Sei sulla pagina 1di 22

1 Storia: dalla pace politica alle guerre religiose

1.1 PREMESSA: INCREMENTO DEMOGRAFICO E TRASFORMAZIONI ECONOMICHE

Un fattore che detesta stupore nella storia moderna è la crescita ininterrotta delle isole britanniche, delle regioni
prima scarsamente abitate e prive di un senso di appartenenza. Una prima spiegazione per questa crescita anomala,
può essere ricondotta ad una fortunata condizione politica dell’isola: infatti, in seguito alla fine della Guerra delle due
rose tra i Lancaster e gli York, l’Inghilterra godette di un lungo periodo di pace, turbata solo da alcuni conflitti episodici
e combattuti in aree per così dire periferiche (ad esempio l’Irlanda e la Scozia). E come il resto d’Europa, anche queste
isole furono soggette a epidemie e carestie, ma i vuoti furono colmati rapidamente e, a partire dalla fine del ‘400, si
avviò uno sviluppo demografico che sarebbe proseguito ininterrottamente. Ciò comportò anche un dinamismo
economico che esploderà dopo il regno dei Tudor e degli Stuart.

1.2 I TUDOR DA ENRICO VII A MARIA


La guerra dei cent'anni per la conquista della Francia da parte della corona inglese si era conclusa nel 1453 con un
disastro: era fallito il progetto di re Edoardo III di impadronirsi del trono francese e i domini inglesi in Normandia e
Guienna si erano ridotti al solo porto di Calais, in seguito alla controffensiva francese. In seguito alla disfatta sul
continente europeo, l’Inghilterra fu segnata da una devastante guerra civile tra il 145 e il 1485, ovvero dalla Guerra
delle due rose, una guerra feudale per l'egemonia nel governo del paese tra due casate nobiliari e le loro rispettive
clientele gli York, la rosa bianca, e i Lancaster, la rosa rossa. Nel 1485 con la battaglia di Bosworth e la morte di
Riccardo III finì anche la Guerra delle due rose e sul trono inglese salì Enrico VII Tudor. Sin dal 1471, con la battaglia di
Tewkesbury, Enrico era considerato l'erede dei Lancaster e si era dovuto rifugiare in Bretagna per non fare la fine degli
altri legittimi aspiranti al trono inglese. Con l'aiuto di Carlo VII, re di Francia, organizzò il suo rientro in patria. Marciò
con i suoi uomini contro Riccardo III sconfiggendolo e uccidendolo. La sua politica mirò alla pacificazione del paese
stremato da lungo conflitto (sposò Elisabetta di York) e al recupero della sovranità regia, affrontando con successo sia
la rivolta capeggiata da Lambert Simnel sia quella del pretendente yorkista Perkin Warbeck. Tuttavia due nemici
tradizionali continuarono a condizionare la politica inglese, unite dalla Auld Alliance (Vecchia Alleanza): a nord la
Scozia e a sud la Francia mantenevano il paese sul piede di guerra. Enrico VII si avvicinò alla monarchia iberica,
facendo sposare il primogenito Arturo con Caterina d'Aragona, figlia di Ferdinando D'Aragona e Isabella di Castiglia.
Inoltre, per spezzare l'asse Franco-scozzese, diede la secondogenita Margherita in sposa al re Giacomo IV Stuart di
Scozia. In un primo momento questa scelta non portò a nessun risultato: Giacomo IV continuò a schierarsi al fianco
della corona francese, a tal punto da morire in battaglia combattendo contro gli inglesi. Tuttavia, un secolo dopo
questa scelta avrebbe permesso una successione pilotata quando Elisabetta prima sarebbe morta senza lasciare eredi
diretti. Quanto al parlamento inglese, questo conservò sempre ampi poteri legislativi e un forte controllo
sull'imposizione fiscale: invece di essere articolato su tre “ordini” o “stati”, esso era suddiviso in due camere, che
rappresentavano rispettivamente interessi sia dell' aristocrazia laica ed ecclesiastica (la Camera dei Lord), sia della
classe media rurale e cittadina (la Camera dei Comuni). Nel 1487, Enrico VII creò la Star Chamber, ovvero la Camera
Stellata, una Corte Suprema composta da 7 consiglieri regi e dotata di vaste competenze per garantire la sicurezza
dello stato. La corona inglese, nel frattempo, intraprese una politica interventista in campo economico allo scopo di
favorire la formazione di un ceto imprenditoriale locale. Di un certo rilievo fu anche la politica navale. Con la
costruzione di arsenali e bacini di carenaggio, crebbe ben presto una flotta dal doppio uso : da guerra e da affittare
agli imprenditori per i loro commerci.

Nel 1509 alla morte di Enrico VII sali sul trono il figlio diciassettenne, Enrico VIII (essendo premorto il primogenito), il
quale prese moglie Caterina d'Aragona vedova di suo fratello e zia di Carlo V: questa scelta matrimoniale consolidò La
tradizionale posizione inglese di ostilità nei confronti della Francia. Sorretto insieme a un consiglio non poco riottoso
dal cancelliere Thomas Wolsey per rafforzare la propria posizione nel contesto europeo e conciliarsi la benevolenza
della Santa sede, Enrico VIII si lasciò coinvolgere nelle imprese di papà Giulio II, che, nell’ottobre 1511 diede vita ad
una lega Santa con la Spagna, l'Impero, la Svizzera e Venezia, allo scopo di bloccare la politica espansionistica del re
francese. Negli anni seguenti, con l'ascesa al trono francese di Francesco I e al trono imperiale di Carlo V, Enrico VIII
sfruttò l'antagonismo tra i due sovrani per mantenere una certa libertà di manovra e per far sentire l'influenza inglese
sul continente. Il nuovo re riuscì a bloccare il pericolo di un'invasione scozzese e ad accrescere il controllo sulle regioni
settentrionali e sul Galles. Il risorgere dell'antica Alleanza tra la Scozia e la Francia tra il 1521 e il 1524, portò Enrico VIII
a provare la carta dell'invasione. In un primo momento ebbe successo, tuttavia, la sconfitta di Francesco I nella
battaglia di Pavia e la successiva pace Franco-ispanica, si ritorse contro il sovrano inglese (Enrico VIII), che dovette
rinunciare alle sue mire sulla Corona francese. Successivamente, nel 1536, Enrico fece approvare il cosiddetto Welsh
Act of Union, che annetté formalmente il Galles alla corona inglese e quindi l'Inghilterra e il Galles divennero un'unica
nazione. Da quel momento si impose l'uso del solo inglese negli atti ufficiali nel Galles e tutte le consuetudini e le
norme giuridiche inglesi furono estese a questa regione. L'Irlanda non ricevette mai troppa attenzione da parte di
Enrico. Il dominion inglese era quella regione chiamata "Pale" composta da quattro contee nei pressi di Dublino. Al di
là si estendeva la colonia dominata da feudatari sottoposti al re (ma solo di facciata) e ancora oltre si trovava la
regione detta Signoria che comprendeva la maggior parte dell' Irlanda. Questa regione non era sotto la giurisdizione
inglese. La parte inglese era cattolica e mirava all'indipendenza, per questo, dopo lo scisma dalla chiesa di Roma, il
popolo irlandese si ribellò. A capo della rivolta c'era lord Thomas Offaly, che si spostò con i rivoltosi nella regione di
Kildare, dove fu sconfitto e giustiziato a Londra. Successivamente l'Irlanda fu governata da Anthony Saint Leger, la cui
linea politica si basava sulla persuasione dei Lord irlandesi affinché si sottomettessero al re. Lo scopo era quello di farsi
cedere le terre per poi riportarle sotto il potere assoluto del re e della legge inglese. Così, nel 1540 Enrico convocò i
capi clan a corte e riconsegnare ufficialmente le terre con una cerimonia solenne: l’anno successivo il Parlamento
irlandese gli concesse il titolo di re d’Irlanda.

Verso la fine degli anni 20, Enrico VIII si era stancato del matrimonio con Caterina d'Aragona che non gli aveva dato
un erede maschio, da lei aveva avuto varie figlie di cui una sola ancora in vita, Maria, e da tempo era innamorato di
Anna Bolena (una dama di palazzo che intendeva sposare legalmente), perciò chiese al papa l'annullamento del primo
matrimonio motivandolo con il fatto che Caterina era stata sposata con il fratello Arturo. Ma papa Clemente VII rigettò
la richiesta del sovrano inglese per non inimicarsi l’imperatore Carlo V (nipote di Cartegina). Da qui la situazione
degenerò al punto che si arrivò al cosiddetto “Act of Supremacy” del 1534, con il quale il Parlamento nominò Enrico
VIII capo supremo della chiesa d’Inghilterra. Anna Bolena successivamente fu condannata a morte per tradimento e
un mese dopo Enrico si sposò con Jane Seymour che diede alla luce un erede maschio, Edoardo; la regina, però, morì
durante il parto. Rimasto vedovo Enrico sposò in quarte nozze Anna di Cleves, ma anche questo matrimonio fu di
breve durata.

A luglio Cromwell (Thomas Cromwell, primo conte di Essex e politico inglese. Servì come primo ministro di Re Enrico
VIII) fu rinchiuso nella torre di Londra con la accusa di uso arrogante del potere, eresia e tradimento e condannato al
patibolo il 28 luglio 1540. Nello stesso giorno Enrico VIII sposò la sua quinta moglie: Caterina Howard. Poco dopo
anche lei fu giustiziata per alto tradimento e il re si sposò con Caterina Parr.

Nel frattempo, Enrico VIII escogitò una nuova impresa militare contro la Francia e contro la sua alleata Scozia. Inviò le
truppe al confine per eliminare le imminenti forze nemiche del Nord. Gli scozzesi si rifiutano di firmare il trattato di
Greenwich che prevedeva l'unificazione dei due regni attraverso il matrimonio tra il principe Edoardo e la regina Maria
di Scozia. Segui il saccheggio punitivo di Edimburgo che pose fine a qualsiasi possibilità di pace tra le due potenze. In
campo economico, Enrico VIII proseguì la politica del padre volta a favorire lo sviluppo di un ceto imprenditoriale
inglese, quello dei mercanti avventurieri, dando un rinnovato impulso alla costruzione di una flotta per il commercio e
la guerra.

Per quanto riguarda la religione, Il risultato fu la nascita di una chiesa nazionale svincolata da Roma e subordinata alla
corona. Due moventi politici indussero Enrico VIII su questa strada. In primo luogo la necessità di assicurarsi un erede
maschio per la successione al trono, in secondo luogo vi era il problema finanziario perché fare politica attiva
significava fare la guerra e la guerra aveva costi enormi. Per questo la requisizione dei patrimoni ecclesiastici, la
vendita dei loro beni o le donazioni ai clienti costituivano una soluzione troppo allettante.

Il 28 gennaio 1547 Enrico VIII morì e gli succedette Edoardo VI, di appena 9 anni, sotto la tutela di esponenti del
partito protestante. Il regno del giovane re fu tormentato da gravi crisi demografiche e alimentari ed ebbe breve
durata, poiché Edoardo morì a soli 15 anni, nel 1553. Il 19 luglio dello stesso anno fu Incoronata regina d'Inghilterra la
sorella maggiore di Edoardo, Maria, figlia di Caterina d'Aragona, la prima moglie cattolica di Enrico VIII. La nuova
regina, su consiglio dell'imperatore Carlo V, sposò Filippo di Spagna (figlio dell’imperatore). Da questo matrimonio non
nacquero figli e, in mancanza di eredi, la corona spagnola perse l’occasione di impadronirsi della corona inglese. Dopo
il matrimonio l'arrivo degli Spagnoli e l’avvio della repressione contro i protestanti fecero perdere a Maria il consenso
e le simpatie del popolo.

Maria Tudor morì il 17 novembre 1558 senza eredi e la corona passò alla sorellastra Elisabetta, figlia di Enrico VIII e
Anna Bolena.

1.3 LA NASCITA DELLA CHIESA D'INGHILTERRA

Nel Medioevo non esisteva una chiesa inglese propriamente detta. Le diocesi del regno erano suddivise tra le 2
province ecclesiastiche di Canterbury e di York, dipendenti dal pontefice che si comportava da dominus beneficiorum
(padrone degli uffici ecclesiastici), ovvero attribuiva abbazie e altri benefici a persone di suo gradimento e imponeva
sui loro ricchissimi patrimoni tasse e pensioni. A poco erano serviti i tentativi dei sovrani, che avevano cercato di
frenare il copioso invio di denaro dalle isole britanniche a Roma. Per questo ci fu un forte malcontento da parte della
popolazione pronto a fondersi con il disagio per motivi economici e politici e sfociato, poi, in rivolte popolari.

Nel 1300 l'Inghilterra aveva conosciuto una corrente di riformismo religioso autoctono con John Wyclif, che aveva
anticipato il concetto di chiesa come comunità spirituale di predestinati, distinta dalla Chiesa ufficiale, alla quale
bisognava sottomettersi per opportunità. Dopo la sua morte, il suo insegnamento era rimasto vivo tra gli inglesi.
Riscuotevano grande successo sia l'idea che alla base dell'amministrazione dei sacramenti dovesse esserci la pietas del
sacerdote sia la sua richiesta che tutti i fedeli potessero accedere direttamente alle sacre scritture, tradotte
nell’idioma del paese. Il movimento fu accusato dalla Chiesa ufficiale per la sua spregiudicata corruzione, per l'idolatria
nelle funzioni religiose, per l'avidità sfrenata e l'esibizione lussuriosa delle ricchezze nelle chiese e negli altri luoghi
ecclesiastici. Così si abbatté sul movimento una persecuzione legale, con l'applicazione di tutte le pene solitamente
inferte agli eretici.

Tra Quattro e Cinquecento anche l'Inghilterra aveva conosciuto il risveglio umanistico, spesso influenzato del
messaggio luterano. Infatti, le relazioni plurisecolari tra le isole britanniche e le Fiandre spiegano la diffusione anche in
terra inglese degli iscritti e delle idee di Martin Lutero e Giovanni calvino. È indubbio che il passaggio dell'Inghilterra
alla religione riformata fu un'operazione politica voluta e imposta da un sovrano che intendeva creare una chiesa
nazionale di tipo episcopale, ubbidiente alla sua volontà sia negli aspetti istituzionali ed economici, sia in campo
dottrinale. L'occasione fu fornito dal contrasto insorto tra il sovrano e la Santa Sede perché inizialmente Enrico VIII
Tudor si era opposto ai tentativi di diffusione del luteranesimo nel suo Stato e aveva scritto un‘operetta contro Lutero,
ricevendo il titolo di defensor fidei ovvero “difensore della fede” da Papa Leone X. Tuttavia alla fine degli anni Venti, le
vicende coniugali del sovrano causarono una lacerazione con il papato per la questione della validità del suo primo
matrimonio. Nel 1534, con l'Act of Supremacy, il Parlamento inglese conferì al re il titolo di Capo unico e supremo
della Chiesa d'Inghilterra. L'anno dopo il Valor Ecclesiasticus consentì al governo di porre le basi tecniche per un
esproprio dei patrimoni ecclesiastici ed una loro redistribuzione a vantaggio delle casse statali dei ceti più alti. Una
massiccia alienazione dei beni della chiesa inglese da un lato favorì la formazione la piccola nobiltà di campagna, ma
dall’altro ridusse in miseria tutti coloro che lavoravano per il clero. Questo disagio provocò rivolte popolari, tra cui il
Pilgrimage of Grace (pellegrinaggio di grazia), tutte le presse nel sangue.

Fu soltanto durante il regno di Edoardo VI (figlio e successore di Enrico VIII), che la chiesa anglicana pose le sue basi
più durature. Su ispirazione di Thomas Cranmer, furono adottati alcuni princìpi luterani imponendo l'uniformità nella
liturgia con il Book of Common Prayer (libro della preghiera comune), ribadendo l'Act of Supremacy e rendendo
obbligatoria la partecipazione di tutti i sudditi alle funzioni religiose della chiesa ufficiale. Ci furono poi nuove riforme
sulle chiese inglesi, che furono private delle immagini, delle vetrate, degli arredamenti e delle campane; furono abolite
anche molte feste religiose e le messe per i defunti.
Alla morte del giovane Edoardo VI, la sorella Maria Tudor ripristinò le leggi medievali che permettevano ai tribunali
secolari di mettere a morte gli eretici. Sembrava che la Chiesa cattolica potesse recuperare il terreno perduto in
Inghilterra. Tuttavia, i beni ecclesiastici espropriati non furono sottratti ai nuovi possessori e la morte sul rogo di
qualche centinaia di riformati o radicali servì a rendere il popolo inglese sempre più ostile alla riconciliazione con
Roma. Nel 1558, la morte di Maria Tudor, che non lasciava eredi, pose fine al tentativo di restaurare la religione
cattolica.

2 Filosofia: i primi umanisti e la riscoperta dell’antico


2.1 GLI STUDIA HUMANITATIS IN ITALIA

Nei decenni a cavallo tra il XV e il XVI secolo era giunto in Inghilterra un nuovo sistema di pensiero, anticipato da
Petrarca, ovvero il concetto cardine di humanitas: la presa di coscienza delle capacità proprie dell'uomo e la
rivalutazione del suo ruolo nel mondo.

Infatti, la definizione di Umanesimo implica un interesse per questo concetto, sebbene inizialmente il termine
derivasse da un metodo culturale e pedagogico, quello degli studia humanitatis (studi di umanità), che prevedeva un
programma vario, fondato su discipline quali l'eloquenza, la filologia, la letteratura, la storia e la filosofia morale in
opposizione con la scansione del sistema scolastico medievale. Al movimento umanista va attribuito il merito del
grande interesse per i classici greci e latini che furono riscoperti e studiati attraverso il metodo filologico, divulgati in
originale, tanto che la lingua greca fu introdotta nelle università occidentali mentre il latino rimase lingua viva e
veicolo di cultura e insegnamento.

La grande importanza degli umanisti sta nell'aver fornito un fondamento erudito a ogni manifestazione del sapere,
dalle arti figurative alla letteratura, alle varie scienze contribuendo alla formazione di un uomo colto, padrone del
proprio destino e impegnato a rifondare il mondo su nuove basi etiche e culturali.

Anche nel medioevo si era a lungo dibattuto sul motivo della humana dignitas ma consisteva, in senso cristiano, nella
possibilità concessa all'uomo, una volta distaccatosi dall'esistenza terrena, di raggiungere la salvezza eterna; ora,
invece, la sua dignità era da identificarsi nel ruolo intrinseco di riformatore attivo della realtà circostante e nelle sue
capacità di autodeterminazione. I pensatori di scuola platonica posero l'uomo in un preciso contesto metafisico
giustificando la dignità nei termini del suo operato all'interno di questo stesso sistema. Come si legge nell’opera
Teologia platonica di Marsilio Ficino, l'uomo è superiore a qualsiasi altra creatura perché la sua essenza spirituale può
rivolgersi contemporaneamente a Dio e alla materia. Nello schema gerarchico universale l'anima eè posta in una
posizione centrale: si tratta di una collocazione dinamica che le permette sia di ascendere alle essenze superiori sia di
discendere a quelle inferiori facendosi mediatrice tra mondo terreno e ultraterreno perché nel salire non abbandona
le entità inferiori, né, nello scendere, le superiori.

L'uomo può rispondere all’imperativo etico che più gli è proprio ovvero ricercare nell'universo la componente
spirituale che Dio ha infuso in ogni cosa per contribuire alla elevazione di sé e dell'intero macrocosmo. Il ritorno del
molteplice all'unità Divina può compiersi solo per il tramite dell’essere umano che, grazie alla onnicomprensività della
sua anima e al suo ruolo attivo, è in grado di esaminare e valutare le manifestazioni particolari del mondo empirico e
di notare le loro imperfezioni per purificarle e riavvicinarle all'origine unitaria e spirituale del loro principio primo.

Se per il misticismo medievale il motivo della redenzione rappresentava l’elevazione dell'uomo al di sopra della realtà
mondana, ora si instaura un nuovo rapporto con il cosmo, visto come entità degna di essere indagata e amata perché
l'amore è l'atto cognitivo per eccellenza che rende l'uomo capace di rimodellare il tutto secondo i princìpi del suo
Divino architetto.

In un moto circolare per il quale l'Essere supremo si diffonde nel mondo suscitando nell'animo la brama di
ricongiungersi a Lui, l'amore è un sentimento di tensione verso la sua somma bellezza che porta l'essere umano dalla
contemplazione dei barlumi alla percezione dei modelli assoluti perfetti e mutabili ovvero le idee, in base ai quali sarà
in grado di purificare e riplasmare il mondo stesso.
A spingersi oltre questa visione dell'uomo fu un allievo di Ficino, ovvero Giovanni Pico, il quale nella sua celebre
orazione de hominis dignitate tentò di dimostrare come l'eccellenza umana non derivi da alcun compito o ruolo
stabilito.

L'uomo, secondo Pico, non è definito da una natura o forma predeterminata, ma può scegliere quella che preferisce,
la sua è una natura multiforme, grazie alla quale gli è concesso di mutarsi in quel che vuole. In questo consiste la sua
dignità: nella possibilità di poter formare il suo essere secondo la sua volontà. Tuttavia l’influenza degli ideali
umanistico-platonici nell'Inghilterra Tudor fu determinante per l'avvento del Rinascimento anche in quella nazione e
per il concepimento e la costruzione delle opere di molti intellettuali.

2.2 DIFFUSIONE DELL 'UMANESIMO IN INGHILTERRA

La diffusione dell’Umanesimo su suolo inglese iniziò verso la fine del 1400 quando alcuni studenti inglesi si recarono in
Italia allo scopo di compiere i propri studi in legge e discipline mediche per poi tornare in patria ed esercitare la
propria professione.

Durante la loro permanenza entrarono in contatto con gli studia humanitatis e le nuovi correnti filosofiche. Thomas
Linacre, William grocyn, John Colet sono da considerarsi i primi studiosi ad avere importato sul suolo britannico i valori
dell'Umanesimo. Visitando l'Inghilterra agli inizio del Quattrocento, Bracciolini lamentava la mancanza di classici nelle
biblioteche inglesi, ma già alla fine del secolo la situazione mutò. Con i libri degli antichi furono divulgate le opere e le
idee dei maggiori pensatori rinascimentali. Thomas More venne a conoscenza del pensiero pichiano per il tramite
dell'amico Colet e ne fu influenzato. Si diffuse l’idea di educare i rampolli dell'alta società, che un giorno sarebbero
stati chiamati a governare, e nascono dei manuali di comportamento, tra cui Il cortegiano di Baldassarre Castiglione,
che proponeva dei modelli pratici di eleganza estetica e etica sociocomportamentale, e il The Boke Named the
Governour (il libro del governatore) di Sir Thomas Elyot.

Elyot è un umanista e un cortigiano amico e allievo di Thomas More, che lo aveva introdotto alle arti tipiche del
curriculum degli studia humanitatis. Tra i suoi lavori si ricordano il dizionario latino Inglese e varie traduzioni che
avevano lo scopo di aiutare a trasmettere gli ideali umanistici e platonici ai connazionali. The Boke Named the
Governour è dedicato a Enrico VIII, la cui autorità viene celebrata come quella di ogni regnante virtuoso che dovrebbe
presiedere ai destini di un popolo. I re dovrebbero essere affiancati da un gruppo scelto di persone capaci di aiutarli
nel loro uffici per l'attuazione di un buon governo a vantaggio dei sudditi. Per questo motivo Elyot si adopera per
introdurre un sistema pedagogico capace di risollevare lo stato attraverso la formazione umanistica di coloro che
saranno deputati ad amministrarlo. Il gentiluomo dovrà imparare il greco e latino attraverso lo studio diretto delle
opere dei maggiori autori in quelle lingue, ovvero Omero, Virgilio, Lucano, Ovidio, Cicerone e così via. In tali scritti,
oltre che nella Bibbia, sono rintracciabili gli insegnamenti necessari per agire in tutti i campi (politico, militare,
artistico), sviluppando quel sentimento platonico di amicizia e amore che fa divenire uomini degni di questo nome.
Elyot scrive un trattato volto alla formazione di un gentiluomo governante filosofo pronto ad entrare a far parte di un
élite illuminata che tramite virtù, amore, saggezza, senso della bellezza, agisce per il bene comune in armonia con
l'intero corpo dello stato, sconfiggendo i vizi da cui spesso sono affetti i governanti.

In un'altra opera, ovvero Utopia, More aveva immaginato una società libera da qualsiasi ruolo sociale e religioso
spingendosi oltre il suo modello, la Repubblica di Platone. L'umanista inglese prospetta una società egualitaria con più
partecipazione al governo da parte dei cittadini tutti degni di ricevere una cultura e di condividere gli stessi beni e
proprietà. In questo stato ideale c'è completa tolleranza religiosa. Se Dio inteso come essere sovrannaturale, allora
nessun elemento dell'universo potrà vantare una maggiore vicinanza. Esiste un unico mondo empirico relativo nel
quale si annulla ogni differenza tra le diverse parti di cui si compone, ognuna di stanze ed ugualmente vicino a l'origine
divina, la sola e senza che può dirsi assoluta. Anche le forme di religione terrene non potranno rivendicare diritti di
superiorità o ritenere di essere più vicini alla somma verità di cui sono solo parziale raffigurazione simbolica e
ritualistica. La divinità sta sopra ogni sua emanazione mondana e non privilegia alcuna Fede particolare. La storia
smentirà questa idea di concordia tra le fedi dando vita a lotte sanguinose proclamate in nome della presunta verità
unica e assoluta delle singole religioni. Ne subirà le conseguenze lo stesso More che sarà imprigionato e giustiziato per
alto tradimento su ordine di Enrico VIII.

3 Le dottrine politiche: utopie e Realpolitik


3.1 L’EREDITÀ DEL PRIMO UMANESIMO

A partire dagli anni 30 del XV secolo c'è un fenomeno che investe la vita culturale inglese a cui uno studioso, Daniel
Wakelin, ha dato il nome di Vernacular Humanism, visto come un’imitazione dell'Umanesimo italiano, ma il
movimento inglese si caratterizza per una estrema vivacità culturale, promuovendo scambi internazionali di testi e di
persone e contribuendo al nuovo ruolo dell'Inghilterra nella mappa politico-culturale europea. Protagonisti di tale
fenomeno sono umanisti italiani che si recarono in Inghilterra come Pietro del monte e Poggio Bracciolini, scrittori
come John Lydgate, che raccolsero le novità che arrivavano dal continente adattandole allo spirito inglese. L’opera di
Lydgate diventa testo enciclopedico, incorporando riflessioni sul ruolo dei principi ma anche dei loro consiglieri, dei
poeti che scrivono per presentare uno specchio ai regnanti, ricordando ai potenti i loro obblighi di verità e giustizia.

Esaminando la letteratura inglese del tardo Quattrocento si può notare come il passaggio da Medioevo a Umanesimo
sia fatto di un ripensamento del pensiero medievale arricchito dalla riscoperta dei testi classici, dall'importazione dei
nuovi testi nei volgari europei. L'ascesa al trono di Enrico VII incide con un momento di straordinaria vitalità
intellettuale sociale e le speranze riposte nel monarca (che aveva concluso la stagione della Guerra delle due rose), si
esprimono anche attraverso una struttura rivolta a lui come agente del cambiamento e dello sviluppo. È un tratto
comune dei primi anni di regno di ogni monarca ma, negli ultimi anni del XV secolo, l'accesso al trono della nuova
dinastia porterà una stagione di autentica speranza e rinnovamento presso gli intellettuali inglesi. Questo entusiasmo
per la grande novità Tudor viene esaltato anche da alcuni dei più importanti storici contemporanei, come Geoffrey
Elton, autore di The Tudor Revolution in Government, in cui si sottolinea come questa dinastia segni il passaggio dalla
pratica medievale di governo personale alla formazione di un sistema di burocrazia nazionale, mirato a garantire
maggiore efficienza e maggiore equità. Ed è proprio sull'incontro tra formazione dello stato e tirannia dell'individuo,
che si basa molta della scrittura politica di questo periodo.

3.2 DOTTRINE POLITICHE E IDENTITÀ NAZIONALE

Lo studio della letteratura politica è un mezzo per conoscere lo spirito della nazione tanto che gli umanisti inglesi del
primo periodo Tudor si impegnarono in un ruolo di consiglieri del sovrano che ritenevano essenziale al benessere dello
stato.

Una caratteristica degli scritti politici dell’Umanesimo inglese è la grande varietà di generi a cui fanno riferimento:
oltre alla trattatistica, troviamo esperimenti di interludio teatrale come quelli di John Heywood o poemetti satirici
come quelli di John Skelton. La trattatistica politica aveva un influente antenato nello speculum principis (manuale di
virtù ad uso dei reggitori) medievale, un trattato che si voleva nato addirittura dal Secreta secretorum di Aristotele che
avrebbe scritto per istruire Alessandro Magno. Il tono degli specula medievali è didascalico e moraleggiante:
attraverso l'esibizione di modelli di permesso, giustizia e magnanimità, si tende alla formazione del regnante come
buon principe e buon cristiano. Rimane intatta la forma che conferisce allo scrittore, identificato con l'umanista, il
ruolo di consigliere e maestro. Il genere rimane è molto popolare in Europa e si sviluppa in forma individuale in
Inghilterra: un esempio può essere The Boke Named the Governour (il libro del govrnatore) di Sir Thomas Elyot,
dedicato ad Enrico VIII, libro che fonde l'ammonimento ai prìncipi e i precetti sul buon governo a regole generali di
condotta.

Ispirato in parte al Cortegiano di Baldassarre Castiglione, il Governor dichiara la monarchia come forma ideale di
governo e il diritto del sovrano ad essere Dio nella propria nazione. Il trattato godette di vasta popolarità, e ciò
dimostra l'attenzione del lettore inglese all'idea di nazione e di cittadino.

La seconda e importante caratteristica degli scritti politici inglesi è che questo tipo di letteratura è testimone di un
processo di internazionalizzazione della cultura nazionale. Il XVI secolo vedrà la forte influenza della cultura italiana
sulla letteratura inglese. Inoltre, assume un ruolo molto importante la traduzione, che diventa una pratica molto
diffusa per importare nella propria lingua testi classici e contemporanei. Tale pratica trova le proprie origini con i primi
umanisti inglesi che, conosciute le dottrine politiche giunte dall'Italia o dalla Francia, le traducono per metterle a
disposizione dei loro compatrioti.

Un altro fattore molto importante è la presenza di intellettuali stranieri in Inghilterra: Enrico VII chiamò alla sua corte
Pietro Carmel e Polidoro Virgilio; inoltre Erasmo da Rotterdam e Juan Luis Vives contribuirono al dibattito sulle
dottrine politiche nella nazione. Alcuni dei temi più importanti della discussione politica inglese nel Rinascimento
nascono dalle interazioni tra Erasmo e alcuni degli umanisti inglesi. È il caso del dibattito sulla giusta guerra, che trova
origine nel "Lamento della Pace" di Erasmo, un tema ripreso da Thomas More nella sua opera più importante.

3.3 LA PROSA POLITICA: MORE E I SUOI CONTEMPORANEI

Il testo più importante nella storia delle dottrine politiche in Inghilterra nella prima età moderna è Utopia di Thomas
More; scritto in latino e pubblicato nel 1516, il volume si divide in due libri e segna l'ingresso nel pensiero occidentale
di un nuovo vocabolo: utopia (il non luogo, un qualcosa che non c’è), a cui si ispirerà successivamente un nuovo
genere letterario, ovvero quello del romanzo utopico o distopico (quando il sogno del mondo reale si rivela un incubo).
More pensa la sua opera in forma di discussione filosofica, infatti si apre con un dialogo tra lo stesso Morus, Pietro
Gilles, un pubblico ufficiale di Anversa, che Morus aveva conosciuto nei suoi viaggi, e un personaggio di finzione,
Raffaele Itlodeo, un viaggiatore appena ritornato dall'isola di Utopia. Mentre il primo libro mette in luce i mali
dell'amministrazione e della politica inglese, il secondo contiene una articolata descrizione di Utopia, contrapposta
all'Inghilterra come luogo dell'ottimo governo e dell'esaltazione del bene comune, e al tempo stesso della pace. I
cittadini di Utopia vivono alla ricerca della virtù, solo la chiave del vivere civile, e mostrano una straordinaria tolleranza
nei confronti dell'elaborazione del libero pensiero, infatti è prevista la libertà di culto, un qualcosa di impensabile
nell'Europa del tempo, così come lo era l'abolizione della pena di morte, anch'essa presente in Utopia. Molti
commentatori hanno visto in Utopia l'esaltazione della razionalità, il trionfo del bene comune a costo della
repressione di ogni pulsione individuale. Ma, James Simpson, nel suo studio sulla letteratura inglese tra XIV e XVI
secolo, spiega come una delle caratteristiche che rendono questo trattato unico nel suo genere sia il fatto che la
legittimazione della politica venga fatta derivare dalle idee astratte, una formulazione che prescinde dagli abusi di
classe o di individui, ma che allo stesso tempo annulla ogni individualità in nome del bene comune. Infatti nessuno
degli abitanti dell'isola ha un nome o una personalità, ad eccezione del re Utopos, e il loro modo di vestire è regolato
dalla legge. More non solo lamentava la corruzione dei ricchi, ma il suo lamento è accompagnato da una visione
utopica che potrebbe contenere una concreta proposta di riforma sociale e che verrà raccolta da altri pensatori.

Molti umanisti che si occupavano di dottrine politiche cercavano un ruolo attivo a corte, Elyot ad esempio divenne
Senior Clerk to the King's Council e in seguito ambasciatore presso la corte di Carlo V. More diventò, invece, Lord
cancelliere, una posizione di estrema vicinanza a quella del sovrano, del quale si trovava ad essere il primo consigliere.

Nel primo libro di Utopia sia More sia Gilles chiedono a Itlodeo di mettere la sua esperienza e dottrina al servizio di un
sovrano, che beneficerà della sua sapienza, ma Itlodeo rifiuta, dichiarando che alla corte dei re non c'è alcuna
differenza tra servizio e servitù. Si tratta di un'affermazione forte agli orecchi dei contemporanei. Una geniale
intuizione di More è quella di collocare le sue proposte politiche nella cornice del viaggio utopico, all'interno del quale
egli riesce a proporre un ideale di governo vicino al modello socialista: abolizione della proprietà privata, educazione
libera e gratuita per tutti, obbligo di lavoro per tutti (con riduzione del numero di ore lavorative) , abolizione delle
classi sociali. Attraverso la descrizione utopica, More propone quel tipo di consiglio politico che il suo portavoce,
Itlodeo, aveva rifiutato di offrire. All'interno del dibattito sui meriti della vita activa dell’umanista-consigliere e della
vita contemplativa dell’umanista-studioso, More si colloca in modo ambiguo sostenendo, in teoria, la seconda, ma
praticando di fatto la prima. La stessa utopia esprime il dubbio del narratore che dichiarerà che una tale scelta è
troppo difficile per poter essere compiuto a cuor leggero. Lo stesso dilemma si trova alla base dell'opera di Thomas
Starkey, anche se lo scrittore conclude senza esitazioni a favore del servizio attivo per il sovrano: una monarchia ben
regolata, infatti, è vista come la migliore forma di governo. Probabilmente Starkey, avendo vissuto per alcuni anni a
Padova, fu influenzato dall’esperienza italiana, nel momento in cui propone come modello ideale per una buona
monarchia, la struttura dogale della Repubblica di Venezia: una forma di monarchia elettiva in cui il potere del sovrano
temperato dal ruolo del senato. Dunque, Starkey introduce una critica al potere di quel periodo in cui Enrico VIII
passava da sovrano illuminato a despota tirannico.

Gli anni Trenta del XVI secolo sono tra i più fertili per l'elaborazione di dottrine politiche in Inghilterra: A Remedy for
Sedition (un rimedio alla sedizione) di Richard Morison , scritto come un'apologia della repressione di Enrico VIII nei
confronti dei dissidenti religiosi del Pilgrimage of Grace (rivolta scoppiata nel 1536 e 1537 nell'Inghilterra
settentrionale contro re Enrico VIII, dopo che questi si era staccato dalla Chiesa di Roma, poiché il papa si era rifiutato
di annullare le sue nozze con Caterina d'Aragona, in seguito ad una crisi matrimoniale, a causa della inabilità della
coppia di avere un figlio maschio, indispensabile per la successione al trono). Il testo richiama all'obbedienza al re e
alle sue leggi , facendo uso di princìpi umanistici per difendere l'operato del monarca, e allo stesso tempo, pur
esaltando il valore dell'educazione, dichiara che solo i nobili sono degni di accedervi dal momento che non compete al
popolo la discussione degli atti del Parlamento.

Gli eventi che portarono alla fine del matrimonio videro Enrico nominarsi capo supremo della Chiesa inglese, che
comportò successivamente uno scisma con la Chiesa di Roma nel 1534. Gli anni seguenti furono caratterizzati da una
serie di matrimoni del sovrano, che alla sua morte fu seguito dal suo unico erede maschio, re Edoardo VI, che morì
prematuramente a causa di una malattia. Edoardo VI trasformò la Chiesa inglese da cattolica a protestante. I feroci
conflitti causati dalla successione dinastica, dopo i regni di Maria ed Elisabetta (sorellastre di Edoardo), e
dall'alternanza di professioni religiose (Maria Tudor tentò un ritorno al cattolicesimo operando con metodi così
violenti da essere chiamata Maria la Sanguinaria) crearono un regime di terrore che costrinse molti scrittori a essere
cauti nelle professioni politiche e ideologiche.

Nel 1533 ci fu l'Act in Restraint of Appeals to Rome, attribuito al ministro Thomas Cromwell. Con questo editto si
dichiarava l'Inghilterra un impero, in questo modo la supremazia regale si estendeva sia ai corpi sia alle anime dei
sudditi, mettendo da parte la supremazia ecclesiastica.

Uno dei movimenti di idee più interessanti della metà del XVI secolo è quello dei Commonwealthmen, che include
umanisti e predicatori in un dibattito sui problemi politici ed economici dell'Inghilterra Tudor. Tra i testi di questo
movimento si ricorda A Discourse of the Common Weal (un ragionamento sul governo), un trattato di dottrina politica
e anche di economia che prende le mosse dal lamento di More nella conclusione di Utopia per considerare lo stato
della nazione nelle mani di pochi e rapaci proprietari terrieri.

Nel frattempo, l’Inghilterra fu caratterizzata da una riforma religiosa, che costringeva gli umanisti a ripensare al
problemi politici che investivano, non solo il principio di autorità, ma anche il benessere del singolo cittadino. Si
diffusero le enclosures, ovvero recinzioni di terreni pubblici a favore dei proprietari terrieri che intendevano sviluppare
l'allevamento delle greggi, a scapito dei più poveri, che attraverso questi terreni pubblici potevano trovare
sostentamento. I latifondisti e le emergente classe dei mercanti sono bersagliati come coloro che si arricchiscono
prendendo più di ciò che spetta loro. Allo stesso tempo, il dibattito politico si concentra sulle virtù dell’ottimo
principe, virtù che possono essere la liberalità, la magnanimità, la clemenza, la fedeltà alla parola data, ma che
cominciano anche definirsi in forma più pratica, in nome dell'imperante Realpolitik. Così un principe avrà bisogno
anche di pazienza di saggezza, della capacità di dissimulare, in nome della “ragion di Stato”. Alcune delle proposte
politiche formulate in quegli anni infatti arrivano alla conclusione che, se possedere la virtù è la chiave per il buon
governo, allora dovrebbero diventare regnanti solo coloro che possiedono tale virtù. Scrivere di dottrina politica può
essere un essere pericoloso e lo divenne sempre di più negli ultimi anni del regno di Enrico VIII e i due brevi regni
successivi. Se vi furono esempi di scrittori coraggiosi , è il caso di John Ponet, che nel suo Short Treatise of Politik
Power (breve trattato sul potere politico) usò la teoria della costituzione mista (una forma di governo che integrasse
caratteristiche della monarchia, dell’oligarchia e della democrazia) per attaccare la presunta tirannia di Maria Tudor.

6 Il teatro: dai drammi religiosi agli interludi

6.1 MITI E PREGIUDIZI DA SFATARE


Il dramma che emerse nel ‘300, non più liturgico e recitato dal clero in latino all'interno dei luoghi di culto, ma da laici
e in Middle English, è stato più volte definito privo di poesia, didascalico e primitivo. Si è visto, però, che tale
“mancanza di poesia”, derivata dal confronto con il successivo teatro elisabettiano, era sbagliata perché i drammi
tardomedievali e umanistici erano composti solo per essere rappresentati e non per finalità letterarie. Si è attenuata
anche l'accusa di povertà e noia dei testi, volti esclusivamente all'insegnamento religioso: brevi episodi o lunghi
drammi si sono rivelati molto efficaci per niente tediosi una volta che gli si è rappresentati, anzi hanno mostrato la
capacità dei loro autori di gestire il linguaggio e lo spazio della scena e la maestria nell'utilizzare tutti gli effetti speciali
che la tecnologia del tempo permetteva. Mentre all'intento didattico si affianca la valenza del dramma come
manifestazione di una comunità urbana e parrocchiale o monastica e come strumento di propaganda religiosa. Da
“scritto per il popolo”, questo dramma divenne “fatto dal popolo”.

Un altro mito che è stato frantumato è quello relativo alla sequenza misteri-moralità-interludi; ci si è resi conto che
non è assolutamente corretta, poiché il frammento del dramma morale intitolato The Pride of Life (l’orgoglio della
vita) è riconducibile alla metà del quattordicesimo secolo, dunque, prima delle più antiche testimonianze sulla recita
dei misteri.

6.2 I CICLI MISTERICI

I cicli misterici rappresentano la tipica manifestazione spettacolare dell'Inghilterra tardomedievale, la cui origine si
deve alla celebrazione della festività del Corpus Domini. Si tratta di drammi religiosi derivati dalla tradizione biblica
che mettono in scena la storia sacra dalla creazione al giudizio universale. Erano composti da molti episodi e diffusi in
molte parti della Gran Bretagna. La rappresentazione era compito della città e delle sue corporazioni di arti e mestieri
(i responsabili dei costumi, della musica e della gestione in generale), mancava, però, la figura dell'attore
professionista. La rappresentazione si svolgeva su carri spinti o tirati a mano lungo le strade della città, secondo un
percorso fisso che prevedeva sosta in varie postazioni, dove il singolo episodio veniva ripetuto ogni volta. Inoltre, le
rappresentazioni nella città di York erano solite iniziare all’alba e terminare dopo il tramonto del sole, in modo tale che
i giochi di luce e fuoco fossero di forte impatto visivo.

Nonostante le storie portate in scena derivino dalle Sacre Scritture e, quindi, abbiano delle trame predeterminate, i
drammaturghi riescono a tratteggiare i personaggi, ad evidenziarne aspetti appena accennati nella Bibbia, a inventare
dialoghi in cui il testo sacro e predicazione si mescolano sapientemente.

Tutti i cicli tratteggiano i personaggi malvagi in maniera comica e derisoria sia per minarne il potere sia per
esorcizzarne l'effetto negativo. Ciò avviene sottolineandone o il terrore (ad esempio, all’arrivo di Cristo agli Inferi dopo
la crocifissione, i diavoli manifestano la paura di chi teme di perdere il potere) o la vanagloria (come nel caso di Erode
che vanta la propria autorità negli episodi dedicati alla strage degli Innocenti).

Quanto fosse profondo il fascino delle rappresentazioni ci viene testimoniato dalla Donna di Bath nei Canterbury Tales
di Geoffrey Chaucer, che, nel Prologo al proprio racconto, rivela come ha passato piacevolmente il tempo in assenza
del suo quinto marito .

La ricezione dei drammi non sempre incontrava consensi: se l'ambiente cattolico continuerà ad accettare le recite; la
Riforma protestante vorrà cancellarne ogni traccia (cosa che accadde durante il regno di Elisabetta I, che fece
terminare tutte le rappresentazioni e i cicli). Ma già tra la fine del ‘300 e l'inizio del 400 il movimento dei lollardi si era
scagliata contro la “recita dei miracoli” (Chaucer definisce “miracoli” e non “misteri” le sacre rappresentazioni)
accusata di idolatria e di provocare piacere nel pubblico, anziché portare i fedeli alla penitenza.

Nel 1951 York fu sede della prima ripresa dei cicli in Gran Bretagna dopo il XVI secolo, ma la rappresentazione dovette
superare divieti della censura, che proibiva di inscenare Dio. L'interesse per la rappresentazione dei cicli è stato
favorito dall'avanzare della ricerca accademica sia sui testi drammatici sia sulle condizioni delle rappresentazioni
originali e dalle messinscene sperimentali di compagnie universitarie.

6.3 LE MORALITÀ
I drammi morali presentano caratteristiche narrative comuni ai brevi interludi della prima metà del XVI secolo:
condividono la presenza di personaggi allegorici che si contendono l'anima del protagonista. Il contenuto derivato
dalla predicazione religiosa è sempre percepibile, tuttavia il dramma morale si è progressivamente prestato a ospitare
anche tematiche politiche, in cui all’uomo si sostituisce lo Stato in preda a cattivo governo e malcostume. È il caso di
Magnyfycence di John Skelton, scritto durante il regno di Enrico VIII.

Il dramma morale più noto è Everyman che si differenzia dalla trama tipica indicata poiché tratta della morte
imminente e dell'obbligo di presentare a Dio il bilancio della propria vita. Dio manda Morte come messaggero a
Ognuno che chiede ad amici e parenti di accompagnarlo nel duro cammino verso la fine. Inizialmente Amicizia, Cugino,
Parenti e Ricchezza lo affiancano in questo percorso, ma successivamente lo abbandonano, comprendendo il vero
senso del viaggio. Solamente Opere Buone seguirà Ognuno fino alla tomba, e un angelo consegnerà al cielo l’anima
salvata. Nell'ottica Cristiana non si può considerare l'opera come una tragedia (data la salvezza di Ognuno) anche se il
protagonista muore in scena. Il testo presenta frequenti momenti di tensione tragica, soprattutto nei monologhi di
Ognuno ogni volta che viene lasciato solo di fronte alla morte, lamentando la sua solitudine.

Nonostante la fama di Everyman, The Castle of Perseverance rappresenta al meglio la moralità inglese, con le forze del
Bene e del Male che si contendono l'anima del protagonista Humanum Genus. Il manoscritto dell’opera contiene
indicazioni precise circa l'uso degli spazi e dei movimenti scenici, sui colori dei costumi di alcuni personaggi e degli
effetti speciali da utilizzare.

Humanum Genus nasce e muore in scena; attraversa le varie fasi della vita, preda dei vizi e salvato dalle virtù, sino a
quando ormai vecchio cede di nuovo al peccato di Avidità, davanti al quale lamenta la sua decadenza fisica. È un
personaggio allegorico, ma al tempo stesso va al di là di una vaga generalizzazione per avvicinarsi al personaggio tipico
dell'anziano sofferente.

6.4 GLI INTERLUDI

Nelle moralità non mancano momenti comici, ma è soprattutto negli interludes che l'elemento comico si inserisce
maggiormente, legatoai rappresentanti del male, anzi a chi raccoglie tutti in uno: il Vice (il vizio). Personaggio
introdotto per la prima volta da John Heywood in A play of Love (un dramma dell’amore) e The play of the Weather (il
dramma del clima). Personaggio negativo, il Vice progetta inganni contro il protagonista “buono”, ma lo fa dialogando
con il pubblico a cui rivela i propri intenti, con linguaggio brillante e scurrile. La moralità degli interludes si salva alla
fine con il trionfo del bene.

Gli interludi erano messi in scena con il minimo di attrezzeria da piccole compagnie con elementi tutti maschili, il cui
capocomico teneva per sé il ruolo del Vice, mentre gli altri gli altri attori recitavano i rimanenti personaggi, talvolta,
per il numero di ruoli eccessivi, si dovevano anche sdoppiare. Luoghi privilegiati per le rappresentazioni erano i cortili
delle taverne e la sala dei banchetti delle case nobiliari o i refettori delle scuole. La recita avveniva sullo sfondo degli
screens, robusti schermi lignei che separavano parte della sala dalle cucine, provvisti di due porte che favorivano
l’entrata e l’uscita dei personaggi. Di lunghezza non eccessiva si svolgevano in genere durante un banchetto come
risulta da Fulgens and Lucres di Henry Medwall. È un testo molto importante perché fu il primo dramma con una
trama secondaria, il primo di cui si conosca l’autore e probabilmente il primo ad essere stampato.

Gli interludi erano i drammi recitati al momento della nascita di Shakespeare, assieme ai cicli misterici sino alla loro
soppressione. Si tratta di forme spettacolari che sicuramente hanno influito sulla formazione drammaturgica del
Bardo e di tutti gli autori elisabettiani.

NB: La parola interlude non deve essere confusa con l’italiano “intermezzo”, poiché i testi inglesi erano autonomi e
non venivano recitati tra gli atti di composizione maggiori.

7 Storia: da Elisabetta I a Giacomo I

7.1 IL REGNO DI ELISABETTA I


I regni di Elisabetta e Giacomo, pur durando meno di settant’anni, furono caratterizzati da significativi cambiamenti
religiosi, politici e culturali. L'ascesa al trono di Elisabetta, ultimo sovrano della dinastia Tudor, si configura come una
sfida per la giovane regina alla guida di una nazione ancora incerta sulla legittimità della dinastia al potere, diviso dal
punto di vista religioso e bisognosa di sanare le ferite aperte da Edoardo VI e Maria Tudor.

In questo periodo, l'Inghilterra sta ancora elaborando le conseguenze della Guerra delle due rose e ricomponendo le
profonde divisioni create dalla lotta tra York e Lancaster. Ma l’avvenimento più importante del XV secolo fu
l'invenzione della stampa, uno dei momenti più significativi nel passaggio dal Medioevo alla modernità. La nazione
inizia a fare propria una modalità di circolazione delle idee che ancora durante il regno di Enrico VIII era poco
conosciuta. Enrico, infatti, aveva tentato di arginare la marea crescente di libri stampati esercitando un controllo sulla
circolazione delle idee e aveva espresso riluttanza nel mettere la Bibbia a portata di tutti i credenti, ma, dalla seconda
metà del XVI secolo in poi, la stampa diviene motore del dibattito culturale in Inghilterra mentre la circolazione
manoscritta dei testi segnerà forme letterarie uniche come la lirica d'amore elisabettiana o la poesia erotica
seicentesca. Nel corso del regno di Elisabetta, la stampa diventerà protagonista di dibattiti che coinvolgono la figura
della regia: un esempio è la circolazione del pamphlet, che discutono l’opportunità di un matrimonio tra la regina e un
principe francese, o di trattai che contestano il regno delle donne. Mentre, durante il regno di re Giacomo, ci sarà
l'aumentare della produzione libraria e delle polemiche affidate alla circolazione di testi a stampa: lo stesso monarca
sarà interessato al problema della diffusione delle idee a mezzo stampa e del controllo dell'editoria, come testimonia
la prima circolazione del suo trattato politico più famoso il Basilikon Doron.

Il XVI secolo fu un periodo di importanti novità. Con i primi monarchi Tudor l'Inghilterra muta la sua natura di nazione
segnata dall'introduzione di nuove concezioni della sovranità, dello Stato, del rapporto tra monarchia e religione e tra
sovrano e parlamento. Più della dinastia Tudor, è la morte di Enrico VIII a creare un profondo spartiacque, dal
momento che per la prima volta si propone il problema della natura acefala del potere: nel momento in cui a regnare
era un bambino o una donna inevitabilmente sorgeva il quesito sulla natura del corpo del sovrano: fino a che punto la
natura politica della sovranità e la persona fisica del monarca potevano identificarsi? Era lecito che una donna
esercitasse un potere considerato virile?

Dal punto di vista religioso, nel 1558 l'Inghilterra doveva ancora trovare un proprio equilibrio dopo la rottura con la
Chiesa di Roma ad opera di Enrico VIII (culminata con l’Act of Supremacy). Enrico aveva iniziato la riforma in Inghilterra
a seguito della sua richiesta, respinta, di annullamento papale del matrimonio con la prima moglie Caterina d'Aragona.
Lo scisma enriciano si configurava come una decisione presa dal monarca e imposta al popolo, dettata da esigenze più
dinastiche che riformiste. Il successore di Enrico, Edoardo VI (salito al trono nel 1547), fu accolto con entusiasmo da
chi desiderava un re protestante e le riforme messe in atto confermarono queste speranze: tentò di attenuare i tratti
più tirannici dell'eredità enriciana, riducendo, ad esempio, l'impatto della censura. Il suo periodo breve di regno può
essere considerato la fase di maggiore tolleranza sia politica sia religiosa. La sua morte prematura permise l'ascesa al
trono della sorellastra Maria Tudor, figlia di Caterina d’Aragona, cattolica, che tentò una riconciliazione con la Chiesa
di Roma. Tale tentativo, assieme al matrimonio di Maria con Filippo di Spagna, procurò un grave danno alla sua
popolarità presso i sudditi. Il regno di Maria si concluse in brevissimo tempo con la sua morte, nel 1558: la regina non
aveva figli e l'unica candidata alla successione era l'ultima figlia sopravvissuta di Enrico, Elisabetta.

Elisabetta salì al trono in un momento assai critico sia per la nazione sia per la dinastia. Sudditi e Parlamento potevano
avere dei buoni motivi per sospettare di questa giovane regina, figlia di un matrimonio che si era concluso
rapidamente, con la condanna a morte di della moglie di Enrico, Anna Bolena, accusata di alta tradimento e adulterio.
Questo poteva gettare qualche ombra sulla legittimità di Elisabetta. Senza la protezione di padre o marito, ella poteva
presto diventare una pedina nelle mani del parlamento o dei suoi consiglieri, ma la regina rivelò ben presto un grande
talento per la mediazione, che le permise di superare momenti difficili e di consolidare la sua posizione sul trono.
Inoltre il suo essere donna la esponeva agli attacchi di figure pubbliche come il parlamentare puritano Peter
Wentworth, che chiedeva un allargamento delle competenze del Parlamento ad aree che erano tradizionalmente
riservate alla giurisdizione autonoma del monarca. La regina, accusata di debolezza sia fisica che intellettuale in
quanto donna, aveva dovuto rinunciare al titolo enriciano di capo della Chiesa anglicana per definirsi semplicemente
Supreme Governor of the church of England.
Elisabetta mise in atto quella che è stata definita una “repubblica monarchica”, incoraggiando un'autonomia di
governo locale, ma facendo sentire la sua presenza grazie alle “royal progresses”, ovvero mantenendo una corte in
perenne movimento e spostandosi da una contea all'altra come parte di una strategia di controllo interazione nei
confronti delle autorità locale e dei sudditi. Il termine republic viene usato in descrizioni cinquecentesche del regno di
Elisabetta che all'epoca questa parola non aveva non aveva il significato attuale di ordinamento costituzionale che
assegna ogni potere al popolo attraverso i suoi rappresentanti democraticamente eletti: si riferiva semplicemente allo
Stato, e al governo Elisabetta si riconosceva la capacità di operare per il bene comune, per la cosa pubblica.

Il Parlamento e il popolo aspettavano il matrimonio di Elisabetta e lo temevano perché qualunque matrimonio


avrebbe portato con sé o un privilegio per una frazione della nobiltà o un'alleanza con un potentato straniero che
avrebbe condizionato pesantemente la politica estera. Le furono proposti numerosi pretendenti, ma il più plausibile fu
forse il duca di Alençon, ma la prospettiva di questo matrimonio allarmò molti dei sudditi di Elisabetta. Il progettato
matrimonio non ebbe mai luogo anche perché la stessa popolazione protestò apertamente contro questo progetto. La
regina si trovò, dunque, imprigionata nella rappresentazione che lei stessa aveva creato di regina vergine e madre
della nazione. Inoltre, durante l'ultimo ventennio del suo regno, Elisabetta fu sempre meno in grado di controllare le
diverse fazioni a corte e la crescente insofferenza tra i sudditi.

L'atteggiamento della regina nei confronti della Chiesa anglicana fu sempre moderato e tale da evitarle aperto
dissenso. Il Parlamento del 1559 impose un Book of Common Prayer (libro della preghiera comune) con significative
modifiche rispetto all'originale. In questo si può riconoscere un tratto caratteristico della politica di mediazione della
regina che si dimostrò più severa con l'opposizione puritana arrivando a bandire il dibattito religioso del 1566; peraltro
i puritani continuarono a fare campagna in Parlamento, chiedendo riforme religiose. La parte più protestante della
popolazione inglese continuò a criticare l'indulgenza della regina nei confronti dei cattolici mentre i rapporti con il
cattolicesimo rimanevano tesi, soprattutto in seguito alla scomunica da papa Pio V. Nel corso del regno vi furono
diverse congiure di stampo cattolico contro la corona: la più famosa, Throckmorton plot, ci fu nel 1583 organizzato da
Francis Throckmorton (da cui prende il nome) e organizzata per mettere sul trono inglese Maria Stuart, cattolica
regina di scozia.

Una delle conseguenze del degenerare dei rapporti tra Elisabetta e i cattolici fu l’acuirsi delle ormai antiche tensioni
con la Spagna, che culminarono con il tentativo da parte dell'Armada spagnola di invadere l'Inghilterra nel 1588;
un'altra conseguenza fu la condanna a morte di Maria Stuart nel 1587, mentre al trono di Scozia era salito il figlio,
Giacomo VI, futuro re d'Inghilterra con il nome di Giacomo I. L'esecuzione di Maria non incrinò i rapporti tra la regina
inglese e Giacomo: dimostrazione del fatto che i rapporti fra Elisabetta e Giacomo, che pure non si videro mai, furono
sempre affettuosi.

La progettata invasione spagnola finì in una rotta per la flotta degli invasori, che venne buona parte distrutta dalle navi
inglesi al largo di Calais. I sentimenti antispagnoli riunirono il popolo inglese attorno alla sua regina dopo un periodo di
crisi di credibilità per la corona.

Nell’ondata di reazione anticattolica, l'Inghilterra modellò la propria politica nei confronti della Francia, appoggiando il
protestante Enrico di Navarra nella sua lotta contro la fazione cattolica. Nel 1591 Robert Devereux, Conte di Essex, si
recò in Francia a questo scopo, (la conversione di Enrico IV al cattolicesimo avrebbe risvegliato i sospetti inglesi). Il
conte di Essex vide la sua fortuna grazie alla sua vittoria contro l'Armada spagnola a Cadice, ma la sua traiettoria
ascendente si interruppe negli ultimi anni del regno di Elisabetta I, dopo essersi attirato le critiche della regina per la
cattiva gestione delle ribellioni irlandesi , guidò una rivolta contro la corona, e fu condannato a morte nel 1600.

7.2 IL REGNO DI GIACOMO I

Sul letto di morte Elisabetta aveva nominato il suo successore Giacomo VI di Scozia e questo assicurò vent'anni di
regno stabile, tanto da meritare il soprannome di rex pacificus.

L’intensa attività di Giacomo come scrittore di teoria politica ne evidenzia la convinzione del diritto divino dei re, che
egli pone alla base dl suo agire. Non mancarono i detrattori del regime, e in questo ambito di critica a ruolo autoritario
centralizzate del re si sviluppò il mito di Elisabetta, che si compone di nostalgia e propaganda. Giacomo arrivò a
firmare un trattato di relazioni commerciali con la Francia e a cessare le ostilità con una Spagna ormai in declino.

La seconda parte del regno di Giacomo vide il centralismo del re attuarsi in azioni arbitrarie e criticabili. Nel 1611 il
Parlamento fu sciolto, mentre il sovrano si appoggiava a giovani cortigiani, alimentando le dicerie sulla propria
omosessualità e corruzione, creando scandalo anche per la sua passione per il vino e la caccia. La morte di Enrico,
primogenito di Giacomo, aprì la strada della successione al secondogenito Carlo, mentre la principessa Elisabetta
sposava Frederick, elettore del Palatinato, e rafforzava la posizione dell'Inghilterra in ambito europeo.

Il regno di Giacomo si caratterizza come più moderato e stabile di quello di Elisabetta, meno feroce nelle persecuzioni
e più attento allo sviluppo della cultura e delle arti; egli promosse lo sviluppo culturale coltivando un genere nuovo
per la scena inglese come il masque. È certo l'interesse che Giacomo aveva nei confronti del teatro, al punto che nel
corso del suo regno prese sotto la propria protezione la compagnia in cui lavorava Shakespeare, i Lord Chamberlain's
Men , che assunse, quindi, il nome di King's Men.

In ambito religioso, l'ostilità di cattolica nei confronti del sovrano si era manifestata sin dall'inizio del regno e raggiunse
il culmine nel 1605 con il Gunpowder Plot, una congiura per far saltare in aria la Camera dei Lord durante la cerimonia
di apertura del Parlamento, provocando la morte del re per installare sul trono la figlia Elisabetta di appena 9 anni. La
scoperta del complotto e l’arresto di alcuni degli attentatori segnò un momento decisivo per la popolarità del re, che
ricevette il sostegno sia del popolo sia della Chiesa. Le leggi nei confronti dei cattolici si fecero più sever e si pretes un
giuramento di fedeltà per chi volesse intraprendere una carriera pubblica. Giacomo intensificò i suoi sforzi per portare
la nazione a un'unità religiosa: la sua attività di mediatore è, infatti, simboleggiata dalla pubblicazione della Authorized
Bible.

Alla morte di Giacomo I, l'Inghilterra era diventata probabilmente lo stato protestante con maggiore autonomia in
Europa e una delle forze più potenti nell'opposizione al cattolicesimo. All'inizio del XVI secolo la Gran Bretagna era
ancora un'isola ai margini del mondo conosciuto, ma nel passaggio dal XVI al XVII secolo, grazie a numerosi viaggi e
scoperte, il mondo conosciuto allargò i propri confini.

La nazione inglese definì la propria identità dopo le divisioni del secolo precedente, assorbendo in modo definitivo il
Galles al proprio interno. Elisabetta venne incoronata Queen of England and Ireland, ma il titolo sembrava
rappresentare più un desiderio che un dato di fatto. L'Irlanda costituì una minaccia sia politica sia religiosa, mentre si
faceva strada l'idea che l'eterno nemico spagnolo potesse venire in soccorso dei ribelli irlandesi nome della comune
religione cattolica.

La seconda metà del Cinquecento fu caratterizzata da insurrezioni da parte dei ribelli irlandesi fino alla cosiddetta Nine
Years’ War, rivolta capeggiata da Hugh O'Neill che mise a lungo in sacco i tentativi inglesi di controllare l'isola. Per il
conte di essex, l'Irlanda rappresentò la tomba delle proprie ambizioni politiche.

La situazione irlandese con l'ascesa al trono di Giacomo sembrò stabilizzarsi con la messa in sicurezza della Ulster
Plantation, ovvero una colonia inglese occupava la ricca provincia nord-orientale. Nel frattempo, iniziava anche un
complesso tentativo di unificazione dei due regni di Inghilterra e di Scozia, regni che erano stati nemici durante tutto il
Medioevo. Durante il regno di Elisabetta erano stati teatro del violento scontro con Maria regina di Scozia, che aveva
tentato di far valere il suo diritto alla corona inglese, ma aveva dovuto rifugiarsi in Inghilterra successivamente per
sfuggire ai nobili scozzesi che si erano ribellati. L'esecuzione di Maria Stuart non incrinò i rapporti tra Elisabetta e
Giacomo e, una volta divenuto Re di Inghilterra e di Scozia, Giacomo ritenne che questa fosse un'opportunità per
riunire i due tradizionali nemici. Il tentativo di unificazione non ebbe il successo sperato. Giacomo insistente nel farsi
chiamare King of Britain, ma l'unione dei regni fu sempre respinta dal Parlamento inglese.

La politica estera inglese si articolò anche nei confronti delle terre recentemente scoperte. Nel corso del XVI secolo
vennero tracciate nuove rotte, per terra e per mare; iniziarono i primi insediamenti nell'America del Nord: la prima
colonia inglese nel continente americano fu fondata a Roanoke da Sir Walter Raleigh. Il XVI secolo segna quindi l'inizio
del colonialismo per l'Inghilterra. Le esplorazioni portarono comunque una percezione dell'esotico; popolazioni i cui
usi e costumi erano estranei a quelli della madrepatria entrarono a far parte dell’immaginario collettivo e la
letteratura del tempo riflette il fascino di questi nuovi mondi. Tra i più celebri esempi possiamo sicuramente includere
The Tempest (la tempesta) di Shakespeare, che rovescia la prospettiva coloniale ambientando tutta l'azione del
dramma in un'isola deserta e remota. Ma altri testi, a cominciare da Utopia di Thomas More, si occuparono delle
esplorazioni e delle scoperte che allargavano i confini del mondo conosciuto, a volte presentandosi come narrative di
viaggio o descrizioni della politica inglese sul mare.

Giacomo I sembrò molto più interessato di Elisabetta alla questione coloniale e ai possibili vantaggi derivanti da uno
sfruttamento di territorio ancora inesplorati. Con la fondazione della Virginia Company, la colonizzazione della Virginia
ricominciò, e il primo villaggio Jamestown, fu fondato nel 1907, dando vita ad un processo di anglicizzazione di una
parte dell’America settentrionale.

Nel corso dell'età giacomiana aumentarono i contatti con le nazioni europee, sia per quanto riguarda storici nemici
(Spagna e Francia), con cui tentarono alcune forme di collaborazione, sia intensificando i rapporti con nuovi vicini
come la Danimarca. Questi nuovi rapporti furono incoraggiati anche dalla maggiore mobilità dei singoli, con fenomeni
con quello del Grand tour. L'Inghilterra che emerse alla morte di Giacomo era una nazione moderna che iniziava a
coltivare un concetto di unione, che, attraverso l'Act of Union tra Inghilterra e Scozia nel 1707, sarebbe poi culminato
nella Britannia dell'età vittoriana.

In modi assai diversi Elisabetta e Giacomo cambiarono profondamente il popolo su cui regnarono e segnarono uno dei
periodi più fecondi e complessi della letteratura inglese.

8 Filosofia: magia e scienza


8.1 PREMESSA

Il rapporto tra magia e scienza nel Rinascimento ha rappresentato uno dei temi più discussi nella riflessione del
secondo novecento. La magia stessa rappresenta un punto di intersezione tra religione e scienza. Fi dal Tardo
Medioevo, infatti, si era sviluppata una concezione della scienza come sapere fondato su principi razionali che
derivava sostanzialmente dai commenti latini alle opere fisiche e metafisiche di Aristotele.

Nel rinascimento la magia si sviluppa come “magia naturale”, come branca della scienza stessa, e si propone di
operare attraverso tecniche legittime. Con tale visione più o meno scientifica della magia, coesiste una concezione più
enigmatica, basata sulle traduzioni di quasi tutti i trattati del corpus hermeticum, nonché dei dialoghi di Platone e delle
Enneadi di Plotino; si tratta di una concezione in cui viene ribadita l'unità del tutto e la necessità di un ritorno
dell'anima individuale alla sua origine divina. Giovanni Pico della Mirandola definisce il confine tra magia naturale,
considerata la parte più nobile della natura, e magia demoniaca.

8.2 MAGIA E SCIENZA IN GIORDANO BRUNO

Giordano Bruno fu un filosofo italiano, che arrivò a Londra e vi restò fino alla fine del 1585. Furono per lui anni molto
importanti nell’ambito della ricerca, ma costellati da esperienze amare che gli impedirono l’accesso alla vita
accademica, e in particolare l'ambiente di Oxford gli si mostrò ostile ed è qui che avvenne il primo scontro con uno dei
maggiori teologi puritani: John Underhill.

A Londra, Bruno pubblica i suoi tre primi Dialoghi, in cui sono riformulati rapporti tra fisica e metafisica e tra natura e
Dio con l'adesione al sistema copernicano. Si sviluppa poi la polemica bruniana nei confronti dell' Umanesimo
quattrocentesco, un'analisi critica della degenerazione retorico-grammaticale che aveva sostituito la vecchia filosofia
scolastica e che rappresenterebbe un ostacolo nei confronti del libero e critico procedere della ricerca scientifica.

I riferimenti di Bruno sono espliciti nella sua polemica volta al colpire Pietro Ramo e Francesco Patrizi. Di grande
importanza è l'apertura prospettica espressa nel dialogo morale Lo Spaccio de la bestia trionfante pubblicato a Londra
nel 1584. Qui ripropone il valore della sollecitudine e dell'Industriosità dell'uomo. Il tema centrale è quello relativo al
riconoscimento teorico delle eliocentrismo di Copernico. Da un lato Bruno riconosce all’astronomo polacco il merito di
aver prospettato quell’ipotesi eliocentrica che era stata già sostenuta da scienziati e filosofi dell'antichità tra cui
Platone; dall'altro ne rileva limiti ben precisi sul piano filosofico, Bruno evidenzia i limiti del suo quadro esclusivamente
matematico che non ha consentito la necessaria elaborazione cosmologico-ontologica. Nella Cena de le ceneri,
l'esposizione e la condivisione del sistema copernicano e la scoperta dell'infinito del mondo si intersecano con il tema
della dolorosa esperienza di Bruno a Oxford. Ciò che gli interessa sottolineare è il fatto che nel corso del lungo
itinerario concettuale dei dialoghi italiani, l'urgenza di condividere l'eliocentrismo copernicano consente a Bruno di
elaborare tutta una serie di nuclei tematici fondamentali, dall'infinito effetto dell'infinita causa al concetto di vita-
materia infinita, alla possibilità di dedurre dallo stesso infinitismo e dalla perdita di centralità dell'uomo nell'universo
la sua etica, la sua critica del linguaggio, il suo anti aristotelismo.

Il rapporto tra magia e scienza in Bruno è contrassegnato non solo dal profondo nesso tra cosmologia e ontologia ma
anche da un preciso progetto di riforma della civiltà. Anche nello Spaccio de la bestia trionfante (dedicata a Sir Philip
Sidney), Bruno si propone di indicare i percorsi di una nuova e complessa filosofia costruita sulla base dell’antica
sapienza ermetica: si tratta di un modello filosofico che dovrebbe consentire all'Inghilterra di superare la crisi prodotta
dalle congiure gesuitiche e dagli estremismi protestanti.

Si realizza una singolare integrazione dei temi scientifici con quelli magici: l'adesione al copernicanesimo è concepito
da Bruno come il recupero dell'autentico significato della magia che è riposto nella distinzione tra la magia naturale (il
mago è un individuo sapiente e dotato della capacità di agire, la cui forza non è ricavata da patti diabolici) e altre
forme degenerate di magia. Bruno ha proprio l'insegnamento dei maghi egizi: gli unici ad aver compreso che l'essenza
dell'azione magica risiede nella ricerca delle forze insite nella natura stessa.

In poche occasioni Bruno affronta tematiche magiche nei Dialoghi italiani, ma in essi è possibile individuare un
significato diverso del divino: è infatti evidente una singolare corrispondenza tra l'abbandono dell'antica cosmologia
prearistotelica e il tramonto della religione egizia secondo la profezia di quell'antico testo ermetico che è l'Asclepius. Si
tratta di un tema che rappresenterà lo snodo decisivo nella ripresa di nuclei fondamentali dell'antiqua sapientia
ermetica e si consoliderà nel progetto di ricostituire l'antica magia naturale contro la falsa religio.

8.3 SCIENZA E MAGIA NELLA FILOSOFIA ELISABETTIANA: DAI COURTIERS DEL NORTHUMBERLAND CIRCLE A JOHN DEE

Bruno stampò tutte le sue opere volgari e tra le tematiche spiccano quelle che furono raccolte dai courtiers del
Northumberland Circle, i quali individuarono spunti di carattere scientifico. Quando Bruno arrivò in Inghilterra, John
Dee, mago matematico che ispirò il progresso tecnico elisabettiano, se ne allontana. L’opera di Dee si divide in due
fasi: nel primo periodo egli si propone come punto di riferimento del Rinascimento elisabettiano e la sua biblioteca
compre opere della tradizione magico-alchemica rinascimentale. Il suo progetto vedeva convergere scienza naturale e
scienza occulta nel legittimare le mire espansionistiche inglesi. Nella seconda fase del suo pensiero, si rileva
l'emergere del magico-cabbalistico. Nella "Monade geroglifica" ci sono intuizioni di un mago cabbalista, evocatore di
angeli e spiriti. La Monade rappresenta un potente simbolo magico e riflette la necessità di far interagire un sistema di
simboli astrali che possano fornire la chiave di lettura dell'ordine cosmico.

8.4 FRANCIS BACON: DALLA MAGIA ALLA SCIENZA

Fracis Bacon nel The Advancement of Learning (Del Progredire della scienza), dedicato a Giacomo I, lamenta le carenze
strutturali dei saperi del suo tempo. Egli fa una profonda critica contro la sterilità della cultura antica fondata sulla
consapevolezza che le scoperte geografiche, le invenzioni della bussola e della stampa abbiano determinato un
mutamento radicale nella filosofia e quindi sarebbe vergognoso se gli uomini lasciassero inalterati i confini del globo
intellettuale nei limiti del sapere antico. Di Bacon bisogna considerare la sua urgenza di eliminare dalla scienza quel
veleno del serpente che ha gonfiato di orgoglio e di superbia l'animo umano e di salvaguardarne la finalità
corrispondente alla visione cristiana del mondo in cui la scienza è posta a gloria di Dio e a beneficio del genere umano.
9 La poesia: i canzonieri, le arie, le egloghe,il poema epico, i poemetti narrativi
9.1 LO SCENARIO POLITICO RINASCIMENTALE

La produzione poetica risponde a molteplici intenti: esaltare la tradizione medievale, gareggiare con i modelli europei,
imitare gli esempi degli antichi riscoperti degli studi umanistici. È considerata un ritratto dell’individuo e dello Stato:
vengono analizzate tematiche come la coscienza e l’idea di Stato attraverso l’esaltazione della tradizione medievale
unita a modelli europei e antichi. La poesia si sviluppa in vari centri (corte, città, dimora di campagna) ed è prodotta e
commissionata da persone di vario rango e professione. I critici del Novecento hanno cercato di individuare le
componenti dello scenario politico rinascimentale. Alcuni si sono soffermati sulla celebrazione del potere da parte dei
letterati, altri hanno esplorato le figure marginalizzate: musulmani, ebrei, donne e omosessuali.

9.2 GASCOIGNE , ELISABETTA I, RALEIGH

All'inizio del regno di Elisabetta il clima poetico è incerto. La regina organizza il consenso intorno a sé avvalendosi della
simbologia petrarchesca, presentandosi come domina irraggiungibile che eleva lo spirito dei suoi devoti, come un
collegamento tra cielo e terra. La poesia acquisisce, quindi, sfumature politiche e cortigiane. Tra i poeti del regno di
Elisabetta giovane, George Gascoigne è il più capace di sperimentazione e di riflessione teorica. Nella scrittura egli
tenta varie strade, ma nessuna dà frutti e si chiede che cosa lo porti al fallimento ripetuto: la mancanza di logica o di
volontà e indica come causa la mancanza di protezione.

È la stessa Elisabetta I che, negli anni della giovinezza, si diletta a scrivere versi. Ella ha una personalità poetica vivace e
decisa. L'isolamento, l'impossibilità di concedersi, il sospetto o l'invito amoroso assumono un'altra forza sulle labbra o
sulla penna di una donna che ha fatto del potere il suo unico amore e ambizione. La sua poesia è un gesto imperioso
che porta conseguenze per l'amato, la corte, lo Stato. Emblematico è lo scambio di componimenti tra Elisabetta e
Maria Stuart. Maria, tenuta sotto “custodia protettiva”, richiede un colloquio a Elisabetta inviandole un sonetto in
francese, dove si rappresenta come una nave in balia delle onde, incapace di trovare la pace e il porto. Elisabetta
cambia il destinatario, ma è evidente che parla della sua nemica. Si rivolge ai cortigiani e al paese che contraccambia
l'amore e la lealtà della sua sovrana usando i suoni forti e la forma rosa dei poeti della prima metà del suo regno.

Particolare importanza occupano anche gli scambi di versi con Sir Walter Raleigh . Le poesie rivolte a Elisabetta
esprimono l'arroganza e l'insicurezza dell'amante che sa di avere potenti rivali e di dovere la sua fortuna al capriccio
dell'amata. Offeso dall'indifferenza di lei, si chiude nella disperazione e nel silenzio, imprecando contro la Fortuna.
Abbiamo inoltre liriche di toni e stili diversi, sensuali, come le poesie destinata a un'altra donna, Marina. L’autore ha
una vita lunga e ricca di esperienze, per cui l'arco delle sue liriche comprende temi e modi diversi: petrarchesco e
sapienziale, ironico e satirico.

9.3 SIDNEY E SPENSER

Le raccolte di sonetti degli ultimi decenni del ‘500 raccontano storie prevalentemente private. Mentre nei canzonieri,
in particolare in quello di Shakespeare, ci sono continui rimandi metaforici al mondo politico, degli affari, dei viaggi,
della guerra, del teatro e della vita quotidiana, andando oltre i luoghi comuni amorosi.

La produzione poetica di Sidney comprende i Certain Sonnets (Alcuni sonetti) che sono un insieme di sonetti inglesi,
canzoni, traduzioni, racchiusi tra due coppie di sonetti sulla vittoria e il rifiuto dell'amore. La raccolta parla di amore
goduto e perduto: se la donna respinge il desiderio, l’amante respinge l'amore. Astrophil and Stella, un altro suo
componimento poetico, ha una struttura ampia e suddivisa in tre parti. All'inizio riesamina il repertorio tradizionale e
ribalta topoi consolidati: non si tratta di amore a prima vista, la dama è bionda ma ha gli occhi neri, il poeta si sforza di
escogitare splendide frasi, finché non interviene la Musa a suggerirgli. Nella sezione centrale, Sidney affronta il dissidio
tra amore e virtù, passione e ragione. La terza parte, invece, si apre alla canzone quarta con un espressione di
incredulità e di collera per il persistere del rifiuto dell'amata, con cui, nella seconda parte, aveva iniziato ad intrecciare
un dialogo finché il poeta non chiede di accantonare temporaneamente il rapporto. Il corteggiamento si svolge un
contesto militare e venatorio, giudiziario ed economico: i rischi dell'amore assomigliano ai calcoli delle speculazioni
commerciali e agli azzardi delle spedizioni esplorative del periodo. La raccolta è un canto a più voci: l’amico che lo
rimprovera con parole amare, le donne che lo ammirano. Innovativo è l’uso che Sidney ne fa della sua poesia.
Metricamente Sidney crea uno strumento per esprimere l'equilibrio contraddittorio della sua passione, usa il sonetto
italiano ma combina l'ottava petrarchesca con la sestina di Surrey a rima progressiva, instaurando una vera e propria
voga che sfocerà nei sonetti di Shakespeare. Le raccolte prodotte verso la fine del secolo, tendono a idealizzare la
figura della amata trasformandola in una personificazione oppure ripudiare l'amor profano per passare all’amor sacro.

Se Sidney è considerato il prototipo del perfetto “gentiluomo” secondo i dettami del Cortegiano, Edmund Spenser si
presenta come il prototipo del poeta che realizza la sintesi delle qualità letterarie dell'epoca d'oro elisabettiana.
Spenser segue il percorso ascendente tracciato da Virgilio dalle Bucoliche alle Georgiche, all'epica. Quando le sue
ambizioni mondane sono frustrate da passi falsi, riesce a trasformare tramite la letteratura, la sconfitta in vittoria
forgiando un'immagine variegata e complessa del mondo che lo circonda , di cui egli stesso è protagonista quanto la
regina Gloriana cui è dedicato il poema. Pubblica, nel 1579, lo Shepheardes Calendar (il calendario del pastore), in cui
si presenta come il “poeta nuovo”, il continuatore di Chaucer e l'erede di Virgilio. La raccolta di 12 egloghe che
esibisce una stupefacente varietà di temi e generi, usa il travestimento pastorale per esprimere le gioie e i turbamenti
della vita quotidiana, le preoccupazioni del governo dello Stato e della Chiesa e la responsabilità della vocazione
poetica. Gli Amoretti rappresentano un canzoniere anomalo che risolve il dissidio tra passione e ragione con
l'esaltazione protestante dell'amore coniugale. Scritti dopo i primi tre libri della Faerie Queene, esprimono una
concezione matura dell'amore di Spenser. Cupido significa tanto la cecità della passione, quanto lo sguardo rivolto
all'interno della visione interiore; Venere personifica la sensualità ma anche l'unità sottostante all'universo. Spencer
racconta il suo corteggiamento nei confronti di Elizabeth Boyle. Egli sceglie la forma inglese delle tre quartine con il
distico, facilitando il fluire del verso con lo schema a rime alternate, ripetute in ripresa. Insiste sullo sviluppo narrativo.
Esprime timori e inquietudini nei riguardi della donna. L'ansia permane fino al sonetto 86, in cui l'autore ancora
maledice una “lingua velenosa” che si è intromessa tra lui e la sua felicità.

La Faerie Queene presenta una struttura molteplice è caotica. Il poema tratta la tematica dello Stato nascente e dei
suoi conflitti, in cui la regina Elisabetta viene riconosciuta come unica portatrice di ordine, equilibrio e unificazione.
L'identità nazionale era britannica, formata da paesi separati e diffidenti, il Galles incorporato dall'Inghilterra verso la
metà del Cinquecento, la Scozia riunita alla corona sotto Giacomo all'inizio del Seicento, l'Irlanda sottomessa e
colonizzata. Il senso di radicamento dell'individuo era locale e cosmopolita, più che nazionale. Spencer collega la sua
vita personale, la situazione geopolitica dell'Inghilterra e la natura metafisica dell'universo. Inserisce Elisabetta come
elemento di unificazione nel poema, poi la divide in molteplici attributi e figure e la antagonizza. Il poema risulta
Medievale nell'impianto allegorico e rinascimentale nell'intento di disegnare il ritratto del principe perfetto attraverso
l'esame delle virtù morali e politiche nei prospettati 24 libri. Queste si assommano nelle figure di Artù, unificatore del
paese, nonché nel personaggio di Gloriana, la regina delle fate ispiratrice e meta delle loro azioni. Le avventure si
dispongono intorno al nucleo dell'amore nella sua duplice forma di castità o amore coniugale e amicizia, che genera
temperanza o equilibrio mentale e giustizia o equilibrio sociale . L'opera procede per divagazioni contraddizione
duplicazioni in un groviglio di fili pendenti. Spencer assolda il lettore a combattere l’eterna lotta tra bene e male,
verità e errore, e rappresenta lo spettacolo universale della vita nelle sue manifestazioni sublimi e quotidiane.

9.4 POEMI STORICO -GEOGRAFICI , LIBRI DI CANZONI E DI ARIE

Sull'esempio di Spenser, numerosi scrittori cercano di combinare il mito dell'Inghilterra con la mappa delle contee,
città, fiumi. Verso la fine del cinquecento, i poeti accolgono nelle loro opere le crescenti discordanze delle voci del
periodo. Persino i songbooks, i libri di canzoni che accompagnano con le loro melodie tutta l'epoca, introducono
asprezze e dissonanze. Persino il masque (una forma di rappresentazione teatrale di corte che comparve nel XVI e
primo XVII secolo in Europa e conobbe la sua fortuna e la sua elaborazione compiuta in Inghilterra, grazie soprattutto
al drammaturgo Ben Jonson. Il masque è essenzialmente un corteo di maschere che suonano, ballano e invitano gli
spettatori a partecipare a danze e giochi. In un secondo momento il corteo viene introdotto da un prologo in versi.
Ben Jonson ne fa una vera e propria rappresentazione teatrale, costituita da una serie di situazioni allegoriche con un
loro apparato scenografico) si apre al dibattito tra bene e male con l'introduzione della antimasque, anche se è
scontato il trionfo finale dell'ordine dell’armonia. Un perfetto equilibrio di parole e musica si raggiunge nei cinque
Books of Ayres di Thomas Campion, che propone sia le verifiche e gli adattamenti musicali, ama la metrica classica e
odia la rima. Campion usa temi e immagini convenzionali e alterna fantasie erotiche e mediazione religiose, toni teneri
e giocosi. Spesso dà voce alle donne, che esprimono sentimenti complessi e usano un linguaggio e una retorica
maschile.

9.5 LA POESIA DELLE DONNE

Poche erano le donne che rivendicavano il diritto di parlare in prima persona. Mary Sidney, alla morte del fratello Sir
Philip Sidney, si erge a custode della sua memoria, protettrice dei suoi ideali politici e della sua cerchia di letterati.
Completa la traduzione dei salmi come atto di devozione nei confronti del fratello e omaggio a Elisabetta. L'opera ha
valenze religiose e politiche pur non essendo destinata alla meditazione privata. Mary confronta molteplici versioni e
incorpora commenti di Calvino (umanista e teologo francese) e di Beza (teologo francese), capi del movimento
protestante di Ginevra e ne ricava l'immagine di un Dio onnipresente. Modella i canti nelle forme metriche più
svariate, introducendovi gli echi dello splendore gaio della corte, della spaziosità dei confini di un mondo allargato alle
Americhe, fino a farne l’espressione della sua voce.

La nipote Mary Sidney Wroth affronta il problema di ricreare il ruolo del poeta al femminile. Una donna non poteva
prendere l'iniziativa o parlare del suo desiderio senza rompere i dettami del decoro, che considerava la libertà di
parola equivalente alla libertà di comportamento. L'autrice adotta strategie oblique, drammatizzando l‘ambiguità
maschile e il bisogno contraddittorio di annullarsi nella passione e di non perdere il controllo di sé. Nel suo canzoniere,
Pamphilia to Amphilantus (Panfilia ad Anfilanto), affronta il problema di ricreare il ruolo del poeta al femminile.
Identifica la regina Pamphilia, schiava della propria costanza, con la regina Elisabetta che stava diventando un mito a
causa della crescente insoddisfazione nei confronti degli Stuart.

Aemilia Lanyer diventa l'amante di un lord Cancelliere e una volta incinta è congedata da corte e sposata
frettolosamente a un altro uomo. Nel suo libretto è una meditazione del Cristo sofferente. La composizione si divide in
tre parti e inizia con una serie di dediche a donne nobili e potenti che costituiscono un’utopica comunità femminile. La
parte centrale contiene la descrizione della Passione di Cristo, mite e obbediente, deriso dagli uomini e compianto
dalle donne. La terza parte è probabilmente il primo country-house poem, ovvero un poemetto su una dimora di
campagna.

Poco si sa, invece, di Isabella Whitney, che va a servizio a Londra in una casata e viene licenziata per motivi imprecisati
e si mette a scrivere per mantenersi. Compone The Copy of a Letter (Copia di una lettera), che contiene 4 testi, lettera
di un amante tradita, un ammonimento le fanciulle a non fidarsi degli uomini, la protesta di un giovane fedele contro
una donna volubile e i consigli di un amico contro l'incostanza delle donne. Ella sceglie, sul punto di morte, come
esecutore testamentario, la città di Londra personificata nei panni di un amante infedele, cui lascia quello che lei non
possiede, ma che invece ha la città: ricchezza e miseria, potere e follia.

9.6 JONSON E DONNE

Nel passaggio di secolo, la poesia va incontro a trasformazioni. Da una parte, John Donne e “metafisici” propongono
una complessità che non esprime più la varietà del mondo bensì la sua conflittualità, e forzano lo stile verso cadenze
recitative e grammatiche. Dall'altra, Ben Jonson e i suoi successori cercano di semplificare la conflittualità entro un
disegno ordinato e sul piano stilistico ritorno all'eleganza equilibrio delle forme classiche (tentano un ritorno ai
classici).

Ben Jonson crea un nuovo plain style (stile semplice), che proviene dalla tradizione popolare medievale, raccoglie
elementi della satira religiosa anticortigiana e li sottomette alla disciplina classica, producendo una semplicità
raffinata. Egli dichiara che l’originalità è il principale obiettivo della creazione poetica e l’imitazione è il principale
strumento per conseguirlo. Johnson ritiene che i ruoli del poeta e del protettore siano di reciproco sostegno ed è
costretto a continue mediazioni tra il suo concetto etico della funzione della poesia e i bisogni che lo attanagliano alla
realtà. Inizialmente Johnson sembra poter riformare la corte, ma poi si rivolge a comunità più ristrette; fino all'ultimo
cerca protettori che si distinguano per l'impegno organizzativo e letterario, più che cortigiano. Al suo ruolo di poeta
pubblico Jonson mescola quello di poeta drammatico dalle radici carnevalesche e popolari e quello di poeta privato
che traduce in poesia i momenti più singolari della vita quotidiana

Ben Jonson e John donne condividono caratteristiche quali una formazione culturale più ampia di quella richiesta
dalla poesia cortigiana e la frequentazione di circoli intellettuali comuni, come quello di Sidney. La poesia di Donne
pone al centro l'ego dello scrittore rappresentandolo nelle sue esplosioni passionali, esercitando una dialettica sottile
e atteggiamenti teatrali. Donne saccheggia gli ambiti della filosofia e della scienza, della matematica e della musica.
Egli provoca lo spettatore e lo coinvolge con domande illuminanti e pone al centro della scena la voce poetica. La vita
di John donne va incontro a trasformazioni tumultuose che si rispecchieranno nella sua poetica. Tra queste
l'abbandono\abiura del cattolicesimo e l'adesione alla fede protestante con la conseguente ascesa negli ordini
ecclesiastici. Dunque, nella poesia come nella vita di Donne, si alternano vari personaggi. Vi è il pensatore scettico,
l'amante e lo sposo legato alla sua donna dalla sfortuna della sofferenza, l'autore di satire, il filosofo naturale, il
politico, il teologo, l'uomo impegnato in un drammatico dialogo con Dio sulla salvezza. I Songs and Sonnets
comprendono le poesie d'amore, le satire, le leggi e gli epigrammi e le epistole poetiche: composti per diverse
occasioni e indirizzati a spettatori diversi (maschi o femmine, pubblico o privato).

11 Lo spazio teatrale, i generi, la produzione drammatica


11.8 LA TRAGEDIA DI VENDETTA: DA THE SPANISH TRAGEDY DI KYD A THE REVENGE OF BUSSY D’AMBOIS DI
CHAPMAN

Suscitare brividi e tenere il pubblico con il fiato sospeso è il compito di Thomas Kyd, che, con la sua Spanish Tragedy (la
tragedia spagnola), dà il via a quel tipo di tragedia definita “di vendetta”. Con Kyd, diventano centrali I motivi della
follia, del sovrannaturale, del teatro-nel-teatro, mentre fantasmi e malvagi di stampo machiavellico calcano
trionfalmente il palcoscenico. La trama dell’opera, che si apre con l’apparizione del fantasma di Don Andrea
accompagnato da Vendetta, e che si conclude con una carneficina, risulta complessa ma ben strutturata, i personaggi
sono coerenti anche se di scarsa valenza psicologica. Questa tragedia segna l’inizio di un cambiamento nel teatro
inglese, pone domande sulla giustizia umana e Divina sulla legittimità della vendetta personale e della ribellione a un
tiranno. La formula kydiana, oltre che da Shakespeare in Hamlet , sarà ripresa da vari drammaturghi che riempiranno
le loro opere di morti cruente, vendette, fantasmi e inganni, ambientando le loro storie in terre lontane, in particolare
nei paesi di religione cattolica allo scopo di evocare delitti e ipocrisie che esistono all'ombra della chiesa romana.

Un testo-chiave per seguire l'evoluzione del genere è The Revenger's Tragedy (la tragedia del vendicatore), attribuita a
Cyril Tourneur e a Thomas Middleton. Ambientato in Italia è una raccolta di immagini e temi tracciabili in opere
precedenti. Si tratta di una tragedia dell'orrore in cui trionfano corruzione e violenza estrema: elementi che attiravano
un pubblico affascinato da assassinii, massacri. Ciò che cambia rispetto al prototipo kydiano è la figura del
vendicatore: da positivo il personaggio si è trasformato in negativo. Il vendicatore non è più colui che può farsi
giustizia da sé convinto della giustezza del suo agire, ma è un uomo tormentato che continua a procrastinare la
vendetta. Il tono dell'opera è parodico perché molte delle convenzioni del genere vengono usate a fini comici.
L'effetto finale è quello di una messinscena macabra e grottesca.

Con George Chapman il genere della tragedia di vendetta raggiunge il suo apice e anche la sua fase declinante. Il
nuovo modo di interpretare il motivo di vendetta si può cogliere nella Revenge of Bussy d'Ambois: il pubblico non era
più disponibile a prendere seriamente o ad assistere a rappresentazione di drammi gonfiati da eccessi retorici
trasudanti vendette, massacri e carneficine. Clermont d’Ambois, il protagonista, da vendicatore si trasforma in filosofo
meditabondo, restio ad agire contro l'assassino del fratello che vorrebbe sfidare in un regolare duello.

11.9 LA TRAGICOMMEDIA

Agli inizi del ‘600 abbiamo un genere misto, la tragicommedia. Si dibattono problemi d'amore e fedeltà, questioni di
onore e lealtà in un clima di paura, che dissolve nel lieto fine. Il genere della tragicommedia è associato soprattutto a
John Fletcher con Francis Beaumont. L'ambientazione esotica, la complessità degli intrecci, il contrasto tra amore e
onore riflettono la vita del tempo e i difficili rapporti con la corte e il re, Giacomo I. Fletcher anticipa un tema
caratteristico della Restaurazione, ovvero il matrimonio per denaro.

11.10 LA COMMEDIA CITTADINA E IL DRAMMA DOMESTICO

Vi è poi la city comedy, ovvero la commedia di ambiente cittadino. Si tratta di una commedia che si concentra
soprattutto sulla critica e la satira nei confronti della società del tempo. Tra la fine del Cinquecento e gli inizi del
Seicento Londra è una città in grande espansione: le persone continuano ad affluire da ogni parte del paese in cerca di
lavoro. Ricchezza e benessere sono concentrate nelle mani della borghesia, formata perlopiù da commercianti, che
ambiscono ad ottenere un titolo onorifico. Ma chi detiene un titolo nobiliare è poi costretto ad avere un tenore di vita
adeguato al suo ruolo, per cui eccessi ed esibizionismi sono la base su cui si costruisce il nuovo personaggio ricco, che
viene messo in ridicolo nelle commedie urbane.

Ben Johnson auspica una commedia che critichi la società e insegni precetti morali. Oltre a Johnson, gli autori associati
a tale genere sono Dekker, Heywood e Middleton.

Dekker, pur non avendo frequentato l’università, sa scrivere con eleganza ed è capace di descrivere con passione la
vita quotidiana e la realtà che lo circonda. I suoi eroi sono laboriosi apprendisti delle botteghe artigiane, soldati,
prostitute, persone comuni. Egli sostiene l'importanza e l'utilità della pazienza, dell'amore e del rispetto per sé e per
gli altri, virtù che possono aiutare a sopravvivere in un mondo ostile.

Heywood studia a Cambridge, traduce e rielabora testi di autori classici, scrive poesie e fa parte di compagnie teatrali.
Ambienta a Londra molte delle sue storie. Una delle sue commedie più famose è “The Four Prentices of London” (i
quattro apprendisti di Londra), che rappresenta le vicende di quattro giovani che cercano fortuna nella capitale.

Middleton descrive il caotico mondo londinese con commedie dagli intrecci intricati in cui agiscono giudici, avvocati,
cavalieri, usurai e imbroglioni. Sono commedie di intrighi e matrimoni-beffa, dove l'unico vero fine è la conquista del
denaro. Il teatro di Middleton è un teatro realistico, a differenza di quello Jonson, poiché lascia allo spettatore il
giudizio finale.

11.11 BEN JONSON: TRAGEDIE , COMMEDIE DEGLI UMORI , MASQUES

Ben Johnson entra presto nel favore di Giacomo I e della corte per i quali scriverà numerosi masques. Come
drammaturgo, oltre due tragedie di storia romana molto statiche, che tutt’oggi sono apprezzate solo dagli eruditi, si
distingue soprattutto nella commedia per la robusta architettura, per la genialità degli intrecci, per la vivacità dei
caratteri. Jonson contribuisce a rendere popolare la “commedia degli umori”. Infatti egli crea personaggi umorali,
ovvero soggetti eccentrici, che mettono in evidenza la sua vena satirica. Infatti la satira è il tono prevalentemente
utilizzato nelle sue commedie. Ad esempio, nel dramma Volpone, or the Fox (Volpone, o la Volpe) presenta un vecchio
imbroglione che, fingendosi ricco e in punto di morte, sfrutta dei suoi presunti amici, convincendoli che sarebbero
diventati suoi eredi: tutti offrono doni e uno di loro, Corvino, decide di offrire al vecchio sua moglie.

Nei masques di corte, invece, prevale un intento celebrativo. Tratto caratteristico dei masques sono complessi
meccanismi, che rendono le scenografie spettacolari. Jonson inventa una nuova forma per il genere, che viene diviso
in due momenti: un antimasque che fa da introduzione e contrasto al successivo main masque (il masque principale).
Questa struttura sarà poi utilizzata da altri autori. Il masque jonsoniano fa un ampio uso di allegorie, personaggi
mitologici e leggendari; diversi sono i temi trattati e, quindi, possono esserci diversi punti di lettura. Uno dei più noti è
The Masque of Blackness, presentato nel 1605, anno in cui a Giacomo I, “re sole” d’Inghilterra viene attribuita la
capacità di “purificare” la pelle nera dei masquers: allegoricamente, quindi, è la capacità di trasformare gli africani in
europei.

11.12 LE TRAEDIE “ITALIANE ” DI WEBSTER E GLI ULTIMI BAGLIORI DEL TEATRO ELISABETTIANO
Le due tragedie più significative attribuite a John Webster sono The White Devil (il diavolo bianco) e The Duchess of
Malfi (la duchessa di Amalfi). Si rifanno a fonti italiane, ma l’ambientazione è esotica e cattolica e serve per illustrare la
corruzione e la crisi di valori della corte giacomiana. Viene sottolineata un crisi morale, vengono meno i princìpi di
onore e fedeltà.

Nel 1625 muore Giacomo I. Anche il teatro giacomiano, come quello elisabettiano, aveva dovuto difendersi dalle
censure e dai vari attacchi e si chiude con una serie di invettive moralistiche, che lasciano intendere le difficoltà in cui
attori e drammaturghi si erano trovati costretti ad operare. Alla fine, nel 1642, ci fu la chiusura dei teatri, in seguito
alla presa di potere da parte dei puritani.

12 Marlowe: poemetti e tragedie


12.1 UNA VITA TURBINOSA

Christopher Marlowe è stato un drammaturgo, poeta e traduttore britannico. Perfezionò al massimo livello il blank
verse portandolo a quella forma che adotta lo stesso William Shakespeare. Condusse una vita all’insegna del rischio e
avvolta nel mistero, come la sua morte, avvenuta per una pugnalata inflittagli in circostanze ancora ignote.
Probabilmente era un agente segreto inglese, impegnato in una lotta con le controparti cattoliche, ma forse, a causa
di alcune accuse a suo carico, era diventato un peso per i servizi segreti, di cui era meglio disfarsi. Desta, però, stupore
che in un arco di tempo così breve, egli abbia prodotto tante opere importanti.

12.2 I POEMETTI

Marlowe fu un ottimo traduttore di Ovidio; si ricordano, ad esempio, le Ovid’s Elegies (Elegie di Ovidio). Mentre tra i
migliori poemetti va citato The Passionate Shepherd to His Love (il pastore appassionato dal suo amore), che ebbe un
grande successo. Il componimento è composto da 6 quartine in tetrametri giambici e ciascuno consta di due distici
rimati. Riprende i modelli classici per adattarli ad una nuova sensibilità, propria del suo tempo, attenta ai lati sensuali
dell’amore e del mondo naturale. È importante anche perché è uno dei primi esempi di poesia pastorale inglese.

Tuttavia a rendere Marlowe famoso fu il poema Hero and Leander, rimasto incompleto, che fu arricchito e pubblicato
nel 1598 in due edizioni da George Chapman. Marlowe riprende il modello classico dell’epillio, ovvero del breve
componimento epicizzante , codificato da Callimaco, per narrare la famosa e tragica storia d'amore tra Leandro e Ero.
Leandro si innamora di Ero, sacerdotessa del tempio di Venere. Egli vive sulla costa opposta dell’Ellesponto, e, nella
versione originaria, Leandro, dopo averla corteggiata ogni notte, attraversa a nuoto lo stretto per congiungersi a lei,
che mantiene la lanterna accesa per aiutarlo ad orientarsi nell'oscurità. Ma in una notte di tempesta la luce si spegne
e Leandro muore annegato ed Ero, distrutta dal dolore, si uccide lanciandosi tra le onde. Marlowe, nella riscrittura del
mito, decide di fermarsi nel momento in cui Leandro riesce a sedurre Ero. L'aspetto del tragico destino dei due amanti
e il nesso amore-morte, viene posto in secondo piano.

12.3 LE TRAGEDIE

Tra le tragedie si ricordano Tamburlaine the Great (Tamerlano il Grande),in cui tratta la costruzione di un eroe, un
uomo che trasforma la sua passione in una catastrofe, poiché si dimentica della sua mortalità. La trama è molto
semplice: Tamerlano inizia a conquistare terre su terre, diventando sempre più violento e procedendo con esecuzioni
di massa non necessarie, poiché secondo lui l’idea di virilità corrisponde alla capacità di uccidere. Arriva al punto di
uccidere suo figlio Califa, che si rifiuta di diventare come il padre. Tamerlano diventa blasfemo e sfida Dio e
Maometto, bruciando una copia del Corano. Ma il suo essere un titano, viene punito perché, qualche momento dopo,
avverte un malore, probabilmente simbolo della vendetta divina, che in poco tempo lo conduce alla morte. Marlowe
conferisce alla vicenda una dimensione favolosa, fuori dal tempo.

Un'altra tragedia importante è The Jew of Malta (l'ebreo di Malta), benché la presenza degli ebrei fosse scarsa in
Inghilterra i pregiudizi erano ben resistenti. A dimostrarlo sarà il processo intentato a Rodrigo Lopez, medico di
Elisabetta accusato di aver tentato di avvelenare la regina, tant'è che fu giudicato colpevole è impiccato. La trama è
piena di complotti e tradimenti messi in atto dalle tre principali fedi dell'epoca, ovvero ebraismo, cristianesimo e
islamismo. Quando i turchi sbarcano a malta, il governatore dell'isola sottrae all'ebreo Barabba (acido, cinico,
calcolatore) il suo denaro e la sua stessa casa, destinata a divenire un convento. Da qui infatti iniziano una serie di
tranelli e congetture per riprendersi la sua proprietà, che lo porteranno alla morte (si parla di revenge tragedy). Spinto
dal desiderio di vendetta nei confronti dei cristiani, Barabba induce la figlia a fingere di convertirsi al cristianesimo con
lo scopo di entrare in casa a recuperare i gioielli e il denaro nascosti. Acquistato uno schiavo turco, Barabba se ne
serve per avvelenare le monache e di conseguenza anche la figlia, che si è poi effettivamente convertita. In seguito a
varie rivelazioni, l'ebreo viene condannato. Si ha un ritmo frenetico con cui si susseguono le vicende. Inoltre l’opera è
caratterizzata da aspetti comico-grotteschi, come il litigio tra frati o la morte stessa di Barabba, che cade in un
pentolone d’olio bollente. Il motore della trama è il denaro e vi è un’inversione di pregiudizio, che permette all’autore
di chiudere in una sola battuta i pregiudizi di due culture ( Barabba, all’avvicinarsi di due frati cristiani, esclama: “ne
avevo già sentito il puzzo”). Infine, c’è il sospetto che Marlowe avesse intenzione di mantenere vivi tali pregiudizi
perché al pubblico piaceva.

The Tragical History of the Life and Death of Doctor Faustus (la tragica storia della vita e della morte del dottor
Faustus) rappresenta il capolavoro di Marlowe. Rappresentato per la prima volta nel 1594, è pervenuto in due versioni
piuttosto differenti. Ha come nucleo la figura del nuovo intellettuale che viene messo di fronte a laceranti
contraddizioni. La storia del ciarlatano tedesco Dr. Faust e del suo patto con il diavolo era già famosa in tutta Europa,
ma Marlowe la utilizza per costruire una storia fondata sulla lotta tra intellettuale e Dio. L’opera si apre con Faust, uno
studioso che non si accontenta del sapere accademico, della medicina e della teologia , mettendo in discussione tutta
la cultura occidentale, e ambisce ad una conoscenza illimitata delle cose. Egli si illude e pretende di trovare risposte in
Satana e nella magia, in modo da diventare padrone della conoscenza e della materia. Tuttavia, si rende conto
dell’impossibilità della sua opera sia perché si allea con uno sconfitto sia per la limitatezza del tempo umano che
risulta effimero rispetto all’eternità divina. La tragedia di Faust sta anche nel suo essere un intellettuale moderno solo
a metà, per esserlo compiutamente avrebbe dovuto eliminare un problema ovvero Dio. Le parti comiche sono in
maggioranza rispetto a quelle tragiche, che si limitano alle parti in cui il protagonista parla con sé o con Mefistole
(emissario di Lucifero).

Di ben altro rilievo appare la storia della passione e morte di Edoardo II, un re omosessuale che aveva una relazione
con Gaveston. Marlowe prende spunto dalle Chronicles of England, Scotland and Ireland, ma prediligendo l’estro
creativo all’accuratezza cronologica, la tragedia presenta una serie di errori e imprecisioni, ma ciò passa in secondo
piano, poiché i personaggi risultano ben dettagliati dal punto di vista psicologico. L’opera si apre con il ritorno
dall'esilio di Gaveston (di cui il re sembra essere innamorato), che viene subito ricoperto di titoli nobiliari. La moglie di
Edoardo vede in Gaveston un rivale in amore e nel potere per cui lo esilia di nuovo, ma anche gli altri conti nutrono
una certa gelosia. Da qui iniziano una serie di sotterfugi per spodestare il re, che viene brutalmente ucciso da
Lightborn (Lucifero). Rappresenta il primo dramma omoerotico della letteratura inglese per la coppia
Edoardo\Gaveston. Quest’ultimo è il prototipo del dandy ed è anche un essere ambiguo, mentre Edoardo anche se
viene definito calmo, non esita a far decapitare i suoi nemici. Per Marlowe l'animo umano è sempre esposto al male, è
pronto a mutamenti anche radicali se passioni forti glielo suggeriscono. Edoardo appare fedele alla parte migliore di se
stesso e nel momento della morte.