Sei sulla pagina 1di 3

Turchesite

Magnetite

Essenza di rosa

Australian bloom

Caro Jimmi..
Finalmente mi sono presa del tempo x me e ti ho ascoltato.
Devo essere sincera... all' inizio ti ho sentito un po'
"duro"...ma ho presto capito che ero io a sentirmi
estremamente fragile riguardo al tema trattato.
Sai...il mio percorso con la persona che ho sempre definito
"l altra parte di me" ha una storia che viene da lontano..in
qst vita a gennaio saranno 20 anni.
Ti scrivo x ringraziarti..
Dal profondo del mio cuore.
Ho letto qualcosa spinta dalla necessità di capire..
Ma nulla che si avvicinasse alle tue spiegazioni.
Nella mia vita nn ho mai conosciuto NESSUNO con un'
esperienza simile alla mia...e x molto tempo qst mi ha fatto
vivere tutto come qualcosa di assurdo.
Le poche persone con cui mi sono confidata mi hanno dato
dell' esagerata criticandomi e giudicandomi.
E spesso, troppo spesso l ho fatto anch'io.
Nei primi anni mi sono accontentata delle mie spiegazioni
"ho una ferita abbandonica e la vita mi ha dato qst persona
x riviverla e affrontarla" "nn sono capace di lasciare andare
xcio' sbatto sempre su qst".
Pensa...io e lui ci siamo vissuti nel nostro inizio..
intensamente..ma senza fare la amore, xchè io avevo
paura di tutto ciò che provavo...era troppo troppo forte.
Poi, negli anni, la paura di ciò che sentiva con me è venuta
a lui.
Fortunatamente nn ho rinunciato a vivere.
Entrambi abbiamo costruito una famiglia, e ti risparmio il
racconto delle mille coincidenze.
Potrei scriverti all' infinito, ma probabilmente nulla che tu
nn abbia già sentito.
Ho lottato contro qst sentimento, qst appartenenza, qst
tensione verso di lui da sempre..l immensità dell'amore che
sentivo..e provo tutt ora è sempre stata difficile da
collocare.
Tutto contro..
La geografia, il lavoro, le responsabilità.
Ma, oltre ogni razionalità, ogni volontà e buon senso.. è
sempre stato un sentire immenso.
Un tensione al bene infinito.
Io voglio, spero e prego ogni giorno x il suo bene.
Poi sono terrena...e donna..e quando lui riapre mi sciolgo
nell' immensità di ciò che sento.
Ma mi rendo conto solo ora, grazie a te, che è troppo...
Sono un fiume di calore.
Tre anni fa mi ha detto "vediamoci" e difronte alla mia
paura (ero terrorizzata) mi disse una frase che ricordo tutt
ora " tu sei sempre stata più forte di me, mi prenderai x
mano ed insieme capiremo dove ci porta tutto ciò"
Beh ..quella notte,nn ho dormito, gli ho scritto dei messaggi
pieni di paura e sensi di colpa...
Li ha letti sua moglie.
Ti lascio immaginare il dramma.
Lui è rimasto lì.
Io sono in terapia da allora...e grazie anche alla mia
psicoterapeuta ho sentito parlare di fiamme.
Ora è tornato.
Lui è sereno xchè a suo dire io sono sempre con lui, in ogni
cosa che fa...mi sente sempre vicino.
Abbiamo sofferto entrambi, tanto.. infatti, come ti ho scritto
in altri msg, nn lo volevo rivedere...
Invece mi ha raggiunta...
Ed io mi sono sciolta nell' amore che provo.
Lui mi manca...come manca la aria..
I miei occhi lo cercano...
Da sempre.
E so che nn sono solo qst 20 anni.
Lui probabilmente ha lavorato su di sé in maniera
migliore...nn ha mai mancato di farmi sentire il suo amore.
Ma nn ha la necessità di vivermi.
Sono dentro di lui..parte di lui..e qst lo fa star bene.
Purtroppo cerco di trattenermi in tutti i modi, ma gli
rimando continuamente che mi manca.
Poi la testa mi riporta alla lucida'...siamo sposati, io ho una
figlia, lui due... è giusto così.
Ma solo con lui nella mia vita, anche da lontano..anche con
pochi msg quando tutto è più importante, solo così mi
sento completa.
Devo ridurre i sogni e le aspettative.. xchè fanno male...
Lo amo e voglio il suo bene...DEVE bastare qst.
Lo so, devo cercare anche il mio di bene, mi amo e lo
troverò.
E ringrazio quotidianamente la vita di tutto ciò che ho.