Sei sulla pagina 1di 1

3 anno

l
Parrocchia S.MariAssunta CamminoICFR LAVORIDIGRUPPO

Quinto incontro Bambini Seconda tappa

OBIETTIVI
Obiettivo del quinto incontro è far conoscere il Padre e come pregarlo.

SCALETTA
Ore 14.30: ACCOGLIENZA E PREGHIERA
I genitori conducono i bambini all’oratorio Sacro Cuore.

Ore 14.35: LAVORO NEI GRUPPI


Chi non avesse finito la volta scorsa riprende la parte “che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome” Dio è Padre
creatore, ci ha dato la vita e vuole che siamo felici. Egli è sempre con noi. Di fronte a questo grande dono siamo
riconoscenti e vogliamo lodare il suo nome.
“Venga il tuo regno, sia fatta la sua volontà”. Dio vuole che tutti gli uomini siano felici, vivano come fratelli,
partecipino alla sua festa.
E’ necessario far passare due concetti: chiedere e cosa chiedere.
“Chiedere” è espresso a pag. 70 dal Vangelo dei bambini.
“Chiedete e vi sarà dato; cercate e troverete; bussate e la porta sarà aperta. Chi chiede riceverà; chi
cerca troverà; a chi bussa la porta sarà aperta”.
“Cosa chiedere” è espresso a pag. 71 del Vangelo dei bambini.
“Dio è il vostro buon Padre e vi darà tutte le cose buone di cui avete bisogno, se gliele chiederete ”. Non
si devono chiedere le cose futili, ma le cose buone. Dio ha un progetto di amore e di felicità. Per realizzare questo
progetto Dio ha creato il mondo, ha costruito una storia con gli uomini, ha insegnato delle regole (fare riferimento alle
regole che regolano i rapporti nel gruppo di catechismo).
Dio non ha dato però solo regole, ma ci ha fatto una promessa: di darci suo Figlio, di venire ad abitare con noi nel
suo Figlio Gesù. Facoltativo è lavorare, su pag. 38 di “Perdono in dono”.
“Il no al dono”. Si ricollega al lavoro sull’obbedienza dello scorso anno e alla parte di “Padre Nostro sia fatta la tua
volontà”. Il dono più grande di Dio Padre è Gesù. Ciò ci serve per introdurre l’Avvento. Da pag. 46 - 47 di “Perdono in
dono” facoltativo è il “gioco dell’attesa” (eventualmente può essere sostituito con un accenno all’attesa di Santa
Lucia). Si prosegue poi con “L’attesa”. I bambini dovranno completare il brano dell’annunciazione.

Per sfruttare il Natale per introdurre i bambini alla dimensione della Carità il lavoretto che sarà preparato il 22
dicembre non sarà portato a casa dai bambini, ma sarà venduto sul sagrato della Chiesa del suffragio domenica 23
dicembre. Il ricavato sarà poi devoluto a favore delle missioni.

Ore 16.00- 16.20: CONCLUSIONE


I bambini vengono accompagnati in cortile. Alcune mamme preparano la merenda, segue gioco libero.

ICFRTERZOANNO

Potrebbero piacerti anche