Sei sulla pagina 1di 360

menu' - index - La musica e la visione subliminale benefica - Amadeux...

fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

SUBLIMEN.com

Home page | Amadeux Multimedia


info Ricerca parole chiave:
< Cerca >

Musica e visione subliminale benefica


______________i n d e x______________
Introduzione Cos'e' la Musicoterapia

Rilassamento, Creativita', Infrasuoni, Aspetti terapeutici del suono e della


ecc. Musica

Frequenze, Battiti binaurali e Stati Cos'e' la P.N.L.


cerebrali
Estetica e Psicocibernetica
Le Onde cerebrali e la Risonanza
La Mente subconscia
Frequenze, Risonanza e Piramidi
Nozioni di Acustica semplice
Le Soglie di percezione di N.F. Dixon
Nozioni di Acustica avanzata
Il progetto e la tecnica "HRM"
Acustica psicofisica
Altre Tecniche subliminali
Demo di tracce Audio e Filmati
Noise (Rumori) ed effetti psicoacustici
Catalogo Software, CD, Manuali, etc.
Effetto Mozart e Silent Sub Technology

Come utilizzare la musica subliminale Informazioni, Ordini e Prenotazioni

Benefici del sub-rilassamento Visione subliminale

Rilassamento, Stress e Ansia Links, Bibliografia & Credits

Frattali e Musica Press / Stampa / Media

Cos'e' il Mantra Segnalazioni, Pubblicazioni & Recensioni

Nada Yoga, lo Yoga del suono


Siti alternativi (Mirror)
Mantra, Suono, Musica e Cervello
Area Riservata

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/menu.htm (1 of 2) [19/08/2003 22.42.18]


menu' - index - La musica e la visione subliminale benefica - Amadeux...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Meditazione, cos'e' e come praticarla

Creativita' e Cervello Forum/Archivio dedicato al


subliminale
Musica, Sogno e Creativita' Questo forum/archivio contiene molti articoli in sintonia
con le tecniche subliminali e la musicoterapia che per vari
Sonno e Sogni motivi non e' possibile pubblicare direttamente in questo
sito. Il forum e' interattivo per cui e' possibile inserire le
proprie opinioni, articoli e domande. L'iscrizione e'
Esperienze extracorporee (Oobe) gratuita!

Sito Mailing-list di gruppo


Ipnosi ed Autoipnosi
"Sublimen"
Questa e' una lista di gruppo e nello stesso tempo una
Autoipnosi e terapia mailing-list di informazione olistica in sintonia con le
tecniche subliminali e la musicoterapia. L'iscrizione e'
gratuita!
Mal di testa e Cefalea
Iscriviti alla Mailing-List "Sublimen"
Apprendimento e Memoria
Riceverai via email tutti gli aggiornamenti relativi a questo
sito e ad altri argomenti inerenti molto interessanti. E'
Ansia e Depressione gratuita!

Iscrivimi
Inserisci l'indirizzo Email e iscriviti!

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio nel rispetto delle normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa
(Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/menu.htm (2 of 2) [19/08/2003 22.42.18]


Musica e visione subliminale benefica - Amadeux Multimedia - sublim...ezione insonnia mal di testa musicoterapia music terapeutica mantra

SUBLIMEN.com
Splash page Amadeux Multimedia info

Musica e visione subliminale benefica


by Amadeux Multimedia

Enter / Ingresso

Scientificamente studiate presso varie facolta'


universitarie e centri di ricerca, queste
tecniche rappresentano quanto di piu'
avanzato vi sia oggi al mondo nella
musicoterapia. Agiscono a livello subliminale
(cioe' sotto il livello di coscienza - sub=sotto
limen=livello/soglia) inducendo dapprima
un'armonizzazione dei due emisferi cerebrali e
successivamente in virtu' di particolari suoni
che, inudibili all'orecchio, vengono tuttavia
percepiti dal cervello ed elaborati a livello
pre-conscio.
I risultati di queste alchimie acustiche, dopo
una sperimentazione su vasta scala, sono stati
definiti "straordinari".
Sono utilizzate per il rilassamento, per
sviluppare capacita' immaginative e
creativita', per aiutare la meditazione e
l’ipnosi, per alleviare emicranie e mal di testa,
per la riduzione del fabbisogno di sonno e
l'induzione al sonno naturale, per
l'eliminazione della depressione e dell’ansia,

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/index.htm (1 of 2) [19/08/2003 22.42.25]


Musica e visione subliminale benefica - Amadeux Multimedia - sublim...ezione insonnia mal di testa musicoterapia music terapeutica mantra

ecc.
Marco Stefanelli ha personalizzato ed
implementato queste tecniche con dei suoni
armonici naturali e con una nuova tecnica di
modulazione chiamata "HRM" generata da
software di produzione Amadeux Multimedia.

Enter / Ingresso
"La musica e' il linguaggio universale."
(Richard Wagner)

"Musica e' un esercizio aritmetico della mente che conta senza sapere di contare."
(G.W. Leibniz)

"Resi forti dalla potenza del suono, camminiamo gioiosi attraverso l'oscura notte della morte."
(W.A. Mozart, Il flauto magico)

"L'inconscio ha delle possibilita' che sono del tutto precluse alla coscienza, perche' esso dispone di tutti quei
contenuti psichici al di sotto del valore-soglia (sub-liminali), di tutto cio' che e' stato dimenticato e trascurato
e, per di piu', della saggezza dell'esperienza derivante da innumerevoli millenni che e' riposta nei tracciati
reali e possibili del cervello umano."
(C.G.Jung)

Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com

Powered by Amadeux Multimedia - Email: service@amadeux.net

Visitatori: - Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/index.htm (2 of 2) [19/08/2003 22.42.25]


Il progetto e la tecnica "HRM" - Amadeux - Marco Stefanelli subliminal...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Effetto Mozart e Silent Sub Tech | Forum | Mailing
List

Il progetto e la tecnica "HRM"


"Harmonic Resonance Modulation" by Marco Stefanelli

Da diversi anni Marco Stefanelli


cercava di mettere a punto una sua
tecnica per riprodurre suoni
armonici particolari che
producessero naturalmente delle
sensazioni piacevoli e benefiche.
Questa ricerca e' giunta finalmente
ad una fase di realizzazione ed
applicazione pratica nel Luglio
2001. Successivamente sara'
ulteriormente affinata ed
implementata con altre tecniche e
caratteristiche.

E' stata denominata "HRM" (Harmonic Resonance Modulation - Risonanza


Armonica Modulata) proprio perche' l'obiettivo e' quello di riarmonizzare e cioe' di
raggiungere, con delle particolari alchimie foniche, una sintonia armonica e
biologica con i vari elementi del corpo e della mente. Questo viene ottenuto
modulando dei segnali portanti a varie frequenze fra cui anche infrasuoni e
ultrasuoni. I suoni modulati sono generati da scale "armoniche" naturali ed
accordate con le frequenze dell'universo e della natura.

Questi sono alcuni esempi di numeri e ritmi sacri, cosmici, naturali e biologici:
- ritmi cosmici: sono sempre multipli, sottomultipli o somme di 9
- battiti del cuore: 72 (9x8)
- numero vedico e tibetano: 108 (9x12)
- druidico, labardico e "LA" originale: 432 (9x48)
- numero sacro dell'Asia meridionale: 504 (9x56)
- numero dell'apocalisse: 666 (9x74)
- grado dello zodiaco: 72 anni (9x8)
- frequenza vibratoria della luna: 216 (72x3)
- vibrazione e risonanza terrestre: 8 (7,83) Hertz corrispondenti alle onde alpha
- numeri pitagorici: 72 e 10.
- noise (white, pink, brown)

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/hrm.htm (1 of 7) [19/08/2003 22.42.45]


Il progetto e la tecnica "HRM" - Amadeux - Marco Stefanelli subliminal...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Alcuni esempi di "HRM" naturale e biologico sono il


battito del cuore, oppure il respiro o la voce della madre
al momento della nascita, la risacca del mare, le cascate
d'acqua, i suoni della foresta, ecc...
Siccome il corpo si comporta come un diapason
messo accanto ad un altro diapason accade che i
due corpi entrano in risonanza e si mettono a vibrare
alla stessa frequenza. Il corpo in stato di riposo vibra ad
una frequenza intorno agli 8 cicli al secondo, che è
anche la frequenza delle onde cerebrali “Alfa”, prodotte
dal cervello in stato di rilassamento, come non a caso la
frequenza fondamentale della vibrazione terrestre è la
medesima. E' un tentativo perenne del corpo di aderire
per mezzo del suono all'ordine e all'equilibrio
dell'ambiente in cui vive.
Il corpo umano è un sistema concepito, tra l'altro, per
vibrare; infatti udiamo, captiamo, inglobiamo non solamente attraverso le
orecchie e il sistema neuro-cerebrale, ma per mezzo di un insieme di recettori
sparsi un po' dovunque sul corpo: il corpo al suono, risponde con un altro suono.
Dall'altro lato il corpo stesso è uno strumento che emette vibrazioni e suoni
propri. Alcuni come i ritmi del respiro e del battito cardiaco sono udibili, e se
disponessimo di un apparato uditivo adatto, potremmo perfino “sentire” la nostra
armonia personale.
Il corpo riceve musica, la trasforma interiormente in emozione e risponde con
vibrazioni proprie, con una musica propria.
La musica è il mezzo per intrattenere i giusti rapporti con la natura, la musica per
conservare la coesione di un gruppo umano, per mantenere l'equilibrio psicofisico
di ciascun membro della comunità e l'unione tra il corpo e lo spirito.
Concretamente, cosa può produrre in noi la musica?
Favorisce l'apertura di canali che consentono il flusso di reazioni affettive, con la
possibilità di migliorare il controllo tonico-emozionale.
La musica risveglia tutti i nostri centri energetici (Chakra), riorganizza i nostri
desideri, stimola la produzione di peptidi, cioè di quelle macromolecole che
alleviano il dolore, agendo su specifici ricettori cerebrali. Il corpo dell'uomo,
messo in vibrazione con la musica, vibra a sua volta e quando le onde vibratorie
stanno per estinguersi, nascono nell'interno dell'uomo dei suoni più sottili e
leggeri, come una nebbia sonora che smuove gli strati più profondi della
coscienza.
Bisogna saper ascoltare il ritmo al punto da identificarsi con esso; ascoltare
significa prestare attenzione e l'uomo stesso è l'oggetto del suo ascolto.
Proviamo a chiudere gli occhi e a concentrarci sui suoni che ci circondano: "..non
si può udire colui che ode perchè non esiste".
L'apprendimento delle tecniche di ascolto musicale "HRM" partono da questo
concetto basilare. Dobbiamo lasciare che la sensazione di essere colui che ode si
trasformi nella sensazione dell'udire, dobbiamo trasformarci in suono. Chi
ascolta è nel tempo stesso il suono ascoltato.
L'esistenza è concepita come una successione di tanti presenti, l'ascolto musicale
concepito come un continuo e un susseguirsi di suoni presenti: l'unica cosa che
possiamo udire è il presente: così, vivendo l'evento musicale come unica realtà
presente possibile, si eliminano le due trappole in cui spesso cadiamo: il senso di
colpa e gli stati d'ansia. “Ogni colpa è lo stato di sentirsi persi nel passato e
ogni ansia è lo stato di sentirsi persi nel futuro.
L'ascolto che definiamo terapeutico contempla un'attività di attenzione multipla
che coinvolge il corpo e la psiche in vari modi: il cervello, il sistema uditivo, il
cuore, le cavità interiori, il sistema nervoso, la pelle, il respiro, l'inconscio, l'eros

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/hrm.htm (2 of 7) [19/08/2003 22.42.45]


Il progetto e la tecnica "HRM" - Amadeux - Marco Stefanelli subliminal...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

ecc.: l'unica cosa che possiamo udire è il presente.


Ascoltare in modo terapeutico significa abbandonarsi al flusso della musica e alle
emozioni, utilizzando uno degli emisferi cerebrali, quello destro, ma significa
anche essere razionalmente attenti con l'emisfero sinistro all'evento musicale che
ci coinvolge, sia saper utilizzare a nostro favore i momenti musicali più sgradevoli
con un divertente lavoro di costruzione di significati al primo ascolto impensabili.
La tonale, attraverso l'emisfero destro, essendo capace di promuovere un
processo di integrazione psichica, che risolvendo le dissonanze, facilita il restauro
e la ricostruzione dei nostri vissuti interni, mentre la musica atonale, attraverso
l'emisfero sinistro, con le sue dissonanze faciliterebbe le frammentazioni del
vissuto interno allontanandoci dall'integrazione e quindi procurando sofferenza.
Un ascolto musicale è davvero completo e terapeutico quando entrambi
gli emisferi lavorano in sincronia (armonizzati), nel senso che uno è il
complemento dell'altro.
Ascoltare in modo terapeutico significa anche saper individuare le parti del corpo
stesso maggiormente sensibilizzate alla musica. Il corpo, come un diapason,
risponde ad un suono con un altro suono formando così un doppio suono, quello
della musica e quello della risposta vibratoria del corpo stesso. E' anche molto
importante l'ascolto di sé. Non esiste più il cervello che "pensa di ascoltare
la musica" per dare beneficio al corpo, ma l'unità corporea sarà immersa nella
musica, sarà musica.
Immagini e fantasia aggirano i processi difensivi dell'inconscio, superano le
resistenze presenti in ogni processo terapeutico e producono quel cambiamento
che consente di rielaborare ex novo la propria vita.
L'ora della nevrosi scocca nel momento in cui l'uomo non è più capace di attuare
un cambiamento: occorre attuare dei movimenti fisici e mentali sostenuti dalla
musica.
Un'applicazione operativa è quella del controllo e rallentamento della respirazione
e del battito cardiaco, di autorilassamento, di vocalizzazioni individuali e collettive,
di concentrazione sul silenzio, di stimolazione corporea attraverso movimenti
improvvisati di danza libera, di individuazione della “nota personale di base”, di
meditazione sui chakra (centri energetici del corpo) e loro rivitalizzazione sonora.
Il sistema di comunicazione tradizionale (la “parola” ) perderà la sua importanza
per aprire la porta ad altre forme di comunicazione. Qui saranno padrone il ritmo
(pulsazioni respiratorie, cardiache ed energetiche di base - il ritmo vitale), il
melodico, l'armonico, il simbolico (l'abbandonarsi ai suggerimenti e ai sensi
multipli dei suoni, delle immagini, dei colori, dei sogni, dei vissuti profondi).
Scelta la posizione che ci è più comoda, ad occhi chiusi, iniziamo una respirazione
lenta, mentre intorno a noi ascoltiamo i suoni di una foresta all'alba. Ci si deve
immaginare distesi in una radura tiepida mentre si cercherà di visualizzare il
colore rosso.
E' essenziale comprendere la relazione tra pensiero, suono e coscienza. Il suono
rappresenta il più importante sistema per comunicare e libera l'azione
motoria. Nella Musicoterapia si può trasmutare qualsiasi forma di energia interiore
in pace e tranquillità.
La mente può essere calmata e protetta dalle aggressioni esterne attraverso la
meditazione quotidiana: per purificare la mente fu donato al mondo un suono
primordiale, l'AUM. Quando si canta la A e la coscienza è all'ombelico, la mente si
calma. Il canto della U nel chakra porta lucidità e gioia. La M dona beatitudine alla
mente. Durante il canto dell' AUM (OM) il suono si sposta da un chakra all'altro
riattivando le energie bloccate in quella determinata posizione, allora l'energia
passa dal subconscio al conscio.
Con la consapevolezza e la musica si possono abbassare le punte di alta
pressione.
La musica rappresenta anche una difesa di fronte a situazioni paranoidi e
melanconiche: il fatto di fischiettare ad es. nell'oscurità se accompagnata dal

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/hrm.htm (3 of 7) [19/08/2003 22.42.45]


Il progetto e la tecnica "HRM" - Amadeux - Marco Stefanelli subliminal...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

silenzio e dalla solitudine. Col suono si dissipa l'ansia paranoide creando l'illusione
di un gruppo di sostegno. Vedi anche i canti che ispirano coraggio, gli inni, i canti
di guerra.
Il Talamo è il sito dove giungono le sensazioni e le emozioni dove rimarrebbero in
modo non cosciente: per mezzo del ritmo musicale possiamo provocare una
risposta automatica inconscia. Ma è solo a livello corticale dove possiamo
apprezzare un'armonia, mentre a livello subcorticale (come anche per gli animali),
possiamo “capire” il ritmo e la melodia.
La musica è strettamente connessa alle funzioni del linguaggio, infatti nel lobo
temporale i centri del linguaggio e della musica sono molto ravvicinati.
Es.: il rullo del tamburo aumenta il flusso sanguigno, gli stimoli ritmici possono far
aumentare il rendimento corporeo (soprattutto nelle tonalità maggiori). Se ad una
persona addormentata pronunciamo una serie di nomi, essa si desterà nel
momento in cui pronunceremo il suo nome.

MUSICA, STRESS E BENESSERE


Da una ricerca fatta su un gruppo di bambini tra i 4 e i 6 mesi
a due diversi tipi di ascolto musicale, risultava che più
l'armonia musicale era perfetta (HRM), maggiore era la calma
e la tranquillità, la serenità e l'attenzione. Le esecuzioni
dissonanti erano invece accompagnate da nervosismo,
irritazione e pianto. E' l'ennesima prova che fin dalla nascita il
cervello dell'uomo accentua il suo stato di benessere
sotto l'effetto di musiche armoniose.
Se interrompessimo la nostra giornata attiva e lavorativa con due brevi momenti
(10/15 minuti circa) dedicati all'ascolto di particolari musiche (HRM),
accompagnandolo con semplici esercizi respiratori e mentali, saremo in grado di
accettarci meglio e accetteremo meglio gli altri, a livelli di stress molto più bassi
ed accettabili.
La musica aiuta ad eliminare progressivamente stati di nervosismo, di ansia,
angoscia, difficoltà di ordine psicosomatico come cefalee, stanchezze muscolari.
La musica si indirizza direttamente al corpo, ai sensi, allo spirito. Certe musiche
classiche e "newage" sono elementi determinanti per combattere lo stress. Lo
stress può essere definito un'intensa reazione emozionale a degli stimoli
esterni che mettono in moto delle risposte fisiologiche. In questa risposta il
sistema neurovegetativo interviene attraverso la stimolazione nervosa della
midollare del surrene che immediatamente mette in circolo una scarica di
adrenalina e noradrenalina. Queste catecolamine determinano l'aumento della
frequenza cardiaca, della pressione arteriosa, del ritmo respiratorio, alterano cioè
l'equilibrio dei ritmi di alcune funzioni vitali. Inizia così la discesa verso il disagio
che giorno per giorno si aggrava perchè ci trova sempre più fragili e indifesi.
Un certo livello di stress ci fa entrare in una curva di benessere e aumenta le
nostre capacità di prestazione psicofisica. “La totale assenza di stress è
morte”.
Oltre un certo limite con l'aumentare dell'intensità degli stimoli e quindi del livello
di stress, inizia, come si diceva, lo stato di sofferenza. Il senso di benessere fisico
e mentale che la musica produce è mediato anche dall'azione delle
beta-endorfine, oppioide endogeno che agisce sulla linea emozionale
piacere/dolore, la cui produzione è stimolata anche dalla musica. L'ascolto di una
musica appropriata, accompagnata da una serie di esercizi di respirazione, ha il
potere di rallentare alcuni ritmi vitali, con la conseguenza di migliorare la
percezione del nostro corpo. Si sviluppa così un nuovo sentimento di sicurezza
interiore, che facilita la comunicazione interpersonale.
La musica è la struttura dinamica che consente di stimolare, adoperare e
controllare il flusso delle immagini che si sviluppano durante l'ascolto. La musica

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/hrm.htm (4 of 7) [19/08/2003 22.42.45]


Il progetto e la tecnica "HRM" - Amadeux - Marco Stefanelli subliminal...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

ha una sua forte carica simbolica.


Lo stato di stress è amplificato da quelle forme d'ansia che ci prendono quando
siamo assillati da un pensiero ripetitivo, circolare, chiuso, da cui non troviamo una
via d'uscita, siamo incapaci di attuare un cambiamento. La musica, con la sua
struttura dinamica e con le sue capacità di superare la logica e la razionalità,
spezza questo circolo vizioso e angosciante, poiché mette in moto le energie
inconsce della fantasia e dell'immaginazione.
La musica classica svolge un ruolo di primo piano. Le sue armonie e melodie
fanno parte di un grande disegno equilibrato ed unitario. Chi ascolta deve
abbandonarsi alla musica, dimenticando sia la logica che i canoni estetici
abituali, deve semplicemente essere attento al flusso di immagini e di sentimenti
psicologicamente significativi.
Per indirizzare al meglio l'attenzione verso la musica e la interiorità, è necessario
concentrarsi per alcuni minuti sul corpo e sul respiro. Chiudere gli occhi,
respirare lentamente e profondamente. All'inizio limitarsi ad ascoltare il
respiro, seguendone il ritmo e il suono. Cercare di visualizzare l'aria che entra ed
esce dalle narici. Quando il respiro è diventato regolare, provare a percepire la
quantità di tensione che esce dal corpo a ogni espirazione. Essere coscienti di
espellere la tensione attraverso il respiro. A questo punto far partire la musica e
far assumere una forma di immagine al problema che in quel momento sembra
rappresentare la causa scatenante la situazione di stress. L'immaginazione è un
formidabile strumento anti stress; l' immaginazione rafforza la capacità di
concentrazione, di memoria, facilita l'ingresso alla dimensione positiva
dell'esistere, consente ai nostri due emisferi cerebrali di lavorare in sintonia,
cercare di limitarsi a concentrarsi sulle sensazioni tattili e cinestetiche della
musica, ponendosi qualche domanda apparentemente banale. In quale parte del
corpo avverto una vibrazione o un formicolio prodotto dalla musica? Provo
sensazione di freddo, caldo, provo piacere, dolore? Mi sento stanco, triste, allegro,
energico?.
Se il desiderio di cambiamento è forte e si vuole che accada qualcosa di nuovo,
visualizzate del tutto o anche solo un particolare di quel qualche cosa di nuovo. Se
non si è in grado di visualizzare l'oceano, visualizzare una conchiglia che
collegherà col mare. Provare a far accadere qualcosa di nuovo mentalmente. Non
dimenticarsi di controllare ogni tanto il respiro, perchè sia lento e regolare. Non
cercare di capire o di trovare dei legami logici. Occorre essere totalmente
slegati dalla mente, perchè sarà la musica a condurre dove andare. Quando la
musica finisce, assaporare il silenzio e cercare di cogliere le vibrazioni del corpo.

LA MUSICA E' UN CANALE PRIVILEGIATO DI COMUNICAZIONE ED


ESPRESSIONE
Vi sono tantissimi esempi che testimoniano l'influenza della musica sulle piante e
sugli animali; si è visto che il mais germoglia in maniera più rapida e rigogliosa
nelle serre in cui viene trasmessa costantemente musica, che la produzione di
latte nelle mucche diminuisce sensibilmente nelle zone prossime agli aereoporti
dove il rumore è eccessivo ed aumenta invece se viene trasmessa musica classica
(in particolare W.A. Mozart).

RIEPILOGANDO: il musicista esperto trasferirebbe le funzioni


cerebrali connesse alla musica dall'emisfero destro, responsabile
dell'ascolto gestaltico, non scomponibile, appreso dall'individuo
per ciò che esso significa per lui, all'emisfero sinistro, coinvolto
invece nell'ascolto dettagliante. Lo stesso linguaggio della parola
ritrova nel cervello destro la prosodia, cioè la cadenza, e il
coinvolgimento emozionale.
Si fa notare come in alcune lingue orientali il significato della parola può
addirittura variare in funzione dell'intonazione della voce.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/hrm.htm (5 of 7) [19/08/2003 22.42.45]


Il progetto e la tecnica "HRM" - Amadeux - Marco Stefanelli subliminal...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

La musica pervade fin dal mondo fetale l'uomo sia attraverso la voce materna che
i ritmi biologici, soprattutto quelli del cuore e del respiro.
UDIRE costituisce un fenomeno periferico legato all'orecchio, mentre
SENTIRE presuppone l'intervento del talamo (relais sensitivo per eccellenza), e
ASCOLTARE necessita delle funzioni corticali superiori in toto.
Non suonare rigidamente, sforzarsi di equilibrare i sistemi piramidale ed
extrapiramidale, avendo quest'ultimo un ruolo determinante nel rendere fluidi i
movimenti (es. morbo di Parkinson, patologia a carico del sistema extrapiramid.)
Il sistema nervoso raccoglie le informazioni sensibili, le trasmette, le analizza in
un corpo che è cassa di risonanza.
Gli stimoli sonori arrivano in noi per diverse strade: dal sistema uditivo, dal
sistema di percezione interna per mezzo delle vie nervose, dal tatto con la
percezione delle vibrazioni degli strumenti musicali, dalla vista per mezzo della
quale il suono penetra come un simbolo prima di essere convertito nella mente in
suono.
La trasmissione può avvenire mediante 3 processi: la conduzione lungo un nervo,
la diffusione di una sostanza chimica o attività inibitrice o eccitante.
Lo stimolo acustico trasmesso dal nervo acustico raggiunge il talamo che filtra
l'informazione. Se il talamo consente il passaggio dell'informazione, esso viene
portato nel lobo temporale dove il suono musicale viene “intellettualizzato”.
Questi centri sono in prossimità e collegati con quelli del linguaggio (area di
Broca).
Per via ematica il collegamento è con i nuclei ipotalamici e con la ghiandola
celebrale dell'ipofisi, situata sotto il Talamo, per mezzo di sostanze chimiche che
arrivano come secreti del Diencefalo (base del cervello) che è il più grande
centro neurovegetativo dell'organismo, che reagisce alle informazioni chimiche
emesse dal sistema del Simpatico e Parasimpatico che regolano la vita
vegetativa autonoma che è indipendente dalla nostra volontà.
L' ipofisi sollecitata secerne nel sangue delle sostanze dette “stimoline” dirette
alle ghiandole endocrine, agli organi-bersaglio fegato-reni.
Le informazioni date dal suono musicale vengono decodificate e trasmesse
all'altro emisfero cerebrale, a livello della corteccia motoria che comanda i muscoli
o gli organi interessati per mezzo dei nervi, trasmettendo l'ordine motorio
attraverso il midollo spinale.
Nell'emisfero di SINISTRA sono site aree come quelle della logica, del relazionale,
dei simboli, delle cifre e della melodia musicale; in quello di DESTRA l'aspetto
creativo, intuitivo, emozionale, artistico. Il cervello funziona come un
“calcolatore” su 3 sistemi : binario, ternario e su base 5.
Nelle regioni posteriori del cervello si sovrappongono la sensibilità uditiva, cutanea
e propriocettiva.
L'area del sistema limbico ha la particolarità di accumulare memorie e di essere il
luogo delle nostre emozioni. Funziona in modo quasi indipendente dal 1° cervello,
quello arcaico soprannominato ”rettileo” che dà origine ai comportamenti
primitivi.
Lo stimolo sonoro perviene simultaneamente al centro del talamo e della corteccia
cerebrale, che sono connessi con meccanismi di “andata e ritorno”, il che
consente di mettersi in contatto col paziente anche quando la sua coscienza è
alterata da fattori psicologici o psichici, tali da ridurlo all'isolamento.

Possiamo, a questo punto, affermare che:

● il senso musicale vero e proprio risiede nel lobo fronto-temporale destro.

● tutto ciò che in musica è in relazione con il linguaggio risiede nel lobo
temporale-sinistro.

● il riconoscimento dei ritmi musicali è affidato ai 2 emisferi cerebrali.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/hrm.htm (6 of 7) [19/08/2003 22.42.45]


Il progetto e la tecnica "HRM" - Amadeux - Marco Stefanelli subliminal...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

● solo a livello della corteccia cerebrale il messaggio musicale è ricevuto,


decodificato e integrato.

Tramite l'effetto “diapason”, si entra in vibrazione quando si vibra sulla stessa


lunghezza d'onda del suono; le vibrazioni sono captate dall'orecchio interno,
penetrano a varie profondità a seconda della loro frequenza e il loro effetto è di
inibire oppure tonificare l'attività cellulare (similmente alla teoria degli effetti
dell'agopuntura). Le cellule entrano in oscillazione e si ripristina quell'equilibrio
mancante. Ciò spiega come i centri nervosi e i vari organi vengono “irradiati” da
note e accordi (HRM), quando si pone uno strumento emanatore di accordi su
una parte del nostro corpo.
con estratti di Asturaro Dario Giovanni, adattamento di Marco Stefanelli

Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Links | L'Effetto Mozart e la Silent Sub Technology

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico" o "psicologico".
In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo.
Articoli, audio ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web citati di pubblico dominio.
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/hrm.htm (7 of 7) [19/08/2003 22.42.45]


Index Demo - Amadeux Multimedia - demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

SUBLIMEN.com

Index Sub | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links | Forum | Mailing List

Index Demo
Demo di Audio
Subliminale

Demo di Audio HRM

Demo di Audio Effetto


Mozart

Demo di Audio
Frattale

Demo di Visione
Subliminale

Demo di Visione
FlashTrance

Index Sub | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio nel rispetto delle normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa
(Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demo.htm [19/08/2003 22.42.53]


Come utilizzare questa musica - Amadeux - Marco Stefanelli sublimina...ine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Links | Forum | Mailing List

Come utilizzare la Musica


sub
Per potere approfittare al massimo
di quest'esperienza vi diamo alcuni consigli,
che speriamo vorrete tenere in considerazione:

- Evitate di prendere caffe', te', cioccolata, alcool, od altre sostanze che possono
risultare stimolanti; cosi' come dovrete evitare l'uso di calmanti, almeno da una
mezz'ora prima di iniziare la "seduta subliminale";

- Sistematevi in un posto, che sia ben aerato, fresco e nella semi-oscurita',


possibilmente il meno disturbato dai rumori della casa;

- Coricatevi comodamente sul dorso, la testa appoggiata su un cuscino basso, le


braccia allungate lungo il corpo, e leggermente piegate, i palmi delle mani rivolti
verso il basso; le gambe allungate, con i talloni distanziati fra di loro di circa
quindici\venti centimetri e le punte dei piedi rivolte verso l'esterno.
Tutto questo non e' comunque tassativo; alcune persone preferiscono infatti
praticare il "rilassamento subliminale", stando sedute su una comoda poltrona;

- Slacciate quelle parti di vestiario che potrebbero risultare fastidiosamente


strette, a livello della vita, del torace, o del collo;

- Non fate sforzi eccessivi; abbandonatevi semplicemente alla musica,


concentratevi su di essa e lasciate scorrere i pensieri sullo schermo mentale;

- Per utilizzare al massimo il beneficio degli infrasuoni contenuti nella traccia,


utilizzate, se possibile, una cuffia stereo. Solo in tal modo, infatti, ai due emisferi
cerebrali arrivano due messaggi sonori ben differenziati;

- Tenere un volume medio, in modo che le onde vibratorie si possano sentire


chiaramente ma che allo stesso tempo non diano oppressione ai timpani o senso
di fastidio.
Nel caso della musica con "Effetto Mozart" se il volume e' troppo alto e l’impianto
di riproduzione del cd non e' di alta qualita' si potrebbero verificare delle
distorsioni sonore sulle alte frequenze;

- E' importante (se utilizzate un computer) che dalla scheda sonora vengano tolti
tutti gli effetti di ambiente, spaziali, 3D e cose del genere, in quanto simulano,
alterando il suono originale, delle ambientazioni particolari, che possono
compromettere l'effetto degli infrasuoni;

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/come.htm (1 of 3) [19/08/2003 22.43.04]


Come utilizzare questa musica - Amadeux - Marco Stefanelli sublimina...ine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

- E' da evitare assolutamente l'ascolto durante attività che richiedono molta


attenzione (se non diversamente specificato); per esempio, mentre si è alla guida
dell'automobile o si e' al controllo di sistemi di sicurezza e cose del genere;

- Sicuramente, in alcuni giorni le distrazioni saranno piu' insistenti che in altri.


Non preoccupatevi: la vostra seduta di "subliminale" sara' comunque valida;
questo susseguirsi di pensieri non e' altro infatti che il segno della dissoluzione di
alcune tensioni. Lasciatele tranquillamente fluire, riportando la vostra attenzione
sulla musica;

- Alla fine della vostra seduta, concedetevi una profonda respirazione e un


vigoroso stiramento delle membra, come fareste svegliandovi dopo una buona
notte di sonno. Poi, aprite gli occhi e, prima di alzarvi definitivamente, state per
un attimo seduti, cosi' da non incorrere in leggeri stordimenti;

- Vi raccomandiamo di fare il vostro esercizio costantemente, due volte al giorno


(al massimo tre volte al giorno): prima della colazione del mattino e del pasto di
sera;

- Consigliamo di tenere la bocca socchiusa portando la lingua a contatto con il


palato facendo in modo di toccare con la punta gli incisivi superiori senza fare
sforzi eccessivi;

- Mettete in "loop" (ciclo continuo) la musica (se la traccia e' piu' corta) in modo
da ascoltare il brano per circa venti minuti a seduta. E' una lunghezza studiata
accuratamente; non deve essere superata in una stessa seduta (se non
diversamente specificato); cio' provocherebbe un effetto di saturazione e non
sarebbe di alcun beneficio ma comunque senza neppure conseguenze negative.

Come ogni buona tecnica, anche quella "subliminale" ha un effetto cumulativo;


non lasciatevi, quindi, prendere dai problemi della giornata, usandoli come una
scusa per tralasciare il vostro momento di distensione.
Potra' capitare il giorno in cui non avrete veramente l'opportunita', o il tempo di
praticare il vostro esercizio sdraiati, o seduti; non fatevi eccessivi problemi;
seguite ugualmente la musica, mentre vi occupate delle vostre attivita' abituali,
come, ad esempio, preparare il pranzo. Ne avrete, comunque, giovamento, anche
se l'effetto non sara' al massimo della sua potenzialita'.
Il fatto di ascoltare passivamente le frequenze non e' necessariamente
sufficiente ad alterare il vostro stato cerebrale al massimo livello; la
capacita', la costanza, la disponibilita', la forza di volonta', la
concentrazione, la predisposizione e la situazione neuro-cerebrale iniziale
aiutano molto e donano effetti piu' intensi.

ATTENZIONE!
La "musica subliminale con infrasuoni" in particolar modo quella rilassante, come
ogni tecnica di rilassamento, abbassa il livello della vostra attenzione (se non
diversamente specificato); non fate quindi mai uso della musica subliminale con
infrasuoni se siete in macchina o impegnati in occupazioni che richiedano una
vigilanza dei vostri riflessi.

Nota importante (relativa solamente alla musica subliminale con infrasuoni)


Le persone che:
- hanno una predisposizione all'epilessia, o alle convulsioni;
- sono portatori di pace-makers;
- soffrono di aritmia cardiaca, o di altre disfunzioni cardiache;

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/come.htm (2 of 3) [19/08/2003 22.43.04]


Come utilizzare questa musica - Amadeux - Marco Stefanelli sublimina...ine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

- fanno uso di psicofarmaci, di tranquillanti, o di droghe;


dovrebbero fare a meno di utilizzare la "musica subliminale con infrasuoni"; e
nemmeno tentare di provarla, sia pure per pochi istanti.
In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere
responsabili del suo utilizzo.

Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Links

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio nel rispetto delle normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa
(Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/come.htm (3 of 3) [19/08/2003 22.43.04]


Catalogo generale - Amadeux Multimedia - catalogo subliminale webs...ta emicrania meditazione yoga depressione ansia ipnosi autoipnosi

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Prenotazioni, Ordini & Informazioni | Amadeux info

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/catalog.htm (1 of 10) [19/08/2003 22.44.51]


Catalogo generale - Amadeux Multimedia - catalogo subliminale webs...ta emicrania meditazione yoga depressione ansia ipnosi autoipnosi

:: Catalogo generale ::
(sezione 1) - (sezione 2)

Infrasuoni e Battiti binaurali Effetto Mozart e Silent sub Frattale

Suoni della Natura Manualistica Note, Sconti e Avvisi

Scarica/Download Catalogo del subliminale in formato PDF

Manualistica
Musica subliminale con infrasuoni e HRM
SUBMUSIC SM01 - Manuale
Manuale del subliminale SM01
Codice art.: SM01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 20,00
Prima uscita: 09/2001

Questo e' un manuale generico sulla musica subliminale


con infrasuoni e HRM dove viene spiegato che cos'e' e
come funziona la musica e la tecnica con infrasuoni, battiti
binaurali e HRM.

Vendita solo in abbinamento ad altro articolo subliminale.

Prenotazioni, Ordini & Informazioni Menu' &


Categorie

Infrasuoni e Battiti binaurali


Musica subliminale con infrasuoni e HRM
RELAX RX01 - Rilassamento
Manuale specifico + CD Relax RX01
Codice art.: RX01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00 (Pagamenti e
Sconti)
Prima uscita: 09/2001 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 537994 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente al rilassamento ed


allo stress con oltre 50 minuti di musica e suoni. I brani
sono progettati per indurre progressivamente uno stato di
rilassamento e diminuire lo stress negativo.
Contenuto del CD:
1. Sub Relax Mantra OM (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 2:00

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/catalog.htm (2 of 10) [19/08/2003 22.44.51]


Catalogo generale - Amadeux Multimedia - catalogo subliminale webs...ta emicrania meditazione yoga depressione ansia ipnosi autoipnosi
Traccia subliminale con infrasuoni Beta e Alpha.
2. Sub Relax Exale (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 5:00
Traccia subliminale con infrasuoni Alpha e White noise Modulation.
3. Sub Relax Sea (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 5:00
Traccia subliminale con infrasuoni Alpha e Pink noise Modulation.
4. Sub Relax Tell me (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 5:00
Traccia subliminale con infrasuoni Alpha e Pink noise Modulation.
5. Sub Relax Sitar (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 5:00
Traccia subliminale con infrasuoni Alpha e Theta con Brown noise.
6. Ocean wave (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 30:17
Sequenze di suoni d’acqua con HRM e senza infrasuoni per il mantenimento
nello stato di rilassamento.

Durata totale 52:17

Prenotazioni, Ordini & Informazioni Menu' &


Categorie

Musica subliminale con infrasuoni e HRM


INSOMNIA IN01 - Insonnia
Manuale specifico + CD Insomnia IN01
Codice art.: IN01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00 (Pagamenti e
Sconti)
Prima uscita: 11/2001 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 544388 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente all'insonnia ed i


problemi del sonno con oltre 40 minuti di musica e suoni. I
brani sono progettati per indurre progressivamente uno
stato di sonno naturale e diminuire lo stress negativo.
Contenuto del CD:
1. Sub Insomnia Widdasitar (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 12:00
Traccia subliminale con infrasuoni Beta, Alpha e HRM.
2. Sub Insomnia Phat (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Delta e HRM.
3. Forest wave (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 20:00
Sequenze di suoni della foresta con HRM e senza infrasuoni per il
mantenimento nello stato di sonno.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/catalog.htm (3 of 10) [19/08/2003 22.44.51]


Catalogo generale - Amadeux Multimedia - catalogo subliminale webs...ta emicrania meditazione yoga depressione ansia ipnosi autoipnosi
Durata totale 42:00

Prenotazioni, Ordini & Informazioni Menu' &


Categorie

Musica subliminale con infrasuoni e HRM


HEADACHE CE01 - Mal di testa
Manuale specifico + CD Headache CE01
Codice art.: CE01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00 (Pagamenti e
Sconti)
Prima uscita: 12/2001 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 545286 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente al mal di testa ed


alla cefalea con oltre 40 minuti di musica e suoni. I brani
sono progettati per alleviare progressivamente il mal di
testa in genere.
Contenuto del CD:
1. Sub Whispers (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 15:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta e Alpha.
2. Sub Blue (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 15:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha e HRM.
3. Sub Anaesthetic (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 15:00
Traccia subliminale con infrasuoni Alpha, Theta, Delta, High Beta e HRM.

Durata totale 45:00

Prenotazioni, Ordini & Informazioni Menu' &


Categorie

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/catalog.htm (4 of 10) [19/08/2003 22.44.51]


Catalogo generale - Amadeux Multimedia - catalogo subliminale webs...ta emicrania meditazione yoga depressione ansia ipnosi autoipnosi

Musica subliminale con infrasuoni e HRM


LEARNING AP01 - Apprendimento
Manuale specifico + CD Learning AP01
Codice art.: AP01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00 (Pagamenti e
Sconti)
Prima uscita: 03/2002 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 556360 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente all'apprendimento


ed alla memorizzazione con oltre 50 minuti di musica e
suoni. I brani sono progettati per incrementare e facilitare
l'apprendimento e la memorizzazione in genere.
Contenuto del CD:
1. Sub Study (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 20:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha e HRM.
2. Sub Learn (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 20:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha, Beta e HRM.
3. Sub Refocus (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia subliminale con infrasuoni Alpha, Theta, Beta e HRM.
Refresh mentale per ricaricare l'organismo e "fissare" il materiale
memorizzato.

Durata totale 50:00

Prenotazioni, Ordini & Informazioni Menu' &


Categorie

Musica subliminale con infrasuoni e HRM


MEDITATION ME01 - Meditazione
Manuale specifico + CD Meditation ME01
Codice art.: ME01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00 (Pagamenti e
Sconti)
Prima uscita: 04/2002 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 557809 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente alla meditazione ed


alla riflessione con 45 minuti di musica e suoni. I brani
sono progettati per coadiuvare e facilitare la meditazione e
la riflessione in genere.
Contenuto del CD:
1. Sub Mantralama (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 15:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha e HRM.
Ideale per l'inizio della seduta.
2. Sub Flute (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta e HRM.
3. Sub Mesitar (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 20:00
Traccia subliminale con infrasuoni Alpha, Theta e HRM.
Ideale per una meditazione profonda.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/catalog.htm (5 of 10) [19/08/2003 22.44.51]


Catalogo generale - Amadeux Multimedia - catalogo subliminale webs...ta emicrania meditazione yoga depressione ansia ipnosi autoipnosi

Durata totale 45:00

Prenotazioni, Ordini & Informazioni Menu' &


Categorie

Musica subliminale con infrasuoni e HRM


CREATIVITY CR01 - Creativita'
Manuale specifico + CD Creativity CR01
Codice art.: CR01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00 (Pagamenti e
Sconti)
Prima uscita: 06/2002 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 566150 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente alla creativita' e alla


intuizione con 50 minuti di musica e suoni. I brani sono
progettati per incrementare la creativita' e l'intuizione in
genere.
Contenuto del CD:
1. Sub Emily (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 15:00
Traccia subliminale con infrasuoni Beta, Alpha, Theta e HRM.
2. Sub Brandom (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia subliminale con infrasuoni Beta, Alpha, Theta e HRM.
3. Sub 20song02 (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 5:00
Traccia subliminale con infrasuoni Beta, Alpha, Theta e HRM.
4. Forest wave (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 20:00
Sequenze di suoni della foresta con HRM e senza infrasuoni per il
mantenimento nello stato creativo e intuitivo.

Durata totale 50:00

Prenotazioni, Ordini & Informazioni Menu' &


Categorie

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/catalog.htm (6 of 10) [19/08/2003 22.44.51]


Catalogo generale - Amadeux Multimedia - catalogo subliminale webs...ta emicrania meditazione yoga depressione ansia ipnosi autoipnosi

Musica subliminale con infrasuoni e HRM


ALERT AV01 - Attenzione vigile
Manuale specifico + CD Alert AV01
Codice art.: AV01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00 (Pagamenti e
Sconti)
Prima uscita: 01/2003 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 596067 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente all’attenzione vigile


e lo stato di allerta con oltre 50 minuti di musica e suoni. I
brani sono progettati per incrementare l’attenzione vigile e
lo stato di allerta in genere.
Contenuto del CD:
1. Sub Chimes-b (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 30:00
Traccia subliminale con infrasuoni Beta, Alpha, suoni frattali e HRM.
Deve essere ascoltata per prima nella successione ed una sola volta per
seduta.
2. Sub Nworld1 (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 11:00
Traccia subliminale con infrasuoni Beta e HRM.
Deve essere ascoltata per seconda nella successione ed una sola volta per
seduta.
3. Waterfall wave (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Sequenze di suoni di cascate d’acqua con HRM e senza infrasuoni per il
mantenimento nello
stato vigile e di allerta.
Può essere ascoltata quante volte si vuole e anche indipendentemente dalle
altre tracce.

Durata totale 51:00

Prenotazioni, Ordini & Informazioni Menu' &


Categorie

Musica subliminale con infrasuoni e HRM


HYPNOSIS IP01 - Ipnosi
Manuale specifico + CD Hypnosis IP01
Codice art.: IP01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00 (Pagamenti e
Sconti)
Prima uscita: 02/2003 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 596066 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente all’ ipnosi e


autoipnosi con 45 minuti di musica e suoni. I brani sono
progettati per incrementare e facilitare lo stato di ipnosi e
autoipnosi.
Contenuto del CD:
1. Sub Ipnotic (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia subliminale con infrasuoni Alpha e HRM.
Adatta per ipnosi semplice. Concentrarsi sul suono portante di 432 Hz.
2. Sub Easter (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 15:00
Traccia subliminale con infrasuoni Alpha, Theta, White Noise e HRM.
Adatta per ipnosi complessa. Concentrarsi sul suono portante di 432/800 Hz.
3. Sub Crystal (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia subliminale con infrasuoni Beta, Alpha, Theta, e HRM.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/catalog.htm (7 of 10) [19/08/2003 22.44.51]


Catalogo generale - Amadeux Multimedia - catalogo subliminale webs...ta emicrania meditazione yoga depressione ansia ipnosi autoipnosi
Adatta per autoipnosi. Concentrarsi sui suoni portanti variabili.
4. Sub Vitamin (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Pink Noise e HRM.
Adatta per ipnosi e trance.

Durata totale 45:00

Prenotazioni, Ordini & Informazioni Menu' &


Categorie

Musica subliminale con infrasuoni e HRM


OOBE EE01 - Esperienze
extracorporee
Manuale specifico + CD Oobe EE01
Codice art.: EE01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00 (Pagamenti e
Sconti)
Prima uscita: 04/2003 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 596065 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente alle Esperienze


extracorporee con oltre 55 minuti di musica e suoni. I
brani sono progettati per incrementare e facilitare Oobe,
Sogni lucidi e Viaggi astrali.
Contenuto del CD:
1. Sub Brainsync (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 06:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha, Beta, HRM e Pink noise.
Adatta per l'inizio della seduta e la sincronizzazione degli emisferi.
2. Sub Astravel (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 12:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha, Beta e HRM.
Adatta per viaggi astrali.
3. Sub Lucidream (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 14:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha, Beta e HRM.
Adatta per sogni lucidi.
4. Sub Stimoloobe (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 15:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha, HRM e suoni Frattali.
Adatta per oobe.
5. Sub Enlightment (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha, Delta, HRM e Brown noise.
Adatta per oobe avanzati.

Durata totale 57:00

Prenotazioni, Ordini & Informazioni Menu' &


Categorie

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/catalog.htm (8 of 10) [19/08/2003 22.44.51]


Catalogo generale - Amadeux Multimedia - catalogo subliminale webs...ta emicrania meditazione yoga depressione ansia ipnosi autoipnosi

Musica subliminale con infrasuoni e HRM


ANXIETY DA01 - Ansia e
Depressione
Manuale specifico + CD Anxiety DA01
Codice art.: DA01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00 (Pagamenti e
Sconti)
Prima uscita: 06/2003 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 596068 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente ad Ansia e


Depressione con oltre 50 minuti di musica e suoni. I brani
sono progettati per alleviare Ansia, Depressione e attacchi
di Panico.
Contenuto del CD:
1. Sub Sonata304 (K304 - W.A.Mozart 1756-1791) 5:15
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha, Beta, HRM e White noise.
Adatta per la sincronizzazione degli emisferi e l'attenzione vigile.
2. Sub Sinfonia40 (n.40 K550 - W.A.Mozart 1756-1791) 7:40
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha, Beta e HRM.
Adatta per la sincronizzazione degli emisferi, ansia e stress.
3. Sub Parsifal (Parsifal - R.Wagner 1813-1883) 10:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha, HRM e Pink noise.
Adatta per ansia e depressione.
4. Sub Sonata27 (Sonata n.27 - L.V.Beethoven 1770-1827) 12:00
Traccia subliminale con infrasuoni Beta, Alpha, HRM e Brown noise.
Adatta per ansia, depressione e attacchi di panico.
5. Sub Sinfonia6 (VI Sinfonia - P.I.Cajkovskij 1840-1893) 17:15
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha, Delta, HRM e Pink noise.
Adatta per depressione e attacchi di panico.

Durata totale 52:10

Prenotazioni, Ordini & Informazioni Menu' &


Categorie

Infrasuoni e Battiti binaurali Effetto Mozart e Silent sub Frattale

Suoni della Natura Manualistica Note, Sconti e Avvisi

Scarica/Download Catalogo del subliminale in formato PDF

Sono in preparazione altri Manuali, Filmati, Software e


CD di musica subliminale.
E' possibile prenotare e richiedere anche elementi
personalizzati.
Prenotazioni, Ordini &
Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/catalog.htm (9 of 10) [19/08/2003 22.44.51]


Catalogo generale - Amadeux Multimedia - catalogo subliminale webs...ta emicrania meditazione yoga depressione ansia ipnosi autoipnosi

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio nel rispetto delle normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa
(Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/catalog.htm (10 of 10) [19/08/2003 22.44.51]


Links e Bibliografia - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale website ...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

SUBLIMEN.com

Index Sub | Catalogo | Index Demo | Forum | Mailing List

Links e Bibliografia
Ringraziamenti:
Grazie a Guido Da Todi per le informazioni e i preziosi consigli forniti dal sito
(www.guruji.it) e dalle sue liste.
Grazie allo "Zio Hack" per i consigli, l'ironia ed alcune tracce audio fornite,
(www.migliorati.org).
Un ringraziamento a Subliminale.it per le informazioni ed i preziosi consigli forniti
dal sito (www.subliminale.it).
Grazie a Luca (Rodez) per la preziosa collaborazione, (www.francescachesi.org).
Grazie a Nicoletta per la collaborazione e la pazienza avuta.
Infine, grazie a tutti quelli che scrivono e testimoniano l'interesse per questo
argomento.

http://forum.sublimen.com
Forum e Archivi sulla informazione olistica by Amadeux Multimedia.

http://list.sublimen.com
Mailing group list sulla informazione olistica by Amadeux Multimedia.

http://www.scienzeantiche.it
Sito per chi ama la verita' sulle religioni, filosofie, Astrologia, Astronomia, Scienza ecc.

http://www.isvara.org
Sito del Network Isvara Inc. sulla filosofia vedico-vaishnava e dell'Accademia vaishnava.

http://www.altreviste.com
Portale sulla informazione olistica by Amadeux Multimedia.

http://www.c-s-b.org
Sito del Centro Studi Bhaktivedanta sulla Storia e Filosofia vedico-vaishnava e le scienze tradizionali dell'India.

http://www.consapevolezza.it/
Sito degli Spazi Web in sintonia a cura di Aetos .

http://www.olobreathwork.org
Sito italiano che si occupa di divulgare il paradigma Transpersonale di Stanislav Grof e la Respirazione Olotropica.

http://www.sognilucidi.it/
Sito italiano su tutto cio' che riguarda i sogni lucidi.

http://www.viaggioastrale.it/
Sito italiano su tutto cio' che riguarda i viaggi astrali, oobe, ecc.

http://www.nisalta.com/
Medicina Olistica - Dr. Nicola Saltarelli
Sito di servizi e consulenze online sulla Medicina olistica del dott. Nicola Saltarelli.

http://www.naturalglobal.it/
Naturale Globale - Visione naturale olistica.
Il sito del dott. A. Di Leo si occupa di medicina alternativa, agopuntura, medicina integrata, fitodermocosmesi.
Un'interessante sezione dedicata ai modelli virtuali di agopuntura Vi consente di approfondirne la conoscenza.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/links.htm (1 of 6) [19/08/2003 22.45.04]


Links e Bibliografia - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale website ...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

http://www.equipelogodinamica.it
Scuola Superiore di Psicoterapia di Cremona - Istituto di Psicoterapia dell'Immagine di Milano - Equipe Logodinamica
di Milano.

http://www.neurolinguistic.com/proxima/anthropos/it-75.htm
Rivista Anthropos & Iatria.

http://www.tomatis.com/
Official site of Alfred Tomatis method

http://www.tomatis.it/
Centro Tomatis di Napoli

http://www.miorelli.net/frattali
Sito sui frattali di Federico Miorelli

http://www.biofeedback.net
Coma waiting page AARP Offers Expert Viewpoints on Medicare Reform

http://www.dct.com/~tlavaque/
ADHD, psychostimulant use & EEG biofeedback Tx (topic of psychostimulant use and EEG biofeedback therapy. I
have included quite a few relevent links and references that you may also find useful.)

http://www.med.harvard.edu/AANLIB/home.html
The Whole Brain Atlas - view MR, CT & NM images of brains online on Web (neuropsychology and images of normal
and pathological brains, you may wish to cehck out "The Whole Brain Atlas" [The Whole Brain Atlas is an information
resource for central nervous system imaging which integrates clinical information with magnetic resonance (MR),
x-ray computed tomography (CT), and nuclear medicine images].)

http://neurosurgery.mgh.harvard.edu/other2.htm
Neurosurgical Interest Sites at Massachusetts General Hospital (Neurosurgical disease resources for clinical practice.)

http://www.lm.com/~nab
The URL of Neurosciences on the Internet (Neurosciences on the Internet is an up-to-date and comprehensive index
of Internet neuroscience resources that also publishes original material in all areas of the neurosciences.)

http://www.genetics.gla.ac.uk/neil/index.html

http://www.aan.com/
Neuorology Web page & fact sheets

http://www.dallas.net/~shinder/update.html
Neuropage Medical News on Web - Abstracts & excerpts of articles.

http://www.aapb.org/
Biofeedback Webpage

http://www.epub.org.br/cm
Brain & Mind online review (It's a bilingual [Portuguese/English] online publication that will cover topics on
Neurosciences [history, technology, papers, etc.] and will also offer a mailing list)

http://serendip.brynmawr.edu/Mind/Table.html
Mind and Body - Online History of Psychology Book (Modified from the Catalogue Accompanying an Exhibition of
Books from the Collections of the National Library of Medicine, Held in Honor of the Centennial Celebration of the
American Psychological Association,)

http://neurosurgery.mgh.harvard.edu/other2.htm
Neurosurgical disease resources for clinical practice (eurosurgical Interest Sites at Massachusetts General Hospital)

http://neurosurgury.mgh.harvard.edu/cingulot.htm
(Mass General Hospital in Boston, associated with Harvard Medical School, apparently has a team of psychiatrists,
neurologists and neurosurgical people that meet as a committee and approve operations.)

http://brain.web-us.com/inducing.htm
Inducing Altered States of Consciousness with Binaural Beat Technology

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/links.htm (2 of 6) [19/08/2003 22.45.04]


Links e Bibliografia - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale website ...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

http://www.monroeinstitute.org/voyagers/voyages/hsj-1999-fall-attention-sornson.html
Using Binaural Beats to Enhance Attention

http://www.monroeinstitute.org/programs/process.html
The Hemi-Sync® Process

http://www.neuroacoustic.com/articlehealtext.htm
The Clinical Use of Sound

http://www.duke.edu/vertices/update/spr95/hemisync.html
Hemi-Sync and Altered Consciousness

http://www.ecst.csuchico.edu/~andrewc/selected_references.html
Selected References

http://www.brainsync.com/about/research.asp
Biofeedback: Three Decades of "Little" Breakthroughs

http://www.wireready.com/tech%20support/FAQ/completefaqs/cooledit/faq/shared/refbr.htm
References on Brainwave Synchronization

http://www.peyote.com/jonstef/brain.htm
Brain and Sound Frequencies

http://fixmylife.com/ns/NSbiblio.htm
Research References on Entrainment, Brainwave Synchronization, Frequency, Following Effect, Photonic

http://adams.mgh.harvard.edu/brainmusic/
Psychology 987b: Music, Mind, & Brain

http://www.bhw.com/earthrhythms/smart.htm
Music and it's Effects

http://www.etcetera.co.uk/Support/syntrillium/brainwaves.shtml
References on Brainwave Synchronization

http://www.geocities.com/Athens/Acropolis/5551/mind13.htm
SOUND AND LIGHT BRAIN MACHINES

- s.d.g. A.C. Bhaktivedanta Swami Prabhupada, Bhagavad-Gita, ediz. Bhaktivedanta B.T., Roma, 1977.

- Patrick Bernhardt, La musica dell'anima, ediz. Futura G.E., Milano, 1997.

- Syncro-Mind, Le onde della mente di Nirodh Fortini - edizioni Red.

- Dixon Norman Frank, Subliminal perception the nature of a controversy, McGraw-Hill, 1971.

- L'Effetto Mozart di Don Campbell - ed. Baldini & Castoldi.

- L'Ascolto Umano di Alfred A. Tomatis - ed. Red.

- L'orecchio e la vita di Alfred A. Tomatis - ed. Baldini & Castoldi.

- Rilassamento subliminale, musica con infrasuoni di Red studio redazionale - edizioni Red.

- Bornstein, R.F. (1992). Subliminal mere exposure effects. In Bornstein, R.F., & Pittman, T.S. (Eds.), Perception
without awareness, New York: The Guilford Press.

- Epley, N., Savitsky, K., & Kachelski, R.A. What every skeptic should know about subliminal persuasion. Skeptical
Inquirer, Sept/Oct 1999.

- Greenwald, A.G., Spangenberg, E.R., Pratkanis, A.R., & Eskenazi, J. (1991). Double-blind tests of subliminal
self-help audiotapes. Psychological Science.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/links.htm (3 of 6) [19/08/2003 22.45.04]


Links e Bibliografia - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale website ...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa
- Greenwald, A.G., Draine, S.C., & Abrams, R.L. (1996). Three cognitive markers of unconscious semantic activation.
Science.

- Marcel, A.J. (1983). Conscious and unconscious perception: Experiments on visual masking and word recognition.
Cognitive Psychology.

- Merikle, P.M., & Joordens, S. (1997). Measuring unconscious influences. In J.D. Cohen & J.W. Schooler (Eds.),
Scientific approaches to consciousness. Mahwah, NJ: Lawrence Erlbaum Associates.

- Neuberg, S.L. (1988). Behavioral implications of information presented outside of conscious awareness: The effect
of subliminal presentation of trait information on behavior in the prisoner's dilemma game. Social Cognition.

- Pratkanis, A.R. (1992). The cargo-cult science of subliminal persuasion. Skeptical Inquirer.

- Seamon, J.G., Marsh, R.L., & Brody, N. (1984). Critical importance of exposure duration for affective discrimination
of stimuli that are not recognized. Journal of Experimental Psychology: Learning, Memory, and Cognition.

- J. Ajuraguerra, Manuale di psichiatria del bambino. 1979, Milano, Masson ed.

- E. Anati, Ongini dell'arte e della concettualità, 1988, Milano, Jaca Book

- L. F. Agnati, K. Fuxe, M. Zoli, I. Zini, G. Toffano e F. Ferraguti, Considerazioni sulle relazioni tra sistema nervoso
centrale e sistema endocrino "Crescita", 14:34-38,1985.

- L. Baiardi, Anticipazioni di cosmomedicina, 1985, Torino, Pubblicazione a cures dell'Autore.

- G. Bateson, the New Conceptual Frames of Behavioural Research, "Proceedings of the Sixth Annual Psychiatric
Institute", 1958, Princeton, the Newjersy Neuro Psychiatic Institute.

- W. Bion, Attenzione e interpretazione; 1973, Roma, Armando.

- W. R Bion, Fsperienze nei gruppi,1971, Roma, Annando.

- E. Bleuler,Traltato di Psichiatria,1967, Milano, Feltrinelli.

- Balzarini, C. Salardi, Analisi Immaginativa, 1987, Roma, Astrolabio.

- M. Baroni, E. Fubini, P. Petazzi, P. Santi a G. Vinay, storia dalla musica, 1995, Torino, Einaudi.

- A Brelich, Introduzione alla storia delle religioni, 1966, Roma, Edizioni dell'Ateneo.

- L. Cancrini, La psicotearpia: grammatica a sintassi, 1987, Roma , La Nuova Italia Scientifica.

- R Canestrari, Problemi di Psicologia, 1978, Bologna, Coop. Libraries Univ. Ed.

- P. A Castelli, Il bambino, i suoni e la musica, 1992, Mlano, ed Centro Ipes.

- E. Caruso (a cura di ), Musica e terapia. Le nuove frontiere terapeutiche del linguaggio musicale,1997, Milano, Riza
Scienze.

- J. P. Changeux, L'uomo neuronale, 1986, Milano, Feltrinelli.

- M. DelliPonti a S. P. Luban- Plozza, Il terzo orecchio: dall'ascolto alla musicote rapia,1996,Torino, Centro Scientifico
ed..

- F. Dogana, Le parale dall'incanto. Esplorazioni dell'iconirmo linguistico, 1990, Milano, Angeli.

- F. Dogana, Suono a senso. Fandamenti teorici ed empirici del simbolismo fonetico, 1988, Milano, Angeli.

- G. Durand, Le strutture antrpologiche dell'immaginario, Dedalo Libri,1972.

- G. M. Edelmarr, Il presente ricordato. Una teoria bidogica dalla coscienza, Rizzoli,1991.

- J. H. Flavell, La mente dalla nascita all adescenza nel pensiero di Jean Piaget,1971, Rorna, Astrolabio.

- M. Fordham, Il bambino come indiveduo, 1996, Milano, Vivarium ed

- S. Freud, opera Omnia,1972, Torino, Boringbieri.

- L. Grinberg, D. Sor, E. Tabak de Bianchedi, Introduzione al pensiero di Bion,1993, Milano, Cortina.

- C. S. Hall a G. Lindzey, Teorie della personalità,1966, Torino, Boringhien.

- G. Harrer, H. Harrer, la musica ed il cervello, 3985, Padova, Piccin.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/links.htm (4 of 6) [19/08/2003 22.45.04]


Links e Bibliografia - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale website ...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

- C. G. Jung, OPERE. Gli Archetipi e l'inconscio Collettivo, 1980, Torino, Boringhieri.

- C. G. Jung, OPERE. Tipi psicologici,1980, Torino, Boringhieri.

- KIein, Analisi Infantile, 1978, Torino, Boringhieri.

- KIein, Analisi di un bambino,1971, Tonno, Boringhieri.

- Klein., Lo sviluppo di un bmnbino,1978, Torino, Boringhieri.

- Klein., La scuola e lo sviluppo libidico del bambino, 1978, Torino, Boringhieri.

- S. M. KossIyn, Le immagini dalla mente, 1989, Frrenze, Giunti Barbera

- R Fretigny, A Virel, L'imagerie Mentale, 1968, Genéve, Editions du Mont Blanc.

- K Fuxe a L. F. Agnati, Volume trasmission in the brain, 1991, New York, Raven Press.

- S. J. Gould, Il pollice del panda. Riflessioni sulla storia naturale,1995 Novara, Mondadori-DeAgostini.

- F. A Geldard, Psicofisiologia segli prgani si senso, 1976, Martello Giunti

- G. Lai, Il momento sociale della psicoanalisi, 1970, Torino, Boringhieri.

- E. Lecourt, La Musicotempia,1992, Assisi , Cittadella.

- A Leroi-Gourhan, Il gesto e la parola,1977, Torino, Einaudi.

- A Leroi - Gourhan, Interpratation esthatque et religieuse des figures et symboles dans la préhistoire; "Archives de
Sciences Sociales des Religions", vol 42, 1976.

- A Leroi- Gourhan, I più antichi artisti d'Europa, 1981, Milano, Jaca Book.

- A Leroi - Gourhan, Les signes parietaux comme "marques" etniques, Altamira Symposiurn, 1981.

- A Leroi-Gourhan, Meccanica Vivente, 1986, Milano, Jaca Book.

- A Leroi - Gourhan, Préhistoire de l àrt occidental, 1965, Paris, Mazenod.

- C. Levi -Strauss, Razze e storia ed altri studi di antropologia. Le regole che condizionano il pensiero e la vita
dell'Uomo,1967, Torino, Einaudi.

- KLewin, Teoria dinamica dalla personalità,1968, Firenze, Universitaria Ed

- H. Leuner (a cura di), Katathymes Bilderleben - Ergebnisse in theorie und Praxis, 1980, Bern, Huber.

- H. Leuner, Il vissuto immaginativo catatimico. Tecnica psicoterapeutica del sogno, 1988, Roma, Città Nuova

- H. Leaner, Lehrbuch des Katatymen Bilderleben, 1985, Bem, Huber.

- A R Luria, Came lavora il cervello. Introduzione alla neuropsicologia, 1977, Bologna, I1 Mulino.

- M. Mancia, Il sogno come religione dalla mente, 1987, Bari, LaTerza.

- R Meyer, Freud encorps. La psyco et socio-somatanlyse et le théoreme de l'humain, 1995, Strasbourg, Ed


Somatothérapies.

- J. Piaget, Il linguaggio ed il pensiero del fanciullo, 1962 Firenze, Giunti Barbera

- J. Piaget, La rapprentazione nel mondo del fanciullo, 1966, Tonno, Boringhieri.

- A Portmann, Le forme viventi. Nunve prospettive della biologia, Novara, 1995, Mondadori-De Agostini.

- R Quaglia a G. Saglione, Il disegno infantile nuove linee interpretative, Firenze,1976, Giunti Barbera

- G. Révész, Psicologia della musica, Firenze,1954, Giunti Barbera

- P. Rossi, Dalla percerione all inconscio, Parte I, N.1, anno 7, "Rivista italiana di Psicoterapia e psicosomatica",
Cremona, 1995, Istituto di Analisi Inmaginativa

- F. Saussure, Corso di linguistica generale, 1969, Bati, Laterza.

- C. Sachs, Le sorgenti della musica, Torino,1979, Serie antropologica Boringhieri.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/links.htm (5 of 6) [19/08/2003 22.45.04]


Links e Bibliografia - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale website ...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

- M. Schneider, Il significato della musica, Milano,1970, Rusconi.

- S.I.PAI. ( a cura della ), Aggressività nell'adolacenza immagini e significati, Contributo di Callegari M., Rossi P. e
Sparacino E., Angoscia agrressività e simbolismo: dall'ontogenesi alla filogenesi, Atti del II congr. intem. a Cadroipo
(Udine),1989.

- A A Schutzenberger a M. J., Il corpo e il gruppo, 1978, Roma, Astrolabio.

- C. Small, Musica educazione e società, 1995, Roma, Annando.

- R Soifer, Psicodinamica dalla gravidanza, parto e puerperio, 1985, Roma, Borla.

- A Tornatis, L àmccitw a la vita, Milano,1992, Baldini a Castoldi.

- ATomatis, L'orecchio e la voce, Milano,1993, Baldini a Castoldi.

- ATomatis, Dalla comunicazione intrauterina al linguaggio umano, Milano, 1993, Baldini a Castoldi.

- A Virel, le modele du corps, Les documents de l'Arbre Vert, Paris,1994.

- A Virel, Vocabulair des psychocherapies, Libraire Attheme Fayard, Paris, 1977.

- A Virel, J. F. Iambert et Dorkel, La Decentration, "Actes du premier colloque international de relaxation", tome I,
L'Harmattan, I.F.E.RT., Paris, 1987.

- E. Wartegg, Gestalt and Charakter; 1939, Leipzig, Beih Z. f. angew. Psychol u. Charakterkunde.

- E. C.Whitmont, La ncerca simbolica, Astrolabio,1986.

- E. C.Whitmont, Omeopatia e psicanalisi, la medicina omeopatica alla luce dalla psicologia junghiana, Red
edizioni,1987.

- W. Winnicott, colloqui terapeutici con i bambini. Interpretazione di 300 "scarabocchi"; Armando,1983.

- W. Wmnicott, La famiglia e lo sviluppo dell'individuo, Annando,1968.

- W. Wrnnieott, Sviluppo affettivo ed Ambiente, Armando,1974.

Index Sub | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Index Demo

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico" o
"psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni articoli,
brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico dominio nel rispetto
delle normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa (Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/links.htm (6 of 6) [19/08/2003 22.45.04]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Forum | Mailing
List

Audio e Musica Demo


Demo #A1 (Relax) - Rilassamento - Sistema subverbale

Demo #A2 (Mantra OM) - Rilassamento - Subliminale

Demo #A3 (Exale) - Rilassamento - Subliminale

Demo #A4 (Sea) - Rilassamento - Subliminale

Demo #A5 (Widdasitar) - Insonnia - Subliminale

Demo #A6 (Anaesthetic) - Mal di testa - Subliminale

Demo #A7 (Learn) - Apprendimento - Subliminale

Demo #A8 (Flute) - Meditazione - Subliminale

Demo #A9 (Emily) - Creativita' - Subliminale

Demo #A10 (Nworld1) - Attenzione vigile - Subliminale

Demo #A11 (Ipnotic) - Ipnosi e Autoipnosi -


Subliminale

Demo #A12 (Astravel) - Esperienze extracorporee -


Subliminale

Demo #A13 (Parsifal) - Ansia e Depressione -


Subliminale

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio citati.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demom.htm (1 of 2) [19/08/2003 22.45.07]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com


Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demom.htm (2 of 2) [19/08/2003 22.45.07]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links | Amadeux info

Demo #H1
Quest file MP3 demo rappresenta un esemplare di traccia "HRM"
(Harmonic Resonance Modulation - Risonanza Armonica Modulata) senza
infrasuoni.

Si tratta di un esclusivo file MP3 (durata 1'00" - 0,94 Mbytes), che racchiude in
se' delle sonorita' <HRM> con rumore bianco, rosa e brown.

COME ASCOLTARE IL FILE

● Trovate un posto comodo, dove nessuno vi disturberà e dove potrete


restare tranquilli

● Riducete la luce e create un'atmosfera calma.

● Allentate tutti gli indumenti che vi stringono.

● Scegliete una posizione comoda.

● Utilizzate, se possibile, una cuffia stereo.

ascolto >> MS-OCEAN1HRM.MP3 su lettore Plug-in


Plug-in MP3 richiesto/required (tutti gli utenti)

ascolto >> MS-OCEAN1HRM.MP3 su lettore


ActiveX
ActiveX MP3 richiesto/required (solo utenti Windows)

download >> MS-OCEAN1HRM.MP3 (1'00" - 0,94


Mb)
Il brano contenuto nel file "ms-ocean1hrm.mp3" e' Copyright (C) 2001-2003 Amadeux Multimedia.
Vietata la vendita e qualsiasi tipo di utilizzo commerciale.

(Questa traccia demo puo' non avere il 100% di induzione essendo un estratto dell'intero brano)

Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio citati.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoh1.htm (1 of 2) [19/08/2003 22.45.14]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com


Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoh1.htm (2 of 2) [19/08/2003 22.45.14]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Forum | Mailing
List

Demo #EM1
Questo file WAV demo che vi proponiamo rappresenta un esemplare di
"traccia filtrata con Effetto Mozart amplificato e HRM".

Si tratta di un esclusivo file WAV (durata 15" - 1,29 Mbytes), che racchiude in sé
l'Effetto Mozart appositamente studiato e filtrato per amplificare e indurre il
cosiddetto "'Effetto Mozart".
Il file non e' uno streaming MP3, come di consueto, perche' con tale
codifica andrebbero perse le alte frequenze tipiche di questo effetto. Il
file e' stato inoltre convertito in monofonia per motivi di caricamento
rapido.

● Trovate un posto comodo, dove nessuno vi disturbera' e dove potrete


restare tranquilli

● Riducete la luce e create un'atmosfera calma.

● Allentate tutti gli indumenti che vi stringono.

● Scegliete una posizione comoda.

● Utilizzate, se possibile, una cuffia stereo.

● Tenere un volume medio, in modo che le onde vibratorie si possano sentire


chiaramente ma che allo stesso tempo non diano oppressione ai timpani o
senso di fastidio. Se il volume e' troppo alto e l’impianto di riproduzione del
cd non e' di alta qualita' si potrebbero verificare delle distorsioni sonore
sulle alte frequenze.

ascolto >> 40+EM.WAV su lettore Plug-in


Plug-in WAV richiesto/required (tutti gli utenti)

ascolto >> 40+EM.WAV su lettore ActiveX


ActiveX WAV richiesto/required (solo utenti Windows)

download >> 40+EM.WAV (15" - 1,29 Mb)

Il brano contenuto nel file "40+em.wav" e' Copyright (C) 2001-2003 Amadeux Multimedia.
Vietata la vendita e qualsiasi tipo di utilizzo commerciale.

(Questa traccia demo, convertita in monofonia per motivi di caricamento rapido,


puo' non avere il 100% di induzione essendo un estratto dell'intero brano della
durata di 7 minuti circa.)

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoem1.htm (1 of 2) [19/08/2003 22.45.20]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio citati.
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997-2002 Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoem1.htm (2 of 2) [19/08/2003 22.45.20]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links | Amadeux info

Demo #F1
Quest file MP3 demo rappresenta un esemplare di traccia audio Frattale
con armonizzazione "HRM" (Harmonic Resonance Modulation - Risonanza
Armonica Modulata) senza infrasuoni.

Si tratta di un esclusivo file MP3 (durata 1'00" - 0,78 Mbytes), che racchiude in
se' delle sonorita' con geometrie frattali.

COME ASCOLTARE IL FILE

● Trovate un posto comodo, dove nessuno vi disturberà e dove potrete


restare tranquilli

● Riducete la luce e create un'atmosfera calma.

● Allentate tutti gli indumenti che vi stringono.

● Scegliete una posizione comoda.

● Utilizzate, se possibile, una cuffia stereo.

ascolto >> MS-FR08.MP3 su lettore Plug-in


Plug-in MP3 richiesto/required (tutti gli utenti)

ascolto >> MS-FR08.MP3 su lettore ActiveX


ActiveX MP3 richiesto/required (solo utenti Windows)

download >> MS-FR08.MP3 (1'00" - 0,78 Mb)

Il brano contenuto nel file "ms-fr08.mp3" e' Copyright (C) 2003 Amadeux Multimedia.
Vietata la vendita e qualsiasi tipo di utilizzo commerciale.

(Questa traccia demo e' un estratto dell'intero brano della durata di 6:30 minuti.)

Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio citati.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demof1.htm (1 of 2) [19/08/2003 22.45.32]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com


Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demof1.htm (2 of 2) [19/08/2003 22.45.32]


La visione subliminale benefica - Amadeux - visione subliminale web...ezione insonnia mal di testa musicoterapia music terapeutica mantra

SUBLIMEN.com

Index page | Amadeux Multimedia info | Forum | Mailing List

La visione subliminale benefica


by Amadeux Multimedia
Questo e' il sito sulla
visione subliminale
positiva con
"infrabeats", in
esclusiva mondiale,
dove possiamo entrare
in varie "sub-stanze"
nelle quali rilassarci,
addormentarci,
sognare, meditare,
alleviare il mal di testa,
incrementare la
creativita' e la
memoria, ecc...

In questo sito non sono e


non saranno introdotti
messaggi subliminali
pubblicitari o commerciali di
nessun genere!

Stimolare il cervello tramite stimoli visivi e


sonori
I colori e le luci colorate hanno una grande influenza sulla vita di tutti gli esseri
viventi. Tutto quanto ha un determinato colore e una vibrazione: le cose, le
emozioni, i pensieri, gli stati d'animo ecc...
Recenti scoperte hanno dimostrato grazie alla teoria dei biofotoni, che luce
colorata a bassissima intensità viene emessa dalle cellule e costituisce un rapido
mezzo di comunicazione infracellulare. E' possibile misurare questa mini energia
emessa al nostro interno e si nota che se le cellule sono in uno stato di salute
emettono un certo colore, mentre se sono in uno stato di disequilibrio emettono
su bande più scure.
Visto che l'intero organismo (come tutto l'Universo) è vibrazione, energia
elettromagnetica, allora se interferiamo mediante l'uso di luci colorate, abiti
colorati, occhiali con lenti colorate, visione subliminale, ecc. possiamo riportare
l'equilibrio là dove è stato momentaneamente perso o indurre particolari stati.

Frequenze dei colori:


L'occhio umano riesce a percepire solo radiazioni comprese tra 4000 e 8000 Å
(angstrom). Ogni fascia di lunghezza d'onda corrisponde a un colore ed ha una
specifica azione terapeutica:

ROSSO: 6200 Å (angstrom) = (620 nanometri)


ARANCIO: 5890 Å (angstrom) = (589 nanometri)

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/vision/index.htm (1 of 2) [19/08/2003 22.45.55]


La visione subliminale benefica - Amadeux - visione subliminale web...ezione insonnia mal di testa musicoterapia music terapeutica mantra

GIALLO: 5510 Å (angstrom) = (551 nanometri)


VERDE: 5120 Å (angstrom) = (512 nanometri)
BLU: 4750 Å (angstrom) = (475 nanometri)
INDACO: 4490 Å (angstrom) = (449 nanometri)
VIOLA: 4230 Å (angstrom) = (423 nanometri)
Å= (angstrom) unità di misura delle radiazioni, corrisponde a 1/100.000 di millimetro.

Al di sotto del viola troviamo l'ultravioletto e al di sopra del rosso l'infrarosso.


La quantità di energia di ciascun colore è inversamente proporzionale alla
lunghezza d'onda. Più è alta la lunghezza d'onda più forte sarà la penetrazione
cutanea e minore la carica energetica.
Quindi il rosso è il colore più penetrante, poi ci sarà l'arancio, il giallo, il verde, il
blu, l'indaco e il viola. Quest'ultimo arriva a profondità limitate, ma infonde un'alta
quantità di energia.

Approfondimento sulla Cromoterapia

Applicare lo stimolo visivo e' piu' semplice che farlo tramite quello sonoro, perche'
le frequenze basse possono essere usate prontamente. Una frequenza di 10Hz,
per esempio, è generata quando una luce (una lampada, un monitor, ecc.) si
accende e si spegne ritmicamente per 10 volte al secondo. Quando lo stimolo
visivo e' unito allo stimolo sonoro l'induzione e' molto piu' efficace che durante
l'uso di una sola delle due tecniche.
In questo sito per avere il massimo di induzione e' necessaria una
visualizzazione a tutto schermo (o piu' ampia possibile) ed utilizzare una cuffia
stereo. Ridurre il livello di luminosita' dell'ambiente fino alla semi-oscurita' e fare
in modo di non essere disturbati dai rumori. Se il computer utilizzato non e'
abbastanza "potente" si possono avere dei problemi di visualizzazione e di
sincronismo, pertanto l'induzione sara' minore. Si consiglia quindi di chiudere
tutte le applicazioni in esecuzione non necessarie.

Ingresso / Enter (dimensionabile/resize)

Ingresso / Enter (tutto schermo/full screen)

(Per il momento e' attiva solo la sub-stanza del rilassamento in versione beta2)

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio nel rispetto delle normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa
(Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/vision/index.htm (2 of 2) [19/08/2003 22.45.55]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Links | Amadeux info

Visione FlashTrance

ATTENZIONE!
Prima di fissare con lo sguardo il centro dello schermo, dopo aver cliccato
sul link in fondo a questa pagina, si consiglia di leggere bene le seguenti
note:

Questa sequenza è il risultato consapevole di una ormai consolidata


sperimentazione nel campo delle analisi psicofisiologiche circa gli effetti ipnotici
delle immagini elettroniche.
Tale sequenza di segnali audioiconici, nonché cinetici (in gran parte destinati alla
percezione subliminale) può, infatti, indurre un rilassamento profondo e un forte
stato di trance alterando il consueto bioritmo delle onde cerebrali.
Secondo alcune ipotesi teoriche condivise da molti studiosi, in presenza di
particolari stimoli sensoriali l'emisfero dominante del cervello sembrerebbe
allentare, in larga misura, quei controlli coscienti e quella vigilanza critica che
hanno talora una mera funzione inibitoria sulle spesso insospettate pulsioni e
potenzialità creative della cosiddetta "mente primaria" o "inconscia".
Per apprezzare pienamente l'efficacia "sinestetica" di queste singolari interazioni
tra immagini e suoni si raccomanda qui l'ascolto in cuffia e la visione in un
ambiente con luce attenuata e diffusa.
Il messaggio verbale contenuto nella sequenza ha lo scopo di mantenere vigile
l'attenzione dello spettatore riducendo la probabilità di una caduta involontaria in
un vero e proprio stato di sonno profondo causato dall'immersione
prolungata negli ormai ben noti "ritmi alfa".

Grazie per aver letto queste avvertenze e buon ascolto/visione.

Per vedere l'animazione e' necessario il plug-in Shockwave

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demov.htm (1 of 2) [19/08/2003 22.46.21]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

Flash™

(Per scaricare ed installare gratuitamente Flash player clicca sul tasto Get Flash | Help Flash?)

e cliccare su questo link: >> FlashTrance


by Maxblanco «FlashTrance» © 1999

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Links

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio citati.
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997-2002 Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demov.htm (2 of 2) [19/08/2003 22.46.21]


Prenotazioni, Ordini e Informazioni - Amadeux Multimedia - subliminale ...si autoipnosi creativita' incremento delle funzioni intuitive e logiche

SUBLIMEN.com

Index Sub | Catalogo | Amadeux Multimedia info | Forum | Mailing List

Prenotazioni, Ordini e

Informazioni
Finalita' | Pagamenti e Sconti | Modalita' di spedizione | Garanzie e recesso | Privacy | Avvertenze

Modulo da riempire online per Prenotazioni, Ordini e Informazioni

Indirizzo email per Prenotazioni, Ordini e Informazioni

N. Tel./msg. per Prenotazioni, Ordini e Informazioni: +39 0587 737115

N. Fax/msg. per Prenotazioni e Ordini: +39 178 2284460

Informazioni:
Amadeux Multimedia di Marco Stefanelli
56038 Ponsacco (Pisa) Italy - Via Leonardo Da Vinci, 38
Tel./msg.: +39 0587 737115 - Fax: +39 02 700442988
Email tech: info@amadeux.net - web: http://www.amadeux.net
Email info: info@amadeux.it - web: http://www.amadeux.it
P.Iva: 0152877.050.4
» Altre informazioni su Amadeux Multimedia

» In preparazione il software sulla visione subliminale in esclusiva


mondiale!

- Altri CD di musica, video, filmati e software subliminale con Manuali sono in


preparazione e saranno disponibili a breve. Nel frattempo prenotatevi e/o fateci
sapere quali sono le vostre impressioni (forum) e se siete interessati a qualcosa in
particolare. E' possibile prenotare e richiedere anche elementi personalizzati.

I campi di applicazione sono:


- Rilassamento e Stress
- Insonnia e riduzione del fabbisogno di sonno
- Apprendimento, Memoria, Concentrazione e Attenzione vigile
- Mal di testa, Emicrania, Cefalee e Tossicodipendenze
- Meditazione e Yoga

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/prenord.htm (1 of 5) [19/08/2003 22.46.38]


Prenotazioni, Ordini e Informazioni - Amadeux Multimedia - subliminale ...si autoipnosi creativita' incremento delle funzioni intuitive e logiche

- Depressione e Ansia
- Ipnosi ed Autoipnosi
- Creativita' ed incremento delle funzioni intuitive e logiche
- Sogni lucidi, Viaggi astrali ed extracorporei.

- Il Software, la Musica, la Visione, i Filmati ed i Suoni subliminali da noi realizzati


sono quasi interamente generati da software di produzione Amadeux Multimedia
che in futuro metteremo a disposizione di tutti.

Finalita':
Lo scopo della vendita e commercializzazione dei prodotti "subliminali" e' quello di
autofinanziare la ricerca sulle tecniche sonore benefiche, il software, la musica, i
suoni e la visione subliminale positiva e di diffondere queste tecniche nel mondo,
in particolar modo in Italia. Inoltre, una parte dei ricavati della vendita saranno
devoluti in beneficenza. I primi introiti saranno devoluti a:

● Karuna Home onlus, associazione o.n.l.u.s. (organizzazione non lucrativa


di utilita' sociale) che si occupa della raccolta di fondi per progetti di aiuto ai
bambini disabili.
(Karuna Home onlus - Via Guerrazzi, 20 - 56025 Pontedera (Pisa) - Tel. +39
0587 59118 - sito web: www.karunahome.com).

● Gaden Chokor onlus, associazione o.n.l.u.s. (organizzazione non lucrativa


di utilita' sociale) che si propone di preservare le radici della tradizione
spirituale e della cultura del Tibet, della raccolta di fondi per progetti di
aiuto e di supporto ai Lama reincarnati e riconosciuti ("piccoli" Buddha)
dalla fase preliminare di riconoscimento a quella successiva di studio, in
tutto l’arco della loro vita.
(Gaden Chokor onlus - 56040 Pomaia (Pisa) Italy - Via Poggiberna, 9 - sito
web: www.gadenchokor.org).

● KidAid, associazione di volontariato no-profit che si occupa della raccolta di


fondi per progetti di aiuto ai bambini esuli tibetani.
(KidAid - Via Friuli 86 - 20122 Milano - Tel. & Fax 02/54100097 - sito web:
www.kidaid.it).

Pagamenti e Sconti:
Per il momento il pagamento della merce puo' essere effettuato in contrassegno,
vaglia postale, rimessa diretta o bonifico bancario. Stiamo provvedendo alla
realizzazione di un negozio elettronico virtuale (e-commerce) B2C con possibilita'
di pagamento online tramite Carta di Credito su server sicuro SSL.

Le coordinate bancarie, il numero di C/C postale ed altre informazioni su


Amadeux Multimedia le trovate a questo indirizzo: Amadeux Multimedia info.

Tabella scalare degli Sconti per acquisti di CD in quantita':

N. di CD Valore Iniziale % Sconto Valore Sconto Valore Finale


1 € 45,00 0,00 % € 0,00 € 45,00
2 € 90,00 4,00 % € 3,60 € 86,40
3 € 135,00 6,00 % € 8,10 € 126,90
4 € 180,00 8,00 % € 14,40 € 165,60

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/prenord.htm (2 of 5) [19/08/2003 22.46.38]


Prenotazioni, Ordini e Informazioni - Amadeux Multimedia - subliminale ...si autoipnosi creativita' incremento delle funzioni intuitive e logiche

5 € 225,00 10,00 % € 22,50 € 202,50


6 € 270,00 12,00 % € 32,40 € 237,60
7 € 315,00 14,00 % € 44,10 € 270,90
8 € 360,00 16,00 % € 57,60 € 302,40
9 € 405,00 18,00 % € 72,90 € 332,10
10 € 450,00 20,00 % € 90,00 € 360,00

( per acquisti oltre i dieci CD richiedeteci un preventivo >>


preventivo@sublimen.com ).

Modalita' di spedizione:
La merce viene spedita in Italia tramite Poste italiane o Corriere espresso,
all'estero solo tramite Corriere espresso, con spese a carico del destinatario.

Le spese per l'invio della merce in Italia:


tramite Poste italiane:
- Eur. 5,00 (Lit. 9.680) per Pacco ordinario fino a 349 gr. (consegna in circa 5/6
giorni lavorativi)
- Eur. 10,00 (Lit. 19.360) per Pacco celere fino a 3 kg. (consegna in circa 2/3
giorni lavorativi),
tramite Corriere espresso/celere:
- Eur. 25,00 (Lit. 48.406) fino a 3 kg. (consegna in circa 24/48 ore nei giorni
lavorativi).

Per l'estero richiedeteci un preventivo in base alla nazione di destinazione:


info@sublimen.com .

Garanzie e Recesso:
La qualità dei nostri prodotti si posiziona ai vertici delle rispettive categorie e le
modalità di stoccaggio e di spedizione sono state disegnate per garantirne la
conservazione nel tempo. Detto questo, tutti i nostri prodotti sono comunque
coperti da garanzia per qualsiasi difetto o vizio inerente al prodotto stesso, da
segnalare mediante e-mail entro 10 giorni dalla consegna. In questo caso, sarà
nostra cura sostituire il prodotto a nostre spese.
Tutti i nostri clienti godono del diritto, esercitabile senza alcuna penalità, di
recedere dal contratto secondo la previsione dall'art. 5 del Decreto Legislativo
22 maggio 1999, n. 185; ciò permette di restituire il prodotto, previa
comunicazione nel termine di 10 giorni dal ricevimento dello stesso a mezzo
e-mail a info@sublimen.com o tramite lettera o fax ai recapiti di Amadeux
Multimedia, ottenendone la sostituzione con un altro prodotto o il rimborso del
corrispettivo pagato. Le uniche spese che vi saranno richieste saranno quelle di
spedizione. Il diritto di recesso si applica solo ai beni integri al momento della
restituzione e non può essere esercitato per i prodotti che per loro natura non
possono essere rispediti.

Rispetto della privacy:


INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
Amadeux Multimedia segue le strette procedure richieste dalla Direttiva 95/46/UE
come recepita dalla legge 31.12.1996, n. 675 per il trattamento dei dati personali
e, per la protezione dei consumatori in materia di contratti a distanza, dalla

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/prenord.htm (3 of 5) [19/08/2003 22.46.38]


Prenotazioni, Ordini e Informazioni - Amadeux Multimedia - subliminale ...si autoipnosi creativita' incremento delle funzioni intuitive e logiche

direttiva 97/7/CE come recepita dal Decreto Legislativo 22 maggio 1999, n. 185.
Titolare del trattamento dei dati e' la Amadeux Multimedia con sede legale in
Ponsacco, Via Leonardo 38, in persona del rappresentante legale Marco Stefanelli
marco@stefanelli.net.
I dati sono trattati attraverso strumenti cartacei, elettronici o comunque
automatizzati atti a memorizzarli, gestirli e trasmetterli e conservati in ambienti di
cui è controllato l'accesso.
L'interessato può in ogni tempo accedere ai dati che lo riguardano, aggiornarli,
rettificarli, integrarli e più in generale esercitare i diritti previsti dall'art. 13 della l.
675/1996 contattando il nostro Servizio clienti: Customer Service.
Formano oggetto di trattamento i dati personali necessari all'acquisto del bene,
all'esecuzione del pagamento. I dati personali sono altresì comunicati, ai fini
esclusivi dell'evasione dell'ordine e agli spedizionieri incaricati del recapito. I dati
raccolti vengono altresì utilizzati a fini di marketing interno (comunicazione di
messaggi promozionali); l'interessato può in ogni tempo opporsi a detta
comunicazione inviando una e-mail a info@sublimen.com .
Il trattamento dei dati personali richiesti da "Amadeux Multimedia" è
indispensabile per la conclusione e l'esecuzione del contratto. Il conferimento di
tali dati è pertanto obbligatorio; in loro assenza l'ordine non potrà essere
eseguito. Il conferimento dei dati facoltativi consente di accedere a condizioni di
acquisto più favorevoli.

Avvertenze:
In casi eccezionali (ad esempio: articoli particolarmente rari), è possibile che
alcuni tra i prodotti prescelti siano esauriti o in fase di realizzazione. In questo
caso, l'ordine (e l'eventuale addebito della carta di credito) verranno sospesi e il
nostro Customer Service vi contatterà tempestivamente per illustrarvi le possibili
soluzioni. Nel caso nessuna di queste fosse di vostro gradimento, procederemo ad
annullare l'ordine.
Le tracce audio, le informazioni, il software e le tecniche contenute nei CD e nei
Manuali hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico" o
"psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere
responsabili del loro utilizzo.
Nel caso desideriate un consiglio particolare, o se le vostre domande non hanno
trovato risposta nelle pagine del sito o nei manuali, non abbiate timore, il nostro
Customer Service è sempre a vostra disposizione per assistervi su qualsiasi punto
che non sia del tutto chiaro: basta inviarci un e-mail all'indirizzo
info@sublimen.com e nel giro di poche ore riceverete un e-mail o una telefonata
di risposta.

Modulo da riempire online per Prenotazioni, Ordini e


Informazioni

Indirizzo email per Prenotazioni, Ordini e Informazioni

N. Tel./msg. per Prenotazioni, Ordini e Informazioni: +39 0587


737115

N. Fax/msg. per Prenotazioni e Ordini: +39 178 2284460


Altre informazioni su Amadeux Multimedia

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/prenord.htm (4 of 5) [19/08/2003 22.46.38]


Prenotazioni, Ordini e Informazioni - Amadeux Multimedia - subliminale ...si autoipnosi creativita' incremento delle funzioni intuitive e logiche

Index Sub | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio nel rispetto delle normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa
(Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/prenord.htm (5 of 5) [19/08/2003 22.46.38]


Catalogo generale - Amadeux Multimedia - catalogo subliminale webs...ta emicrania meditazione yoga depressione ansia ipnosi autoipnosi

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Prenotazioni, Ordini & Informazioni | Amadeux info

:: Catalogo generale ::
(sezione 2) - (sezione 1)

Infrasuoni e Battiti binaurali Effetto Mozart e Silent sub Frattale

Suoni della Natura Manualistica Note, Sconti e Avvisi

Scarica/Download Catalogo del subliminale in formato PDF

Effetto Mozart e Silent sub

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/catalog2.htm (1 of 5) [19/08/2003 22.47.17]


Catalogo generale - Amadeux Multimedia - catalogo subliminale webs...ta emicrania meditazione yoga depressione ansia ipnosi autoipnosi

Musica subliminale con Effetto Mozart e HRM


EMOZART EM01 - Effetto Mozart
Manuale specifico + CD EMozart EM01
Codice art.: EM01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00 (Pagamenti e
Sconti)
Prima uscita: 04/2002 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 558134 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente all'Effetto Mozart


con oltre 40 minuti di musica e suoni. I brani sono
progettati per indurre ed amplificare l'Effetto Mozart in
genere.
Contenuto del CD:
1. Aria (Suite n.3 in re maggiore BWV1068) 4:55
J.S.Bach (1685-1750).
2. Sinfonia (n.40 K550) 7:36
W.A.Mozart (1756-1791).
3. Romanza (n.2 in fa maggiore per violino e orchestra op.50) 4:29
L.V.Beethoven (1770-1827).
4. Allegro con spirito (Sonata in re maggiore per due pianoforti K448) 8:18
W.A.Mozart (1756-1791).
5. Andante (Sonata in re maggiore per due pianoforti K448) 9:31
W.A.Mozart (1756-1791).
6. Sonata (n.2 op.2 per due violini) 6:32
A.Corelli (1653-1713).

Durata totale 41:21

Prenotazioni, Ordini & Informazioni Menu' &


Categorie

Frattale
Suoni e Musica frattale con HRM
FRACTALS - Musica Frattale
Manuale specifico + CD Fractals FR01
Codice art.: FR01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00 (Pagamenti e
Sconti)
Prima uscita: 12/2002 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 596069 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente alla Musica Frattale


con oltre 60 minuti di musica.
1. Fractal01 (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 13:20
Traccia con suoni frattali e armonizzazione HRM.
2. Fractal02 (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 6:25
Traccia con suoni frattali e armonizzazione HRM.
3. Fractal03 (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 6:57
Traccia con suoni frattali e armonizzazione HRM.
4. Fractal04 (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 11:03
Traccia con suoni frattali e armonizzazione HRM.
5. Fractal05 (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 6:30
Traccia con suoni frattali e armonizzazione HRM.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/catalog2.htm (2 of 5) [19/08/2003 22.47.17]


Catalogo generale - Amadeux Multimedia - catalogo subliminale webs...ta emicrania meditazione yoga depressione ansia ipnosi autoipnosi
6. Fractal06 (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 8:57
Traccia con suoni frattali e armonizzazione HRM.
7. Fractal07 (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 5:02
Traccia con suoni frattali e armonizzazione HRM.
8. Fractal08 (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 6:30
Traccia con suoni frattali e armonizzazione HRM.

Durata totale 64:44

Prenotazioni, Ordini & Informazioni Menu' &


Categorie

Suoni della Natura


Suoni della Natura con HRM
NATURE NA01 - Musica della
Natura
Manuale specifico + CD Nature NA01
Codice art.: NA01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00 (Pagamenti e
Sconti)
Prima uscita: 07/2002 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 564528 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente alla Musica della


Natura con 60 minuti di suoni naturali. I brani sono
progettati per indurre l’effetto HRM in genere.

1. Ocean (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00


Traccia con suoni naturali tipici dell’oceano e HRM.
2. Forest (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia con suoni naturali tipici della foresta e HRM.
3. Rain (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia con suoni naturali tipici della pioggia e HRM.
4. Summer (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia con suoni naturali tipici dell’estate e HRM.
5. Night (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia con suoni naturali tipici della notte e HRM.
6. Water (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia con suoni naturali tipici dell’acqua e HRM.

Durata totale 60:00

Prenotazioni, Ordini & Informazioni Menu' &


Categorie

Tabella scalare degli Sconti per acquisti di CD in quantita':

N. di CD Valore Iniziale % Sconto Valore Sconto Valore Finale


1 € 45,00 0,00 % € 0,00 € 45,00

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/catalog2.htm (3 of 5) [19/08/2003 22.47.17]


Catalogo generale - Amadeux Multimedia - catalogo subliminale webs...ta emicrania meditazione yoga depressione ansia ipnosi autoipnosi

2 € 90,00 4,00 % € 3,60 € 86,40


3 € 135,00 6,00 % € 8,10 € 126,90
4 € 180,00 8,00 % € 14,40 € 165,60
5 € 225,00 10,00 % € 22,50 € 202,50
6 € 270,00 12,00 % € 32,40 € 237,60
7 € 315,00 14,00 % € 44,10 € 270,90
8 € 360,00 16,00 % € 57,60 € 302,40
9 € 405,00 18,00 % € 72,90 € 332,10
10 € 450,00 20,00 % € 90,00 € 360,00

(per acquisti oltre i dieci CD richiedeteci un preventivo >>


preventivo@sublimen.com).

Con l'acquisto anche di un solo prodotto si ha diritto di


accesso all'area riservata dove e' possibile scaricare nei vari
formati: manuali, digest, demo, software, ecc...
(indirizzo email per richiesta codici di accesso:
subarea@sublimen.com)

E' in preparazione il primo CD di software per PC e MAC


sulla visione subliminale rilassante (versione integrale)!

Demo visione subliminale (versione beta-test)

E' possibile prenotare, consigliare e richiedere anche


elementi personalizzati (suoni, brani, cd, software, manuali) in
base alle vostre esigenze.
I campi di applicazione sono:

● Rilassamento e Stress negativo

● Insonnia e riduzione del fabbisogno di sonno


● Apprendimento, Memoria, Concentrazione e Attenzione vigile

● Mal di testa, Emicrania e Cefalea

● Meditazione, Yoga, PNL, Consapevolezza e Introspezione

● Depressione e Ansia

● Ipnosi, Autoipnosi e Trance

● Creativita', Ispirazione ed incremento delle funzioni intuitive e


logiche

● Oobe, Sogni lucidi, Viaggi extracorporei e astrali

● Autogenerazione ed Autoguarigione

● Tossicodipendenze e stimolo produzione Endorfine endogene

● Effetto Mozart e Silent Sub

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/catalog2.htm (4 of 5) [19/08/2003 22.47.17]


Catalogo generale - Amadeux Multimedia - catalogo subliminale webs...ta emicrania meditazione yoga depressione ansia ipnosi autoipnosi

● Musica e suoni frattali

● ecc... per i campi di applicazione non citati richiedere


informazioni.

Infrasuoni e Battiti binaurali Effetto Mozart e Silent sub Frattale

Suoni della Natura Manualistica Note, Sconti e Avvisi

Scarica/Download Catalogo del subliminale in formato PDF

Sono in preparazione altri Manuali, Filmati, Software e


CD di Musica subliminale.
E' possibile prenotare e richiedere anche elementi
personalizzati.
Prenotazioni, Ordini &
Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio nel rispetto delle normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa
(Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/catalog2.htm (5 of 5) [19/08/2003 22.47.17]


Catalogo generale

Amadeux Multimedia

:: Musica subliminale benefica ::


Progetto e realizzazione grafica:

Amadeux Multimedia

Via Leonardo Da Vinci, 38 - 56038 Ponsacco Pisa Italy

Tel./msg. +39 0587 737115 - Tel. mobile: +39 347 3000281

Fax +39 02 700442988 – Fax/msg. 178 2284460

Email: sub@amadeux.net - http://www.amadeux.net

Informazioni:

Email: info@sublimen.com

Sito web: http://www.sublimen.com

Forum web: http://forum.sublimen.com

Mailing group-list: http://list.sublimen.com

Copertina di Alan Perz

Stampa: Amadeux Multimedia – Ponsacco (PI)

Copyright © 2001-2003 Amadeux Multimedia


Tutti i diritti riservati

Prima edizione

Finito di stampare nel mese di Luglio 2003

Printed in E.U.

Catalogo subliminale - pag. 2 di 12


Premessa

Scientificamente studiate presso varie facolta' universitarie e centri di ricerca, queste tecniche
rappresentano quanto di piu' avanzato vi sia oggi al mondo nella musicoterapia. Agiscono a
livello subliminale (cioe' sotto il livello di coscienza - sub=sotto limen=livello/soglia) inducendo
dapprima un'armonizzazione dei due emisferi cerebrali e successivamente in virtu' di particolari
suoni che, inudibili all'orecchio, vengono tuttavia percepiti dal cervello ed elaborati a livello
pre-conscio. I risultati di queste alchimie acustiche, dopo una sperimentazione su vasta scala,
sono stati definiti "straordinari". Sono utilizzate per il rilassamento, per sviluppare capacita'
immaginative e creativita', per aiutare la meditazione e l’ipnosi, per alleviare emicranie e mal
di testa, per la riduzione del fabbisogno di sonno e l'induzione al sonno naturale, per
l'eliminazione della depressione e dell’ansia, ecc... Marco Stefanelli, in seguito, ha
personalizzato ed implementato queste tecniche con dei suoni armonici naturali e con una
nuova tecnica di modulazione chiamata "HRM".

Presentazione di Marco Stefanelli

Non sono un musicologo, non sono neanche un “vero” musicista nel senso classico del termine.
Sono uno che suona, canta, ascolta e ricerca; osservo gli effetti dei suoni sul corpo e sulla
mente. Ci sono cose che capisco ed altre che non capisco. Insomma, sono un semplice
viaggiatore alla ricerca di un mondo migliore. Il mio interesse per queste formule foniche e’
nato da esperienze vissute in passato. E’ per rivivere queste esperienze, per comprenderle, per
addomesticarle, ed eventualmente descriverle, che ho iniziato questo viaggio, questa ricerca
verso la musica interiore. Non voglio cercare di convincere nessuno con delle belle teorie
pseudo-scientifiche o con grandi ipotesi. Il mio tentativo e’ un semplice invito. Un invito alla
festa dei suoni o della Musica.

I suoni, come saprete, dipendono dalla variazione di pressione dell’aria, che genera le
cosiddette onde sonore: se vogliamo rappresentarci visivamente la propagazione, pensiamo ai
cerchi che si formano nell’acqua allorché gettiamo un sasso.
I suoni acuti sono generati da vibrazioni molto rapide, quelli bassi corrispondono a vibrazioni
lente; l’orecchio umano è in grado di ricevere suoni con una frequenza che varia da 30 a
20000 vibrazioni al secondo (Hertz o Hz). Per misurarne l’intensita’ invece viene utilizzato il
decibel o dB, il valore 0 decibel corrisponde al suono più debole che può essere udito da un
essere umano, mentre 140 dB rappresentano la soglia del dolore causato da un suono troppo
alto.

Alcuni ricercatori hanno studiato e messo a punto delle tecniche per "intrecciare" alla musica
gli infrasuoni (suoni con frequenza inferiore a 30 Hz) i quali raggiungono il livello sensoriale
pur senza influenzare il livello cosciente. Essi, quindi, rimangono nella zona di “percezione
subliminale”, la zona di nostro interesse...

Cosa sono le frequenze "Binaural Beats”

Se un tono costante di 395Hz (1 Hertz = 1 impulso al secondo), viene applicato all'orecchio


sinistro, e un altro tono costante di 405Hz viene applicato all'orecchio destro, la differenza di
10Hz verrà percepita dal vostro cervello; e cio' lo stimolerà in diverse maniere.
Le frequenze "Binaural Beats", scoperte nel 1839 dal tedesco H. W. Dove e sperimentate sul
cervello dal Dott. Gerald Oster nel 1973 al Mount Sinai school of Medicine di New York, sono
l'applicazione di queste differenze di frequenza fra un orecchio e l'altro, in modo che il cervello
ne venga stimolato positivamente, queste riescono a stimolare il cervello in differenti maniere,
agevolando il rilassamento, l'apprendimento, la meditazione e molti altri aspetti della vita.

Catalogo subliminale - pag. 3 di 12


Frequenze e stati cerebrali

L'elettroencefalogramma è utilizzato per misurare le vibrazioni elettriche del cervello,


applicando degli appositi strumenti sulla superficie del cuoio capelluto.
Il tracciato che ne risulta contiene, solitamente, frequenze al di sotto dei 30Hz.
Le frequenze si possono classificare in 4 stati:
Delta da 0,5 a 4Hz >> Sonno profondo
Theta da 4 a 8 Hz >> Sonnolenza e primo stadio del sonno
Alpha da 8 a 14 Hz >> Rilassamento vigile
Beta da 14 a 30 Hz >> Stato di allerta e di concentrazione
La frequenza dominante nell'elettroencefalogramma determina in quale stato il cervello si
trova, e, se l'ampiezza delle onde alpha è più alta delle altre, si dice che il cervello si trova
nello stato Alpha.

Indurre il cervello nello stato desiderato

Se lo stimolo esterno è applicato al cervello, diventa possibile mutarne la frequenza, da una


sua condizione ad un' altra. Per esempio, se una persona è nello stato Beta (allarme) ed uno
stimolo di 10Hz è applicato al suo cervello per un certo tempo, è probabile, allora, che la
frequenza dello stesso vari, sincronizzandosi a quella cui lo si espone. Quando lo stato del
cervello è, già in precedenza, vicino allo stimolo applicato, l'induzione agisce più
efficientemente.
Infatti, se si vuole condurre le cellule cerebrali ad un certo stato di "emittenza" è necessario
applicare ad esse una frequenza che corrisponda alla "lunghezza d'onda" in cui si trovano, in
quel momento; poi, la si aumenterà, o diminuirà, con una velocità tale che il cervello sia
sempre in sincronia con lo stimolo applicato; sino a che giungerà allo stato desiderato.
E' difficile stabilire in che condizione si trovi il cervello; ma, si può supporre che, durante il
giorno, si emettano, solitamente, delle onde Beta (20Hz); quindi, e' possibile iniziare da quella
frequenza, per poi aumentarla, verso l'alto, o diminuirla, verso il basso. Se, invece, la
situazione neuro-cerebrale e' piu' rilassata, si puo' iniziare pure da 15Hz, o, meno; e
viceversa.

I due modi piu' semplici per stimolare, dall'esterno, il cervello avvengono tramite le sensazioni
auditive e visive.
Già nelle missioni spaziali vengono usate queste tecniche; ad esempio, quando gli astronauti
devono - per emergenze, o per esigenze tecniche - lavorare, molte ore, senza pausa; oppure,
restare svegli per supervisionare gli strumenti. Allora, essi si sottopongono ad un trattamento,
a base di lampi ad intermittenza e suoni, che sposta il loro orologio biologico e riattiva la loro
concentrazione, permettendo loro di vincere il sonno e la stanchezza.
Siccome l'orecchio umano non riesce a percepire le onde sonore al di sotto dei 30Hz, è
necessario usare delle tecniche speciali, chiamate "Binaural Beats" (termini che, in italiano, si
potrebbero tradurre in "Battimenti Biauricolari").
Se applichiamo all'orecchio sinistro un tono costante di 495Hz, e all'orecchio destro un tono
costante di 505Hz, questi due toni verranno riunificati dal cervello, che - in tal modo -
percepirà quella loro differenza di 10Hz, e ne verrà stimolato.
Ciò avviene tramite delle cuffie stereo, dove i suoni destro e sinistro non si fondono, prima di
essere percepiti - come, invece, accadrebbe, ascoltando le frequenze da normali casse
acustiche.
Per ottenere uno stimolo di 10Hz, è possibile usare i toni di 495Hz e di 505Hz, o di 400Hz e di
410Hz, o di 862Hz e di 872Hz, e così via.
L' unico requisito necessario è che il tono sia percepito abbastanza bene e che si trovi nella
fascia sotto i 1000Hz.

Maggiori informazioni e demo sul sito web: http://www.sublimen.com

Catalogo subliminale - pag. 4 di 12


Catalogo

Manualistica
Musica subliminale con infrasuoni e HRM
SUBMUSIC SM01 - Manuale
Manuale del subliminale SM01
Codice art.: SM01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 20,00
Prima uscita: 09/2001

Questo e' un manuale generico sulla musica subliminale con


infrasuoni e HRM dove viene spiegato che cos'e' e come funziona
la musica e la tecnica con infrasuoni, battiti binaurali e HRM.

Vendita solo in abbinamento ad altro articolo subliminale.

Infrasuoni e Battiti binaurali


Musica subliminale con infrasuoni e HRM
RELAX RX01 - Rilassamento
Manuale specifico + CD Relax RX01
Codice art.: RX01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00
Prima uscita: 09/2001 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 537994 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente al rilassamento ed allo


stress con oltre 50 minuti di musica e suoni. I brani sono
progettati per indurre progressivamente uno stato di
rilassamento e diminuire lo stress negativo.

Contenuto del CD:


1. Sub Relax Mantra OM (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 2:00
Traccia subliminale con infrasuoni Beta e Alpha.
2. Sub Relax Exale (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 5:00
Traccia subliminale con infrasuoni Alpha e White noise Modulation.
3. Sub Relax Sea (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 5:00
Traccia subliminale con infrasuoni Alpha e Pink noise Modulation.
4. Sub Relax Tell me (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 5:00
Traccia subliminale con infrasuoni Alpha e Pink noise Modulation.
5. Sub Relax Sitar (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 5:00
Traccia subliminale con infrasuoni Alpha e Theta con Brown noise.
6. Ocean wave (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 30:17
Sequenze di suoni d’acqua con HRM e senza infrasuoni per il mantenimento nello stato
di rilassamento.

Durata totale 52:17

Catalogo subliminale - pag. 5 di 12


Musica subliminale con infrasuoni e HRM
INSOMNIA IN01 - Insonnia
Manuale specifico + CD Insomnia IN01
Codice art.: IN01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00
Prima uscita: 11/2001 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 544388 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente all'insonnia ed i problemi


del sonno con oltre 40 minuti di musica e suoni. I brani sono
progettati per indurre progressivamente uno stato di sonno
naturale e diminuire lo stress negativo.

Contenuto del CD:


1. Sub Insomnia Widdasitar (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 12:00
Traccia subliminale con infrasuoni Beta, Alpha e HRM.
2. Sub Insomnia Phat (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Delta e HRM.
3. Forest wave (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 20:00
Sequenze di suoni della foresta con HRM e senza infrasuoni per il mantenimento nello
stato di sonno.

Durata totale 42:00

Musica subliminale con infrasuoni e HRM


HEADACHE CE01 - Mal di testa
Manuale specifico + CD Headache CE01
Codice art.: CE01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00
Prima uscita: 12/2001 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 545286 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente al mal di testa ed alla


cefalea con oltre 40 minuti di musica e suoni. I brani sono
progettati per alleviare progressivamente il mal di testa in
genere.

Contenuto del CD:


1. Sub Whispers (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 15:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta e Alpha.
2. Sub Blue (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 15:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha e HRM.
3. Sub Anaesthetic (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 15:00
Traccia subliminale con infrasuoni Alpha, Theta, Delta, High Beta e HRM.

Durata totale 45:00

Catalogo subliminale - pag. 6 di 12


Musica subliminale con infrasuoni e HRM
LEARNING AP01 - Apprendimento
Manuale specifico + CD Learning AP01
Codice art.: AP01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00
Prima uscita: 03/2002 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 556360 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente all'apprendimento ed alla


memorizzazione con oltre 50 minuti di musica e suoni. I brani
sono progettati per incrementare e facilitare l'apprendimento e la
memorizzazione in genere.

Contenuto del CD:


1. Sub Study (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 20:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha e HRM.
2. Sub Learn (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 20:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha, Beta e HRM.
3. Sub Refocus (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia subliminale con infrasuoni Alpha, Theta, Beta e HRM.
Refresh mentale per ricaricare l'organismo e "fissare" il materiale memorizzato.

Durata totale 50:00

Musica subliminale con infrasuoni e HRM


MEDITATION ME01 - Meditazione
Manuale specifico + CD Meditation ME01
Codice art.: ME01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00
Prima uscita: 04/2002 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 557809 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente alla meditazione ed alla


riflessione con 45 minuti di musica e suoni. I brani sono
progettati per coadiuvare e facilitare la meditazione e la
riflessione in genere.

Contenuto del CD:


1. Sub Mantralama (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 15:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha e HRM.
Ideale per l'inizio della seduta.
2. Sub Flute (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta e HRM.
3. Sub Mesitar (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 20:00
Traccia subliminale con infrasuoni Alpha, Theta e HRM.
Ideale per una meditazione profonda.

Durata totale 45:00

Catalogo subliminale - pag. 7 di 12


Musica subliminale con infrasuoni e HRM
CREATIVITY CR01 - Creativita'
Manuale specifico + CD Creativity CR01
Codice art.: CR01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00
Prima uscita: 06/2002 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 566150 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente alla creativita' e alla


intuizione con 50 minuti di musica e suoni. I brani sono
progettati per incrementare la creativita' e l'intuizione in genere.

Contenuto del CD:


1. Sub Emily (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 15:00
Traccia subliminale con infrasuoni Beta, Alpha, Theta e HRM.
2. Sub Brandom (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia subliminale con infrasuoni Beta, Alpha, Theta e HRM.
3. Sub 20song02 (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 5:00
Traccia subliminale con infrasuoni Beta, Alpha, Theta e HRM.
4. Forest wave (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 20:00
Sequenze di suoni della foresta con HRM e senza infrasuoni per il mantenimento nello
stato creativo e intuitivo.

Durata totale 50:00

Musica subliminale con infrasuoni e HRM


ALERT AV01 - Attenzione vigile
Manuale specifico + CD Alert AV01
Codice art.: AV01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00
Prima uscita: 01/2003 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 596067 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente all’attenzione vigile e lo


stato di allerta con oltre 50 minuti di musica e suoni. I brani sono
progettati per incrementare l’attenzione vigile e lo stato di allerta
in genere.

Contenuto del CD:


1. Sub Chimes-b (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 30:00
Traccia subliminale con infrasuoni Beta, Alpha, suoni frattali e HRM.
Deve essere ascoltata per prima nella successione ed una sola volta per seduta.
2. Sub Nworld1 (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 11:00
Traccia subliminale con infrasuoni Beta e HRM.
Deve essere ascoltata per seconda nella successione ed una sola volta per seduta.
3. Waterfall wave (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Sequenze di suoni di cascate d’acqua con HRM e senza infrasuoni per il mantenimento
nello stato vigile e di allerta.
Può essere ascoltata quante volte si vuole e anche indipendentemente dalle altre
tracce.

Durata totale 51:00

Catalogo subliminale - pag. 8 di 12


Musica subliminale con infrasuoni e HRM
HYPNOSIS IP01 - Ipnosi
Manuale specifico + CD Hypnosis IP01
Codice art.: IP01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00
Prima uscita: 02/2003 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 596066 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente all’ ipnosi e autoipnosi con


45 minuti di musica e suoni. I brani sono progettati per
incrementare e facilitare lo stato di ipnosi e autoipnosi.

Contenuto del CD:


1. Sub Ipnotic (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia subliminale con infrasuoni Alpha e HRM.
Adatta per ipnosi semplice. Concentrarsi sul suono portante di 432 Hz.
2. Sub Easter (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 15:00
Traccia subliminale con infrasuoni Alpha, Theta, White Noise e HRM.
Adatta per ipnosi complessa. Concentrarsi sul suono portante di 432/800 Hz.
3. Sub Crystal (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia subliminale con infrasuoni Beta, Alpha, Theta, e HRM.
Adatta per autoipnosi. Concentrarsi sui suoni portanti variabili.
4. Sub Vitamin (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Pink Noise e HRM.
Adatta per ipnosi e trance.

Durata totale 45:00

Musica subliminale con infrasuoni e HRM


OOBE EE01 - Esperienze extracorporee
Manuale specifico + CD Oobe EE01
Codice art.: EE01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00
Prima uscita: 04/2003 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 596065 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente alle Esperienze


extracorporee con oltre 55 minuti di musica e suoni. I brani sono
progettati per incrementare e facilitare Oobe, Sogni lucidi e
Viaggi astrali.

Contenuto del CD:


1. Sub Brainsync (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 06:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha, Beta, HRM e Pink noise.
Adatta per l'inizio della seduta e la sincronizzazione degli emisferi.
2. Sub Astravel (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 12:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha, Beta e HRM.
Adatta per viaggi astrali.
3. Sub Lucidream (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 14:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha, Beta e HRM.
Adatta per sogni lucidi.
4. Sub Stimoloobe (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 15:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha, HRM e suoni Frattali.
Adatta per oobe.
5. Sub Enlightment (M.Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha, Delta, HRM e Brown noise.
Adatta per oobe avanzati.

Durata totale 57:00

Catalogo subliminale - pag. 9 di 12


Musica subliminale con infrasuoni e HRM
ANXIETY DA01 - Ansia e Depressione
Manuale specifico + CD Anxiety DA01
Codice art.: DA01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00
Prima uscita: 06/2003 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 596068 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente ad Ansia e Depressione


con oltre 50 minuti di musica e suoni. I brani sono progettati per
alleviare Ansia, Depressione e attacchi di Panico.

Contenuto del CD:


1. Sub Sonata304 (K304 - W.A.Mozart 1756-1791) 5:15
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha, Beta, HRM e White noise.
Adatta per la sincronizzazione degli emisferi e l'attenzione vigile.
2. Sub Sinfonia40 (n.40 K550 - W.A.Mozart 1756-1791) 7:40
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha, Beta e HRM.
Adatta per la sincronizzazione degli emisferi, ansia e stress.
3. Sub Parsifal (Parsifal - R.Wagner 1813-1883) 10:00
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha, HRM e Pink noise.
Adatta per ansia e depressione.
4. Sub Sonata27 (Sonata n.27 - L.V.Beethoven 1770-1827) 12:00
Traccia subliminale con infrasuoni Beta, Alpha, HRM e Brown noise.
Adatta per ansia, depressione e attacchi di panico.
5. Sub Sinfonia6 (VI Sinfonia - P.I.Cajkovskij 1840-1893) 17:15
Traccia subliminale con infrasuoni Theta, Alpha, Delta, HRM e Pink noise.
Adatta per depressione e attacchi di panico.

Durata totale 52:10

Effetto Mozart e Silent sub


Musica subliminale con Effetto Mozart e HRM
EMOZART EM01 - Effetto Mozart
Manuale specifico + CD EMozart EM01
Codice art.: EM01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00
Prima uscita: 04/2002 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 558134 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente all'Effetto Mozart con oltre


40 minuti di musica e suoni. I brani sono progettati per indurre
ed amplificare l'Effetto Mozart in genere.

Contenuto del CD:


1. Aria (Suite n.3 in re maggiore BWV1068) 4:55
J.S.Bach (1685-1750).
2. Sinfonia (n.40 K550) 7:36
W.A.Mozart (1756-1791).
3. Romanza (n.2 in fa maggiore per violino e orchestra op.50) 4:29
L.V.Beethoven (1770-1827).
4. Allegro con spirito (Sonata in re maggiore per due pianoforti K448) 8:18
W.A.Mozart (1756-1791).
5. Andante (Sonata in re maggiore per due pianoforti K448) 9:31
W.A.Mozart (1756-1791).
6. Sonata (n.2 op.2 per due violini) 6:32
A.Corelli (1653-1713).

Durata totale 41:21

Catalogo subliminale - pag. 10 di 12


Frattale
Suoni e Musica frattale con HRM
FRACTALS - Musica Frattale
Manuale specifico + CD Fractals FR01
Codice art.: FR01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00
Prima uscita: 12/2002 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 596069 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente alla Musica Frattale con


oltre 60 minuti di musica.

1. Fractal01 (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 13:20


Traccia con suoni frattali e armonizzazione HRM.
2. Fractal02 (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 6:25
Traccia con suoni frattali e armonizzazione HRM.
3. Fractal03 (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 6:57
Traccia con suoni frattali e armonizzazione HRM.
4. Fractal04 (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 11:03
Traccia con suoni frattali e armonizzazione HRM.
5. Fractal05 (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 6:30
Traccia con suoni frattali e armonizzazione HRM.
6. Fractal06 (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 8:57
Traccia con suoni frattali e armonizzazione HRM.
7. Fractal07 (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 5:02
Traccia con suoni frattali e armonizzazione HRM.
8. Fractal08 (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 6:30
Traccia con suoni frattali e armonizzazione HRM.

Durata totale 64:44

Suoni della Natura


Suoni della Natura con HRM
NATURE NA01 - Musica della Natura
Manuale specifico + CD Nature NA01
Codice art.: NA01
Prezzo al pubblico inclusa IVA: Eur. 45,00
Prima uscita: 07/2002 - Produzione di esemplari limitata!
Licenza SIAE: Num. 564528 00

Questo CD e' dedicato esclusivamente alla Musica della Natura


con 60 minuti di suoni naturali. I brani sono progettati per
indurre l’effetto HRM in genere.

1. Ocean (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00


Traccia con suoni naturali tipici dell’oceano e HRM.
2. Forest (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia con suoni naturali tipici della foresta e HRM.
3. Rain (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia con suoni naturali tipici della pioggia e HRM.
4. Summer (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia con suoni naturali tipici dell’estate e HRM.
5. Night (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia con suoni naturali tipici della notte e HRM.
6. Water (M. Stefanelli/Amadeux Multimedia) 10:00
Traccia con suoni naturali tipici dell’acqua e HRM.

Durata totale 60:00

Catalogo subliminale - pag. 11 di 12


Informazioni varie

Pagamenti, Sconti, Garanzie e Recesso:


Attualmente il pagamento della merce puo' essere effettuato in Contrassegno, Vaglia postale, Rimessa diretta o
Bonifico bancario. In futuro saranno attivati anche servizi per pagamenti tramite Carte di Credito.
Tutti i nostri prodotti sono coperti da garanzia per qualsiasi difetto da segnalare entro 10 giorni dalla consegna.
Tutti i nostri clienti godono del diritto, esercitabile senza alcuna penalità, di recedere dal contratto secondo la
previsione dall'art. 5 del Decreto Legislativo 22 maggio 1999, n. 185.

Tabella scalare degli Sconti per acquisti di CD in quantita':

N. di CD Valore Iniziale % Sconto Valore Sconto Valore Finale

1 € 45,00 0,00 % € 0,00 € 45,00


2 € 90,00 4,00 % € 3,60 € 86,40
3 € 135,00 6,00 % € 8,10 € 126,90
4 € 180,00 8,00 % € 14,40 € 165,60
5 € 225,00 10,00 % € 22,50 € 202,50
6 € 270,00 12,00 % € 32,40 € 237,60
7 € 315,00 14,00 % € 44,10 € 270,90
8 € 360,00 16,00 % € 57,60 € 302,40
9 € 405,00 18,00 % € 72,90 € 332,10
10 € 450,00 20,00 % € 90,00 € 360,00
(per acquisti oltre i dieci CD richiedeteci un preventivo)

Modalita' e Spese di spedizione:


La merce viene spedita in Italia tramite Poste italiane o Corriere espresso, all'estero solo tramite Corriere espresso,
con spese a carico del destinatario.
Spese per l'invio della merce in Italia tramite Poste italiane:
- Eur. 5,00 per Pacco ordinario fino a 349 gr. (consegna in circa 5/6 giorni lavorativi)
- Eur. 10,00 per Pacco celere fino a 3 kg. (consegna in circa 2/3 giorni lavorativi),
Spese per l'invio della merce in Italia tramite Corriere espresso/celere:
- Eur. 25,00 fino a 3 kg. (consegna in circa 24/48 ore nei giorni lavorativi).
Per l'estero richiedeteci un preventivo in base alla nazione di destinazione.

Con l'acquisto anche di un solo prodotto si ha diritto di accesso all'area riservata dove e' possibile
scaricare nei vari formati: manuali, digest, demo, software, ecc...
(indirizzo email per richiesta codici di accesso: subarea@sublimen.com)

E' possibile prenotare, consigliare e richiedere anche elementi personalizzati (suoni, brani, cd, software,
manuali) in base alle vostre esigenze.
I campi di applicazione sono:

• Rilassamento e Stress negativo


• Insonnia e riduzione del fabbisogno di sonno
• Apprendimento, Memoria, Concentrazione e Attenzione vigile
• Mal di testa, Emicrania e Cefalea
• Meditazione, Yoga, PNL, Consapevolezza e Introspezione
• Depressione e Ansia
• Ipnosi, Autoipnosi e Trance
• Creativita', Ispirazione ed incremento delle funzioni intuitive e logiche
• Oobe, Sogni lucidi, Viaggi extracorporei e astrali
• Autogenerazione ed Autoguarigione
• Tossicodipendenze e stimolo produzione Endorfine endogene
• Effetto Mozart e Silent Sub
• Musica e suoni frattali
• ecc... per i campi di applicazione non citati richiedere informazioni.

Maggiori informazioni:
sito web: http://www.sublimen.com - email: info@sublimen.com
forum web: http://forum.sublimen.com - mailing group-list: http://list.sublimen.com

Amadeux Multimedia
Via Leonardo Da Vinci, 38 - 56038 Ponsacco Pisa Italy - http://www.amadeux.net
Tel. +39 0587 737115 - fax +39 02 700442988 - tel. mobile: +39 347 3000281 - email: sub@amadeux.net

Catalogo subliminale - pag. 12 di 12


Benefici del sub-rilassamento - Amadeux - Marco Stefanelli subliminal...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Forum | Mailing List

Benefici del sub-rilassamento

Tutto e' suono.


E tutto influenza e viene influenzato dalla propria
natura: che e' suono.

Chi, tra di voi, non passa momenti di melanconia, di tristezza, di sfiducia?...


In quel momento, i neuroni del vostro cervello si trovano sottoposti a distonie e
irregolarita' vibratorie, nei loro circuiti elettromagnetici. Immergendovi nella
musica "alfa", che lo vogliate o no, le vostre onde cerebrali saranno "costrette" a
sincronizzarsi sulla giusta pulsazione e ogni vostro neurone, per il noto fenomeno
scientifico della "risonanza", si "riadattera'" al ritmo che gli viene proposto: quello
delle onde "alfa".
Ma, non solo. Quando cesserete di ascoltare il brano, e tornerete alle vostre usuali
occupazioni, le vostre cellule cerebrali conserveranno (abbastanza a lungo) -
sempre che lo vogliate, oppure no - quel ritmo di serenita' e di armonia,
appartenente alle onde alfa.

Cosa succede quando ci rilassiamo:


Il corpo si riposa, si ripara, elimina tossine e tensioni, il sistema immunitario si
rinforza, le emozioni si calmano ed il cervello/mente comincia a produrre delle
onde cerebrali diverse da quelle dell'attivita' ed estremamente benefiche
(misurabili con l'elettroencefalografo); sono le onde alfa o alpha (in molto casi
anche theta).
In questo gradevolissimo stato i sensi, le percezioni esterne ed interne aumentano
e cominciano a funzionare in modo nuovo.
Inoltre il rilassamento ci consente un maggior controllo su corpo e mente
aumentando le capacita' di apprendere in modo naturale e piacevole.

Studi recenti sostengono che per un apprendimento duraturo servano certe


sostanze che rilasciamo quando ci divertiamo. Infatti in questo stato il sistema
nervoso libera delle piacevoli sostanze chiamate "endorfine"; le stesse sostanze
che vengono liberate per calmare il dolore, dopo un allenamento sportivo o
durante l'attivita' sessuale.

Il rilassamento subliminale non ottunde in alcun modo le facolta' intellettive. Al


contrario, stimola la creativita', la memoria e l'integrazione fra le funzioni intuitive
e le funzioni logiche della mente.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/benefici.htm (1 of 2) [19/08/2003 22.49.48]


Benefici del sub-rilassamento - Amadeux - Marco Stefanelli subliminal...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Gli effetti di questa tecnica sonora e i suoi benefici si basano sull'esperienza


concreta e su uno studio multiculturale durato piu' di 15 anni, in cui sono
intervenuti volontariamente migliaia di soggetti.

Ci auguriamo veramente che questo metodo divenga uno strumento efficace per
farvi scoprire le forze nascoste dentro di voi, dandovi lo stimolo necessario per
concedere una pausa, uno spazio di rigenerazione alla parte piu' profonda e
sconosciuta di voi stessi.
Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Come utilizzare questa musica

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio nel rispetto delle normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa
(Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/benefici.htm (2 of 2) [19/08/2003 22.49.48]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links | Amadeux info

Demo #A2
Questo file MP3 demo che vi proponiamo rappresenta un esemplare di
"traccia subliminale con infrasuoni Beta e Alpha".

Si tratta di un esclusivo file MP3 (durata 2'00" - 1,8 Mbytes), che racchiude in sé
delle sonorità <Beta> e <Alfa>, dei battiti binaurali ed una musica o meglio un
"Mantra OM" di sottofondo, appositamente studiati per l'avvio alla seduta di
rilassamento subliminale.

COME ASCOLTARE IL FILE

● Trovate un posto comodo, dove nessuno vi disturberà e dove potrete


restare tranquilli

● Riducete la luce e create un'atmosfera calma.

● Allentate tutti gli indumenti che vi stringono.

● Scegliete una posizione comoda.

● Utilizzate, se possibile, una cuffia stereo.

richiesto plug in wma

(Questo streaming-demo "WMA" date le caratteristiche intrinseche puo' non avere il 100% di
induzione)
Plug-in WMA richiesto/required (tutti gli utenti)

ascolto >> MS-MANTRAOM1.MP3 su lettore Plug-in


Plug-in MP3 richiesto/required (tutti gli utenti)

ascolto >> MS-MANTRAOM1.MP3 su lettore ActiveX


ActiveX MP3 richiesto/required (solo utenti Windows)

download >> MS-MANTRAOM1.MP3 (2'00" - 1,877 Mb)

Dati streaming: Bitrate = 128Kbps - Freq. campionamento = 44,1Khz


Il brano contenuto nel file "Ms-mantraOM1.mp3" e' Copyright (C) 2001-2003 Amadeux Multimedia.
Vietata la vendita e qualsiasi tipo di utilizzo commerciale.

Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa2.htm (1 of 2) [19/08/2003 22.49.52]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy
Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio citati.
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997-2003 Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa2.htm (2 of 2) [19/08/2003 22.49.52]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links | Amadeux info

Demo #A3
Questo file MP3 demo che vi proponiamo rappresenta un esemplare di
"traccia subliminale con infrasuoni Alpha e Modulazione del Rumore
bianco".

Si tratta di un esclusivo file MP3 (durata 2'00" - 2,2 Mbytes), che racchiude in sé
delle sonorità <Alfa>, dei battiti binaurali, un rumore bianco modulato ed una
musica di sottofondo, appositamente studiati per il rilassamento subliminale.

COME ASCOLTARE IL FILE

● Trovate un posto comodo, dove nessuno vi disturberà e dove potrete


restare tranquilli

● Riducete la luce e create un'atmosfera calma.

● Allentate tutti gli indumenti che vi stringono.

● Scegliete una posizione comoda.

● Utilizzate, se possibile, una cuffia stereo.

ascolto >> MS-EXALE1.MP3 su lettore Plug-in


Plug-in MP3 richiesto/required (tutti gli utenti)

ascolto >> MS-EXALE1.MP3 su lettore ActiveX


ActiveX MP3 richiesto/required (solo utenti Windows)

download >> MS-EXALE1.MP3 (2'00" - 2,248 Mb)

Dati streaming: Bitrate = 128Kbps - Freq. campionamento = 44,1Khz


Il brano contenuto nel file "ms-exale1.mp3" e' Copyright (C) 2001-2003 Amadeux Multimedia.
Vietata la vendita e qualsiasi tipo di utilizzo commerciale.

(Questa traccia demo puo' non avere il 100% di induzione essendo un estratto
dell'intero brano)

Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio citati.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa3.htm (1 of 2) [19/08/2003 22.49.54]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com


Copyright © 1997-2003 Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa3.htm (2 of 2) [19/08/2003 22.49.54]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links | Amadeux info

Demo #A4
Questo file MP3 demo che vi proponiamo rappresenta un esemplare di
"traccia subliminale con infrasuoni Alpha e Modulazione del Rumore
rosa".

Si tratta di un esclusivo file MP3 (durata 1'00" - 0,94 Mbytes), che racchiude in sé
delle sonorità <Alfa>, dei battiti binaurali, un rumore rosa modulato ed una
musica di sottofondo, appositamente studiati per il rilassamento subliminale.

COME ASCOLTARE IL FILE

● Trovate un posto comodo, dove nessuno vi disturberà e dove potrete


restare tranquilli

● Riducete la luce e create un'atmosfera calma.

● Allentate tutti gli indumenti che vi stringono.

● Scegliete una posizione comoda.

● Utilizzate, se possibile, una cuffia stereo.

ascolto >> MS-SEA1.MP3 su lettore Plug-in


Plug-in MP3 richiesto/required (tutti gli utenti)

ascolto >> MS-SEA1.MP3 su lettore ActiveX


ActiveX MP3 richiesto/required (solo utenti Windows)

download >> MS-SEA1.MP3 (1'00" - 0,94 Mb)

Dati streaming: Bitrate = 128Kbps - Freq. campionamento = 44,1Khz


Il brano contenuto nel file "ms-sea1.mp3" e' Copyright (C) 2001-2003 Amadeux Multimedia.
Vietata la vendita e qualsiasi tipo di utilizzo commerciale.

(Questa traccia demo puo' non avere il 100% di induzione essendo un estratto
dell'intero brano)

Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio citati.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa4.htm (1 of 2) [19/08/2003 22.49.55]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com


Copyright © 1997-2003 Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa4.htm (2 of 2) [19/08/2003 22.49.55]


Sonno e Sogni - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale website - Pon...ine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Forum | Mailing List

Sonno e Sogni

Sommando le ore che nell'arco di tutta una


vita dedichiamo al sonno, ne risulta che
complessivamente trascorriamo 23 anni a
dormire e ne impieghiamo ben quattro
sognando.

Dormire non è tempo perso, ma un processo,


biologico e psicologico assieme, utile per il
nostro benessere e per la nostra salute.

Come il cibo e la sessualità, il sonno è una


necessità istintuale dell'uomo. Un terzo della
nostra vita lo passiamo dormendo. Un buon
sonno è sempre legato a molte abitudini: un
determinato letto, una certa posizione, un
determinato orario, ecc. Un cambiamento di
queste abitudini porta spesso a turbative del
sonno.

Il sonno è un fenomeno particolare. Tutti siamo


capaci di dormire senza aver imparato, e
tuttavia non sappiamo come funziona la cosa.
Desideriamo il sonno, e tuttavia a volte abbiamo la sensazione che qualcosa ci
minacci dal mondo del sonno e del sogno. Da dove viene il convincimento che la
vita che conduciamo di giorno sia più vera e più reale della nostra vita onirica? Chi
ci autorizza a dire che si tratta soltanto di sogni? Ogni esperienza che fa la
coscienza è sempre vera, sia che la si chiami realtà, sogno o fantasia. Sogno e
veglia, coscienza notturna e diurna sono polarità e si compensano
reciprocamente. La voce popolare definisce il sonno come il fratello minore della
morte. Ogni volta che dormiamo ci esercitiamo a morire. Addormentarsi
presuppone allentamento da ogni controllo, da ogni intenzione, da ogni attività,
richiede da noi disponibilità e fiducia, capacità di abbandonarsi a ciò che è
sconosciuto. Non è possibile addormentarsi attraverso la costrizione,
l'autocontrollo, la volontà e lo sforzo. Ogni volontà attiva è il modo più sicuro di
impedire il sonno. Noi possiamo solo creare le premesse più favorevoli per il
sonno, ma poi dobbiamo aspettare pazientemente che il sonno decida a scendere
su di noi. Tutto ciò che il sonno (e la morte) esigono da noi, non rientra nelle
abilità dell'uomo.
Abbiamo paura del sentimento, dell'irrazionale, dell'ombra, dell'inconscio, del
male, del buio, della morte. Ci teniamo spasmodicamente aggrappati al nostro
intelletto e alla nostra coscienza diurna, con cui crediamo di poter vedere tutto.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/sonno.htm (1 of 7) [19/08/2003 22.50.19]


Sonno e Sogni - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale website - Pon...ine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Se poi arriva il comando di "abbandonarsi", emerge la paura. Così come la notte


fa parte del giorno, anche l'ombra fa parte di noi e la morte fa parte della vita. Il
sonno ci porta quotidianamente a questa soglia tra aldiquà e aldilà, ci conduce
nelle zone d'ombra e notturne della nostra anima, ci fa vivere nel sogno quello
che non abbiamo vissuto e ci rimette di nuovo in equilibrio.
Chi soffre di insonnia, o meglio di difficoltà ad addormentarsi, ha difficoltà e
paura di lasciare il proprio controllo consapevole e di affidarsi al proprio
inconscio. L'insonne manca di fiducia e di capacità di abbandonarsi, si identifica
troppo con il suo ruolo di persona attiva e non riesce ad abbandonarsi. Sogno e
orgasmo sono piccole morti e vengono vissuti come pericolo dall'uomo che ha una
forte identificazione col proprio Io. Ogni monotonia annoia l'emisfero sinistro e
l'induce ad abbandonare il suo predominio. Tutte le tecniche di meditazione
utilizzano questa regola: la concentrazione su un punto o sul respiro, la ripetizione
di un mantra, portano al passaggio dell'emisfero sinistro a quello destro, dal lato
diurno a quello notturno, dall'attività alla passività.
Un eccessivo bisogno di dormire indica una problematica opposta. Chi,
sebbene abbia dormito a sufficienza, ha difficoltà a svegliarsi e ad alzarsi,
dovrebbe prendere atto della propria paura ad affrontare il giorno, l'attività e di
doveri quotidiani. Svegliarsi e cominciare una nuova giornata significa diventare
attivi, agire e assumersi delle responsabilità. Come l'addormentarsi è in rapporto
con la morte, lo svegliarsi è una piccola nascita. Il problema è sempre
nell'unilateralità, la soluzione è al centro, nell'equilibrio, nel sia-sia. Soltanto qui si
capisce che la nascita e morte sono una cosa sola.
Domande da porsi nel caso d'insonnia:
1) Fino a che punto sono dipendente da potere, controllo, intelletto?
2) So abbandonarmi?
3) Mi preoccupo del lato oscuro della mia anima?
4) Come è grande la mia paura della morte?
Domande da porsi nel caso di eccessivo bisogno di dormire:
1) Rifuggo dall'attività, dalla responsabilità e dalla presa di coscienza?
2) Vivo nel mondo dei sogni e ho paura di destarmi alla realtà?
Tratto da Malattia e Destino il valore e il messaggio della malattia Thorwald Dethlefsen Ed. Mediterranee

Il Sogno come esplorazione degli abissi


dell'anima
Il sonno, dona all'uomo il ristoro del corpo e la magia dei sogni. Imparando ad
ascoltare la voce del sogno, che proviene dai livelli più profondi della nostra
anima, è possibile raggiungere un’autoconoscenza. In altre parole, apprendere
informazioni su di noi che celiamo a noi stessi. I sogni, anche quelli più
angosciosi, costituiscono un importante patrimonio interiore.

Il merito storico di Sigmund Freud fu di assegnare al sogno un significato


psicologico, individuabile attraverso il lavoro analitico dell'interpretazione,
concependo il sogno come il risultato di un processo psichico.
Secondo Freud è dall'inconscio dell' individuo che si originano i sogni. L'inconscio
esprime essenzialmente desideri, che nel sogno trovano una loro "realizzazione
allucinatoria". Il sogno è quindi la rappresentazione dell' appagamento
mascherato di desideri repressi in un modo tale, e tramite immagini, che
assicurano che loro intima natura non sia svelata.

Secondo, Carl Gustav Jung, i sogni potevano essere letti col metodo prospettico,
con uno sguardo sul futuro, il che consentì a Jung di osservare nel vissuto onirico,
le linee di sviluppo della crescita psicologica, a partire dalla potenzialità che nel
sogno si manifestino "cose non ancora realizzate".

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/sonno.htm (2 of 7) [19/08/2003 22.50.19]


Sonno e Sogni - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale website - Pon...ine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Un'altra differenza rispetto al modello freudiano, sta nel fatto che, secondo Jung,
il sogno può rappresentare oltre che contenuti dell'inconscio personale, anche
temi propri dell' inconscio collettivo, intesi come parte della nostra psiche che
conserva simboli universali detti archetipi che non provengono da acquisizioni
personali, ma che sono ereditati dalla specie, come risultato della storia
dell'umanità a partire dalle origini. Secondo la concezione junghiana all' inconscio
collettivo vanno ascritte la produzione dei miti, delle idee religiose, delle visioni e
dei sogni, poiché persone di culture differenti possono spontaneamente attingere
da un comune immaginario simbolico. Jung scrive trattarsi di "grandi sogni”,
ossia di sogni ricchi di significato che provengono da questo strato più profondo
della psiche.

E’ necessario puntualizzare che Jung fu particolarmente interessato al Buddismo e


alle filosofie orientali, tanto da indurlo a scrivere la prefazione alla prima
traduzione occidentale del classico buddista “Il libro tibetano dei morti “ (Il Bardo
Thodol). Da questa prima traduzione, ricca purtroppo di termini impropri, quale
quello di “mente unica” al posto di “natura della mente pura dalle origini”, Jung
giunse ad un’interpretazione erronea associata all’incoscio, da cui appunto
“inconscio collettivo”.
Potremmo quindi definire il sogno di tipo Junghiano come "sogni del Sé", e di
"sogni dell' Io", freudiani. Il "sogno del Sé" di solito è un tipo di sogno che
compare a colori, che ha un' evidenza netta, non si fa fatica a ricordarlo al
risveglio; ma, è il sogno che si impone alla coscienza. Invece i sogni dell' Io
hanno a che fare con la pulsionalità, col desiderio, con l'aggressività. In questi
compaiono anche figure importanti della nostra vita ordinaria, figure genitoriali,
amici, parenti, ... in questo caso però, per quanto il sogno possa essere
significativo, non ha mai quel valore di orientamento che hanno i sogni del Sé, e
non hanno soprattutto quell'evidenza sensoriale, quel vero e proprio effetto
numinoso di cui parla Jung.

Il sogno può anche servire per trovare risposte originali a dei problemi: il metodo
dell' "incubazione onirica" consiste nel formulare in modo chiaro la domanda al
nostro inconscio e al risveglio annotare i contenuti emersi dal sogno.
Ogni singolo individuo è creatore di un personalissimo "dizionario dei simboli",
pur considerando che esistono dei simboli comuni a tutti gli individui. Se ne citano
un paio, come ad esempio:
AUTOMOBILE E MEZZI DI TRASPORTO= rappresentano il desiderio di guidare la
nostra vita; complicazioni nella guida o nello sterzo esprimono ansia circa
l'autocontrollo; problemi con i fari o i tergicristalli difficoltà relative al conoscere
dove si sta andando.
CASA= rappresenta la psiche del sognatore: consiste di stanze e piani con
funzioni differenti; la facciata sarebbe la nostra maschera sociale, l'apparenza; la
cantina rappresenta l'inconscio; la cucina i processi di trasformazione e di
"digestione psichica" delle esperienze; la soffitta il piano spirituale; il tetto la
coscienza.

C'è un particolarissimo tipo di esperienze psicologiche che si verificano durante lo


stato di sonno, che implicano una conoscenza per via extrasensoriale di pensieri
o avvenimenti esterni al sognatore. La percezione extrasensoriale, come il sogno,
è un processo intrinseco alla natura umana: rivela la conoscenza inconscia che
l'uomo ha di se stesso e del suo rapporto col mondo. Lo "stato mentale" nel quale
più frequentemente si manifestano facoltà di tipo extrasensoriale, è il sogno. Si
tratta di esperienze, che dimostrerebbero la possibilità che i sogni rivelino eventi
che si svolgono a distanza, e che non si sarebbero potuti immaginare basandosi
sulla logica o sul buon senso.
Le persone riconoscono questi sogni differenti da quelli ordinari, in ragione di una

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/sonno.htm (3 of 7) [19/08/2003 22.50.19]


Sonno e Sogni - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale website - Pon...ine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

loro peculiare vividezza, impressione ed intensità; il sognatore sente che essi


hanno un significato importante e si sente spinto a raccontarlo; sono vissuti onirici
facilmente rievocati al risveglio, frequentemente segnalano episodi inattesi o
tragici ed infine non presentano quella bizzarria e quella dinamicità da una scena
all'altra tipici dei sogni comuni.
Si potrebbe supporre che questo sia il mezzo originario, arcaico, di comunicazione
fra gli individui, e che, nel corso dell'evoluzione filogenetica, esso sia stato
soppiantato dal metodo migliore di comunicazione, che si avvale dei segni che gli
organi di senso sono in grado di captare, ma il metodo arcaico potrebbe rimanere,
in fondo, conservato, e farsi ancora valere in date condizioni. Questa tipologia di
sogni rivelerebbero le vestigia di questa modalità originaria di comunicazione fra
gli uomini, superando la barriera delle separate individualità.

I sogni hanno ispirato anche importanti progressi scientifici. Il più celebre fra tutti
è la scoperta della struttura molecolare del benzene da parte di Kekule, che in
uno stato di dormiveglia vide gruppi di atomi di grandezze diverse contorcersi
come serpenti. Da questo sogno-intuizione ne risultò appunto la sua scoperta
scientifica.
Anche la teoria della relatività di Albert Einstein ebbe parzialmente origine in
sogno.
I sogni possono annunciare in anticipo, in maniera più o meno simbolica,
l'insorgenza o lo sviluppo delle malattie, o di altri processi fisiologici. Questi sogni,
però, non rappresentano presagi di malattie future, ma segnalano disturbi già
esistenti – ma, non avvertiti dalla coscienza.
Già Ippocrate, Aristotele e Galeno credevano a questi sogni prodromici e li
spiegavano dicendo che il sogno è come se amplificasse le sensazioni. Se
pensiamo agli studi sul sonno che ci derivano dalla medicina taoista, o da quella
ayurveda, scopriamo che il loro grande segreto era come far parlare
coscientemente l'organo. Molto spesso si scopre con stupore una netta
corrispondenza tra il vissuto del corpo e l'analogo psichico, nel sogno. Nella
medicina cinese abbiamo la legge dei cinque elementi: fegato, cuore, milza,
polmone e rene, dove ad ogni organo è associato uno stato psichico
corrispondente. Così per esempio possiamo dire che i sogni dominati
dall'elemento-archetipo cuore, sono tutti sogni che hanno una fisionomia di
questo tipo: sono sogni in cui compaiono elementi associati al tema archetipico
del calore, o eventi legati a fantasie-immagini del fuoco; all'opposto i sogni del
rene sono dominati dal tema delle acque, come il sognare di fare bagni nell'acqua
buia, eccetera.

Addentrandoci in altre culture, come per esempio per i nativi americani


appartenenti alle tribù, Crow, Blackfoot, Kwakiutl e Winnebago, essi riportano
descrizioni di sogni nei quali un animale, un uccello, o un serpente insegnavano
metodi di cura che, al risveglio, una volta applicati, si erano dimostrati efficaci per
la guarigione.
All'interno delle culture animistiche, non è netta la distinzione fra la realtà del
vivere quotidiano e il sogno. Ad esempio, gli aborigeni australiani parlano del
"tempo del sogno", come di una dimensione che ha valore, tanto quanto ciò che
noi definiamo "la realtà", e tutta quella dimensione onirica acquisisce un
significato più forte di quanto possa assumere all'interno della nostra cultura
occidentale.

Il fenomeno dei “sogni lucidi” esiste nella letteratura, da migliaia di anni.


Aristotele ad esempio, fece la seguente affermazione: “perché spesso quando si
dorme c’è qualcosa nella coscienza che ci dice che quello che è presente davanti a
noi è solo un sogno”.

Nelle cosiddette mistiche superiori, riscontriamo che in uno dei più vecchi testi

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/sonno.htm (4 of 7) [19/08/2003 22.50.19]


Sonno e Sogni - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale website - Pon...ine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

della tradizione induista, come le Upanishad, sia fatto specifico riferimento alla
condizione di sonno-sogno, attraverso cui l’essere si trasferisce dal mondo
manifesto a quello immanifesto o dei <piani ultrasottili>.

Degno di attenzione quanto espresso nella “Brihad-Aranyaka Upanishad” a


proposito dello stato di sonno-sogno:

- Ajatasatru disse: <<Quando un uomo si addormenta così, la persona fatta


di coscienza raccoglie la coscienza di tutti i sensi e si ritira nello spazio all’interno
del cuore. Quando i sensi sono così trattenuti si dice che l’uomo è addormentato.
Allora il respiro è trattenuto. La voce è trattenuta. L’occhio è trattenuto.
L’orecchio è trattenuto. La mente è trattenuta. Quando si addormenta, questi
mondi sono suoi. Allora diventa un grande re, portando con sé la sua gente, si
muove a proprio piacimento nel suo regno, così la persona fatta di coscienza,
portando con sé i sensi, si muove a proprio piacimento nel corpo. Quando si entra
nel sonno profondo, in cui non c’è più coscienza di nulla, la persona fatta di
coscienza esce attraverso i 72.000 canali che dal cuore conducono al pericardio e
ivi si riposa. Si riposa come un giovane, o come un grande re, o come un bramino
che ha raggiunto il culmine della beatitudine. Come un ragno secerne la sua tela,
come le scintille sprizzano dal fuoco, così da questo Sé emergono tutti i soffi
vitali, tutti i mondi, tutti gli déi, tutti gli esseri. Il suo significato mistico è “la
Realtà della Realtà”. In verità, i soffi vitali sono la realtà. Esso è la loro Realtà.>>

Da millenni appunto, nell’Induismo, nel Buddismo, nel Taoismo e nelle culture


tradizionali di tutto il mondo è stata dimostrata l’esistenza di una classe di
esperienze oniriche che hanno favorito l’evoluzione del progresso culturale e
religioso dell’umanità. Sempre da tempi molto antichi, inoltre, sono ben
documentate sia la possibilità di sviluppare la consapevolezza del sogno, per
ottenere esperienze profonde e ispirazione, sia la capacità di controllare il sogno
stesso.

L’insegnamento del Dzogchen è molto interessato alle esperienze del sogno e a


tutti i fenomeni ad esso correlati nonché la prescienza (preveggenza). Alcuni
metodi, tra cui anche lo “Yoga del sogno” sono impiegati per sviluppare una
maggiore consapevolezza allo scopo ultimo di conseguire la liberazione.
Secondo l’insegnamento Dzogchen i sogni possono essere raggruppati in due
categorie: i sogni di tipo più comune, causati dalle tracce karmiche - “sogni
karmici” - e i sogni che rilevano un’opportunità di accesso alla dimensione
spirituale - “sogni di chiarezza”.
I sogni di tipo karmico possono risalire ad una vita passata, alla giovinezza e al
passato più recente della persona.
Nella tradizione della medicina tibetana, un medico che indaga le origini di una
malattia considererà anche a quale di questi tre stati di esistenza si riferiscono i
sogni del malato. A volte, se una persona è affetta da una grave malattia molto
difficile da curare, ciò può essere dovuto a cause karmiche risalenti all’infanzia, o
persino a una vita passata; ma, una malattia può anche scaturire da una causa
karmica maturata in base ad azioni recenti. Perciò, in questi casi, l’esame dei
sogni è uno dei mezzi più importanti per analizzare e individuare le cause primarie
e secondarie del problema.
Nei sogni condizionati dalle tracce karmiche, possono apparire cose sconosciute
delle quali non si è avuta esperienza in questa vita, come visioni di altri paesi, o di
gente dalle usanze e dalla lingua ignote.

Per alcuni individui, i “sogni di chiarezza” sorgono spontaneamente dalla


limpidezza della mente, senza la necessità di applicare metodi secondari per
rilassare il corpo, o controllare l’energia.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/sonno.htm (5 of 7) [19/08/2003 22.50.19]


Sonno e Sogni - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale website - Pon...ine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Lo “Yoga del sogno” riguarda fondamentalmente lo stato che precede il sogno. Se


siete persone di natura agitata, prima di andare a letto potete fare alcuni esercizi
di respirazione profonda per regolare il flusso del respiro e calmarvi. Quindi
concentratevi sulla lettera -A-, immaginandola di colore bianco, in modo che,
visualizzandola automaticamente, riconosciate il suo suono. Questo simbolo
rappresenta l’unificazione dello stato di coscienza di tutti i vostri maestri.
Se non riuscite a concentrare e a visualizzare questa lettera, il problema può
essere che non siate in grado di <visualizzare>; in questo caso, scrivete una -A-
su un foglio di carta, ponetela di fronte a voi e fissatela un po’. Quindi, chiudete
gli occhi, e questa -A- apparirà immediatamente alla vostra mente. Cercate di
rilassarvi senza mai abbandonare la -A- sino a che non ci si addormenta.
Con questa visualizzazione si utilizza l’attività mentale allo scopo di raggiungere,
infine, uno stato che trascende la mente. E’ ugualmente molto importante
ricordare la pratica della -A- bianca nel momento in cui vi svegliate al mattino.
Se possibile, intonate subito il suono -AAAA-. Se non potete farlo perché qualcuno
dorme accanto a voi, è sufficiente esalare il respiro con il suono -AAAAA- in modo
da potervi udire e sentire la presenza della -A- bianca. Ricordando la -A- bianca al
mattino e poi concentrandola di nuovo alla sera, si viene a creare una specie di
connessione, o continuità di presenza.
La visualizzazione della -A- nella gola, è particolarmente adatta per ricordare i
sogni, e ha la specifica funzione di controllare l’energia e la chiarezza. Quando si
visualizza la -A- bianca nel cuore, si lavora nel principio della luce naturale.

Se avete avuto una giornata particolarmente faticosa e, tornati a casa, vi è


rimasta solo l’energia per mangiare e andare a letto, cadrete in un sonno pesante,
e molto difficilmente si manifesteranno sogni di chiarezza. A causa del sonno
pesante, inoltre, potrà risultare difficile persino ricordare i sogni. Tuttavia,
avvicinandosi all’alba, appena prima del risveglio, i vostri sogni possono diventare
più chiari.
Un sogno associato alla chiarezza può avere un significato particolare per il
sognatore. Può indicare molte cose.
Quando si sviluppa la chiarezza è molto facile avere particolari manifestazioni
durante il sogno, come per esempio scoprire qualcosa riguardante il futuro.
I sogni di chiarezza sono legati alla nostra saggezza innata, ai semi karmici che
abbiamo prodotto attraverso l’esperienza della meditazione e alle azioni positive
svolte anche nella nostra attività quotidiana. Vi sono altri sogni legati alla
chiarezza nei quali è possibile fare molte cose, come studiare, leggere, o
apprendere. Una persona che riceve una “trasmissione”, anche se in quel
momento non ha la capacità di comprendere, in futuro prima o poi scoprirà il
significato dell’insegnamento.

I sogni, in conclusione, sono parte della nostra vita. Nella vita abbiamo il giorno e
la notte. Di notte abbiamo confusione nei sogni; di giorno abbiamo confusione
nella mente; giudichiamo, pensiamo, creiamo tante cose. Mantenere la
consapevolezza nello stato del sogno, significa continuare la stessa presenza che
abbiamo durante il giorno, e, con la pratica, farla progredire.
Ritornerà così ad essere unica la relazione originaria all'interno dell'individuo, o lo
stato della relazione fra il maschile e il femminile, soggetto e oggetto, luce e
ombra, verità e amore.
di Aurora Smeriglio, adattamento di Alan Perz

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Come utilizzare questa musica

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio citati.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/sonno.htm (6 of 7) [19/08/2003 22.50.19]


Sonno e Sogni - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale website - Pon...ine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com


Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/sonno.htm (7 of 7) [19/08/2003 22.50.19]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links | Amadeux info

Demo #A5
Questo file MP3 demo che vi proponiamo rappresenta un esemplare di
"traccia subliminale con infrasuoni Beta e Alpha con HRM".

Si tratta di un esclusivo file MP3 (durata 1'30" - 1,40 Mbytes), che racchiude in sé
delle sonorità <Beta>, <Alfa>, dei battiti binaurali, tecnica HRM ed una musica di
sottofondo, appositamente studiati per l'insonnia ed i problemi del sonno nella
fase di avvio alla seduta subliminale.

COME ASCOLTARE IL FILE

● Trovate un posto comodo, dove nessuno vi disturberà e dove potrete


restare tranquilli

● Riducete la luce e create un'atmosfera calma.

● Allentate tutti gli indumenti che vi stringono.

● Scegliete una posizione comoda.

● Utilizzate, se possibile, una cuffia stereo.

ascolto >> MS-WIDDASITAR1.MP3 su lettore Plug-in


Plug-in MP3 richiesto/required (tutti gli utenti)

ascolto >> MS-WIDDASITAR1.MP3 su lettore


ActiveX
ActiveX MP3 richiesto/required (solo utenti Windows)

download >> MS-WIDDASITAR1.MP3 (1'30" -


1,40 Mb)
Dati streaming: Bitrate = 128Kbps - Freq. campionamento = 44,1Khz
Il brano contenuto nel file "ms-widdasitar1.mp3" e' Copyright (C) 2001-2003 Amadeux
Multimedia.
Vietata la vendita e qualsiasi tipo di utilizzo commerciale.

(Questa traccia demo puo' non avere il 100% di induzione essendo un estratto
dell'intero brano)

Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa5.htm (1 of 2) [19/08/2003 22.50.25]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio citati.
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997-2003 Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa5.htm (2 of 2) [19/08/2003 22.50.25]


Mal di testa e cefalea - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Forum | Mailing List

Mal di testa e cefalea

Mal di testa è un'espressione generica


con la quale si definiscono patologie
molto diverse fra loro. Sono state
individuate tredici forme di cefalea
(termine scientifico con cui si indica il
mal di testa) suddivise, a loro volta, in
primarie e secondarie, con oltre novanta
diverse "sottocategorie". Caratteristiche
fondamentali per la classificazione dei
vari tipi di cefalea sono: qualità,
intensità, ciclicità del dolore e sua
modalità di insorgenza.
La cefalea primaria rappresenta una
malattia vera e propria, indotta da cause
non sempre immediatamente identificabili, nell'ambito delle quali si possono
individuare alcuni fattori scatenanti di natura ormonale o ambientale.
L'emicrania, la cefalea tensiva e la cefalea a grappolo sono le tre principali
forme di cefalea primaria.
Le cefalee secondarie sono invece dei sintomi indicativi di altri disturbi (allergie,
difficoltà digestive, sinusite, ipertensione o artrosi) o scatenati da un motivo
preciso, come l'assunzione o la mancata assunzione di particolari sostanze quali
caffeina, alcool o alcuni tipi di farmaci.
Il mal di testa è una patologia molto diffusa: in Italia ne soffrono 26 milioni di
persone (Eurisko, Nov.1999), di cui la maggior parte donne. È anche una
malattia sociale che fa perdere oltre duecento milioni di ore di lavoro all'anno e
che incide sulla qualità della vita di chi ne è colpito.

Il mal di testa è un'esperienza comune alla maggior parte delle persone. Ognuno
di noi ha certamente avuto occasione di sperimentare, almeno una volta nella
vita, una crisi di cefalea, associandola di volta in volta a ragioni diverse: ansia,
insonnia, stress, stanchezza, fumo, alimentazione, sforzi fisici, eccetera.
Ma quali sono le cause del mal di testa? La difficoltà nel rintracciare con sicurezza
le cause del mal di testa risiede in gran parte nel fatto che la cefalea può
configurarsi come sintomo di diversi disturbi di natura patologica. Il primo passo
da compiere è dunque quello di distinguere tra cefalee primarie (cefalee-malattia)
e cefalee secondarie (cefalee-sintomo).
Mentre le secondarie rappresentano un sintomo di altre malattie, le primarie sono

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/cefalea.htm (1 of 11) [19/08/2003 22.51.07]


Mal di testa e cefalea - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

esse stesse la malattia. Nell'ambito delle principali forme di cefalee primarie


(cefalea tensiva, emicrania e cefalea a grappolo) i meccanismi da cui scaturiscono
gli attacchi sono poi di natura diversa a seconda dei casi.
È importante distinguere tra cause e fattori scatenanti. Con il termine cause si
intendono quelle alterazioni di fattori fisiologici interni al nostro organismo
(alterazioni di tipo vascolare, nervoso, muscolare, ormonale, eccetera) che sono
responsabili dell'insorgere del dolore.
I fattori scatenanti sono rappresentati, invece, dall'insieme di elementi e situazioni
in grado di indurre, in qualche modo, le modifiche funzionali che causano il dolore,
quindi stress, intensa attività lavorativa, mancanza di sonno, esposizione a
particolari fattori ambientali, fumo, alimentazione inadeguata, consumo eccessivo
di alcool, mantenimento di posizioni scorrette, eccetera. Le modalità con cui i
fattori scatenanti interagiscono con il nostro organismo non sono completamente
note.

Le diverse forme di cefalea, emicrania, cefalea a grappolo, cefalea tensiva,


hanno ciascuna una cura specifica, che è correlata con le cause che determinano
l'insorgere del dolore. Affinché la cura sia veramente efficace, quindi, è
fondamentale identificare con la maggior precisione possibile il tipo di mal di testa
in questione e le sue caratteristiche.
A questo scopo ci si può servire di un "diario del mal di testa", dove annotare
sintomi, fattori scatenanti e, in generale, tutto ciò che accompagna la crisi
dolorosa. È uno strumento utile per avere una diagnosi precisa e per permettere
al medico di scegliere la terapia migliore.
Un altro metodo per monitorare il proprio mal di testa è compilare il Midas
(Migraine Disability Assesment Scale), un test di carattere scientifico che consente
di calcolare il grado di disabilità determinato dalla cefalea.
Una volta accertata la natura della cefalea, si può scegliere il trattamento più
adatto, che è quasi esclusivamente di tipo farmacologico nel caso dell'emicrania e
della cefalea a grappolo. Soprattutto nel caso della cefalea tensiva si può ricorrere
anche a metodi di cura alternativi.
Per trovare sollievo al dolore si può ricorrere anche a quelli che possiamo definire
"i rimedi della nonna", tramandati dalla tradizione popolare.
Una precauzione importante da prendere durante la crisi di mal di testa è il
riposo: buio, silenzio e sonno sono spesso in grado di porre fine all'attacco e
favoriscono la velocità d'azione di un farmaco.
Altri tipi
L'IHS (International Headache Society) ha classificato ben tredici tipi di cefalee,
suddividendole in due categorie: primarie e secondarie.

Le cefalee primarie sono vere malattie e non hanno una causa specifica che ne
giustifichi l'insorgere. Appartengono a questo gruppo emicrania, cefalea tensiva,
cefalea a grappolo e altri tipi di cefalee non associate a lesioni strutturali, ma
innescate da vari, e spesso insospettabili, fattori.

Le cefalee secondarie, invece, sono scatenate da cause diverse da quelle del


mal di testa e possono essere sintomo di un'altra malattia.
Si manifestano come conseguenza di:
traumi cranici o, comunque, lesioni del capo;
malattie o disfunzioni dei vasi sanguigni della circolazione celebrale, per esempio
ischemia, trombosi, aneurisma ed emorragia cerebrale;
malattie del cervello o delle strutture circostanti, come tumori o meningiti;
assunzione o sospensione di sostanze esogene, come alcool, caffeina, oppiacei;
infezioni virali o batteriche;
malattie del metabolismo, come diabete o malattie renali;

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/cefalea.htm (2 of 11) [19/08/2003 22.51.07]


Mal di testa e cefalea - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

dolori facciali legati a patologie del cranio, del collo, delle orecchie, del naso, dei
denti, della bocca;
nevriti e nevralgie craniche.
Vi è poi un certo numero di cefalee non classificabili.
Possiamo ricordare in particolare alcune delle patologie elencate.
La nevralgia del trigemino è l'irritazione di uno dei due nervi cranici (localizzati
uno a destra e uno a sinistra del cranio) che danno mobilità e sensibilità al volto.
Il dolore si manifesta solo su metà della faccia, è intensissimo e compare
all'improvviso. Il dolore è scatenato ogni volta che si muove o si stimola la parte
interessata (per esempio parlare, masticare, lavarsi il volto), dura uno spazio di
tempo di solito breve, ma può presentarsi più volte al giorno.
Anche la sinusite, l'infiammazione dei seni nasali e paranasali, ha tra le sue
conseguenze un fastidioso mal di testa in corrispondenza delle arcate sopracciliari,
sotto gli occhi e alla radice del naso. Il dolore è di tipo gravativo ed è descritto
come un peso, acutizzato dalla pressione delle dita sulla zona interessata.
Il mal di testa dovuto alla malocclusione dell'articolazione temporo-mandibolare si
localizza sotto l'orecchio, diffondendosi verso le guance e il collo. È causato dal
fatto che le arcate mandibolari non combaciano perfettamente, per motivi di
costituzione fisica o per interventi dentistici mal riusciti o non effettuati.

Alcune cause e fattori scatenanti


La postura
Forse ti può sembrare strano, ma il cerchio alla testa che ti infastidisce tanto può
avere un'origine banale: una posizione scorretta del corpo. Una postura errata
può provocare un'eccessiva tensione dei muscoli della testa e del collo, condizione
che rappresenta una delle principali cause della cefalea tensiva, una delle forme
più comuni di mal di testa.
In questi casi il rimedio è semplice, basta scoprire quali posizioni mettono a dura
prova nervi e muscoli e imparare a governare meglio i movimenti.
In automobile, per esempio, guidare tenendo il corpo proteso verso il volante può
mettere in tensione la muscolatura e far partire "in quarta" il mal di testa. La
soluzione è semplice: guida sempre con la schiena appoggiata al sedile, dopo
averlo regolato nella posizione più comoda.
Se il traffico è intenso, oltre ad aumentare lo stress aumenta anche la tendenza
ad aggrottare continuamente la fronte e il cerchio alla testa si stringe sempre più.
Se non riesci a sfuggire alla congestione del traffico, ti consigliamo di farti
accompagnare, durante la guida, da una rilassante musica di sottofondo.
Passare molto tempo alla scrivania, con la testa reclinata in avanti per leggere o
scrivere, non è molto salutare. Se non vuoi che il mal di testa ti faccia compagnia,
usa una sedia con schienale e sedile regolabili e tieni la schiena dritta e gli
avambracci appoggiati sul tavolo con i gomiti ad angolo retto. Sciogli almeno ogni
due ore i muscoli delle spalle, rimanendo con la schiena diritta e lasciando cadere
le braccia lungo il corpo.
Se poi usi un computer c'è qualche regola in più da seguire.
Attenzione anche al letto! Un cuscino o un materasso troppo duri o troppo molli
possono causare un'antipatica cefalea al risveglio.
Infine un'avvertenza per tutte le donne: i tacchi alti possono provocare il mal di
testa, perché il corpo è costretto a irrigidire i muscoli del dorso per mantenere il
giusto equilibrio nella posizione eretta. Anche in questo caso il rimedio è semplice:
scarpe con un tacco non più alto di tre o quattro centimetri e, quando puoi,
cammina a piedi nudi.

Al computer
Quando ti siedi davanti al computer segui queste semplici regole ti aiuteranno a
mantenere una posizione corretta e a evitare inutili affaticamenti che possono

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/cefalea.htm (3 of 11) [19/08/2003 22.51.07]


Mal di testa e cefalea - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

sfociare in un fastidioso mal di testa.

1. La parte superiore del monitor deve stare al livello degli occhi o appena più in
basso, così puoi tenere la testa e il collo eretti.

2. Colloca la tastiera in una posizione centrale sulla scrivania, davanti al monitor o


ai documenti che stai consultando.

3. La distanza della tastiera ti deve permettere di tenere gli avambracci stesi e


rilassati e di appoggiarli sulla scrivania.

4. Cerca di usare un sedile regolabile in altezza.

5. Sistema lo schienale del sedile in modo che sostenga la zona lombare, con un
inclinazione tra i 90º e 110º.

6. Quando digiti tieni le mani e le dita rilassate.

7. Appena senti un fastidio al collo o alle mani fermati, alzati e fai quattro passi
nella stanza.

8. In ogni caso prenditi una pausa dopo due ore passate davanti al computer.
Lo stress
Che stress! Quante volte hai usato questa espressione?! Sicuramente molte, e a
ragione: lo stress è considerato la malattia del secolo, ne soffrono addirittura
due italiani su tre.
Ma cos'è lo stress? Possiamo definirlo "ansia da prestazione". Ci assale, infatti,
quando affrontiamo in maniera troppo emotiva le situazioni quotidiane, oppure in
tutte quelle occasioni della vita in cui siamo presi da mille cose o ci sentiamo in
dovere di dare il cento per cento di noi stessi.
E queste occasioni sono veramente numerose: una scadenza molto vicina, un
lavoro urgente, un'interrogazione o un compito in classe e, ancora, i conflitti
familiari, le emozioni intense, le malattie, le fasi di cambiamento di vita, come il
matrimonio o la nascita di un bimbo.
Il problema dello stress interessa in special modo i manager o chiunque occupi
ruoli di grande responsabilità, e le donne, sempre più spesso divise fra gli impegni
della famiglia e quelli del lavoro.
Ma cosa c'entra lo stress con il mal di testa? C'entra, c'entra ... Quando ti trovi nel
bel mezzo di una situazione snervante, anche se non te ne accorgi, irrigidisci e
tieni contratti i muscoli del collo, delle spalle e del cranio. Questo atteggiamento
può farti scattare il cosiddetto "cerchio alla testa", provocandoti un attacco di
cefalea tensiva, una forma di mal di testa non particolarmente dolorosa ma molto
fastidiosa.
Lo stress è anche uno dei fattori che possono scatenare l'emicrania, che si
manifesta con un dolore pulsante che interessa un solo lato della faccia.
Nelle crisi di cefalea tensiva il dolore si fa sentire proprio mentre stai vivendo la
situazione stressante, al contrario nell'emicrania questo compare in un momento
successivo alla fase di stress, mentre ti stai rilassando. Questo è quanto accade,
per esempio, con la cosidetta cefalea da week end, un attacco di emicrania che
aggredisce abitualmente durante il fine settimana.
Il rimedio al "mal di testa da stress" è semplice, almeno a dirsi: prova a eliminare
l'ansia e la tensione ed evita, per quanto è possibile, le situazioni che te le
provocano. Per combattere lo stress devi prima di tutto saperne riconoscere le
cause e poi imparare a gestirlo nella maniera migliore.
Un valido aiuto è rappresentato dalle tecniche di rilassamento: puoi scegliere tra

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/cefalea.htm (4 of 11) [19/08/2003 22.51.07]


Mal di testa e cefalea - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

quelle di origine orientale, come lo yoga e l'agopuntura di tipo new age, come la
musicoterapia e il rebirthing o che utilizzano sofisticate apparecchiature
tecnologiche, come il biofeedback.
Ricorda che, analogamente allo stress, anche uno sforzo fisico intenso può
provocare un mal di testa pulsante e persistente, specie se non sei al massimo
della forma o sei particolarmente stanco. Quindi tieniti pure in esercizio con
l'allenamento, ma fai attenzione a graduare l'intensità dell'attività fisica.

Lo stress e tutti gli stati emotivi ad esso associati, come ansia, depressione,
stanchezza, tensione nervosa e insonnia, sono considerati i principali fattori
scatenanti la cefalea tensiva, tanto che questa viene spesso considerata un
disturbo psicosomatico.
Quando ci si trova in questi stati si tende a convogliare nelle spalle la tensione
accumulata e a contrarre le fasce muscolari del cranio e del collo. Questo sforzo,
involontario ma continuo, si traduce in mal di testa.
È stato inoltre dimostrato che le persone particolarmente stressate hanno una
soglia del dolore alterata, più bassa della media, a causa della diminuzione del
livello delle endorfine.
Queste sono sostanze prodotte dal cervello, che funzionano come analgesici
naturali svolgendo un ruolo fondamentale nel ridurre la sensibilità al dolore.
Quando il livello di endorfine diminuisce, anche una semplice contrattura
muscolare può essere avvertita in maniera più dolorosa e intensa.
Bisogna infine segnalare che, mentre l'attacco di cefalea tensiva causato da stress
si verifica nel momento stesso in cui si vive la situazione stressante, nel caso
dell'attacco di emicrania indotto dallo stress, il dolore arriva quando l'episodio che
lo ha provocato è terminato.
Tabacco e alcol
"Bacco, tabacco e Venere riducono l'uomo in cenere" recita il famoso proverbio.
Forse esagera ma certamente gli stravizi non giovano alla salute. Nel caso del mal
di testa, poi, possono rivelarsi la causa di una crisi, specialmente per chi è
naturalmente predisposto alla cefalea.
Il fumo, tra le sue tante controindicazioni, ha anche quella di mettere in circolo
nel sangue una grande quantità di monossido di carbonio, che va a sostituirsi
all'ossigeno nei globuli rossi. Mancando l'ossigeno, il cervello ne patisce e si
mettono in moto fenomeni di vasomotilità, cioè di cambiamento del calibro dei
vasi sanguigni, che provocano il dolore. Smettere di fumare, quindi, o almeno
diminuire il numero delle sigarette giornaliere, è una buona norma in generale e
un'ottima regola se vuoi evitare un fastidioso mal di testa.
Cosa dire poi delle bevande alcoliche? L'alcol è un potente vasodilatatore e, in più,
aumenta la produzione di istamina, una sostanza in grado di provocare mal di
testa. Gli effetti di tutto questo, se sei predisposto, sono dannosi anche se bevi
"solo un goccio". Il ben noto mal di testa da sbornia, dovuto agli effetti residui del
troppo alcol, si accompagna a un generale stato di malessere. Per evitare le
conseguenze più spiacevoli di un'abbondante bevuta, mangia un po' di miele
prima di andare a dormire. Il miele, infatti, contiene il fruttosio, lo zucchero
derivato dalla frutta, che aiuta l'organismo a smaltire più rapidamente l'alcol.
Parliamo ora di Venere. La cosiddetta cefalea da rapporto sessuale colpisce
"durante" e interessa esclusivamente quei maschi che sono naturalmente
predisposti a questo tipo di mal di testa. Non è dovuta alla qualità o alla quantità
delle "prestazioni" ma dipende dall'aumento della pressione arteriosa che
accompagna l'eccitazione sessuale.
Anche dormire troppo o troppo poco può dare alla testa, perché altera i ritmi
naturali di sonno e veglia e, di conseguenza, la produzione di alcune sostanze che
influiscono sul nostro benessere.
Un tipico caso è la cefalea del nottambulo, il mal di testa che viene quando fai le

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/cefalea.htm (5 of 11) [19/08/2003 22.51.07]


Mal di testa e cefalea - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

ore piccole la notte e poi tenti di recuperare durante il giorno il sonno perduto. Un
altro è la cefalea da week end, che colpisce durante il fine settimana quando si
modificano gli orari del sonno rispettati dal lunedì al venerdì.
L'ambiente
L’ambiente in cui vivi, come è facile immaginare, influisce fortemente sulla qualità
della tua vita e sul tuo stato di salute. In particolare, esistono numerosi fattori di
natura ambientale che possono scatenare o aggravare le crisi di cefalea nei
soggetti predisposti.
Ecco i principali.
Sei ha naso e orecchie "sensibili" cerca di evitare i rumori e gli odori troppo
intensi. Il chiasso assordante, un suono acuto e prolungato, aromi e fragranze
pungenti ma anche un profumo particolarmente intenso possono, infatti, farti
scattare il mal di testa. Un effetto analogo può avere la luce troppo forte,
soprattutto quando fissata a lungo.
Se quota e testa non vanno d'accordo, attento alle escursioni in alta montagna.
L'effetto che l'altitudine esercita sulla qualità dell'aria in alta quota può, infatti,
avere ripercussioni anche su di te. Con l'aumento della quota, l'aria diventa più
rarefatta e può provocare mal di testa, vertigini e nausea. Per evitare questo
sgradevole effetto da altura basta salire in modo graduale e fermarsi spesso
durante il percorso per consentire all'organismo di adattarsi un po' per volta al
cambiamento di altitudine.
Paura di volare? Se soffri di questa fobia, hai una scusa in più per preferire altri
mezzi di trasporto. La pressurizzazione cui sono sottoposte le cabine degli aerei e
gli effetti spesso destabilizzanti del cambiamento di fuso orario sono, infatti, due
fattori che possono indurre mal di testa, insonnia e senso di stordimento. Quando
ti sposti in aereo, soprattutto per destinazioni lontane, cerca di dormire almeno
qualche ora durante il viaggio e di non appesantirti eccessivamente con il cibo
prima e durante il volo.
Tra i fattori ambientali che più influiscono sulla comparsa del mal di testa,
possiamo sicuramente citare il clima e l'inquinamento nelle sue diverse forme
Un discorso a parte merita la casa, il primo ambiente con cui ci rapportiamo ogni
giorno.

I cibi
Ti è mai capitato di avere mal di testa dopo un pranzo, una cena o magari un
banale spuntino? Se la risposta è sì, probabilmente hai mangiato qualche cosa che
te lo ha scatenato.
Esistono molti alimenti che possono determinare una crisi di mal di testa. Questo
perché i cibi in questione contengono particolari sostanze vasodilatatrici che,
inducendo un allargamento dei vasi sanguigni (compresi quelli del cranio),
provocano il dolore.
Non confondere, però, questo tipo di mal di testa, generalmente sopportabile, con
quello causato dalle allergie alimentari! In questo caso il dolore è una risposta del
corpo a qualche sostanza che ti scatena una reazione immunitaria. Riconoscere
questo mal di testa "allergico" è facile perché spesso è accompagnato da altri
fastidiosi sintomi, come eruzioni cutanee, aumento del battito del cuore, disturbi
intestinali.
Per evitare il mal di testa da cibo l'unico rimedio è quello di prestare attenzione a
ciò che si mangia. Cerca, quindi di riconoscere e di limitare, o meglio ancora
eliminare, le pietanze e le bevande "a rischio".
Segui una dieta sana e bilanciata, ricca di alimenti come carni e verdure fresche
che contengono magnesio, sostanza che sembra capace di prevenire la cefalea.
Altri cibi consigliati sono latte, yogurt, pane bianco, zucchero, miele, pesce e
cereali. Durante la gravidanza e l'età dello sviluppo, o nella stagione estiva,
dovresti associare alla dieta vitamine e sali minerali, la cui carenza, dovuta allo

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/cefalea.htm (6 of 11) [19/08/2003 22.51.07]


Mal di testa e cefalea - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

sforzo e al caldo, rende più esposti alla crisi.


Abbonda pure con il peperoncino che, grazie alla capsaicina (sostanza capace di
regolarizzare la circolazione del sangue e di ridurre la produzione delle sostanze
che trasmettono il dolore) sembra essere un ottimo antidolorifico.
Anche il digiuno può scatenare il mal di testa. Quando assumi pochi zuccheri puoi
incorrere in una crisi ipoglicemica (il cosidetto "calo di zuccheri") che ha un effetto
dilatante sui vasi sanguigni del cranio. Per evitare questo fastidio, che
generalmente compare a metà mattina e per garantirti una riserva di energia, fai
una prima colazione completa, abbinando a caffè, tè o latte, biscotti, fette
biscottate, magari con la marmellata e cereali.
Vi è, infine, un mal di testa dovuto alla temperatura del cibo. Quando mangiamo
un gelato o un ghiacciolo, si manifesta un dolore lancinante e improvviso, dovuto
all'eccessiva sollecitazione delle terminazioni nervose del palato. Anche in questo
caso l'unico consiglio è quello di evitare di mangiare troppi cibi freddi o, quanto
meno, di mangiarli lentamente.
La donna
Lo stato di salute di una donna dipende molto dal suo delicato equilibrio
ormonale, spesso soggetto ad alterazioni durante le diverse fasi della vita. Il ciclo
mestruale, la gravidanza, la menopausa, l'uso di contraccettivi orali, sono tutte
situazioni in cui si verificano variazioni ormonali che possono scatenare attacchi di
mal di testa.
Quando il mal di testa è … donna! Per molte donne, il legame tra ciclo mestruale e
mal di testa è un evento tristemente noto.
Secondo l'ACHE (American Council for Headache Education) almeno il 60% delle
donne che soffre di mal di testa lamenta un aumento nel numero di attacchi di
cefalea durante il periodo mestruale.
Mentre una percentuale minore (circa il 10%) riferisce di accusare crisi di
emicrania solo in corrispondenza dei giorni del ciclo e non altrimenti.
In realtà, anche se l'effetto esercitato dalle variazioni ormonali sul "mal di testa
femminile" è da tempo una conoscenza acquisita, il meccanismo con cui tale
influenza si verifica rimane ancora in parte sconosciuto.
Perché gli ormoni ci danno alla testa? L'origine del "mal di testa al femminile" è
legata alle variazioni ormonali che si verificano in particolare momenti della vita di
una donna.
Anche se il meccanismo di interazione non è ancora del tutto chiaro, è stato
ipotizzato da tempo che gli estrogeni (gli ormoni sessuali femminili) giochino un
ruolo determinante nel causare la cosiddetta "sindrome mestruale". Sembra,
infatti, che il brusco calo di estrogeni, che si verifica in concomitanza dell'arrivo
del ciclo, causi una riduzione di alcune sostanze prodotte dal cervello (le
Beta-endorfine) che svolgono un ruolo determinante nel ridurre la sensibilità al
dolore.
Con il calo degli ormoni, aumentano invece le prostaglandine, sostanze
responsabili dei processi infiammatori che facilitano gli squilibri nella circolazione
sanguigna cerebrale. Anche il progesterone, altro ormone sessuale femminile, è
coinvolto nell'insorgenza del mal di testa femminile: il suo livello scende alcuni
giorni prima dell'inizio delle mestruazioni causando quella che alcuni identificano
come "emicrania premestruale".

Metodi di prevenzione e trattamento


Norme generali
Prevenire il mal di testa è possibile applicando e rispettando, innanzitutto, alcune
semplici norme e buone abitudini di vita: controllare la propria dieta, eliminare o
ridurre il fumo e l'alcol, fare un'adeguata attività fisica, non assumere o
mantenere a lungo posizioni del corpo scorrette, cercare di gestire ansia e stress.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/cefalea.htm (7 of 11) [19/08/2003 22.51.07]


Mal di testa e cefalea - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Prevenzione farmacologica
La prevenzione attraverso i farmaci (terapia di profilassi), è consigliata nei casi di
dolore cronico o frequente e nelle forme di cefalea particolarmente dolorose, varia
a seconda del genere di mal di testa e deve essere studiata in base alle indicazioni
e alle caratteristiche del paziente. L'assunzione dei medicinali deve avvenire,
naturalmente sotto il controllo del proprio medico curante.
Nel caso dell'emicrania si interviene con la terapia di profilassi quando si hanno
tre o più crisi al mese, che durano almeno due giorni.
La profilassi è particolarmente indicata nel caso della cefalea a grappolo, perché
può aiutare a ridurre la durata degli attacchi e anche perché, data la brevità delle
crisi, spesso il trattamento sintomatico non ha il tempo di agire.
La cefalea tensiva può richiedere un trattamento preventivo nel caso sia cronica,
con più di due attacchi alla settimana.
Trattamento farmacologico
L'efficacia del trattamento farmacologico dell'emicrania dipende, in buona misura,
dalla tempestività con cui si interviene.

Gli analgesici da banco, soprattutto se assunti all'insorgere dei primi sintomi,


possono risultare efficaci nel contrastare il dolore provocato dagli attacchi
emicranici di minore intensità. Questi farmaci esercitano, infatti, azione
antidolorifica e antinfiammatoria.

Nei casi di crisi più dolorose e acute, si può ricorrere ai triptani, farmaci che
agiscono sui recettori della serotonina riducendo la dilatazione dei vasi cerebrali.
Queste sostanze, però, possono avere effetti collaterali (costrizione al petto,
stanchezza) e sono controindicati in determinate situazioni.
In passato venivano usati gli ergotaminici (derivati dell'ergot), farmaci che,
esercitando un'azione vasocostrittrice, contrastano la fase di vasodilatazione
cranica responsabile dell'insorgere del dolore.

In tutti i casi, dal momento che la nausea è spesso un sintomo di


accompagnamento nelle crisi emicraniche, è preferibile (quando possibile) limitare
l'uso di farmaci per somministrazione orale per evitare il rischio che questi
possano indurre il vomito.

È bene ricordare, infine, che l'assunzione di farmaci dovrebbe sempre avvenire


dietro indicazione del proprio medico. Alcuni di questi farmaci possono, infatti,
presentare effetti collaterali, risultare inadeguati per chi soffre di altre patologie
(disturbi cardiaci, circolatori o renali) o essere sconsigliati durante la gravidanza.

Metodi "dolci"
Massoterapia
La massoterapia consiste in massaggi che aiutano a decontrarre e sciogliere i
muscoli ed è utile soprattutto quando la cefalea tensiva si manifesta insieme ad
artrosi cervicale, oppure quando si hanno difficoltà nella rotazione del capo.
Training autogeno
È una tecnica che insegna al paziente a rilassarsi in maniera profonda. Ci si
concentra su alcune parti del corpo con immagini e sensazioni distensive, fino a
non percepirne più la sensibilità fisica. Così anche la mente comincia a rilassarsi e
riesce a tenere sotto controllo non solo il mal di testa, ma anche i dolori articolari
e muscolari.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/cefalea.htm (8 of 11) [19/08/2003 22.51.07]


Mal di testa e cefalea - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Yoga
Secondo lo yoga, il dolore è provocato da uno squilibrio tra le forze negative della
luna e quelle positive del sole. Con l'apprendimento delle diverse posizioni, si può
arrivare a controllare il respiro e, quindi, a raggiungere un benefico rilassamento
fisico e mentale.
Rebirthing
Questa tecnica serve per correggere il proprio ritmo respiratorio. Con poche
sedute si può imparare a respirare in modo lento e profondo, aumentando
l'ossigenazione del sangue e favorendo l'eliminazione delle tossine. Si raggiunge
così una sensazione di benessere che aiuta il rilassamento dei muscoli e, quindi,
combatte uno dei principali fattori scatenanti la cefalea tensiva.
Musicoterapia
Si basa sul principio che la musica ha una grande influenza sull'equilibrio
psicofisico dell'uomo e che il suo ritmo ha effetto sulla pressione sanguigna, la
respirazione e il battito cardiaco. Il paziente soggetto ad ansia o stress può
raggiungere uno stato di relax e di benessere generale ascoltando i brani musicali
più indicati per lui, individuati e selezionati da un musicoterapeuta.
Meditazione
Comprende una serie di pratiche contemplative che aiutano a sviluppare o
aumentare la concentrazione e la consapevolezza di se stessi e quindi a migliorare
la qualità della vita. La meditazione, grazie a semplici esercizi di respirazione,
rilassamento e visualizzazione, permette di vincere lo stress e ritrovare calma
mentale e serenità.
Aromoterapia
Le proprietà terapeutiche delle erbe e degli oli essenziali da esse derivati sono
note da sempre: tutte le antiche civiltà hanno utilizzato aromi e unguenti
profumati con scopi medicinali, oltre che cosmetici e rituali. L'aromoterapia,
riprendendo queste millenarie conoscenze, sfrutta l'azione dei principi attivi
contenuti nelle piante per ripristinare il corretto scorrere delle energie vitali nel
corpo e per garantire un benessere psicofisico generale.
Gli oli essenziali hanno, infatti, un grande potere antisettico e agiscono solo
contro i virus e i batteri patogeni e non contro la flora batterica non dannosa.
Esercitano anche una funzione stimolante sul sistema immunitario e
contribuiscono all'espulsione delle tossine dall'organismo.
Gli oli essenziali dell'aromoterapia possono essere utilizzati secondo differenti
modalità:
per via orale: è il sistema adatto per combattere mal di testa, tosse, raffreddore,
indigestione, calcoli. Si possono diluire da una a tre gocce di olio in acqua e miele
o su una zolletta di zucchero;
impacchi: da utilizzare in caso di malattie della pelle e contusioni. Bisogna
impregnare un panno di cotone con acqua e tre o quattro gocce di olio e applicare
sulla zona interessata;
bagni: sono utili per dolori mestruali, insonnia, disturbi circolatori, tensione
nervosa, ritenzione idrica. L'acqua in cui sciogliere gli oli deve essere molto calda
e il bagno deve durare almeno un quarto d'ora, per avere gli effetti desiderati;
inalazioni: sono consigliate a chi non può assumere farmaci e servono contro
disturbi respiratori e tensioni muscolari. Bisogna mettere una decina di gocce su
un fazzoletto da portare al naso, o anche scioglierle in acqua bollente e inalarne i
vapori;
massaggi: il metodo più comune e più efficace di applicazione dell'aromoterapia,
perché, in questo modo, le essenze curative penetrano più in profondità,
frizionando la parte del corpo in questione con gocce d'olio. In particolare, il
massaggio effettuato con aromi e oli essenziali allevia i dolori, favorisce il

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/cefalea.htm (9 of 11) [19/08/2003 22.51.07]


Mal di testa e cefalea - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

rilassamento e aiuta a eliminare la tensione muscolare, una delle principali cause


della cefalea tensiva.
Gli aromi più indicati per il mal di testa sono il basilico, la rosa, l'origano, il
cipresso.
Per combattere lo stress si può ricorrere al rosmarino o alla salvia sclarea, mentre
contro l'ansia sono utili il neroli, essenza ricavata dai fiori d'arancio, la lavanda e
lo ylang ylang.
Biofeedback
Biofeedback significa, letteralmente, "ritorno biologico". Questa tecnica è nata
negli Stati Uniti e si sta diffondendo rapidamente anche in Italia. Viene utilizzata
in molti ospedali come cura della cefalea tensiva e di altre patologie legate agli
stati d'ansia e a disturbi psicosomatici.
Il biofeedback utilizza apparecchiature elettroniche per insegnare al paziente a
rilassare i muscoli contratti. Il soggetto viene collegato, tramite dei sensori posti
sulla fronte o sul collo, a uno strumento in grado di misurare la tensione
muscolare. Ad ogni contrazione dei muscoli interessati, la macchina emette un
segnale sonoro o luminoso, che diminuisce di intensità quando la tensione si
attenua.
Il paziente si rende conto delle contrazioni involontarie che scatenano l'attacco di
cefalea tensiva e impara, anche con esercizi di rilassamento, a controllare e a
rilasciare la muscolatura, ponendo fine alla crisi dolorosa.
Il biofeedback è una terapia di successo perché non è invasiva e non presenta
effetti collaterali. Richiede, però, tempi piuttosto lunghi, almeno dieci sedute, e
una buona facoltà di concentrazione. I risultati migliori sono stati ottenuti con i
bambini e i giovani, perché in questa fascia di età si hanno maggiori capacità di
apprendimento e minori resistenze mentali.
Il biofeedback viene praticato oggi in molte strutture sanitarie, tra le quali
segnaliamo i Centri Cefalee Italiani, accreditati dalla Federazione Europea delle
Cefalee (EHF).
Agopuntura
Riconosciuta anche dall'Organizzazione mondiale della sanità, l'agopuntura è
un'antica tecnica della medicina tradizionale cinese che considera la salute come
un'armonia dell'uomo con se stesso, con la natura e con l'ambiente. Secondo
questa disciplina, l'introduzione di aghi in determinati punti della cute stimola le
energie vitali, ristabilendo l'equilibrio interno e rilassando il corpo.
Secondo l'agopuntura, il dolore nasce da un'alterazione del flusso di energia che
scorre all'interno del corpo, lungo una rete di meridiani. La cefalea tensiva, in
particolare, è dovuta a un eccesso di energia nel fegato, l'organo che sovrintende
alle emozioni, mentre l'emicrania dipende da una carenza di energia nei reni.
Per rimediare a questi disordini, l'agopuntore inserisce gli aghi nei punti dei
meridiani del corpo interessati. In questo modo, si aumenta la produzione di
alcune sostanze, come l'endorfina e la serotonina, che hanno un'azione
antidolorifica.
Sono utilizzati da quattro a dodici sottilissimi aghi che vengono inseriti, a seconda
del disturbo da curare, in punti precisi individuati dal medico e riscaldati o con un
massaggio delle dita, o con una foglia di artemisia essiccata.
L'agopuntura è utilizzata sia nella prevenzione degli attacchi, sia nel controllo del
dolore, ma per avere dei risultati occorrono una decina di sedute, non più di due
alla settimana, con un richiamo dopo qualche mese.
Shiatsu
Lo shiatsu, termine giapponese che significa "pressione con le dita", è una pratica
di massaggio che mira a ristabilire il corretto flusso dell'energia lungo il corpo.
Secondo questa tecnica, il dolore nasce dalla mancanza di armonia tra corpo,
mente e spirito e, per combatterlo, è necessario ristabilire il giusto equilibrio

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/cefalea.htm (10 of 11) [19/08/2003 22.51.07]


Mal di testa e cefalea - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

energetico della persona, stimolando alcuni punti particolari, detti tsubo.


Secondo la pratica shiatsu la cefalea è dovuta a un ristagno di energia nella testa,
e per farla passare, bisogna far defluire questa energia verso il basso.
Lo shiatsu si pratica e si riceve vestiti in modo confortevole, in un ambiente
tranquillo, senza indossare scarpe, anelli o qualsiasi altro indumento che possa
dare fastidio. La pressione, esercitata con le dita o con i palmi della mano, deve
essere piuttosto forte, senza però causare dolore, e va mantenuta per venti o
trenta secondi. Il movimento deve essere ripetitivo e "cullante".
Un trattamento richiede da trenta minuti a un'ora e i suoi effetti si protraggono a
lungo nel tempo.
È possibile effettuare anche l'automassaggio (autoshiatsu), dopo averlo imparato
da un terapeuta esperto.
I rimedi della nonna
Il mal di testa è un problema antico come l'uomo. Anche le cure per contrastarlo,
quindi, hanno una lunga storia, tramandata dalle tradizioni popolari. Certo,
l'efficacia di questi rimedi non è scientificamente provata, ma il loro vantaggio è di
non avere particolari controindicazioni e di poter quindi essere sperimentati
liberamente.

Si può allora provare ad alleviare il dolore con impacchi di foglie di cavolo fresche
o di cipolla o rafano crudi, avvolti in garze e applicati sulla nuca per venti minuti.
Sembra essere efficace anche applicare fette di limone fresco o di patate crude
sulle tempie, o frizionare le tempie stesse e la fronte con olio essenziale di menta
o di lavanda.
Sollievo dovrebbe offrire anche un pediluvio con un'acqua molto calda, nella quale
aggiungere una manciata di sale grosso o un cucchiaio di olio di rosmarino.

Lo zenzero, una radice aromatica di origine orientale, è indicato in tutte le sue


forme (crudo, come caramella o come preparato per tisane) per combattere il mal
di testa. Il peperoncino è un ottimo antidolorifico, così come risultano utili come
lenitivi liquirizia, pepe, anice, zafferano e curry. Salutari sono anche le bacche di
ginepro, da masticare senza inghiottirle.

Vi sono poi numerose piante medicinali con proprietà analgesiche, note fin
dall'antichità. Il partenio, ad esempio, veniva usato contro i dolori mestruali. I
fiori d'arancio e la lavanda hanno proprietà sedative e antispastiche e sono
indicate per i mal di testa da stress. Si possono preparare delle tisane, sciogliendo
un cucchiaio di preparato ottenuto dai germogli delle due piante in 200 ml di
acqua bollente e lasciando riposare l'infuso per dieci minuti. Lo stesso discorso
vale per la menta piperita.
Informazioni tratte dal sito http://www.chemalditesta.it , adattamento di Alan Perz

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Come utilizzare questa musica

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio nel rispetto delle normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa
(Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/cefalea.htm (11 of 11) [19/08/2003 22.51.07]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links | Amadeux info

Demo #A6
Questo file MP3 demo che vi proponiamo rappresenta un esemplare di
"traccia analgesica subliminale con infrasuoni Beta, Alpha, Theta, Delta e
HRM".

Si tratta di un esclusivo file MP3 (durata 1'00" - 1,00 Mbytes), che racchiude in sé
delle sonorità <Beta>, <Alfa>, <Theta>, <Delta>, dei battiti binaurali, tecnica
HRM ed una musica di sottofondo, appositamente studiati per alleviare il Mal di
testa e le Cefalee. Tramite alcuni toni e battiti binaurali modulati HRM viene
stimolata anche la produzione di Beta-endorfine.

COME ASCOLTARE IL FILE

● Trovate un posto comodo, dove nessuno vi disturberà e dove potrete


restare tranquilli

● Riducete la luce e create un'atmosfera calma.

● Allentate tutti gli indumenti che vi stringono.

● Scegliete una posizione comoda.

● Utilizzate, se possibile, una cuffia stereo.

ascolto >> MS-ANAESTHETIC1.MP3 su lettore Plug-in


Plug-in MP3 richiesto/required (tutti gli utenti)

ascolto >> MS-ANAESTHETIC1.MP3 su lettore


ActiveX
ActiveX MP3 richiesto/required (solo utenti Windows)

download >> MS-ANAESTHETIC1.MP3 (1'00" -


1,00 Mb)
Dati streaming: Bitrate = 128Kbps - Freq. campionamento = 44,1Khz
Il brano contenuto nel file "ms-anaesthetic1.mp3" e' Copyright (C) 2001-2003 Amadeux
Multimedia.
Vietata la vendita e qualsiasi tipo di utilizzo commerciale.

(Questa traccia demo puo' non avere il 100% di induzione essendo un estratto
dell'intero brano)

Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa6.htm (1 of 2) [19/08/2003 22.51.09]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio citati.
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997-2003 Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa6.htm (2 of 2) [19/08/2003 22.51.09]


Apprendimento e Memoria - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale we...ne infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Forum | Mailing List

Apprendimento e Memoria
Normalmente usiamo solo il 4/5% delle nostre potenzialità mnemoniche e meno
del 10% di quelle mentali; possiamo invece usare al meglio la nostra mente
conoscendo come funziona e come stimolarla. Con le mnemotecniche subliminali
ad infrasuoni ed HRM, quindi con l’utilizzo bilanciato dei nostri due emisferi
cerebrali, con il rilassamento fisico e mentale, con le tecniche di concentrazione e
gestione dello stress e di controllo della propria emotività possiamo acquisire una
consapevolezza vincente.

La Memoria
La memoria: che cos’è e come funziona
Più che di memoria, dovremmo parlare di memorie al plurale. Ma che cos’è
quella che Baudelaire definì la "madre dei ricordi, padrona delle padrone", sulla
quale gli uomini si interrogano sin dagli albori della storia? Teorie, ipotesi,
sguardi.

Le tre fasi della memorizzazione


Ogni teoria sulla memoria prende in considerazione tre diversi momenti del
processo di memorizzazione: la codifica, la ritenzione e il recupero. Per codifica si
intende il modo in cui l’informazione in arrivo è immagazzinata nel sistema; la
ritenzione è il modo in cui questa informazione viene conservata nel corso del
tempo; il recupero si riferisce al modo in cui l’informazione viene estratta da un
sistema.
Le prime teorie sulla memoria sono attribuibili a Platone che paragonava la
memoria umana a morbida cera sulla quale le esperienze imprimevano dei segni.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/memoriapp.htm (1 of 6) [19/08/2003 22.52.16]


Apprendimento e Memoria - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale we...ne infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Aristotele parlava invece di "associazioni" per esprimere il concetto per il quale


due idee sono associate se il ricordo dell’una è un buon indice di richiamo
dell’altra. Agli inizi del secolo vennero formulate le prime teorie davvero
psicologiche sulla memoria. Alcuni studiosi consideravano il sistema di
memorizzazione costituito da "vie neurali", una sorta di sentieri mentali che
diventavano più chiari e distinti a forza di essere usati.

I tempi della memoria


La prima importante teoria della memoria venne proposta nel 1971 da Atkinson e
Shiffrin. La loro teoria multiprocesso o multimodalità considerava il funzionamento
del sistema mnestico frutto dell’interazione tra sistemi diversi interconnessi e non,
come sottintendevano le teorie precedenti, riconducibili ad un sistema unico.
Secondo questi autori l’informazione in entrata viene conservata per pochissimo
tempo in un sistema di memoria sensoriale, poi viene parzialmente codificata e
conservata nella memoria a breve termine e infine, ma solo in certi casi, viene
trasferita nella memoria a lungo termine. Vediamo più nel dettaglio ognuno di
questi sistemi.

La memoria sensoriale implica la conservazione dell’informazione visiva o


uditiva (ecoica) per qualche secondo. Facciamo un esempio. Chi ha provato a
muovere velocemente una sigaretta nel buio sa che viene percepita una striscia
rossa nell’aria. Ebbene, in realtà la luce della brace continua a essere vista
qualche tempo dopo che ha cessato di essere presente in quel punto dell’aria e
quindi dopo che ha cessato di cadere su porzioni particolari nella retina oculare.
Questo semplice esempio mostra come l’informazione visiva viene conservata in
memoria per qualche secondo, generalmente uno o due. Alcune osservazioni
sperimentali hanno messo in evidenza come queste informazioni vengono
conservate in un codice molto simile all’informazione originale e che possono
essere disturbate da informazioni percepite successivamente.

La memoria a breve termine è quello spazio mentale in cui le informazioni


vengono conservate per periodi più lunghi. Secondo alcuni autori questo tipo di
memoria può anche essere considerata una memoria di lavoro (working memory)
perché deputata alla manipolazione non meno che alla conservazione
dell’informazione. Questo magazzino di informazioni ha una capacità limitata.
Sottoponendo alcuni soggetti a una prova di ricordo di sequenze di numeri e
lettere, Miller (1956) giunse alla conclusione che si possono ricordare al massimo
sette (più o meno due a seconda della difficoltà del compito) elementi nella
memoria a breve.

Nei compiti di rievocazione è possibile osservare un curioso fenomeno. Si ha la


sensazione, tra l’altro confermata dagli esperimenti di laboratorio, che le
informazioni ricordate più facilmente all’interno di una qualsiasi sequenza siano le
prime o le ultime. Le prime perché sono quelle memorizzate quando "la mente era
più fresca” (effetto primacy), le ultime perché sono le informazioni assimilate più
di recente (effetto regency). Quale di questi due fenomeni sia prevalente sull’altro
non è stato mai stabilito.

La memoria a lungo termine è quella che conserva tutte le informazioni sul


nostro passato. Se ricordiamo episodi della nostra infanzia è grazie a questa
componente del sistema di memoria. I meccanismi che trasferiscono
un’informazione dalla memoria a breve alla memoria a lungo termine sono
oggetto di un infinito dibattito.
E’ possibile fare una distinzione tra diversi tipi di memoria a lungo termine. La
prima distinzione che può essere fatta è tra conoscenza procedurale e
dichiarativa. Quest’ultima corrisponde alla conoscenza fattuale, ad esempio

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/memoriapp.htm (2 of 6) [19/08/2003 22.52.16]


Apprendimento e Memoria - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale we...ne infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

"Roma è la capitale dell’Italia". Spesso questa conoscenza può essere appresa


attraverso lo studio o anche mediante una sola osservazione.

La conoscenza procedurale ci dice invece come fare qualcosa. Se sappiamo


allacciarci le scarpe o tagliare una torta è perché abbiamo acquisito questo tipo di
conoscenza attraverso l’esercizio e la ripetizione.
Vi sono due tipi di conoscenza dichiarativa: quella episodica e quella semantica.
La prima riguarda proposizioni circa esperienze o episodi del passato come
"L’anno scorso sono andato a Parigi". La conoscenza semantica rappresenta
invece fatti indipendenti dal momento in cui sono stati appresi, ad esempio "2 x 2
= 4".

Alcune recenti teorie sulla struttura della memoria parlano invece di reti neurali,
considerando la memoria nient’altro che una rete di associazioni tra contenuti,
fatti e procedure. Tale teoria avrebbe anche un corrispettivo fisiologico nella
struttura del sistema nervoso centrale costituito da collegamenti (sinapsi) tra
neuroni. Una conferma di questa teoria viene da una specifica mnemotecnica che
suggerisce, quando non si ricorda qualcosa, di cercare di ricordare qualcosa di
"prossimo" a quel ricordo, magari legato al momento in cui si è memorizzata
l’informazione o a contenuti o emozioni ad esso vicini.

rilassamento stress insonnia riduzione del


fabbisogno di sonno apprendimento memoria
attenzione vigile mal di testa emicrania
meditazione yoga depressione ansia ipnosi
autoipnosi creativita' incremento delle funzioni
intuitive e logiche

L’apprendimento
Imparare ad apprendere
Tutti sappiamo che è più "facile" imparare concetti e nozioni che ci interessano.
Eppure gli studi hanno dimostrato che la nostra performance può essere ottimale
indipendentemente dal nostro interesse in un dato argomento. Perché? E che cosa
possiamo fare per imparare meglio, più in fretta e più profondamente?

L’apprendimento è un processo psicologico complesso che interessa le facoltà


superiori della nostra mente. Quando poi l’apprendimento è rivolto verso
specifiche materie di studio si fa evidente la necessità di adottare delle strategie
efficaci che ci permettono di acquisire una serie di nozioni in un tempo
ragionevole. Da tempo gli psicologi hanno individuato una specifica abilità
generale di apprendimento: il learning to learn (apprendere ad apprendere).
Questa capacità può essere sviluppata e migliorata attraverso varie tecniche.

Le variabili sulle quali è più opportuno agire per migliorare la propria capacità di
apprendimento sono la motivazione e l’attenzione. Difficilmente il livello
attentivo e motivazionale si mantiene costante nel tempo. Più spesso succede che
ci sono momenti in cui è facile prestare la propria totale attenzione a un testo,
mentre altre volte ciò ci risulta molto difficile. Generalmente l’attenzione varia con

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/memoriapp.htm (3 of 6) [19/08/2003 22.52.16]


Apprendimento e Memoria - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale we...ne infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

un ciclo caratterizzato da un periodo di circa un’ora e mezza. Questo significa che


in questo periodo viviamo una fase di circa 45 minuti nei quali la nostra
attenzione è molto vigile e 45 minuti in cui l’attenzione è bassa. Si tratta
ovviamente di tempi medi, variabili a seconda del soggetto, della natura del
compito, del tipo di sollecitazione esterna.

Quando si è molto motivati ad apprendere, ad esempio perché sappiamo che è


imminente un importante esame, i momenti di disattenzione, pur presenti, sono
ridotti a periodi di pochi minuti. In questi casi una breve pausa o una variazione
dell’attività è spesso sufficiente a recuperare le energie attentive per riprendere lo
studio.

A molti sarà capitato di fare giorni di studio intenso pochi giorni prima di un
esame. Livelli di motivazione molto alti, infatti, consentono di poter studiare per
molte ore con il massimo grado di rendimento. E’ infatti noto che la nostra mente
lavora molto meglio e apprende più velocemente quando è sotto stress (lo stress
benefico o eustress). Periodi di studio così intensi, tuttavia, possono essere
tollerati solo per tempi piuttosto brevi, altrimenti si assisterebbe a un aumento
incontrollato dell’ansia e degli effetti negativi dello stress (distress).

Una serie di capacità sicuramente fondamentali per iniziare un periodo di


apprendimento particolarmente produttivo vanno sotto il nome di "autocontrollo",
intendendo con questo termine la capacità di porsi degli obiettivi in modo
autonomo, stabilire dei piani e delle strategie efficaci per raggiungerli e
organizzarsi per mettere in atto quanto deciso. L’autocontrollo ci permette di
essere molto controllati nella nostra attività di apprendimento e di essere guidati
più dalla nostra volontà che da eventi esterni o da decisioni prese da altri.

Gli ostacoli
I principali ostacoli a qualsiasi attività di apprendimento sono le "idee
irrazionali" che al di là di ogni logica e di ogni buon senso, per il loro contenuto
sono alla base di molti insuccessi personali, scolastici, professionali, sportivi. E’
possibile citare tre esempi di queste idee: la tendenza a catastrofizzare gli eventi
temuti, la tendenza a crearsi degli obblighi, la tendenza a far dipendere il giudizio
globale su di noi dal risultato di una performance.

Generalmente questi pensieri portano ad una eccessiva drammatizzazione del


compito, alla percezione che dalla sua buona riuscita dipenda il nostro valore (ai
nostri occhi e agli occhi degli altri). Questi pensieri sono spesso il risultato della
storia di una persona, sono il frutto di un modo di pensare che si è consolidato
con l’esperienza.

Un buon metodo per superare le difficoltà che nascono da questi pensieri consiste
nell’identificare le condizioni in cui si manifestano queste idee, la dinamica con la
quale si sviluppano e con la quale, spesso, prendono il totale controllo della nostra
mente e del nostro comportamento. Spesso è utile fare ricorso ad alcune semplici
strategie quali un buon esame di realtà, che permette di prendere in
considerazione le possibili (reali) conseguenze negative di un insuccesso, oppure
attraverso l’ironia.

Il modo migliore per apprendere qualsiasi cosa è adottare una corretta


metodologia si studio. Un errore che viene spesso commesso dagli studenti è
quello di cercare di apprendere tutto già alla prima lettura. Questa strategia,
tuttavia, risulta spesso poco produttiva perché non permette di acquisire una
visione globale dell’argomento. Una prima lettura veloce e generica del testo è un
inizio sicuramente migliore anche perché fornisce una migliore chiave di

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/memoriapp.htm (4 of 6) [19/08/2003 22.52.16]


Apprendimento e Memoria - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale we...ne infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

comprensione per gli approfondimenti successivi.


Solo in un secondo momento potrà essere effettuata una lettura più approfondita,
punto per punto, per poter memorizzare ogni elemento importante.

Alla fase di comprensione del testo deve necessariamente seguire una fase di
rielaborazione personale, per assicurare un ricordo a lungo termine del materiale
appreso. Attraverso una ripetizione partecipe e attiva si potrà organizzare
sistematicamente ogni argomento e lo si integrerà con quanto già appreso in
precedenza.

Per consolidare ulteriormente il ricordo può essere opportuna una fase di verifica,
ad esempio sfogliando rapidamente il materiale o ripassando velocemente quanto
appreso. Questa verifica è particolarmente utile per mettere in evidenza
pericolose lacune e a fare interessanti associazioni tra le varie parti del materiale
in corso di studio. E’ forse la parte più creativa del processo di apprendimento.

L'oblio
La rievocazione immediata di un'informazione può mancare perché non è stata
trasmessa alla memoria a lungo termine.
La rievocazione di un'informazione della memoria a lungo termine può mancare
perché non ci sono sufficienti legami per metterli a fuoco.
Questa teoria spiega anche perché taluni ricordi appaiono "rimossi": tali ricordi
sono inaccessibili perché la loro presenza sarebbe inaccettabile per il soggetto a
causa dell'ansia o dei sentimenti di colpa che potrebbero attivare. Non sono perciò
scomparsi, ma il subconscio evita che le associazioni necessarie si formino.
Gli individui colpiti da amnesia non dimenticano tutto, solo degli elementi
personali. Ciò avviene spesso per un trauma emotivo al quale l'amnesia permette
di sfuggire. Spesso poi parte di tali ricordi riaffiora quando vengono evocati dalle
giuste associazioni.

Consigli pratici
Poiché l'ippocampo si occupa della funzione di
selezionare le informazioni da trasferire nella memoria
secondaria, ne deriva che l'apprendimento e l'oblio
sono notevolmente influenzate dalle emozioni positive e
negative.
L'ippocampo è una formazione nervosa situata sul
margine inferiore dei ventricoli laterali, sopra il
cervelletto. L'ippocampo fa parte del "sistema
limbico" che è la zona del cervello deputata a gestire
le emozioni.
Se si prova disgusto per una materia, la possibilità di
apprenderla è scarsa.
Un apprendimento di base positivo ("apprendimento giocoso") stimola il ritmo
di trasferimento nella memoria secondaria, al contrario un atteggiamento
negativo rende più difficile l'apprendimento.
Un atteggiamento positivo può nascere spontaneamente, ma può essere
notevolmente incrementato stimolando la motivazione, anche l'auto-motivazione.
Essendo l'ippocampo deputato alla filtrazione dei stimoli da trasferire alla
memoria, bisogna cercare di associare alle nozioni che si vogliono ricordare delle
emozioni positive. Bisogna cercare di trovare, anche in una materia
apparentemente ostica, dei motivi di interesse sia diretti, sia indiretti (per
esempio dei vantaggi che tale conoscenza potrebbe fornire). Bisogna cercare
motivazioni positive e, se non ci sono, crearsele con l'automotivazione.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/memoriapp.htm (5 of 6) [19/08/2003 22.52.16]


Apprendimento e Memoria - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale we...ne infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

In questa fase di automotivazione si devono utilizzare tutte le tecniche di


convincimento e di comunicazione di cui si dispone. Può durare anche a lungo, ma
i risultati sono sorprendenti.
Se si intraprende un nuovo corso di studi, se si decide di imparare una lingua
bisogna prima essere "realmente" convinti che la materia ci interessa e cercare di
stimolare tale interesse al massimo, apprezzandone tutti gli aspetti positivi, anche
marginali o indiretti. Questo processo può richiedere molto tempo e può avvenire
in contemporanea allo studio.
Per migliorare l'apprendimento di una singola nozione, tenendo conto dei
meccanismi citati, conviene ripeterla più volte e creare più associazioni possibile.
In tal modo sarà certamente più facile richiamarla. Per un nome si possono creare
associazioni tra una parte di esso e nozioni a noi note, per un numero, ad
esempio una data, delle associazioni con altri numeri o semplicemente delle
associazioni "interne" al numero stesso.

con estratti di Daniele Monzani (duepiu.net) e benessere.com - adattamento di Alan Perz

Index Sub | Index Demo | Catalogo

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio nel rispetto delle normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa
(Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/memoriapp.htm (6 of 6) [19/08/2003 22.52.16]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links | Amadeux info

Demo #A7
Questo file MP3 demo che vi proponiamo rappresenta un esemplare di
"traccia per l'apprendimento subliminale con infrasuoni Beta, Alpha,
Theta, e HRM".

Si tratta di un esclusivo file MP3 (durata 1'00" - 1,00 Mbytes), che racchiude in sé
delle sonorità <Beta>, <Alfa>, <Theta>, dei battiti binaurali, tecnica HRM ed una
musica di sottofondo, appositamente studiati per incrementare e facilitare
l'Apprendimento e la Memoria.

COME ASCOLTARE IL FILE

● Trovate un posto comodo, dove nessuno vi disturberà e dove potrete


restare tranquilli

● Riducete la luce e create un'atmosfera calma.

● Allentate tutti gli indumenti che vi stringono.

● Scegliete una posizione comoda.

● Utilizzate, se possibile, una cuffia stereo.

ascolto >> MS-LEARN1.MP3 su lettore Plug-in


Plug-in MP3 richiesto/required (tutti gli utenti)

ascolto >> MS-LEARN1.MP3 su lettore ActiveX


ActiveX MP3 richiesto/required (solo utenti Windows)

download >> MS-LEARN1.MP3 (1'00" - 1,00 Mb)

Dati streaming: Bitrate = 128Kbps - Freq. campionamento = 44,1Khz


Il brano contenuto nel file "ms-learn1.mp3" e' Copyright (C) 2001-2003 Amadeux Multimedia.
Vietata la vendita e qualsiasi tipo di utilizzo commerciale.

(Questa traccia demo puo' non avere il 100% di induzione essendo un estratto
dell'intero brano)

Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa7.htm (1 of 2) [19/08/2003 22.52.25]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy
Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio citati.
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997-2003 Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa7.htm (2 of 2) [19/08/2003 22.52.25]


La Meditazione, cos'e' e come praticarla - Amadeux - Marco Stefanelli...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Forum | Mailing List

La Meditazione, cos'è e come praticarla

Cos'è la
Meditazione?
di Aetos - tratto dal sito:
http://users.libero.it/aetos/varie/meditazione.html

Sicuramente non è facile


offrire una definizione
chiara e sintetica che vada
a soddisfare le qualità
proprie di questo
vocabolo.
Il dizionario non ci aiuta
molto quando ci dice: «il raccogliersi della mente nella considerazione di profondi
problemi filosofici o religiosi -- pratica religiosa consistente nel raccogliersi in se
stesso a meditare sulle verità della fede -- predica o scritto di carattere ascetico,
o di argomento morale e filosofico». Non ci aiuta molto, poiché tutti abbiamo
spesso sentito dire che la pratica meditativa può arrivare ad illuminarci sui perché
più profondi della nostra esistenza.
A mio avviso ha senz'altro ragione Jiddu Krishnamurti quando afferma che "la
meditazione non è la semplice esperienza di qualcosa al di là dei pensieri e dei
sentimenti di ogni giorno, né la ricerca di visioni e beatitudini ... La meditazione —
che è cessazione del pensiero — apre la porta ad una vastità che trascende ogni
immaginazione o congettura; è comprensione del mondo e delle sue vie ... Tutto
ciò che il pensiero formula ha in sé il limite dei suoi confini, il pensiero ha sempre
un orizzonte, la mente meditativa non ne ha, l'uno deve cessare perché l'altro
possa essere ... La meditazione non è una continuazione o una espansione
dell'esperienza, al contrario, è la completa inazione che è totale cessazione
dell'esperienza; lo svuotarsi del conosciuto ... Se non c'è meditazione, sei come
un cieco in un mondo di grande bellezza, luci e colori ... Meditare non è ripetere
parole, sperimentare visioni o coltivare il silenzio, questa è una forma di
autoipnosi ... La mente meditativa è vedere, osservare, ascoltare senza la parola,
senza commento, senza opinione — attentamente e costantemente — il
movimento della vita in ogni suo rapporto; allora sopraggiunge un silenzio che è
negazione del pensiero, un silenzio che l'osservatore non può richiamare. Se ne
facesse esperienza, riconoscendolo, non sarebbe quel silenzio ..."
Eh già... "quel silenzio". Un silenzio che solo chi ha realmente meditato svuotando
se stesso conosce...

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/medita.htm (1 of 11) [19/08/2003 22.53.22]


La Meditazione, cos'e' e come praticarla - Amadeux - Marco Stefanelli...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Forse è più facile definire la meta della meditazione: la Consapevolezza.

A mio avviso, lo scopo della pratica meditativa è proprio quello di favorire la


percezione naturale della realtà ed ha fra gli obiettivi quello di ottenere la corretta
comprensione del funzionamento di ogni cosa.
Questa importantissima pratica vuole essere un'investigazione continua della
Verità, un esame microscopico del nostro processo di percezioni, ed ha come fine
quello di sollevare lo schermo di ingannevoli falsità e convinzioni errate attraverso
il quale normalmente l'uomo vede il mondo, un artificioso mondo illusorio.

A ben pensarci non sappiamo chi siamo - in genere - né comprendiamo i motivi


ultimi della nostra esistenza. Non ci conosciamo affatto e, troppo spesso,
arriviamo al punto di mentire a noi stessi, incoerentemente, sia sulle nostre
debolezze, che sulle motivazioni che le generano. Questo atteggiamento si rivela
un ero e proprio rifiuto della Conoscenza ed ha come risultato quello di egarci con
un nodo sempre più stretto alla ruota dell'illusione.

La meditazione (nel caso specifico,mi riferisco alla meditazione Vipassana) non è,


come molti pensano, un tentativo di dimenticare se stessi o di occultare i propri
problemi; tramite essa possiamo imparare a vedere nel profondo di noi stessi,
esattamente come siamo, possiamo finalmente vedere cosa alberga dentro di noi,
comprenderne l'essenza ed accettarla pienamente...
Essa favorisce la vera intuizione, che, peraltro può essere ottenuta solo se ci si
libera di quei giri logici a cui abbiamo permesso nel tempo di disorientare la
nostra mente; solo evacuando dal nostro sé quei circuiti ingannevoli che ci hanno
fatto perdere di vista il nostro nucleo ed il reale centro delle causale.
Svincolandosi da essi potremo permettere alla nostra realtà superiore di produrre
le giuste 'soluzioni' e successivamente alla mente coscente di 'aprirsi' ad essa.

La meditazione è come un'attività vivente, che utilizza la concentrazione come


strumento in virtù del quale la consapevolezza può avere ragione di quel muro di
confusione che normalmente ci separa dalla vivida luce della realtà; questo
naturale processo consiste in un costante aumento della consapevolezza,
applicata ai meccanismi della realtà stessa.

Lo scopo che il meditante si propone è, perciò, quello di purificare la


mente.

La pratica meditativa infatti monda il processo del pensiero da quelli che


potremmo definire "irritanti psichici"; vale a dire, da quelle cose, quali avidità,
odio e gelosia, che tengono il nostro essere bloccato in una sorta di schiavitù
emotiva.
La meditazione guida la mente verso una condizione di naturale tranquillità e
consapevolezza, profondendo uno stato di concentrazione e comprensione totale
degli eventi.

Di fatto, per meditare, non occorre 'appartenere' ad un particolare credo religioso


e non si ha neppure bisogno di *avere fede*.
La fede, così come viene intesa, ad esempio, nel credo cattolico, non trova alcun
riscontro in quella filosofia religiosa che può, ad esempio, essere il buddhismo.
Questa "scienza della mente" (proprio in questo modo lo stesso XIV Dalai Lama,
Tenzin Gyatso, ha definito il buddhismo in un'intervista) non invita i propri seguaci
ad un credo dogmatico, o ad aver fede in qualcosa perché si trova scritta in un
antico libro sacro, o perché è attribuibile ad un famoso profeta; o, ancora, perché
insegnata da autorevoli persone. La filosofia buddhista, che si caratterizza proprio
per la sua infinita apertura, conferisce alla fede un significato che è più vicino a
quello di "avere fiducia", a "sapere che una cosa è vera perché si è visto che è
vera", a "sapere che funziona perché è stata osservata dentro se stessi".

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/medita.htm (2 of 11) [19/08/2003 22.53.22]


La Meditazione, cos'e' e come praticarla - Amadeux - Marco Stefanelli...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

La meditazione porta lentamente ad una vera e profonda trasformazione


personale.

La persona che entra nell'esperienza meditativa non è la stessa che ne esce. Il


meditante cambia progressivamente il proprio modo di relazionarsi, migliorando
decisamente il proprio carattere e la propria personalità, attraverso un profondo
processo di sensibilizzazione. La meditazione rende profondamente coscienti dei
propri pensieri, delle parole e delle azioni... affina mano a mano la concentrazione
e la capacità logica. Un po' alla volta, rende chiari i processi ed i meccanismi del
subconscio, acuisce la capacità di intuizione, accrescendo la precisione del
pensiero e conducendo gradualmente ad una diretta conoscenza delle cose,
rivelandole proprio come esse sono; senza pregiudizi, né abbagliamenti.

Sono fortemente convinto che nessuna parola e nessun libro potranno mai
descriverci in maniera esaustiva la meditazione.

Per ognuno c'è solo un modo per scoprire le eccezionali virtù di questa pratica:
effettuarla. Si può comprenderla solo direttamente, praticandola in maniera
corretta...

La meditazione è coltivazione della presenza mentale, in una parola:


consapevolezza.

Essa è in relazione con quei livelli personali di coscienza, che si trovano assai più
in profondità ,rispetto al pensiero simbolico; e, proprio per tale motivo, molti
aspetti della meditazione non si prestano ad essere espressi attraverso le semplici
parole.

La meditazione non è qualcosa che può essere imparata, ricorrendo a termini


astratti; non è qualcosa di definibile, ma bensì qualcosa di cui bisogna fare
esperienza... essa può essere compresa solo con una buona pratica.

Il meditante esegue la sua pratica con un intento specifico: affrontare la realtà,


per fare piena e profonda esperienza della vita così come essa è, per entrare in
contatto con tutto ciò che vi si trova.
Una pratica ben fatta ci permette di dissipare tutte le illusioni, di liberarci da tutte
quelle piccole e gentili bugie che continuamente ci diciamo.

Purtroppo, quasi tutti, sin da bambini, veniamo condizionati molto


profondamente da una cultura deviante; impariamo così, durante il corso
della nostra esistenza, a mentire sistematicamente a noi stessi e quasi
sempre in modo estremamente arguto.

In questo modo, subentra gradualmente in noi, senza che ne siamo troppo


coscienti, un sottile autoinganno e si innesca un circolo vizioso, fatto di false
convinzioni, che ci trascina inevitabilmente nel suo mondo illusorio.
Arriviamo così ad avere un pensiero non autentico, che ci costringe a vedere la
realtà da dietro un velo; di conseguenza, assumiamo comportamenti ipocriti e ci
ritroviamo, inconsapevolmente, ad indossare una brutta maschera, che tende a
coprire il nostro vero volto, nascondendoci persino a noi stessi.

È invece incantevole osservare come i processi armonici, tipici della pratica


meditativa, riescono a profondere in noi quelle particolari intuizioni, che
frequentemente si rivelano come vere e proprie "rivelazioni". Proprio queste
intuizioni, infatti, aprono sovente il passo a quel sentiero che conduce alla chiara
comprensione di alcune profonde ed importanti Verità, legate alla nostra
misteriosa esistenza.

Gunaratana afferma: «alla vipassana bisogna avvicinarsi con questo

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/medita.htm (3 of 11) [19/08/2003 22.53.22]


La Meditazione, cos'e' e come praticarla - Amadeux - Marco Stefanelli...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

atteggiamento: Non importa cosa mi è stato insegnato, voglio dimenticarmi


teorie, pregiudizi e stereotipi. Voglio comprendere la vera natura della vita, voglio
capire realmente cosa sia l'esperienza di essere vivi. Voglio imparare a conoscere
le qualità della vita più vere e profonde, e non voglio accettare le spiegazioni di
qualcun altro. Voglio scoprire io stesso tutto ciò»...

Difatti, lo stesso atteggiamento di base del buddhismo è profondamente empirico


ed antiassolutista. Lo stesso Buddha Shakyamuni, come Gesù il Cristo del resto,
fu decisamente non ortodosso ed antitradizionalista.

Gautama non offrì i suoi insegnamenti come una raccolta di dogmi, ma, piuttosto,
come un insieme di asserzioni sulle quali chiunque era invitato ad investigare.

L'invito che il Buddha rivolgeva a tutti, era: "Venite e vedete"; a coloro che lo
seguivano ripeteva spesso: "Non mettete nessuna testa sopra alla vostra", e con
ciò egli intendeva raccomandare di non rifarsi alla parola di qualcun altro, ma
piuttosto di verificare ogni cosa di persona; poiché, è quello l'unico modo per
Conoscere realmente ed essere convinti di ciò che si osserva.

Dobbiamo, inoltre, tenere sempre presente che ciò che abbiamo imparato può e
deve spesso essere disimparato. Il primo passo in questa direzione è proprio
capire cosa stiamo facendo, mentre lo stiamo facendo; mettendoci nella tipica
posizione di quieta osservazione.

Dobbiamo, inoltre, ricordare che una buona pratica meditativa induce un


cambiamento radicale nel meccanismo della percezione, e porta con sé quella
gioia che deriva dall'essersi liberati dal pensiero illusorio ed ossessivo.

La meditazione può "aprire la strada" e guidare chiunque lo desideri


intensamente, verso un nuovo e corretto atteggiamento, conducendoci a vedere
la realtà così come essa è realmente.

La consapevolezza sia con te...

di Aetos - tratto dal sito: http://users.libero.it/aetos/varie/meditazione.html

Cos'e' e come praticarla


di SOGYAL RINPOCHE

Nel flusso mentale: la meditazione come modo di vita

Quante persone ai nostri giorni hanno familiarietà con la meditazione? In alcune


parti del mondo in particolare, la meditazione è diventata un fenomeno molto
comune, quasi un lavoro domestico. Ha incontrato un'accettazione generalizzata,
perchè viene riconosciuta come pratica che spezza molte barriere, sia culturali che
religiose, e che mette a fuoco lo sviluppo spirituale personale, giacchè da molti
punti di vista, la meditazione è una pratica che trascende la religione.

Se dovessimo presentare la meditazione da una prospettiva Buddhista, per prima


cosa dovremmo notare che la pratica meditativa mira a lavorare sulla mente, sul
cuore, e con l'energia. Certe volte possiamo praticare la meditazione in maniera
molto semplice: lasciamo tranquilla la nostra mente, in una condizione naturale;
nell'immobilità, nel silenzio e nella pace. Quietamente.

Alcuni possono conoscere un metodo e usarlo, come l'osservazione del respiro. Ma


altri, quando diciamo loro " Sedete ", poi non sanno assolutamente che fare, e
aspettano che il silenzio finisca il più presto possibile, perchè è qualcosa a cui non
sono abituati, e per quanto idilliaco possa essere l'ambiente in cui viviamo,

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/medita.htm (4 of 11) [19/08/2003 22.53.22]


La Meditazione, cos'e' e come praticarla - Amadeux - Marco Stefanelli...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

senza'altro è stato raggiunto dagli influssi del ventesimo secolo. Limitarsi a


rimanere tranquilli e silenziosi è una cosa con la quale abbiamo la minima
familiarietà: l'immobilità ed il silenzio ci rendono nervosi ed insicuri, come se
trovarsi di fronte a se stessi, senza alcuna attività - tutti soli con noi stessi - fosse
un'esperienza piuttosto terrorizzante. E la maggior parte delle volte, quando
sediamo tranquilli, quello che succede è che i nostri pensieri cominciano a correre
a 2000 l'ora, se non più veloci. Quasi sempre, quando sediamo, il problema
riguarda l'energia.

A volte, però, le cose sono facilitate da un certo ambiente; potrebbe essere un


ambiente naturale, o una certa atmosfera creata da amici o praticanti, che
siedono in silenzio tutti insieme: allora, anche se non avete familiarietà con la
meditazione, il fatto stesso di essere in un ambiente del genere vi ispira la pace
mentale.

Nelle prime fasi, quindi, la meditazione calma, pacifica e stabilizza la mente. In


effetti il termine sanscrito per indicare la meditazione è ' Dhyana '- in Tibetano
'Samten', in Cinese 'Ch'an' ed in Giapponese 'Zen' - Che cosa significa la parola
tibetana 'Samten ' ? 'Sam' è la mente pensante, e 'Ten ' significa solidificare,
calmare o stabilizzare. Significa anche " affidabile " o " stabile ".

Così, il nostro primo passo è calmare e stabilizzare la mente pensante. Se


la mente è in grado di stabilizzarsi da sola, senza ausilio di oggetti o tecniche, va
benissimo. Altrimenti, se non siamo abituati, o se non ci sentiamo a proprio agio,
e se semplicemente non sappiamo come fare, allora in certi casi ci serviamo di
tecniche, quali osservare il respiro, guardare un oggetto, od usare un mantra, per
aiutare la mente a focalizzarsi, calmarsi e stabilizzarsi.

Quello che è sempre molto importante tenere a mente è che il metodo, o


l'esercizio, non sono che un mezzo; in altre parole, non sono la meditazione. E'
per mezzo della pratica che si raggiunge la perfezione: il puro stato di presenza
totale, che è la meditazione.

Quando siamo realmente noi stessi ... quando noi ci manifestiamo .. quando tutto
il nostro ego innaturale si è dissolto ... quando non esiste più dualità ... quando
siamo in grado di arrivare alla condizione non duale di assenza dell'ego... quello
stato si chiama meditazione, nel senso ultimo della parola. Allora non esiste più
alcun conflitto, perchè la dualità viene naturalmente dissolta e liberata.
Così, quello che cerchiamo in realtà di fare quando pratichiamo la meditazione è
calmare e stabilizzare, così da dimenticare la nostra mente confusa, o " sé egoico
". L'ego è un sostituto, un sé fasullo, sempre mutevole. Non è altro che un
insieme di idee, concetti, condizionamenti, basati non sulla verità, ma su pure
menzogne e credenze che, sottoposte ad esame, dimostrano di non aver alcun
fondamento reale.

E' importante ricordare che il principio dell'assenza dell'ego nel Buddhismo non
significa che prima c'era un ego, e che per il Buddhista se ne è liberato ! Al
contrario, significa che per cominciare non esiste alcun ego, e che bisogna
realizzare 'questa' assenza di ego.

Talvolta, quando facciamo pratica, riusciamo a trovarci in stato meditativo; allora


scopriamo che non esiste più alcuna dualità, conflitto o confusione. E se
guardiamo dentro di noi, quando ci troviamo in tale stato, scopriamo che l'ego è
inesistente: ci manifestiamo attraverso il nostro vero sé naturale, o Sè Buddhico,
il " sé privo di sè " che è sempre dentro di noi, e che costituisce la nostra natura
inerente. E' questo che tutte le religioni hanno sempre definito principio di bontà,
o divinità: l'uomo è fatto ad immagine di Dio, come dice il Cristianesimo; nel
Buddhismo diciamo che la natura del Buddha esiste in ogni cosa.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/medita.htm (5 of 11) [19/08/2003 22.53.22]


La Meditazione, cos'e' e come praticarla - Amadeux - Marco Stefanelli...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

E dov'è questa bontà, questa natura Buddhica? Nel profondo della Natura della
Mente. E' come il cielo momentaneamente oscurato dalle nubi che, quando le
nuvole si dissolvono, si rivela, limpido e chiaro, con un sole immenso di
compassione che risplende su ogni cosa. Noi chiamiamo questa luce solare "
Boddhicitta ", il " cuore della nostra essenza illuminata ".

Questa bontà fondamentale deve essere trasportata nella nostra realtà; anche se
è la nostra natura, e siamo tutti Buddha, siamo solitamente piuttosto confusi e
rannuvolati, ed abbiamo dimenticato e perso il contatto con quello che siamo
realmente.

Quando diciamo che abbiamo la natura di Buddha, parliamo in termini di Terra;


non dello stato finale di purificazione.

Così, anche se Buddha 'è' la nostra natura, non ce ne rendiamo conto, dal
momento che siamo oscurati da due nubi: quella emozionale e quella intellettuale.

Siamo partiti insieme, ma il Buddha ha preso una strada, e noi l'altra. Così, negli
insegnamenti chiamiamo questo concetto " una Terra, due Sentieri ". Abbiamo
fatto qualche passo lungo la nostra strada, e questo si chiama ' Samsara'. In
particolare, in Occidente, stare nel 'Samsara' è molto facile perchè il suo
meccanismo domina il nostro essere con tanta potenza, ed il passo con cui
procede è così spedito. Noi dobbiamo uscire dal nostro sentiero per cercarlo, il
'Samsara', e nemmeno attendere che arrivi; è ovunque come la polvere: oggi
pulisci e domani ce n'è altrettanta. Dal momento che la sua influenza è così forte,
il 'Samsara' si perpetua da solo, senza bisogno di alcun aiuto da parte vostra.

Il fine della meditazione è conservare la purezza della nostra natura


inerente, ed anche se non riusciamo a rimanere a lungo in tale stato, se ogni
giorno iniettiamo almeno una goccia di una tale pura consapevolezza nel nostro
flusso mentale, ne costruiamo lentamente l'intelaiatura.

Il nostro carattere di base, fondamentale, non è altro che un flusso mentale, od


energetico: noi 'siamo' solo un flusso mentale.

Se ci guardiamo, e ci chiediamo chi siamo realmente, forse scopriremo che la


nostra identità è tutte queste cose diverse: il passato, i nostri genitori, la nostra
casa, il nostro lavoro, il nostro cane, la nostra compagna, nonchè qualsiasi altra
esperienza.

E' possibile che oggi ci sentiamo bene perchè oggi le cose vanno bene, ma se
domani, chiedendoci come stiamo, scopriamo che non è la stessa cosa, dov'è
finito il " sentirsi bene " ? E' scomparso completamente, perchè nuove influenze si
sono succedute alle precedenti. E noi continuiamo a cambiare con il mutare delle
circostanza, come il flusso di un ruscello; anche se sembra sempre lo stesso, in
effetti cambia continuamente....

Così dobbiamo modificare questo flusso mentale, con la purezza della nostra
natura intrinseca.

Infatti, lo scopo della meditazione, non è solo avere davvero una fugace visione di
quello che è la nostra natura e penetrarla, ma anche portare una tale
consapevolezza nella nostra vita quotidiana; la nostra esistenza ordinaria ed
il modo in cui vediamo le circostanze normali della nostra vita saranno allora
benedette da una tale prospettiva. Anche solo esercitarsi per un breve periodo
nella meditazione può fare un mondo di bene, ma se volete una tale pratica abbia
realmente un effetto stabile e duraturo, quello che dovete fare non è prenderla
come una medicina o una terapia occasionale, ma come se fosse la fonte
quotidiana di cibo o sostentamento.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/medita.htm (6 of 11) [19/08/2003 22.53.22]


La Meditazione, cos'e' e come praticarla - Amadeux - Marco Stefanelli...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Solo allora gli effetti reali della meditazione potranno farsi sentire.

Basta pensare a quanto a fondo abbiamo percorso l'altra strada, creando


concretamente un'abitudine che domina la nostra esistenza. Se guardiamo i nostri
sogni, per esempio, vediamo che non sono altro che rappresentazioni ed immagini
di abitudini, e, come si usa dire, " le vecchie abitudini sono dure a morire ".
Ci vuole 'un bel po', perchè, se anche lo stato meditativo è un'arma molto potente
capace di spezzare la confusione, è altrettanto vero che non fa parte della nostra
esperienza quotidiana e che non è diventata essa stessa un'abitudine: così non
siamo capaci di trasportare la sua influenza positiva nel mondo delle nostre
abitudini radicate.

Ma, ancora una volta, è importante non accentuare troppo concetti dualistici, di
lotta tra bene e male; tutto questo è più simile al concetto di luce: quando
splende, non si trova più l'oscurità.

Così dobbiamo portare luce alle nostre vite, tirar fuori la nostra vera natura e
permetterle di risplendere. Se guardate a certi grandi maestri, od ai buoni
praticanti, od anche solo alle persone buone, vedrete che irradiano calore, una
presenza che è fonte di ispirazione, e che potete riconoscere quando vi trovate in
loro compagnia.

E' interessante notare che i Tibetani, quando parlano tra loro, non
chiamano il loro capo " il Dalai Lama" bensì " Kun Dun", che significa " la
presenza ". Una persona realmente presente è un Buddha, e questa
presenza buddhica è ciò che dobbiamo coltivare.

All'inizio viene chiamata " attenzione " e quando la si realizza pienamente, diventa
'presenza'. La disciplina della pratica reale della meditazione insegna a mantenere
una tale presenza nella nostra vita quotidiana.

Nel Buddhismo, si sente spesso pronuciare la parola 'disciplina': la disciplina non


significa un atteggiamento rigido, o una routine militaresca senza senso
dell'umorismo, ma una consapevolezza e presenza di spirito continua. Viene
definita " come un profumo impregnante ".

Nelle conversazioni avute con dei terapeuti, molti mi hanno spiegato come,
stando alla loro esperienza, uno dei metodi più potenti di guarigione sia una
'profonda' meditazione in postura.

A volte chiedono ai loro pazienti di rimanere in postura, come minimo per tre ore.

Un altro fenomeno che hanno osservato è il fatto che anche se alcuni possono
essere fortemente legati alla meditazione o ad altre tecniche di trattamento, e si
sentano a proprio agio con esse, ciò nonostante non riescono ad ottenere gli
effetti desiderati: i sintomi non mostrano alcun miglioramento. Scoprono poi che
la causa è il fatto che questi particolari pazienti accettano di meditare solo in
presenza del terapeuta. Non continuano poi effettivamente, fino a portare la
pratica nella vita quotidiana facendone qualcosa di reale. Quando invece ci
riescono, i successi sono molto più netti. Nello stesso modo, dobbiamo vedere la
pratica della meditazione come modo di vivere.

Ogni volta che praticherete la meditazione, sia nelle prime ore del mattino, che in
qualsiasi altro momento della giornata, vi accorgerete che aprirà una porta sul
vostro essere inerente. Dopo questa apertura iniziale, la cosa più importante non
è la pratica in sé, ma lo stato mentale che una tale pratica sviluppa dentro di voi:
mangiare è piacevole, ma è più importante sentirsi soddisfatti e nutriti; così, lo
stato mentale indotto dalla meditazione ha un significato molto maggiore del fatto

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/medita.htm (7 of 11) [19/08/2003 22.53.22]


La Meditazione, cos'e' e come praticarla - Amadeux - Marco Stefanelli...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

stesso di meditare.

Troppo spesso la gente si dedica alla meditazione per ottenere qualche risultato
straordinario, come visioni, luci o miracoli sovrannaturali, e se tutto questo non
accade , si sentono piuttosto delusi.

Ma il miracolo che avviene in realtà è più normale e più utile: è una


trasformazione sottile, non solo nella vostra mente e nelle vostre emozioni, ma
anche nel vostro corpo, ed è altamente curativo. Come hanno scoperto scienziati
e medici, quando godete di un buono stato mentale, anche le cellule del vostro
corpo sono più contente: riuscite ad immaginare le cellule che alzano i loro piccoli
calici di champagne e dicono " cin cin " ? Ma quando la vostra mente si trova in
uno stato negativo, allora anche le vostre cellule diventano maligne.

La nostra salute globale ha parecchio a che fare con il nostro stato


mentale, e con il nostro modo di essere.

In particolare, in questo periodo, in cui gli uomini sono colpiti da così tante
malattie, la comprensione di questo fatto non può non risvegliare in noi la
possibilità di veder la vita in modo diverso: in un certo senso non esiste possibilità
di scelta; è davvero questione di sopravvivenza. Vivere con lucidità è la più
grande protezione, anche per la nostra salute.

Così dovete prolungare lo stato mentale nel quale vi trovate dopo la meditazione,
sicchè farete ogni cosa con quella presenza mentale. C'è una storia molto famosa
di una conversazione di un maestro Zen ad un suo discepolo, il quale gli chiede: "
Maestro, come porti l'illuminazione nell'azione concreta? Come la pratichi nella
vita quotidiana? "

" Magiando e dormendo ", risponde il maestro.

" Ma, Maestro tutti dormono e mangiano ."

" Ma non tutti mangiano quando mangiano, e non tutti dormono quando dormono
".

Da qui deriva il famoso detto Zen:

" Quando mangio, mangio.

Quando dormo, dormo ".

Questo significa essere presenti al 100% nell'azione; non siete più il vostro ego
ordinario, e la vostra azione è diventata un'azione universale, un'azione
compassionevole. Senza più dualismo, 'diventate voi stessi l'azione'. Per esempio,
è stato scoperto che quando rigoverante, se mantenete la mente pura e lavate i
piatti con tutto voi stesso, ciò è molto energizzante. Se invece nel frattempo
pensate a molte altre cose, allora diventerà una seccatura. Questo dovrebbe
suggerirvi l'applicazione continua della lucida attenzione e della presenza. Se
volete che la vostra pratica sia veramente di beneficio per voi e per la vostra
esistenza, e perciò anche di beneficio per gli altri, non potrete dedicarvi ad essa
solo occasionalmente.

Spesso la gente chiede: " E' meglio praticare venti minuti la mattina, o la sera,
oppure fare diverse sedute più brevi ? "

Sì, è positivo praticare la meditazione venti minuti, anche se questo non vuol dire
che venti minuti sia un limite massimo. Da nessuna parte nelle scritture si parla di
venti minuti. "

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/medita.htm (8 of 11) [19/08/2003 22.53.22]


La Meditazione, cos'e' e come praticarla - Amadeux - Marco Stefanelli...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Venti minuti " è una nozione che si è sviluppata in Occidente; potreste chiamarla "
Periodo Standard per la Meditazione " . A volte la gente teme, se non rimane in
postura per venti minuti, di fare qualcosa di sbagliato, come quando si interrompe
una cura di antibiotici. Ma il punto fondamentale non è il tempo: il punto è se la
pratica vi porta realmente ad un certo stato di presenza.

Se così è, potete rimanere in postura anche solo cinque minuti, per tre minuti,
potete sedervi anche solo per un minuto ..., per trenta secondi... perfino cinque
secondi... ma potrebbe non essere sufficiente !
Il punto fondamentale non è nemmeno la postura; in particolare i meditatori pigri
che si siedono per venti minuti e si appisolano !
Per loro, in particolare, venti minuti di meditazione sonnolenta non sono
consigliabili: dovrebbero praticare seduti cinque minuti , ma ben svegli... Credo
che siano abbastanza felici di questa notizia !

Il mio maestro, Dudjom Rinpoche, diceva sempre che un principiante dovrebbe


meditare in brevi sedute. Praticate per tre-cinque minuti, poi fate una breve
pausa, di almeno un minuto.

Quando fate una pausa, quello che in realtà fate è lasciar andare la tecnica
meditativa.
Specialmente se vi siete impegnati molto durante la seduta, nel momento in cui
fate una pausa, lasciandovi andare, ma mantendendo la vostra presenza, spesso
la meditazione si manifesta ' in quel momento'. Ecco perchè la pausa è una parte
della meditazione importante, quanto la postura.
Riprendete la postura per un breve periodo e poi fate una pausa, lucidi e
naturalmente rilassati. Poi sedetevi di nuovo.
Così fate numerose sedute brevi: cinque minuti di pratica, poi un minuto di pausa,
e così via.
Se fate così, l'intervallo rinfresca la vostra meditazione, e la meditazione fa della
vostra pausa un'espressione naturale della vostra pratica.
Se continuate una tale forma di alternanza di pratica e di rilassamento
interconnessi dal filo della vostra lucidità, allora lentamente, lentamente, tra
meditazione e post-meditazione ci sarà minor differenza, scomparirà il confine.
Come ha detto un grande maestro: " Non ho mai meditato, ma non mi sono mai
neanche mai distratto, neppure per un sol secondo." Un tale praticante non ha
bisogno necessariamente di meditare, perchè si trova sempre in tale stato, e non
si distrae mai, nemmeno per un solo momento.

Naturalmente, il problema sta nel riuscire a farlo per ventiquattr'ore al giorno,


trecentosessantacinque giorni all'anno. Quando fate un ritiro meditativo, per
esempio, il fine fondamentale è tagliarvi fuori dagli impegni della vostra esistenza
e ritirarvi nell'ambiente naturale e propizio della meditazione. Ritiro significa
mettere un limite alle attività superflue: in una tale situazione voi mantenete la
meditazione quasi ventiquattr'ore al giorno, anche mentre dormite, mangiate e vi
rilassate. Se la vostra pratica è intensiva, profonda e rilassata a quel modo, allora
comincia ad avere un effetto di fondamentale importanza sul vostro essere
profondo, e sul flusso della vostra mente.

Però, non è soltanto praticando nell'ambiente di un ritiro che i benefici della


meditazione possono permeare il vostro flusso mentale. Dopo un tale ritiro, anche
mentre vivete la vostra solita esistenza in città, potete praticare un po' al mattino
e quindi applicare una tale presenza in tutta la vostra vita quotidiana. Allora, ogni
volta che vi sentite persi, confusi, o distratti, tornate alla vostra meditazione, od
alla vostra respirazione, riconquistate e matenete tale stato di presenza, e
riposate in esso per tutto il tempo che potete.

E' l'applicazione continua di tale presenza che provoca realmente cambiamenti

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/medita.htm (9 of 11) [19/08/2003 22.53.22]


La Meditazione, cos'e' e come praticarla - Amadeux - Marco Stefanelli...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

profondi. Se a volte vi accorgete che non è così semplice praticare da soli, o nella
vostra stanza, allora cercate di andare a praticare all'aperto. Alcuni, che trovano
difficile mantenere la postura, traggono grandi benefici dal praticare in silenzio
mentre camminano; in particolare se vivono in un bell'ambiente naturale.

Potete sedere in riva ad un fiume e vedere come continua a cambiare mentre vi


passa davanti: ispirerà la vostra introspezione, e potrete abbandonare
quietamente la vostra mente, lasciando fluire l'energia. Oppure, potete
contemplare l'oceano, o sdraiarvi per terra e fissare il cielo, abbandonando
quietamente la vostra mente, e lasciando che il cielo esteriore ispiri una spazialità
interiore. Questo è un modo nel quale potete praticare. Un altro è usare la
respirazione, che è il metodo più comune nel Buddhismo. La respirazione è il
tramite vitale dell'energia; è come lo spirito, che riunisce il corpo e la mente. Si
dice spesso che la respirazione sia il veicolo della mente. Così, se volete
calmare, o domare la mente, domate il respiro, e allora domerete abilmente
la mente nel contempo.

Quando usate la respirazione, tenete la bocca leggermente aperta come se


foste sul punto di dire " aaah ". Non serve una respirazione speciale; respirate
come vi viene, in maniera rilassata. A volte, respirare ed essere presenti è
sufficiente, ma se avete bisogno di concentrarvi perchè la vostra mente è molto
agitata e turbolenta, allora centratevi sulla vostra respirazione ed identificatevi
con l'espirazione.

Questa è una tecnica interessante, perchè, mentre all'inizio può essere solo una
semplice pratica di osservazione dell'espirazione, in seguito, se si viene introdotti
in forme di meditazione più avanzate, ci si accorge che può aprire molte, molte
porte. Serve quasi come preparazione per la pratica meditativa di Mahamudra, o
dello Dzogchen.

Osservate la respirazione, focalizzatevi sull'espirazione e identificandovi in


essa. Quando espirate, il respiro si dissolve nello spazio; l'inspirazione avviene
naturalmente ogni volta che i vostri polmoni si svuotano, così non dovete pensarci
troppo.

Non concentratevi troppo; date circa il 25% della vostra attenzione, e lasciate
il resto quietamente rilassato, tutt'uno con il vostro respiro.

Usate questa tecnica per tutto il tempo che vi serve. Vi porterà maggiore
chiarezza. Poi, quando vi ritroverete più centrati nella natura della vostra mente,
e quando vi ritroverete in sintonia con il respiro, non dovrete più rivolgergli
particolari attenzioni. Limitatevi semplicemente a riposare nella pace della vostra
mente.

Tranquillamente, svegli, attenti e rilassati.

Poi, cominciate nuovamente a distrarvi, ritornate ancora una volta alla


respirazione.

Questa è la tecnica.

Ora si tratta solo di metterla in pratica.


Tratto da: SOGYAL RINPOCHE <MEDITAZIONE> Edizioni Amrita- adattamento di Alan Perz

Index Sub | Index Demo | Catalogo

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/medita.htm (10 of 11) [19/08/2003 22.53.22]


La Meditazione, cos'e' e come praticarla - Amadeux - Marco Stefanelli...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio nel rispetto delle normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa
(Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/medita.htm (11 of 11) [19/08/2003 22.53.22]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links | Amadeux info

Demo #A8
Questo file MP3 demo che vi proponiamo rappresenta un esemplare di
"traccia per la meditazione subliminale con infrasuoni Theta e HRM".

Si tratta di un esclusivo file MP3 (durata 1'00" - 1,00 Mbytes), che racchiude in sé
delle sonorità <Theta>, dei battiti binaurali, tecnica HRM ed una musica di
sottofondo, appositamente studiati per coadiuvare e facilitare la Meditazione e la
Riflessione.

COME ASCOLTARE IL FILE

● Trovate un posto comodo, dove nessuno vi disturberà e dove potrete


restare tranquilli

● Riducete la luce e create un'atmosfera calma.

● Allentate tutti gli indumenti che vi stringono.

● Scegliete una posizione comoda.

● Utilizzate, se possibile, una cuffia stereo.

ascolto >> MS-FLUTE1.MP3 su lettore Plug-in


Plug-in MP3 richiesto/required (tutti gli utenti)

ascolto >> MS-FLUTE1.MP3 su lettore ActiveX


ActiveX MP3 richiesto/required (solo utenti Windows)

download >> MS-FLUTE1.MP3 (1'00" - 1,00 Mb)

Dati streaming: Bitrate = 128Kbps - Freq. campionamento = 44,1Khz


Il brano contenuto nel file "ms-flute1.mp3" e' Copyright (C) 2001-2003 Amadeux Multimedia.
Vietata la vendita e qualsiasi tipo di utilizzo commerciale.

(Questa traccia demo puo' non avere il 100% di induzione essendo un estratto
dell'intero brano)

Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio citati.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa8.htm (1 of 2) [19/08/2003 22.53.27]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com


Copyright © 1997-2003 Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa8.htm (2 of 2) [19/08/2003 22.53.27]


Creativita' questa sconosciuta - Amadeux - Marco Stefanelli subliminal... - subliminale subliminal alpha relax rilassamento binaurali binaural

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Il progetto e la tecnica "HRM" | Forum | Mailing
List

Creativita' questa sconosciuta


Ogni giorno sentiamo un gran parlare
della creativita', alla radio, alla
televisione; perfino in edicola troviamo
fascicoli sulla creatività in cucina, nel
giardinaggio, ecc. Tale termine, di
solito, fa venire in mente una qualità
misteriosa, rara, prerogativa di persone
particolarmente intelligenti. E’
spontaneo pensare a grandi personaggi
come Galileo Galilei, Leonardo da Vinci,
Albert Einstein, che si sono
contraddistinti per invenzioni o scoperte
apparentemente irraggiungibili dal resto
dell’umanità.

Tutti noi, almeno una volta, ci siamo


chiesti: “Che cos’e la creatività”?

Cerchiamo di scoprirlo insieme.

Consultando il vocabolario troviamo che


è una “capacità produttiva della ragione
o della fantasia” e ancora “talento
creativo, inventiva”.

Questa prima definizione di aiuta a


capire che la creatività può essere
rivolta sia alla fantasia sia al pensiero
razionale; in entrambi i casi, comunque, è caratterizzata dalla produzione di
qualcosa di “nuovo”.

Approfondendo le nostre ricerche, in un buon manuale di psicologia, apprendiamo


che gli studi degli ultimi decenni hanno chiarito che la creatività non è più una
misteriosa peculiarità di pochi “eletti”, ma una qualità posseduta, in maniera
maggiore o minore, da tutti.
Superata la prima concezione (dimostratasi presto errata) secondo la quale la
creatività rappresentava una particolare espressione dell'intelligenza, successive
ricerche hanno chiarito la scarsa correlazione tra capacità d’immaginazione e
quoziente d’intelligenza.
Alcuni autori cominciano, allora, ad ipotizzare che ogni individuo presenta, in
diversa misura, tutte le abilità intellettive, compresa la creatività; la differenza tra

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/creativita.htm (1 of 7) [19/08/2003 22.54.02]


Creativita' questa sconosciuta - Amadeux - Marco Stefanelli subliminal... - subliminale subliminal alpha relax rilassamento binaurali binaural

le persone “normali” e quelle “creative” va concepita non in termini di tutto o


niente, ma collocandola lungo un “continuum” attitudinale.

Come interpretare e valutare, allora, le capacità creative?


Dagli anni ’50 le ricerche in questo campo si sono diversificate ed ogni scuola
psicologica ha elaborato una propria teoria.
La prospettiva psicoanalitica già proposta da Freud, e successivamente sviluppata
da Segal, Kris, Kubie, e Arieti, interpreta la creatività come la capacità di far
ricorso a contenuti inconsci o preconsci particolarmente vivaci e produttivi.
Rogers e Maslow suggeriscono, invece, una visione personalistica, che considera
l’attitudine creativa come l'espressione del perfetto funzionamento dell’individuo,
dovuto al raggiungimento di un equilibrio stabile tra le varie componenti
comportamentali.
All’interno dell’approccio cognitivo, poi, ci sono varie correnti, ognuna delle quali
pone l’accento su un particolare aspetto psicologico.
Guilford concentra l’attenzione su un esame fattorialistico dei diversi elementi
che costituiscono il pensiero, analizzandone le varie componenti, comprese le
capacità creative.

Mednick, Wallach e Kogan studiano, invece, il particolare modo di organizzarsi


del processo associativo (stimoli-risposte), ritenendolo il maggior responsabile del
funzionamento della creatività.
Gli psicologi della Gestalt, infine, colgono nel processo creativo un’acuta quanto
improvvisa ristrutturazione dei dati, che permette di vedere il problema sotto una
nuova prospettiva.

Ulteriori ricerche condotte da Sternberg (siamo ormai a metà degli anni ’90)
hanno permesso di comprendere i processi mentali che sono all’origine delle
“illuminazioni” (insight), grazie alle quali sono state realizzate importanti scoperte
nei diversi campi del sapere.
L’insight era comunemente definita dalla maggior parte degli psicologi come un
balzo, veloce ed inconsapevole, del pensiero, o come un cortocircuito dei normali
processi di ragionamento; spiegazioni di questo genere, però, circoscrivono
l’intuizione all’interno di una “scatola nera”, senza analizzarne né i contenuti, né il
funzionamento.

Secondo Sternberg, invece, essa è composta da tre processi psicologici separati


ma correlati tra loro: codificazione selettiva, combinazione selettiva e confronto
selettivo.

- la codificazione selettiva si esplica nella selezione delle informazioni


importanti, rilevanti, rispetto a quelle che non lo sono;

- la combinazione selettiva è la capacità di collegare e combinare, in un


insieme unitario, le informazioni che all’inizio apparivano separate;

- il confronto selettivo, infine, consiste nell’abilità di mettere in relazione le


informazioni appena acquisite con quelle già apprese e risolvere, per analogia, il
problema.

Tale spiegazione ci permette di comprendere, quindi, che i processi intuitivi non


sono qualitativamente dissimili da quelli cognitivi; ciò che differenzia i due diversi
tipi di pensiero sono le modalità e, soprattutto, le circostanze di applicazione.
Nell’insight, in conclusione, l’individuo creativo utilizza, in modo rapido ed
intuitivo, le abilità cognitive normali per individuare, in particolari circostanze, la
soluzione al problema.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/creativita.htm (2 of 7) [19/08/2003 22.54.02]


Creativita' questa sconosciuta - Amadeux - Marco Stefanelli subliminal... - subliminale subliminal alpha relax rilassamento binaurali binaural

Gli orientamenti statunitensi più recenti suggeriscono, infine, un approccio


multidimensionale alla creatività, poiché, nel corso dei diversi studi, si sono
delineati, in questo campo di ricerca, quattro differenti ambiti:

1. Persona: Studi di matrice psicologica sull'eccellenza tramite questionari sulla


personalità che misurano i tratti creativi;

2. Processo: Ricerche sullo sviluppo di procedure e strategie per facilitare il


pensiero creativo (individuale e di gruppo);

3. Prodotto: Studio dei prodotti creativi valutati in base alla novità, efficacia,
ecc;

4. Ambiente: Ricerche sull'ambiente sociale, culturale e lavorativo che


favoriscono o inibiscono il pensiero creativo.

Riassumendo possiamo, quindi, affermare che la creatività è una particolare


abilità, posseduta da ogni individuo, che permette di “produrre qualcosa
di nuovo”. Questa produzione può originare qualcosa di nuovo in assoluto o
ricombinare e riorganizzare elementi appartenenti ad ambiti differenti (che, fino a
quel momento, erano stati pensati come distanti).
All’interno della “produzione del nuovo” è possibile ascrivere, ovviamente, sia
“oggetti” artistici (fini a se stessi), sia “oggetti” che, riconosciuti socialmente utili,
permettono con il loro impiego di risolvere o migliorare aspetti della vita
quotidiana e lavorativa.
La creatività riveste, inoltre, un ruolo centrale tanto nella ricerca di soluzioni
originali ed innovative (problem-solving) quanto nell’analisi (e relativa
ottimizzazione) di situazioni e processi complessi (problem-making).
Più che una dote del carattere, la creatività rappresenta, quindi, una “forma
mentis”, un modo di rapportarsi alla realtà, di concepire e vivere la vita. Tale
“habitus” mentale, attraverso un’opportuna formazione, può essere appreso ed
incrementato da ogni individuo, gruppo e organizzazione.
di Giovanni Lucarelli - SDA Bocconi - (adattamento di Alan Perz)

La creatività ovvero distruggere per ricostruire


(e qualche consiglio per non soffocarla)

Einstein era creativo, Darwin era creativo?

Be', probabilmente si'. Possedevano doti naturali che pochi sapranno eguagliare in
futuro, doni di natura. Ma quelle doti non lavorano senza sforzo, per intuizioni
repentine. L' intuizione e' lo stadio finale di un lungo processo. Darwin
produsse la sua (creativa) teoria dopo 20 anni di appassionato studio (tra l' altro)
delle modalita' di deposito degli escrementi di lombrico (e' tutto vero).

Einstein era molto giovane, certo, ma produsse le sue teorie solo dopo aver
compreso quelle esistenti (e non fu lavoro da poco, immaginiamo). In realta' il
primo passo per l' innovazione e' la profonda conoscenza dell' ambiente in cui ci si
muove. Spesso consideriamo originale semplicemente un diverso accostamento di
elementi gia' noti, magari presentato in elegante veste grafica e zeppo di termini
complicati (implementazione, paradigma, veicolare e simili). Molti consulenti e
accademici vivono di questo…… Ma per andare oltre bisogna guardare agli
elementi costitutivi dell' ambiente esistente, ai vincoli da essi posti. Non bisogna
pensare che siano di ostacolo; al contrario, sono essi a rendere la creativita'

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/creativita.htm (3 of 7) [19/08/2003 22.54.02]


Creativita' questa sconosciuta - Amadeux - Marco Stefanelli subliminal... - subliminale subliminal alpha relax rilassamento binaurali binaural

possibile. E' la combinazione tra vincoli e imprevedibilita', tra familiarita' e


sorpresa che fa balenare il lampo creativo. Ogni sistema di pensiero, infatti,
definisce il campo delle alternative possibili a priori. Per andare oltre, bisogna
stravolgerlo. Lo sforzo di ripensare gli elementi dell'ambiente per superarli
produce il pensiero originale, quel pensiero che non puo' essere spiegato con le
regole precedenti perche' le sconvolge, le nega.
Potremmo dire che la differenza tra Mozart e un musicista qualunque e' data
dalla migliore conoscenza delle caratteristiche strutturali del contesto.....

(Per un approfondimento: http://shr.stanford.edu/shreview/4-2/text/boden.html)

Per noi miseri mortali la questione sembra diversa. Non dobbiamo scoprire se si
puo' andare indietro nel tempo o cosa mai c'entrino i lombrichi con l'evoluzione
naturale. Un buon esempio e' il sistema di produzione giapponese. Il sistema
produttivo tradizionale, fondato sulla produzione in sequenza per reparti, produce
fisiologicamente giacenze di semilavorati? Anziche' insistere in questa direzione,
stravolgiamo tutto. Non facciamo partire gli input dalla fabbrica ma dal cliente.
Non teniamo scorte. Organizziamo la produzione in parallelo, piu' che in
sequenza. Funzionera'? Notate che si e' partiti dai vincoli posti dal vecchio
sistema, i semilavorati.
Certo non e' la relativita' ristretta.
Ma comunque sempre di idee innovative si tratta. E, se ci sono poche speranze di
avere un Einstein in azienda, si puo' far qualcosa perche' l' ambiente non soffochi
ma stimoli le doti dei nostri normodotati (si spera) lavoratori. La creativita' e' un'
abilita' (una serie di) presente in piu' o meno tutte le menti , ma puo' essere
disturbata da condizioni particolari. La paura delle critiche, la mancanza di
autostima possono impedire a qualcuno di sostenere un' idea innovativa che
inizialmente, com' e' ovvio, si scontrera' contro stereotipi e resistenze al
cambiamento. Lo stress e' un altro fattore condizionante in negativo. Non si
possono produrre innovazioni sotto pressione.
Essere troppo coinvolti in un problema impedisce di guardarlo col necessario
distacco, di giocare con i suoi elementi costitutivi come un bambino farebbe,
stravolgendoli. La routine, ma soprattutto idee e convinzioni troppo radicate
impediscono al pensiero divergente di fluire. Non bisogna permettere alle
convenzioni di sembrare intoccabili.
Puo' essere utile seguire alcuni semplici accorgimenti: darsi degli obiettivi
misurabili; stabilire criteri per rilevare il raggiungimento degli stessi; celebrare i
progressi.

(http://www.ozemail.com.au/~caveman/Creative/Basics).

Per essere apprezzabilmente creativi si deve avere una mente aperta agli stimoli
piu' disparati, anche e soprattutto quelli che provengono dal di fuori del proprio
campo di studio. Chi ha interessi molteplici ha piu' possibilita' che questi differenti
stimoli si ricombinino nella sua mente a produrre, se non un colpo di genio,
almeno qualche novita' utile. Rilassare la mente e' quindi fondamentale: hobby,
sport, svaghi ricaricano una mente produttiva. Ma in particolare (mai consiglio fu
piu' gradito, immagino…) non bisogna lavorare troppo. Una mente super
impegnata non e' creativa. La creativita' ha bisogno di ridondanza, di risorse
mentali inutilizzate, di tempo per vagare in cerca di quel qualcosa. Non si puo'
essere creativi per contratto dalle 15.00 alle 15.45. Anche per questo, la posizione
organizzativa ideale e' quella di staff o di line strategica. Una direzione per
obiettivi, che garantisce maggiore discrezionalita' e autogoverno di tempi e
metodi, sembra essere piu' funzionale allo scopo.
Spesso le organizzazioni si dotano di "creativi", persone alle quali viene assegnato
il ruolo di innestare creativita'. In questo modo si tutelano dalla destabilizzazione
che la creativita' potrebbe generare, pur promuovendola esplicitamente. Ma non

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/creativita.htm (4 of 7) [19/08/2003 22.54.02]


Creativita' questa sconosciuta - Amadeux - Marco Stefanelli subliminal... - subliminale subliminal alpha relax rilassamento binaurali binaural

e' questo il modo corretto di procedere. L'obiettivo deve essere riorientare il modo
in cui l' individuo affronta i problemi.
I modelli cognitivi prevalenti in un individuo dipendono in gran parte dal sistema
premiante cui e' sottoposto. Chi e' sottoposto a modelli premianti convenzionali e
prescrittivi avra' un atteggiamento diverso da chi e' stato premiato per
l'originalita' del suo comportamento. Gli ambienti lavorativi , attraverso il sistema
premi/punizioni, possono influenzare la propensione degli individui verso l'attivita'
creativa. L'azienda deve orientare alla creativita', addestrare e motivare i
dipendenti a mobilitare tutte le proprie risorse nella risoluzione di un problema:
imparare ad usarsi appieno.

Vari passi pratici possono essere compiuti per creare un ambiente favorevole
(http://www.fastcompany.com/11/domains.html):

E' importante che tutti sappiano quali sono le conoscenze condivise, per evitare
sforzi inutili e migliorare il rendimento.
Bisogna scoprire i percorsi del processo creativo per eliminare tutti gli ostacoli,
senza riguardo per abitudini e usanze.

L'ambiente, fisico e psicologico, deve essere confortevole e funzionale. Si


governa l'ambiente, non le persone. Questo deve essere democratico piu' che
gerarchizzato, informale e rilassato.

La tecnologia puo' aiutare, ricordandosi che e' un mezzo e non un fine.

Si deve sviluppare una visione su cosa dovra' essere l'azienda, cercando poi le
modifiche ai comportamenti che possono spingere nella direzione voluta.

La creativita' probabilmente non si insegna. Si possono pero' creare condizioni


favorevoli perche' ognuno possa, nei limiti delle proprie possibilita', essere un
piccolo Darwin.
di Riccardo Pumilia - SDA Bocconi - (adattamento di Alan Perz)

Il cervello: due emisferi per una creatività


In precedenza abbiamo cercato di comprendere che cosa sia la creatività
giungendo alla conclusione (parziale) che essa rappresenta una particolare abilità,
posseduta da ogni individuo, che permette di “produrre qualcosa di nuovo”.
Nell’approfondimento di questo tema vogliamo continuare la nostra ricerca
esaminando la fisionomia e la fisiologia del cervello di un individuo impegnato in
uno sforzo creativo. Che cosa succede nella nostra mente quando cerchiamo una
soluzione innovativa? Esiste un’area del cervello “dedicata” alla produzione
creativa?

Il cervello è l’organo preposto al controllo e alla coordinazione di tutte le funzioni


vitali; nell'uomo adulto pesa circa 1300-1500 grammi e rappresenta 1/50 del
peso corporeo totale, a differenza di quanto accade negli altri mammiferi (1/214
nel cane, 1/350 nella pecora, 1/400 nel cavallo, 1/2000 nella tartaruga). Contiene
oltre 100 miliardi di cellule nervose, i neuroni, ognuna delle quali, attraverso le
sinapsi, segnali di tipo elettrochimico, entra in contatto con altre 100.000 cellule.
Il numero di contatti nervosi che si stabiliscono all’interno del nostro cervello è
elevatissimo: circa 1024, tale cifra, per dare un esempio, supera (con tutta
probabilità) la totalità dei corpi celesti presenti nell’universo. Da un punto di vista

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/creativita.htm (5 of 7) [19/08/2003 22.54.02]


Creativita' questa sconosciuta - Amadeux - Marco Stefanelli subliminal... - subliminale subliminal alpha relax rilassamento binaurali binaural

funzionale è possibile riconoscere nel cervello umano la sovrapposizione di tre


strati, preposti a differenti funzioni, apparsi progressivamente nella
trasformazione evolutiva dei vertebrati. Lo strato più antico, simile a quello dei
rettili, è specializzato nel controllo delle funzioni vitali quali la respirazione, il
battito cardiaco, la vigilanza, ecc. Il cervello arcaico, lo strato intermedio, regola,
invece, il comportamento emotivo-motivazionale e i meccanismi di rinforzo
psicologico, che rappresentano la base dell’apprendimento. La corteccia
celebrale, infine, la parte evolutivamente più recente, integra e coordina il
funzionamento di tutte le strutture nervose ed è la sede delle funzioni superiori
come l’intelligenza razionale, i processi di memoria e l'attività linguistica.

Queste prime informazioni ci fanno già intuire la complessità della personalità


umana che contiene, al suo interno, i differenti comportamenti dei vertebrati: dai
più antichi, dominati dall’istintività e dall’emotività, ai più recenti, basati sui
processi di ragionamento.

La corteccia cerebrale, caratteristica del solo genere umano, si presenta suddivisa


in due parti uguali e simmetriche: l’emisfero destro e l’emisfero sinistro. Tali
metà, sebbene appaiano molto simili dal punto di vista anatomico, svolgono
compiti tanto differenti quanto complementari. Funzionano secondo un sistema
crociato: l’emisfero sinistro coordina la parte destra del corpo, mentre quello
destro controlla l’emisoma sinistro. La connessione tra le due parti è assicurata
dal corpo calloso, una formazione fibrosa, che permette alle informazioni
sensoriali di raggiungere entrambi gli emisferi. Grazie a numerosi studi su pazienti
affetti da malattie croniche o vittime di incidenti, è stato possibile scoprire alcune
peculiarità delle due metà del cervello. Nella seconda metà dell’Ottocento, Broca,
medico francese, analizzando individui con notevoli difficoltà nell’espressione
linguistica, notò che tali pazienti presentavano, nella maggior parte dei casi, danni
all'emisfero sinistro e, più precisamente, al lobo frontale. La sua teoria che il
centro del linguaggio si trovasse nell’emisfero sinistro fu confermata dall’esame di
soggetti cosiddetti “Split Brain” (cervello diviso), i quali, a causa di gravi
malattie, avevano subito la separazione chirurgica delle due metà del cervello.
Broca mostrava a questi pazienti alcuni oggetti posti prima nel campo visivo
destro e successivamente in quello sinistro, chiedendo loro di descrivere ciò che
vedevano. Quando l’oggetto si trovava nel campo visivo destro, la sua proiezione
avveniva nell’emisfero sinistro (sede del linguaggio) ed il soggetto era capace di
indicarne facilmente il nome; quando, invece, l’oggetto era mostrato all’occhio
sinistro, il paziente non era in grado di nominarlo. Lo studioso francese, per
comprendere se tale incapacità nomenclatoria dipendesse da fattori visivi o
linguistici dell’emisfero destro, escogitò un nuovo esperimento. Proiettò nel campo
visivo sinistro l’immagine di una ragazza nuda; la reazione emotiva del giovane
paziente rivelò che aveva chiaramente riconosciuto l’immagine, anche se non era
in grado di nominarla. L’emisfero destro sembra, quindi, processare le
informazioni che gli pervengono, in base a criteri differenti (ed antitetici) rispetto
all'emisfero sinistro.

L’équipe guidata dal prof. Sperry, neurofisiologo premio Nobel per la medicina,
ha approfondito negli anni ’50 gli studi sul cervello, confermando la
“specializzazione emisferica”; da vari esperimenti è risultato che l’emisfero destro
elabora i dati in modo rapido, spaziale, non verbale, sintetico e globale. L'emisfero
sinistro, al contrario, analizza i particolari, scandisce lo scorrere del tempo,
programma, svolge funzioni verbali, di calcolo, lineari e simboliche. Le differenti
funzioni svolte dai due emisferi, devono, ovviamente, integrarsi a vicenda,
permettendo così di percepire ed elaborare la realtà nella sua completezza. Un
soggetto che osserva un arbusto, ad esempio, può, grazie all’emisfero sinistro,
riconoscere il tipo di albero e, grazie all’emisfero destro, percepire di trovarsi in

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/creativita.htm (6 of 7) [19/08/2003 22.54.02]


Creativita' questa sconosciuta - Amadeux - Marco Stefanelli subliminal... - subliminale subliminal alpha relax rilassamento binaurali binaural

un bosco.

La cultura occidentale e il conseguente sistema educativo (e lavorativo) tendono a


prediligere l’impiego e lo sviluppo dell’emisfero sinistro, trascurando, il più delle
volte, quello destro. Gli esercizi più frequentemente posti ai ragazzi, infatti,
rappresentano problemi a soluzione chiusa, che richiedono abilità di calcolo e
ragionamento, coinvolgendo molto raramente (per non dire mai) l’intuizione e
l’immaginazione. L'emisfero destro, invece, sembra rivestire un ruolo centrale
nella genesi degli atti creativi: grazie all’impiego delle sue qualità riusciamo,
infatti, a “rompere” gli abituali schemi di pensiero ed avventurarci in territori
sconosciuti. Non è corretto, tuttavia, pensare che l’emisfero destro costituisca
l’esclusiva localizzazione della creatività; l’atto creativo, come più volte accennato,
è un processo complesso che richiede un’equilibrata interazione ed integrazione
delle abilità peculiari di entrambe le parti del cervello. Quando ci impegnamo a
“risolvere” un esercizio creativo il nostro cervello cerca di seguire le connessioni
“già sperimentate” (i percorsi conosciuti), che altre volte hanno permesso di
raggiungere la soluzione. Grazie ad uno sforzo creativo (o semplicemente dopo
alcuni tentativi falliti), il cervello comincia ad “allargare” il campo d’azione
stabilendo sinapsi “marginali”, “divergenti”, riuscendo a creare percorsi cognitivi
inesplorati. La prossima volta che nel nostro ambito lavorativo, ricreativo o
familiare, ci verrà posto un problema che richiede una soluzione innovativa,
cerchiamo di lasciar correre liberamente le sinapsi, proviamo ad immaginare,
senza alcuna censura, tutte le possibili alternative e … la soluzione non dovrebbe
tardare!
di Giovanni Lucarelli - SDA Bocconi - (adattamento di Alan Perz)

Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Il progetto e la tecnica "HRM"

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio nel rispetto delle normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa
(Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/creativita.htm (7 of 7) [19/08/2003 22.54.02]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links | Amadeux info

Demo #A9
Questo file MP3 demo che vi proponiamo rappresenta un esemplare di
"traccia per l'incremento della Creativita' subliminale con infrasuoni
Theta e HRM".

Si tratta di un esclusivo file MP3 (durata 1'00" - 1,00 Mbytes), che racchiude in sé
delle sonorità Theta, Alpha, Beta, battiti binaurali, tecnica HRM e una musica di
sottofondo, appositamente studiati per incrementare e facilitare la Creativita' e
l'Intuizione.

COME ASCOLTARE IL FILE

● Trovate un posto comodo, dove nessuno vi disturberà e dove potrete


restare tranquilli

● Riducete la luce e create un'atmosfera calma.

● Allentate tutti gli indumenti che vi stringono.

● Scegliete una posizione comoda.

● Utilizzate, se possibile, una cuffia stereo.

ascolto >> MS-EMILY1.MP3 su lettore Plug-in


Plug-in MP3 richiesto/required (tutti gli utenti)

ascolto >> MS-EMILY1.MP3 su lettore ActiveX


ActiveX MP3 richiesto/required (solo utenti Windows)

download >> MS-EMILY1.MP3 (1'00" - 1,00 Mb)

Dati streaming: Bitrate = 128Kbps - Freq. campionamento = 44,1Khz


Il brano contenuto nel file "ms-emily1.mp3" e' Copyright (C) 2001-2003 Amadeux
Multimedia.
Vietata la vendita e qualsiasi tipo di utilizzo commerciale.

(Questa traccia demo puo' non avere il 100% di induzione essendo un estratto
dell'intero brano)

Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa9.htm (1 of 2) [19/08/2003 22.54.05]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio citati.
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997-2003 Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa9.htm (2 of 2) [19/08/2003 22.54.05]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links | Amadeux info

Demo #A10
Questo file MP3 demo che vi proponiamo rappresenta un esemplare di
"traccia per l'incremento dell' Attenzione vigile subliminale con
infrasuoni Beta e HRM".

Si tratta di un esclusivo file MP3 (durata 1'00" - 0,66 Mbytes), che racchiude in sé
delle sonorità Beta, battiti binaurali, tecnica HRM e una musica di sottofondo,
appositamente studiati per incrementare e facilitare l'Attenzione vigile e lo Stato
di allerta.

COME ASCOLTARE IL FILE

● Trovate un posto comodo, dove nessuno vi disturberà e dove potrete


restare tranquilli

● Riducete la luce e create un'atmosfera calma.

● Allentate tutti gli indumenti che vi stringono.

● Scegliete una posizione comoda.

● Utilizzate, se possibile, una cuffia stereo.

ascolto >> MS-NWORLD1.MP3 su lettore Plug-in


Plug-in MP3 richiesto/required (tutti gli utenti)

ascolto >> MS-NWORLD1.MP3 su lettore ActiveX


ActiveX MP3 richiesto/required (solo utenti Windows)

download >> MS-NWORLD1.MP3 (1'00" - 0,66


Mb)
Dati streaming: Bitrate = 96Kbps - Freq. campionamento = 44,1Khz
Il brano contenuto nel file "ms-nworld1.mp3" e' Copyright (C) 2001-2003 Amadeux
Multimedia.
Vietata la vendita e qualsiasi tipo di utilizzo commerciale.

(Questa traccia demo puo' non avere il 100% di induzione essendo un estratto
dell'intero brano)

Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa10.htm (1 of 2) [19/08/2003 22.54.07]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio citati.
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997-2003 Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa10.htm (2 of 2) [19/08/2003 22.54.07]


Ipnosi ed Autoipnosi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale website...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Forum | Mailing List

Ipnosi ed Autoipnosi

Ogni ipnosi e' essenzialmente


autoipnosi
(Cheek e LeCron,1968)

» Autoipnosi e terapia

L'ipnosi e' una tecnica studiata da M. H. Erickson e altri studiosi/ricercatori per


ottenere un "accesso" diretto del terapeuta alle piu' intime essenze del
subconscio.
Si tratta di uno stato di coscienza alterato provocato da una concentrazione
serrata su una o pochissime sollecitazioni (una luce, la voce del terapeuta, il
toccamento ecc.) cosi' da realizzare una monoideazione.

Il terapeuta e' la guida indispensabile per il raggiungimento della trance ipnotica


(tranne nei casi di autoipnosi che comunque richiedono un alto livello di
conoscenza della tecnica e che comunque non raggiunge mai livelli ipnotici molto
profondi) che e' la condizione di totale abbandono fisico contemporaneo ad una
predominanza del livello mentale a tal punto da arrivare, in condizioni
particolarmente profonde alla ideaplasia, cioe' il totale dominio del corpo da
parte della mente e il corpo fa quello e solo quello che la mente sta pensando).

Diversamente da quanto si creda tali fenomeni non sono paragonabili al sonno o


alla perdita di coscienza, perche' anzi il paziente e' in stato di veglia, ma alla
modificazione in cui tale veglia e' vissuta e partecipata: si e' svegli con un altro
stato di coscienza e di consapevolezza del proprio stato e delle propria condizione
psico-fisica.

In ipnosi le categorie mentali del tempo e dello spazio possono essere superate
cosi' che si ha la possibilita' di rivivere come presente condizioni di vita passate,
ma comunque memorizzate nel nostro cervello, in zone, diciamo cosi',
normalmente non accessibili ai comuni meccanismi percettivi del cervello in stato
di veglia normale.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ipnosi.htm (1 of 3) [19/08/2003 22.54.17]


Ipnosi ed Autoipnosi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale website...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

La stessa potenzialita' il cervello la realizza per creare e vivere situazioni di fatto


inesistenti o fantastiche: e' questa potenzialita' che terapeuticamente si sfrutta
per indurre la visualizzazione di situazioni positive in grado di sovrapporsi prima
e poi sostituirsi alle situazioni negative che hanno indotto e mantengono lo stato
di ansia, di insoddisfazione, di frustrazione, di disagio normalmente vissute dal
paziente come insuperabili.

Tali visualizzazioni, sempre aderenti a fatti concreti e desiderati dal paziente sono
di fatto un primo avvio, una spinta al superamento della difficolta' e fungono da
avvio per esperienze reali, concrete che non faranno altro che confermare la
suggestione positiva indotta dalla ipnosi: ne consegue che suggestione e realta'
si susseguono rinforzandosi a vicenda e ben presto la percezione positiva delle
proprie potenzialita' e dei propri successi sostituiranno nella mente, nel ricordo e
nel "autogiudizio" le valutazioni negative di impotenza risolutiva nei confronti dei
problemi.

L'Ipnosi - di Chiara Collizzolli


Molto diffusa in vari paesi, specialmente in Russia, viene utilizzata come metodo
di cura in molti campi, quali chirurgia, odontoiatria, ginecologia ed ostetricia, ma
soprattutto contro le malattie psicosomatiche, causate dallo stress eccessivo o da
meccanismi psicologici negativi.

Paura, ansia, insicurezza spesso sono campanelli d’allarme che possono


degenerare in attacchi di panico o altre manifestazioni incontrollabili.

L’ipnosi, inducendo una condizione psicofisica in cui cessa il controllo della parte
razionale sull’inconscio, aiuta ad entrare in contatto con la parte più profonda di
sé stessi.

L’inconscio diventa così estremamente ricettivo ai messaggi di guarigione inviati


dal terapeuta.

Anche a livello fisico si riscontrano dei mutamenti: il battito cardiaco rallenta, la


pressione sanguigna si abbassa, il respiro diventa più regolare…..c’è chi sostiene
siano analoghi quelli del sonno, chi invece ritiene che l’organismo rimanga
perfettamente sveglio.

In Italia, benché sia oggetto di studi universitari, l’ipnosi non ha ancora


pienamente conquistato dignità scientifica. Eppure vi sono molti casi documentati
di guarigione da diverse malattie, a volte anche con modalità piuttosto
…spettacolari.

Gli effetti prodotti dall’ipnosi non hanno ancora una vera e propria spiegazione
scientifica a parte il portare alla luce paure profondamente radicate nell’inconscio
che altrimenti si tradurrebbero in somatizzazioni; eppure l’ipnosi va ben oltre, con
risultati che inducono a pensare.
Qualche cenno storico

Incisioni rupestri risalenti a più di 30 mila anni fa testimoniano che l’ipnosi si


perde davvero nella notte dei tempi.
Era assai diffusa e ampiamente utilizzata presso i celti, gli incas, gli egizi, nonché
in India e in Mesopotamia.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ipnosi.htm (2 of 3) [19/08/2003 22.54.17]


Ipnosi ed Autoipnosi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale website...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Dopo secoli di oblio, venne riscoperta attorno al 1600. Spettacolare, e passato alla
storia, l’esperimento del medico e padre gesuita greco Athanasius Kircher:
davanti ad un pubblico composto da scettici accademici, ipnotizzò una gallina. una
linea Tracciò bianca con un gessetto sul piano in cui era stato posata e dimostrò
che la gallina rifiutava di muoversi perché convinta di essere stata legata.

Durante la prima guerra mondiale un medico inglese, William Brown, risolse con
successo più di settecento casi di paralisi agli arti dovuti a shock nervoso da
bombardamento.

Molto esperimenti hanno portato a risultati ai limiti dell’incredibile; il professor


Platanov, medico russo che allena gli astronauti, dopo aver fatto bere ad un
gruppo di volontari vodka in dosi assolutamente massicce, tali da ubriacare
praticamente qualsiasi essere vivente, ordinò loro di non risentire né durante la
trance né al risveglio di nessun sintomo di ubriachezza, cosa che puntualmente si
verificò.

Altri esperimenti testimoniano di persone che battono i denti convinte di stare ad


una temperatura polare in un giorno d’agosto, oppure vesciche da ustione che si
formano sulla pelle di persone ipnotizzate a frasi tipo ”adesso ti tocco con un ferro
incandescente”…….o anche un netto aumento della diuresi in persone a cui erano
stati fatti bere molti bicchieri d’acqua….vuoti!

Una domanda di carattere etico di cui si è spesso discusso è se mediante l’ipnosi


sia possibile far compiere atti negativi quando non addirittura criminali.
Naturalmente, è stato anche dimostrato che vi sono soggetti più sensibili ed altri
più refrattari all’ipnosi stessa…ma la domanda rimane ancora un inquietante
interrogativo senza soluzione, almeno fino ad oggi.
Note: D.Law "guida alla medicina alternativa" ed. Mediterranee

Autoipnosi e terapia

Index Sub | Index Demo | Catalogo

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio nel rispetto delle normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa
(Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ipnosi.htm (3 of 3) [19/08/2003 22.54.17]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links | Amadeux info

Demo #A11
Questo file MP3 demo che vi proponiamo rappresenta un esemplare di
"traccia per l'incremento dell' Ipnosi subliminale con infrasuoni Alpha e
HRM".

Si tratta di un esclusivo file MP3 (durata 1'00" - 0,69 Mbytes), che racchiude in sé
delle sonorità Alpha, battiti binaurali, tecnica HRM e una musica di sottofondo,
appositamente studiati per incrementare e facilitare l' Ipnosi e l'Autoipnosi.

COME ASCOLTARE IL FILE

● Trovate un posto comodo, dove nessuno vi disturberà e dove potrete


restare tranquilli

● Riducete la luce e create un'atmosfera calma.

● Allentate tutti gli indumenti che vi stringono.

● Scegliete una posizione comoda.

● Utilizzate, se possibile, una cuffia stereo.

ascolto >> MS-IPNOTIC.MP3 su lettore Plug-in


Plug-in MP3 richiesto/required (tutti gli utenti)

ascolto >> MS-IPNOTIC.MP3 su lettore ActiveX


ActiveX MP3 richiesto/required (solo utenti Windows)

download >> MS-IPNOTIC.MP3 (1'00" - 0,69 Mb)

Dati streaming: Bitrate = 96Kbps - Freq. campionamento = 44,1Khz


Il brano contenuto nel file "ms-ipnotic.mp3" e' Copyright (C) 2001-2003 Amadeux
Multimedia.
Vietata la vendita e qualsiasi tipo di utilizzo commerciale.

(Questa traccia demo puo' non avere il 100% di induzione essendo un estratto
dell'intero brano)

Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa11.htm (1 of 2) [19/08/2003 22.54.22]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio citati.
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa11.htm (2 of 2) [19/08/2003 22.54.22]


Esperienze extracorporee - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale w...ndorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Forum | Mailing List

Esperienze extracorporee
(Oobe - Out Of Body Experience)

IL CORPO ASTRALE
EMOTIVO E LE SUE
FUNZIONI
di Giuseppe Bufalo (Edicolaweb)

Il corpo emotivo rappresenta il


condensato di tutte le
emozioni, desideri, passioni ed
appetiti presenti nella
personalità umana. In
Sanscrito è chiamato "Kama
Rupa", che letteralmente
significa "corpo del desiderio".

Attualmente è quello che


domina le masse ed il suo
sviluppo maggiore si ebbe ai tempi di Atlantide. Esso rappresenta il veicolo
d’esperienza per la maggior parte degli esseri umani, infatti, gran parte
dell’umanità trascorre la sua vita oscillando tra i due poli di quel corpo e cioè,
felicità o infelicità, coraggio o paura, soddisfazione o insoddisfazione.
Attraverso il corpo astrale, l’Anima incarnata sperimenta la vita e combattendo la
sua "battaglia" eleva e purifica i desideri. Durante la vita è possibile accrescere o
diminuire, indebolire o rafforzare, degradare o purificare il corpo emotivo. La
purificazione e la trasmutazione del desiderio conducono all’Aspirazione, che è
stata manifestata in maniera sublime dal Buddha e dal Cristo quando decisero di
aiutare l’umanità nel suo procedere. Esso è alla base dell’azione ed è ciò che
muove il Volere. Infatti, tra i detti Ermetici c’è una frase di profondo significato
esoterico che ben esprime il concetto: "Dietro al Volere sta il desiderio".

Sia che si protenda verso il bene che verso il male, è necessario che sia desto il
desiderio di compiere le azioni relative. Se i desideri sono rivolti principalmente ad
obiettivi animaleschi, l’uomo dedicherà la sua vita a soddisfarli non interessandosi
ne comprendendo altro. Se invece i desideri tendono verso le comodità e la
felicità transitoria, avremo un individuo sensuale, amante del bello e del piacere;
costui impiegherà la sua vita in maniera egoistica.
Si avranno allora desideri buoni, mediocri o cattivi, fino a che le energie astrali del
desiderio non siano indirizzate verso la spiritualità. Il desiderio, allora, si

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/oobe.htm (1 of 6) [19/08/2003 22.54.46]


Esperienze extracorporee - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale w...ndorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di

trasmuterà in aspirazione.
Il corpo emotivo, con i suoi desideri e passioni, plasma il corpo fisico tramite la
"Grande Legge d’Attrazione", esaudendone le sue richieste.
In effetti, l’uomo è la rappresentazione fisica dei suoi desideri.
Le più comuni manifestazioni astrali sono: paura, depressione, euforia, desideri
animaleschi, desiderio di felicità, desiderio di liberazione ed Aspirazione, che
rappresenta la trasmutazione del desiderio.
L’energia astrale necessaria alla costituzione del corpo emotivo individuale, è
tratta dall’Infinito Tutto, ma la sua qualità corrisponde al grado evolutivo
raggiunto dall’uomo in quel periodo. Esso rappresenta un limite nell’esperienza
esistenziale, ma allo stesso tempo può essere dominato e purificato dal corpo
Mentale e dall’Anima.
Nel corpo astrale si trovano i corrispondenti dei chakra eterici attraverso i quali
affluiscono le energie necessarie al corpo eterico.

Nell’affrontare quest’enorme soggetto, bisogna ricordare che gli agenti emotivi,


quali la disperazione, l’angoscia, la depressione sono ostacoli sul Sentiero
evolutivo dell’uomo, e che la loro formazione è dovuta alla "Maya", l’Illusione del
piano astrale, e che il loro dissolvimento è legato al riconoscimento dell’uomo
come "Essere Immortale", nonché, al governo della mente, per mezzo della quale
si potranno dominare e trasmutare le energie astrali.
Il processo di purificazione inizia sulla Via della prova e impone una calma
interiore che può ottenersi attraverso la meditazione sulle figure di coloro che si
sono realizzati: Cristo, Buddha, Krishna ed altri Grandi Maestri.
Attraverso la calma delle emozioni ed il controllo del desiderio, avviene il
riorientamento della parte emotiva e la sua purificazione. Il corpo emotivo è
impressionato dai desideri di tutte le specie e vibra ad ogni situazione che ne
stimola i suoi punti deboli. L’aspirante, tramite la meditazione ed il controllo,
cerca di inibire questo stato di cose, reagendo solo alle impressioni provenienti
dall’Anima. Egli lavora costantemente per purificare la sua natura emotiva,
rendendola calma e limpida, potendola così integrare nella personalità per un
maggiore e migliore servizio.
Attraverso una costante attenzione, l’aspirante controlla ogni movente che
giornalmente lo condiziona e attraverso il discernimento si allinea a quelli di
ordine elevato, scartando gli altri di natura inferiore.
La conseguente trasmutazione avviene quando il desiderio si trasforma in
aspirazione verso le realtà spirituali e la visione interiore, il terzo occhio, occupa
il posto di quella esteriore.
L’aspirante comprende così di essere una coscienza imprigionata nella materia e
la sua aspirazione tende verso la liberazione. Attraverso l’immaginazione
creativa l’aspirante evoca l’amore, che permette l’afflusso delle qualità dell’Anima
in tutta la sua completezza.
Tutto questo concentrato di immaginazione, mette il corpo emotivo al completo
servizio dell’Anima e dell’umanità.

Il punto fondamentale su cui si basa l’immaginazione è la creatività. Il movente


che guida l’immaginazione la indirizza verso la creazione ed esso fa riferimento a
ciò che cerchiamo di esprimere attraverso le conoscenze spirituali.
Ogni creazione deve prima essere immaginata nel mentale, poi caricata dalla
Volontà creativa, quindi indirizzata e sostenuta nella sua manifestazione.
L’intuizione e la rivelazione sono i presupposti all’Immaginazione creativa
giacché si immagina ciò che intuitivamente ci perviene dall’Anima, per poi crearlo.
La meditazione ci aiuta a sviluppare l’immaginazione creativa focalizzando le
intuizioni che poi vanno approfondite attraverso la contemplazione.
Il discernimento è fondamentale anche in questo caso per riconoscere quando le
immagini create nella nostra mente sono in sintonia con le qualità dell’Anima o

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/oobe.htm (2 of 6) [19/08/2003 22.54.46]


Esperienze extracorporee - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale w...ndorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di

con la personalità, potendo così purificarle dall’illusione e dall’annebbiamento.


Attraverso il distacco, la natura emotiva può essere meglio integrata nella
personalità; ciò vuol dire, prendere le dovute distanze da ciò che può portare
pena o sofferenza al corpo emotivo/astrale, riconoscendo e tollerando quelle
manifestazioni senza però che esse siano causa di limitazioni o che possano
condizionare l’evoluzione dell’aspirante.

LA DINAMICA BASILARE DEI "VIAGGI


ASTRALI"
di Antonio Bruno (Edicolaweb)

Sono molti, più di quanto non si pensi, coloro


che sperimentano, durante svariate occasioni
riconducibili genericamente all'allentamento
dell'attenzione ordinaria psicofisica verso il
mondo esterno.

Non possiamo ancora stilare una sorta di


"protocollo operativo" che consenta a tutti di
effettuare i cosiddetti "viaggi astrali" seguendo
determinate procedure: sono troppi i fattori
soggettivi ed imprevedibili, sebbene sia
indubitabile che esistano degli elementi
comuni a questo genere di esperienze.
Innanzitutto, bisogna considerare la questione
di "cosa" siano queste esperienze e se hanno
una sorta di "percorso facilitato" attraverso il
quale prodursi. Ritengo che si tratti di un
emergere del "territorio di nessuno", ovvero una regione al confine fra lo stato
fisico di veglia ordinaria e quella in cui i normali parametri con cui ci si relaziona,
appunto, a questa nostra vita ordinaria (quindi essenzialmente sensoriale e
materiale) vanno sfumando, affievolendosi, per lasciar trapelare un modo diverso
e pur nostra peculiarità ancestrale, di rapportarci alla percezione di altri stati
d'esistenza.

L'esoterismo e l'occultismo sono coscienti di questa realtà da sempre. Quello che


cambia, per inevitabili ragioni culturali, sono i termini e, a volte, anche gli ambiti
in cui inscrivere le esperienze in oggetto. Ma la sostanza dei fatti non cambia.
Dunque, se queste incursioni generalmente spontanee nel "territorio di nessuno"
accadono da sempre, penso che sia opportuno non solo evitare di sottovalutarle
con becera sufficienza solo perché non rientrano nei canoni di sperimentazioni
scientifiche che si pretenderebbero il non plus ultra di quanto proceduralmente ed
epistemologicamente l'uomo di scienza possa escogitare per studiare i fatti
sconosciuti, ma anche approfondire un approccio attento ed analitico alle varie e
numerosissime esperienze che si registrano in una vastissima fetta dell'intero
genere umano.

Se noi chiediamo ad un gruppo di persone se abbiano mai avuto, nel corso della
loro esistenza, una qualche forma di esperienza similare ai "viaggi fuori dal
corpo", vedremo sicuramente che la percentuale di chi risponde
affermativamente è piuttosto elevata, sicuramente al di sopra del 50%. E se
l'ignoranza sulle vere caratteristiche di un autentico "spostamento in astrale", o
"uscita", sono ben poco conosciute nella nostra cultura comune e, quindi, sono
facili travisazioni e suggestioni, è altrettanto vero che le descrizioni di un gran

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/oobe.htm (3 of 6) [19/08/2003 22.54.46]


Esperienze extracorporee - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale w...ndorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di

numero di persone che ritengono di avere avuto esperienze di questo genere


collimano sorprendentemente in molti punti. E non si può pretendere di
relegare il tutto a dinamiche psicofisiche nascenti da pure reazioni neuronali o da
psichismi soggettivi. Pretese di questo genere, infatti, non raramente avanzate da
coloro che restano aggrappati a schematismi di uno scetticismo-religione che ha
ben poco a che vedere con la vera scienza, sono più inverosimili, e spesso
inapplicabili scientificamente, di chi esprime una visione "alternativa", per
quanto innovativa, di determinati processi dell'io.

Ecco un primo elemento da considerare: il panico, la paura.


Ci si sente, all'improvviso, come in balìa di uno stato imprevisto, che ci
padroneggia e che sembra volerci trascinare, pur restando coscienti, in qualche
altra situazione esistenziale. Qui si innescano già le prime reazioni fisiologiche
(molte delle quali, del resto, naturali di fronte alla paura improvvisa): sudorazione
fredda, tremolio, senso di soffocamento e panico crescente con conseguenze
anche sul ritmo cardiaco. Spesso, ci sono anche altri elementi comuni
d'esperienza, rilevati da chi è coinvolto in queste fenomenologie: la preventiva
sensazione di formicolio, una sorta di paralisi progressiva degli arti; insomma, in
parole sintetiche, la graduale perdita del proprio controllo con la funzionalità
motoria. Si potrebbe dire che il cervello perde comunicazione con il sistema
motorio, appunto. Mi viene in mente quando, ogni tanto, sullo schermo del mio
personal computer appare il messaggio "Il computer ha perso la comunicazione
con la stampante". Difficilmente, chi prova questi stati riesce a descriverli con
parole adeguate.

Ma, e qui viene la parte interessante, se il soggetto riesce a superare la prima


fase di sbandamento, con tutti i fattori che ho citato, ed è in grado di dimenticare
la paura per "lasciarsi andare", può accadere che entri in un "sonno" che sonno
non è ma semplicemente un altro modo di "dormire" e si fa un significativo salto
esperienziale: si sperimenta in prima persona il "sonno lucido" ed altre modalità
d'esistenza che possono fare a meno del corpo fisico. Inizia, a questo punto, tutta
una serie di eventi abbastanza varia di cui, normalmente, il soggetto non ha
alcuna esperienza e quindi, in un certo senso, subisce: spesso resta una sorta di
coscienza che non rende la persona inconsapevole di quanto sta accadendole ma,
piuttosto, ne fa una sorta di viaggiatrice sbalordita. Può accadere che si sentano
delle "voci", che si percepisca il proprio corpo fisico che si muove come un
qualcosa di "diverso", di "distaccato" dalla propria vera personalità. Può accadere
di soffermarsi ad esaminare dettagli ed aspetti della stanza in cui ci si trova o,
addirittura, di uscirne e vagare in altri ambienti o accanto ad altre persone. Si
conservano sensi come vista ed udito ma, logicamente, non nascono più dal corpo
fisico, che resta sul letto o laddove il fenomeno era iniziato. Insomma, si è
consapevoli di qualcosa che sembra un sogno ma che è molto, molto più
"partecipato" di un sogno.

Siete mai stati a Gardaland? Io sì. Vi porto, ogni anno, la mia bambina la quale mi
trascina in determinati giochi-attrazioni come tunnel, percorsi in grotte, montagne
misteriose, tunnel del mistero, e via dicendo. Tra l'altro, confesso che queste
attrazioni inquietano più me di mia figlia, ma tant'è: i bimbi d'oggi sono
"schermati" a forza di Play Station e videogame... Ad ogni modo, quando si entra
in questi tunnel, in queste attrazioni, si ha spesso l'impressione di essere come
trascinati in un'esperienza nuova, sulla quale non abbiamo alcun controllo. Alcuni
sembra proprio che ci "risucchino" chissà dove ed io provo una strana sensazione,
come di essere in balìa di eventi estranei completamente alla mia volontà.
Bene: a volte, pur con le dovute proporzioni, il cosiddetto "viaggio astrale", o
"uscita dal corpo", assumono caratteristiche molto simili. Ciò che ci spaventa, di
solito, è l'ineluttabilità, il senso improvviso di perdita di controllo su molte nostre

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/oobe.htm (4 of 6) [19/08/2003 22.54.46]


Esperienze extracorporee - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale w...ndorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di

funzioni entrando in quella specie di "Gardaland" che sono esperienze simili.

Cosa induce quello che non so definire meglio se non il nostro "doppio",
improvvisamente, ad "evadere" dal corpo fisico...? La questione è controversa.
Sembra che elemento determinante sia un preciso stato di onde cerebrali
verificatosi durante il sonno (e qui dovremmo parlare delle fasi pre-REM, REM,
ecc...), ma sembra, anche, che a volte concorra ad innescare le esperienze in
oggetto una qualche forma di psichismo, non esclusa la diretta volontà dei
soggetti. Esistono, cioè, delle vere e proprie "tecniche" per provare il viaggio
astrale e ne troviamo soprattutto presso le culture orientali o quelle di profonda
tradizione esoterico-mistica. L'impressione che ne ricavo, comunque, è che si
tratta di primi approcci: la motivazione religiosa o gli input spirituali sono solo uno
dei possibili "innesti" del fenomeno. Un altro potrebbe essere la curiosità, la voglia
di studiare questi eventi, la ricerca individuale di un proprio, personale progresso
percettivo.
Anche l'ansia, l'angoscia per esperienze nuove che stanno per essere affrontate
possono mettere in moto una "uscita in astrale". Come il caso di quel ragazzo
che, poco prima di iniziare un nuovo lavoro in un call center di Milano, la notte
"non sogna", ma "si reca" in quel call center, o almeno così crede, e ne vede tutti
i dettagli. Sogno o reale "spostamento"...? Di certo, non bisogna fare muro con
uno scetticismo improduttivo che taglia le gambe in partenza ad ogni possibile
esperienza. In una realtà, quale quella che io credo fermamente essere la nostra,
in cui pensiero ed eventi agiscono in stretta simbiosi, i pregiudizi e le impostazioni
psicologiche da essi nascenti sono dei veri e propri ostacoli, direi, dei "pali
energetici", se non avessi paura di essere confuso con astrattismi di vaga New
Age, che possono di fatto bloccare o far abortire una qualsiasi esperienza di
"uscita in astrale".

Il cosiddetto "sogno lucido" entra spesso nel dibattito sull'esperienza di uscita in


corpo astrale. In effetti, sembra che quest'altra esperienza onirica (ma siamo
sicuri che si tratti di onirismo o che, invece, non ci facciamo influenzare solo da
una definizioni sommaria e parziale in cui il termine "sogno" condiziona il vero
approccio al fenomeno?) sia strettamente legata alle dinamiche di "viaggio in
astrale": anche in questo caso, il soggetto ha la netta percezione che si tratta di
qualcosa di ben diverso dal sogno ordinario, quando la "stampante-cervello" è
diretta responsabile della vita onirico-inconscia e comunica regolarmente con la
coscienza ordinaria. Nel caso dei "sogni lucidi", vi è anche qui la
consapevolezza dettagliata di "spostarsi" nella stanza o in altri ambienti, di
vedere dei precisi dettagli, di udire particolareggiati discorsi di altre persone,
ecc... La correlazione c'è, va solo approfondita e studiata.

C'è un testo, un po' datato, che tuttavia mi sembra tutt'oggi perfettamente


consigliabile a chi si interessa di questa materia di ricerca. Si tratta di "I miei
viaggi fuori dal corpo", di Robert A. Monroe. L'esperienza di Monroe è così
descritta nel sito: http://www.viaggioastrale.it/libri/catalogo04.htm .
"Nel 1958 Robert Monroe, uomo d’affari della Virginia, cominciò a vivere quelle
esperienze che sarebbero dovute diventare leggendarie presso gli studiosi di
parapsicologia: senza volerlo e senza poterlo prevedere, Bob Monroe si trovò a
lasciare il suo corpo fisico e a viaggiare, per mezzo di un "secondo corpo" verso
luoghi del tutto estranei alla realtà fisica e spirituale della sua vita. Questo libro è
un avvincente rapporto sulla coraggiosa avventura del "fenomeno Monroe"
nell’ignoto, al di là dello spazio e del tempo, scritto dal protagonista. Una storia
narrata senza intermediari, documentata, che sfida il Lettore ad esplorare i limiti
del nostro Universo fisico e a meditare sul suo concetto della vita e della morte. E
per chi ama l’avventura e accetta la sfida dell’ignoto, l’Autore dà le istruzioni
pratiche per iniziare l’esaltante esperienza dei "viaggi astrali". In sostanza è

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/oobe.htm (5 of 6) [19/08/2003 22.54.46]


Esperienze extracorporee - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale w...ndorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di

questo un eccezionale avvenimento editoriale che scuoterà le fondamenta della


scienza e della stessa parapsicologia ortodossa, un volume che, per i suoi risvolti
umani e spirituali, non dovrebbe mancare in nessuna biblioteca."

Le critiche, naturalmente, non sono mancate nemmeno per Monroe, il quale,


comunque, ha fondato "The Monroe Institute" (
http://www.monroeinstitute.org ): istituzione che promuove l'evoluzione della
coscienza umana e lo sviluppo degli altri stati di consapevolezza. Ma Monroe non
è certo l'unico autore che tratta queste tematiche.
In conclusione, in merito ai cosiddetti "viaggi astrali", si ha la netta impressione
che si tratti di eventi quanto mai stimolanti, quel balzo conoscitivo verso nuovi
scenari della consapevolezza rivolti soprattutto a quel "microcosmo" che è l'

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/oobe.htm (6 of 6) [19/08/2003 22.54.46]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links | Amadeux info

Demo #A12
Questo file MP3 demo che vi proponiamo rappresenta un esemplare di
"traccia per l'incremento delle Esperienze extracorporee subliminali con
infrasuoni e HRM".

Si tratta di un esclusivo file MP3 (durata 1'00" - 0,81 Mbytes), che racchiude in sé
delle sonorità Theta, Alpha, Beta, battiti binaurali, tecnica HRM e una musica di
sottofondo, appositamente studiati per incrementare e facilitare Oobe, Sogni lucidi
e Viaggi astrali.

COME ASCOLTARE IL FILE

● Trovate un posto comodo, dove nessuno vi disturberà e dove potrete


restare tranquilli

● Riducete la luce e create un'atmosfera calma.

● Allentate tutti gli indumenti che vi stringono.

● Scegliete una posizione comoda.

● Utilizzate, se possibile, una cuffia stereo.

ascolto >> MS-ASTRAVEL.MP3 su lettore Plug-in


Plug-in MP3 richiesto/required (tutti gli utenti)

ascolto >> MS-ASTRAVEL.MP3 su lettore ActiveX


ActiveX MP3 richiesto/required (solo utenti Windows)

download >> MS-ASTRAVEL.MP3 (1'00" - 0,81


Mb)
Dati streaming: Bitrate = 96Kbps - Freq. campionamento = 44,1Khz - Stereo
Il brano contenuto nel file "ms-astravel.mp3" e' Copyright (C) 2001-2003 Amadeux
Multimedia.
Vietata la vendita e qualsiasi tipo di utilizzo commerciale.

(Questa traccia demo puo' non avere il 100% di induzione essendo un estratto
dell'intero brano)

Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa12.htm (1 of 2) [19/08/2003 22.54.52]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio citati.
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa12.htm (2 of 2) [19/08/2003 22.54.52]


Ansia e Depressione - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...i musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione inson

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Forum | Mailing List

Ansia e Depressione

L'ANSIA e lo
STRESS
del Dr. Prof. Robert
Westermeier

L'ansia e'
un'emozione
odiosa: quando la
sperimentiamo in
maniera intensa, ci
consuma. E' meno
simile alla
depressione, che si
instaura
lentamente, e piu'
simile alla rabbia, che si impadronisce di noi nel giro di pochi istanti. La
componente emotiva e' quella con cui siamo piu' famigliari: la sensazione di
apprensione, paura, fino al vero e proprio terrore. I sintomi fisici includono
l'aumento della frequenza cardiaca, respiro rapido, tremito, e perfino giramenti di
testa. Per natura, l'ansia e' intensa e rapidamente ingravescente.

Chiunque abbia conosciuto l'ansia conosce i deficit nel pensiero e nell'attenzione


che ad essa si accompagnano. L'ansia sembra causare automaticamente un
restringimento del campo di attenzione. Gli ansiosi dicono in genere di essere
"bloccati", di non riuscire a pensare. In realta', pensano a tutta velocita', ma
pensano solo a cio' che sta causando ansieta'! La quantita' di informazione che
puo' essere processata al cervello in un dato momento non e' infinita, e, quando
sono presenti forti emozioni, esse tendono a prendere il sopravvento, occupando
tutte le capacita' disponibili.
Per esempio, una persona afflitta da ansia da prestazione puo' essere talmente
consumata dalla preoccupazione, durante una conferenza, da dimenticarsi quello
che deve dire, anche se il soggetto della conferenza e' per lei una "seconda
natura".

Come per la depressione, le distorsioni cognitive hanno un ruolo fondamentale

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ansiadepressione.htm (1 of 11) [19/08/2003 22.55.31]


Ansia e Depressione - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...i musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione inson

nella genesi dell'ansia cronica.


Dal punto di vista cognitivo, l'ansia ha sempre a che fare con la vulnerabilita'.
Tipicamente, gli ansiosi sopravvalutano il potenziale pericoloso degli eventi e
sottovalutano la loro capacita' di farvi fronte.
Tornando all'esempio della persona affetta da ansia da prestazione durante una
conferenza, essa tende ad esagerare lo "scrutinio" da parte del pubblico ed a
sottovalutare le proprie capacita' oratorie.

"La signora in terza fila continua a guardare l'orologio: si sta annoiando a morte.
Tutti si stanno annoiando. Sto facendo un disastro." Questo tipo di distorsioni
naturalmente non fanno che perpetuare e peggiorare lo stato ansioso. Come nel
caso della depressione, l'ansia puo' precipitare in un circolo vizioso. L' ansia
genera sintomi fisici, che peggiorano le distorsioni del pensiero, che generano
nuovi sintomi fisici, eccetera. Questi sintomi fisici portano facilmente la persona
ansiosa a cercare una via di scampo, una qualche scappatoia.
Scegliendo la fuga, si genera un forte rinforzo negativo grazie alla rapida
diminuzione della sintomatologia ansiosa. Quindi, ogni volta che in futuro
insorgera' un attacco ansioso, la spinta verso il comportamento di
fuga/evitamento che ha funzionato in passato sara' sempre piu' forte. Per di piu',
il ciclo ansia/comportamento di difesa/evitamento possono rendere l'ansioso
letteralmente prigioniero.

L'ansia e' tipicamente un fattore precipitante di comportamenti adittivi. In


particolare, alcuni comportamenti sono perfetti per la situazione dell'ansioso, in
quanto hanno un effetto rapido e misurabile su uno, o piu' sintomi della sindrome
ansiosa. La riduzione di uno qualsiasi dei sintomi (fisiologici, emotivi o cognitivi)
indebolira' il circolo vizioso e finira' per diminuire anche tutti gli altri sintomi.
Molti comportamenti adittivi "consumano" le capacita' di pensiero, e quindi
riducono l'ansia.
In termini semplici, qualsiasi comportamento che distragga finisce per per avere
un effetto "benefico" sulla spiacevole sintomatologia ansiosa. L' alcol, per
esempio, ha un effetto diretto sull'attenzione: le persone molto concentrate su se
stesse, ipercritiche ed ansiose, spesso hanno problemi di alcolismo, in quanto
hanno scoperto che il bere permette di distrarsi da se stessi e dai propri problemi.

Diverse terapie si indirizzano alle tre classi di sintomi dell'ansia, fisiologici,


emotivi e cognitivi.
I farmaci ansiolitici inducono uno stato di sedazione che di fatto riduce i sintomi
fisiologici, permettendo al circolo vizioso di "sciogliersi". Le tecniche di
rilassamento fanno la stessa cosa. La terapia cognitivo-comportamentale
dell'ansia include sempre tecniche di rilassamento.
Imparare a rilassarsi e molto importante per l'ansioso, in quanto gli permette di
ridurre i sintomi senza bisogno di ricorrere a comportamenti adattivi di
evitamento/fuga. Altre forme di trattamento si occupano delle componenti
emotive. Ci sono farmaci che modificano il bilancio di neurotrasmettitori nel
cervello, agendo in particolare su quelli che si ritengono implicati nella genesi
dell'ansia.
Un modo particolarmente efficace per controllare l'ansieta' e' quello di modificare
il pensiero distorto che ne e' componente fondamentale. Le tecniche cognitive
sono molto utili, in quanto la loro pratica puo' diventare praticamente automatica.

Tra quelle che provocano ansia, la distorsione cognitiva piu' comune e'
l'"esagerazione catastrofica". Questo avviene quando il potenziale catastrofico di
un evento (in particolare un evento che avverra') viene esagerato. Pensieri
disastrosi, di "tutto o nulla" accompagnano quasi regolarmente l'attacco ansioso. I
pensieri catastrofici possono essere a proposito di eventi della vita, oppure, come

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ansiadepressione.htm (2 of 11) [19/08/2003 22.55.31]


Ansia e Depressione - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...i musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione inson

e' il caso del disturbo da attacchi di panico, a proposito del proprio stato di
salute (lo stato di agitazione e' visto come il prodromo o la manifestazione di una
malattia acuta e grave).
L'identificazione dei pensieri catastrofici e la loro modificazione puo' avere effetti
molto molto marcati sull'ansia, certamente altrettanto marcati che quelli delle
tecniche che si concentrano direttamente sui sintomi fisici o emotivi.

Per esempio, ho lavorato con un paziente che era stato disoccupato per un certo
periodo. Il giorno prima di un colloquio di lavoro venne da me in preda ad una
forte ansieta'. I suoi pensieri comprendevano affermazioni del tipo: "sono stato
senza lavoro per mesi... faro' una pessima figura durante il colloquio... non avro'
mai il lavoro... sara' orribile... non potro' sopportarlo... probabilmente e' meglio
che al colloquio non ci vada nemmeno".
Un dialogo di decatastrofizzazione, in questi casi, puo' avere un effetto molto
benefico. Nel caso specifico, l'ansia del mio paziente si ridusse notevolmente cosi'
che pote' sostenere il suo colloquio. Bisogna ricordare che decatastrofizzare non
significa solamente considerare l'evidenza contraria a predizioni completamente
negative, ma anche considerare quale sarebbe il problema reale se le predizioni
peggiori si dovessero avverare (in questo caso, non avere il posto).
Ecco che cosa ci siamo detti:

Terapeuta: allora, qual'e' il problema se non avra' questo posto?

Paziente: cosa vuol dire? Sarebbe orribile. Non so cosa farei.

T: cosa significherebbe il fatto di non avere questo posto?

P: che sono un buono a nulla. Uno scemo che nessuno assumerebbe mai.

T: mi pare che avesse detto che ci sono venti persone che hanno fatto domanda per questo posto.

P: si, e' vero.

T: allora tutti gli altri diciotto che non avrebbero il posto sarebbero degli idioti buoni a nulla.

P: no... credo di no...

T: perche'?

P: be', e' un posto difficile da avere, ci sara ' un sacco di competizione, con parecchia gente qualificata che
avra' fatto domanda.

T: e lei, che qualificazioni ha?

P: ho avuto una posizione nel marketing per dieci anni.

T: okay, allora qual'e' il vero motivo per cui lei non dovrebbe avere questo posto?

P: immagino che sia perche' c'e' un solo posto e qualcuno finira' per avere qualcosa in piu' degli altri.

T: se le cose stanno cosi', cosa succederebbe se non dovesse avere il lavoro?

P: almeno potrei capire che cosa ci si aspetta da qualcuno in questa posizione.

T: e poi?

P: poi probabilmente potrei fare domanda per un altro posto.

T: pensa che potrebbe farcela? Domani, dico...

P: si, credo di si. In effetti potrebbe anche essere un buon allenamento. E' un bel pezzo da quando ho fatto
un colloquio per l'ultima volta, un po' di pratica mi fara' bene.

In questo esempio, la decatastrofizzazione non solo ha portato ad una


diminuzione dell'ansia, ma anche ad una visione piu' positiva (e probabilmente ad

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ansiadepressione.htm (3 of 11) [19/08/2003 22.55.31]


Ansia e Depressione - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...i musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione inson

una migliore performance durante il colloquio). Discutere i passi necessari per


reagire nel caso lo scenario peggiore si verifichi e' molto diverso dal semplice
preoccuparsi. Chi si preoccupa, in genere, teme le conseguenze disastrose di un
certo evento, e spende enormi energie mentali nel cercare di evitare che questo
evento si verifichi. Decatastrofizzare significa considerare il caso peggiore, e
rendersi conto che vi si puo' far fronte. Se si riesce a convincersi che ce la si
potrebbe fare nel peggiore dei casi, tutti gli altri casi, automaticamente, diventano
gestibili.

Ma non e' tutto. Dopo aver compreso che si potrebbe far fronte anche alle
conseguenze peggiori, il livello di ansia diminuisce considerevolmente. Allora si
puo' prendere in considerazione anche il caso migliore, e, soprattutto, ci si rende
conto che sono gli scenari realistici, a meta' strada tra il tutto bene e il tutto male,
che hanno la probabilita' maggiore di verificarsi.
Cosi', essendosi calmati, avendo aperto quello che tecnicamente si chiama
"spazio cognitivo", si possono applicare alcune delle tecniche di disputazione di
cui abbiamo parlato nella depressione (vedi a seguito), come il chiedersi "dove
sono le prove che questa cosa orribile si verifichera'?" oppure "c'e' un modo piu'
equilibrato, meno "tutto o nulla" per considerare gli eventi?".
L'ultimo sintomo della sindrome ansiosa di cui si occupa la terapia
cognitivo-comportamentale e' il comportamento di fuga/evitamento. Fintantoche'
si utilizzano risposte maladattive di evitamento, il ciclo dell'ansia si perpetua.
L'esposizione agli stimoli ansiosi non e' mai piacevole, cosi' la terapia cognitiva fa
fare al paziente passi graduali, per evitare che egli sia sopraffatto ed abbandoni
gli sforzi di cambiamento.

E' importante pero' che i passi verso il cambiamento non siano troppo "facili": il
paziente deve imparare a tollerare un certo livello di ansia, e capire che
questo stato puo' rimanere tale (leggero o moderato) senza necessariamente
sfociare in un vero e proprio attacco di panico. La desensibilizzazione sistematica
e' una tecnica di esposizione graduale per il trattamento delle fobie, in cui si
insegnano al paziente tecniche di rilassamento e gli si fanno applicare queste
tecniche esponendolo a stimoli ansiogeni crescenti. Naturalmente, non si
incoraggia l'esposizione ad un livello di stimolo maggiore finche' il paziente non ha
imparato a gestire il livello precedente.

LA DEPRESSIONE
del Dr. Prof. Robert Westermeier

La depressione e' uno stato d'animo che puo' essere causato


da un'errata percezione - esageratamente negativa - del se' e degli eventi. I
pensieri negativi non sono l'unica causa della depressione: cambiamenti nella
biochimica dei neurotrasmettitori del cervello, fattori ereditari, eventi catastrofici
nell'esistenza dell'individuo possono tutti generare uno stato depressivo.
Comunque, quale che sia l'evento scatenante, la ricerca ha dimostrato che il
pensiero negativo e' sempre presente. E cio' che e' particolarmente insidioso
nella depressione e' che il pensiero negativo, lasciato incontrollato, precipita
automaticamente in una spirale di autopotenziamento che peggiora
drammaticamente lo stato depressivo.

Non e' difficile capire come funziona questo meccanismo. Il pensiero negativo

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ansiadepressione.htm (4 of 11) [19/08/2003 22.55.31]


Ansia e Depressione - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...i musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione inson

genera depressione, la quale aumenta la quantita' di pensieri negativi, i quali a


loro volta peggiorano lo stato depressivo. Gli altri sintomi della depressione
contribuiscono ad esacerbare il tono depresso dell'umore.
Consideriamo l'isolamento ed il fatto che il depresso generalmente si "ritira" dalla
vita di relazione. Allontanandosi progressivamente dagli altri, il depresso viene
distratto sempre meno dai propri pensieri negativi, ed ha sempre meno
esperienze che possano contraddire cio' di cui - in maniera distorta - e'
intimamente convinto. Di conseguenza la depressione peggiora. La depressione
causa anche quella che viene definita "anedonia", ovvero la perdita della
capacita' di provare piacere. Quindi il depresso ha la tendenza a trascurare le
attivita' piacevoli, che potrebbero invece migliorare il suo stato dell'umore.

Anche le caratteristiche che definiremmo "sociali" sono influenzate dalla


depressione. I depressi tendono a curare meno il loro aspetto, ed il loro
"linguaggio del corpo" cosi' come il loro stile di comunicazione divengono ambigui,
sfiduciati, ed infine dichiaratamente negativi. I depressi vengono spesso evitati
socialmente in quanto averli attorno genera cattivo umore. E' chiaro come questo
fatto contribuisca a sua volta ad aumentare la depressione. Quindi, a differenza di
una ferita, in cui i sintomi (gonfiore, sanguinamento, eccetera) non contribuiscono
a peggiorare la patologia, i sintomi depressivi aggravano sostanzialmente e
prolungano la depressione.
Ma agire su questi sintomi e' possibile: combattere i sintomi significa
interrompere il circolo vizioso, migliorare lo stato depressivo ed elevare il tono
dell'umore.

Il pensiero negativo e' certamente uno dei carburanti della depressione.


Abbiamo gia' visto come, quando i depressi imparano ad identificare le distorsioni
cognitive ed a rimpiazzarle con interpretazioni piu' realistiche, la depressione si
riduce considerevolmente. Dobbiamo pero' ricordare che la terapia cognitiva si
indirizza anche agli altri sintomi della depressione, lavorando per ridurre
l'isolamento, aumentare le attivita' piacevoli, e migliorare le qualita' sociali. Per
fare questo bisogna spesso "mettere il carro di fronte ai buoi", vale a dire aiutare i
pazienti ad impegnarsi in attivita' che, visto il loro attuale stato depressivo, non
sembrano per nulla attraenti. La motivazione verso queste attivita' arriva solo
dopo che il paziente ha cominciato a farle.

Elimina le CAUSE della DEPRESSIONE


a cura di Silvia Cavalli, Luigi Colombo
e Uberto Zuccardi Merli

La depressione è in alcuni casi una reazione perfettamente adeguata, transitoria e


superabile, a certi eventi dolorosi della vita; in altri casi è legata ad una difficoltà
che la vita di oggi, con il suo carico di conflitti e tensioni, pone ad ogni persona.
La depressione è, in altri casi, la manifestazione esterna di un malessere più
profondo. La cura deve tenere conto del fatto che la depressione è una
espressione di un vissuto, è una forma di comunicazione, è un messaggio.
Nella depressione, infatti, c'è qualcosa che riguarda non il proprio cervello, ma la
propria vita. Si tratta di fare sì che la persona veda la propria vita come la
propria storia, cioè qualcosa di particolare a sé stesso, qualcosa che ha un senso e
un valore specifico.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ansiadepressione.htm (5 of 11) [19/08/2003 22.55.31]


Ansia e Depressione - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...i musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione inson

Il farmaco allora può tamponare una situazione di difficoltà; può intervenire


creando le premesse ad un lavoro psicoterapeutico; può rafforzare la fiducia del
soggetto in sé stesso, ma la causa può essere affrontata solo utilizzando il
proprio pensiero, solo iniziando un viaggio di riflessione sulla propria vita.
Ciò che va affrontato nella cura è il modo con cui la persona depressa affronta la
propria vita. La persona depressa affronta le scelte, le decisioni e le situazioni,
senza tenere conto dei propri veri desideri; la persona depressa sottovaluta il
valore dei propri desideri.
Nella cura allora sarà necessario riconsiderare questa modalità di relazione con la
vita, in modo da acquistare più sicurezza e autostima.
Può essere utile allora che il depresso incontri qualcuno in una posizione di
ascolto, come accade nei gruppi o nelle sedute individuali. L'ascolto può
permettere alla persona di imparare a confidare sulla propria capacità di
progettare e di scegliere, affrontando anche i rischi insiti nei progetti e nelle
scelte.

La persona depressa è in genere "bloccata", inibita nell'esprimere quei


sentimenti che sembrano mettere a soqquadro i rapporti personali, poiché si
tratta di emozioni vissute come potenzialmente in grado di rompere i rapporti di
affetto. Con la terapia può riuscire ad esprimere pensieri e sentimenti (che
possono coinvolgere anche i familiari) imparando a non avere paura ad esprimere
le proprie emozioni, ad esempio, la rabbia, l'aggressività, e la noia... La persona
depressa può allora imparare a non vedere nulla di terribile nell'espressione dei
propri sentimenti.

Che cos'e' la TERAPIA COGNITIVA? (cura della depressione)


del Dr. Prof. Robert Westermeyer

Il termine "cognitivo" e' correlato al concetto di "conoscere", "pensare". La terapia


cognitiva viene percio' definita come "trattamento psicologico dei pensieri".
In estrema sintesi, la terapia cognitiva si basa sull'assunto che i nostri pensieri,
cio' che crediamo, i nostri atteggiamenti e la percezione che abbiamo degli eventi
determinano in larga misura il tipo e l'intensita' delle nostre emozioni. La terapia
cognitiva e' stata introdotta alla fine degli anni cinquanta dal Prof. Aaron Beck,
come metodo di cura per la depressione. Il Prof. Beck ed altri ricercatori hanno
sviluppato metodi per applicare la terapia cognitiva ad altri problemi psichiatrici,
come il disturbo da attacchi di panico, i problemi di controllo dell'aggressivita' e
l'abuso di sostanze stupefacenti. Questa forma di terapia ha ricevuto conferme
considerevoli dalla ricerca clinica, specialmente riguardo alla depressione.

L'idea che i nostri pensieri possano influenzare le nostre emozioni non e' nuova.
In effetti, l'origine di questa teoria si puo' far risalire ai filosofi Stoici, in particolare
Epitteto, che scriveva "Gli uomini sono disturbati non dagli eventi, ma dalla
percezione che hanno di essi".
Facciamo un esempio banale, giusto per dare un'idea di quello di cui stiamo
parlando. Siete a letto e di colpo venite svegliati da un rumore in un'altra stanza.
Come vi sentite se il primo pensiero e': "un ladro e' entrato nell'appartamento"?
Ansiosi, certamente, magari sull'orlo del panico. Ora, immaginate che, svegliati di
soprassalto, vi ricordate che avete appena portato a casa un gattino, che fa
cadere tutto quello che c'e in casa. Come vi sentireste in questo caso? Irritati,
magari, ma non certo ansiosi.
La natura delle nostre emozioni e' determinata in larga misura dal modo in cui

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ansiadepressione.htm (6 of 11) [19/08/2003 22.55.31]


Ansia e Depressione - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...i musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione inson

pensiamo. Nell'esempio appena citato, l'emozione (paura o iritazione) era


unicamente conseguenza di come l'evento (rumore nell'altra stanza) veniva
interpretato.

La depressione e' una condizione che puo' essere generata da un'interpretazione


eccessivamente negativa degli eventi. Per esempio, immaginiamo che due
persone diverse si trovino confrontate alla fine di una relazione sentimentale. La
prima, concettualizza la relazione come la "prova" del suo valore di essere umano,
e di conseguenza interpreta la fine della relazione come la "prova" del fatto che
non vale nulla come persona e che, come ha sempre creduto, non e' "amabile". In
piu', pensa che la fine della relazione sia dovuta alle sue caratteristiche "non
amabili". La seconda persona vede la relazione come parte molto importante della
propria vita, ma non ritiene che un rapporto sentimentale rappresenti il simbolo e
la prova del suo valore e della sua amabilita'. Essa pensa che la fine della
relazione sia dovuta ad incompatibilita'. Quale di queste due persone ha piu'
probabilita' di avere un serio episodio di depressione, come conseguenza della
fine del rapporto?
La prima, giusto? La separazione veniva interpretata come conseguenza di un
difetto essenziale nel carattere, nella personalita', e, siccome il suo valore come
persona era contingente al fatto di avere una relazione, la separazione non faceva
che confermare la sua convinzione di non valere nulla, non essere amabile, ne'
desiderabile.
Pensieri di questo genere portano ad emozioni negative. come la depressione e
l'ansia. La seconda persona non pensava che la relazione non fosse importante.
Sicuramente si sara' sentita triste e frustrata, ma molto probabilmente non
sprofondera' nella depressione clinica. Questo, perche' la sua interpretazione della
separazione era realistica e non autopunitiva.

La depressione, clinicamente parlando, ha molte cause. Cambiamenti nei


processi biochimici del cervello possono causare depressione, cosi' come
fattori ereditari/genetici, o gravi eventi traumatici nella vita di un individuo.
Ma la ricerca ha dimostrato che, una volta instaurata la depressione, qualunque
sia la sua causa essenziale, tutti coloro che ne soffrono hanno una carattersitica in
comune: pensieri negativi. I depressi vedono il mondo, se stessi in relazione al
mondo e se stessi in relazione al futuro in maniera negativa. La terapia cognitiva
e' un trattamento concepito per aiutare le persone, prima ad identificare e
monitorare i loro pensieri negativi, e, poi, a modificare queste distorsioni
sistematiche, cosi' da pensare in maniera piu' realistica.
La ricerca mostra chiaramente che, quando i depressi imparano ad identificare i
pensieri automatici distorti ed a sostituirli con altri piu' realistici, la depressione
puo' essere sostanzialmente ridotta. Altri studi mostrano come, quando le persone
si abituano ad alterare i pensieri e le convinzioni negative, la probabilita' che
sperimentino nuovi attacchi di depressione diminuisce.

Ad alcuni questi concetti possono sembrare semplicistici. "Ma come - qualcuno


potrebbe pensare - sono stato depresso per anni, e voi state cercando di dirmi
che tutto quello che devo fare e' pensare positivamente e tutto passera'?"
Questa e' una reazione comune tra le persone che sentono parlare di terapia
cognitiva per la prima volta. Ma cerchiamo di chiarire alcuni punti fondamentali.
In primo luogo, anche se l'idea che siano i pensieri a determinare le emozioni e'
semplice, i problemi nell'interpretazione dell'informazione che stanno alla base
della depressione sono estremamente complessi. Volumi di ricerca sui difetti nel
richiamo dei ricordi, nell'attenzione, nella percezione e nelle strutture che il
cervello utilizza per processare le informazioni ci dicono che quello che avviene
nella mente di chi soffre di depressione e tutt'altro che semplice.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ansiadepressione.htm (7 of 11) [19/08/2003 22.55.31]


Ansia e Depressione - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...i musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione inson

Una delle cose che i ricercatori hanno scoperto (Franks, Wilson, Kendall &
Brownell, 1985) e' che il fatto di semplicemente "pensare positivo" non ha
conseguenze durevoli sullo stato depressivo. Anche se i depressi hanno pochi
pensieri positivi, sono i pensieri, le convinzioni e gli atteggiamenti negativi che
perpetuano la depressione. I pensieri negativi insorgono nei depressi in maniera
quasi totalmente automatica, spesso senza che le persone se ne rendano
conto. Perche' la terapia cognitiva sia efficace, i depressi devono imparare ad
identificare i loro pensieri automatici negativi, cosi' come le convinzioni errate che
hanno su se stessi, sul mondo e sul futuro.

I pazienti depressi devono anche imparare a disputare questi pensieri automatici


una volta che sono stati identificati. Quindi, a differenza del "pensiero positivo", la
terapia cognitiva insegna a pensare "non-negativamente". Non serve a nulla
ripetersi "Sono un fenomeno, sono grande, ho fatto un lavoro eccellente" quando
per la maggior parte del giorno i pensieri automatici dicono l'esatto contrario.
Per molti, questo significa acquisire nuove tecniche: osservare il flusso dei propri
pensieri, identificare convinzioni ed atteggiamenti, e rivedere il tutto alla luce
della ragione. Con la pratica, queste tecniche diventano una seconda natura, ed il
rischio di depressione grave diminuisce.
La terapia cognitiva, quindi, e' molto piu' educativa di altre forme non direttive di
psicoterapia. Ma la terapia cognitiva non e' una bacchetta magica. Perche' se ne
possa beneficiare, bisogna fare parecchio lavoro. In effetti, molti individui, affetti
da depressione lieve, o moderata, hanno avuto ottimi risultati semplicemente
tramite lo studio e l'applicazione in proprio dei principi della terapia
("biblioterapia"). Molti ottimi manuali di "self help" sono disponibili, purtroppo
quasi tutti in inglese.

La DEPRESSIONE secondo YOGANANDA


estratto da "L'Eterna Ricerca dell'Uomo" di Paramahansa Yogananda

Noi viviamo in una vetrina

In questo mondo voi vivete in una vetrina, e tutti gli altri vi guardano.
Non potete assumere pose artificiose; dovete vivere una vita naturale. E allora
perché non comportarvi in modo che gli altri possano prendervi come modello?
Perché non dovrebbero vedere la gioia nel vostro volto? Tutte le vostre buone
qualità vengono nascoste, dentro di voi, dal vostro umor nero.

Come gli altri osservano la vostra condotta, così voi studiate la loro.

Poiché osservate quelli che vi circondano, tendete a fare confronti e cadete in


preda ai malumori. Oppure divenite tristi per le infinite difficoltà che si incontrano
in questo mondo. Le "lune" sono spesso il risultato di influenze ambientali.
Ognuno di noi viene influenzato, in modo diverso, dal mondo che ci circonda. Ma
voi non dovete permettere a voi stessi di indulgere nel cattivo umore causato da
condizioni esterne.
Perché dovreste addossarvi gli effetti prodotti dal vostro ambiente? Alcuni
ricorrono alla depressione nel tentativo di evitare qualche problema.
Ma la depressione non è una via di scampo, né una valvola di sicurezza per le
emozioni. Ogni tanto, è naturale cadere nel malumore, ma non perseverate in
esso!

Ogni tipo di irritabilità ha una causa specifica che giace nella vostra mente
stessa. Per eliminare un cattivo umore dovete rimuoverne la causa.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ansiadepressione.htm (8 of 11) [19/08/2003 22.55.31]


Ansia e Depressione - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...i musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione inson

Ogni giorno si dovrebbe fare un'introspezione per capire la natura del proprio
umore e per vedere come correggerlo, se è dannoso. Può darsi che vi troviate in
uno stato d'animo d'indifferenza. Nulla vi interessa qualsiasi cosa vi si suggerisca.
E' allora necessario fare uno sforzo cosciente per creare qualche interesse
positivo. Guardatevi dall'indifferenza; essa ossifica il vostro progresso nella vita
paralizzando la vostra volontà.

Può darsi che il vostro malumore sia causato dal fatto che vi sentite scoraggiati
per una malattia, per la sensazione che non riacquisterete mai più la salute.
Dovete allora cercare di applicare le leggi del giusto vivere che portano a condurre
una vita sana, attiva e morale, e dovete pregare per aver maggiore fede nel
potere risanante di Dio.
Supponete, invece, che il vostro malumore provenga dalla convinzione che siete
un fallito e che non potrete mai avere successo in alcuna cosa.
Analizzate il problema e osservate se avete realmente fatto ogni sforzo possibile
per riuscire. Considerate il duro lavoro del presidente degli Stati Uniti. Egli deve
cercare di piacere a tutti i quarantotto stati, (al tempo in cui Paramahansaji fece
questa osservazione, Alaska e Hawaii non facevano ancora parte degli Stati Uniti)
e anche alle altre nazioni. C'è da stupirsi al pensiero che un uomo possa
comprendere e intraprendere tante cose. E poiché c'è tanta differenza tra la
capacità di lavorare di un uomo comune e quella che ha il presidente,
immaginiamo quanto maggiore debba essere la differenza tra la capacità del
presidente e quella di Dio, che è infinitamente più attivo! Dio dirige tutto
l'universo, fino al minimo dettaglio; e noi siamo fatti a Sua immagine. Perciò non
possiamo trovare scuse per il nostro mancato successo. Non temete il duro
lavoro, questo non ha mai fatto male a nessuno. Tuttavia, si deve imparare a
lavorare e a pensare con calma. Quando siete attivi con calma, potete
compiere qualsiasi cosa intraprendiate, perché la mente è chiara.

Le persone, in genere, non solo non lavorano con impegno sufficiente per
ottenere il successo, ma non mantengono la mente abbastanza attiva.
Passano troppo tempo a non pensare. Ciò è considerato rilassamento. Ma non è
così: nel vero rilassamento la mente è attiva in modo tranquillo, si può
riflettere su Dio, su una bella scena di pace, o su qualche esperienza piacevole.
Una calma attività mentale positiva è ravvivante. Eppure molte persone associano
erroneamente lo sforzo creativo alla fatica e vi si accostano con un atteggiamento
teso e nervoso.
I malumori fanno presa su una mente vuota

Pensare creativamente è il migliore antidoto contro i malumori. Questi stati


d'animo fanno presa sulla vostra coscienza quando siete in uno stato mentale
negativo o passivo. Il momento in cui la vostra mente è vuota è proprio quello in
cui vi "viene la luna", e quando ciò accade, il diavolo corre ad esercitare la sua
influenza su di voi. Perciò sviluppate il pensiero creativo. Ogni volta che non siete
attivi sul piano fisico, fate qualcosa di creativo nella vostra mente. Mantenetela
così occupata da non avere il tempo per darvi ai malumori.
Pensare creativamente è meraviglioso; è come vivere in un altro mondo. Tutti
dovrebbero sviluppare questa facoltà. Prima di venire qui, io difficilmente
predispongo una parola della mia conferenza, ma mi addentro nella coscienza del
soggetto che ho scelto, e la mia anima incomincia a dirmi cose meravigliose.
Quando pensate creativamente, non sentite, né il corpo, né le "lune", vi mettete
in sintonia con lo Spirito. La nostra intelligenza umana è fatta nell'immagine
della Sua intelligenza creativa che rende possibile ogni cosa; e se non viviamo in
questa coscienza, diveniamo un fascio di stati d'animo negativi. Pensando
creativamente noi distruggiamo tali stati d'animo e in questo modo troveremo le

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ansiadepressione.htm (9 of 11) [19/08/2003 22.55.31]


Ansia e Depressione - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...i musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione inson

risposte a tutti i nostri problemi e a quelli altrui.


I cattivi umori sono come un cancro: corrodono la pace dell'anima.

Ecco perché l'uomo soggetto ai cambiamenti di umore non riesce a liberarsi dei
suoi guai. Ricordate: per quanto ogni cosa possa esservi andata male, non avete
il diritto d'essere di malumore. Nella vostra mente potete essere vincitore. L'uomo
soggetto a cambiamenti di umore, quando è vinto, ammette la sconfitta; ma
l'uomo la cui mente rimane invitta, sia pure il mondo ridotto in cenere ai suoi
piedi, è sempre il vincitore.
Volete essere un prigioniero, o un conquistatore? Legandovi così strettamente ai
vostri stati d'animo, vi rendete incapace di continuare la battaglia della vita. Non
appena permettete ad essi di avviluppare la vostra mente, la volontà vi si
paralizza. I diversi cambiamenti di umore annebbiano il cervello, sminuendo la
facoltà di giudizio, cosicché i vostri sforzi vengono sprecati.
Gli stati d'animo negativi sono i freni sulle ruote del vostro progresso

Voi potete vincere i vostri malumori, per quanto terribili vi possano sembrare.
Dovete prendere la decisione di non cedere mai più a qualche stato d'animo
negativo; e se esso vi assale malgrado la vostra determinazione, analizzatene la
causa e fate qualcosa di costruttivo per eliminarla.
Non continuate a fare le cose in uno stato d'indifferenza, se questo è il vostro
atteggiamento, perché l'indifferenza è il peggiore di tutti gli stati d'animo.

In quei momenti, ricordatevi che non siete voi il creatore di voi stesso; Dio vi ha
creato, ed è Lui che governa l'universo per voi. Qualunque sia il vostro lavoro,
svolgetelo con entusiasmo, per Lui. Occupatevi di attività creative, perché Egli vi
ha dato un potere infinito. Come osate fare di voi stessi un essere mentalmente
fallito, solo per voler indulgere nei malumori che vi avvelenano? Liberatevi da
questi stati mentali distruttivi. Essi sono, in realtà, i freni sulle ruote del vostro
progresso. Finché non li rimuovete, non potete avanzare. Ogni mattina,
ricordatevi che siete figlio di Dio e che, quali che siano le vostre difficoltà, avete il
potere di superarle. Erede del cosmico potere dello Spirito, siete più pericoloso del
pericolo!

Un ragazzo intelligente non si prende la briga di lavorare su problemi semplici;


egli gode a sfidare quelli difficili. Molte persone, invece, vengono spaventate dai
problemi della vita. Io non li ho mai temuti, perché ho sempre pregato: "Signore,
possa il Tuo potere crescere in me. Mantienimi nella coscienza positiva che, col
Tuo aiuto, potrò sempre superare le mie difficoltà". Pensate a un problema in
modo costruttivo finché non riuscite più a pensare. Quando sto risolvendo un
problema, vado fino all'ennesima potenza per coprire tutte le possibilità che
portino alla soluzione, finché, onestamente, posso dire: "Ho fatto del mio meglio,
e questo è tutto ciò che posso fare". Poi lo dimentico.

Una persona che conserva nella propria coscienza la preoccupazione per un


problema diviene "lunatica". Evitatelo. Quando si presenta un problema, invece di
soffermarvi su di esso, pensate ad ogni possibile via d'azione per liberarvene. Se
siete incapaci di pensare, paragonate il vostro guaio specifico a quelli, simili, di
altre persone, e imparate dalle loro esperienze a discernere quali vie portano al
fallimento e quali conducono al successo. Scegliete le misure che sembrano
logiche e pratiche, e poi datevi da fare per porle in atto. L'intera biblioteca
dell'universo è nascosta dentro di voi. Tutte le cose che volete sapere sono dentro
di voi. Per portarle alla luce, pensate in modo creativo.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ansiadepressione.htm (10 of 11) [19/08/2003 22.55.31]


Ansia e Depressione - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...i musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione inson

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Come utilizzare questa musica

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio nel rispetto delle normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa
(Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ansiadepressione.htm (11 of 11) [19/08/2003 22.55.31]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links | Amadeux info

Demo #A13
Questo file MP3 demo che vi proponiamo rappresenta un esemplare di
"traccia subliminale per alleviare Ansia e Depressione con infrasuoni e
HRM".

Si tratta di un esclusivo file MP3 (durata 1'00" - 0,71 MBytes), che racchiude in sé
delle sonorità Theta, Alpha, Pink noise, battiti binaurali, tecnica HRM e una
musica di sottofondo, appositamente studiati per alleviare Ansia e Depressione.

COME ASCOLTARE IL FILE

● Trovate un posto comodo, dove nessuno vi disturberà e dove potrete


restare tranquilli

● Riducete la luce e create un'atmosfera calma.

● Allentate tutti gli indumenti che vi stringono.

● Scegliete una posizione comoda.

● Utilizzate, se possibile, una cuffia stereo.

ascolto >> MS-PARSIFAL.MP3 su lettore Plug-in


Plug-in MP3 richiesto/required (tutti gli utenti)

ascolto >> MS-PARSIFAL.MP3 su lettore ActiveX


ActiveX MP3 richiesto/required (solo utenti Windows)

download >> MS-PARSIFAL.MP3 (1'00" - 0,71


MB)
Dati streaming: Bitrate = 96Kbps - Freq. campionamento = 44,1Khz - Stereo
Il brano contenuto nel file "ms-parsifal.mp3" e' Copyright (C) 2001-2003 Amadeux
Multimedia.
Vietata la vendita e qualsiasi tipo di utilizzo commerciale.

(Questa traccia demo puo' non avere il 100% di induzione essendo un estratto
dell'intero brano)

Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa13.htm (1 of 2) [19/08/2003 22.55.41]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio citati.
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa13.htm (2 of 2) [19/08/2003 22.55.41]


Il fenomeno denominato "Effetto Mozart" e la Silent Sub Technology - ...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Links | Progetto e tecnica "HRM" | Forum | Mailing
List

L'Effetto Mozart
Il fenomeno denominato "Effetto Mozart" e la Silent Sub Technology

LA MUSICA COME ABILITA’ COGNITIVA

IL LINGUAGGIO MUSICALE

BIOLOGIA DEL PENSIERO MUSICALE

MUSICA E INTELLIGENZA SPAZIO-TEMPORALE

L'EFFETTO MOZART SECONDO PARSIFAL

L'EFFETTO MOZART SECONDO L'ALTRA MEDICINA

LA SILENT SUB TECHNOLOGY

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/effettomozart.htm (1 of 12) [19/08/2003 22.56.33]


Il fenomeno denominato "Effetto Mozart" e la Silent Sub Technology - ...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

RECENSIONI SULL'EFFETTO MOZART GRAFICI E DIAGRAMMI

DEMO SULL'EFFETTO MOZART

LA MUSICA COME ABILITA’ COGNITIVA

Sappiamo che la musica aiuta a strutturare il pensiero ed il lavoro delle persone


nell’apprendimento delle abilità linguistiche, matematiche e spaziali; soprattutto
l’intelligenza musicale influisce sullo sviluppo emotivo, spirituale e culturale più di
altre intelligenze. Meno risaputo è che la musica possa influenzare l’organismo
modificando lo stato emotivo, fisico e mentale: tale fenomeno viene
denominato "effetto Mozart".
Uno dei maggiori studiosi del suono dal punto di vista medico, Alfred Tomatis,
dichiara che "Mozart è un’ottima madre, provoca il maggior effetto curativo sul
corpo umano".
Lo ‘effetto Mozart’ riesce ad agire essenzialmente come tecnica psicologica nella
modificazione di problemi emotivi e può modificare le varie patologie di cui è
affetto l’essere umano: è un’eccellente tecnica di comunicazione ma anche un
aiuto ad altre tecniche terapeutiche.

Dr. Alfred A. Tomatis (1920-2001)

Prima di analizzare questo ‘effetto curativo musicale’ bisogna conoscere quali


processi psicologici si innescano nella mente musicale, che rapporto sussiste tra
musica e linguaggio e quali localizzazioni cerebrali sono specifiche delle abilità
musicali.
Specificamente, i problemi psicologici insiti nella comprensione musicale, vanno
affrontati in termini di processi cognitivi facendo riferimento all’opera di John
A. Sloboda, psicologo sperimentale: egli analizza la componente cognitiva insita
nella comprensione e nell’apprezzamento di un fatto musicale.
La sua attenzione è rivolta alle ricerche empiriche: analizza ciò che gli individui
riescono a compiere con la musica e non quello che dicono di fare. Viene studiato
il comportamento dei musicisti nella vita reale e non il comportamento che si
verifica in situazioni artificiose di laboratorio.
La psicologia dei processi cognitivi cerca di offrire un aiuto ai compositori per
capire le basi mentali della loro attività: comprendere e spiegare caratteristiche
fondamentali delle abilità musicali e dei meccanismi cognitivi insiti in esse.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/effettomozart.htm (2 of 12) [19/08/2003 22.56.33]


Il fenomeno denominato "Effetto Mozart" e la Silent Sub Technology - ...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Il cognitivismo di Sloboda si riferisce ad una modellistica dei processi cognitivi


in termini di rappresentazione delle conoscenze; sicuramente tale analisi
rappresenta sì, un’introduzione alla psicologia dei processi cognitivi ma, la musica
viene ad essere un pretesto per analizzare i processi cognitivi impiegati in tutti i
settori in cui l’uomo si trova a contatto con il mondo e, quindi, non solo
nell’ambito musicale.
Si comprendono le strutture utilizzate per rappresentare la musica; tale processo
di apprendimento è concepito in due fasi: prima fase è quella in cui si verifica
l’apprendimento in quanto in minoranza) in cui viene incoraggiata l’aspirazione ad
eccellere in una determinata abilità.
Quindi, secondo il Nostro autore, le abilità musicali si costruiscono sulla base
di capacità e tendenze innate: troviamo prima un insieme comune di capacità
primitive (nella nostra cultura occidentale, sino ai dieci anni di età, il processo
dominante è quello dell’acculturazione) poi subentra un bagaglio di esperienze che
la cultura fornisce , con la crescita, ai bambini (infatti sono fondamentali, per lo
sviluppo delle abilità musicali, sia l’ambiente familiare che quello scolastico).
Più i bambini sono esposti alla musica, prima di iniziare la scuola, e più
profondamente uno stadio di codificazione neurale li accompagnerà per tutta la
vita.
Successivamente subentra l’ influsso esercitato da un sistema cognitivo generale
in trasformazione: la capacità di insegnare ad un bambino ad ascoltare, a
prestare attenzione all’inflessione e a contestualizzare suoni e parole è stata
trascurata dalla società moderna; solo un ascolto attento e corretto consente di
accedere allo ‘Effetto Mozart’.

Jean Piaget, ne La naissance de intelligence chez l’enfant, asseriva che lo


sviluppo cognitivo vada spiegato, in parte, in termini di sequenza ordinata e
strutture cognitive generali; il tipo di apprendimento di cui siamo capaci a tutte le
età è dovuto al tipo di risorse cognitive che si posseggono, cioè le caratteristiche
generali del nostro bagaglio intellettuale a quell’età.
Il bambino non è in grado di compiere azioni padroneggiando determinati
concetti, perché non ha in sé alcune risorse cognitive per comprendere
determinati enunciati.
Bisogna stare attenti alla possibilità di scoprire delle sequenze invarianti di
sviluppo musicale; queste sequenze non dovrebbero tanto spiegare gli aspetti più
particolari del comportamento musicale, quanto i tipi di attività musicali che si
dovrebbero riscontrare alle varie età, in virtù delle capacità cognitive generali che
richiedono.
L’educazione vera e propria implica il fatto che l’individuo, istruito, compia uno
sforzo consapevole con lo scopo (scopo: condizione fondamentale
dell’apprendimento) di raggiungere degli obiettivi più elevati. E’ anche vero che,
l’uomo è biologicamente predisposto ad eccellere in abilità cognitive specifiche:
sussistono meccanismi per l’acquisizione di queste abilità.
Si può concludere affermando che, l’educazione sembra contribuire ad un
approfondimento delle conoscenze e ad un miglioramento dei risultati all’interno
di una certa abilità ma non abbia tanto delle implicazioni ampie per l’intero
sistema cognitivo.

IL LINGUAGGIO MUSICALE

La musica possiede la capacità di convogliare i suoi significati emotivi: ciò porta


a pensare che la musica sia una sorta di linguaggio.
Linguaggio e musica sono caratteristiche della specie umana e appaiono
universali in tutti gli uomini; affermare tale universalità vuol dire che gli individui
possiedono una capacità generale di acquisire una competenza linguistica e
musicale.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/effettomozart.htm (3 of 12) [19/08/2003 22.56.33]


Il fenomeno denominato "Effetto Mozart" e la Silent Sub Technology - ...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Quindi, dato che la musica è - come il linguaggio - una attività umana, si può
supporre che dall’osservazione della sua struttura si riesca a dedurre qualcosa
sulla natura della mente umana che riesce a produrla naturalmente e
liberamente.
Alcuni studiosi ritengono che le regole di una grammatica musicale siano i veri e
propri procedimenti usati per generare musica. Ma la musica è in grado di
esprimere emozioni e, quindi, di comunicare? Oppure, essendo una
manifestazione artistica, non è capace di esprimere nulla?
Tale diatriba, sin dai primi anni del ‘900, terminava definendo la musica un
"non-linguaggio": nel linguaggio vengono articolate le parole per costruire frasi,
mentre nella musica non è semplice identificare qualcosa che corrisponda ad una
parola.
Il superamento di queste posizioni si è avuto quando sono stati correttamente
identificati i termini del problema: nel linguaggio esistono componenti minimali
privi di significato (fonemi), che vengono utilizzati per creare componenti minimi
che posseggono un significato (morfemi), i quali, a loro volta, vengono usati per
formare parole e frasi.
Nella musica si trovano le note che sono, in sé, prive di significato e che vengono
usate per creare intervalli e accordi , cioè il materiale utilizzato per strutturare
temi e frasi musicali.
Si è dovuto attendere sino all’avvento degli studi semiotici sui segni dei vari
linguaggi (proprio Sloboda ha compiuto approfonditamente tali studi) per
comprendere meglio le relazioni fra il linguaggio comune e l’arte dei suoni:

● sia la musica che il linguaggio sono sistemi di comunicazione universali


fra gli uomini;

● entrambi i linguaggi usano, fondamentalmente, lo stesso canale


uditivo-vocale;

● ambedue possono produrre un numero illimitato di frasi;

● i bambini imparano tutti e due i linguaggi, esponendosi agli esempi


prodotti dagli adulti;
● esiste una forma scritta;

● in entrambi i linguaggi è possibile distinguere una fonologia (componenti


del linguaggio), una sintassi (le regole per combinare fra loro le
componenti) e una semantica (attribuzione di significato ai prodotti del
linguaggio).
● Legame perpetuo tra musica e linguaggio può essere suggerito da un’analisi
della suddivisione del cervello: il piano temporale, situata nel lobo
temporale della corteccia cerebrale è l’area del cervello che sembra essere
associata all’elaborazione del linguaggio e sembra anche che ‘classifichi i
suoni’.

Non dobbiamo dimenticare che il fatto di vivere nel suono e, più precisamente ,
nel suono prodotto dal linguaggio, imprime sempre piccoli segni sul sistema
nervoso periferico: a seconda delle parole utilizzate, del timbro generato, sarà
interessata questa o quella parte del corpo; quindi possiamo considerare
l’immagine del corpo come conseguenza del linguaggio; accettando tale idea,
si può sperare di rimodellare il corpo migliorando la parola.
Inoltre, sappiamo che alcune espressioni verbali non hanno nulla in comune col
significato della musica, ma vengono associate a moduli ritmici per aiutare la
memorizzazione; ciò accade soprattutto nel caso di stili percussivi. Un esempio è

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/effettomozart.htm (4 of 12) [19/08/2003 22.56.33]


Il fenomeno denominato "Effetto Mozart" e la Silent Sub Technology - ...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

costituito dai suonatori di tamburo africani, i quali correlano, appunto, le sillabe


ad alcuni suoni emessi dai tamburi: questi suoni, prodotti da strumenti,
permettono la trasmissione di messaggi ‘verbali’ a notevole distanza. Ciò dimostra
che, presso alcune culture, il linguaggio è imitato musicalmente.
Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che - come affermava Sloboda - le aree
cerebrali responsabili della musica sembrano avere una sovrapposizione
parziale, anche se incompleta, con quelle responsabili del linguaggio. La musica
impiega un insieme distinto di risorse neurali.
Dove sta la verità? l’analogia linguistica non è né vera né falsa, si adatta
parzialmente al suo oggetto. L’elemento vero è la concezione in base a cui noi ci
rappresentiamo nelle sequenze di elementi individuali, assegnando ad essi ruoli
tematici in strutture astratte sottostanti, alcune delle quali presentano
somiglianze reciproche; ciò che determina o meno la vigilanza psicologica tra gli
elementi è il loro reciproco rapporto entro queste strutture.

BIOLOGIA DEL PENSIERO MUSICALE

Le componenti delle abilità musicali, come di ogni altra abilità cognitiva, hanno
precise localizzazioni cerebrali.
L’orientamento biologico della psicologia cerca di spiegare il comportamento
umano in termini di operazioni del cervello e del sistema nervoso che sono, a loro
volta, influenzati dalla costituzione genetica dell’organismo.
Dobbiamo, prima di tutto, ricordare che ciò che apprendiamo sono le strutture
utilizzate per rappresentare la musica: esiste sia una forma di acculturazione
educativa, cioè un apprendimento che avviene a seconda della esposizione,
durante l’infanzia, ai normali prodotti musicali della nostra cultura, sia
un’educazione vera e propria che porta all’acquisizione di abilità specializzate.
Le influenze, sia biologiche che sociali, sono ovviamente comprese in una
spiegazione completa della condotta umana.
Quali, quindi, i fattori responsabili delle differenze culturali musicali? Esiste una
base biologica per le origini della musica nella nostra specie? La composizione
musicale ha una funzione biologica?
Tali quesiti possono essere analizzati mettendo in evidenza le differenze che
sussistono tra la cultura scritta e quella orale.
Nella cultura orale, le uniche guide sono le conoscenze attuali e la memoria.
Per molte persone, la scrittura viene ad essere fondamentale che la realtà è, sotto
molti aspetti, mediata dalle loro notazioni; quel che può essere scritto e
conservato è giusto e definitivo: nella cultura scritta, la memoria di una persona
viene giudicata sulla base della registrazione scritta.
Sfortunatamente, molte persone alfabetizzate ritengono che la vita o le
conoscenze di una cultura che si basa sulla scrittura siano, in un certo senso,
superiori a quelle di una cultura orale; per contro, sarebbe più corretto sostenere
che la cultura orale e quella alfabetizzata sono differenti.
La nostra scrittura alfabetica può portare ad un impoverimento della
comunicazione: non è in grado di preservare informazioni significative nel ritmo,
intonazione, tono e gesti, mentre riesce a custodire le informazioni fonetiche.
Nelle culture orali, la musica viene trasmessa da un individuo all’altro ed è
soggetta, come le conoscenze verbali, a variazioni nel tempo: all’interno di una
cultura orale una esecuzione, spesso, non è uguale a quella precedente. In una
cultura orale è impossibile che si possa ottenere lo stesso tipo di conoscenze che
si traggono da determinati brani, dopo ripetuti esami delle partiture, o ripetuti
ascolti della stessa registrazione.
Ma, nonostante tutte queste differenze, sussistono basi cognitive universali per la
musica, che trascendono le singole culture? Anche se la tonalità non è
assolutamente universale, i concetti di scala e di tonica, hanno delle analogie
formali in molte culture.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/effettomozart.htm (5 of 12) [19/08/2003 22.56.33]


Il fenomeno denominato "Effetto Mozart" e la Silent Sub Technology - ...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Inoltre, sembra che la suddivisione delle scale in gradi segua dei principi comuni
nella maggior parte delle culture.
Si è affermato che le componenti delle abilità musicali hanno precise
localizzazioni cerebrali: alcune ricerche hanno portato alla conclusione che le
funzioni intellettuali sarebbero localizzate in aree differenti del cervello.

La musica di Wolfgang Amadeus Mozart


(1756-1791 foto a lato) aiuta ad organizzare i circuiti
neuronali di alimentazione nella corteccia cerebrale,
soprattutto rafforzando i processi creativi
dell’emisfero destro associati al ragionamento
spazio-temporale.
Sembra possibile che le attività cerebrali di un
individuo si dissolvano, lasciando intatto il suo
intelletto musicale. Intervenendo sull’emisfero
sinistro, si provocano disturbi del linguaggio; mentre
si causano danni al canto, agendo sull’emisfero
destro. In realtà la musica racchiude sotto-abilità
logicamente indipendenti: non dobbiamo dimenticare
che una regione di un emisfero cerebrale è qualcosa
di molto ampio.
Attraverso vari studi si è giunti alla conclusione che, anche se le lesioni
all’emisfero destro danneggiano quasi sempre le funzioni musicali, le lesioni
all’emisfero sinistro hanno quasi sempre gli stessi esiti. Quindi è semplicistico
affermare che la musica si trova nell’emisfero destro: le attività musicali sono
dissociabili e soggette a danni specifici, come quelle del linguaggio.

Significativa è l’affermazione del musicologo tedesco H. Schenker, secondo cui a


livello profondo, tutte le buone composizioni musicali , rivelano lo stesso tipo di
struttura delle composizioni verbali, riuscendo a mostrare, almeno in parte, la
natura affine delle intuizioni verbali e musicali.
Non dobbiamo dimenticare, nell’analisi biologica del pensiero musicale, il ruolo
cardine svolto dall’orecchio o, meglio, dalle orecchie: come l’emisfero destro e
quello sinistro operano in maniera diversa, così fa ciascuna delle orecchie.
L’orecchio destro è dominante perché è in grado di trasmettere gli impulsi
uditivi ai centri del cervello che regolano il linguaggio in maniera più veloce di
quello sinistro; gli impulsi nervosi che derivano dall’orecchio destro raggiungono
direttamente il cervello sinistro dove si trovano i centri del linguaggio, mentre gli
impulsi nervosi dell’orecchio sinistro, compiono un viaggio più lungo attraverso il
cervello, che non possiede centri del linguaggio corrispondenti, e poi ritornano al
cervello sinistro.
Potremmo definire l’orecchio il direttore d’orchestra dell’intero sistema nervoso.
L’orecchio integra le informazioni fornite dal suono e organizza il linguaggio.
Infatti il linguaggio, come elemento fondante dell’umanità dell’uomo, non può
essere analizzato e studiato se non si tiene presente il ruolo determinante svolto
dall’udito: è grazie all’udito che è stato possibile all’uomo, costruire il linguaggio.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/effettomozart.htm (6 of 12) [19/08/2003 22.56.33]


Il fenomeno denominato "Effetto Mozart" e la Silent Sub Technology - ...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Anche Alfred Tomatis considera l’orecchio l’organo chiave


nello sviluppo totale dell’uomo: permette a tutto il corpo di
diventare "un’antenna ricettrice che vibra all’unisono con
la fonte del suono".
L’orecchio risulta essere fondamentale per comprendere
l’evoluzione dell’uomo: rappresenta anche la chiave per capire
come possa essere utilizzato lo ‘effetto Mozart’.
Ma l’organo dell’udito non presiede soltanto la facoltà di udire,
ma anche la capacità di ascoltare; sappiamo che non occorre
sentire per ascoltare, infatti parecchi musicisti famosi, del
passato, erano sordi e, anche se non erano in grado di sentire
con le orecchie, potevano percepire codici e schemi ritmici grazie a vibrazioni che
percepivano con le mani e altre parti del corpo.

Importante notare come la funzione dell’ascolto sia direttamente collegata alla


concentrazione della memoria, alle condizioni psicologiche, alla consapevolezza,
alla comunicazione.
La nostra società si preoccupa troppo dell’intelligenza: esami di ammissione
all’Università, colloqui di lavoro privilegiano il pensiero lineare dell’emisfero
sinistro; tali abilità sono essenziali, ma possono non essere così basilari come la
capacità di ascoltare e di parlare.
Se sussiste l’incapacità di saper ascoltare si può verificare l’incapacità di
progredire verso sofisticate tecniche di apprendimento. Sviluppare un ascolto
corretto è il segreto per accedere allo ‘effetto Mozart’ .

MUSICA E INTELLIGENZA SPAZIO-TEMPORALE

L’ <<effetto Mozart>> è in grado di far risaltare, migliorando, le abilità cognitive


dell’individuo, attraverso lo sviluppo del ragionamento spazio-temporale.
Dobbiamo prendere atto che, a prescindere dai gusti, la musica di Mozart
rilassa, migliora la percezione spaziale e permette di esprimersi più chiaramente,
comunicando sia col cuore che con la mente; inoltre le aree creative del cervello
vengono stimolate dalla melodia e dal ritmo del grande compositore.
Attraverso la musica mozartiana si può aiutare a sviluppare, a compensare, a
restituire carenze dovute a danni: le parti indenni del cervello hanno riserve dalle
quali l’organismo può ricavare questi elementi sostitutivi.
Inoltre, nel mondo contemporaneo la musica rappresenta un sistema di
comunicazione ed un linguaggio di grandissima diffusione e, soprattutto,
<<music is a window into higher brain function>>.
Sappiamo come l’esperienza sonora, durante la prima fase della vita e come l’uso
dei linguaggi musicali, per la loro esperienza strutturante, stimolino l’intelligenza e
la personalità.
La musica è un linguaggio non meno importante di quello visivo, corporeo o
verbale, in grado di esprimere idee, concetti, sentimenti propri di ogni individuo.

E’ indispensabile fornire i bambini gli strumenti idonei per conoscere,


sperimentare, analizzare con pensiero critico la realtà sonora e musicale, in cui
sono inseriti. La mente infantile è dotata di ‘meccanismi’ che la portano ad
imitare l’adulto e tali trasformazioni della mente dipendono dal modo diretto con
cui interagiamo da piccoli col mondo che ci circonda, interazioni che non sono
attività cognitive ‘pure’ ma che prendono forma a partire da attività di base quale
i movimenti, le sensazioni, le emozioni.
Il bambino, come sostiene Shimchi Suzuki , fondatore della <<School for talent
education>> in Giappone, possiede un potenziale infinito.
Proprio come i bambini imparano naturalmente la lingua materna, così la musica
è altrettanto a diretto contatto con il cervello , quindi l’educazione musicale può

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/effettomozart.htm (7 of 12) [19/08/2003 22.56.33]


Il fenomeno denominato "Effetto Mozart" e la Silent Sub Technology - ...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

formare e modellare il cervello.


Suzuki in Nurtured by Love, uno dei suoi principali scritti, sostiene che attraverso
l’imitazione si possa insegnare ai bambini che bisogna permettere alle abilità di
espressione di maturare e sbocciare durante l’infanzia; un’educazione musicale
infantile precoce porta ad effetti significativamente positivi sul cervello e
sull’apprendimento.
Il bambino vive in un mondo caratterizzato dalla presenza simultanea di
stimoli sonori moderni, il cui disorganico sovrapporsi può comportare il rischio
sia di una diminuzione della attenzione e dell’interesse per il mondo dei suoni,
sia di un atteggiamento di ricezione soltanto passiva.
Non dobbiamo dimenticare che, ancora prima di nascere, il piccolo vive
esperienze sonore – musicali, percependo, voci, rumori, suoni e musiche che
provengono dall’ambiente circostante.
L’orecchio del bambino, già a tre anni è sensibile alla dinamica, al colore timbrico,
al riverbero ambientale e alla dislocazione delle sorgenti nello spazio.

Nel numero di ‘Newsweek’ del 19/02/96, venne pubblicato un servizio dal titolo
<<Your child brain >> (il cervello del tuo bambino) dove vennero riportati i
risultati di numerosi studi compiuti in vari istituti di ricerca e Università
americane, sulle modificazioni che si realizzano nel cervello di un bambino che sia
precocemente avviato all’uso dei linguaggi musicali.
Di particolare interesse sono i risultati di ricerche compiute da Gordon Shaw,
presso la Irvine University della California dove, a gruppi di bambini della scuola
materna, sottoposti a test specifici per la determinazione del Quoziente
Intellettivo, sono state impartite lezioni di canto e di piano.
Dopo sei mesi di insegnamento della tastiera del pianoforte, questi piccoli
ottenevano un miglioramento, un accrescimento straordinario del ragionamento
spaziale-temporale rispetto ad altri fanciulli che non avevano svolto attività
musicali; inoltre l’effetto ottenuto durava molti giorni e le implicazioni istruttive
erano rilevanti.
Gordon Shaw nel suo libro Keeping Mozart in Mind , cita un esperimento pilota
che è risultato essere particolarmente significativo per verificare l’intelligenza in
bambini in età prescolare: veniva presentato un puzzle da costruire ai bambini, i
quali entro un determinato periodo di tempo dovevano ricomporlo; inoltre veniva
richiesto loro di formare mentalmente l’immagine dell’oggetto completato e di
ruotare i pezzi del puzzle per confrontarli e accoppiarli. Tale performance venne
facilitata mettendo insieme i pezzi secondo ordini ben definiti. Tale esperimento
era servito per delineare la natura spazio-temporale dell’esperimento.
Il team dell’Università della California, attraverso queste ricerche sperimentali,
vuole cercare di ribadire che la musica è in grado di stimolare i modelli interni del
cervello favorendone l’impiego in ragionamenti complessi; Inoltre questi studiosi
hanno dimostrato che esistono relazioni causa-effetto tra ascolto musicale e
capacità di ragionamento.
E’ noto che gli apprendimenti più strutturati, cioè quelli che determinano la
creazione dei circuiti cerebrali funzionali di base, sono tipici delle prime fasi
dell’esistenza. Gordon Shaw sostiene che, una condizione necessaria per
comprendere l’apprezzamento della musica da parte del bambino è riuscire ad
ipotizzare che il repertorio di modelli impliciti e sequenze relative sia presente sin
dalla nascita.

Possiamo affermare che, nell’evoluzione di un individuo, esistono dei periodi


‘caldi’, cioè dei larghissimi ‘ponti di apprendimento’ tra l’ambiente e l’individuo e
delle ‘finestre’, durante i quali si attivano processi di maturazione neurologica e
mentale del tutto particolari.
Caratteristiche di questo periodo sono:

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/effettomozart.htm (8 of 12) [19/08/2003 22.56.33]


Il fenomeno denominato "Effetto Mozart" e la Silent Sub Technology - ...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

● rapidità con cui i processi cognitivi avvengono;

● stabilità degli apprendimenti.

Ogni tipo di apprendimento ha una sua specifica finestra che occupa un periodo di
tempo più o meno ampio, trascorso il quale la finestra si restringe enormemente e
il processo di apprendimento si raffredda.
Riuscire a rafforzare e ad accelerare l’apprendimento e la memoria è stato
sicuramente lo scopo dell’opera e del metodo del Dottor Georgi Lozanov,
psicologo bulgaro, il cui studio sulla suggestione (<<Suggestopedia>> il nome
del suo metodo), tramite immagini e rilassamento ha creato una delle più valide
metodologie mente/corpo; la sua tecnica è riuscita ad apportare innovazioni
creative nei programmi didattici in Europa.
Un altro grande ricercatore, Zoltan Kodaly è del parere che l’effetto della musica
è così forte nella formazione della persona che ne influenza l’intera
personalità. La musica modella l’intero carattere del bambino, rendendolo
equilibrato, disciplinato, indipendente, creativo felice, in armonia, perciò, con i
concetti educativi.
Tutto ciò che si è affermato, sino ad ora, vuole dimostrare la fondatezza
della validità dello <<effetto Mozart>> e tutto deve essere supportato
dal citare, attraverso esempi, i molteplici esperimenti compiuti da
studiosi.
Sicuramente non possiamo dimenticare di rammentare l’esperimento effettuato ,
nel 1993, da Gordon Shaw e Frances Rauscher, pubblicato sulla rivista
scientifica ‘ Nature’ che ha permesso ai due studiosi di ‘salire alla ribalta’ della
ricerca e sperimentazione: 84 studenti appartenenti ad un collegio parteciparono
ad una delle tre condizioni per la durata di 10 minuti ; il primo gruppo ascoltò la
<<Sonata per due pianoforti in D maggiore>> di Mozart, il secondo gruppo
ascoltò una cassetta di musica rilassante, il terzo gruppo non ascoltò musica
(silenzio). Questi giovani partecipanti all’esperimento completarono poi una prova
di ragionamento spaziale tratta dal test di intelligenza <<Stanford-Binet>>. I
risultati indicarono che gli studenti che avevano ascoltato il pezzo di Mozart
,avevano ottenuto risultati di 8/9 punti più alti di quelli che nelle altre due
condizioni. Tale effetto aveva, però, una durata di soli 10, 15 minuti. L’esito di
tale esperimento è stato visto come un ulteriore passo avanti per l’affermazione
dell’ <<effetto Mozart>>, come causa determinante nei processi di
apprendimento .

Vari esperimenti furono effettuati anche


utilizzando animali, con lo scopo di
costruire un modello animale: alcuni ratti,
sottoposti a musica complessa eseguivano
meglio labirinti spaziali rispetto a ratti
esposti a musica minimalista, suono
bianco o silenzio.
Tutti questi risultati rappresentano
l’inizio, piuttosto che la fine della storia di
come la musica possa migliorare la
maniera dei nostri pensieri, ragionamenti
e creazioni.
Il potere della musica di Mozart è stato,
quindi, evidenziato grazie a ricerche innovative, le quali hanno portato alla
conclusione che il rapporto tra musica e il ragionamento spaziale (secondo il
pedagogista Howard Gardner sia la musica che il ragionamento si trovano in
relazione) è così forte che il semplice ascolto della musica mozartiana può fare la
differenza: potremmo paragonare tale effetto "ad una stele di Rosetta" per il

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/effettomozart.htm (9 of 12) [19/08/2003 22.56.33]


Il fenomeno denominato "Effetto Mozart" e la Silent Sub Technology - ...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

codice o linguaggio interno delle funzioni cerebrali più alte.


Proprio l’insieme delle opere del grande compositore sarebbe diventata la ‘pietra
filosofale’ – la chiave universale – per attingere ai poteri curativi e stimolanti di
musica e suono.
Ma non dobbiamo dimenticare, come afferma il grande psicologo Gordon Shaw,
che l’individuo è nato con molte strutture cerebrali. Insite nel cervello troviamo
una lingua e una grammatica con le quali si è nati e che permettono di compiere
funzioni elevate del cervello come combinazione matematica e gioco degli scacchi:
in poche parole l’uomo possiede un cervello con abilità innate per
riconoscere modelli nello spazio e nel tempo.

In che modo la musica rinforza l’intelletto, aumentando l’apprendimento? Le


preferenze musicali dei bambini sono fissate nel cervello o determinate
culturalmente? Queste sono alcune delle domande che scienziati, ricercatori
prendono in esame quando si pongono la domanda: perché funziona
<<l’Effetto Mozart>>?
Un accenno di risposta a tali quesiti potrebbe essere seguire lo sviluppo
neurologico durante l’infanzia.(E’ bene rammentare che le abitudini cognitive
assunte in età infantile ed adolescenziale hanno molta influenza durante tutta la
vita).
L’apprendimento, sino allo sviluppo di un’evoluzione cerebrale durante gli anni
della scuola elementare, si manifesta attraverso movimento e associazioni
emotive. Infatti, verso i 2/3 anni il cervello comincia a fondersi con il corpo, nel
camminare, ballare e sviluppare un senso di ritmo fisico. Vero progresso neurale
si verifica fra i 7 e gli 11 anni: il bambino sviluppa abilità più complesse:
ascoltare, elaborare informazioni visive, coordinare il movimento nel cervello e
nella mente; le vie uditive rinforzano il linguaggio e l’ascolto.
In questo stadio, il ponte fra la parte sinistra e destra del cervello, chiamato
corpo calloso, si sviluppa completamente, permettendo ad entrambi gli emisferi
cerebrali di essere in grado di rispondere contemporaneamente ad un evento. La
maturazione della capacità della corteccia cerebrale fa sì che l’emisfero destro e
quello sinistro acquistino delle specificità:l’emisfero sinistro è quello deputato al
controllo delle capacità linguistiche, mentre l’emisfero destro è competente
nell’analisi degli insiemi della musicalità e delle dimensioni spazio-temporali.
Potremmo affermare che tra i due emisferi ci sia una differenza di ruoli netta,
cui corrispondono due diversi modi di giungere alla comprensione della realtà: il
sinistro sovrintende alla logica, il destro procede per analogia.
Verso i 15 anni comincia a svilupparsi la consapevolezza di sé e, discipline quali
musica, arte, educazione fisica, sono importanti per completare l’integrazione
corpo/mente. Ovviamente, alla fine dell’adolescenza, il cervello continuerà a
svilupparsi sino ai primi anni dell’età adulta.
Non dobbiamo dimenticare che la maggiore facilità di apprendimento dei giovani
rispetto agli adulti, va attribuita ai meccanismi di plasticità della corteccia
cerebrale; inoltre oggi i ragazzi ricevono, dai media, molti più input che i propri
padri: il quoziente intellettivo sale costantemente, addirittura di qualche punto
ogni dieci anni.
Abbiamo ribadito che, determinata musica può migliorare la capacità del cervello
di percepire il mondo fisico, formare immagini mentali e osservare i cambiamenti
negli oggetti. Quindi, la musica può influire sul modo in cui percepiamo lo
spazio intorno a noi.

Si può ipotizzare che l’ascolto della musica mozartiana sia in grado di


‘organizzare’ i circuiti neuronali di alimentazione nella corteccia cerebrale,
soprattutto rafforzando i processi creativi dell’emisfero destro associati al
ragionamento spazio-temporale.
Ma perché proprio la musica di Mozart risulta essere la più adatta?

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/effettomozart.htm (10 of 12) [19/08/2003 22.56.33]


Il fenomeno denominato "Effetto Mozart" e la Silent Sub Technology - ...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Come è stato dimostrato dagli studiosi dell’Università di Irvine certa musica può
apportare miglioramenti alla capacità del cervello di percepire il mondo fisico,
formare immagini mentali e accorgersi dei cambiamenti negli oggetti. In altre
parole, la musica può influire sul modo in cui si percepisce lo spazio intorno a noi.
Gordon Shaw spiegò di aver scelto tale musica per i loro esperimenti, perché il
grande musicista componeva in giovane età e sfruttava il repertorio inerente i
modelli di fissazione spazio-temporale nella corteccia (ndr. di conseguenza la
musica di Mozart è ricca di alte frequenze).
"I suoni ad alta frequenza danno energia al cervello, mentre i suoni a bassa
frequenza gli sottraggono energia, lo depauperano. L'energia cerebrale è
direttamente collegata all'intelligenza. Uno studio a questo proposito ha
evidenziato che ascoltare Mozart per solo dieci minuti può far aumentare
temporaneamente il quoziente di intelligenza (QI) di nove punti. Nella zona dei
suoni ad alta frequenza della coclea, le cellule sensoriali sono più numerose di
quelle della zona dei suoni a basse frequenze. Tomatis ha notato che quando il
cervello viene ben caricato di potenziale elettrico dai suoni ad alta
frequenza, si ha un netto potenziamento della capacità di apprendere,
concentrarsi, risolvere un problema, organizzarsi e lavorare per lunghi periodi di
tempo senza accusare stanchezza".
Quali i luoghi del cervello, indicati nei processi spaziali , specifici dell’arricchimento
musicale?
Per rispondere apriamo una parentesi per dire, schematicamente, quali siano le
maggiori suddivisioni della corteccia e spiegare le loro funzioni generali:

● Frontale: linguaggio, movimento.

● Parietale: sensi, percezione spaziale.

● Temporale: memoria, vista.

● Occipitale: vista.

Indi, sebbene funzioni del cervello più alte come, ad esempio, musica e
ragionamento spaziale-temporale dipendano fondamentalmente da regioni
localizzate e specifiche della corteccia, tutte le abilità cognitive più alte utilizzano
una serie elevata dell’area corticale.
Sembra che esista, sino ad oggi, un unico gene, Emx-2, in grado di influenzare la
suddivisione delle aree funzionali della corteccia cerebrali.
Tale gene è stato scoperto dall’Equipe dell’Ospedale San Raffaele di Milano:
nel 1990 è stato ‘rinvenuto’ il gene che progetta e costruisce la corteccia
cerebrale, gene Emx-2, piccolo frammento del Dna, che regola l’area del cervello
in cui ha sede il pensiero astratto.
La corteccia cerebrale è divisa in aree funzionali specifiche: nell’uomo c’è quella
per progettare il movimento, quella per eseguirlo, quella della parola pronunciata
e quella della parola ascoltata; esistono poi aree associative che coordinano tutte
le altre. Queste, sede del pensiero astratto, si trovano nella parte anteriore
(frontale) della corteccia, mentre nella parte posteriore si trovano le aree visive.
Il gene Emx-2 controlla la suddivisione di queste aree. Non tutti gli individui
posseggono tale ‘elemento’ e, conseguentemente hanno le aree del pensiero
astratto più sviluppate di quelle uditive, in una parola ‘capiscono di più ma
sentono di meno’ situazione in cui grandi musicisti quali, ad esempio,
Beethoven sono venuti a trovarsi ma non per questo motivo hanno perso il loro
‘orecchio musicale’.
Si può concludere dicendo che l’intelligenza può essere intesa come abilità di
adattamento e quindi, non è difficile accettare, sempre facendo riferimento al
concetto di <<intelligenze multiple>>, <<l’intelligenza musicale, intesa come
gestione a vari livelli nervosi centrali (midollo spinale, tronco encefalitico […]

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/effettomozart.htm (11 of 12) [19/08/2003 22.56.33]


Il fenomeno denominato "Effetto Mozart" e la Silent Sub Technology - ...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

strutture neocorticali) del ricevimento e dell’invio dell’informazione musicale>>.

con estratti dal sito www.sussidiario.it , adattamento di Alan Perz

Vedi recensioni sull'effetto Mozart | Grafici e Diagrammi

LA SILENT SUB TECHNOLOGY

La "Silent Subliminal Technology" e' un metodo per trasformare segnali/suoni


udibili in porzioni piu' alte dello spettro audio con il risultato che gli orecchi non
possono udirli ma il cervello invece riesce a percepirli. In pratica il suono udibile
viene spostato/modulato in una banda di frequenze oltre i 14.000 Hertz
diventando inudibile per l'orecchio ma rimanendo percettibile dal cervello e da
tutto il corpo comprese le ossa (in particolare quelle del cranio).
A differenza dell'effetto Mozart (ricreato digitalmente in laboratorio) in cui la
banda udibile rimane ed a questa viene sovrapposta la porzione piu' alta dello
spettro audio, nel Silent Subliminal la porzione udibile viene eliminata.

Vedi recensioni sull'effetto Mozart | Grafici e Diagrammi

Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Links | Il progetto e la tecnica "HRM"

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio nel rispetto delle normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa
(Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/effettomozart.htm (12 of 12) [19/08/2003 22.56.33]


L'Effetto Mozart secondo "Parsifal" - Amadeux - Marco Stefanelli subli...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Links

L'Effetto Mozart secondo "Parsifal"


(La sublime musica di Mozart per risolvere i disagi psicologici ed i disturbi
psicosomatici)
L'EFFETTO MOZART | LA SILENT SUB TECHNOLOGY | L'EFFETTO MOZART SECONDO L'ALTRA
MEDICINA

Con il metodo Tomatis si possono risolvere


ansia, depressione, balbuzie, dislessia, paura,
insonnia ed altri disturbi.
di Enzo Califano

Il metodo Tomatis è una terapia ideata da un


medico otorinolaringoiatra francese, Alfred
Tomatis, che mise in evidenza le relazioni esistenti
fra l'orecchio e varie funzioni dell'organismo, come
ad esempio il linguaggio. Il metodo
audiopsicofonologico ideato dal dott. Tomatis
stabilisce che quando l'orecchio non ascolta in modo
ottimale si hanno ripercussioni su tutto l'organismo.
Attraverso questa metodologia terapeutica,
utilizzando una macchina nota come "orecchio
elettronico", che filtra la musica di Mozart, si
apportano all'orecchio le frequenze acute che vanno
a "ricaricare" la corteccia cerebrale. L'orecchio,
infatti, ha il compito di portare energia al nostro
cervello, come una dinamo che ricarica la batteria
di un'auto. Tale apporto energetico è determinato
quasi esclusivamente dalle frequenze acute; tali
frequenze si trasformano in stimoli nervosi, a livello delle cellule ciliate della
coclea (cellule del Corti), e provocano una dinamizzazione dell'attività corticale,
che si tramuta in coscienza, concentrazione, memoria e volontà; dopo la terapia
avviene un risveglio della coscienza e della vitalità. Inoltre la parte dell'orecchio
interno detta "organo di equilibrio" tiene sotto controllo tutti i muscoli del corpo;
ecco perché una sana "energizzazione" agisce sulla tensione corporale, su
eventuali contrazioni o rilassamenti del tono muscolare e quindi sulla postura.
Osservando il sistema nervoso parasimpatico, possiamo anche comprendere il
motivo per cui le frequenze acute agiscono positivamente in varie malattie
psicosomatiche. Il nervo vago (sistema parasimpatico), tramite il nervo auricolare
si inserisce sul timpano; il vago, anche detto "nervo dell'angoscia", risente di ogni
situazione di stress o conflitti e reagisce determinando disturbi specifici a carico
degli apparati o organi innervati (digerente, respiratorio, circolatorio, etc.). Le
frequenze acute determinano una tensione del timpano prodotta dalla regolazione
dei muscoli del martello e della staffa (muscoli della cassa del timpano). Il
timpano teso al massimo, assicura un buon equilibrio neurovegetativo. Grazie al

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/parsifal.htm (1 of 3) [19/08/2003 22.56.39]


L'Effetto Mozart secondo "Parsifal" - Amadeux - Marco Stefanelli subli...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

vago tutto si può organizzare armoniosamente o squilibrarsi: in quest'ultimo


caso appaiono somatizzazioni varie: paura, ansia, angoscia. Un orecchio chiuso
allenta la muscolatura del martello che non sollecita più la muscolatura della
staffa; così la membrana del timpano allentata in un movimento ampio eccita il
ramo auricolare del vago, con reazioni nella sfera vegetativa. La
microginnastica dell'orecchio permette al soggetto di stendere il suo timpano:
così l'eccitazione del vago cessa e si verifica un rilassamento globale.

La prima fase della terapia è rappresentata dal test di ascolto, il momento


diagnostico, che viene effettuato attraverso un audiometro attraverso il quale
vengono inviati al soggetto segnali sonori . In seguito ai dati ricevuti, vengono
tracciate le curve dell'ascolto aereo e dell'ascolto osseo. In base al test e ad un
colloquio, lo specialista personalizza il programma d'ascolto. Il test d'ascolto da
un'immagine dell'aspetto mentale e corporale del soggetto.
La base musicale del metodo Tomatis è la musica di Mozart che è ricca di alte
frequenze e non è stancante. Si utilizzano anche in misura minore i canti
gregoriani, che mettono in sintonia i ritmi cardiaci e respiratori.
Il programma sonoro si prefigge lo scopo di far seguire al paziente una
progressione di ascolto ideale, simile a quella che avrebbe dovuto sviluppare dal
momento del suo concepimento; la qualità del suo ascolto e di conseguenza la
comunicazione con l'ambiente sono la risultante di tutto ciò che non è "filato
liscio" da quel momento in poi.
Lateralizzazione per evitare la strada più lunga

"Bisogna essere destroidi fino alla sinistra" è quanto afferma e ripete Tomatis, a
sostegno della ricerca dell'individuo ad essere destroide non solo nella mano o nel
piede, ma anche nell'audizione, nella parola. Gli impulsi che partono dal cervello si
ripercuotono per l'elaborazione di un suono a livello della laringe, grazie alla Quale
avviene la comunicazione. A questo livello c'è un'asimmetria: la semi laringe
destra beneficia di un nervo ricorrente motore (ramo del vago) più corto di quella
sinistra, per cui il tempo degli impulsi neuronici è differente. L'orecchio destro è
quindi più vicino agli organi fonatori e al cervello di quello sinistro, il cervello
destro ha una funzione di controllo e di integrazione, quello sinistro è esecutore.
Per questo è importante che l'informazione sia ricevuta dall'orecchio destro, in
quanto se è invece II sinistro a riceverla, sarà il cervello destro ad attuare
l'esecuzione e quindi non potrà occuparsi adeguatamente del controllo.
Col training si lateralizza progressivamente a destra, in questo modo, l'ascolto,
passando da sinistra a destra, determina un miglioramento del rendimento
cerebrale del soggetto ed un'armonizzazione generale. Se la laterizzazione è una
scelta dell'individuo perché alcuni scelgono quella più difficile? La scelta, che è
inconscia, è legata all'elaborazione del linguaggio del soggetto, il piccolo
comunica già con sua madre e nella fase del balbettio non c'è ancora
differenziazione degli orecchi, in seguito il bambino "incontra" il padre che è il
vettore del linguaggio socializzato; per comprenderlo dovrà tendergli il giusto
orecchio .Se le relazioni tra padre e bambino non sono buone, quest'ultimo ha
probabilità di tendergli l'orecchio sinistro per tenersi l'interlocutore a distanza.

L'orecchio elettronico

L'audiopsicofonologia utilizza l'orecchio elettronico che è un apparecchio costituito


da un amplificatore, da filtri e da un gioco di bilance elettroniche. L'orecchio
elettronico modifica il messaggio sonoro offrendo due canali possibili verso le
cuffie: il primo canale mette sotto tensione i muscoli del martello e della staffa; II
secondo canale provoca il loro allentamento; in questo modo si provoca un
movimento di tensione e distensione dei muscoli dell'orecchio medio e quindi una
microginnastìca.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/parsifal.htm (2 of 3) [19/08/2003 22.56.39]


L'Effetto Mozart secondo "Parsifal" - Amadeux - Marco Stefanelli subli...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Il metodo Tomatis è un metodo innovativo che può risolvere, in maniera


soddisfacente, vari disturbi psicologici e psicosomatici. È comunque molto efficace
anche nei problemi di apprendimento, di mancanza di concentrazione ed è anche
d'aiuto a bambini e adolescenti con difficoltà scolari. Grazie all'energia che
l'orecchio apporta al cervello, il pensiero è molto attivato e quindi anche le facoltà
creative sono ampliate.
Altre applicazioni particolari:

a) Educatori: dall'insegnante al genitore, migliorando il proprio benessere, si


comunica in maniera più soddisfacente e produttiva.

b) Managers: hanno bisogno di alte qualità sia a livello fisico che mentale; hanno
bisogno di avere una macchina nervosa agile, impeccabile e rapida. Una corteccia
che invecchia fa sì che i processi mentali si sclerotizzino, la memoria diminuisca
come anche la concentrazione. L'energia apportata dalla dinamizzazione
dell'attività corticale con l'uso del metodo Tomatis determina forza energetica,
creatività, eliminazione dello stress ed ampliamento della coscienza.

c) Insegnamento lingue straniere: è possibile, con il metodo Tomatis,


restringere o estendere a volontà la "banda passante" o banda di selettività
specifica che è responsabile dell'apprendimento più o meno ottimale di una
lingua: per esempio l'orecchio francese oscilla tra 1000 e 2000 Herz mentre quello
italiano tra 2000 e 4000 Herz. Con l'orecchio elettronico è possibile sbloccare
l'orecchio e creare la ricettività che gli manca.

d) Musicisti e cantanti: per cantare o suonare uno strumento è importante


mettersi in ascolto con se stessi o col suono prodotto dallo strumento, al fine di
controllarli meglio, un miglioramento dell'ascolto da parte di un soggetto gli
permette di avere una più ampia padronanza della sua voce o del suo strumento.

L'EFFETTO MOZART | LA SILENT SUB TECHNOLOGY | L'EFFETTO MOZART SECONDO L'ALTRA


MEDICINA

Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Links

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio nel rispetto delle normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa
(Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997-2002 Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/parsifal.htm (3 of 3) [19/08/2003 22.56.39]


L'Effetto Mozart secondo "L'altra Medicina" - Amadeux - Marco Stefan...ine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Links

L'Effetto Mozart secondo "L'altra


Medicina"
(Mozart e la musica delle Voci - di Pierre Sollier)
L'EFFETTO MOZART | LA SILENT SUB TECHNOLOGY | L'EFFETTO MOZART SECONDO PARSIFAL

La musica di Mozart e la voce materna, filtrate


con il metodo Tomatis, possono curare le
difficoltà di apprendimento, la dislessia, il ritardo
mentale e il deficit di attenzione dei bambini.
Quando qualcuno ci parla, il nostro cervello inizia un
rapidissimo lavoro di elaborazione dati:
memorizzazione di informazioni, controllo
comparativo rispetto ad informazioni già note,
risposta adeguata sulla base di concetti elaborati in
precedenza, istantanea produzione di immagini
mentali suscitate dalle parole dell'interlocutore.
Questo e molto di più avviene se davvero
ascoltiamo, perché in caso contrario il senso delle
parole, il messaggio in esse contenuto, non
troverebbero in noi risonanza alcuna: sarebbero
parole nel vuoto. Si tratta di un fenomeno che, se
volontario, è del tutto normale e che può essere
definito, molto semplicemente, come indifferenza.
Ma il fenomeno, sia in positivo che in negativo,
avviene anche quando a parlare siamo noi: la
trasformazione in elaborazione concettuale e
immagini mentali delle onde sonore prodotte dagli
organi della fonazione presuppone il contemporaneo e complesso funzionamento
degli organi dell'udito. Per Alfred Tomatis, un otorinolaringoiatra che da oltre
quarant'anni si occupa del problema dell'ascolto e dei suoi risvolti audiologici e
psicolinguistici, l'udito non è solo uno dei cinque sensi: è il senso per
eccellenza perché è grazie all'udito che l'uomo ha parlato, ha potuto ideare,
perfezionare e differenziare il linguaggio. Poiché produciamo soltanto i suoni le cui
frequenze siamo in grado di udire, secondo Tomatis non ci si deve limitare a
pensare all'udito come funzione delegata all'orecchio esterno e alla membrana
timpanica, ma come funzione delegata soprattutto all'orecchio interno, al sistema
vestibolo-cocleare. E non solo per quanto riguarda l'ascolto e le sue molteplici
risonanze neurofisiologiche, ma anche relativamente al modo che ognuno di
noi ha di percepire la propria spazialità e verticalità (e a proposito della
verticalità, con le ricerche di Tomatis concorderebbero gli studi iniziati nel 1941

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/altramedicina.htm (1 of 5) [19/08/2003 22.56.49]


L'Effetto Mozart secondo "L'altra Medicina" - Amadeux - Marco Stefan...ine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

degli psicologi Wìtkin e Asch e attualmente proseguiti e sviluppati da


Prinzmetal, uno psicologo della percezione dell'University of California di
Berkeley). Tutti sono capaci di udire, ma ascoltare è un'abilità particolare, ed
è la chiave dell'apprendimento, del linguaggio e perfino dell'identità personale.
Che poi le disfunzioni dell'udito possano indurre numerosi disturbi
dell'apprendimento e delle capacità mentali dei bambini è indubbiamente un fatto
sottostimato; così, poiché come diceva Montaigne: "Tutto è stato detto, ma dal
momento che nessuno ascolta, occorre sempre ricominciare", Tomatis ha
ricominciato tutto da capo in otorinolaringoiatria elaborando una sua particolare
tecnica di stimolazione uditiva mirante a rieducare l'orecchio ad ascoltare.

Ora il suo metodo è praticato in oltre 250 centri terapeutici sia in Europa che in
America, ma all'inizio Tomatis sperimentò il suo metodo di controllo della voce nei
cantanti lirici, i più famosi dei quali furono Maria Callas e Placido Domingo. Nel
1954, quando inventò un apparecchio di rieducazione uditiva chiamato l'Orecchio
Elettronico, Tomatis cominciò a spostare la sua attenzione dai virtuosi del bel
canto ai bambini con difficoltà di apprendimento e autismo, convinto che prima di
saper parlare bisogna saper ascoltare, e cioè che non solo il cantare bene,
ma anche il parlare, il pensare, l'apprendere bene e, in ultima analisi, la buona
salute psicofisica, dipendono da un buon udito.
" L'udito non è solo uno dei cinque sensi, è il senso per eccellenza perché
è grazie all'udito che l'uomo ha parlato, ha potuto ideare, perfezionare e
differenziare il linguaggio"

Da anni ormai il metodo Tomatis si è segnalato come altamente efficace nel


trattamento dei disturbi dell'apprendimento in bambini in età scolare;
recentemente, presso il Centro Audiologico di Toronto sono stati valutati i risultati
conseguiti con l'Orecchio Elettronico in 400 bambini che seguivano un programma
di trattamento di sei mesi. La ricerca ha dimostrato che si erano ottenuti i
seguenti miglioramenti: dell'atteggiamento verso la scuola associato ad un
aumento delle motivazioni ad imparare nell'87% dei casi, del rendimento
scolastico nel 90%, della capacità di leggere e comprendere e del rapporto con i
familiari e con i compagni nell'83%, dell'attenzione nell'86%. Dopo sei mesi,
nell'83% dei bambini i risultati si dimostrarono stabili o in ulteriore miglioramento.
Tutti gli ospiti di un tipico Centro Audiologico Tomatis, sia bambini che
adolescenti, possono divertirsi come vogliono: giocare a carte o a scacchi,
disegnare e dipingere, giocare tra di loro o fare ginnastica. Contemporaneamente,
però, il loro udito viene rieducato ascoltando quanto viene trasmesso da speciali
apparecchiature collegate con gli auricolari che indossano: musiche di Mozart o la
voce materna "filtrate". Con l'Orecchio Elettronico di Tomatis si ascoltano solo le
frequenze più alte della musica, ma si possono anche ascoltare canti gregoriani
non filtrati che, secondo Tomatis, sono in grado di apportare molta energia al
cervello.

L'orecchio è uno strumento di guarigione

Per capire il metodo Tomatis, è necessario conoscere la dinamica dell'udito e


l'anatomia dell'orecchio. Nel metodo Tomatis, particolare importanza hanno
soprattutto due parti dell'orecchio interno: la coclea e il vestibolo. L'orecchio
interno, parte essenziale dell'apparato auditivo, è costituito dal labirinto osseo, a
sua volta costituito dalla chiocciola o coclea, dal condotto cocleare e dal vestibolo.
La coclea, o chiocciola, il ricevitore degli stimoli acustici, è un piccolissimo organo
a forma di spirale come la conchiglia di una lumaca. Il liquido contenuto all'interno
della coclea vibra, a seconda della frequenza del suono ricevuto, da circa 16 Hz a
circa 20.000 Hz (questa è, nell'uomo, l'estensione dell'udito, variabile secondo il
livello di pressione sonora e l'età del soggetto).

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/altramedicina.htm (2 of 5) [19/08/2003 22.56.49]


L'Effetto Mozart secondo "L'altra Medicina" - Amadeux - Marco Stefan...ine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Tali vibrazioni generano segnali nervosi che vengono inviati al cervello. La


coclea analizza i suoni secondo il loro significato usando, per discriminarli, le sue
24.600 cellule citiate o ciglia dell'organo di Corti. Il vestibolo, una cavità ovale che
si trova all'ingresso della coclea e che comunica con i canali semicircolari del
labirinto, controlla l'equilibrio, la postura, la coordinazione, il tono e il
funzionamento dei muscoli e la loro capacità di sviluppare un'immagine di come il
nostro corpo è posizionato nello spazio. Chiamato a volte "l'orecchio del corpo",
il vestibolo collabora anche a trasmettere l'informazione sensoriale al cervello. Il
vestibolo lavora in tandem con la coclea come stazione di smistamento delle
informazioni sensoriali tra il sistema nervoso periferico e il cervello. Il vestibolo
analizza i movimenti del corpo e la coclea analizza suoni. Tomatis ha scoperto che
il suono è un alimento del cervello e che l'orecchio è appunto l'organo preposto
a fornirgli energia. Si è infatti accertato che un eccesso di silenzio può essere
pericoloso e che un'atmosfera priva di vibrazioni sonore può causare depressione
da deprivazione sensoriale tanto da spingere quasi al suicidio. "La cosa più
importante da ricordare è che il cervello non produce energia, la cattura",
sostiene Tomatis, il quale ha calcolato che 1'80% dell'energia di cui il cervello ha
bisogno è elaborata nell'orecchio interno. I suoni ad alta frequenza danno
energia al cervello, mentre i suoni a bassa frequenza gli sottraggono energia, lo
depauperano. L'energia cerebrale è direttamente collegata all'intelligenza. Uno
studio a questo proposito ha evidenziato che ascoltare Mozart per solo dieci
minuti può far aumentare temporaneamente il quoziente di intelligenza (QI) di
nove punti. Nella zona dei suoni ad alta frequenza della coclea, le cellule sensoriali
sono più numerose di quelle della zona dei suoni a basse frequenze. Tomatis ha
notato che quando il cervello viene ben caricato di potenziale elettrico dai
suoni ad alta frequenza, si ha un netto potenziamento della capacità di
apprendere, concentrarsi, risolvere un problema, organizzarsi e lavorare per
lunghi periodi di tempo senza accusare stanchezza. Il training Tomatis (che non
cura la sordità da lesione anatomica) stimola l'orecchio così da farlo funzionare al
massimo delle sue possibilità, migliorando il potenziale di apprendimento e
creando un senso di generale benessere. Uno dei sistemi seguiti dal metodo
Tomatis per ottenere il miglioramento dell'udito è quello di regolare la funzione
vestibolare in modo da rendere più facile l'integrazione sensoriale. Nei soggetti
con difficoltà di apprendimento o deficit di attenzione, spesso è il vestibolo una
delle fonti del problema. L'orecchio non è letteralmente in grado di assorbire,
organizzare e gestire le migliaia di frammenti di informazione acustica che gli
arrivano dall'ambiente circostante. Si è frequentemente notato che i bambini con
difficoltà di apprendimento possono avere un problema vestibolare, come
dimostra la loro tendenza a incespicare o urtare le cose, a mostrarsi impacciati e
scoordinati. Per difendersi da questo bombardamento apparentemente caotico di
stimoli sensoriali, questi bambini possono arrivare a isolarsi dall'ambiente
chiudendosi in se stessi. L'ironia della sindrome di deficit di attenzione (ADD) sta
nel fatto che coloro che ne sono affetti sono, al contrario, soggetti estremamente
attenti. Il vero problema è che sono incapaci di selezionare, classificare e
organizzare l'informazione, e non dispongono di barriere che possano proteggerli
dall'afflusso indiscriminato di suoni. Molti problemi di apprendimento si possono
far risalire a un deficit uditivo. Un bambino può avere uno scarso rendimento
scolastico perché ha un deficit uditivo, un altro può avere invece difficoltà
motorie, posturali o di equilibrio, ma si tratta comunque di difficoltà tutte
ugualmente riconducibili all'udito. Con il metodo Tomatis si ottengono
eccellenti risultati anche in situazioni patologiche apparentemente estranee
all'orecchio, quali ad esempio lo stress post-traumatico, la depressione, la
stanchezza cronica, i traumi cranici, il deficit di coordinazione motoria e le
sindromi ansiose.

ASCOLTARE LA VOCE DELLA MADRE

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/altramedicina.htm (3 of 5) [19/08/2003 22.56.49]


L'Effetto Mozart secondo "L'altra Medicina" - Amadeux - Marco Stefan...ine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Il concetto su cui il metodo Tomatis si basa per stimolare la capacità di


apprendimento del cervello è insieme semplice e profondo. Si tratta di riportare
l'udito del paziente al punto di partenza, al tempo in cui la funzione uditiva ha
incominciato a svilupparsi nel feto, all'interno dell'utero materno, e di ricostruirne
tutti gli stadi di sviluppo.
Tomatis è partito dal presupposto che il feto oda e ascolti la voce della madre
che non è solo un "nutrimento emotivo" per il feto, ma è anche uno strumento
che lo prepara ad acquisire il linguaggio e a incominciare a parlare dopo la
nascita. Tomatis ha ipotizzato che, a causa dell'ambiente acustico dell'utero
(costituito dalle pareti dell'utero stesso e dal liquido amniotico che vi è
contenuto), il feto può udire soltanto i registri più alti (o frequenze più alte)
della voce materna. Basandosi su questo assunto, Tomatis ha elaborato un modo
di escludere le frequenze più basse della voce materna allo scopo di
simulare l'esperienza di ascolto intrauterino. La voce della vera madre (o, in sua
assenza, di una sua sostituta) viene perciò filtrata per renderla quanto più
possibile simile ai suoni uditi dal feto nel grembo materno. Riproporre la voce
filtrata della madre offre al bambino la possibilità di essere "riprogrammato". È
una maniera simbolica di rivivere tutte le fasi di sviluppo che portano al
linguaggio, nella speranza di recuperare le fasi andate perdute. L'obiettivo è
anche quello di destare il "desiderio" di ascoltare in modo attivo, un modo cioè
che Tomatis ritiene ben diverso dall'udire passivamente.
Questo "desiderio di ascoltare" (suscitato e sollecitato dalla voce della madre)
rende possibile ricostruire la meccanica dell'ascolto. Non bisogna dimenticare che
il feto ode i suoni che gli giungono attraverso il liquido amniotico, mentre il
bambino ode i suoni che gli giungono attraverso l'aria.
Imitando questo processo evolutivo, si porta gradualmente il bambino dai suoni
filtrati ad alta frequenza ai suoni non filtrati a frequenza mista, continuando fino a
che il bambino è in grado di ascoltare l'intera voce non filtrata della madre e di
comprendere quello che gli viene detto: ed è questo il momento che gli operatori
chiamano "la nascita sonora".

LA MUSICA Dl MOZART

Si può comunque iniziare il trattamento non avvalendosi della voce materna, ma


ricorrendo alla musica di Mozart gradualmente filtrata. Ma perché mai Tomatis ha
scelto proprio la musica di Mozart e non quella di altri compositori? Perché, a suo
parere, la musica di Mozart, la più conosciuta e la più amata, esplica il massimo
effetto terapeutico sul corpo umano, e in particolare ciò avviene con i concerti
per violino e con determinati concerti per pianoforte e orchestra, per esempio il
Concerto K 482 usato anche in musicoterapia.

Mozart stesso fu nutrito di suoni fin da quando non era che un minuscolo
embrione custodito nel grembo materno. Suo padre, Leopold Mozart, era un
valente violinista e un apprezzato autore di musica sacra e strumentale e di un
famoso metodo per violino. Oltre che per motivi di lavoro (Leopold Mozart era
violinista e vicedirettore dell'orchestra privata dell'arcivescovo di Salisburgo), in
casa Mozart era cosa normale "musizieren", fare musica in famiglia, come del
resto usa ancora nei paesi di lingua tedesca. Prima ancora di imparare a suonare,
certamente il piccolo Wolfgang imparò molto presto ad ascoltare in modo attivo.
"Mozart è un'ottima madre", dice Tomatis, la sua musica ha sollecitato la
rinascita dell'udito, di molti bambini. Si inizia il trattamento con musica
mozartiana non filtrata, poi gradualmente si eliminano le frequenze più basse,
filtrando prima 1.000 Hz, poi 2.000 Hz, e ancora, se necessario, fino a 8.000 Hz.
Di solito un bambino (o un adolescente) riceve questa stimolazione sonora due
ore al giorno. cinque giorni alla settimana per tre settimane. I suoni sono ascoltati
non solo con le orecchie, ma anche attraverso le ossa (principalmente quelle

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/altramedicina.htm (4 of 5) [19/08/2003 22.56.49]


L'Effetto Mozart secondo "L'altra Medicina" - Amadeux - Marco Stefan...ine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

del cranio), che è probabilmente il modo con il quale i suoni vengono uditi
all'interno dell'utero. In effetti, attraverso le ossa del vertice cranico il suono
arriva prima. Tomatis ha ideato speciali cuffie che hanno, in aggiunta ai normali
auricolari, un vibratore che, collocato al vertice del cranio, trasmette i suoni
direttamente alle ossa craniche. Il terzo elemento sonoro utilizzato nel metodo
Tomatis è il canto gregoriano, uno dei tre tipi di canto liturgico della Chiesa
occidentale che sembra fatto apposta per sincronizzarsi con i ritmi respiratorio e
cardiaco. La musica sacra, secondo vari studi, grazie alla ripetizione regolare di
certi suoni calma le onde di fondo della corteccia cerebrale favorendo la
concentrazione. Il canto gregoriano non viene mai filtrato perché il ritmo biologico
codificato in questa musica è sufficiente a produrre un effetto terapeutico.
L'EFFETTO MOZART | LA SILENT SUB TECHNOLOGY | L'EFFETTO MOZART SECONDO PARSIFAL

Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Links

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio nel rispetto delle normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa
(Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/altramedicina.htm (5 of 5) [19/08/2003 22.56.49]


Grafici e diagrammi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale Effetto ...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Links | L'Effetto Mozart e la Silent Sub Technology

Grafici e diagrammi
Grafici e diagrammi relativi all'Effetto Mozart e alla Silent Sub Technology

Grafico 1 - Analisi spettrale FFT di un normale brano cantato.


Possiamo notare l'assenza di segnale oltre gli 11.000 Hertz.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/graficism.htm (1 of 3) [19/08/2003 22.57.47]


Grafici e diagrammi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale Effetto ...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Grafico 2 - Analisi spettrale FFT dello stesso brano "filtrato" con effetto silent sub.
Qui notiamo che il segnale si e' spostato oltre gli 11.000 Hertz pur mantenendo la stessa modulazione ed ampiezza.

Grafico 3 - Analisi spettrale FFT dello stesso brano con effetto Mozart.
In questo grafico notiamo che i due segnali in pratica si sono sommati e quindi il segnale normale rimane inalterato
ma viene integrato dal silent sub.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/graficism.htm (2 of 3) [19/08/2003 22.57.47]


Grafici e diagrammi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale Effetto ...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Links | L'Effetto Mozart e la Silent Sub Technology

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico" o "psicologico". In nessun modo i creatori e i
gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo.
Articoli, audio ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web citati di pubblico dominio.
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997-2002 Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/graficism.htm (3 of 3) [19/08/2003 22.57.47]


Recensioni effetto Mozart - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale we...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Links | Forum | Mailing List

Recensioni effetto Mozart


Informazioni disponibili su recensioni e segnalazioni relative all'effetto
Mozart
L'EFFETTO MOZART SECONDO PARSIFAL | L'EFFETTO MOZART SECONDO L'ALTRA MEDICINA

Corriere della Sera


Il punto del giorno 15 Luglio 2001

Epilessia, meno attacchi ascoltando Mozart

Poche note del crescendo della sonata K448 di Mozart ascoltate ogni giorno e gli
attacchi epilettici si riducono drasticamente. Ad illustrare gli effetti terapeutici della
musica del grande compositore è John Jenkins del Royal College of Physicians.
In un articolo apparso sul Journal of the Royal Society of Medicine, il ricercatore
afferma che i primi risultati della musicoterapia nella cura dell'epilessia sono talmente
incoraggianti da giustificare ulteriori studi. I pazienti epilettici che hanno ascoltato
Mozart per 10 minuti al giorno hanno infatti migliorato considerevolmente le loro
capacità di compiere azioni legate allo spazio come tagliare un foglio di carta o
ripiegarlo secondo linee e angoli predeterminati.
Inoltre i bimbi a cui sono state impartite lezioni di piano o strumento a tastiera per 6
mesi e che hanno imparato a suonare semplici melodie tra cui Mozart ottenevano
punteggi più elevati ai «test di movimento nello spazio» rispetto ai coetanei epilettici
a cui è stato insegnato a utilizzare il computer.
Ulteriori studi sui topi di laboratorio hanno inoltre dimostrato che le cavie a cui
veniva fatta sentire la Sonata K448 erano in grado di uscire più velocemente da un
labirinto rispetto al gruppo di riferimento tenuto in silenzio o sottoposto all'ascolto di
musiche minimaliste.
Mozart potrebbe non essere l'unico musicista le cui opere riducono le crisi epilettiche.
«Le sonate di Bach - afferma Jenkins - presentano la stessa struttura metrica e
dunque potrebbero sortire lo stesso "Effetto Mozart"». Secondo gli esperti i dati
raccolti sono sufficienti sia a giustificare nuovi studi sugli effetti della musicoterapia
nella riduzione degli attacchi epilettici sia nell'aumentare l'esposizione alla musica dei
primi pazienti reclutati.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/recemozart.htm (1 of 4) [19/08/2003 22.57.51]


Recensioni effetto Mozart - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale we...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Il Resto del Carlino


La cura per l'epilessia viaggia sulle note di Mozart. La speranza per 50
milioni di persone colpite dalla sindrome neurologica si chiama 'Effetto
Mozart'

LONDRA, 2 APRILE 2001 - Si chiama 'Effetto Mozart', è l'ultima frontiera della


speranza per 50 milioni di persone nel mondo. Quelle contate dall'Organizzazione
mondiale della sanità fra coloro che soffrono di
epilessia: il rimedio per alleviare la loro sofferenza potrebbe essere scritto su cinque
righe, e da almeno 250 anni. Come quelle che racchiudono la sonata K448.
A sostenerlo è un gruppo di scienziati britannici del Royal College of Physicians che
ha riscontrato l'effetto positivo della musica dell'enfant prodige di Salisburgo sui
pazienti epilettici che sono stati esposti per dieci minuti alle sue note per poi essere
esaminati. Tanto è bastato per migliorare la loro abilità a muoversi nello spazio,
come tagliare un pezzo di carta o piegarlo. In altri test, dove è stato insegnato ad
alcuni bambini a suonare semplici melodie su uno strumento a tasti, comprese quelle
di Mozart, si è constatato che la loro risposta è stata migliore se paragonata a quella
di bambini che hanno passato il loro tempo davanti al computer. A confermarlo anche
le cavie: studi sui topi hanno mostrato che quelli ai quali era stata fatta ascoltare la
sonata K448 erano in grado di attraversare un labirinto più velocemente rispetto a
quelli lasciati in silenzio.
La notizia ha scatenato la caccia agli altri spartiti che potrebbero avere lo stesso
effetto positivo sul cervello: il professor Jenkins, che ha passato in rassegna la
ricerca internazionale sulla musicoterapia, ha dichiarato alla Bbc che è molto
probabile che anche altri compositori possano scatenare l'effetto Mozart. Primo fra
tutti, Bach.
Tracce luminose hanno mostrato che il cervello umano usa una vasta area per
ascoltare la musica, l'emisfero sinistro governa lo sviluppo del ritmo e dell'intensità
del suono, quello destro il timbro e la melodia. Risultato: ascoltare musica mette in
moto le parti rilevanti del cervello. Non a caso la Performing Right Society (Prs) ha
lanciato uno studio sul potere e gli effetti spesso nascosti della musica dal titolo "The
Power of Music".
Anche se occorrono altre ricerche, anche se altri studiosi non sono stati in grado di
arrivare agli stessi ottimistici risultati, il professor Jenkins si augura che la sua teoria
possa incoraggiare la ricerca e la speranza nel trattamento dell'epilessia.
di Errica Dall'Ara (su "Il Resto del Carlino" 03.04.2001)

Il Nuovo
Musica di Mozart contro l'epilessia

Piccoli brani della Sonata K448 dell'autore sarebbero in grado di diminuire la


frequenza di attacchi, mentre nuove ricerche tentano di capire se anche altra musica
diversa ha lo stesso esito terapeutico.
di Cristiano Carniel

MILANO - L'hanno battezzato Effetto Mozart. Secondo il professor John Jenkins che
ha esaminato i risultati della ricerca internazionali sulla terapia musicale, è molto
probabile che anche le opere di altri autori, come Bach che presenta una struttura
musicale simile, potrebbero innescare l'effetto Mozart.
I soggetti che sono stati esposti a 10 minuti della sonata sono stati messi sotto
esame col risultato che alcune loro abilità manuali sono notevolmente migliorate.
Studi sui topi hanno evidenziato che gli animali "amanti di Mozart" sono più abili

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/recemozart.htm (2 of 4) [19/08/2003 22.57.51]


Recensioni effetto Mozart - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale we...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

nell'uscire da un labirinto di quelli a cui era stata fatta ascoltare musica minimalista o
lasciati nel silenzio.
Altri test hanno rivelato che i bambini a cui erano state impartite per sei mesi lezioni
di pianoforte, insegnando loro semplici melodie, principalmente di Mozart, hanno
evidenziato migliori risultati nelle prove di valutazione di quelli che avevano passato
lo stesso periodo davanti ad un computer.
Nonostante altri scienziati non siano riusciti ad ottenere gli stessi risultati, Jenkins
sostiene che gli effetti positivi che la terapia di Mozart ha evidenziati siano molto
incoraggianti: "Abbiamo abbastanza elementi - ha dichiarato - per giustificare la
necessità di ulteriori ricerche in questa direzione. Io credo che i risultati siano
sufficientemente positivi da incoraggiarci a procedere con un'esposizione dei pazienti
a brani più lunghi di dieci minuti".
Secondo Jenkins l'ascolto di Mozart potrebbe contenere una speranza nel trattamento
dell'epilessia.Scansioni hanno evidenziato come durante l'ascolto di brani musicali
diverse aree del cervello umano siano attive.
La parte sinistra dell'encefalo elabora il ritmo e la tonalità, mentre quella destra si
occupa del timbro e della melodia. Secondo Jenkins la musica metterebbe in funzione
le parti del cervello più importanti, ma l'Effetto Mozart necessita di ulteriori
approfondimenti prima di poter essere realmente utile per curare l'epilessia.
Secondo Andrew Potter, direttore della Performing Right Society, una sorta di
S.I.A.E. inglese, da molto tempo è chiaro come i benefici della musica applicata a
terapie mediche siano evidenti: "Questa ulteriore dimostrazione, proveniente da una
fonte autorevole come l'Università di Londra, dovrebbe spingere le organizzazioni
musicali di tutti i generi a contribuire a questo tipo di ricerche".
(Il Nuovo 5 APRILE 2001, ORE 9:15)

Allegroassai.it
L'effetto Mozart

Lo scetticismo in questo campo è di rigore. Molti studiosi, subito dopo la


pubblicazione dell'articolo ´Music and spatial task performance´ (Raucher et all.,
Nature 1993), che dimostrava gli effetti benefici della Sonata K 448 sulle capacità di
elaborazione della percezione, espressero forti dubbi. Alcuni sostennero che l´effetto
benefico diretto (che peraltro durava non più di 15 minuti) fosse legato soltanto al
piacere dell´ascolto, e dipendesse dall´apprezzamento del pezzo e dalla sensazione
di rilassamento che sorge in seguito a una qualsiasi esperienza piacevole. Ma gli
autori dell´articolo rilanciarono, e dimostrarono che l´effetto era prodotto anche in
gruppi di topi le cui madri erano state sottoposte durante la gravidanza all´ascolto
della sonata miracolosa.
Recentemente il prof. J.S. Jenkins dell´Università di Londra, nel Journal of the Royal
Society of Medicine di aprile, ha ribadito le conclusioni dello studio del 1993. Jenkins
crede che l´effetto possa in parte dipendere dalla maniera in cui la musica e la
percezione delle immagini nello spazio sono elaborate dal cervello. Parrebbe che
l´ascolto della musica attivi in particolare proprio quelle aree cerebrali che sono
coinvolte nella percezione spaziale. Certo, questo non basta a spiegare perché,
sempre secondo gli stessi esperimenti, l´effetto della Sonata K 448 non si ottiene per
nulla con la musica minimalista di Philip Glass, né con la musica pop. Misteri del
cervello - di uomini e topi.
Sempre la stessa taumaturgica sonata K 448 si sarebbe recentemente dimostrata in
grado di ridurre l´attività epilettica. Gli effetti sarebbero stati registrati specialmente
nei casi gravi quali l´epilessia infantile incurabile detta sindrome di Lennox-Gastaut.
Ma in cosa risiederebbe la specificità di questo indiscusso capolavoro, che l´esperto
mozartiano Alfred Einstein definì ´una delle più profonde e mature composizioni di

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/recemozart.htm (3 of 4) [19/08/2003 22.57.51]


Recensioni effetto Mozart - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale we...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Mozart´? Questo non è ancora chiaro. Peraltro anche altre composizioni di Mozart e
di Bach sembrano produrre lo stesso effetto. Alcuni hanno individuato la prevalenza
in Mozart di tonalità che comportano l´insistenza su certe note (in particolare Sol5)
particolarmente efficaci, altri hanno sottolineato la tendenza mozartiana alla
periodicità a lungo termine, alla ripetizione di macrostrutture.

L´articolo di J.S. Jenkins si trova all´indirizzo: http://www.rsm.ac.uk/new/pr85.htm.


Per chi vuole scaricare la sonata K448 in RealAudio:
http://www.musical-expressions.com/classical_music.htm.

L'EFFETTO MOZART SECONDO PARSIFAL | L'EFFETTO MOZART SECONDO L'ALTRA MEDICINA

Segnalazioni & Recensioni | Press / Stampa / Media

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Links | Amadeux Multimedia info

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio nel rispetto delle normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa
(Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/recemozart.htm (4 of 4) [19/08/2003 22.57.51]


Noise (Rumori) ed effetti psicoacustici - Amadeux - Marco Stefanelli s... - subliminale subliminal alpha relax rilassamento binaurali binaural

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Il progetto e la tecnica "HRM" | Forum | Mailing
List

Noise (Rumori) ed effetti psicoacustici


di Marco Stefanelli
I noise (rumori) possono essere trovati dappertutto in Natura. Nel mondo della tecnologia e
della e scienza spesso e' un fenomeno non desiderato.
Ci sono vari generi di rumori. Il noise può essere comune o "ammorbidito", qualche volta è
descritto con un colore (es. rumore rosa, rumore bianco, ecc.). La caratteristica più
importante del noise e' l'imprevedibilita'. Il vero rumore naturale non può essere previsto
completamente ma può essere simulato con varie formule matematiche.

I Noise piu' comuni e importanti:

White noise (Rumore bianco)


Questo genere di rumore ha uguale energia (loudness o volume) sulle varie frequenze
(spettrogramma piatto), ovvero, se si misura l'ampiezza del suono nella banda di frequenze
da 100 a 200 Hz (Hz "Hertz" o "cicli per secondo") si ha la stessa ampiezza del suono che
nella banda da 3000 a 3100 Hz o anche da 19.000 a 19.100 Hz.
Il rumore bianco è generoso in "brillantezza" e per questo, essendo l'orecchio umano piu'
suscettibile alle alte frequenze, non risulta molto rilassate. E' efficace per mascherare altri
suoni e in particolari circostanze e' indicato per provocare allucinazioni uditive.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/noise.htm (1 of 5) [19/08/2003 22.58.56]


Noise (Rumori) ed effetti psicoacustici - Amadeux - Marco Stefanelli s... - subliminale subliminal alpha relax rilassamento binaurali binaural

Analisi in frequenza del white noise

Analisi spettrale FFT del white noise

Pink noise (Rumore rosa)


Questo rumore ha una frequenza spettrale di 1/f con una caduta di 3dB per ottava e quindi
uguale energia per ottava. Di solito il rumore rosa è prodotto con un filtraggio passa-basso
del rumore bianco. Il rumore rosa avrà la stessa ampiezza nella banda da 110 a 220 Hz
come da 220 a 440 Hz o da 7.040 a 14.080 Hz. Se si ingrandisce o si restringe l'onda con un
oscilloscopio la forma d'onda ha sempre la stessa "trama".
Il pink noise non e' ne' casuale ne' prevedibile ed ha una struttura frattale.
Il rumore rosa suona più naturale degli altri rumori ed e' molto rilassante. Lo troviamo
spesso in Natura e suona come la pioggia, le cascate d'acqua, l'acqua che scorre nel vimini o
dell'oceano praticando il surf e altri suoni naturali. Spesso si usa per "ambienti" musicali
elettronici e come segnale test per "accordare" il rinvigorimento dei sistemi sonori (molti
egualizzatori e analizzatori di spettro audio hanno generatori di rumore rosa).

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/noise.htm (2 of 5) [19/08/2003 22.58.56]


Noise (Rumori) ed effetti psicoacustici - Amadeux - Marco Stefanelli s... - subliminale subliminal alpha relax rilassamento binaurali binaural

Analisi in frequenza del pink noise

Analisi spettrale FFT del pink noise

Brown noise (Rumore marrone)


Questo è un genere di rumore che sta a meta' tra il rumore bianco e quello rosa ed ha una
distribuzione dell'ampiezza 1/(f^2) con una caduta di 6dB per ottava. Il rumore marrone
contiene una grande quantita' di basse frequenze ed è il suono tipico del tuono e del
cammino casuale che obbliga l'ampiezza della forma d'onda ad aumentare e diminuire
casualmente.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/noise.htm (3 of 5) [19/08/2003 22.58.56]


Noise (Rumori) ed effetti psicoacustici - Amadeux - Marco Stefanelli s... - subliminale subliminal alpha relax rilassamento binaurali binaural

Analisi in frequenza del brown noise

Analisi spettrale FFT del brown noise

Altri tipi di Noise:

Red noise (Rumore rosso)


Un genere di rumore molto "basso" ottenuto con un pesante filtraggio passa-basso. Questo
rumore suona come un rimbombo molto basso - un treno che passa nel sottopassaggio
pedonale o un sistema di aria condizionata chiassoso. La definizione di rumore rosso non è
precisa come quella del rumore bianco e rosa. Il termine e' usato soprattutto per rumori a
basso-pitch nella musica elettronica.
Blue noise (Rumore blu)
Questo rumore e' praticamente l'inverso del pink noise con un incremento di frequenza di
3dB per ottava. L'intensita' e' proporzionale alla frequenza (f). Viene generato di solito con
un filtraggio passa-alto del rumore bianco. Suona veramente stridulo e artificiale. Come per
il rumore rosso, anche in questo caso non è una definizione precisa e si riferisce a rumori
con molti toni alti.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/noise.htm (4 of 5) [19/08/2003 22.58.56]


Noise (Rumori) ed effetti psicoacustici - Amadeux - Marco Stefanelli s... - subliminale subliminal alpha relax rilassamento binaurali binaural

Violet noise (Rumore violetto)


E' l'inverso del brown noise. Ha una frequenza di pre-enfasi di 6dB per ottava e una
intensita' caratteristica di f^2.
Diotic Noise
Questo definizione si assegna ad un segnale monofonico con alcune proprieta' stereofoniche
o binaurali. Il rumore diotic presenta lo stesso segnale, correlato, ad entrambi gli orecchi -
rumore monofonico. Il rumore Diotic puo' essere in fase o in contro-fase (180°). Quello in
fase suona come un rumore che attraversa la testa quando e' ascoltato con le cuffie. Quello
in contro-fase suona come un rumore che gira intorno alla testa, sempre quando lo si
ascolta con le cuffie.
Dichotic Noise
Quesa e' una definizione di rumore con due segnali separati non correlati e presentati a
ciascuno orecchio. È molto più stimolante e rinfrescante (soggettivamente) di quello
monofonico o diotic. Dove il rumore diotic monofonico suona come un fischio della radio il
dichotic suona come un temporale all'aperto.
Index Sub | Index Demo | Catalogo | Il progetto e la tecnica "HRM"

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico" o
"psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni articoli, brani ed
immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico dominio nel rispetto delle
normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa (Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/noise.htm (5 of 5) [19/08/2003 22.58.56]


Frattali e Musica - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale Effetto Moz... - subliminale subliminal alpha relax rilassamento binaurali binaural

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Il progetto e la tecnica "HRM" | Forum | Mailing
List

Frattali e Musica
Geometria e logica frattale nella Natura, nell'Arte e nella Musica

Introduzione

Matematica dei frattali

Frattali in Natura e in Fisiologia umana

Immagini frattali e Arte

Musica frattale e autogenerativa

Ringraziamo Federico Miorelli, Tommaso Terragni e Vittorio Gariboldi per le preziose informazioni ed immagini
fornite dal loro sito: http://www.miorelli.net/frattali

"Eadem Mutata Resurgo"


"Why is geometry often described as 'cold' and 'dry'? One reason lies in its inability to
describe the shape of a cloud, a mountain, a coastiline, or a tree. Clouds are not
spheres, mountains are not cones, coastlines are not circles, and bark is not smooth,
nor does lightning travel in a straight line"
- Benoit B. Mandelbrot -

Così Mandelbrot nel suo libro The Fractal Geometry of Nature descrive
l'inadeguatezza della geometria euclidea nella descrizione nella natura.
Mandelbrot è il padre fondatore della teoria dei frattali e inventore del famoso insieme
che porta il suo nome.

Cos'è un frattale?
di Tommaso Terragni

La definizione più semplice e intuitiva lo descrive come una figura geometrica in cui
un motivo identico si ripete su scala continuamente ridotta. Questo significa
che ingrandendo la figura si otterranno forme ricorrenti e ad ogni ingrandimento essa

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/frattali.htm (1 of 4) [19/08/2003 22.59.05]


Frattali e Musica - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale Effetto Moz... - subliminale subliminal alpha relax rilassamento binaurali binaural

rivelerà nuovi dettagli. Contrariamente a qualsiasi altra figura geometrica un frattale


invece di perdere dettaglio quando è ingrandito, si arricchisce di nuovi particolari.

Triangolo di Sierpinski, 4 iterazioni Triangolo di Sierpinski, 5 iterazioni

Il termine frattale fu coniato da Mandelbrot e ha origine nel termine latino fractus,


poichè la dimensione di un frattale non è intera, come spiegato nella sezione
<Matematica>.

Introduzione
di Tommaso Terragni

Dalla fine del XIX secolo la scienza si è orientata verso lo studio di sistemi complessi:
basti pensare allo sviluppo eccezionale che ha avuto la teoria quantomeccanica o
quella della relatività. Queste due teorie sono indice di come la ricerca, anche grazie a
metodi matematici potentissimi e a livelli di astrazione mai raggiunti fino al XX secolo,
non sia più legata all'immediata comprensibilità da parte dell'Uomo; la
quantomeccanica è rappresentata da un'equazione complessa ψ che ha significato
fisico solo se moltiplicata per il suo coniugato. L'ultima frontiera della fisica, per
quanto riguarda l'unificazione delle forze, sta cercando di provare che materia,
energia, spazio e tempo siano generati da vibrazioni delle supercorde, cioè oggetti
indivisibili a 10 dimensioni.

Questo scenario può sembrare inquietante ed in effetti ci troviamo in una situazione


simile a quella che sconvolse i filosofi e li costrinse a rinnegare Newton quando egli
tentò di abbandonare la metafisica, rinunciando a definire la forza gravitazionale, ma
esprimendo solo i suoi effetti: egli disse "Hypotesis non fingo", cioè, traducendo un po'
liberamente, "non sono in grado di dirvi che cos'è la forza di gravità", ma posso dirvi
come funziona, quali sono i suoi effetti, e posso darvi degli strumenti per prevederli.
L'atteggiamento del fisico moderno è sempre lo stesso, egli infatti non è interessato
all'intima essenza delle supercorde ma vuole da esse derivare una conoscenza unitaria
della fisica. Grazie alla teoria relativistica abbiamo molte più informazioni sull'Universo
di quante potessimo ricavare dalla fisica classica.

Nonostante i grandiosi progressi fatti, oggi, scoprire le leggi fondamentali e


comprendere "in principio" la struttura del mondo, non è più sufficiente. Sempre più
importante diventa investigare le molteplici forme attraverso le quali si manifestano
tali principi. Bisogna stare attenti a non confondere la causa con l'effetto: non è la
natura che si deve adeguare alle leggi create dall'uomo per prevedere i probabili
eventi; sono invece le leggi che devono diventare sempre più accurate nella
descrizione di ogni tipo di fenomeno. Newton ha creato un Universo parallelo a
quello reale, un universo nel quale un corpo con una certa velocità iniziale, sul quale

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/frattali.htm (2 of 4) [19/08/2003 22.59.05]


Frattali e Musica - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale Effetto Moz... - subliminale subliminal alpha relax rilassamento binaurali binaural

non agiscano forze, la mantiene fino alla fine del tempo (anche esso infinito). Nulla di
tutto ciò corrisponde alla realtà. Ogni corpo cambierà velocità e il tempo stesso ha
avuto un inizio (e forse avrà anche una fine, se la materia dell'Universo dovesse
superare un limite critico). In questo universo reale sono presenti infiniti elementi
"perturbatori", il che lo rende fondamentalmente diverso dall'universo newtoniano.
Basti pensare al problema della determinazione del moto di tre corpi fra i quali vi
siano forze di tipo gravitazionale, di formulazione semplicissima, eppure irrisolvibile: le
equazioni che lo caratterizzano, tecnicamente, non sono integrabili (possono solo
essere risolte con il metodo delle successive approssimazioni di Newton, che genera
esso stesso un frattale), e quindi un minimo errore nella determinazione delle
condizioni iniziali, può, alla lunga, determinare un errore non trascurabile: è quindi
necessario aggiungere dati sperimentali dopo un intervallo di tempo, per limitare le
imprecisioni.

Questa tendenza alla complessità, può essere bene esemplificata appunto dai frattali,
figure geometriche complesse e caotiche determinate per approssimazione di
una funzione ricorsiva: noi non potremo mai sapere come sia la figura finale che ha
le proprietà di una frattale, ma dovremo sempre limitarci ad un'approssimazione, che
può essere indicativa ma non è il frattale. È la stesso problema che si verifica nei
sistemi cosiddetti "non lineari": non è possibile determinare la situazione finale date
solo le condizioni di partenza, ma bisogna continuamente aggiungere dati
"sperimentali". Queste problematiche hanno dato l'avvio allo studio del "caos
deterministico", cioè di situazioni di disordine ottenute però da processi
matematico-fisici deterministici. Gli studi a proposito sono ancora in grande sviluppo e
i frattali si inseriscono prepotentemente in questa nuova branca della matematica. Noi
non possiamo sapere come sarà la configurazione finale del sistema a infinite
iterazioni, ma sapremmo benissimo come calcolarla; è una situazione simile a quella
del fisico classico che conosce perfettamente come si muove un corpo, anche
considerando attriti, campi elettromagnetici dell'ambiente e del corpo stesso e tutti gli
altri possibili elementi perturbatori, ma non sa il vero valore di p. Probabilmente i suoi
calcoli saranno accurati a sufficienza per ogni tipo di applicazione pratica possibile e
immaginabile, ma non potrebbe prevedere deterministicamente la situazione del
sistema dopo un tempo infinito.

Tuttavia con lo sviluppo continuo ed esponenziale della capacità di calcolo, si possono


creare figure che hanno la stessa valenza matematica per la rappresentazione del
frattale vero e proprio (quello che ha, cioè, significato matematico e che gode di
alcune proprietà) della valenza di un segno su un foglio per la rappresentazione della
retta. Il computer si sostituisce quindi alla matita, non alla mente del matematico, che
è l'unico mezzo in grado di fare della matematica. Infatti i frattali erano già stati
studiati per le loro proprietà topologiche da Julia negli anni '20, ma non erano mai
stati visualizzati graficamente, né si sapeva come potesse essere la forma dei "bacini
di attrazione" di una funzione che veniva continuamente iterata con se stessa. Tutto
quello che è mancato a Julia è stata la capacità di calcolo che ha invece avuto B. B.
Mandelbrot negli anni '80 al centro "T. J. Watson" dell'IBM. E certamente questo,
cioè riuscire a visualizzare questi strani oggetti matematici e associarli a forme
presenti in Natura, ha determinato il successo di Mandelbrot; questa associazione
sembra quasi svelare un progetto segreto che un'entità superiore abbia realizzato
per via matematica creando la Natura. Per questo negli anni '80 ("The fractal
geometry of Nature" è del 1982) si è cercato di trovare in tutto un frattale. Si è
sviluppata quindi una branca della geometria frattale che studia i cosiddetti frattali
biomorfi, cioè simili ad oggetti presenti in natura. I risultati a volte sono stati
stupefacenti, infatti uno dei frattali biomorfi più riusciti è la foglia di felce i cui
dettagli, detti autosimili, riproducono sempre la stessa figura. Tuttavia, per esempio,
in un albero, la foglia è strutturalmente diversa dal tronco e dai rami quindi i frattali
possono essere usati come analogie. Ci si potrebbe chiedere se tutto ciò sia
scientificamente valido, e, considerando gli sviluppi nella direzione della complessità,
io direi di sì, perché ormai le ultime frontiere della scienza non sono più comprensibili,
ma vanno espresse attraverso "metafore" e "analogie"; la Scienza ha ormai bisogno di

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/frattali.htm (3 of 4) [19/08/2003 22.59.05]


Frattali e Musica - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale Effetto Moz... - subliminale subliminal alpha relax rilassamento binaurali binaural

un nuovo linguaggio, adatto a esprimere l'incomprensibile per la mente umana. Non


viviamo più nell' universo liscio di Newton, ma nell'Universo delle iperconnessioni,
della pluridimensionalità e della relatività, che lo rendono piegato e rugoso come un
straccio. Forse non è facile accettare una situazione come questa dopo tre secoli nei
quali l'universo ci è parso liscio e sicuro, illuminato dalla rassicurante presenza di
Isaac Newton.

"If I have seen further than others, it is by standing upon the shoulders of giants"
- Sir Isaac Newton -

Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Il progetto e la tecnica "HRM"

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico" o
"psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni articoli,
brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico dominio nel
rispetto delle normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa (Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/frattali.htm (4 of 4) [19/08/2003 22.59.05]


Frequenze "Binaural Beats" e stati cerebrali - Amadeux - Marco Stefan...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Le onde cerebrali | Forum | Mailing List

Frequenze "Binaural Beats" e stati cerebrali

Cosa sono le frequenze "Binaural Beats"


Se un tono costante di 424 Hz (1 Hertz = 1 impulso al secondo), viene applicato all'orecchio
sinistro, e un altro tono costante di 454 Hz viene applicato all'orecchio destro, la differenza
di 30 Hz verra' percepita dal nostro cervello; e cio' lo stimolera' in diverse maniere.
Le frequenze "Binaural Beats", scoperte nel 1839 dal tedesco H. W. Dove e sperimentate
sul cervello dal Dott. Gerald Oster nel 1973 al Mount Sinai school of Medicine di New York,
sono l'applicazione di queste differenze di frequenza fra un orecchio e l'altro, in modo che il
cervello ne venga stimolato positivamente, queste riescono a stimolare il cervello in
differenti maniere, agevolando il rilassamento, l'apprendimento, la meditazione e molti altri
aspetti della vita.

Figura 1 - Analisi in frequenza di Binaural beat - Battimento binaurale o biauricolare

In figura 1 potete vedere l'analisi in frequenza di un battimento binaurale di 30 Hz


(infrasuono) generato da due frequenze diverse per il canale sinistro (424 Hz - blu) e canale

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/brain.htm (1 of 4) [19/08/2003 22.59.28]


Frequenze "Binaural Beats" e stati cerebrali - Amadeux - Marco Stefan...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

destro (454 Hz - rosso) a 0 dB.

Figura 2 - Analisi di fase di Binaural beat - (Lissajous Plot graph)

In figura 2 potete vedere l'analisi di fase (differenza di ampiezza fra i due canali) di un
battimento binaurale di 30 Hz (infrasuono) a 0 dB. Sulla linea orizzontale abbiamo il canale
sinistro e in quella verticale il canale destro. Da notare come il "campo" audio stereofonico e'
armonicamente e completamente distribuito.

Frequenze e stati cerebrali


L'elettroencefalogramma è utilizzato per misurare le vibrazioni elettriche del cervello,
applicando degli appositi strumenti sulla superficie del cuoio capelluto.
Il tracciato che ne risulta contiene, solitamente, frequenze al di sotto dei 30Hz.
Le frequenze si possono classificare in 4 stati:
Delta da 0,5 a 4Hz >> Sonno profondo
Theta da 4 a 8 Hz >> Sonnolenza e primo stadio del sonno
Alpha da 8 a 14 Hz >> Rilassamento vigile
Beta da 14 a 30 Hz >> Stato di allerta e di concentrazione

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/brain.htm (2 of 4) [19/08/2003 22.59.28]


Frequenze "Binaural Beats" e stati cerebrali - Amadeux - Marco Stefan...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

La frequenza dominante nell'elettroencefalogramma determina in quale stato il cervello si


trova, e, se l'ampiezza delle onde alpha e' piu' alta delle altre, si dice che il cervello si trova
nello stato Alpha.

Indurre il cervello nello stato desiderato


tramite le "Binaural Beats"
Se lo stimolo esterno e' applicato al cervello, diventa possibile mutarne la
frequenza, da una sua condizione ad un'altra.
Per esempio, se una persona è nello stato Beta (allarme) ed uno stimolo di
10Hz e' applicato al suo cervello per un certo tempo, e' probabile, allora, che la
frequenza dello stesso vari, sincronizzandosi a quella cui lo si espone.
Quando lo stato del cervello e', gia' in precedenza, vicino allo stimolo applicato, l'induzione
agisce piu' efficientemente.
Infatti, se si vuole condurre le cellule cerebrali ad un certo stato di "emittenza" e' necessario
applicare ad esse una frequenza che corrisponda alla "lunghezza d'onda" in cui si trovano, in
quel momento; poi, la si aumentera', o diminuira', con una velocita' tale che il cervello sia
sempre in sincronia con lo stimolo applicato; sino a che giungera' allo stato desiderato.
E' difficile stabilire in che condizione si trovi il cervello; ma, si puo' supporre che, durante il
giorno, si emettano, solitamente, delle onde Beta (20Hz); quindi, potrete iniziare da quella
frequenza, per poi aumentarla, verso l'alto, o diminuirla, verso il basso.
Se, invece, la situazione neuro-cerebrale e' piu' rilassata, iniziate pure da 15Hz, o, meno; e
viceversa.

Stimolare il cervello
I due modi piu' semplici per stimolare, dall'esterno, il cervello avvengono
tramite le sensazioni auditive e visive.
Già nelle missioni spaziali vengono usate queste tecniche; ad esempio, quando
gli astronauti devono - per emergenze, o per esigenze tecniche - lavorare,
molte ore, senza pausa; oppure, restare svegli per supervisionare gli
strumenti. Allora, essi si sottopongono ad un trattamento, a base di lampi ad intermittenza e
suoni, che sposta il loro orologio biologico e riattiva la loro concentrazione, permettendo loro
di vincere il sonno e la stanchezza.
Siccome l'orecchio umano non riesce a percepire le onde sonore al di sotto dei 20Hz, è
necessario usare delle tecniche speciali, chiamate "Binaural Beats" (termini che,in italiano, si
potrebbero tradurre in "Battimenti Biauricolari").
Se applichiamo all'orecchio sinistro un tono costante di 495Hz, e all'orecchio destro un tono
costante di 505Hz, questi due toni verranno riunificati dal cervello, che - in tal modo -
percepira' quella loro differenza di 10Hz, e ne verra' stimolato.
Ciò avviene tramite delle cuffie stereo, dove i suoni destro e sinistro non si fondono, prima
di essere percepiti - come, invece, accadrebbe, ascoltando le frequenze da normali casse
acustiche.
Per ottenere uno stimolo di 10Hz, e' possibile usare i toni di 495Hz e di 505Hz, o di 400Hz e
di 410Hz, o di 862Hz e di 872Hz, e così via.
L' unico requisito necessario e' che il tono sia percepito abbastanza bene e che si trovi nella
fascia sotto i 1000Hz.

Stimolare il cervello tramite stimoli visivi


Applicare lo stimolo visivo e' piu' semplice che farlo tramite quello sonoro,
perche' le frequenze basse possono essere usate prontamente.
Una frequenza di 10Hz, per esempio, è generata quando una luce (una
lampada) si accende e si spegne ritmicamente per 10 volte al secondo.
Quando lo stimolo visivo e' unito allo stimolo sonoro l'induzione e' molto piu'
efficace che durante l'uso di una sola delle due tecniche. >> Demo visione subliminale

Effetti delle condizioni alterate del cervello


Il fatto di ascoltare passivamente le frequenze non è necessariamente sufficiente ad alterare
il vostro stato cerebrale; la capacita', la forza di volonta' e la concentrazione aiutano molto e
donano effetti piu' intensi.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/brain.htm (3 of 4) [19/08/2003 22.59.28]


Frequenze "Binaural Beats" e stati cerebrali - Amadeux - Marco Stefan...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

Aiutare la meditazione
La meditazione consiste nell'alterare, con la forza di volonta', il proprio stato cerebrale,
portandolo allo stato desiderato.
Queste tecniche possono aiutare a raggiungere lo stato di rilassamento necessario per
eseguire una buona sessione di meditazione.
Le frequenze più adatte si trovano nella gamma delle frequenze Alpha; cioe', da 8Hz a 13Hz.

Aumentare la capacità di apprendimento


La condizione Theta (4Hz-7Hz) favorisce la capacità e la velocità di apprendimento.
Infatti, i bambini vivono, naturalmente, nella fase Theta, piu' che gli adulti; e, cio', spiega
perchè essi riescano ad apprendere, molto meglio che gli adulti, per esempio, una seconda
lingua.
Anche le frequenze Alpha sono di incalcolabile utilita', durante l'apprendimento.
Queste tecniche possono essere utili anche per alleviare mal di testa, per la riduzione del
fabbisogno di sonno; per l'eliminazione della depressione, dei disordini nella capacità di
attenzione e della concentrazione, e per molto altro.
Index Sub | Index Demo | Catalogo | Le onde cerebrali

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico" o
"psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni articoli, brani ed
immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico dominio nel rispetto delle
normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa (Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/brain.htm (4 of 4) [19/08/2003 22.59.28]


Introduzione - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale website - Ponsa...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Rilassamento ecc. | Forum | Mailing List

Introduzione
di Marco Stefanelli

Non sono un musicologo, non sono


neanche un "vero" musicista nel
senso classico del termine. Sono uno
che suona, canta, ascolta e ricerca da
molti anni; osservo gli effetti dei
suoni sul corpo e sul mentale sia
intuitivamente che razionalmente,
istintivamente e strumentalmente. Ci
sono cose che capisco ed altre che
non capisco. Insomma, sono un
semplice viaggiatore alla ricerca di
un mondo migliore. Il mio interesse
per queste formule foniche e' nato
principalmente da esperienze
vissute in passato. E’ per rivivere
queste esperienze, per comprenderle,
per addomesticarle, descriverle, che
ho iniziato questo viaggio, questa
ricerca verso la musica "interiore".
Non voglio cercare di convincere
nessuno con delle belle teorie
pseudo-scientifiche o con grandi
ipotesi. Il mio tentativo e' un
semplice invito. Un invito alla festa
dei suoni e della musica.

In questo sito cerchero' di spiegare cos'e' e come utilizzare la musica


subliminale con infrasuoni, ultrasuoni, effetto Mozart, HRM, frattali ecc. Data
la complessita' dell'argomento cerchero' di essere piu' semplice, sintetico e chiaro
possibile, ma spesso dovro' introdurre alcuni concetti di base relativi ai vari
argomenti e a volte far riferimento a termini tecnici o sigle. Alcune pagine
risulteranno un po' lunghe da scorrere a video data la mole di informazioni che
dovremo inserire, potete stampare o salvare la pagina per leggerla piu'
comodamente in un secondo tempo e utilizzare i pulsanti e le barre di scorrimento
che inseriremo per agevolare la lettura a video. Troverete sul sito anche delle
pagine di approfondimento tecnico e di ausilio alla comprensione delle materie
piu' difficoltose e complesse. Una sezione sara' dedicata alla vendita dei nostri
"prodotti", unici nel loro genere a livello mondiale, che ci serviranno per
divulgare questa "musica" specialmente in Italia, autofinanziare la ricerca in
questo campo e devolvere una parte degli introiti in beneficenza.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/intro.htm (1 of 2) [19/08/2003 22.59.39]


Introduzione - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale website - Ponsa...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

I suoni, come saprete, dipendono dalla variazione di pressione dell’aria, che


genera le cosiddette onde sonore: se vogliamo rappresentarci visivamente la
propagazione, pensiamo ai cerchi che si formano nell'acqua allorche' gettiamo un
sasso.
I suoni acuti sono generati da vibrazioni molto rapide, quelli bassi corrispondono a
vibrazioni lente; l’orecchio umano e' in grado di ricevere suoni con una frequenza
che varia da 30 a 20000 vibrazioni al secondo (Hertz o Hz). Per misurarne
l'intensita' invece viene utilizzato il decibel o dB, il valore 0 decibel corrisponde al
suono più debole che può essere udito da un essere umano, mentre 140 dB
rappresentano la soglia del dolore causato da un suono troppo alto.
Alcuni ricercatori hanno studiato e messo a punto delle tecniche per "intrecciare"
alla musica degli infrasuoni (suoni con frequenza inferiore a 30 Hz) ed altri tipi di
suoni i quali raggiungono il livello sensoriale pur senza influenzare il livello
cosciente. Essi, quindi, rimangono nella zona di "percezione subliminale", la
zona che tratteremo approfonditamente in questo sito...
Index Sub | Index Demo | Catalogo | Rilassamento, capacita' immaginative etc.

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio nel rispetto delle normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa
(Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/intro.htm (2 of 2) [19/08/2003 22.59.39]


Amadeux - Marco Stefanelli demo subliminale website - Ponsacco Pisa Italy

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links | Amadeux info

Demo #A1
Questo file MP3 demo che vi proponiamo rappresenta un esemplare di
"Sistema Verbale di Rilassamento".

Si tratta di un eccezionale file MP3 (durata 10' - 4,6 Mbytes), che racchiude in sé
delle sonorità <Alfa>, dei battiti binaurali, delle induzioni doppie e una musica di
sottofondo, appositamente studiati per indurre la massima armonia nella mente e
nelle cellule nervose.
La voce maschile, che guida l'intera seduta di rilassamento, e' adatta e calda, e
professionale.

COME ASCOLTARE IL FILE

● Trovate un posto comodo, dove nessuno vi disturberà e dove potrete


restare tranquilli

● Riducete la luce e create un'atmosfera calma.

● Allentate tutti gli indumenti che vi stringono.

● Scegliete una posizione comoda.

● Utilizzate, se possibile, una cuffia stereo.

Inizialmente, vi consigliamo di compiere l'esercizio, ascoltando il file MP3, per due


volte al giorno, sì da apprenderne bene la sequenza; in seguito, proseguite, pure,
da soli, senza alcuna voce guida, con il vostro metodo ed i vostri ritmi personali.

HackRelax.mp3 (10' - 4,6 Mb) download

Il brano contenuto nel file "HackRelax.mp3" e' Copyright (C) 2001 Migliorati.org
Vietata la vendita e qualsiasi tipo di utilizzo commerciale.
Il file è tratto dal sito: www.migliorati.org

Catalogo, Prenotazioni, Ordini & Informazioni!

Index Sub | Index Demo | Come utilizzare questa musica | Catalogo | Links

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio citati.
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997-2002 Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/demoa1.htm [19/08/2003 22.59.41]


SubVision - Amadeux Multimedia

Welcome to

<[ SubVision ]>


La seduta di rilassamento ha una durata totale di circa 20 minuti;
e' una lunghezza studiata accuratamente, non deve essere superata in una stessa
seduta, cio' provocherebbe un effetto di saturazione e non sarebbe di alcun beneficio
ma comunque senza neppure conseguenze negative.
Ulteriori istruzioni durante la seduta.

Relax SubRoom... clic to start...

Chiudi / Close

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/vision/frameset.htm [19/08/2003 22.59.43]


Modulo Prenotazioni, Ordini e Informazioni - Amadeux - Marco Stefan...sta emicrania meditazione yoga depressione ansia ipnosi autoipnosi

SUBLIMEN.com

Index Sub | Catalogo | Amadeux Multimedia info

Modulo Prenotazioni, Ordini e


Informazioni
Legge 675/96 Informativa privacy Garante privacy italiana

Attenzione! Riempire tutti i campi necessari contrassegnati con


"Necessario..."

Tipo messaggio: / Message type: (Necessario/Required)

scegli / choose ?
altro/other:
Indicate la vostra categoria: / Please check your status: (Necessario/Required)

Privato/Private Azienda/Company altro/other:


Informazioni personali: / Personal information:
Nome e Cognome/Name:
(Necessario/Required)

Azienda/Company:

Attività/Job:

Indirizzo/Address:
(Necessario per Ordini)

Città/City:
(Necessario/Required)

C.A.P./Zipcode:
Provincia/State: (Necessario per Ordini)

Paese/Country: Scegli il Paese/Choose a Country


(Necessario/Required)

Telefono/Phone:
(Necessario per Ordini)

Fax:

Email:
(Necessario/Required)

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ordinfo.htm (1 of 2) [19/08/2003 22.59.50]


Modulo Prenotazioni, Ordini e Informazioni - Amadeux - Marco Stefan...sta emicrania meditazione yoga depressione ansia ipnosi autoipnosi

Cod.Fiscale o P.IVA: (Necessario per Ordini)

Informazioni relative a: / Information about: info? (Necessario per Ordini)

Descr. articolo 1: codice: quantita':

Descr. articolo 2: codice: quantita':

Descr. articolo 3: codice: quantita':

Descr. articolo 4: codice: quantita':

Descr. articolo 5: codice: quantita':

Tipo Pagamento: / Payment: info? (Necessario per Ordini)

scegli / choose ?
note/notes:
Tipo Spedizione: / Shipping method: info? (Necessario per Ordini)

scegli / choose ?
note/notes:
Commenti: / Comments:

Amadeux Multimedia, a norma della Legge 675/96 si impegna a proteggere la riservatezza dei dati che verranno
comunicati, a non divulgarli ed a non utilizzarli nemmeno per l' invio di materiale informativo, salvo diversa
richiesta specifica. In particolare Amadeux Multimedia garantisce che:
1) Verranno memorizzati in forma elettronica soltanto i dati necessari alla gestione amministrativa.
2) In ogni momento chiunque potra' avere accesso ai propri dati, chiederne la modifica o la cancellazione
contattando: Customer Service .

Premendo il pulsante "Invio dati" si acconsente automaticamente al trattamento dei dati


per le finalita' e con le modalita' indicate nella informativa stessa.
Al suo indirizzo email sara' inviato un messaggio di verifica dell'avvenuta ricezione,
nel caso non riceviate tale messaggio contattateci via telefono o email:
tel.: 0587-737115 - email: sub@amadeux.net - info: Amadeux Multimedia .

Acconsento e Invio dati / Send Non acconsento e Cancello dati / Reset

Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com


Copyright © 1997-2003 Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ordinfo.htm (2 of 2) [19/08/2003 22.59.50]


Amadeux Multimedia website - Ponsacco Pisa Italy

Legge 675-96 Privacy


Amadeux Service page Approfondimento
------

LEGGE 31 DICEMBRE 1996 N. 675


TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI
RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI
(Testo aggiornato alle correzioni apportate con il decreto legislativo approvato dal
Consiglio dei Ministri del 25 luglio 1997)

Art. 13. (Diritti dell'interessato)

1. In relazione al trattamento di dati personali l'interessato ha diritto:


a) di conoscere, mediante accesso gratuito al registro di cui all'articolo
31, comma 1, lettera a), l'esistenza di trattamenti di dati che possono
riguardarlo;
b) di essere informato su quanto indicato all'articolo 7, comma 4, lettere
a), b) e h);
c) di ottenere, a cura del titolare o del responsabile, senza ritardo:
1) la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano,
anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intellegibile
dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità
su cui si basa il trattamento; la richiesta può essere rinnovata, salva
l'esistenza di giustificati motivi, con intervallo non minore di novanta
giorni;
2) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei
dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria
la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti
o successivamente trattati;
3) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, qualora vi abbia interesse,
l'integrazione dei dati;
4) l'attestazione che le operazioni di cui ai numeri 2) e 3) sono state
portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di
coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in
cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi
manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato;
d) di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei
dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della
raccolta;
e) di opporsi, in tutto o in parte, al trattamento di dati personali che lo
riguardano, previsto a fini di informazione commerciale o di invio di
materiale pubblicitario o di vendita diretta ovvero per il compimento di
ricerche di mercato o di comunicazione commerciale interattiva e di
essere informato dal titolare, non oltre il momento in cui i dati sono
comunicati o diffusi, della possibilità di esercitare gratuitamente tale

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/legge675.htm (1 of 5) [19/08/2003 22.59.54]


Amadeux Multimedia website - Ponsacco Pisa Italy

diritto.

2. Per ciascuna richiesta di cui al comma 1, lettera c), numero 1), può
essere chiesto all'interessato, ove non risulti confermata l'esistenza di
dati che lo riguardano, un contributo spese, non superiore ai costi
effettivamente sopportati, secondo le modalità ed entro i limiti stabiliti dal
regolamento di cui all'articolo 33, comma 3.

3. I diritti di cui al comma 1 riferiti ai dati personali concernenti persone


decedute possono essere esercitati da chiunque vi abbia interesse.

4. Nell'esercizio dei diritti di cui al comma 1 l'interessato può conferire,


per iscritto, delega o procura a persone fisiche o ad associazioni.

5. Restano ferme le norme sul segreto professionale degli esercenti la


professione di giornalista, limitatamente alla fonte della notizia.

Art. 31. (Compiti del Garante)


1. Il Garante ha il compito di:
a) istituire e tenere un registro generale dei trattamenti sulla base delle
notificazioni ricevute;

Art. 7. (Notificazione)
4. La notificazione contiene:
a) il nome, la denominazione o la ragione sociale e il domicilio, la
residenza o la sede del titolare;
b) le finalità e modalità del trattamento;
h) il nome, la denominazione o la ragione sociale e il domicilio, la
residenza o la sede del responsabile; in mancanza di tale indicazione si
considera responsabile il notificante;

Art. 33. (Ufficio del Garante)


3. Le norme concernenti l'organizzazione ed il funzionamento dell'ufficio
del Garante, nonché quelle dirette a disciplinare la riscossione dei diritti di
segreteria e la gestione delle spese, anche in deroga alle disposizioni sulla
contabilità generale dello Stato, sono adottate con regolamento emanato
con decreto del Presidente della Repubblica, entro tre mesi dalla data di
entrata in vigore della presente legge, previa deliberazione del Consiglio
dei ministri, sentito il Consiglio di Stato, su proposta del Presidente del
Consiglio dei ministri, di concerto con i Ministri del tesoro, di grazia e
giustizia e dell'interno, e su parere conforme del Garante stesso. Nel
medesimo regolamento sono altresì previste le norme concernenti il
procedimento dinanzi al Garante di cui all'articolo 29, commi da 1 a 5,
secondo modalità tali da assicurare, nella speditezza del procedimento
medesimo, il pieno rispetto del contraddittorio tra le parti interessate,
nonché le norme volte a precisare le modalità per l'esercizio dei diritti di
cui all'articolo 13, nonché della notificazione di cui all'articolo 7, per via
telematica o mediante supporto magnetico o lettera raccomandata con
avviso di ricevimento o altro idoneo sistema. Il parere del Consiglio di
Stato sullo schema di regolamento è reso entro trenta giorni dalla
ricezione della richiesta; decorso tale termine il regolamento può
comunque essere emanato.

Art. 29. (Tutela)

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/legge675.htm (2 of 5) [19/08/2003 22.59.54]


Amadeux Multimedia website - Ponsacco Pisa Italy

1. I diritti di cui all'articolo 13, comma 1, possono essere fatti valere


dinanzi all'autorità giudiziaria o con ricorso al Garante. Il ricorso al
Garante non può essere proposto qualora, per il medesimo oggetto e tra
le stesse parti, sia stata già adita l'autorità giudiziaria.

2. Salvi i casi in cui il decorso del termine esporrebbe taluno a pregiudizio


imminente ed irreparabile, il ricorso al Garante può essere proposto solo
dopo che siano decorsi cinque giorni dalla richiesta avanzata sul
medesimo oggetto al responsabile. La presentazione del ricorso rende
improponibile un'ulteriore domanda dinanzi all'autorità giudiziaria tra le
stesse parti e per il medesimo oggetto.

3. Nel procedimento dinanzi al Garante il titolare, il responsabile e


l'interessato hanno diritto di essere sentiti, personalmente o a mezzo di
procuratore speciale, e hanno facoltà di presentare memorie o
documenti. Il Garante può disporre, anche d'ufficio, l'espletamento di
perizie.

4. Assunte le necessarie informazioni il Garante, se ritiene fondato il


ricorso, ordina al titolare e al responsabile, con decisione motivata, la
cessazione del comportamento illegittimo, indicando le misure necessarie
a tutela dei diritti dell'interessato e assegnando un termine per la loro
adozione. Il provvedimento è comunicato senza ritardo alle parti
interessate, a cura dell'ufficio del Garante. La mancata pronuncia sul
ricorso, decorsi venti giorni dalla data di presentazione, equivale a
rigetto.

5. Se la particolarità del caso lo richiede, il Garante può disporre in via


provvisoria il blocco in tutto o in parte di taluno dei dati ovvero
l'immediata sospensione di una o più operazioni del trattamento. Il
provvedimento cessa di avere ogni effetto se, entro i successivi venti
giorni, non è adottata la decisione di cui al comma 4 ed è impugnabile
unitamente a tale decisione.

Inizio pagina

-----------

Email:privacy@amadeux.net

Loghi e marchi citati sono dei rispettivi proprietari


Copyright © 1997-2001 Amadeux - All Rights Reserved

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/legge675.htm (3 of 5) [19/08/2003 22.59.54]


Amadeux Multimedia website - Ponsacco Pisa Italy

Inizio pagina

Approfondimento

ART. 10 (Informazioni rese al momento della


raccolta).
1. L'interessato o la persona presso la quale sono raccolti i dati personali devono
essere previamente informati per iscritto circa:

a) le finalita' e le modalita' del trattamento cui sono destinati i dati;

b) la natura obbligatoria o facoltativa del conferimento dei dati;

c) le conseguenze di un eventuale rifiuto di rispondere;

d) i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati e


l'ambito di diffusione dei dati medesimi;

e) i diritti di cui all'articolo 13;

f) il nome, la denominazione o la ragione sociale e il domicilio, la residenza o la sede


del titolare e, se designato, del responsabile.

2. L'informativa di cui al comma 1 puo' non comprendere gli elementi gia' noti alla
persona che fornisce i dati o la cui conoscenza puo' ostacolare l'espletamento di
funzioni pubbliche ispettive o di controllo, svolte per il perseguimento delle finalita' di
cui agli articoli 4, comma 1, lettera e), e 14, comma 1, lettera d).

3. Quando i dati personali non sono raccolti presso l'interessato, l'informativa di cui
al comma 1 e' data al medesimo interessato all'atto della registrazione dei dati o,
qualora sia prevista la loro comunicazione, non oltre la prima comunicazione.

4. La disposizione di cui al comma 3 non si applica quando l'informativa

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/legge675.htm (4 of 5) [19/08/2003 22.59.54]


Amadeux Multimedia website - Ponsacco Pisa Italy

all'interessato comporta un impiego di mezzi che il Garante dichiari manifestamente


sproporzionati rispetto al diritto tutelato, ovvero si rivela, a giudizio del Garante,
impossibile, ovvero nel caso in cui i dati sono trattati in base ad un obbligo previsto
dalla legge, da un regolamento o dalla normativa comunitaria. La medesima
disposizione non si applica, altresi', quando i dati sono trattati ai fini dello
svolgimento delle investigazioni di cui all'articolo 38 delle norme di attuazione, di
coordinamento e transitorie del codice di procedura penale, approvate con decreto
legislativo 28 luglio 1989, n. 271, e successive modificazioni, o, comunque, per far
valere o difendere un diritto in sede giudiziaria, sempre che i dati siano trattati
esclusivamente per tali finalita' e per il periodo strettamente necessario al loro
perseguimento.

Inizio pagina

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/legge675.htm (5 of 5) [19/08/2003 22.59.54]


Ipnosi ed Autoipnosi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Forum | Mailing List

Autoipnosi e terapia
di Antonio Bufano (dal sito www.vertici.com)

Ogni ipnosi e' essenzialmente autoipnosi (Cheek e LeCron,1968)

» Ipnosi e autoipnosi

PREMESSE
Esiste un'ampia offerta di libri con materiale e istruzioni per sviluppare stati
mentali alternativi a stati ordinari e finalizzati all'autoguarigione, ma molti hanno
nessuna base sperimentale e una dubbia fondatezza scientifica.
Per di più sembrano presupporre una idea della mente non ecologica e non
integrativa e incoraggiano a instaurare un rapporto direttivo e coercitivo con una
parte di sé. E' stato ormai ampiamente dimostrato che la mente umana è
naturalmente predisposta a entrare in stati di coscienza alterati.
Secondo alcuni Autori, viviamo continuamente in uno stato ipnotico, in un mondo
di apparenze, di come se (Watzlawick 1988).
E' stato anche osservato che il processo dell'apprendimento costituisce un
fenomeno vitale per l'essere umano ed è significativamente stato-dipendente. Si
può apprendere accidentalmente e casualmente e spesso il supporto di uno stato
di coscienza autoindotto diventa determinante.
Nel caso in cui si intenda indursi una trance deliberatamente risulta problematico
ottenere autonomamente una disorganizzazione o una discontinuità della
consapevolezza ordinaria.

C'è però da considerare l'importanza della disponibilità mentale che ognuno si


crea in riferimento all'accesso a esperienze non pienamente controllabili con la

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ipnosi2.htm (1 of 19) [19/08/2003 23.00.15]


Ipnosi ed Autoipnosi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia

mente conscia.
Entrare in trance significa accettare l'idea di far coabitare dentro di sé una parte
razionale e una parte non razionale.
E' importante sottolineare che per chi usa professionalmente ed esplicitamente la
trance diventa prioritario conoscere tutte le potenzialità dello strumento ipnotico.
In genere non si è mai stata data adeguata importanza alla mente del terapeuta
fino a includere nel repertorio di abilità proprie dell'Operatore di ipnosi una serie
di impieghi autoipnotici.
La trance del terapeuta durante la seduta è stato per lo più stata trattata come un
evento possibile e incidentale all'interno del lavoro terapeutico. Esiste una
evidenza statistica che indica che molti terapeuti alla fine del percorso formativo
in ipnosi abbandonano l'uso dell'ipnosi per prediligere altri strumenti a causa della
difficoltà di gestire la propria trance (Wilbacher,1998).
Però la mente del terapeuta deve poter procedere in più direzioni e deve essere
dotata e allenata creativamente per affrontare efficacemente tutte le fasi della
terapia.

E' utile interrogarsi non solo se la terapia per il terapeuta e il paziente si esaurisca
completamente all'interno della seduta, ma sostanzialmente come la
sperimentazione degli stati ipnotici vada ad arricchire la dinamica degli stati di
coscienza del soggetto nella vita quotidiana.
E' plausibile pensare che il processo ipnotico si estenda con una continuità e con
modalità sorprendenti nella vita di tutti i giorni.
E' ipotizzabile che possano essere esaltati stati sonnambulici in cui la dotazione di
una alta concentrazione possa agevolare l'esecuzione di compiti come guidare un
automobile.
La mente conscia del terapeuta nell'approccio al paziente può risentire di tutte le
limitazioni proprie della sua natura, anche se ci permette di tenere un contatto
determinante con la cosiddetta realtà condivisa.

Nel corso della stesura del presente lavoro ci siamo posti una serie di domande
che sono emerse spontaneamente e in questa sede tenteremo di dare delle
risposte che certamente non potranno soddisfare tutti gli interrogativi di partenza.
E' necessario avere una vita di veglia insoddisfacente per entrare in autoipnosi?
Quanti eventi con alterazione spontanea di stato di coscienza possono definirsi
autoipnosi? Ad esempio i sogni a occhi aperti costituiscono una forma di
autoipnosi?

Se è vero come sosteneva Erickson che tutti sono ipnotizzabili, l'autoipnosi è


un'esperienza realmente accessibile a tutti?
Usare le suggestioni indirette in eteroipnosi come modo per evocare un complesso
sistema di risposte interne rappresenta una via per generare impropriamente e
indirettamente autoipnosi?
Il cervello umano segue modelli di funzionamento che producono
automaticamente stati autoipnotici?
E' possibile praticare autonomamente autoipnosi senza avere una idea definita di
cambiamento?
Aver praticato autoipnosi per conto proprio ha un effetto facilitante rispetto
all'avvio di una terapia ipnotica e viceversa aver avuto una esperienza
eteroipnotica facilita l'autoipnosi successiva?
Quanta terapeuticità è racchiusa nella pratica autoipnotica?
L'autoipnosi può costituire una necessità laddove la seduta ipnotica non esaurisce
gli obiettivi di questa?

In questo breve studio cercheremo di focalizzare tutta la ricchezza dello


strumento autoipnotico in special modo nel contesto terapeutico tracciando, dove

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ipnosi2.htm (2 of 19) [19/08/2003 23.00.15]


Ipnosi ed Autoipnosi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia

opportuno, le differenziazioni con l'eteroipnosi.


Escluderemo tutta una serie di contesti non terapeutici dove il fenomeno
autoipnotico emerge per assolvere a varie funzioni.Ad esempio nei campi di
concentramento e in guerra dove pure vengono prodotti stati di coscienza alterati
per la sopravvivenza dell'individuo.
Inquadreremo sostanzialmente l'incontro tra un professionista e un paziente entro
e fuori la cornice della seduta e basato su un modello terapeutico in cui è
esplicitato il primato dell'ipnosi nel piano di trattamento.
Indagheremo la fenomenologia ipnotica sviluppabile parallelamente e non nella
mente del paziente e nella mente del terapeuta e in particolare se e quali
fenomeni ipnotici compaiono in autoipnosi e con quale grado di profondità.
Tracceremo le linee teoriche che possono sostanziare meglio il discorso
sull'autoipnosi.
Infine individueremo le tecniche e i campi di applicazione significativamente
indicativi per noi.

Determinanti culturali della trance


Esiste una forma di trance abitualmente praticata a Bali in situazioni ritualistiche e
con precisi significati religiosi.
Lo sciamano deve poter produrre per sé un forte stato ipnotico per poter operare
in modo credibile in relazione a un contesto popolato da altri.
Nella Grecia antica la sacerdotessa del tempio di Apollo dettava oracoli dopo
essere andata in trance masticando foglie di alloro.
Da oltre 1700 anni sul monte Athos i monaci ortodossi greci praticano la Preghiera
del cuore così chiamata perché le parole vengono scandite in modo da ricalcare il
naturale battito cardiaco (Thomas,1976).
Da un punto di vista costruzionistico-sociale l'incontro terapeutico si evolve in una
co-costruzione di significati in un ambiente socio-culturale ben determinato (Liotti
2001).

MODELLI TEORICI

Immaginazione e Ipnosi
E' bene operare una adeguata distinzione fra i due fenomeni. Spesso si può
incorrere nell'errore di assimilare semplicisticamente la stessa autoipnosi
all'immaginazione. L'essere umano possiede la naturale capacità di produrre le
immagini mentali.con una spontanea predisposizione alla componente visiva o a
quella uditiva.
Come ricorda Erickson l'osso del piede è unito all'osso della caviglia per cui la
capacità di immaginare visivamente è connessa alla capacità di immaginare
uditivamente.
Immaginare è un modo non mediato linguisticamente.di accedere a una attività
creativa personale.
Immaginare non garantisce in assoluto la riuscita ipnotica, ma può agevolare
considerevolmente il processo ipnotico nelle sue varie fasi.
Nei primi esperimenti sulla natura dell'ipnosi , Erickson scoprì che visualizzare e
immaginare una semplice azione come prendere dei frutti, esaminarli
attentamente e poi posarli, sfociava in trance profonde con allucinazioni (Erickson,
1980).
Shone (1982) descrive il caso di una persona che incontrava difficoltà
nell'approfondimento della trance che risolse immaginando di leggere un romanzo
in cui un ipnotizzatore ipnotizzava la protagonista.
Essere in grado di descrivere dettagliatamente e vividamente i contesti a cui
naturalmente reagiamo permette di intensificare notevolmente le risposte. In

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ipnosi2.htm (3 of 19) [19/08/2003 23.00.15]


Ipnosi ed Autoipnosi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia

base alla teoria ideomotoria dell'ipnosi il pensiero può tramutarsi in azione a


seconda del livello di energia impiegato.

La Storia
Emile Coue, farmacista consegnava ai suoi clienti i farmaci accompagnati da una
serie di suggestioni da recitarsi autonomamente. A un certo punto della sua
carriera sposò un approccio in cui abbandonò definitivamente la trance per
valorizzare esclusivamente l'autosuggestione.
Charles Baudouin (1921) arrivò a definire una teoria articolata dell'autoipnosi. Il
suo intervento si basava essenzialmente nell'istruire minuziosamente il soggetto
all'autoipnosi in modo da consentirgli di rendersi consapevole delle proprie
autosuggestioni.
Aldous Huxley (Bandler, 1984) rappresenta un esempio di uno studioso geniale
che ha sviluppato autonomamente una forma autoipnotica che ha chiamato
Riflessione Profonda. Era in grado di entrare e uscire da stati di coscienza alterati
con molta facilità mostrando una spiccata abilità nel sonnambulismo profondo.
Aveva fatto diverse esperienze psichedeliche con la messalina. Huxley era molto
interessato all'ipnosi e Erickson all'approccio di Huxley ai problemi psicologici e
all'uso assai peculiare della sua mente inconscia. Da questo nel 1950 nacque una
interessante collaborazione documentata in parte a causa di un incendio avvenuto
nella casa di Huxley a Los Angeles dove bruciarono alcuni appunti di Erickson.
Erickson descrisse la riflessione profonda di Huxley come uno stato di profondo di
rilassamento fisico caratterizzato da un profondo distacco dalle cose esterne,
senza perdita della realtà fisica, né amnesia o perdita dell'orientamento. Huxley
riferiva di riuscire a prendere appunti senza rendersi conto dell'atto fisico.

Umadze e la teoria dell'Aspettativa


Intorno agli anni 60 il ricercatore russo Umadze (1966) notò che l'aspettativa
agiva inconsapevolmente in molti aspetti della vita di una persona fino a
rappresentare un modello di funzionamento globale.
Identificò pertanto due livelli di vita mentale che hanno il controllo dei
comportamenti e che agiscono fuori della coscienza. Nel primo livello il
comportamento è completamente condizionato, mentre nel secondo chiamato
dell'oggettificazione, la percezione è basata sull'aspettativa senza una reazione
diretta. Pertanto la teoria di Umadze rappresenta un modello per capire tutta
l'influenza che ha l'aspettativa nella dinamica dell'esperienza cosciente.

Milton Erickson e l'approccio naturalistico


Nel campo dell'ipnotismo Milton Erickson rappresenta l'esempio di uno studioso
attento e curioso che è approdato a vaste e profonde conoscenze sull'argomento
grazie a ampie esplorazioni su sé stesso.
Nel primo volume delle Opere, nello scritto 'Esperienze autoipnotiche di Milton
H.Erickson' (Erickson,1980), l'Autore mostra come l'alleviamento del dolore
mediante l'ipnosi consiste semplicemente nell'utilizzazione e nell'estensione di
molte esperienze naturali tratte dalla vita quotidiana che condizionano
l'esperienza soggettiva del dolore.
Erickson descrive dettagliatamente le proprie esperienze personali nell'alleviare il
dolore.
Attingere al vasto deposito di apprendimento inconscio e renderlo disponibile
diventa la base per poter procedere efficacemente con l'autoipnosi. Dopodiché
occorre allenarsi a ottenere una trance frazionata con l'idea che il dolore
rappresenta solo una parte dell'esperienza vivibile in ogni momento.
Durante gli ultimi dieci anni di vita soffrì di artrite cronica. Per alleviare il dolore
durante il giorno era in grado di usare efficacemente l'autoipnosi, ma la notte si
svegliava in preda al dolore più o meno ogni due ore. Gradualmente fu in grado di
ristrutturare il dolore sperimentandolo inizialmente come un filo metallico

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ipnosi2.htm (4 of 19) [19/08/2003 23.00.15]


Ipnosi ed Autoipnosi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia

incandescente posto sulla superfice della pelle e poi come un calore che si
diffondeva in tutta la spalla. A questo punto fu in grado di utilizzare questa
sensazione per scivolare nel sonno.

Come racconta la moglie Elisabeth non fu per niente facile realizzare questo
processo di apprendimento:
'L'inconscio può saperne di più della mente conscia e bisogna lasciare che elabori le sue nozioni senza
interferenze, ma non sempre le cose filano lisce e può accadere che affronti le questioni in modo sbagliato.
Alcune esperienze di Erickson sul controllo del dolore sono stata caratterizzate da tentativi e errori, con una
buona dose di errori. Per esempio passava ore e ore spossanti a esaminare verbalmente le sensazioni,
muscolo per muscolo, più e più volte, insistendo perché qualcuno (di solito io) non soltanto lo stesse ad
ascoltare, ma gli dedicasse la più completa e concentrata attenzione, indipendentemente dall'ora tarda o
dall'urgenza delle altre cose da fare. Lui non ha assolutamente alcun ricordo di queste sedute e io non riesco
ancora a capirle. Penso che fossero vicoli ciechi, ma è probabile che abbiano comportato qualche
apprendimento inconscio. Oppure no. Ne parlo perché penso che molti si scoraggiano quando l'inconscio si
perde temporaneamente in un vicolo cieco.Il messaggio è: Tieni duro. Alla fine funzionerà'.
(Erickson, Opere Vol. 1, p.151)

L'Autore faceva spesso riferimento alla cosiddetta trance da autostrada come


forma autoinduttiva spontanea non finalizzata.In terapia era convinto che il
paziente instaura sempre quel livello di ipnosi che gli è necessario. Inoltre
Erickson sottolineava che per poter essere utilizzata a fini terapeutici uno stato
alterato deve poter essere mantenuto per un certo tempo. Anche per l'ambito
autoipnotico, oltre che per quello eteroipnotico, l'indicazione di Erickson è
orientato al pieno rispetto della libertà individuale e dell'inconscio. La coscienza
non sa entrare in autoipnosi, ma può solo predisporre l'ambiente e rimanere
nell'attesa che accada qualcosa. E aggiunge:
'Chi è affetto da insonnia sta a letto e dice 'Adesso devo addormentarmi - devo addormentarmi - devo
riposare un po'- devo addormentarmi - devo addormentarmi - DEVO RIPOSARMI UN PO' - HO BISOGNO DI
UN PO' DI RIPOSO!. E che succede? Rimane del tutto sveglio. Rimane del tutto sveglio perché sta dicendo
continuamente a sé stesso che cosa deve fare.
(Erickson, 1983, p.220).

In più punti della sua opera ha sottolineato l'importanza di non essere coercitivi
sugli apprendimenti da far realizzare all'inconscio. Se entriamo in trance per
imparare l'aritmetica, finiremo per imparare la storia (Erickson, 1987). Anche la
velocità di apprendimento non può essere predeterminata.
Nella sua pratica ipnotica Erickson usava preferibilmente suggestioni generali e
aperte e amava interrompere il flusso di suggestioni con lunghe fasi di silenzio per
assecondare i momenti di interiorità e generare più spazi creativi per il paziente.
Era convinto della necessità di far fare qualcosa al paziente per assicurarsi di
tenerlo attivo nella risoluzione del problema.
Spesso affermava 'Né io né tu sappiamo cosa farà il tuo inconscio' per suggerire la
permanenza di uno stato alterato speciale di reattività terapeutica dopo la seduta.
Erickson usava frequentemente la suggestione postipnotica come indicazione per
il lavoro autoipnotico successivo (Erickson, 1987).
Dopo la seduta lo stato autoipnotico viene innescato da suggestioni postipnotiche
e diventa necessaria per la stabilizzazione delle cose apprese. A tal proposito
diceva che la strada asfaltata deve indurirsi per sopportare il traffico pesante
(Erickson, 1987). Sull'ampia libertà offerta dall'apprendimento dell'autoipnosi
Erickson ha scritto:
Nell'autoipnosi potete entrare in trance in rapport solo con voi stessi oppure, se volete, potete andare in
trance in rapport anche con X e con Y e con Z; potete anche fare in modo di essere in rapport con la persona
che viene alla vostra porta e suona il campanello del tutto inaspettatamente - una persona che non ha
nessun ruolo particolare nella vostra situazione totale di trance; potete andare in trance autoipnotica in
rapport con il telefono così da creare una risposta adeguata a coprire tutte le possibili contingenze.
(Erickson, 1987, p.67)

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ipnosi2.htm (5 of 19) [19/08/2003 23.00.15]


Ipnosi ed Autoipnosi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia

L'Autore riteneva doveroso procedere a un addestramento strutturato in


autoipnosi nei casi di fondata necessità come il dolore cronico o una pressione
sanguigna gravemente anomala.
L'Autore ha spesso impiegato le abilità ipnotiche della moglie Elisabeth per fare
ampie dimostrazioni pubbliche. La frequenza con cui fu impegnata permise alla
signora Erickson di accedere rapidamente alle allucinazioni visive e uditive e di
provocare anestesia in ogni parte del corpo.
Non aspettava più tutte le istruzioni del marito, ma riproduceva autonomamente il
fenomeno ipnotico in questione. Aveva sviluppato una competenza autoipnotica
molto ampia.
Progressivamente imparò che poteva parlare ad alta voce e descrivere
minuziosamente i cambiamenti sensoriali senza interrompere il proprio processo
ipnotico.
Poteva addirittura esaminare un problema personale senza rischiare di uscire
dallo stato di trance in corso (Erickson, 1983).
Betty Alice Erickson, la figlia di Milton ha imparato a entrare in una trance
sonnambulica assai rapidamente.

Nei casi difficili in cui il paziente mostrava una scarsa fiducia in sé stessa Milton
Erickson faceva partecipare la figlia Alice per avviare il lavoro terapeutico. In un
caso di una paziente oncologica che soffriva di nausea e vomito intensi, chiese ad
Alice di entrare in trance davanti alla paziente e di fornirgli le suggestioni da
adoperare. Dopo un po' la figlia disse:
'So rispondere. Ho fatto di me una malata. Prima ho provato nausea; poi ho sentito tutti i muscoli dello
stomaco contratti come se stessi cominciando a vomitare, e quindi ho smesso. Ho prodotto un interruzione
proprio qui.. Ho perduto tutte quelle sensazioni di nausea e ho smesso di contrarre i muscoli… Si produce una
anestesia; si dirige la propria attenzione altrove, si cambia il modo di pensare.'
(M.H.ERICKSON, 1988,pag.65)

Richard Bandler, John Grinder e la Programmazione Neurolinguistica


Tra la fine degli anni '70 e gli inizi degli anni '80 si sviluppa un modello integrato
che studia la comunicazione umana denominato PNL.
Bandler insiste sull'importanza di essere clinici flessibili per agire efficacemente in
base a quella che indica come la legge della varietà necessaria. Più varietà
comportamentale possiede il terapeuta più sarà in grado di aiutare il paziente
prima o poi a fargli operare determinanti cambiamenti (Dilts, 1980).
Nell'addestramento dei terapeuti gli Autori propongono lo sviluppo di una
competenza raffinatissima nell'osservazione e nel ricalco.
Per osservare correttamente si richiede uno stato mentale non saturo di
rappresentazioni mentali interne.
Se non si fa una buona osservazione non si può ricalcare efficacemente il
comportamento del paziente.
Ricalcare ampliamente l'altro intensifica la sintonia interpersonale e presuppone la
capacità di gestire la sperimentazione di stati mentali altrui.

Ernest Rossi e l'approccio ultradiano del sistema mente-corpo


Tra gli anni '80 e gli anni '90 Ernest Rossi ha sviluppato un ampia esplorazione sui
ritmi ultradiani nell'essere umano al fine di individuare le fitte connessioni nel
sistema mente-corpo.
Il corpo umano vive basandosi sul ritmo; battere le ciglia, respirare,deglutire
rappresentano modi biologici fondamentali di essere.
Rossi (Rossi, 1993) ha potuto verificare che nell'arco della giornata in cicli di
90-120 minuti esistono momenti in cui attiviamo stati intermedi di
consapevolezza tra la veglia e il sonno e in cui diventiamo straordinariamente
introspettivi così che la finestra tra conscio e inconscio si dischiude.
Le persone usano automaticamente pause ultradiane che possono durare anche

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ipnosi2.htm (6 of 19) [19/08/2003 23.00.15]


Ipnosi ed Autoipnosi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia

solo di 5 minuti per staccare dall'attività in corso e ristorarsi.


A tal proposito Rossi segnala tale fenomeno come risposta ultradiana di
guarigione In genere non sappiamo essere completamente svegli e viviamo in una
specie di zona d'ombra in cui gli occhi sono aperti e il cervello è in parte offuscato.
In questo quadro l'autoipnosi si configura come un evento fisiologico necessario.
Secondo l'Autore Erickson era solito non a caso operare con sedute che duravano
mediamente due ore.
Rossi propone un accesso creativo alla mente interna attraverso il dialogo
mente-corpo in modo da includere risorse che in stato ordinario di veglia
l'individuo non sa usare.

L' Ipnosi Moderna


L'ipnosi moderna dell'ultimo decennio è rappresentata da diversi clinici come
Jeffrey Zeig che si ispirano fondamentalmente al lavoro di Milton Erickson e che
hanno sottolineato alcuni aspetti peculiari come l'evocazione e la compresenza.
L'intervento terapeutico si sostanzia attraverso piccole modifiche delle
caratteristiche ipnotiche del soggetto che gli permettono di sperimentare il
cambiamento della realtà problematica portandolo verso la scoperta delle proprie
soluzioni.

L'autoipnosi del paziente


Il trattamento ipnotico deve il suo successo essenzialmente a quattro ingredienti
fondamentali:

1. la modificazione dello stato di coscienza ordinario


2. lo stabilirsi di una relazione con caratteristiche peculiari
3. trasmissione di idee accettabili per il paziente
4. la modificazione della memoria procedurale
Nel processo autoipnotico svincolato dalla terapia viene a mancare tutta la
ricchezza della situazione relazionale di cura e accudimento e l'intera dimensione
dello scambio interpersonale.
Per questo diventa più produttivo inserire il lavoro autoipnotico in una relazione
terapeutica in corso. In genere si può pervenire all'addestramento autoipnotico in
una fase avanzata della terapia allorquando il paziente ha già mostrato la
presenza di alcune capacità ipnotiche (capacità allucinatoria, capacità
ideomotoria…).
Esiste però l'abitudine di molti ipnotisti ad avviare il paziente a un proprio lavoro
autoipnotico già dalle primissime fasi della terapia.
In molte forme terapeutiche la prima dimensione a essere investita di esperienze
trasformative è quella corporea. Secondo la Gestalt la consapevolezza corporea
rappresenta la nostra esperienza primaria di essere-al-mondo. Il soggetto impara
ad accedere e riconoscere progressivamente le proprie risposte interne e a usarle
come sistema di segnalazione.

Wolberg definisce l'autoipnosi una vera e propria trance indotta dal paziente per
effetto delle suggestioni postipnotiche dell'ipnotista.

L'autoipnosi può realizzarsi con livelli di profondità variabile tra il livello ipnoide e
quello sonnambulico, ma nella maggior parte dei casi il grado di profondità è
inferiore a quello raggiunto in eteroipnosi.
Esiste un limite di approfondimento non accessibile in quanto sostanzialmente non
è possibile depotenziare deliberatamente e direttamente l'emisfero non dominante
oltre un certo grado. A meno che l'autoipnosi non sia oggetto di una istruzione al

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ipnosi2.htm (7 of 19) [19/08/2003 23.00.15]


Ipnosi ed Autoipnosi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia

comportamento postipnotico. L'approfondimento in autoipnosi è tecnicamente


realizzabile attraverso la dissociazione.
A meno che non si prevedano istruzioni dettagliate per non accedere al sonno, è
facile passare a uno stato naturale di sonno.
Oltretutto si può verificare una confusione di livelli tra chi guida il processo
ipnotico e chi segue.
Di fatto la coscienza ha obiettive limitazioni ed è problematicamente posizionabile
a un livello meta da cui deve guidare l'intero processo.
La riemersione in genere avviene spontaneamente senza istruzioni dettagliate in
merito.
Accade spesso che una persona possa riproporsi spontaneamente porzioni del
lavoro ipnotico avvenuto in seduta.

L'autoipnosi predisposta dal terapeuta in genere si colloca sulla linea della


modificazione della dimensione del controllo. A tal proposito Weitzenhoffer (1957)
suggerisce al paziente:
Quando lei sarà in stato ipnotico le cederò il controllo su se stesso, in modo da farle provare che lei riesce a
controllare l'ipnosi dandosi le stesse suggestioni che le ho dato io.

Può accadere che un paziente entri in autoipnosi in modo resistente per sfuggire
al lavoro terapeutico (Erickson, Rossi, 1985).Si può trattare di soggetti
precatatonici o in genere molto diffidenti verso l'ipnosi.
Esiste un caso interessante in cui una donna chiese a Erickson di poter rimanere
in macchina sotto la sua casa e poter svolgere autonomamente la terapia.
Riteneva di avere un problema troppo terribile da raccontare.
Charles Citrenbaum (1987) nel suo lavoro con i disordini delle abitudini crede
nell'uso regolare dell'autoipnosi per prevenire significativamente le ricadute.
Harold Crasilneck (1975) consiglia di far praticare giornalmente l'autoipnosi ai
propri pazienti e in particolare ai pazienti con disordine dell'abitudine.
Rossi (1993) sottolinea la necessità di percepire i segnali del primo stadio di
stress ultradiano.
Tra questi ricorre il bisogno di sperimentare ricordi positivi del passato e di fare
fantasie gradevoli e lievemente eccitanti come quelle sessuali.
Dal nostro punto di vista si può trattare di una attività autoipnotica spontanea.
Nell'ipnosi moderna la terapeuticità dell'esperienza autoipnotica smette di stare
nella suggestione verbale e si concentra nell'esperienza interna e più
specificatamente nell'apprendimento della fenomenologia interna.

L'autoipnosi del terapeuta


La mente del terapeuta è uno strumento di lavoro preziosissimo e pertanto va
tenuta sempre in buona forma. Milton Erickson ha sempre sottolineato
l'importanza di allenare la mente del terapeuta e a stimolarla creativamente. Nella
formazione dei suoi studenti ha sempre posto ampio spazio all'uso del sé in
questo senso. A tal proposito era solito dire 'Perché fare le cose in un solo modo?

La responsività del terapeuta deve potersi improntare su una adeguata elasticità


nel modo di prendere contatto con il proprio modo di conoscere e con il modo di
conoscere del paziente. In relazione al primo contatto con il paziente, Erickson
sottolinea:
Quando i pazienti entrano nel mio studio li accolgo a mente sgombra e li esamino per vedere chi e cosa sono,
e perché sono venuti, senza dare nulla per scontato. Per esempio, guardo una paziente e noto che ha due
occhi e che uno dei due non è di vetro; è ovvio, quindi che li usa entrambi. Le guardo le mani perché, sai , mi
sono trovato di fronte una ragazza che teneva i guanti perché aveva un braccio di legno. Le guardo i piedi e
vedo che ha due piedi e i tacchi piuttosto larghi. Cerco di vedere quanti seni ha, come muova i gomiti e il
braccio. Poi ascolto la sua voce per capirne il tono - il tutto per accertarmi che si tratti di un essere
femminile. Perché dovrei partire dal presupposto che lo sia solo perché ha un nome da donna?

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ipnosi2.htm (8 of 19) [19/08/2003 23.00.15]


Ipnosi ed Autoipnosi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia
(Haley, 1987, pag 79)

Lo stesso conoscere terapeutico rappresenta una dimensione ricca di molte


funzioni. Diventa pertanto importante operare una modificazione di stati di
coscienza in modo autoindotto per sviluppare la mente dell'ipnotista finalizzato
all'affinamento delle funzioni terapeutiche:

a. per raffinare la capacità di osservazione dei segnali minimi


b. per preparare le induzioni e acuire le intuizioni nel corso del percorso
terapeutico

c. per sviluppare un approfondimento diagnostico


d. per approntare un addestramento strutturato di autoipnosi per il paziente
Prima di sviluppare la consapevolezza dello stile personale con cui il terapeuta
accede alla trance senza perdere terreno nel processo terapeutico della seduta, è
ancora più utile prendere consapevolezza delle modalità di comunicazione
interiore (Simpkins, 2000).
Può far parte attiva della formazione del terapeuta incrementare una ricca
consapevolezza delle suggestioni spontanee personali e dei modelli di risposta
individuali.
Ad esempio la percezione di alcuni odori determina automaticamente in ogni
individuo stati di un certo tipo.

Per avviare e mantenere utilmente l'acutezza nell'osservare il paziente deve


potersi attivare uno stato di concentrazione peculiare ed esclusiva sul paziente
dato che il repertorio comportamentale del soggetto in ipnosi tende generalmente
a ridursi. Per Erickson e Rossi (1979) devono potersi sviluppare nell'allievo in
formazione quattro livelli di capacità osservative:

1. Relazioni di ruolo
2. Strutture di riferimento
3. Comportamenti di trance quotidiana
4. Risposte di attenzione
Nel primo livello si tratta di percepire la qualità di congruenza nella persona tra gli
aspetti del comportamento verbale e non verbale in rapporto alla copertura di un
ruolo.
Nel secondo livello si tratta di identificare le strutture di riferimento dominanti che
guidano i comportamenti di una persona.
Nel terzo livello si tratta di decifrare i momenti e le modalità con cui una persona
attiva una ricerca interna.
Nell'ultimo livello si tratta di percepire i momenti in cui la persona è in grado di
offrire la migliore attenzione possibile.

Erickson propone l'uso della tecnica del mio amico John per autoaddestrarsi
raffinatamente e facilmente alla distorsione temporale (Erickson, 1987). In 'La
ristrutturazione della vita con l'ipnosi' (1987) Erickson asserisce:
'In trance penso più velocemente e più chiaramente che nel comune stato di veglia'
(pag.55-56)

A tal proposito precisa la sua abitudine a riflettere sui casi in trattamento

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ipnosi2.htm (9 of 19) [19/08/2003 23.00.15]


Ipnosi ed Autoipnosi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia

mediante l'uso della trance. Erickson consigliava l'uso di una stanza insonorizzata
per addestrare l'allievo al riconoscimento di segnali non verbali. Un paziente in
merito al modo di fare terapia di Erickson disse:
'Mio fratello mi aveva scritto per chiedermi se il dottor Erickson mi aveva fatto entrare in trance. Gli ho
risposto di no, ma poi gli ho anche detto: 'La risposta è si e no. Ma se vuoi sapere la verità, il dottor Erickson
entra lui stesso in trance e io con lui'
(Haley, 1987, pag.247)

Nel corso dell'esperienza clinica la mente del terapeuta è destinata a evolvere


verso usi strategici sempre più complessi del proprio sé e dell'uso accorto delle
mosse.

Dan Short (1999) sottolinea l'importanza per il terapeuta di coltivare una apertura
mentale tale da non finalizzare l'intervento terapeutico a risultati predeterminati,
ma di lasciare che il paziente scelga di percorrere di volta in volta le proprie
strade per realizzare la propria crescita. L'assunto di base è che per ogni
problema esiste più di una soluzione.
L'Autore sottolinea anche che non tutto può essere sotto il controllo del terapeuta
e un buon servizio per l'ipnotista è rendere possibile al paziente l'accesso a un
risultato significativo per questi.

Loriedo (2002) individua il colloquio responsivo come contesto ideale di scambio


dove sviluppare al massimo grado la responsività del terapeuta aderente a quella
del paziente.

La PNL ha sottolineato l'importanza di saper distinguere uno stato mentale da un


altro sulla base dell'accesso ai diversi sistemi sensoriali (Dilts, 1980). Descrive,
pertanto, lo stato up-time differenziandolo dallo stato down-time come uno stato
di coscienza utile all'osservazione fine di segnali minimi.

TECNICHE AUTOIPNOTICHE
Le capacità ipnotiche possono raffinarsi grazie all'esercizio e padroneggiare una
tecnica autoipnotica comporta un certo lavoro su di sé. Milton Erickson sottolinea
che sono occorsi tre anni di esercizio assiduo alla moglie Elisabeth per diventare
un esperto soggetto autoipnotico. Può entrare facilmente in trance sonnambulica
e discutere su ciò che sente in quel momento senza perdere qualità ipnotica
(Erickson, 1988). Crasilneck (1975) ha constatato nella sua pratica clinica che non
esistono limiti di età per praticare l'autoipnosi.
Indubbiamente fare autoipnosi presuppone la presenza di un talento particolare.
Sperimentare il proprio potere ipnotico può avere un effetto diretto sulla propria
autostima.
In generale è utile distinguere la specificità di una tecnica dall'ispirarsi a un
atteggiamento di fondo e i due aspetti devono poter coesistere e integrarsi in ogni
pratica autoipnotica.

Alcuni Autori come Shone (1982) stimano che occorrono in media trenta minuti
per accedere in un soddisfacente stato autoipnotico, ma sui tempi esiste una
vasta variabilità soggettiva. E' ragionevole aspettarsi che una procedura ripetuta
più volte possa essere ripercorsa in tempi progressivamente sempre più rapidi
fino a giungere a una completa automaticità.

Ogni soggetto può caratteristicamente autoindursi con un metodo che valorizzi le


proprie qualità ipnotiche (capacità allucinatoria o idrodinamica).
Esistono procedure che valorizzano direttamente la sola immaginazione del
soggetto e altre che utilizzano mezzi sussidiari. Di fatto l'uso di ogni tecnica

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ipnosi2.htm (10 of 19) [19/08/2003 23.00.15]


Ipnosi ed Autoipnosi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia

sviluppa esplicitamente alcune abilità e implicitamente altre. E' possibile dotare il


soggetto della conoscenza di tecniche oppure assegnare testi di suggestioni scritti
rigidi da ripetere. Ciò può determinare una diversità qualitativa di apprendimento.
Tutte le tecniche utilizzano la respirazione come mezzo di base per far transitare il
corpo verso il rilassamento in diversi gradi.

Si può insegnare a un paziente una procedura badando a mantenere un certo


grado di aspecificità in modo da garantire lo sviluppo di una abilità autoipnotica.
Sono state descritte anche tecniche che utilizzano procedure di tipo fisico.
Kretschmer nel 1949 propone di adottare prolungatamente la posizione
convergente degli occhi per ottenere uno stato ipnotico profondo. I cambiamenti
fisiologici possono essere notevoli. Betty Alice Erickson, la figlia di Milton, è in
grado di ottenere agevolmente la dilatazione pupillare anche differenziata dei due
occhi (Erickson, 1988). Le procedure induttive ricalcano pienamente quelle in uso
in eteroipnosi. Elenchiamo una serie di tecniche che utilizzano specifici sistemi
sensoriali di riferimento soggettivi e le attitudini personali in generale.
Ogni tecnica utilizza caratteristicamente uno o più fenomeni ipnotici: dalla
dissociazione alla distorsione temporale. Tutte le tecniche descritte possono
essere opportunamente combinate nella pratica.

Natura e forma delle suggestioni autoipnotiche


Prima di definire le suggestione è prioritario definire l'atteggiamento di fondo che
predispone il soggetto all'accoglimento e alla stimolazione di certe risposte.
L'atteggiamento generale con cui disporsi all'autoinduzione può essere
produttivamente indiretto, anche se le suggestioni possono risultare generalmente
dirette con una tendenza spiccata a forme linguistiche semplificate. La ridondanza
può essere utilmente assai alta.

La suggestionabilità è principalmente una funzione del campo percettivo


dell'individuo. La scelta di un atteggiamento indiretto facilita la convinzione e
l'affidamento all'inconscio. Couè sosteneva che ogni suggestione è
autosuggestione. Baudouin (1921) operava una distinzione tra suggestioni
spontanee e indotte indicando nella prima una somiglianza con la reazione riflessa
incondizionata.
Un effetto interferente può essere reso dall'abitudine di alcune persone di
riprodurre automaticamente un dialogo interno tendenzialmente negativo sul
proprio sé.
E' consigliabile preferire suggestioni a finale aperto presupponendo che a un certo
punto del percorso l'intero processo venga totalmente guidato dai bisogni inconsci
(Simpkins 2002). Può risultare utile strutturare le suggestioni in forma di
domanda.

Si può concludere che rimane sostanzialmente più importante il processo che il


contenuto. Sul piano dell' apprendimento è più interessante il viaggio che la
destinazione.
Rossi (1993) scoraggia l'uso iperstrutturato delle suggestioni in quanto queste
appartengono alla logica stretta della mente conscia e non permettono l'uso
creativo del sé.

La Dissociazione
La dissociazione è definibile come un meccanismo di difesa in relazione a eventi
psichici emotivamente rilevanti e minacciosi per l'integrità dell'io e determina una
alterazione della coscienza come esperienza di disconnessione. Nell'impiego
ipnotico può a ragione considerarsi una meta-strategia per l'induzione e per
l'approfondimento e può esprimersi in più modalità. E' possibile vedere sé stessi
seduto su una sedia e impegnato in un rilassamento progressivo. Si può inserire

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ipnosi2.htm (11 of 19) [19/08/2003 23.00.15]


Ipnosi ed Autoipnosi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia

nelle istruzioni il proprio nome ('Ora John stai sprofondando…') al quale siamo
spontaneamente portati a reagire.

Erickson addestrava i suoi studenti facendo allucinare seduto su una sedia un


uomo che chiamava Joe e sul quale faceva praticare la levitazione del braccio
(Erickson, 1987).Una volta toccato il volto, Joe chiudeva lentamente gli occhi,
faceva una profonda inspirazione e si addormentava profondamente. Con
l'esercizio il rapporto con il proprio Joe si personalizzava e ogni praticante
aggiungeva nuovi spunti nelle suggestioni.Tale tecnica sfrutta a pieno il potere
ideodinamico allucinato.

L'Approfondimento
Si tratta di una fase peculiare di ogni trance ben riuscita. In genere si usano
mezzi immaginari come scale o ascensori che rendono simbolicamente l'idea di
andare in profondità.

Il Sogno come forma autoipnotica


Il sogno rappresenta un modo di indursi ipnoticamente in modo naturale. E' stato
verificato che durante il sonno REM l'afflusso di sangue al cervello aumenta e in
generale l'attività elettrica cerebrale assomiglia a quella da svegli.
Zeig sostiene che il sogno rappresenta un meccanismo autocurativo automatico.
Sul piano della fenomenologia ipnotica il sogno è connotato dalla presenza di una
forte condensazione temporale.
Erickson ha usato in età molto giovane i sogni autoipnoticamente correggendo i
compiti di aritmetica.
Nell'addestramento dei suoi allievi li aiutava a entrare in stati sonnambulici e
amnestici durante il sonno notturno per svolgere qualche attività.(Erickson,
1983). Nella moderna psicoterapia l'orientamento generale è quello di restituire al
sognatore il sogno in modi da rendere il soggetto un attivo rielaboratore.
Può costituire una parte del lavoro terapeutico quando è suggerito in forma di
suggestione postipnotica a conclusione di una seduta.
Il sogno può essere opportunamente risognato e ricomposto più volte in seduta
così che si rinforzi come modalità espressiva per sè. Il paziente ha la possibilità di
esplorarsi con un movimento a spirale fino a raggiungere con i suoi tempi il nucleo
centrale.
Talvolta può presentarsi spontaneamente durante la trance etero e autoindotta.

Il metodo del Colore


L'esperienza cromatica fa parte intrinseca dell'esistere umano. Nel Training
Autogeno. si fa riferimento a un colore preferito. Alexander Simpkins (2000)
consiglia di suggerirsi di vedere un colore, attendere la risposta e osservare come
evolve all'interno della ricerca personale.

Il metodo dello Specchio


Lo specchio è da sempre un oggetto magico ed è descritto come uno strumento di
trasformazione in molte fiabe. Nella pratica autoipnotica può essere utilizzata
nella versione reale o allucinata. L'immagine specchiata si sé stessi può realizzarsi
mediante altri mezzi come stagni o altre superfici e rimanda e suggerisce versioni
modificate e modificabili di sé stessi.
E' evidente il meccanismo dissociativo alla base di queste evocazioni. Nel suo
lavoro clinico Erickson ha fatto sovente ricorso all'uso dello specchio reale per
intervenire strategicamente sull'immagine corporea del paziente. Poteva
servirsene in studio o suggerirlo come lavoro a casa.
Abozzi (1996) descrive un modo semplice per autoipnotizzarsi in cui il soggetto si
posiziona davanti a uno specchio concentrandosi inizialmente sul proprio volto e

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ipnosi2.htm (12 of 19) [19/08/2003 23.00.15]


Ipnosi ed Autoipnosi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia

poi fissando un punto tra le sopracciglia fino al sopravvenire di uno stato ipnotico.

Il Metodo della Levitazione


Si tratta chiaramente di una tecnica che usa abilmente la dissociazione
mente-corpo e corpo-corpo. Freda Morris (1976) suggerisce di pensare al braccio
fatto di leggerissima schiuma di polestirolo. Si possono visualizzare un insieme di
palloncini pieni di un gas leggerissimo e legati al polso oppure pensare che il
braccio sia un palloncino. In caso che non si generi una situazione adeguatamente
reattiva si può fare come se. La levitazione può dunque essere reale o allucinata.

Il Metodo di Milton Erickson


Milton raccomandava un atteggiamento che potremo definire di Aspettativa
aperta:
'Bene, eccomi qui. Ho un ora a disposizione e mi domando quanto tempo passerà prima di sprofondare in una
bella trance autoipnotica'
(Erickson, 1988)

Una delle situazioni più emblematicamente paradossali è quella dell'insonne che


tenta di addormentarsi istruendosi a farlo. L'indicazione di Erickson era di
prestarsi all'aspettativa in modo naturalistico per la realizzazione di qualsiasi
fenomeno ipnotico:
'Certamente avete spinto il freno quando avete viaggiato sul sedile posteriore di un automobile; certamente
avete teso la bocca e la gola e le corde vocali sentendo un balbuziente che cercava di dire una parola;
certamente avete spalancato la bocca tanto da farvi male quando avete cercato di dare da mangiare a quel
bambino che non voleva aprire la bocca. Sapete tutte queste cose ; pertanto potete veramente aspettarvi di
effettuare la scrittura automatica'.
(Erickson, 1987, pg 69)

Erickson ha anche più volte accennato alla facilitazione dell'accesso allo stato
alterato attraverso il ricorso alla stessa poltrona. Bandler e Grinder (Dilts, 1980)
hanno descritto ampiamente l'uso dell'autoancoraggio.

Il Metodo di Betty Erickson


E' basato sul modello dei sistemi rappresentazionali di Bandler e Grinder (1980).
Si procede all'approfondimento della trance attraverso uno schema che passa
dalla descrizione dell'esperienza sensoriale esterna come una luce accesa fino a
privilegiare esclusivamente l'esperienza interna.

Il Metodo di Gerald Edelstien


L'Autore consiglia sempre al paziente di impiegare un breve tempo a casa in stato
di trance autoindotta con una semplice istruzione aperta in forma interrogativa del
tipo: 'Perché dovrei avere ancora questa sensazione?' . Sostiene che una risposta
ottenuta con l'autosuggestione conserva una durata significativamente più lunga
(Edelstein, 1982).

Uso di Mezzi Sussidiari


Il nostro mondo fisico è ricco di elementi che hanno già di per sé un valore
significativo nella determinazione degli stati di coscienza della vita di tutti i giorni.
Il ticchettio dell'orologio rappresenta uno stimolo sonoro che stabilisce un ritmo.
Allo scopo di generare o amplificare le risposte ipnotiche si può ricorrere
all'ascolto di una musica opportunamente diffusa. Shone (1982) suggerisce la
musica classica barocca e in particolare quella di Hendel a tempo largo.
Il meccanismo di funzionamento si basa su una sorta di condizionamento. Lo
stimolo sonoro va progressivamente a sostituire quello verbale.
La musica rappresenta un insieme di stimoli altamente evocativi che attivano
intensamente le nostre parti emotive.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ipnosi2.htm (13 of 19) [19/08/2003 23.00.15]


Ipnosi ed Autoipnosi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia

Anche l'uso di voci e suoni preregistrati con istruzioni preordinate è molto diffuso.
Il vantaggio evidente è quello di liberare la mente conscia dal compito di impartire
istruzioni.
Nella prima fase induttiva si possono utilizzare oggetti su cui fissare l'attenzione
come candele accese o dipinti. Milton Erickson usava abitualmente un cristallo al
quarzo posto sulla sua scrivania.

La Riattivazione
Costituisce una fase determinante in autoipnosi da preparare opportunamente.
Una volta raggiunto un grado soddisfacente di trance, occorre ripartire da questo
per determinare il risveglio. Abozzi consiglia di usare un percorso a ritroso per
riemergere dalla trance riutilizzando lo stesso mezzo usato per l'approfondimento
come le scale o l'ascensore. Può diventare utile preprogrammare con precisione il
momento del risveglio visualizzando un orologio.

CAMPI DI APPLICAZIONE
Le tecniche autoipnotiche si riferiscono generalmente a usi in campo medico e non
medico e possono mirare alla autoguarigione, allo sviluppo di prestazioni
particolari in molti campi, nello sport e nell'apprendimento in generale. In campo
medico possono mirare ad attenuare in tempi rapidi l'ansia disfunzionale prodotta
da soggetti ansiosi somatizzanti. L'addestramento all'autoipnosi può avvenire
proficuamente in trance (Crasilneck,1975). Ci interessa approfondire le procedure
utilizzate in alcuni settori specifici come la preparazione al parto e la dismissione
di comportamenti dannosi come l'abitudine al fumo.

La dipendenza da nicotina
Fumare rappresenta un tipico comportamento strutturato in abitudine che assolve
paradossalmente alla funzione di far rilassare. In realtà la nicotina è un eccitante
del ritmo cardiaco e il soggetto fumatore quando riferisce di rilassarsi fa
riferimento al bisogno di proporsi mentalmente una pausa mentale che potrebbe
essere assimilato a un bisogno autoipnotico. E' proprio nel tabagismo che
l'autoipnosi trova un impiego assai esteso e importante. Si insegna al paziente a
seguire le proprie istruzioni in forma di suggestione diretta:
Ora che sono in questo stato profondo ordino a me stesso di non fumare più..di non danneggiare più il mio
corpo interferendo sulla funzionalità del cuore, dei polmoni, di non continuare a distruggerlo
sistematicamente con questa abitudine non necessaria…Abbandonandola riacquisterò una respirazione
normale.
(Crasilneck 1975)

In questo modo si consente al soggetto di acquisire un proprio senso di


autocontrollo e si rimanda in secondo piano il controllo del terapeuta. Citrenbaum
(1987) propone ai pazienti di dedicarsi costantemente all'autoipnosi chiarendo di
non ricorrere a suggestioni negative, ma lasciando un libero e ampio spazio
all'inconscio:
Il semplice atto di stare in trance darà alla sua mente inconscia l'opportunità di fare qualcosa di utile per lei.
E' importante sapere che la sua mente conscia può essere coinvolta in ogni tipo di attività. Può prestare
attenzione a varie immagini, confuse o distinte, o può vagare da una fantasia a un'altra. Ma il fatto davvero
interessante è che in realtà non importa cosa faccia la sua mente conscia perché il solo atto di lasciarsi
andare in trance darà al suo inconscio l'opportunità di fare quel che è in grado di fare nel modo migliore. Alla
fine di quei cinque o dieci minuti si troverà a emergere dalla trance e scommetto che si sentirà piuttosto
rinfrescato e sereno.
CITRENBAUM, 1987, pag. 64

Lo stesso Autore (1987) istruisce i fumatori all'autoipnosi per ridurre i rischi di


ricaduta.

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ipnosi2.htm (14 of 19) [19/08/2003 23.00.15]


Ipnosi ed Autoipnosi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia
All'inizio quando cercherà di consolidare i suoi cambiamenti comportamentali associati al dissuefarsi dal fumo,
potrà esserci nella sua testa una voce che dice: 'Non è la fine del mondo fumare quella sigaretta', 'Non ti farà
male', ecc. Fintanto che quella voce continuerà a parlarle lei sarà vulnerabile… L'autoipnosi è il mezzo adatto
per rispondere a quella voce. Vorrei suggerirle che, come modo di metterla a tacere quando comincia a
parlare e a dire: 'Non è la fine del mondo', lei lo sfruttasse come segnale per fare autoipnosi allo scopo di
allungare sempre di più il periodo in cui non fuma.
(CITRENBAUM, 1987, pag.95)

La preparazione al Parto
Il parto per una donna rappresenta un evento della vita ricchissima di significati
socioculturali di cui l'ipnotista deve tener conto nel momento in cui opera. Il
lavoro preparatorio al parto deve necessariamente essere sufficientemente
articolato per consentire un alto grado di efficacia. L'approccio diretto fondato
semplicemente su ingiunzioni del tipo 'Voglio che lei abbia un parto indolore' non
ha in genere buone speranze di successo. Con un approccio decisamente indiretto
e frazionato Erickson predisponeva un ampio piano che mobilitava un vastissimo
insieme di esperienze estesiche personali e agiva sulla modificazione discreta delle
aspettative sul dolore evocando nella mente della donna l'idea della dilatazione
esemplificandola con comportamenti spontanei e naturali.
Può sentire o non sentire l'anello al dito o le scarpe ai piedi.
E' necessario soffrire nella peristalsi?
Aprire le dita delle mani fa male?
Come la prenderà quando aspettandosi di soffrire, non soffrirà?
(Erickson, 1988)

Nella preparazione al parto l'ipnotista deve accertarsi non solo che la donna abbia
effettivamente appreso l'uso della tecnica, ma anche che condivida gli obiettivi del
lavoro e si sinceri dell'applicazione di alcune precauzioni.
In ogni trattamento che abbia a che fare con il dolore, questo non può essere
eliminato completamente.

Erickson (1982) riferisce di un caso in cui una donna desiderava sentire a pieno
tutta l'esperienza della nascita senza essere distratta dal dolore. Voleva sentire
piacevolmente le contrazioni dell'utero come se avesse inghiottito una ciliegia
intera e la sentisse scivolare comodamente lungo l'esofago.
Pertanto Erickson indusse inizialmente una anestesia completa che poi trasformò
nel tipo di analgesia richiesta dalla paziente. Dopo di chè addestrò la paziente a
sviluppare una profonda trance postipnotica sonnambulica che si sarebbe attivata
all'inizio del travaglio e che le avrebbe permesso di partecipare all'intero evento.
Ala fine del travaglio, una volta ritornata nella sua stanza, sarebbe caduta in un
sonno profondo e riposante per circa due ore.
Dopo due anni, la donna tornò da Erickson in quanto aspettava il secondo
bambino. In questo caso bastarono tre ore di trance profonda per ristabilire lo
stesso apprendimento autoipnotico.

CONCLUSIONI
La questione autoipnosi può essere affrontato da più punti di vista. L'autoipnosi
può essere vista essenzialmente come il prodotto di una precedente ipnosi e
susseguente suggestione post-ipnotica e dunque non esistere come fenomeno
autonomo. Viceversa si può essere convinti che l'ipnosi abbia luogo solo a patto
che il soggetto si renda disponibile a produrre la propria autoipnosi e dunque è
solo l'autoipnosi a esistere.
Ad ogni modo avvengono nella fenomenologia della coscienza una serie di eventi
aspecifici, senza una intenzionalità esplicita finalizzata alla produzione di una
trance che non sono facilmente collocabili e definibili.

La coscienza va incontro ordinariamente a un processo di discontinuità in cui

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ipnosi2.htm (15 of 19) [19/08/2003 23.00.15]


Ipnosi ed Autoipnosi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia

diventa operante il meccanismo dissociativo. I cosiddetti sogni a occhi aperti non


rispondono a una casualità rintracciabile nella mente conscia, ma a importanti
bisogni del sistema mente-corpo.
Di fatto l'evento autoipnotico può avvenire all'interno o all'esterno di una cornice
terapeutica.
La stessa relazione terapeutica non è altro che una fitta trama di stati di coscienza
auto/etero indotti.
Ognuno può autonomamente misurarsi con un universo di risultati desiderati e
desiderabili per sè, ma in assenza della supervisione di un ipnotista esperto può
essere difficile porsi obiettivi adeguati e appropriati.

Crasilneck (1975) cita una serie di esempi in cui persone non educate al corretto
uso dell'ipnosi possono fare richiesta di un training autoipnotico finalizzato al
raggiungimento di obiettivi irrealistici e qualche volta non sani.
Un avvocato aveva fatto richiesta di imparare a dormire tre ore a notte, mentre
uno studente mediocre voleva assicurarsi voti eccellenti.
In autoipnosi il saper fare è una dimensione intimamente legata alle potenzialità
soggettive presenti e non alla fantasia di un fare straordinario.

Erickson (1987) ha sostenuto più volte il fenomeno dell'interferenza di obiettivi


apprezzabili da parte della coscienza, ma in disaccordo con i bisogni
dell'inconscio.In tal senso sottolineava che l'insistenza a interferire
coscientemente con l'inconscio determina l'insorgenza di un problema.
Ne possiamo trarre che fare autoipnosi senza una consapevolezza di come
dimensionarla correttamente può produrre danni.
Al contrario nell'ambito di una relazione terapeutica si può ragionevolmente
concludere che a prescindere se sia fatto in modo deliberato o no si sviluppa
sempre una qualche forma di autoipnosi nel soggetto in terapia anche non
esplicitamente ipnotica. Del resto Lankton (1984) ha dimostrato che gli stati
ipnotici sono presenti in molte forme terapeutiche e coinvolgono pazienti e
terapeuti.
Oltre a ciò occorre distinguere gli eventi di autoipnosi spontanei da quelli
strutturabili in un addestramento esplicito.
Impegnare già nelle prime fasi della terapia il paziente in un vero e proprio
training autoipnotico significa operare strategicamente e apertamente sullo
svincolo e l'autonomia del soggetto.
Per di più rinforza la convinzione di poter godere di un controllo su aspetti inattesi
della propria vita.

L'autoipnosi suggerita e sostenuta continuatamene mobilita il soggetto verso una


continua ricerca interiore e verso quella autoesplorazione cara a Milton Erickson.
Grazie all'autoipnosi diventa possibile l'acquisizione di livelli elevati di abilità in
una integrazione mente-corpo.
Naturalmente l'autoipnosi svincolata completamente da una relazione terapeutica
non è assolutamente appropriata nel caso di problematiche psicologiche gravi.
Wilbacher (comunicazione personale, 2002) consiglia l'uso dell'autoipnosi come
forma di terapia di mantenimento durante e in seguito a una terapia ipnotica
breve. Crasilneck (1975) suggerisce ai pazienti di attenersi nella propria pratica
autoipnotica a insiemi di suggestioni legati strettamente al lavoro terapeutico in
corso. Nella ipnosi moderna viene ampiamente valorizzata la responsività in luogo
della suggestibilità in una visione evocativa dei fenomeni ipnotici (Ducci 2002). La
pratica dell' autoipnosi fondata sull'accrescimento della percezione di sé sembra
porsi coerentemente in linea con ciò.

Non si può non concludere senza fare un doveroso accenno alla formazione
professionale in ipnosi clinica e ai modi più opportuni per organizzarla intorno alla

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ipnosi2.htm (16 of 19) [19/08/2003 23.00.15]


Ipnosi ed Autoipnosi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia

consapevolezza e allo sviluppo delle capacità autoipnotiche dell'allievo. Tutto il


mondo formativo sta facendo un notevole sforzo per superare le limitatezze del
pensiero orientato agli obiettivi e all'esclusiva attenzione alle tecniche (Short,
1999). Si vanno proponendo metodologie indirette come il metodo della
narrazione, apprendere attraverso il raccontarsi, descrivere le proprie emozioni in
rapporto alla relazione con l'altro (Kaneklin, 1998).
Nell'ambito formativo strettamente ipnotico da una indagine condotta da
Wilbacher e Gandolfi (1998) risulta che un'alta percentuale di allievi ritarda o
abbandona definitivamente l'uso professionale dell'ipnosi. Dopo una fase iniziale
di apparente sicurezza nel corso della formazione, alla fine di questa l'allievo entra
in una fase mentale di shock che può portare all'abbandono dell'ipnosi in quanto
si ritrova da solo a gestire l'impatto emotivo del lavoro in trance. Il neo terapeuta
prova disagio per le sue risposte corporee e emotive. L'atto di indurre la trance
nel paziente produce simultaneamente uno stato autoipnotico nell'ipnotista.
Diversamente dalle altre forme psicoterapeutiche dove l'apprendimento
emozionale del sé avviene in modo graduale, in ipnosi l'impatto è immediato e
inaspettato.
Nell'indagine emerge che gli allievi non riescono a fornire una risposta
soddisfacente in merito all'abbandono dello strumento ipnotico in favore di altri
approcci terapeutici, ma solo se l'allievo attiva uno scambio emozionale con il
formatore riesce a entrare in una fase mentale di superamento che lo aiuta a
neutralizzare lo shock e a far funzionare la mente sintonicamente e
simultaneamente fra processi emotivi e razionali.

Ricerca di fonti bibliografiche


Per la ricerca bibliografica si è proceduto compiendo innanzitutto una ampia
ricognizione dei riferimenti all'autoipnosi provenienti dai testi in lingua italiana
sull'ipnosi di maggiore diffusione con particolare riferimento al lavoro di Milton
Erickson. Non si è proceduto a una accurata ricerca di articoli tratti da Riviste del
settore e pertanto ne segnaliamo pochi significativi. Si è constatato l'esistenza di
una ristretta bibliografia di testi in lingua italiana dedicata espressamente
all'autoipnosi.
La ricerca attraverso internet ha permesso di evidenziare una disponibilità di indicazioni applicative di tipo
divulgativo e propagandistico poco approfondite sul piano teorico. Qui di seguito elenchiamo 50 titoli:

❍ ABOZZI P., Manuale pratico di autoipnosi, L'AIRONE 1996

❍ BANDLER R. GRINDER J., I modelli della tecnica ipnotica di Milton Erickson, Astrolabio 1984

❍ BANDLER R. GRINDER J., Ipnosi e trasformazione, Astrolabio 1982

❍ BAUDOUIN C., Suggestion and autosuggestion, Bodd Mead and Co. 1921

❍ BUZAN T., Use your mind, Bbc Publication 1974

❍ CHEEK D.B. LECRON L.M., Clinical Hypnotherapy, Grune and Stratton 1968

❍ CITRENBAUM C.M.KING M.E. COHEN W.I., Il controllo delle abitudini mediante l'ipnosi, Astrolabio
1987

❍ COPELAN R., Ipnosi e autoipnosi, Armena 1992

❍ CRASILNECK H. B., HALL J.H., Ipnosi clinica, Astrolabio 1975

❍ DILTS R. GRINDER J. BANDLER R. BANDLER L.C. DELOZIER J., Programmazione neurolinguistica,


Astrolabio 1982

❍ DUCCI G. CASILLI C., La supervisione nella nuova ipnosi, Angeli 2002

❍ EDELSTIEN M.G., Trauma trance e trasformazione, Astrolabio 1982

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ipnosi2.htm (17 of 19) [19/08/2003 23.00.15]


Ipnosi ed Autoipnosi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia
❍ ERICKSON M.H., Opere volume 1, Astrolabio

❍ ERICKSON M.H., Opere volume II,Astrolabio

❍ ERICKSON M.H., Guarire con l'ipnosi, Astrolabio 1983

❍ ERICKSON M.H. ROSSI E.L., Ipnoterapia, Astrolabio 1982

❍ ERICKSON M.H. ROSSI E.L., L'esperienza dell'ipnosi, Astrolabio 1985

❍ ERICKSON M.H., La ristrutturazione della vita con l'ipnosi, Astrolabio 1987

❍ ERICKSON M.H., La comunicazione mente-corpo in ipnosi, Astrolabio 1988

❍ FROMM E., Similarities and differences between self-hypnosis and hetero-hypnosis, Discorso
inaugurale, American Psychological Association 1973

❍ FROMM E., An idiosyncronic long-term study self-hypnosis, Studio presentato alla Convenzione della
American Psychological Association 1974

❍ GALLWEY W. T., The inner game of tennis, Random House 1974

❍ GALLWEY W.T., The inner game of golf, Jonathan Cape 1979

❍ YOUNG P., Autoipnosi, RED 1991

❍ HALEY J., Cambiare gli individui, Astrolabio 1987

❍ HARRIGEL E., Lo Zen e il tiro con l'arco, Adelphi 1975

❍ KANEKLIN C.,SCARATTI G., Formazione e Narrazione, Cortina 1998

❍ KLINE M.V., GAZE H., Self-hypnosis in childbirth: a clinical evaluation of a patient conditioning
program, J.Clin. Exp. Hypn., 3: 142-147, 1955

❍ LANKTON S.R.,LANKTON C.H., La risposta dall'interno, Astrolabio 1984

❍ LORIEDO C., Strategie e stratagemmi della psicoterapia, Angeli 2002

❍ LIOTTI G., Le opere della coscienza, Cortina 2001

❍ MALTZ M., Psicocibernetica, ASTROLABIO 1965

❍ MORRIS F., Autoipnosi in due giorni , Astrolabio 1974

❍ MUTIMER P., Lo zen e l'arte di giocare a tennis, Newton & Compton 1998

❍ PADOVANI E., Manuale pratico di RAT, Edizioni RED 1988

❍ ROSEN S., La mia voce ti accompagnerà, Astrolabio 1983

❍ ROSSI E.L. NIMMONS D., Autoregolazione del sistema mente-corpo, Astrolabio 1993

❍ SIMPKINS C.A.,SIMPKINS A., Autoipnosi Ericksoniana, Astrolabio 2002

❍ SHONE R., La tecnica dell'autoipnosi, Astrolabio 1982

❍ SHONE R., Visualizzazione creativa, Astrolabio 1984

❍ SHOR R., Hypnosis and the concept of the generalized reality orientation, American Journal of
Psychotherapy, 1959,13,582-602

❍ SHORT D., Use-Oriented Thinking, Documento presentato al Settimo Congresso Internazionale sugli
Approcci Ericksoniani all'Ipnosi e alla Psicoterapia, Phoenix 1999

❍ SOSKIS D., Insegnare l'autoipnosi, Astrolabio 1987

❍ TART C., Stati di coscienza, Astrolabio

❍ THOMAS K., Autoipnosi e training autogeno, Edizioni Mediterranee 1976

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ipnosi2.htm (18 of 19) [19/08/2003 23.00.16]


Ipnosi ed Autoipnosi - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale websit...musica endorfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia

❍ UMADZE D.N., The psychology of set, Consultans Bureau 1966

❍ WATZLAWICK P., La realtà inventata, Feltrinelli 1988

❍ WEITZENHOFFER A.M., General techniques of hypnotism, Grune and Stratton,1957

❍ WILBACHER R., GANDOLFI A., Effetti e cambiamenti sulla personalità del terapeuta durante il training
di psicoterapia ipnotica, 3° Congresso Europeo di Ipnosi e Psicoterapia Ericksoniana, Venezia 1998

❍ WOLBERG L.R., Medical Hypnosis, Grune and Stratton 1948

» Ipnosi e autoipnosi

Index Sub | Index Demo | Catalogo

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio nel rispetto delle normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa
(Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/ipnosi2.htm (19 of 19) [19/08/2003 23.00.16]


Rilassamento, Creativita', Infrasuoni, ecc... - Amadeux - Marco Stefan...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Frequenze e stati cerebrali | Forum | Mailing List

Rilassamento, Creativita', Infrasuoni,


ecc...
Come altre tecniche, studiate e
diffuse per migliorare un eccessivo
stato d'ansia, cosi' comune ai nostri
giorni, anche quello del
"rilassamento subliminale" si affida
alla musica, al suono, che sembra
essere il filo conduttore di gran parte
della nostra vita.
Pensiamo al "mantra", misteriosa
formula basata proprio sulla
ripetizione di un suono particolare, a
cui, da millenni, la sapienza orientale
affida le sue meditazioni.

I suoni sono fenomeni fisici e, come tali, influenzano tutte le cose con cui vengono
a contatto. Un suono di una particolare frequenza, per esempio, puo' rompere
un vetro; mentre, altri, non percepibili dall' orecchio umano, possono dare ordini
ad un cane.

Studi recenti sostengono che la crescita stessa delle piante puo' essere
influenzata dal tipo di musica che si suona nella vicinanza.
Il suono, quindi, come strada, come risalita dal nostro mondo cosciente ad un
altro, piu' sottile e ancora quasi completamente inesplorato.

La musica - ovvero, le note - dipendono dalla variazione di pressione dell'aria, che


genera le cosiddette "onde sonore".
Le onde acute sono generate da vibrazioni molto rapide; le note basse
corrispondono a onde di bassa frequenza; l'orecchio umano e' in grado di ricevere
note, con una frequenza che varia da 30 a 20.000 vibrazioni al secondo (Hertz o
Hz).
L'unita' di misura che si impiega per misurare l'intensita' dei suoni e' il decibel
(dB, dal nome di Graham Bell); il valore di 0 dB corrisponde al suono piu' debole
che puo' essere udito da un essere umano; mentre 140 dB rappresenta la soglia
del dolore, causato da un suono troppo alto.

La tecnica scoperta dal dott. Gerald Oster nel 1973 al Mount Sinai school of
Medicine di New York e messa a punto dell'equipe medica del dottor Louis
Chalout e dal dottor F. Borgeat (Universita' di Montreal) consiste nella diffusione
di una musica registrata ad un'intensita' tale da poter essere piacevolmente udita
da tutti (per esempio 90 dB).
A questa musica vengono introdotti, con una tecnica particolare, alcuni

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/relax.htm (1 of 2) [19/08/2003 23.00.26]


Rilassamento, Creativita', Infrasuoni, ecc... - Amadeux - Marco Stefan...rfine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

"infrasuoni" (suoni con frequenza inferiore a 30 Hz) di intensita' molto minore (ad
esempio, 30 dB).
Questi "infrasuoni", anche se piu' deboli, raggiungono, comunque, il livello
sensoriale, senza, pero', riuscire ad influenzare il nostro livello cosciente.
Essi, quindi, non essendo coscientemente recepiti, rimangono nella zona di
"percezione subliminale".

Quindi, questa musica invia due messaggi: uno,


quello forte, che si indirizza e mantiene attento
l'emisfero sinistro del cervello, quello della percezione
cosciente; l'altro, il piu' debole, che viene percepito
dall'emisfero destro; dall'inconscio.
L'obiettivo e' quello di influenzare i livelli meno
coscienti del nostro complesso psichico, dove hanno
origine la maggior parte delle tensioni umane.

L'immenso vantaggio della "musica subliminale" e'


di proporre una tecnica dolce di prevenzione che,
praticata regolarmente, permette di ritrovare il
proprio equilibrio e la propria calma.

I suoi campi di applicazione sono, comunque,


molteplici.
Oltre ad avere una particolare influenza sul rilassamento, dove si e' dimostrata di
particolare efficacia, essa sembra sviluppare anche capacita' immaginative e
creativita'.
Può essere utile per aiutare la meditazione e l’ipnosi, per alleviare emicranie e mal
di testa, per la riduzione del fabbisogno di sonno e l'induzione al sonno naturale,
per l'eliminazione della depressione e dell’ansia.
E’ di aiuto nei disordini nella capacità di attenzione e della concentrazione, e per
molto altro.

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Frequenze e stati cerebrali

Le informazioni e le tecniche contenute nel sito hanno puro carattere educativo ed informativo, non "terapeutico"
o "psicologico". In nessun modo i creatori e i gestori del sito sono da ritenere responsabili del loro utilizzo. Alcuni
articoli, brani ed immagini sono rielaborati e parzialmente estratti da documenti ufficiali o siti web di pubblico
dominio nel rispetto delle normative vigenti sul diritto d'autore, di cronaca/critica e sulla liberta' di stampa
(Copyright e Note legali).
Servizio segnalazione errori e malfunzionamento del sito - Email: service@sublimen.com
Copyright © 1997- Amadeux Multimedia - All Rights Reserved Worldwide

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/relax.htm (2 of 2) [19/08/2003 23.00.26]


Le onde cerebrali - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale website - ...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

SUBLIMEN.com

Index Sub | Index Demo | Catalogo | Le soglie di percezione | Forum | Mailing List

Le onde cerebrali
Nel corso della nostra vita quotidiana tutti noi sperimentiamo
diversi "stati di coscienza". Per esempio, nell'arco di una giornata,
tra la luce del mattino e il buio della notte, ci muoviamo da uno
stato ordinario di veglia ai diversi stadi del sonno.
Ma anche gli stati di coscienza "straordinari" fanno parte della
nostra comune esperienza: quando ci sentiamo particolarmente
"creativi", insolitamente "intuitivi", eccezionalmente "lucidi",
profondamente "rilassati".
Ordinari, o straordinari che siano, tutti gli stadi della nostra
coscienza sono dovuti all'incessante attivita' elettrochimica del cervello, che si manifesta
attraverso "onde elettromagnetiche": le onde cerebrali, appunto.
La frequenza di tali onde, calcolata in 'cicli al secondo', o Hertz (Hz), varia a seconda del tipo
di attivita' in cui il cervello e' impegnato e puo' essere misurata con apparecchi elettronici.
Gli scienziati suddividono comunemente le onde in "quattro bande", che corrispondono a
quattro fasce di frequenza e che riflettono le diverse "attivita' del cervello".

Onde delta
Hanno una frequenza tra 0,5 e 4 Hz e sono associate al piu' profondo
rilassamento psicofisico. Le onde cerebrali a minore frequenza sono quelle
proprie della mente inconscia, del sonno senza sogni, dell'abbandono
totale. In questo senso vengono prodotte durante i processi inconsci di
autogenerazione e di autoguarigione.

Onde theta
La loro frequenza e' tra i 4 ed i 8 Hz e sono proprie della mente impegnata
in attivita' di immaginazione, visualizzazione, ispirazione creativa. Tendono
ad essere prodotte durante la meditazione profonda. Il sogno ad occhi
aperti, la fase REM del sonno (cioe', quando si sogna). Nelle attivita' di
veglia le onde theta sono il segno di una conoscenza intuitiva e di una
capacita' immaginativa radicata nel profondo. Genericamente vengono associate alla
creativita' e alle attitudini artistiche.

Onde alfa
Hanno una frequenza che varia da 8 a 14 Hz e sono associate a uno stato
di coscienza vigile, ma rilassata. La mente, calma e ricettiva, è concentrata
sulla soluzione di problemi esterni, o sul raggiungimento di uno stato
meditativo leggero. Le onde alfa dominano nei momenti introspettivi, o in
quelli in cui più acuta è la concentrazione per raggiungere un obiettivo
preciso. Sono tipiche, per esempio, dell'attività cerebrale di chi è impegnato in una seduta di

http://www.marcostefanelli.com/subliminale/onde.htm (1 of 4) [19/08/2003 23.00.58]


Le onde cerebrali - Amadeux - Marco Stefanelli subliminale website - ...fine infrasuoni inconscio coscienza percezione insonnia mal di testa

meditazione, yoga, taiji.

Onde beta
Hanno una frequenza che varia da 14 a 30 Hz e sono associate alle normali
attivita' di veglia, quando siamo concentrati sugli stimoli esterni. Le onde
beta sono infatti alla base delle nostre fondamentali attivita' di
sopravvivenza, di ordinamento, di selezione e valutazione degli stimoli che
provengono dal mondo che ci circonda. Per esempio, leggendo queste righe
il vostro cervello sta producendo onde beta. Esse, poi, ci permettono la reazione più veloce e
l'esecuzione rapida di azioni. Nei momenti di stress o di ansia le beta ci danno la possibilita'
di tenere sotto controllo la situazione e dare veloce soluzione ai problemi.

Il fenomeno della risonanza


Nel 1665 il fisico e matematico olandese Christiian Huygens, tra i primi a postulare la
teoria ondulatoria della luce, osservo' che, disponendo a fianco e sulla stessa parete due
pendoli, questi tendevano a sintonizzare il proprio movimento oscillatorio, quasi "volessero
assumere lo stesso ritmo". Dai suoi studi deriva quel fenomeno che oggi chiamiamo
'risonanza'. Nel caso dei due pendoli, si dice che uno fa risuonare l'altro alla propria
frequenza. Allo stesso modo e per lo stesso principio, se si percuote