Sei sulla pagina 1di 7

Il coltello dal manico nero: il tormento degli Spiriti Maligni

Illustrazione degli strumenti e delle armi magiche Salomoniche

Come con la spada magica, il coltello magico dal manico nero dovrebbe essere
compreso come un potente simbolo di autorità e obbedienza, - e di possibile
punizione per gli spiriti ospiti (ostili?). È sicuramente legato agli aspetti più severi di
Saturno e Marte. I grimories “moderni” dicono di costruirlo nel giorno e nell’ora di
Saturno. Tuttavia, scoprirete che le fonti greche antiche dicono che il coltello
dovrebbe essere fatto nel giorno e nell’ora di Marte. Una proposta di sperimentazione
che può essere fatta, è di provare a creare la daga in un giorno e riconsacrarla in un
altro. Un’altra idea potrebbe essere quella di forgiare la daga in un giorno e ora di
Marte, consacrandola e aggiungendo i simboli o sigilli nel giorno e nell’ora di
Saturno.

Il succo di cicuta citato come parte del processo di forgiatura e temperamento è una
pianta velenosa associata a Saturno. Come forma letale di consunzione, essa era
conosciuta sin dall’antica Grecia e da altre terre per mandare l’uomo all’altro mondo.
Il gatto nero che si trova nelle versioni successive della Chiave di Salomone, inoltre
era usato per aggiungere il suo sangue al temperamento del metallo. L’uso di coltelli
rituali pressi i Greci e i Romani era riservato ai sacerdoti che lo avrebbero manipolato
per tagliare il manto erboso ed eventualmente il legno utilizzato per un altare (o per
un fuoco sacro), mentre un coltello avorio o bianco veniva utilizzato nel sacrificio
animale. Il/i materiale/i usati per la fabbricazione del coltello spesso sono: acciaio/
ferro… forgiato… acciaio e/o ferro avranno molte connotazioni ovvie al potere,
principalmente alle armi, e alla guerra. Il metallo/ ferro è sacro a Aries o Marte.
Sembra che il manico più comunemente utilizzato era l’osso / avorio o un corno
(nero) di capra o di pecora. Le corna degli animali sono state usate sin dai tempi
antichi per strumenti e attrezzi rituali.
Le corna sono tradizionalmente associate al potere, alla forza e alla natura produttiva.
Scoprirete che le tradizioni sulle Fae, o spiriti / dei / fate celtiche sono note per
temere l’acciaio e lo vedono come un castigo per la loro esistenza. Infatti tutti gli
spiriti, specialmente quelli più vicini alla terra, sono stanchi dell’acciaio temperato e
di armi a lame in generale.
Nell’opera eccellente, “The Magical Treatise of Solomon, or Hygromanteia” Ioannis
Marathakis cita Nikolaos Politis descrivendo una tradizione da Messara nel 1904:

“Qualcuno stava andando a Khrousa con un suo amico. Si fermarono per un po’ da
qualche parte e poi si separarono. Nel momento in cui si separarono le fate lo
circondavano e gli parlavano. Egli non capiva quello che stavano dicendo, ma aveva
sentito che se un coltello dal manico nero si piantava nel terreno, esse se ne
andavano. Fortunatamente, egli aveva un coltello simile, e lo piantò nel terreno e le
fate andarono via.”

Disegni, simboli e sigilli

Ci sono alcune correlazioni tra i grimories di sigilli e parole da essere incise sulla
lama e/o sul manico. Molti sono difficili da decifrare e capire in modo diretto. Sono
stati fatti diversi tentativi da vari studiosi e praticanti della magia. Molti dei simboli o
sigilli sembrano lettere ebraiche alterate e anche i numeri possono essere stati unità di
misura in alcuni casi. Tuttavia, quei pochi che sembrano essere diretti e sigilli magici
prefissati sembra che parlino di “separazione”, “divisione”, “dispersione”,
“dispaccio”, anche se sembrano venire in contatto con lo spirituale e probabilmente
anche con il fisico. Gli altri sigilli si riferiscono a Saturno e a Marte. Dopo aver inciso
i vari sigilli e usato il coltello nero, i sigilli sembrano indicare la severità dell’energie
che dovrebbero lavorare bene per “tagliare la linea della terra” per costruire un
cerchio creando una barriera spirituale indistruttibile e anche dividere qualsia energia
Spirituale raccolta facendola tornare nel vuoto.
I Simboli dell’Athame – Prima fila:
S = Il Serpente, simbolo di vita e rinascita; Nome di Dio; Flusso di Potere, dal Dio Cornuto
I Simboli dell’Athame – Seconda fila:
Simbolo del Dio Cornuto (simbolo planetario di Marte); Iniziale del suo nome; Il Bacio e il
Flagellare; La Dea Luna crescente e decrescente; Iniziale della Dea in nome Ebraico; Le Otto Vie,
gli Otto Percorsi;
I Simboli dell’Athame – Lama:
Elohim = Dio (plurale maiestatis); Ja = Dio (abbreviazione di YHVH); Taw, Omega, Z, Aleph
(prime e ultime lettere dell’alfabeto)

Misture, erbe, liquidi e preghiere in aggiunta:

Ora prendendo in considerazione il sangue del gatto nero, (e non credo fosse una
parola in “codice” per qualcos’altro). I gatti neri sono simboli della divisione
controllata fra i mondi: La vita e la morte, attenzione intelligente e bilanciata tra il
mondo fisico e il mondo dello spirito. Esiste un modo umano per ottenere tale
ingrediente senza uccidere o addirittura fare del male a detto felino.
Prendere sangue da persone e animali è una pratica comune nel settore sanitario, ma è
possibile fare pratica e conoscenza per qualsiasi persona laica. Se possibile, sarebbe
meglio avere un veterinario o medico amico che lo faccia per voi e che prenda solo
una quantità ragionevole così da non causare molto disagio all’animale. Non è molto
necessario “il succo di cicuta” e “il sangue di gatto nero” per assorbire una quantità
sufficiente all’interno della struttura chimica della lama d’acciaio sotto un calore
estremo. Otterrete la necessaria miscela di molecole per avere una lama
“sufficientemente letale spiritualmente”. Alla cicuta, ci si riferisce ad una o due
specie delle piante erbacee floreali perenni molto velenose della famiglia delle
Apiaceae, native dell’Europa e della regione Mediterranea come Conium Maculatum,
e nel Sud Africa come Conium.

Il processo di creazione o consacrazione non finisce qui. Solitamente, il coltello viene


poi benedetto con acqua santa e/o passato sul fumo dell’incenso sacro che è stato
anche consacrato all’opera magica. L’oggetto viene conservato al sicuro in un drappo
di seta nera. I più antichi testi magici greci che menzionano il coltello dal manico
nero dicono che dovrebbe essere costruito dal corno di una capra. Esso è usato per
assistere alla fabbricazione della penna, della pergamena e del cerchio. David
Rankine cita anche il suo utilizzo in casi di divinazione, come si trova in un
passaggio Talmudico di Rashi (Rabbi Shlomo Yitzhaki).

L’argomento e la tradizione più convincente che sostiene la creazione, l’aspetto e


l’uso del coltello magico dal manico nero proviene dalla Grecia e principalmente
dall’Isola di Creta. Durante alcune ricerche si è scoperto che la fabbricazione di
coltelli è ancora una tradizione molto fiera e tra la qualità dei coltelli che vengono
fabbricati ci sono cimeli di grande pregio e opere di squisita artigianalità. I manici
sono ancora fatti principalmente da corni di capra e da osso bianco.

Varianti dei Grimoires per la costruzione del coltello


dal manico nero

1. La Chiave della Conoscenza (Clavicula Salomonis) trascritta dalla British Library,


manoscritto aggiuntivo 36674

Un coltello è richiesto in quest’arte, perciò fai che sia costruito con un manico di
ferro che sia puro, e lascia che venga temperato nel sangue di un’oca nel giorno di
Mercurio [Mercoledì], quando la Luna è in aumento (crescente). Una volta terminato,
dire dieci messe sopra esso, e scrivere sul manico con l’ago sopra indicato questi
segni che seguono:
Poi profumalo come verrà in seguito indicato, e nota che il cerchio deve essere fatto
con un coltello simile, da questo giorno lo conserverai in panni di seta finché non ti
sarà utile al lavoro, e non taglierai nulla con questo coltello, ma solo tutte le cose che
appartengono a quest’arte.

Tutti gli strumenti di ferro qualsiasi che siano, devono essere fabbricati nel giorno, e
nell’ora di Mercurio, e verrà scritto sopra essi questi segni seguenti:

Inoltre, osservate che le spade necessarie alla vostra opera, devono essere pulite, e
scrivere su di esse ciò che segue: Iamec, Theah, Aniles, Theophilos, Def, Beth
Iadomay, El, Ja, Jah, Emanuel, Saday, Emnanal, sum qui sum, Agla, ALPHA &
OMEGA. Scrivere questo con l’inchiostro sopra indicato e fumigarle con gli odori,
dicendo questo scongiuro:
Io ti scongiuro per i nomi, Abraham, Abraho, Tetragrammaton, che è detto, Aglane,
che tu non mi nuoccia nel lavoro. Io ti scongiuro per il puro, Stimulaton, e per questi
ineffabili nomi di Dio Onnipotente, che sono:
Egyrion, Osystron, Enona, Aula, per Asyn e per Manalo, Emanuel, Sabaoth, Adonay,
primus, nouissimus, vnigenitus, Via, Vita, Manus, hono, primogenitus, finis,
Sapientia, virtus, a. Caput, verbum, gloria, splendor, lux, Sol, Imago, Mors, Janua,
Petra, Lapis, Angulus, Sponsus, pastor, propheta, Sacerdos, Athanatos, Ysyon,
Pantacraton, Jesus, Halleluia; per questi nomi, e per tutti gli altri nomi; Io ti
scongiuro, che tu non possa avere il potere per nuocermi.

Fatto questo, conservala come si è detto prima.


Oltre a questo deve essere fabbricato un altro coltello nel giorno e nell’ora di
Mercurio, temperato con il succo di pimpinella, e il sangue di un’oca, sopra al quale
dovranno essere state dette tre messe. Inoltre, dovrai profumarlo e aspergerlo con
l’acqua come sopra, con questo coltello, tutte le cose necessaria dovranno essere
tagliate. Si noti anche che qualsiasi di queste cose devono essere consacrate prima,
che esse siano vergini, cioè, che non siano mai state usate in opere o lavori.

LA CHIAVE DI SALOMONE LIBRO II


Edita da S. Liddell MacGregor Mathers

Ma per quanto riguarda il coltello con il manico nero per costruire il cerchio, con cui
incutere timore e paura agli spiriti, dovrebbe essere fabbricato allo stesso modo, ad
eccezione che dovrebbe essere fatto nel giorno e nell’ora di Saturno, immerso nel
sangue di un gatto nero e nel succo di cicuta, i caratteri e i nomi riportati di seguito
devono essere scritti su di esso, dalla punta verso il manico. Quando verrà
completato, avvolgilo in un drappo di seta nera:
Varianti dei sigilli da incidere (sul manico?) sul coltello dal manico nero

Fate fabbricare un coltello, della forma seguente, di ferro andamco (iron andamco).
Con un’impugnatura bianca di avorio e temperato nel sangue di un’oca e nel succo di
pimpinella, e fai che sia fabbricata in un giorno e in aumento di Luna al 13 giorno, e
quando è pronta fare dire dieci messe sopra. E scrivi sopra (?) con cinabro consacrato
sopra il suo manico? (hast), con un ago o puntello di ferro come segue, con questa
figura: