Sei sulla pagina 1di 1

Testi dell'opera completa: …

DISCUSSIONI ATTIVE ACCEDI REGISTRATI

Testi dell'opera completa: Tosca Amore


Disperato
Tosca Amore Disperato

Torna alla sezione

Richi_89
Utente cancellato

TOSCA AMORE DISPERATO

Ouverture

Un soldato
Sono ai vostri piedi, Tosca!

Altro soldato
Au Revoir Madame!

Tosca
Bonne nuit

ROMA, ROMA

Tosca

Roma, Roma, giardino dell'amore


Roma ferita, comandata
e da tutti abbandonata
Roma regina e serva di tutti i padroni
Il Papa è in fuga
Francesi senza Dio
Lo tengono lontano dalla città
E io ti prego, ti canto Signore
Dammi la forza per difendere il mio amore
Mario, dove sei?
Le strade piangono sangue e tu non ci sei
Per me, per noi...
Come finirà?
Sidonia, regina della notte
Tu che vedi tutto dal trono del cielo
Dov'è Mario?
Cos'è il nostro amore?
Parlami nel sonno.....
Quale alba vedremo domani?

Oddio, il cannone.....
Qualcuno è scappato dal Castel Sant'Angelo
Forse è fuggito Gesù...
Ti prego, Sidonia,
dimmi cosa sta succedendo...

Napoleone bastardo, figlio del diavolo


Lascia in pace questa città
Lascia dormire il Papa
Sidonia...
Mario... Mario... Mario...

AMORE DISPERATO

Sidonia
Che cosa vuoi sapere? è meglio non
sapere..
Che cosa vuoi sapere? è meglio non
sapere..
L’amore che mi chiedi non può finire bene…
Non può finire bene…

Il cielo non lo vuole


Ha le nuvole in catene
Non fa più uscire il sole
Senza vento, senza vele
Il tuo amore non si muove
E’ fermo come un sasso
Anche il sangue nelle vene…

E’ amore in mezzo al ghiaccio,


Nel guanto del potere
Un cuore che è vigliacco
E non sa volere bene
Prende le vite con un braccio
Le tiene chiuse al buio,
coperte da catene…
Coperte da catene…

C’è un segno corto e chiaro


Laggiù nella tua mano
E’ l’ombra del destino
Che come un frutto acerbo
O la prima stella del mattino
Rende l’amore eterno…

Amore disperato
Amore mai amato
Amore messo in croce
Amore che resiste
E se Dio esiste
Voi, voi
Vi ritroverete là, là…
Amore…

Inizia la partita
Il diavolo vi sfida
Gli artigli del potere
Che come nera neve
Il lutto di una chiesa
Una candela accesa..

Amore disperato
Amore mai amato
Amore messo in croce
Amore che resiste
E se Dio esiste
Voi, voi
Vi ritroverete là, là…
Amore…
Amore…

RICORDATI DI ME

Guardia
Il console Angelotti è fuggito!

Guardie (voci varie)


Prendetelo!
Prendetelo!
Prendetelo!
Prendetelo!
Prendetelo!

<Fischi>

Coro
Scappa, corri, fuggi!
Non fermarti!
Non girarti!
Non voltarti!

Guardia
Il console Angelotti è fuggito!

Spoletta
Fuggito!

Angelotti
Libertà!
Libertà!
Libertà!
Libertà!

<Fischi>

Fabrizio!

<Strumentale>

Coro
La polizia!
Guarda avanti!
Sono tanti!
Guarda avanti!
Corri avanti!

Angelotti
Libertà!

Non mi prenderanno vivo!

Libertà

Patrioti (voci varie)


Libertà!
Libertà!
Libertà!

Angelotti
Ricordati di me!
Ricordati di me!
Ricordati di me!
Ricordati di me!
Ricordati di me!
Ricordati di me!

Guardie (voci varie)


Fermatelo!
Arrestateli!

Angelotti
Ricordati di me!
Ricordati di me!
Ricordati di me!
Ricordati di me!
Ricordati di me!
Ricordati di me!

<Spari>

No, no, no!

LIBERTA

Angelotti
Se vuoi sapere tu
Cos’è la libertà
Cos’è
Lo devi chiedere
A quello che non l’ha…
Non l’ha…
Parla coi suoi figli
Chiusi in gabbia da una rete
Uccellini senza aria
Senza luce, senza bere…

Potrai capire che


cos'è la libertà…
cos'è...
Se riesci a vivere
e fare quello che ti va…
ti va…

Sdraiarti in mezzo a un campo


Senza falchi, senza iene...
Non essere obbligato
hai un figlio alle catene...

Coro
Libertà

Angelotti
Oh, sì…

Coro
Libertà

Angelotti
Oh, sì…

Coro
Libertà

Angelotti
Oh, sì!

Coro
Libertà

Angelotti
La libertà è un lampo, è una saetta

Coro
Libertà, sì

Angelotti
Ti fa vivere e morire

Coro
Libertà, sì

Angelotti
E' il punto più difficile

Coro
Libertà, sì

Angelotti
lo tieni in mano

Coro
Libertà, sì

Angelotti
ma ti fa soffrire

Coro
Libertà, sì

Angelotti
La libertà è il chiodo dell'amore,
è un urlo, un canto, è un muro di dolore

Coro
Libertà, sì

Angelotti
E’ cielo limpido
Incantato
E’ acqua fresca

Coro
Libertà, sì

Angelotti
E’ un amico ritrovato

Coro
Libertà, sì

Angelotti
Ti sto perdendo proprio adesso
Quando avevo appena…
Appena cominciato

SACRESTANO

Spoletta
Avanti presto
Nessuno…
Non tralasciate niente
Muoviti, sbrigati!
Te vuoi sbrigà?
Ma sei proprio un deficiente!
E tu
Guarda là dietro
Tanto co’ sto buio nessuno ce vede e ce
sente

Guardia
Sento il frusciare di sottane o
ppure il vento fra le fronde

Spoletta
So’ lì mortacci e de la tu tanza
De sto stronzo che c’ha le doglie
Qua nun ce sta proprio niente
Annatevene via tutti, via!
Rimango io
E immantinente me metto sto straccetto
Pio la scopa in mano
Ed ecco che Spoletta
La meglio spia de Roma
Se mette a fa’ er sacrestano

Ave Maria, gràtia plena,


Dòminus tècum, benedìcta tu in mulièribus,
et benedìctus fructus vèntris tui, Iesus.
Gloria Pàtri, et Fìlio, et Spìritui Sancto…

Cavaradossi
Chi sei?
Cosa fai?

Spoletta
Sono l’aiuto sacrestano

Cavaradossi
E allora?

Spoletta
Scusate cavaliere volevo fare piano!

Cavaradossi
Ma non stai facendo piano!

Spoletta
Non volevo disturbare
Volevo solo pulire!

Cavaradossi
Ma non stai facendo piano!

Spoletta
Ringraziamo il Signore

Cavaradossi
Sia lodato

Spoletta
Per la sconfitta di Napoleone

Cavaradossi
Quando è stato?

Spoletta
Con una celebrazione

Sapete come son fatti li preti

Cavaradossi
si si si

Spoletta
Per loro è una grande consolazione
E voi se c’è sta da cantà, non cantate
Da ringrazià, non ringraziate
Da sfregolà le mani, non le sfregolate
Sempre all’ombra del Signore

VENTO

Cavaradossi
Sono un’artista, sono un pittore
Ho ancora le mani sporche di colore
Sento le cose a modo mio
Penso all’amore e mi viene in mente Dio

Cavaradossi
Sento, e arriva come il vento
Si muove da lontano e in un secondo
E’ qui con me
Poi mi entra dentro

Coro
Penso all'amore e mi viene in mente Dio
Penso all'amore e mi viene in mente Dio

Cavaradossi
Nel vento, c'è il cielo il mare, il tempo
E quello che sarà, e non è, e mi dà
Dolore e tranquillità
E’ noi, noi, nel mondo quanti noi
E’ te, e me,
Nell'amore siamo noi
Noi due... nel vento

Coro
Penso all'amore e mi viene in mente Dio
Penso all'amore e mi viene in mente Dio
Penso all'amore e mi viene in mente Dio

Cavaradossi
Sento
Che l'amore è fatto come il vento
Soffia sulla terra
Corre e non si ferma mai
Poi ritorna dentro
Lo perdi e sta crescendo
Esce e se ne va e chissà
Perchè
Lo trova un altro che non l’ha
O te
Io no
No che non lo perderò
Lo so
Tosca, io lo so
Lo so…
Finché c'è il vento...

Noi, non ci lasceremo mai


Noi no…
Noi, noi non finiremo mai
Noi no!
Io e te
Tu, tu con me
Noi due nel vento…
Noi due nel vento!

Noi, non ci lasceremo mai


Noi no…
Noi, noi non finiremo mai
Noi no!
Io e te
Tu, tu con me
Noi due nel vento…
Noi due nel vento!

Sono un’artista, sono un pittore


Ho ancora le mani sporche di colore
Sento le cose a modo mio
Penso all’amore e mi viene in mente Dio...

DIO, DIO, DIO

Prete
E’ morto Napoleone!
E’ morto Napoleone!
E’ morto Napoleone!

Spoletta
A dodici anni io servivo messa al prete
Poi mi chiudevo in sacrestia e cominciavo a
bere
Un giorno, un brutto giorno il parroco mi
vede
Vai via, vai via, vai via, va’!
Così bambino mezzo sacrista e un po’
etilista
Mi sbatton via e fu così che entrai in polizia

Dio Dio Dio


Siam venuti qui per
Dio Dio Dio

Cardinale
Mio padre era un prete, mia madre era una
suora
Però sto meglio adesso, molto meglio che
allora
Non è che in seminario, si stava molto male
E’ che adesso sono diventato cardinale

Spoletta
Ho usato corni, ossa di santi, una pozione
E maledico ancora te Napoleone

Coro
Maledetto senza Dio Dio Dio
Meno male che c’è
Dio Dio Dio
Ci vorrebbe sempre
Dio Dio dio
Ci protegge solo
Dio Dio dio

Dio (dall’alto)
No…
Non vi proteggerò!!

Coro
Carmelitane siamo, Carmelitane scalze
Passiamo anche l’inverno, coi piedi senza
scarpe
Noi siamo vive, ma chiamate le “sepolte”
Regine del rosario che diciamo anche di
notte

Spoletta
Napoleone dimmi adesso cosa fai
Adesso dì, Napoleone, dimmi dove vai?

ah ah ah ah!

Coro, Spoletta, Cardinale


Dio Dio Dio
Siam venuti qui per
Dio Dio Dio
Meno male che c’è
Dio Dio Dio
Ci protegge solo
Dio Dio dio

Dio (dall’alto)
No…
Non vi proteggerò!!

Cavaradossi
Lampi e tempesta nel cielo per voi
Oh come cambierà
Oh sì che cambierà!
Quel giorno che la festa
Finirà!

Un gatto, un topo o il vento?

Cavaradossi
Chi è chi, chi c’è la dentro?
Sarà stato un gatto un topo il vento?
Qualcuno sta spiando
Se sei nemico, accidenti
Avrai pane per i tuoi denti
Se sei prete, ladro o malfattore
Preparati in fretta una giustificazione
Se sei donna....
Ti sto aspettando!
Se sei nemico vieni fuori
Perché una seconda volta non te lo dico
Se sei amico dì amico
Che io ti dica vieni avanti amico

Angelotti
Amico sono e disperato
Stanco ed affamato
Ingiustamente perseguitato
Dalla prigione nascosto ed umiliato

Cavaradossi
Angelotti!
Il Console della Prima Repubblica Romana

Angelotti
Appena fuggito da Castel S. Angelo
Ferito ed affamato
Da Scarpia appeso e scorticato
Di libertà privato ed affamato
Sono in attesa di un aiuto dal cielo
O da un altro disperato

Cavaradossi
Disponete di me
Disponete di me

Angelotti
Cavaliere, da bere e da mangiare
È già molto se riesco appena a respirare

Tosca (da fuori)


Mario, Mario

Cavaradossi
Son qui!

Tosca
Mario, Mario

Cavaradossi
Son qui!

(Ad Angelotti)
Nascondetevi Console!
È una donna gelosa
È un’anima meravigliosa
Furba, gentile
Ma pericolosa!

Tosca
Con chi parlavi, Mario?

Cavaradossi
Nessuno, a me tra me pensavo
Ad alta voce magari anche… pregavo

Tosca
Non ti ho mai visto pregare
Poi ad alta voce
Non è da te
Non era tua la voce!

Cosa mi stai nascondendo?


Chi è la creatura del quadro
Che mi guarda così superba
E superba sta ridendo?

Cavaradossi
È una Maddalena la donna del ritratto

Tosca
Ma è il più bello che finora tu hai mai fatto!

Cavaradossi
Scende dal cielo l’ispirazione

Tosca
Ma quegli occhi che ti guardano
E tutta quella tua attenzione

Cavaradossi
No! La luce è un po’ sbagliata
C’è troppa fissità
L’espressione qua e là
È velata

Tosca
Io più li guardo e più potrei morire

Cavaradossi
Forse perché sei troppo sicura che ti amo
Ma ti prego, fammi finire!

Tosca
Non si ama e non si fanno occhi così belli
Son tanto vivi che ti guardano e ti fan
soffrire
Non ti sembrano più quelli

Cavaradossi
Non hanno luce, insisto
Sono ancora da finire

Tosca
Sono i miei occhi che hanno perso luce
E stan piangendo

Cavaradossi
Più li guardo, più li amo
Più ci entro dentro