Sei sulla pagina 1di 6

1.

PROPRIETA’ DELLE RISPOSTE IMMUNITARIE


1.1 Immunità innata e acquisita

Il sistema immunitario è costituito da cellule e molecole responsabili dell’immunità e la risposta


collettiva di queste definiscono la risposta immunitaria, che è una reazione a componenti
microbiche , a macromolecole e piccole molecole che vengono riconosciute come estranee.
L’immunità innata fornisce la prima linea di difesa contro i microbi e i principali componenti
dell’immunità innata sono :

1. Barriere fisiche e chimiche


2. Cellule fagocitiche, neutrofili, macrofagi e natural killer
3. Proteine plasmatiche, tra cui quelle del complemento
4. Citochine, che regolano e coordinano molte dell’attività delle cellule dell’immunità innata.

L’immunità acquisita o adattiva è definita da risposte stimolate dall’esposizione ad agenti infettivi


che aumentano in grandezza ed efficacia ad ogni successiva esposizione. L’immunità acquisita è in
grado di riconoscere un gran numero di sostanze microbiche in modo altamente specifico ed è per
questo che viene definita immunità specifica. I principali agenti sono i linfociti e i loro prodotti di
secrezione, gli anticorpi, che riconoscono le sostante estranee definite antigeni.

1.2 Tipologia di risposte adattive

 Immunità umorale, mediata da molecole presenti nel sangue e nelle secrezioni, dette
anticorpi, prodotti dai Linfociti B. questa è la principale difesa contro i microbi extracellulari
e le loro tossine. Gli anticorpi sono di diversi tipi e specializzati, in grado di attivare diversi
meccanismi.
 Immunità cellula-mediata, è legata ai Linfociti T. questi promuovono la distruzione di microbi
intracellulari che sopravvivono e sono inaccessibili per gli anticorpi.
 Immunizzazione, l’immunità indotta dall’esposizione diretta all’antigene è detta immunità
attiva, l’inoculazione di anticorpi/linfociti specifici non prevede l’esposizione
dell’immunizzato all’antigene, si parla quindi di immunità passiva. Un esempio di immunità
passiva naturale è data dal trasferimento di anticorpi naturali materni al feto.

1.3 Elementi comuni delle risposte adattive

 Specificità e diversità, le risposte sono specifiche per i diversi antigeni. I singoli linfociti
presentano sulla loro membrana recettori in grado di riconoscere le sottili differene tra gli
antigeni.
 Memoria, l’esposizione ad un antigene migliora la capacità di risposta del sistema , quindi le
risposte alle infezioni successive saranno più rapide, ampie e qualitativamente diverse
rispetto a quelle primarie.
 Espansione clonale, i linfociti proliferano molto dopo l’esposizione ad un antigene, ma
l’espansione è limitata alle cellule che presentano il recettore per quell’antigene.
 Specializzazione, l’immunità umorale e cellula-mediata sono stimolate da classi microbiche
diverse.
 Contrazione ed omeostasi, tutte le risposte immunitarie devono terminare e il sistema
immunitario deve ritornare alle sue condizioni di omeostasi.
 Non reattività al self, i linfociti non reagiscono a molecole self grazie alla proprietà della
tolleranza, che viene mantenuta eliminando i linfociti autoreattivi.

1.4 Componenti cellulari della risposta adattiva

le cellule principali del sistema immunitario sono i linfociti, le APC e le cellule effettrici.

I linfociti sono cellule che riconoscono gli antigeni e che quindi mediano l’immunità innata e quella
umorale. I linfociti si distinguono nel modo in cui riconoscono il non self:

 Linfociti B, mediano la risposta cellula-mediata, riconoscendo l’antigene intracellulare e


distruggendo i microbi e le cellule infette, non producono anticorpi e riconoscono solo
antigeni peptidici attaccati a proteine codificate dall’MHC. I linfociti T si distinguono in:
 Linfociti T-helper, le quali in seguito ad un’infezione secernono citochine, che
stimolano la proliferazione e la differenziazione delle cellule T stesse e dei linfociti B,
macrofagi e leucociti.
 Linfociti T citotossici che agiscono uccidendo le cellule che produco antigeni non-self.
 Le APC, quelle più specializzate sono le cellule dendritiche che catturano gli antigeni
provenienti dall’esterno e lo trasportano nei linfonodi dove lo presentano ai linfociti T naive
8Vergini ed aspecifici) per iniziare la risposta immunitaria. L’eliminazione dell’antigene
richiede la partecipazione di cellule effettrici, come linfociti T attivati, fagociti mononucleati
e altri leucociti.

1.5 Riassunto delle risposte immunitarie ai microbi

Risposta precoce dell’immunità innata

L’immunità innata blocca l’ingresso ai microbi ne limita la proliferazione qualora riescano ad entrare.
I principali tratti a rischio sono la cute, il tratto GI e quello respiratorio. Questi sono tutti ricoperti
da un epitelio continuo, nel momento in cui il patogeno oltrepassa l’epitelio, incontra i macrofagi, i
quali esprimono sulla loro membrana recettori che legano e fagocitano il microbo o attivano altre
cellule. I macrofagi attivati rilasciano ROS e enzimi lisosomiali, ma anche citochine che promuovono
il reclutamento di altri leucociti. I microbi che resistono a questo primo intervento possono entrare
nel sangue dove vengono riconosciuti dalle proteine circolanti dell’immunità innata, quali quelle del
sistema del completamento. Il complemento può essere attivato direttamente dai microbi (via
alternativa) o dagli anticorpi (via classica)
Risposta adattiva

Si basa su:

 Anticorpi, che legano i microbi extracellulari, bloccando la capacità infettiva e


promuovendone la distruzione.
 Fagociti, digeriscono e uccidono i microbi e le cellule t-helper li favoriscono in questo.
 Linfociti T citotossici, che uccidono le cellule infette inaccessibili agli anticorpi.

Le cellule dendritiche sono le APC che portano gli antigeni ai linfociti CD4 e CD8, catturano il
patogeno ed esprimono l’antigene sulla superficie in associazione delle molecole dell’ MHC, si
dirigono poi verso i linfonodi dove stazionano.

2. IMMUNITÀ INNATA
È l’immunità più antica, sempre attiva e presente nell’individuo sano, non dotata di memoria
immunitaria. I ruoli fondamentali sono due:

 Iniziare le risposte ai microbi che prevengono, controllano ed eliminano le infezioni


 Stimolare le risposte adattive e influenzarne i meccanismi ed efficacia

Le componenti dell’immunità innata sono le barriere epiteliali, i fagociti, le cellule natural killer e il
sistema del complemento.

2.1 Componenti epiteliali dell’immunità innata

 Barriera fisica
 Produzione di antibiotici prodotti localmente
 Presenza di linfociti T intraepiteliali con recettore poco diversificato che riconosce lipidi di
derivazione microbica.

2.2 fagociti circolanti

 Neutrofili, prodotti in risposta a citochine, che fagocitano i microbi in circolo e nei tessuti
extravascolari andando poi incontro a morte nel giro di poche ore.
 Monociti/macrofagi, prodotti in risposta a citochine, che fagocitano i microbi in circolo e nei
tessuti extravascolari, in quest’ ultimo caso i monociti nel tessuto extravascolare si
differenziano in macrofagi e sopravvivono in quella sede per lungo tempo. Quando un
agente infettivo supera le barriere epiteliali e penetra nel tessuto i macrofagi risiedenti
riconoscono il microbo e producono citochine TNF (fattore di necrosi tumorale) e IL-1
(interleuchina-1). Queste stimolano l’endotelio dei capillari presenti nella sede di infezione
a produrre due molecole di adesione quali E-selectina e P-lectina. I macrofagi tissutali e le
cellule stimolate dal TNF e IL-1 producono citochine ad azione chemiotattica, dette
chemochine. Le chemochine stimolano la mobilità dei fagociti che migrano nella sede di
infezione secondo gradiente di concentrazione di chemochine, l’accumulo di questi porta a
vasodilatazione ed aumento della permeabilità vascolare, causando un’infiammazione.
Quindi il microbo riconosciuto viene fagocitato , il fagosoma si fonde con il lisosoma
diventando un fagolisosoma

2.3 Cellule natural killer

Sono attivate da IL-12 secreta dai macrofagi che hanno inglobato i microbi, liberano i loro granuli
citoplasmatici che creano dei pori sulla cellula bersaglio infetta causando la morte per apoptosi,
sintetizzano, poi, interferone gamma che attiva a sua volta i macrofagi.

2.4 Sistema del complemento

È costituito da un insieme di proteine circolanti e associate alla membrana, può essere attivato da
3 strade:

 La via classica è attivata dal legame di alcune classi di anticorpi con il relativo antigene e
quindi rappresenta un meccanismo dell'immunità umorale specifica. Nella via classica del
complemento che è la via più comune e potente; si inizia con tre proteine, la C1, la C4 e la
C2 che si uniscono al complesso antigene-anticorpo: la C1 alle immunoglobuline G e M
fissate ad un antigene. Il C1 è composto da tre subcomponenti il C1q, C1r e il C1s. Il C1q
composto da sei catene disposte ad ombrello svolge un'azione di ricognizione legandosi alla
regione FC della immunoglobulina e per attivarsi necessita del legame con due FC adiacenti.
Il C1r e C1s che sono dei tetrameri svolgono invece un'azione enzimatica: il C1q attiva prima
il C1r e poi il C1s. Il C1s scinde enzimaticamente il secondo componente del complemento
che è il C4 e lo scinde in due frazioni: il C4a che rimane in circolo e il C4b che si lega alla
membrana batterica in presenza dell'anticorpo. Il C4b a sua volta attiva il C2 in due frazioni,
il C2a e il C2b. Il C2a si lega al precedente dando luogo al complesso C4b2A. Il C2b va in
circolo mentre il C2a rimane attaccata al C4b. Il complesso C4b2A diventa un enzima
chiamato C3 convertasi capace di legarsi al C3 e di scinderlo. Il C3 viene scisso in C3a che è
una anafilotossina che va in circolo, e il C3b capace di legarsi alla membrana batterica e al
complesso C4b2A stesso dando origine alla C5convertasi. Il C5 viene ancora scisso a sua volta
in C5a e C5b. Il C5a viene rilasciato in circolo, mentre il C5b lega i complementi C6 e C7
formando il complesso C5b67 che col C7 si lega alla membrana del patogeno.
Successivamente giungono il complemento C8 che si lega al complesso e si lega anche alla
membrana cellulare batterica. Infine giungono le molecole C9 e tutto il complesso cosi'
formatosi si chiama complesso di attacco alla membrana chiamato anche MAC. Questo
complesso è in grado di creare un foro nella membrana batterica dentro il quale passano
acqua e soluti che determinano alla fine lo scoppio della cellula batterica
 La via alternativa viene attivata direttamente da alcune proteine delle membrane cellulari
dei microbi e quindi fa parte dei meccanismi della immunità innata. Viene attivata da
sostanze presenti in natura e non coinvolge C1, C4 e C2, ma porta ugualmente al clivaggio di
C3 e successivamente alla formazione della C3 convertasi.
 La via della lectina legante il mannosio utilizza il mannosio come sito di attacco alle
membrane dei patogeni e quindi fa parte dei meccanismi della immunità innata.
3. IMMUNOGLOBULINE
Gli anticorpi sono delle globine costituite da 4 catene, 2 leggere e 2 pesanti, legate tra loro con
legami disolfuro. Ha una forma ad y le cui due estremità superiori sono variabili, mentre il resto è
costante. Nella regione variabile si lega l’antigene e sono diverse tra i vari anticorpi mentre quella
costante attiva il complemento. Le due catene leggere possono essere di tipo λ e κ, mentre quelle
pesanti possono essere di cinque tipi: α(A), µ (M), ε (E), δ (D), γ (G). Si distinguono in:

 IgG, sono le seonde he vengono prodotte dopo 8/10 giorni dall’introduzione dell’antigene e
sono quelle più prodotte, importanti per la neutralizzazione delle tossine batteriche.
Attraversano la placenta dando immunità naturale passiva.
 IgM, sono le prime ad essere prodotte e insieme alle IgG attivano la via classica del
complemento, sono importanti per la risposta primaria.
 IgA, immunoglobuline delle mucose, prodotte dalle plasmacellule, conferiscono
immunizzazione naturale passiva al bambino attraverso il colostro.
 IgD, attività ignota.
 IgE, responsabili delle allergie e del rilascio di instamina, aumentano in presenza di infezioni
parassitarie.

3.1 Reazione antigene-anticorpo

L’unione dell’antigene con il corrispettivo anticorpo, porta alla formazione di immunocomplessi,


tale unione è altamente specifica ed è regolata da forze di tipo fisico-chimico, quali legami ionici,
forze di Van der Waals, legami idrogeno e legami idrofobici. Questo tipo di reazione può avvenire
sia dal vivo che in vitro, quest’ ultimo caso è studiato dalla sierologia. Si distinguono due fasi:

 Una prima fase detta immunitaria in cui si formano gli immunocomplessi.


 Nella seconda fase, si formano gli aggregati di immunocomplessi, che danno luogo a
precipitati o agglutinati.

4. COMPLESSO MAGGIORE DI ISTOCOMPATIBILITA’ (MHC)


Il complesso maggiore di istocompatibilità (MHC) è un gruppo di geni che codificano per proteine
espresse sulla membrana cellulare le quali hanno la funzione di farsi riconoscere da parte dei linfociti
T. Ogni molecola MHC contiene una tasca posta nella porzione extracellulare e una coppia di domini
Ig legati alla membrana cellulare. La tasca, che è costituita da due α-eliche appoggiate su un
foglietto-β. I domini Ig, contengono il sito di legame per i recettori dei linfociti T. I linfociti T helper
CD4+ riconoscono solo MHC di classe II, mentre i linfociti CD8+ solo le MHC di classe I e solo con il
legame al complesso peptide-MHC (e non solo peptide) essi possono innescare la risposta
immunitaria.

4.1 MHC di classe I

Le molecole MHC di prima classe sono costituite da 2 catene legate non covalentemente: la catena
α e la catena β2-microglobulina che non è codificata nel MHC. La tasca per il legame del peptide è
contenuto nella catena α. Il complesso è completo solo con il legame del peptide che stabilizza le
due catene e ne permette l'espressione sulla superficie cellulare. Vien espresso su quasi tutte le
cellule nucleate, la sua presenza o meno è uno dei metodi per stabilire se una cellula è self o meno.

4.2 MHC di classe II

Le molecole MHC di seconda classe sono costituite da 2 catene legate non covalentemente: la
catena α e la catena β entrambe codificate dal MHC. La tasca per il legame con il peptide è costituita
per metà da una e per metà dall'altra: ogni catena contribuisce con una α-elica e 4 filamenti del
foglietto β. Nella porzione extracellulare ogni catena possiede un dominio Ig (α2 e β2) di cui, β2
contiene il sito di legame per CD4. Viene espresso sulle cellule che presentano l'antigene (APC)
quindi cellule dendritiche, macrofagi e linfociti B.

5. REAZIONI IMMUNOPATOLOGICHE
Reazione immunitaria verso un agente innocuo che provoca danno cellulare e tessutale. Esistono 4
tipi di ipersensibilità:

 Tipo I: Ipersensibilità Immediata, mediata da IgE (allergie e anafilassi). Reazione immediata


che avviene in soggetti geneticamente predisposti, pochi minuti dopo il secondo contatto
con un antigene innocuo chiamato allergene (polline, veleno di insetti,alimento, ecc)
 Tipo II: Ipersensibilità mediata da anticorpi (IgG o IgM) che legano antigeni presenti sulla
superficie delle cellule
 Tipo III: Ipersensibilità mediata da immunocomplessi (IC) presenti in elevate quantità in
circolo che si depositano a livello delle membrane basali dei vasi.
 Tipo IV: Ipersensibilità di tipo ritardato o cellulo-mediata.