Sei sulla pagina 1di 108

26 gennaio/1 febbraio 2018 • Numero 1240 • Anno 25

“Dobbiamo decidere

Sommario chi sono i padroni del vento”


DaviD McDerMott HugHes a pagina 57

La settimana in copertina
26 gen/1 feb 2018 n. 1240 • anno 25 internazionale.it 4,00 €
Ogni settimana Rafia Zakaria Pankaj Mishra Attualità
il meglio dei giornali Le donne sono libere La violenza coloniale La Turchia attacca
di tutto il mondo solo con la politica tornò a casa i curdi in Siria

Il migliore amico della Cina


islanda Il migliore
Riducendo il loro impegno internazionale, gli Stati Uniti di
Donald Trump lasciano campo libero alla Cina. Ma più che un
amico
della Cina
Gli Stati Uniti di Donald Trump
riducono il loro impegno
internazionale. Lasciando spazio
alla leadership cinese passaggio di testimone, sembra l’inizio di un’era in cui la leadership
mondiale non sarà di un unico paese (p. 40). Illustrazione di Edel
Rodriguez
Giovanni De Mauro
“Il più grande furto della storia”, l’ha attuaLità scienza tecnoLogia
deinito Anuradha Seth, economista delle 18 Rompicapo siriano 54 I padroni 101 Ofelia replicata
Nazioni Unite, in un’intervista all’agenzia Haaretz del vento all’ininito
di stampa spagnola Efe. A livello globale le 20 Il laboratorio curdo Boston Review Slate
donne guadagnano in media il 23 per per un futuro
democratico Libano econoMia
cento in meno degli uomini, e non c’è un 58 Tutte le lingue e Lavoro
Le Monde
singolo paese né un solo settore in cui gli di Beirut 102 La Apple riporta
stipendi degli uomini e delle donne siano CityLab gli utili a casa
europa
uguali. Il divario salariale è il risultato di 24 La disputa The New York Times
vari fattori, primo fra tutti il tasso di interminabile portfoLio
occupazione: nel mondo lavora solo il 49,6 sul nome della 60 Indietro cultura
per cento delle donne, contro il 76,1 degli Macedonia non si torna
uomini. A questo si deve aggiungere che le Hiroshi Okamoto 78 Cinema, libri,
Kathimerini musica, arte
donne lavorano meno ore retribuite e lo
fanno in settori con salari più bassi. Ma ritratti
africa e MeDio
sono pagate di meno anche quando fanno oriente 66 Boyan Slat. Le opinioni
lo stesso lavoro degli uomini. Per ogni 26 I prigionieri Acqua azzurra
Elsevier 14 Domenico Starnone
dollaro guadagnato da un uomo, una politici
che l’Etiopia 27 Amira Hass
donna guadagna 77 centesimi. La
deve liberare viaggi 36 Raia Zakaria
diferenza si accentua con l’età e con i igli: 70 Il Nicaragua
a ogni iglio che nasce, lo stipendio delle Mail & Guardian 38 Evgeny Morozov
del poeta 80 Gofredo Foi
donne si riduce in media del 4 per cento The New York Times
aMericHe 82 Giuliano Milani
mentre quello degli uomini aumenta del 6
28 Il Brasile
per cento. La situazione cambia molto da grapHic 84 Pier Andrea Canei
preoccupato per la
un paese all’altro, ed è importante tenerne journaLisM
febbre gialla 74 Cartoline
conto, sapendo però che i confronti sono
Folha de S. Paulo Le rubriche
spesso complicati e che i dati possono da Aousserd
Federico del Barrio 14 Posta
variare anche in funzione della fonte e del asia e pacifico
17 Editoriali
metodo di raccolta. Si va da paesi con una 30 La caccia alle cineMa
diferenza salariale minima, come il Costa 104 Strisce
streghe in Papua 76 Il coraggio
Rica e il Lussemburgo (5 per cento), a Nuova Guinea 105 L’oroscopo
di Coco
paesi dove lo scarto arriva al 36 per cento, The Diplomat 106 L’ultima
El Nuevo Herald
come la Corea del Sud. “Alle donne viene
sottratto qualcosa di proprio, che visti DagLi aLtri
pop
appartiene solo a loro”, ha scritto Bia 32 A San Luca 88 Quando Articoli in formato
Sarasini sul Manifesto. Ma non nel senso non si idano la violenza mp3 per gli abbonati
di una proprietà, di un’eredità o di altre dei partiti coloniale
forme di ricchezza: “Alle donne viene tolto Frankfurter tornò a casa
internazionale.it/sommario

quello che appartiene anche a chi non Allgemeine Zeitung Pankaj Mishra
possiede nulla: il frutto della propria 34 Il controllo
capacità di lavoro”. Se si continua così, della polizia scienza
avvertono le Nazioni Unite, ci vorranno sulle notizie 96 I conti
settant’anni per raggiungere la parità Poynter dell’universo
salariale. A meno di non seguire l’esempio non quadrano
perù New Scientist
dell’Islanda, dove dal 1 gennaio è
50 Il muro
diventato illegale dare a una donna, a Internazionale pubblica in
che divide Lima
parità di esperienza e di competenze con esclusiva per l’Italia gli articoli
Folha de S. Paulo
un uomo, uno stipendio più basso. u dell’Economist.

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 7


Immagini
Potere femminile
New York, Stati Uniti
20 gennaio 2018

Il 20 e il 21 gennaio centinaia di migliaia


di persone in decine di città degli Stati
Uniti hanno partecipato alla seconda
Women’s march, la marcia delle donne.
La prima si era svolta il 21 gennaio 2017,
il giorno dopo l’insediamento di Donald
Trump alla presidenza degli Stati Uniti.
Il movimento, nato per contestare il ses-
sismo di Trump, è stato alimentato negli
ultimi mesi dalla campagna #metoo,
cominciata dopo che decine di donne
hanno denunciato gli abusi commessi
dal produttore cinematograico Harvey
Weinstein. Foto di Caitlin Ochs (Reuters/
Contrasto)
Immagini
Sottocoperta
Garabulli, Libia
16 gennaio 2018

Un gruppo di migranti, in gran parte


eritrei, soccorso dagli attivisti dell’ong
spagnola Proactiva open arms. Erano
su un’imbarcazione con cui volevano
raggiungere l’Europa partendo dalle
coste della Libia. Secondo il ministero
dell’interno italiano, dall’inizio dell’an-
no sono sbarcati in Italia 2.176 migranti
provenienti dalla Libia. Foto di Santi Pa-
lacios (Ap/Ansa)
Immagini
La mano di dio
Qasr el Yahud, Palestina
18 gennaio 2018

Un prete cristiano ortodosso celebra un


battesimo a Qasr el Yahud, un sito sul
iume Giordano vicino a Gerico. In que-
sto luogo, secondo la tradizione, Gesù
fu battezzato da Giovanni Battista.
Qasr el Yahud, che è in Cisgiordania ma
sotto il controllo dell’Amministrazione
civile israeliana ed è gestito dal mini-
stero del turismo d’Israele, è molto fre-
quentato nel periodo dell’Epifania, che
gli ortodossi festeggiano il 19 gennaio.
Foto di Ariel Schalit (Ap/Ansa)
Posta@internazionale.it
La globalizzazione sviluppo economico e tecno- ne di alcuni dipinti del grande Parole
sbagliata logico avrà sempre meno bi- pittore è falsa (per fortuna
sogno di forza lavoro, garan- non sono andati perduti dei
Domenico Starnone
u Nell’articolo di Dani Rodrik tendo salute e benessere a tut- capolavori). Bisognerebbe in-
(Internazionale 1239), che in ti. Serve solo che la politica ri- formare il premio Pulitzer I vecchi
alcune parti è diicile da capi-
re, ho trovato illuminante il pa-
torni a pensare al futuro, e
non al marzo del 2018.
Jerry Saltz.
Oriano Bertoloni
alleati
ragrafo sul Nafta. Il trattato Giovanni Mazzitelli
avrebbe causato negli Stati Errata corrige
Uniti una crisi del mercato del Un dipinto che fa paura
lavoro tra i ceti più deboli, che u Su Internazionale 1239 l’au-
ha avuto come probabile efet- u Vorrei segnalare un’impre- tore dei testi delle cartoline da
to l’elezione di Trump. Un bel- cisione nell’articolo di Jerry Gerusalemme a pagina 72
lissimo esempio di scelte poli- Saltz (Internazionale 1239) è Christian Elia; a pagina 78
tiche errate che portano a con- sulla rimozione del quadro di l’autore del libro Un ragazzo u La campagna elettorale, a
seguenze ancora peggiori. Balthus dal Met di New York. d’oro è Eli Gottlieb; a pagina 82 tratti, si spaccia ancora per un
Emanuele Bernini È solo una leggenda (che non l’evento #IFeelRoma sarà il 27 paesaggio campestre con pa-
ha riscontro storico) che nel gennaio e non il 20; su Interna- stori e pastorelle che zufolano
u Concordo pienamente con 1497, in occasione del cosid- zionale 1238, a pagina 93, Les per richiamare il gregge
le conclusioni di Dani Rodrik. detto falò delle vanità del Filles de Illighadad sono del all’ovile giusto. Nei fatti però,
La globalizzazione è stata e martedì grasso a Firenze, sia- Niger e non della Nigeria. come al solito, è una campa-
sarà sempre l’opportunità mi- no state bruciate opere di San- gna di quelle militari, coi ge-
gliore che abbiamo per creare dro Botticelli. Il pittore era da Errori da segnalare? nerali che mandano i bassi
un mondo più democratico, tre anni un sostenitore della correzioni@internazionale.it ranghi al macello prometten-
più rispettoso dei diritti umani rivoluzione dei costumi savo- do che, dopo botte da orbi, tut-
e dell’ambiente; e paradossal- naroliana, e la sua produzione PER CONTATTARE LA REDAZIONE to verdeggerà, scorreranno
mente è il peggior nemico del pittorica era consona al nuovo Telefono 06 441 7301 iumi di latte e dovunque stil-
capitalismo, che inizia ad ave- spirito. Le sue deposizioni, tra Fax 06 4425 2718 lerà il miele. La novità è che
Posta via Volturno 58, 00185 Roma
re meno possibilità di sfrutta- cui quella conservata al mu- Email posta@internazionale.it l’ennesima età dell’oro è an-
re lavoratori e materie prime a seo Poldi Pezzoli di Milano, ne Web internazionale.it nunciata più a vecchi canuti o
basso costo nei paesi in via di sono una prova. L’articolo in di vituperosa tintura che a ra-
INTERNAZIONALE È SU
sviluppo. È il modo per vivere oggetto è molto interessante e gazzi di alito fresco. Questo
Facebook.com/internazionale
in un pianeta con più di dieci ne condivido il contenuto, ma Twitter.com/internazionale perché i vecchi abbondano e il
miliardi di abitanti, in cui lo l’afermazione sulla distruzio- Instagram.com/internazionale loro peso elettorale è tale che
l’ultima generazione di politici
d’alto rango ha smesso cauta-
Dear Daddy Claudio Rossi Marcelli mente di deinirsi giovane.
Niente più orazioni come: noi
La fata e il topolino ragazzi, noi ragazze intendia-
mo prendere sulle nostre spal-
le il greve paese che ci è tocca-
to in sorte e portarlo verso ma-
Sono cresciuto con la storia “Chi è quello?”, chiedono gli ri, corone danesi e sterline non gniiche sorti. Molti anzi, di si-
del topolino che si prende- altri alla fata del dentino, che hanno mai capito niente di sol- curo giovani, fanno inta di
va i dentini la notte, ma ora risponde: “Lui copre il merca- di. Un giorno però mia iglia ha non esserlo più e al massimo
mio iglio parla di una fati- to europeo”. Il motivo per cui preso in mano una confezione mettono un po’ di foga quando
na: mi devo arrendere la fata sta cominciando ad ave- di Lego in un negozio di Lon- commemorano le allegre rot-
all’americanizzazione di re la meglio sul topolino euro- dra e mi ha chiesto: “Papà, tamazioni di una volta, l’equi-
questa tradizione? –Gigi peo, però, non è solo l’ameri- quanti dentini costa questo?”. parazione dei parlamenti alle
canizzazione: diciamoci la ve- A prescindere dalla valuta che scatolette di tonno. Tutti gli
C’è un ilm d’animazione del rità, l’idea di un ratto che ti ricevevano, i miei igli avevano schieramenti invece, Pd in te-
2012 che s’intitola Le 5 leggende s’inila nel letto mentre dormi capito che il valore d’acquisto sta, hanno riportato in auge il
e ha come protagonisti i più è un incubo per grandi e picci- di un dente restava uguale in tratto che in passato si attribui-
noti personaggi immaginari ni. E in ogni caso ti racconto un ogni paese e l’avevano adotta- va a persone con un po’ d’anni
anglosassoni per bambini: ci episodio che dimostra quanta to come moneta di riferimen- sulle spalle: una ricca espe-
sono Babbo Natale, il coniglio poca diferenza faccia chi por- to. E mentre io mi arrovellavo rienza di competente governo
di Pasqua, Sandman, Jack ta il soldino. Prima di venire in su come gestire la tradizione, e sottogoverno. Anche perché,
Frost e, appunto, la fata del Italia i miei igli hanno abitato loro avevano gli occhi puntati se si vuole condurre vittoriosa-
dentino. A un certo punto in tre paesi diversi e hanno sul contante. mente la campagna, coi vecchi
spunta un topolino vestito da avuto a che fare con valute di- babbioni bisognerà allearsi al-
francese che raccoglie i denti. verse: tra euro, franchi svizze- daddy@internazionale.it meno per inta.

14 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Editoriali

L’errore di Davos
“Vi sono più cose in cielo e in terra, Orazio,
di quante se ne sognano nella vostra ilosoia”
William Shakespeare, Amleto

Direttore Giovanni De Mauro


The Guardian, Regno Unito
Vicedirettori Elena Boille, Chiara Nielsen,
Alberto Notarbartolo, Jacopo Zanchini
Editor Giovanni Ansaldo (opinioni), Daniele Come ha scritto Francis Scott Fitzgerald, “i ricchi proitti monopolistici. Quando scoppia una crisi
Cassandro (cultura), Carlo Ciurlo (viaggi, visti
dagli altri), Gabriele Crescente (Europa), Camilla sono diversi da te e me”: la loro ricchezza li rende sono i governi a salvare le grandi aziende. Gli in-
Desideri (America Latina), Simon Dunaway
(attualità), Francesca Gnetti (Medio Oriente), cinici e gli fa credere di essere “migliori di noi”. terventi pubblici favoriscono i ricchi piuttosto che
Alessandro Lubello (economia), Alessio
Marchionna (Stati Uniti), Andrea Pipino Queste parole sembrano ancora più vere mentre i lavoratori. Queste sono le conseguenze di scelte
(Europa), Francesca Sibani (Africa), Junko Terao
(Asia e Paciico), Piero Zardo (cultura, i miliardari e i manager si riuniscono nella località politiche: le regole sembrano scritte per ridistri-
caposervizio)
Copy editor Giovanna Chioini (web, svizzera di Davos per il Forum economico mon- buire la ricchezza verso l’alto. È ora di rendersi
caposervizio), Anna Franchin, Pierfrancesco
Romano (coordinamento, caporedattore), diale. I rialzi delle borse e i rincari record delle conto che l’attuale modello di globalizzazione ha
Giulia Zoli
Photo editor Giovanna D’Ascenzi (web), Mélissa materie prime hanno convinto la ricca aristocra- spianato la strada ai demagoghi come Donald
Jollivet, Maysa Moroni, Rosy Santella (web)
Impaginazione Pasquale Cavorsi (caposervizio), zia globale che il peggio della crisi inanziaria è Trump. I sostenitori del libero mercato hanno
Marta Russo
Web Annalisa Camilli, Andrea Fiorito, Stefania passato. I magnati possono parlare tranquilla- danneggiato i loro stessi interessi perché non
Mascetti (caposervizio), Martina Recchiuti
(caposervizio), Giuseppe Rizzo, Giulia Testa mente di disuguaglianze e povertà. Ma non fa- hanno capito che trasferire i posti di lavoro in pa-
Internazionale a Ferrara Luisa Cifolilli,
Alberto Emiletti ranno niente al riguardo, perché pensano che i esi con standard sindacali, ambientali e giuridici
Segreteria Teresa Censini, Monica Paolucci,
Angelo Sellitto Correzione di bozze Sara loro interessi non coincidano con quelli degli altri più bassi era una questione di pubblico interesse.
Esposito, Lulli Bertini Traduzioni I traduttori
sono indicati dalla sigla alla ine degli articoli. cittadini. È un errore di proporzioni storiche. I politici non avrebbero dovuto assecondarli sen-
Giuseppina Cavallo, Stefania De Franco, Andrea
De Ritis, Federico Ferrone, Antonio Frate, Giusy Secondo l’ong Oxfam, dal 2015 l’1 per cento za afrontare le conseguenze con investimenti
Muzzopappa, Fabrizio Saulini, Irene Sorrentino,
Andrea Sparacino, Bruna Tortorella, Nicola più ricco del mondo possiede più ricchezza del nello stato sociale e nell’istruzione. Senza un in-
Vincenzoni Disegni Anna Keen. I ritratti dei
columnist sono di Scott Menchin Progetto resto del pianeta. I miliardari pensano che il loro tervento internazionale contro il dumping socia-
graico Mark Porter Hanno collaborato Gian
Paolo Accardo, Gabriele Battaglia, Catherine destino non sia più legato a quello dei poveri. A le, il populismo continuerà a difondersi.
Cornet, Cecilia Attanasio Ghezzi, Francesco
Boille, Sergio Fant, Anita Joshi, Fabio Pusterla, prescindere dalle belle parole di Davos, le grandi Come ha scritto l’economista Branko
Alberto Riva, Andreana Saint Amour, Francesca
Spinelli, Laura Tonon, Guido Vitiello, Marco aziende non ammetteranno mai i loro tentativi di Milanović a proposito dei partecipanti al forum
Zappa
Editore Internazionale spa indebolire i sindacati e contrastare le misure dei di Davos, “si riiutano di pagare un salario de-
Consiglio di amministrazione Brunetto Tini
(presidente), Giuseppe Cornetto Bourlot governi in materia di lavoro, ambiente e privacy. cente, ma inanziano le ilarmoniche”. La crisi
(vicepresidente), Alessandro Spaventa
(amministratore delegato), Giancarlo Abete, Man mano che il ricordo della crisi inanziaria politica ed economica richiede che l’equilibrio
Emanuele Bevilacqua, Giovanni De Mauro,
Giovanni Lo Storto sbiadisce, rispolverano il mito secondo cui non tra gli stati e l’economia globale sia ristabilito. I
Sede legale via Prenestina 685, 00155 Roma
Produzione e difusione Francisco Vilalta dipendono più dagli stati. I lobbisti sostengono ricchi devono smettere di pensare di essere una
Amministrazione Tommasa Palumbo,
Arianna Castelli, Alessia Salvitti che i mercati hanno il pilota automatico e che i classe a sé. Altrimenti l’aumento delle disugua-
Concessionaria esclusiva per la pubblicità
Agenzia del marketing editoriale governi sono solo una seccatura. In realtà i gover- glianze porterà ancora più persone a vivere nella
Tel. 06 6953 9313, 06 6953 9312
info@ame-online.it ni forniscono le infrastrutture e gli investimenti paura invece che nella speranza, e il trumpismo
Subconcessionaria Download Pubblicità srl
Stampa Elcograf spa, via Mondadori 15, di cui le imprese private hanno bisogno. Vigilano diventerà un elemento permanente del paesag-
37131 Verona
Distribuzione Press Di, Segrate (Mi) sui diritti di proprietà, garantendo a chi li detiene gio politico. u as
Copyright Tutto il materiale scritto dalla
redazione è disponibile sotto la licenza Creative
Commons Attribuzione - Non commerciale -
Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.

Armi tedesche contro i curdi


Signiica che può essere riprodotto a patto di
citare Internazionale, di non usarlo per ini
commerciali e di condividerlo con la stessa
licenza. Per questioni di diritti non possiamo
applicare questa licenza agli articoli che
compriamo dai giornali stranieri. Info: posta@
internazionale.it

Registrazione tribunale di Roma


Andreas Flocken, Tagesschau, Germania
n. 433 del 4 ottobre 1993
Direttore responsabile Giovanni De Mauro
Chiuso in redazione alle 20 di mercoledì Il governo tedesco ha sempre sostenuto che le zie alle armi tedesche. Del resto la Germania ha
24 gennaio 2018
Pubblicazione a stampa ISSN 1122-2832 esportazioni di armi dalla Germania sono sotto- anche fornito ai peshmerga curdi fucili d’assalto
Pubblicazione online ISSN 2499-1600
poste a rigide restrizioni. Ma l’intervento militare e missili anticarro per combattere il gruppo Stato
PER ABBONARSI E PER
INFORMAZIONI SUL PROPRIO
turco in Siria dimostra che in futuro bisognerà vi- islamico (Is). Ora l’Is è stato sconitto, ma le armi
ABBONAMENTO gilare più attentamente. Finora vendere arma- sono ancora là. Non si può escludere che prima o
Numero verde 800 111 103
(lun-ven 9.00-19.00), menti ai paesi della Nato non era considerato un poi un carro armato tedesco venga distrutto da un
dall’estero +39 02 8689 6172
Fax 030 777 23 87 problema, dato che l’organizzazione dovrebbe missile tedesco.
Email abbonamenti@internazionale.it
Online internazionale.it/abbonati fondarsi su valori condivisi. L’ofensiva di Afrin Una volta che le armi vengono consegnate, i
LO SHOP DI INTERNAZIONALE però conferma che anche all’interno dell’alleanza paesi esportatori non le controllano più. Il gover-
Numero verde 800 321 717
(lun-ven 9.00-18.00)
atlantica ci sono opinioni molto diverse su cosa è no imbroglia i suoi cittadini sostenendo che non
Online shop.internazionale.it
Fax 06 442 52718
giusto e cosa è sbagliato. ha notizie dell’impiego dei carri armati tedeschi,
Imbustato in Mater-Bi
L’azione di Ankara è una violazione del diritto nonostante tutti i soldi che spende per i servizi
internazionale. Il fatto che i carri armati tedeschi segreti. Le esportazioni di armi, incluse quelle
siano usati per operazioni ofensive illegittime è destinate ai paesi della Nato, devono essere rego-
diicile da tollerare, ma il governo di Berlino non lamentate più attentamente. Questo argomento
può fare niente se non stare a guardare mentre il dovrebbe essere in cima alla lista nelle trattative
conlitto siriano continua a precipitare anche gra- per la formazione del nuovo governo tedesco. u

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 17


Attualità
Rompicapo
siriano
Zvi Barel, Haaretz, Israele
L’attacco turco al territorio Ankara ha anche chiarito che non intende
controllato dai curdi nel nord fermarsi alla provincia di Afrin, ma cerche-
rà di prendere il controllo di Manbij, una
della Siria mette in evidenza città a est di Aleppo controllata dai curdi.
il ruolo dominante della Russia L’obiettivo di questa incursione è chiaro:
nella regione e le diicoltà la Turchia farà di tutto per impedire la crea-
degli Stati Uniti zione di cantoni curdi indipendenti ai suoi
conini, per spezzare la continuità territo-
riale tra le province curde, e per ostacolare
l coordinamento tra Turchia e Rus- il progetto degli Stati Uniti di creare un eser-

I sia è stato completato il 20 genna-


io. Washington era già stata infor-
mata da Ankara della sua intenzio-
ne di entrare nella regione di Afrin,
al conine con la Turchia, e perino
l’ambasciata siriana in Turchia aveva rice-
vuto una lettera sull’avvio dell’operazione
Ramo d’ulivo. Ankara vuole prendere il
controllo della provincia di Afrin e dell’omo-
cito curdo di 30mila unità per pattugliare il
conine turco-siriano.

Rapporti diplomatici
È una mossa ambiziosa che richiederà un
enorme sforzo militare e creerà un grande
buco nelle casse della Turchia. Ma al di là
degli obiettivi militari, la vera domanda è se
la Turchia abbia anche obiettivi politici in
BULEnT KILIc (AFP/GETTY IMAGES)

nima città, controllata dai curdi, nel nord Siria per garantirsi una certa inluenza sulle
della Siria. soluzioni diplomatiche al conlitto, a cui la prevista per la ine di gennaio e a cui i rap-
I resoconti provenienti dall’area sono Russia sta lavorando da mesi. Per raggiun- presentanti dei ribelli, compresi alcuni diri-
ancora confusi. Il primo ministro turco Bi- gere questi obiettivi, la Turchia deve conti- genti curdi, sono stati invitati nonostante
nali Yıldırım il 21 gennaio ha dichiarato che nuare a coordinare le sue mosse con la Rus- l’opposizione della Turchia. Sembra che
l’esercito turco è entrato nella città di Afrin, sia e con l’Iran senza rompere totalmente i inché Ankara starà attenta a non mettere a
ma i curdi l’hanno smentito. I turchi co- rapporti con gli Stati Uniti, oggi ai minimi rischio gli obiettivi della Russia, potrà por-
munque non sembrano intenzionati a fer- storici. tare avanti la sua campagna militare.
marsi. Insieme a circa 25mila soldati Stando alle risposte uiciali di Mosca e La Siria, invece, vede l’invasione della
dell’Esercito siriano libero – la milizia che Washington, la Turchia non troverà grande Turchia come una violazione della sua so-
combatteva contro il regime del presidente opposizione in questa fase. Secondo quanto vranità nazionale e ha chiesto l’immediato
siriano Bashar al Assad e che oggi è diventa- riferito da alcune fonti, la Russia avrebbe ritiro delle truppe turche. Ma le proteste di
ta un gruppo mercenario al soldo della Tur- ritirato le sue truppe da Afrin alla vigilia Assad sono irrilevanti inché la Russia ri-
chia – e con il sostegno dell’aviazione, An- dell’incursione turca, chiedendo solo ad marrà in silenzio. Secondo la stampa turca
kara è decisa a ripulire la provincia da quel- Ankara di non colpire le truppe siriane atti- vicina all’opposizione, Ankara ha raggiunto
li che deinisce “gruppi terroristici curdi”. ve nella vicina provincia di Idlib e nella zona un accordo con Mosca in base al quale non
In questa definizione sono incluse le meridionale di Afrin. La Russia vuole anche solo dovrà accettare che Assad resti al pote-
Unità di protezione del popolo (Ypg) curde mantenere l’accordo raggiunto a settembre re, ma dovrà anche rinnovare i suoi rappor-
e le Forze democratiche siriane, una coali- del 2017 nel sesto ciclo di negoziati per la ti diplomatici con il regime in cambio
zione sostenuta dagli Stati Uniti e formata pace ad Astana, in Kazakistan, che prevede dell’“autorizzazione” ad agire contro i cur-
dalle Ypg e da altri gruppi armati. Tutte la creazione di zone di contenimento del di. Se così fosse, sarebbe un’importante le-
queste milizie sono considerate emanazio- conlitto, tra cui la provincia di Idlib, a circa gittimazione per Assad, che potrebbe ac-
ni del Partito dei lavoratori del Kurdistan cinquanta chilometri da Afrin. contentarsi di fare dichiarazioni contro
(Pkk), contro cui la Turchia sta conducendo Mosca è preoccupata anche dal futuro l’invasione turca senza però avviare alcuna
una guerra su vasta scala nel suo territorio. della conferenza di pace di Soči, in Russia, azione militare.

18 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Mezzi corazzati turchi al conine con la Siria. Hassa, Turchia, 21 gennaio 2018 Da sapere
Incursione turca

14 gennaio 2018 Gli Stati Uniti annunciano la


creazione di una forza militare di 30mila unità
al conine tra Siria e Turchia, composta in parte
da combattenti curdi, per scongiurare il ritorno
dei jihadisti in Siria.
20 gennaio La Turchia lancia un’operazione
militare su Afrin, un territorio controllato dai
curdi nel nordovest della Siria, con l’obiettivo di
eliminare i gruppi armati curdi, che Ankara
considera una minaccia alla sua sicurezza.
22 gennaio Il consiglio di sicurezza dell’Onu
convocato dalla Francia discute dell’ofensiva
turca, ma non la condanna.
23 gennaio Le autorità curde decretano la
“mobilitazione generale” per difendere Afrin.
24 gennaio Alcuni razzi lanciati dal nord della
Siria sulla città turca di Kilis uccidono una
persona e ne feriscono altre tredici.

Anche Washington si sta limitando a de- restino sotto il controllo di Ankara con il to ad Al Qaeda. In base a questo accordo, i
boli dichiarazioni contro l’ofensiva di An- pretesto di una guerra contro i curdi. combattenti di Hayat tahrir al Sham e le for-
kara. I suoi portavoce hanno spiegato che Il risultato è che sia l’Iran sia la Russia ze turche eviteranno di attaccarsi a vicenda
gli Stati Uniti non sono interessati ad Afrin cercheranno di impedire alla Turchia di e potrebbero perino collaborare.
perché non fa parte della battaglia contro il espandere le sue operazioni militari oltre la Gli accordi di Astana garantiscono alla
gruppo Stato islamico (Is). È una motivazio- regione di Afrin, e allo stesso tempo cerche- Turchia di avere voce in capitolo in Siria,
ne di comodo, dato che la guerra contro i ranno di raggiungere un accordo con i curdi almeno inché si troverà una soluzione per
jihadisti è quasi inita, ma servirà da scusa in modo che non servano da scusa per la il paese. I curdi temono che la presenza tur-
per mantenere la presenza di migliaia di presenza turca nel nord della Siria. ca a Idlib e il controllo sempre maggiore
consulenti e combattenti statunitensi che dell’esercito siriano nel sud della provincia
lavoreranno soprattutto con i curdi. In as- Nessuna garanzia potrebbero metterli in pericolo, se non ot-
senza di un coinvolgimento nel processo L’accordo sulla zona di contenimento del terranno da Mosca garanzie contro even-
diplomatico per risolvere la crisi siriana, gli conlitto a Idlib prevede che le forze cecene tuali attacchi. Per ora, tuttavia, nessun pae-
Stati Uniti non hanno altra scelta che segui- agiranno come polizia militare nella parte se sembra avere niente da ofrire ai curdi.
re le mosse della Russia e della Turchia e orientale, mentre quelle russe e iraniane È vero che i russi stanno dando ai curdi
riesaminare di giorno in giorno il sostegno resteranno fuori dai conini della città. Le uno status uiciale e un posto al tavolo della
ai curdi. forze dell’Esercito siriano libero controlle- conferenza di Soči, che l’Iran ha legami con
L’Iran, invece, ha un’altra preoccupazio- ranno la parte occidentale sotto il comando i leader curdi in Siria e che Assad probabil-
ne. Oltre a essere interessato a raforzare il di Ankara. Inine saranno creati degli avam- mente accetterà la loro partecipazione al
regime di Assad, vorrebbe avere un’inluen- posti turchi intorno alla città per vigilare sul governo post-bellico (se rimarrà presiden-
za dominante in Siria dopo la guerra. Ma cessate il fuoco. La Turchia avrebbe inoltre te) e gli concederà una certa autonomia do-
per ottenerla, deve coordinare le sue politi- raggiunto un accordo con il gruppo jihadi- po averli esclusi dal potere per anni. Ma
che con la Russia e soprattutto con la Tur- sta Hayat tahrir al Sham, alcune unità del promesse del genere, se mai saranno fatte,
chia, per evitare che intere parti della Siria quale erano ailiate al Fronte al nusra, lega- non convinceranno necessariamente i cur-

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 19


Attualità
di, data soprattutto la deludente esperien-
za con il governo iracheno e la forte opposi-
zione della Turchia all’idea di dare ai curdi
Il laboratorio curdo
uno statuto autonomo in Siria. I curdi, dal
canto loro, non hanno molte alternative. Di
per un futuro democratico
fatto, devono decidere se sostenere gli sfor-
zi di Mosca o restare sotto la protezione di
Washington, che gli da sostegno militare e
Allan Kaval, Le Monde, Francia. Foto di Ivor Prickett
inanziario, ma non gli garantisce autono-
mia o diritti speciali in Siria. Per i curdi è nei territori sottratti ai jihadisti Forze democratiche siriane (Fds), un grup-
diicile prendere una decisione, perché si nel nord della Siria, i curdi po curdo-arabo alleato della coalizione nel-
rendono conto della debolezza degli Stati la guerra contro lo Stato islamico.
Uniti nel contesto siriano e del ruolo di An-
stanno mettendo in atto un Da allora i muri del cinema di Al Thawra
kara negli equilibri internazionali. modello di governo innovativo. sono stati ridipinti. In una mattina di inizio
“Se gli Stati Uniti devono scegliere tra la che però deve fare i conti con novembre la sala è piena. Sul palco parlano
Turchia e i curdi, sceglieranno la Turchia, e una realtà diicile due donne e due uomini, uno dei quali in-
i curdi lo sanno”, ha dichiarato un attivista dossa la tenuta tradizionale da capo tribale.
curdo. “Washington ha interessi politici ed Sopra di loro c’è un cartello con la scritta:
economici che gli impongono di mantenere a molto tempo non si proiettano “Amministrazione civile democratica di
buoni rapporti con Ankara, specialmente
alla luce della vicinanza della Turchia con
la Russia e della sua cooperazione con
l’Iran”.
Gli Stati Uniti sono destinati a subire
D più ilm nel vecchio cinema di Al
Thawra. La piccola sala appar-
tiene a un’epoca ormai finita,
quando questa città siriana sulle rive
dell’Eufrate era destinata a diventare il cen-
Tabqa”. La nuova struttura amministrativa
creata dai gruppi curdi all’interno delle Fds
ha scelto questo giorno per nominare il suo
consiglio esecutivo, sotto lo sguardo bendi-
sposto e attento dei kadros, i commissari
un’altra sconitta diplomatica in Siria a cau- tro del baathismo autoritario e trionfante politici del movimento curdo, che si rivol-
sa della cattiva pianiicazione o della scarsa degli anni settanta. Qui vivevano gli inge- gono a tutti chiamandoli “compagni”.
comprensione delle dinamiche dell’area. gneri sovietici con le loro famiglie e con
Se prima aveva creduto di poter usare i quelle dei colleghi locali incaricati di co- Un ruolo nella regione
combattenti curdi come mercenari nella struire la vicina diga, un gioiello nazionale Donne e uomini dal isico duro, temprati
lotta contro il gruppo Stato islamico, la- raigurato sulle vecchie banconote da 500 dagli anni di guerriglia, combattenti dalla
sciandoli poi soli di fronte al regime siriano, lire siriane. parola precisa, forgiata attraverso una for-
oggi Washington si trova in un pantano in- Intorno al cinema le strade sembrano mazione teorica implacabile, sono presenti
ternazionale perché le sue politiche verso i tracciate con il righello, le case sono blocchi in tutti i luoghi del nord della Siria dove so-
curdi (in particolare l’idea di creare un eser- di cemento grezzo di quattro piani. Imma- no arrivate le Fds. Il loro ruolo è quello di
cito curdo) hanno iniammato la regione, gini stilizzate di spighe di grano e ingranag- supervisionare l’instaurazione sulle mace-
creando una trappola diplomatica. gi industriali fanno da ornamento. L’insie- rie del “califfato” di istituzioni conformi
Se l’amministrazione statunitense deci- me, costruito secondo i canoni urbanistici all’ideologia messa a punto da Abdullah
derà di continuare a sostenere i curdi, po- in voga all’epoca in Unione Sovietica, allea- Öcalan, il fondatore del Partito dei lavora-
trebbe perdere la Turchia e spingere la Rus- ta del regime siriano, racconta la promessa tori del Kurdistan (Pkk).
sia a lanciare ai curdi un ultimatum impos- non mantenuta di un futuro radioso. In passato marxista-leninista, il movi-
sibile: scegliere tra un ruolo nella futura Si- nel 2014, quattro decenni dopo la sua mento politico e militare curdo in guerra
ria e una guerra contro la Turchia e Dama- costruzione, questo sogno architettonico contro lo stato turco ha quasi la stessa età
sco. Se gli Stati Uniti prenderanno le distan- sovietico perso ai conini della Mesopota- della città di Al Thawra. Fu fondato nel
ze dai curdi, non otterranno necessaria- mia è caduto nelle mani del gruppo Stato 1978, nel corso di una riunione notturna in
mente un riavvicinamento con Ankara, che islamico (Is) come la vicina cittadina di uno sperduto villaggio curdo dell’Anatolia
ha alcuni conti in sospeso con Washington Tabqa. Raqqa, l’ex capitale siriana del calif- orientale, grazie alla volontà di un gruppo
su altre questioni complesse. Inoltre, per- fato jihadista, è una quarantina di chilome- di studenti universitari curdi della Turchia.
deranno quasi sicuramente ogni credibilità tri più a valle. Militanti della sinistra radicale locale, ave-
non solo nella crisi siriana, ma in tutto il Per una strana coincidenza della storia, vano deciso di trasformare il nazionalismo
Medio Oriente. questi quartieri hanno accolto per un po’ di curdo, all’epoca moribondo, in una forza
Il presidente Donald Trump ha rotto i tempo dei jihadisti originari dell’ex Unione anticoloniale contro Ankara.
rapporti con i palestinesi a dicembre, rico- Sovietica. Ma anche la loro utopia totalita- Quarant’anni dopo il Pkk, anche se è an-
noscendo Gerusalemme come capitale ria è ormai superata. nella primavera del cora in guerra contro lo stato turco, ha ri-
d’Israele, ha litigato con il Pakistan a propo- 2017 gli attacchi della coalizione interna- nunciato alla secessione e professa un in-
sito degli aiuti esteri e ha cominciato a di- zionale guidata dagli Stati Uniti li hanno sieme di princìpi che esaltano l’autogestio-
sfare l’accordo nucleare con l’Iran. Un’altra cacciati da questo paesaggio dall’ottimismo ne, il femminismo e l’ecologismo. Il movi-
potente bomba a orologeria lo aspetta appassito, costellato di edifici crollati. A mento si è allontanato dal nazionalismo
all’incrocio tra Afrin e Idlib. u f maggio i jihadisti sono stati sostituiti dalle curdo per abbracciare il progetto di

20 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Combattenti delle Forze democratiche siriane. Hukumya, Siria, 11 ottobre 2017
THE nEW YORK TIMES/cOnTRASTO

un’emancipazione dei popoli del Medio zone, che ofrono al Pkk e ai suoi cugini si- – la coalizione internazionale guidata dagli
Oriente attraverso la loro “autoammini- riani un terreno ideale per mettere in atto la Stati Uniti è intervenuta dal cielo.
strazione” e l’abbandono del modello di loro ideologia. In questo territorio sono sta- Quest’assistenza dell’ultimo minuto si è
stato nazione. te create nuove istituzioni. È stata imposta trasformata in una collaborazione militare
Öcalan, il fondatore venerato come la parità tra i sessi ai vertici. Sono stati istitu- stabile. Le forze curde sono ben organizzate
un’icona, è stato arrestato nel 1999 in Ken- iti i komin (comuni popolari), le cellule di e sostenute da un’ideologia forte che le ren-
ya dalle forze speciali turche ed è ancora base dell’ecosistema sociopolitico guidato de impermeabili al radicalismo islamico.
detenuto in un’isola-prigione del mar di dai kadros. I dirigenti non vogliono prende- Inoltre non considerano la lotta contro Da-
Marmara, al largo di Istanbul. Eppure oggi re parte a una rivoluzione contro il regime masco una priorità e quindi erano l’alleato
il Pkk è più forte che mai. L’organizzazione siriano, che considerano persa in partenza, ideale che mancava alla coalizione per
vuole mantenere il suo radicamento tra i ma approittare dell’assenza del potere per sconiggere lo Stato islamico in Siria.
curdi della Turchia, delocalizzando le basi creare il loro sistema di governo. “Kobane ha cambiato tutto per noi”, ri-
della guerriglia nelle zone montuose del conosce un dirigente curdo, il “compagno”
Kurdistan iracheno per proteggerle meglio Corpo e anima Badran. “c’è stato un cambiamento
e ampliando le sue ramiicazioni in Medio L’organizzazione politica è accompagnata nell’equilibrio delle forze. Siamo diventati
Oriente e in Europa. Tuttavia è stato il con- da un apparato di sicurezza e militare ben partner della coalizione per combattere il
litto siriano che ha permesso al Pkk di co- strutturato. Le Unità di protezione del po- terrorismo. E questo ci ha permesso di ave-
minciare un nuovo capitolo della sua storia, polo (Ypg) e le Unità di protezione delle re sul terreno un ruolo più importante di
ed è stata la lotta contro il gruppo Stato isla- donne (Ypj) sono attive nei tre “cantoni cur- prima”. nel 2015 le Ypg e le Ypj hanno co-
mico che lo ha trasformato in un protagoni- di” di Afrin, nel nordovest della Siria, di Ja- minciato a uscire dalle enclave curde e ad
sta della scena regionale. zira, nel nordest, e di Kobane, alla frontiera avanzare lungo la frontiera turco-siriana
Fin dall’inizio della rivoluzione del 2011 turca. L’ofensiva del gruppo Stato islamico bloccando l’accesso ai jihadisti, e si sono
in Siria, le aree a maggioranza curda del contro questa piccola località curda isolata, preparate a lanciare l’ofensiva su Raqqa.
nord del paese, che a partire dagli anni ot- alla ine del 2014, ha cambiato la situazione. L’aiuto della coalizione è aumentato e le
tanta hanno fornito all’organizzazione di Infatti mentre Kobane era sul punto di ca- unità curde, ormai unite ai loro alleati arabi
Öcalan una parte importante di reclute, so- dere nelle mani dei jihadisti nonostante la nelle Fds, sono avanzate verso sud inendo
no sotto il controllo del Pkk. Il regime siria- resistenza accanita – ripresa dalle teleca- per impadronirsi di Raqqa nell’ottobre del
no conserva una presenza limitata in queste mere di tutto il mondo dalla vicina Turchia 2017, per poi proseguire verso la frontiera

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 21


Attualità
irachena, lungo l’Eufrate e attraverso il de- tribali avevano giurato fedeltà all’Is”, rico- di loro una società distrutta, dove i dirigenti
serto della Siria orientale. nosce lo sceicco Hamid al Freidj, copresi- curdi potevano trovare degli intermediari.
La guerra condotta dalla coalizione in dente del consiglio di Tabqa. “Ma poi sono “La politica non può essere fatta senza l’ele-
Siria ha permesso la creazione di un territo- venuti a conoscere i compagni delle Fds e mento militare”, aveva ammesso la scorsa
rio politico la cui estensione corrisponde c’è stata una riconciliazione. Gli è stata data primavera Allouche nel borgo di Ain Issa,
grosso modo alla riva sinistra dell’Eufrate. una nuova possibilità”. L’ingresso della sa- dove si trova il consiglio civile di Raqqa,
Le Fds, guidate da un gruppo di combatten- la, ormai vuota, è sovrastato da uno slogan mentre le Fds si preparavano a lanciare l’as-
ti curdi, l’hanno organizzato e si sono inca- che recita: “Le nostre vittorie non si deini- salto alla capitale jihadista.
ricate di dargli forma. Questi uomini e que- scono in base al numero di nemici uccisi ma “Prima di ogni ofensiva abbiamo lavo-
ste donne, ispirandosi all’estrema sinistra a quello di chi si unisce a noi”. rato alla creazione di consigli locali compo-
turca e al nazionalismo curdo convertito Da quando l’ideologia dei curdi ha sosti- sti da persone ostili allo Stato islamico, cer-
all’autogestione, stanno amministrando un tuito quella dei jihadisti dello Stato islami- cando al tempo stesso di mantenere i con-
grande territorio in larga maggioranza ara- co, i capi tribali collaborano con il nuovo si- tatti con le igure di spicco delle zone inte-
bo via via che, ofensiva dopo ofensiva, lo stema come si erano adattati al precedente. ressate”, aveva spiegato Allouche. La nasci-
Stato islamico veniva allontanato. ta di queste istituzioni nelle zone sottratte
nell’ex cinema di Al Thawra, mentre La loro esistenza è ai jihadisti è andata di pari passo con il re-
l’amministrazione civile democratica di clutamento di giovani arabi nelle Fds.
Tabqa elegge il suo consiglio esecutivo lo- sacriicata al Pkk e alla La creazione del consiglio civile di Raq-
cale e i suoi comitati paritari, s’intravede sua aspirazione a qa ha seguito questa logica. Allouche aveva
l’avvenire nebuloso del dopoguerra. Il pub- cominciato a lavorare alla sua composizio-
blico composto da ragazze curde in unifor- trasformare la realtà ne già un anno prima dell’inizio delle ope-
me, capi tribali arabi nelle loro vesti tradi- razioni militari. “La coalizione internazio-
zionali, donne con veli a iori e ragazzi in “Bisogna riunire le persone di buona volon- nale ritiene che la sua missione in Siria sia
tenuta sportiva, approva ad alzata di mano tà”, dice un dirigente curdo, il compagno quella di distruggere lo Stato islamico, s’in-
la nomina dei delegati. La sala è tappezzata Shiyar, per giustiicare il paradosso appa- teressa solo all’aspetto militare e non a
da striscioni: “La realtà della nazione de- rente della politica delle Fds: proporre un quello politico”, dice Allouche, rammari-
mocratica è la convivenza dei popoli”; “Le cambiamento rivoluzionario basandosi su candosi per la mancanza di aiuto in campo
donne hanno il diritto di organizzarsi in strutture sociali molto conservatrici. civile da parte degli alleati occidentali delle
modo indipendente”. Fds. Il consiglio civile di Raqqa, anche se è
Gli slogan sono scritti in arabo. La reto- Sostegno locale stato riconosciuto come l’istituzione di rife-
rica è quella dei dirigenti curdi, ma ad Al Il fulcro di questo grande e paradossale pro- rimento per il governo della città e dei suoi
Thawra e a Tabqa non è opportuno ostenta- getto si chiama Omar Allouche. Ex uomo dintorni, non ha molto sostegno a livello
re troppo questa identità. “Siamo prima di d’afari di Kobane, Allouche è un compagno diplomatico. E questo soprattutto a causa
tutto siriani”, dice una kadro curda sulla di strada del movimento curdo. delle relazioni dei paesi occiden-
quarantina davanti al cinema alla ine della Sostiene di essere stato uno dei tali con la Turchia.
riunione. “Partecipiamo alla costruzione di primi ad accogliere Öcalan quan- Per Ankara il territorio con-
una Siria democratica per tutti i popoli se- do nel 1979 si era rifugiato in Siria quistato dalle Fds nel nord della
guendo le idee di Öcalan”, precisa. per sfuggire alle forze di sicurez- Siria è una minaccia esistenziale,
I vestiti semplici che indossa la kadro, il za turche. Dopo il ritorno dell’or- anche perché intanto il Pkk conti-
suo aspetto militare nonostante gli abiti ci- ganizzazione nel paese, Allouche ha messo nua la sua guerriglia contro l’esercito nelle
vili, le espressioni curde inframmezzate dai a disposizione le sue conoscenze e una va- regioni curde del sudest della Turchia, vici-
neologismi tipici del movimento racconta- sta rete di contatti con le personalità arabe. ne al territorio delle Fds. Per questo motivo
no la natura di un’organizzazione in grado “Fin dall’inizio sapevamo di dover contare la natura rivoluzionaria del movimento, la
di trasformare il corpo e l’anima di chi ne fa sulle popolazioni arabe e che il nostro pro- portata del suo progetto e la sua vocazione
parte. Quest’avanguardia che si è formata getto in Siria non sarebbe stato solo un pro- universalista tendono a non essere capite
nelle retrovie dell’organizzazione, nel Kur- getto curdo”, spiega Allouche. dagli interlocutori stranieri. Spesso consi-
distan iracheno, viene inviata ovunque il I tre territori curdi del nord del paese, derato come un semplice rappresentante
movimento è impegnato militarmente, go- che il movimento aspirava a riunire in una degli interessi della minoranza curda siria-
verna o ha dei sostenitori. I suoi militanti striscia di territorio continua, sono separati na, il movimento riiuta questa idea, con-
hanno perso i nomi di battesimo, sostituiti da vaste zone popolate da arabi. “Avevamo vinto che le sue rivendicazioni non riguar-
da pseudonimi. non possono sposarsi né cominciato creando dei partiti politici arabi dino i diritti di una sola popolazione ma un
possedere beni materiali. La loro esistenza ma non ha funzionato. L’unica soluzione modello di governo.
è sacriicata al Pkk e alla sua implacabile era appoggiarsi alle tribù”, dice Allouche. “Le persone che guidano questo proget-
aspirazione a trasformare la realtà. L’inizio della collaborazione tra le forze to pensano che gli stati nazione abbiano
Davanti al cinema la loro presenza si di- curde e la coalizione internazionale ha in- fallito. Bisogna continuare a cancellare ogni
stingue da quella delle autorità tribali della coraggiato i dirigenti delle Fds a proseguire traccia di nazionalismo dalla loro politica”,
regione, note per aver legato con i vecchi su questa strada. Quando hanno comincia- osserva Hikmet al Habib, un arabo che fa
signori jihadisti di Tabqa. “certo, molti capi to a ritirarsi, i jihadisti hanno lasciato dietro parte di una delle strutture di governo crea-

22 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Combattenti delle Forze democratiche siriane. Raqqa, Siria, 12 ottobre 2017
THE nEW YORK TIMES/cOnTRASTO

te dalle Fds a Qamishli. “Stanno facendo vincia di Deir Ezzor e dal giacimento di gas continuerà a evolvere e a organizzarsi in-
degli sforzi. All’inizio i curdi chiamavano di Al Omar, il più grande della Siria. ché avrà lo spazio per farlo.
questa zona ‘Kurdistan occidentale’, poi Ma anche se le due parti avevano un in- I curdi sono disposti a negoziare con Da-
Rojava (“ovest”, in curdo), ora parlano di teresse reciproco a collaborare, la loro visio- masco l’integrazione delle Fds – che dopo la
nord della Siria”. Anche se la direzione delle ne del futuro è diversa: il regime di Bashar battaglia di Raqqa sono diventate sempre
Fds resta essenzialmente curda, la forma- al Assad vuole riprendere possesso di tutto più numerose – in un nuovo esercito siriano
zione dei quadri locali è cominciata. “non il territorio nazionale e restaurare la sua au- e a condividere il controllo delle frontiere e
c’è bisogno di mandarli sulle montagne”, torità. Le Fds invece vogliono ottenere il ri- dei redditi provenienti dallo sfruttamento
assicura Al Habib. “Qui sono state create conoscimento formale dei risultati politici delle risorse naturali. Il regime invece mol-
scuole per formare i kadros arabi”. L’inse- ottenuti nel nord del paese con una nuova tiplica i segnali negativi, che rivelano il suo
gnamento oferto in queste scuole è ispirato costituzione. “Riiutiamo qualunque solu- irrigidimento. Il nord della Siria è indicato
all’ideologia del movimento. zione locale con il regime senza un accordo come un luogo da riconquistare e i suoi am-
generale”, aferma Fawza Yussef, dirigente ministratori come “traditori”.
Rischi e speranze del movimento curdo in Siria. “Le intese non potendo contare sul sostegno della
con la ritirata del gruppo Stato islamico, locali permettono al regime di raforzarsi e coalizione, il movimento spera in un even-
l’ex territorio del califato in Siria è ormai di ridiventare una minaccia tra qualche an- tuale ruolo di mediazione della Russia, alle-
diviso tra il movimento curdo e i suoi alleati no. Vogliamo un cambiamento della costi- ata del regime e con cui cooperava nella
locali da una parte e il regime di Damasco tuzione e la costruzione di una Siria federa- provincia curda di Afrin, nel nordovest del
dall’altra. “In Siria oggi ci siamo solo noi e il le e democratica. Fino a quando questo ac- paese. L’atteggiamento provocatorio di Da-
regime”, ricordava dopo la caduta di Raqqa cordo non sarà trovato, continueremo a masco e la retorica sempre più aggressiva
la compagna Badran: “O si collabora o è il raforzare il nostro modello: un’autonomia dei suoi leader rischiano però di provocare
caos”. Di fatto il movimento curdo e le Fds geograica che non è fondata sull’apparte- problemi tra gli alleati arabi del movimento
controllano non solo il granaio del paese, nenza etnica”. curdo. Lo ammette anche Hikmet al Habib:
ma anche le sue infrastrutture idroelettri- A ottobre e a dicembre si sono tenute le “Molti capi tribali sono degli opportunisti
che e le risorse naturali più importanti. elezioni locali e legislative nelle zone sotto che vanno dove soia il vento. E ora che lo
nell’autunno del 2017, dopo la caduta di il controllo delle Fds. Questo voto, che non Stato islamico è stato sconitto e che ci tro-
Raqqa, le Fds hanno cacciato i jihadisti dai era determinante da un punto di vista poli- viamo faccia a faccia con il regime, esitano
grandi giacimenti di idrocarburi della pro- tico, mirava a rafforzare un sistema che a prendere posizione”. u adr

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 23


Europa
Non serve
il nazionalismo

a politica estera non si fa con

“L le manifestazioni”, scrive il
quotidiano greco Efime-
ryda ton Syntakton. “I cor-
tei nazionalisti dei primi anni novanta per
ANGELoS TZoRTZINIS (PIcTURE-ALLIANcE/DPA/AP/ANSA)

la questione macedone avrebbero dovuto


insegnarci qualcosa. Speravamo che tutti
avessero imparato. Ma alcuni sono incor-
reggibili. Il 21 gennaio a Salonicco, in Gre-
cia, c’è stato un grande corteo, sostenuto da
diversi movimenti politici e religiosi.
L’obiettivo dei manifestanti è impedire che
il termine ‘Macedonia’ sia incluso nel nome Salonicco, 21 gennaio 2018
del paese vicino. Se l’operazione avesse
successo, porterebbe alla revisione unilate-
rale del trattato di Bucarest del 1913, che La disputa interminabile
stabilì i conini dei paesi balcanici e assegnò
la Macedonia storica per il 51 per cento alla sul nome della Macedonia
Grecia, per il 39 all’allora Serbia, per il 9,5
alla Bulgaria e per lo 0,5 all’Albania. E fareb-
be rinnegare ad Atene tutti i trattati interna-
Vassilis Nedos, Kathimerini, Grecia
zionali che ha sottoscritto riconoscendo la
Repubblica di Macedonia nel contesto della a mediazione lanciata dalle Nazio- ne. Invece il partito di centrodestra Nuova
Jugoslavia allora unita. Ma cosa vogliono
davvero gli organizzatori della manifesta-
zione? Isolare la Grecia a livello diplomati-
co e mettere in discussione i rapporti con i
vicini? Non capiscono che chi sida l’equili-
L ni Unite a gennaio avrebbe dovuto
risolvere la disputa che da 25 anni
oppone la Grecia e la Macedonia.
Atene non accetta che la repubblica ex jugo-
slava si chiami come la sua provincia nor-
democrazia e la coalizione di centrosinistra
Allineamento democratico hanno chiarito
di non voler intervenire in soccorso del go-
verno, e Kammenos si ritrova nella diicile
posizione di dover decidere se approvare
brio internazionale mette in discussione doccidentale e sta bloccando l’accesso di una soluzione che includerà “Macedonia”
prima di tutto il proprio equilibrio?”. Skopje all’Unione europea e alla Nato. Ma il nel nome dello stato vicino, un’ipotesi a cui
“La manifestazione di Salonicco ha avu- negoziato è complicato dalle tensioni inter- si era opposto.
to una partecipazione di gran lunga inferio- ne in entrambi i paesi. A Skopje, intanto, preoccupa lo scontro
re ai cortei di vent’anni fa”, aferma il quoti- Ad Atene la chiave per superare l’impas- fra il premier di centrosinistra Zoran Zaev e
diano di Skopje Nova Makedonija. “E ha se sembra essere la linea di Panos Kamme- il presidente nazionalista Gjorge Ivanov.
avuto il sostegno uiciale di due sole forze nos, leader del partito conservatore Greci Zaev dovrebbe incontrare Tsipras a margi-
politiche: l’Unione dei centristi e gli estre- indipendenti, che sostiene il governo gui- ne del Forum economico mondiale a Da-
misti di destra di Alba dorata. Stupisce, in- dato da Alexis Tsipras. Kammenos sperava vos. Il passo successivo sarebbe un incontro
vece, che anche diversi esponenti della in un ampio consenso politico alla soluzio- fra i ministri degli esteri dei due paesi, a feb-
chiesa ortodossa abbiano organizzato una braio. Tra i nomi proposti dall’inviato delle
protesta e che il metropolita di Salonicco, Nazioni Unite Matthew Nimetz per lo stato
Anthimos, abbia afermato che la Macedo- ex jugoslavo, Atene sembra preferire Repu-
nia è sempre stata e sarà sempre greca. blika Vardarska Makedonija (Repubblica
Questo dimostra che in Grecia ci sono an- della Macedonia del Vardar, il principale
cora igure pronte a manipolare i sentimen- iume del paese). Skopje invece propende
ti religiosi per ini politici. È positivo, invece, per Republika Nova Makedonija (Repubbli-
il fatto che alcune organizzazioni di sinistra ca della nuova Macedonia). Mentre la Gre-
e anarchiche abbiano organizzato una con- cia e la Macedonia sono alle prese con le
troprotesta per condannare ogni nazionali- divisioni interne e le manifestazioni di pro-
smo. In Grecia sembrano inalmente esser- testa contro l’iniziativa delle Nazioni Uni-
ci delle forze che chiedono apertamente la te, la Russia, gli Stati Uniti, l’Unione euro-
ine delle assurde politiche portate avanti pea e la Turchia stanno tutti cercando d’in-
inora nei confronti del nostro paese”. u luenzare il risultato delle trattative. u gac

24 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Sandhurst, Regno Unito germania Polonia

le donne
l’ultima cartuccia si mobilitano
HANNAH MCkAy (rEUTErS/CoNTrASTo)

Le donne polacche sono di nuo-


Die Zeit, Germania vo scese in piazza per difendere
“Grande coalizione o la ine: Angela il diritto all’aborto. A poco più di
un anno dai grandi cortei della
Merkel e Martin Schulz non hanno
ine del 2016, il 17 gennaio mi-
scelta”, scrive il settimanale tedesco gliaia di donne hanno manife-
Die Zeit. Quattro mesi dopo le stato a Varsavia e in altre città
Francia elezioni, però, la conclusione della del paese contro due recenti de-
l’ofensiva trattativa fra la Cdu di Merkel, i suoi cisioni del parlamento, che da
alleati bavaresi della Csu e l’Spd di una parte ha bocciato il progetto
di Macron Schulz per dare un nuovo governo alla di rendere legale l’aborto ino al-
la dodicesima settimana di gra-
Come la politica, anche la di- Germania sembra ancora lontana. Il
vidanza, dall’altra ha votato per
plomazia ha paura del vuoto. 21 gennaio il congresso dell’Spd ha approvato, dopo un far proseguire l’iter di una pro-
Approittando della debolezza lungo dibattito, l’accordo preliminare raggiunto il 12 posta di legge che vieta l’inter-
dei leader degli altri grandi pae- gennaio con la Cdu e la Csu. Ma il margine è stato più ruzione di gravidanza per mal-
si europei – la tedesca Angela stretto del previsto: quasi metà dei delegati ha votato formazioni e malattie genetiche
Merkel impegnata nella forma- del feto. “Le donne riprendono
contro. L’opposizione più forte viene dall’ala giovanile del
zione del governo, la britannica la protesta contro le intrusioni
Theresa May assorbita dai ne-
partito, secondo cui dopo aver ottenuto il peggior
della politica e i tentativi di limi-
goziati sulla Brexit, l’italiano risultato elettorale della sua storia l’Spd dovrebbe passare
tare l’accesso all’aborto”, scrive
Paolo Gentiloni in campagna all’opposizione per reinventarsi. Una linea che sembra Newsweek Polska. “E scandi-
elettorale e lo spagnolo Maria- rilettere quella dei giovani tedeschi, la maggior parte dei scono slogan come ‘La vostra
no rajoy impelagato nella crisi quali è decisamente contraria a una nuova grande legge ci uccide’”.
catalana – il presidente francese coalizione, e che mette in dubbio l’approvazione Varsavia, 17 gennaio 2018
Emmanuel Macron ha lanciato
dell’accordo inale da parte dei 400mila iscritti dell’Spd.
una nuova ofensiva diplomati-
ca, ribattezzata dai mezzi d’in-
Schulz potrebbe chiedere una revisione dell’accordo per
formazione “France is back”. guadagnare consensi, ma la Csu ha già escluso
CZArEk SokoLowSkI (AP/ANSA)

Dopo aver presentato varie pro- qualunque modiica. ◆


poste di riforma dell’Unione
europea nel 2017, Macron ha
avviato una serie d’incontri con bulgaria 1 gennaio ha assunto la presi-
i leader europei per convincerli
a seguirlo. Il 19 gennaio ha rice-
in difesa denza di turno del Consiglio
dell’Unione europea. “Le prote-
vuto Merkel a Parigi per discu- dell’ambiente ste cercano di salvaguardare un
tere del futuro dell’Europa e an- bene comune, che non deve es-
nunciare un nuovo trattato Dalla ine di dicembre del 2017 sere danneggiato per il proitto in breve
dell’Eliseo cinquant’anni dopo migliaia di cittadini scendono in di pochi”, scrive il sito Barica- Francia Il 18 gennaio gli agenti
la storica intesa franco-tedesca. piazza a Soia ogni settimana da. “Il governo accusa i manife- penitenziari sono entrati in scio-
Il giorno prima aveva celebrato per protestare contro una nuova stanti di ostacolare lo sviluppo pero in varie prigioni del paese
con May (nella foto) l’Intesa cor- legge che apre la strada all’edii- economico del paese, ma in re- per chiedere migliori condizioni
diale con il regno Unito, rilan- cazione di vaste aree del parco altà cerca solo di realizzare rapi- di sicurezza dopo una serie di
ciato la cooperazione militare e nazionale del Pirin. I manife- di guadagni, senza pensare alle aggressioni, soprattutto da parte
irmato una riforma degli accor- stanti chiedono il ritiro della conseguenze delle sue scelte”. di detenuti jihadisti.
di sulla gestione dei lussi di mi- norma e le dimissioni di Neno Ucraina Il parlamento ha ap-
Soia, 11 gennaio 2018
granti attraverso la Manica. Il Dimov, il ministro dell’ambien- provato il 18 gennaio una legge
22, inine, ha ricevuto a Versail- te scelto dal partito di estrema che deinisce “occupazione
SToyAN NENoV (rEUTErS/CoNTrASTo)

les i dirigenti di 140 multinazio- destra Patrioti uniti, alleato del temporanea russa” il conlitto
nali per promuovere la Francia premier Bojko Borisov. Il gover- nell’est del paese.
come polo europeo dell’innova- no minimizza le conseguenze Ungheria Il 18 gennaio il gover-
zione. Macron ha fretta, osserva sull’ambiente delle norme ap- no ha presentato un progetto di
Le Monde, perché sa che “per provate e riiuta di tornare sui legge che prevede una tassa del
riformare l’Unione avrà tempo suoi passi. Le manifestazioni si 25 per cento sui inanziamenti
ino alle elezioni europee di stanno svolgendo in un momen- esteri alle ong accusate di favo-
maggio del 2019”. to delicato per la Bulgaria, che il rire l’immigrazione.

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 25


Africa e Medio Oriente
Sostenitori di Merera Gudina, Addis Abeba, 17 gennaio 2018 to le richieste di maggiore libertà politica.
Le nuove proteste sono coincise con un
conlitto tra gli abitanti di due regioni fede-
rali contigue, la Somali e l’Oromia. Questi
scontri hanno causato centinaia di morti e
costretto 700mila oromo a fuggire dalla
regione Somali.
La situazione è grave: in tutto il paese
gli sfollati sono decine di migliaia. Nel sud
dell’Oromia c’è il rischio di carestia per
mancanza di cibo e di aiuti umanitari. Il
TIkSA NEGErI (rEuTErS/CONTrASTO)

governo federale, accusato dagli attivisti


oromo di sostenere i loro avversari, è rima-
sto a guardare.

Dichiarazioni ambigue
Il Fronte democratico rivoluzionario del
popolo etiope (Eprdf ), il partito al potere
dal 1991, sta afrontando una crisi di legit-
timità perché i suoi leader hanno disatteso

I prigionieri politici una promessa di riforma dopo l’altra.


Il 3 gennaio i mezzi d’informazione lo-
cali e internazionali avevano dato la noti-
che l’Etiopia deve liberare zia che Desalegn si era impegnato a libera-
re “tutti” i prigionieri politici. Ma poche
ore dopo le autorità avevano rettificato,
afermando che in Etiopia non c’erano de-
tenuti di questo tipo. È vero che Desalegn
Mohammed Ademo, Mail & Guardian, Sudafrica
non ha mai ammesso l’esistenza dei prigio-
Il 17 gennaio Addis Abeba ha conciliazione nazionale, ma resterà solo nieri politici nel suo paese ma, seppur va-
scarcerato il leader un gesto simbolico, se non sarà seguito da ghe, le sue dichiarazioni iniziali sembrava-
riforme e dalla scarcerazione dei prigio- no chiare a tutti. Tranne, forse, ai ministri
dell’opposizione Merera nieri politici e dei giornalisti detenuti a del suo governo. Negli ultimi 26 anni il go-
Gudina. Ma le autorità devono causa di leggi repressive. verno etiope ha usato il sistema giudiziario
fare di più se vogliono che nel Merera era stato arrestato nel dicembre per rinchiudere in carcere e zittire gli op-
paese torni la pace sociale del 2016 dopo che, intervenendo al parla- positori, reali o immaginari. Non ci sono
mento europeo, aveva criticato la decisio- stime precise sul numero di detenuti per
ne del governo etiope di proclamare lo sta- reati d’opinione in Etiopia, ma secondo le
ue settimane dopo che il primo to d’emergenza in risposta alle proteste organizzazioni per i diritti umani sono de-

D ministro Hailemariam Desa-


legn aveva promesso di liberare
i politici rinchiusi in carcere, il
17 gennaio l’Etiopia ha rilasciato 115 dete-
nuti, tra cui un leader dell’opposizione,
nella regione dell’Oromia. Nell’agosto del
2017 lo stato d’emergenza è stato revocato,
ma Merera e altre decine di migliaia di per-
sone arrestate nei mesi precedenti sono
rimaste in carcere. Dopo la ine dello stato
cine di migliaia.
Gli etiopi hanno bisogno di un cambia-
mento. Le ondate di protesta e repressione
rischiano di minare i progressi economici
che il paese ha registrato negli ultimi dieci
Merera Gudina. d’emergenza, le manifestazioni sono rico- anni. Donatori e investitori stranieri sono
La sua liberazione è un sollievo per il minciate, perché il governo non ha ascolta- preoccupati. Per garantire stabilità all’Etio-
paese, dove da tre anni si moltiplicano le pia, il rilascio di Merera dovrebbe essere
proteste contro il governo. Merera, 61 an- seguito dalla liberazione di tutti quelli che
ni, è un ex parlamentare e il capo del Con- sono initi in carcere per aver esercitato il
gresso federalista oromo, il partito d’oppo- diritto a riunirsi e a esprimersi liberamen-
sizione che rappresenta gli oromo, il più te. Tuttavia al momento non ci sono garan-
grande gruppo etnico del paese. Da sem- zie neanche del fatto che Merera e gli altri
pre una voce critica nei confronti del go- non torneranno dietro le sbarre. Solo quan-
verno, Merera ha lottato a lungo per la de- do tutti i prigionieri politici saranno usciti
mocrazia in Etiopia, proponendo una poli- dal carcere e i diritti fondamentali degli
tica che andasse oltre le divisioni partitiche etiopi saranno rispettati, si potranno pren-
ed etniche. La sua uscita dal carcere può dere sul serio le promesse del governo di
essere il primo passo di un processo di ri- Addis Abeba. u gim

26 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Yemen RDc

i manifestanti
La guerra in città
THOMAS MUKOYA (REUTERS/CONTRASTO)

sidano kabila
Nella Repubblica Democratica
Al Araby al Jadid, Regno Unito del Congo il 22 gennaio sono
state arrestate circa 250 perso-
“La vera vita è altrove”, titola Al Araby al ne, tra cui dieci preti cattolici,
Jadid, descrivendo Sanaa, la capitale accusate di essere scese in piaz-
dello Yemen, dove la guerra civile è in za a manifestare contro il gover-
corso da quasi tre anni. La città è deserta no, sidando il divieto imposto
kenYa dal presidente Joseph Kabila,
e le persone non escono per paura degli
L’ultimatum scontri tra i ribelli sciiti houthi e i scrive Africa News. Il 21 gen-
naio ci sono state proteste in va-
di Odinga sostenitori dell’ex presidente Ali Abdullah
rie città, tra cui Kinshasa, Kisan-
Saleh, ucciso a dicembre. “Gli abitanti gani e Bukavu. Almeno sei per-
Raila Odinga (nella foto), il can- sono come fantasmi”, scrive Bechri sone sono morte e altre cin-
didato alle elezioni presidenzia- Maktari, inviato del quotidiano panarabo. L’eco della quanta sono rimaste ferite negli
li del 2017 che con il suo ritiro guerra si sente anche ad Aden, la città nel sud del paese scontri con le forze dell’ordine.
aveva permesso la vittoria del
sede del governo riconosciuto dalla comunità
presidente uscente Uhuru Ken-
yatta, ha fatto sapere che il 30
internazionale. Il 21 gennaio il Consiglio di transizione
in bReve
gennaio si autoproclamerà pre- del sud, un gruppo di separatisti sostenuto dagli Emirati
Libia Il 23 gennaio almeno 34
sidente e formerà un governo ri- Arabi Uniti, ha dichiarato lo stato di emergenza nella città persone sono morte nell’esplo-
vale, se il capo dello stato non portuale e ha minacciato di rovesciare il governo di Abd sione di due autobombe davanti
intavolerà dei negoziati, scrive Rabbo Mansur Hadi, accusato di corruzione e di afamare a una moschea a Bengasi.
Nairobi News. Il 22 gennaio il paese. Il 22 gennaio la coalizione militare guidata Obiettivo dell’attentato erano le
nella capitale keniana centinaia milizie del maresciallo Khalifa
dall’Arabia Saudita ha annunciato che destinerà un
di attiviste per i diritti delle don- Haftar, che controllano gran
ne hanno protestato per il man-
miliardo e mezzo di dollari in aiuti umanitari allo Yemen.
parte della città.
cato rispetto della costituzione, Inoltre aumenterà la capacità dei porti yemeniti e creerà
Niger Sette soldati sono morti e
in base alla quale le donne devo- diciassette corridoi umanitari. Lo stesso giorno nove 17 sono rimasti feriti il 17 genna-
no occupare un terzo dei seggi persone sono morte nei bombardamenti della coalizione io in un attacco del gruppo Boko
in parlamento e degli incarichi nel nord dello Yemen. u haram nel sudest del paese.
di governo. L’esecutivo di Ken-
yatta è formato da soli uomini.
Da Ramallah Amira Hass
isRaeLe-paLestina
Quattro case demolite
L’annuncio
e l’appello
Sabato scorso un amico mi ha come “pentola a pressione”: i tivo di orgoglio, ma non credo-
In un discorso al parlamento portata a Jenin, in Cisgiorda- soldati circondano la casa, in- no che ci sia stato uno scontro
israeliano il 22 gennaio il vice- nia. Voleva andare a trovare la vitano gli abitanti a uscire e, se a fuoco. Ismail non aveva mai
presidente statunitense Mike sua famiglia estesa, i Jarrar, la persona che stanno cercan- mostrato interesse per le armi.
Pence ha detto che l’ambasciata
che avevano perso un iglio e do non è tra quelle che trema- Oltre alla sua casa sono state
degli Stati Uniti sarà trasferita
quattro case in un raid israelia- no in strada per il freddo, lan- abbattute altre tre abitazioni
da Tel Aviv a Gerusalemme en-
no due giorni prima. Io sono ciano un razzo sulla casa. Se della famiglia, tra cui una con
tro il 2019. L’annuncio ha scate-
nato le proteste dei deputati ara-
andata per raccogliere testi- neanche questo convince tutti sei inquilini ancora dentro (il
bi, che sono stati allontanati, ri- monianze. La stampa israelia- a uscire, i bulldozer comincia- più piccolo di appena sei anni).
ferisce The Palestine Chroni- na, aidandosi alle fonti mili- no ad abbattere i muri. L’ultima casa demolita era
cle. Lo stesso giorno il presiden- tari, si è limitata a parlare della Un cugino del sospettato, abitata da ricordi, non da per-
te palestinese Abu Mazen è an- demolizione di una casa per- Ahmed Ismail, è stato ucciso sone. Le ultime a viverci erano
dato a Bruxelles dove ha chiesto ché i soldati non riuscivano a durante l’operazione, a quanto state due vecchie sorelle, da
ai ministri degli esteri dei 28 sta- trovare Ahmed Nasser, so- pare in uno scontro a fuoco cui andavano a giocare i bam-
ti dell’Unione europea di rico- spettato di aver ucciso un colo- con i soldati, due dei quali so- bini della famiglia Jarrar, com-
noscere rapidamente la Palesti- no israeliano. In realtà si è no rimasti leggermente feriti. preso il mio amico che oggi ha
na come stato indipendente. trattato di un’operazione nota Per la famiglia sarebbe un mo- 55 anni. u as

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 27


Americhe
Il Brasile preoccupato
per la febbre gialla
Angela Pinho, Folha de S.Paulo, Brasile
Nelle foreste dello stato
di São Paulo, dove sono
aumentati i casi di persone che
hanno contratto la febbre gialla,
un gruppo di scienziati cerca
e studia le zanzare infette

resa!”, grida Gilmar Paiva

“P Silva in mezzo alla foresta di


NeLSoN ALMeIDA (AFP/GeTTy IMAGeS)

Mairiporã, nella regione


metropolitana di Grande
São Paulo. I colleghi si avvicinano per guar-
dare il contenitore che ha appeso al collo:
dentro c’è una zanzara Sabethes. “Tutti gli
insetti di questo gruppo sono sospetti ino
a nuovo ordine”, aferma la biologa Juliana
Telles de Deus. Le zanzare Haemagogus e Vaccinazione contro la febbre gialla a São Paulo, 25 ottobre 2017
Sabethes sono tra i vettori che trasmettono
la febbre gialla. Telles de Deus, ricercatrice mostrerebbe che i casi attuali appartengono mantenere intatti gli insetti, che saranno
della sovrintendenza per il controllo delle alla varietà silvestre della malattia, ovvero divisi per specie nel laboratorio della Su-
malattie (Sucen), coordina le squadre che un virus che circola solo nelle zone rurali e cen e inviati all’Adolfo Lutz per individuare
lavorano sul campo per scoprire quali zan- nelle foreste. l’eventuale carica virale. Il lavoro nella re-
zare trasmettono la malattia. gione inirà quando non ci saranno più casi
Il 17 gennaio una squadra è andata in Poche scimmie di febbre gialla, un traguardo diicile da
una foresta nella zona di Mairiporã, a una Il 17 gennaio la Sucen ha lavorato a due- raggiungere a breve termine. “Nella fore-
quarantina di chilometri da São Paulo, vici- cento metri dalla casa di una persona con- sta piove molto e ci sono poche scimmie.
no all’abitazione di una persona che aveva tagiata. In precedenza un operaio della Le zanzare scendono dagli alberi alla ricer-
contratto la febbre gialla. L’identiicazione squadra aveva aperto un piccolo sentiero a ca di cibo e possono infettare gli esseri
di un caso è il punto di partenza: a partire colpi di machete. All’inizio gli esperti umani”, spiega Boulos. u as
dai dati clinici e dalla storia clinica del pa- aspettano le zanzare, attirate dall’anidride
ziente, la Sucen decide dove andare a cer- carbonica prodotta dalla respirazione e Da sapere
care le zanzare che trasmettono la malattia. dall’acido lattico del sudore. Per catturarle
Se la persona malata ha attraversato delle si usa il puçá, uno strumento simile a un
La malattia
zone urbane, bisogna esaminarle per verii- retino per farfalle. Dopo aver intrappolato u La febbre gialla è una malattia provocata da
care l’eventuale presenza di zanzare vettori un esemplare, lo spingono in un contenito- un virus trasmesso agli esseri umani, e agli
del virus, come l’Aedes aegypti. Una volta re. È importante mantenere le zanzare in altri primati, dalla puntura di alcuni tipi di
individuate, l’istituto Adolfo Lutz, a São vita il più a lungo possibile per veriicare la zanzare infette. Dal 1 luglio 2017 al 14 gennaio
Paulo, stabilirà se sono infette. Indipenden- presenza del virus. Per aumentare le possi- 2018 in Brasile ci sono stati 35 casi confermati
temente dalla risposta, il risultato può de- bilità di trovare un insetto infetto bisogna di persone che hanno contratto la malattia e
terminare un’azione d’emergenza. “Infatti raccogliere decine di zanzare al giorno, ri- 145 casi sospetti. Venti persone sono morte. Gli
stati più colpiti sono quelli di São Paulo (venti
se in una zona urbana incontriamo molte petendo la sequenza ino al tardo pomerig-
casi, undici morti) e di Minas Gerais (undici
zanzare possiamo spruzzare insetticida”, gio, quando le Sabethes e le Haemagogus
casi, sette morti). Data l’alta mortalità,
spiega l’infettivologo Marcos Boulos. cominciano a tornare sulle cime degli al- l’organizzazione mondiale della sanità (oms)
L’Aedes aegypti è il principale vettore beri. A quell’ora la squadra della Sucen si ha raccomandato la vaccinazione contro la
della febbre gialla urbana, eradicata dal prepara a lasciare la foresta. I contenitori febbre gialla ai viaggiatori stranieri che a
Brasile nel 1942. Finora non è stata trovata vengono messi in un barile con azoto liqui- febbraio andranno in Brasile per il carnevale.
nessuna zanzara Aedes infetta, e questo di- do a una temperatura di -170 gradi per Organizzazione mondiale della sanità

28 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Stati Uniti STATI UNITI

Il governo torna
L’anno del risveglio in attività
MarCo BeLLo (reuters/CoNtrasto)

“Dopo tre giorni di stallo, il 22


Time, Stati Uniti gennaio i democratici e i repub-
blicani hanno trovato un accor-
Il 21 gennaio 2017 mezzo milione di
do al congresso per mettere ine
persone partecipò alla marcia delle allo shutdown, il blocco dei i-
donne su Washington, per nanziamenti al governo federa-
denunciare il sessismo di Donald le”, scrive The Atlantic. I de-
VENEZUELA trump, appena entrato in carica mocratici hanno accettato di vo-
Verso come presidente degli stati uniti. tare una legge che inanzierà le
attività del governo ino all’8
le elezioni un anno dopo l’indignazione si è
febbraio, e in cambio i repubbli-
trasformata in impegno politico.
cani hanno accettato di discute-
“Il 23 gennaio l’assemblea na- secondo Time c’è un aumento re una norma per regolarizzare
zionale costituente, eletta ad senza precedenti di donne che si candidano, dal la posizione dei dreamers, gli im-
agosto e formata da sostenitori congresso ai parlamenti locali ino ai consigli scolastici. migrati senza documenti arriva-
del governo socialista di Nicolás Quasi tutte rappresentano il Partito democratico. ti negli stati uniti da bambini.
Maduro (nella foto), ha annun- Nel 2017 il presidente Donald
Nell’anno delle elezioni di metà mandato, in cui si
ciato che le elezioni presidenzia- trump ha eliminato le protezio-
li si dovranno svolgere entro il rinnoveranno tutti i seggi della camera e un terzo del
ni per i dreamers introdotte da
30 aprile”, scrive El Estímulo. senato e si eleggeranno centinaia di funzionari in tutto il
Barack obama, e circa 700mila
Il presidente, parlando ai suoi paese, questa tendenza potrebbe cambiare la politica persone rischiano di essere
sostenitori a Caracas, ha detto nazionale. time spiega che 79 donne stanno pensando espulse se il congresso non ap-
che si candiderà per un secondo di candidarsi per guidare il loro stato, il doppio rispetto al proverà una legge entro marzo.
mandato. L’opposizione, riunita 1994, quando ci fu il picco di candidate. Inoltre il
nella coalizione Mesa de la uni-
numero di donne democratiche che nelle primarie
dad democrática (Mud), è inde-
bolita e divisa. In un tweet il po-
sideranno deputati in carica per un seggio alla camera è IN BREVE
aumentato del 350 per cento rispetto al 2016. u Brasile L’accusa di corruzione
litico Henrique Capriles, inter-
all’ex presidente Luiz Inácio Lu-
detto dalle cariche pubbliche
la da silva è stata confermata in
per quindici anni, ha chiesto alla
appello il 24 gennaio. Lula può
Mud “unità per recuperare la Honduras presentare ricorso, ma se perde-
democrazia”.
rà sarà dichiarato ineleggibile.
Tegucigalpa, 21 gennaio 2018
Stati Uniti Il 23 gennaio la città
di New york ha fatto causa ad al-
CANADA
cune aziende farmaceutiche per
Isolamento la difusione degli antidoloriici
oppiacei che hanno fatto decine
illegale di migliaia di vittime nel paese.
u uno studente ha aperto il fuo-
orLaNDo sIerra (afP/Getty IMaGes)

“L’uso prolungato del regime di co il 23 gennaio in un liceo del


isolamento nelle prigioni cana- Kentucky uccidendo due ragaz-
desi è incostituzionale. Lo ha zi e ferendone 17.
stabilito un giudice della corte
suprema della provincia della
British Columbia”, annuncia il Stati Uniti
Toronto Star. Le leggi in vigore Il paese delle armi
consentono alle autorità carce-
Dati del 2017 e del 2018 (aggiornati al
rarie di mettere in isolamento i 24 gennaio)
La protesta non si ferma
foNte: GuN vIoLeNCe arCHIve

detenuti per un periodo indei-


nito per motivi non disciplinari. 2017 2018
Il risultato è che ci sono persone Il 20 gennaio centinaia di manifestanti hanno protestato in varie cit- sparatorie 61.349 3.290
che restano in isolamento anche tà del paese contro Juan orlando Hernández, del Partido nacional stragi* 344 16
per quattro anni. Il giudice ha (conservatore), eletto il 26 novembre 2017 in uno scrutinio contesta-
dato un anno di tempo al gover- to dall’opposizione per irregolarità. Hernández giurerà come presi-
feriti 31.159 1.645
no per adeguare le leggi federali dente il 27 gennaio. secondo alcune agenzie di stampa, la polizia Morti 15.551 919
alla sentenza. avrebbe ucciso un uomo a sabá. u *Con almeno quattro vittime (feriti e morti).

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 29


Asia e Paciico
Un machete usato per torturare le presunte streghe, Papua Nuova Guinea, 2017 come mai la maggioranza dei papuani cre­
de ancora nella stregoneria? Bisogna in­
nanzitutto guardare alla storia. Alla ine
dell’ottocento i coloni tedeschi spinsero
nella modernità più di ottocento tribù can­
nibali in conlitto tra loro, mentre alcune
aree degli altipiani, come la provincia di
Enga, furono esplorate solo alla ine degli
anni trenta del novecento. Non è stato faci­
le, nemmeno per i più istruiti, accantonare
l’animismo, il culto degli antenati e la stre­
goneria, che i papuani usavano da sempre
BEttINA FLItNEr (LAIF/CONtrAStO)

per dare senso al mondo. “Ho due lauree e


un dottorato, ma sono incastrato tra due
mondi”, dice Joseph Suwamaru, un educa­
tore che vive nella capitale, Port Moresby.
È questo secondo Lutz il nocciolo del pro­
blema, “essere al tempo stesso istruiti e
non istruiti”.

Impunità
La caccia alle streghe In occidente la credenza nella stregoneria
è somparsa all’inizio dell’ottocento, con la
in Papua Nuova Guinea rivoluzione industriale e il progresso che
l’ha accompagnata. Ma in Papua Nuova
Guinea, dove lo sviluppo su vasta scala del
settore minerario ha introdotto negli ulti­
mi trent’anni enormi cambiamenti, sem­
Ian Lloyd Neubauer, The Diplomat, Giappone
bra sia successo il contrario. Le aggressioni
Ogni anno nel paese del Paciico stata additata come la responsabile della contro persone accusate di stregoneria si
si veriicano più di mille casi di malattia e un gruppo di uomini l’ha rapita sono difuse dalle aree più remote degli al­
e torturata per giorni, togliendole la pelle tipiani ai grandi centri, dove non c’erano
tortura e omicidi di persone dalla schiena e dalle natiche con un coltel­ mai state prima. Con l’aumento del prezzo
accusate di stregoneria. Una lo rovente. Quando Anton Lutz, un missio­ dei terreni seguito all’industrializzazione,
credenza che resiste nonostante nario laico, è arrivato al villaggio, il malato sempre più spesso accuse di questo tipo
la recente modernizzazione era guarito. Agli occhi dei carneici, era la sono usate per avere la meglio in dispute
prova che le torture avevano funzionato. legate alla proprietà terriera. E l’impunità
“Dopo ore di discussione con la comunità per chi commette le violenze non è certo
n Papua Nuova Guinea gli episodi di sono riuscito a farmi aidare la bambina”, un deterrente. Secondo una ricerca

I caccia alle streghe che si traducono


in torture e uccisioni sono talmente
frequenti da non fare più notizia. La
maggior parte non viene nemmeno inda­
gata dalla polizia, anche se dal 2013 queste
racconta Lutz. Ogni anno nel paese ci sono
più di mille episodi come questo.
La Papua Nuova Guinea ha conosciuto
un rapido sviluppo negli ultimi anni: grazie
a strade, telefoni cellulari e internet, centi­
dell’Australian national university, su
1.440 casi di tortura e seicento omicidi stu­
diati nell’arco di vent’anni, meno dell’uno
per cento dei colpevoli è stato condan­
nato.
violenze sono punibili con la pena di mor­ naia di comunità un tempo isolate oggi so­ La mancanza di programmi di protezio­
te. Quando però, alla ine di dicembre, si è no collegate con il resto del paese. Allora ne dei testimoni, l’inadeguatezza della po­
saputo di una bambina torturata da un lizia, a corto di personale e di risorse, e del
gruppo di uomini che l’accusava di strego­ sistema giudiziario aggravano la situazio­
neria, la notizia ha fatto il giro del mondo. ne. La campagna Inap nau! (ora basta)
La vicenda è cominciata quando un uo­ dell’ong Oxfam affronta il problema da
mo in un villaggio della provincia di Enga, una prospettiva di genere. Il 70 per cento
sugli altipiani, si è ammalato, e gli è stata circa delle donne nel paese subisce stupri o
diagnosticata la kaikai lewa, che secondo le aggressioni nel corso della vita, e la violen­
credenze locali si manifesta quando una za domestica contro donne e bambine è la
strega usa la magia nera per mangiare il norma. Cambiare il modo in cui i papuani
cuore di un uomo e appropriarsi così della considerano le donne è ovviamente un pri­
sua virilità. Dato che anche sua madre era mo passo per far terminare la caccia alle
stata accusata di stregoneria, la bambina è streghe. u gim

30 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Huainan, Cina Afghanistan INDIA

Istruzione
Attacchi ai civili scadente
In India, nonostante gli stati ab­
Kabul, 21 gennaio 2018 biano aumentato la spesa per la
scuola, la qualità dell’istruzione
aFP/GETTy IMaGES

è in calo, soprattutto nelle zone


rurali. Lo dice un rapporto
dell’ong Pratham, secondo cui il
25 per cento degli studenti tra i
ECONOMIA 14 e i 18 anni non è in grado di
La guerra “leggere con luidità un testo
OMaR SObHaNI (REUTERS/CONTRaSTO)

elementare nella propria lin­


dei dazi gua”. La frequenza scolastica tra
i diciottenni è cresciuta dal 44 al
L’annuncio fatto dal presidente 78 per cento tra il 2011 e il 2017,
statunitense Donald Trump di ma un adolescente su cinque
aumentare i dazi sulle impor­ non completa gli otto anni del
tazioni dei pannelli solari e ciclo scolastico. L’aspetto più
delle lavatrici ha suscitato l’ira grave è l’aumento con l’eta del
della Cina e della Corea del divario tra maschi e femmine
Ventitré persone sono morte nell’assedio di 14 ore
Sud. Nei due paesi asiatici, in­ che lasciano gli studi, scrive il
fatti, ci sono grandi aziende, all’Intercontinental hotel di Kabul, tra il 20 e il 21 gennaio.
Punjab News Express: a 18
come Samsung e LG, che Centocinquanta persone sono state tratte in salvo o sono anni il 32 per cento delle ragazze
esportano molti prodotti di riuscite a scappare. L’attacco è stato rivendicato dai e il 28 per cento dei maschi non
quelle categorie negli Stati taliban, e secondo l’agenzia afgana per la sicurezza va a scuola.
Uniti. Seoul ha annunciato un nazionale gli esplosivi usati dal commando erano stati
ricorso all’Organizzazione fabbricati in Pakistan. Un altro attacco, rivendicato dal
mondiale del commercio Isola di Manus, 2017

aUSTRaLIa bROaDCaSTING CORPORaTION/aP/aNSa


gruppo Stato islamico, ha colpito il 24 gennaio la sede di
(Wto), e Pechino potrebbe ac­
codarsi. Il settimanale cinese Save the children a Jalalabad, provocando tre vittime.
Caixin denuncia la “sinofo­ L’ong britannica ha sospeso le attività nel paese. u
bia” statunitense, nonostante
“i posti di lavoro creati dalle
imprese cinesi negli Stati Uniti ASIA nelle Filippine, parlano di una
cultura che tollera le molestie o
siano aumentati di nove volte
dal 2009”. Il quotidiano nazio­
Le molestie le attenzioni sessuali non ri­
nalista Global Times parla di nel giornalismo chieste da parte dei politici nei
“guerra commerciale” voluta confronti delle giornaliste. “Il
da Trump, e avverte che Pechi­ Nel 2016 una giornalista indo­ sesso è visto come merce di
no potrebbe vendicarsi sulle nesiana mandò un messaggio a scambio che le giovani giornali­ IN BREVE
esportazioni statunitensi in Ci­ un funzionario del governo di ste possono usare per ottenere Papua Nuova Guinea Il 23
na di carne bovina, auto ed Jakarta per chiedergli un com­ dai politici informazioni”, scri­ gennaio un secondo gruppo di
elettronica. Il quotidiano cine­ mento. Lui rispose: “Come mai ve il giornale. “Domina l’idea quaranta rifugiati del centro of­
se ricorda anche la presenza di a 34 anni sei ancora single? O che l’avance spinta e la molestia shore australiano dell’isola di
studenti cinesi nelle università sei idanzata? E quanto ce l’ha facciano parte della normale Manus è partito per gli Stati Uni­
statunitensi e l’ipotesi che Pe­ lungo il tuo ragazzo?”. L’anno interazione tra chi ha potere e ti. L’accordo tra Canberra e Wa­
chino venda parte dei titoli di dopo gli ha riscritto per un altro chi è sottoposto”. Secondo shington prevede il trasferimen­
stato statunitensi in suo pos­ commento e la risposta è stata l’Hotsfede power distance in­ to di 1.250 persone.
sesso. Secondo il Korean Ti- la stessa. Oggi la giornalista è dex, che misura il grado in cui Bangladesh-Birmania Il 22
mes saranno i consumatori ancora in contatto con il politi­ gli elementi più deboli di una gennaio il governo bangladese
americani a subire le conse­ co: “Non ho scelta”, spiega la società accettano e si aspettano ha annunciato che il rimpatrio
guenze della politica protezio­ cronista ad Asian Correspon- che il potere sia distribuito in dei profughi rohingya in birma­
nistica di Trump, i dazi sono in dent, che dedica un’inchiesta maniera disuguale, la Malesia nia comincerà in ritardo a causa
contrasto con gli standard de­ alle molestie sessuali nei paesi ha il punteggio più alto (100), di problemi logistici.
cisi dal Wto. “In caso di guerra del sudest asiatico, concentran­ seguita dall’Indonesia (94) e Cina La Svezia ha chiesto il 23
commerciale, tutti ne uscireb­ dosi sul mondo dell’informa­ dalle Filippine (78), molto di­ gennaio la liberazione di Gui
bero sconitti”, conclude il zione. Tutte le giornaliste inter­ stanti dagli Stati Uniti (40) e dal Minhai, editore di Hong Kong di
giornale. vistate, in Indonesia, Malesia e Regno Unito (35). nazionalità svedese.

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 31


Visti dagli altri
A San Luca non si idano tari di queste auto hanno lasciato San Luca
per necessità e sono tornati arricchiti.
Una signora vestita elegantemente en-
dei partiti tra nell’alimentari, è la segretaria del com-
missario Gullì. Si è sparsa voce che in paese
c’è un giornalista e siccome a San Luca non
c’è nemmeno una pizzeria aperta a pranzo,
Giulia Stranges m’invita in comune. Pane e
formaggio restano nel sacchetto. In paese
Jörg Bremer, Frankfurter Allgemeine Zeitung, Germania
conosce tutti, mi racconta la signora Giulia
La giunta del paese calabro è li sono state sciolte per iniltrazione maio- per strada. Del proprietario del bar davanti
stata sciolta nel 2011 per i suoi sa, la maggior parte in Campania, in Sicilia a San Sebastiano la segretaria dice che è in-
e Calabria. vischiato con la maia. Il bar apre solo per
legami con la ’ndrangheta. Anche al nord ci sono comuni commis- gli uomini delle famiglie amiche, quando le
Il commissario di governo ha sariati. Nel comune di Seregno, in Lom- mogli sono a messa da don Antonio.
lavorato bene e ora gli abitanti bardia, 44mila abitanti, la giunta è si di-
non vogliono che si torni a votare messa e il sindaco è stato arrestato nell’am- Ripulire la zona
bito di un’indagine su possibili iniltrazioni La sede del comune è poco distante, al pri-
maiose. Ora il comune è nelle mani di un mo piano mi riceve il commissario Gullì,
a mesi il bar nella parte vecchia commissario. che qui tutti chiamano Salvo. Il suo tempe-

D di San Luca, ai piedi dell’Aspro-


monte, apre solo quando don
Antonio Strangio dice la messa
nella chiesa di San Sebastiano, dall’altra
parte della strada. Altrimenti questo tradi-
A San Luca, dopo il primo scioglimento
della giunta nel 2011 c’erano state nuove
elezioni. Con il motto “liberi di ricomincia-
re”, San Luca aveva eletto un nuovo sinda-
co, Sebastiano Giorgi, salutato dalla stampa
ramento allegro e carismatico contrasta
con il luogo, silenzioso e grigio. “Prenda un
biscotto al bergamotto”, mi dice, poi inizia
a elencare la lista dei suoi successi, appa-
rentemente infastidito quando la signora
zionale punto d’incontro è chiuso. I tavoli di come un combattente dell’antimaia. Nel Giulia ci invita a spostarci nell’uicio ac-
plastica rossa sono accantonati sotto la tet- 2013, però, si è scoperto che Giorgi aveva canto per il pranzo. Lì ci aspetta una scriva-
toia. Fino a due anni fa gli anziani del paese comprato i voti per vincere le elezioni d’ac- nia colma di frutti di mare, peperoni ripieni,
si sedevano lì per bere un cafè. Anche gli cordo con la ’ndrangheta. Lui è stato arre- olive e melanzane. Oltre al commissario e
altri bar di San Luca, un paese di quattromi- stato e il comune di nuovo sciolto. Ancora alla signora Giulia c’è un piccolo comitato
la abitanti in Calabria, sono chiusi. I sanlu- una volta il prefetto di Reggio Calabria ha di accoglienza, alcuni impiegati comunali e
chesi non hanno più un posto dove incon- inviato un commissario. Nel 2015 i cittadini i “consiglieri speciali” di Gullì, un agente
trarsi la mattina o dove bere una birra la se- sarebbero dovuti tornare alle urne, ma le della guardia forestale e una poliziotta. La
ra. Non ci sono più nemmeno le trattorie e liste elettorali presentate non rispettavano fama dell’ospitalità calabrese e delle preli-
le pizzerie. i termini di legge, così il prefetto ha manda- batezze culinarie della regione non è smen-
Nel 2007 ci fu una strage a Duisburg, in to un terzo commissario, Salvatore Gullì. tita. Il commissario Gullì è venerato da tutti
Germania. Le famiglie della ’ndrangheta di Lungo la strada verso il municipio c’è un i commensali. Inviato a San Luca per am-
San Luca portarono la loro lotta per il con- alimentari. Mentre impacchetta pane e for- ministrare il paese nel rispetto della legge, è
trollo del territorio ino nella Ruhr, davanti maggio dietro il bancone, la titolare spiega per loro una sorta di “padre”, chiamato, co-
alla pizzeria Da Bruno. Sei uomini furono perché a San Luca si vedono tante auto con me dice la guardia forestale, a “ripulire la
uccisi nell’attentato più sanguinoso di una targhe tedesche, che percorrono la strada zona”. Un’altra segretaria racconta che è
faida cominciata in Calabria all’inizio degli verso la scuola. Sono genitori, un tempo diicile girare per il mondo quando sul tuo
anni novanta per un banale lancio di uova emigrati in Germania. Una targa tedesca è passaporto c’è scritto che sei nato a San Lu-
da parte di un gruppo di ragazzi. Quell’epi- un segno di distinzione: in genere i proprie- ca. “Da anni mio marito viene controllato
sodio scatenò una guerra. La faida è stata in in ogni aeroporto”. Quanto tempo ci vorrà
parte placata nel 2011 da un matrimonio tra per ripulire San Luca e la sua reputazione?
due componenti dei clan rivali: la cerimo- Dal 2015 il commissario cerca di fare la
nia si tenne nel vicino santuario di Santa sua parte. Come prima cosa ha abbassato
Maria di Polsi. Ma tra le famiglie degli dell’83 per cento i costi dei 19 telefoni cel-
Strangio-Nirta e dei Pelle-Vottari ci sono lulari del comune. Prima gli impiegati li
ancora rancori, con conseguenze anche usavano per fare telefonate private con i
nella vita politica locale. parenti all’estero. Ora sono abilitati a chia-
La strage di Duisburg contribuì a porta- mare solo cinque numeri. Poi ha assunto
re all’attenzione del governo nazionale i le- sei lavoratori socialmente utili per racco-
gami maiosi tra i clan e il comune di San gliere la spazzatura in paese per 800 euro
Luca. Il sindaco e la giunta furono commis- al mese. “Ora San Luca è il comune più pu-
sariati. Non è un caso isolato: tra il 1991 e il lito della Calabria”, dice Gullì.
2016 in Italia 273 amministrazioni comuna- Alle pendici dell’Aspromonte c’è acqua

32 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


San Luca, Calabria
ERIC VANDEVILLE (ABACA/ANSA)

in abbondanza. Eppure prima San Luca la essere accompagnati da un uomo dello sta- nella chiesa: don Antonio Strangio, parroco
comprava spendendo ventimila euro al me- to in cui tutti abbiamo riposto iducia, ripa- di San Sebastiano, è indagato per concorso
se, racconta il commissario. Il consumo gata con la migliore delle ricompense: tra- esterno in associazione maiosa. Il santua-
giornaliero era issato a cinquemila litri per sparenza, eicacia ed eicienza”. L’hanno rio della madonna di Polsi, dove anni fa le
abitante, e non a 170 litri, come in gran par- irmata cinquecento abitanti. Il ministro ha nozze tra le due famiglie in lotta dovevano
te d’Italia. “Mi sono fatto portare in monta- accolto la richiesta e Gullì ha dichiarato alla porre ine alla faida, è stato sottratto alla
gna a vedere le sorgenti. I rubinetti erano stampa: “L’affetto nei miei confronti mi giurisdizione del parroco. È passato tempo-
chiusi e quando li hanno aperti c’erano per- commuove, ma spero che a giugno del 2018 raneamente a don Tonino Saraco, un prete
dite nelle condotte”. Molti cittadini non i tempi siano maturi per tornare alle urne”. di una diocesi coninante minacciato dalla
avevano mai pagato la bolletta dell’acqua. È improbabile. Per quanto possa miglio- maia. Nell’agosto 2004 Saraco ha trovato
“Intanto sono stati installati 1.502 contatori rare l’amministrazione comunale e rinno- attaccata allo specchietto della sua auto una
dell’acqua e ora ogni famiglia paga quello vare le infrastrutture, un commissario non busta di plastica con cinque proiettili. Il bi-
che consuma”, spiega Gullì. Si è scoperto può, per esempio, fondare un partito e quin- glietto diceva “se continui così te li ritrovi in
che l’azienda calabrese per la gestione di non ha molti mezzi per risvegliare la co- testa”. All’epoca non si era capito perché la
dell’acqua, la So.Ri.Cal, ora liquidata, mi- scienza civica in una realtà come San Luca. ’ndrangheta ce l’avesse con lui. Ora il prete
nacciava i funzionari comunali per costrin- Il paese è l’esempio del fatto che l’ottimo sa che la criminalità organizzata non vuole
gerli a comprare l’acqua. lavoro di un commissario può ulteriormen- che la chiesa cerchi di “instillare una co-
te paralizzare le strutture democratiche già scienza nei fedeli”. Il bene comune si può
La lettera al ministro indebolite dalle reti maiose. Ora le cose raggiungere solo ritrovando l’armonia tra le
Oggi San Luca è un comune eiciente con funzionano bene. Il corso davanti alla piaz- azioni e la coscienza. Ma a San Luca è dii-
un bilancio in attivo e senza corruzione. Per za di San Sebastiano è stato ripavimentato. cile, e Saraco lo sa: una coscienza antimaia
questo nessuno vuole che il commissario L’ediicio antico che accoglie i visitatori nel non si costruisce in un paio di anni.
vada via. Nel giugno del 2017 il suo incarico parco naturale dell’Aspromonte, che era di- A giugno scadrà il mandato del commis-
doveva terminare e dovevano esserci nuove ventato un deposito di spazzatura, è stato sario Gullì. A pranzo ci ha detto di aver pro-
elezioni. Ma gli abitanti di San Luca hanno restaurato insieme al piccolo parco che ha messo alla sua famiglia che lascerà deiniti-
inviato una lettera al ministro dell’interno davanti. Come si legge nella lettera: “Non vamente San Luca. Probabilmente al pre-
chiedendo di lasciare a Gullì il suo incarico. meritiamo di ripartire da zero”. fetto non resterà altro da fare che mandare
“Non meritiamo di ripartire da zero, ma di A San Luca non si può sperare neanche un nuovo commissario. u nv

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 33


Visti dagli altri
Roma, 16 gennaio 2018. Il ministro dell’interno Marco Minniti bertà di stampa”. Secondo Zagni si tratta di
un tentativo lodevole, ma è preoccupante
che la polizia postale non chiarisca cosa in-
tende per notizia falsa. Il comunicato ui-
ciale si riferisce ambiguamente a “notizie
manifestamente infondate”. Se turba l’or-
dine pubblico, difondere contenuti simili
potrebbe essere un reato, e questo concede-
rebbe alla polizia un potere enorme nel de-
cidere che tipo di informazioni può circola-
re online. “È un ilo sottile: se si conigura
un reato, i responsabili rischiano l’arresto
ino a tre mesi”, spiega Zagni. “I poliziotti si
AUGUSTO CASASOLI (CONTRASTO)

trasformeranno in cacciatori di bufale?”.


Fabio Chiusi, giornalista e ricercatore
del progetto Punto zero, condivide queste
preoccupazioni. Ribadisce che le notizie
false sono un problema per qualsiasi gover-
no, ma le soluzioni avventate non sono mai
la risposta giusta. Secondo Chiusi iniziative
di questo tipo peggiorano le cose. “Quando

Il controllo della polizia si assegna alla polizia il compito di stabilire


se notizie e contenuti politici sono veri, tut-
ti quelli che vogliono proteggere la demo-
sulle notizie crazia devono cominciare a preoccuparsi,
non certo sentirsi protetti”, spiega. “I citta-
dini delle democrazie sane non hanno biso-
gno di essere difesi dalle notizie false, per-
ché sono in grado di esercitare liberamente
il loro giudizio senza alcuna interferenza
Daniel Funke, Poynter, Stati Uniti
delle autorità, meno che mai della polizia”.
Il ministero dell’interno se o fuorvianti servendosi di fonti uiciali. Arianna Ciccone, tra i fondatori del Fe-
italiano ha incaricato la polizia Per fare un esempio di questo procedimen- stival internazionale del giornalismo di
to Minniti ha ricordato quando l’ex vice- Perugia, si chiede: se i giornalisti che sba-
postale di veriicare le notizie presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha gliano saranno accusati di un reato, ino a
difuse online e segnalate come dichiarato che la Russia aveva inluenzato che punto avranno il coraggio di rischiare?
false. Una decisione che l’esito del referendum costituzionale ita- “Fortunatamente in Italia non esiste il rea-
preoccupa molti liano del dicembre del 2016. In quel caso to di ‘notizia falsa’, e se si viene accusati di
l’afermazione di Biden è stata smentita da difamazione sono i tribunali a valutare la
alcuni funzionari dei servizi di sicurezza colpevolezza, non la polizia”, spiega Cic-
el tentativo di risolvere il pro- italiani che hanno testimoniato in parla- cone. “La lotta contro la falsa informazio-

N blema delle notizie false in vi-


sta delle elezioni legislative del
4 marzo 2018, il governo italia-
no ha realizzato una pagina web su cui se-
gnalare le bufale. Il servizio, presentato il
mento.

Verità di stato
L’annuncio del nuovo servizio arriva in un
momento di frenesia nazionale, alimentata
ne attraverso l’informazione corretta non
dovrebbe in alcun modo essere una prero-
gativa della polizia. Questo approccio ri-
schia di portare ad altre iniziative partendo
dal presupposto che sia lo stato a dover sta-
18 gennaio dal ministro dell’interno Marco soprattutto dal Partito democratico, al go- bilire qual è la verità”.
Minniti, chiede agli utenti di fornire il loro verno, sul potenziale impatto delle notizie Secondo Chiusi, “in una democrazia
indirizzo email, un link al contenuto rite- false nelle elezioni legislative di marzo. E sana si cerca di fare una diagnosi sulla gra-
nuto inattendibile e di speciicare il social ha sorpreso alcuni esperti di veriica delle vità di una malattia prima di cominciare la
network su cui lo hanno individuato. A notizie come Giovanni Zagni, direttore di cura”, spiega. “In questo caso invece la cura
quel punto la richiesta viene inoltrata alla Pagella politica, un sito italiano che control- viene somministrata a priori, senza una re-
polizia postale, un’unità che indaga sui cri- la la veridicità delle dichiarazioni dei politi- ale conoscenza della gravità della malattia
mini online, che avrà il compito di control- ci. “Questo progetto solleva molti interro- rappresentata dalle notizie false, ammesso
lare le informazioni e di segnalare all’auto- gativi”, ha dichiarato Zagni a Poynter. “La che esista una malattia da curare”.
rità giudiziaria eventuali reati. Se la bufala polizia postale agirà in un terreno molto de- “Non è compito dello stato stabilire do-
non viola la legge, il servizio permetterà licato che conina pericolosamente con la ve stia la verità”, sottolinea Ciccone. “Que-
comunque di smentire le informazioni fal- censura e con le leggi che proteggono la li- sto accade nei regimi autoritari”. u as

34 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Le opinioni

Le donne sono libere


solo con la politica
Raia Zakaria
astano cento dollari per contribuire re a tutti i loro seminari di formazione, i laboratori e i

B all’emancipazione delle donne in In- fogli excel, come prove di progetti di successo. In que-
dia. Questa somma, secondo il sito sto sistema c’è poco spazio per la complessità di chi
dell’organizzazione India Partners, riceve gli aiuti. Le donne non occidentali sono sogget-
permetterà a una donna di avere la sua ti muti, passivi e in attesa di soccorso.
macchina da cucire e fare il primo pas- Prendete, per esempio, i progetti per l’allevamento
so nel cammino dell’empowerment (la conquista della dei polli della fondazione Bill & Melinda Gates. Bill
consapevolezza di sé e del potere di decidere la propria Gates ha sostenuto che, dal momento che i polli sono
vita e rivendicare i propri diritti). Oppure si può contri- animali di piccole dimensioni e si allevano vicino alle
buire con un pollo. L’allevamento, secondo Melinda case, sono adatti all’empowerment delle donne. Ma
Gates, aiuta l’empowerment delle donne nei paesi in secondo diverse ricerche la consegna di pollame non
via di sviluppo. porta guadagni economici a lungo termine né contri-
Se non volete contribuire all’empowerment fem- buisce al riconoscimento dei diritti femminili. Per ri-
minile con dei polli, l’organizzazione beneica Heifer cevere fondi, l’industria degli aiuti allo sviluppo ha
International per 390 dollari consegna a una donna imparato a creare sistemi di misurazione che suggeri-
africana un “cestino da imprenditrice” scano un’idea di miglioramento. Le sta-
con conigli, pesce e bachi da seta. L’idea I programmi tistiche sull’Afghanistan della Usaid,
alla base di queste donazioni è la stessa: delle organizzazioni l’agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo
l’emancipazione delle donne è un pro- per la cooperazione internazionale, di solito si concentrano
blema economico, non politico. E può allo sviluppo sul numero di ragazze “iscritte” a scuo-
essere risolto solo da un donatore euro- devono essere la, anche se poi queste non si diploma-
peo che regala macchine da cucire o pol- valutati sulla base no. I gruppi che promuovono l’alleva-
li, e che libera le donne indiane (o del della loro capacità mento di polli misurano l’aumento mo-
Kenya, del Mozambico o di qualsiasi di far crescere mentaneo del reddito di una famiglia,
luogo del “sud del mondo”) dalla loro non i miglioramenti a lungo termine
la mobilitazione
condizione d’impotenza. nella vita delle donne.
L’empowerment però non è sempre
politica delle donne In questi casi si elude la verità: senza
stato sinonimo d’imprenditoria. È stato cambiamenti politici, le strutture che
inserito nel vocabolario degli aiuti allo sviluppo a metà discriminano le donne non possono essere smantella-
degli anni ottanta dalle femministe del sud del mon- te e qualsiasi progresso rischia di non durare. I numeri
do. Per loro empowerment signiicava “rivoluzionare non mentono mai, ma a volte trascurano alcuni aspet-
la subordinazione di genere”, smantellare le “altre ti. A volte inoltre le organizzazioni per lo sviluppo ren-
strutture dell’oppressione” e promuovere una “mobi- dono le donne invisibili per favorire la loro retorica.
litazione politica” collettiva. Hanno ottenuto in parte È ora che il dibattito sull’empowerment cambi. I
quello che volevano quando, durante la conferenza programmi delle organizzazioni per la cooperazione
mondiale sulle donne del 1995, fu adottato un “pro- allo sviluppo devono essere valutati sulla base della
gramma per l’empowerment”. loro capacità di aumentare la mobilitazione politica
Nei ventidue anni successivi alla conferenza, em- delle donne, per permettergli di raggiungere l’ugua-
powerment è diventata una parola di moda tra i profes- glianza di genere. Per tornare a questo modello di em-
sionisti dello sviluppo occidentali, ma la parte fonda- powerment bisogna smettere di ridurre le donne non
mentale sulla “mobilitazione politica” è stata rimossa. occidentali alle circostanze che hanno fatto di loro
Al suo posto è venuta fuori una deinizione più limita- delle vittime: la sopravvissuta a uno stupro, la vedova
ta, che trova espressione in programmi a favore di guerra, la sposa bambina e così via. Bisogna rinun-
dell’istruzione o della sanità ma che presta poca atten- ciare all’idea che gli obiettivi e i programmi di sviluppo
zione all’uguaglianza di genere. Questo empower- siano apolitici.
RAFIA ZAKARIA
ment depoliticizzato serve a tutti, tranne che alle don- Il concetto di empowerment delle donne dev’esse-
è un’attivista
ne che dovrebbe aiutare. re liberato dalle mani degli aspiranti salvatori dell’in-
e opinionista
Distribuendo pollame o macchine da cucire, le dustria degli aiuti allo sviluppo. Al cuore dell’idea c’è del quotidiano
femministe e le organizzazioni occidentali possono l’esigenza di una sorellanza globale più forte, che non pachistano Dawn.
attirare l’attenzione sulle donne non occidentali che releghi nessuna donna alla passività e che non riduca Questa column è
hanno aiutato, esibendole alle conferenze o sui siti in- le scelte delle donne all’allevamento di polli o alle uscita sul New York
ternet. I professionisti dello sviluppo possono mostra- macchine da cucire. u f Times.

36 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Le opinioni

Non credete alle promesse


di Facebook
Evgeny Morozov
ran parte dell’isterismo legato all’in- aziende a usare la sua infrastruttura per formare e co-

G dustria tecnologica nasce dal rapporto struire il loro modello d’intelligenza artiiciale (a paga-
ambiguo che le sue aziende hanno con mento, ovviamente). Essere gentili con gli utenti – of-
gli utenti. Questo rapporto, basato sul- frendogli per esempio strumenti in grado di trovare
le logiche della compassione e dell’in- opere d’arte che somiglino al loro volto – paga: serve a
diferenza, è sempre stato schizofreni- migliorare gli strumenti di Google. Per quanto tempo
co, anche se non senza vantaggi reciproci. In passato ha Google avrà ancora bisogno di noi per questo addestra-
permesso alle aziende tecnologiche di presentarsi co- mento?
me madre Teresa, soprattutto nel momento in cui era- Con la difusione dell’intelligenza artiiciale, la Sili-
no accusate di essere il dottor Male. Ora, però, mentre con valley diventerà sempre più indispensabile. Per le
le contraddizioni non risolte si accumulano, l’incoeren- aziende un conto è preoccuparsi che gli utenti possano
za della visione generale dell’industria è evidente. permettersi un paio di scarpe da tennis pubblicizzate su
La storia della compassione in parte è vera. Le gran- un sito web, un altro è gestire un monopolio nei servizi
di aziende tecnologiche dipendono dalla nostra capaci- basati su questa tecnologia. Pensate alla lotta contro le
tà di consumare, senza la quale non esiste notizie false, gli attacchi informatici, il
lo shopping o la pubblicità. I loro interes- Il mondo potrebbe cancro. Il mondo potrebbe sopravvivere
si coincidono in qualche modo con quelli sopravvivere alla scomparsa della pubblicità online,
degli utenti. Senza uno stipendio, gli alla scomparsa ma non potrebbe fare a meno (non oggi)
utenti non possono comprare i prodotti della pubblicità di potenziali soluzioni alle crisi globali.
pubblicizzati. Per questo i grandi impren- online, ma non La Silicon valley ormai è come Wall
ditori del settore tecnologico sostengono potrebbe fare street, troppo grande per fallire. Cosa
iniziative come il reddito di base. Si po- a meno (non oggi) dobbiamo pensare dell’impegno di Mark
trebbero paragonare a Henry Ford, che Zuckerberg a migliorare la sua piattafor-
di potenziali
pagava ai suoi dipendenti stipendi più ma e a garantire che il tempo trascorso su
alti in modo che potessero comprare le
soluzioni Facebook sia “ben speso”? Dato che di-
sue auto. Ma anche ai mercanti di schia- alle crisi globali versi programmatori hanno ammesso di
vi, che dovevano mantenerli in salute per aver fatto di tutto per rendere dipendenti
non perderli a causa della fatica e delle malattie. Tutta- gli utenti, possiamo essere scettici sulla direzione gene-
via, a diferenza di Ford e dei negrieri, gli imprenditori rale di Facebook 2.0.
tecnologici vogliono che sia qualcun altro a inanziare i Zuckerberg promette di cancellare i contenuti
progetti ambiziosi come il reddito di base. spazzatura e presentare a ogni utente solo post che
Il secondo fondamento logico che guida queste possano migliorargli la vita. Facebook ci dirà di nuovo
aziende – la totale indiferenza nei confronti degli uten- che più cose saprà di noi, più i suoi consigli saranno
ti – nasce dalle dinamiche della concorrenza. Le grandi utili. Come abbiamo fatto a inire in questo circolo vi-
aziende tecnologiche – i nuovi monopolisti – dominano zioso? Le aziende ci forniscono servizi che danno di-
la loro nicchia di mercato (ricerche o acquisti online), pendenza per poter raccogliere i nostri dati, e in questo
ma si fanno concorrenza anche a un livello più alto, modo ainano i loro strumenti basati sull’intelligenza
quello dei servizi legati alla raccolta di dati e informa- artiiciale per risolvere ogni problema, incluso quello
zioni. Spesso non possono far altro che seguire le ten- della dipendenza.
denze del momento, dal cloud alle auto che si guidano La distopia nasce quando la logica della compassio-
da sole. ne lascia spazio alla logica dell’indiferenza: noi, sur-
Per molte aziende (per esempio Amazon) questi plus della popolazione online, alla ine saremo abban-
servizi legati alla raccolta d’informazioni assicurano donati a noi stessi. Le aziende tecnologiche a quel pun-
già margini di proitto superiori. L’ingrediente segreto to ci ofriranno servizi basati sull’intelligenza artiiciale EVGENY
è l’intelligenza artiiciale, il cui ingrediente segreto a in grado di proteggerci. Le élite cognitive non avranno MOROZOV
è un sociologo
sua volta sono i dati degli utenti raccolti inora dai co- problemi, banchetteranno con l’equivalente digitale
esperto di tecnologia
lossi della Silicon valley. L’intelligenza artiiciale soddi- della quinoa. Tutti gli altri naufragheranno in un ocea-
e informazione.
sfa diverse necessità imprenditoriali, rivolgendosi ai no di meme scadenti generati solo per convincerli a Il suo ultimo libro
governi o ai privati. Gli utenti, un tempo coccolati dalle comprare il pacchetto premium della loro piattaforma pubblicato in Italia è
aziende, potrebbero restare senza un benefattore che preferita. La notizia buona è che il capitalismo digitale Silicon valley: i signori
inanzi la loro passione per i gattini. Google, per esem- risolve da solo i suoi problemi. La notizia cattiva è che lo del silicio (Codice
pio, ha appena lanciato una piattaforma che aiuta le fa secondo le sue regole. u as 2017).

38 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


In copertina
Shanghai dalla serie Totems 2009-2011

Chi guida il
40 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018
Riducendo il loro
impegno internazionale,
gli Stati Uniti di Donald
Trump lasciano campo
libero alla Cina. Ma più
che un passaggio di
testimone, sembra
l’inizio di un’era in cui la
leadership mondiale non
sarà di un unico paese

Evan Osnos, The New


Yorker, Stati Uniti
Foto di Alain Delorme
uando il ilm d’azione cinese

Q Wolf warrior II è arrivato nei


cinema, a luglio, sembrava il
solito ilm pieno di sparato-
rie, con un eroe solitario e
molte esplosioni. Ma nel giro
di due settimane ha ottenuto il maggiore
incasso di tutti i tempi. A ottobre la Cina
l’ha candidato agli Oscar per la categoria
del miglior ilm straniero. Il protagonista
Leng Feng, interpretato dalla star Wu Jing,
è un veterano dei “guerrieri lupo”, le forze
speciali dell’esercito di Pechino. In conge-
do, lavora come guardia in un immaginario
paese africano. Un esercito ribelle, appog-
giato da mercenari occidentali, cerca di
prendere il potere, e il paese è travolto dalla
guerra civile. Leng guida i civili ino alle
porte dell’ambasciata cinese, dove l’amba-
sciatore si schiera contro i ribelli e dichiara:
“Ritiratevi! Siamo cinesi! Cina e Africa so-
no paesi amici!”. I ribelli smettono di spara-
re e i superstiti sono portati in salvo a bordo
di una nave da guerra cinese. Leng salva
una dottoressa statunitense, e lei gli dice
che i marines verranno ad aiutarli. “Ma do-
ve sono i marines adesso?”, le chiede Leng.
La dottoressa chiama il consolato america-
no, ma le risponde un nastro registrato:
“Purtroppo siamo chiusi”.

l mondo
Nella battaglia inale, un cattivo, inter-
pretato dallo statunitense Frank Grillo, dice
a Leng: “La gente come te sarà sempre infe-
riore a quelli come me. Abituati all’idea”.
Leng lo picchia a morte e replica: “Questa è
storia vecchia”. Il ilm inisce con l’immagi-
ne di un passaporto cinese e le parole: “Se ti
trovi in pericolo all’estero, ricorda che una
patria forte ti coprirà sempre le spalle!”.

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 41


In copertina
Quando mi sono trasferito a Pechino, stri vicini a proteggere la loro libertà e a pro- timana da presidente ha tentato d’impedire
nel 2005, una storia come questa avrebbe muovere il loro progresso sociale ed econo- l’ingresso negli Stati Uniti ai viaggiatori
avuto poco senso per un pubblico cinese. mico”, disse. “L’obiettivo del popolo statu- provenienti da sette paesi a maggioranza
Seppure con elementi di fantasia e qualche nitense non è far diventare gli Stati Uniti la musulmana, sostenendo che rappresenta-
scena melensa, il ilm s’ispira ad avveni- nazione più ricca nel cimitero della storia”. vano una minaccia terroristica (dopo una
menti recenti. Nel 2015 la marina cinese ha Con lo slogan “America first”, prima battaglia giudiziaria, una variante di questo
fatto la sua prima operazione di evacuazio- l’America, il presidente Donald Trump sta divieto è entrata in vigore a dicembre). Ha
ne internazionale salvando dei civili dallo riducendo l’impegno statunitense all’este- detto di voler ritirare gli Stati Uniti dall’ac-
Yemen in guerra; e l’anno scorso la Cina ha ro. Tre giorni dopo il suo insediamento si è cordo di Parigi sul cambiamento climatico
aperto la sua prima base militare all’estero, ritirato dal Partenariato trans-Pacifico e dall’Unesco, e ha abbandonato i negoziati
a Gibuti. Ci sono stati anche cambiamenti (Tpp), un trattato di libero scambio tra do- dell’Onu sulle migrazioni. Ha detto che po-
più profondi. Per decenni il nazionalismo dici paesi voluto da Washington come con- trebbe annullare l’accordo nucleare con
cinese ha giocato sul vittimismo: l’amaro trappeso all’ascesa cinese. Secondo gli alle- l’Iran, l’accordo di libero scambio con la
retaggio di invasioni e imperiali- ati asiatici, questa decisione ha Corea del Sud e il Nafta, l’accordo norda-
smo e il ricordo di una Cina così danneggiato la credibilità degli mericano per il libero scambio. Nella sua
debole che alla ine del’ottocento Stati Uniti. In un discorso ai fun- proposta di bilancio per il 2018 Trump ha
il ilosofo Liang Qichao deinì il zionari del Partito comunista ci- chiesto di tagliare gli aiuti all’estero del 42
suo paese “il malato dell’Asia”. nese il 20 gennaio 2017, il genera- per cento, vale a dire 11,5 miliardi di dollari,
Wolf warrior II fotografa una nuo- le Jin Yinan, uno stratega e di ridurre gli stanziamenti per i progetti di
va variante muscolare dell’immagine che la dell’Università cinese per la difesa naziona- sviluppo, come quelli inanziati dalla Banca
Cina vuole dare di sé, proprio come l’eroi- le, si è rallegrato per il ritiro degli Stati Uniti mondiale. A dicembre ha minacciato di ta-
smo di Rambo rifletteva la spavalderia dal Tpp. “Noi non ne parliamo”, ha detto. gliare gli aiuti a qualunque paese avesse
dell’era Reagan. “Diciamo spesso che Trump danneggia la appoggiato una risoluzione di condanna
Cina e manteniamo questa linea. In realtà della sua decisione di riconoscere Gerusa-
Un grande regalo ha fatto a Pechino un regalo enorme”. lemme come capitale d’Israele (il giorno
Ho incontrato Wu Jing a Los Angeles, Jin, i cui commenti sono poi trapelati, ha dopo la risoluzione è passata a schiacciante
dov’era impegnato nella promozione del detto a chi lo stava ascoltando: “Mentre gli maggioranza).
ilm in vista degli Oscar. “In passato tutti i Stati Uniti retrocedono a livello globale, la Finora Trump ha proposto di ridurre i
nostri ilm parlavano di cose come le guerre Cina si fa avanti”. Per anni i leader cinesi contributi di Washington alle Nazioni Unite
dell’oppio e di come altri paesi avevano di- hanno detto che sarebbe arrivato un mo- del 40 per cento, e ha fatto pressioni sull’As-
chiarato guerra al nostro”, mi ha detto. “Ma mento – forse a metà di questo secolo – in semblea generale dell’Onu per tagliare di
i cinesi hanno sempre voluto vedere che il cui il paese avrebbe potuto proiettare i suoi 600 milioni di dollari il bilancio destinato al
loro paese avesse il potere di proteggerli e valori all’estero. Nell’epoca del “Prima mantenimento della pace. Nel suo primo
contribuire alla pace mondiale”. Wu è un l’America”, questo momento è arrivato discorso all’Onu, a settembre, Trump ha
iglio prediletto della Cina, celebrato dallo molto prima di quanto ci si aspettasse. ignorato lo spirito collettivo dell’organizza-
stato, e non si lamenta della censura e della La politica estera di Barack Obama era zione e ha esaltato su tutto la sovranità, di-
propaganda. “Anche se i nostri non sono caratterizzata dal condurre restando indie- cendo: “Da presidente degli Stati Uniti
tempi di pace, viviamo in un paese paciico. tro. La dottrina di Trump potrebbe essere metterò sempre l’America al primo posto,
Credo che non dovremmo spendere troppa interpretata come un ritirarsi dalla prima proprio come voi dovreste sempre mettere
energia a pensare agli aspetti negativi che linea. Trump ha tagliato gli impegni statu- al primo posto i vostri paesi”.
possono renderci infelici. Godiamoci il mo- nitensi che considera rischiosi, costosi o L’atteggiamento della Cina è più ambi-
mento!”, aggiunge. politicamente impopolari. Nella prima set- zioso. Negli ultimi anni si è mossa per far
La Cina, in efetti, non ha mai conosciu- crescere la sua potenza nazionale su una
to un momento come questo, in cui la ricer- Da sapere scala che dai tempi della guerra fredda nes-
ca di un ruolo maggiore sulla scena mon- sun paese aveva mai tentato di raggiungere,
diale coincide con la ricerca di un ruolo mi-
La rincorsa aumentando gli investimenti nelle attività
nore da parte di Washington. Fin dalla se- Variazione del pil della Cina e degli Stati Uniti, che nel secolo scorso avevano sancito l’au-
in migliaia di miliardi
conda guerra mondiale gli Stati Uniti si so- torità statunitense: aiuti ai paesi stranieri,
no dichiarati a favore di un ordine interna- 18,5 sicurezza all’estero, inluenza straniera e
20
zionale basato sulla libertà della stampa e nuove tecnologie all’avanguardia, come
del sistema giudiziario, sui diritti umani, il l’intelligenza artiiciale. È diventata uno dei
16
libero scambio e la tutela dell’ambiente. principali contribuenti al bilancio dell’Onu
Hanno instillato queste idee nella ricostru- Stati Uniti 11,2 e alle sue forze di mantenimento della pa-
zione della Germania e del Giappone, e le 12 ce, e ha partecipato a negoziati che afron-
hanno difuse con le loro alleanze in tutto il tano problemi globali come il terrorismo, la
mondo. Nel marzo del 1959, il presidente 8 pirateria e la proliferazione nucleare. Pechi-
FONTE: BANCA MONDIALE

Eisenhower sostenne che l’autorità Cina no si è anche impegnata nel più costoso pia-
dell’America non poteva basarsi unicamen- 4 no d’investimenti infrastrutturali all’estero
te sul potere militare. “Potremmo essere la che la storia ricordi.
nazione più ricca e potente ma perdere la 0 Con la Belt and road initiative, cono-
battaglia del mondo se non aiutiamo i no- 1960 1970 1980 1990 2000 2010 2016 sciuta anche come nuova via della seta, sta

42 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Shanghai

costruendo ponti, ferrovie e porti in Asia, commerciale del mondo per popolazione. allarmato i gruppi per la difesa dei diritti
Africa e ancora più lontano. Se il costo Parte della crescente inluenza della Ci- umani, perché l’Interpol è stata criticata
dell’iniziativa raggiungerà i mille miliardi na non è avvertita dall’opinione pubblica. A per aver aiutato i governi autoritari a colpire
di dollari, come previsto, sarà sette volte più ottobre l’Organizzazione mondiale del e perseguitare i dissidenti e gli attivisti ilo-
grande del piano Marshall, che gli Stati Uni- commercio (Wto) ha riunito i ministri di democratici all’estero.
ti lanciarono nel 1947 spendendo 130 mi- quasi quaranta paesi a Marrakech, in Ma- Secondo alcuni indicatori, gli Stati Uniti
liardi di dollari, in valuta odierna, per rico- rocco, per una di quelle sessioni diplomati- domineranno ancora per anni. Hanno al-
struire l’Europa del dopoguerra. che di routine che servono ad aggiornare le meno dodici portaerei, la Cina ne ha due.
La Cina sta anche sfruttando le oppor- norme sull’agricoltura e la pesca. L’ammi- Hanno trattati di difesa collettiva con più di
tunità immediate oferte da Trump. Qual- nistrazione Trump, che ha criticato il Wto, cinquanta paesi, la Cina ne ha uno solo: con
che giorno prima che gli Stati Uniti uscisse- ha inviato un funzionario che ha fatto il suo la Corea del Nord. Inoltre, il cammino eco-
ro dal Tpp, il presidente cinese Xi Jinping intervento e se n’è andato prima che la riu- nomico della Cina è complicato da un pe-
ha preso la parola al Forum economico nione inisse. “Ai due giorni d’incontri non sante indebitamento, imprese statali gon-
mondiale di Davos, in Svizzera, una prima ha partecipato nessun americano”, mi ha iate, un livello di disuguaglianza sempre
assoluta per un grande leader cinese. Xi ha detto un ex funzionario statunitense. “E i più accentuato e una crescita che sta rallen-
ribadito il suo appoggio all’accordo di Pari- cinesi andavano a ogni sessione ridacchian- tando. I lavoratori che hanno sostenuto il
gi sul clima e ha paragonato il protezioni- do sul fatto che ora erano loro i garanti del boom del paese stanno invecchiando.
smo a “chiudersi a chiave in una stanza sistema commerciale”. L’aria, l’acqua e il suolo sono spaventosa-
buia”. “Nessuno uscirà vincitore da una mente inquinati.
guerra commerciale”, ha detto. Era una di- Divario più stretto Ma il divario tra le due potenze è dimi-
chiarazione paradossale – la Cina ha conta- Stabilendo più regole a livello mondiale, la nuito. Nel 2000 l’economia degli Stati Uni-
to sul protezionismo per decenni – ma Cina spera di “spezzare la superiorità mo- ti era il 31 per cento di quella mondiale,
Trump aveva oferto un’occasione irresisti- rale occidentale”, che divide i sistemi poli- mentre quella cinese era ferma al 4 per cen-
bile. Pechino sta negoziando con almeno tici in “buoni e cattivi”, come ha detto Li to. Oggi gli Stati Uniti sono scesi al 24 per
sedici paesi per formare il Partenariato Ziguo dell’Istituto cinese di studi interna- cento e la Cina è salita al 15. Se il volume
economico globale regionale (Rcep), una zionali. Nel novembre del 2016 Meng Hon- dell’economia cinese supererà quello statu-
zona di libero scambio che esclude gli Stati gwei, un viceministro cinese della sicurezza nitense, come prevedono gli esperti, per la
Uniti, proposta già nel 2012 in risposta al pubblica, è diventato il primo presidente prima volta da più di un secolo un paese non
Tpp. Se l’accordo verrà irmato nel 2018, cinese dell’Interpol, l’organizzazione inter- democratico sarà la prima economia del
come previsto, si creerà il più grande blocco nazionale di polizia criminale; la notizia ha mondo. A quel punto la Cina avrà un ruolo

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 43


In copertina
Shanghai

maggiore nel deinire, o sofocare, valori aziende, al congresso, al Pentagono, in fondazione del paese (a Mao Zedong, Deng
come libere elezioni, libertà di espressione qualunque altro posto”. e Jiang Zemin). Il congresso ha anche ag-
e un’internet senza censure. Già oggi il Durante la sua recente visita a Washing- giunto il “pensiero di Xi Jinping” alla costi-
mondo ha meno iducia negli Stati Uniti di ton il primo ministro di Singapore, Lee tuzione del partito, consentendogli di fatto
quanto potremmo aspettarci. Nel 2017 il Hsien Loong, mi ha detto che il resto del di conservare il potere a vita se lo vuole. Ha
Pew research center ha svolto un sondag- mondo non può più fingere di ignorare i il dominio totale dei mezzi d’informazione
gio in 37 paesi chiedendo quale leader fa- contrasti tra la leadership statunitense e e quando è apparso sulle prime pagine di
rebbe la cosa giusta per gli afari mondiali. quella cinese. “Nel dopoguerra gli Stati tutti i giornali il suo volto era perfetto, aero-
Gli intervistati hanno preferito Xi Jinping a Uniti hanno mantenuto la pace, garantito la grafato dai “lavoratori dell’informazione”
Donald Trump: 28 per cento contro 22. sicurezza, aperto i loro mercati e sviluppato ino a renderlo levigato come una pesca.
Di fronte alle critiche per la sua man- legami al di là del Paciico”, ha osservato. Per decenni la Cina ha evitato di sidare
canza d’interesse nella leadership globale, “E ora, con un numero crescente di attori direttamente il primato degli Stati Uniti
Trump a dicembre ha presentato una stra- sulla costa occidentale del Paciico, dove nell’ordine globale, seguendo invece una
tegia di sicurezza nazionale che concentra vuole andare l’America? Se non ci siete, al- strategia che Deng, nel 1990, chiamava
la sua attenzione su Cina e Russia, e ha di- lora tutti gli altri nel mondo si guarderanno “nascondi la tua forza e aspetta il tuo mo-
chiarato: “Rilanceremo la competizione intorno e diranno: ‘Vogliamo essere amici mento”. Ma Xi, nel suo discorso al congres-
per vincere questa sida, proteggere gli in- sia degli americani sia dei cinesi, e i cinesi so, ha annunciato l’alba di una “nuova era”,
teressi americani e promuovere i nostri sono pronti, perciò cominciamo con loro’”. in cui Pechino “si avvicina al centro della
valori”. Ma nel discorso che spiegava que- scena”. Ha presentato il suo paese come
sta strategia, il presidente statunitense ha La soluzione cinese “una nuova opzione per gli altri stati”, dei-
esaltato il ritiro da “intese che uccidono il Quella di Xi Jinping è il tipo di presidenza nendo questa alternativa alla democrazia
lavoro come il Tpp e il costosissimo e in- che a Donald Trump potrebbe piacere. Lo occidentale “la soluzione cinese”.
giusto accordo di Parigi sul clima”. Alcuni scorso autunno ha cominciato il suo secon- Qualche settimana dopo, quando sono
alleati hanno cominciato a evitare l’ammi- do mandato con meno ostacoli di qualun- arrivato a Pechino, le trombe della propa-
nistrazione. “Te lo dico onestamente: una que altro leader cinese dai tempi di Deng ganda squillavano senza posa. La stampa
volta andavamo alla Casa Bianca per fare il Xiaoping, morto nel 1997. Al 19° congresso di stato presentava un ritratto di Xi entu-
nostro lavoro”, mi ha detto Shivshankar del Partito comunista, a ottobre, l’atmosfe- siastico perino per i suoi standard, descri-
Menon, ex ministro degli esteri indiano e ra era quella di un’incoronazione, e Xi è vendolo come un “timoniere senza pari,
consigliere per la sicurezza nazionale del stato dichiarato “fulcro della leadership”, con un’ampia conoscenza della letteratura
primo ministro. “Ora andiamo dalle grandi un onore conferito solo altre tre volte dalla e delle arti, che lo rende un eccellente co-

44 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


municatore nell’arena internazionale”. delle elezioni del 2016 aveva adottato una “Contemporaneamente ha mandato Jack
L’articolo osservava: “Xi tratta tutti con posizione conlittuale nei confronti degli Ma, il fondatore del gigante del commercio
schiettezza, calore, attenzione e sponta- Stati Uniti. Pechino lavorava con Washing- online Alibaba, a incontrare Trump a New
neità”. Citava un linguista russo che aveva ton sul cambiamento climatico e sull’ac- York, per ofrirgli un milione di posti di la-
tradotto il suo discorso: “L’ho letto da mez- cordo con l’Iran sul nucleare, ma le tensioni voro”, prosegue Shen. “La Cina sa che
zogiorno a mezzanotte, scordandomi per- si stavano aggravando: la Cina rubava i se- Trump può essere imprevedibile, perciò
fino di mangiare”. Xi ha imposto al suo greti industriali degli Stati Uniti, costruiva abbiamo armi per renderlo prevedibile, per
paese una rigida visione della modernità. aeroporti sugli scogli nel mar Cinese meri- contenerlo. Sarebbe pronto a scambiare
Una campagna per spazzare via “la popo- dionale, creava ostacoli alle aziende statu- Taiwan con dei posti di lavoro”.
lazione di basso livello socioeconomico” nitensi che investivano in Cina, bloccava Nella nuova Casa Bianca c’erano due
ha cacciato da Pechino i lavoratori immi- gli operatori internet statunitensi e negava strategie concorrenti sulla Cina. Una, cal-
grati dalle zone rurali, e una contro il dis- il visto a studiosi e giornalisti americani. deggiata da Stephen Bannon, all’epoca
senso ha eliminato gli intellettuali più cri- Durante la campagna elettorale gli esperti consigliere strategico, voleva che Trump
tici dal dibattito online. Il partito sta pene- di Cina avevano invitato il candidato re- adottasse una linea dura, anche a rischio di
trando nelle istituzioni private. Alle uni- pubblicano a raforzare le alleanze in tutta una guerra commerciale. L’altra era asso-
versità straniere che hanno programmi in l’Asia e intensiicare la pressione su Pechi- ciata a Jared Kushner, genero e consigliere
Cina, come la statunitense Duke, è stato del presidente americano, che aveva incon-
consigliato di assegnare un ruolo decisio- “Per i leader cinesi trato più volte l’ambasciatore cinese, Cui
nale nel loro consiglio di amministrazione Tiankai. Kushner, favorevole a uno stretto
locale a un segretario del Partito comuni- Donald Trump è legame tra Xi e Trump, ha avuto la meglio.
sta. Pechino è più vivibile di quanto fosse un’opportunità Kushner e Rex Tillerson, il segretario
poco tempo fa, ma meno stimolante; è più di stato, hanno organizzato l’incontro di
ricca ma ha perso parte della sua capacità strategica enorme” Trump e Xi nella residenza presidenziale
d’improvvisazione. di Mar-a-Lago, in Florida, il 7 aprile 2017,
no. Quando Trump ha vinto, il Partito co- per conoscersi. Per creare la giusta atmo-
Armi di contenimento munista cinese “era quasi sotto shock”, mi sfera, due dei figli di Kushner e Ivanka
I leader cinesi raramente dicono cosa pen- ha detto Michael Pillsbury, ex collaboratore Trump, Arabella e Joseph, hanno cantato
sano dei presidenti statunitensi, ma alcuni del Pentagono e autore di The hundred- year una classica ballata cinese e recitato delle
studiosi ben introdotti – i più alti in grado marathon, un libro del 2015 sulle ambizioni poesie. Mentre il leader cinese era nella
negli istituti di Pechino, Shanghai e globali della Cina. “Temevano che fosse un villa, il governo di Pechino ha approvato
Guangzhou – possono dare indicazioni sui loro nemico mortale”. Hanno reagito pre- tre domande di registrazione di marchi
loro giudizi. Yan Xuetong è il decano parando possibili strategie di ritorsione, d’impresa della società di Ivanka, consen-
dell’Istituto di relazioni internazionali mo- come minacciare le aziende statunitensi in tendole di vendere gioielleria, borse e trat-
derne presso l’università Tsinghua di Pe- Cina e riiutare gli investimenti provenien- tamenti in centri benessere in Cina. Du-
chino. Prima che potessi rivolgergli una ti dai distretti di inluenti membri del con- rante gli incontri a Mar-a-Lago, i funziona-
domanda, mi ha detto: “Credo che Trump gresso statunitense. Soprattutto, ri cinesi hanno notato che, su al-
sia il Gorbačëv dell’America”. In Cina Mi- hanno studiato il presidente. cune delle questioni più sensibili
khail Gorbačëv è noto come il leader che Kevin Rudd, ex primo mini- per Pechino, il presidente statu-
ha provocato il crollo di un impero. “Gli stro australiano, che è in contatto nitense non ne sapeva abbastan-
Stati Uniti sofriranno”, avverte Yan. Du- con i leader di Pechino, mi ha det- za per obiettare. “Trump prende
rante una cena a base di ravioli, tofu e pollo to: “I cinesi erano rimasti sbalor- per buono quello che dice Xi Jin-
fritto, aferma che la forza degli Stati Uniti diti dall’elezione di Trump, ma proprio per ping: su Tibet, Taiwan, Corea del Nord”,
si misura in parte sulla loro capacità di per- questo erano ammirati che ci fosse riuscito. mi ha detto Daniel Russel, che ino a marzo
suasione. Hanno messo al lavoro un’intera batteria di è stato vicesegretario di stato per l’Asia
“La leadership di Washington è stata centri di ricerca per capire com’era potuto orientale e il Paciico. “È stata una grande
già molto indebolita negli ultimi dieci me- succedere”. lezione per i cinesi”.
si”, sostiene. “Nel 1991, quando Bush padre Prima che Trump entrasse alla Casa Dopo la visita di Mar-a-Lago Russel ha
lanciò la guerra contro l’Iraq, convinse 24 Bianca, la Cina ha cominciato a mettere in- parlato con i funzionari cinesi. “Avevano la
paesi a partecipare al conlitto. Se Trump sieme un programma per trattare con lui. Il sensazione di aver capito che tipo è
lanciasse una guerra contro qualcuno, non primo test è arrivato meno di un mese dopo Trump”, dice. “Sì, ha quest’aria imprevedi-
otterrebbe l’appoggio neanche di cinque la sua elezione, quando Trump ha parlato al bile che li preoccupa e devono prepararsi
paesi. Perino il congresso statunitense sta telefono con la presidente di Taiwan, Tsai ad afrontare certi problemi, ma sostanzial-
cercando di limitare il suo potere di avviare Ing-wen. “Xi Jinping era arrabbiato per quel mente quello che dicevano era ‘è una tigre
una guerra nucleare contro la Corea del colloquio”, dice Shen Dingli, esperto di af- di carta’. Perché non ha dato seguito a nes-
Nord”. Per i leader cinesi, dice Yan, “Trump fari esteri all’università Fudan di Shanghai. suna delle sue minacce. Non c’è nessun
è un’enorme opportunità strategica”. Gli “Ma ha fatto un grande sforzo per non crea- muro davanti al Messico. La riforma sani-
chiedo quanto pensa che durerà questa op- re uno scontro verbale”. Invece, qualche taria non è stata abolita. Non riesce a farsi
portunità. “Fino a quando Trump resterà al settimana dopo, il presidente cinese ha mo- appoggiare dal congresso. È sotto inchie-
governo”, risponde. strato un nuovo potente missile balistico sta”. Dopo il vertice la Pangoal institution,
La leadership di Pechino non ha sempre intercontinentale. “Un messaggio chiaro: un centro di ricerca di Pechino, ha pubbli-
avuto questa opinione di Trump. Prima io ho questo, cosa volete fare?”, dice Shen. cato un’analisi del governo Trump descri-

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 45


In copertina
vendolo come un covo di “cricche” in guer- del Nord, ma non ha detto nulla sulla pro- te. Mi accoglie June Jin, responsabile del
ra tra loro, la più inluente delle quali è “il prietà intellettuale e l’accesso al mercato. Il marketing, che ha preso un master in ge-
clan della famiglia Trump”. Il clan Trump dipartimento di stato aveva raccomandato stione d’impresa all’università di Chicago e
sembra “inluenzare direttamente le deci- al presidente di afrontare il caso della poe- ha lavorato per la Microsoft, la Apple e la
sioni finali” sugli scambi economici e la ta Liu Xia, vedova del premio Nobel Liu Tesla. Jin mi mostra alcuni esempi dei pos-
diplomazia come “raramente si è visto nel- Xiaobo, che si trova agli arresti domiciliari sibili usi commerciali del riconoscimento
la storia politica degli Stati Uniti”, è scritto senza nessuna accusa. Stando ai due fun- facciale. Mi fermo davanti a una macchina
nel documento della Pangoal institute, che zionari, Trump non ne ha mai parlato. simile a un bancomat che valuta la mia “fe-
sintetizza il fenomeno usando un’espres- La deferenza di Trump nei confronti di licità” e altre caratteristiche, ipotizza che
sione della Cina feudale: jiatianxia, “tratta- Xi ha mandato un messaggio ad altri paesi sia un uomo di 33 anni e, basandosi su que-
re lo stato come una proprietà”. che devono decidere tra Stati Uniti e Cina. ste informazioni, mi fa vedere una pubblici-
All’inizio di novembre Trump si stava Daniel Russel lo riassume così: “Il presi- tà di articoli per lo skateboard. Quando mi
preparando al suo primo viaggio a Pechino. dente americano è qui. È soggiogato dalla metto di nuovo davanti alla stessa macchi-
Secondo alcuni esperti del governo statuni- Città proibita. È soggiogato da Xi Jinping, e na, corregge i suoi calcoli attribuendomi 41
tense era un’opportunità per fare pressioni sceglie la Cina per il suo mercato, per il suo anni (sbaglia di un anno) e mostrandomi lo
su questioni essenziali. “Dobbiamo comin- potere. Se credevate che l’America avrebbe spot di un liquore.
ciare a difendere i nostri interessi, perché si Poi mi fa vedere come questa tecnologia
sono spinti più avanti, e più velocemente, Scolaretti agitavano è usata dalla polizia: “Lavoriamo a stretto
di quanto si pensasse, e senza che nessuno contatto con l’uicio di pubblica sicurezza”,
se ne rendesse conto”, mi dice un funziona- pompon colorati e che applica gli algoritmi di SenseTime a mi-
rio di Washington che ha contribuito a pia- urlavano, in cinese: lioni di foto sui documenti d’identità. A ti-
niicare la visita. Tra varie altre cose, gli tolo dimostrativo, usando il database dei
Stati Uniti volevano che la Cina aprisse al- “Zio Trump!” dipendenti dell’azienda, uno schermo mo-
cuni settori della sua economia, come il stra le immagini dal vivo di un incrocio mol-
cloud computing, ai concorrenti stranieri, scelto voi e quei trattati vecchio stile e i va- to traicato lì vicino. “In tempo reale coglie
punisse il furto della proprietà industriale e lori del novecento invece di Xi Jinping e del le caratteristiche di tutte le auto e dei pedo-
smettesse di costringere le aziende statuni- mercato cinese, be’, pensateci meglio”. ni”, dice. Sullo schermo accanto un traccia-
tensi a trasferire tecnologia nel paese asia- to indica i movimenti di un ragazzo in giro
tico come condizione per accedere al mer- Scienza e diritti umani per la città, basandosi solo sul suo volto.
cato cinese. In termini concreti, perché è importante se “Può abbinare un sospetto con un database
Dopo il congresso del partito, Trump gli Stati Uniti si ritirano e la Cina avanza? di criminali”, commenta Jin. “Se il livello di
era stupito dal nuovo potere di Xi. Qualche Un campo in cui gli efetti sono visibili è la somiglianza supera una certa soglia, pos-
ora prima che il suo aereo atterrasse a Pe- tecnologia, dove le aziende cinesi e statuni- siamo procedere immediatamente all’arre-
chino, l’8 novembre, i repubblicani aveva- tensi competono non solo per il proitto ma sto”. E continua: “Lavoriamo con più di
no subìto un duro colpo alle elezioni in al- anche per stabilire le regole sulla privacy, la quaranta uici di polizia in tutto il paese.
cuni stati, perdendo la corsa per la carica di correttezza e la censura. La Cina ha blocca- Solo l’anno scorso abbiamo aiutato la poli-
governatore in Virginia e New Jersey. Il to undici dei 25 siti web più popolari del zia a risolvere un gran numero di casi”.
consenso di Trump era al 37 per cento, il li- mondo, tra cui Google, YouTube, Facebook Negli Stati Uniti, dove i dipartimenti di
vello più basso mai avuto da un altro presi- e Wikipedia, perché teme che polizia e l’Fbi stanno adottando
dente statunitense a quel punto del manda- possano dominare sui concorren- tecnologie molto simili, il ricono-
to. Tre suoi ex collaboratori erano stati in- ti locali o ampliicare il dissenso. scimento facciale ha provocato
criminati nelle indagini sulle interferenze A dicembre la Cina ha ospitato dibattiti al congresso su privacy e
russe nelle elezioni del 2016. Era il primo una conferenza su internet con sorveglianza. I tribunali devono
vertice dal 1972 in cui il presidente statuni- grandi dirigenti d’azienda statu- ancora chiarire quando un’am-
tense aveva meno influenza e sicurezza nitensi come Tim Cook, della Apple, anche ministrazione locale o un’azienda possono
politica della sua controparte cinese. se poi ha costretto l’azienda di Cupertino a tenere traccia del volto di una persona. In
Xi ha abilmente lusingato il suo ospite. rimuovere le applicazioni che consentono quali circostanze i dati biometrici possono
Insieme hanno visitato la Città proibita al agli utenti di aggirare la censura. essere usati per trovare le persone sospetta-
tramonto. Hanno bevuto tè, assistito a una A Pechino chiamo un taxi e mi dirigo te di un crimine o essere venduti alle agen-
rappresentazione operistica e ammirato verso la zona nordoccidentale della città, zie pubblicitarie? Nella Cina di Xi Jinping si
un’antica urna d’oro. Il mattino dopo, nella dove un’azienda cinese, la SenseTime, la- discute ben poco di quali valori prevalgano
Grande sala del popolo, Trump è stato ac- vora sul riconoscimento facciale, un campo sui diritti dell’individuo. Nella città di Shen-
colto con una cerimonia ancora più sfarzo- in cui s’intrecciano scienza e diritti umani. zhen l’amministrazione locale usa il ricono-
sa, con bande militari, colpi di cannone e È stata fondata nel 2014 da Tang Xiao’ou, scimento facciale per impedire che la gente
scolaretti che agitavano pompon colorati e un esperto d’informatica che si è formato attraversi con il rosso (agli incroci traicati
urlavano: “Zio Trump!”. La censura ha can- negli Stati Uniti ed è tornato a insegnare a mostra i nomi di chi lo fa e le foto della carta
cellato i commenti critici su Trump dai so- Hong Kong. Gli uici della SenseTime han- d’identità su uno schermo). A Pechino il go-
cial network. Trump e Xi hanno parlato per no un elegante aspetto industriale. Nessu- verno usa le macchine per il riconoscimen-
ore e poi sono apparsi davanti ai giornalisti. no ha il cartellino d’identiicazione appun- to facciale nei bagni pubblici per impedire
Il presidente statunitense ha accennato alla tato sul petto perché le videocamere rico- che si rubi la carta igienica, limitandone
necessità di una collaborazione sulla Corea noscono i dipendenti e fanno aprire le por- l’uso a 60 centimetri in nove minuti.

46 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Shanghai

Prima che Trump diventasse presiden- provocare una reazione. I mezzi d’informa- getto, provocando proteste per la sua inter-
te, il governo cinese stava spendendo molto zione australiani hanno denunciato le ini- ferenza nella sovranità del paese. Pechino
più degli Stati Uniti per lo sviluppo di quei ziative del Partito comunista cinese per in- ha anche fama di adottare iniziative econo-
tipi d’intelligenza artificiale usati per lo luenzare il governo di Canberra. A dicem- miche punitive quando un paese più piccolo
spionaggio e la sicurezza. Secondo la In-Q- bre Sam Dastyari, un senatore australiano, non asseconda la sua politica. Dopo l’asse-
Tel, il ramo della Cia che cura gli investi- si è dimesso quando si è venuto a sapere che gnazione del Nobel a Liu Xiaobo, ha inter-
menti, nel 2016 Washington ha speso 1,2 aveva avvertito uno dei suoi inanziatori, un rotto i negoziati commerciali con la Norve-
miliardi di dollari in programmi d’intelli- uomo d’afari legato alle iniziative cinesi gia per quasi sette anni; durante una dispu-
genza artiiciale contro i 150 miliardi di dol- all’estero, che il suo telefono probabilmen- ta territoriale con le Filippine, ha sospeso le
lari previsti dal governo cinese nel piano te era controllato dall’intelligence. Il primo importazioni di banane; in una controver-
quinquennale in corso. Il bilancio proposto ministro australiano, Malcolm Turnbull, ha sia con la Corea del Sud, ha limitato il turi-
dall’amministrazione Trump per il 2018 annunciato che le donazioni politiche stra- smo e ha chiuso i discount coreani.
prevede tagli del 15 per cento alla ricerca niere saranno vietate, citando “notizie in-
scientiica, ovvero 11,1 miliardi di dollari, quietanti sull’inluenza cinese”. Ad agosto La rinuncia
compresa una diminuzione del 10 per cento la Cambridge University Press ha fatto scal- A Pechino alcuni analisti temono che i lea-
nelle spese della National science founda- pore per aver tolto da uno dei suoi siti cinesi der del paese finiscano con il muoversi
tion sui “sistemi intelligenti”. A novembre più di 300 articoli accademici che citavano troppo rapidamente per riempire il vuoto
del 2017, intervenendo al vertice sull’intel- questioni sensibili, come la repressione di lasciato dagli Stati Uniti sulla scena globale.
ligenza artiiciale e la sicurezza globale di piazza Tiananmen, per accontentare la Secondo Jia Qingguo, decano del diparti-
Washington, Eric Schmidt, allora presiden- censura cinese. La casa editrice ha poi fatto mento di diplomazia all’Università di Pe-
te di Alphabet, l’azienda madre di Google, marcia indietro. chino, “gli Stati Uniti non stanno perdendo
ha dichiarato che i tagli ai inanziamenti per In tutta l’Asia le intenzioni della Cina la leadership. Ci stanno rinunciando. Sem-
la ricerca scientiica di base aiuteranno la suscitano diidenza. Con la Belt and road bra che l’idea di Trump sia: se la Cina riesce
Cina a superare gli Stati Uniti nel campo initiative, il paese ha prestato tanti di quei a viaggiare in autobus senza pagare, perché
dell’intelligenza artiiciale nell’arco di un soldi ai suoi vicini che i detrattori di Pechino non possiamo farlo anche noi? Ma il proble-
decennio. “Entro il 2025 ci avranno supera- paragonano il credito a una forma di impe- ma è che gli Stati Uniti sono troppo grandi.
to e per il 2030 domineranno l’industria rialismo. Quando lo Sri Lanka non è riuscito Se viaggiate senza pagare, l’autobus va in
dell’intelligenza artiiciale”, ha detto. a ripagare i prestiti per la costruzione di un pezzi. Forse la soluzione migliore è che la
Le mosse della Cina per estendere il suo porto di acque profonde, la Cina ha acquisi- Cina aiuti gli Stati Uniti a guidare l’autobus.
raggio d’azione sono state così rapide da to la maggioranza della proprietà del pro- Lo scenario peggiore è che la Cina si metta

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 47


In copertina
alla guida dell’autobus senza essere pronta. guerra commerciale”, mi dice un funziona- un’era senza leader scontati, “un’era di
È troppo costoso e non ha abbastanza espe- rio della Casa Bianca che si occupa di afari non polarità”, come l’ha deinita Richard
rienza”. Jia spiega che le università non cinesi. “Ma il presidente è convinto che Haass, presidente del centro studi Council
hanno avuto il tempo di formare esperti in dobbiamo difenderci dalle politiche indu- on foreign relations, in cui le potenze na-
aree che la Cina ora dovrebbe conoscere: striali predatorie della Cina, che hanno af- zionaliste – Cina, Stati Uniti, Russia – si
“Prima il resto del mondo era lontanissimo. fossato l’industria manifatturiera statuni- confrontano con gruppi non statali di ogni
Oggi è molto vicino, ma il cambiamento è tense e, in misura sempre maggiore, i setto- tipo, da Medici senza frontiere a Facebook,
stato troppo rapido”. ri dell’alta tecnologia”. da ExxonMobil a Boko haram.
Joseph Nye, che ha coniato l’espressio- Iniziative di questo tipo potrebbero en- È naturale che agli statunitensi non
ne soft power per descrivere l’uso delle idee trare in collisione con il rapporto fra Trump piaccia questa prospettiva, ma Shivshan-
e del potere di attrazione al posto della for- e Xi. Nel frattempo, molti esperti giudicano kar Menon, l’ex ministro degli esteri india-
za, mi dice che la Cina ha migliorato la sua incerto l’atteggiamento dell’amministra- no, ritiene che Washington conserverà la
capacità di persuasione, ma ino a un certo zione americana. Nei primi undici mesi credibilità e la leadership. “Gli Stati Uniti
punto. “Il soft power statunitense viene in della presidenza Trump nessun ministro sono l’unica potenza che conosco capace
gran parte dalla società civile, da Holly- del suo gabinetto aveva fatto un discorso di capovolgere la sua posizione, con un
wood a Harvard ino alla fondazione Ga- importante sulla Cina. La carica di vicese- processo di autoanalisi”, aferma Menon.
tes”, spiega. “La Cina non lo capisce. Credo “Credo che stiamo tornando a quella che
che alla lunga questo li danneggerà”. Nye Lo scenario peggiore in efetti è la norma storica: multiversi se-
prevede che l’impopolarità di Trump non parati invece di uno solo, che era un’ecce-
minerà il vantaggio del soft power statuni- è che la Cina si metta zione. Se torni al concetto di Europa
tense, se non a certe condizioni. “Probabil- alla guida dell’autobus nell’ottocento, la gente viveva in mondi
mente Trump non sarà visto come un mo- diversi e aveva interazioni molto controlla-
mento di svolta nella storia americana, ma senza essere pronta te. La Cina non intende assumersi la re-
piuttosto come un contrattempo. Due even- sponsabilità di tutto ciò che succede in
tualità potrebbero smentirmi. La prima è se gretario di stato per gli afari in Asia orien- Medio Oriente o in America Latina”.
ci trascinasse in una guerra. La seconda è se tale e nel Paciico, la più importante del di- In tante piccole cose, sostiene Menon,
venisse rieletto e inisse con il danneggiare partimento per la regione, era vacante. è già così: “La tecnologia l’ha reso facile,
il nostro sistema di pesi e contrappesi o la In decine di interviste, quasi nessuno perché iTunes continua a venderti sempre
nostra reputazione di società democratica. mi ha detto di aspettarsi che la Cina nel la stessa musica, non ti espone a qualcosa
Non credo che le due cose siano probabili, prossimo futuro possa soppiantare gli Stati di nuovo. Quando vai a Pechino, senti an-
ma non ho abbastanza iducia nelle mie va- Uniti nel loro ruolo di principale potenza cora la tua musica e ti trovi sempre nella
lutazioni per garantirtelo”. mondiale. Oltre agli ostacoli economici, è tua bolla. Perciò è una falsità storica quan-
Alla Casa Bianca i collaboratori dicono il sistema politico cinese – con i limiti im- do diciamo di essere globalizzati. Cosa si-
che alla ine del 2017 è stata introdotta una posti alla libertà di espressione, alla reli- gniica?”.
duplice strategia: il presidente cerca di gione, alla società civile e a internet – che
mantenere rapporti cordiali con Xi, mentre spinge gli intellettuali più coraggiosi e con Di nuovo grandi
i funzionari di livello inferiore seguono la una mentalità imprenditoriale ad andarse- In un tardo pomeriggio di novembre vado
linea dura. Alla ine del 2017 il dipartimento ne. Il sistema di Xi suscita invidia negli au- a trovare un docente di Pechino che ha stu-
di stato, il consiglio di sicurezza nazionale e tocrati, ma poca ammirazione diato a lungo negli Stati Uniti. Il
altre agenzie stavano valutando le misure nei cittadini di tutto il mondo. E radicale cambiamento politico
da adottare per limitare l’influenza cre- malgrado tutti i suoi discorsi su avvenuto nel paese l’ha disorien-
scente di Pechino, le sue pratiche commer- una “soluzione cinese” e il glo- tato. “È molto diicile per me”,
ciali e le iniziative per determinare la tecno- rioso autoritratto di Wolf warrior dice versandomi una tazza di tè.
logia del futuro. II, la Cina deve ancora mettere A suo giudizio, l’antico patto
Nella sua strategia di sicurezza nazio- in campo risposte serie ai problemi globali, americano si sta dissolvendo. “In passato
nale, l’amministrazione statunitense ha come la crisi dei migranti o la guerra civile restavate insieme grazie a valori comuni
suggerito che, per fermare il furto di segre- in Siria. che chiamate libertà”, dice. Ma oggi al suo
ti commerciali, si potevano limitare i visti La leadership globale è costosa: signiica posto sta emergendo una politica cinica, a
agli stranieri che vengono negli Stati Uniti chiedere al tuo popolo di contribuire al be- somma zero, un ritorno a sangue e terra
per studiare scienze, ingegneria, matema- nessere degli altri, mandare giovani soldati che privilegia gli interessi sull’ispirazione.
tica e tecnologia; si è dedicata a una “libera a morire lontano da casa. Nel 2015, quando In questo senso, la più grande sorpresa nel-
e aperta regione indopaciica” che, in pra- Xi ha promesso miliardi di dollari per can- le relazioni tra Cina e Stati Uniti è la loro
tica, dovrebbe ampliare la cooperazione cellare debiti e concedere ulteriori aiuti ai somiglianza. In entrambi i paesi la gente è
militare con India, Giappone e Australia. paesi africani, in Cina alcuni hanno reagito furiosa per la profonda disuguaglianza di
Robert Lighthizer, il responsabile per il brontolando che il loro paese non era anco- ricchezza e di opportunità, e ha aidato le
commercio con l’estero dell’amministra- ra abbastanza ricco per permetterselo. sue speranze a leader nazionalisti e nostal-
zione Trump, sta valutando diverse possi- “Non hanno nessuna intenzione di imitare gici che la incoraggiano a credere in mi-
bili tarife per punire la Cina per il suo pre- gli Stati Uniti come fornitori di beni globali nacce provenienti dall’esterno. “Cina,
sunto furto di proprietà intellettuale e per o come arbitro che issa i princìpi universali Russia e Stati Uniti stanno andando nella
la concorrenza sleale delle esportazioni sui e le regole comuni”, dice Daniel Russel. Più stessa direzione”, dice. “Cercano tutti di
mercati statunitensi. “Non vogliamo una probabilmente il mondo sta entrando in tornare a essere grandi”. u gc

48 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Perù

Il muro
che divide
Lima
Fabiano Maisonnave, Folha S.Paulo, Brasile
Foto di Avener Prado
Una barriera lunga dieci chilometri e alta tre
metri separa i quartieri più ricchi dalle baracche
costruite sulle colline della capitale peruviana.
Un simbolo del forte divario sociale del paese
e potesse camminare ino alla menti più giovani”, un eufemismo per indi-

S casa dove lavora come collabo-


ratore domestico, Esteban Ari-
mana impiegherebbe cinque
minuti. Invece, ogni giorno,
passa due ore su autobus afol-
lati che attraversano le strade di Lima, la
capitale del Perù. Il percorso tra le due case,
la sua e quella del datore di lavoro, è obbli-
gato: in mezzo c’è il cosiddetto muro della
care le baraccopoli.
“L’apertura di un varco sarebbe utile”,
aferma Arimana, che vive con la moglie e
tre igli (il più grande ha 14 anni) accanto al
muro di cemento, alto tre metri e protetto
dal ilo spinato. “Ma siccome siamo poveri,
è diicile che ci diano ascolto”.
La sua famiglia è una delle tante di Pam-
plona Alta, un agglomerato di baracche su
vergogna, la barriera di dieci chilometri che una collina che porta lo stesso nome, dove
FoLhAPrEss

serpeggia lungo le colline della città. Co- vivono 96mila persone. Come la maggior
struito a partire dagli anni ottanta, il muro parte degli abitanti della zona, gli Arimana
separa i quartieri della città dagli “insedia- sono indigeni che si sono trasferiti nella ca-
pitale dall’altopiano peruviano. Abitano in hanno riscaldato la supericie delle grandi
COLOMBIA una casupola di compensato che hanno co- rocce, che a causa dell’alta temperatura si
Quito
struito da soli. Il terreno è accidentato e sono crepate, e poi le hanno sbriciolate a
ECUADOR manca l’acqua corrente. Il bagno, esterno, è martellate. Nelle zone più basse, dove le
Iquitos
un buco nel terreno. Una casa così costa al proprietà sono state regolarizzate e c’è l’ac-
massimo qualche migliaio di dollari. qua corrente, alcuni abitanti hanno
BRASILE creato delle specie di condomini privati. Per
Pucallpa Case con piscina evitare furti nelle case, molti hanno chiuso
Pamplona Alta cambia a seconda di quanto le strade usando cancelli e catene.
PERÙ si sale verso l’alto. Più ci si avvicina alla ci- Quando visitiamo una di queste zone,
ma della collina, più le abitazioni sono in- notiamo una guardia su una torretta che
Lima Cuzco
BOLIVIA stabili. Molte sono costruite su una base vieta a chiunque di passare nel versante
Lago
fatta di pneumatici. Le decine di chilometri ricco dall’altra parte del muro. A pochi me-
Oceano
Paciico Arequipa Titicaca di strade non asfaltate sono state scolpite tri c’è un messaggio rivolto agli abitanti di
75 km
nella pietra dagli stessi abitanti delle barac- questo lato, quello povero: “Non si accetta-
copoli. Il metodo: sempre con i pneumatici no tossicodipendenti, ladri, criminali e

50 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Perù, 2017. Il muro di Lima

traicanti di droga. Altrimenti ci sarà la pu- metro quadrato, quello dell’acqua nel ver- europea, il muro è stato costruito per motivi
nizione della comunità”. sante dove vive Arimana è molto più alto, di sicurezza e per evitare l’espansione delle
Arimana vive da dieci anni in una delle perché le condutture sono private. Infatti a costruzioni abusive.
aree non regolarizzate. Pochi metri più in Pamplona Alta l’acqua, conservata in bido- Tra i residenti c’è anche il famoso chef e
alto il muro segna il conine con il condo- ni di plastica, si paga circa 9 dollari al metro imprenditore Gastón Acurio, che ha una
minio Las Casuarinas, dove l’accesso, con- cubo, mentre nelle zone regolarizzate il delle case più vicine al muro. Acurio, iglio
trollato con telecamere di sicurezza, è con- prezzo varia tra 0,3 e 1,5 dollari, a seconda di un ex senatore, è considerato il principale
sentito solo ai residenti e ai loro invitati. della fascia di consumo. In sostanza gli abi- responsabile della difusione e del successo
Nel condominio, che ha una vista splen- tanti poveri pagano l’acqua dieci volte di più della cucina peruviana nel mondo. In
dida su Lima, ci sono case che costano an- rispetto a quelli ricchi. “A Las Casuarinas un’email ci spiega di essere contrario alla
che 4,5 milioni di dollari (3,6 milioni di eu- hanno tutti la piscina”, dice Arimana. barriera, senza però speciicare il motivo. E
ro). Arimana lavora in una di queste abita- secondo i residenti di Las Casuarinas, aggiunge che nel 2019 vorrebbe aprire la
zioni, dove si occupa della sorveglianza e che i vicini di Pamplona Alta chiamano sua seconda scuola di cucina a Pamplona
fa piccoli lavori domestici. “Non ho una gringos (un modo spregiativo con cui di soli- Alta, proprio per i ragazzi delle baraccopoli.
mansione precisa. Faccio quello che mi to sono deiniti gli statunitensi) per via della La prima si trova a Pachacútec, un’altra zo-
chiedono”, dice. A diferenza del prezzo al pelle più chiara che deriva dalla loro origine na povera di Lima, e accoglie trecento stu-

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 51


Perù
Lima, 2017 Pamplona Alta che lavorano a La Molina,
dove vivono le classi media e alta. scendo-
no per piccole strade lungo il pendio sco-
sceso. Al contrario del lato povero, qui non
ci sono scale. “Dal muro di La Molina verso
Pamplona Alta la situazione è disastrosa”,
dice Dionisio Chirinos mentre rientra dal
lavoro. È accompagnato dal iglio adole-
scente che zoppica. “Come vede, mio iglio
si è fatto male alla gamba”, aggiunge indi-
cando il ginocchio del ragazzo.

Troppo ripido
Incontriamo l’unico abitante della zona
più ricca che si avventura per i sentieri di
Pamplona Alta. Julio Díaz è uno studente
che vive a La Molina ma risale spesso la
collina per fare un po’ di esercizio isico.
FoLhAPrEss

Díaz non ha paura di camminare qui, an-


che se è favorevole al muro. “È una barrie-
ra necessaria per limitare gli sconinamen-
denti. “Come imprenditori e come famiglia Julio Calderón nel libro La ciudad ilegal. Ne- ti”, dice. “C’è molto traico di terreni. Per-
cerchiamo di agire direttamente per can- gli anni ottanta e novanta migliaia di perso- sone mal intenzionate s’impossessano di
cellare le divisioni economiche, sociali e ne arrivarono a Lima. scappavano dal con- tutto, dividono e vendono la terra a chi ne
culturali che da secoli sono un disonore per litto provocato dall’organizzazione guerri- ha più bisogno. In ogni caso, come vedete,
il nostro paese”, scrive Acurio. gliera maoista sendero luminoso, concen- le persone possono passare liberamente da
Per Carlos Tovar, detto Carlín, architet- trata soprattutto nella zona delle Ande. La una parte all’altra”.
to e autore di fumetti peruviano, la presen- costruzione del muro seguì il ritmo L’addetto stampa del distretto di La Mo-
za del muro e delle ringhiere di protezione dell’espansione delle baraccopoli. Il primo lina ci ha detto che la costruzione della bar-
nella capitale dipendono dalla disoccupa- tratto fu costruito nel 1985 dal collegio Im- riera serve a proteggere la zona da ulteriori
zione e dalla disuguaglianza. “Il razzismo macolata concezione, amministrato dai costruzioni abusive, ma non ha voluto pro-
peggiore è quello che secondo le persone gesuiti. All’epoca i dirigenti dell’istituto dis- curarci un’intervista con un portavoce del
non esiste”, spiega Carlín, le cui vignette sero che l’opera – eseguita senza i permessi comune.
critiche verso il governo di Lima sono state necessari – serviva a impedire che le costru- Nella parte alta della collina, a circa die-
riunite nel libro Errar es urbano, sbagliare è zioni abusive si avvicinassero troppo. ci minuti da Pamplona Alta, c’è uno degli
urbano. “siamo uno dei paesi più razzisti oggi oltre al tratto di muro del collegio, insediamenti abusivi più recenti, Valle
del mondo”, dice. di Las Casuarinas e di altri condomini pri- Escondido. Le famiglie di questa zona, do-
Come in altri stati latinoamericani, in vati, ce n’è uno controllato dal comune: è ve mancano sia la luce elettrica sia l’acqua
Perù l’aumento della popolazione nella ca- una barriera di pietre e ilo spinato costrui- potabile e dove soia sempre un vento fred-
pitale dipende soprattutto dall’espansione ta dal municipio di La Molina (uno dei 43 do, si dividono in due gruppi per il controllo
degli “insediamenti giovani”, un tempo distretti della provincia di Lima) al conine dell’area, creando un clima di siducia. Uno
chiamati barriadas. Nel 1961 nelle baracco- con Pamplona Alta. Il muro è un po’ più dei residenti, che accetta di parlare a condi-
poli vivevano duecentomila persone, nel basso di quello dei condomini privati e ha zione di restare anonimo, ci spiega perché a
2007 gli abitanti erano 4,1 milioni, circa il un varco per consentire il passaggio, sorve- Valle Escondido non c’è il muro: “Il pendio
40 per cento della popolazione della città. gliato dalla guardia municipale. Quest’ac- è così ripido che nessuno vuole scendere e
Questi dati sono stati raccolti dal sociologo cesso è usato ogni giorno dagli abitanti di poi risalire ino a qui”. u as

Da sapere I numeri della disuguaglianza


Tasso di disoccupazione, % Povertà, % Incidenza della povertà, % del gruppo etnico

10 Afrodiscendenti
40

35
29,5
8
Area metropolitana 30 Nativi
5,1 Perù 20,7
di Lima
6 25 28,6
20
Perù Bianchi
4 15
Area metropolitana
4,4 10
20,5
di Lima
2
FoNTE: INEI

FoNTE: INEI

FoNTE: INEI

5 11,0 Meticci
0 0 13,5
2004 2010 2015 2007 2010 2013 2016

52 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Scienza
Un biancospino piegato dal vento
AShLey Cooper (VISuALS unLImIted/Getty ImAGeS)

I padroni del vento


David McDermott Hughes, The Boston Review, Stati Uniti
La produzione di energia pulita dovrebbe favorire le comunità, non solo
le aziende e i proprietari terrieri come succede nel sud della Spagna

54 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


terrieri per poter accedere agli spiazzi intor- duce raccolti. un’azienda paga per accede-
no alle turbine. I possidenti riscuotono an- re al vento che soia sulle terre di Soares.
che il cosiddetto derecho del aire, o diritto “Vive di turbine”, dicono gli uomini del bar.
dell’aria, che ino a qualche tempo fa non Il problema della concentrazione della terra
esisteva. All’improvviso – e quasi senza che nelle mani di pochi non è nuovo in Andalu-
nessuno si opponesse – gli agricoltori, gli sia. nel primo e secondo secolo aC, le più
allevatori e i loro soci hanno cominciato a importanti famiglie romane assunsero il
ricavare un notevole reddito dal vento, controllo dei latifundia, il termine latino per
l’equivalente delle somme percepite con i i grandi possedimenti terrieri. Alla caduta
diritti petroliferi e minerari. Il vento, che in di roma i musulmani, o mori, occuparono
passato era in eccesso e di tutti, sta diven- la penisola iberica e la coltivarono con suc-
tando una proprietà esclusiva. Se vogliamo cesso, ma poi la storia si ripeté. I cristiani la
andare verso un futuro con più energia eoli- conquistarono o, come dicono loro, la ri-
ca, dobbiamo porci una domanda che un conquistarono. La fase inale della reconqui-
tempo sarebbe sembrata stravagante: di chi sta si svolse proprio in Andalusia, dal 1200
è il vento? È un bene pubblico o privato? Se al 1492. I re inanziarono gli ordini nobiliari
l’obiettivo è rinunciare gradualmente ai e cavallereschi che saccheggiavano i terri-
combustibili fossili, la risposta a queste do- tori e se ne impossessavano. duchi e mar-
mande è fondamentale per progettare e chesi recintarono le terre. Gli elaborati si-
realizzare un nuovo sistema energetico. stemi di irrigazione dei mori caddero in di-
In un paesino di quattrocento abitanti suso e poi sparirono del tutto. A quanto
che chiamerò Sereno le turbine cominciano sembra, in Andalusia la proprietà terriera
subito dopo l’ultima casa e serpeggiano tra ha perpetuato la violenza, lo sfruttamento,
i pascoli e i campi di grano e girasoli. dal l’elitismo e lo spreco, i quattro cavalieri
1999, l’anno in cui sono state installate, gli dell’eterna apocalisse della Spagna rurale.
abitanti del paese hanno cercato più volte di
impedire che ne venissero erette altre, ma Condizioni terribili
hanno sempre perso e ora vivono in un pae- Quando l’agronomo pascual Carrión visitò
saggio popolato da 250 giganti d’acciaio l’Andalusia per la prima volta nel 1932, i suoi
rumorosi. molti si sono abituati alla vista, granai erano diventati lande desolate. pren-
ma quasi nessuno accetta il modo in cui so- dendo in prestito un termine del vecchio
no divisi i proitti. A diferenza di altre cen- impero spagnolo, Carrión chiamò questi
trali eoliche in Germania e nel centro della grandi possedimenti latifundios e i loro pro-
Spagna, che sorgono su terreni di proprietà prietari latifundistas. nel distretto di Sereno
pubblica e sono gestite dalla comunità, que- scoprì che i latifondisti possedevano il 70
ste turbine si trovano su terreni privati e per cento di un territorio con migliaia di
quindi sono dei privati cittadini a incassare abitanti. I poveri vivevano in condizioni ter-
i ricavi, mentre gli abitanti del paese conti- ribili: si costruivano capanne sulle monta-
nuano a pagare l’elettricità. gne rocciose e sugli altopiani, lavoravano a
La situazione ha aggravato i tradizionali giornata come stagionali nei latifondi e pra-
conlitti di classe. un sabato mi unisco a un ticamente morivano di fame. molti chiede-
gruppo di persone al mesón de toreros, un vano un lavoro, se non l’elemosina, alla fa-
piccolo bar nascosto in un vicolo. Gli uomi- miglia che possedeva quindici di quelle 29
ni bevono birra e le donne cucinano salsicce tenute: i Soares. non c’è da meravigliarsi se
hi crea disordine in nel retro. Le pareti sono coperte di manife- i miei nuovi amici non volevano ricardo al

“C casa erediterà ven-


to”. Questa citazio-
ne dal libro dei Pro-
verbi (11,29) parte
dal presupposto che
il vento non abbia un valore tangibile. In ef-
sti che immortalano i toreri delle grandi
corride di Siviglia, Granada e madrid. Fac-
cio il nome di un grande proprietario terrie-
ro della zona, ricardo Soares (nome di fan-
tasia, come tutti quelli che seguono), che
alleva tori da combattimento. mi sarei
mesón de toreros.
ricardo discende, attraverso otto gene-
razioni in linea paterna, da Jaime Soares y
pizarro, il suo primo antenato a stabilirsi
nella zona. Quell’uomo del settecento in-
trodusse una famosa razza di bovini, e da
fetti nessuno può trattenere o possedere aspettato di vederlo al mesón de toreros, allora la famiglia ha sempre allevato bestia-
l’aria, e anche se potesse, ce n’è troppa in ma i miei compagni di bevuta lo disprezza- me, ha piantato molto poco e ha dato lavoro
troppi posti perché abbia un valore. Il mae- no: è il più cafre di tutti, dicono, usando un a pochissime persone. ricardo Soares è
strale e lo scirocco non mancano mai. ma vecchio termine razzista per indicare gli sempre stato un allevatore e ha evitato di
sulla costa spagnola dello stretto di Gibil- africani e che oggi signiica “selvaggio”. So- ricoprire qualsiasi carica politica. ma non
terra, dove lavoro sul campo come etnogra- ares non vende i suoi tori per proitto, non può comunque sfuggire al suo stato di lati-
fo, il levante e il ponente mettono in moto le dà lavoro a molta gente e non condivide la fondista e alla sua stirpe di cacique, o capi
centrali eoliche che forniscono elettricità sua terra con qualcuno che potrebbe farne politici. L’impero spagnolo – che sopravvive
all’Andalusia. I maggiori produttori spa- buon uso. La sua tenuta più grande, Bugaba nella disuguaglianza e nel risentimento – è
gnoli di energia pulita pagano i proprietari (anche questo è un nome ittizio), non pro- ancora qui dov’è nato, in Andalusia.

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 55


Scienza
Incontro Soares una sera di ottobre nel lo. Scorre in modo più o meno orizzontale, nanziare lo sviluppo dell’energia eolica e
bar ristorante più famoso di Sereno. È un come un iume, attraverso i conini di una solare: la lezione del petrolio e del gas”. Se-
uomo imponente e sembra abituato a esse- proprietà. perciò dovrebbe essere conside- condo Bradford e gli altri autori del saggio,
re trattato con deferenza. È un tradizionali- rato un bene comune. il problema è l’eccesso di queste risorse.
sta schierato dalla parte della chiesa, della “per dare valore a queste forme di energia è
corona e dei conquistadores, che ammira per Forza cinetica necessario che siano meno abbondanti”.
il loro coraggio e i loro cojones. Fuma una ne parlo con Soares davanti a una serie di ma com’è possibile? per parlare solo del
dietro l’altra le sigarette che si prepara da cocktail e di tapas a ingrediente unico. Il vento, nell’atmosfera circolano circa 2.200
solo e preferisce la cucina locale e le tapas vento non si consuma. per quanto possiamo terawatt di energia eolica. Anche escluden-
con un unico ingrediente. ordina in tono vedere, una turbina non sottrae nulla alla do i 1.800 che sono troppo in alto per essere
deciso e senza guardare il menù. A casa forza cinetica della successiva. nonostante catturati dalle turbine, ne restano 400 a li-
mangia tori allevati per combattere, ma non questo, la legge spagnola prevede un mini- velli più bassi. Se ci si limitasse a costruire le
abbastanza cattivi per uccidere una perso- mo di spazio senza turbine intorno a ogni centrali eoliche nei posti, come lo stretto di
na: “Scura, ecologica, autoctona: la carne centrale: Soares non può riempire le sue Gibilterra, dove vicino alla costa i venti so-
migliore del mondo”. terre di turbine ino al conine. Su questa li- no veloci e costanti, si potrebbero produrre
devo insistere per farlo parlare di qual- mitazione imposta alla proprietà privata, su 72 terawatt di elettricità. e per tutte le sue
cosa di così poco tradizionale come l’ener- questa concessione al bene comune siamo attività l’intera specie umana impiega solo
gia eolica. per fortuna, mi spiega, i tori si d’accordo, ma dopo aver allontanato con un 18 terawatt. L’oferta supererebbe comun-
sono abituati alle pale, vanno perino a cer- gesto della mano una donna che gli chiede que la domanda.
care l’ombra lì sotto. ma l’allevamento è di non fumare all’interno del ristorante, So- L’industria eolica, compresi gli operato-
una questione di vanità, ammet- ares mette ine a ogni dibattito. ri delle turbine e i proprietari dei terreni,
te. Quando gli chiedo da dove “Il vento”, dice, “appartiene a chi potrebbe essere costretta a vendere l’elet-
trae i suoi proitti, agita una mano installa la prima turbina”. ri- tricità a basso prezzo. ma, secondo persone
a ventaglio. “purtroppo”, dice, gli sponde anche alla mia domanda come Bradford, la soluzione è applicare lo
insulti che gli rivolgono sono fon- più sottile sul diritto alla forza ci- stesso metodo artificiale di riduzione
dati. Senza turbine dovrebbe di- netica: il vento che cade su Buga- dell’oferta che ha usato l’industria petroli-
videre i suoi terreni coltivabili e venderli. ba costituisce “i miei 48 megawatt”. Quei fera. Anche di petrolio, dopotutto, ce n’è in
negli Stati uniti i proprietari detengono 48 megawatt gli hanno permesso di mante- abbondanza, ma quando parlano di greggio
i diritti sui prodotti del sottosuolo dei loro nere intatto il suo latifondo, di non divider- le aziende petrolifere usano due termini di-
terreni, come il petrolio, il gas o i minerali. lo con altri agricoltori più piccoli, che avreb- versi: risorse e riserve. Il primo si riferisce al
Se un’azienda vuole estrarli, deve pagare i bero potuto farne buon uso. A volte, più le petrolio che effettivamente esiste, ma si
diritti e anche l’aitto dei terreni. Questo è cose cambiano, più rimangono uguali. trova in profondità nella roccia o nel mare
il modello adottato anche per le centrali eo- Il modello latifondista di Soares è stato ed è diicile da estrarre. Il secondo si riferi-
liche sulle terre di Soares: l’energia dell’aria avallato da un numero sempre maggiore di sce a quello più facilmente accessibile, per-
è trattata come se fosse un combustibile fanatici dell’eolico. Questi, formalizzando ché è in supericie e può essere estratto su-
fossile. L’accordo standard prevede che un le convenzioni già esistenti nel settore pe- bito. Quindi, estraendo solo le riserve,
proprietario terriero come ricardo incassi trolifero, vorrebbero applicare le peggiori aziende come la exxonmobil si garantisco-
un aitto annuale per il suolo occupato dal- forme di inanza anche ai latifondi. All’ini- no un buon guadagno.
la turbina e dalla piattaforma che la circon- zio del 2017, per esempio, travis Bradford A volte, inoltre, le riserve risentono di
da, che è grande come la metà di un campo – un inanziere diventato ecocapitalista – ha quelli che gli esperti chiamano “rischi di
da calcio. In più il proprietario è pagato in pubblicato uno studio intitolato “Come i- supericie”, cioè dell’instabilità politica o
proporzione al valore dell’elettricità pro- dello scoppio di una guerra in un certo pae-
dotta. Soares è riuscito a ottenere anche che
l’aitto sia adeguato all’inlazione.
Da sapere se. In seguito all’invasione dell’Iraq, per
esempio, la produzione di alcuni pozzi di
un contratto simile non ha precedenti
Quanto conta il vento petrolio si è fermata, facendo diminuire
nella regione. In passato, se qualcuno vole- Potenza prodotta dall’energia eolica in rapporto l’oferta e salire il prezzo della benzina. Le
va usare la terra di qualcun altro, pagava un alla potenza totale, 2016, % aziende petrolifere hanno messo quei soldi
aitto annuale o gli dava una parte del rac- in più in banca. potrebbe succedere qualco-
colto, mai tutte e due le cose. Quando chie- danimarca 34,1 sa di simile nell’industria eolica? Bradford
do a Soares se pensa che quei diritti gli spet- portogallo 25,9 assicura che “le barriere comunitarie, poli-
tino, ammette che il levante è un bene co- tiche e ambientali allo sviluppo escluderan-
Irlanda 24,2
mune. “Il vento non è mio”, mi spiega, no molti potenziali siti dal mercato”. Con le
“passa”. L’aria è un “bene pubblico” come Germania 24,2 loro proteste contro l’aggiunta di altre turbi-
l’acqua. “nell’ottica umanistica questo lo Spagna 21,8 ne, sembra che gli abitanti di Sereno possa-
capisco”, dice, lasciando intendere che pe- Svezia 15,1
no essere considerati un rischio di superi-
rò quella non è la sua ottica abituale. ma cie. tra le righe di questo discorso s’intrave-
polonia
quando il vento cade sul terreno, continua, 14,9
de già una strategia politica: gli ecocapitali-
è possibile appropriarsene. discutiamo sul regno unito 14,3 sti inanzieranno la costruzione delle cen-
verbo caer, che signiica “cadere” ma anche Francia 8,6
trali eoliche, ma poi si arrenderanno facil-
“accadere”. Il vento accade o arriva sponta- mente alle richieste dei loro nemici, le co-
Italia 7,1
neamente, ma non cade in verticale dal cie- Fonte: Red Eléctrica de España munità locali, che tendono a essere contra-

56 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Andalusia, Spagna
moment/Getty ImAGeS

rie alla proliferazione di turbine e pannelli. carbonizzazione, potremmo generare il Fuori dagli Stati uniti i diritti minerari spet-
Le proteste imporranno un tetto alla densi- 100 per cento dell’elettricità attraverso il tano ai governi, perché il sottosuolo è un
tà delle turbine, facendo così salire il valore vento, il sole e le altre fonti rinnovabili. per bene pubblico. negli Stati uniti i privati de-
dei megawatt generati dal vento. In altre stabilizzare il clima, dovremmo raccogliere tengono i diritti minerari sulle loro fattorie
parole, i difensori dei diritti dell’aria non energia di questo tipo in molti posti: a terra, e sui loro ranch, ma Washington incassa
vogliono che l’industria dell’eolico cresca, in mare, sulle montagne, nelle valli e nel quelli del petrolio estratto dai terreni fede-
o comunque non quanto potrebbe. Voglio- prato dietro casa. I latifondi privati come rali e dai fondali marini. In Alaska non esi-
no che le turbine siano un fallimento ecolo- quello di Soares non saranno più suicienti. ste quasi proprietà privata, quindi il sistema
gico e un successo economico. e lo stesso Se devono proliferare, le turbine devono del bene comune vige in tutto lo stato, e
principio vale per il solare. In Spagna la dif- diventare popolari nei seggi elettorali e nel- funziona perfettamente. Il governo accu-
fusione dell’eolico si è già fermata, e negli le piazze. perché questo succeda, gli am- mula i proitti in un fondo, con cui paga un
Stati uniti, anche se è ancora in espansione, bientalisti devono usare la tattica dell’ab- dividendo annuale ai residenti.
le resistenze a livello locale hanno conina- bondanza. In genere l’abbondanza non è il e se si facesse la stessa cosa con il vento?
to le turbine al largo dei mari o in zone poco terreno di lotta degli ambientalisti. per mo- I diritti inirebbero nelle tasche delle perso-
popolate del texas e dell’Iowa. tivi diversi, i paladini della giustizia econo- ne che vivono all’ombra delle turbine. Le
dato che dipende dall’estensione dei mica e della conservazione dell’ambiente donne e gli uomini di Sereno avrebbero
territori e dalla scarsità delle riserve, questa vivono in un mondo a somma zero. Le risor- l’elettricità gratuita e incasserebbero i divi-
industria energetica non avrà molto succes- se sono limitate e, come pensano molti, lo dendi. e quelli del villaggio vicino, invece di
so. probabilmente continuerà a installare saranno ancora di più con il cambiamento protestare, vorrebbero avere anche loro le
centrali eoliche e solari in alcuni posti. L’eo- climatico. Senza petrolio, temiamo di tor- turbine. Alla ine vederle dovunque diven-
lico potrebbe arrivare a costituire il 25 per nare all’età della pietra. terebbe normale – come vedere i pali del
cento del mercato dell’elettricità negli Stati Il riscaldamento globale rischia di afa- telefono – e saremmo tutti azionisti del ven-
uniti, o forse il 40 in danimarca. ma non mare molte persone, ma per quanto riguar- to. per salvarci da un catastroico cambia-
supererà mai il carbone, il petrolio o il gas. da l’energia, la situazione è diversa. In que- mento climatico, dobbiamo decidere chi
ma una strategia “onnicomprensiva”, sto campo il mondo potrebbe sfuggire alla sono i padroni del vento. u bt
come l’ha deinita obama, non permette- carestia. Con la volontà politica e gli inve-
rebbe di raggiungere la riduzione dell’80 stimenti, l’elettricità rinnovabile potrebbe L’AUTORE
per cento dell’uso dei combustibili fossili passare dai megawatt ai gigawatt ino ai te- David McDermott Hughes è un
auspicata dal Gruppo intergovernativo sul rawatt. Sembra un’utopia, ma a ofrirci un antropologo statunitense. Insegna alla
cambiamento climatico. Con una vera de- modello realizzabile è proprio il petrolio. rutgers university, in new Jersey.

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 57


Libano
Il quartiere di Hamra, a Beirut, in Libano
Peter BIALoBrzeSkI (LAIf/CoNtrASto)

Tutte le lingue
di Beirut
Kaveh Waddell, CityLab, Stati Uniti
Arabo, inglese e francese si pubblicizza un appartamento in aitto, for- scritte nei luoghi pubblici. In due anni han-
mescolano di continuo nella nendo informazioni in inglese, in francese no fotografato di tutto: dai cartelli stradali
e in arabo traslitterato in caratteri latini. alle insegne dei negozi, dai manifesti pub-
capitale libanese. Alcuni Sull’altro foglio, un servizio di consegna di blicitari ai graiti. Le immagini sono state
studiosi stanno disegnando una narghilè elenca gli aromi disponibili in ara- catalogate in base a vari criteri: la posizione
mappa linguistica della città bo, alternando caratteri latini e arabi, e geograica, le lingue e i caratteri usati, il si-
stuzzica i clienti ofrendo free delivery, con- gniicato delle parole e gli eventuali errori
segna gratuita in inglese. ortograici. Mario Hawat, uno dei ricercato-
avanti a un tranquillo par- A Beirut, la capitale del Libano, l’arabo, ri coinvolti nello studio, sostiene che questo

D co di Beirut c’è un cartello


che pubblicizza un servi-
zio di taxi. “Per tutti,
ovunque”, si legge in
francese. “Giorno e not-
te”, c’è scritto in arabo sull’altro lato. Poco
distante, su un muro ci sono due fogli stam-
pati attaccati con il nastro adesivo. Uno
il francese e l’inglese si mescolano nello
scritto e nel parlato. Per i visitatori, ma an-
che per gli abitanti, è diicile capire come
interagiscono queste lingue e come vanno
usate. Per disegnare una mappa del paesag-
gio linguistico di Beirut una quarantina di
studenti dell’Università americana sono
andati in giro per la città a fotografare le
lavoro di catalogazione ha cambiato il suo
modo di guardare la città. “Mi ha rovinato il
gusto di camminare per strada”, spiega.
“Prima era un’attività più rilassante”.
Il risultato è una serie di mappe che rive-
lano i contorni della diversità linguistica di
questa città poliglotta. Nella maggior parte
dei quartieri, a dominare il panorama sono

58 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


una o due lingue, se si escludono aree circo- osserva Wrisley. Hawat, per esempio, è è così netta. Anche se l’uso del francese e
scritte, come i quartieri dove vivono gli im- cresciuto parlando arabo a casa, si è diplo- dell’inglese s’intensiica in corrispondenza
migrati. In tutta Beirut si parla una mesco- mato in un liceo di lingua francese nel di istituti scolastici che insegnano in una di
lanza di arabo, francese e inglese – a volte quartiere periferico di Hadath e si è laure- quelle lingue, l’arabo, il francese e l’inglese
insieme ad altre lingue, come l’armeno e ato in inglese all’Università americana di emergono con regolarità in ogni parte del-
l’amarico – e raramente una lingua è pre- Beirut. Il suo percorso di studi fa chiara- la città, anche nelle aree più conservatrici.
sente da sola. mente di lui un esponente dell’élite libane- “Abbiamo portato avanti questo studio
“Il caotico linguaggio popolare delle se, ma spesso anche chi ha un livello perché i primi dati emersi dalla ricerca em-
strade di Beirut riecheggia l’alternarsi di d’istruzione più basso studia alcune mate- pirica contraddicevano molti dei luoghi
registri tipico delle conversazioni libanesi”, rie in inglese o in francese. comuni su Beirut”, spiega Wrisley.
spiega David Wrisley, che guida il progetto Sebbene le tre lingue siano usate in tutta Più che una divisione netta tra i quartie-
di mappatura. I suoi studenti hanno comin- Beirut, il progetto di mappatura ha riservato ri, i ricercatori hanno rilevato una situazio-
ciato a raccogliere dati con i telefoni nel alcune sorprese ai ricercatori. tra l’altro ne frammentata. Quando una studente
2015, quando Wrisley insegnava inglese hanno scoperto che in alcune attività si pre- coinvolta nella ricerca, Alice kezhaya, ha
all’Università americana di Beirut. L’alter- feriscono certe lingue. Le imprese edili analizzato la segnaletica nel quartiere a
narsi di registri è una caratteristica dell’ara- hanno spesso nomi inglesi e fanno pubblici- maggioranza musulmana di Hamra, si
bo libanese, ricco di prestiti dal francese e tà in inglese. “forse essere accostati agli aspettava di trovare pochi cartelli in ingle-
dall’inglese, un prodotto della storia colo- americani è considerato un sinonimo di se. Ma la concentrazione di cartelli in lingue
niale del paese e dei suoi stretti legami con operosità”, ipotizza Hawat. Le profumerie diverse dall’arabo cambiava di strada in
l’occidente. Non si tratta di parole occasio- e le cliniche mediche, invece, ten- strada. Le vie principali erano co-
nali, ma di intere frasi in inglese o francese dono a usare il francese. Inine i stellate di scritte in lingue diver-
che spuntano in mezzo a conversazioni in negozi di abbigliamento usano se, mentre in quelle secondarie
arabo. Spesso le parole francesi o inglesi si spesso un miscuglio senza senso erano per lo più in arabo. “Ci sono
radicano a tal punto nell’arabo libanese da di parole di lingue romanze, co- dei corridoi di privilegio e mobili-
assumere caratteristiche arabe. Hawat fa me “Bella rêve” (italiano o spa- tà ad Hamra”, spiega Wrisley. Le
un esempio: “Se volessi salutare un mio gnolo accostato al francese) o “Vogue”, un principali vie di comunicazione del quartie-
amico con un’espressione alla moda gli di- negozio con un nome francese e lo slogan in re ospitano negozi di grandi dimensioni e di
rei: ‘Hi, broiti’” (ciao, fratello mio), cioè italiano: “È classe, è prestigio”. Secondo proprietà straniera, che possono permetter-
l’inglese hi, bro (ciao, fratello), con il prono- Carson, la scelta di una certa lingua nella si di pagare gli aitti e hanno un incentivo
me personale suisso dell’arabo libanese. pubblicità è un modo per promuovere alcu- commerciale nell’esporre cartelli in varie
I conini incerti del vernacolo libanese ni valori agli occhi dei clienti. Con un mani- lingue. Invece, nei luoghi più diicili da rag-
sono evidenti nello scritto. L’arabo usa un festo in francese o in inglese “si vende an- giungere, i vecchi cartelli in arabo dei nego-
alfabeto diverso da quello del francese, ma che uno stile di vita, caratterizzato da co- zi a conduzione familiare non cambiano da
i due sistemi si mescolano. Molti negozi tra- smopolitismo o eicienza”, spiega. decenni, spiega kezhaya. Il risultato è un
scrivono i loro nomi in caratteri latini, an- Anche la distribuzione delle diverse mosaico che rilette la frammentata geo-
che se sono nomi arabi. I cartelli nelle pa- lingue ha riservato alcune sorprese. Molti graia economica del quartiere.
netterie o negli alimentari, invece, a volte libanesi sono convinti che l’inglese sia la Anche se la segnaletica in arabo può
includono parole in arabo che suonano co- seconda lingua nella metà occidentale di sembrare superata in alcune parti moderne
me l’inglese mini-market o snack. Beirut, a maggioranza musulmana, so- di Beirut, quest’impressione potrebbe pre-
prattutto nel quartiere di Hamra, che si sto svanire. Hawat ha riscontrato un ritorno
Parole complementari trova vicino a due università statunitensi dell’interesse per l’arabo tra i giovani: “Ne-
oltre a giocare con i diversi alfabeti, la mag- attive da più di 150 anni. A Beirut est, inve- gli anni novanta, dopo la guerra, alcuni li-
gioranza delle scritte analizzate dai ricerca- ce, vivono più cristiani e si ritiene sia più banesi volevano prendere le distanze dalla
tori usa più di una lingua. Sarebbe lecito legata al francese. L’attuale distribuzione loro regione per far vedere che stavano con
aspettarsi che un cartello in arabo, francese religiosa della popolazione è in parte la la parte ‘civile’ del mondo”. oggi, invece, i
o inglese contenga più o meno le stesse in- conseguenza della lunga e sanguinosa libanesi vogliono riafermare la loro identi-
formazioni nelle rispettive lingue. Ma i ri- guerra civile che divise in due la città tra il tà nazionale attraverso l’arabo. “Molti loca-
cercatori hanno scoperto che i concetti 1975 e il 1990. tuttavia i ricercatori hanno li eleganti sfoggiano scritte in arabo”, dice
espressi in ciascuna lingua sono diversi e scoperto che questa divisione in realtà non Hawat. “tra i miei coetanei, chi vuole un
spesso complementari, quindi per capire tatuaggio se lo fa in arabo”.
un cartello nella sua totalità, un lettore È probabile che tra un po’ i cambiamen-
dev’essere in grado di leggere e capire due, Tripoli ti nella lingua parlata in Libano si rilette-
se non tre, lingue. ranno nelle strade di Beirut. Per ora l’équipe
LIBANO
La segnaletica con informazioni diver- di ricerca sta lavorando sui dati raccolti da-
Beirut
se in lingue diverse è un fatto insolito, spie- Zahle SIRIA gli studenti tra il 2015 e il 2016, e sta trascri-
Mar
ga Lorna Carson, docente di linguistica al Mediterraneo vendo i testi presenti in più di duemila im-
trinity college di Dublino. Ma è un rilesso Sidone
magini. “Il panorama che stiamo analiz-
della realtà di Beirut: bilinguismo e trilin- Damasco zando non è statico”, spiega Wrisley. “Ab-
guismo sono la norma, non solo tra i più biamo scattato un’istantanea della Beirut
istruiti. “Per gli abitanti di Beirut il plurilin- 50 km
del 2015. Magari chi la osserverà nel 2020
guismo è un fatto scontato e accettato”, ISRAELE scoprirà cambiamenti interessanti”. u f
Juba

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 59


Portfolio
ell’aprile del 2004, du-

N rante la seconda guerra


del Golfo, tre giapponesi
furono presi in ostaggio
da un gruppo di miliziani
islamisti a Fallujah, in
Iraq. Erano il fotogiornalista Sōichirō
Kōriyama, l’operatrice di un’ong Nahoko
Takato e lo studente Noriaki Imai. I mili-
ziani avevano mandato un video alla rete
televisiva araba Al Jazeera in cui minaccia-
vano di uccidere i tre ostaggi se il governo
giapponese non avesse ritirato le sue trup-
pe dall’Iraq. Il primo ministro dell’epoca,
Junichirō Koizumi, respinse la richiesta di-
chiarando che non avrebbe richiamato i
550 soldati delle forze di autodifesa giap-
ponesi in missione umanitaria in Iraq. Otto
giorni dopo, gli ostaggi furono liberati e
tornarono in Giappone sani e salvi.
L’opinione pubblica giapponese accol-
se il loro rientro in modo molto critico: fu-
rono accusati di essere stati irresponsabili
e le loro famiglie, che avevano sostenuto
quella scelta considerata antipatriottica,
furono insultate. Qualcuno pretese delle
scuse pubbliche nella convinzione che il
governo avesse pagato un riscatto con le
tasse dei cittadini.
Nel 2009 il fotografo Hiroshi Okamoto
ha incontrato all’università di Ōita il più
giovane degli ostaggi, Noriaki Imai. E nel
2016 ha cominciato a raccontare la sua sto-

Indietro ria. Imai, che aveva 18 anni, era andato in


Iraq per studiare gli efetti dell’uranio im-
poverito sulla popolazione. Al suo rientro
in Giappone ricevette più di cento lettere
di minaccia, molte delle quali anonime.

non
Alcune accusavano lui e gli altri ostaggi di
aver into il rapimento per forzare il gover-
no di Tokyo a ritirare le truppe. La vita di
Imai e quella della sua famiglia furono al
centro di programmi televisivi e articoli di

si torna
giornale. In strada le persone lo riconosce-
vano e lo insultavano, puntandogli il dito
contro, una volta fu picchiato da uno sco-
nosciuto.
“Puntare il dito verso qualcuno in Giap-
pone è un gesto di disapprovazione molto
forte ”, spiega Okamoto. “Questo progetto
vuole raccontare l’intolleranza della socie-
tà giapponese contemporanea attraverso
la storia personale di Imai”. u

Il fotografo Hiroshi Okamoto ha raccontato la Hiroshi Okamoto è nato a Tokyo nel


storia di Noriaki Imai, che nel 2004 fu preso in 1990. Ha cominciato il progetto We do not
need you, here/ If I could only ly all’inizio
ostaggio in Iraq. Quando venne liberato e tornò del 2016 e l’ha concluso nell’ottobre del 2017.
in Giappone, fu accusato di essere un traditore Questo lavoro è diventato anche un libro
stampato in 104 copie, che è il numero di let-
tere minatorie ricevute da Noriaki Imai.

60 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


In questa pagina, nella foto grande: Noriaki Imai (a destra) insie-
me al fratello maggiore e alla madre. Nelle foto piccole, a sinistra:
Imai al liceo quando faceva parte dell’orchestra scolastica in cui
suonava la tuba. Cominciò a fare volontariato negli anni del liceo
e continuò a farlo ino al momento del rapimento; a destra: una fo-
to di famiglia in cui sono ritratti il padre, la madre, la nonna e il fra-
tello di Imai. Nella pagina accanto: “Ognuno di noi può diventare
la persona che punta il dito o su cui è puntato se facciamo parte di
questa società”, dice il fotografo Hiroshi Okamoto.

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 61


Portfolio
KyOdO NEWS

In alto, a sinistra: un articolo sul rapimento dei tre giapponesi con sti (nella foto in basso a sinistra) restavano davanti alla sua casa
un’immagine del video inviato dai miliziani islamisti ad Al Jazeera per raccogliere notizie. Imai subì un trauma a causa dei lash usati
in cui gli ostaggi erano bendati e minacciati di morte; a destra: la continuamente dai fotograi.
famiglia di Imai si scusa pubblicamente per aver creato problemi Nella pagina accanto: “Quando Imai tornò in Giappone gli capita-
al paese. Le famiglie di tutti gli ostaggi furono accusate di aver so- va spesso che le persone in strada lo additassero come traditore”,
stenuto la scelta egoista dei igli e costrette a scusarsi più volte in dice il fotografo. Queste foto fanno parte di una serie di ritratti po-
varie conferenze stampa. Il fratello di Imai all’epoca del rapimen- sati a cui Okamoto ha associato estratti di articoli di giornale sulla
to era in cerca di lavoro, ma dopo il rientro di Imai nessuna azien- storia di Imai o di lettere anonime che aveva ricevuto. Nella foto
da volle assumerlo. Lo accusavano di essere il fratello di un tradi- grande: “Muori. I tuoi occhi sono disgustosi. Ridacci i soldi delle
tore. Gli fu diagnosticato un disturbo della comunicazione dovuto nostre tasse spesi per pagare il tuo riscatto!”. Nelle foto piccole, a
allo stress. In basso, a destra: un parco vicino alla casa di Imai sinistra: “Traditore, crepa! Avreste dovuto essere uccisi in Iraq!”;
sull’isola di Hokkaidō. Quando tornò in Giappone molti giornali- a destra: “Mi dai veramente fastidio! Stupido! Muori!”.

62 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 63
Portfolio

64 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Sopra: quando Imai tornò in Giappone ebbe un’eru-
zione cutanea sulla schiena. I medici dissero che po-
teva essere causata da un disturbo post-traumatico
da stress. Scomparve solo qualche anno dopo.
Accanto: negativi scattati da Imai mentre viveva a
Londra, dove abitò per un anno perché non riusciva
più a vivere serenamente in Giappone.
Nella pagina accanto, nella foto grande: la nonna di
Imai. Quando il ragazzo fu rapito tutta la famiglia an-
dò a Tokyo per chiedere al governo di salvarlo. Lei ri-
mase sola nella sua casa nello Hokkaidō a pregare per
lui. Nelle foto piccole, a sinistra: il giardino della casa
di Imai, sull’isola di Hokkaidō. Quando tornò in
Giappone dal Regno Unito Imai lesse tutte le lettere
minatorie che aveva ricevuto e rispose a quelle che
non erano anonime, appena il 5 per cento del totale; a
destra: la casa di Imai nello Hokkaidō e alcune delle
lettere.

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 65


Ritratti

Boyan Slat
Acqua azzurra
Joppe Gloerich, Elsevier, Paesi Bassi
È un giovane inventore ta. In un certo senso, il mare si pulisce da iciale della pulizia degli oceani di fronte
olandese. Ha creato l’Ocean solo. Dal 2013 non si è più smesso di parlare alle coste della California. Slat, madre an­
di questo giovane inventore, che oggi ha 23 glolandese e padre croato, da bambino si
Cleanup, un macchinario per anni. Il settimanale statunitense Time ha divertiva a costruire capanne. Era sempre
pulire gli oceani dalla plastica. inserito l’idea di Slat tra le 25 invenzioni più alla ricerca di problemi per trovare la solu­
La sua idea ha avuto importanti del 2017. Nel giugno del 2017 zione tecnica. “La tecnologia è la cosa che
un successo inaspettato Slat ha partecipato all’incontro del gruppo capisco meglio”, racconta Slat nel quartier
Bilderberg insieme alle personalità più in­ generale della Ocean Cleanup, al diciotte­
luenti del mondo. simo piano di un grattacielo di Delft. “È
a vita di Boyan Slat è cambia­ La Ocean Cleanup, l’organizzazione una predisposizione che ho da sempre, ero

L ta il 26 marzo del 2013, quan­


do aveva appena diciott’an­
ni. Per settimane, dopo quel­
la data, ha ricevuto circa
1.500 email al giorno. Un pa­
io di amici, seduti sul bordo del suo letto, lo
aiutavano a leggere i messaggi. I mezzi
d’informazione statunitensi volevano sa­
pere chi era il giovane innovatore della cit­
fondata da Slat poco dopo il Tedx, oggi ha
75 dipendenti tra ingegneri, oceanograi e
analisti. Miliardari inluenti si mettono in
gioco per promuovere i suoi progetti e i mi­
nistri del governo olandese frequentano
volentieri l’inventore, che gira sempre in
jeans e scarpe da ginnastica. Alla ine del
2016 Slat è andato in Indonesia insieme al
premier Mark Rutte.
solo alla ricerca di un problema utile a cui
applicarla”.

I pionieri sul comodino


Slat argomenta con precisione, misura le
parole. Si abbandona sulla sedia, è stata
una settimana faticosa. A intervalli regola­
ri usa la parola “eiciente” o un sinonimo
inglese. Ha frequentato il liceo bilingue e
tà olandese di Delft. Boyan Slat ha visto un problema e ha parla un inglese senza accento, in parte
Il motivo di questa improvvisa atten­ deciso di fare qualcosa. A modo suo, senza grazie alle radici britanniche della madre.
zione era la presentazione che Slat aveva alzare un dito. Cambiare la mentalità delle I suoi genitori sono divorziati. Il padre, un
fatto sei mesi prima, durante una confe­ persone non è il suo forte. Per lui una solu­ artista, è tornato in Croazia.
renza Tedx nella sua città. Un sito statuni­ zione che va contro la natura umana non Slat è nato inventore e imprenditore,
tense aveva ripreso la notizia e il video del può funzionare e le prove scientiiche fun­ ma è anche il manager di un’organizzazio­
suo discorso era diventato virale. In quel zionano meglio dei sentimenti. Al cinismo ne non proit in rapida crescita che è ui­
periodo Slat ha ricevuto circa quattrocento preferisce lo spirito imprenditoriale. Alla cialmente una fondazione. La Ocean
richieste di interviste. L’esperto d’innova­ ine del 2017 la Ocean Cleanup ha aperto Cleanup lo tiene occupato per ottanta ore
zione olandese Jim Stolze era in prima ila una sede operativa a San Francisco. A metà alla settimana. La domenica mattina va a
al Tedx: “Ho pensato: ‘E questo chi è? E del 2018 si partirà sul serio, con l’inizio uf­ correre e ogni sera legge mezz’ora. Sempre
perché non ne ho mai sentito parlare?’”. saggi. Soprattutto libri sui pionieri del pro­
Il messaggio di Slat era semplice. Negli gresso: Nikola Tesla, Thomas Edison, i
ultimi anni sono inite in mare milioni di Biograia fratelli Wright. Non ha bisogno di altri sva­
tonnellate di plastica. Le correnti marine ghi. “Sono giovane, per qualche anno pos­
hanno accumulato i riiuti in cinque aree 1994 Nasce a Delft, nei Paesi Bassi. so darci dentro”.
nelle quali la concentrazione è così alta da 2009 Entra nel Guinness dei primati per aver Anche se al centro della sua vita c’è
stravolgere l’ecosistema e far morire centi­ lanciato contemporaneamente 213 razzi ad l’oceano, molto del lavoro di Slat avviene
acqua.
naia di migliaia di animali a causa della nelle sale riunioni: raccolte fondi, intervi­
2012 Interviene alla conferenza Tedx di Delft.
cosiddetta “zuppa di plastica”. ste, trattative. Ma non diventerà mai un
2013 Fonda l’azienda senza scopo di lucro
Slat ha esposto la sua soluzione sul pal­ Ocean Cleanup, della quale diventa anche
politico, non fa per lui. “Prima delle elezio­
co di Delft: sfruttando la corrente, un siste­ amministratore delegato. ni per il rinnovo della camera all’improvvi­
ma di tubi galleggianti ancorati a una piat­ 2017 Il settimanale Time inserisce il sistema so un sacco di candidati volevano incon­
taforma intercetta la plastica, che viene in inventato da Slat per pulire i mari dalla plastica trarmi e farsi fotografare con noi. L’abbia­
seguito rimossa, ridotta in granuli e ricicla­ tra le invenzioni più importanti dell’anno. mo evitato, siamo apolitici”, racconta. Già

66 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


YURI VAN GEENEN

alle superiori Slat era inito nel Guinness dei struendo. Era vero. Durante una vacanza ne Jim Stolze pensa: “Quando qualcuno
primati per aver lanciato contemporanea­ in Grecia Slat aveva visto in mare più pla­ presenta una soluzione apparentemente
mente nel campo accanto alla scuola 213 stica che pesci. Pensò che forse si poteva semplice a un problema mastodontico, o è
razzi ad acqua con l’aiuto di un piccolo costruire un sistema con delle barriere gal­ troppo bello per essere vero o è un genio”.
esercito di compagni muniti di mantelle leggianti che iltrassero la plastica dall’ac­ Dopo l’improvvisa e disorientante atten­
impermeabili. qua. Insieme al compagno Tan Nguyen zione mondiale, le potenzialità della Oce­
“Riusciva a coinvolgere tutti nei suoi sviluppò l’idea, facendone una tesina con an Cleanup sono diventate evidenti. Sono
progetti”, spiega Frits de Jong, il professore cui ottennero il massimo dei voti e un pre­ cominciati ad arrivare i inanziamenti e in
di biologia di Slat al Grotius college di mio dall’università di Delft. un batter d’occhio Slat ha ricevuto due mi­
Delft. De Jong lo ricorda come un ragazzo La notizia arrivò sul quotidiano locale, lioni di euro da circa quarantamila donato­
socievole: “Non era troppo studioso, ma dove attirò l’attenzione di Rob Speeken­ ri di centosessanta paesi. Aveva appena
era molto appassionato. Era intelligente, brink, che stava cercando delle persone da cominciato a studiare ingegneria aerospa­
ma non per forza il più intelligente di tutti. coinvolgere nel congresso che stava orga­ ziale.
Se aveva in testa qualcosa, ci metteva tutto nizzando a Delft. All’inizio Speekenbrink “Fare entrambe le cose era impossibile.
se stesso”. non era convinto che il ragazzo se la sareb­ Gli ho chiesto cosa diceva il suo cuore. È
Una volta, in quinta, dopo la lezione be cavata sul palco. Fu smentito dai fatti. rimasto in silenzio per dieci secondi, ha
Slat andò da De Jong. “Professore, ha due “Boyan emana una specie di ingenuità po­ deglutito e poi ha detto: ‘Devo farlo’”, ha
microscopi per me?”, chiese. Disse che ser­ sitiva che ti rende felice. Ti fa credere che raccontato sua madre, Manissa Rules. La
vivano per un laboratorio che stava co­ tutto sia possibile”. L’esperto d’innovazio­ capacità di Slat di rendere accattivante il

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 67


Ritratti
suo messaggio in efetti è sorprendente. A Verrà un momento munque ambizioso. “Il modo migliore di
proposito dell’innovazione dice: “La storia afrontare un problema è comportarsi co­
dell’umanità è una lista di cose irrealizza­ in cui in tutti gli oceani me un investitore. Ovvero non tenere in
bili, che però sono state realizzate.” E sulla ci saranno decine di vita ottocento progettini slegati tra loro,
sua invenzione commenta: “Per catturare ma selezionarne un paio per i quali valga il
la plastica, comportati come la plastica”. raccoglitori di plastica principio ‘alto il rischio, alta la ricompen­
Nel 2014 la Ocean Cleanup ha pubblicato e le navi faranno la sa’”. E aggiunge: “Concentrandosi su que­
un lungo studio di fattibilità, in cui si esa­ sti aspetti, ci sono maggiori possibilità che
minavano nel dettaglio i punti critici. Tutti spola per portare via uno dei progetti selezionati renda molto. È
hanno consigliato a Boyan di presentare lo i riiuti raccolti così che voglio lavorare anch’io. La Ocean
studio a Delft, nella sua città. Ma lui voleva Cleanup è nuova, noi siamo diversi, quindi
un palcoscenico più grande ed è andato a il rischio è alto. Ma se funziona, faremo un
New York. grande passo in avanti”.

La lotta cresce Pugno in basso


Non tutto è ilato liscio per la Ocean Clean­ Tra tutte le caratteristiche per le quali Slat
up: durante un test nel mare del Nord la si distingue, ce n’è una che risalta più delle
scelta dei materiali usati per costruire le altre. Molti ambientalisti, oltre a impe­
barriere galleggianti è risultata inadegua­ gnarsi per un mondo migliore, tengono il
ta. La qualità dei granelli di plastica che Franeker, un biologo marino del Wagenin­ pugno alzato contro i grandi capitali e i
diventeranno materia prima per nuovi ma­ gen marine research, un istituto di ricerca consumatori troppo ingordi. Alla Ocean
teriali è piuttosto variabile. Secondo Slat fa di Yerseke, nei Paesi Bassi. “Boyan è un ra­ Cleanup non c’è traccia di questa mentali­
parte del gioco. “Dobbiamo innovare in gazzo intelligente. È caparbio, ma questo è tà. Tra i dipendenti, che sono di nazionali­
quaranta modi diversi”, spiega. “Per esem­ un requisito fondamentale se si vuole fare tà diverse, regna l’ottimismo e la iducia
pio ho un gruppo di lavoro che si occupa di qualcosa di nuovo. Grazie a quello che ha nel progresso. Slat non si considera un am­
leggi nautiche. Mai prima d’ora un oggetto fatto, l’opinione pubblica ha preso coscien­ bientalista militante.
senza equipaggio ha vagato così a lungo za del problema della plastica. Il rischio, Nella plastica non vede un pericolo, ma
per i mari, dobbiamo fare delle ricerche”, però, è far credere alla gente che non sia un prodotto che ha fatto bene al mondo.
aggiunge l’inventore. necessario cambiare il proprio stile di vita”, “Nel movimento ambientalista c’è spesso
L’impianto che nel 2018 sarà trainato sostiene van Franeker. un pregiudizio negativo contro tutto quello
fuori dal porto di San Francisco è molto di­ Qualsiasi cosa cerchi di fare, di certo che funziona su larga scala. Io la vedo in
verso dal progetto originario. È più piccolo, Slat non vuole costringere le persone a maniera diversa. Devi pensare in grande
più economico, più robusto. Se all’inizio cambiare abitudini. Ammira Elon Musk e anche tu, altrimenti non vincerai mai la
Slat aveva pensato a una piattaforma anco­ la sua Tesla, l’auto elettrica celebrata sia battaglia”. Traducendo liberamente il suo
rata con bracci lunghi diversi chilometri, il per le caratteristiche di rispetto dell’am­ pensiero: chi vuole migliorare il mondo fa­
piano deinitivo prevede decine di bracci biente sia per quelle estetiche. “Musk co­ rebbe meglio a investire le sue energie
galleggianti, ognuno lungo tra gli uno e i nosce la natura umana e su quella scia ha nell’innovazione invece che nella rabbia e
due chilometri. cercato una soluzione. Io la penso come nel moralismo.
Appena ci saranno mezzi suicienti, un lui. Per molte persone le cose belle sono Boyan Slat parla così perché è iglio del
altro impianto, forse sponsorizzato, potrà uno status symbol importante, perché do­ suo tempo? È forse il rappresentante di una
andare in mare. La lotta si amplierà piano vremmo cambiarle?”. generazione di conquistatori del mondo,
piano. Una volta che il progetto sarà entra­ Slat considera ingiustiicate certe criti­ che preferisce l’ingegnosità ai dogmi?
to in funzione e avrà dimostrato la sua vali­ che. “Ogni tanto ho l’impressione che gli Evert Greup, supervisore della Ocean
dità, Slat spera di ricevere altri inanzia­ altri mi vedano come un concorrente, ep­ Cleanup, non la pensa così. “Boyan è unico
menti. I castelli in aria si sono trasformati pure lavoriamo per lo stesso obiettivo, no? nel suo genere. Il suo successo è più legato
in costruzioni dalle fondamenta scientii­ Non è un gioco a somma zero”. Quello che alla personalità che alla sua epoca”.
che, sono stati sottoposti a tanti test per vuol dire è che senza la Ocean Cleanup Verrà un momento in cui in tutti gli oce­
renderli resistenti all’urto di un’onda ripe­ molti donatori non avrebbero usato i loro ani ci saranno decine di raccoglitori di pla­
tuto centinaia di milioni di volte. soldi per cause ambientali. Spesso Slat cer­ stica e le navi faranno la spola per portare
Le critiche non sono mancate, fin ca di tenersi buoni i suoi nemici. via i riiuti raccolti. Allora per Boyan Slat la
dall’inizio. Raccogliere plastica in mare Nel 2014 è andato a trovare in Califor­ vera innovazione sarà stata raggiunta. E
aperto è veramente una soluzione al pro­ nia due dei suoi critici più severi. In seguito poi? “Accanto al letto ho un quaderno.
blema dell’inquinamento? Non è meglio ha postato su Facebook una foto mentre Quando c’è un nuovo problema, me lo ap­
risolvere il problema alla radice? Secondo parlava con loro, scrivendo che era conten­ punto”. Può essere anche pericoloso, rico­
Slat la pulizia e la prevenzione sono com­ to di averli conosciuti. “Boyan ha un atteg­ nosce Slat. “Dopo una giornata negativa
plementari. Se una nave imbarca acqua, giamento lessibile quando afronta i con­ per la Ocean Cleanup, a volte sono tentato
spiega, bisogna riparare lo scafo, ma fa an­ trasti”, aferma Rob Speekenbrink, che lo di spostare la mia attenzione su qualcos’al­
che comodo che allo stesso tempo ci sia aiuta a preparare le presentazioni impor­ tro. Ma devo tenere a bada le nuove idee.
qualcuno che la svuota con un secchio. tanti. La tentazione di dare al proprio lavo­ Le scrivo, e basta”. Prima bisogna ripesca­
“Sentirsi dire ‘ti liberiamo dalle tue colpe’ ro un’aura di superiorità gli sembra facile re cinquemila miliardi di pezzi di plastica
è allettante”, commenta Jan Andries van da sconiggere. Ma il suo obiettivo è co­ dal mare. u vf

68 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Viaggi

Il Nicaragua
del poeta
Tim Neville, The New York Times, Stati Uniti
Nei luoghi cari a Rubén Darío, tutto. In quegli anni, mi ha raccontato Im­
che diede nuova vita alla lingua manuel, le isole stavano mettendo a rischio
il loro patrimonio culturale e naturale per
spagnola e che dopo oltre colpa della modernità. Le tradizioni artigia­
cent’anni dalla morte nali stavano scomparendo. I bambini spa­
è ancora celebrato ravano con le fionde agli uccelli esotici
e amato in tutto il paese “perché non sapevano cosa fare”, racconta.
Così nel 1999 Immanuel aveva aperto la
Solentiname tours, un’agenzia che cercava
na volta che lo conosci lo un mercato per quello che gli isolani già

U vedi dappertutto. È all’ae­


roporto e nel parco. È
all’entrata dell’albergo e
nel teatro. L’ho visto peri­
no sulla iancata di un por­
tavalori blindato a Managua. Il poeta Rubén
Darío, eroe nazionale del Nicaragua, è an­
cora vivo, a 102 anni dalla sua morte.
“Per noi è tutto”, dice un portiere di not­
avevano: splendidi paesaggi, tradizioni par­
ticolari, uccelli magniici.
A poco a poco la fama dell’agenzia è cre­
sciuta al di là dell’arcipelago e Immanuel ha
deciso di avviare un altro progetto: riper­
correre i passi dei grandi scrittori del suo
paese di adozione.

Il teatro
FEDERICO RIOS (ThE NEw YORk TIMES/CONTRASTO)

te a Granada. “È l’identità della nostra cul­ La prima tappa è il Teatro nazionale Rubén
tura!”, mi spiega un musicista a Managua. Darío, a Managua. Immanuel viene a pren­
Non sono venuto in Nicaragua per il dermi all’hotel Los Robles, nel cuore della
surf, le escursioni, lo yoga o le spiagge, ma capitale. I segni dell’ingerenza degli Stati
per indagare sull’amore profondo che lega i Uniti in Nicaragua sono subito evidenti. La
nicaraguensi al poeta Rubén Darío. A León, statua di Augusto César Sandino, leader dei
cuore intellettuale del Nicaragua, la pre­ guerriglieri ucciso nel 1934 e forse unica i­
senza del poeta è ancora fortissima. Non gura più amata e rispettata di Darío, si sta­
sono ancora le nove di mattina quando mi glia in lontananza. Anche Darío era stufo
metto alla ricerca della sua tomba nella cat­ delle intromissioni degli Stati Uniti negli cio. È impegnato con le prove di uno spetta­
tedrale dell’Assunzione di Maria, in una afari del Nicaragua, soprattutto nel perio­ colo che metterà in musica le poesie di
grande piazza del centro. Già a quest’ora do delle “guerre delle banane”, dal 1898 al Darío. “Per me Darío è un artista nicara­
l’ombra è preziosa, perché il sole picchia in 1934. Nel 1905 scrisse una poesia intitolata guense nel suo signiicato più grande”, dice
maniera spietata. La tomba di Darío è vici­ A Roosevelt. “Credi che la vita è incendio, / Rodríguez. “Ci ha dato un’identità cultura­
no all’altare, ai piedi di una scultura a gran­ che il progresso è irruzione;/ che dove arri­ le, qualcosa di nostro da poter proiettare nel
dezza naturale di un leone dal volto conge­ va la tua pallottola / arriva il futuro? / No”, mondo invece di copiare quello che era già
lato dall’angoscia. Accanto c’è lo stemma scrive Darío. stato fatto”.
del Nicaragua, con i vulcani e i due oceani. Con il furgone di Immanuel passiamo All’inizio – il teatro fu costruito nel 1969
Il mio viaggio alla scoperta di Darío è accanto a palazzi bassi dipinti in varie tona­ – quasi tutti gli spettacoli erano produzioni
cominciato qualche anno fa, quando mi so­ lità di rosa, giallo e verde. Il teatro ha linee straniere: Duke Ellington, balletti folclori­
no messo in contatto con un tedesco che si in stile Bauhaus e si trova vicino al lago, di stici messicani, Marcel Marceau. Oggi nove
era trasferito in Nicaragua negli anni no­ fronte a una piazza dove nel 1983 papa Gio­ su dieci sono produzioni nicaraguensi.
vanta. Immanuel Zerger aveva incontrato vanni Paolo II pronunciò un’infuocata ome­ Ogni anno circa 40mila bambini partecipa­
quella che poi sarebbe diventata sua mo­ lia mentre il paese era nel pieno della guerra no ai vari laboratori e grazie alle sovvenzio­
glie, Nubia, quando, vedova con cinque i­ civile. Il teatro ha resistito al forte terremo­ ni i biglietti costano tra i 5 e gli 8 dollari.
gli, gestiva un piccolo albergo sulle isole to del 1972 ed è sopravvissuto alla guerra. A Managua passa a prendermi un archi­
Solentiname, nel lago Nicaragua. Aveva Ramón Rodríguez Sobalvarro, direttore tetto e traduttore di nome Gabriel Galeano,
cominciato a darle una mano e da lì era nato generale del teatro, mi accoglie nel suo ui­ detto Gabe. Percorriamo insieme i novanta

70 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Ciudad Darío, Nicaragua, 10 novembre 2017. La città dove nacque il poeta Rubén Darío si chiamava San Pedro de Metapa

chilometri in direzione nordovest, ino a


León. Gabe mi accompagna al teatro José Informazioni pratiche
de la Cruz Mena, nella zona sudoccidentale
◆ Arrivare e muoversi Il HONDURAS 150 km dell’albergo si può mangiare
della città. L’atrio brulica di troupe televisi­
prezzo di un volo dall’Italia all’aperto (hotelsnjuan.com ).
ve. Ragazze in toga con cappelli alati e per Managua (American Air­ ◆ Teatro Per conoscere la
trombe da fanfara sono allineate nervosa­ NI C AR AGUA
lines, Iberia, United) parte da storia delRío San Juan
teatro nazionale
Corinto
mente lungo le pareti. Il 15° Simposio Rubén 785 euro a/r. La città di León si Ciudad Darío Rubén Darío e la sua program­
León
Darío è in pieno svolgimento e il ior iore trova a un’ora e mezza di mac­ mazione si può consultare il
Managua Lago
della scena letteraria nicaraguense è qui per china dalla capitale. Nicaragua sito: tnrubendario.gob.ni.
assistere a spettacoli, letture di poesie e se­ ◆ Clima Durante la stagione ◆ Leggere Gioconda Belli,
minari intitolati “La sensibilità metaisica secca, da novembre ad aprile, COSTA RICA LaMare
donna abitata, e/o 2011,
dei Caraibi
nelle liriche di Rubén Darío”. in pianura può fare molto cal­ 11 euro.
do. La temperatura è più fre­ Oceano Paciico ◆ La prossima settimana
Darío imparò a leggere da autodidatta
sca sulle alture e durante la bel giardino tropicale. Il prez­ Viaggio dall’himalaya
all’età di tre anni e poco dopo cominciò a
stagione delle piogge, da mag­ zo di una camera doppia parte alCanale
golfodidel Bengala, percor­
Panamá
scrivere poesie. A 15 anni lasciò il Nicaragua gio a ottobre. da 88 dollari statunitensi a rendo le rive del Gange. Ci sie­
per andare nel Salvador. A 19 si trasferì in ◆ Dormire Il Los Robles ho­ notte (72 euro). A León una te stati? Avete consigli da dare
Cile, dove due anni dopo pubblicò Azul, una tel (hotellosrobles.com) è nel camera doppia all’hotel San su posti dove dormire, man­
raccolta di poesie e componimenti in prosa centro di Managua e le sue Juan de León parte da 57 dol­ giare, libri? Scrivete a
che diedero inizio al movimento moderni­ stanze si afacciano tutte su un lari a notte. Nella terrazza viaggi@internazionale.it.

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 71


Viaggi
sta spagnolo, catapultando Darío verso la terra nativa è stato così / sentimentale, e beri di nim che si allungano sul terreno in­
fama letteraria. Il libro, ispirato all’opera di così mentale, e così divino / che anche le durito, troviamo una serie di statue di Darío
altri poeti come José Martí, rovesciava le gocce cristalline dell’alba sono / nel gelso­ e la casa dove il poeta trascorse il suo primo
rigide convenzioni letterarie del tempo mino del sogno, della fragranza e del can­ mese di vita, una costruzione dalle pareti di
dando nuova linfa alla lingua spagnola. to”, scrive. terracotta di due secoli fa. La cucina è
“Tutto ciò che è stato scritto in spagnolo all’esterno insieme a un comal, la piastra
dopo è stato influenzato in un modo o Lo scultore usata per cuocere le tortillas.
nell’altro da quella grande rinascita”, scri­ Corinto non è altrettanto sublime. Appare Nei giorni successivi farò cose più da tu­
veva il poeta messicano e premio Nobel per quella che è: la prima città portuale del rista. Mi raggiungerà un’altra volta Imma­
Octavio Paz. Nicaragua, con aree container, gru e spiag­ nuel per una visita al centro balneare di San
Dopo un pranzo a base di platani fritti, ge grigie coperte da baracche con i tetti di Juan del Sur. Getterò lo sguardo nella pan­
pollo ed ensalada de repollo (insalata di ca­ alluminio. Gli Stati Uniti hanno fatto sbar­ cia incandescente e gorgogliante del vulca­
volo) in un locale che si chiama Tan Rico, ci care in questo porto i marines varie volte, e no Masaya e mi godrò il clima mite del Paci­
mettiamo in marcia verso la casa dove nel 1983 il presidente Ronald Reagan, te­ ico a San Juan del Sur.
Darío andò a vivere insieme alla zia quan­ mendo l’ascesa dei comunisti in Nicaragua, Prima di lasciare Ciudad Darío, però, io
do aveva quarant’anni. Sua madre, Rosa lo fece minare illegalmente. In seguito il e Gabe facciamo una visita alla chiesa prin­
Sarmiento, era scappata in honduras per presidente decise di ricorrere a misure con­ cipale. La cattedrale di San Pedro ha una
sfuggire alle violenze del marito e non ave­ trorivoluzionarie ancora più clandestine, da facciata bianca sbiadita con venature verde
va più avuto rapporti con il iglio. La casa cui sarebbe nato l’afare Iran­Contras. schiuma marina e il campanile in stile colo­
della zia, Bernarda Sarmiento de Ramírez, A pranzo mangiamo pesce e riso al Ran­ niale spagnolo. All’interno, grandi ventila­
si trova su calle de Rubén Darío, che cho del Cordon, uno stabilimento tori a pale fanno ondeggiare gli
all’epoca si chiamava calle Real. Metà del­ balneare gestito da Rafaela Pica­ striscioni appesi alle travi. La
la casa oggi è adibita a museo. Un sofà do­ do, che tutti chiamano la Payita. chiesa è gremita. La gente è ve­
nato a Darío dal dittatore guatemalteco Quando nomino Darío sua iglia, nuta per partecipare al funerale
Manuel Estrada Cabrera spicca in mezzo Christina hernandez, si porta la di un compaesano, un artigiano
al salone. Mi afaccio dall’uscio e guardo in mano al petto e dice una barzel­ ultraottantenne. “Io, vecchio al­
strada. Una donna sta tritando dei cavoli in letta sporca sul poeta che ordina una mace­ bero, emettevo, alla carezza del vento /
una scodella rossa. Le squilla il cellulare. donia. Scoppia a ridere buttando la testa quando crescevo, un vago e dolce suono. /
Alza lo sguardo e si accorge che la sto is­ indietro e poi racconta della volta in cui è Passò già il tempo del giovanil sorriso / ora
sando da dietro la porta. “È Darío”, mima andata a vedere i fenicotteri da lontano sul­ che sia l’uragano a farmi turbinare il cuo­
con la bocca, e risponde. le saline, con le loro zampe lunghe e snelle re!”, scrive Darío in Autunno, del 1907.
Nel corso della sua carriera Darío tornò che si muovevano nell’acqua e i pesci che Alle 10.18 del 6 febbraio 1916, a León,
cinque volte in Nicaragua. In Europa lavorò saltavano e guizzavano al sole. moriva Félix Rubén García Sarmiento, l’uo­
per alcune delle più prestigiose riviste lette­ Io e Immanuel torniamo a Managua per mo conosciuto in tutto il mondo come
rarie dell’epoca e scrisse per vari giornali in andare a vedere la Cantana, una recita di 18 Rubén Darío. Aveva 49 anni.
Spagna e in Sudamerica, oltre che per il sketch al teatro nazionale. Poi Gabe viene a Il funerale durò una settimana. La gente
New York Times. Attraversò l’Atlantico do­ prendermi per accompagnarmi nel paese avvolse la salma in un cappotto a doppio
dici volte e visitò una trentina di paesi in tre dove è nato Darío, novanta chilometri a petto e gli inilò un paio di guanti neri. Uo­
continenti diversi. nord della capitale. Darío nacque nel 1867 mini dal cappello a tesa piatta e donne in
Il viaggio più famoso di Darío è forse vicino a San Pedro de Metapa, che in segui­ abito lungo silarono in processione lungo
quello del 23 novembre del 1907, quando il to fu chiamata Ciudad Darío. È un paese in l’avenida Central mentre il carro portava il
poeta, ormai una celebrità, fece ritorno in mezzo alle montagne di fronte a un ponte feretro alla cattedrale. Lo calarono in una
Nicaragua a bordo di un battello che attrac­ dedicato a Darío. Camminiamo sui ciottoli tomba scavata nel pavimento vicino all’al­
cò al porto di Corinto, sul Paciico, tra gli della strada principale dietro un uomo che tare. “Cosa metterai sulla mia tomba, mae­
applausi della gente. Durante il suo viaggio porta un grande cappello. Il sole è placido, stro?”, aveva chiesto Darío allo scultore
in treno nelle campagne, decine di migliaia l’atmosfera rilassata. “Non è un paese pic­ Jorge Bernabé Navas Cordonero, un suo
di persone si afollarono ai lati della ferrovia colo, ma è molto tranquillo”, dice Gabe. “È amico di Granada che era venuto a trovarlo
per salutarlo. Il ritorno di Darío è ancora un posto da cowboy”. In un parco, tra gli al­ sul letto di morte. “Un leone soferente”,
impresso nella coscienza del paese – ci sono rispose lo scultore. “È la tua amatissima
libri e spettacoli teatrali che ne parlano – an­ gente, la tua León, che ti piangerà in eter­
che se ho la sensazione che per il poeta fu Il sole è placido, no”. Alla processione parteciparono più di
un momento malinconico. “Se la patria è diecimila persone, ma l’amore immenso
piccola, la sogni grande”, scrive Darío in l’atmosfera dei nicaraguensi sarebbe cresciuto di pari
Retorno. rilassata.“Non è un passo con il movimento modernista che il
Saluto Gabe e Immanuel mi viene a poeta aveva contribuito a creare.
prendere. Da León ci dirigiamo a nord ver­ paese piccolo, ma è “Secondo me qui ognuno a modo suo è
so Chinandega, una cittadina afosa non molto tranquillo”, un poeta”, dice Immanuel, scherzando solo
lontana dall’honduras, e poi a Corinto. a metà. “Se chiedi a una coppia che aspetta
Dietro di noi incombe il vulcano Momo­ dice Gabe. “È un posto un bambino ‘è maschio o femmina?’, lo sai
tombo con i suoi 1.288 metri, “lirico e sovra­ da cowboy” che ti rispondono?”. “Cosa?”, chiedo. “È un
no”, come lo descrive Darío. “Il ritorno alla poeta”. ◆ fas

72 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Graphic journalism

74 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Federico del Barrio, nato a Madrid nel 1957, è tra gli autori più importanti del fumetto d’avanguardia spagnolo.
In Italia ha pubblicato La macchina perversa (Comma 22 2009). Il suo ultimo libro, scritto insieme
alla poeta Isabel Bono, è De otra vida (Luces de gálibo 2017).

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 75


Cultura

Cinema
Coco
PIxAr AnIMATIOn STUDIOS

Il coraggio
nal). Il ilm è già una sorta di pietra miliare
ed è un successo di botteghino in Messico,
dove è uscito alcune settimane fa.
La Pixar ha dovuto lavorare sodo per
convincere la comunità ispanica che Coco

di Coco non fosse solo un tentativo di appropria-


zione culturale con un enorme budget.
Questi timori sono venuti a galla nel 2013,
quando la Disney ha cercato di registrare il
marchio “Día de los muertos”, per poi ri-
nunciare in seguito alle reazioni negative.
A quel punto Unkrich e la Pixar hanno
Jake Coyle, El Nuevo Herald, Stati Uniti
cambiato strada chiamando a collaborare
Il nuovo lungometraggio della raggiato altri studi di animazione, ma il re- al progetto consulenti come il caricaturista
Pixar è un atto d’amore per le gista Lee Unkrich (Toy story 3, Monsters & Lalo Alcaraz, il drammaturgo Octavio So-
Co.) ha immaginato un ilm sull’importan- lís e la regista Marcela Davison Avilés. Un-
tradizioni e la storia della za delle tradizioni familiari e su come man- krich ha modiicato l’approccio del ilm,
comunità ispanica statunitense tenere vivi i ricordi dei propri cari che se ne raddoppiando gli sforzi per farne una vera
sono andati perché non siano “solo foto celebrazione del folclore, delle tradizioni e
sbiadite su un album”. della musica del Messico.
a Pixar non ha mai avuto paura Coco è anche una celebrazione del Mes- “Abbiamo fatto tutto il possibile per cir-

L di afrontare il tema della mor-


te. I ilm di Toy story lo trattano,
in parte. Il momento poetico più
memorabile di Up è una sequen-
za muta sulla morte di una moglie. La Terra
era stata abbandonata alla sua morte in
Wall-E. La casa di produzione statunitense
sico visto attraverso gli occhi di un bambino
di dodici anni che sogna di diventare musi-
cista ma che, dopo una lite con la famiglia,
inisce in un sorprendente oltretomba in cui
solo i suoi antenati hanno il potere di farlo
tornare tra i vivi.
È il primo lungometraggio della Pixar in
condarci di consulenti culturali, passare
molto tempo in Messico e conoscere fami-
glie messicane”, ha spiegato Unkrich. “Sa-
pevo che c’era il rischio di cadere in luoghi
comuni e stereotipi, abbiamo fatto ogni
sforzo per evitarlo”.
Questo ha signiicato anche cambiare
però ha deciso d’immergersi a fondo nel cui il personaggio principale fa parte di una l’idea iniziale, che prevedeva che il prota-
tema in Coco, una favola dai colori brillanti minoranza della popolazione statunitense gonista fosse un bambino statunitense di
che ruota intorno al Día de muertos messi- – quella di origini latinoamericane – ed è origini messicane che tornava in Messico
cano. una delle più grandi produzioni con un cast per conoscere la sua famiglia per la prima
L’idea di usare immagini di scheletri e quasi completamente ispanico (comprese volta. In quella storia, il bambino cercava
tombe in un ilm per bambini avrebbe sco- le voci di Benjamin Bratt e Gael García Ber- di superare il dolore di un lutto.

76 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Coco
PIxAr AnIMATIOn STUDIOS

“Quella versione della storia nasceva di una famiglia messicana”. Gli ispanici to un lungo studio preliminare”. La produ-
dal fatto che io non sono ispanico. Sono sono uno dei gruppi demograici che van- zione di Coco, dall’idea iniziale di Unkrich
statunitense, e quello era il mio modo na- no al cinema con più regolarità: secondo la all’arrivo nelle sale, è durata sei anni. La
turale di vedere la storia”, dice Unkrich. Motion picture association of America, Pixar, dove spesso gli animatori lavorano
“Poi abbiamo capito che a livello tematico l’anno scorso sono stati il 23 per cento dei in segreto, si è ritrovata “a invitare le per-
il ilm sarebbe stato l’opposto di quello che frequentatori assidui delle sale negli Stati sone a partecipare”, dice Molina. “In ogni
è il Día de muertos, questo dovere di non Uniti e in Canada. Eppure è raro, negli Sta- fase del lavoro ci siamo chiesti: quello che
dimenticare mai i propri cari, di ricordarli. ti Uniti, che si vedano rappresentati sullo stiamo raccontando rilette la realtà delle
In quel momento abbiamo capito che sta- schermo. famiglie messicane e le loro tradizioni?
vamo facendo un ilm da stranieri”. Anche la musica messicana ha un ruolo Ogni volta che non eravamo convinti ci sia-
centrale in Coco. Il compositore Michael mo aperti all’esterno e abbiamo chiesto
Folclore e autenticità Giacchino (Up, Ratatouille) ha collaborato aiuto per fare meglio”.
“non sarebbe stata una vera celebrazione con la compositrice messicano-statuniten- nel corso di sei anni ci sono stati cam-
del senso di quella festa, che si basa sull’idea se Germaine Franco. Un gruppo di ricerca biamenti che sono sfuggiti al controllo dei
di mantenere i legami con chi è morto”, di- è stato mandato a Città del Messico per registi. La presidenza di Donald Trump e
ce Darla K. Anderson, una produttrice che studiare gli stili musicali di tutto il paese, la sua pretesa di costruire un muro alla
lavora per la Pixar da diverso tempo. mentre il dj e produttore Camilo Lara ha frontiera hanno aumentato le tensioni tra
“Quando ce ne siamo resi conto abbiamo collaborato come consulente musicale. gli Stati Uniti e il Messico.
cambiato direzione per dare più spazio al “Per me era importante conoscere il Anche se il ilm nasceva semplicemen-
vero signiicato del Día de muertos”. più possibile gli stili di ogni località del te dalla fascinazione di Unkrich per il Día
Per creare un racconto fedele da un Messico, sapere come cambia la musica da de muertos, Giacchino dice che oggi “fare
punto di vista culturale, la Pixar ha anche un posto all’altro”, dice Giacchino. “Volevo un ilm come questo sembra più importan-
cercato aiuto al suo interno. Adrián Moli- che la musica avesse un suono autentico. te che mai”.
na, un animatore di altri ilm dello studio, La ricerca sul campo è stata fondamentale. “Credo che con Coco abbiamo gettato
ha collaborato alla regia e alla stesura del Di solito il lavoro si limita alla composizio- un ponte. Oggi viviamo in un mondo con-
copione. ne della musica: in questo caso si è aggiun- fuso, pieno di negatività. Siamo tutti grati
“Sono cresciuto come messicano-sta- e onorati di aver portato al pubblico qual-
tunitense e so quanto sia importante ve- cosa di positivo, che dà speranza e che au-
dersi rappresentato sullo schermo”, dice
“Nell’America di spicabilmente farà la sua parte per erodere
Molina. “La mia speranza è che ogni bam- Trump fare un ilm certe barriere artiiciali che alziamo tra di
bina ispanica o bambino ispanico si possa noi”. u fr
identiicare nel protagonista. E che chi ar-
come questo è più
riva da un’esperienza diversa impari che ci importante che mai” Jake Coyle è critico cinematograico per la
sono eroi ispanici e comprenda la bellezza Associated Press.

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 77


Cultura

Cinema
Italieni Dal Giappone
I ilm italiani visti da
un corrispondente straniero.
Mazinga più vecchio e più saggio
Questa settimana l’israeliana
Sivan Kotler.
A 45 anni dal suo primo nomi dei cattivi erano sottili

Dr
Benedetta follia manga torna il robot più come “dottor Inferno”, Ininity
Di Carlo Verdone famoso degli anni settanta è pieno di temi decisamente
Con Carlo Verdone, Ilenia profondi. Tra una battaglia ro-
Pastorelli, Maria Pia Calzone, Sono passati cinquant’anni dal botica e l’altra il ilm esplora
Lucrezia Lante della Rovere. primo manga di Gō Nagai, il argomenti come l’accettazio-
Italia, 2018, 109’ creatore di classici come De- ne delle responsabilità, la
●●●●● vilman, Cutie Honey e Mazin- guerra, la politica e come si
Benedetta follia di Carlo Ver- ga Z. Per festeggiare l’anniver- decide da che parte stiano il
done è un ilm innocuo. Non sario quest’anno sono usciti Mazinger-Z Ininity bene e il male. Il dottor Infer-
è omogeneamente diverten- diversi riadattamenti di anime no, per esempio, fa delle cose
te, non dà scossoni morali né creati dall’autore, tra cui il ilm dalla testa calda. Si è ritirato orribili ma il ilm esplora an-
crea troppo imbarazzo. Mazinger-Z Ininity. Ininity è dalla guida dei robot ed è un che il suo punto di vista e le
È quella di Guglielmo (Carlo una sorta di sequel della serie rispettato ricercatore. Ma sue motivazioni. Secondo
Verdone) e di tutti quelli che degli anni settanta e vede Koji quando riappare il dottor In- Shōtarō Moribuko (doppiatore
pigramente si lasciano vivere. Kabuto, pilota del robottone, ferno si ritrova risucchiato nel- giapponese di Koji): “I grandi
Una trama scritta a sei mani che alla tenera età di 16 anni la sua vecchia battaglia. Per temi sono sempre stati lì, an-
insieme a Nicola Guagliano- ha già sconitto il temibile dot- essere il ritorno di una serie in che negli anni settanta, ora so-
ne e Menotti, che presenta in- tor Inferno. Nel nuovo ilm cui le leggi della isica pratica- no solo più espliciti”.
novazioni ma non riesce a Koji non è più un adolescente mente non esistevano e in cui i Japan Times
rinnovarsi davvero. Il classico
Verdone del 2018 a momenti
fa sorridere, non annoia e non Massa critica
diventa mai troppo volgare, Dieci ilm nelle sale italiane giudicati dai critici di tutto il mondo
tuttavia non nasconde un ap-

ST
PH

proccio stanco, ormai quasi

PO
IL

E
A

S
T
A

IM
E
R

N
EN
M

IM

statico, accompagnato dal


EG

O
T
D

T
D

T
N

K
EL

G
N
IA

malinconico sorriso di chi sa


A

N
N

L E i ti L E
L E i to T

L I i to P E

T i t i YO
ni R D

ti I
E

IO
n Y

ni S H
E
n GE
a OB

n E
U L

a R

n W
a D
ci AT
o UA

o ND
o AI

di non avere più la forza di


o
ci A

iU A
ci N
iU N

iU E
t
ad L
an I G

at W
gn D

an R

an O

at N
an G

gn G

at A
gn I

Fr BÉ

a
U

Fr M
Re H E

Re H E
Fr F

St S
C HE

Re H E

St H E

St H E

cambiare. Anche le scene più


LO

Media
T

T
T

innovative, come il ballo sotto


l’efetto di ecstasy scambiata chiAmAmi col Tuo… 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 - 11111 11111 11111
per paracetamolo, non tolgo-
no, anzi, rinforzano il divario The greATeST… 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 - 11111 11111 11111
creato tra quello che Carlo
Verdone è in grado di creare e The big SicK 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 - 11111 11111 11111
quello che efettivamente fa.
Una generazione e mezzo se
coco - 11111 11111 11111 - 11111 11111 11111 11111 11111 11111
non due riconoscono e accet-
tano i personaggi, le situazio-
JumAnJi 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 11111 11111 11111 11111
ni e perino il inale in troppo l’orA più buiA 11111 11111 11111 11111 11111 11111 - 11111 11111 11111 11111
perfetto. Condividono anche
le vecchie convinzioni e le lA ruoTA Delle… - - 11111 11111 - - 11111 - 11111 11111 11111
abitudini, al punto di non sa-
per più distinguere tra Verdo- Tre mAnifeSTi A… 11111 - 11111 11111 11111 - 11111 - 11111 11111 11111
ne e i suoi personaggi. Un
esempio cinematograico di TuTTi i SolDi Del… 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111
captatio benevolentiae, il
contrario di una follia. Bene-
gli ulTimi JeDi 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111 11111
detta o no. Legenda: ●●●●● Pessimo ●●●●● Mediocre ●●●●● Discreto ●●●●● Buono ●●●●● Ottimo

78 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


I consigli L’insulto Tre manifesti a Ebbing, L’ora più buia
della Ziad Doueiri Missouri Joe Wright
redazione (Libano/Belgio/Francia/ Martin McDonagh (Regno Unito, 125’)
Stati Uniti/Cipro, 113’) (Stati Uniti/Regno Unito, 115’)

Downsizing. Vivere alla grande sta ha per la banalità inisce temi incandescenti, la tempe-
per danneggiarlo: troppa pic- ratura del ilm rimane sempre
colezza per un solo ilm. tiepidina.
emily Yoshida, Vulture neil Young,
hollywood reporter
La testimonianza
Di Amichai Greenberg Ancora in sala
Con Ori Pfefer, Rivka Gur.
Austria/Israele, 2017, 91’ Morto Stalin se ne
●●●●● fa un altro
Nonostante la fotograia mol- Di Armando Iannucci
to cinematograica questo Con Olga Kurylenko, Andrea
ilm, basato su due massacri Riseborough, Rupert Friend.
avvenuti verso la ine della se- Regno Unito/Francia, 2017,
Dr

conda guerra mondiale, sem- 106’


In uscita me è un ilm pieno di calore, di bra più un prodotto educativo ●●●●●
buon cibo, di erotismo, di bel- per la tv. Ori Pfefer è Yoel, il A seconda dei punti di vista,
Chiamami col tuo nome lezza e di confusione sessuale, mesto protagonista di questa Morto Stalin se ne fa un altro
Di Luca Guadagnino ma non è mai “carino”. Forse storia che, sostenuto dalla sua può essere un’astuta e gelida
Con Armie Hammer, Timothée una vera storia d’amore (da fede religiosa e dal suo lavoro parodia dell’idiozia della poli-
Chalamet. Italia/Francia/Stati quanto tempo non ne vedevate investigativo, fatica nei sotter- tica o un insidioso attentato
Uniti/Brasile, 2017, 132’ una?) non ha bisogno di perso- ranei dello Holocaust institute all’establishment russo. Così
●●●●● naggi troppo tipizzati. di Gerusalemme. Le sue ricer- almeno la pensa un alto espo-
Il nuovo ilm di Guadagnino Anthony lane, che si concentrano sulle esecu- nente del ministero della cul-
comincia nell’estate del 1983 The new Yorker zioni sommarie di alcuni ebrei tura russo che ha chiesto di
in un luogo così incantato, tra condannati ai lavori forzati in censurare il ilm. A 64 anni
giardini verdeggianti, che Downsizing. un villaggio austriaco nel dalla morte di Stalin evidente-
sembra una favola. I titoli di Vivere alla grande 1944. Yoel si ritrova ad avere mente c’è poco da ridere
testa ci dicono che siamo “da Di Alexander Payne accesso ad alcune videointer- sull’argomento. Eppure è dii-
qualche parte nell’Italia del Con Matt Damon, Neil Patrick viste riservatissime di soprav- cile rimanere seri davanti a
nord”, senza speciicare dove. Harris. Stati Uniti, 2017, 135’ vissuti all’olocausto e viene a questa grottesca rivisitazione
Un giovane americano di no- ●●●●● sapere alcuni dolorosi dettagli della surreale graphic novel di
me Oliver (Armie Hammer) Alexander Payne non ha pau- che riguardano anche sua ma- Fabien Bury e Thierry robin.
arriva nella villa del professor ra di sembrare un po’ sciocco dre ottantenne. Il problema di Armando Iannucci e la sua
Perlman (Michael Stuhlbarg) pur di far passare la sua idea. Greenberg, che ha essenzial- squadra di autori si sono diver-
e della moglie italiana (Amira Un ilm in cui due star del ci- mente lavorato solo per la tele- titi con la storia del caos che
Casar). Oliver è stato chiama- nema come Damon e Sudeikis visione, è che sviluppa le sue seguì alla morte di Stalin, con
to per fare da assistente al vengono ridotti alle dimensio- trame, potenzialmente molto risultati di amara, esilarante,
professore, esperto di archeo- ni di due pupazzetti è più ei- interessanti, in maniera troppo comicità.
logia classica. Elio (Timothée cace di altri nel mostrare la bidimensionale. Pur trattando Tim robey, The Telegraph
Chalamet) è il iglio della cop- piccolezza umana che produ-
pia e ha 17 anni: all’inizio vede ce la diseguaglianza sociale.
Oliver come un invasore ma Siamo in un prossimo futuro o
presto tra i due nascerà un in un presente alternativo e
amore. La sceneggiatura del l’ultima speranza del pianeta
ilm, adattata dal romanzo di è quella di avere abitanti più
André Aciman con lo stesso ti- piccoli. Questo crea una nuo-
tolo, è di James Ivory. Nel libro va classe di persone che han-
la voce narrante è quella di no deciso di rimpicciolirsi per
Elio, ormai adulto. Nel ilm azzerare la loro impronta eco-
manca quel buon senso: Elio è logica. Payne fa esplodere con
immerso ino al collo nel suo eicacia la prospettiva della
amore e ne coglie i frutti senza classe media americana ma
pensieri. Come regista Guada- Matt Damon non è esatta-
gnino è più moderno e incisivo mente memorabile in questo
di Ivory: Chiamami col tuo no- ilm. La devozione che il regi- Morto Stalin se ne fa un altro
Dr

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 79


Cultura

Libri
Italieni Dagli Stati Uniti
I libri italiani letti da un
corrispondente straniero.
Junot Díaz scrive un libro per bambini
Questa settimana
Salvatore Aloïse,
collaboratore di Le Monde. L’autore della Breve favolo- Una pagina di Islandborn

DIAL BookS
sa vita di Oscar Wao si dà al-
Matteo Trevisani la letteratura per l’infanzia
Libro dei fulmini
Atlantide, 171 pagine, 20 euro Sono passati cinque anni
● ● ● ●● dall’ultimo libro del premio
La sera della rinuncia di Bene- Pulitzer domenicano Junot
detto XVI un fulmine colpisce Díaz, un bel po’ di tempo. E
la cupola di San Pietro. Una fo- Islandborn, il suo nuovo ro-
to così simbolica che oggi ver- manzo, può essere letto per in-
rebbe considerata falsa. Anche tero prima di andare a dormi-
senza dare al fatto connotazio- re. Il libro è la sua prima escur-
ni divine, è diicile non pen- sione nel magico mondo della
sarci leggendo Libro dei fulmi- letteratura per l’infanzia. Rac-
ni. Nella Roma antica, un ful- conta la storia di una bambina
mine notturno che colpiva la di nome Lola che non sa bene
terra era un segno funesto per- cosa fare quando la maestra allora interroga i suoi parenti e per bambini con protagonisti
ché apriva un canale di comu- chiede agli allievi di disegnare tutte le persone che se la ricor- che le somigliassero. Díaz si
nicazione tra i vivi e i morti. il luogo da cui provengono. Un dano: c’erano piante di man- dichiara felice del risultato
Per rimediare, i sacerdoti sep- bambino viene dal deserto e go, musica e “pesci che ti sal- perché immagina che un bam-
pellivano le tracce del fulmine un altro “da una giungla famo- tavano direttamente in grem- bino possa chiedere ai genitori
sotto una lastra di marmo con sa per le tigri e i poeti”. Ma Lo- bo dal mare”. Islandborn nasce di leggerlo e rileggerlo: “Alla
la sigla Fcs (Fulgur conditum la non ricorda nulla dell’isola dalla richiesta fatta anni fa da ine, chi ama i libri più dei gio-
summanium): “Qui è stato se- in cui è nata e che ha lasciato una delle sue nipoti, oggi ven- vanissimi?”.
polto un fulmine di Summa- quando era molto piccola. E tenne, di scrivere una storia The Boston Globe
no”, il dio infernale delle saet-
te. Il romanzo d’esordio dello
scrittore di origini marchigia-
ne, studioso di storia delle reli-
Il libro Gofredo Foi
gioni, magia ed esoterismo,
prende spunto da quest’antica
Un testimone del gulag
tradizione. Anzi, proprio da
una lapide scoperta per caso.
Il libro ripercorre i misteri di Gustaw Herling ne d’Italia. Combatté a Cassi- tore si rivela in queste pagine,
una Roma nascosta perché, Un mondo a parte no e visse in seguito a Napoli, segnate dal confronto con una
come l’autore fa dire al prota- Mondadori, 384 pagine, dove morì nel 2000. Scrisse a cattiveria meschina ed estre-
gonista, “a Roma quello che 15 euro Londra Un mondo a parte per ma, su uno sfruttamento fero-
conta è sottoterra”. Man mano Ritorna un grande libro. raccontare il contesto in cui ce della forza lavoro prigionie-
che il racconto procede, di- All’inizio della guerra il ven- aveva dovuto vivere la sua gio- ra, su un eferato sistema re-
mensioni spaziali e temporali tenne studente polacco Her- vinezza e in cui aveva visto in pressivo, su una gratuita cru-
si sovrappongono, facendo ling si trovava nella zona occu- faccia il comunismo reale e ra- deltà. Una folla di personaggi
perdere l’orientamento. Si pata dai russi ed era attivo sul gionato sulla presenza e persi- attraversa Un mondo a parte:
moltiplicano e si sdoppiano le fronte antinazista. I russi lo stenza del male nella storia. La vittime, complici, persecutori,
realtà, con vivi e morti in con- spedirono nel gulag, sulle rive sua fu una delle prime testi- e davvero questo libro regge il
tatto tra loro. Eventi dell’anti- del mar Bianco. Ne uscì quat- monianze sul gulag e impres- confronto con quello di Dosto-
chità si ripetono di fronte tro anni dopo, nel 1942, per far sionò lettori come Russell, Ca- evskij da cui ha preso il titolo, e
all’attonito protagonista e vie- parte, su concessione sovieti- mus e Silone, ma fu ovviamen- con i molti libri venuti dopo
ne quasi voglia di calarci an- ca, dell’esercito polacco rico- te detestata dai comunisti, in sul gulag e sul lager e sul loro
che noi a esplorare quei luoghi stituito dal generale Anders, particolare in Italia, dove Her- estremo disprezzo per la giu-
misteriosi. che prese parte alla liberazio- ling viveva. Che grande scrit- stizia e per l’uomo. u

80 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


I consigli Roberto Bolaño Danilo Soscia Michael Poore
della Lo spirito Atlante delle meraviglie Reincarnation blues
redazione della fantascienza (Minimum fax) (Edizioni e/o)
(Adelphi)

Il romanzo Eli Gottlieb


Un ragazzo d’oro
Delphine Minoui
Gli angeli dei libri
La voce della musa Minimum fax, 270 pagine,
17,50 euro
di Daraya
La nave di Teseo, 160 pagine,
●●●●● 17 euro
Un ragazzo d’oro è il racconto ●●●●●
Arlene Heyman in prima persona di Todd Aggrapparsi ai libri quando
DAN CALLISTER (WRITER PICTURES)

Arlene Heyman
Il buon vecchio sesso Aaron, un uomo autistico di tutto è buio, metterli in salvo
fa paura cinquant’anni che ne ha passa- mentre tutto brucia. Questa
Einaudi, 250 pagine, 18,50 euro ti più di quaranta in un istituto storia di eroi biblioili si svolge
● ● ● ●● psichiatrico. Il Payton living in Siria a una decina di chilo-
Azzeccatissimo il titolo di center è popolato da operatori metri da Damasco, in una zo-
questa raccolta di racconti e pazienti che sono al tempo na assediata e bombardata
divertenti, teneri e stesso bellicosi e compassio- dalle forze di Assad. Un grup-
sconcertanti. Fanno paura, nevoli, pericolosamente di- po di resistenti, che “hanno
perché la psichiatra sturbati e follemente rasse- perso tutto, la casa, gli amici, i
newyorchese Arlene Heyman gnati. Todd è il paziente mo- genitori, si aggrappa ai libri co-
afronta gli argomenti da cui ci dello, l’“anziano del villaggio” me ci si aggrappa alla vita”.
sentiamo minacciati: che deglutisce diligentemente Dopo aver scoperto per caso
genocidi, 11 settembre, le sue pillole, sopporta i tor- una pila di libri sotto le mace-
malattie terminali, morte. La menti quotidiani di un fasti- rie di un ediicio, i tre decido-
maggior parte dei personaggi, dioso compagno di stanza e si no di partire per una caccia al
poi, ha tra i 65 e i 99 anni: sono strugge per il fratello ricco e libro negli scantinati delle al-
dunque vecchi. Quanto al letteratura e la politica, lontano che promette visite tre case, moschee e uici di-
sesso, è al centro di tutte mentre lei gli fa scoprire il che raramente avvengono. strutti della città. Li raccolgo-
queste storie che raccontano sesso e la capacità di Todd trova conforto nella rou- no, li puliscono, li selezionano
di coppie alle prese con l’età perdonarsi. Ma quando lui la tine e nelle medicine per la e li classiicano in una grande
che avanza, medicine, sorprende con un uomo più stabilizzazione dell’umore. o cantina che trasformano in
lubriicanti e una variegata giovane la loro storia inisce e almeno lo trovava. Quando ar- una biblioteca aperta agli abi-
collezione di afrodisiaci. Il Leda è distrutta. La storia, rivano nuovi pazienti, gettano tanti esausti. Per scrivere Gli
buon vecchio sesso fa scopertamente autobiograica, la sua vita paciica nel caos. In angeli dei libri di Daraya Del-
sicuramente paura ma fa riecheggia la storia d’amore particolare Martine Calhoun, phine Minoui, corrispondente
anche ridere. Questa raccolta tra l’autrice, diciannovenne una giovane donna forte e lu- di Le Figaro a Istanbul, ha pas-
è una galleria di amanti che nei primi anni sessanta, e lo minosa con una misteriosa sato due anni al seguito dei
sembrano dipinti da Lucian scrittore Bernard Malamud, a benda sull’occhio, gli insegna suoi eroi ma senza mai stac-
Freud, raccontati con ironia cui il racconto è dedicato. Di come ingere di deglutire le carsi dal monitor del compu-
irresistibile; personaggi che lui, Heyman fu anche musa: sue pillole e lo mette in ghin- ter. A duemila chilometri da
s’impegnano a pianiicare i gli intenditori sapranno che è gheri per portarlo con sé alle un territorio inaccessibile, la
loro coiti come elaborate sempre lei il modello cui è visite dei suoi genitori. Todd giornalista si è immersa nei ri-
guerre di posizione. Ci sono ispirato il personaggio di Amy ne è comprensibilmente stre- fugi sotterranei dove s’incon-
igli che proteggono i segreti Bellette, studente e amante gato. Mentre la sua mente si trano i “bibliotecari” e i lettori,
sporcaccioni dei genitori, per del romanziere El Lonof schiarisce e la vita a Payton co- che si sono riiutati di rasse-
esempio quelli di un padre di (controigura di Malamud!) mincia a sembrargli più insi- gnarsi a fare la parte delle vit-
famiglia vittima di un infarto nello Scrittore fantasma di diosa di quanto non avesse no- time in una città agonizzante.
mentre è a letto con la Philip Roth. Insomma, Il buon tato, un pensiero prende il so- Minoui descrive la sete di co-
segretaria. Uno dei racconti si vecchio sesso fa paura è una pravvento: “La mia nuova idea noscenza di chi vuole assapo-
apre al Whitney museum di raccolta di racconti che mostra è che me ne vado, ciao. La mia rare le poesie del siriano Nizar
New York, dove la carattere e connessioni con la idea è che esco da Payton e va- kabbani, le traduzioni di
protagonista, Leda, 19 anni, letteratura statunitense del do a casa per vivere”. È un pia- Proust o di Coelho, e i saggi
studente di arte, incontra un novecento. È straordinario no semplice ma destinato sulla democrazia. Attraverso
famoso pittore, Murray quando una musa silenziosa fa all’insuccesso. Frasi e descri- di loro l’autrice presta orecchio
Blumgarten, sposato e con tre inalmente sentire la sua voce. zioni occasionalmente suona- a quella “terza voce” siriana
igli già grandi. Comincia una E Heyman ha una voce no false, ma nel complesso la tra Assad e gli estremisti che è
relazione appassionata; allegra, forte e sfrontata. narrazione è coerente. diventata sempre più diicile
Murray insegna a Leda tutto Elaine Showalter, Bret Anthony Johnston, da ascoltare.
quello che sa sull’arte, la The Guardian The New York Times Hala Kodmani, Libération

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 81


Cultura

Libri
Jesús Carrasco
La terra che calpestiamo
in prima persona e al presente,
nei quali s’intrecciano tre linee
Romania ma sposata in Fran-
cia, la protagonista Elena è
Francia
Ponte alle Grazie, 233 pagine, narrative: la spinta alla com- una levatrice. Ma è un perso-
16 euro passione di Eva, il campo di la- naggio ambiguo. Ruba un i-
● ●● ●● voro in cui è stato prigioniero glio abbandonato subito dopo
Il nuovo romanzo di Jesús Car- Leva e, inine, la detenzione di la nascita. Esercita il suo me-
rasco è un’ucronìa: la Spagna, Leva e lo sterminio della sua stiere nel miglior modo possi-
all’inizio del novecento, è sta- famiglia. I due personaggi, bile pur restando una funzio-
ta invasa da un impero che si Eva e Leva, appaiono statici naria dell’apparato di Ceause-
estende dalla Russia all’Africa. in dalle prime pagine. Lei è scu. Rispettare le indicazioni
In un villaggio dell’Estrema- una ribelle convinta dell’uma- mostruose del regime vuol di- Christian Garcin
dura, i militari congedati con nità dell’altro; lui un bambino re per esempio denunciare Les oiseaux morts de
merito vivono gli anni della e un folle, nelle parole di Eva, una donna che non vuole tene- l’Amérique
pensione. Eva Holman, mo- reso muto dagli orrori che ha re un iglio: divieto di abortire. Actes Sud
glie di un colonnello sanguina- attraversato. Tutto si svolge in Vivendo nel terrore di perdere Lo scrittore di viaggi Christian
rio, oggi anziano, malato e non modo piuttosto prevedibile. il bambino che ha preso con garcin (Marsiglia, 1959) ci
più autonomo, scopre nel giar- Malgrado l’evidente qualità sé, unico amore della sua vita, porta a Las Vegas, nei suoi
dino della propria casa un mi- della scrittura di Jesús Carra- Elena si trasferisce lontano bassifondi abitati da una fauna
sterioso mendicante di nome sco, qualcosa non funziona. dalla città di Bucarest, in un di diseredati.
Leva. Contro le ordinanze che Carlos Pardo, El País piccolo paese dove a dettare
vietano di avere a che fare con legge è un imprevedibile de- Lisa Balavoine
gli “indigeni”, Eva tende la Liliana Lazar spota. Presto viene inaugurato Éparse
mano allo straniero e la sua Figli del diavolo un orfanotroio. Dottoressa JC Lattès
stessa vita comincia a dipen- 66thand2nd, 240 pagine, improvvisata, Elena fa ciò che Romanzo autobiograico: in
dere dalla ricostruzione della 16 euro può ma la storia termina con una serie di frammenti la nar-
storia del sopravvissuto. Da ●●●●● l’aids. Questo paese che fab- ratrice, una quarantenne di-
dove è spuntato fuori Si pensa che la campagna sia brica bambini per poi martiriz- vorziata con tre igli, fa il bi-
quest’uomo ammutolito? Per- al riparo delle riforme buro- zarli non è un’allegoria. È il pa- lancio della sua vita. Balavoine
ché tutto indica la sua prove- cratiche, ma alla ine arrivano ese reale. è insegnante e vive ad Amiens.
nienza dal nord? Così entria- regolarmente anche lì. Nel ro- Claire Devarrieux,
mo nei quaderni di Eva, scritti manzo di Liliana Lazar, nata in Libération Sophie Avon
La petite famille
Mercure de France
Non iction Giuliano Milani Nella famiglia un po’ logorata
formata da Camille, Ron e dal
Le contraddizioni del capitalismo loro iglio Sacha, s’inserisce
Nina, un’amica d’infanzia di
Camille, portando ordine e
pace. Finirà per rimanere. So-
Mark Fisher Mark Fisher analizza prodotti le a molte altre realtà naziona- phie Avon è nata a oran, in Al-
Realismo capitalista e istituzioni culturali. Le teorie li, del sistema educativo e del- geria, nel 1959.
Nero, 156 pagine, 13 euro di Slavoj Žižek, di Fredric Ja- la salute mentale. Secondo Fi-
Così come le società dei paesi meson e degli altri pensatori sher, sono questi i settori in cui Jean Rolin
del patto di Varsavia furono secondo i quali “oggi è più fa- la nuova burocrazia e la nuova Le traquet kurde
caratterizzate dal “realismo cile immaginare la ine del medicalizzazione danno i ri- P.O.L.
socialista”, nelle società in cui mondo che quella del capitali- sultati più rilevanti e gli esiti Un ornitologo dilettante va in
viviamo vige un “realismo ca- smo” sono messe al servizio più drammatici. Forse perché kurdistan per vedere di perso-
MAURICE RoUgEMoNT (oPALE/LEEMAgE/LUz)

pitalista”, un’ideologia secon- della lettura di ilm (come I i- è particolarmente diicile na un uccello piccolo e insigni-
do cui non c’è alcuna alternati- gli degli uomini o Wall-E) e libri considerare studenti e pazien- icante – il passerotto del titolo
va al capitalismo e ogni possi- che sono al tempo stesso pro- ti come dei semplici “consu- – e intanto segue le tracce di
bilità di un ordine diverso è dotti e strumenti del consen- matori”, nelle scuole e negli famosi ornitologi inglesi che
considerata a priori peggiore so. Mark Fisher, tuttavia, non ospedali psichiatrici le con- erano anche spie. Jean-Philip-
dell’esistente. Alla luce di que- si limita a questo: in maniera traddizioni esplodono lascian- pe Rolin è nato vicino a Parigi
sta premessa, in questo libro ancora più convincente ofre do tutti insoddisfatti e produ- nel 1949.
pubblicato nel 2009 e ora di- un’interpretazione, centrata cendo nuovi disagi e nuovi Maria Sepa
sponibile in italiano, il critico sul Regno Unito ma estendibi- conlitti. u usalibri.blogspot.com

82 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Ragazzi Ricevuti
Destini Gaetano Sateriale
Solidarietà
e montagne LiberEtà, 80 pagine, 8 euro
Una parola che in passato era
usata nei contenziosi
Carlo Greppi economici è diventata
Bruciare la frontiera espressione di senso etico
Feltrinelli, 176 pagine, 13 euro collettivo.
Tre ragazzi, una montagna,
un conine. Comincia tutto Marta Perrotta
con un compleanno, con la Fare radio
sensazione di essere ormai Dino Audino, 160 pagine,
grandi da un pezzo. È France- 19 euro
sco a compiere 18 anni, una Come si costruisce un
data importante, ma che lui prodotto radiofonico? Cosa
vuol festeggiare in modo in- sono i formati? Un manuale
solito. Lui e il suo amico kap- sui mestieri della radio.
pa hanno programmato un
viaggio su per le montagne, Roberto Carnero
un viaggio che li porterà a ve- Lo scrittore giovane
dere la frontiera in quei sen- Bompiani, 240 pagine, 11 euro
tieri nascosti tra Colle di Ten-
da, Borgo San Dalmazzo, Col-
Fumetti La vita e la letteratura di Pier
Vittorio Tondelli, che negli
le della Maddalena e Bardo-
necchia. La vita di Francesco
La città delle illusioni anni ottanta ha operato uno
svecchiamento delle forme
è una vita, tra virgolette, nor- letterarie tradizionali.
male. Ha la ragazza, alcuni
sogni e quella inquietitudine François Schuiten , una parte della generazione A cura di Ann e Jef
giovanile che lo spinge verso Benoît Peeters che si voleva colta e anticon- Vandermeer
la fuga. E poi c’è l’altra fuga, Rivedere Parigi. formista e oggi è rinchiusa in Le visionarie
quella di Ab, ragazzo tunisino La notte delle costellazioni quartieri-cittadelle lontani Nero, 536 pagine, 25 euro
che vuol vedere cosa c’è Alessandro editore, 62 pagine, dalle tensioni sociali, dai fuo- Ventinove racconti di
dall’altro lato del mare. Si è in- 19,99 euro chi e dai tumulti. Una Parigi fantascienza, fantasy, horror
namorato online di una ragaz- Nella Notte delle costellazioni di bolla, in senso letterale e igu- di scrittrici che hanno fatto la
za europea. Vorrebbe solo ve- Peeters e Schuiten (rainati rato, è diventata un gigante- storia della narrativa
derla, capire se è davvero lei belgi di Bruxelles trapiantati a sco museo di monumenti rea- fantastica e che in maniera
la donna dei suoi sogni. Lui Parigi), tra guerre e bombar- li o di cartapesta, dove l’au- imprevista legano
non sa bene cosa sia l’amore damenti sullo sfondo si proila tenticità è indistinguibile dal- letteratura di genere e
ma prova un sentimento che un sentimento di apocalisse in la paccottiglia, l’immaginario letteratura sul genere.
lo prende allo stomaco. Per i un fragile mondo già post- profondo dall’immaginario
tunisini, però, non è più possi- apocalisse. Come nelle Città riciclato. La vera Parigi è un Laura Lombardi,
bile viaggiare. Non è come oscure, ciclo di romanzi a fu- miraggio. In un mondo di si- Massimo Rossi
negli anni settanta che c’era- metti incentrati sulle utopie mulacri postmoderni, ritrova- Un sogno fatto a Milano
no i visti. Nel millennio urbanistiche che questa genia- re l’autenticità e ritrovare se Johan & Levi, 190 pagine,
dell’apartheid di viaggio chi le coppia di autori realizza dal stessi è una cosa sola. È l’iti- 30 euro
nasce dalla parte sbagliata 1980, qui sono centrali le ve- nerario di (re)iniziazione alla Dialoghi con orhan Pamuk
non ha diritti. E anche Ab ini- stigia di un mondo a cavallo vita di una protagonista dalle intorno alla poetica del
sce per ritrovarsi in monta- tra la ine dell’ottocento e l’ini- sembianze asiatiche che vie- museo. Il libro riunisce le
gna. Carlo greppi scrive un zio del novecento, eternamen- ne salvata da un uiciale. Uno rilessioni di storici dell’arte,
romanzo delicato che ci mo- te congelato. Siamo nel 2155 splendido personaggio che, museologi e critici
stra l’attualità senza fare ma c’è prossimità con la Parigi inalmente, esce dalla bolla sull’operazione museale
sconti, ma anche senza perde- attuale, dove i cosiddetti bobos della sua dolce e inquieta ma- compiuta a Istanbul dal
re mai la tenerezza. (cioè bohémiens bourgeois) rap- linconia. premio Nobel turco, creatore
Igiaba Scego presentano lo sclerotizzarsi di Francesco Boille del museo dell’innocenza.

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 83


Cultura

Musica
Dal vivo Dalla Grecia
Carl Brave x Franco 126
Napoli, 26 gennaio
Il rebetiko è di tutti
teatro.palapartenope.it
Milano, 30 gennaio-1 febbraio
mani fecero il percorso inver-

JNS/GAMMA-RAPHo/GETTy IMAGES
alcatrazmilano.it Il genere nato nelle
Venaria Reale (To), 2 febbraio periferie greche è entrato so. Molte persone si trovaro-
teatrodellaconcordia.it nel patrimonio dell’Unesco no a vivere in zone povere, in
particolare ad Atene e Salo-
Depeche Mode Amori impossibili, nostalgia nicco. Qui nacque il rebetiko,
Milano, 27-29 gennaio di casa e hashish. Benvenuti che mescolava i ritmi greci a
mediolanumforum.it nel mondo del rebetiko, quelli dell’Anatolia. Nato nel-
“espressione dell’identità le taverne, in pochi anni il re-
Coma Cose greca come il blues per gli Un concerto ad Atene betiko si difuse in tutto il pa-
Roncade (Tv), 27 gennaio statunitensi, il fado per i por- ese. Nel 2012 il cantautore
newageclub.it toghesi e il tango per gli ar- Questo genere musicale è na- italiano Vinicio Capossela ha
gentini”, spiega Mara Kalo- to nelle periferie delle città dedicato alla musica greca il
Lee Bains III & The Glory zoumi, archeologa, cantante greche alla ine della prima disco Rebetiko gymnastas.
Fires e funzionaria del ministero guerra mondiale, quando do- “Mi è sempre piaciuto, per-
Savona, 30 gennaio della cultura di Atene. Kalo- po la irma del trattato di Lo- ché fa male, perché è una
raindogshouse.com zoumi è una delle persone sanna ci fu il grande scambio musica che non ti vuole ren-
Roma, 31 gennaio che hanno consegnato di popolazioni tra Grecia e dere migliore, ma solo te
facebook.com/wishlistclub all’Unesco i documenti gra- Turchia: più di un milione di stesso. Ha una carica eversi-
Bologna, 1 febbraio zie ai quali il 21 dicembre ellenofoni cristiani cresciuti va”, ha dichiarato Capossela.
locomotivclub.it 2017 il rebetiko è diventato in Turchia andarono in Gre- Gilda Lyghounis,
Cantù (Co), 2 febbraio patrimonio dell’umanità. cia, mentre i turcofoni musul- Le Courrier des Balkans
1e35.com

Pfm
Bologna, 31 gennaio
Playlist Pier Andrea Canei
teatrodusebologna.it
Chicken house
Alt-J
Roma, 1 febbraio
palalottomatica.it Tune-Yards Typo Clan Hobby Horse

Eugenio Bennato
Roma, 2 febbraio
1 Heart attack
Discomusic sghemba, ci-
golii artigianali, una passeg-
2 Slow west
Due musicisti bresciani
(Daniel Pasotti, Manuel Bo-
3 Amundsen/Evidently
Chickentown
Chissirivede, Chickentown!
auditorium.com giata di basso, emozioni miste netti) si chiudono nella came- Altro che Ebbing, Missouri; la
su liriche di ponderosa va- retta a fabbricare basi e beat, fantomatica Cittadina della
Calibro 35 ghezza, un canto da house- pensando a nobili feticci come Gallina, oggetto di un indi-
Giulianova (Te), 2 febbraio music istrionica, che arriva co- Beck e i Jungle Brothers. Poi menticabile poema sonoro
facebook.com/pinupgiulianova me un messaggio vocale di tra Berlino e Brescia incidono proto-rap di John Cooper Clar-
WhatsApp: è questo l’orizzon- un condensato di beat, tastiere ke (caro anche ai fan dei Sopra-
NURPHoTo/GETTy IMAGES

te degli eventi alt-pop del vintage e ne cavano l’album no), ode alla ripetitiva vita ur-
2018? Si avverte in dal titolo Standard cream, che sa di nu bana, risorge qui, in mezzo a
dell’album (I can feel you creep soul condito di club classics, circa 25 minuti di ipnotico bor-
into my private life) che la can- nutella, hip hop, basi house done alla Welcome to the machi-
tante Merrill Garbus, mente di della vecchia scuola e altre co- ne. È il brano inale del nuovo
questo progetto, gioca tra sti- se da buongustai. In attesa di album Helm, del trio avant/
lemi alla Lady Gaga e cervello- vederli dal vivo (formazione li- jazz/tronico composto da due
tiche meditazioni sul presente ve vera) ci si accontenta di tro- statunitensi, Dan Kinzelman
alla Talking Heads. Uno poi si varli gustosi così (forse qual- al sax e Joe Rehmer al basso, e
afeziona; ma dov’è la sua On- che vocalist ospite in più non da Stefano Tamborrino, batte-
Alt-J ce in a lifetime? guastava). rista italiano.

84 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Resto
del mondo TootArd Samurai Accordion Guy One
Scelti da Marco Laissez Passer Te #1
Boccitto Glitterbeat Visage Music Philophon

Album SiR dinamica interna come band.


Il lavoro riassume al meglio
SiR tutte le loro caratteristiche: la
November frenesia ritmica, la produzione
Top Dawg Entertainment scarna (con la zampata incon-
●●●●● fondibile di Edwyn Collins de-
La prima voce che si sente in gli orange Juice) e quell’in-
November non è quella del can- treccio ittissimo di chitarre.
tante rnb di Inglewood SiR. The oicial body è un perfetto
Ma è quella di un’intelligenza album post-punk lanciato a ve-
artiiciale chiamata Kay, che locità folle. Gli Shopping han-
PURPLE PR

gli dà il buongiorno e lo guida no superato tutte le loro dii-


in un viaggio immaginario a coltà interne per trovare un
bordo di una navicella spazia- equilibrio perfetto.
le. Tutto il disco è costruito su statunitense svaria da sempre James Brown si sente bene in Marty Hill,
queste atmosfere da fanta- tra rock alternativo, sigle tv e Bsslama hbibti di Fadoul, men- Under the Radar
scienza. SiR, ex cantante go- album per bambini, quasi fos- tre Sah di Al Massrieen richia-
spel e ingegnere del suono, ha se mossa solo dal caso. Con ma la disco e il funk, e in altri Olli Mustonen
una mente musicale astuta e l’album I like fun, però, John brani le inluenze sono ancora Prokofev: concerti per pia-
spazia agilmente tra i generi. Il Linnell e John Flansburgh usa- più lontane (Beethoven, per il no n. 2 e 5
brano che apre il disco, That’s no l’ingannevole disciplina del marocchino Attarazat Adda- Olli Mustonen, piano. Orchestra
alright, è un gangsta funk sin- pop per sostenere il peso di habia). In alcuni casi l’aggetti- sinfonica della radio inlandese,
copato, mentre il inale Sum- una ilosoia desolata. La non- vo “funk” sembra un po’ for- direttore: Hannu Lintu
mer in november è quasi soft curante melodia di I left my bo- zato (Bossa di Ahmed Malek è Ondine
rock. Questo è il primo album dy, i bizzarri ottoni della title un pezzo intriso di jazz-pop la- ●●●●●
di SiR per la Top Dawg Enter- track e il desiderio di Push back tino anni sessanta). Forse non olli Mustonen si accosta al
tainment, la casa discograica the hands of time esprimono è sempre coerente, ma Habibi compositore russo con sguar-
di Los Angeles che ha sotto angoscia, ma sempre in modo funk è un pacchetto di canzoni do fresco come le dita e le
contratto anche Kendrick La- brillante ed efervescente. afascinanti e soddisfa le orecchie, sempre sostenuto
mar. I temi sono quelli soliti Peter Crawley, aspettative. dal puntiglio di Hannu Lintu.
dell’rnb: amore, tradimenti e The Irish Times Halun Hamnett, Fin dall’inizio del secondo
vizi. Ma il cantante li rielabora Record Collector concerto ogni dettaglio è con-
in modo originale. Non si sa Artisti vari trollatissimo. Nello scherzo i
quale sia la destinazione del Habibi funk Shopping tempi non sono troppo veloci,
viaggio di SiR, ma ascoltando Habibi Funk/Jakarta The oicial body ma c’è un’interazione molto
queste canzoni viene voglia di ●●●●● FatCat viva tra il piano e l’orchestra, e
seguirlo. Habibi in arabo signiica ●●●●● anche i passaggi più veloci del
Aaron Williams, Uproxx “amore mio” o “amato”. Habi- Con quell’urgenza ritmica che inale non si distinguono per
bi funk è il nome scelto è il loro marchio di fabbrica, gli velocità e volume, quanto per
They Might Be Giants dall’etichetta nata in Germa- Shopping sono ormai il cuore un equilibrio perfetto e la cura
I like fun nia per descrivere i suoni del pulsante della scena alternati- nella gestione degli accenti.
Idlewild Recordings mondo arabo degli anni set- va londinese. The oicial body Nel quinto concerto il caratte-
●●●●● tanta e ottanta che vale la pena li ha obbligati a rivedere la loro ristico staccato a puntasecca di
Nel magniico ventesimo al- di riscoprire. Anche se sono Mustonen (un suono deinito
bum dei They Might Be Giants molto vari, i brani inclusi in dal mio collega David Hurwitz
c’è un power pop curato che questa raccolta dimostrano come “Glenn Gould sotto ste-
evoca sentimenti degni di come i suoni occidentali siano roidi”) e la precisione al laser
un’opera di Samuel Beckett stati assimilati da artisti del di Lintu rendono la partitura a
(“Moriamo soli, moriamo spa- Marocco, dell’Egitto o del Su- mosaico di Prokofev ancora
ventati, viviamo nel terrore, dan e adattati alla loro creati- più scintillante. Certo, la stori-
nudi e soli”, dice il ritornello vità. Wang dang dell’algerino ca versione di Svjatoslav
del pezzo inale Last wave). Bob Destiny è un pezzo rnb ru- Richter con Witold Rowicki
FAT CAT RECoRDS

Anche il brano d’apertura, moroso, che rimanda a Screa- evoca meglio il clima da ballet-
Let’s get this over with, farebbe min’ Jay Hawkins, ai to, ma questa interpretazione
quasi pensare a uno scherzo Trashmen e perino a Booker lineare è una rivelazione.
musicale. D’altronde la band T. & The MG’s. L’inluenza di Shopping Jed Distler, ClassicsToday

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 85


Cultura

Arte
Capolinea Joel Meyerowitz, Chuckie, 1981
Bus stop, Paradise Plaza,
Miami
Lasciandosi alle spalle le ve-
trine di Prada, Gucci e Vuitton
al Paradise Plaza, nel design
district di Miami, ci s’imbatte
in uno scheletro sdraiato su
una panchina alla fermata
dell’autobus, con un lusso co-
stante di acqua che gli goccio-
la sulla fronte e si allarga in
una pozzanghera sotto di lui.
È una fontana interattiva di
Urs Fischer intitolata sempli-
cemente Bus stop. Inaugurata
JOeL MeYeROWITz (COURTeSY HOWARD GReeNBeRG, C/O BeRLIN GALLeRY)

durante la settimana dell’arte


di Miami, un tour de force di
vernissage e party sotto il sole
cocente, potrebbe raigurare
la morte di qualche visitatore,
ma le intenzioni di Fischer
non sono morbose. Lo schele-
tro è un suo motivo ricorrente,
il modo più semplice per rap-
presentare una persona senza
connotati. La fermata dell’au-
tobus è un piccolo palcosceni-
co su cui sostano persone che
non fanno niente. Ricorda gli
scenari di molte opere di
Hopper.
Dazed and Confused Germania
Tombini d’artista
1700 comuni del Giappone
I veri colori di New York
È una caccia al tesoro con gli
occhi puntati sui marciapiedi
delle metropoli giapponesi, Joel Meyerowitz Martin Scorsese, Sydney Pol- tuire un’immagine sbiadita
dove i tombini sono stati tra- Why color?, galleria C/O, lack, Spike Lee, Abel Ferrara e come la memoria, che altera
sformati in opere d’arte. I mo- Berlino, ino all’11 marzo naturalmente Woody Allen. l’intensità del colore. Meye-
tivi generalmente si richiama- Arrivando a New York La stessa memoria visiva fal- rowitz è un fotografo di strada
no alla tradizione storica loca- vent’anni fa e uscendo dalla sata di New York la troviamo nella tradizione dei fotogior-
le. Un castello a Osaka, il pon- metropolitana in qualsiasi nelle immagini di Joel Meye- nalisti come Henri Cartier-
te che attraversa la baia di punto del quartiere Upper rowitz, nato nel 1938 nel Bresson o Robert Frank, che
Tokyo a Yokohama e il monte west side, si veniva soprafatti Bronx e uno dei pionieri meno incontrò nel 1962 e che gli die-
Fuji per la città ai suoi piedi. dalla delusione. Tutto sem- conosciuti della fotograia a de la prima fotocamera a 35
Tama city, nella periferia brava troppo familiare. Non colori. Felix Hofmann, il cu- mm. Mentre Cartier-Bresson
ovest di Tokyo, ha scelto la solo le facciate in laterizio ros- ratore della mostra, ha reperi- e Frank fotografavano rigoro-
faccia di Hello Kitty. Un’azien- sastro, le scale antincendio ar- to solo stampe vintage. Le vec- samente in bianco e nero, Joel
da ha anche messo in com- rugginite o l’imperativo “Do chie stampe fotograiche, co- Meyerowitz si è dato al colore
mercio delle carte da collezio- not walk” ai semafori pedona- me sappiamo dagli album di in dai primi anni sessanta,
ne con l’immagine dei 293 li, ma anche il vento che s’in- famiglia dove i capelli di papà quando fare foto a colori era
modelli di tombino e le coor- canala nelle strade e i sacchet- diventano rossi e la pelle della una prerogativa solo dei foto-
dinate gps per localizzarle. ti di plastica che mulinano in zia traslucida come il suo ri- grai pubblicitari.
Le Figaro aria: tutto già visto nei ilm di cordo, hanno il pregio di resti- Die Welt

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 87


Pop
Quando la violenza coloniale
tornò a casa
Pankaj Mishra

“O
ggi sul fronte occidentale”, scri- seppure altamente civilizzate, dopo la “lunga pace”
veva il sociologo tedesco Max dell’ottocento. In seguito le conseguenze irrisolte di
Weber nel settembre del 1917, questa catastrofe avrebbero provocato un altro disa-
“ci sono orde di selvaggi africa- stroso conlitto tra autoritarismo e democrazia, ino al
ni e asiatici e una marmaglia di ritorno di quest’ultima nella sua culla europea.
ladri e sottoproletari del mondo Con più di otto milioni di morti e ventidue milioni di
intero”. Weber si riferiva ai milioni di soldati e operai feriti, fu la guerra più sanguinosa nella storia europea
indiani, africani, arabi, cinesi e vietnamiti arruolati sul ino al 1945. Dai villaggi più remoti ai cimiteri di Ver-
fronte occidentale, oltre che in altri teatri secondari dun, della Marna, di Passchendaele e della Somme, i
della prima guerra mondiale. Per far fronte alla carenza monumenti ai caduti custodiscono un’esperienza di
di uomini, gli imperialisti britannici ave- lutto straziante nella sua immensità.
vano reclutato 1,4 milioni di indiani. La Nel 1917 Molti libri e ilm presentano gli anni pri-
Francia arruolò quasi 500mila soldati il presidente ma della guerra come un periodo di pro-
nelle sue colonie in Africa e in Indocina, degli Stati Uniti sperità e felicità per l’Europa, e l’estate
mentre gli afroamericani chiamati alle Woodrow Wilson del 1913 è descritta come l’ultima estate
armi negli Stati Uniti furono quasi afermò d’oro. Ma ora che il razzismo e la xenofo-
400mila. I veri militi ignoti della prima esplicitamente di bia dilagano in tutto l’occidente, è tempo
guerra mondiale sono questi combatten- voler preservare di ricordare il retroscena imperialista e
ti non bianchi. “la civiltà bianca e razzista della prima guerra mondiale e i
Il leader vietnamita Ho Chi Minh, che suoi efetti duraturi.
il suo dominio del
trascorse gran parte del periodo bellico All’epoca tutte le potenze occidenta-
in Europa, denunciò l’arruolamento for-
pianeta” li difendevano una gerarchia razziale
zato dei popoli subordinati che, scriveva, costruita intorno a un progetto comune
erano considerati “solo degli sporchi negri” inché non di espansione territoriale. Nel 1917, durante una riu-
furono trasformati in carne da cannone per il mattatoio nione di gabinetto, il presidente degli Stati Uniti Woo-
europeo. Molti altri antimperialisti, tra cui il leader pa- drow Wilson afermò esplicitamente di voler “mante-
ciista indiano Mohandas Gandhi e il sociologo e attivi- nere la razza bianca forte contro i gialli” e preservare
sta afroamericano W.E.B. Du Bois, furono invece acce- “la civiltà bianca e il suo dominio del pianeta”. Le idee
si sostenitori degli obiettivi militari dei loro padroni eugenetiche di selezione razziale erano molto difuse,
bianchi, nella speranza di ottenere più dignità per i loro come erano condivisi i timori del quotidiano Daily
compatrioti nel dopoguerra. Non si rendevano conto Mail sulle donne bianche esposte al contatto con “na-
che molti europei temevano e odiavano la vicinanza i- tivi che sono peggio delle bestie quando le loro passio-
sica con quei “popoli da poco sottomessi, riottosi”, co- ni si risvegliano”. Nella maggior parte degli stati ame-
me Rudyard Kipling deiniva gli asiatici e gli africani ricani le unioni miste erano proibite per legge. Negli
colonizzati nella sua poesia del 1899 Il fardello dell’uo­ anni precedenti l’inizio della prima guerra mondiale i
mo bianco. rapporti sessuali tra donne europee e uomini neri (ma
Nella storia popolare della prima guerra mondiale non tra uomini europei e donne nere) furono vietati in
PANKAJ MISHRA queste persone rimangono marginali. Nel Regno Unito molte colonie europee in Africa. La presenza degli
è uno scrittore e sono quasi del tutto ignorate dal Remembrance day, il “sporchi negri” in Europa dopo il 1914 segnò la rottura
saggista indiano. giorno in cui si ricorda l’armistizio dell’11 novembre di un tabù radicato.
Il suo libro L’età della 1918. Attraverso i rituali di questa commemorazione – Nel maggio del 1915 fece scandalo la fotograia,
rabbia uscirà in Italia la marcia cerimoniale dei più alti dignitari britannici pubblicata dal Daily Mail, di un’infermiera britannica
il 30 gennaio
ino al cenotaio di Whitehall, i due minuti di silenzio accanto a un soldato indiano ferito. Le amministrazio-
(Mondadori). Questo
interrotti da un trombettiere che suona The last post, la ni militari provarono a richiamare le infermiere bian-
articolo è uscito sul
Guardian con il titolo
deposizione di ghirlande di papaveri e il canto dell’inno che dagli ospedali dov’erano curati i soldati indiani e
How colonial nazionale – la prima guerra mondiale è presentata co- vietarono a questi ultimi di uscire senza un accompa-
violence came home: me un prodigioso atto di autolesionismo: una grande gnatore bianco. Nel dopoguerra, quando la Francia
the ugly truth of the rottura nella civiltà moderna occidentale, un’inspiega- dispiegò dei soldati africani (molti dei quali originari
irst world war. bile catastrofe in cui si gettarono le potenze europee, del Maghreb) nella Germania occupata, l’indignazione

88 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


MANUELE FIoR

fu ancora più forte e difusa. Anche la Germania aveva nazisti avrebbero sottoposto alla sterilizzazione forza-
schierato migliaia di soldati africani nel tentativo di ta centinaia di igli di soldati africani. La paura e l’odio
difendere le sue colonie d’Africa orientale, ma non li per i soldati “negri” (come li chiamava Weber) sul suo-
aveva usati in Europa, né si era abbandonata a quello lo tedesco non erano sentimenti esclusivamente tede-
che Wilhelm Solf, ministro degli esteri ed ex governa- schi o della destra. Anche il papa protestò contro la loro
tore delle Samoa, chiamò “il vergognoso uso razziale presenza e, nel 1920, il quotidiano socialista britannico
dei neri”. “Questi selvaggi sono un terribile pericolo”, Daily Herald pubblicò un editoriale intitolato “Il lagel-
avvertiva il parlamento in una dichiarazione congiunta lo nero in Europa”.
rivolta alle “donne tedesche”. Scrivendo La mia batta­ originariamente costruito intorno al concetto di
glia negli anni venti, Adolf Hitler ricollegava la presen- esclusività bianca, quest’ordine razziale globale era raf-
za di soldati africani sul territorio tedesco a un com- forzato dall’imperialismo, dalle teorie pseudoscientii-
plotto ebreo per rovesciare la razza bianca “dalla sua che e dall’ideologia del darwinismo sociale. oggi l’inar-
elevatezza culturale e politica”. Nel 1937, ispirati dalle restabile erosione dei privilegi associati a quest’ordine
innovazioni statunitensi in materia di igiene razziale, i ha profondamente destabilizzato le istituzioni e le iden-

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 89


Pop
tità occidentali, rivelando come il razzismo sia ancora 1951 Le origini del totalitarismo (uno dei primi grandi
una forza politica vigorosa e dando spazio a pericolosi testi occidentali ad aver fatto i conti con questa doloro-
demagoghi nel cuore dell’occidente moderno. oggi, sa esperienza), furono gli europei, tutti insieme, a rior-
mentre i suprematisti bianchi costruiscono frenetica- dinare “l’umanità in razze di padroni e di schiavi” men-
mente le loro alleanze transnazionali, dobbiamo chie- tre conquistavano e sfruttavano gran parte dell’Asia,
derci, come fece Du Bois nel 1910: “Cos’è la bianchezza dell’Africa e dell’America, stabilendo insediamenti di
e perché è tanto desiderabile?”. E dobbiamo esaminare coloni bianchi in tutto il mondo. Questa degradante
la prima guerra mondiale ricollocandola nel contesto di gerarchia diventò necessaria perché la promessa di
un progetto occidentale di dominio globale, un proget- uguaglianza e di libertà, per essere anche solo parzial-
to che trascendeva gli evidenti antagonismi bellici. La mente mantenuta in patria, richiedeva un’espansione
prima guerra mondiale segnò il momento in cui le vio- imperialista oltre i conini nazionali. Tendiamo a di-
lente eredità dell’imperialismo in Asia e in Africa scate- menticare che alla ine dell’ottocento l’imperialismo,
narono, per la prima volta, un’esplosione di violenza con la sua promessa di portare terra, cibo e materie pri-
autodistruttiva in Europa. E oggi il rischio che l’occi- me, era spesso considerato un elemento chiave del pro-
dente precipiti in un caos su vasta scala è più alto di gresso e della prosperità nazionali. Il razzismo era – e
quanto non lo sia mai stato dall’inizio del lungo periodo rimane – ben più di un brutto pregiudizio, da sradicare
di pace cominciato nel 1945. con divieti legali e sociali. Dall’Australia agli Stati Uniti,
il razzismo fu un tentativo concreto, fondato sull’esclu-

L
e analisi sulle origini della prima guerra sione e sull’umiliazione, di ristabilire l’ordine politico e
mondiale si concentrano generalmente di calmare l’insoferenza dei cittadini in società agitate
su una serie di fattori: le rigide alleanze, i da rapidi cambiamenti sociali ed economici.
piani militari, le rivalità imperialiste, la Il futuro di qualunque classe dirigente dipendeva
corsa alle armi e il militarismo tedesco. dalla sua abilità di stringere un’alleanza riuscita tra “il
La guerra, sentiamo ripetere, fu il disa- capitale e la plebe”, per dirla con Arendt, “tra i troppo
stro fondamentale del ventesimo secolo, il peccato ricchi e i troppo poveri”. Ai primi del novecento l’im-
originale dell’Europa che rese possibili esplosioni di pronta del darwinismo sociale era evidente in quasi
brutalità ancora più spaventose come la seconda guer- tutte le visioni del mondo: le nazioni erano considerate
ra mondiale e la shoah. Gran parte dell’enorme lettera- organismi biologici condannati all’estinzione o alla de-
tura sull’argomento (decine di migliaia di libri e di arti- generazione se non riuscivano a espellere o a contra-
coli accademici) si soferma sul fronte occidentale e stare i corpi alieni e ad assicurare uno spazio vitale ai
Storie vere sulle conseguenze che quella reciproca carneicina eb- loro cittadini. Le teorie pseudoscientiiche sulla dife-
La polizia di be su Regno Unito, Francia e Germania o – più precisa- renza biologica tra le razze descrivevano un mondo in
Cottonwood, in mente e non a caso – sul cuore metropolitano di quelle cui tutte le razze sembravano coinvolte in una lotta in-
Arizona, è stata sulle potenze imperiali più che sulle loro periferie. In questa ternazionale per la ricchezza e il potere. La bianchezza
tracce di Alberto
versione dominante della storia, interrotta nel 1917 diventò “la nuova religione”, come poté constatare
Saavedra Lopez per
dalla rivoluzione russa e dalla dichiarazione di Balfour, Du Bois, ofrendo sicurezza nel turbinio dei cambia-
più di un anno,
L’uomo, di 32 anni,
la guerra comincia con “i cannoni d’agosto” del 1914, menti economici e tecnologici, insieme alla promessa
aveva rubato quando le folle europee, in preda a un esultante patriot- di esercitare potere e autorità su gran parte della popo-
cinquemila dollari tismo, spediscono i soldati nello stallo sanguinoso del- lazione mondiale. L’attuale rinascita di questa idea
dalla banca per la le trincee. La pace arriva con l’armistizio dell’11 no- suprematista in occidente e la stigmatizzazione di inte-
quale lavorava ed era vembre 1918, solo per essere tragicamente compro- re popolazioni presentate come fondamentalmente
scappato dalla messa dal trattato di Versailles del 1919, che getta le violente, biologicamente inferiori o culturalmente in-
cittadina. basi di un’altra guerra mondiale. compatibili con i popoli bianchi occidentali, indicano
Evidentemente Secondo una versione ideologica della storia euro- che la prima guerra mondiale non segnò una profonda
Saavedra Lopez
pea, diventata popolare con la guerra fredda, i conlitti rottura storica. Fu invece, come aveva già capito nel
sentiva nostalgia di
mondiali, il fascismo e il comunismo sarebbero una 1918 il più importante intellettuale cinese moderno,
casa, così è tornato a
Cottonwood e ha
spaventosa aberrazione nel progresso universale della Liang Qichao, “un passaggio intermediario che collega
cercato un nuovo democrazia liberale e delle sue libertà. Invece, sotto passato e futuro”.
impiego, stavolta tanti aspetti, il periodo eccezionale corrisponde ai de- Le liturgie del Remembrance day e l’evocazione
mandando il cenni successivi al 1945, quando l’Europa, privata delle della bella e lunga estate del 1913 negano sia la sinistra
curriculum alla sue colonie, emerse dalle rovine di due conlitti cata- realtà di quel passato bellico sia il suo perdurare ino al
polizia. Non è stata stroici. Mentre cresceva la stanchezza verso le ideolo- ventunesimo secolo. Il nostro diicile compito, quasi
una buona idea: è gie militanti e collettiviste, le virtù della democrazia (in cent’anni dopo la ine della prima guerra mondiale, è
stato invitato per un particolare il rispetto delle libertà individuali), così co- quello di individuare i tanti modi in cui quel passato si è
colloquio e appena
me i vantaggi pratici dello stato sociale e di un rinnova- insinuato nel nostro presente e minaccia di plasmare il
arrivato è inito in
to contratto sociale, cominciarono ad apparire sempre nostro futuro, e di capire come l’indebolimento inale
manette. “Comunque
vada”, ha dichiarato il
più evidenti. Ma né questi decenni di relativa stabilità del dominio del pianeta da parte della civiltà bianca,
portavoce del né il crollo dei regimi comunisti nel 1989 erano ragioni unito all’assertività di popoli un tempo riottosi, abbia
commissariato, “non suicienti per credere che i diritti umani e la democra- scatenato in occidente delle tendenze e degli atteggia-
ha nessuna possibilità zia si fossero radicati una volta per tutte in Europa. menti molto antichi.
di ottenere il posto”. Come osserva Hannah Arendt nel suo saggio del Molti resoconti della guerra – delle sue origini o del-

90 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


le sue ramiicazioni politiche e culturali, come il fasci-
smo e il modernismo – la presentano come una faccen-
da essenzialmente europea: quattro anni di carneicina
che polverizzarono la lunga pace del continente e cor-
ruppero la lunga tradizione del razionalismo occiden-
tale. Un secolo dopo la ine del conlitto, le esperienze e
le prospettive dei suoi protagonisti e osservatori non
europei rimangono in gran parte sconosciute. Si sa an-
cora poco di come la guerra accelerò le lotte politiche in
Asia e in Africa; delle nuove opportunità che ofrì ai na-
zionalisti arabi e turchi e agli anticolonialisti indiani e
vietnamiti; o di come, mentre distruggeva i vecchi im-
peri in Europa, trasformò il Giappone in una minaccio-
sa potenza imperialista in Asia.

MANUELE FIoR
Nell’ormai trito racconto delle conseguenze della
guerra, Woodrow Wilson, che voleva “rendere il mon-
do sicuro per la democrazia” attraverso i suoi interven-
ti militari e diplomatici, è un valoroso internazionalista
democratico abbandonato dai crudeli statunitensi iso- uomini neri, scriveva Du Bois dopo la ine della guerra,
lazionisti. Rimane ancora molto da dire su come il libe- “chiedevano sempre più chiaramente: ‘Dov’è il nostro
ralismo wilsoniano servì da copertura alla supremazia posto?’”. Negli Stati Uniti la risposta arrivò sotto forma
bianca alla conferenza di pace di Parigi del 1919, quan- di un’ondata di violenze di gruppo contro i neri (lo stes-
do le richieste di autodeterminazione degli anticolo- so Wilson temeva che “il negro americano di ritorno
nialisti asiatici e africani furono liquidate con sdegno, e dall’estero” fosse incline a difondere il bolscevismo
quando perino il Giappone, alleato del Regno Unito e negli Stati Uniti). Nel 1919 l’esercito britannico massa-
degli Stati Uniti, vide respinto il suo appello per l’ugua- crò centinaia di manifestanti disarmati ad Amritsar, nel
glianza razziale. Punjab indiano, spingendo Gandhi a diventare, da so-
lerte collaboratore dell’impero britannico, un suo deci-

N
egli ultimi tempi le commemorazioni so nemico. L’anno seguente, in Iraq, gli imperialisti
della prima guerra mondiale hanno britannici repressero una rivolta con il primo bombar-
dato più spazio ai soldati e ai campi di damento aereo sistematico della storia.
battaglia non europei: in tutto più di Nel 1921 il poeta e scrittore Rabindranath Tagore,
quattro milioni di uomini non bianchi esprimendo la cocente disillusione dei progressisti
furono mobilitati negli eserciti euro- asiatici e africani, scriveva che l’Europa aveva “comple-
pei e statunitensi per combattere, dalla Siberia e tamente perso il prestigio morale del passato” ed era
dall’Asia orientale al Medio oriente e all’Africa subsa- considerata “una sostenitrice della supremazia della
hariana, e perino nelle isole del Paciico meridionale. razza occidentale”. Dopo aver fugacemente sedotto il
In Mesopotamia i soldati indiani formarono la maggio- Cairo, Pechino e Teheran, il liberalismo di Woodrow
ranza delle forze alleate durante tutta la guerra. L’occu- Wilson perse ogni fascino nel dopoguerra, quando la
pazione britannica della Mesopotamia o la sua campa- spontanea simpatia del presidente statunitense per il
gna vittoriosa in Palestina non sarebbero state possibili Ku klux klan si tradusse in un periodo d’oro per i vinci-
senza il contributo indiano. I soldati indiani aiutarono tori imperialisti. Amareggiata dalla disonestà degli oc-
perino i giapponesi a cacciare i tedeschi dalla loro co- cidentali alla conferenza di Parigi, in cui l’autodetermi-
lonia cinese di Qingdao. nazione e la sovranità nazionale si rivelarono promesse
Gli studiosi hanno cominciato a interessarsi ai circa vuote rivolte alle nazioni più deboli, la Cina si lanciò
140mila operai cinesi e vietnamiti ingaggiati dai gover- risolutamente nella costruzione di uno stato nazione
ni di Regno Unito e Francia per la manutenzione delle capace di dominare invece che di essere dominato. Ide-
infrastrutture belliche. oggi ne sappiamo di più sui tan- ologie come il comunismo rivoluzionario e il fonda-
ti movimenti anticolonialisti presenti in Europa nel mentalismo islamico acquisirono forza promettendo di
periodo tra le due guerre. Ho Chi Minh e Zhou Enlai, dare un taglio netto alle illusioni della precedente gene-
che sarebbe diventato il primo premier della Cina co- razione di leader collaborazionisti.
munista, fecero parte della comunità di espatriati Una ricostruzione della grande guerra attenta ai
dell’Asia orientale. In Europa molti di questi asiatici e conlitti politici fuori dell’Europa può spiegare l’attuale
africani subirono trattamenti crudeli, segregazione e ultranazionalismo di molti dirigenti asiatici e africani,
schiavitù. Deng Xiaoping, che arrivò in Francia subito in particolare del regime cinese, che si presenta come il
dopo la prima guerra mondiale, avrebbe in seguito evo- vendicatore delle umiliazioni inlitte dall’occidente da
cato “le umiliazioni” inlitte ai suoi connazionali dai un secolo a questa parte. Ma per capire il ritorno del su-
“lacchè dei capitalisti”. prematismo bianco in occidente serve un’analisi storica
Anche chi sperava che i padroni bianchi, dopo aver più approfondita, che mostri come alla ine dell’otto-
usato i popoli colonizzati come carne da cannone, si sa- cento la bianchezza fosse diventata una garanzia
rebbero mostrati più indulgenti, si sentì disonorato. Gli d’identità e di dignità individuali e il fondamento di al-

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 91


Pop
che doveva risolvere il problema della sovrappopola-
zione. E tutte le potenze occidentali si spartirono ami-
chevolmente la torta cinese alla ine dell’ottocento. Le
tensioni nate durante la divisione del bottino asiatico e
africano furono quasi sempre superate in modo pacii-
co, a spese degli asiatici e degli africani.
Alla ine dell’ottocento le colonie erano comune-
mente considerate un’indispensabile valvola di sfogo
delle pressioni socioeconomiche interne. Cecil Rhodes
lo spiegò con esemplare chiarezza nel 1895, dopo aver
incontrato dei disoccupati arrabbiati dell’East End, a
Londra: l’imperialismo, dichiarò, era una “soluzione
per questo problema sociale. In altre parole, per salvare
quaranta milioni di abitanti del Regno Unito da una
sanguinosa guerra civile, noi uomini di stato coloniali-
sti dobbiamo acquisire nuove terre per insediarvi la
popolazione in eccesso e dare nuovi mercati ai beni
prodotti nelle fabbriche e nelle miniere”. Secondo Rho-
MANUELE FIoR

des, quindi, “per evitare la guerra civile bisogna diven-


tare imperialisti”.
La lotta di Rhodes per accaparrarsi i giacimenti au-
riferi africani contribuì a scatenare la seconda guerra
leanze militari e diplomatiche. Questa storia dimostra boera, durante la quale i britannici, internando donne
che nell’ordine razziale globale prima del 1914 era per- e bambini afrikaner, introdussero nel linguaggio comu-
fettamente normale che i popoli “incivili” dovessero ne l’espressione “campi di concentramento”. Alla ine
essere sterminati, terrorizzati, imprigionati, esiliati o della guerra, nel 1902, era ormai “un’evidenza storica”,
radicalmente riprogrammati. Non solo: questo sistema scrive l’economista britannico John A. Hobson, che “i
non fu un elemento secondario della prima guerra governi usano le ostilità nazionali, le guerre all’estero e
mondiale, scollegato dall’abbrutimento generale che il fascino della costruzione di un impero per confonde-
rese poi possibili gli orrori un tempo inimmaginabili re la mente del popolo e sviare il crescente risentimento
della shoah. Al contrario, la violenza sfrenata e spesso contro le ingiustizie interne”.
gratuita dell’imperialismo moderno inì per ritorcersi Mentre l’imperialismo apriva un “panorama di vol-
contro i suoi autori. gare orgoglio e crudo sensazionalismo”, come scriveva
Hobson, ovunque le classi dirigenti cercavano sempre

Q
uesta prospettiva storica rivela che la lun- più di “imperializzare l’intera nazione”, per riprendere
ga pace europea fu un periodo di guerre un’espressione di Hannah Arendt. Questo programma
senza ine in Asia, in Africa e nelle Ame- – organizzare la nazione per “il saccheggio di territori
riche, e le colonie europee furono il cro- stranieri e l’oppressione dei loro popoli” – fu rapida-
giolo in cui si forgiarono le premesse mente promosso attraverso la stampa popolare, che
delle guerre civili europee (teorie razzi- stava nascendo all’epoca. Fin dal suo lancio nel 1896, il
ste, trasferimenti forzati di popolazioni e disprezzo del- Daily Mail alimentò il volgare orgoglio di essere bian-
la vita umana). Gli storici del colonialismo tedesco (un chi, britannici e superiori ai selvaggi nativi. Non è un
campo di studi in espansione) tentano di far risalire caso se ancora oggi i tabloid britannici cercano di rin-
l’olocausto ai minigenocidi commessi dai tedeschi nel- saldare l’alleanza vitale tra capitale e plebe.
le loro colonie nel primo decennio del novecento, un Se consideriamo quanto l’orgoglio imperialista era
periodo in cui si svilupparono anche alcune ideologie difuso tra gli europei, non sorprende il frenetico nazio-
chiave come il Lebensraum. Ma è troppo facile conclu- nalismo con cui il continente precipitò in un bagno di
dere, soprattutto da un punto di vista angloamericano, sangue nel 1914. Allo stesso modo, non dovremmo
che fu la Germania ad abbandonare le norme della ci- considerare la grande guerra il primo episodio di una
viltà per stabilire un nuovo standard di barbarie, co- lunga battaglia della democrazia illuminata contro l’au-
stringendo il resto del mondo a seguirla nell’età degli toritarismo. Nel 1915 l’Italia si schierò con il Regno Uni-
estremi. La verità è che tra le pratiche imperialiste e i to e la Francia nel campo degli alleati in un accesso di
presupposti razzisti di Europa e Stati Uniti ci fu una pro- imperomania (e subito dopo, non riuscendo a placare la
fonda continuità. sua sete imperialista, precipitò nel fascismo). Scrittori
Le mentalità e le visioni del mondo inirono in efet- e giornalisti italiani, ma anche politici e imprenditori,
ti per convergere notevolmente durante la fase più im- ambivano al potere e alla gloria imperiali in dalla ine
portante della bianchezza, che Du Bois, rispondendo dell’ottocento. L’Italia si era lanciata con ardore alla
alla domanda su questa condizione tanto ambìta, deinì conquista di un pezzo di Africa, prima di subire un’umi-
“il possesso della terra nei secoli dei secoli”. I tedeschi, liante sconitta da parte dell’Etiopia nel 1896 (Mussoli-
per esempio, furono spesso assistiti dai britannici du- ni si sarebbe vendicato nel 1935 usando il gas contro gli
rante la loro colonizzazione dell’Africa sudoccidentale, etiopi). Nel 1911 l’Italia vide un’opportunità nella sepa-

92 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


razione della Libia dall’impero ottomano. Dopo i prece- ta militarmente. Chi provava a sottrarsi all’esecuzione
denti fallimenti, il brutale attacco contro il paese, aval- doveva essere portato nel deserto di omaheke e lascia-
lato dal Regno Unito e dalla Francia, fu calorosamente to morire. Si stima che tra i sessantamila e i settantami-
salutato in patria. la herero, su un totale di circa ottantamila, furono ucci-
Le notizie sulle atrocità commesse dagli italiani, tra si, e molti morirono di fame nel deserto. Una seconda
cui il primo bombardamento aereo della storia, radica- rivolta anticoloniale, lanciata dalla comunità dei nama,
lizzarono molti musulmani in Asia e in Africa, mentre entro il 1908 portò alla morte di circa metà della loro
l’opinione pubblica in Italia continuò imperturbabile a popolazione.
sostenere l’avventura imperialista. Il futurista Filippo Negli ultimi anni della lunga pace questi protogeno-
Tommaso Marinetti, che andò in Libia come corrispon- cidi diventarono comuni. Re Leopoldo II del Belgio
dente di guerra, rimase meravigliato di fronte alle governò lo Stato Libero del Congo come fosse un suo
“sculture che la nostra ispirata artiglieria foggia nelle feudo personale dal 1885 al 1908. In quel periodo ridus-
masse nemiche”. Eppure gli italiani furono messi in dif- se di metà la popolazione locale, causando la morte
icoltà dai turchi (Mustafa Kemal, che sarebbe diventa- prematura di circa otto milioni di africani. Tra le prati-
to famoso come Atatürk, fondatore e primo presidente che adottate dai belgi durante il suo regno del terrore
della Turchia, si inse giornalista per andare a mobilita- c’era il taglio delle mani di persone vive e dei cadaveri.
re dei volontari arabi in Libia). Intensiicarono le opera- La conquista statunitense delle Filippine tra il 1898 e il
zioni, bombardando Beirut nel febbraio del 1912 e oc- 1902, a cui Kipling dedicò Il fardello dell’uomo bianco,
cupando le isole di Rodi, Coo e Patmo. oggi pochi ricor- costò la vita a oltre 200mila civili. Un bilancio che non
dano i tentativi dell’Italia di diventare una potenza co- sorprende se consideriamo che ventisei dei trenta ge-
loniale. Eppure, anche se non furono una causa diretta nerali statunitensi mandati nelle Filippine avevano
della prima guerra mondiale, anticiparono i deliri pa- combattuto nelle guerre di annientamento dei nativi
triottici e i crimini di guerra del 1914-1918. americani. Uno di loro, il generale Jacob H. Smith, di-
Anche il militarismo tedesco appare meno eccezio- chiarò esplicitamente ai suoi uomini: “Non voglio pri-
nale se consideriamo che in dagli anni ottanta dell’ot- gionieri. Voglio che uccidiate e bruciate, più ucciderete
tocento molti rappresentanti del mondo della politica, e brucerete e più mi farete felice”. In un’audizione al
degli afari e dell’università, oltre a gruppi di pressione senato sulle atrocità commesse nelle Filippine, il gene-
inluenti come la Lega pangermanica (di cui Max We- rale Arthur MacArthur (padre di Douglas) evocò i “ma-
ber fece brevemente parte), avevano esortato il gover- gniici popoli ariani” a cui apparteneva e l’“unità della
no a diventare una potenza imperiale al pari del Regno razza” che si sentiva in dovere di difendere.
Unito e della Francia. Tra il 1871 e il 1914 tutte le opera-

E
zioni militari della Germania si svolsero fuori dell’Eu- spulsa dall’esclusivo circolo dei popoli
ropa. Tra queste ci furono delle spedizioni punitive ariani in seguito al trattato di Versailles e
nelle colonie africane e, nel 1900, un’ambiziosa scorre- privata delle sue colonie, la Germania fu
ria in Cina, dove la Germania si unì ad altre sette poten- accusata dalle potenze imperiali vincen-
ze europee per punire i giovani cinesi che si erano ribel- ti (senza un’ombra di ironia) di aver mal-
lati al dominio occidentale sul paese. Alle truppe tede- trattato i popoli nativi in Africa. Questi
sche in partenza per l’Asia il kaiser presentò la missione giudizi, formulati ancora oggi per distinguere l’impe-
come una vendetta razziale. “Non perdonate nessuno rialismo “buono” di britannici e statunitensi da quello
e non fate prigionieri”, disse, esortando i soldati ad as- di Germania, Francia e Belgio, sono un tentativo di oc-
sicurarsi che “nessun cinese osi mai più guardare di cultare le forti sinergie dell’imperialismo razzista. Nel
traverso un tedesco”. All’arrivo dei tedeschi la repres- 1920, un anno dopo aver condannato la Germania per i
sione del “pericolo giallo” (un’espressione coniata alla suoi crimini contro gli africani, i britannici adottarono i
ine dell’ottocento) era già in gran parte conclusa. No- bombardamenti aerei come azione di routine nel loro
nostante questo, tra l’ottobre del 1900 e la primavera nuovo possedimento iracheno, preannunciando le at-
del 1901 le truppe del Kaiser lanciarono nelle campa- tuali e altrettanto comuni campagne di bombardamen-
gne cinesi decine di attacchi che passarono alla storia to aereo e con i droni in Asia meridionale e occidentale.
per la loro ferocia. “L’arabo e il curdo”, si legge in un rapporto scritto nel
Uno dei volontari della missione era il tenente gene- 1924 da un uiciale della Royal air force, “ora sanno ri-
rale Lothar von Trotha, che si era fatto una reputazione conoscere un vero bombardamento. Sanno che in qua-
in Africa ordinando sistematicamente di mettere a rantacinque minuti un intero villaggio può essere prati-
morte gli abitanti locali e di incendiare i villaggi. Secon- camente spazzato via e un terzo dei suoi abitanti ucciso
do lui questa politica, che chiamava “terrorismo”, pote- o ferito”. L’uiciale era Arthur “Bomber” Harris, che
va “solo essere d’aiuto”. In Cina saccheggiò alcune durante la seconda guerra mondiale sganciò le tempe-
tombe ming e presiedette ad alcune esecuzioni, ma il ste di fuoco su Amburgo e Dresda, e il cui impegno pio-
suo vero impegno sarebbe cominciato dopo, nelle colo- nieristico in Iraq contribuì alla rilessione tedesca sulla
nie tedesche dell’Africa sudoccidentale (l’attuale Na- totale krieg (guerra totale) negli anni trenta.
mibia), dove nel gennaio del 1904 scoppiò una rivolta La storia moderna della violenza è piena di questi
anticoloniale. Nell’ottobre del 1904 von Trotha ordinò discreti scambi di idee assassine tra nemici solo appa-
di sparare a vista a chi facesse parte della comunità he- renti. Un altro esempio è la spietatezza delle élite sta-
rero (tra cui donne e bambini), che era già stata sconit- tunitensi verso i neri e i nativi americani, che fece una

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 93


Pop
grande impressione sulla prima generazione di impe- li in patria e un raforzamento della psicologia del do-
rialisti liberali in Germania, e questo decenni prima minio, oggi evidente nelle minacce di Donald Trump di
che Hitler cominciasse ad ammirare le politiche ine- cestinare l’accordo sul nucleare con l’Iran e di scatena-
quivocabilmente razziste degli Stati Uniti in materia di re sulla Corea del Nord “fuoco e furia come il mondo
nazionalità e immigrazione. I nazisti s’ispirarono alle non ne ha mai visti”.
leggi applicate nel sud degli Stati Uniti come avevano Che i popoli civilizzati potessero restare immuni
fatto prima di loro i colonizzatori tedeschi. Ecco per- alla distruzione del diritto internazionale e della mora-
ché Charlottesville, in Virginia, ha fornito una cornice le comune nelle guerre estere contro i barbari è sempre
molto adatta a un recente raduno neonazista accom- stata un’illusione. ora è andata in frantumi, mentre nel
pagnato da stendardi con la svastica e inni al “sangue cuore dell’occidente moderno crescono i movimenti
e alla terra”. razzisti, spesso sostenuti dal suprematista bianco alla
Esaminata alla luce di questi collegamenti trans- guida degli Stati Uniti che sta facendo in modo che non
continentali tra razzisti, la prima guerra mondiale non rimanga “più nulla da calpestare”. I nazionalisti bianchi
appare più né uno scontro tra democrazia illuminata e hanno liquidato la retorica wilsoniana dell’internazio-
autoritarismo né un’imprevedibile e catastroica rot- nalimo liberale, che per decenni era stata la lingua pre-
tura. Nel 1909 lo scrittore indiano Aurobindo Ghose ferita dall’establishment politico e giornalistico occi-
fu uno dei tanti pensatori anticolonialisti a prevedere dentale. Invece di afermare di voler rendere il mondo
che la civiltà della “vanagloriosa, aggressiva e domi- sicuro per la democrazia, oggi sostengono apertamen-
nante Europa” era “condannata a morte” e aspettava te l’unità culturale della razza bianca contro la minaccia
“l’annientamento”. Liang Qichao sostenne fin dal esistenziale incarnata dagli stranieri dalla pelle scura,
1918 che la grande guerra era il ponte che collegava che si tratti di cittadini, immigrati, rifugiati, richiedenti
la violenza imperialista al fratricidio europeo, l’otto- asilo o terroristi.
cento al futuro. Con le loro acute analisi, Liang, Ghose, Ma l’ordine razziale globale che aveva conferito po-
Du Bois, Gandhi e Tagore non ofrivano esempi di sag- tere, identità, sicurezza e prestigio ai suoi beneiciari è
gezza o di chiaroveggenza. Facendo parte di popoli inalmente crollato. E nemmeno una guerra con la Cina
subordinati, avevano semplicemente capito, molto o la pulizia etnica in occidente potranno restituire ai
prima che Arendt pubblicasse Le origini del totali­ bianchi il possesso della Terra. Dopo aver devastato
tarismo, che la pace nelle metropoli occidentali dipen- ampie parti dell’Asia e dell’Africa e aver portato il terro-
deva troppo dall’esternalizzazione della guerra nelle rismo nelle strade d’Europa e degli Stati Uniti, quest’il-
colonie. lusione ha recentemente spinto il Regno Unito verso la
L’esperienza della morte e della distruzione di Brexit. Nessuna travolgente impresa semi-imperialista
massa, che molti europei vissero solo dopo il 1914, era all’estero riesce più a mascherare i profondi divari di
già ampiamente conosciuta in Asia e in Africa, dove le classe e di istruzione in patria né a distrarre le masse. Di
terre e le risorse furono usurpate con la violenza, le conseguenza, i problemi sociali appaiono ancora più
infrastrutture economiche e culturali sistematica- irrisolvibili e le società sono più polarizzate che mai. E,
mente distrutte e popolazioni intere decimate con come dimostrano la Brexit e Trump, la capacità di auto-
l’aiuto di moderne tecnologie e burocrazie. Come si lesionismo è aumentata minacciosamente.
sarebbe scoperto, l’equilibrio europeo si era troppo a Per questo oggi la bianchezza, diventata una reli-
lungo appoggiato agli squilibri in altre parti del mon- gione durante il periodo d’incertezza economica e
do. L’Asia e l’Africa non potevano restare una cornice sociale che precedette il 1914, è il culto più pericoloso
distante e sicura per le guerre di espansione europee al mondo. La supremazia razziale è stata storicamente
di ine ottocento e del novecento. I popoli europei ini- esercitata attraverso il colonialismo, la schiavitù, la
rono per subire l’enorme violenza a lungo subita dagli segregazione, la ghettizzazione, le leggi sull’immigra-
asiatici e dagli africani. Come avrebbe scritto Arendt, zione razziste, le guerre neoimperaliste e la carcera-
“la violenza impiegata per il potere (e non per la legge) zione di massa. ora, con l’arrivo di Trump al potere, ha
scatena un processo distruttivo che si arresta solo raggiunto la sua fase inale e più disperata. Non possia-
quando non rimane più nulla da calpestare”. mo più escludere la “terribile probabilità” evocata
dallo scrittore e attivista afroamericano James Bald-

N
ella nostra epoca la disastrosa logica win: i vincitori della storia, “lottando per tenersi ciò
della violenza al di fuori della legge si che hanno rubato ai loro prigionieri, e incapaci di guar-
è manifestata attraverso la guerra – darsi allo specchio, precipiteranno il mondo in un caos
fortemente razzializzata – al terrori- che, se non porrà ine alla vita su questo pianeta, sca-
smo. Presupponendo l’esistenza di tenerà una guerra razziale come il mondo non ne ha
un nemico subumano da smaschera- mai conosciute”. La ragionevolezza imporrebbe quan-
re in patria e oltreconine, ha infranto l’antico tabù della to meno di deimperializzare la nazione, un esame di
tortura e ha reso accettabile perino l’esecuzione extra- coscienza che solo la Germania, tra le potenze occi-
giudiziale di cittadini di paesi occidentali. Le sconitte dentali, ha provato a fare. Mai quanto oggi è evidente
e le umiliazioni associate a questa guerra hanno avuto cosa rischiamo non afrontando la storia: tra un secolo
diverse conseguenze: l’aumento della dipendenza dal- gli storici potrebbero chiedersi perché l’occidente, do-
la violenza, il moltiplicarsi di conlitti e campi di batta- po un lungo periodo di pace, si gettò nella più grande
glia non dichiarati, un implacabile attacco ai diritti civi- catastrofe della sua storia. u fs

94 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Annunci

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 95


Scienza
La variabile Cefeide Rs Puppis di Baltimora, nel Maryland, hanno prodot-
to un valore del 9 per cento più alto rispetto
a quello ricavato con il metodo Cmb.
Se non c’è stato un errore nella misura-
zione è possibile che la nostra comprensio-
ne degli elementi fondamentali dell’uni-
verso sia inesatta. “Vista la discrepanza,
forse ci sfugge qualcosa d’importante”, di-
NASA/ESA/HUBBLE HERITAGE (STSCI/AURA)-HUBBLE/EUROPE COLLAB.

ce Nancy Evans, astrofisica in pensione


dell’Harvard-Smithsonian center for
astrophysics, in Massachusetts.
L’équipe di Riess ha misurato le distan-
ze da sette variabili Cefeidi con il telesco-
pio spaziale Hubble, che è più preciso ri-
spetto al passato, eppure il problema persi-
ste, nonostante il metro sia migliorato.
Anche se le nuove misurazioni innalza-
no la costante di Hubble di poco meno del-
lo 0,3 per cento, una correzione così tra-
scurabile del valore non va considerata una
perdita di tempo. “Dipende da qual è
l’obiettivo: se vogliamo afermare che per
risolvere il divario serve una nuova isica,

I conti dell’universo allora bisogna indagare con la dovuta dili-


genza”, spiega Riess.

non quadrano Errori in serie


Se persiste, la discrepanza potrebbe essere
il segno che le nostre ipotesi sulla natura
della materia e dell’energia oscure sono
Leah Crane, New Scientist, Regno Unito sbagliate, oppure che esiste una particella
mai individuata. Capire quant’è grande
Non solo l’universo si espande che velocità si sia espanso l’universo appe- questa discrepanza potrebbe aiutarci a
più velocemente del previsto, na nato. I modelli della sua evoluzione a escludere alcune teorie su una isica nuo-
partire da allora possono quindi prevedere va, troppo strane per generare un errore
ma i calcoli fatti per misurare la come dovrebbe espandersi oggi. così relativamente piccolo.
velocità di questa espansione Un altro metodo è più diretto. Si segue “Comincia a emergere che o c’è davve-
danno risultati diversi a seconda un punto nei dintorni della nostra galassia ro una nuova isica oppure ci sono molti
del metodo usato per vedere a che velocità si allontana da errori nei diversi metodi di misurazione,
noi. Per farlo gli astronomi osservano due che non hanno nulla a che fare gli uni con
tipi di stella nella stessa galassia: una varia- gli altri”, commenta Riess.
a morte termica dell’universo ci bile Cefeide, la cui luminosità aumenta e Le incertezze sulle misurazioni delle

L corre incontro, ma non sappiamo


quando ci raggiungerà. La velocità
con cui il cosmo continua a espan-
dersi è misurata dalla cosiddetta costante di
Hubble e i due metodi adottati dai ricerca-
diminuisce ciclicamente, e una supernova.
Poi sottraggono matematicamente altre
fonti di movimento e capiscono quanto di
quel moto sia dovuto all’espansione del
cosmo.
variabili Cefeidi potrebbero aumentare
nei prossimi mesi e nei prossimi anni con i
dati del satellite Gaia, che continua a cal-
colare la distanza da stelle fuori e dentro
alla nostra galassia, comprese le variabili
tori per calcolarla hanno sempre restituito Se paragoniamo l’universo a un essere Cefeidi. “Lo studio prevede sette nuove
valori diversi, portando a un vicolo cieco. umano, il metodo delle Cefeidi equivale a misurazioni: Gaia ne efettuerà un miliar-
Ora un nuovo studio sulle stelle usate per misurarne l’altezza da adulto con il metro, do”, spiega Barry Madore della Carnegie
valutare la distanza da altre galassie (uscito mentre il metodo Cmb equivale a scattar- institution for science di Washington.
su arXiv.org) ha accentuato il divario. gli una foto da piccolo per poi elaborarla I dati forniti da Gaia potrebbero appia-
Uno dei metodi con cui si cerca di deter- con un modello matematico della crescita nare le discrepanze o aumentarle. Tornan-
minare la costante di Hubble parte dalle umana e prevederne l’altezza attuale. do però al paragone tra la crescita dell’uni-
origini. Osservando la radiazione cosmica Ma le due misurazioni non coincidono verso e quella di un essere umano, non solo
di fondo (Cmb nell’acronimo inglese) – cioè mai. Nel 2016 quelle efettuate con il meto- miglioreranno il metro usato, ma ci mette-
il residuo della prima luce che attraversò il do Cefeide da Adam Riess e dai suoi colle- ranno a disposizione un miliardo di altezze
cosmo dopo il big bang – si può calcolare a ghi dello Space telescope science institute diverse da confrontare. u sdf

96 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


D. MAkArov
Salute
Salute
Vaccini
alla francese test del sangue per il cancro
I bambini nati in Francia dopo il
1 gennaio 2018 dovranno fare Science, Stati Uniti
più vaccini: oltre ai tre già obbli-
gatori (difterite, tetano e polio- È stato sviluppato un esame del
mielite) se ne sono aggiunti altri sangue che potrebbe aiutare a
otto (morbillo, parotite, rosolia, diagnosticare precocemente otto tipi
pertosse, pneumococco, Hemo- di cancro. I campioni di sangue sono
philus inluenzae B, epatite B, stati prelevati da oltre mille persone In BreVe
meningite C). Come quello ita- Tecnologia È stato creato un
a cui era stato diagnosticato, sulla
liano, il governo francese ha sensore magnetico ultrasottile
base dei sintomi, un cancro senza che si applica sulla pelle e può
scelto la strada dell’obbligato-
rietà per migliorare la copertura metastasi e trattabile con la essere piegato e allungato. Il
vaccinale. In un editoriale, Na- chirurgia. Il test, chiamato sensore permette di interagire
ture mette in dubbio che questa CancerSeek, individua nel sangue alcuni tratti di dna e con i campi magnetici dell’am-
sia la strategia migliore: “Un particolari proteine che vengono prodotte dalle cellule biente, per esempio per far
conto è essere certi (come lo è cancerose. L’obiettivo dei ricercatori è sviluppare un muovere gli oggetti senza toc-
Nature) che l’immunizzazione carli, scrive Science Advances.
esame diagnostico aidabile che permetta di individuare
difusa sia uno strumento vitale A diferenza dei normali sistemi
in modo precoce la malattia. CancerSeek è riuscito a ottici, non serve il contatto visi-
per la salute pubblica. Ma, data
la diversità delle norme etiche e individuare gran parte dei casi di cancro alle ovaie, al vo tra oggetto e sensore.
culturali nelle società umane, fegato, allo stomaco, al pancreas e all’esofago, mentre è Salute Praticare lo yoga in am-
imporre le vaccinazioni è molto stato molto meno preciso per altri tipi di tumore, bienti caldi non ne aumenta i
più discutibile”. Bisogna consi- soprattutto quello ai polmoni e al seno. Tuttavia, il test ha beneici. Confrontando la vaso-
derare, continua la rivista, che individuato pochi casi, il 43 per cento, quando il cancro era dilatazione di gruppi di volonta-
“in un paese in cui la liberté è ri che praticavano il bikram yoga
ancora nella sua fase iniziale. Deve quindi essere
uno dei tre pilastri del motto na- a diverse temperature si è visto
perfezionato. Secondo Science, questo strumento che la vasodilatazione migliora-
zionale”, e la copertura vaccina-
le è già elevata, le misure coerci- potrebbe essere molto utile per diagnosticare va in tutti i gruppi, scrive Experi-
tive potrebbero rivelarsi contro- precocemente alcuni tipi di cancro. Tuttavia, potrebbe mental Physiology. Con il caldo
producenti, radicalizzando le anche portare a un eccesso di terapie, spingendo a trattare si registrava solo una lieve ridu-
posizioni e sviando l’attenzione tumori che lasciati stare non darebbero problemi. u zione della massa grassa, ma
da interventi semplici ma eica- troppo piccola per inluire sulla
ci, come fare i modo che tutti i salute.
vaccinati facciano i richiami. Biologia
STEFAN WErMUTh (rEUTErS7CoNTrASTo)

neuroScIenze
geologIa
Il iuto
terremoti è culturale
da fracking
Lo stile di vita potrebbe inluire
L’aumento dei terremoti a Fox sulla capacità di dare un nome
Creek, nell’Alberta, in Canada, agli odori. Uno studio pubblica-
è dovuto al fracking, una tecnica to su Current Biology ha di-
usata per estrarre petrolio e me- mostrato che la popolazione se-
tano dalle rocce. Alcuni anni do- maq beri, che vive di caccia e
po l’inizio dell’attività, la zona è raccolta nella penisola malese,
stata colpita da centinaia di ter- è più capace di riconoscere gli
remoti, anche di magnitudo 4,8.
I maschi preferiscono la sinistra odori rispetto alla popolazione
Secondo Science, l’aumento si I gatti si dividono in modo equilibrato tra destri e mancini. Tuttavia, semelai, che vive nello stesso
è veriicato quando la quantità i maschi tendono a preferire la sinistra mentre le femmine la destra. ambiente tropicale, parla una
dei liquidi immessi nel terreno Questa diversità potrebbe rilettere una diferenza negli ormoni e lingua simile ma pratica l’agri-
per l’estrazione ha superato una nell’organizzazione del cervello. Lo studio che lo dimostra si è svolto coltura. Secondo i ricercatori, le
certa soglia. Non è stato invece osservando quale zampa veniva usata per prima in compiti quali capacità olfattive umane avreb-
trovato un legame con la veloci- scendere da un gradino, scavalcare un ostacolo oppure prendere il bero quindi una forte compo-
tà o la pressione d’immissione. cibo, scrive Animal Behaviour. nente culturale.

Internazionale 1202 | 28 aprile 2017 97


Il diario della Terra
MINISTERO DELL’AGRIcOLTURA DEL KAzAKISTAN/REUTERS/cONTRASTO

Il nostro clima
I tre anni
più caldi
u Il 2017 è stato il terzo anno
più caldo da quando sono co-
minciate le rilevazioni. È
quanto risulta dall’analisi dei
dati dell’agenzia meteorologi-
ca statunitense Noaa e
dell’ente meteorologico bri-
tannico. L’anno più caldo ri-
mane il 2016, seguito dal 2015.
Secondo i dati della Nasa, in-
vece, il 2017 è stato il secondo
più caldo dopo il 2016. La dif-
ferenza è dovuta alla diversa
elaborazione dei dati relativi
alla regione artica, dove le sta-
Antilopi La morte di massa delle antilopi saiga nel maggio del 2015 in Kazakistan potrebbe essere
zioni di misurazione sono po-
stata causata da anomalie climatiche. In appena tre settimane morirono più di duecentomila
esemplari di Saiga tatarica, una specie a grave rischio di estinzione. La strage è stata attribuita che. Il 2015 e il 2016 sono stati
a una setticemia emorragica causata dal batterio Pasteurella multocida di tipo b. Ma l’infezione però caratterizzati dal feno-
sarebbe legata al clima anomalo, con temperature e umidità più alte del solito. Dato che il clima meno climatico noto come El
sta cambiando rapidamente, episodi simili potrebbero veriicarsi sempre più spesso. Bisognerebbe Niño, che provoca un riscal-
quindi sviluppare politiche di prevenzione, di antibracconaggio e di coesistenza sostenibile con la damento della supericie
pastorizia, scrive Science Advances. Nella foto: due antilopi saiga morte, il 20 maggio 2015 dell’oceano Paciico e un au-
mento delle temperature me-
die globali.
Radar derike, con venti superiori ai in Russia, da quando sono co- L’aumento di temperatura
130 chilometri all’ora, ha colpi- minciate le rilevazioni. Nell’ul- registrato nel 2017 è stato di
Si allarga to l’Europa settentrionale cau-
sando undici vittime: otto in
timo mese dell’anno il sole ha
brillato per appena sei minuti.
circa 1,1 gradi centigradi sopra
il livello preindustriale. Ma se-
la marea Germania, due nei Paesi Bassi
e una in Belgio. Iene Un esemplare di iena
condo il segretario generale
dell’Organizzazione meteoro-
nera in Cina macchiata, forse proveniente logica mondiale, Petteri Taa-
Cicloni Il ciclone Berguitta ha dal congo, è stato avvistato per las, la tendenza a lungo termi-
portato forti piogge sull’isola la prima volta da vent’anni nel ne di aumento della tempera-
Vulcani Undici persone sono francese della Réunion. parco nazionale Batéké Pla- tura è più importante della
rimaste ferite nell’eruzione del teau, nel sudest del Gabon. classiica dei singoli anni, e da
vulcano Kusatsu-Shirane, a Neve Almeno 13 profughi siria- questo punto di vista la situa-
nordovest di Tokyo, in Giappo- ni sono morti durante una tem- Petrolio La marea nera causa- zione è davvero preoccupante:
ne. Un soldato è morto dopo pesta di neve mentre cercava- ta dal naufragio di una petro- “Diciassette dei diciotto anni
essere stato travolto da una va- no di raggiungere il conine li- liera iraniana nel mar cinese più caldi sono molto recenti e
langa causata dall’eruzione. banese. orientale si è allargata, rag- l’aumento della temperatura
giungendo i 332 chilometri negli ultimi tre anni è stato
Terremoti Un sisma di ma- Siccità Patricia de Lille, sinda- quadrati. davvero eccezionale. Il riscal-
gnitudo 6 sulla scala Richter ca di città del capo, in Sudafri- damento dell’Artico è stato
ha colpito l’isola indonesiana ca, ha annunciato che dal 1 feb- superiore alla media e questo
chINA DAILy/REUTERS/cONTRASTO

di Java, causando almeno otto braio gli abitanti dovranno ri- avrà ripercussioni profonde
feriti. Altre scosse sono state durre del 40 per cento i consu- sul livello del mare e sui mo-
registrate al largo dell’Alaska mi idrici a causa di una grave delli meteorologici in altre
(7,9), nel nordovest del Messi- siccità. parti del mondo”. Il caldo del-
co (6,3) e in Afghanistan (5,3). lo scorso anno è stato accom-
Sole Il mese di dicembre è sta- pagnato da frequenti cicloni,
Tempeste La tempesta Frie- to il meno soleggiato a Mosca, alluvioni e siccità.

98 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


Il pianeta visto dallo spazio 25.09.2017
Campi di ginseng nel nordest della Cina

Nord
1 km
eARtHobSeRvAtoRy/NASA

u Il ginseng selvatico è una lite Landsat 8 della Nasa, si ve­ Le coperture viola e gialle (Panax quinquefolius), originario
pianta difusa nelle foreste umi­ dono le coperture viola e gialle servono a fare ombra alle del Nordamerica ma molto ap­
de e ombreggiate dell’Asia e del usate per fare ombra alle piante coltivazioni di ginseng prezzato in Cina. Rispetto alla
Nordamerica. In molti paesi nella provincia dell’Heilong­ nella provincia cinese specie indigena (Panax ginseng),
asiatici si pensa che abbia pro­ jiang, nel nordest del paese (le dell’Heilongjiang. Le quella americana ha una più alta
prietà curative: questo ha fatto piante di ginseng non possono piante non possono essere concentrazione di ginsenosidi, i
aumentare la domanda della essere esposte ai raggi solari). esposte ai raggi solari. princìpi attivi da cui dipende­
pianta, che oggi è più diicile da La Cina è il principale pro­ rebbe l’eicacia del ginseng.
trovare allo stato selvatico in duttore mondiale di ginseng (gli La coltivazione della varietà
gran parte del continente. Così altri sono la Corea del Sud, il americana in Cina, a partire da­
negli ultimi anni si è sviluppato Canada e gli Stati Uniti). Le col­ gli anni novanta, ha fatto crolla­
un ricco mercato per il ginseng tivazioni si trovano soprattutto u re il prezzo del ginseng prodotto
coltivato. In alcune zone della nelle province dell’Heilongjiang negli Stati Uniti, con conse­
Cina i campi di ginseng sono vi­ e del Jilan. È possibile che sotto guenze negative per gli agricol­
sibili anche dallo spazio. In que­ le coperture colorate della foto tori dello stato del Wisconsin.
sta immagine, scattata dal satel­ si coltivi il ginseng americano –Adam Voiland (Nasa)

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 99


Tecnologia
Ofelia replicata all’ininito

Inkoo Kang, Slate, Stati Uniti


L’app di Google che associa
i volti a dipinti famosi ha
riscosso molto successo. Non è
strano, perché i meme sull’arte
sono una delle cose più
divertenti sui social network

o scorso ine settimana l’improv-

L visa popolarità di un’app che scan-


siona il volto di una persona e lo
associa automaticamente a un di-
pinto famoso ha fatto fare al mondo dei sel-
DEAGOSTINI (GETTY IMAGES)

ie un tufo nel passato. L’app è Arts & cultu-


re di Google e la funzione che abbina un
volto a un quadro, per ora disponibile solo
negli Stati Uniti, ha sollevato delle perples-
sità: sia per le implicazioni legate all’uso del
riconoscimento facciale sia per il modo in Ofelia, di John Everett Millais (1829-1896)
cui negli ultimi anni abbiamo trasformato
la storia dell’arte in una serie di meme, di se in queste piattaforme così chiuse si sen- liarità con cui gli artisti estetizzano la sof-
immagini che si propagano su internet. te il desiderio di un vocabolario d’immagi- ferenza femminile. La versione di Ofelia in
Grazie a pagine come Classic art me- ni più ampio. chiave moderna (omfg hamlet), circolata
mes di Facebook (4,8 milioni di follower) e su internet, non ofre alcuna informazione
Medieval reactions di Twitter (494mila fol- Selie al museo sull’opera, ma con la sua rilettura femmi-
lower), dipinti che hanno centinaia di anni, Chi va in un museo vuole sapere in quale nista di Ofelia come donna ribelle ci per-
accompagnati da una frase divertente e contesto sono state create le opere espo- mette di sorridere e fare dell’ironia sulla
fuori contesto, diventano regolarmente vi- ste. Ma forse sui social network possiamo natura melodrammatica del dipinto.
rali. I più scettici nei confronti di queste rilassarci un po’. I selie di oggi a volte sono Se i dipinti sono nati secoli fa sull’im-
appropriazioni artistiche non hanno tutti i vuoti e arroganti, ma si poteva dire lo stes- pulso del narcisismo, forse dovremmo ac-
torti: i meme dei dipinti spesso sono l’incu- so dei dipinti di molti ricchi mecenati, gli cettare il fatto che anche oggi sono usati
bo degli storici dell’arte, perché non attri- unici a potersi permettere che il loro ritrat- per scopi autocelebrativi. Non credo di
buiscono le opere ai loro autori e pubblica- to vivesse anche dopo la morte. I meme aver mai visto nessuno, sui social network,
no le immagini senza alcun riferimento al sulla storia dell’arte di solito non ofrono fotografare un’installazione dell’artista
periodo storico a cui appartengono. un’immagine del passato, ma ci danno un giapponese Yayoi Kusama senza vantarsi
Se ogni dipinto è una domanda, queste senso di continuità storica, l’idea cioè che di essere entrato in una delle sue stanze
immagini offrono una risposta sbagliata alcune persone, ben prima di noi, hanno fatte di specchi ininiti (i musei hanno ac-
sull’arte come mezzo di espressione. vissuto le nostre stesse diicoltà (se non cettato il fatto che i visitatori si facciano dei
Eppure non posso fare a meno di cele- peggiori). O per lo meno questa è la lezio- selie, talvolta a danno dell’arte: sembra
brare questo fenomeno culturale. Parte del ne che ne traggo io. che le persone siano sempre alla ricerca
mio entusiasmo è legato alla frustrazione Ofelia, il dipinto del 1852 del pittore bri- dello sfondo migliore per un autoscatto).
per l’omogeneità delle immagini presenti tannico John Everett Millais, pur non ri- Se relegare l’arte sullo sfondo è l’unico
sui social network: volti, luoghi, bambini, guardando una igura storica mi ricorda modo per vedere più spesso i dipinti anti-
animali domestici. I iltri impoveriscono che la mia tristezza in certi momenti non è chi, ben vengano i meme sull’arte. Per
ulteriormente il paesaggio visivo, trasfor- afatto unica o estrema, ma solo parte del- quanto possano essere problematici, in un
mandolo in una generica autocelebrazione la vita. La bellezza delle tele di Millais mi universo dove regna la monotonia dei sel-
a bassa risoluzione, dove le foto diventano fa rilettere sulla facilità con cui le persone ie contribuiscono a rendere l’arte di nuovo
copie di copie di copie. Non c’è da stupirsi si lasciano andare al dolore, e sulla fami- folle. u f

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 101


Economia e lavoro
Cupertino, Stati Uniti. L’Apple park visitor center taxation and economic policy, un gruppo di
ricerca di Washington, spostando il denaro
adesso Apple risparmia 43 miliardi di dolla­
ri in imposte, più di qualsiasi altra azienda
statunitense.
Nei prossimi mesi altri colossi della tec­
nologia potrebbero seguire l’esempio della
Apple. Anche Microsoft, Google e Cisco
hanno spostato i loro proitti all’estero evi­
tando di pagare miliardi di dollari di impo­
ste, e oggi possono farli rientrare a condi­
zioni vantaggiose. Secondo il governo, il ri­
AMy OSBOrNE (AfP/GETTy IMAGES)

entro di questi capitali creerà nuovi posti di


lavoro e favorirà l’aumento dei salari. La
Apple, per esempio, ha sottolineato il nu­
mero di posti di lavoro creati dalla cosiddet­
ta app economy, un sistema di software e
servizi usato sull’iPhone e su altri prodotti.
E nel 2017 ha dichiarato di aver creato un
fondo da un miliardo di dollari per la produ­

La Apple riporta zione avanzata negli Stati Uniti. Il 17 genna­


io l’azienda ha dichiarato di voler accresce­
re il fondo ino a cinque miliardi, aggiun­
gli utili a casa gendo di aver già cominciato a sostenere
progetti proposti da produttori nel Ken­
tucky e in Texas.

Dividendi più alti


Wakabayashi e Chen, The New York Times, Stati Uniti
Molti economisti, però, sono scettici. Per la
L’azienda farà rientrare negli all’amministrazione di Donald Trump e si è Apple il rientro di capitali liquidi creerà di
Stati Uniti la liquidità che ha detta pronta a investire parte dei soldi fatti sicuro vantaggi come la possibilità di fare
rientrare per creare ventimila nuovi posti di acquisizioni e di distribuire dividendi più
all’estero e promette di investire lavoro e una nuova sede negli Stati Uniti. La alti agli azionisti. In passato l’azienda aveva
creando nuovi posti di lavoro. Apple stima che i beneici per l’economia scelto di prendere in prestito i soldi neces­
Ma per ora i beneici sicuri sono statunitense saranno di 350 miliardi di dol­ sari al riacquisto delle sue azioni e ai divi­
solo quelli dei suoi azionisti lari in cinque anni, ma non è del tutto chiaro dendi invece di far rientrare la liquidità
quanto avrebbe speso anche senza il rien­ dall’estero. In questo modo negli ultimi cin­
tro. L’azienda prevedeva di spendere negli que anni ha restituito agli azionisti 233 mi­
er molto tempo la Apple è stata il Stati Uniti 55 miliardi di dollari nel 2018, e liardi di dollari. È improbabile, tra l’altro,

P simbolo delle aziende che teneva­


no i loro proitti all’estero per non
pagare le tasse in patria. Ma il 17
gennaio ha annunciato che riporterà negli
Stati Uniti gran parte dei 252 miliardi di dol­
quindi entro il 2022 avrebbe speso comun­
que 275 miliardi. Sottraendo i 38 miliardi di
imposte, il nuovo investimento è di circa 37
miliardi di dollari in cinque anni. Secondo
A.M. Sacconaghi, analista inanziario della
che i 38 miliardi di dollari in tasse che la Ap­
ple dovrà versare possano mandare in sof­
ferenza i suoi conti, perché l’azienda aveva
già accantonato 36,4 miliardi di dollari pre­
vedendo il rientro dei proitti dall’estero.
lari di liquidità tenuti all’estero e ha aggiun­ Sanford C. Bernstein, il rientro del denaro Anche i dipendenti della Apple trarran­
to che investirà in modo consistente nel non contribuisce quindi molto all’espansio­ no dei beneici. In un’email inviata allo staf
paese. L’azienda di Cupertino vuole sfrutta­ ne della Apple. il 17 gennaio l’amministratore delegato Tim
re la riforma iscale approvata a dicembre L’azienda fondata da Steve Jobs è una Cook avrebbe afermato che la Apple au­
che, tra l’altro, consente il rientro della li­ delle tante multinazionali statunitensi che menterà gli investimenti sui suoi dipenden­
quidità con un prelievo iscale inferiore a hanno tenuto i loro proitti globali fuori dai ti, premiandoli con bonus di 2.500 dollari in
quello previsto dalla legge precedente. Per libri contabili nazionali per aggirare la pre­ azioni vincolate. Lo confermano fonti inter­
quest’operazione la Apple pagherà un’im­ cedente aliquota iscale del 35 per cento. In ne all’azienda, che hanno chiesto di restare
posta di 38 miliardi di dollari. base alla nuova legge, queste aziende pos­ anonime perché questi progetti non sono
L’azienda aveva sempre detto che non sono far rientrare i proitti pagando il 15,5 stati ancora resi pubblici. D’altronde, dopo
avrebbe fatto rientrare i suoi soldi fino a per cento sulla liquidità e l’8 per cento sui l’approvazione della riforma iscale anche
quando non fosse cambiata la legislazione beni patrimoniali, comunque meno dell’ali­ altre grandi aziende, tra cui il colosso delle
iscale, perché sarebbe stato troppo costo­ quota del 21 per cento che la nuova norma telecomunicazioni At&t, hanno previsto
so. Oggi ha vinto la sua scommessa grazie prevede per i proitti. Secondo l’Institute on bonus per i dipendenti. u gim

102 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


AZIENDE
Grecia REGNO UNITO

Imprese Il presidente dell’Eurogruppo Mario Centeno


Un fallimento
sopravvalutate disastroso
Chi lotta contro il dominio di Londra è in cerca di una soluzio-
monopoli e oligopoli di solito ne per la crisi del gruppo Caril-
guarda alle piccole e medie im- lion, l’azienda di costruzioni e
prese come modelli da seguire. servizi logistici che il 15 gennaio
In realtà, scrive Jacobin Maga- è stata messa in liquidazione,
YveS HeRMAN (ReUteRS/CoNtRASto)

zine, le piccole e medie imprese scrive la Bbc. La Carillion dà la-


“pagano salari bassi, garantisco- voro a 43mila persone (ventimi-
no minori tutele, soprattutto ai la nel Regno Unito) e gestisce
dipendenti, e spesso sono in- centinaia di contratti con il go-
compatibili con le regole del sin- verno centrale e gli enti locali.
dacato in vigore negli Stati Uni- Nel Regno Unito il gruppo si oc-
ti”. Secondo il Quarterly census cupa, tra l’altro, delle mense di
of employment and wages, uno novecento scuole, gestisce pri-
studio su occupazione e salari gioni, cura la manutenzione de-
del Bureau of labor statistics sta- Atene riceve altri aiuti gli ospedali. Il gruppo è entrato
tunitense, nel primo trimestre Il 22 gennaio l’eurogruppo, che riunisce i ministri delle inanze in crisi dopo aver registrato per-
del 2017 le aziende che hanno dell’eurozona, ha approvato una nuova tranche di aiuti alla Grecia dite su alcuni contratti impor-
tra i cinque e i nove dipendenti del pacchetto da 86 miliardi di euro approvato nel 2015. Atene, spie- tanti, accumulando debiti per
hanno garantito un salario me- ga Le Monde, riceverà 6,7 miliardi. Il presidente dell’eurogruppo, 1,7 miliardi di euro. “Molti ora si
dio settimanale di 849 dollari, Mario Centeno, ha sottolineato che la somma sarà versata quando chiedono perché il governo ab-
mentre per quelle con almeno la Grecia avrà approvato tutte le misure chieste dai creditori. bia continuato ad assegnare
mille dipendenti la cifra sale a contratti alla Carillion pur sa-
1.793 dollari. Nel 2016, inoltre, pendo che l’azienda era in crisi”.
solo il 20 per cento delle aziende
con massimo nove dipendenti Tecnologia
ofriva l’assicurazione sanitaria, Londra, Regno Unito
contro il 99,8 per cento delle Fermiano i nuovi giganti
grandi aziende.
SIMoN DAwSoN (ReUteRS/CoNtRASto)

The Economist, Regno Unito


CANADA
“In passato Google, Facebook,
Se manca Amazon e altri colossi dell’high-tech
la manodopera erano considerati grandi aziende che
stavano migliorando il mondo”,
L’economia canadese gode di
scrive l’Economist. “oggi sono
ottima salute: il tasso di disoc-
cupazione, pari al 5,7 per cento,
accusati di essere diventati troppo IN BREVE
è il più basso degli ultimi qua- grandi, di distruggere la concorrenza, Regno Unito La Competition
rant’anni. Ma questa condizione di creare dipendenza e di minacciare and markets authority (Cma),
idilliaca, spiega Le Monde, ri- la democrazia. Le autorità antitrust li l’autorità antitrust britannica,
schia di essere rovinata dalla pe- multano, i politici li attaccano e chi un tempo li sosteneva ha proposto di bloccare l’oferta
nuria di manodopera. “Le mette in guardia dal loro potere eccessivo”. Alcuni attacchi da 13,3 miliardi di euro fatta dal
aziende faticano a trovare di- magnate australiano Rupert
ai colossi della tecnologia sono sbagliati, ma non si può
pendenti” e temono di non po- Murdoch per acquisire il con-
ter soddisfare la domanda. Nel negare che oggi costituiscano un problema. Cosa bisogna trollo totale della tv satellitare
paese aumentano i salari, ma c’è fare? In passato, osserva il settimanale, le autorità si Sky. Secondo la Cma, l’opera-
il rischio che si arrivi a un’acce- limitavano a spezzettare le aziende troppo grandi. Nel zione concentrerebbe troppo
lerazione dell’automazione in caso di Google o Amazon ci vuole altro. Per esempio potere nelle mani di Murdoch.
molti settori. Secondo l’uicio analizzare gli efetti a lungo termine di alcuni accordi e Unione europea La Commis-
statistico canadese, nel terzo tri- includere nella valutazione di una quota di mercato il sione europea ha multato per
mestre del 2017 in Canada 997 milioni di euro la Qual-
c’erano 486mila posti di lavoro
ruolo svolto dai dati, che ormai sono una merce preziosa.
comm. Il produttore di micro-
vacanti nel settore privato, in Inoltre bisogna dare alle persone un controllo maggiore chip statunitense è accusato di
crescita del 15 per cento rispetto sui loro dati e più informazioni su come sono usati dalle aver pagato la Apple perché
allo stesso periodo del 2016. grandi aziende che li raccolgono. ◆ usasse solo i suoi processori.

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 103


Strisce
Capisco le vostre preoccupazioni,
Wulf & Morgenthaler, Danimarca

ma abbiamo davvero bisogno


di migliorare i vostri tempi
Wumo

Finger Sci

Puff!
Snort!
Pertti Jarla, Finlandia
Fingerpori

puoi orinare qui

Salve, sono Diego. Il mio


lavoro consiste nel regolare Mmm,
la temperatura nel cinema, Ancora
più un po’…
Vi faccio vedere… freddo…
Perfetto!
Gojko Franulic, Cile
Sephko
Ryan Pagelow, Stati Uniti
Buni

104 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018


L’oroscopo
COMPITI PER TUTTI

Rob Brezsny Immagina di essere ancora vivo nel 2090.


Come sarà la tua vita?

ACQUARIO utile per risolvere quelle altre que- SAGITTARIO

Il pawpaw è un frutto saporito ma diicile da trovare. stioni urgenti. Sei la star del “ilm” che
proietti all’ininito nella
Uno dei motivi è che dopo essere stato raccolto matura
VERGINE tua mente. Forse c’è qualche altro
molto rapidamente. Inoltre il suo processo di impollina- attore o attrice importante, ma
A dicembre, a Mashhad, la
zione è complicato. Per risolvere questi problemi il botanico Neal seconda città dell’Iran, ci quasi nessuno è alla tua altezza.
Peterson ha provato a produrre una varietà più commercializza- sono state manifestazioni per pro- C’è anche un cast di contorno e un
bile. Grazie alle sue ricerche, quei frutti hanno cominciato a fare testare contro la politica economi- buon numero di comparse. Per
la loro comparsa in alcuni mercati. Nel 2018 dovresti intrapren- ca del governo. L’inlazione si sta- dare vita a tutte le avventure che ti
dere un’opera simile. Sono convinto che riuscirai a far assumere a va facendo sentire. La disoccupa- servono, la tua storia ha bisogno
qualche rozza potenzialità una forma di espressione più matura. zione era alle stelle. Ma la scintilla di tanti personaggi. Nelle prossi-
Avrai la capacità di trasformare materiali grezzi incontrollabili in che ha fatto scattare la rivolta è me settimane ti consiglio di pre-
stato l’aumento del 40 per cento stare attenzione a personaggi mi-
risorse più utili. E questo è il momento per cominciare.
del prezzo delle uova. Prevedo nori che sono pronti per ricoprire
uno sviluppo simile nel tuo futuro, un ruolo maggiore nella trama.
Vergine. Un elemento speciico ti Considera la possibilità di invitarli
ARIETE disce la mente. Volteggeremmo e irriterà e smetterai di tollerare si- a parlare e ad agire di più per por-
Alle Olimpiadi del 1924 An- canticchieremmo per passare il tuazioni che ti infastidiscono da tare avanti l’intreccio.
ders Haugen gareggiò per tempo. Il canto e la danza sarebbe- tempo.
gli Stati Uniti nel salto con gli sci. ro materie di studio. Questo è il CAPRICORNO
Anche se era un ottimo atleta, non mio sogno utopistico. Qual è il tuo? BILANCIA La velocità massima che in
vinse nessuna medaglia. Ma cin- In conformità con i presagi astrali, Alla ine degli anni ottanta genere raggiungono le por-
quant’anni dopo uno storico scoprì t’invito a individuare la medicina la Budweiser usava un bull taerei della marina americana
che nel 1924 era stato commesso dell’anima che vorresti aggiungere terrier per pubblicizzare la sua bir- della classe Nimitz è di 35 nodi
un errore nel calcolo dei punteggi. alla tua dieta quotidiana. E poi ad ra Bud Light. Il cane, chiamato (circa 65 chilometri orari). Non è
In realtà Haugen aveva abbastanza aggiungerla sul serio. Devi diven- Spuds MacKenzie, ostentava la sua molto. D’altra parte, però, i loro
punti da meritare il terzo posto. tare più grintoso nel creare il mon- virilità e si godeva la vita. La cam- motori generano 190 megawatt,
L’errore fu corretto e gli fu asse- do in cui vuoi vivere. pagna ebbe molto successo e fece una potenza suiciente a soddi-
gnata la medaglia di bronzo. Pre- aumentare le vendite del 20 per sfare i bisogni energetici di
vedo che nella tua vita succederà CANCRO cento. Ma la verità è che l’animale 140mila case, e possono andare
qualcosa di simile, Ariete. Un rico- Carl Jung era convinto che che interpretava Spuds era una ca- avanti per più di vent’anni senza
noscimento o un apprezzamento buona parte dei nostri gran- gna di nome Evie. Per fare soldi la fare rifornimento di carburante.
che meritavi di ricevere qualche di problemi non potesse essere povera creatura, che era nata sotto Se non ti dispiace, per le prossime
tempo fa, inalmente arriverà. mai del tutto risolta. E diceva che il segno della Bilancia, aveva dovu- quattro settimane vorrei parago-
in realtà era una cosa positiva, per- to assumere una falsa identità. Per narti a una di quelle navi. Forse
TORO ché cercare di risolvere quei pro- onorare la memoria di Evie, e in al- non sarai veloce, ma darai prova
Nel 1899 Sobhuza II diventò blemi ci mantiene vivi, in continua lineamento con i presagi astrali, della massima robustezza e po-
re dello Swaziland anche se trasformazione, e non ci permette invito voi Bilance umane a liberar- tenza.
aveva meno di cinque mesi di vita. di impigrirci. In generale sono vi da qualsiasi traccia di falsa iden-
Rimase in carica per 82 anni e svol- d’accordo con Jung. Dovremmo tità vi sia stata imposta. Siate voi PESCI
se un ruolo importante quando il essere grati ai nostri problemi per stesse, alla massima potenza. Un iceberg è un enorme
suo paese ottenne l’indipendenza come ci costringono a crescere. pezzo di ghiaccio che si è
dal Regno Unito. In questi giorni Ma penso che in questo momento SCORPIONE staccato da un ghiacciaio ed è an-
forse ti senti un po’ come Sobhuza per te la cosa sia irrilevante, perché Il panda gigante è un orso dato alla deriva in mare aperto.
quando era ancora in fasce: non hai un’opportunità senza prece- originario della Cina. Si nu- Solo il 9 per cento della sua massa
abbastanza preparato o maturo per denti di risolvere un grosso proble- tre al 99 per cento di bambù. Ma il è visibile in supericie. La parte
le grandi responsabilità che ti ma che ti aligge da tempo. Quin- bambù non è un alimento molto che rimane sott’acqua, cioè quasi
aspettano. Ma come Sobhuza, che di non essergli grato. Liberatene. energetico, quindi il panda ne deve tutto il resto, è praticamente invi-
fu aiutato dallo zio e dalla nonna, consumare tra i dieci e i quindici sibile. Non si può sapere quanto è
prevedo che anche tu riceverai il LEONE chili al giorno. Dato che è così im- grande guardando solo la punta.
sostegno di cui hai bisogno per Da oggi al 21 marzo sarai in- pegnato a procurarsi da mangiare, Mi sembra una buona metafora
ILLUSTRAZIONI DI FRANCESCA GHERMANDI

maturare. vitato, incoraggiato e spinto non ha molto tempo per socializ- della vita. Quasi tutte le persone e
internazionale.it/oroscopo

a migliorare la tua comprensione zare. Te lo dico perché per le pros- le cose in cui ci imbattiamo sono
GEMELLI dei rapporti intimi. Avrai la possi- sime settimane voglio suggerirti di al 91 per cento misteriose, nasco-
Nel mio mondo ideale bal- bilità di imparare molto di più su non prendere ispirazione dal pan- ste o inaccessibili alla nostra com-
lare e cantare non sarebbero come creare il tipo di intimità che da. Secondo la mia lettura, dovre- prensione. Questa è la notizia
lussi riservati quasi esclusivamen- ti conforta e t’ispira. Saprai appro- sti diversiicare di più i metodi per strana, Pesci. Quella buona è che
te ai professionisti. Farebbero par- ittarne? Spero di sì. Forse pensi di soddisfare i tuoi bisogni, non solo nelle prossime tre settimane avrai
te della vita quotidiana di tutti. avere questioni più urgenti a cui in materia di alimentazione ma una capacità senza precedenti di
Balleremmo e canteremmo ogni dedicarti. Ma in realtà se coltivassi anche in tutti gli altri campi. La va- conoscere meglio l’altro 91 per
volta che abbiamo bisogno di una le tue capacità relazionali cambie- rietà non è solo il sale della vita, è cento delle cose e delle persone
pausa dalla routine che ci intorpi- resti in un modo che ti tornerebbe la sua essenza. che scegli di esplorare.

Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018 105


L’ultima
royaardS, paeSI baSSI

eL roto, eL paíS, SpaGna


Il Forum economico mondiale a davos.

“Studio la preistoria per documentarmi sul futuro”.


dubuS, beLGIo

Quaranta esperti per lottare contro le fake news. “ehi! ma lei


non era morto?”.
mahoney, StatI unItI

trump e il pulsante nucleare: “posso premerlo ora?”. “no,


Vey

signor presidente”. “e ora?”. “no, signor presidente”. “ora


posso?”. “no, signor presidente”. “ora?”. “no, signore”. “ora però basta con gli ultimi desideri”.

Le regole Spazi comuni in uicio


1 Far bollire un cavoliore nella cucina comune è un crimine contro l’umanità. 2 Convinci il tuo capo
che, per avere il successo di Google, bisogna mettere delle amache in sala riunioni. 3 Se hai otturato il
water sei tenuto a dichiararlo. 4 C’è la ila alla macchinetta del cafè? Lavorate troppo oppure lavorate
troppo poco. 5 Va bene sentirsi a casa, ma calzettoni antiscivolo o pantofole no. regole@internazionale.it

106 Internazionale 1240 | 26 gennaio 2018