Sei sulla pagina 1di 86

MARY POPPINS

Un musical basato sulla storia di P.L. Travers e sul


Film Walt Disney

!1
ELENCO DEI PERSONAGGI IN ORDINE DI APPARIZIONE

BERT

GEORGE BANKS

WINIFRED BANKS

JANE BANKS

MICHAEL BANKS

TATA KATIE

POLIZIOTTO

MISS LARK

AMMIRAGLIO BOOM

MRS. BRILL

ROBERTSON AY

MARY POPPINS

GUARDIANO DEL PARCO

NEREO

REGINA VITTORIA

PRESIDENTE DELLA BANCA

MISS SMITHS

VON HUSSLER

NORTHBROOK

VECCHINA

MRS CORRY

FANNIE

ANNIE

VALENTINE

ORSACCHIOTTO

BAMBOLA

MISS ANDREW

FIGURANTI: frequentatori del parco, clienti, persone che fanno volare aquiloni, spazzacamini, ecc


!2
!1
INDICE
PRIMO ATTO

!2
SCENA 1: CHERRY TREE LANE – Te2o , Strada , Salo2o .....................................................................................5
BERT Buongiorno ammiraglio! ...................................................................................................................... 5
#2 – CHERRY TREE LANE (Parte 1) Mrs. Brill, Winifred, Robertson Ay, Jane, Michael, George ..................... 6
#3 - UNA TATA PERFETTA JANE e MICHAEL.................................................................................................... 8
#4 – CHERRY TREE LANE (PART 2) WINIFRED, JANE, MICHAEL, MRS BRILL, ROBERTSON AY, GEORGE..........9
SCENA 2: L’ARRIVO DI MARY POPPINS -Salo2o ...................................................10
#4A – OPLA’- (Orchestra)...... 11
SCENA 3: IN PRATICA PERFETTA – Stanza dei bambini ...................................................12
#4B – MUSICA MAGICA 1 (Orchestra) ...................... 12
#4C – MUSICA MAGICA 2 (Orchestra) .......... 12
#5 – PRATICAMENTE PERFETTA (Mary Poppins, Jane, Michael) ......... 12
SCENA 4: COM’E’ BELLO PASSEGGIAR – Parco...................................................... 15
#5 – INTENTO NEL SUO LAVORO (Bert)............. 15
#6 - “Com’è Bello passeggiar” Bert, Jane, Michael, Nereo, Mary Poppins, Figurand ....................... 16
#6 –MA COM’E’ POSSIBILE?! (Orchestra) .......20
#6B CON UN PO DI IMMAGINAZIONE (Orchestra) ...........21
SCENA 5: SPERIAMO CHE LEI STIA QUI Salo2o............................................. 21
#7 SPERIAMO CHE LEI STIA QUI GEORGE WINIFRED JANE MICHAEL .................................23
SCENA 6: BASTA UN POCO DI ZUCCHERO Strada Cucina ....................................................24
#7A IL VENTO CAMBIA BERT ......... 24
#7ABASTA UN POCO DI ZUCCHERO MARY POPINS JANE MICHAEL WINIFRED ROBERTSON AY ...... 27
#8 BASTA UN POCO DI ZUCCHERO WINIFRED MARY POPPINS ..........................29
SCENA7: La Banca- Banca .............................29
#9A PRECISIONE ED ORDINE Impiegad, Presidente, Von Hussler, Northbrook ................... 29
#9A UN UOMO HA I SOGNI George ..32
SCENA 8 DATE DA MANGIARE AGLI UCCELLINI SCALE DELLA CATTEDRALE ......................................33
#10 DAR DA MANGIARE AGLI UCCELLINI VECCHINA MARY POPPINS, FIGURANTI .................33
SCENA 9 SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO- PARCO ........................................................35
#10A NEGOZIOO DELLE CONVERSAZIONI ORCHESTRA, ..........................35
#10B SCELTA DELLE LETTERE ORCHESTRA ....................37
#11 SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO MARY POPPINS, BERT, JANE, MICHAEL, MRS CORRY, CLIENTI ..
37
#11A SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO /IL VENTO STA CAMBIANDO BERT, CLIENTI ....................... 40
SCENA 10: CATTIVE NOTIZIE – Strada, Salo2o ...................................................40
11# IMPREVISTI ........................................................................................................................................... 43
SCENA 11: CHE GIOCO FAI – Stanza dei bambini .............................................................................................43
12# - CHE GIOCO FAI MARY POPPINS, VALENTINE, BAMBOLA, ORSACCHIOTTO, MR PUNCH, GIOCATTOLI ...
44
SCENA 12: CAM CAMINI’ – Te2o ..................................................................................................................... 47
13# - CAM CAMINI’ (BERT, MARY POPPINS) ........................... 47
!3
13A# - AU REVOIR (ORCHESTRA) ........................... 48
SCENA 1: ZOLFO E MELASSA - Strada, Salo2o .................................................................................................50
#14 - Cherry Tree Lalle (Reprise) Mrs. Brill, Robertson Ay, Jane, Michael, Winifred, George ...................... 50
#15 - Zolfo e melassa (Parte I) Miss Andrew ............................................................................................... 52
#15- Scappare Orchestra .................54
SCENA 2: ANDIAMO A FAR VOLARE L’AQUILONE - Parco................................................................................. 54
#16 - Andiamo a far volare un aquilone Bert, Park Keeper, Jane, Michael, Kite Flyers, Mary Poppins..... 54
#16 – Uno spe2acolo per gli occhi Orchestra .................57
SCENA 3: BUONO A NULLA - Parco ..................................................................................................................58
#17 – Buono a nulla George, Winifred ....................58
SCENA 4: WINIFRED DESPAIRS - Parco............................................................................................................. 58
SCENE 5: ZOLFO E MELASSA REVISITED - Salo2o ............................................................................................59
#18 – ZOLFO E MELASSA (Part 2) Mary Poppins/ Miss Andrew ....................... 59
SCENE 6: GEORGE RITORNA - salo2o ..............................................................................................................62
#18 - Pradcamente perfe2a (Reprise) Jane, Michael, Mary Poppins...................... 64
SCENA 7: RESTERÒ FICHÈ NON SI ROMPE LA CATENA - camere2a .................................................................65
SCENA 8: TUTTI INSIEM - Te2o, Camere2a, salo2o #19-Step in Time Bert, Michael, Jane, Sweeps, Mary
Poppins ............................................................................................................................................................ 66
#19A – Giù dal camino Bert, Sweeps .................. 70
SCENA 9 – UN UOMO HA DEI SOGNI...............................................................................................................71
#20 UN UOMO HA DEI SOGNI (REPRISE) / CON UN POCO DI ZUCCHERO (REPRISE); GEORGE, BERT ......... 72
#20A RE DEL MARE...................................................................................................................................... 75
SCENA 10: TUTTO PUÒ ACCADERE, PARTE 1 – NURSERY ................................................................................ 75
#21 – TUTTO PUO’ ACCADERE (parte1) – (MARY, JANE, WINIFRED, BIRD WOMAN, BOARD OF DIRECTOR)...
75
SCENA 11: TUTTO PUÒ ACCADERE, PARTE 2 – CATTEDRALE, BANCA..............................................................76
#21A – GIVE US THE WORD ......................................................................................................................... 78
SCENA 12: TUTTO PUÒ ACCADERE PARTE 3 – Parco, cielo ....................................................79
#22 – Tu2o può succedere (parte 2) Mary Poppins, Bert, Jane, Michael, Ensemble............... 79
SCENA 13: TI VOGLIO BENE, MARY POPPINS - Parco (49’33”)......................................................................... 80
#23 – Con un poco di zucchero Mary Poppins ............... 82
SCENA 14: VITA DI FAMIGLIA - Stanza dei bambini ................................................. 82

!4
SCENA 1: CHERRY TREE LANE – Tetto , Strada , Salotto
(Londra, 1910, È autunno: un cielo scuro, fitta coltre di nubi, un paesaggio di tetti del primo
Novecento che si distendono davanti a noi, BERT, uno spazzacamino, entra e si rivolge al
pubblico.)
BERT VENTO DALL’EST, FITTA NEBBIA VERRA’
QUALCOSA NELL’ARIA FRA UN PO’ SI VEDRA’
CHE BOLLE IN PENTOLA IO NON LO SO
MA SO CHE QUEL CHE ACCADE, DI GIA’ CAPITO’
(GEORGE BANKS appare fuori dalla ciminiera dei camini, così come sua moglie, WINIFRED, e i
loro due figli: JANE e MICHAEL. Tutti loro, in modi diversi, sono scollegati e soli)
UN FIGLIO, UNA FIGLIA, UNA MAMMA E UN PAPA’
SON FILI DEL TEMPO CHI LI RIUNIRA’?
CHI PUO’ LEGARLI CON DOLCE ARMONIA
COME UN FORTE AQUILONE CHE NON VOLA VIA
CAM CAMINI’, CAM CAM, LO SPAZZACAMIN

(MICHAEL e JANE corrono con il loro aquilone fatto a mano, inseguiti dalla loro tata, Tata Katie.)
MICHAEL Sbrigati Jane, corri!
TATA KATIE (Con affanno) Fermatevi piccole pesti! È ora di fare i compiti
MICHAEL Non posso fare i compiti mentre faccio volare l’aquilone
JANE E non ci puoi obbligare, sei solo una tata
POLIZIOTTO Ahh ancora voi due eh?! Avanti, tutti a casa!
(Il POLIZIOTTO porta via i BAMBINI mentre il BERT si ferma davanti al n. 17 di Cherry Tree
Lane. MISS LARK sta venendo dall'altra parte con WILLOUGHBY, il suo cagnolino.)
MISS LARK Buongiorno Bert!
BERT Buongiorno Miss Lark, come sta il piccolo trottolino?
MISS LARK Oh sta benissimo grazie (abbaia il cane). Trottolino
AMMIRAGLIO Per Giove, ecco all’orizzonte l’incantevole Miss Lark
MISS LARK Oh ammiraglio… (abbaia il cane) trottolino!!

BERT Buongiorno ammiraglio!


AMMIRAGLIO Fitte nubi al numero 17, tempesta in arrivo!
(L’ammiraglio esce)
BERT CHI GUARDA UNA MAPPA DI QUESTA CITTA’
QUESTA STRADINA NON LA TROVERA’.
!5
CHERRY TREE LANE, TRA SUONO E MAGIA
MA OGNI TATA CHE ARRIVA VA SUBITO VIA
CAM CAMINI’, CAM CAM, LO SPAZZACAMIN

#2 – CHERRY TREE LANE (Parte 1) Mrs. Brill, Winifred, Robertson Ay, Jane, Michael, George
MRS BRILL Tata Katie, vi prego!
TATA KATIE Quelle piccole pesti mi sono sfuggite per l’ultima volta
MRS BRILL E chi dovrà subirsi i bambini in casa da sola? Io, ecco chi!
TATA KATIE Ho detto tutto Mrs Brill e non ho altro da aggiungere! Ho chiuso con questa casa,
per sempre!
MRS BRILL Beh finalmente, era ora. E state attenta a non inciampare quando uscite!
WINIFRED (Urla di spavento) Tata Katie dove andate? Tata Katie!

MRS BRILL TATA KATIE È ANDATA E NON MI MERAVIGLIO


QUEI BAMBINI L’HAN PORTATA ALLA FOLLIA
WINIFRED FORSE E’COLPA MIA CHE HO PRESO UN ALTRO ABBAGLIO
COME DICO A MR. BANKS CHE E’ANDATA VIA?!

George, caro, io sono desolata, caro. Un’altra tata è andata, caro.

VANNO TUTTE VIA


CHE SFORTUNA MAMMA MIA

MRS. BRILL, ROBERTSON AY, JANE, MICHAEL NOI NON TROVEREMO MAI UNA
BRAVA TATA
GEORGE: Assurdo!

FERMEZZA, RIGORE, NON CHIEDO DI PIU’


PER EDUCARE I FIGLI E LA SERVITU’
TU BADI ALLA CASA, NON SON FATTI MIEI
IO RESTERO’ IL SOVRANO DI CHERRY TREE LANE
Giacca! (Mentre Winifred aiuta a mettere la giacca a George, lui continua a rimproverarla)
La verità è che hai assunto sei tate in quattro mesi e sono state tutte degli inqualificabili disastri!

!6
IO VOGLIO UNA TATA COL POLSO DI UN RE
SEVERA ED INFLESSIBILE, SICURA DI SÉ
E I FIGLI SAPRANNO, RESTANDO CON LEI,
COS’È L’EDUCAZIONE DI CHERRY TREE LANE

WINIFRED Certo George ma… (interrotta)

GEORGE SE IN MANO AVRAI LA SITUAZIONE


SE NEI COLLOQUI MOSTRERAI SEVERITÀ,
TU TROVERAI LA SOLUZIONE E TUTTO QUI PIÙ FACILE DIVEN-TE-RÀ

Borsa! (Mrs. Brill consegna scrupolosamente la valigetta)


WINIFRED Pensavo che tata Katie sarebbe stata severa con i bambini, aveva sempre l’aria
arrabbiata
GEORGE Winifred, mai confondere l’efficienza con i disturbi di fegato. Ombrello!!
WINIFRED Se solo trovassimo qualcuno come la tua vecchia tata…
GEORGE Temo non sia realistico mia cara. Ombrello!! (Robertson AY consegna frettolosamente
un ombrello da donna a George)
Poche donne al mondo riuscirebbero a raggiungere il livello di efficienza di Miss Andrew, inoltre
non possiamo permetterci una professionista di quel calibro. Che cavolo! (si accorge che non è il
suo ombrello e se lo fa prendere da Mrs. Brill)

MRS BRILL, ROBERTSON AY FERMEZZA, RIGORE, È LA SUA TEORIA


ROBERTSON AY LUI SOGNA UNA CASERMA, QUESTA È PURA FOLLIA
SE FUGGE OGNI TATA
MRS BRILL, ROBERTSON AY NON MI STUPIREI. È UN VERO MANICOMIO
QUI A CHERRY TREE LANE

GEORGE Ora Winifred se vuoi farmi un piacere


WINIFRED Certo che voglio, caro
GEORGE Molto bene allora: metti un annuncio sul Times scrivendo che Jane e Michael Banks
necessitano di una tata al massimo dell’efficienza... e al minimo della paga…
(Michael e Jane hanno ascoltato dalle scale)

!7
MICHAEL (Jane e Michael scendono dalle scale mentre George continua) Diamogli il nostro
prima che facciano un altro sbaglio!
GEORGE …Direi di sottolineare questo punto
JANE Papà…
WINIFRED Cos’hai in mano tesoro?
JANE …abbiamo scritto il nostro annuncio
GEORGE: Come sarebbe a dire avete scritto il vostro annuncio (Irritato dalle continue
interruzioni, ma Winifred si accorge del pezzettino di carta)
WINIFRED (entusiasta e interrompendo George) Ohh George ti prego dovremmo ascoltarlo!
GEORGE Winifred non essere teatrale!
WINIFRED Non ci costa nulla…
JANE Cercasi tata per due adorabili bambini
GEORGE Adorabili? Alquanto discutibile direi.

#3 - UNA TATA PERFETTA JANE e MICHAEL

JANE DOLCE, ALLEGRA E MAI SCONTROSA


COL SORRISO E GUANCE ROSA
NIENTE NEI, SE PUOI
MICHAEL Questo ce l’ho messo io!
JANE GIOCHERAI CON NOI
POI DEVI ESSERE PAZIENTE
MOLTO BELLA E DIVERTENTE

GEORGE Basta con queste sciocchezze!


WINIFRED (Interrompendolo, seccata) George per favore!

JANE DEI REGALINI CI FARAI


E CANTERAI
MICHAEL NESSUNA CRUDELTÀ, NE SCIROPPI MAI PER CARITA’
JANE TRATTACI DA FIGLIO E FIGLIA
MICHAEL E NON PUZZARE DI VANIGLIA
MICHAEL Anche questo ce l’ho messo io!
JANE SE TU IN CASTIGO NON CI METTI
!8
NOI NON TI FAREMO MAI DISPETTI
NON TI METTEREMO IL SALE NEL CAFFE’
MICHAEL NÈ RAGNI NEL LETTO, NÉ PEPE DENTRO IL THE’
JANE CARA TATA SE CI SEI
JANE, MICHAEL FAI IN FRETTA
JANE JANE
MICHAEL E MICHAEL
JANE, MICHAEL BANKS

#4 – CHERRY TREE LANE (PART 2) WINIFRED, JANE, MICHAEL, MRS BRILL,


ROBERTSON AY, GEORGE
GEORGE Ho sentito abbastanza fesserie per oggi
(George strappa la lettera dei bambini e la getta nel camino, dove una soffiata di vento la porta su
dalla canna fumaria)
Ora salite per cortesia in camera vostra e lasciatemi andare a lavorare
(I bambini escono)
WINIFRED Volevano solo essere d’aiuto
GEORGE Farmi perdere tempo, non è d’aiuto a nessuno. (Fuori si alza il vento) Dov’è il mio
cappello?! (spazientito)
(La signora Brill si precipita a prendere un soprabito mentre Winifred cerca il cappello a bombetta)
WINIFRED George, caro…
GEORGE (A Mrs Brill e interrompendo) Cappello!!!
MRS BRILL (A Robertson Ay) Cappello!!
WINIFRED CHISSA’ DOVE SARA’
Qui?
ROBERTSON AY (Nel panico) Cappello!!
MRS BRILL (urlando a Robertson) Cappello!!
WINIFRED UNA BOMBETTA NON SPARISCE VIA COSI’
Interrompendo JANE, MICHAELS, MRS BRILL, ROBERTSON AY COSÌ TROVERAI LA
TATA
CHE NON CI LASCERÀ
WINIFRED Ah eccolo! (Robertson dà il cappello a George, il quale lo osserva attentamente)
GEORGE L’ha pulito col lucido per scarponi!? (Tutti imitano George mentre ripete il suo mantra)
TUTTI FERMEZZA, RIGORE, NON CHIEDO DI PIU’

!9
PER EDUCARE I FIGLI E LA SERVITÙ
TU BADI ALLA CASA, NON SON FATTI MIEI
GEORGE RESTERÒ IL SOVRANO
Vedete di sfruttare al meglio la vostra giornata
WINIFRED RESTERAI SOVRANO
GEORGE Sarò a casa alle sei in punto
TUTTI TRANNE GEORGE RESTERAI IL SOVRANO
TUTTI DI CHERRY TREE LANE
(il suono del vento circonda la casa)

SCENA 2: L’ARRIVO DI MARY POPPINS -Salotto


(Mary Poppins appare tra loro. Indossa un cappello con le ciliegie sul bordo e porta l'ombrello con
un manico a forma di testa di pappagallo)
MARY POPPINS Buongiorno
GEORGE Si?
MARY POPPINS Sono qui per l’annuncio
GEORGE Quale annuncio? Non abbiamo messo nessun annuncio…ancora..
MARY POPPINS George e Winifred Banks vivono qui, giusto?
GEORGE Il signore e la signora Banks vivono qui, si
MARY POPPINS E state cercando una tata
GEORGE Beh come dire…
MARY POPPINS (interrompendolo) Bene allora vediamo:
(Tira fuori dalla borsa la lettera scritta dai bambini Banks, dove tutti i pezzi sono stati rimessi
insieme. E legge)
MARY POPPINS “giocherai con noi.” Io conosco tutti i giochi. “Regalini, canterai.”
(George lancia un’occhiataccia/sguardo inquieto/perplesso verso i bambini. Le parole sembrano
molto simili... ma non può essere! Fissa Mary Poppins. Jane e Michael ascoltano dalle scale)
JANE Michael! È il nostro annuncio!
MARY POPPINS “Guance rosa e molto bella”. (a George poi) Non ci sono obiezioni su questo,
spero…
GEORGE (Arrossendo) Oh…no, nessuna.
MARY POPPINS Bene mi fa piacere. (Mary lo fissa così fermamente che, per un momento, è
come se un raggio di luce lo attraversasse)
!10
GEORGE Ma rivolgetevi a Mrs Banks, è lei che si occupa di queste cose. Non ho nulla a che fare
con le faccende domestiche. E non dimenticate le referenze!
(George se n'è andato, lasciando Winifred e la nuova venuta a fissarsi l'una l'altra. Dopo un
momento, Mary parla)
MARY POPPINS Per principio, non do mai referenze!
WINIFRED Ma è buona usanza
MARY POPPINS (interrompendo) Usanza piuttosto antiquata a mio avviso. Le persone per bene
non le chiedono più.
WINIFRED Capisco. Bene, avete la sera libera ogni terzo giovedì del mese dalle cinque alle nove.
MARY POPPNS Le persone per bene danno la sera libera ogni secondo mercoledì del mese dalle
sei fino a tardi, per me andrà bene così.
WINIFRED Capisco…(fa una pausa, poi gioiosa) Beh deciso allora!
MARY POPPINS Se sarò soddisfatta. Sono pronta a vedere i bambini adesso, grazie!
WINIFRED Certamente! (si gira nervosa) Vedrete, sono due bambini deliziosi!
(Jane e Michael scendono le scale urlando e si ritrovano di fronte a Mary Poppins, bloccano quindi
improvvisamente le urla)
WINIFRED Bambini questa è… (Winifred è sorpresa di aver assunto qualcuno senza conoscerne
il nome)
MARY POPPINS (continuando) Mary Poppins
(Per un momento Mary guarda i bambini come se stesse leggendo dentro di loro. Loro la fissano)
MARY POPPINS Jane, non si fissano le persone. Michael chiudi la bocca, non sei uno stoccafisso.
(ma Michael non si convince così facilmente e continua a guardare Mary, che fa un cenno di saluto
e inizia a salire le scale.)
MARY POPPINS Forza andiamo, destro avanti. Oplà!

#4A – O P L A’ -
(Orchestra)
(Mary Poppins sale le scale seguita da Jane e Michael mentre Winifred risollevata li sta a
guardare. Mrs Brill la raggiunge)
WINIFRED (felice/eccitata) Mrs Brill, abbiamo una nuova tata!
MRS BRILL Ahh… ha passato il colloquio quindi?
WINIFRED No no… L’ho passato io!
(entrambe escono)

!11
SCENA 3: IN PRATICA PERFETTA – Stanza dei bambini
(La stanza dei bambini è ariosa, leggera e piena di ottimismo. I bambini entrano correndo e
scoprono che Mary è già lì.)
MARY POPPINS Molto ordinata, lo ammetto. Più ordinata di quanto pensassi. Di chi è il merito?
JANE Mrs Brill!
MICHAEL (interrompendo Jane) Mio, sono stato io! Mi piace tenere in ordine.
MARY POPPINS Davvero? Bene! Allora ci tornerà utile. Se c’è una cosa che apprezzo, è un
bambino sulla cui parola poter contare. (raccoglie un bambolotto) E lui chi è?
JANE Lui è Valentine, è mio! (possessiva)
MARY POPPINS Da come ti guarda non credo sia d’accordo con te!
JANE (stizzita) È solo un bambolotto e adesso non mi va di giocarci
(Jane lancia il bambolotto in una scatola)
MARY POPPINS Trattalo cosi e sarà lui a non voler giocare con te. Allora, cominciamo dal
principio: il posto migliore per appendere un cappello è…(pausa musicale durante la quale lo
prende dalla borsa)…un attaccapanni!

#4B – MUSICA MAGICA 1


(Orchestra)
(Jane e Michael osservano la borsa increduli ma non vi trovano nulla all’interno)
JANE Ma è vuota!
MICHAEL Questa è strana, non c’è da fidarsi.
JANE Mary Poppins? Come facevi a sapere che tata volevamo quando abbiamo fatto la nostra
lista?
MARY POPPINS La vostra lista? Mh...se permetti, io non sono un oggetto da comprare in
negozio.

#4C – MUSICA MAGICA 2


(Orchestra)
(Mary prende un’altra cosa dentro la sua borsa, una pianta, e la mette nella stanza dei bambini)
JANE E allora come sei arrivata? È come se il vento ti avesse portata fin qui.
MARY POPPINS Esattamente, Ora mettetevi là.

#5 – PRATICAMENTE PERFETTA (Mary Poppins,


Jane, Michael)
(Mary tira fuori un metro dalla borsa, lo tiene contro Michael e legge la misura)
MARY POPPINS Mh…Come immaginavo: “rumoroso, dispettoso e combina guai”
MICHAEL (arrabbiato) Te lo sei inventato!

!12
(senza dire una parola, fa leggere cosa c’è scritto a Michael)
MICHAEL (legge sconfortato) Rumoroso, dispettoso e combina guai… (stupito/sconvolto Michael
guarda Jane)
MARY POPPINS Ora a te! (misura Jane) Aah…“sbadata, impaziente e disordinata”
JANE Non ci credo, fammi vedere (interrotta subito)
MARY POPPINS MENTRE IL VENTO GIRA E VA
LA PALLA VOLA AD EST,
TI SPIEGO, SE VORRAI
DOVUNQUE, IN OGNI CIRCOSTANZA DICONO DI ME
CHE HO UN’INDOLE CHE NON SI SBAGLIA MAI
JANE E qual è la tua misura Mary Poppins?
MARY POPPINS IN PRATICA PERFETTA, IN VERITÀ
JANE IN PRATICA PERFETTA?
MARY POPPINS È LA REALTÀ.
E VIARTUALMENTE OGNI MIA VIRTÙ
NON HA CONFINI E BRILLA DI PIÙ
IN PRATICA PERFETTA, LO CAPIRAI
SE ANCHE AVESSI UN NEO,
NON SI MOSTREREBBE MAI
SONO IN PRATICA PERFETTA, È LA VERITÀ!
(Mary tira fuori uno specchio dalla sua borsa, lo appende al muro e si specchia compiaciuta
mentre indossa un grembiule)
MARY POPPINS: Incantevole! SERIA ORDINATA, NON MI ARRABBIERÒ
BEN EDUCATA E DA VOI IMPARERO’
UNICA ONESTA E PIENA DI CHARM
E HO SCARPE ADATTE AD OGNI EVENTUALITA’
NON AMO LE SCUSE E FINCHE’ RESTERO’
NULL’ALTRA SPIEGAZIONE VI DARO’.
IN PRATICA PERFETTA, IN VERITA’
IN PRATICA PERFETTA, È TUTTO QUA
TATE FATATE NON TROVERAI
COSI GENTILI E DOCILI MAI
IN PRATICA PERFETTA, LO VEDI TU

!13
UN MOTORE OLIATO CON UNA MARCIA IN PIU’
SONO IN PRATICA PERFETTA, È LA VERITA’
MARY POPPINS Bene, queste sono le mie credenziali, avete domande da farmi?
MICHAEL NON SEI SCONTROSA?
MARY POPPINS: No
MICHAEL NON BRONTOLI MAI?
MARY POPPINS: Per nulla
JANE RIMANI CALMA QUANDO ARRIVANO I GUAI?
MARY POPPINS Calmissima
MICHAEL LEGGI LE FIABE
CI ACCONTENTERAI?
MARY POPPINS Hm-hm (affermativo)
JANE E AI NOSTRI GIOCHI
TU CI GIOCHERAI?
MARY POPPINS Mi piacciono i giochi ma…li scelgo io
JANE, MICHAEL Uffa non è giusto!
MARY POPPINS POTREI MIGLIORARE IN QUALCOSA, PERO’…
VOI RICORDATE COME SONO O NO?
JANE, MICHAEL IN PRATICA PERFETTA, IN VERITA’
MARY POPPINS LO SONO SI
JANE, MICHAEL IN PRATICA PERFETTA, RIMANI QUA
MARY POPPINS RIMANGO QUI.
E VIRTUALMENTE OGNI MIA VIRTU’, RISPLENDERA’
(Mary torna nella sua borsa e tira fuori alcuni piccoli oggetti, incluso un telescopio.)
JANE, MICHAEL E SEMPRE DI PIU’
MARY POPPINS SEMPRE DI PIU’
(i bambini mettono una casa delle bambole sul tavolo, Michael raccoglie il telescopio)
MARY POPPINS Michael, metti giù quel telescopio!
MICHAEL Non è giusto (lamentandosi)
MARY POPPINS Non ho mai detto di essere giusta! Ho detto di essere:
IN PRATICA PERFETTA, E SAI CHE C’E’
QUANDO ME NE ANDRO’ VOI SARETE COME ME
TUTTI IN PRATICA PERFETTI

!14
JANE, MICHAEL IN PRATICA PERFETTI
MARY POPPINS, JANE, MICHAEL SAREMO IN PRATICA PERFETTI, IN VERITA’
(Escono tutti)

SCENA 4: COM’E’ BELLO PASSEGGIAR – Parco


#5 – INTENTO NEL SUO L AV O R O
(Bert)
(I cancelli del parco si aprono e mostrano il parco. Bert dipinge mentre si rivolge al pubblico)
BERT CAM-CAMIN, CAM-CAMININ, SPAZZACAMIN
LA VITA È UNO SPASSO E LA PASSO COSI’.
QUEST’OGGI DIPINGO, LO VEDI ANCHE TU
CHE SONO UN PITTORE DI GRANDE VIRTU’.
IO MI ISPIRO AI MIEI SOGNI, OGNI QUADRO DI PIU’.
(Un Custode del parco furioso avanza verso Bert)
CUSTODE DEL PARCO Dannazione. Ancora con questi scarabocchi!
BERT Andiamo Signor Custode. Sono solo i miei quadri. Non fanno male a nessuno
CUSTODE DEL PARCO Sono io a giudicare! È il mio parco e state occupando un suolo
pubblico! Esigo vengano rimossi e- (Il guardiano del Parco si interrompe quando vede arrivare
MARY POPPINS insieme ai bambini. Lei lo guarda con fermezza. Bert continua a disegnare senza
alzare gli occhi) Lei è- beh, attento a voi… attento a voi!
(Il Custode del parco si allontana borbottando. BERT parla, senza alzare lo sguardo)
BERT Ferma dove sei. Riconoscerei quella sagoma ovunque: Mary Poppins!
MARY POPPINS È bello rivederti, Bert.
(BERT distoglie gli occhi dal suo disegno e alza lo sguardo.)
BERT Beh, Ti trovo sempre incantevole
(MARY POPPINS sbuffa, ma accarezzandosi i capelli, è chiaro che lei è d'accordo)
MICHAEL Come fa a conoscerti? Non è possibile! Sei appena arrivata!
MARY POPPINS Non sono nata un minuto prima di entrare a casa vostra Micheal Banks. Bert,
conosci questi ragazzi?
BERT Li ho visti rincorrere un aquilone.
MICHAEL Beh, non è un vero e proprio aquilone.
BERT Allora, che fate di bello?
JANE Mary Poppins ci fa fare un nuovo gioco. Si chiama “Una Passeggiata nel Parco”.
MICHAEL Che noia. (calcia l’aria) Meglio mangiare spinaci.

!15
MARY POPPINS Che dici Bert? Credo che sia ora di fare una pausa, avevi promesso di portami
fuori quando ci saremmo rivisti, o l’hai dimenticato?
BERT Certo che no, Mary. Ma…
(Bert prende il suo cappello. C’è solo una moneta dentro)
MARY POPPINS Oh Dio, è tutto quello che hai? Non ti preoccupare ci penso io. E comunque il
cielo e gli alberi non costano nulla, giusto?
JANE Mary Poppins, ma lui davvero viene con noi?
MARY POPPINS E perché no?
JANE Beh, innanzitutto è sporco. Papà non vorrebbe.
BERT In che senso?
MICHAEL (rimprovera BERT) Tu non puoi venire. Sei troppo sporco. E comunque noi non ci
vogliamo andare in quel parco schifoso.
BERT (si avvicina a Michael) E invece sì. Perché a passeggio con Mary, ti ritrovi in posti che non
avresti mai sognato. E se dice che è un gioco, ha qualcosa in mente. Potete starne certi.
(BERT e i bambini stanno davanti ai di dipinti.)
JANE Quello è il parco, vero? (indicando il dipinto)
MICHAEL No, quello non è il parco, non il nostro parco. Guarda quell’albero è molto più verde e
il cielo è di un blu diverso…
BERT Sarà esattamente come il mio quadro, basta un po' di magia

#6 - “Com’è Bello passeggiar” Bert, Jane, Michael, Nereo, Mary Poppins, Figuranti

BERT Il parco vola via, e diventa un posto incantato!


(BERT entra nel parco con MARY POPPINS e i bambini. I figuranti con i passeggini entrano piano
piano)
SE LA FANTASIA TI PORTA VIA,
TUTTO CAMBIERA’…
OH COM’E’ BELLO PASSEGGIAR CON MARY.
MARY TI SA’ RALLEGRAR.
MARY POPPINS Davvero?
BERT ANCHE QUANDO È UN GIORNO DEI PIU’ NERI,
MARY IL SOLE FA SPUNTAR.
MARY POPPINS Non esagerare
BERT È TANTO BELLO PASSEGGIARLE ACCANTO,

!16
CHE NON PUOI FARE A MENO DI CANTAR.
MARY POPPINS Niente pazzie, Bert.
BERT SE MARY È ACCANTO A TE, TI SENTI UN RE.
IL CUOR TI BATTE IN PETTO E FA BANG BANG.
FIGURANTI Shhh!
MARY POPPINS O come il Big Bang
BERT OH, COM’E’ BELLO PASSEGGIAR CON MARY.
UN SUO SORRISO E IL SOLE FA SPUNTAR!
Forza, andiamo!!! (si rivolge a Mary Poppins)
(BERT e MARY POPPINS escono. JANE e MICHAEL restano indietro finché non sono soli vicino a
una statua di un ragazzo con un delfino su un piedistallo.)
JANE e MICHAEL NOIA, COME LE ALTRE TATE,
PENSA CHE CI PIACERA’.
QUA CI SONO SOLO STATUE,
IO NON SO’ CHE CI TROVERA’.
JANE LO FA SOLO PER DISPETTO
MICHAEL LA LICENZIO PRIMA O POI
JANE OH CARO CREDI A ME
MICHAEL LO SAI CHE CE’?
CI DICE CHE È DIVERSA
JANE e MICHAEL E NON LO E’.
NON C’E’ NIENTE DI SPECIALE
QUI (suono di qualcosa che si rompe)
PER (altro suono)
NOI (il suono cresce e diventa imponente)
JANE Cosa è stato?
NEREO Vi sbagliate, sapete.
(Jane e Michael alzano lo sguardo. La statua del ragazzo, Nereo, sta loro sorridendo. I bambini
sono terrorizzati).
MICHAEL Aaaah! Che cosa… Chi sei…?
NEREO Sono Nereo. Dovreste saperlo. Sedete spesso accanto a me. È quasi un secolo che aspetto
di farmi una passeggiata in un bel giorno di sole come questo!

!17
(MARY POPPINS appare con BERT, entrambi portano colorati abiti estivi. Non appena BERT
inizia a cantare il parco si trasforma: l’erba e gli alberi diventano di un verde intenso
inimmaginabile, il cielo di un blu carico, il sole del giallo più brillante. Una serie di bizzarri eventi
si realizza. MARY POPPINS, entra insieme ai figuranti, i bambini scoprono che le cose non sono
come sembrano. Tutti guardano le trasformazioni da spento e grigio a luminoso e pieno di colore.)
BERT GUARDA CHE SPLENDIDO DI’.
LA PRIMAVERA È GIA’ QUI.
NEREO LASSU’ VORREI VOLARE.
BERT MAGICO È L’ODOR
NEREO DEI PRATI IN FIOR
MARY POPPINS TUTTO AZZURRO È IL CIEL!
FIGURANTI TUTTO AZZURRO È IL CIEL
BERT, NEREO OH, COM’E’ BELLO PASSEGGIAR CON MARY
BERT OGNI GIORNO SPLENDERA’
MARY POPPINS CHIEDILO AI CAVALLI E AGLI STALLIERI.
MARY POPPINS, BERT, NEREO, FIGURANTI QUESTA E’ LA FELICITA’!
(La divisa del poliziotto si trasforma all’istante e diventa coloratissima.)
POLIZIOTTO Buongiorno, Mary!
MARY POPPINS Buongiorno a voi, agente!
BERT Ti trovo meravigliosa, se posso dirlo.
MARY POPPINS Grazie Bert! e…si, puoi dirlo.
BERT CHIUNQUE PASSERA’
SI STUPIRA’,
VEDRA’ UNA STATUA CAMMINARE QUA.
BERT, NEREO, UOMINI OH, COM’E’ BELLO PASSEGGIAR CON MARY
BERT UN SUO SORRISO IL SOLE FA’ SPUNTAR.
(MARY POPPINS interrompe l’elogio e lei e Bert ballano insieme)
MARY POPPINS COM’E’ BELLO PASSEGIAR CON TE, BERT.
RARO PER DAVVER SEI TU.
ANCHE SE IL TUO ASPETTO PUO’ INGANNAR, BERT,
SCORRE IN TE DEL SANGUE BLU.
UOMINI, DONNE DEL SANGUE BLU.
MARY POPPINS SEI L’UOMO PIU’ SIMPATICO DEL MONDO.

!18
LA BUONA GRAZIA È TUA SPECIALITA’.
SEI IL SOLO CHE MI DA’, SERENITA’
E UN DOLCE SENSO DI TRANQUILLITA’.
UOMINI, DONNE TRANQUILLITA’.
MARY POPPINS, DONNE OH COM’E BELLO PASSEGIAR CON TE, BERT
UOMINI OH COM’E’ BELLO PASSEGGIAR,
TUTTI COM’E’ BELLO PASSEGIAR CON TE!
(Durante una sezione strumentale del ballo, le statue prendono vita. BERT e MARY POPPINS
siedono al tea party e vengono raggiunti da NEREO e dai BAMBINI. Dopo un po’, BERT lascia il
tavolo per esaminare le STATUE, che presto iniziano a inseguirlo.)
BERT Mary?... Ehi Mary
MARY POPPINS Devi solo rimproverare te stesso, Bert.
BERT, UOMINI URRA’. FACCIO QUATTRO PASSI
SENTI QUESTA LIBERTA’.
NON C’E’ NIENTE CHE RILASSI
PIU’ CHE FAR UN GIRETTO QUA.
(La danza continua con le STATUE che saltano in giro nel parco. Quella della Regina Vittoria viene
avanti)

PERSONAGGI TRASFORMATI BERT, NEREO, STATUE


OH Com’è BELLO PASSEGGIAR CON URRA’ FACCIO QUATTRO PASSI
MARY
MARY TI FA RALLEGRAR, SENTI QUESTA LIBERTA’.
ANCHE QUANDO È UN GIORNO DEI PIU’ NON C’E’ NIENTE CHE RILASSI
NERI
MARY IL SOLE FA SPUNTAR! PIU’ CHE FAR UN GIRETTO QUA.
È TA N T O B E L L O PA S S E G G I A R L E 24:11(OGNI GIORNO SPLENDERA)
ACCANTO,
CHE NON PUOI FARE A MENO DI (QUESTA È LA FELICITA’)
CANTAR

TUTTI ECCETTO MARY SE MARY È ACCANTO A TE, TI SENTI UN RE,


IL CUOR TI BATTE IN PETTO E FA’ BANG BANG.
(La REGINA VICTORIA avanza verso il "cavaliere" BERT e dà un segno regale ai BAMBINI.)

!19
OH, COM’È BELLO PASSEGGIAR CON MARY
(UN SUO SORRISO IL SOLE) (UOMINI)
(UN SORRISO IL SOLE FA SPUNTAR) (DONNE)
UN SUO SORRISO IL SOLE FA SPUNTAR.

#6 –MA COM’E’ POSSIBILE?!


(Orchestra)

(Inizia un temporale. Le statue e I personaggi trasformati scompaiono insieme ai colori dalla


scena. I BAMBINI stupefatti restano in piedi davanti a NEREO che è di nuovo sul suo piedistallo)

MICHAEL Jane. È successo davvero?


JANE Si. Ma com’è possibile?
NEREO Con Mary Poppins tutto è possibile!
(I BAMBINI urlano -quindi non era un sogno!)
MICHAEL Come conosci Mary Poppins?
NEREO (si avvicina ai BAMBINI) È una vecchia amica di mio padre.
MICHAEL TUO PADRE?! Tu sei una statua. Non puoi avere un padre.
NEREO Beh se è così, perché mi manca così tanto?
JANE Ma non è una delle altre statue?
NEREO (scuote la testa tristemente) NO. Lui vive lontano da qui.
JANE: Ti manca tanto?
NEREO Non ti mancherebbe il tuo papà se non lo vedessi mai?
MICHAEL Veramente non lo so.
(I FIGURANTI corrono, seguiti da BERT e MARY POPPINS.)
CUSTODE DEL PARCO Ecco qua! Lo sapevo! Lo sapevo!
BERT Cosa?
CUSTODE DEL PARCO Il piedistallo è vuoto. La statua è scomparsa!
(Veloce come un lampo BERT prende il braccio del GUARDIANO e lo fa voltare.)
MARY POPPINS Avanti così perderete anche il senno.
(NEREO salta al suo posto)
CUSTODE DEL PARCO E’ tutta colpa vostra! Sapevo che avreste portato male dal primo
momento che vi ho vista! Ed ora siamo senza la statua. (vede NEREO sul suo piedistallo e inizia di
nuovo a piangere) COSA? (spiegazione con voce a falsetto 26-30) Diamine!
(Il GUARDIANO esce)

!20
JANE Giocherai ancora con noi?
NEREO Certamente. Io sono sempre qui
JANE Allora ci vediamo presto.
JANE, MICHAEL Arrivederci, Nereo
NEREO Arrivederci
(si sente un piccolo tuono)

#6B CON UN PO DI IMMAGINAZIONE


(Orchestra)

(Ci sono grandi tuoni e inizia a piovere. I BAMBINI sotto l’ombrello di MARY POPPINS fino al N.
17. Appena raggiungono la casa .la figura di una piccola vecchietta [l’ANZIANA VENDITRICE DI
MANGIME PER UCCELLI] li supera.)
JANE Nereo deve essere molto solo. Suo papà non potrebbe venire a vivere qui?
MARY POPPINS Tutto può accadere se ci credi.
JANE Quanto resterai con noi?
MARY POPPINS Vedremo.
MICHAEL Non ci lascerai, vero Mary Poppins?
MARY POPPINS Starò finché non cambia il vento. Ora tutti dentro, forza.
BERT Buonanotte, Jane. Buonanotte, Michael. Buonanotte, Mary.
MARY POPPINS Buonanotte, Bert.
(I BAMBINI e MARY POPPINS entrano in casa)

SCENA 5: SPERIAMO CHE LEI STIA QUI


Salotto
(WINIFRED è alla porta dello studio. GEORGE sta lavorando alla sua scrivania. I BAMBINI e
MARY si tolgono i cappotti.)
WINIFRED Jane e Michael vorrebbero darti la buonanotte.
GEORGE Bene, digli che ho avuto il messaggio.
WINIFRED George, per favore…
(GEORGE Sospira riluttante uscendo dallo studio.)
JANE Papà! Oggi ci siamo divertiti un mondo! Abbiamo cantato e ballato con una statua, e
abbiamo anche conosciuto la Regina Vittoria! Tu non avresti mai approvato ma-
GEORGE Ecco appunto perché lo avete fatto allora?
MICHAEL Papà, posso avere un aquilone? Uno vero?
GEORGE Sai farlo volare?
!21
MICHAEL Potresti insegnarmi tu.
GEORGE E come lo trovo il tempo?
(MICHAEL annuisce tristemente. E’ abituato a questo)
JANE Papà, Chi è il padre di Nereo?
GEORGE Per cortesia, mi lasciate lavorare! Buonanotte!
(Appena I BAMBINI escono, GEORGE torna nello studio e prende la sua penna sospirando)
WINIFRED Povero Michael. Gli importa solo di far volare gli aquiloni e della sua amata
astronomia naturalmente.
GEORGE Anch’io amavo astronomia alla sua età. La mia tata, Miss Andrew, me la tolse dalla
testa.
WINIFRED Immagino sia necessaria una tata George. Ma è fuori discussione farne a meno?
GEORGE Non essere sciocca! Noi abbiamo bisogno di una tata! Tutte le persone per bene hanno
una tata, così le mogli possono fare beneficienza e divertirsi. A proposito, come procede
l’organizzazione del tuo thè per la prossima settimana?
WINIFRED Non lo so. Mi sembra così strano mandare inviti a persone che nemmeno conosco.
GEORGE Ma che dovresti conoscere. Ricorda: Sarai giudicata dagli amici che hai.
WINIFRED Ma è questo il punto. Loro non sono miei amici … Fra l’altro, oggi ho sentito
Clemmie Bunting. Lei sta provando una nuova commedia e mi piacerebbe chiederle-
GEORGE Quante volte te lo devo dire? Desidero che tu tagli i legami con quella parte della tua
vita.
WINIFRED George, ero un’attrice. In molti lo trovano interessante… anche se tu ne parli sempre
come fosse una vergogna.
GEORGE Non è certamente una cosa di cui andare fieri! (GEORGE ha ferito i sentimenti di
WINIFRED anche se non era sua intenzione) Winifred Tesoro. Lo faccio per il tuo bene. Voglio che
le persone ti ammirino, ti rispettino.
WINIFRED Lo so, George. Ma a volte è difficile-
GEORGE Non è difficile. È il tuo dovere essere Mrs. Banks.
WINIFRED E qual è il tuo?
GEORGE Pagare tutto.
(GEORGE riporta la sua attenzione di nuovo alla scrivania. WINIFRED si appoggia a lui,
sorprendendolo.)
GEORGE Che c’è?
WINIFRED Volevo solo darti un bacio.

!22
GEORGE Ah… Ah! Va bene. (GEORGE alza la sua faccia per un bacio piuttosto insoddisfacente.
Tristemente, WINIFRED inizia ad andare verso la porta.) Parlerai a Mary Poppins riguardo a
questo pomeriggio?
WINIFRED Non credo.
GEORGE Bene, ma vedi di controllare che faccia le cose a modo nostro e non suo.

#7 SPERIAMO CHE LEI STIA QUI GEORGE WINIFRED JANE


MICHAEL

GEORGE SERVONO REGOLE. SERVE FERMEZZA!


SERVE UNA TATA CHE ABBIA POLSO E AUTORITA’!
CON I BIMBI POI, NIENTE DOLCEZZA, E MARY POPPINS DI ESPERIENZA NON NE HA!
(GEORGE torna alla sua scrivania. WINIFRED lascia lo studio e va in salotto, ripensando
all’osservazione di GEORGE.)
WINIFRED ESSER MRS. BANKS
È FACILE DIRAI,
MA SEMBRA CHE, PER QUANTO DIA,
IO NON CI RIESCA MAI.
ADORO CASA MIA.
E L’UOMO CHE SEI TU.
IL NOME MIO CHE FA DI ME
TUA MOGLIE E NULLA PIU’.
ESSER MRS. BANKS
MA CHE MI CHIEDERAI?
PROVE DI CARATTERE
CHE POI NON PASSO MAI
CHI PENSI SIA PER BENE
TI DIRO’ “NON FA PER ME”,
E NON RISPECCHIA LA MIA IDEA DELL’ESSER MRS. BANKS.
(JANE e MICHAEL appaiono e guardano fuori dalla finestra.)
JANE GIURO SOGNO ANCORA IL PARCO.
MICHAEL NON L’HO VISTO MAI COSI’.
JANE e MICHAEL SE MARY È ACCANTO A TE, TI SENTI UN RE.
IL CUOR TI BATTE IN PETTO E FA BANG BANG,
JANE GUARDA NEREO NON SORRIDE
!23
MICHAEL SPERO LEI STIA QUI
JANE Buonanotte, Nereo.
WINIFRED SPERO LEI STIA QUI.
JANE, MICHAEL SPERO LEI STIA QUI.
GEORGE FERMEZZA RIGORE
(MARY POPPINS manda i BAMBINI in camera a dormire.)

SCENA 6: BASTA UN POCO DI ZUCCHERO Strada


Cucina
#7A IL VENTO CAMBIA
BERT
(Un po’ di tempo è passato, circa una settimana più o meno. Sul marciapiedi fuori al N. 17, BERT
pulisce la grondaia e si rivolge al pubblico.)
BERT CAMBIA IL VENTO E LE MAREE,
CRESCERAI SE CREDI IN TE,
QUALCUNO UN DI’, ME LO INSEGNO’,
IMPARA UN MESTIERE
NE HO IMPARATI UN BEL PO’.
CAM CAMININ, CAM CAM-
(L’AMMIRAGLIO BOOM e MISS LARK entrano.)
AMMIRAGLIO BOOM Buon giorno, Bert. Lustriamo il ponte vedo.
BERT La strada deve brillare come la vostra nave, Ammiraglio!
ADMIRAL BOOM E dite, come vanno le cose a bordo del N. 17? Con Mary Poppins sarà vento in
poppa, immagino!
BERT Ogni viaggio ha le sue tempeste, Ammiraglio.
(BERT riprende a spazzare, allontanandosi dall’ ADMIRAL BOOM e MISS LARK.)
ADMIRAL BOOM (scuotendo la testa) Oh Miss Lark, quei bambini avrebbero bisogno di una
notte legati al pennone.
MISS LARK Quei bambini avrebbero bisogno di un tocco di felicità, Ammiraglio!
(Questa è un’idea nuova per l’ADMIRAL BOOM, che guarda MISS LARK camminare avanti,
stringendo WILLOUGHBY, che abbaia.) OOH TROTTOLINO!
(In cucina, una nervosa WINIFRED è con MRS. BRILL, intenta nell’organizzazione del tea party.
ROBERTSON AY guarda.)

!24
WINIFRED Mrs. Brill? Mrs. Brill, non preparate le tartine troppo presto, diventerebbero secche
per l’arrivo degli invitati.
MRS. BRILL (brontolando) E’ tutto sotto controllo, signora.
WINIFRED E la torta?
MRS. BRILL È sul vassoio a raffreddare, e poi metterò la glassa.
WINIFRED Siete proprio sicura di voler fare la glassa?
MRS. BRILL Si, proprio. E qualora vi stiate preoccupando, le fatine questa notte non mi hanno
trasformata in un’imbecille
WINIFRED Certo!
ROBERTSON AY E Certo…
MRS. BRILL BUAAH
WINIFRED Bene. Allora vado su a controllare il salotto.
(WINIFRED lascia MRS. BRILL scocciata. ROBERTSON AY si rialza.)
ROBERTSON AY Vorrei essere d’aiuto
MRS. BRILL Vorrei essere ricca. Ma il Buon Dio aveva altri piani.
(JANE e MICHAEL entrano dalla porta.)
JANE Mamma ha bisogno di voi in salotto
MRS. BRILL Non posso. Ho già abbastanza da fare qui.
JANE Dice di lasciare in lavoro in cucina a Robertson Ay
MRS. BRILL Ah dice così? Bene, se la mamma voleva dare fuoco alla casa, poteva dirlo subito!
ROBERTSON AY Mrs. Brill, vi prego. Lasciate fare a me. Ce la faccio!
MRS. BRILL (pausa, pensieriosa) MmmmhRr E va bene. Ti darò un compito, uno solo. E ti giuro
che se lo sbagli, mi metto a ballare lo Schiaccianoci sulla tua lapide!
ROBERTSON AY (sentendo l'importanza del compito) Dite pure Mrs. Brill.
MRS. BRILL Prendi gli utensili per la glassa, metti accanto alla torta, prepara dell’acqua calda per
scaldarli, farò la glassa appena torno.
ROBERTSON AY (simultaneamente ripete il compito a memoria) Utensili per la glassa… torta…
acqua calda per scaldarli…farò la glassa appena torno. (risatina compiaciuta per la velocità)
MRS. BRILL Pensi di riuscirci?
ROBERTSON AY È tutto qui?
MRS. BRILL Per te, si. Per me, no. Una volta fatta la torta, dovrò preparare le tartine perché la
Signora le vuole fresche. Quindi le devo fare all’ultimo minuto, e a quel punto sarò già in ritardo e
MIO DIO! In confronto a me, una schiava egiziana era in crociera sul Nilo.

!25
(MRS. BRILL si precipita fuori e sbatte la porta dietro di lei.)
JANE Beh, non startene lì impalato, Robertson Ay.
ROBERTSON AY E’ giusto… no… (ROBERTSON A Y si guarda intorno)
JANE Cosa cerchi?
ROBERTSON AY Una scodella. Per l’acqua. (ROBERTSON AY va alla credenza. JANE ha
un’idea)
JANE Michael, perché non facciamo noi la glassa?
MICHAEL Perché non sappiamo come si fa.
JANE Non fare il pappa molla e prendi le uova. Se ci riesce Mrs. Brill non deve essere poi così
difficile.
MICHAEL Ma nella glassa ci vanno le uova?
JANE Nella mia sì.
(JANE inizia a mescolare lo zucchero e l’acqua mentre MICHAEL trova le uova. ROBERTSON A Y
porta gli utensili per la glassa sul tavolo.)
ROBERTSON AY Non credo che a Mrs. Brill faccia piacere.
JANE E allora sarà colpevole di profonda ingratitudine.
(MICHAEL e ROBERTSON A Y guardano l’impasto di JANE.)
MICHAEL Dici che deve essere così?
ROBERTSON AY Quando la fa Mrs. Brill non è così.
JANE Non essere impertinente e prendi la torta!
(ROBERTSON AY va al lavandino per prendere l’acqua)
ROBERTSON AY Davvero Miss Jane, cercavo solo di essere d’aiuto. E se volete-AAAAAHR
(ROBERTSON A Y si brucia la mano con il rubinetto e viene respinto con la forza. Rimbalzando
attraverso la stanza, distrugge l'intera cucina e finisce a terra incosciente.)
WINIFRED (inizia a parlare mentre entra) Mrs. Brill è andata di sopra a prepara- uaaaahuu!
(WINIFRED appare sulla soglia e si interrompe, stordita. Rivolgendosi a JANE e MICHAEL) Cosa
avete combinato! OH MIO DIO! Robertson Ay! Robertson Ay! Chiamiamo un dottore!
MARY POPPINS (entrando come se già sapesse) Non credo sia necessario, signora.
WINIFRED (a JANE e MICHAEL) Perché vi comportate così? Sapevate quanto fosse importante
per me questo evento. Meritate una medicina cattivissima! Stasera vedrete!
(MARY POPPINS entra e prende una bottiglia di medicinale e un cucchiaio da un mobile)
MARY POPPINS No Signora. Perché aspettare questa sera? Intanto voi potreste andar su e
prepararvi. (ai BAMBINI) Qui sistemeremo noi, non è vero?

!26
(WINIFRED esce dalla cucina.)
MICHAEL Non siamo ammalati! Io non la prendo, e non mi puoi obbligare!
MARY POPPINS Questa volta, così come altre volte, ti stai sbagliando. Apri!
(MARY POPPINS infila un cucchiaio di liquid nella bocca di MICHAEL. Lui si lecca le labbra)
MICHAEL Ma sa di fragola!
(MARY POPPINS va verso JANE, che sospira ansiosa)
JANE Non credo mi piaccia la fragola.
MARY POPPINS Non credo mi interessi. Apri.
(JANE lo fa, storcendo la faccia. Anche lei è sorpresa.)
JANE Arancia!
MARY POPPINS Allora, gambe in spalla voi due. Michael, avevi detto che ti piaceva mettere in
ordine, giusto? Jane…
MICHAEL Te l’avevo detto che non c’era da fidarsi.
JANE Dobbiamo proprio? Non può farlo Robertson Ay quando si sveglia? Lui è della servitù.
MARY POPPINS Con questo atteggiamento, non andrai molto lontano nella vita. E comunque,
ricorda…

#7ABASTA UN POCO DI ZUCCHERO MARY POPINS JANE MICHAEL


WINIFRED ROBERTSON AY
MARY POPPINS In tutto ciò che devi far, il lato bello puoi trovar.
LO TROVERAI E HOP IL GIOCO VIEN.
ED OGNI COMPITO DIVIEN
PIU’ SEMPLICE E SEREN.
DOVRAI CAPIR
CHE IL TRUCCO È TUTTO QUI!
(MARY passa le scope ai BAMBINI che provano a spazzare non sapendo usarle.)
CON UN POCO DI ZUCCHERO LA PILLOLA VA GIU’,
LA PILLOLA VA GIU’, PILLOLA VA GIU’.
BASTA UN POCO DI ZUCCHERO E LA PILLOLA VA GIU’,
TUTTO BRILLERA’ DI PIU’
(Un uccello cinguetta. MARY POPPINS guarda fuori dalla finestra.)
La penso proprio come te.
ALLORCHE’ VOLA AVANTI E INDIETRO
UN’APE INTENTA AL SUO LAVOR

!27
NON SI STANCA MAI NÉ SMETTE DI RONZAR,
PERCHE’ OGNI TANTO PUO’ SOSTAR
UN PO’ DI MIELE DA ASSAGIAR,
E ALLOR
JANE, MICHAEL E ALLOR
MARY POPPINS TROVAR
JANE, MICHAEL TROVAR
MARY POPPINS, JANE, MICHAEL CH’E’ DOLCE LAVORAR.
CON UN POCO DI ZUCCHERO LA PILLOLA VA GIU’,
LA PILLOLA VA GIU’, PILLOLA VA GIU’.
BASTA UN POCO DI ZUCCHERO E LA PILLOLA VA GIU’,
TUTTO BRILLERA’ DI PIU’.
(MARY POPPINS osserva le condizioni della cucina.)
MARY POPPINS Lavello a posto per favore (con uno schiocco rimette a posto parte della cucina)
Opla’! (torna a posto un’altra parte della cucina) Fai così anche tu, Michael! (MARY POPPINS tira
fuori la medicina e ne prende un cucchiaio.)
Punch al Rum! Il mio preferito! (MARY POPPINS dà a ROBERTSON AY un cucchiaio pieno. Lui
si risveglia.)
ROBERTSON AY AH AH-AH-AH-AH AH, AH-AH-AH-AH AH, AH-AH-AH-AH-(vocalizzi)
(Winifred entra)
WINIFRED AAH! Mary Poppins, siete un miracolo della natura! Come li avete convinti a pulire?
(JANE e MICHAEL attendono speranzosi la risposta)
MARY POPPINS CON UN POCO DI ZUCCHERO LA PILLOLA VA GIU’
WINIFRED LA PILLOLA?
MARY POPPINS VA GIU’, PILLOLA
WINIFRED VA GIU’.
MARY POPPINS, JANE, MICHAEL BASTA UN POCO DI ZUCCHERO E LA PILLOLA VA
GIU’, TUTTO BRILLERA’ DI PIU’.
WINIFRED Perciò…
CON UN POCO DI ZUCCHERO LA PILLOLA VA GIU’,
ROBERTSON AY (con un gran vibrato, che lo sciocca) LA PILLOLA VA GIU’!
WINIFRED PILLOLA VA GIU’!
WINIFRED, JANE, MICHAEL BASTA UN POCO DI ZUCCHERO LA PILLOLA VA GIU’,

!28
MARY POPPINS TUTTO BRILLERA’ DI PIU’…
TUTTI TUTTO BRILLERA’ DI PIU’!
CON UN POCO DI ZUCCHERO LA PILLOLA VA GIU’,
LA PILLOLA VA GIU’, PILLOLA VA GIU’.
BASTA UN POCO DI ZUCCHERO E LA PILLOLA VA GIU’,
WINIFRED, JANE, MICHAEL TUTTO BRILLERA’ DI
MARY POPPINS TUTTO BRILLERA’ DI
TUTTI TUTTO BRILLERA’ DI PIU’!

#8 BASTA UN POCO DI ZUCCHERO WINIFRED MARY


POPPINS

MARY POPPINS (a WINIFRED) Noi usciamo, Signora. (ai BAMBINI) Andiamo bambini. Oplà!
(MARY POPPINS e i BAMBINI escono con ROBERTSON AY, passando vicino a MRS. BRILL, che
ha le mani piene di lettere)
MRS. BRILL (a WINIFRED) Perdonatemi, Signora. Queste sono arrivate stamattina, ma
ROBERTSON Ay, ha dimenticato di consegnarle. I vostri invitati chiedono scusa ma sono
impossibilitati a venire. Tutti.
WINIFRED (prende le lettere) Oh. Credete che abbiamo scelto il giorno sbagliato?
MRS BRILL No, Signora, credo che abbiate scelto le persone sbagliate.
(MRS. BRILL esce. L’umore cambia.)
WINIFRED TUTTO BRILLERA’ DI PIU’…
(Abbattuta, WINIFRED esce.)

SCENA7: La Banca-
Banca
#9A PRECISIONE ED ORDINE Impiegati, Presidente, Von Hussler,
Northbrook

(Mary Poppins, Jane e Michael escono e camminano verso la città)


JANE Dove andiamo Mary Poppins?
MARY POPPINS E’ ora di fare il nostro prossimo gioco.
MICHAEL Come si chiama?
MARY POPPINS “Visita alla Banca”.
MICHAEL Non è un gioco! Ma papà è d’accordo?!
JANE: Se è d’accordo devi avergli messo tu l’idea in testa!
MARY POPPINS Non essere impertinente… io che metto idee in testa alla gente! Ma ti pare!
!29
(MARY POPPINS e i BAMBINI escono. La banca rivelata: un insieme operoso di persone senza
cuore né anima) (rumori di timbri, telefoni che squillano, macchine da scrivere…)
IMPIEGATI FERMEZZA, RIGORE
PUNTUALITÀ
CONTI, INVESTIMENTI
SOLIDITÀ.
FIUTO, PRUDENZA
ECONOMIA
STERLINE, BOT E PENNY
LA NOSTRA POESIA.
(Il presidente della banca dà il suo briefing quotidiano al consiglio amministrativo di cui fa parte
GEORGE BANKS)
MISS SMYTHE Buongiorno presidente.
PRESIDENTE Buongiorno.
CHI INVESTE QUI,
HA SOGNI DI GLORIA,
PRETENDERÀ DI RENDERLI REALTÀ,
GIUSTI CONSIGLI CHIEDE A NOI
È QUESTA POI LA FORZA DELLA SOCIETÀ.
PRESIDENTE Banks avete un minuto!?...
(i membri del consiglio di amministrazione si occupano della loro attività quotidiana. GEORGE si
ferma per ascoltare cosa vuole dirgli il Presidente)
Ho sentito che il Signor Von Hussler tornerà qui oggi! Avete preso una decisione?
GEORGE Si Signore!
PRESIDENTE Molto bene. Fate in modo sia quella giusta!
IMPIEGATI NON CONTA SE IL SOGNO
SIA VERO SIA BLU
SE IL CONTO TUTTO TORNA
IL CONTO VA SU SU SU SU
(Nel suo ufficio, GEORGE mentre valuta alcuni documenti, è in conversazione con HERR VON
HUSSLER.)
VON HUSSLER Signor Banks perché tante obiezioni? Questi titoli sono sicuri, e l’America Latina
è un mercato in espansione, quale è il problema? Vi manca forse il coraggio!?!

!30
GEORGE Perdonatemi Signor Von Hussler, ma c’è una cosa che non capisco, quale è il vostro
obiettivo finale!?
VON HUSSLER Voi che pensate!!! I soldi naturalmente!!
GEORGE Naturalmente… i soldi!! Ma mi chiedo, fare i soldi dai soldi, è sufficiente?
VON HUSSLER E voi siete sufficiente per questa banca!???
IO SONO QUI PER FARMI UN IMPERO
PER FARE BOOM IN TUTTE LE CITTÀ
IL NUOVO MONDO ASPETTA CHE
DIVENTI UN RE
COGLIAMO L’OPPORTUNITÀ
IMPIEGATI CONTROLLO E RISCHIO BREVE FOLLIA
GIUDICA GLI ERRORI
SFIDA E VIA
VIA VIA VIA VIA
(GEORGE ora ha un incontro con un secondo cliente, JOHN NORTHBROOK, un uomo onesto
venuto dal Nord, che presenta le sue argomentazioni per un prestito bancario)
NORTHBROOK Allora avete preso una decisione Signor Banks?! Il futuro di tante brave persone
dipende da voi!
GEORGE Lo so.
NORTHBROOK Dateci un’opportunità, non ve ne pentirete. La fabbrica aprirebbe a giorni,
potrebbe espandersi entro la fine dell’anno. Signore Banks, vi prego, ci metterei tutto me stesso,
credetemi!
GEORGE Vi credo Signor Northbrook, e ho cercato un modo, ma non ci sono abbastanza garanzie.
NORTHBROOK E che mi dite dei miei operai! Uomini onesti che sognano una vita migliore.
Loro sono la mia garanzia!
C’È CHI SOGNÒ UN BEL LAVORO ONESTO
UN NIDO IN DUE
LA CASA ED UN BEBÈ
IL VOSTRO PRESTITO SARA’ LA LORO STANZA
LO RENDERÒ CREDETE A ME
GEORGE Sono desolato Signor Northbrook ma purtroppo….
(i bambini irrompono seguiti da Mary Poppins, George è spaventato)
JANE, MICHAEL Ciao papà!!

!31
GEORGE Che ci fate qui! Sono troppo occupato per darvi retta!
NORTHBROOK No, abbiamo finito. E nessuno dovrebbe essere troppo occupato per i propri figli.
(rivolto a Micheal) E tu giovanotto cosa ci fai qui, hai anche tu bisogno di soldi!???
GEORGE Figuriamoci! Perché mai avrebbero bisogno di soldi?!
NORTHBROOK Beh, non è mai troppo presto per capirne il valore.
(NORTHBROOK tira fuori due monete e le dà in mano ai bambini.)
MICHAEL Io lo so il valore di queste, sei penny!
NORTHBROOK No quello è il loro costo, il valore è come li spendi. Fate i bravi. Buona fortuna!
MARY POPPINS Come si dice?
JANE, MICHAEL Grazie!
NORTHBROOK Aspetto fuori!
(Sorridendo ai bambini, NORTHBROOK esce)
GEORGE Che succede Mary Poppins!? Insomma, non mi manca certo l’umorismo, ma…
MICHAEL Ah no!?!?
GEORGE No! Ma quando ero piccolo non avrei mai osato interrompere mio padre!
MICHAEL Anche tu sei stato piccolo?!! (con molta sorpresa)
GEORGE Certamente, ma la mia tata Miss Andrew, mi teneva ben lontano dal disturbare mio
padre, altrimenti erano guai…
JANE E la tua mamma?
GEORGE Non credo di averli mai visti più di una volta a settimana!
JANE E non gli dispiaceva?!
GEORGE Dispiaceva!! Non vedevano l’ora di liberarsi di me!
MICHAEL E chi ti dava il bacino della buonanotte? Miss Andrew?
GEORGE (Questa immagine orribile quasi sopraffacendolo) Certamente no! Non c’era tempo per
baci, abbracci, e inutili smancerie… (notizia di cui i bambini sono sbalorditi) Che vi prende!?!
MICHAEL Povero Papà!
GEORGE Povero! Che vuol dire povero?! È ciò che mi ha reso l’uomo che sono. Vero Mary
Poppins?
MARY POPPINS Temo di sì!

#9A UN UOMO HA I SOGNI


George

(GEORGE non è sicuro di averla capita correttamente)


GEORGE Ora basta. Avete visto dove lavoro, e sono molto impegnato.
!32
JANE Papà! Quando presti alla gente i soldi della banca, cosa è più importante, una brava persona
o una buona idea?
GEORGE Bè… forse dovrei dire una buona idea, ma una brava persona è certamente più preziosa
e alquanto rara.
MARY POPPINS Andiamo bambini.
(MARY POPPINS esce con JANE e MICHAEL)
GEORGE Signor Von Hussler, ho considerato la vostra proposta, e mi dispiace la mia risposta è
no.
VON HUSSLER Quindi non considerate buona la mia idea?
GEORGE Probabilmente no, ma so riconoscere una brava persona quando ne vedo una.
VON HUSSLER Ve ne pentirete Signor Banks.
(VON HUSSLER rimane a bocca aperta, GEORGE lo guarda andare via pensando ad alta voce)
GEORGE C’E’ UN UOMO CHE
SI AFFIDA AI SUOI SOGNI
NON MOLLA MAI E MERITA UNA CHANCE
MA AL PRIMO SGUARDO SCOPRI GIÀ CHE RIUSCIRÀ
(GEORGE si gira per trovare NORTHBROOK nel suo ufficio)
GEORGE Allora Signor Northbrook, a quando l’apertura della vostra fabbrica?
NORTHBOOK Grazie Signor Banks. Non ve ne pentirete!

SCENA 8 DATE DA MANGIARE AGLI UCCELLINI SCALE


DELLA CATTEDRALE
#10 DAR DA MANGIARE AGLI UCCELLINI VECCHINA MARY POPPINS,
FIGURANTI

(L’austera facciata a colonne della Cattedrale di St. Paul. Nella strada una Vecchina offre i semi ai
bambini e a Mary Poppins)
VECCHINA SOLO UN PÒ
VOGLION DA NOI
DATE, DATE, DATE ANCHE VOI.
MICHAEL Guarda c’è quella vecchiaccia orribile.
MARY POPPINS Non indicare. E per tua informazione non è affatto orribile.
JANE Ma è una stracciona.
MARY POPPINS Quando imparerai a guardare oltre le apparenze.
LA CATTEDRALE QUAL SIMBOL D’AMOR
!33
VI DÀ IL BENVENUTO AL MATTIN,
C’È UNA BUONA VECCHIETTA
CHE CHIEDE AL TUO CUOR
DUE PENNY PER GLI UCCELLIN.
VECCHINA QUESTE CREATURE CHI PUÒ NON AMAR
TREPIDI ATTENDON LASSU’
I PICCOLI AL NIDO POTRANNO SFAMAR
SE QUALCOSA OFFRI ANCHE TU.
SOLO UN PÒ
VOGLION DA NOI
DATE, DATE, DATE ANCHE VOI.
MARY POPPINS SOLO UN PO’ BASTA PER NOI
BASTAN DUE PENNY DATI DI CUOR.
FIGURANTI (da fuori vocalizzi) AH
(MICHAEL mette la mano nella sua tasca e va incontro alla Vecchina)
JANE Che fai?
MICHAEL Le voglio dare i miei sei penny.
JANE Che spreco!
MARY POPPINS Dipende dai punti di vista.
(Dando alla Vecchina una moneta)
Un sacchetto, grazie. (rivolta a MIICHAEL) Risparmia i tuoi sei penny.
TUTTO INTORNO ALLA CHIESA
ASCOLTI LE VOCI
DEGLI ANGELI CHE LASSÙ,
INNALZANO UN CORO
E SORRIDON FELICI
SE DAI QUALCHE COSA ANCHE TU.
LA VECCHIETTA È SEMPRE LAGGIÙ
DONA, DONA DUE PENNY ANCHE TU.
VECCHINA VIENI QUI CON TANTO AMOR
DONA, DONA
MARY POPPINS, VECCHINA DONA DI CUOR.
MICHAEL (Scuote il sacchetto con gli ultimi semi) Finito.

!34
(Michael butta il sacchetto a terra, ma Mary Poppins lo guarda severamente e lui, subito lo
raccoglie)
VECCHINA DONA, DONA, DONA DI CUOR.
(MARY POPPINS esce con i BAMBINI).

SCENA 9 SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO-
PARCO
#10A NEGOZIOO DELLE CONVERSAZIONI
ORCHESTRA,

(BERT entra con WILLOUGHBY, in braccio che gli abbaia.)


BERT Non mi dire. Eccola qui, glielo puoi dire tu stesso.
(MARY POPPINS e i BAMBINI entrano. WILLOUGHBY abbaia.)
JANE Ma non è Trottolino, il cane di Miss Lark?
MARY POPPINS Non interrompere quando qualcuno abbaia. (riferito a TROTTOLINO) Stavi
dicendo? (TROTTOLINO abbaia di nuovo. MARY POPPINS domanda in tono acido.) Davvero?
Beh, se continua a scapparti così allora sarebbe meglio la tenessi al guinzaglio (fuoriscena)
MISS LARK Trottolino!
MARY POPPINS Ah, eccola che arriva.
MISS LARK Oh, Trottolino! Tesoro, la mamma è qui! (MISS LARK si affretta verso
TROTTOLINO, che abbia con impazienza mentre lei lo raccoglie.) Sapete, a volte è come se
parlasse. (TROTTOLINO abbaia. Soffocando il cane con i baci, MISS LARK si precipita fuori.) Uh,
Trottolino!
JANE Bert, ma Trottolino sa parlare davvero?
BERT Certamente, il problema è farlo smettere.
MICHAEL (riferendosi a MARY POPPINS) Mary Poppins, come si impara il canese?
MARY POPPINS È molto semplice. Perfezioni la grammatica…
BERT Fai un po’ di pratica…
MARY POPPINS Ed evita i meticci
MARY POPPINS, BERT Troppo dialetto!
MARY POPPINS Dai, andiamo. Basta perder tempo a negoziare chiacchiere.
MICHAEL “Negoziare chiacchiere”? Che vuol dire? Esiste un negozio di chiacchiere?
MARY POPPINS Certamente.
MICHAEL E che cosa compri in un negozio di chiacchiere?
MARY POPPINS Conversazioni naturalmente.
!35
JANE Io non ho mai visto un negozio di chiacchiere.
MARY POPPINS Ce n’è solo uno, quello di Mrs. Corry.
MICHAEL Chi è Mrs. Corry?
BERT “Chi è Mrs. Corry?” Mrs. Corry ha vissuto più di chiunque al mondo. Parlò con Nerone
prima che giocasse con il fuoco, con il Conte Dracula prima che gli spuntassero i canini e con
Alessandro quando ancora non era così magno.
MARY POPPINS Dovremmo andare nel suo negozio nel parco.
JANE Ma non c’è nessun negozio nel parco.
MARY POPPINS Ricorda, tutto può accadere se ci credi.
(Il negozio di Mrs. Corry appare magicamente dietro di lor. MRS CORRY e le sue due figlie ANNIE
e FANNIE sono accerchiate dal chiasso dei CLIENTI che vogliono comprare conversazioni)
MRS CORRY SILENZIO!!! Sono finite le parole per oggi.
(MR CORRY si allontana dai CLIENTI e vede JANE E MICHAEL)
MARY POPPINS Buongiorno, Mrs. Corry
MRS. CORRY Bene, bene, bene… Ma guarda un po' chi c’è: Mary Poppins! Con Jane e Michael, i
figli di Georgie!
MICHAEL Ci conosce?
MRS. CORRY Ma certo che vi conosco! Dimmi un po’, come sta il povero piccolo Georgie?
MICHEAL Chi?
MRS. CORRY Ma come chi? Il piccolo Georgie. Lui fuggiva sempre dalla sua tata per venire qui
al negozio da me in segreto.
MICHAEL Com’è possibile, non può essere la stessa persona. Sarebbe quarant’anni fa e nessuno
può ricordare così a lungo.
MRS. CORRY Ascolta, io ricordo tutto! Mi ricordo che Georgino amava tanto i miei dolci, al
profumo di zenzero. Chissà se ne sono avanzati un po’? Fannie, Annie, forza, veloci!
ANNIE e FANNIE: Si, Mamma!
(MRS. CORRY porge a JANE e MICHAEL i biscotti allo zenzero a forma di stelle, prendendo i
sacchetti dalle figlie)
MRS. CORRY Ecco a voi i miei dolci! Biscotti allo zenzero a forma di stelle! (Ferma i BAMBINI
che stavano iniziando a mangiarli) PIANO! Georgino era solito conservare sempre i suoi dolci. Ma
dimmi un po' Mary Poppins, che cosa posso fare per te?
MARY POPPINS Vorrei un etto di conversazione. (MRS CORRY guardando che intorno al
negozio che è pieno di CLIENTI)

!36
MRS. CORRY Son finite le parole! Ho avuto un sacco di conversazioni oggi. Ma fammi vedere
cosa mi resta. (rovista in uno dei suoi cassetti e tira fuori un barattolo) Ooooh ho ancora qualche
lettera. (MICHAEL guarda intorno i piccoli gruppi dei CLIENTI che osservano la scena). Un etto
direi. Saranno quindici lettere. Chi è pronto?!

#10B S C E LTA DELLE LETTERE


ORCHESTRA

MARY POPPINS Jane, ne puoi scegliere sette.


JANE Io prendo la D, G, R, U, C, L e una I. (I CLIENTI sono impressionati)
MICHEAL Ma non serve a niente. Non puoi fare una conversazione con quelle.
MARY POPPINS Tocca a te, Micheal. Altre sette.
MICHEAL A, F, S, E, T, O e P. (I CLIENTI sono molto impressionati)
MARY POPPINS E io prendo… un’H! (I CLIENTI sono estremamente impressionati) Allora che
parole possiamo comporre?
JANE Beh, per esempio “dolce” e “salato”.
MRS. CORRY ”Drufaseto” sono nove lettere
BERT “Lapitoferus”, e sono undici. Ci siamo quasi!
JANE Ma quelle non valgono, le avete inventate voi
MRS. CORRY E come pensi che nascono le parole? Qualcuno le ha inventate.
MARY POPPINS In effetti, potremmo usare la stessa lettera più di una volta. Vediamo…Super…
Cali… Fragi…listi… Che… Spirali… Doso!

#11 SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO MARY POPPINS, BERT, JANE,


MICHAEL, MRS CORRY, CLIENTI

MICHAEL Ma non è una parola.


MARY POPPINS Ma certo che è una parola. E se non mi sbaglio, è anche piuttosto importante.
CERCANDO LA PAROLA GIUSTA RISCHI LA PAZZIA,
SE SFOGLI IL DIZIONARIO A CACCIA DI UNA LITANIA,
È MEGLIO MANTERE UN POCO DI SPONTANEITÀ,
ED OGNI TUO DISCORSO POI PIÙ CHIARO SEMBRERÀ.
SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO,
ANCHE SE TI SEMBRA CHE ABBIA UN SUONO SPAVENTOSO,
SE LO DICI FORTE AVRAI UN SUCCESSO STREPITOSO,
SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO.

!37
(I CLIENTI INSIEME A MRS CORRY formano un coro)
MRS. CORRY, CLIENTI AM DELELELELELAM DELELA
E AM DELELELELELAM DELELA
JANE Ma non vuol dire niente!
MRS. CORRY, CLIENTI AM DELELELELELAM DELELA
MARY POPPINS Puoi dargli il significato che vuoi.
MRS. CORRY, CLIENTI AM DELELELELELAM DELELA
MARY POPPINS PER L’UOMO PRIMITIVO
UN BEL GRUGNITO ERA POESIA
MRS. CORRY, CLIENTI UGH!
BERT MA CON QUESTA PAROLA AVREBBE SPARSO L’ALLEGRIA
MRS. CORRY UN FARAONE EGIZIO IN GEROGLIFICO GRIDÒ.
SE VOI ME LA INSEGNATE UNA PIRAMIDE VI DO’!
OH, SUPERCALIFRAGILISTICHESPIALIDOSO.
CON LA MARMELLATA POI DIVENTA APPICCICOSO
MARY POPPINS CON TROPPI GORGEGGI PUÒ SEMBRARE LIRICOSO
MRS. CORRY AH-AH-AH-AH-AH
MARY POPPINS AH-AH-AH-AH-AH
BERT AHAHAHAH!
MARY POPPINS, MRS. CORRY, BERT, JANE, MICHAEL
SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO.
MRS. CORRY, BERT, JANE, MICHAEL, CLIENTI
AM DELELELELELAM DE LELÀ
E AM DELELELELELAM DE LELÀ.
AM DELELELELELAM DE LELÀ
E AM DELELELELELAM DE LELÀ.
BERT L’AVREBBERO CANTANTO SULL’OLIMPO ANCHE GLI DEI
MRS. CORRY L’AVREBBE DECLAMATO ACHILLE CON TUTTI GLI ACHEI
MARY POPPINS L’IMPERO DEI ROMANI SUL PIÙ BELLO SCOMPARÌ, PERCHÉ
NESSUNO PRONUNCIÒ UN VOCABOLO COSÌ.
BERT, MRS. CORRY, MARY POPPINS, JANE, MICHAEL
SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO.
CLIENTI AHM AHM AHM AHM AHM.

!38
MARY POPPINS SE LO DICI PIANO AVRAI UN EFFETTO MISTERIOSO.
BERT LAVATI I CAPELLI SE NO SEMBRA PIDOCCHIOSO.
JANE, MICHAEL, CLIENTI SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO.
AM DELELELELELAM DE LELÀ
E AM DELELELELELAM DE LELÀ.
AM DELELELELELAM DE LELÀ
E AM DELELELELELAM DE LELÀ.
MARY POPPINS Si può dire anche al contrario. Che sarebbe…
Osodilaripsehcitsiligarfilacrepus.
MICHAEL Sarà pure strana, ma è brava porca vacca!
(Tutti rimangono sorpresi dalla sfacciataggine di MICHAEL!)
MARY POPPINS SE TU NON SAI CHE DIRE NON TI DEVI SCORAGGIAR, TI BASTA UNA
PAROLA E PER UN’ORA PUOI PARLAR.
BERT ATTENTO AD USARLA BENE PERCHÉ UNA VITA PUÒ CAMBIAR
INVERTIRAI UN ORDINE CHE È DURA PRONUNCIAR
(Come Mary pronuncia una lettera, così Bert la mima.)
MARY POPPINS S-U-P-E-R, C-A-L-I-F, R-A-G-I-L, I-S-T-I-C-H-E-S-P-I-R-A-L-
(dicendolo e mimandolo)
MICHAEL, JANE - I-D-O-S-O
BERT SIETE SVELTI, EH!
(TUTTI lo rifanno dicendolo e mimandolo)
TUTTI S-U -P-E-R, C-A-L-I-F, R-A-G-I -L, I -S-T-I-C-H-E-S-P-I -R-A-L-I -D, O-S-O.
S-U-P-E-R (S-U-P-E-R), C-A-L-I-F (C-A-L-I-F), R-A-G-I-L (R-A-G-I-L),
I-S-T-I-C-H-E-S-P-I-R-A-L-I-D, O-S-O.
(aumentando il ritmo)
S-U-P-E-R (S-U-P-E-R), C-A-L-I-F (C-A-L-I-F), R-A-G-I-L (R-A-G-I-L),
I-S-T-I-C-H-E-S-P-I-R-A-L-I-D, O-S-O.
BERT Dai, Forza!
TUTTI SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO,
ANCHE SE TI SEMBRA ABBIA UN SUONO SPAVENTOSO, SE LO DICI FORTE AVRAI UN
SUCCESSO STREPITOSO, SUPERCALIFRAGILISTI…
MICHAEL, JANE SUPERCALIFRAGILISTI -
TUTTI SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO.

!39
SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO!
(SIG.RA. CORRY, MARY POPPINS, JANE e MICHAEL escono mentre la bottega di Mrs Corry
svanisce magicamente.)

#11A SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO /IL VENTO STA CAMBIANDO


BERT, CLIENTI

BERT, CLIENTI SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO,


ANCHE SE TI SEMBRA CHE ABBIA UN SUONO SPAVENTOSO,
SE LO DICI FORTE AVRAI UN SUCCESSO STREPITOSO,
SUPERCALIFRAGILISTI…
BERT SUPERCALIFRAGILISTI
BERT, CUSTOMERS SUPER-CALIFRAGILISTI CH-ESPI-RALI-DO-SO.
SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO!
(Tutti escono)

SCENA 10: CATTIVE NOTIZIE – Strada, Salotto

(BERT è davanti alla casa. È passato del tempo a Cherry Tree Lane. I RESIDENTI sbrigano i loro
affari.)
BERT IL VENTO VA, MA CHI LO SA
CHE COSA STA PORTANDO.
FELICITÀ O SOLO GUAI,
IL TEMPO STA CAMBIANDO.
(MRS. BRILL e ROBERTSON AY entrano nella hall. Lei ha un piumino per spolverare e lui porta
una scaletta pieghevole. Lei si ferma vicino ad una mensola che sostiene un vaso prezioso.)
MRS. BRILL Bene, metti la scala qui e stai indietro. Né tu né nessun altro all’infuori di me si può
avvicinare a questo vaso. È un “cimelio sacro”.
ROBERTSON AY Cimelio! Ahhh
MRS BRILL Shhhh!
(ROBERTSON AY mette la scala sotto la mensola e con cautela si allontana mentre MRS. BRILL si
arrampica)
MRS. BRILL Mi raccomando, stai fermo immobile.
ROBERTSON AY Immobile.
MRS. BRILL Non muovere un muscolo.
!40
ROBERTSON AY (mugugnando) Un muscolo.
MRS. BRILL Non respirare, capito?!
(ROBERTSON AY prova a trattenere il fiato ma poi ansima quando non riesce più a farlo.)
ROBERTSON AY (spaventato) Aaaaa… Stavo per morire!
MRS. BRILL (minacciandolo con il piumino) Non darmi false speranze.
BERT UN GIORNO IN PIÙ, POI GUARDI SU
E IL CIELO GIÀ MUTÒ.
IL VENTO VA, SI LEVERÀ
MA L’ACQUILONE NO
(GEORGE BANKS compare ed entra in casa. Sembra estremamente preoccupato. Viene accolto da
una sorpresa WINIFRED. Lui posa a terra la sua ventiquattrore e lei lo aiuta a togliersi il
cappotto.)
WINIFRED George! Che succede? Sei ammalato?
GEORGE No. Dovrei esserlo?
WINIFRED Certo che no. Solo… come mai sei a casa così presto? Va tutto bene?
GEORGE No, va tutto male.
WINIFRED Caro mio, cos’è successo?
GEORGE Se proprio lo vuoi sapere, ho rifiutato un prestito ad un cliente tedesco che poi si è
rivolto alla nostra diretta concorrenza. Loro gli hanno dato i soldi e l’affare si è rivelato una miniera
d’oro.
WINIFRED Beh, non possono pretendere che tu non sbagli mai.
GEORGE Ah non possono? Ed è esattamente quello che pretendono.
(Prima che GEORGE possa dire altro, i BAMBINI corrono al piano di sotto, seguiti da MARY
POPPINS.)
JANE, MICHAEL OH! SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO!
ANCHE SE TI SEMBRA CHE ABBIA UN SUONO SPAVENTOSO,
SE LO DICI FORTE AVR_(a cappella)

GEORGE Basta con questo baccano! Via, in camera vostra!


MICHAEL Ma noi stavamo soltanto-
GEORGE Non mi importa cosa stavate “soltanto”! In camera! Subito! (pausa) Dov’è la mia
valigetta? L’avevo lasciata qui…
(MICHAEL l’ha nascosta dietro la schiena. GEORGE si gira verso di lui.)

!41
Michael?
(MICHAEL ha passato la valigetta a JANE. Lui solleva entrambe le mani.)
Jane?
(JANE ripassa la valigetta al fratello e alza entrambe le mani. Ma questa volta GEORGE ha visto
la manovra e grida.)
Dammela!
(Con un impeto di rabbia spinge MICHAEL per farlo girare e gli strappa via violentemente la
valigetta. TUTTI sono scioccati dalla violenza e dall’intensità della sua ira. Lui su gira verso
WINIFRED)
Questa condotta è inammissibile! Sei la loro madre! Perché non fai qualcosa?
WINIFRED (tentando di prendere il controllo della situazione) Tanto per cominciare proverei a
non gridare.
GEORGE Mary Poppins! Siete qui per educare i bambini e questo è il risultato? Due piccole belve
indomabili! Se fosse per me sareste stata licenziata già da molto!
WINIFRED George! Sei stanco. (GEORGE si ritira nello studio, abbattuto, e chiude la porta.)
Mary Poppins, non portate giù i bambini stasera. Il Signor Banks è piuttosto stanco. Magari potreste
tenerli impegnati.
MARY POPPINS Spero non abbiate dimenticato, Signora, questa è la mia sera libera.
JANE Cosa?
WINIFRED Oh mio Dio, l’avevo dimenticato invece. Presumo che le persone per bene non vi
chiederebbero di modificare i vostri piani.
MARY POPPINS No Signora, non lo farebbero.
WINIFRED Immaginavo.
JANE Non è giusto! Papà è arrabbiato e noi dobbiamo rimanere chiusi in camera! Papà è cattivo e
antipatico. Io lo odio!
WINIFRED Jane! Ritira subito quello che hai detto! Non permetterò che tu offenda tuo padre.
MICHAEL Perché no? Lui offende te! L’altra settimana ha detto che eri inutile e inconcludente.
WINIFRED Come ti permetti?
MICHAEL L’ho sentito e lo hai sentito anche tu!
(Questo è un colpo basso. WINIFRED risponde con una certa dignità.)
WINIFRED A volte le persone dicono cose che non pensano. Mary Poppins, accompagnate sui
bambini per favore.

!42
(JANE e MICHAEL seguono la tata al piano di sopra. WINIFRED va alla porta dello studio. Esita,
poi la apre ed entra.)
George?
GEORGE Che c’è adesso?
WINIFRED Ho pensato avessi voglia di parlare.
GEORGE A che scopo?
WINIFRED Forse potrei aiutarti.
GEORGE (Ride) Non essere ridicola.
WINIFRED Sul serio George. Se hai dei problemi vorrei condividerli.
GEORGE Non ti preoccupare. Succederà. (alza la testa, fissa WINIFRED) Sono stato sospeso
senza stipendio finchè non decideranno della mia sorte.
(WINIFRED sospira scioccata)

11# IMPREVISTI
BERT IMPREVISTI, GIOIE E GUAI,
UN PO’ RIDERAI, UN PO’ PIANGERAI.
MA SE TIENI IL MUSO E NON SCHERZI MAI,
COL VENTO CHE CAMBIA, TU NON CAMBIERAI.
CAM CAMINI CAM CAM LO SPAZZACAMIN.

SCENA 11: CHE GIOCO FAI – Stanza dei bambini

(JANE e MICHAEL entrano nella stanza dei bambini.)


JANE Non è giusto! Tu vai fuori e noi dobbiamo rimanere qui da soli!
MARY POPPINS Avete milioni di giocattoli con cui divertirvi.
JANE Non mi va! Sono brutti!
MARY POPPINS Potrebbero pensare lo stesso di te.
MICHAEL Perché papà si arrabbia?
JANE I papà dovrebbero accudire i figli, non sgridarli sempre.
MARY POPPINS Forse. Ma ti sei chiesta chi accudisce i papà quando hanno un problema?
MICHAEL Le mamme, credo.
MARY POPPINS E perché non i figli?
JANE Ma così sarebbe tutto al contrario.
(MARY POPPINS continua a prepararsi per la sua “serata fuori”.)
MARY POPPINS A volte le famiglie sono un po’ al contrario.

!43
JANE Non voglio essere in una famiglia al contrario. Vorrei scappare di casa.
MICHAEL Perché non lo fai? Magari qualcuno ti adotta.
JANE Ma ti mancherei molto.
MICHAEL No, avrei tutti i tuoi giochi.
JANE Non puoi!
MICHAEL Oh sì che posso, e lo faccio!
(MICHAEL afferra la bambola chiamata VALENTINE.)
JANE Dammela! Gli tiri i capelli! Non così che si rompe!
(JANE prende un braccio del giocattolo mentre MICHAEL tira l’altro, strappando il braccio di
VALENTINE nel farlo.)
Guarda cos’hai fatto!
MARY POPPINS (girandosi verso i BAMBINI) Vi sembra il modo di trattare Valentine? Che cosa
vi ha fatto?
MICHAEL Ma è una bambola! Non può fare niente.
MARY POPPINS Ora basta voi due. Forza, a letto.
JANE Ma non abbiamo bevuto il latte.
MARY POPPINS Niente ma e niente latte. Visto che vi lamentate, almeno vi lamenterete per
qualcosa.
JANE Vorrei che te ne andassi!
MARY POPPINS Stai attenta a ciò che desideri. Povera Valentine. Su, vai dentro e rimettiti in
ordine.

12# - CHE GIOCO FAI MARY POPPINS, VALENTINE, BAMBOLA, ORSACCHIOTTO,


MR PUNCH, GIOCATTOLI

(MARY POPPINS mette VALENTINE nella casa delle bambole)


MICHAEL Io non ci vado a letto, e non mi puoi obbligare.
MARY POPPINS Questa volta, così come in_
JANE, MICHAEL Altre volte
MARY POPPINS Ti stai sbagliando.
(MARY POPPINS schiocca le dita, e JANE e MICHAEL si addormentano immediatamente.)
CHE GIOCO FAI,
SE PERDERAI,
SBUFFI E VAI VIA,
IMPARERAI.
!44
SE ROMPI I GIOCHI
LA LORO VENDETTA VEDRAI,
CHE GIOCO FAI.
Ti senti meglio Valentine?
(VALENTINE emerge dalla casa delle bambole, ora a grandezza umana.)
VALENTINE Molto meglio, grazie.
MARY POPPINS LA RABBIA ORMAI
REGNA ANCHE QUA.
NESSUNO SA CHE POI PAGHERÀ.
VALENTINE Mi hanno staccato un braccio… di nuovo!
MARY POPPINS Ah cielo! Bambini così difficili, avranno una vita difficile.
VALENTINE PENSA CHE GIOCO FAI,
PENSA ANCHE A NOI,
BAMBOLE E CLOWN,
ORSI E COWBOY.
(Una BAMBOLA e un ORSACCHIOTTO emergono dalla casa delle bambole)
VALENTINE, BAMBOLA, ORSACCHIOTTO NON CI BUTTARE
PER TERRA STA ATTENTO
O VEDRAI,
CHE GIOCO FAI.
VALENTINE Ti prego Mary Poppins, diglielo tu.
MARY POPPINS Perché non glielo dici tu?
(MARY POPPINS schiocca di nuovo le dita e JANE e MICHAEL si siedono sul letto all’unisono,
svegli.)
JANE Che succede? Cos’è successo ai nostri giocattoli?
MICHAEL Falli tornare piccoli e rientrare nella scatola!
MARY POPPINS Li avete maltrattati e insultati. Ora tocca a loro.
GIOCHI ORAMAI
VENITE QUA
NARRATECI UN PO’
LA LORO VILTÀ
(Enormi GIOCATTOLI emergono dalle ombre e danzano.)
GIOCATTOLI VILTÀ

!45
MARY POPPINS TUTTI DA ME
SENZA PIETÀ
DITEGLI VOI
CHE C’È CHE NON VA.
(I GIOCATTOLI rimproverano i BAMBINI.)
GIOCATTOLI GIOCA! GIOCA! GIOCA, GIOCA, GIOCA!
VALENTINE QUEI BIMBI LÌ
GIOCATTOLI QUEI BIMBI LÌ
VALENTINE CI TRATTAN COSÌ
GIOCATTOLI CI TRATTAN COSÌ
VALENTINE NON VALE PIÙ
GIOCATTOLI NON VALE PIÙ
VALENTINE, GIOCATTOLI FUGGIAMO DA QUI
VALENTINE AVANTI QUA
GIOCATTOLI AVANTI QUA
VALENTINE, GIOCATTOLI NON FANNO CHE GUAI
NON PENSANO A NOI
NON CI GUARDAN MAI
MARY POPPINS Allora?
MICHAEL Tu pensi di sapere tutto!
MARY POPPINS Sono d’accordo con te. Jane?
JANE Sono i nostri giocattoli e ne facciamo quello che ci pare! E ora basta!
MARY POPPINS Appunto, basta.
(MARY POPPINS schiocca le dita una terza volta e JANE e MICHAEL si addormentano di colpo di
nuovo. MARY POPPINS conduce i GIOCATTOLI danzanti fuori nella notte, che la lasciano sola
con i bambini addormentati.)
CHE GIOCO FAI
BALLA ANCHE TU.
SE STRILLERAI
NON GIOCHI PIÙ.
GIOCATTOLI GIOCHI CON ME?
MARY POPPINS SI SE IMPARERANNO IL GIOCO MAI.
(MARY POPPINS sente il suono di un fischio, va al camino e grida alla canna fumaria.)

!46
Bert, sei tu?
(MARY POPPINS entra nel camino)

SCENA 12: CAM CAMINI’ – Tetto


13# - CAM CAMINI’ (BERT, MARY POPPINS)

(BERT è seduto sul tetto fischietta e tiene in mano una spazzola da spazzacamino.)
BERT DOVE LA NEBBIA SI ADDENSA DI PIÙ
LO SPAZZACAMINO È DI CASA QUASSU’
QUANDO GIORNO NON È E LA NOTTE VERRÀ
TRA SQUARCI DI LUCE E DI OSCURITÀ
SOPRA I TETTI DI LONDRA…
(MARY POPPINS appare)
Ehi! Guarda là!
(BERT aiuta MARY POPPINS ad uscire sul tetto. Lei poggia a terra la sua borsa e l’ombrello.)
MARY POPPINS Oh. Sei uno spazzacamino adesso?
(BERT dà un colpetto al ripiano del comignolo accanto a lui e fa cenno ai tetti di Londra sparsi
davanti ai loro occhi. MARY POPPINS si siede.)
BERT Il panorama più bello del mondo, non trovi? E chi lo vede? Gli uccelli, le stelle, e gli
spazzacamini. Non c’è nulla di meglio.
SE IL MONDO È UNA SCALA LO PENSI ANCHE TU
CHE LO SPAZZACAMINO È UN GRADINO PIU’ GIÙ
MA IN MEZZO ALLA CENERE E AL FUMO PERÒ
PER SEMPRE TRA VOI IL PIU’ FELICE SARÒ.
MARY POPPINS, BERT CAM CAMINI’, CAM CAMINI’, SPAZZACAMIN
ALLEGRO E FELICE PENSIERI NON HO.
CAM CAMINI’, CAM CAMINI’, SPAZZACAMIN
MARY POPPINS LA SORTE È CON VOI SE LA MANO TI DO’
BERT CHI UN BACIO MI DA’
MARY POPPINS Bert…
BERT FELICE SARÀ.
(MARY POPPINS si alza in piedi e prende il suo ombrello e la borsa.)
Quindi te ne vai?

!47
MARY POPPINS È cambiato il vento.
BERT Mary, sono dei bravi bambini.
MARY POPPINS Mi sarei presa cura di loro se non lo fossero? Ma non posso aiutarli se non me lo
permettono. E non c’è cosa più difficile di insegnare ad un bambino che pensa di sapere tutto.
BERT Quindi?
MARY POPPINS Quindi il prossimo passo lo dovranno fare da soli.
(MARY POPPINS esce.)
(JANE è in piedi fuori dalla finestra della stanza dei bambini con in mano il biglietto scritto da
Mary Poppins . Un momento più tardi, MICHAEL la raggiunge.)
MICHAEL Non può averci abbandonato!
JANE Oh sì che può. E ci ha portato via tutti i giocattoli.
MICHAEL Cosa dice il biglietto?
(Prima che JANE possa parlare MRS BRILL esce dietro di loro)
MRS BRILL Santi numi! Cosa ci fate qua fuori? Dov’è Mary Poppins?
JANE È andata via.
MRS BRILL Via? Ah, mancava la ciliegina sulla torta.

13A# - AU REVOIR (ORCHESTRA)

JANE Mrs Brill, che vuol dire “Au revoir”?


MRS BRILL Perché?
JANE Perché è quello che ha scritto nel biglietto: “Cari Jane e Michael: continuate a giocare. Au
revoir. Mary Poppins.”
MRS BRILL Beh, è francese, fin qui ci arrivo. Vuol dire “Che Iddio vi benedica”. O forse “Buona
fortuna”. Oh no, ora ricordo. Vuol dire “Arrivederci”. Venite dentro, prima che vi prenda un
accidente.
MARY POPPINS, BERT CAM CAMINI’, CAM CAMINI’, SPAZZACAMIN
MARY POPPINS TI SCALDA LA VITA UN AMICO COSÌ
BERT CAM CAM SPAZZACAMIN
TI SCALDA LA VITA UN AMICO COSÌ
LA GENTE PIU’ ALLEGRA LA TROVERAI QUI
SUI TETTI A CANTARE CAM CAM CAMINI
MARY POPPINS Arrivederci Bert. Tienili d’occhio per me.
(MARY POPPINS vola via nel cielo.)
BERT CAM CAMINI’ CAM CAM LO SPAZZACAMIN
!48
!49
SECONDO ATTO

SCENA 1: ZOLFO E MELASSA - Strada, Salotto


#14 - Cherry Tree Lalle (Reprise) Mrs. Brill, Robertson Ay, Jane, Michael, Winifred, George
(Sono passate diverse settimane - è inverno adesso. Il vento soffia forte. LE PERSONE passano con
cappotti pesanti, inseguendo i loro cappelli lungo Cherry Tree Lane. BERT e L’AMMIRAGLIO
BOOM si incrociano)
BERT Giorno ammiraglio.
AMMIRAGLIO BOOM Tempo magnifico! Tempo ideale per i fagioli!
(C’è una raffica di attività in casa. Guardata dai BAMBINI sulle scale, WINIFRED si affretta a
vedere i preparativi. La SIG.RA BRILL e ROBERTSON AY cercano di tenere il passo.)
WINIFRED Mrs Brill, la camera dei bambini è in ordine, vero?
MRS. BRILL Più di così c’è solo una caserma, signora.
WINIFRED Sapeste quanto è stato difficile ritrovarla!
MRS. BRILL Davvero? (risata ironica) Che fortuna. (risata ironica)
(si rivolge a ROBERTSON AY, che raddrizza i tappeti)
QUANTA CONFUSIONE
C’E’ UN VIA VAI DI TATE
MAI NESSUNA RESTA PIU’ DI UN GIORNO QUA.
QUESTO A DIRE IL VERO PROPRIO NON MI PIACE
ROBERTSON AY MA PER NOI RITORNA LA SERENITÀ
(Borbottando, MRS BRILL supera i BAMBINI).
MICHAEL Mrs. Brill, è lei, non è vero?
MRS. BRILL E chi altro potrebbe essere.
MICHAEL E perché non dirlo?
PENSI CHE SIA RITORNATA,
TUTTO A POSTO METTERÀ?
JANE Il biglietto diceva, ‘’Arrivederci. ’’
JANE, MICHAEL È LEI, SO CHE TORNA QUA
WINIFRED Santo Cielo, sarà qui a momenti. Dov’è George?
(bussa alla porta dello studio)
George, caro, lei ti sorprenderà, caro.
(La porta si apre e appare un GEORGE sfinito/stanco morto).
GEORGE Winifred sai bene che tendo ad odiare le sorprese.
!50
WINIFRED Non questa. Oh George, Sono certa che per una volta sarai orgoglioso di me!
(studia GEORGE, gli raddrizza la cravatta)
WINIFRED FERMEZZA E RIGORE, CONCORDO CON TE,
FARÀ LA DIFFERENZA, DI MEGLIO NON C’È.
IO L’HO RITROVATA,
LA CASA CON LEI
DIVENTERÀ L’ ORGOGLIO
DI CHERRY TREE LANE.
Forza! Andiamo all’ingresso! Voglio che tutto sia
UNA PER-FE-ZIO-NE
TUTTI (TRANNE GEORGE) PER-FE-ZIO-NE
(TUTTI iniziano a riunirsi in un nervoso cinguettio).
JANE, MICHAEL, WINIFRED È GRANDE L’ATTESA DI INCONTRARE LEI
MRS. BRILL, ROBERTSON AY L’ORDINE RITORNA
WINIFRED, JANE, MICHAEL L’ALLEGRIA RITORNA
GEORGE, WINIFRED, JANE, MICHAEL, MRS. BRILL, ROBERTSON A Y, MISS
ANDREW GUARDA CHI RITORNA A CHERRY TREE
(Entra MISS ANDREW, una donna dall’aspetto formidabile ma dall’età indefinita.)
GEORGE, WINIFRED, JANE, MICHAEL, MRS. BRILL, ROBERTSON A Y, MISS
ANDREW LANE!
MISS ANDREW Buongiorno!
GEORGE (urlando) Il demonio!
(GEORGE corre fuori di casa.)
WINIFRED Miss Andrew! Finalmente! È un piacere fare la vostra conoscenza! Spero abbiate fatto
buon viaggio.
(La terrificante MISS ANDREW lascia cadere la borsa e avanza nella stanza con una gabbia
coperta. ROBERTSON AY lotta per spostare la borsa sorprendentemente pesante su un tavolo.)
MISS ANDREW (tono disgustato) È stato alquanto sgradevole. Detesto viaggiare. Voi dovete
essere la moglie del povero George. Le vostre aiuole sono vergognosamente disordinate! Un
consiglio: piantate dei sempreverdi o, meglio ancora, non piantate niente, piuttosto una bella colata
di cemento
WINIFRED Ma Cara Miss Andrew, io amo molto i fiori.
MISS ANDREW Infatti siete frivola e sciocca. Dov’è andato George?

!51
WINIFRED (si guarda intorno cercandolo) Credo avesse un appuntamento urgente.
MISS ANDREW Per cui lui sarà in ritardo come al solito.
(MISS ANDREW rimuove una stella di Natale dal tavolo e la passa a WINIFRED e mette la sua
gabbia per uccelli al suo posto. WINIFRED passa la pianta a MRS. BRILL. MISS ANDREW guarda
con un sogghigno.)
Non un granché come casa.
WINFRED A noi piace.
MISS ANDREW Allora basterà poco per farvi contenta. Guarda che polvere! Là! E là! Ma che
lerciume!
WINIFRED È che siamo a corto di personale.
MISS ANDREW Qualcuno ha mai lavato le tende?
ROBERTSON AY Ooh!
MRS. BRILL Questo è troppo!
MISS ANDREW Suppongo voi siate i bambini.
(si china per esaminare i BAMBINI poi si rialza di nuovo)
Poveri voi! Immagino non sappiate chi sono?
MICHAEL Si, invece. Sei… (gridando) il demonio.
MISS ANDREW Bambino insolente!
(a JANE) Tu sarai Jane. Perché non indossi la calzamaglia?
JANE Non mi piace!
MISS ANDREW Ma che maniere! Vedo che non c’è un minuto da perdere!

#15 - Zolfo e melassa (Parte I) Miss Andrew

MISS ANDREW VIZIATI COME VOI, NON NE HO CONOSCIUTI MAI,


MA QUI IL RIMEDIO AL CRIMINE
NON HA PIU’ SCAMPO ORMAI.
ZOLFO E MELASSA, UN PO’ D’OLIO DI FEGATO,
DAGLIENE SEMPRE DI PIU’
CON QUESTI INTRUGLI
CHE I BIMBI RIPUGNANO,
GLI INSEGNERAI LA VIRTÙ,
CON TANTA DUREZZA E NESSUNA CAREZZA
I RIBELLI TU DEBELLERAI
NELLA PUNIZIONE C’È LA SOLUZIONE.
!52
ZOLFO E MELASSA E VEDRAI
Apri!
(MISS ANDREW ha preso dalla borsa una bottiglia dall'aspetto terrificante e un cucchiaio grande.
All'inizio i BAMBINI guardano la medicina con curiosità: forse è la stessa della medicina magica
di Mary Poppins. Ma MISS ANDREW spinge il cucchiaio nella bocca di JANE, che ingoia con
disgusto, e poi si rivolge a MICHAEL.)
MICHAEL E’ disgustosa come il sudore?
MISS ANDREW Peggio!

MICHAEL Devo proprio?


(MICHAEL ha fatto appello a WINIFRED abbassa lo sguardo)
MISS ANDREW Apri!
(MICHAEL obbedisce. Inconsciamente, WINIFRED apre anche la sua bocca. MICHAEL deglutisce
e scoppietta disgustato.)
ZOLFO E MELASSA,
SCIROPPO, RABARBARO,
NIENT’ALTRO MI SERVIRÀ.
CHE COSA FARAI CON UN POCO DI ZUCCHERO,
IL RAGAZZO NON CAMBIERÀ.
CON I MALEDUCATI HO SISTEMI ADEGUATI
A LEVARE OGNI SMORFIOSITÀ
TU DAGLI UN BEL SORSO
E GIÀ CAMBIA PERCORSO,
ZOLFO E MELASSA ET VOILÀ
Vostro figlio andrà in collegio! Di vostra figlia mi prenderò cura personalmente… (risata)
(Questo pensiero è troppo terribile per i BAMBINI anche da contemplare.)
IL TEMPO TRA PIANTI, CAPRICCI, DISORDINE,
SCHERZI, MENZOGNE, OGNI SPIRITO FRAGILE,
E QUESTI DUE SON CAMPIONI DELL’INCIVILTÀ
IN OGNI FAMIGLIA UNA BOTTIGLIA
ZOLFO E MELASSA CI VA
(lancia la borsa a WINIFRED)
Ora, mostratemi la mia stanza.
ZOLFO E MELASSA CI VA
!53
(WINIFRED e MISS ANDREW vanno su per le scale verso la camera dei bambini, lasciando i
BAMBINI e SERVITORI sconvolti)
MRS BRILL Non può restare! Devono licenziarla.
(confidenzialmente a ROBERTSON AY)
Sai Robertson, non credevo che l’avrei mai detto ma io sono dispiaciuta davvero. Io pensavo
fosse…Insomma, hai capito no? Quella là con l’ombrello.
(MRS. BRILL e ROBERTSON AY escono. I BAMBINI sono completamente immobili.)
JANE (urlando) Cosa possiamo fare?
MICHAEL (urlando) Una cosa sola: scappare!

#15- Scappare
Orchestra
(MICHAEL corre fuori di casa, seguito da JANE.)

SCENA 2: ANDIAMO A FAR VOLARE L’AQUILONE - Parco


(Al parco, BERT lavora su un dipinto di benvenuto. Mentre osserva il cielo, i BAMBINI corrono
dritti verso di lui. Forse è lo shock, forse perché è coperto di fuliggine, ma non lo riconoscono.
Gridano.)
BERT Un momento, un momento, un momento, il vostro vecchio amico non vi farà male.
JANE Oh Bert, sei tu.
MICHAEL Hai la faccia tutta nera.
BERT Ma si, una macchia qua e là. Pensate un po’? oggi sono uno spazzacamino! Allora che
succede? Chi vi sta inseguendo?
JANE La tata più cattiva del mondo.
BERT La tata più cattiva del mondo, eh? Beh, di certo avete esperienza. Ne avete viste tante. È
davvero così tremenda?
MICHAEL Sembra un mostro mangia bambini.
JANE Miss Andrew era la tata di papà.
MICHAEL E questo spiega molte cose.
JANE Povero papà. Da quando non lavora più è così giù di morale. Mary Poppins ci diceva sempre
che aveva bisogno del nostro aiuto, ma adesso è troppo tardi.

#16 - Andiamo a far volare un aquilone Bert, Park Keeper, Jane, Michael, Kite Flyers, Mary
Poppins
BERT Ah beh, non direi. Sentite un po’, perché intanto non iniziamo con una bella stretta di mano
porta fortuna?
(BERT tende la mano.)
!54
JANE Perché stringerti la mano porta fortuna?
BERT Non sapevi che stringere la mano a uno spazzacamino porta fortuna?
(JANE fa così, e anche MICHAEL)
MICHAEL E tu che fai per avere un po’ di fortuna?
BERT Mi stringo la mano da solo. Allora, vediamo un po’ che cosa c’è qui?
(BERT cerca nella sua ampia borsa ed estrae un grande e bellissimo aquilone rosso con stelle
filanti)
JANE (sorpreso) Michael, guarda! È uno vero!
(BERT tiene l'aquilone a MICHAEL, che è resistente)
Che c’è? Hai sempre voluto far volare un vero aquilone.
MICHAEL (triste) Ma volevo farlo con il mio papà.
BERT (si accovaccia davanti a MICHAEL, parlando gentilmente) Oh certamente! Ma prima devi
imparare come si fa. Allenati un po’ e lo renderai il papà più orgoglioso della terra.
MICHAEL Davvero? Non lo dici tanto per dire? (Oh, quanto vorrebbe crederci MICHAEL.)
BERT Ho detto della terra? Ma che dico, dell’universo intero.
DUE PENNY TI FANNO COMPRAR
CARTA E SPAGO E PUOI FABBRICAR
IL TUO PAIO DI ALI PER POI VOLAR
DELLO SPAZIO PADRON
COL TUO BELL AQUILON
(MICHAEL prende la corda e BERT lancia l'aquilone in aria.)
OH-OH-OH CHE GRAN GIOIA ANDAR,
LÀ SULLA TERRA E IL MAR
E CON L’AQUILON POTER VOLARE
LÀ DOVE TUTTO È BLU
SÙ PUOI SALIRE TU,
PIÙ SÙ CON L’AQUILON
(Il vento muore e l'aquilone cade)
JANE Riprova.
(BERT raccoglie l'aquilone mentre MICHAEL avvolge la corda.)
BERT Dai Riprova.
(Il CUSTODE DEL PARCO si affretta.)
CUSTODE DEL PARCO Molla questo, che cos’è? Non è ammessa immondizia qui.

!55
MICHAEL Non è immondizia. È un aquilone.
(IL CUSTODE DEL PARCO alza lo sguardo con un'espressione dolce e sciocca.)
CUSTODE DEL PARCO È un aquilone? È da quando ero bambino che non ne faccio volare uno
(afferra la corda) Ora lo mettiamo sotto vento, gli diamo corda e via che volerà!
MICHAEL (prende anche la corda) Lo voglio fare io.
CUSTODE DEL PARCO Ma posso aiutarti, vero? È da quando ero bambino che non ne faccio
volare uno.
MICHAEL (rinuncia alla corda) E va bene.
( IL CUSTODE DEL PARCO inizia a correre mentre l'aquilone prende il volo.)
BERT, CUSTODE DEL PARCO SE TI LASCI UN PO’ TRASPORTAR
TI PARRÀ CON LUI DI VOLAR
PUOI DANZAR NELLA BREZZA E SENTIRTI LASSÙ
DELLO SPAZIO PADRON
COL TUO BEL AQUILON
(Altri VOLATORI DI AQUILONE entrano con i loro aquiloni.)
BERT, PARK KEEPER, JANE, MICHAEL, KITE FLYERS OH-OH-OH
CHE GRAN GIOIA LÀ
LÀ SULLA TERRA E IL MAR
E CON L’AQUILONE
POTER VOLARE
LÀ DOVE TUTTO È BLU
SÙ PUOI SALIRE TU,
PIÙ SÙ CON L’AQUILON
(L'aquilone di Bert è volato e ora svanisce alla vista)
BERT Raccogli il filo
MICHAEL Non riesco! È incastrato.
JANE Ti aiuto io.
(Ma non va bene. L'aquilone sembrerebbe essersi bloccato velocemente.)
BERT Dai ce la fate. Tirate ancora una volta.
MARY POPPINS AH-AH-AH-AH-AH-AH
(Ora il vento e la musica raggiungono un crescendo selvaggio mentre, lentamente, dall'alto, la
figura familiare di. MARY POPPINS appare)
VOLATORI DI AQUILONE AH-AH-AH

!56
LÀ DOVE TUTTO È BLU
SÙ PUOI SALIRE TU,
PIÙ SÙ CON L’AQUILON
(In una mano MARY POPPINS tiene l'aquilone, nell'altra la borsa da viaggio e l'ombrello con il
pappagallo. Lei scende sul palco con lo stupore dei BAMBINI e del CUSTODE DEL PARCO. JANE
corre avanti.)
JANE Oh, Mary Poppins, lo sapevo, lo sapevo che saresti tornata!
(I BAMBINI abbracciano MARY POPPINS)
MARY POPPINS Non schiacciatemi! Non sono una sardina in scatola.

#16 – Uno spettacolo per gli occhi


Orchestra

MARY POPPINS Perché non indossate i cappotti?


JANE Eravamo di corsa.
MARY POPPINS E perché mai, se posso chiederlo?
MICHAEL Perché siamo scappati di casa.
MARY POPPINS Davvero?
(La risposta di JANE arriva in un torrente, un flusso inarrestabile di parole che quasi sopraffanno
la ragazza mentre tutto scorre.)
JANE Oh Mary Poppins, da quando te ne sei andata tu è stato tutto molto brutto. E ora c’è Miss
Andrew e papà è caduto in rovina e noi siamo stati stupidi a non ascoltarti perché hai avuto ragione
tu -
MARY POPPINS Oh cielo, ma che vita tragica. Ora andiamo a casa, su. Basta bighellonare!
MICHAEL Non possiamo. C’è lei a casa. È arrivata questa mattina come sorpresa per papà.
MARY POPPINS Davvero? (molto ferma) Beh, allora sarò io una sorpresa per lei. (calorosamente)
Che piacevole accoglienza, Bert.
BERT Piacere mio Mary… Bentornata. Rivederti è un sollievo.
JANE Già, bentornata Mary Poppins.
BERT (strizza l'occhio a MARY POPPINS) Te l’avevo detto che erano dei bravi ragazzi.
MARY POPPINS E io ti avevo detto che valeva la pena occuparsene.
(Il CUSTODE DEL PARCO si è ripreso dal suo shock iniziale e per un attimo coraggioso cerca di
bloccare la strada di MARY POPPINS.)
CUSTODE DEL PARCO (urlando) Allora, questo è contro il regolamento! Ma vi sembra il modo
di arrivare così dal cielo? E poi da dove? Da dove? Io vorrei proprio saperlo.
!57
(MARY POPPINS si ferma e guarda freddamente il CUSTODE DEL PARCO)
MARY POPPINS Se fossi il custode di un parco, mi sistemerei il cappello e abbottonerei il
cappotto.
(IL CUSTODE DEL PARCO è senza parole)
Andiamo, bambini.
MICHAEL Tu non stringi la mano a Bert come portafortuna?
MARY POPPINS No.
MICHAEL Perché no? Noi l’abbiamo fatto.
MARY POPPINS Grazie, ma non ho bisogno di fortuna io.
(MARY POPPINS esce con i bambini. Il CUSTODE DEL PARCO raggiunge l'aquilone, ma poi si
ritira mentre BERT si sposta per raccoglierlo. Con un occhiolino, BERT fa capire a IL CUSTODE
DEL PARCO che può tenerlo)

SCENA 3: BUONO A NULLA - Parco


(Cala la sera, e la scena si sposta in un'altra parte del parco con alberi e una panchina. I giovani
VOLATORI DI AQUILONI in mezzo agli alberi dirigendosi verso casa, e BERT entra con una
candela da lampionaio. GEORGE vaga solitario e si lascia cadere pesantemente su una panchina)

#17 – Buono a nulla George, Winifred


GEORGE UN SOGNO SVANISCE MA NON SCORDERAI
LE COSE PIÙ IMPORTANTI PERDUTE ORAMAI.
PADRONE, SOVRANE, SI È VISTO CHI SEI,
IL GRANDE BUONO A NULLA DI CHERRY TREE LANE.
(GEORGE si allontana disperato. BERT lo osserva mentre accende un lampione)

SCENA 4: WINIFRED DESPAIRS - Parco


(WINIFRED e IL POLIZIOTTO entrano nel parco. Lei è quasi fuori di senno)
POLIZIOTTO Ritroveranno la strada di casa in un attimo signora. Diciamolo, ne hanno fatta di
pratica.
WINIFRED (preoccupata) Ma questa volta non avevano fatto niente. Forse li ho resi infelici, forse
sono io che rendo tutti infelici.
POLIZIOTTO Ritorneranno. Non preoccupatevi.
(Il POLIZIOTTO va a cercare Jane e Michael.)
WINIFRED GEORGE, CARO,
TU SOFFRI E IO SO PERCHÈ, CARO.
MA NON FUGGIRE VIA DA ME, CARO,
!58
NON VEDI CHE SONO QUI
E SONO ACCANTO A TE
PARLAVI DI QUELLA MISS ANDREW
LODANDONE MILLE VIRTÙ
MA ADESSO CHE SO CHI È MISS ANDREW,
C’È QUALCOSA CHE NON TORNA PIÙ,
SEI STATO CRESCIUTO DA UN MOSTRO,
C’È UN PESO INDICIBILE IN TE
PERCHÉ NON HAI PENSATO
DI DIVIDERLO CON ME.
ESSERE MRS. BANKS,
DIMENTICARE ME,
LA MAGIA, L’ESTATE IN CUI M’INNAMORAI DI TE.
ESSER MRS. BANKS,
QUANDO TI BACIAI,
CREDEVO IN TE, NELLA REALTÀ DI TUTTI I SOGNI TUOI.
LO SO CHE SEI NEI GUAI
MA LOTTERÒ PER TE
PER L’UOMO CHE DEVE MOSTRARE
LA PARTE PIÙ VERA DEL CUORE
E SO CHE SAPRAI COME FARE,
ESSER MR. BANKS
(WINIFRED esce.)

SCENE 5: ZOLFO E MELASSA REVISITED - Salotto


(At No. 17, la sala da pranzo è vuota. L’orologio fa tic-tac. MARY POPPINS entra con I BAMBINI.
Restano in piedi/fermi ad ascoltare.)

#18 – ZOLFO E MELASSA (Part 2) Mary Poppins/ Miss Andrew


MICHAEL Forse ha ucciso tutti. Forse sono tutti morti.
(Si sente una voce stridula gridare in toni duri dal piano superiore. MISS ANDREW sta impartendo
istruzioni ROBERTSON A Y.)
MISS ANDREW (voce fuori campo) Non così, stupido!
JANE Beh, non proprio.
(Un rumore appena accennato, a metà tra un sospiro ed un fischio viene dalla gabbia coperta)
!59
Cosa è stato?
(MARY POPPINS cammina a grandi passi verso la gabbia coperta)
MARY POPPINS È un uccellino. Credo di conoscerlo!
(MARY POPPINS rimuove la coperta e scopre l’uccello che è dentro la gabbia. Con una punta di
riconoscenza, Caruso apre il becco e emana un piccolo e triste cinguettio. MARY POPPINS
risponde cantando.)
NON MI SORPRENDE A DIR LA VERITÀ (Caruso cinguetta.)
RINCHIUSO IN GABBIA E MAI IN LIBERTÀ! (Caruso cinguetta.)
DUE ANNI? (Caruso cinguetta.)
VERGOGNA! (Caruso cinguetta.)
OH MA ACCETTA IL MIO CANTO LO SO.
NON TI PREOCCUPARE,
RITORNA A VOLARE (Caruso cinguetta.)
ORA TI LIBERERÒ (Caruso cinguetta.)
MICHAEL Che uccellino è?
MARY POPPINS Un’allodola. È la prima è l’ultima volta che vedrai un’allodola in gabbia!
(MARY POPPINS apre la porta della gabbia e delicatamente accompagna caruso vicino alla
finestra, dalla quale lui vola via. Poi cinguetta di nuovo per ringraziare.)
Piacere mio. (Un altro cinguettio.)
Ma ti pare.
MISS ANDREW (dal piano superiore si sente una voce tonante) Scendo per rifocillare Caruso, la
mia allodola.
(compare e rivolgendosi di nuovo a ROBERTSON AY) Tu, pulisci le grate! Di nuovo!
(MARY POPPINS rimette la coperta sopra la gabbia vuota non appena MISS ANDREW inizia a
scendere le scale e spia i BAMBINI. MARY POPPINS è fuori dalla sua vista.)
Ooh, e così siete tornati strisciando. Bene. Ora credo sappiate cosa v’aspetta!
(ispezionando la stanza)
ZOLFO E MELASSA, FARANNO MIRACOLI
NESSUNO FUGGE PIÙ VIA.
RIGANO DRITTI I BAMBINI PIÙ DISCOLI
CON QUESTA MIA TERAPIA.
(Mentre canta MISS ANDREW cerca lo zolfo e melassa, ma non riesce a trovarlo. MARY POPPINS
esce dall’ombra con in mano la bottiglia in questione.)

!60
MARY POPPINS Cercavate questa?
MISS ANDREW (esplode) E voi chi siete?
MARY POPPINS Mary Poppins.
MISS ANDREW Mary Poppins? Ma siete partita senza preavviso!
MARY POPPINS E sono tornata senza preavviso.
MISS ANDREW Capisco. E cosa vi aspettate che faccia?
MARY POPPINS Le valige.
MISS ANDREW Le valige! Giovane impertinente! Come osate rivolgervi a me in questo modo?
(in crescendo)
(MISS ANDREW arraffa la bottiglia e mette in guardia MARY POPPINS.)
SCIOCCA RAGAZZINA DAI FRIVOLI METODI.
IO CRESCO I BAMBINI CON SEVERITÀ.
LA MIA EDUCAZIONE
HA VANTAGGI NOTEVOLI.
MARY POPPINS SÌ, MA CHI ESAGERA POI FALLIRÀ
MISS ANDREW E GEORGE BANKS HO EDUCATO.
MARY POPPINS LO VEDO, LO SO.
SARETE ORGOGLIOSA DI CHI DIVENTÒ.
MISS ANDREW UN FULGIDO ESEMPIO, UN PILASTRO.
MARY POPPINS GIAMMAI, DI TUTTA LA CASA È IL PIÙ PIENO DI GUAI.
(JANE e MICHAEL ridono per come MARY POPPINS mette in ridicolo MISS ANDREW. MISS
ANDREW si avvicina alla gabbia per trovare che Caruso era scomparso)
MISS ANDREW Caruso! Il mio uccellino! Caruso!
(Caruso cinguetta fuori dalla finestra. MISS ANDREW guarda fuori dalla finestra, sussulta e si
gira verso I BAMBINI brandendo la bottiglia.)
L’AVETE FATTO FUGGIRE DA ME.
ORA VEDRETE LA RABBIA COS’È.
ZOLFO E MELASSA PER VOI.
ZOLFO E MELASSA PER VOI...
MARY POPPINS BASTA UN POCO DI ZUCCHERO ...
MISS ANDREW ZOLFO E MELASSA PER VOI...
MARY POPPINS BASTA UN POCO DI ZUCCHERO...
MISS ANDREW ZOLFO E MELASSA PER VOI...

!61
MARY POPPINS BASTA UN POCO DI ZUCCHERO...
HA, AH-AH-AH-AH-AH,
AH-AH-AH-AH-AH,
AH-AH-AH-AH-AH.
MARY POPPINS, MISS ANDREW HA! AH-AH-AH-AH-AH,
AH-AH-AH-AH-AH,
AH-AH-AH-AH-AH AH AH.
AH -AH-AH -AH -AH -AH -AH.
(A distanza, MARY POPPINS prende il controllo” magicamente” della bottiglia.)
MARY POPPINS AH-AH AH-AH AH AH AH.
MISS ANDREW AH-AH AH-AH AH AH AH.
MARY POPPINS, MISS ANDREW AH -AH -AH-AH -AH -AH -AH.
MARY POPPINS AH-AH AH-AH AH AH AH ...
(Inerme, MISS ANDREW porta la bottiglia alla bocca e tracanna il contenuto.)
MISS ANDREW AH-AH AH-AH AH GLUG GLUG
GLUG GLUG GLUG.
MARY POPPINS NESSUNO LO NEGA
VOI SIETE UNA STREGA
CHE PRATICA LA CRUDELTÀ
E ADESSO VOI VE LA VEDRETE CON ME.
ZOLFO E MELASSA…
MISS ANDREW ZOLFO E MELASSA ...
MARY POPPINS ZOLFO E MELASSA ...
MISS ANDREW ZOLFO E MELASSA…
MARY POPPINS, MISS ANDREW NON
MARY POPPINS VA...!
(Appare una gabbia gigante. MISS ANDREW viene risucchiata dentro la gabbia mentre grida e
afferra le sbarre mentre la gabbia scompare.)
MISS ANDREW AH-AH AH-AH AH-AH AH-AH-AH!
(MARY POPPINS batte le mani e poi scivola sul corrimano verso il secondo piano mentre ...)

SCENE 6: GEORGE RITORNA - salotto


(...WINIFRED, avendo sentito la voce di Mary Poppins, entra.)
WINIFRED Mary Poppins! Da dove siete spuntata?
!62
MICHAEL Da su nel ciel-
MARY POPPINS Michael!
WINIFRED Jane? Michael? Siete tornati! Oh, grazie al cielo! Siete stati molto dispettosi a
scappare così, dovrei essere molto arrabbiata…ma non ce la faccio perché sono troppo felice di
vedervi!
(abbraccia forte i BAMBINI)
Dov’è Miss Andrew?
MARY POPPINS Se n’è andata.
WINIFRED Andata? E perchè?
MARY POPPINS Non ha dato spiegazioni, signora.
WINIFRED Che strano! Allora Mary Poppins, siete tornata per restare?
MARY POPPINS Finchè sarà necessario, signora.
(Bussano alla porta)
(Questa non era affatto la risposta che WINIFRED si aspettava.)
WINIFRED Vedete, l’ultima volta ve ne siete andata senza preavviso. Chi mi assicura che non
succederà di nuovo?
MARY POPPINS Nessuno.
WINIFRED Oh.
(MRS. BRILL compare con il POLIZIOTTO al seguito.)
MRS. BRILL Eh..eh..Pardon, signora ...
WINIFRED Mi scuso agente per avervi disturbato, ma è tutto a posto, sono rientrati…e…
POLIZIOTTO Non tutti, signora.
WINIFRED Prego?
POLIZIOTTO Lo abbiamo trovato che…vagava nel parco.
(fa un passo spostandosi lateralmente e facendo comparire GEORGE)
Buonasera signora.
(Il POLIZIOTTO saluta con un cenno del cappello/ si alza il cappello. GEORGE entra in salotto.)
WINIFRED George!
GEORGE Shhhhh...Lei dov’è?
WINIFRED Miss Andrew? È andata via.
GEORGE Via? E perchè?
(Con uno sguardo a MARY POPPINS, JANE spiega.)
JANE Forse ha pensato che fossimo maleducati.

!63
GEORGE Maleducati? Con Miss Andrew? Beh, è imperdonabile, ma farò finta di nulla. Anzi-
(fruga nelle sue tasche senza alcun risultato)
Vi avrei dato sei penny se li avessi avuti.
WINIFRED George, hai visto, Mary Poppins è tornata.
GEORGE Ah, sì! Mary Poppins. Bene, bene... Mi chiedevo
(MARY POPPINS velocemente e con grazia scende le scale e passando dal salotto entra nello
studio.)
... se fosse possibile parlarvi
( segue MARY POPPINS dentro lo studio, chiude la porta e si schiarisce la gola)
È inutile menare il can per l’aia. Le cose qui non sono andate bene da quando siete andata via (Tutto
d’un fiato)
MARY POPPINS Per quanto riguarda il mio salario, signore, se non vi dispiace, non vorrei nulla
al momento. Preferirei lasciarlo maturare.
GEORGE Ma Mary Poppins, se solo sapeste quanto avete già maturato fino ad oggi!
(Prima che GEORGE abbia il tempo di aggiungere altro, MARY POPPINS annuisce e se ne va.
WINIFRED sta aspettando fuori la porta.)
WINIFRED Bene, allora è tutto sistemato?
MARY POPPINS Certamente. E ora si comincia. Jane, Michael, destro, avanti, oplà!

#18 - Praticamente perfetta (Reprise) Jane, Michael, Mary Poppins

(MARY POPPINS va di sopra con JANE and MICHAEL. Si ferma un istante ad annusare l’aria.)
C’è un problema allo scarico, o è Mrs. Brill che cucina?
(MARY POPPINS continua a salire. Al piano inferiore WINIFRED si prende cura di GEORGE.
Cerca di consolarlo accarezzandogli i capelli. Lui inizia a parlare, ma non ci riesce.)
WINIFRED Suvvia Tesoro, hai fatto una scelta sbagliata. È così grave? Dopo tanti anni di attività
impeccabile, cosa potrà mai accadere?
GEORGE (resta a pensare per un momento) Winifred... se vengo licenziato, cadremo in povertà, la
servitù andrà via, la casa verrà pignorata e noi finiremo in strada con i bambini al freddo e al gelo.
(Questo è come un colpo per WINIFRED, ma dopo un secondo si riprende.)
WINIFRED Avremo comunque ciò che conta veramente.
(GEORGE guarda WINIFRED confuso. Lei sorride.) I bambini. Noi.
(Diversamente da ogni aspettativa di GEORGE, WINIFRED è riuscita a confortarlo. Escono
insieme).

!64
SCENA 7: RESTERÒ FICHÈ NON SI ROMPE LA CATENA - cameretta
(è note in cameretta. MARY POPPINS ha già disfatto le valige.)
JANE, MICHAEL SEI IN PRATICA PERFETTA IN VERITÀ.
MARY POPPINS È LA REALTÀ.
JANE, MICHAEL IN PRATICA PERFETTA, RIMANI QUA.
MARY POPPINS BEH, SI VEDRA’.
MARY POPPINS, JANE, MICHAEL TATE PIÙ ADATTE NON TROVERAI.
MARY POPPINS COSÌ GENTILI E DOCILI MAI.
JANE, MICHAEL IN PRATICA PERFETTA ...
MARY POPPINS MA DA VIRTÙ,
HO SEMPRE L’IDEALE,
HO UN GIOCO IN PIÙ ...
JANE È nuovo quel medaglione?
MARY POPPINS E se anche fosse?
JANE Cosa c’è dentro?
MARY POPPINS Un ritratto.
MICHAEL Di chi?
MARY POPPINS Lo scoprirai quando sarà il momento.
MICHAEL Questa volta resterai, vero Mary Poppins?
MARY POPPINS (rimane sovrappensiero per un secondo mentre tocca con un dito il medaglione)
Starò finchè non si spezza la catena.
MICHAEL Che catena?
(MICHAEL guarda JANE, ma lei alza le spalle. Le luci pulsano.)
MARY POPPINS Fa attenzione Michael, la stanza è piuttosto eccitata dal mio ritorno. E non si sa
mai cosa potrebbe accadere vicino ad un camino
(Improvvisamente MICHAEL è catturato da una forza invisibile, trascinato verso il camino e
risucchiato su per la canna fumaria.)
JANE Michael! Michael! Torna qua sotto! (JANE è risucchiata nella canna fumaria.)
Ah!!!
JANE, MICHAEL (offstage, variously) Ah! Aiuto Mary Poppins! Ah! Dove stiamo andando?
Aiuto! Ah! Che succede? Aiuto?

!65
SCENA 8: TUTTI INSIEM - Tetto, Cameretta, salotto #19-Step in Time
Bert, Michael, Jane, Sweeps, Mary Poppins
(BERT è seduto sul tetto. JANE and MICHAEL con un aspetto disorientate compaiono in cima al
comignolo e vedono BERT.)
MICHAEL Ciao!
(BERT aiuta I BAMBINI ad uscire dal comignolo ed a muoversi sul tetto)
JANE Bert! Cosa ci fai qui?
BERT E dove altro dovrebbe stare uno spazzacamino?
SE SALI SU, NON TORNI PIÙ,
C’È UN MONDO (tutto) DA ESPLORARE.
SUI TETTI PUOI
FAR CIÒ CHE VUOI,
TI SEMBRA DI VOLARE.
L’OSCURITÀ RISPLENDE LÀ,
SI ACCENDE UN SOGNO IN TE.
TU TREMERAI, TI SCALDERAI
E SCOPRIRAI PERCHÈ.
(MARY POPPINS compare sul tetto. Prende la cipria dalla tasca e si controlla allo specchio)
MARY POPPINS Come sto?
(toglie la fuliggine con una spugnetta da cipria)
Così va meglio.
MICHAEL Il mondo è proprio grande, vero?
MARY POPPINS E questo cosa ti dice?
MICHAEL Che siamo piccoli e insignificanti.
MARY POPPINS Parla per te.
JANE Non tanto noi, ma i nostri problemi. Visti in alto sembrano così piccoli rispetto a quando
siamo giù ...
BERT Ecco, così va già meglio. I problemi non sono così grandi quando li guardi dall’alto. E
ricorda…c’è sempre qualcuno pronto ad aiutarti se hai bisogno.
JANE E chi?
BERT CAM CAMININ, CAM CAMININ SPAZZACAMIN,
C’È UN ANGELO CHE TI PROTEGGE DA QUI.
PUOI DARGLI LA MANO E FORTUNA TI DÀ. GIÀ!
È COPERTO DI FUMO, STA SUI TETTI IN CITTÀ.
!66
JANE, MICHAEL CAM CAMINI, CAM CAM, LO SPAZZ…
BERT Oh sì! Si sa!
(Un Gruppo variegato di SPAZZACAMINI compare.)
SPAZZACAMINO 1 SPAZZA IL FUMO VIA DA QUI.
SPAZZACAMINO 2 LA MALINCONIA...
SPAZZACAMINO 3 SE TU NON LA SCACCERAI
SPAZZACAMINO 4 NON ANDRÀ PIÙ VIA.
SPAZZACAMINI CHE SIA SERENO OPPURE NO,
TUTTO SPLENDERÀ,
OGNI NOTTE CHE SEI QUI
È LA FELICITÀ
SIAMO SPORCHI IN VERITÀ
(controcanto SIAMO SPORCHI IN VERITÀ)
SEMPRE LO SAREM,
(controcanto SEMPRE LO SAREM)
MA SE HAI BISOGNO SIAMO QUA,
(controcanto MA SE HAI BISOGNO SIAMO QUA)
NOI SIAMO UNITI
(controcanto SIAMO UNITI)
NOI RESTIAMO TU—TTI INSIEM
BERT NOI RESTIAMO
SPAZZACAMINI TUTTI INSIEM.
BERT NOI RESTIAMO
SPAZZACAMINI TUTTI INSIEM.
BERT SENZA UNA RAGIONE
VIENE COME VIEN
SI VA D’ACCORDO
BERT, SPAZZACAMINI SI VA INSIEM.
SU PER I TETTI, TUTTI INSIEM.
SU PER I TETTI, TUTTI INSIEM.
SENZA UNA RAGIONE
VIENE COME VIEN
SU PER I TETTI, TUTTI INSIEM.

!67
OCCHIO AI PASSI, TUTTI INSIEM.
OCCHIO AI PASSI, TUTTI INSIEM.
SENZA UNA RAGIONE
VIENE COME VIEN
OCCHIO AI PASSI, TUTTI INSIEM.
CALCI ALL’ARIA, TUTTI INSIEM.
CALCI ALL’ARIA, TUTTI INSIEM.
SENZA UNA RAGIONE
VIENE COME VIEN
CALCI ALL’ARIA, TUTTI INSIEM.
MARY POPPINS COI BAMBINI TUTTI INSIEME
E IN FAMIGLIA ANCOR.
MARY POPPINS, BERT SALVALA E NON PERDERE LA CHANCE
SPAZZACAMINI EH!
BERT È DAVVERO UN CRIMINE
PROPRIO UN BEL PROBLEMA
SPAZZACAMINI EH!
MARY POPPINS, BERT QUANDO SI È DA SOLI E NON C’È UNITÀ. UHHHH
(gli spazzacamini fischiano e gridano in modo “spontaneo”/non coordinato)
SPAZZACAMINI NOI ANDIAMO TUTTI INSIEM,
NOI ANDIAMO TUTTI INSIEM
SENZA UNA RAGIONE
VIENE COME VIEN
NOI CAMMINIAMO TUTTI INSIEM
(Seguenza di ballo.)
BERT Se!
TUTTI GIRA GIRA GIRA GIRA
SOTTO BRACCIO TUTTI INSIEM.
SOTTO BRACCIO TUTTI INSIEM.
SENZA UNA RAGIONE
VIENE COME VIEN
SOTTO BRACCIO TUTTI INSIEM.
SOTTO BRACCIO TUTTI INSIEM.

!68
TUTTI INSIEM, TUTTI INSIEM.
(Gli SPAZZACAMINI, BERT, e MARY POPPINS iniziano una sessione di ballo. Bert coordina la
scena con "il tuo turno," "Il tuo," etc. confusione, Ognuno incita l’altro: Dai, Su, Carica, Forza
Eheheh )
MARY POPPINS CHI TI SALVA SE SEI GIÙ? QUANDO SEI NEL CAOS,
SPAZZACAMINI VIEN GIÙ DAL CAMINO,
MARY POPPINS MA LUI NON È SANTA CLAUS!
SPAZZACAMINI SE HAI BISOGNO, OPPURE NO
(SE HAI BISOGNO, OPPURE NO),
CHE PROBLEMA C’È
(controcanto CHE PROBLEMA C’È),
SE HAI LO SPAZZACAMIN
(controcanto SE HAI LO SPAZZACAMIN),
AL TUO FIANCO,
(controcanto AL TUO FIANCO)
NOI SAREMO QUI ...
BERT PER TE!
Oh, oh, oh, oh
(BERT inizia una scalata sopra I tetti.)
Oh, oh, oh, oh
Eh, eh, eh
BERT, SWEEPS SOTTO BRACCIO TUTTI INSIEM.
SOTTO BRACCIO TUTTI INSIEM.
SENZA UNA RAGIONE
VIENE COME VIEN
SOTTO BRACCIO TUTTI INSIEM.
CALCI ALL’ARIA, TUTTI INSIEM.
CALCI ALL’ARIA, TUTTI INSIEM.
SENZA UNA RAGIONE
VIENE COME VIEN
CALCI ALL’ARIA, TUTTI INSIEM.
OOOOH
TUTTI INSIEM…

!69
(controcanto TUTTI INSIEM…)
Sì, Sì, Sì
TUTTI INSIEM…
(controcanto TUTTI INSIEM…)
Sì, Sì, Sì
SENZA UNA RAGIONE
VIENE COME VIEN
SENZA UNA RAGIONE
VIENE COME VIEN
CON I CALCI ALL’ARIA, CALCI ALL’ARIA
CALCI ALL’ARIA, CALCI ALL’ARIA
SI, SI, SI, SI, SI, SI, SI, SI, SI, SI, SI, SI, SI, SI, SI, SI, SI
SENZA UNA RAGIONE SI VA TUTTI INSIEM!

#19A – Giù dal camino Bert,


Sweeps
(Dance break as the house appears.)
BERT Giù per il camino!! (grida)
SPAZZACAMINI GIÙ PER IL CAMINO TUTTI INSIEM
GIÙ PER IL CAMINO TUTTI INSIEM
SENZA UNA RAGIONE,
VIENE COME VIEN
GIÙ PER IL CAMINO TUTTI INSIEM!
BERT In cameretta! (grida)
BERT, SPAZZACAMINI IN CAMERETTA, TUTTI INSIEM
IN CAMERETTA, TUTTI INSIEM
SENZA UNA RAGIONE,
VIENE COME VIEN
IN CAMERETTA, TUTTI INSIEM!
(Gli SPAZZACAMINI passano dalla cameretta e scendono nel salotto, trascinandosi dietro MRS.
BRILL e ROBERTSON AY. Poi WINIFRED viene coinvolta nella danza. Il campanello suona varie
volte. Infine GEORGE riesce a liberarsi ed apre la posta ad un POSTINO.)
GEORGE Prego, di cosa si tratta?
POSTINO Raccomandata per l’egregio Dottor Banks.
GEORGE Raccomandata?
!70
(Il POSTINO consegna la lettera.)
BERT, SPAZZACAMINI RACCOMANDATA, TUTTI INSIEM.
RACCOMANDATA, TUTTI INSIEM.
SENZA UNA RAGIONE,
VIENE COME VIEN
RACCOMANDATA, TUTTI INSIEM.
BERT È ora di andare. ‘Notte capo!
BERT, SPAZZACAMINI NOTTE CAPO, TUTTI INSIEM.
NOTTE CAPO, TUTTI INSIEM.
SENZA UNA RAGIONE,
VIENE COME VIEN
NOTTE CAPO, TUTTI INSIEM.
(Senza aggiungere un’altra parola, gli SPAZZACAMINI danzando e passando davanti a GEORGE
che è esterrefatto, escono dalla porta principale che è aperta e trascinano via il POSTINO con
loro. Salutano GEORGE in vari modi mentre passano.)
SPAZZACAMINI Che moglie, complimenti! Notte capo, Notte capo, Notte capo! Buona serata!
Salve capo! A presto capo! Salve signore!
MICHAEL (travestito da SPAZZACAMINO) Arrivederci signore!
(voce camuffata, come se fosse un adulto)
(Ma quest’ultimo SPAZZACAMINO ha un aspetto familiare.)
GEORGE Michael, fila in camera! Jane, anche tu! Mary Poppins, sareste così gentile da darmi una
spiegazione?
MARY POPPINS Innanzitutto, vorrei chiarire una cosa.
GEORGE Cosa?
MARY POPPINS Io non dò mai spiegazioni.
(MARY POPPINS va di sopra con JANE e MICHAEL.)

SCENA 9 – UN UOMO HA DEI SOGNI


(Tutti gli spazzacamini sono andati via; solo il BERT indugia, inosservato. GEORGE ha aperto la
lettera. WINIFRED arriva. Lui alza gli occhi verso di lei.)
GEORGE Ci siamo. Il presidente vuole incontrarmi stasera all’orario di chiusura.
WINIFRED Stasera?! Beh, verrò con te e stai certo che glie ne dirò quattro al tuo caro presidente.
(scontrosa)

!71
GEORGE Questo peggiorerebbe solo la situazione. Dobbiamo accettarlo, tra un paio d’ore sarò
disoccupato.
WINIFRED Oh George, ma ne sei proprio sicuro?
GEORGE Proprio sicuro, quindi è meglio pensare già a delle soluzioni. E per l’appunto, credo sia
arrivato il momento…
(GEORGE guarda il prezioso vaso di sua madre non appena MRS. BRILL entra nel salotto per
mettere ordine.)
WINIFRED Intendi il vaso di tua madre? (incredula alle sue parole) Oh George ti mancherà
tantissimo!
GEORGE È necessario mia cara. Abbiamo sempre detto che l’avremmo conservato per i tempi bui.
E domani sarà una giornata nera
(GEORGE si arrampica su una sedia e, cautamente, prende il vaso)
WINIFRED: Fai attenzione George (preoccupata)
(GEORGE inizia a scendere di nuovo quando MRS. BRILL sbatte distrattamente contro la sedia in
mezzo alla sua pulizia. Il vaso scivola dalle mani di George e si frantuma sul pavimento. MRS
BRILL è sconvolta.)
MRS BRILL: (Piagnucolando) sacro cimelio…
(Tirando fuori un enorme fazzoletto MRS BRILL inizia a piagnucolare in modo incontrollabile.
Questo non aiuta l'attonito GEORGE)
WINIFRED Mrs. Brill vi prego andiamo in cucina. È meglio che vi mettiate seduta. (Mrs. Brill
continua a piangere)
(MARY POPPINS appare sul pianerottolo e annusa l'aria)
MARY POPPINS Mrs. Brill sta forse preparando la cena?
MRS BRILL (sempre piagnucolando) non ricominciamo, ho aperto tutte le finestre
MARY POPPINS Veramente stavo per dire che c’è un profumo delizioso (Mrs. Brill smette di
piangere)
(MARY POPPINS si dirige verso le scale)
MRS BRILL Il mondo sta girando al contrario
(MRS. BRILL esce con rinnovata angoscia, seguito da WINIFRED)

#20 UN UOMO HA DEI SOGNI (REPRISE) / CON UN POCO DI ZUCCHERO (REPRISE);


GEORGE, BERT
(GEORGE è solo quando vede i biscotti di stelle di pan di zenzero tra i pezzi rotti. Si china per
raccoglierli.)
GEORGE Oddio, ecco dove le avevo messe
!72
BERT (Con sorpresa di GEORGE, il BERT è emerso dall’ombra.) Cosa sono?
GEORGE Stelle. Stelle di pan di zenzero che nascondevo dalla mia tata. Sapevo di averle messe in
un posto introvabile. Il problema è che nemmeno io ero più riuscito a trovarle
BERT Sono molto luminose!
GEORGE È vero, anche dopo così tanto tempo.
BERT Aspettate vi aiuto.
(BERT aiuta a raccogliere i pezzi del vaso.)
GEORGE (con aria nostalgica) Ho sempre pensato che da grande avrei imparato tutto, sulle stelle.
Che strano. È da anni che non ci penso più. Normalmente non sono un sentimentale.
BERT A volte è bello voltarsi indietro
GEORGE Trovate? Non ne sono certo.
NEI SOGNI TUOI PUOI FARE LA STORIA,
ESSERE UN RE E CAMBIARE LA REALTÀ.
MA QUANDO BASTA UN PASSO IN PIÙ ECCO CHE CROLLI GIÙ.
Vedi il miraggio svanire, la fiamma si spegne e ci si accorge che hai lottato invano.
BERT La vita è difficile signore, è questa la verità.
GEORGE Sapete cosa penso? È Mary Poppins! Da quando è arrivata in questa casa sono
cominciati a piovere i guai.
LA VITA MIA SCORREVA LISCISSIMA,
POI QUESTA DONNA IL CAOS PORTÒ QUAGGIÙ.
OGNI MIO SOGNO FALLIRÀ, CHE CRUDELTÀ,
LA PILLOLA NON MI VA GIÙ.
(smettendo di cantare e con aria di accusa) È colpa di quella donna, è lei la responsabile!
BERT: Ah…e…Conosco la persona di cui parlate! Com’è che dice sempre?
UN POCO DI ZUCCHERO, SÌ! FA PER TE.
PUÒ TRASFORMARE IL PANE E L’ACQUA IN TORTA E THÈ.
UN POCO DI ZUCCHERO E TU GUARIRAI,
TU PRENDILI OGNI GIORNO E PUOI SCORDARTI GUAI.
GEORGE: Un bel cucchiaio colmo di guai, direi
(GEORGE finge di essere occupato con i documenti nel suo studio).
BERT: Come dite voi signore…
(posizionando attentamente i pezzi del vaso nel secchio della spazzatura)
TU SGOBBERAI DI GIORNO E DI NOTTE

!73
L’INFANZIA IN FRETTA VIA VOLERÀ
I BIMBI CRESCERENNO E TU,
NON POTRAI PIÙ
DI AVERLI COME A QUEST’ETÀ
(I BAMBINI escono dalla stanza dei bambini e scendono al piano di sotto: MARY POPPINS rimane
dietro alle scale e GEORGE rientra nel salotto.)
MAN-CA QUEL PO’ DI ZUCCHERO E LA PILLOLA NON VA,
LA PILLOLA NON VA, LA PILLOLA NON VA
(allunga la mano verso GEORGE)
BERT: Beh, buona fortuna signore!
(Per un momento, GEORGE è immobile e poi, deciso, prende la mano fuligginosa e la scuote
saldamente.)
GEORGE: Grazie Bert, buona fortuna anche a voi.
(BERT fa una pausa nella sala solo per alzare lo sguardo e guarda MARY POPPINS, che risponde
al suo sguardo con un cenno del capo e se ne va. I BAMBINI si avvicinano con cautela al padre,
mentre MARY POPPINS scende silenziosamente portando qualcosa.)
JANE Papà…
GEORGE Che c’è?
MICHAEL Volevamo darti la buonanotte.
GEORGE Ah sì, buonanotte. (Ma GEORGE è meno severo del solito e JANE si avvicina.)
JANE Papà ti ricordi quando siamo venuti in banca?
GEORGE Si.
JANE Beh, ci sono stati dati sei penny a testa e c’è stato detto di spenderli bene
GEORGE Ottimo consiglio, è esattamente quello che dovreste fare. Cosa avete comprato quindi?
JANE Ancora niente. Li abbiamo tenuti e abbiamo deciso di darli a te
GEORGE Immagino sia un’idea di Mary Poppins
JANE No, lei non ha detto nulla. È solo che sappiamo quanto è stato difficile per te ultimamente…
e noi non ti siamo stati d’aiuto per niente
MICHAEL Cosi abbiamo pensato che quei soldi in più potevano sollevarti un po’.
JANE È uno scellino intero.
GEORGE Grazie (GEORGE non può parlare per paura di piangere, annuisce vivacemente e
prende le monete in silenzio).
JANE: Buona notte papà, ti vogliamo bene, sai?

!74
GEORGE: Jane! Ti ricordi quando mi chiedesti chi fosse il padre di Nereo?
JANE: Si.
GEORGE: Era Poseidone, il re del mare. Buonanotte.

#20A RE DEL MARE


(I BAMBINI si dirigono verso la loro camera, oltrepassando MARY POPPINS. GEORGE entra nel
suo studio. MARY POPPINS posiziona rapidamente l'oggetto - l'aquilone improvvisato rotto di
Michael - sul pavimento della sala, e sale al piano superiore. GEORGE esce dal suo studio e vede
l’aquilone, pensieroso, lo raccoglie.)

SCENA 10: TUTTO PUÒ ACCADERE, PARTE 1 – NURSERY


(WINIFRED mette i bambini nel letto)
JANE: Mamma, papà è molto preoccupato, vero?
WINIFRED: Si lo è. Ma ricordatevi sempre che vi vuole tanto bene e questo è molto più
importante del lavoro, della casa e di tutto il resto.
MICHAEL: Andrai in banca anche tu?
WINIFRED: Vorrei, ma non me lo permette. Se solo ci fosse qualcuno che parlasse per lui, che
prendesse le sue parti e dimostrasse loro chi è veramente.
JANE: Perché non può farlo da solo?
WINIFRED: Perché è un uomo. Un uomo molto orgoglioso.
MICHAEL: Allora devi andarci tu.
WINIFRED: Mi piacerebbe, ma purtroppo non è possibile
MICHAEL: Perché?
WINIFRED: (Sorridendo) perché sono una donna.
(C’è una pausa, Mary Poppins entra)
JANE: Mary Poppins dice che tutto è possibile, basta prendere una nuova direzione

#21 – TUTTO PUO’ ACCADERE (parte1) – (MARY, JANE, WINIFRED, BIRD WOMAN,
BOARD OF DIRECTOR)

WINIFRED Lo pensate davvero Mary Poppins?


MARY POPPINS TUTTO PUO’ ACCADERE SE CI CREDI.
CERTE VOLTE È DURA MA SE PUNTI I PIEDI
DOPO LA SALITA
JANE TUTTO CAMBIERÀ
MICHAEL MUOVI LE MONTAGNE
SOLO CON LA VOLONTÀ
!75
MARY POPPINS TUTTO PUO’ ACCADERE E TORNI A GALLA,
NON SARAI PIU’ UN LUPO MA
MICHAEL UNA FARFALLA
MICHAEL, JANE SPINGI AVANTI I TUOI PENSIERI, CREDI AI SOGNI…SONO VERI
MARY POPPINS NON FERMARTI MAI SU CIO’ CHE VEDI
MARY POPPINS, JANE, MICHAEL TUTTO PUO’ ACCADERE SE CI CREDI
WINIFRED Chissà...
WINIFRED TUTTO PUO’ ACCADERE SE CI CREDI
OGNI TUO PROBLEMA HA I SUOI RIMEDI
MICHAEL SOLO SE HAI CORAGGIO
WINIFRED TE LA CAVERAI
SE RIMANDI IL VIAGGIO, SEMPRE FERMA RESTERAI.
TUTTO PUO’ ACCADERE, CHE FORTUNA
IO PER SEMPRE TIFERÒ PER CHI RAGIONA
SOLO CON LA PROPRIA TESTA
CHI PROPONE E NON PROTESTA
WINIFRED, JANE, MICHAEL NON È LÌ VICINA SE TI SIEDI
TUTTO PUO’ ACCADERE SE CI CREDI
(Esce WINIFRED. MARY POPPINS guarda fuori dalla cameretta, chiaramente pensando a
qualcosa.)
MARY POPPINS SE LE STELLE VORRAI, SOLO QUELLE TU AVRAI,
MA IL SOGNO È PIU’ GRANDE DI ME.
PUNTA A PRENDERTI IL CIELO.
HA GIÀ LE STELLE, LE STELLE
(MARY POPPINS prende le mani dei BAMBINI e insieme escono e sorvolano i tetti di Londra).

SCENA 11: TUTTO PUÒ ACCADERE, PARTE 2 – CATTEDRALE, BANCA


(Su una strada vicino ai gradini di St. Paul's Cathdral, MARY POPPINS e i BAMBINI diventano
spettatori, non visti dagli altri. La neve inizia a cadere. Una signora sparge il mais per i piccioni.
GEORGE entra e cammina fino a che, come sfondo per i suoi pensieri turbati, la vede.)
VECCHINA SOLO UN PO VOGLION DA NOI
DATE, DATE, DATE ANCHE VOI
(GEORGE oltrepassa la signora, poi esita e torna indietro)
VECCHINA Signore! cibo per i piccioni, solo due penny.
!76
GEORGE: (con aria malinconica. Tira fuori due penny e li porge alla signora) Mi fareste un
favore enorme se li faceste mangiare per me.
VECCHINA DATE, DATE, DATE ANCHE VOI
(Lasciando che la VECCHINA guardi i penny da lei ricevuti, GEORGE si avvicina alla banca e,
nonostante tutta la sua spavalderia, è nervoso ora che è arrivato il momento. L'intero CONSIGLIO
DI AMMINISTRAZIONE lo attende all’interno della banca.)
USCIERE Il signor Banks è qui!
PRESIDENTE Venite avanti Banks! (con aria decisa)
(il signor Banks entra e resta in piedi da solo. Mary Poppins e i bambini osservano il tutto senza
però essere visti.)
Allora Banks, come è successo? Avete rifiutato un investimento destinato a fare milioni, vogliamo il
perché. (il tutto con aria da duro)
GEORGE (tutta l’assemblea attende la sua risposta, lui aria decisa) Bene, ve lo dirò. Ho rifiutato
la proposta del Sig. Von Hussler perché vana. Non aveva scopo, sostanza o significato al di fuori
delle mura di una banca. Ohh certo mi parlò di patrimonio, profitto e incremento ma non mi parlò
affatto di persone. So bene che un uomo che dà importanza ai valori della vita per voi non conta
nulla ma per me conta eccome, signori. Ebbene sì, l’egregio dottor Banks ha riscoperto i valori
umani e mi scuso per aver rovinato la banca, ma non per aver capito che ci sono cose più importanti
nella vita che fare soldi.
(Il silenzio che scende non è di indignazione ma piuttosto di smarrimento. Alla fine il
PRESIDENTE parla.)
PRESIDENTE Rovinato?! Rovinato?? Ahahah Rovinato… ahahah carinissimo. Ma di cosa state
parlando, voi avete salvato il nostro patrimonio. Ma non avete sentito? L’investimento di Von
Hussler ha fatto fallire la nostra concorrenza. Voi ci avete preservato dal peggiore scandalo mai
esistito. Non vogliamo le vostre scuse, siamo noi a porgere le nostre
GEORGE: Oh cavolo!
PRESIDENTE (interrompendolo) ah un’altra cosa. Vi ricordate quel prestito concesso a quel tal
Signor Northbrook? Lo sta ripagando per intero! Aprirà due nuove fabbriche e grazie alla
percentuale da te contrattata, guadagneremo una fortuna!
GEORGE: Oh cavolo…
PRESIDENTE Ecco appunto. Ci chiediamo come cavolo abbiate fatto. Ditecelo e le vostre parole
rimarranno fra queste mura

!77
GEORGE: Le mie parole? Le mie parole... Beh ne ho solo una: Supercalifragilistichespiralidoso!
(con entusiasmo)
(GEORGE inizia improvvisamente a CANTARE mentre ride e balla dentro la stanza, molto gioioso)

#21A – GIVE US THE WORD

GEORGE ANCHE SE TI SEMBRA CHE ABBIA UN SUONO SPAVENTOSO


SE LO DICI FORTE AVRAI UN SUCCESSO STREPITOSO
SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO
(Si inginocchia ai piedi del presidente)
GEORGE: Grazie signore, grazie!
(La porta si spalanca, WINIFRED correndo verso GEORGE e proteggendolo con il suo corpo
come una leonessa.)
WINIFRED: Noooo perdonatelo, non è colpa sua. È tutta colpa della sua tata Miss Andrew!
PRESIDENTE (Il suo volto si dipinge di orrore e grida:) Il demonio!!!! Mi ha insegnato tutto
quello che so.
GEORGE: Ed ora è il momento di dimenticarlo.
WINIFRED: Proprio così! E se c’è bisogno di uno scontro allora avete davanti la donna giusta
GEORGE: Tranquilla tesoro tranquilla. Io non ho perso neanche un centesimo e ho fatto
guadagnare alla banca una fortuna!
WINIFRED davvero?
(GEORGE prende WINIFRED tra le sue braccia ma non può dire altro prima di essere assalito dal
tifo del consiglio. Anche PRESIDENTE batte le mani.)
PRESIDENTE (mentre invita Winifred ad uscire) E adesso signora se non vi dispiace, avremmo
altre questioni di cui parlare.
(WINIFRED rimane saldamente ferma. Il PRESIDENTE cede alla sua presa di posizione.)
PRESIDENTE E va bene (riferito alla situazione precedente). Signor Banks, George. Come
ricompensa vorremmo offrirvi la posizione di direttore generale al doppio della paga
(George e Winifred scoppiano in una lunga risata ironica)
WINIFRED: E lui quanto vi ha fatto guadagnare esattamente? (con aria sarcastica)
PRESIDENTE Altri… (viene interrotto dai colpi di tosse di Winifred, la quale sa che George
meriterebbe più soldi, cosi cerca di far aumentare la paga). Al triplo (sempre interrotto). Al
quadruplo della paga attuale! (George non crede a quello che ha appena ascoltato e rimane con la
bocca spalancata)

!78
WINIFRED: Chiudi la bocca George, non sei uno stoccafisso! (con soddisfazione per quello che
ha fatto)
PRESIDENTE Allora?
GEORGE: (cerca lo sguardo di Winifred per l’approvazione) Accetto, ma esigo sia chiara una
cosa. Da oggi la mia famiglia verrà prima di tutto.
PRESIDENTE (si guarda intorno per cercare approvazione, i membri acconsentono, poi:)
D’accordo!
(Circondati da un gruppo di estatici BANCHIERI, GEORGE e WINIFRED camminano insieme
nella loro nuova vita. MARY POPPINS ei BAMBINI seguono come osservatori magici.)

SCENA 12: TUTTO PUÒ ACCADERE PARTE 3 – Parco, cielo


GEORGE: Credo di averti sottovalutata, potrai mai perdonarmi?
WINIFRED E c’è da chiederlo?
GEORGE: Sono stato egoista a tenerti lontana dal palcoscenico. Se vorrai tornare a recitare, non
mi opporrò
WINIFRED: No, l’ho amato molto. Ma ho scoperto il ruolo che preferisco e che credo mi
impegnerà per un bel po'.
(Mary Poppins ed i bambini osservano Winifred e George andare via insieme. Nel frattempo,
appare Bert.)

#22 – Tutto può succedere (parte 2) Mary Poppins, Bert, Jane, Michael, Ensemble

MARY POPPINS BERT TUTTO PUO’ ACCADERE SU IL SIPARIO


TUTTO È IMPREVEDIBILE, STRAORDINARIO
SE TU CAPOVOLGI IL MONDO NON TI SEMBRA PIU’ ROTONDO
MARY POPPINS NULLA CAMBIERÀ SE NON LO CHIEDI
MARY POPPINS BERT TUTTO PUO’ ACCADERE SE CI CREDI
MARY POPPINS SE LE STELLE VORRAI, SOLO QUELLE TU AVRAI,
MA IL SOGNO È PIU’ GRANDE IN TE
PUNTA A PRENDERTI IL CIELO HA GIÀ LE STELLE IN SÉ
CORO: HA GIA’ LE STELLE IN SÉ
JANE Eccole le stelle
MICHAEL Io voglio anche le costellazioni
MARY POPPINS Ah davvero?!? E magari anche la luna, mmh

!79
(JANE e MICHAEL iniziano il loro magico viaggio nel cielo notturni. Gli ALTRI PERSONAGGI
entrano e si uniscono al tour delle stelle)
TUTTI OO…
AH…
SE LE STELLE VORRAI, SOLO QUELLE TU AVRAI,
MA IL SOGNO È PIU’ GRANDE IN TE
PUNTA A PRENDERTI IL CIELO, HA GIÀ LE STELLE IN SÉ.
TUTTO PUO’ ACCADERE SE CI CREDI
PROVA FINO IN FONDO
SEGUENDO NUOVI SENTIERI
VIVI LA TUA VITA, STRINGILA E VEDRAI
SE CI PRENDI GUSTO NON POTRA’ FINIRE MAI
(TUTTO PUO’ ACCADERE) TUTTO PUO’ ACCADERE, È UFFICIALE
(TUTTO PUO’ ACCADERE) PUOI SCEGLIERE DI ESSER SUPER O SUPERFICIALE
NAVIGANDO AVANTI TUTTA
NON SI SBAGLIA MAI LA ROTTA
L’ESSENZIALE È QUELLO CHE NON VEDI.
TUTTO PUO’ ACCADERE (TUTTO PUO’ ACCADERE)
TUTTO PUO’ ACCADERE (TUTTO PUO’)
MARYPOPPINS JANE MICHAEL TUTTO PUO’ ACCADERE
TUTTI SE CI CREDI

SCENA 13: TI VOGLIO BENE, MARY POPPINS - Parco (49’33”)


(Le stelle si ritirano mentre il parco si rivela sotto il cielo notturno. La statua di Nereo è ora
insieme/riunita con la statua del padre Poseidone. Qualche ritardatario è ancora in giro. Mary
Poppins, Michael e Jane passeggiano fino ai cancelli del parco. Ritorniamo indietro lì dove il
nostro fantastico viaggio è cominciato, con Bert che sta finendo un disegno.)
JANE Mary Poppins, Nereo e Poseidone vivranno per sempre felici e contenti, vero?
MARY POPPINS Certamente
MICHAEL Oh Mary Poppins questa è stata...la più bella avventura di sempre!!! Essere lassù in
cielo, possiamo tornarci?
MARY POPPINS Si. Un giorno
JANE Davvero?!? Ma presto?

!80
MARY POPPINS (Guarda tutti per un momento prima di aver scosso la testa) Oh no, dovrà
passare un bel po’ di tempo.
(I bambini sono contrariati)
Ma potete sempre tenere d’occhio le stelle fino al vostro ritorno. (prende il telescopio dalla sua
borsa e lo dà a Michael) Tieni.
MICHAEL Ma è il tuo telescopio!
MARY POPPINS Si lo è, ma se vuoi è tuo è un regalo
MICHAEL (dubbioso) Grazie
MARY POPPINS Ora tutti dentro su, comincia a fare freddo
(Jane va avanti per prima quando Michael si ferma e si gira)
MICHAEL Ti voglio bene Mary Poppins
MARY POPPINS (gentilmente) Sei un bambino speciale Michael Banks e un giorno sarai un
uomo speciale
MICHAEL Mi metti l’ansia quando parli così
MARY POPPINS Così come?
MICHAEL Tutta dolce e carina, non mi sembri neanche tu! Ti voglio arrabbiata Mary Poppins,
arrabbiata!!!
MARY POPPINS È questo il ringraziamento per tutto ciò che ho fatto?
MICHAEL Ecco, così
(e con un sorriso splendente Michael si mette a correre dietro la sorella. Mary Poppins va verso
Bert ammirando il dipinto di fiori)
MARY POPPINS Davvero graziosi, Bert
BERT Sono tuoi Mary, li ho dipinti per te
(da dietro la schiena mostra e gli dà dei fiori veri)
MARY POPPINS (ride)
BERT È stasera, vero?
MARY POPPINS Si Bert.
BERT Allora arrivederci Mary.
MARY POPPINS Arrivederci Bert, prenditi cura di te
(Mary Poppins dà a Bert un bacio gentile sulla guancia, dopo il quale lui si gira e se ne va. Mary
Poppins si incammina verso il n° 17.)

!81
#23 – Con un poco di zucchero Mary
Poppins

SCENA 14: VITA DI FAMIGLIA - Stanza dei


bambini
(Mary Poppins appare nella stanza dei bambini
MARY POPPINS QUANDO HAI FINITO E VOLI VIA
C’È UN FONDO DI MALINCONIA
UN GUSTO DOLCE AMARO DENTRO TE
HAI FATTO TUTTO CIÒ CHE PUOI
ED ANCHE SE NON VUOI
DOVRANNO ORMAI CAVARSELA DA SÉ
Ecco, praticamente perfetta, spero rimanga tale
(Mary Poppins prende qualcosa dalla sua borsa e lo poggia per terra. Prende il suo ombrello e la
borsa da viaggio e magicamente esce dalla stanza, dando un ultimo sguardo alla stanza nel
momento in cui i bambini entrano dalle scale)
MICHAEL Cosa è successo? È cambiato qualcosa? Non c’è più la sua borsa!
(un oggetto sul pavimento attrae l’attenzione di Jane. Si piega e lo prende)
JANE Guarda il ciondolo di Mary Poppins, la catena è rotta.
MICHAEL Ti ricordi? “Resterò finché non si spezza la catena”
JANE C’è anche un biglietto
MICHAEL Cosa dice?
JANE “A Michael il telescopio e questa è per te.”
(Jane apre il medaglione. Micheal guarda alle sue spalle)
È una foto di noi tre
MICHAEL L’ha firmata “Con tanto affetto, Mary Poppins”
(Entrano Winifred e George)
WINIFRED Mary Poppins?
JANE Se n’è andata
WINIFRED Andata? Che strano
GEORGE Tornerà. Ma ora ditemi, che ne pensate di questo?!?
(da dietro la schiena George tira fuori un magnifico aquilone)
MICHAEL: È il più bello del mondo!!
GEORGE Che dici, lo facciamo volare insieme?
MICHAEL Oh papà!
!82
(Micheal abbraccia George)
JANE (A George) Mary Poppins non tornerà. Se ne è andata per sempre
WINIFRED Come fai ad esserne così sicura, tesoro?
JANE Perché noi non abbiamo più bisogno di lei, invece altre famiglie si, vero papà?
GEORGE (sorride e da un bacio a Jane) Sì è vero
WINIFRED Chissà George magari ha ragione. Forse potremmo fare senza tata per un po’, che ne
pensi?
GEORGE Penso che tu debba venire a ballare con me!
WINIFRED Dico sul serio George!
(George prende Winifred per mano e ballano. George vede qualcosa fuori la finestra)
GEORGE Guarda! mi è sembrata una stella cadente.
MICHAEL Tieni, prendi il mio telescopio
(I Banks escono dalla stanza e si fermano sul balcone. l’intera famiglia è unita per la prima volta)
GEORGE Si, avevo ragione, bambini esprimete un desiderio
(Winifred chiude gli occhi e spera che George le dia un bacio gentile e pieno di propositi)
GEORGE Mio amore grande
(Jane e Michael tengono gli occhi fissi su una stella cadente)
JANE Resterai per sempre con noi Mary Poppins!
MICHAEL Per sempre!
(Mary Poppins vola via. George Banks e la sua famiglia ridono insieme per la prima volta dopo
tanto tempo)
GEORGE: Venite bambini!

Musica medley e saluti finali


(DOPO CHE SONO ENTRANTI TUTTI IN ORDINE DI IMPORTANZA PER L’APPLAUSO
PARTE IL CANTATO FINALE CON TUTTI I PERSONAGGI)

TUTTI SE LE STELLE VORRAI, SOLO STELLE TU AVRAI,


MA IL SOGNO È PIU’ GRANDE IN TE
PUNTA A PRENDERTI IL CIELO
HA GIA’ LE STELLE IN SÉ
TUTTO PUO’ ACCADERE SE CI CREDI (TUTTO PUO’ ACCADERE)
USA LA TUA……………LA PIU’ GRANDE………. (TUTTO PUO’ ACCADERE)

!83
SE TI ………… PIU’ SOLI
CREDI AI SOGNI, SONO VERI
NON FERMARTI MAI SU CIÒ CHE VEDI
TUTTO PUO’ ACCADERE (TUTTO PUO’ ACCADERE)
TUTTO PUO’ ACCADERE (TUTTO PUO’ ACCADERE)

TUTTI SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO.
SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO!
SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO.
SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO!
S-U -P-E-R, C-A-L-I-F, R-A-G-I -L, I -S-T-I-C-H-E-S-P-I -R-A-L-I -D, O-S-O.
S-U-P-E-R (S-U-P-E-R), C-A-L-I-F (C-A-L-I-F), R-A-G-I-L (R-A-G-I-L),
I-S-T-I-C-H-E-S-P-I-R-A-L-I-D, O-S-O.
BERT E allora!
TUTTI SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO,
ANCHE SE TI SEMBRA ABBIA UN SUONO SPAVENTOSO,
SE LO DICI FORTE AVRAI UN SUCCESSO STREPITOSO,
SUPERCALIFRAGILI…
MARYPOPPINS SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO!
TUTTI SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO,
SUPERCALIFRAGILISTICHESPIRALIDOSO!

!84