Favata

Docente di lingua Francese,


Università degli Studi di Torino
Politecnico di Torino

Introduzione
Obiettivi t 4WJMVQQPEJBCJMJUËSJDFUUJWFEFMMBMJOHVBTDSJUUB
In questo mese, il nostro viaggio lungo linguistici t 4WJMVQQPEJBCJMJUËQSPEVUUJWFPSBMJ
il perimetro dell’Esagono continua t 4WJMVQQPEJDPNQFUFO[FNFUBMJOHVJTUJDIF
verso sud-ovest. Iniziando la risalita t *OUSPEV[JPOFBMMJOUFSDPNQSFOTJPOFMJOHVJTUJDB
della Francia, viaggeremo all’interno Obiettivi t "QQSFOEJNFOUPEJOP[JPOJTVNBOJGFTUB[JPOJDVMUVSBMJMFHBUF
della Nouvelle-Aquitaine, ossia la re- culturali all’ambiente.
gione amministrativa più estesa della t "QQSFOEJNFOUPEJDPOUFOVUJTUPSJDJJOMJOHVBGSBODFTF
nazione.
Scopriremo aspetti relativi alla natura e
alla storia di questa regione attraverso Activités de motivation Unità 1
l’analisi di due testi scritti.
Le due Unità di lavoro sono pensate per Anche per presentare questa regione, Indicazioni didattiche
tutte e tre le classi, ma il docente potrà si consiglia l’uso di una carta geografica
Dopo le brevi attività di motivazione,
selezionare quali esercizi fare svolgere per mostrare agli alunni la posizione
agli allievi si presenterà il testo web
agli alunni di prima, di seconda e di della Nouvelle-Aquitaine all’interno
Fête de la nature en Nouvelle-Aqui-
terza. della Francia. Il docente chiederà agli
taine nella sua globalità per svolgere
allievi di fare delle ipotesi sulle moti-
le attività di comprensione.
vazioni del nome “Nouvelle Aquitaine”,
APPROFONDIMENTO
in particolare sul perché dell’aggettivo Paragraphe 1: Fête de la nature en
La Nouvelle-Aquitaine è nata dalla Nouvelle.
fusione delle tre vecchie regioni
nouvelle-aquitaine
Avendo già appreso le nozioni relative
Aquitaine, Limousin, Poitou-Cha- alla riforma territoriale delle regioni, gli
rente, avvenuta dopo la riforma Exercices
alunni dovrebbero intuire da soli che de compréhension
territoriale del 2015 ed entrata in questa è nata dalla fusione di altre re-
vigore nel 2016. gioni già esistenti prima della suddetta Cochez la bonne réponse!
riforma. La fête de la nature dure
quinze jours
une semaine
cinq jours
La fête de la nature a lieu au mois de
septembre
mai
mars
La fête de la nature
c’est seulement pour les jeunes
c’est pour tous les Français
c’est seulement une fête pour les
retraités

Sd 32 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2019ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Francese

Introduction La fête de la Nature est célébrée aussi Travaux pratiques


à l’intercompréhension en Espagne et au Portugal
en Suisse et aux Pays-Bas Faites une ligne du temps et insérez
Repérez dans le texte français les les dates et les événements marqués
en Irlande et en Écosse
phrases suivantes. dans le texte!
La festa della Natura è un evento na-
Unità 2 Choisissez une période historique et
zionale che propone di celebrare la
faites une recherche écrite sur l’histo-
natura. Indicazioni didattiche
ire de la Nouvelle-Aquitaine dans la
Gli innamorati hanno San Valentino. Questa seconda Unità mira a trasmet- période choisie. Présentez votre exposé
La festa della Natura ci fa scoprire una tere agli alunni delle conoscenze stori- oral à la classe!
natura discreta e misteriosa. che attraverso la lingua straniera.
I ragazzi, infatti, lavoreranno con un Conclusioni
Paragraphe 2: C’est quoi cette fête? testo autentico che riassume il conte-
nuto di un libro di storia: Histoire de Con lo svolgimento delle attività delle
Exercice due Unità di lavoro gli alunni cono-
de compréhension la Nouvelle-Aquitaine. Des anciens
territoires à la région. sceranno una nuova regione sotto
Vrai ou faux? diversi punti di vista. Per potenziare
La Fête de la Nature a lieu la loro motivazione, sarebbe utile
tous les deux ans V F mostrare delle immagini o dei brevi
On organise plus de 800 000 video, anche senza testi parlati, tratti
manifestations V F da internet relativi agli stessi argo-
Il y a des manifestations aussi menti.
en Outre-Mer V F Per uno sviluppo consapevole delle
competenze metalinguistiche, inoltre,
Paragraphe 3: Le thème 2019 ? «La na-
sarà cura del docente fare in modo
ture en mouvement» Exercices che gli alunni si possano esercitare
Exercices de compréhension sugli argomenti trattati nei riquadri
de compréhension Cochez la bonne réponse! Coin de grammaire. Tali competenze
Vrai ou faux? Élionor d’Aquitaine était la ….................... metalinguistiche dovranno essere svi-
Chaque année le thème est de Richard Coeur de Lion luppate mentre si imparano i conte-
toujours le même V F belle-mère nuti in lingua francese affinché possa
On doit ouvrir les portes mère avere luogo un apprendimento signi-
des jardins de la biodiversité V F fille ficativo.

Le roi qui a vaincu la Guyenne an-


Exercices glaise est
d’intercompréhension Charles VII
Repérez dans le texte français les le Prince Noir
expressions suivantes Louis XIV Bibliografia
La natura si muove senza sosta. Les anciennes régions qui forment t P.E. Balboni, Le sfide di Babele.
Convivialità e condivisione tra vicini. aujourd’hui la Nouvelle-Aquitaine sont Insegnare le lingue nelle società
nées complesse, UTET, Torino 2008.
Paragraphes 4-5: Un événement en 1800 t A. Benucci (a cura di), Le
grand public, national et festif du 22 au début de la Révolution lingue romanze. Una guida per
au 26 mai 2019 en 1956 l’intercomprensione, UTET, Torino,
2005.
Exercices
Coin grammaire t A. Benucci (a cura di),
de compréhension
Le date nella storia L’intercomprensione: il contributo
Cochez la bonne réponse! Davanti agli anni non si mette mai italiano, UTET, Torino 2015.
Les principes fondamentaux de la fête l’articolo. t G. Favata, L’intercomprensione
de la Nature sont Davanti agli anni si mette la linguistica a scuola: capire le lingue che
4 5 3 preposizione semplice en. si parlano e che si studiano, in “Scuola
Davanti ai secoli si mette la e Didattica”, n. 5, 2019, pp. 21-24,
La fête de la Nature a été établie en
preposizione au. Editrice La Scuola.
2004 2005 2007

Sd 33 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Tedesco
Percorso verticale per le classi prima, seconda, terza

Die Wortschatztruhe
Anita Groeger

Docente di Lingua tedesca, Consulente scientifico


e didattica, Goethe Institut

Competenze t 6TBSFJMEJ[JPOBSJPJONPEPNJSBUP
t 0SHBOJ[[BSFJMMFTTJDPOVPWPJONPEPFGýDBDFF
autonomo.
t "QQMJDBSFTUSBUFHJFEJBQQSFOEJNFOUPWJTVBMJ[[BSFF
contestualizzare il lessico.
t 3JTPMWFSFEFJDPNQJUJJOcooperative learning.
Comprendere il modo in cui è orga- Obiettivi formativi t $PNQSFOEFSFMBTUSVUUVSBEJVOEJ[JPOBSJP
nizzato un dizionario ci permette di t $POPTDFSFJDPODFUUJEJcollocazione e famiglia lessicale.
trovare con più velocità ed efficacia le t $POPTDFSFJMDPODFUUPEJpolisemia.
informazioni che cerchiamo, avendo
come obiettivo una comunicazione ri-
uscita. Il dizionario ha la funzione di Materiali occorrenti Wortschatzsuche
“scrigno lessicale” (Wortschatztruhe) Poster grandi, pennarelli colorati, Sapersi orientare nel dizionario e com-
che rivela i sui tesori a chi sa mettere in nastro adesivo, cartoncini A4 (tutti prendere la sua struttura sono due
pratica quella conoscenza di un valore dello stesso colore). aspetti fondamentali per riuscire a
inestimabile. usarlo in modo efficace. Per allenarsi
L’Unità propone vari aspetti lessicali, Rätsel alla ricerca mirata di informazioni si
tra cui il fenomeno della polisemia lavora individualmente o in coppia: nel
L‘Unità prende avvio con l’indovinello
(Polysemie), che indica la caratteristica successivo esercizio 1 bisogna ristabi-
Wer bin ich? di origine popolare che
di una parola di portare significati di- lire l’ordine dei lemmi e confrontare
porta l’attenzione sul fenomeno della
versi, e il concetto di famiglia lessicale poi la propria soluzione con quella
polisemia. Si consiglia di leggere e tra-
(Wortfamilie) che raggruppa lessemi del dizionario; nell’esercizio 2 si dovrà
durre l’indovinello prima in classe.
con la stessa radice. Entrambi possono identificare il lemma non esistente in
Successivamente si formano delle
servire per acquisire il lessico in modo ognuno dei quattro gruppi di parole.
squadre per elaborarlo verso per verso
attivo: cercando vocaboli e le loro col-
e con l’aiuto del dizionario. Cercando
locazioni (Kollokationen) nel dizionario
i vari significati degli elementi chiave
e creando nessi associativi per inte-
(Flügel, Rücken, Bein, laufen, Brille) si
grare le parole nuove nei contesti già
potrà arrivare alla soluzione conclu-
consolidati.
dendo che sono tutti connessi con
Questa Unità punta sulle strategie di
Nase.
apprendimento. Si propongono esercizi
che stimolano l’abilità di cercare, orga- Wer bin ich?
nizzare e visualizzare il lessico nuovo. Ich habe zwei Flügel, aber ich kann
L’approccio ludico, dall’indovinello al nicht fliegen.
Wortschatz-Memory, mira a facilitare Ich habe einen Rücken, aber ich kann
il processo di memorizzazione a me- nicht liegen.
dio e lungo termine. La ‘ciurma’ degli Ich habe ein Bein, aber ich kann nicht
studenti affronterà dunque una serie stehen.
di sfide per mettere alla prova la si- Ich kann laufen, aber nicht gehen.
nergetica collaborazione, la creatività e Ich trag eine Brille, aber ich kann nicht
l’abilità nel servirsi del dizionario. sehen.

Sd 34 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Tedesco
Esercizio 1. Setze die Wörter in die ‡ loro visualizzazione creativa sulla lavagna;
richtige Reihenfolge! ‡ esposizione sulla LIM o su poster;
‡ elaborazione di contesti.
1 Nation
2 nass
3 nah
4 näseln die Tragfläche beantragen

5 Nasenloch -Ein Flugzeug hat zwei Tragflächen, -Ich muss einen Reisepass beantragen!

6 Nashorn der Trager,die Trägerin hinaustragen


7 Nationalpark -Die Trägerin nimmt meinen Koffer. -Kannust du den Müll hinaustragen?
8 Natur -Wo sind meine Hosenträger?

9 Nase Tragen
10 Narr
Tragbar tragend
11 naschen
-Ein Handy ist ein tragbares Telefon. -Tragende Mauren stützen das Haus.
12 Natter
13 naseweis erträglich <-> unerträglich nachtragend

Nasenspitze -Dieser Lärm ist unerträglich! -Warum bist du so nachtragend?


14 -Der Schmerz ist erträglich.
15 naselang
16 Nasenbluten

Esercizio 2. Welches Wort existiert nicht? Kollokationen Es handelt sich zwar um eine Sage,
Fliege – fliegen – Flügel – Flug – Ogni parola può avere diversi significati aber bis ……………….. suchen Schatzsu-
Fliegel – Flugzeug in base al contesto in cui viene usata. cher danach.
Il dizionario ci aiuta a individuare heute
Liege – liegbar – liegen – liegenbleiben quei contesti, soprattutto se propone Gegenwart
– Liegeplatz - Liegewagen esempi orientati alle collocazioni, aktuell
Stehlampe – stehen – stehend – cioè le combinazioni tra un lemma e
Manche vermuten den Schatz an einer
Stand – Stehfuß - Standbein le parole che solitamente compaiono
Stelle im Fluss in der ……………….. von
insieme. Il compito di mettersi alla ri-
Worms, bei Lochheim.
Secht – sehen – Aussicht – sehend – cerca della parola giusta serve perciò
Bindung
Sehenswürdigkeit - Seher a diventare abili ricercatori linguistici.
Nähe
In questo modo si scopriranno, grazie
Atmosphäre
Wortfamilie al dizionario, le informazioni mancanti
sul tesoro dei Nibelunghi (Nibelungen). Andere halten die Einmündung des
Creare un nesso associativo tra i voca-
Flusses Weschnitz in den Rhein für den
boli, sia nuovi che già conosciuti, aiuta
Welches Wort ist das richtige? ……………….. Ort.
nella loro memorizzazione. Ci sono vari
Das Nibelungenlied erzählt von einem richtigen
modi per farlo, tra cui l’organizzazione
riesigen ……………….. von 50 Tonnen korrigierten
di vocaboli sotto forma di famiglia les-
Gold und Edelsteinen. gerechten
sicale (Wortfamilie, Lexemverband), ov-
Liebling
vero delle parole con la stessa radice Diese Theorien sind problematisch,
Schatz
(p.e. Fliege, fliegen, Flieger, Flug ecc.). denn der Rhein verläuft heute anders
Beute
L’insegnante propone un verbo (nell’e- als zur … der Nibelungen.
sempio della mappa in alto è tragen) Der Held Hagen ……………….. ihn von Kri- Jahr
e con esso la famiglia lessicale da ela- emhild und versenkt ihn irgendwo im Uhr
borare. Fluss Rhein. Zeit
L’esercizio comprende più fasi: plündert
‡ ricerca di lessemi nel dizionario, che entführt
potrà essere svolta in coppia; raubt

Sd 35 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Tedesco
Einige Schatzsucher ……………….. dage- Nella prima fase si lavora in coppia: Nella fase successiva l’insegnante
gen in den Höhlen von Wormersdorf a ogni gruppo viene assegnato un so- propone un Memory sulla base dei
nach dem Gold. stantivo polisemico. Ogni team avrà il disegni elaborati: si consiglia di gio-
suchen compito di individuarne, con l’aiuto del care in quattro. Una volta stabilita la
prüfen dizionario, due significati diversi e tra- grandezza dei cartoncini per il gioco,
untersuchen durli in italiano. I significati saranno vi- ogni alunno/a ne taglia e disegna il
sualizzati con un disegno su un poster, proprio significato in numero suffi-
Bei Arbeiten in einem Nebenarm des sopra il quale si scrive ben visibile il ciente per tutte le squadre, più uno
Rheins ……………….. man 1967 einen lemma tedesco. Le coppie presentano il per l’insegnante che potrà farne una
„Barbarenschatz“, darunter vor allem loro poster alla classe cercando di cre- scansione da mettere a disposizione di
alltägliche Gegenstände aus Kupfer are un nesso associativo tra significati tutti. In questo modo il Memory potrà
und Eisen. (Wie merke ich mir das?). essere giocato anche a casa e durante
erkennt besichtigt entdeckt le lezioni successive per consolidare il
Principi costitutivi lessico acquisito.
Vermutlich kam es nach einem ale-
mannischen Raubzug im Jahr 260 dort Bank (f.) Geist (m.)
zum Kampf mit den Römern, und so Percorso valutativo
Birne (f.) Gericht (n.)
versank die ……………….. im Fluss. Blüte (f.) Golf (m.) La valutazione riguarda la qualità dei
Opfer vari elaborati, l’impegno nel lavoro
Boxer (m.) Hahn (m.)
Beute collaborativo oltre al compito svolto a
Diebstahl Bremse (f.) Hering (m.) casa per il quale si chiede di scrivere
Bulle (m.) Karte (f.) una breve storia in cui:
……………….. den Nibelungenschatz han- Decke (f.) Läufer (m.) ‡ si usano due dei sostantivi polise-
delt es sich aber wahrscheinlich nicht, mici imparati a lezione;
Eis (n.) Maus (f.)
denn Gold und Edelsteine sind nicht ‡ emergono i significati diversi di en-
dabei. Erde (f.) Mutter (f.)
trambi i sostantivi scelti.
Von Eselsohr (n.) Nadel (f.)
Über Feder (f.) Nagel (m.) Per la valutazione del compito è fon-
Um Fliege (f.) Note (f.) damentale la capacità di formulare
brevi testi comprensibili, coerenti e
Flügel (m.) Pass (m.)
Wortschatz-Memory grammaticalmente corretti e di appli-
Schale (f.) care il lessico acquisito.
Ci sono sostantivi che portano più si-
gnificati ben diversi tra loro, – o per- Schlange (f.)
ché si tratta di casi di polisemia o di Schloss (n.)
omonimia. Per portare l’attenzione Strom (m.)
degli studenti sul fenomeno e per me- Strudel (m.)
morizzare meglio quei significati diffe- Zug (m.)
renti, si propone una combinazione di

ricerca e di gioco.

Sd 36 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Spagnolo

Insegnare a studiare
in lingua straniera Paolo Nitti

Docente di lingua spagnola,


Politecnico di Torino

Finalità Si propongono alcuni suggerimenti per lo sviluppo delle abilità


di studio in lingua straniera.
Obiettivi Partendo dalla dimensione testuale, si passerà a indicare alcune
formativi soluzioni per lo sviluppo delle abilità di studio.
Percorso Si prevedono alcuni esercizi per sviluppare le abilità di studio
didattico e di riflessione sulla lingua.
Percorso Le attività e gli esercizi di questa proposta non sono pensati
valutativo per un fine valutativo di tipo sommativo, in quanto l’articolo
mira a proporre suggerimenti per lo sviluppo della competenza
pragmatica, all’interno delle lezioni di lingua spagnola.
Ogni attività prevede momenti di valutazione in itinere collegati
al buon andamento della didattica; occorrerebbe strutturare dei
questionari, preferibilmente in forma anonima, per accertarsi
che il momento formativo sia stato significativo e soprattutto
piacevole.

Le abilità di studio mente diffusi in merito alla compe- All’interno di questo contributo ci si
Per gli apprendenti bambini e prea- tenza testuale degli apprendenti (No- concentrerà sulle strategie relative
dolescenti l’incontro con le discipline tarbartolo 2014). agli ultimi due punti considerati da
può risultare complesso e piuttosto A meno che non si verifichi una situa- Ferrari. Si proporranno alcuni conte-
articolato, poiché le materie scola- zione di apprendimento di una lingua nuti testuali di carattere disciplinare,
stiche richiedono l’attivazione della seconda, l’apprendente di scuola se- suddivisi per le tre classi e si presen-
microlingua disciplinare e lo sviluppo condaria di I grado non studia in una teranno alcune tecniche di facilita-
delle abilità di studio. lingua differente dalla propria, tutta- zione.
All’interno della società della cono- via l’ordine di istruzione successivo, A questo proposito, è opportuno di-
scenza, inoltre, si assiste a un cam- ovvero la scuola secondaria di II grado, stinguere fra le strategie orientate
biamento in merito all’accesso alle richiederà lo studio di contenuti in lin- alla facilitazione e quelle rivolte alla
informazioni da parte degli individui: gua straniera (Serragiotto 2014). semplificazione di un materiale lin-
è possibile reperire su internet qual- In effetti, al fine di sviluppare le abilità guistico. Mentre le prime fanno ri-
siasi contenuto molto velocemente, di studio, il «compito della scuola dun- ferimento a una serie di mediatori
raggiungendo con un’elevata facilità que è elaborare strategie operative […] che permettono di accedere al testo,
l’obiettivo della ricerca. ponendosi almeno tre obiettivi: senza modificarlo, le seconde alterano
È cambiata anche la modalità di let- ‡ colmare le eventuali lacune pre- la struttura testuale rendendola più
tura: la fruizione veloce, in moda- gresse; semplice. I due processi sono decisa-
lità digitale, attiva principalmente ‡ rendere i contenuti delle discipline mente differenti e occorrerebbe va-
le competenze di selezione parziale accessibili anche a chi ha una com- lutare con cautela quale adoperare,
delle informazioni (scanning), men- petenza linguistica limitata; considerando che, in linea di principio,
tre quelle di comprensione globale di ‡ favorire l’apprendimento […] e l’in- qualsiasi tentativo di semplificazione
un testo (skimming) rappresentano dipendenza nello studio» (Ferrari tenderà a rinegoziare e, dunque, ad al-
alcuni tra i punti di fragilità maggior- 2005 [In lori]). terare la natura originaria di un testo.

Sd 37 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Spagnolo

Classe prima
Comprender la microlengua
Obiettivi t 1SFTFOUB[JPOFEFMMFTTJDPSFMBUJWPBMDBNQPTFNBOUJDPEFMMB c. La Cordillera Cantábrica ocupa todo
geografia. el norte de la península.
t *ODSFNFOUPEFMMFBCJMJUËDPOUSBTUJWFFSJDFUUJWF d. El este de la península está ocupado
t "NQMJBNFOUPEFMMFTUSBUFHJFQFSTPOBMJEJSJþFTTJPOFTVMMBMJOHVB por el Sistema Ibérico.
t 4WJMVQQPEFMMFBCJMJUËEJTUVEJP e. En cuanto al sur, encontramos
Tempo 20-30 minuti. Sierra Morena.
f. En el centro, dentro de la Meseta
central nos encontramos con los
Montes de Toledo y el Sistema
Central.
g. En las Islas Canarias, aunque
estén fuera de la península,
encontramos montañas de origen
volcánico muy destacables.
El léxico de la geografía En España, casi la mitad del territorio Dentro de estos sistemas montañosos
está repleto de sistemas montañosos, se encuentran las montañas más
Si chiede alla classe, divisa in coppie
de hecho es uno de los países más altas de España, superando todas los
o in gruppi di tre, di identificare le pa-
montañosos de Europa. Entre 3.000 metros. Aun así, no debemos
role connesse con la sfera semantica
todos estos sistemas montañosos olvidarnos de que existen otros
della geografia e di definirle in lingua encontramos numerosos picos, aun
straniera attraverso l’utilizzo di un vo- sistemas montañosos en España como:
así ninguno de ellos alcanza alturas Cordillera Costero-Catalana, Islas
cabolario cartaceo o elettronico. asombrosas: Baleares y el Macizo Galaico.
TRACCIA ¡Identificad en parejas todas a. En el nordeste de la península
las palabras relacionadas con el léxico encontramos Los Pirineos. (Tratto da Las montañas más altas de
b. Los Sistemas Béticos se encuentran España e adattato all’uso didattico, ultima
de la geografía y buscad la definición consultazione 15/12/2019)
en el vocabulario! en el sureste peninsular.

Classe seconda
Entrenar la memoria
Obiettivi t *ODSFNFOUPEFMMFBCJMJUËDPOUSBTUJWFFSJDFUUJWF
t "NQMJBNFOUPEFMMFTUSBUFHJFQFSTPOBMJEJSJþFTTJPOFTVMMBMJOHVB
t 4WJMVQQPEFMMFBCJMJUËEJTUVEJP
Tempo 40-50 minuti.

Las fechas Una volta discusse le modalità in forma


plenaria, si chiede agli studenti, divisi
Dopo aver letto con il gruppo classe
in coppie, di elaborare una tabella con-
il testo, si chiede individualmente agli
tenente le date e gli avvenimenti e di
studenti di pensare a una strategia per
memorizzarli per mezzo delle tecniche
la memorizzazione delle date conte-
affrontate in precedenza.
nute all’interno, illustrando alcune mo-
dalità comuni: associazione con date TRACCIA ¡Pensad a una forma de me-
importanti e con numeri frequenti nella morización de las fechas, poned los
vita dell’individuo. datos en una tabla y estudiad!

Sd 38 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Spagnolo

Para saber el origen de los visigodos lo que estaba tutelado por Estilicon destituyeran a Honorio y colocasen
tenemos que remontarnos al año (de origen bárbaro) quién en el año a Prisco y así lo hizo el Senado, pero
370 cuando los hunos comenzaron el 402 vencía a las tropas de Alarico, la negativa proveniente de África
avance desde las estepas de Asia hacia llegando a su campamento y tomando hizo que también fuera destituido el
Europa, empujando así a una serie de un gran botín y haciendo de rehenes emperador. El 10 de agosto del 410
pueblos bárbaros que se encontraban a la familia del rey visigodo. A raíz de Roma era saqueada por tercera vez e
entre ellos y el Imperio Romano. esto Alarico decide retirarse, pero en incendiada, tras esto intentó tomar
Uno de esos pueblos fueron los el año 408 volvió a Roma y esta fue unos barcos e ir a África para acabar
visigodos, los cuales pidieron al saqueada por sus tropas y los esclavos con la sublevación pero enfermó y
emperador Flavio Julio Valente que en ella habitaban fueron liberados, murió.
(emperador del Imperio Romano de pasando la mayoría de forma libre a
Oriente) pasar la frontera romana pertenecer al ejército del rey visigodo. (Tratto da Origen de los visigodos,
para poder encontrar defensa ante el Al año siguiente exigió a Roma que ultima consultazione 15/12/2019)
movimiento de pueblos mucho más
belicosos que ellos. Este concedió el
paso asentándolos en Tracia, pero la
impericia y maldad de los funcionarios Classe terza
imperiales sobre dicho pueblo, provocó
una sublevación. Esto hizo que el
mismo emperador se pusiera al frente Comprender un texto
de la batalla, en la cual resultó herido y
más tarde murió quemado (hecho que Obiettivi t *ODSFNFOUPEFMMFBCJMJUËDPOUSBTUJWFFSJDFUUJWF
conmocionó a los romanos, por ser el t "NQMJBNFOUPEFMMFTUSBUFHJFQFSTPOBMJEJSJþFTTJPOFTVMMBMJOHVB
primer emperador asesinado por unos t 4WJMVQQPFEFTQBOTJPOFEFMMFBCJMJUËEJTUVEJP
bárbaros), este hecho ocurrió en la
Tempo 40 minuti.
Batalla de Adrianápolis en el 378.
En el año 382 el emperador
Teodosio firmó un nuevo tratado Dividir un texto en del IPC publicada en España es de
por el cual pasaban a ser una secuencias noviembre de 2019 y fue del 0,4%.
nación independiente asentada
La classe, organizzata in gruppi di 3-4 España destaca por estar entre los
entre el Danubio y el Hemus, a
apprendenti, dovrà dividere il testo in países con mayor tasa de desempleo
cambio le proporcionarían reclutas
sequenze comunicative, così da poterlo del mundo
al ejército. Pero en el 395, Alarico
riassumere e studiare.
Hay algunas variables que pueden
(rey de los visigodos) rompió el
ayudarle a conocer algo más si va a
pacto aprovechando la coyuntura TRACCIA ¿Cuáles son las secuencias de viajar a España o simplemente quiere
política por la cual exigió más
este texto? saber más sobre el nivel de vida de sus
tierras, concediéndoles el Epiro y
habitantes.
el Ililicum. Tras esto en el año 400
España, situada en el sur de Europa, El PIB per cápita es un muy buen
decidió marchar hacia occidente,
tiene una superficie de 505.935 km2. indicador del nivel de vida y en el caso
donde encontraremos al emperador
España, con una población de de España, en 2018, fue de 25.730€
Honorio, el cual tenía 11 años por
46.934.632 personas, se encuentra en euros, por lo que se encuentra en el
la posición 30 de la tabla de población, puesto 34 de los 196 países del ranking
compuesta por 196 países y presenta de PIB per cápita.
una moderada densidad de población, En cuanto al Índice de Desarrollo
93 habitantes por Km2. Humano o IDH, que elabora las
Su capital es Madrid y su moneda Naciones Unidas para medir el
Euros. progreso de un país y que en definitiva
España es la economía número 14 por nos muestra el nivel de vida de sus
volumen de PIB. Su deuda pública en habitantes, indica que los españoles
2018 fue de 1.173.348 millones de tienen una buena calidad de vida.
euros, con una deuda del 97,6% del Si la razón para visitar España son
PIB. Su deuda per cápita es de 24.999€ negocios, es útil saber que España
euros por habitante. se encuentra en el 30° puesto de los
La última tasa de variación anual 190 que conforman el ranking Doing

Sd 39 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Spagnolo

Business, que clasifica los países según la facilidad que ofrecen para hacer negocios.
En cuanto al Índice de Percepción de la Corrupción del sector público en España ha
sido de 58 puntos, así pues, se encuentra en el puesto 41 del ranking de percepción
de corrupción formado por 180 países.
En las tablas de la parte inferior de la página puede ampliar información sobre la
economía y demografía de España y si quiere ver información sobre cualquier otro
país puede hacerlo desde economía países.

(Testo tratto da España: Economía y demografía, ultima consultazione 15/12/2019)

Obiettivi t *ODSFNFOUPEFMMFBCJMJUËDPOUSBTUJWFFSJDFUUJWF
t "NQMJBNFOUPEFMMFTUSBUFHJFQFSTPOBMJEJSJþFTTJPOFTVMMBMJOHVB
t 4WJMVQQPFEFTQBOTJPOFEFMMFBCJMJUËEJTUVEJP
Tempo 40 minuti.

Buscar las palabras tiempo, durante el reinado de Isabel raíces en las familias reales de los
claves II, España experimentó cambios antiguos reinos cristianos hispánicos
de gran trascendencia económica, de la Alta Edad Media, se adscribieron
La classe, divisa in gruppi di 3-4 ap-
política y social, al establecer sistemas en cada periodo histórico diferentes
prendenti, dovrà individuare le parole
monetario, hacendístico e institucional casas dinásticas, cada una de ellas
chiave contenute nel testo, così da po-
propicios a fomentar un proceso de con un apellido específico con el
terlo riassumere e studiare.
industrialización fundado en los que se designó a la familia real. Así,
TRACCIA ¿Cuáles son las palabras cla- grandes cambios en los transportes aunque se admite convencionalmente
ves de este texto? (especialmente con el ferrocarril) y desde criterios clasificatorios e
y en las comunicaciones, y con una historiográficos que sobre la totalidad
El tránsito del Antiguo Régimen al legislación que favoreció la creatividad de España desde su unificación han
Estado Liberal es también el tránsito y las iniciativas empresariales. reinado las Casas de Trastámara,
de la soberanía como competencia El periodo de la Restauración iniciado Austria y Borbón, en realidad existe
del Rey a la soberanía como atributo en 1875 con Alfonso XII acabó en una continuidad dinástica y de linaje
exclusivo de la Nación y así se 1931 con la proclamación de la II que liga genealógicamente al actual
estableció en Cádiz con la Constitución República y el final del reinado de titular de la Corona de España, S. M. el
de 1812. En ese proceso de traslación Alfonso XIII. Fueron años de gran Rey Don Felipe VI, con la generalidad
de la titularidad de la soberanía hacia crecimiento económico fundado de los Reyes españoles de las Edades
el pueblo, el monarca se afirmó como en la industrialización de España, Moderna y Contemporánea y con los
la máxima representación institucional favorecido por la neutralidad durante más remotos monarcas de los reinos
y personal de la Nación soberana. la primera guerra mundial. En 1947, medievales peninsulares.
Esta traslación es fundamental para ocho años después del final de la
comprender la identidad final del Rey Guerra Civil Española y en pleno (Testo tratto da España: Economía y demo-
en la actualidad como Jefe del Estado y régimen dictatorial, se estableció grafía, ultima consultazione 28/01/2020)
representante máximo de la Nación en por Ley que España era un Estado
la cual reside la soberanía. constituido en Reino.
A la muerte de Fernando VII y El acceso de Su Majestad el Rey Bibliografia
en tiempos de su viuda, la Reina Don Juan Carlos I a la Jefatura del t B. Iori (a cura di), L’italiano e le altre
Gobernadora María Cristina de Estado en 1975 favoreció e impulsó la lingue, Franco Angeli, Milano 2005.
Borbón, se favoreció el cambio político Transición a un régimen democrático t D. Notarbartolo, Competenze testuali
para culminar en la Constitución de de libertades plenas y a un Estado per la scuola, Carocci Editore, Roma
1837, con lo que España pasó de estar social y de Derecho consagrado en la 2014.
regida por una monarquía absoluta a Constitución de 1978. Los decenios t M. Santipolo (a cura di), Italiano L2:
que la soberanía residiera en la Nación. transcurridos desde entonces se dal curricolo alla classe, Guerra Edizioni,
El siglo XIX español —que viviría consideran los de mayor progreso Perugia 2009.
un breve periodo republicano— fue económico y social de toda la Historia t G. Serragiotto, Dalle microlingue
testigo de guerras internas entre contemporánea de España. disciplinari al CLIL, UTET, Novara 2014.
isabelinos y carlistas. Al mismo Al linaje real español, que tiene sus

Sd 40 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Storia
Stimolare la curiosità
per lo studio della storia Marina Bottacini

Docente di italiano
scuola secondaria di I grado, Verona

È noto che la curiosità è un fattore for- Classe prima


temente stimolante dal punto di vista
dell’apprendimento. Tuttavia, nello stu- Le monarchie nazionali europee
dio della storia, l’interesse per eventi
Spunto di partenza / t *OHIJMUFSSB 'SBODJB 4QBHOB (FSNBOJB *UBMJB
distanti nel tempo scatta con maggiore
Motivazione sono sempre state nazioni?
difficoltà. t 4JHOJýDBUPEJinazione”.
Per sollecitare dunque l’attenzione t /BTDJUBEFMMFQSJNFOB[JPOJ
dei ragazzi, soprattutto nella fase di-
sviluppo preadolescenziale, verso la Concetti / Temi t Monarchia nazionale.
chiave t -BMagna Charta Libertatum.
disciplina, si potrà utilmente imper-
t *MUSBNPOUPEFMMBUFPDSB[JB
niare una lezione sugli oggetti storici t -PTDPOUSPUSB'JMJQQPJM#FMMPDPOQBQB#POJGBDJP7***
(reperti, fotografie, manufatti, arredi…), t -BReconquista.
in particolare quelli più bizzarri o con t -BOBTDJUBEFM3FHOPEJ4QBHOBFEFM1PSUPHBMMP
nomi originali e stravaganti. Linea del tempo Dal 1400 al 1500.
Come spunto per l’avvio di una Unità
di lavoro si mostra l’immagine dell’og- Carta geografica $BSUJOBEFMM&VSPQBDPOJOFWJEFO[BJUFSSJUPSJEJ
*OHIJMUFSSB 'SBODJB 4QBHOBF1PSUPHBMMP
getto prescelto – meglio, quando pos-
sibile, l’oggetto stesso – appartenente a Lessico Borghesia, teocrazia, simonia, scomunica,
un determinato periodo storico oppure concordato, pellegrino, mendicante, fazione,
parole e testi che risultino ai ragazzi contado, regalia, giubileo, riscuotere,
sconosciuti e strani (ad es. gnomone, amministrare, consacrare, estendere.
balaustra...). 5FSNJOJTUSBOJFSJ
Si possono collegare a questa proposta Reconquista
molte attività rivolte a tutte le classi Obiettivi t 4BQFSNFNPSJ[[BSFMFJOGPSNB[JPOJ
della scuola secondaria di I grado, di apprendimento t 0QFSBSFDPMMFHBNFOUJ
adattandole alle capacità degli alunni. t 3JFWPDBSFMFDPOPTDFO[FVUJMJ[[BOEPTDIFNJ
Ne elenchiamo alcune a titolo di esem- o mappe.
pio. t -FHHFSFFBOBMJ[[BSFGPOUJEPDVNFOUBSJFBMMPTDPQP
‡ Dato un elenco di immagini e di di ricavare informazioni.
t 3JMFWBSFDPOPTDFO[FEBGPOUJTVJUFNJTUVEJBUJ
parole, attribuire alle immagini la
t 4BQFSSJGFSJSFJONPEPDIJBSPMFDPOPTDFO[F
parola corrispondente e motivare la t 6UJMJ[[BSFTVTTJEJBVEJPWJTJWJFJOGPSNBUJDJ
scelta.
Laboratorio t "OBMJTJEFMUFTUPTUPSJDPEFMMBCPMMBUnam sanctam.
‡ Descrivere l’oggetto di cui non si co-
t 1SFQBSB[JPOFFSFDJUBEJVOEJBMPHP
nosce il nome e presentare la de-
scrizione a un compagno, che dovrà
‡ Si potranno impostare esercizi les-
indovinare di che cosa si tratta.
sicali utilizzando sia parole relative
‡ Fare una ricerca in Internet utiliz-
ad oggetti concreti sia termini che
zando l’immagine o la parola pro-
hanno riferimenti anche astratti (ad
posta per capire di che cosa si tratta;
esempio “monarchia”).
raccogliere informazioni sulla storia
dell’oggetto, il suo utilizzo, quando Negli schemi iniziali delle attività per
è stato creato o utilizzato ed even- le tre classi, le parole-stimolo su cui
tualmente in quale periodo è stato impostare il lavoro in classe sono evi-
adoperato maggiormente. denziate in grassetto.

Sd 41 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Storia

Scansione della lezione domande da sottoporre ai compa- della parola e controllore dell’organiz-
gni e risposta alle domande propo- zazione).
La complessità dell’argomento rende ste dai compagni a turno. Si chiede di sintetizzare in quadri rias-
consigliabile suddividere la lezione in ‡ Analisi del documento Unam san- suntivi come nascono gli Stati nazionali
momenti distinti, come quelli che sug- ctam in piccoli gruppi; nei seguenti Paesi: Inghilterra, Francia,
geriamo di seguito. ‡ Preparazione e recita di un dialogo. Spagna e Portogallo.
‡ Comprensione e utilizzo della pa-
rola “nazione” attraverso il con- Si organizza una recita a coppie, cre-
fronto con altri lemmi (stato, paese, Attività ando un’ambientazione nell’aula. Una
regno...). Si analizzerà il testo della bolla Unan vota steso il copione verrà simulato un
‡ Individuazione delle caratteristiche Sanctam in piccoli gruppi di tre ra- dialogo tra i due protagonisti Filippo il
peculiari di una nazione. gazzi. Ogni alunno avrà un ruolo in Bello e Bonifacio VIII.
‡ Assimilazione dei contenuti di ap- relazione al compito (lettore, segreta- Segue un brainstorming tra gli alunni
prendimento proposti; esercizi per rio e relatore) e un ruolo relazionale con risposte brevi da annotare alla
il consolidamento, formulazione di (controllore del tempo, controllore LIM.

Classe seconda
Rivoluzione americana

Spunto di partenza / (MJStati Uniti oggi sono uno Stato evoluto e simbolo della modernità e del progresso. Ma sono
Motivazione TFNQSFFTJTUJUJ µWFSPDIFMFPSJHJOJTPOPEBSJDFSDBSFJO&VSPQB 1FSRVBMJNPUJWJ
Concetti / Temi t -FQSJNFUSFEJDJcolonie, con le loro caratteristiche.
chiave t -FWJDFOEFTUPSJDIFDIFIBOOPQPSUBUPBMMBMPSPGPSNB[JPOF
t -BCostituzione americana.
Linea del tempo Linea del tempo relativa alla prima popolazione del continente americano fino al 1800.
Carta geografica t $BSUJOBEFMM"NFSJDBEFM/PSEF$BOBEB
t 5SFEJDJDPMPOJFEFM/PSE"NFSJDB
Lessico 3JWPMUB CPJDPUUBHHJP DPMPOJB DBOPB SJCFMMJPOF JOEJQFOEFO[B JOEJBOJ OPNBEF TUBUPGFEFSBMF EJSJUUJ
inalienabili, madrepatria, dichiarazione, potere legislativo, esecutivo e giudiziario.
5FSNJOJTUSBOJFSJ
Tepee, Boston tea party, Stamp act
Obiettivi t 4BQFSJOEJWJEVBSFMFDBVTFSFNPUFFWJDJOFEJVOFWFOUP
di apprendimento t 4BQFSDPOGSPOUBSFEJGGFSFOUJDJWJMUËOFMMBNCJUPEJVOEFUFSNJOBUPUFSSJUPSJP
t $POPTDFSFHMJFWFOUJQSJODJQBMJEFMMB3JWPMV[JPOFBNFSJDBOB DBVTF TWJMVQQPFDPODMVTJPOF
FMF
sue conseguenze.
t $PNQSFOEFSFJDBNCJBNFOUJQPMJUJDJEFMMBTPDJFUËBNFSJDBOBBMUFSNJOFEFMMBSJWPMV[JPOF
t 4BQFSBOBMJ[[BSF DPTÖEBJOEJWJEVBSFMFQSJODJQBMJDBSBUUFSJTUJDIFEFMMB$PTUJUV[JPOFBNFSJDBOB
t $POPTDFSFJQSJODJQJGPOEBNFOUBMJEJVOBTPDJFUËEFNPDSBUJDB
t 6UJMJ[[BSFVOMFTTJDPBQQSPQSJBUPFTQFDJýDP
t 4BQFSSJGFSJSFJONPEPFTTFO[JBMFFDIJBSPRVBOUPBQQSFTP

Laboratorio Preparazione ed esecuzione di un testo recitativo.


$SFB[JPOFEJTMPHBO

Raffigurazione del Boston Tea


Party, quando nel 1873 i coloni
rivoluzionari distrussero nel
porto di Boston un carico di tè
proveniente dall’Inghilterra.

Sd 42 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Storia

Scansione della lezione Attività Un’altra attività prevede la predispo-


La lezione andrà suddivisa, anche in Si propongono discussioni in coppia, sizione ed esecuzione recitata di un
questo caso per la complessità della con la modalità del debate, nelle quali testo in cui si “impersonano” le tredici
tematica trattata, per la complessità si confrontano le ragioni dei patrioti colonie, suddividendo i ruoli tra coppie
dell’argomento in momenti distinti che sostenevano la madre patria e (si possono raggruppare le colonie nei
comprendenti le seguenti fasi: quelle dei rivoluzionari che invece am- tre macrogruppi delle colonie del Nord,
‡ motivazione alla proposta e spie- bivano all’indipendenza; segue per ogni Centro e Sud). Tale attività permette di
gazione dell’argomento da parte coppia l’elaborazione di un canovaccio consolidare gli aspetti storici in prece-
del docente; da rappresentare alla classe. Al termine denza studiati e approfonditi. La crea-
‡ sintesi ed esposizione alla classe; della produzione scritta i gruppi si di- zione di slogan “rivendicativi” (ad es.
‡ rievocazione da parte del docente videranno in patrioti e in rivoluzionari Vogliamo stabilire a che prezzo vendere
del percorso pregresso (e nella se- e metteranno insieme le loro proposte il nostro cotone!) per l’indipendenza
conda fase proposta di nuovi con- incaricando alcuni elementi del gruppo delle colonie consente di esercitare
tenuti). a dibattere con gli avversari. competenze per la scrittura creativa.

Classe terza
La Seconda guerra mondiale

Spunto di partenza / t $PNFNBJTDPQQJBVOBTFDPOEBguerra mondiale?


Motivazione t "OBMJTJEFJMFNNJHVFSSB NPOEJBMF
Concetti / Temi t -FDBVTFEFMMBHVFSSB t -FGBTJEFMMBHVFSSB
chiave t *OVPWJFRVJMJCSJEJQMPNBUJDJ - dal 1939 al 1941
t (VFSSBUPUBMF - dal 1941 all’intervento americano
t /VPWPPSEJOF t -BWJUUPSJBEFHMJ"MMFBUJ
t 0MPDBVTUPF4IPBI t -BHVFSSBJO*UBMJB
t 3FTJTUFO[B   TCBSDPEFHMJ"MMFBUJJO4JDJMJB
- fuga di Mussolini
  MJCFSB[JPOFEFMM*UBMJB
Linea del tempo Dal 1939 al 1945.
Carta geografica $BSUBEFMM*UBMJBFQMBOJTGFSPDPOJOEJDBUJHMJ4UBUJJOUFSFTTBUJEBMDPOþJUUP
Lessico Olocausto, conquista, liberazione, patto,
resistenza, razza, alleati, sbarco, morte
bianca, bomba atomica, armistizio, resistenza,
campi di sterminio.
5FSNJOJTUSBOJFSJ
D-Day, Little Boy, Royal Air Force, Fat Man
Obiettivi t 4BQFSJOEJWJEVBSFMFDBVTFSFNPUFFWJDJOF
di apprendimento di un evento.
t $POPTDFSFMFQSJODJQBMJGBTJEFMMB4FDPOEB
guerra mondiale.
t 4BQFSBOBMJ[[BSFEPDVNFOUJFSJDBWBSOF
informazioni.
t $PNQSFOEFSFMFNPUJWB[JPOJEFMMFBMMFBO[F
tra Paesi europei ed extraeuropei coinvolti
nel conflitto. Un modello della Fat Man, la
t 4BQFSSJGFSJSFJGBUUJQSJODJQBMJ bomba atomica lanciata sulla
t 4BQFSVUJMJ[[BSFVOMFTTJDPDPSSFUUP DIJBSP città di Nagasaki il 9 agosto 1945.
e appropriato.
Laboratorio $SFB[JPOFEJUJUPMJEJHJPSOBMJFQSFTFOUB[JPOJNVMUJNFEJBMJ

Sd 43 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Storia

Scansione della lezione Attività argomenti trattati, con l’ausilio delle


La lezione andrà suddivisa in più mo- Si analizza il significato delle espres- immagini, della linea del tempo e della
menti (almeno tre) vista la complessità sioni: guerra lampo, strana guerra, carta geografica.
dell’argomento. Le diverse fasi da ana- guerra parallela e guerra mondiale per Potrà seguire un lavoro in coppia o di
lizzare potranno essere strutturate in comprendere il loro differente signifi- gruppo in cui si approfondiscono tema-
base a una suddivisione cronologica: cato in relazione al momento e al con- tiche storiche collegate (come le per-
1. dal 1939 al 1941; testo in cui vengono utilizzate. secuzioni razziali; la situazione delle
2. dal 1941 all’intervento americano; Ciascun momento andrà poi organiz- popolazioni, in particolare di quella ita-
3. la vittoria degli alleati; zato attraverso una parte espositiva liana, durante la guerra; gli armamenti
4. la guerra in Italia. con una ricognizione sul testo degli utilizzati ecc.).
Suddivisi in gruppi gli alunni inventano
dei titoli di giornale per ciascuna fase
della guerra da riprodurre su un poster
o in modalità multimediale attraverso
diapositive da presentare ai compagni
di classe.

Lo sbarco alleato in Sicilia


nel luglio del 1943.

Sd 44 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Geografia
Percorso verticale per le classi prima, seconda, terza

Un libro-game per comprendere


la parità di genere Marcello Meinero

Docente di italiano - Istituto “Federico


Sacco” (Fossano)

La scuola è un luogo di cruciale impor-


tanza nella costruzione dell’identità di
genere e della personalità degli stu-
denti, ed è importante che in quella
sede tutti gli operatori intervengano at-
tivamente nella costruzione di percorsi
di comprensione e di sensibilizzazione
alla parità di genere.
Tra i temi fondamentali per la crescita
di futuri cittadini consapevoli e attivi
vanno annoverati l’uguaglianza, le pari
opportunità, la valorizzazione delle
differenze.
Solo attraverso lo sviluppo delle possi-
bilità di espressione e di realizzazione
personale, si può arrivare a una svolta
necessaria, soprattutto da quando la
violenza contro le donne è diventata ‡ Forme discriminatorie: quella di ge- ‡ violenza, stereotipi e discriminazioni
un’emergenza educativa di fronte alla nere appare quale elemento strut- di genere.
quale non possiamo far finta di nulla. turale e trasversale a ogni realtà so- ‡ rispetto ed educazione all’affettività.
ciale, combinandosi con altre forme ‡ bullismo e cyberbullismo.
Tematiche su cui di discriminazione: la disabilità, ‡ sexting, adescamento e corretto uti-
riflettere l’etnia, la religione, le convinzioni lizzo dei social network.
Le linee guida del MIUR sull’educazione personali, l’orientamento sessuale; ‡ condizione delle bambine e delle ra-
di genere sottolineano come la diffe- particolare forza va indirizzata agli gazze nel mondo: infanticidio, muti-
renza tra maschile e femminile permei atteggiamenti discriminatori effet- lazioni genitali, mancato accesso ai
ancora la nostra cultura, soprattutto tuati nel mondo digitale, attività im- livelli superiori di istruzione, gravi-
sotto questi aspetti: prescindibile se si considera che le danze e matrimoni precoci, prosti-
nuove generazioni vivono “immerse” tuzione e violenza sessuale, discri-
‡ Linguaggio: c’è una forte resistenza negli spazi di virtualità offerti dalla minazioni economiche e religiose...
in tutti i campi della comunicazione Rete, da intendersi come un territo-
sociale (media, istituzioni e perfino rio di esperienza a tutti gli effetti.
libri di testo) ad adeguare l’uso della 1 Un proficuo lavoro di sensibilizzazione
lingua allo status guadagnato dalle sul tema può consistere in un
donne in campo professionale e isti- Attività stimolo laboratorio sulla rappresentazione di
genere nella pubblicità o nei video
tuzionale.1 Il docente può introdurre l’argomento
musicali, forme di comunicazione con
‡ Violenza sulle donne: un fenomeno invitando gli studenti a riflettere su cui i nostri giovani sono più in contatto.
che va con urgenza messo a fuoco e quali siano gli ambiti in cui è più evi- 2 Sono gli argomenti approfonditi dal
compreso nella sua assoluta speci- dente la discriminazione di genere. validissimo network Indifesa, che
ficità e nella sua dimensione strut- Un possibile catalogo delle risposte contiene anche numerosi spunti e
attività sulle tematiche indicate.
turale. degli studenti può essere il seguente2:

Sd 45 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Geografia

restanti finali consistono in un “falli-


Letture per l’educazione di genere
mento” o in un successo parziale.
Il docente può proporre agli studenti letture che permettano di vivere in medias res
Questi libri gioco sono di solito scritti in
la condizione femminile.
Ne proponiamo una selezione. seconda persona, con il lettore che as-
sume il ruolo di un personaggio, con un
‡ F. Imprenti, Fare l’Italia che avventura!, Biblion, 2011
meccanismo simile a quello dei giochi
Il libro presenta le biografie di 20 donne e 20 uomini vissuti tra il periodo di ruolo, con la significativa differenza
risorgimentale e i giorni nostri; si tratta di personalità che con il loro impegno che si ha meno libertà di scelta e si
hanno contribuito a dare vita e a far progredire le istituzioni del nostro Paese, gioca generalmente da soli.
ideandole, dirigendole o lottando per esse. Per familiarizzare con il libro game, è
‡ D. Ellis, Sotto il burqa, Fabbri, 2002 utile saggiarne alcuni. Sul sito tema-
tico Librogame’s land si trovano molte
Parvana, una ragazzina afghana di undici anni, vede arrestare e sparire in
recensioni sulle ultime uscite.
carcere il proprio padre.
In una Kabul in cui vigono le pesanti restrizioni imposte dai talebani a tutti
i cittadini e alle donne in particolare, Parvana comincia la sua piccola sfida al La progettazione
regime. Ecco passaggi fondamentali per ideare
un libro gioco. Questa fase di prepara-
‡ R. Levi Montalcini, Eva era africana, Gallucci, 2009
zione può essere sviluppata in classe:
La storia dell’origine della specie umana, raccontata con semplicità e chiarezza
solamente una volta definita la strut-
dalla premio Nobel, si unisce alla storia del presente delle donne che nei Paesi
tura del testo, i singoli alunni potranno
africani lavorano per dare dignità, voce e diritti all’altra metà del cielo.
contribuire scrivendo ciascuno un pa-
‡ C. Louart, Ragazze e ragazzi, la parità a piccoli passi, Motta Junior, 2008 ragrafo in autonomia.
1. Idea di base. Si parte dalla indivi-
Nel mondo, la condizione dei ragazzi e delle ragazze non è affatto paritaria.
duazione di un personaggio e di una
L’educazione, le tradizioni e le leggi privilegiano gli uomini. Da tempo diverse
voci si sono levate per combattere le ingiustizie e rivendicare per le donne gli modalità di “gioco”. Nel nostro caso
stessi diritti degli uomini in Italia e altrove. Da questa battaglia è nata l’idea di la protagonista ideale dovrebbe es-
parità che ha già fatto molti progressi. Ma molto resta ancora da fare. sere una ragazza che si trova ad af-
frontare problematiche legate alla
discriminazione. La modalità con cui
ideare i bivi sarà quella di porre il

Il libro-game lettore di fronte a scelte forti, una


sola delle quali non sarà discrimi-
natoria nei confronti della nostra
Dopo una panoramica sul tema, il do- tre opzioni portano inevitabilmente al protagonista.
cente può introdurre la tipologia te- fallimento. 2. Rafforzare la storia. Occorre am-
stuale del libro game, con la quale gli Negli ultimi tempi si è assistito a un pliare il nostro “soggetto” con alcuni
studenti saranno chiamati a costruire rinnovato interesse per questo genere interrogativi: Chi sono i personaggi
un testo narrativo che faccia riflettere testuale. principali? Perché interessano al let-
sui comportamenti corretti da attuare Normalmente un libro game è diviso in tore? Quali sfide affrontano questi
per favorire la parità di genere. sezioni numerate che terminano con personaggi? Quali scelte importanti
una serie di opzioni che presentano le dovranno affrontare i personaggi?
I libri-gioco erano tipologie di romanzo scelte che il lettore può fare per prose- Che tipo di ambientazione fornirà lo
che ebbero un boom negli anni Ottanta guire la sua “avventura”; a ogni opzione sfondo migliore per la storia? Quale
del secolo scorso. Si caratterizzano nel corrisponde il numero del paragrafo sarà il finale? Da dove vuoi iniziare?
porre il lettore di fronte a dei bivi, dan- con cui si dovrà proseguire la lettura. 3. Lavoro sul dettaglio. Occorre costru-
dogli l’opportunità di scegliere come Il lettore raggiunge infine un paragrafo ire schede precise con informazioni
far proseguire l’avventura del protago- conclusivo che porta a compimento più dettagliate sui personaggi e i
nista. Solo una sequenza di decisioni la storia. Nella maggior parte dei casi luoghi; può essere utile creare una
è quella corretta e conduce il prota- solo uno dei paragrafi si conclude con mappa delle ambientazioni princi-
gonista all’obiettivo prefissato, le al- il “successo” del giocatore, mentre i pali del racconto.

Sd 46 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Geografia
4. Tracciare il diagramma di flusso.
Questo è un passaggio fondamen-
tale, come lo storyboard per un fu-
metto o il tratteggio dello sviluppo
di un romanzo. Ideale è l’utilizzo di
un programma per la costruzione
di mappe concettuali3. Dobbiamo
in sostanza tracciare l’effettivo per-
corso della storia, compresi i rami
principali e i punti di decisione (i
momenti in cui il lettore deve pren-
dere una decisione che modificherà
lo sviluppo della storia).
5. Le scene. Non ci resta che scrivere
i singoli paragrafi del nostro libro,
affidandone ognuno a un singolo
alunno, naturalmente dopo aver
condiviso alcune regole stilistiche e
narrative che possano rendere uni-
forme la scrittura finale.
6. Rilettura e revisione. Al termine si
procede alla verifica che tutto fun-
zioni (gli snodi narrativi portano
sempre a una prosecuzione del rac-
conto?) e che non ci siano errori or-
tografici, di punteggiatura, forma o
espressione. Sarebbe ideale far leg-
gere la nostra creazione a studenti o
insegnanti estranei al progetto.

La realizzazione
Due essenzialmente sono gli strumenti
che possiamo utilizzare per redigere il
nostro racconto a bivi:
1. Libro Game Creator, un software per
Windows sviluppato a partire dal
2007 dalla community degli appas-
sionati di librogame.net
2. Google Moduli, lo strumento gratuito
della casa di Mountain View, ci offre
i comandi necessari per costruire un
libro game in pochi passaggi. Nel
corpo della domanda possiamo in-
serire il testo che il giocatore deve
leggere. Ad esso faremo seguire una
domanda a risposta multipla. Clic-
cando poi sui tre puntini in basso
a destra, potremo selezionare l’op-
zione <Vai alla sezione sulla base
della risposta>. Creeremo dunque
tante sezioni quante sono le possi- 3 Una lista di strumenti per creare mappe concettuali è reperibile alla pagina
bili prosecuzioni del racconto e... il marcellomeinero/strumenti
gioco è fatto4. 4 Sull’argomento è consultabile un videotutorial da me realizzato.

Sd 47 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Matematica

Mi esercito all’INVALSI
Filomena Ricci

Docente di Matematica e Scienze,


scuola secondaria di primo grado

La finalità di questo articolo è quella Quesito 1 1 1 1 1 1 1


a. + + c. + +
di proporre una serie di item simili Il prodotto di tre numeri naturali a, b e 2 4 3 6 4 3
a quelli delle prove nazionali INVALSI c è pari a 24:
1 1 1 2 1 1
destinate alla classe terza della scuola a ⋅ b ⋅ c = 24 b. + + d. + +
2 6 3 3 4 2
secondaria di I grado. Gli item sono Se b = 4 e b ⋅ c = 24, quanto valgono
di varia tipologia: a risposta aperta, a i prodotti a ⋅ b e a ⋅ c? Quesito 4
scelta multipla, vero/falso, ecc. sulla a ⋅ b = ................ Daniele fa l’idraulico e per il suo lavoro
linea di quelli presenti nelle prove a ⋅ c = ................ richiede il pagamento di 50€ ad ora
nazionali. più 30€ di costo fisso per la chiamata.
I nuclei di conoscenza e competenza Quesito 2 Quale formula permette di calcolare il
interessati dalla proposta sono i quat- La circonferenza rappresentata in fi- costo totale (C) del lavoro di Daniele?
tro di riferimento presenti nelle guide gura ha il raggio pari a 3 cm. Il seg-
delle prove INVALSI e ovviamente mento PO misura 5 cm. a. C = 50 + 30 ⋅ n. di ore
nelle Indicazioni nazionali: Numeri, b. C = 50 + 30 + n. di ore
Spazio e figure, Relazioni e funzioni, c. C = 30 + 50 ⋅ n. di ore
Dati e previsioni. d. C = 30 + 50 + n. di ore

La proposta vuole essere uno spunto Quesito 5


per ragionare insieme ai ragazzi sullo La tabella elenca i caselli di uscita
svolgimento della prova INVALSI ri- dell’autostrada A25 Torano - Pescara,
Quanto misura l’area del quadrilatero
conoscendone l’impostazione e la con il relativo chilometraggio progres-
AOBP?
modalità di approccio, ragionando sivo. Leggi le informazioni e rispondi
su ognuno degli item proposti e sulle alle domande.
Quesito 3
strategie da mettere in atto per la ri-
Un esagono regolare ha l’area pari a
soluzione della situazione problema- km Uscita
1. È stato scomposto come rappresen-
tica. I ragazzi, avendo modo di eser-
tato nella figura. 11 Magliano dei Marsi
citarsi, potranno affrontare la prova
con meno stress, come se fosse una 16 Avezzano
delle tante occasioni di valutazione 29 Aielli - Celano
(e anche di autovalutazione) che in-
37 Pescina
contrano nel corso degli studi e per
l’insegnante può essere un’ulteriore 48 Cocullo
possibilità per osservare gli alunni di 64 Sulmona - Pratola Peligna
fronte a una prova che richiede mec- 77 Bussi Popoli
canismi risolutivi differenti da quelli
84 Casauria - Torre De’Passeri
basati solo sull’applicazione delle co-
noscenze. 93 Scafa - Alanno
Molte prove possono essere svolte e 98 Manoppello
cercate direttamente sul sito INVALSI, Quali tra le seguenti espressioni cor-
104 Chieti
che fornisce molto materiale utile per risponde alla scomposizione dell’esa-
113 Pescara - Villanova
gli insegnanti. gono?

Sd 48 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Matematica
a. Quanti chilometri ci sono tra l’uscita
di Magliano dei Marsi e quella di
Scafa-Alanno? ................
b. E quanti tra Pescina e Chieti?
................
c. Se si viaggia alla velocità media di 2
120 km/h, quanto tempo si impiega
per andare da Cocullo a Pescara?
a. Circa un’ora
b. Circa due ore
c. Circa mezz’ora
d. Circa un quarto d’ora

Quesito 6 1
Considera un numero naturale n pari.
La somma di n e del numero n + 2 è:
a. Pari, perché ...............................................
b. Dispari, perché .........................................

Quesito 7
Osserva la figura. Quesito 9
Il grafico rappresenta le variazioni annuali della popolazione di Assisi espresse
in percentuale a confronto con le variazioni della popolazione della provincia di
Perugia e della regione Umbria, dal 2001 al 2018.

L’area della figura ombreggiata si può


stimare pari a:
a. 8 cm2
b. 4 cm2
c. 10 cm2
d. 24 cm2

Quesito 8
Osserva la mappa dei sentieri dell’Oasi
Indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa.
WWF “Gole del Sagittario”. Le linee
di livello, che uniscono tutti i punti a. Le variazioni annuali della popolazione di Assisi sono sempre
che si trovano alla stessa altitudine, maggiori di quelle della provincia e della regione Umbria. V F
sono rappresentate in marroncino e b. Nel 2008 la variazione percentuale maggiore della popolazione
hanno le quote scritte vicino. Le linee è stata quella della provincia. V F
rosse, invece, rappresentano i sentieri c. Nel 2011 la popolazione del comune di Assisi, della provincia
dell’Oasi. Osserva i tratti n. 1 e n. 2 e della regione Umbria sono diminuite. V F
evidenziati nella figura. d. Dal 2002 al 2007 la variazione annuale della popolazione
del comune di Assisi è sempre stata in aumento. V F
Quale dei due tratti ha maggiore pen-
denza (è più ripido)? ................................... Quesito 10
Motiva la tua risposta. .............................. Il numero di Avogadro è una costante nota in chimica e corrisponde al numero di
............................................................................. particelle contenute in una certa quantità di sostanza, detta “mole”. Una mole di
............................................................................. qualsiasi sostanza contiene 6,022 ⋅ 1023 particelle.
............................................................................. Completa l’affermazione.
.............................................................................. - 10 moli di una sostanza contengono 6,022 ⋅ 10……. particelle.

Sd 49 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Matematica
Quesito 11 Quesito 14
Una fontana ha la base a La figura che vedi di seguito è formata
forma di cerchio e viene po- da 5 cubi congruenti, di lato pari a l.
sizionata all’interno di un’a- Quanto misura la superficie totale?
iuola, come nella figura.
Mario è un giardiniere e
vuole recintare l’aiuola con
una staccionata, ma non co-
nosce la misura del lato AD.
Aiuta Mario a trovare un
modo per calcolare la misura
del lato che non si conosce.
Risposta: AD misura ................

Quesito 12
Marco e Francesco vanno in bicicletta. Il grafico rappresenta la velocità dei due
ragazzi in km/h. a. 15 l2
b. 20 l2
Spazio 76
74 c. 22 l2
(km) 72
70
68 d. 24 l2
66
64
62
60 Quesito 15
58
56
54
Un campo ha la forma della figura ri-
52
50 portata di seguito. Quanto misura la
48 Marco
46 sua area? ..........................................................
44
42
40
38
36
34 Francesco
32
30
28
26
24
22
20
18
16
14
Luisa vuole seminare il campo con il
12
10 grano. I semi necessari costano 20 cen-
8
6 tesimi al m2.
4
2
0
Quanto spenderà in tutto Luisa?
0 1 2 3 4 5 6 7 ..............................................................................
Tempo (h)
Quesito 16
Rispondi alle domande. Osserva la retta dei numeri e rispondi
alla domanda.
a. Dopo un’ora in bicicletta, quanti chilometri ha percorso Francesco? ....................
b. Dopo due ore in bicicletta, quanti chilometri ha percorso Marco? ....................
-4 0 + 3/2
c. Quanto tempo impiega Francesco per fare 30 chilometri? ....................
d. Quale dei due ragazzi è più veloce? ....................

Quesito 13 Per quale numero bisogna moltiplicare


Giuseppe guarda le locandine di due lotterie. -4 per ottenere +3/2?
1 3
a. – c. +
Lotteria 1 Lotteria 2 In quale delle due lotterie 4 8
1000 biglietti 2000 biglietti ha maggiore probabilità di
vincere? .................................. b. + 1 d. – 3
200 vincenti 500 vincenti 4 8

Sd 50 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Matematica
Quesito 17 Quesito 20
La tabella rappresenta lo schema fatto da Fabio per giocare alla battaglia navale. In un piccolo paese i ragazzi della terza
Ogni casella è individuata da due numeri: il primo si riferisce alla colonna e il classe possono scegliere tra i seguenti
secondo alla riga. Ad esempio, la Nave 1 occupa le caselle (3; 3) e (4; 3). progetti scolastici pomeridiani: labora-
torio teatrale; progetto di astronomia;
laboratorio di fotografia. I ragazzi che
scelgono il laboratorio teatrale sono 8
e rappresentano il 10% del totale degli
studenti; quelli che scelgono il labora-
torio di fotografia sono 40.
Quale percentuale rappresentano gli
a. Quali caselle occupa la Nave 2? .................................. studenti che hanno scelto il progetto
di astronomia? .............................
b. Quali caselle occupa la Nave 3? ..................................
c. Se Fabio sposta la Nave 1 di due righe, quali posizioni occupa? ............................. Quesito 21
Collega ogni frase della prima colonna
Quesito 18 con la corrispondente espressione let-
La tabella rappresenta il numero di clienti presenti in 4 ristoranti in un fine set- terale della seconda colonna.
timana di agosto.

Venerdì Sabato Domenica Sottrai 5 al doppio di


un numero
La rapa rossa 140 120 115 e ottieni 20.
Cacio e pepe 340 450 230 3 x + 7 = x2
La somma del triplo
La volpe e l’uva 225 230 150 di un numero e il
numero 7 è uguale
La tana del ghiro 350 400 450 al quadrato del nu-
mero.
3x+2x=x+4
Con i dati della tabella è stato costruito il grafico seguente.
Completa la legenda della tabella. La radice quadrata
di un numero
sottratta al suo 2 x – 5 = 20
doppio è uguale
La tana del ghiro a 20.

La somma del triplo 2x– x = 20


di un numero e del
......................... suo doppio è uguale
Domenica al numero sommato
................. a 4.
.................
Cacio e pepe Quesito 22
Quale tra i seguenti punti sulla retta dei
numeri è più vicino a − 12 ?
.........................
A B 0 C D

0 50 100 150 200 250 300 350 400 450 500

Quesito 19 a. A b. B c. C d. D
Cesidio vuole verniciare di rosso le panchine davanti casa. Impiega una giornata Quesito 22
per acquistare il materiale necessario (vernice, pennelli ecc.) e mezza giornata Osserva i seguenti numeri:
per verniciare ogni panchina. Indicando con t il tempo totale necessario per com- 3
5; − 4; 8 ; 10; ; −9
piere il lavoro, con g il numero delle giornate e con n il numero delle panchine, 2
quale sarà la formula per calcolare il tempo impiegato da Cesidio per terminare Qual è la probabilità di estrarre:
il lavoro? a. un numero naturale ...................
a. t = 1/2g ⋅ n c. t = 2g + g ⋅ n b. un numero negativo ...................
b. t = 1/2g + n d. t = 1g + 1/2g ⋅ n c. un numero irrazionale ...................

Sd 51 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Scienze
Classe prima
Acqua calda e fredda: alla
scoperta dei moti convettivi
Francesco Epifani

Competenze t 4WJMVQQBSFTDIFNBUJ[[B[JPOJEJGBUUJFGFOPNFOJSJDPSSFOEPB
misure appropriate e semplici formalizzazioni. Docente di scienze,
t 4BQFSBQQMJDBSFJMNFUPEP*#4& scuola secondaria

Obiettivi Sperimentare il fenomeno della convezione.

tappo alla bottiglia, tenderà a muoversi tale fenomeno con le differenze di


Materiali occorrenti
in alto verso il recipiente e in seguito temperatura dell’acqua tra i due am-
Un contenitore in plastica trasparente
a riscendere sul fondo della bottiglia, bienti.
da 750 ml, una bottiglia in vetro
mentre l’acqua calda con inchiostro L’insegnante fornirà le indicazioni per
da 200 ml, inchiostro, fornello, acqua.
continuerà a salire, generando così un la redazione di una relazione volta a
Tempo: 1 ora. movimento di tipo convettivo. ripercorrere le varie fasi dell’esperi-
mento.

Percorso 3. Explain
di apprendimento Un rappresentante per gruppo esporrà 4. Evaluate
i risultati ottenuti, soffermandosi in La relazione verrà esposta da un rap-
1. Engage particolare sul movimento dell’inchio- presentante per gruppo e il lavoro
L’insegnante propone la visione del vi- stro dalla bottiglia al recipiente e alla verrà autovalutato dagli alunni sui fe-
deo documentario Il trasferimento di sua ridiscesa in un secondo momento, nomeni oggetto di studio e dall’inse-
calore. sul fondo della bottiglia, relazionando gnante nel complesso.
Inviterà quindi gli alunni a esprimere le
prime riflessioni su quanto osservato e
a formulare delle ipotesi.
Fornirà in seguito le indicazioni per la
realizzazione di un esperimento volto
a riprodurre in laboratorio il fenomeno
della convezione.

2. Explore
Gli alunni, organizzati in gruppi di
A C D
quattro, provvederanno a organizzare
il banco dell’esperimento volto a veri-
ficare o confutare le ipotesi effetuate.
Riempiranno la bottiglia in vetro da 200
ml con acqua preventivamente riscal-
data con un fornello, aggiungendovi poi 600 ml
dell’inchiostro nero. La bottiglia prov-
vista di tappo verrà inserita in un con-
tenitore trasparente in plastica avente
capacità pari a 750 ml e riempito sino a 200 ml
600 ml con acqua fredda.
Si potrà osservare il movimento dell’ac-
qua inchiostrata che, una volta tolto il B E F

Sd 52 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Scienze

Classe seconda
Vitamina C: metodo per identificarla
Competenze t 4WJMVQQBSFTDIFNBUJ[[B[JPOJEJGBUUJFGFOPNFOJSJDPSSFOEP
a misure appropriate e semplici formalizzazioni.
t 4BQFSBQQMJDBSFJMNFUPEP*#4&

Obiettivi *EFOUJýDBSFMBQSFTFO[BEJWJUBNJOB$OFHMJBMJNFOUJF
correlare la sua presenza con gli effetti benefici a carico
del corpo umano.

un colore violetto per la formazione vetta contenente succo di limone da


Materiali occorrenti
del complesso amido-iodio. viola a incolore e raffronteranno tale
Farina, reattivo di Lugol, acqua, succo
In seguito, in un mortaio si pesteranno risultato con la provetta in cui non si
di limone, dieci noci, due provette,
10 noci sino a ridurle in poltiglia. Si ag- osserva alcun viraggio (la soluzione
un becher, un mortaio e un pestello,
giungeranno in seguito 10 ml di acqua, rimane viola, data la trascurabile pre-
bacchetta di vetro, bilancia, cilindro
omogenizzando il tutto. senza di vitamina C).
graduato.
Poi nella prima provetta si aggiun- Spiegherà inoltre come la vitamina C
Tempo: 1 ora geranno 10 gocce di succo di limone, determina il viraggio di colore.
nella seconda provetta 10 gocce di L’insegnante fornirà le indicazioni per
Percorso succo di noci (da prelevarsi con una la redazione di una relazione scienti-
di apprendimento pipetta Pasteur: le noci hanno un fica sull’esperimento svolto.
quantitativo di vitamina C trascura-
1. Engage
bile). Si agiterà il tutto osservando le 4. Evaluate
L’insegnante propone alla classe la
differenze tra le due soluzioni. Un rappresentante per gruppo argo-
visione del videodocumentario Le vi-
tamine e i sali minerali . 3. Explain menterà la relazione scientifica re-
Inviterà loro a esprimere considera- Un rappresentante per gruppo spie- datta, il lavoro verrà autovalutato dagli
zioni su quanto osservato e a formu- gherà i risultati ottenuti con partico- studenti sui fenomeni oggetto di stu-
lare delle ipotesi. lare riferimento al viraggio della pro- dio e dall’insegnante nel complesso.

2. Explore
Riunita la classe in gruppi di quattro,
l’insegnante inviterà a preparare il
banco dell’esperimento volto a verifi-
care o confutare le ipotesi formulate.
In ciascun banco i gruppi avranno a
disposizione due becher.
Si misureranno 100 ml di acqua me-
diante un cilindro graduato, andando
poi a versarvi 200 mg di farina con un
cucchiaio da caffè. Verranno effettuati
in seguito con una pipetta Pasteur due
prelievi da 5 ml di sospensione ac-
qua-farina, inserendoli in due distinte
provette. Con la bacchetta di vetro si
mescolerà il tutto. In ciascuna provetta
verranno aggiunte 2 gocce di reattivo
di Lugol, che conferirà alla soluzione

Sd 53 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Scienze

Classe terza
Riflessione e rifrazione della luce
Competenze t 4WJMVQQBSFTDIFNBUJ[[B[JPOJEJGBUUJFGFOPNFOJSJDPSSFOEP
a misure appropriate e semplici formalizzazioni.
t 4BQFSBQQMJDBSFJMNFUPEP*#4&
Obiettivi t 4QFSJNFOUBSFJOMBCPSBUPSJPJMGFOPNFOPEFMMBSJþFTTJPOF
e rifrazione della luce.

questa farà apparire la parte immersa una relazione volta a ripercorrere le


Materiali occorrenti
del cucchiaino non in linea con la parte fasi dei due esperimenti.
Uno specchio, un bicchiere in vetro,
fuori immersione, dando impressione
un cucchiaio da caffè, acqua.
di un oggetto “spezzato”. 4. Evaluate
Tempo: 1 ora.
La relazione verrà esposta da un rap-
3. Explain presentante per gruppo, il lavoro verrà
Percorso Un rappresentante per gruppo esporrà autovalutato dagli alunni sui fenomeni
di apprendimento quanto osservato nei due esperimenti. oggetto di studio e dell’insegnante nel
1. Engage L’insegnante darà le indicazioni per complesso.
L’insegnante propone la visione del vi-
deodocumentario La luce e i suoi per-
corsi: riflessione e rifrazione.
Inviterà gli alunni a esprimere proprie
riflessioni su quanto appena osservato
e a formulare ipotesi sui fenomeni pro-
posti.
In seguito, darà loro istruzioni sulla re-
alizzazione di un esperimento di labo-
ratorio volto a riprodurre i fenomeni
oggetto di studio.

2. Explore
Suddivisa la classe in gruppi di quat-
tro, si verificheranno o confuteranno
le ipotesi formulate. I ragazzi dispor-
ranno uno specchio nella direzione di
provenienza dei raggi solari, facendo in
modo che quest’ultimi vengano riflessi
su una superficie posta frontalmente
allo specchio.
In seguito, ciascun gruppo riempirà
un bicchiere con dell’acqua. Immer-
gerà all’interno un cucchiaino di caffè
e osserverà la superficie dell’acqua
ponendo particolare attenzione alla
parte del cucchiaino immersa in acqua
e su quella non immersa, valutando il
fenomeno della rifrazione della luce:

Sd 54 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Tecnologia

Una città... per tutti


Milena Monfardini

Docente di Tecnologia presso l’Istituto comprensivo


“Marconi”, Venegono superiore

Premessa Individuati i pittogrammi da riprodurre Analizzare con occhio critico il luogo in


I simboli grafici riescono a rappresen- possiamo stamparne una copia e pro- cui si vive ci aiuterà a sensibilizzare al
tare un significato semplificandolo e, cedere alla quadrettatura (oppure pro- rispetto delle esigenze di tutti. Il ter-
essendo unificati in sede nazionale o iettarli alla LIM su griglia quadrettata) ritorio da prendere in considerazione
internazionale, sono facilmente rico- e stabilire la scala d’ingrandimento da viene diviso idealmente in zone (le vie
noscibili e interpretabili da tutti. utilizzare per la loro riproduzione sul principali possono essere le linee di di-
I simboli sono efficaci quando evi- foglio da disegno riquadrato (lo divi- visione) e queste vengono visualizzate
denziano l’elemento principale, ossia diamo a metà e tracciamo due quadrati su Google Earth. Salviamo le schermate
il concetto, senza contenere ulteriori da 10 o 12 cm di lato e tracciamo la che ci interessano e con gli strumenti
elementi o particolari. Anche i loro co- griglia raddoppiando o triplicando le da disegno (possiamo aprire l’imma-
lori sono importanti, poiché trasmet- misure). gine con Paint) tracciamo un percorso
tono informazioni che permettono di Tracciamo prima a matita utilizzando che ci permetta di toccare i luoghi che
avvertire, informare e indirizzare chi le conoscenze del disegno tecnico con intendiamo monitorare. Il compito dei
legge i cartelli. compasso e squadre, successivamente ragazzi sarà di percorrere quell’itine-
Un simbolo grafico altro non è che un con la penna a china ripassiamo la cor- rario e, dotati di cellulare, fotografare
pittogramma, ossia un disegno o un nice e coloriamo il pittogramma. tutti gli ostacoli o gli impedimenti che
simbolo tracciato in pittografia. Que- verranno rilevati (scale, buche, barriere,
sta era una forma primitiva di scrittura marciapiedi stretti, assenza di rampe e
che, con disegni astratti e simbolici, di strisce pedonali ecc.). Questo mate-
esprimeva comunicazioni comprese da riale verrà rielaborato in classe inse-
popoli parlanti lingue diverse. rendo nelle piante precedentemente
salvate segnalazioni per eventuali
punti critici dal punto di vista dell’ac-
Classe prima cessibilità.
Se presente a scuola, un Consiglio co-
Dopo aver imparato la procedura per munale dei ragazzi potrà portare il ma-
la costruzione di figure piane e aver teriale con le osservazioni fatte all’Am-
sperimentato l’uso della quadrettatura ministrazione comunale.
per la riproduzione e l’ingrandimento
di figure, possiamo proporre un lavoro
interessante sui pittogrammi legati
all’inclusione e alle disabilità anche Classe seconda
temporanee.
Sarà un’occasione interessante per Un lavoro interessante da proporre
sensibilizzare i ragazzi a prestare atten- come compito di realtà in classe se-
zione alle tante situazioni di difficoltà conda è quello del monitoraggio delle
e di inabilità in cui ci si può imbattere. barriere architettoniche nei luoghi di
La parte grafica di ingrandimento e particolare interesse del paese o del
riproduzione dei simboli può essere quartiere. Nel secondo quadrimestre si
preceduta da un momento di ricerca parla di territorio, di città, di architet-
degli stessi. tura e di accessibilità.

Sd 55 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Tecnologia

Classe terza
Con lo scopo di perseguire compe- alunni e si sceglie di quale strumento sultata più efficace e scegliere quali
tenze sociali e civiche, proponiamo di di diffusione ci si vuole occupare: un azioni siano davvero importanti da in-
ideare e realizzare azioni di diffusione volantino, una locandina, un manife- traprendere per il rispetto dell’altro.
di una cultura di attenzione e rispetto sto, un breve filmato, un post, un au- A scuola le occasioni potrebbero es-
dell’altro e dell’ambiente. dio. Possiamo scegliere di utilizzare sere molte, dall’attenzione a lasciare
A una fase di brainstorming in cui strumenti reali, carta, colori, immagini il proprio banco e la propria aula in
tutta la classe partecipa nel proporre e scritte, oppure virtuali, computer con ordine, svuotare al termine delle le-
situazioni o momenti in cui ritiene si cui elaborare post, presentazioni, fil- zioni i cestini della differenziata, di
possano migliorare i propri compor- mati o audio. aiutare compagni in difficoltà, di con-
tamenti (sarà necessario scegliere Stabilito il tempo da dedicare alla fase dividere materiali, scegliere di portare
di quale ambito occuparsi: la scuola, di ideazione e realizzazione ciascun merende senza imballaggi.
la casa, il tempo libero fuori scuola, gruppo presenta la sua proposta alla La consapevolezza da perseguire è
lo sport… e individuare azioni che in classe e, viste tutte, si procederà ad comprendere che i bisogni sono tanti
prima persona i ragazzi si impegnino a una fase di autovalutazione. La classe e che è fondamentale è che ciascuno
realizzare), ci si divide in gruppi da 5/6 potrà scegliere quale campagna sia ri- di noi si attivi per fare qualcosa

SITUAZIONE PROBLEMATICA
$637"%&-."3$*"1*&%&%"7"/5*
"-/&(0;*0%*5"56"((* 7*"."/;0/*

530110453&55"

Sd 56 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Arte e immagine

La natura morta:
dalla realtà all’astrazione
Renato Pegoraro

Autore di testi scolastici,


conduttore di laboratori d’arte

Sorprendenti, per esempio, erano i pa-


Obiettivi t 0TTFSWBSFFBOBMJ[[BSFMFPQFSFEBSUFTBQFOEPMF vimenti a mosaico di fattura greca e
di apprendimento collocare nei rispettivi contesti storici, culturali romana raffiguranti i resti di un pasto
e ambientali. abilmente sparsi a terra: frutti, uova,
t 4BQFSSJQSPEVSSFVOBOBUVSBNPSUB
teste di pesce, ossa spolpate, mollu-
t 6UJMJ[[BSFUFDOJDIFEJWFSTFQFSUSBTGPSNBSF
una riproduzione. schi... Un segno di abbondanza e quasi
t 4BQFSJOWFOUBSFFSBDDPOUBSFTUPSJF BQBSUJSF una promessa di generosità rivolta
da uno stimolo iconografico. all’ospite che accedeva nella villa.
Simili immaginazioni decorative fiori-
rono in una società stabile e regolata,
La “natura morta” dove le arti e la decorazione allieta-
Con l’espressione “natura morta” si vano una vita serena e ordinata.
intende la raffigurazione pittorica di Dopo l’età classica, l’arte occidentale
oggetti inanimati di vario tipo, come riprese l’interesse per la rappresen-
fiori recisi, frutta, strumenti musicali, tazione consapevole di “semplici” og-
giocattoli, utensili da cucina, libri, getti inanimati.
bottiglie, animali morti ecc. L’esempio più eloquente della mo-
Da un punto di vista linguistico, na- derna natura morta è la Canestra di
tura morta è un’espressione os- frutta (1599) di Caravaggio, che calca
simòrica, nell’accostamento alla na- un sentiero raffigurativo già noto, ma
tura – espressione di vita – dell’idea lo fa con tale evidenza e suggestione
di morte. presentati attraverso la figura umana da restare irripetibile. La stabilità com-
A ben vedere, un qualsiasi altro og- (storie di eroi, di amori, miti, battaglie positiva dei frutti disposti a piramide
getto inanimato, nel momento in cui vittoriose…) esistevano però anche nel cesto non ha niente di definitivo,
viene raffigurato dall’artista, diventa creazioni artistiche i cui soggetti rin- laddove la plasticità “eterna” della
eterno, destinato a vivere per sempre viavano a una realtà più semplice e na- composizione è messa in dubbio dalla
anche se ritratto nella sua “non vita”. turale, fatta di animali, alimenti, fiori. mela e dalla pera bacate; Il verde flo-
Nella lingua inglese il concetto di “na-
tura morta” viene reso con still life, Caravaggio, Canestra di frutta.
che viene tradotto in italiano letteral-
mente con “ancora (in) vita” oppure
“vita ferma” o, meglio ancora, “vita
immobile”, evitando così ogni riferi-
mento alla dipartita...

La natura morta: una


rappresentazione pittorica
dal vero
Il corpo umano è da sempre il soggetto
privilegiato dell’arte. Le antiche figure
divine avevano tratti antropomorfi e
manifestavano pensieri e sensibilità
affini alla umanità che li onorava.
Accanto ai grandi temi pittorici rap-

Sd
Sd 57 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola
Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto Pablo Picasso, Natura
Arte e immagine morta sul piano, 1911.

rido delle foglie è macchiettato dalla


presenza di qualche malattia; alcuni
acini d’uva stanno già disseccandosi,
e i fichi maturi si aprono e si guastano.
Nel tempo in cui guardiamo il dipinto,
riusciamo a prefigurare la fine del sog-
getto rappresentato, in una percezione
di bellezza, malattia, e provvisorietà.
Tante le opere che sono state realizzate
con soggetti “morti” – fiori recisi, ver-
dure, strumenti musicali, pesci, insetti,
animali, candele consumate, libri, cles-
sidre, oggetti di casa… –. Tutto è stato
rappresentato, con opere che alludono
alla morte, al silenzio, alla semplicità,
alla fugacità della vita, ma anche al suo
mistero profondo...

La natura morta verso Cézanne ha sfruttato la natura morta della forma da lui stesso trovata: «Bi-
l’astrazione e il paesaggio per studiare il “mistero” sogna trattare la natura attraverso il
Nel primo Novecento i piccoli quadri della rappresentazione, riconoscendo cilindro, la sfera, il cono, il tutto messo
di oggetti inanimati sono serviti come che l’opera dell’artista è governata da in prospettiva, in modo che ogni parte
campo di prova per nuove concezioni leggi, idee e princìpi, trovandosi su un di un oggetto, di un piano, sia diretta
pittoriche: tentativi di una nuova rap- piano differente dal caos, illogicità, ca- verso un punto centrale».
presentazione spaziale, palestra di pro- sualità degli eventi delle cose che esi- Di questa intuizione, presa quasi
vocazioni e di ironie: Cézanne, Braque, stono fuori di noi. alla lettera in un modo che neppure
Picasso, van Gogh, Duchamp, i Futuristi, Nella lettera a un amico, l’artista “ri- Cézanne immaginava, si serviranno
De Chirico, Savinio, Morandi… velerà” i termini di questa nuova legge Braque e Picasso per organizzare le
loro tele cubiste con composizioni
Paul Cézanne, Natura morta con mele, 1893. di chitarre, mandolini, violini e
bottiglie di rhum. Sceglieranno la via
della decostruzione della forma e
della molteplicità dei punti di vista,
rendendo così irriconoscibili gli oggetti
rappresentati.
Dalle nature morte cubiste, fatte anche
dall’assemblaggio di materiali e oggetti
diversi che sicuramente insegnano una
nuova libertà espressiva, iconoclasta
e anticonformista, si giunge al rea-
dy-made, all’installazione ambientale,
all’arte di questi decenni.

Pop art e natura morta


Sorprendente trovare nelle opere della
Pop art espressioni moderne del tema
della natura morta, ai cui contenuti ori-
ginari vengono ad affiancarsi riflessioni
sul consumismo, commercio, profluvio
di immagini, bulimia dei consumi, ri-
cerca del successo, bisogno di appa-
rire…

Sd 58 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Arte e immagine
Andy Warhol è stato il grande sacer-
dote della celebrazione dell’oggetto Classe terza rosso...). Aggiungiamo (sovrapponendo,
comune, quotidiano, quello degli scaf- Giochiamo con Paul Cézanne accumulando o incastrando) altre
fali del supermercato, poi divenuto Invitiamo i ragazzi a incollare su un car- forme a piacere: grandi lettere dell’al-
immagine, esibito in gallerie d’arte per tone la fotocopia ingrandita di una ri- fabeto nere; parti aggettanti – che
farsi ancora merce ed essere venduto produzione di natura morta di Cézanne sporgono - di solidi di cartone (cubici
a caro prezzo. Un percorso circolare o e poi a ritagliare tutti i suoi elementi: le o irregolari); piccoli testi ritagliati dai
spiraleggiante, che arricchisce l’artista, mele, le pere, i vasi, le fruttiere, i pezzi giornali; biglietti dell’autobus; piccoli
angosciato dalla morte ma abile ammi- di tovaglia. scarti di legno; oggetti trovati per caso…
nistratore del suo successo, consape- Successivamente, ricomponiamo i vari L’aspetto che ne deriverà sarà curioso,
vole dell’ipocrisia, del cinismo e della elementi sopra un foglio di giornale, insolito, sorprendente.
finzione della società in cui egli stesso dimenticando l’immagine di partenza Al termine, se ci sembrerà utile e pia-
è impaludato. e aggiungendo altri oggetti a piacere: cevole, si potranno dare dei piccoli toc-
E proprio quest’unica parola – Finzione mezzi volti, grandi lettere di giornale chi di colore alla composizione, come
– Warhol avrebbe voluto incisa sulla ecc. quelle pennellate con cui Cézanne fa-
propria lapide. In alternativa, ritagliamo nel cartone gli ceva vibrare i suoi splendidi quadri.
oggetti di una natura morta (comple- Se lo riteniamo opportuno, gli even-
Classe prima tandoli nelle parti che eventualmente
mancano perché “nascoste” da altre
tuali testi introdotti nell’opera grafica
potranno servire da stimolo per la
e seconda in primo piano) e poi disponiamoli su scrittura di un breve testo di invenzione
Riprodurre una natura morta un foglio di cartone colorato (nero, fantastica.
Proponiamo ai ragazzi di osservare una
natura morta che proietteremo sulla Kurt Schwitters, Cigar, 1947.
LIM. Scegliamo un’opera semplice, con
pochi oggetti e li invitiamo a esplorare
liberamente le forme rappresentate, le
relazioni tra altezze e larghezze, cer-
cando di cogliere come le “cose” si
sovrappongono le une alle altre. Rap-
portiamo la forma dei singoli oggetti a
figure semplici come il cerchio, il qua-
drato, il rettangolo... Poi valutiamo la
loro posizione nel dipinto, le dimen-
sioni e la proporzione della composi-
zione. Successivamente, riflettiamo sui
colori utilizzati dall’artista, sulle sfuma-
ture, sui giochi di luce e ombra.
Analizzato e commentata l’opera, pro-
poniamo ai ragazzi di copiarla fedel-
mente su un foglio A3.

Cambiare la natura morta


Proponiamo ai ragazzi una natura
morta che proiettiamo sulla LIM. Dopo
averla osservata e commentata, fa-
cendo appello alla loro creatività, chie-
diamo di riprodurla, variando le dimen-
sioni degli oggetti e la loro posizione
all’interno della composizione.
Come variante, chiediamo di colorare in
modo diverso gli oggetti rappresentati,
lasciando inalterate le loro dimensioni
e posizioni.

Sd 59 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Musica

Casa Museo
Guido Monaco
Fabio Perrone

Cultore di strumenti musicali


Docente di scuola secondaria di I grado

Piazza Guido Monaco, 8


Località La Castellaccia
52010 Talla - Arezzo
Tel. + 39 0575.597512
Email proloco.talla@libero.it

La vita e le opere

Ut queant laxis
resonare fibris
dell’insegnamento della musica dall’o-
Mira gestorum
ralità a sistemi di trasmissione scritta
famuli tuorum
oggi ancora in uso.
Solve polluti
Egli è stato, fino a prova contraria, il
labii reatum
creatore della moderna pedagogia fuori dalla Casa Museo grazie alla Via
Sancte Iohannes
musicale fondata sull’esperienza ra- Musicalis, sentiero a tema che collega
zionale ed essenzialmente orientata la casa di Guido d’Arezzo a Talla attra-
(Affinché i tuoi servi
alla formazione pratica del cantore, verso una serie di installazioni sonore,
possano cantare
sottraendo nel contempo, con l’inven- alcune delle quali interattive, ispirate
con voci libere
zione della solmisazione e il perfezio- agli strumenti musicali del passato.
le meraviglie delle tue azioni,
namento della notazione su rigo, la
cancella il peccato,
trasmissione della musica dal dominio
o santo Giovanni,
esclusivo dell’oralità.
dalle loro labbra indegne)

Ecco da dove derivano i nomi delle note La Casa Museo


musicali: dalle sillabe iniziali dell’inno La casa natale di Guido Monaco si trova
di San Giovanni. Dagli incipit furono alla Castellaccia, il nucleo antico del
tratti i nomi delle sette note musicali borgo di Talla, all’interno di un edificio
che ancora oggi caratterizzano l’alfa- del X secolo. È stata restaurata nel 1996
beto musicale: UT, sostituita in DO nel e ospita notevole materiale documen-
XVII secolo, RE, MI FA, SOL, LA SI. tario e didattico oltre a strumenti mu-
A compiere questa operazione fu Guido sicali e codici miniati provenienti dal
d’Arezzo (Arezzo, 992 ca – 1050), famoso monastero aretino della Verna. Un agile
teorico della musica nonché monaco allestimento del materiale consente di
benedettino a Pomposa il quale, dopo ripercorrere la storia e le caratteristi-
diverse peregrinazioni, rientrò nella che della nascita della notazione musi-
sua città natale. Guido ha avuto una cale ideata dal monaco camaldolese. È
grande importanza nella storia della possibile visionare anche la copia di un
musica poiché l’attribuzione del nome libro liturgico, un antifonario, nel quale
alle note e la scrittura della musica con sono riprodotte le melodie scritte con
un sistema di riferimento codificato segni collocati su un rigo.
consentirono il progressivo passaggio Il percorso di visita si estende anche

Sd 60 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Musica

PROPOSTE DIDATTICHE
Classi prima, seconda, terza
Mediazione didattica
Tempi: 3 ore di visita + 2 ore di attività laboratoriale in classe.
Strumenti: libro di testo, catalogo del Museo, collegamento alla rete Internet.
Luoghi: classe, laboratorio d’informatica, Casa Museo “Guido d’Arezzo” di Talla.

Articolazione dell’apprendimento laboratoriale


Classe prima La successione delle sei sillabe non
Il codice visivo. Partendo dai nomi delle stabiliva in alcun modo l’altezza as-
sette note si propone un laboratorio soluta dei suoni, ma fissava soltanto i
finalizzato allo studio delle tre rappre- rapporti intervallari fra suono e suono
sentazioni grafiche dei suoni musicali: con l’intervallo di semitono posto
‡ dalla più antica con le lettere esattamente al centro e indicato sem-
dell’alfabeto C (do), D (re), E (mi), pre con le sillabe MI-FA.
F (fa), G (sol), A (la), B (si), ancora
oggi utilizzata nella lingua inglese, Classe terza
tedesca, norvegese e svedese; Il codice verbale. Il laboratorio vuole
‡ a quella basata sull’uso di segni proporre un approccio creativo alla
convenzionali (note, pause, rigo e semiografia musicale. Oltre ai segni e
chiavi); ai simboli comunemente utilizzati per
‡ a quella che utilizza i numeri per rappresentare la musica e fissarla sul
la rappresentazione delle musiche supporto cartaceo è possibile inven-
strumentali, utilizzata ad esempio tarne di nuovi per tradurre il suono
nelle intavolature per organo, cem- e il ritmo con un significato univoco.
balo e liuto. Potranno essere fatti anche riferimenti
alla scrittura utilizzata dai compositori
Classe seconda Rafael Diaz (Abecedario para guitarra),
Il codice musicale. Il laboratorio mira Eduardo Soto Millan (Gnomos), Gia-
ad esplicitare il principio fondamen- como Manzoni (Percorso GG), Francisco
tale su cui si basa la solmisazione. Il Guerrero (Anemos).
fulcro è l’esacordo, cioè una serie di Mettendo alla prova gli alunni sarà
sei suoni disposti secondo intervalli più facile mostrar loro come la tra-
stabiliti (tono, tono, semitono, tono, smissibilità della musica nel fluire del
tono) e denominati UT, RE, MI, FA, SOL, tempo sia stata un cammino lento e,
LA. nel contempo, come la necessità di
Questo ingegnoso espediente didat- rappresentazione dei fenomeni musi-
tico fu utilizzato da Guido d’Arezzo per cali, validi per ogni tipo di strumento,
insegnare ai suoi discepoli ad intonare abbia portato a sistemi codificati, usati
con sicurezza e facilità gli intervalli. ancor oggi.

Sd 61 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Educazione fisica
Classi prima e seconda

Rispetto dell’altro:
confronto, inclusione, Manuela Valentini*,

parità di genere, per


Samantha Cremonesi**

* Docente presso l’Università

ridurre le disuguaglianze degli Studi di Urbino


** Docente di Educazione fisica

Finalità Percorso interdisciplinare che attraverso il movimento e l’espressività corporea e attività artistiche su
base musicale conduce lo studente alla consapevolezza del proprio ruolo nel gruppo e all’apertura
iTPMJEBMFwWFSTPDIJTJUSPWBJOVOBQPTJ[JPOFEJTWBOUBHHJPPEJEJWFSTBBCJMJUË

Obiettivi formativi CONOSCENZE


t (MJBOEBNFOUJEFMSJUNP
t -FJOGPSNB[JPOJQSJODJQBMJSFMBUJWFBMMFDBQBDJUËDPPSEJOBUJWFTWJMVQQBUFOFMMFBCJMJUË
t -FUFDOJDIFEJFTQSFTTJPOFDPSQPSFB

ABILITÀ
t 3JDPOPTDFSFFVUJMJ[[BSFJMSJUNPOFMMFMBCPSB[JPOFNPUPSJB
t 4BQFSVUJMJ[[BSFFGýDBDFNFOUFMFQSPQSJFDBQBDJUËEVSBOUFMFBUUJWJUËQSPQPTUF DPOUSPMMPF
DPNCJOB[JPOFNPUPSJB FRVJMJCSJP PSJFOUBNFOUP SJUNP BEBUUBNFOUPFUSBTGPSNB[JPOFy

t 4BQFSVTBSFDPOTBQFWPMNFOUFJMMJOHVBHHJPEFMDPSQPVUJMJ[[BOEPWBSJDPEJDJFTQSFTTJWJ DPNCJOBOEP
la componente comunicativa e quella estetica.
t 4BQFSSBQQSFTFOUBSFJEFF TUBUJEBOJNPFTUPSJFNFEJBOUFHFTUVBMJUËFQPTUVSF JOEJWJEVBMNFOUF B
coppie, in gruppo.

sentazione tratta da parti del Piccolo


Percorso didattico Prima fase
Principe di A. de Saint-Exupery.
Le attività proposte sono parte di un Le attività che proponiamo stimole- Sono previsti tre incontri dedicati alla
progetto interdisciplinare, che coin- ranno negli alunni il senso di collabo- comunicazione non verbale e alle emo-
volge oltre all’Educazione fisica, anche razione, miglioreranno la propria auto- zioni, ovvero, a come poter esprimere
Italiano, Musica e Arte e immagine. Si stima, fortificando la consapevolezza di emozioni con il corpo a partire dalla
avvierà a ottobre per terminare a gen- avere un ruolo importante all’interno mimica del viso, alla gestualità e al mo-
naio. Il progetto è rivolto a una classe del gruppo e di poter comunicare idee vimento.
prima e seconda in cui sono presenti e sentimenti conoscendo quelli degli
alunni diversamente abili, due con sin- altri, ed essendo di aiuto e di stimolo INCONTRO 1 Proponiamo un gioco di
drome di Down e uno con disprassia. per chi invece si troverà in difficoltà; imitazione degli animali: in uno spazio
Canali privilegiati per comunicare e allo stesso tempo ogni alunno in diffi- di circa 6 metri per 6 metri, posizione-
“unire” sono il corpo e la musica. L’o- coltà potrà beneficiare del supporto di remo delle immagini di animali; ogni
biettivo è potenziare questo processo altri. Il tutto, divertendosi. cartolina conterrà un solo animale, e le
attraverso il movimento e l’espressività Inoltre, impareranno a utilizzare i mu- cartoline saranno capovolte in modo da
corporea. Unitamente ad attività che scoli del viso per sorridere, ridere, non svelare l’immagine.
verteranno sulla comunicazione non piangere. Muoveranno mani, braccia, 1. Gli studenti sono invitati a cammi-
verbale, gli studenti saranno coinvolti gambe, piedi, capo in armonia con la nare nel “prato” facendo attenzione
nella creazione di una coreografia su musica, regolando la tensione dei mu- a non calpestare i “fiori” (le immagini
base musicale e in una breve rappre- scoli. capovolte) e a non scontrarsi tra loro.

Sd 62 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Educazione fisica
2. Al successivo segnale di stop (come
sopra) vista la carta e ripoggiata a
terra, gli studenti si muoveranno
imitando l’animale che hanno ap-
pena visto. Al segnale di via, rico-
minceranno a camminare.
3. Nello step successivo, imiteranno il
verso dell’animale visto nella carta.
Al segnale di via, ricominceranno a
camminare.
4. Infine, raccolta la carta e visto l’a-
nimale, dovranno rimanere immo-
bili fino a quando l’insegnante non
li “accenderà” con un dito su una
spalla; ogni animale che prenderà
vita dovrà iniziare a interagire con
un altro, fino a quando tutti gli ani-
mali saranno “vivi”.

INCONTRO 2 Giocheremo con le emo-


zioni: seduti in cerchio l’insegnante
mostrerà una emoticon alla volta con
una diversa “espressione”; insieme si
cercherà di imitare quella espressione
parlando dell’emozione che rappre-
senta e di come possiamo comunicarla
con il viso, quindi con gli occhi, con la
bocca, e con le sopracciglia, e con i ge-
sti e il movimento.
INCONTRO 3 Protagonista sarà il gioco
simbolico, in cui giocheremo al “far
finta di…”.
È prevista un’iniziale attivazione mu-
scolare, in cui gli alunni verranno in-
vitati dall’insegnante a muoversi libe-
ramente nello spazio della palestra in
determinati modi, ad esempio: «Fac-
ciamo finta di essere in piscina o di
nuotare nel mare!; di essere in ritardo e
correre per entrare a scuola!; di essere
tanto tanto stanchi!; di mangiare ed es-
sere affamati!; di sciare!; di raccogliere
in un ramo molto alto di un albero un
frutto di cui siamo golosi!»; e così via.
Successivamente, si passa a un’attività
Al segnale di stop, si dovranno fer- di mimo; gli alunni in piccoli gruppi da
mare e raccogliere l’immagine più tre, potranno scegliere una vignetta tra
vicina a loro, osservarla per alcuni tre categorie: sport, mestieri, film/car-
secondi e riappoggiarla a terra ca- toon; poi si cimenteranno nel comu-
povolta, poi assumere la posizione nicare solamente con il corpo, con la
dell’animale che hanno appena mimica e con il movimento.
visto. Al segnale di via, ricomince- Volutamente abbiamo pensato a gruppi
ranno a camminare. di 3 così da inserire ognuno dei ragazzi

Sd 63 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
scuola in atto
Educazione fisica
con difficoltà con due compagni, con Al centro della scena sarà disposta L’ultima parte della coreografia sarà
l’obiettivo che si aiutino vicendevol- una alunna coperta da un telo azzurro; un tripudio di abbracci che si alter-
mente. entrerà il primo protagonista, il pilota, neranno a strette di mano e battute
con un aereo di carta che danzerà fino con le mani, fino a terminare con un
Seconda fase a quando il suo aereo precipita; poi cerchio con al centro le mani di tutti i
comparirà il Piccolo Principe con la componenti del gruppo.
In questa fase i gruppi saranno compo- sua sciarpa, che muovendosi armo-
sti di 5/6 ragazzi; a ogni gruppo come nicamente si avvicinerà al pilota che Come esercizio supplementare, que-
esercizio preparatorio verrà assegnata tenta di aggiustare l’aereo; i due si sto laboratorio permette di riflettere
una breve storia, che dovranno elabo- prenderanno per mano e inizieranno sul senso della amicizia e su come
rare in circa 30 minuti e poi “recitare” a danzare insieme, fino a fermarsi in- sostenerla nella quotidianità. Gli stu-
davanti al pubblico formato dai com- torno al telo azzurro. Il pilota toccherà denti vengono suddivisi in 4 gruppi di
pagni di classe. per primo il telo, poi sarà la volta del lavoro, con assegnato a ciascuno con
Successivamente inviteremo gli alunni principe; in quel momento il telo co- un tema:
a suddividersi in piccoli gruppi a loro mincerà a muoversi fino a quando ‡ Le azioni hanno grande valore.
scelta – per valutare anche i legami fin uscirà la “pecora” e danzerà con loro ‡ Conosciamo meglio noi stessi per
qui creati, l’integrazione e l’inclusione sempre tenendosi per mano. conoscere meglio gli altri.
di tutti e di ciascuno – e a “entrare” nel Contemporaneamente entreranno ‡ Il tempo è importante nell’amicizia.
libro del Piccolo Principe affrontato in in scena tutti gli altri alunni che, le- ‡ Dobbiamo esprimere i nostri senti-
classe con la collega d’Italiano. gati, formeranno un grande cerchio; menti.
La coreografia sarà ideata e realizzata i tre protagonisti iniziali usciranno di
dagli alunni con la supervisione del scena, ed entrerà la volpe e, di seguito,
docente; gli studenti saranno anche il Piccolo Principe, che incuriosito si
Percorso valutativo
impegnati nella scelta del commento muoverà intorno ad essa. I due ini- Per quanto riguarda Educazione fisica,
sonoro e nella preparazione delle sce- ziano a danzare insieme sfiorandosi andremo a valutare:
nografie e dei costumi. con la mano (il bambino) e con la coda ‡ interesse e partecipazione;
La base musicale sarà Turn around, (la volpe), fino a quando si fermeranno ‡ miglioramento delle capacità
cantata dall’artista sudcoreana seduti uno di fronte l’altro tenendosi espressive e comunicative;
Hyolyn, facente parte della colonna mano/zampa. ‡ miglioramento delle capacità coor-
sonora del film Il Piccolo Principe Intorno, il resto degli alunni in cerchio dinative generali e speciali tra cui
(2015). La coreografia nasce dal testo si muoveranno insieme armonica- la capacità ritmica, l’orientamento
della canzone (tradotta in italiano) e mente, con il cerchio che si chiuderà spazio-temporale e la fantasia mo-
si riferirà ai primi due incontri fatti sui due protagonisti per poi riaprirsi toria;
dal bambino nel corso del racconto: mostrandoli. ‡ collaborazione con i compagni.
quello con il pilota precipitato con
il suo aereo nel deserto del Sahara;
quello successivo con la volpe che gli
chiede di essere addomesticata e di
essergli amica.
La parte del narratore verrà propo-
sta a chi si distingue nella capacità
di lettura; per gli altri personaggi, gli
insegnanti faranno le proposte, ma sa-
ranno poi i ragazzi a scegliere quella
ritenuta migliore. Avverrà in maniera
naturale la scelta dei ruoli, anche nel
rispetto degli studenti più timidi, che
non se la sentiranno di recitare bat-
tute.
I personaggi entreranno in scena uno
alla volta man mano che la lettura pro-
cede, recitando battute brevi.

Sd 64 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
... incontra le scuole

Scuola inclusiva:
la Potenziata
diffusa
Teresa Capezzuto
Susanna Cancelli*
Francesca Nera**

UST Bergamo
*UST Brescia
**UST Sondrio

L’Istituto Comprensivo “Aldo Moro” di Teresa Capezzuto Dirigente Mazzaferro, grave possono frequentare la scuola
Calcinate, come altre scuole bergama- ci può spiegare com’è nata l’idea di su- del proprio paese, cioè uno dei nostri
sche, a partire dagli anni Novanta del perare l’esperienza della scuola poten- otto plessi, e in ognuno troveranno
secolo scorso ha introdotto le sezioni ziata per introdurre il percorso della quell’attenzione e quel progetto for-
potenziate, laboratori pensati per ac- Potenziata diffusa? mativo tipici della scuola potenziata.
cogliere la disabilità grave all’interno Perché tutto questo possa realizzarsi,
dei percorsi scolastici. In particolare, Alessandro Domenico Mazzaferro Le sono necessarie una programmazione
dal 1994 è stata attiva nel plesso di motivazioni che ci hanno portato al e una condivisione puntuali da parte di
Palosco, alla scuola primaria, una se- cambiamento sono le stesse che ven- tutti i docenti.
zione potenziata. Da due anni l’Istituto ticinque anni fa ci spinsero alla cre-
ha deciso, però, di accantonare tale azione di una sezione potenziata: ac- TC Ci può fare un esempio più detta-
modalità d’inclusione della disabilità, cogliere a scuola alunni con disabilità gliato del progetto per quanto riguarda
per introdurre la Potenziata diffusa in grave, rendere l’esperienza scolastica la scuola secondaria di I grado?
tutti gli otto plessi scolastici dell’Isti- un momento speciale della loro vita,
tuto: quattro plessi per la primaria e includere le loro attività nelle attività ADM Nella scuola di Palosco, ad esem-
altrettanti per la secondaria di primo dei compagni. Quando nacquero le se- pio, in seguito alla chiusura della se-
grado, nei comuni di Calcinate, Ca- zioni potenziate, in generale la scuola zione potenziata della primaria, si è
vernago, Mornico al Serio e Palosco. non era abituata a gestire in modo in- riflettuto sulla modalità più adeguata
Si tratta di percorsi e attività formativi clusivo la disabilità grave. Si pensò di per accogliere e inserire gli alunni con
dove s’incontrano momenti di appren- avere almeno una scuola per territorio disabilità grave, che per età anagra-
dimento personalizzati, in risposta ai che fosse specializzata nella gestione fica erano utenti naturali della scuola
bisogni degli alunni e delle alunne che di questi bambini (la maggior parte secondaria. La strada intrapresa se-
si hanno di fronte, con il coinvolgi- erano scuole primarie), che avesse gue l’orizzonte dell’inclusione e cerca
mento di tutti i docenti. Il presupposto spazi speciali, personale qualificato, di rendere reale l’idea che ognuno
è che non basta stare in classe tutti centri di formazione. Oggi la realtà è ha una potenzialità, un talento che
insieme per creare un setting inclusivo, ben diversa e indirizzare alunni con è risorsa per potenziare i talenti de-
bensì bisogna costruire apprendimenti disabilità grave in scuole lontane dal gli altri. In pratica abbiamo creato dei
dove è necessario il lavoro sinergico di territorio di provenienza potrebbe ap- luoghi di apprendimento diversi fra
tutti gli alunni. parire come una scelta non inclusiva loro, per stimolare negli alunni l’atti-
Ne parliamo con il dottor Alessandro e non legata al progetto di vita. Per- vazione delle competenze finalizzate
Domenico Mazzaferro, Dirigente sco- tanto, abbiamo dichiarato quanto già al raggiungimento di un risultato, di
lastico dell’Istituto Comprensivo di avveniva nella pratica: bambini e ra- un obiettivo comune, legate alle disci-
Calcinate. gazzi del nostro territorio con disabilità pline scolastiche, ma anche in grado

Sd 65 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
... incontra le scuole

di superarle. Appare evidente che non


seguire un’ora di storia per andare in
piscina o in un laboratorio di cucina
assume una grande valenza inclusiva e
non significa assolutamente rimanere
indietro con il programma.
Tali laboratori inclusivi non rappre-
sentano solo un momento diverso e
di svago, ma costituiscono un’oppor-
tunità importante per sperimentare
un altro modo di imparare e mettere
in campo le competenze sviluppate.
Consentono di valorizzare abilità che,
durante la normale pratica didattica,
spesso non si ha il tempo di far emer-
gere. Con i laboratori ci si allena alle
relazioni e al lavoro comune, in un am-
biente di piccolo gruppo strutturato, e
ci si misura con attività da svolgere in
prima persona.

TC All’Istituto Comprensivo di Calci-


nate, quindi, gli alunni e le alunne si
mettono in gioco in diverse attività ed
esperienze inclusive attraverso percorsi
specifici.

Un percorso significativo è il labora-


torio di cucina a classi aperte, con la
partecipazione di alunni di classi di-
verse e di alunni con disabilità grave.
All’interno di questo spazio gli stu-
denti sviluppano diverse abilità legate
alle discipline come: la comprensione
del testo, l’acquisizione di un lessico
specifico, l’allenamento di alcune
competenze logiche riguardanti la se- dove si lavora sulla comunicazione e ficative ci sembrano essere il laborato-
quenzialità delle azioni e abilità mate- sulle sue diverse possibilità. Gli alunni, rio legato al baskin, giocato da studenti
matiche come il calcolo, le proporzioni ad esempio, sono stati guidati da un normodotati e altri con disabilità nella
e le equivalenze. Ma non solo, i ragazzi compagno alla scoperta della CAA, la stessa squadra; nonché l’attività in pi-
rafforzano anche le loro competenze Comunicazione Aumentativa e Alterna- scina, dove i ragazzi disabili vengono
sociali e di problem solving, ognuno a tiva: insieme hanno lavorato sulla co- accompagnati da compagni di classe
seconda delle proprie specificità: l’a- municazione non verbale e sulle tante e insieme fanno esperienze di acqua-
lunno con disabilità grave seguirà la modalità esistenti per esprimersi, ticità.
propria individualizzazione lavorando come la stesura di un testo.
però all’interno di un contesto in cui Anche lo sport, con i suoi valori, rap- Intervista a cura di Teresa Capezzuto
interagisce con i compagni e con loro presenta uno spazio di inclusione e il (UST Bergamo per la Comunicazione)
collabora, in quanto il lavoro di tutti è nostro Istituto crede molto nell’impor-
necessario per arrivare a raggiungere il tanza di essere una squadra! Calato nel
risultato finale. mondo della scuola ciò significa saper Sitografia
Un altro momento inclusivo significa- cogliere le capacità di ognuno, per po- t Istituto Comprensivo di Calcinate:
tivo è il laboratorio di scrittura, struttu- ter stare insieme in modo positivo. iccalcinate.edu.it
rato in modo simile a quello di cucina, Due esperienze particolarmente signi-

Sd 66 ÉϗЕͮЕϐЕfebbraio 2020ЕϐЕ© Editrice La Scuola


Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
Venerdì 21 febbraio 2020 ore 10.45
al ITC Abba Ballini - BRESCIA - Aula Magna
spettacolo

PAOLO
di e con
DAVIDE GASPARRO

drammaturgia Paola Ornati e Davide Gasparro


scenografia Flavio Pezzotti
costumi Eleonora Rossi
luci e tecnica Mattia De Pace
suono Elena Rivoltini
regista assistente Jacopo Sorbini
management e distribuzione Theatron 2.0

in collaborazione con
Fondazione Paolo Grassi - la voce della cultura

con il supporto di
Amuranza e Festival della Valle d'Itria

Come si fa a essere punto di riferimento della vita culturale di un paese per cinquant'anni? Come si
fa a gestire il potere che viene dato da una posizione di prestigio, bilanciando privilegi e vincoli cui
questo potere è sottoposto? Come si fa a essere infaticabili lettori attenti del proprio presente sempre
in cerca di nuove soluzioni? In sostanza: perché è così importante fare bene il proprio mestiere?

PROGRAMMA 21 FEBBRAIO 2020


ore 10.45 Aula Magna
MATINÉE - PAOLO

ore 12.00
INCONTRO E DIBATTITO POST SPETTACOLO

Interverranno:
Roberta Castellina - Fondatrice del Comitato “Sì, Torino va avanti”
Paola Dubini – Università Bocconi
Francesca Grassi - Fondazione Paolo Grassi - La voce della Cultura
Davide Gasparro - direttore artistico Compagnia BezoarT

Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
Renato Manganotti

Il viaggio della vita,


il viaggio dei ragazzi
che crescono

Questo testo si pone come un compagno per la crescita culturale


degli studenti, perché la loro vita è un viaggio continuo per "im-
parare a imparare" e diventare persone responsabili e buoni cit-
tadini. Secondo questa metafora, il testo è scandito in momenti di
Cammino, Incontro e Dialogo, che segnalano tappe significative
del percorso, all’interno delle lezioni o in pagine dedicate.
I contenuti delle lezioni, organizzati in brevi paragrafi su doppia
pagina, propongono argomenti coinvolgenti.
Lo stretto legame tra religione e opere d’arte è sottolineato
USA I QR CODE PER ATTIVARE nelle schede all’interno delle unità e nei fascicoli inseriti in ogni
I CONTENUTI DIGITALI! volume, mentre carte illustrate e vivaci inserti di graphic novel
narrano storie legate agli argomenti principali.
Per accedere in modo semplice e veloce ai contenuti
Numerosi spunti per una didattica cooperativa e immersiva av-
digitali del testo, inquadra con smartphone o tablet i
viano, fra l’altro, a debate, compiti di realtà e giochi con le parole.
QR code presenti nelle pagine del volume.
Video, audio, immagini e approfondimenti saranno tutti Esercizi e attività sono proposti con gradualità nei tre volumi che pre-
immediatamente a portata di clic, anche in mobilità! stano attenzione anche ai ragazzi con difficoltà di apprendimento.
I Dossier affrontano temi rilevanti per l’esperienza dei prea-
dolescenti: a partire dall’esempio di testimonial d’eccezione, i
ragazzi sono invitati a riflettere e confrontarsi sui grandi valori
e sul progetto della propria vita.

IL CORSO È DISPONIBILE NELLE EDIZIONI:


š PLUS (LIBRO + E-BOOK INTERATTIVO SCARICABILE)
š DIGITALE (SOLO E-BOOK INTERATTIVO SCARICABILE)

Per maggiori informazioni, rivolgiti al tuo Agente di zona


(elenco in www.lascuola.it alla voce CONTATTI - RETE COMMERCIALE)
Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today
ISSN 0036-9861
1
Nouvelle méthode de français

Nouvelle méthode de français


JOUEZ AVEC NOUS !

50interattivi
GIOCHI
sul lessico

a u di o •

vid
eo • g
DVD
oc

i
hi

+ 80 VIDEO
+ COMPETENZE DI CITTADINANZA
+ DIDATTICA PER IL SUCCESSO FORMATIVO
+ PREPARAZIONE DELF
+ DOSSIER CIVILISATION

Francese...
in azione!
Formidable è un corso scritto da autori di grande esperienza affian-
cati costantemente da docenti e da esperti.
Il corso si basa sull’innovativo approccio della pedagogia dell’a-
zione (pédagogie actionnelle): come in nessun altro libro, gli alun-
ni sono stimolati a parlare, a comunicare, ad agire, diventando
attori consapevoli del proprio apprendimento. Attraverso una
“Guida Visuale Assistita”, il docente riceve tutte le indicazioni
per gestire in questa prospettiva ogni fase del corso, lezione per
lezione, con suggerimenti didattici completi e puntuali.
Sulla base del contributo di molti docenti intervistati, sono stati
costruiti la struttura del testo e il suo sviluppo: pagine operative,
da usare concretamente durante la lezione attiva in classe, orga-
TRA I CONTENUTI DIGITALI: nizzate in unità e lezioni brevi.
All’approccio pedagogico innovativo fanno da completamento le
• 80 video con proposte operative attività e gli esercizi di lessico, di grammatica e di fonetica che
• 50 giochi interattivi sistematizzano quanto appreso nelle lezioni attive.
• più di 300 tracce audio Il corso è disponibile in 3 volumi o in volume unico.
• oltre 150 esercizi interattivi
In entrambe le versioni, la Grammaire intégrale allegata per-
mette di rinforzare l’apprendimento della grammatica, ripren-
dendo tutte le regole principali dei tre anni di corso, in italiano,
accompagnate da numerosi esercizi.
In più, il volume Pour Tous è un supporto agli studenti con BES
per tutti e tre gli anni di corso.

IL CORSO È DISPONIBILE NELLE EDIZIONI:


• PLUS (LIBRO + E-BOOK INTERATTIVO SCARICABILE)
• DIGITALE (SOLO E-BOOK INTERATTIVO SCARICABILE)

Per maggiori informazioni, rivolgiti al tuo Agente di zona


(elenco in www.lascuola.it alla voce CONTATTI - RETE COMMERCIALE)
Se sta gradendo questa rivista la preghiamo di venire a scaricare gratis almeno una volta al giorno dove è stato creata, altrimenti presto purtroppo potrebbe non trovarla più, su:https://marapcana.today