Sei sulla pagina 1di 3

Ferdinando Scianna.

Viaggio Racconto Memoria - Casa dei Tre Oci, Giudecca 43,


Dorsoduro - Venezia

Mostra in corso dal 31 agosto 2019 al 2 febbraio 2020

Alla Casa dei Tre Oci s'inaugura una grande mostra antologica con fotografie di
Ferdinando Scianna (Bagheria, 1943) che porterà in laguna 180 opere in bianco e nero,
divise in tre grandi temi – Viaggio, Racconto, Memoria.

Orari: dalle 10 alle 19; martedì chiuso.


Biglietti: € 13 intero

Jannis Kounellis - Ca' Corner della Regina, Calle de Ca' Corner, Santa Croce - Venezia

Mostra in corso dal 11 maggio al 24 novembre 2019


La Fondazione Prada riapre al pubblico con una prima retrospettiva - dopo la scomparsa
dell'artista nel 2017 - dedicata a Jannis Kounellis. La mostra curata da Germano Celant
riunisce 70 lavori dal 1958 al 2016 provenienti da istituzioni e musei italiani e internazionali.

Orari: Tutti i giorni, tranne il martedì, dalle 10 alle 18.

Biglietti: € 10 intero

58° Biennale d'Arte - Giardini, Corderie, Arsenale - Città di Venezia

Mostra in corso dal 11 maggio al 24 novembre 2019

La 58° Biennale d'Arte aprirà al pubblico a maggio 2019. Ma a partire da pochi giorni prima
dell'apertura vi saranno le varie vernici ed eventi collaterali che sempre animano
improvvisamente la vita artistica veneziana.
Il titolo dell'edizione 58 della Biennale d'Arte è May You Live In Interesting Times;
l'espressione inglese è nota ai parlanti anglosassoni come Maledizione cinese - anche se
non esiste nessuna provata connessione con la cultura cinese per questo detto - e usata in
modo ironico in quanto la storia ha ampiamente provato che i periodi interessanti sono
solitamente tristi per la maggior parte dell'umanità e - seguendo Hegel - "i periodi di
felicità sono le pagine bianche della storia".
La Biennale d'Arte 2019 di Venezia evoca quindi periodi di incertezza, di crisi e pieni di
disordini, come quelli che si stanno vivendo in questi ultimi anni. L'edizione 2019 è curata
da Ralph Rugoff.

Padiglioni della 58° Biennale d'Arte Venezia

Orari: Giardini dalle 10.00 alle 18.00. Arsenale dalle 10.00 alle 18.00

Biglietti: Biglietti Regular: validi per un solo ingresso in ciascuna sede espositiva (lo stesso
giorno o in giorni diversi) fino al 24 novembre. Ridotto € 22 Fai
Palazzo Zabarella Van Gogh - Monet - Degas

26 ottobre 2019 – 01 marzo 2020


La mostra, organizzata dal Virginia Museum of Fine Arts, celebra Paul Mellon e sua moglie Rachel
‘Bunny’ Lambert, due tra i più importanti e raffinati mecenati del XX secolo.
La Fondazione Bano prosegue il progetto espositivo finalizzato a presentare alcune delle collezioni
private più prestigiose al mondo, divenute poi pubbliche. Dopo la rassegna dedicata ai Joan Miró
dello Stato portoghese e quella ai Paul Gauguin e gli Impressionisti dello Stato danese, che hanno
portato a Padova oltre 250.000 persone, dal 26 ottobre 2019 al 1° marzo 2020, Palazzo Zabarella
ospita, in esclusiva per l’Italia, oltre settanta capolavori di Edgar Degas, Eugène Delacroix, Claude
Monet, Pablo Picasso e Vincent van Gogh e altri, che celebrano Paul e Rachel ‘Bunny’ Lambert
Mellon, due tra i più importanti e raffinati mecenati del Novecento.
La mostra, curata da Colleen Yarger, presenta una preziosa selezione di opere provenienti dalla
Mellon Collection of French Art dal Virginia Museum of Arts, che copre un arco cronologico che
dalla metà dell’Ottocento, giunge fino ai primi decenni del Novecento, compreso tra il
Romanticismo e il Cubismo. Figlio dell’imprenditore, uomo tra i tre più ricchi d’America, banchiere
e Segretario al Tesoro degli Stati Uniti Andrew Mellon, anch’egli importante collezionista d’arte,
che fu determinante per la nascita della National Gallery of Art di Washington nel 1937, Paul
Mellon ha donato alla National Gallery oltre mille opere provenienti sia dalla collezione del padre
che dalla propria.
I suoi studi a Yale e a Cambridge gli instillarono un grande interesse nei confronti dell’arte inglese,
ma è solo dopo il matrimonio con Bunny Lambert, appassionata d’arte e convinta francofila, che i
Mellon iniziarono ad acquistare capolavori d’arte francese. Oltre alle donazioni alla National
Gallery di Washington, i coniugi regalarono un importante nucleo di opere francesi al Virginia
Museum of Fine Art di Richmond, oltre a lavori d’arte inglese e americana. E sono queste opere
d’arte francese che vedremo esposte a Palazzo Zabarella, che rispecchiano la personale sensibilità
dei Mellon e il loro eccezionale gusto collezionistico.
Ridotto: € 11,00 membri del FAI Tutti i giorni dalle 9.30 alle 19.00
L'EGITTO DI BELZONI Un gigante nella terra delle piramidi
Esploratore, ingegnere, pioniere dell’archeologia moderna, padre dell’egittologia mondiale, ha
ispirato George Lucas nella creazione di Indiana Jones. Il padovano Giovanni Battista Belzoni è stato
l’esploratore più importante e meno ricordato del XIX secolo, protagonista di una vita straordinaria
e avventurosa poco conosciuta in Italia.
Gli spazi della mostra offrono al visitatore la possibilità di conoscere l’Egitto vivendo un’esperienza
straordinaria. Entrati nel percorso espositivo, l’Egitto prende corpo davanti agli occhi del visitatore:
la sensazione di addentrarsi in cunicoli realizzati millenni addietro, di farsi strada al buio, di
accamparsi all’interno di tombe e lottare con la sabbia negli occhi, a temperature asfissianti, fa sì
che l’Egitto di Belzoni diventi per il visitatore un’avventura realistica.
Le ricostruzioni di ambienti, tecnologia digitale ed effetti speciali rendono la mostra un luogo
appassionante per grandi e piccoli, mentre i preziosi reperti esposti lo rendono eccezionale. Saranno
presenti oggetti recuperati personalmente da Belzoni o da Drovetti, Salt e Ricci - alcuni tra i
personaggi che lo hanno accompagnato in diverse esplorazioni – insieme ai prestigiosi pezzi
d’antichità provenienti dai Musei italiani e stranieri, alcuni in mostra per la prima volta.
Il percorso espositivo è incentrato sui tre viaggi in Egitto compiuti da Belzoni, vissuti in prima
persona dallo spettatore grazie alla combinazione di alte tecnologie immersive con esperienze
multimediali complete. Le riproduzioni di monumenti e pezzi storici in scala reale regaleranno un
impatto visivo ed emotivo unico, mentre monitor touch-screen posizionati strategicamente daranno
approfondimenti tematici sulla storia e la cultura dell’Egitto antico. Ad accompagnare il visitatore,
alcune considerazioni e immagini tratte dal Narrative belzoniano: tavole illustrate, originali,
disegnate a mano dall’esploratore padovano e perfettamente conservate, che narrano episodi e
dettagli degni di un film di avventura. Una vita coraggiosa e audace che – in altre epoche - è stata
fonte di ispirazione per George Lucas nel creare il personaggio di Indiana Jones per il film I predatori
dell’arca perduta (1981).
25 ottobre 2019 / 28 giugno 2020 Centro Culturale Altinate San Gaetano Via Altinate 71 – PD
Lunedì - giovedì 9:00 - 19:00
venerdì e sabato 9:00 - 24:00
domenica e festivi 9:00 – 20:00