Sei sulla pagina 1di 4

Vai ai

contenuti
SEZIONI EDIZIONI LOCALI CORRIERE ARCHIVIO SERVIZI CERCA   LOGIN ABBONATI PER TE

/ CARDIOLOGIA
Corriere della Sera > Salute > Cuore > Ipertensione, come saperese la cura funzionerà

 
PIÙletti di SALUTE
GRAZIE A UN ORMONE PRODOTTO DAL RENE

Ipertensione, come sapere


se la cura funzionerà
I livelli di renina, misurabili con un esame del sangue, sono
direttamente correlati all'efficacia delle terapie
MILANO - È un altro passo verso la medicina NOTIZIE CORRELATE
personalizzata, ma stavolta non c'è da scomodarsi Il canale «cuore» di Corriere.it
ad analizzare il DNA: basta dosare nel sangue un Cuore:l'esperto risponde
ormone, la renina, per sapere se e come un iperteso Il test: «Quanto è sano il tuo
cuore?»
risponderà alle terapie. Lo dimostrano tre ricerche Il dizionario del cuore
pubblicate sull'American Journal of Hypertension, I video sul cuore
secondo cui sarebbe alle porte una terapia Diabete: l'esperto risponde
Conosci il tuo cuore
Misurazione antipertesiva "guidata dalla renina".
La prevenzione cardiovascolare
della Le malattie del cuore
pressione RENINA - La renina è un ormone prodotto dal rene Gli esami per il cuore
arteriosa
che regola la pressione arteriosa. I primi studi in cui Le cure per il cuore
si sottolineava la sua importanza nello sviluppo dell'ipertensione e
nella gestione delle terapia risalgono addirittura ai primi anni '70:

Create PDF in your applications with the Pdfcrowd HTML to PDF API PDFCROWD
già allora l'ipertensione veniva suddivisa in quattro "classi" a seconda delle sue caratteristiche e si
annoveravano l'ipertensione con bassi livelli di renina (che riguarderebbe un terzo dei pazienti),
l'ipertensione a renina medio-alta (oltre un terzo dei casi), l'ipertensione resistente che richiede terapie
multiple e l'ipertensione secondaria ad altre malattie vascolari o endocrine. «Sappiamo che se la renina
è bassa il paziente risponde bene ai diuretici, mentre se la renina è alta ci sono maggiori probabilità di
successo con gli ACE-inibitori o i beta-bloccanti. Eppure queste informazioni sono passate poco nella
pratica clinica, tuttora non si va a dosare la renina per decidere quale terapia intraprendere: speriamo
che gli studi appena pubblicati possano dare una spinta definitiva in questo senso», scrive Curt
Furberg, della Divisione di Salute Pubblica della Wake-Forest University, in un'editoriale che
accompagna le ricerche. Tutte e tre, in effetti, depongono a favore dell'opportunità di valutare la renina
per decidere il piano terapeutico.

STUDI - Il primo studio, condotto su poco meno di 400 pazienti, dimostra infatti che tanto più la
renina nel sangue è alta, quanto più l'ipertensione risponde all'atenololo, farmaco in grado di bloccare
la renina. La riduzione oscilla fra i 10-12 mmHg; se ai pazienti con renina alta, invece, viene data
idroclorotiazide, un diuretico, l'effetto si dimezza. L'opposto succede a chi ha la renina bassa: il
diuretico riduce la pressione di 10 mmHg, l'atenololo da solo si ferma a un calo di 1 mmHg, in coppia
con il diuretico si raggiunge una riduzione di 7 mmHg. Risultati simili dal secondo studio, che aggiunge
però un dato di rilievo: in alcuni ipertesi sottoposti a terapia si ha un incremento paradosso della
pressione (anche oltre i 10 mmHg). Ebbene, questo effetto indesiderato è più comune in chi prende
farmaci "anti-renina" ma ha bassi livelli di renina nel sangue. Il quadro si completa con l'ultima ricerca,
secondo cui vi sarebbero differenze etniche nella quantità di renina: gli afroamericani, ad esempio,
hanno mediamente la renina più bassa rispetto ai bianchi.

IMPLICAZIONI - Queste ricerche dovrebbero finalmente spingere a valutare i livelli di renina dei
pazienti, al momento della prescrizione dell'antipertensivo. Ne è convinto Furberg, che aggiunge: «La
renina dovrebbe essere misurata anche periodicamente durante il trattamento, per aiutare a decidere se
è opportuno aggiungere un altro farmaco alla terapia. I dati appena pubblicati dimostrano che
prescrivere il farmaco "sbagliato" al paziente può significare indurre una risposta paradossale, un
aumento di pressione: un problema che può portare a un'inutile aggiunta di farmaci e che potrebbe
essere evitato valutando la renina prima di iniziare la cura. Guidare la terapia in base anche ai livelli di
renina pare ormai un approccio ragionevole, che può portare a un miglior controllo della pressione

Create PDF in your applications with the Pdfcrowd HTML to PDF API PDFCROWD
senza aumentare il numero di farmaci da prendere. Una cura standard per tutti non sembra avere più
molto senso, se davvero vogliamo ottenere il massimo dalle terapie», conclude Furberg.

PRUDENZA - Enrico Agabiti Rosei, direttore del Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche
dell'università di Brescia, è più cauto: «In linea di principio tutto questo è vero, ma temo che
continueremo a discutere dell'opportunità di misurare la renina ancora a lungo. L'approccio ha infatti
alcune limitazioni importanti: innanzitutto, le conclusioni di queste ricerche sono vere per chi ha la
renina molto alta o molto bassa. In questi casi l'ormone partecipa molto o non partecipa quasi per
niente allo sviluppo della pressione alta, per cui può avere senso guidare la cura in un senso o nell'altro;
nelle situazioni intermedie, invece, è molto più difficile avere risultati altrettanto netti. Inoltre -
prosegue Agabiti Rosei - il dosaggio della renina è semplice, ma non ci sono ancora parametri standard
fra i diversi laboratori che rendano i risultati sempre certi e confrontabili; infine, la quantità di renina è
continuamente influenzata da molti altri fattori. Ad esempio aumenta se si sta in piedi, oppure se si
seguono cure con determinati farmaci che ne modificano i livelli. Esistono perciò al momento limiti
consistenti a un uso del dosaggio di renina su vasta scala come "guida" per la terapia: a oggi ha senso
farlo solo in casi abbastanza selezionati e se si può contare su un laboratorio che ha messo a punto
buoni standard di riferimento», conclude Agabiti Rosei.

Elena Meli
13 ottobre 2010
© RIPRODUZIONE RISERVATA

ALTRE NOTIZIE SU CORRIERE.IT


I PIÙ LETTI

Create PDF in your applications with the Pdfcrowd HTML to PDF API PDFCROWD
Gazzetta | Corriere Mobile | El Mundo | Marca | RCS Mediagroup | Fondazione Corriere | Fondazione Cutuli | Quimamme | Codici Sconto Servizi | Scrivi | Cookie policy e privacy | Codici Sconto
Copyright 2020 © RCS Mediagroup S.p.a. Tutti i diritti sono riservati | Per la pubblicità: RCS MediaGroup S.p.A. Direzione Pubblicità Compara offerte ADSL | Compara offerte Luce e Gas
RCS MediaGroup S.p.A. - Direzione Media Sede legale: via Angelo Rizzoli, 8 - 20132 Milano | Capitale sociale: Euro 270.000.000,00
Codice Fiscale, Partita I.V.A. e Iscrizione al Registro delle Imprese di Milano n.12086540155 | R.E.A. di Milano: 1524326 | ISSN 2499-0485

Create PDF in your applications with the Pdfcrowd HTML to PDF API PDFCROWD