Sei sulla pagina 1di 11

27/1/2020

NON
EDIZIONI LA SCOMMESSA DI VIRGINIA
CHIP65C02

http://mia-fantascienza.blogspot.com | Collana JDAB


✔Note Legalesi.
Il webmaster 6502 & Terminetor Magnetico ha costruito un omaggio Amazing
Stories –settembre 1950- in particolare al racconto “You might say
Virginia dared” di Dallas Ross assemblando un plot remastering:
l’obiettivo del racconto é intrattenere, divertire, incuriosire il
lettore.

In nessun caso sono collegate al testo o all’autore, le persone,


enti, organizzazioni e quant'altro citato direttamente od indirettamente
nel testo. È importante tenere presente che ogni riferimento esplicito od
implicito a fatti o persone, enti, organizzazioni, eventi, circostanze
future o presenti o passate che taluni lettori possono riconoscere od 2
associare è del tutto casuale ed immaginario. L'ebook.pdf è no-profit,
l’autore non persegue nessuno scopo di lucro o profitto diffondendo
online il materiale assemblato. Il volume è liberamente stampabile in
tutto od in parte, è inoltre distribuibile senza alcuna limitazione
legale, purché non ne sia alterato il suo contenuto e siano rispettate le
condizioni di Copyleft(by-nc-nd)

A tale proposito ricordo che questo documento non è un sito


d'informazione e nemmeno un risultato di un prodotto editoriale, l'ebook
in PDF non contiene immagini di qualità, per cui la resa grafica
dovrebbe essere alquanto limitata. L’ebook dovrebbe essere facilmente
stampabile ed intuitivamente rilegabile o spillabile in un vero libro già
correttamente impaginato. Le immagini non dovrebbero essere coperte da
copyright, le ho trovate con google.images e le ho lasciate in RGB e
convertite in bianco e nero a 96dpi per complicare la stampa. E’
possibile che altre foto reperite con google.images io le abbia
sintetizzate artificialmente mantenendo l’RGB per gli scopi letterari,
oppure degradate in scala di grigio. In ogni caso le fotografie restano
di proprietà dei loro legittimi proprietari bla, bla, bla... Non è
"garantita al limone" la resa grafica ed il processo di stampa di cui
ogni utente ne assume la piena responsabilità.

Il webmaster non si assume la responsabilità della completezza


dell’informazioni pubblicate, dei problemi, danni di ogni genere che
eventualmente possono derivare dall'uso proprio od improprio di tale
file, dalla stampa, dall'interazione e/o download di quanto disponibile
online. Tutti i marchi, loghi, organizzazioni citati direttamente od
indirettamente sono di proprietà dei loro legittimi proprietari bla, bla,
bla... tutelati a norma di legge dal diritto nazionale/internazionale,
bla, bla, bla... legalmente registrati ecc... sì insomma dai!, non dite
che non avete capito!.

✔ Testo ottimizzato per una fruizione digitale in PDF


✔ Testo ottimizzato per la stampa in fronte retro
✔ Testo ottimizzato anche per la stampa “non in fronte retro”

“You might say Virginia dared” stampato 27/1/2020 (v1.0) é in COPYLEFT(BY-NC-ND)

➜ http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/3.0/
6502 & Terminetor Magnetico

➜ http://mia-fantascienza.blogspot.com
Indice

Prefazione: omaggio a Amazing Stories –Settembre 1950- …………...… pag. 4

Capitolo 1-La scommessa di Virginia …….….…………….…..…… pag. 6

3
Prefazione: omaggio ad Amazing Stories, settembre 1950

Questo ebook vuole essere un omaggio alla rivista Amazing


Stories, settembre 1950 in particolare al racconto “You might
say, Virginia dared” di Dallas Ross.

In questo quarto anno della co llana JDAB ho deciso di continuare


nella diffusione della rimasterizzazione del racconto di SciFi per
proporre fabule di Scifi ancora gradevoli, a mio avviso, per un
4
pubblico del XXI seco lo. Questo genere di ebook continuerà ad
avere:

• una copertina sempre identica “10 e lode Amazing Stories


rimasterizzato”,
• un titolo diverso, ovviamente a seconda del racconto,
• un’impaginazione interna differente rispetto ai tradizionali
racconti JDAB, in modo che questo tipo di ebook abbia un
gusto estetico più prossimo, al format delle storiche “Pulp
Mags”.
• La “rimasterizzazione” sarà una traduzione dall’americano
all’italiano corrente, mantenendo fabula ed intreccio identico a
quello del racconto originale che fu pubblicato nelle Pulp Mags.
• Saranno ridotti all’essenziale gli interventi di editing con tagli o
sintesi/adattament i, atti a sopprimere le part i prolisse o le
divagaz ioni troppo lunghe ed inutili, che non potrebbero
essere più idonee, ai gusti di un lettore del XXI°secolo.
• A differenza dei racconti di fantascienza sin’ora elaborati nella
collana JDAB (remix, remake, porting in mult i-trama) la
rimasterizzazione non conterrà una rielaborazione artistica.

Questo ebook fa parte della co llana JDAB-Joint Direct Attack Book,


una serie di testi in PDF, composti da remix, porting in multitrama,
remake, di tutti quei racconti di “Amazing Stories & Wonder Stories
& IF worlds of science fiction” che sono meritevoli di una moderna
rivisitazione SciFi, a mio gusto personale!.
Saluti e buona lettura!

Chip65C02
Capitolo 1

Al portellone d’entrata Stewart. –Waffles per me?!


dell’astronave, l’addetto Sono il mio frutto preferito,
commentò sarcastico-abbiamo anche se, non gli ho ordinati!-
una donna a bordo!-. Eravamo poi aggiunsi.[…] -assicurati
a meno 15 minuti nel che la donna scenda, tra 3
conteggio per il decollo del minuti dobbiamo decollare!-.
razzo, ed io ancora stavo Io ero leggermente in pensiero
pensando alle parole del per i nuovi serbatoi del
governatore e del senatore che carburante che avevano
erano passate in video, installato nel razzo. Erano stati
all’entrata della piattaforma costruiti dalla stazione spaziale
della mia astronave. Questo e non sulla Terra. Dopo quattro
era l’ottavo razzo diretto su ore, lasciai temporaneamente
Marte, c’erano a bordo la cabina comando, con Jensen
celebrità, bande musicali, il mio aiutante, noi scendemmo
giornalisti della carta stampata in sala ufficiali, io avevo in
e televis ione, tutti diretti su mente i waffles che m’avevano
Marte. Io dissi –Che cosa ha portato. […]
detto l’addetto allo sportello –L’avete trovata poi la ragazza
poco fa?-.-Una donna a bordo, dei waffle?- chiesi all’addetto ai
era un messaggio per il passeggeri. –No signore, ho
capitano dell’astronave, la cercato da tutte le parti, non è
donna ha portato dei waffles nemmeno nel cargo. Penso che
per il capitano- mi rispose lo sia scesa dall’astronave, pochi
minuti prima del decollo-. La ordine. Aveva un po’
cabina per l’equipaggio di vo lo, l’espressione di una bambina,
era simile per dimensioni a che sapeva d’aver fatto
quelle di una cabina di un qualcosa che forse non
treno, incluso un bagno avrebbe dovuto fare!. Presi la
piccolissimo: le dimensioni parola chiedendole il nome –Mi
erano esigue, ma considerando chiamo Virginia Swabola
che era un habitat ricavato Cotyowski, non sono sposata-.
7
dentro ad un razzo, lo spazio -Ok, Signorina Cotyowski…-
era mo lto grande. C’era del iniziò Jensen, che fu interrotto
caffè, ma era freddo, ed infine dalla ragazza che disse –
c’erano i famosi “waffles”. Chiamatemi pure Ginny-. […]
Erano freddi anche questi, ma -Che cosa ci fa signorina, su
squisiti, pensai che chiunque un’astronave diretta su Marte,
l’avesse preparati era dove l’equipaggio è composto
certamente un’artista in da 60 uomini, mentre lei è una
cucina, perché erano i miglior donna!- chiese Jensen.
waffle che avessi mai –Sono quì a causa di Sue, la
mangiato. Jensen s’alzò per collega che lavora al caffè
andare in bagno, e dentro vi assieme a me, chiedetelo al
trovò in piedi, la ragazza dei capitano!- rispose Ginny,
waffle che s’era nascosta mentre alla fine della frase, si
dentro al bagno, nel vano morse la lingua. […]
equipaggio!. –Ma che c’entro io?- risposi con
–Santo cielo!- esordì Jensen un tono di voce un po’ alterato.
che poi aggiunse –Signorina, si –Sue, la mia amica è andata in
rende conto di dove è?-. Alaska, mi ha detto che là ci
-Sì signore- rispose pronta la sono molti uomini disposti a
ragazza. La ragazza aveva un sposare una ragazza, un
viso dai lineamenti morbidi e rapporto di 1 a 10, mentre su
dolci, occhi azzurri, aveva i Marte la cosa è ancora meglio:
capelli corti e non 1 a 100, è quindi un buon
particolarmente ordinat i posto dove andare per una
rispetto a quanta cura le donne ragazza, che cerchi marito!.
di oggi spendano tempo e Insomma, su Marte non c’è
danari, per averli in perfetto competizione!-.
–In altre circostanze, sarei capelli. […] Poi il governatore
solidale con le sue opinione disse tutto d’un fiato –
signorina, ma il fatto è che in Signorina Ginny, lei non può
quest’astronave ci sono 60 restare quì, deve capire che
uomini, staremo 258 giorni Marte è un’area di lavoro,
nello spazio!- risposi con tono offriamo ai coloni che vengono
molto adirato. Poi aggiunsi – a lavorare su Marte, dei
Quest’astronave non è una fantastici salari, una buona
8
nave da crociera per anime assicurazione previdenziale e
solitarie, la nostra cacciatrice di medica, due biglietti gratis da
mariti, se ne starà confinata Marte: uno per l’arrivo, l’altro
sempre in questa stanza!. Non per la partenza. Non siamo
voglio problemi o contatti con attrezzati su Marte, per offrire
l’equipaggio!. Signorina Ginny, altro!. Inoltre la compagnia ha
le proibisco categoricamente di speso 10 milioni di dollari, in
lasciare questo locale, per i pubblicità per far venire su
prossimi 258 giorni!-. […] Marte la famosa attrice Marsha
__________ Malloy il prossimo anno!. Solo
Marsha Malloy sarà la prima
Quando l’astronave atterrò,
donna su Marte. Ma se presso
accompagnai Ginny dal
Marte, c’è già la signorina
governatore di Marte. La
Ginny, allora tutta la campagna
ragazza s’era comportata bene
pubblicitaria andrà perduta, in
quando era stata a bordo della
termine d’interesse mediatico!-
mia astronave, non aveva
disse il governatore, pensando
creato problemi, ino ltre aveva
così di poter chiudere il caso in
una notevole esperienza di
poche battute. –Niente di
cucina, avendo lavorato a
personale signorina Ginny, è
lungo nel ristorante e poi dopo
solo una questione di affari!-.
nel caffè dello spazioporto.
Entrai nella discussione
Quando il governatore la vide,
dicendo –Ok, Miss Ginny non è
andò su tutte le furie!.
mai sbarcata ufficialmente su
–E’ una donna!, è la prima ed Marte. Io la riporterò sulla
unica donna presente su Terra, rimettendola a bordo
Marte!- esordì il governatore di dell’astronave. Questa cosa
Marte, mettendosi le mani nei non è mai accaduta!. Nessuno
sa che Miss Ginny è su Marte, l’ordine proibì a Ginny di
la campagna pubblicitaria della tessere rapporti amorosi con
compagnia è salva!-. gli operai di Marte, la ragazza
seguì scrupolosamente gli
-Va bene!, se non mi volete,
ordini del governatore.
allora me ne tornerò sulla
_____________
Terra- disse sconsolata Ginny.
Ginny era una gran brava
Per il momento la ragazza fu
ragazza, ai fornelli era davvero 9
impiegata come addetta alla
brava, era una donna
caffetteria di Marte, in attesa
autonoma e la testa apposto,
che la mia astronave fosse
insomma aveva tutto quello
pronta per salpare nuovamente
che un uomo desiderasse: il
per la Terra. Dovevo attendere
suo cognome era però davvero
che il pianeta Marte tornasse
pessimo, fu così che la sposai,
ad essere in opposizione alla
ma le imposi di cambiare
Terra, ossia alla minima
nome, perché il cognome
distanza con la Terra, a causa
Cotyowski era davvero
delle differenti orbite, descritte
impronunciabile!. Suonava
nel sistema solare dai due
molto meglio, Virginia Dare
pianet i.
Smith: ovviamente Smith, era
Tutti gli uomini di Marte il mio cognome!.
andarono immediatamente a
Tornando alla storia, in breve
pranzo nel caffè di Ginny, la
tempo avemmo un bambino:
ragazza in appena due mesi,
nacque su Marte, il nostro
guadagnò così tante mance
bimbo era sano, non aveva
che fu capace d’aprire un
malattie!.
proprio ristorante su Marte.
Ovviamente ogni giorno, Ginny Questa fu la migliore pubblicità
aveva il pienone!. Sulla Terra, per la co mpagnia mineraria,
ancora nessuno sapeva che era piuttosto dell’idea di portare
stata Ginny la prima donna su l’attrice Marsha Malloy.
Marte, dato che l’attrice
Era chiaro a tutti, che su
Marsha Malloy era ancora sulla
Marte, l’umanità poteva vivere
Terra, sarebbe salpata tra 9
e prosperare, le famiglie dei
mesi, con il prossimo shuttle. Il
minatori acquistarono in massa
governatore, per mantenere
i biglietti della compagnia e
rapidamente giunsero a
colonizzare Marte. […]

Che accadde a Marsha


Malloy?!. Virginia Dare Smith le
rubò la scena, la fama
dell’attrice Marsha Malloy
cadde dalle stelle alle stalle in 10
pochissimo tempo. La
compagnia mineraria diede
distedda anche del contratto
milionario con la star, non la
portò mai su Marte. L’attrice
finì rapidamente disoccupata,
perché sulla Terra tutti i mass
media parlavano della mia
Ginny. Marsha Malloy fu poi
così costretta ad accettare il
vecchio lavoro di Ginny allo
spazioporto sulla Terra, perché
al bar dello spazioporto le
mance erano molto più alte, di
quelle dei ristoranti che erano
davanti agli studios
cinematografici.
11